Page 1

Venerdì 12 Ottobre 2012

Chiusura ore 16.45 Giovedì 11.10.2012

Presidio lavoratori Acam davanti ai cancelli

Anno VI - N° 165

Sommario Il puto di svolta con il “cloud”

Da Acamtel e CloudItalia le soluzioni IT e cloud per professionisti, imprese e PA PAG. 5 Senatore Luigi Grillo

Infrastrutture Grillo (Pdl): «Project Bond fondamentali per attrarre capitali stranieri» PAG. 6 La nave sarà visitabile durante le giornate di sabato e domenica

Nave Scuola Palinuro torna a casa dopo Campagna estiva PAG. 10

trenitalia

Orario invernale: già prenotabili un terzo dei treni in circolazione dal 9 dicembre PAG. 12


Venerdì 12 Ottobre 2012

Cronaca4

2

Organizzato un presidio davanti ai cancelli e alla sede amministrativa

I dipendenti Acam alzano la voce

pendenti e azienda alle prese del “salvataggio” che andrebbe comunque a discapito dei lavoratori: sono previsti infatti 180 esuberi. E loro, i lavoratori, che non si considerano vittime, ma persone con la loro dignità riconosciuta dal primo articolo della costituzione, rivendicano di poter continuare a lavorare e non perdere un diritto guadagnato nel tempo. Sono disposti a sacrifici, come il cambio di mansioni, ma non alla perdita del posto per la sopravvivenza economica ed esistenziale. Vedono come loro interfaccia i politici, ossia i Sindaci, incontrati ieri sera e nei vari consigli comunali.

Giovedì mattina di buon’ora è “sorto” un presidio dei lavoratori Acam davanti ai cancelli dello stabilimento di Via Re di Puglia. Per poi spostarsi davanti agli uffici amministrativi di Via Picco. Un corteo rumoroso,

scortato dalle forze dell’ordine, per rivendicare il diritto al mantenimento del posto di lavoro in questo momento in cui l’azienda paventa la vendita delle quote Acam Gas per far fronte alla crisi. Il presidio ha fatto segui-

to alla presenza dei dipendenti all’Assemblea dei Sindaci in Comune di ieri sera terminata alle 2 di notte. E precede di un giorno la data della scadenza del consiglio di amministrazione della holding e della Presidenza di Paolo Garbini. A domani infatti è fissata la presentazione del bilancio di esercizio di Acam. Il presidio “cade” inoltre il giorno successivo alla presentazione della nuova sinergia tra Acamtel e Clouditalia, ramo dell’azienda che sta tenendo bene per i servizi tecnologici innovativi offerti. Mossa strategica di Acam per placare gli spiriti bollenti e aprire una finestra di speranza sul futuro? Giorno caldo dunque per il confronto scontro tra di-

“Anche attraverso le Rsu come espresso ieri sera durante l’Assemblea dei Sindaci – afferma Emiliano Finistrella dipendente di Acam Gas - chiediamo ai politici che non venga venduta Acam Gas, vista come unica scelta possibile. Noi anche oggi esprimiamo il nostro totale dissenso per questa decisione. Ci battiamo civilmente per il nostro lavoro e per la territorialità dell’azienda, pensando non solo all’immediato ma anche alle generazioni future. Cerchiamo giustizia ed equità a tutti i livelli per una razionalità del servizio”. Domani scade il consiglio d’amministrazione e ieri è stata presentata la nuova sinegia tra Acamtel e Clouditalia. “Mi auguro che si possano trovare soluzioni analoghe – conclude Emiliano Finistrella. Ma noi


Venerdì 12 Ottobre 2012

chiediamo un piano industriale certo. Non chiediamo assistenzialismo, ma solo di continuare a lavorare. E, (lo hanno detto anche le Rsu), siamo disponibili a sacrifici, come il cambio di mansioni. Ma siamo decisamente contrari alla vendita di Acam Gas”. Ora la palla passa all’azienda, che domani scioglierà il consiglio d’amministrazione, ed ai sindaci, tutti alle prese con una matassa difficilissima da sbrogliare. Simona Pardini

Scarica il Tg

Cronaca4

3


Venerdì 12 Ottobre 2012

Cronaca4

Unione europea Fondo sociale europeo

PROVINCIA DELLA SPEZIA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO E DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE NELL’AMBITO DEI PROGRAMMI OPERATIVI OBIETTIVO “COMPETITIVITA’ REGIONALE ED OCCUPAZIONE” FSE – REGIONE LIGURIA 2007-2013 ANNUALITA’ 2011-2012, ASSE ADATTABILITA’ – OCCUPABILITA’ “PIANO INTEGRATO ECOSOSTENIBILITA’ AMBIENTALE ED ENERGIA” APPROVATO CON DET. N. 379 DEL 21/06/2012 “PIANO INTEGRATO INDUSTRIA” APPROVATO CON DET. N. 416 DEL 04/07/2012

Cisita – Formazione Superiore, organizza i seguenti percorsi formativi: STUDI MULTIDISCIPLINARI PER LA VALORIZZAZIONE E LA QUALIFICAZIONE AMBIENTALE DI TRATTI COSTIERI DI PREGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA COD. SP11ECOAMB-E03-1700 Obiettivo: Creare nuove professionalità capaci di rispondere alle esigenze di pianificare interventi di messa in sicurezza e contestuale valorizzazione a fini turistici del patrimonio marino-costiero operando nella piena conoscenza delle numerose variabili ambientali che ne controllano la dinamica e l’evoluzione. L’azione formativa del progetto si avvarrà del pieno coinvolgimento degli Enti Locali a cui fa capo la gestione del territorio e dei Centri di ricerca attivi nello spezzino (ENEA e Università limitrofe coinvolte nel Master in Scienze Costiere a.a. 2010/11 ) che sono depositari dei raggiungimenti della ricerca in campo marino-costiero. Questa partecipazione di Enti e Docenti rappresenta la miglior garanzia per gli allievi ai fini dell’acquisizione delle competenze necessarie a un qualificato ingresso nel mondo del lavoro. Destinatari: giovani laureati nel numero massimo di 12 Requisiti: - in possesso di laurea triennale (120 CFU) più Master (60 CFU) oppure di laurea specialistica e magistrale in campo scientifico - nella condizione di disoccupati, inoccupati, lavoratori con contratti atipici, a tempo parziale, stagionali - età inferiore a 32 anni Inizio corso previsto: 29.10.2012 Durata: 224 ore più 320 ore (due mesi) di work experience con un rimborso spese di €309.00 mensili Termine corso: Aprile 2013 Scadenza bando: Ore 12.00 del 12.10.2012 Attestato previsto: Attestato di frequenza. L’ENEA – Centro Ricerche Ambiente Marino rilascerà un attestato di frequenza con indicazione delle specificità dell’attività svolta e delle competenze acquisite.

La domanda dovrà essere consegnata a: CISITA - Formazione Superiore Via del Molo 1/A - La Spezia - tel 0187/578411 fax 0187/578444 www.cisita.it Orario segreteria: dal Lunedì al Venerdì 8.30-12.30 / 14.30-17.30

I CORSI SONO COMPLETAMENTE GRATUITI Per approfondimenti sulla struttura e sui programmi dei moduli didattici consultare il sito www.santateresa.it o www.cisita.it e www.lavoro.laspezia.it alla sezione formazione. Per definire l’iscrizione al corso gli interessati dovranno poi presentarsi per la firma della domanda di iscrizione, in regola con la normativa vigente sull’imposta di bollo, entro i termini previsti dal singolo bando. Per informazioni rivolgersi anche ai Servizi per l’Impiego della Provincia della Spezia: Centro per l’Impiego della Spezia, Via XXIV Maggio 3, tel. 0187.77931; Centro per l’Impiego di Sarzana, P.zza V. Veneto 8, tel. 0187.60521; Rete provinciale dei Job. Gli interessati dovranno presentare domanda di iscrizione, in regola con la normativa vigente sull’imposta di bollo, presso la sede indicata nel bando specifico. I candidati per essere ammessi al corso dovranno sostenere apposite prove di selezione ed in tale sede saranno verificati i requisiti soggettivi per la partecipazione. Le prove selettive previste saranno test e colloqui di gruppo ed individuali. Le stesse verranno stabilite anche a fronte del numero di candidati a scadenza bando.

L’ attività formativa viene organizzata in partenariato con:

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI – REGIONE LIGURIA FONDO SOCIALE EUROPEO

4


Venerdì 12 Ottobre 2012

Cronaca4

5

Il puto di svolta con il “cloud”, per rendere più efficienti i processi aziendali pubblici e privati

Da Acamtel e CloudItalia le soluzioni IT e cloud per professionisti, imprese e PA

La Camera di commercio della Spezia, casa naturale delle imprese, ha tenuto oggi a battesimo il partenariato tra Acamtel, società di telecomunicazioni attiva dal 2001 nella provincia della Spezia e Clouditalia società di servizi cloud computing. Un sodalizio che prende in esame il “cloud” il sistema che sta cambiando il modo di gestire l’impresa, pubblica e privata e le P.A e che la formula AcamtelClouditalia rende facile e possibile. La leva strategica su cui poggio l’alleanza tra le due società è caratterizzata, da un lato, dalla disponibilità di Acamtel di una rete in fibra ottica, di centrali in ULL (ultimo miglio) e di un’infrastruttura wireless e, dall’altro, sui servizi tecnologici avanzati di Clouditalia, unici rispetto all’offerta generalista presente sul mercato. E’ questa la cornice che racchiude la sfida di Acamtel e Clouditalia che hanno incontrato nella sede camerale professionisti, rappresentanti delle imprese e della Pubblica amministrazione per un confronto diretto teso a informare ma soprattutto a far acquisire competenze nuove e indispensabili per superare il difficile momento che necessità di soluzioni per gestire i processi aziendali, semplificandone la complessità e riducendone i costi. Per fare questo sia i manager dell’azienda, pubblica e privata, che gli specialisti dell’IT hanno bisogno di nuovi strumenti che

determinino benefici, abbattano le spese di informatica e telecomunicazioni, incrementino la propria competitività, inserendosi nei mercati digitali globali. Tutti obiettivi veri cui è indirizzata la nuova offerta di servizi Acamtel-Clouditalia, il cui perno è l’infrastruttura di cloud computing che permette di definire e dimensionare i data center virtuali in base alle risorse medie utilizzate, prevedendo eventuali picchi, sia periodici che occasionali. La configurazione dei data center virtuali è possibile tramite i servizi IaaS (infrastrutture as a service) che prevedono l’acquisto di capacità di calcolo, Ram e spazio disco. Attraverso servizi aggiuntivi è possibile integrare backup, antivirus, sistemi operativi e servizi professionali. I nuovi data center Clouditalia garantiscono un servizio reale in caso di disastro su un sito, grazie all’avvio automatico di una procedura di recovery che permette di tornare operativi in tempi ristretti. La soluzione cloud consente inoltre di integrare il data center fisico con quello virtuale tramite un’unica console. I servizi (applicativi o infrastrutture) di Clouditalia sono rigorosamente “pay per use” (pagamento per l’effettivo consumo). La piattaforma dei servizi contenuti nel pacchetto Acamtel-Clouditalia è finalizzata a semplificare le attività aziendali. La prima nota commercialisti consente di automatizzare il processo di caricamento delle fatture dei propri

clienti, con un sistema cloud di riconoscimento automatico. La prima nota Azienda è un servizio rivolto alle aziende che dedicano molto tempo alla gestione e riconciliazione del ciclo passivo, con l’obiettivo di ridurre tempi e costi di caricamento delle fatture fornitori. Per le Pmi c’è lo strumento di revisione e controllo della spesa per gestire il processo degli acquisti attraverso un sistema di work flow che guida tutti i soggetti nelle loro azioni quotidiane. Per le Pmi c’è anche il portale web che permette di rendere disponibili per i propri dipendenti documenti, comunicazioni e applicazioni. Per la P.A. entra in scena l’amministrazione digitale che gestisce le varie funzioni organizzative e procedurali dei servizi erogati. “Acamtel riparte con orgoglio - dichiara Enrico Deluchi Amministratore Delegato Acamtel e Direttore generale Clouditalia - per aiutare tutte le imprese del territorio spezzino nel loro sforzo di innovazione e crescita, forte da un lato delle imponenti infrastrutture di rete di cui dispone e del personale tecnico e commerciale qui basato, dall’altro della collaborazione ed esperienza del socio Clouditalia che conferisce ad Acamtel i servizi cloud, fondamentali per offrire a costi bassissimi a professionisti, aziende e pubblica amministrazione i servizi informatici costituiti da hardware e software di cui necessitano”.

“Acamtel - aggiunge Gianfranco Ratti, Presidente Acamtel, si rinnova e, grazie all’arrivo del nuovo partner tecnologico Clouditalia, si propone al mercato come operatore fortemente rinnovato e innovativo per tipologia e per modalità di erogazione dei servizi. Presenta un nuovo piano di sviluppo aziendale dedicato al territorio della Spezia e provincia, che prevede l’integrazione tra servizi di telecomunicazione e cloud. Un progetto importante per Acamtel e un’opportunità per Pubbiche Amministrazioni, imprese e professionisti. Acamtel dispone di tutti gli elementi necessari per la realizzazione di questo progetto: l’infrastruttura, uno staff operativo territoriale e un nuovo socio, Clouditalia Communication SpA., tecnologicamente all’avanguardia”: “L’adozione del modello cloud - sostiene Fabrizio Mangiavacchi, Direttore commerciale Clouditalia - realizza una rivoluzione culturale e organizzativa nel mondo delle imprese, che grazie ad esso possono accedere ad applicazioni e servizi senza dover affrontare investimenti in software o server, basandosi semplicemente sull’utilizzo, attraverso la rete e il web, delle applicazioni necessarie a gestire il business. Ridurre i costi e gli sprechi di tempo, aumentare la velocità e l’efficienza oggi è nuovamente possibile”. “Abbiamo accolto con favore questa partnership tra Clouditalia e Acamtel - dichiara Davide Natale, Assessore alle società partecipate del Comune della Spezia - perché consente il rilancio della società spezzina. Un fatto importantissimo per la nostra città che permette ad un presidio produttivo come Acamtel di avere nuove prospettive di sviluppo. La sinergia tra il know how già in possesso di Acamtel e i servizi Cloud patrimonio del nuovo socio rappresenta una garanzia per consolidare ed accrescere la presenza di Acamtel sul mercato”.


Venerdì 12 Ottobre 2012

Cronaca4

6

“Sarzana si sveglia da un sogno e gli viene rammemorato che il capuologo di provincia è la città della Spezia”

Ferraioli: «Sarzana Caput Mundi? No, grazie» «Le dichiarazioni del consigliere comunale del Nuovo Psi Ugo Pardini confermano una visione distorta che i politici sarzanesi hanno sempre avuto sulla gestione dei servizi. “Sarzana Caput Mundi” questo era i liev motive della politica sarzanese, spostare e rimescolare affinchè Sarzana godesse dei servizi meritati da capoluogo di provincia. Oggi, vuoi per un cambio di mentalità ed una riacquisizione di orgoglio dei politici spezzini da tempo sopito, vuoi principalmente per questioni di risparmio legate alla cosiddetta “spending review”, Sarzana si sveglia da un sogno e gli viene rammemorato che il capuologo di provincia è la città della Spezia. Non mi piace attivare motivi campanilistici che peraltro non sono nel mio stile e nel mio modo di condurre le cose ma forse in una cosa ha ragione il consigliere Ugo Pardini, i politici della Spezia hanno acquisito un po’ più di peso politico. Sarzana terra di saccheggio? Si domanda il consigliere, no assolutamente no ma forse in passato a goduto un po’ troppo di privilegi che francamente non

Alle Amiche ed Amici Sarzanesi l’invito ad avere una visione più aperta nell’interesse del territorio e dei Cittadini di un’intera Provincia che merita tutta la nostra attenzione per un futuro migliore.»

hanno e non avrebbero altri comuni, della Provincia, neanche se si consorziassero. Per fare un’esempio, tempo fa leggendo della chiusura del reparto di maternità dell’Ospedale di Sarzana, si diceva che le gestanti sarzanesi migrassero o erano costrette a migrare nella vicina Carrara per dare alla luce i loro pargoli e che fossero indignate per il fatto di non avere, nel futuro, più cittadini nati a Sarzana. Un problema che da tempo ricade su numerosi paesi e cittadine della provincia spezzina, un problema che si è accentuato da quando non si partorisce più in casa ed allora mi posi una domanda ”ma nell’Ospedale della Spezia, non

sanno far nascere i bambini?” Ecco questa è stata la ciliegina sulla torta e per concludere, non credo che l’eventuale chiusura degli uffici sarzanesi dell’INAIL avrà ripercussioni negative sul territorio e sui servizi e non ci sarà nulla di male ad affrontare il lungo viaggio verso gli uffici della Spezia per lo svolgimento delle eventuali pratiche. Precisando che fermo restando la centralità del comune capoluogo che non può essere messa in discussione non si può non tenere conto che lo sviluppo della politica del decentramento e dell’avvicinamento dei servizi ai cittadini deve essere affrontato nella sua globalità avvicinando i servizi il più possibile ai cittadini ma dell’intera Provincia.

Primarie Centrosinistra Incontro sul tema “Verso le primarie” Nell’ambito della campagna elettorale per le primarie del centrosinistra, un gruppo di cattolici a sostegno del Segretario del PD Pierluigi Bersani ha organizzato un incontro per Sabato 13 ottobre ore 17.30 presso il Circolo Pietro Scoppola (Viale Amendola 18). L’incontro avrà il tema “Verso le primarie” interverrà Pierluigi CASTAGNETTI L’on. Castagnetti sarà introdotto da Franca Landi e Paola Sisti

Senatore Luigi Grillo, Presidente della Commissione, Lavori pubblici, Trasporti e Comunicazioni del Senato

Infrastrutture. Grillo (Pdl): «Project Bond fondamentali per attrarre capitali stranieri» “Per rilanciare gli investimenti nelle infrastrutture occorre che il Paese faccia un salto culturale. Occorre avere più fiducia nell’operatività dei privati, utilizzando gli strumenti finanziari più sofisticati tra cui i Project bond di recente approvati dal Parlamento. Con questi strumenti, infatti, sarà più facile proporre piani finanziari bancabili in grado di coprire i costi finanziari di una infrastruttura, nella fase di costruzione della stessa, quando cioè non è ancora in grado di generare un cash flow. I rappresentanti di tutti i grup-

pi presenti in Commissione, quest’oggi, hanno potuto prendere coscienza delle potenzialità dei Project bond e hanno manifestato al Vice Ministro Mario Ciaccia un convinto apprezzamento. E’ il caso di ribadirlo: i project bond, la norma sulla defiscalizzazione e il credito d’imposta, inserito nell’ultimo decreto varato dal Governo, contribuiranno in maniera assai concreta alla realizzazione di quelle infrastrutture necessarie ad aumentare la competitività del nostro sistema Paese”.


Venerdì 12 Ottobre 2012

Cronaca4

7

Partito della Rifondazione Comunista-Federazione della Spezia

Rifondazione in piazza a sostegno della campagna internazionale “sfratti zero” Rifondazione Comunista è scesa in piazza a sostegno della campagna internazionale “Sfratti Zero” svolgendo un presidio davanti alla Prefettura della Spezia Si sono svolte iniziative in 16 regioni, 50 province, 4 cortei, due tendopoli, presidi sotto comuni e prefetti, picchettaggio di palazzi vuoti, picchetti anti sfratto e inoltre assemblee, picchetti e iniziative in tutto il mese di ottobre, questo è il risultato di tante e tanti che si sono messi in rete e connessi per una azione cora-

le contro gli sfratti e perchè la questione sfratti entri nell’agenda politica nazionale Rifondazione Comunista La Spezia ha aderito alla mobilitazione con l’obiettivo di fare entrare la questione sfratti-nell’agenda politica del nostro Paese. I numeri sono drammatici: le rilevazioni da parte del Ministero dell’Interno parlano, per il 2011, di circa 64.000 nuove sentenze di sfratto emanate, di cui circa 56.000 per morosità, con un’in-

cidenza dell’87% sul totale. Alla Spezia gli sfratti sono stati 209, di cui per morosità 187, pari all’89,47%. Quasi 2000 famiglie spezzine sono in attesa dell’assegnazione di una casa popolare a canone sociale o moderato. Queste cifre certificano l’emergenza sociale, sottolineano l’impatto della crisi, e stridono con l’assoluta assenza di politiche abitative pubbliche, degne di tale nome, che siano non solo capaci di garantire il passaggio da casa a casa per gli sfrattati ma anche di affrontare il tema del caro affitti e della precarietà abitativa. Gli sfratti per morosità negli ultimi cinque anni sono aumentati del 64 per cento. Una vera e propria emergenza nazionale a cui i governi non sembrano interessati a dare risposta; anzi, nel corso degli anni abbiamo assistito al taglio delle poche risorse destinate agli inquilini in difficoltà, la cedolare secca si è tradotta in una forte e ingiustificata riduzione della tassazione ai contribuenti con alti redditi e molte proprietà senza grandi risultati sul fronte dell’emersione

dell’evasione fiscale, Piani casa ritagliati sulle esigenze della speculazione immobiliare e della rendita fondiaria. Il Governo Monti dopo i tagli operati dal Governo Berlusconi ha azzerato completamente il fondo contributo affitto al quale ricorrevano 300 mila famiglie italiane anche queste nei prossimi mesi saranno condannate allo sfratto per morosità Eppure esiste un vasto patrimonio pubblico che non viene utilizzato e lasciato nel degrado in attesa di privatizzazioni e valorizzazioni speculative. Né possiamo accettare che la questione sfratti sia relegata o derubricata a questione di ordine pubblico o di assistenza sociale Chiediamo: - Sospensione degli sfratti per morosità incolpevole - che la questione sfratti entri nell’agenda politica nazionale - l’utilizzo del patrimonio del demanio civile e militare - piano straordinario di edilizia residenziale pubblica a partire dal recupero dall’esistente.

Presentati dall’Idv presso la Corte di Cassazione il 1° Agosto 2012

4 referendum per riaffermare la democrazia in Italia Riaffermare concetti quali democrazia, legalità, trasparenza ed equità sociale nel nostro Paese non è solo un dovere civico e politico ma rappresenta la sfida quotidiana di tutto il Partito dell’Italia dei Valori. Il giorno 1 Agosto del 2012, una delegazione dell’Italia dei valori ha depositato presso la Corte di Cassazione quattro quesiti referendari. I quesiti referendari in oggetto sono i seguneti: 1. COMPLETA ABOLIZIONE DEL FINANZIAMENTO PUBLICO AI PARTITI;

2. CANCELLAZIONE DELLA DIARIA DEI PARLAMENTARI; 3. RIPRISTINO INTEGRALE DELL’ARTICOLO 18 DELLO STATUTO DEI LAVORATORI; 4. ABOLIZIONE DELL’ARTICOLO 8 DELLA LEGGE 138/2011 A partire dal 13 Ottobre p.v., il Partito attraverso i propri banchetti di seguito indicati, inizierà la raccolta delle firme nella provincia della Spezia, ulteriori informazioni saranno disponibili presso la sede provinciale del Partito sito in via Bologna n°48 La Spezia, tel. 018729314.

Sabato 13/10/2012 Centro Commerciale “LECLERC” Santo Stefano di Magra dalle 09,30 alle ore 19,30 Lunedì 15/10/2012 Zona antistante il Centro Commerciale “COOP Canaletto” Via Saffi La Spezia dalle 09,30 alle ore 13,30 Martedì 16/10/2012 Mercato Migliarina Vi.le Italia intersezione Via Prosperi dalle 09,30 alle ore 13.00 Mercoledì 17/10/2012 Mercato Piazza della Repubblica Comune di Arcola dalle 09,30

alle ore 13.00 Giovedì 18/10/2012 Zona antistante Centro Commerciale “ ZARA” Piazza Beverini dalle 09,30 alle ore 13.00 Venerdì 19/10/2012 Zona antistante il Centro Commerciale “ ZARA” Piazza Beverini dalle 09,30 alle 13,00 - dalle 16.00 alle 19,00 Sabato 20/ 10/2012 Zona antistante il Centro Commerciale “Esselunga “ C.so Nazionale dalle 09,30 alle ore 13.30


Venerdì 12 Ottobre 2012

Cronaca4

8

Managerialità e meritocrazia oggi più che mai indispensabili

Marino Tomà (Api): «Cultura “Bene indisponibile”»

«E’ sicuramente un momento di profondo travaglio e di cambiamento per la cultura nella nostra città. Le mutate condizioni sociali, le nuove possibilità offerte dal turismo e la crisi economica sono fattori determinanti per i nuovi scenari in divenire. La cultura come motore di sviluppo e forza di cambiamento sociale è sicuramente uno slogan molto accattivanti ma nella sostanza quale è la situazione reale? Innanzitutto proviamo a chiederci se chi opera nella cultura oggi ha tutte le qualità e i titoli per farlo o se invece arriva a ruoli dirigenziali, quali direzioni artistiche o consulenze solo ed esclusivamente attraverso meccanismi politici di nessun contenuto meritocratico, e qui credo l’argomento sia di stretta attualità. In seconda analisi possiamo osservare che nelle passate amministrazioni quasi mai i risultati in termini economici delle stagioni teatrali programmate o degli eventi culturali in essere hanno contribuito alla conferma o meno dei soggetti preposti alle scelte culturali, assistendo in passato a buchi di bilancio nella cultura ma riconferme di chi ha avuto responsabilità senza neanche metterne in discussione l’operato. Oggi non possiamo più permetterci questo, e dunque chi ha responsabilità decisionali nel campo culturale deve avere ben presente l’aspetto economico e la redditività del comparto attraverso azioni di marketing territoriale volte a portare introiti e non a consumare risorse solo a fini propagandistici. Vi è stato a mio avviso inoltre un cattivo uso del territorio in rapporto a locazioni di prestigio quali piazze, scenari naturali e palazzi nobiliari, (per quello che ne possiamo avere) con una scarsa capacità di leggere il ter-

ritorio nelle sue eccellenze storiche e per converso abbiamo visto proliferare segni e simboli indicatori di un riformismo culturale fin troppo spinto e legato probabilmente a concetti localistici. Si nota inoltre una scarsa capacità di attrarre risorse economiche in relazione ai notevoli finanziamenti e bandi in seno alla comunità europea attraverso professionalità alte, e che che in città sicuramente abbiamo e alle quale credo si debba attingere indipendentemente dal fatto che esse partecipino o meno alla vita politica o siano parte di associazioni più o meno schierate. Persone che abbiano la capacità di capire che eccellenze come il teatro Trianon, hanno un valore inestimabile in quanto rappresentano la vera identità della nostra città, e che li si deve investire acquisendolo alla comunità e rendendolo un contenitore prestigioso come pochi nel nostro territorio. Ma un altra importante considerazione riguarda l’aspetto dell’ingresso dei privati nel mondo della cultura con sponsorizzazioni a tutti i livelli, e che si abbia il coraggio di premiare direttamente chi contribuisce in maniera sensibile al buon esito dell’evento culturale. Arrivare addirittura a dare una visibilità diretta all’imprenditore, o all’azienda che decide di metterci la faccia e di conseguenza al suo prodotto indipendentemente dal’ orientamento politico. In seno a questa considerazione possiamo poi pensare per quello che riguarda i grandi eventi la possibilità di creare bandi di gara internazionali offendo i nostri prestigiosi siti provinciali quali contenitori filologici, nonché l’apporto logistico, ma privilegiando quelle offerte che abbiano come requisito fondamentale la formazione residenziale di eccellenze, quali master class, aggiornamenti e il tutto funzionale a crediti formativi che diano reali possibilità di crescita alla cultura della nostra provincia. Rileviamo inoltre storicamente la presenza per decenni di personalità monocratiche che nella cultura hanno segnato percorsi assolutamente a senso unico senza tenere in minimo conto appunto il territorio stesso, enti burocratici gestiti in modo politico nel quale i curriculum artistici erano inutili e un rapporto con le radici e la storia locale direi abbastanza tiepido o demanda-

to a realtà elitaristiche. E infine il rapporto con il mondo militare sempre conflittuale anche li non sempre visto di buon occhio e non complementare allo sviluppo della città in senso culturale, anche se ultimamente i segnali che vengono dal festival della marineria sono molto incoraggianti e denotano un cambiamento di rotta sostanziale e una sinergia che già rodata potrà dare io credo risultati veramente eclatanti a livello internazionale per entrambe le parti. Come uscirne dunque da questa situazione e quali proposte concrete formulare? A mio avviso possibile a patto che si intenda usare professionalità alte, chiamando manager culturali che non abbiano rapporti con la politica ma con il mondo economico e gestionale della cultura. Con addendi nei media nazionali e privi di ogni forma di ideologia se non quella del risultato. Ovviamente con compensi commisurati e comunque sempre direttamente legati ai proventi del comparto, con contratti ad alta professionalità previsti dal codice civile e che incentivino il fare produzione innovativa, sinergie con altri teatri, coproduzioni ecc ecc. Slegati da logiche di agenzie e scelti in base al merito a non alla raccomandazione. Persone che sanno benissimo per esempio che in un museo bisogna fare marketing e costruire percorsi addirittura anche gastronomici, come fanno in Francia, ed oltre per attrarre le persone e non raccontare di essere tutti molto intelligenti ma poi che le persone non vanno a visitarli. Dobbiamo pensare ai musei che dovrebbero attuare politiche nuove quali appunto l’apertura di punti di ristorazione al loro interno, la messa a sistema del prodotto gadget, la fruizione a pagamento di sale conferenze di alto prestigio, come appunto le sale museali, la possibilità, previa bigliettazione di effettuare al loro interni spettacoli musicali inerenti ovviamente al contesto filologico nel quale sono inseriti, l’affitto di sale di pregio per cerimonie pubbliche e quant’altro possa avere un aspetto economicamente interessante per l’amministrazione pubblica. Il tutto naturalmente in sinergia con le istituzioni tutte del territorio e in particolar modo con il conservatorio cittadino, luogo

principe della cultura in una comunità. Al riguardo notiamo con piacere che ora sotto la direzione dal maestro Giuseppe Bruno uomo della cultura internazionale il nostro conservatorio cittadino, luogo di eccellenza dalle grandi possibilità di sviluppo, ha ritrovato nuova linfa nuova vita e da esso ci attendiamo sicuramente risultati eclatanti. Coinvolgere dunque tutte le forze locali ma indirizzarle verso una ricerca del risultato globale e non di ogni singola parrocchia più o meno vocata alla ricerca della visibilità personale. E poi una ricerca e una cura nell’arredo urbano e nella identità delle piazze che sono i primi contenitori culturali della città ma che devono essere decorose e non imbrattate da ogni sorta di graffito o frequentate da varie e bizzose etnie che le trasformano molto spesso in luoghi di servizio igienico. Le persone da sempre si sono riunite nelle piazze, ma per ritrovare se stesse, la loro identità, le loro radici e sopratutto la loro storia e i propri simboli culturali. Mi auguro che in momenti socialmente difficili come questo almeno intorno a questi argomenti si depongano le armi della propaganda e si adotti il buonsenso nella ricerca di quel idea di futuro legato al passato senza il quale non credo sia possibile andare da nessuna parte. Non ha mai visto vivere un albero senza radici, e le radici devono essere molto profonde e solo cosi si può prendere linfa dalla storia che nutre ed ammaestra e da la conoscenza. Sono comunque certo che questa amministrazione saprà coraggiosamente invertire i trend negativi ed affrontare questa sfida a viso aperto senza pregiudizi e guardando ai risultati sia in termini valoriali che di sviluppo. Il nuovo assessore Diego del Prato è sicuramente persona di grande preparazione e di qualità provenendo non a caso dalla più prestigiosa accademia cittadina in qualità di segretario di essa. Persona giovane moderna con una visione sicura e con chiare idee, siamo certi saprà portare finalmente la cultura di questa città al rango più elevato facendola uscire dalle secche politiche che per decenni hanno fatto di essa una cenerentola immeritata.»


Venerdì 12 Ottobre 2012

Cronaca4

9

Iscritti al Partito Democratico e semplici simpatizzanti sostengono la candidatura di Bersani

Costituito il comitato Bersani nei quartieri del Canaletto e Ruffino Ad unire i militanti del PD e un pezzo importante di società civile dei due quartieri del Levante, l’idea che Bersani possa essere la persona giusta per guidare il Paese. La serietà con cui ha affrontato la fase di transizione, che ha permesso all’Italia di riacquistare credibilità internazionale evitando i disastri prodotti dal governo Berlusconi, e la capacità di porre il Partito Democratico al centro di un’alleanza che possa

governare il Paese e ridare speranza agli italiani, saranno i temi che il neonato comitato cercherà, già a partire dalle prossime settimane, di socializzare con i cittadini dei quartieri. Previsti dunque incontri e iniziative a cui tutti saranno invitati a partecipare per portare il proprio contributo di idee. Fanno parte del comitato: Pannone Massimo, Galli Carlo,

Rossi Luca, Mancini Aldo, Costa Giancarlo, Maioli Alberto, Casella Cristina, Cento Andrea, Cavallari Ornella, Biancheri Fabio, Piras Katia, Però Pasquale, Priano Patrizia, Pannone Alessandra, Esposito Raffaela, Coppola Giovanni, Ambrosini Giovanni, Baio Carmela, La Puma Mino, Ghio Rossella, Acerbi Stefano, Roffo Patrizia, Cammisa Loredana, Tanga Ilaria, Gagliardi Riccardo Corso Pina, Obici Giulio, Paolo Dini, Gianni Casali, Stefano Be-

nedetti, Gabriele Zani, Francesca Casavecchia, Mirella Chierici, Fabrizio Vatteroni, Valentina Marchetti, Franco Dell’Omodarme, Simone Mencarelli, Roberto Venturini, Elena Benedetti, Gianni Venturini, Stefano Baudi, Marco Stamegna, Andrea Montefiori, Guglielmo Bertani, Daniela Pinoschi, Paola Cariola, Matteo Casavecchia, Perli Silvano, Bertieri Arcangelo, Valerio Corradini, Roberto Canale.

Sostegno della candidatura di Pier Luigi Bersani alle elezioni Primarie che si terrano il 25 Novembre

Comitato Bersani al Favaro Presso il Circolo PD “3 Febbraio” (Favaro, Pieve, Montepertico, Felettino, Isola) si è costituito il comitato a sostegno della candidatura di Pier Luigi Bersani alle elezioni Primarie che si terrano il 25 Novembre. Il Comitato sostiene il Segretario Nazionale del PD perché ritiene che sia la persona più adatta alla prossima sfida: quella di governare un Paese in estrema difficoltà e fragilità. Solo una figura autorevole e competente come Bersani saprà affrontare questo compito. Solo attraverso le sue idee il sostegno all’economia reale tornerà al centro dell’azione di Governo, il lavoro rivestirà un ruolo di dignità per la persona e l’Italia potrà contribuire alla costruzione di un’Europa più unita dal punto di vista ecomico e politico. Fanno parte del Comitato, per ora, 150 persone: Alessandro Alberti, Giampiero Albertini , Gianluca Albertini, Yvonne Amadi, Luisa Ambrosi, Enzo Andreani, Adelmo Angeloni, Luisa Avocadi, Gianni Bacchione, Adolfo Baldacci, Chiara Baldacci, Francesco Baldacci, Claudia Barone, Marta Barrios, Luciano Bettocchi, Luigi Bettocchi, Renzo Bonamini, Rosa Bonati, Graziella Bondi, Stefania Bonelli, Guido Bongiovanni, Sonia Bongiovanni, Anita Bongiovanni, Milvia Bonuccelli, Carla Bortoli, Pietro

Rossi, Roberto Rossi, Ernestina Sanguinetti, Luciano Sommovigo, Lino Stratta, Anna Maria Stretti, Michele Junior Toccafondo, Michele Toccafondo, Vilma Tomasini, Luigi Toncelli, Rina Tonelli, Franca Toracca, Irma Toracca, Ivana Vannini, Iole Vasoli, Mauro Vesigna, Rosalba Vesigna, Alessio Vespucci, Michele Ville, Franco Vivaldi, Antonio Zanin e Marco Raffaelli (Segretario del Circolo) Bruzzone, Renzo Cappetta, Luigi Caputo, Paola Cardillo, Adolfo Carnieri, Roberta Carozzo, Paola Carozzo, Rosanna Carozzo, Umberto Cattani, Viviana Cattani, Vittorina Cavalli, Sergio Cecchini, Sandra Chiappini, Rosanna Cioli, Daniela Cioli, Sergio Cioli, Giuseppe Ciriaco, Paola Colombo, Franco Cozzani, Liliana Cuffini, Rosa Dati, Renato Daveti, Manuela De Ferrari, Gabriella Delighieri, Giampiero Desogus, Manuel Desogus, Maria Grazia Di Rosa, Giorgio D’Imporzano, Marco Dini, Dario Dolcelli, Stefano Dolcelli, Ilio Donati, Emilio Falchetti, Maria Fantozzi, Tobia Ferraresi, Nello Ferrari, Donatella Ferrari, Alberto Ferrero, Giuliana Foce, Giuliana Fossati, Vincenzo Gamba, Giovanna Gazzoli, Giovanni Ghetti, Paola Ghetti, Marco Ghetti, Dino Giacchè, Antonella Grandi, Giovanna Grando, Giuliana Grando, Iuri Grassi, Vainer Gravati, Luciano

Guerrini, Gianluca Ilari, Ferruccio Incerti, Fausto Laneri, Luca Libori, Diana Libri, Iris Lombardi, Daniele Lombardo, Fabio Lombardo, Irio Lorè, Veruska Lorè, Saura Lucchetti, Valeria Maccione, Benito Maccione, Maria Magi, Lucio Malatesta, Simonetta Malatesta, Virginia Maneschi, Massimo Maneschi, Dario Maracci, Omero Maranca, Milda Meneghini, Giovanni Merino, Silvano Miaschi, Luca Moriconi, Sara Moriconi, Sandra Nardini, Mario Nicolini, Anna Novelli, Maria Bianca Nuti, Giampiero Olmi, Maria Grazia Olmi, Federica Paita, Franca Paita, Sandro Palla, Cinzia Panada, Aldo Pelizza, Federico Pennini, Sabrina Piconcelli, Andrea Pretoni, Paola Pretoni, Antonio Primavori, Ambra Raffaelli, Ulderico Raffaelli, Emilia Rao, Elisabetta Ratti, Antonella Reboa, Maurizio Reboa, Anna Ricco, Giorgio Righi, Aidi Roscelli, Paolo Rosellini, Isola

Iniziativa La Spezia per Bersani con A. Orlando e M. Gotor Venerdì 12 ottobre alle ore 17.30 c/o il Centro Allende alla Spezia si terrà l’iniziativa “Per un’Italia più giusta”, la prima della campagna elettorale a sostegno di Bersani alle primarie di coalizione di centrosinistra del prossimo 25 novembre. All’incontro, organizzato dal Comitato per Bersani della Spezia, parteciperanno l’on. Andrea Orlando e il prof. Miguel Gotor. La cittadinanza è invitata a partecipare.


Venerdì 12 Ottobre 2012

Cronaca4

10

La nave sarà visitabile durante le giornate di sabato e domenica

Nave Scuola Palinuro torna a casa dopo Campagna estiva

nuro, al comando del Capitano di Fregata Mauro Panarello, ha un equipaggio fisso di circa 90 persone, a cui si aggiungono gli Allievi Sottufficiali.

Dopo circa quattro mesi la Nave Scuola Palinuro della Marina Militare rientra a La Spezia. Salpata il 21giugno ha navigato in Mar Mediterraneo per tutta l’estate, impegnata nella Campagna Addestrativa degli allievi Marescialli della Scuola Sottufficiali di Taranto e nella promozione dell’immagine, in Italia e all’estero, delle tradizioni della Marina. Con a bordo 72 allievi marescialli la nave ha visitato I porti di Messina, Spalato, Chioggia, Civitavecchia, Marsiglia ed Olbia, percorrendo più di 3500 miglia nautiche. Durante la campagna il Palinuro è stato meta di numerosi ospiti, quasi 9000 che si sono messi in fila per visitare lo splendido veliero. In questo momento la nave si trova in navigazione, è partita da Taranto domenica scorsa con a bordo un gruppo di 25 ragazzi, soci dei gruppi ANMI, STAI e Lega Navale che partecipano alla navigazione di rientro per

imparare ad “andar per mare”. Nave Palinuro ormeggerà al Molo Italia di La Spezia durante il fine settimana per prendere parte ad una manifestazione organizzata dall’Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale. Il Palinuro è una nave goletta, impostata nel 1933 presso i cantieri di Nantes in Francia come unità privata denominata “Commandant Louis Richard”, impiegata come nave da trasporto e da pesca, nel 1950 venne acquistata dalla Marina Militare che la sottopose a lavori di adattamento per trasformarla in Nave Scuola. I lavori furono portati a termine presso l’Arsenale della Spezia. La nave, ribattezzata “Palinuro” entrò quindi in servizio il 16 luglio 1955 e, da allora, svolge un ruolo fondamentale in favore della formazione velico-marinaresca degli allievi Sottufficiali della Forza Armata. Con una lunghezza fuori tutto che sfiora i 70 metri, Nave Palinuro è armata con

tre alberi e bompresso, per una superficie velica complessiva di circa 1000 mq.: l’albero di trinchetto è a vele quadre, quelli di maestra e mezzana sono a vele auriche mentre il bompresso è armato con i fiocchi. Nave Pali-

La nave sarà visitabile durante le giornate di sabato e domenica per permettere alla popolazione di ammirare da vicino questo gioiello affidato alle amorevoli cure della Marina Militare. La Nave sarà visitabile sabato 13 dalle ore 11.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00 e domenica 14 dalle 09.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00. Prossima al suo 80° anniversario la Nave mantiene un ruolo protagonista nel panorama delle navi scuola europee e non manca mai di suscitare orgoglio e commozione in quanti hanno avuto l’onore di prendere parte alla sua storia.

Incontri e convegni sulla nave scuola “Palinuro”

Prevenzione a gonfie vele

Sabato 13 e domenica 14 ottobre al Molo Italia, sulla nave scuola “Palinuro” manifestazione organizzata dall’Associazione per la prevenzione dell’ictus. Sabato 13 visita alla nave e incontri sulla prevenzione cardiovascolare aperti alla popolazione, orari 11-13 e 15-18. Domenica 14 celebrazione della giornata mondiale dell’ictus. “Conosci i tuoi fattori di rischio, difendi il tuo cervello”.

Dalle ore 9 alle 13 visita alla nave e stand sanitario per controlli fattori di rischio (colesterolo tot e HDL, glicemia, pressione arteriosa, ecocolordoppler, girovita, altezza-peso, etc) con medici, personale di Neurologia e volontari. Alle ore 15 convegno “Cuore, Vasi e Cervello: come prevenire l’ictus”. A seguire visita della nave.


Venerdì 12 Ottobre 2012

Cronaca4

11

Consegnate in Comune dal Comitato Vallesanta

Seicento firme contro il waterfront di Levanto condo lotto del waterfront, “al fine di consentire un esame più approfondito di un’opera così importante per il territorio e per la comunità di Levanto, sia dal punto di vista urbanistico che da quello economico e finanziario”. Il Comitato rileva poi come il progetto, peraltro lacunoso, sia privo di VIA (Valutazione d’impatto ambientale) e di VAS (Valutazione ambientale strategica) obbligatorie per legge.

Il Comitato Vallesanta ha consegnato e protocollato questa mattina presso il Comune di Levanto una “Lettera aperta al Sindaco e al Consiglio comunale di Levanto” accompagnata da quasi 600 firme di cittadini che chiedono di sospendere il progetto relativo al “secondo lotto” del waterfront nel paese rivierasco, che prevede 62 parcheggi

a rotazione e 117 box privati nell’ex viadotto ferroviario e che, di fatto, porterebbe le auto in riva al mare. A darne annuncio è il Comitato Vallesanta, che anche per questa sua iniziativa ha l’appoggio di FAI LiguriaFondo Ambiente Italiano, Italia Nostra e Legambiente Liguria: le tre associazioni infatti condividono pienamente le posizioni

del Comitato che chiede uno stop al progetto e un confronto con cittadini e operatori economici. Le firme raccolte – di residenti, di proprietari di seconde case e di turisti – sono in calce a una lettera dove si chiede la sospensione del Progetto Urbanistico Operativo (PUO) relativo al se-

Il Comitato Vallesanta, ancora una volta, rileva l’assoluta mancanza di sensibilità da parte dell’amministrazione comunale verso le istanze dei cittadini e degli operatori economici locali: per domani sera, venerdì 12 ottobre, è stato infatti convocato un consiglio comunale per la continuazione dell’iter approvativo del progetto, senza che ancora siano stati resi noti i risultati economici e lo stato dei lavori relativi al 1° lotto gestiti dalla società di scopo a maggioranza pubblica “Levanto Waterfront Srl”.

levanto. Grande successo per il mercatino dei prodotti agricoli

Quarto appuntamento con il mercatino dei prodotti “a chilometri zero” Quarto appuntamento, domenica 14 ottobre, dalle 8.00 alle 13.00, in piazza della Loggia medievale, a Levanto, per il mercatino dei prodotti agricoli a chilometro zero, un’iniziativa in programma la seconda e la quarta domenica del mese da maggio ad ottobre, varata dal Comune per promuovere la

vendita diretta tra produttore e consumatore, accorciare la filiera con conseguente contenimento dei costi connessi ai vari passaggi delle merci, stimolare l’attività agricola anche come presidio del territorio e pubblicizzare le tipicità delle aziende locali e, più in generale, dell’intera provincia spezzina. La ma-

nifestazione sembra essere partita col piede giusto. I produttori si sono mostrati soddisfatti sia dell’iniziativa che del buon flusso di visitatori che, complici le giornate ancora estive e la presenza in paese di turisti, non hanno perso l’occasione per curiosare tra gli stand, chie-

dere informazioni direttamente ai produttori (tre di Levanto, sei della Val di Vara ed uno di Castelnuovo Magra) e naturalmente acquistare le tipicità (anche provenienti dall’agricoltura biologica) del territorio rivierasco e dell’entroterra.


Venerdì 12 Ottobre 2012

Cronaca4

12

Possibile la prenotazione di Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca e InterCity Notte

Trenitalia. Orario invernale: già prenotabili un terzo dei treni in circolazione dal 9 dicembre Si sono aperte oggi le prenotazioni per 114 treni a media e lunga percorrenza in circolazione dal prossimo 9 dicembre, da quando entrerà in vigore il nuovo orario invernale 2012 2013 di Trenitalia. È quindi già possibile programmare i propri viaggi di fine anno e acquistare il biglietto di 62 Frecciarossa, 28 Frecciargento, 22 Frecciabianca e 2 InterCity

Notte. Tutti insieme, questi treni costituiscono poco meno di un terzo (29%) dell’offerta nazionale prevista dal nuovo orario. Nelle prossime settimane in coincidenza con la progressiva definizione della nuova programmazione con i committenti pubblici (Ministero dei Trasporti e Regioni), altre corse saranno inserite nei sistemi di vendita di Trenitalia e potranno essere quindi prenotate.

Domenica 14 ottobre 2012 alle ore 10,30 a palazzo civico

Gemellaggio Avis Comunale La Spezia e Avis Comunale di Genzano di Roma Le Avis Comunali della Spezia e Genzano di Roma al fine di mantenere ed ampliare le amicizie tra le due comunità e di promuovere continui scambi culturali, rafforzano il loro Gemellaggio avvenuto il 27 novembre 2011 a Genzano di Roma. Alla Spezia i volontari di entrambe le Avis allestiranno per l’occasione un tappeto floreale di 70 mq in onore della celebre infiorata della città di Genzano. Il tappeto sarà composto dai petali di 16.000 garofani che i volontari “spiluccheranno” (così si chiama l’operazione) e divideranno per colore prima della posa. AVIS invita tutti i cittadini ad assistere alla creazione dell’opera floreale che a partire 15,30 sarà realizzata in Corso

Cavour sotto le “vele” di Piazza del Mercato; presumibilmente l’opera sarà terminata attorno alle ore 23.00. Alle ore 18,30 verrà inoltre presentato il cortometraggio sulla promozione al dono “Tu intanto scegli” promosso e finanziato dal Centro di Servizio “Vivere Insieme” per AVIS girato nella splendida location di Tellaro. Domenica 14 ottobre 2012 alle ore 10,30 si terrà la cerimonia del Gemellaggio presso il Palazzo Civico alla presenza del Sindaco della Spezia Massimo Federici e del Sindaco di Genzano di Roma Flavio Gabbarini e dei presidenti delle Avis Mauro Danè (La Spezia) e Gloria Lanciotti (Genzano) e dei Dirigenti e Volontari delle due strutture Associativa.

La nuova sede della Cisl Ex Area Ip traversa di Via Fontevivo Edificio Sub. 8


Venerdì 12 Ottobre 2012

Cronaca4

13

Sabato 20 alle ore 16 a cura di Francesco Vaccarone

Workshop per bambini in Fondazione Carispezia Sabato 20 ottobre, alle ore 16.00, nell’ambito delle iniziative della Biblioteca della Fondazione Cassa di Risparmio della Spezia, si terrà il workshop per bambini “Impressioni di carta”, curato dal pittore Francesco Vaccarone, in collaborazione con ARTEmisia Servizi Culturali S.c.r.l. Durante il laboratorio, che si terrà nella sede della Fondazione (via Domenico Chiodo, 36 - La Spezia), i bambini guidati dall’artista spezzino costruiranno un piccolo libro sul quale interverranno utilizzando differenti tecniche artistiche per rappresentare le immagini evocate dalle suggestive poesie giapponesi haiku, che traggono la loro forza dalle suggestioni della natura e dalle stagioni. Il laboratorio si inserisce nell’ini-

ziativa “Atelier sul libro” promossa della Biblioteca della Fondazione, che ha lo scopo di promuovere fra i più piccoli il piacere della lettura e il suggestivo legame tra la lettera e l’immagine attraverso la sperimentazione di diverse tecniche artistiche. Hanno partecipato agli atelier che si sono svolti nei mesi passati il pittore Nicola Perucca, con un focus sull’alfabeto, e l’illustratore e visual designer Maurizio Loi per i libri popup. Il workshop con Francesco Vaccarone è gratuito e aperto a bambini dai 6 ai 12 anni. La prenotazione è obbligatoria. Per informazioni e prenotazioni: 0187 772339 - 393 8868106 oppure artemisia.didattica@ gmail.com.

Presentati due libri dall’Associazione Mediterraneo

Dono e Speciale sul declino italiano Il confronto promosso dall’Associazione Culturale al CAMeC sul tema “Il declino dell’Italia e le chiavi per uscirne” ha suscitato una discussione di grande interesse. I protagonisti sono stati, insieme ai cittadini presenti e al Presidente dell’Associazione Giorgio Pagano che ha introdotto i lavori, il sociologo Carlo Donolo, che ha presentato il suo libro “L’arte di governare. Processi e transizioni”, e il Presidente del Centro in Europa Roberto Speciale, autore di “In attesa di una veronica”. Comune ai due autori l’analisi del declino italiano: un Paese più povero, meno coeso dal punto di vista sociale e territoriale, incapace di offrire opportunità ai giovani, con minor peso internazionale e istituzioni poco credibili. La crisi, hanno spiegato Donolo e Speciale, non è solo politica e istituzionale, e nemmeno solo economica:

è una crisi della società e della cultura. Per questo -hanno aggiunto- il riscatto è difficile. Eppure non mancano le proposte per avviare una fase nuova: sviluppo sostenibile, società della conoscenza, beni comuni, lotta alle diseguaglianze sociali, superamento della subalternità della politica all’economia e a chi controlla il denaro, partecipazione e coinvolgimento della cittadinanza attiva per arricchire la democrazia rappresentati-

va, costruzione degli Stati Uniti d’Europa. Manca ancora, però, il soggetto capace di incarnare queste proposte e di delineare una meta per il Paese. I relatori hanno convenuto sull’insufficienza dei movimenti collettivi e delle minoranze attive, ma anche dei partiti attuali. Sollecitati da Alice, neolaureata venticinquenne che ha esortato alla responsabilità e all’impegno, Donolo e Speciale hanno convenuto che

il riscatto potrà esserci solo se cresceranno gli impulsi dalla società verso la politica e le istituzioni, e solo se queste sapranno a loro volta cambiare e dare impulsi alla società. L’impegno per il cambiamento da parte dei giovani sia nei movimenti sociali che nei partiti, ha concluso Pagano, è la leva essenziale perché, contro i populismi e la tecnocrazia, la politica democratica rialzi la testa


Venerdì 12 Ottobre 2012

Cronaca4

14

Accolti dal prof. Bertolucci, Direttore scientifico del CERN

Al Cern di Ginevra 50 iscritti all’Università Popolare della Spezia L’inaugurazione dell’Anno Accademico 2012-2013, dedicata al Centenario della morte di Giovanni Pascoli, si terrà VENERDì 12 OTTOBRE alle ore 16.30 presso Sala Dante. Il Presidente dell’Università Popolare prof. Lorenzo Vincenzi introdurrà la Conferenza ‘1912-2012 Pascoli innovatore’, che sarà tenuta dal Professore Alberto Bertoni dell’Università degli Studi di Bologna. L’evento si concluderà con il concerto del maestro Giuseppe Bruno, Direttore del Conservatorio di musica ‘Giacomo Puccini’ che presenterà un programma con alcune melodie su versi di Giovanni Pascoli per canto e pianoforte. Un’esperienza veramente unica per i 50 iscritti all’Università Popolare della Spezia che si sono recati nei giorni scorsi al Cern di Ginevra: sono stati accolti dal prof. Bertolucci, Direttore scientifico del CERN che ha illustrato questa realtà straordinaria, un modello di collaborazione internazionale, che riunisce 7000 scienziati provenienti da più di 80 paesi. Un’occasione di conoscenza come le tante proposte in questi anni, alle centinaia di persone che hanno seguito i vari corsi, con grande interesse e motivazione. L’offerta formativa

dell’ Università Popolare della Spezia, fondata nel 1902 e ricostituita nel 1999, è molto vasta, spazia dalla psicologia, alla storia, alla fisica e alla letteratura, senza trascurare l’acquisizione o l’affinamento di competenze creative, dalla musica alla pittura. Le attività si concretizzano in corsi teorici, laboratori pratici, conferenze aperte a tutti, gite culturali con visita a mostre itineranti, musei, rappresentazioni operistiche ed infine con il programma ‘Camminiamo insieme’ decine di escursioni per conoscere il territorio ed apprezzarne il patrimonio naturalistico.

A partire da sabato 13 ottobre, fino a giovedì 1 novembre

A Le Terrazze i piaceri enogastronomici liguri L’apertura degli stand è prevista per sabato alle ore 15:00 e tutti i visitatori potranno degustare ed acquistare i prodotti liguri presso Ipercoop. A seguire, alle ore 18:00, sarà la volta del primo appuntamento “Incontro con L’Esperto - Il Vino, un viaggio di scoperte”. Il giornalista enogastronomico Salvatore Marchese illustrerà le proprietà e la lavorazione dei

vini liguri. Un viaggio a cui seguirà una degustazione di vino a cura di Enoteca Regionale della Liguria e sommelier AIS. Domenica 14 ottobre, alle ore 18:00, sarà la volta di “Aperitivo Ligure”, il primo di quattro incontri in cui selezionati esperti dell’Associazione Italiana Sommelier Liguria proporranno degustazioni gratuite dei vini della Provincia della Spezia.


Venerdì 12 Ottobre 2012

Cronaca4

15

Inaugurazione prevista per sabato 13 ottobre presso il Museo del Sigillo

Inaugura la mostra “Segni e identità gioielli contemporanei” di Anna Fornari Al Museo del Sigillo della Spezia sarà inaugurata sabato 13 ottobre, alle ore 17.00, la mostra “Segni e identità – gioielli contemporanei” di Anna Fornari, orafo-artista di Perugia che si è ispirata alle matrici della collezione Lilian ed Euro Capellini. Dopo un lungo periodo di formazione in oreficeria a Firenze, l’artista ha avviato importanti collaborazioni con gallerie e musei, arrivando a considerare il gioiello non solo un’espressione della tradizione, ma esso stesso manifestazione d’arte. E’ stata presentata alla rassegna Sculpture Object and Functional Art (S.O.F.A.) di New York ed ha esposto in importanti musei tra i quali il Museo d’Arte Moderna di Trieste, il Museo Archeologico di Anzio, i Musei delle Arti Decorative di Torino e di Berlino, l’Antiquarium Comunale di Corciano (Perugia), il Museo Nazionale d’Arte Orientale di Roma, il Castello Sforzesco di Milano, il Landesmuseum di Zurigo e, recentemente, l’Oratorio di san Rocco di Padova. Uno dei suoi gioielli-sigillo è presente nelle collezioni del Museo degli Argenti di Firenze. Apparsa su periodici specializzati in arte e design (Vogue gioielli, AD, GZ.Art), è tra i protagonisti del Garbage Pin Project, ideato dalla designer Ana Cardim, che la porta in mostra a Berlino, Barcellona, Los Angeles, Anversa e Riga.

I meccanismi più antichi della matrice e dell’impronta, del gioco tra vuoto e pieno, luce e ombra, specchio e riflesso, sono qui rielaborati in creazioni definite dalla mancanza assoluta di un dritto e di un rovescio prestabiliti, ruotanti attorno ad un asse ideale, dimensione che tende verso un infinito in continua trasformazione.

La collaborazione tra Anna Fornari e il Museo dell’Istituzione per i Servizi Culturali è nata nel 2002 a seguito delle ricerche dell’artista sulla datazione e il significato di alcune delle matrici di vetro destinate a comporre i suoi gioielli; affascinata dal mondo dei sigilli, l’artista ha indagato a lungo sul significato dei “segni” rappresentativi delle evoluzioni simboliche che hanno formato, nei millenni, l’impalca-

tura delle relazioni sociali. L’accostamento tra i gioielli di Anna Fornari e gli esemplari della raccolta Capellini vuole proporre un incontro approfondito tra storia, arte contemporanea e sistemi di comunicazione universali partendo dalla conoscenza della nascita e dell’evoluzione della matrice sigillare, massimo strumento di affermazione dell’identità (quasi un alter ego) del proprietario.

La mostra, a cura di Anna Rozzi Mazza, rimarrà aperta sino al 3 febbraio e sarà affiancata da quattro incontri con proiezioni sull’arte del sigillo che si svolgeranno a cadenza settimanale dal 9 novembre; il primo sarà dedicato alla tradizione millenaria dei sigilli-gioiello con presentazione di esemplari databili dall’antico Egitto all’età vittoriana, il secondo si ispirerà ai sigilli creati dalla maison Fabergé, presenti nella collezione del Museo, per approfondire le conoscenze sulla cultura e i personaggi che hanno portato alla realizzazione di raffinati capolavori di oreficeria, il terzo incontro avrà come argomento il maestro francese René Lalique, creatore di sigilli e gioielli per Sarah Bernhardt e Calouste Gulbenkian, il quarto vedrà dialogare direttamente con il pubblico l’artista Anna Fornari. Gli incontri, a ingresso libero, saranno tenuti dalle 17,30 presso la Palazzina delle Arti in via del Prione, 236.

Sabato 13 Ottobre 2012 ore 17.30, Circolo Culturale “Grazia Deledda”

Omaggio a Sandro Usai Reading letteral-musicale La memoria collettiva dei sardi non dimentica il suo eroe Sandro Usai, Medaglia D’Oro al Valor Civile; per rendergli omaggio e ricordare colui il quale perse la vita a Monterosso durante i soccorsi dell’alluvione del 25 ottobre dello scorso anno, il Circolo Culturale “Grazia Deledda della Spezia, di cui Sandro era

socio, ha organizzato un reading letteral-musicale per sabato 13 ottobre con inizio alle ore 17.30 nei locali del Circolo in Stradone D’Oria 102 a Migliarina. Nel corso dell’iniziativa si alterneranno la lettura di brani e poesie scritte da vari artisti proprio in memoria e omaggio

a Sandro Usai, a pezzi della musica tradizionale della Sardegna il cui contenuto prevalente è quello della solidarietà. I brani letterari saranno letti dal giornalista Enrico Colombo, responsabile Area Cultura e Società di Teleliguriasud, mentre i brani musicali saranno eseguiti dai musicisti Salvatore Nuvo-

li, Battista Nuvoli e Michele Ruiu. Durante l’iniziativa verrà proiettato il Docu-film “OLTRE IL FANGO – LA RINASCITA” di Gionata Coacci. L’iniziativa è aperta alla partecipazione di tutti coloro i quali intendono condividere il ricordo di Sandro Usai.


Venerdì 12 Ottobre 2012

Cronaca4

16

PORTOVENERE Mangia Trekking, fiera di esserci, osserva l’importante riconoscimento dell’Amministrazione Comunale di Porto Venere verso il mondo dell’Associazionismo

L’Unesco in visita a Porto Venere

Due ispettori dell’UNESCO accompagnati da dirigenti della sovraintendenza del Ministero dei Beni Ambientali e Culturali dopo una visita al Parco Nazionale delle Cinque Terre dove hanno incontrato i vertici dell’Ente Parco, si sono recati nel Parco Naturale Regionale di Porto Venere. Nei pressi del Parco di Porto Venere è stata molto apprezzata l’iniziativa dell’Amministrazione Comunale, che ha chiamato tutte le associazioni presenti sul territorio ad illustrare dirittamente agli ispettori dell’Unesco sia la situazione sul campo che quanto stanno realizzando in sinergia con l’Ente Parco sul territorio. Forse è la prima volta che un’Amministrazione Comunale conferisce un riconoscimento così alto, di stima e fiducia, alle associazioni del proprio territorio. Essere presenti a Porto Venere per presentare agli ispettori dell’Unesco il lavoro svolto da alcuni anni sull’isola Palmaria, per l’associazione Mangia Trekking, ha rappresentato un importante riconoscimento, ma soprattutto è stato un incentivo

ad operare sempre meglio. Sentimento, questo, condiviso da tutte le associazioni presenti, sempre disponibili a fare squadra per offrire un fattivo contributo ad un meraviglioso ed unico territorio, non per niente patrimonio dell’Umanità. Orgogliosi di operare per la valorizzazione della rete sentieristica sull’isola Palmaria, gli associati di Mangia Trekking, condividendo anche quanto osservato recentemente durante una visita sull’isola dall’assessore regionale al turismo ed alla

cultura Angelo Berlangieri, ritengono che questo sia uno dei siti di maggiore interesse per gli sports outdoor non competitivi, a carattere turistico ed ambientale.

realtà del territorio, le attività in ambiente, a contatto con la natura, sono un importante e crescente veicolo turistico e di valorizzazione dei territori.

Luogo fra i più ricchi di tradizioni e storia della regione Liguria, in cui il rispetto e la tutela dell’ambiente sono di fondamentale importanza per garantire ulteriori possibilità di crescita, sviluppo e preservazione delle bellezze naturali.

Uno strumento che incentiva fortemente la preservazione dell’ambiente ed il recupero dei territori, delle tradizioni e della cultura locale. Lo scopo della visita degli ispettori, è stata quella di verificare la situazione sui territori e compilare una relazione da sottoporre all’attenzione dei vertici dell’ Unesco.

E come infatti si è potuto riscontrare dall’esposizione di tutte le


Venerdì 12 Ottobre 2012

Cronaca4

17

LERICI Aperta alle associazioni, sarà inaugurata sabato 13 alle 16

Sede rinnovata del Pd di San Terenzo lo Marzia Ilari che parlerà dell’importanza della politica nella società moderna e del decisivo ruolo dei partiti nella tenuta Democratica del paese.

Sabato 13 Ottobre 2013 alle ore 16.00 il Circolo PD di San Terenzo (Via Milano 10 San Terenzo) organizza un’Assemblea pubblica a cui è invitata a partecipare tutta la cittadinanza, per presentare la “Carta di Intenti” del PD che rappresenta la cornice all’interno della quale si confronteranno in candidati alle Primarie di coalizione del centrosinistra il prossimo 25 Novembre (con eventuale secondo turno il 5 Dicembre) “Si tratta – commenta il Segretario del Circolo PD di San Terenzo Michele Fiore – di un lavoro importante perché rappresenta il “collante”, la visione comune,

che dovrà tenere insieme la coalizione di centrosinistra che si candida a governare il paese. Superata brillantemente la prova di “Democrazia interna” all’Assemblea nazionale dello scorso 6 Ottobre, siamo pronti a confrontarci con iscritti, simpatizzanti e semplici cittadini, sui contenuti della proposta programmatica del centrosinistra”. “Come dice spesso il Segretario Bersani – prosegue Fiore- è giunto il momento in cui paghi chi non ha mai pagato.” “L’obiettivo dichiarato del PD – conclude Fiore - sull’onda del

successo dei socialisti in Francia e nella speranza che accada altrettanto in Germania, è quello di costruire una piattaforma progressista Europea capace di ribaltare l’agenda del rigore fine a sé stesso e dell’austerità autodistruttiva che ha inasprito la recessione economica peggiorando le condizioni di vita delle persone, come dimostrato dagli esempi di Grecia, Irlanda, Portogallo. Vogliamo costruire finalmente l’Europa politica, proseguendo nel processo di integrazione verso gli Stati Uniti d’Europa.” L’Assemblea verrà introdotta dalla ViceCoord. Del Circo-

Alberto Andreani FOTOGRAFO

“è anche per ravvicinare le persone ai nostri Circoli, che non sono luoghi tristi, bui e fumosi – dichiara Marzia Ilari- che abbiamo deciso di dare seguito ad un impegno assunto da tempo: rendere fruibile lo spazio del nostro Circolo per le associazioni del territorio che ne facciano richiesta. Sono già un paio quelle che allo stato attuale lo utilizzano nel pieno rispetto di un luogo così significativo e dei valori che rappresenta che altro non sono se non quelli di una società più aperta, giusta ed inclusiva in cui le opportunità sono per tutti”. Interverranno all’Assemblea il Segretario Provinciale del PD Moreno Veschi ed il membro della direzione Provinciale e dell’Assemblea nazionale del PD Federico Barli. Terminato il dibattito si terrà un piccolo rinfresco per inaugurare il Circolo recentemente rinnovato grazie all’impegno dei militanti Santerenzini. Nel corso dell’iniziativa potrà essere rinnovata la tessera per l’anno 2012.

L’Amore si racconta con le immagini

matrimoni, comunioni, cresime, battesimi, compleanni, laurea, foto industriali, avvenimenti sportivi, spettacoli, sfilate, nautica La Spezia, Corso Nazionale 141 - Tel 0187.502348 Ceparana, Via Romana 87 – Tel. 0187.933710

www.fotoandreani.com


Venerdì 12 Ottobre 2012

Cronaca4

18

SARZANA Proposta del Sindaco Caleo di mettere a disposizione dell’ente parte dell’indennità di risultato

I dirigenti del Comune di Sarzana rinunciano al 15% dell’indennità di risultato Su proposta del sindaco, Massimo Caleo, hanno deciso di rinunciare al 15% dell’indennità di risultato pari più o meno a complessivi 9mila euro. Sono i dirigenti del Comune di Sarzana che hanno condiviso la decisione di mettere a disposizione dell’Amministrazione un loro personale contributo in caso di emergenze legate ad eventi eccezionali che verrà utilizzato per garantire attività ed interventi. Dunque il dottor Franco Caridi, segretario generale, la dottoressa Franca Zanella, dirigente Area 1-Servizi Interni, la dottoressa Patrizia Rossi, dirigente Area 2-Servizi Esterni,

l’ingegner Franco Talevi, dirigente Area 3-Servizi al Territorio, hanno deciso di rinunciare ad una percentuale di indennità. In conseguenza di ciò ora l’ente dovrà procedere alla modifica del contratto dei dirigenti prevedendo un’indennità massima di risultato inferiore del 15% rispetto all’attuale previsione. “è un gesto- ha detto il sindaco Caleo- che credo tutta la comunità sarzanese apprezzerà, in un momento difficile per tutti: un segnale di equità e ridistribuzione delle risorse in un bilancio comunale sempre più ristretto”.

Da lunedì prossimo il nuovo Sistema Informativo Integrato in funzione agli uffici demografici

Sarzana. Vasoli: «Presto il rilascio on-line di certificati e documenti» Per questo si chiede collaborazione e comprensione da parte dei cittadini che però, ben presto, beneficeranno del funzionalità del nuovo sistema”. “Infatti- conclude Vasoli- il nuovo sistema informatica guarda all’accesso dall’esterno dei cittadini che potranno interagire online con il Comune per ottenere certificati e documenti”.

Il nuovo Sistema Informativo Integrato che gestirà tutti i servizi del Comune di Sarzana da lunedì prossimo, 15 ottobre, sarà operativo a partire dagli uffici demografici. Saranno infatti gli sportelli di piazza Vittorio Veneto i primi a sperimentare la funzionalità e l’efficienza del sistema che, sulla base di un calendario definito verrà esteso

a tutta la macchina comunale. A questo proposito l’assessore all’informatizzazione del Comune, Giovanni Vasoli precisa: “In concomitanza con l’avvio del nuovo sistema verranno trasmigrati tutti i dati e le variazioni intervenute (cambi di residenza, trasferimenti, nascite, morti ecc…) in possesso degli uffici demografici dal vecchio al nuo-

vo software. Operazione possibile solo se svolta manualmente dagli operatori che, in questo caso specifico, trattando dati sensibili e importanti per tutta la struttura comunale, dovranno precedere con il massimo dell’attenzione. In conseguenza di ciò potrebbero anche verificarsi alcuni disagi relativi al rilascio di documenti.

Nei giorni scorsi il personale degli uffici demografici è stato formato sulla nuova piattaforma che rispetto a quella in uso cambierà profondamente dato che, con il nuovo software, lo scambio di dati ed informazioni non sarà più solo interno agli uffici anagrafici ma avverrà tramite il database centrale su cui si appoggeranno tutti gli sportelli comunali, in un costante scambio di informazioni ed aggiornamenti.


Venerdì 12 Ottobre 2012

Cronaca4

19

LIGURIA L’intervento del Presidente del URPL Marino Fiasella

Presentato a Genova il piano triennale del Turismo L’Assessore regionale Angelo Berlangieri ha presentato mercoledì a Genova il Piano triennale del Turismo, documento di programmazione che delinea le strategie di un settore che punta a diventare una fetta sempre più importante dell’economia della Liguria. “In un momento in cui c’è grande preoccupazione - ha detto Marino Fiasella durante il suo intervento in qualità di Presidente dell’URPL (Unione delle Province Liguri) - per l’economia e la tenuta del tessuto sociale soffocato dalla crisi, si prova a dire che il turismo rappresenta una speranza di rilancio. Il problema è capire come si può fare turismo senza risorse. Questo è un tema centrale visti i continui tagli operati sulle Regioni e a cascata sulle Province e sui Comuni. Credo a questo proposito che la risposta più efficace risieda nel concetto di sussidiarietà, nella capacità di costruire reti con l’associazionismo locale che ben conosce il territorio ed è in grado di mettere a sistema le bellezze identitarie che lo caratterizzano. Questo tipo di turismo che valorizza l’identità, la particolarità, gli usi e i costumi locali necessita a mio avviso di un presupposto essenziale: la difesa del suolo. Si deve andare oltre lo stop al consumo del

verde deve diventare paesaggio ed economia. Ci sono esempi da cui partire, come le già citate 5 Terre e la Valle del Biologico in cui si è creato un distretto alimentare tra i più importanti in Italia. In quei territori si sono messi a sistema l’agricoltura, la ricettività diffusa e la bellezza creando un modello turistico altamente competitivo nel contesto globale. Perché dunque non farne una caso scuola, perché non partire da quelle esperienze per investire sui territori? Non si tratta solo di creare un modello turistico che regga ma ripristinare il valore civico dell’agricoltura, scrigno prezioso di usi e costumi della nostra terra e fattore di coesione sociale essenziale che rischia di smarrirsi.

territorio, attivando politiche di tutela legate all’attività agricola. Il turismo è anche e, in un territorio come il nostro, soprattutto agricoltura. Esempio lampante sono le 5 Terre la cui notorietà nel mondo è legata alla bellezza dei paesaggi che sono il frutto del lavoro millenario dei contadini. Non solo dunque dobbia-

mo cessare il consumo del suolo ma dobbiamo altresì evitare di subirne l’abbandono. Non basta dire che la Liguria è la regione italiana con la più alta percentuale di boschi, è necessario recuperare quei boschi, mantenerli e renderli produttivi. Ogni ettaro del nostro

Credo non sia fruttuoso evocare il concetto di turismo identitario senza creare i presupposti, le fondamenta su cui basare quella fetta di economia che abbiamo l’ambizione di consolidare e potenziare. I presupposti sono rappresentati dalla permanenza delle persone sui territori, dal presidio attivo e dalla tutela delle tradizioni. Credo che senza l’agricoltura sarà difficile che questi fattori rimangano in equilibrio tra loro, credo sarà difficile fare turismo di qualità.”

L’assessore Enrico Vesco comunica che finiranno l’anno prossimo

Ripresi i lavori alla stazione Principe

Verranno completati alla fine del 2013 i lavori di ristrutturazione della stazione di Principe nell’ambito degli interventi previsti da Grandi Stazioni per il rinnovo delle stazioni ferroviarie di Genova Principe e Genova Brignole. Lo ha comunicato l’assessore regionale ai trasporti, Enrico Vesco dopo il sopralluogo effettuato alla stazione di Genova-Principe sullo stato di

avanzamento dei lavori ripresi all’inizio dell’estate. L’assessore ai trasporti della Regione Liguria, Enrico Vesco si è detto soddisfatto per l’avanzamento dell’opera di riqualificazione, dopo i rallentamenti subiti nel 2011, sia per la crisi economica che per le questioni giudiziarie che hanno colpito l’impresa appaltatrice capofi-

la dei lavori programmati. “Da quanto ho potuto verificare – ha sottolineato Vesco – i lavori nella stazione di Genova Principe sono ripresi, con il completamento delle parti tecnologiche nel sottosuolo e con la realizzazione di alcuni spazi dell’edificio adibiti ad uso commerciale”. “Quest’anno – ha continuato l’assessore – è previsto che siano completati i locali tecnici e

l’area POLFER, oltre alla nuova biglietteria all’ingresso dell’atrio principale. Mentre entro il maggio 2013 è previsto il completamento del tunnel di collegamento tra la stazione ferroviaria e quella del metrò sotto a via Andrea Doria”. L’assessore Vesco si è detto soddisfatto anche per la conclusione della vicenda relativa ai lavoratori che sono stati tutti reimpiegati.


Venerdì 12 Ottobre 2012

Cronaca4

20

LIGURIA venerdì 12 alle 17.00

Incontro in Regione con azienda, sindacati e assessori

Incontro tra Ass. Vesco, Ferrania Technologies. Ass. Vesco e Guccinelli: vertici Trenitalia e pendolari «Stop con la mobilità. L’azienda ci ripensi» Venerdì 12 ottobre alle 17.00 presso la sede della Regione Liguria di via Fieschi, 15 (Sala A) l’assessore regionale ai trasporti incontrerà i vertici di Trenitalia e le associazioni dei consumatori e dei pendolari per raccogliere eventuali richieste provenienti dagli utenti e discutere le problematiche del trasporto ferroviario regionale ligure e di media e lunga per-

correnza. Alla riunione parteciperanno, oltre all’assessore Vesco, il direttore regionale di Trenitalia, Enrico Melloni, il direttore della divisione passeggeri nazionale e internazionale dell’azienda, Gianfranco Battisti e i rappresentanti di tutte le associazioni dei pendolari e dei consumatori liguri.

“Serve una soluzione per evitare la messa in mobilità dei lavoratori di Ferrania Technologies alla scadenza della cassa integrazione in droga prevista per la fine di novembre”. Lo hanno chiesto a Ferrania gli assessori regionali allo sviluppo economico e al lavoro, Renzo Guccinelli e Enrico Vesco nel corso dell’incontro che si è svolto questa mattina in Regione alla presenza dei rappresentanti dell’azienda, degli Enti locali e delle organizzazioni sindacali. Una riunione che doveva servire a far emergere soluzioni alternative alla procedura di mobilità richiesta da Ferrania Technologies per 198 lavoratori su un totale di 230, ma che al momento non ha prodotto un risultato concreto. “La Regione – hanno chiarito gli assessori Vesco e Guccinelli – ha messo a disposizione, anche per il 2013, la cassa in deroga per evitare il ricorso al licenziamento, ma l’azienda ha manifestato una certa rigidità nel non voler accogliere questa nostra richiesta. Per questo speriamo che la proprietà faccia

le sue riflessioni e accolga la nostra proposta, in attesa della rinegoziazione dell’accordo con il Governo sulla cassa in deroga”. “Quel che vorremmo come istituzioni – continuano Vesco e Guccinelli – è evitare la chiusura definitiva della partita industriale di Ferrania Technologies. E finché continua la cassa integrazione permane anche la natura dell’azienda ed è quello che vogliamo, tenendo conto che nel frattempo si stanno facendo avanti sul territorio anche altre iniziative industriali che potrebbero agganciare i lavoratori”. Un nuovo incontro si svolgerà a fine mese per dar modo a Ferrania Technologies di esprimersi dopo una riflessione sul tema. Il prossimo 30 novembre scadono infatti i due anni di cassa integrazione straordinaria per 170 lavoratori sul totale dei 230 di Ferrania Technologies. Un periodo a cui potrebbe seguire un’ulteriore fase con la cassa in deroga che deve essere richiesta dall’azienda e garantita economicamente dalla Regione Liguria.

Incontro in Regione dei rappresentanti dei disabili con il presidente Burlando e l’assessore Montaldo

Trasporti sanitari, assessore Montaldo: «Nessun pagamento per i malati che hanno difficoltà a muoversi» Sono stati ricevuti oggi in Regione dal presidente Claudio Burlando e dall’assessore alla salute, Claudio Montaldo i rappresentanti dei disabili dopo le proteste dei giorni scorsi davanti al Salone Nautico di Genova di alcuni malati costretti a pagare il trasporto con auto medica per effettuare esami o cure. Ai rappresentanti dei disabili

l’assessore alla salute ha assicurato che tutti i disguidi verranno risolti, in modo da garantire a tutti coloro che hanno difficoltà a muoversi di accedere alle cure necessarie utilizzando gratuitamente le ambulanze. Nei giorni passati lo stesso assessore aveva inviato una lettera ai direttori generali delle ASL affinché si impegnassero direttamente per garantire il trasporto a chi

ne aveva diritto. “Le difficoltà economiche del momento – ha ribadito Montaldo – non possono infatti andare a svantaggio dei cittadini ammalati che vengono privati di un diritto. Pertanto anche se non costretti a letto immobili i disabili potranno continuare ad usufruire gratuitamente delle ambulanze, evitando ogni tipo di abuso”.


VenerdĂŹ 12 Ottobre 2012

Cronaca4

Sport

21

SPORT

Cronaca4 | Testata giornalistica iscritta al Tribunale della Spezia Registro Stampa n.2 del 24.03.06 Edizione LA SPEZIA Redazione | Piazza del Bastione Via Da Passano, 42 | La Spezia Tel. 0187.022377 Email: redazione@cronaca4.it TV-Cronaca4 | Tel. 0187.022497

Editore Marco Capellazzi editore@cronaca4.it Direttore Responsabile Rino Capellazzi Stampa in proprio

Concessionaria PubblicitĂ Cronaca4 Communication Piazza del Bastione Via Da Passano, 42 | La Spezia Direttore Mariella Brizzi Tel. 0187.022497 Cell. 347.1000826 mariella.brizzi@cronaca4.it


Venerdì 12 Ottobre 2012

Cronaca4

22

5 vittorie ed una sconfitta

Calcio. Campionati okay per il Settore giovanile della Tarros Tutte vittoriose, con l’eccezione degli Esordienti “Fair Play” del 2000 sfortunati nel debutto in campionato, le squadre del Settore giovanile della Tarros Sarzana; nello scorso weekend. Gli Allievi, vittoriosi per 4-0 nel recupero in casa della Migliarinese Cristo Re, sono già in fuga nel proprio girone come del resto la squadra A dei Giovanissimi nel loro. Per la cronaca gli Juniores Regionali hanno pareggiato per 2-2 in casa del Vallesturla. E vediamo con ordine ALLIEVI PROVINCIALI (di qualificazione alla fase regionale) Girone B ARCI PIANAZZE – TARROS SARZANA 0 - 4 ARCI PIANAZZE: Mencarelli, Gentile, Rossi, Scamardella, Alfieri, Stefanelli, Vasoli, Miscoria, Cappagli, Casadio, Mameli. All. Rotondo. TARROS SARZANA: Saloni (Tornelli), D’ Antuono (Scarnato), Bertagna (Nardi), Interlandi, Cadente, Selimi, Briselli (Mammalella), Di Vincenzo (Salvatore), Zampini, Porqueddu (De Nobili), Cenderelli (Buzzalini). All. Donno. MARCATORI: Porqueddu, Di

Vincenzo, Selimi, Buzzalini. GIOVANISSIMI PROVINCIALI (di qualificazione alla fase regionale) Girone A Tarros Sarzana B a riposo. Girone B ORTONOVO – TARROS SARZANA 1 – 4 ORTONOVO: Belloni A., Pieroni, Tinfena, Pucci (Faconti), Millanta, Massa, Lorenzini, Gerini, Bertonati, Marinari, Cupini. All. Belloni. TARROS SARZANA: Lombardi, Ceragioli, Lippi, Arfanotti, Micheloni, Borrello, Uras, Gentili, Briselli, Salvetti, Cozzani. All. Scotti. MARCATORI: Gentili, Faconti, Ceragioli e Briselli (2). ALLIEVI REGIONALI SPERIMENTALI - Girone C GENOVESE – TARROS SARZANA 1 – 3 GENOVESE: Molinari, Oreliana, Cartagenova, Esposito, Polieri, Mai, Villa, Lipani, Cerbo, Gambaro, Briozzo. All. Bellotti. TARROS SARZANA: Attori, Zuzolo, Lena (Ariani), Lesi, Baldini, Cardetti, Melluso (Koleci),

Canton, Ianniello (Rossi), Pellini (D’ Amato), De Paola. All. Bertilorenzi. MARCATORI: Melluso, Lesi, Pellini, Cerbo. GIOVANISSIMI REGIONALI SPERIMENTALI - Girone C TARROS SARZANA – GENOVESE 5 – 2 TARROS SARZANA: Bertanini, Ferrari (Prandi), D’ Aniello (Torraca), Ardigò, Caboara, Pino, Attivissimo (Gabetti), Visigali, Dido (Vegna), Cidale (Peonia), Caviglia (Terarolli). All. Bertini. GENOVESE: Araldi, Teresi, Pastorelli, Capaldini, Traverso (Andreacci), Carlone, Sanna, Cubeddu, Torino (Ivaldi), Fioridia, Parodi (Notai). All. Andreoli.

ESORDIENTI 2000 “FAIR PLAY” TARROS SARZANA – DON BOSCO SPEZIA 1 – 2 TARROS SARZANA: Rossi, Ambrosini, Braglia, Costa, Ferrrari M., Ferrari T., Vernazza, Jannate, Ricci, Tognoni, Tonelli E. Entrati: Tonelli N., Unetti, Scorcia, Argiolas, Visigalli. All. Tarasconi. DON BOSCO SPEZIA: Filippi, Speltra, Pieroni, Baldini, Venturotti, Nolé, Cagetti, Pucci, Casimano, Pesenti, Alberti. Entrati: Del Freo, Omar, Islam, Viviani. All. Savani. MARCATORI: Omar, Unetti, Cagetti.

Venerdì 12 ottobre ore 17.30 davanti al Bar Sport Limone

‘Orgoglio Spezzino’ ricorda Carlo Rossi, storico presidente Il club ORGOGLIO SPEZZINO 1988 “E. Fregoso” organizza un’iniziativa in ricordo di Carlo Rossi, fondatore del sodalizio e storico primo Presidente; “RICORDANDO CARLO” è la denominazione che i soci del club hanno ideato per ricordarlo come a lui sarebbe piaciuto... niente lacrime ma gioia ed allegria. Si svolgerà venerdì 12 otto-

bre alle ore 17 al Limone, davanti al Bar Sport Limone, alla presenza della compagna di una vita Mina e della sorella.. Verranno ricordati gli albori del gruppo, le mitiche riunioni presso il Bar Sport Limone - di cui era il fiero titolare - ed anche quelle al Circolo ARCI Molinello, le feste (come dimenticare l’inaugurazion eal mitici Fer-

deghini davanti ada oltre 400 persone) e le manifestazioni di calcetto a sfondo benefico, con i giocatori dello Spezia tra i quali ci piace ricordare Luciano Spalletti “Lucio”, come amava chiamarlo Carlo, ma anche Borgo, Stabile, Telesio, Dainese, mister Carpanesi e tutto quello splendido gruppo di guerrieri. Per non parlare delle miti-

che partite a biliardo tra i soci dell’Orgoglio ed i giocatori, Casilli e Torroni a palleggiare dentro il bar, le epiche trasferte con il Pullman e tanti altri momenti di allegria e passione per le Aquile. Al termine un brindisi e degustazione di farinata, con l’invito a partecipare a tutti i tifosi spezzini!


VenerdĂŹ 12 Ottobre 2012

Cronaca4

23

Cronaca4 di Venerdì 12 Ottobre 2012  

Cronaca4 di Venerdì 12 Ottobre 2012

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you