Page 1

1/2019

VIAGGI NEL MONDO DELLA MUTUALITÀ

PERIODICO DELLA SOCIETÀ NAZIONALE DI MUTUO SOCCORSO CESARE POZZO

ASSEMBLEE SOCIALI 2019 Le convocazioni delle assemblee nazionale ordinaria e nazionale straordinaria e di quelle regionali CONSEGNA SUSSIDI ALLO STUDIO Cronache delle cerimonie nelle regioni CERTIFICAZIONI ANNO 2018 PER I SOCI Dal 15 marzo prossimo disponibili su Cesarepozzoxte TESSERA SOCIO CESAREPOZZO 2019 In arrivo a casa la card con i nuovi servizi digitali

ANNO XLI (237) N. 1 – FEBBRAIO 2019


le nostre sedi ☎ telefono ☎ telefono FS  orari

di apertura al pubblico

SEDE NAZIONALE

20124 MILANO Via S. Gregorio, 48 0266726.1 Fax 0266726313  da lunedì a giovedì 9-13/13.30-17 venerdì 9-13/13.30-15

www.mutuacesarepozzo.org

CALABRIA

89127 REGGIO CALABRIA Via Caprera, 8 0965331960 Fax 0965814305  lunedì, martedì e giovedì 9-12/14-17 mercoledì 14-17 venerdì 9-12

88100 CATANZARO Via Mario Greco, 21 e Fax 0961726181  mercoledì 9.30-12

ABRUZZO

65124 PESCARA Via Grotta del Cavallone, 11 0854212152 Fax 0854226442  lunedì e giovedì 14-17.30 martedì e mercoledì 9-13 venerdì 9-12.30

66034 LANCIANO (CH) Viale Cappuccini, 32/B c/o CNA 3280925092  giovedì 16.30-18.30

67039 SULMONA (AQ) Via Alessandro Volta, 2b c/o Dlf 086431191 Fax 086431191 970834367  giovedì 16-18

☎ ☎

66054 VASTO (CH) Via Bengasi c/o CNA 087369000 330919330 Fax 0873370357  giovedì 16.30-18.30

☎ ☎

BASILICATA

85100 POTENZA Viale Unicef c/o Centro Comm. Galassia 097158791 Fax 097158914  lunedì 9-13/14-17 martedì 14-17 giovedì e venerdì 9-13/13.30-14

75100 MATERA Via Nazionale c/o Stazione Fal Villalongo  martedì e giovedì 9-11

87100 COSENZA Via Giacomo Mancini, 343 098432925 3409169938 Fax 0266726568  martedì, mercoledì e venerdì 9.30-12

☎ ☎

CAMPANIA

80142 NAPOLI Via Enrico Cosenz, 13 081261568 Fax 081289535  da lunedì a venerdì 9-13 lunedì e mercoledì 13.30-17

82100 BENEVENTO Via Mariano Russo, 26 082450398  martedì e venerdì 9-13

81100 CASERTA Via Verdi, 23 c/o Dlf 0823356646 3349699669  mercoledì 9-11

☎ ☎

80057 SANT’ANTONIO ABATE (NA) Zona Stabiese Via Stabia, 170 3351398209  martedì 16-18 venerdì 10-12

EMILIA ROMAGNA

40121 BOLOGNA Via Boldrini, 18/2 0516390850 Fax 0516393659  lunedì 9-13/14-16 da martedì a venerdì 9-12

29100 PIACENZA Via Musso, 5 c/o la Casa delle Associazioni 0516390850  1° e 3° martedì di ogni mese 10-11.30

42100 REGGIO EMILIA Piazzale Europa, 1 Stazione autocorriere sala attesa S.E.T.A. fronte Stazione di Reggio Emilia 0516390850  3° martedì di ogni mese solo su appuntamento

47900 RIMINI Via Roma, 70 0541703400  martedì 9.30-12 giovedì 15.30-17.30

FRIULI VENEZIA GIULIA

34133 TRIESTE Via Giustiniano, 8 040367811 Fax 0403726001  lunedì 15-18.30 martedì, mercoledì e venerdì 9-12.30 giovedì 15-18.30

LAZIO

00184 ROMA Via Cavour, 47 0647886742 064815887 Fax 0647886743  da lunedì a giovedì 9-13/13.30-17

☎ ☎

03043 CASSINO (FR) c/o Dopolavoro ferroviario (adiacente alla stazione ferroviaria)  2° e 4° giovedì di ogni mese 10-12 00053 CIVITAVECCHIA Viale Baccelli, 204 c/o Dlf 0766506442  2° mercoledì e 3° martedì di ogni mese 15-17 Vedi gli orari provvisori da febbraio ad aprile 2019 riportati a pag. 30

Viale Grigoletti, 72/E c/o Consorzio Coop. Sociale Leonardo 0434378725  2° e 4° lunedì di ogni mese 14.30-16.30

33100 UDINE Viale XXIII Marzo, 26 c/o Dlf 0432522131 (chiedere dell’interno 207)  lunedì 15-17 mercoledì e venerdì 10-12

☎ ☎

01100 VITERBO Via Trento, 1 c/o Dlf 0761342750  martedì e venerdì 9.30-11.30

LIGURIA

16122 GENOVA Via E. De Amicis, 6/2 0105702787 Fax 0105452134  lunedì, mercoledì e venerdì 9-12.30 martedì e giovedì 14-17

17031 ALBENGA Stazione Fs - c/o Dlf 0182541996 821361  giovedì 16-18

☎ ☎

19100 LA SPEZIA Via F.lli Rosselli, 8 c/o Sms Unione Fraterna 0187778481  martedì 16.30-18

17100 SAVONA Piazza delle Nazioni, 7/R 019807865  martedì 16.30-18.30 venerdì 10-12

febbraio

1

2

duemiladiciannove

LOMBARDIA

20127 MILANO Via Venini, 1 0266726410 Fax 0266726414  lunedì, martedì e giovedì 9-12.30/13.30-17 mercoledì 9-12.30 venerdì 9-12.30/13.30-15

25122 BRESCIA Via Solferino, 6/D 0266726419 Fax 0299371059  lunedì e mercoledì 10-12.30/13-15

03039 SORA (FR) c/o Azienda Cotral 3316128880  su appuntamento

00189 GROTTAROSSA (RM) c/o rimessa ATAC Grottarossa 3382451593  mercoledì 9-12

34074 MONFALCONE Via Re Teodorico, 1 c/o Dlf 048144180  lunedì 11-12 giovedì 17-18 33170 PORDENONE Via San Francesco, 1/c c/o l’Isola di Itaca 040367811 Fax 0403726001  1° e 3° lunedì di ogni mese 15-17

18039 VENTIMIGLIA Piazza Cesare Battisti, 23 c/o Dlf 3450849106  mercoledì 9.30-11.30

03100 FROSINONE (FR) Via Fontana Del Melo, snc c/o Azienda Cotral 3397128891  su appuntamento

24126 BERGAMO Piazza Marconi, 12 stazione Fs c/o Dlf 0266726410 Fax 0266726414  lunedì 15-17

33052 CERVIGNANO DEL FRIULI (UD) Stazione di Cervignano Aquileia Grado c/o sede Fast ConfsalCesarePozzo primo binario direzione Venezia Per appuntamenti: 3386037553  2° e 4° sabato del mese 10-12

16043 SESTRI LEVANTE Via Eraldo Fico, 55 c/o Punto incontro Coop 018543206  mercoledì 9.30-11.30

22100 COMO Via Carloni c/o Staz. Borghi F.N.M. 3468837420  lunedì e mercoledì 15-17

26100 CREMONA Via Della Vecchia Dogana, 4 c/o Anmic 0372450681 Fax 0372800364  martedì e giovedì 10­­­-12

21013 GALLARATE Via Beccaria, 3 c/o Dlf 0331771627 841328428  giovedì 15.30-17.30

☎ ☎

27100 PAVIA (PV) Piazzale della Stazione c/o la stazione FS adiacente a Metropark 0266726410 fax 0266726414  lunedì 10-12

23100 SONDRIO Via Lavizzari, 4 c/o Soc. Operaja Sondrio 3477123733 Fax 0266726414  lunedì 16-18


Pe r iod ico del ale utu di m c o so cor

VIAGGI NEL MONDO DELLA MUTUALITÀ

di Armando Messineo

Terzo settore: una riforma incompiuta

pagina

di Placido Putzolu

4

pagina VERSO LA MU TUA DEL FUTURO

5

Decidiamo insieme

Convocazioni assemblee sociali

di Rodolfo Margheritino

Assemblee regionali dei soci

pagina

pagina

6

8

Convocazioni assemblee sociali

Convocazioni assemblee sociali

Assemblea nazionale ordinaria

Calendario assemblee regionali dei soci

Assemblea nazionale straordinaria

pagina

pagina

7

MUTUA E

Cesare Pozzo

9

Raddoppio del sussidio allo studio

G I O

V A N I

di Florinda Guarnera pagina

11

Agevolare gli studenti più deboli

Cronache cerimonie consegna sussidi allo studio

di Leonardo Cordone

Autori vari

pagina

pagina

10

T

12

A

T

U

A

L

Un esempio sempre attuale

I

T

À

di Stefano Maggi pagina

sommario

so

Uno di Noi

ion

R A C E E E R C R S I

1

az àn

T C P O

t ocie la S

febbraio duemiladiciannove

23

Rassegna stampa de “Il Sole 24 Ore” pagina

24

Ai giovani la promozione della CesarePozzo

La CesarePozzo raccontata in un fumetto

di Ezio Spigarelli

pagina

pagina

20

Investire su progetti di utilità sociale di Rodolfo Margheritino pagina

21

di Cinzia Quaranta

25

CasaMutua pagina

26

La Bacheca pagina

28

Un importante riconoscimento

La Piazza

di Stefano Maggi e Federico De Palo

pagina

22

30

3

febbraio

di pagina

duemiladiciannove

1


T C P O

R A C E E E R C R S I

Uno di Noi di Armando Messineo

M olto spesso guardiamo con distacco i fatti di cronaca che accadono nel mondo, anche se colpiscono in modo forte la nostra coscienza. L’attentato terroristico di dicembre scorso a Strasburgo sembrava essere uno di questi. Purtroppo un ragazzo era rimasto vittima di un barbaro attentato, una giovane vita spezzata dall’odio terroristico. Poi la notizia è diventata ancora più triste: quel ragazzo morto a Strasburgo era Uno di Noi, Antonio Megalizzi, figlio di un nostro socio. Un giovane, cresciuto con i nostri valori, che stava costruendo il suo futuro avendo di mira due importanti obiettivi: lo svolgimento dell’attività giornalistica e l’affermazione di un’Europa solidale a servizio dei bisogni dei cittadini e non degli interessi dei governi e dei poteri forti. Un figlio della nostra grande famiglia qual è la CesarePozzo, dalla quale anche Antonio aveva ricevuto qualche tempo fa il sussidio allo studio per i suoi meriti scolastici e di cui andava fiero suo padre Domenico. L’assurdo assassinio di Antonio ci rattrista per diverse ragioni: innanzitutto per la morte di uno dei nostri figli e poi perché l’attentatore non ha solo ucciso il giovane, ma ha anche ferito la speranza delle nuove generazioni di realizzare un mondo futuro migliore basato sui valori della fraternità, della solidarietà, dell’inclusione sociale, della giustizia, della pace e della libertà che in questo momento storico sembrano essere messi in discussione. Questo tragico evento invece di scoraggiarci, rafforza la nostra convinzione di essere sulla “strada giusta”, quella che percorriamo da oltre 141 anni, cioè quella lungo la quale si praticano il reciproco aiuto, l’affermazione dei diritti, l’inclusione sociale, il sostegno ai più deboli contro ogni egoismo e indifferenza verso il prossimo. A tal proposito ricordo l’accordo siglato a novembre scorso con l’Associazione italiana sclerosi multipla, per dare alle persone affette da tale patologia una forma di tutela sanitaria integrativa sperimentale, che è uno degli ultimi esempi delle iniziative di utilità sociale che come Mutua sanitaria Cesare Pozzo abbiamo realizzato. Ma è proprio ai giovani che rivolgiamo la nostra maggiore attenzione. I figli dei nostri soci sono stati i protagonisti, grazie ai loro risultati scolastici, delle premiazioni tenutesi alla fine dell’anno 2018: in trenta feste svoltesi in tutte le regioni abbiamo consegnato loro oltre 2.300 sussidi allo studio. È questa un’iniziativa della CesarePozzo che risale alle origini del movimento mutualistico quando le società di mutuo soccorso si occupavano anche di “cooperare all’educazione dei soci e delle loro famiglie”, e che testimonia l’esistenza anche al giorno d’oggi dell’importante rapporto tra la Mutua e la Cultura che è rimasto sempre vivo nel tempo. Con le convocazioni delle assemblee sociali 2019, nazionale ordinaria, nazionale straordinaria e regionali, riportate nelle pagine seguenti, la CesarePozzo adempie, invece, ad un dovere fondamentale per una società di mutuo soccorso e cioè quello di promuovere la partecipazione democratica dei soci alla vita associativa. In altre parole, con lo svolgimento delle assemblee sociali, la CesarePozzo garantisce a tutti i propri soci di partecipare democraticamente, mediante il voto, non solo alla elezione degli organi societari, ma anche alle scelte strategiche della Mutua. Per questo motivo raccomandiamo a tutti soci di partecipare alle prossime assemblee regionali per esprimere le loro opinioni e per dare il loro contributo alle decisioni che determineranno il futuro della nostra Mutua.

VIAGGI NEL MONDO D E L L A M U T UA L I TÀ

febbraio

1

4

duemiladiciannove

Periodico della Società nazionale di mutuo soccorso Cesare Pozzo aderente alla Fimiv (Federazione italiana mutualità integrativa volontaria) e alla Lega nazionale cooperative e mutue

Giornale fondato da Giuseppe De Lorenzo Direzione Redazione Amministrazione 20124 Milano Via San Gregorio, 48 Tel. 02/66726.1 Fax 02/66726313 email: iltreno@mutuacesarepozzo.it

Registrazione del Tribunale di Milano al n. 159 del 13 aprile 1979 Direttore editoriale Armando Messineo Direttore responsabile Leonardo Cordone

Segretaria di redazione Mara Albertini Impaginazione Impression s.r.l. Concorezzo (MB)

Stampa Ciscra S.p.A. Via Belvedere, 42 Arcore (MB)


T C P O

R A C E E E R C R S I

Terzo settore: una riforma incompiuta L a recente vicenda dell’Ires (imposta sul reddito), che ha interessato sul piano fiscale tutto il settore del non profit italiano, ha messo in evidenza lo stato di mancata attuazione della riforma del Terzo settore, visti i ritardi nell’emanazione dei decreti attuativi, i soli a poter sancire l’applicabilità del nuovo Codice del Terzo settore (Dlgs n. 117/2017). La riforma, ricordiamo, è nata come tentativo di creare uno strumento unitario per garantire coerenza ed unitarietà alle modalità di organizzazione, ordinamento, fiscalità degli enti non profit. Un mondo variegato e complesso, quello del Terzo settore, come del resto emerge dal censimento delle istituzioni non profit, redatto dall’Istat il 20 dicembre 2017, un report in cui sono stati messi a confronto i dati dal 2011 al 2016 sull’entità del fenomeno. L’indagine ha registrato 343mila istituzioni non profit operanti in Italia, con un incremento dell’11,6% rispetto a cinque anni prima. All’interno di questo sconfinato esercito di associazioni ed enti, nel 2016 trovavano posto 5 milioni e mezzo di volontari a cui si aggiungevano oltre 800mila dipendenti stabili. Il Codice, come è noto, comprende anche le società di mutuo soccorso, in quanto enti appartenenti a pieno titolo al novero del Terzo settore (art. 4, comma 1). Tra gli adempimenti disposti dal Codice per le società di mutuo Cardine della riforma soccorso, come per gli altri enti del Terzo settore, c’è l’iscrizione in una appoè l'istituzione del Registro unico nazionale sita sezione del Registro unico nazionale, la cui procedura deve essere definidegli enti non profit ta dal Ministero del lavoro, previa individuazione della struttura competente da parte delle Regioni (art. 45). Con l’iscrizione al Registro, tutti gli Ets saranno tenuti al rispetto di vari obblighi riguardanti la democrazia interna, la trasparenza nei bilanci, i rapporti di lavoro, l’assicurazione dei volontari, la destinazione degli eventuali utili. Ma potranno accedere anche a una serie di esenzioni e vantaggi economici previsti dalla riforma. Cardine della riforma, quindi, è l’istituzione del Registro unico nazionale, in cui potranno iscriversi tutti gli enti che vorranno rispettare le regole per accedere ai benefici previsti dal nuovo Codice. Il Registro doveva essere istituito entro un anno dall’entrata in vigore del decreto; entro ulteriori 180 giorni gli enti locali avrebbero dovuto definire i procedimenti attuativi. Nulla di ciò è avvenuto, se non in minima parte. Nel frattempo si galleggia in una disciplina transitoria. Al riguardo, il Forum del Terzo settore (del quale la Fimiv è socio costitutivo) non ha mancato di sollecitare il Governo al completamento dei provvedimenti attuativi, tra cui, oltre l’istituzione del Registro nazionale degli Ets, la definizione delle attività secondarie e strumentali, le linee guida per la rendicontazione economica e del bilancio sociale. L’incidente del Governo sulla tassazione delle organizzazioni del Terzo settore, pertanto, a nostro avviso non rappresenta solo una questione fiscale, ma riguarda più in generale il ruolo del Terzo settore nel nostro paese ed il riconoscimento dei corpi intermedi, ovvero di quelle formazioni associative e sociali in grado di rappresentare interessi e diritti degli associati.

di Placido Putzolu, presidente della Federazione della Mutualità Fimiv

N. 1 – Febbraio 2019 (237) Tiratura 48.300 copie Chiuso in redazione Il 28 gennaio 2019

Hanno collaborato: Mara Albertini Alessio Arpaia Federico De Palo Filippo Di Blasi Sarino Dominici Mirella Fava Mario Forni Alberto Gaffuri Alessandra P. Giordano Giuliano Girotto

Florinda Guarnera Rosalba Lasorella Stefano Maggi Rodolfo Margheritino Francesco Mineo Salvatore Modugno Valentino Mondellini Gianni Nava Claudio Notari Sara Pigliapoco Giuliano Pizzoni

5

febbraio

La responsabilità sui contenuti dei testi firmati è lasciata agli autori

Marcello Puliga Placido Putzolu Cinzia Quaranta Renzo Re Marino Rota Pietro Salvador Gianluca Santoni Giancarlo Siggillino Ezio Spigarelli Guido Ziniti Antonino Zumbo

duemiladiciannove

1


VERSO LA MU TUA DEL FUTURO

CONVOCATE DAL CDA L’ASSEMBLEA NAZIONALE ORDINARIA, QUELLA STRAORDINARIA E SEDICI ASSEMBLEE REGIONALI

Decidiamo insieme S arà la Calabria, e precisamente Vibo Valentia, ad ospitare, in seconda convocazione, quest’anno il 30 e 31 maggio e il 1° giugno 2019, rispettivamente l’assemblea nazionale ordinaria e quella nazionale straordinaria dei delegati dei soci, se non si dovesse raggiungere il numero legale nelle rispettive assemblee previste in prima convocazione a Milano (vedi pagina a fianco). Le assemblee regionali dei soci, invece, si svolgeranno a partire dal 29 marzo prossimo, nel corso Inizia il 29 marzo prossimo con delle quali saranno eletti i le assemblee regionali dei soci la stagione delegati che parteciperanno delle assemblee sociali 2019, alle quali alle due suddette assemblee il CdA auspica la più ampia partecipazione nazionali (vedi le seguenti pagine 8 e 9). E quindi è a Vibo Valentia che gli 87 delegati eletti nel corso delle 16 assemblee regionali dei soci, saranno chiamati a discutere e ad approvare il bilancio nazionale 2018 ed a ratificare alcune modifiche statutarie e regolamentari che il CdA sottoporrà alla loro approvazione. La CesarePozzo ha, infatti, necessità di adeguarsi e di adeguare il proprio Statuto anche al nuovo Codice del Terzo settore che prevede norme specifiche riguardanti le società di mutuo soccorso. Sono delle modifiche formali necessarie a recepire e dare attuazione a quanto contemplato nel nuovo Codice. Inoltre l’approvazione del bilancio, da parte dei delegati dei soci, è l’atto più importante sull’attività di gestione economica annuale della nostra Mutua; la CesarePozzo, in tal modo, garantisce nel corso dell’assemblea nazionale ordinaria di esaminare e discutere l’andamento economico, finanziario e patrimoniale della società e di approvarne o meno i risultati di gestione conseguiti. Il nostro è un Paese che cambia ed invecchia ed il Servizio sanitario nazionale, a quaranta anni dalla sua istituzione, sta vivendo una crisi senza precedenti. La CesarePozzo ovviamente non si può sostituire alla sanità pubblica, ma, come fa da tanti anni, da ai suoi soci

di Rodolfo Margheritino

febbraio

1

6

duemiladiciannove

e ai loro familiari una tutela sanitaria integrativa affinché essi non debbano rinunciare alle cure utili a salvaguardare la loro salute. Tanti sono i nuovi bisogni e le richieste dei soci per adeguare ed estendere i servizi sanitari della Mutua. Il Consiglio di amministrazione della CesarePozzo ha, quindi, deciso di rispondere concretamente a tali istanze arricchendo quasi tutte le forme di assistenza base ed aggiuntive che a tutt’oggi sono in vigore. A tale scopo è stato nominato un Gruppo di lavoro, composto da consiglieri di amministrazione, presidenti regionali e capi settore della Mutua, che ha elaborato un pacchetto di proposte di modifiche migliorative alle nostre forme di assistenza che è stato recepito dal CdA, e poi condiviso con i Consigli regionali nelle riunioni sia della Conferenza che della Consulta delle regioni. Anche queste nuove proposte migliorative delle nostre prestazioni saranno illustrate durante le prossime assemblee regionali e saranno poi ratificate dai delegati dei soci all’assemblea nazionale ordinaria di Vibo Valentia e se approvate andranno in vigore dal 1° luglio 2019. È fondamentale, quindi, che i soci partecipino numerosi alle assemblee regionali per contribuire, con i loro interventi, opinioni, valutazioni e suggerimenti a rendere il più vasto possibile il dibattito nelle assemblee delle loro regioni. Il CdA auspica, quindi, la più ampia presenza dei soci alle assemblee regionali: basta che il socio ritiri e riconsegni alla sede di competenza, almeno dieci giorni liberi prima della data di prima convocazione dell’assemblea della regione di appartenenza, l’apposita scheda di partecipazione. Ricordatevi: partecipare è il miglior modo per decidere insieme. Vi rimandiamo, comunque, allo Statuto, al Regolamento Applicativo della CesarePozzo ed alla delibera del CdA di convocazione delle Assemblee per l’anno 2019 per la disciplina valida e completa delle regole assembleari.


VERSO LA MU TUA DEL FUTURO

CONVOCAZIONI DELLE ASSEMBLEE SOCIALI 2019 ASSEMBLEA NAZIONALE ORDINARIA DEI DELEGATI DEI SOCI Il Consiglio di Amministrazione della Società Nazionale di Mutuo Soccorso Cesare Pozzo convoca l’assemblea nazionale ordinaria il giorno 28 maggio 2019 alle ore 09.00 presso la Sede Nazionale della Società a Milano via S. Gregorio 48/46, in prima convocazione ed, occorrendo, il 30 maggio 2019 alle ore 14.30 presso l’Hotel 501 sito in 89900 Vibo Valentia (VV) Viale E. Bucciarelli snc in seconda convocazione, per discutere il seguente Ordine del Giorno: a) Quanto ai delegati dei soci ordinari e ai delegati dei soci effettivi convenzionati iscritti in proprio e che abbiano maturato 3 anni di iscrizione alla data del 24 maggio 2013: 1. Nomina del Presidente e del Segretario dell’Assemblea; 2. Nomina della Commissione Verifica poteri e della Commissione elettorale; 3. Lettura del verbale della Commissione della verifica poteri per la validità dell’Assemblea; 4. Relazione finanziaria e morale del Consiglio di amministrazione sul bilancio consuntivo generale 2018, comprendente il capitolo dedicato ai fondi sanitari integrativi; 5. Relazione del Collegio Sindacale; 6. Approvazione Bilancio consuntivo generale 2018, composto da stato patrimoniale, conto economico e nota integrativa, e deliberazioni conseguenti. Il documento comprende anche il settore dei fondi sanitari integrativi del Servizio Sanitario Nazionale; 7. Proposte e/o delibere già in essere del Consiglio di Amministrazione sulle seguenti modifiche del Regolamento e dei relativi Allegati (forme di assistenza, ivi compresi i contributi associativi base e aggiuntivi), e/o ogni connessa e/o conseguente modifica: - Art. 2.4 “Estinzione del rapporto con il socio e subentro degli aventi diritto” del Regolamento Applicativo; - Art. 2.4 bis “Iscrizione degli aventi diritto alla Società” del Regolamento Applicativo; - Art. 14 “Consulta delle Regioni” del Regolamento Applicativo;

- Forme di assistenza: • base “Tutela Globale” e relativi Allegati; • base “Prima Tutela” e relativi Allegati; • base “A4” e relativi Allegati; • aggiuntiva “Salute Più” e relativi Allegati; • aggiuntiva “Salute Single” e relativi Allegati; • aggiuntiva “Tutela Figli” e relativi Allegati; • aggiuntiva “Tutela Globale Senior” e relativi Allegati; • base “Tutela Globale Extra”, base “Prima Tutela Extra”, base “Tutela Globale Uno”; aggiuntiva “Salute Più Extra”, aggiuntiva “Salute Single Extra”, aggiuntiva “Tutela Figli Extra” e relativi loro Allegati; • base “Tutela lavoro Autonomo”, aggiuntiva “Tutela Lavoro Autonomo Coniuge” e aggiuntiva “Tutela Lavoro Autonomo Figli” e relativi loro Allegati; • base “Tutela Salute Smart” e relativi Allegati; • aggiuntiva “Tutela Caregiver” e relativi Allegati; • base “Tutela 36” e relativi Allegati; dibattito, deliberazioni e/o ratifiche conseguenti; b) Quanto ai soci effettivi – persone giuridiche e ai relativi soci effettivi convenzionati (iscritti collettivamente), nonché ai delegati dei soci convenzionati iscritti in proprio e che non abbiano maturato 3 anni di iscrizione alla data del 24 maggio 2013: 1. Relazione finanziaria e morale del Consiglio di amministrazione sul bilancio consuntivo 2018, relativo al settore fondi sanitari integrativi del Servizio Sanitario Nazionale; 2. Relazione del Collegio Sindacale sul bilancio consuntivo 2018, relativo al settore fondi sanitari integrativi del Servizio Sanitario Nazionale (Tale relazione è ricompresa nella relazione al bilancio generale, nella quale è riservato un apposito capitolo); 3. Approvazione del bilancio consuntivo relativo al settore fondi sanitari integrativi del SSN. Il Presidente del CdA Armando Messineo

ASSEMBLEA NAZIONALE STRAORDINARIA DEI DELEGATI DEI SOCI Il Consiglio di Amministrazione della Società Nazionale di Mutuo Soccorso Cesare Pozzo convoca l’assemblea nazionale straordinaria dei delegati dei soci ordinari e dei delegati dei soci convenzionati iscritti in proprio e che abbiano maturato 3 anni di iscrizione alla data del 24 maggio 2013, il 25 maggio 2019 alle ore 9.00 presso la Sede Nazionale della Società a Milano via S. Gregorio 48/46, in prima convocazione ed, occorrendo, il 01 giugno 2019 alle ore 9.00 presso l’Hotel 501 sito in 89900 Vibo Valentia (VV) Viale E. Bucciarelli snc in seconda convocazione, per discutere il seguente Ordine del Giorno: 1. Nomina del Presidente e del Segretario dell’Assemblea; 2. Nomina della Commissione verifica poteri; 3. Lettura del verbale della Commissione verifica poteri per la validità dell’Assemblea; 4. Previa relazione del Consiglio di Amministrazione, dibattito e delibere relative alla modifica dei seguenti punti dello Statuto sociale (e ogni connessa e/o conseguente modifica) anche ai fini dell’adeguamento al Codice del terzo settore (D.Lgs. 117/2017 e s.m.i.):

TITOLO I - DENOMINAZIONE - NATURA - OGGETTO - SCOPO - SEDE - DURATA Art. 1 “Denominazione - Natura”: modifica art. 1.1. “Natura e Oggetto”; Art. 2 “Altre attività”: modifica Art. 2.3 “Rapporti esterni”, modifica Art. 2.4; TITOLO IV - PATRIMONIO SOCIALE Art. 9 “Beni”: modifica Art.9.2 “Lasciti - Donazioni - Raccolta fondi”; TITOLO V - ORGANI DELLA SOCIETÀ Art. 11 “Assemblee dei soci”: modifica Art. 11.4 “Compiti Assemblea ordinaria”; Art. 12 “Consiglio di Amministrazione”: modifica Art. 12.4 “Compiti”; Art. 15 “Collegio dei Sindaci”: modifica Art. 15.2 “Compiti”; TITOLO VII - ESERCIZIO FINANZIARIO E BILANCI Art. 20 “Esercizio finanziario - Bilanci”: modifica Art. 20.2 “Bilancio consuntivo”; modifica Art. 20.5 “Divieto distribuzione utili”; TITOLO VIII - SCIOGLIMENTO: modifica Art. 21 “Scioglimento”; TITOLO IX - VARIE: modifica Art.23 “Disposizioni non previste”.

7

febbraio

Per la disciplina valida e completa delle regole assembleari si rimanda allo Statuto, al Regolamento Applicativo e alla delibera del CdA della Cesare Pozzo di convocazione delle assemblee.

Il Presidente del CdA Armando Messineo

duemiladiciannove

1


VERSO LA MU TUA DEL FUTURO

CONVOCAZIONI DELLE ASSEMBLEE SOCIALI 2019 ASSEMBLEE REGIONALI DEI SOCI Il Consiglio di Amministrazione della Società Nazionale di Mutuo Soccorso Cesare Pozzo convoca le Assemblee Regionali dei soci, che precederanno le predette assemblee nazionali ordinaria e straordinaria dei delegati dei soci 2019, le quali si svolgeranno nelle rispettive regioni fra il 29 marzo 2019 e il 30 aprile 2019 come da calendario pubblicato nella pagina a seguire che diventa parte integrante della presente, con il seguente Ordine del Giorno: 1. 2. 3. 4.

Nomina del Presidente e del Segretario dell’Assemblea; Nomina della Commissione elettorale; Nomina della Commissione verifica poteri; Relazione del Presidente regionale e del responsabile di Macro Area su: a) Consuntivo delle attività regionali svolte nel 2018; b) Esame bilancio consuntivo 2018 regionale e rendiconto nazionale 2018, comprendente il capitolo dedicato ai fondi sanitari integrativi; dibattito e conclusioni; 5. Esame proposte e/o delibere già in essere del Consiglio di Amministrazione sulle seguenti modifiche del Regolamento e dei relativi Allegati (forme di assistenza, ivi compresi i contributi associativi base e aggiuntivi), e/o ogni connessa e/o conseguente modifica: - Art. 2.4 “Estinzione del rapporto con il socio e subentro degli aventi diritto” del Regolamento Applicativo; - Art. 2.4 bis “Iscrizione degli aventi diritto alla Società” del Regolamento Applicativo; - Art. 14 “Consulta delle Regioni” del Regolamento Applicativo; - Forme di assistenza: • base “Tutela Globale” e relativi Allegati; • base “Prima Tutela” e relativi Allegati; • base “A4” e relativi Allegati; • aggiuntiva “Salute Più” e relativi Allegati; • aggiuntiva “Salute Single” e relativi Allegati; • aggiuntiva “Tutela Figli” e relativi Allegati; • aggiuntiva “Tutela Globale Senior” e relativi Allegati; • base “Tutela Globale Extra”, base “Prima Tutela Extra”, base “Tutela Globale Uno”; aggiuntiva “Salute Più Extra”, aggiuntiva “Salute Single Extra”, aggiuntiva “Tutela Figli Extra” e relativi loro Allegati;

• base “Tutela lavoro Autonomo”, aggiuntiva “Tutela Lavoro Autonomo Coniuge” e aggiuntiva “Tutela Lavoro Autonomo Figli” e relativi loro Allegati; • base “Tutela Salute Smart” e relativi Allegati; • aggiuntiva “Tutela Caregiver” e relativi Allegati; • base “Tutela 36” e relativi Allegati; 6. Esame proposte del Consiglio di Amministrazione per la modifica dei seguenti punti dello Statuto sociale (e ogni connessa e/o conseguente modifica) anche ai fini dell’adeguamento al Codice del terzo settore (D.Lgs. 117/2017 e s.m.i.):

TITOLO I - DENOMINAZIONE - NATURA - OGGETTO - SCOPO

- SEDE - DURATA

Art. 1 “Denominazione - Natura”: modifica art. 1.1. “Natura e Oggetto”; Art. 2 “Altre attività”: modifica Art. 2.3 “Rapporti esterni”, modifica Art. 2.4;

TITOLO IV - PATRIMONIO SOCIALE Art. 9 “Beni”: modifica Art.9.2 “Lasciti - Donazioni Raccolta fondi”;

TITOLO V - ORGANI DELLA SOCIETÀ Art. 11 “Assemblee dei soci”: modifica Art. 11.4 “Compiti Assemblea ordinaria”; Art. 12 “Consiglio di Amministrazione”: modifica Art. 12.4 “Compiti”; Art. 15 “Collegio dei Sindaci”: modifica Art. 15.2 “Compiti”;

TITOLO VII - ESERCIZIO FINANZIARIO E BILANCI Art. 20 “Esercizio finanziario - Bilanci”: modifica Art. 20.2 “Bilancio consuntivo”; modifica Art. 20.5 “Divieto distribuzione utili”;

TITOLO VIII - SCIOGLIMENTO: modifica Art. 21 “Scioglimento”;

TITOLO IX - VARIE: modifica Art.23 “Disposizioni non previste”. 7. Elezioni dei delegati alla Assemblea Nazionale ordinaria e straordinaria. Il Presidente del CdA Armando Messineo

Per la disciplina valida e completa delle regole assembleari si rimanda allo Statuto, al Regolamento Applicativo e alla delibera del CdA della Cesare Pozzo di convocazione delle assemblee.

febbraio

1

8

duemiladiciannove


VERSO LA MU TUA DEL FUTURO

CONVOCAZIONI DELLE ASSEMBLEE SOCIALI 2019 CALENDARIO ASSEMBLEE REGIONALI DEI SOCI ABRUZZO/MOLISE ■ In prima convocazione Pescara (PE) 5 aprile 2019, ore 8.30 Presso la sede regionale Via Grotta del Cavallone, 11 in seconda convocazione Sulmona (AQ) 7 aprile 2019, ore 9.30 Presso l’Hotel Santa Croce Meeting Viale della Repubblica, 55 Ultimo giorno utile per ritiro scheda 25 marzo 2019

FRIULI VENEZIA GIULIA ■ In prima convocazione Trieste (TS) 5 aprile 2019, ore 9.00 Presso la sede regionale Via Giustiniano, 8 in seconda convocazione Cormons (GO) 6 aprile 2019, ore 9.30 Presso il Ristorante Albergo Felcaro Via S. Giovanni, 45 Ultimo giorno utile per ritiro scheda 25 marzo 2019

CALABRIA ■ In prima convocazione Reggio Calabria (RC) 5 aprile 2019, ore 9.30 Presso la sede regionale Via Caprera, 8 in seconda convocazione Sant’Eufemia Lamezia Terme (CZ) 6 aprile 2019, ore 10.00 Presso Agriturismo Masseria i Risi Località Risi Ultimo giorno utile per ritiro scheda 25 marzo 2019

LAZIO ■ In prima convocazione Roma (RM) 13 aprile 2019, ore 8.30 Presso la sede regionale Via Cavour, 47 in seconda convocazione Fiumicino (RM) 14 aprile 2019, ore 9.30 Presso l’Osteria dell’Elefante Cantina del Castello di Torre in Pietra Via di Torre in Pietra, 247 Ultimo giorno utile per ritiro scheda 2 aprile 2019

MARCHE/UMBRIA ■ In prima convocazione Ancona (AN) 12 aprile 2019, ore 8.00 Presso la sede regionale Via Marconi, 227 in seconda convocazione Falconara Marittima (AN) 13 aprile 2019, ore 9.30 Presso la Società di mutuo soccorso Piero Pergoli Via Andrea Costa, 9 Ultimo giorno utile per ritiro scheda 1° aprile 2019

SICILIA ■ Palermo (PA) Presso la sede regionale Via Torino, 27/d In prima convocazione 5 aprile 2019, ore 8.00 in seconda convocazione 6 aprile 2019, ore 9.00 Ultimo giorno utile per ritiro scheda 25 marzo 2019 TOSCANA ■ In prima convocazione Firenze (FI) 13 aprile 2019, ore 9.30 Presso la sede regionale Via degli Orti Oricellari, 34 in seconda convocazione Pistoia (PT) 14 aprile 2019, ore 10.00 Presso il Dopolavoro ferroviario Piazza Dante Alighieri, 1 (di fronte stazione ferroviaria) Ultimo giorno utile per ritiro scheda 2 aprile 2019

PIEMONTE E VALLE D’AOSTA ■ In prima convocazione Torino (TO) 12 aprile 2019, ore 9.00 Presso la sede regionale Via Sacchi, 2 bis in seconda convocazione Santa Maria Maggiore (VB) 13 aprile 2019, ore 10.00 Presso l’Albergo Ristorante La Jazza TRENTINO ALTO ADIGE ■ Via La Jazza, 4 Ultimo giorno utile per ritiro scheda Bolzano (BZ) CAMPANIA ■ In prima convocazione 1° aprile 2019 In prima convocazione LIGURIA ■ 12 aprile 2019, ore 8.00 Genova (GE) PUGLIA/BASILICATA ■ Napoli (NA) Presso la sede regionale Bari (BA) Presso la sede regionale 12 aprile 2019, ore 8.30 Piazza Verdi, 15 In prima convocazione Via E. De Amicis, 6/2 Presso la sede regionale in seconda convocazione 5 aprile 2019, ore 8.00 In prima convocazione Via Enrico Cosenz, 13 13 aprile 2019, ore 9.30 Presso la sede regionale 29 marzo 2019, ore 9.00 in seconda convocazione Presso la Sala Grande Kolpinghaus Via Beata Elia di San Clemente, 223 Via Kolping, 3 in seconda convocazione Caserta (CE) in seconda convocazione 30 marzo 2019, ore 9.30 13 aprile 2019, ore 9.30 Ultimo giorno utile per ritiro scheda Ultimo giorno utile per ritiro scheda 6 aprile 2019, ore 9.00 Presso l’Hotel Royal 1° aprile 2019 Presso l’Hotel Majesty 18 marzo 2019 Viale Vittorio Veneto, 13 VENETO ■ Via G. Gentile, 97/B Ultimo giorno utile per ritiro scheda LOMBARDIA ■ In prima convocazione (tang. ss16 uscita16) – Bari 1° aprile 2019 Milano (MI) Ultimo giorno utile per ritiro scheda Marghera (VE) EMILIA ROMAGNA ■ In prima convocazione 6 aprile 2019, ore 8.00 25 marzo 2019 In prima convocazione 5 aprile 2019, ore 8.30 Presso la sede regionale SARDEGNA ■ Bologna (BO) Presso la sede regionale Via Ulloa, 5 In prima convocazione 9 aprile 2019, ore 8.30 Via Venini, 1 in seconda convocazione Cagliari (CA) Presso la sede regionale in seconda convocazione Padova (PD) 5 aprile 2019, ore 10.00 Via Boldrini, 18/2 6 aprile 2019, ore 9.30 7 aprile 2019, ore 9.30 Presso il presidio territoriale in seconda convocazione Presso il salone liberty “Il Treno” Presso Crowne Plaza Via G. Mameli, 47 Sasso Marconi (BO) Via San Gregorio, 46 Via Po, 197 12 aprile 2019, ore 9.30 Ultimo giorno utile per ritiro scheda in seconda convocazione Ultimo giorno utile per ritiro scheda Abbasanta (OR) Presso il Centro Congressi Cà Vecchia 25 marzo 2019 26 marzo 2019 6 aprile 2019, ore 10.30 Via Maranina, 9 Presso i locali “Ok Corral” Ultimo giorno utile per ritiro scheda Via Sassari, 2 29 marzo 2019 Ultimo giorno utile per ritiro scheda 25 marzo 2019

febbraio

9

duemiladiciannove

1


MUTUA E G I O V A N I

CONSEGNATI IN TRENTA CERIMONIE IN TUTT’ITALIA 2.344 SUSSIDI ALLO STUDIO AI SOCI E AI LORO FAMILIARI

Agevolare gli studenti più deboli P ochi degli studenti premiati nelle cerimonie di consegna dei sussidi allo studio, tenutesi alla fine del 2018 in tutte le regioni italiane, sapevano che tale iniziativa della CesarePozzo affonda le sue radici nell’Ottocento, alle origini della storia del movimento mutualistico, quando le attività svolte dalle società di mutuo soccorso comprendevano anche quelle in campo culturale che andavano dall’alfabetizzazione e della formazione professionale dei soci, alla gestione delle biblioteche, dove si potevano prendere in prestito i libri, allora “merce” I “disturbi specifici dell'apprendimento” nei molto costosa. giovani e la possibilità del “raddoppio del Alla CesarePozzo va, dunque, premio ricevuto” sono stati i principali temi il merito di avere mantenuto, affrontati nel corso delle premiazioni a distanza di tanti anni, sempre vivo il rapporto tra la mutualità e la cultura, l’istruzione e la formazione a tutto beneficio dei propri associati e dei loro familiari. E i risultati positivi nell’edizione dell’assegnazione dei sussidi allo studio 2018 non sono mancati: alle trenta manifestazioni organizzate dai Con-

tori e i dipendenti della Mutua. Nel corso di molte cerimonie sono stati premiati anche i soci con più anni di iscrizione alla Mutua. La novità del 2018 è stata l’introduzione nel bando dell’agevolazione a favore degli studenti con “disturbi specifici dell’apprendimento” che hanno usufruito di una “diminuzione” del voto per partecipare e ottenere il sussidio allo studio. Quello dei “disturbi specifici dell’apprendimento” che colpiscono i giovani studenti, con particolare riferimento alla dislessia, è stato anche il tema che il Coordinamento Donne della CesarePozzo ha proposto ai Consigli regionali di trattare nel corso delle cerimonie per fare in modo che la “Mutua possa essere il più vicina possibile alla vita reale dei propri soci affrontando, anche in una giornata di festa, temi sociali che affliggono tanti ragazzi e famiglie”. Altra iniziativa realizzata dal Coordinamento Donne insieme al Coordinamento Giovani, in occasione della manifestazioni, è stata la distribuzione di un questionario conoscitivo “alle

sigli regionali in tutt’Italia, che hanno visto la premiazione di 2.344 studenti, oltre ai familiari dei giovani premiati, hanno partecipato tanti esponenti delle istituzioni, della società civile, del mondo della scuola e della medicina, del Terzo settore, dei media locali e delle aziende convenzionate con la Mutua. Coinvolti anche i responsabili delle strutture locali, i collabora-

donne e ai giovani under 35, pensato ed elaborato congiuntamente dai due Coordinamenti al fine di avere un quadro il più preciso possibile dei bisogni e delle aspettative di questi due mondi così importanti per la vita della Mutua e ad oggi così poco presenti nel Sodalizio”. Altro argomento frequentemente dibattuto ed approfondito nel corso delle cerimonie è stato

di Leonardo Cordone

febbraio

1

10

duemiladiciannove


MUTUA E G I O V A N I

RADDOPPIO DEL SUSSIDIO ALLO STUDIO il raddoppio del valore del sussidio allo studio ricevuto dai premiati nel caso in cui quest’ultimi decidano di iscriversi alla CesarePozzo entro il 30 settembre 2019. Ma veniamo adesso ai numeri di questa edizione 2018 della premiazione da parte della CesarePozzo del merito scolastico ai soci e ai loro familiari: i premiati sono stati 2.344 complessivamente in tutte le regioni, per un importo totale erogato di 288.010 euro, con una diminuzione di 14 premiati rispetto all’anno precedente. Tendenza negativa che già si era registrata anche nelle precedenti edizioni. Si tratta della conseguenza dei fenomeni legati al costante calo demografico e all’invecchiamento della popolazione registrato in quest’ultimi anni in Italia. Come ormai è consuetudine sono stati premiati tutti coloro che hanno presentato domanda e che erano in possesso dei requisiti richiesti. Premiato con il sussidio allo studio anche l’impegno di trenta soci che hanno conseguito, per loro stessi, i seguenti titoli: 4 per le medie superiori, 11 per la laurea di primo livello, 11 per la laurea specialistica, 4 per la laurea specialistica seconda volta. Le regioni dove sono state assegnati più sussidi allo studio sono nell’ordine: la Sicilia (314), la Puglia (239), la Campania (231), l’Abruzzo (209). L’esame delle domande e dei titoli previsti dai Bandi e la elaborazione dell’elenco dei premiati sono stati effettuati dalla commissione esaminatrice composta da Giuliano Girotto, Stefano Maggi, Marco Ruggeri e come segretaria Alessandra Colombi. Ed è proprio Giuliano Girotto, della commissione esaminatrice e consigliere di amministrazione, a lanciare una importante proposta per la prossima edizione: “Nel bando di quest’anno è stata introdotta una nuova agevolazione per gli studenti con disturbi specifici dell’apprendimento; proporrò al CdA - afferma Giuliano Girotto - per la prossima edizione di estendere tale agevolazione anche agli studenti con disabilità, in considerazione del fatto che pure loro vivono situazioni complesse e piene di difficoltà”. Nelle pagine seguenti pubblichiamo le cronache e le foto relative alle cerimonie svoltesi nelle regioni tra novembre e dicembre 2018.

Da studente a socio della CesarePozzo usufruendo del raddoppio del valore del Florinda Guarnera sussidio allo studio ricevuto. Confermata anche per il 2019 l’iniziativa del Consiglio di amministrazione che consente di raddoppiare il sussidio allo studio erogato ai figli dei soci, diplomati o laureati, premiati in tutt’Italia nel corso delle cerimonie tenutesi tra novembre e dicembre 2018, che si assoceranno alla Mutua. Per ottenere il raddoppio sarà sufficiente che il figlio del socio premiato si iscriva ad una delle forme di assistenza base previste, sia Tutela Globale che Prima Tutela, nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 30 settembre 2019, sottoscrivendo il modulo di adesione alla Mutua. Ciò consentirà al nuovo giovane socio di ottenere un assegno/ bonifico ulteriore, di pari valore all’importo di quello ricevuto come sussidio allo studio 2018. Ovviamente anche il neo socio potrà detrarre il contributo associativo dalla propria dichiarazione dei redditi. L’iniziativa, avviata nel 2015, ha lo scopo di incentivare l’iscrizione alla Mutua, dei figli dei soci che, concluso il ciclo di studi, sono in procinto di accedere al mondo del lavoro e più in generale a rivestire un ruolo attivo all’interno della società. Punto centrale delle politiche sociali della Mutua Cesare Pozzo è, infatti, il ricambio generazionale, sostenuto dal nostro Sodalizio mediante azioni concrete rivolte ai giovani, in un momento di congiuntura economica sfavorevole soprattutto per le nuove generazioni. Il raddoppio del sussidio allo studio pur essendo una forma promozionale si inquadra nelle iniziative della CesarePozzo per offrire strumenti concreti di protezione sociale e sanitaria ai più deboli, basati sullo spirito solidaristico identico a quello immaginato dai nostri fondatori nel lontano 1877. Il Coordinamento Giovani della CesarePozzo ha colto l’importanza che una simile iniziativa può avere per i giovani e di quanto risulti fondamentale accompagnarli verso un futuro in cui la Solidarietà sia partner e supporto di ogni famiglia e delle scelte quotidiane, creando un ponte tra il “vecchio” ed il “nuovo”, guardando in modo particolare alle nuove generazioni che rappresentano il futuro sia del nostro Paese e sia della nostra Mutua. Florinda Guarnera Componente del Coordinamento Giovani febbraio

11

duemiladiciannove

1


MUTUA E G I O V A N I

7

12

3

6

10

2 1 54 155 231

2

ABRUZZO VENETO

2

55

60 165

37 37 13 14

33 19 8 7

7 3 8 6

21 28 32 13

43 49 54 35

15 27 27 8

52 77 59 55

36 36 22 9

10 16 7 7

20 17 11 3

27 28 19 18

20

5

9

22

44

16

49

11

8

4

20

544 571 440 283 1 365

4

5

3

1

9

14

2

22

11

1

2

8

129

1

1

13 18 8 3 1 5

53 127

1 75

34 125 239

95 314 125

50

10 1 57 121 2.344 1

FOCUS SULLE “DIFFICOLTÀ DI APPRENDIMENTO DEI GIOVANI” A Pescara sono stati 209 gli studenti abruzzesi premiati il 23 dicembre scorso con i sussidi allo studio della CesarePozzo in pieno clima natalizio e di festa. Al teatro Massimo circa 400 persone, tra soci e familiari, sono stati accolti dal vice sindaco di Pescara Antonio Blasioli e dal nostro vice presidente nazionale Ezio Spigarelli. Molto qualificata la partecipazione da parte di rappresentanti delle istituzioni alla manifestazione di

premiazione organizzata dal Consiglio regionale con il supporto dei soci collaboratori. Sono intervenute infatti le massime esponenti delle “politiche sociali” in Abruzzo e cioè l’assessore comunale Antonella Allegrino e l’assessore regionale Marinella Sclocco, la quale ha sottolineato la sua iscrizione, come socio, alla Mutua elogiandone le finalità e le attività. Non ha fatto mancare la sua presenza alla cerimonia Antonella Vellan-

te, nostra associata e avvocato convenzionato con il Sodalizio, a testimonianza del valore dell’iniziativa che premia il merito scolastico degli studenti. L’attenzione dei presenti è stata catalizzata sul tema delle “difficoltà dell'apprendimento dei giovani” da un ospite di fama nazionale, uno dei maggiori esperti in materia: il professore Marco Santilli, docente all’Università D’Annunzio di Chieti-Pescara, noto anche per la partecipazione

a programmi televisivi come “Medicina 33” e “Uno Mattina” della Rai. Numerosi gli apprezzamenti e richieste di contatti pervenuti al professore Santilli da parte dei docenti presenti per tenere conferenze nelle loro scuole. Grande partecipazione dei laureati che, intervistati sul palco, hanno illustrato le loro esperienze di studio in relazione alle specializzazioni delle loro lauree. A fine manifestazione, grazie alla collaborazione di alcune strutture convenzionate, sono stati sorteggiati dieci cofanetti di igiene orale offerti dalla “Dentalcoop” di Montesilvano e due pacchetti per accertamenti diagnostici offerti dalla casa di cura Villa Serena. Tanti i premi per i ragazzi, qualche regalo extra anche per le famiglie, in un clima festoso che ha coinvolto tutti i partecipanti all’insegna dei valori del mutuo soccorso e della solidarietà. Renzo Re

vengono praticati dalla Mutua. Una iniziativa quella del Cuamm portata come esempio ai giovani premiati di solidarietà concreta a favore delle donne africane che altrimenti rischierebbero la vita per fare nascere i loro figli. A seguire ha preso la parola il consigliere di amministrazione Giuliano Girotto che ha ricordato i vari progetti

che la Mutua sta sviluppando a livello nazionale per coinvolgere il mondo della scuola sulle tematiche inerenti la mutualità. La festa è poi continuata con la consegna dei sussidi allo studio agli studenti che è stata intervallata dalle magie e dai giochi del “Mago G” che ha divertito grandi e piccini. Pietro Salvador

UN ESEMPIO CONCRETO DI SOLIDARIETÀ Si è svolta il 2 dicembre scorso la tradizionale festa per la consegna dei sussidi allo studio. La cerimonia si è tenuta presso il teatro Aurora di Marghera Venezia e ha visto una folta partecipazione degli studenti premiati e dei loro familiari. Dopo i saluti e una breve analisi delle attività della CesarePozzo in Veneto da parte del presidente regionale Pietro Salvador, ha preso la parola il rappresentante del Gruppo dei “Ferrovieri con l’Africa” il quale ha brevemente illustrato il progetto che da tempo stiamo

febbraio

1

2

TOTALE

22

Veneto

5

Umbria

9

Trentino A.A.

58

Toscana

26

Sicilia

10

Sardegna

47 39 23 24

Puglia

Lazio

20 15 6 8

Piemonte V. d’Aosta

Friuli V. Giulia

14 11 7 9

Molise

Emilia Romagna

29 39 58 32

Marche

Campania

37 35 37 11

Lombardia

Calabria

15 11 10 6

Elementare 68 Media Inferiore 66 Media Superiore 31 Università Primo livello 15 Università settori biblioteca Università specialistica 22 Università specialistica 7 - II volta Università estere Sezione Mario Fratesi TOTALE 209

Liguria

Basilicata

Abruzzo

RIEPILOGO SUSSIDI ALLO STUDIO ASSEGNATI ANNO 2017

12

duemiladiciannove

portando avanti insieme “Prima le mamme e i bambini” che ha lo scopo di consentire alle partorienti di accedere gratuitamente ai servizi sanitari messi a disposizione dalla Ong “Medici con l’Africa Cuamm”. Le zone in cui opera questa organizzazione non governativa sono fra le più disagiate dell’Africa, quindi è chiaro a tutti l’importanza della collaborazione e sostegno fornito dalla CesarePozzo a questo progetto umanitario che porta avanti gli stessi valori che da 141


MOLISE

CALABRIA

BASILICATA

MUTUA E G I O V A N I

IL “PROGETTO MUTUALITÀ” DEGLI STUDENTI Si è tenuta il 16 dicembre scorso la cerimonia di consegna dei sussidi allo studio dei figli dei soci della Basilicata all’Istituto Comprensivo Giovanni Pascoli di Matera, sede appositamente scelta dal Consiglio regionale perché legata al mondo della scuola e della formazione. La manifestazione è stata aperta con la proiezione del filmato ”Intervista a Cesare Pozzo” realizzato in occasione del 140° anniversario, celebrato l’anno scorso proprio a Matera, ed è proseguita con la presentazione del “Progetto Mutualità”, elaborato da un gruppo di studenti, con il quale sono stati affrontati diversi temi sociali avvalendosi di illustrazioni in “power

point”, fumetti e di canzoni del genere “Rap”. Sono stati i collaboratori regionali della CesarePozzo a curare magistralmente ogni dettaglio della cerimonia che ha visto la partecipazione dell’assessore comunale alle Politiche sociali di Matera, Marilena Antoninelli, del sindaco del Comune di Grassano, Filippo Luberto, del dirigente scolastico Michele Ventrelli e di diversi docenti già sostenitori della nostra Mutua. In modo unanime gli ospiti hanno sottolineato nei loro interventi l’importanza dei valori che guidano il nostro Sodalizio, ancora oggi attuali malgrado siano trascorsi 141 anni dalla sua fondazione, e hanno

evidenziato quanto la CesarePozzo rappresenti un concreto punto di riferimento di solidarietà in una società che invece è sempre più venale, egocentrica e disinteressata ai bisogni del prossimo. A seguire è intervenuto il presidente regionale Salvatore Modugno che ha ricordato la proficua attività svolta dalla CesarePozzo in Basilicata ed ha sottolineato, altresì, la grande disponibilità, competenza e impegno dei quadri attivi della Mutua nella regione. Quindi si è passati alla consegna dei sussidi allo studio agli studenti, accompagnati da tanti familiari a dimostrazione del gradimento che l’iniziativa della Mutua, che premia il merito

scolastico, gode tra i soci. Infine la testimonianza di Michele Pafundi, socio con più anni d’iscrizione alla Mutua nella regione, esempio di fedeltà ai valori mutualistici per i più giovani, al quale il Consiglio regionale ha consegnato una targa ricordo. Presente alla manifestazione il vice presidente nazionale Francesco Paolo Loconsole che a conclusione della manifestazione ha sottolineato il ruolo che svolge in Italia la CesarePozzo nel campo della sanità integrativa ed illustrato le iniziative programmate dalla Mutua per dare una risposta concreta ai bisogni dei soci e dei loro familiari. Giancarlo Siggillino

regionale alla Pubblica istruzione Maria Francesca Corigliano. Nei loro interventi gli illustri ospiti hanno condiviso ed elogiato l’impegno nella società della CesarePozzo per mantenere ancora vivi attraverso la pratica quotidiana i principi e i valori della solidarietà, del reciproco aiuto, della tolleranza e dell’accoglienza che pur essendo antichi e intramontabili hanno bisogno an-

cora di essere difesi e sostenuti. A conclusione della manifestazione di Reggio Calabria, il presidente nazionale della CesarePozzo Armando Messineo ha lanciato l’idea di tenere nel mese di luglio 2019, con i genitori e i ragazzi premiati, una giornata di divertimento e di confronto sul futuro della mutualità. Antonino Zumbo

MOMENTI DI FESTA, MA ANCHE DI RIFLESSIONE Tre sono state in Calabria le manifestazioni per la consegna dei sussidi allo studio per l’anno scolastico 2017/2018 che hanno visto la partecipazione di circa 320 persone. Sono stati premiati complessivamente 155 studenti. Al centro dell’iniziativa sono stati i ragazzi, il loro futuro, il ruolo della CesarePozzo e l’attualità dei principi di solidarietà e del reciproco aiuto. Le cerimonie svoltesi nelle città di Catanzaro, Cosenza e di Reggio Calabria sono stati momenti di festa, ma anche di riflessione. Negli interventi, che si sono susseguiti

nelle tre manifestazioni, sono stati, infatti, affrontati anche argomenti come i fenomeni dell’immigrazione, dell’accoglienza e della cittadinanza attiva. Tanti gli esponenti delle istituzioni che hanno partecipato alle tre diverse cerimonie: il vice vescovo monsignor Pino De Masi, l’ispettrice dell’Ufficio scolastico regionale Rosanna Barbieri, la dirigente scolastica Anna Nucera, nonché assessore comunale alla Pubblica istruzione di Reggio Calabria, il giornalista di Repubblica Giuseppe Baldassarre, l’assessore regionale alle Politiche sociali Angela Robbe e l’assessore

PREMIARE ANCHE GLI STUDENTI CON DIFFICOLTÀ È sempre suggestivo ritrovarsi a Campobasso nel periodo delle festività di fine anno accolti da una città addobbata con luminarie e mercatini natalizi. Il 22 dicembre il sindaco Antonio Battista ha aperto le porte della sala consiliare del Comune per accogliere i soci e i loro familiari della CesarePozzo e partecipare alla cerimonia della

consegna dei sussidi allo studio. Il piacere del Consiglio regionale di incontrare i soci e conoscere personalmente i giovani studenti premiati è un piacere che si rinnova ogni anno grazie a questa importante iniziativa della Mutua. Un’occasione per poter vivere con tutti i presenti, giovani e meno giovani, almeno una volta all’anno

i valori condivisi del mutuo soccorso e della solidarietà e festeggiare insieme agli studenti i loro successi scolastici; un evento questo che produce un arricchimento reciproco che rafforza il nostro impegno nella CesarePozzo. In questo clima di fraternità Gian Marco D’Imperio, appena premiato per la laurea conseguita, consapevole del valore della nostra Mutua, ha subito aderito all’iniziativa “raddoppia il sussidio” e da gennaio 2019 sarà nostro socio effettivo. La parte-

cipazione della psicologa Cinzia Angiolillo ha arricchito la manifestazione con un approfondimento del tema relativo alle “difficoltà dell’apprendimento tra gli studenti”, argomento suggerito dal Coordinamento Donne della CesarePozzo, e cogliendo lo spirito della iniziativa del premiare il merito scolastico, Cinzia Angiolillo ha proposto di istituire dei sussidi allo studio anche per particolari categorie di studenti con altri bisogni educativi speciali. Renzo Re

febbraio

13

duemiladiciannove

1


SARDEGNA

LAZIO

CAMPANIA

MUTUA E G I O V A N I

Si sono svolte in Campania, all’insegna della “innovazione e tradizione”, le tre manifestazioni della consegna dei sussidi allo studio della CesarePozzo agli studenti campani che si sono tenute a Salerno, Napoli e Benevento. La prima cerimonia si è svolta il 2 dicembre al Dopolavoro ferroviario di Salerno dove è stato proiettato un video contro il bullismo nelle scuole, che ha suscitato interesse tra i ragazzi che hanno commentato in modo negativo il fenomeno che condiziona tanti giovani “fragili” che non riescono a reagire adeguatamente alle violenze dei loro compagni. Significativa la presenza di molti giovani premiati laureati alla cerimonia consapevoli dell’importanza delle iniziative

della CesarePozzo non solo nel campo dell’istruzione, ma anche in quello sociale e in quello della sanità integrativa. La premiazione degli studenti a Napoli si è tenuta il 12 dicembre al teatro “Il Piccolo” di Fuorigrotta, dove danza e musica si sono alternate e fuse, passando dal tango e l’hip hop, alle note della canzone classica napoletana. Le associazioni “Notedarte” e “Oltre i Resti” hanno coinvolto attivamente nelle loro performances i soci e i loro familiari che spesso si sono uniti al canto degli artisti o scandito a ritmo di applausi le evoluzioni delle ballerine. Come sempre però, i veri protagonisti della manifestazione sono stati gli studenti premiati, sia quelli della provincia

di Napoli e sia quelli della provincia di Caserta, ed in particolare i tanti giovani laureati, molti dei quali già inseriti nel mondo del lavoro, tanto in Italia quanto all’estero. Nella manifestazione di Benevento tenutasi il 22 dicembre nel salone di Palazzo Paolo V sono stati premiati anche gli studenti della provincia di Avellino in un clima cittadino suggestivo caratterizzato da canti natalizi e musiche degli Zampognari. Hanno partecipato alla premiazione il vice presidente nazionale Paolo Loconsole e il sindaco Clemente Mastella che nel suo intervento ha rilevato l’importanza delle iniziative socio-sanitarie poste in essere dalla CesarePozzo in tutt’Italia ed in particolare ai recenti progetti realizzati a Benevento. Loconsole invece si è soffermato sui programmi della CesarePozzo

per combattere le diseguaglianze sociali nel campo sanitario e per dare risposte concrete ai bisogni dei nostri soci e dei loro familiari. Il Consiglio regionale della Campania si è avvalso del contributo valido e concreto dei soci collaboratori che con il loro impegno hanno contribuito alla organizzazione e alla riuscita delle tre manifestazioni, nelle quali si sono alternati momenti di festa e di riflessione sulle attuali problematiche sociali e sui valori che da oltre 141 anni pratica la CesarePozzo. Presente in tutte le manifestazioni il Coordinamento Giovani della Mutua per ascoltare le idee e le problematiche dei giovani premiati al fine di trovare con loro le iniziative più adeguate per coinvolgerli nelle attività della Mutua. Rosalba Lasorella

UNA GRANDE SQUADRA PER UN ECCELLENTE RISULTATO Per i titoli di studio conseguiti nell’anno scolastico 2017-2018 e per l’anno accademico corrispondente, si è svolta il 15 dicembre all’Auditorium San Domenico di Roma la cerimonia di consegna dei sussidi allo studio ai figli dei soci della CesarePozzo di tutte le province del Lazio. Grazie al contributo di tanti soci e collaboratori che si sono prodigati volontariamente a organizzare la manifestazione, il Consiglio regionale Lazio ha ottenuto un eccellente risultato sia per la grande visibilità data alla nostra Mutua e sia per il piacevolissimo pomeriggio offerto ai numerosissimi premiati e alle loro famiglie. Dopo i ringraziamenti del presidente regionale Fabio Massimo Capparoni alle varie Istituzioni che, come sempre, ci sono vicine,

è intervenuta Anna Vittigli, responsabile Legacoop delle Cooperative Sociali del Lazio, con la quale abbiamo intrapreso un percorso di collaborazione proficuo e socialmente molto importante. Ha preso poi la parola il coordinatore della Macroarea Santo Russo, il quale ha anticipato alcune delle novità programmate dal Consiglio di amministrazione della CesarePozzo per dare sempre più risposte concrete ai tanti bisogni dei soci e per essere sempre più allettanti verso nuovi soci che vorranno condividere con noi gli ideali di cooperazione,

mutuo soccorso e solidarietà. La festa è proseguita con il sempre entusiasmante spettacolo del prestigiatore e illusionista “mago Leonard” che, da vari anni, con trucchi e giochi sempre nuovi, coinvolge il pubblico di grandi e piccini. Si è passati quindi alla consegna dei sussidi allo studio per i 165 studenti laziali che si sono distinti nel completamento dei diversi cicli di studio. Inoltre, il Consiglio regionale, al fine di far associare quanti

più giovani alla CesarePozzo, ha illustrato ai premiati la possibilità di raddoppiare il sussidio allo studio ricevuto dai diplomati e laureati che decideranno di aderire alla nostra Mutua entro il 30 settembre di quest’anno. Infine è stato annunciato lo svolgimento a Roma nei giorni 24 e 25 gennaio 2019 del nuovo corso di formazione di promotore mutualistico riservato ai giovani. Claudio Notari

questionario conoscitivo approntato dal Coordinamento Donne e dal Coordinamento Giovani. La manifestazione è poi proseguita con la consegna delle pergamene-attestati dei sussidi allo studio e dei gadget agli studenti premiati. Nel primo pomeriggio tutti i partecipanti alla manifestazione hanno visitato: il Museo Archeologico “Ferruccio Barreca”, all’interno del quale si trova la mostra sul Popolo di Bron-

zo, con la ricostruzione a dimensione reale di abiti, armi ed utensili dei bronzetti nuragici; il Tophet, cimitero santuario fenicio - punico, denominato "Sa Guardia de is Pingiadas", destinato alla sepoltura di bambini; la Necropoli punica, che si trova nell’abitato di Sant’Antioco che, al pari dei Sassi di Matera, è stata utilizzata come abitazione fino agli anni ‘60 del secolo scorso. Marcello Puliga

MUTUALITÀ, CULTURA E STORIA Come ormai da diversi anni, anche per il 2018, la manifestazione, per la consegna dei sussidi allo studio ai figli dei soci della Mutua in Sardegna, ha avuto carattere itinerante. Il 30 dicembre scorso siamo stati ospiti del paese di Sant’Antioco nell’omonima isola, ricca di storia e cultura, che si trova nel sud-ovest della Sardegna. La cerimonia è stata aperta dall’intervento del presidente regionale Marcello Puliga che si è soffermato sull’importanza dello studio e dell’impegno scolastico per il futuro dei giovani

febbraio

1

COINVOLGERE I GIOVANI NELLA MUTUA

14

duemiladiciannove

e ha ricordato come la mutualità sia un valore sociale per il benessere delle nostre comunità. Quindi Puliga ha illustrato le varie convenzioni e collaborazioni che il nostro Sodalizio ha sottoscritto nell’ultimo anno e le novità in arrivo nel 2019. A seguire è intervenuto il consigliere di amministrazione Riccardo Chicconi che, dopo avere portato il saluto del Consiglio di amministrazione, si è soffermato a parlare dei disturbi specifici dell’apprendimento che affliggono i giovani studenti. Quindi è stato presentato e illustrato il


UMBRIA

LIGURIA

FRIULI VENEZIA GIULIA

MUTUA E G I O V A N I

ESEMPI DA SEGUIRE: FEDE NEI VALORI E FORZA DI VOLONTÀ All’insegna del valore della mutualità e della continuità generazionale, si è tenuta il 1° dicembre, nella “Sala Scrosoppi” del Seminario Arcivescovile di Udine, la cerimonia della consegna dei sussidi allo studio. Ai soci e ai loro familiari del Friuli Venezia Giulia sono stati assegnati in totale 60 sussidi allo studio: 20 per le scuole elementari; 15 per le medie; 6 per le medie superiori e 19 per le lauree. Oltre ai sussidi allo studio previsti, gli studenti hanno ricevuto nel corso della cerimonia un utile gadget consistente in una chiavetta Usb con doppio innesto (mini e normale) e una cuffietta “Bluetooth” per i più

giovani. La Regione Friuli Venezia Giulia ha dato un contributo tangibile all’iniziativa della CesarePozzo per la promozione culturale dei giovani regalando degli opuscoli su vari argomenti agli studenti premiati. Nel corso della cerimonia, come consuetudine, sono stati premiati con una targa ricordo coloro che sono soci della Mutua da molto tempo con la seguente motivazione: “Con la loro continuità hanno dimostrato il loro attaccamento ai valori dell’aiuto reciproco e della solidarietà e rappresentano, per i giovani, un esempio da seguire”. Sono stati quindi premiati: sei soci con 40 anni d’iscrizione alla Mu-

VALORI POSITIVI PER LE NUOVE GENERAZIONI Sono stati 53 gli studenti premiati quest’anno in Liguria. La manifestazione della CesarePozzo ha avuto il patrocinio della Regione Liguria, del Comune e dell’Università di Genova, la quale ha anche ospitato, nella splendida Aula Meridiana, la cerimonia di consegna dei sussidi allo studio agli studenti di

tutte le province liguri. Il presidente regionale Filippo Di Blasi ha letto i saluti inviati ai premiati dal governatore Giovanni Toti ed ha quindi invitato ad intervenire le personalità presenti: in rappresentanza di Francesca Fassio, assessore comunale alle Politiche educative, Istruzione e Politiche socio-sanitarie, è intervenuta Maria Costanzi che ha lodato la nostra iniziativa che avvicina i giovani al mondo della solidarietà, in un mondo dominato da internet, dove regna l’incomunicabilità; Micaela

tua, quattro con 50 anni e un socio con 60 anni d’iscrizione. Tra coloro che sono iscritti da 40 anni, è stata premiata anche Adriana Stupar, la prima donna iscritta nella nostra regione. La manifestazione è stata allietata dalla esibizione di un gruppo di giovanissimi musicisti, della Scuola di Musica della “Civica Orchestra di Fiati Giuseppe Verdi di Trieste” che hanno suonato vari brani, anche in tema natalizio. Oltre alla parentesi musicale, due nostre socie hanno letto alcune poesie dal tema “la solidarietà e la mutualità”. La socia Elena Giacomin ha pure scritto una poesia sulla figura di “Cesare Pozzo” che ripor-

tiamo integralmente: “Innamorato del fumo acre, di ciminiere a carbone con la pelle assorbita di vapore e polmoni densi di aria scura. La sua locomotiva arriva al cuore e non si ferma lì, scorre su rotaie verso coloro che amano il mestiere e che danno i loro giorni, i loro sforzi, la loro vita, per il pane di famiglia. Sente l’umanità tra binari e scambi e raccoglie ciò che più alto, trova coloro che si dedicano al proprio lavoro con rispetto e umanità, abnegazione e dedizione, consolida e costruisce la storia, riunisce sogni e progetti, opere e dignità per realizzare un futuro più grande”. Marino Rota

Rossi, prorettore alla Formazione dell’Università di Genova, che ha portato il saluto del Rettore ed ha parlato del valore dello studio nella società attuale, augurando agli studenti premiati, in particolare diplomati e laureati, un pronto ingresso nel mondo del lavoro. Il Consiglio regionale della Mutua ha donato al Rettore una targa ricordo della manifestazione. Tutti gli ospiti hanno rimarcato il valore e l’importanza della nostra iniziativa che premia l’impegno e il merito scolastico dei giovani e che richiama i valori positivi a cui si devono ispirare le nuove generazioni. A tal proposito il presidente Di Blasi ha fatto un excursus storico del mutuo soccorso in Italia e dei principi e valori che stanno alla base delle attività della CesarePozzo e che dalla Mutua vengono

praticati quotidianamente, nonostante siano trascorsi 141 anni dalla sua costituzione. Quindi Di Blasi ha esortato i giovani presenti ad avvicinarsi alla CesarePozzo per conoscerla di più e ad associarsi. In rappresentanza del Coordinamento Giovani è intervenuto Andrea Tiberti, mentre Rodolfo Margheritino, consigliere di amministrazione della CesarePozzo, ha illustrato il progetto di Formazione per la ricerca di nuovi promotori mutualistici tra i giovani, i Master istituiti dalla Mutua presso l’Università di Siena, nonché il progetto “A scuola di mutualità” che sarà portato avanti nel 2019 in tutte le regioni italiane. Infine sono stati premiati anche 12 soci iscritti alla Mutua da oltre 40 anni.

Belfiore che ha aderito al progetto “A scuola di mutualità”, è stato consegnato il contributo previsto dall’iniziativa. Dopo avere ringraziato la CesarePozzo, Alessia Marini ha elogiato l’iniziativa della Mutua che persegue l’importante obiettivo sociale di far conoscere ai ragazzi i valori della solidarietà e dell’aiuto reciproco. Il vice presidente Ezio Spigarelli ha introdotto il tema dei disturbi specifici dell’apprendi-

mento informando che nel corso dell’anno la CesarePozzo metterà in campo altre iniziative di sensibilizzazione sull’argomento. Kety Sammaco ha spiegato invece cos’è la dislessia, come si riconosce e quali sono le strategie da mettere in atto per aiutare una persona dislessica: la relazione è stata molto apprezzata e salutata con un lungo applauso. Giuliano Pizzoni

Filippo Di Blasi

GRANDE ATTENZIONE PER IL MONDO DELLA SCUOLA Anche quest’anno la cerimonia di consegna dei sussidi allo studio ai figli dei soci residenti in Umbria si è tenuta nella splendida location di Palazzo Trinci a Foligno. Sono stati premiati 57 studenti che hanno conseguito con profitto uno dei cicli scolastici o universitari. Hanno partecipato alla cerimonia il vice presidente nazionale Ezio Spigarelli, il presidente regionale Marche-Umbria Guido Mantoni, la presidente della Cooperativa “La Locomotiva” di Foligno Francesca Cesarini, Kety Sammaco dell’Asl di Foligno e Alessia Marini, preside della Scuola Elementare di

Belfiore. Nel corso della manifestazione è stata evidenziata l’attenzione che la CesarePozzo ha nei confronti del mondo della scuola, dei giovani, della loro formazione e della cultura in genere. Non a caso sono stati avviati dal Consiglio di amministrazione della CesarePozzo i progetti: “A scuola di mutualità” che interessano l’intero territorio nazionale e il Master MutuaSI in collaborazione con l’Università di Siena. Quindi ad Alessia Marini, dirigente scolastico della scuola di

febbraio

15

duemiladiciannove

1


MARCHE

LOMBARDIA  

MUTUA E G I O V A N I

Si è tenuta il 2 dicembre scorso a Milano la cerimonia di consegna dei sussidi allo studio agli studenti lombardi che si sono distinti per i risultati conseguiti nei diversi cicli di studi dalle scuole elementari all’Università. Grande è stata la nostra soddisfazione nel vedere il Salone Liberty de “Il Treno” pieno di giovani e loro familiari per assistere alla cerimonia che ha visto un totale di 127 studenti premiati, di cui ben 40 si riferiscono a lauree e dottorati, dimostrando l’alto livello culturale delle famiglie. “Le fragilità devono essere sostenute al pari del merito”, con queste parole ha aperto la manifestazione il presidente regionale

Sarino Dominici che, dopo aver rivolto un caloroso saluto ai numerosi ospiti e familiari, ha rilevato l’importanza di tale iniziativa della CesarePozzo anche come occasione di incontro e socializzazione tra soci, loro familiari e amici. Dopo avere ricordato la valorizzazione dello storico salone “Il Treno” a seguito del restauro del Trittico, Dominici ha parlato delle prospettive future della Mutua, con particolare riguardo alla nuove prestazioni, tratteggiando l’evoluzione in atto e l’importanza del mutuo soccorso che vede nel Welfare di comunità la possibilità di avvicinare più persone al nostro Sodalizio. Per promuovere i

nostri valori anche quest’anno il Consiglio di amministrazione ha riproposto il raddoppio del sussidio allo studio per i figli dei soci premiati che si associano alla CesarePozzo. Il presidente nazionale Armando Messineo, congratulandosi con gli studenti premiati, ha ricordato la recente approvazione da parte del Consiglio di amministrazione delle agevolazioni, in materia di sussidi allo studio, per gli studenti con disturbi specifici dell’apprendimento fermo restando il riconoscimento del merito per chi conclude con profitto i propri studi perché la scuola rimane ancora un ascensore sociale. Altra novità riguarda il Master Mu-

tuaSi che, per l’attuale edizione, è previsto l’ausilio della teledidattica per contenere i tempi della mobilità degli studenti interessati, i quali hanno anche la possibilità di scegliere come sede delle lezioni fra la sede nazionale di Milano della CesarePozzo o la sede dell’Università di Siena. Filo conduttore della cerimonia è stata “La Boutique dei nasi rossi”, Associazione Veronica Sacchi Onlus, che con due volontari hanno offerto ai presenti un’esibizione con alcuni racconti esilaranti accompagnati dal suono di una chitarra, dimostrando quanto sia importante l’attività del Clown del Buonumore, definito anche clown dottore nelle corsie degli ospedali, che rappresenta una vera e propria terapia soprattutto per i bambini ricoverati. Infine il presidente Sarino Dominici ha ringraziato per la preziosa collaborazione i dipendenti e i soci collaboratori che con tanta passione si sono prodigati per la buona riuscita della manifestazione. Sarino Dominici

ra. Ha poi preso la parola Mirella Fava, vice presidente regionale e componente del Coordinamento Donne, spiegando la finalità del questionario consegnato nel corso della cerimonia, alle donne e ai giovani under 35, pensato ed elaborato congiuntamente dai due Coordinamenti Donne e Giovani al fine di avere un quadro il più preciso possibile dei bisogni e delle aspettative di questi due mondi così importanti per la vita della Mutua e ad oggi così poco presenti nel Sodalizio.

Mirella Fava ha inoltre spiegato come la Mutua vuole essere il più vicina possibile alla vita reale dei propri soci affrontando, anche in una giornata di festa, temi sociali che affliggono tanti ragazzi e famiglie. Quest’anno è stato proposto il tema dei disturbi specifici dell’apprendimento con particolare riferimento alla dislessia. È intervenuta quindi Silvia Savini che ha subito catturato l’attenzione dei presenti illustrando, con parole semplici e con la proiezione di alcune diapositive, i sintomi e le conseguenze di questo disturbo ancora poco conosciuto. Ezio Spigarelli nel suo intervento conclusivo ha fatto un bilancio delle attività svolte e dei risultati ottenuti dalla CesarePozzo ricordando le opportunità che offre la Mutua ai giovani come il raddoppio del sussidio allo studio per chi si iscrive al Sodalizio, il Master universitario MutuaSi e i corsi di formazione per promotore mutualistico. Mirella Fava

TANTE OPPORTUNITÀ OFFERTE AI GIOVANI Un appuntamento irrinunciabile quello che, durante il mese di dicembre di ogni anno, la CesarePozzo ha con le cerimonie di consegna dei sussidi allo studio ai figli dei soci che si sono distinti nei vari cicli scolastici. Ad Ancona la cerimonia si è svolta il 3 dicembre presso la sala dell’ex Consiglio comunale ed ha visto la partecipazione del Consiglio regionale Marche della Mutua, del consigliere di amministrazione e coordinatore della Macroarea Ezio Spigarelli e di Silvia Savini del

febbraio

1

LE FRAGILITÀ DEVONO ESSERE SOSTENUTE AL PARI DEL MERITO

16

duemiladiciannove

Centro multispecialistico “Avanti tutta”. Una nutrita schiera di premiati e loro familiari ha fatto da cornice alla manifestazione. Il presidente regionale Guido Mantoni nella sua relazione introduttiva, dopo i complimenti ai ragazzi per il lodevole risultato scolastico, ha sottolineato l’importanza sociale e culturale della manifestazione per la spinta che dà ai giovani a fare sempre meglio e li ha esortati a coltivare e tenere sempre vivi i valori di solidarietà e mutualità a cui la Mutua si ispi-


TRENTINO ALTO ADIGE

PIEMONTE E VALLE D'AOSTA

MUTUA E G I O V A N I

SIAMO TUTTI UGUALI NELLA NOSTRA DIVERSITÀ Si è svolta a Torino il 1° dicembre, presso l’ampio salone del Cral Gruppo Trasporti Torinesi, la premiazione dei figli di soci che si sono distinti l’anno scorso nei diversi cicli di studio dalle scuole elementari all’università. Hanno partecipato alla festosa manifestazione oltre 120 persone fra studenti premiati e loro congiunti. Ha aperto la manifestazione il presidente regionale Antonio Mazza, il quale ha espresso il suo compiacimento per gli ottimi risultati conseguiti dai giovani premiati dovuti soprattutto all’impegno, al sacrificio, alla volontà profusi giorno dopo giorno per raggiungere questi traguardi di cui devono essere orgogliosi e consapevoli. Presente alla cerimonia anche il consigliere di amministrazione Riccardo Chicconi che ha portato il saluto del presidente nazionale della Mutua Armando Messineo. Dopo aver letto i messaggi di apprezzamento per l’iniziativa che il presidente della Regione Piemonte, i sindaci delle città di Torino, Alessandria, Novara e Cuneo han-

no inviato ai ragazzi premiati e alla Mutua Cesare Pozzo, il presidente Mazza ha ringraziato il presidente del Cral Silvio Sabatino per la cortese concessione dell’ampio salone delle feste e, insieme al vice presidente Andrea Tiberti, ha presentato un video su una iniziativa sostenuta fra gli altri dalla Mutua Cesare Pozzo: il progetto “Teatro nello spazio” uno spettacolo di animazione teatrale che prevede la partecipazione di ragazzi disabili e normodotati in un reale processo di integrazione che si manifesta in un progetto teatrale che intende favorire la spontanei-

tà e la potenzialità espressiva ed emotiva di ciascuno. Il progetto laboratorio coinvolge più di 200 attori ed è realizzato con il contributo dei Dlf di Alessandria e Asti, dal Consorzio dei Servizi sociali dell’Alessandrino e con il sostegno della Fondazione Social, Banca Prossima, Mutua Cesare Pozzo e dal Dlf nazionale: si tratta di un attento e profondo lavoro basato sulla gestualità spontanea dei protagonisti. Un lavoro comune e condiviso luogo vitale di relazioni, di collaborazione, di rispetto, di contatto. La manifestazione è proseguita con la consegna, ai ragaz-

zi premiati, del sussidio allo studio e da un simpatico gadget offerto della sede regionale. Una originale presenza è stata quella del socio Franco Lucia, dell'Associazione Europea Ferrovieri (A.E.C.), che ha partecipato alla festa indossando l’uniforme dei capistazione delle Ferrovie appena unificate del 1905. La manifestazione si è conclusa con la premiazione dei soci che hanno raggiunto il 50° anno di iscrizione alla Mutua: Antonino Luigi Papalia, presente alla manifestazione, e Nicolò Micali. Guido Ziniti

soffermato sull’attualità della Mutua, la cui attività si rende sempre più indispensabile nel settore sanitario, considerate le carenze del Servizio sanitario nazionale e le crescenti difficoltà economiche in cui versano sempre più le famiglie. Quindi il presidente Polato ha ricordato le sfide che nei prossimi anni impegneranno la CesarePozzo e ha concluso ricordando anche la facilità con cui oggi i soci possono comunicare e chiedere assistenza, non solo tramite le sedi territoriali, ma anche, per via informatica, utilizzando computer, smartphone e tablet. Ha preso quindi la parola Giuliano Girotto, evidenziando che quest’anno gli studenti i premiati, su tutto il territorio nazionale, sono 2.344 e che quella di Bolzano è la prima delle cerimonie che si è tenuta quest’anno in Italia. Girotto ha poi illustrato le diverse iniziative della Mutua per far conoscere agli studenti i valori del mutuo soccorso e della solidarietà e per avvicinarli alla Mutua, citando come esempi il progetto “A scuola di mutualità”,

che sta riscontrando un notevole successo, e i corsi riservati ai giovani per la formazione dei promotori mutualistici. Diego Lo Presti, da parte sua, ha esordito sottolineando il momento di festa creato da queste premiazioni degli studenti della CesarePozzo che servono, nel loro piccolo, a rendere ancora più lieto il Natale, ormai vicino, delle famiglie dei soci. Quindi Lo Presti ha evidenziato l’elevato numero di soci iscritti nel Trentino Alto Adige grazie anche agli accordi integrativi siglati con diverse aziende ed enti locali. Lo Presti, concludendo, ha ricordato la cerimonia commemorativa svoltasi nella stazione di Udine, in ricordo del 120° anniversario della morte di Cesare Pozzo, come grande momento di condivisione e solidarietà che sono i principi che a tutt’oggi guidano la Società che porta con orgoglio il suo nome. La manifestazione si è conclusa con la consegna di 50 sussidi allo studio agli studenti di tutte le province della regione. Mario Forni

AVVICINARE I GIOVANI ALLA MUTUA Lieta e importante scadenza delle diverse attività della nostra Mutua è l’annuale manifestazione per la consegna dei sussidi allo studio ai figli dei soci che hanno concluso con profitto un ciclo di studi. In Trentino Alto Adige la cerimonia si è svolta il 25 novembre in una sala dell’antico convitto Kolpinghaus, situato nel centro storico di Bolzano. L’attesa per la consegna dei premi è stata allietata dalla consueta presenza del mago Paladino, “The Mentalist”, che, spiegando ai presenti cosa sia il “mentalismo”, ha intrattenuto

coinvolgendoli, bambini, ragazzi e adulti con i suoi giochi di prestigio. In apertura della cerimonia il presidente regionale Renzo Polato ha rivolto il suo saluto e i suoi ringraziamenti ai ragazzi e alle loro famiglie, ai dirigenti nazionali presenti, Giuliano Girotto e Diego Lo Presti, entrambi consiglieri d’amministrazione della CesarePozzo, e all’indimenticabile ex presidente regionale Pietro Toller, pure lui presente in sala. Dopo un excursus storico sulla nascita e lo sviluppo della Mutua, giunta al suo 141° anno di attività, Polato si è

febbraio

17

duemiladiciannove

1


PUGLIA

IN PUGLIA CON LE SCUOLE

TOSCANA

MUTUA E G I O V A N I

SOSTEGNO AI GIOVANI Come ogni anno, il Circolo ricreativo dipendenti della Difesa “Il Giglio”, che si trova in prossimità della sede regionale di Firenze, ha ospitato la cerimonia di consegna dei sussidi allo studio ai figli dei soci di tutte le province della Toscana. La premiazione si è svolta il 2 dicembre scorso in un ambiente nel quale regnano solidarietà ed unione, alla presenza di numerosi soci, familiari e amici degli studenti premiati e dei rappresentanti locali e nazionali della CesarePozzo a testimonianza dell’interesse comune verso la cultura e l’istruzione che sono i valori principali che de-

febbraio

1

Le cerimonie di consegna dei sussidi allo studio per l’anno 2018 si sono svolte in Puglia, come consuetudine, in un tour itinerante che ha coinvolto i soci e i loro familiari del capoluogo pugliese e di tutte le province. Il Consiglio regionale si è avvalso dell’opera dei responsabili locali della Mutua, dei soci collaboratori, delle dipendenti regionali e della grande disponibilità dei presidi e docenti dei plessi scolastici nei quali sono state tenute le premiazioni degli studenti. Un grande lavoro di gruppo che ha coinvolto nelle nostre manifestazioni rappresentanti delle istituzioni pubbliche e del mondo delle scuole. Le diverse personalità intervenute sono state concordi sull’importanza dell’istruzione e della formazione come basi fondamentali per la costruzione del futuro dei ragazzi, ma anche dell’impegno solidaristico verso gli “altri” per costruire una società migliore. Plauso unanime è stato espresso per le iniziative poste in essere dalla CesarePozzo a favore dei giovani non solo con l’assegna-

18

duemiladiciannove

zione dei sussidi allo studio ai figli dei soci, ma anche con il progetto “A scuola di mutualità” che trasmette, consolida ed estende la conoscenza dei valori del mutuo soccorso e della solidarietà tra gli studenti. Tutte e tre le manifestazioni pugliesi sono state aperte con la proiezione del filmato “Intervista a Cesare Pozzo”, è seguita quindi la consegna delle targhe di benemerenza ai soci con la maggiore anzianità di iscrizione alla Mutua a testimonianza della continuità dei valori tra passato e presente tra le diverse generazioni. La prima cerimonia per la consegna dei sussidi allo studio si è tenuta a Foggia il 6 dicembre, presso l’Istituto Comprensivo “Dante Alighieri”, alla quale le emittenti televisive locali hanno dato un ampio risalto. Argomento cruciale della manifestazione foggiana è stato la “prevenzione dei tumori al seno” affrontato da Dina Defeudis, responsabile del Coordinamento Donne della CesarePozzo. A seguire il 13 dicembre è stata la volta di Brindisi dove la cerimonia

si è tenuta presso l’Istituto Alberghiero “Sandro Pertini” grazie alla disponibilità del preside Antonio Micia che ha sottolineato nel suo intervento l’importanza del ruolo delle società di mutuo soccorso nello scenario economico-sociale italiano. Nel corso della manifestazione è stato proiettato il filmato realizzato dagli studenti dell’istituto, con il coordinamento di Patrizia Maniglio, responsabile d’area Brindisi\Taranto, il cui tema era la doppia intervista a Cesare Pozzo. Quindi sono state illustrate le gravi problematiche e conseguenze che comporta la dislessia sui i giovani studenti. La terza ed ultima manifestazione nella regione Puglia si è tenuta il 14 dicembre a Bari presso l’Istituto Comprensivo “Eleonora Duse”, alla quale è intervenuta Paola Romano, assessore comunale di Bari alle Politiche educative giovanili, che ha sottolineato il grande merito della CesarePozzo di premiare non solo il merito scolastico dei giovani, ma anche di sostenere i ragazzi più “deboli” come ad esempio per le campagne di in-

formazione realizzate dalla Mutua sul bullismo e sulle difficoltà che incontrano i giovani a causa della dislessia nello studio. Quindi l’assessore Romano ha incoraggiato il Consiglio regionale a proseguire nelle iniziative di premiazione degli studenti meritevoli e di trasmissione dei valori positivi alle nuove generazioni, importanti elementi per la realizzazione della coesione sociale del nostro Paese. Alla manifestazione ha partecipato il vice presidente nazionale Paolo Loconsole che, a conclusione della manifestazione, ha ribadito la volontà del Consiglio di amministrazione di dare risposte concrete ai bisogni dei soci e dei loro familiari, con particolare riguardo a quelli sanitari per integrare le carenti prestazioni erogate dal Servizio sanitario nazionale. Loconsole ha inoltre ricordato le iniziative poste in essere dalla CesarePozzo anche in campo sociale, evidenziando l’attenzione costante della Mutua a favore dei giovani e tra questi in particolare dei ragazzi dislessici. Salvatore Modugno

vono essere trasmessi alle nuove generazioni e tutelati e garantiti quotidianamente. La cerimonia è stata aperta dal discorso introduttivo del presidente regionale Gianluca Santoni che si è innanzitutto complimentato con gli studenti per gli importanti successi scolastici conseguiti, quindi ha ringraziato i soci e i loro familiari per la massiccia partecipazione alla manifestazione e ribadito il sostegno ai giovani da parte della CesarePozzo, non solo con questa iniziativa che premia il merito scolastico, ma anche con altre iniziative già in corso e altre già programmate. A

seguire è intervenuto il presidente della Fondazione Cesare Pozzo per la Mutualità Stefano Maggi, il quale ha ricordato le origini del mutuo soccorso in Italia e il ruolo svolto dalla Mutua in oltre 141 anni di storia. Il Consigliere di amministrazione e Coordinatore della Macroarea Santo Russo, ha sottolineato l’importanza della condivisione dei valori di solidarietà da parte delle nuove generazioni e il loro coinvolgimento nella vita della CesarePozzo. In proposito Santo Russo ha ricordato agli studenti premiati la possibilità di raddoppiare il valore del sussidio ricevuto iscrivendosi alla Mutua. Presenti in sala anche i vice presidenti regionali Danilo Fondi e Guelfo Frateschi. Quindi è stato proiettato il filmato realizzato dal giornalista Alessandro Cecchi Paone, che, attraverso una intervista virtuale, racconta

la storia della Mutua dall’Ottocento ai nostri giorni e la vita del pioniere del mutuo soccorso CesarePozzo da cui ha preso il nome il nostro Sodalizio. La proiezione del video ha molto interessato i soci e i loro familiari e soprattutto i giovani premiati che in tal modo hanno avuto la possibilità di conoscere l’evoluzione della Mutua nel tempo e l’opera del ferroviere Cesare Pozzo per l’affermazione dei diritti dei cittadini e del valore del reciproco aiuto. A questo proposito Stefano Maggi ha ricordato il progetto della Fondazione e della Mutua denominato “A scuola di mutualità”, che ha proprio l’obiettivo di fare conoscere e diffondere tra i giovani nelle scuole i valori del mutuo soccorso e della solidarietà.La cerimonia è stata allietata dalle musiche, eseguite dal compositore Claudio Fonti, che hanno accompagnato la consegna dei sussidi allo studio agli studenti, in una occasione che ha unito ancora una volta la grande famiglia mutualistica toscana. Gianluca Santoni


EMILIA ROMAGNA

SICILIA

MUTUA E G I O V A N I

I GIOVANI E IL LAVORO Filo conduttore delle sei cerimonie di consegna dei sussidi allo studio della CesarePozzo svoltesi a dicembre in Sicilia è stato il tema dei “Giovani e il lavoro” affrontato dal presidente regionale Francesco Mineo in tutte le manifestazioni siciliane in considerazione che per buona parte dei premiati la ricerca del lavoro sarà il primo difficile obiettivo da raggiungere dopo avere completato gli studi. Anche quest’anno la Sicilia è la prima regione per numero di premiati con 314 studenti e grazie all’indispensabile contributo, dei consiglieri regionali, dei responsabili territoriali, dei soci collaboratori e dei dipendenti si sono potute organizzare le sei manifestazioni nell’Isola, alle quali hanno partecipato numerosi non solo i soci e i familiari dei premiati, ma anche esponenti delle istituzioni, della società civile, delle aziende convenzionate e di sponsor delle cerimonie e il coordinatore della Macroarea e consigliere di amministrazione Sebastiano Baudo. La prima manifestazione si è tenuta a Messina a Palazzo Zanca sede del Comune, grazie alla gentile disponibilità del sindaco Cateno De Luca, alla quale hanno partecipato, tra gli altri, Roberto Vincenzo Trimarchi, assessore comunale alla Pubblica Istruzione e Maria Teresa Prestigiacomo,

direttrice del giornale “Red Carpet Magazine”. Non hanno fatto mancare il loro sostegno alla manifestazione la Caronte&Tourist e Tiziano Minuti, che ne è il responsabile del personale, Antonino Staiti della World Edizioni e Luigi Monte della Ottica Monte. Ad Agrigento la premiazione degli studenti si è svolta nella splendida sede della Biblioteca comunale “Ex chiesa del purgatorio” di Aragona, alla presenza di Giovanni Graceffa e di Gioacchino Volpe, rispettivamente vice sindaco e presidente del Consiglio del Comune di Aragona. Cerimonia all’Hotel Astoria Palace di Palermo per gli studenti della provincia del capoluogo, alla quale ha partecipato Michele Cimino, amministratore unico dell’Amat, che ha manifestato il suo apprezzamento per l’iniziativa della Mutua che premia il merito scolastico dei giovani, mentre Giuseppe Todaro, presidente Cooperativa Lavoratori Portuali (CLP) di Palermo si è intrattenuto con i ragazzi e i loro familiari al termine della premiazione. Nel corso della cerimonia sono stati sorteggiati diversi premi messi a disposizione dallo Studio Ottica Bonanno, dallo Studio dentistico del dottor Carmelo Blanda e dalla Gattopardo Viaggi che ha offerto un weekend-vacanza.

Gli studenti residenti nelle province di Catania, Ragusa e Siracusa sono stai premiati, invece, allo Sheraton Hotel di Aci Castello, dove sono intervenuti Maurizio Gibilaro, coordinatore provinciale di “Telethon” e Dario Daidone, dirigente amministrativo dell’Ospedale Policlinico di Catania, che per l’occasione ha sottoscritto l’adesione alla Mutua. Nel suo intervento Maurizio Gibilaro ha sottolineato la comunanza dei valori tra la “Fondazione Telethon” e la Mutua Cesare Pozzo che fanno della solidarietà e dell’aiuto al prossimo la propria missione. A tal proposto il presidente regionale Francesco Mineo ha ricordato che il Consiglio regionale Sicilia della Mutua ha partecipato alla raccolta di fondi organizzata da Telethon nel 2018, donando un proprio contributo economico con l’auspicio che questa prima iniziativa tra le due organizzazioni possa tradursi in una durevole collaborazione. A tutti gli studenti premiati, oltre al sussidio allo studio e al gadget della Mutua, è stato consegnato un omaggio che “Telethon” riserva a coloro che contribuiscono alla loro raccolta fondi. La premiazione degli studenti delle province di Enna e Caltanissetta si è tenuta all’Istituto Conte Testasecca di Caltanissetta, dove

graditi ospiti sono stati Rosario Scancarello, presidente della Mutua società cattolica “Maria SS. della Catena”, e il vice presidente Michelangelo Lovetere, con una delegazione di loro soci. Lo scambio delle targhe ricordo ha suggellato la collaborazione tra le due Mutue. Infine a Trapani appuntamento al Terminal Bus di piazza Giovanni XXIII per la premiazione degli studenti con due illustri ospiti: Giacomo Tranchida, sindaco di Trapani, e Massimo La Rocca, presidente Atm. Il “Gruppo Mediterraneo”, diretto nostro responsabile territoriale Totò Perniciaro, ha allietato la manifestazione con musiche e canti classici siciliani. Come avviene da diversi anni alla consegna dei sussidi allo studio dei giovani studenti viene abbinata la premiazione con una targa ricordo dei soci con più anni di iscrizione alla Mutua in Sicilia. Per il 2018 i soci anziani premiati sono stati: Vincenzo Giambrone per Agrigento; Antonino Librizzi per Caltanissetta-Enna; Salvatore Trovato per Catania; Giuseppe Andaloro per Messina; Vito Miceli per Palermo; Rinaldo Noto per Ragusa; Giuseppe Scurria per Siracusa; Francesco Tranchida per Trapani. Francesco Mineo

soccorso e della solidarietà. Inoltre Laura Schenetti, prendendo spunto dai fatti accaduti alcuni giorni prima nella discoteca di Corinaldo, ha ricordato ai giovani studenti di non sottovalutare mai le conseguenze delle proprie azioni che possono generare, anche senza volerlo, fatti gravissimi. La festa è proseguita con la consegna dei premi agli stu-

denti che è stata arricchita da una piccola novità: la proiezione su uno schermo dei nominativi dei premiati e per i laureati anche del tipo di laurea conseguito. Infine sono stati sorteggiati tra i presenti, come ulteriore premio per la partecipazione alla festa, cinque premi offerti dal Consiglio regionale. Gianni Nava

L’IMPORTANZA DELLE PROPRIE AZIONI Come ogni anno l’Hotel Europa di Bologna ci ha ospitato per la festa di consegna dei sussidi allo studio agli studenti di tutte le province della regione, manifestazione che ha ottenuto una soddisfacente adesione con circa 130 presenti fra i premiati e le loro familiari. Ospiti della manifestazione il presidente della Mutua Sma di Modena Gerardo Bianchi, il capo gruppo consiliare del Comune di Bologna Claudio Mazzanti e il consigliere comunale Nicola De Filippo. Per la CesarePozzo oltre al presidente regionale Fausto Bacchi, sono intervenuti il consigliere di amministrazione Diego Lo Presti e il coordinatore della Macroarea Nord-Est nonché consigliere di amministrazione Giuliano Girotto. L’assessore ai Trasporti e Mobilità della Regione Emilia e Romagna Raffaele Donini ha inviato un video,

nel quale si congratulava con i premiati per i successi scolastici conseguiti e ribadito l’importanza della formazione nella vita personale e professionale di ognuno di noi. La cerimonia è stata aperta dalla proiezione del filmato sulla vita di Cesare Pozzo, il quale viene intervistato virtualmente dal giornalista Alessandro Cecchi Paone, intervista che ha dato spunto agli interessanti interventi effettuati dagli ospiti sul valore sempre attuale della solidarietà nella società italiana. Sono intervenuti, altresì, i collaboratori Ermes Ferlini e la vice presidente regionale Laura Schenetti che hanno illustrato “Il Progetto Scuole” realizzato in collaborazione dei circoli scolastici per permettere ai docenti di affrontare e approfondire con gli studenti di 3^ media l’importanza dei valori del mutuo

febbraio

19

duemiladiciannove

1


A

T

T

U

A

L

I

T

À

NUOVO PIANO DI FORMAZIONE MUTUALISTICA DI NUOVE LEVE NELLE REGIONI PER L’ANNO 2019

Ai giovani la promozione della Mutua F ormare direttamente i giovani a cui affidare la promozione e lo sviluppo della Mutua è quanto prevede il nuovo Piano di Formazione Mutualistica approvato dal Consiglio di amministrazione per l’anno 2019, nel quale è stabilito anche il calendario dei corsi di formazione per Promotori Mutualistici che si terranno quest’anno. Nove le regioni interessate dal programma 2019 che si aggiungono alle regioni nelle quali i corsi si sono tenuti l’anno scorso. Nuova la formula dei corsi formazione di quest’anno che vengono gestiti direttamente dal vice presidente Ezio SpiL’obiettivo è quello di formare gruppi di garelli, dal consigliere Riccargiovani promotori mutualistici distribuiti ed do Chicconi e dal responsaoperativi in tutto il territorio nazionale bile dell’Area Commerciale Marco Grassi. Il nuovo Piano di Formazione Mutualistica della CesarePozzo prevede tra l’altro un’articolazione dei corsi in due unità didattiche, di primo e di secondo livello, rivolte entrambi a giovani interessati a promuovere la nostra Mutua. Il piano di formazione di primo livello iniziato a gennaio 2019 completerà la formazione nelle regioni che non sono state coinvolte nel Progetto Accademy conclusosi nel 2018. I corsi di secondo livello saranno effettuati successivamente e saranno riservati a quei partecipanti che si distingueranno per le loro capacità di collaboratore mutualistico. L’obiettivo è quello di formare gruppi di giovani promotori mutualistici distribuiti ed

di Ezio Spigarelli

operativi in tutto il territorio nazionale. I corsi, della durata di due giorni consecutivi, sono aperti ai figli dei soci, ai giovani soci, ai giovani collaboratori che sono interessati alle attività della CesarePozzo e saranno organizzati, in ogni regione, solo se si raggiungerà il numero minimo di sette partecipanti. In aggiunta a tale minimo potranno partecipare ai corsi anche i collaboratori in attività della nostra Mutua che saranno appositamente selezionati dai Consigli regionali. Le lezioni si terranno, di regola, presso le sedi regionali oppure, qualora non vi siano spazi a sufficienza, presso altre strutture esterne, comunque poste in prossimità delle stesse sedi. L’orario previsto va dalle ore 9 alle 13 e dalle 14 alle 18 per entrambe le giornate. Per partecipare ai corsi non occorre versare alcuna quota di partecipazione. Ai partecipanti sarà rimborsato il biglietto di viaggio e, solo in via eccezionale il pernottamento, per coloro che non avranno possibilità di andata e ritorno nell’arco della giornata. La frequenza del corso, sia per l’unità didattica di primo che di secondo livello, non comporta, l’insorgere di un obbligo presente o futuro per la CesarePozzo di instaurazione di un rapporto lavorativo, né di natura subordinata né di natura parasubordinata, o di costituzione di una qualunque forma di collaborazione lavorativa tra la Mutua Cesare Pozzo ed il partecipante al corso. Per ulteriori informazioni contattare le sedi regionali interessate.

CALENDARIO CORSI DI FORMAZIONE PIEMONTE-VALLE D’AOSTA ANNO 2019 9 e 10 maggio 2019

febbraio

1

20

duemiladiciannove

LAZIO 24 e 25 gennaio 2019

VENETO 13 e 14 giugno 2019

LIGURIA 14 e 15 febbraio 2019

TRENTINO ALTO ADIGE 26 e 27 settembre 2019

UMBRIA 7 e 8 marzo 2019

FRIULI VENEZIA GIULIA 10 e 11 ottobre 2019

MARCHE 28 e 29 marzo 2019

EMILIA ROMAGNA 24 e 25 ottobre 2019


A

T

T

U

A

L

I

T

À

PREDISPOSTA DALLA CESAREPOZZO UNA FORMA DI ASSISTENZA A FAVORE DELLE PERSONE CON SCLEROSI MULTIPLA

Investire su progetti di utilità sociale S ottoscritto tra l’Associazione Italiana Sclerosi Multipla (Aism) e la CesarePozzo un accordo per la sperimentazione, nelle province di Milano, Monza Brianza e Como, di un pacchetto di prestazioni predisposto appositamente dalla Mutua per venire incontro alle esigenze delle persone con sclerosi multipla. L’iniziativa di welfare integrativo è stata presentata nel corso di una conferenza stampa l’8 novembre scorso nel Salone Liberty “Il Treno” di Milano da Paolo Bandiera, direttore degli Affari GeneSiglato un accordo tra rali dell’Aism e da Armando la Mutua e l’Associazione Italiana Messineo, presidente della Sclerosi Multipla che prevede CesarePozzo. la sperimentazione, in tre province lombarde, Si tratta di una forma di asdella nuova tutela sanitaria integrativa sistenza predisposta dalla Mutua che tende ad integrare quelle spese sanitarie che il Servizio sanitario nazionale non copre per intero, quali le spese farmaceutiche e per la riabilitazione, oppure non riconosce totalmente come la logopedia, il trasporto sanitario, l’assistenza domiciliare sanitaria e la riduzione del reddito dovuto alla malattia. L’avvio della fase di sperimentazione, fissato per il primo febbraio 2019, è fondamentale per verificare, sul campo, la sostenibilità della prestazione concordata in modo che, alla fine della stessa, si possa poi procedere ad eventuali aggiornamenti ed aggiustamenti che possano consentire alla CesarePozzo di veri-

di Rodolfo Margheritino

Roberta Amadeo, Armando Messineo, Paolo Pirovano, Paolo Bandiera

ficare la possibilità di estendere la forma di assistenza a tutto il territorio nazionale. La sclerosi multipla è una malattia invalidante che in Italia riguarda circa 120mila persone. Non si conoscono i meccanismi che portano a tale patologia che colpisce, soprattutto, quando si è giovani. Le cause sono ancora sconosciute e non esiste, a tutt’oggi, una cura risolutiva. Visibilmente soddisfatto per il risultato raggiunto Paolo Bandiera, direttore Affari generali Aism ha spiegato le finalità dell’intesa con la CesarePozzo: “Questo accordo, per Aism, ha l’obiettivo di rimuovere una causa di esclusione e diseguaglianza rispetto a forme complementari e integrative di tutela della salute e di assistenza diffuse sul mercato. Aism continuerà a lavorare perché il sistema sanitario pubblico garantisca a ogni persona con sclerosi multipla tutto ciò di cui ha diritto, dai farmaci alla riabilitazione. Ma l’accesso senza discriminazione ed in condizioni di parità ed uguaglianza anche a sistemi di welfare integrativo è un diritto, affermato anche dalla Convenzione Onu in materia di diritti delle persone con disabilità. Aism garantisce il suo impegno affinché le persone con sclerosi multipla non debbano essere escluse a priori da nessuna forma di tutela”. Sono stati i valori di solidarietà, condivisi fra Aism e CesarePozzo, che hanno avuto una parte fondamentale a far siglare l’accordo con lo stesso obiettivo che da oltre 140 anni persegue la Mutua e cioè quello di sostenere i più deboli. A tal proposito Armando Messineo, presidente della CesarePozzo, ha affermato: “La nostra più importante priorità è la cura della persona e non il suo costo. Per questo stiamo investendo sempre più su progetti di utilità sociale. Quando siamo venuti a conoscenza delle esigenze dell’Aism, siamo stati ben felici di studiare con loro l’accordo ideale per i bisogni di questa patologia, partendo proprio dai limiti che finora hanno riscontrato”. febbraio

21

duemiladiciannove

1


A

T

T

U

A

L

I

T

À

CON IL 5X1000 DESTINATI NEL 2016 DAI CONTRIBUENTI 65MILA EURO ALLA FONDAZIONE CESARE POZZO PER LA MUTUALITÀ

Un importante riconoscimento N el suo primo anno di iscrizione fra i soggetti beneficiari del contributo del 5x1000, nella categoria “Enti del volontariato”, la Fondazione Cesare Pozzo per la Mutualità è riuscita a raccogliere ben 65mila euro. Ad aprile 2018, infatti, sono stati pubblicati gli elenchi dei destinatari per l’anno fiscale 2016, il primo per la nostra Fondazione, e ad agosto 2018 il contributo è stato effettivamente erogato. Si tratta di un ottimo risultato, ottenuto grazie alla fiducia e all’appoggio dei soci della Mutua Il contributo del 5x1000 dà la possibilità sanitaria Cesare Pozzo e dei alla Fondazione di ampliare tanti frequentatori e sostenila propria attività e perseguire tori della sua biblioteca gecon maggiore efficacia lo scopo statutario stita dalla Fondazione, la più di promozione della mutualità importante in Italia sui temi dei trasporti e della mutualità. Il contributo del 5x1000 dà la possibilità alla Fondazione di ampliare la propria attività e perseguire con maggiore efficacia lo scopo statutario di promozione della mutualità. In questa fase storica occorre infatti intervenire con decisione per diffondere nella mentalità collettiva i valori della solidarietà, che vengono dal passato del XIX secolo, ma che sono del tutto attuali nel presente del XXI secolo. Occorre operare in particolare fra le nuove generazioni, per riportare il tema del mutuo

di Stefano Maggi e Federico De Palo

febbraio

1

22

duemiladiciannove

soccorso nella giusta conoscenza, e lavorare a un progetto complessivo per realizzare un Welfare di comunità che sostenga attraverso la mutualità il sistema sanitario pubblico, non di rado sotto attacco da parte di chi ha interesse a diffondere modelli sanitari privati. A questo fine, è stato riunito un gruppo di qualificati ricercatori del settore sanitario per la redazione di un “position paper” sulla mutualità e la sanità integrativa, che possono e devono avere al loro interno i temi della solidarietà reciproca, non i puri interessi economici. I risultati di tale lavoro verranno discussi e presentati nell’ambito di un convegno di alto profilo scientifico. All’impegno di ricerca, la Fondazione affianca la promozione della mutualità nelle scuole, nella convinzione che, in una società in cui impera l’individualismo, sia fondamentale riportare i valori della solidarietà fra le nuove generazioni. Il contributo del 5x1000, in questo senso, ha permesso alla Fondazione di farsi carico in toto del progetto “A scuola di mutualità”, avviato negli anni scorsi in collaborazione con la Mutua Cesare Pozzo. Sempre nell’ambito dell’utilizzo del contributo per diffondere la conoscenza e i valori del mutualismo fra i giovani, la Fondazione ha aderito a “L’Officina dello storico”, un progetto, coordinato dall’Asp Golgi-Redaelli, che valorizza il patrimonio archivistico e storico della CesarePozzo attraverso laboratori didattici con gli studenti, da svolgersi in biblioteca. Al fine di raggiungere un più alto numero di scuole e studenti con un’offerta didattica di qualità, la Fondazione ha anche iniziato a collaborare con un altro soggetto del Terzo settore specializzato nella formazione e da anni impegnato in campagne educative. Sono inoltre allo studio la realizzazione di un museo virtuale della mutualità che, grazie alla rete, consenta di divulgare la ricca storia di persone e valori del mutuo soccorso, nonché l’Inventario di documenti d’archivio, di carattere ferroviario e iconografico, non ancora riordinati.


A

T

T

U

A

L

I

T

À

PRESENTATA A MILANO LA TERZA EDIZIONE DEL LIBRO “IL TORMENTO DI UN’IDEA. VITA E OPERA DI CESARE POZZO 1853-1898”

Un esempio sempre attuale N ell’ambito dell’importante manifestazione culturale di Bookcity Milano 2018, la Fondazione Cesare Pozzo per la mutualità e la Biblioteca dei trasporti e della mutualità Cesare Pozzo hanno presentato la terza edizione della biografia di Cesare Pozzo di Stefano Maggi, professore ordinario di Storia contemporanea all'Università di Siena e presidente della Fondazione. La presentazione si è svolta il 26 novembre scorso presso la sede della Biblioteca di via San Gregorio a Milano e ha visto dialogare il vice presidente della Fondazione, Mario Giaccone, con l'autore sui contenuti del libro. Il libro “Il Tormento di un’idea. Vita e opera di Cesare Pozzo 1853-1898”, che ricostruisce la biografia di Cesare Pozzo, è stato pubblicato per la prima volta in occasione del centenario della morte, nel 1998. A distanza di 20 anni dalla prima stampa, l’esaurimento delle copie ha indotto a pubblicare Nell’ultima edizione del volume, una nuova edizione, in occarivista e anche ampliata alla luce sione del 120° anniversario. dei nuovi documenti, si rivela Oggi gli ideali espressi da ancora di più il ruolo di Cesare Pozzo Cesare Pozzo hanno un come pioniere visionario del futuro grande valore e la Società di mutuo soccorso che porta il suo nome è impegnata a comunicare all’esterno i principi della solidarietà e dell’aiuto reciproco. L’impianto del libro è rimasto lo stesso, ma la digitalizzazione e l’ulteriore inventariazione di fonti archivistiche hanno consentito di aggiungere qualche tassello mancante a quello che si sapeva, o di precisare quello che nelle memorie dell’epoca era impreciso. Della famiglia di origine, ad esempio, non si conosceva niente, a parte l’atto di battesimo, con indicati il padre e la madre (che si era trovato alla parrocchia di Serravalle Scrivia, paese di nascita). Dalle nuove fonti, è emerso che Cesare era il primogenito di 4 figli e che il padre non era

di Stefano Maggi

Stefano Maggi “Il Tormento di un’idea. Vita e opera di Cesare Pozzo 1853-1898”, Milano, Angeli, 2017.

di Serravalle, come si pensava, ma veniva da Viverone, attuale provincia di Biella. Il padre era nato nel 1808, quindi alla nascita di Cesare aveva già 45 anni. Inoltre, non si sapeva che Cesare era andato a Genova con la famiglia da piccolo, all’età di due anni, tanto che fratelli e sorella erano tutti nati a Genova. Da nuove fonti archivistiche digitalizzate si è anche appreso che a Udine Cesare e la moglie ebbero due ulteriori figli, rispetto ai 4 che si conoscevano, purtroppo morti entrambi in tenera età. Questi ulteriori dati hanno indotto a rivedere la parte iniziale del libro, con una più approfondita descrizione delle vicende familiari e dei luoghi dove era cresciuto, cioè la Genova degli anni 1850 e 1860, caratterizzata dal primo sviluppo industriale. Nella nuova edizione, emerge un legame ancora più forte con il mutuo soccorso delle origini, che proprio nel capoluogo ligure ebbe le sue massime espressioni democratiche, e con il pensiero mazziniano. Pozzo era dotato di un’impressionante capacità di lavoro, unita a uno spiccato senso pratico e a una rara lungimiranza. La sua vivacità intellettuale lo spinse ad approfondire varie teorie politiche e sociali, dal mazzinianesimo all’anarchismo, dalle idee “radicali” all’adesione al socialismo di fine secolo. Nella terza edizione del volume, rivista e anche ampliata alla luce dei nuovi documenti, si rivela ancora di più il suo ruolo di pioniere visionario del futuro. febbraio

23

duemiladiciannove

1


a personale qualificato che garantisca continuità assistenziale. A tal fine l’assistenza Oggi e Domani prevede anche assistenza domiciliare diurna e notturna in seguito a ricovero e infortunio; assistenza ospedaliera diurna e notturna in caso di ricovero per malattia e infortunio; assistenza e prestazioni infermieristiche domiciliari in seguito a ricovero. www.insiemesalute.org info@insiemesalute.org

nitarie per 12,7 milioni, CAMPA si conferma ai primi posti nel rapporto di restituzione a favore degli assistiti: supera l’85% dei contributi raccolti e non ha pari tra gli altri player. La riduzione di risorse pubbliche, l’innovazione tecnologica e l’evoluzione degli stili di vita, spingono inevitabilmente alla sanità integrativa e si stima che siano già 12 milioni gli italiani che possono avvalersene con contribuzione aziendale o con adesione volontaria. CAMPA ha rimodulato la propria mis-

R A S S E G N A 25 S T A M P A

a struttura familiare odierna, per ri-

P P

P

rendersi cura dei propri as-

CAMPA è entrata nel panora-

La Mutua sistiti all’avanguardia sanitaria per un futuro dimabenessere anche attraversodell’integrazione la della sanità integrativa col-

tipo a struttura missione, i valori odierna, e logeografi scopo sociale tuali dei propri assistiti quale elemento impreliare, familiare dispersione maggior medicina predittiva conassicurativo. test che lettiva portando la propria vision per ca, rirendersi cura dei propri asCAMPA è entrata nel panoraPer la prima volta una tutela sanitaria il principio della porta qualifi una società di mutuo scindibile della sua mission, per offrire coperdotte cano dimensioni del nucleo famisistiti diagnosticano anche attraverso la precisione ma della sanità integrativa coloccupazione femminile, è soccordifficilmente conPer non profi tea immettendo i valoadando struttura familiare odierna, per rirendersi cura dei asCAMPA è entrata nel panoraso, sostanza solidarietà ture competitive ed erogare rimborsi di spese medicina aperta, l’adesione non è suliare, dispersione geografi ca,alla maggior predittiva conpropri test che portando propria vision informa gradoedi prendersi cura direttamente la predisposizione a sviluppari dilamutualità per costruire un sostegno della lettiva Sclerosi Multipla dotte dimensioni del nucleo sistiti ancheconattraverso la ma della integrativa colbordinata politiche di discritra i soci.del Il reciproco aiuto tra glifamiassistiti, sanitarie in un contesto storico ed economico diagnosticano occupazione femminile, èautosuffi diffi cilmente non profit sanità e welfare immettendo i valomalato non ciente e spesre patologieprecisione oncologiche o acardi comunità, gettando Siglato l’accordo frarilettiva AISM e CesarePozzo liare, geografi ca,contrappone maggior al medicina predittiva con test che portando la propria vision minazione per motivi soggettipica fidispersione nalità mutualistica, si ove la sanità pubblica arretra sempre più. L’e- la in grado disoprendersi cura direttamente predisposizione a consente sviluppadi mutualità costruire un deve necessariamente rivolgersi a diovascolari, di attuare un per ponte intergenerazionale e occupazione femminile, è difficilmente diagnosticano con precisione non profidit ecomunità, immettendo i valolucro che personale caratterizza le ciente compagnie di oassiventuale margine mutualistico non è distribu- re tivi e per individuali, del malato non autosuffi e spespatologie oncologiche o carwelfare gettando esterno (badanti) provveopportune contromisure pre- nè ad alcun intercategoriale tra dipendenti in grado di prendersi cura direttamente la predisposizione a sviluppari di mutualità per costruire un In Italia 118mila persone soffrono di sclerosi multipla. Una questionario curazione. La al differenza sta nello spirito e coito a fine anno, ma è destinato - unitamente ai diovascolari, so deve necessariamente rivolgersi consente di attuare un ponte intergenerazionale e autonomi, dere ricovero affrontando iarelativi venire o contrastare le malattie. anamnestico, aziendali, lavoratori del malatoesterno non autosuffi ciente e spesre patologie oncologicheper o precarwelfare di comunità, gettando malattia da cui ancora nonintercategoriale si guarisce, che tra necessita di familiari. meccanismi invece tipici delnell’essenza dell’attività contributi associativi versati - all’erogazione opportune personale (badanti) ocontraddistinprovvecontromisure dipendenti sti che vanno adche aggiungersi alle spese Ecco una delle ultime frontiere pensionati e loro so deve necessariamente rivolgersi a diovascolari, consente di attuare un ponte intergenerazionale e terapie e servizi appropriati e costosi per essere affrontata gue diaffrontando mutuo soccorso. e al miglioramento, laddove possibile, delle venire o contrastare le strategie assicurative. derelealsocietà ricovero i relativi cole malattie. aziendali, lavoratori autonomi, sanitarie del caso. con cui CAMPA Mutua sanitaria La maggioranza dei Fondi Sapersonale esterno (badanti) o soccorso provveopportune contromisure per preintercategoriale tra dipendenti prestazioni sanitarie e socio-assistenziali a Ecco Inoltre, un ulteriore elemento La Società nazionale di mutuo sti che vanno adauspicando aggiungersi alle spese Ce-rispouna integrativa delle ultimesupporta frontiere pensionati enitari loro familiari. dignitosamente. Il costo annuo della malattia è contrattuali stimato in Pur un’adeguata i Soci per garantisce dere Pozzo al ricovero affrontando i relativi covenire contrastare le sanitaria malattie. aziendali, lavoratori autonomi, vantaggio degli assistiti. e distintivo rispetto sare oltre 144mila iscritti e si oc-e una sanitarie del caso. con cuioCAMPA Mutua La maggioranza Fondi Sa-si è in serviMassimo 5miliardi Piermattei, di Direttore di CAMPA staconta da parte del settore pubblico una qualità della vitavaloriale e della saluassistenza finché euro: 45mila euro per persona che,dei in presenza sti che vannoi nuclei ad aggiungersi alle spese Ecco una delle ultime frontiere pensionati e loro familiari. A differenza di una compagnia di assicurazio- integrativa alle compagnie di assicuracupa, inclusi familiari, di circa Pur auspicando rispoi Soci per nitari contrattuali garantisce maggioreun’adeguata integrazione tra350mila pubblico e tesupporta sempre maggiore. zio. A questo proposito CAMdi una grave disabilità, salgono 84mila euro. dei Fondi Sasanitarie del del caso. attività con qualità cui CAMPA Mutua sanitaria La amaggioranza ne, la Mutua non seleziona il rischio. Applica, una zione è che la Massimo Mutua Piermattei, assi- Direttore assistiti, svolgendo sia di nelmutuo campo delsta da parte pubblico e una soccorso della vita e della saluassistenza fiPA nché silanciando è in Ceservi-una campadi CAMPA privato,settore la società Costituita nel 1958 per garantire sta Partendo da questa consapevolezza, la Mutua sanitaria Pur auspicando un’adeguata rispointegrativa supporta i Soci per nitari contrattuali garantisce tutta la vita al contrario, il principio di inclusione sociale: te sempre assistenza la mutualità su base volontaria sia nell’ambito maggiore integrazione tra pubblico eSalute, ha maggiore. sanitariaste zio. gna A questo proposito fondata nel 1994, Insieme alleper categorie dei il proprio sion diversesare volte, racconta Massimo a favore di tuttiCAMi lavoratori che Pozzo e l’Associazione Italiana Sclerosi Multipla sta fondi da parte del settore pubblico e unanegouna qualitànel della vitaper e della saluassistenza finché si èhanno in serviMassimo Piermattei, Direttore di CAMPA chiunque può iscriversi nel rispetto delle nor- Costituita il qualeaupuò contare dei sanitari integrativi disoccorso origine privato, laideato, società di mutuo garantire PA sta lanciando una campaoltre alle tradizionali forme di liberi1958 professionisti eiscritto, dei lavoratori Piermattei Direttore della Mutua, di che, “quota 100cooper meno” vanno in penelaborato un pacchetto prestazioni specifi le permaggiore integrazione tra pubblico e te sempre maggiore. zio. A questo proposito CAMme approvate dai soci medesimi. Ciò vale an- assistenzatonomi, sull’erogazione dellebasata pre- su ziale, connel i vantaggi fiscali previsti dalha legisla- una fondata 1994, Insieme Salute, sanitariaè alle gna a favore di tutti i lavoratori diverse volte, racconta Massimo assistenza sanitaria integrativa, oggicategorie aperta a dei tutti i sion cittadini sione e sono lasciati ache piedi dal loro solidarietà e reciprocità, privato, la ha società di la mutuo soccorso Costituita nel 1958 per garantire PA sta lanciando campasone colpiteche, da questa patologia senza periodo diuna carenza, Armando Messineo – Presidente Ferdinando Matera – Direttore stazioni sanitarie (per granche per persone colpite da patologie altrimenti tore cheoltre ne sancito funzione sociale. La ideato, alle tradizionali forme di liberi professionisti e dei lavoratori au“quota 100 o meno” vanno in penPiermattei Direttore della Mutua, formula concreta e innovativa per dare con coperture sanitarie sia ad adesio- rappresenta da sempre un’eccellen- fondo sanitario proprio nella fase delfondatainterpreta nel sanitaria 1994, Insieme Salute, ha atassistenza sanitaria alle categorie dei basata sion diverse volte, racconta Massimo gnaerogabili aefavore di tutti i lavoratori che quindi immediatamente in favore degli aderenti. della SNMS Cesare Pozzo Generale della SNMS Cesare Pozzo di interventi chirurgici, visiescluse da ogni forma di copertura sanitaria di Mutua i bisogni e le necessità assistenza integrativa, una tonomi, è oggi aperta a tutti i cittadini su solidarietà e reciprocità, sione sono lasciati a piedi dal loro Insieme Salute è la mano che ti sorregge e ti assiste per tutta la vita, indipendentemente dalle sostegno alle famiglie su cui oggi ricane volontaria, sia collettive rivolte a di- za per il rimborso delle spese sanita- la vita in cui ne hanno più bisogno. ideato, oltre alle etradizionali forme di libericoperture professionisti e deisia lavoratori au- rappresenta “quota 100laoconvenzione meno” vanno incapenPiermattei Direttore della Mutua, lo che, Presentata scorsofondo novembre, avente specialistiche, assistenza formula concreta innovativa dare con sanitarie ad te adesiosanitario proprio nella fase deldanelsempre un’eccellende sanitaria il maggior onere per economico legato pendenti aziendali. Unolasciati dei vantaggi esclusivi rie, garantire il massimale illimitato condizioni di salute assistenza integrativa, una tonomi, è oggi aperta a tutti i domiciliare, cittadini sione einsono a piedi daltraloro di CAMPA basata solidarietà e reciprocità, ecc.) dall’adeInsieme Salute è la mano che ti sorregge e ti assiste per tutta la vita, indipendentemente dalle sostegno alle famiglie su cui oggi ricane volontaria, sia collettive rivolte a di- della la ne hanno più di bisogno. za per il su rimborso delleInterventi spese sanitarattere sperimentale è vita rivolta a cui una platea - quello individuata all’assistenza dei non autosuffi cienti. Con i tassi di invecchiamento poper Grandi Chirurgici, e nel è proprio garantire davvero formula concreta e innovativa per dare con coperture sanitarie sia ad adesiorappresenta da sempre un’eccellenfondo sanitario proprio nella fase delsione sinoaziendali. al decesso.eLaprevisioni Mutua, infatti, non maimettere rece-il massimale de il maggior onere economico legato è stata pendenti rie,potrà nel dei vantaggi esclusivi di CAMPA condizioni di salute le partiillimitato firmatarie -Uno di soggetti colpiti dalla sclerosi mulL’assistenza Oggi eoggi Domani polazione demografi chegarantire a disposizione la rete divita conassistenza per tutta la vita, senza poInsieme Salute è la mano che ti sorregge e ti assiste per tutta la vita, indipendentemente dalle sostegno alle famiglie su cui ricane volontaria, sia collettive rivolte a dila in cui ne hanno più bisogno. za per il rimborso delle spese sanitadere rapporto associativo con l’aderente quando all’assistenza dei nondurante autosuffi Con idal tassi di invecchiamento po- su per proprio quello garantire davvero Grandi Interventisanitarie Chirurgici, eprovince nel eèdiprivate Tutele sanitarie lavoratori autonomi presentata il cienti. convegno patroci- per che ipotizzano un della italiano treanche congarantire venzioni pubbliche liticheedidi discriminazione basegiovani all’età o e alle condizioni di salute. intervento chirurgico o a una malattia tipla delle Milano, Como Monza Brianza. La nei confronti de il maggior oneree economico pendenti aziendali. rie, nel il massimale illimitato Uno dei vantaggi esclusivi di CAMPA condizioni di salute quest’ultimo anziano o malato, anche in forma croL’assistenza Domani è legato stata polazione e diventa previsioni demografi che mettere a disposizione la rete di conassistenza persoggetti tutta la più vita, senza natoOggi dal non Comune “Noi domadi 65 anni nel 2030, è indispensaL’assistenza Oggi ecoltà, Domani prevede e invalidante. che consentono tariffe notevolmente di epoquindi più frasperimentazione sarà fondamentale perdiverifi careanziani equilibri La sfidadidiMilano CesarePozzo perall’età aiutare cittadini in diffi professionisti imprese all’assistenza dei autosuffi cienti. Con ipotizzano iessendo tassipiù di invecchiamento della poper Grandi Interventi Chirurgici, e nel è proprio quello garantire davvero nica, il recesso unicamente una facoltà del socio. presentata durante il convegno patrociche un italiano su tre con base o alle condizioni di salute. venzioni sanitarie pubbliche e private litiche di discriminazione nei confronti intervento chirurgico o a una malattia ni: leOggi sfideedella longevità” organizzato inoltre l’innovativo servizio gratuito di Nell’ottica di un’attività integrativa attrezzarsidemografi con piani di sanità in- a disposizione ed è la per questa funzione sociale ridotte e accesso diretto senza liste di gili, del bile elasostenibilità dellaassistenza collaborazione per strutturare, L’assistenza Domani èdomastata polazione e previsioni che pernonché tutta vita, senza pomettere rete di conScegliere una mutua permette all’assistito di benefi ciare di nato dal Comune di Milano “Noi più di 65 anni nel 2030, è indispensache consentono tariffe notevolmente di soggetti più anziani e quindi più fraL’assistenza Oggi e Domani prevede invalidante. dadurante Insiemeil Salute lo scorso 20 novemtegrativa per sussidiare il SSN,venzioni specie sanitarie che i di contributi associativi sono fiscalreperimento e invio al domicilio intervento di ope- Servizio attesa epubbliche senza anticipo di spesa. AtSanitario con laddove un progetto futuro piùfunzione ampio respiro presentata convegno patrociche tale ipotizzano un italiano su tre con e possibile, private litiche diè discriminazione nei confronti base all’età ohaalle condizioni di salute. chirurgico o aintegrativa unaNazionale, malattia qualifi cate coperture sanitarie integrative a fronte di un contrini: le sfi debre, della longevità” organizzato bile attrezzarsi con piani di sanità inridotte e accesso diretto senza liste di gili, ed per questa sociale inoltre l’innovativo servizio gratuito di Nell’ottica di un’attività del Le nuove forme di tutela sanitaria che CesarePozzo inzie alla collaborazione con Ima Assistance. presso il Politecnico di Milano, con ratori per bisogni scoperti come odontoiatria tualmente è territoriale. impegnata anchedi asoggetti pro- più mente detraibili. Con CAMPA è più fasocio-sanitari e socio-assistenassistenza Insieme Salute intervienato dal Comune di Milano “Noi domapiù diassociativo 65 per anni nel 2030, èSSN, L’assistenza eal Domani prevede che consentono tariffe notevolmente anziani e quindi più frainvalidante. contenuto eindispensafiscalmente parteda Insieme Salute loscientifi scorso 20 del novemtegrativa sussidiare ilsocioassistenziali. specie vantaggioso, reperimento eOggi invio diutilizzato opeattesa e senza anticipo spesa. i contributi associativi sono fiscalSanitario Nazionale, coninsitale trodotto nel 2018 per completare e aumentare le ziali forme di può Sidomicilio è essere poi scelto di offrireServizio un’ulteriore opportunità ai soci che il supporto co Centro Studi e prestazioni muovere tra i di Soci stili Atdidivitache sani, aè per cilequesta programmare insieme il futuro del che anche ne anche negli ambiti cui il buto servizio ni: lepresso sfide della longevità” organizzato bile bisogni attrezzarsi con come piani di sanità in- tualmente gili, eddetraibili. funzione ridotte e accesso diretto senza inoltreesocio-sanitari l’innovativo servizio gratuito di assistenza Nell’ottica diInsieme un’attività integrativa del “La nostraaliste più importante priorità è laCon curaCAMPA del malato cipando direttamente alle scelte strategiche e allaun vita sociale bre, il già Politecnico di Milano, con su per scoperti odontoiatria è impegnata anche promente è sociale piùe faratori e socio-assistenSalute intervieassistenza esistenti si concentrano tre fi gure chiave: il trovano in particolari diffi coltà emotive e organizzative dovute Ricerche Itinerari Previdenziali e del DiLe formule proposte garantiscono in caso di bisogno del genitore del sofavorire la prevenzione delle patologie nostro benessere. pubblico è più carente e garantisce ai Insiemescientifi Saluteco lo del scorso 20 novemper socioassistenziali. sussidiare il SSN, specie muovere attesa e senza anticipo Atche programmare i contributi associativi sono fiscalreperimento e essere invio al domicilio di ope- ne Servizio Sanitario Nazionale, con tale della ilspesa. suo costo”, afferma Armando Messineo, società, tramandando alle generazioni future ilda supporto Centro Studi e ziali etegrativa prestazioni tra i Soci stili non didivita sani, a cile insieme presidenil futuro del chegiovani. può anche anche neglicienti: ambiti in cuiloilspirito servizio partimento di ilElettronica, Informazione ventaglio moltoodontoiatria ampio: ricoveri con un cio iscritto ae utilizzato Insieme Salute. In assistenza questo eèvalido l’invecchiamento attivo degli over 65. www.campa.it suoi soci assistenze domiciliari, ospefamiliare caregiver e i più Un all’assistenza di familiari non autosuffi questo bre,lavoratore presso ilautonomo, Politecnico di Milano, con per bisognidi scoperti come ratori socio-assistentualmente impegnatate anche a promente detraibili. Con CAMPA è più Insieme Salute interviestrumento welfare sociale che opera 141la anni. Ricerche Itinerari Previdenziali e del DiLe formule proposte garantiscono unda oltre favorire prevenzione delle patologie nostro benessere. in casosocio-sanitari di modo bisogno del genitore del sopubblico èdaliere più carente e garantisce ai caso nazionale della CesarePozzo. “Siamo stati ben felici di fae Bioingegneria (DEIB) del Politecnico. o senza intervento chirurgico, visite la Mutua fa fronte alla primaria e infermieristiche in di riprogetto lungimirante, che conferma la bontà della proposta con cui è nata Tutela Caregiver, dedicata ai soci che necessiil supporto scientifi co del Centro Studi e cio e prestazioni socioassistenziali. muovere tra i Sociattivo stili di vitaover sani, a www.campa.it cile programmare insieme il futuro del zialiiscritto che può essereSalute. utilizzato anche suoi ne anche negli ambitidomiciliari, in cui il servizio partimento di Elettronica, Informazione ventaglio molto ampio: ricoveri con a Insieme In questo e l’invecchiamento degli 65. soci assistenze ospestudiare con Aism l’accordo ideale per i bisogni di questa Domani non prevede semed esamiundiagnostici, necessità del Socio dideltrovare una ri- ècovero e poste ricovero. Infatti, data la specialistiche no profiOggi t, oggiepiù che mai l’unica risposta valida alle esigenze tano dialla un primaria orientamento organizzativo, supporto psicologiItinerari Previdenziali e del Di-unamodo formule proposte chirurgico, garantiscono favorire la prevenzione delle patologie nostro benessere. in caso bisogno del genitore so- daliere pubblico più un carente garantisce ai oLe eRicerche Bioingegneria (DEIB) del Politecnico. senza visite ladiMutua faimmediata fronte e infermieristiche in caso di ripatologia, partendo proprio dalle difficoltà che finora hanplice remunerazione in caso di percorsi di prevenzione, riabilitazione una spesso sempre maggior riduzione dei giorni di intervento partimento di Elettronica, Informazione ventaglio molto ampio: ricoveri con e l’invecchiamento attivo degli over 65. www.campa.it cionon iscrittosposta a Insieme Salute. Inancora questo suoiimsoci assistenze domiciliari, ospedella comunità. co etrovare altroad per affrontare alpost meglio il proprio compito. Oggi e Domani non prevede una semspecialistiche ed esami diagnostici, necessità del Socio di una ricovero e ricovero. Infatti, data la autosuffi cienza, ma il rimborsomodo o lala Mutua post infortunio, cure dentarie e molti provvisa condizione di non autosuffi ricovero previstiindal Servizio no riscontrato”. e Bioingegneria del Politecnico. o senza diintervento chirurgico, visite fronte alla primaria daliere emaggior infermieristiche caso di di ri- Sanitario La remunerazione richiesta di (DEIB) tutelare lacaso figura del lavoratore autonomo hafa ad CesarePozzo offre ai soci e ai- propri familiari la possibilità di plice in di non percorsi prevenzione, riabilitazione sposta immediata una spesso imsempre riduzione dei giorni fornitura diretta per assistenza alla per- cienza temporanea o una permanente che e post Nazionale, il paziente dimesso di altri sussidi. Oggi e Domani non semspecialistiche ed esami diagnostici, necessità del Socio di trovare ri-- domiciliare covero ricovero. Infatti, data la prima consentito la realizzazione di una una forma assistenza sanitaria ottenere sanitaria, sostegno psicologico autosuffi cienza, ma prevede il rimborso o la di provvisa post infortunio, cure dentarie e molti condizione non assistenza autosuffi ricovero previsti dal Servizio sona; assistenza infermieristica; tratta- immediata oltre 44.000 assistiti di cui 30.000 interessa ad sédiuna stesso o un imgenitore, ad maggior aver riacquistato laSanitario completa plice remunerazione in caso di non percorsi diCon prevenzione, riabilitazione sposta spesso sempre riduzione dei giorni di autosuffornitura diretta per assistenza alla altri sussidi. cienza temporanea oe seguito permanente Nazionale, ilcienza paziente dimesso prima di dedicata ai liberi professionisti, agliperartigiani, agli imprenditori la possibilità diche accedere aun cicli di terapie psicologiche pres- bisognoso menti fi sioterapici e riabilitativi; acquidipendenti tramite convenzione colletesempio, in a una caduta, a fi e a volte ancora di autosuffi cienza, ma il rimborso o la post infortunio, cure dentarie e molti provvisa condizione di non autosuffi ricovero previsti dal Servizio Sanitario 8 Novembre 2018 assistiti di cui 30.000 sona; infermieristica; tratta- eininteressa oltre 44.000 sé stesso genitore, ad aver riacquistato completa e a assistenza tuttisto/noleggio coloro che esercitano un’attività proprio: Tutela La- oso un le strutture convenzionate dellaprestazioni start-uplaVillage Care. autosuf- puòCon di ausili, presidi tutori; tiva, una raccolta prevista nel 2018 di infermieristiche, avere fornitura diretta pereassistenza alla per- esempio, altri sussidi. cienza temporanea o una permanente che Nazionale, il volte paziente dimesso prima di di dipendenti siglato accordo fra menti fi sioterapici riabilitativi; acquitramite convenzione colletin seguito a caduta, a un fi cienza e a ancora bisognoso voroassistenza Autonomo prevede rimborsi per spese sanitarie caso di Infi ne, genitore, allo scopoad di favorire dei la piùcompleta giovani, è autosufstata privatamente aiuto domestico familiare (anche nel insé 15,8 milioni di di euro erogazioni sala necessità di rivolgersi sona; infermieristica; trattaCon oltre raccolta 44.000 assistiti cui ed 30.000 interessa stesso o un aver l’adesione riacquistato CesarePozzo e AISM. prevista nel 2018 di sto/noleggio di diausili, presidi e tutori; tiva, una prestazioni infermieristiche, può avere esami di alta diagnostica strumentale, alta specializzazione, Tutela per vuoleancora provare per la pricaso necessità di badanti); retta per in seguito asviluppata nitarie per 12,7 milioni,colletCAMPA si conpersonale qualifi cato chedigarantisca menti fisioterapici e riabilitativi; acquidipendenti tramite convenzione esempio, una caduta, a Salute un la fiSmart, cienza e aachi volte bisognoso Roberta Amadeo,Past aiuto domestico familiare (anche nel 15,8 milioni di euro ed erogazioni sa-rapporto di necessità di rivolgersi privatamente la degenza strutture residenziali o per l’area ma volta i vantaggi concreti ferma aiprevista primi nel posti2018 nel continuitàEssa assistenziale. visite specialistiche. Ainpresidi essi si aggiungono i rimborsi di CesarePozzo. offrepuò al nuosto/noleggio di ausili, e tutori; tiva, una raccolta di avere nitarie President e Presidente caso di necessità di badanti); retta per delle per 12,7 milioni, aCAMPA conaprestazioni personaleinfermieristiche, qualifi che garantisca semi residenziali; rimborso restituzione favore si degli assistiti: suA tal ficato neinl’assistenza Oggi e Domani odontoiatrica, i ricoveri ospedalieri e gli interventi chirurgici. Di vo socio un supporto economico per far fronte modo rapido aiuto domestico familiare (anche nel 15,8 milioni di euro ed erogazioni sala necessità di rivolgersi privatamente AISM ai Como Paoloposti nel rapporto di la degenza in strutture residenziali o ferma primi continuità assistenziale. spese per opere di retta adattamento l’85% dei contributi raccolti e non prevede assistenza nitarie domici-per pera caso diresidenziali; necessità di rimborso badanti); per all’area socio sani- e semplice sia all’imprevisto 12,7 milioni, CAMPA si cona personale qualifi cato che garantisca particolare importanza i rimborsi di una o di anche un infortunio Bandiera, Dir. semi dellerelativi a Aff. favore degli assistiti: suA tal fine malattia l’assistenza Oggi e Domani restituzione (eliminazione ha pariposti tra gli altri player. di liare diurna Inoltre, e notturna in ferma seguitoai primi la degenza in strutture residenziali o CesarePozzo, infatti, come anche alle spese sostenute nel rapporto continuità assistenziale. taria:per ildell’appartamento lavoratore che sceglie per la prevenzione. i Gen.l’85% AISM Armando spese opere diautonomo adattamento pera dei contributi raccolti e non prevede anche assistenza domicibarriere architettoniche, Laariduzione di risorse pubbliche, l’innoricovero eeinfortunio; assistensemi rimborso necessaria delle ade-in caso di infortunio soci ricevono una tessera associativa restituzione favore degli assistiti: suA tal finediurna l’assistenza Oggi che aconsente l’accesso può residenziali; accedere all’assistenza Messineo – Presidente dell’appartamento (eliminazione pari tra gli altri player. liare e notturna in Domani seguito ha guamento impianti, domotica); vazione tecnologica deza ospedaliera diurna e notturna spese per opere di adattamento pera l’85% dei contributi raccoltie el’evoluzione non prevede anche assistenzaassistendomicidella SNMSdi CPrisorse pubbliche, l’innobarriere architettoniche, adeLa riduzione a ricovero e infortunio; alle strutture sanitarie convenzionate con CesarePozzo al fi ne sul lavoro ed extra-lavoro. Un vantaggio decisamente imporservizi di teleassistenza. gli vita, spingono inevitabilmente caso di ricovero per malattia dell’appartamento (eliminazione ha pari tra gli stili altridiplayer. liare diurna einnotturna seguito guamento impianti, domotica); vazione tecnologica e l’evoluzione deza ospedaliera diurna einlanotturna di ottenere prestazioni sanitarie a tariffe concordate con rete tante per una categoria che non sempre può benefi ciare delle Dopo l’adesione non el’innosi stima che siaeinfortunio; infortunio;assistenassistenzaLae riduzione pre- alla sanità barrieredi teleassistenza. architettoniche, ade-vi sono lirisorseintegrativa pubbliche, ainricovero servizi stili di vita,dispingono inevitabilmente caso diericovero per malattia gli tantissime altre prestazioni tutele tipiche del lavoro dipendente. In caso di emergenza è e con tempi di attesa ridotti per miti di età ad usufruire dell’asno già 12 milioni gli italianideche possono stazioni infermieristiche domi- tecnologica guamento impianti, domotica); vazione l’evoluzione za diurna e notturna Dopo l’adesione non vi sono li-sanitaria in Italia e all’estero gra- sanitarie. sanità integrativa ee si stima che siae ospedaliera infortunio; assistenza e pre- alla anche garantita l’assistenza e gli aderenti possoavvalersene con contribuzione azienciliari inper seguito a ricovero. servizi di sistenza teleassistenza. gli già stili 12 di vita, spingono inevitabilmente in caso diinfermieristiche ricovero malattia Forum Sistema Salute 2018 Lo staff di CesarePozzo con il giornalista miti di età ad usufruire dell’asmilioni gli italiani che possono stazioni domi- no no rimanere per tutta la dale o con eadesione volontaria. www.insiemesalute.org Dopo l’adesione non viiscritti sono lialla sanità integrativa si stima che siaeciliari infortunio; assistenza e pre- avvalersene Alessandro Cecchi Paone sistenza e gli aderenti possocon contribuzione azienin seguito a ricovero. Lo staff senza penalizzazioni in CAMPA ha rimodulato la propria misinfo@insiemesalute.org mitirimanere di etàvita, adiscritti usufruire dell’asno già 12 milioni gli italiani che possono stazioni infermieristiche domi- dale no per tutta la o con adesione volontaria. www.insiemesalute.org sistenza e glipenalizzazioni aderenti possoavvalersene con contribuzione ciliari in seguito a ricovero. Lo staff vita, senza in CAMPA ha rimodulato la propriaazienmisinfo@insiemesalute.org no rimanere iscritti per tutta la dale o con adesione volontaria. www.insiemesalute.org Lo staff vita, senza penalizzazioni in CAMPA ha rimodulato la propria misinfo@insiemesalute.org

L L

LTC - risposte mutualistiche alla non autosufficienza permanente e temporanea dotte dimensioni del nucleo fami-

L

Società di mutuo soccorso Insieme Salute CAMPA, eccellente start up da 60 anni Mutua sanitaria Cesare Pozzo: la tutela della salute con il reciproco aiuto Società di mutuo Insieme Salute CAMPA, start up sanitaria da 60per anni LTC - risposte mutualistichesoccorso alla non autosuffi cienza permanente e temporanea La Mutua eccellente all’avanguardia dell’integrazione un futuro di benessere Società di mutuo soccorso Insieme Salute CAMPA, eccellente start up Come distinguere una realtà no profit da un’assicurazione privata: nessuna selezione del rischio, principio di inclusione sociale eda della60 portaanni aperta LTC - risposte mutualistiche alla non autosufficienza permanente e temporanea La Mutua all’avanguardia dell’integrazione sanitaria per un futuro di benessere

INFORMAZIONE PROMOZIONALE Speciale PREVIDENZA, MUTUO SOCCORSO E ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA - Realtà Eccellenti Speciale PREVIDENZA, MUTUO SOCCORSO E ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA - Realtà Eccellenti

Lo staff PROMOZIONALE Speciale PREVIDENZA, MUTUO SOCCORSO E ASSISTENZA SANITARIAINFORMAZIONE INTEGRATIVA - Realtà Eccellenti

25 INFORMAZIONE PROMOZIONALE

Riproduciamo, per gentile concessione del giornale “Il Sole 24 Ore”, uno stralcio della sotto riportata pagina 25, pubblicata il 15 gennaio 2019 dal più diffuso quotidiano economico-finanziario italiano, relativa allo “Speciale MUTUO SOCCORSO E ASSISTENZA SANITARIA – Realtà Eccellenti” (Fonte e copyright: “Il Sole 20 Ore”)25

caso di necessità di badanti); retta per la degenza in strutture residenziali o semi residenziali; rimborso delle spese per opere di adattamento dell’appartamento (eliminazione barriere architettoniche, adeguamento impianti, Il Sole 24 Oredomotica); Martedì 15 Gennaio 2019 servizi di teleassistenza. Dopo l’adesione non vi sono liIl Sole 24 Ore Martedì 15 Gennaio 2019 miti di età ad usufruire dell’assistenza e gliMartedì aderenti15 possoIl Sole 24 Ore Gennaio 2019 no rimanere iscritti per tutta la vita, senza penalizzazioni in


A

T

T

U

A

L

I

T

À

REALIZZATO IL CALENDARIO 2019 DELLA MUTUA IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DEL FUMETTO DI MILANO

La CesarePozzo raccontata in un fumetto R accontare le forme di tutela della CesarePozzo con un fumetto. È il progetto protagonista del calendario per il nuovo anno nato dalla collaborazione con la Scuola del Fumetto di Milano con l’obiettivo di rielaborare e raccontare i servizi offerti dalla Mutua attraverso un linguaggio diverso. Ogni fumetto è dedicato a una forma di tutela, per un totale di sei storie: i personaggi si ritrovano tutti insieme sulla copertina del calendario. Le vicende traggono ispirazione da situaSei racconti divertenti zioni di vita comune, come che spiegano con semplicità la gestione di un parente i servizi offerti al socio e rappresentano fragile che necessita di aiuto i valori sui quali si fonda la Mutua pratico e psicologico (Tutela Caregiver); la visita odontoiatrica come l’ablazione del tartaro garantita annualmente dalle forme di tutela previste dai Fondi; un libero professionista in ospedale per un infortunato sul lavoro, aiutato nelle cure grazie a Tutela Lavoro Autonomo o i Sussidi allo Studio erogati annualmente dalla CesarePozzo rappresentati nelle vignette da una gara sportiva tra giovani a simboleggiare le varie tappe del percorso di studi; ancora,

di Cinzia Quaranta

una sala d’attesa per una visita specialistica come quella pediatrica nella quale diversi nuclei familiari come i genitori single, oppure una coppia che ha adottato un bambino, usufruiscono tutti, nella stessa misura, della Tutela Globale. Per la tutela Ima Assistance, invece, si è voluto creare un racconto nel quale un elicottero CesarePozzo giunge in soccorso di un turista all’estero. Per la prima volta, gli studenti della Scuola del Fumetto si sono affacciati al mondo della Mutua interpretandolo con un pensiero creativo e giovane. Il risultato ottenuto: sei racconti divertenti che, attraverso i dialoghi tra i personaggi, spiegano con semplicità i servizi offerti al socio e rappresentano i valori sui quali si fonda la Mutua ossia solidarietà e aiuto reciproco. “La CesarePozzo ci ha permesso di utilizzare la didattica scolastica per un prodotto che sembrava di difficile soluzione - dichiara Giuseppe Calzolari, preside della Scuola del Fumetto di Milano - ma con il supporto altamente qualificato, siamo riusciti a mettere in atto quel rapporto tra scuola/lavoro, di cui si sente tanto parlare, ma poco realizzabile. Il fumetto è un mezzo che esprime molto velocemente, tramite immagini, ciò che si vuole dire. Si presta a qualsiasi situazione, anche per raccontare storie differenti dalle avventure fumettistiche”. “Dal mio punto di vista di sceneggiatrice - afferma Francesca Perifano, sceneggiatrice del progetto - ho trovato il lavoro in sé stimolante grazie ai diversi spunti che mi sono stati offerti per ricreare le situazioni, rese successivamente in vignette dal disegnatore”. “Lo sviluppo del progetto - aggiunge Gilbey Ibarra disegnatore del calendario - è stato inizialmente tortuoso dal punto di vista grafico, avendo dovuto approcciare ad uno stile che non rientra nelle mie preferenze stilistiche. Tuttavia ho cercato di rendere il lavoro rispondente alle richieste della CesarePozzo, ossia di ottenere uno stile più vicino ai fumetti umoristici, trasformando una difficoltà in una grande sfida”.

La copertina del calendario a fumetti febbraio

25

duemiladiciannove

1


A

T

T

U

A

L

I

T

À

INDICAZIONI SUL REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI ASSOCIATIVI PERIODO D’IMPOSTA 2018 (Testo aggiornato al 9 gennaio 2019) Gli Enti del Terzo settore, tra i quali sono ricomprese a pieno titolo le Società di Mutuo Soccorso, dal 3 agosto del 2017, sono alle prese con le novità introdotte dal Codice del Terzo settore (D.Lgs 117/2017). Un testo complesso e ambizioso, tuttavia condizionato dai diversi provvedimenti attuativi ancora in fase di definizione. Di fatto per il completamento della riforma del non profit il percorso è ancora lungo.

REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI ASSOCIATIVI – DETRAZIONE DEL 19% Il legislatore, con il Codice del Terzo settore, ha cercato di riordinare la normativa, sia civilistica che fiscale, dei numerosi Enti che operano nel sociale. In questo contesto la detrazione dall’imposta del 19% dei contributi associativi versati dai soci alle società di mutuo soccorso, prima prevista dall’art. 15 c. 1 lettera i-bis del Tuir, ora è disposta dall’art. 83 comma 5 del Codice. La detrazione compete per importi non superiori a €. 1.300. = (la norma abrogata prevedeva un importo di €. 1.294,14). Di fatto, per i soci delle società di mutuo soccorso, nulla cambia rispetto agli anni precedenti. Per completezza segnaliamo che la nuova norma non prevede espressamente, come in passato, specifiche modalità di versamento dei contributi; tuttavia è necessario utilizzare per il pagamento dei contributi associativi strumenti di pagamento tracciabili (versamento postale, o bancario, carte di debito, carte di credito, carte prepagate, assegni bancari e circolari), ciò è confermato anche dalle istruzioni ministeriali al modello 730, allo stato attuale disponibili in bozza.

IL MODELLO 730 PRECOMPILATO Il modello 730 precompilato, ossia la dichiarazione contente i dati fiscali dei contribuenti in possesso dell’Amministrazione finanziaria, è stata introdotta per la prima

febbraio

1

26

duemiladiciannove

volta nel 2015. Si tratta, pertanto, del quarto anno di esercizio, durante i quali il sistema gestito dall’Agenzia delle entrate è stato notevolmente implementato. In estrema sintesi, entro il 15 aprile di ogni anno, l’Agenzia delle Entrate rende disponibile telematicamente ai soggetti che hanno i requisiti per poter presentare il Mod. 730, la dichiarazione precompilata relativa ai redditi prodotti nell’anno precedente. Dichiarazione che può essere accettata o modificata. In questo contesto le società di mutuo soccorso sono obbligate ad inviare all’Agenzie delle Entrate, ai fini del 730 precompilato, i contributi associativi pagati dai soci e le spese mediche rimborsate.

LA VERIFICA DEI DATI CONTENUTI NEL MOD. 730 PRECOMPILATO Ricordiamo brevemente che il contribuente è comunque obbligato a modificare le informazioni errate contenute nella dichiarazione proposta dall’Agenzia delle Entrate prima di procedere all’invio, oppure successivamente mediante Mod. 730 integrativo (o Unico correttivo nei termini o integrativo).

SPESE MEDICHE RIMBORSATE Per quanto riguarda le spese mediche sostenute dal contribuente occorre preliminarmente osservare che le stesse sono fiscalmente suddivise in due grandi categorie, in relazione al relativo regime fiscale, in particolare: a) Spese mediche che configurano un onere deducibili dal reddito imponibile (art.10 c. 1 lettera b del Tuir); si tratta delle spese mediche e di assistenza specifica a favore dei portatori di handicap. b) Spese mediche, diverse dalle precedenti, per le quali il contribuente può usufruire di una detrazione d’imposta del 19 per cento per la parte che eccede 129,11 euro delle spese stesse.


A

La norma richiede che tali spese, per essere indicate nella dichiarazione dei redditi, siano sostenute dal contribuente, ossia pagate direttamente dallo stesso. Si considerano, per altro, sostenute del contribuente anche le spese rimborsate a fronte di contributi o premi per i quali non spetta la detrazione d’imposta, oppure non siano detraibili dall’imponibile. Per esempio le spese rimborsate in forza di polizze sanitarie di origine assicurativa. Pertanto, le spese mediche rimborsate dalle società di mutuo soccorso non possono essere indicate quali oneri detraibili nella dichiarazione dei redditi dei soci, in quanto sia i contributi associativi che i contributi versati ai fondi sanitari integrativi sono agevolati. Ovviamente, è detraibile, nei limiti sopra ricordati, la parte della spesa non rimborsata.

CASI PRATICI In presenza di spese mediche rimborsate, i soci si possono trovare in due situazioni: a) Spesa sostenuta in periodo d’imposta e rimborsata dalla nostra Mutua nello stesso anno. In questo caso la detrazione compete esclusivamente per la parte non rimborsata; b) Spesa sostenuta in un periodo d’imposta e rimborsata dalla nostra Mutua in un periodo d’imposta successivo. In questo caso il contribuente può indicare l’intera spesa sostenuta nella dichiarazione dell’anno in cui ha sostenuto la spesa medica, mentre dovrà indicare, nella dichiarazione dei redditi dell’anno in cui ha avuto il rimborso, lo sgravio da assoggettare a tassazione separata. Di fatto, nella dichiarazione relativa al periodo d’imposta in cui è avvenuto il rimborso, il contribuente dovrà “restituire” in tutto o in parte lo sgravio, compilando il quadro del modello unico o 730 relativo agli oneri rimborsati (nel modello 730/2018 quadro D sezione II).

T

T

U

A

L

I

T

À

Ovviamente il contribuente, per ovviare a tale incombenza, può indicare fin da subito le spese mediche al netto dei rimborsi ricevuti negli anni successivi (Risoluzione 8 marzo 2007, n.35/E).

ASPETTI DICHIARATIVI DEI CONTRIBUTI ASSOCIATIVI (MODELLO 730/2018) I contributi associativi versati alle società di mutuo soccorso devono essere indicati nel modello 730 nel quadro E - ONERI E SPESE - SEZ. I e più precisamente nei righi da E8 a E10, indicando il codice 22 - Erogazioni liberali alle società di mutuo soccorso.

FONDI SANITARI INTEGRATIVI - ART. 9 D. LGS 502/92 Ricordiamo, brevemente, che per i Fondi sanitari integrativi del Servizio Sanitario Nazionale, disciplinati dall’art. 51 del DPR 917/86 (fondi sanitari di origine aziendale), occorre prestare una particolare attenzione a quanto indicato dal datore di lavoro nella Certificazione Unica (CU). Tali contributi sono, infatti, interamente detassati fin dall’origine per importi non superiori a €. 3.615,20. Valentino Mondellini

AVVERTENZA: Le indicazioni sopra riportate non escludono la completa conoscenza delle leggi e delle norme collegate vigenti in materia e la personale ed esclusiva responsabilità dei soci e dei lettori della loro corretta applicazione.

febbraio

27

duemiladiciannove

1


A

T

T

U

A

L

I

T

À

I NUOVI SERVIZI DIGITALI DELLA TESSERA 2019 In arrivo a casa dei soci le tessere CesarePozzo. Si tratta della tessera associativa per l’anno 2019, uno strumento indispensabile nella vita mutualistica di ogni socio che, da quest’anno, è stato decisamente rinnovato sia nell’immagine, sia nella funzionalità. Con la nuova card gli associati alla Mutua potranno accedere a tutte le strutture sanitarie convenzionate con Fondo Salute, partner di CesarePozzo (oltre 3.000 tra cliniche, istituti di cura, etc.), e a quelle gestite dal Consorzio Mu.Sa. L’obiettivo della Mutua è agevolare il più possibile l’iter delle richieste di sussidio e di rimborso; ciò, al fine di evaderle nel modo migliore e in tempi più celeri, a vantaggio di una proficua gestione complessiva. A questo proposito - per chi ancora non l’avesse fatto - è fondamentale registrarsi nell’area riservata di CesarePozzoxte: accedendo all’indirizzo www.cesarepozzoperte.it, oppure leggendo

il QrCode stampato sul retro della tessera 2019 direttamente dallo smartphone, ogni socio potrà rendere ancor più semplice e immediato il suo rapporto con la CesarePozzo. La registrazione, infatti, consentirà a chiunque ne abbia titolo di usufruire gratuitamente di tutti i nuovi servizi digitali della Mutua e di avere in tempo reale informazioni complete sullo stato delle sue pratiche, opportunità che la CesarePozzo ha recentemente implementato per rendere ancor più immediato l’accesso alle prestazioni. Tutto quello che serve sapere sulle forme di assistenza e sulle attività della Mutua, infine, sarà comunque a disposizione sul sito www.mutuacesarepozzo.it. Come sempre, in caso di ritardo nella consegna la tessera sarà scaricabile on-line dall’area riservata CesarePozzoxte, oppure direttamente dall’app di riferimento. Qualora ci fossero aggiornamenti circa i dati contenuti sulla tessera recapitata, il socio potrà chiederne la rettifica alla sede regionale di riferimento o alla mail dedicata: adesioni@mutuacesarepozzo.it. Alberto Gaffuri

ANTONIO MEGALIZZI: UNA VITA SPEZZATA Lutto nella famiglia della Mutua per il terribile assassinio di uno dei suoi figli. Antonio Megalizzi, 29 anni, giovane reporter italiano, appassionato e innamorato dell'Unione Europea, ucciso in seguito al vile attentato terroristico dell’11 dicembre 2018 a Strasburgo, era figlio del nostro socio Domenico, “Tecnico della manutenzione” di Rfi a Rovereto. Ispirato Antonio Megalizzi dai valori “della mutualità e della solidarietà” del papà Domenico e della mamma Annamaria, Antonio, con il “sogno” del giornalismo, svolgeva l’attività di reporter universitario tra l’Italia e Strasburgo. La morte di Antonio, vittima di questo assurdo attentato terroristico, ha destato “un

diffuso sentimento di commozione” nel nostro Paese e soprattutto nella comunità mutualistica del Trentino Alto Adige. Ancora più toccante e dolorosa è la scomparsa di Antonio alla luce del racconto di Pietro Toller, ex presidente regionale del Trentino Alto Adige, che ha ricordato quando il papà Domenico gli aveva presentato “orgogliosamente” il figlio Antonio al termine di una manifestazione di consegna dei sussidi allo studio nel corso della quale anche Antonio era stato premiato. Un forte abbraccio fraterno al papà Domenico, alla mamma Annamaria, alla sorella Federica e alla fidanzata Luana da parte dei Consiglieri di amministrazione, del Direttore generale, dei Consiglieri regionali, dai collaboratori e dei dipendenti della regione Trentino Alto Adige. Giuliano Girotto

"NON AUTOSUFFICIENZA" E "SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI" Due gli incontri promossi a novembre a Bologna e a Firenze dalla CesarePozzo e dedicati a diversi operatori e specialisti di settore. A Bologna il 29 novembre si è svolto, in occasione del “Forum della Non Autosufficienza”, il workshop organizzato dalla CesarePozzo e VillageCare Srl dal tema “L’esercito dei figli caregiver in Italia e la spesa privata. Chi sono e cosa chiedono per i propri genitori anziani. Gestori, istituzioni e aziende sono pronti?”. Jennifer Della Lucia e Paola Casalino, project manager e co-founder della start-up VillageCare Srl, hanno esposto agli addetti al settore gli elementi fondamentali della collaborazione con la CesarePozzo e i vantaggi della nuova forma di assistenza aggiuntiva Tutela Caregiver. L’obbiettivo della Mutua, con la nuova prestazione, è garantire un sostegno, psicologico e non solo, a chi vive quotidianamente le difficoltà derivanti dall’assistenza ai familiari non autosufficienti. Oltre 50 i partecipanti: esponenti di associazioni professionali e di volontariato, assistenti sociali, operatori socio-sanitari, psicologi, educatori professionali che operano nell’ambito della disabilità e della non autofebbraio

1

28

duemiladiciannove

sufficienza. Lo scorso 28 novembre a Firenze, invece, in occasione del “Forum Risk Management in Sanità”, la CesarePozzo ha promosso il convegno dal titolo “Innovazione e sostenibilità dei sistemi sanitari. Siste- Paola Casalino e Alessio Arpaia mi Sanitari Europei a confronto” al quale hanno preso parte, tra gli altri, il presidente Armando Messineo e Laurent Magnant, presidente della Commissione Europa e Internazionale di Union Harmonie Mutuelles. Un’occasione per analizzare le attività dei nostri partner europei e al tempo stesso sottolineare la concreta alternativa che un modello come quello della Mutua sanitaria Cesare Pozzo offre ai cittadini in Italia. Alessio Arpaia


A

T

T

U

A

L

I

T

À

CERTIFICAZIONI PER I SOCI Come ogni anno, a partire dal prossimo 15 marzo, tutti gli assistiti della CesarePozzo potranno scaricare dalla loro area riservata in Cesarepozzoxte, le certificazioni dei contributi versati e dei sussidi ricevuti nell’anno 2018. Come è noto, per quanto riguarda le certificazioni dei contributi associativi versati, vige, come da disposizioni di legge, il principio di cassa. Pertanto i soci che hanno versato i contributi a mezzo bonifico bancario o postale, bollettino di conto

corrente postale oppure addebito diretto in conto corrente (rid) avranno la certificazione delle somme versate dal 1° gennaio al 31 dicembre 2018, a prescindere dall’anno di competenza dei contributi (contributi versati nel corso del 2018, ma relativi al 2017 oppure contributi versati sempre nell’anno 2018, ma relativi al 2019). Per tutti gli assistiti che versano i contributi associativi a mezzo trattenuta sul proprio ruolo paga, saranno certificate le mensilità

effettivamente versate dalla propria azienda durante l’anno 2018. Quindi qualora il socio abbia avuto la trattenuta a ruolo, ma la propria azienda non ha provveduto a versare le somme alla CesarePozzo, non sarà possibile emettere la certificazione. Nel caso in cui le aziende in ritardo coi versamenti provvedano anche in un periodo successivo a sanare gli scoperti dell’intero anno, i soci potranno richiedere la propria certificazione. Sara Pigliapoco

CESAREPOZZO PREMIA IL POLIZIOTTO DANILO BIGNONE L’assistente capo di Monza Danilo Bignone è intervenuto in soccorso di un 55enne in treno picchiato da un gruppo di ragazzi. La Mutua sanitaria Cesare Pozzo non poteva rimanere indifferente di fronte ad un fatto di cronaca così grave e, di contro, ad un gesto così solidale come quello compiuto lo scorso 30 novembre dal poliziotto Danilo Bignone. Il fatto è accaduto nei pressi di Monza quando, in un treno affollato, un gruppo di ragazzi ha picchiato un 55enne di Arcore perché li aveva invitati a non sdraiarsi sui sedili. L’aggressione ha generato il panico tra la gente in fuga dal vagone. L’assistente capo Danilo Bignone era fuori servizio, ma non ha esitato ad intervenire in soccorso dell’uomo, riuscendo a fare arrestare tre persone. Ritenendolo un esempio virtuoso per la comunità, la Società di mutuo soccorso Cesare Pozzo ha voluto dare valore al gesto del poliziotto: il 18 dicembre scorso, nell’ambito di un incontro organizzato con il Dopolavoro Ferroviario di Milano, il presidente nazionale Armando Messineo ha consegnato all’assistente capo, originario di Palermo, Danilo Bignone una pergamena come simbolo di riconoscenza, conferendogli inoltre gratuitamente una copertura sanitaria. “È stato il nostro modo per dirgli grazie attraverso azioni concrete - afferma Armando Messineo -. Il gesto dell’assistente capo Danilo

Bignone è un esempio per tutti noi e rappresenta i principi su cui si fonda l’operato della nostra Mutua: solidarietà e aiuto reciproco”. Il presidente del Dlf Pino Tuscano ha sottolineato l’impegno dell’associazione nel promuovere la cultura della legalità e la cura dei treni e delle stazioni, del viaggiatore e dei ferrovieri. La Mutua sanitaria Cesare Pozzo ha condiviso con il Dlf la volontà di diffondere il senso civico come valore primario di ogni comunità che inizia dalle scuole per arrivare al rispetto delle infrastrutture ferroviarie e dei cittadini. Cinzia Quaranta

Pino Tuscano, Armando Messineo, Danilo Bignone, Emanuele Andreoni

ASSISTENZA GRATUITA PER LE EMERGENZE La CesarePozzo continuerà anche nel 2019 ad offrire gratuitamente ai propri soci ordinari, iscritti alle forme di assistenza base, l’assistenza in caso di emergenze sanitarie in Italia e all’estero; in particolare si tratta di prestazioni di assistenza medica (quali per esempio la consulenza medica telefonica, invio di un autoambulanza in Italia, invio di medicinali all’estero, rimpatrio sanitario dall’estero, viaggio di un familiare, rientro anticipato, ecc.), di assistenza a domicilio in Italia (quale per esempio l’assistenza infermieristica e fisioterapica post-ricovero, consegna farmaci presso l’abitazione, servizio spesa a casa, collaboratrice familiare, invio baby-sitter, custodia animali, ecc.), servizi di infocenter (quali

per esempio le informazioni sanitarie e farmaceutiche, informazioni di medicina tropicale, segnalazione Centri diagnostici privati e Centri Specialistici, prenotazione autovettura a noleggio). Inoltre la copertura per i soci ordinari comprende anche le prestazioni per emergenze tecniche nella propria abitazione in Italia (fabbro, elettricista, ecc.). Basterà fare una telefonata al numero verde 800 332577 (dall’estero: 0039 02 24128375), in funzione 24 ore su 24, dell’attuale partner Ima Italia per ottenere i predetti servizi di assistenza. Tutte le condizioni della convenzione attualmente in vigore con il partner fornitore delle prestazioni sono visionabili e scaricabili dal sito www.mutuacesarepozzo.it. I.T.

AD ALESSANDRIA SI DÀ “SPAZ...IO” ALLA DISABILITÀ ziativa ha avuto anche il supporto di Fondazione SociAL, dell’Associazione Nazionale Dlf e di Banca Prossima, oltre al patrocinio del Comune di Alessandria. Lo spettacolo, che ha coinvolto persone con disabilità e minori afflitti da varie problematiche, si è ispirato al racconto “Alice nel paese delle meraviglie”. Il titolo della pièce “Cosa essere tu…?!” è infatti la battuta che il Brucaliffo rivolge ad Alice, piombata in un mondo in cui nessuno la riconosce poiché è “diversa” dai fantastici personaggi che lo abitano. Una metafora dunque, di ciò che avviene nella la vita reale di chi ogni giorno vive le difficoltà dell’integrazione in un tessuto sociale che non li riconosce per ciò che sono, ossia persone. Alessandra P. Giordano

29

febbraio

L’emarginazione è la più grave forma di aridità morale che gli uomini possano applicare tra di loro e l’impegno della CesarePozzo è operare affinché ciò non accada. Ne è un esempio il progetto teatrale-didattico nato nel giugno 2018 “Cosa essere tu…?!”, creato dall’associazione “Teatro nello Spaz...IO”. Lo spettacolo conclusivo del progetto si è tenuto il 19 dicembre scorso al Teatro Ambra di Alessandria ed è stato organizzato grazie all’impegno della sede regionale Piemonte della CesarePozzo, del Dlf Alessandria-Asti e delle associazioni Cissaca, Centro Diurno “Martin Pescatore” (Codess), Centro Accoglienza Disabili di San Giuliano (Anteo), R.I.S.S. di Sant’Agata Fossili (Interactive s.c.s), I.C. Galilei (classe 5^B Villaggio Europa), Scuola media Manzoni (classe 3^ Archimede). L’ini-

duemiladiciannove

1


A

T

T

U

A

L

I

T

À

NOTIZIE DALLE SEDI NUOVI RECAPITI TELEFONICI Cuneo: il numero di telefono 3382098297 non è più attivo. Il nuovo numero è 3202842935. Sora: il nuovo numero di telefono è 3316128880.

in Piazza Marconi, 12 - stazione Fs - presso la sede del Dopolavoro ferroviario. È aperto il lunedì dalle 15 alle 17 (telefono 0266726410, fax 0266726414).

NUOVO SPORTELLO SOLIDALE Pavia: il nuovo Sportello solidale si trova presso il Piazzale della Stazione Fs (adiacente a Metropark). È aperto il lunedì dalle 10 alle 12 (telefono 0266726410, fax 0266726414).

DATE E ORARI PROVVISORI DI APERTURA Civitavecchia: da febbraio ad aprile 2019 lo Sportello solidale sarà aperto dalle ore 15 alle 17 solo nei seguenti giorni: mercoledì 13 febbraio, martedì 19 febbraio, venerdì 15 marzo, venerdì 22 marzo, mercoledì 3 aprile, martedì 9 aprile.

TRASFERIMENTO SEDE Bergamo: lo Sportello solidale di via Autostrada, 3 si è trasferito

CHIUSURA SPORTELLO SOLIDALE Avellino: lo Sportello solidale non è più attivo.

a cura di Mara Albertini NASCITE Mamma Anna Mellucci, dipendente della sede nazionale, e papà Giovanni Lavagna annunciano lieti la nascita di Paolo. Felicitazione da parte del Consiglio di amministrazione, del Direttore generale e dei colleghi della CesarePozzo. “La famiglia è dove la vita inizia e l’amore non finisce mai!!”: papà Rocco Fiore mamma Carla Dell’Olio, i fratellini Giovanni e Lorenzo, i nonni, gli zii e i cuginetti sono lieti di annunciare la nascita della piccola Miriana. Auguri da parte del Cr Puglia e Basilicata. Auguri vivissimi da parte del Cr Toscana e dallo Sportello solidale di Arezzo al papà Dany Franci, nostro socio, ed alla mamma Valentina Occhino per la nascita della figlia primogenita Emma. Felicitazioni anche ai nonni materni e paterni ed in modo particolare al nonno Enzo, socio delle CesarePozzo da oltre trent’anni.

febbraio

1

30

duemiladiciannove

Renzo Cigagna e la moglie Laura Giorgini annunciano lieti la nascita del nipote Samuele. Felicitazioni ai nonni e ai genitori da parte di Pierpaolo, Loredana, Alessia e dal Cr Lombardia. ALLORI Papà Gian Piero e mamma Roberta si congratulano e augurano una brillante carriera al neo dottore Alberto Melis per aver conseguito presso l’Università di Cagliari la laurea in Medicina e chirurgia con la votazione di 110 e lode con menzione speciale e abbraccio accademico. Presso la Facoltà di Giurisprudenza di Bari si è laureata Ilaria Barone con votazione di 110 e lode e plauso della commissione esaminatrice di Giurisprudenza di Impresa. Auguroni alla neo dottoressa dal papà Ivan, nostro socio, dalla mamma Isabella, dai nonni Francesco e Marian e dal Cr Puglia e Basilicata.

PENSIONAMENTI Il socio macchinista Saverio Sergi del Deposito Locomotive di Reggio Calabria da gennaio 2019 è in pensione e saluta con grande affetto gli ex colleghi. Iscritto alla CesarePozzo dal momento dell’assunzione Sergi continuerà a fare parte della Mutua anche durante la vita da pensionato. La CesarePozzo Calabria augura al socio Saverio Sergi un meritato pensionamento che gli permetterà di dedicarsi alla sua famiglia e ai suoi hobbies. PER NON DIMENTICARE È mancato all’affetto dei suoi cari Salvatore Mariani, conosciuto dagli amici come “Tore”, che è stato presidente regionale della CesarePozzo in Sardegna dal 1985 al 1988. Il Consiglio di amministrazione, il Cr, le dipendenti e i collaboratori lo ricordano con affetto e stima e si uniscono al dolore dei familiari rinnovando le più sentite condoglianze.

Ci ha lasciato Umberto Luzzitelli. Rimane il ricordo indelebile della lunga attività svolta con grande dedizione e senso del dovere di rappresentante della CesarePozzo nel Presidio di Civitavecchia. Il Cr Lazio, le dipendenti ed i collaboratori lo ricordano con grande affetto e porgono ai familiari le più sentite condoglianze. È venuta a mancare Angela Pauletti, madre di Paolo Sartori, vicepresidente vicario del Cr Friuli Venezia Giulia. Vicini a Paolo in questo triste momento sono il Consiglio di amministrazione, il Cr ed i collaboratori che esprimono le più sentite condoglianze. È mancato all’affetto dei suoi cari Marco Bigliazzi, dipendente del Trasporto Ferroviario Toscano. Il Cr della Toscana, lo Sportello solidale di Arezzo e i colleghi, si uniscono al dolore della madre ed esprimono le più sentite condoglianze.

Il Cr Toscana, gli Sportelli solidali di Siena ed Arezzo, porgono le più sentite condoglianze ai familiari per la perdita del caro Marco Civai, socio pensionato Tiemme molto apprezzato dai colleghi e dai soci. È prematuramente scomparso, per un incidente sul lavoro, il socio Piero Bruni, molto stimato e conosciuto nella città di Arezzo. Il Cr Toscana, gli addetti dello Sportello solidale si uniscono attorno al profondo dolore della moglie e dei figli, inconsolabili per la grave perdita. Per la prematura scomparsa della nostra socia Lucia Vidoz, il Cr Friuli Venezia Giulia ed i collaboratori porgono le più sentite condoglianze ai familiari.

Tutte le segnalazioni per la rubrica “La Piazza” e i “Ringraziamenti” devono essere sottoscritti dal socio o da un familiare avente diritto e inviati alla sede regionale di competenza che, dopo le verifiche del caso, curerà il successivo inoltro alla redazione de Il Treno.


60125 ANCONA Via G. Marconi, 227 07143437 Fax 0712149015  lunedì e giovedì 15-18 martedì, mercoledì e venerdì 8.30-12.30

60019 SENIGALLIA Via Bonopera, 55 3333446461  giovedì 16.30-18.30

MOLISE

86100 CAMPOBASSO Via Garibaldi, 67/69 0874482004 Fax 0874494098  da lunedì a venerdì 8.30-13 martedì e giovedì 15-16.30

PIEMONTE VALLE D’AOSTA

10128 TORINO Via Sacchi, 2 bis 011545651 Fax 0115189449  lunedì, martedì e giovedì 9-12.30/14.30-17 venerdì 9-12.30

15100 ALESSANDRIA Stazione Fs c/o Dlf 0131252079 95932440  lunedì e venerdì 9-10.30­

☎ ☎

11100 AOSTA Via Xavier de Maistre, 36 c/o Il Focolare Congregazione Suore San Giuseppe 3756242945 3200462242 3475469064  martedì 9-12 giovedì 15-18

28041 ARONA Via Largo Duca di Aosta, 1 c/o Dlf e Fax 0322240270 3395073994  martedì e venerdì 10-12

☎ ☎

12100 CUNEO Via XXIV Maggio c/o Dlf 0171690458 3202842935  martedì e venerdì 10-12

☎ ☎

28845 DOMODOSSOLA (VB) Piazza Matteotti, 20 3348475377 3387504467  martedì 10-13 gli altri giorni su appuntamento telefonico

74100 TARANTO Via Lago di Como, 9 c/o Comitato UNICEF 3397012878  martedì e giovedì 16-18 venerdì 9.30-12

98123 MESSINA Via La Farina, isol. 278 090770119 Fax 0266726636  lunedì e venerdì 9-13 mercoledì 11-12.30/ 14-17

28100 NOVARA Corso Trieste, 6/A 0321612583  martedì e venerdì 9.30-11.30

SARDEGNA

91100 TRAPANI Piazza Ciaccio Montalto c/o Autostazione Ast Stazione Fs 092323222 3200131500  lunedì, mercoledì e venerdì 10-12

☎ ☎

10043 ORBASSANO Via Giolitti, 6 3381927025  martedì 16-18

PUGLIA

70122 BARI Via Beata Elia di San Clemente, 223 0805243662 0805730206 Fax 0805211661  lunedì, martedì, giovedì e venerdì 9-13 mercoledì 15-17

☎ ☎

70051 BARLETTA Via Monfalcone, 62 0883534139  martedì e giovedì 10-12

72100 BRINDISI Via San Giovanni Bosco, 6/A 3387369045  martedì e mercoledì 17-19 giovedì 10-12

71121 FOGGIA Via Campanile, 11 0266726558 Fax 0266726559  martedì, mercoledì e giovedì 10-12.30 mercoledì 15.30-17.30

73013 GALATINA (LE) Via Michele La Porta, 8 bis c/o Caaf Cgil 3332423085  giovedì 17-18

73100 LECCE Via Delle Anime, 16/A 0832244865  mercoledì e venerdì 10-12 giovedì 16-18

07100 SASSARI Corso Vico, 2 079236394 Fax 0792010241  lunedì, martedì e giovedì 9-12 mercoledì 15-18 venerdì solo su appuntamento

09100 CAGLIARI Via Mameli, 47 e Fax 070658418  lunedì 15-18 da martedì a giovedì 9-12 venerdì solo su appuntamento

09013 CARBONIA Via Roma c/o Craal Arst ex Fms  martedì e venerdì 9-12 07026 OLBIA Via Salvatore Fera, 3/A 07891840854  lunedì e venerdì 10-12

09170 ORISTANO Via Sardegna, 126  mercoledì 16.30-18.30 giovedì 10.30-12.30

SICILIA

90133 PALERMO Via Torino, 27/D 0916167012 Fax 0916177524  da lunedì a giovedì 9-12.30/15-17 venerdì 9-12.30

92021 ARAGONA (AG) Via Giacco Calleja, 14 Su appuntamento 3450814320

93100 CALTANISSETTA Piazza Roma, 28 3683746676 Fax 0934554850  martedì e giovedì 10-12

95131 CATANIA Via Pietro Mascagni, 45/B (a fianco della sede INPS) 095530113  lunedì e mercoledì 9-12 martedì 9-13 giovedì 14-17

☎ ☎

TOSCANA

50123 FIRENZE Via degli Orti Oricellari, 34 055211806 Fax 055296981  lunedì e mercoledì 9-12.45/14-17.45 martedì, giovedì e venerdì 9-12.45

52100 AREZZO Piazza della Repubblica, 2c c/o Dlf 0575401054  lunedì 10.30-12.30 mercoledì 16-18

57023 CECINA

☎ 3453665493 53043 CHIUSI Piazza Dante Interno stazione FS 3466318128  venerdì 9-11

57021 LIVORNO

☎ 3453665493

55100 LUCCA Viale Camillo Benso Cavour, 123 c/o Dlf 0583999923 3477663120  giovedì 15.30-17

☎ ☎

54100 MASSA CARRARA 3288699905 solo su appuntamento ­­ 56100 PISA c/o Binario 1 stazione Pisa Centrale lato tronco Ovest 0583999923 3477663120  martedì 9.30-12

☎ ☎

51100 PISTOIA Piazza Dante Alighieri, 1 c/o Dlf 057322637  martedì 16.30-18.30

TRENTINO ALTO ADIGE

39100 BOLZANO Piazza Verdi, 15 int. 4 0471300189 Fax 0471309589  lunedì 13.30-17.30 da martedì a venerdì 9-12

39012 MERANO SINIGO Via Nazionale Sinigo, 59 c/o Memc 3472303868  mercoledì 16-18

38100 TRENTO Via Andrea Pozzo, 4 c/o Atrio Stazione Autocorriere 0461233437  lunedì e venerdì 9-12 mercoledì 14.30-17

UMBRIA

06034 FOLIGNO Via Nazario Sauro, 4/B 0742342086 Fax 0742349043  lunedì 15.30-18.30 mercoledì e giovedì 9-12

le nostre sedi

MARCHE

VENETO

☎ telefono ☎ telefono FS

30175 MARGHERA (VE) Via Ulloa, 5 041926751 Fax 0415387659  lunedì 14.30-17.30 da martedì a venerdì 9-12

 orari

35100 PADOVA Via Jacopo D’Avanzo, 4 c/o Dlf e Fax 0498763815  lunedì e mercoledì 9-13

31100 TREVISO Piazzale Duca d’Aosta presso CRA ACTT (edificio biglietteria ACTT c/o Bar 1° piano) 041926751 Fax 0415387659  secondo martedì di ogni mese 8-11

37138 VERONA Via Adriano Cristofoli, 35 3889357771 3346734663  lunedì 8.30-12.30 martedì 14-18

☎ ☎

36100 VICENZA Viale Venezia, 14/B Stazione Fs c/o Sala Rsu 3400766881 su appuntamento

53100 SIENA Piazzale F.lli Rosselli, 17 3488308759  lunedì 16-18

febbraio

31

duemiladiciannove

1

di apertura al pubblico


Pagina a cura dell’Ufficio Comunicazione CesarePozzo Messaggio con finalità divulgative. Prima della sottoscrizione leggere attentamente i Regolamenti delle forme di assistenza ed i relativi allegati.

IL TRENO

Periodico della SocietĂ nazionale di mutuo soccorso Cesare Pozzo- 20124 Milano - Via San Gregorio 48 - registrazione del tribunale di Milano al n. 159 del 13.4.1979

In caso di mancato recapito inviare al CMP/CPO di Milano Roserio per la restituzione al mittente previo pagamento resi

Profile for Mutua Cesare Pozzo

IL TRENO 1_2019_web  

IL TRENO 1_2019_web