Page 1

Anno 2 numero 6


REBECCA

compie 7 anni

ANNA

MARCO G.

compie 8 anni

compie 3 anni

MARCO R.

compie 7 anni

HAYDEN

compie 6 anni

TOMMASO compie 5 anni

MATTEO

compie 6 anni

Proponiamo feste a tema... dai pirati alle principesse, dalle super star ai super eroi! Con animazione, giochi, trucca bimbi e tanto tanto divertimento!! CONTATTACI!


Papà CIAO AMICI! Marzo è un mese molto bello, arriva la , e le giornate si allungano. OR

LAV

e

O

sono

Con l‛aiuto della mamma prendono:

delle loro

ZUCC HERO

e

ZUCC HERO

ZUCC HERO

ZUCC HERO

FARINA

Papà Papà fatte su un cartoncino colorato Papà Papà

buonissimi. Con lo stampo ZUCC HERO

FARINA

e insieme creano dei

,

FARINA FARINA

.

FARINA

vogliono fargli un bellissimo

FARINA

emozionati perché fra poco sarà la festa del papà, e

ZUCC HERO

FARINA

Papà i biscotti. Quando arriva il loro Papà , lo abbracciano formano un piccolo

, e con cura mettono dentro

OR

LAV

OR

LAV

O

O

OR

LAV

O

OR

LAV

ZUCC HERO

O

forte e gli danno il loro regalo. Le loro manine che OR

LAV

Papà

O

offrono dei dolci biscotti per quando il papà sarà OR

LAV

al

RO

O LAV

O

, così mentre farà merenda penserà ai suoi

due bambini.

Non perdere le prossime avventure di Pino e Rosa!

O RO OR LAV LAVO


“QUANDO È UTILE CONTATTARE IL LOGOPEDISTA PER EVENTUALI DUBBI RELATIVI AL LINGUAGGIO DEL MIO BAMBINO? QUAL È L’ETÀ GIUSTA?” La logopedista risponde: Innanzi tutto dipende sicuramente dall’età e dalle difficoltà che presenta il piccolo. Sicuramente è importante dire che la logopedia è una relazione di aiuto che ha come oggetto la comunicazione e il linguaggio. Questa relazione ha come interfaccia un bisogno specifico a cui è fondamentale rispondere con un trattamento riabilitativo/abilitativo mirato, specializzato, che ha obiettivi definiti e verificabili. Quindi non esiste un “troppo presto”. Prima dei tre anni è opportuno rivolgersi al logopedista se il proprio bambino non ha acquisito un numero di parole adeguato all’età, se utilizza poche paroline per esprimersi e se sembra avere qualche difficoltà a comprendere ciò che gli viene detto. In questo caso il logopedista potrà decidere se è opportuno iniziare un trattamento indiretto, ossia dare consigli e strategie ai genitori da utilizzare nella vita quotidiana o se è il caso di effettuare un ciclo riabilitativo nel caso in cui le difficoltà siano su più componenti e di entità importante. Durante la scuola materna (3-5 anni)invece, ci si rivolge al logopedista se il bambino ha un vocabolario ristretto rispetto ai coetanei, non riesce a dire alcuni suoni o se fa molti errori nel linguaggio spontaneo (ad es. se confonde suoni che riesce a dire singolarmente, se omette o inverte le sillabe) o se non riesce a strutturare bene la frase da dire. Anche nel caso di disfluenze persistenti e di alterazioni della voce è importante contattare lo specialista. Valentina Bertoldo


CORONA DI SALAME DOLCE PER LA FESTA DEL PAPA‛ Ingredienti • • • • • •

150 gr di biscotti secchi 2 tuorli d’uovo 100 gr di burro 75 gr di zucchero a velo 50 gr di cacao amaro Biscotti e caramelle per decorare COLORA NO! IL DISEG

Preparazione Inserite i biscotti in un sacchetto resistente e con qualsiasi strumento sicuro, anche con le manine, fate sbriciolare i biscotti ai bambini! Nel frattempo amalgamate al burro morbido le uova, lo zucchero a velo ed il cacao ed ottenete cosi’ una crema. A questa crema aggiungete i biscotti. Ora dovete dare la vostra forma, potete aiutarvi di una ciotola per avere la bombatura della corona. Decorate con biscotti e caramelline, aiutandovi anche con un po’ di cioccolata sciolta se occorre, per fare aderire meglio. Mettete a raffreddare in frigorifero fino al momento di portarla al vostro papà! Sarà felicissimo di essere da voi incoronato!!!

Una specialità!

Erica


Il 19 marzo è la festa del papà! Ecco alcune semplice e riciclose idee per fare al vostro papà un regalo unico e originale:

Biglietto a forma di camicia e cravatta Vi servirà del cartoncino di 2 colori; uno usatelo per fare la camicia piegando i bordi superiori per fare il collo, nell’altro disegnate e ritagliate una cravatta e incollatela sopra!

Sassi fermacarte Prendete nel fiume dei bei sassi rotondi e dipingeteli con la tempera! potete dipingere anche il ritratto del viso del vostro papà!

Cornice porta foto con l’aiuto della mamma tagliate nel cartone grosso da scatoloni la scritta “Papà”, dipingetela o abbellitela con pezzi di carta colorata, e per finire mettete le vostre foto!

Buon lavoro! Francesca


DIFFICOLTÀ A SCUOLA In tutto il mondo, moltissime famiglie sono coinvolte, prima o dopo, nelle problematiche scolastiche dei propri figli. Sull’altro fronte, gli insegnanti si lamentano con grande frequenza delle difficoltà di apprendimento manifestate dai loro allievi. Non c’è nessuna sorpresa se un insegnante, con 25 alunni in classe, ne indica un gruppetto di 7-8 come incerto o assolutamente deficitario negli apprendimenti. Molte sono le ragioni per cui uno studente può fallire a scuola e molti sono i profili sottostanti. I profili fondamentali (stimandone in prima approssimazione l’incidenza) che potrebbero sottostare a una difficoltà scolastica importante sono i seguenti: 1. Condizione di handicap (mentale, sensoriale visivo, sensoriale uditivo, multiplo) (1.2%) 2. Disturbo specifico di apprendimento (da 2 a 4%) 3. Disturbi specifici collegati: disturbo di attenzione e/o iperattività (DDAI) e altre problematiche evolutive severe (autismo ad alto funzionamento, disturbi del comportamento, problematiche emotive gravi, ecc.) (4%) 4. Svantaggio socio-culturale grave (condizioni di deprivazione precoce, appartenenza a gruppi svantaggiati e/o stranieri) 5. Difficoltà scolastiche in altre aree scolastiche rilevanti, quali la lingua straniera, aspetti avanzati dell’apprendimento matematico, le abilità trasversali di studio, ecc. CON IL TERMINE DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO ci si riferisce ai soli disturbi delle abilità scolastiche, e in particolare a: DISLESSIA DISORTOGRAFIA DISGRAFIA DISCALCULIA.

Progetto di sostegno alle difficoltà scolastiche (DSA e ADHD)

Presentazione GIOVEDÌ 20 MARZO ore 20.30 presso lo spazio Città dei Bambini a Schio

PRENOTA LA TUA CONSULENZA!

Chiama il numero 347.4105911 o scrivi a info@naturolandia.it


… Se sei un genitore, hai bisogno di un grande coraggio: il coraggio di non interferire. Mostra al bambino direzioni sconosciute da esplorare. Non fargli temere il buio, non creare in lui l’incubo del fallimento o la paura per tutto ciò che è sconosciuto. Sostienilo. Quando inizia ad esplorare zone sconosciute dagli tutto il tuo appoggio, il tuo amore e le tue benedizioni. (Osho)

NATUROLandia - marzo 2014  

Mensile informativo di NATUROLandia, Associazione Sportiva Dilettantistica, Culturale e Ricreativa con sede a Schio (Vicenza)

Advertisement