Issuu on Google+

Nastroflex informa

5

Notiziario tecnico commerciale

Caro cliente...

Perchè un nuovo disco fibrato? Gli utilizzatori di dischi fibrati sanno che la curvatura del disco, causata dall’umidità, è uno dei fattori di maggiore rischio e costo nell’uso di questo utensile abrasivo. La relativa debolezza del supporto stesso di carta stratificata, che richiede solitamente l’ausilio di un platorello di plastica per smerigliare con una certa pressione, è il secondo punto di debolezza che si è voluto risolvere. Ecco quindi che SUN, il famoso produttore coreano di abrasivi di alta tecnologia, ha ideato il disco

STIFF, nel quale il maggiore intervento riguarda il supporto stesso, totalmente diverso rispetto ai tradizionali dischi.

Aprile 2012

Sommario:  Perché un nuovo disco fibrato?

Uno strato di tela di poliestere, sul quale viene

 Le matite di Wolf-Wilburn planare e resistente.

applicato l’abrasivo, viene laminato ad un sottile supporto di vetroresina (simile a quello usato per i dischi da taglio), a formare un disco estremamente

Niente più curvature, presse per mantenere i dischi in forma, platorelli di supporto e problemi di rotture o perdita di abrasivo sul perimetro del disco stesso,quando viene usato sul bordo.

 Altac X6 “brilla” in finitura  Nastroflex per gli utilizzatori del settore metallo

 Uno stock di dischi pronti alla consegna

(continua a pag 4)

 R350: fredda precisione  “Quanti fori nei dischi per un assortimento ideale?”

Incontri tecnici per il legno-arredo

Le matite di Wolf-Wilburn L’11 febbraio si è svolto presso la nostra sede “Le finiture lucide: cosa fa la differenza oggi?”, un corso per responsabili di produzione di aziende specializzate in tali lavorazioni, finalizzato a trasmettere un metodo per generare qualità e soprattutto risparmi “di sistema”.

Il titolo dell’articolo è dedicato al “test delle matite” o anche test di WolfWilburn, un apparecchio (foto a lato) che ha catturato l’interesse di tutti i partecipanti per la sua capacità di definire il grado di durezza di una vernice, usando un principio molto semplice.

(continua a pag.4)

Le applicazioni su metalli cromati per il settore arredo

Altac X6 “brilla” in finitura L’esigenza di ottenere risultati estetici sempre più importanti nei componenti metallici dei prodotti d’arredo, ha aumentato di molto negli ultimi anni l’attenzione per le lavorazioni che precedono la lucidatura e la cromatura dei metalli stessi. Così le

aziende specializzate nella pulitura dei metalli stanno scoprendo la grande qualità dei nastri di Altac X6 proposti da Nastroflex, per la satinatura di supporti a sezione tonda o quadra in acciaio, in particolare per la produzione di tavoli e sedie.

(continua a pag.4)


Le applicazioni su metallo

Nastroflex per gli utilizzatori del settore metallo La gamma dei prodotti Nastroflex destinata al settore metallo, è piuttosto ampia e merita una presentazione ordinata. Nella tabella a lato abbiamo voluto guidare l’utilizzatore fornendo una duplice chiave. I prodotti indicati come Specifici sono stati ideati appositamente per raggiungere una performance elevata nella relativa applicazione, per soddisfare produttività e qualità nelle produzioni ad alto valore aggiunto. Quelli indicati come Polivalenti rispondono all’esigenza di coprire utilizzazioni diverse fra loro senza necessariamente disporre di una gamma vasta di articoli. In definitiva, la prestazione rimane buona o ottima nella maggior parte degli usi, pur con costi di gestione contenuti. Di seguito proponiamo un breve glossario delle applicazioni riportate in tabella. Sbavatura: elevata asportazione o rim ozione d i m ater iale (indicativamente con grane dalla 24 alla 80) Smerigliatura: riduzione della rugosità derivante dall’operazione precedente (grane 100-240) Satinatura: finitura opaca (grane 320-400) Superfinitura: finitura di preparazione alla cromatura o lucidatura (grane 600-1500)

Nastroflex Informa

2


Il servizio e la soddisfazione

Uno stock di dischi pronti alla consegna Una delle priorità per Nastroflex in questi ultimi mesi è stata migliorare il livello di servizio relativo ai dischi abrasivi in carta, in termini di disponibilità e di rapidità di consegna. I dischi rappresentano oggi un mercato importante ed in crescita, i cui articoli sono considerati “da scaffale” e quindi devono essere di “pronta consegna”. Per realizzare questo obiettivo, Nastroflex ha compiuto una razionalizzazione del proprio assortimento di prodotti di largo impiego nell’industria e nell’autocarrozzeria, concentrando le dimensioni ed i formati maggiormente utilizzati in ambito europeo per costruire uno stock di materiale sempre disponibile. Per i prodotti a stock - illustrati nella tabella a fianco - l’evasione è garantita in 4-5 giorni, mentre per quelli non a stock, ma che soddisfano l’MOQ (minimum order quantity) i tempi di consegna sono di 4 settimane. La gamma di questi dischi è basata sui prodotti di maggior successo, a partire dall’oramai ben noto “film verde” Lonbrade e a breve sarà affiancata da un ulteriore gamma di fogli e rotoli standard, di pronta consegna.

Le applicazioni su metallo

R350: fredda precisione R350 è un prodotto in ossido di alluminio, la cui resina è additivata con un raffreddante. Viene spalmato su supporto in poliestere/cotone di peso JF (flessibile), a cosparsione chiusa.

lavorazione di prodotti impananti com’è appunto l'alluminio in genere e può inoltre vantare un buon grado di finitura/satinatura, con bassi valori di Rz.(picchi di rugosità).

E' un prodotto particolarmente adatto nella smerigliatura e satinatura di parti in acciaio inox e alluminio pressofuso, anche sagomate.

La maggior parte degli utilizzatori dell’R350 , usa nastri in grane medio/ fini su ruote di contatto morbide senza scanalature.

I punti di forza dell' R350 nella lavorazione dell'inox sono il grado di finitura e la durata del prodotto grazie al raffreddante presente nella resina, che evita anche la classica “bruciatura” di colorazione bluastro, propria di questa applicazione.

Spesso Il nastro è 1-2 centimetri più largo della stessa ruota, in modo da poter sfruttare la flessibilità del supporto lungo il bordo sporgente ed andare così a lavorare anche parti con curve accentuate.

Per quanto riguarda la lavorazione dell'alluminio, R350 ha un'ottima resistenza all'intasamento, tipico della

A fianco: R350 nella lavorazione di cerchi in lega per autoveicoli

Nastroflex Informa

3


Dalla prima pagina Perché un nuovo disco fibrato? La semi flessibilità di questo supporto, ne consente l’uso con un angolo di incidenza minore per poter quindi sfruttare una più elevata superficie di taglio, a vantaggio di una maggiore rapidità di smerigliatura e un migliore utilizzo di tutta la superficie del disco La gamma attualmente a disposizione, declinata in diversi tipi di granulo abrasivo, viene impiegata per la sbavatura, smerigliatura e finitura di acciaio, acciaio inox, leghe ferrose e compositi. I dischi Stiff sono disponibili dalla grana 24 alla grana 120 nei formati:

 diametro 100, con foro 18mm;  diametro 115, con foro 22mm;  diametro 127, con foro 22mm e taglio a croce;

 diametro 180, con foro 22mm e taglio a croce. I dischi STIFF vengono prodotti nelle seguenti varianti:

 F959S, ossido ceramico con raffreddante, per lavorazioni su acciai inox con grandi asportazioni;  F959, ossido ceramico, per lavorazioni su materiali ferrosi;  F659, ossido di zirconio per lavorazioni su materiali ferrosi ed acciai legati, con grandi asportazioni.

Incontro tecnico

Altac X6 “brilla” in finitura

L’apparecchio contiene una comune matita e viene passato sulla superficie da misurare, usando una sequenza di matite di durezza crescente (BB, B, HB, etc), finchè si individua l’ultima in grado di scalfirne la vernice, ottenendo quindi la misura del suo grado di durezza. Il test è stato uno degli elementi illustrati per trasmettere un metodo di valutazione a supporto delle scelte relative alla combinazione superficievernice-macchina-abrasivo. Sono state trattate la durezza della superficie, la relativa rugosità, le caratteristiche del materiale abrasivo, quelle del nastro e infine le caratteristiche della macchina levigatrice, analizzando di ciascuna componente gli aspetti salienti, i problemi connessi e i costi a questi conseguenti, esponendo infine gli strumenti con cui risolverne le criticità.

Altac X6 ha dimostrato di ottenere una finitura perfetta e senza graffi, di componenti in acciaio per mobili, quando viene utilizzato per concludere un processo del seguente tipo.. Dopo l’eventuale lavorazione con grane grosse per rimuovere imperfezioni superficiali, il processo ideale di finitura prevede passaggi con prodotti tradizionali all’ossido di alluminio, come il nostro R192, con grane 150 – 240 – 320 – 400 – 600. La finitura con Altac X6 grana 800 conferisce una rugosità superficiale e soprattutto un Rz estremamente bassi, a tutto vantaggio della cromatura e lucidatura successive.

L’interesse e la soddisfazione dei partecipanti si sono riassunti in alcune frasi significative espresse a distanza di alcuni giorni, come “… l’incontro ha innescato tra me e i miei collaboratori un acceso dibattito sul miglioramento del processo produttivo…”. Per soddisfare le numerose richieste l’incontro sarà ripetuto nelle prossime settimane, sempre presso la sede di Nastroflex a Ponte di Piave.

La parola al Cliente

“Quanti fori nei dischi per un assortimento ideale?” “Spett.le Nastroflex, vogliamo crearci un assortimento di dischi che copra la gran parte delle nostre esigenze, ma davanti ai tanti formati e alla variabilità del numero dei fori, non sappiamo come scegliere…” (lettera firmata)

Risponde Marco Armellin, responsabile del Servizio Assistenza. In realtà non esiste un formato che tecnicamente prevalga sugli altri. Il nostro consiglio, se non avete ancora una chiara identificazione dei vostri consumi prevalenti, è di usare dischi

Nastroflex Informa Nastroflex Spa Via delle Industrie, 17 31047 Levada di Ponte di Piave (Treviso) ITALY Tel. +39.0422.853018 Fax. +39.0422.853533 E-mail: nastroflex@nastroflex.it Web: www.nastroflex.it 4

standard a 15 fori, in grado di coprire le esigenze dei 6, 8 e 9 fori che equivalgono all’80% circa del fabbisogno tipico degli utilizzatori.

“Per quesiti di carattere tecnico scrivete a assistenza@nastroflex.it


Nastroflex Informa 5 Aprile 2012