Page 1

.IT La prima non-rivista che sceglie il meglio della musica in circolazione - www.musicletter.it - Anno III - Update N. 52

Interviste a Samamidon e The Niro

Samamidon

The Niro

MUSICA AGUA D E AN N I QUE, BAUH AUS, BAUSTELLE, BOOH OOS, D I RTY ACTI ON S, D OM E LA M UERTE AN D TH E D I GGERS H ARD CORE SUPERSTAR, JOE JACKSON , JOH N D OE, PI ETA BROW N , PI CASTRO, PUSCIFER, TH E W ARLOCKS RAY DAYTONA AND THE GOOGOOBOMBOS, HEAVY TRASH AND THE SADIES, TEMPLE OF THE DOG, AFTERHOURS PERRY FARRELL S SATELLI TE PARTY, SLEEPING PEOPLE, SAMAMIDON, CARL CRAIG, SUPREME DICKS. ALTRI PERCORSI: LIBRI PAOLA DE ANGELIS

© ML 2008 - FREE


musicletter.it chi siamo Lu ca D Am br osio Domenico De Gasperis

Don't be shy you learn to fly And see the sun when day is done If only you see Just what you are beneath a star That came to stay one rainy day In autumn for free Yes, be what you'll be.

Nicola Guerra

Nick Drake - Things behind the sun

Pasquale Boffoli

Jori Cherubin i Massimo Bernardi Marco Archilletti Manuel Fiorelli Pier Angelo CantĂš

Franco Dimauro Gianluca Lamberti Luigi Farina Luca Mezzone Daniele Briganti Domenico Marcelli Massimo Imbrosciano Michele Camillò Luca Rea Claudia De Luca Fedr a Grillotti Alessandro Busi Gianfranco Alessi

musicletter.it webmaster / progetto grafico Lu ca D Am br osio

musicletter.it informazioni e contatti www.musicletter.it redazione@musicletter.it

musicletter.it copertina update n. 5 2 / 2008 - 0 2 - 2 9 Samamidon photo by Shana Novak The Niro photo by A. Massari e Glamour Pics photo by Luca Colucci ML 2


musicletter.it

update n. 52

sommario

Special Interview 4 SAMAMIDON by Luca D Am brosio 7 THE NIRO by Gianluca Lamberti Recensioni 13 SAMAMIDON All is Well (2008) by Luca D Am brosio 1 4 BAUSTELLE Amen ( 2008 ) by Jori Cherubini 1 5 JOE JACKSON Rain ( 2008 ) by Pasquale Boffoli 1 6 BAUHAUS Go Away White ( 2008) by Franco Dimauro 1 7 PIETA BROWN Remember The Sun (2007) by Massimo Bernardi 1 8 AGUA DE ANNIQUE Air (2007 ) by Manuel Fiorelli 1 9 JOHN DOE A Year In The Wilderness (2007) by Massimo Bernardi 20 THE WARLOCKS Heavy Deavy Skull Lover (2007) by Nicola Guerra 2 1 PICASTRO Whore Luck (2007) by Alessandro Busi 2 2 PERRY FARRELL S SATELLI TE PARTY Ultra Payloaded (2007) by Manuel Fiorelli 2 3 SLEEPING PEOPLE Growing ( 2007) by Massimo Bernardi 2 4 RAY DAYTONA AND THE GOOGOOBOMBOS One Eyed Jack (2007) by Franco Dimauro 2 5 PUSCIFER V is for Vagina ( 2007) by Gianluca Lamberti 2 6 DOME LA MUERTE AND THE DIGGERS S.T. ( 2007 ) by Pasquale Boffoli 2 7 DIRTY ACTIONS 21 Dirty RMXs (2007) by Nicola Guerra 2 8 CARL CRAIG More Songs about Food and Revolutionary Art ( 1997) by Domenico De Gasperis 2 9 AFTERHOURS Quello Che Non C è ( 1992) by Marco Archilletti 30 TEMPLE OF THE DOG S.T. ( 1991) by Alessandro Busi 3 1 BOOHOOS Moonshiner ( 1987) by Franco Dimauro Live Review 3 2 HARDCORE SUPERSTAR Roma, Stazione Birra ( 1 1 .1 2 .2007) by Manuel Fiorelli 3 3 HEAVY TRASH AND THE SADIES Roma, Init ( 02.02.2008 ) by Fedra Grillotti Monografie 3 4 SUPREME DICKS by Pier Angelo Cantù Altri Percorsi / Libri 3 6 PAOLA DE ANGELIS Journey To The Sta r s - I testi di Nick Drake (2007) by Pasquale Boffoli Altri Percorsi / Operetta 3 7 BREVE STORI A D ELL OPERETTA by Gianfranco Alessi

© ML 2005-2008 BY L UCA D AMBROSI O ML non ha scopi di lucro, il suo unico obiettivo è la diffusione della buona musica www.musicletter.it non contiene informazioni aggiornate con cadenza periodica regolare, non può quindi essere considerato "giornale" o "periodico" ai sensi della legge 62/01. Non esiste un editore e il webmaster non è responsabile di quanto scritto, pubblicato e contenuto nel sito e in ciascun pdf (vedi privacy e note legali su www.muscletter.it)

ML 3


musicletter.it

update n. 52

special interview

SAMAMIDON Intervista © 2008 di

Luca D Am br osio

Musicist a, cant ant e, disegnatore, videomaker e persino at t ore in Am erican Wake di Maureen Foley, Sam Am idon ( originario del Vermont) è senza dubbio uno dei personaggi più int eressant i e geniali che la scena indiefolk abbia pot ut o part orire in quest i ult im i anni. Scopert o per caso, grazie alla solit a e infinit a m agnanim it à elargit a da int ernet , il giovane am ericano realizza il suo secondo lavoro a nom e Sam am idon. Uscito ufficialm ent e a febbraio 2008 per la Bedroom Com m unit y, All is Well è una incant evole raccolt a di brani est rapolat i dalla t radizione a st elle e st risce. La dim ost razione che, a volt e, essere figli d art e e ricevere delle buone educazioni m usicali ( vedi il proget t o The Amidons dei genit ori di Sam ) possono aiut are

Pr im a di a r r iva r e a lla r e a lizza zion e di qu e st o se con do a lbu m a n om e Sa m a m idon , h o le t t o ch e h a i a vu t o dive r se colla bor a zioni e pr oge t t i. I l t u o pe r cor so di m u sicist a e son gw r it e r è in izia t o a bba st a n za pr e st o Cant avo coi m iei genit ori sin da bam bino, sono m usicist i folk

m a più che alt ro suonavo il

violino, non ho mai veramente cantato prima di arrivare a New York. Ho suonato una tonnellata di brani irlandesi al v iolino m a ascolt avo free j azz e alt re cose in quel periodo. Col m io am ico Gabe pensavam o che il free j azz e il vecchio folk erano sim ili perché erano suonat i ent ram bi da gent e che non av eva alcuna idea di com e si suonasse la m usica! Ascolt av am o i rum ori dissonant i provocat i da violini e banj o nella m usica popolare e i pazzi rum ori al sax di Albert Ayler e pensavam o fosse un gioco, uno scherzo. Quella era la nost ra opinione all epoca, eravam o dent ro quei generi di m usica perché pensavam o fosse m olt o div ert ent e, qualcosa per ridere. Quindi ascolt avam o sem pre più m usica di quel t ipo e col t em po abbiam o realizzat o che quei m usicist i erano grandi. Penso che se si t rova divert ent e un t ipo di m usica quest o è un prim o passo legittimo per essere apprezzati, credo che sia una cosa provocata dallo sconforto.

I n pa ssa t o h a i a vu t o a n ch e u n r u olo di a t t or e ( Am e r ica n W a k e di M a u r e e n Fole y) . Anche tu, allo stesso modo di Will Oldham, hai preferito percorrere le strade secondarie e intimiste di certa musica indipendente, lontano dalle luci della ribalta? Non penso m olt o a quella roba, credo sia più una quest ione di dove cert e circost anze t i conducano. Ho t rovat o quest o m ondo di m usica indipendent e, con un sacco di gent e fant ast ica, buone opport unit à per suonare e sost egno per una grande variet à di suoni e m odi di present are quello che fai e ciò è grandioso

ML 4


musicletter.it

update n. 52

special interview All is W e ll è u n piccolo ca pola vor o di m ode r n it à folk in cui in t e r pr e t i, m a gica m e n t e , die ci br a n i t r a dizion a li com e se fosse r o st a t i com post i da t e . Ca n zon i ca n t a n t e e a r r a n gia t e m e r a vigliosa m e n t e com e se a ppa r t e n e sse r o da se m pr e a l t u o r e pe r t or io m u sica le . Sa m , con side r a n do ch e se i cr e sciu t o in u n a fa m iglia di m usicist i in n a m or a t i di m u sica popola r e , qu a n t o h a n n o in flu it o m a m m a e pa pà n e lla t u a cr e scit a e maturazione artistica? Grazie! I m iei genit ori sono dei grandi m usicist i

m ia m adre è una cant ant e favolosa e una

grande suonat rice di banj o, lei m i ha insegnat o a suonarlo, inolt re è una persona creat iva e una cant ant e m eravigliosa. Mio padre è anche lui un grande m usicist a e un ascolt at ore e arrangiat ore m olt o int elligent e; m i ha insegnat o ad ascolt are la m usica

t ipo ascolt iam o Bob Dylan

World

Gone Wrong e lui dice ragazzi quella chit arra è così espressiva . I o penso, che st rano m odo di ascolt are Dylan con la chit arra, Bob sem bra st ia solo st rim pellando com e gli alt ri . I nolt re m i ha dato Bitches Brew di Miles Davis che lui improvvisa sul piano a meraviglia.

Pe n si ch e u n a bu on a e du ca zion e m u sica le possa e sse r e a n ch e il fon da m e n t o di u n a società migliore, civilmente e culturalmente? Quest o è il caso dei m iei genit ori. Fanno m usica per i bam bini ed è int eressant e perché non pensano che sono dei bam bini m a solo che st anno facendo della buona m usica e credono che i bam bini risponderanno posit ivam ent e. Quando ero piccolo m io padre m i m et t eva a let t o cant ando lunghe

ballat e

violent e

su

assassini,

v iolent

m urder

ballads

( così

nella

rispost a

ndr.)

Ascoltando All I s W e ll è fa cile a pr im o im pa t t o r it r ova r e n e lla t u a m u sica i r ife r im e nt i de ll a lt . cou n t r y ch e va n n o da Bon n ie Pr in ce Billy a Ja son M olin a . Pe r ò, sce n de n do in pr ofon dit à , n e ll a lbum c è qu a lcosa di più e t e r e o e t r a sogn a nt e a lla m a n ie r a di N ick Drak e Bello! Un a lbu m be n a r r a n gia t o ch e r a cch iu de u n a sopit a

e

sa n a

m ode r n it à ,

a ppa r e n t e m e n t e

cla ssico m a ch e cla ssico in r e a lt à n on è come nascono simili lavori? È nat o sem plicem ent e lavorando con Valgeir & Nico Muhly, siam o divent at i am ici e io sono st at o in I slanda dove ho but t at o giù le m ie canzoni, loro hanno aggiunt o qualcosa e poi io ho messo altre cose a New York ( Eyvind Kang il m io eroe con la viola, Aaron Siegel e m io frat ello St efan alle percussioni) , ecco quello che avevam o! Chi m et t eva la m usica non ascolt ava cosa facevano gli alt ri, io non ho nem m eno sent it o cosa ha fat t o Nico ( le trombe e le chitarre) fino a quando sono andato in Islanda a mixare il disco! ML 5


musicletter.it

update n. 52

special interview A m io a vviso Saro è un o de i pa ssa ggi più t occa nt i de l disco, be llo a nch e il vide o Grazie! È una storia triste.

Pe r ca pir e m e glio ch i è Sa m Am idon , t i va di dir e a i n ost r i le t t or i qu a li son o i t u oi a scolt i, le t u e le t t u r e e i t u oi film

pr e fe r it i di qu e st i ult im i

mesi o di sempre? Credo che la m usica sia bella da ascolt are, i libri da leggere e i film da v edere. Mi piacciono i film che ha fat t o Charles Burnet t ,

Killer of Sheep

Night j ohn

e The Blue Sheid . Poi quest anno

sono ossessionat o da Bust er Keat on, quei film sono cinet ici, surreali e spesso nichilist i. Non ho ascoltato molta musica recentemente ma mi piace molto R. Kelly. Al momento è il migliore. Leggo quello che Thomas Bartlet, cioè Doveman, mi dice di leggere. E il m io insegnant e di pensiero.

Cosa ci riserverà nel futuro prossimo Sam Amidon? Viaggio e suono dove capit a e forse uno di quest i giorni disegno un alt ro fum et t o sull uom o in barca se la smetto di essere svogliato!

Sai, ti ho scoperto girovagando qua e là su internet. È una novità per te? Una volta ho trovato una cosa stupenda su internet. I l be llo di in t e r n e t è ch e pu oi fa r e , a scolt a r e e sce glie r e

qu e llo

com pr om e sso.

N on

ch e t r ovi

vu oi

se n za

m e r a viglioso

a lcu n tutto

qu e st o? Fin a lm e n t e u n a de m ocr a zia ch e da vve r o pa r t e da l ba sso e con il pa ssa pa r ola , ba st a a ve r e u n com pu t e r Sì! E sono sicuramente contento che delle belle persone come Luca mi mandino una mail ogni tanto! Spero che la breve intervista ti sia piaciuta. Certo, grazie per queste domande attente.

Ah , dim e n t ica vo: com e de vo da t a r lo All is W e ll, 2 0 0 7 oppur e 2 0 0 8 ? Sa i, pe r ge n t e m a la t a

com e m e è im por t a n t e , n e l ca so fosse 2 0 0 8 pot r e i già ca n dida r lo ne lla m ia t op

1 0 de ll a n no! Ufficialmente solo qualche giorno fa, quindi, diciamo il 2008!

Grazie e buona fortuna. Grazie mille Luca!

photo by Shana Novak ML 6


musicletter.it

update n. 52

special interview

THE NIRO Intervista © 2008 di

Gianluca Lamberti Quasi t rent enne, rom ano, Davide Com bust i in arte

Th e

N ir o,

più

che

una

prom essa

rappresent a una sfida. Una sfida fat t a di canzoni

m elodiche

con

st rut t ure

spesso

sbilenche , t est i in inglese e brani rock che lasciano spazio a int erm ezzi di flam enco. ML lo ha int ervist at o qualche giorno dopo il concert o di present azione dell EP An Ordinary Man uscit o lo scorso prim o febbraio per la Universal International.

N e gli a n n i pa ssa t i, ge n e r a lm e nte, i m u sicist i fa ce va n o ca po a u n a sce n a loca le . N e gli a n n i 7 0 c'e r a la sce n a ca n t a u t or ia le ch e fa ce va ca po a l " Folk st u dio" a d e se m pio, n e i N ova n t a c'e r a n o i m u sicist i ch e r u ot a va n o a t t or n o a lla sce n a r om a n a

de " I l Loca le " .

Oggi con internet i confini si sono estesi senza soluzione di continuità. Così succede che u n a r t ist a ch e ca n t a in in gle se r ie sca a ch iu de r e u n con t r a t t o con la Un ive r sa l I n t e r n a t ion a l dispost a a la n cia r lo su l m e r ca t o e st e r o. Se nza pa ssa r e pe r n e ssu n a " scu ola " loca le . Con fr on t a n dosi più con m u sicist i che st a n n o da ll'a lt r a pa r t e de l globo piu t t ost o ch e con ge n t e ch e a bit a n e lla su a st e ssa cit t à . Assim ila n do ca r a t t e r ist iche stilistiche che vengono da lontano. È la globalizzazione della musica, ma una volta tanto suona come una cosa positiva, non credi? Devo am m et t ere che la cosa ha cert am ent e il suo lat o posit ivo. Non so dirt i dove abbia preso le mie influenze, però posso dirti che nella mia città non sono molti a fare il mio genere.

A ogn i m odo il m e r ca t o si è dovu t o a da t t a r e a lle n u ove r e gole di in t e r n e t , e con qu e st o le va r ie " scu ole " di cu i sopr a , e n on è ca su a le ch e a lla fin e t u sia r iu scit o a r e a lizza r e il sogno di incidere il tuo primo disco proponendoti come un artista europeo piuttosto che com e u n ca n t a u t or e it a lia n o. Voglio dir e , si sa ch e a lla fin e su m ille pe r son e ch e ci pr ova n o qu a lcu n o ci r ie sce m a qu e llo ch e t r ovo in u su a le è a ppu n t o pr opor si sin da ll'in izio com e u n m u sicist a con a m bizion i in t e r n a zion a li. Tr ovo sor pr e n de n t e ch e u n m u sicist a it a lia n o a gli e sor di r ie sca a pr e n de r e pa r t e a t t iva a u n a sce n a n on più vin cola t a da con fin i ge ogr a fici. N on a ca so t u m i dice vi ch e la Un ive r sa l h a pe n sa t o pe r t e a u n la ncio a ll'e st e r o a bba n don a n do l'ide a di pu bblicizza r e il t u o disco su l m e r ca t o italiano, vero? Sì, l'idea di part enza era quella. Ti dirò, probabilm ent e si com incerà com unque dall'I t alia, dat o che per uscire all'estero la divisione italiana di Universal International dovrebbe rinunciare alla sua licenza e non sarebbe il m assim o dello st im olo per le alt re divisioni vedere che proprio la nazione dalla quale un artista proviene si rifiuta per prima di pubblicarlo. ML 7


musicletter.it

update n. 52

special interview Insomma ognuna ha il suo centro di costo e di budget. Sì

Pa r lia m o de l con ce r t o di sa ba t o 2 6 ge n n a io 2 0 0 7 a l Cir colo de gli Ar t ist i. I n n a n zit u t t o ci t e n e vo a fa r t i i com plim e n t i. Rit e n go sia st a t o u n su cce sso, c'e r a m olt issim a ge n t e . La band ha un buon impatto e lo show è stato coinvolgente.

Grazie Gianluca! È stata una serata molto particolare, ed ero davvero emozionato. Una specie di debutto in casa. Una serata indimenticabile

Che tipo di chitarra suoni sul palco? Acustica? Suono con una Gibson Chet At kins classica elet t rificat a, o con una godin acs sem pre. Sem pre corde in nylon.

I n fa t t i t r ova vo cu r ioso il t u o a ppr occio a llo st r u m e n t o. Qu a n do se i in a r pe ggio h a i un approccio da chitarra classica, quando suoni gli accordi, distorci talmente tanto il suono da farla sembrare una chitarra elettrica. Sì, è nat o t ut t o per caso, poi m i sono affezionat o al suono e ho cercat o di renderlo al m eglio. Ult im am ent e filt ro la chit arra in un Vox ac 30, e la uso esat t am ent e com e un'elet t rica. Non uso distorsori particolarmente pesanti, al massimo un ts9 della Ibanez.

La t u a voce in ve ce r icor da m olt o qu e lla di Je ff Bu ck le y. An ch e u n ce r t o a ppr occio a lle r it m ich e de lla ch it a r r a m e lo r icor da n o. Tu pe r ò m i dice vi ch e n on h a i m a i se gu it o il cantautore americano più di tanto. È così? Parlaci delle scene musicali o degli artisti che ritieni possano avere avuto qualche influenza nel tuo approccio alla musica. Sul cant at o m e lo dicono in m olt i, e rispondo sem pre allo st esso m odo, ovvero: Jeff Buckley non rient ra nelle m ie influenze sem plicem ent e perché quando ho iniziat o il m io percorso cant aut oriale non lo conoscevo. Non conoscevo lui, né Elliot t Sm it h, né Nick Drake, né Tim Buckley. I l problem a è che non so quali siano le mie influenze. Mi piace moltissimo Badly Drawn Boy a livello com posit ivo, poi Sufj an St ev ens. Sono cresciut o con il m et al,

poi sono passat o al progressive, poi al brit pop, passando per il

grunge. ML 8


musicletter.it

update n. 52

special interview Parliamo de ll'EP. Com e t i è v e n u t a l'ide a de l fla m e n co su Abou t love a n d in diffe r e n ce ? E com e son o st a t e sovr a in cise t u t t e qu e lle voci in ba ck gr ou n d ch e ca n t a n o insieme alla tua?

About love and indifference è nat a così: avevo la part e iniziale che m i piaceva m olt o m a così com 'era non m i conv inceva appieno; così, lo st esso giorno m i venne la part e flam enco. Quando la feci sent ire ai produt t ori all'inizio volevano t oglierla, poi vist o che insist evo a t enerla rinunciarono nel loro int ent o, poco dopo se ne innamorarono anche loro.

Io ritengo che quella sia la parte migliore del brano. Ti ringrazio.

St e sso discor so pe r la pa r t e de lla t r om ba se m pr e su Abou t love a n d indiffe r e n ce e dell'organo prog ch e si in t r a se n t e in Lia r ( n on pr e se n t e n e ll'EP) . Ci son o de gli a ccor gim e n t i ch e pe r qu a n t o se m plici, t i spia zza n o, e ch e con t r ibu iscon o a scolt o dopo ascolto a rendere fresca la canzone, a trovarci sempre un motivo di interesse. La t rom ba è l'unico st rum ent o che non suono in quel brano, a part e gli archi, però scrissi da subit o quella part e. Nel provino la regist rai im it andola con la bocca! L'organo prog invece è un'idea di Roberto Procaccini.

Ch e poi Abou t love a nd in diffe r e n ce se m br a u n pe zzo se m plice m a n e lla st r ofa por t a u n t e m po in 6 / 8 , ve r o? I n u su a le pe r u n sin golo di e sor dio di qu e st i t e m pi. D i solit o si tende a essere più diretti. Non t e lo so dire, anche perché ho quasi t ut t i brani in t em po com post o e/ o dispari. Per fare un pezzo in 4/4 ammetto che mi devo sforzare.

Insolito... Per me è stato sempre così.

Anche questo di solito non piace ai discografici. intendo dire, i tempi composti o dispari. I n effet t i è così. Però l'approccio che hanno avut o i discografici nello specifico è st at o m olt o part icolare. Hanno pensat o solo alla validit à del brano in senso assolut o e non al lat o puram ent e commerciale.

Come hai ottenuto quel effetto filtrato nella chitarra che fa il solo su Mistake? Con overdrive, phaser e big muff.

ML 9


musicletter.it

update n. 52

special interview Mi

dice vi

de ll'e sca m ot a ge

ch e

a ve vi

t r ova t o

pe r

m odifica r e il su on o de l ba sso su On ou r h ill. H a i m e sso u n a sciu ga m a n o su i pick - u p de l ba sso a t t u t e n don e il su on o

e

fa ce n dolo

su on a r e

qu a si

com e

un

ba sso

acustico. Come ti è venuto in mente? Quest a è st at a una t rovat a di Gianluca Vaccaro, l'alt ro produt t ore. Devo dire che per quest o album abbiam o creat o un team di fuori di testa, cosa che mi ha stimolato non poco.

N e lle t u e r e gist r a zioni, a pa r t e qu a lch e r a r a e cce zion e tu

su on i t u t t i gli st r u m e n t i

Ge n e r a lm e n t e

qu e st o

com por t a u n a ppia t t im e n t o qu a lit a t ivo de lla pr opost a in t e r m in i pur a m e n t e e se cu t ivi. N e l ca so de lle t u e ca n zon i r it e n go

inve ce

ch e

tu

sia

pr oba bilm e n t e

colu i ch e

m e glio di ch iu n qu e a lt r o r ie sce a m e t t e r e in m u sica quello che ti passa per la testa. Non so se conosci Chaos and creation in the backyard di Pa u l M cCa r t n e y. È u n disco de l 2 0 0 5 . Pa u l a ve va t u t t o il m a t e r ia le pr on t o già su on a t o con u n a ba n d di pr ofe ssion ist i, e a ve va sce lt o N ige l Godr ich ( pr odu t t or e de i Ra dioh e a d) pe r in cide r lo. Qu e st 'ult im o in ve ce ch ie se a Pa u l di r e in cide r e t u t t o il m a t e r ia le da solo. Risu lt a t o? I l m iglior la vor o solist a di M cCa r t n e y da i t e m pi di Fla m in g Pie . Ecco, a n ch e le t u e e se cu zion i son o se m plici ( pe n so a d e se m pio a lla m a r ce t t a di Mistake) , pe r ò se m br a com e se in qu e st o m om e n t o t a le se m plicit à r a ppr e se n t i lo st r u m e n t o m iglior e pe r e spr im e r e la t u a m u sica . I n som m a se i t u st e sso la m iglior e ba n d pe r suon a r e le t u e canzoni o prevedi di farti aiutare da altri strumentisti per incidere i lavori futuri? I nt ant o grazie per le belle parole! Per ora ho un m ondo m io, e se in fut uro cont inuerò a suonarm i t ut t i gli st rum ent i sarà solo colpa della m ia incom unicabilit à, anche se credo che per il prossim o album suoneranno anche i m usicist i che già m i accom pagnano dal v ivo, che sono persone splendide, oltre che grandi amici.

L'EP si se n t e m olt o m e glio de l de m o ch e m i a ve vi r e ga la t o in for m a t o m p3 t e m po fa . Qu e st i m p3 r a ppr e se n t a n o in ve ce il la t o n e ga t ivo de lla globa lizza zion e m u sica le a lla qu a le a cce n n a va m o pr im a , se n on fosse pe r la fa cilit à con la qu a le è possibile dist r ibu ir li. Ra ccon t a ci di com e si son o svilu ppa t e le fa si di m issa ggio de ll'EP, di com e sei giunto a ottenere un suono che rende bene anche in alta fedeltà. I l percorso è st at o sem plice. Ho regist rat o t ut t i gli st rum ent i, poi il m issaggio è st at o fat t o in più fasi. Per esem pio il prim o m issaggio di

Just for a bit

non m i piacev a per nient e: la bat t eria

troppo alta, le chitarre basse, era in quel modo un pezzo d'impatto, ma aveva perso il suo mondo. Nel secondo m issaggio abbiam o m esso più in prim o piano l'at m osfera. I m issaggi sono st at i affront at i in m odo ist int ivo " com e viene viene, l'im port ant e è cogliere il m om ent o" . L int ent o era quello di non stare troppo su un pezzo, farlo in poco tempo, e se poi veniva male si rifaceva.

ML 10


musicletter.it

update n. 52

special interview Un po

com e si fa ce va n e gli

a n n i 6 0 , qu a n do si r e gist r a va in

pr e sa

dir e t t a ,

e

c'e r a n o

qu e lle piccole im pe r fe zion i ch e r e n de va n o il br a no ca r ico di feeling. Esat t am ent e!

Le

im perfezioni

sono umane. Non ho mai amato le cose perfette.

L'EP e sce con il vide o di About love

and

in diffe r e n ce .

Un

film a t o in bia n co e n e r o ch e r e st it u isce in m a n ie r a fe de le il fe e lin g

ch e

t r a sm e t t e

la

ca n zon e . Un vide o " n ot t u r n o" se

possia m o

de fin ir lo

così.

Come è stato realizzato? È st at o realizzat o a casa del m io am ico

Em m a,

Gianluca

e

Guast ella

diret t o e

da

Daniele

Babbo. I l video è st at o girat o in 21 ore consecut ive. Personalm ent e ho finit o le part i che m i riguardavano alle 6 del m at t ino del giorno successivo quindi, sì, direi che è veramente un video notturno!

Pa r lia m o de i br a n i n on pr e se n t i n e ll'EP. Com in cia m o con il già cit a t o Liar. Rit e n go ch e sia uno di quei pezzi che hanno la rara caratteristica di essere estremamente radiofonici e d a llo st e sso t e m po e st r e m a m e n t e t ir a t i, di im pa t t o e sopr a t u t t o di qu a lit à . Un br a no ch e n on pu ò pa ssa r e in osse r va t o, pr e ve de t e di fa r n e il sin golo di la n cio de l disco ch e uscirà ad Aprile? Sì. È già st at o girat o un video, che presum o uscirà a m arzo. E' sicuram ent e il pezzo di punt a dell'album, e devo dire che passano i mesi e ancora non mi ha stancato. È un buon segno.

M i pia ce m olt o a n ch e Cruel. Un a lt r o br a n o " de lir a n t e " , c'è di t u t t o de n t r o: t e m pi dispa r i, t a st ie r e t ipo h a m m on d, t e m pi fun k y a n n i 8 0 con u n ba sso m olt o gr oove . Tu r ie sci a fa r e t u t t o qu e st o in m odo e qu ilibr a t o, a u n or e cch io dist r a t t o ce r t e cose pr oba bilm e n t e n e a n ch e a r r iva n o e m a ga r i si con ce n t r a di più sugli a spe t t i pr e t t a m e n t e melodici che comunque non mancano. Sì,

Cruel

è uno dei prim i brani che ho regist rat o, e, com e dici t u, è sghem bo, m a di fort e

im pat t o m elodico. L'int ent o è proprio quello di essere diret t i usando st rade poco bat t ut e. Ci st o provando. ML 11


musicletter.it

update n. 52

special interview D ir e i ch e se i su lla buon a st r a da . D ove son o pr e se le voci de l dia logo in fr a n ce se su Baisers Volés? Le voci sono prese da Jules & Jim . È la frase di inizio film , in lingua originale. È un brano che ho da un po , m a quel inizio ce l'ho m esso da subit o. È una sort a di om aggio a Truffaut e al suo cinema.

Un a lt r o pe zzo be llissim o a m io a vviso è Th e M a r r ia ge . M i pia ce m olt o com e la vor i su lla ch it a r r a n e lla st r ofa e il m odo in cu i, n e l r it or n e llo, si r isolve la ca n zon e ch iu de n dosi in u n u r lo libe r a t or io ch e con clu de il br a no. Fin isce là , se n za r ipr opor r e n e la st r ofa in izia le , n e t a n t om e n o il r it or n e llo. Son o que l t ipo di ca n zon i ch e pot r e bbe r o du r a r e 5 - 6 m in u t i, pe r ch è h a n no t u t t e le ca r a t t e r ist ich e pe r fa r lo, m a ch e si ch iu don o pr e st o la scia n dot i la voglia di t or n a r ci su bit o sopr a e di gu st a r t e le di n u ovo. N on so se ha i pr e se n t e " Goodbye cr u e l w or ld" de i Pin k Floyd, il pe zzo ch e ch iude il pr im o disco di The Wall. Ecco qu e lla è u n a lt r a ca n zon e ch e h a qu e lla ca r a t t e r ist ica , e du r a m e n o di u n m in u t o. Ti la scia u n a se n sa zion e d in com piu t o a ll'in izio, pe r ò poi r e a lizzi ch e for se è proprio quella la sua caratteristica "forte". Probabilm ent e è così. Conosco il brano dei Pink Floyd, e penso che hai ragione. Tornando al discorso della perfezione, nella musica non esiste, esistono solo le emozioni

Cosa t i a spe t t i da lla t u a ca r r ie r a ? D ove t i im m a gin i t r a qu a lche a n n o qu a n do sogn i a occhi aperti? Già ora m i t rovo in una sit uazione che m ai avrei credut o di vivere. Non lo so, non ci st o pensando molto. Aspetto di sapere cosa farò domani, che è già è un inizio per m e. Spero di m igliorare con il tempo.

In bocca al lupo per domani allora. Crepi

photo by A. Massari e Glamour Pics

ML 12


musicletter.it

update n. 52

recensioni

ARTIST: SAMAMIDON TITLE:

All is Well

LABEL:

Bedroom Community

RELEASE: 2008 WEBSITE:

www.samamidon.com

MLVOTE: 8 /10 Sam Amidon è senza dubbio uno dei personaggi più interessanti e geniali che la scena indie- folk abbia potuto partorire in questi ultimi anni. Originario del Vermont, Sam è figlio d art e e si sent e. All is Well, seconda fatica a nom e Samamidon, è infat t i un gioiellino di assoluta maestria at t raverso il quale l art ist a am ericano st ringe al cuore, dopo svariat e collaborazioni ( Doveman e St a r s Lik e Fle a s) e un paio di approcci come solista (Solo Fiddle del 2000 e Home Alone Inside My Head del 2003), tutto il suo im m enso am ore per le t radizioni. Quello st esso sentimento che il padre e la m adre di Sam non hanno m ai sm esso di perpet uare con il proget t o The Am idons e che qui prende la form a di dieci splendide composizioni elettroacustiche t rat t e, appunt o, dal folclore am ericano. Ne esce fuori una raccolta di m em orie m usicali piacevolmente orchestrata che, grazie a im peccabili arrangiam ent i e

brevi rim andi sperim ent ali ( Lit t le Johnny Brown e Fall on m y knees) , non perde mai quel piglio di scrupolosa m odernit à. Quelli del giovane Am idon sono br ani suonat i m agnificam ent e e cant at i alt ret t ant o, con dolcezza e a t rat t i sot t ovoce, t racce che non fanno m ai rum ore e che t rovano nella emozionante Saro il passaggio più alt o e vibrant e di un lavoro folk, m agico e decisam ent e at t uale. Mixat o in I slanda dall am ico Va lge ir Sigur ðsson , la m eraviglia che segue But This Chick e n Pr ove d Fa lse H e a r t e d del 2007 vede la part ecipazione di Nico Muhly ( horns & st ring), Eyvind Kang ( viola) e

del fratello Stefan Amidon (percussions). Un folk singer figlio di un Bonnie Prince Billy meno algido e alienat o o di un Ja son M olina più et ereo e pop. Canzoni che non dicono nulla di nuovo m a capaci di racchiudere in un solo istante il t epore di M . W a r d e quel t occo int im ist a alla N ick D r a k e . Passaggi che fanno di quest o disco - la cui uscit a è slittata da ot t obre 2007 a febbraio 2008 - uno degli album più allettanti di questo avvio di stagione. Soprattutto per chi nella musica cerca certe intensità.

Lu ca D Am br osio

ML 13


musicletter.it

update n. 52

recensioni

ARTIST: BAUSTELLE TITLE:

Amen

LABEL:

Warner Bros / Atlantic

RELEASE: 2008 WEBSITE:

www.baustelle.it

MLVOTE: 9 /10 È arrivat o e dall em ozione non so da che part e farm i. Conoscet e i Baustelle? Sì ( in im probabile caso cont rario vi inv it o a leggere l int ervist a realizzat a al gruppo su quest e pagine: ML n. 28) . Senza infarinat ure, dunque, andiam o drit t i al cuore di Amen. Diciasset t e canzoni nuove ( anzi, quindici più due ghost t rack per t rovare le quali vi t occherà alam biccare un po col support o) . Fr a n ce sco Bia n con i - aut ore dei t est i realizzati in un paio di m esi gravidi e ispirat i - con la fem m e fat ale, voce e occhi am m alianti, Ra ch e le Ba st r e gh i, insiem e a Cla u dio Br a sin i chit arrist a, hanno t irat o fuori dal cilindro un lav oro che già pot rem o definire classico . Dent ro c è un po t ut t o. Musicalm ent e, grazie anche all ot t im o support o di Ca r lo U. Rossi diet ro al banco mixer, si passa dal rock al pop arrivando a t occare t errit ori inedit i, com e ad esem pio l elet t ronica, invero volut am ent e un

po

becera,

della pedagogica Baudelaire o i t am buri africani di

Antropophagus che affronta in maniera ineccepibile la vita degli homeless. Lo stile variegato porta a un fluire incessant e di input che incollano let t eralm ent e all hi- fi. I t est i spaziano dalla sociologia al rom ant icism o non t rascurando m ode erot iche d ult im a generazione ( la bellissim a Dark Room dalle leggere sfum at ure sudam ericane) . C è Charlie fa Surf

com è st at o m irabilm ent e scrit t o è

un po la Sui Giovani D Oggi Ci Scat arro Su del nuovo m illennio - la quale, olt re a legnare i clichè della new generation, prende spunt o da un ist allazione dell art ist a Maurizio Cattelan. C è Alfredo (Rampi) giovanissim o prot agonist a suo m algrado della t ragedia del Verm icino - giugno 1981 canzone bellissim a e quasi insost enibile per quant o int ensa e com m ovent e. L, specie di Extraterrestre di Eu ge n io Fin a r di al contrario:

Qui disco volant e. Non t em et eci. Sul Pianet a

Terra. Cerchiam o un cuore. Per i nost ri sogni. Per sfidare Dio... . L uom o del Secolo sembra scrit t a con la supervisione di Fr a n co Ba t t ia t o ai t em pi di Patriots. Le parole di Spaghetti Western, una delle t racce nascost e, assum ono aspet t o rom anzesco: quasi à la Guillermo Arriaga. C è Panico!: Hai m ai provat o l orrore? . Echi di Belle & Sebastian in I l Liberism o ha i giorni cont at i. La vit a va dove gli archi fanno bello sfoggio ( invero usat i in m olt i pezzi, senza m ai appesant ire la st rut t ura) . I l finale, Andarsene così, incast onat o con la st rum ent ale Ethiopia, è la ciliegina sulla torta. La Meglio Gioventù è in questo disco. Jori Cherubini

ML 14


musicletter.it

update n. 52

recensioni

ARTIST: JOE JACKSON TITLE:

Rain

LABEL:

Rykodisc

RELEASE: 2008 WEBSITE:

www.joejackson.com

MLVOTE: 7 /10 A cinque anni di dist anza da Volu m e 4 , suo ult im o doppio album in st udio Joe Ja ck son , l eclet t ico geniaccio del pop brit annico ( solo Cost ello é al suo livello! ) rit orna con Rain, un lavoro che riesce a cent rare l obiet t ivo non facile di fondere energia ed eleganza com posit iva. Jackson conferma per l ennesim a volt a uno st ile inconfondibile affinat o in t rent anni di esplorazione di aree espressive a volte molt o dist ant i t ra loro, dal punk alla classica, dal j azz alle colonne sonore. Molti i richiam i in I nvisibile Man, Good Bad Boy, Cit izen Sane, King Pleasure Tim e ai suoi prim i indim ent icabili album s fine anni 70 / inizi 80 t rasudant i aggressiv it à m od, m a non ci crederest e, le chit arre in Rain sono com plet am ent e assent i: a farla da padrone ed a t essere t ut t e le linee arm oniche é il pianofort e dell art ist a, st rum ent o che già da t em po Jackson aveva m ost rat o di prediligere e nel quale si è perfezionato. Esso in Solo (So Low) accompagna addirittura in perfetta solit udine la perform ance vocale di Joe priva di sbavat ure. Com plice uno com bo st raordinario com prendent e il fedelissim o bassist a Gr a h a m M a by, Jackson elargisce raffinat e m elodie t argat e Bacharach ( Wast ed Time) e cont inua nella sua affascinant e ed orm ai int erm inabile esplorazione dell arm onia e dell art e pop. Pasquale Boffoli

ML 15


musicletter.it

update n. 52

recensioni

ARTIST: BAUHAUS TITLE:

Go Away White

LABEL:

Cooking Vin yl

RELEASE: 2008 WEBSITE:

www.bauhausmusik.com

MLVOTE: 6 /10 Vent icinque anni dopo. E, m algrado ci fosse st at a la parent esi di Gotham, nessuno osava sperare in un rient ro discografico dei Bauhaus. Eppure eccoci qua, ancora increduli, a parlare di quest o nuovo Go Aw a y W hite. E la prim a conferm a è che i Bauhaus non sono più una band, e si sent e: i Bauhaus sono quat t ro m usicist i che si sono rit rovat i insiem e, dopo un quart o di secolo, chiusi in uno st udio per due set t im ane per elaborare ( non più di t ant o, com e vedrem o) del nuovo m at eriale. Tut t o in presa diret t a e senza t roppi ripensam ent i, com e una garage- band. Go Aw a y White frant um a il percorso evolut ivo della loro st oria, part it a com e una versione al neon

del

glam rock, sperim ent ando quindi l uso del rit m o, della percussione e della cam era d eco, fino ad approdare a quella sort a di t orbida psichedelia floydiana che spirava t ra le pieghe di Burning Fr om t h e I n side . Se proprio vogliam o sforzarci di riannodare dei legam i con la loro discografia, diciam o che forse è Mask, a livello um orale, il riferim ent o più prossim o e persuasivo. Quindi i Bauhaus insolenti di Hair of the dog o Kick in the eye. A livello strumentale è il basso a regalare le em ozioni m igliori. I m placabile m a allo st esso t em po m orbido, dut t ile. Le chit arre invece scelgono di farsi m et allo, seguono t raiet t orie proprie m a sono perent orie, rigide, im passibili, nonost ant e l uso del wah wah hendrixiano. Tut t a la prim a part e del disco ha quest a im post azione. Le cose cam biano sulla seconda part e del disco dove i t oni si fanno più plum bei, grevi e soffocant i. Ma, per la prim a volt a, pure più t ediosi. E una inquiet udine dissim ile da quella t et ra e perversa cui i Bauhaus ci avevano abit uat o. C è più di un eco del dark- am bient dei Dead Ca n D a n ce ( evident em ent e l effetto- Deliverance non si è ancora placat o, NdLYS) su Saved ad esem pio con Pe t e r M u r ph y che gigioneggia ( m ale) su uno sbiadit o t appet o st rum ent ale di cam pane e gelidi sint et izzat ori. Le cose non m igliorano nelle alt re m oviole enfat iche e glaciali di Mirror Rem ains, The Dogs a vapour e Zikir ( dove riaffiora però quella cappa funerea che fu già part e dei m ovim ent i di The Three Shadows) . Le cose m igliori st ranam ent e arrivano da un pezzo insolit o come Black St one Heart che squarcia l apat ia e, a dispet t o del t it olo e del t est o ( go away whit e è est rapolat o proprio da qui) , gioca più con le luci che con le om bre. È il pezzo più leggero m ai regist rat o dai Bauhaus, con t ant o di m ot ivet t o fischiet t at o e piano guizzant e. Alt ro pezzo che salverei è Endless Sum m er of t he Dam ned, ballet t o m arziale e t eat rale alla st regua dei Virgin Prunes. Ma l im pressione che rest a, anche dopo ripet ut i ascolt i, è quella di abbozzi di idee prom ossi a canzoni senza avere l opport unit à di venire sv iluppat i. Franco Dimauro

ML 16


musicletter.it

update n. 52

recensioni

ARTIST: PIETA BROWN TITLE:

Remember The Sun

LABEL:

One Little Indian

RELEASE: 2007 WEBSITE:

www.pietabrown.com

MLVOTE: 7/10 Bella Pie t a Br ow n , pure brava, il che non guast a ( cosa? la bellezza o la bravura?) . Provenient e da una fam iglia in cui la m usica count ry ha avut o da sem pre un ruolo cent rale ( suo padre Greg, di grande fam a nel genere, suona anche in quest o disco, il quart o della figliola) Piet a ha iniziat o per caso, com e spesso capit a. Per fort una, diciam o noi, perché ha t alent o e Remember The Sun m et t e in fila sin dall incipit

una serie di ballat e di grande sensibilit à ( il bell incedere m elodico di

Rolling down t he t rack, il soul em ozionale di I nnocent blue, l eccellent e blues funereo di Are you free e il rock n roll di elegant e ricam o, olt re che di presa im m ediat a, di Sonic boom ) . Bell inizio non c è che dire. Voce quasi adolescenziale, m orbidam ent e t agliat a per arrot ondare gli spigoli e per avvolgere lo spirito, la nostra country gal dell I owa dim ost ra che di regist ri ne conosce m olt i di più di quelli rint racciabili t ra l aia di front e casa e il pont e sul fium e di cam pagna in cui m agari pot rest e av erla m ent alm ent e im m ersa, dat e le prem esse bucoliche. È proprio brava Piet a e il com bo di gent e ( il giro è quello di Lu cin da W illia m s) che l aiut a a vest ire le sue com posizioni ha rispetto e sensibilit à, t ra un dobro e un cello, un acust ica ed un fender rhodes, per una giovane m usicist a che percorre t ra m odernit à e passat o la sua st rada nella m usica. Poi, dopo i fuochi d art ificio iniziali il t ut t o si fa un po più consuet o t ut t avia piacevole ( I n m y m ind I was t alking e I t s j ust as well) , t ra pedal st eel e m id- t em po. E t orna il piano elet t rico ( nuova prim avera per questo st rum ent o) in Song for a friend, int im a e bella. Tocca però a West Monroe increspare di nuovo il pelo dell acqua con una chit arra periodo Cort ez t he killer/ Like a hurricane ed ecco nuov e inquiet udini nell espressione vocale, un brano che nella t est a della t rent enne è sicuram ent e il m om ent o cent rale del disco. Chapeau! Gran pezzo. I l rim anent e è di livello, ancora due t racce e poi la title track, count ry song dall andam ent o quiet am ent e gioioso, che riesce a chiudere degnam ent e un disco bello, m ai banale ancorché fat t o di suoni am piam ent e conosciut i e riconoscibili. Non ricordo più se l ho m esso, quest o Re m e m be r t h e Su n , t ra i m igliori dischi dell anno appena t rascorso. Fa nient e, ce lo m et t o ora. Massimo Bernardi

ML 17


musicletter.it

u pdate n. 52

recensioni

ARTIST: AGUA DE ANNIQUE TITLE:

Air

LABEL:

Columbia Records

RELEASE: 2007 WEBSITE:

www.aguadeannique.com

MLVOTE: 7,5/10 Avrebbe pot ut o essere il prossim o album in st udio della sua vecchia band ( Th e Ga t h e r in g) e invece Air , disco d esordio degli Agu a de An n iqu e finisce col rappresent are di fat t o il prim o esperim ent o solist a della t ant o incant evole quant o brava An n e k e va n Gie r sbe r ge n . I n seguit o alla separazione dai suoi vecchi com pagni di viaggio, avvenut a consensualm ent e lo scorso anno, dal prim o ascolt o di quest o lavoro si può ipot izzare che il ret aggio concet t uale e sonoro di un album come Home, sia stato ereditato dalla frontgirl olandese, qui in assoluto ed evidente stato di grazia. Olt re al ruolo di cant ant e, Anneke si incarica di t ut t e le part i di pianofort e, support at a da una band essenziale m a adat t issim a a ricreare quel t appet o sonoro sul quale la v oce della van Giersbergen sem bra fondersi con disarm ant e nat uralezza. Jaques de Haard al basso, Rob Snij ders alle

percussioni

e

Joris Dirks alle

chit arre,

sono

discret i

e

im peccabili,

t ant o

nell esecuzione quant o ( anzi, soprat t ut t o) negli arrangiam ent i che risult ano sem pre adat t issim i e m ai sopra le righe, nem m eno nei frangent i più spigolosi. Tra i solchi di Air, il neonat o proget t o Agu a de An n iqu e sfoggia t ut t e le sue sfaccet t at ure, im preziosendo una sofist icat a m iscela di rock, pop, folk e perfino j azz col range vocale di una leader capace di int erpret arla con disinvolt ura, at t ingendo da una t im brica che passa senza forzat ura alcuna dai t oni più delicat i a im post azioni ben più decise. A dire il vero, l ossat ura port ant e di quest o lavoro è cost it uit a dalle ballat e o com unque da episodi che badano più all int ensit à em ot iva che non all im pat t o ( e quest o m i fa sospet t are in qualche m odo la volont à della sua orm ai ex band di t ornare a sonorit à più diret t e e dure che non quelle int raprese durant e gli ult im i anni) : non t ragga però in inganno quest a considerazione, anche se num ericam ent e m inori, i m om ent i di rock duro brillano per qualit à e in t al senso un pezzo com e Witnesses è am piam ent e indicat ivo. Brano dopo brano, indipendent em ent e dai m olt eplici um ori che carat t erizzano l int ero arco del lav oro, si avvert e cost ant em ent e un feeling suggest ivo e coinvolgent e, che si vada da un pezzo soffert o, st ruggent e, dai t rat t i cant aut oriali com e Day aft er yest erday a una sferzat a elet t rica ed irrequiet a come You are nice, passando per il delizioso incipit di Beaut iful one, opener del disco e a m io parere uno dei m om ent i salient i in assolut o. Un dist illat o di t alent o crist allino che non farà gridare al m iracolo m a che ci consegna la spiccat a sensibilit à di un art ist a perfet t am ent e calat a in un contesto che ne sublima le sconfinate potenzialità. Manuel Fiorelli

ML 18


musicletter.it

update n. 52

recensioni

ARTIST: JOHN DOE TITLE:

A Way In The Wilderness

LABEL:

Yep Rock

RELEASE: 2007 WEBSITE:

www.theejohndoe.com

MLVOTE: 7 /10 Ha una bella faccia, John Doe e difatti vanta oramai una discreta carriera di attore in una serie di pellicole, alcune anche m olt o int eressant i. Ma per t ut t i Doe è st at o soprat t ut t o, assiem e a Exene Cervenka, co- leader degli X, la band losangelina che ha scrit t o pagine difficilm ent e dimenticabili di punk n root s, ad iniziare dal 1980 ( dat iam o, ovviam ent e, dall uscit a di Los An ge le s, il prim o album ) . A suo nom e, alla sua faccia, al suo ineccepibile rockwrit ing e alla sua ot t im a chit arra vanno dunque ascrit t e alcune delle canzoni m em orabili del rock st at unit ense degli anni 80 e chiunque ne sia sprovvist o dovrebbe andarsele a cercare t ra i prim i quat t ro dischi degli X. Ma è una st oria not a, nevvero? John, che non disdegna ogni t ant o di riesum are la banda originaria, è però in prim is e da quasi un vent ennio un cant aut ore che usa l elet t rica più che l acust ica per scrivere canzoni che pescano dal suono t radizionale st at unit ense e che lui vest e di quadrat o rock e t alvolt a di ispida punkit udine, ballat e che profum ano decisam ent e di count ry e, vist a la provenienza, west ern. Nulla di realm ent e nuov o; già See H ow

W e Ar e degli X ( 1987) aveva

delineat o la st rada definit iva in cui l urban punk in salsa rockabilly, disperat o e urlat o, cedeva t erreno ad una m at urit à com posit iva più sfaccet t at a che, solit am ent e, qualcosa fa perdere e qualcosa fa acquist are. St oricizzat o il punk già dopo un decennio, John è divent at o un eroe posit ivo del rock n roll, che sa gest irsi t ra t our, m acchina da presa, robust o rockin e ballat e rom ant iche che lo fanno im m ediat am ent e rient rare nella t radizione rock st at unit ense, quella comunque ( fort unat am ent e) un po perdut a e per quest o inesorabilm ent e affascinant e ( e pure un po ret rò) . I l nuovo album del chit arrist a è un bel disco, uno di quelli che m et t i su in m acchina a t ut t o volum e, m ent re t i dirigi fuori cit t à, in cerca di sole. È la cont inuazione, forse più nat urale di quel che può apparire, di una st oria che va avant i da quasi 30 anni ( per quel che lo riguarda) m a che, in realt à, si t ram anda alm eno da quando un cert o Joh n n y Ca sh ha preso in m ano una chit arra e ha sbat t ut o la t est a cont ro quella di un cert o Ch u ck Be r r y, ad un crocicchio nell est L.A. ( oppure cont ro un cert o E. A. Pr e sle y, non ricordo più bene, è passat o t ant o t em po) . La discrim inant e, in quest i casi in cui t ut t o sem bra già scrit t o, è il livello com posit ivo dei brani, cosa che fa t ransit are un disco dal let t ore cd all ipod oppure farlo precipit are diret t am ent e al negozio dell usat o più vicino

A Ye a r I n The W ilderness, a t rat t i, sem bra lì per im boccare quest a

seconda v ia m a il nost ro, è not o, ha classe da vendere e soprat t ut t o non è Bryan Adam s. Alla fine lo prendi, il cd, t i avvicini al com put er e t i viene da pensare a quant e volt e, ancora nel fut uro, quest e ballat e roche e not t urne ( The bridge, Meanest m an in t he world, Darling underdog, t ant o per citare), questi sudati quattro quarti lanciati in avanti (Hotel ghosts, There s a hole) riusciranno a cat t urare la nost ra im m aginazione e il nost ro affet t o, nonost ant e decenni di ( appunt o) Cash, di Williams ( Hank) , di Springsteen, di Dylan e t ut t e le decine, direi cent inaia, di nuovi art ist i che cont inuano a spunt are com e funghi dopo la pioggia a rinverdire un suono, un at t it udine, em ozioni davvero immortali. I t s only rock n roll. Lo so, è banale m a cert e volt e è pure vero. Massimo Bernardi

ML 19


musicletter.it

update n. 52

recensioni

ARTIST: THE WARLOCKS TITLE:

Heavy Deavy Skull Lover

LABEL:

Tee Pee Records

RELEASE: 2007 WEBSITE:

www.thewarlocks.com

MLVOTE: 8,5/10 Lasciare la st rada vecchia per quella nuova, sapendo di abbandonare m aj or, popolarit à e successo, e t rovarsi in una selva oscura, consci ( fino a un cert o punt o) di addent rarsi in t ort uosi sent ieri che forse m ai si sarebbe pensat o di esplorare. Dopo il successo di Phoenix ( Mut e 2002) ricco di scint illant e enfasi rock'n'roll e bagnat o nei colori della psichedelia e il successivo salt o all'indiet ro ( m a pur sem pre qualit at ivo) di Surgery ( Mut e 2005) , il ridim ensionat o com bo losangelino guidat o da Bobby H e ck sh e r ha deciso di guardarsi dent ro, e ha incredibilm ent e scrit t o uno dei dischi più scioccant i di quest i ult im i anni. Claustrofobico com e un film di Tobe Hooper, " Heavy Deavy Skull Lover" spiazza per il m odo coraggioso di fare a pezzet t i il rock dei dischi passat i, e il sangue che ne fuoriesce è di una densit à pari al m ercurio. Profondit à em ot iva, quindi, che viaggia a braccet t o col rum ore, in un valzer di m acabro e ipnot ico shoegaze. Si, av et e let t o bene, m a non t iriam o in ballo i solit i not i Jesus and Mary Chain, My Bloody Valentine ne t ant o m eno i Ve lve t Un de r gr ou nd ai quali il gruppo am ericano è sem pre st at o paragonat o, perché qui, com e in un viaggio allucinat e, si part e e si arriva cent rifugat i a dovere. Si rim ane at t onit i dinnanzi alle frequenze dist urbat e dell'iniziale The Valley of Deat h, si prova dolore nello sprofondare per

dieci m inut i nella violenza am niot ica di Moving Mount ains e si prende fiat o

respirando la brezza di un pezzo scint illant e com e So Paranoid. Tre brani che m i hanno m esso in ginocchio, per la loro spavent osa e m alat a verit à. E il proseguo di quest a avvent ura di cinquanta m inut i non è un v iaggio dove pot ersi ferm are in punt i di rist oro colm i di gent e fest ant e, m a un abisso dove la luce si v ede a spazzi, e il buio dom ina e rischia di frast ornare olt re la durat a del disco. E se i m om ent i soavi riecheggiano in una calm a e past orale Dream less Days, ci ridest a l'incedere rock di Zom bie Like Lovers e l'inquiet ant e chiusura zen di Deat h, I Hear You Walking. Negli anni 90 si aveva paura dell'androgine paranoico, oggi guardat ev i le spalle; quest i zom bie sono assetati e malati di psichedelia. Probabilmente contagiosa. Nicola Guerra

ML 20


musicletter.it

update n. 52

recensioni

ARTIST: PICASTRO TITLE:

Whore Luck

LABEL:

Polyvinyl

RELEASE: 2007 WEBSITE:

www.myspace.com/picastro

MLVOTE: 8 /10 I Picastro sono l aria della sera, che, quando si alza dall asfalt o caldo, si t ram ut a in sot t ile e fit t a nebbia um ida. Com e la nebbia, infat t i, i tre canadesi, sono leggeri, m a present i. Sono rum orosi, m elodici, m a soprat t ut t o, sono port at ori di un at m osfera avvolgent e e confusa, cost ruit a con il post rock più soffice che esist a. W h or e Luck è un album dall ascolt o più che m ai int im o, che, aiut at o dalla voce di Liz H yse n , present e, m a m ai invasiva, si com pone di m usiche, che, senza m ancare di m om ent i est rem am ent e spigolosi, com e nel caso dell acida All erase, o nel m inut i rum oroso di Towtruck, in generale si prodiga nel creare at m osfere da luce soffusa, com e si può ben presagire dall apert ura, Hortur, vero e proprio brano bianco sporco del disco. Alt ri m om ent i di m usica fort em ent e em ozionale non m ancano, così, prim a di arrivare alla chiusura slow di Older lover, cover dei Fall, fat t a con la collaborazione di Ja m ie St e w a r t degli Xiu Xiu , si può rest are imbrigliat i nella cupa dolcezza di I n t he weeds, negli arrangiam ent i delicat am ent e sghem bi di If you have ghosts e nella strumentale pioggia di suoni di Albanis. Whore Luck è un disco dal corpo fat t o di archi, t ant o m elodici, quant o st rident i, e da una voce pacat a e posat a, che t rasport a l ascolt at ore, in un paesaggio grigio dai confini incerti. Alessandro Busi

ML 21


musicletter.it

update n. 52

recensioni

ARTIST: PERRY FARRELL S SATELLI TE PARTY TITLE:

Ultra Payloaded

LABEL:

Columbia Records

RELEASE: 2007 WEBSITE:

www.m yspace.com/satelliteparty

MLVOTE: 7 /10 È sem pre con est rem a curiosit à che m i avvicino ad ogni nuovo lavoro dell ist rionico Perry Farrell, non fosse altro perché con i suoi Ja n e s Addict ion ha caratterizzato in maniera rilevante i m iei ascolt i personali nel periodo a cavallo t ra gli anni ot t ant a e i novant a. Quest o proget t o è in realt à un laborat orio apert o in cui gli at t uali com ponent i ufficiali ( il vocalist e leader, sua m oglie, la ballerina e corist a Et t y Lau Farrell e il bassist a Carl Rest ivo) vengono affiancat i, con adeguat a sinergia, da una serie di ospit i prov enient i dal m usic biz, una sort a di m elt in pot m usicale che vive dei cont ribut i di art ist i dalle più disparat e esperienze ed aree st ilist iche. Hybrid, Fle a , Joh n Frusciante, Ja ck I r on s, Fergie, Pe t e r H ook , Tim Pie r ce sono a t al proposit o alcuni dei nom i più illust ri, senza cont are che, grazie all apport o risolut ivo della t ecnologia, il disco è arricchit o anche dalla inconfondibile vocalit à di Jim M or r ison . Wish upon a dogst ar è il singolo che ha ant icipat o l uscit a dell album , un coinvolgent e concent rat o di pop- rock valorizzat o da int elligent i ed azzeccat i arrangiam ent i, con un occhio di riguardo per le sobrie m a ficcant i part i di chit arra ad opera di un redivivo (e in origine membro effettivo dei Satellite Party) Nuno Bettencourt, noto nei prim i anni novant a per la sua m ilit anza negli Extreme, quelli di More t han words e Hole heart ed. Su Hard life easy collaborano Flea e Joh n Fr u scia n t e , il loro apport o è t alm ent e influente che non si fatica a ravvisare nel brano tutte le tipiche caratteristiche di un brano dei Red H ot Ch ili Pe ppe r s ( di quelli post Californication) . Probabilm ent e il lat o più int im ist a di Ultra Payloaded si rivela nei connot at i et erei di Awesome, una ballat a soffice, quasi da soundtrack, punt ellat a da insert i di st rum ent i ad archi e t ast iere dal gust o piut t ost o ret rò m a adat t issim e al cont est o specifico. Così com e da abit udine, un disco di Pe r r y Fa r r e ll non è vincolat o da uno specifico filo condut t ore, gli um ori e le at m osfere variano e si alt ernano cost ant em ent e, ecco infat t i che irrom pe I nsanit y Rains, il brano che, più di ogni alt ro in scalet t a, risent e dei suoi t rascorsi hard; pur senza eccedere, si dist ingue per il suo andam ent o anfet am inico e per una st rut t ura irrobust it a da una spessa base di chit arre, richiam ando così i Ja n e s Addiction più viscerali di fine anni ot t ant a. Un alt ro vert ice di quest o lav oro è senz alt ro Kinky; il suo incipit sospeso sfocia ben prest o in un brano incalzant e, t rascinant e e con dei cori che fanno subito presa, sicuram ent e uno degli episodi più m ovim ent at i del lot t o. Pur non pot endo parlare di eccellenza o capolavoro, i num erosi spunt i posit iv i rendono Ult r a

Pa yloa de d

un disco

assolut am ent e godibile che a una vincent e m iscela di funk, hard ed elet t ronica, affianca la t im brica, l est ro ed il carism a inconfondibile dell art ist a che ha invent at o il Lollapalooza Festival. Manuel Fiorelli

ML 22


musicletter.it

update n. 52

recensioni

ARTIST: SLEEPING PEOPLE TITLE:

Growing

LABEL:

Temporary Residence

RELEASE: 2007 WEBSITE:

www.sleepingpeople.com

MLVOTE: 7 ,5/10 Sle e pin g Pe ople , di provenienza californiana, sono uno degli anelli di congiunzione t ra il post rock ( e le sue num erose infinit e filiazioni) , cert a sperim ent azione est at ica ed il m oderno progressive, che t ant o deve al passat o m a che sa at t ingere anche dal nuovo che si è succedut o nel rock degli ult im i 30 anni. Quasi esclusivam ent e st rum ent ale Growing è un disco che suona davvero benebene in un am bit o sem pre più affollat o, che prevede lim it i di configurazione sem pre m eno precisi, com e onde che si spandono verso l est erno all infinit o, cosa quest a che non può m ancare di farci piacere, vist o l alt o t asso di aut ocelebrazione dei proggers ( ci m ancherebbe solo dover assist ere al rit orno degli gnom i ed delle carrozze di Hans) . Gli SP sono una di quelle band che dovrebbe piacere agli est im at ori di est at ici com e Ex plosion s in t h e sk y o Ju n e of 4 4 , pur se qui i clim i sono cert am ent e più serrat i, così com e non risult eranno affat t o sgradit i a chi am a e si ciba dei neuroni sfrangiat i di gent e com e Isis o Tool. Ogni t ant o ( un bel po tanto) i richiam i fort i al prog inglese dei set t ant a, chessò i Ge n t le Gia n t o i Crimson ( nel prim o album della form azione di San Diego spiccava una Fr ipp for gir ls, int eressant e com pendio at t o a far avvicinare le ragazze ad un genere, il progressive, quasi com plet am ent e privo di pubblico fem m inile) , non fa che aum ent are il t asso di bizzarria dell ensem ble, già not evole, form azione che pratica percorsi adat t issim i a m et t ere in luce

le rim archevoli dot i t ecniche dei m usicist i, per

fort una non devot e a m ast urbazioni a vicolo cieco bensì al serv izio di uno st ile piut t ost o im prendibile e non cat alogabile. I n Out dream

ecco un piano elet t rico che farebbe t ant o Alan

Parson s Proj ect o Welcome to the machine se la cosa non si evolvesse fortunatamente in termini alt ri, adat t i a far gioire gli eseget i del post rock, che possono poi perdersi nelle

spirali

decisam ent e sevent y di Three kings, People st aying awake o Jam es Spader, così com e nei fascinosi e vent osi rum orism i di Underland. Rest a sem pre da vedere cosa può provocare quest a m usica, t ut t o som m at o convenzionale nelle espressioni ( chit arra, basso, bat t eria che sem brano esat t am ent e una chit arra, un basso ed una bat t eria, honey , t hat s all! ) m a non nello st ile a t ut t i coloro che abbisognano di una roba circolare con bridge e rit ornello ( e di una voce! ) , della durat a di non più di 4 minuti. Ecco, a loro consigliamo ogni tanto di perdersi nella musica dei gruppi citati e in quest o Growing aussì. A quelli un po t rist i che ascolt ano la m usica in cuffia a casa, invece diciam o che gli Sle e pin g Pe ople sono una splendida realt à m a che, ult im at i gli ascolt i,

un

salt ino in un club a ballare ed a lum are qualche bella figliola non farebbe loro m ale, anche se poi è possibile/ probabile che divengano fans di D im it r i fr om Pa r is o di Cerrone. Affari LORO,

se

non sono capaci di autolimitarsi, il mondo è bello perché vario. Massimo Bernardi

ML 23


musicletter.it

update n. 52

recensioni

ARTIST: RAY D AYTON A

AN D TH E GOOGOOBOM BOS

TITLE:

One Eyed Jack

LABEL:

66Sixties

RELEASE: 2007 WEBSITE:

www.raydaytona.net

MLVOTE: 7 /10 Vinile blu int enso. Già di per se una figat a. Se poi dent ro quei solchi scorre la m usica di Ray Daytona e dei suoi GooGooBombos, ancora m eglio. On e Eye d Ja ck segna il rit orno per una delle poche realt à esport abili della m usica it aliana ( e infat t i, una delle poche m enzionat e anche su blog st ranieri di set t ore com e Trust ar Vibrat ions o Tw ilight Zone, NdLYS) e il bat t esim o per la neonat a et ichet t a t oscana 66Sixt ies, nom e t rafugat o dalla list a di efferat ezze dei Throbbing Grist le m a ot t im am ent e riadat t at o a m arcare il t errit orio in cui la label ( e la sua ben più lunga appendice radiofonica) si m uove. Ogni nuovo disco dei Ray Dayt ona, e anche quest o non sfugge alla regola, è perfet t am ent e sim ile e perfet t am ent e dissim ile da quelli che lo hanno precedut o. Analoghe le at m osfere, sia che i Bom bos si rot olino nel fango ( com e succede ad esem pio quando t irano fuori il loro lat o più crudo nella reprise assolut am ent e rovinosa di Sick & Tired dei Continentals, A.D. 1966, o sulla sporchissima I t s not t hat I don t like, efferato e spiritato garage com e quello dei prim i Greenhornet ) , nella polvere del desert o ( le m ovenze west ern della t it le t rack o il ruzzolare hoe- down di But t ero Square) , che si lancino com e sonde nello spazio ( Dr. Phibes Clockwork e i suoi sibili elet t ronici) o com e surfist i sull onda perfet t a. Diverse, perché ogni volt a ancora più int ense, v igorose, suggest ive, le em ozioni che ci riserva. La band è ancora cresciut a, m ost ruosam ent e cresciut a. Proprio com e uno di quei m ost ri da B- m ovie che fanno part e del loro bagaglio est et ico e cult urale. Conferm o senza riserve quant o scrissi t re anni fa per Fa st e n Se a t Be lt : i Ray Dayt ona suonano egregiam ent e. Salvo poi sporcare t ut t o con la lordura necessari. E migliorano di uscita in uscita, inesorabilmente. Allargando costantemente il gap che li separa dal resto della flotta. Franco Dimauro

ML 24


musicletter.it

update n. 52

recensioni

ARTIST: PUSCIFER TITLE:

V is for Vagina

LABEL:

Puscifer Entertainment

RELEASE: 2007 WEBSITE:

www.puscifer.com

MLVOTE: 7 /10 This is j ust soundt rack m usic and it 's m eant t o get under your skin and feel good. I t 's groovy. Gli int ent i erano chiari sin dall inizio: I l side- proj ect di Ja m e s M a yn a r d Ke e n a n , doveva suonare groovy . Sarebbe st at o difficile riuscire ad im m aginarsi una versione light dei Tool, ed effettivament e i Puscifer vanno in t ut t alt ra direzione. V is for Va gin a , è ironico, godibile, m a riesce com unque a m ant enersi su elevat i st andard in t erm ini di produzione, arrangiam ent i, suoni. Non a caso ad affiancare Maynard in quest o proget t o bizzarro, ci sono fior di m usicist i che vanno da Tim Ale x a n de r dei Primus, al t alent uoso Jil Sh a r on e , fino all it aliano Ale ssa n dr o Cor t in i dei NIN. Appena 47 m inut i di m usica godibilissim a, con Maynard che si conferm a sem pre di più padrone del suo st rum ent o, ovvero il m icrofono. Ogni brano infat t i è carat t erizzat o da scelt e t im briche originali e d effet t o, bast a ascolt are DoZo per rendersene cont o, m a anche il brano di apertura Qu e e n B. La cadenza è quasi sem pre grave, lent a e t rascinat a, m a è la m usica che ruot a int orno a M aynard a dist inguere le at m osfere del proget t o Puscifer da quelle che eravamo abit uat i ad ascolt are con i Tool. I rim andi sono ai M a ssive At t a ck di Karmacoma, arricchit i con effet t i ed accorgim ent i deliziosi di volt a in volt a, senza sbavat ure, in m aniera equilibrat a e m ai eccessiva. Alla fine il disco riesce nell int ent o che si proponev a. Le pret ese di superare i lim it i del rock t ipiche dei Tool qui sono m esse da part e, m a la qualit à non ne risent e.Una segnalazione a part e la m erit a la splendida Re v 2 2 :2 0 , originariam ent e incisa per la colonna sonora di Underworld, che qui v iene reint erpret at a in m odo più m orbido apport ando a quest o lavoro un tocco soul. Gianluca Lamberti

ML 2 5


musicletter.it

update n. 52

recensioni

ARTIST: DOME LA MUERTE AND THE DIGGERS TITLE:

S.T.

LABEL:

Go Down Records & Area Pirata

RELEASE: 2007 WEBSITE:

www.myspace.com/domelamuerteandthediggers

MLVOTE: 7 /10 Lavoro dal t orrenziale im piant o chit arrist ico, quest o prim o om onim o album solist a di D om e La Muerte, ex N ot M ovin g insiem e ai Diggers, t ut t i ot t im i st rum ent ist i, dalla chit arra rit m ica Matteo

basetta

Gioli al funam bolico bat t erist a Emiliano sino alla solida bassist a Lady

Casanova. Non pot eva essere alt rim ent i v ist o il solido background art ist ico del chit arrist a, che nei brani di suo pugno, soprat t ut t o Get Ready e Gim m e Som e rivela spudorat am ent e influenze New Yor k D olls, Stooges, Gu n Clu b producendosi in una serie di soli di pregevolissim a fat t ura.Un disco di grande e classico rock&roll carat t erizzat o da venat ure dark- blues ( Bad Trip blues, Demons), liriche generazionali ribellist iche ( Sorry, I m a digger) e da alm eno una ballat a in odore St ones ( You shine on m e) , che cresce pian piano e sem bra uscit a dai solchi di Beggars Banquet .Tre covers ( Fire of love/ Gun Club, Heart full of soul/ Yardbirds e Cold t urkey/John Lennon) a ribadire il

saldo legam e di Dom e La Muert e col passat o ed una voce dagli accent i

t orbidi purt roppo non sem pre all alt ezza della sit uazione. Delle t re covers la piÚ riuscit a è senz alt ro Cold t urkey, eseguit a con t ost a convinzione e dal finale psichedelico. Ad afferm are il carat t ere int ernazionale del disco la part ecipazione di un guru del garage, Ru di Pr ot r u di, che si esibisce con rabbia all arm onica in Blue st ranger dancer. Ancora grande rock dalla Go Dow n Records in collaborazione con Area Pirata. Pasquale Boffoli

ML 2 6


musicletter.it

update n. 52

recensioni

ARTIST: DIRTY ACTIONS TITLE:

21 Dirty RMXs

LABEL:

Le Silu r e D Eu r ope I n t e r n a t ion a l

RELEASE: 2007 WEBSITE:

www.myspace.com/dirtyactions

MLVOTE: 7 /10 I l passat o deve essere rem ixat o! Con quest a sem plice declam azione d'int ent i, Gianfranco " Joh n n y" Gr ie co, voce della st orica e poco longeva band genovese D ir t y Act ion s, t orna sulle scene con un lavoro che but t a in past o ai solit am ent e crit icat i rem ix le com posizioni originali della punk band che suonò di support o ai favolosi Damned nel t our it aliano del 1979. Chi crede nella purezza del rock'n'roll e nella im m acolat a forza d'urt o dei brani originali, pot rebbe v edere quest a operazione com e fum o negli occhi, m a conoscendo le capacit à della band in quest ione che si è rit agliat a un post o d'onore nel nost ro underground at t raverso esibizioni feroci e ist int ive, quest i pochi dubbi dovrebbero scom parire all'ist ant e. E di dubbi, ascolt ando 21 Dirt y Rm xs, ne abbiam o avuti ben pochi. Oggi parlare di miscela punk/funk/dance (e chi più ne ha ne metta) non fa più un cert o effet t o, perché le cont am inazioni esist ono e la m usica si m escola dando origine a qualcosa di indefinit o che accont ent a sem pre più frange di ascolt at ori et erogenei. E la sfida di Johnny è st at a proprio quest a, t rasform are la sua m usica grezza, punk, devast ant e, in qualcosa che può fare m uovere il corpo. Meno pogo, più ballo, m a con la st essa int ensit à. Missione com piut a, soprat t ut t o quando si ascolt ano Le Bal Des Pendus ( Ninfa rm x) che pot rebbe benissim o essere scam biat a per un brano di Ja m e s M u r ph y e dei suoi LCD Sou n dsyst e m con il suo groove insistente che trapana le membra. Il nostro cervello si adagia alle movenze sexy di una Red China Lips a opera di Cr e m on a Cit y Rock e r z,

si st ordisce con la violenza t echno di Tira la boccia

( Bologn a Viole n t a rm x) , segue il rit m o suadent e e ipnot ico di Museo Di Lom broso m aneggiat a da At e lie r N ou ve a u e si libra leggera nel reagge/ dub di Sex Trap rit occat a da Tarick1. C'è spazio anche per il corpo che si dim ena al rit m o forsennat o di una Rosa Shocking present e in 2 versioni ( la prim a, affidat a a Ce sa r e Fe r ioli a .k .a . Big M oj o,

è uno sballo adolescenziale e

anche un po' t am arro) e poi si lascia t rafiggere dal v oodoo violent o in salsa t rip hop di Millenovecent o 79 m art oriat a da t ale Pivio ( m em bro degli Scortilla, gruppo new wave anni 80 e rivale di Greco & Co). Esperimento anomalo che non sempre focalizza il tiro, ma che per fortuna di cose v ive e brucia della st essa passione per la quale siam o qui a ricordare i D ir t y Act ion s. E nonostante mutino tempi, mode e generi musicali, il suo nome sarà sempre lo stesso: PUNK! Nicola Guerra

ML 2 7


musicletter.it

update n. 52

recensioni

ARTIST: AFTERHOURS TITLE:

Quello Che Non C'è

LABEL:

Mescal

RELEASE: 2002 WEBSITE:

www.afterhours.it

MLVOTE: 7 /10 Era il 2002, sembrava che non ci fosse più speranza per gli Afterhours. Ascoltato con il senno di poi, Quello che non c'è è il cordone ombelicale tra la gloria passata e un po' nostalgica degli anni Novanta e quella presente del successo mainstream delle Ballate Per Piccole I ene, il prodotto che si trova anche all'ipermercato e che ha invaso gli scaffali di tutte le case. Quando uscì ci sembrò subito bellissimo, terribilmente malinconico e persino psichedelico; reggeva benissimo fino alla fine nonostante l'inizio fosse di quelli che non ammettono miglioramenti. La title track, infatti, è ancora oggi l'attimo fuggente (per fortuna felice) di un'intera carriera, è la liberazione dai fantasmi, è la rinascita. Ricordo che passai il disco a un sacco di gente, convinto che dovesse per forza piacere a tutti ma c'è chi lo definì inquietante. Capimmo che la grandezza di un lavoro così intimo e profondo poteva essere colta immediatamente soltanto da chi aveva seguito e amato nel bene e nel male la band di Manuel Agnelli. Ogni canzone in questo magnifico album è colma di un'urgenza nuda e brutale e perciò unica. Mai avrei pensato che un pezzo degli Afterhours mi avrebbe ricordato i Black Heart Procession, eppure Il Mio Ruolo ha tale potere, ancora intatto dopo sei anni, ancora misterioso e affascinante. In quei sette minuti una sottile minaccia si mescola a frasi d'amore in un paesaggio invernale, come una promessa da rinnovare, come una dichiarazione di resistenza. Marco Archilletti

ML 28


musicletter.it

update n. 52

recensioni

ARTIST: CARL CRAIG TITLE:

More Songs about Food and Revolutionary Art

LABEL:

Planet E

RELEASE:1997 WEBSITE:

www.planet- e.net

MLVOTE: 9 /10 I l 12 gennaio scorso, nella Sala Sinopoli dell Audit orium Parco della Musica di Rom a si è svolt o un event o esclusivo e st raordinario nell am bit o di quella che per sem plificazione si cont inua a chiam are m usica elettronica: l esibizione di Carl Cr a ig a n d I n n e r zon e Or ch e st r a . La m ission di questo proget t o parallelo, rispet t o alla carriera solist a dello st esso Craig, e grazie alla collaborazione di m usicist i j azz com e Rodn e y w h it a k e r , Pa u l Ra n dolph , Cr a ig Ta bor n e Fr a n cisco M or a Ca t le t t , è la realizzazione di una m usica t ot ale che va dalla dance al j azz passando at t raverso l am bient , il soul, il funk e l hip hop. Ca r l Cr a ig, sperim ent at ore st orico della fam osa scena t echno di Det roit , inizia la sua at t ivit à di producer già dalla fine degli anni Ot t ant a insieme al celebrato Derrick May. Per tutti gli anni Novanta fino a oggi, sono tanti i frutti prodotti da quest o inst ancabile colt ivat ore del suono digit ale. Si possono annoverare alm eno cinque dischi m em orabili: con la sigla 69 The Sound of Music ( 1995) , com e Pa pe r clip Pe ople The secret Tapes of Dr. Eich ( 1996) e con la ragione sociale I n n e r zon e Or ch e st r a Programmed ( 1999) ; a proprio nom e sono da m enzionare Landcruising ( 1995) e soprat t ut t o More Songs About Food and Revolut ionary Art ( 1997) . È proprio di quest ult im o album che il sot t oscrit t o int ende parlare, per sot t olineare innanzi t ut t o com e quest a fat ica sia una delle poche opere che ci fanno v ivere veram ent e la cont em poraneit à in t ut t e le sue sfum at ure ( prendere not a che st iam o t rat t ando di m usica che risale a undici anni fa) . Dopo una breve int roduzione si part e con Televised Green Smoke, una t ipica canzone dance che non fa ballare m a che cresce gradualm ent e e in m odo m orbido at t raverso una foschia im palpabile. Ci si t rova in piena m usic for film in Goodbye Word e principalm ent e in Red Light s con le sue at m osfere m aest ose, laddove in Dreamland e Butterfly vi è un rit orno al t ipico sound di Det roit con cont am inazioni j azz che non degenerano m ai nel m anierism o. Da segnalare ancora i suoni ult rat erreni di Dominas che precedono il j ungle della dolcissima At Les, l et erea voce fem m inile in As Tim e goes By ( Sit t ing Under a t ree) , il rit m o regolare m a accat t ivant e di Frustration e per finire l inquiet udine e l ansia di Food and Art ( I n t he spirit of Revolut ion) . M or e Songs bou t Food a n d Re volu t iona r y Ar t è un disco raffinat o, m alinconico e solenne: il punt o di part enza è la m usica t echno della Det roit da ballare, m a quando si arriva alla fine del viaggio, con il cuore in gola e il cervello sotto pressione, ci si accorge di aver mosso poco le chiappe. Domenico De Gasperis

ML 29


musicletter.it

update n. 52

recensioni

ARTIST: TEMPLE OF THE DOG TITLE:

S.T.

LABEL:

A&M Records

RELEASE: 1991 WEBSITE:

www.onamrecords.com

MLVOTE: 9 /10 Cinque ragazzi, dopo la m ort e di un am ico, decidono di andare a sfogare la loro sofferenza in sala prove. Fu proprio la scom parsa di An dy W ood, voce dei M ot h e r Love Bon e , che diede l anim a alla collaborazione, assiem e a M a d Se a son ( vedi MusicLet t er n. 50) , più im port ant e dell era grunge: Te m ple Of Th e D og. Qui si unirono McCready, Gossard e Am ent , ex M.L.B., con Cornell ( ex coinquilino di Wood) e Cam eron, voce e bat t eria dei Soundgarden. A quest i, a regist razioni già iniziat e, si aggiunse un ragazzo che, lasciat o il suo lavoro ad una pom pa di benzina in California, era arrivat o nella grigia Seat t le, per sost it uire lo st esso Wood, in quelli che sarebbero divent at i i Pe a r l Ja m . Ovviam ent e la new ent ry è Eddie Ve dde r e la sua apparizione è fondam ent ale nel brano Hunger St rike, vero e proprio t em porale, generat o dal calore della sua voce, in cont rast o con la glacialit à di quella di Cornell. Proprio quest ult im o fu la m ent e del proget t o, che, oscillando fra ballat e e pezzi più duri, riesce a rappresent are la rabbia e l im pot enza che si hanno di front e alla m ort e. Così, se sono st ruggent i i due brani esplicit am ent e dedicati a Andy, Say Hello To Heaven e Times Of Trouble, non meno pieni di carica emotiva sono i lenti Call Me a Dog e All Night Thing. Non m ancano di sent im ent o, inolt re, i pezzi più t irat i, com e Pushin forw ard back, Your Savior, o Reach Down, con un McCready part icolarm ent e ispirat o. Te m ple Of Th e D og rim arrà sem pre una perla scura dell era grunge, nonché l epit affio più sporco e stropicciato che la storia del rock possa ricordare. Alessandro Busi

ML 30


musicletter.it

update n. 52

recensioni

ARTIST: BOOHOOS TITLE:

Moonshiner

LABEL:

Electric Eye

RELEASE: 1987 WEBSITE: MLVOTE: 8,5/10 Ci rest arono m ale un po ovunque, soprat t ut t o nei repart i di ost et ricia di Bologna e Firenze nelle cui culline t erm iche la nuova cosa it aliana era st at a accolt a, m a anche nelle giungle m et ropolit ane di Milano e Rom a dove si rit eneva scont at o che il m alessere urbano facesse da spint erogeno per chissà quale rivoluzione m usicale, e pure a Torino, allora fiorent e e rigogliosa di spezie ret ro- rock, ci rest arono un po fregat i: il m iglior disco di rock n roll m ai part orit o in I t alia ( beh, avant i uno dei m igliori, v ist o che c era pure You n g Ba st a r ds dei Kim Squ a d in giro in quello st esso periodo NdLYS) veniva da fuori zona : Pesaro. Un po di m esi prim a, sem pre su Elect ric Eye era uscit o Th e Su n , t h e Sn a k e a n d t h e H oo, uno st ordent e m ini- LP t ra i prim i ( a livello m ondiale, non solo in pat ria) a rivalut are il suono degli Stooges m ent re dappert ut t o la febbre garage galoppava. Dent ro c era anche quella cover di Search & Dest roy che rest a in assolut o la più bella versione del classico di Iggy mai registrata. Moonshiner non abbandonava e non t radiva l am ore per gli Stooges ( i t ardi- St ooges, per la precisione) m a lo im m ergeva in una più vast a e m olt eplice sint assi di rawk n roll im past at o nei lust rini del glam . Un rock bast ardo e sanguigno che ha nei prim i anni Set t ant a il suo nat urale sbocco creat ivo. I l disco si apre con una rapido scam bio di accordi giocat i su una chit arra acust ica m a è qualche secondo dopo, non appena Pa u l Ch a in accende il suo organo elet t rico, che si int uisce dav vero che nessuno uscirà vivo da qui: Nancy s t hroat è un v ero baccanale pre- hard che scioglie da subit o gli indugi. Le sferzat e proseguono con Ghostdriver, ancora giocat a sul suono aggressivo delle chit arre e le spruzzat e di organo a sporcare t ut t o com e un bukkake di sem enza acida. Downt own t rain, a seguire, sm orza un po i t oni: è un boogie sincopat o m a non privo di suggest ioni che ospit a, com e nel pezzo successivo, Piero Balleggi ( in quegli anni im pegnat o anche con i new- wavers Neon e i rockabillies Ja ck D a n ie l s Love r s). My H.E.L. chiude la prim a part e del disco col suo hard- rock veloce e flashiat o e il suo boccale di cori. Realizzi allora che l orgia è in pieno corso e l urgenza di volt are il disco ha, negli anni, ridot t o la m ia copia in vinile a un indecent e cum ulo di t agli e graffi com e quelli di un eroinom ane in preda ai deliri suicidi. La seconda facciat a del disco è quella più visionaria, lunare e decadent e, figlia dello Ziggy St ardust bowiano e dei collet t i di pelliccia di Marc Bolan: si apre con Oh you Mandrax, ballat ona glam colm a di ospit i ( anche D a n ie le Ca pu t o dei Bir dm e n of Alk a t r a z e M or e n o Spir ogi degli Avvoltoi si prest ano al gioco) e di chit arroni scintillanti. Meet Us, a ruot a, è uno dei pezzi più vecchi del gruppo: si sent ono le loro origini garage anche se deform at e, alt erat e da un approccio duro e volgare. È un punk m ut ant e e debosciat o, che flirt a con l hard, la psichedelia pesant e e il blues. Chit arre che sfrecciano e un cem balo che, com e il t rapano di un dent ist a, gioca sui due canali. I l capolavoro arriva subit o dopo. Si int it ola The Hoo ed è una serpe blues avvelenat a che si sv iluppa seguendo un t orbido e funereo giro di basso, si riem pie di rum ori, si int errom pe ( here it com es ..) per poi esplodere in un ficcant e e dionisiaco assolo di chit arra gem ent e. Un finale in crescendo che cede poi il passo all int im ism o dell acust ica When I com e hom e che sa di ceppi che prendono fuoco nel cam ino e di bot t iglie di vino, prim a di prendere il volo con un coro che è una pioggia di pailet t es. Pura dot t rina glam . Allora diciasset t enne com plet am ent e t ravolt o dal rock n roll m i dicev o che la fest a era solo all inizio, che se c era in giro gent e che faceva dischi così chissà cosa sarebbe uscit o negli anni a venire. Oggi, più di vent i anni dopo e col senno di poi posso dire che m i sbagliavo: Moonshiner rest a il capolavoro che era e di alt re m eraviglie, ahim è, se ne sono sent it e sem pre m eno. Sollecit erei il m io am ico ( e allora deus- ex- m achina della Elect ric Eye) Claudio Sorge che dieci anni fa m i rivelò un proget t o di rist am pe del cat alogo più hard della defunt a Elect ric Eye ad accelerare i tempi. Magari usando My H.E.L. come propellente. Franco Dimauro

ML 31


musicletter.it

update n. 52

live review

ARTIST: HARDCORE SUPERSTAR LOCATION:

Roma, Stazione Birra

DATE: 11.12.2007 WEBSITE:

www.hardcoresuperstar.com photo by Manuel Fiorelli

Freschi di un album in st udio nuovo di zecca ( D r e a m in g I n A Casket) e di un singolo, Bastards che, soprat t ut t o in pat ria, st a facendo faville, gli svedesi Hardcore Superst ar sono t ornat i per la t erza volt a in I t alia, negli ult im i t re anni. col loro carico di rock n roll e bad at t it ude. La prim a osservazione posit iva riguarda la venue dello show, la St azione Birra, uno dei pochi club in I t alia che non sono st at i

prest at i

alla m usica m a che per essa sono st at i concepit i, bast a dare uno

sguardo alla st rut t ura e ai m at eriali im piegat i per rendersene cont o. Purt roppo alcuni im pegni hanno rit ardat o la part enza per Rom a e quando giungo in loco riesco a vedere solt ant o le ult im e due canzoni eseguit e dal support ing act , i Crashdiet , la cui m at rice hard ot t ant iana si palesa nella conclusiva Breaking t he chains acclam at a a gran voce dai present i che sono apparsi m olt o soddisfatti dalla loro prest azione. Un rapido cam bio di st rum ent azione on st age e una breve int roduzione annuncia l ingresso ( accom pagnat o dal boat o dei circa t recent o present i) degli H a r dcor e Su pe r st a r sul palco. I quat t ro non si fanno pregare e iniziano lo show ricalcando la t racklist del loro ult im o e recent e album in st udio piazzando quindi in apert ura Need no com pany e Medicat e m e in m aniera anche più energica di quant o si ascolt i su cd; a fare le spese di t ale carica è la pelle ( o la ret ina) del rullant e del batterista M a gn u s " Adde " An dr e a sson che dev e essere sost it uit o dopo solt ant o due brani, prim a di riprendere, con Silence for t he peacefully, una corsa selvaggia pregna di furore rock. È bene chiarire che c è st at a una evident e evoluzione nel suono della band che, da un paio di album a quest a part e, sem bra aver diluit o le sonorit à sleaze/ glam degli esordi a favore di una propost a più pot ent e, piena e hard, ragion per cui la scalet t a del concert o ha privilegiat o prevalent em ent e i due dischi in quest ione a discapit o ad esem pio dello splendido Bad sneakers and a pina colada dal quale è st at a est rat t a la sola Liberation in fase di bis. Peccato non aver potuto ascoltare Have you been around o You will never know alle quali, com unque, ben poco avrebbe giovat o quest o nuovo im pat t o sonoro. I ragazzacci di Got henburg si dannano l anim a sul palco, ci danno dent ro senza riserve e cont agiano col loro rock n roll ipervit am inizzat o: Joa k im " Jock e " Be r g versa in un invidiabile st at o di grazia, la sua voce ha ret t o per t ut t o il t em po, il carism a nonché un fisico asciut t o e scolpit o hanno fat t o il rest o ( da segnalare una consist ent e presenza di giov ani donzelle, soprat t ut t o nelle prim e file) . I l suo alt er ego, Th om a s Silve r , m i ha dat o cost ant em ent e l im pressione di incarnare un moderno An dy M cCoy, la sua sei corde è st at a indubbiam ent e un alt ro elem ent o det erm inant e per la buona riuscit a della serat a m ent re efficace e preciso è st at o il lav oro del bassist a Martin Sandvick, piuttosto appesantito nel fisico se paragonato ai suoi compagni. Kick on the upperclass e We don t celebrat e Sundays, post e a cavallo della già cit at a Liberation cost it uiscono il t erzet t o col quale la band ha concluso il proprio set , una scarica di adrenalina accom pagnat a dal sost egno di fans che sem bravano davvero avere risorse illim it at e, considerat a la gran cagnara che regnava sot t o il palco. Non c è dubbio che quella appena consum at a sia st at a un alt ra grande serat a di rock, del rest o non se ne ha m ai abbast anza, anzi, a quest o punt o sarei dispost o a prendere personalm ent e per il collo Josh Todd affinché port i da quest e part i anche i suoi grandiosi Buckcherry. Keep on rockin everybody! Manuel Fiorelli

ML 3 2


musicletter.it

update n. 52

live review

ARTIST: H EAVY TRASH AN D TH E SADIES LOCATION:

Roma, Init

DATE: 02.02.2008 WEBSITE: photo by Danilo Spinelli

Jon Spencer è un idolo del rock. Lo sappiam o da alm eno dieci anni, e i suoi Blues Explosion ne sono la prova t angent e. Cosa sono allora gli H e a vy Tr a sh ? Un gioco, forse. Di cert o la qualit à di quest o side proj ect è not evolm ent e inferiore rispet t o alle sue precedent i collaborazioni, e arrivat i appena al secondo album sem brano già m ost rare la corda in quant o a creat iv it à, rifacendosi in t ut t o e per t ut t o al rockabilly degli anni 50 e ad Elvis, sia nello st ile m usicale che nel cant at o. Qual è il punt o allora? Jon Spencer è un idolo del rock, dicevam o. Beh il punt o è proprio quest o. Con t ut t o il rispet t o, non ci im port a nient e degli Heavy Trash, del chit arrist a, M a t t Ve r t a - Ray, e delle loro canzoni ( che com unque sono divert ent i e orecchiabili) . È lui che vogliam o. È lui che il pubblico acclam a, st rappandosi i capelli e sognando di riuscire ad avvicinarsi al palco t ant o da pot erlo t occare: scene d alt ri t em pi, proprio com e si addice alla serat a. E lui st a al gioco, ci sa fare. Non si risparm ia neppure un m om ent o, indossa i panni del nov ello predicat ore del rock e non li svest e neppure un m om ent o. Jon Spencer non cant a, lui em ana energia e la diffonde senza alcuna avarizia. I l vero cont ribut o alla riuscit a della serat a arriva però dai Sadies, band canadese che suona un curioso m ist o di alt - count ry e e surfer rock, e che da più di un anno collabora gli Heavy Trash, suonando con loro in tour e in studio (hanno infatti preso parte alla realizzazione del nuovo album, Going out with Heavy Trash) : l affiat am ent o fra i sei m usicist i sul palco è perfet t o, e il divert im ent o assicurat o. È buffo pensare di t rovarsi all im provviso cat apult at i cinquant anno indiet ro, dim ent icare che nel frat t em po ci sono st at i il punk e la new wave e l elet t ronica, dim ent icare il cinism o e la disillusione che t ant o carat t erizzano quest i favolosi anni duem ila e credere di nuovo, giust o per un paio d ore, che il Rock and Roll è v ivo, e st a accadendo qui, ora, in questo locale stretto nascosto nella periferia romana. Fedra Grillotti

ML 33


musicletter.it

update n. 52

monografia

SUPREME DICKS Uno sguardo nel vuoto © di

Pier Angelo Cantù Con un nom e sim ile deve essere st at o davvero difficile passare inosservat i, anche nell universo circoscrit t o della m usica indie am ericana; suscit are

difficile qualche

quant om eno m orbosa

non

curiosit à.

I nvece, proprio quello era il desiderio di D a n Ox e m be r g, Jon Sh e r e e Steve Shafel: at t raversare di nascost o le not e, svent rarle

in

sordina

approfit t ando

dell oscurit à, rest it uirle poi decom post e, in una st rut t ura di ludica m alinconia e di euforica dilat at a

ubriacat ura, e

rim anendo

priva

di

dalla

prospet t iva

qualsiasi

nell om bra.

Trat t i

schem a, che

li

annoverano, a post eriori, cert am ent e fra gli ant esignani delle cosiddet t e slackers- band, anche se il concet t o rest a lim it at iv o. At t ivi nella nat ìa Bost on fin dal 1982, fulcro at t rat t ivo del Ham pshire College, i Su pr e m e D ick s ( t ut t i chit arrist i e cant ant i, con l aggiunt a di un bat t erist a) si affacciano alla discografia dopo dieci anni di t orm ent i e frust razioni ( t ut t o verrà però recuperat o e dat o alle st am pe) con un singolo su Funky Mushroom ( Sk y Pu ddle

Cou n t r y Of N u n s) seguìt o, a dist anza di qualche m ese, dal

prim o album , Th e Un e x a m in e d Life ( Homestead) st ralunat o e ipnot ico, che li carat t erizza fin da subito come una band votata al suono più che alla scrittura, titolare di un songwriting sfilacciato e im ploso in una psichedelia quasi inv olont aria, privo di canoni form ali, m a con debit i nel filone del cosiddet t o folk- rock obliquo e a t int e scure ( a cui i Suprem e Dicks conferiscono però un effet t o di acut a svogliat ezza) , che nasceva e si afferm ava assiem e a personaggi t rasversali com e J Mascis, W ill Oldh a m e Bill Ca lla h a n e band com e i N e u t r a l M ilk H ot e l, i D e a d C, gli Idaho e i Sebadoh. L allucinazione form ale non si ferm ava alla m usica, proseguendo il proprio delirio nelle liriche e nella filosofia esist enziale del com bo: furono proprio i t est i, esplicit i e barret t iani, se vogliam o, a em arginare il gruppo rispet t o al rest o della scena m a, nel cont em po, a creare loro at t orno un aura di m ist ica e at ipica at ea religiosit à ( Per essere un Cazzo Suprem o uno deve aver fat t o vot o di celibat o, non m angiare carne e avere una m ent alit à non egocent rica

farnet icavano

Dan e i suoi) . Pubblicat o il prim o disco, sot t o la spint a della crit ica ent usiast a, i ragazzi diedero fondo agli archivi, che videro la luce nel 1994 col t it olo W or k in gm a n s D ick ( Freek Records) , una sort a di concept album sui generis con m olt i brani indecifrabili e priv i della part e cant at a, e nel successivo più fram m ent at o EP Th is I s N ot A D ick ( Runt ) , per cert i versi inascolt abile, olt re a uno split in parallelo in compagnia degli One Small Good Thing. ML 34


musicletter.it

update n. 52

monografia Dat i per spacciat i e perdut i m ent alm ent e, in cerca di nuove st rade di sv iluppo della filosofia reichiana ( creare un fluido posit iv o dell Orgone ) , i Suprem e Dicks piazzano invece la zam pat a st orica con Th e Em ot ion a l Pla gu e , pubblicat o sem pre dalla Hom est ead, album che si scrolla di dosso

qualche

ingom brant e

paragone

( Lou

Re e d, Tim

Bu ck le y) ,

per

addent rarsi

con

convinzione in una deform azione, sem pre di st am po psichedelico, del suono e della m elodia, cost ruendo cum uli di dissonanze alt ernat e a fram m ent i di canzone, dove è sem pre il suono st esso e la sua idea a cost it uire il baricent ro, con l int roduzione di st rum ent i int rusi e la m et icolosa cancellazione di qualsiasi flusso rit m ico. Un lavoro affascinant e quant o surreale, cont raddit t orio m a sublim e, gravido di aut oironia, quant o soffocat o sul nascere da un m ood plum beo e carico di sinist ri presagi. Qualcuno li ha definit i un orchestra da camera di straccioni, qualcun altro ha tirato in ballo la m usica d avanguardia: t ut t i concordi nel decant arne le lodi. I o m i im m agino spesso le loro facce int ent e a leggere quelle crit iche ent usiast iche e t ort uose , e non posso non sorridere: non credo che i Suprem e Dicks si siano m ai presi art ist icam ent e t roppo sul serio. Sparit i definit ivam ent e dalla circolazione, m usicalm ent e parlando, pare a seguit o di un caot ico concert o in cui furono raggiunt i sul palco ( cont inuando però a suonare) da un fan esagit at o ( Dan Kapelov it z) che si aut oproclam ò nuovo leader della band ( Dan è ora at t ivo in cent inaia di proget t i art ist ici, t ra i quali il più fort unat o è il serial t elevisivo psichedelico Threee Geniuses, peralt ro condiv iso con l ex

m em bro

dei Dicks, Jon Shere, olt re che nell art e decorat iva di derivazione

onirico- surreale) , quello che più m i colpisce è sent ire o leggere periodicam ent e ( m i è capit at o personalm ent e con Pall Jenkins dei Black Heart Procession) dichiarazioni di aut orevoli m usicist i della scena indie, che ricordano con devozione e affet t o i Suprem e Dicks e le condivisioni art ist iche, sia in st udio che sul palco ( dove il gruppo ha sem pre espresso cose m irabolant i) : J Mascis, Azalia Snail, Lou Barlow, Alan Sparahwk, sono molti a tenere vivo il ricordo dei Dicks. Per finire, pensavo che la discografia dei Supreme Dicks fosse st at a inghiot t it a dall oblìo m a m i sbagliavo: persino Am azon e CDNow ne hanno qualche copia in m agazzino. Non sarebbe uno sforzo inut ile, quello di dare il v ia a una personale caccia al CD, m eglio se in qualche bancarella o tra gli scaffali di negozi di seconda mano, quantomeno di The Emotional Plague che, a torto o a ragione, resta uno dei dischi fondamentali della passata decade.

ML 35


musicletter.it

update n. 52

altri percorsi: libri

PAOLA DE ANGELIS JOURNEY TO THE STARS I testi di NICK DRAKE

Arcana Editrice, 2007

di Pasquale Boffoli

Lo st esso t it olo di quest o libro di Pa ola D e An ge lis è sint om at ico della sua diversit à da t ut ti quelli uscit i in precedenza sul m enest rello inglese, la cui opera non ha m ai perso d'attualità nelle decadi successive la sua morte prematura, influenzando la poetica di tantissimi songwriters venuti dopo di lui. Un v iaggio verso le st elle : i t est i di N ick D r a k e ! È davvero st raordinario il lavoro della D e An ge lis, t eso a int erpret are i significat i più recondit i, di volt a in volt a oscuri, am bigui o solari nascost i nelle pieghe delle liriche del poet a di Tanwort h I n Arden, st rofa per st rofa, verso per verso. Lo fa indagando m et odicam ent e sulla sua breve t orm ent at a vit a, at t raverso t est im onianze di chi lo ha conosciut o e collaborat o con lui, com e il produt t ore Joe Boyd o l'arrangiatore Robe r t Kir by, cit azioni di opere scrit t e su Drake nelle scorse decadi, m a soprattut t o t rovando evident i affinit à tra

il fruit t ree

dei suoi versi e

della sua sensibilit à e

quello di poet i visionari e rom ant ici connazionali del passat o com e William Blake, Wordswort h, Keats m a anche Baudelaire, Leopardi. Di t ut t i quest i poet i la De Angelis fa num erose cit azioni poet iche confront andole cert osinam ent e con le liriche di Five Le a ve s Le ft , Br yt e r La yt e r , Pin k Moon e Tim e Of N o Re ply che t rat t ano gli st essi st at i d'anim o ed accadim ent i: a volt e l'aut rice si lancia in spericolat e e personali ipot esi let t erarie, in ogni caso sem pre affascinant i, t ese a dim ost rarne la m odernit à assolut a e l int ensit à senza pari. I nut ile nascondere l'im pegno necessario alla let t ura di un'opera che difficilm ent e sarà superat a, per dovizia di part icolari e profondità di scrit t ura, da event uali successive pubblicazioni. Dim ent icavo: la pubblicazione del libro coincide con i 35 anni di quella di Pink Moon, ultimo album di Nick Drake.

ML 36


musicletter.it

update n. 52

altri percorsi: operetta

BREVE STORI A D ELL OPERETTA Ma t ut t o que st o cosa c e nt r a con il r ock a nd r oll? © 2008 di

Gianfranco Alessi Sem brerà st rano per i let t ori di quest a rivist a musicale, che t rat t a il genere rock, t rovare una recensione su un genere com plet am ent e diverso, indiet ro col t em po e che cert am ent e pochi

conoscono:

l operet t a.

Prim a

di

addentrarci, è opportuno dare una definizione di operet t a, definizione che si può desum ere da

riv ist e

specializzat e

o

enciclopedie.

L operet t a viene definit a com e una form a di teatro musicale, conosciuta anche col termine di

piccola

seconda

lirica, m et à

che

si

m anifest ò

dell Ot t ocent o

nella

riscuot endo

not evoli consensi t ra larghi st rat i di pubblico sino

alla

fine

l operet t a,

nei

degli

anni

Trenta.

luoghi

dove

Oggi viene

rappresent at a, riscuot e successo e consenso di pubblico cert am ent e non paragonabili a quelli che riscot eva nell epoca d oro. Dalla definizione dat a, alla m ent e del let t ore corre subit o un accost am ent o di quest o genere m usicale all opera lirica ben più conosciut a. Ma i due generi ben differiscono t ra loro in quant o l operet t a si art icola in due part i, una in m usica l alt ra in recit at iv o, m ent re l opera present a una sfarzosa cornice scenica e soprat t ut t o v iene curat o l aspet t o coreografico e dei cost um i. ( La form a del recit at iv o unit o al m usicale era propria delle com posizioni m usicali in essere nel Seicento, nel Set t ecent o e nei prim i dell Ot t ocent o. Con Bellini e Donizet t i viene a scom parire gradualm ent e la part e recitativa per dare post o alla sola part e m usicale. Solam ent e Rossini rest erà legat o alla t radizione del recit at iv o alt ernat o al m usicale e solo nelle sue ult im e com posizioni ut ilizzerà una part it ura quasi t ut t a m usicale) . La t ram a, che fa da sfondo all operet t a ha sem pre un cont enut o di t ipo com ico, t alvolt a sat irico che aveva com e am bient azione o la ricca societ à del t em po o la m edia piccola borghesia o il popolino. La st oria si basava su int recci alquant o com plessi, condit i soprat ut t o da infedelt à coniugali o da equivoci alla Feydau e, appunt o, quest a m ist ura basat a su equivoci o alt erne v icende, da una part e scandalizzava i benpensant i dell epoca, dall alt ra divert iva m asse di persone che, sem pre num erose, affollavano t eat ri e piazze dove v enivano dat e le rappresent azioni. L opera lirica ha sem pre com e cont enut o passioni am orose che si concludono in m odo dram m at ico ( da cui il nom e di m elodram m a o dram m a m elodico) e raram ent e hanno un finale

gioso.

L operet t a,

com e

sopra

ricordat o,

ha

le

sue

origini,

nella

seconda

m et à

dell Ot t ocent o, in Francia. Ebbe diffusione ben prest o in Aust ria e in I nghilt erra, negli St at i Unit i e anche in Boem ia e in Ungheria. I n I t alia si m anifest a agli inizi del Novecent o e riscuot e subit o larga popolarit à fra i vari st rat i sociali per poi lent am ent e declinare verso la fine degli anni Trent a per dare spazio a un nuovo genere musicale, che raggiungerà il massimo splendore sino alla metà degli anni 50: lo spet t acolo di Rivist a. Solo per dovere di cronaca si ricordano alcune t ra le più famose Compagnie di Rivista che hanno calcato i palcoscenici di famosi teatri: quelle di Totò in cui debuttò una giovanissima Anna Magnani, quella di Macario e quella di Vanda Osiris. ML 37


musicletter.it

update n. 52

altri percorsi: operetta Tornando alla nost ra operet t a, in Francia, il com posit ore più prolifico è st at o Jacques Offenbach che m usicò olt re cent o operet t e che vennero rappresent at e nei Teat ri da lui st esso gest it i ( il Theat re des Bouffes e il Teat ro de la Gait è) . Alt ri com posit ori francesi da ricordare sono: Charles Lecocq, Edm ond Audran, Andrè Messanger, Robert Planquet t e, Claude- Ant oine Terrasse. Quando la Francia fu sconfit t a a Sedan ad opera della Prussia e dell Aust ria, calò subit o in quel paese una rigida censura che port ò l operet t a, com e t ut t i gli alt ri generi t eat rali, a non fare più della sat ira soprat t ut t o diret t a alla Grandeur o al m ilit arism o m a a lim it arsi ai soli argom ent i fut ili. I n Aust ria, quest o genere m usicale ebbe la consacrazione grazie a Johann St rauss figlio, che com pose, fra il 1871 ed il 1881, m olt e operet t e di cui le più celebri sono il Pipist rello, Sangue Viennese, lo zingaro Barone. Alt ro com posit ore viennese celebre fu Franz Von Suppè che fu precursore di Strauss e al quale deve essere riconosciuto il merit o di aver dat o un im pront a t ipica viennese fat t a di passione, di nost algia, di desiderio di v it a e di oblio. Di quest o com posit ore ricordiam o l operet t a più celebre: Cavalleria leggera il cui brano più conosciut o e rappresent at o è l Overt ure (composizione m usicale che precede l inizio dell opera o operet t a ) . Cert am ent e l operet t a più conosciut a al m ondo, e anche la più rappresent at a ieri com e oggi, riscuot endo sem pre grandi successi, è nat a dal genio di Franz Lehar, parlo della Vedov a Allegra. Cert am ent e non è da m eno il com posit ore ungherese Em m erich Kalm an aut ore di t ant e operet t e fra le quali ricordiam o la più fam osa che è la Principessa della Czarda. Anche l I nghilt erra va ricordat a grazie al genio creat iv o dei com posit ori Art hur Sullivan e Sidney Jones m eglio conosciut i com e Gilbert & Sullivan e dalla quale deriverà la Com m edia m usicale am ericana. Negli St at i Unit i l operet t a fu im port at a verso la fine dell Ot t ocent o e si t rasform ò nella

m usical com edy , con aut ori com e Kern e Gershw in.

L I t alia cert am ent e non è st at a seconda a nessuno per produzione di operet t e. Quest o nuovo genere m usicale prende piede anche qui verso la fine dell Ot t ocent o. La fam a e i consensi che m iet eva fav orirono il cim ent arsi di giovani m usicist i com e Piet ro Mascagni con Leoncavallo con

e Ruggero

La Regina delle Rose . Di quest i m usicist i ricordiam o le com posizioni che li

hanno resi celebri nel m ondo: Cavalleria Rust icana e i Pagliacci. Purt roppo le loro operet t e non ebbero pari successo alle loro com posizioni liriche. Di quei lavori rest a com unque una buona m usica. Nel nost ro paese l operet t a raggiunse la m assim a popolarit à nel periodo che va dal 1920 al 1940. Una delle peculariet à dell operet t a e che essa veniva port at a in scena da com pagnie appositamente costituite di cui ne facevano parte diversi artisti ognuno con precisi ruoli. Passiamo ora a vedere com e si st rut t urava una com pagnia e quali erano le part i degli art ist i che la componevano. I prot agonist i principali sono sem pre quat t ro: il com ico che era il personaggio più im port ant e, sovent e era quello che dava il nom e alla com pagnia ( cit o due su t ut t i: negli anni 30 Nut o Navarrini m ent re negli anni 60 Elv io Calderoni) . I l repert orio del com ico olt re che a cant are e a ballare, consist eva principalm ent e nel recit are, assai spesso a braccio, ut ilizzando una verve t ale da m andare il delirio il pubblico present e. Assai spesso, durant e il v ent ennio, con doppi sensi veniva messo alla berlina il regime che, comunque, in presenza di una satira garbata non infieriva m a si lim itava, ove necessario, a dei lievi rit occhi . Accant o al com ico, alt ra figura cent rale era rappresent at a dalla soubret t e. Donna sem pre bellissim a la quale non disdegnava di m ost rare al pubblico il suo corpo, ovviam ent e in quelli che erano i lim it i det t at i dalla censura dell epoca e andando t alvolt a anche olt re. ( Esist ono vecchie fot o che rit raggono soubret t e dell epoca con abit i sfarzosi m olt o seducent i e dove l occhio dello spet t at ore pot eva scorgere qualcosa di proibit o) . Questa figura olt re che a recit are e a cant are, assiem e al corpo di ballo si esibiva in danze scatenate. Accant o al com ico e alla soubret t e, figure com prim arie m a a un livello più basso soprat t ut t o nell elenco dei nom inat iv i cont enut i nel cart ellone, erano il t enore, a cui venivano riservat e le part i di grande am at ore e il soprano alla quale erano riservat e, invece, le part i della donna che tradiva o che veniva tradita o anche al centro di equivoci. ML 38


musicletter.it

update n. 52

altri percorsi: operetta Al t enore e al soprano erano riservat e le arie più m elodiose dell operet t a che, per la loro alt a m usicalit à e int ensit à di cant o, sono cert am ent e accost abili alle più belle arie d opera che t ut t ora vengono int erpret at e da celebri cant ant i lirici e di m usica leggera. Anche al com ico e alla soubret t e v enivano riservat e rom anze m eno im pegnat ive m a cert am ent e non m eno fam ose. Da cornice ai quat t ro personaggi sopram enzionat i com paiono alt re figure chiam at e nel gergo generici. A essi era affidat o il ruolo di spalla sia del com ico com e della soubret t e. Chi erano quest i generici. Di solit i erano com ici o soubret t e che, raggiunt a una cert a et à non pot evano più esibir si nei loro ruoli iniziali e quindi vestivano le parti di spalla ai protagonisti principali, caratterizzandole fortement e. Nelle com pagnie di operet t e non vanno t rascurat i due gruppi di personaggi fondam ent ali:

l orchest ra e il corpo di ballo. L orchest ra era cost it uit a quasi sem pre da

professionisti che suonavano sia strumenti a fiato che a corda come pure strumenti a percussione. Nell orchest ra non m ancava m ai il pianofort e col quale il diret t ore dava il via alle m elodie e ai balli oppure si esibiva in assoli. I l corpo di ballo, nei t em pi di m aggior successo, era cost it uit o da diversi elem ent i. Col passar degli anni però è andat o via v ia assot t igliandosi. Oggi, t ranne che per le rappresent azioni in grande st ile, il corpo di ballo è com post o quasi esclusivam ent e da pochissim i elem ent i.

Nell operet t a il corpo di ballo, non si lim it av a solt ant o alla danza m a

part ecipava at t ivam ent e alla rappresent azione ent rando in scena nelle part i recit at e e fungendo da coro nelle part i cant at e. L I t alia ha avut o grandi m aest ri. Fra i com posit ori che più hanno dat a all operet t a sono da annoverare i m aest ri Carlo Lom bardo, Virgilio Ranzat o, Giuseppe Piet ri, Mario Cost a aut ori di operet t e indim ent icabili quali: Cin Ci Là, il Paese dei Cam panelli, L acqua Chet a, Scugnizza, La Donna Perdut a, Prim arosa e alt re, le cui m elodie celebri hanno cert am ent e cont ribuit o alla bella m usica it aliana, vant o del nost ro paese nel m ondo. Oggi, purt roppo, l operet t a è quasi una m et eora. È raro t rovare in giro com pagnie di operet t e. Esist ono ancora m anifest azioni per celebrarla m a m olt o isolat e e con poca eco. Le orm ai rare com pagnie, che si possono cont are sulla punt a delle dit a della m ano, girano per l I t alia in m ezzo alle t ant e difficolt à che at t raversano un po t ut t o il m ondo dello spet t acolo. Per chi volesse approfondire le proprie conoscenze su quest o genere, olt re a pubblicazioni specifiche, vi sono incisioni m usicali reperibili in negozi specializzat i anche se non vi è una grande possibilit à di scelt a, a causa di un m ercat o non certamente di tendenza. Non in ultimo desidero ricordare che la televisione di Stato negli anni passat i ha previst o, nei propri palinsesti, rappresent azioni di operet t e che sono rim ast e fam ose sia per l int erpret azione degli art ist i che per le coreografie. Forse non sarebbe sbagliat o riproporle al pubblico com e cert am ent e non sarebbe sbagliat o che qualche edit ore di buona volont à facesse uscire raccolt e m usicali di operet t e in cd che sicuram ent e riscuot erebbero un grosso successo. Dunque, v iv a l operet t a!

ML 39


musicletter.it

update n. 52

last updates

FREE DOWNLOAD ON WWW.MUSICLETTER.IT www.musicletter.it

www.musicletter.it

www.musicletter.it

ML

ML

ML

FREE DONATION

FREE DONATION

FREE DONATION

www.musicletter.it

www.musicletter.it

www.musicletter.it

ML

ML

ML

FREE DONATION

FREE DONATION

FREE DONATION

UPDATE N.52

UPDATE N.51

www.musicletter.it

ML FREE DONATION

ML 40


musicletter.it

update n. 52

last updates

FREE DOWNLOAD ON WWW.MUSICLETTER.IT

UPDATE N.50

UPDATE N.49

UPDATE N.48

UPDATE N.47

UPDATE N.46

UPDATE N.45

UPDATE N.44

UPDATE N.43

UPDATE N.42 ML 41


www.myspace.com/musicletter

www.last.fm/user/musicletter

www.musicletter.it photo by Luca Colucci

ML - UPDATE N. 52  

Choose The Best - www.musicletter.it

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you