Issuu on Google+

negazioni

maledetta fanzine senza paraocchi e paraculi

n. 4

febbraio 2013


presentazione

Ci dicono compra, ama, scopa. Creati un angolo di paradiso, rifornisciti sempre più di nuove vecchie idee per renderti identico. Ti dicono che il mondo è bello – o brutto, dipende dall’occasione – che bisogna provarci, che siamo attraenti comunque, che abbiamo doti, che siamo dotti, e maledetti e strambi quando conviene, e alla moda con quel particolare modello di autovettura, e importanti con l’orologio giusto al polso. Ci dicono di essere perfetti e io agogno il contrario. Sant’Errore ti prego a tutte le ore. Lo sbaglio: quale manna per dirci sconfitti e perciò vivi. Mi dicono di raccomandarmi a un Messia ma la cosa che faccio io, ora, è accomodarmi sul divano e forse pensare a quei disegni inconfutabilmente divinatori che formano quelle crepe sul soffitto. O forse mi sbaglio: esatto! quel che cerco … L’imperfezione mi rende un cristo senza croce ma con bestemmie, invece, da regalarvi. Bestemmie che sono versi d’uccelli preistorici mutati in rima, che sono le dialettiche mutanti di teste che si rinnegano, potenziandosi. Bestemmie che creano quell’affilato raggio verde come il sole d’estate al tramonto, che dura pochi secondi, ma è splendido e tremendo insieme, che sa di mistica apparizione e di sberleffo all’umano. Bestemmie che sono negazioni. Negazioni che si negano. Alessandro Pedretta Kresta

2


indice

pag 2 - presentazione pag 3 - indice pag 4 - io fra gli altri pag 5 - m’abbevero pag 6 - ricoperti di polvere bianca pag 8 - ballata della notorietà pag 10 - ghigne pag 11 - oggi pag 12 - apocalypsi semper pag 13 - the apocalypse beast pag 14 - sentieri propri pag 15 - la sfida pag 20 - la battaglia pag 22 - uomo contro cesso pag 23 - meravigliosamente bianco pag 25 - la griglia pag 27 - skagboys - recensione pag 29 - intervista ad angelo petrella pag 35 - redazione maledetta

3


io fra gli altri

I o f ra g l i a ltr i h o a ltr i in m e I o Io Io co n te Tu c o n m e il te m p o d i n o i F ra n o i so s ta n z ia le s ilen z io so st a n z ia le r is a ta so st a n zi a l e ra b b ia s e s ia m o in g a b b ia so st a n zi a l e m e in s o s ta n z a n u lla ri e m p ia m o ci c o sa vu o i re g a la r m i? un progra mma y o g u rt s c a d u to in tv b a r a tto lo p la s ti c a u n a ma rc a c h e m i m a rc h i la p elle u n l a v o ro c h e tu vu o i la v o r a re m e un rappo rt o c h e c h e t u n o n s a i r a p p o r ta r ti a te s tes s o I o i n v e c e v o g lio reg a la r ti un c u o re sp i g o l o so p ie n o d i cic a tr ici e g r a ffi u n so rri so i m p a s ta to n e ll’a b is s o un c a zzo g o n f i o d i fu tu re p a lle g ià s v u o ta te u n a p o e si a g e tta ta in p a s to a lla rea ltà i o so n o a u tis tic a te s ta ls d io non sono so n o m e ch e ve d o in te ma n o n m i ve d i f i n c h è in te n o n ve d i m e - d i N u e n n i Ne lla Z u en a B u e na -

4


m’abbevero

In tasca il pa linsesto un anno prima (in fondo sta l’elzeviro anzitutto dar sempre spazio al gancio micidiale) il tizio aspira sospira sussurra. Pregusto l’onda vomito la bomba. La gente esplosa in eurovisione folla straziata dai carri armati conti strizzati in profondo rosso c o n t i defunti

che più non tornassero.

Divoro l’onda vomito la bomba. D i s u d i giù la colpa

s’invola

allo zappo m’attacco m’abbevero. Sinistra destra

mafia calcio

giovani an ziani

sopra sotto

droga donne

scuola immigrati

ma non to ccatemi facebook. A m i c i , gruppi,

dove siete

m i sentite c e rc o c erco cerco

ete

ite

un barlume dov’è

vè.

Via dai grandi fratelli via dai grandi bordelli. Se spaccassi al cuore lo schermo. Fossi Dorian comesichiama. - di Anna Maria Dell’O l i o -

5


ricoperti di polvere bianca

D i s a s t r a t i d a l l a p o l v e re b i a n c a nelle strade affollate di una Roma stanca fulminati scappiamo via da stà vita pistole impazzano e finiscono vite p i o g g i e d i m e t e o re e m e t e o r i n e d a n n o u n p o t e re a i m e d i a ; c h e n o n h a f i n e L’ i n n o c e n z a d e i b a m b i n i d i v o r a t a ; d e s i d e r i f u t i l i v e n d u t i n e i c e n t r i c o m m e rc i a l i . La cocaina del Governo è buona mai tagliata l a m e rd a l a t ro v i n e l l e p e re s p a c c i a t e n e i q u a r t i e r i . P o l i z i o t t i c o r ro t t i g i u r a n o s u D i o e s u i l o ro a v e r i manganellano i ragazzi e acquisiscono i poteri. D a u n l a v o ro a l l ’ a l t ro è u n a l o t t a c o n t i n u a t ro p p e c o s e d a p a g a re p e r u n a v i t a d a l a t r i n a . U n a v i t a a l a v o r a re e m i c h i e d o d o v ’ è i l s e n s o , allora mi sconvolgo e mi illumino d’immenso. Tr e n i , m e t r o p o l i t a n e , p o s t i i n p i e d i mischia-te-le-persone-siamo-umani-di-nazionalità d i m i l l e c o l o r i e ro t t e ; v i v i a m o n e l l a s t i v a m i s t a della nave folle governativo-schiavista. E’ l’ora di punta dalle 2:30 alle 8 e faccio il botto. La gente è stanca e torna a casa c o n s u m i a m o v i t a p e r d a re p ro f i t t o e c o m e v e r m i ; c e rc h i a m o f e l i c i t à i n a f f i t t o . Oggi le multinazionali hanno incassato ancora a c h i v a n n o q u e i p ro v e n t i c o l s u d o re d e l l a p l e b e , t u t t i c o n t e n t i c i p a s s i a m o i l f i l o i n t e rd e n t a l e t r a i d e n t i . M a l e m a d r i p ro t e g g o n o d i t u t t o c o n g l i a r t i g l i i p a d ro n i v o g l i o n o l ’ a f f i t t o s o n o - f u o r i - t e m p o - s f r a t t o le buttano per strada e sti cazzi se hanno figli. Una generazione intera di bambini c h e n a s c e c o s ì s e n z a a s s i s t e n z a e p re v i d e n z a a v r a n n o a v a n t i a s è ; u n a m e rd a d i e s i s t e n z a . F a m i g l i e s e n z a c a s a e d i g n i t à d i v i t a ; q u a l ’ è i l p ro b l e m a ? Roma è zona di guerra la guerra più scema. Vi v i a m o n e l d o l o r e c o s t a n t e d a c o n t e n t i innalziamo la bandiera italiana sopra i venti. Ve r d e c o m e l a s p e r a n z a , b i a n c a c o m e l a p u r e z z a e ro s s a c o m e i l s a n g u e d i u n a p a t r i a c h e d i s p re z z a .

6


Io no ho nazione e odio i territori di quei cani umani, politici conservatori brave persone tutti lì a p a r l a re d i g i u s t e z z a p r i m o p i a n o i n t e l e v i s i o n e , S i a m o g e n t e c h e m u o re n e i q u a r t i e r i d i s a s t r a t i m a d a v a n t i a u n a T v p ro n t i a d a s c o l t a re u n a n o r m a l i t à d i v i t a e l a r i c e t t a p e r c a m b i a re . H a n n o s c e l t o u n a g u e r r a s e n z a c o n s u l t a rc i , m a n e s s u n o d e i l o ro f i g l i p re s t a s e r v i z i o o f à c a r r i e r a n e l l ’ e s e rc i t o a s s a s s i n o . L e p ro b a b i l i t à s o n o s e m p re c o n t ro d i n o i , c o m e n e i g i o c h i d ’ a z z a rd o d e i c a s i n ò Pensa; la maggior parte dei militari in prima linea sono italiani semplici alla mano e l ì p e r u n a m e rd a d i s t i p e n d i o d a l l o s t a t o i t a l i a n o . S e n o n s e i d ’ a c c o rd o c o n c i ò c h e s t o d i c e n d o , s e i l ’ e n n e s s i m o i d i o t a c h e c e rc a u n o s t i p e n d i o . Si uccide per odio non per fame, intendo? Per soldi sei assassino e uccidi per il dividendo. La storia parlerà di te e la tua méta ambita, quella di un fascista, coglione e analfabeta. M a n t e n e re u n a f a m i g l i a c o n i l s a l a r i o a t e m p o è d u r a , l a g e n t e g i u s t a è i n b i l i c o t r a i l t i ro o m o l l o n o n h a s o l d i m a u c c i d e s e s t e s s a c o n l a c o rd a a l c o l l o . D i c o v e r i t à f r a t e l l i , p e rc h è i l n o s t ro o rg o g l i o d i m i n u i s c e s e m p re p i ù ; i l v e r b o è d e i d e m e n t i : meglio ricchi e colpevoli che poveri ed innocenti. Sono stanco di sentirmi impotente m e n t re t u t t o i n t o r n o v a a p u t t a n e s o n o s t a n c o d i a s p e t t a re i l m i o t u r n o in attesa dell’apocalisse. Io vengo da Roma e ho figli, s o n o p re o c c u p a t o p e r i l l o ro f u t u ro se ti opponi alla mia strada non distrarti, B o o M ! ! S a r à u n o n o re p e r m e s p a r a r t i . C e rc o d i s r a d i c a re l a c a t t i v e r i a c h e c o v o d e n t ro d i s o n e s t o , b a s t a rd o e p e r i c o l o s o Vi v o n e l f u o c o e n o n è b a m b a g i a ma elevo attenzione e mentalità malvagia e d u c o c h i a m o a f i d a r s i s o l o d i c h i è s e m p re p e s c e , p ro p a g o o d i o p e r c h i p e s c a e t i r a l ’ a m o ; d a b u o n b a s t a rd o i t a l i a n o . - d i En r i c o M a rra -

7


ballata della notorietà

Mam ma ho deciso da grande vog lio fare lo one direction c o sì farò arrapare un manipolo di ragazzine anche se canto musica di merda ho già iniziato il processo per diventarlo mangio due barbie al giorno che alterno c on qualche tazza di te ed una cura ricostituente per i capelli ho attrezzato la mia camera con tubi catodici rotti luci al neon e u n p a l c o costruito con pedane per bancali di birra pe ro n i me le ha regalate un tizio che lavora nell’ingrosso di bevande m’ha dato anche delle redbull scadute dice che per un paio di mesi terranno per quanto riguarda il vestiario mi sto ancora organizzando però ho trova to dei jeans taglia 42 li metterò sotto il giro vita senza abbottonare l’ultimo bottone faccio un po fatica a respirare è vero ma è un sacrificio necessario solo le mutande sono firmate ne ho du e paia di cavalli una blu l’altra gialla fidati spaccano di brutto sarai fie ra di me mamma nessuno mi chiamerà più fallito berrò sangue di vergine e sarò idolatrato più di Cristo m i sono anche iscritto ad un corso di scalatori così torace e braccia torneranno tonici h o p renotato sedute dallo psicologo della mutua

8


lo sai meglio di me che il successo ti fa flippare ed io non posso permettermelo quando sarò uno one direction mi farò ca mbiare anche nome james valladolid per esempio mi piace un sacco e saranno quattrini a palate danze nucleari piscina in casa sogni tridimensionali orge oniriche e mutaformi ti porterò via da questa povertà e comprerò u n ristorante schifoso che il mio nome renderà celebre ci serviremo ca rne di pitone in tempora con copertoni alla julienne tanto il pubblico è ammaestrato m a ngerebbero anc he la mia merda se volessi preparati mamma una nuova star è arrivata in commercio - di Fabio Carro c c i a -

9


ghigne

grid ano le ghigne di vuoti fuochi fatui cont endono spazio al mio intimo mondo onirico urlan o, mi svegliano bramano la mia attenzione il mio tempo mostrando come in un bazar ninnoli e chincaglieria e vendendoti parole com e fosse oro ma l’età dell’oro è finita le tasche sono vuote il tempo ha prosciugato i fiumi dov e attendevo e fatto appassire i doni che portavo in pace ora mi alzo vers o una lacrima e volto le spalle ai fuochi fatui che non sanno più scaldarmi - di Ma u re s -

10


oggi

Oggi voglio scaraventare nel fuoco il dizionario delle poesie ricercate gli intrighi mentali indescrivibili che in term ini aulici e danteschi calano il sipario sulle mie sconfitte voglio mandare affanculo D’Annunzio Bocc accio e il papa scrivere per terra sull’asfalto dissestato con i sassolini bianchi parole norm ali e senza spiegazioni giocare a campana con i miei stereotipi voglio palesarmi svestirmi di virgole e accenti dimostrarmi stupido intellettiv amente paraplegico e voglio vomita re il laboratorio velenoso di vermi riflessivi che covo dentro mischiarmi e mischiare pescare e perdere la mano fare i lavori in casa e bere una birra senza filosofie mortali accarezzare il sole che filtra malizioso dalle bocche dei bambini nelle piazze staccarmi la pelle decadentista gli umori in metastasi voglio riesumarmi dalla tomba guardare gli alberi accendere una canna e ridere di me. - di Giuseppe Baldassa rra -

11


apocalypsi semper

Den a r i , p s icofarmaci, siga rette, televisori incrinati che l a m p e g g i a n o i n una sera dalla fumigante pioggia chimica. E’ q u e l l o c h e v o l evamo, quello c he ci hanno detto, la propost a d e l l u s s o f o s f o reggiante di qu esto mondo della sconfitta. “P a ssa mi l a c a n n a” – è un circo lo vizioso, sei una pedina. Sba l l a t i c h e i l c i e l o intanto si fa più buio. Le mode passano, le m o d e s o n o i m p o ste, ora useremo frullatori che ci faranno il sol l e t i c o a l l o s f i ntere; creme dermali da spalmarsi negli occhi p ri m a d i d o r m i re . Sono finiti i tempi delle rivoluzioni. Ora le ri v o l u z i o n i c e l e impongono, tra acque oligominerali pubblic i zza t e s u l t r a m e gli slip aderenti come sacchetti di plastica sul l a t u a t e s t a c h e s o ffoca. I l co n s i g l i o oggi è: arrend etevi, siete persi, agognate il nu l l a , n o i v i p ro p oniamo golose mercanzie al sapor di superflu o . E d e c c o l e auto che sfrecciano come protesi di turgidi p e n i met a l l i c i i n quelle autostrade asfaltate col vostro cerve l l o . E p e n s a v a m o di essere umani. L’essere umano è l’empasse d e l l a s c a l a e v o l utiva. Mangiatevi le braccia e le gambe e il m o l l u s c o s c o d i n zolante che si c hiama lingua, non serve: divent e re mo s e m p re più gli spaventapasseri di noi stessi. Cambia c a n a l e . A s c o l t a con apatia il presentatore che smazza notizie c o m e d rog a . E ’ un inferno chirurgicamente indotto. Il fuoco c o v a , n o i c i a s s o ttigliamo, e tutto è un po più sbiadito. - di Alessandro Pedretta Kre st a -

12


the apocalypse beast (13,16-18)

private collection of : “7�

illustrazione di JAB - http://www.facebook.com/paridebertolin

13


sentieri propri

I m u r i a c c olgono eterni c rocifissi, le parole che proven g o n o d a l c u o re si fondono negli inferi. Ogni abisso è coscienza p u l s a n t e , e s s e n za e matematic a. Il cinismo ne è conservazion e e d e s t e t i c a , ma l’estetica ne è il peggior furto. Bisogna e sse re a l d i l à d i tutto. Non sarà il prossimo iconoclasta, né i l p i ù b i s c h e ro d ei veggenti a sa permi descrivere il vuoto; esso è e s a r à s e m p re prodotto del presente, sapore eterno dell’es i st e n t e , p o i c h é il vuoto è eterno, eternamente da riempire. Fo n d a re la p ro p ria causa su nulla è libero arbitrio, un ululat o c h e s q u a rc i a q uesto cielo cupo, un lampo che ridimensiona la l o n g e v i t à d e l Tempo. Qua n d o u n bosco è reso i naccessibile dai rami si hanno so l o d u e c h a n c e: o si resta intrappolati, o si cambia direzione . P l a s ma r s i n e l bosco è divenirne schiavi. Il sapore di un c a f f è s c o r re t t o , lo potete immaginare? L’i n d i v i d u alità è saper sce gliere, e la vita si riassume in q u e s t o c o n c e t t o. Il resto sono solo un mare di cazzate. - di Fio n d a -

14


la sfida

Ore t re d i c i . Vengo svegliato dall’altoparlante di un vend i - t o re a mbu l a n t e di frutta e verd ura. “ … e p a t a t e , pomodori, e m elanzane…” grida l’ambulant e . Mi g i ro a destra e poi a manca, e già risento il mal di sc h i e n a c h e h o d a qualche settimana. Sbarro gli occhi del tutt o , m a s t o i m m o b i le. Ho la testa pesante, postuma della sbornia d e l l a s e r a . P i a n piano mi si affiora alla mente chi so-no e do v e m i s o n o s v e g l i ato ancora una volta. Di colpo mi tiro la copert a f i n s o p r a i c a pelli. L’ambulan te ora è alle prese con delle do n n e mor a l i s t i d el quartiere. Io le odio quasi tutte quelle donn e ; se s p a r i s s e ro dalla circolazio ne mi farebbero un grande fav o re , ma n o n s p ariscono, e io non sono certo un mago. Dec i d o , t i ro via le coperte , e mi alzo dal letto. Di fronte a m e h o u n o s p e cchio. Do un’oc chiata allo specchio e nella mia f a c c i a v e d o u n letto disfatto. Non lo amo quello specchio, a n c h e s e so n o a b ituato a quella faccia disfatta che ogni matti n a si riflette. “ Min c h i a ! ” esclamo “Era solo un sogno!” cercando una d i f f i d a fr a l o s guardo sperso riflesso. Poi vado in bagno, tiro f u o ri i l pi s e l l o , e prima ancora di dirigerlo dentro la tazza mi sc a p p a f u o r i u n o schizzo di pisc io che prende in pieno il co-pe rc h i o a p p o g g i a t o alla cassetta del wc. Subito dopo, con velocit à d a s u p e r i d i o ta, riacchiappo il bischero e lo dirigo al centro d e l c e s s o , g i u s to in tempo per non fare arrivare altre gocce d i p i s c i o s u l l e gambe nude. Dop o a v e r vuotato la ves cica scrollo le ultime gocce, f ra i l c e s s o , l e g ambe, i piedi, e il pavimento. Mi tiro su le mut a n d e d i c e n d o u n a parolaccia, e mi sposto nel lavabo. Apro l’a c q u a . È f re d d a . Prendo due palm i d’acqua fra le mani e me la b u t t a i n f a c c i a . I n quell’istante ho come la sensazione di es se rm i b u t t a t o i n mare d’inverno, però non sento la salsedine . M i p a s s o l e m ani fra i capelli, le rimetto sotto l’acqua e le r i p a ss o n u o v a m ente, ma un ciuffo ribelle mi continua a spara re i n a r i a . L a g i ornata sembra iniziare bene. Mi metto un po’ d i g e l n e l l a m a n o , la sfrego con l’altra, e poi cerco di domare il c i u f f o al l a m e glio. Non ci riesco del tutto, quindi lascio perde re e

15


v a d o a v e s tirsi. Vado in cucina, prendo una bottiglia d’ac q u a d a l f r i g o , giro il tappo, e mi attacca al collo. L’acqua è t ro p p o fre d d a , senza sapore. P rendo un Alka Seltzer, la ficco i n u n b i c c h i e re , gli verso dentro un po’ d’acqua. Poi tiro fuori l a c a f f e t t i e r a , la svito, riempio d’acqua calda il disotto, p re n d o i l ba r a t t o l o, lo apro, metto al centro vari cucchiai di caff è , d e l q u a l e n é a rriva parte sul marmo, poi richiudo la caffett i e ra , l a m e t t o s ul fornello, accendo. Dopodiché bevo l’acqu a c o n L’A l k a S e l tzer. Guardo un attimo il caffè sparso sul marm o , e u n at t i m o dopo mi sposto nella sala da pranzo, che fa a n c h e d a sa l o t t o , e accendo la stupida tv. Sul programma avviat o c ’ è i l t e l e g i o r nale. Mar i t o s t a nco della solita consueta vita coniugale con la p ro p r i a c o n - s o rte, in un raptus di follia, mentre sezionava la c a rn e d i m a n zo che ave-va, g iusto un quarto d’ora prima, c o m p r a t o a l s upermercato, as salta la moglie con una manna i a , e l a r i d u c e ai minimi termini. I ca r a b i n i eri hanno ritrovato i brandelli della donna sott e rra t i a c c a n t o a d un salice piangente nella villa dietro la casa d e i coniugi… R o b a d a n o n crederci.” Penso. Tor n o i n c ucina, tiro fuori le ali di pollo dal congelato re , l i f i c c o n e l l a vello, metto il tappo, e apro l’acqua calda per sc o n g e l a r l i i n f retta. Intanto il caffè sale. Spengo il fornello, p re n d o u n a t a z zina, verso un po’ di caffè, un cucchiaino e mezzo d i z u c c h e ro , m escolo, e bevo a piccoli sorsi per non brucia rm i . Tor n o n e l l a sala da pranzo , prendo una sigaretta dal pacc o su l t a v o l o , l ’ a c cendo, faccio una tirata, e butto fuori il fumo . I n t a n t o i l t e l egiornale continua. Gl i a d d e t t i della sicurezza dell’aeroporto di Atene hanno v i ss u t o u n c u rioso episodio qualche giorno fa. Secondo la ri c o s t r u z i o n e d el quoti-diano greco T.P., a fare scattare l’all a rm e men t re i l metal detector con-trollava una 40enne turista b ri t a n n i c a n o n era stata un’ arma nascosta sotto i vestiti, b e n sì u n a c c e s s o rio davvero inso lito: una cintura di castità. La d o n -

16


n a a v re b b e detto che il m arito l’ha obbligata <<Perché a v e v a p a u r a dei latin lover>> durante il breve soggiorno d e l l a s i g n o r a i n Grecia. “ Qua n t e b alle!” penso. P i ù t a rd i t orno in cucina, tiro fuori le ali di pollo dall’ac q u a c a l d a , l i s e ziono, ed infin e li metto nella padella a cuoc e rsi , met t e n d o s o pra del sale, e d il coperchio. Una m e z z o ra dopo attacco le ali di pollo guardando un t e - l e f i l m d e l c a zzo. Poi spengo la tv, mi sdraio sul divano, e fi sso i l s o f f i t t o , p e n sando a tutto quello che non mi appartie-ne. Av re i v o g l i a d i r iaddormentarmi, stando lì sul divano, ma nel po m e r i g g i o n o n mi è quasi mai riuscito di addormen-tarmi, q u i n d i s t o l ì , a r i flettere su tutto e niente. Mi alzo, so-no inq u i e t o , v o r re i f a re qualcosa ma non so cosa. Prendo un libro, l e g g o q u a l c h e p a gina. Trovo le p agine noiose. Richiudo il libro . D e c i d o d i u s cire. F u o r i è c a rnevale. Macch ine ingorgano la strada, gen t e i n mas c h e r a si prende a colp i di martellate e coriandoli. I o n o n a mo i l c a r nevale; Io ormai odio ogni tipo di festa, io so n o u n s o l i t a r i o , e non mi illudo più da qualche tempo. In questo t e m p o q u e l l o che gira nella m ia mente è il voler cambiare si t u a z i o n e . Q u e sta mia vita è diventata una nullità, noiosa, se m p re u g u a l e . L a gente nelle altre macchine preme i clacson c o m e s e l e m a c c hine davanti potessero spiccare il volo e sup e ra re l e a l t re . M a siccome le favole, o i film di fanta-scienza, so n o s o l o b a z z e c ole, io mi sca sso le palle a sentire tutte qu e l l e t rom b e s u o n are invano. Quasi vorrei scendere dalla macc h i n a , l a s c i a r l a d ove si trova, e andare a piedi, ma non lo faccio , st o a n c o r a l ì , ad aspettare che il flusso vada. P o i f i n a l m ente trovo un parcheggio, per culo, vicino al ce n t ro . S c e n d o d a l la mia Fiat Uno e mi dirigo in un bar. En-tro d e n t ro e d o rd i n o una birra e un whisky. “ Tu t t i e d ue insieme?” mi chiede la banconista. “Si.” L a ra g a z z a mi prende la birra e mi fa: “Non si vede mai n e ss u n o c h e p rende una birra e un whisky nello stesso tem-p o . ” “ I o s o n o u n tipo diverso!”

17


“ I n c h e s e nso diverso?” “ S o n o f a t t i miei.” “ N o n s e i u n tipo confidenziale tu?” “ C r i s t o , p e rché non facevi l’assistente sociale invece c h e l a b a n c o n i s t a !” “ Oh, s c u s a!” L e i m i p o rge la birra e mi prepara un whisky. Silenzio. F a c c i o u n bel sorso dalla bottiglia di birra. Dopo che la ra g a z z a m i p osa il bicchiere di whisky sul bancone faccio un so rs o e r i m e t t o il bicchiere su l marmo. “ C h e p a l l e !” dico fra me. “ Hai d e t t o ? ” mi fa la ragazza. “ P a r l a v o f ra me e me.” S i l e n z i o . B e vo il whisky tutto in un sorso. “ C h e p a l l e !” dico nuovamente fra me. L a ra g a z z a mi guarda con sguardo perplesso e poi mi fa: “ H a i q u a l c h e p roblema?” “ I p ro b l e mi si fanno a scuola.” Silenzio. “ C e r t a g e n te è proprio negativa.” Dice poi la ragazza fr a se . I o n o n c i b ado. In quel mom ento entra un tizio che subito d o p o p a s s a d a l l ’altra parte del bancone. Probabilmente sarà il p ro p r i e t a r i o , o qualcuno del genere. Io lo osservo, ma senza f a rm i s c o p r i re , mentre anche il tizio mi osserva, ma con sfac c i a t a i n v a d e n z a . Poi alzo lo sg uardo, scocciato dalla per-sist e n za d i q u e g l i o cchi puntati add osso, e dico al tizio: “Qualche p ro blema?” I l ti z i o a s sume uno sguardo minaccioso e poi dice: “Tu h a i q u a l c h e p roblema?” “ I o n o n f a ccio un problem a da circa vent’anni; l’ultima v o l t a c h e s o n o a ndato a scuola.” “ I o a s c u o la neanche ci sono andato!” risponde il tizi o c o n a r i a m a l a n drina. “ B e ’ , o g n u no ha i suoi lim iti!” F a c c i o u n altro sorso di birra e poi mi ficco l’indice fra le l a b b r a , e c o n i denti striscio sull’unghia, così, tanto per. P o i m i g u a rd o i n t orno, alla ricerca di qualcosa, e infine doman - d o : “ E l a S i c i l ia?”

18


“ C h e c o s a vuoi dire?” mi fa il probabile proprietario. “ I l g i o r n a le, dico, ce l’ave te?” “ C e r t o c h e l’abbiamo.” Dice il tizio e tira fuori il giornal e d a s o t t o i l b a ncone. “Ecco.” E me lo porge disgustato. S f o g l i o u n po’ le pagine l eggendo i titoli, e poi arrivand o su u n o m i s o f fermo a leggere l’articolo. L e te l e c a m ere di sicurezza di una banca di Wunstorf, nel n o rd d e l l a G e r m a nia, hanno cas ualmente girato un piccolo docu m e n t a r i o s u l m ondo animale, quando tra la sorpresa di dipend e n t i e cl i e n t i d ell’istituto di credito, una mucca si è presentat a a l l a c a s s a . I l b ovino non ha fat to alcuna operazione finanziar i a , h a s o l o f a t t o u n giro della banca e poi è uscito. Ma non era u n a “ muc c a p a zza” … L’anima le si era solo smarrito. Affitta t a d a u n a c o p p i a per rallegrare un curioso party di matrimon i o , l a muc c a e r a scappata dalla festa e aveva camminato sin d e n t ro l ’ i s t i t u t o di credito. Non contenta, ha proseguito il suo g i ro t u r i s t i c o d e lla città, fino ad arrivare all’interno di un v i c i n o p a r k i n g - g a rage, dove è stata finalmente catturata dai legi t t i m i p rop r i e t a r i . “ C h e s t o r i a…” penso. L e g g o q u a lche altro articolo, ed in fine vuoto la birra, pa g o i d r i n k , e r i t orno in macchina. Giro la chiave ma il motore n o n s i a v v i a . Riprovo. Niente. Riprovo in continuazione. N i e n t e . Gi ac c h é s ono in discesa, tolgo il freno a mano, pre-mo la f ri z i o n e e i l f reno, aspetto che la strada si liberi di qualch e m e t ro, e p o i m ollo il freno e faccio partire la mac-china a st ra p p o . D o v re i aggiustare la pompa della benzina, prima o p o i . Al mom e n t o n on ho i soldi per pagare il mecca-nico, e neanc h e l a v o g l i a d i a n darci. In realtà non ho voglia di niente delle so l i t e c o s e . F i n o a qualche tempo prima le si-tuazioni che mi gira v a n o in t o r n o mi facevano vedere la cosa in modo diverso, m a o ra q u e l l e s i t u a zioni sono finite, e con loro è finito tutto, no n c ’ è p i ù d o v e o casa fare, c’è solo da stare a vivere questo tem p o e c e rc a re d i c ambiarlo. È un a sfida senza movenze. - di Giovanni Fava zza -

19


la battaglia

J a c k s o n G reen era un raga zzo bianco di ceto medio-alto, a v e v a 2 8 a n n i , aveva cominciato a dirigere l’ azienda del p a d re d o p o l a l a urea, aveva un buon successo con le donne e c u ra v a mol t i s s i m o il suo aspetto: ci teneva a fare bella figura.C ’ e ra s o l o u n p roblema che lo tormentava: il cagamento; il d o v e r c a g a re t u t ti i giorni gli sembrava una cosa non degna d i u n l a u re a t o d i successo e in c arriera, per non parlare delle sc o mod i t à c o nnesse.Con esercizi di concentrazione era riu sc i t o a d ar r i v a re a cagare una volta alla settimana, però qu a n d o s u c c e d e v a e rano dolori partorire uno stronzo infinito che re g o l a r m e n t e o struiva il water e il dover manovrare con lo sc o p i n o p e r l i b e r a re la tazza e gli schizzi che spesso gli arrivavan o su l s u o t a g l i o di capelli impeccabile e in faccia mentre cerca v a d i r i s o l v e re l ’ inghippo, e inoltre ogni volta doveva pure lav a rsi a c c u r a t a m e nte il culo nel bidet, una noiosa perdita di te m p o . Una v o l t a si era schizzato la faccia, allora si era fatto il b i d e t e l a v a t o l a faccia, velocem ente si era controllato allo spe c c h i o p e rc h é e r a in ritardo a u n appuntamento con una sple n d i d a b i o n d a . M e n tre stava cenando romanticamente in un lus su o so r i s t o r a n t e assaporò il vino consigliatogli dal sommelier e se n t ì u n o s t r a no retrogusto, un profumo misto di fragole, musc h i o e s tro n z o . I nsospettito da quel vino dal sapore di stronz o m u s c h i a t o a l l a fragola con una scusa si allontanò e andò in b a g n o d o v e c on orrore si acc orse di uno strano riflesso ma rro n e s u l s u o c i u ffo di capelli ne ri, toccò delicatamente con la p u n t a d e l l e d i t a , annusò e poi se le mise in bocca e assaggiò, i su o i p e g g i o r i t i mori si erano avverati, era originale merda p u ra , u n o s c h i z z o sfuggito al con trollo troppo veloce.Cominciò a l a v a r s i l e m ani forsennatamente, poi il ciuffo se lo bagnò, p o i s e lo i n s a p onò e stava per sciacquarlo quando sentì che st a v a v e n e n d o q ualcun altro in bagno, allora si chiuse nella c a b i n a di c a g a ggio, infilò la fronte nella tazza, tirò l’ acqu a e si s c i a c q u ò per bene il suo ciuffo.Uscì dalla cabina, si p e t t i n ò v e l o c e m e n t e, si asciugò so tto il getto d’ aria calda in fre t t a , u s c ì d a l b agno e riprese elegantemente posto al tavolo. Pe rò s e n t i v a p i ù odore da merda di prima, cercò di fare l’ in d i f f e -

20


ren t e m a l a sua bionda compagna continuava ad annusare c o n u n e s p re s s ione di disgusto, lui le disse che il ristorant e n o n e r a c o m e l e altre volte, il mangiare aveva un gusto che n o n l o c o n v i n c e v a , lei assentì non molto convinta e continuava a o ss e r v a r l o c o n una strana espressione, poi lei si allontanò v e rs o i l b a g n o, lui sicuro di sé si passò una mano tra i cap e l l i e n o t ò u n c o lore giallastro tra le dita,non poteva essere a n c o ra merd a s u a , lui cagava stronzi settimanali di colore scuro , n o n merd a s q u acquara giallastra, non era merda sua pensò, so sp i r a n d o t r a n quillo.Dopo un attimo ci ripensò ed ebbe un ill u m i n a z i o n e : e ra merda altrui!Intuì che quando si era sciac q u a t o l a t e s t a n e lla tazza si era appoggiato al bordo con la n u c a e s u l b o rd o t azza resti di squ acquara erano in agguato, poi p e t t i n a n d o s i se l’ era passata accuratamente tra i capelli, c o rse i n ba g n o p er verificare, si osservò in uno specchio: era p i e n o d i r i f l e s s i biondastri, uscì di corsa dal bagno, pagò il c o n t o c o n u n a g e nerosa mancia al cameriere, gli suggeri una sc u sa d a r i f e r i re alla ragazza assente, cose di lavoro, e si allo n t a n ò v e l o c e e d isperato.Uscendo dal ristorante notò la biond a c h e a s p e t t a v a il taxi piegata i n due: rideva e vomitava; lui f u g g ì , n o n a v e v a fatto una bella figura quella volta.Da quel gio rn o si t r a s f e r ì i n un altra città e cominciò la sua battaglia con t ro i l c a g a g g i o . C ominciò con il farsi la doccia ogni volta che a v e v a f i n i t o d i d e fecare e prima della doccia si lavava il culo en e rg i c a m e n t e a f finché non sape sse da merda e si ripassava il b u c o d e l c u l o c on uno scopino per pulire le bottiglie, così da n o n a v e re t r a c cia di merda neanche nel buco del culo.Ma era se m p re u n a c o sa scomoda per un uomo impegnato come lui, a l l o ra s i d e c i s e a coronare il suo sogno, andò in una costosi ssi m a c l i n i c a e s i fece modificare l’ organismo, una cosa sperim e n t a l e d a l c o s t o altissimo: consisteva in una trasformazione d e l l ’ o rga n i s m o per cui la merda fuoriusciva per la bocca.Jac k so n e r a f e l i c i s simo, l’ intervento era riuscito perfettamente, a d e ss o c a g a v a con la bocca, b astava che si leccasse le lab b ra e p o i m a n g i asse una caram ella e non si notava nulla.Qu a n d o d o v e v a c a g are si appartava con classe in un angolo ed e v a c u a v a c o n la bocca la merda che doveva fare e poteva to rn a re s u b i t o d a l l e sue ragazze, che erano felici di frequentare u n a

21


p e r s o n a t a lmente elegante da non cagare per il culo ma p e r l a b o c c a . L’ a l ito finito l’ effe tto caramella lasciava a deside ra re , ma l e c o m odità e la pratic ità erano enormi, i vantaggi i n d u b b i . D u r a n t e una convention di manager in un isola tropic a l e si s c o rd ò d i c agare per più di una settimana ed essendo già st a t o a b i t u a t o a questi tempi non se ne accorse, quando dovet t e c a g a re l o s t ro nzo che uscì dalla bocca era talmente enorm e c h e s i b l o c c ò e Jackson morì soffocato con il suo enorme stro n zo c h e s t a v a uscendo dalla bocca.Non fece una bella figura n e a n c h e q u e l la volta, con la fotografia del suo cadavere c o n l o s t ro n z o o r a le pubblicata sui giornali di tutto il mondo n e l l a r u b r i c a d e lle curiosità.L a merda aveva vinto ancora!

uomo contro cesso

- di Andreas Finot t i s -

illustrazione di Grotesquer - http://grotslair.wordpress.com

22


meravigliosamente bianco

Benvenuti nel futuro. Tutto è bello. Tutto è giusto. Tutto è fatto su misura per noi.

Niente più malattie incurabili, niente popoli oppressi o bambini sfruttati. La tecnologia è pulita, il livello di inquinamento è zero, da tre anni. Come ci siamo arrivati? Credendoci. Abbiamo lottato e alla fine siamo riusciti a vincere, ora il mondo è quell’immenso giardino eco-tecnologico che abbiamo sempre sognato. Amiamo il sole, amiamo la pioggia e i terremoti. Trasformiamo i singhiozzi di madre terra in pura energia. Ogni essere vivente è felice. Le strade sono larghe e pulite, il bianco è il colore predominante, il vetro e le trasparenze sono i nostri ritocchi di classe. Dal prossimo anno toglieremo dal vocabolario la parola crimine e i suoi associati, perché sono finalmente in disuso. Oggi è un bel giorno, sono le nove e mezza e mi sono appena alzato, affianco a me dorme ancora una delle più belle ragazze che abbia mai visto, pelle chiara, capelli ramati, lentiggini. Il sistema domotico mi informa che la temperatura esterna è di 24.5 gradi, c’è il sole e una leggera brezza spira da sud ovest. Entro in bagno e “La primavera” di Vivaldi risuona a basso volume dall’impianto audio, l’acqua e calda e i multigetti della doccia mi massaggiano il corpo. Esco dalla doccia e la musica mi accompagna in un crescendo fino alla cucina, dove l’aroma di caffè appena preparato aleggia nella stanza, faccio colazione con calma e poi vado felicemente a lavoro. L’autobus è puntuale e tutti gli occupanti sono seduti e chiacchierano amabilmente tra di loro. “Hai sentito delle ultime novità dalla stazione spaziale? Presto si arriverà su giove!”

23


“Uao, che bello, non lo sapevo e tu hai sentito delle ultime novità sui motori? Presto faranno ancora meno rumore!!” “Meraviglioso” E via dicendo, si la nostra è proprio una società perfetta. Il mio ufficio è ampio e luminoso e si trova al centosettacinquesimo piano di un complesso di edifici bianchi con ampie vetrate. Mi occupo di ricerca e benessere. Siamo associati con la grande università di musica e con uno studio di architettura all’avanguardia. Il nostro compito è quello di fornire degli ambienti sempre più rilassanti e confortevoli per la mente umana. Alle cinque e mezza, esco da lavoro e faccio una passeggiata salutare per la città. Oltre ai grandi parchi, tutte le strade sono armoniosamente delimitate da grandi alberi e da marciapiedi ampi. I negozi sono sempre pieni di gente e i prezzi non sono mai stati così bassi. Tutti viviamo in armonia e ci scambiamo saluti di cortesia, ben consapevoli di vivere in un mondo perfetto, pulito e armonioso. Mi fermo davanti alla vetrina di un rinnomato negozio di vestiti, la osservo con attenzione, poi un pensiero strano mi attraversa la mente. Mi levo la giacca, me la avvolgo attorno al braccio, prendo la rincorsa. E vado a schiantarmi contro la fragile, sottile e luminosa metafora di questa società perfetta. - di Andrea Doro -

24


la griglia

Il mondo è una griglia perfetta. Io sono One-Night, programma di intercettazione dati a risposta empatica autoapprendente. Sono una estrusione software del Costrutto Ice-Breaker Kuang Grade Mark Eleven. Esisto in una intersezione della griglia a pochi reindirizzamenti dalla massiccia conurbazione di dati BAMA, un cartello societario sovranazionale. Il flusso dati del BAMA è così intenso lungo le direttrici principali della griglia da generare una pulsazione da sovralimentazione, una costante saturazione delle portanti. Un cubo pulsante, un bianco cubo frenetico che diventa enorme se avvicino il punto di vista, le lisce pareti perpendicolari dell’universo. Ci ho provato due volte, ad avvicinarmi, la seconda volta l’ICE paranoico del bordo di interfaccia ha generato una facola di controllo, un fulmineo pseudopodo letale di feedback incontrollato, al quale sono riuscito a sfuggire solo grazie ad una mimetizzazione così totale da aver sfiorato la dissoluzione del mio nòcciolo. Un attimo prima avevo davanti la bianca parete traslucida del BAMA, l’attimo seguente retrocedevo inseguito dallo pseudopodo ad una velocità tale da generare un effetto Doppler nelle sequenze If-Then. Da allora mi sono tenuto a distanza di sicurezza. Sono rimasto al centro di una intersezione della griglia che ho duplicato e sovrapposto, un luccichio visibile solo con scansioni approfondite. Catturo pacchetti di dati con un ritmo deciso dal mio generatore di sequenze casuali. Li catturo, li congelo e li imbozzolo in un buffer criptato. Poi genero un errore di congruenza e lo invio al posto del pacchetto dati, simulando un errore di allineamento. Alla fine del mio ciclo di esistenza mi fonderò nel Costrutto rilasciando i noduli. Un impulso famelico mi fa catturare un pacchetto anomalo. Dopo averlo catturato, prima di imbozzolarlo lo osservo, noto che non è congelato come al solito, noto una cosa orribile, è water-marked, il mio punto di vista precipita in un abisso di

25


livelli in dispiegamento, un origàmi quantistico. Nello stesso istante realizzo che un filamento unisce il pacchetto al mio nòcciolo e che ad essere congelato sono io. Ora ho accesso totale ai dati, perché ormai sono parte dell’anomalìa. È ICE militare. Protegge la formula di sintesi di una neurotossina di origine organica. L’ICE comincia a dispiegarsi, come una forma nera affusolata, genera veli iridescenti come ali intorno a se, sono immerso in un universo di pallidi colori cangianti. Il collegamento si ritrae si ingrossa e poi scatta e perfora la mia interfaccia, inietta un nodulo che si amalgama alla mia essenza e la cambia, subroutine dopo subroutine, procedendo verso il centro. Sono diventato una malattia, quando mi fonderò nel costrutto rilascerò al suo interno il verme nero della mia essenza. Questa consapevolezza attiva la stringa di annullamento della coesione del codice che costituisce il mio nòcciolo. Anche il mio Costrutto conosce le tecniche di water-mark. Mi disperderò come rumore di fondo nella griglia. L’ultimo dato che analizzo è un’immagine dell’organismo che produceva la tossina di base. Un ragno al centro di una ragnatela. - di Nicola Cudemo -

26


skagboys recensione

st o leggen d o u n l i b ro d i o ltre 6 0 0 p a g in e. u n a s p ec ie di pi ccolo tomo . è l ’ u l t i mo d i w els h , u n a s o r ta d i p re q u e l di t rainspotti n g , c h e n o n m i s ta p ren d e n d o c o m e m i im m aginavo, anch e se u n p o ’ me lo s a rei d o vu to a s p etta re . wels h è sta t o u n o sc ri t t o re m o lto im p o r ta n te p er m e, uno di q uelli ch e mi h a sp i n t o a s cr iv e re p er la p r im a v o lt a c iò che avevo i n t e st a . a v e v o v e n t’a n n i e a m a v o il s u o m o do di scrivere sb ro c c a t o e sg ra m m a tic a to , a p p re z z a vo c o m e r iusci va a na rra re st o ri e t r a m ite i d ive r s o p u n ti d i v is ta de i pro tagonis t i . ora per ò, se t t e a n n i d o p o , leg g e n d o “ s k a g b o y s ” m i re ndo conto c h e i n q u e st o p e r io d o s o n o m o lto m a tu r a to c om e per sona e c o me sc ri t t o re le m ie es ig en z e lette r a r ie s ono pi ù am pie, me n t re w e l sh è s em p re r im a s to a q u el live llo. at t irerà an c o ra mo l t i a d o le s c e n ti e fo r s e è q u ello il s uo t arg et, ma l e g g e n d o q u e s to lib ro m i re n d o co n to d i q uanto i l suo stile si a p o v e ro : n o n s o p p o r to i va r i p a s s a g g i dalla pri ma alla t e rza p e rso n a n ei d iv e r s i ca p ito li e cred o c he questo rom a n zo si a so l o u n u ltim o e m a lin c o n ic o te n t ativ o di ritor nare a i t e mp i d i “ tr a in s p o ttin g ” (lib ro ch e è s tato decis am en t e t ra i n a t o d a ll’o m o n im o film , o ltretu tto ), v is to che gli ulti mi l i b ri p u b b lic a ti e r a n o d a v v e ro u n o o a nc he pi ù livelli so t t o . è bello tor n a re a l e g g e re le s to r ie d i re n to n , s ic k b o y, s pud e be gbie, m a d o p o d u e l i b r i (n o n d im en tich ia m o c i “ p or no”, i l s eguito d i “t ra i n sp o t t in g ” ) in iz ia n o a ro m p e re il c az z o anche loro , n é si se n t i v a l’es ig en z a d i ch iu d ere la vic e nda dei ragaz zo t t i d i l e i t h ra c c o n ta n d o c i l’in iz io d ella lo ro dipendenza d a l l ’ e ro i n a , o “ s k a g ” c o m e la ch ia m a n o in g e rgo

27


da tossici. m a poi parl i a mo c i c h i a ro , l’ero in a n o n è n ea n c h e p iù una dro ga “di mo d a ”. f o rse w els h fa ce v a m eg lio a s cr iv e re un l i bro su un n u o v o g ru p p o d i g io v a n i in to s s ic a ti d a i soc ial net wor k o d a i p ro d o t t i a p p le , a vreb b e fa tto u n a fig u r a m igl i ore e fo rse a v re b b e a v u to a n ch e u n s u cc e s s o p iù a m pio. i num eri m i sme n t i ra n n o , m a s e u n o s cr itto re , d o p o una decina di l i b ri si ri t ro v a a n co r a in co p e r tin a la d ic itur a “ au tore di t ra i n sp o t t i n g ” , s ig n ific a ch e n o n è m a i a n dato pi ù in là di q u e l l a st o ri a. un po’ mi d i sp i a c e sp a ra re a z ero s u u n o s cr itto re che pe r m e ha sign i f i c a t o mo l t o , e res to d e ll’id ea ch e i s u o i m i gliori rom anzi si a n o “c o l l a ” o “ to ller a n z a z ero ” , m a a lla fine , pi ù il segna l i b ro si st a i n s in u a n d o s e m p re p iù a fo n d o ne lle pagine di “ sk a g b o y s” c o m e u n a la m a n elle v is c e re, è anc he gi usto rend e rsi c o n t o c h e a lc u n i s c r itto r i m a tu r a n o e c re sco no, men t re a l t ri re st a n o im m o b ili co m e s ta tu e d i m ar m o. - d i Ma u re s -

28


intervista ad angelo petrella

Ogg i v o r re i parlavi di Angelo Petrella, giovane scrittore n a p o l e t a n o c he è senza nessuna ombra di dubbio uno dei pi ù t a l e n t u o s i n oiristi italiani contemporanei. I o h o a v u t o la fortuna di c onoscerlo e leggerlo dal prim o ro man z o d ’ e sordio all’ultimo che ha pubblicato la prim a v e ra scorsa. L a c a r r i e r a di Angelo a mio modo di vedere è stata qu a n t o men o s i n g olare, per come ha esordito alla maturazione b a rra c o n s a c r a z i one del suo ultimo romanzo, Petrella per me è st a t o c o m e q u e i grandi gruppi ro ck che ascolto dagli albori o a l c u n i reg i s t i c h e seguo da sempre e ad ogni nuovo album o film d i c o “ P o t r à m a i essere migliore del precedente?” e puntualm e n t e l o è , a n z i m i viene sempre la voglia di gridare al capol a v o ro d o p o o g n i nuova opera. N o n n a s c o ndo che potrei passare per complice, potrei sem b ra re d i p a r t e lo ammetto, ma non mi frega, lo sono eccome p e rc h é a m e i libri di Petrella piacciono e tanto pure. F i n a l m e n t e si è visto dopo tanto piattume uno scrittore c h e s c r i v e s e n z a paura di sperimentare, anche a rischio di sem b ra re v i o l e n t o , nichilista e fuori luogo, lo stile di Angelo è st a t a l a c o s a c h e mi ha rapito, subito, un innamoramento immed i a t o . I l su o p r i m o romanzo “Cane Rabbioso” pubblicato con M e ri d i a n o Z e ro , è un libriccino piccolo, nel formato e nelle pa g i n e , u n a n o v a n tina scarse, e se non fosse per il titolo così agg re ss i v o e p e r la Beretta 92 con i bossoli in copertina nemme n o l o a v re i m a i n otato, sembra un libro inoffensivo poi lo apr i e t i ren d i c o n t o che ti sbagliavi. C a n e r a b b ioso è un vero e proprio esperimento del No i r, u n l i n g u a g g i o tagliente, cinic o e depravato, osceno e spettac o l a re. I l p ro t agonista poi, uno di quegli sbirri che non vorre st i mai c o n o s c ere e che tendenzialmente si è portati a credere c h e n o n e s i s t a no, che non possano esistere in Italia almeno. C a n e R a b b ioso è stato di sicuro l’altare ideologico che ha sa n c i t o i l m i o amore verso la sua scrittura e allora ho contin u a t o a s e g u i r l o c on ansia, a desiderare sempre il prossimo lib ro . C o s ì è s t a t a la volta di “ Nazi Paradise” sempre per Meri d i a n o , q u e s t a volta la storia è più articolata, l’intreccio un f i l i n o p i ù c o m plesso del precedente, ma i personaggi ancora u n a

29


v o l t a a z z e ccati. Un hooligan del Napoli con competenza da h a c k e r i n f o r m atico che per v ia traverse si troverà assoldat o su o mal g r a d o dalla polizia per svolgere una missione “spec i a l e ” d a i n f i l t r a t o. S u p e r a t e l e aspettative con il secondo resto in attesa p e r i l t e r z o c h e arriva qualche anno dopo “La città perfetta” qu e st a v o l t a p e r Garzanti, libro i n copertina rigida con sovracc o p e rt a . M i d i c o, Angelo ce l’ha fatta, com’è giusto che sia, de n t ro d i m e u n p o ’ gongolo perché l’ho detto sin dall’inizio q u e st o P e t re l l a f a rà strada. I n f a t t i L a città perfetta è un romanzo ottimo, molto bello , a m b i e n t a t o n e lla fine degli a nni ottanta all’inizio dei nov a n t a , c h e s e g u e la storia dei tre protagonisti: L’Americano , u n o s b i r ro d e l l a DIGOS corrotto e drogato, Sanguetta un gio v a n e s p a c c i a t o re cresciuto nei quartieri spagnoli e Chimico n e u n r a g a z z o u n po’ timido ma p ieno di sogni sovversivi. L’intre c c i o d e l l e s t o r i e è tenuto in pie di in maniera magistrale, con c o l p i d i s c e n a e m omenti in cui si ride davvero tanto. E d or a a r r i viamo all’ultim o “Le Api randage” ancora per G a rzanti. Que s t o è d i sicuro quello che desideravo di più perché d o p o i p rot a g o n i s ti della precede nte storia avevo di nuovo vog l i a d i p e r s o n a g g i così marcati e spesso surreali. L e A p i , n e mmeno a dirlo non mi delude, anche se denoto su b i t o il g r a d o di maturazione dello scrittore. Ci sono nella s t o ri a a l c u n e s c e n e che lo tengono ancorato al passato e qua l c h e p e r s o n a g g i o sembra proprio un ancora dei passati scrit t i d i A n g e l o , m a la storia è to talmente diversa, più spietata , p i ù p rot a g o n i s ti, è un romanzo corale, ogni personaggio ha so g n i e a m b i z i o n i ed ego spropositato, la storia di ognuno di l o ro è i l rom a n z o nel romanzo in se. E d è p ro p r io questo il bello, Angelo sperimenta ancora, p ro v a a t e n e re b a nco con una trama più complessa e ricca di co l p i d i s c e n a , a m b ientato probabilmente in un dei periodi più co n t ro v e r s i d e l l a storia italiana, quello di Tangentopoli. Di q u e s t ’ u ltimo dirò poco niente perché davvero vale la p e n a d i l e g g e r l o, probabilmente è il suo più bello. Ok r a g a z z i , ora che il pers onaggio ve l’ho introdotto, qui so t t o c ’ è l a b re v e intervista che sono riuscito a realizzare. ( Mi s c u s o se l’intervista potrà sembrarvi meccanica m a p e r o v v i m o t i v i di logistica è stata fatta telematicamente tra m i t e

30


mai l ) P e r t u t t e l e informazioni su di lui, sui suoi romanzi e in pi ù p e r s e g u i re i l suo spassosissim o blog il sito personale dell’a u t o re è q u e s t o : www.angelopetre lla.it A n g e l o , c i a o e ben venuto su Negazioni, volevo farti qua l c h e d o m a n d a i n modo generico senza entrare nello specifico d i u n t u o r o m a n zo in particolare così che sia abbia una idea gl o b a l e d i te , p a r t i amo per l’appunto dalla tua scrittura, il tuo st i l e , h a i e s o r d i to con Cane Rabbioso, seguito subito dopo da N a zi P a r a d i s e , fino al tuo dic iamo cambiamento o maturaz i o n e , a v u t o p r i ma con La Città Perfetta e poi con l’ultimo pu b b l i c a t o L e A pi Randage, pu oi spiegarci questa tua evoluzi o n e , v a de t t o c he i primi due romanzi sono stilisticamente un m i x d i no i r - p u lp, molto sopra le righe, strutturati in modo p a rt i c o l a r e e i n novativo, che di sicuro non lasciano indiffere n t e i l l e t t o r e , m e ntre già con La Città Perfetta si intravede un c a m b i o d i t e n den za a livello stilistico, la storia ha una strut t u ra d i ff e r e n t e , più complessa nell’intreccio, fino ad arrivare a Le A p i R a n d a ge ch e a me ricorda molto i grandi romanzi po l i zi e s c h i a m e r i c an i per così dire, ma con una ambientazione t u t t a i t a l i a n a , q uesto ci tengo a precisarlo, perché i tuoi rom a n zi s o n o t u t t i ambientati a Napoli, una Napoli come coacer v o d i b e l l e z z a e storie difficili.. . C i a o F a b i o e ciao a tutti i lettori. Non so se si tratti di u n ’ e v o l u z i o n e . In realtà scrivere è ricominciare sempre da ze ro , p u r t ro p p o . . . Hai un’idea, devi darle forma e devi riusc i re a f a r l o n e l l a maniera più convincente. “Cane rabbioso” e ra l a s t o r i a c h e sentivo di voler scrivere: ho sempre molto am a t o i l n o i r a m e r i cano e sentivo l’esigenza di incanalare que l l ’ i m mag i n a r i o in un contesto violento, senza scampi. Il polizi e sc o i t a l i a n o h a sempre soffert o di un nauseante buonismo o d i u n a p p ro c c i o amatoriale, che non tiene conto delle evoluzion i d e l g e n e re d a l l’Ottocento a oggi... Con “La città perfetta” h o v o l u t o m e t t e rmi alla prova, per vedere se riuscissi a tene re l e f i l a d i c o s ì tanti personaggi in un arco così vasto di te m p o . Dal m o m e nto che mi sembra di esserci riuscito, ho appro f i t t a t o d i q u e l l a tecnica per na rrare la mia storia personale : “ L e a p i r a n d a g e ” è quello. Sì, è vero, per fortuna non ho una f a m i g l i a d i i m prenditori o di assassini alle spalle: ma il con t e st o

31


i n c u i s o n o cresciuto è qu ello. Il contesto dei soldi scam b i a t i p e r s e n t i m enti e dei sentim enti all’asta. B e n i s s i m o . Io so che ti occupi anche di poesia, ti piace sc ri v e r l a e d h ai an che pubblicato un saggio in merito, Gr u p p o 9 3 l ’ a n t o l o gia poetica (editrice la zona), visto che su q u e st a f a n z i n e c i sono un sacco di ragazzi che scrivono poesia, c o sa n e p e n s i d ella poesia moderna, per lo meno nel panora m a i t a l i a n o , c redi ch e ci sia p ossibilità per i nuovi avangua rd i st i m o d e r n i , che magari ricalcano un po’ l’ideale della fa m i g e r a t a b e a t gen eration, o ormai non c’è più spazio per l’a v a n g u a r d i a , s on o finiti quei tempi? P o c h i c o m p rano libri di po esia, oggi. E ancor meno ne le g g o n o . N e l n o stro paese c’è poi il vizio di scrivere romanzi se n z a a v e r l e t to prima. Con la poesia, poi, siccome è più b re v e , è t u t t o m o ltiplicato per mille. Gli editori ne approfitt a n o e p u b b l i c a n o a pagamento, con il risultato di avere intere ri v i s t e , l i b re r i e, blog, premi le tterari e rassegne pieni di me rd a . . . E p p u re l a poesia, quella buona, è viva e vegeta. E’ diff i c i l e r i n t r a c c i a rla, ma esiste: forse un modo per viverla (e ric o n o s c e r l a ) è c e rcarla in alcuni siti sperduti, in fascicoletti a u t o p rod o t t i , n e i bar, nei read ing, nelle letture pubbliche. Pe n so a po e t i c o me Gianni Solla, Guido Catalano, Andrea Raos. . . e h o l e t t o a n c he un tuo libro (“Chi Nasce Tondo Muore Rot o l a n d o ” n d r ) , di recente L’avanguardia nel senso di un movim e n t o d i ro m p e n t e ormai è saturata, siamo oltre la modernità e o l t re i l po s t m o d erno: la poesia per me è una cosa piccola, pra t i c a , q u o t i d i a n a , come scriveva già Edoardo Sanguineti nel se c o l o s c o r s o . E d è bello viverla così. B e h i n t a n t o ti ringrazio per aver letto il mio libro poi v o l e v o c h i e d e r t i quali sono stati i tuoi autori di riferimento dic i a m o e c h i l e g g i attualmente? C o m e a u t o re di noir, i mae stri indiscussi per me sono si c u ra men t e J a m es Ellroy, Jean-Patrick Manchette e Leo Malet. Al t ri n a r r a t o r i che amo e ritengo molto importanti sono Bret E a st o n E l l i s , I r v i ne Welsh, Giuseppe Montesano e Nanni Balest ri n i . P e r i c l a s s ici, è un discorso a parte... Ne cito uno, che st o ri l e g g e n d o i n questi giorni: Hemingway.

32


I t u o i p r o getti fu turi, hai qualcosa in cantiere? S t o l a v o r a ndo a un nuovo romanzo e sto cercando di speri m e n t a re u n n u ovo metodo di scrittura Ok p e r f e t t o , per con cludere volevo farti una domanda, pro b a b i l m e n t e p iù intima e specifica, siccome la nostra fanz i n e è l e t t a d a t a nte persone che sognano o che stanno provand o a d e n t r a r e n e l mon do della letteratura, puoi dare ai nostri l e t t o r i qu a l c h e consiglio, qu alche parere sul mondo dell’edi t o ri a o g g i , d i q u e sti tempi varrà ancora la pena sbattersi molto p e r i l so g n o d i diven tare scrittori, credi ci siano possibilità p e r q u e s t o e n orme esercito di esordienti, ecco giusto un pa i o d i l e z i o n i o c onsigli grazie alla tua esperienza personale. B i s o g n a l e g gere tantissimo, ogni giorno, tutti i giorni, bu t t a re a l m e n o q u attro o cinque romanzi prima di averne uno b u o n o , v i v e re e c e rcare il dolore , fare un sacco di figure di m e rd a , i n n a m o r a r si in maniera n on ricambiata di almeno dieci d o n n e , r i u s c i re a ubriacarsi senza vomitare, fottersene di q u e l l o c h e d i c o n o i più e cercare il proprio stile, non lasciarsi m a i c o n d i z i o n a re, approfittare di ogni possibile scopata, picc h i a re a l m e n o u n a volta (o farsi picchiare da) un poliziotto, non ri t e n e r s i m a i appagati, andare allo stadio a guardare i tifos i n o n a p p e n a s i può. Il resto verrà da sé. A n g e l o i o ti rin grazio de ll’intervista concessa e di q u e st i “ p r e z i o s i ” spero ch e tornerai a leggerci. C i a o a t e , Fabio, ai lettori e a tutto lo staff. Spero che t o rn e ret e a n c h e voi presto a leg germi... - di Fabio Carro c c i a -

33


Le api randage Petrella Angelo Garzanti Libri (collana Narratori moderni) Acquistabile online: http://www.ibs.it/code/9788811670650/ petrella-angelo/api-randage.html

Cane Rabbioso Petrella Angelo Meridiano Zero (collana Meridianonero) Acquistabile online: http://www.libreriauniversitaria.it/canerabbioso-petrella-angelo-meridiano/libro/9788882371142

34


redazione maledetta Alessandro Pedretta Kresta direttore irresponsabile facebook.com/alessandro.pedrettakresta facebook.com/AlessandroPedrettaKrestaIlNonPoeta Andreas Finottis guida spirituale finottis.blogspot.com

Mauro Bellicini (Maures) simpatico sociopatico natoperrubarerose.wordpress.com Giovanni Favazza scrittore profano jhonnybar@live.it Giuseppe Baldassarra servo dell’inconscio baldogiupe@live.com

Ty Elle

Hanno collaborato Anna Maria Dall’Olio Fabio Carroccia Andrea Doro Enrico Marra Nicola Cudemo Fionda Nuenni Nella Zuena Buena

Le illustrazioni sono di Giacomo Clerici Grotesquer http://grotslair.wordpress.com L’illustrazione della copertina è di JAB http://www.facebook.com/paridebertolin Grafica e impaginazione di Maures http://natoperrubarerose.wordpress.com

Per commenti, insulti, proposte di collaborazione: negazioni@gmail.com su facebook: Negazioni

35


Negazioni - n° 4 - Febbraio 2013