Issuu on Google+

Evento in concomitanza con la 55^ Biennale di venezia ACAF-Artemisia Gallery presenta

“LUCI E OMBRE�

Dal 1 al 14 settembre


Nello spazio espositivo “Forme d’Arte” Salizada San Samuele San Marco 3287 - Venezia – ACAF-Artemisia Gallery ha organizzato un evento in concomitanza con la 55^ edizione della Biennale d’Arte di Venezia.

Luci e ombre ben si addice allo spirito della collettiva dove troviamo artisti italiani e stranieri che insieme compongono un mosaico di colori e luci, sia nelle forme astratte che nelle forme figurative, tecniche di rappresentazioni diverse fra di loro compongono l’insieme armonico di questa bella collettiva. Sono presenti gli artisti DIEMER ERIKA FOSTER GRAZY GALLICOT MADAR JACQUELIN GIUSTI ROSANGELA LONGARETTI SEBASTIANO NANA NGUYEN CHRISTIAN PAIANO FIORELLA SEGURA PILAR La durata dell’esposizione dal 1 al 14 settembre 2013


Salizada San Samuele - Venezia


Galleria “Forme d’Arte”


DIEMER ERIKA

Geboren 1957 in Kelheim a.D., lebt und arbeitet Erika Diemer, Mutter dreier Söhne, heute in Stuttgart. Kunst, insbesondere die Malerei, war für sie schon immer ein Bestandteil ihres Lebens. Sie konnte sich aber erst nach der Erziehung ihrer Kinder konsequent der Malerei widmen. Über zahlreiche Kurse an Kunstschulen, über eine Kunstausbildung an der Kunstakademie Esslingen a.N., über Studienaufenthalte in der Schweiz und auf Mallorca und über autodidaktisches Lernen fand sie schließlich zu ihrem unverkennbaren, ganz eigenen Malstil. Im Jahr 2002 fand dann auf Drängen ihrer Söhne die erste öffentliche Ausstellung in Stuttgart statt. Inzwischen werden ihre Bilder in Galerien im In- und Ausland gezeigt. Erika Diemer’s bevorzugtes Malmittel ist nach wie vor Acryl, aber auch Tempera, Tusche oder Aquarell kommen zum Einsatz. Die zumeist großflächigen, auf Leinwand gemalten Werke beeindrucken durch harmonische und intensive Farbgebung und durch eine konsequente und klare Ausdruckskraft. ‘Mit meinen Bildern möchte ich ein Lächeln auf die Gesichter der Betrachter zaubern, aber auch gleichzeitig zum Nachdenken anregen!’ Seit ihrem 18. Lebensjahr zieht es sie immer wieder nach Mallorca. Die freundschaftlichen Beziehungen zu vielen Menschen und zur Kunstszene auf dieser Insel haben sich in den letzten Jahren mehr und mehr entwickelt. Im Jahre 2007 hatte Erika Diemer dann dort ihre ersten Ausstellungen in der Galeria Sa Botiga in Santanyi und in der Galeria Botz in Port d’Andraitx. Weitere zahlreiche Ausstellungen folgten. Aina Maria Lliteras de Can Cardaix , selbst eine erfolgreiche Künstlerin und Stiftungsgründerin der Fundació Aina Maria Lliteras in Artà/Mallorca, entdeckte Erika Diemer 2009 und hat seitdem massgeblich Einfluß auf ihren künstlerischen Werdegang. Sie ermöglichte ihr mehrere Ausstellungen in ihrer Stiftung und öffnete ihr dadurch den Weg zu internationalem Erfolg. Erika Diemer, madre di tre figli, vive e lavora a Stoccarda. Ha sempre amato l’arte, in particolare la pittura, perché ha sempre fatto parte della sua vita. Ha potuto dedicarsi alla pittura costantemente dopo l’educazione dei figli. Ha frequentato , numerosi corsi presso scuole d’arte, uno stage di educazione artistica presso l’Accademia d’Arte di Esslingenan, in Svizzera ed a Maiorca dove ha fatto un percorso di autodidatta ,dove ga ha trovato il suo distintivo, molto personale stile di pittura. Nel 2002, la prima mostra pubblica è tenuta a Stoccarda, poi sotto la spinta dei suoi figli. Nel frattempo, i suoi lavori sono esposte in gallerie in patria e all’estero. Mezzo di pittura preferito di Heather Diemer è ancora l’acrilico, ma anche la tempera, acquerello o inchiostro utilizzato. In vasta scala,il suo stile di pittura su tela stupisce per i suoi colori armoniosi e intensi e in un aspetto coerente e tagliente. ‘Con le mie opere che voglio mettere un sorriso sui volti di chi guarda, ma anche ispirare lo stesso per il pensiero!’ Da quando aveva 18 anni ha incominciato a disegnare continuando fino all’esperienza di a Maiorca. Gli amichevoli rapporti con molte persone e la scena artistica dell’isola hanno sviluppato sempre di più negli ultimi anni la sua creatività . Nel 2007, per Erika Diemer arrivano le prime mostre alla Galleria Sa Botiga a Santanyi e nella Galeria Botz a Port d’Andratx. Molte altre mostre seguiranno. Nel 2009 ha incontrato a Maiorca, il ben noto circolo internazionale del pittore Aina Maria de Can Lliteras Cardaix - Aina Maria offrì l’opportunità di esporre le sue opere nella fondazione d’arte da lei fondata a Arta / Mallorca, che porta il suo nome. In esso, ErikaDiemer ha anche trovato un amico e mecenate della sua arte. Dal 2010, è inclusa nella lista degli artisti della fondazione.

Expositions:

2004 - 2008 Galeria Sa Botiga, Santanyi/Mallorca Galeria Barbara Botz, Port Andraitx/Mallorca Café Sóller,Sóller/Mallorca PSD-Bank, Stuttgart/Deutschland Landratsamt Kelheim a.D. /Deutschland Universitätsklinikum Aachen/Deutschland Raiffeisenbank Waiblingen/Deutschland 2009 TABALUGA-Stiftung Peter Maffay, Pollenca/Mallorca Fundaciò Aina Maria Lliteras de Can Cardaix, Artà/Mallorca Galeria de Arte Manuel Márquez, Ourense/Spanien Kunstmesse DEKUMO, Stuttgart 2010 VI Feria Intern. de Arte Contemporáneo de Marbella

"Marbart"/Spanien

2011 Atlantic Gallery New York/USA NoHo Gallery New York/USA Gallery Heraldes da Silva, Porto/Portugal Fiera Immagine Art, Reggio Emilia/Italien 2012 Galerie TAKINU, Stuttgart/Deutschland Galeria de Arte San Vicente, Alicante/Spanien 2013 “ Art Basel goes HongKong “Asia Contemporary Art Show, HongKong Waldklinikum Bonn-Bad Godesberg/Deutschland 2014 Amtsgericht Stuttgart/Deutschland Kunsthaus Bühler, Schömberg/Deutschland


ERIKA DIEMER Furore - acrilico su tela cm 50x150


FOSTER GRAZY Artista eclettica , diversifica la sua arte, in varie forme. Dalla pittura su ceramica e porcellana, ai dipinti ad olio acquerello fino ad arrivare all’arte digitale inpreziosita da interventi manuali. Le sue opere sempre emblematiche e misteriose, suscitano interesse ai collezionisti DIplomata all’Accademia d’Arte Albertina di Torino, in gioventù direttirce del gruppo “I dieci di Torino” con i quali ha partecipato a diverse esposizioni con notevole successo, ha ottenuto premi e riconoscimenti. Ha sospeso la sua attività artistica per dedicarsi alla famiglia, ma dopo i quarant’anni la passione per l’arte le ha permesso di riprendere in mano gli strumenti continuando il suo percorso arricchito da master presso pittori di notevole levatura, nei vari settori, dalla ceramica e porcellana alla grafica e incisione. Al momento continua la sua produzione rinnovando la propria esperienza rivolta al futuro.

FOSTER GRAZY Combattimento finale - digital art and acrilico - cm 70x90


FOSTER GRAZY Il grande sonno - digital art and acrilico - cm 70x90


Un omaggio all’artista - momento di relax davanti alla galleria “Forme d’arte”


GALLICOT MADAR JACQUELINE L’artista non ha firmato i suoi quadri , lei firma un nome che gradualmente si affievolisce nella riga finale della tabella. Nella sua gioventù, la sua insegnante d’arte ha detto che, oltre la sua malattia, ha visto qualche cosa sulle foglie ... una luce può essere. Lei non dipinge. Sente che la vernice passa attraverso di esso, attraverso di essa. E ‘iniziato come un impulso, come una luce del genere si è intensificata al punto di diventare una necessità a disagio. Lo scopo della sua pittura non è decorazione, ma quello che resta l’approvazione di tutti i colori: una luce iridescente vicino a l’aria e l’acqua Tuttavia, se lei pensa che lei dipinge foglie appaiono sulla soglia della percezione, recinzioni. La sua prima serie è stata costruita su una moltitudine di tracce: faccia dopo faccia, figura dopo figura. Aggiunge i primi aspetti di un lungo tavolo, che si incontrano su un’unica tela tutti i volti di esseri umani. In seguito, lei pensa che ha iniziato un nuovo viaggio verso la fine della memoria della sofferenza che tormenta. Girasoli, papaveri, rose sorsero in primo luogo nei suoi pennelli sono stati cancellati, non cancellata, rimossa come interruzioni in una sorta di conforto ma sono ancora possibili. (Barbara Wahl) Elle ne signe pas ses tableaux, ou bien elle les signe d’un nom qui peu à peu s’efface dans le trait final du tableau. Dans son jeune âge, son professeur de dessin disait que, au-delà de son désordre, il voyait quelque chose sur ses feuilles... Une lumière peut-être. Elle ne peint pas. Elle a l’impression que la peinture passe au-travers d’elle la traversant. Cela a commencé sous le coup d’une impulsion, comme une envie légère qui s’est intensifiée au point de devenir une nécessité inconfortable. Le but de sa peinture n’est pas la décoration, l’agrément mais ce qui reste, toutes couleurs confondues : une lumière irisée proche de l’air et de l’eau. Cependant, là où elle pense avoir peint des feuillages apparaissent, au seuil de la perception, des grillages. Ses portraits se construisent sur une multitude de traces : visage après visage, silhouette après silhouette. Elle ajoute les premières facettes d’un tableau interminable, celui qui réunirait sur une seule toile tous les visages de l’humain. Par la suite, nouveau parcours, vers une issue de la mémoire souffrante qui la hante. Les tournesols, coquelicots, roses qui ont surgi tout d’abord sous ses pinceaux ont été effacés, gommés, retirés car les pauses dans une nature consolante ne sont pas encore possibles. (Barbara Wahl) Con ACAF-Artemisia Gallery ha partecipato nel mese di Febbraio 2013 alla Fiera di Innsbruck


Sans tTtre n. 1 acrilico su tela cm 89x130


Sans Titre n.2 acrilico su tela cm 81x116


GIUSTI ROSANGELA La pittrice Rosangela Giusti è nata a Vigevano, dove risiede e lavora. Appassionata da sempre dell’arte nelle sue molteplici forme, ed in particolare della pittura, ha partecipato a concorsi già in età scolare. Solo più tardi, però, ha potuto dedicarsi appieno a questa passione, frequentando la Scuola di Disegno e Pittura presso l’Istituto Roncalli di Vigevano, sotto la guida della Prof. Anna Strada. Si è poi perfezionata anche con la nota acquerellista Giovanna Siviero. Sue opere sono presenti con continuità nelle manifestazioni d’arte organizzate nella sua città. Ha partecipato a numerose rassegne collettive ed ha allestito mostre personali in diverse località italiane. Suoi lavori sono esposti in permanenza in centri didattici. Ha realizzato il Cencio per la XXXII edizione del “Palio delle Contrade” di Vigevano (anno 2012) Fa parte delle Associazioni Culturali “Arte in Vigevano” e “Femminile come Arte”. “Dipingere è il mio modo di vedere il mondo, il mezzo che mi permette di fissare gli attimi, le idee, i sentimenti. E’ la risposta alla necessità di comunicare anche senza le parole. Ecco quindi cosa rappresentano le mie opere: un veicolo attraverso cui trasmettere all’osservatore le sensazioni e le emozioni che hanno permesso alla mano di dare vita al quadro, passando prima dalla testa e da cuore.” “Il carattere subito percepibile nella pittura di Rosangela Giusti è la predilezione dell’artista per i toni bassi delle tinte ocra, usate in tutte le loro varianti ed arricchite quanto basta da velature di supporto. Il risultato è quello di ottenere un gioco di tonalità infinitamente ritmato , che l’artista domina magistralmente, ricorrendo in particolare alle diluizioni dell’acquerello ed all’utilizzo oculato delle carte di supporto, non solo scelte fra le più preziose, ma anche sapientemente preparate per sostenere la pittura. Dott.Pino Zanchin, critico d’arte e organizzatore di eventi: In una recente mostra allestita a Milano con un gruppo di oltre venti opere, Rosangela Giusti ha dimostrato di essere un’artista severa e sicura, senza trucchi, né leziosità. Dipinge, subendone il fascino, soggetti talvolta esotici, trovati nella memoria di viaggi lontani, ma, per lo più, ella si concentra nella produzione di tessiture ispirate a grovigli vegetali colti probabilmente dai giardini lombardi o forse dalla rive del Fiume Ticino. Sono dipinti di paesaggi, dunque? Talvolta, quando nell’impostazione dell’opera prevale il versante più figurativo, la visione paesaggistica è indubbiamente leggibile. Tuttavia, i migliori lavori sono quelli dove, integrato alla figurazione , il ritmo pittorico si sviluppa fra i vuoti ed i pieni della composizioni e corre con straordinaria pulizia in una sorta di pulviscolo colorato. Ne risultano opere che si trasfigurano fino a sembrare trame di merletti e nelle quali si coglie non solo l’eccellente abilità esecutiva della mano, ma, soprattutto, si sviluppa un ritmo di pittura che canta nella bellezza.”


ESPOSIZIONI E PREMI Dal 2007 al 2013 –giugno- Rassegna collettiva a Palazzo Roncalli-Vigevano-patrocinata da Fondazione Roncalli Dal 2007 al 2012-settembre-“Rassegna pittori lomellini”-Salone dell’Addolorata-Vigevano (collett.) 17-25 aprile 2010- Arte in Vigevano- Istituzione Cultura Città di Vigevano e Provin. di Pavia- I Edizione Premio Nazionale d’Arte “Città Ducale”-Strada coperta del Castello di Vigevano 12-24 ottobre 2010- Femminile come Arte-“Mytica-Miti e falsi Miti”-Palazzo Sanseverino-Vigevano (collett.) 30 ottobre-12 novembre 2010-Arte in Vigevano-“Rassegna artisti contemporanei”-Cavallerizza del Castello di Vigevano (collett.) novembre 2010- Arte in Vigevano-Proget.Onlus Vigevano Prabis “Africa Bambini”-Castello di Vigevano (collett.) 7-9 maggio 2011 Femminile come Arte-“Fiera di Maggio”-Rosasco-Salone Visconti (collett.) luglio 2011- Comune di Sartirana “Memorial Aurora Berti”-Castello di Sartirana (collett.) 30 settembre-7 ottobre 2011- Arte in Vigevano- Sede CNA di Pavia (collett.) 14-23 ottobre 2011 “Unitalia”-Spazio B- Vigevano 25 ottobre-25 novembre 2011- Centro Congressi Holiday Inn-Milano (personale) 29 ottobre-7 novembre-Arte in Vigevano-“Dialoghi d’Arte”-Cavallerizza del Castello di Vigevano (collett.) novembre 2011-Arte in Vigevano-Progetto Onlus Prabis “Bor-Africa” (collett.) 8 marzo-18 aprile 2012-Centro Congressi Holiday Inn-Milano (personale) 28 aprile- 6 maggio 2012 “Arte contemporanea e archeologia industriale”-Fabbricone-Atelier Carlo VellaVigevano (collett.) 2-15 giugno 2012-Comune di Gravellona -“Festa dell’Arte” gemellata con Linard-Francia (personale) 23-25 novembre 2012-Comune di Pavia-Contemporanea IRIS “Quello che le donne non dicono”- Palazzo del Broletto-Pavia (collett.) 19-28 ottobre 2012-Arte in Vigevano-“Forme e parole a colori”-Palazzo Sanseverino-Vigevano (collett.) 1-12 novembre 2012-Arte in Vigevano-“Rassegna Pittori Contemporanei”-Cavallerizza del Castello di Vigevano (collett.) novembre 2012-Comune di Vigevano-Arte in Vigevano-Progetto Anffas “Solid’Art”-Golf Club Santa Martretta Vigevano (collett.) 17-25 novembre 2012- Patrocinio” Lions Club Le Robinie”- Teatro Verdi- Cassolnovo (personale) 8-17 marzo 2013-Femminile come Arte-“Omaggio alla 13a testimone “-Spazio B-Vigevano (collett.) 7-24 maggio 2013 Confartigianato Imprese Lomellina –sede di Vigevano “Rassegna antologica” (personale) 16-31 luglio 2013-ACAF-Artemisia Gallery-“50 Artisti per un Museo” Museo MIIT-Torino (collett.) Altre rassegne e premi minori. e-mail : rosangelagiusti@virgilio.it

cell. 3282752749


Ipotesi acquerello su carta cm 87x67


Vite vissute acquerello su carta cm 87 x 70


Le opere in parete


LONGARETTI SEBASTIANO

Risveglio, acrilico su tela cm 70x90

Architetto, pittore artista completo, con Artemisia Gallery ha vinto il secondo e terzo premio ai concorsi di pittura Trofeo G.B.Moroni,. Ha partecipato a collettivae organizzate a Londra, Berlino, Taormina, Bergamo. Ha esposto in una mostra personale nel locale di Artemisia gallery - Bergamo Attualmente la sua arte lo porta in giro per il mondo.


AUE SUSANNA in arte NANA Nana è nata in una famiglia internazionale con origini italiane, vive in Germania e, occasionalmente, in Italia. Dopo gli studi di una laurea in psicologia, storia, tedesco e della pedagogia come,” scienza dell'educazione” presso la Ruhr di Bochum, e una laurea in letteratura tedesca, Storia ed Educazione. Nana ha lavorato sotto il suo vero nome in diversi progetti linguistici e storico e dipinto a titolo di risarcimento. Il nome dell'artista è nato come una forma breve del nome e la tutela della privacy. In questa fase, Nana lavora principalmente come critico d'arte, o come scrittore e come artista dal 1998. Nana è un membro del Forum Internazionale d'Arte, ed ha a vari concorsi d'arte, come il Concorso Valley, il Premio Art Palm e il Trofeo GB Moroni di bergamo indetto da Gallery Artemisia. Nana lavora in diverse serie che nascono da una diversa tecnologia. Si veda la serie che è stata creata con il respiro del deserto a confronto con la storia culturale di una lezione. Le immagini sono di solito come un contrappunto al movimento della serie Campioni geometriche. Potete vedere l'immagine con il titolo "Cacciatori e raccoglitori" o "Capricorno" della serie "Il Respiro della steppa". Nana c/o Aue Art Forum office.nana-aue@web.de - nana-aue@email.de Büro für Kunstkritik und Ausstellungskonzeption office for artcritique and exhibits Postfach 130131 - 44311 Dortmund - Germania Biographie Nana, geboren in einer internationalen Familie mit italienischen Wurzeln, lebt in Deutschland und zeitweise in Italien. Nach dem Studium der Diplom Psychologie, Geschichte, Germanistik und Pädagogik wie Erziehungswissenschaft an der Ruhr Universität Bochum, Abschlüsse in Germanistik, Geschichte und Pädagogik, hat Nana unter ihrem bürgerlichen Namen in verschiedenen sprachwissenschaftlichen und Historischen Projekten gearbeitet und als Ausgleich gemalt. Der Künstlername ist entstanden als Kurzform des Vornamens und als Schutz der Privatspähre. Zum jetzigen Zeitpunkt arbeitet Nana hauptsächlich als Kunstkritikerin, beziehungsweise als Autorin und seit 1998 als Künstlerin. Nana ist Mitglied im Kunstforum International und hat an verschiedenen Kunstwettbewerben, wie beispielsweise den Seetal-Wettbewerb, den Palm Art Award und den Trofeo G.B. Moroni teilgenommen. Nana arbeitet in verschiedenen Serien, die in unterschiedlicher Technik entstehen. So entstand die Serie Atem der Steppe mit der Auseinandersetzung mit der Kulturgeschichte für einen Vortrag. Die Bilder entstehen meist als Gegenpol in der Bewegung zu der Reihe Geometrische Farbfelder. Zu sehen ist das Bild mit dem Titel „Jäger und Sammler“ oder„Steinbock“„hunter and collecter“ aus der Serie „Atem der Steppe“.


Nana hat an zahlreichen Einzel- und Gemeinschaftsausstellungen teilgenommen: Ausstellungsliste Nana unter anderem -Teilnahme an der Messe Salzburg, „geometrische Farbfelder“ mit der Galerie Zeugma, Köln -Solo „Atem der Steppe“, Galerie Tijani im Museumsprojekt Hörder Burg, Dortmund, Germania 2007 -„Wege“, Galerie Tijani, Museumsnacht im Museumsprojet Hörder Burg, 2007 - “Messe Salzburg e Museumsprojakt - Horder Burg 2007 -„Geometrische Farbfelder“ Wort und Bild Galerie, Kunstkreis 24, Wien, Austria, 23.06.-05.07. 2006 - „Geometrische Farbfelder“ Ars artis, Messe Klagenfurt, Austria 10.09.-18.09. 2005 - „Atem der Steppe“ Kunstforum International Meisterschwanden, Schweiz April 2005 -„Weibliche Erotik in Bildern und Gedichten“ Galerie Tijani, Dortmund, Germania 20.01.-13.03. 2005 -„Atem der Steppe“, Kunstforum International, Ortona, Italien 05.07.-12.07. 2004

Un momento del vernissage


Madonna Originale - unico nel suo genere tecnica mista e acrilico cm 72x60


Serie „Atem der Steppe“ "Capricorno" originale, unico nel suo genere, tecnica mista in acrylico con rame in legno bianco con telaio vernice, cm 60x 50cm,


Visione dalla vetrina


NGUYEN CHRISTIAN Il suo lavoro è il risultato di una ricerca personale sulle tecniche di meditazione / concentrazione / riflessione e la voglia di tradurle in espressioni visive. Queste espressioni visive hanno fatto incontrare:- un mondo di supporti vecchi, vecchi per alcuni di migliaia di anni, scoperti in viaggi nei paesi esotici di Asia, India, Nepal, Tibet... elencati in Diagrammi (Yantra), visualizzazioni (Mandala) o formule (Tantra) D’altra parte, gli elementi del mondo occidentale moderno in cui lo sviluppo dei mezzi di comunicazione sembra avere con conseguenza paradossale, la crescente difficoltà di comunicare veramente. In questi moduli che noi ammiriamo , l’occhio può cercare e riposare... La fantasia di tutti può impegnarsi nella decrittazione di un mistero , proiettando le proprie rappresentazioni... Veri “palinsesti”, queste tabelle sono state condotte su periodi lunghi, a volte molto lunghi. Carta, cartone, legno, assemblate in opera di stabilizzazione. I colori e motivi si evolvono , invecchiano, scomparendo quasi in alcuni casi, sulla base di più materiali. Gli strati si sovrappongono, si basano e gradualmente sono coperti da altri, “cancellando” le immagini iniziali per crearne di nuovie.. Elle résulte d’une recherche personnelle sur les techniques de méditation / concentration / réflexion et de l’envie de les traduire en expressions visuelles. Ces expressions visuelles ont fait se rencontrer : - D’une part, des supports anciens, vieux, pour certains, de milliers d’années, découverts au cours de voyagesen Asie, Inde, Népal, Tibet… Diagrammes (Yantra), visualisations (Mandala), ou formules (Tantra) D’autre part, des éléments du monde occidental moderne dans lequel le développement des moyens de communication semble avoir pour paradoxale conséquence, la difficulté croissante à communiquer véritablement. Sur les formes ainsi créées, l’œil peut chercher ou se reposer… L’imaginaire de chacun peut s’investir dans le décryptage d’un mystère ou projeter ses propres représentations… Véritables « Palimpsestes», ces tableaux ont été réalisés sur de longues, parfois très longues périodes. Les papiers, cartons, bois travaillent avant de se stabiliser. Les coloris et motifs évoluent, vieillissent, disparaissant quasiment dans certains cas, en fonction des multiples matériaux utilisés. Les couches se superposent, se fondent et sont recouverte progressivement par d’autres, « gommant » les images initiales pour en créer de nouvelles…


Aphrodite au blue Velvet mixtes tecnical cm 50x100


Alas Ă  la peine mixtes tecnical cm 50x100


PAIANO FIORELLA L’artista vive e lavora a Bergamo,molto conosciuta nel suo territorio, apprezzata e fonte di collezionismo, ama dipingere pprincipalmente le vedute della sua città e del territorio montano che la circonda. Ha parteciato con Artemsia Gallery a diverse esposizioni in galleria ed all’estero, ha vinto il primo premio nella prima edizione del concorso internazionale di pittura “TROFEO G.B.MORONI” e il secondo premio nella seconda edizione del Trofeo G.B.Moroni . Ha partecipato ad altre ediizioni meritando sempre notevoli qualifiche.

Bergamo panorama dalle mura, olio su tela cm 30x40

Pedalata nel parco innevato olio su tela cm 50x70


SEGURA PILAR Pilar Segura, nasce a Barcellona nel 1930. Ha conseguito studi di disegno, pittura e policromia presso la Scuola di Belle Arti e Mestieri “Llotja (Barcellona). Si è specializzata nelle scuole a Parigi e in Olanda. Ha conseguito il diploma di Infermieristica nella Facoltà di Medicina di Barcellona. E’ Membro del Circolo Artistico San Lluc. Stati dell’Essonne Agrupació Catalana d’Entitats Artístiques. Membro della Associazione di plastica Artisti “Goya Aragona (Saragozza). Pilar Segura è Membro d’onore “in Florida Museo di ispanici e latino-americani Art” (Miami, Stati Uniti d’America), un membro del Espai Vaho “Leonardo da Vinci, Accademia di Arte (Barcellona), di plastica Artisti associazione Burgos Associazione Culturale Handycrafts Madrid Xilon Argentina. Circle of Art di Toledo, plastica America International APLICH Santiago del Cile. Ziggurat di Las Palmas de Gran Canaria Il Europ’Art Group. Lido Degli Estensi (Italia), ACAPS Marsiglia (Francia), membro del Circolo Artistico Mario - Ferrari (- Acqui Terme, Italia), Membro del Centro di Arte Moderna Krasny Ugol (Russia). Patrono della cultura per la città di Villa di Gran Canaria Agaete; è Presidente della Associazione delle Artistico al Promocio di Belle Arti in Catalogna. Membro dell ‘associazione “Arti e chevalets de Provence” “ Membro della associacione Galleria Centro Storico Firence Italia Accademico Gentilizio di Araldica Accademia nel ternacionale IL MARZOCCO Firenze Membro del San Francico Museo d’arte contemporanea ispanica. Accademica Corrispondente Sezione arte dell ‘Accademia Internazionale GRECI – MARINO. Del Verbano Vinzaglio. Italia 2002. Accademica Corrispondente dell ‘Accademia di Arte Moderna a Roma. Titolo onorario “Cavaliere dell Etruria” Italia 2002. Academica Corespondiente “ARTS - SCIENZE - LETTRES” Paris, Francia Academica di Merito della Accademia Internacionale Di Ponces Napoli Italia Regolari studioso Accademia Internacionale Santarita medaglia d’oro. Torino Italia 2004 Cavaliere Ufficiale accademico Sezione Art Academy Internacionale Greci - Marino del Verbano.Vinzaglio Italia 2004 Selezionati in laReseña International Contemporary Maestri del Accademia europea Italiana’Gli Étruschi ‘Vada Livorno Italia 2004 Onori accademici di Santarita annuncio Torino Italia Presidente delegato per l’Accademia di Catalogna sono cresciuto Marino Italia 2005 Titolo onorario Promotore della Pace, dell’Oscano `Accademia Gentilicia Il Marzocco Italia. E’ Membro del Comitato Scientifico Internazionale della Biennale Internazionale d’Arte Contemporanea Firenze nel 2005. La Natura con i suoi boschi e i suoi prati diviene l’oggetto d’indagine da parte dell’Artista Pilar Segura Badia. A caratterizzare la sua pittura è una tacita armonia che viene riflessa su tutto ciò che è rappresentato. Sia che si tratta di alberi, che di nature morte che ripropongono vasi di fiori, Pilar esprime tutto ciò attraverso una cromia che ne rispecchia i significati più profondi. I suoi boschi non sono testimonianza dell’incerto, del mistero o di realtà cromatiche legate al buio, ma sono pervase dalla luce. Luce dunque come salvezza. Luce che diviene il fulcro di ogni sua rappresentazione. Un’Arte che viene apprezzata dalla critica per i significati manifesti che trasmette. Un’Arte che non è legata alla complessità del segno o ai nuovi neologismi artistici, ma che si rifà al passato e a ciò che realmente esiste in Natura. L’osservatore è invitato dall’Artista ad entrare in questo suo mondo. Un mondo in cui si respirano i profumi dei campi in fiore e si assapora l’infinito. Un mondo che grazie alle pennellate cariche di significato di Pilar somiglia a quel mondo dei sogni in cui tutti noi desideriamo vivere.

Dott. Salvatore Russo

Accademia Internazionale di Belle Arti, Lettere e Scienze Michelangelo Angrisani. Via Calvanese, 22/bis 84080 Lanzara, Castel San Giorgio (SA) ITALIA Direttore Sede Nazionali Estere – Spagna: Città di Barcellona, Presidente Delegato Nazionale Artista Pilar Segura Badia

Tramonto sul mare olio su tela cm 40x25


PRESENTAZIONE – LUCI E OMBRE IN OCCASIONE DELLA 55^ BIENNALE DI VENEZIA, L’ASSOCIAZIONE ACAF-NELLA PERSONA DEL SUO PRESIDENTE FRASSETTO MARIA GRAZIA, HA OTTENUTO LO SPAZIO ESPOSITIVO PRESSO LA GALLERIA “FORME D’ARTE” IN VENEZIA DAL 1 AL 14 SETTEMBRE PER PRESENZIARE CON UNA COLLETTIVA DI ARTISTI ITALIANI E STRANIERI . IN OGNI FORMA D’ARTE ED IN PARTICOLARE NELLA FIGURATIVA VI SONO SEMPRE IN OGNI ESPRESSIONE CHE L’ARTISTA TRASPORTA SULLA TELA, LUCI ED OMBRE CHE SI INSEGUONO E SI IMPRIMONO CON PIU’ O MENO EVIDENZA PER DARE FORMA A PERSONAGGI, PAESAGGI, FORME ASTRATTE, ECC. QUASI SEMPRE IL COLORE E’ UNA COSTANTE PER POTER MEGLIO INTERPRETARE I PENSIERI E LE SENSAZIONI CHE GLI ARTISTI TENDONO A ESPRIMERE ATTRAVERSO LE VARIE FORME DI PITTURA, SIA AD OLIO, ACRILICO ED ULTIMAMENTE ATTRAVESO GLI STRUMENTI MODERNI CHE PERMETTONO DI RAPPRESENTARE IN DIGITALE LE STESSE CARATTERISTICHE DEL LAVORO MANUALE. IN QUESTA ESPOSIZIONE TROVIAMO INFATTI DIVERSE FORME DI ESPRESSIONE, CHE COMPRENDONO QUASI TUTTE LE TECNICHE PITTORICHE, GLI ACQUERELLI DI GIUSTI ROSANGELA ESEGUITI IN FORMA PERFETTA CHE FANNO PERCEPIRE LA TRASPARENZA DELL’ACQUA E LE OMBRE CHE LA LUCE PROIETTA LONTANO SIA NELLA FORMA ASTRATTA CHE IN QUELLA PANORAMICA. OMBRE PIU’ CUPE SI ADDENSANO NEI LAVORI DI GALLICOG MADAR JACQUELINE, DOVE LA LUCE E’ SOLO UNA PICCOLA COSTANTE CHE TENDE AD APPROFONDIRE ANCOR PIU’ L’OMBRA DELLA MALINCONIA E DELLA SOLITUDINE DELLE SUE DUE FIGURE,. RISVEGLIO IN PIENO CHIARORE APPENA ACCENNATO DA UNA NERA OMBRA CHE I CAPELLI LASCIANO SULLO SFONDO DANNO A PIENO LA SENSAZIONE DEL RISVEGLIO NELLA FIGURA FEMMINILE DI LONGARETTI SEBASTIANO. ALTRA FIGURA FEMMINILE ADAGIATA PIGRAMENTE CHE RIMANE SOSPESA TRA IL PRESENTE E LO SFONDO CARICO DI COLORI , QUINDI DI LUCE, POCA OMBRA CHE SI LIMITA A DELINARE IL CORPO E’ LA CARATTERISTICA DELL’OPERA DI FOSTER GRAZY, CHE IN COMBATTIMENTI DI GABBIANI LA LUCE DELLE ALI VA A COPRIRE IL TUMULTO DEL MARE. TUTTO IN CHIAVE QUASI ASTRATTA. NGUYEN SI RAPPRESENTA CON LE SUE FIGURE MITOLOGICHE , RIVOLTE VERSO L’ALTO, LUCE IMMENSA CONTRAPPOSTA AI COLORI VIVI DI MONDI DIVERSI , FANNO APPARIRE I PERSONAGGI COME STATUE IMMOBILI NELL’ATTESA DI UN RISVEGLIO. RISVEGLIO ARMONICO E FANTASIOSO DA MONDO FATATO IL LAVORO DI ERIKA DIEMER, DOVE LA LUCE BIANCA FA DA SFONDO AD UNA ARMONICA ED ALLEGRA PIOGGIA DI SEGNI MAGICI OMBREGGIATI DALLA MOLTITUDINE COLORATA DEI SINGOLI PEZZI. MAGIA ANCHE NEI COLORI E NEI SEGNI CHE SI INTERSICANO FRA DI LORO FRA CHIARI E SCURI, INTRAPPOLATI IN FORME ORIGINALI SONO LE OPERE DI NANA, ARTISTA ECLETTICA E PROFONDA NEI SUI MESSAGGI TRASPORTATI SULLA TELA. DALLA SPAGNA UN’ARMONIA DI COLORI E DI LUCE NELLA PICOLA OPERA DI SEGURA PILAR DOVE LA LUCE DEL MARE INNONDA LA TELA ACCOMPAGNANDO IL TRAMONTO DEL SOLE. DAL TRAMONTO AL CREPUSCOLO, CHE VEDIAMO NEL PAESAGGIO DI PAIANO FIORELLA DOVE LE MURA DELLA CITTA’ MEDIOEVALE DI BERGAMO SI STAGLIANO VERSO UNA LUCE SERALE E LEGGERMENTE LIEVE. IN ULTIMO LA PEDALATA NEL PARCO, TRASMETTE LE LUCI E LE OMBRE DELLA NEVE SUL TERRENO, DEL FREDDO SUI CORPI DELLA MALINCONIA E NOSTALGIA DEL TEMPO PASSATO E DELLA SOLITUDINE QUOTIDIANA. QUESTO RACCONTO FINISCE CON L’IMMAGINE EGRAM DI PERUTA BERNARDO, LUCI ED OMBRE SU UNA NEW YORK DEVASTATA DAL TRAUMA DEI GIORNI DELL’11 SETTEMBRE, LUCI ED OMBRE PROIETTATO SU UN FONDALE CHE SI E’ PERSO PER SEMBRE. RINGRAZIANDO GLI INTERVENUTI, ACAF RINGRAZIA GLI ARTISTI CHE HANNO PARTECIPATO A QUESTA BELLA COLLETTIVA CHE SI CHIUDERA’ IL 14 SETTEMBRE. Dott.Pasqua Enrica critico e storico dell’arte


Alcuni momenti del vernissage 1 settembre ore 17,30 - Venezia


Maria Grazia Frassetto - Jacqueline Gallicot Madar - Erika Diemer in amicizia


ACAF-Artemisia Gallery via Moroni 124 - 24122 Bergamo-Italia tel.0039035241481 - 3895563828 galleria.artemisia.bg@gmail.com www.galleryartemisia.com


LUCI E OMBRE - collettiva d'arte