__MAIN_TEXT__

Page 1

RELAZIONE ANNUALE

2014 a cura di Alessia Fazio ed Antonietta Di Fabrizio

esercizio

ESERCIZIO 1 DICEMBRE 2013 - 31 DICEMBRE 2014

XX


INDICE A. Bilancio di missione………………………………………………………………….……

3

1. Messaggio del Direttore………………………………………………………………….

4

2. Eventi……………………………………………………………………………………………….

6

3. Didattica…………………………………………………….……………………………………

18

3.1

L’attività didattica per le scuole……………………………………

18

3.2

I progetti educativi……………………………………………………….

25

3.3

I progetti speciali con le scuole……………………………………

26

3.4

Attività ludo-didattiche…………………………………………………

29

4. Formazione………………………………………………………………………………………

30

4.1

Corsi di formazione per insegnanti………………………………

30

4.2

Alta formazione…………………………………………………….………

29

5. Ricerca…………………………………………………………………………………….………

31

5.1

I laboratori………………………………………………………………….…

33

5.2

Le pubblicazioni…………………………………………………….………

34

5.3

Atti e partecipazione a congressi…………………….…..………

35

5.4

I brevetti………………………………………………………..…………….

36

5.5

Le missioni all’estero…………………………………………………….

36

6. Conservazione e restauro……………………………………………….………………

37

6.1

Il magazzino……………………………………………..………………….

37

7. Servizi aggiuntivi e promozionali………………………………...…….……..…

38

7.1

La biblioteca………………………………………………………………….

38

7.2

Il sito web………………………………………………………………………

38

7.3

Il bookshop……………………………………………………………………

38

B. Visitatori e fruitori…………………………………………………………………........

39

1. Visitatori e fruitori del museo………………………………………...….…………

40

2. Indice di attrattività……………………………………….………………………………

42

3. Indagine di gradimento sui visitatori e fruitori del museo…………..

43

C. Patrimonio e risorse………………….………………………………...………...……

53

1. Patrimonio……………………………………………………………………………………...

54

2. Risorse economiche……………………………..……………………………………….

60

3. Risorse umane……………………………………...……………………………………...

62

D. Indirizzi operativi………………….……………………………………………

63

1. 2014: attività svolte……………………………………………………….………………

64

2. 2015: programmazione attività…………………………………………………….

65

E. Quadri sinottici………………………………………………………………………………….

67

F. Rassegna stampa…………………………………………………………….……..……….

70

1


2


Bilancio di missione 3


1 - MESSAGGIO DEL DIRETTORE Il 2014 ha rappresentato l’anno di una ricorrenza importante per il Museo universitario: vent’anni di attività compiuti nello scorso mese di dicembre. Gli anniversari sono occasione di bilancio e quello del nostro Museo è stato tratteggiato in occasione della cerimonia celebrativa del ventennale alla presenza del Magnifico Rettore, del Direttore Generale, di tutti i membri del Consiglio del Museo e di numerosi delegati rettorali di musei universitari di altre sedi, da Palermo a Perugia, da Ferrara a Roma. L’occasione celebrativa è stata colta non solo per motivi emozionali, ma anche concreti, tanto che è stata messa in atto una completa ristrutturazione delle sezioni espositive esistenti, con aggiornamenti di molti percorsi, dall’origine della vita sulla Terra, fino all’origine ed evoluzione dell’uomo (con un nuovo diorama dedicato alla specie Homo floresiensis); alcune sezioni completamente nuove sono state allestite per l’occasione, come nel caso della sezione storica sulla tassidermia (con una speciale vetrine dedicata alla figura del prof. Florindo Rocchetti), e della sezione di Etnomedicina, allestita ex-novo grazie a nuove collaborazioni scientifiche strette dal Museo ed a nuove donazioni di cospicui materiali etnografici. Infine, il ri-allestimento della sezione di Storia Naturale del Museo del Seminario Regionale (oggetto di apposita donazione) ha comportato anche il restauro e la messa in sicurezza di espositori lignei storici che, con una scelta coraggiosa, si è deciso di riutilizzare nel moderno percorso naturalistico. Uno speciale Quaderno del Museo, riccamente illustrato, è stato stampato e diffuso gratuitamente per l’occasione. Al di là del momento celebrativo, le attività svolte nello scorso 2014 offrono a sottolineare alcune peculiarità. Anzitutto, sul piano del numero dei fruitori, si osserva una sostanziale tenuta che, tuttavia, ha avuto una ricaduta economica più incoraggiante; infatti, gli incassi effettuati attraverso il botteghino del Museo, sia per la vendita di biglietti d’ingresso che per l’erogazione di servizi aggiuntivi, ha superato di una non trascurabile percentuale quelli dell’anno precedente, un dato oltremodo significativo quando contestualizzato nel quadro della crisi economica generale e locale. Sul piano del patrimonio, registriamo la presa in carico da parte dell’inventario del Museo universitario di una serie di donazioni e prestiti temporanei illimitati di ingente entità, la cui acquisizione al patrimonio reale del Museo incrementa cospicuamente il patrimonio del nostro Ateneo. La coincidenza del ventennale del Museo universitario avviene con un punto di svolta delle nostre attività. Si tratta del momento nel quale, terminato il ciclo che ha portato dal 2005 ad oggi il Museo universitario ad occupare gli spazi, completamente ed integratamente urbani, del Palazzo Arnaldo Mussolini in Chieti, continuando impetuosa, ed anzi accelerando, la stagioni delle donazioni, 4


impone la ricerca di nuovi spazi espositivi che siano, nel contempo prossimali alla sede attuale ed adeguati alle peculiari necessità museali. Cosicché l’anno 2014 è stato caratterizzato dalla ricerca, peraltro fruttuosissima, di questi nuovi spazi. Grazie ad una favorevole congiuntura cittadina, l’Università “D’Annunzio” è stata chiamata a partecipare allo sforzo collettivo per il recupero e la valorizzazione dell’ex Ospedale Militare, inserito nell’attuale villa comunale. Il complesso monumentale sarà la nuova sede della Biblioteca Provinciale de Meis, dell’Archivio di Stato di Chieti e delle nuove sezioni espositive del Museo universitario. Molte istituzioni hanno contribuito al buon esito delle fasi preliminari di questa importante attività che tende a costituire nel pieno centro cittadino un vero e proprio polo culturale multifunzionale. L’impegno del già sottosegretario di Stato On. Giovanni Legnini è senz’altro in prima fila, assieme a quello di Sua Eccellenza il Prefetto di Chieti Fulvio Rocco de Marinis, ed a quello dell’Assessore regionale Architetto Mazzocca. Grazie alla precisa volontà del Rettore, professor Carmine Di Ilio, infatti, è stato siglato l’accordo preliminare per l’uso e la ristrutturazione delle citate strutture, mentre il progetto di pre-fattibilità è stato sviluppato dagli insigni architetti del nostro Ateneo, Professori Paolo Fusero e Roberto Mascarucci, assistiti – sul piano strutturale – dall’Ingegnere professor Ivo Vanzi. L’impegno del nostro Museo in questa nuova, eccitante avventura che porterà a triplicare i nostri spazi espositivi nel tempo stimato dei prossimi tre anni, sarà quello di costituire presso la nuova sede dell’ex Ospedale Militare la sezione di Arte Contemporanea e di Storia della Scienza e della Tecnica, mentre le sezioni di Storia Naturale, Preistoria, Protostoria ed Antropologia saranno potenziate nella sede attuale di Palazzo Arnaldo Mussolini. L’intensa attività svolta, nelle azioni quotidiane di interfaccia con gli utenti come pure in quelle straordinarie di acquisizione di nuove collezioni e, soprattutto, di nuovi spazi museali, sono state svolte con grande professionalità dallo staff museale e grazie alla collaborazione congiunta degli operativi amministrativi che hanno sempre fiancheggiato quelli museali e tecnici. Il Consiglio del Museo ed il Comitato Scientifico hanno svolto un’attività alacre e competente, sempre confidando nella missione di interfaccia con la società che il nostro Museo deve svolgere per rendere palpabile la presenza dell’Università sul nostro territorio. PROF. LUIGI CAPASSO Direttore del Museo universitario di Chieti

5


2 - EVENTI dicembre 2013 /dicembre 2014 1.

3 dicembre partecipazione del personale del museo al seminario internazionale “Learning at museum. Education and multimediality to internationalize the network of Italian University Museums”, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia.

2. dicembre 2013 - marzo 2014: CORSO NAZIONALE “Beni Culturali per

tutti: accessibilità universale”. L'obiettivo è di formare professionisti capaci di rendere la visita ai luoghi della cultura un evento piacevole per tutti, avendo anche un buon ritorno economico poiché progettare accessibile o acquistare supporti aggiuntivi a strutture già esistenti non è un'operazione costosa e aumenta il numero di visitatori.

3. 18 dicembre

Stampa del Calendario 2014 del Museo Universitario.

4. 19 dicembre

pubblicazione dello studio sulla rivista americana PLOS ONE che corrobora l'ipotesi che l'Uomo di Neanderthal comunicasse con l'uso del linguaggio mediante analisi in 3D con i raggi X di un osso ioide fossilizzato, complesso. Fra gli autori, il paleontologo Ruggero D’Anastasio (primo autore) ed il Professor Luigi Capasso dell’Università di Chieti. Le ultime analisi che sostengono fortemente questa ipotesi sono state condotte dagli Antropologi del Museo universitario di Chieti, in collaborazione con il Centro di ricerca Elettra Sincrotrone Trieste e l’University of New England di Sidney (Australia), sull’osso ioide di un Uomo di Neanderthal rinvenuto nel 1989 nel sito istraeliano di Kebara. Al lavoro hanno, inoltre, collaborato: Multidisciplinary Laboratory, The “Abdus Salam” International Centre for Theoretical Physics, Trieste; Department of Anatomy and Anthropology, Tel Aviv University; Centre for Archaeological Science, University of Wollongong, Australia; Division of Anatomy, University of Toronto, Department of Surgery, Canada; Computational Biomechanics Research Group, School of Biological, Earth and Environmental Sciences, University of New South Wales, Kensington, Australia. Lo studio illustra i risultati di un confronto fra le proprietà biomeccaniche di quest’osso posto alla base della lingua, e quelle di analoghi reperti di Homo sapiens.

5. 19 dicembre incontro tra il Museo universitario di

Chieti e i discendenti dell'eroe libanese Youssef Bey Karam, interessati a recuperare la casa dove morì il bisnonno Youssef Karam il 7 aprile 1889, mentre si trovava in esilio nella città di Ercolano. La dimora potrebbe essere sede, in futuro, di un organismo culturale per favorire la cooperazione internazionale. 6


6. 6 gennaio Festa dell’Epifania, organizzata in collaborazione con il C.R.A.D. dell'Università "G. d'Annunzio" di Chieti.

7. Da gennaio

Inizio corsi – Unidav per la Fruizione Museale. Sono attivati un corso di formazione professionale in “Ausiliario della fruizione museale” ed un Master di primo livello per “Tecnici della fruizione museale”.

8. 17

gennaio Conferenza "Venerdì 17 Giornata Anti-Superstizione" organizzata in collaborazione con il CICAP Abruzzo/Molise, Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale, ed il Liceo Classico "G.B. Vico" di Chieti.

7


9. 24 gennaio Conferenza "Piccoli contributi alla comprensione della DIVINA

COMMEDIA" organizzata in collaborazione con l'Associazione "Amici del Liceo Scientifico F. Masci" di Chieti.

10. 25 gennaio Presentazione del libro "Affinità (S)Elettiva. Quando la

Poesia incontra la Pittura" di Filomena DI RENZO, Franco PASQUALE, Giancarlo ZAPPACOSTA, organizzata in collaborazione con l'Associazione "Noi del G.B Vico" di Chieti.

11. 27 gennaio Conferenza "Gino Bartali,Giusto tra le Nazioni", organizzata

in collaborazione con l'Associazione di volontariato S. Maria Maddalena Centro Famiglia e l'UNITRE.

12. gennaio-febbraio Partecipazione del personale del Museo al corso di formazione in Catalogazione dei beni culturali scientifici, Università degli Studi, Siena.

13. febbraio-giugno Partecipazione del personale del Museo al corso di formazione in "Aspetti educativi e didattici dei musei scientifici", Università degli Studi, Siena.

14. 6 febbraio Primo incontro dal titolo "Giardini reali, sognati, dipinti

nell'arte classica" del ciclo di Conferenze sui giardini antichi, rinascimentali, moderni, letterari, simbolici, organizzato in collaborazione con la Prof.ssa Sara Santoro, docente di Archeologia e Storia dell'arte classica Università "G. d'Annunzio" di Chieti – Pescara.

15. 13 febbraio Secondo incontro dal titolo "Il giardino

napoletano: dalla città rinascimentale ai Siti reali dei Borbone" del ciclo di Conferenze sui giardini antichi, rinascimentali, moderni, letterari, simbolici, organizzato in collaborazione con la Prof.ssa Sara Santoro.

16. 13 febbraio Inaugurazione della mostra temporanea 8


“La stanza del botanico del XIX secolo” realizzata attraverso una selezione dell'Erbario settecentesco e la Collezione di semi dell'Antico Seminario di Chieti.

17. 15 febbraio Conferenza per il Darwin Day 2014 “Sulle orme di Charles

Darwin: Galapagos, l’evoluzione è di scena” organizzata in collaborazione con il WWF Chieti, la Sezione Abruzzo-Molise della Societas Herpetologica Italica (SHI), e la partecipazione del Liceo Scientifico “Filippo Masci”.

18. 16 febbraio Incontro educativo

con i bambini organizzato in collaborazione con Oreste Castagna e Danilo Bertazzi, attori e noti personaggi televisivi di Rai Yo Yo.

9


19. 20 febbraio Terzo incontro dal titolo "Il giardino mediterraneo tra piante

autoctone e piante viaggiatrici" del ciclo di Conferenze sui giardini antichi, rinascimentali, moderni, letterari, simbolici, organizzato in collaborazione con la Prof.ssa Sara Santoro.

20. 27 febbraio Quarto incontro dal titolo "Giardini reali e immaginari nella

cultura inglese e angloamericana" del ciclo di Conferenze sui giardini antichi, rinascimentali, moderni, letterari, simbolici, organizzato in collaborazione con la Prof.ssa Sara Santoro.

21. 28 febbraio Conferenza dal titolo "La valorizzazione del dialetto come

tutela pacifica della propria identità nella società globalizzata", organizzata in collaborazione con l'Associazione "Amici del Liceo Scientifico F. Masci" di Chieti.

22. 5 marzo Pubblicato sul quotidiano "la Repubblica" un articolo relativo

allo studio di un gruppo di antropologi dell'Università "G. d'Annunzio" sull'uomo di Neanderthal e l'intervista al prof. Luigi Capasso.

23. 8 marzo Conferenza "Amore e Psiche"

organizzata dall'Associazione "Noi del G.B. Vico" di Chieti in collaborazione con "Gli amici della biblioteca De Meis".

24. 11 marzo Conferenza "I mosaici delle Terme Romane di

Chieti: un esempio virtuoso di progetto didattico e conservativo interistituzionale", organizzata in collaborazione con il Rotary Club Chieti e l'Archeo Club Chieti.

25. 21 marzo documentario “ Musica contro le mafie. L’alternativa”, organizzato per la “Giornata della Memoria e dell'Impegno", collaborazione con Il Presidio di Libera - Chieti "Melissa Bassi".

in

10


26. 25 marzo Conferenza su "Garibaldi l'antieroe, il marinaio, lo scrittore, l'agricoltore, il politico, l'uomo deluso dall'Unità tradita negli ideali che mosserro i suoi costruttori", organizzata in collaborazione con il Rotary Club Chieti.

27. 28 marzo Conferenza con proiezione dal titolo "Il bosone di Higgs e le

frontiere della fisica" organizzata in collaborazione con l'Associazione "Amici del Liceo Scientifico F. Masci" di Chieti.

28. 29 marzo Incontro in occasione dell’Earth Hour “E quindi riuscimmo a riveder le stelle” organizzato in collaborazione con WWF Chieti

29. 29 aprile Conferenza "Chieti com'era" raccontata dallo scrittore Mario Pilo (1859-1921), e presentazione del libro "Mario Pilo, Paesaggi con figure", eventi organizzati in collaborazione con l'Associazione "Noi del G. B. Vico" di Chieti.

30. 9 maggio Presentazione del progetto "Paesaggi futuri - Gruppo dei pari

e valorizzazione del patrimonio paesaggistico in Italia" organizzato in collaborazione con Italia Nostra, Sezione di Chieti.

31. 14 maggio Partecipazione del personale del Museo alla conferenza "I fuggiaschi di Ercolano" organizzata dall'Archeoclub di Termoli, in cui ha illustrato tutti gli studi durati circa 10 anni, sulle analisi effettuate sui 250 scheletri di individui ritrovati nel 1982 in alcune grotte della spiaggia di Ercolano che, dopo l'eruzione del Vesuvio nella tragica notte del 24 agosto dell'anno 79 d.C

11


32. 17 maggio Notte dei Musei 2014. stelle”.

“E quindi uscimmo a riveder le

33. 19 maggio Presentazione del libro "IL SOLE FORSE" di Daniela Basti

organizzata in collaborazione con l'Associazione "Noi del G.B. Vico" di Chieti e dall'Università delle Terza Età UNITRE.

34. 26 maggio Presentazione dell'opera "Primi passi sulla Luna" (tra finzione e realtà) organizzatoin collaborazione con l'Associazione "Noi del G.B. Vico" di Chieti e "Gli amici della biblioteca De Meis".

35. 5 giugno Conferenza "Così eravamo, così siamo e... così sia", organizzata in collaborazione con l'UNITRE, Università della Terza Età.

36. 7 giugno Premiazione dei vincitori del XVI Premio di Poesia organizzato dall'Associazione "Amici del Liceo Scientifico F. Masci" di Chieti.

37. 7 giugno Convegno “L’Etnomedicina e le cure

palliative”, organizzato per la Giornata del Sollievo 2014, in collaborazione con la Fondazione Nazionale Gigi Ghirotti e APAPA onlus.

12


38. 8 giugno Premiazione per i vincitori della 4° edizione del concorso "A casa mia... l'acquario più bello" in collaborazione con l'Associazione Acquariofili Abruzzese.

39. 13 giugno Conferenza Il mito di Pigmalione dalle "Metamorfosi" di

Ovidio al Cinema, decima Musa, organizzato in collaborazione con l'Associazione "Noi del G.B. Vico" di Chieti e con "Gli amici della biblioteca De Meis".

40. 19-21 giugno Partecipazione del personale del Museo al Corso di formazione professionale organizzato dall’ANMS, Camerino.

41. 23 giugno Partecipazione del personale del Museo al Convegno “L’antico Sannio. Aspetti del popolamento e dinamiche insediative. Nuovi elementi per la ricerca”, organizzato da Italia Nostra (sezione di Campobasso) e dall’IRESMO, Campobasso.

42. 17 luglio Conferenza e presentazione del volume "Aligi Sassu.

L'immagine della parola: 100 opere grafiche originali dal 1967 al 1992" che raccoglie l'ultima donazione di Alfredo Paglione: cento opere grafiche del Maestro sardo-milanese al Museo Universitario di Chieti.

43. 15 agosto Aperture straordinarie Festival 2014”.

durante “Artisti di Strada, Buskers

44. 1 settembre Pubblicazione e presentazione della Brochure con le nuove proposte didattiche per l’anno scolastico 2012/2013.

45. 25 agosto concerto di pianoforte eseguito dagli allievi e maestri del First International Piano Festival concerto organizzato in collaborazione con 13


la Scuola Internazionale di Musica "Cenacolo della Musica - S. Irene" Scuola di Musica "Città di San Giovanni Teatino - Centro Mediterraneo della Cultura e dell'Arte (MCCA).

46. 5 settembre incontro pratico-riflessivo con gli insegnanti "Giocare, pensare e comunicare le scienze" - III Edizione, impostato secondo i principi dell'educazione attiva.

47. 10-11 ottobre partecipazione del personale del Museo alla VI Riunione Scientifica dell’Associazione Forense, Madrid (Spagna).

Spagnola

di

Antropologia

e

Odontologia

48. 25-26 ottobre conferenza Biodiversamente 2014: “dagli Appennini alle Onde” organizzata in collaborazione con il WWF Chieti.

49. 6-7 novembre partecipazione del personale del museo alla Giornata di Museologia medica “Le collezioni di odontoiatria”, Torino.

50. 8 novembre Manifestazione “Un racconto…” per ricordare tre compagni

di scuola. Franco Pelliccia, Nando Palazzone e Carlo Grumelli, scomparsi prematuramente e mai dimenticata in collaborazione con l’Associazione “Noi del G.B.Vico”di Chieti.

51. 11-13 novembre partecipazione del personale del Museo al XXIII Congresso dell’ANMS (Associazione Nazionale Musei Scientifici), Livorno.

14


52. 19 novembre Conferenza incontro sul tema: I REATI CON VITTIMA

VULNERABILI - LE DONNE E LA LORO TUTELA organizzata in collaborazione con l'International Inner Wheel Club di Chieti.

53. 20 novembre Inaugurazione del nuovo anno accademico e conferenza "Produzione e diffusione della cultura e ruolo dei circoli culturali" organizzata in collaborazione con l’UNITRE - Università della Terza Età.

54. 28 novembre Presentazione del libro "Pseudolo" di Sabatino Ciocca (Chieti, Tabula Fati, 2014), l'Associazione"Noi del G.B.Vico".

organizzata

in

collaborazione

con

55. 29 novembre Conferenza "Piccoli contributi de I Promessi Sposi, evento,

organizzato in collaborazione con l'Associazione "Amici del Liceo Scientifico F. Masci" di Chieti.

56. 5 dicembre Stampa del Quaderno del Museo n°4

57. 10 dicembre Il Museo universitario compie venti

anni: 1994 - 2014 Vent'anni del Museo universitario a Chieti. Cerimonia di celebrazione. Il 10 dicembre 2014 ricorre il ventennale della prima apertura al pubblico del Museo universitario. Infatti, il 10 dicembre 1994 fu aperto presso il Palazzo de Pasquale (allora sede della Facoltà di Farmacia) una prima esposizione museale allestita in collaborazione fra la Facoltà di Medicina e la Soprintendenza Archeologica. Dopo venti anni di attività, il Museo universitario ha acquisito un patrimonio di quasi ventimila reperti, solo 15


parzialmente esposti in oltre duemila metri quadrati di percorso museale. Con una media annua di 70 eventi culturali organizzati e di oltre 11.000 visitatori, il Museo universitario è divenuti uno dei maggiori musei abruzzesi, fra i più rilevanti nel novero dei musei scientifici dell'Italia centrale. Gli standard museali, nonché i contenuti scientifici e didattici, sono certificati dall'UNESCO (attraverso l'ICOM) e dall'Associazione Nazionale Musei Scientifici, organizzazioni di settore cui il Museo universitario è affiliato. La cerimonia commemorativa è stata l'occasione per presentare al pubblico anche due novità assolute: la "riapertura" Museo del Seminario Regionale "Pianum" (una straordinaria raccolta di interesse naturalistico locale), frutto di una speciale donazione che il Museo universitario ha recentemente ricevuto da parte della Conferenza Episcopale Abruzzese-Molisana, e l'inaugurazione di un monumento bronzeo, opera dello scultore Paolo Borghi (e dono del gallerista Alfredo Paglione), quale "signacolo" della presenza del Museo, posto sulla piazzetta antistante l'ingresso.

Alla cerimonia erano presenti il Magnifico Rettore dell'Università "G. d'Annunzio" di Chieti e Pescara, prof. Carmine di Ilio, il sindaco di Chieti, avv. Umberto di Primio, il giornalista del Telegiornale scientifico della RAI- "TG Leonardo", Dr. Daniele Cerrato, il presidente della Conferenza Episcopale Abruzzese-Molisana, S.E. Mons. Tommaso Valentinetti, l'Arcivescovo metropolita di Chieti-Vasto, S.E. Mons. Bruno Forte, ed il direttore del Museo universitario, Prof. Luigi Capasso. Il 16


Dottor Daniele Cerrato ha tenuto una conversazione sul tema "Divulgare la Scienza oggi".

58. 15 dicembre

Stampa del Calendario 2015 del Museo Universitario.

17


3 - DIDATTICA

3.1 - L’ATTIVITÀ DIDATTICA PER LE SCUOLE “Nell'offerta al visitatore si realizza la vocazione divulgativa e didattica del Museo Universitario, nel quale è fatto ogni sforzo per rendere facilmente fruibili i messaggi scientifici, avvicinando le tematiche specialistiche al grande pubblico ed agli studenti”. SCUOLE Scuola dell'Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1° grado Scuola Secondaria di 2° grado totale CLASSI Scuola dell’Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria Inferiore Scuola Secondaria Superiore totale STUDENTI per tipologia scuole Scuola dell'Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1° grado Scuola Secondaria di 2° grado totale

21 112 18 15 166 22 127 29 22 200 328 2585 361 290 3.504

Da dicembre del 2013 a dicembre del 2014 il Museo ha accolto 200 classi/gruppi appartenenti a scuole di ogni ordine e grado,

Percorso 1 “Origini della Vita” Percorso 2 “Origini dell’uomo” Percorso integrato 1+2

PERCORSI DIDATTICI classi scuole alunni 64 58 1.212

durata visita 1h

60

50

1.050

1h

52

48

1.002

2h

176 156 3.264 provenienti da tutta la regione Abruzzo e da regioni limitrofe. 18


Totale dell’affluenza delle classi suddivisa per mese:

19


LABORATORI DIDATTICI

alunni

Chi scava… scova il fossile Artigiani della preistoria: pasticci di argilla Piccoli investigatori Una giornata con Lucy Professione botanico Artisti primitivi Gioielli preistorici I misteri del vetrino Antropologia archeologica Crani, femori e falangi Le origini della vita: il DNA Alla scoperta degli antenati dell’uomo Suolo e sottosuolo la vita in un terrario Alla scoperta del corpo umano All’interno della cellula Fossili: tracce del passato Chi scava scova..l’uomo I mille volti della terra Tartarughe tra arte e scienza Pianeta Terra Cugini perduti Otzi: l’uomo di ghiaccio La scienza in museo: esperimenti in libertà Ivo, bambino primitivo Energia in gioco

886 703 602 366 284 246 199 179 169 149 148 118 112 104 101 77 73 68 68 61 39 31 30 25 14

totale 4.852 Nella nostra offerta didattica, vi è la possibilità di scegliere un programma speciale articolato in attività di laboratorio ideate per trascorrere “Un giorno al museo”. Le tre diverse tipologie di percorso sono: - una giornata da archeologo- antropologo (comprende la Visita del Percorso Origini dell’uomo ed i laboratori: Una giornata nella preistoria con Lucy; Crani, femori & falangi; Alla scoperta degli antenati dell’uomo); 20


- una giornata da paleontologo (comprende la Visita del Percorso Origini della vita ed i laboratori: Piccoli investigatori scoprono la Preistoria; Chi scava…scova; Fossili: tracce del passato); - una giornata da botanico (comprende la Visita del Percorso Origini della vita ed i laboratori: Suolo e sottosuolo: la vita in un terrario; Professione botanico; All’interno della cellula). Altra attività speciale scelta è “Tra dire & fare… a scuola e al Museo”, un piccolo progetto didattico, articolato in due incontri: - nel primo, il museo con i suoi operatori va a scuola per presentarsi e stimolare la curiosità degli alunni; - nel secondo, sono gli studenti a recarsi in museo per trovare risposte alle loro domande grazie ai reperti e ad interessanti attività laboratoriali Di seguito i dati sugli alunni, classi e scuole che hanno scelto di trascorrere una giornata la Museo: Attività alunni classi scuole durata della speciale visita 262 14 10 5h Una giornata al museo

TIPOLOGIA DI GIORNATA Una giornata da archeologo-antropologo Una giornata da paleontologo Una giornata da botanico

Provenienza - Chieti -Sulmona (2 scuole) -Pescara (2 scuole) -Trasacco -Rapagnano (Fermo) -Popoli -Cappelle sul Tavo -Grottammare

NUMERO ALUNNI 118 104 45

21


A. S. 2012-2013 Numero alunni 156

A.S. 2013-2014

% variazione

262

+67,95%

TOTALE SERVIZI EROGATI AGLI STUDENTI UNIVERSITARI Corso di Laurea

Numero di studenti che hanno frequentato il Laboratorio di Paleopatologia, di Antropologia e hanno

Totale

visitato il Museo Scienze infermieristiche

120

120

13 x n. 8 laboratori

104

41 x n. 10 laboratori

410

Tecnici di laboratorio radiologico

13

13

Medicina e Chirurgia

230

230

Beni culturali

78

78

Dietisti

11

11

Igiene Dentale Odontoiatria

Totale

966

22


TOTALE SERVIZI EDUCATIVI EROGATI Ingressi

3.504

Percorsi didattici

3.264

Laboratori

4.852

Studenti universitari

966

12.586

Nell’anno scolastico 2013/2014 il Museo è stato visitato da 200 scolaresche di 166 scuole per un totale di 3.504 alunni (= biglietti paganti). 176 scolaresche di 156 scuole, per un totale di 3.264 alunni hanno effettuato percorsi didattici; 212 scolaresche di 240 scuole, per un totale di 4852 alunni hanno effettuato laboratori didattici; 178 scolaresche di 145 scuole, per un totale di 3560 alunni hanno effettuato due o più laboratori in un giorno solo (unico biglietto d’ingresso). Gli studenti universitari hanno effettuato attività laboratoriali senza pagamento della tariffa applicata. CONFRONTO TRA I SERVIZI EROGATI NEL 2014 RISPETTO AL 2013 TOTALE SERVIZI EROGATI ALLE SCUOLE nel periodo dicembre 2013/dicembre 2014 Ingressi

3.504

Percorsi didattici

3.264

Laboratori

4.852 TOTALE

11.620 23


TOTALE SERVIZI EROGATI ALLE SCUOLE nel periodo dicembre 2012/novembre 2013 Ingressi 2.672 Percorsi didattici 1.973 Laboratori 3.043 TOTALE

7.688

Numero di alunni per percorso didattico:

Numero di alunni per laboratorio didattico:

24


3.2 -

I PROGETTI EDUCATIVI

Un museo che lavora per progetti avvia un processo metodologico in cui:  costruisce la sua identità, si impegna a rispondere ai bisogni di formazione e alle esigenze del contesto sociale in cui opera;  promuove ed affronta la formazione senza improvvisare, ma scegliendo soluzioni pianificate, nell'ottica del miglioramento della qualità del servizio;  mette in moto le sue risorse e si preoccupa di stabilire collegamenti con il territorio;  conosce, coinvolge ed interagisce con le realtà formative dell'ambiente in cui opera;  si inserisce nel contesto locale e nazionale, contribuendo e partecipando al suo sviluppo, mettendo a disposizione e ricevendo risorse;  è disponibile alla condivisione e al confronto: accetta le sfide, tiene conto delle aspettative dell'utente, propone, opera, monitora, controlla i risultati, valuta, riprogetta. Il progetto didattico ha nel suo mirino formativo la pratica della ricerca: vale a dire, l’investigazione e la scoperta di saperi inediti (non curricolari) di natura metacognitiva e fantacognitiva. Il progetto didattico, è il simbolo del fare-ricerca, nel nome e nel segno della trasversalità delle conoscenze e dell’interdisciplinarità curricolare. Ecco perché, allora, la nostra attenzione si focalizza su un costante e fertile rapporto con le scuole proprio attraverso i progetti didattici a breve oppure a lunga scadenza che affiancano la normale offerta didattica del Museo. I progetti didattici del Museo universitario possono essere di diverse tipologie e di diversa durata: possono prevedere pochi giorni oppure svilupparsi in diverse annualità. La maggior parte dei progetti a lunga scadenza sono corredati di convenzioni tra l’istituto scolastico ed il Museo universitario.

25


3.3 - I PROGETTI SPECIALI CON LE SCUOLE PROGETTI DIDATTICI  “A SCUOLA DI… DINOSAURI”  “A SCUOLA CON IVO”

L'Istituto Comprensivo 1 di Chieti, nel Piano dell'Offerta formativa propone un modello organizzativo denominato "Full Immersion": l'offerta formativa rivolta alle Scuole Primaria e dell'Infanzia che prevede la sospensione delle attività didattiche curricolari in un unico periodo di dieci giorni dell'A.S. con la realizzazione di attività laboratoriali mediante l'intervento di esperti esterni. La proposta di settimana “ Full immersion” mira ad educare ai diversi linguaggi attraverso percorsi metodologici che “sollecitino l’intelligenza critica, coniugando il momento cognitivo con quello emotivo”. Le attività laboratoriali propongono percorsi di ampio respiro al fine di avviare, potenziare e perfezionare le modalità espressive di ogni alunno. L’obiettivo della scuola non è solo far sentire agli alunni l’importanza di uno sguardo rivolto in profondità, alla scoperta di se stessi, ma anche imparare a dedicare tempo ed attenzione all’ascolto dell’altro. La “Full Immersion”, essendo essa socializzante e formativa, contribuisce a stimolare e promuovere il vivere insieme, a sviluppare il senso di responsabilità personale e di autonomia, a migliorare le capacità di relazionarsi con se stessi, con gli altri e con la realtà. Il nostro museo ha aderito a tale proposta, attraverso due Progetti didattici: 1. “A scuola di… dinosauri” per gli alunni della Scuola dell’Infanzia. 2. “A scuola con Ivo” per gli alunni della Scuola Primaria. Al termine di tutto il percorso è stata organizzata una socializzazione musicale a cui termine ciascun alunno ha presentato: - il libricino realizzato sulle caratteristiche dei dinosauri scoperte durante tutto il percorso. 26


 TARTARUGHE E TESTUGGINI TRA ARTE E SCIENZA

Le funzioni di un museo sono molteplici: si riferiscono all’ambito della ricerca, a quello della conservazione e del restauro, a quello della documentazione e della pubblicazione, della valorizzazione e della promozione, ma soprattutto a quello della comunicazione e della didattica.

Ciascuno di questi ambiti ha una sua specifica funzione e riveste una notevole importanza per rendere un museo un luogo “vivo” e di formazione. La mission educativa è, infatti, al centro dell’attenzione del Museo Universitario di Chieti per il quale non si tratta semplicemente di divulgare le conoscenze, ma piuttosto di strutturare metodi e strumenti per l’apprendimento sul campo, offrendo una situazione privilegiata per un apprendimento realmente stimolante e significativo in cui si cerca di far partire da ciascun individuo il desiderio della conoscenza. Il Museo universitario di Chieti possiede una collezione di animali tassidermizzati tra cui delle tartarughe. Nel mese di maggio 2013 ha inaugurato al pubblico la “Collezione Teresita Olivares Paglione", frutto di una donazione da parte di Alfredo Paglione, noto gallerista milanese di origini abruzzesi. Si tratta di una raccolta unica nel suo genere: sono 301 oggetti tutti riferiti al tema della tartaruga; per la maggior parte opere di artisti contemporanei variamente famosi, quali Sassu, Guttuso, Cascella, Fontana, e, subordinatamente di oggetti etnografici raccolti in varie parti del mondo, da quelli propri della tradizione simbolico – magica del Centro America, a quelli rarissimi tipici delle culture centro – africane. Dal momento che insegnanti ed alunni della classe 27


Prima C della Scuola Primaria “Largo Wojtyla" di Sambuceto (CH) avevano già individuato tra gli “animali guida” del loro percorso scolastico anche una tartaruga, abbiamo scelto di riproporla come soggetto di indagine nell’ambito del Progetto “Tartarughe e testuggini tra arte e scienza”, per creare una continuità nel percorso educativo tra scuola e museo. Si vuole così creare un efficace modo di concepire il rapporto tra scuola e museo, inteso come dialogo permanente che sappia valorizzare la pluralità degli approcci al sapere nella consapevolezza dell'unità della conoscenza, attraverso un iter di ricerca, dall'ipotesi alla verifica, tra problematizzazione, sperimentazione, costruzione del sapere e riflessione, in un lavoro squisitamente interdisciplinare. Le esperienze proposte hanno mirato a promuovere la curiosità, l’osservazione, il gusto della ricerca e, soprattutto, la meraviglia. Al termine di tutto il percorso è stata organizzata una socializzazione musicale a cui termine ciascun alunno ha presentato - poesie e brani sull’argomento del progetto - il libricino realizzato sulle caratteristiche di tartarughe e testuggini scoperte durante tutto il percorso.

3.4 -

ATTIVITA’ LUDO-DIDATTICHE

N. 2 LUDOTECHE NOTTURNE La ludoteca notturna vuole offrire agli alunni della scuola primaria la possibilità di diventare giovani esploratori per una notte, accompagnati da personale qualificato del Museo.

28


64 COMPLEANNI AL MUSEO n. compleanni 2013

n. compleanni 2014

% variazione

30

64

+113,33%

I compleanni al Museo offrono la possibilità di festeggiare il compleanno all’interno del museo. È possibile scegliere tra cinque diversi programmi: “Inseguendo Dino”, “Inseguendo Homo”,“Il mare racconta”, “Tra orsi e mammuth dell’era glaciale”, “Tartarughe”. Tema del Compleanno “Inseguendo Dino” “Tartarughe” “Inseguendo Homo” “Il mare racconta” “Tra orsi e mammuth dell’era glaciale”

numero di volte scelto 28 11 9 8 8

TOTALE

64

4 – FORMAZIONE 4.1 - CORSI DI FORMAZIONE PER INSEGNANTI Il Museo universitario propone agli insegnanti incontri formativi impostati secondo i principi dell’educazione attiva, dove i partecipanti sono invitati a sperimentare- in prima persona- attività e giochi scientifici, a confrontarsi su cosa significa “fare scienze” con i bambini e i ragazzi di oggi ed a riflettere su questioni relative al metodo scientifico.

29


Gli incontri di formazione sono pratici, ovvero i partecipanti sperimentano attività e giochi che possono essere riproposti ai bambini e ai ragazzi. Le attività sono coordinate da specialisti del settore. Quest’anno è stato organizzato l’incontro pratico-riflessivo “Giocare, pensare, comunicare le scienze”, giunto ormai alla terza edizione, in collaborazione con il Dott. Antonio Di Pietro, pedagogista ludico; vi hanno partecipato 70 insegnanti di Scuole di ogni ordine e grado.

4.2 - ALTA FORMAZIONE Il corso di formazione professionale per “Tecnico della fruizione museale” organizzato e condotto dal nostro Museo per due annualità, nell’anno 2010, in collaborazione con l’Università telematica Leonardo da Vinci si è trasformato in:  Corso di formazione professionale in “Ausiliario della fruizione museale”  Master di primo livello per “Tecnici della fruizione museale”.

30


Unidav per la Fruizione Museale nasce dall'esigenza di fornire alla "nuova generazione di musei" professionalità idonee ad interpretare le moderne esigenze dei visitatori. Il link “Unidav per la Fruizione Museale” è: www.unidav.it/index.php?goToZone=informativa&openNews=32 Inoltre, è raggiungibile dalla home page dell’Università “G. D’Annunzio”: www.unich.it cliccando sul banner “Unidav” oppure dalla home page del nostro museo cliccando sul banner “Unidav per la fruizione museale”.

5 – RICERCA La Sezione di Antropologia annessa al Museo svolge un'intensa attività di RICERCA in molti filoni inerenti sia gli aspetti di Antropologia del vivente sia quelli dell'Antropologia degli uomini fossili ed antichi. Tutte le attività si svolgono presso la sede della Sezione (annessa al Museo Universitario), la quale si avvale di una adeguata dotazione laboratoristica e logistica. Nell’ambito dell’Antropologia archeologica è in corso lo studio delle ossa umane antiche provenienti prevalentemente da contesti archeologici. Attualmente sono in corso di restauro, di studio e documentazione i resti scheletrici umani provenienti dalla importante ed estesa necropoli italica di Opi (Val Fondillo) e dalla necropoli longobarda di Sacca di Goito (Mantova). Per quanto riguarda la paleopatologia la Sezione di Antropologia ha studiato e pubblicato i più antichi casi di trapanazione del cranio (dal Neolitico di Catignano), così come anche i più antichi casi di tumori ossei, relativi a dinosauri del Giurassico americano. È capofila di un progetto di ricerca internazionale relativo allo studio comparativo di resti umani moderni e neandertaliani, che alla fine del 2013 ha prodotto risultati significativi sul tema dell’origine del linguaggio articolato, pubblicati sulla rivista americana PLoS ONE. 31


Uno specifico programma di ricerca dedicato alla CONSERVAZIONE DI RESTI UMANI ANTICHI ha consentito di sviluppare tecniche innovative per la loro conservazione. Una parte delle attività è rivolta allo studio dell'antropologia del vivente, soprattutto in collaborazione con alcune Procure della Repubblica e Tribunali italiani nel settore specifico dell'identificazione personale. Attraverso l'analisi delle immagini della fisionomia del volto i metodi di antropologia del vivente sono applicati all'identificazione di persone riprese attraverso telecamere. Lo studio e l'analisi dei dermatoglifi (in collaborazione con strutture apposite dell'Arma dei Carabinieri), consente l'identificazione personale attraverso il metodo dattiloscopico (celebre l'individuazione ed il brevetto di una impronta digitale di Leonardo da Vinci). Il Museo universitario è sede della Redazione della più importante Rivista mondiale del settore, il JOURNAL OF PALEOPATHOLOGY, al cui Editorial Board prendono parte i più illustri studiosi mondiali del settore. Il Journal pubblica tre numeri all'anno.

5.1 - I LABORATORI Il LABORATORIO DI OSTEOLOGIA è il luogo in cui si effettua lo studio macroscopico e antropometrico dei resti umani antichi, generalmente provenienti da scavi archeologici o da procedure giudiziarie. Il laboratorio dispone di scheletri di pesci, anfibi, rettili, uccelli e moltissimi mammiferi che servono come archivio consultivo di osteologia comparata. Il LABORATORIO DI MICROMORFOLOGIA OSSEA è dedicato allo studio dell'istologia dell'osso antico e possiede linee di trattamento sia dell'osso totale sia dell'osso decalcificato. Tramite apposita convenzione con struttura esterna, è attiva anche una linea di ricerca di micromorfologia mediante microscopia elettronica a scansione e di microanalisi elementare. 32


Laboratorio di microanalisi Il Museo universitario è dotato di un proprio laboratorio di microanalisi chimica elementare, in quanto è funzionante uno spettrofotometro a raggi X integrato con un riflettometro a raggi infrarossi. Questa strumentazione, avanzata e sofisticata, consente di eseguire l’analisi della composizione elementare di materiali di qualsiasi genere ed origine, anche senza necessità di campionamento. Agendo anche in aria libera, senza bisogno di vuoto, la strumentazione posseduta dal Museo universitario è in grado di eseguire questo genere di analisi chimiche anche su oggetti preziosi, dai quali sarebbe deleterio e dannoso estrarre campioni. Infine, la strumentazione, sebbene voluminosa, è trasportabile, il che la rende utilizzabile anche sul campo, cioè fuori dal laboratorio, nelle sale del Museo come fuori dal Museo stesso. 5.2 LE PUBBLICAZIONI  Javier Irurita, Inmaculada Alemán, Sandra López-Lázaro, Joan Viciano, Miguel C. Botella (2014), Chronology of the development of the deciduous dentition in Mediterranean population, Forensic Science International 240: 95-103.  Ruggero D’Anastasio, Joan Viciano, Marta Di Nicola, Deneb Cesana, Mariangela Sciubba, Maria del Cimmuto, Assunta Paolucci, Alessia Fazio, Luigi Capasso (2014), Estimation of sex from the hyoid body in skeletal individuals from archaeological sites, Homo ‒ Journal of Comparative Human Biology 65: 311-321. 33


 Javier Irurita, Inmaculada Alemán, Joan Viciano, Stefano De Luca, Miguel C. Botella (2014), Evaluation of the maximum length of deciduous teeth for estimation of the age of infants and young children: Proposal of new regression formulas, International Journal of Legal Medicine 128: 345-352.  Luigi Capasso, Mariangela Sicubba, Quan Hua, Vladimir A. Levchenko, Joan Viciano, Ruggero D’Anastasio, Fiona Bertuch (2014), Embriotomy in the 19th Century of Central Italy, International Journal of Osteoarchaeology (in stampa). DOI: 10.1002/oa.2410.  Javier Irurita, Inmaculada Alemán, Joan Viciano, Sandra López-Lázaro, Miguel C. Botella (2014), Alterations of skull bones found in anencephalic skeletons from an identified osteological collection. Two case reports, International Journal of Legal Medicine (in stampa). DOI: 10.1007/s00414-0141123-9.  Joan Viciano, Ruggero D’Anastasio, Luigi Capasso (2014), Odontometric sex estimation on three populations of the Iron Age from Abruzzo region (central-southern Italy), Archives of Oral Biology (in stampa). DOI: 10.1016/j.archoralbio.2014.09.003.  Joan Viciano, Stefano De Luca, Sandra López-Lázaro, Daniel Botella, Juan Pablo Diéguez-Ramírez (2014), A probable case of gigantism/acromegaly in skeletal remains from the Jewish necropolis of “Ronda Sur” (Lucena, Córdoba, Spain; VIII-XII centuries CE), Anthropologischer Anzeiger (in stampa). DOI: 10.1127/anthranz/2014/0428.  Joan Viciano, Ruggero D’Anastasio, Luigi Capasso (2014), Timing of maxillofacial-oral injuries in an individual of the 34


ancient city of Herculaneum (79 AD, Naples, Italy): a case report, Dental Traumatology (in stampa). 5.3 ATTI E PARTECIPAZIONE A CONGRESSI  Antonietta Di Fabrizio, Alessia Fazio, Jacopo Cilli, Assunta Paolucci, Alessandro Rapinese, Lorenzo Capasso, Il Gabinetto medico-odontoiatrico del Dottor David Sgandurra nel Museo universitario di Chieti, Giornata di Museologia medica “Le collezioni di odontoiatria”, Torino, 6-7 novembre 2014. Comunicazione orale.  Antonietta Di Fabrizio, Simona Petaccia, Dino Angelaccio, Alessia Fazio, Assunta Paolucci, Maria Del Cimmuto, Mariangela Sciubba, Jacopo Cilli, Luigi Capasso, Beni culturali per tutti: il museo universitario di Chieti e l’accessibilità universale, XXIII Congresso dell’ANMS (Associazione Nazionale Musei Scientifici), Livorno, 11-13 novembre. Comunicazione orale.  Antonietta Di Fabrizio, Alessia Fazio, Assunta Paolucci, Maria Del Cimmuto, Mariangela Sciubba, Jacopo Cilli, Luigi Capasso, Musei e nuove professionalità: “Ausiliario della fruizione museale” e “Tecnico della fruizione museale”, XXIII Congresso dell’ANMS (Associazione Nazionale Musei Scientifici), Livorno, 11-13 novembre. Poster.  Sandra López-Lázaro, Joan Viciano, Ángela Pérez, Inmaculada Alemán, Miguel C. Botella, Análisis del dimorfismo sexual de la epífisis distal del húmero mediante morfometría geométrica, VI Riunione Scientifica dell’Associazione Spagnola di Antropologia e Odontologia Forense, Madrid (Spagna), 10-11 ottobre 2014. Comunicazione orale.  Joan Viciano, Ruggero D’Anastasio, Simone Guarnieri, Maria Mariggiò, Luigi Capasso, Autofluorescencia natural del hueso y microscopía confocal láser de barrido: nuevas perspectivas en la datación de restos óseos, VI Riunione Scientifica dell’Associazione Spagnola di Antropologia e

35


Odontologia Forense, Madrid (Spagna), 10-11 ottobre 2014. Comunicazione orale. 5.4 I BREVETTI Brevetti europei: 1-"Method of absolute dating of bone finds" (Brevetto europeo: N° 12157634.2 1234 /01.03.2011). Inventori designati: Luigi Capasso, Ruggero D’Anastasio Proprietario: Università degli Studi “G. d’Annunzio” Chieti-Pescara. 2-Titolo "Shrine with an inert and stable closed microclimate, particularly for the definitive preservation of mummified organic remains, and related preservation method" (Brevetto Europeo: N° 11156807.72103/26.04.2011). Inventori designati: Luigi Capasso, Ruggero D’Anastasio Proprietario: Università degli Studi “G. d’Annunzio” Chieti-Pescara. 5.5 LE MISSIONI ALL’ESTERO Sincrotrone Elettra Trieste, Proietto di ricerca: Comparative histomorphometrical and biomechanical analysis of hyoid bones in modern and fossil Hominins: possible implications for the origin of the human capability for speech. 1-4 settembre e 4-5 novembre 2014, Trieste.

6 – CONSERVAZIONE E RESTAURO 6.1 - I L MAGAZZINO Nei magazzini di deposito, in gestione al Museo Universitario, a Palazzo De Pasquale a Chieti è allocata una collezione scheletrica umana antica fra le più ricche d’Italia, composta da oltre 2000 scheletri umani di varia antichità e provenienti da molte necropoli arcaiche, abruzzesi ed italiane di epoca pre-romana, romana e medievale. 36


La collezione rappresenta un vero e proprio archivio biologico che molti studiosi sia italiani che stranieri chiedono di consultare a scopo di studio. Le collezioni osteologiche, inoltre, vengono consultate anche da studenti e ricercatori per tesi di laurea e lavori sperimentali.

REPERTI SCHELETRICI UMANI ACQUISITI DALL’ANNO 2001 IN POI

anno 2001 dall’anno 2001 ad oggi

numero di individui n. 1567 n. 755*

* individui provenienti da Sacca di Goito (Mn), Monte Saraceno, Zanica, Povegliano

7 – SERVIZI AGGIUNTIVI E PROMOZIONALI 7.1 - LA BIBLIOTECA Il fondo librario del Museo universitario continua a crescere. Oltre alle acquisizioni ordinarie, necessarie per studi e aggiornamenti, il numero delle pubblicazioni si è incrementato con la donazione da parte del Seminario Regionale, riguardante testi di scienze naturali, fisica e chimica dal 1850 e 1940. Il fondo è cospicuo e, ad oggi, è composto da 5600 beni, tra libri, riviste, estratti di riviste e tesi di laurea e di dottorato. Il valore complessivo è pari a euro 138.593,09.

37


7.2 – IL SITO WEB Il sito web del Museo Universitario è tenuto costantemente aggiornato da Maria Del Cimmuto, tecnico della fruizione museale presso il Museo.

www.museo.unich.it 7.3 – IL BOOK-SHOP Il book-shop offre al visitatore una relazione di volumi specializzati su Archeologia, Preistoria, Paleontologia, e Storia delle Scienze, adatti ad ogni tipo di pubblico (dai bambini agli specialisti). E’possibile acquistare anche una serie di calchi di fossili in gesso.

38


Visitatori e fruitori 39


1interi

dicembre

gratuiti

VISITATORI E FRUITORI ingressi

ingressi

ingressi

totale

numero

numero

scuole

compleanni

ludoteche

mensile

compleanni

ludoteche

89

51

144

45

-

329

3

-

gennaio

118

169

150

120

-

557

7

-

febbraio

124

314

400

150

-

988

10

-

marzo

170

171

643

48

-

1.032

2

-

aprile

159

259

824

141

52

1.435

8

1

maggio

157

787

968

37

19

1.968

2

1

giugno

271

312

122

27

-

732

2

-

luglio

497

200

10

-

-

707

-

-

agosto

758

156

38

-

-

952

2

-

settembre

325

92

-

71

-

488

4

-

ottobre

225

199

36

195

-

655

10

-

novembre

266

138

129

215

-

748

10

-

dicembre

238

54

40

60

-

392

4

-

3.397

2.902

3.504

1.109

71

10.983

64

2

Totale

Riepilogo INGRESSI AL MUSEO interi gratuiti scuole compleanni ludoteche

3.397 2.902 3.504 1.109 71 totale 10.983 numero compleanni 64 numero ludoteche

2

40


NUMERO DI BIGLIETTI GRATUITI Scuole dell’Infanzia Insegnanti accompagnatori Studenti universitari dell’Università “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara Esenzione per età Partecipanti ad eventi TOTALE

328 304 966 414 890 2.902

INGRESSI AL MUSEO (dal mese di dicembre 2013 al mese di dicembre 2014)

INGRESSI AL MUSEO PER TIPOLOGIE (dal mese di dicembre 2013 al mese di dicembre 2014)

41


BIGLIETTI GRATUITI

2- INDICE DI ATTRATTIVITA’ Dividendo il numero delle scuole ospitate dal nostro Museo per la somma dei chilometri percorsi per arrivare dalle loro sedi fino a Chieti, si è ottenuta una media di 32,40 km. Questo numero indica la media dei chilometri che ogni scolaresca e, dunque, ogni scolaro, ha coperto per raggiungere il nostro Museo.

Ore spese (medie): per trasferta (a/r): h= 2 per la visita: h= 3 Chilometri percorsi (media): Km 32,40

42


In termini percentuali, la provenienza geografica delle 200 classi che hanno usufruito dei servizi erogati dal Museo: AFFLUENZA CLASSI PER PROVINCIA

3-INDAGINE DI GRADIMENTO SUI VISITATORI E SUI FRUITORI DEL MUSEO UNIVERSITARIO DI CHIETI Dal mese di febbraio 2012, il Museo universitario di Chieti ha deciso di predisporre dei questionari mirati alla tipologia di utenza (visitatore, insegnante, alunno) per poter monitorare, comprendere e ottimizzare tutti gli aspetti dell’esperienza in museo. Essere in grado di analizzare la propria realtà è il primo passo verso azioni di qualità; quello seguente è fatto di scelte ed opere che, giorno dopo giorno, portano a migliorare considerevolmente la qualità dell’offerta della propria struttura museale. La valutazione è un atto finale che può identificarsi con la sola rilevazione e il controllo di dati e risultati, ma per poter offrire un servizio di qualità essa deve essere anche un’attenta riflessione sulle modalità peculiari dell’azione intrapresa con l’analisi del processo attivato, dei prodotti e dei servizi realizzati, dei risultati ottenuti. Presso il nostro Museo universitario, da atto finale di semplice indagine, la valutazione diventa il punto di partenza quando interrogandosi sulla ricaduta delle azioni intraprese, verificando e valutando l’attività educativa promossa 43


dal museo si agisce su una nuova fase di progettazione, sulla scelta delle procedure e degli strumenti dalle finalità, nel nostro caso, didattiche. Conoscere il pubblico effettivo e potenziale, in termini sia quantitativi sia qualitativi, è uno degli strumenti necessari per impostare e promuovere un’offerta museale consapevole, efficace ed efficiente e la valutazione è un valido strumento attraverso cui “dialogare” con il proprio pubblico. Di seguito i dati aggiornati, emersi dall’analisi di questionari somministrati ad alcuni visitatori, insegnanti ed alunni che hanno effettuato una visita guidata con/senza laboratorio presso il Museo universitario di Chieti, dal mese di febbraio 2012 al mese di dicembre 2014.

Questionario per gli insegnanti: dati emersi dall’analisi di un campione di 176 schede

44


Aspetti apprezzati del Museo esposizione dei reperti

89%

cortesia del personale

89%

pannellistica e didascalie

84 %

lo spazio e il confort per l’attività didattica

68%

bookshop

54%

Aspetti apprezzati nelle attività didattiche il linguaggio utilizzato

83%

le capacità comunicativa dell’operatore

80%

i temi affrontati

84%

i laboratori didattici

75%

modalità di prenotazione

66%

Motivi individuati per l’utilità delle visite/laboratori museali ambiente stimolante

94%

potenziamento della motivazione all’apprendimento dei 87% ragazzi possibilità di affrontare temi extra-curricolari

70%

45


Questionario per gli alunni: dati emersi dall’analisi di un campione di 334 schede “Cosa ti è piaciuto di più?” Dall’analisi delle risposte aperte sulla domanda “Cosa ti è piaciuto di più?” è chiaro che gli alunni sono stati entusiasti: - della ricostruzione di un Allosaurus fragilis posto all’ingresso del museo; - della riproduzione di un orso delle caverne; - dei reperti sui dinosauri (impronte, uova, coprolite…); - dei laboratori svolti come, ad esempio:  “Professione botanico” (attività di estrazione della clorofilla)  “Chi scava… scova” (attività di simulazione di uno scavo paleontologico con estrazione e riconoscimento di fossili);  “Piccoli investigatori scoprono la Preistoria” (ricerca delle motivazioni che hanno portato all’estinzione dei dinosauri attraverso una caccia al tesoro in museo);

Livello di gradimento generale: E’ rimasto meravigliato dalle cose viste

59%

E’ piaciuto

98%

46


Questionario per i visitatori: dati emersi dall’analisi di un campione di 568 schede Com’è venuto a conoscenza del Museo?

Con chi è venuto al museo?

Aveva già visitato il Museo?

47


Ha effettuato la visita:

Quanto tempo è durata la sua visita al Museo?

Come giudica la visita rispetto al tempo che aveva previsto di impiegare?

48


Per quale motivo ha scelto di visitare il nostro Museo?

In generale, è soddisfatto della visita?

Complessivamente ritiene che la visita a questo Museo:

49


Del Museo ha apprezzato:

In che misura la visita l’ha stimolata ad approfondire ulteriormente le sue conoscenze?

50


Rispetto alle sue esigenze di tipo informativo, durante la visita di cosa ha sentito maggiormente bisogno?

Titolo di studio

EtĂ :

51


Sesso:

Professione:

Provenienza dei visitatori (esclusi insegnanti ed alunni):

52


Patrimonio e risorse 53


1 – PATRIMONIO Attualmente il Museo universitario possiede un totale di 16.627 reperti di varia tipologia: - collezioni naturalistiche; - collezioni paleontologiche; - collezione antropologica; - strumentaria scientifica; - collezione artistica; - collezione numismatica. Di seguito tutte le indicati:

acquisizioni al 2014 con i relativi valori

INVENTARIO BENI CULTURALI NUMERO D’INVENTARIO da n. 1 a n. 724

REPERTO Reperti in convenzione con MIBAC

ANNO DI ACQUISIZIONE 2001

da n. 725 a n. 999

Reperti acquistati dal’Amministrazione Centrale UDA e Museo universitario e MIBAC

2001-2005

da n. 1000 a n. 3950

Donazione Antonucci

2006

da n. 3951 a n. 3999

Donazione Acquariofili

2010

da n. 4000 a n.5737

- Collezione Liceo Classico “G.B. Vico”-Chieti - Reperti fluorescenti donati da Flavio Bacchia; - Reperti donati dal Prof. Franco Cuccurullo; - Crani comprati alla Nuova Didattica;

VALORE IN EURO

2010 2012

2012

2012

54


-

-

Fossili vari donati dal prof. Capasso; Microscopi dismessi UDA; Reperti presenti nella sezione “Popolamento umano in Abruzzo”; Coralli donati dalla Dott.ssa Di Tota; Diorama “S. Anna”, Teramo; Diorama “Fonte d’Amore”, Sulmona.

2012

2009 2006

2011

2011

2011

da n. 5738 a n. 6933

Collezione Istituto Magistrale “I. Gonzaga”- Chieti

da n. 6934 a n. 6950

Reperti in esposizione

da n. 6951 a n. 7118; da n. 7119 a n. 8034

Donazione dei coniugi Helen e Paul Critchley

2011

da n. 8035 a n. 8336

“Tartarughe” Donazione Paglione

2012

da n.8337 a n. 8436

Collezione “Aligi Sassu”

2012

Collezione osteologica umana (c/o Palazzo De Pasquale-Chieti)

2002

da n. 8436 a n. 8442

Opere d’arte

da n. 8443 a n. 14.716

Donazione del Pontificio Seminario Regionale abruzzesemolisano “San Pio X” di Chieti

2012

2003-2004

2013

55


n.14717

macchina da scrivere seminario

2014

da n. 14718 a n. 14844 da n. 14845 a n. 15042

Sgandurra strumenti

2014

Sgandurra informazioni farmaci + bibliografia celere

2014

da n. 15043 a n. 15533 da n. 15534 a n. 15748 da n. 15749 a n. 16221

Sgandurra immagini

2014

Sgandurra tavole

2014

da n. 16222 a n. 16341

n. 120 Tesserini sanitari del comune di Farindola

2014

da n. 16342 a n. 16376 n. 16377

n. 35 Radiografie

2014

Fascicolo dattiloscritto di medicina Appunti del Prof. Bisceglie

2014

n.16378

Registro copia ricette 2014 della ex farmacia Antonio Sgandurra Nonno del dott. David Sgandurra

da n. 16379 a n. 16578 da n. 16579 a n. 16596 da n. 16597 a n. n.16609

Immagini Grilli

2014

Tavole Grilli

2014

Pubblicazioni varie di case farmaceutiche grilli

2014

da n. 16610 a n. 16616

Strumenti Bisaccioni n. 7

2014

n.16617

Teresio Cocco n 1

2014

da n. 16618 a n. 16621 n. 16622

n. 4 coproliti

2014

Vetrino di Homo di Piltdown

2014

Sgandurra Documenti 2014 amministrativi

56


n. 16623

Diorama Homo floresiensis

2014

n. 16624

Quadro con donna Burundese

2014

n. 16625

Mummia del Similaum

2014

n. 16626

Calco di Ciro Scipionxsamniticus

2014

n. 16627

n. 1 tentacolo di seppia calco e contro calco

2014

INVENTARIO MATERIALE BIBLIOGRAFICO NUMERO D’INVENTARIO da n. 1 a n. 5126 da n. 5126 a n. 9.034

n. 9.035 da n. 9.036 a n. 9.142

REPERTO

VALORE IN EURO

Libri e riviste (Fondo librario Capasso) Libri e riviste (Fondo librario Sgandurra) Libri e riviste (Fondo librario Russo) Libri e riviste (Fondo librario Grilli) Libri e riviste (Fondo librario Di Tizio) Libri (Fondo librario Bisaccioni) Libri (Fondo Ferro) Integrazione Libri e riviste Libri (Fondo librario Seminario “S. Pio X”) Florindo Rocchetti, Saggio di Storia Naturale Integrazione Libri

TOTALE 57


Il patrimonio del Museo Universitario: Bene museale

Anno di acquisizione

Beni culturali Materiale bibliografico Mobili arredi e macchine ufficio; mobili in convenzione con MIBAC Strumenti ed attrezzature Strumenti ed attrezzature convenzione con MIBAC Strumenti tecnici

vedi tabelle precedenti vedi tabelle precedenti 2001

in

2001 2001 2007

Mobili ed arredi

2007

Strumenti ed attrezzature donati da Fondazione Carichieti Mobili ed arredi

2009

Strumenti tecnici

2010

Mobili ed arredi

2011

Strumenti tecnici

2011

Mobili ed arredi

2012

Strumenti tecnici

2012

Mobili ed arredi

2013

Strumenti tecnici

2013

Disegni per allestimento nuovo percorso Strumenti tecnici

Valore in euro

del

Mobili ed arredi

Valore totale del patrimonio:

2010

2014 2014 2014

â‚Ź

58


IL PATRIMONIO DEL MUSEO 2001-2014 ANNO

INCREMENTO IN EURO

2001 2002 2003-2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014

59


2 - RISORSE ECONOMICHE INCASSI DA BIGLIETTI NEL 2014 interi dicembre gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre TOTALE

gratuiti scuole

ingressi compleanni

ingressi ludoteche

89

51

144

45

-

118

169

150

120

-

124

314

400

150

-

170

171

643

48

-

159

259

824

141

52

157

787

968

37

19

271

312

122

27

-

497

200

10

-

-

758

156

38

-

-

325

92

-

71

-

225

199

36

195

-

266

138

129

215

-

238

54

40

60

-

3.397

2.902

3.504

1.109

71

â‚Ź

60


INTROITI MUSEO dicembre 2012dicembre 2013 â‚Ź dicembre gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre

dicembre 2013dicembre 2014 â‚Ź

% variazione +33,06% +94,84% +128,05% +44,98% + 72,57% -0,86% +39% +12,39% +0,46% +74,95% +204,07% +269,25% +31,70%

TOTALE

61


3 – RISORSE UMANE Direttore Luigi Capasso Amministrazione Fabiano Di Muzio Paola Frani Conservatore Antonietta Di Fabrizio Ricerca e Restauro Ruggero D’Anastasio Jacopo Cilli Joan Badal Viciano Paul Nibaruta Tecnici della fruizione museale Mariangela Sciubba Maria Del Cimmuto Progetti didattici Alessia Fazio Ludodidattica Assunta Paolucci Biblioteca Alessandro Rapinese Editoria Redazione del Journal of Paleopathology Antonietta Di Fabrizio Joan Viciano Badal Alessia Fazio

Consiglio del Museo Giovanni Brancaccio Isabella Raffi Sara Santoro Fausta Mantini Costantino Tiziano Zuccarini Comitato tecnico-scientifico Aurelio Bigi Nicoletta Di Francesco Gabriele Di Marco Luciano Di Tizio Nicolantonio D’Orazio Enrica Gentili Antonio Marano Stefano Maugeri Luigi Meneghini Oliva Menozzi Enrico Miccadei Gian Gabriele Ori Carlo Peretto Pietro Picozzi Sandro Ranellucci Maria Cristina Ricciardi Liborio Stuppia Paola Tollis Polisena Vittorini Fotografia e documentazione Luciano Lullo Donatella Del Pizzo Custodia ed Accoglienza Cooperativa “Biblios” Associazione Nazionale Carabinieri

Grafica e redazione dei “Quaderni del Museo” Maria Del Cimmuto

62


Indirizzi operativi 63


1-

2014: ATTIVITA’ SVOLTE

Dal 1994, anno della sua istituzione, il Museo universitario di Chieti consta di una sezione espositiva interamente dedicata alle “Origini ed evoluzione dell’uomo”; dopo quasi un ventennio è nata la necessità di rivalutare il percorso, non solo nei contenuti e nella forma, ma anche da un punto di vista logistico, soprattutto in seguito al notevole incremento delle collezioni che il Museo sta registrando negli ultimi anni. Cercando di interpretare le nuove esigenze dei visitatori e pensando di rivolgersi ad un pubblico vasto ed eterogeneo, si è tentato di dare all’allestimento un carattere essenziale ed immediato, ma non privo di storicità e validità scientifica, supportato nella sua funzione esplicativa da precise scelte grafiche e criteri di esposizione. Anche la cospicua acquisizione della collezione del Seminario ha posto la necessità di riqualificare il percorso espositivo. Nel corso del 2014 ci siamo, quindi, dedicati all’ammodernamento delle sale espositive del museo e: - alla sistemazione del percorso espositivo “Origini ed evoluzione dell’uomo”; - all’allestimento di un nuovo spazio in cui esporre i reperti donatici dal Pontificio Seminario Regionale abruzzese molisano “San Pio X” di Chieti; - all’allestimento di una piccola sezione di Etnomedicina. Inoltre, abbiamo progettato e realizzato: - materiale informativo (pannelli e didascalie) per poter offrire ai nostri fruitori maggiori informazioni di orientamento sui percorsi di visita ed informazioni di dettaglio più approfondite; - le brochure con un’offerta delle nostre attività didattiche, rivista ed ampliata. Dalla valutazione dei nostri fruitori, abbiamo deciso di : - effettuare aperture domenicali oltre quelle già previste per i mesi estivi; - incrementare la pubblicità sulle nostre attività didattiche e ludo-didattiche (brochure, locandine…); - ampliare il numero di date dedicate alla Ludoteca Notturna.

64


2-

2015 : PROGRAMMAZIONE ATTIVITA’

A) Proseguimento

di impegni intrapresi:  Svolgimento dell’accordo di programma, Legge 6/2000 “Le tecnologie informatiche e le nuove realtà per la conoscenza, il networking e la valorizzazione del patrimonio culturale scientifico: il ruolo della rete dei Musei Universitari”. In relazione al Decreto Direttoriale 26 giugno 2012 n. 369 inerente le “Regole e le modalità per la presentazione delle domande finalizzate alla concessione dei contributi previsti dalla legge 6 del 10 gennaio 2000 per gli strumenti di intervento ivi previsti: Progetti annuali, Tabella triennale e Accordi di Programma e Intese” il Museo universitario ha aderito in via preliminare alla proposta, formulata dalla Prof.ssa Elena Corradini dell’Università di Modena e Reggio Emilia, di presentare richiesta di contributi in associazione con altri Musei ed Istituti nazionali. L’obiettivo è quello di realizzare una rete museale attraverso le moderne tecnologie, in grado di promuovere e diffondere la cultura scientifica ed il patrimonio storico-scientifico delle collezioni universitarie, seguendo le finalità elencate nell’articolo 1, comma 4 del decreto. Il nostro museo contribuirà al progetto mediante il potenziamento ed aggiornamento del suo patrimonio, anche attraverso la divulgazione delle collezioni di interesse nazionale recentemente acquisite. Il lavoro è stato organizzato in diversi step. La conclusione del progetto è prevista per 2014.  Svolgimento dell’accordo di programma “La rete dei musei universitari italiani per l’orientamento permanente al metodo e alla cultura scientifica”.

La rete nazionale dei Musei Universitari ha progettato di assumere il ruolo di sede privilegiata per la realizzazione di percorsi formativi per l’orientamento permanente al metodo e alla cultura scientifica (secondo le “Linee Guida Nazionali per l’orientamento permanente, MIUR R.U. prot. n. 4232 del 19/02/2014), con specifica attenzione al metodo comune a tutte le discipline scientifiche, grazie al patrimonio e alle competenze connaturate ai musei stessi. I percorsi per l’orientamento al metodo e alla cultura scientifica si collegano a 65


quelli organizzati dai servizi orientamento delle diverse Università (come previsto anche dalla risoluzione del Consiglio d’Europa n. 15030 del 2008 - EDUC 257, SOC 653 secondo la quale l’orientamento permanente deve essere integrato maggiormente nelle strategie di apprendimento permanente). Tali percorsi formativi sono specificamente organizzati per le scuole e destinati a dirigenti e tutor scolastici, a insegnanti e studenti, non solo delle scuole medie superiori, in particolare delle classi IV e V, ma anche delle scuole medie. La principale caratteristica di questi percorsi si riferisce alla primaria natura delle scienze della vita che risulta basata sulla conoscenza induttiva e quindi sulla sperimentazione con l'esaltazione del ruolo del laboratorio. I Musei laboratorio sono una delle forme dei Musei Scientifici di nuova generazione e sempre più assumono la funzione di supporto ad una didattica che, affidandosi non solo alle parole, ma anche all'osservazione ed alla esperienza diretta, può svolgere anche un ruolo di orientamento per i giovani.  Pubblicazione della Guida del Museo.  Pubblicazione del quinto Quaderno del Museo: “Catalogo della Collezione Primatologica”.  Pubblicazione del sesto Quaderno del Museo: “Catalogo della Collezione di strumenti di ottica”. Eventi in Museo “temporanei”:  maggio: Notte dei Musei.  luglio: Settimana Mozartiana  ottobre: Biodiversamente, Festival dell’Ecoscienza.  novembre: M’ammalia.

66


Quadri sinottici 67


QUADRI SINOTTICI Quadro sinottico dei fruitori nell’anno 2014 Numero complessivo visitatori e fruitori Visitatori Fruitori di attività ludo didattiche Studenti

10.983 6.299 4.684 3.504 166

TOTALE SCUOLE TOTALE CLASSI SCOLASTICHE

200

TOTALE SERVIZI EROGATI ALLE SCUOLE

11.620

NUMERO COMPLESSIVO DI EVENTI

58

TOTALE COMPLEANNI

64

TOTALE LUDOTECHE NOTTURNE

2

Quadro sinottico comparativo dei fruitori anni 20132014

Numero complessivo visitatori e fruitori Visitatori Fruitori di attività ludo didattiche Studenti TOTALE SCUOLE TOTALE CLASSI SCOLASTICHE TOTALE SERVIZI EROGATI ALLE SCUOLE NUMERO COMPLESSIVO DI EVENTI TOTALE COMPLEANNI TOTALE LUDOTECHE

anno 2013

anno 2014

7.595

10.983

4.218 705 2.672 90 174

6.299 4.684 3.504 166 200

8.153

11.620

60

58

30 2

64 2

% variazione + 44,61%

+49,34% +564,54% +31,14% +84,44% +14,94% +42,52% -3,33% 113,33% -

68


Quadro sinottico degli Eventi

Eventi

dicembre 2012novembre 2013

Mostre ed esposizioni temporanee Incontri con scolaresche (anche fuori della sede del Museo) Conferenze, seminari, incontri, dibattiti Concerti Presentazioni di libri, premi, eventi vari Aperture notturne, aperture speciali Compleanni al Museo Ludoteche notturne TOTALE

2

dicembre 2013dicembre 2014 3 86

25

25

27 -

2 12

10

8

8 30 2 104

64 2 202

Tipo di prodotto

Numero

Pubblicazioni scientifiche senza Impact Factor Pubblicazioni scientifiche con Impact Factor Presentazioni a Congressi (nazionali ed internazionali) Pubblicazioni divulgative (brochure, cataloghi, etc.)

3 5 8 8

Quadro sinottico del Patrimonio Tipo di bene Oggetti Libri, volumi, riviste

Numero di record inventariati nel 2014 circa 6.280 circa 2.806 69


LA RASSEGNA STAMPA 2014 E’ DISPONIBILE ALL’INDIRIZZO WEB: http://www.museo.unich.it/rassegna-stampa

70

Profile for Museo Universitario di Chieti

Rapporto annuale 2014 del Museo universitario di Chieti  

Relazione annuale 2014

Rapporto annuale 2014 del Museo universitario di Chieti  

Relazione annuale 2014

Advertisement