Page 1

PRESS REVIEW 2011


OFFICINAATELIER.COM 26 Gennaio 2011


AUTO PRESSE 2 Febbraio 2011


AUTO PRESSE Newsletter 2 Febbraio 2011

INNOVATIONS

EQUIPEMENTS DU MOTEUR

Fusible MAXI Compact

02-02-2011 : Le MAXI Compact de

MTA est moins encombrant que le MAXI traditionnel. Il est en mesure d'assurer le maximum de protection même pour des câbles de section plus petite. Le fusible est un composant électrique fondamental pour la protection «électrique» de l'automobile. Il l'est d'autant plus, aujourd'hui, vu la quantité croissante de courants qui circulent dans un véhicule. Chaque composant employé par l'industrie automobile pour réaliser les véhicules actuels, qu'il soit mécanique, électrique ou électronique, doit se mesurer avec de nouvelles demandes en termes de légèreté, d'encombrement et de coût, pour minimiser les consommations, les émissions et, naturellement, le prix final du véhicule. Le fusible doit aussi s'adapter: il n'est plus possible d'utiliser des câbles de grande section, plus résistants par rapport aux surintensités, car ils représentent une augmentation en termes de coûts, de poids et d'encombrement. Les câbles sont eux aussi plus petits et, par voie de conséquence, les fusibles qui les protègent, doivent être en mesure de fondre encore plus rapidement que par le passé. Les fusibles, de même que tout autre composant électrique, ont des spécifications conformes aux normes ISO de référence. En analysant la production MTA et en se référant aux MINIval, utilisables quand le courant est compris entre 5 et 30A, les normes ISO sont claires et réglementent l'emploi de ces fusibles pour ce qui est du temps maximum de fusion qui doit être de 30 minutes (1800 secondes), et par des tests effectués avec un courant en entrée correspondant à 135% du courant maximal. Malheureusement, ce standard ISO, pensé il y a quelques années, ne protège pas complètement le câble, lequel, en raison des exigences susdites, est plus petit et plus vulnérable aux surintensités. Ainsi, il est évident que si l'on veut continuer à protéger le câble avec un fusible au maximum de la tolérance ISO, le câble doit avoir une section égale à 2,5 mm2. MTA, en anticipant les adaptations ISO, produit déjà en série depuis janvier 2009 des fusibles MINI conçus pour avoir un temps maximum de fusion de 2 minutes (120 secondes), dans les mêmes conditions d'intensité de courant. Une telle caractéristique permet donc d'avoir une réduction de la section du câble ce qui génère une économie de coût, de poids et de volume. Le temps de fusion limité des fusibles MINI est le fruit d'un processus qui a permis d'obtenir une production très stable de fusibles avec ces caractéristiques. Pour atteindre cet ambitieux objectif, MTA a recouru à des techniques d'analyse statistiques très évoluées et basées sur des systèmes Six Sigma qui permettent d'améliorer sensiblement la capacité de ce processus. Ces programmes complexes, introduits par MOTOROLA dans les années 90, ont été étudiés par MTA avec pour objectif l'obtention d'un temps de fusion inférieur à 120 secondes au 135% In. Les principaux paramètres géométriques et physiques ont été analysés, de façon à comprendre ceux qui influencent davantage le résultat final. Une fois identifiés, des modèles mathématiques ont été utilisés pour comprendre comment leurs variations influent sur la variabilité du processus, ce dernier a ensuite été placé dans la zone où il était moins sensible aux variations. Le résultat obtenu a permis de garder le temps de fusion constant, ce qui a conduit MTA à produire depuis 2009 des fusibles MINI à l'avant-garde, même si apparemment ils sont identiques à ceux de la génération précédente. Le point de départ pour le développement de ces produits a toujours été le même: l'impossibilité avec les fusibles MAXI traditionnels de protéger complètement les «nouveaux câbles», de section plus grande en cas de surintensités, car trop lents à fondre. MTA propose ainsi le MAXI Compact, qui est en mesure d'assurer le maximum de protection même pour des câbles de section plus petite. Pour satisfaire aux demandes des constructeurs le MAXI Compact est moins encombrant que le MAXI traditionnel. MTA est parvenu à ce résultat en travaillant sur les épaisseurs des matériaux utilisés et en étudiant de nouveau le processus de fusion de la lamelle du fusible. Cette étude réalisée avec des techniques Six Sigma, a permis d'analyser la courbe de fusion du fusible en fonction de la géométrie de la lamelle. MTA a porté son choix sur des formes particulières mais efficaces tout cela sans augmenter la température de la zone de contact. MTA a réussi à concentrer la chaleur dans la zone de la fusion, en l'empêchant d'arriver aux bornes. Les nouveaux fusibles «Compact» ont été largement testés en laboratoire et sont d'ores et déjà à la disposition des constructeurs automobiles Source : Editions VB © autopresse 2011. Droits réservés. Reproduction et diffusion interdites, sauf dans le cadre des conditions d'abonnement.


AUTOPROS.FR 4 Febbraio 2011


AUTO-INNOVATIONS.COM 5 Febbraio 2011

===,,#  



 !"#$!%"&#"%""% '#()%&##*$####% #$+!,%&$$&- (%$$$$+%$ (##*%$&##,."% "$)(%'#$$#"$$, !#%#/01$2""$)($#$)# -$"&$$$+,$ $/3/4$#$#+## # "#$#$ 5 #$)5 # $65 7#+#,

8+#$%($!"#$$- ##  +%(%$#6#+# /016,8$$% -,$6 $#+$ #, !"0+0(#%$# &2(##,$ !+#$)(##$9, !9+,:;<9

Ã&#x2030;valuation du site            

                       

 8  ? @ A

2##>  >$(#2#

$2(!B

C%($


AUTO GRATUIT PROS Marzo 2011


ESA MAGAZINE Marzo 2011

-).)6ALE-!8)#OMPACT FUSIBILI-4!SEMPREPIáVELOCI I fusibili, malgrado l’apparente semplicità, sono componenti assai complessi con un compito sempre più gravoso: quello di proteggere impianti elettrici sempre più sofisticati. Oltretutto la lotta costante di tutte le case auto per l’alleggerimento delle vetture, al fine di contenere le emissioni di CO2, li coinvolge direttamente, poiché i cavi che devono proteggere sono sempre più sottili, quindi i fusibili devono essere in grado di fondere ancora più velocemente di quanto facessero in passato. In linea con queste esigenze, di recente MTA ha rinnovato tutta la sua gamma di MINIVal, quella cioè dei fusibili utilizzabili quando la corrente è compresa tra 5 e 20A e creato una nuova gamma, il cui nome è MAXI Compact, in grado questa volta di proteggere cavi e utenze per correnti comprese tra 20 e 60A, entrambe in grado di offrire fusibili con tempi di fusione decisamente più brevi rispetto a quanto oggi il mercato offra, compatibilmente con le attuali normative ISO. Questi ridotti tempi di fusione consentono, quindi, la riduzione della sezione del cavo, facendo a cascata risparmiare denaro, peso e volume alle case che li adottano, non è poco. Per entrambe le tipologie, MTA ha anticipato le future norme ISO che terranno appunto conto delle nuove dimensioni dei cavi e quindi dei nuovi tempi di fusione dei fusibili. Risultati così brillanti sono stati ottenuti grazie a tecniche molto avanzate di analisi statistica, basate sui sistemi cosiddetti Six Sigma, che hanno permesso di migliorare notevolmente la capacità di processo. Si è arrivati ad avere un tempo massimo di fusione di 2 minuti per tutta la gamma di MINIVal prodotta dall’azienda, rispetto ai 30 previsti dall’attuale normativa; i maxi Compact rispetto ai Maxi tradizionali, invece, hanno un tempo che si è ridotto dai 30 ai 5 minuti.

Nuovo acciaio Federal-Mogul per le sedi valvola Federal-Mogul ha sviluppato un nuovo acciaio sinterizzato, della famiglia degli acciai per utensili, dalla composizione ottimizzata per gli inserti sedi valvola, per soddisfare le nuove richieste di durata dei motori downsized o di quelli che impiegano carburanti alternativi o ad alto contenuto di ottani. Questo nuovo acciaio può essere lavorato in modo più efficiente rispetto alle leghe tradizionali, consentendo volumi di produzione più rapidi e un aumento di produttività nelle linee di produzione delle teste dei cilindri dei motori, siano esse in ghisa o in alluminio, ed è compatibile con benzina, etanolo, diesel e biodiesel. Il nuovo acciaio di FederalMogul, già impiegato da un importante costruttore auto, contiene una maggiore percentuale di cromo nella lega rispetto alle leghe tradizionalmente impiegate, grazie all’aggiunta di semplici carburi, e ciò crea una microstruttura composita multifase. Il materiale che ne risulta è adatto a produrre sedi valvola con la stessa resistenza all’usura di quelle realizzate con i normali acciai sinterizzati, ma con una facilità di lavorazione decisamente superiore. Le fasi dure del materiale misurano oltre i 1000HV50 (valore di durezza 1000 con 50kg di carico applicato) sulla scala di durezza Vickers, mentre la matrice più morbida contribuisce all’allungamento della vita degli utensili da taglio utilizzati per le sedi. Questo allungamento di vita consente un passo produttivo più rapido nella lavorazione delle teste del cilindro grazie a velocità e frequenze di taglio maggiori. Se paragonato ad altri materiali usati allo scopo, questo acciaio è più facile da lavorare ma più robusto e aiuta i clienti Federal-Mogul a lavorare meglio le teste cilindro e a migliorare le performance dei motori.

11


LE JOURNAL DE LA RECHANGE & DE LA REPARATION Marzo 2011

J2R LE JOURNAL DE LA RECHANGE & DE LA REPARATION

MARS 11 Mensuel

89 RUE DU GOUVERNEUR 92130 ISSY LES MOULINEAUX - 01 46 90 20 00

Surface approx. (cm²) : 120 N° de page : 52

Page 1/1

MTA Ml NI va I DES FUSIBLES PROTECTEURS

Les fusibles utilisés aujourd'hui dans l'automobile répondent à des normes de rupture qui ne sont plus toujours adaptées aux utilisations qui en sont faites. Avec le MINIval, MTA utilise de nouvelles normes qui assurent une véritable protection du circuit sur lequel le fusible est placé. Il se dégrade pour une "sur" intensité plus basse que les autres fusibles et évite ainsi les dommages sur des circuits sous dimensionnés. Le fusible MINIval est disponible pour les intensités classiquement utilisées dans l'automobile.


NUOVA ELETTRAUTO Marzo 2011


VUL-PL GRATUIT PROS Marzo 2011


AUTOPRO Marzo/Aprile 2011


ELEKTRONIK AUTOMOTIVE Aprile 2011


NUOVAELETTRAUTO.COM Aprile 2011


DECISION ATELIER Supplemento Aprile 2011

Page 1/1

Les petites fournitures qui comptent S'il est un domaine dans lequel il est nécessaire de disposer d'un fonds minimum, c'est bien celui des fusibles, des câbles, des connecteurs et des faisceaux. Il est difficilement concevable d'immobiliser le véhicule d'un client pour un problème de fusibles ou de connexion défaillante. Delpm propose une gamme de connecteurs dè remplacement à raccorder grâce à des manchons autosoudants.

Fusibles : attention aux produits adaptables

>

Daugmentation des mécanismes de bord a engendre une multiplication du nombre de fils et d'actuateurs De plus en plus fréquemment (dans le cas des vehicules a architecture multiplexee ou fonctionnant avec des bus CAN), la puissance n'est plus gérée directement maîs par lesdits actuateurs Cette technologie a permis de diminuer la section des câbles, dans des espaces toujours plus réduits En revanche, les ampérages des fusibles restent les mêmes En conséquence, entre fusibles de même capacité et taille de fils inférieure, ce qui doit changer, c'est le temps de réaction de l'élément protecteur qui doit être capable de fondre beaucoup plus rapidement que le fil Cette faculté dépend de la precision dans sa fabrication, maîs le processus de la decoupe métallique est coûteux du fait de la rigueur nécessaire pour fabriquer les fusibles de petit ampérage (2 ou 3 A) La lamelle métallique doit être calibrée en foncLe fournisseur italien MTA, présent en première monte sur PSA et Renault, propose les fusibles " Mini" de plus petite taille, permettant une meilleure précision. Les matériaux restent les mêmes mais la conception est nouvelle, notamment te dessin des pistes et l'industrialisation de la découpe.

lion des différents ampérages maîs, selon les fournisseurs de la premiere monte, les nombreuses marques présentes sur le marche de la rechange ne respectent pas forcement cette nécessité Certains vehicules comportent un boîtier de fusibles pose directement sur la cosse de battene Ces fusibles sont dédiés a la connexion primaire des applications de puissance, telles que le chauffage, l'éclairage, la lunette dégivrante avant la distribution vers des circuits de plus faible intensité.

Faisceaux et connecteurs : les oubliés de l'électricité auto Delphi offre une gamme de mini-faisceaux qui doivent étre insérés entre le connecteur dorigine du véhicule et celui du composant, pour effectuer les manipulations Cela permet d'effectuer une mesure en parallèle pour relever en temps reel les valeurs de différents composants, tout en laissant intacts les câbles du véhicule.

Par ailleurs, l'équipementier américain propose toute une gamme de connecteurs de remplacement, dotés d'un faisceau de quèlques centimètres a raccorder grâce à des manchons autosoudants Tout d'abord orientée vers ses propres productions, la gamme s'étend aujourd'hui a celles d'autres fabncants.

De plus en plus fréquemment, des boîtiers de fusibles sont installés directement sur la batterie afin d'alimenter en priorité les circuits les plus consommateurs.

Hors les connecteurs d'origine, point de salut. Il est aujourd'hui inconcevable de bricoler sur les faisceaux de véhicules bourrés d'électronique.


OFFICINAATELIER.COM 4 Maggio 2011


AUTOPRESSE.FR 5 Maggio 2011

Le 05/05/2011


VEHICLE NEWS 6 Maggio 2011

Innovations Produits Services

MTA propose des cosses de batterie à vissage en Z. Vehiclenews [06.05.2011] L'équipementier italien MTA propose au marché de Première Monte, une large gamme de cosses de batterie, traditionnelles et à serrage rapide, découpées et moulées sous pression, pour satisfaire aux nombreuses exigences des constructeurs de véhicules. Toutefois, une cosse à vissage en Z manquait à la gamme déjà proposée, c'est pourquoi MTA a décidé de développer et de produire ce type de cosse. MTA donne la possibilité aux constructeurs, sur la chaîne d'assemblage, de visser l'écrou de serrage de manière rapide, en y accédant plus aisément par le haut à l'aide de la visseuse. En facilitant ainsi le travail de l'opérateur il y a un réel gain de temps. MTA a choisi pour cette cosse une solution de type « coupé », avec une combinaison de métaux et de matières plastiques. La cosse à vissage en Z se compose d'une partie métallique à bague simple et d'une partie en plastique. En serrant l'écrou, la partie en plastique exerce une pression sur la bague métallique de sorte à garantir des caractéristiques mécaniques et électriques optimales. Le résultat est un produit très performant, tant pour l'extraction que pour la rotation sur le pôle, mais nettement plus léger qu'un produit moulé sous pression.


IL GIORNALE DEL MECCANICO Maggio 2011


INGEGNERIA DELL'AUTOVEICOLO Maggio/Giugno 2011


ELEKTRONIKNET.DE 6 Giugno 2011

URL: http://www.elektroniknet.de/automotive/produkte/bordnetz-undenergiemanagement/article/79647/0/Batterieklemme_mit_extra_wenig_Gewicht/

06. Juni 2011 0| Drucken |

CLEAR

MTA Group

Batterieklemme mit extra wenig Gewicht Die MTA-Gruppe hat eine neue Batterieklemme entwickelt, mit der sich nicht nur die Montage-Zeiten verkürzen lässt, sondern die auch deutlich leichter ist als die bisherigen Ausführungen. Anzeige

Die neue Batterieklemme besitzt eine zusätzliche Verschraubung auf der z-Achse. Die Klemme ist leicht von oben zugänglich und kann schnell mit einem Schraubenzieher angezogen werden. Die jetzt verfügbare Klammer sorgt somit für eine nicht unerhebliche Arbeitserleichterung und verkürzt so die MontageZeiten.

MTA

Als Werkstoff kommt einen Kombination von Metallen und Kunststoffen zum Einsatz. Beim Anziehen der Mutter übt der Kunststoffteil einen hohen Druck auf das Metallstück aus, das optimale mechanische und elektrische Eigenschaften garantiert. Trotzdem ist die neue Klemme entschieden leichter als eine

Druckgussversion. Weiterführende Links:

• Systemarchitektur: Die Zukunft des Kfz-Bordnetzes • Linear Technology: Batteriemanagementsysteme für Hybrid- und Elektrofahrzeuge verbessern • TU München/BMW Group:: Aluminium im Hochvoltbordnetz • dSpace GmbH: Simulation und Emulation von Hochvoltakkus


LE JOURNAL DE LA RECHANGE & DE LA REPARATION Giugno 2011

Lesonal 2K High Build Piller L'APPRÊT SIMPLIFIÉ Lesonal distribue un nouvel apprêt deux composants, adapté aux besoins des réparateurs Facilement ponçable, il s'applique aussi plus facilement grâce à une fluidité qui facilite la pulvérisation sans affaissement Disponible en trois couleurs (blanc, gris et noir), l'apprêt 2K HD s'utilise avec les mêmes durcisseurs et diluants que les autres produits Lesonal II peut être poncé après 30 minutes à 60 °C

Philips lampes Vision GAMME SIMPLIFIÉE Philips réorganise sa gamme de lampes auto H4 mobiles en l'axant autour du mot clé "Vision" Pour la sécurité, Philips décline les Vision, VisionPIus et X-treme Vision Ces trois modèles garantissent 30, 60 ou 100 % de lumière en plus sur la route Pour le style, la lampe Blue Vision Ultra apporte même un effet "xénon" bleuté avec une température de couleur "Kelvin" de 4000 °C Le dernier maillon de la chaîne est conçu pour l'économie La LongLife EcoVision propose une durée de vie 4 fois plus importante que les autres modèles, assurant jusqu'à 100000 km de fonctionnement Ces lampes sont proposées en HI, H3, H4, HZetHll

MTA cosses en Z CONNEXIONS DE BATTERIE Bl MATIÈRE MTA fournit à l'industrie automobile une large gamme de cosses de batterie adaptées à un montage rapide. Pour encore plus de simplicité dans le process industriel et donc également en réparation, une nouvelle cosse à serrage en "Z" est désormais disponible. L'accès à l'écrou de serrage par le dessus permet une méthode de montage plus simple. La platine est surmontée d'un capuchon en plastique qui glisse sur une rampe pendant le serrage de l'écrou, assurant le blocage de l'ensemble sur la borne. Le montage est à la fois plus performant et plus léger.

Wùrth Refillomat LA BOMBE RÉUTILISABLE Limiter les déchets et les émanations de gaz nocifs peut désormais se faire tout en utilisant des bombes aérosol pour les travaux de l'atelier Le Refillomat de Wùrth est un ensemble de bombes et d'une machine permettant de remplir l'aérosol en produit et en air sous pression La pression de pulvérisation est de 6 bars et la bombe peut contenir 31 0 ml de produit Six produits peuvent être conditionnés de la sorte les nettoyants pour freins et de montage, a mousse à pare-brise, le nettoyant pour intérieur, le spray pour soudures et le dégrippant "Rost off plus"


AUTO GRATUIT PROS Giugno 2011

Cosses de batterie à vissage en Z Composées d'une partie métallique à bague simple et d'une partie en plastique, les cosses de batterie à vissage en Z permettent de visser l'écrou de serrage rapidement pour un gain de temps non négligeable. Lors du serrage de l'écrou, la pression exercée par la partie en plastique sur la bague métallique optimise les caractéristiques mécaniques et électroniques Le produit se veut plus léger qu'un produit moulé sous pression www.mta.it


AUTOMOBIL PRODUKTION Giugno 2011


ESA MAGAZINE Giugno 2011

NEWS Nuove introduzioni KYB 2011 La gamma KYB di applicazioni aftermarket a catalogo si amplia con ammortizzatori a tecnologia gas-idraulica per la Honda Jazz Tipo GE e per la Hyundai i10. In particolare per la Honda Jazz sono disponibili gli ammortizzatori anteriori (MacPherson) e posteriori (telescopici), mentre per la Hyundai i10 sono stati introdotti a catalogo gli ammortizzatori posteriori (telescopici). Questi ammortizzatori, corredati da dettagliate e complete istruzioni per il montaggio e già disponibili presso la Rete di Vendita KYB, coprono ora il 99% del parco circolante. Nella sezione italiana del sito di KYB è possibile scaricare il catalogo completo in formato PDF.

,UBRIMAXILSUPERLUBRIFICANTEDI-A &RA Lubrimax è il super lubrificante trasparente, adesivo, ad alta resistenza e a forte penetrazione. Le nuove tecnologie di produzione e chimiche messe a punto nel Centro R&D di Ma-Fra permettono al prodotto di trasformarsi, subito dopo essere stato spruzzato, da molto fluido (ideale per una perfetta penetrazione nelle varie componenti meccaniche, anche le più inaccessibili) a gel capace di “ancorarsi” alle singole parti per una lubrificazione totale e resistente. Lubrimax ha, quindi, incredibili capacità lubrificanti, garantisce una grandissima scorrevolezza ed è resistente ai lavaggi e agli agenti chimici e salini. Lubrimax non sporca e non cola ed è un ottimo isolante per i morsetti di batterie, resiste alle alte temperature e alle forti oscillazioni meccaniche.

Nuovo sito internet per Magneti Marelli After Market Parts and Services Da maggio è on-line il nuovo sito www.magnetimarelli-checkstar.it dedicato agli automobilisti. Questa nuova finestra che si affaccia sul mondo Magneti Marelli Checkstar, rappresenta il punto di riferimento informativo per gli utenti finali che, in un piacevole veste grafica, potranno scoprire i nuovi servizi inseriti, le iniziative e le convenzioni a loro dedicate, trovare l’officina Checkstar più vicina e interagire direttamente con l’azienda, grazie al blog. Magneti Marelli, inoltre, è presente sui più importanti social network, quali Facebook, Twitter e Flickr e su YouTube, la community di condivisione video più grande del mondo. Tutto questo è soltanto l’inizio di un rinnovamento che coinvolgerà a breve anche il portale dedicato ai ricambisti e alle officine aderenti al network Magneti Marelli Checkstar.

3+&CELEBRAANNIDISUCCESSIDELKITDISTRIBUZIONE Era il 1991 quando il VSM, divisione aftermarket di SKF, ha deciso di realizzare un kit distribuzione capace di contenere, in una sola scatola, tutti i componenti necessari al meccanico dell’Officina per effettuare una riparazione a regola d’arte: è nato così il rivoluzionario primo kit distribuzione composto dalla cinghia di distribuzione con tutti i componenti originali OE ad essa collegati (cuscinetti, tendicinghia e pulegge). Per celebrare i 20 anni del kit, VSM SKF ha lanciato una Campagna Promozionale europea per le Officine che acquistano i kit distribuzione SKF. All’interno della scatola si trova un codice promozionale che permette al meccanico di registrare la propria officina sul sito dedicato al concorso e di partecipare all’estrazione dei prestigiosi premi in palio, quali iPad Apple, iPhone Apple e una Vespa Piaggio.

-ORSETTOBATTERIAIN:BY-4! MTA ha inserito, nella sua già vasta gamma di morsetti batteria, tranciati e pressofusi, tradizionali e a serraggio rapido, un innovativo morsetto capace di rispondere alle esigenze del mercato. Da oggi, nell’assortimento, si può trovare anche un morsetto con avvitamento in Z che permette ai Costruttori, in linea di assemblaggio, di serrare il dado di chiusura in modo veloce e con facile accessibilità tramite l’avvitatore dall’alto, facilitando il lavoro dell’operatore e riducendo i tempi. L’ufficio tecnico di MTA ha scelto per questo morsetto una soluzione di tipo tranciato, con utilizzo combinato di metalli e materie plastiche. Il morsetto con avvitamento in Z si compone di una parte metallica ad anello singolo, e di una in plastica. Serrando il dado la parte in plastica va a esercitare una pressione sull’anello metallico tale da garantire ottime caratteristiche meccaniche ed elettriche. Il prodotto è molto performante e, soprattutto, più leggero di uno pressofuso.

IL MAGAZINE DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE MOTORISTICA


NUOVAELETTRAUTO.COM Giugno 2011


NUOVA ELETTRAUTO Giugno 2011


AUTOKON.DE 2 Settembre 2011


AUTOMOBIL KONSTRUKTION Settembre 2011


AUTOPRO Settembre/Ottobre 2011


ELEKTRONIK AUTOMOTIVE Novembre 2011


IVT INTERNATIONAL Giugno/Luglio 2011


ELEKTRONIKNET.DE 22 Luglio 2011


AUTOMOBIL ELEKTRONIK Agosto 2011


ELEKTRONIK AUTOMOTIVE Settembre 2011


MACCHINE TRATTORI Settembre 2011


TRATTORI Settembre 2011


IL GIORNALE DEL RIVENDITORE AGRICOLO Settembre/Ottobre 2011


K MOBILE POWER Maggio 2011


MOBILE MASCHINEN Marzo 2011


AUTOMOBIL INDUSTRIE Gennaio/Febbraio 2011


AUTOMOBIL-INDUSTRIE.DE 4 Febbraio 2011

04.02.2011 | Autor: Jens Badstübner

BLUEDASH

Bordnetz ruft Handy Noch steigt der Fahrer mit seinem Handy ein. Die Elektronikspezialisten von MTA, Re:Lab und der Engineeringgesellschaft Sate haben eine Kommunikationsschnittstelle entwickelt, die die Verhältnisse umkehrt. Sie heißt BlueDash und überträgt via Bluetooth Daten aus dem Bordnetz direkt ins Handy. BlueDash ist kompatibel mit allen Betriebssystemen der bekanntesten „Smartphones“ (iPhone, Blackberry usw.). Zusätzlich zu den herkömmlichen Datenanzeigen des Cockpits (Tachometer, Drehzahlmesser und Kontrollanzeigen) kann BlueDash die aktuellen Verbrauchs- und Emissionswerte auf das „Mobile Device“ übertragen. Beispiele für weitere Applikationen sind die virtuelle Messung von Reifentemperatur und -druck, die Fahrstilanalyse über den Verbrauch sowie eine Art Datenlogger für ambitionierte Fahrer. BlueDash ermöglicht die Kommunikation vom Fahrzeug zum „Mobile Device“.

Die Reifentemperatur- und -druckmessung kommt ohne Sensor aus. BlueDash liest aus dem CAN-Bus beispielsweise die Radbeschleunigung und die Geschwindigkeit aus. Damit errechnet ein Algorythmus die Reifenwerte virtuell, ohne dass kostspielige Sensorik zum Einsatz kommen muss. Laut MTA adressiert BlueDash OEMs und den Aftermarkt. Die Firma bietet derzeit drei Versionen an: - „OEM Basis“ erfasst ausschließlich die Fahrzeugdaten und bietet eine einseitige Kommunikation. In dieser Konfiguration ermöglicht BlueDash nur die Anzeige von Informationen und deren Integration im Smartphone. - „OEM Evolution“ erlaubt eine bidirektionale Kommunikation mit dem Fahrzeug. - „OEM Client Server“ ermöglicht die Fernlokalisierung.


MOTOCICLISMO Gennaio 2011

TECNICA

TROFEO MOTOSTUDENT

LA COMPETIZIONE ‘MOTOSTUDENT’ DEDICATA ALLE UNIVERSITÀ HA ESORDITO NEL 2010 CON UN BEL RISULTATO DELL’UNICA SQUADRA ITALIANA: MIGLIOR PROGETTO E BUON PUNTEGGIO COMPLESSIVO PUR CON UN ANNO DI SVILUPPO IN MENO DEGLI ALTRI TEAM

a avevamo annunciata un anno fa (Motociclismo 11-2009) e ora che la prima edizione del campionato Motostudent, riservato a team universitari che progettano la moto da zero, è conclusa, possiamo definirla per quel che è stata: un successo che promette bene per il futuro. L’unico rimpianto è di aver lasciato agli spagnoli l’idea di replicare su due ruote quanto già da decenni avviene in campo auto, dove la Formula Student (o Formula SAE), partita dall’America, appassiona e impegna migliaia di studenti di tutto il mondo. La formula a due ruote è sostanzialmente la stessa: richiede agli studenti universitari di progettare, costruire e portare in pista una vera motocicletta, pensata per rientrare nei limiti di un regolamento abbastanza preciso e con un budget molto ridotto per evitare che i mezzi economici abbiano la meglio sulla fantasia progettuale. E così è stata l’organizzazione spagnola Moto Engineering Foundation, con il patrocinio di diverse aziende tra cui Dorna, a stilare a inizio 2008 il regolamento per una competizione dedicata agli studenti, denominata Motostudent (www. motostudent.es) e inizialmente riservata alle Università spagnole che l’anno prima avevano collaborato alla definizione

L

000

01I11

QUEL CHE


Davide Migliorini

INSEGNA LA PISTA 01I11

000


TECNICA

TROFEO MOTOSTUDENT

di massima del regolamento. La competizione prevede la progettazione di una motocicletta da velocità con un motore 125 e un insieme di componenti forniti dall’organizzazione e un’ampia libertà generale su telaio, sospensioni, eccetera. Il progetto deve essere poi industrializzato in una (ipotetica) serie di almeno 500 veicoli all’anno dedicati ad una (immaginaria) competizione monomarca, con un costo industriale totale non superiore a 4.500 euro (!). L’impegno per gli studenti, quindi, è molto profondo: si parte dalla progettazione di un veicolo completo, iniziando a cozzare coi compromessi industriali rappresentati dai componenti forniti nel kit e proseguendo con la progettazione di un vero ciclo industriale, con analisi dei costi, degli ammortamenti, valutazione del costo industriale complessivo finale. Il risultato finale della competizione deriva dalla somma delle valutazioni della giuria per i punteggi ottenibili nelle diverse fasi, suddivisi in: design (150 punti), analisi tecniche e fase di progettazione con verifiche strutturali (150), definizione delle fasi di industrializzazione (150), analisi dei costi di sviluppo del prototipo ed analisi del costo finale (100), prova di frenata (80), capacità di accelerazione (80), manovrabilità e maneggevolezza (80), stabilità (80), velocità di punta (80), risultato della gara finale (100). Quest’ultima è stata condotta su 5 giri sul circuito di Alcaniz con piloti professionisti della categoria velocità 125 partecipanti al durissimo campionato spagnolo, che hanno corso con moto sorteggiate dall’organizzazione.

La DSC 125 Dicevamo che la competizione era nata per le università spagnole (che hanno risposto in massa: 22 squadre!); poi si è aggiunto il Politecnico di Torino. La motocicletta realizzata da studenti e docenti della sede di Vercelli è stata un capolavoro di coraggio: nonostante l’invito giunto un anno dopo rispetto alle squadre spagnole, ha portato a casa il premio per il miglior progetto, grazie anche alle… molte ore insonni degli studenti impegnati nel progetto e nell’assemblaggio. I punti cardine di del progetto DSC 125 sono stati sin dall’inizio la realizzazione di un telaio e un forcellone totalmente uniti per incollaggio, particolari scelte per le sospensioni e l’adozione di un sistema di alimentazione ad iniezione elettronica, il tutto in una ciclistica che miscelasse le quote tipiche delle 125 da 000

01I11

L’ORIGINALITÀ NON SEMPRE PAGA A vincere la prima edizione è stata la squadra di casa’ di Alcañiz, sede staccata dell’Università di Saragozza, che ha superato all’ultimo Cartagena (altro luogo “favorito” dalla presenza di una pista...) grazie alla vittoria della prova in circuito. La moto tecnicamente più interessante tra quelle spagnole è però stata quella dell’Università Carlos II di Madrid, qui sotto: un prototipo dotato di telaio a traliccio e avantreno con una interessante forcella a parallelogramma.

competizione (con i vincoli ed i compromessi derivanti dall’uso del motore Gas Gas 125 da regolamento) con un accorto studio dell’ergonomia del pilota. Il telaio è stato pensato come unione di parti ricavate dal pieno in leghe di alluminio delle serie 60 e 70, travi principali in estrusi e pannelli esterni di alluminio delle famiglie 60 e schiuma di alluminio di Gleich Aluminium, uniti per incollaggio con Loctite Hysol. I vantaggi di questo approccio sono stati notevoli: realizzati tutti i tagli sui componenti e costruite le dime di assemblaggio, la procedura di accoppiamento e la successiva attivazione della resina in forno a circa 120 °C ha richiesto meno di due giorni di lavoro per assemblare due telai e due forcelloni. Uno dei due telai è stato verificato a resistenza e rigidezza con prove di laboratorio, confermando i risultati già previsti dalle analisi ad elementi finiti del progetto, per finire infine sul “muletto”. Tra le particolarità del telaio l’assenza di un vero e proprio cannotto di sterzo, sostituito da due semi cannotti indipendenti (uno per piastra forcella), allo scopo di avere a disposizione un canale per l’aria di alimentazione il più possibile libero e

rettilineo, anche in vista del probabile futuro passaggio a motori 250 cc 4T, con i quali le dinamiche dell’airbox diventano più delicate. Vista l’assenza di un vero asse di sterzo fisico la sospensione anteriore, costruita su specifica insieme a quella posteriore dalla AlcoTech, è stata sovradimensionata nei foderi forcella e negli steli, rispetto alle normali dimensioni delle 125 GP, per conferire la necessaria rigidezza all’avantreno. Per il posteriore gli studenti hanno valutato 6 diversi schemi di sospensione, scegliendo infine un “full floater basso” (analogo a quello utilizzato da Bimota sulla DB7) che permetteva di ottenere contemporaneamente le curve di progressione e tiro catena volute riducendo il numero di punti di attacco al telaio. Il telaio è così risultato leggero e compatto, con ingombri del cinematismo compatibili con le esigenze dello scarico ad espansione. Interessante anche l’uso di un ammortizzatore con comando coassiale delle risposte idrauliche, che in futuro verrà probabilmente dotato di azionamento elettromeccanico dei registri dedicati al controllo delle basse frequenze di smorzamento idraulico.


Per irrigidire ulteriormente il sistema, il motore è collegato con due doppie culle in lamiera di lega di alluminio in alto alle due travi laterali nelle vicinanze del supporto della sede inferiore del cuscinetto di sterzo ed in basso direttamente alle piastre laterali posteriori del telaio, oltre

ovviamente al perno forcellone passante nel carter. Questo supporto aggiuntivo è stato costruito in modo da rendere rapida ed agevole l’eventuale rimozione del motore stesso. Il sistema di alimentazione a iniezione è stato messo a punto in collaborazione

IL PROGETTO ITALIANO Sopra, le simulazioni matematiche del telaio hanno coinvolto sia prove statiche (che l’organizzazione poi effettua per verificare la robustezza) che condizioni di carico durante la guida. In figura uno studio preliminare ad elementi finiti per verificare la distribuzione delle sollecitazioni sulle diverse parti incollate. Sotto, nonostante superasse i 170 cm il pilota sorteggiato ha trovato ottima l’ergonomia della moto.

con Dellorto, utilizzando un corpo farfallato da 38 mm di derivazione Aprilia RXV 4.5 abbinato alla nuovissima centralina Easy Fuel Injection e accordato, con l’aiuto di JollyMoto, all’impianto di scarico; da competizione il radiatore costruito dalla H2O Performance. Supporto a vario titolo

Costruttore Politecnico di Torino Modello DSC 125 Motore Monocilindrico, 2 tempi, Gas Gas* Cilindrata 124 cm3 Raffreddamento A liquido, radiatore H2O Performance Potenza 34,4 CV a 11.000 giri all’albero rilevati al banco prova Dellorto (dichiarati originali 25 CV a 11.000 giri) Coppia 16 Nm a 11.000 giri/min all’albero Alimentazione Iniezione elettronica Dellorto: corpo farfallato da 38 mm, centralina elettronica Easy Fuel Injection Cambio 6 marce ad ingranaggi sempre in presa Frizione Multidisco in bagno d’olio con comando idraulico, pompa AJP* Trasmissione finale 428, Z 15/36 Scarico Jolly Moto ad espansione, silenziatore in fibra di carbonio Telaio e Forcellone Materiale composito, alluminio - schiuma di alluminio, incollato Inclinazione asse di sterzo 22,5° Offset 28,5 mm con possibilità di regolazione di ±2 mm Sospensione anteriore Forcella USD Alcotech da 41mm regolabile, corsa 90 mm Sospensione posteriore Sistema Full Floater con monoammortizzatore Alcotech regolabile a comandi idraulici coassiali, 45 mm di corsa ammortizzatore, 90 mm di corsa alla ruota Freno anteriore Disco da 300 mm con pinza ad attacco radiale a 4 pistoncini contrapposti AJP, pompa a comando radiale AJP* Freno posteriore Disco da 180 mm, pinza fissa a 2 pistoncini contrapposti AJP* Ruote e pneumatici Anteriore cerchio Derbi 17 x 2,75” – Pneumatico Dunlop 95/70 R17 – KR 149; posteriore cerchio Derbi 17 x 3,5” – Pneumatico Dunlop 115/70 R17 KR 133* Peso 90 kg con il pieno di combustibile (peso minimo imposto) Lunghezza totale 1.885 mm Interasse 1.298 mm Con * sono indicati gli elementi obbligatori da regolamento

anche da SKF (cuscinetti dei sistemi di sterzo e sospensione posteriore), EpaPower e Prina Ingranaggi (costruzione dei componenti meccanici più complessi), RMG Tech (fornitura di sensori), LMS Italia (assistenza alla progettazione CAD e alle simulazioni agli elementi finiti) e MTA Corse (sistema integrato cruscotto-acquisizione dati). Va notato che il motore Gas Gas, intoccabile per regolamento in tutti i suoi componenti interni, è costruito dall’Azienda spagnola in una versione depotenziata specifica. Il raggiungimento (al banco prova Dellorto) di oltre 30 CV alla ruota è stato quindi un ottimo risultato, ben superiore al dato dichiarato da Gas Gas. Complimenti per il bel debutto (pur se con classifica separata) e in bocca al lupo per la prossima stagione a docenti e studenti che si sono buttati... in pista con così tanti spunti innovativi. 01I11

000


sport map

SPORT MAP Allegato SportWeek 26 Febbraio 2011

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

N.03 Sabato 19 Febbraio 2010

In collaborazione con RCS Pubblicità - Allegato al n. 530 di SportWeek

MTA, un’eccellenza nella Motor Valley Pochi sanno che dietro le belle e potenti auto e moto che popolano le competizioni di tutto il mondo, c’è una miriade di aziende di eccellenza che sviluppa e produce i componenti e i sistemi più evoluti per rendere sempre più performanti quei mezzi. Aziende cha lavorano al fianco dei Costruttori

Storica la collaborazione di MTA con Lamborghini, sia per le vetture stradali sia nelle corse, per le quali MTA fornisce Phoenix e Visus. La collaborazione si estende anche all’assistenza in pista ai team del campionato monomarca.

Tempo di motori... All’interno

Tempo di Fitness... 8 pagine dedicate al benessere e alla forma fisica

02

OZ MOTORBIKE

06

MONDO HARLEY Y

ALLEGATO AL N. 530 DI SPORTWEEK A CURA DI

PARMA COMUNICAZIONI CONCESSIONARIA UNICA DEL SUPPLEMENTO SPORTMAP VIA GOLFO DEI POETI 1/A 43126 PARMA +39.0521.037911

OZ. IL MEGLIO DI TECNOLOGIA E DESIGN MADE IN ITALY, IL MARCHIO OZ FESTEGGIA I QUARANT’ANNI DA CAMPIONE DEL MONDO IN FORMULA 1, WRC, 24 ORE DI LE MANS

ROBERTO ROSSI, CONSIDERATO TRA I MIGLIORI PREPARATORI DI MOTOCICLETTE A LIVELLO MONDIALE, CONCESSIONARIO UFFICIALE HARLEY DAVIDSON PER LA PROVINCIA DI MANTOVA

per lo sviluppo congiunto di prodotti che rappresentano lo stato dell’arte della tecnologia e che spesso trovano importanti applicazioni nei veicoli di tutti i giorni. MTA è una di queste: partita da Codogno in provincia di Lodi negli anni 50, oggi è una multinazionale affermata, con due sedi in Italia e cinque all’estero che sviluppa, produce e commercializza componenti elettrici e prodotti elettronici per le due e quattro ruote. Nel mondo delle corse MTA vi è da molti anni, grazie alla sua divisione di Concordia, non a caso nella rinomata Motor Valley emiliana, e questa esperienza ha portato l’anno scorso alla nascita di una divisione dedicata.

Nel suo campo d’azione lo sviluppo e la realizzazione di sistemi completi di acquisizione, visualizzazione e scarico dati: acquisitori; video logger; cruscotti, anche integrati nel volante; moduli di espansione per l’acquisizione di parametri quali temperature, accelerazioni, velocità e giri motore; moduli di inter-

faccia con la rete Can della vettura; moduli Gps, per ricostruire il percorso effettuato dalle vetture in pista; software per lo scarico e l’analisi dei dati acquisiti. Un ricco catalogo di prodotti altamente tecnologici che vede tra gli esemplari più recenti il cruscotto Phoenix e l’acquisitore Data Visus. Il primo, un avveniristico cruscotto disponibile anche in carbonio con visualizzatori a colori, acquisizione dati integrata, GPS e accelerometro; il secondo un acquisitore unico nel suo genere poiché, oltre ad avere integrata al suo interno l’acquisizione di segnali audio e video, è anche un acquisitore di dati per poter effettuare tutte le analisi, le correlazioni e le comparazioni possibili al fine di ottimizzare guida e settaggio vettura. Per info www.mta.it


PERFORMANCE RACING INDUSTRY Febbraio 2011

Gusher Pumps

Eagle Specialty Products

Wilwood

This catalog from Gusher Pumps features detailed information about its SC-CC Series general service, industrial pumps with a close-coupled design. These pumps can handle capacities to 450 GPM, feature a back pull-out design, and can be used for parts cleaners and washers, tank cleaning, paint systems, cooling water, chillers, and more. Contact Gusher Pumps, 1212 Streng St., Cincinnati, OH 45233; 513/559-1901.

The new 2011 catalog from Eagle Specialty Products displays both H-beam and I-beam connecting rods; crankshafts available in cast steel, lightweight and ultra-lightweight 4340 steel; and rotating assemblies for 305 sprints, street and strip, Pro Street; and more. Eagle also offers its ESP Armor, which is a new surface finishing process. Contact Eagle Specialty Products, 8530 Aaron Ln., Southaven, MS 38671; 662/796-7373.

The Wilwood Disc Brakes Brake Pad Catalog features a highly diversified selection of compounds and pads. The available selections provide incremental changes in friction values, temperature operating range, and other characteristics for nearly any motorsports application. Contact Wilwood Engineering, 4700 Calle Bolero, Camarillo, CA 93012; 805/388-1188.

www.gusher.com

www.eaglerod.com

www.wilwood.com

Earl’s Performance Plumbing

Dart Machinery

MTA Corse

The new 2011 Full Line Performance Plumbing Catalog from Earl’s features hose and hose ends; fuel system components; adapters; cooling system components, including Temp-A-Cure oil coolers; products for brake systems; and sealing systems. Plus, the catalog displays accessories and merchandising tools. Contact Holley Performance Products, PO Box 10360, Bowling Green, KY 42102-7360; 270/781-9741.

Dart Machinery displays plenty of new products in this new catalog. Some of the many featured products include Gen7 big blocks, Big M PRO blocks, Big M full water blocks, 5.000", 5.200" and 5.300" bore space billet cylinder heads and big blocks, SHP RO Chevy small block, 9° small block Chevy cylinder heads and intake manifolds, SHP Ford and Chevy short blocks, and more. Contact Dart Machinery, 353 Oliver St., Troy, MI 48084; 248/362-1188.

MTA Corse can develop and manufacture data acquisition, display and download systems based on its two decades of experience. The company’s range of products include data loggers; dashboards; expansion modules for recording such parameters as temperature, acceleration, speed and rpm measurements; GPS modules to plot the vehicle’s path on the track; and more. Contact MTA USA Corp., 1115 Tower Rd., Schaumburg, IL 60173; 847/847-5503.

www.dartheads.com

www.mta.it

www.earlsplumbing.com 114

Performance Racing Industry

| February 2011


MOTOTECNICA Giugno 2011


MOTOCICLISMO Settembre 2011


KFZ-BETRIEB.DE 10 Gennaio 2011

10. Jan 11

Ein intelligentes Display für die Ducati Monster 796 Verbindung von Design und Funktion Der elektronische Bauteilespezialist MTA aus dem italienischen Codogno bei Mailand hat ein interessantes, digitales Cockpit realisiert, das in der neuen Ducati Monster 796 zum Einsatz kommt. Ausgestattet ist das Motorrad mit einem Digitalinstrument von MTA, das sich mit seinem modernen Look in das Gesamtbild einpasst. Das Display ist mit angenehmem Weißlicht von hinten Multifunktional und elegant dazu: die neue Motorrad-Cockpits von MTA.

beleuchtet und verfügt neben den typischen Cockpitanzeigen, wie Tachometer, Geschwindigkeit,

Motordrehzahl und Öltemperatur über weitere sieben Anzeigeleuchten. Das Cockpit ist für den Ducati Data Analyzer (DDA) ausgelegt und bietet damit auch die Funktion eines Chronometers zum Aufzeichnen eventueller „Rundenzeiten“. Das Cockpit weist zudem auf die programmierten Inspektionsintervalle und das Vorliegen eventueller Fehler am Fahrzeug hin, die vom Motormanagement über das CANNetz übertragen werden. Das Instrument ist jedoch nicht nur auf die Anzeigefunktion begrenzt, sondern integriert auch die Wegfahrsperre, die Kontrolle der Auslasssteuerung und schließlich die Steuerung von Abblend- und Blinklicht.

BILDERGALERIE

Fotostrecke starten: Klicken Sie auf ein Bild (1 Bilder)

Stephan Maderner

Copyright © 2011 - Vogel Business Media


OMNIMOTO.IT 23 Maggio 2011


OMNIMOTO.IT 20 Ottobre 2011


MOTOROOM.EJNEWS.EU 21 Ottobre 2011


QUATTROTEMPI.COM 21 Ottobre 2011


MOTOCICLISMO Novembre 2011


DUE RUOTE NEWS Dicembre 2011/Gennaio 2012


AUTOPRESSE.FR 30 Giugno 2011

Le 30/06/2011


AUTO-INNOVATIONS.COM 8 Luglio 2011

CCC&&$  



 !

   " #$% !&$$ '( )$*$+$%$%&    ,-./(#0($1)234&5 $)6$&)$)( ##%6(

 ( $((644%(&  ,7 185591855  66&:#%0($*( 4 ; &  <44(40%$)6% 4$+3$01%(1 $%4&=*42( 4+%#1#% $6&  ,-./%5>>&,06*( )3($$ $ 4$&,-./)1*$4#0

Ã&#x2030;valuation du site            

                       

: 4

1$$D  D%$1$


$)$6($2%($ 4&(94# &  ?@AB 


AUTOMOTO.IT 16 Novembre 2011


AUTOMOTONEWS.COM 16 Novembre 2011


OFFICINAATELIER.COM 17 Novembre 2011


AUTOMOTIVEDESIGN.EU.COM 18 Novembre 2011


QUATTRORUOTE.IT 24 Novembre 2011


VOITURECOMMUNICANTE.COM 21 Dicembre 2011


LEMAGAUTO.FR 20 Dicembre 2011


AUTO GRATUIT PROS Novembre 2011


MACCHINE TRATTORI Novembre 2011


TRATTORI Dicembre 2011


AUTOKON.DE 18 Novembre 2011


AUTOMOBIL KONSTRUKTION Novembre 2011


AUTOMOBILWOCHE Luglio 2011


AUTOMOBILWOCHE Ottobre 2011


AUTOMOTIVE NEWS EUROPE Ottobre 2011

Suppliers to the new Lamborghini Aventador DASHBOARD [WITH 3 DIFFERENT DISPLAYS TFT]: MTA

REAR MOTOR HOOD GAS SPRING: STABILUS

HOOD HINGE: EDSCHA

SYNCHRONIZER: SULZER FRICTION

OIL CONTROL VALVE: DENSO

PISTON RINGS: MAHLE

VARIABLE CAM TIMING: DENSO

ENGINE COOLING BRUSHLESS FAN: SPAL AUTOMOTIVE

WIRING PROTECTION SYSTEM: DELFINGEN

MULTIMEDIA INTERFACE CONTROL SYSTEM: PREH

CYLINDER LINERS: MAHLE

ELECTRIC/ELECTRONIC FASTENERS: HELLERMANNTYT TON

SPECIALTY GASKETS: ELRINGKLINGER

ECU TRACKING SYSTEM: APAG ELEKTRONIK

DOOR GAS SPRING: STABILUS TOUCH HANDLES: HUF HÜLSBECK & FÜRST SIDESHAFTS: GKN DRIVELINE WIPER DRIVE: BOSCH ALL-WHEEL-DRIVE: BORGWARNEER STEERING PUMP: ZF LENKSYSTEME

WHEEL HUBS: HIRSCHVOGEL

STEERING COLUMN: THYSSENKRUPP; ZF LENKSYSTEME

WHEEL END BEARINGS: SKF

CHASSIS COMPONENTS: ZF FRIEDRICHSHAFEN

ECU EVLS POWER STEERING COLUMN [ELECTRICAL ADJUSTABLE]: APAG ELEKTRONIK

ELECTRONIC STABILITY PROGRAM: BOSCH

HYDRAULIC LIFTING SYSTEM: MAGNETI MARELLI

BRAKE LINES: TI AUTOMOTIVE

TYRE: PIRELLI

DRIVELINE: OERLIIKON GRAZIANO

PROPSHAFT: GKN DRIVELINE

INDEPENDENT SHIFT ROD [AUTOMATED MANUAL GEARBOX]: OERLIKON GRAZIANO

AWD COUPLING [HALDEX GEN4]: BORGWARNER TURBO


AUTOMOBILWOCHE Luglio 2011


AUTOMOBILWOCHE Luglio 2011


AUTOPRO Luglio/Agosto 2011

 


PROFESSIONAL MOTORSPORT WORLD Expo Special Issue Novembre 2011


RACE ENGINE TECHNOLOGY Dicembre/Gennaio 2011


PROFESSIONAL MOTORSPORT WORLD EXPO - NEWSLETTER 15-17 Novembre 2011

4)08/&84 -BTFSGVTJPO 10-:4)"1& -

45"/% 5

;

Now in their sixth year, the PMW Expo Awards recognise and reward the innovative thinking and hard work of the motorsport industry. The awards cover eight categories, including the newly added Race Car of the Year and Touring/GT Car of the Year titles. Last yearâ&#x20AC;&#x2122;s winners included Eric Boullier of Renault GP and Porsche Motorsport. As in previous years, a shortlist of nominations is being scored by an independent judging panel made up of motorsport team principals, engineers and leading motorsport journalists from around the world. The prizes will be presented during PMW Expoâ&#x20AC;&#x2122;s Awards Gala Dinner on 15 November. Donâ&#x20AC;&#x2122;t miss it!

$"5 " &(03*&4

5SBOTNJTTJPO WJDUPSJFT %3&9-&3 .050341035

45"/% 5

4"%&7

45"/% 5 

<

erman owner-driver Franz Engstler made history in August by winning a round of the World Touring Car Championship outright, the ďŹ rst privateer to do so. The victory in the second of two races at Oschersleben was achieved in a BMW 320TC equipped with driveshafts and a limited-slip differential supplied by Professional MotorSport World Expo exhibitor, Drexler Motorsport.

4UBOEMBVODIFT OFX)"/4EFWJDF 45"/% 5

â&#x20AC;˘ Motorsport Technology of the Year â&#x20AC;˘ Powertrain Innovation of the Year â&#x20AC;˘ Motorsport Facility of the Year â&#x20AC;˘ Vehicle Manufacturer of the Year â&#x20AC;˘ Race Car of the Year â&#x20AC;˘ Sports/GT Car of the Year â&#x20AC;˘ Rally Achievement of the Year â&#x20AC;˘ Team Principal of the Year )&"%-*/&410/403 Bahrain International Circuit will be sponsoring the Professional MotorSport World Expo Awards and Gala Dinner.

Meanwhile a six-speed sequential gearbox from expo returnee, SADEV helped British driver Liam Doran to a gold medal at X Games 17 in July. Doran drove his Hansen Motorsportprepared CitroĂŤn C4 to victory in the Rally Car Racing category, beating former WRC champion Marcus GrĂśnholmâ&#x20AC;&#x2122;s Ford Fiesta in the best-ofthree ďŹ nal. â&#x20AC;&#x153;I am so happy to win at our ďŹ rst attempt,â&#x20AC;? said team manager Kenneth Hansen.

/FXEBTIMPHHFS #04$) .050341035

45"/% 5

45"/% 5

7

rand new from Stand 21 is the Club Series HANS device. Joining the popular RS2 and Hi-Tec ranges, the new Club Series is made of injected resin and carbon. It is available initially in the 20°M size, which covers the large majority of HANS users, and weighs only 950g fully equipped. The Club Series has the main characteristics of the RS2 design for the reduced price of %333.61 plus tax and shipping. In addition, the latest development in the Hi-Tec range will also be available at Professional MotorSport World Expo. Stand21â&#x20AC;&#x2122;s manufacturing license for the HANS System has just been renewed until 2019.

WHO TO MEET AT PROFESSIONAL MOTORSPORT WORLD EXPO 2011

7

osch Motorsport will introduce its new DDU 7 sport line dash logger at PMW Expo in Cologne. The DDU 7 is based on the same platform as the already introduced DDU 8 performance line dash logger, and integrates a freely programmable color dashboard with a data logging system. It features a full-colour, trans-reďŹ&#x201A;ective TFT display with 10 multicolour LEDs, as well as fully conďŹ gurable display pages and LEDs. It allows for synchronised acquisition and visualisation of engine data from the ECU and chassis data from six analogue and four digital wheel speed input channels. Additional input devices can be connected via Ethernet and CANbuses. Recorded data from the internal 2GB ďŹ&#x201A;ash memory can be downloaded via high-speed Ethernet. An increased display size will support further applications such as rally. The DDU 7 offers removable USB ďŹ&#x201A;ash drive recording as an optional upgrade.

LAKE SPEED JNR Senior oil technician, Joe Gibbs Driven (at Anglo American Oil Company booth)

&YIBVTUTZTUFNT $)3*456--&55

45"/% 5

8

hris Tullett Exhausts has recently designed exhaust systems to Advanced Engine Research (AER)â&#x20AC;&#x2122;s speciďŹ cation for both a 1.6-litre turbo engine development and a 2-litre turbo LMP1 dyno engine and car installation. The company subsequently manufactured all jigs and ďŹ xtures in house and then fabricated Inconel exhaust systems for both projects to an agreed timeline.

15-16 November 2011

FORUM 2011

Congress Centre North, KĂśln Messe, Cologne, Germany

lll#egd[Zhh^dcVabdidghedgiX^gXj^i"[dgjb#Xdb

WHO TO MEET AT PROFESSIONAL MOTORSPORT WORLD EXPO 2011 MICHAEL BECKER Managing director, Becker CAD-CAM-CAST

&YQPPOUSBDL

E

MW Expo racers Mike Robinson and Graham Johnson were fourth and seventh in the UKâ&#x20AC;&#x2122;s Ginetta G40 Challenge standings as this newsletter was published, with Robinson having scored a string of podium ďŹ nishes. He was denied a maiden Ginetta victory at Brands Hatch in June after receiving a 30-second penalty for ignoring the circuit boundaries. Also in the UK, Lewis Hopkins (VW Golf GTI Mk2), James Sutcliffe and Jessica Owen (both CitroĂŤn 2CV) are racing with sponsorship from PMW Expo.

?6@D7:7G:N

IDB6HOJ886G:CD$:HEC>B6<:H

irst-time exhibitor, Poly-Shape is a young and innovative company specialising in direct manufacturing and the use of a laser fusion process. Poly-Shape has developed an innovative direct manufacturing procedure from a CAD 3D image (no tools or grinding mills required) and produces, with no shape constraints, technical parts for the aeronautical, automotive and medical industries. Poly-Shape is one of the only companies in Europe that can produce technical parts made out of titanium or aluminium alloy materials.

%BUBBDRVJTJUJPO .5" 5

B

45"/% 5

TAâ&#x20AC;&#x2122;s racing division provides products with increasingly high performance and ever higher data acquisition capacity, rated for professional use and yet user-friendly. These features are complemented by excellent support in the pitlane offered by MTA engineers specialising in assisting teams to ensure optimal use of the products. The fruit of such hard work is the continued partnership with Lamborghini in its single-make championship, and new partnerships with Porsche teams in Germany. Among the main systems MTA is supplying to motor racing is Data Visus, a compact and lightweight audio and video signal acquisition and data-logging system. It incorporates comprehensive functionality and enables data display on the Phoenix programmable display.


AUTOMOBIL INDUSTRIE Gennaio/Febbraio 2011


HANSER AUTOMOTIVE Marzo/Aprile 2011


AUTOMOBIL ELEKTRONIK Agosto 2011


MOBILE MASCHINEN Settembre 2011


IVT INTERNATIONAL Annuario 2012


IL GIORNALE DEL MECCANICO Ottobre 2011


AUTOSPRINT 15 Febbraio 2011


AUTOSPRINT 12 Aprile 20011


AUTOSPRINT 19 Aprile 2011


GENTE MOTORI Giugno 2011


AUTOSPRINT 19 Luglio 2011


AUTOSPRINT 19 Luglio 2011


AUTOSPRINT 2 Agosto 2011


AUTOSPRINT 9 Agosto 2011


MOTORMEDIA Agosto 2011

Super test

Toro da... Super Trofeo Paolo Necchi Malcolm Griffiths - Andrew Ferraro - Tommaso Delfanti Tommaso Delfanti

P

-

WĂƵůZŝĐĂƌĚ͕ĚŝƉƌŽƉƌŝĞƚăĚŝĞƌŶŝĞĐĐůĞƐƚŽŶĞ͕

ĂůƚƌĞƩĂŶƟƉƌĞƐƟŐŝŽƐŝĐŝƌĐƵŝƟĐŚĞƌŝĐŽŵƉƌĞŶ-

ǀĂŵĞŶƚĞƉƵŶƚĂƚŽŝŶĂůƚŽ͘^ŝĂŵŽƐĐĞƐŝ

ĚĂƚƵƫƌŝĐŽŶŽƐĐŝƵƚŽĐŽŵĞŝůĐŝƌĐƵŝƚŽƚĞƐƚƉĞƌ

ĚŽŶŽ DŽŶnjĂ͕ ^ŝůǀĞƌƐƚŽŶĞ͕ >Ğ ĂƐƚĞůůĞƚ͕ ^ƉĂͲ

ŝŶƉŝƐƚĂƉĞƌǀŽŝŶĞů>ĂŵďŽƌŐŚŝŶŝůĂŶ-

ĂŶƚŽŶŽŵĂƐŝĂ Ă ůŝǀĞůůŽ ĞƵƌŽƉĞŽ͘ EŽŶ Ă ĐĂƐŽ

&ƌĂŶĐŽƌĐŚĂŵƉƐ͕,ŽĐŬĞŶŚĞŝŵĞĂƌĐĞůůŽŶĂ͘/Ŷ

ĐƉĂŝŶ ^ƵƉĞƌ dƌŽĨĞŽ ƉĞƌ ƚŽĐĐĂƌĞ ĐŽŶ ŵĂŶŽ

ŝůƐƵŽŶŽŵĞğĂŶĐŚĞ,dddŽǀǀĞƌŽ,ŝŐŚdĞĐŚ

ŽŐŶŝǁĞĞŬĞŶĚĚŝŐĂƌĂŝƉŝůŽƟĚĞǀŽŶŽĂīƌŽŶ-

ůĂ ƐƉůĞŶĚŝĚĂ ǀĞƌƐŝŽŶĞ ƌĂĐŝŶŐ ĚĞůůĂ >W ϱϲϬͲϰ͕

dĞƐƚdƌĂĐŬĞĚğůĂƐĞĚĞƉƌĞĨĞƌŝƚĂĚĂŵŽůƟƚĞĂŵ

ƚĂƌĞƵŶƚƵƌŶŽĚŝƉƌŽǀĞůŝďĞƌĞĚĂϱϱŵŝŶƵƟ͕ƵŶ

ĚĂ ƚƌĞ ĂŶŶŝ ƉƌŽƚĂŐŽŶŝƐƚĂ ĚĞů ŵŽŶŽŵĂƌĐĂ

Ěŝ&ŽƌŵƵůĂϭ͕WƌŽƚŽƟƉŝĞ'dĂŶĐŚĞŝŶƉƌĞƉĂ-

ƚƵƌŶŽĚŝƋƵĂůŝĮĐĂĚĂϯϬŵŝŶƵƟĞďĞŶƚƌĞŐĂƌĞ

ŽƌŐĂŶŝnjnjĂƚŽ Ğ ƉƌŽŵŽƐƐŽ ĚĞů ĐŽƐƚƌƵƩŽƌĞ Ěŝ

ƌĂnjŝŽŶĞ Ěŝ ĞǀĞŶƟ ŵŽůƚŽ ŝŵƉŽƌƚĂŶƟ ĐŽŵĞ ůĂ

ĚĂϰϬŵŝŶƵƟĐŝĂƐĐƵŶĂĐŽŶƐŽƐƚĂŽďďůŝŐĂƚŽƌŝĂ͘

^ĂŶƚ͛ŐĂƚĂ ŽůŽŐŶĞƐĞ͘ >͛ŽĐĐĂƐŝŽŶĞ ƉĞƌ ƋƵĞ-

ϮϰKƌĞĚŝ>ĞDĂŶƐ͘ŶĚŝĂŵŽƉĞƌžĐŽŶŽƌĚŝŶĞ͘

ĐŽŶĐĞƐƐŽĚŝǀŝĚĞƌĞůĂǀĞƩƵƌĂĐŽŶƵŶƐĞĐŽŶ-

ƐƚĂƉƌŽǀĂĐŝğƐƚĂƚĂŽīĞƌƚĂĚĂůŽƐƚƌƵƩŽƌĞƐƵ

WĂƌůŝĂŵŽŝŶŶĂŶnjŝƚƵƩŽĚĞůĐĂŵƉŝŽŶĂƚŽĐŚĞƐŝ

ĚŽ ƉŝůŽƚĂ͕ ĐŽŶ ůĂ ĚŝǀŝƐŝŽŶĞ ĚĞŝ ƉŝůŽƟ ŝŶ ĚƵĞ

ĚŝƵŶƚƌĂĐĐŝĂƚŽƐƉĞƩĂĐŽůĂƌĞĐŽŵĞƋƵĞůůŽĚĞů

ƐǀŽůŐĞƐƵƐĞŝĂƉƉƵŶƚĂŵĞŶƟŝŶĐĂůĞŶĚĂƌŝŽƐƵ

ĐĂƚĞŐŽƌŝĞWƌŽĞWƌŽͲDŝŶďĂƐĞĂůůĂĐůĂƐƐŝĮĐĂ-

MM34


Super Test La Lamborghini Gallardo Super Trofeo è la protagonista dell’omonima serie organizzata dalla casa di Sant’Agata Bolognese. Un campionato prestigioso che si corre in Europa a supporto del FIA GT1 World Championship.

njŝŽŶĞ&/͘hŶĂƐĞƌŝĞŝŶƚĞƌŶĂnjŝŽŶĂůĞĚƵŶƋƵĞĚŝ

ƵŶ ĚŽƉƉŝŽ ƚƌŝĂŶŐŽůŽ ĚĞůůĂ ƐŽƐƉĞŶƐŝŽŶĞ ŝŶ

ůĂ^ƵƉĞƌƚƌŽĨĞŽǀĂŶƚĂƵŶďŝůĂŶĐŝĂŵĞŶƚŽŵŽůƚŽ

ĂůƚŽ ůŝǀĞůůŽ ĐŚĞ ŶŽŝ Ěŝ DŽƚŽƌDĞĚŝĂ ĂďďŝĂŵŽ

ĂůůƵŵŝŶŝŽ ĐŚĞ͕ ŐƌĂnjŝĞ ĂĚ ƵŶĂ ďŝĞůůĂ Ěŝ ƐƚĞƌnjŽ

ďƵŽŶŽĞĐŽŶƐĞŶƚĞĂůƉŝůŽƚĂĚŝĂǀĞƌĞƐƵďŝƚŽƵŶ

ǀŝƐƐƵƚŽŝŶƉƌŝŵĂƉĞƌƐŽŶĂ͘

ĂĚĚŝnjŝŽŶĂůĞ͕ ĐŽŶĨĞƌŝƐĐĞ ŵĂŐŐŝŽƌĞ ƐƚĂďŝůŝƚă

ŽƫŵŽĨĞĞůŝŶŐĐŽŶůĂǀĞƩƵƌĂ͘ŽŵĞŝŶƚƵƩĞůĞ

Ăůů͛ĂƐƐĞƉŽƐƚĞƌŝŽƌĞŵŝŐůŝŽƌĂŶĚŽĂŶĐŚĞůĂƚƌĂ-

>ĂŵďŽƌŐŚŝŶŝ͕ŝůŵŽƚŽƌĞğŵŽŶƚĂƚŽůŽŶŐŝƚƵĚŝ-

LA VETTURA

njŝŽŶĞ ĚĞůůĂ ǀĞƩƵƌĂ͘ DĞŶƚƌĞ ůĂ ĐŝŶĞŵĂƟĐĂ

ŶĂůŵĞŶƚĞ ŝŶ ƉŽƐŝnjŝŽŶĞ ƉŽƐƚĞƌŝŽƌĞ ĐĞŶƚƌĂůĞ Ğ

ƐƐĞŶĚŽĂƚƌĂnjŝŽŶĞŝŶƚĞŐƌĂůĞ͕ůĂ^ƵƉĞƌdƌŽĨĞŽ

ĚĞůůĞ ƐŽƐƉĞŶƐŝŽŶŝ ğ ƌŝŵĂƐƚĂ ŝŶǀĂƌŝĂƚĂ͕ ƐŽŶŽ

ƋƵĞƐƚĂĚŝƐƉŽƐŝnjŝŽŶĞğů͛ĞůĞŵĞŶƚŽĨŽŶĚĂŵĞŶ-

ğ ů͛ƵŶŝĐĂ ǀĞƩƵƌĂ Ăů ŵŽŶĚŽ ŝŵƉĞŐŶĂƚĂ ŝŶ ƵŶ

ƐƚĂƟŵŽĚŝĮĐĂƟŝůƐĞƚƵƉĞů͛ĂůƚĞnjnjĂĚĂƚĞƌƌĂƉĞƌ

ƚĂůĞŐƌĂnjŝĞĂůƋƵĂůĞƐŝğƉŽƚƵƚŽŽƩĞŶĞƌĞƵŶĂ

ĐĂŵƉŝŽŶĂƚŽ ŵŽŶŽŵĂƌĐĂ ĐŽŶ ƋƵĞƐƚĂ ƟƉŽůŽ-

ŐĂƌĂŶƟƌĞ ƵŶĂ ƉĞƌĨŽƌŵĂŶĐĞ ŽƫŵĂůĞ ƐƵ ƚƵƫ

ƌŝƉĂƌƟnjŝŽŶĞŽƫŵĂůĞĚĞŝƉĞƐŝ͘/ůŵŽƚŽƌĞsϭϬ͕

ŐŝĂ Ěŝ ƚƌĂnjŝŽŶĞ͘ /ů ƚĞůĂŝŽ ĚĞůůĂ ^ƵƉĞƌ dƌŽĨĞŽ

ŝ ĐŝƌĐƵŝƟ͘ ŽŶ ƵŶĂ ĚŝƐƚƌŝďƵnjŝŽŶĞ ĚĞů ƉĞƐŽ Ěŝ

ƐǀŝůƵƉƉĂƚŽĂƉƉŽƐŝƚĂŵĞŶƚĞƉĞƌůĂ>WϱϲϬͲϰ͕ŚĂ

ƉƌĞƐĞŶƚĂ ĂůĐƵŶĞ ŵŽĚŝĮĐŚĞ ŝŵƉŽƌƚĂŶƟ ĐŽŵĞ

ϰϯ͗ϱϳƚƌĂů͛ĂƐƐĞĂŶƚĞƌŝŽƌĞĞƋƵĞůůŽƉŽƐƚĞƌŝŽƌĞ͕

ƵŶĂĐŝůŝŶĚƌĂƚĂĚŝϱ͘ϮϬϰĐŵϯ͕Ăϲ͘ϱϬϬŐŝƌŝͬŵŝŶ͘

MM35


SUPER TEST

MM36


SUPER TEST

L’ABITACOLO

MM37


SUPER TEST ƉĞƌĂnjŝŽŶĂƌĞŝůĐŽŶƚĂƩŽƌĂĚŝŽĐŽŶŝďŽdžĞƉĞƌ

ONBOARD

ŵĂůŽ͟ĚŝŵŽůƚĞĐƵƌǀĞůŽƌĞŶĚŽŶŽŝŵƉĞŐŶĂƟ-

ů͛ĂnjŝŽŶĂŵĞŶƚŽĚĞůůŽ͞ƐƉĞĞĚůŝŵŝƚĞƌ͟ĚƵƌĂŶƚĞ

ŽƉŽĂǀĞƌƉƌŽǀĂƚŽůĞ&ĞƌƌĂƌŝ&ϰϯϬ;ŝŶǀĞƌƐŝŽ-

ǀŽĞƚƵƩ͛ĂůƚƌŽĐŚĞŝŶƚƵŝƟǀŽƉĞƌŝƌŽŽŬŝĞĐŚĞ

ŝů ƚƌĂŶƐŝƚŽ ŝŶ ƉŝƚůĂŶĞ͘ >Ă ĐŽŶƐŽůůĞ ĐĞŶƚƌĂůĞ ğ

ŶĞ'dϮĞ'dƵƉͿ͕ůĂWŽƌƐĐŚĞϵϵϳ'dϯƵƉĞůĂ

ĐŽŵĞ ŵĞ ĨĂŶŶŽ ůŞ ŝů ůŽƌŽ ĚĞďƵƩŽ͘ >Ă ƉƌŝŵĂ

ƌŝŵĂƐƚĂ ƐŝŵŝůĞ Ă ƋƵĞůůĂ Ěŝ ƐĞƌŝĞ ĨĂƩĂ ĞĐĐĞ-

'ŝŶĞƩĂ'ϱϬ͕ů͛ŝĚĞĂĚŝƚĞƐƚĂƌĞƵŶĂ>ĂŵďŽƌŐŚŝ-

ĐŽƐĂĐŚĞŵŝŚĂƐŽƌƉƌĞƐŽƉŽƐŝƟǀĂŵĞŶƚĞĚĞůůĂ

njŝŽŶĞ ƉĞƌ ůŽ ƐƚĂĐĐĂͲďĂƩĞƌŝĞ͕ ů͛ĂǀǀŝĂŵĞŶƚŽ

ŶŝŵŝƐŽůůĞƟĐĂǀĂŵŽůƚŽ͕ƐŝĂƉĞƌŝůŐƌĂŶĚĞďůĂ-

ǀĞƩƵƌĂ ğ ƐŝĐƵƌĂŵĞŶƚĞ ŝů ŵŽƚŽƌĞ ĐŚĞ ƐƉŝŶŐĞ

ŵŽƚŽƌĞ͕ů͛ĂnjŝŽŶĂŵĞŶƚŽĚĞůůĂǀĞŶƚŽůĂĨƌĞŶŝĞ

ƐŽŶĞĚĞůŵĂƌĐŚŝŽƐŝĂƉĞƌů͛ŝŶĐƌĞĚŝďŝůĞƉŝĂĐĞƌĞ

ƚĂŶƚŽ͕ ƐĞŵƉƌĞ ĐŽŶ ŵŽůƟƐƐŝŵĂ ĐŽƉƉŝĂ Ğ ĐŚĞ

ŝůƚĂƐƚŽ^WĐŚĞ͕ŶĞůĐĂƐŽĚĞůůĂǀĞƩƵƌĂƌĂĐŝŶŐ͕

ĞƐƚĞƟĐŽĐŚĞƋƵĞƐƚĂǀĞƩƵƌĂĐƌĞĂĂĐŚŝƵŶƋƵĞ

ŵŝ ŚĂ͕ ŝŶ ĂůĐƵŶŝ ĐĂƐŝ͕ ƚƌĂƩŽ ŝŶ ŝŶŐĂŶŶŽ ƐƵů-

ĂnjŝŽŶĂƵŶĂŵĂƉƉĂĚĞůƐŝƐƚĞŵĂ^ƉŝƶĂĚĂƚ-

ůĂŽƐƐĞƌǀŝ͘>͛ŝĚĞĂƉŽŝĚŝƉƌŽǀĂƌĞ͕ƉĞƌůĂƉƌŝŵĂ

ůĂƟƉŽůŽŐŝĂĚŝŵĂƌĐŝĂĚĂƵƟůŝnjnjĂƌĞŝŶĂůĐƵŶĞ

ƚĂĂůůĞĐŽŶĚŝnjŝŽŶŝĚŝďĂŐŶĂƚŽ͘/>ƉŽƐƟƐƵů

ǀŽůƚĂ͕ƵŶĂǀĞƩƵƌĂ'dĂƚƌĂnjŝŽŶĞŝŶƚĞŐƌĂůĞĨĂ-

ĐƵƌǀĞ͘>ĂƐƉŝŶƚĂƉƌŽƐĞŐƵĞŝŶĂƌƌĞƐƚĂďŝůĞƐŝŶŽ

ƉĂƌƚĞƐƵƉĞƌŝŽƌĞĚĞůĐƌƵƐĐŽƩŽŝŶĚŝĐĂŶŽŝůĐŽƌ-

ĐĞǀĂĐƌĞƐĐĞƌĞŝŶŵĞĂŶĐŽƌĂĚŝƉŝƶůĂǀŽŐůŝĂĚŝ

Ăϴ͘ϮϬϬŐŝƌŝͬŵŝŶ͘ĞŝůƌŝĨĞƌŝŵĞŶƚŽƉĞƌŝůƉŝůŽƚĂ

ƌĞƩŽƌĞŐŝŵĞƉĞƌŝůĐĂŵďŝŽĚŝŵĂƌĐŝĂŵĞŶƚƌĞ

ŐƵŝĚĂƌůĂ͘/ůƚƌĂĐĐŝĂƚŽĚŝ>ĞĂƐƚĞůůĞƚ͕ƉĞƌĐĞƌ-

ğ ů͛ĂĐĐĞŶĚĞƌƐŝ ĚĞůůĂ ƐĞĐŽŶĚĂ ƐƉŝĂ ĂƌĂŶĐŝŽŶĞ

ŝů ĚŝƐƉůĂLJ Dd ŵŽƐƚƌĂ ŝů ŶƵŵĞƌŽ ĚĞŝ Őŝƌŝ Ěŝ

Ɵ ǀĞƌƐŝ͕ ğ ĨŽƌƐĞ ƵŶŽ ĚĞŝ ŵŝŐůŝŽƌŝ ƉĞƌ ƋƵĞƐƚŽ

ƐƵů ĚĂƐŚďŽĂƌĚ͘ >Ă ĨƌĞŶĂƚĂ ğ ĂŶĐŚ͛ĞƐƐĂ ƉŽƌ-

ƉŝƐƚĂƉĞƌĐŽƌƐŝ͕ŝůƚĞŵƉŽƐƵůŐŝƌŽŽůƚƌĞĂŵŽůƚĞ

ƟƉŽĚŝƚĞƐƚŵĂŶĂƐĐŽŶĚĞŝŶƐĠŵŽůƚĞŝŶƐŝĚŝĞĞ

ƚĞŶƚŽƐĂĞŝůůĂǀŽƌŽĨĂƩŽƐƵůů͛^ŵŽůƚŽďƵŽ-

ĂůƚƌĞŝŶĨŽƌŵĂnjŝŽŶŝƌŝŐƵĂƌĚĂŶƟŝƉƌŝŶĐŝƉĂůŝƉĂ-

ƵŶĂĐĞƌƚĂĐŽŵƉůĞƐƐŝƚăĚŝŝŶƚĞƌƉƌĞƚĂnjŝŽŶĞ͘>Ğ

ŶŽ͕ĂůƉƵŶƚŽĐŚĞĂůů͛ŝŶŝnjŝŽƐŝĨĂƵŶƉŽ͛ĨĂƟĐĂ

ƌĂŵĞƚƌŝĚŝĨƵŶnjŝŽŶĂŵĞŶƚŽĚĞůŵŽƚŽƌĞĞĚĞůůĂ

ǀŝĂ Ěŝ ĨƵŐĂ ĐŚŝůŽŵĞƚƌŝĐŚĞ͕ ůĞ ƐƚƌŝƐĐĞ ƌŽƐƐĞ Ğ

Ă ĐĂƉŝƌĞ ƋƵĂŶƚŽ ŝŶ ůă Đŝ Ɛŝ ƉƵž ƐƉŝŶŐĞƌĞ ŝŶ

ǀĞƩƵƌĂ͘

ĂnjnjƵƌƌĞĐŚĞůŽĐŝƌĐŽƐĐƌŝǀŽŶŽĞŝůůĂLJŽƵƚ͞ĂŶŽ-

͞ƐƚĂĐĐĂƚĂ͘͟hŶůŝŵŝƚĞů͛ŚŽŝŶǀĞĐĞƌŝƐĐŽŶƚƌĂƚŽ

MM38


SUPER TEST ŶĞůů͛ĂďŝƚĂĐŽůŽ͕ƉŝƶĂŶŐƵƐƚŽƉĞƌŝƉŝƶĂůƟĐŽŵĞ

ƌĞ ů͛ĂƵƚŽ ŝŶ ĂĐĐĞůĞƌĂnjŝŽŶĞ ƋƵĂƐŝ ƵŶĂ ƚƌĂnjŝŽ-

ĂĚĞŐƵĂƚŽ ŝŶ ĨĂƐĞ Ěŝ ƐĐĂůĂƚĂ ƋƵĂŶĚŽŝůƉŝůŽƚĂ

ŵĞƌŝƐƉĞƩŽĂ&ĞƌƌĂƌŝĞWŽƌƐĐŚĞĞƐŽƉƌĂƩƵƚ-

ŶĞĂŶƚĞƌŝŽƌĞ͘/ŶĐƵƌǀĂƐƉĞƐƐŽďŝƐŽŐŶĂƵƐĂƌĞ

ĂǀƌĞďďĞďŝƐŽŐŶŽĚŝƵƟůŝnjnjĂƌĞŵĂŐŐŝŽƌŵĞŶƚĞ

ƚŽ ĐŽŶ ƵŶĂ ƉĞĚĂŶĂ ƉŽŐŐŝĂͲƉŝĞĚĞ ƐŝŶŝƐƚƌŽ

ŵĞŶŽĂŶŐŽůŽƐƚĞƌnjŽĞƐŽƉƌĂƩƵƩŽŝŶŶĞƐĐĂƌĞ

ŝůĨƌĞŶŽŵŽƚŽƌĞĞĂǀĞƌĞƉƌĞƐƚŽƵŶƌĂƉƉŽƌƚŽĚŝ

ƚƌŽƉƉŽĂǀĂŶnjĂƚĂĐŚĞĐŽƐƚƌŝŶŐĞŝůƉŝůŽƚĂĚĂůůĞ

ůŽƐĐŝǀŽůĂŵĞŶƚŽĚĞůƌĞƚƌŽƚƌĞŶŽƉŝƶĐŽŶŝůƚƌĂ-

ŵĂƌĐŝĂ Ɖŝƶ ĐŽƌƚŽ͘  ŝŶƚĞƐŽ ĐŚĞƋƵĞƐƚĂŵĂŶ-

ŐĂŵďĞ ůƵŶŐŚĞ ĂĚ ƵŶĂ ƉŽƐŝnjŝŽŶĞ ŝŶŶĂƚƵƌĂůĞ

ƐĨĞƌŝŵĞŶƚŽ Ěŝ ĐĂƌŝĐŽ ĐŚĞ ĐŽŶ ů͛ĂĐĐĞůĞƌĂƚŽƌĞ͘

ĐĂŶnjĂğƟƉŝĐĂĚŝƋƵĞƐƚĂƐŽůƵnjŝŽŶĞĚŝĐĂŵďŝŽ

Ğ Ěŝ ĐŽŶƐĞŐƵĞŶnjĂ͕ ĂůůĂ ůƵŶŐĂ͕ ƐƚĂŶĐĂŶƚĞ͘ /ů

^ŽůŽ ŝŶ ƋƵĞƐƚŽ ŵŽĚŽ Ɛŝ ƐĨƌƵƩĂ Ăů ŵĞŐůŝŽ ůĂ

ĞŶŽŶğƌŝĐŽŶĚƵĐŝďŝůĞĂůůŽƐƉĞĐŝĮĐŽŵŽĚĞůůŽ

ĐƌƵƐĐŽƩŽ ğ ĐŚŝĂƌŽ ĂŶĐŚĞ ƐĞ ƉĞƌƐŽŶĂůŵĞŶƚĞ

ŐƌĂŶĚĞ ƚƌĂnjŝŽŶĞ Ğ ŶŽŶ Ɛŝ ƉĞƌĚĞ ƚĞŵƉŽ ƵƟ-

ĚŝǀĞƩƵƌĂ͘

ĂǀƌĞŝ ƉƌĞĨĞƌŝƚŽ ĐŚĞ ŝ ĚĂƟ ;ĚŝŐŝƚĂůŝͿ ĂǀĞƐƐĞƌŽ

ůĞ ĂůůĂ ƉƌĞƐƚĂnjŝŽŶĞ ĐƌŽŶŽŵĞƚƌŝĐĂ͘ >Ž ƐƚĞƌnjŽ

ƵŶĂŵŝŐůŝŽƌĞ͞ƌŝƐŽůƵnjŝŽŶĞ͟ĚĂƚŽĐŚĞŝŶĂůĐƵ-

ƚƌĂƐŵĞƩĞŽƫŵĞƐĞŶƐĂnjŝŽŶŝĂŶŽŶĂīĂƟĐĂŝů

CONCLUSIONI

ŶĞĨĂƐŝĚŝŐĂƌĂŶŽŶƐŝƉƵžĮƐƐĂƌĞƉĞƌƚƌŽƉƉŽ

ƉŝůŽƚĂĂŶĐŚĞĚŽƉŽŵŽůƟŐŝƌŝĐŽŶƐĞĐƵƟǀŝŵĂ

ŽŵƉůĞƐƐŝǀĂŵĞŶƚĞĚĂǀǀĞƌŽƵŶďĞů͞ƚŽƌŽ͟ĚĂ

ƚĞŵƉŽŝůĚĂƐŚďŽĂƌĚ͘WĞƌƋƵĂŶƚŽƌŝŐƵĂƌĚĂůĂ

ƐŽƉƌĂƩƵƩŽƐĞŵďƌĂƐĞŵƉƌĞŝŶŐƌĂĚŽĚŝĚĂƌĞ

ĚŽŵĂƌĞ ƋƵĞƐƚĂ ^ƵƉĞƌ dƌŽĨĞŽ ĐŚĞ ƉƵž ƌĂƉ-

ƚƌĂnjŝŽŶĞ͕ůĂ^ƵƉĞƌdƌŽĨĞŽğŵŽůƚŽƉĞƌĨŽƌŵĂŶ-

ŝů ŐŝƵƐƚŽ ĨĞĞůŝŶŐ ƌŝŐƵĂƌĚŽ ŝů ĐŽŵƉŽƌƚĂŵĞŶƚŽ

ƉƌĞƐĞŶƚĂƌĞƵŶŽƫŵŽďĂŶĐŽĚŝƉƌŽǀĂƐŝĂƉĞƌ

ƚĞĞƐŽƉƌĂƩƵƩŽŶŽŶŚĂŵĂŝƌĞĂnjŝŽŶŝƚƌŽƉƉŽ

ĚŝŶĂŵŝĐŽĚĞůůĂǀĞƩƵƌĂ͘WĞƌƋƵĂŶƚŽƌŝŐƵĂƌĚĂ

ƉŝůŽƟŐĞŶƚůĞŵĞŶĐŚĞƉĞƌĂīĞƌŵĂƟƉƌŽĨĞƐƐŝŽ-

ďƌƵƐĐŚĞ͗ ů͛ƵŶŝĐĂ ͞ĂŶŽŵĂůŝĂ͟ ůĂ Ɛŝ ƌŝƐĐŽŶƚƌĂ

ŝůĐĂŵďŝŽ͕ůŽĐŽŶƐŝĚĞƌŽŵŽůƚŽƐŝŵŝůĞĂƋƵĞů-

ŶŝƐƟ͘ WĞĐĐĂƚŽ ŶŽŶ ĂǀĞƌůĂ ƉŽƚƵƚĂ ƉƌŽǀĂƌĞ Ěŝ

ƋƵĂŶĚŽƐŝĚĞǀĞĐĂƉŝƌĞŝůĨƵŶnjŝŽŶĂŵĞŶƚŽĚĞůůĂ

ůŽĚĞůůĂ&ĞƌƌĂƌŝ&ϰϯϬ'dƵƉ͕ŽǀǀĞƌŽǀĞůŽĐĞ

Ɖŝƶ ƉĞƌĐŚĠ ƐŽŶŽ ĐŽŶǀŝŶƚŽ ĐŚĞ ŝů ŵĞŐůŝŽ ĚŽ-

ƚƌĂnjŝŽŶĞŝŶƚĞŐƌĂůĞĐŚĞ͕ĂůůĞǀŽůƚĞ͕ĨĂƐĞŵďƌĂ-

ŝŶ ĂƵŵĞŶƚŽ Ěŝ ƌĂƉƉŽƌƚŽ ŵĂ͕ ĂůůĂ ǀŽůƚĞ͕ ŶŽŶ

ǀĞǀĂĂŶĐŽƌĂĂƌƌŝǀĂƌĞ͊MM

ͻ

MM39

Paolo Necchi durante una prova di cambio pilota a Le Castellet nella terza prova stagionale del Lamborghini Super Trofeo 2011.


SUPER TEST

Per

tommaso.delfanti@motormedia.it

LA PAROLA DELL’INGEGNERE

TELAIO E CARROZZERIA

Scheda - Lamborghini Gallardo Super Trofeo

MM40


SUPER TEST

SOSPENSIONI, RUOTE E FRENI

MM41


sUPER TEST

TRASMISSIONE MOTORE ED ELETTRONICA

MM42


SUPER TEST

CONCLUSIONI MM

MM43


AUTOSPRINT 20 Settembre 2011


AUTOSPRINT 18 Ottobre 2011


PADDOCK Ottobre 2011


AUTOSPRINT 1 Novembre 2011


AUTOSPRINT 20 Dicembre 2011


AUTOSPRINT 20 Dicembre 2011

     


MOTOTECNICA Aprile 2011


PLASTIX Novembre 2011

uomini & imprese g testo e foto di Stefano Troilo

MTA Qui lo stampaggio mette il turbo In un imponente reparto di lavorazione delle materie plastiche, che conta 59 presse informate a rigidi criteri di lavoro, 400 stampi danno vita a più di 500 semilavorati destinati al reparto di assemblaggio dove vengono realizzati i componenti per automobili, motocicli e altri mezzi a motore

S

celta delle presse per lo stampaggio in funzione delle sole esigenze produttive e, soprattutto, organizzazione delle stesse in “gruppi di lavoro” dalla precisa identità tecnica. Se queste due linee guida fanno da corollario al ciclo produttivo di MTA, che risulta totalmente integrato a eccezione di alcuni stampi, un aspetto distintivo riguar-

da la gestione degli stessi. La cui manutenzione «Non è effettuata tenendo conto delle ore di permanenza in macchina, ma in base alle battute effettuate» ci spiega l’ing. Umberto Falchetti, presidente del gruppo MTA. L’azienda di Codogno, nel lodigiano, realizza componenti elettrici ed elettronici destinati al mercato automotive. 120 milioni di euro di fatturato, svolge attività di produzione in campo elettromeccanico e di ricerca e sviluppo presso la sede principale. Dallo stabilimento di Concordia (Modena) escono invece i componenti elettronici, sempre destinati all’industria automotive. Stampi gestiti a battute e non a tempo: quali vantaggi porta questa scelta? La gestione a tempo non è adatta a ogni tipo di processo. È utile quando la lavorazione a bordo macchina prevede tempi lunghi, ma non si addice a cicli produttivi mobili o inerenti a piccoli lotti dove invece il conteggio del numero di battute risulta più adeguato e sicuro.

Quali accorgimenti tecnici avete adottato a tale scopo? Un apposito software effettua un monitoraggio costante del numero di battute effettuate, fornendo ai tecnici delle disposizioni a riguardo delle operazioni di controllo da effettuare. Per cui, quando un lotto giunge al termine del proprio ciclo, lo stampo viene sottoposto a un check-up che prescinde dalle operazioni di manutenzione. Quali differenze intercorrono tra operazioni di controllo e manutenzione? Le ultime sono ordinate dal nostro ufficio industrializzazione e sono molto più approfondite delle prime. Un sistema informatico valuta lo stato di utilizzo degli stampi e, come nel caso prima citato, dispone gli interventi da eseguire: smontaggio, analisi dei componenti ed eventuale loro sostituzione. I controlli sono invece effettuati al termine di ogni lavorazione da un team preposto, anche qualora la manutenzione non fosse necessaria. Così viene esclusa la possibilità che uno stampo torni in macchina senza aver superato un test. C’è poi un’altra unità, incaricata della riparazione degli stampi con pezzi di ricambio provenienti dalla nostra attrezzeria o da fornitori esterni.

“Investiamo per essere sempre all’avanguardia dal punto di vista tecnologico” Umberto Falchetti 52

Plastix novembre 2011


Così tutto è in ordine Il reparto stampaggio di MTA comprende 59 presse la cui potenza di stampaggio è compresa tra le 50 e le 400 tonnellate. Nel range di materie plastiche lavorate rientrano commodity, polimeri di massa, tecnopolimeri. Significativi i rifornimenti di polipropilene, poliammidi e poliestere, nonché di rinforzati in fibra di vetro o carica minerale e variamente additivati. I materiali vengono convogliati alle macchine da un impianto di distribuzione articolato in 33 tramogge che effettuano lo smistamento verso gli impianti che li lavoreranno. L’intera area risulta suddivisa nei settori A, B e C: in ognuno di questi sono allestite 20 postazioni per il rifornimento delle presse stesse.

Con quale cadenza temporale avviene la rotazione degli stampi? I cambi di stampo mensili sono stimabili in 150. In media, cinque al giorno, se si considera che la lavorazione è ripartita in tre turni, sette giorni su sette. Un addetto in reparto segnala agli operatori a bordo macchina i cambi o le eventuali altre manovre da effettuare in giornata. Uno stampo può essere sostituito anche in coincidenza del cambio versione di un prodotto. Anche il rinnovo del parco macchine prescinde da criteri temporali? Sì, perchè di una pressa valutiamo affidabilità

Referenze prestigiose Gli attuali settori di riferimento per MTA sono auto, moto, veicoli commerciali, mezzi agricoli e movimento terra, oltre il mondo del racing. Il parco clienti annovera i più famosi marchi in ciascun campo. Sul versante dell’elettronica, accanto alle centraline destinate a numerose applicazioni automotive, l’azienda è oggi attiva

nel campo dei quadri di bordo per auto, moto e mezzi agricoli. Quanto all’elettromeccanica, le principali realizzazioni sono fusibili e scatole che li contengono, connettori e terminali di potenza, morsetti batteria, terminali occhiello, tappi radiatore e sensori di livello. La divisione MTA corse sviluppa sistemi completi per vetture da competizione.

e capacità di garantire determinati parametri produttivi e qualitativi. Se i tecnici preposti al controllo di qualità individuano carenze riguardo a questi aspetti, la macchina viene sostituita con un’altra in grado di soddisfare i requisiti del gruppo di lavoro cui è destinata. Rientrano in quest’ottica le presse elettriche già inserite nel reparto? Per ora sono solo due macchine, ma confermano la volontà dell’azienda di essere sempre all’avanguardia dal punto di vista tecnologico, e costituiscono un investimento molto importante, in considerazione del fatto che il loro costo è superiore a quello delle presse a iniezione ad azionamento idraulico. Immagino contiate di compensare in vantaggi effettivi il maggiore esborso richiesto? Per tutti quei particolari in plastica le cui dimensioni prevedono un tempo ciclo molto

breve, la cui velocità operativa si esprime nell’ordine dei secondi, le presse elettriche garantiscono un risparmio che, stimabile entro i due secondi, rappresenta un target importante nelle fasi di apertura e di estrazione dei pezzi dallo stampo: operazione, quest’ultima, che può essere effettuata simultaneamente all’apertura con grande sincronizzazione dei movimenti. Ma dei vantaggi sono individuabili anche nelle fasi di iniezione, carica e dosaggio del materiale, nel consumo di energia elettrica dimezzato rispetto a quello di una macchina idraulica, nel mancato smaltimento d’olio e nel funzionamento silenzioso. Questi plus non devono tuttavia porre in secondo piano il miglioramento dei punti scarto e della qualità del prodotto. La produzione comprende anche delle referenze standard? Abbracciamo globalmente il campo automo-

Plastix novembre 2011

53


uomini & imprese

bilistico con prodotti elettromeccanici ed elettronici. Contiamo circa 400 stampi che danno vita a 500 semilavorati. Alcuni di essi sono multi versione e si prestano alla realizzazione di pezzi dalle caratteristiche variabili: è il caso dei semigusci dei fusibili, che vengono colorati in modo diverso in base all’amperaggio. L’adattamento dello stampo può avvenire direttamente in macchina o attraverso l’intervento di un tecnico. Le esigenze da soddisfare, invece, variano in funzione della marca, di una famiglia di autovetture o di un gruppo definito di esse. Dunque, se gran parte dei fusibili sono standard, le centraline sono invece più legate al modello del veicolo o di una famiglia di veicoli. A queste dinamiche corrisponde uno stoccaggio importante del prodotto finito? Le quantità da tenere a magazzino vengono definite sulla base dei lotti stessi, in modo che risultino sufficienti a soddisfare le richieste dei clienti. Tali scorte ci preservano da eventua-

Centralina in poliammide Realizzata in poliammide 66 MD25, la centralina di distribuzione della potenza SCM costituisce un articolo di punta della produzione MTA. Montata in vano motore tra la batteria e il fianchetto lato guida, può ospitare 29 fusibili e 14 relé. Si adatta perfettamente al layout del vano motore garantendo modularità sul cablaggio e ottimizzazione dei costi. li disservizi in caso di interventi di manutenzione sugli stampi o sulle macchine che si protraggano nel tempo. Del resto, dovendo gestire 500 semilavorati non è possibile prescindere da pianificazioni di questo tipo. Lo stesso discorso vale per la conservazione delle materie prime? Il sistema informatico di gestione aziendale determina i quantitativi necessari, in base ai quali l’ufficio acquisti emette gli ordini. In ogni caso, si lavora secondo logiche d’acquisto previsionali, che puntano ad avere sempre in casa il materiale necessario a ciascun lotto di produzione. La vostra esperienza è legata al mondo del veicolo. Oggi qual è l’ordine di grandezza del time to market? I nostri tempi sono strettamente connessi a quelli della committenza. In linea di massima, si lavora con vetture che usciranno sul mer-

cato dopo un anno e mezzo circa. In altri casi i tempi si riducono per differenti motivi, ma la nostra azienda è in grado di accontentare sempre le richieste del cliente, grazie alla grande flessibilità. Per esempio? Si tratta in prevalenza di portafusibili o portarelé modulabili che, una volta approvati dalla nostra direzione engineering, sono pronti in sei mesi. Le case automobilistiche partecipano alla progettazione dei pezzi richiesti? La committenza ci illustra l’esigenza pratica da soddisfare. Da qui cominciano le nostre attività di codesign, progettazione, risoluzione di problemi tecnici o elettrici, scelta del materiale da utilizzare e acquisto. In tali ambiti godiamo di piena libertà operativa: facendo leva sul nostro know-how, la produzione è gestita completamente e autonomamente al nostro interno. Q © RIPRODUZIONE RISERVATA

IDEA, PROGETTO, PRODOTTO Durante la fase di progettazione in MTA ci si avvale di tecniche quali la failure tree analysis per il superamento di eventuali criticità e l’individuazione dei flussi logistici necessari. Dopodiché il progetto viene validato, ma sulla base di elementi non definitivi: il cliente può infatti richiedere ulteriori modifiche prima di procedere con lo sviluppo. Approvato il progetto, un’attrezzeria composta da diverse persone realizza stampi per prototipi e per la produzione vera e propria. A tale scopo si attiva un piano di controllo e vengono programmate verifiche presso i fornitori secondo un sistema completo di tracciabilità dei materiali utilizzati e dei controlli eseguiti. Su quest’ultimo punto l’azienda è molto esigente: sono ben 40.000 le ore destinate dal centro ricerche al test di prototipi, prodotto finito e processo produttivo.

54

Plastix novembre 2011


IL CITTADINO 1 Luglio 2011 27

VENERDÌ 1 LUGLIO 2011

il Cittadino

Codogno

■ Il senso di appartenenza alla propria azienda? Diventa valore amplificato se prende la forma di un vero e proprio “Family Day”. Questa la finalità dell’iniziativa che Mta - azienda leader mondiale per la produzione di componenti elettrici ed elettronici per l'automotive - ha promosso per il proprio personale delle due sedi di Codogno e Concordia: promosso tramite il neonato Circolo ricreativo aziendale lavoratori (Cral), l'evento è stato un vero successo, capace di richiamare un totale di circa 800 persone. A Codogno, sede dell’headquarter Mta, la partecipazione più vivace: un “esercito” di 600 persone che domenica 19 giugno ha potuto approfittare di un pomeriggio di coinvolgente aggregazione. Pensato per gli adulti ma anche per i bambini. Ovvero: per l'intera famiglia dei dipendenti Mta. Suddivisi in gruppi, i partecipanti hanno così potuto visitare la sede dell’azienda lungo un percorso guidato che si snodava tra i reparti di produzione e la zona uffici della nuova palazzina. A fare da “ciceroni” i colleghi dell’area produttiva e tecnica. Successivamente, lavoratori e accompagnatori hanno potuto vedere di persona le auto che montano i prodotti di elettronica ed elettromeccanica realizzati da Mta. In proposito non sono mancate le sorprese, non ultima quella dell’esposizione nel piazzale dell’azienda di alcuni gioielli della tecnologia quali la Lamborghini Aventador, la Maserati Gran Turismo MC, la Pagani Zonda e la Aprilia Sbk Rvs4 (quella guidata da Max Biaggi, per intenderci). Alle visite pomeridiane è seguito un aperitivo conviviale per tutti gli ospiti. Grandi protagonisti anche gli oltre cento bambini che hanno partecipato al “Family Day”: ai più piccoli, infatti, è stata destinata un’intera area giochi in cui sono stati coinvolti, da animatrici dedicate, in attività ludiche e divertenti, individuali e di gruppo. E grande è stato l’entusiasmo per il maxi gonfiabile tutto a loro disposizione. Esordio di successo, dunque, per l'attività del Cral Mta. Che pure è già all’opera per organizzare le attività dei prossimi mesi. Già in programma, ad esempio, una visita guidata alla Ferrari a Maranello, un torneo di calcetto misto tra i dipendenti di Codogno e quelli di Concordia e visite a mostre d’arte. «L'attività principale del Cral è proprio quella di promuovere e di gestire, con la partecipazione attiva di lavoratori e loro familiari, attività culturali, ricreative, turistiche, sportive e di svago - fanno sapere da Mta - L'azienda crede molto in questa forma di associazione che,

IL PROFILO

Un’azienda senza rivali nel settore automotive

SEICENTO PERSONE HANNO PRESO PARTE ALL’INIZIATIVA DEL CRAL

Il “colosso” si svela, per la famiglia Mta un giorno in vetrina

rappresentando l'espressione dei lavoratori, costituisce un ottimo modo per aggregare tutti i membri della grande famiglia Mta. Perché tutti i dipendenti possano approfondire la conoscenza tra di loro e possano, quindi, lavorare in maggiore sintonia». Luisa Luccini

Alcune immagini del “Family Day” organizzato dal neonato Cral aziendale della Mta a Codogno: circa seicento persone, fra le quali un centinaio di bambini, hanno preso parte alla giornata di “porte aperte” nell’azienda codognese, leader mondiale nel settore dell’automotive

■ Fondata nel 1954 a Codogno, in provincia di Lodi, Mta Spa. è un’azienda di riferimento a livello mondiale per la produzione di componenti elettrici ed elettronici destinati di al imercato automotive. Oltre alle se taliane di Codogno e Concordia, dove sono ubicati i reparti produttivi principali (prodotti elettromeccanici a Codogno e prodotti elettronici a Concordia), i laboratori e i Centri di R&S, vero fiore all’occhiello della multinazionale, l’azienda ha inaugurato negli ultimi dieci anni 5 sedi estere: Mta Brasil, MTA Polska, Mta Slovakia, Mta Usa e, ultima in ordine cronologico, Mta India. Attualmente il gruppo Mta occupa in totale più di 800 persone ed il suo fatturato, ammonta a 120 milioni di euro. I prodotti che Mta progetta e sviluppa per i più importanti costruttori sono nel campo dell’elettronica e dell’elettromeccanica. Nel primo, accanto alle centraline per applicazioni automotive, Mta ha oggi un’importante presenza nel campo dei quadri di bordo per auto, moto e mezzi agricoli. Nel campo dell’elettromeccanica, i principali prodotti vanno dai fusibili, le scatole porta fusibili, i connettori e terminali di potenza, i morsetti batteria, i terminali occhiello, fino ai tappi radiatore e ai sensori di livello. Nel 2009 nasce Mta Corse, realtà in grado di sviluppare e produrre sistemi completi di acquisizione, visualizzazione e scarico dati, acquisitori, video logger, cruscotti-utilizzabili sia stand alone che integrati nel volante, moduli di espansione per l’acquisizione di parametri quali temperature, accelerazioni, velocità e Rpm, moduli di interfaccia con la rete Can della vettura, moduli Gps, tramite i quali è possibile la ricostruzione del percorso effettuato da mezzi in pista e il pacchetto DataView, specificatamente realizzato per lo scarico e l’analisi dei dati acquisiti. Nel settore auto i principali clienti sono Alfa Romeo, Aston Martin, Cadillac, DR, Ferrari, Fisker, Ford, Fiat, General Motors, Gruppo Psa, Gruppo Renault, Lamborghini, Lancia, Lotus, Mahindra, McLaren, Maserati, Pininfarina, Saab, Smart, Tata, Volkswagen; nel settore moto Aprilia, Benelli, Betamotor, Bimota, Bmw, Cagiva, Derby, Ducati, Harley Davidson, Husqvarna, Malaguti, Mbk, Moto Guzzi, Mv Agusta, Peugeot Motorcycles, Piaggio, Yamaha; nel settore veicoli commerciali International Truck, Iveco, Volvo Trucks, nel settore mezzi agricoli e movimento terra Agco Group, Agritech, Argo Group, Case New Holland, Jcb, John Deere, Same Deutz Fahr. I clienti corse sono invece Aprilia/Derby, Ducati, Ferrari, Lamborghini, Maserati, Pagani, Magneti Marelli Motorsport, Mv Agusta.

MTA - Rassegna Stampa 2011  

Raccolta Rassegna Stampa 2011

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you