Issuu on Google+

PROGRAMMA  AMMINISTRATIVO  2013  -­‐  2018  

  POMEZIA   MOVIMENTO  5  STELLE  -­‐  BEPPEGRILLO.IT  

 


1.  Rilancio  dell'economia:  favorire  l'incontro  e  la  sinergia  tra  giovani  Imprese  

Identificare  uno  o  più  spazi  di  proprietà  del  Comune  di  Pomezia  da  dedicare,  attraverso   ristrutturazione  e  iniziativa  diretta,  alla  creazione  di  un  incubatore  di  giovani  imprese  (Start-­‐ up)  dove  ospitarle  nella  fase  di  avvio  favorendone  la  collaborazione  e  lo  sviluppo  iniziale.    

2.  Favorire  la  partecipazione  dei  Cittadini  di  Pomezia  alla  vita  politica  istituzionale   Le  proposte  di  iniziativa  popolare  dovranno  essere  discusse  con  priorità  in  consiglio   comunale.  Per  incentivare  la  presentazione  di  tali  proposte  abbasseremo  la  soglia  delle  firme   necessarie,  raccolte  tra  gli  iscritti  alle  liste  elettorali,  a  500.    

3.  Riorganizzazione,  miglioramento  e  trasparenza  dei  servizi  sociali   Garantire  il  diritto  all'accesso  dei  servizi  senza  nessuna  discriminazione  riguardo  sesso,  razza,   lingua,  religione  e  opinioni  politiche,  con  particolare  attenzione  ai  cittadini  di  Pomezia  che  si   trovano  nelle  condizioni  di  maggiore  disagio  sociale.  Imparzialità  e  continuità  nell'erogazione   dei  servizi,  stimolando  e  valorizzando  anche  la  partecipazione  attiva  del  cittadino  attraverso   associazioni  di  volontariato,  organizzazioni  pubbliche  o  private.    

4.  Rifiuti:  estensione  della  raccolta  differenziata  "porta  a  porta"  

La  raccolta  differenziata  Porta  a  Porta    va  estesa  a  tutto  il  territorio  in  quanto  rappresenta   l'unico  strumento  efficace  per  la  separazione  della  frazione  "umida"  dei  rifiuti  (tipicamente   scarti  alimentari)  da  quella  secca  (plastica,  vetro,  ecc.).  Essa  consente  il  recupero  dei  materiali   fino  ad  oltre  il  90%  riducendo  drasticamente  la  necessità  di  ricorrere  alle  discariche  e  agli   inceneritori  (che  qualcuno  chiama  impropriamente  "termovalorizzatori")  e  consentendo  un   notevole  risparmio  sui  costi  di  conferimento  in  discarica  dei  rifiuti.  Inoltre,  tramite  la  raccolta   differenziata,  sarà  possibile  ottenere  un  ricavo  dalla  vendita  dei  materiali  differenziati  ai   consorzi  che  si  occupano  del  recupero  di  tali  materiali.    

5.  Tutela  e  valorizzazione  del  patrimonio  storico-­‐archeologico:  fruizione  pubblica  e   promozione  di  percorsi  turistici  

Porre  l’attenzione  sul  patrimonio  culturale  e  sulle  radici  storiche  ha  l’obiettivo  di  infondere   nei  cittadini  di  Pomezia  un  senso  di  identità  e  di  collettività  incrementando  anche  i  flussi   turistici.  La  tutela  e  la  valorizzazione  saranno  attuate  tramite:  accessibilità  ai  monumenti  del   territorio  (Villa  romana  di  Via  Siviglia,  XIII  Altari,  ecc.);  visite  guidate;  lezioni  tematiche  nelle   scuole;  studi,  censimenti  e  salvaguardia  dei  beni  in  pericolo  (es.  Sistema  delle  torri  di  Santa   Palomba);  promozione  e  integrazione  di  turismo  culturale,  balneare  e  agrituristico  tramite   potenziamento  del  sito  internet  del  comune  con  notizie  culturali  ed  itinerari  (anche  in  lingua   straniera).    

6.  Città  e  territorio  più  sicuri  e  accessibili  a  tutti,  in  primis  all'utenza  debole,  e  garanzia   del  diritto  alla  mobilità  in  tutte  le  sue  forme,  privilegiando  i  servizi  pubblici  e  la  mobilità   alternativa.   Va  garantito  il  diritto  a  spostarsi  liberamente,  senza  disagio  per  sé  e  per  gli  altri,  ad  ogni   persona  al  di  fuori  dell'età  e  del  suo  stato  fisico.  Compito  dell'amministrazione  di  Pomezia  


sarà  quello  di  soddisfare  le  diverse  esigenze  di  mobilità  e  sicurezza  in  spazi  qualificati  e  non   degradati.  Il  bambino,  l'anziano,  il  disabile,  il  ciclista,  devono  sentirsi  artefici  della  città  e  non   ospiti.  Eliminazione  delle  barriere  architettoniche,  interventi  per  la  moderazione  del  traffico   cittadino,  creazione  di  una  rete  ciclabile,  saranno  fra  gli  interventi  da  adottare  per  migliorare   la  vivibilità  del  nostro  territorio    

7.  Valorizzazione  del  litorale  di  Torvajanica:  dune,  spiagge  e  mare  beni  comuni   Uscire  dall'emergenza  erosione  con  interventi  di  ri-­‐naturazione  delle  dune,  redazione  di  piani   di  spiaggia  per  l'utilizzo  e  la  manutenzione  sostenibile  dell'arenile,  regolamentazione  della   pesca  e  destinazione  di  aree  ai  pescherecci.  È  necessario  intervenire  il  più  presto  possibile,   affinché  i  costi  siano  limitati  e  i  futuri  rimedi  non  diventino  ancora  più  impattanti  sotto  il   profilo  ambientale  e  onerosi  sotto  quello  economico.   A  tutela  futura  della  costa  occorre  istituire  il  "Monumento  naturale  Dune  di  Torvajanica"  in   modo  da  stabilire  vincoli  più  stringenti  per  qualsiasi  opera,  in  particolare  urbanistica,  che   venga  pensata  in  futuro  sul  litorale.  Verifica  della  fruibilità  degli  accessi  pubblici  alla  spiaggia.    

8.  Verifica  delle  convenzioni  urbanistiche  in  essere  al  fine  di  recuperare  opere  destinate   alla  collettività  

In  passato  l'amministrazione  comunale  ha  rilasciato  diverse  concessioni  edilizie  stipulando   delle  convenzioni  che  avrebbero  dovuto  garantire  la  realizzazione  di  interventi   infrastrutturali  e  opere  di  urbanizzazione  secondaria  (scuole  ed  asili,  campi  sportivi,  ecc.).  Ci   impegniamo  a  verificare  che  le  convenzioni  in  essere  siano  state  rispettate  e  ad  intervenire,  in   caso  contrario,  coinvolgendo  le  autorità  preposte.    

9.  Bilanci  comunali  trasparenti,  leggibili  e  comprensibili   Pubblicazione  sul  sito  istituzionale  del  comune,  in  forma  leggibile  e  semplificata,  con  modalità   di  accesso  immediata  e  consultazione  semplice,  di  tutti  i  dati  relativi  al  bilancio  consuntivo  e   previsionale  comunale  e  delle  aziende  partecipate.  Saranno  inoltre  resi  pubblici:  il   programma  economico  triennale  ed  il  relativo  stato  di  attuazione,  i  nominativi,  i  curricula,  le   retribuzioni  e  la  posizione  patrimoniale  dei  dirigenti,  dei  titolari  di  posizioni  organizzative,  dei   consiglieri  comunali  e  di  tutti  coloro  che  rivestono  incarichi  di  indirizzo  politico   amministrativo.     Tutti  i  cittadini  potranno  sapere  chiaramente  e  semplicemente  come,  dove  e  quando  vengono   spesi  e  ricavati  i  soldi  del  comune  di  Pomezia.   Tutti  i  cittadini  potranno  conoscere  e  valutare  il  merito  di  chi  amministra  il  comune  di   Pomezia.    

10.  Eliminazione  degli  sprechi  per  fornire  maggiori  servizi  ai  cittadini   Eliminazione  di  tutte  le  spese  superflue  ed  eccessive  che  pesano  in  maniera  sostanziale  sul   bilancio  comunale,  quali  le  spese  postali,  le  spese  telefoniche,  la  cancelleria  e  gli  affitti.   A  titolo  di  esempio  nel  bilancio  2012  le  spese  postali  risultavano  essere  €  200.000,00  come   quelle  telefoniche,  che,  nell’era  della  diffusione  informatica  di  tutte  le  corrispondenze  da  e  per   il  Comune,  risultano  decisamente  eccessive.   Ogni  spesa  risparmiata  andrà  a  vantaggio  dei  servizi  ai  cittadini,  per  rendere  la  città  più  a   misura  d’uomo,  vivibile,  sicura  e  sana.    


11.  Sensibilizzazione,  promozione  ed  incentivazione  di  pratiche  a  tutela  dei  diritti  degli     animali  

L’amministrazione  sarà  in  prima  linea  per  la  tutela  degli  animali.  Pertanto  ritiene  di  dover   sensibilizzare,  promuovere  ed  incentivare  l’adozione  dei  randagi  catturati  ed  ospitati  presso  il   canile  di  Pomezia,  nonché  di  quei  cani  rinvenuti  feriti  e/o  ammalati  sul  territorio  comunale   affidati  momentaneamente  in  cura  ai  veterinari  libero-­‐professionisti.  Come  misura  iniziale,  si   proporrà  l’assegnazione  di  un  buono  una  tantum  a  chiunque  adotti  in  modo  definitivo  uno  dei   cani  sottoposti  alla  custodia  del  comune.    

12.  Sostegno  dello  Sport  e  dei  suoi  valori   Sviluppo  dell'attività  sportiva  amatoriale  e  sostegno  delle  eccellenze  sportive  agonistiche   locali,  attraverso  il  patrocinio  di  manifestazioni  e  gare,  lo  sviluppo  d’iniziative  ed  eventi  nelle   scuole  di  Pomezia.  Riqualificazione  e  valorizzazione  dei  campi  polivalenti  e  di  tutte  le   strutture  sportive  comunali  come  strumento  di  promozione  e  diffusione  dello  sport  e  dei  suoi   valori.    

13.  Mensa  scolastica  sostenibile  -­‐  riorganizzazione  del  servizio  per  favorire  l'economia   locale,  minimo  impatto  ambientale  e  corretta  educazione  alimentare  

E'  fondamentale  sviluppare  una  filiera  corta  che  permetta  un  ritorno  in  termini  di  economia   per  il  nostro  territorio,  utilizzando  preferibilmente  prodotti  biologici,  di  stagione  e  a  km  0.  E'   necessario  rendere  questo  servizio  sostenibile  eliminando  dove  possibile  le  bottigliette  di   plastica  in  favore  dell'erogazione  diretta  dell'acqua  pubblica,  e  sostituendo  progressivamente   le  stoviglie  monouso  con  quelle  riutilizzabili.  La  scuola  inoltre  è  un  luogo  di  educazione,   confronto  e  crescita  dove  è  possibile  ed  opportuno  promuovere  progetti  di  educazione   alimentare  rivolti  al  consumo  di  frutta  e  verdura,  ed  alla  creazione  di  orti  scolastici.    

14.  Eccellenze  del  nostro  territorio:  istituzione  della  Riserva  Naturale  della  Sughereta  di   Pomezia  

Ci  impegneremo  a  promuovere  presso  la  Regione  Lazio  l’istituzione  di  una  riserva  naturale   per  salvaguardare  il  valore  ambientale,  naturalistico  e  paesaggistico  dell’area,  formalizzando   la  richiesta  alla  Regione  Lazio  di  istituzione  ad  Area  Protetta.    

15.  Arrestare  la  cementificazione:  previsione  di  un  nuovo  PRG  con  l'istituzione  di  una   commissione  tecnica  specifica  

La  nostra  azione  nel  campo  dell'urbanistica  deve  essere  inquadrata  all'interno  di  un  progetto   più  vasto  di  riassetto  del  territorio,  che  ne  valorizzi  le  peculiarità,  tutelandone  le   caratteristiche  ambientali  e  che  punti  ad  uno  sviluppo  locale  sostenibile.  Gli  interventi   saranno  inseriti  in  una  logica  di  salvaguardia  del  territorio  ed  orientati  alla  tutela  del  verde   pubblico  e  alla  prevenzione  di  rischi  idrogeologici.  In  quest'ottica  ci  impegniamo  ad  istituire   una  commissione  tecnica  specifica  per  la  realizzazione  di  un  nuovo  Piano  Regolatore  Generale   per  la  Città  di  Pomezia  che  metta  in  risalto  le  esigenze  della  collettività.    


16.  Sostenere  i  comportamenti  virtuosi:  la  Carta  del  cittadino  

La  carta  sarà  un  servizio  dedicato  ai  cittadini  di  Pomezia.  Il  progetto  lega  sistemi  di   valutazione  del  virtuosismo  del  cittadino  (premiato  con  punti)  e  attività  commerciali  locali  o   servizi  comunali  (bus,  bike  sharing,  ecc.)  nelle  quali  spendere  i  punti  cumulati.    

17.  Istituzione  del  Mercato  Delle  Produzioni  ed  artigianato  locali   Realizzazione  di  un  mercato  cittadino  per  incentivare  l'acquisto  di  prodotti  del  territorio  di   Pomezia,  favorendo  lo  sviluppo  delle  aziende  ed  artigiani  locali  e  l'interazione  diretta  tra   produttore  e  consumatore,  evitando  costi  di  intermediazione  e  conservazione  ed  abbattendo   drasticamente  trasporti  ed  imballaggi.    

18.  Bilancio  partecipato  

Promozione  della  partecipazione  dei  cittadini  alla  stesura  del  bilancio  comunale  tramite  la   presentazione  di  proposte  che  evidenzino  le  priorità  della  comunità.  Attraverso  la   condivisione  i  cittadini  potranno  interagire  con  l'Amministrazione  del  Comune  di  Pomezia   sulla  finalità  degli  investimenti  pubblici.  Questa  partecipazione  si  esplicherà  sia   telematicamente  che  con  schede  cartacee  per  consentire  ad  ogni  cittadino  la  totale   accessibilità  al  servizio.  Il  bilancio  partecipato  consente  di  realizzare  una  concreta  apertura   dell'Istituzione  Comunale  alla  partecipazione  diretta  e  getta  le  basi  per  mettere  in  atto  un   rapporto  costruttivo  fra  i  cittadini  di  Pomezia  e  il  governo  della  città.    

19.  Pubblicazione  on  line  dei  servizi  resi  alla  cittadinanza  al  fine  di  monitorare  le  attività   svolte  ed  ottimizzare  l'organizzazione  Amministrativa   Tutti  i  servizi  resi  ai  cittadini  dal  Comune  di  Pomezia,  sia  attraverso  rapporti  di  dipendenza   che  di  collaborazione,  dovranno  essere  pubblicati  sul  sito  del  Comune  per  poter  essere   monitorati  e  valutati  per  il  miglioramento  e  l’ottimizzazione  delle  risorse  e  delle  funzionalità   dell'organizzazione  amministrativa.    

20.  Riordino  degli  orari  e  dei  percorsi  del  servizio  bus  urbano  ed  extraurbano,  secondo  le   reali  esigenze  dei  cittadini  di  Pomezia  

Vanno  incentivati  gli  spostamenti  su  mezzi  di  trasporto  collettivi.  Il  nostro  territorio  è   attraversato  da  numerosi  percorsi  di  bus  extraurbani.  L'amministrazione  studierà  e   sottoporrà  alla  Regione  Lazio  miglioramenti  che  vadano  a  risolvere  situazioni  di  linee  che   quasi  mai  si  incontrano  nello  stesso  punto,  con  orari  non  coincidenti  e  fermate  fatiscenti  e  non   attrezzate.  Razionalizzazione  del  servizio  bus  comunale  per  evitare  sprechi  e   malfunzionamenti.  Incentivazione  e  promozione  online  del  car  pooling  (condivisione  dell'auto   contribuendo  alle  spese)  soprattutto  per  il  raggiungimento  di  nodi  di  scambio  (esempio   quello  della  Stazione  Ferroviaria  di  S.  Palomba).    

21.  Riqualificazione  di  edifici  abbandonati  ed  "ecomostri"  per  scopi  di  pubblica  utilità  e   sedi  condivise  per  associazioni  

Impegno  a  riqualificare  gli  edifici  di  competenza  comunale  non  utilizzati  in  strutture  di  utilità   pubblica  nel  perseguimento  dell’interesse  collettivo  e  valorizzazione  dell’associazionismo   come  miglioramento  della  qualità  della  vita.  Promozione  di  interventi  su  aree  ed  edifici  privati   abbandonati  per  iniziative  di  utilità  comune  come  ad  esempio  campi  sportivi,  aree  ricreative  


per  persone  ed  animali,  centri  di  unione  sociale,  giovanile,  per  la  terza  età  e  diffusione   culturale.    

22.  Operazione  mare  pulito   Verifica  dello  stato  dei  depuratori  presenti  nel  territorio  comunale  e  del  loro  sistema  di   scarico  dei  liquami  trattati,  sia  relativamente  agli  impianti  di  smaltimento  nei  fossi,  che  per   quelli  che  avvengono  tramite  le  condotte  sottomarine,  con  valutazioni  accurate  sull'impatto   ambientale  dei  complessi  stessi,  per  gli  effetti  sull'ecosistema  e  la  balneazione  della  costa.   Promuoveremo  ed  incentiveremo,  dovunque  sia  possibile,  gli  impianti  di  fitodepurazione   delle  acque  reflue  anche  a  integrazione  e  completamento  della  depurazione  tradizionale.    

23.  Riduzione  delle  consulenze  esterne  e  istituzione  dell'albo  dei  beneficiari   Attraverso  l'emanazione  di  un  regolamento  si  stabiliranno  criteri,  modalità  e  limiti  di   attribuzione  delle  consulenze  e  delle  collaborazioni  esterne  con  lo  scopo  di  ridurne  le  spese.   Qualora  fosse  necessario  affidare  un  incarico  ad  un  soggetto  estraneo  all'amministrazione  la   scelta  si  baserà  su  principi  di  buon  andamento,  economicità,  imparzialità  e  trasparenza.   L'albo  dei  beneficiari  conterrà  le  informazioni  relative  a  tutti  i  soggetti  che  hanno  ricevuto   proventi  e  benefici  a  qualsiasi  titolo  da  parte  del  Comune  indicandone  la  denominazione,   l'importo  erogato,  il  tipo  di  erogazione  e  l'atto  amministrativo  che  autorizza  il  contributo  o  il   beneficio.    

24.  Acqua  pubblica  certificata  e  monitorata  

Promuoveremo  la  pubblicazione  costante  delle  analisi  dell’acqua  distribuita  dall’acquedotto   di  Pomezia.  Ci  faremo  promotori  dell’uso  di  quest’ultima  all’interno  degli  edifici  comunali.   In  previsione  della  scadenza  della  concessione  ad  Edison  nel  2018,  avvieremo  l’iter  per  la  ri-­‐ pubblicizzazione  dell’acqua,  così  come  avvenuto  a  Parigi  e  Berlino  e  come  sta  avvenendo  a   Napoli,  Palermo,  Torino  e  Reggio  Emilia.    

25.  Catalogo  Delle  Attività  Artigianali  di  Pomezia   Ci  sono  figure  professionali  in  via  di  estinzione  e,  in  quanto  tali,  devono  essere  attivate  tutte  le   azioni  possibili  per  tutelarle  nonché  pubblicizzarne  l'esistenza  sul  territorio.  Il  Comune  di   Pomezia  si  pone  come  interlocutore  attivo  e  propone  un  catalogo  che  raccolga  le  realtà   artigiane  esistenti  e  si  impegna  a  divulgare  la  loro  qualità  con  gli  strumenti  cartacei  ed   informatici  come  sito  web,  social  network  ed  eventi  periodici.    

26.  Adeguamento  dei  Regolamenti  “Impianti  Pubblicitari”  e  “Aree  Pubbliche”  alla   normativa  vigente  

Una  giusta  regolamentazione  degli  impianti  pubblicitari,  oltre  ad  evitare  un  uso  selvaggio  di   cartellonistiche  fisse  e  temporanee,  gioverà  alle  casse  del  Comune  di  Pomezia  grazie  ad  una   corretta  applicazione  degli  oneri  concessori.   Lo  stesso  vale  per  il  regolamento  delle  aree  pubbliche  (mercati,  fiere,  piazzole  di  sosta  per   ambulanti  etc.)  obsoleto  e  ormai  non  più  in  linea  con  la  normativa  vigente.    


27.  L'ambiente  a  tutela  della  salute,  registro  tumori  e  prevenzione  primaria  

Dovrà  essere  promossa  la  Prevenzione  Primaria  attraverso  l’eliminazione  dei  fattori  di  rischio   e  l’informazione  corretta  ai  cittadini  del  territorio  per  quelli  non  immediatamente  eliminabili:     • Promuovere  l'istituzione  di  un  Registro  Tumori;   • Sollecitare  le  autorità  competenti  ad  una  verifica  approfondita  delle  cause  di   inquinamento  delle  acque  superficiali  e  di  falda  al  fine  di  rimuovere  tali  cause;   • Aggiornare  e  rendere  pubblica  la  mappa  della  presenza  del  gas  radon  ed  indicare  le   possibili  soluzioni  o  accortezze  ai  cittadini;   • Verificare  i  siti  industriali  dismessi  per  il  controllo  di  eventuali  sostanze  nocive   abbandonate;   • Combattere  gli  incendi  non  autorizzati  di  materiale  tossico  e  dei  rifiuti  urbani;   • Incentivare  e  sostenere  l’agricoltura  biologica  priva  di  pesticidi.    

28.  Recupero  dei  tributi  evasi   Il  Comune  di  Pomezia,  oltre  alle  necessarie  azioni  di  recupero  dei  tributi  locali,  attraverso  gli   strumenti  messi  a  disposizione  dalla  legge  potrà  partecipare  attivamente  al  recupero  delle   tasse  evase  dovute  allo  Stato  e  incassare  le  somme  così  riscosse  (in  attuazione  di  una  recente   legge  nazionale).  Per  esempio,  per  contrastare  il  fenomeno  degli  affitti  in  nero,  si  potranno   utilizzare  i  dati  raccolti  dalla  polizia  municipale  durante  il  controllo  delle  residenze   anagrafiche  e  incrociarli  con  i  dati  delle  utenze  e  di  quelli  in  possesso  dell'Agenzia  delle   Entrate.  Le  somme  così  recuperate  potranno  essere  utilizzate  per  alleggerire  la  pressione   fiscale  sui  cittadini  virtuosi  e  per  migliorare  i  servizi.    

29.  Istituzione  degli  orti  urbani  

Verranno  messi  a  disposizione  dei  cittadini  appezzamenti  di  terreno,  con  l’obbiettivo  di   favorire  un  utilizzo  di  carattere  ricreativo,  destinato  alla  sola  coltivazione  di  ortaggi,  frutti  e   fiori  ad  uso  del  concessionario.     L’assegnazione  risponde  a  diversi  obiettivi  per  la  città:  Riqualificazione  di  aree  di  territorio   inutilizzate,  Funzione  sociale,  Funzione  didattica,  Funzione  ambientale  e  Funzione  educativa.   L’idea  che  ci  spinge  è  quella  di  un  mondo  diverso,  più  pulito,  più  solidale,  più  sincero.    

30.  Progetto  del  Piano  Educativo  Territoriale  per  riconoscere  l'identità  locale  e   promuovere  il  senso  di  appartenenza  al  territorio  

Il  progetto  del  Piano  Educativo  Territoriale  si  pone  come  obiettivo  quello  di  costituire  una   vera  comunità  nella  quale  si  deve  mettere  al  centro  la  conoscenza  del  territorio,  del  suo   patrimonio  e  delle  sue  risorse.  Sarà  avviata  una  interazione  con  i  comuni  limitrofi  per  creare   uno  sviluppo  economico  dell’Industria  Turistica  Locale,  andando  ad  intercettare  i  grandi  flussi   del  turismo  internazionale  con  la  proposta  di  itinerari  culturali  che  richiameranno   l’attenzione  sul  nostro  territorio.    

31.  Regolamentazione  dell'installazione,  monitoraggio,  controllo  e  razionalizzazione   delle  antenne  di  telefonia  mobile  per  minimizzare  il  rischio  di  esposizione   all'inquinamento  elettromagnetico  

Nel  Comune  di  Pomezia,  ad  oggi,  manca  un  regolamento  comunale  che  indichi  le  direttive  in   termini  di  insediamento  urbanistico  e  territoriale  degli  impianti,  che  si  occupi  di  minimizzare  


l’esposizione  ai  campi  elettromagnetici.  Di  conseguenza,  verranno  eseguiti  studi  e  analisi  con   l’obiettivo  di  redigere  una  regolamentazione  efficace  a  tutela  della  collettività.  

32.  Scuole  “aperte”  per  sviluppare  attraverso  il  gioco:  la  multiculturalità,  la  conoscenza   del  patrimonio  storico  e  naturalistico  della  città,  la  corretta  alimentazione,  il  riciclo  dei   "materiali  di  scarto"   Il  gioco  è  una  cosa  seria.  L’ambiente  scuola  può  diventare,  con  l’aiuto  dei  genitori  e   associazioni,  palestra  di  vita,  utilizzando  la  naturale  propensione  dei  bambini  al  gioco  per   formarli  al  rispetto  del  territorio,  delle  risorse,  delle  tradizioni,  di  se  stesso  e  degli  altri.    

33.  Istituzione  del  Parco  della  vita   Per  ogni  lieta  ricorrenza  ogni  cittadino  potrà  piantare  un  albero,  con  tanto  di  targa   commemorativa.  Sarà  il  luogo  dell’identità  e  del  legame  tra  le  generazioni  e  il  territorio,  tra  i   residenti  e  coloro  che  sono  dovuti  emigrare.  La  gestione  del  PARCO  DELLA  VITA,  di  proprietà   comunale,  sarà  affidata  ad  una  associazione  ambientalista.  I  commercianti  virtuosi,  segnalati   poi  dal  comune,  possono  contribuire  dedicando  un  albero  al  cliente,  tramite  completamento   di  tessera  a  punti.    

34.  Sviluppo  delle  energie  rinnovabili  e  risparmio  energetico   La  nostra  linea  politica  si  basa  sul  coniugare  sostenibilità  ambientale  e  fabbisogno  energetico.   Questo  ambizioso  obiettivo,  oltre  ad  essere  di  estrema  importanza,  consentirà  al  nostro   territorio  di  essere  sempre  meno  dipendente  dalle  fonti  di  energia  e  quanto  più   autosufficiente.  Per  quanto  possibile,  il  fabbisogno  energetico  comunale  verrà  ricercato  in   fonti  esclusivamente  rinnovabili  e  sostenibili,  in  modo  da  massimizzare  i  vantaggi  sotto   diversi  aspetti:  ambientale,  economico  e  sanitario.     Contrasto  dell’inquinamento  luminoso  in  applicazione,  anche  in  ambito  privato,  legge   regionale ��13  Aprile  2000  n.  23  e  successivo  regolamento  emanato  il  18  Aprile  2005.   Ci  impegneremo  inoltre  ad  eliminare  la  tassa  sui  diritti  di  segreteria  imposta  attualmente  per   l’installazione  di  pannelli  fotovoltaici  sugli  edifici  privati.    

35.  Repressione  degli  abusi  di  cartellonistica  e  manifesti  e  salvaguardia  del  decoro   urbano   E’  ormai  sotto  gli  occhi  di  tutti  la  totale  invasione  del  nostro  territorio  ad  opera  dei  cartelloni   “pubblicitari”.  Dalla  pubblicità  commerciale  all’Imbrattamento  elettorale,  siamo  alla  totale   mercé  di  cartellonistica  per  lo  più  abusiva.  Quindi  il  nostro  obiettivo  sarà  quello  di   salvaguardare  il  paesaggio,  togliere  ostacoli  per  la  circolazione  all’utenza  debole,  colpire  gli   imbrattatori  e  i  loro  committenti  e  ripristinare  la  legalità  anche  grazie  all’iniziativa  già  portata   dal  M5S  in  Comune  del  DECORO  URBANO,  ossia  un  portale  che  consenta  il  tracciamento  delle   segnalazioni  di  anomalie  ambientali  provenienti  dai  cittadini  ottenendo  così  un  duplice   vantaggio:  i  cittadini  possono  partecipare  al  processo  di  controllo  del  territorio  e   l’amministrazione  trae  vantaggio  dall’adozione  di  un  sistema  informatico  di  gestione  delle   segnalazioni  a  costo  zero.    

36.  Rivalutazione  dei  giardini  pubblici  e  istituzione  del  Parco  della  Valle   Preservare  il  decoro  dei  giardini  e  parchi  affidandoli  alla  sorveglianza  e  gestione  di  giovani   residenti  per  incentivarli  a  considerare  lo  spazio  pubblico  come  la  propria  casa.  Avviando  poi   lo  studio  e  la  fattibilità  per  la  realizzazione  del  Parco  della  Valle  (tra  la  Via  Pontina,  Via  della  


Tecnica  e  la  scuola  Marone)  e  il  restauro  del  centro  storico  del  ’39  e  dei  suoi  giardini  di  Piazza   Indipendenza,  proposta  arricchita  tra  l’altro  da  una  raccolta  firme  da  parte  di  500  cittadini.    

37.  Progetto  di  ripopolazione  di  flora  e  fauna  marina   Valutazione  sui  benefici  ambientali  e  sui  vantaggi  economico-­‐turistici  conseguenti   all'eventuale  posizionamento  di  barriere  artificiali  sommerse,  con  l'obiettivo  primario  del   ripopolamento  ittico/alieutico,  e  annesse  funzioni  di  deterrente  anti  strascico  e  contrasto   all'erosione  costiera;  questo  anche  in  previsione  dei  finanziamenti  regionali/comunitari,   previsti  per  l'anno  2014  e  successivi.    

38.  Riduzione  degli  imballaggi  

Ci  faremo  promotori  di  iniziative  che  coinvolgano  i  commercianti  per  avviare  o  potenziare  la   vendita  di  prodotti  sfusi  e  dove  non  sia  possibile  utilizzare  quantomeno  imballaggi   ecostenibili.  Favorire  l'utilizzo  di  materiali  e  stoviglie  riutilizzabili  nelle  mense  e  tavole  calde.  I   supermercati  e  i  centri  commerciali  sono  pieni  di  prodotti  i  cui  imballaggi  sono  per  lo  più   inutili.  Le  aziende  produttrici  “gonfiano”  contenitori,  scatole,  sacchetti  ed  altro  per  invogliare   all’acquisto  i  consumatori,  seguendo  dannose  logiche  di  marketing.  Questa  pratica  scorretta   danneggia  gravemente,  in  alcuni  casi  in  modo  irreparabile,  l’ambiente.    

39.  Trasparenza  e  meritocrazia  nell'affidamento  dei  lavori  pubblici   Introduzione  di  criteri  di  valutazione  del  merito  e  della  qualità  delle  opere  eseguite  nelle  gare   di  appalto  e  negli  affidamenti  diretti,  privilegiando  le  aziende  virtuose  e  locali.  Pubblicazione   online  degli  affidamenti  con  l’indicazione  della  valutazione  qualitativa  dei  lavori  eseguiti.   Definizione  precisa  delle  responsabilità  e  delle  penali  nei  capitolati  di  appalto  con  pagamento   in  funzione  del  collaudo  dell’opera.    

40.  Istituzione  di  una  commissione  comunale  specifica  con  l'obiettivo  di  interagire  con  le   istituzioni  dei  comuni  limitrofi,  provincia  e  Regione.   Promuovere  il  dialogo  e  la  collaborazione  con  le  amministrazioni  dei  comuni  limitrofi,   Provincia  e  Regione  per  affrontare  le  problematiche  urbane  che  sono  presenti  nel  territorio.   L'  immediata  attenzione  a  queste  problematiche  può  migliorare  e  velocizzare  il  recupero   infrastrutturale  del  territorio,  lo  sviluppo  economico  e  sociale.    

41.  Informazione  Anti  Usura  Bancaria   Creare  un  servizio  on  line  per  dare  informazioni  circa  la  pratica  dell'usura  bancaria  al  fine  di   evitare  provvedimenti  fallimentari  e  pignoramenti  da  parte  di  Equitalia.  Diffusione  delle  Leggi   108/96  (Antiusura),  44/99  (Antiestorsione)  e  3/2012  (sovraindebitamento),  per  informare   cittadini  e  imprese  sui  rischi  derivanti  dai  debiti  incontrollati.     La  legge  prevede,  appurato  il  tasso  usuraio,  la  sospensione  immediata  per  3  anni  dei   pagamenti  di  debiti  verso  le  Banche,  sblocco  dei  beni  pignorati,  rinegoziazione  dei  mutui  a   fondo  perduto  e  la  cancellazione  dalla  centrale  dei  rischi.  


Programma elettorale 2013-2018