Issuu on Google+

Mercoledì 10 Ottobre 2012

Chiusura ore 16.40 Martedì 09.10.2012

Anno VI - N° 163

Sommario Rinnovata la sponsorizzazione per la squadra del cuore di Sarzana

Matrimonio tra Hockey Sarzana e Carispezia di Simona Pardini

PAG. 4 L’Istituto di credito tra i primi in classifica del mensile finanziario

Cariparma Crédit Agricole in vetta su Banca Finanza PAG. 5 Intervento del senatore Luigi Grillo

Evasione Fiscale Grillo (pdl): «Dovere e interesse dei Comuni a partecipare all’accertamento tributario» PAG. 6

Il commento sul match dell’Ardenza

Pdl: Giampedrone all’attacco

Livorno - Spezia 1 - 5 Manita all’Ardenza Uno Spezia spietato riporta sulla terra il Livorno di Gianluca Tinfena

PAG. 18


Mercoledì 10 Ottobre 2012

Cronaca4

2

Intervista al coordinatore del PDL spezzino

Giampedrone: «Il centrodestra riparta dai territori Grillo non ci rappresenta, basta con candidature imposte» di domenica al centro Allende. Giampedrone, domenica lei ha usato parole di fuoco contro Scandroglio..

“Berlusconi e Alfano se lo mettano in testa, non ci sono più le truppe sul territorio che fanno quello che viene deciso dall’alto”. Non potrebbe avere le idee più chiare di così Giacomo Raul Giampedrone, trentunenne coordinatore provinciale del PDL spezzino. Giampedrone è arrabbiatissimo. Protagonista da mesi di un tentativo di rinnovamento del partito a partire dal territorio, convinto assertore delle primarie per le amministrative, non ha digerito che il coordinatore regionale del partito, Michele Scandroglio, abbia chiesto ai vertici nazionali l’esclusione di Giacomo Gatti e dello stesso Giampedrone dal coordinamento regionale, al quale i due dirigenti spezzini erano stati regolarmente eletti dal congresso provinciale. Una mossa che sta tutta dentro la guerra tra aree che sta attraversando il PDL nazionale e che in Liguria vede contrapposti Scandroglio, Minasso ed il senatore spezzino Luigi Grillo contro Luigi Morgillo ed il “rais” della Riviera di Ponente, l’ex Ministro Claudio Scajola uscito acciaccato dallo scandalo dell’appartamento romano, ma deciso a rientrare da protagonista nella sena politica ed ancora potentissimo dalle parti di Imperia e Savona. Abbiamo incontrato Giampedrone per un veloce scambio di battute dopo l’assemblea degli iscritti

Certo, non accettiamo che un coordinatore regionale, non eletto da nessuno ma nominato, richieda la sostituzione mia e di Gatti, invece democraticamente eletti dal congresso, nel coordinamento regionale, solo perchè rappresentiamo una linea politica diversa dalla sua e siamo critici con la sua gestione del partito: è una vergogna. Queste sono le cose che allontanano dal partito non solo i nostri militanti, ma i nostri stessi elettori. Bisogna prendere le distanze da quelli che fanno politica per interesse, dai nominati. Figuriamoci, Scandroglio prima era scajoliano doc… Ecco, appunto, Scajola. Non è che eticamente ci sia tanta differenza tra le feste di Er Batman e la casa vista Colosseo, è solo questione di proporzioni…. E’ sicuramente malcostume, anche se devo dire che nel primo caso la procura ha fatto indagini che poi sono finite lì. La questione è politica: Scajola avrà un ruolo nel prossimo PDL e a qualcuno potrà non anche non piacere. La palla ce l’hanno in mano Alfano, che ultimamente mi sembra un segretario part time, e Berlusconi. Io non posso sentirmi rappresentato da un coordinatore che non si vuole confrontare con i coordinamenti provinciali eletti dai congressi, che ha messo in atto un tentativo di golpe bello e buono. Deve dimettersi da coordinatore regionale. E’ vero che il PDL non è mai stato un partito a dimensione territoriale, ma è ora di invertire la rotta, dare spazio ai territori ed al rinnovamento. Prendiamo il nostro caso alla Spezia: Grillo qui non ha più forza propulsiva, è in minoranza da anni. E’ assurdo pensare che lui e Scandroglio posano essere il post

Berlusconi, pensare che questi siano il nuovo; io non mi faccio certo rappresentare da loro.

Che però andavano bene anche a lei fino a poco tempo fa..

A giudicare da quello che si sta muovendo nel PDL, temo che dovrà farsene una ragione..

Quando Berlusconi aveva ancora la sua spinta propulsiva nessuno si lamentava. Adesso le cose sono cambiate e c’è una classe dirigente che non vuole vedere la realtà. Alfano ha bistrattato i giovani di Pavia (i “rottamatori” del PDL ai quali aveva aderito lo stesso Giampedrone N.d.R.), è già stato un miracolo fare i congressi ed coordinatori provinciali, ma poi non è cambiato nulla. Se cambia solo il nome, ma la struttura rimane la stessa, si continuerà a perdere consensi tra la nostra gente. Berlusconi e Alfano se lo mettano in testa, non ci sono più le truppe sul territorio che fanno supinamente quello che viene deciso dall’alto.

Allora vorrà dire che prenderò le mie decisioni. Parliamoci chiaro: il vero nodo sono le candidature per le politiche 2013. A me interessa una politica che fa il bene collettivo, dal 94 ad oggi abbiamo costruito in tutto il Paese una storia importante di dirigenti ed amministratori, molti giovani, che si sono fatti le ossa nei territori, spesso amministrando bene. Un patrimonio che va salvaguardato, rilanciato, non certo affossato. Se il nuovo PDL, o qualsiasi nome avrà, sarà solo una macchina elettorale riverniciata da un finto maquillage allora non sarà il luogo della politica che fa per me. Chi andrà a rappresentare Spezia in parlamento dovrà essere espressione del nostro territorio, non uno calato dall’altro, e neanche uno spezzino eletto in Lombardia. Ce l’ha proprio con Grillo… Assolutamente no. Dico solo che non è espressione di questo territorio, se il PDL ritiene che sia una figura imprescindibile non avrà difficoltà a trovargli una nuova collocazione e nuove responsabilità. Sembra un discorso alla Renzi.. Purtroppo, e dico purtroppo senza avere alcuna simpatia per il Sindaco di Firenze, un Renzi di centro destra non è possibile in un partito come il PDL ammalato di verticismo. C’è bisogno di un rinnovamento vero, andare oltre anche a Berlusconi, che sarà sempre il nostro padre nobile. La gente ha bisogno di stimoli nuovi. Non si può ricostruire un nuovo centro destra nel paese con quelli che lo hanno guidato sino ad oggi.

Perché allora non si candida lei per le prossime politiche? Auto candidarmi non è cero il mio stile. Accetterei solo se la mia candidatura fosse espressione del coordinamento provinciale. Ma bisognerà vedere se i coordinamenti avranno valore o se un’altra volta le candidature saranno scelte dall’alto… Magari con questa legge elettorale che sembra vogliano cambiare solo a parole.. Appunto. In quel caso, tirerò le mie conclusioni. Ripeto, un nuovo centro destra moderno, europeo, si costruisce solo a partire dai territori e con regole certe e trasparenti di democrazia. Bisogna parlare di problemi, ripartire dal merito, solo così si potrà ricostruire la fiducia nell’elettorato di centro destra che, vorrei ricordarlo a tutti, in questo Paese è maggioritario. Con la linea politica attuale, il PDL è destinato ad implodere. Se vogliono questo dovranno assumersene tutta la responsabilità storica. Marco Ursano


Mercoledì 10 Ottobre 2012

Cronaca4

3

Unione europea Fondo sociale europeo

PROGETTO COFINANZIATO DALL’UNIONE EUROPEA NELL’AMBITO DEL PIANO OPERATIVO PROVINCIALE BIENNALE DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE 2011 – 2012 (APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO PROVINCIALE N. 55 DEL 5 LUGLIO 2011) PRESENTAZIONE PROGETTI FORMATIVI ASSI ADATTABILITA’, OCCUPABILITA’, INCLUSIONE

NELL’AMBITO DEL PIANO INTEGRATO EDILIZIA SOSTENIBILE, TUTELA AMBIENTALE E CONTENIMENTO ENERGETICO approvato con determinazione Provinciale n. 379 del 21/06/2012 ASSE II OCCUPABILITA’ E – E3 – 66

ORGANIZZA IL SEGUENTE CORSO

TECNICO AMBIENTALE

Obiettivo: L’obiettivo del corso è quello di formare un TECNICO AMBIENTALE. Questa competenza risulta utile alle aziende, liberi professionisti (geologi, ingegneri, ecc.), Enti e Istituti di ricerca che si occupano di bonifiche di siti inquinati, di indagini del suolo e sottosuolo, del monitoraggio ambientale sia terrestre che atmosferico, della ricerca di falde acquifere. Il tecnico ambientale deve maturare familiarità con le carte topografiche e geologiche, con i più moderni sistemi di posizionamento e deve essere in grado di pianificare e realizzare un rilievo con finalità ambientale. Il corso si pone l’obiettivo di formare tecnici in grado di utilizzare autonomamente la principale strumentazione di rilievo ambientale/geofisico, maturando al contempo le corrette competenze per gestirne in autonomia le evoluzioni tecnologiche. In particolare mediante l’utilizzo e la pratica su strumentazioni ad alto contenuto tecnologico quali gravimetri, magnetometri, sismometri, suscettometri, centraline meteorologiche, misuratori di campo elettromagnetico e gps, il corso focalizza l’attenzione su tematiche comuni, quali lo studio delle specifiche tecniche, l’istallazione e la manutenzione dei sensori, il controllo, l’acquisizione e la trasmissione del dato. In quest’ottica l’istallazione della stazione di geofisica polifunzionale dell’Istituto di geofisica e vulcanologia (INGV) presso Varese Ligure, diventerà per i partecipanti al corso, una palestra professionale unica per apprendere le tecnologie più avanzate nello studio e nella tutela del territorio. L’operatività all’interno delle stazioni (gravimetrica, magnetica, meteorologica, sismica e ionosferica) porterà ad acquisire la esperienza utile ad affrontare l’attività professionale futura. Infine il corso fornirà la basi teoriche sul rischio e la pericolosità dei fenomeni naturali e sulla relativa normativa.

Asse

Destinatari/Requisiti 1) TECNICO AMBIENTALE

12 Disoccupati in possesso del seguente titolo di studio: DIPLOMA (Liceo scientifico- Liceo Tecnologico- Diploma di peritoindustriale- Diploma di geometra) o LAUREA TRIENNALE A INDIRIZZO SCIENTIFICO (Fisica-Informatica-Ingegneria Meccanica-Ingegneria Navale-Pianificazione Territoriale Urbanistica e Ambientale-Scienze e Tecnologie della Navigazione-Scienze e Tecnologie Geologiche-Laurea Magistrale in Scienze Geofisiche-Ingegneria Chimica-Ingegneria Civile- Ingegneria dell’Automazione-Ingegneria della Sicurezza-Ingegneria Elettronica-Ingegneria Informatica-Ingegneria Meccanica-Ingegneria Navale-Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio-MatematicaModellistica Matematico-Fisica per l’Ingegneria-Scienza e Ingegneria dei Materiali-Ingegneria Civile e Ambientale-Scienze e Tecnologie per l’Ambiente e la Natura)

ASSE II – OCCUPABILITÀ

ETÀ INFERIORE AI 29 ANNI

Durata

Ore

1) TECNICO AMBIENTALE

440 (di cui 136 teoria – 37 gestione/controllo – 67 pratica – 200 stage)

Asse ASSE II – OCCUPABILITÀ

Inizio attività: ottobre 2012 Iscrizione: gli interessati possono presentarsi a partire da mercoledì 26/09/12 ore 9.00 per la compilazione della domanda di iscrizione, in regola con la normativa vigente sull’imposta di bollo presso SCUOLA EDILE SPEZZINA Via Pianagrande 18 - La Spezia telefono 0187 715270 - fax 0187 712520 - mail info@scuolaedilespezzina.com Orario segreteria: dal Lunedì al Venerdì 9.00-13.00

entro e non oltre le ore 12,00 del giorno martedì 16/10/201 Selezione: I candidati, per essere ammessi al corso, dovranno sostenere apposite prove selettive di valutazione delle attitudini e motivazioni ed in tale sede saranno verificati i requisiti soggettivi per la partecipazione al corso. Attestato di specializzazione rilasciato previo superamento di apposito esame La partecipazione al corso è gratuita e gli iscritti verranno dotati dei necessari sussidi didattici. Ai partecipanti sarà riconosciuto un rimborso mensa pari a € 1,00/h per le giornate di almeno 7 ore di attività corsuale. La frequenza è obbligatoria. MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI REGIONE LIGURIA - FONDO SOCIALE EUROPEO


Mercoledì 10 Ottobre 2012

Cronaca4

4

Rinnovata la sponsorizzazione per la squadra del cuore di Sarzana

Matrimonio tra Hockey Sarzana e Carispezia tare la Coppa Italia a Sarzana il 20 e 21 ottobre. Venerdì si saprà l’esito dall’apertura delle buste. Ma il sodalizio non si occupa solo di Hockey. Anche di pattinaggio artistico, praticato da tanti giovani. E tra le fila vanta Piera Avena allenatrice della campionessa mondiale Silvia Lambruschi.

L’Hockey Sarzana porta in giro per l’Italia il nome della città con un’immagine rinnovata e con la riconfermata sponsorizzazione di Carispezia Crédit Agricole, la banca del territorio. Lo fa con l’obiettivo della salvezza in serie A sognando per il futuro obiettivi ancora più alti. Nata nel lontano 1946, la squadra si porta dietro circa 500 tifosi al suo seguito nella struttura del vecchio mercato, attestandosi come lo sport più seguito a Sarzana. Forte di 170 tesserati, in gran parte giovani, vanta un vivaio invidiato dalle altre squadre nazionali: si è aggiudicata un premio per questo nel 2004. “è proprio il forte legame col territorio e il movimento giovanile che vi sta dietro – afferma Paolo Gavini responsabile servizio coordinamento Retail Carispezia Crédit Agricole – che ci ha portato a rinnovare la sponsorizzazione alla squadra di Hockey Sarzana. C’è una grande

similitudine tra noi e loro, tutti e due così radicati nel territorio. Inoltre, contiamo molto sui giovani: l’anno scorso abbiamo sponsorizzato l’iniziativa “Scuola – Sport” che ha premiato con una borsa di studio i ragazzi maggiormente impegnati in questo sport. Chi fa bene lo sport è anche un ottimo studente. Lo sforzo fatto dalla squadra di addestrare 200 ragazzi in palestra per insegnare delle regole è una fondamentale palestra di vita. Senza contare poi che durante il campionato verrà portato alto il nome della nostra Banca in giro per l’Italia”. L’Hochey, uno sport minore di nicchia, è il primo sport a Sarzana. “Basta entrare in un bar la domenica mattina – afferma il Presidente Hockey Sarzana Maurizio Corona – che tutti chiedono della squadra. Siamo molto contenti della rinnovata sponsorizzazione di Carispezia per la nostra immagine rinnova-

ta col nome di Sarzana, Carispezia, Provincia della Spezia nella maglia rosso nera. Quest’anno puntiamo alla salvezza: c’è tempo per sognare” C’è una grossa opportunità che la squadra offre quest’anno alla città di Sarzana: è in lizza con altre tre città italiane per ospi-

Insomma una squadra di “nicchia” che si fa sentire (e vedere) in Provincia nonostante grandi sacrifici. Gli spazi delle loro “dispute” agonistiche, il vecchio mercato, è proprio angusto, costringendo giocatori e tifosi a praticare e vedere lo sport in maniera disagiata. Resta una fiaccola di speranza accesa per un nuovo palazzetto: il progetto, al vaglio della Regione, dovrebbe rientrare nel secondo lotto del piano Botta. Tutti uniti dunque a fare il tifo per la squadra del cuore col nuovo campionato (inizierà il 3 novembre) e per una “casa” più decorosa ed accogliente. Simona Pardini


Mercoledì 10 Ottobre 2012

Cronaca4

L’Istituto di credito tra i primi in classifica del mensile finanziario

Cariparma Crédit Agricole in vetta su Banca Finanza La classifica annuale realizzata dal mensile finanziario Banca Finanza, come consueto, ha analizzato e confrontato le performance e le caratteristiche patrimoniali degli istituti di credito italiani nel corso del 2011 sotto i profili di solidità, redditività e produttività. Il dominio di Cariparma Crédit Agricole nella categoria “gruppi grandi” prosegue per il quinto anno consecutivo grazie ad un costante miglioramento degli indici di solidità nonostante oneri del tutto straordinari legati all’acquisizione di Carispezia e delle filiali ex Intesa Sanpaolo che hanno impattato sul conto economico. Altri gruppi bancari, al contrario, hanno beneficiato di utili non ricorrenti. La ricerca, realizzata dalla società Rating, offre un quadro realistico di raffronto tra banche per determinarne lo stato di salute in un contesto recessivo che ha contribuito, in generale, a deteriorare gli attivi, restringere i margini, peggiorare la qualità dei crediti e rendere meno efficiente la gestione. In questo scenario il Gruppo Cariparma Crédit Agricole, non solo conferma il primo posto, ma viene riconosciuto tra i best

5

Convegno “Val di Magra: quale piano per il futuro infrastrutturale e occupazionale?” CGIL, CISL e UIL organizzano per giovedì 11 ottobre, alle 15:00, presso la Sala della Repubblica di Sarzana, il convegno “Val di Magra: quale piano per il futuro infrastrutturale e occupazionale?” Partecipano Luca Comiti, Segretario Camera del Lavoro di Sarzana, Pierluigi Peracchini, Segretario Generale CISL della Spezia, Walter Andreetti, Segretario Generale UIL della Spezia; Massimo Caleo, Sin-

performer sia per la consistenza patrimoniale che per la qualità dei crediti. Un risultato importante evidenziato dagli indicatori 2011: Core Tier 1 a 8,3% - aumentato di un ulteriore 0,5% nel primo semestre 2012 -, Tier Total a 11,4%, cost/income ratio al 59,6% e costo del credito pari a 0,73% con un livello di copertura dei crediti deteriorati rafforzato al 38,2%. Caratteristiche confermate anche a giugno 2012 con un livello di crediti deteriorati che continua a mantenersi ben

al di sotto della media di sistema. Risultati decisamente positivi anche per le controllate FriulAdria e Carispezia. La prima conferma il suo ottimo posizionamento tra le banche medie migliorando sia solidità che redditività. Importante la scalata in classifica di Carispezia che, sul fronte delle banche piccole, registra un sensibile miglioramento su tutti gli indici (solidità, redditività e produttività).

Presso il circolo Centro del Pd

Costituito comitato pro Bersani Presso il Circolo Centro del PD di La Spezia, si è costituito il comitato a sostegno della candidatura di Pier Luigi Bersani alle elezioni primarie. Le primarie, che si terranno il 25 novembre, rappresentano un passaggio fondamentale per la scelta del candidato alla guida della coalizione di Centrosinistra alle prossime elezioni politiche del 2013. Crediamo in Pierluigi Bersani quale guida di un governo che metta al centro il tema del lavoro e la dignità del lavoratore diminuendo il peso fiscale sul lavoro e sull’impresa. In que-

sti ultimi anni, l’ Italia è, infatti, diventato un Paese troppo diseguale, è necessario uscire da questa situazione attraverso politiche di redistribuzione della ricchezza e di superamento di disuguaglianze generazionali. I comitato del centro cittadino è aperto alla partecipazione di tutti i cittadini del centro città che intendano contribuire alla campagna in favore di Pierluigi Bersani o che intendano approfondire la sua proposta politica. Per informazioni scrivere al seguente indirizzo mail: speziacentroperbersani@hotmail

daco di Sarzana, Renzo Guccinelli, assessore regionale allo sviluppo economico, Raffaella Paita, Assessore regionale infrastrutture ed Enrico Vesco, Assessore regionale alle politiche del lavoro ed occupazione. La cittadinanza è invitata a partecipare

Convocazione consiglio comunale Il Consiglio Comunale è convocato presso la sala delle adunanze del Civico Palazzo nel giorno: LUNEDì 15 OTTOBRE 2012 ALLE ORE 20.30 Per la trattazione dei seguenti argomenti: - Interpellanze di vecchia iscrizione (da pag. 02 a pag. 33) - Interpellanze di nuova iscrizione (da pag. 34 a pag. 42) - Mozioni (da pag. 43 a pag. 46)

Guarda O.d.G nel sito


Mercoledì 10 Ottobre 2012

Cronaca4

6

Più’ di 30.000 dipendenti pubblici e dell’indotto in piazza a Roma

FP CGIL e UIL Pubblica Amministrazione: «Sciopero azione seria, nessuno deve svilirlo» La grande mobilitazione che ha portato più’ di 30.000 dipendenti pubblici e dell’indotto in piazza a Roma e’ stata una risposta forte che i lavoratori ed il Sindacato hanno voluto indirizzare al Governo. Nel momento in cui la spending review sta entrando pesantemente nel pieno della sua cruda applicazione, l’azione sindacale continua e proseguirà senza sosta. Rivendichiamo e riconfermiamo quanto fin qui denunciato, forti anche delle tante e partecipate assemblee in cui abbiamo avuto la possibilità di confrontarci con la consapevolezza che il nostro lavoro non sarebbe stato facile, considerato anche il clima di antipolitica e di populismo che continua ad attraversare il paese. Il nostro grande rispetto per i lavoratori ci porta sempre a valutare anche le difficoltà economiche che questi ultimi stanno

attraversando, difficoltà causate anche a seguito del blocco, dal 2009, dei contratti del Pubblico impiego, (e con la legge di stabilità sparisce anche la vacanza contrattuale) che vogliamo in questa occasione ricordare. Anche per questo riteniamo lo sciopero un’azione seria, oltre che un momento di grande protesta, e, pertanto, non permettiamo a nessuno di svilirlo; ancor di più a chi (e questo ci fa sorridere, anche se, visto il grave momento che sta attraversando il paese ed il lavoro pubblico, poco ci sarebbe da ridere….), offendendo l’intelligenza dei lavoratori, pensa di convincere prima se stesso, in una sorta di auto assoluzione, ed, in seguito, i lavoratori stessi, che basta rimanere fermi e “nulla fare” per ottenere le cose e che è sufficiente qualche pacca sulle spalle di qualche ministro o sottosegretario (visto che le cene segrete, …. forse causa

la crisi, sono state abolite) per tranquillizzare non solo gli A1, ma l’intero mondo pubblico… Al momento non possiamo che riconfermare quanto rivendicato nella mobilitazione del 28 settembre e proseguire la nostra azione in maniera forte e decisa perché soltanto con l’azione continua, forte e decisa del Sindacato e dei lavoratori si potranno ritrovare soluzioni che traguardino ad una Pubblica Amministrazione più efficiente ed alla salvaguardia dell’occupazione all’interno del perimetro pubblico.

l’ammiraglio Toscano, non siamo ancora riusciti ad ottenere delle precise assicurazioni che ci possano far annunciare che queste assunzioni si faranno in un tempo congruo.

E non solo questo, stiamo, infatti, cercando unitariamente di ottenere quelle tanto agogniate assunzioni all’interno degli Arsenali di cui 95 nel nostro territorio unitamente a quelle già previste nell’accordo con l’Amministrazione provinciale per le categorie protette sebbene, anche dall’incontro avutosi con

Crediamo che chi tenta di addormentare i lavoratori non pensi poi di poterli risvegliare all’improvviso e invitiamo chi denigra l’operato altrui ad evitare di farlo perché questa pratica non fa bene a nessuno né al sindacato né tantomeno ai lavoratori che con forza richiedono sempre più l’unità sindacale.

Senza nuove assunzioni e con l’applicazione della spending rewiew, la nostra base navale, sarà costretta alla resa e di questo siamo fortemente preoccupati. Abbiamo pertanto richiesto e ottenuto un incontro con il Sindaco della Spezia, anche alla luce di quello da Lui avuto con il Ministro Di Paola.

Intervento del senatore Luigi Grillo, al 5° Forum internazionale delle Polizie Locali, a Riva del Garda

Evasione Fiscale. Grillo (pdl): «Dovere e interesse dei Comuni a partecipare all’accertamento tributario» “Occorre che i Comuni attivino azioni più visibili e concrete su

due linee di lavoro oggetto di provvedimenti legislativi decisi

lo scorso anno dal Parlamento: 1.) L’obbligo di destinare il 50 per cento dei proventi delle multe a finalità di sicurezza stradale; 2.) L’obbligo di collaborare al contrasto dell’evasione fiscale e contributiva. Sul secondo punto, in particolare, Grillo ha denunciato la scarsa attenzione che la più parte dei Comuni, specie quelli minori, ha finora dimostrato nell’approntare gli strumenti idonei a

rendere operativo questo dettato di legge. I Comuni hanno un dovere e un interesse; hanno il dovere di fare la loro parte in collaborazione con gli apparati dello Stato per aiutare a sconfiggere uno dei mali della nostra società; hanno un interesse perché la loro partecipazione all’attività di accertamento tributario consentirà loro di incassare il 100 per cento dei tributi erariali recuperati”.

La nuova sede della Cisl Ex Area Ip traversa di Via Fontevivo Edificio Sub. 8


Mercoledì 10 Ottobre 2012

Cronaca4

7

Intervista al Presidente AIDO, Avv. Luigi Fornaciari Chittoni

35° Anniversario fondazione dell’AIDO alla Spezia Il 12 ottobre si festeggierà il 35 anno di fondazione dell’AIDO alla Spezia. L’anniversario verrà festeggiato con un concerto della Marina Militare della Spezia al Teatro Civico, diretta dal Maestro Latella, preceduto dalla sfilata dei labari che si riuniranno alle ore 16,00 in Piazza Europa. Presidente venerdì festeggiate il 35 anno della Vostra fondazione “Si l’AIDO alla Spezia è presente dal 1977. Si tratta di una presenza storica importante essendo comunque la seconda AIDO della Liguria come data di fondazione, inferiore solo a Savona. La Spezia e la sua provincia si sono sempre dimostrati sen-

sibili al volontariato e quest’anno abbiamo registrato un forte incremento degli iscritti nelle giovani generazioni e pertanto consegneremo un attestato di riconoscimento ai piu’ giovani iscritti. Il Volontariato è essenziale per il miglior funzionamento della nostra società e deve aprirsi ai giovani che possano fornire un valido contributo anche per il nostro futuro”. Come è attualmente la situazione dei trapianti “Soprattutto negli ultimi due anni si è registrata in Liguria un aumento dei consensi al prelievo di organi e una diminuzione di consensi. La nostra Regione e la nostra Provincia sono tra

le prime per numero di consensi alla donazione di organi. Purtoppo il fabbisogno è insufficiente in quanto le liste di chi è in attesa di un trapianto sono alte basti pensare che coloro che sono in attesa di un trapianto di rene sono oltre 8.000 a livello nazionale. Tale aumento è dovuto anche all’incremento delle malattie croniche quali il diabete che molto spesso portano alla dialisi. In Liguria abbiamo un ottimo centro trapianti che è al San Martino di Genova ove si effettuano una quantitià notevole di trapianti di rene, negli ultimi mesi però non è pienamente funzionante e i pazienti vengono trasferiti altrove con notevole aggravio”.

Mi scusi quali sono i motivi di tale situazione “All’inizio dell’anno è stata presa una delibera di riorganizzazione del centro trapianti da parte del Consiglio Regionale, ci è stato assicurato che il Centro riprenderà a gennaio in modo integrale le proprie funzioni, ma è forte la nostra preoccupazione visti i tagli correnti alle spese della sanità, per tali motivi sia io che il Presidente regionale abbiamo scritto una lettera all’Assessore Montaldo chiedendo rassicurazioni in merito. Sarà comunque nostro compito monitorare l’evolversi della situazione non escludendo ogni tipo di iniziativa nel cao il Centro Trapianti non fosse riattivato nei tempi previsti”.

Non aggiudicati gli altri due lotti oggetto di gara

Trenitalia, nuovi treni regionali: aggiudicata la gara per la fornitura di 70 elettrotreni All’esito delle procedure di gara per la fornitura di 70 elettrotreni monopiano (con opzione per ulteriori 20 convogli) e 20 ad alta frequentazione (con opzione per ulteriori 20 convogli) e della gara per la fornitura di 40 treni diesel (con opzione per ulteriori 20 convogli), Trenitalia ha aggiudicato alla ditta Alstom Ferroviaria SpA, prima in graduatoria, la fornitura di 70 elettrotreni monopiano. La produzione di suddetti treni avverrà esclusivamente in Italia, nei tre siti di eccellenza della Alstom Ferroviaria a Savigliano (Cuneo), Sesto San Giovanni e Bologna, con il coinvolgimento delle circa 2100 risorse ope-

ranti nei tre stabilimenti, oltre a quelle attive nel consistente indotto. Le altre due forniture non sono state aggiudicate perché le of-

ferte presentate non rispondevano, per costi e tempi, alle esigenze e agli impegni sottoscritti nei Contratti di Servizio fra Trenitalia e le Regioni.

L’affidamento di questa nuova fornitura costituisce una tranche dei circa 3 miliardi di euro d’investimenti complessivi dedicati al trasporto regionale e arriva dopo gli 1,5 miliardi già investiti dal 2009 per l’acquisto di 350 carrozze a doppio piano e 150 locomotive, oltre che per la ristrutturazione di altre migliaia di carrozze. Trenitalia e il Gruppo FS si confermano così fondamentali volani di sviluppo per l’economia e l’industria nazionale, attivando un circuito virtuoso, nell’attuale difficile congiuntura, con ricadute positive, nel giro di qualche mese, sulla qualità del viaggio di migliaia di pendolari.


Mercoledì 10 Ottobre 2012

Cronaca4

8

Giornate di azione per le Guardie dell’istituto di Vigilanza La Lince

Svariati tentativi di furto in tutta la provincia Sono le 00:40 di Domenica quando scatta allarme alla centrale operativa della Lince, allarme furto al ristorante “DAI PESCATORI” in due minuti giunge sul posto la pattuglia e trova una persona intenta a dare calci alla porta d’ingresso del locale. Avvisate dall’operatore di centrale le Forze dell’ordine, queste giungono sul posto, la persona viene bloccata e portata via per i rilievi del caso. Nessun danno risulta essere stato perpetrato ai danni del locale. Alle ore 20:30 altro intervento della pattuglia della Lince. Scatta allarme furto presso un’abitazione sita a Fezzano di Portovenere, le guardie private giungono sul posto, arrivano anche i carabinieri avvisati dall’operatore. Dal controllo esterno congiunto riscontrano l’effrazione alla persiana, la porta finestra con i vetri in frantumi ed il telaio divelto, ma la porta interna risulta essere chiusa. Il tentativo di furto è reso vano dall’intervento delle guardie.

Sono le 20:52 di domenica quando arriva segnale di allarme alla centrale operativa della Lince. Trattasi di allarme presso un’abitazione in Castelnuovo. La pattuglia che giunge sul posto effettua ispezione esterna al perimetro e riscontra un’effrazione ad una persiana sul retro dell’abitazione. Disturbati dall’arrivo delle guardie i malviventi non sono riusciti ad entrare. Altro intervento delle guardie private, altro furto sventato dalla Lince. Sono le 03:04 di martedì notte quando scatta allarme furto alla centrale della Lince. è un’attività sita in Sarzana ad essere presa di mira da malintenzionati. La pattuglia che copre la zona 24 ore su 24 è sul luogo in tre minuti, dal controllo riscontra la porta d’ingresso aperta con la serratura forzata, giunto il titolare viene effettuata un’ispezione congiunta interna al locale dal quale risulta che nulla era stato rubato.

PRC: “Unica soluzione possibile”

“Anche Levanto verso Rifiuti Zero, altro passo in avanti” Il comune di Levanto ha aderito ufficialmente alla strategia Rifiuti Zero, grazie anche al lavoro di Rifondazione, presente nella giunta comunale levantese. Un passo importante per un’amministrazione coraggiosa che ha deciso di intraprendere l’unica soluzione possibile, sia economicamente che soprattutto ambientalmente, al problema del riciclo dei rifiuti nella nostra provincia, soluzione già deliberata e intrapresa dal comune capoluogo della Spezia su mozione e istanza degli esponenti del PRC. Rifondazione Comunista ha ospitato nel nostro territorio innumerevoli volte (e in tempi

non sospetti) l’assessore all’ambiente al comune di Capannori Alessio Ciacci, primo attuatore in Italia di Rifiuti Zero e lo scienziato ideatore del piano, il professor Paul Connett, per contrastare la costante pressione di chi intende perseverare nella soluzione folle dell’incenerimento. Quello di Levanto è un importante risultato alla vigilia dell’assemblea nazionale per la costituzione dell’Associazione Nazionale delle Comunità Verso Rifiuti Zero che si terrà proprio a Capannori il prossimo 13 ottobre, con la presenza di tutti i comuni aderenti, e molte associazioni, tra cui la spezzina AmbientalMente.


Mercoledì 10 Ottobre 2012

Cronaca4

9

Organizzato dal consorzio “L’Altra Liguria”

Incontro-dibattito “Val di Vara Outdoor”, dal tema “Un laboratorio permanente nella Natura” Si è svolto nel Palazzo dei Congressi di Brugnato un interessante incontro-dibattito promosso dal consorzio “L’Altra Liguria” con la proposta di un Educational “Val di Vara Outdoor” dal tema “Un laboratorio permanente nella Natura”. Presente l’amministratore delegato Massimo Ferrari che ha coordinato gli interventi illustrativi del Presidente del Centrosportavventura di Brugnato Walter Filattiera, di Lucia Sentieri del maneggio Ormeia di Varese Ligure, della dottoressa Ornella Dadà e dell’allenatore federale Federafting Luca Car-

dinali. A seguire è nato un proficuo dibattito con protagonisti molti insegnanti dello spezzino intervenuti come referenti di istituti di primo e secondo grado. Il tutto per valorizzare e far promuovere le varie e valide

opportunità turistiche e sportive dell’Alta Val di Vara caratterizzata da una crescente e qualificata recettività. Dal dibattito è emersa la finalità prioritaria di attivare un laboratorio permanente scuola-Val di Vara con sinergie da ricercarsi non solo nel

mondo della scuola ma anche coinvolgendo partners strategici quali ATC, Fondazione, Ministero della Difesa. A un anno dal disastro dell’alluvione le potenzialità della Val di Vara sono quindi ripartite e migliorate raggiungendo una qualità e professionalità tali da essere meritevoli di attenzioni anche nel mondo della scuola e oltre i confini locali. Al termine dei lavori è seguito un piacevole rinfresco di prodotti tipici nell’agriturismo Casale del Ben Essere di Bozzolo di Brugnato

Venerdì 12 ottobre alle ore 16,30, sala consiliare della Provincia

67^ edizione “Giornata internazionale della Dante”

Il presidente della “Dante Alighieri“ informa che venerdì 12 ottobre alle ore 16,30 presso la sala consiliare della Provincia si terrà la ormai tradizionale “Giornata internazionale della Dante” giunta ormai alla 67^ edizione. Quest’anno il tema che verrà trattato sarà “Italia ed Europa a 55 anni dai trattati di Roma”. Per Trattati di Roma si intendono due trattati firmati a Roma il 25 marzo 1957: il trattato che istituisce la Comunità economica europea e il trattato che istituisce la Comunità europea dell’energia atomica. Insieme al trattato che istituisce la Comunità europea del carbo-

ne e dell’acciaio, firmato a Parigi il 18 aprile del 1951, rappresentano il momento costitutivo delle Comunità europee. La cerimonia si tenne solennemente in Campidoglio, nella sala degli Orazi e Curiazi del Palazzo dei Conservatori, la stessa dove il 29 ottobre 2004 i rappresentanti dei 25 Paesi membri dell’Unione europea hanno firmato la Costituzione per l’Europa. I Trattati di Roma prevedevano, tra l’altro, l’istituzione dell’Assemblea parlamentare europea, composta da 142 deputati nominati dai parlamenti dei sei paesi membri della Comunità. La sessione costitutiva dell’Assemblea parlamenta-

re, avente a quel tempo solo funzioni consultive, si tenne a Strasburgo il 19 marzo 1958, sotto la presidenza di Robert Schuman. Soltanto nel 1962, l’Assemblea avrebbe assunto il nome di Parlamento europeo e, solo nel 1979, si sarebbero svolte le prime votazioni a suffragio universale diretto per l’elezione dei suoi membri. La relatrice sarà l’on. Pia Locatelli già parlamentare europeo e attualmente Presidente onorario dell’Internazionale socialista donne. Al termine della “lectio Magistralis” il Presidente Pietro Baldi consegnerà il “Dante d’argento” al Segretario Internazione della “Dante Alighieri”

Alberto Andreani FOTOGRAFO

dott. Alessandro Masi per la sua attività per la valorizzazione data alla cultura italiana, come autore di testi e saggi, per la qualità di relatore nei convegni a cui ha partecipato e per l’impulso dato, nella qualità di Segretario generale, alla “ Dante” nel mondo. Al termine della cerimonia verranno assegnati i Premi “Quinto Ennio” con il patrocinio della Dante Alighieri e del Rotary Club della Spezia a ricordo del poeta latino che per primo ricordò il nostro golfo “ Lunai portum est operae, cognoscite cives”. Il premio intende valorizzare lo studio della cultura classica. Alla conclusione della giornata sarà offerto un aperitivo.

L’Amore si racconta con le immagini

matrimoni, comunioni, cresime, battesimi, compleanni, laurea, foto industriali, avvenimenti sportivi, spettacoli, sfilate, nautica La Spezia, Corso Nazionale 141 - Tel 0187.502348 Ceparana, Via Romana 87 – Tel. 0187.933710

www.fotoandreani.com


Mercoledì 10 Ottobre 2012

Cronaca4

10

Dennis & The Jets, e il trio Ares Tavolazzi, Ermanno Signorelli e Lele Barbieri

Torna “Vola alla Spezia” con due appuntamenti pre-serali

Sabato 13 e 20 ottobre, Vola alla Spezia ritornerà con due appuntamenti pre-serali (inizio ore 18,00) di grande interesse: Dennis & The Jets, lo storico gruppo che accompagnava le trasmissioni di Arbore degli anni ’80, e il trio composto da Ares Tavolazzi (storico membro del gruppo d’avanguardia “AREA”, nonché musicista di Paolo Conte, Francesco Guccini, Mina, Eugenio Finardi, Lucio Battisti e molti altri), Ermanno Signorelli e Lele Barbieri, con lo spettacolo “Nello stesso momento”, si esibiranno in due concerti a ingresso gratuito in Piazza Sant’Agostino. La manifestazione è realizzata da Comune della Spezia – Ass. Attività Produttive e Commercio, Azienda Manifestazioni Fieristiche e Comitato Eventi con il contributo degli sponsor Basko, Cogip, Ekom, Esselunga, Italianity e Zara. Dennis & The Jets: divertenti, istrionici e trascinatori interpreti di un rock and roll pieno di sense of humour. Tanta espe-

zioni di straordinaria nitidezza, di grande intimità e profonda introspezione. Il progetto si prefigge di rivalutare le preziose potenzialità espressive della chitarra classica, collocandola a pieno in dinamiche musicali tipiche del nostro tempo. I suoni della chitarra classica, del contrabbasso e della batteria, si fondono mirabilmente dando vita ad una musica allo stesso tempo antica e straordinariamente moderna: il sound è di quelli cui non siamo più abituati e che conduce lo spettatore in un mondo magico ricco di emozioni e suggestioni. rienza sulle spalle maturata in più di 1400 concerti tenuti in carriera nei più importanti festival del rock & blues sia in Italia che all’ estero (Seattle, Spokane, Portland,Wa. State U.S.A. nel 1997). Apprezzata come una delle migliori band on stage del circuito dei club, Dennis & the Jets presentano oggi il loro show più completo. Riconosciuti internazionalmente come gli alfieri del Rock & roll e con un lungo pedigree di pre-

mi, nomination, partecipazioni e featuring, Dennis & the Jets sono oggi più che mai sinonimo di grande musica che coniuga le radici ed il futuro del vero rock & roll. Ares Tavolazzi, Ermanno Signorelli e Lele Barbieri portano in scena: “Nello stesso momento”, un progetto rigorosamente acustico che comprende composizioni originali e che offre all’ascoltatore sensa-

Questo il programma dettagliato della rassegna: DENNIS & THE JETS Sabato 13 ottobre Piazza Sant’Agostino ore 18,00 TAVOLAZZI, SIGNORELLI e BARBIERI Sabato 20 ottobre Piazza Sant’Agostino ore 18,00

Liguria protagonista con Airole, Brugnato, Castelnuovo Magra, Dolceacqua, Pigna, Pignone, Seborga, Toirano e Varese Ligure

Touring Club. La Giornata Bandiere arancioni Le Bandiere arancioni sono in controtendenza rispetto all’andamento del turismo nazionale e chiudono la stagione estiva con un segno positivo. 100 Comuni in tutta Italia, 100 luoghi di eccellenza, 100 borghi meravigliosi e accoglienti, 100 bandiere arancioni che sventolano, cento per cento qualità. Venite a scoprirli con il Touring Club Italiano domenica 14 ottobre 2012 nella Giornata Bandiere arancioni, realizzata in collaborazione con l’Associazione dei Paesi Bandiera arancione e che si svolge sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il Patrocinio del Ministro del Turismo e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Visite guidate gratuite ai cen-

tri storici aperte a tutti, eventi, degustazioni di prodotti tipici, il “sacchetto della qualità” omaggiato a tutti i partecipanti, feste e manifestazioni animano i nove comuni liguri che si svelano a cittadini e viaggiatori attraverso le proprie eccellenze. Tutti i partecipanti avranno inoltre a disposizione grandi fogli dove poter disegnare, con fantasia e creatività, ciò che li colpisce o che secondo loro rende eccellente la località che stanno visitando. Le foto dei disegni saranno poi inviate al TCI e pubblicate su facebook contribuendo alla realizzazione dell’album dell’entroterra di qualità vissuto e raccontato dai visitatori. I risultati di un’inchiesta realizzata dalla redazione di Touring,

il nostro modo di viaggiare, la rivista del Touring Club Italiano evidenziano come i Comuni Bandiera arancione, forti della loro offerta di qualità, fanno segnare un dato in controtendenza rispetto all’andamento del turismo nazionale, chiudendo la stagione turistica estiva con un segno positivo sia per gli arrivi sia per le presenze. Ciò è reso possibile anche grazie a comportamenti particolarmente virtuosi dei Comuni su temi come la tutela dell’ambiente e l’accoglienza che hanno portato in questi anni risultati migliori rispetto alla media degli altri Comuni italiani. Riconosciuta come unica esperienza italiana di successo nel campo del turismo sostenibile dall’Or-

ganizzazione Mondiale del Turismo (2001), miglior piano di promozione territoriale per Turismo Oggi (2002), premiata dall’associazione Skal International (2008) e patrocinata dall’Enit, la Bandiera arancione è il marchio di qualità turistico - ambientale che TCI assegna alle località che soddisfano oltre 200 rigorosi criteri di valutazione e che sono in linea con gli standard qualitativi previsti dal Modello di Analisi Territoriale di Touring. Ad oggi, su oltre 2.000 candidature, solamente il 9% ha ottenuto il riconoscimento: 191 luoghi che oggi, grazie a Touring, fanno parte di una rete dell’eccellenza italiana.


Mercoledì 10 Ottobre 2012

Cronaca4

11

La gara finale all’Irish Cafè

Dieci nuovi barman dopo un corso Confcommercio Si è concluso il corso barman organizzato da Confcommercio e svoltosi presso l’”Irish Cafè” di Via Napoli. Al termine delle dodici lezioni di teoria e pratica gli iscritti si sono sfidati in una prova direttamente dietro al bancone, impegnati nella realizzazione di un cocktail, partendo dalla scelta del bicchiere più adeguato, passando all’elaborazione della guarnizione e della decorazione fino all’aperitivo, o long drink o afterdinner da presentare. Per Confcommercio questo è uno dei corsi di maggiore successo: a testimoniarlo, il grande interesse di queste lezioni di formazione, volte a costruire figure professionali per il futuro dei locali pubblici e non solo, è sempre stato l’elevato numero di partecipanti che hanno seguito i seminari fino ad oggi svolti. Il corso barman, al cui termine viene rilasciato ai partecipanti un attestato di partecipazione e superamento, è solo uno dei molteplici modi con cui Con-

fcommercio La Spezia segue l’intento e la volontà di aiutare i giovani a formarsi: migliorarsi e specializzarsi sempre più, proprio grazie alla frequentazione di lezioni che possano e sappiano avviarli verso una professione, che nella nostra provincia come tuttavia in altre realtà imprenditoriali, è sempre più richiesta. Prova delle capacità acquisite

dai partecipanti è il fatto che buona parte di essi abbiano poi trovato lavoro in pubblici esercizi, bar o ristoranti già al termine delle lezioni, oppure abbiano deciso di avviare una attività in proprio. Una possibilità in più per i giovani, qualora debbano abituarsi a professioni sempre più gratificanti e sempre più esercitabili in

giro per il mondo. Confcommercio ha comunque già aperto le adesioni alla prossima edizione: gli interessati possono contattare direttamente la segreteria dell’associazione al recapito telefonico 0187598511 oppure mandare una mail all’indirizzo di posta elettronica segreteria@confcommerciolaspezia.it

Dal 26 tutti i venerdì laboratorio per band multietnica

Aperte le iscrizioni ai laboratori musicali del Dialma

Sono aperte le iscrizioni gratuite ai corsi che si terranno al Centro Giovanile Dialma Ruggiero (Via Monteverdi 117), inseriti nel progetto “Il Golfo dei Poeti e della Musica”, organizzato e promosso dall’Assessorato alle Politiche Giovanili. Da sabato 13 ottobre dalle 15 alle 17 al Centro di Fossitermi partirà il “Laboratorio Canzone” condotto da Eddy Mattei. Il laboratorio della durata di 10 incontri settimanali partirà dall’analisi delle Origini e significato, passando poi allo studio della nascita della canzone moderna, della Struttura e sviluppo armonico, del valore del testo. Il percorso didattico andrà a toccare l’approccio alle tecniche compositive e armoniche, la canzone italiana e le song anglo-americane, la canzone d’autore, le nuove strut-

ture compositive: dal rap al trip hop per concludere con il nuovo vento dal nord europa: la postcanzone. Eddy Mattei è un musicista italiano (ha studiato pianoforte privatamente e 5 anni al Conservatorio di Torino); ha frequentato l’Istituto di Musicologia all’Università di Parma. Produttore discografico, arrangiatore e autore di musica leggera, da anni porta avanti una

ricerca personale sulla musica popolare e soprattutto sulla musica elettronica e computer music, realizzando CD di musiche per meditazione e ritual-ambient con un particolare accento sull’utilizzo dei suoni in campo sperimentale e musicoterapeutico. Ha scritto canzoni per diversi cantanti, fra cui Zucchero, si occupa professionalmente di produzioni discografiche sia in Italia che in Europa ed ha re-

alizzato tutta la pre-produzione degli album Fly e Ciocabek di Zucchero. Da venerdì 26 ottobre alle 21 il Centro Giovanile ospiterà, per tutti i venerdì successivi fino a dicembre, un laboratorio gratuito di musica rivolto a tutti, italiani e stranieri, volto alla costituzione di una band multietnica. L’attività, condotta e coordinata per il secondo anno da Pietro Sinigaglia, elaborerà repertori di diversa provenienza in una miscela moderna e collegiale. Coloro che vorranno partecipare dovranno portare i propri strumento. Per informazioni telefonare al numero 0187713264 oppure scrivere agli indirizzi mail cavalli.maurizio@laspeziacultura.it e centrogiovanile@ laspeziacultura.it.


Mercoledì 10 Ottobre 2012

Cronaca4

12

Sabato 13 al Castello San Giorgio le premiazioni

20ª edizione Premio internazionale di narrativa “Il Prione” La cultura nel suo più autentico significato è al centro della manifestazione che si terrà sabato 13 c.m. presso il Castello S.Giorgio, nella nostra città. Alle ore 15 vi avrà luogo, infatti, la premiazione della 20ª edizione del premio internazionale di narrativa “Il Prione”, in cui gli autori dei racconti concorrenti saranno i veri protagonisti e assieme al pubblico presente in sala avranno l’emozione di ascoltare dalla calda voce dell’attore professionista Riccardo Monopoli brani scelti dai racconti più belli. Siamo perciò ben felici di annunziare che proprio quest’anno, in coincidenza con la ventesima edizione, il primo premio è stato vinto da un nostro concittadino: Elio Gentili, di Nicola di Ortonovo, con “Il barilotto del vescovo”, racconto che, attraverso la storia della famiglia Cecchinelli, proprietaria di terre tra la piana di Luni e le colline di Ortonovo, è una vera e propria “full immersion” nel mondo contadino nostrano del ‘900, con le sue tradizioni ed i suoi ideali. La Giuria composta da: Valerio P. Cremolini, critico; prof. Maurizio Loi, scrittore e designer; dott. Maria Chiara Mansi, bibliotecaria; prof. Anna Valle, scrittrice; prof. Eliana M. Vecchi, medievista, ha valutato i 325 racconti pervenuti per la

ventesima edizione (2012) del Premio organizzato dall’Associazione culturale “Il Prione” in collaborazione con le Edizioni Giacché, col patrocinio dei Comuni della Spezia e di Portovenere, della Provincia e della Camera di Commercio della Spezia ed ha deliberato all’unanimità i seguenti riconoscimenti: 1° premio Elio Gentili di Nicola di Ortonovo (SP) per il racconto “Il barilotto del Vescovo”; 2° premio Andrea Zarroli di Livorno per “Pomeriggio a La Pointe”; 3° premio Lorenzo Marrone di Napoli per “L’italiano che sa-

peva boxare”; 4° premio Paola Gianoli Caregnato di Ferrara per “Il calligrafo”. Il “Premio speciale Giuria��� per il miglior racconto avente come tema il mare, è assegnato a Tommasino Gazo di Imperia per “Veleno”. A Giovanni Tranfo di Roma va il “Premio speciale Giuria” per il miglior racconto umoristico, con “Cronache a pedale”. Vengono inoltre premiati i seguenti autori di racconti finalisti, ex-aequo: Eugenio Azzola di Gemona (UD) per “La Madonna d’autunno”;

Valter Baston di La Spezia per “La mia nebbia”; Massimo Batini di Piombino (LI) per “La cassa del Capitano Thierry”; Valeria Bellobono di Roma per “Regine di cuori”; Fabrizio Bianchini di Pollenza (MC) per “Nel buio”; Vitaliano Cusumano di Messina per “Breve diario di una fine d’anno”; Cristiana Luongo di Castell’Alfero (AT) per “Bobi e Bertu”; Piero Malagoli di Modena per “L’investimento”; Emanuele Marchesini di Arbizzano (VR) per “Questa è la mia storia”; Benedetto Mortola di Camogli (GE) per “Tre giorni di fuoco”; Cinzia Murolo di Piombino (LI) per “Oh che volo d’augelli e quante strida”; Gabriele Paolini di Groppoli di Mulazzo (MS) per “Le città di Teodoro Gabriel Velasquez Escobar”; Pierino Pini di Montichiari (BS) per “La paura e la speranza”; Daniela Raimondi di Saltrio (VA) per ”L’odore della neve”; Giovanni Tabacchiera di La Spezia per “Lo chiamavano lo sherpa”. Appuntamento a sabato 13 ottobre, dunque, col seguente programma: - ore 15, visita guidata gratuita dei musei del Castello; - ore16, cerimonia di premiazione e presentazione del volume antologico (“I racconti del Prione” - selezione 2012) con Riccardo Monopoli; al termine, rinfresco.

Giovedì 11 ottobre 16.30 Sala Dante a cura di Aidea

Presentazione del progetto “Parole e memoria”

Giovedì 11 ottobre alle ore 16.30 in sala Dante verrà presentato il progetto “Parole e memoria” dall’associazione culturale Aidea presieduta da Gabriella Peroni. Il progetto, che ha per obiettivo la costruzione di una conoscenza e valorizzazione reciproca tra culture spesso lontane e talvolta misteriose, è stato promosso e finanziato dal Centro servizi per il volontariato “Vivere Insieme” all’interno del bando per i progetti dei servizi sociali delle

organizzazioni di volontariato 2010. Capofila Aidea La Spezia Solidarietà, partners: Comune della Spezia - CTP Sc. Fontana - C.I.F. Centro Italiano Femminile - AIDEA - LILT - Associazione Salute Donna Programma Verrà presentata la pubblicazione: La lingua italiana e l’autobiografia nell’incontro tra le culture frutto del progetto. Intervengono:

Emilio Pontali, Vivere insieme | Andrea Stretti, Assessore al Welfare, Comune della Spezia Gabriella Lo Brano, Aidea La Spezia Solidarietà Modera: Gabriella Peroni referente del Progetto Parteciperà il Sindaco Massimo Federici Raccontano le esperienze con gli immigrati e le immigrate: Ilaria Begliomini, Gruppo c/o Istituto Casini - Francesca Esposito, Gruppo c/o P.A. Ceparana

Gilda Esposito, Gruppo Ctp c/o Sc.Alfieri - Pierpaola Grillo, Gruppi c/o Sede Aidea Anna Maria Vaccaro, Compagnia degli Evasi: reciterà alcuni brani scritti di propria mano dai/ dalle migranti. Al termine della presentazione del libro i partecipanti saranno invitati a partecipare al dibattito apportando idee e consigli e saranno infine tutti graditi ospiti di un aperitivo offerto da Aidea Solidarietà.


Mercoledì 10 Ottobre 2012

Cronaca4

13

SARZANA La Regione accoglie la richiesta del Consiglio comunale, la struttura resterà adibita ad ostello della gioventù

Colonia Olivetti No alla destinazione commerciale Venerdì scorso, 5 ottobre 2012, presenti per il Comune di Sarzana l’assessore all’urbanistica Roberto Bottiglioni, il presidente della commissione territorio Federica Montaresi

ed il responsabile dell’ufficio urbanistica Stefano Mugnaini, si è tenuta presso i competenti uffici della Regione Liguria la Conferenza dei Servizi per esaminare le richieste espresse

In sala consiglio a Sarzana

Domenica giornata dedicata alla manovra per la vita Promossa dalla Società di Medicina Emergenza Urgenza Pediatrica con il patrocinio del Comune di Sarzana, assessorato ai servizi sociali guidato da Rosanna Pittiglio, domenica prossima 14 ottobre dalle ore 10 alle 13 presso la sala consiliare di palazzo civico si terrà la “Giornata della Manovra per la Vita”, vale a dire un incontro/seminario per imparare dagli esperti la manovra salvavita contro il soffocamento da corpi estranei inalati dai bambini. Il seminario con dimostrazione pratica verrà tenuto dal professor Parmigiani primario del reparto pediatrico dell’Asl 5.

Nei primi anni di vita 1 su 4 delle morti per “cause accidentali” avviene per il soffocamento causato da inalazione di cibo di corpo estraneo. La consapevolezza del rischio genera gravi preoccupazioni in tutti coloro che hanno la responsabilità di una bambino. Inoltre molti dei decessi posso essere evitati con un intervento tempestivo che verrà spiegato ed illustrato proprio domenica prossima. La giornata è stata organizzata grazie al supporto volontaristico di SC Pediatria e NeonatologiaPO Levante Ligure S.Andrea e SC 118 Spezia Soccorso.

dal Consiglio comunale di Sarzana (nella delibera C.C. n.55 del 31.07.2012) in ordine alle proposte della Regione relative all’ex-colonia Olivetti. La Conferenza ha accolto la richiesta del Consiglio comunale della nostra città di escludere la destinazione commerciale e sanitaria per l’edificio principale mantenendo la destinazione ad ostello della gioventù. Ha altresì accolto la richiesta dell’assise sarzanese di mantenere la fruizione pubblica del parco antistante l’edificio principale. Sull’ulteriore richiesta del Consiglio di confermare le attuali superfici dei corpi minori od eventualmente subordinare gli ampliamenti di detti manu-

fatti, nella misura proposta dalla Regione, ad una funzione di turismo giovanile, la Regione si è riservata di fornire una risposta dopo aver sottoposto tale questione alla Giunta regionale. è stato infine richiesto di verificare la compatibilità delle previsioni di demolizione e ricostruzione dei corpi minori e dei parcheggi interrati con il Piano di Bacino vigente. Soddisfatti l’assessore Bottiglioni e la presidente Montaresi che hanno sottolineato “il contributo determinante fornito sia dal Consiglio comunale che dal Comitato per la tutela della ex colonia Olivetti”.

Discussione sulla pesante situazione dell’Azienda di Via Picco

Giorgi: «Quella su Acam non è stata una riunione farsa»

“Quella su Acam non è stata una riunione farsa”: il Sindaco Livio Giorgi non accetta l’etichetta che è stata affibbiata al Consiglio comunale del 5 ottobre scorso, da lui convocato per discutere appunto sulla pesante situazione dell’Azienda di Via Picco. “Alla seduta – prosegue il Sindaco – erano presenti moltissimi lavoratori e sul tavolo sono state portate tutte le proble-

matiche che gli operai avevano già sollevato nella seduta di fine settembre. è doveroso aprire questi tavoli di confronto, se non altro per il rispetto che dobbiamo nei confronti dei lavoratori che in questo momento rappresentano l’anello debole della catena. Necessaria e fondamentale inoltre la presenza di Paolo Garbini, che seppure Presidente

uscente, sulla questione Acam è sicuramente la persona che al momento dispone delle informazioni più attendibili.

fermando la volontà, da tutti condivisa, di proseguire sulla strada del salvataggio della partecipata.

Non ha infatti smentito le nostre aspettative – prosegue il Sindaco – ha esposto in modo chiaro e semplice il percorso che l’azienda intende attivare, ha fornito ogni genere di chiarimento sulla situazione, non nascondendo difficoltà e linee d’ombra ma soprattutto con-

Chi non era presente – conclude il Sindaco – non ha perso una “farsa”, si è semplicemente precluso un momento di attività istituzionale di particolare importanza, soprattutto per il nostro Comune e per la nostra Provincia.


Mercoledì 10 Ottobre 2012

Cronaca4

14

LERICI I dipendenti di Acam, dopo essersi presentati ai consigli comunali di Spezia, Sarzana, Ortonovo e Arcola, ieri hanno fatto capolino anche a quello di Lerici

Il Sindaco Caluri incontra i dipendenti di Acam durante la seduta del consiglio comunale Il sindaco Caluri e l’assessore ai Lavori Pubblici Casanova hanno prontamente deciso di incontrali per ascoltare faccia a faccia i motivi della loro presenza: sono quindi scesi incontro ai lavoratori, hanno ascoltato le loro parole e raccolto il loro sfogo, dovuto alla drammatica situazione che colpisce l’azienda e che mette a rischio centinaia di posti di lavoro. “L’azienda - ha rimarcato il sindaco – vive in queste ore momenti decisivi per il suo futuro. Non possiamo che comprende-

re l’angoscia dei lavoratori ed esprimere loro la nostra vicinanza. Riteniamo che il mantenimento dell’azienda sul territorio e la salvaguardia dei posti di lavoro siano obiettivi prioritari su cui è necessario non retrocedere e l’abbiamo ribadito con forza più volte in Consiglio Comunale anche parlando di un tema delicato come quello della gestione dei rifiuti. Non possiamo fare promesse vane ma Acam è un’azienda che svolge servizi essenziali e per noi rappresenta

un valore da tutelare.” “Abbiamo spiegato ai lavoratori – ha aggiunto Casanova – che Lerici ha sempre adempiuto ai suoi obblighi nei confronti dell’azienda ed infatti non abbiamo contratto alcun debito nei loro riguardi. Ci siamo anzi fatti carico delle criticità derivanti dalle difficoltà in cui versa l’azienda. Abbiamo sempre avuto un atteggiamento responsabile e continueremo ad averlo. Di questo i lavoratori possono essere certi. Non ci sottrarremo ai nostro doveri.”

Aperte le iscrizioni per bambini dai sei ai dodici anni

Riaperti i Centri Cecco Rivolta e Aquilone Blu Sono aperte le iscrizioni per i centri di aggregazione Cecco Rivolta e Aquilone Blu, rivolti ai bambini dai sei ai dodici anni e gestiti dai Servizi Sociali del Comune di Lerici e dalla Cooperativa Coopselios. Dopo le iniziative estive, con mattinate sulla spiaggia e giochi all’aria aperta, i centri sono ripartiti con le nuove attività per l’anno scolastico 2012 – 2013. Lo scorso settembre i bambini hanno preso parte a Mytiliade, la festa dei muscoli mediterranei, partecipando all’appuntamento “la pesca incontra i bambini”: con giochi e lezioni che hanno mosso il loro interesse, i piccoli sono stati avvicinati al mondo del mare e della pesca. Fra i primi appuntamenti della nuova annata, lo scorso due ottobre non è mancata la giornata dedicata ai nonni. Affetti preziosi per i bambini e di concreto aiuto ai genitori nelle attività quotidiane, tutti i nonni sono stati accolti al Centro Cecco Rivolta con una dolce sorpresa. Nel corso della festa, a cui hanno preso parte anche gli anziani del Centro di Pozzuolo, ogni

bambino ha preparato una foto ricordo per il proprio nonno. “I Centri rappresentano un punto di riferimento importante per i bambini- afferma l’Assessore alle Politiche Sociali Veruschka Fedi - luogo di socializzazione in cui possono giocare e dedicarsi a numerose attività, sviluppando la loro creatività. Al tempo stesso con le attività al Centro, garantiamo un aiuto

costante e quotidiano ai genitori, che per tutto l’anno pagano soltanto una simbolica quota di iscrizione. Visti i buoni risultati di questi anni – prosegue l’assessore Fedi – vogliamo integrare le attività anche per la fascia di età che va dai 12 ai 17 anni, nei giorni di venerdì e sabato, presso i locali dell’Aquilone Blu. Abbiamo pensato di offrire oppor-

tunità positive di crescita, in un ambiente capace di coinvolgere i ragazzi con attività e iniziative che rispondano ai loro interessi, mantenendo fede al ruolo di educazione e prevenzione con una fattiva collaborazione con le famiglie, le agenzie educative, gli enti e le associazioni del mondo giovanile. Per le famiglie interessate, l’amministrazione ha indetto una riunione Sabato 13 Ottobre alle ore 11.00 presso il Centro Aquilone Blu. Nel corso dell’incontro, che vedrà la presenza del personale educativo impegnato nel progetto, verranno presentate le attività e si visiteranno i locali del centro. Per le iscrizioni e informazioni, è possibile rivolgersi tutti i giorni agli uffici delle Politiche Sociali di Via Gerini, allo sportello di Cittadinanza (Via Gerini n.22 presso i locali della ASL, nei giorni di martedì, giovedì e sabato, dalle 10,00 alle 12,00) e presso i Centri Cecco Rivolta (aperto tutti i pomeriggi dal lunedì al venerdì e il sabato mattina) e Aquilone blu (aperto il lunedì e giovedì pomeriggio).


Mercoledì 10 Ottobre 2012

Cronaca4

15

LERICI Presentazione dei progetti in ambito medico, venerdì 12 ottobre, dalle ore 9.00 alle 17.30 a Villa Marigola

Il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio della Spezia alla ricerca scientifica Il prossimo 12 ottobre la Fondazione Cassa di Risparmio della Spezia promuove, presso il Centro Congressi di Villa Marigola (via Biaggini 1, Lerici), una giornata aperta alla cittadinanza in cui saranno illustrati alcuni dei più importanti progetti di ricerca scientifica in ambito medico attivi sul territorio di cui la Fondazione è il principale promotore. Sarà un’occasione per rendere pubblici i risultati di questi studi e per illustrare le effettive ricadute sulle attività di assistenza dei reparti ospedalieri locali. La Fondazione, attraverso il finanziamento di progetti di ricerca scientifica e di contratti di formazione specialistica in collaborazione con le Università di Pisa, Genova e Parma, ha perseguito negli ultimi anni due obiettivi principali: portare all’interno degli ospedali locali la cultura universitaria e dotare le strutture ospedaliere di personale umano, intelligenze e competenze messe a disposizione dalle Università per consolidare e migliorare le prestazioni assistenziali in ambito sanitario. Le stesse Università individuano nel nostro territorio un ambito eccellente dove poter sviluppare progetti di ricerca e portare avanti il processo di integrazione tra ricerca scientifica e assistenza sanitaria. Dal 2006 ad oggi, la Fondazione ha investito in studi legati alle patologie più diffuse sul territorio – neurologiche, cardiovascolari, toraciche, tumorali, gastroenteriche – e agli ambiti medici diagnostici, chirurgici, farmacologici e pediatrici un importo pari a circa 2,5 milioni di euro, con complessivamente 50 ricercatori coinvolti. Al centro della riflessione della giornata del 12 ottobre a Villa Marigola saranno quattro progetti che studiano alcune fra le

malattie più comuni della popolazione locale, quali la cardiopatia ischemica, la depressione, l’ictus e le malattie neurodegenerative. Attivati in sinergia con l’ASL 5 Spezzino, prevedono la collaborazione delle Università di Pisa, Genova, Napoli e del CNR. Medici e ricercatori che si sono distinti in queste Università stanno attualmente svolgendo la loro attività nei reparti ospedalieri della Spezia e di Sarzana, contribuendo a potenziare e a qualificare i servizi sanitari locali. Il convegno sarà aperto dal Presidente della Fondazione Carispezia, Matteo Melley, seguito dal direttore generale dell’ASL 5 Spezzino, Gianfranco Conzi. Ad illustrare lo studio Ansia e depressione come fattori di rischio di sindromi coronariche acute sarà il professor Alberto Balbarini, direttore del Dipartimento Cardio Toracico e Vascolare dell’Università di Pisa, consigliere di Indirizzo della Fondazione, insieme ai suoi collaboratori. Discuteranno del progetto anche Gianfranco Mazzotta, direttore dell’U.O. di Cardiologia dell’ospedale S. Andrea della Spezia, il professor Stefano Pini, professore associato di Psichiatria dell’Univer-

sità di Pisa e il dottor Daniele Bertoli, direttore dell’U.O. di Cardiologia clinico-riabilitativa dell’ospedale S. Bartolomeo di Sarzana. Scopo di questa ricerca è ottenere dati relativi a quanto e come i disturbi depressivi possono incidere sul decorso e la guarigione di pazienti colpiti da una sindrome coronarica acuta. Lo studio prevede di raggiungere il numero complessivo di 300 pazienti, reclutati nei Centri di Cardiologia degli ospedali di La Spezia, Sarzana e Lucca, entro la fine di gennaio 2013, per dedicarsi poi esclusivamente alle valutazioni di follow-up ed alla parte biologica della ricerca. Per il progetto Nuove strategie terapeutiche per l’ictus acuto, il dottor Massimo Del Sette, direttore dell’U.O. di Neurologia dell’ospedale S. Andrea, spiegherà l’epidemiologia dell’ictus, l’importanza della diagnosi precoce e le nuove strategie di cura per migliorare l’assistenza ai pazienti con ictus ischemico nella provincia spezzina, dove si registra un’incidenza annua di oltre 800 nuovi casi. Lo studio sta convalidando l’efficacia del ricovero presso Centri Ictus dedicati a tale patologia, consentendo di effettuare importanti passi avanti nella cura di questa

grave malattia. Rita Mariotti, professore associato presso il Dipartimento Cardio Toracico dell’Università di Pisa, illustrerà i risultati della ricerca sulla Gestione dello scompenso cardiaco in Lunigiana, volta a individuare una modalità di “gestione” dei pazienti, che permetta di ottenere i migliori risultati clinici, riducendo gli eventi acuti e le ricadute della malattia e quindi diminuendo il ricorso al ricovero ospedaliero. Lo studio ha consentito di individuare in Lunigiana un numero di pazienti affetti da scompenso cardiaco pari al 5,5% dei soggetti con 65 o più anni di età. Sono stati oltre 200 i pazienti inseriti nel programma di valutazione e controllo dei sintomi con visite periodiche negli ambulatori dedicati. La ricerca ha messo in evidenza l’importanza di diagnosticare e trattare al meglio i pazienti affetti da scompenso cardiaco, senza necessità di trasferimento dal proprio territorio e per alcuni pazienti dal proprio domicilio, se non in casi previsti e codificati. Il dottor Mario Miccoli, assegnista di ricerca in Statistica medica presso l’Università di Pisa, discuterà le ricadute economiche di questo progetto. Infine, il dottor Andrea Ciarmiello, direttore dell’U.O. di Medicina Nucleare dell’Ospedale S. Andrea della Spezia, presenterà un nuovo progetto multicentrico che si prefigge di studiare le metodologie utili a riconoscere precocemente l’insorgenza della demenza nei soggetti anziani. Il progetto, finanziato nell’ambito dei programmi di ricerca del Ministero della Salute, ha come capofila l’ASL 5 Spezzino, e si realizzerà grazie alla collaborazione del dottor Massimo Del Sette e di unità operative esterne alla regione Liguria, quali il CNR e l’Università Federico II di Napoli.


Mercoledì 10 Ottobre 2012

Cronaca4

16

LIGURIA Nuovo treno, finanziato con 4,4 milioni di fondi del bilancio regionale

Vesco: «Nel 2013 nuovo trenino Genova-Casella»

Entrerà in servizio nel 2013 il nuovo trenino Genova -Casella che si va ad aggiungere agli altri già attivi sulla Ferrovia. Lo ha comunicato l’assessore regionale ai trasporti, Enrico Vesco, oggi a margine del consiglio regionale, dopo il sopralluogo effettuato nei giorni scorsi nelle officina di Ansaldo Breda. Il nuovo treno, finanziato con 4,4 milioni di fondi del bilancio regionale, è costituito da 7 moduli snodabili, lungo 44 metri con pianale parzialmente ribassato e bidirezionale. Avrà una capacità di 247 passeggeri di cui 135 seduti.“

Regione. Pdl: passaggio di testimone tra Matteo Rosso e Marco Melgrati alla guida del Gruppo regionale Martedì mattina al termine della seduta di Consiglio regionale si è riunito il gruppo regionale del Popolo della Libertà, il quale dietro proposta del vice capogruppo Marco Scajola ha votato all’unanimità Marco Melgrati come nuovo Capogruppo.

Questo nuovo convoglio – ha spiegato l’assessore Vesco – testimonia la volontà di rilancio della ferrovia Genova- Casella, l’unica a scartamento ridotto di Genova, sia per offrire un buon servizio ai pendolari della vallata, sia nell’ottica di un ulteriore sviluppo turistico dell’entroterra”.

Si ringrazia Matteo Rosso per il lavoro svolto fino ad oggi e si augura buon lavoro al neo Capogruppo Marco Melgrati.

«Ora servono nuovi investimenti per bombardier»

Trasporti, appalto ad Alstom Vesco: «Vigileremo sui tempi di consegna» “Si tratta di una notizia attesa, spero che Trenitalia fatto tutte le valutazioni rispetto ai tempi di consegna che sono molto ravvicinati. La Regione Liguria vigilerà perché i tempi siano assolutamente rispettati e per fare in modo che chi si è assunto l’impegno lo abbia fatto in maniera onesta e trasparente, come ha fatto Bombardier nella sua proposta”. Lo ha detto l’assessore ai trasporti della Regione Liguria questa mattina a margine del consiglio regionale, dopo aver ricevuto la notizia definitiva dell’aggiudicazione ad Alstom

della gara di Trenitalia per la fornitura di treni regionali. “Oggi – ha detto Vesco - prendiamo atto di una situazione molto difficile per Bombardier, perché perdere la gara crea molti problemi. Per quanto mi riguarda mi rendo nuovamente disponibile con l’azienda di Vado a costruire altre soluzioni, anche nell’orbita di Trenitalia, affinché non venga meno l’attenzione di Bombardier verso il territorio e verso i lavoratori e continui il piano degli investimenti, cercando di reperire altre produzioni, sia in ambito nazionale che in altre parti d’Europa”.


Mercoledì 10 Ottobre 2012

Cronaca4

Sport SPORT

17

Calcio

Mister Nardini parla del pareggio di Capezzano

Pallamano

Al via la stagione in A2 dell’SDG Spezia Arti Marziali Cinesi

Il maestro Marco Ulivelli alla Scuola “Sanfeg martial art school”

Calcio

La Tarros vince a Genova Cronaca4 | Testata giornalistica iscritta al Tribunale della Spezia Registro Stampa n.2 del 24.03.06 Edizione LA SPEZIA Redazione | Piazza del Bastione Via Da Passano, 42 | La Spezia Tel. 0187.022377 Email: redazione@cronaca4.it TV-Cronaca4 | Tel. 0187.022497

Editore Marco Capellazzi editore@cronaca4.it Direttore Responsabile Rino Capellazzi Stampa in proprio

Concessionaria Pubblicità Cronaca4 Communication Piazza del Bastione Via Da Passano, 42 | La Spezia Direttore Mariella Brizzi Tel. 0187.022497 Cell. 347.1000826 mariella.brizzi@cronaca4.it


Mercoledì 10 Ottobre 2012

Cronaca4

18

Il commento sul match dell’Ardenza

Livorno - Spezia 1 - 5. Manita all’Ardenza Uno Spezia spietato riporta sulla terra il Livorno

Lo Spezia cala il pokerissimo all’Armando Picchi e in pochi, anche i tifosi più ottimisti, se lo sarebbero aspettati alla vigilia di un match contraddistinto dalle assenze nell’undici titolare. Senza Madonna, Goian, Schiavi e Sammarco gli aquilotti entrano in campo senza alcun timore reverenziale mettendo in cassaforte la vittoria già al termine dei primi 45 minuti. La squadra di Serena va negli spogliatoi sul 2-0 sfruttando a proprio favore le occasioni create nell’arco della prima frazione di gioco. L’episodio del calcio di rigore e della conseguente espulsione di Mazzoni spiana la strada agli aquilotti che trovano il vantaggio con l’implacabile Di Gennaro, poi lasciano il pallino del gioco ai labronici senza mai rischiare. Il raddoppio arriva in contropiede ed è il simbolo del cinismo spezzino quando Di Gennaro inventa un assist al bacio per Bovo che mette il match al sicuro. L’entusiasmo e gli applausi dei quasi 2mila tifosi arrivati allo stadio Armando Picchi dalla Spezia rappresentano il giusto

tributo per una squadra che sta disputando una tattica di gara praticamente perfetta. Dopo appena 13 secondi dal fischio d’inizio della ripresa ci pensa Sansovini a chiudere definitivamente i conti, ma la felicità di coloro che hanno creduto nell’impresa arrivando a Livorno con pullman e mezzi privati dalla Spezia si trasforma in giubilo quando Antenucci imbeccato da un Sansovini sempre più leader e capocannoniere mette il suo sigillo su una gara che in Toscana ricorderanno a lungo. Un risultato forse troppo pesante per quanto espresso in campo dalla formazione di Nicola per un’umiliazione senza precedenti che arriva a cinque minuti dal 90’ quando Antenucci segna il quinto gol prima della rete della bandiera di Paulinho. Gli aquilotti tornano a casa con un bagaglio carico di convinzione, ora guai a montarsi la testa perchè il campionato di serie B è lungo e imprevedibile. Domenica nuovo test probante al Picco per la squadra di Serena contro la sorprendente Ternana. G.T.


Mercoledì 10 Ottobre 2012

Cronaca4

19

Lo Spezia strapazza il Livorno

Livorno - Spezia 1 - 5 Tabellino 8° giornata Serie Bwin ore 20:45 - Stadio “A. Picchi” LIVORNO - SPEZIA 1 - 5 SPEZIA (4-3-1-2): Iacobucci; Piccini, Pasini, Benedetti, Garofalo; Porcari, Lollo (46’ Mandorlini), Bovo; Di Gennaro; Sansovini (78’ Pichlmann), Okaka (31’ Antenucci). Allenatore: Serena LIVORNO (4-3-3): Mazzoni ; Salviato (60’ Ceccherini), Bernardini, Lambrughi, Gemiti;

Luci, Emerson, Gentsoglu (11’ Fiorillo); Dionisi (60’ Belingheri), Paulinho, Siligardi. Allenatore: Nicola Arbitro: Ciampi di Roma Assistenti: Stallone - Manzini Quarto uomo: Minelli Spettatori: 10mila circa. Ammoniti: Porcari, Paulinho, Mario Rui. Espulsi: Mazzoni al 9’ del primo tempo per fallo da rigore su Okaka. Porcari al 64’ per doppio cartellino giall

Le parole dei due mister ai microfoni di Sky

Livorno - Spezia 1 - 5. Sala stampa Serena: «Fatto qualcosa di storico» che conosco bene e so cosa ci può dare. Siamo contenti per la nostra gente e siamo consapevoli di aver fatto qualcosa di storico così come storico è stato il triplete in Lega Pro nella scorsa stagione”. NICOLA: “Non commento mai gli episodi. Credo che i numeri siano stati esagerati in favore dello Spezia, noi siamo stati bravi a tenere il campo anche in inferiorità numerica nel primo tempo.

SERENA: “Gli episodi determinano l’andamento delle gare. E’ stato bravo Okaka a crederci. Peccato per l’espulsione di Porcari, con lo stesso metro anche Paulinho andava espulso. Non è per l’uomo in più o in meno ma ora noi avremo un giocatore in meno domenica ed il Livorno no. So che tutti continueranno a dire che noi siamo tra le favorite ma oggi se guardate la distinta avevamo in campo dei ‘91 e dei ‘92 e noi sappiamo che dobbiamo aspettarli e permettergli di crescere e sbagliare. Antenucci? Volevo fortemente il suo gol perchè è un giocatore

Il risultato però mi pare davvero esagerato. Quello che mi scoccia di più è per la gente perchè oggi erano in tanti che sono venuti a sostenerci e ci dispiace per come è andata. Certo che la mia squadra deve correggere delle situazioni. Sul secondo gol abbiamo sbagliato a lasciare quegli spazi, poi la chiave è stato il gol in avvio di ripresa quando eravamo appena scesi in campo convinti di poterla riaprire. Però ribadisco che stasera valutare solo dal risultato sarebbe sbagliato”. A.F.

Livorno - Spezia 1 - 5. Le pagelle: attacco mortifero, baby-difesa ok IACOBUCCI 7: più sicuro partita dopo partita. Fa bene ogni qualvolta è chiamato in causa, ma soprattutto mostra grande coraggio e scelta di tempo quando deve uscire. PICCINI 6,5: unica pecca il rigore finale su Paulinho, ma a gara ampiamente in ghiaccio. Difende e si propone, la fascia destra tiene. PASINI 6,5: l’esordio che ogni giocatore sogna nel calcio che conta. L’Ardenza sembra un’arena, ma il giovane di scuola Milan non mostra paura. Alla fine il leone è lui. BENEDETTI 7: in una difesa di giovani ed esordienti gli tocca fare la parte del veterano. Elegante e sicuro. GAROFALO 6,5: la spinta non gli manca mai ma stavolta ci mette anche una buona dose di precisione in più. Stantuffo. BOVO 7: solito slancio, solita corsa e generosità ma stavolta infiocchetta la sua prestazione con la rete che spacca il match, un gol che esalta una delle sue doti migliori, l’inserimento. Incursore. PORCARI 6: nella festa nessuno merita l’insufficienza, nemmeno l’ex Novara che peraltro aveva offerto una buona prova, ma l’ingenuità del secondo giallo sul 4-0 a proprio favore è davvero grande. LOLLO 6: un tempo di sostanza ma anche di non grandissima qualità per qualche acciacco di troppo. Serena lo fa rifiatare

nella ripresa inserendo Mandorlini. DI GENNARO 7,5: sempre meno pause e sempre più fiammate. Così, prima è glaciale come un vento siberiano sotto la curva livornese quando sblocca il match su rigore. Poi serve splendidamente a Bovo la palla del 2-0 e ad Antenucci quella del 5-0. Per questa volta può bastare. SANSOVINI 7,5: sesto gol, quello che mette una pietra tombale sulla gara, e stavolta lo fa lontano dal Picco. Ma non solo, perchè c’è anche l’assist per il primo gol di Antenucci. OKAKA 7: solo mezzora ma, prima di uscire acciaccato, decide praticamente l’incontro incuneandosi di potenza ed astuzia tra le incertezze di Mazzoni e Lambrughi. Risultato: Mazzoni espulso e rigore del vantaggio. Decisivo. ANTENUCCI 7,5: finalmente la sua notte. Ogni giocatore ha le sue caratteristiche e lui ha dimostrato di saper attaccare la profondità come pochi. Dategli la palla fronte alla porta, al resto ci pensa lui. Due reti ed un assist per iniziare davvero la sua stagione, ‘Anteseven’ è tornato. MANDORLINI 6,5: un tempo tutto in discesa. Un altro Mandorlini trionfatore all’Ardenza 10 anni dopo. PICHLMANN SV: ultimi minuti per entrare in un tabellino storico. Andrea Fazi


Mercoledì 10 Ottobre 2012

Cronaca4

20

L’Aullese mantiene il primo posto nel Girone A di 1.a Categoria toscana

Calcio. Mister Nardini parla del pareggio di Capezzano toni), Sacchetti (75’ Dati M.), Sergiampietri, Benassi, Goldoni. All. Nardini. ARBITRO: Alla di Livorno. MARCATORI: 10’ su rig. e 25’ Bianchi , 60’ Goldoni su rig., 85’ Berti. NOTE: espulso all’80’ Goldoni.

Capezzano – Aullese 2 – 2 CAPEZZANO: Bianchini, Bertagna, Vanni, Manfredi, Dati G., Orsucci, Cinquini, Dini (60’ Barbuti), Dati A., Bianchi (75’ Lippi), Orsucci (80’ Cima). All. Ricci. AULLESE: Conti, Sarti, Del Giudice, Matelli, Tazzini (55’ Berti), Quattromani, Salku (70’ Can-

L’Aullese chiude a Capezzano Pianore con il quasi usuale uomo in meno (stavolta cartellino rosso a Goldoni per proteste): ma con un punto in più che sembra valere oro alla luce di come il match s’era messo; non sembra pensarla tuttavia così mister Mauro Cardini, il giorno dopo, per quanto il pari voglia dire per gli aullesi il mantenimento seppur in coabitazione del primo posto nel Girone A di 1.a Categoria toscana…

Punto guadagnato quello a Capezzano Pianore ? Per la verità quel due a zero con cui si è chiuso il primo tempo ha probabilmente finito col falsare un risultato che poteva essere per noi assa più positivo. Purtroppo abbiamo dovuto subire un rigore scaturito da una mischia molto confusa e successivamente pagare, col raddoppio a sfavore passivo, uno strano svarione della nostra retroguardia. La reazione della squadra nella ripresa comunque rincuora… Certamente col secondo tempo le cose hanno cominciato a girare, benché forse la riscossa ci ha un po’ preso la mano e così c’è scappata l’ennesima espulsione, nonostante al riguardo avessi già fatto un certo discorso alla squadra: alla fine abbiamo

dovuto riparlare e lo faremo di nuovo, occorre mettersi in testa che l’arbitro ha sempre ragione, non serve poi confortarsi per il fatto che si sia riusciti a rimediare pure in dieci (per quanto ammirevole ciò possa essere). Tagliamo la testa al toro considerando che il pareggio aullese, paragonato a quello interno rimediato a fatica dalla co-capolista Lunigiana con un Villa Basilica, è sicuramente più apprezzabile ? Di certo il Capezzano non è la peggiore delle squadre, tuttavia occorrerebbe sapere come sono andate esattamente le cose a Pontremoli, ma al di là di ciò io non intendo almeno per adesso fare raffronti con chicchessia; è troppo presto e per ora è meglio procedere alla giornata pensando soltanto a noi stessi.

Stabilita la rosa definitiva per la Serie A2

Pallamano. Al via la stagione in A2 dell’SDG Spezia

Ci siamo, l’SDG Spezia Pallamano scende sul parquet del Palasport Mariotti per dar il via al campionato di A2 Nazionale che la vedrà protagonista del girone tosco-emiliano insieme a Bologna, Parma, Faenza, Rapid Nonantola, Tavarnelle, Grosseto, Modena, Secchia Rubiera. Sabato alle 21 la formazione spezzina affronta al Palamariotti la formazione del Modena per

testare se, finalmente in una gara ufficiale, la preparazione svolta da metà agosto comincia a dare i suoi frutti in un campionato che sarà lungo e difficile, e che si svolgerà contro avversarie dalla forte tradizione pallamanistica. La squadra intanto ha potuto testare il parquet di gioco, grazie a un semi accordo trovato con la società di gestione

della struttura, fermo restando che un solo allenamento, e per giunta di lunedì, non aiuta di certo una squadra che disputa l’incontro il sabato. Stabilita infine la rosa definitiva per la Serie A2. Scenderanno tra le fila dell’ SDG Spezia Pallamano per difendere i colori Bianconeri, guidati dalla grintosa Francesca Colonnata, supportata da Simone Anghileri e Gianluca

Marcias: Sergio Amico, Roberto Andreani, Andrea Benedetto, Damiano Benedetto, Andrea Bottazzi, Mattia Calzetta, Ciro Chiacchio, Massimo Colajanni, Francesco D’Ettorre, Massimo Di Nolfo, Michel Fedi, Davide Filipponi, Marian Florea, Fabio Giuliani, Juri Incerti, Marco Maci, Davide Maraglia, Flavio Magazzino, Matteo Mazzotta, Ugo Nieri, Riccardo Paciolla, Alessandro Perotto, Alessandro Rosca, Luca Termite, Denis Tranzillo, Ippolito Vannucci, Gabriele Vergassola e il capitano Alessio Tanganelli. In panchina le dirigenti Sara Chiappini, Federica Mozzachiodi e Sara Mozzachiodi. Un buon gruppo, afferma l’allenatrice Francesca Colonnata, che mi ha seguito sempre dalle prime sedute di allenamento, sabato daremo tutto e proveremo a giocare una buona gara anche se l’esordio è con una formazione fortissima, la Pallamano Modena.


Mercoledì 10 Ottobre 2012

Cronaca4

21

Direttore tecnico della Scuola di Arti Marziali Cinesi “Nei jia” della Spezia

Arti Marziali Cinesi. Il maestro Marco Ulivelli alla Scuola “Sanfeg martial art school” Un grande colpo per le arti marziali cinesi spezzine che ha visto uno dei suoi più quotati rappresentanti allacciare nuove sinergie tecniche con la scuola orientale cinese. Infatti ancora una volta sale alla ribalta il maestro Marco Ulivelli, direttore tecnico della Scuola di Arti Marziali Cinesi “Nei jia” della Spezia, che su invito del Monaco Taoista di 15^ Generazione Maestro Yuan Limin, è andato a perfezionare lo stile “Wudang Quan”, nel mese di agosto, direttamente nella Scuola “Sanfeg martial art school” nelle montagne sacre di Wudang nel sud della Cina. Un rapporto fra i due maestri di grande stima professionale e amicizia che risale già ai primi incontri in Italia avvenuti nel 2005 e proseguiti nel tempo, dove il tecnico spezzino in più di un occasione ha ospitato il Monaco taoista, ricordiamo leader del gruppo che rappresenta lo stile di Wudang nel mondo. Come giudica questa esperienza? “Finalmente ho potuto contraccambiare - esordisce Marco Ulivelli - le visite fatte dal maestro cinese negli anni scorsi, quando ha scelto anche La Spezia come tappa dei suoi tour europei. Il viaggio è stato massacrante, ma la suggestiva atmosfera e il fascino degli ambienti unici del-

le montagne di Wudang hanno ripagato pienamente i miei sacrifici. Sono stati giorni di intenso allenamento, dalla sveglia alle ore 5,30 fino alla sera con oltre dieci ore di intenso lavoro. Un ritmo incalzante che ho condiviso con il mio compagno di viaggio, il maestro di Roma, Marco Mottura, fratello di pratica, veterano di queste esperienze”. Su quali tipi di discipline avete lavorato? “Sono riuscito a perfezionare lo stile tradizionale di taiji di spada (jian) - continua il maestro spezzino - oltre a studiare i fondamentali del “Baguazhang” (box degli otto trigrammi) che fa parte integrante, assieme al Taiji Quan e allo “Xing Yi Quan” degli stili interni “Nei jia” del Kung Fu”. “La pratica in Cina - spiega Uli-

velli - richiede un adattamento sia fisico che mentale, proprio per il modo spartano con cui vengono condotte le lezioni, sia dal Maestro che dai discepoli e per l’aspetto spirituale/meditativo inscindibile dall’aspetto applicativo. Posizioni statiche e dinamiche di Qi Gong (Antichissima arte atta a sviluppare e accumulare energia), praticate per ore e seguite dall’esecuzione di fondamentali di spada (jian) e Baguazhan, hanno riempito le mie giornate cinesi. Al termine del soggiorno, presso il Tempio degli Otto Immortali (Ba Xian Temple), ho sostenuto, assieme agli altri allievi una verifica sul lavoro svolto, che si è conclusa con la consegna del relativo attestato di riconoscimento”. Piena soddisfazione per tutti i praticanti della Scuola “Nei jia” che hanno festeggiato al rientro

il loro direttore tecnico con il quale sono già ripresi gli allenamenti e i corsi presso la palestra della Scuola “Jean Piaget” (alla Chiappa) e presso la palestra dell’ Istituto Alberghiero e Cardarelli di via Fontevivo a Montepertico. Ecco i nuovi orari delle lezioni. Palestra Scuola Media “Jean Piaget” (Chiappa). Lunedì e mercoledì: ore 17.30/18.30 Kung Fu Bambini e adulti; 18.30/19.30 Taiji Quan aperto a tutti; ore 19.30- 21.00 Taiji Quan Avanzati . Palestra “Istituto Alberghiero e Cardarelli” (Montepertico). Martedì e giovedì: ore 17/18 Kung Fu Bambini; ore 18/19.30 Kung Fu Agonisti; ore 19/20 Kung Fu Adulti. Novità assoluta, da quest’anno la scuola nei jia, unica sul territorio spezzino e ligure, ha inserito nel programma degli “stili interni” anche la divulgazione della disciplina denominata “Baguazhan” (Boxe degli Otto Trigrammi) che il maestro Ulivelli ha approfondito e perfezionato presso la scuola Wudang Quan del monaco Li Min. Per informazioni sui corsi di arti marziali cinesi svolti dalla scuola Nei jia consultare il sito www.artimarzialicinesi.com o al tel. 3491560984.

Seconda in Promozione

Calcio. La Tarros vince a Genova Bolzanetese - Tarros Sarzana 0 – 1 BOLZANETESE: Baldassarre, Sanfilippo (57’ Bartalini), Petinati (81’ Cardelli), Monticone, Grillo, Pozzati, Gasti, Russo (73’ Rapetti), Rocco, Novelli, Venturelli. All. Gullo. TARROS SARZANA: Giubasso, Biselli, Ciuffardi (75’ Favasuli), Costa, Forieri, Bertolla, Spagnoli (90’ Lamioni), Isoppo, Pezzica (73’ Calò), Vierucci, Bottigliero. All. Plicanti. ARBITRO: De Giovanni di Novi Ligure. MARCATORE: 1’ Biselli. Un gol ad ostilità appena avvia-

te di Biselli, ormai a quanto pare insediatosi ormai come titolare all’indomani di un periodo di assenza, vale alla Tarros Sarzana un successo a Bolzaneto che le consente di mantenere la seconda posizione nel Girone B di Promozione ligure: a 2 punti da quel Magrazzurri che, nel perdurante proposito di abbozzare

la fuga in vetta alla classifica, ha rifilato intanto un sonoro 4-1 al Canaletto “fanalino di coda” all’ “Astorre Tanca” spezzino. Tornando a Genova, la rete a freddo è parsa tramortire la Bolzanetese, la quale soltanto nel secondo tempo s’è resa davvero e più volte pericolosa (nel primo più incisiva la Tarros). Ad ogni

modo, un paio di “paratone”di Giubasso, un salvataggio sulla linea di porta dell’onnipresente Vierucci e una buona tenuta generale della squadra malgrado l’assenza dello squalificato Villa hanno permesso ai rossoneri di arrivare indenni in fondo; anzi nel finale Lamioni, appena entrato, ha sfiorato il raddoppio. Senza conseguenze infine per Favasuli, alla mezz’ora, un violento scontro con Petinati il quale ha invece dovuto abbandonare il campo. Domenica prossima mezzo derby col Don Bosco Spezia al “Miro Luperi”…


MercoledĂŹ 10 Ottobre 2012

Cronaca4

22


Cronaca4 di Mercoledì 10 Ottobre 2012