Page 1

MUMBLE: Mensile a gratis

ANNOUNO NUMEROTRE VI|dieci

C'è

Mensile distribuito tra Modena, Bologna, Reggio Emilia, Ferrara, Finale Emilia e Camposanto


[editoriale] MIRKO ROGLIA

SIAMO ACCERCHIATI, NON C'È VIA DI SCAMPO Domattina mi devo svegliare alle 5.30 e predispormi per dieci ore di lavoro. Mai prospettiva mi ha più esaltato (sì, qualcuna sì forse); il fatto l'è che ci sono tutti gli amici miei che del lavoro ne cercano ma trovarlo manco a mettersi in ginocchio sui ceci. “C'è la crisi” dicono tutti con un mezzo sospiro... eh sì, tempi nembiferi e tempestosi questi. Per quanto la causa della congiuntura economica, che si sta abbattendo con particolare intensità sull'Occidente, è dell'Occidente stesso. Chessaràmmai poi st'Occidente? Tolta l'Africa è tutto Occidente, a gradi diversi di dipendenza o inferiorità e pure l'Africa, alla fine, è come se fosse stata messa ai ceppi, alle catene delle nostre prigioni, delle nostre segrete. L'arcipelago degli stati nazionali europei tenta di scacciare il mare per unire le terre in un unico continente ma in troppi dicono “no”. L'Europa sembra allora quel maresciallo dei fratelli Grimm che venne squartato da quattro buoi tiranti, ognuno dei quali aveva un arto del malcapitato legato al collo. Pare l'Europa, con quel suo ridicolo nome Ue e nella realtà servile e pedissequa nei confronti dei veri poteri. Povera Europa, vittima dei campanilistici regnanti, gelosi dei propri poteri. Però, dico io, che ci lamentiamo a fare della crisi se ne abbiamo costruite le basi per decenni. La decostruzione dell'io finora è l'unica nota caratterizzante di questo scorcio di secolo e da lì tutta una serie di decostruzioni etiche ed estetiche delle quali la famigerata crisi non è che l'ultimo e più acerbo frutto. Sì acerbo, continuerà questa crisi. Lasciate ogni speranza, o voi che nate! D'altra parte nelle fabbriche gli operai non si parlano più e neanche gli impiegati negli uffici, sono finalmente riusciti ad imparare che la coscienza di classe non paga ed è solo un modo per stringere di più le chiappe quando te lo infilano, così a te fa più male e lui gode di più. Parlano solo per fare una bella delazione al capo e magari ottenere qualcosa in più in futuro, ma coi compagni non parlano. Cosa ci lamentiamo a fare se adesso siamo in crisi. Spero che arrivi fino in fondo io, sta crisi! La classe minacciata di licenziamento / o dell'esecuzione dei suoi giovani dallo stato di polizia / che si fa un culo così per salari che comprano sempre meno/o senza lavoro e dopo un anno senza lavoro e mendicante / senza tetto gettata in strada da guadagni robot / o tagliati in lavori part-time per un salario minimo / La classe censurata perché rappeggia la verità / etichettata come malattia o veleno / e imbiancata a calce dappertutto per aver scritto SOLLEVATI NUOVA / CLASSE sui muri. / Lo griderò, allora: SOLLEVATI NUOVA CLASSE. Jack Hirschman, da Volevo che voi lo sapeste

In copertina: foto di Fabrizio Pietrangeli, scattata in Piazza Liber Paradisus a Bologna


occhio all'artista Emiliano Rinaldi vive tra nebbie e zanzare in quel di Copparo, ad un paio di autovelox di distanza da Ferrara. Nutre un’insana passione per la musica post rock, la fotografia in bianco e nero ed i romanzi di Jim Thompson e sottolinea che i cuori delle sue foto non li disegna lui stesso prima di scattare, è successo solo una volta. Più o meno… Le sue foto si possono vedere su: > www.maxartist.it > www.scattomania.com Qui accanto Alla fine di una storia di Emiliano Rinaldi

INDICE

CRISI

interno2 ::::::: LINGUACCE

interno9 :::::: L'enigma dell'arte

interno2 ::::::: ANTRO POETICO

interno10 :::::: OCCHIO ALL'ARTISTA

interno3 ::::::: IL VOSTRO INTERNO |

interno11 :::::: SILENZIO IN SALA

interno4 ::::::: L'ERBA DEL POLITOLOGO

interno12:::::: MUMBLE: UNITED

interno5 ::::::: L'ottimismo profuma le bugie fanno puzza

interno13:::::: MUMBLE: MUSIC RESPONSE

interno5 ::::::: OCCHIO ALL'ARTISTA

interno14:::::: EVENTI IN ZONA

interno6 ::::::: LAPISLAZZULI DIGITALI

interno15:::::: OCCHIO ALL'ARTISTA

interno6 ::::::: OCCHIO ALL'ARTISTA

interno16:::::: OCCHIO ALL'ARTISTA

interno7 ::::::: Ma cos'è questa crisi?

interno16:::::: W il radical conforme libero

interno7 ::::::: The bathroom insights

interno17:::::: OCCHIO ALL'ARTISTA

interno8 :::::: ARTE

interno17:::::: OROSCOPO MUSICALE interno1


BLU

un'arte finita Giacomo Vincenzi

Qualche mese fa, durante la redazione della mia tesi di laurea, mi venne l’idea di inserire alcune considerazioni sui graffiti di un certo stile e su un graffitaro in particolare, Blu. Come le opere realizzate dagli artisti dello staff Icone, pure i murales di Blu si riconoscono facilmente su tanti altrimenti tristi (diciamocelo!) muri di Modena e Bologna. E certo, è sempre il fascino di un’identità artatamente celata ad attirare il curioso. Non avevo – e a ben pensarci non ho – elementi sufficienti per descriverne la persona, al di là della scenetta narratami da Alberto un giorno: <<Massì, una notte gli diedi un passaggio in macchina usciti dal Covo (o era il Kindergarten?)>>. Uno scoppiato, o un tranquillone, che è lo stesso. Provai quindi con un messaggio, spiegandogli che avevo addirittura pensato di riservargli un posto nel capitolo conclusivo della suddetta tesi, infilando le considerazioni che mi friggevano in testa a vedere i suoi lavori a fianco di nomi come Danto e Beckett. Ma non era interessato a una chiacchierata in proposito, e mi dovetti scoprire decisamente poco attraente come intellettuale

wannabe. Così eccomi a raccontare univocamente come e perché uno che studi le parole e la loro forza debba avvicinarsi con occhio compiaciuto a questi suoi lavori, spesso sproporzionati, giganti e ambiziosi, sempre mostruosi. Senza voler entrare nello spinoso campo della critica artistica (strumento quanto mai inadeguato per vivere a contatto con la decorazione murale), mi piace guardare alle realizzazioni di Blu come ad allegorie della comunicazione che vorrei, fatta di un rapporto necessariamente comunitario con forme di vita a lei aliene: come la vernice bianca gialla nera deve adattarsi al mattone, alla crepa del muro, alla tubazione o allo spigolo, così il nostro pensiero si materializza in voce e parole diverse a seconda degli interlocutori, dei sentimenti provati, del fine ricercato con esse. Ma ancor più ricca si fa l’allegoria del graffitaro, perché i medesimi elementi della pittura nascono e muoiono e magari si indicano e traggono forza reciprocamente gli uni con gli altri. È una continua e labirintica metafora della comunanza sociale con cui volentes aut nolentes gli uomini si trovano ad affrontare. E mai che questa necessaria comunità, nel suo insieme, mini (= voix du verb to mine) la personalità del singolo: il soggetto dipinto risulta anzi arricchito nella sua carica di valori – perché no – pratici, morali, dalla convivenza con tutto questo resto. Guardatevi il videograffito “Muto”!

ANTRO POETICO

REVERSIONE Manuele Palazzi

Almeno un altro coro, senza cretini di disturbo o angeli millantatori d’opera. Niente più scambi d’opinione: un’ermeneutica globale. Tacciano chi vuol seguire il silenzio. Dibattano chi si sollazza per la politica. Ad ogni nuovo conto dell’oste qualcuno dovrà pagare. Preghi Iddio chi ha dei cari da mantenere. Preghi senza peccato chi vuol fomentare quell’etereo nostro spirito quel progresso che è quanto nel dove spaziale che è carne marcia o splendente d’aura astrale, mai più mitica, elementare.

interno2 MUMBLE:


fuochi fatui di Roberto Laghi A Sbancor, che ci faceva capire la realtà

Un primo botto, poi un altro e un terzo, in rapida sequenza. Non abbastanza per svegliarlo dal suo sonnecchiare, seduto sulla piccola poltrona, libro aperto sulla pancia. Alcune pagine di Guerreros si sono piegate, scivolando, quando il sonno è arrivato. La giornata, da parecchi mesi, inizia e finisce così: stanchezza. Ormai passare le ore a cercare un lavoro che non si trova è diventato un cliché. Troppo qualificato, poco qualificato, nessuna retribuzione prevista, nessuna posizione aperta. Così via. Sequenza da ripetere, ricominciando da capo. Ripetere ancora. E ancora. Ha iniziato a leggere il romanzo di Gibson la mattina, in un’uscita al parco, tra una ricerca e l’altra. Sulla scrivania scassata, lo schermo del pc con troppe pagine aperte e, a fianco, Il canto della missione di John Le Carré e Hitler di Giuseppe Genna. Legge molto, mentre non trova lavoro. Fuori, i botti continuano e riescono a svegliarlo, con un sentore di paranoia addosso. Allunga lo sguardo oltre il vetro della finestra socchiusa. Sulla parabola installata sul tetto della casa di fronte, con le esplosioni, lampeggiano bagliori. Per un attimo, ancora intorpidito, spera che si tratti di scontri, poi mette a fuoco. Fuochi artificiali. E tanti. Da qualche parte, dietro al suo piccolo appartamento di cui, questo mese, non sa come pagare l’affitto, qualcuno fa festa. Una grande festa. Apre la finestra, si affaccia, per strada passano poche persone. Botti, lampi. Guarda in

alto, intorno. Attraversa la camera e va all'altra finestra, in corridoio, per guardare da un secondo lato. Botti. Non si vede niente. Il cielo è vagamente nuvoloso, questa notte. Resta affacciato, guardando fuori. Continuano i botti. Gli sembra di sentire musica, ma forse è una sua proiezione. Si chiede chi festeggi, e cosa. Leggera ansia. Che non sono fuochi di quelli professionali, quelli che vedeva da bambino alle Feste dell'Unità di paese. Però sono fuochi grossi. Ritorna alla finestra della stanza. Botti e bagliori. È parecchio, ormai. Cammina sempre più frenetico attraverso l'appartamento. Finestra del corridoio, ancora a guardare fuori. Ansia. Apre la porta, s'affaccia sul pianerottolo: l'unica finestra che dà sulle prime colline è lì. Bagliori nel cielo. Botti. Corridoio. Camera. Fuori. Ancora corridoio. Ma quei maledetti fuochi non riesce a vederli. Sbatte la porta, si butta in poltrona, a cercare la pagina, e riprende a leggere.

crisi

di Massimiliano Chiamenti crisi. che in greco significava cambiamento e trasformazione. la pentola che bolle in effetti bolle perché è giunta al suo stato di crisi da liquido a gas. ma quella di oggi non è una crisi ma una catastrofe cioè una fine una conclusione. il mondo sta esaurendo le risorse e non c'è né acqua né aria respirabile per tutti. entrati in un conflitto per la sopravvivenza il mondo è in stato di guerra perenne costante e crescente. i giovani contro i vecchi le donne contro gli uomini i poveri contro i ricchi i neri contro i bianchi i gialli contro i neri i bianchi contro i gialli. tutti contro tutti. perché i poveri vogliono diventare ricchi e non possono i vecchi non vogliono morire

MUMBLEDUEPUNTI@GMAIL.COM

e non possono. e così via: che ciascuno ne deduca le deduzioni che ne derivano. ma non c'è posto per tutti. non c'è posto per parcheggiare 50 automobili in una via che ha 20 posti. non c'è posto per 100 intellettuali a spasso in un dipartimento universitario con 5 posti. non c'è posto per 10 miliardi di immigrati in un'europa che può ospitare 3 miliardi di persone. non c'è posto alla posta quando si fa la fila in 30 e ci sono solo 3 sportelli di cui 2 chiusi e 1 sta per chiudere. non c'è posto nell'etere nelle bande di frequenza nel server locale nell'osteria dell'angolo. semplicemente non c'è posto. non c'è posto alla mensa gratis per 500 senza casa. non c'è posto in fabbrica per 500 operai e 400 rimangono senza lavoro e vanno alla mensa dove gli dicono che non c'è posto. non c'è posto al teatro per l'ultimo spettacolo della tournée perché non c'è posto sugli aerei a causa della nube tossica del terrorismo dell'arrivismo commerciale del pretesto del marketing. non c'è posto nel cimitero e bisogna scalzare terra e fare posto. e quindi questa crisi è una catastrofe perché il liquido nel bicchiere sta finendo la corrente elettrica nella batteria sta finendo. il mondo sta finendo. c'è chi lotta chi aggredisce chi si uccide chi si aliena chi fa finta di niente. ma nessuno è felice. perché la fine del mondo è un fatto triste. almeno per chi ama la vita. almeno per chi non è troppo preso dalle crisi di identità. ma al reparto sanità psichiatrica non c'è posto. anche la speme, ultima dea, fugge i sepolcri. diceva un poeta. ma la poesia è in crisi. in crisi nel senso che ho detto.

interno3


MAGNA GRECIA Alessio Mori Sotto sotto l’ho sempre pensato anche io: qual è l’utilità della Grecia? Oltre allo yogurt, alle olive e al fatto di essere un’enorme attrattiva per il turismo di massa nel mese di agosto, nient’altro. E tutto ciò viene confermato ora, dal momento che la manovra finanziaria d’emergenza (ma non diciamolo troppo in giro…) che è al varo in questi giorni (31 maggio 2010, ndr), se è così pervasiva “è tutto per colpa della Grecia” (cit.). Lasciamo stare quei manigoldi ellenici e concentriamoci su di noi. Dicevamo: manovra da ventiquattro miliardi, che si pone l’obiettivo ambizioso (e legittimo) di contenere la spesa pubblica. Ottimo. Ma non dimentichiamo che l’avanzo netto delle spese correnti è sotto zero e lo stock del debito è risalito velocemente al 117 del Pil – questo in soli due anni, dopo che il capitolo “La spesa pubblica e il suo risanamento” aveva finalmente cominciato a vedere un po’ d’ordine. Dove trovare questi soldi? Semplice: giustizia, enti locali, pubblico impiego. Nemmeno troppo difficile dato che, alla fine, di questo terzetto almeno due settori erano da tempo nel mirino dell’esecutivo. Ed allora che si tagli: dodici milioni dagli enti locali, suddivisi tra regioni (otto miliardi), comuni (tre miliardi) e province (seicento milioni); se per le regioni il discorso potrebbe essere un po’ più “roseo”, dato che ce ne sono parecchie che necessiterebbero una volta per tutte

interno4 MUMBLE:

di una risistemata (a fronte di altre che invece si troverebbero in enorme difficoltà, e nelle quali si è persino parlato di abolizione dell’epidurale per le partorienti in quanto cura non indispensabile…), per quanto riguarda i comuni la situazione è molto più complessa. Specialmente per i piccoli comuni è come se si fosse materializzata la figura del boia: la tua vita dipende da me, ma mi piace guardarti soffrire a lungo. “Noi le tasse le abbasseremo!” Capitolo province: inizialmente è stato proposto il taglio per quelle al di sotto dei duecentoventimila abitanti. Poi, dato che molte province avrebbero potuto far notare che allora avrebbe dovuto saltare anche l’intera regione Valle d’Aosta si è apportata la prima correzione. “Taglio sì, ma non nelle regioni a statuto speciale”; però sarebbe saltata anche Sondrio (che è la provincia del ministro Tremonti, e forse qualcuno se ne sarebbe dispiaciuto…), ed allora ecco la seconda modifica: “taglio sì, ma non nelle province che confinano con l’estero”. Rimangono allora in ballo solamente sette province (Biella, Vercelli, Massa, Rieti, Isernia, Vibo Valentia, Crotone, Matera, Ascoli e Fermo, quest’ultimo dopo aver combattuto e vinto la recente “battaglia” per la secessione da Ascoli). Ora il provvedimento è fermo in discussione: vedrete che almeno per questo aspetto non cambierà nulla. Veniamo al secondo comparto: il pubblico. Taglio del 10% sulla retribuzione dei parlamentari, ma solo sulle retribuzioni aggiuntive. Mille euro a persona, per un totale di dodici milioni all’anno. Meglio che niente. Un taglio del 10% anche sulle retribuzioni eccedenti la quota minima di novantamila euro per i dipendenti pubblici, in più pensioni anticipate congelate fino al 31 luglio

e stop ai baby pensionamenti. Si attendono rappresaglie. Tagli importanti anche a scuola ed università: un solo esempio per tutti, da gennaio 2011 blocco degli scatti di anzianità triennale per gli insegnanti (si parla di 130 € in meno al mese sulla retribuzione prevista da contratto). Per un settore già allo stremo, non male. Per quanto riguarda il nodo giustizia, dopo le minacce di sciopero da parte dell’Associazione Nazionale Magistrati, il tutto è congelato. Previsti nuovi annuvolamenti, non dubitate. C’è tensione nell’aria, insomma. Dovuta al concretissimo rischio di tagli ai servizi essenziali e/o aumenti della tassazione. In un modo o nell’altro le regioni e i comuni devono rimanere in piedi, e questo è uno dei pochissimi modi per poterlo fare. Cgil, Anci e Unione delle province italiane hanno avanzato alcune controproposte: addizionale di solidarietà “per i giovani” sui redditi oltre i 150mila euro, ripristino dell’Ici per chi dichiara più di 100mila euro, aumento dello scudo fiscale al 7%, rinvio del federalismo immobiliare (un processo troppo lungo a fronte di tagli immediati) e restituzione di almeno 500 milioni dei 900 ottenuti dal Fondo Sociale e dall’abolizione dell’Ici sulla prima casa. Dimenticavo, ma sarei stato avventato, che nella manovra c’è un nuovo condono edilizio sull’abusivismo… Perché è giusto pretendere fino all’ultimo centesimo da chi non può “arrangiarsi altrimenti” ma c’è tanta gente che comunque va lasciata tranquilla. Tutto questo in un paese che non sta affatto bene: nel 2009 la perdita netta del reddito disponibile è stata del 2,8%, il Pil nell’ultimo biennio è calato del 6,3% e ci sono notevoli problemi di disoccupazione. Specie femminile e giovanile: tra le donne, nella fascia 15-64 anni, lavora


solo il 46,4%, mentre quasi il 44% dei giovani (18-29 anni) è disoccupato. Ed è proprio questa la fascia di popolazione che è protagonista/ vittima dell’80% dei tagli previsti dalla manovra finanziaria. In un contesto così stagnante non si parla minimamente di crescita economica e di rialzo del Pil: sgravi fiscali sul ceto medio, sul lavoro dipendente, sul cuneo fiscale, una tassazione più invasiva sui beni patrimoniali, per non parlare dell’ormai mitico “recupero dell’evasione”, da sempre voluto ma quasi mai ottenuto. Insomma, prepariamoci ad aprire il portafoglio, che se siamo in crisi è comunque solo colpa della Grecia. E non prendiamocela con il governo, che loro sono in pochi, e noi ben sessanta milioni: volete che pensino proprio a tutti?

Donato Gagliardi <<L’Italia ha il terzo debito pubblico al mondo, senza però essere la terza economia mondiale>>: questo è sempre stato il mantra tremontiano per spiegare agli italiani quali fossero i guai che li affliggevano, economicamente parlando (soprattutto quando guidati dalle sinistre). Di recente, il divin Giulio sembra però aver abbandonato lo spirito di questa giustissima osservazione, lanciandosi in arditi paragoni tra l’economia del Belpaese e quella tedesca. Due dati gli hanno giocato a favore: il 4% di Pil stimato dal FMI per la correzione strutturale di entrambe le economie (“povca

tvoia, lo sapevo che questi tedeschi non evano meglio di noi, non voglio più sentivli davmi lezioni!”) e il fatto che il debito pubblico tedesco abbia superato nominalmente quello italiano. Ora, sul primo dato nulla si può obiettare, poichè veritiero e venuto dall’altissimo. Sul secondo contestiamo umilmente: è vero che la cifra totale dell’indebitamento tedesco è di 1.762 mld, mentre quella italiana è di 1.760 mld. Ma, come ogni studente al primo anno di Economia farebbe notare, non è il valore nominale dello stock a contare, ma la sua incidenza percentuale sul prodotto interno lordo. E, in questa prospettiva, tra Germania e Italia non c’è gara: 73,3% per Germania, 117% per Italia. <<Puoi fregare qualcuno per un po’ di tempo, ma non tutti per sempre>>, altro cavallo di battaglia del nostro ministro (mutuato dal povero Bob Marley che probabilmente si rivolta nel suo ultimo e dolce giaciglio ognivolta che gliela sente dire): Giulietto dovrebbe far fede più spesso a ciò che è solito ripetere.

occhio all'artista Fulvio Romiti è nato a Modena il 21/01/1987 e gira per posti abbandonati da più di un lustro. Negli ultimi anni ha esposto a Vicenza, Bassano del Grappa, Lione, Barcellona, Mestre, Modena, Milano, Genova e altri posti di cui non ricorda il nome. Ha pubblicato i suoi lavori su magazine di cui va molto fiero e su altri di cui si vergogna (tipo Elle). Comunque, ci tiene a far sapere che in questi ultimi casi Ë sempre stato regolarmente pagato. Nonostante la sua ex gli abbia vivamente sconsigliato di aggiugnere questo ultimo paragrafo, Fulvio Romiti si sente in dovere di dire che alcuni gruppi hanno usato le sue foto per l'artwork dei loro dischi (Magdalene, Skruigners, Mark Tulk, un paio di collaborazioni con la Zymogen di Filippo Aldovini ecc...) Qui sopra foto di Fulvio Romiti

interno5


LAPISLAZZULI DIGITALI

Thomas Malaguti È più giovane di me di sette anni il termine ipercittà, coniato dallo svizzero André Corboz nella metà degli anni novanta. Ed ora, nel 2010, usa un computer, la città, per comunicare. Proprio come faccio io. Cosa c’entra tutto questo con un numero sulle arti visive? Forse nulla, forse tutto. Sono molto più vecchie loro, le arti, ma utilizzano ugualmente il computer oggi, comunicano tramite il virtuale. È tutto, ormai, ipercittà. Tutto si muove in essa. Il professore elvetico paragonò la città contemporanea ad un testo digitale, un ipertesto appunto. Esso è aperto come l’Opera per Eco, non è concluso o gerarchizzato. Non è fisico. Così la città dell’oggi non gode, e non è costretta a godere, dell’armonia di un arte classica, caratterizzante

la città tradizionale. “Il concetto di armonia è passato di moda”. Ma ciò non significa che tutto oggi sia precipitato nel caos, sia cacofonico. Da Cézanne in poi sono cambiati i valori per rapportarci alla città. Come il classico insegnò l’armonia, il moderno ci insegna il contrasto, la tensione, la discontinuità, la frammentazione, l’assemblaggio, in conclusione il dinamismo. Ma ipercittà non è pura estetica. È concretizzarsi di tutte le nostre percezioni e passioni, anche di quelle che non meritano, per colpa o per virtù, di essere raccontate da una qualsiasi forma d’arte. Nelle ipercittà sono le densificazioni di tensioni ed eventi ad essere significative. Siamo tutti noi quotidianamente chiamati a operare su di essa, produttori d’arte, modificandola. Perché questo è il suo scopo: il mutamento, la non stasi, che si compie anche ricordandosi, di tanto in tanto, di fermarsi a contemplare. Un fiore o un vicolo sporco di piscio nel quartiere ex industriale più malfamato, decidetelo ben voi.

occhio all'artista Ledicozza è una fotografa modenese. E' innamorata di: fotogiornalismo, musica, gli anni'50, bianco&nero, cibo vegetariano, viaggiare, liquerizie e tanto altro. Odia le persone che non sorridono. Attualmente lavora per alcune testate giornalistiche. Se voleste contattarla potete farlo tramite il suo poco aggiornato sito: www.ledicozza.com; oppure attraverso il blog: > ledicozza.tumblr.com Qui sopra: foto di Ledicozza

interno6 MUMBLE:


MA COS’ È QUESTA

CRISI? di Andrea Villani

“Quando inizia una crisi è un po' tutto concesso quasi come a carnevale quando è in corso una crisi dimentico tutto e posso farmi perdonare” Bluvertigo E’ vero tutto quindi tutto è falso. Le parole sono ormai sradicate dai loro stessi significati come edifici dalle proprie fondamenta. La parola è scritta male, la parola è detta male. La parola è cattiva se non è addomesticata. E’ comunicata sempre con vizio. La parola è malvagia e subliminale. Si perdona e si sgrammatica da sola. La crisi è quindi formale per chi è in coda sull’autostrada o allo stadio strapieno, è cattiva per chi non ha il pane. E’ superata secondo chi l’ha commessa. La crisi è il non amore, la non bellezza. Mentre si dice addirittura il contrario. Che per

superare la crisi bisognerebbe rinunciare soprattutto all’amore e alla bellezza. Amore e Bellezza da tagliare e consumi da incentivare. Questa è la ricetta dettata dalla ragione che dorme e partorisce mostri. Questo è il decadimento dei valori che ha portato alla crisi. Al tentativo di nascondere la vera Bellezza per potere vendere quella falsa. Ma ai valori si arriva proprio attraverso il gusto del bello e non è vero il contrario. Tutto ciò che accade è già capitato almeno una volta. Ma non ci ha insegnato nulla. Siamo merce da vendere e siamo ciò che vendiamo. Questa è la vera crisi.

Quando mancherà davvero il pane forse si potrà ricominciare da capo. E si tornerà a comprendere. Recita una vecchia canzone del varietà: “Si lamenta l'impresario che il teatro più non va /ma non sa rendere vario lo spettacolo che dà/ah la crisi /e capirai la crisi/ma cos'è questa crisi/ ma cos'è questa crisi/metta in scena un buon autore faccia agire un grande attore e vedrà/che la crisi passerà”. Mi piacerebbe pensare che il buon attore sia l’artista, che significa il vero senso dell’esistere, che è il vivere altrimenti, ma temo che il buon attore sia interpretato oggi dal macroscopico, e innaturale, ghigno del Grande Fratello Orwelliano che sistema tutto dal piccolo schermo. Grazie alla provata mimica di un linguaggio unico. Andrea Villani ha scritto per il teatro. Per quotidiani, riviste e antologie, tra cui La Repubblica e Giallo Mondadori.E' opinionista a RAI 2, a RAI Notte e RAI Radio2. Ha pubblicato "La notte ha sempre ragione" (Todaro) e "La strategia del destino" (Mursia)

THE

BATHROOM INSIGHTS Raffaella Grasso Il colpo di fulmine, si sa, arriva quando meno te l’aspetti. Così tempo fa (anno più, anno meno) sfogliavo la classica rivista in uno dei rari momenti di beatitudine della giornata che concede il bagno, quando tra un servizio di moda e la posta del cuore il mio occhio casca su alcune foto in bella mostra accanto all’articolo sulle ultime nuove dal fronte dell’arte. Ci vuole un attimo e zac!, resto folgorata. Chi sono

costoro, statue, bambole, androidi, replicanti, esseri di plastica che sembra pelle e peli, capelli, unghia, ciglia, rughe e porri, punti neri, brufoli e meraviglia nello sguardo, incarnazioni precise sputate della “gente normale” che incontro per strada, che sono anch’io senza pensarci su? Chi sono insomma questi alieni uguali a me, se non fosse per le misure, spropositate o minuscole, unico segno della loro appartenenza a un’altra dimensione, un particolare che mi incanta e non mi rassicura affatto? E chi li ha messi al mondo, chi ha partorito un’idea così semplice e al tempo stesso temeraria, complicata, megalomane e maniacale, rifare gli esseri umani, più grandi, più piccoli poco importa, ma tali e quali fino all’ultima vena varicosa? Divoro l’articolo e scopro che si tratta di Ron Mueck, un australiano trapiantato in Inghilterra, rappresentante di quella corrente nota col nome di iper-realismo. Mi conforta sapere che a Londra a spartirsi gallerie e mercato delle quotazioni non ci sono solo i “giovani” come Hirst, per il quale è sufficiente tempestare di diamanti un teschio o mettere sotto formalina una mucca per fare arte, cosa che mi aveva a lungo convinta che il meglio che essa potesse ancora offrire si incontrasse per strada tra gente come Bansky e Blu. Ma Mueck merita e insieme ad altri (pochi in realtà) spariglia il mio assioma. Ha esposto alla Biennale di Venezia nel 2001 con un’opera, Boy, che infatti non mi è nuova (devo averla vista in tv), ma da allora mi pare la sua tecnica si sia affinata. Alla gigantesca ragazza di In Bed non resisto, non riesco a staccarle gli occhi di dosso. Vorrei indovinarne i pensieri, mi aspetto che prima o poi me li confessi cominciando a parlare mentre si alza a rifare il letto. Stessa cosa per le vecchine di Two Women, piccole e velenose. Sento

interno7


il loro borbottio quando ne incrocio gli sguardi obliqui e rancorosi, i commenti acidi delle comari di paese, ma anche di molte sdaurine urbanizzate che ho avuto la fortuna di conoscere in certi condomini bolognesi. Sarebbe meraviglioso avercele in casa in qualche angoletto, rispondergli a tono quando tutto è andato storto e almeno ci sono loro con cui sfogarsi… Cosa avranno mai da guardare, brutte pettegole! Per la brunetta (si fa per dire) di In bed sogno invece una stanza su misura tutta per lei, in cui andarla a trovare ogni tanto per fare quattro chiacchiere al mattino o nelle notti di insonnia. Lo so, la mia ormai è pura follia, ma tant’è, sono innamorata. Scappo a cercare altre notizie nel mare magnum del web e mi imbatto in un’altra fulminata come me, che ha concepito un sogno più bello del mio, farsi fare un ritratto tridimensionale da Mueck mentre

interno8 MUMBLE:

fuma le sue Galois rosse. Glielo rubo. Voglio anch’io una riproduzione di me fatta da Ron, anche appena sveglia tutta gonfia o infagottata nel plaid col naso rosso e smoccolante da raffreddore invernale. Infierisca pure, ma mi rifaccia in scala, please! Gliene sarei eternamente grata. Giacché ci sono do un’occhiata al blog. Simpatica ‘sta Babsi Jones! Ha viaggiato un sacco in ex Jugoslavia, scrive racconti, uno mi sembra particolarmente interessante. Si intitola Due dita in culo, se non ricordo male, ma non è una storia zozza come potrebbe sembrare. Ricerca proficua, due piccioni con una fava, un altro sogno da coltivare, una Raffa versione Mueck possibilmente piccola (che altrimenti non so dove metterla) e una tizia vivace, dotata di ambizioni letterarie, da tenere d’occhio. Da allora purtroppo è trascorso del tempo e devo ammettere che ho perso di vista entrambi gli obiettivi. Di Mueck non ho visto ancora neanche una mostra. Figuriamoci poi se ho avuto modo di presentargli la mia gentile richiesta. Babsi Jones adesso è una scrittrice a tutti gli effetti, ha pubblicato con Minimum Fax e Rizzoli, ma, nonostante la mia curiosità precoce, in anticipo sui tempi, non ho letto neppure un suo libro. Rosico al pensiero di aver perso tutto ‘sto tempo, di aver permesso alla vita, alle beghe, al trantran quotidiano di

distogliermi da cose ben più serie ed entusiasmanti, i grandi amori, le felici intuizioni che solo nell’intimità raccolta del mio bagno mi capita di partorire. Che poi non sarà vero solo per me. Chissà quante opere letterarie, artistiche, musicali, quante scoperte scientifiche sono state concepite alla toilette, tra le quattro mura calde, umidicce e accoglienti in cui finalmente si è da soli, liberi di pensare ai fatti propri in una concentrazione gaia e assoluta… E anche il mio sogno, una copia conforme di me in silicone dotata di una vita autonoma sul mio comodino, di ‘sti tempi ha una sua dignità. Mi tocca correre ai ripari al più presto! Devo anche aggiungere due voci nuove alla lista dei buoni propositi: imparare a fidarmi di più di me stessa in quei momenti, tenere in debita considerazione tutto quel che mi salta in mente lì dentro. ARTE

INCANTO

010

Marina Franza

Fotografia Europea Reggio Emilia Dal 7 maggio al 13 giugno Reggio Emilia torna ad animarsi, o a incantarsi, visto che proprio l’incanto è il tema della quinta edizione di Fotografia Europea: “incanto inteso come la capacità della fotografia di scoprire e svelare i segni della trasformazione e del cambiamento della realtà”. “Un tema particolarmente vicino


alla sensibilità contemporanea volto a valorizzare la possibilità di uno sguardo rinnovato sulla realtà, non di pura registrazione e rispecchiamento ma capace di individuare i segni del cambiamento”. Nonostante siano state messe a durissima prova dal maltempo, le tre giornate inaugurali si sono rivelate intense di appuntamenti e manifestazioni, segno che quelli di Fotografia Europea vogliono davvero fare sul serio, decisi a superarsi ogni anno che passa. Di queste tre giornate noi non potevamo certo mancare all’eventone mondano: il dj set con videoproiezioni che ogni anno si tiene in Piazza Prampolini. Quest’anno la musica è stata curata da Nitin Sawhney: compositore e produttore di origini un po’ britanniche e un po’ asiatiche, mente brillante e creativa dell’attuale scena inglese. Musicista perfetto per uno spettacolo che voleva essere un punto d’incontro tra culture diverse, non solo alla luce delle sue origini, ma soprattutto grazie alla sua musica, migrazione sonora da un paese all’altro, sound fascinoso e denso di suggestioni, che racconta l’esperienza del vivere sradicati. I suoni di Nitin Sawhney sono stati accompagnati dalle videoproiezioni a cura di Qubic Communications, che ha selezionato immagini di Laura Serani e Michket Krifa. Per quelli che c’erano, L’impressione è che la distanza rispetto all’anno precedente sia stata abissale. Alla musica “per tutti” di Benni Benassi (che fa musica da baracconi, ok, è tamarro, ok, ma almeno è riuscito a far scatenare tutti i presenti) e alle coinvolgenti proiezioni a 360° sugli edifici della piazza, quest’anno si è preferito forse

creare un evento più elitario e a tratti snob, mettendo a sedere i presenti, che più che esperti apprezzatori della musica (non certo per tutte le orecchie) sembravano appoggiati li per caso, un po’ per riposare le gambe, e un po’ perché curiosi (pochissimi i rimasti dall’inizio alla fine). Per quanto riguarda le proiezioni… beh, al posto di proiettarle sulle pareti degli edifici si è preferito limitare lo spazio a uno schermo adibito, proprio alle spalle del dj. Ma perché? Eppure è nostra convinzione che se un evento si svolge nella piazza, dovrebbe essere pensato per la piazza e dovrebbe avere il fine ultimo di coinvolgere il più ampio numero di persone. Nulla da dire sul livello della performance, sicuramente molto alto, ma forse sarebbe stato meglio spostare l’evento in un’ambientazione più intima, che avrebbe permesso se non altro di non udire tutte quelle ambulanze che passavano a sirene spiegate nelle zone limitrofe. O

anche quelle erano parte della performance?

L’ENIGMA DELL’OPERA D’ARTE di Klaus Morgue Il buon senso sgomenta l’animo umano, che di fronte all’opera d’arte pensa: “Mi si è aperto un mondo!”. La semplicità di tale illuminazione dissimula l’origine dell’Arte stessa e forse parte dell’autoconsapevolezza dell’esistente, punge l’occhio del riguardante e lo getta nell’abisso del Sé. Un urto con cui si apre un Mondo, un evento che rovescia la consuetudine e perturba la quiete di un’esistenza ad un passo dall’autenticità. L’uomo che pensa all’opera d’arte deve, secondo il filosofo tedesco interno9


Martin Heidegger, star-dentro nel prodigio di quell’enigma che l’arte stessa è. È una verità, quella posta in opera, che tradisce una non-verità, evocando le ombre di un stato d’animo essenziale: l’angoscia. Il tratto conduce la lotta e fissa la verità ordinantesi nella figura; il chiaroscuro dell’esistenza. L’arte incrina l’abituale, il familiare, sospende il giudizio e apre uno spazio straordinario, “l’intimità del semplice appartenere a se stessi”. Il reale è compromesso. L’eco della modernità si ripete nelle parole di Sigmund Freud: “Unheimlich è tutto ciò che avrebbe dovuto rimanere segreto, nascosto, e che è invece affiorato”. Eterno ritorno del rimosso. Il sentimento del perturbante (Unheimlich) come effetto dell’incontro del soggetto con il reale irrappresentabile è la “condizione” e al tempo stesso il limite dell’estetico, estimitè – un neologismo, formulato da Jacques Lacan in Seminario VII, che compenetra in una sola parola l’esteriorità con l’intimità – come prossimità alla Cosa. Pulsione di Morte. La Cosa lacaniana (das Ding), tra assenza e presenza, è il vuoto “significante di un’alterità radicale, extrasignificante”, centrale nella creazione artistica volta al trattamento simbolico-immaginario del reale. È l’anamorfosi che investe il soggetto della visione, consegnato allo sguardo dell’Altro e sempre potenzialmente perseguitato dal proprio doppio, radicalizzazione di questo stato di intimità esteriore (straniamento). L’Altro indossa la maschera del soggetto, s-mascherato, e inscena la coazione a ripetere, simulacro dell’infanzia nonché metafora gorgoniana. L’arte è chiamata a rendere possibile l’incontro con il reale ambivalente, eccentrico e la tesi interno10 MUMBLE:

di Freud è che ciò dipenda dalla struttura stessa dell’individuo, tale da implicare una sorta di estraneo interno – l’inconscio – e l’esperienza radicale della

occhio all'artista Alessandro Simonini, in arte Klaus Morgue, è nato a S. Damaso in provincia di Modena il 26 ottobre 1985. Si è diplomato presso il liceo sociopsico-pedagogico C. Sigonio. Laureato in Filosofia (estetica) presso l’Ateneo di Bologna, frequenta attualmente la laurea magistrale in Arti Visive (DAMS, Bologna) ed è socio dell'International Association for Art and Psychology. All’età di 8 anni scopre la passione per la pittura frequentando saltuariamente

differenza. Il soggetto appare come agito dall’Altro, si ripete e il vissuto si coagula come una macchia nella visione: è il “miracolo della forma”.

l’atelier di Bruno Della Casa a Montale, dove per la prima volta ha modo di avvicinarsi alla tela, “sporcarsi le mani” col colore e sperimentare le tecniche pittoriche tradizionali. Di recente ha partecipato ha un paio di collettive in locali bolognesi, in collaborazione con associazioni culturali quali KarmaUnderground. Nel 2008 consegue il diploma di recitazione presso la Scuola di Teatro Louis Jouvet (biennale) diretta da Massimo Macchiavelli, a Bologna.

Qui sopra: Oro-buros.eterno ritorno di Klaus Morgue


“Il bello di essere premiato è che posso dire tutto quello che voglio”.

ALTRO CHE SNOB, PARLA UN TRENTENNE NONOSTANTE “LA NOSTRA VITA” IN ITALIA Diletta Dalzovo

Adoro Elio Germano. Anzi, Ilio Germano, detto alla Tim Burton. Siamo alla cerimonia di chiusura di Cannes 2010, nel solito clima intellettual-chic di sempre, il presidente di giuria si appresta a leggere il nome del vincitore, ex-aequo con Javier Bardem per il film messicano “Biutiful” di A.G. Iñàrritu. Un’emozione fortissima invade la sala non appena si sente pronunciare il nome del giovane e talentuosissimo attore Elio Germano, che vince per la sua intensa interpretazione nel film di Daniele Lucchetti, La nostra vita. Con commozione e delicatezza, sale sul palco, ancora sorpreso e imbarazzato, porge un tenero inchino a Bardem, perché ricevere un premio a pari merito con un mostro sacro come l’attore spagnolo, è un privilegio più unico che raro. Con tutta la freschezza e l’umiltà di uno che crede fermamente in chi lavora sodo e in un

cinema libero di raccontare limpidamente la realtà del proprio paese, senza restrizioni, polemiche strumentali, più spesso eccessive e fuori luogo, “usate per deviare l’attenzione su questioni periferiche rispetto al centro dei problemi reali”, ha affermato sommessamente : “siccome i nostri governanti rimproverano gli artisti di parlare male dell’Italia, dedico il premio all’Italia e agli italiani, che fanno di tutto per rendere migliore il nostro paese, nonostante la loro classe dirigente”. Di fronte a questo riconoscimento internazionale al cinema italiano, che arriva a distanza di ventitre anni dal medesimo premio, ricevuto al Festival di Cannes

da uno splendido Marcello Mastroianni per il film Oci ciornie di Nikita Michalkov, è ancor più inaccettabile e grave l’assenza del Ministro della Cultura, Sandro Bondi. Diventa poi, oltretutto, ridicola la motivazione accampata dal Ministro stesso, rispetto alla sua non partecipazione, a causa della presenza di un film che, a suo detto, metteva in cattiva luce il nostro paese. La pellicola in questione è il documentario Draquila-L’Italia che trema, di Sabina Guzzanti, presentato, tra l’altro, fuori concorso in una sezione marginale del festival. Anche in questa occasione, è triste constatare quanto in Italia abbia maggior spazio la polemica politica, rispetto ai risultati e ai valori artistici del nostro cinema di qualità. Inoltre, è nuovamente la conferma che, non solo la settima arte, ma la Cultura e l’Arte tutta, sono irrispettosamente e prevalentemente strumentalizzate ai fini di un misero chiacchiericcio politico. Quindi…VIVA IL BUON CINEMA E L’ONESTA’ INTELLETTUALE!!!

interno11


MUMBLE: UNITED

Le 4 del mattino,

l'angoscia e un po' di vino Matteo Martini Stavolta cambio. Lo so che questa è una rubrica di sport ma questa volta mi va di cambiare. Sarà che il tema mi ispira, sarà che passo un periodo un po’ così, sarà che la Champions dell’Inter mi fa pensare che a questo giro la fine del Mondo è vicina davvero, ho voglia di cambiare argomento e parlare di noi. Noi, i figli degli anni ’80, i figli della generazione del fare, fatta di gente che si è fatta da sola, gente che “ioallatuaetàmantenevounafamiglia”, gente che in dieci anni costruiva, plasmava, dava forma e sostanza alla propria vita. Noi in dieci anni a malapena riusciamo a farci stampare da una segreteria universitaria polverosa, che fa orari che in banca se li

interno12 MUMBLE:

sognano, un pezzo di carta pronto per essere incorniciato e dimenticato su una mensola in garage. Noi, per l’inesorabile legge della ciclicità del tempo, siamo diventati la generazione del NON fare. Tra le infinite possibilità di fare qualsiasi cosa in qualsiasi momento va sempre a finire che non facciamo MAI un beneamato cazzo. Poi ci svegliamo una mattina e ci dicono che il mondo è in crisi. Che il giocattolino che faceva arricchire i ricchi e impoverire i poveri si è rotto e adesso abbiamo tutti le pezze al culo. A noi lo vengono a dire? Noi in crisi ci siamo da una vita. Crisi d’identità. La linea netta che divideva i diritti e i doveri dei nostri genitori si è fatta sempre più sottile e sfumata, fino a ribaltarsi. Lavorare da dovere diventa diritto, studiare da diritto dovere. E tutto diventa un casino. Stiamo lì, sospesi a metà del ponte sullo strapiombo: alle spalle un sistema malato e corrotto caratterizzato dalla malsana tendenza a incasellare e categorizzare tutto e tutti senza spazio per le varianti. Segni particolari: precari e bamboccioni. Dall’altra sponda (del ponte, intendiamoci..) i sintomi chiari ed evidenti del cedimento strutturale del sistema stesso: economia, ambiente, politica, cultura allo scatafascio. Da qualsiasi parte ti giri il ponte scricchiola. Così stiamo fermi, arriviamo ai trenta senza sapere chi siamo, dove andiamo e che cazzo vogliamo fare della

nostra vita. Ma la cosa che più mi fa incazzare è il totale disinteresse che regna sovrano. Come se fosse tutto normale. L’apatia e la noia latenti che portano agli eccessi nell’abuso di droghe e alcool, il distacco e l’indifferenza nei confronti della politica perché tanto fanno tutti schifo uguale, l’abitudine e l’adeguarsi ad un sistema socioculturale lobotomizzato che premia troie e imbecilli. Tutto normale. La cruda realtà è che abbiamo avuto troppo e troppo facilmente e ci ritroviamo a non avere niente di davvero nostro. Qualcuno cerca tuttora i propri riferimenti nel passato, nei riflessi degli abbaglianti Sessanta, pochi riescono ancora a credere nella Chiesa, i più si aggrappano alla superficie lucida e scivolosa di un inconsistente materialismo sfrenato. Così facendo stiamo perdendo la capacità di sognare. Diventiamo prevedibili e manovrabili da coloro che ci vogliono innocui e inconsapevoli del porcaio in cui ci stanno trascinando. Così ci dicono cosa fare e cosa non fare. Quando bere e dove fumare, a che velocità dobbiamo andare e come dobbiamo mangiare. Che cosa comprare, in che modo dimagrire, di che morte dobbiamo morire, fin dove vogliamo arrivare, i limiti che non possiamo oltrepassare, cosa dobbiamo volere, quando, come e perché saremo felici. Adesso basta. Questa crisi ci deve dire che la pappa pronta è finita. Problema? È vero, la pappa pronta è comoda, troppo comoda, ma ha rotto i coglioni. Perché alla fine sta lì, bella e profumata. Poi la metti in bocca ed è sempre o cruda o scotta, o sciapa o salatissima. È ora di cambiare, rimettersi in gioco, sporcarsi le mani e cominciare a cucinare la nostra ricetta. E se sarà cruda, scotta o insipida chissenefrega perché almeno avrà il nostro nome sopra.


occhio all'artista Breakdown di Federico Ferfoglia©

Sono fotofoglia e vivo sugli alberi. > www.fotofoglia.it

MUSIC: RESPONSE

Albi è possibile che proprio all'apice della più bieca lamentela su come questo 2010 non stia offrendo dischi degni di un deciso e inaspettato sobbalzo sulla sedia, e proprio quando ci si era "rassegnati" a considerare there is love in you di four tet l'unica vera gemma di fine decade, e proprio ancora quando si iniziava a rimpiangere l'ultimo di animal collective, che già dall'epifania dello corso anno si impose come disco indiscusso del 2009?.. ecco è possibile detto questo che tre giovani americani si impongano alle mie orecchie come portabandiera del nuovo krautrock?.. no. non è possibile perchè è una palese esagerazione frutto di un'inaspettata esaltazione,

ma quello che gli emeralds, hanno realizzato nel loro ultimo disco è ciò di cui avevo bisogno hic et nunc. il brano d'apertura è già il mio preferito del disco. il titolo, candy shoope, sembra voler omaggiare con riverenza e gratitudine quei cluster edulcorati di caramel (da zuckerzeit, 1974) e confermare sin dall'inizio che "does it look like i'm here?" (pubblicato per editions mego) ripercorre spasmi, isterie e divagazioni spaziali tipiche di quel suono che 40 anni fa sconvolse la gioventù tedesca postbellica: una generazione rincoglionita dal rock'n'roll americano che, sospesa tra il sentimento di rivalsa verso i propri padri, vide attraverso hymns di karl heinz stockhausen, ma soprattutto attraverso quel miracolo di sintesi che hoffmann chiamò LSD, aprirsi la strada per una nuova e libera interpretazione del suono, una terza dimensione che pretendeva le stelle, inseguiva i pianeti, solleticava la via lattea. chissà. chissà cos'ha portato quel

terzetto originario dell'ohio, attivo da poco meno di cinque anni, a questo terzo disco, così perfettamente maturo, pronto al grande pubblico e a recensioni ben più importanti di queste. mi limito momentaneamente a ringraziare i tre, per avermi riportato su un viaggio che da qualche anno avevo un pò accantonato, riaprire krautrocksampler per l'ennesima volta e ripercorrere attraverso le parole di julian cope le vie fluttuanti e aggraziate del cosmo. questo disco alla fine dell'anno sarà, ci scommetto, sul mio podio personale, "guadagnato" grazie a arpeggi incalzanti, sintesi di luce tagliente come poco dopo un eclissi e una grazia fuori dal comune senso di carezza.

interno13


EVENTI IN ZONA

ICONE

is an international writing and street art event based in Modena, in the north of Italy, 200km south of Milan, taking place since april 2002. The staff is made up of just three guys, and that's why we still have loads of problems dealing with variables such as found rising, burocracy, crazy writers etc. Our main goal is to transform abandoned areas of

the city or felthy infrastructures with graff in order to give citizens a "free underground open air art gallery". Up to now we painted 14 different locations in the city over the last 8 years, and 5 more nearby towns. Moreover our aim is to promote artists who have a background in graffiti, helping them to make a living from their art by organizing also indoor shows in galleries,

clubs, or public spaces. Now the Icone team runs his own gallery called Avia Pervia, also based in Modena.

Contacts: www.icone.modena.it|staff@icone.modena.it|facebook.com/icone.modena

interno14 MUMBLE:


M US I C A NELLE VALLI Raffaele Marchetti

Musica nelle Valli è un festival che esiste da più di dieci anni. MnV è stato uno dei primi festival indipendenti d’Italia (se non il primo) , questi tipi di

festival ora super pubblicizzati come cosa innovativa e alternativa, credo che sia meglio fare conoscere le cose come stanno. Tiziano Sgarbi, fondatore dell’etichetta indipendente Fooltribe e folk player con lo pseudonimo di Bob Corn, è l’organizzatore/fondatore del Festival. A MnV è passata gente con nomi importanti e conosciuti, sia a livello nazionale che internazionale, come One Dimensional Man, El Guapo, Giardini di Mirò, Three Second Kiss, Arab Strap, Bright Eyes,Perturbazione, Chinese Stars, Ovo e tanti altri…(citarli tutti sarebbe impossibile). Quest’anno il Festival, come nella scorsa edizione, si è svolto ai Barchessoni di San Martino Spino. Una cornice, a mio avviso, perfetta, dall’atmosfera amichevole e rilassata che ha caratterizzato tutto il festival.

Si sono alternati sui due palchi più di 25 gruppi provenienti da tutto il mondo, creando così un festival che, pur conservando la stessa attitudine di fondo, presentava una miriade di sfaccettature artistiche profondamente diverse.

Quest’anno la gente che ha partecipato lo ha fatto con entusiasmo, ma sono ancora in pochi, possibile, mi chiedo io dalla mia più profonda ignoranza, che ci sia così poca gente interessata alla musica? C’è gente interessata a qualcosa che è culturalmente più elevato di un torneo di calcio tra parrocchie? Ci lamentiamo, ma la realtà è che non facciamo nulla perché certe cose possano anche solo

sopravvivere degnamente nel tempo. Sul sito www.mumbleduepunti.it troverete interviste, foto, e filmati delle band che hanno partecipato al festival e diverse curiosità. SVEGLIATEVI! Si voleva inoltre cogliere l’occasione di rigranziare Giorgio Borgatti e RADIOACTIVITY per la collaborazione, sperando che la cosa possa continuare. Per info: www.radioactivityrock.com

occhio all'artista Carlo Ferraresi nasce nel 1980 e vive a Finale Emilia in prov. di Modena. Frequenta l’Istituto d’Arte A. Venturi di Modena al quale si iscrive nel 1994 ottenendo il Diploma di Maestro d’Arte. Nel 1998 si iscrive all’Accademia delle Belle Arti di Bologna dove può confrontarsi con artisti talentuosi Italiani e stranieri, trovando nuove contaminazioni e riuscendo ad esprimere al massimo la propria creatività. Ottiene il Diploma di Laurea nella sezione di Decorazione nel 2004. Attualmente Carlo Ferraresi dipinge cercando sempre nuove strade ed ispirazioni: i suoi lavori sono metafore, allegorie della realtà riletta in chiave grottesca, spesso inquietante, un modus - operandi che potrebbe ricordare quello dell’artista medievale Fiammingo Hieronymus Bosch che attraverso la rappresentazione “dell’inferno” cercava di redimere tanto l’anima corrotta dello

spettatore quanto la propria. soddisfa, stimola il produrre.” Qui sopra Lex di Carlo Ferraresi

interno15


W IL RADICAL CONFORME LIBERO Càbianca Giovanni

Proletariato precario, prodotto ed unità di una società che attualmente non riesce più a lottare perché divisa, dentro alla moltitudine, vive di anticongestionanti, come quel fabianesimo lento e non abbastanza mordace per tenere il passo del declino. Cicli di riforme in cui sperare, che, anche quando vengono al tempo, i paradigmi mutuati e obsoleti si ammassano per cavillarità di sistema. Allorché tutto sembra risolversi in un razzismo di casta, oltre alle etnie ed alle specie, lunga vita a chi si conforma e morte all'abbandono senza istanza.ç

occhio all'artista Manuele Palazzi, io, “che a parlar di me medesimo in terza, un poco mi turba”, con china apostrofo illustrando versi, ghirigori metafisici, “come lo sbuffo di prillone ed i riccioli sul capo”. Ad olio imprimo di sgargianti macchie le tele, delle visioni deste, ch'a man a mano come istanti d'un vissuto, “son dei crogioli degni, densi di semantiche”. Dar consistenza ai pensieri senza la tecnica di un accademico, ma colla verve e l'esperienza di un passionale,

interno16

tra le speculazioni sull'arte ed il costante transeunte sensibile, mesto cedo i titoli di superbi agli stimoli di “placido rilasso del gravar sullo spazio di tratti indelebili ballerini”. Eppur questi inficiano come addendi, multipli, dividendi e sottrazioni sull'anima, a ricercar il limite dell'uno dentro e fuori, differendo per analogie; o in digitale, o pendendo in mostra; verte sulle variabili che frutta. “Frutta un'inerzia costante, qual quando soddisfa, stimola il produrre.” Qui sopra illustrazione di Manuele Palazzi


occhio all'artista

La trasportatrice d'acqua di Valentina Cugusi© > www.valentinacugusi.com

I’m Valentina and I was born in March 1986 in Modena (Italy). I'm in love with Fine Arts since I was a little girl and I got my first DSLR camera in 2008 after spending a year in Belgium surrounded by beautiful landscapes and travelling through several countries. I’m a self-taught photographer and I mostly work with natural light. I started experimenting with self-portraiture, stilllife and landscape photography but my main interests are photo reportage and portraiture photography. I love nature and travelling abroad. I search to describe reality, beauty and simplicity in every single shot. > www.valentinacugusi.com/

OROSCOPO MUSICALE

PER LA VILLEGGIATURA “una canzone d'avviso, può far combinare perturbante con segni”

 YMCK – Milky blue



 Queen - Bicycle

Domenico Modugno - Meraviglioso

 Pavement – Rattled by the rush

 Sex Pistols - EMI

Afterhours – Siete proprio dei pulcini

 Technotronic – Pump up the jam

 Kataklysm – Road to devastation

Erykah Badu – On & on

 J.S. Bach - Concerto

 Gastr de Sol – Season reversed

 Tim Buckley - Dolphins



brandeburghese 2, movimento 1°, Allegro

“oppur concedetevi una confezione sonora per rimarcare l'essenza davanti alla bolgia d'istinti ed umori estivi” interno17


MUMBLE: Mensile a gratis

ANNOUNO NUMEROTRE VI|dieci

mumbleduepunti.it mumbleduepunti@gmail.com I MUMBLÀR:

Mirko Roglia |direttore| Alberto Bello Diletta Dalzovo Marina Franza Donato Gagliardi Raffaella Grasso Thomas Malaguti Matteo Martini Alessio Mori Manuele Palazzi Pierpaolo Salino Giacomo Vincenzi

PROGETTO GRAFICO Elena Golinelli Sandra Calzolari

FOTOGRAFIE

Emiliano Rinaldi Federico Ferfoglia

WEB DESIGN Alberto Bello

HANNO COLLABORATO A QUESTO NUMERO: Roberto Laghi, Massimiliano Chiamenti, Andrea Villani, Valentina Cugusi, Carlo Ferraresi, Alessandro Simonini, Fulvio Romiti

A fianco: Verrà la morte Luca Domeneghetti MUMBLE: è un progetto dell'associazione culturale Visionnaire di Camposanto (Mo). Questo è uno spazio pubblico. Pubblicazione mensile registrata presso il tribunale di Modena aut. num. 1972 del 17/09. Stampato presso Graphic Center | Mirandola (Mo)

Mumble: Giugno 2010  

Il numero di Giugno parla di crisi e di viste!

Mumble: Giugno 2010  

Il numero di Giugno parla di crisi e di viste!

Advertisement