Issuu on Google+

GR CO AT PI UIT A A

Speciale Gumball 3000

ITALIA

06

La gara riservata alle supercar più assurda del mondo

Anno 1 - Luglio - Agosto 2012

n i t r r e a t s M d a n o o t As Vantage R V12

AIR UTIVE C E X E Novità

LA PROVA

500 C Abarth

Ovvero il diavolo veste Fiat: un concentrato di potenza e simpatia a cielo aperto sotto il segno dello Scorpione

• • • • • • • •

Aston Martin Vanquish Ferrari F12 Berlinetta Puritalia 427 BMW Serie 3 Touring Audi RS4 Avant Nissan Juke Nismo Opel Astra OPC Seat Leon 2013

• • • • • • • • •

Fiat 500L Skoda Rapid Renault Clio Renault Laguna Coupé 1.5 dCi Toyota Prius + Mercedes Classe A Dacia Dokker Mini Clubvan Opel Adam


Sommario

ITALIA

t a i F e t u n i m t s ! a o l o L v l a e r e d n e r p a d i Occasion

Motors Italia (redazione@motors-italia.com) Anno 1 - numero 6 luglio/agosto 2012 Mensile a diffusione gratuita Autorizzazione Tribunale di Milano n. 572 del 25 novembre 2011 Editore GRAF Communications srl Via Chialamberto, 4 – Torino grafcommunications@e-mailcerta.com Direttore responsabile Germano Longo (g.longo@motors-italia.com)

WWW

4 6 14

LA STORIA

SPECIALE Goodwood Festival of Speed

LA PROVA

500C Abarth

NOVITÀ

Aston Martin V12 Vantage Roadster Aston Martin Vanquish Ferrari F12 Berlinetta Puritalia 427 BMW Serie 3 Touring Audi RS4 Avant Nissan Juke Nismo Opel Astra OPC Seat Leon 2013 Fiat 500L Skoda Rapid Renault Clio

Direttore editoriale Piero Abrate Servizi fotografici Fulvio Longo

Le immagini delle auto sono solo indicative.

Grafica e impaginazione Monica Placanica Stampa Arte & Coop. Via Aldo Moro, 14 Tortona (AL)

Renault Laguna Coupé 1.5 dCi

Toyota Prius + Mercedes Classe A Dacia Dokker Mini Clubvan Opel Adam

Distribuzione e logistica Propaganda Italia Via Di Vittorio 30 - Liscate (MI) www.propagandaitalia.com Marketing e sviluppo commerciale Giovanni Monza Pubblicità pubblicità@motors-italia.com motors@motors-italia.com

L’avevamo detto, mesi fa: abbiamo parecchie idee che bollono in pentola, seguiteci e vedrete. E dopo un inevitabile periodo di rodaggio, la macchina ha iniziato a muoversi: da qualche giorno appena è online il nostro sito www.motors-italia.com. Per adesso si limita ad offrire – in modo totalmente gratuito, è bene chiarirlo per togliere ogni dubbio a chi ci scrive per chiederlo – l’intero archivio delle nostre uscite, a disposizione di tutti e senza chiedere nulla in cambio. Un passo necessario, che dovevamo alle migliaia di lettori che ci hanno scritto per dirci mandatemi il giornale via email, adesso finalmente liberi di spargere la voce a chiunque, in Italia come all’estero. E in fondo un passo necessario anche per noi, che non temendo l’edicola e nemmeno i costi tipografici, possiamo invadere il pianeta con tutte le copie che servono. Sì, perché è bene ricordarlo, ancora una volta: siamo la prima free press dedicata all’automobile, e anche online abbiamo scelto di conservare l’architettura tipica del giornale a cui tutti siamo abituati, con le pagine da sfogliare in modo elettronico, ma pur sempre uguali all’idea della rivista. E www.motors-italia.com non è che il primissimo passo: presto, quella che adesso è una home page diventerà un portale pieno zeppo di notizie, ad aggiornamento continuo. Ma senza mai dimenticare di mantenere ciò che abbiamo in mente dall’inizio: uno spazioedicola a disposizione di chi non ha tempo di cercare la copia cartacea, e preferisce leggersi quella elettronica. C’è una frase che a volte usiamo nelle nostre comunicazioni istituzionali e ci piace particolarmente, perché riassume il senso di tutta l’operazione Motors Italia: l’auto è una passione che non ha prezzo. Non deve averne e per quanto ci riguarda, non ne avrà mai.

Gumball 3000

16

Editoriale

26

MOVIE Le belve (Savages)

28 NEWS 30 COMIC ON BOARD Pagare per credere

Testi, foto, disegni e contenuti di questo numero non possono essere riprodotti, neppure parzialmente, senza l’autorizzazione dell’editore.

a d a m i l c n o Punto c 8.600 Euro

Fino a € 1.000 di extrabonus sulle vetture in pronta consegna escluse le versioni Lounge e AWD di Freemont.

16

Graf Communications srl è iscritta al R.O.C. (Registro degli Operatori della Comunicazione) dal 9 marzo 2012, numero 21987

SOLO ENTRO IL 31 LUGLIO SULLE VETTURE IN PRONTA CONSEGNA E FINO A € 1.000 DI EXTRABONUS SUL RESTO DELLA GAMMA. Offerta valida su Punto Pop 1.2 bz. 3p. con clima prezzo promo € 8.600 (IPT e contributo PFU esclusi), fino al 31.07.2012 con il contributo dei Concessionari. Consumi ciclo combinato 5,4 l/100km. Emissioni CO2 126 g/km.

6 C

www.fiat.it

M

Y

CM

MY

CY CMY

K

Germano Longo


STORIA Gumball 3000

NESSUNA REGOLA È LA GARA PIÙ FOLLE DEL PIANETA, AFFOLLATA DI VIP E RICCONI PERCHÉ PROMETTE ADRENALINA A MILLE E LUSSI DI VARIA NATURA. DA POCO È ANDATA IN SCENA L’EDIZIONE NUMERO 13: UN ALTRO SUCCESSO

dell’ordine, la mannaia della legge si abbatte implacabile sulla Gumball 3000 nel 1979, quando un misto di politici e opinione pubblica ne chiede la cancellazione per manifesta pericolosità. Silenzio fino al 1999, anno in cui Maximillion Cooper, imprenditore nonché fashion designer, rispolvera l’idea con una pennellata glamour in più fatta di party e notti lussuose che spalancano le porte ai ricchi, famosi e annoiati, quelli abituati a sborsare valigiate di dollari pur di sentire l’inebriante galoppata dell’adrenalina. Partecipano 50 equipaggi, con nomi come Billy Zane, Jason Priestley e Danii Minogue, chiamati a coprire un percorso che parte da Londra e arriva a Rimini, per poi tornare in Inghilterra dopo aver fatto tappa a Parigi. La voce si sparge in fretta, il numero di equipaggi cresce di volta in volta e i percorsi si adeguano alle

C

ome? Non avete mai sentito parlare della Gumball 3000? È una gara strana, particolare, che per lungo tempo ha viaggiato sul filo della legalità e ancor più spesso è stata vietata a causa di incidenti gravissimi che hanno coinvolto chi era alla guida ma anche soltanto chi aveva la sfortuna di passare da lì. Perché la Gumball 3000 va in scena su strade normalmente aperte al traffico, dove mostri su ruote con centinaia di CV sotto il cofano schizzano fra gente che va a far la spesa o a portare i bimbi a scuola. In genere spalmate su sei giorni di durata e 5000 km a velocità stratosferiche, con le polizie allertate e pronte a intervenire al minimo accenno di problema, le edizioni della gara più folle che c’è devono tutto all’impresa di Cannonball, soprannome di Erwin George Baker, pilota americano

4 _LUGLIO-AGOSTO 2012

richieste: da Londra a Copenaghen, passando per Berlino, San Pietroburgo, Helsinki e Stoccolma. Nel 2002, di colpo, si cambia scenario: gli States, la patria di Cannonball. Da New York i 175 equipaggi (fra cui la stilista Donna Karan, la supermodella Rachel Hunter e l’attore Matthew McConaughey) puntano a sud, in un misto di sacro e profano (Washington, la capitale, e la villa di Hugh Hefner, patron di Playboy), quindi Tennesse e Texas, poi di nuovo su verso Las Vegas e gran finale a Beverly Hills, su cui è meglio tacere. In seguito per le edizioni successive, sarà ancora un alternarsi fra Europa e USA, su percorsi studiati per tagliare in due interi continenti e sperare in bene. Quest’anno, per l’edizione numero tredici, i 120 equipaggi iscritti hanno sborsato 40mila dollari di iscrizione per poter seguire un percorso che prevedeva partenza da New York e arrivo a Los Angeles, con piccolissima puntata in Canada. Una gita fuoriporta, in confronto al resto.

a cui, nel 1933, venne la bislacca idea di attraversare il paese nel classico coast to coast, ma senza fermarsi e al massimo della velocità, impiegando 54 ore. L’idea stuzzica la follia americana e qualche decennio dopo, nel 1970, il periodico Car and Driver organizza la Cannonball Baker Sea To Shining Sea Memorial Trophy Dash, considerata la seconda edizione e andata a Dan Gurney, pilota di F1, a bordo di una Ferrari Daytona, capace di migliorare il record coprendo il percorso New York-Los Angeles in appena 35 ore. Da lì, tutto diventa discesa: nel 1976 escono a raffica nelle sale cinematografiche The Gumball Rally (La corsa più pazza del mondo), Cannonball, Cannonball Run (La corsa più pazza d’America) e Cannonball 2, tutti ispirati alla stessa idea di attraversare gli States senza badare a limiti e polizia. A proposito di forze

LUGLIO-AGOSTO aprile2012 2012

5


SPECIALE GOODWOOD

ZUPPA INGLESE

Da semplice raduno domenicale per famiglie, il britannico Festival of Speed è cresciuto fino a diventare un appuntamento che sa richiamare team, pubblico e case automobilistiche, che dall’altra parte della Manica hanno portato pezzi d’epoca e novità

TUTTE LE VOCI DELLA PASSIONE Al Festival of Speed di Goodwood non dimenticano nulla: auto d’epoca, rally, motor e off road. Il risultato è una full immersion lunga tre giorni nell’universo dei motori

C

hiamarlo salone non si può, sarebbe irriverente nei confronti di quelli veri, ma nemmeno raduno va bene, così come lascia perplessi ogni altra possibile definizione, passando dal vintage per finire allo show. Perché il Festival of Speed di Goodwood, tipica cittadina anglosassone tutta ordine e pecorelle sistemate a brucare il verde della contea del Sussex, è un po’ tutto insieme: raduno, show, spettacolo, gara e perché no, salone. Complice, certo, una data che coincide con la mancanza stagionale di appuntamenti fieristici di rilievo, ma anche la fama crescente di una kermesse che attira ogni anno di più pubblico, celebrità e case automobilistiche, sempre leste ad infilarsi dove gli occhi si contano a migliaia. Dettagli importanti, a cui va aggiunto il fascino del Circuito di Goodwood, uno dei templi

6 _LUGLIO-AGOSTO 2012

di automobilismo e motociclismo inglesi, nato sulle ceneri di un aeroporto militare utilizzato dalla Royal Air Force nella Seconda Guerra Mondiale. Ospitato nella spettacolare tenuta di Lord March, il Festival of Speed rappresenta una full immersion di tre giorni, dedicata agli amanti di tutto ciò che si muove a motore, visto che il fittissimo calendario degli eventi non scontenta mai nessuno: F1, rally, moto, aerei, auto d’epoca e off road. Ultima annotazione sulla curiosità che vuole ogni edizione dedicata ad un motto, un modo di vivere, una way of life, come dicono proprio loro, gli inglesi. Quest’anno, Goodwood era all’insegna del Young Guns, born to win, ovvero la celebrazione di giovani nati vincenti, carriere fulminanti di piloti nati uomini, a cui qualcuno lassù aveva regalato il talento di saper andare veloce, più degli altri.

LUGLIO-AGOSTO 2012

7


SPECIALE GOODWOOD

TUTTA ROBA TOSTA Ma il pezzo forte di Goodwood sono da sempre le gare ospitate sullo storico circuito, così prestigiose da richiamare interi team di F1 come Red Bull, Ferrari, McLaren, Mercedes e Catheram, che a loro volta si sono trascinati nomi in grado di dare il tutto esaurito alle biglietterie, visti i paddock ad ingresso libero: Vettel, Weber, Kovalainen, Rosberg, Hamilton e Rosberg, giusto per citarne qualcuno. A questi, vanno aggiunte vecchie glorie dell’automobilismo sportivo: Stirling

Moss, Alain Prost, Emerson Fittipaldi, Jackye Stewart, Nick Heidfeld. E poco lontano dal circuito, ricavato all’interno di una foresta, un tracciato da rally, per lasciare spazio ad altri nomi: Aaltonen, Wadelgaard, Jimmy McRae e Kankkunen. Non basta ancora, perché tradizionalmente un pensiero va anche agli amanti delle due ruote, che quest’anno hanno avuto di che sollazzarsi ammirando le evoluzioni di Kenny Roberts, Wayne Gardener e Troy Corser.

CONTINUA A CRESCERE!

ITALIA

F

a un po’ effetto, in tempi come questi, sentire i vertici Kia dichiarare che le richieste dei loro modelli superano la capacità produttiva necessaria per OLTRE soddisfarle tutte. Eppure, la A POTER RICHIEDERE LA PROPRIA COPIA ISCRIVENDOSI testimonianza che si tratti di ALL’INDIRIZZO ABBONAMENTI@MOTORS-ITALIA.COM ORA È ANCHE DISPONIBILE IL NOSTRO SITO un momento da incorniciare, malgrado l’Italia sia uno dei paesi dove l’auto soffre di AVE più, sta tutta nella velocità GOLD ACSK CE

GR co At Pi uit A A

JTDm e la Turbo Twin Air, ambedue con 85 CV, più due versioni della Giulietta: la Quadrifoglio Verde 1750 TBi da 235 CV e la 1.4 TB Multiair da 170 CV con cambio automatico a doppia frizione Alfa TCT. Riguardo al resto d’Europa, Audi ha scelto di dare ogni onore alla R18 e-tron quattro, prima ibrida ad aggiudicarsi la 24 Ore di Le Mans, mossa da un motore termico diesel (il V6 TDI da 510 CV) ed un elettrico MGU sistemato sull’asse posteriore, sviluppato con Bosch e in grado di sviluppare l’equivalente di 201 CV. Occhi puntati su Mercedes, che oltre alla SLS AMG GT Spider, ha calamitato l’attenzione sulla più recente evoluzione della Classe C, la C63 AMG Black Series, supercar con un V8 da 6,2 litri aspirato con 517 CV e 620 Nm, di cui alla faccia di ogni crisi, ha di recente comunicato la vendita completa dello stock di 800 esemplari previsti, malgrado i 140 mila euro di costo. All’appello non mancava nemmeno Peugeot, che in Inghilterra portato la 208 GTI concept mostrata a Ginevra e mossa da un 1,6 turbo a benzina con 200 CV e 275 Nm, e Renault, che in effetti non aveva palcoscenico migliore per mostrare la Alpine A110-50, interpretazione celebrativa di una delle icone assolute dei rally, tornata fra noi sottoforma di concept molto aggressiva in fibra di carbonio, ma sempre distinta dal tipico “blu” diventato un simbolo. Dietro al lunotto fa capolino il V6 da 3,5 litri con 24 valvole e 400 CV di potenza.

Speciale: Dall’America arriva transition, l’auto che vola: iL futuRo DeLLe NostRe stRADe hA messo Le ALi

Speciale Salone di Pechino SPECIALE Pamela Anderson S

SPECIALE Salone di Detroit

ITALIA ITALIA

1

Da al sa Dal salone della Grande Mela molti restyling e qual qualche novità dalle misure americane, ma più che altro un cauto ottimismo m

ITALIA

Tutte le novità della rassegna americana che apre la stagione dell’auto, tra crisi e speranza

3

ITALIA

04

Anno 1 - APRILE 2012 - copia gratuita

Novità Mercedes ML 63 AMG Jaguar XKR-S Cabrio Audi A1 Sportback Toyota GT 86 Volkswagen CC Opel Mokka Dacia Lodgy Range Rover Sport S

LA STORIA

INNO AL VENTO Andavamo agli Ottanta

LA PROVA Lancia Thema 3.0 Multijet 240 Hp Executive

Il decennio più edonista del secolo scorso celebrato con un tuffo nel passato fatto di musiche e auto che andavano allora

Il grande ritorno dell’ammiraglia italiana: l’erede di una tradizione del gruppo torinese con passaporto americano

febbraio 2012

1

Anno 1 - Giugno 2012

www.motors-italia.com

N 13der MCLARE 2C 20Spy MP4-1 sche 918

Novità Ferrari California Mercedes E 300 BlueTec Hybrid Audi A8 Hybrid Citroën C4 Aircross Mini Ray Line Renault Mégane Dacia Lodgy Seat Ibiza Kia cee’d te VW up up! 5 po porte Peugeot 208 8

Porsche Boxster 2012

05

Anno 1 - Maggio 2012 - copia gratuita

Anno 1 - FEBBRAIO 2012 - copia gratuita

DEMOLITION DERBY Tutti contro tutti

Tutte le novità dalla più importante kermesse automobilistica d’oriente

EVENTI E VE New York Auto Show

L’ex bagnina di Baywatch ha creato L’ un suo team: perché la vita va presa di petto, m ma è meglio se con una quinta di reggiseno

MOVIE Take me home tonight

8 _LUGLIO-AGOSTO 2012

PARTERRE DE ROY

Dall’alto in basso: il pilota di F1 Lewis Hamilton, l’ex pilota brasiliano Emerson Fittipaldi, il ’professore’ Alain Prost e Jay Kay cantante dei Jamiroquai (foto in basso).

A SPASSO TRA LE NOVITÀ Poche, siamo sinceri, e nemmeno così inedite, almeno per il mercato italiano, dove molto si è già visto nei mesi scorsi. Doveroso iniziare dai padroni di casa della McLaren, pronti ad approfittare dei prati di Goodwood per mostrare la più recente novità, la MP4-12C (che lo scorso numero avevamo in copertina), mostro da 625 CV capace di divorare l’asfalto fino a raggiungere i 333 km/h, per l’occasione rivestita con la Union Jack inglese. Di seguito, sempre per restare in terra inglese, Bentley e la prima uscita pubblica del colossale concept EXP 9 F Suv, seguita da Jaguar, che in quella che un tempo era casa propria ha portato la F-Type, ancora in veste di concept mascherata, a breve disponibile in variante coupé e convertibile, con un telaio in alluminio e motori a scelta fra il V6 da 3 litri Supercharged da 380 CV ed il V8 da 5 litri con 510 CV. Passerella anche per la Toyota TRD, variante ipervitaminizzata della GT86 prodotta in edizione limitata e con 210 CV all’attivo tirati fuori dal 2 litri boxer, così come per la Mazda MX-5 GT, concept che rappresenta l’ennesima rivisitazione dell’inaffondabile e amatissima spiderina giapponese: sotto il cofano un 2 litri aspirato da 205 CV con cambio manuale. Dopo il debutto ginevrino, è degna di nota la prima uscita “in marcia” della concept Emerg-E di Infiniti, marchio sponsor del Festival of Speed di Goodwood, affidata alle mani sapienti di Mark Webber, vista la potenza espressa da due motori elettrici (con l’aggiunta di un piccolo termico a benzina da 1,2 litri) che sprigionano 300 kW e coprono da 0 a 100 in 4 secondi appena. Debutto per la Aston Martin V12 Zagato, seducente sportiva che monta un 6 litri con 517 CV. A portare alta la bandiera del resto d’Europa ci ha pensato un po’ d’Italia, presente con Ferrari, simbolo assoluto dell’arte italiana di fare automobili, con la 458 Spider, la California 30 e la FF (Ferrari Four), prima auto di Maranello equipaggiata con il sistema 4RM a quattro ruote motrici e differenziale posteriore elettronico. Spazio anche a Pagani, che sul sacro asfalto di Goodwood ha voluto far scendere la Zonda R Evo, la più recente mostruosa creatura, dominata da un V12 da 6 litri con 760 CV che può spingerla fino a 350 km/h. Prima volta in terra anglosassone anche per Alfa Romeo, che oltre a celebrare i 50 anni della Giulia con sei vetture storiche, ne ha approfittato per mostrare anche da quelle parti la MiTo 1.3

In mezzo a cotanta bellezza su ruote, due o quattro che siano, possono mancare i volti noti? Ci mancherebbe. Nella folla si sono distinti chiaramente Brian May, riccioluto chitarrista dei Queen, Jay Kay, leader dei Jamiroquai e da sempre smodatamente innamorato dell’automobile, ma anche Elizabeth Hurley, affascinante ex modella diventata una stimatissima donna d’affari.

Por

BHE LRLAION Mercedes SL 65 AMG

TSTA LA BESTIA NEL CUORE

LA PRovA

LA PRovA

LA A PROVA Jeep Wrangler Arctic 2.8 CRD Io sono leggenda Ed oni limitata ad alto tasso di sfizio per l’icona Edizioni de ffroad, alle prese con un test che l’ha vista dell’offroad, ca sela fuori e dentro l’asfalto cavarsela

Kia cee’d 1.6 CRDi

MOVIE The Rum Class 100Diary CV Il diavolo viaggia in Corvette La seconda generazione della

Johnny Deep neicoreana panni di unpunta giornalista americano compatta in alto: più cheattenzioni si sposta a Portorico per a credere e lusso inricominciare crescendo, ma febbraio 1 in qualcosa che non sia solo 2012 la bottiglia

sfida aperta a consumi ed emissioni

NovitàFiat

Panda 1.3

Novità • •

Maserati GranTurismo Sport Mercedes-Benz SLS AMG GT

• Mercedes Classe A • Audi A6 allroad quattro MJT 75 CV Lounge • Abarth 695 Edizione Maserati • Audi A3 • Toyota GT86 • Infiniti FX 2012 • Mini JWC GP • Chevrolet Trax • Audi SQ5 TDI Agile in città, spigliata fuori, • Fiat 500L • Mazda CX-5simpatica, curiosa • BMW X1 restyling e sfiziosa: • Seat Mii • BMW X1 all’appello della nuova • Range Rover Sport 2013 edizione della piccola torinese non manca nulla

• •

Mercedes-Benz GLK facelift Jeep Grand Cherokee SRT

• • • • • • • • •

Mercedes Classe G Nuova Lexus GS 450h Nuova Volvo V40 VW Golf GTI Cabriolet Lancia Flavia Cabrio Chevrolet Cruze SW Suzuki Splash 2012 Toyota Yaris Hybrid Smart Ebike

CON L’ARCHIVIO COMPLETO DI OGNI NUMERO DELLA PRIMA FREE PRESS DEDICATA ALL’AUTOMOBILE, A DISPOSIZIONE DI TUTTI. NESSUNO ESCLUSO. LUGLIO-AGOSTO 2012

9


nord

SPECIALE GOODWOOD

un consiglio:

non decidere di cambiare la tua auto diesel o benzina se prima non hai consultato la scoprirai come è facile, economico e vantaggioso sostituirne solo il motore.

SRM sostituisce in giornata previa prenotazione il motore diesel o benzina su vetture e veicoli commerciali. Revisiona pompe iniezione o turbocompressori. Certificato di garanzia su ogni motore.

SeRVIzIO ROTAzIOne MOTORI Via M. Ponzio, 17 (Zona artigianale) 27100 Pavia Tel. 0382.575801 - 0382.579862 - Fax 0382.564077 www.srmsnc.it - e.mail: info@srmsnc.it

Tutti i motori che vengono da noi consegnati, sono completamente rimessi a nuovo. Incamiciati con canne centrifugate appositamente studiate per una più lunga durata del motore. Testate completamente rimesse a nuovo con pressatura, pallinatura, sostituzione guide, sedi precamere e spianatura. pompa di iniezione ed iniettori completamente rimessi a nuovo; tutti i motori sono sottoposti (prima della consegna) a prova di controllo e rodaggio su banchi prova con freno dinamometrico, per prova potenza ecc. (minimo 6 ore).

TuTTI I MOTORI deVOnO eSSeRe In COndIzIOnI dI ReSO ReCupeRABIle (AlBeRO MOTORe, BIellA, MOnOBlOCCO TeSTATe e TuRBIne) SOnO eSCluSe le pARTI eleTTRIChe ed eleTTROnIChe MeRCedeS-Benz A 160/170 TD CDi C/E 200/220 TD CDi C/E 250 TD E 300 TD 250 D 5 cil. 250 TD/124 5 cil. 306/307/406/408 camion 300 D/124 6 cil.

€ 2.800 € 3.850 € 4.600 € 5.150 € 3.050 € 3.800 € 2.650 € 3.700

Per veicoli commerciali e industriali chiedere preventivo telefonico

FIAT Bravo/Brava/Marea 1.9 TD Ulysse/Scudo 1.9 TD Ulysse 2.1 TD Punto 1.7 D Punto 1.7 TD Punto/Tipo/Tempra 1.9 TD Croma 1.9 ID TDS Daily Ducato Daily Ducato test. di rot. Daily Ducato Turbo Ducato 1.9 TD Ducato 2.8 D Ducato 2.8 TD New Daily ID 35.8 New Daily TD ID 35/49.10 New Daily TD ID INT. 35.12

UN RECORD AL IO R A R T N O C

€ 2.400 € 2.500 € 3.050 € 2.150 € 2.250 € 2.350 € 2.450 € 2.100 € 2.800 € 2.450 € 2.350 € 2.800 € 3.150 € 2.400 € 2.600 € 3.050

Opel Corsa 1.5 Corsa/Kadett 1.5 TD Vectra 1.7 D Astra D. 1.7 test. nuova Corsa/Astra/Vectra 1.7 TD Omega 2.3 D Omega 2.3 TD Omega 2.5 TD motore BMW 6 cil.

€ 2.200 € 2.450 € 2.250 € 2.900 € 3.300 € 2.200 € 2.350 € 3.650

VOlkSwAgen Polo 1.9 D Golf 1.9 TD precamera e candelette 75 CV Golf 1.9 TD test. nuova Golf 1.9 TDi 90 CV Golf 1.9 TDi 110 CV Passat 1.6 TD precamere e candelette Passat 1.9 TDi Sharan 1.9 TDi 90 CV Sharan 1.9 TDi 110 CV Transporter 4 cil. 1.6 Transporter 4 cil. 1.6 TD LT 35/45 6 cil. test. nuova LT 35/45 6 cil.

€ 2.250 € 2.500 € 3.150 € 2.800 € 2.950 € 2.500 € 2.950 € 2.800 € 2.950 € 2.000 € 2.250 € 3.200 € 2.600

Per veicoli commerciali e industriali chiedere preventivo telefonico

VOlVO 850 2.5 TDi S40/V40 1.9 TD S70/V70 2.5 TD 940/960/740/760 TD int.

€ 4.600 € 2.500 € 3.550 € 3.400

RenAulT Clio/Megane 1.9 D Laguna/Safrane 2.2 TD 12 valv R21 Nevada D R21 Nevada TD R25 TD Espace TD Safrane 2.5 TD

€ 2.250 € 3.050 € 2.250 € 2.500 € 2.500 € 2.900 € 3.200

Per veicoli commerciali chiedere preventivo telefonico

FORd Fiesta 1.8 D Focus/Mondeo 1.8 TD Galaxy 1.9 TDi 110 CV Transit D id Transit TD

€ 2.250 € 2.700 € 3.000 € 2.600 € 3.050

Per veicoli commerciali chiedere preventivo telefonico

BMw 320 2.0 TD 325/525 TDS 325/525 TDS testa nuova 318 TDS

€ 2.800 € 3.650 € 5.300 € 2.600

ROVeR 220/420/620 2.0 TD SD € 2.850 825 2.5 TD € 3.050 € 2.750 Range Rover 2.4 TD motore VM € 3.050 Range Rover 2.5 TD motore VM Range Rover 2.5 TDi motore PERKINS € 3.200 cad. € 380 Testate nuove VN

lAnCIA Delta/Dedra 1.9 TD Lancia K 5 cil. TD Thema TD Z 2.1 TD

€ 2.450 € 3.650 € 2.650 € 3.050

CITROËn Saxo 1.5 D Xsara/Berlingo 1.9 D Xsara/Evasion 1.9 TD Evasion/XM 2.1 12 valv XM 2.5 12 valv ZX/Xantia 1.9 TD

€ 2.250 € 2.300 € 2.500 € 3.050 € 3.300 € 2.500

ChRySleR Jeep Voyager 2.5 TD prima serie motore VM € 3.050 Grand Voyager 2.5 TD € 3.350 Cherokee 2.068 TD motore RENAULT € 3.000 Grand Cherokee 2.5 TD motore VM € 3.350 testate nuove VM cad. € 380

peugeOT 106 1.5 D 206 1.9 XRD 206 1.9 XTD 306/406 1.9 TD 406 2.0 TD Ranch 1.9 D 605 2.5 TD 12 valv 806 1.9 TD 806 2.1 TD 12 valv 605 2.1 TD 12 valv

€ 2.250 € 2.250 € 2.500 € 2.500 € 2.800 € 2.250 € 3.300 € 2.500 € 3.050 € 2.650

nISSAn Micra 1.5 D Almera 2.0 D Primera 2.0 TD Serena 2.3 D Terrano II 2.7 TDi Patrol GR 2.8 TD

Per veicoli commerciali chiedere preventivo telefonico

AlFA ROMeO 145/146/155/156 1.9 TD 155/164 2.5 TD Testate nuove

€ 2.350 € 3.000 cad. € 380

MITSuBIShI Carisma 1.9 TD Space Runner 2.0 TD L200 2.5 D Pajero 2.5 TD Pajero 2.8 TD

€ 3.000 € 3.200 € 2.800 € 3.650 € 4.650

€ 2.700 € 3.200 € 3.650 € 3.750 € 3.850 € 4.150

Per altri modelli chiedere preventivo telefonico

TOyOTA Corolla 2.0 D Avensis 2.0 TD Pic Nic 2.2 TD Carina 2.0 TD Land Cruiser 3.0 TD Land Cruiser 4.2 TD

€ 2.650 € 3.000 € 3.200 € 3.000 € 3.750 € 5.700

Tutti i prezzi si intendono montaggio e IVA esclusi. Per fuoristrada ed altri tipi di motore anche a benzina non elencati chiedere preventivo telefonico. Si revisionano motori di FERRARI, PORSCHE, MASERATI, LAMBORGHINI e motori d’epoca.

106 10 _LUGLIO-AGOSTO 2012

€ 2.950 € 3.550 € 3.550

Per veicoli commerciali e industriali chiedere preventivo telefonico

Per veicoli commerciali e industriali chiedere preventivo telefonico

La palma per il primato più curioso del Festival of Speed di Goodwood va senza ombra di smentita a Nissan, che ha scelto di affidare al pilota Terry Grant la Leaf, pluripremiata compatta a emissioni zero mossa da un motore a corrente alternata che sviluppa 80 kW di potenza e 280 Nm di coppia per 145 km/h di velocità massima, ma con un curioso ordine di scuderia: battere il record di velocità in retromarcia. L’insolita impresa è perfino riuscita: mister Grant ha coperto la distanza di un miglio, 1,6 km al cambio attuale, in 1 minuto e 37,02 secondi, ad una velocità media di 88,5 km/h. Tempo poi battuto dallo stesso pilota nei giorni successivi, fino a migliorarlo di 26 secondi.

AudI A3/A4/A6 1.9 TDi 110 CV A4/A6 2.5 TDi 140 CV 100 2.5 TDi

Attiva il lettore di QR code su smartphone e guarda le pagine.

Vendita autoricambi nazionali ed esteri

vendo&compro InSerZIonI LUGLIO-AGOSTO GIUGNO 2012

11


LA PROVA 500C Abarth

TANTO PEPE

NELL’ARIA

S

portività, cattiveria, glamour: tutto quanto concentrato nei pochi metri di un’unica vettura. Un’operazione che sembrerebbe impossibile, almeno fino a quando non ci si imbatte nella versione cabrio della 500 rivista e corretta dal marchio Abarth, l’unico in grado di mettere in fila i tre dettagli. Sotto il cofano, il tradizionale 1,4 litri a benzina da 140 CV (5 in più della versione senza capote in tela) apre le porte ad una velocità massima pari a 205 km/h, con tanta coppia (206 Nm), un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 8,1 secondi e con consumi decisamente

contenuti (15,3 km/litro nel ciclo combinato). Il cambio sequenziale “Abarth Competizione” di derivazione racing ha una particolarità: al posto della classica leva c’è un pannello con quattro pulsanti che a prima vista sconcertano un po’. N per il folle, 1 per innestare “la prima” in partenza, R come retromarcia e per finire A/M, con cui si passa dalla modalità sequenziale a quella automatica e viceversa. Naturalmente non mancano i paddle al volante, fissati dietro le razze centrali, che permettono di cambiare marcia in qualsiasi momento, trasformando la guida in una sorta di videogioco.

MODALITÀ RACING

Il cambio sequenziale ha quattro pulsanti: I per partire, N per mettere in folle, R per la retromarcia, A/M per passare dalla modalità sequenziale a quella automatica.

il fascino di una cabrio abbinato a grinta e sportività da vendere: è la formula vincente della piccola convertibile grIffata con lo scorpione, l’ideale per chi ama guidare divertendosi, ma anche distinguersi

di Paola Fiorino

In e out

È proprio grazie a questa piccola pepatissima, che Abarth ha conquistato anche un pubblico nuovo rispetto agli standard del marchio, quello femminile. Del resto, si calcola che circa il 60% delle cabrio in Europa sia acquistato da donne e per questo, molti dettagli della 500C sono più “sfiziosi” di quanto visto sinora su altre auto con lo Scorpione: la carrozzeria bicolore, gli interni di pelle non solo rossa o nera, il cambio sequenziale automatizzato e un assetto meno estremo di quello della 500 Abarth berlina. Infatti, pur con 5 cavalli in più, la 500C Abarth riesce a controllarsi maggiormente nelle reazioni diventando più morbida su dossi, binari e tombini, ma sempre garantendo la massima reattività e tanta cattiveria a disposizione. In pratica è una vera sportiva di classe, in grado di fornire le stes-

12 _LUGLIO-AGOSTO 2012

se prestazioni della versione con tettuccio rigido e regalare le sensazioni di una convertibile, con uno stile elegante e raffinato. La capote elettrica di serie è disponibile in due colori (nero e grigio titanio) e può essere abbinata – oltre alle classiche tinte Abarth – anche con due tonalità “bicolore”: la nero/bianco gara ed una molto elegante in due toni di grigio. Un

unico appunto: quando la capote è completamente aperta, impedisce una completa visuale dallo specchietto retrovisore ed è per questo che i sensori di parcheggio sono di serie, oltreché necessari. Gli inediti cerchi in lega da 17” trasmettono l’eleganza di una cabrio raffinata e fanno nel contempo capire che le prestazioni sono da vera sportiva.

LUGLIO-AGOSTO 2012

13


LA PROVA 500C Abarth Scheda tecnica

500C Abarth 1.4 16V T-JET MTA 140 CV CAVALLERIA RADUNATA

Motore: 4 cilindri in linea di 1.368 cc Alimentazione: benzina Potenza max: 140 CV (103 KW) Coppia max: 206 Nm a 2000 g/m in modalità “sport” Consumi: 15,3 km/litro CO2: 108 g/km Trasmissione: “Abarth Competizione” a 5 rapporti con paddle al volante. Velocità max: 205 km/h Accelerazione 0-100: 8”1

Il motore è il tradizionale 1,4 litri, ma con la potenza alzata fino a 140 CV che assicurano 205 km/h e 8,1 secondi per coprire da 0 a 100.

SULLA STRADA per la guida urbana e, più in generale, per le volte in cui si sceglie di muoversi in relax. Un pulsante sul cruscotto permette di selezionare l’assetto “sport” che oltre a rendere più estremo il comportamento su strada (sterzo più diretto, maggior prontezza del motore e acceleratore più sensibile) rende le cambiate più veloci, con la piacevole sensazione di essere seduti su una supercar in miniatura. La guida in città è decisamente piacevole, con la vettura sempre pronta a divincolarsi nel traffico con caratteristiche dinamiche e di comfort tali da permettere ai passeggeri di non patire troppo nessun tipo di percorso. Ma è sui

tratti misti che le vere caratteristiche sportive della 500C Abarth vengono a galla. La frenata è stabile ed efficace, i 7 airbag di serie (primato per la categoria) la rendono una vettura molto sicura e le sofisticate soluzioni tecniche garantiscono un perfetto controllo della vettura: dall’ABS completo di sistema EBD all’ESP, dal sistema antislittamento ASR al dispositivo Hill Holder che agevola le partenze in salita, senza dimenticare il sofisticato sistema di controllo della trazione. Insomma, la 500C Abarth è la vettura ideale per divertirsi guidando in estrema sicurezza e, nelle belle giornate estive, viaggiare con la capote aperta rende il tempo trascorso a bordo ancora più piacevole e intrigante.

Prezzo:

21.300 €

Principali optional Audio Interscope con 6 autoparlanti, amplificatore e subwoofer: Cerchi in lega da 17” con pneumatici 205/40 R17: Cristalli posteriori oscurati: Specchietto retrovisore interno elettrocromico automatico: Kit pinze freno rosse e calotte cerchi in lega: Vernice monocolore rosso officina:

ITALIA

450 € 300 € 160 € 160 € 160 € 450 €

CONTINUA A CRESCERE! GR co At Pi uit A A

Già al primo approccio si capisce che la 500C Abarth è molto diversa dalla “cuginetta” con marchio Fiat. Il rumore degli scarichi alla messa in moto è una vera musica per gli appassionati e a ogni cambio marcia il motore ha le tonalità di una vettura da gara. Il Cambio Abarth Competizione ha un comportamento sincero e anche cambiando distrattamente non si avvertono fastidiosi saltelli tra una marcia e l’altra. Certo, non è proprio morbido e un calcetto nella schiena lo si avverte sempre, ma fa parte del piacere di possedere un’Abarth godendone ogni piccolo sussulto. Inoltre la modalità automatica è la soluzione ideale

Speciale: Dall’America arriva transition, l’auto che vola: iL futuRo DeLLe NostRe stRADe hA messo Le ALi

Speciale Salone di Pechino SPECIALE Pamela Anderson S

SPECIALE Salone di Detroit

ITALIA 1

Da al sa Dal salone della Grande Mela molti restyling e qual qualche novità dalle misure americane, ma più che altro un cauto ottimismo m

ITALIA

Tutte le novità della rassegna americana che apre la stagione dell’auto, tra crisi e speranza

ITALIA

3

Tutte le novità dalla più importante kermesse automobilistica d’oriente

EVENTI E VE New York Auto Show

L’ex bagnina di Baywatch ha creato L’ un suo team: perché la vita va presa di petto, m ma è meglio se con una quinta di reggiseno

ITALIA 04

05

Anno 1 - Giugno 2012

Anno 1 - Maggio 2012 - copia gratuita

Anno 1 - APRILE 2012 - copia gratuita

Anno 1 - FEBBRAIO 2012 - copia gratuita

Novità Mercedes ML 63 AMG Jaguar XKR-S Cabrio Audi A1 Sportback Toyota GT 86 Volkswagen CC Opel Mokka Dacia Lodgy Range Rover Sport S

LA STORIA

DEMOLITION DERBY Tutti contro tutti

N 13der MCLARE 2C 20Spy MP4-1 sche 918

Por AVE GOD ACSK E

Novità Ferrari California Mercedes E 300 BlueTec Hybrid Audi A8 Hybrid Citroën C4 Aircross Mini Ray Line Renault Mégane Dacia Lodgy Seat Ibiza Kia cee’d te VW up up! 5 po porte Peugeot 208 8

Porsche Boxster 2012

INNO AL VENTO Andavamo agli Ottanta

LA PROVA Lancia Thema 3.0 Multijet 240 Hp Executive

Il decennio più edonista del secolo scorso celebrato con un tuffo nel passato fatto di musiche e auto che andavano allora

MOVIE Take me home tonight

Il grande ritorno dell’ammiraglia italiana: l’erede di una tradizione del gruppo torinese con passaporto americano

febbraio 2012

1

CN LE RLAIO BH Mercedes SL 65 AMG L

TSTA LA BESTIA NEL CUORE Fiat Panda 1.3 LA PRovA

LA PRovA

LA A PROVA Jeep Wrangler Arctic 2.8 CRD Io sono leggenda Ed oni limitata ad alto tasso di sfizio per l’icona Edizioni de ffroad, alle prese con un test che l’ha vista dell’offroad, ca sela fuori e dentro l’asfalto cavarsela

Kia cee’d 1.6 CRDi

MOVIE The Rum Class 100Diary CV Il diavolo viaggia in Corvette La seconda generazione della

Johnny Deep neicoreana panni di unpunta giornalista americano compatta in alto: più cheattenzioni si sposta a Portorico per a credere e lusso inricominciare crescendo, ma febbraio 1 in qualcosa che non sia solo 2012 la bottiglia

sfida aperta a consumi ed emissioni

Novità

Novità • •

Maserati GranTurismo Sport Mercedes-Benz SLS AMG GT

• Mercedes Classe A • Audi A6 allroad quattro MJT 75 CV Lounge • Abarth 695 Edizione Maserati • Audi A3 • Toyota GT86 • Infiniti FX 2012 • Mini JWC GP • Chevrolet Trax • Audi SQ5 TDI Agile in città, spigliata fuori, • Fiat 500L • Mazda CX-5simpatica, curiosa • BMW X1 restyling e sfiziosa: • Seat Mii • BMW X1 all’appello della nuova • Range Rover Sport 2013 edizione della piccola torinese non manca nulla

• •

Mercedes-Benz GLK facelift Jeep Grand Cherokee SRT

• • • • • • • • •

Mercedes Classe G Nuova Lexus GS 450h Nuova Volvo V40 VW Golf GTI Cabriolet Lancia Flavia Cabrio Chevrolet Cruze SW Suzuki Splash 2012 Toyota Yaris Hybrid Smart Ebike

OLTRE A POTER RICHIEDERE LA PROPRIA COPIA ISCRIVENDOSI ALL’INDIRIZZO ABBONAMENTI@MOTORS-ITALIA.COM ORA È ANCHE DISPONIBILE IL NOSTRO SITO

www.motors-italia.com CON L’ARCHIVIO COMPLETO DI OGNI NUMERO DELLA PRIMA FREE PRESS DEDICATA ALL’AUTOMOBILE, A DISPOSIZIONE DI TUTTI. NESSUNO ESCLUSO. 14 _MAGGIO 2012


NOVITà FERRARI F12 BERLINETTA

GRADAZIONE

DI ROSSO

È stata una delle vedette dello scorso salone di Ginevra, come storicamente accade a qualsiasi nuovo modello Ferrari, per cui non ci sono misteri sulle caratteristiche della nuova coupé made in Maranello: realizzata con l’apporto stilistico di Pininfarina, chiamata a sostituire la 599 GTB, monta il sontuoso V12 anteriore da 6,3 litri che sviluppa 740 CV e 690 Nm di coppia, che tra-

A quattro mesi dal debutto, arriva sul mercato la nuova coupé di Maranello, un MIX di leggerezza, aerodinamica e prestazioni che fanno scuola ASTON MARTIN V12 VANTAGE ROADSTER

LONDON CALLING

La “baby” di Gaydon manda in avanti la scoperta più potente di sempre: un raffinatissimo concentrato di lusso e fibra di carbonio, dalla potenza mostruosamente piacevole Hanno scelto Londra, come omaggio alle Olimpiadi, per ambientare le primissime foto della V12 Vantage Roadster, la più potente scoperta mai prodotta dalla casa di Gaydon. Una definizione che scivola via sicura, forte di 517 CV e 570 Nm, espressi dal V12 da 6 litri che fa coppia con un cambio manuale a sei rapporti. In pratica, per chi non ne ha abbastanza, 306 km/h di velocità massima e 4,5 secondi appena per raggiungere i 100 partendo da fermi. Rispetto alla coupé, di cui mantiene la meccanica (sospensioni, assetto e impianto frenante, anche se tutto ritarato per l’occasione), frontale e posteriore sono leggermente rivisti, con l’aggiunta di spoiler, prese d’aria e minigonne laterali, per meglio contenere i flussi

e ottimizzare la resa su strada di una carrozzeria realizzata facendo ampio uso della fibra di carbonio. Non manca neanche qui il pulsantino Sport che modifica la risposta di acceleratore e coppia, influendo anche sul sound del motore. Nessuna concessione alla modernità dilagante, la capote ripiegabile è in tessuto, mentre chi non ne avesse a sufficienza per gli interni ha a disposizione il Carbon Interior Pack, ma la lista degli optional continua con sedili sportivi regolabili, impianto audio Bang & Olufsen da 1000 Watt e telecamera posteriore. Il listino recita un prezzo pari a 190 mila euro, da moltiplicare per i 101 esemplari previsti e destinati a pochi mercati. Conviene affrettarsi.

ASTON MARTIN VANQUISH La fonte ispiratrice è la One-77, supercar il cui listino supera abbondantemente il milione di euro, prodotta in serie limitata per lo stesso motivo ma stilisticamente interessante per alcune soluzioni riprese e adattate alla nuova Vanquish. Sotto il cofano si esprime il poderoso V12 da 6 litri aspirato rivisto e reso più efficace, ma capace di tirar fuori 573 CV e 620 Nm di coppia, nemmeno tanti, considerando quel che si vede in giro su certi V8 e la presenza dell’automatico sequenziale Touchtronic 2 a sei rapporti. Per carità, non che alla nuova Vanquish manchi l’occasione di regalare emozioni, vista la certificazione di 295 km/h di velocità massima e un’accelerazione da 0 a 100 di poco superiore ai 4 secondi. Fra le raffinatezze tecnologiche le sospensioni a regolazione elettronica e i freni carbo-ceramici. Il debutto è atteso al prossimo salone di Parigi, con prezzi che si sussurra dovrebbero attestarsi oltre i 250 mila euro. 16 _LUGLIO-AGOSTO 2012

dotti su strada significano 340 km/h e appena 3,1 secondi per coprire la mitica distanza 0-100. Si tratta dello stesso propulsore utilizzato sull’integrale FF, ma migliorato nei consumi, che grazie anche al sistema Start&Stop si assestano su un onesto 14,9 km/l ma con emissioni ancora ingombranti, pari a 350 g/km di CO2. Realizzata in alluminio usando 12 leghe diverse, la F12 Berlinetta sfrutta il disegno del cofano – espressamente studiato per deviare i flussi d’aria – migliorando l’aerodinamica, con un CX pari a 0,299. Gli unici dettagli che mancavano ancora all’appello, dopo le delizie tecniche, erano le questioni economiche ed una data di commercializzazione, fissata per il mese di ottobre. Per i prezzi si parte da 274.400 euro, ovvero 14 mila in più rispetto alla 599 GTB che sostituisce, ma con un pacchetto Ferrari che include la manutenzione ordinaria per sette anni. Da qui in poi, il resto va alla voce personalizzazioni, ovviamente a prova di capriccio e dai prezzi adeguati. Qualche esempio? Il volante in fibra di carbonio con led di cambiata (3.751 €), il set di valigie a misura di bagagliaio (10.285 €) e la sacca da golf (7.865 €).

PURITALIA 427

PARTENOPEA, PARTE AMERICANA Piccolo gioco di parole per una sportiva di natali italianissimi ispirata ad una delle icone yankee: meccanica tradizionalista e massima attenzione al piacerE

Sono piccoli, ma cresceranno, e comunque sembravo avere le idee piuttosto chiare. Si sono battezzati Puritalia Automobili, arrivano da Napoli e realizzano i loro modelli artigianalmente, secondo il principio ispiratore dell’auto costruita intorno a chi guida. La 427 è il primo esempio, una roadster e due posti che rende omaggio alla Shelby Cobra, sia dal punto di vista stilistico che nell’architettura del progetto: poco peso, molti cavalli, rare concessioni al superfluo. Le misure contenute (435 cm di lunghezza, 195 di larghezza e 260 cm di passo), il telaio monoscocca in alluminio con strutture di rinforzo in acciaio ad alta resistenza e una meccanica tradizionalista (cambio manuale a sei marce, trazione posteriore e differenziale autobloccante), non tolgono nulla al piacere di sentirsi sotto il cofano un otto cilindri da 5 litri disponibile in due varianti: aspirato (445 CV e 530 Nm) e sovralimentato (605 CV e 640 Nm). Sarà realizzata in soli 100 esemplari.

LUGLIO-AGOSTO 2012

17


NOVITà

BMW SERIE 3 TOURING

AFFARI DI FAMIGLIA A un quarto di secolo dal debutto, la quinta generazione della wagon tedesca promette più spazio, motori puliti e la tradizionale sapienza nellA cura dei dettagli NISSAN JUKE NISMO

Non è un compito facile, quello che aspetta la nuova Serie 3 Touring, da 25 anni modello fondamentale nelle strategie di mercato BMW, e oggi chiamata mantenere salda la leadership del segmento delle familiari d’alto lignaggio respingendo una concorrenza, ugualmente tedesca, sempre più agguerrita. Stilisticamente allineata al suo passato di successo, con linee dinamiche e leggere che comunicano solidità e aria di chi su strada ci sa fare, la

nuova Serie 3 Touring aumenta le misure castali (+97 mm di lunghezza, 50 di passo), a tutto vantaggio di occupanti e capacità di carico: i primi possono contare su 9 mm in più per la testa di chi sta dietro e 17 per le ginocchia, mentre il bagagliaio cresce di 35 litri in un range di possibilità che va da 495 a 1.500 litri. Proprio qui si concentrano alcune novità: il portellone elettrico (con lunotto sdoppiato) apribile con un pedale al di sotto della carrozzeria ed una soglia di carico ad appena 62 cm da terra. Al lancio tre motorizzazioni, tutte con modalità Eco Pro e sistema Start/Stop: il TwinPower Turbo 2 litri a benzina con 245 CV, il pari cilindrata TD da 184 CV in regola con Euro 6 e per finire il 3 litri TD da 258 CV, con cambio automatico a otto rapporti. La Serie 3 Touring sarà disponibile nei concessionari da settembre, con prezzi a partire da 31.850 euro.

THE FAST AND THE SUV

Un tempo, pochi anni fa, c’erano i Suv, punto e basta. Oggi, sul concetto è un divagare continuo e fantasioso, che a volte porta verso i punti più estremi. È il caso della Juke Nismo, versione corsaiola del piccolo Suv marchiato Nissan sul mercato ormai da due anni. Mandato avanti come concept, ha dimostrato di cosa è capace nel corso della più recente 24 Ore di Le Mans. La Nismo, acronimo di Nissan Motorsport International, divisione sportiva del marchio giapponese, ha modificato la Juke esternamente (paraurti, minigonne, doppio scarico, passaruota, spoiler e cerchi da 18”) e all’interno (sedili sportivi, pedaliera in alluminio, volante a tre razze specifico), ma so-

l’integrale compatta attesa sul mercato a fine anno in una versione pepata, ricca di immagine e cavalli

AUDI RS 4 AVANT

La dice lunga, la scelta di presentarla alla stampa in pista, fra chicane e cordoli, rispetto alla grande sicurezza con cui da Ingolstadt guardano alle capacità della wagon dedicata a palati raffinati. Sotto le mentite spoglie di familiare, la RS 4 Avant incolla ai sedili sportivi e sfrutta al massimo la dotazione di prim’ordine: trazione integrale permanente, assetto da gara, differenziale centrale elettrico con torque vectoring e cambio automatico a doppia frizione S tronic con sette rapporti ravvicinati e fulminei. Quanto serve per dare fiato al V8 aspirato da 4,2 litri con iniezione diretta FSI e 450 CV di potenza che spingono fino ai 250 km/h (280 utilizzando uno sbloccaggio in opzione). Più bassa di 20 mm rispetto alle sorelle dall’indole tranquilla – da cui si differenzia anche per dettagli di carrozzeria - la RS 4 Avant è comunque una wagon, disposta a calmarsi come a concedere 1.430 litri di bagagliaio. Prezzi adeguati: 78.500 euro senza aggiungere un optional, altrimenti i conti sono da rifare. 18 _LUGLIO-AGOSTO 2012

ITALIA

F

a un po’ effetto, in tempi come questi, sentire i vertici Kia dichiarare che le richieste dei loro modelli superano la capacità produttiva necessaria per OLTRE soddisfarle tutte. Eppure, la A POTER RICHIEDERE LA PROPRIA COPIA ISCRIVENDOSI testimonianza che si tratti di ALL’INDIRIZZO ABBONAMENTI@MOTORS-ITALIA.COM ORA È ANCHE DISPONIBILE IL NOSTRO SITO un momento da incorniciare, malgrado l’Italia sia uno dei paesi dove l’auto soffre di AVE più, sta tutta nella velocità GOLD ACSK CE

CONTINUA A CRESCERE! GR co At Pi uit A A

FIGLI, BAGAGLI E CAVALLI

Il segmento D Premium, quello dove alberga solo chi ha potenza, lusso e dotazioni da urlo, ha una nuova reginetta del ballo: una familiare da pista, ennesima prova dello stato dell’arte raggiunto ad Ingolstadt

prattutto sottopelle, dove il quattro cilindri turbo a iniezione diretta da 1,6 litri riceve nuova energia per tirare fuori 200 CV tondi, aiutato nell’operazione da un cambio manuale a sei marce. La trazione è integrale, con Traction Control e Torque Vectoring.

Speciale: Dall’America arriva transition, l’auto che vola: iL futuRo DeLLe NostRe stRADe hA messo Le ALi

Speciale Salone di Pechino SPECIALE Pamela Anderson S

SPECIALE Salone di Detroit

ITALIA ITALIA

1

Da al sa Dal salone della Grande Mela molti restyling e qual qualche novità dalle misure americane, ma più che altro un cauto ottimismo m

ITALIA

Tutte le novità della rassegna americana che apre la stagione dell’auto, tra crisi e speranza

3

ITALIA

04

Anno 1 - APRILE 2012 - copia gratuita

Novità Mercedes ML 63 AMG Jaguar XKR-S Cabrio Audi A1 Sportback Toyota GT 86 Volkswagen CC Opel Mokka Dacia Lodgy Range Rover Sport S

LA STORIA

INNO AL VENTO Andavamo agli Ottanta

LA PROVA Lancia Thema 3.0 Multijet 240 Hp Executive

Il decennio più edonista del secolo scorso celebrato con un tuffo nel passato fatto di musiche e auto che andavano allora

MOVIE Take me home tonight

Il grande ritorno dell’ammiraglia italiana: l’erede di una tradizione del gruppo torinese con passaporto americano

febbraio 2012

1

Anno 1 - Giugno 2012

www.motors-italia.com

N 13der MCLARE 2C 20Spy MP4-1 sche 918

Novità Ferrari California Mercedes E 300 BlueTec Hybrid Audi A8 Hybrid Citroën C4 Aircross Mini Ray Line Renault Mégane Dacia Lodgy Seat Ibiza Kia cee’d te VW up up! 5 po porte Peugeot 208 8

Porsche Boxster 2012

05

Anno 1 - Maggio 2012 - copia gratuita

Anno 1 - FEBBRAIO 2012 - copia gratuita

DEMOLITION DERBY Tutti contro tutti

Tutte le novità dalla più importante kermesse automobilistica d’oriente

EVENTI E VE New York Auto Show

L’ex bagnina di Baywatch ha creato L’ un suo team: perché la vita va presa di petto, m ma è meglio se con una quinta di reggiseno

Por

BHE LRLAION Mercedes SL 65 AMG

TSTA LA BESTIA NEL CUORE

LA PRovA

LA PRovA

LA A PROVA Jeep Wrangler Arctic 2.8 CRD Io sono leggenda Ed oni limitata ad alto tasso di sfizio per l’icona Edizioni de ffroad, alle prese con un test che l’ha vista dell’offroad, ca sela fuori e dentro l’asfalto cavarsela

Kia cee’d 1.6 CRDi

MOVIE The Rum Class 100Diary CV Il diavolo viaggia in Corvette La seconda generazione della

Johnny Deep neicoreana panni di unpunta giornalista americano compatta in alto: più cheattenzioni si sposta a Portorico per a credere e lusso inricominciare crescendo, ma febbraio 1 in qualcosa che non sia solo 2012 la bottiglia

sfida aperta a consumi ed emissioni

NovitàFiat

Panda 1.3

Novità • •

Maserati GranTurismo Sport Mercedes-Benz SLS AMG GT

• Mercedes Classe A • Audi A6 allroad quattro MJT 75 CV Lounge • Abarth 695 Edizione Maserati • Audi A3 • Toyota GT86 • Infiniti FX 2012 • Mini JWC GP • Chevrolet Trax • Audi SQ5 TDI Agile in città, spigliata fuori, • Fiat 500L • Mazda CX-5simpatica, curiosa • BMW X1 restyling e sfiziosa: • Seat Mii • BMW X1 all’appello della nuova • Range Rover Sport 2013 edizione della piccola torinese non manca nulla

• •

Mercedes-Benz GLK facelift Jeep Grand Cherokee SRT

• • • • • • • • •

Mercedes Classe G Nuova Lexus GS 450h Nuova Volvo V40 VW Golf GTI Cabriolet Lancia Flavia Cabrio Chevrolet Cruze SW Suzuki Splash 2012 Toyota Yaris Hybrid Smart Ebike

CON L’ARCHIVIO COMPLETO DI OGNI NUMERO DELLA PRIMA FREE PRESS DEDICATA ALL’AUTOMOBILE, A DISPOSIZIONE DI TUTTI. NESSUNO ESCLUSO. LUGLIO-AGOSTO 2012

19


NOVITà TOYOTA PRIUS +

SEAT LEON 2013

THE FAMILY HYBRID

SPANISH LOVER

Arriva anche la prima monovolume che può sfruttare la tecnologia Full Hybrid su cui il marchio giapponese ha scommesso da tempo

Debutterà al Salone di Parigi per arrivare sul mercato subito dopo, una delle sportive compatte più amate daI giovani, resa ancor più affascinante nel look e nella gamma delle motorizzazioni

Totalmente ridisegnata sulla stessa piattaforma di Golf settima generazione e Audi A3 (4,26 metri di lunghezza, 5 cm in meno di prima), la Leon 2013 risulta ispirata da una maggiore una pulizia delle linee rispetto al suo passato, forte di un’immagine “spigolosa” e decisa, in cui svettano i gruppi ottici anteriori full led dalla forma irregolare e molto ad effetto, così come le fiancate, che pren-

dono carattere da una linea di cintura a due gradini. Nuovi anche gli interni, dove oltre allo spazio di 380 litri offerto dal bagagliaio (40 in più) spicca la strumentazione analogica a sfondo nero ed una consolle centrale che racchiude i principali comandi, compreso impianto audio e climatizzatore. Inizialmente, la gamma motori prevede un benzina a iniezione diretta TSI ed un turbodiesel TDI: il 1,6 li-

tri con 105 CV, in variante Ecomotive con start&stop e recupero dell’energia, mentre il 2 litri TDI Ecomotive, rivisto in ogni sua parte, sviluppa 150 CV e 320 Nm di coppia. A breve si aggiungeranno il 1,2 litri TSI con 86 e 105 CV, il 1,4 TSI da 122 CV ed il top di gamma dei benzina, il 1,8 litri da 180 CV. Sul fronte del diesel, arrivo annunciato per il 1,6 TDI da 90 CV ed il 2 litri con 184 CV e 380 Nm.

Passo fondamentale nell’inarrestabile ascesa dell’ibrido, dopo berline e city car, è l’attacco frontale alle più diffuse varianti di carrozzeria, ad esempio quello delle monovolume extra large, ormai pezzo immancabile per qualsiasi gamma che Toyota inizia scalfire con l’arrivo sui mercati della Prius +: moltiplicazione su sette posti dell’ibrida più venduta del pianeta. Ovviamente per la Prius con segno più aumentano le misure catastali (4,62 metri di lunghezza, + 3 cm di larghezza e +8,5 di altezza e +8 cm di sbalzo), ma ne guadagna lo spazio interno, con i due nuovi posti che non richiedono sacrifici e contorsioni, ed un bagagliaio per parte da 232 litri e arriva a 784. Le migliorie toccano anche la tecnologia, con l’adozione di batterie al l i t i o , p i ù l e g g e r e , n e c e s s a r i e

al funzionamento del motore elettrico, che agisce in automatico da fermo e fino a 50 km/h, lasciando poi il resto dei compiti al quattro cilindri a benzina da 1,8 litri con 136 CV, abbinato al cambio E-Cvt. I consumi dichiarati parlano di 24,3 km/litro. Non mancano le dotazioni della Prius di ultima generazione, con climatizzatore a controller elettrico, head-up display che proietta le informazioni sul parabrezza e tetto panoramico in resina. Esternamente lievi ma visibili le modifiche estetiche, senza però mutare l’architettura e l’immagine complessiva del modello. Due gli allestimenti, Active e Lounge, in vendita rispettivamente a 30.400 e 32.000 euro, con previsioni di vendita che parlano di 13 mila pezzi entro la fine dell’anno.

OPEL ASTRA OPC

TANTA VOGLIA

DI CORRERE

È indubbiamente l’Astra più potente di sempre, destinata ad entrare nel garage delle emozioni alte chiamato OPC (Opel Performance Center), dove sostano già Corsa e Insignia. Motivo sufficiente sono i 280 CV ed i 400 Nm spremuti dal 2 litri turbo benzina a iniezione diretta, che la spinge fino alla soglia dei 250 km/h impiegando meno di sei secondi per coprire da 0 a 100. Per contro, i consumi recitano 12,3 km/litro e le emissioni di CO2 si limitano a 189 g/km, mentre il sistema FlexRide, sfruttando la possibilità di tre diverse modalità di guida (Standard, Sport e OPC), permette di razionalizzazione la reazione di telaio, sterzo, ammortizzatori e accelerazione. Il cambio è un manuale a sei marce. L’immagine rende giustizia ai dati appena snocciolati, mettendo in mostra la propensione alle prestazioni sportive, con doppio scarico, minigonne, cerchi in lega da 19” (da 20 in opzione) e spoiler sul tetto, così come succede per gli interni, votati all’idea di velocità grazie ai sedili anatomici con 18 impostazioni possibili, al volante piatto sul fondo e ad una specifica App per iPhone che permette di visualizzare i dati del motore.

20 _LUGLIO-AGOSTO 2012

MERCEDES CLASSE A

Velocissima, raggiunge i 250 km/h: è la più recente evoluzione di una variante di nicchia della compatta tedesca

CAMBIO DI ROTTA

Totalmente nuova, è diventata una due volumi che porta a spasso una lettera che ha fatto storia. Prezzi d’attacco, design raffinatissimo e dotazioni a prova di sfizio

Non è più la monovolume compatta con cui abbiamo imparato a conoscerla, ma un’auto a due volumi, sportiva, affascinante e riuscita nelle proporzioni come tutti i modelli marchiati con la stella a tre punte. L’obiettivo, oltre alla riorganizzazione della gamma per evitare cannibalismi fra l’offerta, è puntare alle compatte che vanno per la maggiore, Audi A3 e BMW Serie 1, per citarne due a caso. L’operazione inizia dal design, muscoloso al punto giusto per

attirare un pubblico giovane, con il frontale aggressivo ed un posteriore inedito per lo stile Mercedes. Lunga 4,29 metri, con passo di 2,69 e più bassa di 16 cm rispetto alla Classe A che sostituisce, la nuova due volumi tedesca ha interni curatissimi, addirittura ispirati a modelli alto di gamma, con dettagli di fino come le bocchette dell’aerazione retrò, i sedili sportivi avvolgenti, uno schermo-tablet ed il volante multifunzione che racchiude 12 comandi

diversi. Unica pecca, in un quadro di segni positivi, la capacità del bagagliaio, limitata a 341 litri di partenza, anche se disposti ad arrivare a quota 1.157. Il reparto motori si affida al piccolo 1,6 litri (122 e 156 CV) e il due litri (211 CV), ambedue benzina a iniezione diretta sovralimentati, più i diesel 1,5 litri (109 e 136 CV) e 2,2 da 170 CV, con cambio automatico 7G-DCT. Ultima nota per i prezzi, piuttosto allettanti, che partono da 22.990 euro. LUGLIO-AGOSTO 2012

21


NOVITà

FIAT 500L

COFFEE BREAK

NUOVA RENAULT CLIO

LA FRANCESINA DEI GRANDI NUMERI

È una vecchia battuta per ironizzare su qualcosa che pensa a tutto: fa anche il caffè? La nuova variante monovolume della piccola torinese ci ha pensato davvero

Amatissima e inaffondabile, arriva alla quinta generazione totalmente rivista dentro, fuori e sottopelle, per rinnovare la sfida ad un segmento agguerrito

le maniglie che scompaiono nei montanti posteriori ed un frontale sincero con gruppi ottici affilati e i led diurni inglobati nella Da sempre, anzi, da 22 anni, Clio rappresenta mascherina. Gran lavoro anche all’interno, una voce determinante nei bilanci di Renault, spazio in cui domina una consolle centracosì tanto da meritarsi studi e sforzi di immagi- le molto funzionale e volutamente semne e sostanza di tutto rispetto. D’altra parte, 11,5 plice che si affida ad un touch-screen da milioni di esemplari piazzati in 115 paesi diversi 7” dotabile a piacere con sistemi di infoe quattro generazioni sono cifre che stanno lì a tainment, compresa la possibilità di scaridimostrare la teoria. Premessa importante per care numerose App. Due i motori al lancio l’arrivo della nuova Clio, scelta come portaban- (previsto per fine anno), il tre cilindri da diera del nuovo corso stilistico Renault e dalle 0,9 litri Energy TCe con 90 CV e 135 Nm proporzioni totalmente diverse rispetto al pas- e l’Energy TCe 1,5 litri diesel da 90 CV e sato: più bassa ma più larga di prima, disponibi- 220 Nm. Il prossimo anno si aggiungerà le inizialmente nella sola variante a cinque porte il 1,2 litri Energy TCe (120 CV) con cambio e impreziosita con raffinatezze di design come robotizzato a sei marce EDC.

RENAULT LAGUNA COUPÉ 1.5 DCI Nuova motorizzazione anche per la Laguna, che accoglie in gamma il 1,5 dCi 110 CV eco2, abbinato al cambio manuale a sei rapporti, migliorando di gran lunga consumi ed emissioni: 23,8 km/ litro di percorrenza e 109 g/km di CO2. Un solo l’allestimento previsto (Wawe), con dotazioni che includono cerchi in lega da 17”, clima bi-zona, cruise control, navigatore, sensore di parcheggio e radio CD/ mp3 con Bluetooth e porta Usb. A partire da 25.300 euro.

22 _MAGGIO 2012

Bisogna partire da lì, dalla macchina espresso Lavazza incorporata e corredata da porta cialde e zuccheriera. Un dettaglio che in fondo spiega meglio di qualsiasi altra cosa la lettera L, ovvero Large, Light oppure Loft, a scelta, ma in pratica disposta ad accogliere cinque occupanti con cui divedere un caffè. Chiamata a sostituire d’un balzo Idea e Multipla (arriverà anche a sette posti), prodotta in Serbia, la piccola monovolume con passaporto torinese aggiunge una versione spaziosa – 4,15 metri di lunghezza e 1,66 di altezza - a tutto vantaggio di abitabilità e visibilità esterna, anche per chi siede dietro, ma godendo di una posizione leggermente più elevata. Senza dimenticare il vano di carico, che par-

te da 500 litri e arriva a 1.310, con 1.500 possibili configurazioni del sistema Cargo Magic Space. Nessun risparmio sui sistemi di infotainment, con dotazioni in crescendo nei quattro allestimenti (Pop, Pop Star, Easy e Lounge) e 140 accessori diversi. Sotto il cofano, per iniziare, la motorizzazione da cui ci si aspetta di più, il turbodiesel 1,3 litri Multijet con 85 CV equipaggiato con start&stop, recupero dell’energia in frenata e tastino City per ammorbidire lo sterzo nei centri urbani, a cui si aggiungono il 900 cc Twin Air con 105 CV ed il 1,4 litri turbo a benzina che di CV ne ha 95, da cui deriverà la variante a metano. In vendita da settembre con prezzi a partire da 15.550 euro.

SKODA RAPID

UN’IDEA DI CLASSICO

Linee rigorose che si rifanno a stili architettonici per la nuova berlina ceca, destinata soprattutto a sfondare su mercati europei dove il segmento sta vivendo un grande fermento

Tra Fabia e Octavia c’era un importante “buco” nella gamma da colmare, che il marchio ceco di proprietà Volkswagen ha scelto di riempire con la Rapid, berlina di segmento C dalle proporzioni pulite e rigorose che in più lancia in avanti il rinnovato linguaggio stilistico di Skoda. Domina il frontale la grande griglia cromata dall’immagine classicheggiante, mentre i fianchi si affidano ad una linea di cintura rigorosa e la coda corta. Basata sulla stessa piattaforma della nuova Seat Toledo, la Rapid è lunga 4,48 metri, sufficienti per portare a spasso cinque persone che hanno a disposizione 500 litri di bagagliaio, cifra niente affatto disprezzabile, considerando le proporzioni. Dopo essersi mostrata come concept sotto il nome di MissionL, la Rapid sarà lanciata ufficialmente al prossimo salone di Parigi, e mandata incontro ai mercati con un ampio range di motori e benzina e diesel, tutti Euro 5 e con cambio manuale a sei marce (automatico a doppia frizione in opzione), a cominciare dai piccoli ed efficienti 1,2 e 1,4 TSI, con l’aggiunta dei turbodiesel 1,6 e 2 litri TDI. Nulla ancora trapela sui costi, anche se la caratteristica del marchio lascia pensare ad un ottimo equilibrio fra qualità e prezzo.


NOVITà

TECNICA OPEL ADAM

DACIA DOKKER

SPAZIO AL RISPARMIO

Il marchio franco-rumeno, uno dei pochi in salita verticale nelle quote di mercato, lancia l’ennesima sfida: questa volta si tratta di un multispazio dalla grande capacità di carico

Con questo, i modelli a disposizione di Dacia, marchio low cost controllato dai francesi di Renault, arrivano a nove. Cifra che significa altrettanti “attentati” a segmenti dove per avvicinarsi finora era necessario mettere mano al portafoglio in modo pesante. Dokker, l’ultimissimo nato, è un multispazio nato per sostituire la Logan MPV, realizzato nello stabilimento di Tangeri sulla stessa

PICCOLA E SFIZIOSA piattaforma di Lodgy, dalle impressionanti capacità di carico: 800 litri nella variante passeggeri (cinque posti), 3.000 in quella Van, con due soli occupanti, cifre a cui aggiungere 44,2 litri di vani e portaoggetti disseminati su 4,36 metri di lunghezza, mentre è larga 1,75 e alta 1,81. Ma non finisce qui, perché Dokker vanta la porta laterale scorrevole e dotazioni (ma anche optional) di fino, un tempo relegate alti strati del listino, come il sistema Media Nav con touch screen da 7”, il limitatore di velocità ed il sensore per la retromarcia. Due gli allestimenti (Ambiance e Laureate, da arricchire con numerosi pack), moltiplicati su tre motori fra benzina e diesel: dal 1,2 TCe con 115 CV al 1,6 litri da 85, più un diesel 1,5 litri dCi disponibile con 75 e 90 CV. Attesa nelle concessionarie per settembre con la solita politica aggressiva dei prezzi Dacia: meno di 10 mila euro.

Trendy, sfiziosa, ricca di allestimenti e opzioni, arriva la risposta all’invasione di city car di lusso, per adesso senza prevedere motori diesel Il segmento di riferimento è uno dei pochi in crescita, quello delle city car premium, piccole di carattere, riempite con ogni sfizio e fatte apposta per puntare al centro delle pupille del pubblico giovane. La Adam, che sarà mostrata in anteprima al Salone di Parigi di settembre per arrivare sui mercati il prossimo anno, si presenta nella sola versione tre porte, articolata in tre allestimenti (Jam, Glam e Slam, rispettivamente con vocazione d’immagine, elegante o sportiva), accompagnata da un nugolo di optional fra tessuti, colori e kit per interni ed esterni. In 3,70 metri di lunghezza (1,72 di larghezza e 2, 31 di passo), si concentra un abitacolo

sufficiente per quattro persone, con una plancia che assicura il massimo della connettività con i più diffusi smartphone, Bluetooth ed un ampio touch screen da 7”. Per iniziare la sua avventura, Adam sarà disponibile con due motori ecoFlex benzina con Start&Stop e recupero dell’energia in frenata (1,2 da 70 CV e 1,4 da 100), a cui si aggiungeranno poco dopo una variante con impianto a Gpl, una con cambio automatico ed un tre cilindri turbo a iniezione diretta. Fra le chicche il sistema Advanced Park Assist che sfrutta la presenza di alcuni sensori per parcheggiare automaticamente.

MINI CLUBVAN

COMMERCIALE SARÀ LEI

Equipaggiamenti, raffinatezze, colori e spazio per la piccola che sposta il concetto premium anche sui veicoli professionali

A volte anche l’artigiano ha bisogno di immagine, lo sanno bene a Monaco, dove hanno pensato la curiosa variante Clubvan della Mini. La Clubvan nasce proprio per dare immagine a carichi professionali o di puro piacere, ed è la prima Mini con omologazione da veicolo commerciale che addirittura inaugura il segmento premium là dove un tempo c’erano solo furgonette rumorose e scarne. Due posti, cinque porte e inconfondibile stile Mini comunque, la Clubvan ha un piano di carico chiuso che arriva fino ai due passeggeri anteriori, con doppia porta e clubdoor sul lato, piano di carico e pannelli laterali con moquette, prese di corrente 12 Volt, anelli di fissaggio lungo i bordi per bloccare il carico, previsto in 860 litri e 500 kg, su merci lunghe fino a 115 cm. Tre i livelli di motorizzazione: One Clubvan con motore benzina 1,6 litri da 98 CV, Cooper Clubvan (stessa cilindrata ma 122 CV) e Cooper D Clubvan: il 1,6 diesel common rail da 112 CV, tutte con cambio manuale di serie e automatico a sei rapporti in opzione.

24 _MAGGIO 2012

®

MELEGNANO - VIA 8 GIUGNO, PESCHIERA BORROMEO TORRE BOLDONE (BG)92 - Via Giovanni Reich,- (MI) 37 VICINO ASL Mi2 - GIARDINO

VIA 2 GIUGNO, 18

tel.: 333 4747960 TEL. 02 38234363 02 38234363 TEL. 02/38234363 TEL.TEL. 02/36530558


MOVIE IL PARADISO VA ALLA GUERRA

La trama È bella la vita, se ogni mattina ti alzi e vedi il mare di Laguna Beach, posto da sogno a due passi da L.A., la città degli angeli. Ed è ancor più facile stare al mondo se per campare hai trovato il modo di evitare la fatica, semplicemente coltivando una varietà di marijuana particolare e ottima, almeno a giudicare dalla gente che fa la fila per comprarla. Se a questo ci aggiungi un amico fedele ed una donna spettacolare da dividere ma pur sempre tua, anche se a metà, il gioco è fatto. Sono le premesse del film, il modo in cui Ben e Chon, il primo botanico di fede buddista ed il secondo ex marine dai modi bruschi, hanno scelto di vivere e dividere tutto, compreso l’amore verso Ophelia, stereotipo della californiana da tachicardia, come forse da quelle parti non ne fanno quasi più. Sul loro business tranquillo mette gli occhi un cartello della mexican baja di cui tira le fila la bella e spietata Elena: prima attraverso la richiesta di un accordo per la gestione del traffico di droga nella loro zona, che i tre rifiutano, quindi usando le maniere forti, colpendo i due soci esattamente nella parte più sensibile: Ophelia. La ragazza viene rapita e i due soci, incapaci di immaginarsi il futuro senza il loro angelo biondo, scenderanno in guerra con i trafficanti messicani, senza risparmiare colpi.

IL PARADISO

VA ALLA GUERRA Tre amici, un commercio che rende, molte auto yankee intorno e le spiagge della California a fare da contorno. Un cartello messicano della droga proverà a guastare un ménage quasi perfetto

26 _LUGLIO-AGOSTO 2012

la presenza costante di auto altrettanto yankee, come il colossale Navigator, Suv di lusso di categoria XL (è lungo oltre cinque metri) prodotto dalla Lincoln, marchio di proprietà della Ford destinato al mercato statunitense, che si muove grazie agli impeti di un V8 a benzina da 5,4 litri. Girata interamente in California, fra Malibu, Pacific Palisades, Santa Clarita e Laguna Beach, posti incantati nei dintorni di Los Angeles, la pellicola è in assoluto una delle più attese della prossima stagione cinematografica.

• Titolo originale: Savages • Regia: Oliver Stone • Soggetto: Don Winslow (basato sull’omonimo romanzo)

• Sceneggiatura: Don Winslow, Shane Salerno, Oliver Stone • Fotografia: Daniel Mindel • Montaggio: Joe Hustshing, Stuart Levy, Alex Marquez • Musiche: Adam Peters • Scenografie: Tomas Voth • Produttori: Moritz Borman, Eric Kopeloff • Produttori esecutivi: Todd Arnow, Shane Salerno • Produzione: Ixtlan / Onda • Distribuzione: Universal Pictures Italia • Uscita nelle sale: 19 /10/2012.

Il cast

Taylor Kitsch________Chon Aaron Johnson_______Ben Blake Lively______Ophelia John Travolta______Dennis Emile Hirsch_________Spin Uma Thurman_______Paqu Salma Hayek_______Elena Trevor Donovan______Matt Benicio Del Toro _____Lado

CONTINUA A CRESCERE!

ITALIA

F

a un po’ effetto, in tempi come questi, sentire i vertici Kia dichiarare che le richieste dei loro modelli superano la capacità produttiva necessaria per OLTRE soddisfarle tutte. Eppure, la A POTER RICHIEDERE LA PROPRIA COPIA ISCRIVENDOSI testimonianza che si tratti di ALL’INDIRIZZO ABBONAMENTI@MOTORS-ITALIA.COM ORA È ANCHE DISPONIBILE IL NOSTRO SITO un momento da incorniciare, malgrado l’Italia sia uno dei paesi dove l’auto soffre di AVE più, sta tutta nella velocità GOLD ACSK CE

GR co At Pi uit A A

C

on qualche film sulle spalle non andato così bene come sperava, Oliver Stone (nella foto qui sopra), un tempo fra i più prolifici registi di Hollywood, vincitore di tre premi Oscar e autore di pellicole di successo come Nato il 4 luglio, JFK – un caso ancora aperto, Assassini nati, World Trade Center e Wall Street, tenta di giocare una delle carte che l’hanno reso celebre: un poliziesco infarcito con molta azione e parecchio “pulp”, nome esotico per indicare scene che grondano sangue. Lo spunto arriva dall’omonimo thriller di Don Wislow (dichiarato dal New York Time uno dei dieci migliori romanzi del

2010), autore americano dallo stile molto cinematografico, che Stone rende proprio usando ogni possibile cliché della settima arte: montaggio velocissimo, fotografia visionaria, dialoghi estremi e adrenalina a pioggia per chi guarda. Il cast, in compenso, è di prim’ordine: su tutti John Travolta, Uma Thurman e Salma Hayek, star vere, che costano parecchio ma sanno assicurare il ritorno dell’investimento ai botteghini. Intorno a loro Benicio Del Toro, attore portoricano diventato una stella di Hollywood, e la bellissima Blake Lively, californiana classe 1987 ma soprattutto uno degli ottimi motivi per cui la pellicola sarà ricordata a lungo. La storia è un action movie che orbita intorno al mondo della droga, fra tre ragazzi, due uomini e una donna (in un ménage a trois che si annuncia piuttosto piccante), che vivono in una sorta di comune ed un potente cartello che vuole mettere mano sul loro business promettente. Quasi inutile aggiungere che non mancano inseguimenti, sparatorie, fulmini, botti e lampi, nella migliore tradizione cinematografica americana, con

LA Scheda

Speciale: Dall’America arriva transition, l’auto che vola: iL futuRo DeLLe NostRe stRADe hA messo Le ALi

Speciale Salone di Pechino SPECIALE Pamela Anderson S

SPECIALE Salone di Detroit

ITALIA ITALIA

1

Da al sa Dal salone della Grande Mela molti restyling e qual qualche novità dalle misure americane, ma più che altro un cauto ottimismo m

ITALIA

Tutte le novità della rassegna americana che apre la stagione dell’auto, tra crisi e speranza

3

ITALIA

04

Anno 1 - APRILE 2012 - copia gratuita

Novità Mercedes ML 63 AMG Jaguar XKR-S Cabrio Audi A1 Sportback Toyota GT 86 Volkswagen CC Opel Mokka Dacia Lodgy Range Rover Sport S

LA STORIA

INNO AL VENTO Andavamo agli Ottanta

LA PROVA Lancia Thema 3.0 Multijet 240 Hp Executive

Il decennio più edonista del secolo scorso celebrato con un tuffo nel passato fatto di musiche e auto che andavano allora

MOVIE Take me home tonight

Il grande ritorno dell’ammiraglia italiana: l’erede di una tradizione del gruppo torinese con passaporto americano

febbraio 2012

1

Anno 1 - Giugno 2012

www.motors-italia.com

N 13der MCLARE 2C 20Spy MP4-1 sche 918

Novità Ferrari California Mercedes E 300 BlueTec Hybrid Audi A8 Hybrid Citroën C4 Aircross Mini Ray Line Renault Mégane Dacia Lodgy Seat Ibiza Kia cee’d te VW up up! 5 po porte Peugeot 208 8

Porsche Boxster 2012

05

Anno 1 - Maggio 2012 - copia gratuita

Anno 1 - FEBBRAIO 2012 - copia gratuita

DEMOLITION DERBY Tutti contro tutti

Tutte le novità dalla più importante kermesse automobilistica d’oriente

EVENTI E VE New York Auto Show

L’ex bagnina di Baywatch ha creato L’ un suo team: perché la vita va presa di petto, m ma è meglio se con una quinta di reggiseno

Por

BHE LRLAION Mercedes SL 65 AMG

TSTA LA BESTIA NEL CUORE

LA PRovA

LA PRovA

LA A PROVA Jeep Wrangler Arctic 2.8 CRD Io sono leggenda Ed oni limitata ad alto tasso di sfizio per l’icona Edizioni dell’offroad, de ffroad, alle prese con un test che l’ha vista ca sela fuori e dentro l’asfalto cavarsela

Kia cee’d 1.6 CRDi

MOVIE The Rum Class 100Diary CV Il diavolo viaggia in Corvette La seconda generazione della

Johnny Deep neicoreana panni di unpunta giornalista americano compatta in alto: più cheattenzioni si sposta a Portorico per a credere e lusso inricominciare crescendo, ma febbraio 1 in qualcosa che non sia solo 2012 la bottiglia

sfida aperta a consumi ed emissioni

NovitàFiat

Panda 1.3

Novità • •

Maserati GranTurismo Sport Mercedes-Benz SLS AMG GT

• Mercedes Classe A • Audi A6 allroad quattro MJT 75 CV Lounge • Abarth 695 Edizione Maserati • Audi A3 • Toyota GT86 • Infiniti FX 2012 • Mini JWC GP • Chevrolet Trax • Audi SQ5 TDI Agile in città, spigliata fuori, • Fiat 500L • Mazda CX-5simpatica, curiosa • BMW X1 restyling e sfiziosa: • Seat Mii • BMW X1 all’appello della nuova • Range Rover Sport 2013 edizione della piccola torinese non manca nulla

• •

Mercedes-Benz GLK facelift Jeep Grand Cherokee SRT

• • • • • • • • •

Mercedes Classe G Nuova Lexus GS 450h Nuova Volvo V40 VW Golf GTI Cabriolet Lancia Flavia Cabrio Chevrolet Cruze SW Suzuki Splash 2012 Toyota Yaris Hybrid Smart Ebike

CON L’ARCHIVIO COMPLETO DI OGNI NUMERO DELLA PRIMA FREE PRESS DEDICATA ALL’AUTOMOBILE, A DISPOSIZIONE DI TUTTI. NESSUNO ESCLUSO. LUGLIO-AGOSTO 2012

27


NEWS

CONTRO I LANCIATORI INGLESI

LA ROSSA DI STEVE Non è solo una Ferrari, definizione che già basta per rendere giustizia ad un’opera d’arte su ruote, ma addirittura una Ferrari particolare, resa ancor più celebre dal nome del suo proprietario: Steve McQueen. La 275 GTB4 appartenuta al grande divo di Hollywood, è di recente tornata a Maranello, nel reparto Ferrari Classiche, per sottoporsi ad un minuzioso restauro, voluto dal suo attuale proprietario, ultimo di una lunga serie di collezionisti che l’hanno martoriata fino a trasformarla da coupé a spider. La leggenda vuole che la 275 GTB4, considerata una delle Ferrari più belle di sempre, sia stata consegnata a McQueen direttamente sul set di Bullit, uno dei suoi film più celebri.

È una vera battaglia, quella che l’Inghilterra sta combattendo contro l’incivile abitudine di gettare oggetti dalle auto. Secondo una recente ricerca del Green Flag, servizio di soccorso inglese, ogni anno si contano 29 milioni di mozziconi di sigarette e 17,4 milioni di avanzi di cibo, 6,2 milioni di lattine e bottiglie, a cui vanno aggiunti 5,2 milioni di fazzolettini di carta. Un’inciviltà diffusa, che secondo la ricerca coinvolge il 18% degli automobilisti, anche in barba anche al rischio di vedersi decurtare da 3 a 9 punti dalla patente.

VOLVO DA RECORD

Il signore in foto si chiama Irv Gordon, ha 72 anni e non ha mai fatto nulla di particolarmente grave, a parte comprare nel 1966 una Volvo P1800 e resistere strenuamente alla tentazione di cambiarla. Il risultato è che oggi, la Volvo di Irv è l’auto che ha percorso più strada di cui si abbia notizia: 4 milioni di km, ovvero 113 volte la circonferenza terrestre. Una fedeltà che a mister Gordon è valsa il premio High Mileage Vehicle e gli omaggi della Volvo.

IL PRINCIPE FA SPAZIO Non c’entra la crisi, è una questione di spazio. Questo è stato il commento diffuso dal palazzo reale di Monaco all’annuncio di un’asta, voluta dal Principe Alberto, di auto che fanno parte della collezione privata della famiglia Grimaldi. Del lotto fanno parte 40 pezzi storici e qualche modello particolare, fatto realizzare su richiesta della famiglia reale. Fra i tanti vale citare una Citroën Traction Avant (12 mila euro il prezzo base), una Fulvia 1300 Coupé S (8 mila €) e una Bentley S1 Berlina (25 mila).

28 _MAGGIO 2012

SE NON È AMORE QUESTO…

LONDON LOVE PININFARINA

Kim Kardashian, ufficialmente attrice, stilista, modella, cantante e stilista, ma in realtà prezzemolina del gossip americano, è finita nelle cronache dei giornali perché di recente ha voluto regalare a Kanye West, il suo fidanzato, una Lamborghini Aventador dal valore di 380 mila dollari. I due sono stati visti sfrecciare a Parigi, dove si trovavano per una vacanza.

L’Istituto Italiano di Cultura di Londra, al 39 di Belgrave Square, ha scelto di celebrare il genio e la fantasia del marchio Pininfarina con una mostra che raccoglie alcuni fra i più significativi passaggi del geniale design dell’azienda torinese, da sempre uno degli emblemi del made in Italy. Accanto alla fiaccola delle Olimpiadi Invernali di Torino 2006, trovano posto tra gli altri il Personal Rapid Transit Vectus, sistema di trasporto collettivo urbano, la macchina per il caffè a capsule Lavazza Firma, il distributore Coca Cola Freestyle, il cronografo Cambiano, la valigia Bric’s e la sedia Ares Line Xten.

500 FOR KIDS

Sulle passerelle di Pitti Bimbo, in scena a Firenze, ha debuttato una nuova collezione di abbigliamento per bambini dedicata all’intramontabile Fiat 500. Nata da una collaborazione fra Fiat e Preca Brummel, la Fiat 500 Kids Collection è articolata su giubbotti, felpe, polo e t-shirt, tutti vivaci e allegri, con giochi grafici e colori estivi giocati sull’immagine della piccolina di casa Fiat. Fra tutti, spicca una maglietta che recita: “unisci i puntini e vedrai una 500”, in vendita con una confezione di pennarelli lavabili.

SPACE SHUTTLE BAR VENDESI

ABBASSO IL TRAFFICO

Non fatevi ingannare dalle apparenze, sotto le mentite spoglie di Space Shuttle, la navetta spaziale della Nasa, si nasconde il telaio di un vecchio autobus della General Motors, opportunamente adattato fino a trasformalo in una delle più recenti follie americane: lo Space Shuttle Bar. Per la scocca, il proprietario ha pensato di modificare la carlinga di un DC3 del 1944, e da quel momento, lo Space Shuttle Bar ha girato per gli States, diventando l’attrazione per centinaia di feste o sagre paesane, fin quando il proprietario si è stancato, mettendolo in vendita su eBay a 150 mila dollari.

Provare il brivido di guidare un carro armato costa 100 euro e servono 16 anni compiuti. Ma chi vuol completare il regalo, per 490 euro può togliersi lo sfizio di mettersi alla guida per 45 minuti di un FV4201, carro armato in forze all’esercito britannico, passando con 55 tonnellate sopra alcune auto prese da un demolitore compiacente, fino a distruggerle. Il sogno da automobilista represso è organizzato dal sito www.tankdriving. co.uk, e le iscrizioni fioccano.


a cura di Diego Parassole

PAGARE PER CREDERE Seconda serie di ragionamenti sul tema autostrade: rischi e fischi di un italiano medio, abituato a pagare anche quel che non c’è, e forse non ci sarà mai Lo scorso numero ci eravamo lasciati parlando di autostrade, e in proposito avrei ancora qualcosa da dire. Quello che mi manda in bestia sono tratti di strada come la Salerno-Reggio Calabria, un’autostrada che non esiste. E l’Italia di esempi così è piena: pagare per qualcosa che non c’è. Più o meno, è come andare con una prostituta che ti dice “guarda, qui ci sono le mie foto, io ho da fare, cerca di aggiustarti da solo, va bene?”. Viaggiare è sempre stato rischioso, una volta c’erano i briganti, ti fermavano, rubavano tutto e ripartivi. Adesso esci dall’autostrada con la stessa sensazione, l’unica differenza è che i banditi oggi accettano anche le carte di credito. E gli autogrill? Visto che prezzi? Un giorno ho preso un toast e la cassiera mi fa: “niente da bere?”. E io: guardi, volevo prendere anche una Coca, ma ho i Bot che mi scadono fra cinque anni… Per non parlare dei lavori in corso, che è un po’ come entrare al ristorante e sentirsi dire dal cuoco: stiamo ristrutturando la cucina, se volete potete dare una leccata ai surgelati. Un esempio? La variante di valico Firenze-Bologna doveva essere pronta nel 2003, ma non è ancora finita oggi, anno 2012. Prima han detto: miglioriamo l’autostrada che già esiste, poi hanno precisato: no, facciamo la variante.

Fra un po’, me lo sento, diranno: ma perché non cambiate strada voi? Anziché metterle a posto hanno riempito le autostrade di cartelli lavori in corso, che poi ti guardi intorno e il 90% delle volte non vedi nessuno. Così pensi lavori in corso? Vorrà dire che l’operaio è corso via… Ma il cartello più gettonato è stiamo lavorando per voi. Ma dai, almeno cercate di essere onesti, scrivete: avremmo in mente di iniziare a lavorare per voi. Allora io dico, in questi tempi di crisi, mettimi il 3x2: fai tre km e ne paghi solo due… Altrimenti con quello che pago, io esigo: orchidee in mezzo alle aiuole e non la Protezione Civile che porti l’acqua, ma la Canalis che mi versi lo champagne. E le foto degli autovelox scattate da Oliviero Toscani. Un’altra cosa che eliminerei sono i cartelli luminosi che recitano: su questo tratto un morto su cinque… sono pericolosissimi, perché ogni volta che lo leggi, d’istinto togli la mani dal volante per toccarti laggiù, e rischi di essere il sesto. Che poi pensa se trovi un mezzo analfabeta che vede il cartello ma non legge bene, così rallenta… un moo… un moort… un moorto suu… ma dietro arriva uno a 150 all’ora e pam! Che la settimana dopo devono cambiare il cartello: un morto su cinque perché c’è in giro un pirla che andava male a scuola.

www.comiciassociati.it | Segreteria artistica: 380.2819812 – 328.7541746 (di questi tempi avere in casa il numero di un comico può salvare la vita)

30 _MAGGIO 2012

Pillole di Diego Al peso di 3 kg e 3 etti, Diego Parassole nasce ad Alessandria il 7 ottobre 1963, all’una e mezza di notte: ora tarda che non toglie alla mamma la forza di chiedersi se non era meglio tenere la cicogna e dar via lui. Frequenta l’asilo per 2 ore 30 minuti, poi la facoltà di Veterinaria a Torino per 34 esami, ma dentro (insieme alle prime pulsioni sessuali) sente crescere forte il richiamo verso il teatro: frequenta corsi e scuole, poi debutta in televisione al Maurizio Costanzo Show. E’ uno dei “senatori” di Zelig, fortunata trasmissione in onda su Canale 5, dove per l’occasione inventa Pistolazzi, tenero metalmeccanico vessato in casa e fuori, mentre oggi la sua vena umoristica sta deviando verso il teatro comico sociale. Insieme a due colleghi (Claudio Batta e Luca Klobas) ha ideato Comici Associati, progetto che al sorriso unisce l’impegno. Attualmente sta girando l’Italia con due spettacoli: Che Bio ce la mandi buona e I consumisti mangiano i bambini.



Motors Italia nr. 6