Issuu on Google+

La nostra “mitica” classe quinta è formata da 24 alunni: 13 ragazzi e 11 ragazze. In classe prima eravamo in 25 ma all'inizio della classe terza, una nostra compagna, Lara, si è trasferita in un' altra scuola. In questi 5 anni ci hanno accompagnato la maestra Marina, solo i primi due anni, Delia, Fiammetta e Loredana. Con queste maestre ci siamo sentiti accolti come in una grande famiglia e con loro abbiamo percorso serenamente questo lungo viaggio. A bordo di questa grande nave hanno viaggiato: Arianna, Beatrice, Bianca,

Teresa, Lorena, Sara S., Sara N., Gaia, Sofia R., Sofia C., , Letizia, Samuele, Matteo, Emil, Francesco, Giacomo, Alessandro, Gabriele, Roberto, Giovanni, Maurizio, Pietro, Kevin, Leonardo.

La nostra scuola è un edificio molto ampio. È formata da due piani, ognuno con numerose aule. Al primo piano c'è un grande atrio, che viene utilizzato come palestra, e ci sono le aule delle classi prima, seconda, quarta, che non sono tanto

ampie ma molto luminose. Inoltre ci sono due aule utilizzate per la mensa degli alunni delle classi prima e seconda e per la proiezione di cassette e di DVD. Al secondo piano ci sono le aule delle classi terza, quinta; l'aula d'immagine, l'aula d'informatica,

Un saluto dalla mitica quinta!!! Gabriele, Lorena, Sara S.


l'aula di recupero, e l'aula di musica con la lavagna multimediale. C'è anche una piccola aula per le insegnanti. All'esterno della scuola c'è un' ampio giardino dove i bambini si divertono a giocare durante la ricreazione: una parte è ghiaiosa e nell' altra si estende un enorme prato con alti alberi. In un angolo del prato c'è il nostro orto didattico.

Secondo noi la nostra scuola è la migliore di tutto il circolo didattico, perché è l' unica scuola con un orto e un giardino molto spazioso… …e le maestre più meravigliose del mondo !!

Il giorno 1 ottobre 2011 i ragazzi della V Rismondo si sono recati presso la caserma della Polizia di Stato “Massarel-

li”. Degli agenti hanno accolto i ragazzi all’interno dell’edificio e hanno consegnato loro un tesserino di riconoscimento. Dopo aver risposto volentieri ad alcune domande, gli agenti di Polizia hanno portato i ragazzi in una sala e hanno spiegato qual è il compito della Polizia Postale. Inoltre hanno dato dei consigli sull’utilizzo di Internet. Successivamente gli alunni sono andati nel cortile interno dove hanno mostrato i veicoli delle forze dell’ordine, hanno spiegato le metodiche della Polizia Scientifica e in seguito gli studenti hanno assistito ad una simulazione dell’arresto di due rapinatori e il disinnesco di una bomba con l’impiego di un robot. Alla fine hanno fatto vedere e un cane poliziotto in azione. Questa visita è stata molto educativa per gli alunni.

Alessandro, Letizia, Roberto, Matteo e Gaia

Beatrice

Pagina 2


Noi ragazzi di quinta abbiamo aderito al Progetto Ceramica per cui abbiamo svolto 5 lezioni il venerdì, nelle quali abbiamo lavorato con la ceramica per costruire un angioletto.

Nelle prime lezioni ognuno di noi ha fatto una piastrellina con un graffito che purtroppo non è stato possibile conservare. Nelle lezioni successive abbiamo iniziato a costruire l’angioletto con un’argilla chiara.

Giovedì 16 Febbraio gli alunni della scuola “F. Rismondo” hanno festeggiato il Carnevale. Molti bambini si sono vestiti in maschera; noi bambini della classe 5° abbiamo trascorso le prime due ore in classe e la ricreazione, poi ci siamo “scatenati “ e ci sia-

I ragazzi per prima cosa hanno fatto il vestito a forma di cono e l’hanno decorato grazie a un pezzo di stoffa . Successivamente hanno fatto le ali e le braccia, poi la testa e le hanno “incollate”. Dopo hanno “incollato” anche le mani già fatte in precedenza, un cuoricino o una stellina e dei capelli. Infine hanno colorato il tutto e la maestra Michela che li ha aiutati e insegnato, ha messo i lavoretti in forno. L’ultimo giorno di scuola, prima delle vacanze di Natale, i ragazzi hanno portato gli angioletti a casa. Pietro, Beatrice e Sara N.

mo abbuffati di patatine, pop-corn, crostoli, dolciumi e bibite. Successivamente ci siamo ritrovati tutti nell’atrio e abbiamo guardato il film “Il pifferaio magico” in chiave moderna. Finito il film noi siamo tornati in classe, abbiamo messo della musica e Pagina 3


abbiamo ballato insieme alla maestra e giocato con le stelle filanti. Abbiamo

trascorso una splendida giornata a scuola e siamo ritornati a casa felici Arianna e Leonardo

Il giorno 29 Febbraio nella Sala Incontro della parrocchia di San Rocco si è tenuta la premiazione del progetto “DESCRIVO IL MIO QUARTIERE” organizzato dal consiglio di quartiere San Rocco – Sant’Anna. Il concorso era rivolto agli alunni delle classi 4a e 5a delle scuole primarie del borgo: Ungaretti, Rismondo, Pecorini. I bambini hanno descritto il loro quartiere ideale con disegni e piccoli temi. Tutte le classi hanno ricevuto una targa di riconoscimento e un buono di € 50 spen-

dibili presso le librerie cittadine. Il Sindaco, presente alla cerimonia, si è congratulato con i bambini e le maestre per il brillante lavoro svolto. Infine c’è stata la premiazione per i migliori lavori individuali di due alunni per classe a cui è stata assegnata una targa nominativa. Dagli elaborati dei concorrenti è emerso che il quartiere perfetto è quello con spazi verdi, piste ciclabili e almeno un parco giochi.

Il giorno 31 marzo si è tenuta nella sala Incontro di Borgo San Rocco la premiazione del concorso decoriamo le uova. Le uova sono state preparate dai bam bini delle classi di varie scuole tra le

quali la Rismondo. Prima di incominciare, il coro di voci bianche di SanRoccoCanta, ha cantato “Solidarietà”, una canzone con tema: l’ amicizia. Poi Don Ruggero e altre persone hanno tenuto un discorso e successivamente hanno presentato le classi che hanno partecipato. Alla classe 3° della scuola Rismondo per il modo particolare con cui ha dipinto le uova hanno dato un uovo di Pasqua. In seguito hanno dato a ogni classe che aveva partecipato un sacchettino con ovetti di cioccolato e un attestato. Al 1°, al 2° e al 3° posto han-

Bianca

Pagina 4


no aggiunto una busta contenente dei soldi per comprare materiale didattico. Noi della classe 5° abbiamo costruito il coniglio Bunny, il coniglio pittore. Bunny stava dipingendo un albero su cui sono posate farfalle, coccinelle e uccellini decorati con fiocchettini e fiori costruiti con le uova. Vicino all’ albero

c’era un mucchio di paglia su cui sono posate galline in cartapesta e i loro pulcini costruiti con le uova. Il tutto abbellito da un mazzetto di viole. Ci hanno aiutato le signore Adriana e Maura e noi ci siamo impegnati e divertiti a lavorare con loro. Bianca e Sofia R.

Il 24 aprile, gli alunni della classe quinta della scuola Francesco Rismondo, hanno partecipato a una lezione speciale sul sangue. Tre donatori di sangue, tra cui il nonno di una nostra compagna di classe, Arianna, ci hanno mostrato un filmato prodotto da due studenti universitari, Laura e Filippo, che hanno fatto un viaggio immaginario nel sangue. Essi hanno spiegato da cosa è formato e quali sono le sue funzioni. Poi i donatori ci hanno spiegato quanto è prezioso donare il sangue che può salvare le vite delle persone. Gli alunni molto interessati poi hanno fatto delle

domande a cui queste persone hanno risposto. Infine gli alunni hanno ricevuto un portachiavi, un evidenziatore molto bello e due foglietti che spiegavano ulteriormente l’argo-mento trattato. Gli alunni hanno salutato le persone e sono tornati in classe. Il sangue, si può donare dai diciotto anni ai sessantacinque. I donatori ci hanno fatto capire che quando saremo più grandi potremo anche noi aiutare delle persone con un gesto semplice, ma pieno d’amore e d’affetto. Kevin e Emil

Pagina 5


Sabato 24 marzo, alla scuola “Rismondo”, nell’ambito del progetto “Orto Didattico R-I-S-Mondo” si è svolta una mattinata davvero interessante per gli alunni. Durante la ricreazione hanno visto arrivare un vecchio contadino alto e magro, con gli occhiali e i capelli bianchi: il signor Renato Madriz, che ha spiegato, anzi dimostrato come si coltivano zucchine e fagiolini. Poco dopo, con grande sorpresa, gli alunni hanno visto arrivare un contadino ancora più anziano, un po’ curvo

sotto il peso dei suoi anni, che è stato chiamato “maestro” e ha dato ulteriori consigli sulla coltivazione e ha portato del concime. E’ stato interessante per noi bambini nati nell’era dell’elettronica, avere questo diretto contatto con la natura, guidati da persone che hanno dedicato la loro vita ad un lavoro importante come la coltivazione e che adesso cercano di trasmettere un po’ della loro passione alle nuove generazioni.

Venerdì 27 aprile, la classe quinta della Scuola Rismondo, accompagnata da due maestre, è andata a visitare Venezia. Alle 7.20, alunni e maestre, erano puntuali in stazione, e poco dopo, hanno preso il treno. Velocissimamente tutti hanno occupato i posti senza litigare, le porte si sono chiuse e il treno è partito. I bambini hanno cominciato subito a chiacchierare tra loro: c’era chi ha tirato fuori dal proprio zaino le carte da gioco, chi la macchina fotografica e chi si è isolato mettendosi le cuffiette dell’ MP3 ed ha ascoltato

probabilmente della buona musica! Il viaggio di andata, della durata di circa due ore e un quarto, è volato via senza che nessuno se ne accorgesse, ed in breve hanno raggiunto la meta. Appena sono scesi, si sono messi in fila come volevano le insegnanti e appena fuori dalla stazione, le macchine fotografiche erano in mano ad ogni bambino. Le maestre comprensive, hanno lasciato un po’ di tempo per qualche scatto, ma poi per recuperare, li hanno fatti camminare… sul serio!

Beatrice e Sofia C.

Pagina 6


Sul loro cammino, oltre al il mercato del pesce che ha lasciato tutti a bocca aperta per lo spettacolo, hanno trovato molte bancarelle che vendevano maschere tipiche della città, che attraevano in particolare le ragazze, anche se sapevano che per gli acquisti dovevano aspettare il pomeriggio. Quando gli alunni si trovavano davanti ad un palazzo o ad un monumento importante, la maestra Loredana leggeva ai ragazzi qualcosa in proposito. Così dopo aver visto il Ponte dei Sospiri, sono arrivati alla meravigliosa Piazza San Marco, piena di gente, di scolaresche, di piccioni e di bar. Nella piazza, ai ragazzi è bastato soltanto alzare gli occhi al cielo, per ammirare l’altissimo campanile sotto il quale si trova l’imponente Basilica di San Marco, e girarsi un pochino per entusiasmarsi davanti alla Torre dell’ Orologio, con il quadrante blu e oro, dove sono segnate, ovviamente le ore, ma anche i segni zodiacali e le fasi lunari. In cima alla torre ci sono i Mori, due statue di bronzo che battono le ore su una grande campana. Indimenticabile per loro è stato pure vedere il

Ponte di Rialto che attraversa il Canal Grande, con negozi e negozietti su entrambi i lati; è tutto coperto da un porticato ed è costituito da una scalinata in parte in salita ed in parte in discesa. I ragazzi, dopo aver visitato i luoghi caratteristici della città, hanno pranzato nei giardini pubblici che erano molto affollati da gente di Venezia e da ragazzini di altre scuole, in gita anche loro. Hanno atteso un po’ prima di sedersi su una panchina e mangiare tranquillamente il loro pranzo chiacchierando tra loro, facendo conoscenze con altre persone adulte e chi poi… andando in bagno. Appena si sono sfamati sono partiti per lo shopping. Alcuni hanno comprato magliette con la scritta “I Venezia” o cappelli da marinaio, altri gondole, maschere o oggetti in vetro. Purtroppo questo era il chiaro segno che la giornata si stava concludendo. Infatti dai negozi si sono avviati verso la stazione dove hanno preso il treno che li ha portati alle loro famiglie. Teresa

Pagina 7


Il 31 maggio 2012, i bambini delle classi quarta e quinta delle scuole Fumagalli, Frinta e Rismondo, hanno partecipato al concerto finale del progetto "Coromnibus". Ogni classe ha presentato le proprie canzoni che gli alunni hanno eseguito con impegno e serietà. Noi di classe quinta abbiamo svolto 10 lezioni con la maestra Anita che ci ha insegnato con molta pazienza a suonare il flauto e a cantare anche a più voci. Al saggio abbiamo eseguito un canto hawaiano, una melodia scozzese so-

vrapposta ad una ninna nanna sarda e un brano strumentale. Tutte le classi, infine, hanno eseguito "We are the world" in versione italiana. Noi bambini sul palco eravamo molto emozionati perché il teatro era gremito di persone, tra cui i nostri genitori, e avevamo paura di sbagliare qualcosa. Dopo la presentazione siamo partiti con il brano strumentale e alla fine sono "scoppiati" gli applausi. E' stata una bellissima esperienza!!!!! Sara S., Letizia, Gabriele & Pietro

Le classi quinte delle scuole di Gorizia, di Lucinico e di Mossa hanno partecipato al Concorso indetto dal Comune: Educhiamoci a Scuola. Una Guardia Municipale è venuta in classe nostra e ha svolto due lezioni: ci ha spiegato il comportamento da tenere in strada, sia co-

me ciclista, sia come pedone. Il 13 aprile c’è stata la prova teorica, mentre il 15 maggio si è tenuta la prova pratica. Alla prova pratica hanno partecipato diciannove bambini tra cui sei che hanno fatto tutto giusto sia alla prova pratica che a quella teorica; due bambini, AlesPagina 8


sandro e Gaia hanno vinto la bicicletta. Il 28 maggio c’è stata la premiazione del concorso: all’inizio un parroco ha benedetto i veicoli. Poi è stata premiata una bambina dell’asilo per aver fatto un disegno. Dopo hanno premiato i bambini delle elementari e infine quelli delle medie. Per Alessandro e Gaia è stata una grande emozione soprattut-

to perché si sono classificati terza e quarto. Secondo noi della Rismondo però non è corretto che gli altri quattro bambini della nostra classe che avevano fatto tutto giusto sia alla prova pratica sia a quella teorica non hanno vinto la bici. Quindi i complimenti vanno anche a: Pietro, Sara S., Emil e Giovanni. Gaia, Lorena e Bianca

Pagina 9


Pagina 10


1 2 3 4 5 6 7 8

1) The fifth day of the week 2) The fourth month of the year 3) The sport you practice in Winter 4) It brights at night 5) A part of the computer 6) It is under your eyes 7) A toy for girls 8) It has got C vitamin

THE WORD IS WHAT IS IT? More is black more is clean .

Samuele e Maurizio Soluzioni: RISMONDO BLACKBOARD

Pagina 11


Barzelletta: Con questi occhiali neri posso dormire in classe senza che nessuno se ne accorga -Si, magari anche se la smettessi di russare! Colmi: Il colmo per una pecora ? Sentirsi augurare: ”in bocca al lupo”! Qual è il colmo per un albero? Avere una radice quadrata Qual è il colmo per un muratore? Avere paura del cemento armato! Barzellette: Sospendiamo il programma per comunicarvi che tra pochi istanti un meteorite si abbatterà sul pianeta ma prima dei dettagli, pubblicità! Voce del verbo urlare: io urlo, tu urli, egli urla, noi urliamo voi urlate essi scappano Ma che fai? Mangi la banana senza sbucciarla?! Tanto so già cosa c’è dentro! Indovinello: Sta sul cavallo ma non cavalca, viene a tavola ma non usa le posate, non vale nulla ma una città porta il suo nome. Che cosa è?

Giovanni, Francesco e Giacomo

Pagina 12

Soluzione: MOSCA


Cruciverba (nella colonna evidenziata apparirà il nome di un evento atmosferico)

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Definizioni 1 Il contrario di basso 2 La città del Colosseo 3 Può essere azzurro o grigio, sereno o nuvoloso 4 Bruno o polare 5 Frutto che piace alle scimmie Soluzione: ARCOBALENO

6 E’ il più grande tra i rapaci 7 Frutto giallo e aspro 8 Eroe delle 12 fatiche 9 Provincia del Piemonte 10 Misura il tempo

Alessandro Pagina 13


Noi alunni della classe V che tra qualche giorno lasceremo per sempre i banchi della scuola primaria e a settembre inizieremo un nuovo percorso di studi, non dimenticheremo mai le nostre insegnanti che in questi cinque anni ci hanno guidati e aiutati a crescere. Per l'occasione vogliamo ringraziare: - I collaboratori scolastici Giovanni, Natasha, Flavia e Fiorella che si sono alternati negli anni e hanno sempre tenuto la scuola pulita e ci hanno aiutati in caso di bisogno; un ringraziamento particolare alla signora Nevia che lo scorso anno è andata in pensione. - Un sentito ringraziamento al comitato del "Centro Tradizioni del Borgo di S. Rocco" che ha permesso la realizzazione dell' "Orto Didattico R.I.S. Mondo" che per noi alunni è stata una grande opportunità per imparare ad amare e coltivare la terra. - La maestra Anita che ci ha seguiti con molta professionalità nel progetto di musica "Coromnibus", ma soprattutto la maestra Antonella che in questi cinque anni ci ha insegnato a cantare ed è riuscita anche a far cantare i compagni più timidi; ha organizzato sempre con grande competenza i concerti di Natale e di Fine Anno Scolastico guidandoci nell'esecuzione dei canti con passione e trasporto. - Ringraziamo anche le maestre Vittoria, Michela, Maura e Adriana che ci hanno aiutati in attività manipolative che ci hanno permesso di realizzare diversi "lavoretti a tema" e al nonno Franz che ci ha coinvolti in interessanti lezioni di scienze. - Un ringraziamento particolare lo rivolgiamo al parroco di San Rocco, Don Ruggero, che in questi 5 anni è stato sempre presente a scuola in occasione del Santo Natale e della Santa Pasqua e che periodicamente ci ha fatto visita portandoci sempre una parola di pace; inoltre ha messo a disposizione della nostra scuola la "Sala Incontro" per le nostre recite, canti, premiazioni e altre manifestazioni. - Salutiamo in modo speciale tutti i bambini delle classi 1- 2- 3- 4 con i quali abbiamo condiviso momenti molto belli come le recite, i canti, le corse e i giochi in giardino.

Pagina 14


- Un saluto anche alle maestre Franca, Ida, Alessandra, Daniela, Lucrezia e Marzia che ci hanno sempre accolto con un sorriso e una parola dolce. - Salutiamo il signor Mirko, papà della nostra compagna Gaia, che ci ha permesso con le sue lezioni di informatica di realizzare questo giornalino! - Ed infine un grande saluto anche alle nostre maestre: Delia, Loredana e Fiammetta che ringraziamo per averci insegnato tante cose, educato e soprattutto "sopportato" per questi lunghissimi e bellissimi anni. -

I MITICI RAGAZZI DELLA QUINTA

Redazione CLASS’NEWS QUINTA: Direttore Responsabile: Loredana Coiro Ideazione titolo della testata: Sara S. Ideazione sottotitolo della testata: Arianna Fotografa ufficiale: Beatrice Ideazione e realizzazione logo: Letizia Autrice disegno articolo “Il nostro sangue è prezioso”: Teresa Giornalisti: Samuele, Emil, Matteo, Gabriele, Roberto, Sofia C., Lorena, Bianca, Teresa, Beatrice, Arianna, Leonardo, Kevin, Gaia, Sofia R., Sara S., Pietro, Letizia, Maurizio, Sara N., Giovanni, Giacomo, Francesco, Alessandro Giornalino consultabile anche on line all’indirizzo: www.classnewsquinta.it

Pagina 15


Class'News Quinta