Issuu on Google+

p i a n o cos’è • strumento programmatico e pianificatorio • disegna le tappe di sviluppo del suo territorio • non è un piano statico e rigido

m

u

l

t

i

s

c

a

l

a

s t r a t e g i c o

“è necessario che il territorio comprenda cosa vuole diventare e dove vuole arrivare”

r

e

le scale di azioni sono molteplici, si interscambiano e responsabilizzano gli attori interni ed esterni all’area

un piano strategico è

p

strumenti

i

ant

om

otor i

ni

vo

lgi

b il i

ge t t i p r ril s o g g e t ti oi n t c i t s so g g et ie t t e sogg

er

risposte locali l o c a l e

il territorio diventa componente essenziale del cambiamento come entità complessa con visione dinamica e attiva geometria variabile: territorio come matrice di organizzazione e di interazione sociale

c

i

p

a

t

forza

debolezza

opportunità

rischi

soggetti coinvolgibili risorse vincoli

progettazione del percorso

metodi di coinvolgimento

“porta aperta” fase diagnostica

analisi swot

azione collettiva con approccio territoriale e dal basso e punto di vista interno livelli locali assumono importanza

e

o

selezione in base a criteri

processo di feedback

og

s

t

valutazione ex ante

stakeholder analysis

sistemi territoriali a diversi livelli con identità e autonomia propria interazioni: imput esterni globale

r

percorso ideale di partecipazione:

ev

orizzontali verticali

a

coinvolgimento attivo in processi decisionali di soggetti interessati ai loro effetti

territorio = spazio geografico = insieme di relazioni rete scambio di soggetti connessione soggetti-ambiente

obbiettivi • costruire in modo condiviso il proprio futuro • coinvolgere tutta la comunità locale a 360° • guardare all’anno 2020: non considerare soltanto gli interessi immediati e particolaristici

definire: dati caratteristiche variabili al contesto costruire una visione comune

fase deliberativa stimolare la “progettualità diffusa” individuare le linee d’azione valutazione ex post gli obiettivi sono stati raggiunti?


Politecnico di Torino Area dell’Architettura Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Territoriale, Urbanistica e Paesaggistico-Ambientale a.a. 2013-2014 Geografia urbana e territoriale Costruzione sociale del piano e sociologia dell'ambiente prof. Cristiana Rossignolo prof. Alfredo Mela

una nuova strategia per il T

E

R

R

I

T

O

R

I

O

d e l l ’ O V A D E S E

Montaldo Bormida Castelletto d'Orba Carpeneto Rocca Grimalda

Montaldeo

Morsasco Trisobbio

Ovada Mornese Tagliolo M.to

Cremolino

Lerma

Casaleggio Boiro Molare Belforte M.to Cassinelle

progetto di Emilio Nervi laureato in Scienze per il Progetto Integrato del Territorio dell’Ambiente e del Paesaggio, presso la Scuola Politecnica di Architettura dell’Università degli Studi di Genova

1 6 c o m u n i c o n 3 0 . 0 0 0 c i t t a d i n i a t t i v i



brochure Piano Strategico Ovadese