Page 1

. IT La prima non-rivista che sceglie il meglio della musica in circolazione - www.musicletter.it - Anno III - Update N. 58


musicletter.it chi siamo Lu ca D Am br osio Domenico De Gasperis Nicola Guerra Jori Cherubin i Massimo Bernardi Marco Archilletti Manuel Fiorelli Pier Angelo CantĂš Pasquale Boffoli Franco Dimauro Gianluca Lamberti Luigi Farina Luca Mezzone Daniele Briganti Domenico Marcelli

"Che hai fatto in tutti questi anni,

Massimo Imbrosciano Michele Camillò

Noodles?" - "Sono andato a letto

Luca Rea Claudia De Luca

presto."

Fedr a Grillotti Alessandro Busi

C e r a Un a Volt a in Am e r ica di Sergio Leone

Gianfranco Alessi Massimo Megale Antonio Anigello Valerio Granieri Stefano Sciortino Luigi Lozzi

musicletter.it webmaster / progetto grafico Lu ca D Am br osio

musicletter.it informazioni e contatti www.musicletter.it redazione@musicletter.it

musicletter.it copertina update n. 5 8 / 2008 - 10- 2 8 Massimo Zamboni Fratelli Calafuria

photo by

photo by

Chico De Luigi

Lorenzo Semprini ML 0 2


musicletter.it

update n. 58

sommario

Special Interview 0 4 MASSIMO ZAMBONI

by Jori Cherubini

07 FRATELLI CALAFURIA

by Nicola Guerra & Antonio Anigello

Recensioni 10 ELI

PAPERBOY REED & THE TRUE LOVES Roll With You

11 JAMES HUNTER The Hard Way

(2008) by D Am brosio & De Gasperis

( 2008) by Dom enico De Gasper is & Luca D Am brosio

12 MOGWAI The Hawk is Howling

(2008) by Valerio Granieri

1 3 JOHN MELLENCAMP Life, Death, Love & Freedom

(2008) by Luigi Lozzi

1 4 THE LAST SHADOW PUPPETS The Age Of The Understatement 1 5 BUCKCHERRY Black Butterfly

(2008) by Manuel Fiorelli

1 6 THEE SILVER MT. ZION 13 Blues for 13 Moons 1 7 JARBOE + JUSTIN K BROADRICK J2 1 8 MOVIE STAR JUNKIES Melville 1 9 ANATHEMA Hindsight

(2008 ) by Alessandro Busi

(2008) by Antonio Anigello

(2008) by Franco Dimauro

(2008 ) by Valerio Granieri

20 CALEXICO Carried To Dust

(2008 ) by Luca D Am brosio

21 EVERLAST Love, War And The Ghost of Whitey Ford 22 WHITE DENIM Workout Holiday 2 3 TH E RECORD S M on e y s On Fir e

( 2008 ) by Manuel Fiorelli

( 2008 ) by Antonio Anigello ( 2008) by Nicola Guerra

2 4 DELTRON 3030 S.T.

( 2000) by Domenico De Gasperis

2 5 ESTRA Metamorfosi

( 1996) by Marco Archilletti

2 6 GAVIN BRYARS with TOM WAITS

Je su s Blood Never Failed Me Yet ( 1993) by Alessandro Busi

2 7 BOB DYLAN Bootleg Series 1- 3

( 1991) by Stefano Sciortino

2 9 HÜSKER DÜ Candle Apple Grey

(1986) by Franco Dimauro

30 WALL OF VOODOO Call Of The West 32 THE GUN CLUB Miami

(2008) by Nicola Guerra

( 1982) by Franco Dimauro & Stefano Sciortino

( 1982) by Stefano Sciortino

33 CAROLE KING Tapestry / Legacy Edition

( 1971/ 2008) by Luigi Lozzi

Live Review 3 4 REZOPHONIC Sora, Stadio Trecce/Panìco

( 04.10.2008) by Manuel Fiorelli

© ML 2005-2008 BY L UCA D AMBROSI O ML non ha scopi di lucro, il suo unico obiettivo è la diffusione della buona musica www.musicletter.it non contiene informazioni aggiornate con cadenza periodica regolare, non può quindi essere considerato "giornale" o "periodico" ai sensi della legge 62/01. Non esiste un editore e il webmaster non è responsabile di quanto scritto, pubblicato e contenuto nel sito e in ciascun pdf (vedi privacy e note legali su www.muscletter.it)

ML 03


musicletter.it

update n. 58

special interview

MASSIMO ZAMBONI Inermità, tuffi di rondine, chitarre che mugugnano e i CCCP come patrimonio di salute mentale © 2008 di

Jori Cherubini Nat o

art ist icam ent e

negli

anni

80

com e

chit arrist a di quella fant ast ica congrega di punket t oni t eat rali che prendeva il nom e di CCCP, è poi sviluppat o nei C.S.I . fino ad avvenut a rot t ura sul finire del secolo. Dopo il Duem ila pubblica t re libri e due dischi l ult im o dei quali s int it ola

L I nerm e è L I m bat t ibile

( ML n. 54) ed è un bellissim o ascolt are. Massim o Zam boni ci parla di t utto questo e di altro ancora. Buona lettura!

Sia m o in u n e poca m u sica le ca r a t t e r izza t a da l

dow n loa din g

se lva ggio. Com e t i è

venuto in mente di imbastire un cofanetto comprendente cd, libro e dvd? Per una insoddisfazione rispet t o al

prodot t o

cd nudo e crudo che, per quant o valore possa

cont enere, è un cont enit ore svilit o, povero di fascino. Un pensiero com plesso com e

L I nerm e

aveva bisogno per esplicarsi di potere essere espanso in formati differenti.

Pe r ch é l ine r m e è l im ba t t ibile ? Senza che quest o divent i un proclam a accadem ico, m i int eressa m olt o scoprire le ragioni e i m odi dell inerm it à, e le pot enzialit à della forza che cont iene. Che L inerm e sia I m bat t ibile non è una idea m ia, io m i lim it o a osservare e appunt are sensazioni. Quant e volt e nella m ia vit a e nei m iei incontri ho potuto verificarlo!

Le ca nzon i de ll a lbum sono t e n u i e sove n t e qua si su ssu r r a t e . Un oa si di r iposo da l ca os. D ove sono fin it e le ch it a r r e

gr a t t ugia t e ?

Le chit arre grat t ugiat e m ugugnano in cant ina

arriverà il loro m om ent o, m a non ora che t ut t i

sono macchine che strillano e strepitano.

N e l 2 0 0 4 Sorella Sconfitta r a ppr e se n t ò una be lla sor pr e sa nonch é u n n ot e vole a t t e st a t o di vit a lit à da pa r t e t u a . Con

L I n e r m e è L I m ba t t ibile

h a i m e sso m e no ca r n e a l fu oco

cr e a ndo a l con t e m po u n la vor o più pe r sona le , om oge n e o e qu in di r iconoscibile . Concordi? Sì, è vero. È cresciut a una consapevolezza, quella che m i ha port at o anche a cant are in prim a persona, e non ho esit at o a m et t ere

in parcheggio

t ut t e quelle canzoni già pront e che

discordavano dalla linea dell I nerm e. ML 04


musicletter.it

update n. 58

special interview: massimo zamboni

In Cranja e m e r gon o con for za im m a gin a r i r icolloca bili a l N or d Afr ica .

Durante

un in t e r vist a

r ila scia t a a Con t r o Ra dio n e gli a n n i 8 0 dich ia r a vi ch e sa r e bbe st a t o u n t u o sogn o su ona r e da qu e lle

pa r t i.

Ti

a ndr e bbe

ancora? Anni

80! Cert o, m i piacerebbe,

anche se ora sent o con più forza alt ri im m aginari. Più freddi, più solit ari

I l dvd- docu m e n t a r io, in t it ola t o I l Tu ffo de lla Ron din e , t r a sm e t t e u n for t e im pa t t o e m oziona le n e i confr on t i di pe r son e ch e h a n no vist o e vissu t o la gu e r r a su lla pr opr ia pe lle . Cos h a i pr ova t o a visit a r e di n uovo qu e i luogh i, M ost a r , qu e lle pe r son e ? Volevo rivedere quei luoghi da un altro punto di vista, con gli occhi di padre, come si dice nel dvd, e non più con quelli di figlio. I l cam bio di prospet t iva è st raordinario, ed è servit o a com plet are i pensieri precedenti.

Ca m bia m o a r gom e n t o. D a qua lch e m e se la Em i ha a vu t o l ide a in dispe n sa bile di r ipu bblica r e t u t t i gli a lbum de i CCCP, r ipu lit i pe r qua n t o possibile . A dist a nza di 1 9 a n n i da lla ca du t a de l M u r o di Be r lin o, qu indi de lla st or ia de i CCCP, quali sono i ricordi migliori, quelli stampati in cuore? Tut t o part e da quel grum o scarlat t o int it olat o Ort odossia, t ut t o parte da quella Berlino che ho nel cuore. Tut t e le soluzioni sperim ent at e allora m i appart engono ancora oggi, sono il m io patrimonio di salute mentale.

M a ssim o Za m bon i olt r e a e sse r e a u t or e di ca nzon i è a n ch e scr it t or e di t u t t o r ispe t t o. Prima I n

M on golia

in

r e tromarcia ( Giu n t i Edit or e ,

2000) ,

poi Em ilia

pa r a bolica

( Fa n da ngo, 2 0 0 2 ) , e a n cor a I l m io pr im o dopogue r r a ( M onda dor i, 2 0 0 5 ) . Tu t t i libr i molto apprezzati da critica e lettori. Hai in serbo nuovi progetti editoriali? Tant i proget t i, m a scrivere richiede m olt o t em po. Forse adesso è il caso di insist ere sulle canzoni per un po ; anche se t ut t i gli incont ri di Most ar sono il prim o passo per un lavoro sull I nerm it à raccont at a .

ML 05


musicletter.it

update n. 58

special interview: massimo zamboni

D opo la r ot t u r a con i C.S.I ., a vve nu t a su l cr in a le de l se colo scor so, qu a li son o i t u oi r a ppor t i con gli e x , vi se n t it e a ncor a ? No.

Se n on sba glio a bit i a poch i e t t a r i di dist a n za da Giova n n i Lin do Fe r r e t t i. Ca pit a d in con t r a r vi? E, sopr a t t ut t o,

sa r Ă

m ai

possibile

ve de r vi

nuovamente insieme sopra un palco? No, no.

Massimo Zamboni sul web: www.massimozamboni.it www.inerme.it Foto di Chico De Luigi Intervista di Jori Cherubini www.musicletter.it

ML 06


musicletter.it

update n. 58

special interview

FRATELLI CALAFURIA Demenza Cosmica © 2008 di

Nicola Guerra & Antonio Anigello L'int ervist a ai Frat elli Calafuria è st at a pensat a in

una serat a che probabilm ent e non è m ai esist it a.

Dom ande assurde per un gruppo assurdo che st a

let t eralm ent e cont agiando t ut t i. Donne, bam bini,

anim ali e rocker! Perché l'ironia è il segret o per

vivere m eglio. Le rispost e alle nost re dom ande

sono st at e gent ilm ent e offert e da Andrea Volont è,

voce e chitarra del trio.

Pa r t ia m o da lle cose se r ie . Se con do voi Fior e llo se n e in t e n de di m u sica ? One st o o paraculo? Beh, vedi t e: uno che cant ava sì o no , non so se te la ricordi

Com e h a fa t t o il disco a d a r r iva r e a Ra dio 2 ? Ra ccon t a t e ci la vost r a st or ia pe r sona le , di com e vi sie t e conosciu t i ( e n on dit e ci in u n ce n t r o di igie ne m e n t a le ) , di cosa ascoltavate da piccoli e a che cosa giocavate. I l disco è arrivat o a Radio 2 nella m aniera m eno poet ica m a più efficace possibile, e cioè gliel'ha spedit o la nost ra et ichet t a. Per quant o riguarda noi, ci siam o conosciut i al liceo, eravam o t ut t i e t re brut t i capelloni e brufolosi. Da piccoli ascolt avam o i Beat les, l'heavy m et al e il rum ore dei cam ion della m ondezza. E giocavam o a chi ascolt a m eglio il rum ore dei cam ion della m ondezza. Vincevo sempre io.

La de m e n za pa r e e sse r e un m odo pe r sfuggir e a lla r e a lt à , voi ci sie t e o se m plice m e n t e ci fate? Nel senso, la vostra ironia è un modo di essere o di apparire? Guarda, è com plicat o...hai present e il

pessim ism o cosm ico

del Leopardi? Ecco, solo che noi

siamo ancora più sfigat i, ci è venut a fuori la dem enza cosm ica .

ML 07


musicletter.it

update n. 58

special interview: fratelli calafuria

Pa r lia m o di m usica e de l vost r o disco. Sono r im a st o colpit o da lla ca pa cit à di un ir e ir r u e nza e ir on ia . D i solit o si t e nde a su ona r e

in ca zza t i

la n cia n do

m e ssa ggi

di

de n u n cia

o

se m plice m e n t e pe r sfoga r e i pr opr i ist int i. Voi suon a t e con doppia pe r sona lit à ; m u sica r ock e t e st i sca nzona t i, ve r i e ironici. Si può essere dei cazzoni cattivi? È com e passare anni a dipingere un enorm e quadro iperrealista, raffigurant e però, non so, una pant ofola. I l m essaggio è quest o: t i arriva un prodot t o di qualit à m a spogliat o ( nei cont enut i e nel cont est o) della seriosit à e della spocchia tipiche delle produzioni musicali rock/alternative.

Se vi dico ch e il disco m i ha r icor da t o l'ir on ia sfr e na t a de i figli di Za ppa cosa m i dit e ? Vi piacciono? Frank Zappa, grandissimo artista. Dei figli però non so moltissimo, ricordo solo che hanno tutti dei nomi allucinanti. Mi farò un giro sul mulo.

Solo a m e n t i com e le vost r e ( e la st iche e pie n e di spir it o ir on ico, su ppongo io) ve r r e bbe in m e n t e di e se gu ir e da l vivo un a cove r di Jova not t i, Va sco pe r la pr e cision e ! Com e è il vost r o r a ppor t o con la m usica it a lia n a ? Qu a li gr u ppi se gu it e , qu a li a m m ir a t e , con ch i vorreste collaborare e con chi condividereste un anno in miniera? Nonost ant e il nost ro sound sia decisam ent e accost abile a roba d olt reoceano, il fat t o di scrivere in it aliano t i port a per forza a confront art i con le dinam iche 'pizza e m andolino'. La m usica it aliana port a con sé i t ic delle nost re abit udini sociali: una gran voglia di com unicare e una grande approssim azione generale. Per quest o nascono t ant issim i 'casi' in bilico t ra art e pura e t rash più t ot ale. A quel punt o lì poi si va a gust i. I o farei un disco con Mauro Repet t o e una set t im ana in Sulcis con i Negramaro.

En t r a r e in cla ssifica , gr a n de dile m m a ! Possibile fino a che pun t o? N on so qua n t o ve n e im por t i, m a io ho se m pr e pe nsa t o ch e e sse r e con osciu t i m a n t e n e ndo ide n t it à sia un modo per capire quante persone la pensino come voi. Il culo di certo non si dà, ma quali sono le a lch im ie ch e pe r m e t t ono a d u n gr u ppo di e sse r e con osciu t o? For t u n a ? Conoscenze? Dirò un'ovviet à che però st a in piedi: int ernet st a dando la possibilit à, a noi com e a t ant i em ergent i, di far vedere le proprie cart e senza dover per forza sot t ost are a m eccanism i obsolet i che generano m it i com e l'ent rare in classifica, passare in t elevisione, eccet era... t u proponi, con il t uo linguaggio, e passi diret t o all'ut ent e. Poi cert o, anche lì in int ernet orm ai è t ut t o un aum m aaum m a, e la fort una e le conoscenze da che m ondo e m ondo.. m a io credo che un po' di meritocrazia esista ancora, cioè se sei bravo e ti fai il culo, ecco, qualcuno prima o poi ti nota.

ML 08


musicletter.it

update n. 58

special interview: fratelli calafuria

Voi sie t e fa m osi? E con le gr oupie com e ve la cavate? I o personalm ent e sono fam osissim o nel t rat t o che fa la 43 da piazza Firenze fino a Moscova. Sulle groupie non t i rispondo, ho paura delle vendet t e trasversali he- he- he- he

L'alcool st a dom a n de

in izia ndo a fa r e e ffe t t o, e le

ci ve ngono spon t a ne e

disco ci gir a in t e st a

m entre

il

Uachi è acquistabile?

Dopo che un gruppo di fan ( che salut iam o) ha iniziat o a venire ai concert i e lanciarci sul palco delle

pseudo- merendine

Uachi

aut o

cost ruit e,

abbiam o pensat o che fosse fico realizzarle veram ent e. Anzi. Appello: cercasi azienda dolciaria giovane e dinamica, bella presenza. Il jingle ce l'abbiamo già.

Se sso or a le e se sso a na le ! Se m br a che pa r la r ne sia a n cor a t a bù . Sia m o soffoca t i da i m e dia ch e ci vogliono ba cche t t on i m a ci da nn o ist r u zion i sba glia t e , m or a list e e bigot t e . Pe r n oi l'ir on ia è il se gr e t o

d'a ccor do con n oi?

Ma no, io vedo t et t e e culi dappert ut t o in t v, m i ricordo ancora m ia m am m a che girava canale quand'ero piccolo. Orm ai t ant i t abù li abbiam o sdoganat i. Beh com unque, se m e la passi, una roba seria sull'argomento vorrei dirla: viva la f

Com e st a a n da ndo il t ou r ? St a t e già scr ive ndo m a t e r ia le n uovo? Lo so, u n a dom a n da seria, scusate I l t our st a andando alla grande, abbiam o girat o com e dei pazzi quest 'est at e con ot t im i consensi. Adesso st arem o ferm i un m eset t o e m ezzo, aspet t iam o il feedback del nuovo video 'La Nobile Art e', poi si ripart e con l'invernale. Eh, di m at eriale nuovo ce n'è a bizzeffe, e poi c'è t ant a roba che era lì nel casset t o a m at urare e che adesso è pront a per vedere la luce.. in realt à st iam o lavorando sul 'concetto' del prossimo album.. vedremo che verrà fuori..

M e n t r e ci a ccingia m o a sa lu t a r vi e a r ingr a zia vi pe r la vost r a dispon ibilit à , u na ca m e r ie r a ca r in issim a ci por t a a l t a volo l'e n n e sim a bir r a . D e dica t e gli una ca nzone

poi

se a va n za qu a lcosa a n ch e pe r voi vi fa ccia m o u n colpo di t e le fon o Uh beh, per la cam eriera carinissim a, direi qualcosa di super- zarro, però romantico

Like I Love

You di Just in Tim berlake gran pezzo dai che m agari ci scappa un chupit o Fratelli Calafuria sul web: www.fratellicalafuria.com Foto di Lorenzo Semprini Intervista di Nicola Guerra & Antonio Anigello www.musicletter.it ML 09


musicletter.it

update n. 58

recensioni

ARTIST:

ELI

TITLE:

Roll With You

LABEL:

Q Division

PAPERBOY

REED & TH E TRUE LOVES

RELEASE:

2008

WEBSITE:

www.elipaperboyreed.com

MLVOTE:

8 / 10

ARTIST:

JAMES HUNTER

TITLE:

The Hard Way

LABEL:

Hear Music / GO

RELEASE:

2008

WEBSITE:

www.jameshuntermusic.com

MLVOTE:

7,5/ 10

Se consideriam o che senza l incont ro t ra il count ry e il blues non avrem m o avut o il rock n roll e che il pop cont em poraneo sarebbe ben poca cosa se non fosse st at o cont am inat o da cinquant a anni e più di soul music, ci viene da pensare come sia possibile che taluni possano escludere dalla propria

alim ent azione

panorama

cult ural- m usicale quelli che sono i frut t i prodot t i e offert i dall infinit o

gast ronom ico

della m usica afro- am ericana, rifugiandosi ost inat am ent e nel proprio

ort icello a nut rirsi sem pre degli st essi cibi. Part endo proprio da quest o presuppost o che, di comune accordo, abbiamo deciso di scrivere a quattro mani un articolo senza parrocchia, fuori dal coro e lont ano dalle st ret t e logiche di consum o underground . Un unica recensione su due grandi album di m usica nera del 2008 dat i alla luce, m anco a dirlo, da due art ist i dalla pelle bianca: Eli Paperboy Re e d e Ja m e s H u n t e r . I l prim o, am ericano del Massachuset t s, con Roll W it h You realizza un disco al fulm icot one. Con una classicit à da m anuale scrive una bella pagina della grande st oria del ryt hm n blues, di quello vigoroso e im pregnat o di soul- funk, at t ingendo a piene m ani, at t raverso canzoni proprie, dall esperienza di personaggi illust ri com e W ilson Pick e t t , Al Green, Sa m Cook e , Ja m e s Br ow n , Ot is Re dding e M a r vin Ga ye . I brani scorrono via con est rem a facilit à e infondono spensierat ezza e buonum ore, capaci, com e di rado accade, di farci saltellare come degli emeriti imbecilli. Troviamo in Stake Your Claim, Am I Wasting My Time, Take My Love Wit h You, She Walks e I 'll Roll Wit h You, che in qualche passaggio pot rebbe ricordare St and By Me di Be n E. King, gli episodi più rappresent at ivi di un album indubbiam ent e degno di not a. I l secondo, invece, proviene dalla perfida Albione ( ha collaborat o negli anni Novant a con il grande Va n t h e M a n, un alt ro bianco dal cuore nero) e con The H a r d W a y dà alle st am pe il suo quart o lavoro che, a differenza di Roll W it h You , abbassa i t oni dinam ici a favore di un sound apparentemente meno intenso e più vicino al favoloso soul- pop di Sam Cooke. ML 10


musicletter.it recensioni: e li pa pe r boy

Ja m e s H un t e r rispet t o a Eli

update n. 58 r e e d & t h e t r u e love s + j a m e s hu n t e r

Paperboy

Re e d sem bra più legat o agli anni Cinquant a che ai

Sessanta. Lo si può notare ascoltando sia i pezzi più pop e melodici come The Hard Way, Tell Her, Carina e Class Act sia le canzoni più movimentate e rockeggianti quali Don t Do Me Favours, She s Got a Way e Ain t Goin Nowhere. Lavori fuori dal t em po che se non fossero st at i t argat i Q Division e Hear Music/ GO ( et ichet t e a cui va t ut t a la nost ra grat it udine per aver variegat o e m igliorat o l offert a m usicale di quest i giorni pur non proponendo nulla di t rascendent ale e nuovo) li avrem m o facilm ent e confusi com e rist am pe inedit e di casa Mot own e St ax. Dicevam o, quindi: due art ist i dalla pelle bianca m a dall anim a nera. Due album da annoverare t ra le uscit e più interessanti del 2008. Esem pi lam pant i di una perfet t a int egrazione t ra cult ura bianca & cult ura nera e di com e quest ult im a abbia, più d ogni altra, contaminato il rock dandogli incessantemente impulsi e deviazioni sonore di vitale importanza. Domenico De Gasperis & Lu ca D Am br osio

ML 11


musicletter.it

update n. 58

recensioni

ARTIST: MOGWAI TITLE:

The Hawk is Howling

LABEL:

Wall Of Sound

RELEASE: 2008 WEBSITE:

www.mogwai.co.uk

MLVOTE: 8 / 10 Alzino la mano, quelli che scommettevano su una seconda giovinezza di coloro che, nel bene e nel m ale, hanno rappresent at o l incarnazione ult im a del post rock. Sì, quella

cosa lì,

senza

cant ant e , che ha occupat o nello scorso decennio la pagina dei t rend e dei divi per una st agione, nella suprem a caccia ult im a della novit à più cool. E che coolness, l essere senza cant ant e, il rifarsi a dischi oscuri di kraut rock, j azz elet t rico, am bient eccet era! Molt e parole scrit t e, m olt i sul bandwagon, m olt i noi lo facciam o dal prim o dem o , m olt i cadut i nella polvere, int rappolat i dalla circolarit à di un suono che offre sbocchi solo ai m igliori: quelli più capaci di rinnovarsi o, in alt ernat iva, ai più rigorosi, pregni, capaci di asciut t a sint esi delle regole prim e del genere. Così, oggi, esce un nuovo capit olo t argat o Mogwai, che m et t e alle spalle definit ivam ent e un periodo pieno di incert ezze e di dischi che port avano ad alzare le spalle e a chiedersi perché cont inuassero, indefessi, a fare sem pre la st essa cosa . Già lo splendido M r . Be a st , la colonna sonora su Zidane, l ep apripist a con cam eo del m it ico Rok y Er ick son avevano fat t o int uire che la st rada giust a era st at a reim boccat a. Ora, per riafferm are la propria ident it à, com e spesso accade, si deve t ornare indiet ro, si devono riscoprire le proprie radici, le proprie m ot ivazioni più profonde. Eccole, le radici: un disco lungo, int eram ent e st rum ent ale, fat t o di chit arre e pianofort i, t ut t o giocat o su una capacit à orm ai m agist rale di orchest rare e alt ernare vuot i e pieni, minimalismo ed elettricità, quiete e tempesta. Chi non ama può fermarsi qui e passare alla pagina successiva: non c è nient e per lui/ lei. Chi, invece, anela si procuri subit o quest o disco. I l suono delle nuvole , lo chiam ano loro. È un disco grande, quest o, un esercizio di st ile di cavalli di razza, un great est hit s di pezzi inedit i, com e ho let t o da qualche part e. C è, secondo il sot t oscrit t o, qualche lieve influenza di post hardcore alla Isis, nella grana di cem ent o di alcune chit arre, ( Batcat, il finale di I love you, I m going t o blow up your school) , im pressione rafforzat a dalla roboant e esplosivit à e dall oliat a pot enza riscont rat a nella dat a live a cui ho assist it o quest est at e. Ma, inut ile m ent ire, le novit à sono poche. C è il passo lent o e sanguinant e di I m Jim Morrison, I m dead, col pianofort e che gronda dolore, c è la m elodia cant icchiabile di The sun sm ells t oo loud, c è la st raordinaria I love you, I m going t o blow up your school, che conduce t ensione con sapienza, fino a un finale deflagrant e: un dist illat o dell ident it à dei Mogwai, com e forse m ai era riuscit o prim a alla band scozzese. Un dist illat o splendido. Suono delle nuvole , lo chiam ano. Valerio Granieri

ML 12


musicletter.it

update n. 58

recensioni

ARTIST: JOHN MELLENCAMP TITLE:

Life, Death, Love & Freedom

LABEL:

Hear Music / Universal

(CD+DVD)

RELEASE: 2008 WEBSITE:

www.mellencamp.com

MLVOTE: 8 / 10 Dopo essersi oppost o ost inat am ent e per t ut t a la sua carriera allo sfrut t am ent o com m erciale dei suoi brani, John M e lle n ca m p alla fine ha dovut o capit olare e ha concesso Our Count ry, t rat t o dall'album dello scorso anno, Freedom's Road, per lo spot di un truck. Come d'incanto il pezzo è diventato il primo singolo a entrare in classifica da una decina d'anni a questa parte (Billboard Hot 100 al num ero 88) . Ma il nuovo album è fat t o di t ut t alt ra past a e nessun brano ha carat t erist iche per accom pagnarsi alla prom ozione di qual che si voglia prodot t o da vendere. Avet e not at o com e per la seconda volta consecutiva l'artista usi nel titolo di un album la parola "Libertà"? Che non sia forse quest o il segno di un'urgenza espressiva, il senso ( in) espresso di un disagio personale per i cat t ivi presagi all'orizzont e che at t anaglia Mellencamp ( non solo oggi m a già da qualche anno), giunt o all'et à di 56 anni e alle prese con int errogat ivi che vanno olt re i canonici 50 di un disco? Dopo aver ricevut o il benservit o dalla Mercury, dichiarat asi incapace di prom uovere ( più) la sua m usica, e dopo essersi m esso nelle m ani della Sony con risult at i forse anche peggiori, John Mellencamp approda ramingo, quasi fosse un artista alle prime armi, e in una fase assai delicata della sua carriera, alla Hear Music, et ichet t a affiliat a alla cat ena St arbucks. Life D e a t h Love a nd Freedom è il 23- esim o album del rocker che, assiem e al produt t ore T Bon e Bu r n e t t , ha dat o vit a a un lavoro privo di bagliori accecant i, o di riff accat t ivant i sui quali crogiolarsi, espresso in una chiave m inim alist a all'insegna dell'int im ism o m a anche di un palese pessim ism o cosm ico, del t ut t o condivisibile, vist i i t em pi e i disagi vissut i sulla propria pelle. Musicalm ent e, sem brerebbe che Mellencam p abbia indirizzat o le sue at t enzioni sulla t essit ura folk- blues acust ica dei prim i lavori di Bob D yla n , e più indiet ro anche a Woody Gu t hr ie e Robe r t John son; I f I Die Sudden " suona" com e I n My Tim e of Dyin' con la sola differenza che a cant are la seconda era un Dylan giovanissim o, privo di una concret a coscienza del suo essere m ort ale. I t oni si fanno elegiaci e i testi più pregnant i in brani quali Longest Days ( " Life is short , even in it s longest days" ) e " John Cockers" ( " I ain't got no friends" ) . Una collezione di m odern elect ric folk songs t ra le quali John t rova anche il t em po di regalarci una My Sweet Love int erpret at a alla m aniera di Bu ddy H olly o degli Eve r ly Br ot h e r s. Bene, lo crediat e o m eno, con un m ood che di cert o non suonerà allo st esso m odo per t ut t i, quest o è uno dei m igliori dischi di Mellencam p. L'album viene pubblicat o in una vest e innovat iva: è il prim o ad essere propost o in un nuovo form at o denom inat o CODE, ovvero con l inclusione di un DVD che non fa lievit are il prezzo e che ha la prerogat iva di avvalersi di una t ecnologia sviluppat a da T Bon e Bu r n e t t e dal suo t eam di collaborat ori del suono che produce audio in High- Def prat icam ent e indist inguibile, all'ascolt o, dagli originali m ast er t ape. Si t rat t a com è facile com prendere di una t appa im port ant issim a che non ha precedent i nell'era digit ale. I l CODE disc può essere fruit o su qualsiasi let t ore DVD ( apparecchi o drive dei computer) ed è anche com pat ibile con il soft ware di iTunes e iPod. Lo st esso Mellencam p ha com m ent at o: Quando T Bone m i ha fat t o conoscere il CODE ha suscit at o in m e grande int eresse, perché m i ha reso possibile ascoltare la mia musica così come intendevo arrivasse a tutti i fruitori . Luigi Lozzi ML 13


musicletter.it

update n. 58

recensioni

ARTIST: THE LAST SHADOW PUPPETS TITLE:

The Age Of The Understatement

LABEL:

Domino Records

RELEASE: 2008 WEBSITE:

www.myspace.com/thelastshadowpuppets

MLVOTE: 8 / 10 Spesso ci si crogiola nella convinzione che il passat o, specialm ent e quello m usicale, sia perfet t o m ent re il present e sia incapace di regalare em ozioni. Poi arriva dal nulla una canzoncina di due m inut i e poco più, inat t esa com e un t em porale est ivo, inaspet t at a com e un bacio im provviso e avvolgent e com e la brezza che segna la fine di una st agione. St anding Next t o Me è l'ennesim a dim ost razione che il nost ro st upore di front e alla bellezza sorride con got e rosse. I l disco in quest ione si chiam a Th e Age Of Unde r st a t e m e n t e loro sono i La st Sha dow Pu ppe t s, proget t o parallelo di Ale x Tu r ne r ( voce degli Ar ct ic M onk e ys) e M ile s Ka ne ( Th e Ra sca ls) . Si respira aria ant ica già dalla raffinat a copert ina ret rò e soprat t ut t o dalla scelt a azzeccat a di accom pagnare i brani con un orchest ra corposa m a non invadent e ( la London M e t r opolit a n Orchestra) ; t ut t a la grint a adolescenziale delle scim m ie art iche qui divent a per m agia

un

sopraffino bignam i di pop d aut ore, da Scot t W a lk e r a Bu r t Ba ch a rach, passando per Elvis Costello il t ut t o avvolt o in un aurea cinem at ografica, a t rat t i m orriconiana, a t rat t i m alinconica con m om ent i di puro r n r pieno di pat hos. Dalla già cit at a St anding Next t o m e ( brano dell anno per il sot t oscrit t o) alla rom ant ica The Meet ing Place fino alla st ruggent e My Mist akes Were Made for You, t ut t o scorre fino ai t it oli di coda, con la m ia im m aginazione che m i port a su st rade parigine int ent o a degust are vino. Th e Age of t h e Unde r st a t e m e n t cont inuerà a suonare fino a quando non mi fermerà una pattuglia di polizia. Nicola Guerra

ML 14


musicletter.it

update n. 58

recensioni

ARTIST: BUCKCHERRY TITLE:

Black Butterfly

LABEL:

Eleven Seven

RELEASE: 2008 WEBSITE:

www.buckcherry.com

MLVOTE: 7 / 10 Avvert o sem pre un com prensibile t im ore prim a di t est are il nuovo disco di una band che am o part icolarm ent e;

il pericolo t radim ent o/ fregat ura/ delusione alim ent a una fast idiosa ansia e

sem bra quasi assum ere proporzioni preponderant i rispet t o alla curiosit à che poi è alla base di ogni primo ascolt o

Beh, qui non si viaggia sugli st andard a cui i losangeleni Buckcherry mi

hanno abit uat o m a presum o di pot er t irare un sost anziale sospiro di sollievo. Mi basta infatti prem ere

play

e at t endere pochi secondi per cadere nelle grinfie del rit m o vigoroso di Rescue

me, un brano che rispet t a la t radizione della band di aprire ogni lavoro con una buona dose di adrenalina. I l suono c è e la sost anza pure m a il dardo che colpisce sem pre in pieno cent ro il bersaglio è l inconfondibile voce di Josh Todd, t radem ark peculiare del quint et t o e perno fondam ent ale della band insiem e alla chit arra del fido Ke it h N e lson . I l singolo apripist a, Too drunk, ruffiano e orecchiabile, pur rest ando com unque un buon episodio, rivela solt ant o alcuni aspet t i del m ood che pervade l album rest ando com unque un buon num ero, anche se in quest o senso, a m io parere, brani del passat o com e Lit up, Ridin e soprat t ut t o Crazy bit ch avevano anticipat o con ben alt ro spessore l uscit a del disco. Buona part e di quest a

farfalla nera

è

incent rat a sullo sviluppo di robust i m id- t em po, forse anche più che in passat o, anche se ovviam ent e non m ancano le t ipiche im pennat e am fet am iniche ( I m m inent bail out , Fall out )

o i

m om ent i più rilassat i con una Don t go away ( prossim o singolo) in bella evidenza. Sia chiaro, Bla ck Bu t t e r fly non ha il pot enziale esplosivo e selvaggio del debut album del 1999 né t ant om eno l appeal del fort unat issim o 15 ( 2006) , t uttavia, pur senza raggiungerne gli apici, conserva e rinnova la bont à di quegli elem ent i che in sost anza hanno decret at o il successo degli album appena cit at i; lo fa con piglio leggero, non pret enzioso, con t rat t o sem plice, sm aliziat o e t rasandat o quant o bast a, così com e un buon disco di sano rock n roll dovrebbe sempre suonare. Grazie al cielo Todd e compagni sono ancora in sella! Manuel Fiorelli

ML 1 5


musicletter.it

update n. 58

recensioni

ARTIST: THEE SILVER MT. ZION TITLE:

13 Blues for 13 Moons

LABEL:

Constellation

RELEASE: 2008 WEBSITE:

www.tra- la- la- band.com

MLVOTE: 8 / 10 A volt e il caso port a buone cose. Per esem pio, una sera m i capit a di parlare con un am ico che m i dice di aver sent it o l ult im o disco di uno dei m igliori gruppi del m om ent o nell am bit o del post rock: Th e e Silve r M t . Zion . Quest o m io am ico m i dice anche che quest o gruppo, nat o com e cost ola dei Godspe e d You ! Bla ck Em pe r or , è arrivat o, con 1 3 Blu e s for 1 3 M oon s, al quint o disco e che quindi, ormai, è una realtà consolidat a. I o, un po , m i sent o ignorant e a non averli m ai sent it i, così, per colm are la m ia lacuna, gli chiedo se m i prest a il cd. È così che, la sera seguente, sono in cam era e m et t o nello st ereo il disco del set t et t o canadese e un fischio, della durat a di un m inut o per dodici canzoni, m i ent ra nelle orecchie. Poi, però, inizia la pura poesia. One m illion died t o m ake t his sound, brano che affront a il t em a della Guerra in I raq, è t ut t o un crescendo st rum ent ale, accom pagnat o dal ripet ere quasi ossessivo del t it olo, m ent re il pezzo seguent e, sedici m inut i che danno il t it olo al disco, è un vero e proprio album nell album , dove, i m om ent i si alt ernano e l ascolt o è sem pre t enut o t eso e at t ent o. Gli alt ri due brani, poi, Black wat er blowed/ engine broken blues e blindblindblindblind, cont inuano il discorso di prim a, port ando avant i

quell at m osfera

cupa

e

rovinat a,

e

al

cont em po,

m alinconica

e

raffinat a,

che

cont raddist ingue l int ero disco. Quando la musica finisce, rimango ancora un attimo ad ascoltare il silenzio e penso all opera che ho appena sent it o, una di quelle che t i segnano dent ro. Prendo il cd e lo rimetto nella custodia. Guardo la copertina, 1 3 Blu e s for 1 3 M oon s, c è scrit t o. Penso che è un gran disco. Da avere. Magari in vinile. Alessandro Busi

ML 16


musicletter.it

update n. 58

recensioni

ARTIST: JARBOE + JUSTIN K BROADRICK TITLE:

J2

LABEL:

The End Records

RELEASE: 2008 WEBSITE:

www.thelivingjarboe.com

MLVOTE: 7/10 Ho at t eso quest o disco con t repidazione e curiosit à, con la sensazione di ascolt are una versione dark indust rial dei Portishead ma sono st at o ripagat o solo in part e. La cant ant e dei t errorist i sonori anni Ottanta Swans Jarboe, con la sua voce t ra l angelico e il m efist ofelico, non invecchia mai, fedele a se st essa e alla sua st oria m usicale, rinvigorit a da m olt issim e e validissim e collaborazioni con m ost ri sacri del rock alt ernat ivo dei nost ri giorni com e Neurosis e Jesu. Proprio da quest i ult im i nasce l esperim ent o J2 , con il buon vecchio Justin K Broadrick che, dopo una carriera passat a t ra il grindcore dei N a pa lm D e a t h , l indust rial m et al dei Godflesh, l am bient dei Final e, appunt o, Jesu ( m a pot rem m o aggiungerne m olt i alt ri! ) sposa il suo sound inquiet o, freddo e cupo con la punk di New York. I l disco si com pone, olt re che di una copert ina orrenda, di solo sei t racce di una durat a m edia di set t e m inut i e present a m elodie ideali per not t at e insonni, dest abilizzant i sonorit à avvolt e da una colt re fit t a di nebbia e oscurit à. Decay è l ossessione fat t a canzone, im m aginat e l incont ro t ra Ulisse e le sirene in m are apert o, il sussurro incant at ore di Jarboe ne è la degna colonna sonora. Le m usiche di JKB sono le solit e m agnifiche st ilet t at e, con Let go in prim o piano ci sono suoni t rist i m a quiet i che si deform ano lent am ent e con una chitarra quasi in loop che sembra perdersi lontana. Magick girl, della durata di quasi nove m inut i, suona dura, m arziale e più degli alt ri pezzi rispecchia l unione perfet t a t ra i due art ist i m ent re decisam ent e più rilassat a e beat am ent e noiosa è Rom p. Molt o vicina agli Jesu è Tribal limo, la canzone più bella della raccolt a, dove i gorgheggi vocali della nost ra eroina sono accom pagnat i da rit m i sincopat i e at m osfere rarefat t e, la chiusura di J2 è affidat a ai bit alla Techno animal e keyboards anni ottanta di 8mmsweetbitter. Da cavalli di razza come questi due forse ci si pot eva ( o doveva) aspet t are di più m a, nonost ant e quest o, J2 rim ane un buon prodot t o aspet t ando il seguit o di Conqueror. Antonio Anigello

ML 17


musicletter.it

update n. 58

recensioni

ARTIST: MOVIE STAR JUNKIES TITLE:

Melville

LABEL:

Voodoo Rhythmn

RELEASE: 2008 WEBSITE:

www.myspace.com/moviestarjunkies

MLVOTE: 7,5/ 10 Quest anno, alm eno in m usica, il m eglio è t ut t o it aliano. Mojomatics, Re cor d s, Ra y D a yt ona , Lilith hanno m esso fuori dischi che t ut t o il m ondo ci invidia. All om bra dalle grandi m aj or del disco che cont inuano ad invest ire sul m oderno che non t urba , sul cat t ivo m a non t roppo e sull alt ernat ivo che fa t endenza c è t ut t o un serbat oio di m ent i voraci che hanno divorat o i m anuali del rock n roll e ne st anno ora scaricando le feci. La vera giungla sfat t a che può far circolare un po di aria m alsana t ra le deliziose cam eret t e occupat e da collegiali che giocano a fare i m aledet t i con le sponsorizzazioni delle m ult inazionali versat e sui propri cont i corrent i. Tocca ora a quest o sfat t issim o com bo t orinese segnare un alt ra ret e. Azione e conclusione m agist rali, da ant ologia della m oviola: Melville è un disco di punk- blues insalubre, degno del cat alogo di cui fa part e ovvero quello della svizzera Voodoo Rhyt hm Records. Riverberi di Groupies, Bir t h da y Pa r t y, Drones, Cramps, Be a st s of Bour bon, Ch r om e Cr a nk s, Bla ck Lips echeggiano sborrosi in t ut t o il disco. Ci sono anche richiam i a t re band chiave del licant ropism o blues it aliano com e Not Moving, Playground e On e D im e n sion a l M a n . Rubinet t i da cui cola sangue rappreso, com e se sulle nost re t est e qualcuno avesse fat t o a pezzi il corpo dell am ant e, un gorgogliare lim accioso di pant ani infest at i da cavallet t e croccant i com e fiocchi d avena, lat rine fat iscent i dove fum at ori di crack si spart iscono donne e guadagno sput ando il loro cat arroso ast io verso la vit a ( t ut t i viviam o per poi m orire da soli ) : Melville è luogo m alsano per definizione e at t it udine. Nocivo e t raviant e com e un cat alogo della Crypt o le copert ine di La s Ve ga s Gr in d. Dodici originali di spappolat issim o fuzz- punk che vanno a som m arsi ai pezzi cacat i com e singoli negli ult im i due anni e non un brano che sia m eno che indispensabile. Tut t o con un aria m audit e alcolica degna del Gran Teat ro Am aro di Cambuzat m a anche da scalcinat a band di provincia com e gli ult im i Black Lips. Grandiosi. Franco Dimauro

ML 18


musicletter.it

update n. 58

recensioni

ARTIST: ANATHEMA TITLE:

Hindsight

LABEL:

Kscope

RELEASE: 2008 WEBSITE:

www.anathema.ws

MLVOTE: 9 / 10 Ecco l at t o finale della cangiant e m ut azione degli albionici Anathema. Dagli esordi, popolat i di ossianico doom m et al, la crisalide è divenut a una farfalla che sfoggia i t oni di grigio di un suadente ibrido tra Radiohead e Pink Floyd, sempre contraddistinto da quel dolore sordo che ne colorava gli esordi di nero e che ora sem bra aleggiare com e una presenza im palpabile, un fantasma. L uscit a di quest o Hindsight ( che precede di poco il nuovo H orizons, schedulat o per il 2008) avviene a 5 anni dall ult im o, m agnifico, A N a t u r a l D isaster: cinque anni inst abili, alla ricerca di un nuovo deal discografico che la sordit à del m ercat o sem brava negare. La band esorcizza il dolore con una specie di best of acust ico, arricchit o di archi e pianofort e e riferit o, va det t o, solo al secondo periodo della carriera. Un disco, a prim a vist a, " only for fans" e, invece, com plice quest a vest e più aust era, un ot t im o viat ico per ent rare nel m ondo sonoro della band, m ai così delicat o e seducent e, raram ent e così int enso, nudo, fragile. Maest ro di cerim onie è il vocalist Vin ce n t Ca va na gh: com e credere oggi che, agli esordi, egli si occupasse solo della chitarra? I l suo t im bro è, senza m ezzi t erm ini, incredibile, sospeso com 'è sul labile equilibrio t ra disperat a fragilit à e im pet o ruggent e. E poi, va da sé, ci sono le canzoni, queste canzoni, figlie di una scrit t ura lineare, im m ediat a, piena di grazia t im ida, eppure così m aest ose e st ruggent i ( dopo l'abbandono del t alent uoso bassist a D u n ca n Pa t t e r son, prim a negli Antimatter e oggi alla guida degli I on, sono, in m assim a part e, opera di D a nie l Ca va na gh , chit arrist a e frat ello di Vincent). La ruggente Fagile dream s, in apert ura, vede la sua m elodia epica divenire lo st raziant e lament o di un violino; l'im m obilit à inquiet ant e di I nner silence divent a una lit ania ancora più circolare; l'abbandono di One last goodbye perde, con l'elet t ricit à, il suo aspet t o di urlo cont ro il cielo, per divenire un canto di rassegnazione da intonare a luce spenta; A natural disaster sembra l'addio di un angelo abbandonat o; la splendida Angelica è gonfia di dolore e piena di grazia; l'assolut o di " t em porary peace" , un incredibile cant o di disperazione e di am ore com e rifugio spesso sognat o, e raram ent e raggiunt o; l'inedit a " unchained" , che si risolve in un incrocio di arpeggi che rim anda addirit t ura a N ick D r a k e . Diet ro la form a com post a e aust era, nascost o, un cuore. Nero. Valerio Granieri

ML 19


musicletter.it

update n. 58

recensioni

ARTIST: CALEXICO TITLE:

Carried To Dust

LABEL:

Quartesrick Records

RELEASE: 2008 WEBSITE:

www.casadecalexico.com

MLVOTE: 7,5 / 10 Che i Calexico di Joe y Bu r n s & John Con ve r t in o st essero incam m inandosi, forse anche senza rendersene conto, verso una nuova direzione musicale ne avevamo avuto il sentore già con Feast Of Wire del 2003, un album in cui gli ex componenti dei Giant Sand iniziarono a tingere, ad arte e con piccole pennellat e, una t ela sonora appena più policrom a e non più st ret t am ent e legat a a quel suono folk- roots e di front iera a cui ci avevano abit uat i precedent em ent e con Spoke (1997), Th e Bla ck Ligh t ( 1998) e H ot Ra il ( 2000) . Un lavoro - Fe a st Of W ir e - che nel giro di t re anni avrebbe t raghet t at o la band di Tucson ( Arizona) verso un sost anziale cam biam ent o

pop

( Ga r de n Ru in del 2006) . Una t rasform azione che, oltretutto non ci aveva neanche delusi, non solo per l audacia dim ost rat a da Bu r n s & Conve r t ino nel sapersi rim et t ere in gioco m a, in part icolar m odo, per lo spessore delle nuove com posizioni capaci di conservare, nonost ant e un evident e leggerezza m elodica, quel carat t erist ico profum o di tex- mex. Quella st essa fragranza sonora emanata da Ca r r ie d To D u st , ult im a fat ica di Casa Calexico che, pur rispecchiando l im prit ing di Ga r de n Ru in , sem bra t ut t avia rivolgere lo sguardo al passat o pescando, qua e là, guizzi e lam pi di am arcord specialmente da quel Fe a st Of W ir e da cui erano nat e, appunt o, le prim e riflessioni. Ecco, quindi, che ne esce fuori un disco dalla bellezza ibrida dove agli sm alt i iniziali di Vict or Jara's Hands, che vede la part ecipazione di Ja ir o Za va la ( chit arra e voce) e Two Silver Trees con N ick Lu ca alla chit arra elet t rica, fanno eco la st rumentale El Gat illo ( Trigger Revisited), che spilla mariachi e fischiet t at e m orriconiane, e la languida ballat a conclusiva di Cont ent ion Cit y. Con Fractured Air ( Tornado Wat ch) c è anche il t em po di m et t ere insiem e com m ist ioni dub- rock dal sapore spagnoleggiant e alla m aniera dei Clash che, a nost ro avviso, non può che sot t olineare la grandezza dei Calexico nei confront i dei quali nut riam o, alla st regua dei R.E.M, un sopit o e innegabile rom ant icism o. Num erose le collaborazioni: da Pie t a Br ow n e Sa m Be a n ( Iron & W in e ) , che cant ano rispet t ivam ent e in Slowness e House Of Valparaiso, ad Am pa r o Sa n ch e z che, assiem e al t rom bet t ist a Ja cob Va le n zue la , prest a la propria voce in Inspiraciòn, brano che sem bra uscit o diret t am ent e dal proget t o Bu e n a Vist a Socia l Club di Ry Cooder. C è persino la part ecipazione di Vin icio Ca posse la in Polpo, extra- t rack present e nel cd in versione italiana di cui purt roppo non possiam o dirvi nulla avendo acquist at o quella am ericana ( m ade in Canada) . Per i nost algici, invece, possiam o t ranquillam ent e afferm are che i Calexico di Ca r r ie d To D u st , anche se non sono più quelli di Th e Bla ck Ligh t , cont inuano a piacerci lo st esso soprat t ut t o per quella indiscut ibile capacità di fare canzoni in grado, com e il vent o leggero del sud, di portare ancora con sé la polvere del deserto. Lu ca D Am br osio

ML 20


musicletter.it

update n. 58

recensioni

ARTIST: EVERLAST TITLE:

Love, War And The Ghost of Whitey Ford

LABEL:

Martyr Inc.

RELEASE: 2008 WEBSITE: www.martyr- inc.com MLVOTE: 7 / 10 L ex H ou se of Pa in , Er ik Sch r ody t orna a calcare le scene con un album di inedit i a dist anza di quattro anni dal precedente (e discreto) White Trash Beautiful; lo fa in occasione dei venti anni di carriera nel m usic business, con un lavoro che sposa piut t ost o brillant em ent e le t ipiche carat t erist iche del suo st ile con qualche sonorit à inedit a e una produzione m irat a ad evidenziare quest e ult im e. I l ben not o m elt ing pot di hip- hop, blues e rock di m at rice acust ica si concede un rest yling a base di sint et izzat ori, st rum ent i a fiat o e qualche ficcant e chit arra dist ort a, elem ent i quest i non preponderant i m a decisam ent e più in evidenza se paragonat i ai precedent i quat t ro lavori pubblicat i da Mr. Everlast. Il disco, aut oprodot t o e pubblicat o at t raverso la propria etichetta, from

è st at o prom osso e pubblicizzat o via downloading grat uit o del singolo Let t ers hom e

t he garden

Everlast iano

of

st one,

scaricabile diret t am ent e dal sit o web

ufficiale ( un

episodio

al 100% ) nonché da un om aggio al m it o di Joh n ny Ca sh ( Folson prison blues),

con un video che m escola in m aniera non originale m a com unque efficace, im m agini di Whit ey alt ernat e a quelle dello st orico M a n in Bla ck . La voce è sem pre quella; roca, sporca, profonda e inconfondibile, è lei che arricchisce i ritmi sincopati, che regala brividi alle ballate, che caratterizza un sound già di suo piuttosto peculiare e che colora le varie sfaccettature di un lavoro che sembra favorire la form a canzone a discapit o di una t raccia hip- hop decisam ent e diluit a rispet t o al passato. Non sono in grado di stabilire se e quanti nuovi fans possano rimanere stregati da Love, w a r & t h e gh ost of W h it e y Ford m a dubit o fort em ent e che la vecchia guardia arricci il naso di front e a un lavoro che, pur non raggiungendo gli elevat i picchi di W h it e y For d Sin gs t h e Blu e s ( 1998) o Ea t a t W h it e y s ( 2000) , ribadisce com unque la qualit à e la bont à del proget t o Everlast. Onestamente mi aspettavo qualcosa in più ma resto senza dubbio dalla parte del signor Schrody. Manuel Fiorelli

ML 21


musicletter.it

update n. 58

recensioni

ARTIST: WHITE DENIM TITLE:

Workout Holiday

LABEL:

Full time hobby

RELEASE: 2008 WEBSITE:

www.whitedenimmusic.com

MLVOTE: 8 / 10 I W h it e D e n im sono un giovane gruppo provenient e da Aust in ( Texas) all esordio sulla lunga dist anza dopo un paio di EP pubblicat i nel 2007, fort e di una carica adrenalinica cont agiosa e con canzoni sem plici m a piacevolm ent e ascolt abili. I l loro rock prende m olt issim o dai m ost ri sacri degli anni Sessant a e, per cert i versi, sono accost abili a gruppi più at t uali com e W h it e St r ipe s, Bellrays e Bla ck Lips. Let s t alk about it e Shake Shake Shake sono pezzi d im pat t o, allegri e rit m at issim i, il pianofort e di Sitting ci port a nei pressi di Liverpool con caschet t i annessi m entre m olt o bella è la souleggiant e I can t ell you. Le sonorit à ballabili e Rolling Stones st yle di Mess your hair up t engono alt o il livello del disco con in prim o piano una voce nerissim a, passionale e profonda. I ragazzi si lasciano andare anche a qualche sfogo rit m ico più free e a st rut t ure più dilat at e ( Look t hat way at it ) m a è nel garage e il R N R che danno il m eglio di loro, com e nel delirio orgiastico di Darksided computer mouth e nella strumentale WDA. La conclusione è affidata forse alle due canzoni più riuscit e, Don t look t hat way at it ( con quelle chit arre un pochino alla D inosa u r j r ) e IEIEI ( colonna sonora m olt o freak di una sbornia colossale) . Workout holiday in definit iva è un buon album , convincent e e decisam ent e coinvolgent e, m elodie forse un po t roppo vint age m a perché cont inuo a fischiet t arle? Antonio Anigello

ML 22


musicletter.it

update n. 58

recensioni

ARTIST: TH E RECORD S TITLE:

M on e y s On Fir e

LABEL:

Autoprodotto

RELEASE: 2008 WEBSITE:

www.myspace.com/therecordsrocks

MLVOTE: 6,5/ 10 È la solit a st oria. Quando in I t alia c è un gruppo capace di regalare un dischet t o capace di schizzare in cim a alle classifiche, o si t ende a parlarne m ale oppure se ne parla bene però lo si accant ona nella frangia indipendent e che m ai com e oggi avrebbe bisogno di una m ano. Money s On Fire è il debut t o discografico rigorosam ent e aut oprodot t o dei bresciani Th e Re cor d s dopo l EP Joyful Celebration e tutto si può dire ma nulla indurrà a parlarne male. Onestà e riferimenti al rock n roll più giocoso che at t inge dagli anni 50 fino ad arrivare ai giorni nost ri senza perdere lo sm alt o dell innocenza. Garage pop caram ellat o, surf, rock e indie di m at rice st at unit ense con rit ornelli nervosi che si incollano al cervello e inducono le gam be a m uoversi frenet icam ent e, nient e di più, nient e di m eno. Tirare in ballo Strokes, H ive s, Pixies o addirit t ura Be a ch Boys, Kinks e Beatles ( quelli più scanzonat i) è solo un m odo per invogliare all ascolt o. Quando però avret e accant onat o i riferim ent i com unque evident i e vi lasceret e andare scuot endo la t est olina ai beat di Hot Spot , al r n r fest oso di Draft e Girls of My Wet Dream , al rockabilly e al blues di Big Tim e Moaner t ut t o divent erà una fest a. E se sono io, bergam asco, a parlare bene di un disco bresciano, potete stare tranquilli. Niente rivalità, adoma r n r, and we like it !

Nicola Guerra

ML 23


musicletter.it

update n. 58

recensioni

ARTIST: DELTRON 3030 TITLE:

S.T.

LABEL:

75 ARK

RELEASE: 2000 WEBSITE:

www.myspace.com/dantheautomator

MLVOTE: 8,5/ 10 I D e lt r on 3 0 3 0 sono un supergruppo form at o dall Mc Del Tha Fu n k e e H om osa pie n ( rapper californiano con cinque dischi all at t ivo; part icolarm ent e consigliat o è l album d esordio dat at o 1991: I W ish M y Br ot h e r Gor ge W a s H e r e ) , dal Producer D a n Th e Au t om a t or Nakamura ( cit t adino di San Francisco, m usicist a, produt t ore e dj con un apert ura m usicale a 360 gradi) e dal dj Kid Koa la ( Canadese di nascit a m a dagli innegabili t rat t i orient ali com e Nakam ura; dj t ra i più im port ant i e influent i degli ult im i dieci anni e m em bro insiem e agli alt ri due prim a cit at i dei famosissimi Gorillaz). Il progetto musicale Deltron risale all anno 2000 e a t ut t oggi non ha avut o alcun seguit o, descrive con efficace irrisione il m odo di vivere di una m egalopoli del quart o millennio dove le grandi m ult inazionali cost it uiscono cent ri di pot ere assolut o. Una t raslazione di m ille anni che il t rio com pie at t raverso un viaggio ideale per descrivere il futuro e venircelo poi a raccont are at t raverso le favolose e schiet t e rim e di Del Tha Funkee. Un grande film di fant ascienza non può fare a m eno di una superba colonna sonora che possa suggest ionare lo spet t at ore, t ale da rendere verosim ile t ut t o ciò che va olt re l im maginabile. Dan The Aut om at or vi provvede in m odo m agist rale regalandoci un t appet o sonoro t ra i più sont uosi e fant asiosi che m i sia capit at o di ascolt are, coadiuvat o dal t urnt ablist Kid Koa la . Com e non rest are incant at i dalla m aest osa eleganza di 3030, dal funk nevrot rico alt ernat o al refrain pop di Things You Can Do, dalla m art ellant e Posit ive Cont act , dalla favolosa pulsazione rit m ica di Virus e dal gioiello Mastermind dove ci si perde t ra beat secchi, m elodie e ingegnosi scrat ch. Madness e Tim e Keeps On Slipping ci fanno int uire che t ra qualche m ese uscirà il m agnifico esordio dei Gorillaz realizzat o insiem e a D a m on Alba r n ( ospit e insiem e ad alt ri m usicist i in quest o Delt ron 3030) . È un opera che rient ra senza om bra di dubbio nella cat egoria dei concept - album dove la st oria che viene raccont at a può essere vist a com e un film o let t a com e un rom anzo. Musicalm ent e si m uove t ra l hip- hop classico e quello più innovativo, un passo indietro e due avanti. Domenico De Gasperis

ML 24


musicletter.it

update n. 58

recensioni

ARTIST: ESTRA TITLE:

Metamorfosi

LABEL:

CGD

RELEASE: 1996 WEBSITE:

www.giuliocasale.it

MLVOTE: 9 / 10 Giu lio Ca sa le è un uom o dalla cult ura sconfinat a e quest o aspet t o della sua persona non va t rascurat o quando si pensa agli Estra. Ossessionat o da un'um anit à dist ort a e perversa, quella di un t em po m alat o com e il nost ro, lo scrit t ore venet o cant a la disperazione di chi è t roppo int elligent e per non deprim ersi e, allo st esso t em po, di chi è abbast anza fort unat o da non aver dim ent icat o che l'am ore è l'unica cosa che cont a veram ent e. I l suo Nordest è una scusa per andare fino in fondo, per parlare della vit a, per cercare con ost inazione la verit à. I l suo Nordest non è lont ano da quello m icidiale e indim ent icabile di Pr im o Am or e , assurdo capolavoro di Matteo Garrone. Gli Estra mettevano l'inquietudine al centro del discorso musicale, suggerivano im m agini fort i, violenze privat e, psicologiche e fisiche. L'esordio del 1996 è una gem m a vergognosam ent e sot t ovalut at a della nost ra m usica:

il rock dram m at ico ( elet t rico fino a

provocare ust ioni) del quart et t o si m angia a colazione i luoghi com uni del post - grunge it aliano, il cant o diret t o e t eso di Estremo fa dim ent icare in pochi at t im i ogni presunt o eroe del rock da st adio. I giovani non possono specchiarsi in lui perché cert e cose fanno paura, perché cert e ferit e siam o bravi a nasconderle. Eppure quando si è st ufi di t ut t o, quando si fanno le pulci all'art e e ai propri eroi, proprio in quell'ist ant e ci si rende cont o di quant o è bello ciò che rest a. Proprio com e quando si fa il vecchio discorso dell'isola desert a e di ciò che bisogna port arsi diet ro. Gli Estra cam m ina( va) no angosciat i in quell'isola desert a che è il nost ro t em po, colm o fino all'inverosim ile di falsit à e di m ediocrit à. Ogni canzone è una ferit a, ogni frase è la rivelazione ( con parole m igliori) di quello che sappiam o di noi e che t alvolt a rifiut iam o. Quel cam m ino sem bra essersi esaurit o dopo quat t ro album , i prim i t re dei quali rappresent ano al m eglio l'art e di un grande cant ore prest at o ( non a caso) al linguaggio brut ale e al suono viscerale del rock. Com e Garrone, Giu lio Ca sa le è un poet a che non sa essere cinico e che m et t e il cuore e l'inquiet udine al cent ro di un discorso formalmente impeccabile. Marco Archilletti

ML 25


musicletter.it

update n. 58

recensioni

ARTIST: GAVI N BRYARS with TOM W AI TS TITLE:

Je su s Blood N e ve r Fa ile d M e Ye t

LABEL:

Philips

RELEASE: 1993 WEBSITE:

www.gavinbryars.com

MLVOTE: 10/ 10 La leggenda narra che Ga vin Br ya r s, una sera del 1971, st esse girando per le st rade di Londra con un regist rat ore, pront o a cat t urare un po di im m agini per un docum ent ario sulla gent e che viveva nelle zone di Elephant & Cast le e Wat erloo St at ion, per una nuova t rasm issione della BBC. La st essa leggenda prosegue dicendo che, durant e quest a sua passeggiat a not t urna, il com posit ore abbia sent it o e film at o la nenia st anca e la preghiera ubriaca di un barbone. Cosa lui ne abbia fat t o nei vent idue anni t rascorsi fino alla regist razione di Jesus Blood N e ve r Fa ile d M e Yet, è m ist ero, com unque proprio quest a cant ilena dolce e m alinconica è l anim a dei set t ant at re m inut i di poesia m usicale che com pongono il disco. Tut t o inizia con il rum ore del nastro sul quale si im prim ono le parole della preghiera m et ropolit ana. Poi, piano piano, senza nessuna fret t a, m a con quella calm a dosat a di int elligenza e rispet t o, gli st rum ent i ent rano, uno per volt a, fino ad andare a form are una vera e propria orchest ra, che cresce e decresce cont inuam ent e. Nel frat t em po, chi ascolt a si t rova com e incant at o dalla delicat ezza di quest e m usiche, e l ingresso della voce profonda, roca e rot t a di Tom W a it s crea un incant o di front e al quale si calano t ut t e le barriere. La t est a sem bra dondolare al t em po del loop delle parole e l ult im o m inut o di solo violino è un ant icam era necessaria per il rit orno nella realt à. A quest o punt o non rim ane più nulla, se non la voglia di far ripart ire quei set t ant at ré m inut i e ricom inciare a naufragare. Jesus blood never failed m e yet / never failed m e yet / Jesus blood never failed me yet / this one thing I know / that he loves me so. Alessandro Busi

ML 2 6


musicletter.it

update n. 58

recensioni

ARTIST: BOB DYLAN TITLE:

Bootleg Series 1- 3

LABEL:

Sony

RELEASE: 1991 WEBSITE:

www.bobdylan.com

MLVOTE: 9 / 1 0 Fino all'incident e in m ot o del 1966, Bob D yla n è un fium e in piena, inarrest abile, t ravolgent e. La sua carriera, il suo seguit o, la st im a di cui gode sia da part e del pubblico che della crit ica, hanno provocat o un'aspet t at iva t ale nei confront i della sua produzione, che riuscirà a t rovare parziale quiet e solo nel 1969 dopo aver provocat o il big bang di un'indust ria discografica parallela a quella ufficiale, il cui prodot t o, il cosiddetto boot leg , avrebbe rappresent at o negli anni a seguire una sort a di frut t o proibit o: raro ( cost oso) , bello a vedersi e spesso causa di profonda am arezza. I l primo esempio assoluto di bootleg nella storia del rock è rappresentato dallo storico doppio Great W h it e W on de r , un'eterogenea - sia cronologicam ent e che per provenienza - raccolt a di pezzi suonat i da Dylan, per la m aggior part e t rat t i dalle session con la Band di Robbie Robe r t son a Big Pink ( una t enut a nei pressi di NY di propriet à della Band, prossim a a quella di Dylan a Woodstock, dai cui scantinati hanno avuto origine sia il primo album del gruppo, Music From Big Pink, che i cosidet t i Basement Tapes successivam ent e saccheggiat i per dar vit a ad un alt ro fam osissim o om onim o boot leg e parzialm ent e ripropost i nel sem pre om onim o - m a quest a volt a ufficiale - album ) , m a soprat t ut t o di regist razioni realizzat e con m ezzi di fort una nella dim ora della sua com pagna ( probabilm ent e la Girl from t he north country) di allora, a fine 1961, ovvero poche settimane prima di intraprendere il suo viaggio verso New York (Hibbing è una cara vecchia cit t à / I o ne sono fuggit o quando avevo 10, 12, 13, 15, 15 e m ezzo, 17 e 18 anni / Sono st at o riacciuffat o e riport at o a casa t ut t e le volt e m eno una) dove venne rapidam ent e individuat o dal leggendario fiut o di Joh n H a m m on d sr . I l rest o, com e si dice, è st oria. I l m ot ivo di quest o prologo? Nel 1991, sei anni dopo il cost oso cofanet t o Biograph ( prim o - anche in quest o esem pio di box m onografico) , e perciò nell'anno in cui com pie 50 anni, la Sony decide di pubblicare in un'unica confezione i prim i 3 volum i di una nuova collana int it olat a Boot le g Se r ie s, a indicare con ogni probabilit à sia l'int enzione di recuperare una fet t a di quel m ercat o illegale , anche se con 25 anni di rit ardo, che il m ast odont ico e accurat o lavoro di ricerca effet t uat o nel m arasm a di out t ake, dem o, alt ernat e t ake, ecc.. che Bob ha lasciat o lungo il suo allora t rent ennale it inerario. Ne escono, in prim a bat t ut a, 58 regist razioni, alcune della quali dal valore storico assoluto (i Witmark Demos) e comunque in grado di soddisfare la stragrande maggioranza del suo seguit o ( non t roppo vast o in realt à) , grazie alla scelt a, alla qualit à, e alla quant it à del materiale proposto, note e foto comprese.

ML 2 7


musicletter.it

update n. 58

recensioni: bob dylan Un ascolt at ore poco avvezzo alla st ravaganza del personaggio si pot rebbe st upire di t rovare t ra le out t ake un brano com e Blind Willie McTell, un m agnifico pezzo prodot t o m agist ralm ent e da D a n ie l La nois ai t em pi di Oh! M e r cy ( il capolavoro dei '90) e che pot rebbe t ranquillam ent e rappresent are la punt a di diam ant e di un repert orio alt rui, o di scoprirlo t aglient e e sarcast ico perform er nei prim i anni '60 o di ascolt are irriconoscibili alt ernat e t ake di pezzi epocali ( Like a Rolling St one) o m eno ( When t he Night Com es Falling From t he Sky) , ecc

Si può alt resì scoprire

un Dylan ot t im o fingerpicker e alt ret t ant o valido arm onicist a ( Worried Blues, Moonshiner) , un art ist a forse con radici più blues che folk e dot at o di una vena ispirat iva all'apparenza illim it at a. I nfine, dopo 50 anni di carriera si può pure avvalorare la sua inclinazione alla profezia: Look out kid, They keep it all hid ( Fa at t enzione ragazzo, che insabbiano t ut t o, da Subt erranean Hom esick Blues, m ai così at t uale). Ci si t rova in definit iva di front e a un livello m edio e una variet à t ale di pezzi da pot er alim ent are l'ispirazione di alm eno due generazioni di art ist i. Con i t est i delle sue canzoni ha fornit o per m ezzo secolo ( " Elvis ha liberat o i nost ri corpi, Dylan le nost re m ent i" - B. Springsteen) , alla st am pa e alla cosiddetta intellighenzia argom ent azioni e spunt i prat icam ent e infinit i. I nsofferent e alle et ichet t e, alle classificazioni e alle m ode, ha sem plicem ent e seguit o sem pre la sua st rada, ha fat t o la m usica che in quel m om ent o gli si adat t ava m eglio, per cui m ai come nel suo caso si può dire che lui è la musica che suona. Si è trovato ad affrontare, per questo m ot ivo, m om ent i di dram m at ica cont est azione ( Newport '64 su t ut t i, m a non è da m eno la tourneé inglese del '66 segnat a dal grido

Giuda!

lanciat o da una plat ea am areggiat a dalla

presenza della Band al suo fianco, con Bob che decide di rispondere: Sei un bugiardo, non t i credo e urla alla Band Play fuckin loud! prim a di at t accare una st raordinariam ent e int ensa Like a Rolling St one) ed è andat o incredibilm ent e cont rocorrent e ( la conversione al crist ianesim o degli anni

'70) .

Una

vit a

cost ellat a

da

fat t i,

avvenim ent i,

passioni,

incont ri

e

collaborazioni

st raordinarie, com e è st at a la sua carriera anche se a un livello non cost ant em ent e alt o e con un riscont ro com m erciale nem m eno paragonabile a quello di Elvis o dei Beatles. Quando Dylan lascerà quest o m ondo la st essa st am pa che lo ha spesso cont est at o chiuderà il cerchio com 'è d'uso fare, t irerà le som m e, e di front e alla sua m onum ent ale produzione art ist ica forse qualcuno avrà il coraggio di rim angiarsi quello che ha det t o. I o preferisco dirlo ora, in t em pi non sospet t i, m a soprat t ut t o per una sort a di om aggio personale all'art ist a che più di ogni alt ro ho am m irat o: nessuno come lui. Stefano Sciortino

ML 28


musicletter.it

update n. 58

recensioni

ARTIST: HÜSKER DÜ TITLE:

Candle Apple Grey

LABEL:

Warners Bros

RELEASE: 1986 WEBSITE:

www.granthart.com

MLVOTE: 8,5/ 10 Lo risent o oggi Ca n dy Apple Gr e y e m i com m uove ancora com e la prim a volt a. Reduce da un album- monumeto come Zen Arcade e con una storia indipendente di tutto rispetto (per la SST di Greg Ginn, un emblema dell' indie rock americano, NdLYS) il trio di Minneapolis approdava a una m aj or, bat t endo sul t em po i Son ic You t h e cinque anni prim a dei Nirvana. E lo faceva con un disco bellissim o, il m igliore della sua carriera, quello che m eglio sapeva dosare le dot i del t erzet t o e che non sarebbe più stato replicato: il doppio album che avrebbe chiuso la loro carriera soltanto un anno dopo, pur con m om ent i alt issim i, m ost rava Gr a n t H a r t e Bob M ou ld dist ant i, separat i, incapaci di infilarsi l' uno dent ro le canzoni dell' alt ro. I l risult at o sarebbe st at o un disco schizofrenico, sfocat o, sgranat o. Ma qui dent ro, signori, qui dent ro st a t ut t o lo spirit o degli H ü sk e r D ü, la loro capacit à di veicolare il rum ore, di piegarlo al gioco m elodico, di ricat t arlo. L apert ura affidat a a Crystal è un om aggio al loro passat o hardcore, con quel m agm a di chit arre che ribolle pur sfrut t ando t ecniche com plet am ent e avulse da quelle dell' hardcore più canonico: Accordi lasciat i apert i, com e in un disco dei Byrds, a convivere col loro spet t ro: il feedback. Un uragano che t i inghiot t e prim a di t rasport art i lungo alt ri 9 brani at t raverso t ut t i i paesaggi t ipici della geografia degli Hüskers, e che qui finalm ent e brillano di una coesione che alt rove m ai avevano t rovat o, neppure in quella Bibbia che era st at a Ze n Ar ca de , due anni prim a. Non esist e una crepa che possa spingere qualcuno a scardinare il mostro Hüsker Dü qui dentro a parte forse il leggero t orpore che avvolge No prom ise have I m ade e l organo t ronfio di Sorry Som ehow. Da brivido. Franco Dimauro

ML 29


musicletter.it

update n. 58

recensioni

ARTIST: WALL OF VOODOO TITLE:

Call Of The West

LABEL:

I.R.S.

RELEASE: 1982 WEBSITE:

www.wallofvoodoo.net

MLVOTE: 8 / 10 Nel 1977, Joe St r um m e r ci sbrait ò nelle orecchie " The ice age is com ing, t he sun's zoom ing in, engines st op running, t he wheat is growing t hin" e poi " I have no fear" m a nessuno, in fondo, lo prese troppo sul serio e a pensarci bene erano proprio i frenetici accordi di rock'n'roll che uscivano ist erici dalle sue m ani ad allont anare la paura di un'era glaciale, im m obile e - ancora peggio sintetica. I l

suono

dei

Kraftwerk ( im m obili

com e

nessun

alt ro)

e

le

im m agini di Blade

Runner descrivevano un incubo per chiunque avesse perso fiat o, parola e rit m o cardiaco nel vedere Elvis ancheggiare forsennat am ent e sul palco com e un invasat o. Eppure Strummer non aveva preso un abbaglio, m a aveva allo st esso t em po anche ragione a non farsi prendere dal panico perchè sapeva che il rock'n'roll era sem plicem ent e invulnerabile. E con una spiccat a propensione alla m et am orfosi, per giunt a: fagocitò infat t i suoni, st rum ent i, individui, e li riget t ò. Qualcosa di questa informe materia finì sulla frontiera: i Wall of Voodoo. Count ry m usic dell era digitale. Pist oleri con i cappot t i sporchi di polvere di silicio. Belle da schiant are le m usiche dei W a ll of Voodoo, sospese t ra noir e spaghet t i west ern, t ra epiche arie da front iera t exana e inquiet ant i archit et t ure sint et iche. Sint et izzat ori, Hohner m orriconiane, chit arre figlie di Duane Eddy e di Tex Owens e la voce at ipica, nasale di St a n Ridgw a y ovvero il più grande narrat ore di st orie dell epoca new- wave. L unico in grado di raccont art i un int ero rom anzo nel giro di t re m inut i ( i suoi album solist i, Th e Big H e a t in t est a, sono aut ent ici saggi di sceneggiat ure bonsai, NdLYS). Un alchimia perfetta tra futuro e tradizione. Talmente perfetta che durerà lo spazio di due soli dischi, finendo per banalizzarsi una volt a alt erat a la t avola periodica che l aveva generat a ( con l ingresso di An dy Pr ie boy nel ruolo di cowboy lasciat o vacant e da Ridgway). Talmente inviolabile che nessuno, nessuno, avrebbe più osat o m iscelare quelle cazzo di polveri che l avevano generat a. Nessuno avrebbe m ai più suonat o com e i W a ll of Voodoo, sancendone il definit ivo st at o di band- cult o. Seppure i dischi che lo avevano precedut o ( l om onim o Ep del 1980 e il debut t o D a r k Cont in e n t dell anno successivo) gli fossero assolut am ent e equivalent i se non superiori in t erm ini di cont enut i, m i piace sofferm arm i su quest o Ca ll Of The W est perché cont iene quella perla di Mexican radio: uno di quei pezzi che la Apple dovrebbe inserire di default su ogni I pod e senza il quale un isola desert a divent erebbe un luogo banale com e la riviera rom agnola. Un pezzo che un quart o di secolo dopo non ha perso nulla della sua bellezza e del seducente magnetismo di cui è pervaso.

ML 30


musicletter.it

update n. 58

recensioni: wall of voodoo I

prim i istanti sembrano il rigurgit o di un

calcolat ore im pazzit o dal quale la straordinaria

personalit à di St a n Ridgw a y riesce a em ergere per t rasform arli in 4 minuti di im m agini e colori incredibilmente int ensi, sat uri, indelebili, ant icipat i dalla copertina dell'album : un arcobaleno da girone infernale, dall'algido azzurro del fumo, spet t rale, delle percussioni elet t roniche, freddo e rigido testimone delle incolm abili dist anze generazionali, al colore rosso, ipnot ico, asfissiant e, di fuoco, passioni, tramonti desertici, della secca chitarra di Moreland e della strepitosa voce di Stan - unica e bellissim a - incorniciat a nell'indim ent icabile ghigno com e di un novello Clin t Ea st w ood, t roppo scorbut ico per scendere a com prom essi. Coerent e fino all'eccesso finirà per st accarsi da lì a poco dalla congrega di cavalieri dalle lunghe om bre per iniziare la sua solit aria e fiera avventura. Andam ent o ciondolant e e voci capt at e da una radio di confine, Mexican radio è un aut ent ica cavalcat a at t raverso il desert o am ericano. È un cavallo che at t raversa la front iera port andosi addosso la polvere rossa del canyon e l odore del whisky t racannat o dal suo cowboy. Un luogo- non luogo da inserire nel program m a per il World Herit age Fund. Ma non è l unica perla di un disco enorm e. C è la dolcissim a cant ilena cibernet ica di Lost weekend ( am bient at a in una delle locat ion preferit e da Stan per dipingere le sue vignet t e: quella delle aut om obili in fuga) , quel capolavoro assolut o di Factory, paradigm a della t eat ralit à m ut ant e della m usica dei Wov col suo t appet o di arm oniche a bocca e sint et izzat ori e quel parlat o im m obile di Ridgway, oppure il passo m arziale e funereo di They don t want m e o ancora il t ribalism o plast ico che farcisce il sarcasm o di Spy world dove la vocazione per un

glam ourous j ob

segret o si spegne infine con un am m issione grot t esca com e

com e quello dell agent e

I m t ired of wearing t hese

sunglasses det t a t ra I dent i. Look at t heir way e Hands of love sim ulano alt re t essit ure glaciali, farcit e di rum orism i assort it i fino all apot eosi finale della m elodram m at ica Call Of The W est, il m it o della front iera fat t o a pezzi da un irrisolt a frattura int eriore: la corsa all Ovest che divent a una raccolt a di cocci dei propri fant asm i, com e un The W all am bient at o nella st riscia del confine am ericano, t ra coyot e che ululano alla luna, carcasse um ane im piccat e agli alberi di cact us e iene che ridono ad ogni t uo passo; m ost ri m eccanici che cam m inano t ra serpent i a sonagli e m ucchi di ossa bovine. Dio abbia in gloria i Wall of Voodoo e vegli sui loro sepolcri. Stefano Sciortino & Franco Dimauro

ML 31


musicletter.it

update n. 58

recensioni

ARTIST: THE GUN CLUB TITLE:

Miami

LABEL:

Animal Records

RELEASE: 1982 WEBSITE: MLVOTE: 8 / 10 Non t ut t a la generazione che visse il periodo punk alla fine degli anni '70 in m aniera più o m eno diretta si sent ì t ot alm ent e coinvolt a ( è il caso del sot t oscritto), e i motivi molto spesso esulavano lo st ile, il fenom eno dal punt o di vist a esclusivam ent e m usicale, m a erano alle volt e det erm inat i dall' insorm ont abile incom pat ibilit à t ra un cert o t ipo di sensibilit à e la furia iconoclast a e nichilist a che andava spessissim o olt re m isura. Sm orzat asi lent am ent e la prim a pot ent e e sconvolgent e onda d'urt o che il punk aveva provocat o, nei prim i anni Ot t ant a si pot erono però constatare, con maggior calma, alcune sbalordit ive conseguenze, ed è oggi inconfut abile che la grandezza di alcune t ra le opere più folgorant i di quel periodo vada prevalentemente attribuita proprio all'at t it udine punk che i t alent i di allora fecero confluire in m aniera più o m eno coscient e nelle trame dei loro pezzi. Pezzi assolutamente st repit osi, com e Carry home, biglietto da visit a di quest o grandissim o album , prodot t o da Ch r is St e in - il com pagno di D e bbie H a r r y, pure lei present e nei cori con lo pseudonim o D .H . La ur e n ce j r . Un at t acco ( int eso sia com e inizio che assalt o ) deciso, pot ent e, port at o in rapidissim a sequenza dalla personalissim a ( e bellissim a) voce di Je ffr e y Le e Pie r ce ( 1958- 1996), sussultante, bassa e profonda, in grado di proferire ai versi un'inquiet ant e arcana solennit à, seguit a a ruot a dalla m art ellant e bat t eria di Te r r y Gr a h a m e dal veloce riff della chit arra dist ort a di Dotson. Com e down t o t he willow garden wit h m e / Com e go wit h m e / com e go and see. Versi che non si scorderanno più e che oggi suonano decisamente sinist ri. I n m aniera non facilm ent e prevedibile, il DNA di m olt i dei giovani t alent i am ericani di allora, com post o da solide m olecole di count ry, blues e swam p rock riuscì a fondersi splendidam ent e con quelle concit at e del punk, com e em erge da Like calling up t hunder, Brot her and sister, da John Hardy - un t radit ional arrangiat o m agnificam ent e da J.L. Pierce - e soprat t ut t o dalla cover di Run t hrough t he j ungle dei Cree dence. I n A devil in t he woods Je ffr e y Le e m odula in m odo part icolarissim o la sua voce giungendo in alcuni m om ent i a uno st ile prossim o allo j odel ( ! ) . Watermelon m an è un lent o e psichedelico brano, cadenzat o da bonghi e percussioni che sem brano accom pagnare la lit ania di uno sciam ano. Bad indian è un pezzo t irat issim o, scarno, il più vicino al punk anche nel cant at o che indugia di cont inuo nella t erra di nessuno t ra dissonanza e una volut a st onat ura - di t ut t o l album assiem e a Sleeping in blood city che rim balza ossessivam ent e t ra due accordi. La chiusura dell album viene affidat a a The fire of love, un m agnifico pezzo ( curiosam ent e om onim o al prim o album del gruppo, dell anno precedent e) e con Mother of earth una ballata country che è una vera perla, con la steel guitar di M a r k Tom e o che m iagola in sot t ofondo com e un gat t o ( nero, ovviam ent e) in am ore e la voce di Jeffr e y Le e che cant a oscuri versi in un t ono così profondo e grave da convergere con il basso di Bob Rit t e r . I 've gone down t he river of sadness / I 've gone down t he river of pain in t he dark, under t he wires / I hear t hem call m y nam e. Dopo 26 anni, col senno di poi, si può riconoscere che l ent usiasm o di allora non fu det t at o da euforia o t em poranea esalt azione né da eccesso di ormoni: i Gun Club sono stati semplicemente grandi. Stefano Sciortino ML 32


musicletter.it

update n. 58

recensioni

ARTIST: CAROLE KING TITLE:

Tapestry / Legacy Edition

LABEL:

Epic / Legacy / Sony BMG

RELEASE: 1971 / 2008 WEBSITE:

www.caroleking.com

MLVOTE: 10/ 10 Oggi sarebbe davvero inim m aginabile, m a agli inizi degli anni 70 un album com e quello di Carole King ( e com e lei Ja m e s Ta ylor , Sim on & Ga r fu n k e l, Jon i M it ch e ll o Ca t St e ve n s) arrivava drit t o al prim o post o delle classifiche di vendit a e senza che alcuno provasse a t acciarla d aver realizzat o un prodot t o easy list ening . Per circa un decennio, negli anni 60, la cant aut rice aveva form at o con l allora m arit o Ge r r y Goffin un affiat at a e prolifica coppia di aut ori e com post o canzoni pop di successo ( se ne cont ano circa 200) a uso e consum o delle st elle del t em po ( Up On The Roof per i Drifters, The Loco- Motion per Lit t le Eva , Pleasant Valley Sunday per i M on k e e s, One Fine Day per Th e Ch iffon s, giust o per cit arne alcune) , poi, incoraggiat a dall am ico frat erno Ja m e s Ta ylor , decideva di int erpret are lei st essa i suoi brani; prim a un disco per aggiust are il tiro ( Writer) poi nel 71, già t rent enne, il successo st raordinario di Tapestry che non solo ha vendut o 24 m ilioni di copie ( rim anendo in classifica per 302 set t im ane; elet t o assiem e a I t 's Too Late album e singolo dell anno, lei, Carole, Migliore performance vocale fem m inile e You've Got A Friend, hit incom m ensurabile per Taylor, canzone dell anno) m a ha suggerit o un m odello da adottare per schiere di seguaci al fem m inile negli anni successivi. I n realt à Carole aveva inciso già nel 58 un singolo ( The Right Girl) e rispost o alla Oh! Carol a lei dedicat a da un N e il Se da k a innam orat o con Oh! Neil nel 59, m a senza alcun riscont ro di vendit e ( pallido anche il successo di I t Might as Well Rain unt il Sept em ber nell est at e 62) al punt o che, anche per una sua nat urale rit rosia, era t ornat a a com porre diet ro le quint e. Beh, alla resa dei cont i, Tapestry è considerat o unanim em ent e un album sem inale nella cult ura pop- rock e uno st ruggent e m anifest o m usicale della generazione dei Set t ant a, si com pone di una serie di brani st raordinari e vive di m om ent i em ozionali m em orabili, la cui bellezza non è st at a scalfit a dal passare degli anni grazie al calore int im o e raffinat o della voce e dell accom pagnam ent o al pianofort e, e alla sensibilit à delle liriche. Olt re ai pezzi cit at i alt ri gioielli indiscussi sono I Feel t he Eart h Move, dall ot t im ism o naive, la A Nat ural Wom an affidat a ad Ar e t h a Fr a nk lin nel 67, Will You Love Me Tom orrow?, originariam ent e conosciut a nel brioso hit per t eenager delle Shirelles del 61, in cui Carole riesce a t irare fuori t ut t a la m alinconia che il t est o sot t ende. Nel 1987 il disco è st at o inserit o, dopo un sondaggio t ra i crit ici m usicali, al 30° post o nel The Top 100 Rock'n'Roll Album s of All Tim e redat t o da Pa u l Ga m ba ccin i, m ent re Rolling St one l ha collocat o al 36° nella propria classifica appront at a nel 2003. Del t ut t o giust ificat o alla luce di quant o det t o che il disco rit orni in auge nella collana Le ga cy Edit ion che Sony BMG riserva ai classici assolut i della m usica contemporanea. Rim ast erizzat o e arricchit o da un secondo cd con la st essa t racklist originaria m a con i pezzi regist rat i Live t ra il 1973 e il 1976 e inedit i discograficam ent e. Manca solam ent e Where You Lead che la King decise di non int erpret are più dal vivo, poco dopo averla incisa, non rit enendola più at t uale. La bellezza di quest o secondo cd di inedit i ( prodot t i da Lou Adle r ) è soprat t ut t o nella forza che em erge dalle int erpret azioni solo voce e pianofort e che fa apparire queste versione come autentici demo, luminosi per essenzialità. Luigi Lozzi ML 33


musicletter.it

update n. 58

live review

ARTIST: REZOPHONIC LOCATION:

Sora, Stadio Trecce/Panìco

DATE: 04.10.2008 WEBSITE:

www.rezophonic.com Logo REZOPHONIC

Per quant i non ne siano al corrent e è bene spendere due parole per present are il proget t o Rezophonic, il collettivo rock itinerante che supporta la missione di AMREF Italia e il suo proposito di realizzare pozzi d acqua nella regione del Kaj iado, una t ra le più aride superfici dell int ero globo terrestre. Quest a sort a di cant iere apert o t rova linfa vit ale nel cont ribut o di decine di art ist i della scena rock e alt ernat ive tricolore ed è st at o concepit o dal generoso input del bat t erist a Mario Riso, vet erano della scena rock it aliana che, nei m iei ricordi di giovane m et allaro, m i rim anda ai bei t em pi del Monst ers of Rock del 1988 dove si esibì con la sua band di allora, i Roya l Air Force. Purt roppo pioggia e grandine scese in abbondanza nel pom eriggio hanno provocat o un drast ico abbassam ent o delle t em perat ure che ha t enut o lont ano il grande pubblico, lasciando com unque a un paio di cent inaia di coraggiosi l opport unit à di godere di un concert o che in barba alle intemperie, ha scaldato ed entusiasmato. Pronti, via! Le note infuocate di Riso s beat scaldano a dovere l am bient e m et t endo in m ost ra il carism a di un Olly ( Shandon, Th e Fir e ) vocalm ent e in st at o di grazia, così com e ha dim ost rat o anche nella scat enat a Can you ear m e? Tra gli alt ri int ervent i, il chit arrist a dei Bluvertigo Livio M a gn in i ha fat t o le veci di Morgan e cant at o Fuori dal t em po m ent re i Movida si sono esibit i in form azione originale ( con JL Bat t aglion alla chit arra, anche lui ex R.A.F. con Mario Riso) m a le donne? Assent e annunciat a Crist in a Sca bbia e purt roppo defezionaria Eva dei Pr oza c + , il com pit o di int erpret are le part i fem m inili è st at o svolt o alla grande da L Au r a ; al riparo dal freddo grazie a un vist oso cappello fucsia, l art ist a bresciana ha duet t at o brillant em ent e con gli alt ri ospit i e si è rit agliat a un suo spazio aut onom o nel quale ha anche eseguit o al piano la sua Radio st ar che nel 2005 l ha rivelat a alla ribalt a nazionale. E a proposit o di esibizioni voice and piano, è im possibile non cit are la splendida perform ance del m ilanese D ie go M a n cino; la sua Cose che cam biano t ut t o ha cert am ent e rappresent at o uno t ra i m om ent i più ricchi di pat hos dell int era serat a. I l finale ha riservat o applausi e support o a un alt ro grande vecchio della scena hard t ricolore, Pin o Scot t o; inutile negare che m olt i dei present i aspet t avano per cant are a squarciagola con lui Com e noi, un alt ro episodio ben riuscit o di un event o che di negat ivo ha avut o solt ant o un freddo dicem brino e un numero troppo alto di persone che stavolta hanno avuto torto: gli assenti! Manuel Fiorelli

ML 34


musicletter.it

update n. 58

last updates

FREE DOWNLOAD ON WWW.MUSICLETTER.IT www.musicletter.it

ML FREE DONATION

UPDATE N.58

UPDATE N.5 7

UPDATE N.5 6

UPDATE N.5 5

UPDATE N.54

UPDATE N.5 3

UPDATE N.52

UPDATE N.51 ML 3 5


musicletter.it

update n. 58

last updates

FREE DOWNLOAD ON WWW.MUSICLETTER.IT

UPDATE N.50

UPDATE N.49

UPDATE N.48

UPDATE N.47

UPDATE N.46

UPDATE N.45

UPDATE N.44

UPDATE N.43

UPDATE N.42 ML 3 6


www.myspace.com/musicletter

www.musicletter.it

photo by Luca Colucci

www.last.fm/user/musicletter

ML - UPDATE N. 58  

Chooses The Best - www.musicletter.it

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you