Page 1

Investimenti, specializzazione e progetti per l’azienda Newpharm®

INTERVISTA

Intervista con Dionisio Bagarollo, titolare dell’azienda, e Stefano Cherubin del Dipartimento “Ricerca & Sviluppo”

Newpharm opera da oltre 15 anni nel settore professionale del Pest Control con formulazioni studiate specificatamente per l’ambito industriale, civile e zootecnico. L’azienda nasce nel 2001 grazie all’intuizione del dottor Dionisio Bagarollo dopo un’esperienza trentennale maturata nello sviluppo di prodotti insetticidi

Dottor Bagarollo può trarre un bilancio di questi primi 15 anni?

Sono molto soddisfatto dell’evoluzione estremamente positiva che ha avuto l’azienda negli anni. Grazie all’ingresso dei miei figli Claudia ed

Enrico, la crescita è stata graduale e organica e l’azienda ha saputo consolidarsi e distinguersi sul mercato per qualità, serietà e affidabilità. Questo risultato è frutto di una filosofia aziendale chiara dove, oltre alla centralità del cliente, l’obiettivo è di garantire soluzioni specifiche attraverso progetti e non singoli prodotti. Gli investimenti costanti nei dossier registrativi, la partnership con le maggiori Industrie di produzione, Università e spin-off con Centri di Ricerca, hanno permesso all’azienda di affacciarsi ai mercati internazionali e consolidare l’attività marketing commerciale”.

Dionisio Bagarollo, titolare della Newpharm


Quali sono le novità per il 2016?

Una fra tutte è l’inaugurazione della nostra nuova sede. Questa sarà l’occasione per aprire le porte ai clienti e a tutti coloro che si avvalgono delle nostre soluzioni, e per presentare la nostra realtà aziendale e l’alto profilo dei nostri tecnici e professionisti. Nei nuovi spazi organizzeremo, in collaborazione con i nostri partner, incontri formativi, workshop, corsi di aggiornamento e dimostrazioni pratiche per comunicare al meglio le nostre soluzioni”.

sere. Inoltre un ambiente privo di

Dottor Cherubin,

mosche favorisce indirettamente il

cosa comporta l’infe-

controllo dei microrganismi pato-

stazione di mosche in

geni e quindi delle patologie aviarie.

un allevamento?

Sono note da tempo le ripercussioni negative dell’incontrastata proliferazione delle mosche sulla fisiologia degli animali e, quindi, sulla produt-

importanti che, in assenza di azioni

tività aziendale”.

Le prospettive per il futuro?

IDIO M ES

ED

O IC

Reg. n.19691

IC O C

R URG HI

Negli allevamenti avicoli è indispensabile condurre una lotta moschicida al fine di garantire un ambiente di lavoro idoneo agli operatori e assicurare agli animali il massimo benes-

• PR

Considero essenziale che ogni azienda investa costantemente nell’innovazione attraverso investimenti mirati in ricerca e sviluppo e nella selezione di risorse umane qualificate. Un’altra parola chiave a cui credo fortemente è ‘specializzazione’: migliorare costantemente quello che già un’organizzazione sa fare”.

Quali sono le soluzioni di Newpharm per il controllo delle mosche negli allevamenti avicoli?

Spesso negli allevamenti avicoli vengono rilevate cariche microbiologiche


Quali sono le cause

moschicida. Alla luce di questo, il

della proliferazione

periodo ottimale per iniziare l’ap-

delle mosche negli

plicazione dei larvicidi coincide con

allevamenti avicoli?

il mese di marzo mentre la sospen-

INTERVISTA

Quando in allevamento si lamenta una popolazione di mosche fuori controllo,

ZOOTECNICA

16 maggio 2016

ZOOTECNICA maggio 2016

ZOOTECNICA maggio 2016

a riguardo, possono gravare sul benessere animale nonché contaminare gli alimenti con gravi riflessi in sanità pubblica. Tra i microrganismi più rilevanti in campo aviare, si citano Salmonella spp. e Campylobacter spp., tuttavia non vanno trascurate altre Enterobacteriaceae. Molti studi sono comuni nell’affermare il ruolo determinante delle mosche come vettori di tali germi. Infatti, sono ritenute responsabili della propagazione e mantenimento della specie Salmonella enteritidis nel circuito avicolo. Oltre che favorire la contaminazione batterica, le mosche sono annoverate tra i vettori di virus nello scenario avicolo. Il genere Avulavirus, per esempio, responsabile della malattia di Newcastle, è stato ZOOTECNICA maggio 2016 isolato in Fannia canicularis e in ZOOTECNICA Mosca domestica. Le misure di maggio 2016 biosicurezza enfatizzano ancora una volta l’importanza del controllo dei vettori e quindi delle entomofaune patogene (larve e adulti di mosca). È rilevante inoltre segnalare come il mancato controllo delle infestazioni di ditteri negli allevamento porta irrimediabilmente alla perdita di produttività degli animali dovuto al forte stress a cui gli animali sono soggetti”.

sione, a seconda delle temperature, può avvenire in ottobre”.

le cause sono riconducibili a man-

Quali sono i prodotti

canze più o meno marcate nella

più efficaci per il

profilassi aziendale. Inappropriata

controllo delle

gestione della pollina tra tutte,

larve di mosche

scarsa igiene generale degli ambienti e uso improprio e irrazionale di insetticidi sono fattori che possono favorire l’inevitabile colonizzazione ambientale dei ditteri molesti”. Come prevenire e controllare l’infestazione?

e mosconi? Dove è opportuno effettuare il trattamento?

Newpharm, forte dell’esperienza maturata sul campo, incentiva gli avicoltori all’im-

piego di HOKO® EX come larvicida IGR (Insect Growth Regulator Regolatore della crescita dell’insetto). A base di ciromazina, HOKO®

Considerando l’intera popolazione di mosche (uova, larve, pupe e adulti), lo sta-

EX in granuli solubili, inibisce la cre-

dio adulto rappresenta la porzione

teri interferendo con i normali pro-

minoritaria. Tale considerazione

cessi biochimici di sclerotizzazione e

suggerisce quanto possano essere

melanizzazione della cuticola. L’am-

decisivi i trattamenti larvicidi per

pia residualità del principio attivo,

raggiungere il successo nella lotta

inoltre, è maggiormente sfruttata

scita e lo sviluppo delle larve di Dit-


nei periodi più caldi quando il ciclo biologico delle mosche è rapidissimo. Al contrario di altri larvicidi presenti in commercio, HOKO® EX può essere impiegato in presenza di animali (evitando il contatto diretto con gli stessi durante e dopo il trattamento). Si consiglia di intervenire su tutti i substrati organici in fermentazione: sede elettiva della proliferazione larvale.

Il principio attivo, il Diflubenzuron, riveste il granulo inerte che, sedimentando, assicura un totale coinvolgimento dello strato di liquido trattato”.

Come possono essere controllate le mosche adulte?

I metodi di lotta adulticida sono molteplici ma generalmente convergono in trattamenti chimici ad effetto abbattente e residuale. La novità assoluta introdotta da Newpharm nel settore è Moscarex®, il primo moschicida pronto uso spennellabile, con il migliore profilo tossicologico sul mercato. Il principio attivo è il Clothianidin, neonicotinoide di seconda generazione, molto interessante per la sua straordinaria efficacia (fino a 8-10 settimane). L’effetto neurotossico sulla mosca adulta è immediato e irreversibile

L’alternanza dei principi attivi, soprattutto adulticidi rappresenta un punto focale sul quale riflettere per la pianificazione delle strategie di lotta. L’impiego di diverse famiglie chimiche di principi attivi garantisce un altro, non secondario, vantaggio: consente di controllare divere tipologie di insetti grazie a diverse modalità di azione. L’ottima integrazione al è rappresentata Moscarex ® da Twenty1 One®. A base di Azamethiphos controlla le mosche sia per contatto che per ingestione. Nella sua formulazione di polvere bagnabile consente applicazioni sia per pittura murale che per nebulizzazioni”. Newpharm srl Via Tremarende, 24/B 35010 Santa Giustina in Colle (PD) T. +39 049 9302876 ZOOTECNICA ZOOTECNC maggio 2016 Email: info@newpharm.it Web: www.newpharm.it

ZOOTECNICA maggio 2016

“Progetto mosche” www.progettomosche.it ZOOTECNICA maggio 2016

INTERVISTA

Per un controllo completo dei Ditteri, non solo Brachiceri (mosce e mosconi) ma anche Nematoceri (culicidi), suggeriamo l’integrazione nel programma di lotta del larvicida IGR Device® G4 a base di Diflubenzuron. L’esclusiva formulazione in granuli su base sabbia, pronta all’uso, può essere applicata nei ristagni idrici e nei liquami. Il Diflubenzuron agisce dopo l’ingestione, come regolatore della cre-

scita inibendo l’enzima responsabile della sintesi della chitina.

ed è evocato sia per contatto che per ingestione. La formulazione gel incolore e inodore tutela gli insetti utili e si presta anche a diluizioni in acqua per applicazioni in molteplici punti dell’allevamento su superfici preferibilmente non assorbenti o, comunque, su appositi pannelli.

ZOOTECNICA

17 2016 maggio

ZOOTECNICA maggio 2016

Profile for newpharm

Investimenti, specializzazione e progetti per l’azienda Newpharm  

Investimenti, specializzazione e progetti per l’azienda Newpharm  

Profile for newpharm
Advertisement