Page 1

. IT Musica & altri percorsi | La prima non-rivista che sceglie il meglio - www.musicletter.it - Anno VI - Update N. 70

INTERVISTA

DAMON & NAOMI MUSICA THE ALBUM LEAF, SAM AMIDON, SCREAMING LORD SUTCH, TUXEDOMOON, COREY HARRIS, THE CURE, EELS, THE HOTRATS, GET WELL SOON, THE DOMNICKS, PARENTHETICAL GIRLS, THE WARLOCKS, THE KILLERS, JEAN BINTA BREEZE, RICKIE LEE JONES, EVY ARNESANO, AA.VV. (CANTANO ANDREA PARODI), ROSE TATTOO, JOHNNY CASH, LUCIO BATTISTI, SAMBASSADEUR, THEE SILVER MT. ZION MEMORIAL ORCHESTRA, L.A. GUNS, MANIC STREET PREACHERS, THE RECORD S, CALIBRO 35, FRANCO BATTIATO, GYPSY PISTOLEROS, BAUHAUS, BEASTS OF BOURBON, EDOARDO BENNATO, SIN ROPAS, KING KURT, MELVINS, GORILLAZ, MOTORPSYCHO, DEXTER JONES CIRCUS ORCHESTRA, NICK CAVE AND THE BAD SEEDS, CHIP TAYLOR, URBAN DANCE SQUAD, LA CRUS, MONO RUBRICA PRESI NELLA RETE FRAMMENTI DI CINEMA RIMOSSO DECIMA PARTE


musicletter.it chi sia mo Lu ca D Am br osio Domenico De Gasperis Nicola Guerra Jori Cherubin i Massimo Bernardi Marco Archilletti Manuel Fiorelli Pier Angelo CantÚ Pasquale Boffoli Franco Dimauro Gianluca Lamberti Nicola Pice Gianluigi Pala mone Stefano Bon Domenico Marcelli Costanza Savio Michele Camillò Marco Tudisco Claudia De Luca Alessandro Busi Costanza Savio Laura Carrozza Antonio Anigello Valerio Granieri Matteo Ghilardi Luigi Lozzi Gaia Menchicchi Ilario La Rosa

musicletter.it webmaster / progetto grafico Lu ca D Am br osio

musicletter.it informazioni e contatti www.musicletter.it redazione@musicletter.it

Ar t e se n za cu or e . Pr im a ve r a

musicletter .it copertina update n. 70 / 2010- 0 3 - 3 1

se n za sole . Libero Bovio

DAMON & NAOMI | photo by Norman Gholson

ML 0 2


musicletter.it

update n. 70

sommario M USICA | SPECIALE INTERVISTA 0 4 DAMON & NAOMI by Luca

D Am brosio

MUSICA | RECENSIONI 11 THE ALBUM LEAF A Chorus Of Storytellers (2010) by Luigi Lozzi 1 2 EELS End Times ( 2010) by Luca D Am brosio 1 3 THEE SILVER MT. ZION MEMORIAL ORCHESTRA Kollaps Tradixionales (2010) by Alessandro Busi 1 4 CALIBRO 35 Ritornano Quelli Di... Calibro 35 ( 2010) by Nicola Pice 1 5 SAM AMIDON I See The Sign ( 2010) by Luca D Am brosio 1 6 IL PAN DEL DIAVOLO Sono a ll Osso ( 2010) by Franco Dimauro 1 7 TH E RECORD S De Fauna Et Flora (2010) by Nicola Guerra 1 8 THE DOMNICKS H e y Rock n Rolle r ( 2010) by Franco Dimauro 1 9 GORILLAZ Plastic Beach (2010) by Domenico De Gasperis 20 JOHNNY CASH American VI: Ain't No Grave (2010) by Jori Cherubini 2 1 SIN ROPAS Holy Broken ( 2010) by Nicola Guerra 2 2 PARENTHETICAL GIRLS Privilege Pt. 1: On Death & Endearments ( 2010 ) by Nicola Pice 2 3 GET WELL SOON Vexations ( 2010) by Nicola Pice 2 5 SAMBASSADEUR European ( 2010) by Nicola Pice 2 6 EVY ARNESANO Tipa Ideale ( 2010) by Nicola Pice 2 7 THE HOTRATS Turn Ons (2010) by Franco Dimauro 2 9 COREY HARRIS Blu.Black (2010) by Luigi Lozzi 30 MOTORPSYCHO Heavy Metal Fruit ( 2010) by Matteo Ghilardi 31 GYPSY PISTOLEROS Welcome to the Hotel de la Muerte ( 2010) by Manuel Fiorelli 3 2 JEAN BINTA BREEZE Eena Me Corner ( 2009) by Antonio Anigello 3 3 FRANCO BATTIATO Inneres Auge ( 2009) by Jori Cherubini 3 4 AA.VV. Cantano Andrea Parodi ( 2009) by Luigi Lozzi 3 5 CHIP TAYLOR Yonkers NY ( 2009) by Luigi Lozzi 3 6 DEXTER JONES' CIRCUS ORCHESTRA I f Light Ca n t Sa ve Us, I Know D a r k ne ss W ill ( 2009) by Franco Dimauro 3 7 LUCIO BATTISTI I Capolavori di Battisti - Mogol ( 2009) by Luigi Lozzi 39 RICKIE LEE JONES Balm In Gilead ( 2009) by Luigi Lozzi 40 BEASTS OF BOURBON Little Animals ( 2007) by Costanza Savio 41 THE KILLERS Hot Fuss ( 2004) by Laura Carrozza 4 3 THE WARLOCKS Phoenix ( 2002) by Marco Archilletti 4 4 MANIC STREET PREACHERS The Holy Bible ( 1994) by Valerio Granieri 4 5 NICK CAVE AND THE BAD SEEDS Let Love In ( 1994) by Franco Dimauro 4 6 URBAN DANCE SQUAD Persona Non Grata ( 1994) by Franco Dimauro 4 7 MELVINS Lysol ( 1992) by Matteo Ghilardi 4 8 THE CURE Kiss Me Kiss Me Kiss Me ( 1987) by Franco Dimauro 4 9 KING KURT Ooh Wallah Wallah (1983) by Franco Dimauro 50 SCREAMING LORD SUTCH Rock & Horror (1983) by Franco Dimauro 51 BAUHAUS Burning From the Inside (1983) by Franco Dimauro 52 TUXEDOMOON Deside (1981) by Franco Dimauro 5 3 ROSE TATTOO S.T. (1978) by Manuel Fiorelli 5 4 EDOARDO BENNATO I Buoni e i Cattivi (1974) by Franco Dimauro MUSICA | LIVE REVIEW 55 L.A. GUNS Colle di Val d Elsa (Siena), Sonar live ( 06.03.2010) 56 MONO Roma, Circolo degli Artisti ( 02.03.2010) by Valerio Granieri

by Costanza Savio

MUSICA | SPECIALE 57 LA CRUS by Nicola Guerra MUSICA | PRESI NELLA RETE 60 VESSEL E JACQUERIES

by Stefano Bon

FRAMMENTI DI CINEMA RIMOSSO | DECIMA PARTE 61 SOLDATO BLU Ralph Nelson ( 1970) by Nicola Pice 61 PICCOLO GRANDE UOMO Arthur Penn ( 1970) by Nicola Pice 61 UN UOMO CHIAMATO CAVALLO Elliot Silverstein (1970) by Nicola Pice © ML 2005-2010 BY L UCA D AMBROSI O ML non ha scopi di lucro, il suo unico obiettivo è la diffusione della buona musica www.musicletter.it non contiene informazioni aggiornate con cadenza periodica regolare, non può quindi essere considerato "giornale" o "periodico" ai sensi della legge 68/ 01. Non esiste un editore e il webmaster non è responsabile di quanto scritto, pubblicato e contenuto nel sito e in ciascun pdf (vedi privacy e note legali su www.muscletter.it)

ML 03


musicletter.it

update n. 70

speciale intervista

D A M ON & N A OM I Intervista Il ricordo dei Galaxie 500 ma soprattutto il desiderio di ricominciare daccapo. © 2010 di

Lu ca D Am br osio I l ricordo dei Galaxie 500 e l am aro ret rogust o di uno

scioglim ent o

im provviso

e

inaspet t at o.

L am ore per l art e e la let t erat ura m a soprat t ut t o quel

desiderio

incondizionat o

di

ricominciare

daccapo e di voler tornare a fare ciò che, in realtà, non avevano e non hanno m ai sm esso di fare: scrivere canzoni. Di quest o e di alt ro abbiam o parlat o

con

Damon Krukowski

e

Naomi Yang.

Buona lettura.

È in e vit a bile in izia r e con qu a lch e dom a nda su i Ga la x ie 5 0 0 . Ch e r icor do con se r va t e di qu e l pe r iodo e cosa por t a t e con voi, a ncor a oggi, di qu e lla st r a or dina r ia e spe r ie n za , soprattutto nella vostra musica? (Damon) Riguardo ai Galaxie 500, è sem plicem ent e successo. Eravam o giovani e t ut t i am ici, provam m o a suonare insiem e e rim anem m o sorpresi e felici per quello che facevam o e che ci sem brava abbast anza buono da suonare per gli alt ri. Non è possibile riprodurre quel t ipo di innocenza, anche se abbiam o t rovat o che è possibile riprodurre lo st esso ent usiasm o della sperim ent azione nella m usica m a solo at t raverso alt ri m ezzi. Forse successivam ent e ci vuole conoscenza piuttosto che innocenza. Pe n si ch e i Ga la x ie 5 0 0 a bbia n o a vu t o u n pe so non indiffe r e n t e a ll in izio de lla vost r a se conda vit a a r t ist ica , spe cia lm e n t e dopo lo scioglim e n t o im pr ovviso de lla ba nd dovu t o a lla fuor iuscit a di D e a n W a r e h a m ? I m m a gino che n on sia st a t o a ffa t t o fa cile pe r voi t r ova r e il cor a ggio di r in izia r e da cca po. Ci r a ccon t i qu a lcosa di qu e i m om e n t i a dist a nza di tanti anni? ( Naomi) Noi eravam o com plet am ent e im preparat i alla fine dei Galaxie 500. È st at a un'esperienza m olt o am ara e per un po' abbiam o pensat o che ci sarem m o dovut i rit irare dalla m usica. Com unque abbiam o sem pre volut o fare alt re cose art ist iche, io dipingevo e m i occupavo di proget t azione grafica m ent re Dam on scriveva. Così pensam m o di lasciar perdere la m usica per fare quest e alt re cose m a non ci rendevam o cont o di com e noi, anche se eravam o st at i scot t at i dal m ondo degli affari della m usica, am assim o ancora fare m usica. Non riuscivam o a sm et t ere di scrivere canzoni e così, poi, fum m o t ent at i di fare un alt ro disco; quello che noi pensavam o fosse il nostro ultimo lavoro si rivelò, invece, il primo di una nostra nuova era musicale. ML 04


musicletter.it

update n. 70

speciale intervista: damon & naomi Come definireste quel periodo? (Damon) I l nost ro album " More Sad Hit s" definisce quel periodo per m e, forse anche più dei m iei ricordi! Ho dim ent icat o un sacco di cose ma il disco è un forte richiamo dei nostri sentimenti di allora. È un album m olt o em ot ivo, ed è em ozionant e per m e ascolt arlo ancora oggi, m olt o più dei dischi dei Galaxie 500 che, in qualche modo, sento rimossi.

Ogni tanto vi sentite con Dean Wareham? (Damon) No, fat t a eccezione per m ot ivi econom ici. Non abbiam o m ai parlat o né al t elefono né di persona da quando è finit a con i Galaxie 500. Ci scam biam o le e- m ail per gli affari. Forse la cosa più st rana è che da quando non siam o più am ici andiam o d accordo con il business. Ci sono pochi disaccordi, quasi nessuno, su come dobbiamo gestire il catalogo dei Galaxie 500. Avete mai pensato di tornare a suonare insieme, anche solo per i vostri fan? ( Naomi) La gent e ce lo chiede sem pre. So che m olt i gruppi si riuniscono anche dopo un t erribile scioglim ent o m a io dubit o che m ai accadrà, non solo a causa del cat t ivo rapport o m a anche art ist icam ent e perché non credo possa essere m olt o int eressant e. I l t em po in cui noi siam o st at i nei Galaxie 500 non può essere più riprodot t o; suonare quelle canzoni insiem e, ora, sarebbe solt ant o una st rana parodia, una sort a di karaoke. Preferisco suonare la m usica che Dam on e io abbiam o scrit t o di recent e. È m olt o più em ot ivam ent e vera per dove io sono adesso, com e persona e come musicista. Ex a ct

Cha n ge ,

la

vost r a

ca sa

e dit r ice

di

le t t e r a t u r a spe r im e nt a le , è st a t o in u n ce r t o senso

il

vost r o

pr im o

r ifu gio

la vor a t ivo/ cu lt u r a le dopo lo scioglim e n t o de i Ga la x ie 5 0 0 t a n t o che - ancora oggi - con t in u a a e sse r e u na de lle vost r e a t t ivit à pr in cipa li. H o l im pr e ssion e e dit r ice

ch e

l ide a

le t t e r a r ia

fosse

di cr e a r e

u na

ca sa

in con scia m e nt e ,

o

forse realmente, ben radicata in voi ancor prima della nascita dei Galaxie 500. ( Naomi) I n realt à noi iniziam m o a lavorare a

Exact

Change prim a che i Galaxie 500 si sciogliessero m a abbiam o lavorat o su di essa con m olt a più energia dopo lo scioglim ent o della band. Sia Dam on che io abbiam o sem pre am at o i libri; io facevo prat ica com e archit et t o, pit t ore e grafico m ent re Dam on si è laureat o in let t erat ura. I n quel periodo m olt i dei nost ri am ici fondarono piccole et ichet t e discografiche e noi pensam m o:

perché non avviare una casa

editrice, invece? ML 05


musicletter.it

update n. 70

speciale intervista: damon & naomi D u nqu e , qu a n t o è im por t a n t e la vost r a a t t ivit à di m u sicist i r ispe t t o a lle a lt r e a t t ivit à a r t ist iche ? E poi: qua n t o è im por t a n t e l a r t e n e lla vit a di t u t t i i gior n i sopr a t t ut t o in questa società così veloce e consumistica? (Damon) Penso che il m ot ivo per cui suoniam o la m usica è lo st esso per cui si fanno alt ri lavori; fa t ut t o part e della vit a che abbiam o scelt o di condurre. Non credo che t ut t i abbiano bisogno di suonare e scrivere poesie; al cont rario, com e ha det t o Mort on Feldm an, la m usica è t roppo difficile, nessuno dovrebbe essere cost ret t a a farlo! Credo invece nel vivere in piena libertà, qualunque modo si scelga di vivere. ( Naomi)

Pensavo

che

la

m usica,

che

è

st at a

divert ent e fare con gli am ici, fosse un'art e m eno seria, per dire, della pit t ura ( dove m i sono sem pre rit rovat a in lot t a con m e st essa da sola in una st anza) m a con il t em po ho scopert o che è bello avere un lavoro che t i dia gioia e che t ut t o ciò che fai bene e con at t enzione è art e. Così, vedo t ut t e le nostre attività come un contributo alla nostra arte. Ch e im por t a nza h a a vu t o M a r k Kr a m e r a ffin ch é Damon & Naomi tornassero a fare musica? (Damon) Kram er aveva a che fare con t ut t o ciò che ci ha riport at o a fare m usica pubblicam ent e, per la regist razione

e

per

le

esibizioni,

t ut t avia

non

abbiam o m ai sm esso di suonare la m usica a casa, per noi st essi. Non eravam o sicuri di com e renderla pubblica ancora una volt a, o se addirit t ura la volevam o ancora. Kram er ci ha port at o di nuovo in st udio, dove abbiam o realizzat o " More Sad Hit s" nel 1992 e, poi, ci ha port at o in t ournée in Giappone nel 1995 in cui abbiam o iniziat o a esibirci come duo. Paradossa lm e n t e pe r ò il dist a cco da M a r k Kr a m e r h a r a ppr e se n t a t o a nch e il m om e n t o de lla m a t u r it à a r t ist ica di D a m on & N a om i. Un a m a t u r it à a r t ist ica ch e h a u n it o sple ndida m e n t e la vost r a m u sica a que lle a t m osfe r e ipn ot iche e su gge st ive ch e fur ono, qualche tempo prima, dei Galaxie 500... (Damon) Si allont anò per sua volont à! Kram er si arrabbiò perché sent iva che il suo lavoro doveva essere pagat o di più ( aveva l'abit udine di prendersela con t ut t i quelli con cui lui lavorava, anche se forse con il t em po è cam biat o da allora) . Lui m erit ava di più

com e t ut t i noi - m a non c'era

m odo di pot erlo pagare sufficient em ent e per m odificare quei sent im ent i. Noi non volevam o fare m usica sot t o quella

nuvola , si avvert iva una ripet izione di un aspet t o di ciò che era andat o

storto con i Galaxie 500. In quel momento noi decidemmo di registrare da soli. ( Naomi) I n realt à siam o st at i in cont at t o con Kram er anche di recent e e, m ent re m i sent o t ranquilla per il lavoro che facciam o da soli, è bello essere di nuovo in cont at t o con lui. Ci ha insegnat o t ant o circa la m usica e l organizzazione sin da quando eravam o nei Galaxie 500. ML 06


musicletter.it

update n. 70

speciale intervista: damon & naomi La vost r a è u n a m u sica in t r ospe t t iva e n ost a lgica m a a llo st e sso t e m po così a r m on iosa e confor t e vole . Un a lt a le na r si di e m ozion i ch e se m br a n u t r ir si di u m a n e fr a gilit à e di u n a con t inu a r ice r ca . Un a sor t a di e qu ilibr io

pr e ca r io

fa t t o di lir ich e m e la n con ich e e di

m e lodie sospe se da cu i è difficile u scir e fuor i. D a dove n a sce qu e st o e qu ilibr o? D a l fa t t o che Damon & Naomi siano più di un progetto musicale? Voglio dire: quanto ha influito la vostra sinergia affettiva e intellettuale? ( Naomi) Grazie. Ci auguriamo che la nostra musica sia in grado di esprimere la tristezza e la gioia che vi è nella vita, qualcosa che noi tutti condividiamo. A volte mi auguro di poter suonare musica per i part y, m usica che pot rebbe far sorridere, ridere e ballare, m a non è nat urale per noi, anche se ci piace quest o t ipo di m usica così com e la m usica t rist e. Forse nella prossim a vit a sarem o in una band fest osa

Per essere una coppia, siam o m olt o fort unat i esserci rit rovat i l uno con l alt ro,

m a t u dovrest i vederci se ci perdiam o in m acchina sulla st rada per andare a uno spet t acolo. Si litiga come chiunque, non è così meraviglioso! Tra le vostre collaborazioni ricordiamo anche quella con Wayne Rogers, da cui sono nati i

M a gic H ou r , m a in pa r t icola r m odo qu e lla con i Gh ost che n e l 2 0 0 0 ha da t o vit a a

qu e l gioie llo ch e pr e n de a ppunt o il n om e di

D a m on & N a om i w it h Gh ost . Com è n a t a

la collaborazione con la band giapponese? ( Naomi) Effet t ivam ent e ci siam o incont rat i con i Ghost nel 1995, quando st avam o suonando nei Magic Hour, com e sezione rit m ica. Abbiam o fat t o un t our negli St at i Unit i con loro e siam o diventati molto amici. Abbiamo avuto un legame profondo con la loro musica e la loro personalità, e siam o ancora grandi am ici. A quel t em po Dam on e io non avevam o ancora suonat o dal vivo come Damon & Naomi, era solo un progetto di studio, perché eravamo tutti e due timidi a cantare in pubblico e nessuno di noi voleva essere un " up front ." Ma abbiam o avut o l'opport unit à di andare in Giappone e suonare lì, che era qualcosa che noi avevam o una gran voglia di fare; così abbiamo deciso di suonare dal vivo come Damon & Naomi e abbiamo chiesto ai Ghost di essere la nost ra band. È st at o m eraviglioso, si è risvegliat o il nost ro int eresse a suonare le nost re canzoni dal vivo. Pochi anni più t ardi, dopo una m ost ra a Tokyo, i Ghost e noi t ut t i hanno decidem m o di registrare insieme il nostro prossimo album. D a m on &

N a om i w it h Ghost

è un a lbum

a bba st a nza

im m e dia t o, t u t t a via pie no di r ife r im e n t i e di cit a zion i, ba st a a scolt a r e l in izia le

Th e M ir r or Ph a se

o qu e l ca pola vor o di

Ju da h a nd t he M a cca be e s

, m a a n che le be lle cove r di

Blu e M oon

Eu logy t o Le n n y Br uce

di Tim

H a r din . Cosa ha r a ppr e se n t a t o pe r voi qu e l disco?

Com e

di Ale x Ch ilt on e

sono nate quelle canzoni e quelle scelte? (Damon) L approccio alle canzoni che abbiam o scrit t o per quel disco era lo st esso di sem pre. Penso che forse noi eravam o più m at uri, em ot ivam ent e, rispet t o alla m usica che avevam o fat t o prim a. Com e per le cover, nello spirit o di collaborazione, noi ne abbiam o scelt o una, la canzone di Alex Chilt on e i Ghost ne hanno scelt o un alt ra, quella di Tim Hardin. La scelt a dei Ghost è st at a det t at a dalla voce di Naom i: loro avevamo una gran voglia che lei cantasse una canzone di Nico. ML 07


musicletter.it

update n. 70

speciale intervista: damon & naomi Poi venne un album dal vivo, Song To the Siren del 2002, e successivamente

Th e

Ea r t h

Is

Blu e

de l

2005.

Cosa

accadde in quegli anni, diciamo tra il 2000 e il 2005? (Damon) Abbiam o girat o m olt o in quegli anni, com e t rio, con Michio Kurihara. È per quest o che pubblicam m o l'album dal vivo, perché

volevam o

docum ent are

quello

che

si

era

sviluppat o

m usicalm ent e sulla st rada. È st at o un passo m olt o im port ant e per noi, credo, com e cant ant i. Nell'album dal vivo, noi cant iam o in un m odo com e m ai avevam o fat t o prim a. Era una cosa che si era sviluppata in quegli anni, concentrare l'attenzione sulla voce, per la prima volta davvero. ( Naomi) È anche un confort o t rovarsi davant i sul palco. Alcune persone sono nat uralm ent e felici di essere al cent ro dell'at t enzione sul palco m a era qualcosa con la quale noi dovevam o lentamente imparare a sentirci a nostro agio. Una vera lotta con noi stessi ma ora "eccoci qua!" Ave t e a vu t o se m pr e u n a n im a libe r a e indipe n de n t e . M i dit e com è il vost r o r a ppor t o con l in du st r ia discogr a fica e qu a li sono le differenze tra ieri e oggi? ( Naomi) Noi crediam o fieram ent e nell art e e nella bellezza, e le richiest e del m ercat o sono sem pre in fondo alla nost ra list a. Non sem pre è un bene dal punt o di vist a finanziario m a non so se noi conosciam o un alt ro m odo di essere. I o non ho neanche pensat o com e pot rem m o essere com m erciali se provassim o a esserli. Non abbiam o quegli ist int i. Per quant o riguarda oggi rispet t o a ieri, la t ecnologia è diversa, m a le persone non sono cam biat e Com è lo st a t o de lla cu lt u r a in Am e r ica o, se volete, in generale? (Damon) Ah, beh, m i dispiace dirlo, m a penso che sia lo st esso ovunque at t ualm ent e: il capitalism o t rionfant e! Viviam o in un epoca aziendale m a l underground è vivo e veget o. C è un sacco di energia t ra i giovani a fare la

loro

cult ura;

nel

cibo,

nell abbigliam ent o, nella m usica, nell art e. Oggi

com e

difficile

ie r i,

vive r e

di

qu a n t o arte

e

è di

cultura? (Damon)

Noi

non

abbiam o

il

benessere sociale negli Stati Uniti, com e t u sai, e il cost o delle cure sanit arie è m olt o alt o, così alt o che

è

divent at o

m olt o

difficile

lavorare per se stessi. Questo non è un problema solo per gli artisti, è lo stesso per chi non lavora per una grande azienda o per un'ist it uzione. È lo st esso per l'idraulico che viene a riparare il nostro lavandino. ML 08


musicletter.it

update n. 70

speciale intervista: damon & naomi Il fatto che vi abbia contattati tramite internet in qualche modo vi gratifica oppure siete sce t t ici ne i confr on t i de lle w e bzin e m u sica li? Qua l è il vost r o r a ppor t o con la t e cnologia e con internet? (Damon) Naomi ama le nuove tecnologie! ( Naomi) La t ecnologia può essere schiacciant e perché cam bia così velocem ent e. Si cresce con una versione del m ondo e poi si deve im parare, nuovam ent e, com e fare t ant e

cose,

alt rim ent i

finisci

per

essere

irrit abile

lam ent andot i che il m ondo è diverso. Così m i piace im parare le nuove t ecnologie e capire com e il m ondo st ia lavorando ora! Det t o quest o, anch'io ho un am ore per le vecchie e obsolet e t ecnologie, gli art igiani e i m est ieri che sono orm ai passat i e che nessuno fa più. Penso che sia t rist e

quando

dei

vecchi

m et odi

di

fare

le

cose

scom paiano. Mi piace quando sent o che qualche giovane st a im parando un m est iere ant ico, allo st esso m odo sono curiosa di sapere cosa può fare un nuovo soft ware Rice ve t e più a t t e nzion e da l pu bblico a m e r ica no o dal pubblico europeo? Avvertite qualche differenza? (Damon) Ogni serat a in t our è diversa, ovunque ci t roviam o. Tut t o dipende dal part icolare gruppo che ci ha accolt o, dall at m osfera della st anza, dalla personalit à dell'organizzat ore, o chissà quale alt ra cosa; non c'è realm ent e nessuna previsione, se si dispone di uno spet t acolo dal vivo com e il nost ro, che non si ripet e esat t am ent e not t e dopo not t e. Accogliam o con favore quest i cambiamenti perché fanno parte del conoscere luoghi e persone attraverso la nostra musica. Cosa st a t e pr e pa r a ndo pe r il fu t u r o che possia m o r it e n e r ci for t u na t i di sa pe r e e di divulgare attraverso questa intervista? (Damon) St iam o scrivendo canzoni per un nuovo album , abbiam o appena registrato le basi con Kurihara. Saremo nel Regno Unito e in Europa per alcuni spettacoli dal vivo in maggio. Mi dite qual è stato il vostro primo vinile acquistato? (Damon) Uhm

Credo che sia st at a una raccolt a di singoli di successo, espost a in un grande

m agazzino. Mi ricordo che c'erano i

Raspberries , quindi quest o collocherebbe l'album a m et à

degli anni '70. ( Naomi)

Moonshot

di Buffy Saint e- Marie ( più t ardi con i Galaxie 500 ne avrem m o eseguit o la

t it le t rack) . La m ia insegnant e a scuola la suonò per noi e m i com m osse m olt o. Credo di aver avuto 9 anni. I n ve ce l u lt im o? (Damon) Qualsiasi album di Frank Sinat ra fat t o per la Capit ol Records! Quest i sono facili da t rovare nei negozi di dischi usat i qui, ci sono pile di quest i dischi. E sono fant ast ici, in part icolare quelli tristi! (Naomi) Vinicius De Moraes/Maria Bethania y Toquinho, "En La Fusa", 1971. ML 09


musicletter.it

update n. 70

speciale intervista: damon & naomi Vor r e i a cqu ist a r e qua lch e libr o de lla

vost r a

casa editrice? Quale mi consigliate? (Damon) John Cage, "Composition in Retrospect." ( Naomi) " I n Yout h is Pleasure" di Dent on Welch, uno scrit t ore inglese che è la com binazione perfet t a di nostalgia e nevrosi. Ch iu dia m o qu e st a in t e r vist a da dove sia m o pa r t it i, r isch ia ndo for se di e sse r e r ipe t it ivi. N on ost a nt e il gr a n la vor o di D e a n W a r e h a m con i Lu n a ch e t r a l a lt r o a dor o, cr e do ch e D a m on

&

pr ose cu zion e

N a om i

sia no

( se ppu r e

la

na t u r a le

e volu t a )

di

qu e ll u n ive r so side r a le ch ia m a t o Ga la x ie 5 0 0 . M i r e n do con t o che n on è fa cile giu dica r e se st e ssi m a se pr ova t e a ch iu de r e gli occh i qu a n t o vi se n t it e a n cor a a bor do di qu e lla ve cch ia for d ? Qua n t o vi se nt it e a n cor a vicin i a quelle sonorità e a quel modo di intendere la musica e la cultura rock indipendente? (Damon) No, non proprio. Tranne se penso di essere diet ro la bat t eria. I n quel caso si t orna indiet ro! I o am o davvero suonare la bat t eria, e non riesco più a farlo spesso m a t ut t o il rest o m i appare lontanissimo. ( Naomi) Noi siam o le st esse persone m a siam o persone diverse da allora. Penso che abbiam o sem pre avut o l'im pulso di fare qualcosa di bello e significat ivo e condividerlo con gli alt ri m a ora sent iam o il bisogno di farlo in un m odo più diret t o. Quando ascolt o i Galaxie 500 è com e se guardassi una vecchia fot o. Riconosci t e st esso, m a pensi anche al t em po che è passat o da quando quella foto è stata scattata, a tutto quello che hai vissuto, a tutto quello che hai imparato. Non vorrei t ornare indiet ro, m a sono felice di quell avvent ura.

DAMON & NAOMI: www.myspace.com/damonandnaomi Foto di Chris Buck ( pag. 4), Naomi (pag. 5) Kelly Davidson (pag. 5 e 7), Norman Gholson (pag. 9, 10) Intervista di Luca D Am brosio www.musicletter.it

ML 10


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: THE ALBUM LEAF TITLE:

A Chorus Of Storytellers

LABEL:

Sub Pop | Audioglobe

RELEASE: 2010 WEBSITE:

www.thealbumleaf.com

MLVOTE: 8 / 10 Molte volte ci siamo ritrovati ammaliati dalle atmosfere sonore dark provenienti dai paesi del Nord Europa. I n quei post i, all apparenza così desolat i, abbiam o invece scopert o ideali

luoghi

dell anim a , realt à m usicali affascinant i e ispirat e, una prolificit à ed una variet à delle propost e sconosciut e dalle nost re part i, capaci di convincere più di un m usicist a provenient e da lont ano di soggiornarvi il t em po necessario per t rovarvi l adeguat a ispirazione art ist ica. È quello che è accadut o al polist rum ent ist a Jim m y La Va lle - si cela diet ro lo pseudonim o di Album Le a f

che

deve aver t rovat o la quadrat ura del cerchio in I slanda. Galeot t o deve essere st at o l incont ro nel 2003 con i Sigur Rós ( cui ha fat t o da support o in un t our europeo e dai quali è st at o invit at o visit are la t erra d origine) se, com è accadut o, LaValle ha inciso da quelle part i l anno dopo l album ( il t erzo) I n A Sa fe Pla ce , ut ilizzando per le regist razioni num erosi m usicist i del post o, t ra i quali Jon Thor Bir gisson e Kj a r t a n Sve in sson dei Sigu r Rós. LaValle è ex chitarrista della band post rock dei Tristezza ( di st anza in quel di San Diego) e può cont are su un solido background art ist ico conseguit o nell area californiana d origine in capo a una decina d anni d at t ivit à. Ciò che lo ha condot t o nel freddo nord d Europa è st at o un percorso m at uro nel quale si sono innest at i più di un elem ent o; dalla ricerca di sonorit à part icolari a quel suono liquido che è l ossessione di t ant i

m usic m aker

cont em poranei. Suggest ioni cinem at ografiche, m alinconici

scenari si configurano nel nost ro im m aginario, un m ood che si serve dell'elet t ronica in m odo discret o,

il

cont ribut o

incisivo

degli

archi

( dovut o

alle

collaborazioni

islandesi)

sono

la

t est im onianza di una capacit à di scrit t ura orm ai importante, in grado di cont rollare e pilot are il proprio esprit autoriale, in modo molto diverso da quegli inizi assai improvvisati (se pensate che il suo prim o disco, An Or ch e st r a t e d Rise t o Fa ll, venne regist rat o con un am ico nella sua st anza da let t o) , e di m et t ere qui un palet t o, un punt o ferm o da cui ripart ire per le prossim e perlustrazioni. A Ch or u s of St or yt e lle r s è il quint o album in st udio e il prim o a essere st at o regist rat o ( ai Bear Creek St udios di Woodinville, nei pressi di Seat t le) con il support o di una band al com plet o ( il m ult ist rum ent ist a Mat t hew Resovich, il chit arrist a D r e w Andr e w s, il bat t erist a Timothy Reece, il bassista Luis Hermosillo; più l ausilio di una sezione fiat i islandese e qualche alt ro m usicist a) . È st at o poi m ixat o a Reykj avik con l am ico Bir gir Jon Bir gisson . La reputazione di Jimmy LaValle è cresciuta e i prossimi appuntamenti saranno importantissimi. Luigi Lozzi

ML 11


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: EELS TITLE:

End Times

LABEL:

Vagrant

RELEASE: 2010 WEBSITE:

www.eelstheband.com

MLVOTE: 8 / 10 Il Mark Oliver Everett di End Times è un uomo solo e malinconico che abbandona le fantasie di H om br e Lobo t ornando a cant are il disincant o della vit a reale. Lo fa, t ut t avia, con l afflat o del poet a crepuscolare che raccont a consapevolm ent e la fine di un t em po oram ai andat o. Un Mark Olive r Eve r e t t , quindi, che si cala quasi nelle st esse t ragiche at m osfere di quell Electro- Shock Blues in cui il nost ro songwriter affront ava con est rem o t urbam ent o il dolore per la scom parsa dei propri cari ( papà, m am m a e sorella) , anche se poi quest o En d Tim e s rispet t o a quel capolavoro del 1998 riesce a concedere una m aggiore sobriet à com posit iva e barlum i di speranza ben

più

diffusi.

Quella

cant at a

da Everett è

difat t i

una

fine

segnat a

dall angoscia

e

dall indifferenza, in cui riaffiorano ricordi fam iliari e affet t i perdut i, senza però m ai perdere di vist a l am ore per quei piccoli gest i che illum inano la vit a ( The Beginning, I Need a Mot her e Little Bird). Un condensat o di folgorant e m est izia in pieno st ile E che confeziona in perfet t a solit udine, o quasi, il suo ot t avo album della carriera in grado di coniugare in un solo colpo um ori, scrosci di pioggia, chit arre elet t roacust iche e arm oniche. I l risult at o è m agnifico: ne escono fuori gem m e di consum at a bellezza com e I n My Younger Days e A Line I n The Dirt che, assiem e a Nowadays e Little Bird, trafugano un romanticismo disperato capace, oltretutto, di trovare delle dinamiche ben più vigorose con Gone Man, Unhinged e Paradise Blues; ballate folk, nenie pop e attacchi rock che m et t ono a nudo t ut t o il rassegnat o cinism o e la quot idiana follia di un m ondo che rasent a sem pre di più l orlo del t racollo. Scrit t o nello scant inat o di casa a Los Angeles e abbellit o da un suggest ivo disegno di copert ina realizzat o da Adr ia ne Tom in e , l ult im o lavoro firm at o Eels si rivela il prim o grande disco del 2010. Uno spaccat o ben preciso di un epoca ( la nost ra) priva di rispet t o e di decenza dove, però, pot ret e scorgere t ut t a la dignit à di un uom o e di un art ist a che nonost ant e Dio, il fato e gli esseri umani è ancora qui a scrivere delle grandi canzoni. Lu ca D Am br osio

ML 1 2


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST:

THEE SILVER MT. ZION MEMORIAL ORCHESTRA

TITLE:

Kollaps Tradixionales

LABEL:

Constellation

RELEASE: 2010 WEBSITE:

www.tra- la- la- band.com

MLVOTE: 8 / 10 Un arpeggio accennat o di chit arra sporca dà il benvenut o. La voce declam at a, m a st anca, dà il salut o. I n m ezzo c è Kolla ps Tr a dix ion a le s, sest o disco della Th e e Silve r M t . Zion M e m or ia l Orchestra che, se nacquero com e cost ola dei Godspe e d You ! Bla ck Em pe r or , forniscono ( non che ce ne fosse bisogno dopo il precedent e 1 3 Blu e s for Th ir t e e n M oon s, un aut ent ico capolavoro) l ennesim a conferm a della propria ident it à aut onom a. I l loro post rock ha un im pront a quant o m ai riconoscibile e unica. Le canzoni, fat t e da saliscendi em ot ivi e dalla voce di Efrim Menuck, che sem bra recit are una lit ania cont inua, t rasport ano in desert i im m aginari, ripet it ivi, sem pre uguali a loro st essi e pieni di int recci sonori, dove la speranza, seppure sia ben offuscat a, non è m ai nascost a del t ut t o. Così, anche quest o Kolla ps Tr a dix ion a le s sem bra di pot erlo riascolt are in loop, soprat t ut t o nelle giornat e più uggiose, per non st accarsi m ai da quella st anza. L ascolt at ore, infat t i, si sent e com e visit at ore in una casa calda, col cam ino acceso e un bicchiere di Port o vicino al divano, già dal prim o ist ant e, quando There is a light lo port a giù, con la dolce danza di violoncello e chit arra e, int recciandosi con le voci, esplode e im plode. Poi proseguono la rock e m elodica I built m yself a m et al bird e il lungo pezzo successivo, un quasi st rum ent ale (quasi perché il testo è True love don t speak it s own nam e ) a chiusura del precedente, I fed my m et al bird t he wing, che sono senza dubbio uno dei m om ent i più dinam ici che i la band canadese abbia m ai avut o. I t re pezzi che seguono, Kollapz t radixional, Collapse t radit ional e Kollaps tradicional, tutti riecheggianti il titolo del disco, sembrano riprodurre quelle serate in cui si parla di t ant e cose, di polit ica e di let t erat ura, di m usica e di art e, finché qualcosa, però, si spezza e i t oni si alzano, così il finale di Kollaps tradicional è colm o d angoscia e di una necessit à di dire qualcosa che Menuck ripet e in cont inuazione, in m aniera ossessiva. Poi la serat a finisce con i quat t ordici m inut i di Piphany ram bler, un pezzo che t rascina in un alt alena m usicale, in giochi di vuot o/ pieno strumentali, fino al saluto finale, che suona come un saluto già a macchina accesa, pieno di quella malinconia tipica di quando si ha la consapevolezza di aver vissuto qualcosa di unico, di speciale e intimo: Just a dark fucking hollow t hat sm ot hers and gust s .

Alessandro Busi

ML 13


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: CALIBRO 35 TITLE:

Ritornano Quelli Di... Calibro 35

LABEL:

Ghost Records | Venus Dischi

RELEASE: 2010 WEBSITE:

www.calibro35.com

MLVOTE: 10/ 10 La m usica dei Ca libr o 3 5 non pot rebbe essere più cont em poranea. Cadono in errore t ut t i coloro che rit engono sia un sem plice om aggio alle soundt racks dei b- movie degli anni 70. Le analogie, infat t i, t ra la decade più cont roversa, oscura e violent a del 900 ( periodi bellici ovviam ent e esclusi) e gli anni orribili che viviam o sono più di una Le com posizioni di quest a band, pert ant o, pot rebbero cost it uire il sot t ofondo più appropriat o a definire il suono della nost ra epoca infelix t ra recessione econom ica, degrado am bient ale, disgregazione sociale, crisi ist it uzionale e conflit t ualit à int erpersonale. Pur essendo privi di part i vocali e, quindi, di un t est o che esplicit i diret t am ent e qualsiasi form a di disagio um ano, i brani dei Ca libr o 3 5 riescono ad atmosferizzare , com unque, t ut t a la cupa t ensione em ot iva individuale e sociale che int roit iam o ogni giorno. Vist a la m irabile capacit à di ent rare in sint onia con gli um ori profondi di un m om ent o st orico così part icolarm ent e delicat o, il nuovo disco del gruppo Rit or n a n o Que lli D i... Ca libr o 35 - acquist a il valore prezioso di un im prescindibile docum ent o storico- cult urale, una specie di ist ant anea che part endo da sonorit à lont ane nel t em po fot ografa perfet t am ent e il present e divent ando font e di conoscenza ( m usicale e non) per il fut uro. La qualit à delle com posizioni ( alla fine è quest o che più prem e al fruit ore dell oggi, la filologia è m at eria per i post eri) è st raordinaria e, ovviam ent e, non pot rebbe essere alt rim ent i in considerazione dell analisi fin qui avanzat a: un crogiuolo sonoro che fonde alla perfezione il funky più elet t rico al j azz blues, il prog rock alle colonne sonore, la blackploit at ion alla psichedelia, il soul della m ot own al beat in un infinit à di rim andi che fa girare la t est a anche all appassionat o più scafat o. Rispet t o al disco d esordio prevalgono le com posizioni originali ( ot t o su t redici) m a anche gli om aggi resi con cinque st orici brani a m usicist i m ai abbast anza celebrat i ( uno su t utti: St e fa n o Tor ossi, il m eno not o, il Dio della m usica li benedica solo per quest o) sono st rapazzat i nell arrangiam ent o da una ruvidit à nevrile che li rende com plem ent ari al suono degli inedit i: pensat e a Cin qu e Ba m bole pe r la Lu n a D 'agosto ( in realt à Ti risveglierai con m e diet ro la genericit à del t it olo che rim anda al film di M a r io Ba va e alla colonna sonora) che assum e l'aspet t o di una rasoiat a funk ben olt re gli apparenti contorni (arrangiamenti) progressive (in origine, infatti, fu composto da Umiliani con la band I l Ba lle t t o di Br on zo) . L'ascolt o dell'opera, dunque, è un t uffo in apnea in cui m usicist i in st at o di grazia si producono in una t arant olat a j am session o in un inseguim ent o a perdifiat o ( t ant o per rim anere in t em a polizziot t esco) : Morricone va a braccet t o con i Fla m ing Lips, il krautrock si sporca con i Led Zeppelin, l'hammond sound si sdilinquisce in carillion evanescenti o raffinat ezze lounge sem pre in bilico t ra il west ern sincopat o e fram m ent i ricom binat i di b- movie noir all'it aliana persi nella m em oria e nel t em po. La produzione è sont uosa m a ot t im am ent e bilanciat a, le collaborazioni sono prest igiose ( la sezione di fiat i in prim is) , l'art work è st at o realizzato dal maestro Giovanni Nistri, uno dei più im port ant i illust rat ori di locandine della storia del cinem a int ernazionale ( Antonioni, Fellini, Kurosawa e Kubrick, t ant o per gradire) . Avret e capit o, dunque, ogni com m ent o relat ivo a quest o disco non può evit are l iperbole. Per int enderci allora limitiamoci a dire, soltanto, che è un capolavoro. Nicola Pice ML 1 4


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: SAM AMIDON TITLE:

I See The Sign

LABEL:

Bedroom Community

RELEASE: 2010 WEBSITE:

www.samamidon.com

MLVOTE: 8 / 10 Sa m Am idon ( qualche volt a anche Samamidon t ut t o at t accat o) prosegue la sua riscopert a dei brani t radizionali com e già era accadut o con il precedent e All is W e ll che così t ant o ci aveva ent usiasm at o giust o qualche anno fa ( ML 52) . Un album , quello del 2008, che il folksinger am ericano aveva int erpret at o e suonat o m agnificam ent e grazie anche al support o di un gruppo di am ici/ m usicist i davvero eccezionali t ra cui Be n Fr ost e N ico M u h ly a cui oggi, però, bisogna aggiungere il t alent uoso m ult ist rum ent ist a Sh a hza d I sm a ily ( che vant a collaborazioni con Lou Reed, La ur ie Ande r son , Tom W a it s, Bon n ie

Pr ince

Billy e Jolie H olla n d) e la ben più

famosa - nonché brava - Beth Orton che per l occasione duet t a con Sam Amidon in ben quattro brani di I Se e Th e Sign . Un lavoro, quest ult im o, che m et t e in luce la sensibilit à di un personaggio che cont inua a scavare nel passat o port ando in superficie st orie e ricordi dell infanzia m a anche am ori t ravagliat i e um ane rassegnazioni at t raverso un sot t ile equilibrio esist enziale fat t o di canzoni com e Way Go, Willy, You Bet t er Mind, Johanna The Row- di e Rain and Snow. Un alt ro disco insom m a che, eccezion fat t a per Relief di Robe r t Sylve st e r Ke lly,

ricom pone e

riat t ualizza superbam ent e un folklore orm ai dim ent icat o da cui vengono fuori passaggi di una bellezza crist allina quali Pretty Fair Dam sel, Kedron e Clim bing High Mount ains da cui si leva ancora una volt a la voce t occant e, elegant e e soave del nost ro cant ast orie. Un songwrit er che si m uove abilm ent e t ra folk e dream pop, t ra m em oria e present e, t ra angoscia e lievit à, capace oltret ut t o di osare qualcosa in più; e quel qualcosa in più non sono alt ro che le lievi incursioni sperimentali inserit e nell iniziale How Com e That Blood e nella conclusiva ( e personale) Red che spingono un po più in là i confini di quest ult im a m eraviglia regist rat a in I slanda ai Greenhouse Studios. Gli arrangiam ent i orchest rali di archi, ot t oni e fiat i sono affidat i com e al solit o all im pareggiabile N ico M u hly m ent re la produzione è, per la seconda volt a consecut iva, di Va lge ir Sigu r ðsson che pubblica con la sua Bedroom Com m unit y quest a quart a fat ica di Sam Amidon. Un alt ro capolavoro di grazia e leggerezza da non farsi sfuggire assolut am ent e: m erce sempre più rara di questi tempi... Lu ca D Am br osio

ML 15


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: IL PAN DEL DIAVOLO TITLE:

Son o a ll Osso

LABEL:

La Tempesta

RELEASE: 2010 WEBSITE:

www.myspace.com/pandeldiavolo

MLVOTE: 8 / 10 Se ne parla ovunque. Sparando spesso m inchiat e a iosa, anche sulla provenienza del duo che st a rinvigorendo il rock it aliano t ornando all essenzialit à, anche st rum ent ale. Due chit arre folk e una grancassa, com e dei buskers da m et ropolit ane affollat e. Ferm i davant i ai cessi pubblici, a cant are le proprie piccole st orie, che divent ano affari di t ut t i. Perché t ut t i abbiam o in pet t o una bom ba nel cuore che t ra poco esplode . Boom! I riferim ent i sono ovviam ent e in ogni luogo dove una chit arra acust ica a t racolla abbia fat t o paura: W oody Gu t h r ie , l I va n Gr a zia n i di Pigro che echeggia un po dappert ut t o, Leadbelly, Bennato, il Beck sghembo di Mellow Gold e One foot I n Th e Grave, Ge n e Vin ce n t , i Proclaimers, Rin o Ga e t a n o, John n y Ca sh , le Violent Femmes, l'Acu st ica Tr ibù , Billy Br a gg, il Bugo west ernat o o i prim i Ze n Cir cu s. Canzoni folk figlie dell et à del precariat o a t em po indet erm inat o. Canzoni da t em po libero, l unico che ci rest a. E del disinganno, l unica form a di fedelt à delusa con cui abbiam o im parat o a convivere. Sono a ll Osso è il figlio perfet t o di quest epoca dell econom ia cascant e, sin dal nom e che si è scelt o. Ha una grint a da cose sot t rat t e. Com e quando t i rubano l aut o parcheggiat a sot t o casa e rest i com e un m inchione a rigirart i le chiavi t ra le m ani e la rabbia di sent irt i depredat o t i fa salire la bile con piccoli conat i di vom it o. Le dodici t racce di Son o a ll Osso sono ceppi di legna che bruciano in un cam ino di una casa in affit t o. I cari uom ini- m ost ro della societ à elet t rica vi hanno lasciat o senza energia perché loro hanno cura dell am bient e m a nessuna cura di voi, se non avet e soldi in t asca. Al buio. E col t elefono sot t o cont rollo ( I l cent auro). Eppure gli st rum ent i del Pa n de l D ia volo funzionano ancora. Funzionano ovunque. Funzionano sem pre. È quest o il vero senso punk che cola da quest o disco. È un bivacco vagabondo che bast a a se st esso. Totalmente indipendente. Franco Dimauro

ML 1 6


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: TH E RECORD S TITLE:

De Fauna Et Flora

LABEL:

Foloica Records

RELEASE: 2010 WEBSITE:

www.myspace.com/therecordsrocks

MLVOTE: 8 / 10 M on e y s On Fire non è st at o un fuoco di paglia. L esordio dat at o 2008 del t rio bresciano aveva dat o chiari segnali di pot enzialit à inespressa m a m ai avrem m o im m aginat o che l irruenza di quei brani si t rasform asse in pura m agia alchem ica. D e Fa u na Et Flora è un disco Pop im possibile da collocare nel panoram a it aliano m a probabilm ent e neppure in quello int ernazionale; difat t i se l esordio aveva chiari riferim ent i al power pop di m at rice anglosassone ( m a non solo) , oggi Pier Ballarin ( voce, chit arra e responsabile dell ot t im o proget t o acust ico Post ca r d W r it e r ), Gaetano Polignano ( bat t eria) e Pie t r o Pa le t t i ( basso e voce) si aggiudicano un post o nelle fat idiche classifiche di fine anno con larghissim o ant icipo. Tut t o quest o non solo per via della perfezione sonora, gli arrangiam ent i crist allini e un inglese perfet t o, m a per quest e 13 gem m e dove è possibile scorgere uno st raripant e t alent o. Nient e più paragoni, perché è l originalit à a strabordare senza mai eccedere ma se si vuole per forza tirare in ballo un nome, magari attuale, si potrebbero cit are i Va m pir e W e e k e nd del prim o disco per quella at t it udine world m usic palesem ent e influenzat a dagli am bient i indie. I l rest o è una piacevole scopert a, canzoni che in solo due anni sono cresciut e, hanno accolt o nella loro st rut t ura un m are di st rum ent i senza perdere un gram m o del loro fascino prim ordiale. Le m igliori del lot t o? L apert ura affidat a ai coret t i che soffiano nel vent o di On Our Minds, la ballat a in punt a di piedi Panam a Hat e i Supergrass in licenza bluegrass di We All Need To Be Alone. Dal sei e m ezzo dell esordio all ot t o di oggi. Ancora un disco e si potrà parlare di perfezione. Oggi poco ci manca. Nicola Guerra

ML 17


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: THE DOMNICKS TITLE:

H e y Rock n Roller

LABEL:

Off the Hip

RELEASE: 2010 WEBSITE:

www.myspace.com/thedomnicks

MLVOTE: 8 / 10 I l m iglior disco degli Stones dai t em pi di Som e Gir ls? Si int it ola H e y Rock n Rolle r e lo hanno inciso in Aust ralia girovagando per diversi st udi e coinvolgendo un po di gent e della zona: ham m ondist i, sassofonist i, t rom bet t ist i e ben t re produt t ori. Olt re a gent e com e Wayne Connolly e Rob Younge r per il m issaggio finale. Vezzi da st ar, com e è loro abit udine. Non fosse che, per chissà quale beffa del dest ino, il loro j et privat o li ha port at i da t ut t alt ra part e, un po come successe a Cristoforo Colombo trovatosi suo malgrado a dover sterminare intere popolazioni indigene pur di far valere le sue ragioni di buon crist iano. A quel punt o, per non m andare t ut t o a puttane, Keith e Mike decidono di t elefonare, m ent re sono im m ersi nella loro Jacuzzi con delle sedicenni int ent e a prat icar loro una vasect om ia orale, a due am ici dall alt ra part e del m ondo. Si chiamano D om M a r ia n i e N ick Sh e ppard. I l prim o è st at o coinvolt o in una lunga serie di proget t i power- pop geniali che spero non sia necessario elencare ancora una volt a e, nonost ant e sia im pegnat o a produrre il nuovo lavoro dei suoi am ici Sick Rose , si dichiara im m ediat am ent e disponibile. I l secondo ricordano di averlo incrociat o in I nghilt erra ai t em pi del punk quando im bracciava la chit arra nei Cortinas. Oppure no ( è sem pre così difficile concent rarsi m ent re t i prat icano una vasect om ia) . Forse è st at o qualche anno dopo, quando venne chiam at o a sost it uire M ick Jon e s nei Clash per regist rare l infame Cu t t he Cr a p. Boh. Com unque sia lui è lì a Pert h orm ai da diversi anni e t roverà di cert o il t em po per fare la cont rofigura, t ra una passeggiat a a Barrack Square e una capat ina al Clancy s Fish. Non si sbagliano. Dom e Nick sono pront i a fare gli avat ar per gli St ones e a Novem bre del 2009 il risult at o di quest e dieci m esi di session viene pubblicat o col t it olo di H e y Rock n Roller. Un aut ent ico flashback st onesiano lungo 28 m inut i, nonostante Dom e Nick, in un ult im o im pet o di orgoglio professionale e di onest à int ellet t uale abbiano deciso di farlo uscire coi loro nom i. Suona vecchissim o e, cazzo, funziona alla grande anche per i m inchioni com e m e che sperano ancora di pot er accendere la radio e ascolt are Hot Stuff o Young Turks invece che la solit a sfilza di glut am m at o em o o delle gag di Lady GaGa che infest ano l et ere. Hey Fellas o Honeyspot riescono in quella m agia. Aria di rest aurazione. Ma per molti, Stones, Dom, Nick e me compreso, il tempo di buttar giù le case è finito da un pezzo. Franco Dimauro

Le gag cui alludo alla 1882im a bat t ut a non sono quelle com iche, t ut t alt ro.

ML 18


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: GORILLAZ TITLE:

Plastic Beach

LABEL:

Parlophone | Virgin

RELEASE: 2010 WEBSITE:

www.gorillaz.com

MLVOTE: 8 / 10 Non è passato tanto tempo da quando sono venuto a conoscenza di una notizia che mi ha lasciato sgom ent o. Nell Oceano Pacifico esist e una specie di isola galleggiant e di rifiut i cost it uit a per l 80% di plast ica, spessa circa 30 m et ri ed est esa per una superficie pari a due volt e lo St at o del Texas. Un enorm e pat t um iera che si è form at a dagli anni Cinquant a che at t ualm ent e peserebbe 3,5 m ilioni di t onnellat e e secondo alcuni st udi t ra non m olt i anni pot rebbe raggiungere un est ensione paragonabile al cont inent e africano. Tut t o ciò è il risult at o di quel m eccanism o perverso e t ipico della societ à dei consum i ( produzione- consumo- rifiut i) di cui t ut t i siam o responsabili e del gioco delle corrent i m arine e dei vent i che favoriscono la form azione dell enorm e discarica in quella zona sperdut a del Pacifico. I l

Pacific Trash Vort ex

sem bra aver ispirat o D a m on Alba r n ( già

voce e com posit ore dei Blur, il più grande gruppo pop degli anni Novant a) deus ex machina dei Gorillaz, nella realizzazione di Pla st ic Be a ch t erzo disco della band fum et t o più fam osa del pianet a a cinque anni di dist anza dal fort unat o D e m on D a ys. La

spiaggia di plast ica

è un

concept- album dove la disco anni Ot t ant a e la m usica rap sono filt rat e at t raverso un t appet o sonoro elet t ro/ pop irresist ibile. I diversi e blasonat i ospit i present i in quasi t ut t e le sedici t racce rendono l album m olt o variegat o. Solo per cit arne alcuni: Sn oop D ogg ( Welcom e t o t he World of t he Plast ic Beach), Bobby W om a ck e M os D e f ( Stylo), D e La Sou l ( Superfast Jellyfish), Mark E. Sm it h dei Fall ( Glit t er freeze), Lou Re e d ( Som e Kind of Nat ure), M ick Jone s & Paul Simonon ( Plast ic Beach) e Yuk im i N a ga no dei Lit t le D r a gon ( To Binge). I l t ut t o è t enut o insieme dal filo condut t ore di un m usica t erzom ondist a che con i suoi cont inui rim andi agli Eighties in un prim o e superficiale ascolt o da l im pressione di un suono retrò. Tut t avia non ci vuole m olt o per

assaporare,

at t raverso successive e ripet ut e frequent azioni,

l incredibile

freschezza di Pla st ic Be a ch. Un grande e raffinat issim o disco pop ( alt am ent e cont am inat o dalla black music) attualissimo e proiettato nel futuro. Domenico De Gasperis

ML 19


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: JOHNNY CASH TITLE:

American VI: Ain't No Grave

LABEL:

American | Lost Highway

RELEASE: 2010 WEBSITE:

www.johnnycash.com

MLVOTE: 9 / 10 Per chi scrive, Joh nn y Ca sh rappresent a una scopert a m eravigliosa che iniziava ai t em pi di A M a n Com e s Ar ou n d, 2002. Una folgorazione a cui è conseguit a una ricerca appassionat a e spasm odica di gran part e del m at eriale reperibile. Tolt e le st oriche regist razioni dalle carceri ( San Quent in e At Folsom Prison) bast ant i da sole a incast onare per sem pre Cash nell'olim po del count ry rock - quello che più appassiona sono proprio le regist razioni American, prodot t e da quel geniaccio barbut o di Rick Rubin . Per sapere più nel det t aglio com e sono andat e le cose, rim andiam o il let t ore alla recensione di A H u n dr e d H igh w a ys ( ML n. 36) . Sulla necessit à del disco in ogget t o sono st at e spese t ant e parole. Molt o probabilm ent e una m eravigliosa pent alogia aggiunt a a un cofanet t o st ellare - com post o da alt ri cinque cd ( Unearthed, 2003) - bast ava a chiudere il cerchio in m aniera più che soddisfacent e m a appena si posa Ain 't n o Gr a ve nel giradischi le parole si placano per lasciare spazio alla m eraviglia. Per la sest a volt a t orna l'em ozione di im bat t ersi in un nuovo lavoro del M a n in bla ck , nat o a Kingsland ( Arkansas) nel 1932 e m ort o pochi giorni dopo aver regist rat o l'album in ogget t o, nel set t em bre del 2003. Questo American, come gli altri, è composto in massima parte da brani altrui, arrangiati secondo i m eravigliosi canoni st ilist ici della rodat a dit t a C & R. St avolt a l'eccezione è I Corint hians 15: 55, inedit o capace di em ozionare in virt ù di un t est o st rappalacrim e: " Oh Deat h, where is t hy st ing? Oh Grave, where is t hy vict ory? Oh Life, you are a shining pat h. And hope springs et ernal, j ust over t he rise, When I see m y redeem er beckoning m e" . Ain 't N o Gr a ve com parirà in m olt e classifiche di fine anno e rappresent a qualcosa di assolut am ent e sincero e necessario; epit affio da incorniciare e ascoltare quando si ha voglia di colmare l'anima con la bellezza della musica che più ci piace. Non resta che togliersi il cappello (da cowboy) devoti e commossi. Jori Cherubini

ML 2 0


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: SIN ROPAS TITLE:

Holy Broken

LABEL:

Madcap Collective | Shrug

RELEASE: 2010 WEBSITE:

www.sinropas.com

MLVOTE: 7 / 10 L unione fa la forza. L am ore il rest o. Difat t i se la collaborazione fra l et ichet t a di casa nost ra M a dca p Colle ct ive e l am ericana Sh r ug Re cor ds ha generat o la scint illa, il m at rim onio consolidato fra i responsabili del progetto Sin Ropas ha fatto sì che Holy Broken fosse qualcosa di più che un sem plice disco folk. Lui, Tim

H u r le y, dei m ai dim ent icat i Re d Re d M e a t

( recent em ent e avvalorat i da una rist am pa Su b Pop del sem inale Bunny Get s Paid in versione deluxe)

e lei, Dann i

I ose llo ( Califone e Pe r ish a ble Re cs) hanno confezionat o un piccolo

dischet t o dai colori t enui però im presso con

fort i pennellat e sulla t ela dell em ot ivit à. Ballat e

dolent i ridot t e ai m inim i t erm ini che si guardano in faccia e si rivelano in t ut t a la loro bellezza; nulla è gridat o e nient e vuole apparire per forza. Sono solo voci e st rum ent i classici e ant ichi che am algam at i dall am ore scivolano in un dolce oblio con chiari segnali di rinascit a e piccoli barlum i di luce. Solo l apert ura affidat a a Fever You Fake può far pensare a un classico disco di indie rock con la sua splendida m elodia decant at a dai due coniugi, m a la rest ant e breve scalet t a ( 35 m inut i per 8 com posizioni) è folk am niot ico, blues arcaico e pop evocat ivo che pret ende at t enzione e dedizione per insinuarsi lent am ent e sot t opelle. Un gran bel disco che va colt ivat o. Com e il grano che cresce ovunque ma mai viene valorizzato. Nicola Guerra

ML 21


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: PARENTHETICAL GIRLS TITLE:

Privilege Pt. 1: On Death & Endearments

LABEL:

Slender Means Society

RELEASE: 2010 WEBSITE:

www.parentheticalgirls.com

MLVOTE: 9 / 10 I Pa r e n t he t ica l Gir ls sono i t est im onial ideali della pop m usic. Chiunque - a esso ideologicam ent e ost ile, per pregiudizio, per pigrizia m a anche per pura scelt a est et ica o convinzione profonda - avesse la vent ura d'im m ergersi nel flusso sonoro di quest o bizzarro ensemble, avrebbe certamente più d'un fondato motivo di riflessione sulle infinite possibilità che il pop concede di sperim ent are ben olt re, dunque, i lim it i st rut t urali del suo form at o classico. I t re dischi che hanno pubblicat o fino a oggi sono figli dell'audacia, il segno incont rovert ibile d'una diversit à " sonora" che è riflesso inconscio di un'inquiet udine non pacificat a, a ben vedere, però, percebile - e per quest o m ot ivo inequivocabile - nell'am biguit à del cant at e Za c Pe n n ingt on e nella glacialit à snobist ica degli alt ri com ponent i. Le ragazze " t ra parent esi" sono una vist osa anom alia nell'odierno panoram a m usicale, un'inquiet ant e cesura delle cert ezze, una spina " freak" piant at a nelle m aglie dell'ovvio senso com une. Per quest o m ot ivo chi vi scrive si com piace all'annuncio dell'uscit a d'un nuovo lavoro Privilege - che dovrebbe vedere la luce presumibilm ent e ent ro m aggio del 2011. Dopo aver dirot t at o con Entanglements l'indie pop sulle im pervie t raiet t orie del det ournem ent sonoro piegandolo con sghem bi arrangiam ent i cam erisit ici ad un past iche barocco v'è la cert ezza che il risult at o non pot rà non essere m eno che indefinit o e inconsuet o. Piacevole sorpresa, in ogni caso, è dat a dalla decisione della band di ant icipare la pubblicazione ufficiale dell'opera con l'uscit a di 5 EP: uno ogni t re m esi. I l t ent at ivo chissà - di aggiornare i propri fan delle fasi di lavorazione del disco accom pagnandoli per m ano nell'ascolt o fino al part o finale. I l ( prim o) frut t o di quest a scelt a alt ret t ant o inusuale è Privilege, Pt .1 : On D e a t h & Ende a r m e n t s ( uscit o il 23 febbraio) edit at o in appena 500 copie e illust rat o dalla svedese Je n n y M ör t se ll. Un EP com post o da quat t ro st raordinarie m icro suites che arricchiscono il proget t o Pa r e n t h e t ica l Gir ls di ult eriori affascinant i prospet t ive. L'unico elem ent o di cont inuit à - il " t rait d'union" con il passato è infat t i il falset t o dolent e di Pennington, le sonorit à, invece, esplorano t errit t ori different i affrancandosi dall'art ificio orchest rale di Entanglements. L'incedere rit m ico è dolcem ent e cadenzat o per t ut t a la durat a dei quat t ro brani: at t raversa il disperat o m inuet t o folk rock di Som eone Else's Muse vagam ent e Ar ca de Fir e , si congiunge allo st raziat o coret t o di On Deat h & Endearm ent s - funerea m arcet t a sospesa fra le suggest ioni della Ka t e Bu sh di Hounds of Love e le prim e gelide pose dei Roxy Music - per affondare languida nella t rasfigurazione t ragica di I found dram a, ninna nanna impalpabilmente eterea quanto sorprendentemente vibrante. La gemma più preziosa e lucente del lotto, però, è quella iniziale, in qualche modo legata alle esprienze musicali precedenti e, come da m olt i giust am ent e osservat o, glam - orient ed non solo nella m at rice sonora m a soprat t ut t o nell'im post azione vocale. Accom pagnat o da un video m eraviglioso - carat t erizzat o da lent e carrellat e lat erali e da accat t ivant i rim andi figurat ivi - t rae il suo fascino dalla sublim e perform ance di Penningt on che conferisce al brano una welt anschauung di t rist ezza assolut a. I wouldn't m ake a good wife for anybody... scrisse in un bigliet t ino Eve lyn M cH a le prim a get t arsi dall'86° piano dell'Em pire St at e Building. Cadde su una lim ousine, ne piegò le lam iere m a il suo abito non si sgualcì; dignitosa e composta anche nella morte. Nicola Pice ML 22


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: GET WELL SOON TITLE:

Vexations

LABEL:

City Slang | Cooperative Music

RELEASE: 2010 WEBSITE:

www.youwillgetwellsoon.com

MLVOTE: 10/ 10 A Kon st a nt in Gr oppe r probabilm ent e non sono bast at e le unanim e at t est azioni di st im a della crit ica m usicale ed il buon consenso di pubblico ( seppur, com unque, nei lim it i del circuit o indipendent e in cui il nost ro si m uove) seguit i al debut t o discografico di Re st n ow , w e a r y h e a d! You w ill ge t w e e l soon . I l t alent o sm isurat o del polist rum ent ist a e com posit ore t edesco evidentemente si nutre della più che giustificata ambizione (nel suo caso) di creare opere musicali che non solo siano lont ane dalla banalit à plast ificat a dei prodot t i m usicali di quest a epoca sem pre più m ercant ile at t raverso l'esplorazione di st rade sonore poco bat t ut e m a che siano pure l'inequivocabile dim ost razione della possibilit à di un disco di essere anche alt ro che la sem plice m usica, brillando della luce aut onom a di t est i che

dot at i di grande forza let t eraria

cost it uiscono in fondo la sost anza, l'ossat ura dei suoni che, al cont rario, sono la

form a

più

accattivant e dei brani st essi. Da quest a volont à nasce Vexations, una sort a di concept ( com e si diceva un tempo) filosofico sul significato della vita, sull'esperienza del dolore che l'attraversa e la segna irrim ediabilm ent e, sul m ist ero della m ort e e la sua rim ozione. La successione dei brani dim ost ra, però, che Konstantin/ Ge t W e ll Soon , pur nella com plessit à dei t em i t rat t at i, rifugge l'enfasi declam at oria, la pedant eria o la sicum era del filosofo che, ripiegat o nei suoi st essi pensieri, guarda sprezzant e gli esseri um ani dall'alt o di una

t urris eburnea . Al cont rario il

m usicist a abbraccia una form a di lirism o crepuscolare e part icolarm ent e dolent e che assurge a metafora stessa dello straniamento degli uomini alle prese con l'insondabilità dell'esistere. Il titolo del disco

a indicarne il senso - è m ut uat o dalla celebre om onim a com posizione di Er ik Sa t ie

eseguit a nel 1949 ed è ispirat o all'et ica st oica di Lu cio An n e o Se n e ca a cui sono dedicat e Seneca's Silence e la seguente We are free che poste dopo la sartriana Nausea (fiaba angosciante che esem plifica la perdit a delle cert ezze con la descrizione dello sm arrim ent o nel bosco) , rappresent ano il m anifest o program m at ico del disco. La salvezza um ana può risiedere ( forse) nella capacit à di gest ire con pacat ezza e forza d'anim o le vessazioni che si abbat t ono su di noi anche a cost o della vit a st essa ( l'at t o est rem o del suicidio senechiano lo dim ost ra) e nel saper rinunciare in qualsiasi momento non solo a ciò che si ha ma anche a ciò che sia ama. Il prezzo da pagare alla libert à è, dunque, la sublim azione più o m eno consapevole dell'apat ia: un percorso di spoliazione delle passioni individuali o di rinuncia com e in That Love, ad esem pio, dove l'incendio che i Moscovit i appiccarono alla propria cit t à per difenderla dall'assedio napoleonico divent a il sim bolo della necessit à di dist ruggere se st essi per salvare se st essi. Tut t i gli alt ri brani sono, pert ant o, il corollario di quant o post ulat o da quelli sopracit at i: quadret t i com piut am ent e perfet t i che at t raversano la quiet e elegiaca o la m alinconia int rospet t iva, lo scet t icism o m a anche l'am ore ( soprat t ut t o per la nat ura com e nella dram m at ica Angry young m an) e che, com unque, evidenziano la vacuit à delle azioni/ passioni um ane sem pre più illusorie e palliat ivo pat et ico alla noia e all'insensatezza del vivere. ML 23


musicletter.it

update n. 70

musica: get well soon In 5 st eps- 7 words - che si riferisce ai cinque st adi del dolore di Kubler- Ross e all'iconografia cat t olica delle set t e spade che t rafiggono il cuore della Vergine Maria - em erge prepot ent e l'incapacit à di affront are l'approdo nat urale alla m ort e con il conseguent e t ent at ivo di rim ozione ( com une alla scienza e ad alcune dot t rine spirit ualist iche) in luogo di una serena ( quant o difficile) accet t azione ( pensiam o a A Voice I n The Louvre, richiest a d'aiut o som m essa quant o disperat a di un uom o solo con i propri dubbi) . D'alt ra part e ( We are ghost s) le ideologie - laiche o religiose che dir si voglia - hanno fallit o lasciando un carico di m acerie t ra le quali ci agit iam o com e spet t ri e, coerent em ent e con l'im post azione

st oica

del disco, se è pur vero che occorre t rovare uno

scopo nella vit a ( che sia un riferim ent o alla propria at t ivit à d'art ist a?) A Burial at Sea ci suggerisce che in alcun m odo esso può divent are l'ossessione da perseguire a t ut t i i cost i com e novelli Achab alle prese con la M oby D ick di t urno. La cost ruzione sonora di un'opera così ricca di spunt i di riflessione

va det t o - è m eno com plessa di quant o si possa pensare ( o, forse, di

quant o sarebbe st at o lecit o aspet t arsi?) m a cert am ent e non è m eno affascinant e di Re st n ow , w e a r y he a d! You w ill ge t w e e l soon . Un m usicist a di form azione classica com e Grooper non rinuncia in Vexations a quella mistura di pop sofisticato e folk elettronico che fu propria del disco d'esordio sem m ai essa viene asciugat a dall'enfasi un po' barocca che qua e là vi affiorava rendendolo nei toni più vicino a un Leonard Choen che a un Patrick Wolf (a cui viene torto

e non a

paragonat o) . La perfezione degli arrangiam ent i orchest rali effet t uat i con un quart et t o

d'archi e una sezione di fiat i che int ersecano la già cit at a effet t ist ica elet t ronica ricorda gli episodi più fort unat i dei Radiohead creando un'at m osfera di generale e inarrest abile decadenza, almeno fino al brano conclusivo, ( We Are The Rom an Em pire) . Un cant o di speranza, in fondo, il t ent at ivo di aggrapparsi con forza ai valori um ani più t radizionali, l'augurio che, al di là dei principi enunciat i e del progressivo dist acco dalle passioni e ( dunque) dalle pene del m ondo, lassù t ra i geroglifici incomprensibili delle stelle si possa scorgere un rinnovato orizzonte di senso. Nicola Pice

ML 24


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: SAMBASSADEUR TITLE:

European

LABEL:

Labrador

RELEASE: 2010 WEBSITE:

www.myspace.com/sambassadeurtheband

MLVOTE: 9 / 10 Pop will never die! . È quest a l'unica esclam azione possibile dopo l'ascolt o dell'ult im o disco degli svedesi Sambassadeur. Alla t erza prova ( dopo l'ot t im o Migration) la band di Malm ö m et t e definit ivam ent e a punt o una form ula m usicale t ut t a giocat a - sin già dagli esordi - su m elodie sem plici, m olt o accat t ivant i, dal gust o sixt ies, che inseguono il dream pop t argat o anni '80 per abbracciarsi con grazia nel folk bucolico t ant o caro all'indie brit annico. La novit à risiede quest a volta, però, nell'essere riuscit i a evitare quasiasi sbavatura dovuta alla povertà di mezzi produttivi a disposizione. I l suono in European è, infat t i, di una purezza crist allina perché s'avvale di im peccabili arrangiam ent i che definisce i cont orni d'una fascinosa " allure" at em porale. I l risult at o: nove

brani

d'abbagliant e

bellezza

che

vagheggiano

m alinconicam ent e

un

alt rove

non

scandinavo, un angolet t o che som igli seppur idealm ent e a qualche assolat a spiaggia lont ana, un orizzont e di speranze lont ane m a possibili com e quello raffigurat o nel delizioso bozzet t o dipint o in copertina. D'alt ra part e il desiderio e lo st ruggim ent o ( declinat o in m olt eplici diverse form e) hanno rappresent at o e rappresenta il segno dist int ivo dell'indie pop ( scandivano in part icolare) : una non m eglio definit a cat egoria est et ica, la necessit à di dare una form a sonora all'irrefrenabile um oralit à, al saliscendi em ot ivo che cont raddist ingue la giovinezza e i suoi t orm ent i e che, nel caso delle popolazioni del Nord Europa ( Gran Bret agna inclusa) , si m escola anche alle ubbie brum ose che det erm inano il carat t ere di quei popoli. I l gruppo non sfugge a quest a regola m a riesce, com unque, a dom are la t endenza dell'indie pop a crogiolarsi com piaciut o nel proprio hum us em ot ivo m ost rando una m at urit à che è lo specchio fedele di quella m usicale raggiunt a. L'insieme sonoro, infatti, è molto più variegato (ma paradossalmente più compatto) di quello delle prove precedenti che oscillava tra il t wee crepuscolare e l'elet t ronica più m inim ale e, in ogni caso, virat o a un pop com posit o e ricco di cit azioni nobili. Non viene m ai m eno uno spiccat o gust o m elodico che ricorda nella successione dei brani soprat t ut t o i cont erranei Concretes ( nella delicat ezza avvolgent e di Forward is all) , addirit t ura gli Abba ( con Albatross che cit a con spregiudicat a consapevolezza The winner t akes it all) e i Ca r diga n s (in Days e nella m eravigliosa Sandy dunes) m a anche i Ca m e r a Obscu r a nelle arm onie vocali di Anna Persson sem pre più im port ant e nella cost ruzione e nella definizione di un'originale specificit à sonora. I l disco alt erna m om ent i più int rospet t ivi, persino sospensioni st rum ent ali nell'apert ura di Stranded ( non priva d'impennate improvvise) a sferzate di pop più energetico in cui fa capolino il wall of sound di bella memoria (la già citata Sandy dunes). ML 25


musicletter.it

update n. 70

musica: sambassadeur

La rit m ica più audace, i fiat i e il synt h pop ( I can dry) fanno post o agli archi celest iali e all'incedere Sixist ies e all'im palpabile collasso nost algico del carillion di High and low segue la semplicit à di riff più elet t rici in Sm all parade t ut t a giocat a t ra scosse nevrili e dolcezze vocali. European è, dunque, la dim ost razione di quant o l'indie pop sia vivo, lont ano dalla leziosit à e di quant o possa offrire m usicalm ent e nella pur evident e fragilit à del suo essere. Se è vero, allora, com e diceva il bardo di St rat ford- upon- Avon che La vit a non è alt ro che un'om bra vagant e, un povero at t ore che si pavoneggia, si agit a per la sua ora sul palcoscenico e poi t ace... il disco dei Sambassadeur può dare alla vit a st essa cont orni m eno indefinit i riem pendola dei colori e delle luci delle emozioni seppur nella breve durata dei suoi brani. Nicola Pice

ML 26


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: EVY ARNESANO TITLE:

Tipa Ideale

LABEL:

Heavylight

RELEASE: 2010 WEBSITE:

www.myspace.com/evyline

MLVOTE: 8 / 10 Nella sua im palpabile im m at erialit à una ( non) presenza è vagam ent e percepit a durant e lo scorrer piacevole dei brani che com pongono l insiem e del debut t o discografico di Evy Ar ne sa no: il fant asm a dell am ore. L am ore possibile, l am ore perdut o perché ( orm ai) passat o, l am ore vagheggiato, l am ore che in qualunque form a si m at erializzi nelle esperienze e nei pensieri della t alent uosa m usicist a salent ina ( orm ai, però, bolognese d adozione) viene accurat am ent e esorcizzat o in una congiura del silenzio ( evit ando, cioè, di pronunciarne la parola) . Scriveva Hillman che l am ore eccit a la paura e, dunque, spavent at i all idea ( t ot alizzant e) d am are e spavent at i nella prat ica dell am ore, com piam o rit uali propiziat ori e chiediam o aiut o per non sm arrirci nel suo oscuro, t ort uoso percorso. I l non dire, dunque, com e scaram anzia? O, forse, scelt a st ilist ica? Per Evy, a m io avviso, l ineffabilit à dell esperienza erot ica fa il paio con l ineffabilit à st essa della parola am ore , da sem pre logoro st ereot ipo della canzonet t a it alica, e in luogo dell abusat o ricorso a quest o t erm ine, l aut rice preferisce lasciar parlare, invece, il proprio vissut o em ozionale. Le scherm aglie descrit t e nei brani, gli incont ri, la perdit a, lo st ruggim ent o, pert ant o, più che definire universalm ent e l am ore st esso nella cost ruzione d una sua im possibile dot t rina cost it uiscono per lei, parafrasando il poet a Rilke, un occasione per m at urare, la possibilit à di divent are una persona nuova ( m igliore probabilm ent e) che, facendosi largo nel caot ico groviglio dei sent im ent i, possa t rovare il suo equilibrio nel m ondo. Tut t o ( quant o) filt rat o dalla leggiadra vaghezza della scrit t ura sbarazzina di Evy ( leggiadria che è la sua aut ent ica peculiarit à: una sort a di cat egoria est et ica) speculare all indefinibilit à m usicale del disco com post o da undici brani con l aggiunt a di due t racce che sono versioni diversam ent e arrangiat e della title track ( Tipa ideale) e di I l m io vicino. Rit m o, spont aneit à, ironia, leggerezza, creat ivit à, m alinconia si fondono in un cont inuum , per l appunt o, indefinibile che avvolge e che st ordisce per la sua m alìa. I l m erit o il fascino indiscut ibile dei brani - risiede nella capacit à di Evy di rielaborare sonorit à vint age anni 60 e 70 ora con la rit m ica più dolce della bossa nova ora con quella più m ovim ent at a del sam ba senza rinunciare a linee m elodiche decisam ent e easy listening. Esem plare in quest o senso sono i prim i brani del disco che dal sopracit at o I l m io vicino a Non era t ant o m ale fino allo swing deliziosam ent e ret rò di Sulla riva di un fium e ridefiniscono in m aniera personale e godibile le coordinat e della lounge m usic m ade in I t aly per poi virare nella loro successione - su sonorit à più orient at e al pop ( Fedele m it ologica) e m isurarsi persino con l elet t ronica. Con l ascolt o si m at erializza d incant o un at m osfera languida e sensuale a crist allizzare un sound sofist icat o ( l elenco dei m usicist i che hanno collaborat o con Evy è di alt issim a qualit à) , un soft pop j azzat o che gioca cont inuam ent e - m ai con leziosit à, però - di rim andi, di colt e cit azioni cinem at ografiche ( il disco, d alt ra part e è dedicat o a Piero Umiliani e a Pie r o Piccion i) . Un opera prim a fresca ed elegant e, il debut t o di Evy Ar ne sa no, la m anifest azione di un t alent o m at uro che è capace di plasm are la m at eria m usicale ai propri desiderat a e di sicura originalit à int erpret at iva ed espressiva, cert am ent e m erit evole di nuove e ancor più prest igiose occasioni discografiche che sarebbe delit t uoso a parere di chi scrive non concedere. Per il m om ent o ne consigliam o assolut am ent e l ascolt o: un ant idot o efficace contro la xfactorizzazione televisiva del gusto musicale. Nicola Pice ML 27


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: THE HOTRATS TITLE:

Turn Ons

LABEL:

Hot Rats Records

RELEASE: 2010 WEBSITE:

www.thehotrats.com

MLVOTE: 7 / 10 Vi siet e accort i di nient e? Uhm

Vi aiut o

The Cryst al Ship invece che Break on t hrough. Big Sky

invece che You really got m e. Queen Bit ch invece che Ziggy St ardust . E.M.I. invece che God save the queen. I can t st and it invece che Sweet Jane. Bike invece che Lucifer Sam. Dunque? Ancora niente? Vabbè

I l gioco è sem plice e ha una sua efficacia. Tirare fuori dei brani su cui t ut t i

abbiam o sbat t ut o il naso più volt e. Canzoni fam iliari, m a non t roppo sput t anat e. Di quelli che sai per cert o che li hai già sent it i m a che m ent re li risent i chiedi già al com pagno di fianco il dove, il quando, il come, il con chi. I Supergrass ( che di loro si t rat t a, lo sapet e) insom m a fanno i furbi. E sono cert o che saranno sui cart elloni di alm eno m et à dei Fest ival est ivi di quest anno. L anno prossim o poi nessuno se ne ricorderà più. Ma quest o non è colpa loro. Qualcuno t ra voi ricorda ancora qualche side project? Qualcuno ricorda gli A Pe r fe ct Cir cle ? I Brad? I Glove? I Probot? Qualcuno spera già da ora che sarà diverso per i Th e m Cr ook e d Vu lt u r e s o per gli Hotrats t ra cinque o sei anni? Ma il disco, dicevam o, funziona, anche se non rifai Bike con il cam panellino della t ua bici o E.M.I. senza la pernacchia conclusiva. Spogliandole un po' delle suppellet t ili che sono loro necessarie, m a non indispensabili, per vivere. E funziona si perché N ige l Godr ich , Gaz Coombes e D a n n y Goffe y sanno il loro m est iere piegando spesso i brani alle loro esigenze ( l esem pio più efficace la st ravolt a versione acust ica e in falset t o di Fight for your right m a pure Dam aged Goods o Up t he Junct ion, NdLYS) m a anche perché di dischi che riescono a divert ire dall inizio alla fine non ce ne sono più. E qui il

già sent it o

funziona sem pre. È com e fare un

puzzle coi pezzi della t ua vit a. Di quando am avi Jim M or r ison perché faceva fico con le ragazzine. Di quando scoprist i che i Pin k Floyd avevano una vit a precedent e a The dark side of t he m oon e che era m igliore della successiva. Di quando credevi negli eccessi dei Se x Pist ols. Con e senza pernacchie. Di quando t i chiudevi nella st anza a fare l air guit ar sui riff t am arri dei Be a st ie Boys. Di quando ballavi le canzoni dei Cure sbavando di rosset t o e saliva. E poi, diciam ocelo francam ent e: chi non vorrebbe pot er suonare canzoni così? I Supergrass lo hanno fat t o. Facendo un t ort o a nessuno e dim ost rando com e valgano più di t ant a robaccia che oggi vi vendono su iTunes a 99 centesimi al chilo. Franco Dimauro

ML 28


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: COREY HARRIS TITLE:

Blu.Black

LABEL:

Telarc | Egea

RELEASE: 2010 WEBSITE:

www.myspace.com/coreyharrismusic

MLVOTE: 8 / 10 Cor e y H a r r is passa per un purist a della

m usica del diavolo

e ha iniziat o a cost ruirsi una

reput azione com e revivalist a del blues rurale nel 1995 con il suo album di debut t o Between M idn igh t a n d D a y. Troppo ridut t ivo però includerlo nell alveo del blues più t radizionale: la sua collocazione, nel cont est o dell odierna m usica nera, va inquadrat a alla luce dell esplorazione da m usicologo com piut a nell ult im o decennio ( e olt re) t ra le varie t radizioni m usicali afro- americane sviluppat esi t ra Usa e Caraibi, a get t are ( am biziosam ent e) un pont e t ra le radici africane e l odierna esperienza black, passando per il reggae giam aicano. I l suo ult im o album , com e egli stesso ha t enut o a precisare, vuole essere l espressione dell am ore sm isurat o per la black m usic, m ant enendo alt a, pur t ut t avia, l accent uat a coscienza sociale e polit ica del suo operare. Nel fare ciò Harris ha realizzato un disco (ottavo in carriera) di sintesi in cui si intrecciano numerosi generi e int ervengono i più disparat i st ili, influenze e um ori; dal blues, al R&B, dal sout hern gospel al reggae, dalle sonorit à caraibiche ai rit m i afro; un blend cult urale per cert i versi ibrido m a fort em ent e carat t erizzat o dalla sua personalit à. La m usica del Delt a del Mississippi è solo il punt o di part enza per le sue escursioni. I n apert ura un pezzo dal sem plice t it olo Black, una ballat a soul/blues, elegant e e vellut at a, con un m agnifico arrangiam ent o e raffinat e arm onie vocali, e in chiusura Blues, accat t ivant e e foriero di em ozioni, guidat o dal suono pulsant e di un piano, sul quale si innest ano sporadici riverberi chit arrist ici ed il vocalism o t enorile ed appassionat o di Corey, a chiarire in un sol colpo l aut ent ico sentire del m usicist a. Tut t i brani ( coadiuvat o nella scrit t ura dal pianist a Ch r is " Pe a n u t " W h it le y) che celebrano la negrit udine, il desiderio di affrancarsi dall oppressione e conseguire redenzione e libert à. Con que r in g Lion ( t ribut o all im perat ore di Et iopia Haile Selassie, considerat o il Messia dalla religione Rast afari) e Babylon Walls sono dist int ivam ent e reggae e danno senso com piut o all unica cover, la splendida Columbus dei Bu r n in g Spe a r . L organo di Whit ley sovent e scivola verso un pregevole sound soul- jazz, corroborando il battito sincopato del reggae con un più tipico swing R&B. Luigi Lozzi

ML 29


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: MOTORPSYCHO TITLE:

Heavy Metal Fruit

LABEL:

Stickman Records | Rune Grammofon

RELEASE: 2010 WEBSITE:

www.motorpsycho.fix.no

MLVOTE: 8 / 10 Arriva nei negozi, a dist anza di qualche m ese da Ch ild Of Th e Fu t u r e , il nuovo disco dei norvegesi Motorpsycho. Tre dischi in due anni sono un ot t im o bigliet t o da visit a per un gruppo che in più di vent anni di carriera ci ha regalat o una m olt it udine di sorprese. I n quest o caso il suono non si dist acca part icolarm ent e da Lit t le Lu cid M om e n t s, ovvero lunghe com posizioni di m at rice prog in cui il classico crescendo della band è alt ernat o a suoni riconducibili a un cert o krautrock di st am po t edesco, fram m ist o a una com posizione che richiam a in più occasioni un sentore marsvoltiano che am plifica lo spet t ro sonoro già im pot ent e del t rio. Probabilm ent e quest o im past o m usicale è dipeso anche dall apport o del giovane bat t erist a dim ost rat o durant e le recent i esibizioni in suolo it alico.

Ke n n e t h Ka pst a d, com e

I l t it olo H e a vy M e t a l Fr u it nasce

dall ascolt o ripet ut o dei Black Sabbat h così H a n s M a gnus " Sna h " Rya n dichiarò qualche m ese orsono in un int ervist a (Il Mucchio). La verità sta nel mezzo: se Starhammer potrebbe tener fede a quest e dichiarazioni, è alt resì vero che una com ponent e im port ant e è lasciat a a lunghe im provvisazioni di m at rice free j azz, com e dim ost rat o dalla collaborazione di M a t h ia s Eick dei Jaga Ja zzist . Alt ra influenza palese è lo spet t ro degli Hawkwind (vedi al capitolo The Bombpoof Roll And Beyond) , gruppo che in realt à accom pagna i norvegesi dall inizio della loro st oria. Un disco di alt ri t em pi, lungo, in alcuni punt i pure difficile nell ascolt o, che sa regalarci em ozioni che latitano sempre di più nei prodotti odierni. Se la classe non è acqua Matteo Ghilardi

ML 30


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: GYPSY PISTOLEROS TITLE:

Welcome to the Hotel de la Muerte

LABEL:

Bad Reputation

RELEASE: 2010 WEBSITE:

www.myspace.com/gypsypistoleros

MLVOTE: 6,5/ 10 I solert i com unicat ori della Bad Reput at ion li present ano com e una band

gypsy flam enco

rock n roll sleaze e per carit à, gli dei m i fulm inino se mi azzardassi a dissentire. Il leader Lee J. e i suoi scagnozzi, aut ori di quest o ext ended play ( m a anche di un paio di apprezzat i album ) appart engono a quel filone di band con ret rogust o m arcat am ent e punk e at t it udine st radaiola, t ut t avia la rilevant e e part icolare iniezione di at m osfere git ane e sonorit à ispaniche rende decisam ent e peculiare la propost a dei pist oleri brit annici in ogget t o. I l gruppo si divert e infat t i a rim polpare le com posizioni con sorprendent i insert i di fiat i e chit arre m ariachi che, a cont i fat t i, caratterizzano, colorano e definiscono senza mai stonare o risultare fuori luogo. Il loro nome si sta rit agliando un crescent e spazio nella scena sleaze rock underground, acquisendo credit o e soprat t ut t o esperienza dal m om ent o che il loro carrozzone variopint o ha già viaggiat o in giro per l Europa in com pagnia di nom i st orici com e L.A.Guns, Fa st e r Pu syca t e Bulletboys ( anche se a mio parere, parlando di influenze, un cordone ben più solido li lega ai mitici Hanoi Rocks di Mike Monroe e An dy M cCoy) . La rit m at a Hot el de la m uert e apre le ost ilit à m et t endo le cart e in t avola senza indugiare; con lei si spalanca un im m aginario di t orbidi e fet ent i saloon, cavalcat e dal sapore squisit am ent e west ern e sfrenat e scorribande per la disperazione di qualche sceriffo alle prese con la banda di pist oleri più m at t a, incont rollabile e cazzut a della cit t à. Living down wit h t he gypsies e Walk t hrough t he shadows sono alt ri adeguat i affreschi sorret t i da rit m iche hard m a con sonorit à decisam ent e punkeggiant i, il t ut t o im m erso nel corollario esot ico già descrit t o. Già dalle prim e not e, Sangre de las rosas divent a invece rarefat t a e suggest iva, non colpisce per la frenesia degli alt ri brani m a cat t ura con un im m aginario che t i int rappola in panoram i desert ici, m agari m ent re si cavalca al t ram ont o. La durat a ridot t a dell EP è bilanciat a dal DVD bonus che lo accom pagna, t rat t o dalla loro esibizione al Rocklahom a Fest del 2009. Probabilm ent e, anche se in presenza di un disco m olt o carino m a non t rascendent ale, i Pistoleros m erit erebbero qualcosa in più in sede di vot azione m a se ne riparlerà event ualm ent e quando present eranno un vero full lenght ! Fino ad allora

Hast a Luego Gringos! Manuel Fiorelli

ML 31


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: JEAN BINTA BREEZE TITLE:

Eena Me Corner

LABEL:

Arroyo records

RELEASE: 2009 WEBSITE:

www.myspace.com/jeanbintabreeze

MLVOTE: 8 / 10 Ci sono m om ent i dove avere t ra le m ani un album com e quest o può rendere più piacevole l incedere schiacciasassi della vit a m oderna. Je a n Bin t a Br e e ze , con la collaborazione validissim a dei m usicist i D e n n is Bove ll e dell it aliano M a r zio Ar icò, confeziona un disco che prim a di t ut t o va riflet t ut o e assim ilat o, né più né m eno di un libro di poesie. Perché non è alt ro che una grande poetessa la nostra, ormai cinquantatreenne, Jean, che non ha il timore di toccare t em i scom odi, dalla polit ica ai pensieri più int rospet t ivi, inserendo anche rielaborazioni di vecchi scrit t i dando voce alla sua dim ensione psicologica e alle esperienze esist enziali delle donne di colore . Grazie alle t raduzioni degli allievi dell Universit à di Pisa, leggendo il boot leg si può apprezzare a pieno la sensibilit à dell aut rice, che t occa sem pre le corde dell em ozione com e nell aut obiografica Mad wom an, st oria di una schizofrenica che raccont a la sua esperienza m edica ( la prim a volt a che m i hanno caricat a su una m acchina per Bellevue è st at o per farm i operare dal dot t ore e dal padrone per t oglierm i la radio dalla t est a però hanno port at o via il let t o dove m i avevano t olt o quel cancro e non m i hanno fat t o parlare con nessuno ) , raccont i soffert i dove, a rit m o di elet t ro dub, viene sussurrat o che non m i ci t rovo non c è verso la cit t à è un post o dove proprio non resist o . I l cuore pulsa per la m adre Africa e i ricordi divent ano fot o in bianco e nero, fram m ent i di vit a dove si fa vivida la com m ozione per i t rascorsi della sua fam iglia che vanno di pari passo alla st oria della sua t erra t orm ent at a ( t i ricordi le lacrim e di Sowet o, i piant i di Sharpsville, la carest ia in Et iopia, le guerre del Ruanda, le lot t e nel Sudan, dolore ovunque in Africa da Mot her Africa). Je a n Bin t a Br e e ze ha coraggio e si raccont a senza t im ori, nonost ant e sia orm ai una sceneggiat rice afferm at a e docent e a Londra, ogni parola scrit t a pesa m a rivendica un fiero senso di rivalsa, com e in Testament dove, accom pagnat o da calde sonorit à j am aicane, inneggia fiera cant a ragazza cant a, sei qualcosa di più della t ua pelle , caldam ent e e sinceram ent e black power. Dim ent icavo che quest o è soprat t ut t o un album m usicale. I m usicist i aut ori della pregevole collaborazione rendono il loro lavoro consono al rest o dell opera, le sonorit à rim angono rispet t ose al ruolo che obbligat oriam ent e devono svolgere, m ai eccessive e sopra le righe, dando m assim o rilievo alla voce di Jean, prot agonist a assolut a, cicerone a rit m o di dubster, calde trame trip hop (Grandfat her s dream s) o dance hall guerrigliero come in Aid travels wit h a bom b ( aiut i per i paesi disperat i, aiut i per i paesi senza voce in capit olo, loro scaricano in m are eccedenze alim ent ari m a non perm et t ono che si m uoia di fam e, aiut i um anit ari con bom ba at t enzione ) . I n Mermaids t ornano alla m em oria gli acidi suoni di Am erican suprem e, ult im o at t o discografico degli eroi dell elet t ro punk Suicide, ma sono i ritmi reggae di Third world blues che si issano a m anifest o della st at ura art ist ica della prim a regina della poesia dub africana. Ee n a M e Corner è quello che m olt i dischi non riescono a essere, cibo per l anim a ed eccit azione per il corpo, canzoni da leggere prim a di abbandonarsi a un dopat o viaggio verso l est asi dub. Grazie di tutto Jean. Antonio Anigello

ML 32


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: FRANCO BATTIATO TITLE:

Inneres Auge

LABEL:

Mercury | Universal

RELEASE: 2009 WEBSITE:

www.battiato.it

MLVOTE: 8 / 10 Possiam o ascolt are l'ennesim a fat ica di Fr a nco Ba t t ia t o com e se nient e fosse. Ma va da sé un piccolo sforzo d'int ellet t o, sem plice per chiunque, per accorgersi che l'ult im o grande album sfornat o dal viaggiat ore siculo risale al secolo scorso e si chiam a Gommalacca: " I suoni di Gommalacca sono suoni di superficie, di st riscio... Solo i cant ant i e gli indovini li prat icano, solo i fort unat i li ascolt ano" ; t ut t o vero. Nel 2001 canzoni com e Lont ananze d'Azzurro e La Quiet e Dopo Un Addio ( quest 'ult im a adesso ripresa e lievem ent e st ravolt a) , cont enut e nel qualit at ivam ent e discontinuo Fe r r o Ba t t u t o, m et t evano in guardia gli adept i da una probabile fase di st allo creativo. Detto, fatto! Nel 2004 non bastarono belle canzoni quali Odore di polvere da Sparo e Tra Sesso e Cast it à per salvare un disco, gradevole nell'insiem e m a con parvenze di m aniera, com e 1 0 St r a t a ge m m i. I l Vu ot o, uscit o nel 2007, esordit o 1° in classifica ( m a in I t alia bast ano ot t o copie) , lasciava un senso di vuot o, appunt o: nom en om en. Parallelam ent e ai suddet t i dischi è uscit a la " t rilogia dei fiori" : indispensabile Fleurs, gradevole Fle u r s 3 , m ediocre Fleurs 2, ultimo della serie. Inneres Auge - Il tutto è più della somma delle parti è un bel disco che si ascolta volent ieri. " I l problem a" sem m ai è dat o dalle t racce scelt e: un pizzico di inedit i, t ra cui la title track che da una part e se la prende con i polit ici ( "

e perché m ai dovrem m o pagare anche gli

ext ra a dei rincoglionit i?" ) dall alt ra dà lezioni di filosofia t eologica, o t eologia filosofica, fat e voi: " la linea orizzont ale ci spinge verso la m at eria, quella vert icale verso lo spirit o" . L'apice è raggiunt o da L'Incantesimo e da St age Door ( ent ram be scrit t e a quat t ro m ani con Manlio Sgalambro, e risalent i al periodo del già lodat o Gommalacca). Inverno, scrit t a nel 1968 da De André e cont enut a in Tut t i Morim m o a St ent o, adesso viene reint erpret at a m agist ralm ent e dal siculo che riesce nell'im presa di svecchiare un brano già di per sé im m ort ale. 'U Cant u è l'alt ra canzone inedit a e sicilianam ant e piacevole ( ricorda I l Cam m ino I nt erm inabile e quella fant ast ica filast rocca et nica che prende il nom e di St ranizza D'Am uri) . I nsom m a, est rapolandolo dalla st oria divent a un capolavoro m a adesso la sm et t esse di raschiare il fondo del barile e ci regalasse quel seguito che bramiamo dal 1998. Jori Cherubini

ML 33


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: AA.VV. TITLE:

Cantano Andrea Parodi

LABEL:

Vandle99 | Egea

[CD + DVD]

RELEASE: 2009 WEBSITE:

www.fondazioneandreaparodi.it

MLVOTE: 8 / 10 An dr e a Pa r odi, st orico leader dei Tazenda e una delle voci sim bolo della Sardegna, olt re che figura di riferim ent o per la scena m usicale it aliana, m oriva a Quart u Sant Elena il 17 ot t obre 2006, st roncat o da un m ale incurabile. Aveva solo cinquant uno anni. Dopo aver abbandonat o il gruppo nel 97 nel m om ent o di m assim a visibilit à - scegliendo una carriera solist a che non gli ha riservat o grosse soddisfazioni com m erciali m a gli ha perm esso di conservare una sua dignit osa int egrit à di art ist a e perseguire un personalissim o e sperim ent ale proget t o di cont am inazione t ra la m usica t radizionale della sua t erra e la canzone d aut ore con il j azz e alt re form e di m usica contemporanea

si era riunit o agli ant ichi am ici nel 2006 per una serie di concert i che

richiam avano un folt o pubblico. A quasi un anno di dist anza, il 21 set t em bre 2007, gli si è volut o rendere om aggio con un concert o t enut osi nell Anfit eat ro Rom ano di Cagliari cui hanno partecipat o in m assa am ici e colleghi, art ist i provenient i dalle più disparat e esperienze m usicali. Tra quest i, nom i di spicco sono cert am ent e M a u r o Pa ga n i, Pie r o Pe lù , la pianist a j azz Rita Marcotulli, la regina del cant o sardo Ele n a Le dda , il t rio delle Balentes, il sassofonist a nuorese Ga vin o M ur gia , Pie r o M a r r a s, gli st essi Tazenda ( ovviam ent e) . Un giorno di fest a nel giorno t rist e di un ricordo: la m usica nella sua universalit à ha quest a forza prorom pent e di abbat t ere steccati e di accomunare gli spiriti puri. Il repertorio proposto è di quelli che non hanno confine né bandiere; da Gracias a la vida (di Viole t a Pa r r a ) a Da a m e riva ( di Pagani e D e Andr è ), La maza del cubano Silvio Rodriguez, accanto ai brani del suo repertorio (da Tanti canti, Armentos, Abacada e t ant i alt ri ancora) . Dell event o è st at o realizzat o un CD + DVD prodot t o dalla Fondazione Andrea Parodi e Jazz in Sardegna (Vandle99 e Sardmusic). Luigi Lozzi

ML 34


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: CHIP TAYLOR TITLE:

Yonkers NY

LABEL:

Train Wreck | I.R.D.

RELEASE: 2009 WEBSITE:

www.myspace.com/chiptaylorsolo

MLVOTE: 8 / 10 Ja m e s W e sle y Voight , classe 1944, frat ello più giovane di Jon Voigh t ( quindi zio di Angelina Jolie) , m eglio not o con il nom e di Ch ip Ta ylor , cost it uisce uno di quei singolari casi di rit orno sulle scene che per qualche verso lasciano di st ucco. Negli anni 60 aut ore di brani ent rat i nella st oria del songwriting - com e Wild Thing ( dei Troggs nel 66, incisa poi da Hendrix e poi ancora dagli X), Try ( Just A Lit t le Bit Harder) ( Ja nis Joplin), I Can't Let Go ( Th e H ollie s e Linda Ronstadt in seguit o) e Angel Of The Morning ( Ju ice N e w t on ), Count ry Girl, Cit y Man ( I k e & Tin a Tu r n e r )

, a sua volt a t it olare, t ra gli alt ri, di un album ( Last Chance) indicat o da Rolling

Stone com e uno dei m igliori album count ry del 73, poi il repent ino eclissarsi ( i suoi lavori non hanno avuto il medesimo impatto delle canzoni che ha scritto per altri) per dedicarsi alla passione per le corse di cavalli e a una carriera da giocat ore d azzardo, quindi, dopo lungo t em po, t ornare nuovamente a fare m usica alla m et à del 90. E ora quest o piccolo gioiello, Yonkers NY, nel quale è com e se si srot olasse il film della vit a di Taylor - una di quelle vit e che si crede possano accadere solo in un film

e al cent ro del narrat o c è anzit ut t o il luogo della sua infanzia in un

sobborgo di New York, a nord di Manhat t an. Canzoni aut obiografiche, ogni brano è un bozzet t o di vit a e t ribut o al t em po andat o, una predilezione per il count ry ( l influenza di John n y Ca sh, m olt i suoi pezzi incisi da Ch e t At k in s) e per il R&B, i t oni evident i d Am ericana, rem iniscenze del passat o m a con qualche m alinconia in più vist o com e ( e quant o) son cam biat i i t em pi. Un vocalism o che em ana carat t ere, vit a vissut a ed esperienza. Barry Go On ( Put Yourself On The Mountain) è un brano m agnifico, il cui t est o è im perniat o sull eccit azione e sull angoscia esist enziale dell essere giovani in un m ondo di adult i. Hey Jonny ( Did You Feel That Movie) si muove lungo i binari del rockabilly, con t ant o di parole di Rock Around The Clock di Bill H a le y incorporat e nel t est o. Wit hout Horses ha l incedere gent ile e m alinconico di un valzer. No Dice poggia su un delizioso m ix di R&B e Honky Tonk, Saw Mill River Road è brano count ry influenzat o dal verbo di Joh nn y Ca sh ( m a anche da Kr is Kr ist offe r son e W a ylon Je nn in gs) m ent re in chiusura Yon k e r s, N Y è un rit rat t o in m usica della sua cit t à d origine, descrit t iva ed al cont em po int im a e profondam ent e personale. Fa un cert o effet t o pensare che un t alent o genuino, qual si rivela Taylor in quest o disco, possa essere st at o così a lungo lont ano dalle scene, e definirlo il suo gioiello più pregnante non ci allontana dal vero. Luigi Lozzi

ML 35


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: DEXTER JONES' CIRCUS ORCHESTRA TITLE:

If Light Can t Sa ve Us, I Kn ow D a r k n e ss W ill

LABEL:

Fuzzorama

RELEASE: 2009 WEBSITE:

www.myspace.com/dexterjonescircusorchestra

MLVOTE: 8 / 10 Nom e e t it olo che, assiem e, si m angiano m et à delle bat t ut e classiche della m edia delle recensioni da cart a st am pat a. Sarà per quest o che m olt i ne st anno alla larga facendo dell Orchest ra la m eraviglia rock europea m eglio cust odit a. Tant o che a qualcuno suonerà nom e del t ut t o nuovo quando invece quest o t erzo album celebra i loro prim i dieci anni di at t ivit à e che qualchedun alt ro pot rebbe invece confondere col quasi om onim o gruppo aust raliano. Cresciut i nel post o giust o m a al m om ent o sbagliat o, dopo che il fenom eno rock scandinavo era st at o già appallot t olat o dalla st am pa e dal pubblico e but t at o nei cassonet t i della riciclat a da cui punt ualm ent e ci sarà chiest o di riprenderlo t ra qualche anno ( ci hanno già chiest o di riprendere le Shop Assist ant s, figurarsi NdLYS). L orchest ra di D e x t e r Jon e s però lavora su un concet t o di rock m eno furioso di quello dei circhi di Hellacopters (per restare in patria), Gluecifer o Turbonegro (per rim anere in zona fredda ) , più ricercat o e m eno d im pat t o, creando pont i art ist ici e t racciando affinit à elet t ive con Soun dt r a ck of Ou r Lives e Qu e e n s of t h e St on e Age . Alt re band dai nom i prolissi, guarda caso. Merit o soprat t ut t o delle chit arre che lavorano spesso all unisono o com unque ad incast ro o che si sovrappongono in m odulazioni che m ai olt repassano la soglia del buon gust o o del rum ore. Difficile, quando si parla non di due e nem m eno di t re m a di ben quat t ro chit arre. Non c è parat a da ret aggio hard rock e ovvio esercizio di m uscoli, quant o piut t ost o una grande capacit à di piegare la t ecnica al servizio dell at mosfera, come succedeva in passato per band come Yawning Man o M a st e r s of Re a lit y. Non fat evi ingannare dal suono gelido di I f bars could bend, il brano per organo e voce m esso in apert ura: il suono del disco è, com e quello dei due album precedent i, un avvolgent e copert a dal groove m olt o sout hern e aria da j am session. Acceso e brillant e nella smaniosa I m a dog but you re a hound poi via via sem pre più sprofondat o nei clim i bluesy e folk spaziale da Desert Sessions. Caldo, nonost ant e le lat it udini. A volt e è necessario ferm arsi a quest e pozze di acqua, quando il t uo peregrinare t ra la scena rock pare una visit a al m useo delle cere. Franco Dimauro

ML 36


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: LUCIO BATTISTI TITLE:

I Capolavori di Battisti - Mogol

LABEL:

Numero Uno | Sony Music

RELEASE: 2009 WEBSITE:

www.luciobattisti.info

MLVOTE: 9 / 10 Dico cose scont at e quando afferm o che Lu cio Ba t t ist i è st at o la più alt a espressione art ist ica della m usica popolare it aliana e che deve essergli accredit at o il m erit o di aver elevat o repent inam ent e il gust o della m usica it aliana per allinearlo agli st andard anglosassoni m a è alt ret t ant o significat ivo const at are che della sua esperienza art ist ica siam o st at i t ut t i part ecipi in misura e con modalità diverse, assecondando livelli di lettura che sono stati spesso lo specchio del sent ire com une, m a anche di different i percorsi di fruizione. Sono quest i ult im i che possono int eressare chi m i legge. Nessuno com e Bat t ist i ha saput o coniugare il disim pegno m usicale d'alt o profilo con l'aspet t o cont enut ist ico di un linguaggio per m olt i versi rivoluzionario. C'è st at o il t em po delle

emozioni

( parola quant o m ai abusat a al riguardo! ) e quello della m em oria

collet t iva, il m om ent o del fiore in bocca e quello del cieli im m ensi e im m enso am ore, il t ut t o non disgiunt o dall'approccio ist int uale che un m usicist a aut odidat t a ha avut o con la m at eria che ha m ost rat o di conoscere a m enadit o. L'eccezionalit à del com posit ore risiede nell'enorm e capacit à di scrit t ura m usicale, ogni volt a figlia di un ispirazione cert am ent e non indot t a da alcun m odello; sì, è vero ( sono sue dichiarazioni) , che egli prediligesse Ra y Ch a r le s, Sa m & D a ve , Ot is Re dding, Donovan, Beatles, Le d Ze ppe lin , m a è indubbio che il suo lavoro si è carat t erizzat o per una cifra st ilist ica personalissim a. Una voce sporca la sua? Cert o, m a anche l'unica che pot esse dare un'anim a alle sue canzoni. Volet e un'alt ra chiave di let t ura della sua opera? Quell'ant icipazione di m usica 'progressive', nut rit a dei det t am i dell'im provvisazione, all'inizio dei Set t ant a, e form at iva esperienza di lavoro per gli allora prossim i com ponent i della Pr e m ia t a For n e r ia Marconi, compagni di tante session, e culminata nel più che sottovalutato Amore e non amore. Possedeva il dono di pochi art ist i ( Beatles, Elt on John ) di riuscire a universalizzare t ram e m usicali cost ruit e su accordi assai sem plici. La sua non è m usica dot t a, m a in fondo neanche quella dei Beat les lo è mai st at a. Fervida creat ivit à e int uizioni geniali hanno carat t erizzat o il periodo iniziale della sua carriera ( sot t o cont rat t o per la Ricordi) , durant e il quale è riuscit o a sfornare canzoni, per se e per gli alt ri ( Equipe 8 4 , Ribelli, D ik D ik , Rick y M a iocchi, Paul Anka) a un rit m o vert iginoso. Le canzoni com post e all'epoca sono st at e singoli episodi, t asselli di un puzzle, splendidi singoli, st raordinarie hit , concepit i da un t alent o di gran lunga in ant icipo sui ( di allora) t em pi corrent i e che hanno conquist at o im m ediat am ent e il consenso generale. A questo è seguito il periodo con la Numero Uno, inaugurato come meglio non si pot eva dalla soave levit à de La canzone del sole, il frut t o rigoglioso di una m at urit à art ist ica consapevole, di una padronanza pressoché assolut a della sala di regist razione, conseguit a con un rigoroso lavoro di part ecipazione a ogni fase della realizzazione di un disco proprio e alt rui, e all'insegna di una curiosità per la ricerca e la sperimentazione senza eguali nel panorama italiano. ML 37


musicletter.it

update n. 70

musica: luci battisti Da quel m om ent o in poi egli ha realizzat o, si può dire, concept album ( più che canzoni) per sé e ha proseguit o nello scrivere copiosam ent e per gli alt ri ( Mina, Lauzi, Pappalardo, Pravo, For m u la 3 ) m a in m aniera sem pre più sofist icat a, così cont inuando a m iet ere successi anche quando ha propost o cose più 'ardit e', quando ha prevalso la volont à di rinnovarsi, m a t rovando sem pre il suo pubblico capace di percepirne la novit à. Poi una t erza fase in cui lo sperim ent alism o ha subit o una vert iginosa accelerazione, proiet t andosi anni luce ( in t erm ini m usicali) in avant i; solo allora la cosa ha iniziat o a creare perplessit à e qualche dubbio nei fan abit uali. Non in quelli più lucidi e m ot ivat i. Per capire bast erebbe cit are il valore int rinseco, e forse solo dopo m olt o com preso, di D on Giova n n i dell 86. Un percorso m usicale esem plare, il suo, sul quale si innest ano due fondam ent ali scelt e: quella di isolarsi dal m ondo - " non la m ia im m agine, m a le mie canzoni devono parlare per me!" - e quella del divorzio art ist ico da Mogol, con il quale Lucio aveva inst aurat o un rapport o di sim biot ica int egrazione art ist ica. La prim a scelt a è di quelle coraggiose, da rispet t are non da crit icare, da prendere a m odello e non da dem onizzare. Quant i sarebbero capaci, nel m ondo dello spet t acolo in genere, di rinunciare, nel m om ent o del m assim o successo, al calore e alla grat ificazione del proprio pubblico e al cont em po non sent irsi sm arrit i? Nessuno credo; solo Mina forse! La seconda delle scelt e - dolorosa per t ut t i coloro che, del successo di Bat t ist i, hanno assegnat o il 50% del m erit o ai t est i di Mogol - è diret t a derivazione della volont à di est rem izzare la ricerca e la sperim ent azione m usicale, di quel desiderio di destrutturalizzare la melodia tradizionale per ricomporla attraverso logiche imperscrutabili ai più e che pot eva essere support at a solo da t est i alt ret t ant o ant iconvenzionali e privi di lirism o; quelli che poteva garantirgli il poeta Pasquale Panella. Si diceva dell'importanza della collaborazione con Mogol: i suoi t est i sono st at i quant o di più aderent e alla poet ica m usicale di Bat t ist i e, viceversa, lo è st at a la m usica di Lucio per le sue liriche, m a per la svolt a fort em ent e volut a da Lucio il suo sacrificio è st at o inevit abile. Peccat o che il passo falso procurat o da Images - il disco inglese di Lucio, appesant it o da arrangiam ent i eccessivam ent e ridondant i - abbia privat o il pubblico int ernazionale della possibilit à di scoprirne il genio com posit ivo. I l m io invit o è quello di riappropriarvi dei brani m eno logorat i dalla m em oria collet t iva com e ad esem pio L'aquila, Prigioniero del m ondo, La luce dell'Est , Nel sole, nel vent o, nel sorriso, nel piant o, Vendo casa, Comunque bella, Anche per te. I suoi dischi migliori a mio parere? Don Giovanni su tutti, l'album d'esordio, semplicemente Lucio Battisti, e Il mio canto libero. Questa recente doppia antologia propone 33 brani: i più celebri del suo repert orio assiem e ad alt re perle. Due sono in inedit e versioni spagnole (Respirando e Ancora tu). Ognuno dei brani, nel booklet interno, è corredato da un commento di Mogol.

Luigi Lozzi

ML 38


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: RICKIE LEE JONES TITLE:

Balm In Gilead

LABEL:

Fantasy | Concord | Universal

RELEASE: 2009 WEBSITE:

www.rickieleejones.com

MLVOTE: 7 / 10 Fin dal suo esordio discografico

avvenut o nel 1979 con l album che port ava il suo nom e

Rickie Lee Jones si è collocat a nell alveo del m ainst ream cant aut orale americano più intimista e, nel m escolare con grande sapienza le ist anze più raffinat e di j azz, blues, folk, rhyt hm and blues e rock, si è im post a com e neo hippie, figlia diret t a della Beat Generat ion e aut orevole alt ernat iva a Jon i M it che ll, m adre di t ut t e le cant aut rici folk rock. Un percorso che sovent e ha condiviso con l am ico del cuore e com pagno di sbronza olt re che m aest ro di vit a, Tom W a it s. Al debut t o il suo singolo Chuck E s I n Love ( dedicat o al am ico folksinger Cu ck E. W e iss) le perm et t eva im m ediat am ent e di porsi in evidenza e di aggiudicarsi il Gram m y com e m igliore art ist a rock. Senza clam ori e senza esibizionism i di sort a, negli ult im i t re decenni è divent at a un punt o di riferim ent o per la m usica al fem m inile; facile com prendere com e ogni suo nuovo album ( peralt ro dispensat o con parsim onia m a anche con una cert a regolarit à uno ogni due anni) sia at t eso dagli appassionat i della sua m usica con il fervore che si deput a ai grandi m om ent i. Ba lm in Gile a d è una sort a di diario di viaggio

La colonna sonora di una part e im port ant e della sua esist enza ,

così l ha definit a la st essa prot agonist a - com post o a m ò di affascinant e m osaico assem blando brani scrit t i nel corso di circa un vent ennio ( all apparenza out t akes m a in realt à sono brani m essi volut am ent e in un casset t o a fut ura m em oria) e sot t opost i a un prezioso lavoro di rest yling che li rendesse m oderni nella sost anza ed at t uali nello spirit o. Se

Old Enough

ha il profum o di un

dist int ivo blues, Rem eber Me è ballat a dal sapore count ry al pari di Bonfires, scandit a dalla lim pidezza dell arpeggio e la pacat ezza della voce; The Moon is m ade of Gold era st at a scrit t a nel 1954 dal padre di Rick ie Le e ed è puro divert issem ent . Tut t i i brani sono com plessi nella st rut t ura e ricchi di sfum at ure. A dare un prezioso cont ribut o al disco della cant aut rice st at unit ense si regist ra la part ecipazione st raordinaria di ospit i quali Be n H a r pe r , Bill Fr ise ll, Alison Kr a u ss, Vic Ch e sn u t t , Joh n Re ynolds, Vict or ia W illia m s. Disco t ransit orio m a non banale. Luigi Lozzi

ML 39


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: BEASTS OF BOURBON TITLE:

Little Animals

LABEL:

Albert Productions & Mushroom Music Publishing

RELEASE: 2007 WEBSITE:

www.myspace.com/beastsofbourbon

MLVOTE: 7,5/ 10 I don't care about not hing anym ore, il poderoso prim o pezzo di quest o album è anche la prim a cosa in assoluto che ho ascoltato di questa band australiana formatasi a Sydney nel lontano 1983. I Beasts of Bourbon per la verità non sono famosi qui in Europa sebbene la formazione originale cont i nom i prest igiosi quali Spe n ce r Jon e s ( chit arra anche nei Johnnys), Ja m e s Ba k e r ( bat t eria pure negli H oodoo Gu r u s), i due Scientists, ovvero il chit arrist a Kim Sa lm on e il bassista Bor is Su dj ovic e lo st esso cant ant e Te x Perkins che form erà i Cr u e l Se a l e svariat i alt ri com bos. Dal prim o ascolt o ho adorat o i Be a st s of Bou r bon per la loro evident e vena hard rock che li riconduce im m ediat am ent e ai loro cont erranei AC/DC m a a un più at t ent o ascolt o ho avut o m odo di scoprire, apprezzandole, varie sfum at ure nelle loro com posizioni di derivazione country, rock, blues senza contare la forte matrice punk con influenze che spaziano dai Gun Club a N ick Ca ve & Th e Ba d Se e ds, Cramps, Stones, Stooges, T- Rex

I l secondo brano I 'm gone

ne è una prova eloquent e: qui Perkins sem bra un I ggy Pop essenziale e grezzo... Ancora di più nel seguent e pezzo punk I t old you so. Sonorit à alla Stooges sono present i anche in Mast er and slave, bella canzone d'am ore rit m at a. Nella canzone che dà il t it olo all'album Lit t le An im a ls si espande la vena più int im ist a di Te x Pe r k in s: una ballat a alla N ick Ca ve in cui t raspaiono l'am ore per la nat ura e la m alinconia per le aberrazioni della cont am inazione um ana conduce alla riflessione personale. L'im pront a rock riprende nei pezzi in chiusura soprat t ut t o in Too m uch t oo late di

im pat t o alla Rollin g St on e s così com e il punk " raffinat o" prosegue ad esem pio in

Sleepwalker con echi dei Rock e t fr om t h e Tom bs di D a vid Thom a s. Tut t o l'album è sapientemente dosato sulle capacità del cantante oltre che sulle chitarre rock: Tex Perkins è una versione count ry ( parecchio count ry) di Lu x I n t e r ior . Una delle m aggiori crit iche m osse al m odo di cant are di quest o m assiccio ( in t ut t i i sensi) front m an è quella di essere una grezza imitazione in cui scorgere di volta in volta Iggy Pop, Tom Waits, Jim Morrison, Lux Interior, Nick Cave, Bon Scot t ... Mi sem bra un giudizio un po' affret t at o e superficiale: il suo m odo di cant are può essere un m ix di t ut t i quest i che dà vit a a un im pront a personale invece assai net t a. I n effet t i lo st ile richiam a m olt o il com piant o Lu x I n t e r ior ( è la prim a im m agine che m i è balzat a dall'orecchio in m ent e) e d'alt ro cant o quest o non può essere un dem erit o! Olt re a una bella voce art icolat a e pot ent e, Te x Pe r k ins credo sia un cant aut ore da rivalut are perchè ascolt ando un po' tutta la sua eclet t ica produzione ( i Cr u e l Se a , i suoi Ladyboyz, dischi solist i e le varie collaborazioni con alt ri art ist i aust raliani e non) si delinea una grande personalit à... Assai piacevole è anche il finale Thanks, sgangherato inno di ringraziam ent o a un com pagno di scorribande o ad un Dio t ossico del rock'n'roll che guarda benevolo le suddet t e scorribande. Chi apprezza il rock'n'roll m eno becero e pat inat o t roverà nei Be a st s of Bou r bon e nelle m olt eplici diramazioni messe in essere da Tex Perkins dei fedeli alleati. Costanza Savio

ML 40


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: THE KILLERS TITLE:

Hot Fuss

LABEL:

Island Records

RELEASE: 2004 WEBSITE:

www.thekillersmusic.com

MLVOTE: 8 / 10 Pensi a Las Vegas e t i vengono in m ent e il Bellagio, un m at rim onio lam po con un sosia di Elvis com e t est im one, paillet t es e lust rini ovunque. Non sem bra quasi possibile che dalla st essa cit t à arrivino quat t ro m usicist i in grado di lasciare un segno indelebile nella st oria della m usica alt ernat ive/ indie rock. I Killers debut t ano nel 2004 con H ot Fu ss, regist rat o in t re set t im ane e pubblicato ad un solo anno dalla formazione della band. È sufficiente lasciar partire il primo pezzo, Jenny was a friend of m ine, per int uire che la loro st rada sarà cost ellat a di successi. L int ro è piut t ost o scenografica, gli elicot t eri fanno t ornare alla m ent e una serie poliziesca com e quelle che solo gli am ericani sanno fare e il t est o della canzone rispet t a in pieno quel m ood: raccont a di un am ore t alm ent e int enso da divent are m alat o e indurre a un om icidio. Si assaggiano t ast iere e synt h, segni dist int ivi della band, richiam i est rem am ent e eight ies e quell accenno ( che rest erà tale) a gruppi cardine della recent e invasione indie rock ( Interpol e affini) . Del filone indie The Killers conservano un lat o cupo, un fondo di m alinconia individuabile in quasi t ut t i i brani di Hot Fuss; tuttavia, la loro musica non assume mai quelle tonalità così dark da indurre inevitabilmente allo sconfort o, t ant o caro a buona part e degli esponent i di quest a corrent e m usicale. È con Mr. Brightside che divent a palese e quasi t angibile la bravura del gruppo: è un brano t ravolgent e, la st oria di un t radim ent o ( reale o solo presunt o) , di un uom o ferit o che è t orm ent at o e devast at o dall im m agine della sua donna t ra le braccia del nuovo am ore. Lo st ruggim ent o si t rasform a in rabbia e disperazione, urlat e al m ondo che non sa e non può capire. I l rit m o è incessant e, non si respira un solo istante di tregua, è spesso la batteria a dettare legge. Dopo Smile like you mean it ( forza e dolcezza nello st esso t em po, quasi una nost algica ninna nanna in chiave rock da cant are a chi si affaccia alla vit a) arriva Som ebody t old m e, chiave di volt a di Hot Fuss. Un pezzo pot ent e in cui sint et izzat ori e cori anni

80 fanno solo da sfondo a un incredibile carica m usicale,

degnam ent e esalt at a dal carism a e dalla personalit à del front m an che divent a sim bolo ed em blem a di un m odo di fare m usica che può essere significat ivo anche se arricchit o da qualche orpello luccicante. Il testo è surreale e talvolta privo di qualunque senso logico ma in un pezzo del genere passa in secondo piano, t rascinat o dalla t ravolgent e energia delle chit arre che sfiorano il punk. All t hese t hings t hat I ve done è un alt ro brano cardine, raccont o a t rat t i st ruggent e di un vet erano del Viet nam , int rodot t o da una

goccia

di pianofort e e accom pagnat o con m aest ria

dall ut ilizzo di cori gospel che esalt ano in m odo quasi t eat rale la dram m at icit à del pezzo e della st oria che raccont a. Anche nella successiva Andy you re a st ar ( la cui int ro, seppur più rit m at a, richiam a alla m ent e i i prim i secondi di Venus in furs dei Velvet Underground) rit roviam o il gospel del coro The sweet inspirat ions, che può vant are collaborazioni con ( udit e udit e) Elvis Pr e sle y, Jimi Hendrix e Aretha Franklin. ML 41


musicletter.it

update n. 70

musica: the killers La successiva On t op, al pari di Change your m ind, ci cat apult a drit t i drit t i nei favolosi anni 80, senza infam ia e senza lode e con il suono di plast ica delle t ast iere che si fa t alvolt a sgradevole. Diversa è, invece, Believe m e Nat alie, canzone im pegnat a e di denuncia in cui em erge la presa di coscienza di uno dei flagelli degli ult im i decenni, l HI V; la prot agonist a m uore proprio a causa del virus. I l rit m o del pezzo sem bra accom pagnare la ragazza nella sua cadut a, in un m ist o di rassegnazione

e

am arezza

per

qualcosa

che

si

sarebbe

pot ut o

evit are.

Il

filone

drammatico/tragico di Jenny was a friend of m ine si rit rova in Midnight Show: i due brani fanno part e di Th e M u r de r Tr ilogy, una t erna di canzoni incent rat a sul t em a dell om icidio di nat ura passionale. Midnight Show rappresent a la seconda part e della st oria, quella in cui il prot agonist a, accecat o dalla gelosia, uccide la sua fidanzat a ( m anca l int roduzione, Leave t he Bourbon on t he Shelf, prima parte del trittico che vedrà la luce solo nel terzo album della band, Sawdust). Nulla di eccelso da segnalare. Chiude Everyt hing will be alright, finalm ent e un po di speranza dopo omicidi e follie varie: una ballad, certo, ma pur sempre in pieno stile Killers, nostalgica e artificiale quant o bast a. Non è finit a qui. Glam orous indie rock & roll è una dichiarazione di int ent i: inserit a nella versione brit annica del disco al post o di Change your m ind, rappresent a uno dei m igliori episodi di H ot Fu ss. Della serie, i ragazzi sono solo all inizio m a già si perm et t ono di ignorare ogni et ichet t a. Non è un pezzo indie m a il bello è quest o: che sia pop, rock, alt ernat ive, gospel è buona m usica e a dist anza di 6 anni dagli esordi possiam o afferm are che la loro non era affat t o presunzione, solo consapevolezza. Laura Carrozza

ML 42


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: THE WARLOCKS TITLE:

Phoenix

LABEL:

Birdman Records

RELEASE: 2002 WEBSITE:

www.thewarlocks.com

MLVOTE: 7,5/ 10 Leggendo qualche recensione in giro per la ret e m i è venut o il dubbio che gli Warlocks siano dei perfet t i m ent ecat t i. Una sequela di vot acci som m erge quelle poche recensioni t rionfali scrit t e da quat t ro gat t i che sbavano per la nuova scena psichedelica am ericana, quella che ( in rit ardo rispet t o a t ot em europei quali Ja son Pie r ce e Ke vin Sh ie lds) ha riport at o il feedback olt re il lim it e della buona educazione. I l re di quest i nuovi eret ici del suono è An t on N e w com be , leader del proget t o Br ia n Jon e st ow n M a ssa cr e , m a alt re band sono em erse negli ult im i dieci anni dagli scant inat i del sud e dell'ovest degli St at es, spesso dividendo il palco con lo st esso Newcombe. Gli Warlocks esplodono orm ai qualche anno fa con un album che, t rascinat o da un singolo irresist ibile quant o rum oroso ( Shake The Dope Out ) , viene onorat o da Pit chfork con un agghiacciant e 2.0. Non è un capolavoro, Ph oe n ix , perché c'è una t raccia ( Red Roost er) che sa di t ronfio e di dat at o, con dist orsioni che annoiano al t erzo ascolt o. Per il rest o siam o a qualche passo svelt o dall'eden. I l disco fa sem plicem ent e venire voglia di suonare e di spaccare t ut t o, provoca dipendenza da rock'n'roll urlando dal basso del m ondo con accordi d'organo di svergognat a follia e con un delirio di chit arre di incalcolabile frast uono. Moving and Shaking, con la slide guit ar che disegna una t ram a blues in m ezzo a una cagnara di feedback, è il m anifest o di una band che ha il solo difet t o di fare rock'n'roll, quella cosa che è m ort a nel '77, quella cosa che orm ai il m eglio della m usica è alt rove, quella cosa che puzza e che si regist ra, orrore degli orrori, in pochi giorni e senza la pret esa di cam biare il m ondo, vist o che il m ondo lo ha già cam biat o una volt a e per sem pre. Oscuri e m inacciosi, gli Warlocks, non saranno m ai delle st ar e non faranno m ai t endenza m a il loro suono è un m essaggio che si t ram anda dai t em pi dei Sonics, è quello della depravazione e della sporcizia in musica, è quello dei bassifondi. Non farseli piacere è il vero peccato mortale... Marco Archilletti

ML 43


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: MANIC STREET PREACHERS TITLE:

The Holy Bible

LABEL:

Epic

RELEASE: 1994 WEBSITE:

www.manicstreetpreachers.com

MLVOTE: 8 / 10 Non è il t em po a lenire le ferit e, no. Siam o noi a m ut are, cert e cose non ci fanno più m ale com e ce ne facevano un t em po: quest o si dice. I n fondo è una consolazione, e ci consent e di pensare a dom ani con una not a ot t im ist ica di fondo: cam bierem o, ci adat t erem o al nost ro nuovo vissuto, cam bierem o, cam aleont i, e i nost ri dolori sem breranno ricordi, parent esi, bagaglio personale di qualcun altro, non noi. Alla fine ci si può st are, no? Poi

Poi il caso ti fa confrontare con i fantasmi

legat i a un support o ot t ico, vinilico, o C60 e le t eorie vanno a t ut t e, invariabilm ent e, a farsi benedire. Com è ancora t erribile la verit à cont enut a in quest o disco, e com e ci sveglia con cinism o, violenza, disint eressat a violenza dal sonno della coscienza, am m ant at o del fascino equivoco ed am biguo dell aut odist ruzione sot t o i riflet t ori. Vera? Non vera? 4 Real, risponderebbe Rich e y Ja m e s Edw a r ds, incidendoselo sul braccio con una lam et t a, di front e a un giornalist a qualsiasi. I nt endiam oci, qualcuno ha m ai credut o alla t ot ale

int egrit à

Preachers? Per analizzarla pot rem m o anche solo lim it arci alla fine,

dei M a n ic St r e e t

sospesa e com unque non

definit iva ( sparit o? m ort o? fuggit o?) di Riche y Ja m e s, la cui personalit à è così preponderant e in quest o album : così diversa dal sem plice, diret t o, im m ediat o, proiet t ile in t est a di Ku r t Coba in. Am biguit à, dicevam o. Anche m usicale, vist o che la m usica è al cent ro di t ut t o e quella dei Manics è st at a sem pre diseguale da se st essa, in un m odo repent ino, poco com prensibile e, appunt o, am biguo: sleaze rock n roll, hard rock, m alinconia un po

corporat e e un po

working class

( herpes?) . I ncast rare t ra quest e filiazioni bast arde di un inquiet udine m ai sopit a quest o m anifest o new wave/ punk, nichilist a, rivolt oso, equivoco divent a difficile, anche per il più agile degli acrobati. Eppure

Eppure le st ilet t at e post punk di yes e revol, l angoscia esangue di 4 st 7 lbs

( un incubo di anoressia nervosa t alm ent e personale ed int im o da sconcert are e quasi imbarazzare) , il nichilism o assolut o, violent o, dist urbat o ( nirvaniano nel riff port ant e e squassat o da scoppi noise) di die in t he sum m ert im e ( scrat ch m y leg wit h a rust y nail/ sadly it healed) , la delicat a elegia di she is suffering, la rivolt a snobist icam ent e art y e cont agiosam ent e singalong di faster, il dist urbant e past iche di violenza, polit ica, nichilism o e snobism o dei t est i, raccont ano di una band e un Rich e y Ja m e s ( principale lyricist , che di lì a poco scom parirà senza lasciar t raccia di sé) sull orlo di una crisi di nervi o, m eglio, specchio della nostra. Mai fidarsi del t em po. Non fa il suo dovere, a volte peggiora le cose. Valerio Granieri

ML 44


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: NICK CAVE AND THE BAD SEEDS TITLE:

Let Love In

LABEL:

Mute

RELEASE: 1994 WEBSITE:

www.nickcaveandthebadseeds.com

MLVOTE: 9 / 10 N ick Ca ve è filo spinat o. È ferro che apre squarci nella nost ra carne. Dove nem m eno sognavam o di averne. Nick Caverna è un po il m iracolo della t ransust anziazione dent ro il t em pio della cult ura pagana. Le t Love I n è il capolavoro della seconda fase dei Ba d Se e ds, quella m eno feroce, m eno piegat a alla furia sanguinaria del blues e m eno avvelenat a dall eroina. Cave ha già conosciut o la saziet à dell am ore e ne ha vist o spunt are i frut t i. Ora li st a vedendo lent am ent e m arcire. Ha conosciut o l esilio brasiliano , la m agia dei nuovi approdi m a st a già preparando la fuga in Inghilterra e ha approfondito le letture e la contemplazione cristiana ma dentro lo abita un anim o non ancora appagat o. Per nient e pieno d am ore, piut t ost o t rafit t o. Le t Love I n affoga e si crogiola di quest o supplizio. I Ba d Se e ds sono in gran spolvero, creando suggest ioni adat t e allo spleen di Cave. C è il violino di W a r r e n Ellis, le voci grevi di Te x Pe r k in s e del com piant o Row la n d S. H ow a r d, il piano da casa infest at a di Con w a y Sa va ge , le chit arre cat acom bali di Blixa Bargeld e Mick Harvey. Ci sono timpani e campanacci, organi afoni e cembali marci che si agit ano nelle t enebre. Occorrerà aspet t are le M u r de r Ba lla ds per rit rovarsi dent ro un analoga sfilat a di m aschere di cera. N ick Ca ve ciondola dallo spet t rale soffit t o blu cobalt o di Do you love me? come una sagoma tormentata dal dolore di un bisogno d amore troppo forte per poter essere esaudit o. Si int inge le m ani col sangue rappreso nella sinist ra cant ilena di Red Right Hand. Corridoi bianchi com e vaniglia e una sola port a d uscita. Redrum cola rosso com e vernice proprio sopra il pom ello. Si appoggia al piano di Con w a y Sa va ge giocando a fare il Sinat ra per le donne soffocat e dai foulard e dalle calze sm agliat e sot t o grandi spacchi sulla set a chiudendo gli occhi sulle not e di Nobody s baby now. Riat t izza i fuochi m alsani dei Bir t h da y Pa r t y m ent re la band incalza epilet t ica sui fum i allo zolfo di Janglin Jack. Si accende di rabbia e fervore t enut e a freno dist rat t am ent e, com e un t ir in discesa, quando in Loverman vest e gli abit i dell am ant e pront o a st uprare la sua bam bola preferit a. È una delle int erpret azioni più t eat rali e sinist re del Cave adult o, soprat t ut t o quando snocciola farfugliando inquiet o l acrost ico del t it olo. Sbava e perde sangue dal naso su Thirst y Dog. Divent a una belva che t i abbaia sot t o il culo m ent re t ent i di aggrappart i sui m uri e best em m i int ant o che le unghie t i salt ano una ad una com e cocci di crist allo. Si chiude nei cessi senza luce del suo am ore in agonia t ossendo rant oli di m aledizione e pena su I Le t Love I n . Diet ro la port a c è l am ore che bussa. Bast a non farlo ent rare. Sent i? I l mondo è là fuori. Ci sarà sempre qualcuno che ti chiama. Non voltarti, non è nulla. Franco Dimauro Alla m em oria di Rowland S. Howard m ort o m ent re voi vi auguravat e reciprocam ent e uno splendido 2010. ML 45


musicletter.it

update n . 70

musica

ARTIST: URBAN DANCE SQUAD TITLE:

Persona Non Grata

LABEL:

Triple X

RELEASE: 1994 WEBSITE:

www.uds.nl

MLVOTE: 7 / 10 All alba degli anni Novant a il m orbo del crossover st a divorando il m ondo. Met al, funky, noise e hip hop si st ringono in un abbraccio che sem brerebbe et erno. Non lo sarà m a la febbre degli incroci coinvolge un po t ut t i, m usicist i, st am pa, ascolt at ori, case discografiche. Tut t e le crew di rap vogliono una chit arra, t ut t i i gruppi alt ernat ivi vogliono un DJ alle loro spalle, o un MC con cui dividere il m icrofono. Che si chiam ino Ice- T, Son ic You t h , Boo- Ya Tr ibe , Fa it h N o M or e , Pearl Jam, R.E.M., Cypress Hill o Dinosaur Jr poco importa. Come ogni nuova influenza virale, m an m ano che il virus si m odifica, c è chi si rialza dal let t o più fort e di prim a e chi ci lascia le penne. I nsom m a, un casino. Gli Ur ba n D a nce Squa d vengono da Am st erdam e nascono già cont am inat i , folgorat i dalle sm anie m acho funk dei Re d H ot Ch ili Pe ppe r s. Hanno un chit arrist a che si chiam a Tr e s M a nos m a a loro non bast ano: ne aggiungono alt re due, posizionat e sopra delle ruot e d acciaio, com e ai t em pi di Gr a n dm a st e r Fla sh . Com inciano a sperim ent are cam pionando vecchi vinili di Ra y Ba r r e t t o e Ot is Re ddin g e suonandoci sopra. Ne viene fuori un bel disco di soul music moderna, tonda come le chiappe sulla copertina di Trick Bag dei Met ers. Life ' N Pe r spe ct ive s Of A Ge nu in e Cr ossove r due anni dopo riaggiust a le dosi: la m usica nera sbiadisce com e la pelle di Michael Jackson e Tr e s M a n os inform a il m ondo che non solo lui ha tre mani, ma ha pure due piedi. Uno dei quali perennemente poggiato su un distorsore, o quasi. D j D N A non è m olt o cont ent o della cosa e, così com e era st at o il prim o deej ay a ent rare a t em po pieno in una form azione di im piant o rock, è il prim o ad andarsene. Quando esce Persona non grat a ( nella sua prim a edizione, non in quest a successiva rist am pa, NdLYS) i D a n ce Squ a d sono già un quart et t o. Com e i Ra ge Aga in st t h e M a ch ine che nel frat t em po st anno m et t endo a ferro e fuoco il m ondo int ero. Solo che, a differenza di Tom Morello che cerca di t irare fuori dalla sua chit arra dei suoni fischiant i che possano essere confusi con quelli di un t urnt ablist , Tres Manos cont inua a fare la sua cosa, fot t endosene del rest o. Ne viene fuori il disco più duro della band Olandese: port ent osi riffs di chit arra su cui le rim e di Rudeboy si scuot ono com e palline dentro un flipper. Demagogia funky e apologia dei Beastie Boys come quella sputata sul pezzo di apert ura, m anifest o della nuova onda degli UDS. I l suono si è volgarizzat o, perdendo la grazia colt a dei sam ples di DNA però l album funziona a m eraviglia e ha quella com pat t ezza che prim a m ancava. Non è un album di cocci, m a un m acigno. Se prim a la band lanciava sassi da un m osaico bizant ino, ora lanciano m assi da una cava di piet ra. E i vet ri vanno in frant um i. È una gangbang di chit arre dist ort e con t ut t o il corredo di ordinanza e che t rova il suo nat urale sbocco nel nuovo assetto live del gruppo, in questa doppia ristampa ben documentata dal secondo cd che riprende quello del 12 Aprile 1995 al Double Door di Chicago. Da allora si com incerà a vociferare del decesso del rock. Senza rendersi cont o che si era sem plicem ent e spost at o, m ent re gli allocchi continuavano a guardare sempre nella stessa direzione. Franco Dimauro ML 46


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: MELVINS TITLE:

Lysol

LABEL:

Boner Records

RELEASE: 1992 WEBSITE:

www.melvins.com

MLVOTE: 9 / 10 Una lunga cavalcat a verso uno spazio apert o, preferibilm ent e il desert o. St iam o at t endendo il crepuscolo e t ut t int orno si ode un suono m agm at ico, rit m i t ribali si rincorrono creando angosciant i lit anie. Quest a visione ricom pare ogni volt a che m i apprest o ad ascolt are quest o disco, opera per cert i versi delirant e m a ingenuam ent e geniale nella sua pesant ezza. Poco più di m ezz ora di ascolt o, un unica t raccia nella versione cd, addirit t ura il t it olo è un grandissim o punt o di dom anda ( la casa discografica lo cat alogherà com e Melvins o Self- Titled per evit are diat ribe legali legat e al copyright di Lysol). Concent rarsi su ogni singola canzone non ha part icolarm ent e senso, in quant o è proprio l ascolt o nella sua int egrit à la chiave di let t ura, al pari di un libro o di un film . Solo a t it olo inform at ivo ricordo che Lysol è com post o da sei segm ent i, divisi equam ent e t ra cover ( Sacrifice dei Flipper, Second Com ing e Ballad Of Dwight Fry di Alice Coope r ) e pezzi propri ( la m onolit ica Hung Bunny, Rom an Dog Bird e la conclusiva Wit h Teet h). Joe Pr e st on lascerà il gruppo subit o dopo l uscit a dell album , King Bu zzo e D a le Cr ove r cont inueranno a evolversi e a spiazzare gli ascolt at ori, collaborando e creando decine di side proj ect , cent inaia di band nasceranno e si ispireranno a quest o gruppo e soprat t ut t o a quell indiano con le braccia aperte che si fa ascoltare maledettamente bene. Matteo Ghilardi

ML 47


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: THE CURE TITLE:

Kiss Me Kiss Me Kiss Me

LABEL:

Fiction

RELEASE: 1987 WEBSITE:

www.thecure.com

MLVOTE: 7 / 10 Quando esce Kiss M e Kiss M e Kiss M e i Cure sono già st at i dat i per spacciat i alm eno un paio di volte. I nvece nel Maggio del 1987, dopo essere passat i indenni dalle onde grevi del post - punk più claust rofobico e aver fat t o sciogliere il cerone ai darket t ini facendoli ballare al rit m o frivolo di Let s go t o bed o The lovecat s, eccoli arrivare con quello che le cronache riport ano com e il prim o doppio della loro carriera. I n verit à l idea di doppio , com m ercialm ent e parlando, com inciava proprio allora a vacillare t ant è che la versione su CD fu evirat a di Hey You pur di cost ringerlo su un solo support o m a all epoca si azzardò addirit t ura una tripla versione in vinile che cust odisco ancora in casa, com e uno scrigno di caram elle alla ciliegia. Ora che il m ercat o ha invert it o t endenza e le case discografiche hanno capit o che il pubblico si divide in due cat egorie: i bacchet t oni che scaricano da I nt ernet e i bacchet t oni che com prano l originale purché gli si giust ifichi l invest im ent o con un disco bonus, quasi sem pre pieno di schifezze ( su le m ani quant i hanno ascolt at o i bonus sulle rist am pe Cook in g Vinyl dei Gu n Clu b, avant i NdLYS) , eccolo ridivent at o doppio. Pure nel prezzo. Ma non è quest o quello che cont a di Kiss M e Kiss M e Kiss Me. Ciò che conta è che i Cure tornano ad essere un gruppo con tante cose da dire. Hanno scritto circa vent icinque pezzi. Diciot t o finiscono su quest o disco.Un disco com plesso, sfaccet t at o. Che è un po la sum m a di t ut t o quello che i Cure hanno dat o fino a quel m om ent o. Rom ant icism o e dolcezza certo. Come tra i fiocchi di zucchero filato di Catch o The perfect girl, che si muovono sul solco t racciat o da Dressing Up e Piggy in t he m irror. E anche il cipiglio rock ost ent at o in passat o da Shake Dog Shake che qui t orna a scuot ersi t ra le cont orsioni di Shiver and shake. Ma pure l inquietudine dark ammantata di psichedelia nera che era sgorgata dalle vene tagliuzzate di Faith e Pornography e che qui fluisce libera sui capolavori del disco: l ombrosa I f only t onight we could sleep, l onirica Snakepit, il ralent i m ort ifero di Like Cockat oos, lo st raziant e sent im ent alism o di A thousand hours. E poi il gusto kitsch per il ritmo funky e il jazz da big band che Robert Smith ha già esplorat o in passat o e che t orna qui con la prepot enza irrit ant e di pezzi com e Why can t I be you e Hot Hot Hot ! ! ! Ma il t essut o connet t ivo di Kiss M e Kiss M e Kiss M e è com unque quello di un disco fort em ent e dram m at ico. Sin da subit o, dal lunghissim o incipit di The kiss, si avvert e quest esigenza di non rim anere schiacciat i dal t em po m a di cercare di dom inarne la sfuggevolezza, di godere del suo inesorabile fluire. Com e quando spacchi una clessidra e giochi a fare scivolare t ra le dit a la sua sot t ile sabbia rosa, lasciando che t i sollet ichi t ra le falangi e il metacarpo. È una vendet t a che Robe r t Sm it h rim ugina da t em po ovvero da quando il budget lim it at o per la regist razione di 1 7 Se con ds aveva ridot t o il lungo st rum ent ale di The final sound ad un banale e st rim inzit o sipariet t o di 52 secondi. Una vendet t a consum at a fredda, al m om ent o opport uno. Ovvero quando la band si sent e nuovam ent e fort e, com pat t a, im bat t ibile. Presunt uosa, sin dalla scelt a della copert ina. Scom pare il rigore del bianco e nero e la necessit à est et ica delle figure sfocat e, dilat at e, allungat e e st ort e di qualche vecchia cover. L im m agine è adesso im m ediat a e diret t a. Affidat a all audacia del rosso sgargiant e e carnale delle labbra sbavat e di Robe r t Sm it h in cui è affogat a. Due st risce di carne che chiedono am ore senza ost ent arlo. Serrat e e im passibili, m algrado l esplicit a richiest a del t it olo. Kiss M e Kiss M e Kiss Me è un disco smanioso, inquiet o, che port a l im pront a di t ut t i. Fort em ent e collet t ivo. Com e una sedut a t erapeut ica di gruppo. Ognuno fa i cont i coi propri fant asm i, esorcizzandone le form e e i ricordi prim a di prepararsi nuovam ent e ad affront arli. Succederà due anni dopo con Disintegration, prim a di m ut are nuovam ent e, per l ennesim a volt a, pelle e fondot int a. Franco Dimauro ML 48


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: KING KURT TITLE:

Ooh Wallah Wallah

LABEL:

Jungle

RELEASE: 1983 WEBSITE:

www.kingkurt.com

MLVOTE: 7 / 10 I Kin g Ku r t . I rat t i alcolizzat i degli anni Ot t ant a. Sorci che annusavano il culo ai m ille gat t i che popolavano la scena rockabilly di quegli anni. Chi avrebbe pot ut o sognare di dividere il palco con loro? Nessuno. Quei pochi che si lim it arono a volerne condividere la sala durant e i loro spet t acoli finirono nella m igliore delle ipot esi copert i da album e d uovo com e fet i st rappat i t roppo prematuramente al ventre materno. Ma già con dei ciuffi di capelli disumani. Nell ipotesi peggiore, legat i m ani e piedi alla Ruot a della Sfort una e cost ret t i a bere da una pom pa da giardino, fino al ricovero in Pront o Soccorso. Alt ro che polit ically correct , Pubblicit à Progresso e Front e del Palco. Siam o negli anni Ot t ant a e l im perat ivo è divert irsi. Ma i Kin g Ku r t sono un passo olt re. Ment re t ut t e le gang di rockabilly si sforzano di credere che st iano suonando all Ar n old s convint i che Ar t h ur Fonza r e lli possa uscire dai cessi del locale da un m om ent o all alt ro e salire sul palco per com plim ent arsi per la loro versione di Be Bop A- Lula, i Kin g Kur t t rasform ano t ut t o in una burla prim a, in un t orm ent o subit o dopo, lasciandovi in bocca l am aro gust o di una risat a pagat a cara. Guasconi, volgari e guast afest e. Li avrest e present at i a vost ra m adre, vi st arest e t enendo il sedere ancora oggi. I l disco esce in origine nel 1983 su St iff e ne vengono t rat t i t re singoli t ut t i ripropost i in quest a nuova edizione che invece è dat at a 9 Ot t obre 2009. Se ve ne parlo solo adesso è per risparm iarvi una figura di m erda coi regali di Nat ale o, peggio, di San Valent ino. Lì vanno bene le raccolt e con le cam panelline o i cuoricini disegnat i fuori. Figurat evi port are in casa della fidanzat a o della suocera un disco con delle scim m ie et iliche in copert ina. E con un int ero DVD che mostra i ratti in azione. Quindi mi dovete un favore. L altro fatevelo voi: portatevi a casa un oretta di malsano divertimento. E finitela di abbuffarvi di dischi che sono un abom inio di buone intenzioni, un candido m onum ent o all int roversa gioia del piangersi addosso, una scam panellant e passeggiat a con le renne di Sant a Claus. Com prat evi qualcosa di realm ent e dem ent e, di realm ent e sconcio, di realm ent e barbaro, di realm ent e su di giri. Che tanto, a farvi annientare dal dolore, vi bast erà m ezz ora davanti alla tivù, ai fessi che ancora la guardate. Franco Dimauro

ML 49


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: SCREAMING LORD SUTCH TITLE:

Rock & Horror

LABEL:

Ace

RELEASE: 1983 WEBSITE:

www.screaminglordsutch.com

MLVOTE: 7 / 10 Quando penso al rock n roll difficilm ent e penso a quello cui pensat e voi. Non penso agli axe heroes, alle air guit ar, alle paret i di Marshall parat e di front e a decine di m igliaia di ragazzini bavosi, alle bandane, alle orge consum at e in alberghi con la SPA in azione vent iquat t r ore al giorno e i port inai com piacent i. Quando penso al rock n roll io penso a un m ondo popolat o da personaggi buffi, insolent i, sopra le righe. Penso al passo d anat ra di Ch u ck Be r r y, alle porcat e di Iggy Pop, alle bende dei Mummies, al bacino di Elvis, al ghigno di Lux Interior, alle chiappe di Poison I vy, ai fet icci voodoo di Ja y H a w k in s, al ciuffo di Esquerit a, ai giubbot t i di pelle dei Ramones, alle paret i ricurve del Cavern, ai frut t i alla m oda di Ghigo, a Je r r y Le e Le w is che picchia coi piedi, ai King Kurt copert i di schium a da barba, alle urla ist eriche sot t o il palco dei Beatles quel 13 Ot t obre del 1963 che cam biò il m ondo del pop per sem pre, e penso a David Edw a r d Su t ch , lo Scream ing Lord Terzo Cont e di Harrow. I l più folle, pit t oresco, suggest ivo, marcio figlio del rock n roll inglese degli anni Sessant a. Nobile m ancat o, polit ico m ancat o, m usicist a m ancat o. Ma capace di far suonare Je ff Be ck , Jim m y Pa ge , Noe l Re ddin g, John Bonham e N ick y H opk in s gom it o a gom it o dent ro quello che, poco prim a della sua m ort e, venne definit o il peggior album della st oria del rock: Heavy Friends. L ult im a beffa prim a di lasciarci per sem pre im piccandosi sulle scale che conducevano al let t o dove sua m adre era m ort a l anno prima. Lo trovarono appeso come un manichino in disuso con una corda colorata attorno al collo, due crist alli di lacrim e ai lat i degli occhi e un ghigno com piaciut o, com e di dolore placat o. Era il 16 Giugno del 1999. Pare che nello st esso m om ent o Je ff M e dk e ff, nell osservat orio di Junk Bond in Arizona, avvistasse un nuovo asteroide. Lo chiamarono 38203 Sanner: Screaming Lor d Su t ch fu un ast eroide m ancat o. Ma prim a ragazzi, quello che c era st at o prim a, era st at o il più fant ast ico, pit t oresco spet t acolo di horror rock in giro per la t erra. Finit o per caso nei Savages col ruolo di m anager, finì per divent arne il cant ant e incoraggiat o dal bat t erist a Carlo Little e facendo palest ra sui classici di Berry, Presley e Little Rich a r d. I prim i concert i sono assiem e a Vin ce Ta ylor , Ke it h Ke lly, i Playboys. Ma un paio di anni dopo saranno i Who ad aprire per loro. E non viceversa. Poi decidono di punt are t ut t o sul personaggio di Screaming Lor d Su t ch. Cilindro, m ant ello, una t onnellat a di cerone e un colt ello che brandisce senza t im ore tra i musicisti incarnando alla perfezione il personaggio macabro di Jack lo Squartatore raccontato nella canzone scritta da Charles Stacey, Walter Haggins e Joe Simmons e incisa coi Savages nel Marzo del 1963. La produzione è affidata a Joe Meek, uno dei geni degli st udi dell epoca. È sua l idea di cam pionare il giro di fiat i di Dragnet di Ray Ant hony all inizio e alla fine del pezzo. I Savages ci m et t ono il colore . Che in quest o caso è rosso sangue. Sul palco Lord Sut ch cost ringe il t ast ierist a a t ravest irsi da M a r y Ke lly, con t ant o di calze e giarret t iera. I l ruolo di Jack the Ripper spetta a lui, ovviamente. Ecco, Rock & Horror raccont a un po di quest e st orie. Raccapriccio e com m edia horror in 12 episodi. Com e caricarsi la fam iglia Addam s sulla propria ut ilit aria e fare un giro dalle part i del cim it ero. La più bella raccolt a dei Cram ps, prim a dei Cramps. Addio, duca di Harrow. Franco Dimauro ML 50


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: BAUHAUS TITLE:

Burning From the Inside

LABEL:

Beggars Banquet

RELEASE: 1983 WEBSITE:

www.bauhausmusik.com

MLVOTE: 8 / 10 Bu r n ing Fr om Th e I nside fu il disco- rifugio dei m iei t redici anni. Gli anni in cui la t ua cam eret t a si trasforma in una trincea dietro la quale tutto sembra infinitamente più buono, o immensamente più cat t ivo. Com unque lont ano. Sono gli anni dei post er, degli eroi dalle vit e st raordinarie, delle rivist e rit agliat e e int arsiat e sui diari, dei prim i st razi d amore, delle prim e am icizie sbagliat e, del t abacco m ast icat o per bigiare la scuola. Gli anni in cui sei ancora pirom ane e non sai che finirai pompiere. Sono pure gli anni in cui com inci a fiut are che, per qualche oscura congiunzione ast rale, il m ondo non t i va bene. Scoprirai prest o che è una cosa reciproca. Per m e sono pure gli anni dei Bauhaus e del loro vam pirism o elet t rico. Bu r n in g Fr om Th e I nside è il disco che chiude, in diret t a, la loro st oria ed è un disco che odora di t orm ent a. I l rest o, t ut t o quello che era venut o prim a, dalla cassa da m ort o di Be la Lu gosi agli inchini glam fat t i a M a r c Bola n e David Bowie, li avrei scopert i dopo, scorrendo a rit roso la st oria di quella che allora m i pareva la band più affascinant e del m ondo, e devo am m et t ere che nei vent iset t e anni successivi non se ne sarebbero aggiunt e m olt e di più. Nei Bauhaus t ut t o era luce fredda e accecant e e t enebra profonda, im m ensa. Una caverna popolat a da t opi con le ali e dalle cui fessure penet rano colt elli di luce che t i spaccano gli occhi com e lam e di ghiaccio. Com e quando, appena la punt ina inizia a solcare il disco, il giro di basso di She s in part ies, doppiat o dalla chit arra gelida di D a n ie l Ash , t i apre uno squarcio sul pet t o m anco fosse una lam et t a int int a nell assenzio. L assalt o si fa ancora più crudo nel pezzo successivo, una m arcia epilet t ica dedicat a ad Ant onin Art aud, profet a m aledet t o del Teat ro della Crudelt à. I l suono è vicino a quello dei sabba valpurgici dei Banshees, una lit urgia m elodram m at ica e pagana suonat a m ent re in cielo com inciano ad avverarsi le prim e profezie dell Apocalisse di Giovanni. King Volcano è invece un haiku ossianico, un canto votivo per ingraziarsi l oracolo del Dio del fuoco. Odori fort i di incenso. Piedi nudi e sonagli che picchiet t ano com e in una danza del vent re ballat a durant e una veglia funebre annebbiat a dall oppio. Carmina Burana araba salm odiat a all om bra del m inaret o, prim a di scoprire che il m uezzin si è legat o una corda al collo. Pe t e r M u r phy buca la session di Who killed Mr. Moonlight , afflit t o dalla polm onit e che lo t errà fuori per gran part e del lavoro. I l rest o della band fa t ut t o da solo regist rando quest a malinconica canzone per piano e voce da Cortina di Ferro. Slice of life si muove morbida su quelle t erse dist ese acust iche e vagam ent e pinkfloydiane che i Bauhaus hanno già com inciat o a sviluppare sul disco precedent e. Anche qui c è un bagliore che esplode accecant e e definit ivo com e quello del t rapasso. Honeym oon Croon è un glam lunare. Com e per Ant onin Art aud, riecco apparire gli uom ini- lupo, st avolt a con la bava alla bocca. Kingdom s com ing t orna all am ore per gli arpeggi acust ici di All we ever want ed, una ballat a che t i sm orza il sorriso in faccia prem endot i il pet t o con una forza crescent e im percet t ibile m a inesorabile. Sono lingue di vent o che t irano giù le ult im e foglie, lasciando solo uno schelet ro di legno a cam peggiare nel t uo giardino. La t it le track è un lungo serpent e di cespugli copert o di neve bianchissim a. Benvenut i dent ro il labirint o dell Overlook Hot el. Hope t iene fede al suo t it olo e rom pe un po l incant esim o dell int ero lavoro lasciandoci con una canzone che ha un po il t enero sapore del com m iat o e un po quello propiziat orio di un Su r ya N a m a sk a r a , m a i Bauhaus bruciavano già dall int erno . Per quant i t ra noi rest arono a bocca apert a a vedere esplodere quest a supernova e venire per sem pre risucchiati nel loro Buco Nero. Un collasso per tutto simile al nostro. Franco Dimauro ML 51


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: TUXEDOMOON TITLE:

D esire

LABEL:

Ralph

RELEASE: 1981 WEBSITE:

www.myspace.com/tuxedomoon

MLVOTE: 9 / 10 I m m aginat e la sala da ballo de I l Gat t opardo popolat a degli schelet ri della Danse Macabre. I n un angolo del salone un orchest ra suona not e int agliat e nel ghiaccio, sput ando aria gelida sui brandelli di m acram è, sui divani broccat i, sulle radiche di noce, sugli specchi e sui lam padari di am bra e crist allo. Sem bra venire da un alt ro pianet a o forse da un po più vicino, dalla Luna. Fa m usica da cam era pensando a quelle del Cast ello di Elisabet t a Bàt hory, su a Cacht ice. Nei salot t i perbene dell Old Europa, all epoca, non li conosce ancora nessuno anche se il gruppo ( che in realt à viene da San Francisco, e non dai crat eri lunari) ha più di un riferim ent o con cert a m usica elettronica europea di st am po kraut o. I nfatt i lì finiranno, subit o dopo l uscit a di quest o disco. Prim a a Rot t erdam , quindi a Bruxelles. A m usicare ballet t i, piece t eat rali, set d avanguardia, m ost re d art e e alt ri dischi. Tut t i assiem e, divisi, in duo, in t rio. Molt i belli, qualcuno brut t o. Alt r i inut ili, m a sono i prim i anni, com e accade quasi sem pre, quelli per cui vale la pena spendere tutto. Piccoli capolavori sospesi tra decadentismo, avanguardia, jazz ed elettronica. La musica che abita Desire è una m usica da ballo che annient a il m ovim ent o, che t i st rangola m a lo fa con l eleganza di un elast ico da papillon. Ha quest e curve discendent i com e quelle di East e Again che debbono suonare un po com e il rum ore dell acqua dent ro le orecchie di chi st a decidendo di affogare dent ro il Danubio blu. C è quest aria di frac sporcat i di t am arindo e succo di pera che si m uovono dent ro il vort ice del valzer annoiat o di Jinx. Ci sono i loro cadaveri che gem ono su Vict im s of t he dance. C è il ret robot t ega da em porio cinese di Music#1. C è la m usica algida da Spazio 1999 di Incubus e I n t he nam e of t he t alent . C è il sipariet t o da film m ut o di Holiday for Plywood e c è l elet t ronica nera della t it le t rack, fit t a com e la pioggia dell ult im o fot ogram m a di Blade Runner. Piove, dent ro la m usica dei Tuxedomoon, com e sugli zigom i di Roy Bat t y, e i nostri cuori ne raccolgono. Come grondaie sotto cieli di piombo e di silicio. Franco Dimauro

ML 52


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: ROSE TATTOO TITLE:

S.T.

LABEL:

Albert Productions

RELEASE: 1978 WEBSITE:

www.rosetattoo.com.au

MLVOTE: 7 / 10 Sono nat i in Aust ralia nel 1976, probabilm ent e concepit i dal gene fert ile della st raripant e chit arra slide di Pe t e r W e lls. I l cant ant e originale Ton y Lake era durat o l arco di qualche prova in sala prim a d essere sost it uit o dall uom o- icona che ancora oggi è cuore e im m agine della band, l arcigno An gr y An de r son, cert am ent e uno degli gli ant esignani t ra i cant ant i rock con la zucca com plet am ent e pelat a. Svezzati dal palco del

Chequers di Sydney, lo st esso rock club t eat ro

degli esordi degli AC/DC, Wells e soci guadagnarono a suon di esibizioni senza fronzoli il cont rat t o discografico con la Albert Product ions, nello st esso anno in cui i loro più fam osi cont erranei davano alle st am pe il quint o album , Powerage. Regist rat o negli Albert St udios di Sydney e prodot t o dai fam osi H a r r y Va nda e Ge or ge You ng, il disco era st at o ant icipat o dalla pubblicazione del singolo Bad boy for love. Dall infat uazione col rock blues di Stones e Cream e dalla carica provocat oria dei Faces, i Rose Ta t t oo traevano una form ula rivedut a, corret t a e soprat t ut t o irrobust it a da un at t it udine hard ed energica di cui ogni singolo solco t rasuda in abbondanza. I l passo cadenzat o a t ram e avvolgent i di Rock n Roll out law, il bluesaccio indolent e di The but cher & Fast Eddie o l up- t em po di Rem edy sono t appe di un percorso che non annoia m ai m ent re raccont a st orie di vit a e alt re rogne quot idiane, non im port a che si t ransit i dalle part i di una languida e un po leziosa St uck on you o che ci si im bat t a nella giost ra veloce di Nice boys ( don t play R n R) , la st essa che i Gu n s N Rose s coverizzarono sul fam oso ep d esordio Live lik e a Su icide , prim a che fighet t i lo divent assero per davvero

Pur appart enendo a una band

esordient e, quest o lavoro è ricco di inclinazione, ist int o e sano m est iere; non si aggrappa a due o t re capolavori per galleggiare, non ne ha bisogno, è il suo com plesso piut t ost o che disegna una t raccia m ai calant e e che fa scuot ere la t est a a rit m o dall inizio alla fine. Sono un fuorilegge del rock n roll e non ho bisogno di nessuno , ruggisce spavaldo il buon Anderson già nella prim a t raccia, quasi com e se il suo ghigno scorbut ico volesse ant icipare le vicende t ribolat e della sua band t rat t eggiandole con t em pera di sangue, sudore e lacrim e ( bast i pensare che t re quint i della form azione che ha regist rat o quest o disco è purt roppo passat a a m iglior vit a) . I

fighet t i

non

suonano il rock n roll, quello vero, né m ai lo faranno; cont inua a urlarlo fort e e chiaro, vecchio Angry, c è ancora un mucchio di scavezzacolli intorno al mondo pronti a urlarlo in coro con te!

Manuel Fiorelli

ML 53


musicletter.it

update n. 70

musica

ARTIST: EDOARDO BENNATO TITLE:

I Buoni e i Cattivi

LABEL:

Dischi Ricordi

RELEASE: 1974 WEBSITE:

www.bennato.net

MLVOTE: 8 / 10 L ho rivist o qualche sera fa in t ivù. Era sul palco dell Arist on coi capelli t int i e gli occhiali da sole inforcati. Li porta sugli occhi da anni ormai, a ogni ora del giorno e della notte e in ogni stagione. I o credo gli si siano incollat i al naso. Ma io non m i fido di chi si nasconde gli occhi. Nemmeno quando ha dei m essaggi im port ant i da dare. Anzi, soprat t ut t o allora. Mi spingono a confondere la saggezza con la ret orica, quasi che quegli occhiali li indossassi io. Eppure Bennato di cose ne ha det t e. Di fort i, acut e e sagaci. Bagnat e nell art e della m et afora e dell ironia sot t ile m a pungent e. Una sat ira sorda. I o ho am at o Bennato quando le uniche t et t e a cui pensavo erano quelle di m ia madre. Dico, prim a dei Clash e prim a degli Stooges. Prim a degli Unclaimed e dei Cramps. Prim a dei Cure e degli Smiths. Prim a dei CCCP e dei Count Five. Prim a di qualunque alt ra cosa anim at a con uno st rum ent o in m ano io ho am at o Bennat o. Perché m i raccont ava la vit a con l unico linguaggio che io pot evo capire: quello delle fiabe. Raccont ava di degrado e di corruzione, della devast azione del t errit orio e del saccheggio cult urale che affligge Napoli. E parlava di t ut t i. Del Papa e del President e della Repubblica, della scuola e delle lobbies dei cost rut t ori, di suo fratello Eugenio, del suo produttore, del maestro De Simone e del suo amico Raffaele Cascone. È quello m enzionat o su Venderò ( sull album La t or r e di Ba be le del 1976, NdLYS) e che qui è rit rat t o in copert ina assiem e a lui. Di spalle e con le m anet t e ai polsi. Vest it i ent ram bi da carabinieri: i buoni? O i cat t ivi? È da qui che com incia ad insinuarsi il dubbio su cui è cost ruit o t ut t o quest o secondo lavoro del folksinger napolet ano. I buoni e i cat t ivi cam m inano fianco a fianco e sono vest it i uguali. I m possibile dist inguerli. Spesso, quasi sem pre, sono vest it i bene. Sorridono sem pre e t i st ringono la m ano. E quando t e lo m et t ono in culo si fanno il segno della croce. La musica è quella povera dei suoi primi anni. Fatta con poche cose, quasi tutte suonate da lui. Ma può ancora cont are sui suoi vecchi am ici: suo frat ello Eugenio che, m algrado non condivida la sua scelt a di abbandonare la st rada della t radizione popolare, cont inua a st argli accant o, Bruno Lim one che lo accom pagna, quando serve, al basso, Andr e a Sa cch i, Tony Esposito. E soprat t ut t o il m aest ro Robe r t o D e Sim on e che qui arrangia l orchest ra per I n fila per t re ( m a nel disco viene inserit a nuovam ent e la versione orchest rale di Un giorno credi che com pariva già sul disco di debut t o, int eram ent e arrangiat o dal Maest ro, NdLYS) . I Bu oni e i Cattivi ha un suono da st rada , un po com e t ut t a la produzione del Bennat o pre- Canzonette. Ed è un disco di denuncia. Che parla di cose nost re, vicine, t angibili, fam iliari. A noi che conoscevam o a m em oria la cost it uzione am ericana e il rit rat t o di Abram o Lincoln, che prot est avam o per un albero abbat t ut o in Canada m ent re ci facevam o riem pire le nost re cit t à da mostri di cemento. A noi che credevamo Dylan pot esse salvare il m ondo e che siam o t ornat i anni dopo a pat t eggiare per i laburist i perché la chit arra am m azza- fascist i di Billy Br a gg ci chiedeva di farlo, schierandoci per part it o preso senza sapere spesso di cosa st essim o parlando. Edoardo Bennato era lì per noi. Aveva t rovat o le cat t edre universit arie occupat e da Guccini, i circoli libert ari presidiat i da D e An dr è , le sedi della FGCI piant onat e da Cla u dio Lolli. Aveva preso la sua roba e si era messo in strada. Dalla parte del torto, ma in mezzo a noi. Franco Dimauro ML 54


musicletter.it

update n. 70

live review

ARTIST: L.A. GUNS LOCATION:

Colle di Val d Elsa (Siena), Sonar Live

DATE: 06.03.2010 WEBSITE:

www.laguns.net photo by Costanza Savio

Sabato sera di un freddo marzo mi accingo ad andare al Sonar, la "casa della musica" nel contado senese, a vedere gli L.A. Gu n s gruppo hard rock/ glam piut t ost o not o negli anni Ot t ant a con diverse conget t ure in m ent e che non m i fanno viaggiare t ranquillissim a nella m ia scassat a st at ion wagon

I nnanzit ut t o gli L.A. Gu n s odierni si diram ano in due gruppi ( sarò poi felicissim a di

incappare in quello capit anat o da Ph il Le w is); a priori non credo alla bont à di gruppi che si riform ano o sfrut t ano il nom e m ainst ream ( e loro hanno un nom e alt isonant e) , il genere è ambiguo e si può prest are a

baracconat e

di ogni t ipo e non m i piace la faccia a volpino del

cant ant e. Fort unat am ent e la vecchiaia ha colpit o anche i neuroni della sot t oscrit t a poichè il live set degli L.A. Gu n s sarà decorosissim o e t ut t e quest e illazioni verranno confut at e una a una. Procediam o per gradi: suonano com e support ers ( per t ut t o il t our) dei ragazzi ( più o m eno) di Bologna i M a r k on e e ( M a r con i)

con cant ant e giovane e capace, genere più heavy m et al che

hard rock; a m e non piace com unque non si risparm iano sul palco e fanno di t ut t o per scaldare il palco,alcuni pezzi sono int eressant i e a chi piace il genere consiglio l'ascolt o dei loro CD ( cant ano in inglese) . Roccheggiando si arriva t ranquillam ent e alle ore una di not t e passat e ( ! ) quando salgono dal lat o dest ro dell audience gli L.A.Guns precedut i da una inet t a road crew vest it a di nere felpe ( della serie quando non è la band che si at t eggia lo fa la securit y) . I l concert o inizia subit o con le canzoni della seguent e scalet t a, a dire il vero rispet t at a proprio per nient e com e ordine m a onorat a da ben t re bis com prese le ballat one com e quella dedicat a -

non

necessariamente - a Ja yne M a n sfie ld. Gli L.A. Gu n s sul palco sono m olt o professionali com e si addice a una band di tale esperienza, con una onorata carriera che risale al 1987, con musicisti di livello ( il chit arrist a St a ce y Bla de s, il bat t erist a St e ve Rile y e il bassist a Ke n n y Kw e e n s leader dei Be a u t ifu l Cr e a t ur e s) sciorinano con m aest ria t ut t i i pezzi e i loro successi degli Eight ies. ll carism at ico cant ant e Ph il Le w is cerca sem pre il cont at t o con il pubblico, lo osserva,

anche

quello delle file diet ro int eragendo e incit ando, dice all'audience " I love you" e alt re cavolat e di ringraziam ent i in it aliano. È sincero, cosa incredibile ai t em pi d'oggi, risult a un art igiano del rock'n'roll che am a il suo lavoro, i suoi ragazzi di bot t ega, i suoi pezzi ed il suo pubblico. Musicist i che cont inuano quest o m est iere spint i dalla passione più che dal rest o. Rockers st radaioli nell'anima forse per quest o rim ast i ai m argini dopo i fast i degli anni '80. La m usica è il classico m ix di glam , hard rock e ryt hm 'blues losangelino m a non sem bra una band " finit a" né un avanzo di show business m ade in Los Angeles - California, è una band di buon rock'n'roll con le sue belle ballat e e i suoi brani epici ( Elet ric Gypsy il m io predilet t o) : proprio quello che ci vuole per spendere bene un Sabat o not t e. A fine concert o t ut t o il gruppo raggiunge rapidam ent e la post azione del m erchandise per il rit o degli aut ografi e fot o a cui ovviam ent e non si è sot t rat t a la sot t oscrit t a, lusingat a di fare la conoscenza di due occhi ( quelli di Ph il Le w is che m i regala una foto autografata dagli L.A. Guns) in cui traspare tutto l'amore per il rock'n'roll. Costanza Savio ML 55


musicletter.it

update n. 70

live review

ARTIST: MONO LOCATION:

Roma, Circolo degli Artisti

DATE: 0 2 .03.2010 WEBSITE:

www.mono- jpn.com

Chiarisco subit o che, per le m ie orecchie, quello che va in scena st asera è il t op della m usica st rum ent ale

genericam ent e

post , ovvero i giapponesi Mono: così non ci sono equivoci. Fort i

dell ult im o, splendido, Hym n t o t he im m ort al wind, i nost ri sono in giro per l Europa e, a Rom a, sono support at i dagli aut oct oni Tom ydeepest ego. Li avevo vist i un paio d anni fa, dopo l album d esordio Odyssea e di supporto ai Red Sparowes, e avevo gradito il loro post hardcore nel solco dei Pelican e dei Mogwai, seppure est rem am ent e derivat ivo su disco e un po scolast ico in sede live; quest a sera invece, fort i del nuovo, splendido Chronophage i giovani dell Vrbe dim ost rano di essere m olt o di più di una sem plice prom essa. Ogni lat o di quello splendido prism a post m et allico che è il loro suono è cresciut o esponenzialm ent e: la suggest ione est rem a delle apert ure post rock diviene am pia e com m ovent e, i riff si serrano al m om ent o giust o, il suono si sospende con ansie ed assenze m inim ali ed est rem am ent e m alinconiche e si gonfia di poderosi uragani post m et allici. Una m aggiore personalit à nell affrancarsi da quei m odelli, invero est rem am ent e ingom brant i, li port erà, al m om ent o giust o e con un t erzo disco convincent e, ad ergersi com e punt o di riferim ent o per cert e sonorit à, insiem e ai cont erranei Lento, a livello europeo e, udit e udit e, m ondiale. Una splendida int ro di m usica classica e lirica assort it a st em pera l at t esa spasm odica di un locale nel frat t em po riem pit osi in ogni ordine di post i: quando Taka, Yoda, Tam aki e Takada salgono sul palco, cala un silenzio quasi irreale. I chit arrist i spariscono quasi subit o, sedut i sulle loro sedie, ( eccet t o per chi è im m ediat am ent e sot t o il palco) , la bassist a si pone al cent ro, il drum m er si posiziona ad un solenne drum set , com plet o di gong. Serve cit are singole canzoni? Non credo sia decisivo: provengono in gran part e dall ult im o album , m a si pesca anche indiet ro. La st rut t ura è quella ben not a: poche not e di chit arra, punt eggiat e, quasi t im ide, nella cui circolarit à si palesa, evident e, l origine orient ale del com bo, eseguit e ( e quest o la dice lunga) in un silenzio assolut o e t eso d at t enzione che si t rasform ano, t ram it e lunghe progressioni e st raziant i e t ent acolari crescendo, in t errificant i, t ort urat i, m arziali m ayhem sonici dal im pat t o udit ivo devast ant e ( in senso let t erale: m i fanno m ale le orecchie) m a sem pre elegant i e m arziali com e una cerim onia, una m arcia rit uale, una preghiera. La suggest ione è est rem a, l em ozione conduce alle soglie del piant o per una m usica che non ha il pregio( ?) della variet à m a che dipinge davant i agli occhi quadri ast rat t i di pura em ozione, nei quali non si avvert e nem m eno lont anam ent e, il bisogno dell assert ivit à e della m onodim ensionalit à delle parole. Raram ent e Taka e Yoda si alzano dalle loro sedie, Tam aki ondeggia al cent ro del palco com e una danzat rice, Takada picchia, quasi nascost o, là diet ro. Non bisogna parlare di post rock m a di m inim alism o, di classica cont em poranea, di m usica colt a m a, ed è quest a la peculiarit à, che non rinuncia affat t o ad una form a personale e raffinat a di im pat t o e volum e , m ut uat a dal Rock con la m aiuscola ( in quest o si inquadra la scelt a di regist rare i propri album sot t o la supervisione del fido St eve Albini, live in st udio) . Dopo un ora e quarant a la preghiera si conclude, e le luci si accendono. Abbiam o tutti lo sguardo di chi ha visto un altro, incredibile mondo. Valerio Granieri ML 56


musicletter.it

update n. 70

speciale

LA CRUS Io non credevo che questa sera © 2010 di

Nicola Guerra I o non credevo che quella sera la perdit a fosse di dim ensioni così abnorm i. Era il 17 m aggio del 2008, pioveva e il cielo m inacciava di bagnarci ancora, di scovarci e infradiciarci più del dovut o. Rint anat i sot t o un t endone da fest a paesana, eccit at i e logicam ent e un po ram m aricat i per il t rist e epilogo, si at t endeva l addio dei La Cr u s, l ult im o sussult o di un gruppo it aliano che negli anni era st at o capace di ridest are la canzone d aut ore, cont am inandola con i suoni del nuovo m illennio. Una piccola orchest ra di 8 elem ent i at t endeva

l ingresso di Mauro

Joe

Er m a nn o Giova na r di ( voce, t est i e anim a del gruppo) e Cesare

Malfatti ( braccio dest ro nonché chit arre e cam pionam ent i, l anim a più sperim ent ale) . Diet ro le quint e, com e al solit o, assist eva com m ossa la t erza croce ( la crus in m ilanese significa proprio croce), Ale ssa ndr o Cr e m on e si, uom o om bra present e solo in fase di st esura di m usiche e t est i. La pioggia continuava a scendere e la mia testa ad andare indietro nel tempo, fino a rivedere Joe con i capelli elet t rizzat i che dava la voce al proget t o Ca r n iva l Of Fools, new wave cupa e carica di blues dove un giovane M a nu e l Agn e lli suonava le t ast iere. Erano t em pi di grande ferm ent o quelli, che t rasform arono giovani ragazzi bisognosi di dare voce a una generazione in eccezionali m usicist i, capaci negli anni di diffondere a m acchia d olio il verbo del rock indipendent e it aliano. Qualcuno è naufragat o lasciando ai post eri ot t im i dischi ( Rit m o Tr iba le su t ut t i) , qualcuno ha am pliat o il raggio d azione t occando l Am erica ( proprio gli Afterhours nell incont ro con Greg Dulli di Tw iligh t Sin ge r s e Afgh a n W h igs) e c è chi ha t rasform at o il rum ore sonico in un denso cant aut orat o ( Cr ist ia no Goda no e i suoi M a r le n e Ku n t z). I La Crus purt roppo sono st at i dei perfet t i ibridi; da un lat o vogliosi di sperim ent are le t endenze della nuova era e dall alt ra t roppo sent im ent ali per t agliare il cordone om belicale da quella m usica orgogliosa e fiera di svent olare il t ricolore. Ricordo com e fosse ieri quando ebbi fra le m ani l esordio dat at o 1995; un incrocio di m odernit à e t radizione che ai t em pi pareva im pensabile. Finalm ent e la canzone it aliana pot eva vivere nei club e sm et t erla di prost it uirsi su palchi inondat i di fiori; conobbi Pie r o Cia m pi at t raverso la circense rilet t ura de I l Vino, rivalut ai la poet ica di Tenco nella st ruggent e Angela e m i innam orai di pezzi quali Nat ura Mort a ( in paradiso) , Nera Signora e Vedrai. Milano com e Brist ol, però ancora devot a alle sue t radizioni; t rom be, spazzole, chit arre acust iche e cam pionam ent i indust riali convivevano senza ost acolare l anim a delle parole. Un disco d esordio quasi perfetto che ebbe un seguito realizzato da soli remix a cura di Almamegretta, Madaski e Ca sino Roya le , t ant o per ribadire quant o i brani dei La Crus fossero davvero pront i per vivere negli scant inat i fum osi del rest o d Europa. ML 57


musicletter.it

update n. 70

speciale: la crus La perfezione vide però la luce nel 1997 con il secondo lavoro intitolato D e n t r o M e . Più lont ano dal m ondo del t rip hop e più vicino alla t radizione, il disco è un poet ico viaggio bohem ien che avvolge con aurea m alinconica brani m agist ralm ent e eseguit i e accom pagnat i dall orchest ra Bulgara e dall im m ancabile t rom ba del maestro Pa olo M ila ne si; t ut t o ciò

im preziosit o da ospit i com e

Cr ist ina D onà nella splendida apert ura di Per m ano, Manuel Agnelli alla chit arra nel blues m et ropolit ano 34 anni e i cori di Edda e Cr ist ia no Goda no nella frenet ica e apocalit t ica The Dragon di Pa olo Con t e . I l t ut t o com e al solit o condit o dalla calda voce di Giovanardi e im preziosit o da canzoni davvero m em orabili ( su t ut t e Come ogni volt a, la poesia di Inventario e qualcosa che parla di m e com e La luce al neon dei baracchini) . Raggiunt o un picco così alt o, l unico m odo per superare se st essi fu quello di

st erzare bruscam ent e la rot t a;

nacque così D ie t r o la cu r va de l cu or e ( 1999) , sicuram ent e il disco più pop dei La Cr u s. Un cam bio di t endenza che diede al gruppo m ilanese grande visibilit à;

ospit i illust ri quali Carmen

Consoli e Cr ist ina D onà , canzoni sem plici e raffinat e che parlano d am ore in m aniera nat urale m a m ai st ucchevole, delicat e poesie che si rivolgono in m aniera com m ovent e a persone ( Soltanto Amore, L uom o che non hai) , luoghi ( Nat ale a Milano) e ricordi ( È andat a via l est at e) ; gli st essi che riaffiorano ogni volt a che guardo dent ro le m ie curve del cuore. La capacit à di rielaborare canzoni alt rui port ò i m ilanesi a st rut t urare un proget t o ancor più com plesso; Crocevia del 2001, infat t i, non fu solo un disco di cover m a un libro om onim o e un lungo t our che t occò i locali di m ezza I t alia. Con quest o disco i La Cr u s si aggiudicarono la Ta r ga Te n co com e m igliori int erpret i e la voglia di sperim ent are lasciò sem pre più spazio alla volont à di rielaborare ( sem pre in chiave at t uale) la canzone it aliana; Estate in chiave bossanova di Br u n o M a r t ino, Pensiero St upendo cant at a da Joe, M a nu e l Agn e lli e Pa t t y Pr a vo in un crescendo di eros e sensualit à, la delicat ezza di Annarella dei CCCP e il finale affidat o a una splendida Ricordare del m aest ro Ennio Morricone. Ricordare, ricordare è com e un po m orire, e scordare è più difficile, ora sai che è più difficile, se vuoi ricom inciare cant a Joe,

e la m ia t est a, ora fradicia di ricordi, non vuole scordare

quello che i La Crus le hanno regalat o. Anche un disco sot t ot ono come Ogn i cosa ch e ve do ha dalla sua frecce acum inat e che lacerano e t rapassano il cuore; affinat a la scrit t ura che passeggia a braccet t o con la poesia, la m usica è il vest it o su m isura cercat o da t em po.

L irruenza

si

sm ussa

a

favore

della

ricerca,

la

cont am inazione con la let t erat ura di M a r co Lodoli vede il suo splendore nel pezzo dal sapore m oderno ant ico de La Giacca Nuova, la danza deflagra nel singolo L urlo e la m elodia t rova form a com piut a in brani quali Prim a che la Not t e e Milano Est at e 2002. La m usica si è fat t a evanescent e, nel t ent at ivo ( riuscit o) di fondersi alle parole, m a in un m ondo m usicale usa e get t a, gest it o da squali senza scrupoli, le fat iche del duo m ilanese non vengono supportate a dovere e rimangono per poco tempo a luccicare sugli scaffali pieni di immondizia. ML 58


musicletter.it

update n. 70

speciale: la crus Arriva cosi, nel 2005, l ult im o part o discografico int it olat o Infinite Possibilità; un congedo che lascia t ant o am aro in bocca per quello che avrebbe pot ut o essere. Alt ro proget t o enorm e che regala 10 canzoni e 10 cort om et raggi selezionat i al M ila no Film Fe st iva l provenient i

da

t ut t o

il

m ondo

( Argent ina,

Rom ania,

Russia,

Germania, I t alia, Svezia e Gran Bret agna) riedit at i sugli st essi brani del disco da Fr a n ce sco Fr ongia . La dipart it a di Pa olo M ila n e si alla t rom ba asciuga il suono, una delicat a elet t ronica si insinua fra le parole di Giovanardi (oramai autore maturo e grande interprete della sua poet ica non più m inim ale com e agli esordi) e il suono caldo delle chit arre e dei campionamenti di Malfatti. I nodi si sciolgono e vengono al pettine, il balsam o del cant aut orat o am m orbidisce liriche e pensieri, m ent re il vent o caldo del phon uccide gli ult im i rim asugli di indie present i nei dischi precedent i; Ho Ucciso Thurst on Moore post a in chiusura è l esem pio più rappresent at ivo nonché il salut o del gruppo m ilanese al m ondo m usicale. I nfinit e possibilit à racchiude in se una bellezza che fa part e del m ondo, è carico di im m agini che rim andano al cinem a, alla let t erat ura m a anche alla vit a di t ut t i i giorni; il brano che dà il t it olo al disco è l apogeo di una carriera, sei m inut i che regalano davvero all ascolt at ore infinit e possibilit à di fuga. Ascolt at ore che si abbandona al flusso delle parole e delle im m agini e ne viene rapit o si dom anda perché il m ondo sia così cat t ivo e com e si possa renderlo m igliore, e la rispost a quando il disco finisce è inevit abilm ent e la poesia. Che non costa nulla e, a differenza del pet rolio, non si esaurirà mai. Gli ult im i egregi colpi di coda sono Cuore a Nudo,

disco solist a di

M a u r o Er m a n n o Giova n a r di ( let t ure, raccont i e brani rielaborat i dei La Cr u s) e il live del 2008

I o non credevo che quest a sera

( regist rat o però il 14 luglio del 2005 al Teat ro Novelli di Rim ini con L Orchest ra da Cam era delle Marche)

che include t re inedit i

( Mentimi, Ent ra Piano e L aut obiografia di uno spet t at ore) e una scalet t a om ogenea com plet am ent e riarrangiat a per l occasione. I o non credevo che quest a sera avrei raccont at o in pillole la st oria di quest o grande gruppo; int ant o la pioggia ha sm esso di cadere, i La Cr u s hanno sm esso di suonare m a noi non abbiam o m ai sm esso di ricordare. Perché vorrem m o che la m agia rit ornasse. Ancora.

ML 59


musicletter.it

update n. 70

rubrica

PRESI NELLA RETE Vessel e Jacqueries © 2010 di

Stefano Bon Scom parsi i negoziet t i di dischi, alm eno nelle cit t à m edio/ piccole ed esplose il t rading on line, dove si realizza il sogno di pot er com prare t ut t o, perché t ut t o il m ondo è in vendit a, rest a difficile t rovare un angolet t o t ranquillo dove pot er consum are in pace i propri sogni. La ret e è il post o più caot ico che possa esist ere, anche se in verit à è un post o che non esist e. Com e t ut t i i bazar, le casbah

o

addirit t ura le m egalopoli di quest o pianet a è qui che si possono fare gli incont ri più int eressant i e st im olant i. Senza t ant i giri di parole parliam o di m usica e iniziam o il nost ro viaggio fra Myspace, FB, Fanpage, Yout ube e t ant e alt re m agiche parolet t e a volt e m iracolose com e le pozioni nel farwest , m a spesso segni su una m appa che conduce a t esori di energia e dedizione. Prendiam o questa 24 Re cor ds ( www.42to24.wordpress.com) che fa la casa discografica senza esserlo e lancia nella ret e una serie di quelli che nell ant ichit à si sarebbero chiam at i m ini LP, così a prezzo libero, con la consapevolezza sì di non t irare su un cent esim o, m a anche di inserirsi in un circuit o creat ivo che per quant o se ne dica, è lungi dall esaurirsi. Le prim e uscit e, Vessel e Jacqueries, sono not evoli. I prim i ( www.m yspace.com / t hevesselorchest ra) hanno una line- up di t ut t o rispet t o con la Gismondi dei Pitch, Nuccini e Reverberi dei Gia r din i di M ir ò, m a il bello è che nonost ant e cot ant o pedigree il risult at o è assai diverso dalle band originarie. I n Ta le s of M e m e n t o I sla nd dunque nient e furore sonico dei Pitch, né lo spleen elet t rico dei Giardini, m a un qualcosa che solo a un ascolt o superficiale si pot rebbe definire suono indie nost algico. I l loro proget t o è ad am pio respiro e prevede l uscit a di alt ri due lavori. Non chiamiamolo revival, please, il recupero è solo concet t uale e le not e si snodano t ra suggest ioni slowcore e clim i cant aut oriali, m a nel senso buono della parola e la cover di Le on a r d Cohe n è lì a t est im oniarlo. I Jacqueries ( www.m yspace.com / t hej acqueries)

sono

invece

giovanissim i

al

punt o

che

loro

st essi

si

definiscono una college band. Nel loro Ch ild s Pla y c è già grande m at urit à e i quat t ro sem plici, ma non banali, brani che lo compongono risentono chiaramente dei suoni brit degli ultimi anni ma senza esserne schiavi. L approccio più m alat o e m edit erraneo alla m at eria del pop rende il lavoro m olt o int eressant e e degno della m assim a at t enzione; se non si perdono faranno grandi cose in futuro.

ML 60


musicletter.it

update n. 70

framme nti di cinema rimosso: decima parte

SPECIALE WESTERN 70 Il western americano all alba degli anni Settanta Soldato Blu, Piccolo Grande Uomo e Un Uomo Chiamato Cavallo. © 2010 di

Nicola Pice I l west ern è st at o, sin dalle origini, uno dei generi cinem atografici più

carat t erist ici e im port ant i perchè rappresent ava il m it o

port ant e ( e fondant e) della societ à am ericana: la front iera, la conquist a e la t rasform azione della nat ura selvaggia e ost ile in una diversa, ordinat a e prot et t a condizione civile. Da quest o punt o

di

vist a,

pur

con

alt erne

fort une

e

significative

t rasform azioni, il west ern è rim ast o un genere vit ale capace di influenzare anche gli alt ri generi cinem at ografici, legat o a una t radizione

let t eraria

aut oct ona

ma

resosi

aut onom o

per

la

cont inua m escolanza di fat t i e personaggi st orici con la finzione narrat iva, avvalendosi sul piano figurat ivo dei grandi spazi che le regioni degli USA offrivano ai cineast i: prat erie, luoghi desolat i, montagne. Nonostant e le diversit à degli aut ori e il t rascorrere del tempo - dal cinem a m ut o al sonoro, dalla crisi del genere fino alla sua rinascit a - ut ilizzando prevalent em ent e i grandi spazi e creando sit uazioni dram m at urgiche elem ent ari in cui i personaggi erano di scarso spessore psicologico ( la m aggior part e delle st orie at t ingeva in m aniera om ogenea agli st ilem i delle leggende generazionali, alla guerra di seccessione e al m assacro degli indiani) , i film west ern non usciranno - tranne rarissime eccezioni - dagli schem i consuet i ripet endo all'infinit o gli st essi clichè. Ricreando, però, sem pre e com unque, nello spet t at ore " l'at t esa" com e una sort a di variazioni cont inue sullo st esso t em a, col fascino del sem pre uguale e del sem pre diverso: un m eccanism o com une alla serialit à t elevisiva contemporanea. I fast i del west ern hollywoodiano " classico" alla m aniera del Ford di

The iron

horse , di Om bre rosse , di Sent ieri Selvaggi o del DeMille di The Plainsm an - per t acere di quelli di George St evens, di Fred Zinnem ann o di Frit z Lang - che conquist ò il m ondo cercando di em ancipare il genere arricchendolo di sfum at ure psicologiche e di spessore dram m at ico, declineranno negli anni '60 in una sort a di ripiegam ent o nost algico dei suoi t òpoi m it ologici. A m et à degli anni '60, quindi, il west ern appariva un genere dest rut t urat o e, dunque, apocrifo, in crisi presso il pubblico, frust rat o, dest inat o a una crisi irreversibile. Negli St at i Unit i, t ra l alt ro, proprio in quel periodo si st ava sviluppando un cinem a indipendent e e non hollywoodiano che com prendeva opere di t ono realist ico vicine alla Nouvelle Vague europea oppure cont igue al cinem a verit à ispirat o dalla provocat rice cont rocult ura underground della beat generat ion o, invece, opere t ese alle ricerche form ali dello st rut t uralism o o alle esperienze del cinem a espanso. Gli anni Sessant a, dunque, furono un epoca di profonda t ransizione per il cinem a di Hollywood ( e per il west ern) , anni di crisi m a anche di rinnovam ent o est et ico com e dim ost reranno regist i che, seppur isolat am ent e, sapranno coniugare esigenze com m ercial- popolari con il cinem a d aut ore. All alba dei cont roversi anni 70, dunque, il rinnovam ent o iniziat o nel decennio precedent e viene port at o a com pim ent o con la rot t ura definit iva dei t radizionali st eccat i t ra i generi grazie all ascesa di nuovi cineast i ( Coppola, Scorsese, Spielberg, Lucas, Cim ino, Alt m an, De Palm a)

che

rivoluzioneranno l approccio film ico hollywoodiano det erm inando un com prom esso t ra le regole del blockbuster e la libertà stilistica propria di ciascun autore. ML 61


musicletter.it

update n. 70

framme nti di cinema rimosso: decima parte Gli aut ori che in quest o part icolare m om ent o st orico si occupano del

west ern,

pert ant o,

giocano

la

cart a

dell innovazione

riprendendo in chiave m em oriale e sent im ent ale gli schem i di genere per cost ruire un m eccanism o che si concent ri sull'analisi critica della storia americana o metta in scena la crudeltà del mito della front iera quale m et afora più universale della ferocia um ana. Tralasciando in quest a sede alcun t ipo di com m ent o su Sam Packinpah - che port a in quell anno sullo scherm o La ballat a di Cable Hogue st ruggent e elegia sulla m ort e del west che m erit a uno spazio dist int o per originalit à e forza espressiva - va det t o che nel 1970 addirit t ura ben t re regist i con t re film , different i t ra loro, si cim ent ano con il west ern. Piccolo grande uom o di Art hur Penn, t rat t o da un rom anzo di Thom as Berger, è senza dubbio una rivisit azione polem ica del genere e, più in generale, una riflessione sulla st oria e le sue assurdit à. Facendo leva sulla spet t acolarizzazione della m essa in scena, Penn, da un lat o om aggia il west ern classico ( nelle sequenze di com bat t im ent o o di inseguim ent o) e dall alt ro carica il raccont o di elem ent i che si sm ent iscono fra di loro, scom paiono per riem ergere, dopo, con prepot enza m a che sono t ut t i ut ili alla definizione dell int reccio narrat ivo. L int ervist a che Jack Crabb, anni 121, unico superst it e della bat t aglia di Lit t le Big Horn, concede a un giornalist a, la st oria d una vit a avvent urosa t ra indiani da cui fu allevat o ed esercit o in cui m ilit ò, è la m et afora fin t roppo evident e dell Am erica con t ut t i i suoi ( falsi) m it i e le grandi cont raddizioni, le sue crudelt à e diseguaglianze. La solit udine della disadorna st anza dell ospizio in cui Jack rim ane quando il giornalist a va via racchiude t ut t e le perplessit à dell aut ore sul fut uro st esso di un paese.

Soldat o Blu

e Un uom o chiam at o cavallo , invece, sposano, ent ram bi, la

causa dei vint i, dei colonizzat i: gli indiani. Nella prim a Ralph Nelson m ediant e la rappresent azione di una violenza efferata capovolge il punto di vist a consuet o del cinem a west ern ( quello dell uom o bianco, buono per definizione) per im pedire che lo spet t at ore si sot t ragga a un severo giudizio sull operat o dei colonizzat ori. La sequenza finale del m assacro perpet rat o

dai cavalleggeri sugli

indiani

( donne e bam bini

com presi) è così visivam ent e int ollerabile da non lasciar alcun dubbio: la brut alit à insensat a dell epopea ( ?! ) west ern fu per Nelson sem plicem ent e un film dell orrore ( da cui la sua opera m ut ua m olt i st ilem i) . I l revisionism o st oriografico si com plet a alla perfezione con il lungom et raggio di Elliot Silverst ein: l indiano non è più un barbaro selvaggio m a un essere um ano. La singolare avvent ura di un uom o bianco rapit o dagli indiani è un affresco rigoroso e acut o della vit a di un popolo vit t im a non solo di uno dei più grandi e rim ossi genocidi della st oria m a anche della più m enzognera rappresent azione sullo scherm o che ci sia st at a. I l

west ern

ha cam biat o definit ivam ent e faccia e con lui

anche il cinema hollywoodiano. Film trattati SOLDATO BLU | Un film di Ralph Nelson - Regia di Ralph Nelson - AVCO Embassy | 1970 (U.S.A.) PICCOLO GRANDE UOMO | Un film di Arthur Penn - Regia di Arthur Penn - Stockbridge- Hiller | 1970 (U.S.A.) UN UOMO CHIAMATO CAVALLO | Un film di Elliot Silverstein - Regia di Elliot Silverstein - National General Pictures | 1970 (U.S.A.)

ML 62


musicletter.it

update n. 70

last updates: 70- 77

FREE DOWNLOAD ON WWW.MUSICLETTER.IT/NEWSSTAND

UPDATE N.77

UPDATE N.76

UPDATE N.75

UPDATE N.74

UPDATE N.73

UPDATE N.72

UPDATE N.71

UPDATE N.70

UPDATE N.69 ML 63


musicletter.it

update n. 70

last updates: 60- 68

FREE DOWNLOAD ON WWW.MUSICLETTER.IT/NEWSSTAND

UPDATE N.68

UPDATE N.67

UPDATE N.66

UPDATE N.65

UPDATE N.64

UPDATE N.63

UPDATE N.62

UPDATE N.61

UPDATE N.60 ML 64


musicletter.it

update n. 70

last updates: 51- 5 9

FREE DOWNLOAD ON WWW.MUSICLETTER.IT/NEWSSTAND

UPDATE N.59

UPDATE N.5 8

UPDATE N.5 7

UPDATE N.5 6

UPDATE N.5 5

UPDATE N.54

UPDATE N.5 3

UPDATE N.52

UPDATE N.51 ML 65


musicletter.it

update n. 70

last updates: 42- 50

FREE DOWNLOAD ON WWW.MUSICLETTER.IT/NEWSSTAND

UPDATE N.50

UPDATE N.49

UPDATE N.48

UPDATE N.47

UPDATE N.46

UPDATE N.45

UPDATE N.44

UPDATE N.43

UPDATE N.42 ML 66


ML | www.musicletter.it

ML | CHOOSES THE BEST

www.musicletter.it

www.last.fm/user/musicletter

ML - UPDATE N. 70  

Chooses the best

Advertisement