Issuu on Google+

f o m u e s u m e h t g n i h t y r e v E Numero 26 Luglio 2010

Mensile Gratuito di Arte & Cultura

Nella Nebbia


.......

fiera

..

Luci d’Estate a Santhià

.......

. Grande

............................. Domenica 8 agosto 2010 ore 9-20

to n e m a nt u p p a ’ l co s e r f ù pi ate t s e ’ l l de se e t a i h sant

vieni a

Santhià!

PUNTO P - VC

Comune di Santhià

Corso Sant’Ignazio, Corso Nuova Italia, Piazza Aldo Moro, Piazza Vittorio Veneto

FIVA FEDERAZIONE ITALIANA VENDITORI AMBULANTI E SU AREE PUBBLICHE


Sommario Luglio 2010

Editoriale Estate! Calda... caldissima… torrida!

04

Davide Toffolo e gli Allegri Ragazzi Morti

08

incontro passeggero

10

awa ly

12

LA STORIA SIAMO NOI?

15

The Museum of Everything:

17 20

un viaggio a tutta fantasia con a gianni rodari

tra musica e cinema

il vecchio molino Ugliengo

una collezione d’arte poco museale

Morire per amore La Passione del Cristo a sordevolo

garrison rochelle un amico per chi ama la danza

22

novara jazz fest 2010

23

estate sui laghi con il cappello

24

il camminante

25

rubriche

26

agenda

30

fumetto

istantanee di novara a ritmo di jazz

In ogni numero di Nella Nebbia non facciamo altro che far conoscere ed esaltare le bellezze artistiche e le persone che rendono unica la nostra terra, ma il clima… il clima è terrificante e non si possono spendere troppe parole a riguardo, se non per constatare tristemente che è una maledizione che c’infligge d’inverno gelate, nebbie e piogge e d’estate caldi sahariani e livelli di umidità da foresta pluviale! Proprio per questo motivo, anche quest’anno abbiamo optato per il numero d’oppio! Ops, doppio! Così potremo finalmente scappare verso lidi più miti e possibilmente con un mare a portata di ciabatta. Come diceva mia nonna, arrivati a parlare del tempo diventa ora di salutarsi, quindi buona lettura e arrivederci a settembre. Studio Kaboom

verbano e cusio stregati dall’arte di strada

teatro natura o nella San Francisco dei 60’s

pensieri, idee e stravaganze

come, dove e quando

mistero

NellaNebbia Mensile Gratuito di Arte & Cultura

Editore:

p.zza Risorgimento, 12 13100 Vercelli tel. 0161 1850396 Redazione Novara Via Giovanni De Agostini, 2  28100 Novara tel: 0321. 393756 email: nn.novara@gmail.com

Registr. Tribunale di Vercelli n.347/2008 del 15/04/2008 N.26 Luglio 2010 Rivista Mensile

Direttore Responsabile Andrea Bellavita Editor Testi: Eliana Frontini Hanno collaborato Laura Albergante, Guido Andrea, Alessandro Barbaglia, Chiara Bernardi, Barbara Bozzola, Elisabetta DellaValle, Eliana Frontini, Veronica Gallo, Roberta Invernizzi, Elena

Leone, Savio Loquace, Gianluca Mercadante, Simon Panella, Marco Pozzo, Marco Roggero, Michele Trecate, Davide Vergnano Concessionaria pubblicitaria StudioKaboom s.n.c. / Ufficio Commerciale Cristiano Carpo cell. 366 1689727 tel. 0161 1850396 commerciale@nellanebbia.it Ufficio Commerciale Novara Roberto Pronzello cell 347.2225068 nn.novara@gmail.com

Stampa: Sarnub Via Santhià, 58 13881 Cavaglià (BI) Con il patrocinio di PROVINCIA DI VERCELLI

www.nellanebbia.it


04 fumetto

testo: Laura Albergante

o l o f f o T e d i Dav i r g e l l Lo Sportello del Consumatore

Associazione Consumatori Italia

Corso Risorgimento, 15 - 13900 Biella Tel: 015.401444 / 015.8461457 DA VENTANNI IN DIFESA DEL CONSUMATORE

A i l g e : i t r o M i z z Raga t s e d r o n a e luc


D

avide Toffolo? Classico esempio di poliedricità artistica. Cantante, chitarrista, fumettista: tre anime che convivono con grande passione e sincerità. Ha fondato nel 1994 i Tre Allegri Ragazzi Morti, con i quali ha sviscerato l’adolescenza tuttotondo di migliaia di persone in crescita, intrappolate nella famosa zona d’ombra da cui molti non sono usciti, appunto, “vivi”. Nati a Pordenone, in quel Nordest operoso, preciso e freddo di vento, poco abituato a dar notizia di sé, ma intimamente ribollente, caldo di idee e di energie sommerse come il Carso. Una band illuminata di luce brutale, ma schietta, faro puntato in faccia alle abitudini, ai vizi, alla quotidianità di chi si sente ai margini della società, di se stesso, di chi vive in sprezzo alle convinzioni. Davide Toffolo, sempre in bilico tra fumetto e musica, ha raccontato le mille vite perdute e le speranze, le lotte di tante persone, appena un po’ più bidimensionali, ma che soffrono, piangono, godono. Come noi. Raggiungo Davide al telefono dopo una piccola odissea fatta di appuntamenti desiderati, mancati, rimandati. Finalmente sento la sua voce! E’ serena, lievemente scossa da un accento friulano, che la rende così particolare, semplice e sincera allo stesso momento. Iniziamo subito a parlare dell’ultimo disco dei Tre Allegri Ragazzi Morti, uscito in marzo, intitolato Primitivi del futuro. Primitivi del futuro ha un sound molto diverso rispetto ai dischi precedenti. Avete abbandonato il punk, fil rouge della vostra carriera, in favore del reggae e del dub: come mai questo cambio di prospettiva? Non è stata una scelta ben definita anche se, fin dall’inizio, abbiamo cercato una lingua diversa, che si discostasse da quella che abbiamo sempre utilizzato. Quando si è trattato di fare il disco abbiamo scelto il produttore Paolo Baldini (Africa Unite, nda), che ha fatto crescere l’ipotesi di poter andare in una direzione completamente reggae. Di base c’era la volontà di parlare una lingua differente, perché la realtà che abbiamo intorno è diversa da quella che ci circondava quando abbiamo iniziato a suonare. Il rock, in fondo, è stato un po’“mangiato” dalla televisione e dalle difficoltà nel comunicare. Nuovi personaggi irrompono nella realtà descritta dal disco: alcuni di essi raccontano un mondo crudele, avaro di affetti e solitario. L’abbandono del “mondo naif” non è indolore ma permette di avvicinare la narrazione a ciò che viviamo quotidianamente. Secondo me è il disco della “maturità” in tutti i sensi: i testi non sono più legati al mondo adolescenziale, ma si aprono ai trentenni, come se il passaggio all’età adulta si fosse ormai compiuto. I Tre Allegri Ragazzi Morti, per mia precisa volontà, non si sono mai dedicati ad una scrittura “per ragazzini”, ma ad una scrittura sull’adolescenza. Il mondo che raccontiamo in questo album è sicuramente più vicino a noi, ma rimane una visione in qualche modo fantastica o “di ricostruzione”, perché il mio modo di scrivere ha più a che fare con il disegno che con la descrizione di quello che vedo intorno a me. E’ indubbio che questo disco includa sia nuovi personaggi sia un nuovo tipo di musica per noi. Ma io non lo vedo come un album di “rottura”, visto in prospettiva rispetto al passato: per me è da inserire in un percorso di continuità. Quando mi dicono “è il disco della maturità” mi… prendo un po’ paura! Cosa rappresenta per te l’adolescenza? Per quali motivi ti affascina?

Per me è sempre stato il momento di passaggio, quel momento in cui una persona decide cosa diventerà, perciò credo rimanga una chiave per capire ciò che siamo. E’ il periodo in cui io ho trovato la mia forma e un luogo molto fertile per scrivere. Ho scritto dei fumetti, delle canzoni che hanno a che fare con l’adolescenza. Ne ho parlato così tanto in questi anni che non riesco più ad occuparmene, almeno nelle interviste! Il mio fratellino ha scoperto il rock’n’roll era una vostra canzone di qualche anno fa: cosa significa rock’n’roll e che ruolo riveste la musica rock per te? Il rock’n’roll per me è sempre stato sinonimo di alterità. Se la musica italiana è sempre stata la musica leggera, il rock’n’roll è sempre stato un linguaggio “altro”. Infatti, i Ragazzi Morti scrivono delle canzoni facilissime, chiaramente non stupide, ma costruite su una modalità che ricalca quella della musica popolare, non italiana, ma americana, e questo costituisce ancora oggi, per molti, una sorta di “infrazione” nei confronti della tradizione nazionale. Il rock’n’roll è stato anche la musica di mio padre ed è stata per molto tempo l’idea di una scoperta, anche un po’ naif, della propria diversità e della propria essenza: per questo io lo sento vicino all’adolescenza. State girando l’Italia in tour: come è stato accolto il nuovo disco? Molto bene! Nelle prime date, in particolare, come avviene sempre quando presenti un disco nuovo, avverti una grande attenzione e allo stesso tempo devi convincere le persone che hai davanti. Questa volta la sfida è stata doppia, perché questa diversità nel sound ci ha costretti ad avere un atteggiamento, anche fisico, molto differente da quello che avevamo in precedenza, cosa che ci ha fatti praticamente ripartire da zero: ecco spiegata l’energia fortissima che sentiamo! Parliamo del tuo lavoro come fumettista. Senti più tua la musica o il fumetto? Quale delle due forme espressive è più connaturata al tuo modo d’essere? In questa cosa sono “doppio”: non riesco a scegliere, e non ho ancora scelto, tra i fumetti e la musica. Ti devo confessare che la quantità di lavoro che ho fatto in campo musicale, negli ultimi tre-quattro anni, ha rallentato molto la mia attività in ambito fumettistico. In questi giorni sto mettendo a posto una serie di appunti che potrebbe confluire in un libro nuovo. E’ difficilissimo scegliere tra le due opzioni. Quando mi sento sotto pressione con una delle due forme artistiche, tendo a rifugiarmi nell’altra: funziona sempre. Hai frequentato la scuola di fumetto di Andrea Pazienza, a Bologna: che ricordi hai di quella esperienza? E’ stata l’esperienza più formativa della mia vita, durata solo un anno, certo, ma molto intensa. Avevo circa diciannove anni... per la prima volta ho incontrato persone, artisti, che avevano un amore così grande e profondo per quello che facevano al punto da rimanere dentro di me anche ora: è una forza che io ho voluto emulare in tutta la mia vita. Quali sono le tue fonti di ispirazione sia per la musica sia per il fumetto? Ho letto moltissimi fumetti e ho ascoltato altrettanta musica. Non so se sono gli altri fumetti a fornirmi l’ispirazione per le mie tavole, anche se di solito funziona così: si cerca di riprodurre qualche sensazione, qualche emozione che si è vissuto in passato, e questo è il motore di ciò che ogni artista fa. In questo momento sto lavorando

la fortuna di essere donna studio e realizzazione accessori moda (borse, cappelli, bijoux, sciarpe...)

atelier masala via Trieste 13/d BIELLA 015.27082 - 338.8217046 orario continuato il giovedì dalle 9,30 alle 18,30 altri giorni su appuntamento

www.masala-accessori.com Nella Nebbia

05


06 ad un libro che è una sorta di biografia a fumetti di un grande disegnatore italiano: Roberto Raviola in arte Magnus, l’inventore di Alan Ford. Questo mi permette di mettermi in comunicazione costante con il lavoro di un altro disegnatore. Magnus è sicuramente fonte di ispirazione per le mie opere, ma non è l’unico. Cito anche David Bee e Gipi, che spesso rileggo per trovare una forma adatta al mio lavoro. Nel 2002 hai pubblicato un libro, Intervista a Pasolini. Siete entrambi friulani. Puoi farci una riflessione sulla figura di questo grande intellettuale italiano? Uno dei punti chiave del libro sta nella figura di Pasolini come scrittore che mette in gioco la propria vita. Chiaramente anche l’aspetto “territoriale” ha avuto un ruolo importante. Pasolini per me ha svolto la funzione di “specchio”: ho cercato di capire, nelle sue parole, quello che poteva servire anche a me. Una sorta di confronto tra artisti. E’ uscito nel 2009 il terzo e ultimo atto dei Cinque Allegri Ragazzi Morti. Cosa ci racconti di quest’opera?

E’ la raccolta completa delle storie che ho scritto sui “ragazzi morti”: le ho iniziate idealmente nel 1994, anche se la maggior parte del lavoro è stato fatto tra il 1999 e il 2001, il periodo in cui ho disegnato più di cinquecento tavole a fumetti divise in nove storie. L’ultima invece è stata pensata assieme alle altre, ma è stata disegnata poco prima che venisse pubblicata, cioè l’anno scorso. E’ il corpo principale dei fumetti sui ragazzi morti e sono felice che per la prima volta ci sia un luogo in cui trovare tutte le storie relative a loro, insieme ai dischi, visto che si possono trovare in allegato alcune raccolte di nostri brani. Sono orgoglioso del lavoro realizzato con gli Allegri Ragazzi Morti: è un lavoro complesso, articolato, che ha poco a che fare con la maniera tradizionale di mettere in moto la musica. Un saluto ai nostri lettori. Il nostro saluto tipico era “bacini & rock’n’roll”, visto che ora abbiamo due lingue vi saluto con “bacini &reggae&roll”! Chi verrà ai nostri concerti avrà un po’ di reggae e un po’ di rock’n’roll, ma soprattutto avrà noi.

Sottovaluti i dettagli? Peccato.

La qualità della tua casa risiede nei particolari.

Battiscopa in legno PIANA ANDREA

Corso XXV Aprile 73/c 13048 Santhià (Vc) tel: 0161931822 / Fax: 0161990689 http: www.pianaprofili.net


08 anno rodariano

o r t n inco gero g e s s pa sia a t n a f a t t u at Un viaggio dari o R i n n a i G a o t n a c c a i t sedu

testo: Alessandro Barbaglia

S

uccede solo nelle favole. O nella realtà quando si ammanta di favoloso. Fatto sta che succede, o almeno è successo; e a me per di più. Succede che in un luminoso pomeriggio di aprile sia incappato in un vecchio registratore Geloso, grosso come oggi non faremmo i forni a microonde. Quello con i tasti a fianco, grandi, rettangolari, uno rosso, uno giallo, uno nero e pure uno verde. Quello rosso serviva a registrare, quello verde ad ascoltare. Gli altri due nessuno lo sa. Il resto l’hanno fatto la curiosità e lo stupore. Ho schiacciato il tasto verde tanto per fare qualcosa e la voce che ne è uscita era impossibile da confondere, aveva la erre arrotata. Pungente. Umberto Eco. E l’altra? Quella che gli rispondeva? Ci metto un po’ di più, poi quel nome lo pronuncia l’intervistatore che nel lontano 1965 stava discorrendo con i due luminari, per un programma televisivo che si è portato via il vento, su un argomento di gran richiamo: Walt Disney. Il nome che fa è sorprendente: Gianni Rodari. Lentamente capisco il tesoro che ho nelle orecchie, un’intervista di oltre quarant’anni fa a Eco e Rodari, tratta dal programma Rai Il mondo di Walt Disney, condotto da Ettore Della Giovanna. Prima di attaccarmi alla tastiera e scrivere quan-

to segue, ancora due righe. Grazie a Paola Rodari, la figlia del favoloso Gianni, e Maria Teresa Ferretti, la moglie, che – avvisate di quanto intendevo pubblicare –, hanno acconsentito all’uso del materiale e ne hanno copia. Anche Eco l’ha saputo e l’ha avuto. Allo stesso modo mamma Rai. Padrini e madrine d’eccezione, c’è da ammetterlo, che ringraziamo e speriamo, seppur per poche righe, di aver onorato al meglio.

L’antefatto

Succede questo: il 2010 è un anno rodariano, novantesimo anniversario della nascita e trentesimo della scomparsa. È vero, Rodari è morto giovane, a sessant’anni, omegnese di nascita, novarese per forza, favoloso per vocazione. Volendo c’è di più: è anche l’ottantesimo anniversario della nascita di Topolino e il settantesimo dall’uscita nei cinema di Fantasia, il capolavoro di Disney. A sentire lo zio Walt. Volendo c’è ancora di più; c’è l’intervista andata in onda in televisione nel gennaio 1965, in cui l’omegnese fantastico Gianni Rodari e Umberto Eco, che poi è di Alessandria, qui a due passi, massacrano la pedagogia disneyana e affondano Fantasia. Nel senso del film. Pure il povero


Topolino ne esce a orecchie basse. Ecco, alcuni brani dell’intervista tratta da quella trasmissione sono lo spunto di quel che si legge qui sotto. I virgolettati sono le parole precise di Eco e Rodari. Per il resto ci ho messo del mio. Ma d’altra parte ci vuole fantasia per parlare di Rodari. Altrimenti le coincidenze che ci stanno a fare?

UN TRENO FAVOLOSO

La coincidenza per Omegna è sempre in ritardo. A Novara ci si siede sulla panchina fredda e dura e si aspetta il trenino che viene da lontano. Che viene dal 1965. Minuti a manciate, a decine, poi arriva. Vuoto, come sempre, solo due signori chiacchierano animatamente tra loro, con barbe e occhi in bianco e nero. Uno ha un gran nasone, per cui i bambini lo prenderebbero in giro se lo vedessero passare in piazza Cavour, per dirne una, e un ciuffo a cascata fatto di quelle idee che non riesce a trattenere e si fanno forma tra fronte e tempie. Come onde di fantasia. L’altro è più crucciato sotto una barba ben curata. Occhialini da intellettuale, abito mai fuori posto, anche se è seduto storto e una erre che gli gira in gola tutte le volte che parla di semiotica. Ed è una erre che punge. Il treno parte. Non è che ci sia molto da fare fino a Omegna. Silenzioso m’infilo al fianco loro. Sarò terzo di un impossibile incontro su un treno di fantasia. “Umberto? Scusami se disturbo, ma c’è una cosa che volevo chiederti. Mi domandavo come avesse fatto Disney a diventare questo re dello spettacolo, questo re della fantasia che è diventato. Te lo chiedo perché a me pare che tutto questo sorga sulla base di tre grandi intuizioni. La prima è l’importanza del cartone animato. Disney ha capito che non era un giochetto che passava, era qualcosa da cui si poteva cavare spettacolo a lunga portata. Una seconda intuizione è il colore. Disney è stato tra i primi a capire l’importanza del colore e a sfruttarne le risorse. E una terza intuizione è il suono. Anche qui Disney ha capito subito e ha lavorato per creare una tecnica con cui sfruttare tutte le risorse di questo mezzo”. Nemmeno si presenta, ma io lo riconosco. È la voce flebile di Gianni Rodari. Da uno così favoloso ci si aspetta che s’interroghi su Disney. Ma l’altro, l’altro adesso vedrai che non risponde nemmeno. È un tipo tutto teso. E invece Umberto risponde. Poggia le bozze di un libro che un giorno scriverà a Orta, Il nome della rosa, e si fa serio, Umberto Eco. “Vedi, Gianni, in fondo lui ha dato il via a un’operazione mitologica per cui è nata una serie di personaggi che hanno cominciato a vivere per conto proprio. Sono entrati a far parte del costume. E non parlo solo dei film”. “E di che parli?” “Dei fumetti. Pensa a un personaggio come Topolino, nato negli anni della grande crisi. Ha rispecchiato il modello ideale di uomo americano. Generoso, povero, capace di partire dalla vendita dei giornali per arrivare alla presidenza degli Stai Uniti. Coraggioso, altruista. Ci sono delle storie, come Topolino giornalista in cui lui lotta contro i gangster per la libertà di stampa, temi che rispecchiano da un lato produzioni cinematografiche dell’epoca e dall’altro i temi di attualità. A fianco a lui viveva Paperino, personaggio di caratteristiche opposte, nevrotico, antipatico, che rimaneva nell’ombra come spalla. E nel dopoguerra c’è il capovolgimento della situazione. Topolino inizia una sua chiara decadenza ed emerge Paperino, che è il figlio del dopoguerra, eroe sfortunato, dissociato e nevrotico. E questo è il segno che questi personaggi hanno continuato a esprimere qualcosa di reale”. “Se mi avessero detto che ne sapevi anche di Topolino... Be’, non ci avrei creduto”. Tace un attimo, guarda fuori dal finestrino. Il lago d’Orta. Poi si fa serio. “No, però, vedi, mi pare che Disney, ed era questa proprio una cosa di cui volevo parlare con te, mi pare che Disney abbia colto la chiave con cui poter parlare contemporaneamente a piccoli e grandi. E che è la chiave del comico, del meraviglioso. Nel cartone animato di Disney noi adulti possiamo vedere dei risvolti comici, satirici, allusivi, di costume che al bambino sfuggono. Ma contemporaneamente il bambino ha uno spettacolo completo, perché ha il movimento. Ogni attimo dello spettacolo è pieno di ritmo. C’è un dinamismo continuo e complesso fatto dell’immagine, del suono, delle trovate. Io penso che il bambino, soprattutto quando è piccolo, non segua nemmeno la storia nei suoi nessi e nei suoi sviluppi, ma veda attimo per attimo quello che succede stando come sopra una giostra colorata da cui vede tutti questi cambiamenti. Semmai si può dire che alla fine dello spettacolo, di uno spettacolo Disney, ai bambini non rimane molto, non rimane nulla su cui pos-

sano fantasticare, ruminare e magari riflettere. Questo mi sembra un limite su cui si potrebbe discutere”. “Io – ed è ancora Eco – credo ci sia una spiegazione che aiuta a capire il fenomeno. Disney anche se ha preso ispirazione da atteggiamenti del costume della civiltà americana, ha semplificato all’estremo questi atteggiamenti. I suoi personaggi non hanno grossa profondità, sono degli schemi. E allora questi elementi, generosità, altruismo, o isterismo in Paperino, nevrosi, sono ridotti agli ultimi termini: sono comprensibili a tutti. Sono universali. Poi, classico dei favolisti, ha trasportato tutto a livello animale con una capacità di capire la psicologia in fondo degli animali e di tradurla sul livello umano. Ma soprattutto ha avuto il coraggio e la spregiudicatezza di puntare sul patetico. Anche sul patetico deteriore certe volte. E il patetico è sempre un gran conquistatore di folle. ... Credo di più che Disney si ponga spontaneamente al livello culturale del suo pubblico. Disney pensa a produrre merce perfetta da ogni punto di vista. Però tale da contentare il pubblico. Lui dice: ‘I critici mi rimproverano perché usiamo il colore da cartolina illustrata. Ma io so che il 90% della gente è d’accordo con me, e io sono contento così’. Mi pare abbastanza tipico. E quello che lui dice del colore, credo che lo pensi anche della musica, del soggetto, delle storie, della morale che vuol dare alle sue storie. Secondo me va incontro al gusto medio del pubblico tale quale lo stabiliscono le ricerche, perché Disney non decide niente, non fa niente senza aver fatto un’inchiesta di mercato, un sondaggio per sapere se le tre fatine della Bella addormentata devono essere alte, piccole, magre o grasse, devono avere quel viso e così via. Fa ricerche di mercato organizzate, serie, su tutti gli aspetti che gli interessano. È un atteggiamento onesto, anche se non si può dire che sia un atteggiamento da creatore d’arte. Tolstoj non avrebbe mai fatto delle inchieste di mercato per stabilire se Anna Karenina dovesse essere in un modo o nell’altro. ... Non so, Gianni, ti sembra una bella cosa?” Rodari sospira, si sistema il ciuffo. “Mi pare che non sai mai dove portare la bambina al cinema. E insomma, il cinema produce tanto poco. Quando nell’elenco degli spettacoli noi troviamo Disney è un sollievo perché lì andiamo, come si suol dire, sul sicuro”. E qui si perde via. Il suo sguardo, quello favoloso, fisso a guardare attraverso il vetro di un treno mai preso, di una coincidenza sulla quale è stata una fortuna salire. Anche solo per qualche stazione.

Andra’ lontano? Fara’ fortuna? tte Raddrizzera’ tu le cose storte o? di questo mond Noi non lo sappiamo, perche’ egli sta ancora marciando con il coraggio e la decisione o. del primo giorn Possiamo solo augurargli, di tutto cuore: Buon viaggio! Gianni Rodari - Il giovane gambero

Nella Nebbia

09


10 AWA LY musica

B

testo: Guido Andrea

ellissima, divenuta famosa quale protagonista in Bianco e nero di Cristina Comencini, tra le migliori commedie italiane degli ultimi anni, Awa Ly vi recita la parte della giovane moglie di un diplomatico, insomma una splendida africana, che fa perdere la testa al qualunquista Fabio Volo, a sua volta sposato con una gelosissima Ambra Angioini, impegnata in una onlus per il Terzo Mondo. Siamo insomma davanti ad Awa Ly che ora conferma la propria versatilità artistica con un album musicale, Modulated (Roadhouse Music) in cui mostra grandi doti interpretative come pure una raffinata scioltezza nello scrivere i dodici brani e nello scegliere gli orchestrali di ascendenza jazz o rock. Awa Ly, tra l’altro, è l’ultima, in ordine di tempo, di una fitta schiera di giovani musicisti di origine straniera che risiedono nel nostro Paese, ad esempio la somala Saba Anglana o la marocchina Malika Ayane, il camerunense Taté Nsongan, la britannica Joanna Rimmer, che stanno decisamente rinnovando e incrementando il nostro patrimonio cultural-musicale con sonorità da tutto il Pianeta. Fin dal primo incontro Awa Ly si rivela simpaticissima, proprio come nel film, anche se lei tiene a precisare che non ha nulla a che vedere con quel personaggio. E comunque non si tratta solo di una ragazza bella e brava, ma di una persona affabile, di una donna intelligente, cantautrice genuina, che sa trasmettere comunicativa e socievolezza, anche solo con poche battute, come accade in questo dialogo realizzato poco prima di uno dei suoi numerosi soggiorni a Parigi.

al festival di Cannes e sono orgogliosa di aver partecipato anche a quest’altro lavoro cinematografico.

Aggiungerei anche Nina Simone, Dinah Washington e tante altre... quelle di ieri e quelle di oggi: mi piace ascoltarle tutte!!!

Parlaci di questo nuovo disco. Cosa lo caratterizza? Ci sono brani di cui vai particolarmente fiera? “Modulated” come dice il titolo, è un album con tonalità ed atmosfere diverse. L’intensità dei brani, il mood delle composizioni aumenta e diminuisce come un’onda, una sinusoide nelle armonie e nei ritmi. Sono particolarmente affezionata ai brani “So Far So Close” e “My Love”.

Qual è stato in assoluto per te il momento più bello della tua carriera di attrice e musicista? Sicuramente la prima volta che mi sono esibita dal vivo è un’esperienza che non dimenticherò mai, poi sono arrivati tanti bei concerti: cantare dal vivo è ciò che mi riempie maggiormente di gioia e di soddisfazione.

Awa, sei diventata famosa per il film con Fabio Volo. Ti ha cambiata quest’esperienza? Che ricordo ne hai oltre un anno dopo? Guido, non credo di essere diventata famosa...non più di tanto [ride], e sinceramente non è la mia priorità. Recitare in Bianco e Nero è stata una bella esperienza, Cristina Comencini è una regista eccezionale, molto vicina agli attori e mi ha aiutata molto per l’interpretazione del mio personaggio. Ho anche bellissimi ricordi del set di Daniele Luchetti per il suo film La nostra Vita, sono molto felice per Elio Germano che ha appena ricevuto un premio

Chi sono i tuoi maestri in ambito musicale? Non ho maestri, ma tanti ispiratori, dalle grandi dive del jazz alle star del pop come Sting, ma ascolto volentieri anche i grandi maestri della musica classica... come vedi i miei gusti sono decisamente eclettici!

Ho trovato il tuo disco molto americano (cosa non frequente in Italia), in senso buono, perché viaggia - a gonfie vele - verso la miglior tradizione del cantautorato femminile e delle jazz vocalist. Condividi? Ti ringrazio molto! Mi piace, con umiltà, condividere la tua definizione... Ti piace l’etichetta di world music per definire la tua musica? World Music? Perché sono francese, d’origine senegalese, vivo in Italia e canto in inglese? [ride] Allora sì... ma il mio genere è semplicemente un incrocio tra pop e folk music con qualche contaminazione jazz. Quali sono i motivi che ti hanno spinto a diventare una musicista? O preferisci definirti una cantante? O un’interprete? Tutte e tre le definizioni mi rappresentano: quando scrivo le mie canzoni, quando le registro, e soprattutto quando canto dal vivo.

Ma quando dici dive del Jazz ti riferisci a Billie Holiday, Ella, Sarah Vaughan, Bessie Smith o anche a cantanti più recenti come Dee Dee Bridgewater, Erika Badu, Norah Jones?

Quali sono le idee, i concetti o i sentimenti che tu associ alla musica? La musica rappresenta tante cose per me: è una necessità per comunicare e condividere. Cambiamo argomento: l’Italia è un paese razzista? Come vedi questo delicato (e grave) problema? Ho scelto di vivere in Italia... senza entrare nei dettagli tante cose mi dispiacciono oggi, ma sono comunque ottimista perché l’integrazione tra diverse colture non può che migliorare in un paese ricco di storia come l’Italia. Ma c’era qualcosa di autobiografico nel film Bianco e nero? Ossia, ti è mai capitato di vivere situazioni simili, direttamente o attraverso i racconti di amiche o conoscenti? Per quello che mi riguarda non è autobiografico, ovviamente potrei raccontarti tanti aneddoti in dieci anni di vita in Italia... ma preferisco dirti che è un Paese che amo tantissimo; e amo anche il suo popolo... sono ottimista, sempre! Ti faccio l’ultima classica domanda: quali sono i tuoi progetti musicali per il futuro? Tanti concerti per adesso, per far ascoltare “Modulated” dal vivo in giro per l’Italia ed anche all’estero, in effetti. Poi un nuovo disco, al quale sto già lavorando e che potrebbe essere realizzato magari l’anno prossimo. Grazie e saluti carissimi a Nella Nebbia!!!


Stampa: Grafica Santhiatese


12

luoghi

LA STORIA? NOI SIAMO a storia l e h c o t s e qu “… ed e’ per nessuno la ’ e h c r e p i, e.” da’ i brivid puo’ fermar e Gregori D o c s e c n a Fr

testo: Marco Pozzo e Marco Roggero

l

A PREMESSA Forse non è così risaputo che, in Europa, la Storia sia un invenzione settecentesca. Mi spiego meglio. Prima della fondazione delle Accademie d’arte Nazionali e delle grandi campagne di rilevamento dei monumenti dell’Antichità Romana e Greca non esisteva l’idea di conservare gli edifici delle epoche precedenti. Molti palazzi romani sono costruiti con le pietre razziate dal Colosseo e dai monumenti dell’antichità ed il teatro di Marcello (del I secolo a.C.) è solo parzialmente riconoscibile perché inglobato, senza troppi complimenti, in un palazzo rinascimentale. Insomma il concetto di conservazione architettonica non era per nulla condivisa tanto che nei comuni Italiani di epoca medioevale e anche rinascimentale si moltiplicavano le leggi che vietavano di lasciar crollare gli edifici antichi NON perché questi dovessero essere preservati ma perché così facendo non si aggiravano le gabelle che l’amministrazione incassava per l’accesso in città dei nuovi materiali da costruzione...

Nel corso del ‘700 le Accademie d’arte diventarono in Europa un strumento molto potente per la creazione di una cultura storica per i nuovi Stati nazionali pubblicando e diffondendo fra i loro studenti i risultati delle campagne di rilievo dei monumenti antichi: Roma, Pompei, Paestum e poi in Grecia nei primi anni dell’’800. Ovviamente se uno storico di professione leggesse le cose che sto scrivendo verrebbe ad aspettarmi sotto casa per darmi quello che mi merito.... però, se vogliamo essere un po’ romantici possiamo immaginare che il momento preciso in cui nasce una coscienza storica sia quando, in un assolato deserto egiziano, davanti ad un tramonto infuocato Napoleone Bonaparte arringa le sue truppe iniziando il suo celebre discorso: “Dall’alto di queste piramidi 40 secoli di storia ci guardano...”. C’era bisogno a quel tempo di ricostruire le radici storiche di un impero che aveva visto letteralmente decapitate (...) le sue istituzioni e Bonaparte, portandosi, appresso all’esercito, 160 scienziati per studiare le opere dell’antico Egitto dimostrò la sua intenzione di utilizzare la memoria storica come collante di una società ancora tutta da costruire.

Premio Nazionale d’Arte Città di Novara

2000 - 2010 edizione del decennale Direzione artisticaVincenzo Scardigno

Pittura, Scultura, Grafica e tecniche incisorie, Fotografia, Video Le principali novità 2010

-Tre sezioni speciali: Giovani under 30, Studenti degli istituti d’arte, Artisti del territorio novarese -Un’ apposita sezione su invito -Iscrizione al Premio interamente gratuita

Per scaricare o ricevere il regolamento: www.artaction.it / premionovara@virgilio.it mobile (+39) 347 2536848 COMUNE DI OLEGGIO

COMUNE DI ORTA S. GIULIO


Oggi, nella cultura occidentale e soprattutto in quella italiana, la conservazione degli edifici del passato è diventato un valore condiviso al punto da creare situazioni alla rovescia in cui l’autorità delle soprintendenze e di una normativa necessariamente generica, vista la sovrabbondanza di edifici antichi o anche solo vecchi, fanno sì che ci si strappi le vesti per preservare quasi tutto. Me se è vero che il confine fra ciò che è vecchio (e quindi da buttare anche se è carico di ricordi) e quello che è antico (e quindi di pregio) non è oggettivo ma culturale, allora chi è giusto che decida che cosa deve essere conservato e che cosa demolito? In Italia abbiamo un’istituzione che sta lavorando ai confini del miracoloso nel campo della conservazione del patrimonio architettonico e che ci mostra quale sia la via corretta: il Fondo per l’Ambiente Italiano (FAI) investe in monumenti che hanno un valore storico ma anche un potenziale di riutilizzo collettivo. Recuperare un edificio di pregio per poi lasciarlo nuovamente decadere sarebbe uno spreco di soldi e nient’altro... Tutti i monumenti gestiti dal FAI vengono recuperati o perché hanno una qualità intrinseca che permetta loro di diventare dei poli di attrazione o anche perché possono diventare contenitori di eventi o funzioni che saranno in grado di mantenerli sia finanziariamente che a livello di immagine. IL PROBLEMA A Santhià si trova un complesso di edifici abbandonati che i profani come me conoscono come l’ex consorzio ma che in realtà è il vecchio molino Ugliengo. Si trova lungo il corso del Naviglio d’Ivrea, (del quale sfruttava la forza motrice) di fronte alla strepitosa Stazione Idrometrica e alla centrale idroelettrica gestita dal Consorzio Ovest Sesia.

Sono stato accompagnato in una visita avvincente da Marco Roggero, docente al Politecnico di Torino che, insieme ad altri, si è preso a cuore il destino di questi vecchi muri che resistono splendidamente alle intemperie e allo scorrere del tempo, facendoli studiare da alcuni gruppi di studenti della Facoltà di Architettura i quali stanno producendo tesi di ricognizione storica e anche progetti di riutilizzo. E’ quasi incredibile che, a pochi metri dal supermercato costruito grazie alla demolizione di una parte dei magazzini del molino, si sia costretti a camminare in una giungla di rovi che introduce in ambienti inimmaginabili per fascino, ampiezza e stato di abbandono. Ora la proprietà del complesso è di un privato che, giustamente, vorrebbe avere il suo tornaconto dall’investimento come, ad esempio, demolire il tutto e farci abitazioni e negozi che, a dispetto della discreta saturazione del mercato edilizio, garantirebbero comunque una incasso superiore al lasciare ogni cosa lì a decomporsi... LA DOMANDA In un contesto piccolo come quello santhiatese ci sono anche altri edifici che stanno terminando, dimenticati, la loro lunga storia: l’ex convento dei Francescani, i Carabinieri Reali e alcune cascine notevoli. Esiste una comunità locale intenzionata a spendersi per trasformare un romantico ricordo in un luogo dove si produce e si tramanda la propria cultura? C’è il luogo, e ci sono le idee e gli uomini. Se ci fosse anche l’intenzione, probabilmente, non sarebbe un problema trovare i soldi. LA CONCLUSIONE Bé... se sono stato sufficientemente eloquente avrete capito che il finale non posso scriverlo da solo...

nto storico

su

Il Governatore del Naviglio d’Ivrea acconsentì alla realizzazione di un Molino nel territorio del Borgo di Santhià nel 1479. L’impianto era costituito da cinque ruote a pale: quattro per la macinazione di granaglie, la quinta per la pista da riso. Tra i secoli XV e XVI il declino causato dalle dominazioni francese e spagnola e lo stato di abbandono del Naviglio d’Ivrea si ripercossero anche sull’attività molitoria. Il molino riprese soltanto dopo la metà del Seicento, il letto del Naviglio fu liberato dalle sabbie e il molino ricostruito. Dopo l’occupazione francese, con la Restaurazione nacque l’Azienda dei Canali Piemontesi. Nel 1820 venne riacquistato dal Conte Solaro dal Borgo il Naviglio. Con esso vennero ceduti allo stato i molini prospicienti il corso d’acqua. Il molino, divenuto demaniale, subì un importante intervento di ristrutturazione, arrivando ad occupare una superficie di circa un ettaro. Nel 1887 fu affittato alla Ditta Biasetti Serafino ed Ugliengo Fortunato, e il molino divenne un importante e moderno stabilimento all’esercizio industriale della macinazione. La Ditta fu sciolta nel 1896 e l’Ugliengo, ottenuta dal Demanio la cessione del molino e dei terreni annessi, procedette ad ulteriori ampliamenti.  

Lo stabilimento comprendeva oltre al moderno molino a cilindri un’antica pista da riso, un maciullatoio da canape, la casa di civile abitazione con gli uffici, i silos, le scuderie, spaziosi magazzini, la portineria ed un piccolo laboratorio da fabbro e falegname. La potenzialità giornaliera di molitura era di 600 quintali di grano tra tenero e duro e 200 quintali di granone. L’Ugliengo ottenne inoltre dal Comune di Santhià un contratto di fornitura di energia elettrica per l’illuminazione pubblica, la prima illuminazione elettrica delle strade del nostro Borgo.   Nel 1927 la macinazione dei cereali fu contingentata. Dopo alcune difficoltà nel 1938 l’Ugliengo cessò definitivamente l’attività di molitura. La gestione dell’opificio passò alla Società Anonima Molini ed Aziende Elettriche, poi al Consorzio Agrario Provinciale di Vercelli. La macinazione dei cereali fu abbandonata a favore del solo stoccaggio. A partire dal 1994, in seguito alla cessata attività del Consorzio Agrario, il complesso cade in completo disuso e l’area è coinvolta in un progetto di trasformazione, in parte già avviata con la demolizione di alcuni fabbricati, tra cui la palazzina di abitazione in sobrio stile liberty. Tratto da: http://sites.google.com/site/santhiastoria/

Questo metodo rivoluzionario per rendere lisci i capelli infonde profondamente la cheratina nella cuticola del capello riducendo fino a 95% i capelli crespi e ricci e rednendoli più morbidi, più lisci e più lucidi. I risultati generalmente durano da 3 a 5 mesi secondo il tipo di capelli. A differenza di altri servizi offerti dai saloni di bellezza, con questo prodotto, i capelli più si trattano, più diventano sani. COn ogni trattamento di cheratina rende i capelli: • più morbidi e setosi • più lisci e più lucidi • più facile da asciugare con l’asciugacapelli • quasi senza bisogno di essere curati Questo servizio è disponibile solo nei saloni ed è applicato da parrucchieri specializzati nei metodi di terapia a base di cheratina, “Keratin Complex” della COPPOLA.

CREATIVITY HAIR Via Palazzo di Città, 18 Vercelli 0161.218676

Nella Nebbia

13


100 FESTIVAL di musica, teatro, cinema, danza, arti in strada e nuovo circo in un percorso tra le arti e i luoghi

2010PIEMONTEDALVIVO

VIVO 10 Nella Nebbia:VIVO 10 Nella Nebbia 13/07/10 09:47 Pagina 1

IN VIAGGIO CON I FESTIVAL ALLA SCOPERTA DI UNA REGIONE

w w w. re g i o n e. p i e m o n t e. i t /p i e m o n t e d a l v i v o


15

speciale regione piemonte

testo: Roberta Invernizzi

’ a DELL’INGENUIT

: g n i h t y r e v E ale f e s u o m o c m o p u te e r s ’a d u e n o M i z e The una coll

L’IRRESISTIBILE

Lontano dalle scuole d’arte e dai monumenti alla cultura, dilaga rigogliosa (in fondo, da sempre), una selva di forme e linguaggi creativi “altri”, liberi da ogni “-ismo”, schivi rispetto ad ogni tentativo di (anche auto)celebrazione. Vivaddio, per una volta (la seconda) questa compagine (assemblata peraltro artificialmente…) di folli artisti spesso inconsapevoli forse può accettare un compromesso e farsi ospitare da un museo chic, ma che alla fin fine si trova in cima ad un mega centro commerciale. Siamo a Torino, Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli, ultimo piano, accanto alla pista del Lingotto. Eppure la sensazione è quella di addentrarsi sotto terra, in una specie di labirintica cantina collettiva, in cui ciascun condomino ha accatastato nel tempo stravaganze di ogni tipo, acquistate in mercatini, prodotte da parenti, bimbi e adulti oppure fatte con le proprie mani. Tutto in ordine, per carità (impeccabile e convincente, l’allestimento finto spettinato), ma così denso ed eccentrico da solleticarti comunque

LEGGEREZZA

la schiena con quella sottile ebbrezza da scoperta che solo il caos sa dare. D’altra parte, parliamo di veri outsider: visionari, medium, disabili che esprimono in modo cristallino, al di là di qualsiasi pelosa politically correctness, la loro diversa abilità. Tutti appartenenti solo a se stessi. Una raffica di Untitled che non stupisce affatto: i titoli finiscono per violentare l’ispirazione originaria dell’opera, anche solo nominandola, oppure, quando va meglio, condizionano lo sguardo dello spettatore, orientandolo verso il messaggio che si vuole principale. Qui di messaggi ce ne sono tanti e nessuno: si parla di soldi, fucili, guerra, sesso, Dio… È difficile raccontare, ma ci provo. Le forme narrative e figurative del fumetto, tanto per individuare un inizio, sono ben rappresentate: ecco vignette che raffigurano ballerini e musicisti, disegnate su foglietti di blocco a righe, tavole che presentano scene

apocalittiche, zeppe di simboli biblici (l’autore è un reverendo americano); narrazioni erotiche, donnine un po’ fetish un po’ spagnoleggianti vengono accostate a missili russi, accompagnate da allarmi inquietanti, da piena guerra fredda. Ma incontriamo anche fotografie, suggestivi ritratti di donne scattate con macchine costruite manualmente, oggetti costruiti con tappi di bottiglia, e poi una squadra di statue di metallo, cemento e ceramica (per la precisione, frammenti di tazze e piatti: tutto riciclato), soldati, cigni, portatori di ceste, che popolano un parco, il Rock Garden, che è una sorta di utopia (parentesi che può suscitare qualche riflessione: date un’occhiata al sito per scoprire il cammino che può percorrere l’ingenuità, un’ingenuità da 5.000 visitatori all’anno… http://www.nekchand.com/). Scrutiamo le poetiche chine di un giapponese, composizioni di bollicine microscopiche che formano volute e agglomerati ora densi ora trasparenti: uno s’intitola “Reincarnazione dell’anima”.


16 C’è anche un omaggio ad Edison e all’energia elettrica, magica forza che ci consente di vedere nell’oscurità, che può essere ovunque simultaneamente, potente come Dio. La spiritualità e la religione emergono spesso fra i temi portanti: Cristo è un personaggio ricorrente, ma anche Abramo e Sara trovano una celebrazione in una sorta di lapide dipinta su legno; le citazioni di salmi abbondano, qua e là; divinità egizie e faraoni affollano una tela di due metri per uno e mezzo minuziosamente decorata. Alcune sale sono così sature di segni e oggetti che temi di perderti qualche particolare, divieni preda di una leggera ansia e finisci per sentirti sulla soglia dell’oppressione, forse per la segreta paura di essere contagiato da manie che ti attraggono, pescando in chissà quale angolino del tuo inconscio. Certi disegni rischiano di essere scambiati per scarabocchi: penna o matita, ritratti che immaginiamo tracciati a memoria o fantasia, nudità a volte un po’ goffe e mai volgari, pesci, leoni, zebre che ti colpiscono come schiaffi o carezze nella loro espressività pura, netta. Li osservi da vicino e cogli tratti nervosi, reiterati, compulsivi, oppure metodici, placidi, regolari, e senti sulla pelle ora l’urgenza, ora la cura. C’è anche un collage satirico in cui Lincoln si ritrova un corpo ro-

tondetto di una signora; l’artista? È cubano… Altri sono spagnoli, cinesi, austriaci, italiani, olandesi, inglesi, polacchi, haitiani e francesi: un caleidoscopio in cui sbiadisce qualsiasi stereotipo culturale. Perché non cito i nomi degli artisti? Perché le opere se li sono mangiati, nella mia memoria, e non penso che molti dei diretti interessati se la prenderebbero troppo: sono qui a raccontarci del loro essere schizofrenici, pescatori o falegnami, matematici istintivi, ermafroditi, individui dotati di memoria prodigiosa, eremiti, analfabeti… Poi, per recuperare i dati puntuali, c’è il ponderoso catalogo (un piccolo patrimonio ben speso). Peccato che non si possano scattare fotografie nelle sale, che per ottenere la documentazione fotografica per questo pezzo si debbano superare filtri burocratici e registrazioni e accreditamenti; peccato che siano fioriti, a corollario della mostra e del museo in sé, laboratori didattici e varie occasioni di bla-bla tra il glamour e il finto naif e che dal sito (mi raccomando: audio a volume sostenuto, almeno per qualche istante!) non si possa copiare-incollare neanche una parola (pigrizia, sì, e senso pratico…); insomma, peccato che non si possa armonizzare il clima dell’esposizione con il tono informale e radicalmente libero con il quale le opere ti parlano…

Comunque, grazie per questa esperienza speciale, a Mr James Brett, ideatore del Museum of Everything a Londra (questa è la sua prima trasferta internazionale, la prima gita della compagnia è stata alla Tate Modern), non si sa se più astuto o più romantico… Fine. Scendiamo, un po’ spaesati, nel rutilante non-luogo della galleria commerciale, popolato da piadine romagnole, hellokitties multiformi e inespressive, postazioni play station, abiti per tutte le taglie e i gusti, grigliate western, juventinate varie, libri Feltrinelli come se piovesse (effettivamente fuori piove e pare sudor di cielo). Ancora incantati dagli stuporosi e densi input che ci hanno bombardato sensi e neuroni, ci viene una gran voglia di mandare a quel paese tanta disonestà intellettuale che attenta volgarmente ai nostri portafogli, strisciandoci dappresso. Ma anche questa, in fondo, è libertà. Forse... Fino al 29 agosto 2010 “THE MUSEUM OF EVERYTHING” TORINO LINGOTTO - Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli Via Nizza 230 Ingresso 7 Euro; catalogo Electa 55 Euro; info 011 0062713. www.musevery.com


17

speciale regione piemonte

testo: Elisabetta DellaValle

SPETTACOLI DIURNO ORE 16:00

NOTTURNO ORE 21:30

Come contattarci Associazione Teatro Popolare di

MESE

GIORNO

Giugno

13-20-27

19-26

Sordevolo

Luglio

4-25

2-3-9-10-16-17-23-24-30-31

Via Eugenio Bona, 35 13817 SORDEVOLO (BI)

SPETTACOLI DIURNO ORE 16:00

NOTTURNO ORE 21:00

MESE

GIORNO

Agosto

29

7-21-27-28

Settembre

5-12-19

4-11-18

Tel. e Fax. 015/2562486 Sito internet: www.passionedicristo.org E-mail: passione@passionedicristo.org Azienda Turistica Locale (A.T.L.) - Sede

N.B.: nei giorni 3, 10 e 17 Settembre ore 20:30 si terranno due repliche della

di Biella

“Passione dei Bambini” interpretata interamente da bambini e ragazzi sordevolesi.

P.zza V. Veneto, 3

13900 BIELLA (BI) RIDOTTI(Ragazzi e Comitive con più di 25 persone) Tel. 015/351128

PREZZI

INTERI

Golden Place

€ 35,00

Primi posti

€ 26,00

€ 23,00

biella.it

Secondi posti

€ 21,00

€ 18,00

E-Mail: info@atl.biella.it

Fax 015/34612 Sito internet: www.atl.

o t s i r C l e d e n o i s s a P a L

e r o m a r e p e r i r o M 0 1 0 2 e n o i z i ed Sordevolo,

abitanti coinvolti a vario titolo, ruolo, mestiere, un’intera radiso, 1330 a p l e d a comunità chiamata a raccolta nel narrare, con 3 ore di n n Do spettacolo, 1 prologo e 29 scene, gli ultimi giorni della vita del la sua Passione e Morte nella Gerusalemme del 33 d.C., iso, Cristo, r p ’ e o l o i tanto lontana e tanto vicina. l lo tuo fig Da domenica 13 giugno a domenica 19 settembre Sordevolo ci fa rivivere l’incanto della sua Passione, di una Passione ormai . o t a e conosciuta in tutta Italia e della quale si aspettava questa nuova b o t s edizione dal 2000. J e su C r i anni, dieci anni nel corso dei quali mai la macchina teatrale si è e Dieci d i v e , a fermata, tanto complessa e difficoltosa ne appare l’organizzazione n n generale, come si era già ben compreso nel 1813, anno in cui viene Accurre, do fondato l’Antico Teatro Popolare Comitato Passione di Sordevolo. ! e d i Fu così che si organizzò la prima edizione documentata, quella del l l e l’a t n e g a 1850, che venne seguita da quelle degli anni 1850,1860,1865,1871, l e h c 1876,1881,1886 e 1891. In seguito la Passione venne rappresentata , e d i c nel 1897, 1901,1904,1914,1924,1934, e poi, sospesa per il periodo c s’o o l ‘l e h bellico, fu ripresa nel 1950,1960,1970,1975,1980 e 1985. Dal 1991 c o c red l’Antico Teatro fu sostituito dall’Associazione Teatro Popolare di . Sordevolo, ente moralmente indipendente, che lavora con il solo o t a l l e g a l f n con lo scopo di “mantenere viva e perpetuare l’antica tradizione ’o tanto l 400 attori, 31 rappresentazioni in 4 mesi, quasi 200 anni di vita,

della Passione di Sordevolo” e che ha da allora realizzato le edizioni del 1992, del 2000 e, ora, quella targata 2010. L’associazione, vista la totale libertà ed autonomia di questa forma di cultura locale, ne sa gestire risorse umane e tecnologiche, occupandosi sia degli aspetti legati alla recitazione, regia, scuola di teatro, che di quelli più strettamente tecnici, come il progetto scenografico, l’allestimento delle scene, la confezione dei costumi. Così le colline di Sordevolo diventano, con cadenza che può essere quinquennale o decennale a seconda delle possibilità e degli sforzi umani, lo scenario in cui si colloca naturalmente una piccola parte della Gerusalemme del tempo, per la precisione quella che tutti conosciamo e che ha ospitato gli ultimi giorni della vita mortale del Cristo: la


18 reggia di Erode, il Sinedrio, il Pretorio di Pilato,  l’orto degli ulivi, il cenacolo, il monte Calvario, mentre i suoi abitanti vestono i panni dei personaggi delle Sacre Scritture che, per esigenze sceniche e per il sereno svolgimento delle rappresentazioni, che si concentrano nelle serate dei venerdì e dei sabati, inizio sempre 21.30, e nelle domeniche pomeriggio, ore16.00, dei mesi estivi, sono interpretati da almeno 3-4 attori differenti. Una vicenda, quella del Cristo uomo normale che “normalmente” muore crocefisso, innocente, per mano di una dittatura che come tale “normalmente” si comporta, affascina da sempre le genti di ogni terra e costume: il dramma della passione di Cristo, raccontata nei Vangeli, ma concretizzata in una forma di teatro popolare accessibile e comprensibile come tale a tutti, senza differenze di ceto, età, cultura, persino religione, contrappone alla sofferenza degli oppressi e dei perseguitati la speranza di una salvezza futura, assumendo un fortissimo valore educativo e positivo. Insegnare con gesti e parole, parodiare per meglio raccontare: ecco che lo spettatore, il fedele, si avvicina al dramma del Cristo, ma ancor di più al dramma della Madre dolente, della Mater dolorosa, perché ne riconosce la forza della verità umana, riconosce nella vicenda della morte del figlio innocente la tragedia delle tante, inutili morti di figli innocenti. E la vicenda si ripete, si ripete, da duemil’anni e poco più, ad insegnare, inascoltata, la strada della pace. Eppure già Jacopone da Todi ne scriveva: chi non ricorda la sua struggente lauda dalla quale abbiamo estratto questi versi a commento del testo, già ce lo diceva in pieno Duecento, così facendo parlare Maria: Como esser porrìa Che non fece mai follia, Cristo, la speme mia, om l’avesse pigliato? E la Mater dolorosa chiude con il suo lamento pungente ed infinito, con il suo Stabat Mater sotto la croce, una Via Crucis di dolore che da individuale, il Cristo solo nell’Orto del Getsemani, diviene collettivo, partecipato ed universale: il Cristo porta la croce in mezzo alla folla, viene aiutato e soccorso, il Cristo muore, con enorme fatica e tremenda lentezza, ma è messo in alto, alla vista di tutti, con una scelta scenografica dal fortissimo impatto emotivo. Mentre il popolo, sempre secondo Jacopone, urla: Crucifige, crucifige! Omo che se fa rege, secondo nostra lege, contradice al senato Una Passione, quindi, che si nutre della passione dei suoi“creatori”per lei. Passione che rinasce di volta in volta per continuare a vivere, a rivivere, di secolo in secolo. All’inizio del tutto, come sempre, la Parola, il sacro testo, attribuito al fiorentino Giuliano Dati, cappellano della Chiesa dei Santi Martiri in Trastevere a Roma, ma certamente risalente a testi più antichi, laudari umbri e romani del

Trecento, conservati nell’archivio della confraternita del Gonfalone. Una Passione molto antica, quindi, esempio di teatro popolare che affonda le sue radici nel profondo medioevo. A Roma l’azione scenica veniva realizzata, siamo alla fine del Quattrocento, il Venerdì Santo, al Colosseo, dalla Compagnia della Confraternita del Gonfalone di Roma con gran concorso di popolo, pellegrini, viaggiatori e notabili. Fino al 1539, tutto scorre normale, poi la Riforma luterana e la Controriforma della Chiesa di Roma ed un Papa, Paolo III, che vieta le sacre rappresentazioni, instituendo un nuovo clima, tutto rigore morale e censure. Ecco invece la crudezza delle parole usate, sempre dal poeta di Todi, in pieno medioevo, quando è ancora concessa una descrizione estremamente cruda e realistica delle fasi della crocifissione: Donna, la man gli è presa e nella croce è stesa, con un bollon gli è fesa, tanto ci l’on ficcato! L’altra mano se prende, nella croce se stende, e lo dolor s’accende, che più è multiplicato. Donna, li piè se prenno e chiavèllanse al lenno, onne iontura aprenno tutto l’han desnodato. Ma da Roma a Sordevolo come arriva il testo della Passione? Nessuna certezza, solo ipotesi, forse grazie agli stretti rapporti tra la locale Confraternita di Santa Lucia con la Confraternita del Gonfalone di Roma, forse grazie ai contatti commerciali tra Roma e gli Ambrosetti, tessitori di “panni fini” di Sordevolo, forse… Ma è con l’Ottocento che la Passione di Sordevolo suscita interesse e consenso nel mondo della cultura e dell’arte. Nel 1892 Delfino Orsi, direttore della “Gazzetta del Popolo”, studioso di tradizioni popolari e docente di materie letterarie all’Università di Torino, pubblica un suo studio, mentre il Prof. Alessandro D’Ancona, dell’Università di Pisa, le dedica un approfondito paragrafo nel suo “Origini del teatro italiano”. Se ne parla anche sui giornali: nel 1934 Renato Simone, principe della critica teatrale italiana, scrive della Passione sulla “Domenica del Corriere” e sul “Corriere della Sera”: si sono raggiunte una perfezione, un’intensità, una religiosità singola e collettiva che, per il sentimento, riconducono il dramma sacro alle sue origini e per la potente delicatezza dell’espressione, sembrano il frutto di una grande esperienza spirituale,intellettuale e tecnica”. Così pure Alighiero Chiusano, critico di maggior rilievo e competenza tra gli anni 1960 ed 1980, dedica diversi articoli sul “Il Dramma” e su alcuni importanti quotidiani nazionali: venuti con un certo scetticismo a vedere una manifestazione popolare, conquistati poi infantilmente dalla bellezza e naturalezza dei movimenti di massa, dalla fedeltà

e policromia dei costumi, dalla dignità delle scene austere, a questo punto non siamo più spettatori paganti, né studiosi di folclore, né patiti di teatro; siamo creature nude, soli con la nostra miseria, gli occhi rivolti alla viva ripetizione di un evento che ci sembra l’unica risposta accettabile al nostro interrogativo esistenziale. Un paese intero ha patito una grande esperienza e lo ha fatto con decoro, senza convulsioni orgiastiche, alla maniera schiva dei Biellesi. Si torna a casa coi propri dubbi e la propria tristezza, ma qualcosa è rimasto e il lungo appuntamento con la prossima volta diventa un impegno a verificare con una riprova, questa strana cosa che ci è stata messa dentro”. Parole toccanti, ispirate, sincere, che non nascondono quel certo, sottile, pregiudizio degli intellettuali per le creazioni della tradizione popolare, ma che ne sanno riconoscere, nel caso in cui si trovino di fronte ad un vero capolavoro corale, tutta la grande forza evocativa. Sordevolo aspetta il suo pubblico, quindi, per tutta questa estate 2010, ricordando che particolare attenzione è stata data anche ai bambini e che dalla loro Passione per il Cristo è nata la “Passione dei Bambini”, lo spettacolo interamente recitato da loro e che andrà in scena, imperdibile, a settembre: venerdì 3 e 10 alle ore 20.30, venerdì 17 alle 10.30, già in tempo per ospitare le scolaresche interessate. Per ulteriori info www.passionecristo.org Per finire, ancora Jacopone, lo struggente incontro tra un Figlio crocefisso ed una Madre, la sua mamma, distrutta dal dolore: Cristo -

Mamma, o’ sei venuta ?

mortal me dài feruta, ché ‘l tuo pianger me stuta, ché ‘l veggio sì afferrato.

Madonna -

Figlio, che m’agio anvito, figlio, patre e marito,

 

figlio, chi t’ha ferito ? figlio, chi t’ha spogliato ?

Cristo -

Mamma, perché te lagni ? voglio che tu remagni, che serve i miei compagni

ch’al mondo agio acquistato.

Madonna -

Figlio, questo non dire, voglio teco morire, non me voglio partire, fin che mò m’esce il fiato.

Ch’una agiam sepultura, figlio de mamma scura, trovarse en affrantura mate e figlio affogato. Versi tratti da “Donna de’ Paradiso” Lauda di Jacopone da Todi


ALLA REGGIA DI VENARIA

Feste d’Estate a Corte 100 giorni di grande musica, arte e svago nella Reggia e nei Giardini

REAL MUSIC BIG EVENTS NEL GRAN PARTERRE

5 giugno - 30 luglio 2010 MUSIC LOUNGE IN CORTE D’ONORE 5 giugno EvEnto spEcialE in Esclusiva

Wim mertens enseMBle michael nyman e DaviD mcalmont + Michael nyMan BanD “TrumpeT power” spEcial projEct con Frank lonDon, marco markovic, Paolo Fresu e Jerry Gonzales

8 giugno nicola Piovani 10 giugno erri De luca e Gianmaria testa 16 giugno sWinG out sister 18 giugno steFano Di Battista Jazz Quartet spEcial guEst nicky nicolai 22 giugno manu katche 29 giugno malika ayane

28 giugno Paolo conte EvEnto spEcialE 4 luglio PhoeniX 5 luglio Dalla e De GreGori 6 luglio massive attack 8 luglio the cranBerries 19 luglio Gala roBerto Bolle and FrienDs 23 luglio kinGs oF convenience 26 luglio Gotan ProJect 28 luglio simPle minDs unica data italiana 30 luglio arturo Brachetti

SPETTACOLI OSPITI NEL GRAN PARTERRE 23 giugno BeAT DANCe muSIC FeSTIVAL 12 luglio GiGi D’alessio 15 - 16 - 17 luglio TrAFFIC Free FeSTIVAL

Mertens

lonDon

nyMan McalMont

Markovic

Fresu

gonzales

katche

Di Battista nicolai

Piovani

ayane

conte

Phoneix

De gregori

Dalla

Bolle

kings oF convenience gotan Project

Massive attack

the cranBerries

Brachetti

tRAFFIC FREE FEstIVAL

D’alessio in collaborazione con

Media Partners

swing out sister

testa De luca

siMPle MinDs

www.venariarealmusic.it www.lavenariareale.it tel. +39 011 4992333


20 PERSONAGGI

testo: Barbara Bozzola

GARRISON ROCHELLE UN

LA DANZA AMA CHI AMICO PER

Occhi chiari, sorriso aperto e la buffa parlata italo-americana che lo ha reso celebre in TV e ancor più simpatico al pubblico, Garrison Rochelle, ballerino e coreografo del programma televisivo Amici di Maria De Filippi, ha aperto domenica 9 maggio a Novara la seconda edizione del concorso nazionale “Novara in danza”, promosso dal centro di formazione Arte Danza diretto da Barbara Gatto, in collaborazione con il Comune. Una gara che ha visto sfidarsi più di seicento ballerini provenienti dal Nord e dal Centro Italia e che è cominciata, appunto, con un prestigioso stage dell’ospite più atteso, il quale certo non ha risparmiato saluti, chiacchiere e abbracci per scattare le classico foto ricordo. Garrison è come te lo aspetti e questa, nel suo caso, è davvero una fortuna.

L

a prima domanda è obbligatoria. Com’è cambiata la danza in questi anni? Programmi televisivi come Amici hanno modificato l’approccio a questa disciplina?

“Sicuramente grazie a trasmissioni come la nostra il grande pubblico è stato educato al ballo. Oggi i genitori che portano in sala i figli o i fidanzati che accompagnano la morosa sanno cos’è un passo a due o un assolo, sanno di cosa si sta parlando e la conoscenza è sempre un bene. Sono più competenti. Soprattutto i maschi, che da sempre sono un po’ inibiti nei confronti della danza, hanno cominciato a non intenderla più come una cosa solo da femminucce”.

E la televisione può essere solo il primo passo per approfondire certi temi. “La TV ha portato in questi anni più giovani a teatro. Ne abbiamo avuto prova in questi mesi, perché stiamo portando in giro lo spettacolo Let’s dance e la risposta della gente è davvero sorprendente. Non c’è solo il pubblico di Amici a seguirci, ma anche tanti che non ci conoscono e gli abbonati dei vari teatri d’Italia non rinunciano certo alle serate in cui ci siamo noi. Così in sala ci sono giovani, giovanissimi e adulti e gli applausi non mancano mai.” Anche sulla qualità del progetto televisivo il coreografo non ha dubbi.

“In questa edizione abbiamo creato nove posti di lavoro; contratti discografici per i cantanti e ingaggi in grandi compagnie di ballo a livello internazionale; possiamo dire che non è da tutti. Lo show continua ben oltre la durata della trasmissione e a chi, criticandoli, sostiene che i talent show regalino solo illusioni, posso rispondere tranquillamente che il nostro quanto meno fornisce anche sogni belli concreti.” Oltre che insegnare ai ragazzi come gestire i rapporti con i superiori, con gli insegnanti in questo caso, e come rispettare i valori che una disciplina come la danza pone in primo piano. “Tra allievo e insegnante ci deve sempre essere rispetto e affiata-


vo altro che ringraziare, perché era per me un modo per imparare e perfezionarmi. Oggi i ragazzi sono diversi, si offendono, non tutti sono in grado di abbassare la testa e continuare a lavorare, comprendendo che ci sono ostacoli da superare per arrivare al top. Predomina un pochino la filosofia “Io so già tutto se sono qui” e non va assolutamente bene. Amici è una scuola e come tale serve per insegnare e imparare; chi entra non è un professionista e chi si monta la testa viene subito ridimensionato.” Seppur in trasmissione la querelle si sia accesa in questo senso più volte e i contrasti con la maestra Alessandra Celentano non manchino mai. Colli del piede che non sono adeguati, strutture fisiche troppo robuste, movimenti troppo o troppo poco sexy. Le liti furiose tra i professori nelle ultime edizioni hanno spesso prevalso su quelle tra i ragazzi e persino sulle esibizioni. “So che a molti quei momenti di discussione non piacciono, perché è normale, ma è tutto vero. Mi capita di fare baruffa con la Celentano anche nei camerini, perché nessuno dei due ha una doppia faccia ed entrambi manteniamo le nostre posizioni. Poi, certo, a volte può essere che qualcuno dei due possa sbagliare, ma nel momento in cui ce ne si rende conto, si chiede scusa e tutto finisce lì.” mento. L’allievo non deve mai andare oltre una certa soglia, altrimenti si rischia di far saltare gli equilibri, e se manca la fiducia in sala, manca tutto. Per quel che mi riguarda nello specifico, per esempio, ho un allievo che si chiama Arduino e che è tra i professionisti di Amici; ha solo 25 anni, ma per me è un gioiello. È un esperto delle danze latinoamericane, la sua tecnica è a dir poco sopraffina. E così lo ascolto, quando mi dà consigli senza avere la presunzione di sapere sempre tutto, anche perché, se è vero che il classico rimane la base, tutti gli altri generi non sono certo da meno. Ci sono ballerini straordinari nell’hip hop e oggi questo genere sta spopolando in tutto il mondo, perché rappresenta lo scatto più puro di adrenalina; non mi permetterei mai di affermare che un genere è inferiore a un altro.” Una situazione comunque ben diversa da quella della vecchia scuola, in cui chi oggi insegna era dall’altra parte della sbarra? “Be’, questo sì, perché ai miei tempi, quando seguivo lezioni di diversi insegnanti, se capitava che uno di loro mi sgridasse, non face-

E tutte le lacrime che vediamo versare? “Lo sanno tutti che io sono quello che piange, ma non è per fare scena. Chi mi conosce sa che io sono così, mi emoziono subito, quando qualcuno raggiunge un buon risultato, quando un ragazzo che stimo deve abbandonare la scuola o quando un’esibizione mi lascia senza fiato. Non credo sia una cosa negativa, anche se per certe persone è solo esibizionismo.” Invece, a chiacchierarci, guardando negli occhi cerulei un uomo che in questi anni si è conquistato tutto l’affetto che il pubblico ha saputo regalargli, l’impressione è proprio differente. I ragazzi lo adorano, lo fermano per avere un autografo e fanno mille domande; lui non si tira mai indietro. Gli urlano: “Gary!”, e lui sorride a tutti. Al termine della mattinata, prima di volare negli studi di Domenica 5 al cospetto della regina della domenica Barbara D’Urso, si lascia andare a un commento: “Qui a Novara ho vissuto una giornata davvero sublima”; e a un personaggio così una vocale sbagliata si può anche perdonare.

Nella Nebbia

21


22 eventi

foto: Fabio Antonelli

NOVARA 2010 JAZZ FESTIVAL ra a v o N i d e e Istantanritmo di jazz a


HI g a l I u Estate s pello p a c l i n co

L’

Verbano e Ceugsaio ti str dall’arte di strada

estate è il momento delle grandi manifestazioni di piazza. Il lago Maggiore e il lago d’Orta, le località turistiche della provincia di Novara e del Verbano offrono la possibilità di seguire un tipo di spettacolo diverso da concerti e sagre: un lungo tour di artisti di strada che si esibiscono a cielo aperto, con lo sfondo naturale del lago. Tre gli eventi che da luglio a settembre intrattengono il pubblico locale e i tanti turisti in visita: OrtaCirkos, Stresa on Street e tEATRI aNDANTI. OrtaCirkos, a cura di 121eventi, è la prima edizione di una kermesse di circo contemporaneo: un giovedì ogni mese (15 luglio, 12 agosto e 16 settembre), per assistere alle performance degli artisti di questa particolare disciplina, che bandisce l’utilizzo degli animali e unisce acrobatica, giocoleria e danza per raccontare storie e donare emozioni. Giovedì 15 luglio sarà anche il momento del Concorso, in cui gli artisti (tra gli altri Antonio Carnemolla, Ibonobi, Inversi) si esibiranno di fronte a una giuria di esperti acrobati, ginnasti e studiosi di arte circense, per contendersi i 2000 euro in palio. tEATRI aNDANTI, organizzati dal Teatro delle Selve, arrivano alla decima edizione e tra Pella, Pettenasco, Soriso, San Maurizio d’Opaglio, intrecciano fino al 19 settembre il cartellone teatrale con l’arte di strada di Gaby Corbo e Nanirossi, per fare solo due esempi degli artisti partecipanti. E poi Stresa, la perla del lago Maggiore, ospita per il terzo anno Stresa on Street, la manifestazione di musica e arte di strada organizzata dall’Associazione Novara Street Festival, da quasi dieci anni impegnata in questo genere di attività. Tutto quello che deve fare lo spettatore è raggiungere la destinazione prescelta e portare con sé qualche monetina... Il modo per dimostrare il proprio apprezzamento all’artista di strada è sempre quello della tradizione: un applauso con il cuore e un soldino nel cappello!

23 EVENTI

testo: Serena Galasso


24 teatro

foto: Davide Vergnano

a r u t a N o r t a Te

IL CAMMINANTE

t

ratto dall’omonimo racconto di Laura Pariani, Il Camminante è un’opera teatrale andata in scena in prima nazionale il 25, 26 e 27 giugno nella suggestiva ambientazione dell’antica Via degli Scalpellini, sulle pendici occidentali del Lago d’Orta, ai piedi del Santuario della Madonna del Sasso. La storia racconta le vicende del camminante Julo, uno strano bambino, figlio illegittimo, predestinato a uccidere i genitori e a vagare per il mondo in cerca di un’isola su cui ritrovare sé stesso e riconciliarsi con la vita. Lo spettacolo si svolge nei boschi, con alcune scene stanziali ed altre itineranti in cui gli attori rendono il pubblico partecipe dell’evento, spezzando la barriera del teatro classico scena/platea e dove la natura, con i suoi suoni e le sue energie contribuisce alla realizzazione dello spettacolo. A tutti i partecipanti è richiesto il massimo impegno per cercare di entrare in sintonia con i personaggi e gli elementi in cui l’azione si svolge, contribuendo così a realizzare un evento unico nel suo genere. In Italia non sono molte le compagnie che si occupano di teatro natura, tra queste il Teatro delle Selve di Ameno e O’Thiasos Teatronatura di Roma che hanno curato la coproduzione dello spettacolo per la regia di Sista Bramini.

hobbydue MODELLISMO

C.SO LIBERTà 190 VERCELLI TEL.0161/869010

La rappresentazione inizia con l’incontro di due camminanti che incrociano il pubblico in cammino sul sentiero che li conduce alla prima scena, il banchetto dei servi, in cui si racconta l’infanzia travagliata di Julo, i suoi sogni profetici e i presagi della sua sventura futura. Proseguendo incontriamo un mercante di stoffe e la sposa di Julo Crisanta, che raccontano storie che progressivamente contribuiscono a delineare i tratti psicologici e le vicissitudini del protagonista. La terza tappa è quella che ha il più forte impatto emotivo sul pubblico, qui Crisanta scopre i cadaveri dei genitori di Julo, da lui uccisi per errore, credendo di scorgere nel letto la moglie con un altro uomo. Da quel momento il camminante è costretto a vagare fino a quando non troverà un’isola su cui potrà sostare. Gli spettatori sono da questo punto guidati da un cieco, che come Tiresia profetizza il destino tragico del ragazzo e il suo lungo peregrinare. Lungo il percorso conosciamo anche un pittore itinerante che ha conosciuto Julo e lo ha preso con sé come assistente per un breve periodo e che racconta di averlo incontrato nei boschi con un remo in spalla in cerca della sua isola per trovare finalmente pace. L’ultimo personaggio che ci racconta qualcosa di lui è una sorta di contadino montanaro che lo accoglie nella sua casa una notte d’inverno e gli offre un letto e del lavoro per alcuni mesi, fino all’arrivo, una notte, degli spettri dei genitori di Julo che lo costringono a rimettersi in marcia alla ricerca della sua isola. Lo spettacolo si chiude in una radura che si affaccia sull’Isola di san Giulio, dove tre vecchi raccontano gli ultimi anni di vita di Julo, quando finalmente riesce a trovare la sua isola, l’Isola di San Giulio appunto, dove leggenda e finzione fanno sì che la sua figura si fonda con quella dell’omonimo Santo che scacciò i serpenti dall’isola e creò le basi dell’insediamento che oggi conosciamo. Lo spettacolo prende forma all’interno del teatro natura, filone che unisce la sensibilità ambientale alla poesia dei luoghi, per ribadire lo stretto legame che lega qualsiasi attività umana alla natura. Il teatro in questo caso diventa il tramite per ricongiungere l’uomo

con le energie ancestrali, per ricondurlo a scoprire sé stesso negli elementi che lo circondano. Altro tratto caratteristico della rappresentazione è il richiamo costante alla tragedia antica, nei rimandi letterari, nelle atmosfere sognanti del mito, dove il fato incombente sfiora i personaggi per condurli verso il loro destino. Un cenno va fatto riguardo alle musiche di scena, cantate dal vivo dagli attori, riprendendo l’antica tradizione polifonica contadina. Consigliamo

anche di notare l’accuratezza esecutiva dei costumi dei personaggi, creati a modello degli abiti delle statue dei Sacri Monti di Orta e di Varallo Sesia, per ricondurre la rappresentazione nell’alveo territoriale originario che l’ha prodotta, creando così forti suggestioni visive che si uniscono a quelle del racconto dei diversi personaggi, dando l’impressione di tornare indietro in un passato indefinito e di ripercorrere le antiche vie di comunicazione di quel territorio, accanto ai personaggi di quel tempo. http://www.teatrodelleselve.it http://www.thiasos.it/


Terapia e borsette di Veronica Gallo

Moda da uomo o modi da uomo Ci sono settimane in cui comperare i miei so-

ragazzoni in stile Kennedy di Polo Ralph Lauren

addirittura obeso, a noi invece raccontano che

liti DIECI magazine femminili diventa un vero

dove fanno la spesa? Non alla Coop, altrimenti io

Belen mangia gelati e cioccolata perché è così di

strazio. Penserete che mi riferisca agli speciali

e la Littizzetto li avremmo già visti! E non mi dite

costituzione!

dedicati ai costumi da bagno, che da maggio a

che ne avete visti in metropolitana a Milano: sta-

Scusate lo sfogo, probabilmente dipende dal fatto

luglio ci ricordano quanto siamo grasse o smilze,

vano andando ai casting per quelle foto, quindi

che ho sposato uno che non suda, non si stropic-

bianchicce e poco toniche… e ad agosto, quando

non vale.

cia e qualsiasi cosa indossi sembra il piccolo lord,

finalmente è ora di indossarli e peso e carnagione

Per non parlare dei diversi paradossi che rappre-

giusto il costume da bagno vista la magrezza che,

sono migliorati, i giornali sono già pieni dei nuovi

sentano: hanno il viso dell’uomo che non deve

secondo mia madre, denota la mia grande abili-

cappotti! Ma c’è di peggio di VENTI modelle per-

chiedere mai e i vestiti che ogni mamma vorrebbe

tà culinaria, non è il suo capo di punta, ma io non

fette su spiagge dorate che non vedremo mai o,

vedere indosso al pupo, sono in piena genera-

sono nelle condizioni di dare giudizi!

nella migliore delle ipotesi, raggiungeremo quan-

zione 1000 euro e calzano scarpe su misura da

Comunque, nonostante il proliferare di servizi

do sui Caraibi si abbatterà l’ennesimo urgano: la

1500, e tutti gli abiti, le cravatte ed i cappotti spi-

sulla moda maschile in giro già si vedono i primi

moda uomo.

gati non faranno parte del loro guardaroba alme-

pinocchietti dei 30/40enni e i pantaloni a vita ro-

Pagine e pagine di bellissimi modelli con completi

no per altri 10 anni, quando la tartaruga dei loro

tulare dei 16enni con cresta e tatuaggi: eviden-

destrutturati, maglioncini in cachemire, smoking

addominali si sarà voltata al contrario.

temente i nostri uomini hanno capito prima di

con le scarpe da ginnastica; con quella barba un

E come se non bastasse, questi simpatici settima-

noi che inseguire modelli impossibili è inutile,

po’ così, il capello mosso dal gel, il labbro tumido

nali, che io e le donne della mia famiglia mante-

se ne sono fatti una ragione e si vestono come gli

ci dimostrano una volta di più quanto la moda sia

niamo da 15 anni, rassicurano i nostri ometti di-

pare, non male come filosofia di vita, ma se l’adot-

lontana dalla vita quotidiana. L’avete mai visto

cendo loro che secondo l’indice di massa corpo-

ta anche il mio piccolo lord perdo l’accessorio più

il modello della Breil in coda in posta? E quei

rea Brad Pitt sarebbe in sovrappeso e Clooney

elegante che ho!

25 rubriche

RISTORANTE DUE CUORI aperto a pranzo e cena

chiuso il lunedì tel. 015.30145 P.zza Cisterna, 11/A - 13900 Biella Piazzo (BI)


26 AGENDA luglio/ agosto

Inviaci le tue segnalazioni a: agenda@nellanebbia.it

INFORMAGIOVANI CITTA’ DI VERCELLI

C.so Libertà, 300 - 13100 Vercelli Tel. 0161.25.27.40 - Fax 0161.54.384

E-mail: informagiovani@comune.vercelli.it

Web: www.informagiovanivercelli.it

“Cultura”

da Lun. a Ven. alle ore 17.40

“Segnalibri”

da Lun. a Ven. alle ore 18.40

Michele Trecate

15 giovedì Cinema

Novara Cinema all’aperto: “La prima cosa bella”, Paolo Virzì Via Greppi,7 Ore 21.45 Per info:www.novaracinema.it Vercelli Cinema d’estate Proiezione del film “Il Riccio” S. Chiara (c.so Libertà 300) Ore 21.30 Per info: Belvedere Spettacoli, tel. 347 40 38 219 o www.chiediscenaspettacoli.it

Musica

Varallo Sesia (VC) Alpaa: Noemi in concerto Piazza Vittorio Emanuele II Ore 21.30 Per info: www.alpaa.org Varallo Pombia (NO Varallo Pop Ore 22, fino al 18 luglio Per info: www.varalopop.it Stresa (VB) Palazzo dei Congressi CONCERTO: “THE SOUND OF AMERICA HONOR BAND and CHORUS” Piazzale Europa, 3 Ore 21.15 Per info:www.stresacongressi.it Vercelli “Area 24 live” Concerto di Ubi Maior Area 24 via Caduti sul Lavoro Ore 23.00 Trivero Libra Festival 2010 Alessandra Amoroso Mercato Coperto di Ponzone Ore 21,30 Per info:Libra - Tel. 015 8353154 o 348 2931588 www.librafestival.it segreteria@librafestival.it

www.vercellink.com Teatro

Biella Piazzo “Biella Estate” In Piazzo-Piazzo off Per info: Ufficio Cultura del Comune - Tel. 015 4507212 www.eventi.comune.biella.it palazzoferrero@comune.biella.it

Eventi

Orta San Giulio (NO) Ortacirkos – Kermesse di circo contemporaneo Piazze e vie di Orta San Giulio Ore: 18 - 24 Per info: www.ortacirkos.it

16 venerdì Cinema

Novara Cinema all’aperto: “Alice In Wonderland”, Tim Burton Via Greppi, 7 Ore: 21.45 Per info: www.novaracinema.it

Eventi

Sordevolo Anfiteatro Giovanni Paolo II - “Passione di Cristo 2010” Per info: Associazione Teatro Popolare di Sordevolo - Tel. 015 2562486 www.passionedicristo.org passione@passionedicristo.org

Incontri

Biella Gli Sport sull’Acqua Fino al 18 luglio Per info: Ufficio Polizia Urbana e Commercio Tel. 015 3507224 o 015 3507295 manifestazioniriva@libero.it Biella, “Biella Estate” Shopping sotto le stelle varie sedi Ore: dalle 18 Per info: Ufficio Cultura del Comune - Tel. 015 4507212 www.eventi.comune.biella.it palazzoferrero@comune.biella.it Novara Estate Novarese: La Ribalta, “Primo & Secondo Restaurant”

Piazza Duomo Ore: 21,30 Per info: www.comune.novara.it

Musica

Belgirate (VB) LAGOMAGGIOREMUSICA 2010, ”HEATH QUARTET, QUARTETTO D’ARCHI” Chiesa Vecchia Dalle 21.00 Per info: www.jeunesse.it Varallo Sesia (VC) Alpaa: Samuele Bersani in concerto Piazza Vittorio Emanuele II Ore 21.30 Per info: www.alpaa.org

Teatro

Ameno (NO) Teatri Andanti: Lucilla Giagnoni, “Vergine Madre” Convento Monte Mesma Ore 21.30 Per info: www.teatrodelleselve.it

17 sabato Cinema

Novara Cinema all’aperto: “The Twilight saga - Eclipse”, David Slade Via Greppi, 7 Ore 21.45 Per info: www.novaracinema.it Pallanza (VB) Piazza Pedroni FOTOCROMIA 5 – Immagini in una notte d’estate. Proiezioni multischermo audiovisivo 3D Ore 21.30 Per info: www.verbaniamilleventi.org Vercelli Cinema d’estate La Prima Cosa Bella” S. Chiara (c.so Libertà 300 Ore 21.30 Per info: Belvedere Spettacoli, tel. 347 40 38 219 o www.chiediscenaspettacoli.it


Incontri

San Pietro Mosezzzo (NO) University Centro Sportivo TogaParty Via Giosuè Carducci Ore 21.30 Per info: 347.3044924 Varallo Sesia (VC) Alpaa: Raza latina Piazza Vittorio Emanuele II Ore21.30 Per info:www.alpaa.org

Musica

Arona (NO) Chiesa della Collegiata Quinto Festival Organistico Internazionale, Ludger Lohmann Ore 21.00 Per info: www.sonataorgani.it Intra (VB) NOTTI DI NOTE – 17a Edizione. Esibizione in contemporanea di diversi gruppi musicali. Centro città Ore 21.00 Per info: www.verbeat.it Romagnano Sesia (NO) Terrazza di Villa Caccia Wally Allifranchini Big Band Ore 21.15 Per info: www.comune.romagnano-sesia. no.it Stresa (VB) Palazzo dei Congressi XIII BAVENO FESTIVAL UMBERTO GIORDANO Piazzale Europa, 3 Ore 21.15 Per info: www.stresacongressi.it

Arte

Pallanza (VB) Sede Comunale TEATRO CULTURA 2010, GUIDO CREPAX Piazza Garibaldi Fino al 31 luglio Per info:www.teatroculturaverbania.it

Eventi

Cannobio (VB) Parco Lido BEACH GAME 2010 Ore 10.00 – 19.00, fino al 18 luglio Per info: www.teatrodelleselve.it

Teatro

Bellinzago novarese (NO) La maschera e le stelle: I soliti ignobili, “DiVano InVano” Ore: 21.30 Per info: www.compagniaceralacca.it

18 domenica Cinema

Novara Cinema all’aperto: “The Twilight saga Eclipse”, David Slade Via Greppi, 7 Ore 21.45 Per info: www.novaracinema.it Vercelli Cinema d’estate Proiezione del film “La Prima Cosa Bella” S. Chiara (c.so Libertà 300) Ore21.30 Per info: Belvedere Spettacoli, tel. 347 40 38 219 o www.chiediscenaspettacoli.it

Eventi

Andorno Micca Libra Festival 2010 Colai Lilin Parco La Salute Ore 21.00 Per info: Libra - Tel. 015 8353154 o 348 2931588 www.librafestival.it

www.chiediscenaspettacoli.it segreteria@librafestival.it

Musica

Arona (NO) Piazzale Largo Alpini Concerto jazz Ore 21.30 Per info: www.comune,arona.no.it Varallo Sesia (VC) Alpaa: Mario Biondi in concerto Piazza Vittorio Emanuele II Ore 21.30 Per info: www.alpaa.org ww.compagniaceralacca.it

19 lunedì Cinema

Novara Cinema all’aperto: “Mine vaganti”, Ferzan Ozpetek Via Greppi, 7 Ore 21.45 Per info: www.novaracinema.it Vercelli Cinema d’estate Proiezione del film “E’ complicato” Ore 21.30 Per info: Belvedere Spettacoli, tel. 347 40 38 219 o www.chiediscenaspettacoli.it

Musica

Biella Stadio Comunale Vittorio Pozzo Libra Festival 2010 Carmen Consoli Ore 21.30 Per info:Libra - Tel. 015 8353154 o 348 2931588 www.librafestival.it segreteria@librafestival.it

Teatro

Pella (NO) Teatri Andanti Pella è bella: Teatro delle Selve, “Il Carrozzone” Piazza Motta Ore18.30 Per info: www.teatrodelleselve.it

20 martedì Cinema

Gozzano (NO) Cinegirando 2010: “L’era glaciale 3”, Carlos Saldanha Cortile Palazzo Municipale Ore 21.30 Per info:www.comune.gozzano.no.it Novara Cinema all’aperto: “Iron Man 2”, Jon Favreau Via Greppi, 7 Ore 21.45 Per info: www.novaracinema.it

Incontri

Ghiffa (VB) Rassegna Estiva “I COLORI DEI CAPPELLI : I SIGNIFICATI NASCOSTI DEI COLORI (con Chiara Ielmini designer) Corso Belvedere, 279 Ore 17.00 Per info: www.museodellartedelcappello.it

21 mercoledì Cinema

Vercelli Cinema d’estate Proiezione del film “Matrimoni e altri disastri” S. Chiara (c.so Libertà 300) Ore 21.30 Per info: Spettacoli, tel. 347 40 38 219 o

Eventi

Biella Stadio Comunale Vittorio Pozzo Libra Festival 2010 Ficarra e Picone + Mr. Forest e Gianluca Belardi Ore 21,30 Per info:Libra - Tel. 015 8353154 o 348 2931588 www.librafestival.it segreteria@librafestival.it

22 giovedì Cinema

Novara Cinema all’aperto: “A serious man”, Joel Coen, Ethan CoenVia Greppi, 7 Ore: 21.45 Per info: www.novaracinema.it Vercelli Cinema d’estate Proiezione del film “Matrimoni e altri disastri” S. Chiara (c.so Libertà 300) Ore 21,30 Per info: Belvedere Spettacoli, tel. 347 40 38 219 o www.chiediscenaspettacoli.it

Musica

Biella, Stadio Comunale Vittorio Pozzo Libra Festival 2010 Cristiano De Andrè Ore: 21.30 Per info: Libra - Tel. 015 8353154 o 348 2931588 www.librafestival.it segreteria@librafestival.it Vercelli “Area 24 live” Concerto di Toxic Poison Area 24 via Caduti sul Lavoro Ore 23.00

Incontri

Intra (VB) DE GUSTARE VERBANIA Per le piazze della città Fino al 28 luglio Per info: www.confcommercio.it Arona (NO) Largo Alpini D’Italia Svaronavis Fino al 25 luglio Per info: www.svarionato.it

Teatro

Gozzano (NO) Teatri Andanti: Teatro delle Selve, “Il battello” Lido Buccione Ore 20.30 Per info: www.teatrodelleselve.it

23 venerdì Cinema

Novara Cinema all’aperto: “julie & Julia”, Nora Ephron Via Greppi, 7 Ore 21.45 Per info: www.novaracinema.it

Eventi

Sordevolo Anfiteatro Giovanni Paolo II “Passione di Cristo 2010” Fino al 25 Per info:Associazione Teatro Popolare di Sordevolo - Tel. 015 2562486 www.passionedicristo.org passione@passionedicristo.org

Attilio Bertolino Articoli sanitari e ortopedici

dal 1980

ARTICOLI ORTOPEDICI E SANITARI FORNITURE OSPEDALIERE

convenzionato a.s.l. e i.n.a.i.l.

FORNITURA AUSILI PER INCONTINENTI ATTEZZATURE PER INVALIDI E LUNGODEGENTI Via Ugo Foscolo, 14. Vercelli Tel. 0161.212327 Fax. 0161.210225 abertolino@libero.it

ORARIO dal lunedì al venerdì 09.00-12.30 15.30-19.30 sabato 09.00-12.30

Nella Nebbia

27


ESTATE IN MUSICA: LUI, GLI ALTRI E LE SORELLE Ore21.00 Per info: www.barvillagiulia.it

Musica

Belgirate (NO) Chiesa Vecchia LAGOMAGGIOREMUSICA 2010: ” TRIOLOGIA” Ore 21.00 Per Info:: www.jeunesse.it Pallanza (VB) Parco Arena ESTATE ALL’ARENA: SOOLEY – GRUPPO REGGAE Via San Bernardino, 49 Ore21.30 Per info: : www.arenaverbania.it Vercelli Concerto Parco Kennedy Matteo Beccucci in concerto Ore 21.30 Per info: Belvedere Spettacoli, tel. 347 40 38 219 o www.chiediscenaspettacoli.it Andorno Micca Parco La Salute Libra Festival 2010 Pan del Diavolo + Carlot-ta. Ore 21.30 Per info: Libra - Tel. 015 8353154 o 348 2931588 www.librafestival.it segreteria@librafestival.it

Teatro

Gozzano (NO) Teatri Andanti: Teatro delle Selve, “Il battello” Lido Buccione Ore 20.30 Per info:www.teatrodelleselve.it.

24 sabato Cinema

Novara Cinema all’aperto: “La nostra vita”, Daniele Lucchetti Via Greppi, 7 Ore 21.45 Per info: www.novaracinema.it Vercelli Cinema d’estate Proiezione del film “Io, loro e Lara “ S. Chiara (c.so Libertà 300) Ore 21.30 Per info: Belvedere Spettacoli, tel. 347 40 38 219 o www.chiediscenaspettacoli.it

Incontri

Mergozzo (VB) Piazza Lago Aspettando Gustus Ore: 21.30 Per info: www.mergozzo.it Viverone Carnevale estivo Ore16.00 Per info: Anna Maria - Tel. 347 3908847 Pallanza (VB) Arena di Verbania Summer Volley 2010 – 18° edizione Via Bernardino, 49 Ore 9.00 – 19.00, fino al 25 luglio Per info: 347/9176099

INFORMAGIOVANI CITTA’ DI VERCELLI

Musica

Novara Estate Novarese: Irene Grandi in concerto Piazza Duomo Ore 21.30 Per info: www.comune.novara.it Stresa, Isola dei Pescatorti (VB) Chiesa di San Vittore LAGOMAGGIOREMUSICA 2010: “NOAH BENDIX – BALGLEY, VIOLINO” Dalle 21.30 Per info: www.jeunesse.it Vicolungo (NO) New Fantasy Bar Saturday night summer, Artemista Piazza Mazzini, 6 Ore22.30

25 domenica Cinema

Novara Cinema all’aperto: “Sex and the City 2”, Michael Patrick King Via Greppi, 7 Ore 21.45 Per info: www.novaracinema.it

Mercatini

Biella Palazzo della Provincia, piazzetta dell’ala ovest Biella e Buona, il Mercato del Contadino Dalle 9 alle 13 Per info: Provincia di Biella - Tel. 015 8480611 www.provincia.biella.it

Teatro

Biella Teatro Socale Villani “Biella Estate” Concerto corale Internazionale “BiellaGiappone”. Ore 21.00 Per info: Ufficio Cultura del Comune - Tel. 015 4507212 www.eventi.comune.biella.it palazzoferrero@comune.biella.it Cameri (NO) La maschera e le stelle, I sognatori, “Le ombre di Frank” Cortile della Biblioteca Ore 21.30 Per info: www.compagniacerlacca.it Soriso (NO) Teatri Andanti: Il mutamento zona Castilia, “Le favole di Pañcatantra Ore 21.30 Per info: www.teatrodelleselve.it

26 lunedì Cinema

Novara Cinema all’aperto: “Baarìa”, Giuseppe Tornatore Via Greppi, 7 Ore 21.45 Per info: www.novaracinema.it Vercelli Cinema d’estate Proiezione del film “La nostra vita “ S. Chiara (c.so Libertà 300) Ore 21.30 Per info:Belvedere Spettacoli, tel. 347 40 38 219 o www.chiediscenaspettacoli.it

27 martedì Musica Pallanza Bar Villa Giulia

Biella Palazzo Ferrero “Biella Estate” Festival “Musica sul Lago” Concerto di violino e pianoforte Ore21.15 Per info:Ufficio Cultura del Comune Tel. 015 4507212 www.eventi.comune.biella.it palazzoferrero@comune.biella.it

Eventi

Olcenengo 1a CORRI A OLCENENGO Corsa podistica competitiva riservata ai tesserati F.i.d.a.l. e camminata non competitiva a passo libero aperta a tutti.

28 mercoledì Cinema

Novara Cinema all’aperto: “Il figlio più piccolo”, Pupi Avati Via Greppi, 7 Ore 21.45 Per info: www.novaracinema.it Vercelli Cinema d’estate Proiezione del film “Genitori e Figli” S. Chiara (c.so Libertà 300) Ore 21.30 Per info: Belvedere Spettacoli, tel. 347 40 38 219 o www.chiediscenaspettacoli.it

Mercatini

Cannobio (VB) Bancarelle sotto le stelle Via Giovanola, via Umberto, Via Marconi Ore 14.00 – 24.00 Per info: www.comune.stresa.vb.it

Musica

Stresa (VB) Sala Azalea o Sala Tiffany Hotel Regina Palace CONCERTO DI MUSICA CLASSICA Corso Umberto I, 33 Ore: 21.30 Per info: www.dinociani.com

Eventi

Biella Stadio Comunale Vittorio Pozzo Libra Festival 2010 Fichi d’India. In “Fichi d’India Show” Ore 21.30 Per info: Libra Tel. 015 8353154 o 348 2931588 www.librafestival.it segreteria@librafestival.it

29 giovedì Musica

Vercelli “Area 24 live” Concerto “Don’t Drink and Drive” Area 24 via Caduti sul Lavoro Ore 23.00 Arona (NO) Casa Usellini Concerto Anima Quartet, quartetto d’archi Via Pertossi Ore: 21.00 Per info: www.comune.arona.no.it Biella, Palazzo Ferrero “Biella Estate” Festival “Musica sul Lago” Ore: 21.15 Per info: Ufficio Cultura del Comune - Tel. 015 4507212 www.eventi.comune.biella.it palazzoferrero@comune.biella.it

Teatro Meina (NO)

Teatri Andanti: Gaby Corbo, “Pretty Limò” Lido di Meina Ore 21.30 Per info: www.teatrodelleselve.it

Eventi

Cannobio (VB) Galà del gusto Piazza 27/28 Maggio Ore 21.00 Per info: www.teatrodelleselve.it

30 venerdì Cinema

Novara Cinema all’aperto: “L’uomo nell’ombra”, Roman Polanski Via Greppi, 7 Ore 21.45 Per info: www.novaracinema.it

Musica

Vercelli Concerto Parco Kennedy Maurizio Vandelli in concerto Ore 21.30 Per info: Belvedere Spettacoli, tel. 347 40 38 219 o www.chiediscenaspettacoli.it

Teatro

Pella (NO) Teatri Andanti: Pella è bela, Festival teatro di strada Piazza Motta e dintorni Ore 21.30 Per info:www.teatrodelleselve.it Pella (NO) Teatri Andanti: Teatro degli Acerbi, “Variazioni sull’anatra” Lungolago Ore 24.00 Per info:www.teatrodelleselve.it

31 sabato Musica

Bellinzago novarese (NO) La maschera e le stelle: Los chitarones in concerto Piazza Municipio Ore 21.30 Per info: www.compagniaceralacca.it Vicolungo (NO) New Fantasy Bar Saturday night summer, Marco Evans Quartet Piazza Mazzini, 6 Ore: 22.30 Novara Estate Novarese: Spettacoli di Danze orientai, “Odalisca” Piazza Duomo Ore: 21.30 Per info: www.comune.novara.it

Agosto 1 domenica Cinema

Novara Cinema all’aperto:: “Cosa voglio di più”, Silvio Soldini Via Greppi, 7 Ore 21.45 Per info: www.novaracinema.it

Eventi

Andorno Micca Parco La Salute Libra Festival 2010A LibraLibro presenta “Lo show dei tuoi sogni Ore 21.30 Per info: Libra - Tel. 015 8353154 o 348 2931588 www.librafestival.it segreteria@librafestival.it


Musica

Vercelli Concerto Parco Kennedy Camerata Ducale in concerto Ore: 21.30 Per info: Belvedere Spettacoli, tel. 347 40 38 219 o www.chiediscenaspettacoli.it

Mercatini

Vercelli Barlafus P.za Cavour Dalle 8.00 alle 19.00 Per info: Confesercenti Tel. 0161.501595

2 lunedì Cinema

Vercelli Cinema d’estate Proiezione del film “Robin Hood” S. Chiara (c.so Libertà 300) Ore 21.30 Per info: Belvedere Spettacoli, tel. 347 40 38 219 o www.chiediscenaspettacoli.it

3 martedì Cinema

Notti nel borgo: Finale Regionale Miss Italia 2010 Ore: 21.30 Per info: www.comune.borgomaner.no.it

Musica

Vercelli Concerto Parco Kennedy Drupi in concerto Ore: 21.30 Per info: Belvedere Spettacoli, tel. 347 40 38 219 o www.chiediscenaspettacoli.it

7 sabato Eventi

Sordevolo, Anfiteatro Giovanni Paolo II “Passione di Cristo 2010” Ore 21.00 Per info: Associazione Teatro Popolare di Sordevolo - Tel. 015 2562486 www.passionedicristo.org passione@passionedicristo.org

Teatro

Vicolungo (NO) New Fantasy Bar Saturady Night Summer: I soliti ignobili, “DiVano InVano” Ore: 22.30

Novara Cinema all’aperto: “City Island”, Raymond De Felitta Via Greppi, 7 Ore: 21.30 Per info: www.novaracinema.it

Mercatini

Teatro

8 domenica

Pettenasco (NO) Teatri andanti: Luigi Ciotta in “Tutti in valigia” Piazza Unità d’Italia Ore: 21.30 Per info: www.teatrodelleselve.it

4 mercoledì Cinema

Novara Cinema all’aperto:“Nine”, Rob Marshall Via Greppi, 7 Ore 21.45 Per info: www.novaracinema.it Vercelli Cinema d’estate Proiezione del film“Welcome” S. Chiara (c.so Libertà 300) Ore 21.30 Per info: Belvedere Spettacoli, tel. 347 40 38 219 o www.chiediscenaspettacoli.it

5 giovedì Cinema

Novara Cinema all’aperto: L’uomo che verrà” Giorgio Diritti Via Greppi, 7 Ore: 21.30 Per info: www.novaracinema.it

Eventi

Andorno Micca Parco La Salute Libra Festival 2010 Naif Ore: 21.30 Per info: Tel. 015 8353154 o 348 2931588 www.librafestival.it segreteria@librafestival.it

6 venerdì Eventi

Borgomanero

Vercelli NaturalVercelli P.za Cavour Dalle 7.30 alle 20.30 Per info: Confesercenti Tel. 0161.501595

Cinema

Novara Cinema all’aperto:“Io, loro e Lara”, Carlo Verdone Via Greppi, 7 Ore 21.45 Per info: www.novaracinema.it Vercelli Cinema d’estate Proiezione del film“Happy Family” S. Chiara (c.so Libertà 300) Ore 21.30 Per info: Belvedere Spettacoli, tel. 347 40 38 219 o www.chiediscenaspettacoli.it

Eventi

Andorno Micca Parco La Salute Libra Festival 2010 Divina. Festa di chiusura Ore: 21.30 Per info: Tel. 015 8353154 o 348 2931588 www.librafestival.it segreteria@librafestival.it

San Maurizio d’Opaglio (NO) Casa Brioschi Teatri andanti: Teatro delle selve in “Semi di Arboreto” e Laura Menatti in “Locale e globale” Via al Porto, 3 Ore 21.30 Per info: : www.teatrodeleselve.it

12 giovedì Cinema

Novara Cinema all’aperto:“Happy family” Gabriele Salvatores Via Greppi, 7 Ore 21.45 Per info: www.novaracinema.it Vercelli Cinema d’estate Proiezione del film “Agora” S. Chiara (c.so Libertà 300) Ore 21.30 Per info: Belvedere Spettacoli, tel. 347 40 38 219 o www.chiediscenaspettacoli.it

Eventi

Orta San Giulio (NO) OrtaCirlos Piazza Motta Ore 18.00 Per info:www.ortacirkos.it

Teatro

Baveno (VB) Teatri andanti: Marco Borghetti in “Equilibrium tremens” Piazza Municipio Ore: 21.30 Per info: www.teatrodelleselve.it

14 sabato Cinema

Novara Cinema all’aperto: “Avatar”, James Cameron Via Greppi, 7 Ore 21.45 Per info: www.novaracinema.it Vercelli Cinema d’estate Proiezione del film “L’Uomo che verrà” S. Chiara (c.so Libertà 300) Ore 21.30 Per info: Belvedere Spettacoli, tel. 347 40 38 219 o www.chiediscenaspettacoli.it

Incontri

Stressa (VB) Stresa on street Piazze e vie di Stresa Per info: www.streetfestival.it

9 lunedì

15 domenica

Cinema

Cinema

Novara Cinema all’aperto:“Bastardi senza gloria”, Quentin Tarantino Via Greppi, 7 Ore 21.45 Per info: www.novaracinema.it Vercelli Cinema d’estate Proiezione del film“Invictus” S. Chiara (c.so Libertà 300) Ore 21.30 Per info: Belvedere Spettacoli, tel. 347 40 38 219 o www.chiediscenaspettacoli.it

10 martedì Teatro

Novara Cinema all’aperto: “Avatar”, James CameronVia Greppi, 7 Ore 21.45 Per info: www.novaracinema.it

Impresa ospitata nell’Incubatore di Imprese UN.I.VER.

Lingue europee, slave, orientali. Traduzioni di ogni genere, pronta consegna, massima serietà e competenza nelle lingue inglese, francese, tedesco, spagnolo, russo, cinese, arabo, giapponese, portoghese, coreano, romeno. Revisione testi Hostess per fiere, convegni e meeting Interpretariato Corsi di lingue aziendali Corsi di lingue per adulti, anziani e bambini: individuali o di gruppo, in aula e on line con insegnanti qualificati e madrelingua. Aperte le iscrizioni ai corsi estivi e di settembre: Inglese, francese, tedesco, spagnolo, italiano per stranieri, russo e arabo di base. Altre lingue a richiesta Preparazione esami DELF (FRANCESE) e P.E.T. (INGLESE) Assistenza recupero materie scolastiche. PER INFORMAZIONI RIVOLGERSI A: Languages Center S.A.S. Piazza Risorgimento, 12 c/o Camera di Commercio 13100 Vercelli Tel: 338 9384499 Fax: 0161 501852 E-mail: lang_center_elena@yahoo.it www.languagescenter.net

Musica

Vercelli Gianni Pettenati in concerto Concerto Parco Kennedy e Fuochi Ore 21.30 Per info: Belvedere Spettacoli, tel. 347 40 38 219 o www.chiediscenaspettacoli.it

Teatro

Armeno (NO) Teatri andanti: Teatro degli acerbi in “storie di paese” Piazza Municipio

Nella Nebbia

29


...tutta un’altra festa GIOVEDI’ 29 LUGLIO 19:00 - sfilata lungo corso Nuova Italia di Banda e Majorettes della “Fossalassa” 18:30 - arrivo in piazza Zapelloni - Inaugurazione festa - Esposizione bandiera storica 19:30 - apertura stand gastronomico e servizio bar 18:30 - apertura grande area espositiva 20:00 - torneo beach volley 2x2 21:45 - serata danzante con l’orchestra spettacolo

GENIO & PIERROTS

VENERDI’ 30 LUGLIO 19:30 - apertura stand gastronomico e servizio bar 18:30 - apertura grande area espositiva 19:45 - partenza corse

podistiche 20:00 - finale torneo beach volley 2x2

21:45 - serata danzante con l’orchestra spettacolo

LUIGI GALLIA

SABATO 31 LUGLIO

12:30 - apertura stand gastronomico e servizio bar 12:30 - pranzo a base di funghi (su prenotazione tel. 339-8379947) 15:00 - torneo

semilampo di scacchi in collaborazione con Circolo Scacchi Tre Re (info 333-4726646) 08:30 - inizio torneo beach volley 4x4 femminile

08:30 - apertura grande area espositiva 19:30 - apertura stand gastronomico e servizio bar 21:45 - serata danzante con l’orchestra

I MARASINEROS

DOMENICA 1 AGOSTO

09:00 - ritrovo e partenza raduno

Fiat 500 e Maggioloni

08:30 - apertura grande area espositiva 10:00 - inizio torneo beach volley 4x4 misto 12:30 - apertura stand gastronomico e servizio bar 14:30 - premiazione raduni auto e moto 19:30 - apertura stand gastronomico e servizio bar 21:45 - serata danzante con l’orchestra finali torneo

TONI D’ALOIA

beach volley 4x4 misto

LUNEDI’ 2 AGOSTO 19:30 - apertura stand gastronomico e servizio bar apertura grande area espositiva 21:45 - serata danzante con l’orchestra spettacolo

Tutte le sere MENU’ TRADIZIONALE, in più serate a tema:

Giovedì MENU’ CLASSICO Venerdì MENU’ MARE Sabato MENU’ PIATTO PORCO Domenica GRAN MENU’ MISTO Lunedì MENU’ GNOCCA SALTERINA

GENIO & PIERROTS

Il comitato organizzatore declina ogni responsabilità per danni a persone o cose verificatesi durante la manifestazione

IMMOBILCASA

SANTHIA’, piazza Zapelloni 29-30-31 Luglio 1-2 Agosto 2010

di Corradini Massimiliano Srl

www.fossalassa.it

PROVINCIA DI VERCELLI

CITTA’ DI SANTHIA’

Compravendita di immobili in genere - terreni, attività commerciali ed industriali - locazioni, perizie - consulenza mutui e finanziamenti www.AgenzIAIMMOBILCASA.net

13048 Santhià (VC) Piazza Roma,1 cell. 348 8403460 348 8403461 tel. 0161 921458 0161 931299 agenzia.immobilcasa@virgilio.it


275x340 Nella Nebbia.indd 1

16-06-2010 17:15:11


Nella Nebbia #26