Page 1

.IT La prima non-rivista che sceglie il meglio della musica in circolazione - www.musicletter.it - Anno V - Update N. 67

INTERVISTA

WY E O A K MUSICA PINK MOUNTAINTOPS, HÜSKER DÜ, KEITH CAPUTO, THE POSTMARKS, LIFE OF AGONY, THE THERMALS, DUBBLESTANDART, AND YOU WILL KNOW US BY THE TRAIL OF DEAD, THE PREACHERS, SONDRE LERCHE, LLOYD COLE AND THE COMMOTIONS, WILLIAM ORBIT, EVERYTHING BUT THE GIRL, PIXIES, THE HANGEE FIVE, GIACOMO SCHEMBARI, FOL CHEN, PARLIAMENT, DINOSAUR JR., REACHING HAND, DAVID BYRNE, GREEN DAY, INCOMING CEREBRAL OVERDRIVE, DAVID MURRAY BLACK SAINT QUARTET, TALKING HEADS, YO LA TENGO, JJ, MARISA SANNIA, GORDON GANO & THE RYANS, MAGIK MARKERS, JOHNNY GRIECO, BEARDFISH, GIORGIO CANALI & ROSSOFUOCO, VERACRASH, THE CHROME CRANKS, PAVEMENT, GLUECIFER, MOTÖRHEAD, SPECIALE MOTOWN, SPECIALE TEEN SOUND RECORDS FRAMMENTI DI CINEMA RIMOSSO


musicletter.it «A cosa serve una grande profondità di campo se non c'è un'adeguata profondità di sentimento?» William Eugene Smith

chi siamo Lu ca D Am br osio Domenico De Gasperis Nicola Guerra Jori Cherubin i Massimo Bernardi Marco Archilletti Manuel Fiorelli Pier Angelo Cantù Pasquale Boffoli Franco Dimauro Gianluca Lamberti Nicola Pice Gianluigi Pala mone Daniele Briganti Domenico Marcelli Costanza Savio Michele Camillò Marco Tudisco Claudia De Luca Alessandro Busi Costanza Savio Laura Carrozza Antonio Anigello Valerio Granieri Stefano Sezzatini Luigi Lozzi Gaia Menchicchi Ilario La Rosa

m usicletter.it webmaster / progetto grafico Lu ca D Am br osio

musicletter.it informazioni e contatti www.musicletter.it redazione@musicletter.it

musicletter.it copertina update n. 6 7 / 2 009 - 0 9 - 30 WYE OAK | photo by DAN STACK

photo by luka

ML 0 2


musicletter.it

update n. 67

sommario M USICA | SPECIALE INTERVISTE 0 4 WYE OAK by Luca D Am brosio MUSICA | RECENSIONI 08 PINK MOUNTAINTOPS Outside Love (2009 ) by Luca D Am brosio & Dom enico De Gasperis 09 MAGIK MARKERS Balf Quarry (2009) by Marco Archilletti 10 GORDON GANO & THE RYANS Under The Sun (2009 ) by Franco Dimauro 1 1 DAVID MURRAY BLACK SAINT QUARTET Live In Berlin ( 2009 ) by Luigi Lozzi 1 2 AN D YOU W I LL KN OW US BY TH E TRAI L OF D EAD The Century Of Self ( 2009 ) by Antonio Anigello 13 BEARDFISH Destined Solitaire ( 2009) by Luigi Lozzi 14 THE POSTMARKS Memoirs At The End Of The World (2009 ) by Nicola Pice 15 WILLIAM ORBIT My Oracle Lives Uptown ( 2009 ) by Gianluigi Palamone 16 DUBBLESTANDART (feat. Lee Scratch Perry & Ari Up) Return From Planet Dub ( 2009 ) by Gianluigi Palomone 17 THE CHROME CRANKS Murder Of Time 1993- 1996 (2009) by Pasquale Boffoli 18 SONDRE LERCHE Heartbeat Radio ( 2009 ) by Nicola Pice 19 JJ JJ N°2 (2009 ) by Nicola Pice 20 YO LA TENGO Popular Songs ( 2009 ) by Luca D Am brosio 21 GIACOMO SCHEMBARI Per Ogni Parola Che Non Dico ( 2009 ) by Franco Dimauro 22 THE THERMALS Now We Can See ( 2009) by Nicola Guerra 23 VERACRASH 11:11 ( 2009) by Nicola Guerra 2 4 GREEN DAY 21st Century Breakdown ( 2009) by Laura Carrozza 2 6 INCOMING CEREBRAL OVERDRIVE Controverso ( 2009) by Antonio Anigello 2 7 REACHING HAND A Divina Threshold ( 2009) by Franco Dimauro 2 8 THE HANGEE FIVE Pr e a ch in Unpleasantly Yours ( 2009) by Franco Dimauro 2 8 THE PREACHERS Pr e a ch in At Psych e de lic Ve locit y (2008) by Franco Dimauro 2 9 MARISA SANNIA Rose de Papel ( 2008) by Luigi Lozzi 30 KEITH CAPUTO A Fondness for Hometown Scars ( 2008) by Manuel Fiorelli 3 1 JOHNNY GRIECO I m Cool ( 2008) by Gianluigi Palamone 3 2 FOL CHEN Pa r t I : Joh n Sh a de , You r For t u n e s M a de ( 2008) by Gianluigi Palamone 3 3 GLUECIFER Basement Apes ( 2003 ) by Manuel Fiorelli 3 4 PAVEMENT Slanted And Enchanted (1992) by Marco Archilletti 3 5 LIFE OF AGONY River Runs Red (1992) by Antonio Anigello 3 6 PIXIES Doolittle (1989) by Nicola Guerra 3 7 HÜSKER DÜ Warehouse: Songs And Stories (1987) by Antonio Anigello 3 8 EVERYTHING BUT THE GIRL Eden (1984) by Franco Dimauro 3 9 LLOYD COLE AND THE COMMOTIONS Rattlesnakes (1984) by Franco Dimauro 4 1 PARLIAMENT Osmium plus (1970) by Franco Dimauro MUSICA | DVD 4 2 TALKING HEADS Live in Rome ( 2008 ) by Luigi Lozzi MUSICA | LIVE REVIEW 4 3 MOTÖRHEAD Roma, Ippodromo Capannelle ( 15.07.2009) by Manuel Fiorelli 4 4 DAVID BYRNE Roma, Cavea Auditorium ( 20.07.2009) by Gianluca Lamberti 4 5 GIORGIO CANALI & ROSSOFUOCO Brescia, Offlaga ( 01.09 .2009) by Nicola Guerra 4 6 DINOSAUR JR. Roma, Circolo degli Artisti ( 08.09.2009) by Stefano Sezzatini SPECIALE MOTOWN 4 7 LA PIÙ GRANDE ETICHETTA INDIPENDENTE DELLA STORIA by Luigi Lozzi SPECIALE TEEN SOUND RECORDS 50 SEI PROD UZI ON I D ELL INFATICABILE ETICHETTA ROMANA by Pasquale Boffoli FRAMMENTI DI CINEMA RIMOSSO | SETTIMA PARTE 5 3 BLIND BEAST (La bestia cieca) Yasuzo Masamura ( 196 9 ) by Nicola Pice 5 4 NEROSUBIANCO Tinto Brass ( 196 9 ) by Nicola Pice 5 5 KES Kenneth Loach (196 9 ) by Nicola Pice © ML 2005-2009 BY L UCA D AMBROSI O ML non ha scopi di lucro, il suo unico obiettivo è la diffusione della buona musica www.musicletter.it non contiene informazioni aggiornate con cadenza periodica regolare, non può quindi essere considerato "giornale" o "periodico" ai sensi della legge 67/ 01. Non esiste un editore e il webmaster non è responsabile di quanto scritto, pubblicato e contenuto nel sito e in ciascun pdf (vedi privacy e note legali su www.muscletter.it)

ML 03


musicletter.it

update n. 67

speciale intervista

W Y E O AK Intervista © 2009 di

Luca D Am br osio Capit a di rado di im bat t ersi in dischi capaci di cat t urare la nost ra at t enzione già a part ire dalla copert ina e di riflet t erne poi,

at t raverso

le canzoni,

quella st essa

im m agine e quella st essa sensazione che ci hanno spint o ad ascolt arli. Capit a di rado, dicevam o, m a t alvolt a accade, com e nel caso di

The Knot , secondo lavoro

sulla lunga dist anza del duo di Balt im ora ( Maryland) , form at o dalla cant ant e/ chit arrist a Jenn Wasner e dal bat t erist a

Andy

St ack,

che

riesce

a

m escolare

m irabilm ent e folk e noise all int erno di dieci brani dalle pieghe elet t riche e vellut at e, t rafugando quelle st esse em ozioni suscit at e dall art work. Con

The Knot

( Merge

records / Affairs Of The Heart) gli Wye Oak rovistano con discrezione in quei luoghi a noi cari ( Neil Young, Velvet Underground, Sonic Yout h, Yo La Tengo, Low ) e il risult at o che ne consegue è davvero ent usiasm ant e. Nella forma, ma anche nella sostanza. Per saperne di più abbiamo fatto due chiacchiere con Jenn Wasner.

Th e Kn ot è da vve r o u n be l disco. Vi a spe t t a va t e u n a r ispost a così im m e dia t a e così posit iva da pa r t e de lla cr it ica spe cia lizza t a ? Oppu r e , n on ost a n t e i giu dizi posit ivi, vi sentite ancora non soddisfatti appieno del lavoro svolto? Grazie t ant o. Sono cont ent a che t i piaccia. Onest am ent e, cerco di non dare t roppa at t enzione alle recensioni del disco una volt a finit o. Ho im parat o che è sciocco aspet t arsi com e la gent e reagirà a ciò che hai fat t o. Devo dire che sono rim ast a t occat a e lusingat a dai m olt i consensi della gent e riguardo al disco. Ovviam ent e, per m e significa m olt o il fat t o che t ant e persone si relazionino a queste canzoni che hanno occupato una posizione centrale nella mia mente per almeno un anno. Come siete arrivati a realizzare questo secondo lavoro dopo If Children del 2008? Andy e io abbiam o realizzat o il nost ro prim o disco solo com e un proget t o di regist razione, senza avere direzioni o am bizioni t ranne che la pubblicazione. Le persone m eravigliose della nost ra et ichet t a, la Merge Records, lo hanno ascolt at o e apprezzat o, e, prat icam ent e dal nulla, hanno deciso di pubblicarlo. Per un et ichet t a com e la Merge, avvicinarsi a una band nuova com e la nost ra, senza averla m ai vist a o ascolt at a, è st at o abbast anza st raordinario. I l loro sost egno e incoraggiam ent o, m ent re realizzavam o il secondo disco, è st at o di enorm e sollievo in un periodo molto difficile. ML 04


musicletter.it

update n. 67

speciale intervista: wye oak Th e Kn ot è u n a m isce la m ir a colosa di folk e n oise . Qu a n do h o a scolt a t o l a lbu m in qu a lch e pa ssa ggio, com e For Pr a ye r e Ta k e I t I n pe r e se m pio, h o a vu t o l im pr e ssion e di a scoltare u n m ix di N e il You n g e Son ic You t h . Poi,

a n da n do

a va n t i

n e gli

a scolt i,

e scon o fu or i t a n t i a lt r i r ife r im e n t i com e gli Yo La Te n go, gli Elk Cit y, L Alt r a e pe r sin o qu a lcosa de i Low . I n som m a , m i r e n do con t o ch e n on è a ffa t t o fa cile

ca t a loga r e

la pr opr ia a r t e , m a qu a n t o è vicin a la vost r a m u sica a qu e st i

personaggi e a queste band? Beh, io sono probabilm ent e l ult im a persona sul pianet a alla quale chiedere di cat alogare la nost ra m usica

Sono sem pre sorpresa davant i alle int erpret azioni della gent e su com e ci sent ono.

Suppongo che le nost re canzoni abbiano una cert a sem plicit à di base che può far riferim ent o a folk e al count ry, m a gli arrangiam ent i hanno un po di t ut t o. Sicuram ent e non ho m ai capit o di aver cat t urat o un cert o sound o di far part e di un cert o genere quando regist riam o

St iam o solo

cercando di giust ificare ciò che proviam o e l idea della canzone alla quale st iam o lavorando in quel momento.

Qu a le ca n zon e di qu e st o n u ovo a lbu m e spr im e m e glio e più de lle a lt r e lo st ile e il carattere degli Wye Oak? È com e chiederm i di scegliere t ra i m iei figli e qualcos alt ro! I o credo ciecam ent e nel disco e in ogni singolo pezzo. Abbiam o lavorat o duro per rendere quest o album uniform e, sia in senso t em at ico che alt ro, quindi è m olt o dura per m e separare un pezzo da un alt ro. Spero che nell insiem e essi siano percepit i com e inscindibili.

C è u n a pa r t icola r e a lch im ia qu a ndo t u e Andy la vor a t e su u n br a no? Di solit o scriviam o separat am ent e e poi facciam o insiem e l arrangiam ent o m a per quest o album abbiam o collaborat o un po di più anche durant e la com posizione. I t est i sono per la m aggior part e m iei m a m i affido m olt o ad Andy quando facciam o l arrangiam ent o.

Th e Kn ot com e soda lizio n e lla vit a , n e l la vor o, in a m or e e n e lla m u sica ? I n som m a : perché questo titolo? Non credo che il t it olo abbia un significat o part icolare. È im port ant e che rim anga abbast anza am biguo così da avere varie int erpret azioni, a seconda dell approccio. D alt ro cant o, m i piace pensare

che il t it olo indichi che quest e canzoni sono t ut t e legat e t ra di loro sia per i t est i che

musicalmente, così da risultare inscindibili (speriamo!).

ML 05


musicletter.it

update n. 67

speciale intervista: wye oak A e sse r sin ce r o ciò ch e m i h a spin t o a d a scolt a r e Th e Kn ot è st a t a

la

cope r t in a

ch e , a n ch e

se m olt o dive r sa , m i h a

r icor da t o l im m a gin e n ot t u r n a di An d Th e n N ot h in g Tu r n e d I t se lf I n side - out de gli Yo La Te n go. N on a ca so poi t i a ccor gi che, in qualche modo, il disco riflette quelle stesse atmosfere qu ie t e , ve llu t a t e e a l con t e m po e le t t r iche . D i chi è st a t a l ide a di que st a sce lt a ? La fot o della copert ina è st at a scat t at a dal padre di Andy alla fine degli anni 70. Per la m aggior part e credo che la nost ra decisione di usarla si basi su qualcosa di int angibile. Credo sia t ut t a un at m osfera

Ci è piaciut a dal prim o m om ent o in cui l abbiam o vist a.

Mi piace pensare che sia un im m agine che ruot i at t orno a un idea nascost a, com e quei pensieri e quelle idee che mi giravano per la testa mentre facevo il disco.

Quanto è importante la scelta di una copertina per un disco? Sono convint a che t ut t i i com ponent i siano im port ant i, e visivam ent e parlando, la copert ina è la rappresent azione più iconica della t ua m usica che t u possa avere. Era im port ant e per noi che colpisse m a anche che fosse un po lunat ica e m ist eriosa. Sono cont ent a che abbia cat t urat o la tua attenzione (ndr, sorride)

C è qu a lche n u ova ba n d o qu a lch e ca n t a n t e e m e r ge n t e ch e st im i da vve r o t a n t o? Scopro cont inuam ent e nuove band e onest am ent e non m e ne rendo cont o

Non sono la m igliore

a t enere il passo con la nuova m usica at t ualm ent e, anche perché c è così t ant a m usica solo qui a Balt im ore che m i t iene occupat a! Mi piace m olt o Sharon Van Et t en da Brooklyn, NY. Lei è un am ica e il suo nuovo disco m i prende m olt o. I nolt re, sono ossessionat a dai Dirt y Proj ect ors, ma chi non lo è?

C è in ve ce u n a lbu m o u n gr u ppo o u n songw r it e r che torni ad ascoltare sovente? Torno sem pre ad ascolt are i m iei dischi preferit i degli Sm og

( uhm

t ut t i?) ,

Neil

Young,

Cass

McCom bs,

Lam bchop, Yo La Tengo, ascolt o cost ant em ent e anche Not orious B.I .G.. È uno dei m iei aut ori preferit i di t ut t i i tempi.

Da artista americana quale sei, cosa pensi della musica e della cultura europea? Uhm , dom anda t rabocchet t o. Credo che la m aggior part e degli am ericani abbiano un alt a considerazione dell Europa in generale

Sfort unat am ent e, però, non conoscono bene la m usica

europea così com e gli europei conoscono ciò che succede m usicalm ent e in Am erica. Durant e la t ournée est era siam o sem pre rim ast i sorpresi dal gran num ero di band int eressant i e di successo m ai sent it e prim a, m ent re gli ascolt at ori europei sem brano conoscere cosa succede qui m olt o più di me! ML 06


musicletter.it

update n. 67

speciale intervista: wye oak e in pa r t icola r m odo, qu a l è la t u a opinione sull I t a lia ? Alcuni dei piat t i m igliori m ai m angiat i in vit a m ia sono st at i in I t alia! Poi, m i sent o t erribilm ent e poco at t raent e di front e alla m aggior part e delle it aliane. Senza fare st ereot ipi o alt ro. Ma t u m e l hai chiest o (ndr, sorride).

Com è la vit a a Ba lt im or a ? Ci son o novità? Balt im ora è abbast anza grande. La gent e cont inua a fare bei dischi. Abbiam o vist o suonare i nost ri am ici Beach House l alt ra sera e le loro nuove canzoni sem bravano eccellent i.

Qu a li sa r a n n o i pr ossim i pa ssi dopo Th e Kn ot ? Ave t e già qu a lch e ide a su l fu t u r o prossimo? Tournée finché non crolliamo, poi ci riprendiamo e proviamo a fare il prossimo disco.

Beh, allora io controllerò il vostro sito per vedere se, e quando, ve r r e t e in I t a lia Spero di sì! Contiamo di tornare prima della fine dell anno.

WYE OAK: www.myspace.com/wyeoak Foto Dan Stack Intervista di Luca D Am br osio www.musicletter.it/extra

ML 07


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: PINK MOUNTAINTOPS TITLE:

Outside Love

LABEL:

Jagjaguwar

RELEASE: 2009 WEBSITE:

www.myspace.com/pinkmountaintops

MLVOTE: 9 / 10 Che il canadese St e ph e n M cBe a n fosse una delle m ent i più ferv ide dell at t uale panoram a musicale ce ne eravam o accort i già nel 2004 quando, non st anco dei proget t i Jerk With A Bomb e Black Mountain, aveva dat o vit a all om onim o esordio The Pink Mountaintops. Un album che in qualche m odo ci aveva st regat i per quella capacit à di saper com binare, in m aniera del t ut t o originale e con un risult at o superiore alla m edia, N e il Young con i Grant Lee Buffalo, dando vit a a una classicit à dall anim a psichedelica e dai passaggi folk rock in grado di rievocare t ant o i Ve lve t Un de r gr ou n d quant o i Pin k Floyd. Una m oderna classicit à affogat a poi nell ist erism o dell inquiet ant e Ax is Of Evol del 2006 che, pur allet t andoci, ci aveva però lasciat i at t onit i e sbigot t it i per quella eccessiva vena di eclet t ism o che riv elava t ut t a la disperazione e t ut t i i fant asm i di un art ist a alla ricerca di una st abilit à. Un condensat o di sonorit à elet t riche, ossessive e int im ist e capaci t ut t avia di osare qualcosa in più del lavoro precedent e m a incapace di raggiungere quella m at urit à e quello splendore ot t enut i invece con quest o Ou t side Love . Un opera che prende le dist anze dal cat art ico Ax is Of Evol e che

realizza appieno, nelle

int enzioni e nei risult at i, quant o già iniziat o nel 2004, rivelandosi una realizzazione tradizionale m a allo st esso t em po at t uale, am plificat a da una m isurat a psichedelia che dona int ensit à e freschezza ai suoi dieci m eravigliosi capit oli. Ballat e senza t em po, più o m eno elet t riche ( Axis: Thrones Of Love ed Execution) , evocat ive e slowcore alla m aniera dei Low ( While You Were Dreaming e Out side Love) e con l im m ane Vampire che riconduce la nost ra m ent e a quel capolavoro assolut o della m usica popolare che corrisponde al t it olo di Au t om a t ic For Th e People. Un peccat o m ort ale non cit are, poi, il country quasi byrdsiano di Holiday e quello cant aut oriale di Com e Down, l im post azione v ocale alla Lou Re e d di And I Thank You, il Nick Cave in form at o Grinderman di The Gayest Of Sunbeam s con un t em po incalzant e t ipicam ent e velvettiano che cede il finale alla t rasognat a e corale Closer To Heaven. Troppa carne al fuoco? Non è così, in quant o gli innum erevoli riferim ent i sono t ut t i filt rat i da Steph e n M cBe a n con uno st ile personale e m at uro che am algam a, quasi alla perfezione, i dieci solchi di Ou t side Love . Miglior disco del 2009? Perché no? Siam o t ut t i consapevoli che da diversi anni non escono dischi innovativi nel vero senso della parola. I n alt ri t erm ini: album che indichino una nuova st rada. Taluni cont inuano a ignorare quest a realt à e non possono fare a m eno di st raparlare di lavori pseudorivoluzionari

ignorando, al cont rario, quelli che sono

sem plicem ent e

delle raccolt e di

belle canzoni. Quest o m odo di agire non ci appart iene e dopo innum erevoli ascolt i ( l uscit a di Out side of Love risale ai prim i di m aggio) siam o convint issim i che l ult im a fat ica del cant ant e e chit arrist a di Vancouver sia un capolavoro candidato a essere elet t o disco dell anno. Un classico cont enent e per la m aggior part e canzoni incant evoli e alt re non m eno che belle, suoni e parole che ci rinfrancheranno ancora per m olt o t em po, soprat t ut t o in quei m alinconici giorni di pioggia dell incipient e st agione aut unnale. Luca D Am br osio & Domenico De Gasperis ML 08


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: MAGIK MARKERS TITLE:

Balf Quarry

LABEL:

Drag City

RELEASE: 2009 WEBSITE:

www.myspace.com/theemagikmarkers

MLVOTE: 8 / 10 I l suono dei M a gik M a r k e r s è tanto urbano quant o m inaccioso, è un aut obus che non si ferm a allo st op perché è st at o dirot t at o da un pazzo. È una di quelle cose che ancora si possono definire sovversive così da far pensare ai vecchi che il disco o lo st ereo abbiano qualcosa che non va. La band del Connect icut ha m ant enut o il cinism o dei prim i t em pi pur avendo raffinat o le idee, prova ne sia la m agnifica e inquiet ant e Shells, t raccia finale dell'album , che fa pensare al cinem a di Te r r e n ce M a lick com e alle dev iazioni dei Ve lve t Un de r gr ou n d più acidi. Pot rebbe essere dolce e carina, Elisa Am br ogio, carism at ica leader del proget t o, potrebbe essere una st ar dell'indie rock. Pot rebbe am m iccare e giocare: non le m ancano i cont at t i, non le m anca il t alent o m a il punt o è che quest a ragazza è una di quelle persone dest inat e a sfiorare il barat ro. Esalt a il m it o del rock'n'roll nel senso più depravat o del t erm ine, è un'art ist a che t ende alla rot t ura dell'equilibrio sociale, com e D a vid Cr on e n be r g, com e Pasolini, com e i m ai dim ent icat i Starfuckers. È vero, m olt i fanno not are che i Magik Markers non sono più caot ici com e qualche anno fa. Il bello, mi pare, comincia proprio da questa considerazione. I Magik Markers ora fanno ancora più paura, con un accordo t esissim o e una voce spet t rale, con una produzione che ha abbassat o il volum e e sporcat o se possibile ancora di più i concet t i. La loro ricerca non fa a bot t e con la coerenza perché le arm i sono sem pre le st esse, non ancora addom est icat e dalla viltà dell'art e rassicurant e, quella che piace t ant o agli int ellet t uali in giacca e cravat t a. La loro qualit à ha affascinat o i Son ic You t h , è cosa not a, e ha svegliat o cert a crit ica da un preoccupante torpore. È arrivato il momento di crescere, di arricchire una discografia che è già un culto assoluto. Balf Quarry è una splendida risposta noir, a un passo dalla rivoluzione.

Marco Archilletti

ML 09


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: GORDON GANO & THE RYANS TITLE:

Under The Sun

LABEL:

Yep Roc

RELEASE: 2009 WEBSITE:

www.myspace.com/gordonganoandtheryanbrothers

MLVOTE: 8 / 10 La t ent azione era fort e e, perdonat em i, anche io ho cedut o alla banale lusinga di im m aginare Br ia n Rit chie e Vict or D e Lor e n zo im bracciare i loro st rum ent i acust ici al post o dei frat elli Ryan e int onare il loro vecchio, sghem bo folk ubriaco sot t o la voce di Gor don Ga n o. È accadut o dopo una t rent ina di m inut i, a disco orm ai lanciat o, quando lo scioglilingua bislacco di Oholah Oholibah e la filast rocca em ofiliaca di Red hanno sv iscerat o suggest ioni dei t em pi che furono, con le Femmes sui palchi delle coffee house di Milw aukee. Ma Un de r Th e Su n non è un disco delle Femmes, è un disco di Gor don Ga n o, Billy e Br e n da n Rya n , è un album nat o nella m et ropoli di New York Cit y e su cui aleggia, olt re all ovvio fant asm a delle Fem m es, lo spirit o dei Talking Heads il cui m archio è im presso sui t rat t i nervosi di Wave and wat er e Judge t o widow. Un am m irazione ricam biat a in passat o con la produzione t argat a Je r r y H a r r ison per The blind leading the naked delle Femmes e per Life Begins at 40 Million dei Bogm en, l alt ra band dei frat elli Ryan e con l invit o rivolt o a Gano di sost it uire D a vid Byr ne per l ult im o disco degli Heads. Chi cercasse l anarchia dei prim i dischi delle Femmes sappia dunque che qui non ve ne è t raccia. E del rest o chi si professa m usicalm ent e anarchico dopo i 40 anni o m ent e spudorat am ent e, o è Ju lia n Cope . Ecco, Gor don Ga n o non è Ju lia n Cope . È un t ranquillo am ericano di m ezza et à che si divert e ancora a giocare con le sue ossessioni, che ha da t em po perso l hum our nero e sent e un urgent e bisogno di t ornare a casa, quando m et t e il naso fuori di casa o quando si è spappolat o i coglioni di vedere solo aule di t ribunale e st udi legali e guardare in cagnesco il suo vecchio allampato compare Brian. Difficile stare sulla terra, come lui stesso dice sulla bellissima e dolente Here as a Guest , ballat ona un po ret rò com e il Cave di Th e Good Son . Ma Un de r Th e Sun, al di là del benaugurant e t it olo prova, per t re fet t e di orologio, a farcelo sem brare un post o m igliore, col rockabilly di Way t hat I creep, le sincopi reggae di St ill Suddenly Here, il funky spast ico di Wave and wat er, il doloroso incresparsi del piano sulla t it le t rack, lo st ram palat o boogie di Red e la banalit à rassicurant e di m arcet t e count ry rock com e Hired Gun o Bet t er t han you

know.

I nvece

Non

l avrei

m ai

det t o.

Alla

m ia

et à

re- innam orarm i

di

Gordon

Ga n o

R- E- D spells Red, spells Red. Franco Dimauro

ML 10


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: DAVID MURRAY BLACK SAINT QUARTET TITLE:

Live In Berlin

LABEL:

Jazzwerkstatt | Giucar Services

RELEASE: 2009 WEBSITE:

www.Jazzwerkstatt.eu

MLVOTE: 8 / 10 D a vid M u r r a y è un sassofonist a ( m a all occorrenza suona anche il clarinet t o basso) m olt o apprezzato negli ambienti del jazz contemporaneo che non ha però disdegnato, nella sua carriera, di indirizzare le proprie at t enzioni v erso le cont am inazioni prodot t e dall int ersezione con la World Music ( sonorit à africane e dei Caraibi) e con la Fusion, con l hip hop e con il gospel. Ha soli 54 anni m a vant a già una lunga m ilit anza di cam po e un ancor più grande considerazione com e solist a. Agli inizi, nei 70, Murray eredit ava lo st ile d im provvisazione di m aest ri del sassofono quali Albe r t Ayle r e Ar ch ie Sh e pp, divenendo ben prest o part e int egrant e del m ainst ream del j azz. I suoi prim i dischi sono del 76 ( Flow e r s For Albe r t e Low Cla ss Con spir a cy) . Suonando st andard del j azz, circondat o da una sezione rit m ica convenzionale, il fraseggio aspro e irregolare ( sia

m elodico

che

rit m ico)

del

sassofonist a

si

com bina

al

m eglio

con

gli

stilemi

dell im provvisazione. Regist rat o al Radialsyst em V di Berlino ( nel novem bre 2007) il disco in esam e docum ent a la st raordinaria perform ance dal v ivo del m usicist a assecondat o da un m agnifico t erzet t o di st rum ent ist i com post o dal pianist a La fa ye t t e Gilchrist, dal bassist a Jaribu Shahid e dal bat t erist a H a m id D r a k e , e brilla per la perfezione del set m usicale. La qualit à dist int iva di Murray, la ricchezza e l originalit à del suo sound dall am pio vibrat o, profondo e black che non dim ent ica di confront arsi con la t radizione rappresent at a dagli illust ri m usicist i che vengono annoverat i t ra i suoi m aest ri ( D e x t e r Gor don , H a m ie t Blu ie t t , Ju liu s H e m ph ill, Ja m e s Spa u ldin g, Olive r La k e , Be n W e bst e r , Cole m a n H a w k in s) - , va rint racciat a nell abilit à di cost ruire il clim ax dei pezzi per passaggi successiv i, con diversi livelli di int ensit à. Album dalla lunga durat a, circa 70 , nel quale ognuno dei cinque brani dura non m eno di un quart o d ora ( con la sola eccezione di Banished che è di soli sei minuti). La perla è Sacred Ground, brano dalla lenta combustione, e il giovane pianista Lafayette Gilchrist, che già da qualche anno si propone al fianco di Murray, che lo ha preso sot t o la sua ala prot et t rice, si rivela ast ro nascent e e qualcosa di più di un sem plice t alent o. Per apprezzare il suo cont ribut o basta sofferm arsi sull iniziale Dirt y Laundry oppure l abilit à con cui affianca Murray in Walt z Again, brano in cui si lancia in un m agnifico a solo . Luigi Lozzi

ML 11


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST:

AN D YOU W I LL KN OW US BY TH E TRAI L OF D EAD

TITLE:

The Century Of Self

LABEL:

Superball Music

RELEASE: 2009 WEBSITE:

www.trailofdead.com

MLVOTE: 8 / 10 La band dal nome più lungo del pianeta è tornata, se non con il botto poco ci manca. Com è orm ai consuet udine degli alcolici t exani, l orchest ra

And You Will Know Us By The Trail Of Dead ci

proiet t a in una realt à m agica, fat t a di chit arre a volum i alt issim i, m elodie soav i e progressive. Eccezion fat t a per lo sconclusionato So D ivide d del 2006, con Th e Ce n t u r y Of Se lf è conferm at a la loro concezione di album / opera, dove ogni singola canzone è un t assello di una form a sonora indivisibile, da ascolt are dal prim o all ult im o m inut o. Così, con la solit a classe che li contraddist ingue e che li ha fat t i orm ai allont anare dai prim i pesant i paragoni, a proposit o delle prim e produzioni, con i gigant i Son ic You t h , ora piazzano sem plicem ent e una gem m a dopo l alt ra, da The far pavilions ( la più diret t a e in classico st ile Worlds apart ) alla m ist ica Isis unveiled. Tra le migliori cose fatte rientra a pieno titolo Bells of creation, dove con la voce stridula di Con r a d Ke e ly cinguet t ano una t ast iera e una chit arra dal fort e gust o progressive, non nuov o al sound del gruppo che sem pre più sem bra volersi m uovere verso quest a direzione, non dim ent icando il vecchio am ore per il sano rock rum oroso che è st at o m archio di fabbrica dell om onim o debut t o ( 1998) , di Madonna ( 1999) e Source Tags And Codes ( 2002) . Gli

And

You W ill Kn ow Us By Th e Tr a il Of D ead hanno solo due piccoli problem i, il doversi confront are, album dopo album , con il loro capolavoro W or lds Apa r t ( 2005) , picco difficile da raggiungere nuovam ent e, e la loro enorm e capacit à di sv iluppare live set esplosivi, che let t eralm ent e sbriciola e fa rileggere t ot alm ent e il lavoro fat t o in st udio di regist razione. Consiglio set t em brino: corret e a v ederli dal vivo

il rest o è noia! Antonio Anigello

ML 12


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: BEARDFISH TITLE:

Destined Solitaire

LABEL:

InsideOut | SPV | Audioglobe

RELEASE: 2009 WEBSITE:

www.myspace.com/beardfishband

MLVOTE: 8 / 10 La musica degli svedesi Beardfish (costituitisi nel 2001 e punta di diamante tra i numerosi gruppi prog che affollano la scena scandinava: Anglagard, Anekdoten, Pa in Of Sa lva t ion , Isildur Bane, Flower Kings, Ritual) si colloca nell am pio alveo del rock progressivo; che vuol dire t ant o e non vuol dire nulla se si considerano le t ant e sfaccet t at ure e variazioni e spunt i m usicali ( addirit t ura sconfinam ent i nel jazz o nei più ovvi e com pat ibili hard rock e folk) , il gioco dei rim andi e delle cit azioni ( non m ale l eco al Zappa più j azzy, sulfureo e sinfonico) che em ergono all ascolt o di quest o loro album . Personalm ent e, in alcuni frangent i, m i hanno ricordat o i Gentle Giant - splendida form azione inglese che si m ise per la prim a volt a in luce da noi in I t alia com e gruppo spalla a un concert o rom ano dei Jet hro Tull del 1972

e i Be gga r 's Ope r a . Chiara

com unque l influenza di sonorit à t ipiche dei Set t ant a che in fondo poi vanno a carat t erizzare il sound della form azione pur senza inficiarne l esprit d originalit à. I Beardfish danno degno seguito a Sleeping I n Th e Tr a ffic Pt . I e I I , gli album che ci hanno perm esso di scoprirli dopo un paio di dischi passat i del t ut t o inosservat i, con sonorit à variegat e, im prevedibili e m ai ripet it ive, proponendosi con vigore e senza cali di tensione tra melodie e improvvise accelerazioni: un deciso passo avant i in quant o a freschezza dell im piant o m usicale. Nove solo i brani, m a t ut t i m olt o lunghi ( 77 t ot ali di durat a) , fluent i e com plessi nelle t ram e sonore. I nt rigant e e coraggioso il lungo pezzo st rum ent ale d avvio, Awaken The Sleeping, belle la inebriant e Unt il You Com ply I ncluding Ent ropy e la sinuosa e affascinant e Coup De Grâce in cui em erge addirit t ura il suono di una fisarm onica. I l gruppo scandinavo m ost ra di possedere padronanza assolut a del caleidoscopio di suoni di cui si rende art efici e il risult at o finale è quant o m ai raffinat o e godibile. Reiteratene l ascolt o e vi appassioneret e. Luigi Lozzi

ML 13


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: THE POSTMARKS TITLE:

Memoirs At The End Of The World

LABEL:

Unfiltered Records | ILG

RELEASE: 2009 WEBSITE:

www.myspace.com/thepostmarks

MLVOTE: 9 / 10 I Postmarks hanno la carat t erist ica rarissim a dell'at em poralit à: una m iscela delle sonorit à più dolcem ent e ret rò ( il pop degli anni '60, quello francese codificat o da Gainsbourg e quello inglese beat lesiano) con quelle che hanno reso celebre l'indie pop brit annico dagli anni '80 in poi che viene resa affine ai gust i della cont em poraneit à con sofist icat i arrangiam ent i. M e m oir s At Th e En d Of Th e W orld - che segue il posit ivo om onim o esordio del 2007 e l'int erlocut oria raccolt a di cover, By Th e N umbers, dell'anno scorso

non differisce da un percorso m usicale che sem bra

( una volt a di più) segnat o dall'im piego di m elodie accat t ivant i che v incono la sfida nei confront i del già sent it o at t raverso un procedim ent o di ibridazione che confonde fluidam ent e st ili con un irresist ibile gioco cit azionist a di rim andi in cui epoche L'incipit

sonore

different i vanno a braccet t o.

epico- sinfonico di No one said t his would be easy ( che apre il disco)

ricorda

nell'arrangiamento orchestrale i Moody Blues, la grazia sixties di My Lucky Charm si trasfigura in una pop- song dove l'arm onia vocale si fonde con un pianofort e dal ret rogust o m alinconico, gli archi sognant i in t onalit à m inore di Thorn in Your Side sono il sot t ofondo ideale alle nost algie di Tim Ye h e zk e ly e preparano il m ood elet t ro- w ave di Don't know t ill you t ry a cui segue il folk sghem bo dai t oni vagam ent e orient aleggiant e di All you ever want ed. I l valzer t enue dei cuori infrant i di Run away love cede il passo alla m orriconiana For bet t er... or worse che incrocia il west ern de La donna della dom enica

con le oscurit à darkeggiant i dei Japan. Lo st upefacente

crogiuolo sonoro, infat t i, ha un incedere cinem at ico che oltre al sopracit at o m aest ro rom ano rim anda qua e là anche alle com posizioni di Joh n Ba r r y ( The Girl from Algenib) . I Postmarks hanno concepit o quest o disco com e la colonna sonora t rist e di un film che segni il bilancio di un'esist enza in chiaroscuro. Sogni disat t esi e am ori passat i assort iscono un cam pionario di rim piant i che è evident e soprat t ut t o nella part e finale dell'opera: em blem at ico in quest o senso, dopo l'indiepop alla Ca m e r a Obscura di Go Jet set t er, il noir st rum ent ale di Them e from Mem oirs che prepara il finale del disco. Gone è rarefazione dream pop che sem brerebbe sgorgare et erea e dolcissim a da qualche lavoro dei M a zzy St a r e si chiude, invece, con una dissonanza lievem ent e rumorosa a suggellare uno dei prodotti pop migliori di questa annata musicale che probabilmente, però, non esercit erebbe sui nost algici cercat ori di bellezza m usicale lo st esso fascino senza la m alìa della voce m eravigliosa della vocalist Tim Ye h e zk e ly . Una m usa dell'indie: al cont em po sensuale e aggressiva com e Ast r u d Gilbe r t o ed elegant em ent e ennuì com e una Françoise Hardy del t erzo m illennio solo m eno yè- yè m a alt ret t ant o snob. Una delle poche in grado di t rasform are un ot t im o disco di brani pop in un'esperienza em ozionale, in un viaggio suggest ivo nelle pieghe dell'animo umano. Nicola Pice ML 14


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: WILLIAM ORBIT TITLE:

My Oracle Lives Uptown

LABEL:

Guerrilla Studios Ltd

RELEASE: 2009 WEBSITE:

www.williamorbit.com

MLVOTE: 9 / 10 Disco dell Est at e 2009, con la m aiuscola, è st at o per m e il rit orno, dopo soli 3 anni, di William Orbit in download ( Opt ica l I llu sion s EP- rem ixes) e su CD ( vale assolut am ent e la pena di cercare l edizione con 16 brani) con nuova etichetta e solita idiosincrasia per lo star system. Prego chi non lo conosce di ascolt are alm eno 2 classici: Wat er from a Vineleaf e Million Town, di quelle gem m e che t i rapiscono di t ant o in t ant o più o m eno a t em po indet erm inat o. Tant o quant o il precedente H e llo W a ve for m s era im m erso in un m ood invernale da viaggio negli spazi siderali, così M y Or a cle Live s Upt ow n sem bra m olt o prossim o al pianet a Terra, ci si può im m ergere nelle sue pulsazioni, adagiarsi cogliendo sapori esot ici o soavi sussurri che apparirebbero alieni agli insensibili, sovent e si plana su panoram i di st ruggent e bellezza, giust o il t em po per ferm are una lacrim a

È m usica che ent ra piano e t i rapisce fondendosi con i colori dell est at e. Musica

ideale per un viaggio cont ro l alba di una not t e, part endo da una spiaggia del cuore. Bando al m io personale innam oram ent o per l art ist a, vi dico: qui t rovat e bassi profondi ( cfr. Wobble/ Laswell) e t ut t o lo scibile in t em a di elet t ronica, part endo dalla funk y- soul- house, passando per l elect ro, l am bient e la t echno, fino alla t rance, at t raverso t errit ori e spazi aerei inesplorat i e int risi del blueprint che William ha im presso alla st oria della m usica cont em poranea e che incident alm ent e sarà st at o ascolt at o da t ut t i ( Madonna con Ray of Ligh t ) . Musica et erea di per sé: le voci ( da segnalare la ricom parsa di La u r ie M a ye r ) non possono essere che fat at e ed evocat iv e ( t ouching t he sky disappears ) ; sulle ritmiche si può dire che la classe di chi nasce con la voglia di far ballare, rest ando sem pre all avanguardia, è un dono per pochi. Tra una cavalcat a spaziale ( Radioharp) , una pront a im m ersione downt own ( Purdy) con coda di rim ando in volo fino all elegia davisiana dell ult im a t raccia ( Cit y Light s Reflect ions) , si apre il caleidoscopio sul m ondo e sull anim o um ano, part endo da Opt ical I llusions ( celest iale il cant o) e poi e poi

Non posso dirle

tutte, aggiungo solo che la title track è un sorriso stampato in faccia, indelebile!

Gianluigi Palamone

ML 15


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: DUBBLESTANDART TITLE:

(featuring Lee Scratch Perry & Ari Up)

Return From Planet Dub

LABEL:

Collision

RELEASE: 2009 WEBSITE:

www.dubblestandart.com

MLVOTE: 8 / 10 Alzino la m ano quant i di voi sono port at i a pensare che orm ai da m olt i anni non esce un disco di reggae e dub fat t o di com posizioni originali e davvero disset ant e all ascolt o, insom m a un grande disco o discone che dir si voglia

Siet e in t ant i, vero? I o m i ast engo dal farlo, sem plicem ent e

perché proprio poche set t im ane fa ho rischiat o l acquist o, dopo fugace let t ura di recensione su Moj o, di quest o doppio CD e ne sono st at o grat ificat o olt rem odo: fulm inat o dalla pienezza del suono e dalla ricchezza dei t est i fin dal prim o ascolt o; cullat o e fischiet t ant e nell inolt rarm i poi nei m eandri dub/ drum n bass/ dubst ep delle versioni e dei rem ix che donano ben olt re 2 ore di ot t im a compagnia. Quanto detto fin qui potrebbe già bastare, se vi fidate di me e se amate il genere, ma alcune annot azioni sono im port ant i. La prim a, clam orosa: i Dubblestandart, che non conoscev o prim a d ora, sono aust riaci! Robbie Ost , Pa u l Za sk y, Ali Te r sch ed H e r b Pir k e r sono at t iv i da inizio secolo e operano a Vienna. Musica, arrangiam ent o e regist razione sono opera loro, m ent re Le e

Scr a t ch

Pe r r y ( guest st ar di quest o disco) com pone quasi t ut t i i t est i, e che t est i:

Caccia

al dem onio , la lavagna su cui Jah segna i ricchi ( cat t iv i) che opprim ono i poveri , la difesa dei dirit t i e della giust izia , solo per cit arne alcuni

e poi Ar i Up, rediv iva ( chi ricorda le Slits?) , che

dà energia ad alcuni brani com post i e cant at i da lei

e infine due gioiellini: il rifacim ent o di

Oxigen pt .4 di J.M.Jarre in due versioni carine assai, con la voce di D a vid Lyn ch , e un brano di Adr ia n Sh e rwood e Pr in ce Fa r I Wadada- Means Love in una profonda versione dubst ep! Bella soddisfazione davvero quando ci si t rova t ra le m ani un disco così

ancor più bella se condiv isa

con gli am ici, lo spirit o e l addit ivo giust i! Gianluigi Palamone

ML 16


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: THE CHROME CRANKS TITLE:

Murder Of Time

LABEL:

Bang! Records | Goodfellas

(1993- 1996)

RELEASE: 2009 WEBSITE:

www.myspace.com/chromecranks

MLVOTE: 8 / 10 Che i Ch r om e Cr a n k s siano st at i una delle band essenziali del punk blues am ericano degli anni 90 del t rascorso m illennio non m i st ancherò m ai di sot t olinearlo. La not izia della loro ricostituzione, fornitami da Peter Aaron lead singer e frontman del gruppo, e avvenuta nel primo scorcio dei 2000 m i ha riem pit o di gioia, alla st regua di un t eenager. Cont em poraneam ent e ad alcune esibizioni i Ch r om e Cr a n k s hanno dat o alle st am pe M u r de r Of Tim e ( 1 9 9 3 - 1996), album ant ologico a opera della piccola et ichet t a spagnola Bang Records. Nel 2007

era uscit o

Diabolical Boogie (1992- 1998), una doppia raccolt a curat a da Peter Aaron di single, dem o e rarities davvero molto esaustiva: per fortuna Murder Of Time cerca nell archiv io Cranks in altre direzioni non doppiandone le scelt e. Per esem pio t ra i 19 brani del disco ci

sono quat t ro liv e

inediti, Lost Wom an, cov er degli Yardbirds, e le incendiarie Som e Kinda Crim e, Burn Baby Burn e Hit t he Sand che li riconferm ano in quegli anni al m assim o di una form a brut ale e feroce. Peter Aaron gem e, guaisce, st rapazza le corde vocali e dist orce le parole quasi ogni brano fosse l ult im o della sua vit a e volesse elargire le ult im e energie rim ast egli, sem pre ricalcando i vocalism i dissonant i e sopra le righe di un Jeffrey Lee Pierce. William Weber lancia le sue corde in una tempesta noise, sfiorando a più riprese le bat t ut e blues m a abbandonandole sem pre fat alm ent e. Je r r y Te e l e Bob Be r t assicurano una rit m ica oppressiva e lucida. At t endendo un loro nuovo lavoro si può lasciarsi avvolgere dalla disperazione strascicata di Heaven (Take me now), esaltarsi agli est rem ism i em ozionali di Desperat e Friend, st ordirsi ai singhiozzi di We re Going Down e alla furia cieca di Driving Bad. Pasquale Boffoli

ML 17


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: SONDRE LERCHE TITLE:

Heartbeat Radio

LABEL:

Rounder Records

RELEASE: 2009 WEBSITE:

www.myspace.com/sondrelerche

MLVOTE: 8 / 10 Sent ivam o la m ancanza di Son dr e Le r ch e ! Ph a n t om Pu n ch aveva un po' deluso - ca va sans dire - t ut t i coloro che con il m eraviglioso Tw o W a y M on ologu e avevano credut o di t rovarsi dinnanzi alla reincarnazione dei grandi crooner del passat o rielaborat i in chiave indie. Sebbene la pop at t it ude dell'enfant prodige norvegese fosse ( ancora) present e, sem brava t roppo diluit a nel t ent at ivo di scim m iot t are gli st ereot ipi dell'indie guit ar rock degli anni '90 snat urando un t alent o m elodico purissim o. Una sort a di nem esi che colpisce t alvolt a i com posit ori più bravi che hanno bisogno di percorrere strade diverse da quelle che il destino (musicale) ha per loro tracciato prima di rendersi cont o che ben

alt ri

sono i sent ieri da at t rav ersare. Probabilm ent e il biondino di

Bergen avrà pensat o che l'alt rock alla Pavement o - ancor più - alla Radiohead è m eglio lasciarlo agli originali ben più dot at i. Con H e a r t be a t Ra dio si t orna, dunque, a quelle origini sonore che hanno int rigat o gli ascolt at ori d'Europa. I l pop, infat t i, è l'aut ent ica

cup of t ea

di

questo raffinato musicista che usa la grazia di confezionarci un disco ricolmo di autentiche gemme m elodiche im preziosit e da quegli arrangiam ent i bacharachiani che sono il suo m archio di fabbrica. Un'opera in cui i rim andi ai padri nobili della cat chy- m usic ( Pa u l M cCa r t n e y, Elvis Cost e llo, XTC, Pr e fa b Spr ou t ) sono st ret t am ent e congiunt i all'indie inglese di st am po Be lle a n d Sebastian, sorret t i da sofist icat e arm onie vocali che st rizzano l'occhio ora al bel cant o degli anni '60 ( Like Lazenby gust oso om aggio all'at t ore aust raliano che int erpret ò uno dei m igliori James Bond di sempre in On Her Maj est y's Secret Service) ora al cant aut orat o più recent e ( sono sfiorat i Je ff Bu ck le y e Beck) . Se I cannot let you go sem bra uscire per int ensit à e soluzioni sonore dal m ai abbast anza celebrat o St e ve M cQu e e n ( con una buona dose di synt h in più), Easy t o persuade lam bisce gli eight ies com m ercialm ent e più ruffiani con una m elodia che unisce gli A- ha agli Spa n da u Ba lle t e ai Cu r e di Kiss m e, Kiss m e, Kiss m e. Vera e propria sorpresa I f only che esplora il soul- pop più elegant e cat t urando l'essenza del philadelphia- sound di Ke n n e t h Ga m ble & Le on H u ff, Words & Music, invece, è anom alo past iche alla Scr it t i Polit t i m ent re Pioneer con una giravolt a m inim alist a è folk in punt a di piedi. Un gradevolissim o e più che conv incent e rit orno al passat o, dunque, quello di Lerche che avrebbe pot ut o essere ancor più apprezzabile senza la debolezza im put abile

ad avviso di chi scrive

alla profondit à lirica di versi che pagano dazio,

t alvolt a, ad una qualche scont at a banalit à. I l ragazzo, però, ha appena vent iset t e anni e la lunga st rada che lo separa dalla presum ibile m at urit à um ana e art ist ica non gli im pedisce d'essere, com unque, uno dei m usicist i più dot at i ed int eressant i del panoram a cont em poraneo. Quando il folletto farà posto all'uomo, sarà lecito aspettarsi più d'un capolavoro. Nicola Pice ML 18


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: JJ TITLE:

JJ N ° 2

LABEL:

Sincerely Yours | Tough Alliance

RELEASE: 2009 WEBSITE:

www.sincerelyyours.se/yours0115.php

MLVOTE: 8 / 10 Chi si cela diet ro la cript ica sigla JJ? Chi è il responsabile della pubblicazione per la Sincerely Yours, et ichet t a svedese gest it a dalla Tough Alliance, del disco JJ N ° 2 ? Nonost ant e la ret e sia il grim aldello capace di scardinare le port e dell'ignot o aprendoci quelle di una presunt a onniscienza, nessuno sem bra in grado di fornire agli appassionat i le inform azioni necessarie a svelare l'arcano m ist ero. Tut t o ciò che abbiam o

davvero poco in verit à - è il sit o della st essa casa discografica

spart ano quant 'alt ro m ai. Alla fine, però, t ut t o quest o ha un valore relat ivo. Sicuram ent e inferiore a quello del disco che - a dispet t o d'una cert a brevit à: 28 su un t ot ale di 9 brani - è davvero buono. I l m io giudizio, ovviam ent e, è il frut t o d'un gust o m usicale che - com e int uibile da chi abbia la bont à di legger( m i) e - si alim ent a anche dell'inconsuet o. E nel caso di JJ N ° 2 la st ravaganza sonora gioca un ruolo di non poco cont o. La m at rice è indissolubilm ent e riconducibile all'indie pop ( svedese) t radizionale, labrador st yle, ora arrangiat o, però, in m aniera orchest rale con gli archi ora elet t ronicam ent e plast icoso ( anche nello st esso brano vedi la folgorant e Things will never be t he sam e again) che viene int erpolat o t alvolt a con l'esot ico balearic sound ( quel past iche

dolce

di

rit m o

africano

e

im pennat e

caraibico- spagnoleggiant i

codificat o

dalla

lussureggiante From Africa t o Malaga) e, in alt ri casi, con un andant e dancereccio piacevolissim o. Le

m alinconie

acust iche

della

bellissim a

ballad

Are

you

st ill

in

vallda? -

a

proposito

st raordinariam ent e m elodiosa è la voce fem m inile che cant a in t ut t i i brani - si alt ernano ai suoni sint et ici e algidi di Ecst asy che cit a i Royksopp m igliori ( quelli di M e lody A.M . per int enderci) , le oniriche dolcezze di Masterplan lasciano il passo ai riverberi alt ernat i ai bisbigli, ai colpi di t osse, alle esit azioni della conclusiva Me & Dean regist rat a com e fosse un live. Le perplessit à esist enziali di My hopes and dream s - dall'andam ent o t im idam ent e shoegaze

e il rom ant icism o sussurrat o

di My love, invece, si m uovono nel solco d'una affinit à con il t w ee- pop più com unem ent e svedese ( sem pre che quello st ile m usicale possa essere definit o convenzionale) . I l m ist ero su quest o piccolo proget t o, pert ant o, rim ane m a il disco è una delle cose m igliori che si possa ascolt are in quest o periodo: il gust o m elodico sem plice m a nient e affat t o banale, l'originale equilibrio fra l'uso dell'elet t ronica e l'acust ica, la rit m ica m ai scont at a a definire un flusso sonoro m orbido che ha il pregio di evocare t erre lont ane dagli indefinit i cont orni m it ologici. E se gli aut ori fossero i discendent i di Erik il rosso e dei suoi figli? Gli ant ichi navigat ori scandinav i che scoprirono per prim i nelle loro esplorazioni la Groenlandia e Terranova? Per svelare l arcano aspet t iam o l uscit a del prossim o disco che si chiam erà di cert o JJ N ° 3 m a, nel frat t em po, se non l avet e ancora ascolt at o

Affret t at evi e salpat e l ancora. Nicola Pice

ML 19


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: YO LA TENGO TITLE:

Popular Songs

LABEL:

Matador

RELEASE: 2009 WEBSITE:

www.myspace.com/yolatengo

MLVOTE: 8 / 10 Art efici di un evoluzione art ist ica iniziat a nel 1986 con Ride Th e Tige r e proseguit a, poi, at t raverso num erose produzioni t ra cui quel m eraviglioso album quasi com plet am ent e di cov er intitolato Fakebook ( 1996) e t re gem m e com e I Ca n H e a r Th e H e a r t Be a t in g As On e ( 1997) , An d Th e n N ot h in g Tu r n e d I t se lf I n side - Out ( 2000) e I Am N ot Afr a id of You a n d I W ill Be a t You r Ass del 2006, gli Yo La Te n go sono sem pre riuscit i a ent usiasm arci con un at t eggiam ent o e un linguaggio m usicale degni della m igliore cult ura underground. Con lo sguardo perennem ent e rivolt o ai Ve lve t Un de r gr ou n d e con un suono a cavallo t ra pop e psichedelia ( o se preferit e, t ra dream pop e noise rock) , t alvolt a im preziosit o da at m osfere elet t roniche m inim alist e ( leggasi ambient) , il t rio di Hoboken ( New Jersey) non hai m ai perso un colpo e la conferm a ci è dat a proprio da quest a ennesim a fat ica sulla lunga dist anza capace di m et t ere in secondo piano m olt e nuove uscit e del 2009 ( com preso il recent e disco di cover d inizio anno, che ha per titolo Fuckbook, rilasciato sempre da Ira Kaplan, Georgia Hubley e James McNew ma sot t o il nom e di Con do Fu ck s). Popu la r Son gs dispiega t ut t a la sfuggent e bellezza di un lav oro cost ruit o ad art e e, quindi, con est rem a passione; quella st essa passione che anim a l esist enza della form azione am ericana e ogni solco di quest o album fat t o di ballat e lisergiche, di m elodie carezzevoli e di vuot i elet t rici che non hanno nulla a che a fare con il sem plice esercizio di st ile com e qualcuno, invece, vorrebbe farci credere. Bast a ascolt are Here To Fall, All Your Secret s e More St ars Than There Are in Heav en per rendersene subit o cont o. Con i piedi sem pre ben saldi nel sottosuolo e attraverso queste dodici nuove canzoni popolari gli Yo La Tengo continuano ad allargare i propri orizzont i m usicali, m a anche quelli di t ut t a la m usica indie, conferm andosi una band di culto, il cui sound potresti riconoscere a chilometri e chilometri di distanza.

Lu ca D Am br osio

ML 20


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: GIACOMO SCHEMBARI TITLE:

Per Ogni Parola Che Non Dico

LABEL:

Autoprodotto

RELEASE: 2009 WEBSITE:

www.myspace.com/giacomoschembari

MLVOTE: 7 /10 Gia com o Sch e m ba r i è uno che am a e odia la sua t erra, com e t ut t i. Ne è sedot t o di quella seduzione che t i fa schiavo e da cui sent i l esigenza di sot t rart i, senza averne il coraggio. Un inquiet udine che fa part e del suo bagaglio art ist ico e um ano e da cui nasce il bisogno di cost ruirsi una t ana, un rifugio, un covile. I l suo album di debut t o è un disco d aut ore, e com e ogni disco d aut ore si m et t e a nudo, si dona e si m ost ra facendosi port are dalla risacca delle em ozioni, cullat o dai propri ricordi, anim at o da quell aria densa che t i gonfia i polm oni m ent re cedi al peso del rim piant o e t i sent i inadeguat o e sconfit t o. Lo fa assum endosi t ut t o il rischio che si corre in giochi com e quest o che è fondam ent alm ent e quello di parlarsi t roppo addosso e così le parole non det t e cui allude il t it olo finiscono inv ece per caderci addosso com e st elle com et e che hanno esaurit o la loro corsa, com e aeroplani di cart a che hanno l urgenza di planare, anche se le pist e non sono così sgom bre da pot er loro assicurare un at t erraggio confort evole. Com e se il suo aut ore avesse capit o di avere bisogno di un pent agram m a per pot er scrivere m eglio, com e se quelle quat t ro st ret t e parallele fossero indispensabili per av ere una st rada t racciat a, un percorso da seguire che non sia quello disagevole e apparent em ent e libero di un foglio bianco. È dentro quest e righe che le parole di Giacom o t rovano un senso, un proprio m ondo dove pot ersi adat t are, plasm andosi sulle not e, sciogliendosi at t orno alle circonferenze di qualche crom a com e gli orologi m olli di Dalì. È un m ondo dove la dim ensione privat a e personale è cent ripet a e dom inant e e l est erno è sem pre filt rat o dal proprio set accio em ozionale, com e nelle im m agini ev ocat e da Ibla, om aggio alla sua cit t à che divent a paradigm a per le dissert azioni sulla solit udine e sulla ferm ent azione dei ricordi. Musicalm ent e Per Ogn i Pa r ola Ch e N on D ico si concede il lusso di variare regist ro adat t andosi alle voglie del suo aut ore. C è il t ango di Richiami ad aprire le danze, il notturno jazz di Se la luna potesse parlare, il boogie di La notte degli incanti vicina alle unghiate m et ropolit ane di Folco Orselli, il gioioso rit m o in levare di Se l et ernit à, il cant uccio int im ist a di Tra loro e m e o la soffice e languida resa di I o vorrei essere là di Tenco che si accost a per sensibilit à ai rest auri di M a u r o Er m a n n o Giova n a r di. Ed è proprio all ex voce dei La Cr u s, olt re al cont erraneo Pippo Pollin a , alle om brose nicchie di Gin a Fa bia n i e a cert e pozze t ra jazz e canzone it aliana della Piccola Or ch e st r a Avion Tr a ve l più che al Capossela che qualche pigro gli aveva cucit o addosso che m i sent o di accost are la concia di Giacom o, così um anam ent e suscettibile alle intemperie dei sentimenti. Un disco nudo. Franco Dimauro

ML 21


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: THE THERMALS TITLE:

Now We Can See

LABEL:

Kill Rock Stars

RELEASE: 2009 WEBSITE:

www.thethermals.com

MLVOTE: 7 / 10 Dischi del genere dovrebbero uscire t ut t i i m esi, e la m ut ua dovrebbe passarli senza obbligo di ricet t a per il benessere collet t ivo della popolazione annoiat a e m alat a di st ress. I l quart o disco del terzetto di Portland (che abbandona l isola felice Sub Pop e approda alla Kill Rock Stars) s int it ola Now We Can See ed è uno scint illare di puro e sem plice power pop. Non sono cert o i paladini dell innovazione, i Thermals, non sono rivoluzionari e non hanno scrit t o un disco che salverà le sort i del m ondo da virus inat t accabili, m a quest e canzoni sono la m edicina ideale per com bat t ere em icranie, si sciolgono facilm ent e in acqua fresca e producono bollicine di chiara effervescenza r n r. I t est i di H u t ch H a r r is si fanno più int rospet t iv i rispet t o al passat o ( The Body, The Blood, The Machine del 2006 at t accava pesant em ent e la polit ica am ericana di Bush) m a le canzoni conservano energia accat t ivant e e denot ano una sem plicit à di scrit t ura davvero difficile da scorgere in gruppi odierni, che t endono sem pre più a com plicarsi la via cercando im probabili sperim ent azioni invece che concent rarsi sulle canzoni. In quest i 34 m inut i le canzoni ci sono e c è di che gioire; dal singolo t orm ent one che dà il t it olo all album , alle abrasive punk song When We Were Alive e I Let I t Go, alle sfavillant i chit arre che chiam ano lunghi v iaggi in aut o di I Called Out Your Nam e e When I Died fino alla riflessiva e int ensa At The Bot t om of t he Sea. I Thermals oggi sono degli H ü sk e r D ü rilassat i, o se preferit e dei N a da Su r f part icolarm ent e incazzat i capaci di cantare la vita. Nicola Guerra

ML 22


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: VERACRASH TITLE:

11:11

LABEL:

Go Down Records

RELEASE: 2009 WEBSITE:

www.myspace.com/veracrash

MLVOTE: 7 / 10 Malediciam o t ut t i quant i Josh H om m e per avere sm esso di scrivere album all alt ezza dei suoi Qu e e n s of t h e St on e Age e ringraziam o i Veracrash per essersi fat t i carico di riesum are qui in I t alia uno st oner rock acido e abrasivo. L esordio del gruppo m ilanese vede la luce oggi dopo una lunghissim a at t esa carica di speranza, giust ificat a dal fat t o di avere ascolt at o il Ghost EP nel lont ano 2006. Tem pi lunghi di cui hanno beneficiat o 11:11, m ast erizzat o negli Jupit er St udios di Seattle da Martin Feveyear (già al lavoro con Mudhoney, R.E.M., Mark Lanegan e Q.O.T.S.A) e dist ribuit o dalla Go Down Records ( un m archio di garanzia per quest e sonorit à) , quest o debut t o è un concent rat o di suoni che si om aggiano e ricalcano le regine nell et à della piet ra, m a riescono a piazzare due o t re colpi che valgono cert am ent e l acquist o. Fra quest i segnaliam o la conclusiva e st rum ent ale Snakes for Breakfast , densa e m agm at ica suit e psichedelica che si nut re del sacro fluido rosa, Russian Roulet t e che ospit a alla voce Joh a n n M e r r ich e che volt eggia nei t errit ori indie dei Blon de Re dh e a d, l intro synt h di Spoon e le cavalcat e elet t riche del

t rit t ico cent rale

Jeeza, Sant a Sagre e Broken Teet h, Golden Mout h. Ult im o plauso alla copert ina disegnat a da Seldon Hunt; oscura come il suono dei Veracrash. Nicola Guerra

ML 23


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: GREEN DAY TITLE:

21st Century Breakdown

LABEL:

Reprise Records

RELEASE: 2009 WEBSITE:

www.greenday.com

MLVOTE: 6,5/ 10 Un opera rock: è quest a la definizione più im m ediat a e ricorrent e ut ilizzat a da t ut t i coloro ( addet t i ai lavori e non) che hanno a che fare con l ult im o album dei Gr e e n D a y, 21st Ce n t u r y Breakdown. La band st at unit ense aveva già sperim ent at o la form ula con Am e r ica n I diot , incredibilm ent e significat ivo e degno successore, a dieci anni di dist anza, del capolavoro Dookie ( 1994) . L album ebbe un successo planet ario, squadra che vince non si cam bia e la st rada verso un lavoro altrettanto com plesso è stata breve. 21st Ce n t u r y Br e a k dow n si apre con Song of t he Century, un int ro che sem bra uscire da un vecchio e polveroso gram m ofono e che racchiude in 58 secondi il concept dell int ero album : la crit ica sprezzant e e feroce della societ à in cui ci m uoviam o, vist a con gli occhi disillusi di una giovane coppia, Christ ian & Gloria ( degni sost it ut i di Saint Jim m y e Jesus of Suburbia, al cent ro delle vicende narrat e in Am e r ica n I diot ). L album si snoda, dunque, in t re at t i, proprio com e fosse un opera t eat rale: Heroes and Cons, Charlat ans and Saint s, Horseshoes and Handgrenades, 18 brani in t ut t o a raccont are la delusione, la rabbia, il desiderio di rivalsa nei confront i di un m ondo tutto sbagliat o e dai valori anestetizzati. Le cit azioni m usicali,

più

o m eno nascost e,

sono diverse:

Who, Clash,

una spruzzat a di

Springsteen e Beatles vagam ent e riecheggiat i in un paio di pezzi. La t it le t rack ( 21st Cent ury Breakdown) rievoca il crollo del 21esim o secolo, con il raccont o di una generazione sm arrit a nelle pieghe di un sist em a e di una nazione m alat i, alla ricerca cont inua e disperat a di una via d uscita che conduca alla salvezza. È una canzone m anifest o, più volt e indicat a com e la Bohemian Rapsody del gruppo m a dal rit m o m olt o veloce in puro st ile Gr e e n D a y, capace di sm uovere la massa che aspetta solo un segno per ribellarsi. E la ribellione prende il via con Know your enemy: è lam pant e nel pezzo la presa di coscienza della necessit à di com bat t ere cont ro il nem ico ( Silence is t he enem y/ against your urgency/ So rally up t he dem ons of your soul ) . I l suono si fa più dist ort o, Billie Joe inneggia alla rivoluzione non solo con il t est o ( Gim m e gim m e revolut ion! ) ma anche con la sua inconfondibile e trascinante forza vocale. I toni provano ad addolcirsi quando ent ra in scena ( è proprio il caso di dirlo) la prot agonist a fem m inile: in Viva La Gloria! , Christ ian coinvolge appunt o Gloria nel suo cant o e quasi inneggia a lei, im plorando il suo indispensabile aiut o in quest a et erna lot t a cont ro st at o, chiesa, polit ica ( nel t erzo at t o t roviam o Viva La Gloria? [ Lit t le Girl] , secondo brano dedicat o alla ragazza) . Before t he lobot om y, al pari di alt ri brani dell album com e Peacemaker o Last of t he Am erican Girl, scivola via senza quasi senza lasciare traccia.

ML 2 4


musicletter.it

update n. 67

musica: green day I l secondo at t o si apre, invece, con un ot t im o pezzo: East Jesus Now here, accusa m olt o poco velat a alla Chiesa in quant o ist it uzione e alla sua incapacit à di far front e ai bisogni dei singoli, incapacit à sem pre più evident e in una societ à dom inat a dal falso buonism o e dalla facilit à nel puntare il dit o cont ro i

peccat ori ; il pezzo è energia e pot enza allo st at o puro, m usicalm ent e

ricorda alcuni spezzoni di Holiday, anche se lì l ogget t o d accusa erano guerre ingiust e e Governo, nonost ant e i t oni alm eno apparent em ent e più leggeri. Murder Cit y fa em ergere prepot ent em ent e le radici punk del gruppo, è un elogio alla speranza e un grido disperat o nello st esso t em po mentre Horseshoes and Handgreanades, t iene il passo a livello rit m ico e segna il passaggio, quasi inev it abile, dalla disperazione alla rabbia. 21guns è senza dubbio il pezzo m eglio riuscit o dell int ero lavoro: si sent e chiaram ent e l eco di Boulevard of Broken Dream s ( che vinse prem i su prem i e t rascinò Am e r ica n I diot in t est a a m olt e classifiche di m ezzo m ondo) e le sensazioni sono nit ide: la consapevolezza di t rovarsi in un m ondo dai colori cupi e la rassegnazione di aver lot t at o fino allo st rem o delle forze ( When it s t im e t o live and let die/ And you can t get anot her t ry/ Som et hing inside t his heart has died/ You re in ruins ) . 21st Century Br e a k dow n è st at o prodot t o da But ch Vig, st esso geniale art efice di album com e Nevermind dei Nirvana o Sia m e se D r e a m dei com piant i Sm a sh in g Pu m pk in s; la sua im pront a si sent e ( vedi alla voce rock classico bat t e punk 1- 0) e seppure t alvolt a anacronist ica, non si può cert o dire che Vig non sappia far bene il suo m est iere. La denuncia delle piaghe della societ à, la capacit à di farsi port avoce di una generazione che ha sm arrit o la st rada, il t ent at ivo di irradiare la volont à di cam biare il m ondo sono t ut t e at t it udini apprezzabili per una band che assurge spesso a m odello per i fans. I l processo com inciat o con Am e r ica n I diot e cont inuat o con 21st Century Breakdown è t ut t avia com plesso e insidioso: port a con sé il rischio di essere ripet it iv i e di non riuscire a t rasm et t ere più nulla al pubblico, divent ando nient alt ro che una pallida copia di sé st essi. È sì im possibile pret endere di avere una nuova Basket Case a ogni album m a l originalit à e la valenza creat iva sono fat t ori da cui non si può prescindere per essere annoverat i nell Olim po della musica. Laura Carrozza

ML 2 5


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: INCOMING CEREBRAL OVERDRIVE TITLE:

Controverso

LABEL:

Supernaturalcat

RELEASE: 2009 WEBSITE:

www.incomingcerebraloverdrive.com

MLVOTE: 6 / 10 Dipende t ut t o dai punt i di vist a. Se quest album fosse uscit o una quindicina di anni fa, si sarebbe probabilm ent e scrit t o: gli I n com in g Cere br a l Overdrive sono un riv oluzionario e int eressant e quint et t o di Pist oia che propone un m ix t ra la nuova scuola m et alcore in chiave Victory/ Relapse e la cerebralit à di rem iniscenze prog e psichedeliche, un suono est rem am ent e com plesso, geom et rico, dove l im pat t o furioso dell ugola d oro del cant ant e si m uove t ra un flusso sem pre mutevole di suoni vicini al free j azz e t ast iere dal sapore anni set t ant a ( un caso la canzone dal titolo Oxygen?) splendidam ent e suonat e e m om ent i d inquiet o ed est raniant e rilassam ent o alieno, ci si assopisce e si v iaggia per m ondi lont ani prim a di essere svegliat i a calci in faccia. Quest a è vera avanguardia, sperim ent ale, il fut uro della m usica est rem a passa da qui

Purt roppo non

siam o più nel 1994, gli ICO farebbero scuola e io avrei ancora diciasset t e anni, m ent re nel 2009 di m usica del genere ne abbiam o ascolt at a a iosa, gruppi com e Botch, D illin ge r Escape Plan, Locust, Converge, Bloodlet, et c. et c. et c. hanno avut o il t em po di fare decine di album nuovi, sciogliersi e riformansi non so quante volte. La realtà dei fatti è che gli ICO sono un buon gruppo, hanno pezzi ben cost ruit i, non lesinano vere sfuriat e m et alliche com e in Sound, suonano senza dubbio bene e dal v ivo prom et t ono t uoni e fulm ini, il problem a è che peccano in personalit à, suonano il già sent it o, pur dando l im pressione di pot er fare m olt o di più. La casa discografica Supernaturalcat degli spaziali Ufomammut, dopo gli ot t im i album di MoRkObOt e Lento, non prende un abbaglio, la band c è, deve solo t ent are di div incolarsi dal vecchio e guardare avant i, Controverso dà

delle

soddisfazioni

con

l incedere

apocalit t ico

di

there ( Isis docet )

e

controversial ( Deadguy docet ) e nel com plesso ha spunt i che fanno ben sperare per il fut uro. I n at t esa del t erzo capit olo, sei d incoraggiam ent o e ci rivediam o alla prossim a. Antonio Anigello

ML 26


m usicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: REACHING HAND TITLE:

Threshold

LABEL:

Chorus of One

RELEASE: 2009 WEBSITE:

www.myspace.com/reachinghand

MLVOTE: 6 / 10 Prem et t o che seguo orm ai solo m arginalm ent e la scena hardcore, deluso per anni da una m ont agna di uscit e Vict ory e Revelat ion che ancora affollano i m iei scaffali e in cui m i illudevo di t rovare la replica di piccole rivoluzioni dom est iche firm at e H ü sk e r D ü o Cir cle Je r k s. Nient e di t ut t o quest o, ovviam ent e, a part e sparut i e t em poranei picchi di t ensione em ot iva. Peggio sarebbe st at a la successiva esplosione em o- core, piena di pat t um e indie- rock im bot t it o di gain e di ragazzini che suonavano le proprie frust razioni in at t esa del rient ro di papà cospicua

paghet t a

set t imanale.

Il

riavv icinam ent o

alle

raffiche

per la solit a

dell hardcore

avviene

periodicam ent e at t raverso i libri cruciali: Met al Circus, Fresh Fruit , Damaged, Group Sex, Out of step e via discorrendo. Sem pre più raram ent e at t raverso dischi di nuova m anifat t ura. Non per part it o preso, m a per i m ot ivi di cui sopra. I l dischet t o dei Re a ch in g H a n d è buono per una carica veloce. Dura dieci m inut i appena, quindi perfet t o per una bella dose di rum ore m ent re t i rechi al lavoro a guardare il grugno del capo o il culo a m andolino della t ua segret aria. Ha quel poco di cat t iveria che bast a a farceli sent ire sinceri e a ufficiarne l ingresso nella com unit à hardcore anche se il suono sem bra cedere a v olt e alle lusinghe del m et al- core ( Set t le t he score) pur senza scadere nel t riv iale rifferam a delle crossover- band. L im piant o rest a insom m a solido hardcore, con voce arrabbiat a ( m a fem m inile, il che li rende at ipici) , m ealst rom chit arrist ico ( bellissim o quello di Insight), cori, rit m ica serrat a e quant alt ro. Manca però il quid che si lascia ricordare. Non bast a essere incazzat i con t ut t o e con t ut t i ( e del rest o, chi non lo è? NdLYS) alt rim ent i ci bast erebbe urlare davant i alle im m agini del TG. Occorre uscire dal m ucchio, piut t ost o che sput are in faccia agli sbirri con la speranza di non essere riconosciut i. E, per ora, i Reaching Hand restano tra la folla dei facinorosi della curva HC. Franco Dimauro

ML 27


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: THE PREACHERS | THE HANGEE FIVE TITLE:

Pr e a ch in At Psych e de lic Ve locit y | Unpleasantly Yours

LABEL:

Teen Sound | For Monsters

RELEASE: 2008 | 2009 WEBSITE:

www.myspace.com/thepreachersit | www.myspace.com/thehangeev

MLVOTE: 7,5/ 10 | 7,5/ 10 I Preachers sono it alianissim i m a predicano gli st essi serm oni dei Fuzztones. Che sono quelli di un garage t int o di nero, spesso avvolt o in spore darkedeliche e spirali ipnot iche m em ori del beat spirit at o di Seeds e Le o & Th e Pr oph e t s. Una cript a di fuzz e v ibrat i vox cui My darling ci int roduce con garbo sinist ro e che ci inghiot t e con la grazia di un Erinni andando a t uffarsi a piene m ani nel suono californiano e t exano dei m id- sixt ies e creando degli incast ri t ra l uno e l alt ro fino ad assist ere a un sim bolico incest o t ra i Sick Rose di Double Shot ! e i Be a ch Boys nella bellissima Wild Girl o tra gli Stereo Shoestring e i Turtles nella dolce Lovely Girl. Intermission è uno st rum ent ale horror surf che t aglia in due il disco incast randosi a Turn m e out , il pezzo scritto e suonat o con Ru di Pr ot r u di e che è in t ut t o e per t ut t o un pezzo dei t ones epoca Braindrops. A seguire You ll never know che si apre con un

sam ple

dalla Boss Hoss dei re di Tacom a e

prosegue in un t urbinio di sirene e cori dal sapore rockabilly snodandosi in un beat m arziale e im placabile dom inat o dall organo di Scaio. La faccia agli est rogeni dei Fuzztones, ovvero quella supervixen in lat ex nero che risponde al nom e di Lana Loveland, è invece ospit e nell unica cover del disco, ovvero l abusatissima 99t h Floor dei M ovin g Side w a lk s che i Preachers riaccendono di una bella furia v int age che non ricordavo dai t em pi del debut t o dei Ch e st e r fie ld Kin gs, com plice anche la splendida blues harp di Valerio Tedeschi. Sum m er Rain e la sua schium a di acide piogge psichedeliche chiudono il sipario su uno dei m igliori dischi garage it aliani degli ult im i anni, m algrado la concorrenza nuov am ent e agguerrit a, com e in pieno 1987. Secondo album pure per i Cin qu e I m picca t i cagliarit ani che, nel frat t em po, sono divent at i quat t ro. I n quest o caso la regist razione non cont a nient e. Anzi, t ut t o. Nessun cost oso st udio, nessun ospit e eccellent e: t ut t o quello che serve è il proprio garage e qualche m icrofono. Riverberi nat urali e am pli che ballano l hangee st om p ciondolando com e cadaveri al suono di quest o beat surf degli inferi. Quat t ro cov er oscurissim e depredat e da raccolt e com e Te x a s Pu n k , Hang I t Out To D ry e Flor ida Pu n k Fr om Th e Six t ie s e dieci originali in perfet t a t enut a da becchino. Un suono invasat o e lacerant e, t alm ent e becero da rifiut are ogni com prom esso col facile ascolt o o anche solo con l am m iccant e surf sdoganat o da Tit o a n d Ta r a n t u la e dai film di Tarantino. Qui, e passat em i la bat t ut accia, siam o proprio su un alt ra spiaggia. Quella dove Tim W a r r e n , gli Unrelate d Se gm e n t s, i Re a son s W h y, i N obody s Ch ildr e n e i Ra u n ch H a n ds im bast iscono barbecue e gare sulle t avole m ent re le t et t one di Las Vegas Grind! prendono il sole con le coppette di strass sui capezzoli. Italia 2 - Resto del mondo 0. Franco Dimauro ML 2 8


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: MARISA SANNIA TITLE:

Rose de Papel

LABEL:

Felmay | Egea

RELEASE: 2008 WEBSITE:

www.sannia.it

MLVOTE: 8 / 10 Molt i, cui non fa difet t o la m em oria, hanno un ricordo di M a r isa Sa nn ia legat o a quel lont ano Fest ival di Sanrem o del 1968 in cui si piazzava seconda con la canzone Casa bianca ( in coppia con Or n e lla Va n on i, per la cronaca, pezzo scrit t o da D on Ba ck y) , dopo che Se r gio En dr igo e Lu is En r iqu e z Ba ca lov avevano provvedut o a scrivere per lei il brano dell esordio discografico l anno prim a ( Tut t o o nient e ) ; sono pochi però quelli che hanno cont inuat o a seguire il percorso m usicale della cant ant e sarda che ha sem pre m ant enut o un profilo basso e defilat o m a ricco di cont enut i alt i t ra poesia, m usica della sua t erra, im pegno cost ant e in favore delle donne. Part icolarm ent e im port ant e è st at a la svolt a at t uat a negli anni novant a con l at t enzione ( e grande sensibilit à) dedicat a alla poesia sarda del passat o e del present e, in dischi di assolut a bellezza, come Sa Ogh e D e Su En t u E D e Su M are e Melagranàda. M a r isa Sa n n ia purt roppo è venut a a m ancare il 14 aprile 2008, a causa di un'im provvisa e grave m alat t ia, e qualche m ese dopo è uscit o post um o il suo ult im o lavoro, Rosa de Pa pe l ( Rosa di cart a) , regist rat o qualche m ese prim a della scom parsa e che cont em pla dodici com posizioni che la cant aut rice ha m usicat o e cant at o ut ilizzando i v ersi ( nell originale lingua cast igliana) di uno dei m aggiori poet i del Novecent o: Federico Garcia Lorca. Tra le canzoni alcune sono aut ent ici gioielli m usicali com e: El nino m udo, Rosa de papel, Laberyt os y espeyos, Aguila de los ninos. I l libret t o si apre con una frase del poet a: «Un cant o profondo, m olt o più profondo di t ut t i i pozzi di t ut t i i m ari del m ondo, ancora più profondo del cuore che oggi lo crea, della voce che oggi lo cant a. È un cant o quasi infinit o, viene da m olt o lont ano at t raverso gli anni i m ari e i vent i del t em po, viene dal prim o piant o, dal prim o bacio». L int ero album ha una m agia dolce e m alinconica nei suoni e i cont enut i ne esalt ano la bellezza assolut a, avvolgent e e inest ricabile. Le m usiche sono di M a r isa Sa n nia , tranne La canción de la m ariposa di Am a n cio Pr a da e Pequeño vals vienés di Le on a r d Cohe n . Perfet t e in conclusione le parole di una sua collega, Gigliola Cin qu e t t i: «... Nat uralm ent e ascoltando Rosa de Pa pe l ho rivist o il film che la m em oria m i rest it uisce del volt o prot eso di Marisa Sannia im pegnat a nel cant o, l'elegant e post ura, il collo lungo, il caschet t o biondo. Ma ho scopert o anche una sua presenza nuova e int ensa che il successo dei t em pi di bianca che...

...c'è una casa

non pot eva raccont are. Mi ha colpit o soprat t ut t o il suo rapport o con la lingua

cast igliana. Un rapport o che solo chi è nat o in Sardegna può avere. Non c'è om bra di accento it aliano nella sua pronuncia, perfet t a ed esot ica a un t em po. É un rapport o che le perm et t e di capire la poesia di Garcia Lorca in presa diret t a, e non m i riferisco solo a un accesso linguist ico. C'è un pont e cult urale esclusivo fra la Sardegna e la penisola iberica, un percorso che in Marisa Sannia sem bra m olt o breve, addirit t ura più breve di quello che lei percorre quando cant a in it aliano. Am a ciò che cant a profondam ent e, sem bra felice di farsi avvolgere dalla m usica, di toccare con la gola le parole del poet a. Non a caso t ocar in Cast igliano v uol dire suonare. Non c'è m usica e art e in genere senza corporeit à, e in

Rosa de Papel

sent o quest 'evidenza a

commuovermi.» Luigi Lozzi ML 2 9


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: KEITH CAPUTO TITLE:

A Fondness for Hometown Scars

LABEL:

Suburban

RELEASE: 2008 WEBSITE:

www.keithcaputo.com

MLVOTE: 7,5/ 10 Ok lo am m et t o, sono st at o un fan della prim a ora dei newyorkesi Life Of Agony! È risult at o im possibile per m e rest are indifferent e alla sorprendent e qualit à del loro esalt ant e debut album , quel capolavoro di hardcore metal intitolato River Runs Red (1993) ma anche o forse dovrei dire soprat t ut t o, all ugola che dei L.O.A. è st at a im m agine e carat t erist ica dist int iva, quella di Keith Caputo. La sua voce, l esperienza e l at t it udine sono st at e croce e delizia per la carriera della band che, a eccezione di quell esordio incandescent e, ha sem pre soffert o una cert a m ancanza di focus dovut a alle diverse sfaccet t at ure che la com ponevano; t roppo hard e di im pat t o i m usicist i per l anim o int im ist a del cant ant e e viceversa

Non sem pre i com prom essi hanno part orit o

risultati eccellenti e questo ha creato ogni presupposto per un percorso solista di Caputo. Il mood di A Fon dn e ss for H om e t ow n Sca r s im pregnano di sensazioni spesso m alinconiche e aut unnali eppure, sebbene si tratti di un lavoro dalla matrice prevalentemente cantautoriale e riflessiva, non m ancano quei guizzi elet t rici che com unque influenzano il dna art ist ico del buon Keith ( Troubles down, Devil s Pride) quasi a voler rivendicare una radice rock m ai definit ivam ent e sposat a e al t em po st esso m ai del t ut t o abbandonat a. Si t rat t a com unque di pochi episodi, né violent i né t ant om eno pesant i com e in passat o, che si dist accano all im provviso dall andam ent o generale del disco, quasi a voler creare una cam era di decom pressione dalla carica em ot iva che pervade il rest o del lav oro. Dal pianofort e e dalle chit arre acust iche di Crawling alle spazzole sul rullant e ( e la t rom ba di Flea) della sognant e e sospesa Bleed for som et hing beaut iful c è t ut t o un percorso at t raverso una fit t a veget azione di not e e t oni carichi e avvolgent i, poi m agari t i capit a di im bat t ert i in una ballat a com e Son of a gun che coadiuva non poco il pensiero nel volare verso cose e persone speciali e il gioco è fat t o. La perform ance di Caputo è un concent rat o di feeling e di t alent o incredibilmente st ipat o in un corpo minuto, lo si avvert e da ogni solco, da ogni sfum at ura, indipendent em ent e dal fat t o che sussurri le sue liriche o che dia fiat o a t ut t a la sua pot enza vocale; quest o disco è la dim ost razione che est ro e capacit à non necessit ano d essere veicolat e at t raverso param et ri predefinit i, buon per quant i abbiano orecchie per int endere e ascoltare! Manuel Fiorelli

ML 30


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: JOHNNY GRIECO TITLE:

I m Cool

LABEL:

Autoprodotto

RELEASE: 2008 WEBSITE:

www.myspace.com/johnnygrieco

MLVOTE: 7 / 10 Ci sta prendendo gusto Mr. Johnny Grieco. Lo avevamo lasciato qualche anno fa a rimescolare le cart e sm inuzzando e cent rifugando i brani st orici dei suoi D ir t y Act ion s, gruppo punk genovese at t ivo dagli anni 80, ed ecco che esce I m Cool, prim o proget t o solist a aut oprodot t o che dovrebbe ant icipare l album Affanno D Ar t ist a con alcuni brani cant at i in it aliano. Un EP di cinque t racce che si dist acca dal punk e dai rem ix di 21 Dirt y RMXs ( 2007 I nt ernat ional)

Le Silure D Europe

e che affonda nell elet t ronica um anizzat a. Un piccolo proget t o olt raggioso,

destabilizzant e e m ult iform e che denot a la purezza art ist ica di quest o grande uom o. Derivat iv o quando aleggiano spet t ri di Suicide ieri e N.I.N. m inim ali oggi, m a lo sberleffo con il quale Grieco declam a di essere Cool nel m ant ra iniziale lungo quasi set t e m inut i fa comprendere quant o quest o proget t o sia sent it o e fuori da m eri scopi com m erciali. Se poi aggiungiam o al lot t o la spet t rale Dark Rainbows ( David Bowie e I ggy Pop affet t i da deliri crooner post indust riali) e le irresist ibili danze sint et iche di Next I m m inent Cat ast rophe e Dirt y I nside, non possiam o che prom uovere il dischet t o. Nient e chit arre abrasive, solo drum m achine e sint et izzat ori. Allora com è che I m Cool sosta sul mio scaffale del punk? Nicola Guerra

ML 31


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: FOL CHEN TITLE:

Pa r t I : John Sha de , Your For t une s M a de

LABEL:

Asthmatic Kitty Records

RELEASE: 2008 WEBSITE:

www.myspace.com/folchen

MLVOTE: 8,5/ 10 Nella m ia libreria di iTunes ho creat o un genere, New Cent ury Wave , che uso per t enere in link m olt i dei nuovi gruppi em ergent i, che al di là di ogni ev ident e derivazione sonora e st ilist ica di quei favolosi anni del post punk ( when we were younger) , m i danno alt resì sensazioni di freschezza e libert à creat iva m erit ev oli di plauso e di m ot ivat e speranze per il fut uro. I Fol Ch e n rient rano, per m e, in t ale genere soprat t ut t o per quest e ult im e peculiarit à e ora si guadagnano, dopo ripetuti ascolti, una mia personale standing ovation e una ragionevole attesa per qualcosa di ancora più grande a venire. Alt ro approccio è quello di gruppi, uno per t ut t i gli W h it e Lie s, che sem brano cresciut i a

pane e new wave , ragazzi splendidi, da copert ina del NME, elegant i in

black & whit e che t i colgono in rem inescenze piacevolissim e (

t hat s t he night m are I m running

from ) . I Fol Ch e n m et t ono in m usica un piano diverso. La prim a canzone prega l ascolt at ore: don t follow m e now e dopo avert i indot t o com unque a farlo t e ne raccont ano una bella, com e No Wedding Cake, e una triste, You and Your Sister in Jericho per esempio, con grande apertura e approccio neo- folk, lasciandoti rincorrere una o più voci su trame godibilissime (Cable TV su tutte) o su arrangiam ent i ardit i ( Red Skies Over Garden Cit y cost ruit a su bat t eria, cam pane e voci! ) in un alt ernarsi di brani che va sorseggiat o in sequenza pront i a rim andare a chi sa quale paragone di gloria fut ura ( alm eno per le nost re orecchie) . Not e di copert ina? Et ichet t a Ast hm at ic Kit t y ( USA) ; m ent e del gruppo t ale Sa m u e l Bin g ( annot are, prego). Quest a urgenza

corale

accom una t ant e delle nuove realt à d olt reoceano ( cfr. Fle e t Fox e s, Anathallo, Welcome Wagon) ed è lo specchio dei t em pi: nuovo um anesim o, nuova speranza, senso di com unione e di responsabilità, di disincant o perché orm ai

le abbiam o vist e t ut t e, m a proprio t ut t e . A essa si

aggiunge, nei Fol Ch e n , una spont aneit à che richiede all ascolt at ore solo

am icizia! E così: non

sappiamo chi sia John Shade, m a vist o che la sua fort una è fat t a, aspet t iam o la part e I I Gianluigi Palamone

ML 32


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: GLUECIFER TITLE:

Basement Apes

LABEL:

Sony Music Entertainment

RELEASE: 2003 WEBSITE:

www.gluecifer.com

MLVOTE: 7,5/ 10 C erano una volt a i Gluecifer ed è veramente un peccato che già dal 2005 non ci siano più. Nati a Oslo, in Norvegia, nel 1994, com plici di degni com pari com e Hellacopters, Tu r bon e gr o, H a r dcor e Su pe r st a r e Ba ck ya r d Ba bie s ( solo per cit are qualche nom e) hanno dat o vit a all int eressant issim a e rilevant e scena hard n roll scandinav a, det erm inant e per la rinascit a e il rinv igorire di cert e sonorit à in Europa. Ba se m e n t Ape s ( t it olo che alcuni rum ors suggeriscono sia st at o liberam ent e ispirat o al ben più fam oso Th e Ba se m e n t Ta pe s, disco di Bob D yla n del 1975) , è il lavoro con cui è iniziat a la collaborazione con la Sony; si t rat t a del penult im o album di una carriera nat a all insegna delle m ille t raversie, così com e la più classica delle gavet t e com anda; il disco successivo, Au t om a t ic Thr ill, pubblicat o nel 2004, sarebbe st at o assai beffardam ent e il loro m iglior successo com m erciale nonché, cont est ualm ent e, il cant o del cigno Mist eri del Rock. Che st ia divagando un po t roppo? Diam ine, se siet e in buona v ena e volet e im pat t o, sfront at ezza, energia, rifferam a a go- go e cori coinvolgent i e ben assest at i da urlare m ent re ballat e scat enat i, accom odat evi pure perché qui ce n è in sana abbondanza, ve lo garant isco. La banda capeggiat a dal cant ant e Biff M a libu ( vero nom e Fr it j of Ja cobse n ) non si fa cert am ent e pregare per generare un flusso di energia inint errot t a dal principio alla fine della scalet t a e le chit arre di Ca pt a in Poon e Ra ldo Use le ss non sm et t ono un solo at t im o di graffiare piacevolm ent e, azzeccando suoni e idee sia nelle part i rit m iche che in quelle solist e. Dicevam o dunque im pat t o e sfront at ezza? Nient e paura, Reversed e Brutus, le due canzoni post e in apert ura, ne producono in abbondanza, una fest a di rock n roll è appena com inciat a e Losing end è solt ant o un pret est o per prendere fiat o prim a della vera bom ba del disco, il singolo Easy living; non c è bisogno di alcun losco pusher per ot t enere alt re dosi di quest a fant ast ica sorgent e di adrenalina, è sufficient e prem ere il t ast o

repeat

per beneficiarne a olt ranza! Non st arò qui a

cit are alt ri brani poiché la m edia qualit at iva che li carat t erizza giust ifica am piam ent e il v ot o posit ivo, piut t ost o vi invit o a riascolt are ( o a farlo per la prim a volt a) un album di spum eggiant e hard/ rock n roll da assum ere senza st ar lì a preoccuparsi delle dosi.

I m done wit h t he easy

living, I m done wit h t he easy living . Manuel Fiorelli

ML 33


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: PAVEMENT TITLE:

Slanted And Enchanted

LABEL:

Matador

RELEASE: 1992 WEBSITE:

www.matadorrecords.com/pavement/

MLVOTE: 9 / 10 La prim a volt a che m i im bat t ei n e i Pa ve m e n t fui at t rat t o dal t it olo di un art icolo che recit ava I Pavem ent hanno im parat o a suonare? Nel t em po ho perso la sicurezza che ci fosse davvero il punt o int errogat ivo m a per m e sapere che c'era una band caot ica e rom ant ica in giro era già tanto. Sì, c'è quest a nuova ondat a dall'I nghilt erra. Quest o fu il com m ent o di un m io am ico che, giust am ent e, avrebbe abbandonat o prest o il rock'n'roll per dedicarsi esclusivam ent e all'hip hop. Quella nuov a ondat a esist eva veram ent e, si chiam ava brit pop, m a i Pavem ent non c'ent ravano nulla. Provenivano da Stockton (California) ed erano spinti dalla Matador, un'etichetta di culto che nel suo rost er annoverava ( in quegli anni) gent e adorabile com e gli Spoon, i Come e i Guided By Voice s, t ut t i gruppi caot ici e rom ant ici, t ut t i m eravigliosam ent e am ericani. Ai t em pi di quell'articolo usciva W ow e e Zow e e , il più com plet o e anarchico album del gruppo di Stephen Malkmus, m a il m ondo era già st at o cam biat o dai Pavement nel 1992, quando le chit arre scordat e e la bat t eria insana di Sum m er Babe si erano perm esse di riport are l'underground americano all'essenza del rock'n'roll ( che in quel periodo veniva pericolosam ent e aggredit o dalla MTV Generat ion) . Not a è l'avversione, per esem pio, che Malkmus e soci provavano verso la spocchia dell'idolatrato Billy Cor ga n ( aut ore con i suoi Sm a sh in g Pu m pk in s di alcune cose notevoli m a personaggio a dir poco fast idioso) . La rivalit à verrà codificat a dai Pavement nel secondo album , Crooked Ra in , Cr ook e d Rain, com prendent e una serie di inni per una nuova generazione et ichet t at a con il t erm ine slacker. Tornando a quel 1992, a un alt ro t it olo con l'assonanza (Slanted and Enchanted) e ad altri piccoli inni, non si possono riascoltare senza che scorrano aut ent ici brividi le gem m e di chi aveva deciso di rendere m elodram m at ico il rum ore dei Son ic You t h avvicinandolo ai Velv et Underground m eno nichilist i ( quelli, per int enderci, del t erzo album ) , il t ut t o part endo da una base folk insospet t abile per una band alternative, che m eglio sarà com presa grazie alle collaborazioni dei ragazzi con l'am ico D a vid Be r m a n dei Silver Jews. Un classico su t ut t i, Here, ballat a scent rat a illum inat a da un t est o brillant e e da un m agnifico e decadent e rit ornello. Bast erebbe da sola per fare di un esordio un bel m om ent o m a siccom e da sola non è, siccom e ci sono pure la follia rock'n'roll di Two St at es, la confusione post pop di Loret t a's Scars, la m elodia inconsapevole di I n The Mout h A Desert e il già cit at o caos organizzat o di Summ er Babe, eccoci davant i a un capolavoro, il prim o di una carriera che con il senno di poi ci sembra ancora più grande. Marco Archilletti

ML 34


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: LIFE OF AGONY TITLE:

River Runs Red

LABEL:

Roadrunner records

RELEASE: 1992 WEBSITE:

www.lifeofagony.com

MLVOTE: 9 / 10 Negat ivism o puro, paranoia e depressione, duro realism o fat t o dall asfalt o e acciaio della cit t à di New York. I l debut t o discografico del quart et t o Life Of Agony, di sede a Brooklyn, che si com pone di t redici t racce e di un unico concept basat o sulla vit a di un ragazzo aspirant e suicida, si rivela uno dei capisaldi m et al dei prim i anni Novant a. La voce barit onale del m inut o cant ant e Ke it h Ca pu t o dà un t occo grot t esco a quest o dinosauro sonoro, che digerisce una carcassa fat t a dai rim asugli del m iglior hardcore NY st yle anni Ot t ant a con l epicit à di un cert o m et al d annat a. Proprio da quest o ibrido zoppicant e di Cro- mags e Bla ck Sabbath è part orit o un sound esplosivo, pieno di sbocchi m elodici m ai ruffiani e fort e di un im pat t o granit ico dove la chit arra di Joe y Z. e il basso di Ala n Robe r t ( ora at t uale cant ant e dei punkers Spoile r N YC) , com e degli inst ancabili m urat ori bergam aschi, piazzano m ura su m ura di rum ore, t rit urat e dall incedere spacca ossa del bat t erist a ( ex- Type- O- N egative) Sa l Abr u sca t o. L iniziale This t im e ( prim o singolo) e la cupa Underground sono t ra le canzoni di m aggiore im pat t o, get t onat issim e nei concert i della band, m ent re, più vicino alle sonorit à m et al anni Ot t ant a con una chit arra/ grat t ugia che fa da cornice a scat enat i headbanging, la canzone om onim a River runs red. Se per fant asia e originalit à i LOA non hanno m ai brillat o part icolarm ent e, per int ensit à e m al de vivre la raccolt a è un vero m anifest o. Perviene un senso di angoscia e di perdit a che, m ist o alla st esura di ot t im i pezzi, dà la sensazione di avere a che fare con classici di genere e se, nel 1993, all uscit a dell album si urlò al capolavoro, è anche vero che il quart et t o è riuscit o, con la pubblicazione dei successiv i t re dischi ufficiali ( l ult im o in salsa nu- grunge nel 2005) a far rim angiare a t ut t i le belle parole spese. Com e si fa a passare dalla t rascendent ale Bad seed, dal groove di My eyes e Respect o dalla rabbia hardcore di Met hod of groove alla pom posit à di pezzi com e Love t o let you down o Wicked ways ( in Broken valley dat at o 2005) ? Nonost ant e t ut t o, pur sot t olineando nuovam ent e che il rest o delle successive produzioni a nom e Life Of Agony è cert am ent e t rascurabile, quest o Riv e r Ru n s Red rim ane un m azzo di rose spinose, canzoni da ascolt are e riascoltare per tutta una vita, chiaramente di agonia.

Antonio Anigello

ML 35


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: PIXIES TITLE:

Doolittle

LABEL:

4 AD

RELEASE: 1989 WEBSITE:

www.myspace.com/pixies

MLVOTE: 8,5/ 10 È t ut t a una quest ione di equilibrio. Se un cuoco riesce a t rovare una ricet t a capace di soddisfare il palat o grezzo e quello raffinat o, la sua creazione rim arrà nel t em po. I Pixies t rovarono quell equilibrio nella propria m usica, un ibrido di pop e punk del quale ancora oggi non si conosce l ingredient e segret o. Doolittle è il successore di Su r fe r Rosa e non voglio cert o aprire diat ribe su quale sia il disco m igliore; vorrei solo cercare di conoscere quell elem ent o segret o che rende ancora oggi così speciale la m usica di Bla ck Fr a n cis ( voce e chit arra) , Kim D e a l (bassista eccezionale capace di dare rit m o anche al rum ore) , Joe y Sa n t ia go ( chit arra) e D a vid Love r ing ( bat t eria) . Alchim ia m usicale fuori dagli schem i che fu sint et izzat a in una sem plice equazione m at em at ica: due t erzi di rum ore e un t erzo di pop. Assaggiando il fam oso disco della scim m ia diret t a in paradiso è facile scot t arsi la lingua con le spezie piccant i in salsa t ex- m ex di Tame e Crackit y Jones, rest are deliziat i dalla crem a chant illy che ricopre la m elodia di brani ( st orici) quali Here Com es Your Man, Monkey Gone t o Heaven e Hey e assaporare il gust o unico e fragrant e di un pane caldo con la tenera mollica di Debaser, Wave of Mutilation e La La Love You (punk, pop e granelli di ironia cot t i in forno che generano st upore al prim o m orso) . Più si guarda Doolittle, e più non se ne viene a capo. Più si ascolt a, e più si gust a un piat t o ricco, ricchissim o. Quindi non dannat evi per t rovare l ingredient e segret o che forse nem m eno esist e m a sem plicem ent e ascolt at e e godet ene t ut t i. Quest o è l indie rock offert o in sacrificio per v oi. Nicola Guerra

ML 36


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: H ÜSKER DÜ TITLE:

Warehouse: Songs And Stories

LABEL:

Warner Bros. Records

RELEASE: 1987 WEBSITE:

www.myspace.com/flipyourwig

MLVOTE: 8 / 10 Ecco a voi il gruppo più svent urat o e sot t ovalut at o della st oria del rock, copiat o, adulat o, am at o e citato, m a che, nella sua ( t roppo) breve vit a m usicale, non è riuscit o a racim olare un bel nient e. Gli H ü sk e r D ü ora sono osannat i e considerat i dei pilast ri del rock indipendent e a st elle e st risce m a il perché del non raggiungim ent o di un m erit at o successo di m assa rim ane t ra i più grossi arcani della storia a pari merito con quello della Sacra Sindone e della morte di Michael Jackson. Cert o, il t rio non è m ai st at o port at ore di un est et ica accat t ivant e ( vogliam o ricordare i baffoni da porno at t ore anni set t ant a del bassista Greg Norton?) ed è rim ast o sem pre m olt o legat o alle sue origini cit t adine ( facendosi per t ut t a la carriera prom ot ore della scena di Minneapolis) e m usicali, preservando sempre una certa credenziale e legame con il punk degli esordi. Warehouse: Songs An d St or ie s è il secondo ( doppio) album pubblicat o dalla m aj or Warner Bros., dopo anni di fiera indipendenza discografica a braccet t o con un cert o Gr e g Gin n e con la fam iglia SST records, e l ult im o prim a dello scioglim ent o dovut o ai fort i cont rast i int erni t ra Bob M ou ld e Gr a n t H a r t . Dell im pet o hardcore delle prim e produzioni qui non rim ane in prat ica nient e m a si consolidano le dot i

m elodiche

del

t rio

con

canzoni

degne

di

una

heavy

rot at ion

in

qualsiasi

iPod/ giradischi/ m angiacasset t e di qualsiasi vero am ant e del sano rock indie m ade in U.S.A., t ra le venti canzoni si evidenziano, solo per diritto di cronaca, le splendide Charity, chastity, prudence and hope, St anding in t he rain e She float ed away, m a in realt à ogni singolo brano dell album sarebbe già un buon punt o di arrivo per m olt i giovani gruppi cont em poranei. L em ot ivit à di Bed of nails ( i R.E.M. in salsa N e il You n g) e le successive Tell you why t om orrow e I t s not peculiar in fondo sono le canzoni che t ut t i vorrebbero sent ire in qualsiasi st azione radio, m agari a scapit o di una Lady Gaga o Giusy Ferreri in meno. Warehouse: songs and stories non è il capolavoro degli H ü sk e r D ü (

quello è Ze n Ar ca de ) m a, in un m om ent o discograficam ent e così fiacco da far

passare l ult im o dei Gr e e n D ay com e l album rock dell anno ( vedi TV) , rim ane una raccolt a di brani dal tiro micidiale, coinvolgente e quasi commuovente. Antonio Anigello

ML 3 7


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: EVERYTHING BUT THE GIRL TITLE:

Eden

LABEL:

Blanco Y Negro

RELEASE: 1984 WEBSITE:

www.myspace.com/heknowsthesun

MLVOTE: 7,5/ 10 Tutte le st agioni hanno i loro dischi, legat i a esse com e quei rit uali quot idiani che ne carat t erizzano l arrivo o il loro lent o o frenet ico srotolarsi. Eden è il disco dell autunno. È il disco dei cappot t i che ridivent ano prot agonist i degli arm adi, delle sciarpe che t ornano a proiet t are le loro curve grigie sulle grucce. Delle prim e piogge che odorano di ozono e di appunt am ent i t radit i. Dello spleen appassionato che si appiccica ai vetri e li imbianca di vapore pesante. Delle foglie che corrono im paurit e e in fuga sot t o i m arciapiedi com e croccant i larve di clorofilla riuscit e a divent are farfalle per un solo giorno. Eden ha un t orpore t ut t o aut unnale, quel bisogno di rifugio dopo le esposizioni solari dell est at e appena passat a, quella necessit à di sost it uire con l ovat t a l odore di poliest ere dei cost um i appena sfilat i e di t rovare riparo t ra le copert e lasciando sedim ent are i ricordi della bella st agione. Be n W a t t sceglie di raffigurare l est at e che scolora con un bat ida chit arrist ico rubat o ai m aest ri della bossanova Joa o Gilbe r t o e An t on io Ca r los Jobim che carat t erizza buona part e dei brani ( Each and everyone, Bittersweet, Even so, Fascination, I m ust confess) m a allo st esso t em po aggiungendo a quest a saudade l am ore per il j azz am m iccant e ed elegant e di Cole Por t e r ( una cover di Night and Day era st at o il loro debut t o su 45giri solo un anno prim a, NdLYS) . Lo dim ost rano l incedere

spazzolat o

di Tender Blue, le

t rom be Bakeriane di Crabwalk o l organo sincopat o della bella Frost and Fire che divent ano gli avamposti per il recupero del cool jazz che in quello stesso momento stanno operando personaggi come St yle Cou n cil, Joe Ja ck son , W or k in g W eek, Sa de Adu , Carmel, M a t t Bia n co. La voce di Tr a ce y Th or n è l alt ro st rum ent o det erm inant e per t rat t eggiare con m isurat o dist acco quest o diagram m a di linee sem it onali discendent i e di ance discret e. Mai disperat am ent e accorat a, m ai del t ut t o liet a anche quando t ut t e le alt re condizioni sem brerebbero volgerle a fav ore ( il solare riscat t o m orale cant at o su Anot her Bridge t ut t a scint illant e di chit arre sem iacust iche e organo Ham m ond o nei sapori vagam ent e spagnoleggiant i della poesia d am ore di Even so punt eggiata da un sot t ile gioco di nacchere o nella rilassat a e m orbida dolcezza sprigionat a da The spice of life) . Languori pop/jazz che il duo di Hull abbandonerà prest o scivolando verso il guit ar- pop, il country, il pop orchest rale, fino a rigenerarsi t ot alm ente ( e riscat t arsi econom icam ent e, NdLYS) nell elet t ronica figlia della j ungle e del trip- hop dei m id- Ninet ies m a che qui rappresent ano la raffigurazione m usicale perfet t a dei m olli ed esangui pom eriggi aut unnali che t ornano ad ammuffirci il cuore ogni anno. Franco Dimauro

ML 3 8


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: LLOYD COLE AND THE COMMOTIONS TITLE:

Rattlesnakes

LABEL:

Polydor

RELEASE: 1984 WEBSITE:

www.lloydcole.com

MLVOTE: 8 / 10 Quando cresci con cert i dischi è difficile scrollart eli di dosso. Ecco, Rattlesnakes e Lloyd Cole furono una delle mie ossessioni di quel lontano 1984, assieme all esordio degli Smiths. Un affinità di gradim ent o che era in qualche m odo specchio delle m olt e analogie st ilist iche t ra le due band, all epoca dei rispet t iv i debut t i: il gust o ricercat o per il j angle pop di m at rice Byrds di Johnny Marr e N e il Cla r k , l am ore per cert e arie ret ro pop, l ironia beffarda e argut a dei t est i im bast it i da Lloyd Cole e Morrissey erano in qualche modo speculari. Ma, a rischio di far arricciare il naso ai fanatici degli Smiths, dirò che l esordio dei Commotions è, a confront o con quello dei frat elli di Manchest er, una spanna sopra. Uno scart o che divent a ancora più m arcat o se lo si confront a con la prim a versione di Th e Sm it h s, quella prodot t a da Tr oy Ta t e e ancora orfana delle at t enzioni di Joh n Por t e r . C è, t ant o per com inciare, la v oce di Lloyd. Laddove Th e Sm it h s sfoggia un cant at o m onocorde, nasale e annoiat o com e quello di Morrissey arrivando sino al paradossale e irrit ant e falset t o di Pret t y Girls Make Graves e Miserabile Lie, Rattlesnakes sfodera quella arm onicam ent e carezzevole e m odulat a su t onalit à basse e caut am ent e grevi da crooner del signor Cole. Ci sono poi gli arrangiam ent i. Che sono una roba che gli Smiths com inceranno a usare solo da M e a t is M u r de r in poi, lasciando ( volut am ent e?) del t ut t o scarna e asciut t a la m usica dei loro prim i lavori e che invece colorano già la m usica dei Commotions ( che com m et t eranno di lì a breve l errore oppost o eccedendo nella

posa

delle rifinit ure coprendo

quasi del t ut t o il colore nat urale della piet ra, NdLYS) grazie alle part it ure orchest rali di Anne Dudley ( che, forse in pochi lo sanno, fu una delle art efici del proget t o Ar t of N oise , NdLYS) che si adagiano su brani com e la t it le t rack o Patience m a grazie anche all aria cam pest re da root s rock della bellissim a Four Flight s Up t ut t a gonfia di fisarm oniche e di chit arre che suonano com e m andolini ( su un canov accio da m usica rurale che gli Smiths im pareranno a sfrut t are in pezzi come Rusholm e Ruffians, Nowhere Fast , Deat h at One s Elbow abbinandola al vecchio am ore di Marr per Bo D iddle y e il rockabilly anni 50, NdLYS) e im preziosit a da versi t ipo sei arrivat a in cit t à su una scassat a m acchina alla Gr a ce Ke lly/ e t i at t eggiavi com e un am ica di Truman Capote/ sem bravi proprio quella che eri/ perché è quello l unico fascino che hai . Una galleria di personaggi degni del cat alogo di Lou Re e d ( uno dei pochi aut ori am ericani di riferim ent o, assieme a Tom Verlaine, per la scena jangle pop inglese di quegli anni, dai Daintees agli Aztec Camera passando per Ja zz Bu t ch e r , NdLYS) : c è la Louise dalla pelle perfet t a che som iglia a Greta Garbo di Perfect Skin, Julie e Jim a bordo della Speedboat, la Jodie che sembra Eva Marie Saint su Front e del Port o, legge i rom anzi fem m inist i di Sim on e de Ba u voir e ha bisogno di un fucile per difendersi da t ut t i i serpent i a sonagli e t ut t a t he rest of t he crew ( per dirla con le parole di Ronald, l autore di novelle che fa da voce narrante ai personaggi di Speedboat). ML 3 9


musicletter.it

update n. 67

musica: lloyd cole and the commotions Anche dal punt o di v ist a squisit am ent e chit arrist ico, pur senza voler sm inuire il genio di Marr, dobbiam o not are com e Rattlesnakes m ost ri una fluidit Ă e fant asia che ancora m anca ai giov ani Smiths. Se infat t i Marr usa ancora per cost ruire le esili im palcat ure delle sue prim e canzoni pat t ern sem plici e ripet it iv i, N e il Cla r k sfodera giĂ  un am pio vent aglio di crist allini arpeggi byrdsiani di gran classe ( Perfect Skin e Rattlesnakes su t ut t i m a anche Down on Mission St reet e Charlot t e St reet ) e m orbidissim e t ram e acust iche ( Are you ready t o be heart broken? e 2CV) che ne fanno il vero riff m aker della giovane I nghilt erra di quell anno. Una verve t roppo prest o ingrigit a da un m anierism o sem pre piĂš crudele. Un disco che non avrebbe lasciat o eredi. Non dallo stesso padre, perlomeno. Franco Dimauro

ML 40


musicletter.it

update n. 67

musica

ARTIST: PARLIAMENT TITLE:

Osmium

LABEL:

Edsel

plus

RELEASE: 1970 WEBSITE:

www.georgeclinton.com

MLVOTE: 8 ,5/ 10 Un disco della Madonna. Anzi, un disco di George Clinton, il Dio nero dello st oned funky . I nciso nel 1970, quasi in cont em poranea con il secondo album dell alt ra band di Clinton di quegli anni, ovvero i Funkadelic, in realt à Osmium

plus sem bra una cost ola di Funkadelic, il debut t o di

Clint on com e profet a del p- funk, dopo i successi ( e le delusioni) nel m ondo del doo- woop con i Parliament. Osmium

plus è un disco carico di funky spastico, quello che tornerà anni dopo ad

influenzare più cert e indie band ( Moonshine Heat er è un pezzo dove t roviam o i Make- Up e i Lyn n fie ld Pion e e r s con vent icinque anni di ant icipo, ad esem pio, NdLYS) che le cent inaia di crew hip hop che faranno di Clinton il Dio pagano della m usica nera a fianco di Ja m e s Br ow n . Ma è anche un disco parossist ico, caricat urale, che sconfina nella count ry m usic nashv illiana ( Lit t le Ole Count ry Boy sot t olineat a da violini agrest i, pedal st eel e scacciapensieri e dal fam oso coro yodel poi cam pionat o dai D e La Sou l e sfrut t at a com e ret ro per ben quat t ro singoli! ) , nello spiritual ( l invocazione Oh Lord, Why Lord/Prayer che sembra una elegia barocca figlia di Traffic e Pr ocol H a r u m ) e nei cant i folk ( The silent boat m an con t ant o di cornam usa) , in part e figlie della collaborazione con

Ru t h

Cope la n d

che

il

gruppo

ricam bierà

part ecipando

in

t ot o

alla

regist razione del suo Se lf Por t r a it e al successivo I am what I am ( ent ram bi da poco rist am pat i, sempre da Edsel, NdLYS) . Tut t avia non è là che risiede il germ e m alat o della m usica dei Parliam ent , quant o piut t ost o nelle t racce dove l elet t ricit à psichedelica si insinua dent ro le im palcat ure rit m iche di Billy Ba ss N e lson e Tik i Fu lw ood. Sono pezzi com e I call m y baby pussycat, Moonshine Heat er, Not hin bifore m e but t hang, Funky Wom an e nei singoli successiv i Breakdown, Red Hot Mam a e Com e in and out of t he rain, t ut t i qui inclusi assiem e ad alt re t racce sem inali com e Loose Booty e Fantasy is reality. La prima illum inant e esem pio di funk corret t o in chiave rap e la seconda figlia dell ossessione per lo space funky che Clint on subirà lungo il corso di t ut t o il decennio. Osmium

plu s è soul m usic infet t a, m ut ant e e freak, figlia degli eccessi

della cult ura psichedelica e in

qualche m odo sint om at ica delle sm anie progressive che

incom beranno sugli anni Set t ant a. Pruriginoso com e ogni disco di m usica nera m a anche m ult iform e e pazzoide, capace di inghiot t ire bocconi di rock bianco e rum inare qualcosa che non ne è una rilet t ura secondo alt ri canoni, com e in passat o era pure st at o fat t o da Ot is Re ddin g, Ra y Ch a r le s e quant i alt ri si erano t rovat i cost ret t i a dover ost eggiare il crescent e successo della m ont ant e invasione inglese di Stones e Beatles reinterpretandone il cat alogo, m a un blob organico figlio delle crisi rapsodiche e delle doti camaleontiche del suo creatore. Franco Dimauro ML 4 1


musicletter.it

update n. 67

musica: dvd

ARTIST: TALKING HEADS TITLE:

Live in Rome [ DVD]

LABEL:

MC Records | Giucar

RELEASE: 2008 WEBSITE:

www.talking- heads.nl

MLVOTE: 8 / 10 È m ia opinione

condivisibile o m eno; so di t irarm i addosso più di una obiezione m a nel dare

giudizi è im port ant e assum ersi la responsabilit à di quel che si afferm a, e io provo a farlo

che

dell ondat a rivoluzionaria punk & new wave avviat a alla fine degli anni Set t ant a i Ta lk in g H e a ds siano st at i t ra i pochi a lasciare un segno t angibile del loro passaggio ( assiem e Clash, Cure, Sex Pistols, Jam, Television, Devo, Police, Costello, Joy Division, R.E.M ., m a siam o già nel post- punk, olt re ovviam ent e a Pa t t i Sm it h ) e a radicarsi nel t essut o connet t ivo della m usica che cont a. Quando il gruppo guidat o da D a vid Byr n e giungeva a Rom a per un indim ent icabile concert o al Palaeur, il 18 dicem bre del 1980, era da poco st at o pubblicat o il loro quart o album , Re m a in I n Ligh t , prodot t o com e i due che l avevano precedut o dal dem iurgo Br ia n En o; album epocale con il quale davano una decisa v irat a verso un funky m olt o rit m at o alla loro m usica. Solida m usica m et ropolit ana corroborat a da schegge di m usica et nica in un im pareggiabile m ix di suoni e v ibrazioni. Byr n e & Co. ( Tin a W e ym ou t h al basso, Je r r y H a r r ison alle t ast iere, Chris Frantz alla bat t eria) arrivavano quindi in I t alia ( int egrat i per il t our da Adrian Be le w alla chitarra, Busta Jones al

basso,

St e ve n

Sca le s

alle

percussioni,

la

vocalist

Dollette

MacDonald, Be r n ie W or r e ll alle t ast iere) nel m om ent o di m assim o fulgore della loro carriera e non pot evano non lasciare il segno t ra il folt o pubblico corso ad acclam arli. Un groove ipnot ico, il serrat o sost egno della sezione rit m ica, un uso generoso di percussioni, la presenza aut orevole della chit arra di Belew che si concede un paio di assolo da brivido. I l DVD ( non ufficiale, m a regolarm ent e in circolazione) t est im onia solo poco più di un ora delle due di concert o e gli Heads snocciolano una diet ro l alt ra Psycho Killer, St ay Hungry, Cities, I Zim bra, Drugs, la cover di Take Me To The River, Crosseyed And Painless, Life During Wart im e, Houses I n Mot ion, Born Under Punches e The Great Curve. Peccat o per la m ancanza di com plet ezza, m a t ant è. Quello che sfugge alla visione è il vezzo del gruppo di iniziare il set con l int roduzione di pochi st rum ent i per poi, via via, aum ent are gli ingredient i fino a farsi form azione corposa di nove elem ent i. Quest o preclude ai più la m agnifica sensazione di un concert o in crescit a cont inua ed inesorabile offert o alla plat ea dei fort unat i present i. La qualit à non è eccelsa ( così com e il sonoro, appena in Dolby Digit al 2.0 che si va ad aggiungere alla proverbiale pessim a acust ica del Palaeur) m a le im m agini sono più che sufficient i a suscit are i ricordi ( e le buone vibrazioni) in chi quella sera c era e a incuriosire coloro che vogliono farsi un idea del gruppo di Byr n e del quale esist ono pochissim e t est im onianze film at e, la più im port ant e delle quali sarebbe arrivat a solo quat t ro anni dopo, nel 1984, con il film Stop Making Sense filmato da Jonathan Demme. Luigi Lozzi

ML 4 2


musicletter.it

update n. 67

live review

ARTIST: MOTÖRHEAD LOCATION:

Roma, Ippodromo Capannelle

DATE: 15.07.2009 WEBSITE:

www.imotorhead.com

photo by Manuel Fiorelli

Appena due set t im ane prim a di quest o event o avevo vist o un signore di sessant aset t e anni, t al Ron n ie Ja m e s D io, esibirsi t ant o m irabilm ent e da annichilire un t rent enne. Poi, a st ret t o giro, ecco I a n Fr a se r

Le m m y

Kilm ist e r , vera e propria icona a cui, a sessantaquattro anni suonati,

è sufficient e sibilare Good evening

Nice t o be back in Rom a

We are Motörhead and we play

rock n roll per scat enare l inferno! Non so quali siano i loro segreti e me ne dolgo ma pare proprio che l hard rock abbia cont ribuit o a farli invecchiare davvero bene. Non st arò qui a ricordare l im port anza di una band sem inale e il rispet t o con cui quest a è venerat a da generazioni di fan, mi lim it erò a dire che sono bast at e le prim e not e di una feroce I ron fist per m escolare e uniform ar e fasce d et à, st at us e religione di ogni singolo present e; siam o t ut t i giovanot t i schiavi di un solo cult o quando sul palco ci sono i Motörhead. I l calore della rispost a dell audience fa inv idia alla t em perat ura sahariana di quest a m et à di luglio e così t ant o le vecchie St ay Clean e Metropolis quant o la recent e Rock on colpiscono il bersaglio senza fat ica alcuna. Sono sem pre loro, inossidabili, non c è bisogno di fuochi, bom be, laser e pose st ereot ipat e

Volevam o la

strafottenza impertinente di Phil Campbell, il drumming mostruoso di Mikkey Dee e la presenza m agnet ica del loro leader e t ut t o ci è st at o servit o con la st essa grazia di un panzer. La part e cent rale dello show, a eccezione di un paio di est rat t i da An ot h e r Pe r fe ct D ay, è im perniat a sugli ult im i lavori in st udio, con una predilezione per i t em pi solidi e cadenzat i m a ci pensa l accoppiat a Going t o Brazil / Killed by deat h a rispolverare fragorosam ent e la verve più adrenalinica t ipicam ent e m ot orheadiana. Pochi secondi per riprendere fiat o ed ecco che Lemmy, present ando la fine del set pronuncia, digrignando i dent i, le sei let t ere che st avo aspet t ando fin dall inizio, Bomber! Faccio fat ica a descrivere con lucidit à cosa sia successo nei t re m inut i successiv i m a faccia t ranquillam ent e fede l agget t ivo m erav iglioso ! I l set ufficiale t erm ina così in un tripudio di applausi e di braccia alzate di svariate generazioni di rockers ma prima ancora che il clam ore si affievolisca riecco i t re brut t i ceffi sul palco, arm at i di chit arre acust iche. Whorehouse blues è un gradevole sipariet t o che ben prepara il t erreno all im pet uoso avvent o delle due m azzat e conclusive che chiudono un concert o favoloso ( suonat o a un v olum e assassino) con una m icidiale coda all insegna degli st raclassici, Ace of spades e Overkill. È la t erza volt a su t re che quest i im m arcescibili bast ardi m i m andano a casa sfinit o e senza voce e a m e non rest a che ringraziarli per l ennesim a m assiccia, ruvida e intensa celebrazione di rock n roll. Sarà anche il 2009, saranno anche i vecchi e soliti Motörhead ma il mio mondo ha ancora bisogno di loro!!!

Manuel Fiorelli

ML 4 3


musicletter.it

update n. 67

live review

ARTIST: DAVID BYRNE LOCATION:

Roma, Cavea Auditorium

DATE: 2 0 .0 7 .2009 WEBSITE:

www.davidbyrne.com

photo by www.davidbyrne.com

La m usica dei Ta lk in g H e a ds sem bra un condensat o di t ut t i i generi possibili, di t ut t i i colori esist ent i. Uno dei rarissim i esem pi di m usica in grado di essere divert ent e e

int ellet t uale

allo

st esso t em po. Fin t roppo facile riuscire a capire quindi, com e anche in occasione del concert o all'Audit orium di Rom a, il filo condut t ore che ha t enut o in piedi il t ut t o è st at a l ironia. Non a caso lo spet t acolo inizia con Byrne sul palco che scherza con il pubblico at t rav erso una serie di bat t ut e sghem be che aprono la pist a alla m usica, ai suoi accent i e alle coreografie che i t re ballerini eseguono per t radurre in danza la gioia e l ironia della sua art e. La scalet t a propost a ripercorre la collaborazione decennale di Byrne con Br ia n En o. Si part e con St range Overt one, e si prosegue con I Zim bra capolavoro a m et à t ra la World Music e il post - punk. Houses in m ot ion viene propost a com e quint o brano, m a a quest o punt o il pubblico è già conquist at o. L applauso che segue l ult im a not a del brano sem bra infat t i int erm inabile, e si fa fat ica a realizzare che lo spet t acolo è di fat t o appena iniziat o. I brani t rat t i dall ult im o Eve r yt h in g Th a t H appens W ill H a ppe n Today reggono bene il confront o con i classici. Dal v ivo forse addirit t ura m eglio che sul disco, a dim ost razione che la vena creat iva di Byrne non si è ancora esaurit a. Lo spet t acolo si chiude con Byrne richiam at o sul palco per ben quat t ro volt e, con il pubblico dell Audit orium t ut t o in piedi at t orno all enorm e palco ( una st rut t ura inut ilm ent e t roppo spaziosa con alm eno 6 m et ri t ra l art ist a ed il pubblico) a bat t ere le m ani t rasform ando l at m osfera della Cavea in un at m osfera da st adio. La part e finale è dedicat a a brani im m ort ali com e Born under punches, Once in a lifetime, Take m e t o t he river, Burning down t he house e Road t o nowhere. La chiusura è affidat a alla t it le t rack dell ult im o lavoro con Eno. Un brano più int im o e raccolt o, ideale per spegnere le luci sullo splendido spet t acolo, e sulla Cavea che per una sera si è t rasform at a in un piccolo stadio. Gianluca Lamberti

ML 44


musicletter.it

update n. 67

live review

ARTIST: GIORGIO CANALI & ROSSOFUOCO LOCATION:

Brescia, Offlaga

DATE: 01.08 .2009 WEBSITE:

www.myspace.com/giorgiocanali

photo by Nicola Guerra

A Gior gio Ca n a li il superfluo non è m ai int eressat o. Una chit arra elet t rica bast a a spazzar via le voci del passat o, bast a per coprire le lodi del suo ult im o lav oro con i PGR e bast a per present are il nuovo disco dei suoi Rosso Fuoco: Nostra Signora della Dinamite. Un album che, come tutti i dischi del Canali solist a, ha solo la voglia di viaggiare di piazza in piazza e di generare sorrisi amari e tremiti interiori. Le verità applicate al rock n roll, parole che non concedono equivoci e che sono solo rit ornelli di v it a quot idiana. Eccoci, di nuovo, a seguire l agguerrit o m enest rello elet t rico in una splendida cornice arroccat a nel nulla, la cascina della Bariloca a Offlaga, in provincia di Brescia. Un luogo sperdut o e m agico che si anim a con la m usica folk dei Postcard Writer, nuovo progetto di Pierre Ballarin, già voce dei Records. Avvolti dalla luce della luna, le canzoni di Love is Analog deliziano gli ascolt at ori con la loro

sem plicit à; un ot t im a brezza est iva prim a della

t em pest a elet t rica. Difat t i quando Gior gio Ca n a li sale sul palco con i Rosso Fu oco iniziano ad avvertirsi le prime scosse, la gente si posiziona sotto il palco per ricevere gli schiaffi di rumore che t ant o fanno risvegliare le coscienze. Un m uro di suono si alza e dent ro le crepe delle m elodie le parole dell ex CSI fuoriescono com e m ost ri che non vogliono spav ent are m a aizzare cont ro quest o m ondo sem pre più m alat o. E desideroso di poesia. Canzoni dall indole rock che spaziano dal nuovo disco già im parat o a m em oria dai present i ( segnaliam o una int ensa lezioni di poesia) fino ad arriv are ai classici quali Precipito, Quest a è una canzone d am ore, Most ri sot t o il let t o e Alealè che conferm ano lo st at o di grazia dei Rosso Fuoco, che olt re a lezioni di poesia im part iscono lezioni di vibrant e e fragoroso r n r. Tut t o si quiet a, la gent e accorre a bere m et ri di short colorat i e ballare m usica odiosa che nem m eno la chit arra nera di Canali è riuscit a a scacciare. D alt ronde è la st essa st oria dei fant asm i e dei m alcost um i it aliani. Si possono esorcizzare ma mai cancellare. Nicola Guerra

ML 45


musicletter.it

update n. 67

live review

ARTIST: DINOSAUR JR. LOCATION:

Roma, Circolo degli Artisti

DATE: 08.0 9 .2009 WEBSITE:

www.dinosaurjr.com

photo by www.dinosaurjr.com

È st at o bellissim o e appagant e aver assist it o, purt roppo per chi scrive, solt ant o per la prim a volt a allo spet t acolo offert o dai D in osa u r Jr . al Circolo degli Art ist i di Rom a. Non ho seguit o la loro ult ravent ennale produzione ( com presa la sospensione) , m a considero l ult im a opera della band am ericana un vero capolavoro di qualit à che lascia ben sperare anche per il fut uro. Dal vivo il gruppo ha dim ost rat o di avere un ot t im a int esa esalt ando all ennesim a pot enza, olt re che all ennesim o volum e ( erano i volum i più assurdam ent e alt i che io abbia m ai ascolt at o Thurston Moore) , i pezzi suonat i, la m aggior part e da Farm con l aggiunt a di chicche quali Feel t he pain, Out t here e la cover di Just like heaven dei Cure, per un abbondant e ora di ot t im a m usica. Le sonorit à prodot t e da Mascis ( chit arra) , da Barlow ( bassist a, t ra l alt ro, fondat ore dei Sebadoh) e da Murph ( bat t eria) , st im olant i e capaci di com unicare piacevoli sensazioni, rispondono all ent usiasm o degli spet t at ori am piam ent e ripagat i e soddisfat t i. Un disco che non st anca affat t o e che, quindi, consiglio senza cont roindicazioni. I n at t esa di un prossim o concert o, lunga vit a ai Dinosaur Jr.!

Stefano Sezzatini

ML 46


musicletter.it

update n. 67

speciale

S P ECI A LE M O T O W N La più grande etichetta indipendente della storia © 2009 di

Luigi Lozzi Ci sono cit t à degli St at i Unit i nel cui nom e si ident ificano

interi m ovim ent i o corrent i m usicali. Così, se Nashville è

l incont rast at a pat ria della count ry m usic o Chicago quella

del blues urbano e Seattle del grunge, Detroit è da sempre

associat a al classico sound della Mot own, la più grande

etichetta indipendente della storia della musica.

La Mot own, il cui nom e deriva dalla cont razione di Mot or Town, ovvero Det roit , sede della Ford, è dall anno della sua fondazione, il 1959, anche sinonim o della prim a grande ed im port ant e corporazione am ericana com plet am ent e gest it a da gent e di colore. Erano quelli gli anni in cui l evoluzione della m usica Soul coincideva con il processo di int egrazione dei neri avviat o in quel periodo. La sua fondazione si deve alle felici int uizioni di un uom o, Be r r y Gor dy j r . che riuscì a far em ergere l anim a nera della sua cit t à, il Nort hern soul, il soul scat enat o e rurale dei dance floor, m escolat o con il gospel, la coralit à della m usica nera, espressione dell anim a. Un uom o in grado di creare il concet t o di hit single e di invadere le classifiche con olt re 100 Num ber One nell arco di un decennio. Ment re lav orava com e m eccanico nelle officine Ford, Berry si divert iva a scrivere canzoni. Nel 58 scrisse Lonely Teardrops per Ja ck ie W ilson e l anno seguent e You Got What I t Takes, un grande successo per M a r v Joh n son . Quello st esso anno, il 59, Gor dy j r . inaugurò la sua label discografica. Nel 1961 venne pubblicat o il prim o disco che superò un milione di copie vendut e, Money int erpret at a da Ba r r e t St r on g. I l segret o, di quello che venne definit o il sound dell Am erica giovane, consist eva nell abilit à dei produt t ori di rendere il Rhyt hm & Blues gradit o allo st esso t em po sia alle plat ee bianche che a quelle di colore. A Gordy fin fondo int eressava diffondere, divulgare, dist ribuire m usica nera, di qualit à, nel m ondo. A scriv ere canzoni provvedevano anche W illia m Sm ok e y Robin son , N ick Ash for d, Va le r ie Sim pson , N or m a n W h it fie ld, e soprat t ut t o un t rio affiat at issim o com post o dai frat elli Brian ed Eddie Holland e da La m on t D ozie r . I m pressionant e è il num ero di hit sfornat i dal m archio HollandDozier- Holland. D ia n a Ross & Th e Su pr e m e s devono alla loro accat t ivant e vena m elodica buona part e del loro successo. Shop Around, scrit t a da Sm ok e y Robin son e cant at a dallo st esso assiem e al suo gruppo, i Miracles, e Please Mr. Post m an delle Marvelettes, furono alt ri due dischi d oro a breve dist anza l uno dall alt ro. Nel 1964 la Tam la Mot own era div ent at a già un fenom eno di vast e proporzioni e si andava afferm ando com e la più im port ant e etichetta indipendente.

ML 4 7


musicletter.it

update n. 67

speciale motown Quell anno ben dodici canzoni realizzat e com parivano nei post i alt i delle classifiche, e il prest igioso Billboard, non sapendo se et ichet t are quei brani com e Pop o Rhyt hm & Blues, con una decisione significat iva unificò le due classifiche fino a quel m om ent o ben dist int e. La genialit à di Gordy era st at a quella di pescare gli artisti della sua label tra i ragazzi di colore con tanta rabbia in corpo e alt ret t ant a voglia di afferm arsi. La list a dei nom i

è

lunghissim a;

può

bast are

cit are

Mary

W e lls,

i

Temptations, i Miracles, i Fou r Tops, le Su pr e m e s, le Marvelettes, M a r t h a & t h e Va n de lla s, Ju nior W a lze r , i Commodores, Lion e l Rich ie , i Ja ck son Five , Jim m y Ru ffin , i Boys I I M e n , Rick Ja m e s, Joh n n y Gill, Queen La t ifa h , Br ia n M cKin gh t . Ma le punt e di diam ant e della Tam la Mot own sono st at e senza om bra di dubbio Sm ok e y Robin son , Marvin Gaye, Stevie Wonder e Diana Ross che, dopo qualche t em po avrebbe sposat o lo st esso Gordy. Sm ok e y Robin son è st at o colonna fondant e della Mot own, a lui si devono classici del soul com e Going To A Go Go, You ve Really Got A Hold On Me, Shop Around, Mickey's Monkey e la magistrale The Tears Of A Clown. St e vie W on de r , grazie a un m ult iform e t alent o è ancora oggi considerato una delle figure più leggendarie della musica moderna. Il suo esordio nelle classifiche, avvenut o a 13 anni, si colora di leggenda se si pensa che già a 11 little St e vie W on de r era considerat o un piccolo genio ed aveva inciso un album dedicat o al suo grande Maest ro: Ray Charles. Wonder ha cont ribuit o in m odo det erm inant e all afferm azione int ernazionale della Mot own durant e gli anni Sessant a e, assiem e a M a r vin Ga ye , è st at o prot agonist a di una im port ant e svolt a art ist ica all int erno dell et ichet t a agli inizi degli anni Set t ant a. Allora gli album venivano pubblicat i esclusivam ent e per fare da t raino all afferm azione dei singoli o per raccogliere in com pilat ion i m aggiori successi della label. Gaye, grazie alla credibilit à conquist at a negli anni precedent i, fu il prim o art ist a ad ot t enere un cont rollo t ot ale sulla propria m usica ed il prim o a realizzare un concept - album nell am bit o della m usica di colore, offrendo così alla com pagnia nuov i t errit ori di sv iluppo creat ivo. Era il 1971 e il disco si int it olava W h a t s Goin g On ; ancora oggi è considerat o uno dei 5 dischi più im port ant i della m usica m oderna. Gaye era st at o nel corso dei Sessant a l art ist a di m aggior successo della Tam la raggiungendo ripet ut am ent e i Top 10 delle classifiche Usa e proponendosi spesso, in virt ù di una voce sensuale e vellut at a, in duet t i con part ner fem m inili com e M a r y W e lls, Kim Weston e Ta m m i Te r r e ll. Com e singolo, il m aggior successo di M a r vin Ga ye era st at o nel 1968 I Heard I t Through The Grapevine, divenut o un classico della Mot own, int erpret at o anche da Gla dys Kn igh t a n d t h e Pips e ripreso in una splendida versione rock blues dai Cr e e de n ce Cle a r w a t e r Re viva l. Molt i brani prodot t i dalla Tam la sarebbero diventati cavalli di battaglia di più di un artista come Reach Out I ll Be There ( 66) dei Four Tops, My Girl ( 65) dei Temptations, Dancing I n t he St reet ( 64) di M a r t h a & t he Va n de lla s, incomparabile m iscela di R&B, Gospel e Pop, You Keep Me Hanging On e You Can t Hurry Love di Diana Ross & the Supremes e tanti altri ancora. ML 4 8


musicletter.it

update n. 67

speciale motown I Rollin g St on e s, t ant o per cit are un alt ro nom e, hanno incluso nel proprio repert orio più di un brano targat o Mot own ( pensiam o a Going To A Go Go o Just

My

I m m aginat ion). Nel

frat t em po

Stevie

Wonder incideva dischi com e Ta lk in g Book ( 72) , Innervisions ( 73) e Son gs in t h e Ke y of Life ( 76) che ne conferm avano lo st raordinario t alent o e gli perm et t evano di divent are un solido punt o di riferim ent o non solo per gli art ist i neri, m a anche per gran part e dei più im port ant i m usicist i bianchi. D ia n a

Ross con

le

su e

Su pr e m e s è st at a

l indiscussa regina del glam soul agli albori della propria carriera, capace di dare vit alit à, grazie a un t eam di com posit ori im pareggiabili, a brani quali Stop! I n The Nam e Of Love, Where Did Our Love Go, Baby Love, You Can't Hurry Love, Someday We'll Be Toget her, The Happening. I Temptations hanno rappresent at o l essenza del gruppo vocale nel passaggio dalla form a di gospel ad una più m oderna espressione; brani indim ent icabili sono Papa Was A Rolling St one, My Girl, Get Ready, Ball Of Confusion e Just My I m m aginat ion. Sul finire degli anni 60 un alt ra perla veniva inanellat a dal genio di Gordy: la scopert a di cinque fratellini scatenati, i Jackson 5, guidati dal più piccolo e più dotato di essi, Michael, che negli anni 80, com e solist a sarebbe divent at o un assolut o fenom eno com m erciale. Le vicende degli anni 80 hanno segnat o un po il passo rispet t o al decennio d oro dei 60: il lancio di nuov i art ist i ai quali m ancava

l elem ent o

principale che aveva

det erm inat o

il

successo

dell et ichet t a,

cioè

la

spont aneit à, la nascit a di nuove agguerrit e realt à nell am bit o della m usica di colore; t ut t i quest i fat t ori concorsero a det erm inare il declino di quest o prest igioso nom e. Ma il cat alogo assem blat o dalla Motown ha un peso specifico che lo rende pressoché immortale. Per chiunque abbia voglia di com prendere in m odo com piut o la forza e la st raordinaria influenza del sound della Mot own sulla m usica cont em poranea e sulla m usica in quant o prodot t o di consum o per le m asse, pot rà rivolgere la propria at t enzione ad un m agnifico cofanet t o ( M ot ow n Esse n t ia ls) realizzat o dalla Universal Music Group, a prezzo speciale e cont enent e ben 8 CD, set t e dei quali sono com pilat ion dedicat e agli art ist i principali ( Wonde r, Gaye, D ia n a Ross, Sm ok e y Robin son , Fou r Tops, Temptations, Jackson Five) e uno riepilogativo del meglio delle altre stelle della Motown.

ML 49


musicletter.it

update n. 67

speciale

S P ECI A LE T EEN S O U N D R ECO R D S Sei produzioni de ll infa t ica bile e t iche t t a r om a na © 2009 di

Pasquale Boffoli Eccoci

a

parlare

dell infaticabile

e

prolifica

Teen

Records - et ichet t a rom ana di sixt ies, garage e non solo, diret t a da Massim o Del Pozzo - at t raverso sei produzioni uscit e t ra il 2008 e il prim o scorcio del 2009. Buona lettura.

TH E A D AM SYKLES

Ou t Of Th e Cir cle Ga m e (2008) - Alcune

not e di sitar aprono Om, brano iniziale di Ou t Of Th e Cir cle Game,

prim o

album

dei

rom ani

A da m

Sykles,

ult im a

incarnazione di M a ssim o D e l Pozz o, qui in vest e di lead vocal, chit arrist a e com posit ore. L'avvio orient aleggiant e e m edit at ivo è già un ot t im o preludio ai t oni m alinconici e aut unnali che avvolgono un disco che si avvale di preziosi apport i st rum ent ali di diversi collaborat ori ( flut e, violins, cello, horn, harpsichord, dulcim er, t abla drum). L'approccio garage é not evolm ent e st em perat o dalla delicat ezza com posit iva di brani come Feel t he pain ( Roby's song) , Mary Grace's m ind, The big green e lo st rum ent ale Victor's lullaby. La versat ilit à degli A'dam Sykles è poi conferm at a dalla bossa di Sunshine girl, dall'at m osfera folk/ barocca degli alt ri st rum ent ali Daisy e Sugarplum fairy. Le più energiche Yellow day, Rain Child, She lives in m y m ind, con l'organo di D a n ie le On or a t i in bella ev idenza, mostrano invece il lat o piu' vigoroso degli A.S. Quello che colpisce in Ou t Of Th e Cir cle Ga m e è com e le influenze est erne, barrettiane in prim o luogo, siano m et abolizzat e m irabilm ent e originando un sound ricco, ben am algam at o nelle sue diverse com ponent i m a soprat tutto decisam ent e personale: il risult at o sono delle canzoni arm onicam ent e affascinant i, sat ure di splendidi cori e dalla perfet t a t arat ura che a prim o ascolt o colpiscono spirit o e m ent e, a secondo conquist ano sensi e m em oria insinuandovisi con sobriet à ed eleganza, rari di quest i t em pi. THE STRAN GE FLOW ERS - Ae r opla ne s I n Th e Ba ck ya r d (2008) I n una cosa gli St r a n ge Flow e r s, pisani, eccellono nel loro Aeroplanes In The Backyard: scrivere ballate mid- tempo pigre e indolent i,

accat t ivant i

nella

loro

at t it udine

prot o- garage.

Mai

aggressivo il vocalist M ich e le M a r in o ( aut ore di m usica e t est i) sa cat t urare con le sue m ovenze decadent i, m ent re il chit arrist a Nicola Cionini nei suoi interventi misurati colpisce acidamente (Clouds of blonde girls). ML 50


musicletter.it

update n. 67

speciale teen sound records Tut t o l'album si m uove secondo quest e coordinat e, risult ando di volt a in volt a più psichedelico ( Aeroplanes/Yellow of sun) o morbidamente colloquiale (Helen says). Summa di questi elementi la finale Everyone has a spot in the sunshine, quasi sette minuti di splendore lisergico con la chitarra solist a che si libra acida e sfolgorant e a suggellare un album in bilico m agicam ent e t ra t ent azioni hard e oasi psichedeliche. LES PLAYBOYS - Abracadabrantesque (2008) - Cinque maturi giovanotti francesi dediti ad un fuzz garage rock di est razione sixt ies che con quest o secondo lavoro celebrano i 30 anni di vit a m usicale. Hanno preso il m oniker da uno dei piu' grandi successi di Ja cqu e s D u t r on c, t ra i rocker francesi più in vist a negli anni '60. È nel 1976 che t re degli at t uali m em bri dei Les Playboys (F. Albert ini, F. Lej eune, F. Durban) fondano uno dei prim i punk garage act s francesi, Les Dent ist es, m a è dall'ent rat a di Pie r r e

N e gr e

alla chit arra solist a nel 1979

che divent ano una Nugget s/ Pebbles band,

accodandosi in sost anza a Fuzztones, Lyres e Ch e st e r fie ld Kin gs nel revival garage internazionale. Incidono il primo album nel 1985 e attraverso varie vicissitudini giungono a questo Abracadabrantesque che è la celebrazione in una m ezz'oret t a del loro beat - garage ancora freschissim o, m olt o v icino nello spirit o al part y- sound dei sem preverdi am ericani Fleshtones. Brani dai t ipici t it oli capelloneschi come Les jours ou' tout va da travers, Je revendique, Pour qui m e prenez- vous?, Mieux vaut et re seul incarnano paradossalm ent e nel 2009 la colonna sonora ideale di fest e beat in casa di quarant 'anni fa, m a i vocalism i insolent i di Albert ini, il fuzz guitar onnipresent e a sot t olineare riff ingenui e le t ast iere non invadent i non suonano dat at i: sono port at ori sani di una rabbia esist enziale ruspant e e naif, alla N in o Fe r r e r ( Albert ini lo ricorda m olt o nel t im bro vocale! ) , ancora coinvolgent e. Abbiam o a che fare quindi con dei Fleshtones francesi? Decisamente sì, basti ascoltare le grezze Mon obsession, Abracadabra e Qu'est- ce que je peux faire. Animal, lent o e rarefat t o, è l'unico brano a prendere le dist anze dal m ood generale del disco. Let s have a part y wit h t he Playboys! THE JUNE - M a gik Cir cle s ( 2 0 0 9 ) - Anche quest i June

sem brano

in

pieno

sballo

indiano

a

giudicare

dall'introduttiva Barber shop, carica di sitar e bansuri meditativi. Ma è solo l'inizio: da Rolling desperate in giù attraverso Better than you si rivelano un t rio m od robust o dal chit arrism o vitale. Poi in Big black m out h e Sir Eugene Maddox em ergono cori brillant i t ra dur i riff j am st yle. Daisy, con m ellot ron, flut e, t rum pet e chit arre riverberat e li fa cadere in piedi t ra densi arom i Oasis. I t re it aliani, che più anglofili non si può, cont inuano a opporre cant at i m elodici e arm onici a solide st rut t ure st rum ent ali in Get t ing high e Living in t he park. E m ent re in m ent e si alt ernano fant asm i Beatles/ Rain e Byrds/ Notorius, i June affondano i m anici- bist uri nella sopraffina psichedelia pop di Sket ches of sound, Revolver e Makes me feel good. Magic Circles è un rilucent e gioiello a cavallo t ra i '60 e i '70: non chiedet evi ( m i) com e i t re parm ensi siano riuscit i a raggiungere quest o m agico equilibrio in poco m eno di una mezz'oretta. Godetevi Magic Circles in un unico afflato elettrico! ML 5 1


musicletter.it

update n. 67

speciale teen sound records LOS I M M ED I ATOS

Se con d Cha n ce ( 2 0 0 9 ) Gli spagnoli Los

Immediatos giungono al secondo appunt am ent o discografico con la Teen Sound dopo il debut t o su For Monst ers R. del 2007, indirizzat o v erso un fresco power pop. In Se con d Ch a n ce i rit m i rallent ano e i brani, Som et hing's w rong wit h y ou, A crying sham e, Princesa im boccano il sent iero di un pop garage m ai aggressivo, corroborat o dal vox e acet one organ e dalla doppia chit arra di Mazarro e Perez. Eccolo il power pop em ergere, con precise connot azioni spagnoleggiant i, in episodi com e No vuelvas, So sad about m e, sad about us, la cover I Wonder ( Th e Ga n t s). Los I m m e dia t os sanno essere anche delicat i com e in Everybody knows e nel songwrit ing leggiadro di Happy st ory e t ornare graffiant i nell'alt ra cover Ba j o e l sol ( Juan & Junior) . La soffice ballat a Garden paradise, ricca di t ast iere colorat e, conclude un disco dall'approccio garage leggero e gradevole. TONY BORLOTTI E I SUOI FLAUERS

A Che Serve

Pr ot e st a r e ? ( 2 0 0 9 ) - Ent usiasm ant e l'inizio di quest o nuovo lavoro di Ton y Bor lot t i e i suoi Flauers, con E voi e voi e voi, vecchio brano di Ge n e Gu glie lm i, sort a di blues in crescendo sot t olineat o dall'aggressiva ent rat a del farfisa a m et à brano. È un ideale dialogo t ra un alieno e i t errest ri a sot t olineare i fat ali num erosi lat i negat iv i esist enziali di quest i ult im i. A Ch e Se r ve Protestare sfoggia t ut t o l'arm am ent ario beat it aliano sixt ies, sia dal punt o di vist a st rum ent ale ( arm onica, farfisa, chit arre riverberat e/ dist ort e, cori, voce solist a ingenua m a pungent e) che nelle t em at iche: il rapport o con la religione ( Giovane pret e) , la v oglia di libertà ( Viaggio di un provo/ Viva la libert à) , l'am ore (Un giorno ancora/ Gli occhi t uoi) , la prot est a ( A che serve prot est are?) . Azzeccat a la graffiant e cover No no no no dei m it ici Sorrows e lo st rum ent ale beat Bagordo Shake. Da sot t olineare la cant abilit à e l'energia di Viva la libertà (brano di Carlo Pavone) , con la tagliente chit arra solist a di M ick Coppola , Lei se ne v a e l'at m osfera S. Leone/ graffit i

di

A

Ch e

Se r ve

Protestare,

con

t rom ba

e

fisarm onica, sot t ilm ent e ironica, t ut t i brani che negli anni '60 avrebbero pot ut o scalare le classifiche beat . Nost algica e st rum ent alm ent e ricca la finale I l peso delle ore. Un revival it aliano int elligent e, ricco di hum our ed est rem am ent e fresco quello di Tony Borlotti e i suoi Flauers, che finisce con l'essere senza tempo, per tutte le stagioni.

ML 5 2


musicletter.it

update n. 67

framme nti di cinema rimosso: settima parte

BLIND BEAST (La bestia cieca)

Un film di Yasuzo Masamura Regia di Yasuzo Masamura

Daiei 1969 (Giappone)

di Nicola Pice

L'im pero dei sensi di Nagisa Oshim a e, persino,

Ult im o t ango a Parigi di Bernardo Bert olucci

devono m olt o all'opera di Yasuzo Masam ura che con un'ost inazione pari al coraggio cont ribuì a liberare il cinem a nipponico - orm ai degenerat o in clichè barocchi - dal form alism o di m aniera dei grandi aut ori del passat o ( Mizoguchi, Yoshim ura, Ozu) . Form at osi al Cent ro Sperim ent ale di Cinem at ografia di Rom a negli anni '50 e, dunque, in possesso di una più am pia ed europea visione del cinem a, Masum ura divent a il padre spirit uale della giapponese realizzando per cont o della casa di produzione

nuberu bagu Daiei

( nouvelle vague)

una m anciat a di film che

st ravolgono ( con un uso del m ont aggio che im pone un rit m o narrat ivo rapidissim o) la t radizionale sint assi cinem at ografica di un paese che si specchia nel lirism o dei dram m i int im ist i

girat i ad

alt ezza di t at am i - di Ozu e Naruse e che riem pe le sale per guardare i cavallereschi ninkyoeiga o i kaij u- eiga ( film di m ost ri) alla m aniera del Godzilla di I noshiro Honda. L'eros

o per

m eglio dire il suo delirio perverso - è il grim aldello di cui Masum ura si serve per scardinare il perbenism o ipocrit a di un popolo che prat ica la censura sessuale ( gli organi sessuali non vengono m ai m ost rat i esplicit am ent e nei film ) m a che, al cont em po, t ollera la rappresent azione della violenza più efferat a. narrat ivo di

Moj uu , una novella di Edogawa Ram po, fornisce a Masum ura il sost rat o

Blind Beast

( La best ia cieca) . La m essa in scena delle ossessioni sessuali dello

scult ore cieco Michi che con la com plicit à della m adre rapisce la m odella Aki per im prigionarla nel proprio st udio popolat o da gigant esche scult ure di nudi fem m inili divent a una sort a di viaggio psichedelico all'int erno delle oscure pulsioni dell'anim o um ano. La m ut ilazione infert a alla ragazza dall'art ist a ed il suo harakiri successivo ( in un finale che gioca at rocem ent e t ra la brut alit à della m ort e e la sont uosa eleganza della confezione scenica di Mano Shigeo) sono la dim ost razione della dist rut t iv it à int rinsecam ent e um ana. Nel conflit t uale dualism o ( freudiano) t ra Eros e Thanat os, Masam ura indica il prev alere della pulsione di m ort e su quella di vit a: il t ent at iv o, dunque, di ricondurre l'am at o/ a allo st at o inorganico nello sforzo inut ile e disperat o di possederlo( a) com piut am ent e supera la ( nat urale) t ensione alla sopravvivenza dell'individuo e della specie che spinge, al cont rario, gli esseri um ani ad am arsi e ad accoppiarsi. Crollo delle ut opie hippies sull'am ore in

voga negli anni '60,

spiet at a m et afora dell'incom unicabilit à

uom o/ donna, j 'accuse t ot ale sulle m ist ificazioni confuciane d'una societ à perbenist a, difficolt à ( se non persino im possibilit à) dell'art e a ri- definire il senso st esso dell'esist ere: il capolavoro di Masam ura t rit ura i codici cult urali di un popolo ( e d'una int era generazione) con i m eccanism i della pop- art e ci consegna un funereo kabuki post - m oderno in cui s'agit ano m arionet t e infelici destinate al dolore e alla morte. La storia del cinema erotico non sarà più la stessa. ML 5 3


musicletter.it

update n. 67

framme nti di cinema rimosso: settima parte

NEROSUBIANCO

Un film di Tinto Brass Regia di Tinto Brass

Lion Film 1969 (Italia)

di Nicola Pice

I l successo com m erciale riscosso negli anni '80 con

La chiave ( delet erio col senno di poi) e la

recente deriva simil pornografica non t raggano in inganno gli spet t at ori: la querelle sullo spessore aut orale di Tint o Brass è del t ut t o pret est uosa. L'eccezionalit à ( in senso let t erale) delle sue t ravagliat e opere

com prese le cost ose e cont roverse produzioni cinem at ografiche degli anni '70

appare del t ut t o indiscut ibile. Gli esordi rappresent ano, infat t i, un unicuum che lo rendono difficilm ent e cat alogabile nell'am bit o del pur variegat issim o panoram a del cinem a it aliano degli anni '60. A dispetto dell'assoluta padronanza della macchina da presa e dell'eccellente conoscenza delle t ecniche del m ont aggio ( di cui s'occuperà personalm ent e in t ut t i i suoi film ) , Brass sem bra del t ut t o insofferent e alla rigidit à form ale del cinem a colt o - la critica più snob, infatti, storcerà il naso dinnanzi alla sua incoerenza st ilist ica

e alt ret t ant o lont ano dagli st ilem i della com m edia

all'it aliana per un'inclinazione al grot t esco est et icam ent e incom pat ibile con il gust o popolare. I l regist a veneziano ev idenzia, piut t ost o, una verve anarcoide che lo assim ila con t ut t a chiarezza al mondo surrealista che aveva imparato a conoscere negli anni parigini. Una manciata di film quali il bruciant e

Chi lavora è perdut o

e la sat ira feroce del cult

I l disco volant e

tra i

- sono i

prodrom i alla t rilogia londinese di cui nEROSubianco ( la seconda della serie) cost it usce la prov a più inconcludent e e, al cont em po, geniale. L'aut ore m escola abilm ent e Marx e Freud, Buñuel e Burroughs, Richt er e Ducham p, Ant onioni e Godard, il m ovimentismo avanguardista sessantottino con l'erot ism o alla Crepax ( con cui aveva già collaborat o nel precedent e Col cuore in gola ) , gli slogan pubblicit ari con

insert s t elevisivi o docum ent arist ici in un t urbinio di eccessi visivi così

densam ent e sim bolici o alt ret t ant o priv i di senso da collocarsi com e l'esem pio più desacralizzant e e aggressivo della contro- cult ura degli anni a venire. Un gioco di m at rice t ipicam ent e surrealist a il cui int ent o è quello di accost are un flusso vort icoso di im m agini - apparent em ent e inconciliabili per analogia visiva piut t ost o che per logica narrat iva in un'opera di decost ruzione della cinem a

che rafforzi la cent ralit à del

v isibile

sul

significat o

cosa

propriam ent e det t o. Ancorchè

m anifest o program m at ico del brass- pensiero in cui la frenesia con la quale la prot agonist a Barbara/ Anit a Sanders t radisce il m arit o cost it uisce l'espedient e necessario per rinsaldare il rapport o di coppia e che

t ra proibizione borghese ed esalt azione dionisiaca

definisce le

caratteristiche d'una gioiosa ed appagant e libert à sessuale avulsa da ogni cont est o sociale, nEROSubianco assum e i connot at i d'un abnorm e videoclip ant e- lit t eram il cui com pit o principale è quello di rom pere la linearit à art ificiale del cinem a classico

e avvicinarlo ai t errit ori del sogno,

del desiderio, dell'inconscio. Un cinem a che alluda fino ad un cert o punt o all'esperienza diret t a con la realtà e che regali soprattutto emozioni. ML 5 4


musicletter.it

update n. 67

framme nti di cinema rimosso: settima parte

KES

Un film di Kenneth Loach Regia di Kenneth Loach

Woodfall Films | Kestrel Film 1969 (Gran Bretagna)

di Nicola Pice

La ( lunga) st agione t elevisiva di Kennet h ( Ken) Loach fu l'ut ile palest ra in cui affinare uno st ile a metà st rada t ra la finzione e il report age di t ipo docum ent arist ico. Sono gli anni del free cinem a britannico - una delle espressioni cult uralm ent e più significat ive del '900

m a il regist a, dopo i

convincent i debut t i sul grande scherm o di Chat y com e hom e e Poor Cow , epigoni per alcuni aspet t i di quel m ov im ent o glorioso, inizia un percorso est et ico per alt ri v ersi different e. A kest rel for a knave - rom anzo di Barry Hines che collaborerà anche alla st esura della sceneggiat ura con lo st esso Loach ed il suo sodale labourist a Tony Garnet t - fornisce il sogget t o al suo t erzo film : Kes . Lo sguardo con cui Loach segue le v icende di Billy, ragazzino t rist e e silenzioso, vit t im a dell'indifferenza fam iliare,

dell'incapacit à educat iva di un

aut orit ario e arrogant e sist em a

scolast ico e delle v iolent e angherie dei propri com pagni, è at t ent o e di acut a profondit à et ica m a, al cont em po, sinceram ent e part ecipe e di vibrant e lirism o. I l giovane Billy divent a il sim bolo st esso degli

ult im i

che, per l'aut ore, si ident ificano con t ut t i coloro che sono schiacciat i dallo

spiet at o m eccanism o di un sist em a socio- econom ico ( quello capit alist a) che non m ost ra alcuna piet à per i più deboli. Lo scenario descrit t o è di desolant e cupezza:

l'irreversibile crisi

dell'istituzione familiare - in cui ciascun com ponent e è est raneo all'alt ro se non ost ile

fa il paio

con la disgregazione di una scuola che educa all'odio, acuendo i conflit t i int er- personali, m ort ifica l'iniziat iva individuale, spersonalizzando st udent i che, com e se non bast asse, sono soffocat i da un becero e, in alcuni casi, grot t esco ed insensat o aut orit arism o. L'addest ram ent o int elligent e ed am orevole che Billy im part isce al falchet t o Kes, rit rovat o in cam pagna, cost it uisce un surrogat o all'im possibilit à del ragazzo di penet rare la barriera d'ost ilit à di un m ondo insensibile ed indifferent e alla sua richiest a di com prensione um ana e, al cont em po, divent a la m et afora della fuga da una realt à insost enibile e la speranza di un

alt rove

che assum e i colori verdi della

campagna riscat t andolo da una quot idianit à cupa e senza alcuna prospet t iva fut ura che non sia un lavoro in m iniera. La crudele uccisione di Kes ad opera del violent o frat ello di Billy t est im onia il repent ino crollo di qualsiasi sogno e dell'illusione della possibilit à di un cam biam ent o non solo sociale m a anche em ot ivo. La rabbia e la t rist ezza con cui Billy m ost ra la m ano che sorregge il falchet t o m ort o ad una m adre, indifferent e al dolore del figlio e inorridit a alla vist a delle spoglie dell'anim ale, equivale figurat ivam ent e ad una m ichelangiolesca

piet à

laica che crist allizza il

senso dell'opera e che divent a il m anifest o st esso della poet ica di Ken Loach: la rappresent azione delle cont raddizioni e degli squilibri del capit alism o che det erm inano alienazione sociale e disagio psicologico. Da quest o m om ent o in poi la copiosa produzione cinem at ografica dell'aut ore britannico sarà tesa alla dimostrazione di questo principio. ML 5 5


musicletter.it

update n. 67

last updates

FREE DOWNLOAD ON WWW.MUSICLETTER.IT www.musicletter.it

ML FREE DONATION

UPDATE N.67

UPDATE N.66

UPDATE N.65

UPDATE N.64

UPDATE N.63

UPDATE N.62

UPDATE N.61

UPDATE N.60 ML 5 6


musicletter.it

update n. 67

last updates

FREE DOWNLOAD ON WWW.MUSICLETTER.IT

UPDATE N.59

UPDATE N.5 8

UPDATE N.5 7

UPDATE N.5 6

UPDATE N.5 5

UPDATE N.54

UPDATE N.5 3

UPDATE N.52

UPDATE N.51 ML 5 7


musicletter.it

update n. 67

last updates

FREE DOWNLOAD ON WWW.MUSICLETTER.IT

UPDATE N.50

UPDATE N.49

UPDATE N.48

UPDATE N.47

UPDATE N.46

UPDATE N.45

UPDATE N.44

UPDATE N.43

UPDATE N.42 ML 5 8


ML | www.musicletter.it

ML | FREE

www.last.fm/user/musicletter

DONATION

www.musicletter.it

photo by luka

ML - UPDATE N. 67  

Chooses the best

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you