Page 1

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI NAPOLI “L’ORIENTALE” FACOLTA’ DI LETTERE E FILOSOFIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN LETTERATURE E CULTURE COMPARATE TESI DI LAUREA IN STORIA E CRITICA DEL CINEMA Il cinema di M. Night Shyamalan, tra genere ed autorialità Relatore Ch.mo Prof. VALERIO CAPRARA Correlatore Ch.mo Prof. PAOLO AMALFITANO Candidata MARIA ROSARIA BORRELLI Matr. SCC/269 Anno Accademico 2010/2011

Pregando con rabbia (Praying With Anger, 1993) Poco dopo la laurea, a soli ventidue anni, M. Night annunciò a sua madre di voler girare un film in India. L’idea era semplice: uno studente americano di origini indiane torna nella sua madrepatria. Dopo aver raccolto i fondi necessari grazie ad amici e parenti, madre e figlio partirono alla volta dell’India, dove sottoposero la sceneggiatura al Ministry of Information and Broadcasting,1 come previsto dalla legge per i non residenti nel Paese.2 Ottenuti i permessi e scelta la location di Chennai (la vecchia Madras), si presentò loro il difficile compito di trovare attrezzature e staff adeguati; Night trovò gli attori nel modo più immediato, ovvero grazie agli annunci sui quotidiani. Ma le difficoltà si fecero ben presto sentire: la rete elettrica subì un guasto per colpa del monsone in corso ed il casting si svolse a luce di candela; 3 il direttore della fotografia fu trovato solo tre giorni prima delle riprese; venne usata l’unica telecamera in India ad avere il suono sincronizzato; lo staff non parlava inglese ed il tamil conosciuto da Shyamalan era molto scarso. Come se non bastasse, dato che in India i film vengono doppiati in seguito, sul set venne fatto continuo baccano. M. Night rimase scioccato dopo aver visto i primi giornalieri: “C’erano graffi ovunque”, disse, “quindi portammo via la pellicola dal laboratorio e da quel momento andammo alla cieca”:4 decise infatti di sviluppare il negativo una volta ritornato a New York. Durante le riprese la sfortuna continuò ad abbattersi sul progetto: il regista contrasse un’intossicazione alimentare e continuò a girare con febbre altissima e nausea. E la telecamera si ruppe lo stesso giorno. Gli fu detto: “Tutto

1 Ramo del governo indiano che si occupa di regolamentare l’informazione di stampa, radio, tv e il cinema. 2 M. Bamberger, op. cit., pag. 150. 3 Le difficoltà incontrate sul set furono raccontate dall’autore nell’articolo di J. Weinberg, "Night Vision". New York Magazine, 27 settembre 1993 - v. 26, no. 38, pag. 28. 4 Ibidem.


UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI NAPOLI “L’ORIENTALE” FACOLTA’ DI LETTERE E FILOSOFIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN LETTERATURE E CULTURE COMPARATE TESI DI LAUREA IN STORIA E CRITICA DEL CINEMA Il cinema di M. Night Shyamalan, tra genere ed autorialità Relatore Ch.mo Prof. VALERIO CAPRARA Correlatore Ch.mo Prof. PAOLO AMALFITANO Candidata MARIA ROSARIA BORRELLI Matr. SCC/269 Anno Accademico 2010/2011

il girato potrebbe essere nero. O tendente al nero. O nero a tratti.” 5 “Almeno ci diedero molte opzioni”, ricordò in seguito il regista; 6 “lo spirito umano può sopportare tantissimo. Sono sorpreso dall’avere ancora i capelli. Non mi sento più giovane. Ma mi sento molto fortunato”.7 In aeroporto, di ritorno dall’India, la pellicola fu sottoposta al vaglio del metal detector a raggi X. “C’è il 5% di probabilità che non ci sarà nessun film”, disse un M. Night terrorizzato.8 Ma la fortuna cominciò a girare dal verso giusto e Praying with Anger sopravvisse anche a quest’ultima prova. Oggi è un film introvabile, di rado menzionato dallo stesso autore. Sua madre lo vide solo una volta, pianse tutto il tempo e non lo rivide mai più.9

Fig. 1

Nella tradizione di Woody Allen e Spike Lee, lo stesso M. Night interpretò il protagonista del film, lo studente di college Dev Raman, di origini indiane ma cresciuto negli Stati Uniti. E’ un film apparentemente autobiografico, in cui il 5 Ibidem. 6 Ibidem. 7 Ibidem. 8 M. Bamberger, op. cit. pag. 151. 9 Ibidem.


UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI NAPOLI “L’ORIENTALE” FACOLTA’ DI LETTERE E FILOSOFIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN LETTERATURE E CULTURE COMPARATE TESI DI LAUREA IN STORIA E CRITICA DEL CINEMA Il cinema di M. Night Shyamalan, tra genere ed autorialità Relatore Ch.mo Prof. VALERIO CAPRARA Correlatore Ch.mo Prof. PAOLO AMALFITANO Candidata MARIA ROSARIA BORRELLI Matr. SCC/269 Anno Accademico 2010/2011

giovane, secondo un programma di scambio, passa un anno accademico a Madras, città da cui provengono sua madre e suo padre, recentemente scomparso. Dev è inizialmente riluttante ad intraprendere questo viaggio ma acconsente al desiderio di sua madre che insiste per farlo partire. Lo studente ritorna a “casa”, ma è una casa che non ha mai conosciuto: si ritrova da solo, dall’altro lato del mondo, immerso in una cultura che non comprende. La classe media indiana è completamente diversa dalla controparte americana, nella sua rigidità imposta dalla tradizione e dalle caste; Dev perciò si ritrova spesso ad infrangere usanze che gli sembrano completamente ingiuste. I Mohan, la famiglia che ospita il ragazzo, è austera e rispettosa delle tradizioni; il loro figlio Sanjay (Mike Muthu) diventa amico e guida di Dev ma quando quest’ultimo ignora i consigli di Sanjay la convivenza con gli indiani diventa uno scontro fra le due culture molto distanti, e dall’incomprensione si sfocia nella violenza. I Mohan hanno anche una figlia, Rupal (Richa Ahuja), determinata a sposare un ragazzo di un’altra regione e per questo motivo sempre in lotta col padre. Di tutte le ingiustizie a cui assiste, Dev trova la più insopportabile proprio nell’assenza di libertà e di autorità delle donne indiane. Ciononostante, l’esperienza di riscoprire le proprie radici lo cambia per sempre, poiché funge da rito di passaggio all’età adulta. All’inizio oppone resistenza alla passionale irrazionalità del posto ma gradualmente comincia ad imparare cose su se stesso, sulla sua famiglia e la sua terra

d’origine;

contemporaneamente

comincia

a

capire

che

suo

padre,

all’apparenza freddo e distaccato, lo amava più di quanto potesse immaginare. Dev inoltre impara che è possibile pregare le divinità del pantheon hinduista in ogni stato d’animo ad eccezione dell’indifferenza; ripensando al suo passato, alle ingiustizie di cui è stato testimone ed all’assenza di comunicazione fra la sua cultura d’adozione e quella d’origine, scopre di poter pregare solo con rabbia.


UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI NAPOLI “L’ORIENTALE” FACOLTA’ DI LETTERE E FILOSOFIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN LETTERATURE E CULTURE COMPARATE TESI DI LAUREA IN STORIA E CRITICA DEL CINEMA Il cinema di M. Night Shyamalan, tra genere ed autorialità Relatore Ch.mo Prof. VALERIO CAPRARA Correlatore Ch.mo Prof. PAOLO AMALFITANO Candidata MARIA ROSARIA BORRELLI Matr. SCC/269 Anno Accademico 2010/2011

Praying with Anger è l’unico film dell’autore a trattare il tema della diaspora culturale. Nonostante il budget ristretto il film risulta molto profondo e riesce ad esprimere la grandiosità dell’India grazie all’occhio attento del regista per i dettagli, le eleganti inquadrature e l’eccellente fotografia di Madhu Ambat. E’ già possibile riconoscere in questa prima opera lo stile dell’autore: è assente un colpo di scena finale ma la storia si sviluppa lentamente; la ricerca spirituale di Dev, che viene a contatto con l’hinduismo e la fede, prefigura l’arco narrativo del suo film successivo, Ad occhi aperti, ma si ricollega anche al Sesto senso poiché i protagonisti di questi primi tre film si ritrovano, nonostante la loro giovane età, a dover affrontare un lutto o comunque le conseguenze della morte. Il contatto con gli spiriti dell’aldilà è parte integrante della cultura indiana e per questo Praying with Anger anticipa la direzione intrapresa da Shyamalan per i successivi lavori: ricordiamo la scena in cui ci viene mostrato un rituale per tenere lontani gli spiriti (fig. 2), un’altra in cui una sciamana comunica con gli spiriti che seguono Dev (fig. 3) e quella in cui l’ombra del protagonista proiettata su un muro viene affiancata da quella di suo padre defunto, che si avvicina per accarezzarlo (fig.45).

Fig. 2

Fig. 3


UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI NAPOLI “L’ORIENTALE” FACOLTA’ DI LETTERE E FILOSOFIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN LETTERATURE E CULTURE COMPARATE TESI DI LAUREA IN STORIA E CRITICA DEL CINEMA Il cinema di M. Night Shyamalan, tra genere ed autorialità Relatore Ch.mo Prof. VALERIO CAPRARA Correlatore Ch.mo Prof. PAOLO AMALFITANO Candidata MARIA ROSARIA BORRELLI Matr. SCC/269 Anno Accademico 2010/2011

Fig. 4

Fig. 5

SCHEDA TECNICA Cast M. Night Shyamalan - Dev Raman Mike Muthu - Sanjay Richa Ahuja - Rupal Mohan Sushma Ahuja - Mrs. Mohan Crew Regia: M. Night Shyamalan Soggetto: M. Night Shyamalan Sceneggiatura: M. Night Shyamalan Montaggio: Frank Reynolds Fotografia: Madhu Ambat Scenografia: Krishnamurthy Colonna sonora: Edmund Choi Produzione Jayalakshmi Shyamalan Nelliate C. Shyamalan M. Night Shyamalan. Studio Crescent Moon Distribuzione Cinevista (1993) (USA) Data di uscita Canada - 15 September 1993 (Toronto Film Festival)


UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI NAPOLI “L’ORIENTALE” FACOLTA’ DI LETTERE E FILOSOFIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN LETTERATURE E CULTURE COMPARATE TESI DI LAUREA IN STORIA E CRITICA DEL CINEMA Il cinema di M. Night Shyamalan, tra genere ed autorialità Relatore Ch.mo Prof. VALERIO CAPRARA Correlatore Ch.mo Prof. PAOLO AMALFITANO Candidata MARIA ROSARIA BORRELLI Matr. SCC/269 Anno Accademico 2010/2011

Durata 101 min. Budget 750.000 dollari Incasso 1.400.000 dollari Riconoscimenti: Venne selezionato dalla New York Foundation of the Arts e proiettato per una settimana al Village East Cinema di New York; fu premiato nel luglio del 1993 dall’American Film Institute di Los Angeles come miglior film d’esordio e riscosse successo al Toronto Film Festival, dove fu proiettato il 15 settembre dello stesso anno.

Estratto2 - Praying With Anger  

Estratto n. 2 dalla tesi specialistica "M. Night Shyamalan tra genere ed autorialità"

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you