Page 1

Febbraio 2012

· iurditalia.org

È possibile uscire dal “quasi”? Identifica tutto quello che quasi si è materializzato nella tua vita Pag. 4

Sfigurata e complessata Carina, ai suoi 17 anni, desiderava solo morire Pag. 7

Famiglia, il porto sicuro Un finale felice per Daniela Pag. 10

Quasi fatta?

Per chi ha provato, ma non ha ottenuto è arrivato il momento di realizzare! Non Lo disprezzare! Nelle tue mani, questo opuscolo è lo stendersi delle mani di Dio!


INTRODUZIONE

Quasi fatta? Smettila di ingannarti con questa “felicità” delirante che ti trasmette “quasi” sempre debolezza, perché, se è un “quasi” per qualcosa che ti è successo nella vita, allora, di fatto, non è successo niente! Che esistono persone che si sentono soddisfatte con poco non è niente di nuovo, ma esistono altri tipi di persone, che si sentono sodisfatte con un “QUASI”. E che cos’è questo “quasi”? Secondo la definizione del Dizionario della lingua Italiana, “quasi” significa: “pressappoco”, “circa”, “poco meno di”… “QUASI”, in un buon Italiano, significa che tu hai sentito l’odore, avevi la certezza che aveva un gusto meraviglioso, ma che purtroppo, non sei arrivato a provare il piatto! Ma, se guardiamo nel quotidiano, le conversazioni delle persone che 2

ci circondano, notiamo che la gran parte degli argomenti si riducono in una “quasi felicità”: “sono stato quasi scelto per una promozione!”; “mi ha quasi chiesto di sposarlo”; “stavo quasi per entrare nel corso che volevo...” e tanti altri “quasi” che ci ritroviamo nella vita e che accettiamo come un fatto compiuto. Per molti funziona come “c’ero quasi riuscito, io almeno ci ho provato, mentre molti neanche ci provano!” e da qui sorge quel piacere, tuttavia, non è solo perché ci eravamo quasi riusciti che già ci si dovrebbe sentire sodisfatti, l’unica e vera soddisfazione sorge dalla realizzazione concreta e niente meno! Per altri ancora, funziona come deterrente, perché deducono “bene, se non ci riesco è perché non era per me!”. Tuttavia, e solo un’altra scusa, un’altra menzogna per giustificare una perdita che, nel suo modo di vedere, era irreparabile. In realtà, si tratta di un ciclo vizioso, che può essere spezzato a partire dal momento che, l’individuo riconosce che la sua vita e ridotta ad un “quasi o niente”...


QUASI?

“Per quanto possa essere grande la tua sfida, non ignorare la forza che c’è dentro di te!”

3


METTI ALLA PROVA IL TUO SPIRITO

È possibile uscire dal “quasi”? É facile identificare i “quasi” che mai si concretizzano nella tua vita, tuttavia, è facile riconoscere che questi sono solo fallimenti? Leggi le seguenti frasi e vedi con le quali ti identifichi di più: 4


Ero QUASI riuscito a trovare un lavoro; Avevo QUASI pagato i miei debiti; Avevo QUASI chiuso un grande contratto; Ero stato QUASI promosso; Avevo QUASI comprato una casa propria; Avevo QUASI aperto il mio proprio negozio; Avevo QUASI aperto la mia azienda; Avevo QUASI venduto una proprietà; Avevo QUASI raggiunto il maggior lucro di sempre; Ero QUASI riuscito ad avere un aumento di stipendio;

QUASI familiare:

Ero QUASI riuscito a riconciliarmi con la mia famiglia; Avevo QUASI ricostruito il mio matrimonio; I miei genitori si erano QUASI riconciliati; I miei famigliari si erano QUASI ripresi; La famiglia di mia moglie mi aveva QUASI accettato; Mio figlio si era QUASI liberato di un vizio; C’era QUASI pace e allegria nella mia casa; I litigi erano QUASI finiti;

QUASI fisico:

Avevo QUASI superato questa malattia; Avevo QUASI vinto questo prognostico di sofferenza; Avevo QUASI finito il trattamento; Avevo QUASI avuto un successo; Avevo QUASI vinto questa malattia cronica incurabile; Ero QUASI dimagrito;

QUASI emozionale:

Ero QUASI riuscito a lasciare il mio passato triste e infelice alle spalle; Avevo QUASI dimenticato i miei traumi e complessi; Avevo QUASI superato le mie paure e il panico; Ero QUASI uscito dall’angoscia in cui vivevo; Avevo QUASI preso la decisione giusta; Avevo QUASI progettato il mio futuro; Avevo QUASI pianificato i miei piani; Il mio sogno si era QUASI realizzato; Avevo QUASI vinto i pensieri negativi;

QUASI?

QUASI economico:

5


QUASI liberazione:

Avevo QUASI lasciato il vizio; Avevo QUASI lasciato di vedere volti e ascoltare voci; Avevo QUASI lasciato la stregoneria; Avevo QUASI lasciato l’occultismo; Avevo QUASI vinto la piaga; Avevo QUASI evitato l’invidia; Avevo QUASI rotto la maledizione ereditaria; Mi ero QUASI liberato dai cattivi spiriti; Mi ero QUASI allontanato dalle cattive compagnie;

QUASI spirituale:

Sono stato QUASI battezzato con lo Spirito Santo; Avevo QUASI mantenuto la mia relazione con Dio; Mi ero QUASI battezzato nelle acque; Avevo QUASI letto la Bibbia; Avevo QUASI vinto la tentazione del peccato; Sono stato QUASI più forte dei miei desideri carnali; Mi ero QUASI convertito; Ero QUASI nato di nuovo;

QUASI sentimentale:

Mi ero QUASI sposato; Ero QUASI riuscito a trovare la persona giusta; Avevo QUASI amato; Sono stato QUASI amato/a; Avevo QUASI dimenticato i miei fallimenti interiori;

QUASE accademico:

Avevo QUASI terminato i miei studi; Avevo QUASI ottenuto il mio diploma; Avevo QUASI preso il risultati che speravo; Mi ero QUASI diplomato; Avevo QUASI preso il corso; Se riesci ad identificarti con almeno uno di questi aspetti delle diverse aree sopra presentate è perché la tua vita non è come tu pretendevi, per questo, non mollare questo “quasi” che non si è concretizzato, questo è il primo passo, il secondo è investire tutta la tua attenzione perché questo obiettivo si realizzi e smettere di fingere che niente di tutto questo ti colpisca, perché ti colpisce e tanto, la prova di questo è il modo in cui ti sei sentito quando hai letto le frasi sopra trascritte: a malincuore o con indifferenza?

6


Per 17 anni affetta da una grave malattia all’orecchio. Carina era una cliente abituale del medico, che tutte le settimane gli prescriveva un antibiotico ogni volta più forte

Sfigurata e complessata T uttavia, non c’erano miglioramenti, al contrario, Carina peg-giorava soltanto. Siccome sof-friva da 17 anni con questa malattia, in un certo modo si era già abituata alla situazione. “Spendevo circa 600 euro al mese solo in antibiotici. Ma tutto peggiorò quando il medico decise di operarmi. L’intervento andò male, perché al di la di peggiorare l’udito, il medico mi taglio accidentalmente il nervo facciale. Rimasi con la bocca, le narici, l’occhio e addirittura l’orecchio completamente storti, non risciuvo a mangiare. A partire da qui, volevo solo morire.” La fine della disperazione “Ho conosciuto la Chiesa Cristiana attraverso di una vicina, solo che non avevo molta speranza. I medici mi di-

cevano che anche se avessi fatto una plastica facciale, la faccia non sareb-be mai tornata come prima. Quando mi parlarono della Chiesa ero così complessata che anche senza volerlo riuscivo a guardarmi allo specchio. E siccome volevo morire in ogni caso, pensai che non avevo niente da perdere. Fui ben accolta e nessuno mi guardò con occhio diverso; quello che non avevo in casa, lo ricevetti nella Chiesa. Già dal primo giorno, il nervo facciale cominciò a muoversi. In un mese rimasi completamente guarita dal problema all’udito. Quanto alla faccia, i medici mi dissero che solamente un miracolo poteva, ed è quello che è successo. Mi sono completamente ristabilita, ho un lavoro e non solo ho vinto i complessi, ma mi sento pure bella!” Carina Santi

QUASI?

TESTIMONIANZE

7


Anna si ricorda come con appena 7 anni aveva il terrore di dormire con la luce spenta, perché vedeva volti e ascoltava voci che la chiamavano

Vincere i traumi P er anni si alzava di notte e camminava per la casa, con gli occhi aperti come se fosse sveglia, parlava anche con i suoi genitori e mangiava, senza che loro sapessero se era cosciente o no. Nel giorno seguente, quando gli raccontavano quello che aveva fatto, Anna non si ricordava niente. “Per due volte mi salvarono dal saltare dalla finestra e i miei genitori cercavano nei centri spirituali, negli indovini, nelle streghe, cartomanti e altro, la risposta che non riuscivano mai ad avere.

Eravamo una famiglia di classe media, con una casa propria, due macchine, una casa in spiaggia e una fabbrica di prodotti di pulizia, della quale mio padre era il socio-amministratore con altri 3 soci. Non mi mancò mai niente, fin quando un uomo non ci maledisse. Fu molto difficile, dovemmo ricominciare da zero. Nel mentre, mia madre ebbe un cancro all’utero, dove purtroppo, morì con la malattia. 8

Dopo di questo, una grande rivolta s’impossessò di me... fummo derubati, e ancora una volta, perdemmo tutto.” Puzzle completo “Fu così che arrivammo nella Chiesa Cristiana dello Spirito Santo. Ascoltando i programmi nella radio, mio padre decise di cercare aiuto e subito ci andai anche io. Arrivammo nel bisogno, con un debito di 100.000.00 euro, senza pace, senza riuscire a dormire, sul punto di perdere i beni che avevamo conquistato. Nello stesso mese riuscì a prendere un lavoro meraviglioso, in una azienda d’ingegneria acustica e, a partire da qui, estinguemmo i nostri debiti. Fui curata nel mio interiore, da tutta la sofferenza che vissi, perdonando tutti quelli che mi fecero del male e oggi ho pace, dormo molto bene, ho animo, direzione e determinazione per lottare e vincere tutti i problemi”. Anna Paola


“Qualche mese fa mi trovavo in una situazione molto difficile, perché io e mio marito eravamo disoccupati. Mancava quasi tutto e non sapevamo cosa fare. Decidemmo di cercare aiuto nella Chiesa, perché peggio di così non poteva andare. Nella stessa settimana ottenemmo una risposta. Oggi abbiamo un ristorante, che si sta espandendo ogni giorno di più!” Marines

QUASI?

Lavoro per 2

9

Dipendevo dal governo

“Ero una madre single, disoccupata e mi sentivo depressa. Avevo sofferto così tanto che non credevo più a niente. Ma, quando una mia amica mi ha invitato ad andare in Chiesa ho sentito che non c’era niente da perdere e ho visto che esisteva una soluzione per i miei problemi. Io, che dipendevo dall’aiuto del Governo sono riuscita ad avere il lavoro tanto desiderato. Tutti hanno visto la trasformazione nel mio carattere e nella mi vita economica!” Andrea

Ricostruire la famiglia

Alcool, nottate brave e aggressioni… furono questi i motivi che portarono alla separazione Adriano e Renata, al punto da farle cercare aiuto nella Chiesa. Adriano arrivò a perdere un’azienda e a dormire in una vecchia macchina. Stanco anche lui cominciò a frequentare la Chiesa. “Andai in chiesa disposto a cambiare vita. A partire da qui, ci riconciliammo e conquistammo un’impresa di macchine per le costruzioni civili” conclude. Adriano e Renata


Ritrovare la pace e l’armonia Anche se era cresciuta in un luogo felice, dove non gli era mai mancato nulla, il futuro riservava per Daniela una storia tragica, dalla quale si riprese con un aiuto che considera molto prezioso

P

ur avendo studiato in una scuola eccellente, cioè, di aver tutto che una bambina e una adolescente desidera avere, fu nell’adolescenza che Daniela seppe cosa significa soffrire. “A 12 anni, mio padre, con 45 anni di età, morì in un incidente di macchina, era al culmine della sua carriera economica. Questo diede il via ai giorni più tristi della mia vita. Vidi mia madre cedere alla depressione, perdemmo la stabilità nella famiglia e nell’impresa che mio padre, allungo andare e con molto sforzo e lavoro conquistò; fini tutto nelle mani dei parenti. Fu molto difficile, cosi piccola, svegliarmi e vedere una famiglia che era invidiata per l’unione e per la propserità, essere distrutta e con la sensazione che il mondo mi fosse

10

crollato adosso.” Un passo determinante “Fu nel mezzo di questa sofferenza che mi svegliai un giorno con un desiderio inspiegabile di conoscere la Chiesa, dove andai una volta nella mia infanzia sotto invito di una cugina. Da quel giorno, tutto cambiò. Anche se ancora ero piccola fui ben accolta dagli uomini e le donne pieni dello Spirito di cui avevo bisogno per cambiare la mia vita. Cominciai a mettere in pratica gli insegnamenti che ricevevo. Oggi, posso affermare che ho una famiglia felice, armoniosa, equilibrata e il dolore che sentivo per la perdita di mio padre è stato riempito dalla plenitudine dello Spirito Santo, che mi ha rafforzato durante questi anni!” Daniela Antunes


QUASI? 11

“Fu nel mezzo di questa sofferenza che mi svegliai un giorno con un desiderio inspiegabile di conoscere la chiesa...�


COPERTINA

Quasi fatta? Adesso che hai osservato gli infiniti “quasi” che puoi rivelare nella tua vita, rifletti da dove verrà la tua “apparente” felicità. Da qualcosa di reale o da fantasia?

È

12

perché riesci ad identificare qualche “quasi” nella tua vita puoi concludere, già da adesso, che non sei, del tutto una persona realizzata, e se non ti senti realliazata, difficilmente potrai essere veramente felice. Tu sarai un frutto del “quasi” o dei fatti concreti che hai visto succedere nella tua vita? Anche se fuori sembra così, vivere una “quasi vita” non è in nessun modo, accettabile... Ma, non è neanche il caso di rimanere maliconici, agosciati e disperati, perché esiste una soluzione, basta che segui qualche passo, che saranno cruciali perché tu possa passare da questa soddisfazione apparente a una felicità concreta senza spazio ai dubbi:

2º Pensa nei “quasi” che ti hanno lasciato frustrato e oltrepassa questo sentimento di fallimento che i “quasi” ti hanno portato;

1º Ammetti a te stesso, la realtà in cui si trova la tua vita;

6º Abbraccia questa nuova occasione!

3º Riconosci che la tua realizzazione personale dipende dalla trasformazione di questi “quasi” in concretizzazioni; 4º Metti le mani sull’obiettivo e comincia a delineare un piano di conquiste, si, di riconquista, perché quello che stavi “quasi” per raggiungere, di fatto è riservato per te! 5º Non avere paura di tentare nuovamente, perché la tua esperienza di apparente fallimento è stato un modo di scoprire una nuova opportunità;


13

QUASI?


QUASI?

CHE COS’É IL “QUASI”?

È un movimento creato per chi ha già tentato di realizzare qualche cosa nella vita, era vicino, ma non ci è riuscito. Sia nell’area economica, famigliare, emozionale, fisica, sentimentale o spirituale, questo “quasi” che tu hai già identificato o che percepisci vedrà la realizzazione in questo anno 2012.

CHE COSA SUCCEDERÁ?

Una nuova opportunità sarà ricreata, in modo che quel “quasi”, in qualsiasi area della tua vita, passa dal campo della probabilità alla realtà. Per questo, dovrai ascoltare la proposta che abbiamo qui, abbracciala e mettila in pratica!

A CHI É DESTINATO?

A tutti quelli che riescono ad identificare un unico aspetto, nelle diverse aree della sua vita, che “quasi” si è concretizzato e che, per questo, non si sentono realizzati come pretendevano. In realtà è per quelli che vogliono smettere di fingere che il fallimento non li tocca!

DOVE AVRÁ LUOGO?

Questo evento avrà luogo in tutto il Paese. Nelle città del Nord, Centro, e del Sud e l’incontro sarà rispettivamente a Roma, Milano, Napoli, Siracusa, Torino, Firenze, Mantova, a seconda della vostra zona.

QUANDO CI SARÀ?

Domenica 12 Febbraio, alle ore 10.00

QUANTO VERRÁ A COSTARE?

Assolutamente nessuna quantità monetaria sarà richiesta a nessuna persona, ciò che chiediamo dalla tua parte è appena il tempo e la totale attenzione nel corso dell’evento. L’entrata è totalmente gratuita! 14


INCONTRI SETTIMANALI UNEDÌ Obiettivi Finanziari Disoccupazione, debiti, cause in Tribunale, sviluppo della tua azienda, successo nel mondo del lavoro.

M M

ARTEDÌ Salute Restaurata Malattie, dolori, problemi di salute costanti...

ERCOLEDÌ Studio Biblico Sviluppa la tua vita spirituale tramite la lettura della Parola di Dio.

G V

IOVEDÌ Famiglia e Matrimonio Consigli per risolvere i tuoi problemi familiari.

SABATO: Casi Impossibili – ORE 10 Problemi che agli occhi umani non hanno soluzione. Rottura del Male – ORE 16 Rottura delle maledizioni ereditarie. Terapia dell’Amore – ORE 19 Problemi sentimentali, litigi, solitudine, tradimenti, delusioni...

DOMENICA: Incontro delle Famiglie – ORE 10

ENERDÌ Trattamento Spirituale Sfortuna, maledizione, depressione, insonnia...

DA LUNEDÌ A VENERDÌ alle 10:00 - 16:00 e 19:30

CHIESA CRISTIANA DOVE UNA VITA MIGLIORE TI ASPETTA!

QUASE?

L

15


Quali sono i “quasi”? Segna la situazione in cui sei riuscito “quasi” a conquistare qualcosa: Carriera: Lavoro Sanare i debiti Ottenere un contratto Promozione Casa propria Impresa Lucro Aumento

Liberazione: Abbandonare il vizio Fermare l’invidia Rompere una maledizione Abbandonare le cattive compagnie Lasciare l’ocultismo/stregoneria Spirituale: Battesimo con lo Spirito Santo Battesimo nelle Acque Leggere la Bibbia Vincere le tentazioni Converzione Famiglia: Riconciliazione Rigenerazione Figlio(a) libero(a) Allegria in casa Fine delle discussioni Sentimentale: Sposarsi sona giusta Amare Dimenticare il passato

Incotrare la perEssere amato

Accademico: Terminare gli studi Ottenere il diploma Buoni voti Formazione Finire un corso Emozionale: Dimenticare traumi/complessi Vincere la paura/panico Finire con le agoscie Prendere dicisioni giuste Fare piani Sogni realizzati Vincere i pensieri negativi Fisico: Superare le malattie Finire un trattamento Intervento chirurgico realizzato con successo Dimagrire Altro: Guarda i risultati: Se hai segnato più di una situazione in ogni area presentata è perchè stai lontano dal sentirti una persona realizzata! Perciò, abbraccia questa opportunità che il giorno 12 febbraio ti offre per la totalità nella tua vita!

SEDE NAZIONALE

Viale di Porta Tiburtina 18/20 (a 500 metri dalla Stazione Termini)

SEDE MILANO

Via Padova 98 A (dalla Pza. Loreto bus 56)

Chiesa Cristiana

AMICO24ORE 06 447 02 566

iurditalia.org

LA CHIESA CRISTIANA PIÙ VICINA A TE!

Quasi  

religion, news, information

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you