Page 1

La vi invita!

Fare il vino è arte, sottolinea l’enologo Jean Michel Morel della cantina Kabaj di Goriška brda, dall’altra parte del Collio. 6-9


s es

We l

Welln est

ss Orhideli a lne

La vita rigenerata B

FESTA DELLA LIBERAZIONE & 1° MAGGIO in famiglia | 22/04 – 01/05/2016 con il risparmio del 10%

HOTEL BREZA, 4 da € 173,70

(per persona, 2 mezze pensioni, ingresso piscine Termalija, una gita per tutta la famiglia, un regalo per bambini,…)

VANTAGGIO EXTRA: SOGGIORNO GRATUITO PER 2 BAMBINI

uno fino ai 11,99 anni, secondo fino ai 4,99 anni, con 2 adulti in una camera doppia con un letto aggiunto

Prenotazioni e informazioni: T 00386 3 829 7836 booking@terme-olimia.com

www.terme-olimia.com


Repubblica di Slovenia Capitale: Lubiana Abitanti: 2 milioni Superficie: 20.273 km2 Lunghezza della costa marina: 46 km

Valuta: Euro Membro: EU, NATO, OECD

Gli italiani anche lo scorso anno al primo posto tra i visitatori stranieri in Slovenia

P

er il turismo sloveno il 2015 è stato un anno da record sotto diversi aspetti. Per la prima volta dall’indipendenza la Slovenia è riuscita a superare il numero magico di 10 milioni di pernottamenti e di generare dal turismo più di due miliardi di euro di ricavi, la crescita superiore alla media si è registrata anche nel numero di turisti stranieri e dei loro pernottamenti. Con il 12 per cento in più di turisti stranieri e l’otto per cento più di pernottamenti, il turismo sloveno nel 2015 si è classificato al di sopra della media europea e mondiale. In Europa, il numero di arrivi di turisti internazionali è cresciuto del cinque per cento e nel mondo del 4,4 per cento. Tra i visitatori stranieri in Slovenia anche l’anno scorso c’erano al primo posto gli italiani. La loro quota è stata del 16,1 per cento. Di ospiti provenienti dall’Austria, che erano al secondo posto tra i visitatori stranieri in Slovenia in base al numero, ce ne sono stati il 12 per cento. Rispetto al 2014, l’anno scorso il numero di visitatori provenienti dall’Italia è aumentato dell’8,8 per cento, il numero di ospiti provenienti dall’Austria invece del 2,3 per cento. Il turismo contribuisce al prodotto interno

Il numero di ospiti provenienti dall’Italia in Slovenia è aumentato l’anno scorso dell’8,8 per cento.

Redattrice: Sabina Petrov Marzo 2016 In copertina: Jean Michel Morel, La cantina Kabaj, Goriška brda Foto: Jure Makovec

lordo sloveno per oltre il 12,7 per cento che rappresenta l’otto per cento delle esportazioni totali della Slovenia e circa il 40 per cento delle esportazioni di servizi. Le esportazioni rimangono il motore principale della crescita economica slovena. L‘export favorisce il rafforzamento della crescita delle richieste dei principali partner commerciali della Slovenia, oltre al miglioramento della competitività slovena. Le aziende slovene lo scorso anno hanno esportato 23,94 miliardi di dollari di merci, il che è il 4,4 per cento in più rispetto a due anni fa. Il valore delle esportazioni lo scorso anno è stato il più alto dall’entrata della Slovenia nell’Unione europea nel 2004. Secondo le previsioni, quest’anno, le esportazioni slovene aumenteranno del 4,7 per cento, mentre le importazioni cresceranno del 3,9 per cento. Oltre alle esportazioni la crescita dell’economia slovena è sempre più guidata dai consumi privati. Lo scorso anno, la crescita economica della Slovenia, si è rafforzata del 2,9 per cento, quest‘anno sarà un po‘ più modesta. Secondo le stime il PIL sloveno crescerà tra l’ 1,8 e il 2,3 per cento. Sabina Petrov

Redattore tecnico: Maša Marolt

Responsabile del progetto: Miroslav Pejić; Telefono: +386 (1) 30 91 550 E-Mail: miroslav.pejic@finance.si

Editore: Časnik Finance, d. o. o., Bleiweisova cesta 30, 1000 Ljubljana, Slovenia

Elaborazione delle immagini digitali: Borut Sever

Pubblicità: Telefono: +386 (1) 30 91 590 E-Mail: oglasi@finance.si

Direttore e caporedattore: Peter Frankl

Traduzioni: PSD, d. o. o. (www.psd.si)

Tiratura: 30.300 copie

Izv zniki.si La Slovenia vi invita! 3

Celostna grafična podoba projekta Izvozniki danes


4 La Slovenia vi invita!


La Slovenia vi invita! 5


/INTERVISTA/ Il produttore di vino di fama mondiale di Goriška brda, al confine con il Collio italiano, Jean Michel Morel

Il lavoro del vinificatore richiede attenzione per 24 ore al giorno; si tratta di uno stile di vita, mette in evidenza il famoso produttore di vino, Jean Michel Morel della cantina Kabaj di Goriška brda, dall’altra parte del Collio.

La cantina Kabaj già per due volte tra le cento migliori cantine al mondo

Jure Makovec

L

6 La Slovenia vi invita!

’azienda agricola Kabaj Morel sui 12 ettari di vigneto situati in due diversi terreni (Šlovrenc e Belo) a Goriška brda in cui sono piantate 55.000 viti, produce all’anno tra le 60.000 e le 70.000 bottiglie di vini pregiati. Con una maggioranza di vini bianchi, tra i quali predominano la Ribolla e il Tocai friulano (Sauvignonasse), e anche il Pinot Bianco e Grigio, la Malvasia e il Sauvignon. Tra i vini rossi prevale il Merlot. Tutti i vini maturano almeno un anno in cantina nelle 400 botti di rovere francese da 225 litri, e poi più anni in bottiglia. La specialità della cantina Kabaj è il vino Amfora, prodotto con un metodo di 8.000 anni proveniente dalla Georgia. L’attività vinicola dell’azienda agricola si completa con un‘offerta turistica e di ristora-


zione che dal 2006 comprende anche i pernottamenti in sei camere. Nei libri di chiesa a Brda il cognome Kabaj è testimoniato dal 1462. Nell‘azienda dei Kabaj si sono sempre occupati del commercio del vino, negli anni ”90 hanno cominciato anche in modo professionale, quando la figlia Katja Kabaj e suo marito Jean Michel Morel, nativo della Francia, hanno preso la gestione nelle proprie mani. Lo scorso anno, una delle riviste più influenti, specializzata in vino, Wine & Spirits degli Stati Uniti, ha classificato la cantina Kabaj per la seconda volta tra le 100 migliori cantine del mondo. Oltre alla cantina Kabaj, l‘anno scorso la rivista ha inserito nella sua prestigiosa classifica un‘altra cantina slovena, la cantina Movia. Anch’essa si trova a Goriška brda, vicino al confine tra la Slovenia e l’Italia e confinante con il Collio italiano.

Signor Morel, come procede il percorso che porta un produttore di vino di Goriška Brda per la seconda volta tra le TOP 100 aziende vinicole in tutto il mondo? Abbiamo cominciato nel 1993. In questi 20, 25 anni mia moglie e io siamo stati perseveranti e abbiamo superato anche molti ostacoli. Il percorso ha richiesto un grande sforzo, molti sacrifici, e soprattutto, molta comprensione da parte della famiglia perché ci sono diversi momenti in cui è necessario anteporre gli affari alla famiglia. Il lavoro del vinificatore richiede attenzione per 24 ore al giorno. In realtà, questo è uno stile di vita.

Com’era l’azienda agricola Kabaj 25 anni fa, qual è stato il vostro punto di partenza nel momento in cui lei e sua moglie ne avete assunto le redini? Il punto di partenza è stata la terra, i beni immobili, i vigneti con varietà simili di viti a quelle che coltiviamo anche oggi. Selezioniamo varietà di viti in modo che non ce ne siano molte nuove. In caso contrario, c‘è confusione nel mercato e tra i clienti. Quando si tratta di vino, la base è il

marchio. Se qualcuno beve il vino Kabaj, non si deve chiedere: Che cosa sto bevendo?.

In questi due decenni come è cambiato il vostro modo di vinificazione? Come sono stati gli inizi? All‘inizio ci sono stati molti errori. All‘inizio abbiamo cercato di adeguare il nostro vino alle esigenze dei clienti di tutto il mondo. Ma per fortuna siamo giunti rapidamente alla conclusione che siamo noi ad imporci al mondo e che faremo il vino secondo il nostro gusto. Il vino non è come un prodotto, ma come un’opera d’arte. Quando non ce n‘è più, non ce n‘è più. Non può essere rifatto. L‘acquirente non può influenzare il tuo prodotto. Perché fare il vino è un‘arte! Ogni anno, dipingiamo una nuova tela. Un anno la tela è più grande, un anno è un po‘ più piccola. Essa può essere solo 20 per 20 centimetri ma è comunque molto importante. Quando si lavora con il vino, non c’è uniformità. Se un giorno la vinificazione diventasse uniforme, qualora non si potesse più lavorare in base alle proprie preferenze e ai gusti, allora me ne laverò le mani e me ne disinteresserò. Non bisogna adattarsi all‘acquirente. Non è possibile! Siamo noi che dobbiamo insegnare e educarlo. Se dice che vorrebbe un vino più dolce o più aspro perché attualmente è questo quello che gli piace, non dobbiamo soddisfarlo. No, così non va! Questo è il nostro vino, questa è l’annata. E così deve essere accettato. Che vi piaccia o meno. I clienti fedeli che collaborano con noi da molti anni, sono d’accordo con noi. Un acquirente che acquista dieci palet dei nostri vini ha dovuto per questo in passato fare qualcosa. Ha dovuto vivere con noi ed entrare in empatia con noi. Se capisce la nostra politica, è in grado di acquistare il nostro vino e rivenderlo con successo. Chi vede davanti a sé soltanto la differenza nel prezzo, cioè quanto guadagnerà dal punto A al punto B, chiunque sia interessato a un percorso corto, non può essere un acquirente dei nostri vini. La Slovenia vi invita! 7


I vostri clienti sono quindi clienti a lungo termine? Certo. Loro rispettano noi e viceversa. Vengono da noi costantemente. Proprio ora è venuto da noi un acquirente dalla Corea. Ci conosciamo già da cinque anni, ogni anno è venuto a visitarci, a controllarci, e solo ora, dopo cinque anni, si inizierà a fare affari seri. Non succede nulla da un giorno all’altro. Di solito ci vogliono almeno tre anni per cominciare a fare affari su un nuovo mercato in un nuovo paese.

Dove sono disponibili in questo momento i vostri vini, fin dove li vendete nel mondo?

Cosa le hanno dato le esperienze di enologia nella nativa Francia ai tempi della giovinezza? La Sua più grande passione, l‘arte del vino, l’ha conosciuta nei dintorni di Bordeaux

Jure Makovec

I nostri vini sono venduti attraverso i distributori, sono disponibili in ristoranti, wine bar, enoteche... Non ci sono sugli scaffali dei negozi. Il mercato più grande sono gli Stati Uniti. I nostri vini sono stati per prima venduti sulla West Coast, a San Francisco e Los Angeles, poi abbiamo esteso la vendita alla

Il produttore di vino di Goriška brda, Jean Michel Morel, di fama mondiale, francese di nascita, gestisce l’azienda agricola Kabaj Morel insieme alla moglie Katja che è la responsabile per le offerte relative al turismo e alla ristorazione.

East Coast, a New York, Boston... Un mercato importante è anche l‘Asia dove in media vendiamo circa un terzo dei nostri vini. La maggior parte in Cina, Giappone, anche in Malesia, e ora in Corea. Inoltre, i nostri vini sono venduti in Israele e a Dubai, e naturalmente in Europa, anche nella vicina Italia. Dall’Italia vengono da noi a Brda anche clienti privati. I nostri vini sono interessanti per loro perché sono diversi, perché non sono uniformi. Alle persone che sanno pensare con la propria testa, il gusto uniforme non piace più. Anche in cucina - e il vino fa parte della cucina - le persone sono sempre più alla ricerca di autenticità, sostenibilità. Beh, non si può parlare di una società interamente ecologica, ma le siamo già molto vicini.

8 La Slovenia vi invita!


Jure Makovec

dove da Parigi si recava d‘estate per le vacanze di lavoro... L‘esperienza nelle cantine di Francia mi ha dato fiducia. La fiducia e il riconoscimento che a volte bisogna ascoltare solo il tuo cuore, solo quello che senti dentro di te. Non deve importare cosa pensano gli altri, bisogna ascoltare se stessi. Perché dovrei voler coltivare il vino come lo fanno altrove. Abbiamo un terreno unico che è perfetto per alcune varietà, siamo fortunati ad avere un clima straordinario – dietro di noi ci sono le Alpi, di fronte a noi il mare, qui s’incontrano le correnti d’aria alpine e quelle del Mediterraneo. Di un’altra cosa mi sono reso conto. Che nelle buone cantine, con grandi nomi e 200 o 300 anni di tradizione, le persone sono molto semplici. Che, nonostante la loro eccellenza, che è il risultato del lavoro di diverse generazioni di viticoltori della stessa famiglia, non si danno tante arie.

La cantina Kabaj è caratterizzata anche da un metodo tradizionale di produzione di vino in grandi contenitori, simili alle anfore d’argilla, sepolti nel terreno. Come vi siete entusiasmati per questo metodo di produzione che proviene dalla Georgia e risale a 8.000 mila anni indietro nella storia?

Nella cantina Kabaj producono ogni anno tra 60.000 e 70.000 bottiglie di vini pregiati. Circa un terzo di esse vengono vendute in Asia.

Questo l’ho sentito per la prima volta da amici sloveni che avevano lavorato in Georgia e avevano lì provato tale vino. Mi hanno invitato ad andare con loro in Georgia e vedere il metodo dal vivo. Nel 2004, mi sono unito a loro. Ho avuto l‘opportunità di provare il vino nei monasteri dove viene fedelmente usato l‘antico metodo di vinificazione, detto kartuli. Quando sono tornato, ho studiato la cosa e subito dopo ho deciso di provare a fare il vino con questo metodo da solo, in nove grandi vasi d‘argilla di 3.500 litri - i quevri fatti nel villaggio georgiano di vino Imereti. Il vino l’abbiamo chiamato Amfora (Anfora).

E come viene visto in Georgia il vostro vino Amfora, prodotto secondo il loro metodo? In Georgia godiamo di una buona reputazione. In qualsiasi momento, ovunque al mondo presentano il loro metodo tradizionale di vinificazione, menzionano la cantina Kabaj perché seguiamo fedelmente il metodo tradizionale georgiano kartuli. Ogni anno vado in visita in Georgia, con i loro enologi ci scambiamo esperienze, discutiamo di ciò che si potrebbe fare di meglio...

Quanta parte dell‘annata viene prodotta nei contenitori di argilla – nei quevri - sepolti nel terreno? Circa il dieci per cento. Dipende dalla raccolta e dalla selezione delle uve che inizia nel vigneto. Per questo metodo si possono prendere in considerazione solo uve sane al culmine della maturazione.

Che prezzo raggiunge sul mercato il vino Amfora, prodotto secondo il metodo tradizionale georgiano in contenitori di argilla? Il prezzo di questo vino complesso, dall’intenso colore giallo, quasi ambra, può raggiungere sul mercato anche i 900 € per una bottiglia da 1,5 litri...                   Sabina Petrov La Slovenia vi invita! 9


La Slovenia è dal punto di vista gastronomico un’Europa in miniatura

L

a cucina slovena tradizionale unisce un pezzo delle Alpi, un cucchiaio del temperamento mediterraneo, una tazza della Pianura Pannonica e un pizzico dei paesi balcanici confinanti. Come dice il vecchio proverbio sloveno, l’amore passa attraverso lo stomaco. Non è infatti sorprendente che della cucina slovena si siano innamorati molti visitatori stranieri, anche gli italiani. Gli ospiti italiani sono anche grandi esploratori e non ci sono buone trattorie e ristoranti in Slovenia dove non si trovi una macchina con la targa italiana. A volte la loro conoscenza di cosa e dove trovare qualcosa di buono è migliore di quella della gente del posto, avverte il direttore dell‘Associazione delle terme naturali della Slovenia Iztok Altbauer.

Ogni regione incanta con la propria cucina La Slovenia ha ben 24 regioni gastronomiche e siti culinari in modo che i visitatori possono ogni pochi chilometri essere sorpresi da piatti locali completamente diversi. La ricchezza della cucina slovena si è sviluppata nel corso dei secoli e oggi è una vera miscela di sapori generati nel crocevia tra Vienna e Zagabria, ovvero Trieste e Budapest. I piatti tradizionali sloveni sono di solito considerati pesanti, grassi e quindi meno sani, ma se preparati freschi, e serviti in piccole quantità, in tendenza con il minimalismo imperante e con un aspetto raffinato e stilizzato sembrano quasi più attraenti di quelli nati dalle mani dei chef francesi con le stelle Michelin. Un fedele accompagnatore dei 10 La Slovenia vi invita!

PRESS

La sfogliatella alla crema di Bled si è classificata all’EXPO Milano 2015 dello scorso anno tra i dieci dolci più popolari.

piatti è necessariamente anche un bicchiere di vino dei produttori sloveni di vino che in termini di qualità e gusto si impongono a livello mondiale. Quasi tre quarti dei vini sloveni delle tre regioni vinicole soddisfano i criteri per i vini eccellenti e di alta qualità. Una visita alla trattoria che vanta un menù con piatti tradizionali sloveni può essere un‘esperienza culinaria straordinaria, soprattutto quando si tratta di servire piatti creativi o creare nuovi piatti secondo la ricetta tradizionale ma con un‘identità. Anche per gli ingredienti di base, come cavoli, fagioli e patate, la cucina slovena è un ottimo punto di partenza per numerose nuove esplorazioni, lo sviluppo e la creazione di una ricca molteplicità di sapori, dalla zuppa originale “jota” o “bograč”, al “močnik”, i “žlikrofi” di Idrija e vari piatti di carne. I pasti possono essere conclusi con


PRESS

una ricca putizza o la “Prekmurska gibanica” d‘inverno, le sfogliatelle alla crema di Bled in primavera e una frittata dolce del Pohorje in estate. Quando il cibo è così ricco, vario e gustoso, preparato con ingredienti freschi e locali, innovativo, creativo ed esteticamente servito, nessun ospite può rifiutarlo. Al fatto che l‘ospi-

Tra i piatti che la Slovenia ha finora protetto con il marchio di specialità di tradizionale garantita ci sono anche gli žlikrofi di Idrija.

te moderno vuole mangiare sano e di qualità prestano attenzione tutti i fornitori sloveni di ristorazione, sia che si tratti di un rifugio in montagna che di un ristorante top in città.

Dalla salsiccia di Kranj alla torta di Bled Per avere a portata di mano tutta la varietà e la diversità delle specialità culinarie del

VACANZE PRIMAVERILI ALLE TERME DOBRNA, SLOVENIA a partire da 36,90 € a persona / 1 notte (minimo 2 notti) Vale dal 29/03/2016 al 26/04/2016.

L’offerta include: ✓ mezza pensione ✓ ingresso illimitato alle piscine con acqua termale, ✓ buono di 5 € da utilizzare durante la permanenza presso il centro massaggi e bellezza

+ 1 bambino GRATIS

GIO 1. MAGINUTE M FIRST otazioni

pren 4/04/2016 0 fino a 0€

1. MAGGIO

a partire da 38,90 € a persona / 1 notte (minimo 2 notti)

,9

38 sona al a perio no g rim o (min tti) 2 no

Vale dal 27/04/2016 al 02/05/2016.

L’offerta include: ✓ mezza pensione ✓ ingresso illimitato alle piscine con acqua termale ✓ buono di 5 € da utilizzare durante la permanenza presso il centro massaggi e bellezza

+ 2 bambini GRATIS

Prenotazioni e informazioni: T: +386 3 78 08 110 info@terme-dobrna.si www.terme-dobrna.si


PRESS

posto, regionali e locali che sono anche parte del mondo degli affari, l‘Organizzazione turistica slovena ha preparato un decennio fa una strategia della gastronomia slovena con cui ha delineato lo sviluppo di una parte significativa della visibilità della Slovenia in patria e all‘estero. In base al riconoscimento della diversità delle culture alimentari regionali hanno anche prodotto uno slogan e il logo “Okusiti Slovenijo” (Gustate la Slovenia, Taste Slovenia, Slowenien, wahrhaft köstlich, Les saveurs de la Slovénie). Oltre allo slogan e al logo “Okusiti Slovenijo” hanno creato una brochure promozionale, un film in DVD e un libro “Okusiti Slovenijo” del rinomato etnologo Janez Bogataj in cui sono comprese tutte le 24 regioni gastronomiche con 176 piatti caratteristici e tipici sloveni. La salsiccia di Kranj, varie putizze e struccoli, le patate al forno con la ricotta, il pesce marinato, il prosciutto crudo del Carso e la Prleška tünka sono tra i più famosi piatti sloveni. A questi piatti bisogna naturalmente aggiungere le illustri dame, la Prekmurska gibanica e la sfogliatella alla crema di Bled. Come curiosità, la sfogliatella alla crema di Bled si è classificata all’EXPO Milano 2015 dello scorso anno tra i dieci dolci più popolari. La sfogliatella di Bled, oltre alla salsiccia di Kranj, è stata un vero successo tra i visitatori 12 La Slovenia vi invita!

La salsiccia di Kranj, dopo che è stata protetta ha vissuto una vera e propria rinascita in Slovenia.

del padiglione sloveno grazie alla Casa della gastronomia (Hiša kulinarike) Jezeršek. Ma solo quattro piatti – la salsiccia di Kranj, gli žlikrofi di Idrija, la Prekmurska gibanica e la Belokranjska pogača – sono stati finora protetti dalla Slovenia con il marchio di specialità tradizionale garantita. Per la putizza, di cui ne esistono ben 85 ripieni diversi, e gli struccoli di cui esistono ben 120 specie, la protezione non è ancora entrata in vigore. Ma la salsiccia di Kranj dopo che è stata protetta ha vissuto in Slovenia una vera e propria rinascita. Non solo con la festa annuale della salsiccia di Kranj, ma anche con la preparazione fantasiosa di nuovi piatti in combinazione con la salsiccia propria. In alcuni dei piatti principali la salsiccia di Kranj viene usata in combinazione con gamberetti, lumache, mele fritte, gamberi, asparagi, pere cotte, gelato di ficchi...

Le delizie culinarie slovene incantano molti La cucina slovena ovvero i piatti originali e tipici sono regolarmente compresi nella presentazione della Slovenia alle fiere e alle borse all’estero ad opera dell’Organizzazione turistica slovena. Come sottolineano, la presentazione della gastronomia slovena corre in parallelo alla promozione della Slovenia come destinazione turistica. I dati del recente sondaggio tra i turisti stranieri in Slovenia, per la parte che si riferisce alla cucina, mostrano che quasi il 30 per cento degli ospiti italiani e austriaci, e un po‘ meno del 20 per cento dei visitatori tedeschi hanno valutato i servizi di ristorazione sloveni come eccellenti. Per la cucina locale i risultati sono ancora migliori. Questa è piaciuta in maggior parte ai turisti italiani, quasi il 40 per cento l’ha valutata eccellente. La valutazione dell’ottima cucina locale è attribuita anche dal 35 per cento di austriaci e dal 30 per cento dei visitatori tedeschi.                    Kaja Cencelj, Sabina Petrov


Lubiana come la Capitale verde d’Europa, una stella sul cielo europeo La capitale slovena ha ricevuto il titolo verde dalla Bristol inglese, l’anno prossimo lo passerà all’Essen tedesca

I

l motivo principale per cui Lubiana quest‘anno ha ricevuto il titolo della Commissione europea di Capitale verde d’Europa per il 2016 è stata la valutazione del comitato di esperti secondo cui Lubiana è una città che nel campo dello sviluppo sostenibile ha apportato nel più breve tempo possibile più modifiche nella giusta direzione, ha spiegato la vicesindaco di Lubiana e responsabile del progetto Capitale verde d’Europa Tjaša Ficko. Il comitato ha inoltre messo in evidenza la capacità di Lubiana di preservare le risorse naturali - spazi verdi, acqua potabile, biodiversità... – e allo stesso tempo è in grado di risolvere in modo efficace i campi 14 La Slovenia vi invita!

Nel centro di Lubiana, dove c’erano automobili e autobus, oggi hanno la priorità i ciclisti e i pedoni.

che non sono ancora sufficientemente „verdi“. Un gruppo di 12 esperti ambientali indipendenti nel processo di selezione verifica annualmente le città nominate in 12 campi. Questi sono: il cambiamento climatico - mitigazione e adattamento, i trasporti locali, le aree verdi urbane che includono l‘uso sostenibile del suolo, la natura e la biodiversità, la qualità dell‘aria nell’ambiente locale, la qualità dell‘ambiente acustico, la gestione dei rifiuti, il consumo d’acqua, il trattamento delle acque reflue, le eco-innovazioni e l’occupazione sostenibile, l‘efficienza energetica e la gestione ambientale integrata.


Lubiana Capitale verde d’Europa 2016 in dettaglio 46%

l’area della città ricoperta da un bosco autoctono

Il 20%

dell’area della città ha lo stato di area protetta o assicurata.

542

metri quadrati di spazio verde pubblico per abitante.

80

80 ettari di spazi verdi sono stati creati dalla città.

300

apicoltori ha nella città 4.500 arnie e ben 180 milioni di api.

450.000

api dimorano nei mesi estivi sul tetto del Cankarjev dom, l’istituzione culturale centrale nel centro della città.

Il 63%

dei rifiuti domestici in città provengono da raccolta differenziata, la percentuale più alta tra tutte le capitali europee.

80

mila metri cubi di acque reflue al giorno sono recuperate dall’Impianto centrale di depurazione di Lubiana) che è il più grande in Slovenia.

Irena Herak

Il 74%

Il titolo di Capitale verde d’Europa viene ricevuto dalla città che soddisfa elevati standard ambientali, fissa obiettivi elevati per un ulteriore miglioramento ambientale e lo sviluppo sostenibile, e può servire da modello per altre città.

In gara per il titolo finora più di 100 città Il progetto Capitale verde d’Europa è nell‘Unione Europea in esecuzione dal 2008, la prima città a ricevere il titolo nel 2010 è stata la Stoccolma svedese. Lubiana è la settima Capitale verde d’Europa e la prima in questa parte d‘Europa. A gennaio alla conferenza stampa

delle abitazioni sono riscaldate con riscaldamento a distanza e la distribuzione di gas metano.

7.000

alberi si trovano lungo il viale di 34 km, il Sentiero delle rimembranze e della solidarietà, che circonda la città, sulla strada in cui gli occupanti italiani nel 1942 posero il filo spinato circondando la città.

40.000

persone ogni anno cammina lungo il percorso e rende omaggio all’inflessibilità dei cittadini tra il 1942 e il 1945.

4

sono i parchi naturali della città: il parco naturale Tivoli, Rožnik e il Šišenski hrib, il parco naturale Ljubljansko barje, il parco Zajčja dobrava el il parco Polhograjski dolomiti.

161

specie di uccelli sono state catalogate dagli esperti di cui 86 specie sono sulla lista delle specie in via di estinzione.

100.000

metri quadrati di zona pedonale che è chiusa per tutti i veicoli a motore.

6

volte più aree disponibili per i pedoni dal momento in cui il centro della città è stato chiuso per tutto il traffico a motore.


del Comune città di Lubiana con cui è stato segnato l’ingresso nell‘anno in cui la capitale slovena porta il titolo di Capitale verde d’Europa, il sindaco Zoran Jankovic ha valutato Lubiana come una „stella sul cielo europeo“. E ha ricordato che Lubiana ha una visione sostenibile di „Ljubljana 2025“ già dal 2006, quando il premio Capitale verde d’Europa ancora non esisteva. Per il titolo di Capitale verde d’Europa fin dall‘inizio della selezione hanno gareggiato più di cento città di cui trenta sono state selezionate. Lubiana è riuscita a vincere il titolo di Capitale verde d’Europa al terzo tentativo. Nel 2014, quando Lubiana ha ricevuto il titolo lusinghiero della Commissione europea, erano state selezionate anche la città di Essen in Germania, Nijmegen nei Paesi Bassi, Oslo in Norvegia e Umeå in Svezia. Nel 2017 il titolo di Capitale verde d’Europa lo porterà la tedesca Essen. A giugno saranno i rappresentanti della Commissione europea a Lubiana a selezionare i finalisti per il titolo di Capitale verde d’Europa nel 2018.

Cambiamenti in meglio Nel centro di Lubiana, dove c’erano automobili e autobus, oggi hanno la priorità i ciclisti e i pedoni. Le rive del fiume Ljubljanica sono state trasformate in spazi pubblici di qualità per i cittadini e i visitatori. Le distanze tra le rive sono state ridotte con la costruzione ovvero la ristrutturazione di nove ponti sulla Ljubljanica. Lubiana si può vantare di ben 542 metri quadrati di spazio verde pubblico per abitante, nella città ci sono 80 nuovi ettari di spazi verdi, dalle aree urbane degradate continuano ad emergere nuove aree verdi, citano al Comune di Lubiana alcuni dei cambiamenti in meglio che sono stati realizzati. „Mi aspetto che Lubiana quest‘anno rafforzerà ulteriormente la sua presenza in Europa come un luogo verde, sicuro, pulito e accogliente con un’elevata qualità di 16 La Slovenia vi invita!

La Lubiana Verde è una città da godere Come sottolineato dalla direttrice del Turizem Ljubljana Petra Stušek, i cambiamenti verdi e sostenibili hanno fatto diventare Lubiana una città da godere. “Noi cittadini ci siamo subito abituati ai miglioramenti e forse li prendiamo per scontati, i visitatori invece ogni giorno elogiano l’ordine della nostra capitale, l’atmosfera rilassante e una ricca offerta. Alla forte espansione del turismo fiorente ha anche contribuito la chiusura del centro cittadino al traffico motorizzato. In dieci anni, il numero di pernottamenti a Lubiana è più che raddoppiato, a più di 1,19 milioni. Sul mercato internazionale Lubiana è riconosciuta come una destinazione turistica cittadina ricca di esperienze, un posto per incontri attivi, romantici e di business durante tutto l’anno”, spiega l’interlocutrice. Le esperienze verdi a Lubiana, disponibili per i visitatori, sono state descritte dal Ljubljana Turizem su un’apposita pagina del portale Visit Ljubljana (http:// www.visitljubljana.com); la pagina è disponibile in sloveno, inglese, tedesco, italiano e francese. Sono stati preparati anche contenuti sul tema del turismo sostenibile

per lo speciale sito web Zelena Ljubljana (Lubiana Verde) (http://www.zelenaljubljana.si). “Abbiamo anche pubblicato un opuscolo gratuito Guida alla Lubiana verde che indirizza verso interessanti punti “verdi” a Lubiana e presenta i tour verdi per la città. Le nuove visite guidate oltre alle attrazioni mostreranno agli ospiti i punti verdi della città e li porteranno in bicicletta per i dintorni di Lubiana. Potranno visitare la città da una prospettiva diversa con il SUP o kayak, o attraversarla (con l’eccezione del centro storico della città) con il Segway. Quest’anno offriremo ai visitatori anche un sentiero didattico circolare per l’apicoltura che ha sempre rappresentato una parte della cultura slovena e della tradizione, organizziamo anche escursioni in giro per la regione centrale, con un tocco di verde”, ha descritto alcune delle attività associate al titolo Lubiana Capitale verde d’Europa 2016 la direttrice del Turizem Ljubljana Petra Stušek.”

Carta d’identità di Lubiana Area del Comune di Lubiana: 275 chilometri quadrati Popolazione: 287.218 PIL pro capite della regione slovena centrale: 24.845 euro Densità di popolazione: 1.044 persone per chilometro quadrato Numero di pernottamenti turistici l’anno scorso: 1,19 milioni

Le Capitali verdi d’Europa dal 2010 2016 Lubiana, Slovenia 2015 Bristol, Gran Bretagna 2014 Copenaghen, Danimarca 2013 Nantes, Francia 2012 Vitoria-Gasteiz, Spagna 2011 Amburgo, Germania 2010 Stoccolma, Svezia


Tomassereda

Le distanze tra le rive sono state ridotte con la costruzione ovvero la ristrutturazione di nove ponti sulla Ljubljanica.

vita. Come prima, e per ora unica Capitale verde dell’Europa centrale e sud-orientale, abbiamo deciso di ampliare attivamente il messaggio del progetto tra le città e di condividere le buone pratiche. Credo che la sensibilità per lo sviluppo verde e sostenibile aumenterà anche a casa, tra i dipendenti del Comune di Lubiana e i cittadini.

barre

tubi

profilati

Spero che il titolo ricevuto ci unisca ancor più in uno sforzo comune per una Lubiana ancora più bella anche in futuro“, afferma la vicesindaco del Comune di Lubiana e responsabile del progetto Lubiana Capitale verde d’Europa 2016 Tjaša Ficko. Sabina Petrov

lamine

lamiere

cerchi

nastri colorati

Impol, Partizanska 38, 2310 Slovenska Bistrica, Slovenia, +386 2 845 31 00; www.impol.com


La Slovenia alla ricerca d’investitori stranieri Le opportunità d’investimento in Slovenia saranno presentate agli investitori interessati durante diverse conferenze d’investimento all’estero

In Germania tre conferenze d’investimento Ben tre sono le conferenze d’investimento 18 La Slovenia vi invita!

Jure Makovec

L

a Slovenia cercherà quest’anno di ottenere gli acquirenti per le imprese statali e i crediti della Società per la gestione dei crediti delle banche, nonché gli investitori nel settore immobiliare, le zone industriali, i progetti turistici e persino i castelli sia nell‘Unione europea che negli Stati Uniti, nei paesi del Golfo, nella Federazione russa e nel Giappone. „Abbiamo previsto delle conferenze d‘investimenti nei paesi che sono tradizionali partner commerciali esteri della Slovenia, come per esempio Germania e Russia, e anche nei paesi che sono i principali esportatori del capitale ovvero che aumentano la portata degli investimenti in uscita, come per esempio Giappone e Stati Uniti“, spiega il capo del settore per la promozione dell’internazionalizzazione e degli investimenti esteri diretti presso l’Agenzia pubblica slovena SPIRIT Matej Skočir. E aggiunge che la Slovenia ha raccolto le opportunità d’investimento attuali per gli investitori stranieri in uno speciale catalogo Top 100 opportunità d’investimento in Slovenia. „Alle singole conferenze d’investimento per gli investitori interessati presenteremo una selezione del catalogo d’investimento - secondo l‘interesse che sarà espresso nel contesto dei preparativi per la conferenza“, ha spiegato Matej Skočir.

Abbiamo previsto delle conferenze d’investimenti nei paesi che sono tradizionali partner commerciali esteri della Slovenia e nei paesi che sono i principali esportatori del capitale, spiega Matej Skočir dell’Agenzia pubblica slovena SPIRIT.

che la Slovenia quest‘anno prevede in Germania, la prima partner commerciale. Queste si svolgeranno a Stoccarda, Monaco e Düsseldorf. Le conferenze d’investimento in Germania sono la continuazione di due conferenze d’affari a Stoccarda e Monaco svoltesi nel giugno dello scorso anno che hanno avuto luogo durante la visita ufficiale del Presidente della Repubblica di Slovenia, Borut Pahor, in Germania. La prima conferenza d’investimento di quest‘anno sarà a maggio nello stato federale tedesco Baden-Württemberg con il quale la Slovenia crea il maggior scambio di merci tra gli stati federali tedeschi.

Indirizzi utili Ambasciata della Repubblica di Slovenia a Roma Bogdan Benko, ambasciatore sloembassy.rome@gov.si www.rim.veleposlanistvo.si Consolato Generale della Repubblica di Slovenia a Trieste Ingrid Sergaš, consolato generale kts@gov.si, sloconsulate.trieste@gov.si www.trst.konzulat.si Consolato Generale della Repubblica di Slovenia – Ufficio economico di Milano sloconsulate.milan@gov.si gregor.suc@gov.si, suzana.stamenkovic@gov.si www.investslovenia.org Rappresentanza dell’Organizzazione Turistica Slovena di Milano www.slovenia.info Agenzia pubblica SPIRIT www.spiritslovenia.si Holding statale slovena www.sdh.si


Innovazione e crescita: la sinergia IT italo-slovena Da più di 25 anni DBA Group opera nell’ambito dell’automazione di processo per la gestione e l’esercizio di grandi infrastrutture. Nel 2015 il Gruppo decide di guardare ad est ed acquisire la società slovena Actual I.T.. DBA Group, fondata nel 1991 dai Fratelli De Bettin, fornisce attraverso le proprie società operative servizi ad alto valore aggiunto di conoscenza. Ad oggi conta 400 dipendenti e un valore della produzione pari a di 42 milioni di euro. Actual I.T. ha sede a Capodistria con filiali operative in Croazia, Serbia e Bosnia Erzegovina e partnership commerciali in tutti i Paesi balcanici; impiega direttamente oltre cento dipendenti, in gran parte laureati in ingegneria ed informatica.

Un caso di successo L’acquisizione, in linea con la strategia di crescita che ha visto nel 2011 l’ingresso del Fondo Italiano d’Investimento SGR nel capitale della Holding DBA Group, ha esteso l’attività del gruppo nei servizi IT per i settori Maritime e Oil & non OIL ed integrerà il percorso di internazionalizzazione già avviato. La collaborazione ha già rappresentato un caso di successo: sinergia, crescita e innovazione guidano il management delle società operative e della capogruppo. L’acquisizione ha, inoltre, dato vita nel settore della logistica ad un unico soggetto referenziato e in grado di erogare soluzioni IT sia verticali sia trasversali. Fornire servizi integrati di ingegneria e ICT nel settore della

Logistica e dei Trasporti e mettere a frutto il know-how e le soluzioni sviluppate nell’ambito dei nuovi paradigmi tecnologici della Smart City consentiranno al Gruppo di conquistare nuove aree di mercato.

La recessione non prende prigionieri Con la recessione generale che l’Europa sta vivendo da alcuni anni l’unica strada possibile per continuare a crescere e garantire posti di lavoro e stabilità Francesco De Bettin, Presidente ai collaboratori, è generalmente di DBA Group quella di procedere per vie esterne. Francesco De Bettin, presidente di DBA Group, afferma: “Con questa operazione, certamente non priva di rischio, il nostro mercato si allarga e le nostre competenze tecnologiche si arricchiscono notevolmente. DBA Group affida ad Actual I.T. il ruolo di unica società ICT del gruppo. Si tratta di un grande salto dimensionale e di mentalità per DBA Group e per tutti i suoi collaboratori. Senza la collaborazione e senza l’esperienza di

DBA Group S.r.l. Viale Felissent 20/d, 31020 Villorba (TV) T: +39 0422 318811 W: www.dbagroup.it E: info@dbagroup.it

chi ci ha supportato nell’operazione questo traguardo sarebbe rimasto solo un sogno, bello ma irrealizzabile!”

Ulteriore potenziale di sviluppo Gregor Veselko, Presidente del Management Board di Actual I.T., condivide la sua visione: «Con l’arrivo di DBA Group siamo diventati più forti e più stabili, Gregor Veselko, abbiamo ampliato Presidente del la gamma dei Management prodotti, unendo Board di Actual I.T. conoscenza ed esperienza, e abbiamo aumentato il nostro potenziale di sviluppo e la qualità dei servizi.” Il 2016 pone Actual I.T. di fronte a nuove sfide di mercato e le misure strategiche adottate permetteranno la penetrazione, lo sviluppo e la crescita del Gruppo su scala globale. “Vorremmo anticipare i tempi e prevedere ciò che offrono le nuove tecnologie per sviluppare soluzioni innovative. Siamo una società IT che aiuta le aziende a ottimizzare i processi di lavoro e l’efficienza dei costi e a mantenere la competitività,» conclude Veselko. Actual I.T. d. d. Ferrarska ulica 14, 6000 Koper, Slovenia T: +386 5 662 27 00 W: www.actual-it.eu E: info@actual-it.eu


SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI DELL’HOLDING NAZIONALE SLOVENO PREVISTI PER LA VENDITA NEL 2016 Nome dell’azienda

Attività

Ricavi totali nel 2014 in millioni di euro

EBIT, in migliaia di euro

Quota azionaria del SDH e della RS*, in %

NLB

bancaria

468,9

**81.750

100

Cimos, d. d.

autoindustria

454,1

-14.716

24,26

Geoplin, d. o. o.

energia

370,2

1.478

39,62

Unior, d. d.

lavorazione dei metalli

161,8

7.317

39,42

Mariborska livarna Maribor, d. d.

lavorazione dei metalli

43,6

-3.366

32,73

Hit, d. o. o.

giochi d’azzardo

22,2

4.657

20

Polzela

industria tessile

6,8

-2.231

30,42

Casino Bled, d. d.

giochi d’azzardo

2,1

-176

43

Nota:*La quota di proprietà dell’holding nazionale sloveno e della Repubblica di Slovenia insieme* utile netto** Fonti: Holding nazionale sloveno, GVIN

Anche quest’anno alla fiera EIRE di Milano Non è ancora deciso se la Slovenia quest’anno organizzerà una conferenza d’investimento in Italia. „L’agenzia pubblica slovena SPIRIT ogni anno, insieme con i titolari di progetti d’investimento specifici, è presente alla fiera d’investimenti immobiliari EIRE di Milano che è un evento principale nel settore immobiliare nella regione del Mediterraneo. Lì, tra i potenziali investitori stiamo assistendo a una tendenza verso la ricerca di progetti d’investimento concreti. Questa è un‘ottima occasione per offrire le aziende slovene che sono in un pwrocesso di privatizzazione, i progetti della cosiddetta Bad bank e i progetti d’investimento che già possono indicare certi risultati commerciali e sono in grado di fornire un esame del proprio bilancio. Il mercato italiano continua ad avere forte interesse per la promozione degli investimenti in Slovenia. Inoltre, in un anno in Slovenia vengono fondate circa 250 aziende con capitale italiano“, ha detto Matej Skočir. 20 La Slovenia vi invita!

L’interesse degli investitori italiani La Slovenia, secondo le parole dell’interlocutore, è interessante per gli investitori provenienti dall’Italia in particolare per la qualità della forza di lavoro, la conoscenza dei costumi, le abitudini, la lingua, la vicinanza geografica, ma anche a causa di un contesto fiscale più favorevole. „Per gli investitori italiani la Slovenia rimane un investimento interessante per i grandi progetti di energia e investimenti in tecnologie ambientali in generale. L’interesse per gli investimenti esiste nel settore dei servizi (logistica, elettronica, tecnologia verde, costruzioni e montaggi, call center, servizi legali, servizi finanziari, telecomunicazioni), nonché nei settori tradizionali come gli investimenti nell’alta tecnologia e nell’industria automobilistica. Le opportunità sono anche nel settore farmaceutico. Soprattutto tra i più piccoli investimenti iniziali (greenfield) c’è molto interesse per la logistica e lo stoccaggio“, spiega il capo del settore per la promozione dell’internazionalizzazione e degli investimenti esteri diretti dell’Agenzia pubblica slovena SPIRIT.                                     Sabina Petrov


L’industria slovena del legno e dell’arredamento con più decisione sul mercato italiano

In Italia a quattro fiere e alla mostra del design a Milano La Direzione per la lavorazione del 22 La Slovenia vi invita!

Aleš Beno

L

‘Italia è il secondo mercato di esportazione più importante dell’industria slovena del legno e dell’arredamento. Questo ha prodotto l’anno scorso in Italia un quinto di tutti i ricavi provenienti dalle esportazioni e più di 100 milioni di euro. Le imprese slovene del legno e dell’arredamento sono in Italia tra quelle di maggior successo e sono competitive nella costruzione in legno, i prodotti semilavorati per i mobili e la legna da ardere, afferma il direttore dell’Associazione dell’industria del legno e dell’arredamento presso la Camera di Commercio della Slovenia Igor Milavec. Il settore in cui operano più di mille aziende ha generato l’anno scorso 1,13 miliardi di entrate di cui più di mezzo miliardo di euro sui mercati esteri. „Non abbiamo ancora i dati sui risultati dello scorso anno ma si stima che l’attività delle imprese nell’industria del legno e dell’arredamento è stata l‘anno scorso leggermente migliore rispetto all‘anno precedente“, ha detto il direttore dell’Associazione dell’industria del legno e dell’arredamento.

Le imprese slovene dell’industria del legno e dell’arredamento parteciperanno a maggio e giugno con i loro prodotti creativi e innovativi alla mostra di design industriale sloveno a Milano, afferma Mojca Osojnik della Camera di Commercio Slovena.

legno presso il Ministero dello Sviluppo Economico e della Tecnologia si attende che si rafforzeranno ulteriormente le esportazioni verso il mercato italiano nel segmento delle case prefabbricate, mentre per gli infissi e l’arredamento bisogna ancora rafforzare le attività. Ed è per questo che quest’anno offriranno una possibilità di co-finanziamento per la partecipazione di gruppo delle aziende slovene nel campo dell’industria del legno e dell’arredamento che saranno presenti a tutte e quattro le fiere in Italia. Nei mesi di maggio e giugno le società slovene nel settore della lavorazione del legno con i loro prodotti creativi e innovativi parteciperanno anche ad una mostra del design industriale sloveno a Milano, più precisamente nel quartiere di Milano Cadorna District, ha detto Mojca Osojnik della Camera di Commercio slovena. Alla mostra del design industriale sloveno si terrà una serie di eventi.


STA / Urban Štebljaj

„Prepareremo due tavole rotonde sul tema del design e la cooperazione con le imprese, abbiamo in programma di tenere interviste con designer italiani di fama mondiale, incontri con architetti e studi, facoltà e scuole. Alla collaborazione abbiamo anche invitato il pubblico professionale sloveno. Le aziende italiane e i potenziali partner commerciali in Italia saranno in grado di accordarsi in

La complessità nella costruzione del padiglione ondulato piramidale di legno con cui la Slovenia si è presentata lo scorso anno all’esposizione universale di Expo Milano 2015, riflette anche la conoscenza slovena nel campo delle costruzioni in legno.

anticipo per incontri individuali con gli espositori provenienti dalla Slovenia“, ha detto Mojca Osojnik.

I risultati e i progetti delle imprese Quanto siano soddisfatti della loro attività l’anno scorso sul mercato italiano e dei piani per quest‘anno, lo abbiamo verificato da due fornitori sloveni di case in legno e fornitori di finestre in legno,


L'EVOLUZIONE DELLE ESPORTAZIONI NEL SETTORE DEL LEGNO E DELL'ARREDAMENTO

Come afferma il direttore della Marles Bogdan Božac, il mercato italiano ha delle esigenze architettoniche specifiche. „Ogni casa che si fa per i clienti in Italia è unica. Nella progettazione lavoriamo con i loro architetti che di solito vogliono che le parti in legno siano visibili anche nelle finiture interne, molte delle superfici sono vetrate. Il mercato è senza dubbio interessante e credo che quest’anno ci saranno più richieste rispetto allo scorso anno.“

in milioni di euro 600 550 500,8

500 450 400

M Sora l’anno scorso ha registrato risultati peggiori in Italia

2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 Fonti: SKEP GZS

pannelli per casseforme in legno per l‘edilizia e mobili componibili.

Lumar ha prodotto lo scorso anno sul mercato italiano un quinto del fatturato. Lì offrono le loro tipiche case Lumar, la maggior parte dei ricavi è generata dalla costruzione di strutture personalizzate complesse. Come ha detto il direttore dell’azienda Marko Lukič lo scorso anno sono aumentate sia le richieste che la vendita delle loro case. „Questo lo associamo con la nostra partecipazione alla costruzione del padiglione sloveno per Expo Milano 2015. Per noi ha avuto sinora un effetto positivo considerevole. Ci attendiamo però nel lungo periodo un maggior riscontro grazie alla maggior visibilità e reputazione dell’azienda.“

Marles confida su una crescita dal 5 al 10 per cento Marles vende in Italia case con intelaiatura di legno. L‘anno scorso hanno avuto minor successo rispetto a due anni fa, quest’anno invece contano di aumentare le vendite in Italia dal 5 al 10 per cento e quindi di tornare ai livelli del 2014. 24 La Slovenia vi invita!

U. Štebljaj

Lumar raccoglie i risultati della partecipazione all’Expo

L’attività delle imprese nell’industria del legno e dell’arredamento è stata l’anno scorso leggermente migliore rispetto all’anno precedente, valuta il direttore dell’Associazione dell’industria del legno e dell’arredamento presso la Camera di Commercio della Slovenia Igor Milavec.

M Sora vende finestre in legno sul mercato italiano. „Non siamo molto soddisfatti dell’attività dello scorso anno perché ci è andata peggio che altrove. In tutti i nostri mercati abbiamo aumentato la vendita di finestre di un decimo, la vendita in Italia non ha invece raggiunto tali numeri. Tuttavia, l‘Italia rimane uno dei nostri mercati principali, dove quest‘anno cerchiamo di ottenere una crescita“, ha detto il direttore della società M Sora Aleš Dolenc.

Lip Bohinj vuole acquisire nuovi

EXPORT DEL SETTORE PER PAESE DUE ANNI FA in milioni di euro Germania 135,3

Italia 103,1

Austria 77,1

Croazia 38,5

Svizzera 19,4

Francia 13,6

Slovacchia 10

Repubblica Ceca 9

Stati Uniti 7,9

Gran Bretagna 5,9

Fonti: SURS, SKEP GZS


clienti in Italia

Marko Lukič, Lumar: Lo scorso anno sono aumentate sia le richieste che la vendita delle nostre case.

Jure Makovec

PRESS

Bogdan Božac, Marles: Quest’anno contiamo di aumentare le vendite in Italia del 5 sino al 10 per cento.

La società Lip Bohinj è il quarto più grande produttore europeo di pannelli per casseforme di legno per l‘edilizia. Il direttore Alojz Burja ha detto: „L‘Italia è il nostro mercato più grande. L‘anno scorso abbiamo ottenuto cinque milioni di euro di fatturato. Ma dal momento che non vogliamo essere troppo dipendenti da un singolo mercato non ci sarà lì un aumento della quota. Anche quest‘anno vogliamo ottenere lì al massimo il 30 per cento dei ricavi.“ Tuttavia, l‘obiettivo della società è di acquisire in Italia nuovi clienti e ampliare l’offerta. Agli acquirenti consentono di acquistare in una volta piccole quantità di pannelli per casseforme rispetto a sinora.

Aleš Dolenc, M Sora: L’Italia rimane uno dei mercati principali di M Sora in cui quest’anno cercheremo di ottenere una crescita.

Jure Makovec

Alojz Burja, Lip Bohinj: L’anno scorso abbiamo ricavato cinque milioni di euro di fatturato in Italia che è il nostro mercato più grande.

Arhiv Lip Bled

Irena Herak

Donar prevede di aumentare le vendite in Italia

Matej Feguš, Donar: Presenteremo le nostre soluzioni per gli uffici in occasione di eventi specializzati per gli architetti a Milano, Bologna e Padova.

Per l‘azienda Donar che produce mobili componibili - l‘anno scorso li hanno presentati anche al Salone del Mobile di Milano, l‘Italia è tra i mercati più importanti. Vi sono presenti dal 1999, prima con un partner, dall’anno scorso invece da soli. Donar offre sistemi modulari con una tecnologia Beatnik composta dalla sedia Beatnik Chair con altoparlanti integrati e la tecnologia AirPlay, la sala conferenze polifunzionale Room-in-Room e le sedie modulari Open Source. La loro particolarità è che i mobili sono realizzati con la nuova tecnologia di pressatura del feltro che combina lattine riciclate in polipropilene e lana. Il direttore della Donar Matej Feguš ha detto: „In Italia, l‘anno scorso abbiamo creato meno di un decimo delle entrate, quest‘anno cercheremo di aumentare le vendite. Pertanto, presenteremo le nostre soluzioni per gli uffici in occasione di eventi specializzati per gli architetti a Milano, Bologna e Padova.“ Sabina Petrov, Mateja Bertoncelj La Slovenia vi invita! 25


Rihter vuole avvicinarsi ancora di più ai clienti in Italia

Ogni casa Rihter è unica, esclusiva e costruita secondo i desideri e i progetti dei clienti.eri e i progetti dei clienti.

Il produttore sloveno di case singole prefabbricate in legno è alla ricerca di nuovi partner locali con cui desidera collaborare per rafforzare la vendita delle case singole in legno sul mercato italiano. «Il mercato italiano, grazie alla forte richiesta per la costruzione di case individuali, è proprio indicato per noi,» afferma Janez Rihter, direttore della società slovena Rihter, che è impegnata nello sviluppo, produzione e montaggio di case prefabbricate in legno passive e a basso consumo energetico. Sul mercato italiano siamo entrati nel 2004 e da allora hanno venduto più di un centinaio di case. La maggior parte si trova nella regione del Piemonte in cui ha sede il loro partner principale ma hanno già costruito in tutta Italia - nel sud, in Sicilia, al nord, sotto le Alpi, in piccoli villaggi sopra Savona a ovest e vicino al confine con la Slovenia nei pressi di Trieste e Gorizia.

Ogni casa è unica Le caratteristiche principali della società Rihter sono l’approccio individuale, la flessibilità e il prodotto di alta qualità. Ogni loro casa è unica, esclusiva e costruita secondo i desideri e i progetti dei clienti. «Ai clienti vogliamo costruire una casa che trasmette la famiglia, il calore e la sicurezza», afferma Janez Rihter e aggiunge che la qualità dei prodotti, dei materiali e della produzione è costantemente monitorata da istituti indipendenti. Hanno ottenuto i certificati ISO 9001, RAL Gütezeichen,

il Certificato di costruzione passiva e il marchio CE.

Con partner nuovi verso una vendita maggiore Rihter sul mercato italiano genera circa un quinto del proprio fatturato. Desiderano rafforzare ancora le vendite in Italia e per questo invitano a collaborare gli studi locali d’ingegneria, progettisti, architetti, geometri e imprese di costruzione. «Siamo alla ricerca di partner che hanno un proprio mercato, noi invece siamo in grado di offrire loro il prodotto che tale mercato richiede», afferma Janez Rihter. Allo stesso tempo sottolinea che hanno sviluppato un modello speciale anche per clienti individuali ai quali possono offrire un servizio completo di qualità dall’idea alla realizzazione finale della casa.

Un continuo sviluppo di nuove tecnologie La società Rihter si occupa della produzione di case prefabbricate di legno da più di venti anni. Nel 2002 hanno costruito a Ljubno ob Savinji una nuova sede per gli uffici e la produzione che ha permesso di aumentare la produzione e penetrare sul mercato. Nel 2014 hanno ampliato i locali di produzione, lo scorso anno

hanno anche investito in una nuova tecnologia, moderna, precisa e flessibile.

I vantaggi principali delle case Rihter

1.

Costruzione rapida, di alta qualità e rispettosa dell’ambiente. Dal momento che la produzione di componenti avviene nella sala di produzione, la costruzione è indipendente dalle condizioni atmosferiche. Poiché l’essiccazione non è necessaria, le case possono essere occupate subito dopo il completamento della costruzione. La casa ha una lunga durata ed è adatta per diverse generazioni. Rihter dà una garanzia di 30 anni. A causa dell’isolamento eccezionale di alta qualità dei muri e tetti la casa ha un’efficienza energetica molto alta. Per viverci si ha bisogno di pochissima energia. Grazie alla struttura leggera e a giunti strutturali meno rigidi la casa è adatta per la costruzione in zone a rischio sismico. A causa delle specificità della costruzione è anche molto buona la sicurezza antincendio. L’uso del legno e altri materiali naturali ed ecocompatibili garantisce un clima interno favorevole. Il fabbricante garantisce un prezzo fisso alla firma del contratto. Non ci sono lavori imprevisti e costi aggiuntivi.

2.

3.

4. 5.

6.


L A N O S TRA C A

SA

Benvenuti nel mondo del vivere ecologico!

RIHTER d.o.o., Loke 40, 3333 Ljubno ob Savinji, Cell: 00386 41 727 763, mail: casa@rihter.it


Al centro della promozione turistica della Slovenia c’è l’acqua

L Arhiv Kpss

a Slovenia è un paese ricco d‘acqua, sia in termini di quantità, qualità e diversità del mondo acquatico e rivierasco. La varietà del fenomeno dell’acqua in Slovenia e i principali vantaggi che la Slovenia presenta in materia di acqua, saranno enfatizzati nelle storie e nei messaggi di quest’anno e dell’anno prossimo con i quali l’Organizzazione turistica slovena invita i turisti a visitare la Slovenia. Per esempio, le acque minerali ovvero termali slovene, il fatto che la Slovenia abbia una delle acque potabili più pulite del mondo, e anche il mare sloveno ovvero l’acqua marina, che è la fonte del sale di Sicciole, unico al mondo. Come si suol dire dai salinai sloveni, il sale è il mare che non è potuto ritornare in cielo. „Uno dei principali vantaggi competitivi nel settore delle acque minerali sarà tra l’altro la promozione dell’acqua minerale slove28 La Slovenia vi invita!

Come si suol dire dai salinai sloveni, il sale è il mare che non è potuto tornare in cielo.

na con il maggior contenuto di magnesio al mondo. Si tratta dell‘acqua Donat Mg che sgorga dalle sorgenti della nota località termale slovena di Rogaška Slatina. Su questo fatto si baserà la presentazione e la commercializzazione dell’offerta delle terme slovene in generale. In realtà queste generano ben un terzo di tutti i pernottamenti del turismo sloveno e sono uno dei prodotti turistici fondamentali richiesti dai turisti stranieri (e nazionali)“, spiegano all’Organizzazione turistica slovena.

Una delle acque potabili più pulite al mondo Nelle storie e nei messaggi sarà evidenziato anche il fatto che la Slovenia ha una delle acque potabili più pulite al mondo. „Collegandoci a questo, nelle nostre attività di comunicazione si sottolinea in particolare che in Slovenia l‘acqua del


L’elemento che ha delineato un ricco mondo sotterraneo L’acqua è anche l’elemento che ha delineato lo straordinario mondo sotterraneo della Slovenia – il Carso e le sue tipiche grotte carsiche. Tra le altre cose, le Grotte di Postumia sono ricche di stalattiti e le uniche grotte in Europa che i turisti possono vedere viaggiando in treno. (Maggiori informazioni sulle Grotte di Postumia nell’articolo a pagina 30). „L‘acqua in Slovenia offre anche molte opportunità di svago attivo, per esempio per numerosi sport d‘avventura nell’acqua,

Leonardo Orni

L’acqua in Slovenia offre numerose possibilità per una vacanza attiva, per esempio per numerosi sport d’avventura nell’acqua, nelle sue vicinanze e sott’acqua.

Le terme slovene hanno generato un terzo di tutti i pernottamenti del turismo sloveno e sono uno dei prodotti turistici fondamentali richiesti dai turisti nazionali e stranieri.

nelle sue vicinanze e sott’acqua. Non si deve dimenticate, inoltre, che la neve e il ghiaccio sono in realtà acqua in uno stato di aggregazione diverso. Tutto questo è una parte importante di comunicazione e di esperienze attive in linea con il tema della Slovenia verde, attiva e sana che si sottolinea nella nostra messaggistica. Il gruppo target al quale ci rivolgiamo sono gli amanti attivi della natura e dello stile di vita sano di classe economica superiore. Il tema dell‘acqua sarà uno dei temi centrali nei messaggi e nelle storie di Lubiana, la capitale della Slovenia che quest‘anno porta con orgoglio il titolo di Capitale verde d’Europa 2016. (Sulla Capitale verde d’Europa parliamo nell’articolo sulle pagine 14-17). Sabina Petrov

Press

rubinetto è potabile e di questo oggi si possono vantare soltanto pochissimi paesi. Inoltre nei messaggi sottolineeremo il mare sloveno ovvero l‘acqua di mare che è la fonte del sale di Sicciole unico al mondo. È un sale naturale di colore bianco unico e di qualità, prodotto in modo tradizionale“, aggiungono. Il sale, ovvero le saline sono anche state uno dei cinque principali contenuti della presentazione slovena dello scorso anno all’esposizione universale Expo Milano 2015. Grande interesse ed entusiasmo tra i visitatori del padiglione sloveno ha suscitato la particolare esperienza di camminare a piedi nudi sul sale. Per poter sentire i granelli di sale delle saline slovene sotto le suole molti visitatori – più di un milione – sono stati disposti ad aspettare pazientemente in fila.


L’acqua è la creatrice delle più grandi attrazioni turistiche della Slovenia

Q

uest‘anno e l’anno prossimo ci sarà l’acqua al centro delle storie e dei messaggi con i quali l’organizzazione del turismo sloveno invita i turisti a visitare la Slovenia. (Maggiori informazioni al riguardo nell‘articolo a pagina 28 e 29.) L‘acqua è un elemento che ha delineato lo straordinario mondo sotterraneo della Slovenia – il Carso e le tipiche grotte carsiche. Secondo l‘Associazione Speleologica della Slovenia sono state registrate più di 10.000 grotte in Slovenia, secondo le stime dovrebbe essercene almeno il doppio da scoprire. Nella cosiddetta Trasversale turistica delle grotte in Slovenia ne sono incluse 21. Tra l’altro, anche la più grande attrazione turistica slovena, le Grotte di Postumia stalattiti, stalagmiti, colonne, tende e altre forme interessanti che l’acqua piovana ha lentamente creato nei millenni con la deposizione di calcare.

Il fiume Pivka già da due milioni di anni delinea un mondo sotterraneo Le Grotte di Postumia già da due milioni di anni si vanno delineando grazie al fiume Pivka che scompare proprio all‘ingresso della grotta e riemerge circa cinque chilometri a nord-est sul campo di Planina chiamato Unica. Anche questo fiume scompare sotto terra e riemerge con il nome del fiume Ljubljanica che scorre 30 La Slovenia vi invita!

Una grotta a più piani a Postumia è stata creata dal fiume Pivka, l’acqua piovana ha contributo alle sue ricche decorazioni con i depositi di calcare.

attraverso la capitale slovena Lubiana. (Scopri di più su Lubiana che quest‘anno con orgoglio porta il titolo di Capitale verde d‘Europa 2016, sulle pagine 14 e 17.) Il fiume Pivka in due milioni di anni ha gradualmente ridotto il suo alveo, creando diversi piani delle Grotte di Postumia. Con poco più di 24 chilometri di lunghezza le Grotte di Postumia sono le grotte più lunghe in Slovenia. E allo stesso tempo le uniche grotte in Europa che i turisti possono vedere viaggiando in treno.

Più di 36 milioni di visitatori In poco meno di 200 anni la ricchezza delle stalattiti delle Grotte di Postumia è stata vista da più di 36 milioni di persone provenienti da tutto il mondo. L’anno scorso ci sono stati poco più di 670.000 visitatori delle Grotte di Postumia e in confronto a due anni fa il numero è aumentato del cinque per cento. Tra i visitatori i più numerosi sono stati anche questa volta gli italiani. Rispetto a due anni fa il loro numero è aumentato del sette per cento, a 93.151. Al secondo posto troviamo i visitatori dei paesi di lingua tedesca – Germania, Austria e Svizzera, con un totale di circa 80.000, di cui circa 55.000 dalla Germania. Al terzo posto tra i visitatori più numerosi delle Grotte di Postumia troviamo i coreani, con un totale di poco più di 72.000. Sabina Petrov


Ottimizzazione del teleriscaldamento a Bolzano per la riduzione dei consumi energetici e delle emissioni Le città intelligenti sono città ad alta efficienza energetica e anche Bolzano si è avviata con decisione sul percorso dello sviluppo sostenibile. Ha firmato con la più grande compagnia energetica slovena Petrol un contratto per l’ottimizzazione tecnicoeconomica del sistema di teleriscaldamento della città. L’obiettivo è quello di ridurre le perdite nel sistema di distribuzione del teleriscaldamento del cinque per cento, e di conseguenza ridurre il consumo di energia primaria e le emissioni di CO2.

Petrol, come la c.d. società MUMESCo – Multi Utility, Mobility and Enviromental Service Company offre alle regioni, città, imprese e all’industria soluzioni complete nel campo dell’energia, dell’ambiente e della mobilità. Alle città offre servizi per una gestione intelligente con l’ambizione di diventare il fornitore leader regionale, in tal modo acquisirebbe lo 0,3 per cento del potenziale globale di vendite per le città intelligenti che è stimato in 1,5 miliardi di dollari. Il potenziale d’investimento della Petrol è abbastanza grande da poter soddisfare le esigenze regionali delle città intelligenti emergenti, per i prossimi cinque anni l’azienda sta già preparando modelli di finanziamento innovativi che permetteranno un molteplice aumento degli investimenti in questo settore. La Petrol offre alle città e ai comuni: - la transizione verso modalità sostenibili di produzione di energia elettrica, calore e raffreddamento garantendo l’autosufficienza di energia prodotta sul posto; - una fornitura competitiva di energia (gas metano, GPL, calore, biomassa, olio combustibile, elettricità); - la costruzione e gestione di sistemi di teleriscaldamento ad alta efficienza energetica; - l’ottimizzazione tecnica ed economica dei sistemi di teleriscaldamento per ridurre l’uso di energia primaria e delle emissioni;

Il fotografo è Sergio Buono e i diritti sono dell’Azienda di soggiorno e turismo di Bolzano Bozen.

Il progetto di ottimizzazione tecnica ed economica del sistema di teleriscaldamento è finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma SINFONIA - Bolzano Smart City. L’obiettivo del programma è fare di Bolzano un esempio di città intelligente come modello di buona prassi per un ulteriore sviluppo delle città intelligenti in Europa. Il progetto fornirà all’operatore del sistema, oltre agli obiettivi del programma SINFONIA, un supporto fondamentale per l’attuazione di un ulteriore ampliamento del sistema di teleriscaldamento in città che nei prossimi anni contribuirà ulteriormente a ridurre le emissioni di CO2 in città.

- l’ottimizzazione tecnica ed economica dei sistemi idrici per ridurre le perdite d’acqua; - il trattamento delle acque reflue e il trattamento dei fanghi dagli impianti di depurazione; - la progettazione, ristrutturazione, gestione e manutenzione dell’illuminazione pubblica; - l’attuazione di misure di efficienza energetica negli edifici e piscine per ridurre il consumo energetico e le emissioni e raggiungere gli standard appropriati di utenza; - la transizione verso la mobilità sostenibile e i carburanti alternativi come il GPL e l’energia elettrica (le infrastrutture e la garanzia di un adeguato parco macchine); - forme innovative di finanziamento di progetti di efficienza energetica. Ulteriori informazioni: Milan Jungič, Soluzioni energetiche Petrol, milan.jungic@petrol.si

Petrol d.d., Ljubljana, Dunajska 50, 1000 Ljubljana, Slovenia T +38645753007 milan.jungic@petrol.si


Alla sciatrice Tina Maze il premio per gli straordinari successi nel campo dell’economia

L

a pluricampionessa slovena, mondiale e olimpica di sci Tina Maze all’evento centrale d’economia dello scorso anno in Slovenia - Business Conferenza Portorose, organizzata congiuntamente dalla Facoltà di Lubiana di Economia e dal principale quotidiano sloveno d’affari, il Časnik Finance - ha ricevuto un premio per gli straordinari successi nel campo dell‘economia. „Non è merito solo degli uomini d‘affari tout court o dei manager per i risultati economici, i risultati che ci arricchiscono, sia finanziariamente che spiritualmente. Il successo in campo economico può essere merito di politici abili, di personalità della cultura e di atleti. Tina Maze è una leggenda che ha rallegrato gli sloveni negli anni in cui troppi sentivano il peso della crisi, molti la sentono ancora, e come campionessa di sci ha infuso loro autostima quando ne avevano davvero bisogno“, ha spiegato così il motivo del premio la commissione che ogni anno sceglie il vincitore. E continua: “Tina Maze sta disegnando la Slovenia sulla mappa del mondo ed è quindi una nostra ambasciatrice vittoriosa estremamente importante. Possiamo affermare che le esportazioni slovene sono ciò che sono anche per i suoi meriti. Gli economisti potrebbero 32 La Slovenia vi invita!

Una combinazione vincente – la sciatrice Tina Maze che per un anno si è ritirata dalle competizioni, e il responsabile della sua squadra, nonché compagno Andrea Massi - lo scorso anno all’esposizione universale Expo Milano 2015.

Pier Marco Tacca/getty Images

Duro lavoro e guida visionaria per potenziare il talento - una ricetta di successo nel campo dello sci e del business della campionessa di sci Tina Maze

teoricamente calcolare il contributo della campionessa al rafforzamento del PIL sloveno grazie alle sue vittorie e i suoi effetti sulla psiche slovena ma nessun calcolo potrebbe dimostrare come i suoi successi hanno rallegrato gli sloveni.«

Una storia oltre lo sci

Tina Maze, che per un anno si è ritirata dalle competizioni, era visibilmente commossa dopo aver ricevuto il premio per gli straordinari successi nel campo dell’economia: “Inizialmente non immaginavo perché questo premio proprio a me. Ora so che abbiamo creato una storia unica, oltre lo sci. Grazie per sentirla con noi.” Come ha detto a Portorose la campionessa slovena di sci, nel corso degli anni è sempre più difficile motivarsi per risultati eccellenti. “Quando sento che posso vincere, afferro quell’opportunità, vincere mi motiva.«                   Novica Mihajlović


Entrando sui mercati esteri si ha bisogno di un partner affidabile Sempre più aziende vedono le loro opportunità nei mercati esteri. I motivi per un eventuale fallimento sul mercato internazionale sono sicuramente la conoscenza insufficiente dei clienti, la diffidenza e la mancanza di disciplina di pagamento. Tutti sono consapevoli che il pagamento è cruciale per un business di successo, il che significa che, oltre a reperire le commesse ed portare a compimento l’affare, l’assicurazione dei pagamenti è un elemento importante. Evitate il rischio, non le opportunità All’UniCredit Bank aiutiamo gli esportatori nella pianificazione delle operazioni e consentiamo loro una maggiore flessibilità nei momenti in cui si deve reagire alle mutevoli condizioni dei mercati. Le aziende si possono proteggere contro i rischi collegati agli affari sui mercati esteri con una gestione efficiente dei rischi dei singoli clienti, delle banche e del governo. Nella nostra banca possiamo offrire informazioni sulla stabilità, il potere d’acquisto e la disciplina di pagamento, nonché le conoscenze nell’ambito della strutturazione degli affari e la copertura dai rischi commerciali. Ben preparati per gli affari con l’estero Quando si fanno affari all’estero, la nostra banca può aiutare con l’acquisizione di crediti, l’assicurazione dei pagamenti dei clienti, con il post finanziamento degli accrediti, con i prestiti ad acquirenti stranieri acquistando gli accrediti o un finanziamento di pre-esportazione. All’UniCredit Banka Slovenija d.d. abbiamo anche sviluppato una soluzione che, oltre a garantire il pagamento delle merci esportate, consente il finanziamento dell’acquirente ovvero del capitale circolante della società. La cosiddetta acquisizione dei crediti con gli accrediti permette agli esportatori un finanziamento del capitale circolante più economico, d’altra parte, alle aziende che non hanno problemi di garantire i fondi per finanziare il capitale circolante, offre un vantaggio competitivo in quanto attraverso queste soluzioni possono offrire ai propri clienti una sorta di prestito del fornitore. Le finanze internazionali organizzate sono un vantaggio competitivo per le aziende internazionali Ècomprensibile che le aziende si devono intanto occupare della produzione, della vendita dei loro prodotti e dei servizi attraverso l’innovazione e il marketing. Tuttavia, è ora estremamente importante ottimizzare la liquidità in un gruppo di società collegate, allo stesso tempo le aziende sono fortemente consapevoli del fatto che la revisione e la gestione delle finanze al di là dei confini del paese è diventata una necessità. All’UniCredit Bank aiutiamo le aziende con soluzioni innovative nel campo della gestione dei soldi a trovare riserve interne per la liquidità, accelerare la rotazione dei crediti tra società collegate, allo stesso tempo permettiamo una visione più ampia dei flussi di cassa con cui si possono definire le priorità per estinguere le obbligazioni. L’UniCredit è una delle principali banche commerciali europee con una rete internazionale che copre 50 mercati, con oltre 7.800 filiali e oltre 141.000 dipendenti. Il Gruppo opera in 16 paesi europei. UniCredit vanta una forte identità europea, un’estesa presenza internazionale e un’ampia base di clientela. Il Gruppo opera nei seguenti paesi: Austria, Azerbaigian, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Germania, Italia, Polonia, Romania, Russia, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Turchia e Ungheria.

Nataša Markov, Responsabile del Centro Internazionale di UniCredit Slovenia: La presenza a lungo termine della Banca nell’area slovena e la particolare cura delle aziende di proprietà straniera ci distingue e ci rende una delle maggiori banche in Slovenia nel settore dell’assistenza alle società estere. Al centro Internazionale di Unicredit Slovenia opera un gruppo di esperti bancari che si prende cura delle aziende straniere fin da quando sono entrate nel mercato sloveno e le aiuta a sviluppare un modello di business. Offriamo una serie di servizi e prodotti che sono necessari per un business internazionale di successo.˝

Matej Čebohin Krt, consulente nel reparto delle aziende internazionali, responsabile per le aziende italian: La UniCredit Group ha costituito centri internazionali nei mercati in cui opera. La collaborazione a stretto contatto quotidiana con i colleghi del Centro Internazionale di UniCredit Italia ci permette di essere estremamente efficienti ed efficaci nell’aiutare i nostri clienti. Nel Centro Internazionale di UniCredit Slovenia parliamo fluentemente italiano e abbiamo a disposizione un supporto professionale per i clienti internazionali nella loro lingua che si riflette nel tasso di soddisfazione elevato dei nostri clienti.

Contatto: ince@unicreditgroup.si www.unicredit.si


3 1

4

2

5

7

6

1 Pipistrel I Panthera, il primo aereo a quattro posti del mondo prodotto in serie con una scelta modulare di propulsore (pistoni, elettrico o ibrido) I www.pipistrel.si; 2 Talking Friends I Talking Tom app. I www.outfit7.com; 3 Lumar I Lumar Black Line Pure S I www.lumar.si; 4 Elan I sci Amphibio I www.elan.si; 5 Akrapovič I Akrapovič Evolution Line (Titanio) per la Ducati 1199 Panigale I www.akrapovic.com; 6 Gorenje I Interfaccia del forno I www.gorenje.com; 7 Adria Mobil I Camper Matrix Supreme I www.adria-mobil.com

Collegarsi all’eccellenza slovena La Slovenia vanta un numero sorprendente di marchi di fama internazionale come il produttore di elettrodomestici Gorenje, il produttore di camper Adria Mobil, il produttore di sci Elan, e grandi nomi quali la sciatrice Tina Maze, il filosofo Slavoj Žižek, il compositore e musicista Slavko Avsenik e il suo gruppo Oberkrainer ecc. Numerosi sono i prodotti di fama mondiale che sono stati creati proprio in Slovenia: dal telaio per le diapositive da 35 mm, all’atomizzatore del profumo, allo sci alpino carving, fino al primo yacht ibrido e all’applicazione più venduta per smart phone, Talking Friends.

che abbiate mai preso finora. La Slovenia offre un ambiente favorevole per le aziende emergenti che cercano di crescere a livello internazionale, attraverso la sua forza lavoro tecnicamente abile e un’infrastruttura idonea agli affari. Il fascino della Slovenia non consiste in una produzione a basso costo, bensì nella reputazione della sua tecnologia e delle industrie orientate all’innovazione.

La Slovenia è un’economia tradizionalmente basata sulle esportazioni. Il sistema educativo sloveno soddisfa i più elevati standard e produce una forza lavoro altamente qualificata e diversificata. Le soluzioni tecnologiche avanzate, i continui investimenti nella ricerca e nello sviluppo, nonché i processi di produzione di altissima qualità, unitamente ad un’innovazione vivace e una salda consapevolezza ecologica, in uno degli ambienti naturali più verdi d’Europa, sono saldamenti integrati per lo sviluppo e la creazione di strategie, indirizzate ad una sempre più vasta gamma di imprese slovene, dal carattere ambizioso e lungimirante.

Tutti i nostri servizi sono gratuiti e comprendono:

Se siete alla ricerca di un fornitore o di un progetto per definire o riposizionare l’attività di esportazione, la Slovenia potrebbe essere una delle scelte commerciali migliori

Contattateci: SPIRIT, Agenzia pubblica slovena per la promozione dell’imprenditorialità, l’internazionalizzazione, gli investimenti stranieri e la tecnologia Verovškova ulica 60, SI-1000 Lubiana, Slovenia T: +386 1 5891 870 E: invest@spiritslovenia.si, slopartner@spiritslovenia.si

Perché non far crescere i vostri affari sfruttando il potenziale delle imprese slovene e beneficiare dei nostri servizi su misura, per soddisfare le esigenze della vostra azienda?

• informazioni specifiche di affari riguardanti le industrie, la legislazione, le tasse e gli incentivi, • le banche dati con i progetti di investimento e i siti industriali, • informazioni sui fornitori sloveni, • organizzazione di missioni d’accertamento dei fatti, • collegamenti con l’industria e le autorità locali e • consulenza e consigli in questioni pratiche. www.sloveniapartner.eu


1

2

2 1

Finanziato dal Ministero della Repubblica di Slovenia per lo Sviluppo Economico e la Tecnologia.

4

Foto: 1 Ljubljana, ©Dunja Wedam, www.slovenia.info 2 ©Porto di Capodistria, 3 Bled; ©Franci Ferjan; www.slovenia.info, 4 ©Krka – Centro R & D in aziende farmaceutiche

3

www.investslovenia.org

Le qualità collaudate della Slovenia ne fanno una posizione privilegiata per la produzione delle aziende ancora in fase di sviluppo, un quartier generale regionale, un centro logistico e di distribuzione o una struttura per la Ricerca & Sviluppo. Forniamo assistenza agli investitori stranieri che desiderano approfittare dei punti di forza del paese. Continuiamo a lavorare con le imprese, in virtù del nostro programma “aftercare” per garantire che il vostro investimento sia un successo.


www.slovenia.info

#ifeelsLOVEnia

SLOVENIA

Verde. Attiva. Sana. Terme Slovene, luogo perfetto per rinvigorire l’anima.

La SLOVENIA vi invita!  

http://izvozniki.finance.si/slovenia

La SLOVENIA vi invita!  

http://izvozniki.finance.si/slovenia

Advertisement