Issuu on Google+

il mensile per conoscere n. 215 OTTOBRE 2011

CASENTIN02000.IT

vivere

NON RICEVE ALCUN FINANZIAMENTO PUBBLICO

il Gasentino Anno XIX-FRUSKAsrl-€2,00


I

ASENHN02000

lemmario

Per la tua pubblicità telefona allo 0575.582788 I omure al 334.8968738 massimo.trenti@fraska.it

i LA FINESTRA SULLA VALLE 3 Tutto è possibile! NON SOLO URBANISTICA

14 Quelle villette abbandonate SERVIZI

16 Rifiuti... inizia un nuovo ciclo? INCHIESTA

18 II futuro delle nostre acque ATTUALITÀ

20 Dall'analogico al digitale, forse! E IO PAGO!

23 Una prassi... discutibile AGRICOLTURA

24 II misfatto del raccolto LAVORI PURRLICI

25 La "ricucitura" di Subbiano SCEMPI

27 Senza "palle"... CASENTINATI

28 La Miss della porta accanto PERSONAGGI

36 Un inventore casentinese ARTE

37 Matematica dell'irrazionale TRADIZIONI

38 La festa di Subbiano PROGETTI 39 Park Pride... a Camaldoli! EVENTI 41 Liberi di volare... STORIE

44 Merende da... sogno! TERRITORIO

46 Trilogia di zucche MEMORIA

55 II tesoro nascosto GLI INSERTI

31 Casentine Selvaggio 48 Essere 51 II Giornale delle Associazioni 57 Tuttosportcasentino LE RURRICHE

i Opinioni 13 Badalischio d'Argento 35 Anime e Animali 42 Cosa bolle in pentola di... 43 Mondovino 61 Casentine a 4 Zampe 62 Macondo

In copertina: Chiara Caporalini, finalista a Miss Italia 2011

CASENHN02000 resta con voi ogni momento anche on-line con CASINTIN02000.IT la versione weta costantemente aggiornata

GASENTIN02000 n. 215 Ottobre 2011 Anno XIX - € 2,00 DIRETTORE RESPONSABILE Mauro Meschini (mauro.meschini@casenttno2000.it) VICEDIRETTORE Francesca Maggini (francesca.maggini@casentino2000.it) COLLABORATORI Andrea Barghi, Valentina Ariani, Davide Battisti Martina Bei, Francesco Benucci, Andrea Biagini tlaria Borgnoli, Alessandro Brezzi, Luca Cavalieri Valter Ceccherini, Manina Cenni, Tommaso Corazzasi Sara D'Alessandro, Alessio Dini, Lucrezia Ferrari Chiara Ferri, Melissa Frulloni, Cristina Li Francesco Martini, Eugenio Milizia, Denise Pantuso Roberta Patrocchì, Maura Perez, Leonardo Previero Gioella Raudino, Sara Rossi, Nicola Spadi Lara Vannini, Giancarlo Zavagli

m

FRUSKA Sri Sede legale: Piazza Garibaldi, 8 - Soci (Ar) Capitale Sociale: Euro 100.000,00 i.v. www.fruska.it - fruska@fruska.it CONSIGLIO Di AMMINISTRAZIONE PRESIDENTE Susanna Santini AMMINISTBATORE DELEGATO Roberto Frulloni

CONSIGLIERI Stefano Cecconi, Massimo Trenti DIREZIONE E REDAZIONE CASENTINO200Q Via Trieste, 21/6- 52017 STIA (Arazzo) Tei. e Fax 0575-58.27.88 / Tei. 0575-504870 fruska@casentino2000.it (Segreteria e ricezione fax 24 ore su 24) Autoriz. Tribunale di Arezzo del 25/01/90 iscrìtto al N. 1/90 del Registro della Stampa "Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, commal, Aut. GIPA/C1/FI/11/2011" Progetto grafico, impaginazione e grafica pubblicitaria: CASENTINO20QO Vìa Trieste, 21/8 - STIA (Arezzo) www.casentino2000.it - fruska@casentino2000.it PER LA PUBBLICITÀ CONTATTARE: CASENTINOSOOO- Ufficio pubblicità tei. 0575-582788/504870 - 334.8968738 massimo.trenti ©fruska.it Stampa: Litograf Editar s.r.l. Via C. Mare, 10 - Cerbara, Città di Castello (PG) Manoscritti, dattiloscritti, foto non si restituiscono. La FRUSKA Sri non assume come propria l'opinione di quanti collaborando a CASENTINQ2QOO esprimono liberamente giudizi ed affermazioni con scritti e servizi a loro firma. La collaborazione non richiesta termalmente per iscritto non è retribuita. È vietata la riproduzione totale o parziale di testi, disegni, foto riprodotte su questo numero del giornale. Per quanto riguarda gli annunci economici pubblicati, CASENTINO2000 offre esclusivamente un servizio, non riceve tangenti nelle contrattazioni, non effettua commerci, non è responsabile per la qualità, provenienza o veridicità delle inserzioni, che può rifiutare o sospendere a suo insindacabile giudizio. L'Editore non risponde per eventuali ritardi o perdite causate dalla non pubblicazione dell'inserzione per qualsiasi motivo, compresi gli eventuali errori di stampa. Possibili spese sostenute dall'Editore in seguito ed a causa degli annunci, saranno risarcite dagli inserzionisti. Una copia Euro 2,00 - Arretrati il doppio

Abbonamento annuale (12 numeri) Euro 50,00 ACCETTIAMO SOLO ABBONAMENTI SOSTENITORI Tramite versamento sul c/c postale n. 4591891 intestato a: FRUSKA srl Piazza Garibaldi, 8 - Soci (Arezzo) Indicare sempre il codice fiscale o la partita iva AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI REGISTRO DEGLI OPERATORI DI COMUNICAZIONE NR. POSIZIONE FRUSKA SRL: 19324


Inserto di

La Scarpinata Selvaggia / LA GIOGANA. Fra Prato alla Penna e il Passo della Calla

di Andrea Gambassini

I

I nostro viaggio alla scoperta dei meravigliosi percorsi casentinesi continua alla volta di uno dei sentieri a cui gli scarpinatori locali e romagnoli sono particolarmente legati: lo "00 della Giogana" tra Prato alla Penna ed il passo della Calla. Lungo tale percorso si accarezza per gran parte la natura incontaminata della Riserva integrale di Sasso Fratino, la prima istituita in Italia nel '57. Il nostro percorso inizia dal parcheggio di Prato alla Penna (foto 1), lungo la strada che dall'Eremo porta al rifugio Fangacci e a Badia Prataglia, Si va in direzione della Calla. Dopo aver incontrato il Bivio Gioghetto (foto 2), da cui si può scendere alla Lama o all'Eremo, si prosegue verso la Calla. Si arriva al Gioghetto e poi al Prato del Soglio a 1343

, -,

LaGtOSatm

lésetve

ioterenXi

-

afrri senfteri

carrozzabtfj

m, un bellissimo prato di crinale in cui è facile imbattersi in daini o cervi (foto 3), data la rarità degli spazi aperti all'interno del Parco. Si riprende fino a Giogo Seccheta a 1383 m (foto 4), noto snodo viario dell'antica via dei legni, qui al bivio si prende a destra, sino ad arrivare a Passo Porcareccio (foto 5). Qua inizia il tratto escursionistico più bello e affascinante fra due incantevoli riserve integrali, "Sasso Fratino" e "La Pietra", fino a Poggio Scali (foto 6) a 1520 m, dove un panorama mozzafiato vi porterà a riflettere sulla maestosità delle nostre foreste. Giunti a Poggio Scali consigliamo ai meno allenati di ritornare per il medesimo percorso a Prato alla Penna, mentre gli altri proseguiranno passando per il suggestivo Pian Tombesi, sino al Passo della Calla (foto 7), per poi tornare al punto di partenza.

1 - Prato alla Penna. Foto di Eugenio Milizia

CHÉTI LEONARDO ^TAPPEZZERIA ARTIGIANA^ '^f

mi-*»mHmm*m*mamm***m*tH**mmqiiyHi^

Divani Letti Tendaggi

VIENI A VISITARE II NUOVO SHQW-RQOM «a Rema, 64/88 - STIA (Ar) Tei. 0576.583842 - mG.chiti@alice.it


CASENTIN02000

Irò getti

di Eugenio Milizia

Pai* Pride... a Camaldoli! Ma cos'è? Ci sono già quelli che pur non avendo idea di cosa sia, sono già contrarii Vedendo il grazioso manifesto dell'evento e spinti dal sano principio di conoscere prima di giudicare, noi siamo andati a conoscere la vera "genesi"....

C

amaldoli in Casentine, si sa che oltre ad essere importante Monastero è anche un importante sito dove degli intellettuali hanno spesso amato riunirsi per disquisire su diversi temi. Sarà per la pace di questo luogo, sarà per altro... comunque sia le cose stanno così. Camaldoli, quindi, è stata ed è una particolare "Agorà" magnificamente incastonata, come una pietra preziosa, nella natura e nel Parco nazionale delle foreste Casentinesi-Monte Falterona-Campigna... e tutto questo non è poco, tanto per iniziare!

Village Park Pride, cos'è? Detto in altre parole, in questo contesto di "Agorà camaldolese", Village Park Pride significa: "Orgoglio di vivere nella natura. Orgoglio di vivere a misura d'uomo, come la natura dispone". Ovvero, desiderio di poter vivere a questo mondo degnamente, da essere umani, vivere senza subire nessun tipo di violenza, vivere in pace nel rispetto di tutto e di tutti. Violenza è la discriminazione sociale, per cui le comuni famiglie "non arrivano a fine mese", gli anziani hanno pensioni da fame e sono sempre meno accuditi, la gente comune vive l'incubo della precarietà e della disoccupazione, i comuni giovani non trovano lavoro e diventano ragazzi dispersi nell'alcol e nelle droghe. Violenza è la discriminazione razziale, per cui non vengono tollerate le persone differenti da noi, non vengono sistematicamente regolarizzati gli stranieri che lavorano da noi, costringendoli ad una ipocrita emarginazione.

loro esclusione dal futuro Sistema". Per dare voce alle richieste di "non violenza" e alla fame di "far parte del futuro", in una piazza di persone benpensanti, solo casualmente a Serravalle a due passi da Camaldoli, l'organizzatore David Mosconi ha pensato di dar vita all'evento "1° Village Park Pride". Camaldoli, perché? Nessuno forse sa che il seme della nostra Costituzione è stato seminato proprio a Camaldoli, lì è poi germogliato... e la Costituzione è contro ogni violenza! Ed ecco il perché! EVINTO NEI, PARCO Era il luglio 1943, verso la fine NAZIONALI della seconda guerra mondiale, DEUJE FORESTE CASENTINESI quando Benito Mussolini perse il MONTE FAWERONA potere, e alcuni intellettuali, riunitisi CAMPIGNA nel monastero di Camaldoli, diedero inizio alla rielaborazione della dottrina sociale, spinti dalle dramh-ttp,'//villageparkpride,blogspot.com matiche vicende vissute durante il Violenza è la discriminazione religiosa, drammatico periodo fascista. per cui si giudicano diverse le persone che 11 lavoro proseguì poi a Roma e, nel "non credono" rispetto a quelle che "cre1945, finita la guerra di liberazione, portò dono", le persone che hanno una "Fede" alla pubblicazione del volume "Principi diversa rispetto alla nostra. Ogni Religione dell'ordinamento sociale a cura di un grupdeve avere essere rispettata in quanto tale, po di studiosi amici di Camaldoli", chiamain ogni angolo di questa mondo! to poi, più brevemente, "Codice di Camaldoli". Gli Indignados non sono contro il 1 principi elaborati in quel Codice Sistema! Sono indignati per essere ispirarono l'Assemblea Costituente vittime di violenze e per non far (1946) che formulò definitivamente la Costituzione italiana approvata e parte del futuro del Sistema! promulgata nel dicembre 1947, e Violenza è la discriminazione sessuale, che entrò in vigore il 1° gennaio 1948. perpetrata generalmente dall'uomo sia nei confronti delle donne, considerate ancora Conclusione oggi "inferiori", sia nei confronti di coloro Ed ecco che non poteva esserci posto "non etero", considerati persone "diverse". migliore della zona di Camaldoli del Mentre i cosiddetti "grandi" sembrano Casentine, quale Agorà per accogliere le essere rassegnati a tutto questo stato di viovoci contro ogni forma di violenza! lenze, i ragazzi invece no! Ed ecco che nel Ad oggi l'evento prevede, per il prossimondo masse di giovani, gli Indignados, mo agosto 2012, un corteo che da Serrahanno alzato la voce contro l'attuale politivalle, con un percorso misto strada-sentieca mondiale che sembra esistere solo per ri nel bosco, arrivi al Prato alla Penna, a se stessa nel quotidiano, mentre poco o 1248 m, e che qui vi sia una manifestazioniente viene fatto di strutturato per un ne con interventi di benpensanti delle istimondo migliore e per le nuove generaziotuzioni, del mondo religioso, della cultura ni. Gli Indignati non sono contro il "Sistee dello spettacolo, con musiche per la pace ma", sono contro "tutte le violenze e la suonate, fra l'altro, con il Bandura. ^

r

Unisciti

39


I

C

il m e n s i l e p e r c o n o s c e r e n. 215 OTTOBRE 2011

CASENTIN02000.IT

vivere

NON RICEVE ALCUN FINANZIAMENTO PUBBLICO

il

Gasentino Anno XIX-FRUSKAsrl-€2,00


La Genesi del Village Park Pride