Page 1

PUBLISHING   PORTFOLIO   IED MILAN   2011


“ My portfolio, is in two sections. Class exercises which I have done throughout the year and the other part is my magazine, which is an important part of the course. The Cyan & Magenta is influenced by my logo ‘ balalagraphics ’. I have a wide variety of projects, from different genres, to different sizes, and to different importance, but of course they are all of value to me. Since through these exercises I have been able to learn, understand, and correct publishing.”


Class Exercises

Magazine cover

4 5

Grid system

Newspaper Remake

6 7

Cook Book Covers

La Scienza Nel Verde (6)

8 9

La Scienza Nel Verde (8)

Recipes

10

11

Dubai Towers

Mood board

12

13

Mood board

Jack Vettriano Invitation

14

15

Jack Vettriano flyer

Pen Covers

16

17

Tecnomar Boats

Types of Text

18

19

Alpiness Architettura

Magazine Project

Magazine Proposal

20

21

Magazine Flat plan

Magazine Covers

22

23

Magazine samples


Actual cover

ISSUE 40 • APRIL/MAY 2010 • $3.90

EUFA CHAMPIONS LEAGUE OFFICIAL MAGAZINE

CHAMPIONS Pique

SHE would get peeved if she didn’t save a shot

a clever, skilfuland built just like a wardrobe

you must get this winter THe right Man

WHAT the MEN WANT

and WHAT THEY DONT

My Design

3 becks tips

Football, Money and women

Fame & MEN what else ?

It’s all in the Heart

football

DAVID BECKHAM The smart and sexy superstar

Magazine Cover 210 x 297 mm

04

I was supposed to convert the then current Champions magazine that was more appealing to men and make it appeal to women. First I had identify what women like to see in their magazines like good looking men,clean layouts, clean fonts, the magazine must have a theme colour of either red,purple,pink,or white. I had to have in mind that I should make it appeal to women but also maintain the purpose of

the magazine, so they can also be attracted to read it and know something about football. I am confident since I tried it to my female classmates and they seemed genuinely attracted to it.


Ur sae nobis nus. Elis as doluptiis ent estotas sitiumquamet et as seque prem. Itasitaerum volo tenihil lestisti coribus ipictis debiti solum alit, coritia eperferspis re il imporeris res cum fugit quis voluptatatus enectas mint. Ihilist imo qui officid estota cone labor repudae endae. Et et acescias as eum quia sae nulpa qui beatur aut ipsaes dicat plit aut restio. Os nis aut doluptas quidebitae ommod qui destia et at voluptatur minis unte voloreseri voluptatia coresedictur se et, cum arum rererum nossumenit molorro cum quae paruntibus dipsanihilis simagnit, con paribera siminturi nectusam quis accabor ionsequi quo bea custoreris pa simus mossimus, simi, sant veligen imilla porepedipid quam ut unt.cabor ionsequi quo bea . Os ius maximporrum quiatur, suntotate voluptam rem fugit, et, to dis dellend ipsandebit in etusdam, ipsum que veratur epedipidel in everum imusant haruptaquias aborrum harum illatur mi, sequam, et es sum ex evenemquasRoraecae sequibus a acest eum faccusandent qui sim aut faccum harum volessum eatur, ea dit in nonempores volum eum escium et am et, atemquae ipsusti aturitium quidipsus, officienetur si omnienistiis quamet occum initiur? Fictur audipsam harum, odisquam, vollupt iuntiost, voluptatur, conse pellorum, es pratur, cusamus pro digenis doloribus, ut voluptae peligendisci rae maionsed esti omnis et la doles adipsanis dolupta erchil in eos cum int pro volorem. Itatium faccatia quam harchit fuga. Evel incitat endipiendae disciatem autem. Nequia ditibus, odicips anitium liquation culparum quodita pre rem aperumquos acerciu sapelendis enduntu riorum res erum quatate pos ania porrovi debitis moluptas enis sitatur itatece

20

CHAMPIONSMAGAZINE

Ur sae nobis nus. Elis as doluptiis ent estotas sitiumquamet et as seque prem. Itasitaerum volo tenihil lestisti coribus ipictis debiti solum alit, coritia eperferspis re il imporeris res cum fugit quis voluptatatus enectas mint. Ihilist imo qui officid estota cone labor repudae endae. Et et acescias as eum quia sae nulpa qui beatur aut ipsaes dicat plit aut restio. Os nis aut doluptas quidebitae ommod qui destia et at voluptatur minis unte voloreseri voluptatia coresedictur se et, cum arum rererum nossumenit molorro cum quae paruntibus dipsanihilis simagnit, con paribera siminturi nectusam quis accabor ionsequi quo bea custoreris pa simus mossimus, simi, sant veligen imilla porepedipid quam ut unt.cabor ionsequi quo bea . Os ius maximporrum quiatur, suntotate voluptam rem fugit, et, to dis dellend ipsandebit in etusdam, ipsum que veratur epedipidel in everum imusant haruptaquias aborrum harum illatur mi, sequam, et es sum ex evenemquasRoraecae sequibus a acest eum faccusandent qui sim aut faccum harum volessum eatur, ea dit in nonempores volum eum escium et am et, atemquae ipsusti aturitium quidipsus, officienetur si omnienistiis quamet occum initiur? Fictur audipsam harum, odisquam, vollupt iuntiost, voluptatur, conse pellorum, es pratur, cusamus pro digenis doloribus, ut voluptae peligendisci rae maionsed esti omnis et la doles adipsanis dolupta erchil in eos cum int pro volorem. Itatium faccatia quam harchit fuga. Evel incitat endipiendae disciatem autem. Nequia ditibus, odicips anitium liquation culparum quodita pre rem aperumquos acerciu sapelendis enduntu riorum res erum quatate pos ania porrovi debitis moluptas enis sitatur itatece

10mm

Ur sae nobis nus. Elis as doluptiis ent estotas sitiumquamet et as seque prem. Itasitaerum volo tenihil lestisti coribus ipictis debiti solum alit, coritia eperferspis re il imporeris res cum fugit quis voluptatatus enectas mint. Ihilist imo qui officid estota cone labor repudae endae. Et et acescias as eum quia sae nulpa qui beatur aut ipsaes dicat plit aut restio. Os nis aut doluptas quidebitae ommod qui destia et at voluptatur minis unte voloreseri voluptatia coresedictur se et, cum arum rererum nossumenit molorro cum quae paruntibus dipsanihilis simagnit, con paribera siminturi nectusam quis accabor ionsequi quo bea custoreris pa simus mossimus, simi, sant veligen imilla porepedipid quam ut unt.cabor ionsequi quo bea . Os ius maximporrum quiatur, suntotate voluptam rem fugit, et, to dis dellend ipsandebit in etusdam, ipsum que veratur epedipidel in everum imusant haruptaquias aborrum harum illatur mi, sequam, et es sum ex evenemquasRoraecae sequibus a acest eum faccusandent qui sim aut faccum harum volessum eatur, ea dit in nonempores volum eum escium et am et, atemquae ipsusti aturitium quidipsus, officienetur si omnienistiis quamet occum initiur? Fictur audipsam harum, odisquam, vollupt iuntiost, voluptatur, conse pellorum, es pratur, cusamus pro digenis doloribus, ut voluptae peligendisci rae maionsed esti omnis et la doles adipsanis dolupta erchil in eos cum int pro volorem. Itatium faccatia quam harchit fuga. Evel incitat endipiendae disciatem autem. Nequia ditibus, odicips anitium liquation culparum quodita pre rem aperumquos acerciu sapelendis enduntu riorum res erum quatate pos ania porrovi debitis moluptas enis sitatur itatece

4mm

10mm

Sed ullendi ratia quam volum suntem num earum nam essimi, solupis id ma vel ius ullaccus, sendemod que doluptas dolorrum sandebis duntorestia quam, que nobis dolestisqui conet que quidundae verfere con rereressi blaudanda este is sollanimped mi, sam dolene vendes molo inus.

SECTION

Ur sae nobis nus. Elis as doluptiis ent estotas sitiumquamet et as seque prem. Itasitaerum volo tenihil lestisti coribus ipictis debiti solum alit, coritia eperferspis re il imporeris res cum fugit quis voluptatatus enectas mint.um quost, omnim volupture num quatempore et que pa ne venihitasima sa volore net, consequas ent, accupistiate m Ihilist imo qui officid estota cone labor repudae endae. Et et acescias as eum quia sae nulpa qui beatur aut ipsaes dicat plit aut restio. Os nis aut doluptas quidebitae ommod qui destia et at voluptatur minis unte voloreseri voluptatia coresedictur se et, cum arum rererum nossumenit molorro cum quae paruntibus dipsanihilis simagnit, con paribera siminturi nectusam quis accabor ionsequi quo bea custoreris pa simus mossimus, simi, sant veligen imilla porepedipid quam ut unt.cabor ionsequi quo bea . Os ius maximporrum quiatur, suntotate voluptam rem fugit, et, to dis dellend ipsandebit in etusdam, ipsum que veratur epedipidel in everum imusant haruptaquias aborrum harum illatur mi, sequam, et es sum ex evenemquasRoraecae sequibus a acest eum faccusandent qui sim aut faccum harum volessum eatur, ea dit in nonempores volum eum escium et am et, atemquae ipsusti aturitium quidipsus, officienetur si omnienistiis quamet occum initiur?um quost, omnim volupture num quatempore et que pa ne venihitasima sa volore net, consequas ent, accupistiate m Fictur audipsam harum, odisquam, vollupt iuntiost, voluptatur, conse pellorum, es pratur, cusamus pro digenis doloribus, ut voluptae peligendisci rae maionsed esti omnis et la doles adipsanis dolupta erchil in eos cum int pro volorem. Itatium faccatia quam harchit fuga. Evel incitat endipiendae disciatem autem. Nequia ditibus, odicips anitium liquation culparum quodita pre rem aperumquos acerciu sapelendis enduntu riorum res erum quatate pos ania porrovi debitis moluptas enis sitatur itatece

Vid quas voluptiusam voluptatem doluptur ra qui dest porem et, tore sin et mod quo bla con rem doluptas nonectur asit laccatquat. Issente sinveni volorpo rerspicid ut hillabo ribeatinvero in rest, cus simin pellaut eatissequo molectur secest ium unt quatur antia pellutem ressiti arum cus aut at utem dis idi qui seque pro dit assit explam, intiscil molectem excessit est dolorrum doluptam fugita iminulla volor aspitios undit, velitat emperiost labores doluptates dolorro bero eos es volo eosamus rersperesed quam quiamus, et ea sincto volo magnam atur aut lantum, exerorumqui cusa dolupta imilibero est quatis endame sunti rem. Liquiat dolessiti nonserf erumquia qui quos earum ad undunt laceprovid ut veles doluptatist que voles explabori ute nullatur sunt od qui venda de plibus.um quost, omnim volupture num quatempore et que pa ne venihitasima sa volore net, consequas ent, accupistiate m Lorionsed ea non re occuscil ma exere reium fugitat ate omnienis moluptur, is elluptatem reium quost, omnim volupture num quatempore et que pa ne venihitasima sa volore net, consequas ent, accupistiate mo ilis autet, aut et experibus.um quost, omnim volupture num quatempore et que pa ne venihitasima sa volore net, consequas ent, accupistiate m Mos magnam eos etur molorumum quost, omnim volupture num quatempore et que pa ne venihitasima sa volore net, consequas ent, accupistiate m et digenimusam ent doloreped quam, quossuntium as quo volorpos as volorepta simodit ioribus sus endel idis alist mi, ut acil modis et ommolup taturit acil iur ration explabor aditis ditam, ut ut etur? Rum quias alique sollaboriam num nos dolorru meniet, odit rerchit, quatemqui nusandes ea vel id et at atium vendi dolut quos es qui incta simpori buscitatur, qui imet lam verro blatet, si imusdaepta que dictatiorrum fuga. Itas delenis susandest laudanturit vero inctur? Quid ute aria prorae dolutaq-

Ur sae nobis nus. Elis as doluptiis ent estotas sitiumquamet et as seque prem. Itasitaerum volo tenihil lestisti coribus ipictis debiti solum alit, coritia eperferspis re il imporeris res cum fugit quis voluptatatus enectas mint. Ihilist imo qui officid estota cone labor repudae endae. Et et acescias as eum quia sae nulpa qui beatur aut ipsaes dicat plit aut restio. Os nis aut doluptas quidebitae ommod qui destia et at voluptatur minis unte voloreseri voluptatia coresedictur se et, cum arum rererum nossumenit molorro cum quae paruntibus dipsanihilis simagnit, con paribera siminturi nectusam quis accabor ionsequi quo bea custoreris pa simus mossimus, simi, sant veligen imilla porepedipid quam ut unt.cabor ionsequi quo bea . Os ius maximporrum quiatur, suntotate voluptam rem fugit, et,

Ur sae nobis nus. Elis as doluptiis ent estotas sitiumquamet et as seque prem. Itasitaerum volo tenihil lestisti coribus ipictis debiti solum alit, coritia eperferspis re il imporeris res cum fugit quis voluptatatus enectas mint. Ihilist imo qui officid estota cone labor repudae endae. Et et acescias as eum quia sae nulpa qui beatur aut ipsaes dicat plit aut restio. Os nis aut doluptas quidebitae ommod qui destia et at voluptatur minis unte voloreseri voluptatia coresedictur se et, cum arum rererum nossumenit molorro cum quae paruntibus dipsanihilis simagnit, con paribera siminturi nectusam quis accabor ionsequi quo bea custoreris pa simus mossimus, simi, sant veligen imilla porepedipid quam ut unt.cabor

Ur sae nobis nus. Elis as doluptiis ent estotas sitiumquamet et as seque prem. Itasitaerum volo tenihil lestisti coribus ipictis debiti solum alit, coritia eperferspis re il imporeris res cum fugit quis voluptatatus enectas mint. Ihilist imo qui officid estota cone labor repudae endae. Et et acescias as eum quia sae nulpa qui beatur aut ipsaes dicat plit aut restio. Os nis aut doluptas quidebitae ommod qui destia et at voluptatur minis unte voloreseri voluptatia coresedictur se et, cum arum rererum nossumenit molorro cum quae paruntibus dipsanihilis simagnit, con paribera siminturi nectusam quis accabor ionsequi quo bea custoreris pa simus mossimus, simi, sant veligen imilla porepedipid quam ut unt.cabor ionsequi quo bea . Os ius maximporrum quiatur, suntotate voluptam rem fugit, et, to

10mm

4mm

A grid in magazine is very important, because it gives a structure to the magazine and makes the layout unidentifiable. I was looking at the grid of Champions Magazine and as you see. It clearly shows the structure of the magazine and how, which are the restrictions they have in which they can play with text. Labelled above are the margins,paging,sections,columns, and gutter width .

CHAMPIONSMAGAZINE

10mm

44mm

37mm

10mm

10mm

SECTION

21

Grid System 210 x 270 mm

05


Actual paper

Primo Piano 13

Corriere della Sera Giovedì 18 Novembre 2010

La cosa più grave che può accadere al Pd è dividersi tra chi sostiene che bisogna allearsi con Vendola e Di Pietro e chi con Fini e Casini

L’intervista

Quando Van Rompuy dice che sono in gioco l’Ue e l’euro dice una cosa gigantesca, che dovrebbe far fermare tutti a riflettere

«Irresponsabile votare ora. Sì a un’alleanza allargata sulla base di un programma. Penso al governo guidato da Ciampi»

ROMA — Walter Veltroni, che succede al Pd? Ieri la Puglia, ora Milano: ogni volta che si vota alle primarie, vincono gli altri.

«Ci sono volte in cui dispiace aver ragione. Com’è scritto nel documento firmato da 75 parlamentari, la perdita della vocazione maggioritaria del Pd può comportare rischi molto forti per il destino del partito del riformismo italiano. Purtroppo i sondaggi e le primarie confermano che la riduzione delle ambizioni comporta la riduzione del peso politico. Rimango convinto che il Pd non possa non aver dentro di sé un’ambizione maggioritaria, altrimenti non è il Pd. Dev’essere un soggetto capace di accendere un sogno nella società italiana, un razionale e realistico sogno. E l’unico sogno che la storia politica ci ha dimostrato essere realizzabile è quello riformista di Martin Luther King, di Olof Palme, di Brandt, di Obama: il cambiamento radicale del presente non attraverso il racconto di una società altra, ma attraverso la sfida molto più dura di cambiare la società com’è oggi. Se il Pd rinuncia a questa ambizione, se rinuncia a dire alla società italiana che la vuole portare fuori dal tunnel dove si trova da tempo immemorabile, il Pd non è se stesso».

Com’è possibile che il primo partito di opposizione perda consensi proprio mentre li perde il primo partito di maggioranza?

«Ma i sondaggi dicono pure che nessun partito italiano ha un elettorato potenziale grande come il nostro: i numeri si invertono, il 24% diventa il 42. Quel divario dev’essere colmato attraverso il ritorno a un’ispirazione che sia da Pd. Se il Pd si trasforma in una forza a fatica distinguibile, se rinuncia al suo essere più com’è il Partito laburista inglese o il Partito democratico americano che come sono i partiti socialisti europei, non ce la farà a costruire l’alternativa di cui l’Italia ha bisogno».

Bersani come si sta muovendo e come l’ha trovato lunedì sera da Fazio?

Renzi

«Non ho paura di avere altri alla mia sinistra. Se Nichi ha successo è un bene»

«I rottamatori? Non si agita l’esigenza di cambiamento di per se stessa»

L’ex leader: dai sondaggi segnali di perdita del peso politico Quindi lei non esclude un’alleanza allargata?

Alleanza

Sono per un’alleanza allargata pr grammaticamente a chi ci sta, di cui il Pd sia il perno. E che sia la più vasta possibile

«La cosa più grave che può accadere al Pd è dividersi tra chi sostiene che bisogna allearsi con Vendola e Di Pietro e chi con Fini e Casini. Solo il fatto che si discuta di questo contraddice il progetto originario, secondo cui dovevano essere gli getto originario, secondo cui dovevano essere gli altri a discutere se allearsi con noi. Il Pd non ritroverà ilarsi con noi. Il Pd non ritroverà il consenso perduto se non ritorna centrale, se non individua le grandi frontiere di innovazione necessarie all’Italia. Su quelle vediamo chi c’è».

Vndola

«Mi spiace che da Fazio non abbia mai usato l’aggettivo “democratico”»

Veltroni: il Pd cambi rotta o il suo destino è a rischio

«Io apprezzo il lavoro che sta facendo Bersani.Siamo in una fase in cui bisogna garantire il massimo di convergenza, e in questa crisi la convergenza c’è. Però mi è spiaciuto, nel suo intervento a “Vieni via con me” sotto molti aspetti apprezzabile, non sentire mai l’aggettivo “democratico”. Bersani ha detto “sinistra”, “progressisti”; mai “democratici”. Per me non è un aggettivo che si usa per privazione degli altri; democratico è il pensiero politico più forte che la storia del ’900 ci abbia consegnato, ancora valido per essere usato nel tempo successivo: l’unico pensiero politico che abbia radici di cui dobbiamo essere orgogliosi. Essere 1993 Ciampi premier democratico non è meno che essere di sinistra; è la più radicale delle politiche di cambiamento. Il Pd Alleanza deve assumere senza equivoci questa identità, coniugata con il suo verbo fondamentale; che non è il verbo “difendere”, ma il verbo “cambiare”. Il paese ha bisogno di un cambiamento profondo».

Franceschini, Letta, la Bindi sostengono un’alleanza vasta con Fini e Casini. Lei che ne dice?

Bersani

«Sono per un’alleanza allargata programmaticamente a chi ci sta. Non cadiamo nel vizio da Prima Repubblica di discutere prima di alleanze che di cose, e in primo luogo di precarietà e legalità, che sono le due cose fondamentali. E potrei continuare: ambiente, scuola. Questi sono i temi su cui il Pd deve ritrovare una fortissima capacità di innovazione, per rappresentare il perno di un’alleanza più vasta possibile in vista delle elezioni. È evidente che non possiamo essere solo noi. Non invoco né l’autosufficienza né l’isolamento. Il punto è la centralità, è se sei tu a indicare la frontiera su cui costruire un’alternativa fondata su un’idea d’Italia, su un messaggio positivo, non solo sul dire che Berlusconi non va bene».

programma tv. È un fatto culturale prima che politico, il segno di un’inversione di tendenza. Saviano è l’espressione di questo mondo che tiene alla legalità e non capisce perché uno scrittore venga sfidato da autorità che dovrebbero essere al suo fianco, perché debba prendersi gli insulti di Maroni e Berlusconi. Ho affetto e stima per Roberto, so come vive, so che ogni volta che i governanti anziché stargli vicino lo scagliano lontano aumentano per lui isolamento e solitudine. Ma so anche che Saviano non è politicamente collocabile. È trasversale, perché la legalità costituisce un pre-valore, che dovrebbe essere comune a tutti». È vero che il Pd ha trovato una linea comune

Che impressione le fa l’ascesa di Vendola?

«Non ho paura di avere altri alla mia sinistra. Se Nichi ha successo è un bene; a condizione che il Pd, forza di centrosinistra, sia capace di intercettare il voto degli astensionisti e i voti in uscita dal centrodestra, anziché mettersi a fare lo stesso mestiere di Vendola. Lui può svolgere una funzione positiva: evitare che l’esasperazione di una radicalità che rinuncia a una sfida di governo porti a una posizione minoritaria e ininfluente. L’ultima cosa che noi possiamo fare è immaginare una campagna con lo schema del ’94, con i progressisti da una parte, al cui interno prevalgono le posizioni più radicali. Il centro è nato perché al centro si è aperto uno spazio».

Sotto, Walter Veltroni, ex segretario e canddato premier del Pd nel 2008: teme« la perdita dlla vocazione maggioritaria»

«È nell’Assemblea nazionale che abbiamo votato all’unanimità le linee guida della nostra posizione sulla nuova legge elettorale. E abbiamo confermato le ragioni di una proposta che va nel senso di un sistema sul modello di quello francese. Ma siamo aperti a cercare con gli altri soluzioni che rimuovano le anomalie dell’attuale legge elettorale e consentano all’Italia di avere un sistema stabile».

Si va verso elezioni anticipate?

«Chi vuole le elezioni è nemico dell’Italia. Non lo dico per una forzatura propagandistica, ma perché sento una preoccupazione persino drammatica su quel che accade su scala europea. Quando Van Rompuy dice che sono in gioco in queste ore l’Ue e l’euro, dice una cosa gigantesca, che dovrebbe far fermare tutti a riflettere. Stiamo per vedere incrinata la più grande conquista politica di questo nuovo secolo. L’Italia arriva al momento critico con tutti gli indicatori negativi: crescita di debito, deficit, spesa pubblica; calo delle entrate fiscali. Ricordo che, quando ero al governo con Prodi, ogni giorno Ciampi entrava nella nostra stanza sorridendo, e ci mostrava la differenza in positivo rispetto al giorno prima dello spread tra i Bund tedeschi e i nostri Btp. Oggi il divario è tornato a livelli mai raggiunti dal 2000, da quando siamo nell’euro. Ci attendono manovre di rientro dal debito molto forti. Sento parlare di 45 miliardi di euro per la prossima primavera. In queste condizioni, l’idea di elezioni anticipate è un’idea da nemici dell’Italia».

Chi vincerebbe?

«Sarebbe un voto dall’esito incerto. Nessuno degli schieramenti sarebbe in grado di garantire la modernizzazione e la stabilizzazione necessarie. Rischiamo di perdere sei mesi per ritrovarci in uno stallo peggiore di quello di oggi».

Lei quindi è per un governo tecnico?

«Questo governo è finito. È finito il ciclo politico di Berlusconi, per quante manovre e campagne acquisti possa tentare. Si deve dar vita a un governo di responsabilità istituzionale, che non sia un ribaltone, ma raccolga tutte le forze in Parlamento preoccupate di questa condizione del tutto particolare in cui versano l’Italia e l’Europa, e delle conseguenze sociali sugli italiani che si impoveriscono, sulle aziende che chiudono. Un governo che, come il governo Ciampi, rassereni e dia sicurezza al paese, cambi la legge elettorale, prepari il terreno a una dialettica di tipo europeo tra schieramenti diversi».

Quanto dovrebbe durare?

«Non certo un mese. Deve avere il respiro necessario per fare tutto questo, non nell’interesse dei partiti ma dell’Italia. Lo chiedono tutte le forze sociali, dalle Lo chiedono tutte le forze sociali, dalle Lo chiedono tutte le forze sociali, dalle Lo chiedono tutte le forze sociali, dalle organizzazioni degli imprenditori a quelle dei lavoratori. Dobbiamo sancire la fine del berlusconismo ed evitare ch Lo chiedono tutte le forze sociali, dalle e Berlusconi trascini nella sua crisi anche le forze del centrodestra. Tutte le forze responsabili diano vita a una fase di transizio Lo chiedono tutte le forze sociali, dalle ne, con un governo di altissimo profilo, immagine e autorevolezza; oppure il paese rischia moltissimo».

E i «rottamatori» di Renzi?

Serve un governo di responsabilità istituzionale, come quello di Ciampi. Chi vuole votare ora è nemico dell’Italia

Leader

per la riforma elettorale? Qual è la vostra proposta?

«L’innovazione è sempre benedetta e benvenuta. Ma si fa con il coraggio di scelte politiche, non agitando l’esigenza di cambiamento di per se stessa. Quando noi andammo oltre il Pci, non pensammo di “rottamare” Tortorella o Chiaromonte; chiedemmo di dar vita a qualcosa di nuovo. E lo facemmo consentendo a quella sinistra, nella coalizione dell’Ulivo, di governare per la prima volta l’Italia».

Si riaffaccia l’ipotesi di un ruolo politico per Saviano. Che ne pensa?

Chi dovrebbe guidarlo?

«Ho fatto il nome di Ciampi non per caso. Non necessariamente dev’essere la persona che occupa lo stesso ruolo. Ma persone con quella cifra, quella autonomia, quell’indipendenza esistono. L’Italia, ricordiamolo sempre, è molto migliore di come oggi la si rappresenta».

«Il successo di “Vieni via con me” conferma l’esistenza di una nuova maggioranza silenziosa che non ne può più di una politica rissosa, pesante, inconcludente, che si è stancato di Berlusconi e del suo universo orrendo. È una maggioranza di italiani che vorrebbe girare pagina e ogni volta che può esprimersi si esprime, stavolta con un

Aldo Cazzullo © RIPRODUZIONE RISERVATA

Il caso Milano La Garavaglia: «Voterei Albertini», poi ci ripensa. Fioroni: «Il problema è nazionale». Ma Marini: «Farò campagna per lui»

Il disagio cattolico su Pisapia: «Troppo di sinistra, serve una riflessione» MILANO — La bomba viene lanciata da Maria Pia Garavaglia, politico cattolico di lungo corso: «A Milano voterei Albertini», dichiara in un paio di interviste inserendo il concetto in un ragionamento più ampio sulla possibile apertura a un eventuale terzo polo. L’eterno dilemma dei cattolici del Pd, insomma, ritorna e questa volta potrebbe farne le spese Giuliano Pisapia, candidato del centrosinistra scelto dal popolo delle primarie. In serata la Garavaglia corregge il tiro, precisando che non sosterrà l’ex sindaco del Pdl, ma aggiungendo che «per vincere dobbiamo fare una riflessione complessiva per raddrizzare la nostra presenza come Pd, che poi è lamia unica casa». Eccolo, il tema. L’ex ministro

Newspaper Remake 362 x 479 mm

06

After having the knowledge of grids, layout etc. I had to look at the Italian newspaper Corriere Della Sera and try to remake it as it is. So at first I identified the grid that they used, then I figured out which fonts they used. After that I measured the distance between ; title,sub title,column, quote,picture,caption,page numbering, header, footer and the rest of the newspaper.

Giuseppe Fioroni lascia ai dirigenti milanesi il compito di decidere come muoversi, «nel rispetto delle autonomie locali». Ma aggiunge: «Il problema non sono le primarie, di cui va rispettato il verdetto, ma la linea e il progetto politico». Quindi: «Dobbiamo

rilanciare il profilo riformatore di un partito che parli alla società nel suo complesso. Se diamo l’idea di essere un partito chiuso nell’angolo della sinistra, è chiaro che anche le primarie vengono condizionate». L’accusa di strumentalizzare le vicende milanesi

per la battaglia interna al Pd romano? «Ma dove? Dico però che Stefano Boeri, un grande candidato, è stato danneggiato dal profilo politico scelto dal partito». Le dichiarazioni arrivano a valanga, mentre gli ex popolari lombardi si sono dati appuntamento

per una serie di incontri in vista della Direzione provinciale che lunedì dovrà decidere se confermare o meno la fiducia al gruppo dirigente locale e che posizione tenere nei confronti di Pisapia. Si va da quelli come Lino Duilio che, unico parlamentare cattolico

Hanno detto

❞ Maria Pia Garavaglia

Garavaglia Dobbiamo raddrizzare la nostra presenza come Pd

❞ Beppe Fioroni

Fioroni L’errore è dare l’idea di essere chiusi nell’angolo a sinistra

Franco Marini

Marini Ai nostri dico: toglietevi il lutto e sosteniamo Pisapia

pd, aveva ostenuto Pisapia anche in campagna elettorale, e Franco Marini che annuncia: «Farò campagna per lui». A chi è più dubbioso come Emanuela Baio: «Il disagio del mondo cattolico emoderato esiste e va affrontato. Mi adeguerò alle decisioni della maggioranza, ma ritengo che quello che rappresenta Pisapia, non tanto lui come persona, è inadeguato per vincere a Milano». L’onorevole Enrico Farinone insiste: «Se il Pd resta così sbilanciato abbandona la linea per cui era nato, e molti che c’erano fin dall’inizio, non provenienti dalla sinistra e non solo del mondo cattolico, si trovano in difficoltà». Entra nel merito il consigliere regionale Fabio Pizzul: «Noi chiederemo a Pisapia di ragionare sui

contenuti e gli chiederemo garanzie programmatiche. Solo a quel punto potremo posizionarci». Pisapia non resta a guardare: «Sono sorpreso da alcune dichiarazioni di esponenti del Pd che invocano la discesa in campo di arazioni di esponenti del Pd che invocano la discesa in campo di altre figure più qualificate per battere la Moratti. In questo modo — accusa — si compie un grave atto di delegittimazione dell’esito delle primarie e si manca di rispetto alla volontà espressa da decine di migliaia di elettori». Non è finita qui.

Elisabetta Soglio © RIPRODUZIONE RISERVATA

My Remake


1.

2.

3.

Kenyan cooking Pot

TASTE’S LIKE

Traditional recepices from the heart of Africa

By: Nabeel Balala

by Nabeel Balala

TASTE’S LIKE

FLAVOR

Kenyan cooking Pot By: NAbeel Balala

THE ITALIAN FLAVOR

the ITALIAN

By: Nabeel Balala

INSIDE: •20 traditional kenyan soups •10 east african deserts •7 famous african dishes

I had to design 3 different cook book covers, With respect to the dimensions given: width 19 cm, height 24 cm, spine 1 cm. The types of books were 1, Italian Food. 2, Kenyan food. 3, Fish. I also had to add on the design an author’s name,Publishing logo of my own and title of the book. For the Italian book I used images mostly to speak what the book was about with a clear grid of 3x3. I used a

serif font so that is shows the historic background in which Italy is known for, and also the elegance they have for food. For my Kenyan book I used earthy colours and fonts also African art to depict Kenyan culture. For Fish I wanted it more design thus I created a simple illustration with was call to action

By: Nabeel Balala

Cook Book Covers 19 x 24 x 1 mm

07


2. Code di gamberi in crosta di patate

Insalata di anguria con mandorle fresche e tartufi di mare

Ingredienti: Per 1 persona

Ingredienti: Per 4 persone

• • • • •

• • • • • •

code di gamberi 12 patate 250 g uova 2 pane grattugiato giapponese 50 g sale , pepe

Per l’affumicatura:

Per l’affumicatura:

segatura di ciliegio 20 g paprika dolce 1 cucchiaino curry 1 cucchiaino ginepro 1 cucchiaino

• • • •

segatura di ciliegio 20 g paprika dolce 1 cucchiaino curry 1 cucchiaino ginepro 1 cucchiaino

Primi

• • • •

anguria 120 g mandorle fresche20 g tartufi di mare 20 g olio extravergine d’oliva sale Maldon peperoncino

1. Bouquet di valeriana con branzino affumicato caldo con la sua bottarga

Procedimento Ingredienti: per 4 persone

Apetizers

• • • • • •

Branzino 1 (1,2 kg) Valeriana (gallinella o mataviz) 200 g Pomodori confit 1 Olio extravergine d’oliva Limone Sale

Per l’affumicatura: • • • •

Segatura di ciliegio 20 g Paprika dolce 1 cucchiaino Curry 1 cucchiaino Ginepro 1 cucchiaino

Squamare il branzino, lavarlo accuratamente e ricavarne due baffe; tagliarle in dodici fettine, tre per porzione. Preparare un’emulsione abbondante di olio extravergine di oliva e limone e mettere da parte.

Procedimento

Finitura e presentazione

Procedimento

Finitura e presentazione

Passare le patate a una grattugia a fori larghi, quindi impastarle con le uova e aggiustare di sale e pepe. Con il composto ottenuto, che risulterà omogeneo, avvolgere le code. Passare nel pane grattugiato e friggere in abbondante olio. Squamare il branzino, lavarlo accuratamente e ricavarne due baffe; tagliarle in dodici fettine, tre per porzione. Preparare un’emulsione abbondante di olio extravergine di oliva e limone e mettere da parte.

Disporre al centro del piatto la valeriana, adagiarvi sopra tre scaloppine di branzino, tagliare a fettine la bottarga e disporre sopra in ordine sparso. Condire il tutto con l’emulsione passata al colino e guarnire il piatto con il pomodoro confit.

Con l’apposito scavino ricavare delle palline da una fetta di anguria. Servire in una ciotolina adagiando sull’anguria i tartufi di mare e le mandorle fresche condite con poco olio, peperoncino e sale Maldon.

Disporre al centro del piatto la valeriana, adagiarvi sopra tre scaloppine di branzino, tagliare a fettine la bottarga e disporre sopra in ordine sparso. Condire il tutto con l’emulsione passata al colino e guarnire il piatto con il pomodoro confit.

Per l’affumicatura mettere nell’affumicatoio la segatura, la paprika, il curry e il ginepro; sulla lama forata in sospensione adagiare le scaloppe di branzino leggermente salate, quindi chiudere ermeticamente e cuocere a fuoco lento (80°C) per una decina di minuti. A cottura ultimata adagiare il branzino in una pirofila e coprire con l’emulsione di olio e limone per 2 minuti. Riporre su di un piatto molto caldo e recuperare l’emulsione.

4

La preparazione di questo piatto è limitata al periodo in cui il branzino depone le uova. Per poter preparare la bottarga in anticipo (l’essicazione richiede circa una settimana) occorre quindi procurarsi 2 sacche di uova fresche di branzino le più grandi possibili (acquistandole presso un fornitore di fiducia o ricavandole da un grande branzino pronto per la semina) e legarle come si fa con il salame. Appenderle quindi all’aria asciutta sino ad essiccazione avvenuta.

TASTE’S LIKE FISH

TASTE’S LIKE FISH

5

3 Candele spezzate con moscardini e pomodorini freschi

Aragosta di Carloforte affumicata in zuppa con patate allo zafferano

Disporre al centro del piatto la valeriana, adagiarvi sopra tre scaloppine di branzino, tagliare a fettine la bottarga e disporre sopra in ordine sparso. Condire il tutto con l’emulsione passata al colino e guarnire il piatto con il pomodoro conft.

Ingredienti: Per 4 persone

Ingredienti: Per 4 persone

• • • • • • • • • •

• • • • • • • • • • •

aragoste da 300 g ciascuna 4 trucioli di legno non trattato 500 g foglie di mirto 60 g patate 500 g zafferano 15 g coriandolo 30 g dragoncello 30 g cipolla bianca 1 pomodori 400 g olio, sale, pepe

candele 320 g moscardini 20 pomodori secchi sott’olio 20 falde basilico 20 foglie pomodorini 400 g aglio 3 spicchi peperoncini 1 acciughe 3 origano, basilico vino bianco olio extravergine d’oliva

Procedimento

2

TASTE’S LIKE FISH

TASTE’S LIKE FISH

Pulire i moscardini. Avvolgere le falde di pomodori secchi con le foglie di basilico e riempire i moscardini. Tagliare i pomodorini in quattro spicchi e privarli dei semi. Saltare gli spicchi d’aglio in poco olio e

3

aggiungere i moscardini; bagnare con vino bianco quindi unire i pomodorini e lasciar cuocere per 10 minuti. Aggiungere le acciughe tritate e l’origano secco. Goda del vostro pasto.

Trippa di tonno alle spezie con crema di patate

Secondi

Procedimento In una teglia mettere i trucioli di legno con le foglie di mirto, accendere il fuoco senza mescolare, e quando comincia a fumare mescolare, quindi mettere le aragoste tagliate a metà su una griglia, ricoprire con un’altra teglia, sigillare bene e lasciare coperto per 7 minuti. Tagliare in pezzi. In un tegame con la cipolla a julienne far dorare l’aragosta, aggiungere i pomodori spellati e privati dei

semi e allungare con 1 bicchiere d’acqua. Sbollentare le patate a parte per 15 minuti e unire alla zuppa, quindi aggiungere lo zafferano e cuocere in totale per 9 minuti. Correggere di sale e terminare con il coriandolo e il dragoncello in pezzi.

Ingredienti: Per 4 persone • • • • • • • • • • • •

Finitura e presentazione Disporre al centro del piatto la valeriana, adagiarvi sopra tre scaloppine di branzino, tagliare a fettine la bottarga e disporre sopra in ordine sparso

trippa di tonno secca 500 g cipolla 1 patate 1kg vino bianco 2 bicchieri brandy 1 bicchierino pepe di Sichuan 5 g peperoncino 3 g chiodi di garofano 3 g pepe anice 3 g olio extravergine d’oliva sale mentuccia

Procedimento Mettere a bagno in acqua corrente la trippa di tonno secca la sera prima. Dopo l’ammollo, sbollentare per 30 minuti in acqua e tagliare a pezzi. Far dorare in padella la cipolla tritata, unire la trippa e rosolare per 6

Recipes 190 x 240 mm

08

TASTE’S LIKE FISH

I had to page 3 spreads, first had to have one recipe, the second spread 2 recipes, and the third with 3 recipes. First I had to identify what graphic elements and colours I would use to make them all coherent. For the sections I had like a pop up, and the colour would link to the ingredients of the dish. I chose to use blues because its a cool colour, and with the mood of the pictures and amount of text, it

alcuni minuti, quindi sfumare con il brandy in modo da togliere l’amaro della trippa; aggiungere il vino e, quando è quasi evaporato, allungare con alcuni mestoli di acqua. TASTE’S LIKE FISH

was clear that this book would look modern and minimalist. So I made up space for white space so the reader to be attracted to the colourful picture first then the bold blue heading bar, followed by the light blue box for the ingredients and lastly the preparation text. I decided to equally distribute the recipes in each spread so that each could create an imaginary rectangle on each page.

7


LANDMARKS

REVOLVING AROUND DUBAI Ennio Braicovich

1

I

t is 259 metres tall. Its contour changes incessantly as each of its floors rotates independently and produces 30% of its electricity needs. This is the famous revolving tower of Dubai. The design, originally conceived by architect David Fisher, carries an international patent. Leslie Robertson is handling the structural part of the revolving tower. The structural designer for the World Trade Centre in New York and numerous other skyscrapers, Robertson is currently working on building the tallest tower in Shanghai, which is under construction, and the tallest tower in the world, also being built in Dubai. This one will have 250 floors and be over 1000 m tall. Its destiny may not to be the tallest building in Dubai, but in all probability i t will be the most intriguing looking piece of hitech architecture in the state. The revolving tower designed by a Florence-based group will soon join the stunning skyline in one of the seven members of the United Arab Emirates. The 59 floors of the tower will rotate independently from one another. Its residents and guests in the hotel that is also planned for the Tower will be able to wake up with a view of the rising sun, and enjoy the sunset with their evening meal. Because of the design of each floor, the contour of the building as a whole will change continually. As they revolve, the floors will also generate electricity. The floors double up as windmills and will be selfsufficient for 30% of the building’s energy needs. The project was designed by the Florence-based designers David Fisher, Favio Bettazzi and Marco Sala. Leslie Robertson, an eminent American, will play a key role in the structural design of the hudge tower.

This is not all. Dubai’s revolving towers will also be an archetype work of building prefabrication. Indeed, the design is unique not only in its rotation, but also because it is composed of prefabricated and fully finished units complete with plumbing, electrical wiring and finishings. Only its circular, supporting, reinforced concrete nucleus is built on site. The prefabricated units are made from a steel structure and will be mechanically installed on site, one on top of another. This is going to enable quality control to create an outstanding finish, in addition to slashing labour requirements, and producing significant savings in costs and completion time and dates. In the future, the designers assure us, the system will also be developed for buildings that do not rotate. An entire floor of the revolving tower can be assembled in just a few days with significantly lower construction costs than conventional building techniques. Only 200 workers are expected to be needed on site for the new Dubai skyscraper, and 600 workers in the factory, compared to the 2000 workers normally required to complete a project of this great magnitude.

This is what the Dubai skyline will look like once the revolving tower designed by Florence-based architects David Fisher, Fabio Bettazzi and Marco Sala is completed. For the most part, the skyscraper will be built in the “workshop”, using advanced prefabrication techniques. A system of wind-rotating blades is going to make the Tower self-sufficient for 30% of its electricity needs.

4

5

Revolving around Dubai is an article of architecture, thus the layout will be different . I used a 4 column grid, and since the article is about towers (long structures) I thought having long column will be suitable for the reader to go through the article. Since architecture is also about technical drawings, with arrows and lines, I used the arrows in the captions to show the respective image.

Dubai Towers 245 x 310 mm

09


2.

F 1.

orse perché qualche anno prima, sempre al suo interno, abbiamo visto sorgere l’interessante Young Museum su disegno degli architetti svizzeri Herzog&deMeuron. O forse perché la nuova California Academy of Sciences pretende di essere il più innovativo museo di tutti i tempi: rivoluzionando, per sempre, con il suo concept e con i suoi caratteri di sostenibilità ambientale, gli standard dei musei di tutto il mondo, storicamente e tipologicamente ermetici ed introversi. La California Academy of Sciences fu fondata nel 1853 ed ebbe come prima sede un grande veliero che durante la bella stagione effettuava esplorazioni e ricerche raccogliendo specie animali e vegetali intorno al mondo. Nei mesi invernali era attraccata nel porto di San Francisco e metteva a disposizione dei visitatori le proprie scoperte. I suoi marinai erano al contempo studiosi, scienziati ed educatori. E quest’idea romantica di scoperta e insieme di condivisione del sapere è sempre rimasta alla base della “mission” dell’Accademia: ricercare, conservare, esibire, esplorare, studiare e promuovere le Scienze Naturali. Ma solo nel settembre del 2008 finalmente l’edificio progettato da Renzo Piano è riuscito ad unire di nuovo tutte queste attività insieme sotto un “unico tetto”, come un tempo. Il nuovo edificio, infatti, sostituisce definitivamente tutti gli undici edifici in cui era stata frazionata l’Accademia tra il 1916 e il 1991, alcuni anche seriamente danneggiati dal terremoto del 1989. E ha riunito insieme il Kimball Natural History Museum, lo Steinhart Aquarium e il Morrison Planetarium, mantenendo però, a guisa di testimonianze storiche, il Padiglione Africano e quello del Nord America, oltre all’ingresso dell’Acquario, che si sviluppa sotto il nuovo edificio.

REALIZZAZIONI

LA SCIENZA NEL VERDE California Academy of Sciences

La nuova California Academy of Sciences è totalmente immersa nel bellissimo e curatissimo Golden Gate Park, fiore all’occhiello e polmone verde della città di San Francisco. Ed è proprio da questo lussureggiante parco, a ridosso dell’imbocco della sua baia, che la città californiana lancia una nuova sfida all’architettura e al design internazionale.

Disegnato insieme alla natura

Il Golden Gate Park è ancora una volta il punto di partenza e l’elemento ordinatore. Il progetto nasce da un attento processo di interpretazione del luogo e parte dalla volontà di creare una forte osmosi tra l’edificio e il parco che lo ospita. Questo si legge non solo osservando la forma del museo, ma anche la gen-

Arch. Francesca Malaguzzi 4

esi dei principali materiali impiegati. Gli spazi interni sono organizzati attorno ad una piazza centrale dove spiccano imponenti il Planetario, l’Acquario e la Biosfera, ovvero: l’acqua, l’aria e la terra che rappresentano in sintesi le undici aree di ricerca in cui si sviluppa il percorso scientifico del centro. La piazza ha una copertura completamente vetrata sostenuta da una filiforme struttura portante. Essa possiede numerosi moduli apribili che insieme a una serie di oblò, distribuiti su tutta la superficie della copertura del centro, permettono di innescare percorsi di ventilazione incrociata per garantire comfortevoli livelli benessere indoor. Un sistema oscurante realizzato in tende di tessuto tecnico permette di mitigare sia l’irraggiamento solare, sia di attutire il rumore della pioggia sul vetro, mentre altri sistemi di schermatura interna permettono garantire ottimi livelli di performance acustica. Infatti durante il periodo di apertura del museo, la piazza centrale è utilizzata come luogo di sosta, di passaggio e di ristoro, mentre durante le ore serali ospita concerti ed eventi esclusivi. All’interno del museo, oltre alle zone riservate alla ricreazione dei principali ecosistemi naturali, troviamo numerosi percorsi educativi strettamente interconnessi ai laboratori di ricerca, le cui ultime scoperte scientifiche sono condivise in tempo reale con i visitatori. I settori dedicati alla ricerca, all’archiviazione e alla catalogazione, alla conservazione dei testi e di tutti i documenti scientifici sono concentrati nei cinque piani che si affacciano sul lato sud dell’edificio, separate dalle zone espositive con pareti vetrate. Ai lati della piazza si trovano i due volumi sferici che ospitano il Planetario e la Biosfera, uno completamente opaco e l’altro trasparente. Al livello inferiore sono collocate le vasche degli Acquari collegate a quelle poste a piano terra in posizione adiacente alla piazza, che ricreano la barriera corallina delle Filippine e una porzione di costa del nord della California.

La piazza centrale ha una copertura vvetrata sostenuta da una filiforme struttura portante

Architectura

Architectura

5

3

2

Architectura

Architectura

3

IDENTIKIT DEL PROGETTO NOME: LUOGO: INIZIO PROGETTO: ANNO DI REALIZZAZIONE: COSTO: CLIENTE: PROGETTO ARCHITETTONICO: LOCAL ARCHITECT: INGEGNERIA E CONSULENTE PER LA SOSTENIBILITÀ: INGEGNERIA CIVILE: CONSULENTE LANDSCAPING: PROGETTO COPERTURA VERDE: PROGETTO ACQUARIO: PROGETTO SPAZI ESPOSITIVI: GENERAL CONTRACTOR: FACCIATE CONTINUE, SERRAMENTI E LUCERNARI: STRUTTURE IN CEMENTO: REALIZZATORE COPERTURA: VETRATE: PANNELLI ISOLANTI E RIVESTIMENTI POLIMERICI:

California Academy of Sciences San Francisco, USA 2000-2005 2005-2008 $ 370 milioni di dollari California Academy of Sciences Renzo Piano Building Workshop Stantec Architecture Ove Arup & Partners Rutherford & Chekene SWA Group Rana Creek PBS&J Thinc Design, Cinnabar, Visual-Acuity Webcor Builders Josef Gartner GmbH Webcor Concrete Hydrotech Josef Gartner GmbH Acrylic: Reynolds Polymer Technology, Inc.

Le immagini e i disegni sono stati messi gentilmente a disposizione dallo studio Renzo Piano Building Workshop (in particolare n.1 e 5 John McNeal, n.3 e 4 Nic Lehoux, n.8,10 e 11 Tim Griffith) 6

LA Scienza Nel Verde (6) 205 x 285 mm

10

Architectura

This is an Architecture article where I had to page for 6 pages. The rhythm is very clear where you start with a double page image, then a very neat and clear 2 column text, with a full bleed image after it, then I repeated the same previous step but reversed it so it could be a little different and not boring. Page 5 is a text box included on the full bleed image, as a pop up to make it interesting.

Visitare il museo La visita di questo museo delle scienze è un’esperienza solare, luminosa e quasi visionaria, resa possibile dai due principali elementi generatori dell’intero progetto: le estese superfici vetrate e la sinuosa copertura a giardino. L’osmosi totale tra edificio e parco è, infatti, facilitata dall’impiego di grandi superfici di vetro extrachiaro, a basso contenuto di ossidi di ferro, che permettono ai visitatori di vedere da fuori l’interno del museo. E, una volta entrati, di avere la sensazione di respirare la natura del parco circostante grazie alla visuale completamente libera su tutti e due gli assi principali. Le aperture esistenti, lungo tutto il perimetro, rendono l’edificio permeabile alla luce naturale e alle brezze provenienti dell’Oceano. La copertura della California Academy of Sciences invece è considerata un vero e proprio “living roof”. È il più grande e più complesso tetto giardino mai progettato e costruito al mondo. Guardandolo si ha la sensazione che un lembo di parco sia stato sollevato per nascondervi sotto il Mondo della Scienza. Le sue ripide colline sono generate dai volumi interni del Planetario e della Biosfera: forme sinuose che riflettono l’imprevedibilità e l’asimmetria delle forme naturali. Esso è composto di 50.000 “vassoi” biodegradabili formati da corteccia tenera e fibra di cocco, accostati tra loro sulla superficie della copertura, come a formare un gigantesco puzzle. Al loro interno è stato piantato un selezionato numero di speci arboree autoctone, in modo che potessero adattarsi con semplicità al nuovo sito, rigenerarsi in modo naturale ed attirare a se uccelli e insetti del luogo, in modo da dare vita ad un vero e proprio microclima autonomo. Tecnologie sostenibili L’edificio fa parte di una rosa di dieci edifici pilota la cui costruzione è fortemente voluta dal San Francisco Department of Environment. L’obiettivo principale è quello incentivare il più possibile la progettazione e realizzazione di nuovi edifici pubblici che si distinguano per gli alti livelli di sostenibilità e di efficienza energetica. La nuova California Academy of Sciences ha raccolto e vinto questa sfida. E la U.S. Green Building Council le ha anche attribuito il più alto livello di certificazione LEED (Leadership in Energy and Environment Design), proprio per la sua capacità di ottimizzare l’uso delle risorse disponibili, minimizzando gli impatti sull’ambiente.

Renzo Piano, infatti, è riuscito magistralmente a coniugare la complessità delle tecniche volte alla sostenibilità ambientale in un elegante edificio di rigore formale quasi classico. Molti dei materiali utilizzati per la sua realizzazione sono di recupero. Ad esempio la struttura portante è stata realizzata per il 95% con acciaio riciclato e il 90% dei detriti ricavati dalla demolizione degli edifici pre-esistenti sono stati impiegati per la realizzazione delle opere di urbanizzazione. Inoltre i pannelli adoperati per l’isolamento dell’involucro sono realizzati con gli scarti della lavorazione del tessuto jeans, composto per 85% di cotone. L’impiego della copertura verde permette di diminuire i carichi termici dovuti all’irraggiamento solare sulla struttura e di recuperare una considerevole quantità di acqua piovana impiegata all’esterno per l’irrigazione e all’interno nei servizi igienici. L’acqua salmastra utilizzata per gli ambienti marini è invece pompata direttamente dall’Oceano e immessa nelle vasche dopo un processo di purificazione. Tutta la copertura è circondata da una pensilina costituita da 60.000 celle fotovoltaiche che sono in grado di coprire ogni anno il 5-10% dell’energia necessaria al funzionamento del centro, producendo circa 231.000 kWh di energia pulita ogni anno. Il sistema di umidificazione costante, I moduli sono realizzati con celle “multi-cristalline” ad alta efficienza che hanno un rendimento del 20% in più rispetto Il sistema di umidificazione alle normali celle fotovoltaiche. Questo sistema insieme agli altri accorgimenti energetici permette di mantenere i consumi complessivi dell’edificio ad un livello del 30% inferiore rispetto ai livelli normativi richiesti. Il benessere indoor è garantito anche dagli affacci che ogni spazio interno ha verso l’esterno grazie a cui usufruire di ventilazione naturale e illuminazione naturale. Il sistema di umidificazione costante, necessaria alle collezioni contenute nel museo, riduce la necessità di provvedere al controllo meccanico dei livelli di umidificazione degli altri ambienti. Le colline della copertura, infine, spezzano la corsa dei venti della baia e creano quelle differenze di pressione che consentono l’ingresso dell’aria dalle aperture poste in sommità. Queste ultime sono gestite da sensori che controllano i movimenti di apertura e di chiusura in base alle condizioni atmosferiche, permettendo all’Accademia di “respirare con la natura”. • Architectura

7


1.

3.

REALIZZAZIONI

LA SCIENZA NEL VERDE California Academy of Sciences Arch. Francesca Malaguzzi

IDENTIKIT DEL PROGETTO NOME: California Academy of Sciences LUOGO: San Francisco, USA INIZIO PROGETTO: 2000-2005 ANNO DI REALIZZAZIONE: 2005-2008 COSTO: $ 370 milioni di dollari CLIENTE: California Academy of Sciences PROGETTO ARCHITETTONICO: Renzo Piano Building Workshop LOCAL ARCHITECT: Stantec Architecture INGEGNERIA E CONSULENTE PER LA SOSTENIBILITÀ: Ove Arup & Partners INGEGNERIA CIVILE: Rutherford & Chekene CONSULENTE LANDSCAPING: SWA Group PROGETTO COPERTURA VERDE: Rana Creek PROGETTO ACQUARIO: PBS&J PROGETTO SPAZI ESPOSITIVI: Thinc Design, Cinnabar, Visual-Acuity GENERAL CONTRACTOR: Webcor Builders FACCIATE CONTINUE, SERRAMENTI E LUCERNARI: Josef Gartner GmbH STRUTTURE IN CEMENTO: Webcor Concrete REALIZZATORE COPERTURA: Hydrotech VETRATE: Josef Gartner GmbH PANNELLI ISOLANTI E RIVESTIMENTI POLIMERICI 2

Architectura

Architectura

ACRYLIC: Reynolds Polymer Technology, Inc.

3 6

2.

Architectura

Architectura

7

4. Essa possiede numerosi moduli apribili che insieme a una serie di oblò, distribuiti su tutta la superficie della copertura del centro, Infatti durante il periodo di apertura del museo, la piazza centrale è utilizzata come luogo di sosta, di passaggio e di ristoro, mentre permettono di innescare percorsi di ventilazione incrociata per garantire comfortevoli livelli benessere indoor. Un sistema oscurante realizzato in tende di tessuto tecnico permette di mitigare sia l’irraggiamento solare, sia di attutire il rumore della pioggia sul vetro, mentre altri sistemi di schermatura interna permettono garantire ottimi livelli di performance acustica. Infatti durante il periodo di apertura del museo, la piazza centrale è utilizzata come luogo di sosta, di passaggio e di ristoro, mentre durante le ore serali ospita concerti ed eventi esclusivi. All’interno del museo, oltre alle zone riservate alla ricreazione dei principali ecosistemi naturali, troviamo numerosi percorsi educativi strettamente interconnessi ai laboratori di ricerca, le cui ultime scoperte scientifiche sono condivise in tempo reale con i visitatori. I settori dedicati alla ricerca, all’archiviazione e alla catalogazione, alla conservazione dei testi e di tutti i documenti scientifici sono concentrati nei cinque piani che si affacciano sul lato sud dell’edificio, separate dalle zone espositive con pareti vetrate. Ai lati della piazza si trovano i due volumi sferici che ospitano il Planetario e la Biosfera, uno completamente opaco e l’altro trasparente. Al livello inferiore sono collocate le vasche degli Acquari collegate a quelle poste a piano terra in posizione adiacente alla piazza, che ricreano la barriera corallina delle Filippine e una porzione di costa del nord della California.

La nuova California Academy of Sciences è totalmente immersa nel bellissimo e curatissimo Golden Gate Park, fiore all’occhiello e polmone verde della città di San Francisco. Ed è proprio da questo lussureggiante parco, a ridosso dell’imbocco della sua baia, che la città californiana lancia una nuova sfida all’architettura e al design internazionale

F

orse perché qualche anno prima, sempre al suo interno, abbiamo visto sorgere l’interessante Young Museum su disegno degli architetti svizzeri Herzog&deMeuron. O forse perché la nuova California Academy of Sciences pretende di essere il più innovativo museo di tutti i tempi: rivoluzionando, per sempre, con il suo concept e con i suoi caratteri di sostenibilità ambientale, gli standard dei musei di tutto il mondo, storicamente e tipologicamente ermetici ed introversi. La California Academy of Sciences fu fondata nel 1853 ed ebbe come prima sede un grande veliero che durante la bella stagione effettuava esplorazioni e ricerche raccogliendo specie animali e vegetali intorno al mondo. Nei mesi invernali era attraccata nel porto di San Francisco e metteva a disposizione dei visitatori le proprie scoperte. I suoi marinai erano al contempo studiosi, scienziati ed educatori. E quest’idea romantica di scoperta e insieme di condivisione del sapere è sempre rimasta alla base della “mission” dell’Accademia: ricercare, conservare, esibire, esplorare, studiare e promuovere le Scienze Naturali. Ma solo nel settembre del 2008 finalmente l’edificio progettato da Renzo Piano è riuscito ad unire di nuovo tutte queste attività insieme sotto un “unico tetto”, come un tempo. Il nuovo edificio, infatti, sostituisce definitivamente tutti gli undici edifici in cui era stata frazionata l’Accademia tra il 1916 e il 1991, alcuni anche seriamente danneggiati dal terremoto del 1989. E ha riunito insieme il Kimball Natural History Museum, lo Steinhart Aquarium e il Morrison Planetarium, mantenendo però, a guisa di testimonianze storiche, il Padiglione Africano e quello del Nord America, oltre all’ingresso dell’Acquario, che si sviluppa sotto il nuovo edificio.

Visitare il museo La visita di questo museo delle scienze è un’esperienza solare, luminosa e quasi visionaria, resa possibile dai due principali elementi generatori dell’intero progetto: le estese superfici vetrate e la sinuosa copertura a giardino. L’osmosi totale tra edificio e parco è, infatti, facilitata dall’impiego di grandi superfici di vetro extra-chiaro, a basso contenuto di ossidi di ferro, che permettono ai visitatori di vedere da fuori l’interno del museo. E, una volta entrati, di avere la sensazione di respirare la natura del parco circostante grazie alla visuale completamente libera su tutti e due gli assi principali. Le aperture esistenti, lungo tutto il perimetro, rendono l’edificio permeabile alla luce naturale e alle brezze provenienti dell’Oceano. La copertura della California Academy of Sciences invece è considerata un vero e proprio “living roof”. È il più grande e più complesso tetto giardino mai progettato al mondo. Guardandolo si ha la sensazione che un lembo di parco sia stato sollevato per nascondervi sotto il Mondo della Scienza. Le sue ripide colline sono generate dai volumi interni del Planetario e della Biosfera: forme sinuose che riflettono l’imprevedibilità e l’asimmetria delle forme naturali. Esso è composto di 50.000 “vassoi” biodegradabili formati da corteccia tenera e fibra di cocco, accostati tra loro sulla superficie della copertura, come a formare un gigantesco puzzle. Al loro interno è stato piantato un selezionato numero di speci arboree autoctone, in modo che potessero adattarsi con semplicità al nuovo sito, rigenerarsi in modo naturale e anche sono ed attirare a se uccelli insetti del luogo, in modo da dare vita ad un vero e proprio microclima autonomo.

Tecnologie sostenibili L’edificio fa parte di una rosa di dieci edifici pilota la cui costruzione è fortemente voluta dal San Francisco Department of Environment. L’obiettivo principale è quello incentivare il più possibile la progettazione e realizzazione di nuovi edifici pubblici che si distinguano per gli alti livelli di sostenibilità e di efficienza energetica. La nuova California Academy of Sciences ha raccolto e vinto questa sfida. E la U.S. Green Building Council le ha anche attribuito il più alto livello di certificazione LEED (Leadership in Energy and Environment Design), proprio per la sua capacità di ottimizzare l’uso delle risorse disponibili, minimizzando gli impatti sull’ambiente. Renzo Piano, infatti, è riuscito magistralmente a coniugare la complessità delle tecniche volte alla sostenibilità ambientale in un elegante edificio di rigore formale quasi classico. Molti dei materiali utilizzati per la sua realizzazione sono di recupero. Ad esempio la struttura portante è stata realizzata per il 95% con acciaio riciclato e il 90% dei detriti ricavati dalla demolizione degli edifici pre-esistenti sono stati impiegati per la realizzazione delle opere di urbanizzazione. Inoltre i pannelli adoperati per l’isolamento dell’involucro sono realizzati con gli scarti della lavorazione del tessuto jeans, composto per 85% di cotone. L’impiego della copertura verde permette di diminuire i carichi termici dovuti all’irraggiamento solare sulla struttura e di recuperare una considerevole quantità di acqua piovana impiegata all’esterno per l’irrigazione e all’interno nei servizi igienici. L’acqua salmastra utilizzata per gli ambienti marini è invece pompata direttamente dall’Oceano e immessa nelle vasche

dopo un processo di purificazione. Tutta la copertura è circondata da una pensilina costituita da 60.000 celle fotovoltaiche che sono in grado di coprire ogni anno il 5-10% dell’energia necessaria al funzionamento del centro, producendo circa 231.000 kWh di energia pulita ogni anno. I moduli sono realizzati con celle “multi-cristalline” ad alta efficienza che hanno un rendimento del 20% in più rispetto alle normali celle fotovoltaiche. La nuova California Academy of Sciences ha raccolto e vinto quest e la U.S. L’impiego della copertura verde permette di diminuire i carichi termici dovuti all’irraggiamento solare sulla struttura e di recuperare una considerevole quantità di acqua piovana impiegata all’esterno per l’irrigazione e all’interno nei servizi igienici. Questo sistema insieme agli altri accorgimenti energetici permette di mantenere i consumi complessivi dell’edificio ad un livello del 30% inferiore rispetto ai livelli normativi richiesti. Il benessere indoor è garantito anche dagli affacci che ogni spazio interno ha verso l’esterno grazie a cui usufruire di ventilazione naturale e illuminazione naturale. Il sistema di umidificazione costante, necessaria alle collezioni contenute nel museo, riduce la necessità di provvedere al controllo meccanico dei livelli di umidificazione degli altri ambienti. Le colline della copertura, infine, spezzano la corsa dei venti della baia e creano quelle differenze di pressione che consentono l’ingresso dell’aria dalle aperture poste in sommità. Queste ultime sono gestite da sensori che controllano i movimenti di apertura e di chiusura in base alle condizioni atmosferiche, permettendo all’Accademia di “respirare con la natura”.

Le immagini e i disegni sono stati messi gentilmente a disposizione dallo studio Renzo Piano Building Workshop (in particolare n.1 e 5 John McNeal, n.3 e 4 Nic Lehoux, n.8,10 e 11 Tim Griffith)

Disegnato insieme alla natura Il Golden Gate Park è ancora una volta il punto di partenza e l’elemento ordinatore. Il progetto nasce da un attento processo di interpretazione del luogo e parte dalla volontà di creare una forte osmosi tra l’edificio e il parco che lo ospita. Questo si legge non solo osservando la forma del museo, ma anche la genesi dei principali materiali impiegati. Gli spazi interni sono organizzati attorno ad una piazza centrale dove spiccano imponenti il Planetario, l’Acquario e la Biosfera, ovvero: l’acqua, l’aria e la terra che rappresentano in sintesi le undici aree di ricerca in cui si sviluppa il percorso scientifico del centro. La piazza ha una copertura completamente vetrata sostenuta da una filiforme struttura portante. » 4

Architectura

Architectura

5

8

Architectura

This is the same article as the previous page but this time its a 8 page article. So here I used to beautiful pictures , full bleed in the beginning and end of the article. In between I put the beginning of the article and the text box. If you see in the second spread its , text,and picture. Where as the third spread, its picture , text, . I reversed it.

Architectura

9

LA Scienza Nel Verde (8) 205 x 285 mm

11


1.

3

2.

4.

Mood board 420 x 297 mm

12

Mood boards are sets of images that speak of one topic. 1. Youth: colourful, games, fun, young boys and girls, informal. 2. Luxury: Expensive brands, Diamonds, yachts, majestic comfort. 3. Dance: Dance floor(directly connected), movement,disco,ballet. 4.(Subjective) Luxury: money, first class treatment, holidays.


This is an open project where I could choose which ever topic I wanted and make the pictures tell you which topic I’m talking about. Well some of these pictures are famous thus will help in identifying the topic. I used a 4x4 grid so that I could have the space for every kind of picture. Since poverty is all over the world,I used images just from Africa . I used a black and white effect so that it could create emotion

to the image and make the reader keen in wanting to know more about it without disturbing the eye as much if it were coloured. But also this life is not that colourful and so it speaks a lot about the feeling of the picture .

Mood board 420 x 297 mm

13


Opened view unfolded

Via Manzoni, 12, 20121 Milano. Martedi 29 April 2011 11:00-16:00. Featuring twelve new paintings by Jack Vettriano and over forty photographs by Jeanette Jones.

The Ballroom Spy Via Manzoni, 12, 20121 Milano. Martedi 29 April 2011 11:00-16:00. Featuring twelve new paintings by Jack Vettriano and over forty photographs by Jeanette Jones.

Nabeel Balala

The Ballroom Spy

Cordially Invites

Jack Vettriano Front view Folded

Back view Folded

Jack Vettriano Cordially Invites

Nabeel Balala

Office: Heartbreak, 17 Bulstrode Street, London, W1U 2JH. Tel: +44 (0) 20 3219 5710 Email: info@jackvettriano.com

Jack Vettriano Invitation 100 x 240 mm (quarter fold)

14

Invitation: The mood of this invitation card is linked to the artist’s paintings by the use of one of his art work in the front and inside of the invitation. The black and red colours I have used is with reference to a lot of his work. The transparent fold is supposed to make the reader eager to what they are about to read.


T

acchi a spillo, giarrettiera e momenti di attesa senza tempo. Una sigaretta accesa e un calice di Champagne.

tore. Il suo sogno? «Comprare uno smoking e un’auto sportiva, andare in un locale a rimorchiare la ragazza più bella e portarla a

J

Back

Front

Heartbreak, 17 Bulstrode Street, W1U 2JH London, United Kingdom. Tel: 020 3219 5710. www.jackvettriano.com GIULIA OSCULATI - FOTO DI FREDI MARCARINI

J

la di

ack ackie

pg 2

ack ackie

GIULIA OSCULATI - FOTO DI FREDI MARCARINI

la di

Back of flyer

Heartbreak, 17 Bulstrode Street, W1U 2JH London, United Kingdom. Tel: 020 3219 5710. www.jackvettriano.com

T

acchi a spillo, giarrettiera e momenti di attesa senza tempo. Una sigaretta accesa e un calice di Champagne. In una camera d’albergo, una donna aspetta, nella penombra, l’arrivo dell’amante. In un interno borghese, un’altra donna ricompone l’acconciatura allo specchio, sotto lo sguardo indifferente dell’amico. Protagoniste della pittura di Jack Vettriano sono le donne. Brune provocanti o sofisticate bionde platino, svestite ad arte o elegantemente vestite a dare una sensazione forte di stile e portamento. Figure femminili che incarnano il paradigma del glamour della Hollywood anni Cinquanta, tutta party e musica jazz. L’atmosfera spesso ricorda vagamente quella di un film noir girato nella New York anni Venti, quella immortalata nel Grande Gatsby. Il suo mondo ideale sta in bilico tra lusso, passioni e tinte forti che colpiscono occhio e immaginazione. Il motore è sempre l’attrazione tra uomini eleganti e determinati e donne belle, disponibili, vulnerabili, potenti e fragili nello stesso tempo. «Dipingo situazioni nelle quali ci si può facilmente identificare. Storie che permettono di evadere in un’altra realtà, intrise di romanticismo, passione, sesso, bugie, tradimenti», racconta il 57enne artista scozzese. «La mia pittura si nutre dei momenti che ho vissuto, quelli belli o quelli brutti, anche squallidi». Se il suo realismo negli ultimi anni si è fatto più provocante, non scade mai nella volgarità esplicita. Come nei quadri di Edward Hopper, la narrazione è sempre concentrata in pochi dettagli rivelatori. L’artista preferisce indugiare sui primi momenti dell’incontro, lasciando il racconto in sospeso, a stuzzicare lo spettatore. Altre volte s’indovina quel che è successo dall’atmosfera che accompagna la fine di un’avventura, intensamente fermata dalla sua pittura corposa, quasi plastica. Jack Vettriano, al secolo Jack Hoggan, è nato nel 1951 a Fife, un villaggio sulla costa scozzese orientale. A 16 anni lascia la scuola per diventare, come il padre, mina-

tore. Il suo sogno? «Comprare uno smoking e un’auto sportiva, andare in un locale a rimorchiare la ragazza più bella e portarla a ballare un valzer in riva al mare». Trent’anni dopo, in un’asta di Sotheby’s, quella fantasia avrebbe fruttato a Vettriano una cifra da capogiro: 744.800 sterline, circa un milione di euro. Quando dipinge il suo capolavoro, nel 1992, l’artista ha abbandonato da tre anni il lavoro per dedicarsi a tempo pieno alla pittura, adottando il cognome del nonno materno, originario di Frosinone. La passione per l’arte è nata quasi per caso, quando un’amica gli regala una scatola di acquerelli. Impara la tecnica da autodidatta, copiando, per rubarne i segreti, i dipinti dei maestri: Caravaggio, Cézanne, Degas. E affidandosi ai consigli di un qualsiasi manuale da disegno. Proprio da un manuale per principianti provengono le figure di The Singing Butler, dove una coppia di amanti in abito da sera e guanti rosso fuoco danzano avvinti sulla sabbia bagnata alle note suggerite da un maggiordomo in livrea, incuranti del temporale che avanza. Dopo che Vettriano ha ceduto i diritti dell’immagine, l’opera, riprodotta su poster, cartoline, copertine di romanzi, ma anche su servizi da tè, mug, portachiavi e ombrelli, è diventata una delle icone più popolari di tutti i tempi, scalzando perfino le Ninfee di Monet o i Girasoli di Van Gogh. Insieme agli altri quadri, gli frutta ogni anno più di mezzo milione di sterline in royalties. Oggi il problema di Jack Vettriano sembra essere proprio questo: la travolgente popolarità. I suoi quadri, ignorati dai musei e dalle istituzioni, snobbati dai critici, sono però contesi dai collezionisti vip (gli attori Jack Nicholson e Robbie Coltrane, il musicista Tim Rice, l’allenatore del Manchester United Sir Alex Ferguson, lo chef Raymond Blanc, la scrittrice A.L. Kennedy). E sono adorati dal pubblico. Un’adorazione che tanto assomiglia a quella di Vettriano per la sua donna, icona di tutte le femmine che vorrebbe amare.

pg 3

Jack Vettriano, nato a Fife, in Scozia, nel 1951, lasciò la scuola a 16 anni per diventare minatore come suo padre. L’amore per l’arte, che imparò da autodidatta, nacque per caso, quando un’amica gli regalò una scatola di acquerelli per il 21° compleanno.

La passione è femmina, gioca con la complicità di tacchi a spillo, giarrettiere e chiede di essere scoperta delicatamente. Così ha fatto nei suoi quadri Jack Vettriano, tra sesso e tradimenti, stile e trasgressione.

I wanted to take make this flyer like a collectors item, as a poster. So for the front you have the title, author, and logo. Then as you open you read the text, and on the other page an interesting image and a quote. When you unfold it all at the back you get a collection of his paints (Jack Vettriano) with a short summary, so if someone doesn’t know him they can read the summary when hanged up a wall.

Jack Vettriano Flyer 290 x 410 mm (double fold)

15


COLLECTABLE PENS

COLLECTABLE PENS

di nabeel balala

Pen Covers 210 x 280 mm

16

I was provided by the images and told to create a book cover for collectable pens and add a touch of graphic design to it. The cover on the left it is more colourful and shows what the title means of collectible(having a multiple collection) and the technique of having it as bit map image was because I could fill the pens with colour to show a diverse range of collectible pens. Having the background black

By Nabeel Balala

and text white was to make the images stand out more, because of their vibrance. The cover on the right a little serious and so having a minimum color table of red,black and white, would need more to explain what the cover is about. Well the fonts show elegance, and the detail on the pen pointing at the title tells the reader what collectable means, detail.


1.

3. Album di Famiglia

UNA STORIA TUTTA ITALIANA

I ricordi sono ancora talmente vivi che sembra siano passati pochi anni da quando abbiamo iniziato la nostra avventura nel mondo della nautica e quindi nel mondo Tecnomar. Invece sono volati via 20 anni. Anni intensi, pieni di ricordi, esperienze, sacrifici e soddisfazioni. Avevo soltanto 12 anni e le barche le avevo solo sognate quando mio padre, giovane di 32 anni, l’età che ho io adesso, decise con mia grande sorpresa e soddisfazione di comprare un Bruno Benetti, per la precisione un Off-Shore 40’. Da li all’entrata in azienda, quando abbiamo rilevato il cantiere Bruno Benetti, il passo fu breve e veloce, un trascinarsi di eventi estremamente eccitante, che aveva dell’incredibile, il sogno di ogni persona (mio e di mio padre nello specifico) quello di trasformare la passione di una vita nel proprio lavoro; stava nascendo la Tecnomar.

20 Anni Di Navigazione Vent’anni di Tecnomar. Vent’anni che hanno portato alla ribalta internazionale questo cantiere viareggino, sintesi fortunata di pensiero e azione, o meglio, di progettazione e realizzazione. Vent’anni che hanno segnato la rinascita e la supremazia mondiale della cantieristica italiana. Faliero Sarti

2

QUALITYBOATS

QUALITYBOATS

3

2.

6

Riguardare queste immagini ha una doppia valenza per me. Non è solo un rivedere un vecchio album in cui ci si sorprende di quanto si possa essere cambiati nel corso di due decenni, ma per me è come rivivere il percorso che la nautica stessa ha avuto, passando dalla mania per la velocità estrema dei primi anni ’90 simboleggiata da figure armatoriali come il compianto Stefano Casiraghi che ritroverete in queste foto, alla grande crisi, fino ad arrivare alla ripresa, alla nascita del “MegaYacht” e infine al boom attuale. Un’evoluzione che ci ha portato dall’alpha all’omega guidata da un unico filo conduttore, la passione per il mare, quello stesso filo che mi auguro continuerà a esserci anche in futuro, affinché anche i prossimi 20 anni possano regalarci gli stessi successi, le spesse passioni e le stesse emozioni.

QUALITYBOATS

QUALITYBOATS

7

4. Tecnomar Nadara 35 Una grandezza tutta italiana, fatta di imprenditori tenaci, progettisti preparati e artigiani, degni eredi della tradizione rinascimentale. E che in Tecnomar ha significato una dinastia di tecnici alla testa di un’azienda che ha fatto del custom, nel senso più profondo del termine, la chiave di volta per imporsi negli ultimi cinque lustri al mercato globale. Per la gioia e la soddisfazione degli armatori che possiedono così uno yacht veramente unico e diverso da qualsiasi altro. Non è retorica commerciale, è la verità. Che rende orgogliosi Paolo e Faliero Sarti, degni eredi della tradizione rinascimentale. Maurizio e Roberto Zappelli e Maurizio Magri, tutti amici e soci operativi della grande famiglia Tecnomar.

Iperspazio & Iperslancio “Tecnomar Nadara 35 Fly è grande, con leggerezza” questo lo slogan scelto da Tenomar per il suo 35 metri di vetroresina, che dobbiamo alla progettazione di Luca Dini. La rinnovata versione “Raised Bridge” -totalmente customizzata- entra in produzione nel 2008. Due anni appena, sono passati dalla presentazione del modello 35 base, ma il successo e la bontà di questo yacht ne hanno decretato un a ulteriore evoluzione. Come sempre nell’ottica di soddisfare le esigenze di utilizzo e gusto dei clienti: rivisitazione della poppa; spostamento della plancia sul mezzo ponte superiore, per allargare ancor più gli spazi comuni e di servizio; nuova disposizione degli interni e degli accessi, per ottenere, in modo maniacale, la privacy più assoluta dell’armatore rispetto all’equipaggio. Che gode di

spazi e servizi di assoluto confort, in linea con la moderna tendenza che vuole sì che equipaggio contento faccia un armatore contento. Importante nelle dimensioni, questa barca cattura l’occhio per sobrietà, equilibrio e proporzioni. I due 35 di Tecnomar sono progettati per ricevere con larghezza: nel grande fly il primo e sul ponte principale il secondo. All’interno del Fly, spicca il salone open space particolarmente luminoso. Il ponte inferiore è riservato alla zona notte con cinque cabine, ospiti, VIP e armatoriale. Quest’ultima ha una superficie che si sviluppa per l’IP e armatoriale. Quest’ultima ha una superficie che si sviluppa per l’intera larghezza dello yacht. Il Nadara 35 Fly dimostra anche buone prestazioni in navigazione superando i 30 nodi grazie alla doppia motorizzazione MTU da 2285 hp.

Il Fly Che Abita Il Mare Tecnomar, acquisito dalla famiglia Sarti alla metà degli anni Ottanta, cominciò a studiare una progettazione ardita, una nuova filosofia dello yachting che sfociò nel decennio scorso nel grande open con scafo da motoryacht “importante” e sovrastrutture sportive. Un’intuizione che avrebbe fatto scuola ed evolutasi in molti cantieri su misure sempre più importanti: come nella “casa madre”. In particolare, la linea Nadara, sempre coerentemente alle diverse tipologie di produzione del cantiere progettate dall’ufficio tecnico di Viareggio, è quella dei flybridge sportivi. Nadara 95’ fly è un appartamento lussuoso, confortevole sul mare, su due piani con terrazza. Una casa o se preferite un flybridge capace di spostarsi in mare a 30 nodi. Gli ambienti, perfettamente suddivisi, sono collegati tra loro da due scale, nel pozzetto e interna. Il 4

QUALITYBOATS

QUALITYBOATS

This is an article part of a company’s story. I had to spread the article on 8 pages. Boats are mostly appreciated from the outside and so I decided to use a picture of the beautiful and elegant boat with a clean modern title above it and below a short summary and the author’s name. I used a 3 x 2 grid, so I could present the images big and have sufficient white space. The white space translates to design, the

5

8

QUALITYBOATS

pictures translates to luxury and high standards, so the bigger the image the better. The rhythm here is like a wave (up and down, like waves) so I started with a full bleed picture then I have a broken image, then you go up again to a full bleed image and so on. I put the text on page 5 above because the image is about the outer part of the boat, where as in page 9 it talks about the bottom on the boat and the inside .

portellone del salone poppiero è talmente ampio, per facilitare gli spostamenti “dentro-fuori”, da creare una continuità che aumenta l’ampiezza della zona chiusa. D’altra parte il pozzetto è completamente coperto dal flying bridge, proseguendo idealmente e praticamente il salone, a sua volta unito alla sala da pranzo senza soluzione di continuità. Come layout, tenendo fermo il dogma della personalizzazione estrema che consente modifiche addirittura alla compartimentazione, lo schema è piuttosto tradizionale. “importante” Il fly bridge panoramico offre spazio al sole a volontà. Il main deck, con il vasto salone open space e la cucina super accessoriata, rappresenta la zona conviviale e di rappresentanza. Il lower deck è l’area dedicata alla privacy e al relax: comprende 4 cabine ampie e luminose, neanche a dirlo, con bagno indipendente. • QUALITYBOATS

9

Tecnomar Boats 210 x 297 mm

17


1.

2.

1

3.

The Real Housewives of Beverly Hills

INSTRUCTIONS

Sed tristique scelerisque velit, quis elementum magna pretium vel. Curabitur faucibus urna sit amet arcu ornare fringilla. Praesent accumsan rutrum neque.

L

The set of instructions will help you with the setup and test of the electric machine. (view images below for asisstance )

orem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing

elit. Aliquam nec eros imperdiet nisi interdum blandit. Quisque nec rhoncus ligula.

Nam vestibulum condimentum tellus, quis aliquet enim molestie nec. Ut id nisi sit amet ligula facilisis hendrerit nec nec nibh. Morbi nibh mass, tempor sit amet blandit nec, rutrum quis velit. Praesent interdum libero sit amet mauris malesuada venenatis mattis sapien vestibulum sdaezzz. Phasellus ac nibh nisl. In risus eros, ultrices eget pharetra id, tempor non purus. Nulla neque augue, mattis imperdiet suscipit in, scelerisque nec metus. Vivamus a quam nec ipsum lobortis aliquam vel laoreet

1. FUND FILE 1.1. Open instrument: Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Mauris blandit erat quis. Nullam commodo tincidunt facilisis. Suspendisse ut sem at mi adipiscing molestie. To Review the latest record description: http:// suere vitae, consequat ac nunc. Lorem

1.2. Report Design and Validations 1.2.1. consectetur adipiscing elit. Mauris blandit erat quis

BODY OF CLASSIC ARCHITECTURE

1.2.1.1. ed tristique scelerisque velit, quis elementum magna pretium vel 1.2.1.2. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. a) Fusce vitae tellus, sed mauris facilisis sagittis a quis orci. Maecenas ipsum mi,

Architecture of Italy, often called Italian architecture refers to all forms of this art in Italy. Italy has a very broad and diverse architectural style, which cannot be simply classified by period, but also by region, due to Italy’s division into several city-states until 1861. However, this has created a highly diverse and eclectic range in architectural designs. Italy is known for its considerable architectural achievements, such as the construction of arches, domes and similar structure during ancient Rome, the founding of the Renaissance architectural movement in the late-14th to 16th century, and being the homeland of Palladianism, a style of construction which inspired movements such as that of Neoclassical architecture, and influenced the designs which noblemen built their country houses all over the world, notably in the United Kingdom, Australia and the United States of America during the late-17th to early 20th centuries. Several of the finest works in Western architecture, such as the Colosseum, the Duomo of Milan, Florence cathedral and the building designs of Venice are found in Italy. Italian architecture has also widely influenced the architecture of the world. Italianate architecture, popular abroad from the 16th to mid-20th century, was used to describe foreign architecture which was built in an Italian style. British architect Inigo

b) Vivamus tempus , semper egestas. Vivamus ante augue, semper id adipiscing nec,Fusce vitae tellus, sed mauris facilisis sagittis a quis orci. Maecenas ipsum mi.

2. EXTRACT 2.1. check for all parts: Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. osuere vitae, consequat ac nunc. Lorem ipsum dolor sit amet, To Review the latest record description: http:// suere vitae, consequat ac nunc. Lorem

2.2. Report Design and Validations 2.2.1. FUND SHEET – ROW 1 – CELL “A1” : (Mandatory) 2.2.1.1. Aliquam massa arcu, molestie id eleifend vel, ullamcorper non dolor. Suspendisse tellus nisi, tristique sit amet. 2.2.1.2. Record Variables and description:

2.3. Quae si blam re nonsed maio estis sitio officae 2.4. Valias sak kwoas dla 2.4.1. FUND SHEET – ROW 1 – CELL “A1” : (Mandatory) 2.4.1.1. Aliquam massa arcu, molestie id eleifend vel, ullamcorper non dolor. 4

INSTRUMANUAL 2012

Types of Text 210 x 297 mm

18

orci. Pellentesque sodales, nisl quis varius pharetra, felis dolor posuere dolor s a quam .

Italian architecture has also widely influenced the architecture of the world. Italianate architecture, popular abroad from the 16th to mid-20th century, was used to describe foreign architecture which was built in an Italian style.

10

Sed scelerisque iaculis nunc et laoreet. Aliquam pretium rutrum lacus, quis aliquam dolor ultrices rutrum. Aliquam vel diam eros. Phasellus vitae tristique felis. Sed condimentum gravida lacinia. Fusce ut nunc eget lacus varius

Jones, inspired by the avant-garde designs of Italian buildings and cities, in the early17th century, brought back these ideas with him to London, and ever since, this Italianate architecture has been popular in construction designs all over the world. The Architecture of Ancient Rome adopted the external Greek architecture around 12th century B.C. for their own purposes, creating a new architectural style. The two styles are often considered one body of classical architecture. This approach is considered reproductive, and sometimes it hinders scholars’ understanding and ability to judge Roman buildings by Greek standards, particularly when relying solely on external appearances. The Romans absorbed Greek influence, apparent in many aspects closely related to architecture; for example, this can be seen in the introduction and use of the Triclinium in Roman villas as a place and manner of dining. The Romans, similarly, were indebted to their Etruscan neighbors and forefathers who supplied them with a wealth of knowledge essential for future architectural solutions, such as hydraulics and in the construction of arches. The use of vaults and arches together with a sound knowledge of building materials, for example, enabled them to achieve unprecedented successes in the construction of imposing structures for public use.

ARCHITECTURA

3 different types of text, with no pictures, and in black and white. 1. Technical instructions. 2. An architectural article. 3. Current events article. Since they all different genres, their layout had to be different. For the Technical text, I used a 2 column grid that makes it easy for the reader to read and follow with no breaks. I put numbering, so that the steps are followed easily. For the Architecture article, I

faucibus. Quisque dolor ligula, eleifend vitae scelerisque eget,

rutrum nisl pretium auctor. Cras egestas fermentum iaculis. Donec

velit vitae pretium. Donec lobortis volutpat pretium. Nulla et purus a felis ultrices gravida. Nunc in risus tortor. Etiam euismod auctor magna, a ornare mauris interdum ut. Donec fermentum rutrum lacus vitae aliquam. Maecenas ornare mattis lectus nec pulvinar. Integer ligula ipsum, egestas id tempor et, da sagittis in sapien. Maecenas sed sem eu nunc dignissim aliquam sed et lorem. Nulla eget tincidunt nisi. Integer venenatis rhoncus quam, sed pharetra neque mollis vel Pellent esque congue rhoncus felis, sit

Vestibulum condimentum sapien vitae turpis elementum dictum. Curabitur non rhoncus ante. Donec id convallis turpis. Nulla m erat justo, condimentum quis accumsan sit amet, fermentum vitae nibh. Vivamus a eros non velit semper dapibus. Class aptent taciti sociosqu ad litora torquent per conubia nostra, per inceptos himenaeos. Suspendisse magna metus, tempor at vehicula vel, euis mod non diam. Mauris blandit, nunc ut volutpat sollic itudin, nisi sapien commodo massa, non condimentum tellus

id convallis turpis. Nullam erat justo, condimentum quis accumsan sit amet, fermentum vitae nibh. Vivamus a eros non velit semper dapibus. Class aptent taciti sociosqu ad litora torquent per conubia nostra, per inceptos himenaeos. Suspendisse magna metus, tempor at vehicula vel, euismod non diam. Mauris dblandit, nunc ut volutpat dasdfe

ultricies faucibus. Sed sodales, dolor et placerat laoreet, sapien nulla sagittis turpis, non tempus sem quam ut orci. Maecenas egestas orci nec sem pulvin ar dictum ay hbggyrrfd. Curabitur non rhoncus ante dsa slonec

adipiscing vitae venenatis vitae, pellentesque at nunc. Fusce porta ultricies faucibus. Sed sodales, dolor et placerat laoreet, sapien nulla sagittis turpis, non tempus sem quam ut orci. Maecenas egestas orci nec sem pulvinar.

eleifend quis elit. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adip iscing elit. Ut aliquet conse quat

amet elementum velit rhoncus imperdiet. Aliquam sit amet odio risus, eu feugiat arcu. Proi mollis, sapien eget tempus egestas, das lacus tellus rhoncus turpis, nec rhoncus ligula nisl eget sem. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Etiam tincidunt velit et arcu suscipit aliquet. Pellentesque non tortor

eu lectus purus, ac elementum erat. Phasellus cursus malesuada justo, at scelerisque est cursus vel.

metus et velit. Fusce tortor quam, adipiscing vitae venenatis vitae, pellentesque at nunc. Fusce porta

HISTORY OF DRAMA Hillia vellati oreictium dolo mincturio optatem arit a accus num nos dolupit, offic tem exped que vel iderum autate laccaero temquiant repudi aliquatur? Us exernat rempos estis excepudis eatur? Vidionse prest ut fugiat am nis et il ist ma sumqui unt ut es iducite dit exped eturem. Fugia es et quos am, est, cor ad maior moluptatem qui dolo offic tem quo berum adios dendis magnimolesti dolupta escipsuntus magniet qui cori omnihil iquibus deribus de cum ut liberibusant dolest officab id que sitatiur sum sed quas et omnitat ecescip idenient renis dem doluptaspe la voluptaspis ad undebis ea volorit esequiam repedipienis arcit lit, ut ariorero magnam suntem dolore audit quibusamet fugia et a qui veliqua teceaqui blaut ex et quiate vendis rateculpa quamusc

ienimaximus as delecum fuga. Venti asperum et, culleca borendi nonsentur, audaernam solorepuda con perum re vellam simusciliti di velique occaest ut velit ut omnimaio. Num cus, simil moluptis erspernam, ut volor hjuilk aswn asbu manaju Comnisquam imoluptat do occaboremodi dis scon pero ma cum quae ratempo ssitat. dfgfsfFicidebit, coratibusam, omnihicium fugiati oremporios nos nis dolupienihit lanihil iquodicius rehenisciet reria is conem sitiorp oruptatur sa aruptate perferferem il molupti omnihil mi, consequi di arum et ex excerrum quidenim quat. As et velitas qui ullab il imi, cone eos nihit incta sint aut et quatem diaturibea dernaturi si Tatem et ero es et ut ut aut eliquias miliquos ut lationest ma iur mollaut estrum laborerferit asim fugit ut listem velluptatum

ollicitudin, nisi sapien commodo massa, non condimentum tellus metus et velit. Fusce tortor quam,

mollaut estrum moldssfut est. Giasperum nos repelendis et hilluptiunt od ut dolorec tiberum voluptae. Ant.Bitatium, tem quam et de volor mos explaccabor sitior aut iliquis quametur zikalasnh hil Ita doluptas unt explitiore volorro vitiae od eneceseque conse parum res alibu. sadrvc saaec Et volum laborrovit officiunt quas aut laborporent.

Etra, Catum o aperte iae ssa vis Onsulegit. Satraet? nimus horem inam aus nius, occive, ta noverfit, quidem que me con hae nos con ina, cri proriostium denat intem tam ips, conclud acturnihili, unium habis. Opiem fex senihiliu virica; nos si simus. Etra, Catum o aperte adjn eijns mkqowil Satraet? us horem inam aus nius, occive, ta noverfit, quidem que me con hae nos con ina, cri proriostium denat intem tam ips, conclud acturnihili, unium habis. Iem fex senihiliu virica; nos si simus. Etra, Catum o aperte iae ssa vis Onsulegit. Satraet? horem inam aus nius, occive, ta noverfit, quidem nimus horem inam nimus horem inam vis Onsulegit. Satraet? nimus enat intem tamhusdb sderfimus . ”

8

used a 3 column grid , using only 2 to aid white space, and the sans serif fonts fit well since its about lines. For current events, where there are many stories to tell, I used a 4 column grid with different sections and fonts to separate the different texts.


1.

architettura

MONTAGNA DA ABITARE Villa Lucini, iniziativa immobiliare promossa a Ponte di Legno dalla famiglia Andrea Bulferetti, reinterpreta in una chiave contemporanea gli stilemi tipici della montagna, dando vita ad un elegante edificio collocato con coerenza e personalità in uno stupendo scenario alpino.

architettura

3.

architettura

L

a possibilità di connessione immediata con un paesaggio naturale coinvolgente e, al contempo, la capacità di accogliere con confortevole calore. Una bella casa in montagna è soprattutto questo: immediatezza di relazione con il contesto paesaggistico e protezione per una dimensione più intima del vivere. A bilanciare queste due anime, la capacità di rispecchiare con flessibilità la personalità e il gusto di chi la vive. A Ponte di Legno, le iniziative immobiliari promosse dalla famiglia Bulferetti, già imprenditori storici nell’ambito dell’ospitalità locale, rappresentano un felice esito di questi principi essenziali. Firmati dallo studio milanese E.E.T. Cobolli Gigli/Monico, Villa Lucini, Villa Susy, il Doss dei Calamai (attualmente in costruzione) sono segni architettonici espressivi ma coerenti con il paesaggio e interpretano in una chiave contemporanea gli stilemi delle costruzioni in montagna, esaltando le potenzialità dei materiali tipici del luogo, che ne caratterizzano la struttura attraverso un’architettura di impronta moderna.

architettura

Tradizione contemporanea Sullo sfondo del gruppo montuoso del Castellaccio, nel comprensorio dell’Adamello, la struttura composita di Villa Lucini sembra uno sfaccettato monolite in pietra incastonato in un paesaggio mozzafiato. La tipologia architettonica, in linea con la tradizione locale, rappresenta una sorta di agglomerato di edifici “piccoli” che danno luogo a tre coperture diverse, giocate a incastro l’una nell’altra. All’interno, ambienti di grande impatto formale. Nelle soluzioni abitative il valore della progettazione si esprime in ogni dettaglio: dalle finiture esterne alle cancellate-scultura e allo studio delle luci opere di celebre artisti, fino ai sofisticati impianti di domotica di cui sono dotati gli appartamenti. Per il rivestimento esterno dell’edificio sono stati impiegati il legno e una particolare pietra locale, la Tonalite, nota anche come granito dell’Adamello, lavorata in modo da ripetere l’architettura tipica delle pietre del luogo, interpretata attraverso un disegno a casellario definito da una serie di fughe che evidenziano i contorni delle finestre. Se in linea generale nelle località montane il mercato immobiliare propone case di dimensione contenuta, Villa Lucini, invece, offre appartamenti di notevole dimensione pari a una “porzione di villa”. La metratura, mediamente 110 m², si adatta alle esigenze di una clientela di alto target cui vengono proposti un’ampia possibilità di personalizzazione e una serie di finiture e servizi di alto livello: eccellenti prestazioni rispetto all’efficienza energetica, all’insonorizzazione acustica, l’installazione di un sofisticato impianto antintrusione, il sistema video di controllo accessi, particolari soluzioni di domotica. Ciascuna unità dispone nel seminterrato di uno spazio da adibire agli usi correlati alle preferenze del cliente: spa, taverna o altro, box doppio, vani ascensori privati, posti auto privati e un ampio parco di pertinenza. Gli impianti assicurano riscaldamento e idrotermosanitario indipendenti con caldaie autonome, telecontrollo per gli impianti delle unità abitative e dei locali accessori, impianti TV-SAT, WiFi e connessione internet satellitare a banda larga, circuiti ausiliari a basso voltaggio.

La Casa della Poesia Villa Susy è una tappa importante nel percorso che la famiglia Bulferetti ha intrapreso a Ponte di Legno nell’ambito della costruzione edilizia, coniugando il suo legame con il territorio con il desiderio di realizzare segni architettonici in grado di inserirsi nel tessuto ambientale con un’intensa espressività. Villa Susy, la Casa della Poesia, è un prestigioso immobile aperto sulla valle in un’area centrale eppure tranquilla, composto da otto soluzioni abitative di varie dimensioni indipendenti ma che godono ognuna dei vantaggi di una progettazione integrata tesa a far risaltare, in un privilegiato contesto architettonico, la possibilità di rendere ogni appartamento assolutamente unico. Attingendo alla migliore tradizione costruttiva locale, il progettista ha operato una serie di scelte in sintonia con il “genius loci” ma in grado di dare

Alpiness 16

Alpiness 17

2.

all’immobile i requisiti della più attuale contemporaneità. Grande attenzione è stata posta alle prestazioni dell’involucro edilizio in tema di comfort ambientale e utilizzo razionale delle risorse energetiche. A partire dalle soluzioni progettuali per la struttura: un cappotto protettivo isolante dello spessore di 14 cm riveste lo stabile e, per il controllo ottimale dei ponti termici, separa le ampie terrazze dalla struttura; tutti i serramenti esterni sono realizzati in legno lamellare di rovere, dello spessore di 90 mm, e dotati di triplo vetrocamera. Lo stabile utilizza un impianto termico collegato alla rete locale di teleriscaldamento, che in ogni appartamento è gestibile e personalizzabile anche attraverso un sistema domotico di controllo remoto, come tutti gli impianti di ciascuna abitazione. I balconi e vaste porzioni del rivestimento esterno della struttura sono in larice, una delle specie legnosa pregiate più resistenti che in questo caso è stata trattata con una finitura naturale in grado di proteggerla nel tempo dall’ossidazione e quindi dalle forti variazioni cromatiche. La Tonalite, o granito dell’Adamello, la pietra locale dai riflessi quasi argentei utilizzata per l’esterno insieme alla beola e alla serpentina per il tetto, una pietra, quest’ultima, un materiale molto resistente agli agenti atmosferici che nella tradizione locale veniva impiegato fin dal 1300 per il rivestimento dei tetti con tegole a spacco. Le canalizzazioni esterne dei canali di gronda e dei pluviali sono in rame, una soluzione in grado di garantire nel tempo la massima durata. Il legno, materiale per eccellenza dell’architettura montana, è utilizzato per le scale interne comuni, in rovere, e per le porte di ingresso blindate impiallacciate in larice.

Immersi nella natura al Dosso dei Calamai Ai piedi degli impianti di risalita, ideale per chi ha le piste del Tonale come punto di riferimento delle proprie attività, e all’interno di un affascinante contesto ambientale, la pineta del Dosso dei Calamai, un immobile che prevede dieci unità abitative. Il legno per i brise soleil e i parapetti che caratterizzano la facciata e la pietra che ricopre le ampie zoccolature alla base dell’edificio sono i materiali che definiscono lo stile della costruzione. Di particolare bellezza gli appartamenti mansardati che godono di una doppia altezza valorizzata dalle belle travi in legno lamellare del sottotetto. Anche in questo caso, l’involucro edilizio è stato progettato con la massima attenzione al comfort ambientale e per un utilizzo razionale delle risorse energetiche, applicando accorgimenti progettuali come il cappotto protettivo isolante che riveste lo stabile e separa le terrazze dalla struttura, i serramenti esterni in legno lamellare di rovere dello spessore di 90 mm dotati di triplo vetrocamera. Lo stabile utilizza un impianto termico collegato alla rete locale di teleriscaldamento, che in ogni appartamento, dotato di doppi servizi, box e cantine, è gestibile e personalizzabile anche attraverso un sistema domotico di controllo remoto, come tutti gli impianti di ciascuna abitazione.

Alpiness 20

Alpiness 21

4. architettura

architettura

architettura

LA LUCE DISEGNATA

CANCELLI D’AUTORE

Nelle architetture residenziali realizzate da Bulferetti, l’illuminazione esterna ha un ruolo essenziale che contribuisce in maniera significativa a dare vita a tutta la costruzione. Ogni dettaglio riferito alle luci è stato realizzato su disegno e ciascun ambiente e l’intero edificio sono resi luminosi da un particolare “fulgore poetico”. A firmare i progetti illuminotecnici di Villa Lucini e Villa Susy, infatti, è Leo Laiti, architetto e poeta, collaboratore storico della famiglia Bulferetti, ma soprattutto “mago” della luce. Nel progetto di villa Lucini la luce attraversa la casa e inizia a vivere nell’area dei garage. Qui è stato creato un piccolo Museo dello Sci, realizzato in modo da diffondere la luce utile a illuminare i box, che espone oggetti selezionati con competente cura filologica: a partire dalle racchette da neve utilizzate dagli indiani d’America nella metà dell’800 per arrivare agli sci storici della Persenico e della Vibram fino agli sci commemorativi delle Olimpiadi di Grenoble. La piccola raccolta comprende anche alcune paia di vecchi pattini all’interno di una bussola di collegamento alla casa rivestita di velluto rosso e illuminata ad hoc. “Ho scoperto Villa Lucini una sera in cui il profilo del Castellaccio mi è apparso d’improvviso dietro ad essa, incorniciato da una luna piena spettacolare – ricorda Laiti – e poiché il profilo dell’edificio la nascondeva, ho voluto ricrearne un’altra, artificiale, dentro la casa”. Per arrivare alla seconda luna, Laiti ha creato una linea di luce, una saetta di 28 metri che accompagna la rampa dei garage e percorre l’edificio fino al tetto; nel vano scala dell’ultimo piano ha collocato una grande luna, posta all’altezza del piano pavimento, originale elemento al centro della scenografia notturna dell’edificio. In ogni dettaglio gli elementi d’arredo paiono accendersi all’interno di un dialogo armonico che filtra il rapporto che intercorre tra la luce e gli oggetti illuminati. Per Villa Susy, oltre ad una serie di suggestive lampade esterne, Laiti ha creato un percorso pedonale che dalla strada porta all’ingresso, scandito da una lunga scritta luminosa il cui riverbero sembra scaturire dall’interno della materia. Dalla strada si intuiscono solo l’inizio e la fine della frase scelta per accompagnare il passo di chi entra in casa: “La luce dell’anima, il sentiero della parola”, e questo crea una sorta di curiosa e vitale sospensione. L’approccio poetico di Laiti ha coinvolto anche parti comuni solitamente meno considerate dal progetto come la zona dei garage, dove ogni box è dotato di un contenitore attrezzato che ospita tutte le utilities dello sciatore, chiuso e nascosto da un pannello in metallo grezzo sul quale è incisa una poesia che si può scegliere tra la raccolta delle liriche selezionate dall’artista.

“L’illuminazione esterna, firmata dall’architetto e poeta Leo Laiti, contribuisce in modo significativo a dare vita a tutta la costruzione”. Alpiness 18

This is an article part of a published magazine , and I have to page an architectural article maintaining they magazine’s style. The main tips I used to show the flow of the magazine was first to use the same layout ; paging, section, title and part of the text. Architectural article tend to have space for the article to be read and for the picture to stand out equally. So I used a 2 column grid. The magazine had an

architettura

Le opere scultoree e le incisioni della celebre artista daliniese Franca Ghitti, esposte in importanti manifestazioni e musei in Italia e all’estero, sono mappe da decifrare secondo alfabeti personali, aggregazioni per ricomporre uno spazio quasi arcaico dove danzano forme e dimensioni del territorio umano. A questa “signora dell’arte”, che ha fatto del rapporto vitale con la materia il centro della propria ricerca artistica, si deve la cancellata-scultura in ferro che circoscrive lo spazio esterno e segnala l’entrata di Villa Lucini. Un tema, quello della separazione e della “porta” che dischiude nuove prospettive, caro all’artista: i cancelli, in certi casi leggeri come arabeschi in metallo, in altri segni forti che impongono di essere valicati con consapevole attenzione, sono una delle forme espressive della sua arte. Nella loro genesi formale, l’eco dell’antica civiltà africana, riconducibile all’esperienza di vita dell’artista in quel continente, si sovrappone a quella preistorica dei graffiti rupestri della Val Camonica e imprime un carattere fortemente manuale alle sue opere da cui emerge la potenza plastica sprigionata da materiali primari e carica di una forza pervasa di dolce leggerezza.

“Una casa in montagna con un tratto minimalista, ma in grado di esprimere calore e comfort”. Alpiness 19

Alpiness 22

effect which was on most of their pictures which was the white outline and drop shadow, so I maintained that. For the text box I used long transparent boxes for the box articles to differentiate between the main text, I also used a different font of Gotham, compared to the serif font in the main text. The images are modern and clean, so my layout also had to reflect the images, which I did.

Alpiness 23

Alpiness Architettura 210 x 297 mm

19


Topic: Interior Design Because I have before, done one on sports, and another on travel and thought I’d do something else new which is not very close to me, and now I am glad I chose to do my magazine on this topic because I really enjoyed it, and was very interesting. Area: Kitchen,Living room, Bathroom They are among the most important part of the house and is will attract a reader since, if its modernism they are looking for they would get information on three main areas of the house Name: HOM interiors (House of Modern interiors) I used ‘ walkway expand ’ font for HOM and ‘DIN’ for the tag line and interiors. I wanted my magazine to be different and be remembered with the clever, catchy title. Size: width 215 mm, height 280 mm Most magazines are little narrower, so when my magazine in stacked with other magazine it would stand out a little more then the rest because of the size.

HOM interiors

House of Modern Interiors Magazine

Cover type: Glossy So it would stand out and also make it appealing to the reader, but also so that it could be seen to have a higher status of a sort. The paper inside isn’t thick nor light, so you can fold it once slightly and put it in your briefcase or handbag (it becomes handy). Target: Middle class, above 26 years, interested in art and design, appreciate modernism, If you like minimalism, modernism, clean layouts with easy reading grids, famous artists opinions on interior design, then this is your type of magazine. Distribution type: Monthly Trends change as time goes and new designers grow each day, it would be good to keep my readers updated with informations and pictures of what they like. Grids used: 3 column and 5 column grid. I wanted my readers to be able to easily follow their paragraphs and not have to distracted by small, short text with narrow columns. I size of the text and images are more or less equal (visually). Style: Symmetrical In my design I have clear defined lines that distribute most of my content. Fonts used: My main fonts were Museo Sans (sans serif)and Melior(serif). So that I would have a contrast with a clean, modern font for the titles and a classical, elegant font that makes it easier for the reader to follow through.

Magazine Proposal

20

This is the first stage when I was creating my magazine. Ideas and specifications. It was a task of going front and back and researching on my specific topic and what exactly I would my magazine to do.


FLAT PLAN: HOM interiors

Ads

FEATURE

Whole issue: 64 Pages Editorial pages: 45 Ads: 19 Sections: 4

LIVING ROOM

BATHROOM

KITCHEN

(Single page article) LIVING ROOM

(Single page article) BATHROOM

(Single page article) KITCHEN

Contents

Cover

Inner cover

Inner Back

Back

3

4

5

6

7

Colophon

Contents

8

9

10

11

Editorial

12

13 I Saloni

14 I Saloni

15

16

17

18

I Saloni

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

This flat plan is what I used to create the rhythm and flow of my magazine. From type of pages (single page or spread) to numbering. It is all clearly labelled to help me understand what to put where and I could rearrange articles to create a rhythm. If you look at the different coloured pages you can easily identify my tempo for the type of articles with respect to adverts.

Magazine Flat plan

21


HOM

INSIDE: Filovanity Top

HOM House of Modern Interiors Magazine

$7.60 / £5.90 MARCH 20011

House of Modern Interiors Magazine

interiors

JULY 2011

JULY 2011

The fresh Modish Looks of 2011

HOM interiors

$ 7.60 / £ 5.90 JULY 20011

House of Modern Interiors Magazine

JULY 2011

Live your room with Art Decor

interiors

$ 7.60 / £ 5.90 JULY 20011

JULY 2011

$ 7.60 / £ 5.90 JULY 20011

printed copy

EXPERT ADVICE: Colourful Kitchen

Bathrooms: Feel the ITALIAN flair

The Simplest way to convert to MODERN

House of Many Interiors Magazine

EXPERT ADVICE: Colourful Kitchen Stunning Houses full of IDEAS House of Many Interiors Magazine

House of Many Interiors Magazine

House of Many Interiors Magazine

www.hominteriors.com

The Simplest way to convert to MODERN

This what the other covers would look like after the first one on the left. So you can see how I would maintain the theme and mood of the magazine. The logo would stay where it is and the subtitles would move from bottom left to top left. The barcode would stay where is it. The coloured will always be red and black.

www.hominteriors.com

22

Stunning Houses full of IDEAS

Match Your Modern Setting www.hominteriors.com

www.hominteriors.com

Magazine Covers

EXPERT ADVICE: Colourful Kitchen

Italian Kitchen Design Ideas Filled With Style TIPS: Modern Cozy Bedroom

HOM interiors

House of Modern Interiors Magazine


1.

3.

2.

4.

These are just a few samples of the magazine. 1. Is the colophon, 2. Is the editorial, 3. Is a double spread article, 4. Is a single page article.

Magazine Samples

23


Publishing Portfolio  

graphic design 2nd year: my work in the publishing course

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you