Page 1

In osmiza: el masinin del tempo

- Mule impetessade. Go sempre dito mi che sti inglesi bevi tropo. - Ma come inglesi, no xe scrito che le iera americane? - Bon, inglesi, americane, ala fine la lingua xe compagna po’, e anca el resto alora sarà compagno. - No xe miga vero, ara che ghe xe un oceano de mezo. - Ma bon, coss’te vol che sia. Alora va ben, se te vol femo che le iera americane. Come quel mato là, che gaveva tirà suso in Carso el masinin del tempo... - Che mato? No me sovien miga... - Ma dei, come se ciamava... speta che forsi me vien in amente... ah sì, Jimmy, ecolo! Jimmy l’american! Dei, te lo gaverà visto un mucion de volte sul tranvai che l’andava a Opcine. - Ah, ma come no! Jimmy el sienzià! Xe vero, l’andava suso perchè el stava costruindo una diavoleria stramba, dio solo sa cossa che el combinava con tuti quei tochi de feraza che el se portava sempre drio... 191


- El masinin del tempo el costruiva, te go pur dito! - El masinin del tempo? Ah ah, propio bela questa! Ciapa, bevemose un goto ala sua memoria! - Prosit! Ma vara che lo gaveva tirà su per bon ala fine, no iera una monada. - Ecolo là, za vedo che te sta per contarme un’altra dele tue. Dei, che sentimo. Sto Jimmy andava avanti e indrio pe’l tempo alora? E el xe andà qualche volta int’el futuro a vardar i numeri dela sisal per farse un poche de fliche? - Ma vara che iera un omo de cultura, lori a ste robe gnanca no i ghe pensa, i fa tuto per amor dela sienza. - Bon, ma alora per cossa el gaveva doprà sto masinin del tempo? - Eh, una volta, visavì de un bon bicer de teran, el me ga contà de co che el iera andà int’ela Trieste del futuro. Int’el 2034 me par che el diseva. - Usti! Eco, sta qua podessi esser una storia interessante. Cossa el ga visto? El porto vecio novo? El rigassifigador che fa el tiro? La feriera serada? Monte Grisa piturà coi colori del’arcobalen? El faro dela vitoria ribatezà in “farò, che no go voia”? - Gnente de tute ste robe. Iera un zorno de istà, per l’una de dopopranzo, perchè el masinin funzionava solo co che ghe iera ‘ssai ma ‘ssai caldo. Insoma lo ga impizà, el ga strucà un do botoni e... - … e xe saltadi un do macachi? - Orco bis’ci, ma sempre sto viz te ga de far? No, el se ga solo che ritrovà in Piaza Grande, nel 2034 apunto. Ghe ga subito ciapà un colpo, per via che el ga dito che la iera cariga de fanai blu per tera che la pareva un aerioporto, e alora el se ga un poco cagà int’ele braghe che ancora no ghe rivi un aparechio int’ela glava... - Ma scusa, no la xe cussì anca adesso? - Sì, ma lui no la gaveva miga vista cussì come che la xe desso, povareto, el xe morto nei ani novanta! - Ah, te ga ragion! Xe vero, i la ga rifata dopo. Mi ‘ssai la 192


me piaseva anca come che la iera prima che i fazessi i lavori, con quel pupolo cussì grando, quel de Chersicla... - Sì, sì, me ricordo, ‘ssai bela la iera. E gavevo piturà anca mi un toco. Bon, ma no ga importanza desso. Insoma, dopo un poco che el xe là e che el vedi che no ghe xe aparechi in giro, el decidi de andar a ciorse un cafetin in cafè dei speci, cussì, per aclimatarse disemo. - E cossa el ga ordinà? Risi e patate e ghe ga portado cafelate? - Quel iera Mirko Drek, muss. El ga ordinà un nero po’. Solo che i mati ghe ga portà un bicer de merlot. E qua la roba ga scominzià a spuzarghe. - Che roba? Cossa, no el se gaveva lavà? - Ma no, ostregheta! La roba... la situazion po’! Esisti solo un posto indove che co te ordini un nero i te porta un bicer de merlot. - In Friul! - Te vedi che te sa! - E cossa, int’el cafè dei speci ghe iera furlani? - Al’inizio Jimmy ga pensà che iera un viz e che i lo ciolessi pe’l daur, cussì, per remenarlo un poco visto che el iera ancora spaesà. Alora per sicureza el ga butà un cuc sul’insegna là del’entrata e el ga visto che el local se ciamava Cafè dai Spiêj. - Par furlan ciò! Alora per bon i ne ga becà el Cafè dei Speci! Tuto i vol portarne via! E cossa el ga fato? - E cossa te vol che el fazi, el se ga bevù el suo bicer de vin e el xe andà via, a continuar el suo giro. Visto che ghe buligava un poco el stomigo, el ga pensà de andar a magnar un bon panin de porzina col cren de Pepi, là de drio. - Me par una bona idea. Peta che me magno una feta de parsuto anca mi intanto che te me conti ‘vanti. - Insoma, el riva là e el vedi che el posto desso se ciama “Buffet da Loris”. - Ga molà anca Pepi ciò. Eh, sta crisi... - A sto punto Jimmy va drento a veder come che xe sta 193


nova gestion. El ciama el suo panin e i mati ghe rispondi che no i ga. Che se el vol i ga del bonissimo frico, o brovade e muset, o che el zerchi un poca de pitina, o meo ancora i cjarsons, o giusto una fetina de gubana. - Furlani! Anca là! - Eh sì, Pepi iera diventà Loris Furlanutis. Alora a sto punto el se ga magnà un poco de frico, che comunque xe ‘ssai bon, e el xe tornà indrio, in Piaza Grande. E sa cossa che el ga visto là? - Altri furlani! - Squasi! El ga visto che la Piaza desso no se ciamava più Piaza Grande, e gnanca Piaza Unità come che i gaveva cambià ultimamente, ma se ciamava Place Piciule Patrie. - Eh no, orca mastela, cussì xe tropo però. Go capì la crisi, ma una roba xe venderghe i locai, e una roba xe Piaza Grande! Che fine ga fato l’orgoglio triestin ciò? - E cussì ga pensà anca Jimmy, che el se ga ‘ssai sorpreso. Alora el xe andà drito in munizipio, per domandarghe al sindaco cossa che nassi, cossa che xe tuta sta furlanità tut’int’un. - E fame indovinar: el sindaco iera furlan! Bon, va ben che quel za lo gavevimo, no saria gnente de novo... - No el ga gnanca dovù rivar là del sindaco. Come che el se stava avicinando pian pianin, el ga visto che visavì de indove che desso ghe iera el Bar Stelutis, propio sora dei manifesti del concerto de Dario Zampa int’el stadio Dino Zoff de Valmauris... - Bar Stelutis? Concerto de Dario Zampa? Stadio Dino Zoff ? Ma orca mastela! E po’ perchè no sonava Pilat? - Pilat gnente, iera Dario Zampa, ah. Bon, insoma, propio sora de quei i gaveva messo una bela targa de feraz, ‘ssai ma ‘ssai granda, con sora incisa la bandiera del Friul e una specie de comunicato. - Anca la bandiera! E cossa ghe iera scrito? - La targa diseva:

194


Cari sudditi triesticoli, in seguito alla trionfale invasione furlanica del 2030, siamo qui a stabilire questo nuovo quindicicalogo, in vigore da oggi stesso medesimo nella città di Triest. Per facilitare la comprensione anche alle vostre ignoranti menti di bobe marze, lo scriveremo, solo per questa volta, in una lingua anche a voi intellegibile. 1. Da oggi la lingua ufficiale della città è il marilenghe e sarà insegnata in tutte le scuole, asili nidi compresi. I cagainbraghe che pretenderanno un cambio di pannolino dovranno imparare da subito a chiedere par plasê. 2. Obbligatori anche corsi di dizione per eliminare quel’acentaz tremendo che gavè. 3. “Ailo”, “Ulo”, “Ecolo”, “Ecoci” saranno sostituiti inderogabilmente da “Mandi”. 4. No se pol dir “No se pol”. Al suo posto subentra “Combinin”. 5. Fuorilegge anche monadis come “Volentieri”, “No tegnimo”, “No i fa più”, “Gavevimo ma no andava”, “Podessi ordinar ma no savessi se rivassi”, “Saria de dar un cuc in magazin, ma no posso desso” e “La provi in Friul”. 6. Gli intercalari “Ciò” e “Dei” andranno sostituiti da un bel bestemmion. 7. Restando in tema: basta con sta bora in scatola. Il nuovo souvenir della città sarà ”Bestemis in scatolutis”. Aprendola, al posto di venir spettinati da un refolo di bora, si sarà travolti dalla voce di Germano Mosconi, cittadino friulano emerito. 8. Dio è friulano, fatevene una ragione. E paga sia oggi che domani. E anche ieri. Egli riceverà inoltre il marchio di “Tipicamente Friulano”, con somma celebrazione nella Cattedrale di San Just. 9. Il Tokaji ungherese è satana. Chi sarà sorpreso in suo possesso sarà giustiziato tramite coma etilico irreversibile di Tavernello. 10. Tutte le galline con due teste trovate a scorazzare 195


libere, o peggio ancora a svolazzare sopra i coppi (o i colli, indifferente) di Triest, saranno decapitate di una delle due teste, riportandole così a una forma più in linea con la sacra bandiera del Friul. 11. La squadra della Triestina Calcio verrà fatta fallire e che vada a remengo. Ah, ma a questo ci avevate già pensato da soli, bravi. La squadra del vostro cuore da oggi sarà l’Udinese. Tutti i cittadini dovranno recarsi in pellegrinaggio obbligatorio ogni domenica allo stadio al grido di Ale’ Udin, vestiti da Zico col cappello di alpino. 12. Mikeze e Jakeze saranno sostituiti da Florean e Venturin. 13. Il pontone ruzzine Ursus diventerà un ripetitore di Radio Onde Furlane. 14. Basta con le case di riposo, è finita la pacchia per la quale tutti in questa città no vedi l’ora de diventar veci. Verrano trasformate da subito in case di lavoro. 15. La più importante di tutte: qualsiasi “Quel” sarà immediatamente sostituito dal corrispondente “Cjossul”. Certi di una futura pacifica convivenza sotto il nostro dominio assoluto, vi porgiamo i nostri migliori saluti. I migliori salumi no, quelli ce li teniamo per noi a San Daniele, alla faccia vostra. Magneve el vostro cotto in crosta e no stene romper le balutis. E chi che ne vol mal, che magni culatello. Mandi! - Conquistai ciò. Soto el dominio lanfur finiremo. Che mal, ostregheta! No i ne lasserà più cantar Marinaresca in osmiza, ne tocherà cantar a tuti O’ ce bjel cjs’ciel a Udin! - Cussì par, nel 2030. Bombardamento tut’int’un cole frece tricolori per verzerse la strada e dopo via, una zaia de tratori che passa l’Isonzo e ocupa Trieste. - Che destin. Bona che nel 2030 chissà indove che saremo, magari staremo za sburtando radicio, speremo che no ne tochi inveze sburtar panoce, pensa che fadiga che ga de 196


esser... - Te sa sì, quele xe bele stagne! Ma speta che te conto vanti, che no xe miga finida cussì. Insoma Jimmy, che a sto punto gaveva inteso come che iera la situazion, el se ga incuriosì de veder come che gaveva risposto i triestini a tute ste imposizioni, come che i se gaveva adatado po’, e cussì el xe andà in zerca de qualche mulo patoco. - E lo ga trovà? - E qua iera el dificile, perchè el gaveva de saludar tuti disendoghe “mandi”, e gnanca del’acento no se capiva chi che iera triestin e chi furlan. El ga caminà un poco per Cavana, anzi, Cavanutis se gaverà ciamà provabilmente, e dopo el xe rivà in via dela rotondutis, fora de quel posto indove che i giovini desso va sempre scoltar concerti de musica moderna, balorda po’. - Quele robe ‘ssai babilogna, go capì. - Quele. Solo che desso el local iera serà, sprangado propio, che pareva abandonà de ani anorum. Però el ga sentì odor de cren che vegniva de drento, e ‘lora el ga pensà che forsi là ghe iera qualche triestin e el ga batù sula porta. - E i ghe ga verto? - No. Una vose ghe ga domandà “Come te ne ga trovà?”, e lui “Go sentì odor de cren”. E la vose “Ben, alora no te son furlan, lori no i riva a sentir l’odor del cren. Lo usemo per far vegnir qua i triestini che vol zontarse ala ribelion”. E lui ghe fa “Bon, fame entrar alora”. E la vose “No, ancora no me fido. Prima te ga de passar el test.” - Un test? Ostregheta, che dura ara! - Cossa te vol, iera tempi ‘ssai bruti, i mati no se fidava più de nissun. E insoma i ghe disi “Dove xe Voio?” e lui “Voio xe morto”, “Sì, ma dove?”, “In guera”, “E come?”, “Cole mudande in tera!”, “E Bertolin?”, “El xe andà in casin!”, “E chi xe el capobanda del casin?”, “Giovanin!”, “E Gigi Pirola xe con lori?”, “No, el xe in un baul che el se grata el cul”, “Perchè, el ghe trema forsi?”, “No, solo a Vinicio Busani ghe trema un poco el cul”, “E perchè no el ciama el torero de 197


Pis’cianzi?”, “Perchè se no el ghe lo sbusa coi ganzi”, “E ti te son un mulo ganzo?”, “Sì, mi me drogo al dopopranzo”, “Ogni zorno? Dopo gaver magnà luganighe?”, “No, perchè xe più zorni che luganighe”, “Per via che el porco xe diventà vecio?”, “No, xe ‘ssai più facile che el vecio sia diventà porco”, “E sto vecio iera gobo?”, “Sì, come tu mare, tu pare e la mona de tu sorela”, “Ailo ciò, coss’te fa el mona?”, “Sì, per no pagar el dazio”. “Bon, te son triestin, entra”, e i ghe ga verto. - Ciò che longhi ara, bravo Jimmy, mi saria andado in oca su quela del torero de Pis’cianzi. Se vedi che el mato se gaveva ben integrà a Trieste. - Te sa sì, Jimmy ormai iera un de noi. Bon, insoma, una volta che el xe entrà drento, i triestini ga tacà a contarghe un poco come che andava le robe, del dominio assolutista lanfur e de come ben presto dopo la guera-lampo del 2030 la convivenza tra i do popoli iera diventada impossibile, e gaveva scominzià la cacia al triestin. - Adiritura! Repulisti propio! Alora Jimmy ga anca ris’cià grosso... se i se inacorzeva che el iera triestin i lo fazeva novo! - Sì, sì, ghe xe andada ben, ma desso el iera al sicuro, int’el quartier general dela ribelion. E insoma Jimmy alora ghe ga domandà indove che sti furlani gaveva messo tuti i triestini, cossa che i ghe gaveva fato, e cossa che i pensava de far lori, e che pian che i gaveva, e che insoma che iera de moverse, e che iera de agir za al’imbrunir, e che Trieste gaveva de tornar ai triestini, e che questo e che sto altro. - E lori cossa i ghe ga dito? - I ghe ga dito: “Pian. Sta calmo e bevite un spritz”. - Ah, la sageza triestina anca nei momenti de dificoltà. Bevemose un goto. - Daghe. Insoma, dopo un poco i ghe ga contà indove che iera tuti i triestini. I furlani gaveva creado propio dele riserve, un poco come quele dei indiani pelirosse per capirse. E ste riserve le se trovava int’ei loghi de Trieste che ai furlani propio no ghe interessava un clinz. “Barcola”, i ga dito, “con 198


tuti quei scoi duri e quel marciapie indove che i triesticoli ciapa sol, convinti de esser su una spiagia. Bela porcheria. Tegnivela! Via, Barcola diventi Riserva Triesticola!”. - Eh sì, ai furlani i scoi no ghe piasi, lori i la ga ‘ssai cola sabia, Lignan, Grado, e po’ qua l’acqua xe anca subito fonda... a lori ghe piasi farse chilometri int’el ploc’ prima de rivar a nudar... - Giusto come l’oro. E dopo i ga dito: “El Carso, che no se riva gnanca a piantar panoce che drento xe pien de pieraze e xe tuto acido. Bela porcheria. Tegnivelo! Via, el Carso diventi Riserva Triesticola!” - In efeti no xe propio el tipo de tera che ghe piasi ai furlani... - E dopo i ga zontà: “Sì, ma desso sti triesticoli no xe che ogni volta che i ga de spostarse tra le do Riserve i vegnirà a romperne le togne a noi. Via, costruimoghe una bela funivia Barcola-Monte Grisa e po’ bon”. - Insoma i ne gaveva confinà... - No solo. Ala fine, propio come gesto de massimo disprezo i ga decretà che i triestini no i gavessi podù più lavorar, no i gavessi podù più far nissun tipo de mestier. Perchè el lavor nobilita l’omo, i ga dito, e el triestin doveva inveze restar per sempre inferiore, cussì no i ghe ga più permesso de mover un dito. - Insoma relegai a Barcola e suso in Carso tra le osmize, senza poder lavorar. - Esato. Questa iera la massima punizion che podeva vignirghe in amente ai furlani. - Capisso. Bon, ma sti ribeli cossa fazeva inveze? - I ribeli stava serai in quel local a finir le scorte de spritz, elaborando el pian de riconquista. - Che iera? - Eh, no ghe iera ancora vignù in amente gnente. Ma desso che i gaveva incontrà Jimmy che gaveva el masinin del tempo, i gaveva subito capì coss’che se podeva far. - Ah eco, che sentimo. 199


- Alora, i ghe ga spiegà a Jimmy che la guera iera in realtà scominziada ‘ssai ma ‘ssai ani prima, za int’ei tempi de desso che semo noi qua a bever, per capirse. I furlani gaveva pian pian mandà un mucion de infiltrai a Trieste, e gnanca de sconton, ma propio ala luce del sol. Tuti i vari Furlan, i Dudine, i Friuli, xe in realtà tuti infiltrai furlani. Per no parlar de quei che se ciama propio Furlani. Plateale insoma. E a un certo punto “Furlan” xe diventà el cognome più difuso a Trieste. Eco, quel xe sta’ el punto de no ritorno, el segnal. E de là xe stado caro cogoi. - Semo cagai. - Propio quel. E el pian geniale dei ribeli iera che Jimmy tornassi indrio int’el tempo, int’ei ani novanta insoma, che l’andassi del sindaco, che el ghe contassi tuto l’ambaradan e che el ghe disessi de far l’ordinanza che tuti i Furlan gaveva de cambiar el cognome in Teran, tuti i Dudine in Detrieste, tuti i Friuli in Veneziagiulia e tuti i Furlani in Uci. E là tuto saria andado a posto. - Bel pian. ‘Ssai sgai sti ribeli. - Za, e la roba che ghe pareva ancora più meo iera che lori no gaveva de far gnente, gavessi fato tuto Jimmy, cussì lori i podeva intanto andar avanti a bever spritzeti int’el quartier general. - Bon, e come xe finida? - Xe finida che Jimmy xe partì, el xe tornà int’ei ani sui, el xe andà del sindaco e el ghe ga contà tuta la storia. E ala fine el ghe ga dito de far sta ordinanza. - E... - E el sindaco lo ga vardà e el ghe ga dito: “Quindi vivessimo relegai a Barcola a ciapar sol e suso in Carso tra le osmize, gavessimo la funivia per spostarse senza ris’cio de becar furlani e no i ne dassi el permesso de lavorar. Scolta Jimmy, te vol che ghe pensemo su ancora un atimo prima de far sta ordinanza? Ti come te fa de cognome? No, perchè volendo te podessi cambiarlo in Furlan. O Dudine, se no te piasi, o anca Friuli, o Furlani... coss’te disi?” 200


- Ah ah ah, miga mona el sindaco! Ciò, se el se candidassi ale prossime lo votassi! - Dei, legemo ‘vanti, che magari co tornemo zo in cità xe za pien de furlani... - … che ghe cori drio ale galine con do teste!

201

El masinin del tempo - la Trieste furlana  

maldobria estratta dal libro "Polska... rivemo!" di Diego Manna e Michele Zazzara

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you