Page 1

Dicembre December



Editoriale n chicco di grano e una forchettata di pasta, un’oliva e un filo d’olio, una parola che attraversa la storia rimanendo viva e attuale. Gli ingredienti di partenza sono sempre genuini e semplici, il risultato finale è straordinario, che si tratti di pasta, olio o cultura, perché unisce l’abilità al desiderio, entrambi nel nostro Dna, di offrire ai consumatori tante opportunità nel segno di una qualità garantita. Mondo De Cecco 11, primo numero con una nuova veste grafica, tra le altre cose racconta la nascita della linea Senza Glutine, il successo dei Grandi e i premi vinti dal Giulivo, dal 100% Italiano e dal Classico, tre oli di una gamma completa come poche. La nostra azienda sta vivendo da protagonista anche questa lunga e ansiogena fase del Corovavirus, tanto da essere stata, a coronamento di uno sforzo collettivo, la prima dell’Agroalimentare italiano a implementare le misure di sicurezza My Care dell’ente di certificazione norvegese DNV GL. De Cecco è prodotto di alta qualità, è innovazione e sicurezza, è futuro perché ci sono ben 70 milioni di euro da investire nel quinquennio 2021-2025, ma anche storia, come ci ricordano ingialliti fogli di giornali pubblicati all’alba del ’900 con

U

A

grain of wheat and a forkful of pasta, an olive and a drizzle of oil, a word that has crossed history remaining as fresh and current as ever. The starting ingredients are always genuine and simple, the Ƃnal result is extraordinary, whether it be pasta, oil or culture, because it unites mastery of our craft with the desire, both of which are in our DNA, to offer consumers a wide choice of opportunities, under a brand that is a guarantee of quality. Mondo De Cecco 11, the Ƃrst issue with a new graphic layout, introduces, among other things, the launch of our Gluten-Free range, the success of the Grandi line and the prizes won by Giulivo, 100% Italiano and Classico, three oils in a complete range matched by few others. Our company is also leading the way through this lengthy and anxiety-inducing phase of the Coronavirus. Capping off a

M ONDO DE CECCO

N °11

i complimenti alla pasta della Fara del Vate Gabriele D’Annunzio e del Maestro Pietro Mascagni. De Cecco è anche cultura perché, dopo aver sostenuto a Milano le celebrazioni per il centenario della nascita della poetessa d’Italia Alda Merini, ha ribadito la propria presenza al fianco degli organizzatori dei Premi intitolati alla memoria del più irriverente, pungente e anticonformista dei figli di Pescara e d’Abruzzo, Ennio Flaiano. Quando si parla di De Cecco si parla anche della Majella, dove la natura ha disegnato scenari fiabeschi ben raccontati sui social dai ragazzi della spedizione Va’ Sentiero, che hanno rinverdito il Sentiero Italia attraversando la penisola a piedi. Siamo un rarissimo pastificio di montagna in un Paese che, con scarsa lungimiranza, da decenni trascura e penalizza le zone interne. Siamo in montagna, legati indissolubilmente al territorio, ma guardiamo il mondo intero. Il pensiero finale, lacrima triste, è per il dirigente Silvano Forlano, strappato all’amore della famiglia e all’affetto dei colleghi da un male rivelatosi incurabile. Marco Camplone

collective effort, we have been the Ƃrst company in the +talian food industry to implement the “My Care” safety assessment framework by Norwegian certiƂcation body DNV GL. De Cecco stands for high-quality products, innovation, safety and a focus on the future: 70 million euros will be invested in the Ƃveyear period 2021-2025. But it also stands for history, as we are reminded by the yellowed pages of newspapers published at the dawn of the 20th century, when the “pasta from the Fara” was praised by Ƃgures such as poet Gabriele D’Annunzio and composer Pietro Mascagni. What’s more, De Cecco stands for culture because, after sponsoring the celebrations in Milan for the centenary of the birth of poet Alda Merini, we have conƂrmed our support to the organizers of the awards in memory of the most irreverent, witty and

nonconformist author and screenwriter from Pescara and Abruzzo, Ennio Flaiano. When we talk about De Cecco we are also talking about the Majella mountains, where nature has designed fairy-tale landscapes shared on social networks by the young participants in the Va’ Sentiero expedition, who have given a new lease of life to hiking trail Sentiero Italia, crossing the whole of +taly on foot. We are a very rare example of a mountain-based pasta factory in a country that has short-sightedly neglected and overlooked its inland areas for decades. We are located in the mountains, deeply rooted in our territory, but looking out to the whole world. A Ƃnal sad thought goes to our manager Silvano Forlano, who was taken from his family’s love and his colleagues’ affection by an incurable illness.

1


© 2020 Riproduzione riservata All rights reserved Editore / Editor F.lli De Cecco di Filippo Fara San Martino S.p.A. 66015 Fara San Martino (CH) Direttore Responsabile Editor in chief Marco Camplone marcocamplone@dececco.it Direzione / Amministrazione Redazione Management / Administration Editorial office Via Filippo De Cecco 66015 Fara San Martino (CH) T. +39 0872 9861 F. +39 0872 980426 dececco@dececco.it www.dececco.it

Coordinamento fotografia e grafica Photography and graphics coordination Imago Project Progetto grafico / Graphic Design Enrico Porceddu (Zicodesign) Fotografie / Photography Federico Deidda (Imago Project) Francesco Ventriglia Campana Giampiero Lattanzio Andrea Straccini Foto Copertina / Cover photo Federico Deidda (Imago Project) Illustrazione / Illustration Marco D’Agostino Traduzioni inglese / English translation Networld srl Wonderwords per gli articoli alle pagine 41, 48, 54, 61

Stampa / Printing Grafiche Martintype Finito di stampare in dicembre 2020 Printing in december 2020 Tiratura 3.000 copie italiano/inglese Distribuzione gratuita Distribution of 3,000 Italian/English copies Complimentary copy Registrazione Tribunale di Chieti N. 3 del 16/02/98 Spedizione in abbonamento postale 70% Filiale di Chieti PP.TT. - Legge 662/96 Numero 11 - Anno XX Chieti Court Register N. 3 of 16/2/98 Dispatch in postal subscription 70% Post and Telegraph Chieti Branch Law 662/96 Number 11 - Year XX

Dicembre December

2

M ON D O D E CE CCO

N°11


PAGI NA

5

PAG I N A

33

16

48

PA G IN A

Pagina 1

PAG I NA

Pagina 41

Editoriale

La ricetta di Heinz Beck: spaghetti De Cecco n. 12 ai frutti di mare e broccoli

Pagina 5

Qualità senza compromessi, De Cecco è anche Senza Glutine

Pagina 13

Bicchiere d’oro per l’olio Giulivo al Milan +nternational Olive Oil Award

Pagina 16

Federica Pellegrini #AllaDeCecco

Pagina 19

Tespi Awards nel segno dei Grandi De Cecco

Pagina 23

Coronavirus, sicurezza in fabbrica e negli ufƂci con la metodologia My Care

Pagina 42

L’+talia di Flaiano, vizi e difetti raccontati in aforismi

Pagina 48

D’Annunzio e Mascagni quando la cultura fu testimone della bontà De Cecco

Pagina 54

Gessopalena, bellezza e lacrime di un borgo d’Abruzzo martoriato dalla furia nazista

Pagina 61

Fratino, un bel tipo da spiaggia

Pagina 67

Pagina 26

+l ricordo di Forlano, un uomo per l’azienda

Pagina 33

De Cecco nel mondo

Grano duro 2020: un raccolto di grande qualità

Pagina 70

Va’ Sentiero e De Cecco “Di necessità virtù”

Pagina 38

Piano industriale De Cecco per il quinquennio 2021-2025

CONTENTS Editorial Quality that cuts no corners, De Cecco is also Gluten Free Gold Tasting Cup for Giulivo oil at the Milan +nternational Olive Oil Award Federica Pellegrini #AllaDeCecco De Cecco’s “Grandi” line makes its mark at the Tespi Awards Coronavirus: safety at our factories and ofƂces with the My Care methodology Durum wheat 2020: a high-quality harvest Va’ Sentiero and De Cecco - Turning a challenge into an opportunity De Cecco Business Plan for the Ƃve-year period 2021-2025 Heinz Beck: Spaghetti De Cecco N. 12 with seafood and broccoli Flaiano’s +taly: its ƃaws and shortcomings told in aphorisms D’Annunzio and Mascagni when culture was a witness of the tastiness of De Cecco Gessopalena, beauty and tears of a village in Abruzzo tortured by the Nazi fury Fratino, a nice beach bum Goodbye Silvano. +n memory of Forlano, a man committed to our company De Cecco in the world

M ONDO DE CECCO

N °11

P. 1 P. 5 P. 13 P. 16 P. 19 P. 23 P. 26 P. 33 P. 38 P. 41 P. 42 P. 48 P. 54 P. 61 P. 67 P. 71

3


4

M ON D O D E CE CCO

N°11


Il Glutine è una proteina che ha origine dal frumento e dalle varietD di cereali afwni è quindi presente in tutti i preparati e nei piatti in cui essi sono contenuti Gluten is a protein found in wheat and related cereal grain varieties. It is therefore present in all preparations and dishes that contain these grains

Qualità senza compromessi, De Cecco è anche Senza Glutine Quality that cuts no corners, De Cecco is also Gluten Free For a number of years now, international markets have seen a steady rise in the demand for healthier foods. De Cecco has long stood out in the market as a leader in this sector, with a range of healthy foods comprising more than 12 lines (including non-organic and organic wholewheat pasta, kamut, organic wholemeal spelt pasta, buckwheat pasta, 7-grain pasta, organic pasta, organic tomato puree (passata), organic extravirgin olive oil, bread substitutes and wholemeal and organic double milled durum wheat semolina) and a total portfolio of 88 products. In recent years, the demand for gluten-free products has also increased. These are sought not only by individuals with gluten intolerance or coeliac disease, but also by people following speciwc diets for sports or wellness reasons. Also, when one family member is gluten-intolerant, it is often easier and safer at mealtimes to cook one type of pasta for everyone, without sacriwcing taste and that much-loved elastic, chewy texture. To satisfy the most demanding consumers and provide everyone with the unique and essential pleasure of a good plate of pasta, we have launched a line of glutenfree products based on the rigorous

M ONDO DE CECCO

N °11

Da diversi anni, sui mercati internazionali è in crescita la domanda di prodotti con plus salutistici. De Cecco si è sempre distinta sul mercato per una gamma healthy food da leader della categoria con oltre 12 linee (come Pasta integrale no Bio e Bio, Kamut, Farro integrale Bio, al Grano saraceno, Pasta ai 7 cereali, Pasta Bio, Passata Bio, Olio extravergine Bio e sostitutivi del pane fino alle Semola rimacinata Integrale e Bio) e un portafoglio complessivo di 88 referenze. Negli ultimi anni sta emergendo sempre più anche il bisogno di prodotti senza glutine, utilizzati non solo da chi è intollerante/sensibile al glutine o soffre di celiachia, ma anche da chi segue determinati regimi alimentari (sportivi, diete speciali, mode). Inoltre, durante la preparazione del pasto in una famiglia con persone intolleranti al glutine, per praticità e maggior sicurezza, molte volte si preferisce cucinare un’unica pasta per tutti, ma che non penalizzi il gusto e la perfetta tenacità e tenuta in cottura. Per dare risposte ai consumatori più esigenti e garantire a tutti il piacere unico e irrinunciabile di un buon piatto di pasta, De Cecco lancia una linea di prodotti senza glutine ispirata al rigoroso Metodo De Cecco che si tramanda di padre in figlio da oltre 130 anni. Per realizzare un prodotto dalla qualità superiore è stato messo in campo un mix di innovazioni, scelte e strategie marketing/commerciale da brand leader del food a livello internazionale: ricette creative ed esclusive con cereali privi di glutine (riso, mais, sorgo, teff, grano saraceno, ceci e quinoa) e naturalmente fonti di fibre. Oppure con l’aggiunta di legumi (lenticchie rosse, piselli), fonti naturali di proteine, fibre e ferro. Il risultato è un equilibrio perfetto tra gusto ricco e sorprendente, colore, ruvidità e la classica cottura al dente. L’uso di trafile ruvide al bronzo dedicate assicura una porosità ideale a trattenere al meglio i condimenti. Il metodo di lavorazione con impasto a vapore dona alla pasta ottima consistenza alla masticazione. Da sottolineare l’assoluta sicurezza degli alimenti e del procedimento produttivo in stabilimenti dedicati, con la certificazione del marchio “Alimento senza Glutine. Prodotto erogabile del Ministero della Salute” e del marchio “Spiga Barrata”, concesso dall’Associazione italiana Celiachia.

5


De Cecco Method that has been handed down in our family for over 130 years. To create a superior quality product, we have coupled product innovation with marketing/ business actions and strategies worthy of a leading international food brand, coming up with creative and exclusive pasta types made from gluten-free cereal grains (rice, corn, sorghum, teff, buckwheat, chickpeas and quinoa) that are natural sources of wber. In some pastas, we have even added legumes (red lentils, peas), which are

natural sources of protein, wber and iron. The result is a perfect balance of rich and surprising yavors, color, roughness and classic al dente cooking. The use of dedicated rough bronze drawplates ensures the pasta has the ideal rough and porous texture to which sauces can cling better. And the steam kneading process guarantees excellent chewiness. The absolute safety of our products and production processes, which take place in dedicated plants, is guaranteed by the approval given

by the Italian Ministry of Health to our gluten-free range as a reimbursable product for people with diagnosed gluten intolerance (as printed on the pack: Alimento senza Glutine. Prodotto erogabile dal Ministero della Salute) and by the ‘crossed grain’ symbol showing we are certiwed by the Italian Coeliac Association. We have launched a lineup of 13 products, including six pastas made with grains (rice, corn, sorghum and teff), three pastas made with peas (and corn, rice, buckwheat,

I NUMERI DELLA CELIACHIA E DELL’INTOLLERANZA AL GLUTINE COELIAC DISEASE AND GLUTEN INTOLERANCE BY THE NUMBERS

1% DELLA POPOLAZIONE È AFFETTO DA CELIACHIA

LE DONNE CHE SOFFRONO DI CELIACHIASONO IL DOPPIO DEGLI UOMINI

OF THE POPULATION HAS COELIAC DISEASE

TWICE AS MANY WOMEN HAVE COELIAC DISEASE AS MEN

LE NUOVE DIAGNOSI ANNUALI IN ITALIA

1 PERSONA SU 7 È PERFETTAMENTE DIAGNOSTICATA

NEW DIAGNOSES PER YEAR IN ITALY

1 OUT OF 7 INDIVIDUALS IS PROPERLY DIAGNOSED

TIME ELAPSED FROM ONSET OF THE FIRST SYMPTOMS TO DIAGNOSIS OF COELIAC DISEASE

6

È LA FASCIA DI ETÀ PIÙ AFFETTA DA CELICHIA THE AGE GROUP MOST AFFECTED BY COELIAC DISEASE

3-5

+10.000

IL TEMPO CHE INTERCORRE TRA IL MANIFESTARSI DEI PRIMI SINTOMI E LA DIAGNOSI DI CELIACHIA

19 40

DIAGNOSI ANCORA DA RIVELARE PER OGNI CASO DIAGNOSTICATO UNDIAGNOSED CASES FOR EACH DIAGNOSED CASE

15%

11%

LA PREVALENZA DELLA CELIACHIA NEI PARENTI DI PRIMO GRADO

TRA O,6% E 10,6% DELLA POPOLAZIONE MONDIALE È SENSIBILE AL GLUTINE

PREVALENCE OF COELIAC DISEASE IN FIRST-DEGREE RELATIVES

0.6% TO 10.6% OF THE WORLD’S POPULATION HAS GLUTEN SENSITIVITY

M ON D O D E CE CCO

N°11


chickpeas and quinoa), and three pastas made with red lentils. Lastly, gluten-free fresh potato gnocchi complete the range. The packaging is new, original and 100% recyclable, with an elegant and distinctive design, ideal for maximizing shelf impact and with a large transparent window to show off the pasta. The innovative De Cecco Gluten-free line has been available in the best stores since June 2020 and in pharmacies and parapharmacies since July, thanks to an exclusive distribution agreement with NT Food, a major distributor of products for substance-intolerant individuals. To support the launch, we have created a press campaign and a dedicated website (https://www. dececco.com/sk_en/products/ gluten-free-pasta/).

COME SI FORMA IL GLUTINE HOW GLUTEN IS FORMED

GLIADINA GLIADIN

È una proteina componente del glutine contenuta in particolar modo nelle farine di frumento, orzo, segale, farro.

This protein is a component of gluten that is particularly common in wheat, barley, rye and spelt flours.

GLUTENINA GLUTENIN

Altra proteina componente Another gluten protein, del glutine è responsabile it produces the chewy della consistenza texture of cooked pasta. della pasta in cottura.

GLUTINE GLUTEN

Con l’aggiunta dell’acqua e l’azione meccanica di impastamento si crea il glutine.

Through the addition of water and the mechanical action of kneading, the two proteins combine to form gluten.

Una gamma completa di lancio con 13 referenze di cui 6 di pasta con cereali (riso, mais, sorgo e teff), 3 di pasta con piselli (e mais, riso, grano saraceno, ceci e quinoa), 3 di pasta con lenticchie rosse. Infine gli Gnocchi di patate fresche senza glutine completano l’offerta. Nuovo pack originale e riciclabile al 100%, con una veste grafica elegante e distintiva, ideale per massimizzare l’impatto a scaffale e con un’ampia finestra trasparente per valorizzare il prodotto al suo interno. L’innovativa linea Senza Glutine De Cecco è in distribuzione nei migliori punti vendita da giugno 2020 e da luglio è presente anche sui canali delle farmacie e parafarmacie: grazie all’accordo di distribuzione esclusiva con l’azienda NT Food, leader del canale specializzato e dei prodotti per intolleranti. A supporto del lancio, l’azienda ha realizzato una campagna stampa ed un sito web dedicato (www.dececco.com/it_it/senza-glutine/).

L’ESCLUSIVA RICETTA DE CECCO

Farina integrale di riso (36%) farina di mais (34,5%) farina di sorgo (22%) farina di teff (7%) emulsionanti mono e digliceridi degli acidi grassi di origine vegetale

MO ONDO ON OND N D O DE ND D E CECCO CEC CE C EC E C CCO CO C O

N N°1 N° °11 °°1 11 1 1

THE E:CLUSIVE DE CECCO RECIPE wholemeal rice your (36%) corn your (34.5%) sorghum your (22%) teff your (7%) mono- and diglycerides of vegetable fatty acids

7


Tredici referenze in un’ampia gamma che include le linee con Piselli e Lenticchie rosse e gli Gnocchi. Pack 100% riciclabile

SOLO DA CEREALI La pasta Senza Glutine De Cecco è preparata con una ricetta esclusiva, di solo cereali naturalmente privi di glutine.

FARINA DI RISO INTEGRALE È una farina ottenuta dal chicco di riso macinato integralmente. È priva di glutine, dà un sapore deciso alla pasta e un’ottima quantità di apporto nutrizionale, energetico e di carboidrati, inoltre è ricca di proteine e fibre. Il colore è dato dalla parte integrale esterna del chicco di riso.

FARINA INTEGRALE DI MAIS Il mais è un cereale naturalmente privo di glutine ma con una buona percentuale di ferro, fosforo e potassio. Col suo tipico colore aranciato, la farina integrale di mais apporta colore alla pasta. Thirteen items in a wide range that includes pasta made with peas, pasta made with red lentils and gnocchi. 100% recyclable package

8

nell’economia agricola mondiale. Ricco di fibre ma privo di glutine, è perfetto anche nelle diete per celiaci. La farina di sorgo è altamente digeribile e contiene importanti vitamine e sali minerali. Il colore è chiaro e il suo aroma è piuttosto neutro.

FARINA DI TEFF La farina di teff si ottiene dai minuscoli chicchi del cereale macinati integralmente. Ce ne sono di vari colori, ma la più pregiata è quella avorio che è caratterizzata da un aroma piuttosto dolce e delicato. È ricca di vitamine, fibre e calcio. Dal punto di vista organolettico, l’odore ricorda il malto, ha un sapore unico e un aroma di frutta secca.

FARINA DI SORGO Il sorgo è uno dei primi cereali ad essere stato coltivato ed è il quinto cereale per importanza

M ON D O D E CE CCO

N°11


FARINA DI RISO INTEGRALE

FARINA INTEGRALE DI MAIS

FARINA DI SORGO

FARINA DI TEFF

WHOLEMEAL RICE FLOUR

SORGHUM FLOUR

M ONDO DE CECCO

N °11

WHOLEMEAL CORN FLOUR

TEFF FLOUR

9


FROM CEREAL GRAINS ONLY De Cecco Gluten-free pasta is made with an exclusive recipe using only naturally gluten-free cereal grains. WHOLEMEAL RICE FLOUR This your is obtained from grinding the entire rice grain. This gluten-free your yields a pasta with a distinctive yavor which is an excellent source of nutrition, packed with energy and carbohydrates. It is also rich in protein and wber. The brown color comes from the bran of the rice grain. WHOLEMEAL CORN FLOUR Corn is a naturally gluten-free grain which has a good content of iron, phosphorus and potassium. With its distinctive yellow appearance, wholemeal corn your lends color to the pasta. SORGHUM FLOUR Sorghum was one of the wrst grains to be cultivated and is the wfth most important grain in the world’s agricultural economy. Rich in wber but gluten-free, it is perfectly suited for people with coeliac disease. Sorghum your is highly digestible and contains important vitamins and minerals. It is light-colored and has a neutral yavor. TEFF FLOUR Teff your is obtained from milling the tiny whole grains. It comes in several colors, but ivory is the most highly prized, with its sweet and delicate yavor. It is rich in vitamins, wber and calcium. It has a malty, sweet scent and a distinctive earthy yavor.

Inquadra con il tuo smartphone questo QR Code per vedere il video Gluten Free Scan this QR Code with your smartphone to watch the ‘Gluten Free’ video

10

M ON D O D E CE CCO

N°11


Impasto a vapore, assenza di allergeni e trawlatura al bronzo Steam kneaded Allergen-free Bronze-drawn

M ONDO DE CECCO

N °11

11


12

M ON D O D E CE CCO

N°11


Il “Classico” e il “100% Italiano” conquistano il Bicchiere d’argento Giuria formata da assaggiatori professionisti dell’Onaoo da buyer, ristoratori, maître, sommelier, giornalisti e consumatori Our Classico and 100% Italiano olive oils win the Silver Tasting Cup The jury was made up of professional olive oil tasters from ONAOO, buyers, restaurateurs, maître d’s, sommeliers, journalists and consumers

Bicchiere d’oro per l’olio Giulivo al Milan International Olive Oil Award Gold Tasting Cup for Giulivo oil at the Milan International Olive Oil Award One Gold Tasting Cup and two Silvers. This was the gratifying result the De Cecco oils achieved in the wrst year of MIOOA, the Milan International Olive Oil Award, organized by " "vwV >, a magazine founded by journalist Luigi Caricato. The Gold Tasting Cup was awarded to Giulivo, while the Silver Tasting Cups were given to Classico and 100% Italiano. The awards were accepted on behalf of De Cecco by Giorgio Belwore, Sales Director of the oil, sauces and tomato product division. Giulivo grew out of the experience of the De Cecco family. Produced in limited quantities, it is the result of a careful selection from the best in local Italian oil production. The different olive varieties have been selected so as to combine all the qualities most appreciated by consumers in a single product, without any one dominating the others. This results in expertly balanced, yet distinct, aromas and yavors which are perfect for enhancing any number of dishes. Olive variety ‘Nocellara del Belice’ gives Giulivo its fresh herbaceous and tomato scent, while ‘Peranzana’ adds sweetness with hints of almond and artichoke, and ‘Coratina’ adds character with a harmonious marriage of bitterness and spice, rendering the blend smooth and

M ONDO DE CECCO

N °11

Un Bicchiere d’oro e due d’argento. È questo il lusinghiero risultato ottenuto dagli oli De Cecco nella prima edizione del Miooa, il Milan international olive oil award organizzato dalla rivista Olio officina magazine fondata dal giornalista Luigi Caricato. Il Bicchiere d’oro ha premiato il Giulivo. I Bicchieri d’argento sono stati riservati al Classico e al 100% italiano. Per De Cecco, i riconoscimenti sono stati ritirati da Giorgio Belfiore, direttore vendite dell’area strategica aziendale olio, sughi e derivati del pomodoro. L’olio Giulivo nasce dall’esperienza della famiglia De Cecco. Prodotto in quantità limitata, è frutto di un’accurata selezione delle migliori produzioni olearie locali Italiane. La scelta dei diversi olivaggi deriva dalla volontà di unire in un unico prodotto le caratteristiche più apprezzate dai consumatori senza che nessuna prevalga sulle altre. In questo modo, profumi e sapori risultano sapientemente bilanciati, ma decisi, perfetti per sposarsi con un gran numero di pietanze. La Nocellara del Belice conferisce al Giulivo il suo profumo erbaceo fresco e di pomodoro, la Peranzana addolcisce il prodotto con le note di mandorla e carciofo, la Coratina aggiunge carattere, apportando le note amare e piccanti che si armonizzano nel blend, rendendolo equilibrato e senza spigoli, adatto ai palati più esigenti. L’olio extravergine 100% Italiano nasce da oli esclusivamente italiani scelti per ottenere un prodotto dallo spiccato profumo di olive, con un piacevole bilanciamento tra amaro e piccante e un sapore gradevole, tipico degli oli della nostra terra. L’equilibrio di quest’olio fa in modo che si adatti bene a moltissimi piatti della cucina italiana, esaltandone il gusto. L’extravergine Classico De Cecco è un prodotto ottenuto da oli provenienti da Spagna, Grecia e Portogallo, sapientemente miscelati per un prodotto dal gusto armonico, rotondo, senza spigoli, adatto per essere utilizzato sia a crudo sia in cottura e persino per la frittura. Tutti i nostri oli sono ottenuti direttamente dalle olive, estratti a freddo e unicamente tramite procedimenti meccanici. La giuria di riferimento si è basata sull’esame del panel di assaggiatori professionisti dell’Onaoo (Organizzazione nazionale assaggiatori olio di oliva), una storica realtà fondata nel 1983 a Imperia, la prima scuola di assaggio al mondo. Ai giudizi degli assaggiatori professionisti dell’Onaoo si sono aggiunti i riscontri di altre tre giurie: una con i rappresentanti del settore Horeca, comprendente buyer, ristoratori, chef,

13


balanced, suitable for even the most demanding palates. 100% Italiano extra-virgin olive oil is made exclusively from Italian oils chosen to yield a product with a pronounced olive aroma, with a pleasant balance between bitterness and spice and a pleasing yavor, typical of the oils of our land. This well-balanced oil is excellent for accompanying and enhancing a number of Italian dishes. The De Cecco Classico extra-virgin olive oil is a combination of oils from Spain, Greece and Portugal, skillfully blended for a product with a smooth, balanced and rich taste, suitable both for drizzling and cooking, and even for frying. All of our oils are extracted directly from the olives and are cold pressed using only mechanical processes. The jury based its choice on the assessment by the panel of professional tasters from ONAOO (National Organization of Olive Oil Tasters), a historic institution founded in 1983 in Imperia and the world’s wrst tasting school. The tasters’ opinions were accompanied by the assessment of three other juries: one with representatives from the hospitality industry, including buyers, restaurateurs, chefs, maître d’s and sommeliers; one made up of journalists from specialized publications as well as generalinterest newspapers and TV; and lastly, a jury of consumers. A jury of representatives of supermarket chains was unable to participate

14

maître e sommelier; una composta da giornalisti, sia espressione di testate specializzate sia di giornali e tv generaliste; una giuria, infine, composta da consumatori. Ci sarebbe dovuta essere anche una giuria di buyer della Gdo, ma questi, causa emergenza sanitaria, non hanno avuto il via libera da parte delle catene distributive, per ragioni di policy aziendale. La valutazione della qualità, nel caso specifico del Miooa, ha fatto perno sul concetto fondamentale e imprescindibile della stabilità degli oli stessi. I campioni in concorso sono stati raccolti a partire da maggio a luglio scorsi. Una scelta inusuale per un concorso di qualità, anche perché, contrariamente ad altri concorsi, l’obiettivo del Miooa è stato finalizzato non soltanto ad appurare la qualità sensoriale ed edonistica degli oli, ma anche, e soprattutto, la loro durata e stabilità nel tempo. Un fattore, questo, molto importante, a testimonianza di un valore spesso sottovalutato. Fare qualità oggi è più semplice rispetto al passato, con l’introduzione di nuove tecnologie e metodiche di produzione, ma rendere l’olio più stabile implica qualcosa in più, oltre che una buona materia prima di partenza anche la capacità di conservare bene il prodotto e, nondimeno, una grande professionalità da parte degli stessi operatori nel rendere i propri extra vergini buoni anche per la loro shelf-life. Le valutazioni dell’Onaoo sono avvenute a Imperia. I campioni di olio esaminati sono stati assaggiati in diverse sedute del panel, in modo da evitare errori o valutazioni errate, situazioni che si verificano spesso quando si assaggiano molti campioni in poche sedute. Gli assaggi sono stati effettuati in sei sedute, iniziate nella prima settimana di luglio e concluse il primo settembre scorso. Tutti gli assaggi si sono svolti nel medesimo orario, dalle 9 alle 11 del mattino, e tutti nelle medesime condizioni, essendo in periodo Covid 19 ci si è attenuti rigorosamente alle norme di comportamento necessarie. Il capo panel Onaoo ha segnalato, al termine delle valutazioni, una buona riproducibilità di dati tra gli assaggiatori. Le altre tre giurie, invece, si sono riunite a Milano, nella sede di Olio Officina, e hanno valutato gli oli sempre con grande attenzione e nell’osservanza delle norme sanitarie. Gli assaggi, in questo caso, sono avvenuti nell’arco di due settimane, con due sessioni giornaliere, per un totale di venti sedute di assaggio.

M ON D O D E CE CCO

N°11


La scelta di avvalersi anche di giurie popolari risponde a una logica spesso sottovalutata: i non esperti di olio sono di fatto coloro che l’olio lo acquistano e lo utilizzano o in ambito domestico o nelle cucine professionali e, di conseguenza, il loro giudizio, sia pur non propriamente tecnico, è importante a fini della percezione della qualità da parte del vero pubblico, quindi dal mercato. Davanti ai giudici esaminatori c’era solo l’olio. I campioni esaminati, provvisti infatti di un proprio codice identificativo, sono stati degustati tutti alla cieca. Quindi, nessuno era a conoscenza del brand che stava analizzando.

due to the companies’ suspension of business travel in response to the health emergency. The MIOOA awards focused on the fundamental and essential aspect of the stability of the oils. The competing samples were collected between May and July. This was an unusual choice for a quality competition, in part because, unlike other competitions, MIOOA’s aim was not only to ascertain the sensory and taste qualities of the oils, but also, and above all, their durability and stability over time. This is a crucial factor that is often neglected. Today, assuring quality is easier than in the past, thanks to new technologies and production methods, but making the oil more stable requires something more; not only high-quality olives, but also the ability to preserve the product and, at the same time, great skill on the part of operators to ensure constant quality throughout the oils’ shelf life. The ONAOO’s tastings took place in Imperia. The panel tasted the oil samples over a number of sessions, to avoid errors or incorrect evaluations, which can easily occur when many samples are tasted in just a few sittings. Overall, six sessions were held, between the wrst week of July and September 1st. All the tastings took place at the same time, from 9 to 11 a.m., and under the same conditions. The necessary COVID-19 rules were strictly adhered to. At the end of the evaluations, the head of the ONAOO panel reported a good reproducibility of data among the tasters. The other three juries met at the " "vwV > headquarters in Milan, where they evaluated the oils while carefully respecting the social distancing rules. These tastings took place over two weeks,

M ONDO DE CECCO

N °11

Pagina a fronte: Luigi Caricato, direttore di " "vwV > >}>â i e ideatore del Milan International Olive Oil Award. Facing page: Luigi Caricato, director of " "vwV > Magazine and founder of the Milan International Olive Oil Award.

with two daily sessions, for a total of 20 tasting sessions. The choice to include popular juries reyects the oft-forgotten fact that most oil buyers and users, at home or in professional kitchens, are nonexperts. Therefore, their judgement, while not strictly technical, gives

us invaluable input on the public’s, and thus the market’s, perception of product quality. As a guarantee of impartiality, the tastings were carried out blind, meaning that the brand of the samples could not be identiwed, as each sample was only labelled with an identiwcation code.

15


La star del nuoto, primatista mondiale in carica nei 200 metri ed europea nei 400 metri stile libero, è la protagonista di tre video clip sui social: dopo un duro allenamento in vasca si prepara un piatto di pasta De Cecco per recuperare le energie

Federica Pellegrini #AllaDeCecco Swimming sensation, holder of the world record in the 200m freestyle and European record in the 400m, she features in three online video clips on our social media: After a tough training session in the pool, she makes herself a revitalizing plate of De Cecco pasta

16

De Cecco e Federica Pellegrini, storia di un abbinamento vincente consacrato sui social. La collaborazione tra De Cecco e Federica, stella del nuoto mondiale e personaggio televisivo tra i più amati in Italia, è nata la scorsa estate e ha associato l’eccellenza del prodotto De Cecco all’eccellenza di un’atleta eccezionale e con un palmares incredibile. Sono stati realizzati tre clip video originali con protagonisti, a fianco di Federica, gli Spaghettoni Grandi N. 414, i Paccheri N. 125 e le Farfalle Integrali N. 43 De Cecco. I video rappresentano un vero allenamento della nuotatrice veneta, in cui sono visibili i suoi gesti quotidiani. In particolare, sono presenti momenti in vasca, di allenamento intenso finalizzato a raggiungere altri importantissimi traguardi. Federica, dopo l’allenamento, si reca a casa per recuperare le energie spese. Quale modo migliore di un piatto di pasta De Cecco preparato da lei stessa? Per la prima volta, dunque, De Cecco ha lanciato una campagna completamente digitale, ingaggiando un testimonial d’eccellenza tramite i suoi canali social. L’atleta, infatti, ha condiviso sul suo seguitissimo profilo Instagram (1,2 mln di follower) alcuni cut del video, post e stories in cui ha comunicato alla sua fanbase l’abitudine sana di ritrovare le energie dopo un duro allenamento grazie a un piatto di pasta De Cecco. Attraverso un hashtag dedicato, #AllaDeCecco, Federica ha parlato ai suoi fan, in primis sul profilo De Cecco (@dececco_pasta), incrementando l’awareness digitale del brand. In occasione di questa speciale occasione, sono state lanciate sul profilo del brand gli sticker / GIF Instagram di De Cecco personalizzati, che tutti gli utenti possono utilizzare. I contenuti realizzati sono stati oggetto di una campagna full-social sui canali del brand e dell’atleta influencer. Sul profilo De Cecco, il formato video, altamente performante, è stato presente a rotazione con le tre creatività per tutta la durata dell’iniziativa, rivolgendosi a un target altamente profilato di food lover e di appassionati di sport, con il duplice obiettivo di loyalty (mantenere alta l’attenzione dei brand lover) ed engagement (valorizzare maggiormente il marchio promuovendo una collaborazione così importante con la firma e la voce De Cecco). Sul profilo della campionessa i post, le stories e i video si sono rivolti a tutti i suoi follower, con un focus particolare agli amanti del cibo e in particolare ai pasta lover. A campagna ancora non terminata, i risultati hanno superato le rosee aspettative dell’inizio: in 106 giorni sono stati raggiunti 4.3 milioni di utenti, che hanno riprodotto i video 16.8 milioni di volte, per un totale di impression di 21 milioni, e più di 524.000 interazioni. I commenti ricevuti sui social aziendali e dell’atleta hanno delineato un sentiment positivo nei confronti della collaborazione e della scelta compiuta dal brand, a dimostrazione che l’incontro di due eccellenze nazionali è vincente, in vasca e a tavola.

M ON D O D E CE CCO

N°11



FEDERICA PELLEGRINI| (Mirano, 5 agosto 1988)

È primatista mondiale in carica nei 200 m ed europea nei 400 m stile libero. Considerata la più grande nuotatrice italiana e una delle più forti e longeve di sempre, in carriera ha preso parte a quattro Olimpiadi: la prima nel 2004 quando, sedicenne, ha conquistato la medaglia d’argento nei 200 m stile libero divenendo all’epoca la più giovane atleta italiana a salire su un podio olimpico individuale. Quattro anni dopo, ai Giochi di Pechino, ha vinto in quella stessa gara la medaglia d’oro, regalando all’Italia il primo successo olimpico femminile nella storia del nuoto. Ai Mondiali di Melbourne 2007 ha infranto il primo degli 11 record del mondo da lei stabiliti in carriera. È stata campionessa iridata dei 200 m e 400 m stile libero sia nel 2009 sia nel 2011, diventando la prima nuotatrice capace di vincere consecutivamente il titolo in entrambe le distanze in due diverse edizioni della manifestazione. Ai Campionati del mondo è anche l’atleta più vincente in una stessa gara grazie ai 4 ori, 3 argenti e 1 bronzo conquistati in otto diverse edizioni. Ma Federica non è solo sport. Da anni è apprezzata giudice di “Italia’s got talent”, trasmissione televisiva di grande successo.

Pagina social media De Cecco. De Cecco’s social media page.

Federica holds the world record for the 200m and European record for the 400m freestyle. Considered the greatest Italian swimmer and one of the strongest and longest lasting swimmers of all time, she has taken part in four Olympics during her career: the wrst one in 2004 when, at the age of sixteen, she won the silver medal in the 200m freestyle, becoming the youngest Italian athlete at the time to ascend an individual Olympic podium. Four years later, in Beijing, she took the gold in the same race, giving Italy its wrst female Olympic top place in the history of swimming. At the 2007 World Championships in Melbourne, she broke the wrst of the 11 world records she has set throughout her career. Federica was the 200m and 400m freestyle world champion both in 2009 and 2011, becoming the wrst female swimmer to win the title consecutively in both distances on two separate occasions. At the World Championships, she also holds the record for the most medals won in the same event, with 4 gold, 3 silver and 1 bronze won in eight different editions of the Championships. But Federica is not just about sport. For years she has been a well-liked judge on “Italia’s got talent”, a hugely popular TV show.


La pagina #AllaDeCecco del sito web aziendale / The #AllaDeCecco page on the company website.

De Cecco and Federica Pellegrini, the story of a perfect match celebrated on social media. The collaboration between De Cecco and Federica, world swimming star and one of the most popular TV personalities in Italy, started last summer, coupling the excellence of the De Cecco product with an exceptional athlete with an outstanding sporting record. Three original video clips feature Federica alongside the stars of the De Cecco brand: Spaghettoni Grandi no. 414, Paccheri no. 125 and Farfalle Integrali no. 43. The videos were shot during an actual training session of the swimmer from Veneto and also capture her daily routines. So, we see her in the pool, during moments of intense training geared towards reaching her next important milestones. After training, Federica goes home to boost her energy levels. What better way than a dish of De Cecco pasta made by herself? This is the wrst time we have launched a fully digital campaign, partnering with a much-loved sportswoman that is endorsing our product on her social media channels.

M ONDO DE CECCO

N °11

The athlete, who boasts 1.2 million followers on her Instagram account, posted some cuts from the video, posts and stories to show how she recovers her energy after a grueling swim practice with the help of a plate of De Cecco pasta. Federica used the hashtag #AllaDeCecco to speak to her fans, through the De Cecco account (@dececco_pasta), increasing awareness of the brand’s digital presence. To mark this special occasion, the De Cecco Instagram prowle launched personalized GIFs and stickers freely available to all. The content created has been used for a full-social media campaign on both Federica’s and the brand’s social media accounts. On the De Cecco account, the three high-quality videos were played on rotation for the entire duration of the campaign, targeting both food lovers and sports fans, with the twofold objective of strengthening brand loyalty and boosting brand engagement through its endorsement by a high-prowle sports celebrity. The swimming champion used her prowle to post photos, stories and videos aimed at all her followers,

with a particular focus on food lovers and, of course, pasta lovers. With the campaign still running, the results have already exceeded initial expectations: in 106 days it has reached 4.3 million users, with the videos played 16.8 million times, totaling 21 million impressions and more than 524,000 interactions. The comments received on both ours and Federica’s social media prowles show a positive response to our brand’s choice. Bringing together two national assets has proved a winning combination, both in the pool and at the table.

17


De Cecco’s “Grandi” line makes its mark at the Tespi Awards “Best innovation of dry pasta product “ 18

M ON D O D E CE CCO

N°11


Tespi Awards nel segno dei Grandi De Cecco “Migliore innovazione di prodotto pasta secca”

M ONDO DE CECCO

N °11

19


L’edizione 2020 dei Tespi Awards, organizzato dal magazine Pastariso & Consumi, ha visto sul gradino più alto del podio, per la migliore Innovazione di prodotto pasta secca, i Grandi De Cecco. O meglio, nove referenze con uno spessore maggiore rispetto a quello dei formati tradizionali, tanto da far venire in mente Gulliver nel paese dei lillipuziani. Più grandi nel formato, più grandi nel gusto e dall’eccezionale tenuta in cottura, come si legge nel flash ben visibile sulla finestra trasparente dei pacchetti. Un parterre de roi rappresentato da Linguine Grandi n. 407, Spaghettoni n. 412, Spaghettoni Grandi n. 414, Bucatini Grandi n. 16, Spaghettoni Quadrati n. 413, Fusilli Grandi n. 334, Orecchiette Grandi n. 190, Pennoni Rigati n. 39 e Pennoni Lisci n. 38. Tutti, ovviamente, impreziositi dalle caratteristiche peculiari della produzione De Cecco: lenta essiccazione, semola a grana grossa, acqua fredda di montagna e trafila in bronzo per una pasta di qualità superiore. Il Tespi Awards ha conferito riconoscimenti, per settori, alle aziende che si sono distinte, nel corso del 2019, nell’ideazione e realizzazione di attività di marketing e comunicazione. De Cecco, come si vede dalle foto a sinistra, aveva già avuto l’onore dei premi nel 2018 per la solidarietà e per la campagna new media. L’importante riconoscimento ai Grandi è stato attribuito da una giuria qualificata, presieduta da Maura Latini, amministratore delegato di Coop Italia, composta da 60 tra buyer di grande distribuzione e normal trade, operatori del settore alimentare e giornalisti. La premiazione, svolta nel rispetto delle procedure anti Covid, si è tenuta il 2 settembre, in occasione di Cibus Forum, al Palaverdi di Fiere di Parma. Per De Cecco, il premio è stato ritirato dal Direttore commerciale Carlo Aquilano. Hanno consegnato i premi Antonio Cellie (Fiere Parma), Angelo Rossi (Clal), Federica Travaglini (Travaglini), Elena Verlato (Saccardo), Elda Ghiretti (Fiere Parma), Paolo Massobrio (giornalista), Giovanni Bruno (Fondazione Banco Alimentare).

20

M ON D O D E CE CCO

N°11


At the 2020 edition of the Tespi Awards, organized by Pastariso & Consumi magazine, the De Cecco “Grandi” range took the top step of the podium for the best product innovation for dry pasta. These nine products are thicker and larger than traditional pastas, bringing to mind Gulliver in the land of the Lilliputians. They’re bigger in size and bigger in taste and have exceptional cooking resistance, as advertised on the transparent package window. The cream of the crop features Linguine Grandi no. 407, Spaghettoni no. 412, Spaghettoni Grandi no. 414, Bucatini Grandi no. 16, Spaghettoni Quadrati no. 413, Fusilli Grandi no. 334, Orecchiette Grandi no. 190, Pennoni Rigati no. 39 and Pennoni

M ONDO DE CECCO

N °11

Lisci no. 38. All, of course, enhanced by the unique characteristics of the De Cecco production process: slow drying and the use of coarse grain semolina, fresh, cold mountain water and traditional bronze drawplates, all for a superior quality pasta. This year’s Tespi Awards gave prizes, by sector, to the companies that in 2019 conceived and implemented the best marketing and communication initiatives. As can be seen in the photos to the left, De Cecco had already been honored in 2018 with the Special Support Award and the prize for Best New Media Campaign. This year’s prize to the “Grandi” line was awarded by a distinguished jury, chaired by Maura Latini, CEO

of Coop Italia, and made up of 60 large-scale and small-scale retail buyers, food industry companies and journalists. The awards ceremony was held in compliance with Covid-19 safety procedures on September 2nd, at the Cibus Forum food and beverage conference at the Palaverdi Convention Centre in Parma. The award was accepted for De Cecco by the Director of Sales, Carlo Aquilano. The awards were presented by Antonio Cellie (Fiere di Parma), Angelo Rossi (CLAL), Federica Travaglini (Travaglini), Elena Verlato (Saccardo), Elda Ghiretti (Fiere di Parma), Paolo Massobrio (journalist) and Giovanni Bruno (Fondazione Banco Alimentare).

21


De Cecco was the wrst Italian food company to implement the COVID-19 safety measures developed by certiwcation body DNV-GL

Tutti i dati sono consultabili su VeChain grazie a un Qr Code. All the data can be viewed on VeChain using a QR Code.

22

M ON D O D E CE CCO

N°11


De Cecco è stata la prima azienda italiana dell’agroalimentare a implementare le misure di sicurezza anti Covid 19 dell’ente di certiwcazione DNV-GL

Coronavirus, sicurezza NS KFGGWNHF J SJLQN ZȔHN con la metodologia My Care Coronavirus: safety at our factories and ofƂces with the My Care methodology Production and safety always go hand in hand, and now more than ever. De Cecco has chosen DNV-GL to evaluate the measures we have taken in our routine processes and activities to minimize the risks of Covid-19 infection. We have been the wrst Italian food company to take this path. We chose to deploy the My Care methodology by DNV-GL, which involves independent audit by a third party, as an additional safeguard for our employees and contractors. After De Cecco successfully weathered the wrst wave of the virus in Italy with a vigorous and immediate response to the risk of infection, developed together with experts from the healthcare authorities of Abruzzo, we focused on prevention at our two pasta factories in Fara San Martino and Ortona and our administrative ofwces in Pescara. We are proud to add that, throughout the pandemic, production never shut down. DNV-GL Business Assurance is one of the main certiwcation bodies worldwide and is a leader in the digital evolution of safety services. The data from the audit, permanently stored on public blockchain VeChain, with which DNV-GL has established a strategic partnership, can be openly consulted

M ONDO DE CECCO

N °11

Produzione e sicurezza. Ora più che mai. De Cecco ha scelto DNV-GL per la valutazione delle misure adottate nei processi e nelle attività giornaliere allo scopo di mitigare i rischi di contagio da Covid 19. Ed è stata la prima azienda italiana del comparto Agroalimentare a imboccare questa strada. L’adesione alla metodologia My Care di DNV-GL va intesa come ulteriore garanzia per i dipendenti e gli operatori esterni e prevede una verifica indipendente, quindi di un ente terzo. In sostanza De Cecco, dopo aver superato senza danni la prima fase del virus in Italia, grazie a una vigorosa e immediata reazione al rischio contagio, concertata con gli esperti delle Asl abruzzesi, ha pensato anche alla prevenzione nei due pastifici di Fara San Martino e Ortona e nel centro direzionale di Pescara. Bisogna aggiungere, con orgoglio, che la produzione non è stata mai interrotta. DNV-GL Business Assurance è uno dei principali enti di certificazione al mondo ed è leader nell’evoluzione digitale dei servizi di sicurezza. I dati emersi durante le attività di verifica, memorizzati e resi immutabili sulla blockchain pubblica VeChain, con cui DNV-GL ha stipulato una partnership strategica, sono fruibili in trasparenza da tutti per mezzo di un QR Code. Tra i maggiori accorgimenti adottati, De Cecco, ancor prima che le disposizioni governative lo imponessero, ha messo in atto una serie di misure per la prevenzione del rischio: obbligo di controllo della temperatura attraverso termo scanner posizionato in tutte le portinerie (obbligatorio per dipendenti, visitatori, fornitori, autisti), posizionamento di schermi protettivi se tecnicamente possibile (ad esempio, il ricevimento merci), messa a disposizione di gel lavamani presso tutti i reparti operativi, spogliatoi, uffici e magazzini. Obbligo di utilizzo delle mascherine anche da parte di visitatori, fornitori e autisti (per questi ultimi sono state messe a disposizione aree di ristoro e servizi igienici dedicati). Ha definito, altresì, un piano di audit specifico per la verifica di efficacia ed efficienza delle procedure operative definite dal protocollo Covid 19. Oltre a questo strumento, è stato nominato un team che ha il compito di verificare in modo continuativo il rispetto delle procedure da parte del personale interno ed esterno, provvedendo ad attuare azioni di mitigazioni immediate (tipo le attività di sensibilizzazione e segnalazione).

23


«Le nostre verifiche secondo la metodologia My Care hanno rilevato piena conformità per il molino, il pastificio, l’oleificio e per il centro direzionale del Gruppo De Cecco. La nostra verifica indipendente evidenzia la volontà di trasparenza di De Cecco e l’utilizzo rigoroso della nostra metodologia. Un vero esempio di serietà che dimostra l’impegno nell’applicazione di tutte le misure attivate dal Gruppo a tutela dei propri dipendenti e operatori», dice Francesco Di Sarno, Direttore vendite Digital assurance & supply chain di DNV-GL - Business assurance Italia. «In questi mesi la nostra priorità è stata quella di creare un ambiente sicuro per i nostri collaboratori e per tutti gli operatori. Con una squadra coesa, sempre reperibile e pronta a intervenire ad ogni segnalazione, abbiamo adeguato i nostri sistemi di gestione e le nostre modalità operative in maniera tale da essere sempre in linea con le varie disposizioni governative succedutesi nel tempo», commenta Vincenzo Ponte, responsabile Assicurazione qualità e sistemi di autocontrollo di De Cecco. «Per essere certi di avere raggiunto livelli adeguati di sicurezza e poter dare ai nostri operatori e collaboratori evidenza del nostro impegno e dell’idoneità delle procedure messe in atto, abbiamo chiesto a DNV-GL di verificarne la corretta applicazione ed efficacia. Essere la prima azienda italiana dell’agroalimentare ad aver aderito alla metodologia My Care è una grande soddisfazione».

Nella pagina precedente: stabilimento di Caldari di Ortona. In alto: ingresso del Centro direzionale di Pescara. Sopra: stabilimento di Fara San Martino. Pagina a fronte: il Safegate Pro e gli altri strumenti per la prevenzione.

24

Preceding page: plant in Caldari di Ortona. Top: entrance to the Pescara administrative ofwces. Above: Fara San Martino plant. Opposite page: the Safegate Pro and other prevention tools.

M ON D O D E CE CCO

N°11


by anyone using a QR Code. Even before legal requirements were introduced, De Cecco immediately took a number of risk prevention measures: measuring body temperature with thermal scanners at all entry points (mandatory for employees, visitors, suppliers and drivers), installing protective screens wherever technically possible (for example, at goods receiving points), and providing hand sanitizers in all production areas, changing rooms, ofwces and warehouses. Masks are compulsory not only for staff but also for visitors, suppliers and drivers (dedicated refreshment areas and sanitary facilities have been made available for drivers). De Cecco has also created a speciwc audit plan to ensure that the Covid-19 operating procedures are efwcient and effective. In addition to the audit plan, we have set up a dedicated team to continuously monitor the compliance

of internal and external staff with the procedures and to take any immediate corrective actions (e.g., warning and reporting). “Our inspections, using the My Care methodology, determined that the De Cecco Group’s mill, pasta factory, oil mill and headquarters are in full compliance. Our independent review demonstrated De Cecco’s desire for transparency and that our methodology was rigorously applied. This is a real example of responsibility that demonstrates a commitment to apply all the measures set by the Group

M ONDO DE CECCO

N °11

to protect its employees and operators”, says Francesco Di Sarno, Sales Director, DNV-GL - Business Assurance Italy Digital Assurance & Supply Chain. “Over the last months, our priority has been to create a safe environment for our staff and for all our business partners. With a cohesive team that is always available and ready to respond promptly to any concern, we have adapted our management systems and operating methods to remain in compliance with the various governmental measures as they evolve”, comments Vincenzo Ponte,

Manager of De Cecco’s Quality Assurance and Internal Control Systems. “We asked DNV-GL to verify that the procedures we put in place were implemented properly and are effective to be sure that we have achieved adequate levels of safety and can give our employees and partners evidence of our commitment and of the adequacy of those procedures. Being the wrst Italian food company to adhere to the My Care methodology is a source of tremendous satisfaction.”

25


Grano duro 2020: un raccolto di grande qualità Stefano D’Alessio Dopo aver completato le operazioni di raccolta del grano duro in Italia, si iniziano a tirare le somme da un punto di vista della quantità e della qualità riscontrate. Naturalmente, come ormai avviene da diversi anni, per capire o provare a prevedere quale sarà la dinamica dei prezzi da qui in avanti si deve guardare dentro il proprio paese, ma anche e soprattutto raccogliere informazioni a livello internazionale, perché le dinamiche del mercato grano duro, e dei cereali in genere, sono ormai sempre più globalizzate. Negli ultimi anni, si sono registrate produzioni mondiali dell’ordine dei 30-40 milioni di tonnellate, per il 40% circa concentrate in Europa, USA e Canada, e consumi da decenni statisticamente allineati alle produzioni, ma per il 60% circa concentrati nell’area del Mediterraneo: Europa, Nord Africa e Turchia. A livello di qualità della granella,

26

la variabilità negli anni è stata decisamente elevata e, nonostante il progresso tecnologico nel settore della macinazione, più di una volta in Italia si è rischiato di non tenere fede ai valori dichiarati in etichetta, cosa evitata solo grazie al ricorso alle importazioni di merce altamente proteica. Di conseguenza i prezzi, vista l’imprevedibilità di produzioni e specifiche merceologiche, sono stati soggetti ad assoluta volatilità. Secondo l’ultimo rapporto dell’International Grains Council, la produzione mondiale 2020 di grano duro potrebbe attestarsi a 34 Mt (milioni di tonnellate), con un leggero incremento (+ 1,2 %) rispetto al volume del raccolto 2019 stimato in 33,6 Mt. Le produzioni, che rimangono nel complesso al di sotto della media degli ultimi anni, sono state ostacolate dalle condizioni climatiche, in particolare la siccità, soprattutto in Nord Africa.

M ON D O D E CE CCO

N°11


Durum wheat 2020: a high-quality harvest After the durum wheat harvest is completed in Italy, it is time to assess its quantity and quality. Of course, as for several years now, to understand and try to predict price trends going forward we have to look at the situation in our country, but also and especially at international level, because the durum wheat market and the cereal grains market in

M ONDO DE CECCO

N °11

general are increasingly globalized. In recent years, worldwide production has reached 30-40 million metric tons, about 40% of which is concentrated in Europe, the USA and Canada. Consumption levels have been statistically aligned to production rates for decades, but about 60% of consumption is concentrated in the Mediterranean

area: Europe, North Africa and Turkey. In terms of grain quality, variability over the years has been rather high and, despite progress in milling technology, more than once Italian pasta producers have run the risk of not matching the nutritional values stated on the label and averted it only by importing high-protein produce.

27


CANADA 2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021

5,0 5,7 5,0 6,1

FRANCIA 2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021

2,1 1,8 1,5 1,3

SPAGNA

STATI UNITI 2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021

2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021 1,5 2,1 1,5 1,9

TUNISIA 2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021

MESSICO 2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021

ALGERIA

2,1 1,6 1,7 1,2

2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021

1,1 1,3 0,7 0,8

0,9 1,0 1,2 0,9

2,0 3,2 3,2 3,0

MAROCCO

Grano duro, produzione nel mondo

2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021

DURUM WHEAT PRODUCTION ACROSS THE WORLD

+ 1,2%

Fonte: International Grains Council

2019

33,6Mt

2020

34Mt

Gli stock di inizio campagna 2020/21 sono stimati in 8,9 Mt (riduzione di circa il 11% rispetto agli stock di inizio campagna 2019/20 calcolati in 10 Mt). Per quanto riguarda in particolare le 4 maggiori zone di produzione (UE, Canada, Stati Uniti, Messico) gli stock di inizio campagna potrebbero situarsi in 3,8 Mt con una riduzione del 37% rispetto alle scorte di inizio campagna 2019/20 risultanti in 5,7 Mt.

Tutti i dati sono espressi in milioni di tonnellate (Mt) e sono aggiornati a ottobre 2020. All data are expressed in millions of metric tons (Mt) and are updated to October 2020.

28

M ON D O D E CE CCO

N°11

2,2 2,4 1,3 0,8


ITALIA

2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021

KAZAKHSTAN 2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021

4,2 4,1 3,8 3,7

GRECIA

2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021

0,8 0,9 0,7 0,8

0,7 0,7 0,8 0,8

TURCHIA 2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021

3,8 3,5 3,2 3,4

AUSTRALIA 2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021

0,5 0,3 0,3 0,6

STOCK MONDIALI DEI 4 MAGGIORI PRODUTTORI WORLD STOCKS OF THE FOUR TOP PRODUCERS

2018/2019

2019/2020

2020/2021

5

5,7

3,8

UNIONE EUROPEA

2,4

2,1

1,9

CANADA

1,4

1,8

0,7

STATI UNITI

1,0

1,5

1,1

MESSICO

0,2

0,3

0,1

4 MAGGIORI PRODUTTORI

M ONDO DE CECCO

N °11

The stocks at the start of crop year 2020/21 are estimated at 8.9 Mt (down by about 11% from the starting stocks in 2019/20, calculated at 10 Mt). As to the four top production areas (EU, Canada, United States, Mexico) the stocks at the start of the crop year could be around 3.8 Mt, down by 37% from the starting stocks in 2019/20, which stood at 5.7 Mt.

29


The unpredictability of production and product speciwcations has resulted in highly volatile prices. According to the latest report from the International Grains Council, worldwide production of durum wheat in 2020 could reach 34 Mt (million metric tons), with a slight increase of +1.2% on the 2019 harvest, which stood at about 33.6 Mt. Production, which has overall remained below the average of recent years, has been hampered by climate conditions, particularly drought, especially in North Africa. According to the IGC, the stocks at the beginning of the 2020/21 crop year are estimated at 8.9 Mt (down by about 11% from the starting stocks of 2019/20, calculated at 10 Mt). As to the four major production areas (the EU, Canada, USA and Mexico), the stocks at the beginning of the crop year could reach 3.7 Mt, down by 37% compared to the stocks at the beginning of the 2019/20 crop year (5.7 Mt). The IGC has also estimated that the total supply (production + stock at the beginning of the crop year) in 2020/21 should come to 42.9 Mt, 1.7% lower than in 2019/20 (when it stood at 43.6 Mt). This is the lowest level recorded in the last 10 years (a level equivalent to the supply volumes of the 2014/15 crop year). Lastly, the 2020/21 crop year could also see a decrease in consumption, which might fall to 35.3 Mt.

30

Gli stock di inizio campagna 2020/21 sono stimati, secondo l’IGC, in 8,9 Mt (con una riduzione di circa l’11% rispetto agli stock di inizio campagna 2019/20 calcolati in 10 Mt). Per quanto riguarda in particolare le 4 maggiori zone di produzione (quindi, Ue, Canada, Usa e Messico), gli stock di inizio campagna potrebbero arrivare a 3,7 Mt, con una riduzione del 37% rispetto alle scorte di inizio campagna 2019/20 (5,7 Mt). Sempre secondo l’IGC, l’offerta totale (produzione + stock inizio campagna) nel corso della campagna di commercializzazione 2020/21 dovrebbe raggiungere 42,9 Mt, con una riduzione del 1,7% rispetto ai volumi dell’offerta (43,6 Mt) della precedente campagna 2019/20. Si tratta del livello più basso registrato negli ultimi 10 anni (un livello equivalente ai volumi dell’offerta nel corso della campagna 2014/15). Il consumo, infine, sempre nel corso della campagna 2020/21, potrebbe registrare una contrazione per fermarsi a 35,3 Mt. Il rapporto stock/consumi potrebbe raggiungere così il 25,2%, una percentuale particolarmente bassa e pertanto preoccupante. Entrando nel dettaglio dei singoli paesi determinanti per le dinamiche del mercato del grano duro, partiamo dall’Italia, dove la campagna di commercializzazione 2020/21 è entrata subito nel vivo non appena si sono avuti i primi riscontri sulle reali produzioni della Puglia. La significativa riduzione della produzione in questa regione (- 30% circa) ha provocato un avvio della campagna con quotazioni molto elevate sul listino di Foggia (Euro/ton 320-325) che sono arrivate a toccare Euro/ton 335 alimentando l’aspettativa, almeno da parte dei produttori, di un mercato in continuo rialzo. Con il procedere delle trebbiature al Centro-Nord, però, le iniziali notizie sono state mitigate e il mese di luglio è stato caratterizzato da forti ribassi su tutte le piazze. In questo scenario è da segnalare che i contratti di filiera rivestono ormai un ruolo sempre più importante, visto che coinvolgono più di 200.000 ettari in tutta Italia. Un numero sempre maggiore di industrie ritiene infatti strategico assicurarsi una cospicua quantità di materia prima nazionale. Per quanto riguarda il Canada, primo esportatore mondiale di grano duro, secondo il Report Aac (Agro Alimentaire Canada) di agosto 2020, la superficie seminata a grano duro sarebbe aumentata del 16% rispetto al 2019/20.

M ON D O D E CE CCO

N°11


La produzione, di conseguenza, come evidenziato dal report IGC di ottobre 2020, dovrebbe aumentare del 23% per stabilirsi in 6,1 Mt, sotto l’effetto combinato dell’aumento della superficie seminata e dell’incremento delle rese per ettaro. Pertanto, gli ultimi dati provenienti dal Canada migliorano notevolmente le iniziali stime dell’Igc e riportano una certa tranquillità sul mercato mondiale di grano duro.

Tali dati fanno presuppore che il Canada applicherà una forte spinta commerciale all’esportazione con prezzi che potrebbero essere molto competitivi sui mercati internazionali e in particolare in Italia, dove ormai il deficit produttivo è diventato strutturale (produzione media 4,0 Mt vs. fabbisogno medio 5,6-6,0 Mt).

Le foto di questo servizio sono state realizzate durante il lavoro di trebbiatura nella Riserva naturale Punta Aderci, a Vasto e a Torricella Peligna, entrambe in provincia di Chieti.

The photos were taken during the wheat harvest in the Punta Aderci Nature Reserve, at Vasto and Torricella Peligna, both in the province of Chieti.

The ratio of stock to consumption could thus drop to 25.2%, a particularly low and worrying value. Looking at the individual countries that are essential to the dynamics of the durum wheat market, starting with Italy, the 2020/21 marketing year immediately entered into full swing as soon as the wrst wgures on actual output from Puglia were released. The signiwcant drop in production in this region (about -30%) has caused prices in Foggia to rise steeply (320-325 Euro/metric ton) with peaks of 335 Euro/metric ton and fueling the expectation, at least for producers, that prices would keep rising. However, as the harvest progressed

M ONDO DE CECCO

N °11

in central and northern Italy, the initial prices started to ease, and the month of July was later characterized by strong reductions in all Italian markets. It is also interesting to note that contract farming is playing an increasingly important role in Italy, covering more than 200,000 hectares. This is because a growing number of millers consider it strategic to secure signiwcant quantities of grains grown in Italy. As concerns Canada, the world’s leading exporter of durum wheat, the Agriculture and Agri-Food Canada (AAFC) report of August 2020 states that the total area seeded to durum increased by 16% from 2019/20.

As a result, production, as highlighted by the IGC‘s report of October 2020, should increase by 23% to 6.1 Mt, under the combined effect of the increase in seeded area and the increase in yield per hectare. Therefore, the latest data from Canada signiwcantly improve on the initial estimates made by the IGC and will help to stabilize the global durum wheat market. With these forecasts, we can assume that Canada will attempt to boost its exports by quoting competitive prices on international markets and in particular in Italy, where the production dewcit has become structural (average production of 4.0 Mt vs. an average demand of 5.6 - 6.0 Mt).

31


32

M ON D O D E CE CCO

N°11



L’alta via più lunga al mondo

S E N T I E R O I TA L I A

The Grand Italian Trail The world’s longest mountain trail

7.000

km


Il progetto Va’ Sentiero è un cammino lento che si nutre di incontri, esperienze e storie di chi in montagna vive e lì investe il proprio futuro The Va’ Sentiero project is a “slow way”, a walking route enriched by the encounters, experiences and stories of the people whose lives and future are linked to the mountains

Va’ Sentiero e De Cecco “Di necessità virtù” Francesco Sabatini

Va’ Sentiero and De Cecco. Turning a challenge into an opportunity Since May 2019, a handful of brave travelers have been hiking through the Italian mountains: it’s the Va’ Sentiero expedition. This motley crew has embarked on a trek along the Grand Italian Trail, the longest high-altitude trail in the world (a good 7000 km) that passes through all the regions of Italy along the entire mountain ridge: from the Alps to the islands, by way of the Apennines. We aim to put the spotlight back on the inland areas of our country, communicating to today’s audiences the magic of the mountains. Depopulated and neglected, the Italian mountains are a treasure chest of resources that deserve to be known, experienced, preserved and renewed. A slow walking route, the Va’ Sentiero project is fueled by the encounters, stories and experiences of those who continue to live and invest in their future in the mountains. In 2016, Yuri Basilicò, while wandering in the mountains of Corsica, heard about the Grand Italian Trail for the wrst time. Intrigued, he soon realized that little was known about the trail, a halfforgotten treasure. He shared his discovery with Giacomo Riccobono and Sara Furnaletto, and together they came up with the idea of retracing the path on foot.

M ONDO DE CECCO

N °11

Dal maggio 2019 un manipolo di prodi viaggiatori si aggira a piedi sulle montagne italiane: è la spedizione di Va’ Sentiero. La nostra armata brancaleonesca è in cammino alla scoperta del Sentiero Italia, l’alta-via più lunga al mondo (ben 7000 km) che attraversa tutte le regioni italiane lungo tutta la dorsale montuosa: dalle Alpi alle isole, passando per gli Appennini. Vogliamo riportare i riflettori verso le aree interne del nostro Paese attraverso un progetto di comunicazione che rinnovi il racconto delle nostre montagne. Spopolate e abbandonate, le montagne italiane sono uno scrigno ricco di risorse che necessitano di essere conosciute, vissute, preservate e rinnovate. Il progetto Va’ Sentiero è un cammino lento che si nutre di incontri, storie, esperienze, di chi in montagna continua a vivere e ad investire il proprio futuro. Nel 2016 Yuri Basilicò, perso tra le montagne della Corsica, sentì per la prima volta parlare del Sentiero Italia; incuriosito, scoprì però che le informazioni a riguardo erano quasi nulle, un tesoro dimenticato. Dopo aver condiviso la scoperta con Giacomo Riccobono e Sara Furnaletto, nacque l’idea di ripercorrerlo interamente a piedi; a parte le iniziative del Cammina Italia del ’95 e del ’99, soltanto pochi temerari avevano tentato l’impresa. La pianificazione della spedizione si rivelò più difficile del previsto, infatti a quel tempo, oltre a non esserci informazioni riguardanti il sentiero, mancava addirittura la consapevolezza dell’esistenza di tale patrimonio. È proprio in quel momento che entrò in gioco il famoso proverbio che recita “fare di necessità virtù”. Il progetto Va’ Sentiero nasce quindi con l’intento di raccogliere tutte le informazioni necessarie per far si che chiunque voglia possa percorrere il Sentiero Italia. Il nome Va’ Sentiero è quindi un invito, una spinta e un augurio. “Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare”, dice un altro proverbio. Prima di iniziare a camminare sono trascorsi tre anni di lavoro in cui abbiamo sviluppato idee, intessuto collaborazioni e sponsorizzazioni; anni in cui, soprattutto, si è formato un team di volontari: sognatori che hanno deciso di lasciare il proprio lavoro per dedicare anima e corpo a quest’avventura. Oltre ai fondatori del progetto Yuri, Sara e Giacomo in cammino ci sono Andrea Buonopane (videomaker), Martina Stanga (social media manager), Giovanni Tieppo (autista tuttofare) e il sottoscritto Francesco Sabatini (addetto alla ricerca enogastronomica e culturale). Non avendo capitali da investire in quest’impresa, il primo scoglio da superare è stato quello del reperimento dei fondi necessari a rendere economicamente sostenibile la spedizione.

33


I ragazzi di Va’ Sentiero hanno trovato in Abruzzo il sostegno del Fai Abruzzo e Molise, presieduto da Massimo Luca Dazio e, nella circostanza, ottimamente rappresentato dalla delegata all’Ambiente Lisa Celeste, presente durante la visita nello stabilimento farese della De Cecco. Il punto di collegamento tra Va’ Sentiero e Fai nazionale si era creato qualche mese prima, a metĂ febbraio, nel corso del congresso nazionale Fai a Parma. Alla sessione di approfondimento delle tematiche ambientali, scelta proprio da Lisa Celeste, c’era Yuri Basilicò, HQPFCVQTG FGNNoCUUQEKC\KQPG|Va’ Sentiero, che era stato RTGUGPVCVQ|FKTGVVCOGPVG FCN XKEGRTGUKFGPVG GUGEWVKXQ (CK /CTEQ /CIPKĆ‚EQ PGNNoCODKVQ FGN Progetto Alpe - l’Italia sopra i 600 metri. “Quando Yuri ha quindi avuto modo di esporre il suo progetto ambizioso che ripercorre tutto il sentiero Italia da Trieste Ć‚PQ CNNG FWG RWPVG GUVTGOG EQORTGUG NG KUQNG FKEGPFQEK che il tragitto era stato interrotto a Visso, a sud delle Marche, ho pensato che sarebbe stato interessante intrecciare quell’esperienza con il Fai Abruzzo, con l’intento comune FK CRRTQHQPFKTG NC EQPQUEGP\C FGNNG|PQUVTG OQPVCIPG delle sue tradizioni, delle sue eccellenze e le sue problematicheâ€?, dice Lisa Celeste. p# Ć‚PG UGUUKQPG JQ CXXKEKPCVQ ;WTK KN SWCNG UK Ă„ FKEJKCTCVQ subito molto entusiasta di questa idea. Appena rientrata in Abruzzo, mi sono attivata per proporre alla nostra organizzazione territoriale di organizzare degli eventi, attivitĂ , incontri e altro in occasione del passaggio del gruppo. L’emergenza epidemiologica del Coronavirus, pur avendo interrotto la ripartenza dei ragazzi prevista per marzo, non ha bloccato del tutto questa avventura. Alle prime avvisaglie di ripresa delle attivitĂ , sono ripartita in pressing con l’obiettivo di esaltare questa combinazione di intenti. Ho trovato le delegazioni di Teramo, Lanciano e Marsica interessate a supportarmi in questa ideaâ€?. Nella foto in alto: il team di Va’ Sentiero. Pagina a fronte in alto: gole di Fara San Martino. In basso: i ruderi dell’abbazia di San Martino in Valle. In the photo above: The Va’ Sentiero team. Opposite page, top: The Fara San Martino gorges. Below: The ruins of the Abbey of San Martino in Valle.

34

The Va’ Sentiero team found in Abruzzo the support of the local branch of FAI, the Italian Environmental Fund, chaired by Massimo Luca Dazio and well represented by Environmental Delegate Lisa Celeste, who accompanied us during our visit to the De Cecco factory in Fara San Martino. The link between Va’ Sentiero and FAI had been established a few months earlier, in mid-February, at the national FAI convention in Parma. The session on environmental issues, organized by Lisa Celeste, was attended by the founder of the Va’ Sentiero association, Yuri Basilicò, who was introduced by Executive Vice President of FAI, >Ă€VÂœ >}˜ˆwVÂœ] >Ăƒ ÂŤ>Ă€ĂŒ Âœv ĂŒÂ…i ĂŚÂ?ÂŤĂƒ Project - Italy above 600 meters. “When Yuri presented his ambitious project to retrace the entire Sentiero Italia from Trieste to its two end points, including the major islands of Sicily and Sardinia, and told us that the route had been interrupted in Visso, south of the Marche region, I thought it would be interesting to join forces with FAI Abruzzo, with the common goal of deepening the knowledge of our mountains, their traditions, their outstanding features and their problems,â€? says Lisa Celeste. “At the end of the session I approached Yuri, who was immediately very enthusiastic about the idea. As soon as I returned to Abruzzo, I proposed to the local branch of FAI that we should organize events, activities and meetings to mark the group’s passage. Although the Coronavirus pandemic interrupted the team’s restart scheduled for March, it has not completely halted this >`Ă›iÂ˜ĂŒĂ•Ă€i° ĂŚĂŒ ĂŒÂ…i wĂ€ĂƒĂŒ ĂƒÂˆ}Â˜Ăƒ of things getting back to normal, I started pushing the project again, to promote our joint venture. I managed to involve our local FAI branches of Teramo, Lanciano and Marsica, who were all willing to support the idea.â€?

M ON D O D E CE CCO

N°11


Aside from the Cammina Italia of 1995 and 1999, only a bold few had previously attempted the venture. Planning the expedition turned out to be more difwcult than expected: precious little was known about the trail, and many were not even aware of its existence. This is when it was decided to turn the proverbial challenge into an opportunity. Thus was the Va’ Sentiero project born: its aim was to gather all the information needed to enable other trekkers to walk along the Sentiero Italia. The name Va’ Sentiero - a word play on the famous opera chorus Va’ pensiero - is therefore an invitation, an encouragement and a wish. But, as an Italian proverb states, “Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare” - between saying and doing there is the sea. In other words, some things are easier said than done. Thus, before we could actually start the walk, we spent three years developing ideas, building collaborations and wnding sponsors. Most importantly we created our team of volunteers: dreamers who decided to leave behind their work to plunge into this adventure. The project founders, Yuri, Sara and Giacomo, have been joined on the trail by Andrea Buonopane (videomaker), Martina Stanga (social media manager), Giovanni Tieppo (logistics guy and driver) and myself, Francesco Sabatini (food and wine and cultural researcher). As we had no money to invest in this venture, our wrst challenge was to raise enough funds to make the expedition wnancially sustainable. Financial sustainability is also the bedrock of the Va’ Sentiero dream and project: slow tourism has a huge potential market; it can stimulate growth and boost economies in the mountains and inland areas. We were able to convince several organizations - foundations,

M ONDO DE CECCO

N °11

Sostenibilità economica che è anche alla base del sogno e del progetto di Va’ Sentiero: il turismo lento è un mercato dall’enorme potenziale che può stimolare la crescita, anche economica, della montagna e delle aree interne. Diverse sono le realtà (fondazioni, aziende, enti pubblici, etc.) che hanno creduto nella forza delle nostre idee, ma a dare il contributo fondamentale (non solo economico) sono stati i più di cinquecento sostenitori che hanno deciso di partecipare alla prima campagna di crowdfunding. La raccolta fondi è stata innanzitutto un’iniezione di fiducia che ci ha traghettato fino alla partenza da Muggia (nel golfo di Trieste) il primo maggio del 2019. Al cippo, che segna l’inizio del Sentiero Italia (ai confini con la Slovenia), c’era un centinaio di persone pronte a camminare con noi. Infatti, la condivisione è un elemento fondamentale del progetto che, oltre al camminare insieme, si esplicita in altre due forme: l’esperienza attraverso i social network e quella degli eventi (concerti, visite e convegni). Dopo sette mesi di viaggio lungo tutto l’arco alpino, la Liguria, l’Appennino Tosco-Emiliano e quello Umbro-Marchigiano, la spedizione si è fermata a Visso, uno dei borghi colpiti dal terremoto del 2016. Oltre a rappresentare la metà del sentiero (circa 3500 km), arrivare e ripartire da quest’area significava porre i riflettori su di una zona che ancora oggi fa fatica a trovare la prospettiva di un futuro da ricostruire. L’attesa per la ripartenza si è prolungata a causa dell’emergenza sanitaria, ma questo non ci ha scoraggiato, anzi, i giorni trascorsi forzatamente tra le quattro mura di casa sono stati giorni di intenso lavoro per vedere realizzato un altro piccolo sogno: la pubblicazione del sito vasentiero.org. Una vera e propria finestra sulle Terre Alte dove si possono trovare tutte le informazioni raccolte durante la prima tranche: tracce gps, informazioni culturali, video, foto e i racconti dell’impresa di Va’ Sentiero.

companies, public bodies, etc. - of the strength of our idea. But the key support, not only in terms of money, came from the more than 500 people who responded to our wrst crowdfunding campaign. The success of our fundraising effort gave us a conwdence boost that carried us up to our departure from Muggia (in the Gulf of Trieste) on

May 1, 2019. At the stone that marks the beginning of the Grand Italian Trail (on the border with Slovenia), there were about 100 people ready to walk with us. Indeed, sharing is a fundamental element of our project. We do this by walking together, but also by sharing our experience on social media and organizing events (concerts, visits and conferences).

35


After seven months of trekking along the Alps, Liguria, the TuscanEmilian Apennines and the UmbriaMarche Apennines, the expedition stopped in Visso, one of the villages affected by the earthquake of 2016. We chose to make a stop at this village for two reasons: to mark the mid-point of our journey (about 3,500 km) and to focus attention on an area that is still struggling to recover and rebuild its future. Our stop had to be extended due to the Covid-19 lockdown, but this did not discourage us. On the contrary, we used the days we had to spend indoors to make another small dream come true: to publish our website, vasentiero.org. The website opens a window onto the Italian mountain areas, publishing all the information gathered during the wrst half of our journey: GPS tracks, cultural information, videos, photos and stories of the Va’ Sentiero venture. From the start we also realized the importance of discovering, collecting and chronicling the amazingly diverse food traditions linked to the Italian mountains. Food is the perfect synthesis of something as tangible as daily nourishment with the broader history and culture of a territory. The mountains, more than other areas, have preserved a unique way of life in their culinary traditions. The Abruzzo landscape has revealed a myriad of unique artisan food products, such as the lentils of Santo Stefano di Sessanio, the saffron of Navelli or the canestrato cheese of Castel del Monte. We were quite surprised to wnd at the foot of the Majella massif a big company like De Cecco, which has kept not only its soul and history, but also its production plants among these mountains. We were quite impressed by this company, which embodies so

36

Fin da subito ci siamo resi conto dell’importanza di scoprire, raccogliere e raccontare l’enorme quantità di tradizioni culinarie legate alle montagne italiane. Il cibo è la sintesi perfetta che unisce qualcosa di molto concreto come il nutrimento quotidiano, con qualcosa di astratto come la storia e la cultura di un territorio. La montagna, più di altri posti, ha saputo conservare, nelle proprie tradizioni culinarie, un modo di vivere diverso. Il paesaggio abruzzese ha svelato una miriade di prodotti unici, fatti di piccole produzioni, come le lenticchie di Santo Stefano di Sessanio, lo zafferano di Navelli o il canestrato di Castel del Monte. Mai ci saremmo aspettati di trovare ai piedi della Majella una grande azienda come De Cecco, che qui, tra le montagne, continua ad avere non solo la sua anima e la sua storia, ma la sua produzione. L’incontro con questa azienda è stato quanto mai importante, in quanto rappresenta la concretizzazione dei principali ideali che il progetto Va’ sentiero porta con sé: De Cecco è un pastificio di montagna che rimane legato visceralmente a questo territorio (il crinale della Majella finisce di fronte al cancello della fabbrica), una testimonianza concreta di come in montagna si possa vivere facendo impresa. Ed è proprio dalla Majella che proviene uno dei due elementi fondamentali della pasta: l’acqua. Il pastificio preleva direttamente da una delle camere delle sorgenti del fiume Verde, dove l’acqua si mantiene fredda a temperatura costante. Le basse temperature della sorgente permettono una lavorazione più lunga dell’impasto e quindi una maglia glutinica più forte che contribuisce ad aver una migliore tenuta della pasta in cottura. È ancora grazie alle particolari condizioni climatiche generate dalla vicinanza alla Majella che qui, a fine Ottocento, ha avuto origine uno dei punti di forza di De Cecco: il metodo di essiccazione, lenta e a basse temperature. L’altitudine, assieme all’ombra generata dalla montagna, rendeva difficoltosa l’essiccazione della pasta. Fortunatamente l’aria fresca di montagna da sempre aguzza la mente dell’uomo, così che nel 1889 Filippo De Cecco brevettò l’innovativo metodo di essiccazione della pasta. La lenta essiccazione è ancora oggi uno dei marchi di fabbrica che permettono alla pasta De Cecco di mantenere alti gli standard di qualità. Il piccolo borgo di Fara San Martino è il luogo in cui è nata e in cui continua la storia di De Cecco. Dal paese si apre la spettacolare Gola di San Martino, il canyon più lungo dell’Appennino, e, poco più giù, inizia

M ON D O D E CE CCO

N°11


well the vision pursued by the Va’ Sentiero project. De Cecco is a mountain-based pasta factory that remains wrmly rooted in this territory (the Majella ridge ends in front of the factory gate), a concrete example of how a business can thrive in the mountains. And Majella is the source of one of the two fundamental elements of the pasta-making process: water. The pasta factory draws the water directly from one of the chambers of the springs of the Verde river, where it stays cold at a constant temperature. The low temperatures of the spring allow the dough to be processed longer; this strengthens the gluten “mesh”, resulting in perfect “al dente” wrmness after cooking. The particular climatic conditions created by the nearby Majella massif are also behind another of De Cecco’s strengths, since the late 19th century: slow, lowtemperature drying. The altitude, together with the shade cast by the mountain, made it difwcult to dry the pasta. Fortunately, the fresh mountain air has always sharpened the mind of man so, in 1889, Filippo De Cecco patented his innovative method for drying pasta. Slow drying remains to this day one of the hallmarks of De Cecco’s high-quality pasta. The small village of Fara San Martino is the place where the De Cecco factory was born and where its story continues. The village lies at the entrance to the spectacular Gola di San Martino, the longest gorge in the Apennines. A little further down are the springs of the Verde river, historically the center of village activity, wrst with the gualcherie (carding mills), then the woolen mills, and wnally, the wheat mills. The work of the wheat mills spurred attention to the quality of the wheat and milling techniques. De Cecco selects with painstaking care the best quality wheat (from Italy, California and Arizona) with high gluten content, which is stored and mixed to form the best blends. Equally fundamental is the milling process, which breaks the wheat kernel to extract its heart: the semolina. The semolina, always fresh (it is processed within twenty hours at the most), is transferred directly from the mill to the pasta factory. In the past, the dough was kneaded with the feet and the pasta maker could constantly check for the right consistency by hand. What was once the art of the pasta maker, through scientiwc knowledge, has been translated into manufacturing knowledge. The semolina, mixed with the cold water of the Verde spring, is worked for 40 minutes before being bronze-drawn. Short pasta is cut while still fresh, whereas long pasta is dried wrst. Once packaged, the pasta is ready for its journey across Italy and to the world. De Cecco, the top pasta factory in the Premium segment, and the third largest pasta producer in the world, produces all its pasta in Abruzzo, in its factories at Fara San Martino and Ortona. The company has decided to ensure continuity with its past. Without the mountain, there would have been no De Cecco. The environmental conditions at Fara San Martino, at the foot of the Majella, were crucial in shaping the company’s method, which still today is a beacon of quality, never to be replaced by easier processes. De Cecco is synonymous with pasta, a product that encapsulates the soul of this territory. In De Cecco we found the spirit of the mountains translated into a success story. “Turning a challenge into an opportunity”, the motto that guides our dream, is a given in the mountains. This was conwrmed by our meeting with De Cecco, a tangible and valiant example of how the mountains can be the place where we can continue to invest in the future of our country.

M ONDO DE CECCO

N °11

a scorrere il fiume Verde, che è da sempre il fulcro delle attività del paese, prima con le gualcherie (dove si cardava la lana), poi con i lanifici, fino ad arrivare ai mulini. Ed è proprio dall’attività di mugnaio che nasce l’attenzione alla qualità del grano e della sua macinazione. Fondamentale è per De Cecco la selezione delle migliori qualità di grani (dall’Italia, dalla California e dall’Arizona) con un alto contenuto di glutine, che vengono stoccati e mixati per formare i migliori blend. Altrettanto fondamentale è la macinazione che va a spogliare il chicco per estrarne il cuore: la semola. La semola, sempre fresca (viene lavorata nel giro massimo di venti ore), passa dal mulino direttamente al pastificio. In passato si impastava con i piedi e il pastaio poteva costantemente controllare con mano la giusta consistenza; quella che una volta era l’arte del pastaio, attraverso le conoscenze scientifiche, è stata tradotta in una sapienza produttiva. La semola, mischiata all’acqua fredda del Verde, viene lavorata per ben quaranta minuti prima di essere trafilata in bronzo. La pasta corta viene tagliata ancora fresca, mentre quella lunga viene prima fatta essiccare. Una volta imbustata, la pasta è pronta per il suo viaggio in Italia e nel mondo. De Cecco, il primo pastificio nella fascia Premium e terzo a livello mondiale, produce tutta la pasta in Abruzzo, negli stabilimenti di Fara San Martino e di Ortona. L’azienda ha deciso di proseguire un discorso di continuità con il suo passato. Se non ci fosse stata la montagna non ci sarebbe stata De Cecco, ed è proprio grazie alla necessità di lavorare a Fara San Martino, ai piedi della Majella, che è nato il suo metodo, che ancora oggi mantiene dritta la barra della qualità senza lasciarsi attirare da facili convenienze. Alla De Cecco si parla solo di pasta, è il prodotto stesso ad essere la sintesi di questo territorio. In De Cecco abbiamo trovato quel genius loci montano tradotto in una storia di successo. Quel “Fare di necessità virtù”, che guida il nostro sogno, è un proverbio che in montagna è una regola naturale; l’incontro con De Cecco ce lo ha confermato ed ha rappresentato l’esempio tangibile e valoroso di come la montagna possa essere il luogo in cui continuare ad investire sul futuro del nostro Paese. Pagina a fronte: centro storico di Fara San Martino. Facing page: The historic center of Fara San Martino.

37


Piano industriale De Cecco per il quinquennio 2021-2025 De Cecco Business Plan for the Ƃve-year period 2021-2025 The De Cecco Group’s business plan for the wve-year period 2021-2025 envisages investments of € 70 million, the hiring of around 60 new employees and increase of production levels reaching, once completed, 2.5 million quintals of pasta and 500,000 quintals of other products (oil, readymade and tomato sauces, bread substitutes), compared to the current 2 million quintals of pasta and 300,000 quintals of other products. Thus, the plan, unanimously approved by the Board of Directors, is targeting strong growth. Production capacity was already signiwcantly increased in 2013 with the opening of two latest-technology production lines at Caldari di Ortona (Chieti). The investments, partly already wnanced by leading Italian and European banks, concern the factory in Ortona and include € 30 million for new machinery and € 10 million for the expansion of the factory building, as well as the historic factory in Fara San Martino (Chieti), where € 10 million will be spent on new machinery. A € 20 million investment is planned for a new oil production plant. As to staff expansion, 30 additional employees will be hired in 2021, while 30 more recruitments will be spread over the

38

Il piano industriale del Gruppo De Cecco per il quinquennio 2021-2025 prevede investimenti per 70 milioni di euro, circa 60 assunzioni e una crescita che, a regime, arriverà a 2 milioni e mezzo di quintali di pasta e a 500mila quintali di altri prodotti (olio, sughi pronti, rossi, sostitutivi del pane), contro gli attuali 2 milioni di quintali di pasta e 300 mila quintali di altri item. Il piano, approvato all’unanimità dal Consiglio di amministrazione, dunque mira a una forte crescita. Da ricordare che già nel 2013 la capacità produttiva era stata incrementata in modo consistente con l’inaugurazione di due modernissime linee di produzione, operative a Caldari di Ortona (Chieti). Gli investimenti, in parte già finanziati da primarie banche italiane e continentali, riguardano la fabbrica ortonese, 30 milioni di euro per nuovi impianti e 10 milioni per ampliamento del fabbricato, e lo storico stabilimento di Fara San Martino (Chieti), dove sono previsti 10 milioni per nuovi macchinari. Sono stati programmati anche 20 milioni di euro per la nuova olearia. Le assunzioni saranno 30 nel 2021 e altrettante nel triennio successivo. Il Gruppo De Cecco quest’anno supererà 510 milioni di euro di fatturato e alla fine del prossimo quinquennio, secondo le previsioni, potrà toccare quota 650 milioni di euro. Ogni giorno, quasi 11 milioni di famiglie italiane acquistano De Cecco e sui mercati esteri, soprattutto negli Stati Uniti e in Germania, si registra una decisa crescita. Il tutto a conferma che la qualità paga. De Cecco, nel corso dei decenni, è riuscita a sradicare un vecchio luogo comune, non solo del food, che voleva incompatibili qualità e quantità. “La tecnologia di altissimo livello è venuta incontro ai pastai”, dice il presidente del Cda Filippo Antonio De Cecco. “Nel 1950, al termine delle varie fasi (impasto, gramolatura, trafilatura ed essiccazione), noi potevamo produrre 3 quintali di pasta all’ora per ogni linea. Oggi ne possiamo fare 50 di quintali, rispettando tutti i parametri della produzione di qualità, semplicemente perché i macchinari molto sono più grandi. Quello che abbiamo a Ortona non ha eguali per dimensioni e capacità produttiva, ma è programmato, come tutti gli altri, per rispettare i tempi necessari per una pasta di alta qualità. Il nostro metodo prevedeva e prevede un’essiccazione lenta e a bassa temperatura. Entro nei dettagli. La vasca impastatrice prima era lunga

M ON D O D E CE CCO

N°11


following three years. The De Cecco Group’s estimated year-end turnover will exceed € 510 million in 2020 and should reach € 650 million by the end of the next wve-year period. Every day, almost 11 million Italian families buy De Cecco products. The company has grown remarkably on the foreign market, especially in the United States and Germany. All this conwrms that quality pays off. Over the decades, De Cecco has managed to disprove the widespread assumption, not only in the food sector, that quality cannot go hand in hand with quantity. “The most sophisticated technology has been a boon for pasta-makers”, says Chairman of the Board of Directors, Filippo Antonio De Cecco. “In 1950, by the end of the various phases (mixing the dough, kneading, drawing and drying), we were able to produce 3 quintals of pasta per hour in each line. Today we can produce 50 quintals, without sacriwcing quality, simply because the machines are much larger. The machinery we have in Ortona is unmatched in terms of size and production capacity, but is programmed, like all the others, to respect the time needed to make a high-quality pasta. Just as in the past, our method requires slow, lowtemperature drying. Let’s dig a bit deeper into the speciwcs. In the past, the mixing basin was 1.5 m long and 50 cm wide, while today it is 2.8 m long and 84 cm wide. The mixing time has remained 25 minutes, but the mass of the dough is now larger. As for the kneading process, while previously the extrusion screws had a diameter of 12 cm, today they measure 21 cm. There was a time when the kneading machines only had one screw; modern ones have four. The number of turns per minute of the screws, however, remains at 22, as it has always been. The drawing speed today is 1.5 m per minute, the same as it was in the 1950s. The difference lies in the number of dies, which has grown from one to four. Furthermore, the old dies measured 35 cm in diameter compared to the current 60 cm. The drying period of De Cecco pasta has remained the same: On average, 18 hours for long pasta and 9 hours for short pasta. Today, just as it was 20, 30, 50, even 70 years ago. I’ll say it again, thanks to technology we are able to produce much more,

M ONDO DE CECCO

N °11

1,5 metri e larga 50 cm, mentre oggi è lunga 2,8 metri e larga 84 cm. Il tempo d’impasto è rimasto di 25 minuti, ma la massa dell’impasto è maggiore. Per quanto riguarda la gramolatura, prima il diametro delle viti era di 12 cm, mentre oggi è di 21 cm. Una volta gli impianti avevano una sola vite, mentre quelli moderni ne hanno quattro. Il numero di giri al minuto delle viti, però, non è cambiato: era e rimane 22. La velocità di trafilazione, oggi come negli anni ’50, è di 1,5 metri al minuto. La differenza sta nel numero delle trafile, cresciuto da uno a quattro. Tra l’altro, le vecchie trafile avevano 35 cm di diametro contro i 60 cm attuali. L’essiccazione della pasta De Cecco ha sempre la stessa durata: 18 ore di media per la pasta lunga e 9 ore di media per la pasta corta. Oggi come 20, 30, 50 anni, 70 anni fa. Ribadisco, grazie alla tecnologia riusciamo a produrre molto di più, ma rispettando i parametri di una volta. Nessuno è ai nostri livelli. Peraltro, utilizziamo da sempre una miscela dei migliori grani del mondo, che sono anche i più costosi e che oggi sono i grani californiani, dell’Arizona e italiani. Utilizziamo circa 1.600.000 quintali di grano italiano e 1.400.000 quintali di grano dell’Arizona e della California. In merito alla governance, dopo le dimissioni degli Ad Saturnino e Giuseppe Aristide De Cecco in data 22 gennaio 2020, è stato nominato il nuovo Cda nel quale, oltre ai componenti della famiglia, il 3 marzo 2020 figurano il Cavalier Mario Boselli, il Dott. Bruno Pavesi ed il Dott. Gianni Letta. Con loro e con gli altri membri del consiglio si è sempre riscontrata grande armonia. Tutte le decisioni sono state prese all’unanimità e anche il Piano industriale 2021-2025 è stato approvato all’unanimità”. Descrizione Investimento Key Ƃgures of the Investment Plan

Ammontare Amounts in €

Macchinario Ortona New machinery for Ortona

30,00 mln €

Ampliamento fabbricato Ortona di circa 10.000 mq Expansion of Ortona building by approx. 10.000 m2

10,00 mln €

Macchinario Molino e Pastiwcio F.lli De Cecco Machinery for Fratelli De Cecco Mill and Pasta Factory

10,00 mln €

Nuova Olearia New oil mill

20,00 mln €

but still respecting the parameters set way back when. Nobody can match our level. Moreover, we have always used a mixture of the best, and most expensive, wheat types in the world, which today are those from California, Arizona and Italy. We use about 1,600,000 quintals of Italian wheat and 1,400,000 quintals of wheat from Arizona and California. With regard to corporate governance, after the resignation

of CEOs Saturnino and Giuseppe Aristide De Cecco on January 22, 2020, the new Board was appointed on March 3 of the same year. In addition to members of the De Cecco family, it includes Mario Boselli, Bruno Pavesi and Gianni Letta. All Board members have set to work with a strong sense of unity. All decisions have been approved unanimously, including the contents of the 2021-2025 Business Plan.”

39


Ingredients for 4 people: 320 g of Spaghetti De Cecco number 12 300 g of cockles 300 g of mussels 300 g of clams 300 g of razor shells extra virgin olive oil garlic, 4 cloves 1 lemon 100 ml white wine 100 g white wsh pulp 1 roman broccoli seafood water Decoration of the dish Chilli powder

SPAGHETTI DE CECCO N. 12 WITH SEAFOOD AND BROCCOLI

Cooking method

Seafood: wash the seafood well and make them open separately in a pan with a drizzle of extra virgin olive oil, garlic clove, stalks of parsley, cherry tomatoes, washed and cut in half, lemon and white wine. Filter the seafood water obtained and clarify with white wsh pulp. Broccoli: wash and clean the broccoli. Extract a part of broccoli tips, parboil them in water and then pass them in ice. Keep it aside. Overcook the rest of the broccoli and blend it with the seafood water previously obtained.

Preparation of the dish

Cook the spaghetti al dente in plenty salt water. Then, mix the spaghetti in the broccoli sauce obtained, with oil, seafood and some broccoli tips. Finish the dish with the remaining broccoli tips and a sprinkling of chili pepper.

40

M ON D O D E CE CCO

N°11


HEINZ BECK

Spaghetti De Cecco n. 12 ai frutti di mare e broccoli Per quattro persone: s 320 g Spaghetti De Cecco numero 12 s 300 g fasolari s 300 g cozze s 300 g vongole s 300 g cannolicchi s olio extra vergine di oliva s aglio, 4 spicchi s 1 limone s 100 ml vino bianco s 100 g polpa di pesce bianco s 1 broccolo romano s acqua frutti di mare Decorazione del piatto Peperoncino in polvere.

Metodo di cottura Frutti di mare: lavare bene i frutti di mare e farli aprire separatamente in padella con un filo d’olio extra vergine di oliva, spicchi d’aglio, gambi di prezzemolo, pomodori pachino lavati e tagliati a metà, limone e vino bianco. Broccoli: lavare e pulire il broccolo. Ricavare una parte di cime di broccolo, sbollentarle in acqua e, successivamente, passarle in ghiaccio. Tenere da parte. Stracuocere la restante parte del boccolo e frullare con l’acqua di frutti di mare precedentemente ottenuta.

M ONDO DE CECCO

N °11

Preparazione del piatto Cuocere gli spaghetti al dente in abbondante acqua salata. Successivamente, mantecare gli spaghetti con la salsa di broccoli ottenuta, l’olio, i frutti di mare e qualche punta di broccolo. Terminare il piatto con le restanti punte di broccolo e una spolverata di peperoncino.

41


L’Italia di Flaiano, vizi e difetti raccontati in aforismi Marco Camplone

Flaiano’s Italy: its ƃaws and shortcomings told in aphorisms 42

M ON D O D E CE CCO

N°11


Avrebbe saputo – chi più di lui? – descrivere con irriverente ironia e impagabile sagacia i comportamenti degli italiani nel corso della pandemia. Sulle bizzarrie dei governanti, non solo italiani, nell’era Coronavirus sarebbe stato caustico e geniale. Certamente impietoso. E chissà come si sarebbe divertito, e ci avrebbe fatto divertire, descrivendo i leoni da tastiera, tra le peggiori belve della sempre più pericolosa e forse indomabile fauna dei social. Ennio Flaiano da Pescara, sceneggiatore, scrittore, giornalista, umorista, critico cinematografico e drammaturgo di altissimo livello è il tassello mancante nell’Italia culturale odierna. Scomparso nel 1972, appena sessantaduenne, ha vergato pagine degne di essere studiate stabilmente nelle scuole, se le scuole volessero togliersi la fuliggine di dosso. I suoi aforismi erano amari, cinici e disincantati, ma descrivevano senza compromessi i suoi tempi e vanno bene anche per i nostri tempi. “Si battono per l’Idea, non avendone”, disse Flaiano. Scrisse. Scriverebbe anche in questi giorni in cui non ci sono più

M ONDO DE CECCO

N °11

le ideologie politiche, ma rimangono i condizionamenti dettati dagli slogan. Perché la natura umana è forgiata così male da non essere migliorabile. “E pensare che questa farsa durerà ancora miliardi di anni, dicono”. La genialità di Flaiano sarebbe forse relegata in un angolino se la sua città natale, oramai da 47 anni, non gli riservasse il tributo dei Premi Internazionali assegnati alle personalità che si distinguono in ambito letterario, cinematografico, teatrale, televisivo e radiofonico. I Premi Flaiano furono istituiti per volontà del giornalista Edoardo Tiboni e proseguono da anni grazie all’abnegazione della figlia Carla e dei suoi collaboratori. De Cecco affianca l’organizzazione con un contributo, perché la cultura è nel dna della nostra azienda. L’edizione numero 47 dei Premi ha superato gli ostacoli della pandemia e ha celebrato la straordinarietà degli eventi portando a Pescara una star di caratura mondiale come il premio Oscar Helen Mirren, che ha ricevuto il Premio alla Carriera.

43


He would have commented perfectly – who better than him? – with biting irony and priceless insight on the behavior of Italians during the pandemic. He would have sharply and genially indicted the scrambling response of Italian and world leaders to the Covid threat. He would have certainly been unsparing. What fun he would have had, and how he would have made us laugh, describing the keyboard warriors, among the worst creatures roaming the increasingly dangerous and perhaps untameable social media wilderness. Ennio Flaiano from Pescara, screenwriter, writer, journalist, humorist, wlm critic and world-class playwright, is sorely

Flaiano, alla cui penna si devono pietre miliari del nostro cinema (La dolce vita, 8 ½, Le notti di Cabiria…), sapeva descrivere, come nessun altro, i vizi e i difetti che imperversavano nella Penisola. L’aforisma “L’italiano è mosso da un bisogno sfrenato di ingiustizia”, racconta l’avversione quasi ancestrale di un popolo per il rispetto delle leggi. Mentre “Lei non può immaginare quanto io non sia irremovibile nelle mie idee” è un manifesto al trasformismo italico. Ieri (tutti o quasi fascisti, fino allo sbarco degli angloamericani) come oggi (due soli mandati al governo, ma il primo non si conta più: è il cosiddetto mandato zero). Sulla piaga delle raccomandazioni, parafrasando uno slogan del Ventennio, ebbe a dire “Questo popolo di santi, di poeti, di navigatori, di nipoti e di cognati…” E come non riconoscere l’attitudine di quel popolo al compromesso leggendo: “L’inferno, che l’italiano si ostina a immaginare come un luogo dove, bene o male, si sta con le donne nude e dove con i diavoli ci si mette d’accordo”. Ennio Flaiano sapeva riassumere il peggio della politica. “La situazione politica in Italia è grave, ma non è seria”. Ma anche “In Italia i fascisti “The worst thing that could happen to a genius is to be understood.”

“Il peggio che può capitare a un genio è di essere compreso.” Ennio Flaiano

L’attore Edoardo Leo è stato premiato dal direttore Commerciale De Cecco Carlo Aquilano. Actor Edoardo Leo was presented his award by the Commercial Director of De Cecco, Carlo Aquilano.

missed in Italy’s current cultural landscape. He passed away in 1972 at just 62 years, leaving behind a corpus of writing worthy of being studied by our students, if only our schools’ curricula were less fusty. His aphorisms were bitter, cynical and disillusioned, but they painted an uncompromising picture of his times and they still apply today. “They w} Ì v À Ì i `i>] `ië Ìi Ì >Û } any,” he said. He wrote. He would write this again now, when political

44

ideologies have petered out, but we still wnd ourselves brain-washed by slogans. Because human nature has been so imperfectly forged that it cannot be improved. “And to think that this farce will last for billions of years, they say”. Flaiano’s genius would perhaps be relegated to a corner today if his hometown had not chosen to honor him through the Flaiano International Awards, an annual event that for the last 47 years has given prizes for literature,

wlm, theater, television and radio. The Flaiano Awards were established in 1973 by journalist Edoardo Tiboni and have continued since then thanks to the commitment of his daughter Carla and her team. De Cecco is one of the sponsors of the Awards, because culture is in the DNA of our company. The 47th edition of the Awards overcame the obstacles posed by the pandemic and marked these extraordinary times by bringing to Pescara world-

M ON D O D E CE CCO

N°11


Helen Mirren la star dell’edizione numero 47 Il sostegno di De Cecco agli organizzatori

Helen Mirren was the star of the 47th Flaiano Awards De Cecco supports the organizers class star and Oscar winner Helen Mirren, who received the Lifetime Achievement Award. Flaiano, who wrote the screenplays for some masterpieces of Italian cinema (La dolce vita, 8 ½, Nights of Cabiria…), knew how to describe, like no other, the vices and shortcomings of our country. His aphorism “Italians are driven by an unsatiable need for injustice” captures the Italian people’s almost ancestral aversion to law abidance. While “You cannot imagine how little set I am in my views” is a manifesto to the Italians’ political “transformism”. Yesterday (when almost all Italians were partly fascist, until the Anglo-Americans troops landed) just as today (when one party set for its elected members the rule of only two terms of ofwce, but then decided that the wrst would not count, turning it into “term zero”). On the plague of the “raccomandazioni” (favoring family and friends) Flaiano quipped, borrowing from a slogan of the Fascist era: “This nation of saints, poets, navigators, grandchildren and brothers-in-law...”. He also pithily captured the Italian bent for compromise: “Hell, which Italians continue to imagine as a place where, after all, one is with naked women and strikes a deal with the devil”. Ennio Flaiano knew how to sum up the worst of politics. “Italy’s political situation is dire, but not serious”. And, “In Italy, fascists can be divided into two categories: fascists and anti-fascists”.

M ONDO DE CECCO

N °11

si dividono in due categorie: i fascisti e gli antifascisti”. E, in questi tempi, davanti alle tante insignificanti sortite televisive di ministri o aspiranti tali, ribadirebbe, sconsolato: “La stupidità degli altri mi affascina, ma preferisco la mia”. Oppure: “Oggi il cretino è pieno di idee”. Ne abbiamo viste e ne vedremo così tante da dover prendere atto che “Anche il progresso, diventato vecchio e saggio, votò contro”. Sui margini di un reale cambiamento dell’Italia, (ri)direbbe: “Coraggio, il meglio è passato”. E aggiungerebbe “Non chiedetemi dove andremo a finire, perché già ci siamo”. Ma Flaiano non era un pessimista cronico, come molti suoi aforismi invitano a pensare, semmai un osservatore disincantato, l’uomo che ne aveva viste così tante da aver capito che per andare avanti bisogna essere sognatori, ma “Con i piedi fortemente appoggiati sulle nuvole”.

And today, watching the many insigniwcant TV appearances of actual and would-be ministers, he would gloomily repeat: “I’m fascinated by the foolishness of others, but I prefer my own”. Or, “Today the idiot is full of ideas.” We have seen so many things happen, and we will see so many more that we will have to acknowledge that “Even progress, now old and wise, voted against”. On the brink of real change in Italy,

he would say (again): “Take courage, the best is over.” And he would add, “Don’t ask me where we are going to end up, because we are already there”. But Flaiano was not a chronic pessimist, as many of his aphorisms would lead us to think. If anything, he was a disenchanted observer, a man who had seen so much that he had realized that in order to carry on we had to be dreamers, but º7 Ì ÕÀ viiÌ wÀ Þ ÀiÃÌ } on the clouds”.

45


VINCITORI 47a EDIZIONE PREMI INTERNAZIONALI FLAIANO WIN TELEVISIONE, RADIO E GIORNALISMO TELEVISION, RADIO AND ,OURNALISM SECTION ALESSANDRO FABBRI Premio Sceneggiatura della fiction Il processo 5ETGGPRNC[ CYCTF HQT VJG ƂEVKQP “Il Processo”

GIORNALISMO

ALBERTO SIRONI Premio Regia alla memoria per la serie Montalbano (Direction Award in memory for the Montalbano series)

EDOARDO LEO Premio Interpretazione nella serie Ognuno è perfetto Interpretation Award in the UGTKGU p1IPWPQ Ä RGTHGVVQq

,OURNALISM SECTION

CARLO VERDELLI Premio alla carriera Lifetime Achievement Award

MARZIO TONIOLO Maestro di Codogno, fotogiornalista Premio speciale (Codogno’S Master) photojournalist Special prize

LETTERATURA LITERATURE SECTION

JAVIER CERCAS MENA Super Flaiano internazionale di letteratura alla carriera SUPER INTERNATIONAL FLAIANO LIFETIME ACHIEVEMENT FOR LITERATURE

PREMIO SPECIALE

NARRATIVA SPECIAL FLAIANO NARRATIVE PRIZE

ANGELO FABBRINI La valigetta dell’accordatore Passigli Editore

ITALIANISTICA

ITALIAN STUDIES SECTION FRANCESCO DURANTE Camillo & Son. Vita e morte di due grandi giornalisti tra Italia e America Edizioni Carabba

SANGJIN PARK La Divina Commedia: l’epica cantata da Dante (Istituto Italiano di Cultura - Corea) (Italian Cultural Institute - Korea)

NATALIE CRONH SCHMITT Le foto dei premiati sono di Andrea Straccini; quelle della conferenza stampa di Giampiero Lattanzio. The photos of the winners are by Andrea Straccini; the press conference photos are by Giampiero Lattanzio.

Performing Commedia dell’Arte, 1570–1630 (Istituto Italiano di Cultura - Chicago) (Italian Cultural Institut - Chicago)


NNERS OF THE 47th FLAIANO INTERNATIONAL AWARDS EDITION TEATRO

CINEMA

THEATRE SECTION

CINEMA SECTION

Sosteniamo la cultura.

HELEN MIRREN Premio Internazionale Flaiano alla Carriera International Flaiano Lifetime Achievement Award

PAOLA QUATTRINI Premio alla carriera Lifetime Achievement Award

GIULIA LAZZARINI Premio Interpretazione nello spettacolo Arsenico e vecchi merletti Interpretation Award in the show “Arsenico e vecchi merletti”

ALDO GIOVANNI E GIACOMO Premio alla Carriera Lifetime Achievement Award

EDOARDO SIRAVO VANESSA SCALERA Premio Interpretazione nella serie Imma Tataranni Sostituto procuratore Interpretation Award in the series “Imma Tataranni-Sostituto procuratore”

MARIO MARTONE e IPPOLITA DI MAJO

Premio alla carriera Lifetime Achievement Award

DANIELE PECCI Premio Interpretazione nello spettacolo Un tram che si chiama desiderio Interpretation Award in the show “Un tram che si chiama desiderio”

Premio Sceneggiatura per il film Il sindaco del rione Sanità 5ETGGPRNC[ #YCTF HQT VJG ƂNO “Il sindaco di Rione Sanità”

CLAUDIO GIOVANNESI

MASSIMO BERNARDINI Premio miglior programma (TV Talk) Best Program Award (TV Talk)

VALERIO BINASCO

Premio Regia del film La paranza dei bambini &KTGEVKQP CYCTF QH VJG ƂNO “La paranza dei bambini”

Premio Regia dello spettacolo Rumori fuori scena Direction award of the show “Rumori fuori scena”

LICIA COLÒ Premio miglior programma culturale Eden - Un pianeta da salvare Best cultural program prize “Eden - Un pianeta da salvare”

ALESSANDRO LONGOBARDI Direttore del Teatro Brancaccio Premio Speciale per il grande lavoro di produzione di importanti musical Director of the Brancaccio Theatre - Special Award for the great work of production of important musicals

PIERFRANCESCO FAVINO Premio Interpretazione nel film Hammamet Interpretation Award KP VJG ƂNO p*COOCOGVq

LUNETTA SAVINO LUCA BARBAROSSA Premio Miglior programma radio Radio2 Social Club Award for the best radio program “Radio2 Social Club”

LORELLA CUCCARINI Premio al Musical (Rapunzel e La Regina di Ghiaccio) Premio al Musical (Rapunzel e La Regina di Ghiaccio)

Premio Interpretazione nel film Rosa Interpretation Award KP VJG ƂNO p4QUCq


Un cenacolo di artisti sedotto dal potere gastronomico del pranzo che per l’occasione fu “[…] squisitamente apparecchiato dal noto fabbricante di paste Signor Filippo De Cecco, che ci offrì i suoi indimenticabili maccheroni e le butirrose trote del Verde […]”

D’Annunzio e Mascagni quando la cultura fu testimone della bontà De Cecco Sandro Sciarra

D’Annunzio and Mascagni when culture was witness to the tastiness of De Cecco Gabriele D’Annunzio, a poet, a brave person, an ante litteram advertiser and much more, had a never hidden passion for De Cecco pasta: the pasta with which he knew how to delight the taste of his most authoritative interlocutors. In 1903 the unforgettable encounter with Filippo De Cecco’s pasta art took place, an event made public by an article reported in the antique newspaper “Lo Svegliarino” of Chieti in which it was possible to read “[...] We are in the town of macaroni! We have to stay a little to browse its factories! [...]”. This is what with enthusiasm the Honourable Pasquale Masciantonio, amicably called “Pascal” by Gabriele D’Annunzio, afwrmed that day in Fara San Martino, on 30th September, addressing the visiting group in which in addition to the poet there was the musician Alberto Franchetti and the painter Francesco Paolo Michetti. A “cenacle of artists” seduced by the gastronomic power of lunch which for the occasion was “[...] exquisitely prepared by the well-known pasta maker

48

Gabriele D’Annunzio, poeta, ardito, pubblicitario ante litteram e tanto altro, aveva una passione mai nascosta per la pasta De Cecco: la pasta con la quale sapeva prendere “per la gola” i suoi più autorevoli interlocutori. Risulta al 1903 il memorabile incontro con l’arte pastaia di Filippo De Cecco, evento reso pubblico da un articolo riportato sul giornale d’epoca Lo Svegliarino di Chieti (fig.1) del quale si legge […] Siamo nel paese dei maccheroni! Bisogna rimanere assolutamente un poco per curiosare le sue fabbriche! […]. È quanto con entusiasmo l’Onorevole Pasquale Masciantonio, amichevolmente chiamato “Pascal” da Gabriele D’Annunzio, affermò quel dì 30 settembre a Fara San Martino rivolgendosi alla comitiva in visita nella quale vi erano anche il musicista Alberto Franchetti e il pittore Francesco Paolo Michetti. Un “cenacolo di artisti” sedotto dal potere gastronomico del pranzo che per l’occasione fu […] squisitamente apparecchiato dal noto fabbricante di paste Signor Filippo De Cecco, che ci offrì i suoi indimenticabili maccheroni e le butirrose trote del Verde […]. Continuando nella lettura si percepisce finanche il simposio creatosi e che ben ha saputo descrivere l’articolista presente […] Che festa allora! I motti arguti s’incrociavano come fuochi nemici dall’una parte e dall’altra. Il discorso cadde naturalmente sulla musica, ed allora cominciò il pandemonio! Franchetti, Masciantonio e gran parte dei commensali stavano schierati per la melodia pura dei vecchi maestri; Michetti e pochi di noi per la nuova polifonia dei giovani. Ricordo nella foga del conversare, che si benedissero e maledissero a vicenda: Verdi, Mascagni, Puccini, Mozart, Wagner, Beethoven, Franchetti stesso, Leoncavallo, Illica, Giacosa, Boito, Ricordi, Sonzogno e cento altre personalità artistiche, e maestri di musica e poesia, e non ultimo Arturo De Cecco, alla cui fortuna bevvero i commensali capitanati dal Franchetti […]. In realtà, c’era già stato un precedente incontro con i “maccheroni De Cecco” qualche mese prima (18 marzo 1903) quando esortati dal laborioso D’Annunzio altri artisti-amici come Edoardo Scarfoglio e Francesco Paolo Tosti ne gustarono la bontà […] Ho bisogno ancora di

M ON D O D E CE CCO

N°11


Figura 2, da sinistra Alberto Franchetti, Gabriele D’Annunzio, Giacomo Puccini, Francesco Paolo Tosti, Francesco Paolo Michetti, Costantino Barbella e Giovanni Ricordi. Milano 30 marzo 1906.

Figura 1 Testata del giornale d’epoca “Lo Svegliarino” di Chieti dell’11 ottobre 1903, con all’interno l’articolo titolato “Il M. Franchetti in Abruzzo”. Pic. 1 - Headline of the period newspaper “Lo Svegliarino” of Chieti of 11th October 1903 with inside the article titled “Il M. Franchetti in Abruzzo”.

una o due settimane per liberarmi del lavoro. Ho telegrafato anche a Edoardo ma siete duri! Potreste pur venire in cinque ore a mangiare un maccherone nel refettorio della Capponcina. Vi abbraccio […]. Nel tempo questi incontri conviviali divennero una sorta di rituale che seguiva le rappresentazioni o le esposizioni delle opere di ciascuno dei facenti parte il noto “Cenacolo di artisti”, come accadde il giorno dopo la mise en scène de La figlia di Iorio al Teatro alla Scala di Milano il 30 marzo 1906 (fig. 2). A tal proposito, presso l’archivio storico della De Cecco si trovano alcune tracce documentali che testimoniano sia i contatti sia l’avvenuta consegna dei rinomati maccheroni agli artisti Francesco Paolo Tosti (28 dicembre 1911), Francesco Paolo Michetti (7 luglio 1914) e Arturo De Cecco (19 dicembre 1923). Esaustiva è la missiva, che si conserva presso l’archivio del Vittoriale, spedita da Pasquale Masciantonio all’amico Gabriele D’Annunzio (11 gennaio 1912) nella quale si legge […] Hai ricevuto i maccheroni? Sono proprio quelli di Fara S. Martino, impastati con l’acqua di sorgente del Verde e asciugati all’ombra della Maiella. Filippo De Cecco, cavaliere del lavoro, in cambio di un tuo verso abruzzese te li manderebbe per tutta la vita. […].

M ONDO DE CECCO

N °11

49


Figura 3, da sinistra Gabriele D’Annunzio, Pietro Mascagni, Renzo Sonzogno, Luigi Sapelli e Tommaso Antongini, Parigi 19 maggio 1912.

Mr. Filippo De Cecco, who offered us his unforgettable macaroni and the buttery Verde trouts [...]”. Besides, by continuing to read, you can even perceive the symposium created and which the present columnist was able to describe “[...] What a party then! The sharp mottos VÀ ÃÃi` i i i Þ wÀià L Ì sides. The discussion naturally fell on music, and then the pandemonium began! Franchetti, Masciantonio and most of the tablemates were lined up for the pure melody of the old masters; Michetti and a few of us for the new polyphony of young people. I remember, in the heat of conversing, that they blessed and cursed each other: Verdi, Mascagni, Puccini, Mozart, Wagner, Beethoven, Franchetti himself, Leoncavallo, Illica, Giacosa, Boito, Ricordi, Sonzogno and a hundred other artistic personalities, and music and poetry masters, and not least Arturo De Cecco, to whose fortune the tablemates led by Franchetti drank [...]”. In fact, there had already been a previous meeting with the “maccheroni De Cecco” a few months earlier (18th March, 1903). When encouraged by the hard-working d’Annunzio, other artist-friends such as Edoardo Scarfoglio and Francesco Paolo Tosti tested their tastiness “[... ] I still need a week or two to get free from the job. I also telegraphed to

50

Del resto anche Mario Vecchioni, studioso di D’Annunzio, riporta in una sua biografia quanto il poeta non perdesse occasione per affermare la sua preferenza per la pasta De Cecco tanto da identificarla proprio con il nome del paese dove erano attive le sue fabbriche […] Chiunque andava alla Capponcina o al Vittoriale o dovunque D’Annunzio ha abitato, si sentiva invariabilmente dire dal Poeta: Quanne ce facème ‘nna maccherunate de la Fare? […]. In quei cordiali banchetti, che costituivano l’occasione per discutere argomenti di comune interesse, Gabriele D’Annunzio diventava uno dei più autorevoli testimonial della De Cecco di Filippo soprattutto verso quegli interlocutori non conterranei. Un esempio per tutti è Pietro Mascagni che da aprile a dicembre del 1912 è in Francia con Gabriele D’Annunzio per comporre Parisina, l’opera che debutterà il 15 dicembre 1913 al Teatro alla Scala. In una lettera scritta da Mascagni alla moglie Lina si legge: […] esco ora da D’Annunzio. Che bella seduta: che importanza acquistano i nostri colloqui! Le ore passano senza che ce ne accorgiamo! […] C’era anche Sapelli e Antongini (il segretario di D’Annunzio). All’uscita dal Ristorante un gruppo di fotografi ci ha bloccato … Figurati quante fotografie verranno sui giornali! […] (fig.3). Il 19 maggio del 1912, invitati tutti a pranzo dall’amico Renzo Sonzogno al Ristorante Voicin, possiamo immaginare D’Annunzio parlare della pasta De Cecco e delle sue qualità a tutti i commensali presenti. Del resto come per D’Annunzio anche per il suo coetaneo Mascagni (entrambi nati nel 1863) era durante i pranzi privati a partecipazione ristretta il momento in cui si poteva godere maggiormente della loro persona. Pietro Mascagni, oltre ad essere un buongustaio, era un amabile conversatore e in quelle occasioni parlava non solo di argomenti musicali ma anche di episodi della sua vita come impressioni e ricordi. Tali conversazioni avvenivano sicuramente a Roma, nel magnifico salone da pranzo al piano terra del Grand Hotel Plaza contraddistinto dagli affreschi di inizio ’900 e il décor in autentico stile liberty, oggi dedicato proprio a Mascagni, dove dal 1927 al 1945 il maestro risiedeva e riceveva ospiti illustri.

M ON D O D E CE CCO

N°11


Edoardo but you are tough! You V Õ ` iÛi V i wÛi ÕÀÃ Ì i>Ì some maccaroni in the refectory of the Capponcina. I hug you […]”. Over time these convivial meetings became a sort of ritual that followed the representations or exhibitions of the works of each of the members of the well-known “Cenacolo di artisti”, as happened the day after the mise en scène of > w} > ` À (Iorio’s daughter) at the Teatro alla Scala in Milan in 1906 (wg. 2). In this regard, in the historical archive of De Cecco there are some documentary traces that testify both the contacts and the successful delivery of the well-known macaroni to the artists Francesco Paolo Tosti (28th December 1911), Francesco Paolo Michetti (7th July 1914) and Arturo De Cecco (19th December 1923). The missive, which is kept in the Vittoriale archive, sent by Pasquale Masciantonio to his friend Gabriele

d’Annunzio (11th January 1912) is exhaustive, in which we read “[...] Did you receive the macaroni? They are precisely those of Fara San Martino, kneaded with spring water from the Verde and dried in the shade of the Maiella. Filippo De Cecco, knight of work, in exchange for a verse of you from Abruzzi, would send them to you for life. […]”. Besides, also Mario Vecchioni, a scholar of D’Annunzio, tells in one of his biographies how much the poet never missed the opportunity to afwrm his preference for De Cecco pasta, so much so as to identify it with the name of the town where its factories were active “[...] Anyone who went to the Capponcina or to the Vittoriale or wherever d’Annunzio lived, invariably heard the Poet say: Quanne ce facème ‘nna maccherunate de la Fare (When can we go eating macaroni to Fara)? [...]”. In those cordial banquets, that constituted the occasion to discuss

Figura 4, da sinistra, il secondo è il Maestro Pietro Mascagni, mentre il Senatore Marcello Minale è intento a guardare l’obbiettivo della macchina fotograwca, Roma 12 febbraio 1941. L’originale di questa foto, con wrma autografa di Mascagni, è custodita nell’archivio storico De Cecco di Fara San Martino.

Figure 4, from the left, the second is the Master Pietro Mascagni, while Senator Marcello Minale is looking at the camera, Rome - February 12th, 1941.

M ONDO DE CECCO

N °11

about topics of common interest, Gabriele D’Annunzio became one of the most authoritative testimonials of Filippo’s De Cecco, especially towards those interlocutors who were not from the same area. An example for all is Pietro Mascagni who from April to December 1912 was in France with Gabriele d’Annunzio to compose Parisina, the opera which debuted on 15th December 1913 at the Teatro alla Scala. In a letter written by Mascagni to his wife Lina we can read: “[...] I am now leaving from D’Annunzio’s. What a beautiful meeting: how important are our talks! Hours pass without we notice it! [...] There were also Sapelli and Antongini (the secretary of d’Annunzio). On leaving the restaurant, a group of photographers blocked us ... Imagine how many photos will appear on the newspapers! [...] “. (wg. 3)

The original of this photo, with the handwritten signature of Mascagni, is preserved in the De Cecco historical archive in Fara San Martino.

51


È al “Plaza” che Pietro Mascagni, nel ricordo del sodalizio artistico parigino con Gabriele D’Annunzio, ha l’occasione per far conoscere un aspetto del poeta-eroe non a tutti noto e cioè della sua passione per la pasta De Cecco. Il 12 febbraio 1941 Mascagni diviene, come D’Annunzio, testimone della bontà De Cecco con i suoi autorevoli commensali tra i quali vi era il Senatore e Consigliere di Stato Marcello Minale. Quest’ultimo conosceva bene il Vate perché era anch’egli fra i “legionari” marcianti da Ronchi a Fiume in quella impresa dannunziana che passerà alla storia (12 settembre 1919). Qualche giorno dopo il Maestro livornese omaggia il Senatore del Regno, le cui origini di Napoli lo facevano un buon conoscitore di paste alimentari, di uno scatto fotografico a ricordo del gradito incontro. Ad oggi, la suddetta fonte iconografica si trova esposta nell’archivio storico della De Cecco e su di essa vi si legge una pregevole e originale dedica autografata da Mascagni […] All’Illustre Professore Marcello Minale, Discussione sui maccheroni di Abruzzo, Mia preferenza per i maccheroni dei Fratelli De Cecco […] (fig. 4). Appena qualche mese dopo la celebrazione del cinquantesimo dalla prima rappresentazione di Cavalleria Rusticana (1890-1940) il compositore Mascagni palesa in pubblico la sua preferenza per la pasta De Cecco. Ad oggi è molto diffuso in Sicilia un piatto semplice ma gustosissimo, che rappresenta la classica spaghettata veloce, il cui nome è un omaggio al personaggio principale di “compare Turiddu” nella Cavalleria Rusticana di Pietro Mascagni. L’auspicio è che dopo questo breve excursus storico nella vera ricetta siciliana degli Spaghetti alla Turiddu, e non solo per quella, la pasta sia solo De Cecco … rigorosamente!

52

M ON D O D E CE CCO

N°11


On 19th May 1912, all invited to lunch by his friend Renzo Sonzogno at the Voicin Restaurant, we can imagine D’Annunzio talking about De Cecco pasta and its qualities to all the tablemates that were present there. After all, as for D’Annunzio, also for his contemporary Mascagni (both born in 1863) it was during the private lunches with restricted participation that it was more possible to enjoy their company. Pietro Mascagni, in addition to be a gourmand, was a lovable conversationalist and, on those occasions, he spoke not only about musical subjects but also about episodes of his life such as impressions and memories. Those conversations certainly took place in Rome at the magniwcent

M ONDO DE CECCO

N °11

Dining room on the ground yoor of the Grand Hotel Plaza, characterized by the frescoes of the early 1900s and the authentic Art Nouveau decor, today dedicated to Mascagni, where from 1927 to 1945 the master resided and received prestigious guests. It was at the “Plaza” that Pietro Mascagni, in memory of the Parisian artistic partnership with Gabriele D’Annunzio, had the opportunity to make known an aspect of the poet-hero not known to everyone and that was his passion for De Cecco pasta. On 12th February 1941, Mascagni became, as D’Annunzio in 1912, testimonial of the De Cecco pasta with his authoritative tablemates, among whom there was the Senator and Councillor of State

Marcello Minale. The latter knew the Vate well because he also was among the marching “legionnaires” from Ronchi to Fiume in that D’Annunzio venture which would go down in history (12th September 1919). A few days later the Master from Livorno gave the Senator of the Kingdom, whose origins from Naples made him a good connoisseur of pasta, a photographic shot as a souvenir of the appreciated meeting. To date, the aforementioned iconographic source is on display in the De Cecco historical archive and on it you can read a wne and original dedication autographed by Mascagni : “[...] To the Illustrious Professor Marcello Minale, Discussion on the Macaroni of Abruzzo, My preference for the Macaroni of the De Cecco Brothers […]” (wg. 4). Just a few months after the celebration of the wftieth anniversary of the wrst performance of Cavalleria Rusticana (1890-1940), the composer Mascagni publicly revealed his preference for De Cecco pasta. To date, a simple but very tasty dish is widespread in Sicily, representing the classic fast spaghetti, whose name is a tribute to the main character of “compare Turiddu” in Pietro Mascagni’s Cavalleria Rusticana. The hope is that after this brief historical excursus in the real Sicilian recipe of Spaghetti alla Turiddu, and not only for that, the pasta is only and precisely De Cecco...!

53


“Il vento di queste valli, la neve di questi monti, il sole e le notti avvicendandosi fra i ruderi di queste deserte contrade rinnovino nel ricordo il grido di vendetta allo scempio, alla distruzione, allo sterminio che il nazista oppressore e il tiranno fascista alleato imposero afwnchj ogni focolare fosse rovina, ogni casa pietra sconnessa e bruciata, ogni affetto, ogni umana speranza paura fame deportazione e morte.”

Gessopalena, bellezza e lacrime di un borgo d’Abruzzo martoriato dalla furia nazista Carmen Di Giovannangelo

54

M ON D O D E CE CCO

N°11


Gessopalena, beauty and tears of a village in Abruzzo tortured by the Nazi fury “The wind of these valleys, the snow of these mountains, the sun and the nights alternating among the ruins of these deserted districtsrenew in the memory the cry of revenge to the massacre, the destruction, the extermination that the oppressing Nazi and the fascist ally tyrant imposed so that every home could be ruined, every house uneven and burnt stone, every affection, every human hope fear hunger deportation and death.”

Recita così la lapide di pietra posta nel punto più alto dell’antico paese vecchio di Gessopalena, ormai abbandonato da oltre settant’anni, a imperituro ricordo della distruzione che la II Guerra Mondiale portò in questo piccolo, ma sempre vivissimo, centro pedemontano della provincia di Chieti, anticamente adagiato su uno sperone di roccia affacciato sulla Valle dell’Aventino, e oggi sviluppato sulla dorsale della via Peligna. In dialetto Gessopalena viene spesso chiamata “Pretalucente”, la pietra che brilla: l’antico borgo era infatti scavato nella pietra di gesso, che ha come propria caratteristica quella di brillare al sole. Il nome stesso del paese deriva dal latino gypsum, gesso, proprio per l’abbondante presenza nel territorio delle rocce cristalline da cui, cuocendole, si ricava il gesso. In alcuni documenti del XII secolo, il paese è detto Gypsum de domo, in altri del XIII secolo Terra Gypsi, in altri successivi Lo Gissum. Negli ultimi secoli, alla denominazione originaria, si è aggiunta l’indicazione geografica prope Palenam, vicino a Palena, battezzando definitivamente il borgo col nome attuale di Gessopalena. Nel dicembre del 1943 l’originario centro urbano fu completamente raso al suolo dai tedeschi. Il paese era terra attiva di resistenza e di partigiani, e aveva dato i natali a Domenico Troilo, leggendario comandante operativo della Brigata Maiella, forse la più famosa formazione partigiana italiana di resistenza contro il nazifascismo, unica formazione partigiana italiana ad essere decorata di medaglia d’oro al valore militare alla bandiera, a cui i gessani aderirono massicciamente. Già nell’ottobre del ’43 i tedeschi, installandosi nelle case private dei notabili locali, avevano occupato il paese, ritenuto di strategica importanza per la sua posizione sopraelevata sulla linea Gustav, da cui si potevano controllare la vallata di Roccascalegna, le gole del Sangro e le contrade di Lama dei Peligni.

(Continued on the next page…)

M ONDO DE CECCO

N °11

55


This is what the stone commemorative plaque placed at the highest point of the ancient old town of Gessopalena, that has been by now abandoned for over seventy years, recites as an everlasting reminder of the destruction that the Second World War brought to this small, but always very lively, piedmont centre in the province of Chieti, formerly laid down on a spur of rock overlooking the Aventino Valley, and nowadays developed on the ridge of the Via Peligna. In dialect, Gessopalena is often called “la preta luncende”, the stone that shines: the ancient village was in fact carved out of the chalk stone, which characteristic is that of shining in the sun. The name of the town derives from the Latin gypsum, chalk, precisely because of the abundant presence in the territory of the crystalline rocks from which, by cooking them, chalk is obtained. In some documents of the XII century, the village is called Gypsum de domo, in others of the XIII century Terra Gypsi, in others following Lo Gissum. In recent centuries, the geographical indication prope Palenam, near Palena, has been added to the original name, dewnitively baptizing

56

Già in questa fase, i più fortunati tra i paesani sfollarono nelle campagne, portandosi dietro anche il bestiame dalle masserie, per evitare di lasciarlo in mani nemiche. Nel centro del paese ormai semideserto rimasero solo donne, vecchi e bambini che non sapevano dove riparare. A fine novembre la guarnigione tedesca si allontanò, facendo saltare la strada che collegava Gessopalena alla confinante Torricella, per tornare il 4 dicembre con un camion, consegnando al podestà l’ordine di evacuare il borgo entro poche ore, al grido di «Gessopalena kaput!»: il paese sarebbe stato minato. Gli abitanti rimasti tentarono di salvare il salvabile, ma, avendo così poco tempo per scappare, presero poche cose, e si allontanarono verso i casali di campagna, rifiutandosi nella gran parte di sfollare a Sulmona, luogo verso il quale i tedeschi li avevano destinati. Gessopalena, già danneggiata dal precedente terremoto della Majella del 1933, nella notte tra il 4 e il 5 dicembre venne fatta saltare in aria casa per casa, sotto gli occhi commossi di alcuni civili che coraggiosamente assistettero allo scempio delle loro abitazioni. Tra le macerie perse la vita anche la madre del comandante Troilo, morta mentre si attardava a racimolare preziose provviste dalla sua casa. Nelle campagne in cui gli sfollati si erano rifugiati, la rappresaglia tedesca andò avanti per settimane, con requisizioni di cibo e bestiame, ed esecuzioni dei contadini che si ribellavano. Questo buio periodo è ampiamente descritto nel libro del gessano Vincenzo Bozzi, “La croce di Giovanni.” Di fronte all’ennesimo sopruso, alcuni abitanti di Torricella che avevano trovato rifugio in territorio gessano reagirono, uccidendo due tedeschi. La reazione dei nazisti fu violenta: la mattina del 21 gennaio 1944, in località Sant’Agata di Gessopalena, gli sfollati vennero ammassati in un unico edificio, con le porte bloccate in modo da non potere essere sfondate. Una trentina di bombe a mano vennero lanciate all’interno della casa, provocando morti e feriti, oltre alla creazione di una voragine nel terreno. I tedeschi rientrarono nel casolare, controllando minuziosamente se tutte le persone fossero morte, e tirando il colpo di grazia ai pochi superstiti. Cosparsero infine i corpi di paglia e liquido infiammabile per incendiare il tutto. I morti totali dell’eccidio di Sant’Agata furono 42, ed i cadaveri rimasero esposti alle intemperie per molti giorni, prima di potere essere sepolti con rito cristiano. Oggi il borgo antico, completamente restaurato, è sede del Museo del Gesso, nonché meravigliosa location per concerti ed eventi che ogni anno richiamano tra le sue impervie stradine decine di visitatori. In uno degli edifici del borgo ha inoltre sede la Fondazione Brigata Maiella. Il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, il 16 settembre 2005, come segno di riconoscimento per il coraggio

M ON D O D E CE CCO

N°11


e la dignità dimostrati dai gessani nei giorni della guerra, quando, in mezzo a enormi pericoli, sopportarono ogni sorta di avversità e compirono innumerevoli atti di solidarietà (anche nei confronti di profughi di altra provenienza) e di eroismo, conferì al Comune di Gessopalena la Medaglia d’Oro al Merito Civile. Passeggiando per le strade della parte nuova di Gessopalena, si incontrano alcune chiese di interesse turistico, come la Madonna dei Raccomandati, Santa Maria Maggiore, Sant’Egidio e Sant’Antonio (detta anche Chiesa dei Tozzi), e, nella sempre curata Piazza Roma, con le sue belle aiuole ed i suoi pini centenari, c’è la fontana monumentale, costituita da una vasca a forma di conchiglia marina, con al centro una statua raffigurante la dea della vittoria, che guida la nave Italia alla conquista del mondo. Ad un paio di chilometri dal paese, in direzione Torricella, si incontra invece “La Morgia”, singolare ed affascinante masso roccioso, chiamato dai locali “lu leone” per la sua forma che ricorda un grande felino accucciato. Sulla formazione rocciosa nel 1989 venne istallata l’opera dell’artista greco Costas Varotsos: una grande lastra di vetro azzurro posizionata sulla punta spaccata della roccia, visibile a molti chilometri di distanza. Per la leggenda, “La Morgia” nacque dall’eroe biblico Sansone, che con un balzo la portò da Palena a Gessopalena, lasciando

the village with the current name of Gessopalena. In December 1943 the original urban centre was completely razed to the ground by the Germans. The village was an active land of resistance and partisans, and had given birth to Domenico Troilo, a legendary operative captain of the “Brigata Maiella”, maybe the most famous Italian partisan formation

of resistance against Nazi-Fascism, the only Italian partisan formation to be decorated with a gold medal of military value to the yag, to which the Gessopalena inhabitants adhered massively. Already in October 1943 the Germans, by settling themselves in the private houses of the local notables, had occupied the village, considered of strategic importance due to its elevated position on the Gustav line, from which they could control the Roccascalegna valley and the Sangro clefts of the city quarters of Lama dei Peligni. Already at this stage, the luckiest among the villagers dispersed in the countryside, also bringing with them the cattle from the farms, to avoid leaving it in enemy hands. In the centre of the by now half-deserted village, only women, old men and

M ONDO DE CECCO

N °11

57


children, who did not know where to shelter themselves, remained. At the end of November, the German garrison left, blowing up the road that connected Gessopalena to the neighbouring Torricella, and then came back on 4th December with a truck, delivering to the podestà the order to evacuate the village within a few hours, at the cry of “Gessopalena kaput!”: the country would have been mined. The remaining inhabitants tried to save the situation but, with so little time to escape, they took few things, and went away to the country farmhouses, refusing in large part to evacuate to Sulmona, the place to which the Germans had destined them. Gessopalena, already damaged by the previous Majella earthquake of 1933, in the night between 4th and 5th December was blown up house by house, under the moved eyes of some civilians who courageously witnessed the destruction of their houses. Among the ruins, also the mother of Commander Troilo died, while lingering to gather precious supplies from her house. In the countryside where the dispersed people had taken refuge, the German reprisal went on for weeks, with requisitions of food and livestock, and executions of the peasants who rebelled. This dark period is amply described in the book by Vincenzo Bozzi from Gessopalena, “La croce di Giovanni” (“The cross of John”) Faced with yet another abuse, some inhabitants of Torricella who sheltered in the Gessopalena territory reacted, killing two Germans. The reaction of the Nazis was violent: on the morning of January 21st, 1944, in the locality of Sant’Agata di Gessopalena, the dispersed people were grouped in a single building, with the doors locked so that they could not be broken down. About thirty hand grenades were thrown inside the house, causing deaths and injuries, as well as creating a chasm in the ground. Germans returned to the cottage, checking in detail if all the people had died, and pulling the coup de grace to the few survivors. Finally, they sprinkled some straw and yammable liquid on the bodies to set everything on wre. The total deaths of the Sant’Agata massacre were 42, and the corpses remained

58

nell’impresa la sua impronta alla base del masso. Dopo lo sforzo, l’eroe fece pipì, e nacque così il fiume Aventino. La leggenda ha comunque un fondo di verità, poiché la Morgia è nient’altro che un pezzo di Majella che, staccatosi dalla montagna in ere preistoriche, rotolò a valle fermando la sua discesa a Gessopalena. Oltre al già citato Domenico Troilo, Gessopalena ha dato i natali a molti figli celebri: Guglielmo di Mastro Berardo, miniaturista trecentesco; Marino Turchi, professore di igiene e rettore dell’Università di Napoli e patriota del Risorgimento; Gian Vincenzo Pellicciotti, medico, poeta e giornalista, animatore del movimento liberale chietino del ’48; Giuseppe Persiani, compositore; Daniele Nobile, noto genio matematico; Niccolò Melchiorre, giurista e parlamentare dell’Ottocento, impegnato nelle conquiste civili dell’Abruzzo; Francesco Saverio Tozzi, poeta prematuramente scomparso; Domenico Turchi, conosciuto attore comico dialettale; Gennaro Finamore, demologo di fama nazionale, la cui opera di raccolta e trascrizione della produzione orale dialettale, espressione diretta dell’autentica cultura del popolo, è oggi ritenuta repertorio documentale di imprescindibile riferimento per gli studiosi dei costumi e delle tradizioni popolari. Nonostante le ridotte dimensioni, il piccolo centro si è sempre distinto per la sua straordinaria vitalità. Vanta un’antica e attivissima scuola musicale, che sforna provetti musicisti e ottimi complessi bandistici, e una sempre viva associazione teatrale. Nel piccolo, ma bellissimo teatro di recente costruzione, intitolato a Gennaro Finamore, ormai da parecchi anni, si mette in cartellone una stagione teatrale degna dei palchi più blasonati, ospitando i nomi più noti della scena italiana: Luca Argentero, Edoardo Leo, Mariagrazia Cucinotta, Michele Placido, Anna Foglietta e Valentina Lodovini sono solo alcuni dei tantissimi artisti che hanno calcato il palco del teatro gessano, sempre strapieno di appassionati locali e non. Nel periodo pasquale di grande richiamo, anche per i comuni limitrofi, è la pluridecennale Sacra Rappresentazione del Mercoledì Santo, che mette in scena la passione di Cristo, con circa 200 figuranti in costume e suggestiva colonna sonora, culminante con il quadro della crocifissione che si svolge nel Paese vecchio.

M ON D O D E CE CCO

N°11


exposed to the weather for many days, before they could be buried with a Christian rite. Today the completely restored ancient village is the headquarter of the Gypsum Museum, as well as a wonderful location for concerts and events that attract dozens of visitors to its arduous streets every year. The Brigata Maiella Foundation is also located in one of the buildings in the village. The President of the Republic Carlo Azeglio Ciampi, on September 16th, 2005, as a sign of eulogy for the courage and dignity shown by the Gessopalena inhabitants in the days of the war, when, in the midst of enormous dangers, they endured all sorts of adversity and performed

M ONDO DE CECCO

N °11

countless acts of solidarity (also towards refugees from other origins) and heroism, awarded the Municipality of Gessopalena the Gold Medal for Civil Merit. Walking through the streets of the new part of Gessopalena, you can wnd some churches of tourist interest, such as the Madonna dei Raccomandati, Santa Maria Maggiore, Sant’Egidio e Sant’Antonio (also called Chiesa dei Tozzi) and, in the always wellkept Piazza Roma, with its beautiful yowerbeds and centennial pines, there is the monumental fountain, consisting of a tank in the shape of a marine shell, with a statue in the centre depicting the goddess of victory, that guides the ship Italia to conquer the world. A couple of kilometres from the village, in the direction of Torricella, you can wnd “La Morgia”, a singular and fascinating rocky boulder, called by the locals “lu leone” for its shape that reminds a large curled up feline. The work of the Greek artist Costas Varotsos was installed on the rock formation in 1989: a large slab of blue glass positioned on the split point of the rock, visible many kilometres away. According to the legend, “La Morgia” was born from the biblical hero Samson, who with a jump took her from Palena to Gessopalena, leaving his mark on the base of the boulder. After the effort, the hero peed, and the Aventine River was born. The legend, however, has a

background of truth, since the Morgia is nothing more than a piece of Majella which, detached from the mountain in prehistoric times, rolled downstream stopping its descent to Gessopalena. In addition to the aforementioned Domenico Troilo, Gessopalena gave birth to many famous people: Guglielmo di Mastro Berardo, a 14th century miniaturist; Marino Turchi, professor of hygiene and rector of the University of Naples and patriot of the Risorgimento; Gian Vincenzo Pellicciotti, physician, poet and journalist, animator of the liberal movement of Chieti in ‘48; Giuseppe Persiani, composer; Daniele Nobile, well-known mathematical genius; Niccolò Melchiorre, jurist and parliamentarian of the 19th century, engaged in the civil conquests of Abruzzo; Francesco Saverio Tozzi, poet who died prematurely; Domenico Turchi, well-known dialectical comic actor; Gennaro Finamore, nationally renowned demologist, whose work of collection and transcription of dialectal oral production, a direct expression of the authentic culture of the people, is today considered a documentary repertoire of essential reference for scholars of customs and popular traditions. Despite its small size, the small centre has always stood out for its extraordinary vitality. It boasts an ancient and very active musical school, which produces skilled musicians and excellent bands, and an ever-alive theatre association. In the small, but beautiful newly built theatre, named after Gennaro Finamore, for several years now, a theatrical season worthy of the most famous stages has been planned, hosting the best-known names of the Italian scene: Luca Argentero, Edoardo Leo, Mariagrazia Cucinotta, Michele Placido, Anna Foglietta and Valentina Lodovini are just some of the many artists who took the stage of the Gessopalena theatre, always full of local and non-local fans. During the Easter period, also for neighbouring municipalities, a great attraction is the decades-long Sacred Representation of Holy Wednesday, which stages the passion of Christ, with about 200 wgures in costume and a suggestive soundtrack, culminating with the picture of the cruciwxion played in the old village.

59


Un piccolo uccello con corpo tozzo, raccolto (15-17 cm) e zampette lunghe, una testolina con una caratteristica mascherina nera ed un becco lungo e sottile corre veloce sul bagnasciuga di molte spiagge italiane: si tratta del fratino (Charadrius Alexandrinus), un piccolo trampoliere del gruppo dei “limicoli”, la variegata comunità dei trampolieri che vive nelle più diverse zone umide con acqua bassa ove cerca insetti e piccoli animali di cui si nutre, nel limo appunto. Si tratta del fango del bagnasciuga e dei territori costieri con poca acqua, terreno ricco di vita dove il fratino trova il suo cibo ideale: piccoli molluschi ed insetti. Identificare quindi un fratino è facile anche per un birdwatcher poco esperto. Maschio e femmina hanno colorazione differente e particolarmente mimetica con l’ambiente in cui vivono: la femmina presenta un colore sabbia uniforme sul dorso e sul capo, con il ventre di un bianco candido e con il collarino pure color sabbia. Il maschio ha una colorazione più vivace sul capo, con l’estremità che assume una tinta arancione durante la primavera; il collarino è di un nero molto evidente e presenta pure una banderella nera sulla fronte. Gli esemplari più giovani hanno una tinta molto meno accesa degli adulti, così si confondono ancora di più con la sabbia e l’ambiente dunale su cui si muovono. Il fratino vive e nidifica sulle spiagge abruzzesi, anche nella congestionata Pescara. I suoi nidi si trovano in tutti i nostri litorali, Sicilia e Sardegna comprese. Essendo un uccello cosmopolita, si trova dovunque, dalle coste dell’Africa all’Asia, fino al Giappone. Mentre in inverno i fratini sono gregari, durante il periodo riproduttivo vince la coppia, che si isola e diventa territoriale, spesso anche aggressiva nei confronti di altri individui della stessa specie, il tutto per difendere il nido. La specie nidifica tra aprile e maggio, a seconda della latitudine; di solito vengono deposte tre uova, che vengono covate per circa un mese. In caso di perdita della covata, ci si può attendere una nuova cova entro il mese di luglio. Riproduzione Il fratino per la nidificazione utilizza sia spiagge con substrato ghiaioso che sabbioso, ma quest’ultime sono le più scelte. Il nido viene posizionato in genere nella zona di transizione tra la sabbia e l’inizio delle dune, vengono scelte quasi sempre le zone più selvagge e meno frequentate, ma non è eccezionale che lo si trovi anche in aree affollate; non vi aspettate di trovare qualcosa di elaborato o di particolare: si tratta per lo più di un piccolo buco scavato nella sabbia, in mezzo a ciottoli, conchiglie e ramaglia, materiale di ogni genere depositato dalle mareggiate, in maniera da mimetizzarsi perfettamente nell’ambiente circostante. Lo scavo è effettuato dal maschio, in diversi punti,

60

Fratino, a nice beach bum A little bird with a stocky and curled up body (15-17 cm) and long paws, a small head with a characteristic black mask and a long and thin beak rapidly runs on the foreshore of many Italian beaches: it is the Kentish plover (charadrius alexandrinus), a small wading bird of the group of “shorebirds”, the variegated community of wading birds that live in the most diverse wetlands with low water where they look for insects and small animals with which they feed themselves, exactly in the silt. It is the mud of the foreshore and of the coastal territories with little water, a soil rich in life where the little Kentish plover wnds his ideal food: small molluscs and insects. So, identifying a Kentish plover is easy even for an inexperienced birdwatcher. Male and female have different colouring and particularly mimetic with the environment in which they live: the female has a uniform sand colour on the back and on the head, with the belly of a pure white and with the neck also sand-coloured. The male has a more vivid colouring on the head, with the extremity taking on an orange shade during spring; the neck is in a very evident black and also has a black stripe on the forehead.

M ON D O D E CE CCO

N°11


Il piccolo trampoliere nidiƂca sui litorali d’Abruzzo come in Africa e in Giappone

Fratino, un bel tipo da spiaggia The small wader builds a nest on the coasts of Abruzzo as in Africa and Japan Francesco Ventriglia Campana

M ONDO DE CECCO

N °11

61


The younger specimens have a much less bright shade than the adults, so they blend even more with the sand and the dune environment on which they move. The Kentish plover lives and nests on the Abruzzo beaches, also in the jammed Pescara. Its nests are found in all our coasts, including Sicily and Sardinia, but being a cosmopolitan bird, it is found everywhere, from the coasts of Africa to Asia, to Japan. While in winter the Kentish plover are gregarious, during the reproductive period the pair wins, which isolates itself and becomes territorial, often also aggressive towards other individuals of the same species, all this to defend the nest. The species nests between April and May, depending on the latitude; usually three eggs are deposed, which are brooded for about a month. In case of loss of the brood, a new brood can be expected within the month of July.

62

toccherà poi alla femmina scegliere il più adatto alle sue esigenze. Una volta schiuse le uova, nascono pulcini di pochi grammi, che dopo qualche minuto sono già in grado di camminare ed escono dal nido (nidifughi), impegnando seriamente i genitori ad una sorveglianza attenta e continua, essendo particolarmente indifesi e quindi esposti a molte minacce, fino a quando, dopo circa un mese, sono in grado di involarsi. Le insidie naturali sono rappresentate da numerosi predatori: uccelli tipo il gabbiano reale, i rapaci e le cornacchie; mammiferi come le volpi, i mustelidi (faine e martore), i ratti, cui si aggiungono i cani portati sempre più spesso lungo i litorali. Minacce e tutela della specie Ma la minaccia principale viene dalla crescente pressione delle attività umane rappresentata dal sempre più aggressivo sfruttamento delle aree naturali costiere a fini turistici, che comporta la manomissione fino alla distruzione dell’ambiente dunale operata anche con mezzi meccanici di pulizia, per cui in Europa e in tutte le aree molto antropizzate, la popolazione di fratino è in costante declino e l’Italia non fa eccezione: la popolazione è diminuita del 50% negli ultimi 10 anni e anche in Abruzzo e nel Molise la specie vive una situazione non idilliaca. I mirabili adattamenti morfologici e comportamentali, le strategie riproduttive basate sul mimetismo delle uova, deposte direttamente sulla sabbia, e dei pulcini, capaci di correre già dopo poche ore dalla nascita e di immobilizzarsi in presenza di un pericolo, hanno consentito a questa specie di sopravvivere da millenni in un habitat cosmopolita di dune integre, già di per sé fragile e mutevole, ma l’impatto devastante e distruttivo di questo delicato ambiente ad opera di predatori come ruspe, fuoristrada ed altro sta vanificando questo fragile equilibrio. Il fratino quindi è considerato specie a rischio di estinzione (endagered) nella lista rossa italiana dell’Iucn (Unione Mondiale per la Conservazione della Natura) ed è inserita nell’allegato 2 della direttiva uccelli (direttiva 79/409/Cee), dove sono elencate le specie a maggior rischio. Il 2018 è risultato l’anno con i peggiori risultati mai registrati in Abruzzo e in Molise per quanto riguarda il censimento dei nidi di fratino, ma gli ultimi due anni c’è stato un sensibile miglioramento, grazie anche all’azione incisiva dei volontari del “Progetto Salvafratino”, che si sono instancabilmente impegnati nel controllo di tutte le aree frequentate dai fratini, hanno svolto numerose iniziative di sensibilizzazione e conoscenza, educazione ambientale e attività sul campo come giornate di pulizia e controllo della spiaggia, organizzato convegni ed incontri di studio con esperti nazionali e per la prima volta il 23 marzo 2019 a Pineto è stato assegnato il premio “Amici del Fratino” a volontari, operatori balneari, scuole e amministrazioni comunali che si sono particolarmente distinti

M ON D O D E CE CCO

N°11


nella tutela della specie. All’inizio della stagione riproduttiva, dopo la pubblicazione dell’ordinanza balneare 2019, è stata inviata una comunicazione a tutti i comuni costieri suggerendo le buone pratiche da seguire in caso di presenza del fratino sul rispettivo territorio. Si è inoltre rafforzata la collaborazione con la guardia costiera, da sempre al fianco degli enti e delle associazioni per la conservazione di questa ed altre specie presenti lungo i litorali. Non ultimo il lavoro di monitoraggio e controllo dei volontari del Wwf e di associazioni e gruppi di volontari come le “Guide del Borsacchio”, “Il Gruppo Fratino Vasto”, “Il Foro di Ortona”, il Gmso (Gruppo Molisano Studi Ornitologici). Questi gruppi di volontari sorvegliano

le zone di nidificazione dei fratini e una volta individuato un nido, ne recintano la zona circostante in maniera da segnalarla ai conducenti dei mezzi meccanici di pulitura spiagge e collocano una gabbietta metallica sul nido, per proteggerlo dai tanti predatori. Quindi, quando ci imbattiamo passeggiando sulla spiaggia, in qualche area segnalata come descritto, sarebbe indicato allontanarci senza arrecare disturbo alla femmina in cova, soprattutto se portiamo amici a quattro zampe. Da ricordare che la presenza del fratino è un ottimo segnale di un ambiente marino in buona salute e di una spiaggia correttamente tutelata e conservata, e può senz’altro aiutare nel conseguimento della tanto ambita bandiera blu.

Reproduction For nesting, the Kentish plover uses both gravelled and sandy substrates, but the latter are the most chosen. The nest is generally positioned in the transition area between the sand and the beginning of the dunes, the wildest and least frequented areas are almost always chosen, but it is not exceptional that it is also found in crowded areas; do not expect to wnd something elaborate or particular: it is mostly a small hole dug in the sand, in the middle of pebbles, shells and dead branches, material of all kinds deposited by the storms, so as to blend perfectly in the environment surrounding. The excavation is carried out by the male, in different points, then it will be up to the female to choose the most suitable for her needs. Once the eggs have hatched, chicks of a few grams are born, which after a few minutes are already able to walk and leave the nest (nidifugous), seriously committing the parents to a careful and continuous surveillance,

being particularly defenceless and therefore exposed to many threats, until, after about a month, they are able to yy away. Natural hidden dangers are represented by numerous predators: birds like the herring gull, birds of prey and crows; mammals such as foxes, mustelids (martens and tods), rats, to which are added the dogs brought more and more often along the coasts.

M ONDO DE CECCO

N °11

Threats and protection of the species But the main threat comes from the growing pressure of human activities represented by the more and more aggressive exploitation of the coastal natural areas for tourism purposes, which involves the alteration and the destruction of the dune environment also operated with mechanical cleaning means, so in Europe and in all the very anthropized areas, the population of Kentish plover is in constant decline and Italy is no exception: the population has decreased by 50% in the last 10 years and also in Abruzzo and Molise the species lives a

63


Grazie all’azione dei volontari del “Progetto Fratino” l’habitat dell’uccello viene tutelato Thanks to volunteers of the “Fratino Project”, the bird’s habitat is protected

64

non-idyllic situation. The admirable morphological and behavioural adaptations, the reproductive strategies based on the camouyage of the eggs, laid directly on the sand, and the chicks, capable of running already a few hours after birth and of immobilizing themselves in the presence of a danger, have allowed this species to survive for millennia in a cosmopolitan habitat of intact dunes, already fragile and changeable in itself, but the devastating and destructive impact of this delicate environment by predators such as bulldozers, offroad vehicles and more has been frustrating this fragile balance. The Kentish plover is therefore considered a species at risk of extinction in the Italian red list of the IUCN (International Union for Conservation Of Nature) and is included in annex 2 of the Birds Directive (Directive 79/409 /EEC), where the species at greatest risk are listed. 2018 was the year with the worst results ever recorded in Abruzzo and Molise as regards the census of the Kentish plover nests, but the last 2 years have seen a signiwcant improvement, thanks also to the incisive action of the volunteers of the Salvafratino Project who have tirelessly engaged in the control of all the areas frequented by the Kentish plovers, carried out numerous awareness and knowledge initiatives, environmental education and weld activities such as beach cleaning and control days, organized conferences and study meetings with national experts and for the wrst time on 23rd March 2019 in Pineto the Amici Del Fratino (Kentish plover’s friends) prize was awarded to volunteers, beach operators, schools and municipal

administrations that have particularly distinguished themselves in the protection of the species. At the beginning of the spawning season, after the publication of the 2019 bathing ordinance, a communication was sent to all the coastal municipalities suggesting good practices to be followed in the event of the presence of the Kentish plover on the respective territory. The collaboration with the coast guard has also been strengthened, that has always been alongside organizations and associations for the conservation of this and other species along the coasts. Last but not least, the monitoring and control of the WWF volunteers and of the associations and groups of volunteers such as the “Guide del Borsacchio”, the “Gruppo Fratino Vasto”, the “Foro di Ortona”, the GMSO (Molise group of ornithological studies). These groups of volunteers monitor the nesting areas of the Kentish plovers and, once a nest has been identiwed, they enclose the surrounding area so as to signal it to the drivers of the mechanical cleaning means of the beaches and they place a metal cage on the nest, to protect it from the many predators. So, when we walk on the beach and come across an area marked as described, it would be recommended to go away without disturbing the female in hatching, especially if we bring four-legged friends. It should be remembered that the presence of the Kentish plover is an excellent sign of a healthy marine environment and of a correctly protected and preserved beach, and can certainly help in achieving the much sought-after blue yag.

M ON D O D E CE CCO

N°11


“Adesso mi spiegate perché la vostra pasta è così buona.” È una domanda che ci pongono in tanti. La nostra risposta è il LENTA ESSICCAZIONE

ACQUA FREDDA DI MONTAGNA DELLA MAJELLA

Nel 1889, Filippo De Cecco inventò il primo impianto di Lenta Essiccazione a bassa temperatura. Ancora oggi usiamo lo stesso metodo. Anche se è più lungo, più difficile, più costoso. Ma solo così possiamo preservare meglio il potere nutrizionale del grano, i sapori e i profumi ed il colore naturale delle nostre semole.

Impastiamo solo con acqua a una temperatura inferiore ai 15°C per uno sviluppo ottimale del glutine e una perfetta tenuta in cottura.

SEMOLA A GRANA GROSSA

TRAFILATURA RUVIDA AL BRONZO Le classiche trafile al bronzo danno alla pasta la caratteristica ruvidità, per catturare al meglio i condimenti.

LoRo.

Pastificando semola a grana “grossa” si mantiene l’integrità del glutine, per una pasta sempre al dente.

CONCHIGLIONI RIGATI CON CAPRETTO E CARCIOFI SCOPRI LA RICETTA SUL SITO

di De Cecco ce n’è una sola. www.dececco.com



Ciao Silvano Il ricordo di Forlano, un uomo per l’azienda Se l’è portato via un improvviso soffio di vento gelido, il 7 settembre, dopo mesi di una lotta impari contro la più subdola delle malattie. Lucido fino alla fine, positivo per quello che si può in momenti indicibili, Silvano Forlano ha lasciato un vuoto incolmabile a Fara San Martino, come a Caldari di Ortona e Pescara. Un vuoto in casa De Cecco. Silvano non ha potuto godere, come avrebbe meritato, la soddisfazione dell’agognata promozione a dirigente, raggiunta dopo una carriera in azienda cominciata nel 1981. Stretto collaboratore del presidente Filippo Antonio De Cecco, uomo delle Risorse umane, responsabile della Gestione del personale e delle Relazioni sindacali, aveva la capacità di trovare la quadra anche quando sembrava che la quadra non si potesse trovare. Probabilmente dipendeva dalla sua vena artistica, espressa anche in diversi quadri, alcuni dei quali esposti nella nostra sede di Fara: sapeva aggiungere fantasia alla concretezza pretesa dalla materia, di certo ruvida e spesso anche spigolosa, quotidianamente trattata per lavoro. Amava l’arte e il bello, amava esplorare, con curiosità insaziabile, terreni lontani dalla routine quotidiana. Da una sua idea è nata la rivista aziendale Mondo De Cecco, che ha accompagnato passo dopo passo per diversi anni prima di essere assorbito da altre mansioni. Era di Casoli e nella chiesa più importante della sua città, Santa Reparata, si è congedato dalla moglie Teresa, dai figli Domenico, anch’egli in De Cecco, e Gabriele, che ha scelto la carriera bancaria, e da tanti che per lui hanno versato una lacrima. Parenti, colleghi, amici. Tra questi ultimi, quelli del Lions Club Casoli Val di Sangro, di cui era stato entusiasta e concreto presidente, sempre alla ricerca di un sostegno da offrire ai più bisognosi, attraverso la raccolta di offerte e altre iniziative. Silvano aveva 62 anni e nelle sue tasche c’era Quota 100, ma nessuno avrebbe scommesso un centesimo che sarebbe andato in pensione così presto né, tantomeno, che l’azienda avrebbe gradito una sua uscita di scena.

M ONDO DE CECCO

N °11

67


Goodbye Silvano. In memory of Forlano, a man committed to our company His loss came suddenly, as a gust of icy wind, on September 7, after he had spent months wghting against the most insidious of diseases. Alert and with a positive attitude until the very end, Silvano Forlano has left an enormous void in Fara San Martino, just as in Caldari di Ortona and Pescara. An empty space in the De Cecco family. Silvano was not able to enjoy the satisfaction of his well-earned promotion to Manager, achieved after a career in the company stretching back to 1981. A close collaborator of CEO Filippo Antonio De Cecco, Silvano

was in charge of human resources, personnel management and trade union relations, and had the ability to wnd the right solution even when no one else could. This was probably down to an artistic streak, which he expressed in a number of paintings, some of which are exhibited in our headquarters in Fara: he knew how to bring imagination to the often complex issues he dealt with. He loved art and beautiful things, and had an insatiable desire to explore unfamiliar, faraway places. He was the one who came up with the idea of our company magazine Mondo De Cecco, which he managed for several years before being absorbed by other duties. He was from Casoli and it was there, in the most important church of his hometown,

Santa Reparata, that he took his leave from his wife Teresa, his children Domenico, also a member of the De Cecco company, and Gabriele, who chose a career in banking, and all those who loved him: relatives, colleagues, friends. He was also mourned by the Casoli Val di Sangro Lions Club, of which he was an enthusiastic and pragmatic president, engaging in several fund-raising initiatives for charity. Silvano was 62 years old and, with more than 38 years of work under his belt, had reached retirement age. But we certainly did not think he would leave us so soon, and it is with a heavy heart that we say our goodbyes.

Silvano Forlano fra le sue creazioni. Silvano Forlano among his creations.

68

M ON D O D E CE CCO

N°11


M ONDO DE CECCO

N °11

69


L MONDO r DE CECCO IN THE WORLD r DE CECCO NEL MONDO r De Cecco è presente in tutto il mondo e in diverse occasioni organizza serate evento con show cooking dei più grandi chef per far conoscere la qualità dei propri prodotti. Mondo De Cecco, racconta con questo reportage fotografico, l’attività promozionale in Brasile e Argentina.

The De Cecco brand is present worldwide. We regularly hold evening cooking demos with some of the greatest chefs to display the quality of our products. This photo report in Mondo De Cecco shows examples of our promotional events in Brazil and Argentina.

70

M ON D O D E CE CCO

N°11


r DE CECCO IN THE WORLD r DE CECCO NEL MONDO r DE CECCO

Nella pagina a fronte: serata evento al “Gourmand Food Hall” di Buenos Aires e degustazione al “Sam’s Club” Brasile. Sopra: serata al “Soul Kitchen” di Saõ Paulo con lo Chef Duccio e Antonio Mendes. On the opposite page: evening event at the “Gourmand Food Hall” in Buenos Aires and tasting at “Sam’s Club” in Brazil. Above: an evening at Saõ Paulo’s “Soul Kitchen” with Chef Duccio and Antonio Mendes.

M ONDO DE CECCO

N °11

71





Millions discover their favorite reads on issuu every month.

Give your content the digital home it deserves. Get it to any device in seconds.