Page 1

PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO Arch. Monica Monosilio PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO

PORTFOLIO


Monica Monosilio

WORKSHOPS E CORSI FORMATIVI

indirizzo:

Via Gregorio VII 292, Roma telefono: +393339886411 e-mail: monica.monosilio@hotmail.it

set

/ nov 2016

Archibit Generation s.r.l.

2014

lug data di nascita:

24/02/1988

cittadinanza:

Italiana

Nei miei primi anni da architetto ho imparato molto riguardo diversi ambiti sia propriamente pratici della professione sia riguardo la vita lavorativa in ambienti stimolanti, grazie all’aiuto di colleghi preparati dai quali ho avuto la fortuna di imparare quanto più mi è stato possibile. Il mio percorso di studi quinquennale mi ha indirizzata verso un approccio all’architettura che comprendesse tutte le sfaccettature di questa disciplina. Ancora oggi sento il bisogno di lavorare su diversi fronti. Mi piacerebbe infatti avere la possibilità di confrontarmi con progetti variegati, di lavorare su diverse scale di progettazione: dall’interior design all’urbanistica. Ho recentemente intrapreso un periodo di lavoro all’estero e lo ritengo ad oggi l’esperienza più importante vissuta finora. Si è tradotto in un arricchimento professionale e personale, permettendomi di comprendere a pieno l’importanza di un confronto approfondito in contesti differenti per comprendere meglio la propria realtà e i propri obiettivi.

ESPERIENZA PROFESSIONALE giu

2016 /

corso Autodesk Revit Completo (100 ore) + Attestato ACP di Certificazione Professionale Autodesk Revit

Insula Architettura ed Ingegneria s.r.l.

Partecipazione al Workshop internazionale di progettazione “Into Trastevere. Riqualificazione Architettonica e Urbana di Piazza Giuditta Tavani Arquati” La Sapienza Università di Roma | Myonji University of Republic of Korea

2013

lug

Partecipazione al Workshop internazionale di progettazione “Urban Scenes at Piazza della Moretta: the definition of a urban façade” La Sapienza Università di Roma | Zhejiang University of China

CONCORSI

2016

Progetto vincitore - 3° Premio: Gather Around Hongdae Eoulmadang-ro Cultural Platform | www.project.seoul.go.kr Lighthouse Sea Hotel | www.youngarchitectscompetitions.com

lug

2015

Barcelona Temporary Pavillion | www.awrcompetitions.com

mag

2015

Concordia Lighthouse | www.matterbetter.com

2016

ott

feb

attualmente

Via Ostiense 177/c, Roma ITALIA architetto

2015 / mag 2016

Carl Fredrik Svenstedt Architecture 5 Rue Chapon, Parigi FRANCIA architetto

nov

2014 / lug 2015

Studio Transit s.r.l.

COMPETENZE LINGUISTICHE

nov

dic

2014 / apr 2014 gen

2014

Progetto finalista: Porto Pool Promenade | www.ctrl-space.net Ghost Town Challenge | www.homemadedessert.org

italiano

Madreligua

2A+P/A

inglese

C1 (IELTS Certificate “Academic Module” - Score: 7)

tirocinante

francese

B2 (DELF Diplome d’études en langue français)

Via della Marrana 94, Roma ITALIA

COMPETENZE INFORMATICHE

gen

2015

Abilitazione alla professione di Architetto

ott

2014

Laurea Specialistica a ciclo unico in Architettura voto: 108/110

lug

2015

Via Emilio Morosini 17, Roma ITALIA architetto

ISTRUZIONE

feb

feb

Ordine degli Architetti P.P.C. di Roma e provincia

Facoltà di Architettura | La Sapienza Università di Roma Tutor: Prof. Arch. Alfonso Giancotti

2014

Qualifica di Coordinatore della sicurezza nei cantieri edili

2007

Diploma di maturità scientifica

corso di 120 ore | CEFMECTP di Roma

Liceo Scientifico G. B. Morgagni, Roma

2d & 3d:

Autocad Revit (Autodesk Certified Professional) Rhinoceros Cinema 4d + Vray

grafica:

Photoshop Illustrator InDesign

business:

Word Excel Powerpoint

Autorizzo il trattamento dei dati personali ai sensi del Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n° 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”

Arch. Monica Monosilio | 2


NDER

COWORKING IN A DEPOT

Arch. Monica Monosilio | 3 IN PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA | RIQUALIFICAZIONE DEL DEPOSITO ATAC “SAN PAOLO”

tudi di Roma La Sapienza | Facoltà di Architettura | C.d.L. Architettura U.E. | Relatore: Prof. Arch. Alfonso Giancotti | Laureanda: Monica Monosilio


16

PIANTA PIANO SECONDO +4.05

LIVELLO 2

+3.00 +3.00

Reception/info point

Aule di danza

Collegamenti verticali

Sale riunioni

Sala proiezioni

Connettivi

Aree studio

Spazio espositivo

Servizi igienici

LIVELLO 3

-0.90 +0.00

Reception/info point

Connettivi

Laboratori artistici

Servizi igienici

+3.00

+3.00

Collegamenti verticali

+3.90

+0.00

+3.06

+3.90

+5.16

+0.00

+3.06

+4.00

+4.05

+0.00

+4.40

Pianta piano terzo

N 0

RIQUALIFICAZIONE DI UN DEPOSITO DISMESSO DELL’ATAC Tesi di laurea Tutor: Prof. Arch. Alfonso Giancotti

5

10

20

03

ASSONOMETRIA

08

ASSONOMETRIA

TESI DI LAUREA IN PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA | RIQUALIFICAZIONE DEL DEPOSITO ATAC “SAN PAOLO”

Università degli studi di Roma La Sapienza | Facoltà di Architettura | C.d.L. Architettura U.E. | Relatore: Prof. Arch. Alfonso Giancotti | Laureanda: Monica Monosilio

Il progetto di tesi riguarda la riqualificazione di un deposito dell’Atac situato nel quartiere Ostiense. Realizzato nel 1928 come deposito tranviario, venne dismesso nel 2003. Oggi l’edificio si trova in un’area densamente popolata, non trovando modo di relazionarsi con essa a causa della sua perdita di funzione e al tempo stesso dall’isolamento fisico dovuto al forte innalzamento della quota stradale avvenuto nel corso del ‘900 (l’edificio si trova a quota -4.00 m circa rispetto al contesto urbano). L’intervento sull’involucro, al quale si riconosce un forte valore storico e architettonico, prevede un adattamento delle superfici in modo da permetterne l’utilizzo per nuove funzioni. Ciò avviene tramite sottrazione, andando a creare degli spazi più vivibili per la permanenza delle persone, ma al tempo stesso ciò avviene in modo da non alterare la percezione originaria dello spazio. I volumi vengono sottratti seguendo la maglia strutturale conservandone lo scheletro, in modo tale da rendere gli spazi interni e i nuovi spazi esterni derivati dalla sottrazione sempre identificabili come un unico elemento di partenza. Il programma funzionale prevede la realizzazione di un grande spazio di coworking, una biblioteca pubblica e una serie di spazi dedicati a laboratori di quartiere, ovvero un’offerta funzionale che abbraccia tutte le fascie di età: professionisti, studenti, bambini ed anziani.

TESI DI LAUREA IN PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA | RIQUALIFICAZIONE DEL DEPOSITO ATAC “SAN PAOLO”

Università degli studi di Roma La Sapienza | Facoltà di Architettura | C.d.L. Architettura U.E. | Relatore: Prof. Arch. Alfonso Giancotti | Laureanda: Monica Monosilio

TESI DI LAUREA IN PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA | RIQUALIFICAZIONE DEL DEPOSITO ATAC “SAN PAOLO”

Università degli studi di Roma La Sapienza | Facoltà di Architettura | C.d.L. Architettura U.E. | Relatore: Prof. Arch. Alfonso Giancotti | Laureanda: Monica Monosilio

Arch. Monica Monosilio | 4


0

5

10

Arch. Monica Monosilio | 5


PADIGLIONE INFANZIA

Arch. Monica Monosilio | 6


NUOVA LUDOTECA A MILANO Concorso internazionale Team: 2a+p/a

Il nuovo padiglione emerge dal giardino. E’ organizzato come la sovrapposizione di elementi diversi: un basamento permeabile, un volume con aperture e un tetto attrezzato. L’edificio sintetizza su 3 livelli i momenti fondamentali dell’esperienza con il bambino: il gioco, la relazione, la scoperta. Il piano terra è formato da una sequenza di stanze dedicate alle attività didattiche e di gioco. Ogni ambiente è collegato direttamente al giardino, ogni stanza può mettersi in relazione con tutte le altre. Il livello superiore è dedicato ai momenti di relazione tra i genitori, il personale e i cittadini. Questo spazio ospita aree immaginate per la formazione e lo studio. La copertura è una terrazza da cui osservare la città e partecipare alle sue trasformazioni. Da qui si riconosce il contesto e s’interpreta la relazione con esso. Il parco “ La Biblioteca degli Alberi” si struttura su tre elementi: percorsi lineari, campi e foreste circolari. L’obiettivo del progetto è quello di garantire continuità tra l’area di pertinenza del “Padiglione Infanzia” e l’intero contesto, facendo si che il lotto di progetto diventi una delle tessere di questo niovo paesaggio. All’ingresso del giardino, posizionato sul prolungamento di un asse generatore del Parco, un grande cerchio definisce una zona filtro tra lo spazio pubblico e quello protetto della ludoteca: un’area gioco esterna come luogo d’incontro per gli ospiti.

1 Tetto praticabile 2 Lucernai + 4.0 m

3 Sedute 2

3

2

+ 7.4 m 3

2

COPERTURE

1 Sala per il personale educativo 2 Spazio per gli incontri familiari 6

3 Cucina 4 Spogliatoio

8

7

1

5 Spazi per centro studi e formazione 6 Servizi igienici

6

4

5

+ 4.0 m

7 Ufficio segreteria e coordinamento 8 Patio

6 2

3

PRIMO PIANO

1 Ingresso/accoglienza 1

6

2 Stanza delle attività motorie 3 Stanza del relax

4

4

3

± 0.0 m

4 Stanza delle attività di gioco 5 Lavatoio 6 Servizi igienici

2

4

5

PIANO TERRA

6

1

6

0

5

Arch. Monica Monosilio | 7


CASA WARD

Arch. Monica Monosilio | 8


CASA WARD Casa privata Design Team: Carl Fredrik Svenstedt La casa nasce dalla collina che si affaccia sui monti Sibillini. Il volume dell’abitazione si sviluppa in lunghezza ed è suddiviso in diversi blocchi da una serie di intimi patii che conducono alla piscina, incorniciata da un padiglione coperto. Gli spazi interni seguono i diversi livelli del terreno, creando un percorso sinuoso lungo la pendenza, rendendo possibile l’affacciarsi a guardare un panorama sempre diverso.

Arch. Monica Monosilio | 9


RIOrganize! PROGETTO FINALISTA

Arch. Monica Monosilio | 10


PORTO POOL PROMENADE Concorso internazionale: progetto finalista Design Team: Stefania Marino, Sebastiano Palamara, Francesca Paoloni

Il progetto riguarda la progettazione di un complesso di piscine pubbliche, inteso come una promenade che attragga residenti e turisti in modo da riconnettere il complesso urbano con l’elemento dell’acqua dato dalla presenza del fiume. I riferimenti del progetto si ritrovano nell’architettura dei grandi maestri moderni portoghesi, capaci di creare opere contemporanee mediante l’uso di materiali locali e tradizionali, come la pietra chiara e i geometrichi azulejos ad esempio. Gli edifici sono concepiti come l’estensione di pontili: terrazze panoramiche al livello della strada che si connettono al livello dell’acqua permettendo la discesa lungo lo spazio interno. L’elemento che caratterizza lo spazio interno è la luce: attravenso grandi aperture i raggi del sole entrano creando un forte contrasto di colori tra luci ed ombre. Lo spazio esterno è concepito come una passeggiata continua che segue il corso del fiume e permette alle persone di scegliere tra un variato range di attività. Diviene un luogo di contatto con il fiume e di contatto con il prossimo, come una vacanza nel bel mezzo della città.

Wellness area

Shop

Infopoint

Kiosk/Bar

RIOrganize!

RIOrganize!

Arch. Monica Monosilio | 11


BUENA ONDA

Arch. Monica Monosilio | 12


BARCELONA TEMPORARY PAVILION Concorso internazionale Team: Sebastiano Palamara

Ongni città ha un colore predominante che la caratterizza, ma Barcellona è un’eccezione: è un arcobaleno di colori, dai mosaici di Gaudì a Parc Guell alla facciata della Torre Agbar di Jean Nouvel. L’atmosfera gioiosa è percepibile in ogni parte della città e i colori sono l’elemento fondamentale. Il nostro padiglione vuole sottolineare questo aspetto, elevandolo al livello successivo: l’edificio è esso stesso un giocattolo, estremamente riconoscibile sia dalla città che dal mare. L’idea principale è di progettare uno spazio capace di collegare il centro città con l’acqua, creando un’esperienza positiva. E’ il percorso centrale che assicura questo collegamento: il padiglione e il suo programma funzionale agiscono da ponte. Ogni parte della struttura è diversa dall’altra, proprio come un’onda è diversa dalla successiva, producendo un’armonia peculiare per la sua unicità. Ogni area è caratterizzata da colori, materiali e forme diverse in modo tale che la piccola dimensione dell’intervento non precluda la sua complessità. Lo spazio esterno è un altro elemento importante: le persone possono accedere facilmente sia alle attività al chiuso che all’aperto. L’edificio si sviluppa su un unico livello proprio perchè la piazza non deve scomparire in favore dell’elemento costruito. L’altezza contenuta permette alle persone di percepire l’intervento come un oggetto atterrato sul terreno e facilmente removibile. Il mare resta visibile e la piazza mantiene il suo ruolo di luogo d’incontro della città. Il padiglione è un luogo fruibile da turisti e residenti, da giovani e anziani, in sintonia con lo spirito barcelloneta.

N

Arch. Monica Monosilio | 13


3° PREMIO

CULTURAL RED CARPET Arch. Monica Monosilio | 16


Cultural Red Carpet

Gather Around: Hongdae Eoulmadang-ro Cultural Platform Concorso internazionale: progetto vincitore - 3° premio Design Team: Sefania Marino Hongdae è ed è sempre stata una zona molto dinamica di Seul. La sua predisposizione al cambiamento e la capacità di riadattarsi alle esigenze del momento è la sua forza e il punto di partenza per la risoluzione delle problematiche attuali. Un tracciato ferroviario fino agli anni ‘70, una piazza per la cultura sperimentale negli anni ‘80 e ‘90, oggi Hongdae si sta trasformando in un’area commerciale dalla forte attrattiva per i turisti, perdendo gradualmente il contatto con le sue tradizioni e con la comunità locale. Il progetto intende valorizzare tutte le sfumature di Hongdae per renderla un’area d’interesse sia per la popolazione locale che per gli stranieri, migliorando la qualità estetica ed efficienza degli elementi tradizionali, aggiungendo una nuova onda di cultura rendendola un’esperienza interessante. A livello urbano i principali interventi si riassumono nelle seguenti azioni: - rendere l’area più a misura di pedone, ovvero trasformare Hongik-ro3-gil in una strada completamente pedonale e creare attraversamenti sicuri; - ristrutturare gli edifici di Seogyo 365 rimuovendo gli elementi abusivi aggiunti nel tempo alle facciate; - creare nyove strutture culturali capaci di interagire ed integrarsi agli edifici esistenti; - utilizzare un arredo urbano e una pavimentazione stradale riconoscibili in modo da diventare forti elementi identitari - riorganizzare lo spazio e il numero di parcheggi in modo da integrarli con gli eltri elementi del contesto, assumendo un ruolo marginale nella totalità dello spazio disponibile.

Existing Situation Situazione

attuale

The current situation presents a chaotic and low quality image architecturally speaking, caused by the presence of illegal elements added to the original after extensions and renovations. The daily management of these structures is not regulated by any rule and the result is a general lack of care that obstruct a

Project Strategies Strategie progettuali

Future asset Assetto

futuro

The aim is to obtain a coherent and functional image of Seogyo 365, through the remouval of the unaestethic elements and the renovation of the damaged parts of the buildings. The new structures become strictly bonded to the existing ones and their goal is to create a dialog between the commercial

A new functional mix is born: the new structures and the existing ones, very different from each other in the apperance, are able to cohabit and to attact both tourist and locals. Commerce and culture normally live separatly, but in this case they embrace one another taking advantage by their proximity, becoming one

Arch. Monica Monosilio | 17

Portfolio ita  
Portfolio ita  
Advertisement