Page 1

LA LINCE ROSSA


INTRODUZIONE Nella mitologia nativa americana, la lince rossa è spesso associata con la figura del coyote in un tema di dualità , la nebbia per la lince rossa e il vento per il coyote, elementi opposti nel folklore nativo americano. Era ammirata anche dai coloni europei sia per la sua ferocia che per la sua grazia.


LA LINCE ROSSA: INFORMAZIONI GENERALI NOME SCIENTIFICO: lynx rufus DIFFUSIONE: maggior parte degli Stati Uniti e Messico settentrionale e centrale. Vive pure nella cordigliera vulcanica del Messico centrale, ma non discende nel bacino del Rio Balsas. A nord la lince rossa arriva fino al Lago Superiore. La troviamo, infine, nelle province canadesi del Quebec, del Nuovo Brunswick e della Nuova Scozia. HABITAT: non è legata ad alcun particolare biotopo; s'incontra infatti nei più disparati ambienti naturali, ma vive più volentieri nei terreni rocciosi accidentati, dove le prede sono abbondanti e più facile riesce la caccia alla posta, e nelle foreste (decidue, di conifere o miste). In Florida e in Louisiana essa si trova nelle foreste di magnolie e nelle giungle paludose. In Messico settentrionale e centrale si trova nella macchia arida e nelle foreste di pino e quercia. Abita anche i semideserti. Frequenta le zone rurali per farvi la sua tana ma solo in presenza di paludi, sporgenze rocciose o tratti di foresta. Si tiene lontana dalle zone dove la neve è profonda, non avendo zampe adatte come la cugina canadese. Non teme le elevate altitudini e la si può trovare anche fino a 3300 m di altitudine. TASSONOMIA: c'è stato un dibattito se classificare questa specie come lynx rufus o felix rufus come parte di una questione più ampia relativa al fatto che le quattro specie di lynx debbano essere dotate di un proprio genere o essere collocate come sottogenere di felis. Il genere lynx è ormai ufficialmente accettato. Attualmente vengono riconosciute due sottospecie data una mancanza di chiare interruzioni geografiche nelle loro gamme e le differenze minori tra sottospecie, poiché originariamente ne erano riconosciute tredici.


L'ultima revisione della tassonomia nel 2017, da parte della Cat Classification Taskforce del Cat Specialist Group, riconosce queste due poiché basate su studi filogeografici e genetici, anche se lo stato della lince rossa messicana (lynx rufus esquinapae / lynx rufus oaxacensis) rimane sotto esame. CENNI STORICI: è apparsa circa 1,8 milioni di anni fa. Condivide un gruppo monofiletico con i lignaggi del puma, del gatto leopardo e del gatto domestico datati a 7,15 milioni di anni fa, differenziandosi per prima, circa 3,24 milioni di anni fa. Si ritiene che la lince rossa si sia evoluta dalla lince eurasiatica, che attraversò il Nord America attraverso il ponte di Bering, durante il Pleistocene, con i progenitori che arrivarono 2,6 milioni di anni fa. La prima ondata si spostò nella parte meridionale del Nord America, che fu presto isolata dal nord dai ghiacciai. Questa popolazione si è evoluta in linci moderne circa 20.000 anni fa. Una seconda popolazione arrivò dall'Asia e si stabilì nel nord, sviluppandosi nella moderna lince canadese. La lince rossa riveste molta importanza nella mitologia nativa americana. Artefatti tombali scavati nei pressi del fiume Illinois hanno rivelato uno scheletro completo di una giovane lince rossa e un collare fatto di pendenti di osso e conchiglie che erano stati sepolti dalla cultura Hopewell. Il tipo e il luogo di sepoltura indicano un animale addomesticato e amato o un possibile significato spirituale. Gli Hopewell normalmente seppellivano i loro cani, quindi le ossa vennero inizialmente identificate come resti di un cucciolo, ma i cani venivano solitamente sepolti vicino al villaggio e non nei loro stessi monti. Questa è l'unica sepoltura decorata di un felino selvatico nella documentazione archeologica. DESCRIZIONE: è molto somigliante alla lince canadese, dalla quale differisce nell'aspetto per il mantello più colorato, chiazzato di bruno e di grigio (per favorire il mimetismo) per la coda più lunga, le zampe più corte e i ciuffi all'apice delle orecchie appuntite meno lunghi. Il cranio, più arrotondato di quello della lince comune del Canada, ha minore capacità rispetto alla lince canadese.


La coda della lince rossa termina con un manicotto di peli bianchi, più o meno appariscente, mentre nella lince canadese questo manicotto è nero. Ha delle barre nere caratteristiche sulle zampe anteriori e sulla coda. Generalmente, un colore biancastro è visibile sulle labbra, il mento e le parti inferiori. Gli esemplari nelle regioni desertiche del sud-ovest hanno i mantelli più chiari, mentre quelli nelle regioni settentrionali e boscose sono più scuri. Esistono anche esemplari albini e melanici ma ovviamente rari. Probabilmente è la specie di lince che presenta dimensioni minori sebbene diversi maschi, più grandi delle femmine, possano raggiungere dimensioni e pesi ragguardevoli in grado di rivaleggiare con gli esemplari della sua parente più settentrionale, la lince canadese e con la sua parente del Vecchio Mondo, la lince europea. Le linci più grosse sono originarie del Canada orientale e del nord del New England e provengono dalla sottospecie lynx rufus gigas mentre le più piccole provengono dalla sottospecie sudorientale lynx rufus floridanus, in particolare gli esemplari negli Appalachi meridionali. La lince rossa miagola e fa le fusa; la sua voce somiglia a quella del nostro gatto domestico, ma è più sonora. Lunghezza: 47,5-125 cm ( in media 82,7 cm )+ 9-20 cm di coda Altezza al garrese: 30-60 cm Peso: 4-18,3 kg (può raggiungere anche i 22-27 kg; un maschio abbattuto nel Colorado pesava addirittura 34 kg). RAPPORTO CON L'UOMO E ALTRI ANIMALI: grazie al suo modo di vivere, particolarmente discreto, la lince rossa è riuscita a sopravvivere in posti dove tutti gli altri grandi carnivori sono scomparsi. E' principalmente crepuscolare e notturna e, quando non viene disturbata dall'uomo, è attiva anche durante il giorno. D'altronde, molto spesso vive nelle vicinanze delle installazioni umane, pur senza destare l'attenzione del suo mortale nemico. Il territorio dei maschi comprende parecchi territori di femmine, ma gli incontri tra loro sono molto rari, a causa delle marche odorose, urina e deiezioni, che le linci depositano in differenti, importanti punti del loro territorio.


Una lince, fiutando una marca fresca, avverte il recente passaggio di un altro simile e, per evitare d'incontrarlo, prende un'altra direzione. L'urina proiettata contro le rocce e i colpi di artigli sui tronchi degli alberi costituiscono degli efficaci segnali «stradali». La lince rossa si sposta molto, da 3,2 a 11,3 km ogni notte lungo la sua rotta abituale. Questo comportamento può variare stagionalmente, in quanto le linci diventano più diurne durante l'autunno e l'inverno in risposta all'attività della loro preda, che è più attiva durante il giorno in condizioni climatiche più fredde. La madre però non si allontana più di un paio di chilometri dalla tana, quando alleva la prole. Il territorio dei maschi può coprire 110 km², mentre quello delle femmine non supera i 10 km². I maschi sono più tolleranti nei confronti delle sovrapposizioni, mentre le femmine raramente vagano nei territori degli altri. Date le dimensioni più piccole, due o più femmine possono risiedere all'interno del territorio di un maschio. Quando più territori si sovrappongono, viene spesso stabilita una gerarchia di dominanza, con la conseguente esclusione di alcuni transitori dalle aree privilegiate. E' solita rifugiarsi in tronchi cavi, cespugli, boschetti o in sporgenze rocciose. Non teme affatto l'acqua, anzi ci va molto di buon grado per pescare. È un'ottima e veloce nuotatrice. Durante l'estate, quando è forte la calura, le linci a volte si bagnano nell'acqua poco profonda dei fiumi e dei laghi. Questo felide è un animale solitario. Il maschio si scorge in compagnia della femmina solo durante la stagione della riproduzione. Il coyote è il concorrente principale della lince rossa: caccia le stesse prede e, come la lince, è estremamente adattabile e abita praticamente tutto il territorio americano. L'esito delle lotte dipende da molti fattori, tra i quali la grandezza e aggressività del felino e il numero di canidi presenti sul posto. Tuttavia, le popolazioni di linci rosse possono diminuire in aree con popolazioni di coyote elevate, con l'inclinazione sociale del canide che dà alla lince un possibile vantaggio competitivo.


Pur essendo più piccola, la lince rossa domina la sua cugina, la lince canadese, grazie alla sua maggiore aggressività. Tuttavia, ibridazioni con la lince canadese possono avvenire e da queste nasce il blynx. Con la lince canadese, tuttavia, la relazione interspecifica influenza i modelli di distribuzione; è probabile che l'esclusione competitiva della lince rossa abbia impedito un'ulteriore espansione verso sud della fascia del suo parente felino. Nemici naturali: puma, coyote, lupo grigio, alligatore del Mississipi, coccodrillo americano, pantera della Florida (sottospecie di puma), orso nero americano, pitone moluro, gufo tigre, aquila (tra cui l' aquila dorata), volpe. ALIMENTAZIONE: questo felide, abile a sopravvivere per lunghi periodi senza cibo, si nutre soprattutto di piccoli mammiferi, tra cui roditori (come il ratto del cotone, lo scoiattolo), selvaggina da penna, serpenti e lucertole. Nell'Idaho le lepri costituiscono il 90% della sua alimentazione. Questa lince cattura anche gli uccelli (come oche, cigni e gru), e talvolta il cervo mulo soccombe ai suoi attacchi. Tuttavia la lotta tra il predatore e la sua grossa preda spesso si rivela pericolosa anche per l'aggressore, come testimoniano i crani di linci che presentano gravi fratture. Come tattica segue il cervo, spesso quando questo è sdraiato, quindi si precipita contro e lo afferra per il collo prima di mordere la gola, la base del cranio o il torace. Nelle rare occasioni in cui una lince rossa uccide un cervo, ne mangia il ripieno e poi seppellisce la carcassa sotto la neve o le foglie, spesso ritornandovi diverse volte per nutrirsi. È superfluo dire che per un animale come la lince rossa, la cui distribuzione geografica è tanto vasta, il regime alimentare e le prede cambiano da una regione all'altra e secondo le stagioni. Nella pianura del Mississippi e del Missouri alcune linci rosse si nutrono regolarmente di gatti domestici. Nel menù della lince rossa figurano anche il procione, la volpe, il visone, la faina, la molfetta, cani di piccola taglia, l'opossum, la lontra, la donnola, il tacchino selvatico, l'airone, il cane delle praterie, alcuni crostacei, l'antilocapra, il muflone di Dall e le quaglie.


Sono state più volte osservate linci rosse del peso di 14 o 16 kg uccidere cervi pesanti dieci volte tanto, seppur quasi esclusivamente nei mesi invernali quando il freddo invernale e la minor disponibilità di cibo rende la preda più debole. La lince rossa individua le sue prede per mezzo della vista e dell'udito finissimo. Si avvicina con discrezione e attacca sempre di sorpresa. Essa è ritenuta maestra in questa difficile arte, che le permette di catturare le lepri, molto più veloci, le quali riescono a scappar via, quando la lince sbaglia il salto. Come gli altri predatori, la lince vede aumentare il suo numero in periodo di abbondanza e, al contrario, diminuire quando le prede diventano rare, in seguito a malattie o ad avverse condizioni atmosferiche. Si nutre anche di pesci (inclusi piccoli squali) ed insetti. Attacca occasionalmente anche il pollame domestico, come le galline. Mentre le specie più grandi, come il grosso bestiame e i cavalli, non sono noti per essere attaccati, le linci rosse rappresentano una minaccia per i ruminanti più piccoli, come pecore e capre. All'occorrenza si nutre di carogne. Sono stati riportati rarissimi casi di cannibalismo nei confronti dei propri cuccioli quando le prede risultavano scarse. RIPRODUZIONE: le linci rosse generalmente iniziano a riprodursi entro la seconda estate, anche se le femmine possono iniziare fin dal primo anno. La produzione di sperma inizia ogni anno entro settembre o ottobre e il maschio è fertile in estate. Un maschio dominante viaggia con una femmina e si accoppia con lei più volte, generalmente dall'inverno fino all'inizio della primavera; questo varia a seconda del luogo, ma la maggior parte degli accoppiamenti si svolge durante febbraio e marzo. La coppia può intraprendere una serie di comportamenti diversi, tra cui urtarsi, inseguirsi e fare agguati. Altri maschi possono essere presenti, ma rimangono non coinvolti. Una volta che il maschio riconosce che la femmina è ricettiva, la afferra nella tipica presa felina del collo e si accoppia con lei. La femmina può in seguito accoppiarsi con altri maschi e generalmente i maschi si accoppiano con diverse femmine. Durante il corteggiamento la lince rossa, altrimenti silenziosa, può emettere forti urla, sibili o altri suoni.


La femmina ha un ciclo estrale di 44 giorni, con l'estro che dura da cinque a dieci giorni. Partorisce da febbraio a giugno, in una caverna o sotto blocchi di rocce. A volte si verificano figliate tardive, in agosto o settembre. La gestazione dura da 62 a 70 giorni circa. Il numero dei piccoli è di 2-3 per ciascuna figliata; essi pesano alla nascita da 280 a 300 grammi e aprono gli occhi tra il 6º ed il 9º giorno. Iniziano ad esplorare l'ambiente circostante a quattro settimane e vengono svezzati a circa due mesi. All'età di 3-5 mesi lasciano la tana, in compagnia della madre. Cominciano a cacciare autonomamente a circa un anno. Le femmine restano fedeli alla loro tana, quando non sono molestate, e vi tornano ogni anno per partorirvi. DURATA DELLA VITA: 7-10 anni (raramente eccede i dieci). L'esemplare più vecchio in libertà arrivò a 16 anni, mentre l'esemplare più vecchio in cattività arrivò a 32 anni. CONSERVAZIONE: è classificata dalla IUCN a rischio minimo. È elencata nell'Appendice II della CITES, il che significa che non è considerata in pericolo di estinzione, ma la caccia e il commercio devono essere strettamente monitorati. L'animale è regolato in tutti e tre i Paesi della sua gamma e si trova in una serie di aree protette degli Stati Uniti, il suo territorio principale. Le stime dell' “US Fish and Wildlife Service” degli Stati Uniti hanno posto il numero di linci rosse tra 700.000 e 1.500.000 negli Stati Uniti nel 1988, con un aumento della portata e della densità della popolazione che suggerisce numeri ancora maggiori negli anni successivi; per questi motivi, gli Stati Uniti hanno presentato una petizione alla CITES per rimuovere il felino dall'Appendice II. Le popolazioni in Canada e Messico rimangono stabili e in salute. E' relativamente diffusa e abbondante, ma le informazioni dal Messico meridionale sono scarse. La specie è considerata a rischio in Ohio, Indiana e New Jersey. Ha sofferto il declino della popolazione nel New Jersey del 19° secolo, principalmente a causa di sviluppi commerciali e agricoli che causarono la frammentazione degli habitat; entro il 1972, la lince rossa ricevette la piena protezione


legale e fu dichiarata in pericolo di estinzione nel 1991. E' vulnerabile all'estinzione locale ( “estirpamento” ) da parte di coyote e animali domestici. Sebbene le linci rosse siano state cacciate estensivamente dagli umani, sia per lo sport che per la pelliccia, la loro popolazione si è dimostrata resistente, anche se in alcune aree è diminuita, con un tasso di mortalità più alto in inverno, quando la caccia è aperta. Malattie, incidenti, automobili, urbanizzazione, frammentazione ambientale e fame sono le altre principali cause di morte. I giovani mostrano un'alto tasso di mortalità poco dopo aver lasciato le loro madri, pur continuando a perfezionare le loro tecniche di caccia. La lince rossa può avere parassiti esterni, principalmente zecche e pulci, e spesso porta i parassiti delle sua prede, specialmente quelli di conigli e scoiattoli. I parassiti interni (endoparassiti) sono particolarmente comuni nelle linci rosse. Uno studio ha rilevato un tasso medio di infezione del 52% da toxoplasma gondii, ma con una grande variazione regionale. Un acaro in particolare, lynxacarus morlani, è stato finora trovato solo sulla lince rossa. Il ruolo dei parassiti e delle malattie nella mortalità della lince rossa non è ancora chiaro, ma possono spiegare una maggiore mortalità rispetto alla fame, agli incidenti e alla predazione. Inoltre, nelle linci rosse che frequentano habitat urbani in California, l'uso di rodenticidi è stato collegato sia ad avvelenamento secondario attraverso il consumo di ratti e topi avvelenati sia ad un aumento dei tassi di grave infestazione da acari (nota come rogna notoedrica) poiché, in un animale con un sistema immunitario indebolito dal veleno, il sistema stesso è meno capace di combattere la rogna. Le autopsie del fegato in linci della California che hanno ceduto alla rogna notoedrica hanno rivelato un'esposizione cronica a rodenticidi. Sono state suggerite misure alternative di controllo dei roditori come il controllo della vegetazione e l'uso di trappole per alleviare questo problema.


LA LINCE ROSSA ORIENTALE


NOME SCIENTIFICO: lynx rufus rufus DIFFUSIONE: Stati Uniti orientali e centroccidentali. HABITAT: vive in zone molto alberate, montuose e accidentate, ma può essere trovata anche nei quartieri boschivi vicino alle fattorie e alle abitazioni umane. Predilige anche foreste di conifere, torbiere, paludi. In particolare nel nord-est, le sporgenze rocciose sono caratteristiche importanti del suo habitat, poiché spesso si verificano qui i rituali di corteggiamento e l'allevamento dei piccoli. Alcuni fattori nella selezione dell'habitat della lince rossa sembrano essere l'abbondanza e la copertura delle prede. Per il foraggiamento, l'habitat preferito sono le aree semiaperte alle paludi boscose. Le aree e le fattorie registrate di recente forniscono spesso cibo e copertura per le specie di prede selvatiche della lince rossa. Evita le aree altamente sviluppate o con densità di popolazione umana alta o molto alta. TASSONOMIA: è la sottospecie nominale. La denominazione rufus significa “rossastro”. CENNI STORICI: quando giunsero i coloni europei, ciò creò un cambiamento significativo nell'habitat della lince. DESCRIZIONE: ha dimensioni doppie rispetto a quelle di un gatto domestico, con arti proporzionalmente più lunghi e zampe pelose. Ha una coda corta con tre o quattro barre nerebrunastre, di cui l'ultima è più ampia e scura. La punta della coda e la parte inferiore sono bianche. Ha caratteristiche basette molto pelose che partono dalle orecchie fino ad arrivare ai lati delle guance. Il pelo è corto, denso e soffice. Le parti inferiori e laterali variano in colore dal giallastro al marronerossastro, spesso mescolato con pelo grigio, strisciato e macchiato con il nero. Effettua due mute annuali, in primavera e


autunno. Il manto estivo è più corto e più rossastro rispetto al più lungo e grigio manto invernale. Individui albini e melanici sono rari. Ha una elevata capacità mimetica. Ha un'andatura delimitata, rapida e distintiva. E' parecchio responsiva a suoni continui e di basso volume. Lunghezza: 66-120 + 9-19 cm di coda Peso: 5-16 kg RAPPORTO CON L'UOMO E ALTRI ANIMALI: è prevalentemente crepuscolare/notturna e molto riservata. Può anche diventare diurna in caso di bisogno. Occupa un'estensione che va dai 13 ai 130 km quadrati. Sceglie spesso le rocce per farne la sua tana, ma può anche avvalersi di un ceppo o della boscaglia. Ama molto vagare, guadare i fiumi e nuotare. E' eccellente nelle arrampicate e ama sonnecchiare all'ombra di un grande ramo. Gli alberi forniscono anche un mezzo di fuga. La lince rossa salta o dà una breve caccia a quasi tutte le cose in movimento a distanza ravvicinata, sia per il cibo che per il divertimento. Molte storie raccontano della sua ferocia ma questo è in gran parte falso. A volte una lince rossa tenta di bluffare un animale o un animale più grande, ma a volte si fida troppo del suo bluff. Tollera la presenza dell'individuo di sesso opposto solo durante la stagione riproduttiva. Si avvicina solo raramente alle abitazioni umane, se non per cacciare il bestiame. Nemici naturali: coyote, lupo grigio, alligatore del Mississipi, orso nero americano, aquila, volpe. ALIMENTAZIONE: preda bestiame domestico, roditori (topi, ratti, scoiattoli) lepri “scarpa da neve” , conigli dalla coda cotonata, uccelli, cervi (questi ultimi soprattutto in autunno e in inverno subito dopo la stagione di caccia. I cervi dalla coda bianca sono un'importante fonte di cibo per le linci rosse del nord in inverno quando le profondità della neve consentono una predazione più facile), rettili, anfibi, pesci.


Questa specie è opportunista e gli animali selvatici più abbondanti diventano i suoi alimenti di base. In tempi in cui il cibo scarseggia, si nutre anche di carogne. Come un gatto domestico, si insinua, si siede e poi corre di nuovo verso la preda. La lince rossa non è nota per lunghi e attivi inseguimenti, preferendo correre solo per brevi distanze. Gli occhi e le orecchie di una lince rossa sono le sue più grandi risorse. Colpisce e annusa sotto i tronchi per cacciare scoiattoli, topi e altre prede che potrebbero nascondersi lì. Non ha l'olfatto necessario per seguire una scia di profumo. RIPRODUZIONE: la stagione riproduttiva va dai primi di gennaio a marzo/aprile e probabilmente è monogama, ma il più delle volte è poligama. I maschi raggiungono la maturità sessuale all'età di due anni e le femmine all'età di uno. Una cucciolata di 1-5 piccoli nasce generalmente da marzo/aprile a maggio/giugno in crepacci, buchi nel terreno e alberi caduti. Se una femmina non è impregnata a fine inverno, può accoppiarsi e partorire una cucciolata da agosto a settembre. La femmina li difende con forza, anche contro il maschio fino a circa 2 mesi di età. Entrambi accudiscono i piccoli portando loro il cibo. DURATA DELLA VITA: 10-12 anni in libertà; 15-25 anni in cattività. CONSERVAZIONE: è classificata dalla IUCN a rischio minimo. La caccia conservativa ed il posizionamento stagionale di trappole sono monitorate e non compromettono la popolazione di lince rossa. L'obiettivo degli attuali sforzi di gestione del felino è la raccolta di dati biologici e di raccolta per monitorare e proteggere meglio le specie, nonché gli sforzi per identificare e conservare l'habitat di una lince rossa. Essa predilige una varietà di habitat, dalle foreste alle paludi alle regioni montuose.


Per migliorare la qualità di questo habitat, dovrebbe essere disponibile una gamma di tipi di copertura che includa le rocce, habitat ottimale per le specie di prede comuni e preferibilmente con specie di prima e seconda successione. L'accento è posto sulla fornitura di connessioni o corridoi tra aree di habitat principale con aree di alimentazione. Le aree boschive create di recente possono fornire un habitat eccellente, in quanto le popolazioni di prede aumentano con l'apertura della chioma forestale. Inoltre, la manutenzione e la conservazione di aree non sviluppate può essere anche un'utile pratica di gestione per le linci. E' relativamente sicura in Minnesota, dove la caccia è permessa in tardo autunno e primo inverno, mentre è vulnerabile nello Iowa.


LA LINCE ROSSA OCCIDENTALE


NOME SCIENTIFICO: lynx rufus fasciatus DIFFUSIONE: Stati Uniti occidentali (Oregon, Washington ad ovest della Catena delle Cascate e California nordorientale), Columbia Britannica sudoccidentale. Nel Maryland è poco comune. HABITAT: abita ai confini delle pianure e nelle zone boscose. Vive nelle foreste decidue di conifere. Vive in zone boscose anche in vicinanza dell'Oceano Pacifico. All'occorrenza frequenta le zone suburbane. Frequenta non raramente paludi, campi aperti, zone rocciose, prati ed aree agricole non intensamente coltivate, a patto che ci siano rifugi per nascondersi in caso di pericolo. TASSONOMIA: l'esemplare che vive in Columbia Britannica, ingannevolmente denominato gatto-tigre, è stato spesso considerato di una specie differente rispetto a lynx rufus, di cui tuttavia risulta essere una razza locale. Lynx rufus fasciatus fu dapprima denominato lynx fasciatus da C.S. Rafinesque per il fatto che gli arti sono attraversati trasversalmente da bande nere nella parte interna, da qui il termine fasciatus. CENNI STORICI: nel tardo Ottocento, la drammatica distruzione delle foreste in gran parte del Maryland ridusse la popolazione della lince rossa a livelli estremamente bassi. Come le foreste furono rigenerate, a partire dalla metà del Novecento, il numero incrementò di nuovo. Dal momento in cui i coloni europei giunsero nel Maryland, le persone hanno ripulito il paesaggio creando terreni coltivabili e facendo uso delle risorse forestali per l'industria del carbone e delle costruzioni navali e una varietà di altri usi. Il risultante paesaggio sgomberato non ha lasciato habitat favorevoli per molta fauna autoctona, tra cui la lince rossa. Madre Natura è resistente, tuttavia, e man mano che la foresta maturava e reagiva, anche molte specie si sono riprese.


DESCRIZIONE: è la sottospecie dalla taglia più grande, oltre che la più agile e feroce. Può saltare addirittura fino a 3 metri di altezza. La schiena è nera, i fianchi marrone-rossastri, irregolarmente variegati con piccole macchie color marrone scuro, in estate, mentre in inverno il manto è giallastro con toni grigiastri. La coda è quasi bianca, eccetto l'estremità, che è nera, attraversata da bande. Essa termina come se fosse stata amputata. Il ventre è bianco, bellamente variegato con piccole macchie nere. Gli arti sono dello stesso colore dei fianchi, con toni biancastri e attraversati da bande o macchie nere. La schiena è marcata trasversalmente da bande nere. Le orecchie sono nere esternamente, coperte da pelo fine e corto, eccetto il ciuffo nero sulle punte. Ha caratteristiche basette molto pelose che partono dalle orecchie fino ad arrivare ai lati delle guance. Nella zona orientale di Washington le popolazioni tendono ad avere un colore più chiaro rispetto a quelle della zona occidentale. Invece nell'Oregon, nella zona occidentale, le linci posseggono macchie più marcate rispetto a quelle della zona orientale. Il manto dell'animale è lungo e fine. Lunghezza: 60-122 cm + 12-15 cm di coda Peso: 6,3-18 kg RAPPORTO CON L'UOMO E ALTRI ANIMALI: scogliere rocciose, affioramenti e sporgenze sono importanti per le linci rosse per il riparo, l'allevamento dei cuccioli e i luoghi di riposo. Grandi pali o tronchi e alberi cavi vengono utilizzati nelle aree boschive. Trovare le linci in campi aperti, prati e aree agricole non è raro, a condizione che nelle vicinanze ci siano abbastanza aree per la copertura di fuga. A causa della loro natura elusiva e cautela nei confronti degli umani, raramente si vedono. Nelle aree occupate dall'uomo, in genere limitano la loro attività alle ore notturne. Nelle aree indisturbate, possono essere attive all'alba o al tramonto se la preda è attiva in quel momento. Tuttavia, possono essere attive in ​qualsiasi momento della giornata.


Le linci rosse viaggiano secondo schemi prevedibili lungo strade forestali, ferrovie e sentieri fatti da altri animali per spostarsi tra aree di sosta, fonti di cibo o aree di caccia. La prova della presenza di una lince può includere tracce di neve o fango, escrementi, aree di alimentazione e segni di artigli sui tronchi degli alberi. Sono attive per periodi da quattro a otto ore e quindi inattive da una a otto ore. Gli attacchi di attività sembrano più legati alle temperature che agli intervalli di luce e oscurità. In inverno, tendono ad evitare l'attività durante i periodi di basse temperature, ma in estate l'attività sembra iniziare quando le temperature cominciano a scendere. Le linci rosse raramente vocalizzano, anche se spesso urlano e sibilano durante la stagione degli amori, specialmente quando i maschi in competizione hanno intenzioni verso la stessa femmina ricettiva. Tali gemiti sono stati paragonati a un bambino che piange, all'urlo di una donna e allo stridio di qualcuno che ha un dolore terribile. Le linci rosse non sono spesso responsabili dell'uccisione di animali domestici, ma occasionalmente sono responsabili di perdite di pollame, agnelli, caprette, maiali e gatti domestici. Una volta che una lince provoca danni per la prima volta, diventa più facile per l'animale farlo di nuovo. Nemici naturali: coyote, puma, lupo grigio, orso nero americano, gufo tigre, aquila (tra cui l'aquila dorata), volpe. ALIMENTAZIONE: si nutre principalmente di conigli e lepri, ma anche di roditori (marmotte, scoiattoli, topi, arvicole), uccelli, pipistrelli e cervi adulti, ma anche esemplari di cervi malati o giovani. Preda, all'occorrenza, anche gli animali domestici, come agnelli, piccole capre, maiali, pollame e gatti. Si nutre occasionalmente anche di carcasse di grandi mammiferi. Come il puma, la lince rossa ha l'abitudine di coprire i resti delle carcasse e tornare a nutrirsene più tardi.


RIPRODUZIONE: si riproduce tra gennaio e maggio. Dopo un periodo di gestazione di 60-62 giorni, nascono da due a tre cuccioli, che possono però, più raramente, andare da uno a sette. I cuccioli stanno con la femmina per un anno o due. Le femmine hanno diverse tane nel loro territorio, con una tana principale e diverse tane ausiliarie da utilizzare per il ricovero temporaneo. Non le costruiscono, ma usano invece ricoveri già esistenti, comprese strutture umane abbandonate come vecchie cabine o capannoni. I maschi non aiutano ad allevare i piccoli. DURATA DELLA VITA: 12 anni in libertà; 25 anni in cattività. CONSERVAZIONE: è classificata dalla IUCN a rischio minimo. In California è a rischio a causa del massiccio uso di rodenticidi. Sono state suggerite misure alternative di controllo dei roditori come il controllo della vegetazione e l'uso di trappole per alleviare questo problema.


LA LINCE ROSSA MESSICANA


NOME SCIENTIFICO: lynx rufus escuinapae DIFFUSIONE: Messico. E' trovata più comunemente negli Stati di Sinaloa e Nayarit (Sonora, Jalisco, Durango, San Luis Potosí, Nuevo León, Hidalgo, Morelos, Puebla, Tlaxcala, Tamaulipas, Michoacán, Guerrero, Veracruz e Oaxaca) ma principalmente nello Stato di Bassa California, nel Messico occidentale. E' noto il suo vagare attraverso la Sierra Madre Occidentale e la Sierra Madre Orientale. Può essere trovata anche negli Stati Uniti meridionali (come nel Texas del sud). HABITAT: occupa una varietà di aree, incluse foreste boreali e miste di conifere, paludi costiere, zone montane, deserti e macchie. TASSONOMIA: il suo sinonimo è lynx rufus oaxacensis. Negli anni Ottanta/Novanta fu classificata come felis rufus escuinapae da J.A. Allen. E' incerto se sia o meno una sottospecie valida ed il suo stato rimane sotto esame. D'altra parte, alcuni studiosi ipotizzano che la lince rossa messicana potrebbe non essere una sottospecie separata, come sostenne Lawrence G. Kline che aprì una petizione per fare in modo che fosse cancellata dalla lista delle specie a rischio. In supporto alla sua petizione, affermò che non vi erano differenze tassonomiche tra le popolazioni di lince degli Stati Uniti e del Messico e che queste ultime non rappresentavano una “discreta popolazione separata da quella delle linci degli USA”. Perciò nel 1992 fu catalogata non più nell'Appendice I della CITES ma nell'Appendice II. Quando fu classificata come sottospecie non venivano utilizzate le analisi del DNA per distinguere le specie e le sottospecie. Inoltre, lo stesso Allen, nel 1903, affermò che le sottospecie furono descritte sulla base di due individui maschili immaturi sulla base del colore e delle differenze craniali.


In aggiunta, il “range” geografico della lince messicana si sovrappone con quello delle linci degli USA meridionali e il cranio è simile a quello delle linci californiane e texane. CENNI STORICI: seppur sia stata descritta nel 1930, la lince rossa messicana fu avvistata già nel 1500 quando i conquistadores approdarono in Messico. DESCRIZIONE: è la sottospecie più piccola e cresce fino a circa il doppio delle dimensioni di un gatto domestico. Inoltre, più il clima è freddo, maggiori sono le sue dimensioni. Il colore del mantello varia dal grigio chiaro al beige al marrone rossastro. Gli esemplari rossastri sono maggiormente presenti nelle aree desertiche mentre quelli più scuri nelle aree forestali. Il pelo è ricoperto in più punti da macchie nere o color marrone scuro in misura maggiore rispetto a quello della sottospecie settentrionale (sono anche più piccole) e il manto ha peli più corti e più densi rispetto al cugino. Questa sottospecie ha le distintive strisce nere di pelliccia sulle zampe anteriori e una punta più nera sulla coda rispetto alla lince settentrionale (con una parte bianca sotto la nera, mentre il cugino ha un colore nero uniforme) insieme a orecchie a punta nere e un muso baffuto. Un ciuffo di pelliccia incornicia la faccia dell'animale. Lunghezza: 91-122 cm totali Peso: 4-15 kg RAPPORTO CON L'UOMO E ALTRI ANIMALI: non è migratoria ed è territoriale. E' solitaria, intrepida, notturna e raramente può essere avvistata dagli umani. E' una buona nuotatrice ed arrampicatrice. Il territorio di un maschio può estendersi per alcuni km e sovrapporsi con diversi territori occupati da femmine e altri maschi. Il territorio di una femmina, invece, raramente si sovrappone a quello di un'altra femmina. E' solita riposare negli incavi degli alberi, nelle macchie, nelle tane nascoste o nelle fessure rocciose. Vive una competizione intraspecifica con altri grandi carnivori, come i coyote.


Nemici naturali: puma, coyote, lupo grigio, alligatore del Mississipi, coccodrillo americano, gufo tigre, aquila (tra cui l'aquila dorata), volpe. ALIMENTAZIONE: roditori (tra cui castori), conigli, lepri, pecari dal collare, uccelli, cervi, coati dal naso bianco, pipistrelli. Occasionalmente caccia pollame, serpenti, lucertole e scorpioni. E' una formidabile cacciatrice, paziente, veloce e precisa nell'inseguire e fare agguati alle proprie prede, oltre che predatrice opportunistica. Per uccidere le prede morde loro il collo. RIPRODUZIONE: l'accoppiamento avviene una volta l'anno, in qualsiasi periodo (maggiormente però nel tardo inverno) non essendo strettamente legato alla primavera. La femmina dà alla luce due-tre piccoli, che alleva da sola in una tana isolata senza l'aiuto del maschio, dopo una gestazione di 50-70 giorni, ma può partorire anche da uno a sei piccoli. Questi cominciano ad essere indipendenti dai sei a i nove mesi d'età. Il fatto di essere molto adattabile, per la lince, aumenta la sua capacità di riproduzione perché più in forma e quindi più adatta a produrre una percentuale più elevata di riproduzione riuscita. DURATA DELLA VITA: 12-13 anni. CONSERVAZIONE: è classificata dalla IUCN a rischio minimo. Le minacce moderne per la lince rossa messicana sono la distruzione dell'habitat, l'intrappolamento e lo sparo illegali (a causa del commercio di pellicce e l'eliminazione di animali con lo scopo di rendere l'ambiente più sicuro per gli uomini) e la militarizzazione del confine tra Stati Uniti e Messico. Sebbene le pellicce di lince rossa siano state trasportate illegalmente dal Messico negli Stati Uniti, non è stato condotto alcun censimento per mostrare quanti esemplari siano stati intrappolati, colpiti o avvelenati.


Più di 40000 esemplari sono stati uccisi illegalmente dal momento in cui è stata emanata la legge contro la loro caccia e migliaia sono ancora uccisi ogni anno. Molte linci si trovano negli zoo. Nessuno sa cosa questo significhi per il futuro della specie. E sebbene sia stata aggiunta dall'Endangered Species Act (ESA) all'elenco delle specie in via di estinzione degli Stati Uniti nel giugno 1976, nel 2003 sotto la pressione della National Trappers Association, è stato proposto un delisting all'Appendice II dall'amministrazione Bush (che potè rispondere solo allora alla proposta della NTA fatta nel 1996), un'azione che avrebbe legalizzato l'importazione di pellicce di linci rosse messicane negli Stati Uniti. Sempre nel 2003, il “Center for Biological Diversity” ha presentato per la prima volta commenti scientifici contro una petizione aperta per rimuovere le protezioni per questa lince e ciò ha contribuito a mantenere questa nell'elenco delle specie minacciate e in via di estinzione. Alcuni anni dopo, l' “U.S. Fish and Wildlife Service” (che l'aveva classificata in via d'estinzione) ha proposto ufficialmente, in una petizione, di eliminare la lince rossa messicana dalla lista ed il Center ha presentato ulteriori commenti scientifici in opposizione. “Defenders of Wildlife” si sono uniti con il “New Jersey Department of Environmental Protection Division of Fish and Wildlife” per tracciare e monitorare gli esemplari, in modo da preparare ed eseguire un programma di protezione. La lince rossa messicana è protetta anche dalla CITES, che originariamente la classificò in Appendice I, la quale riconosceva lo status di pericolo della sottospecie e poneva sotto restrizione il commercio delle sue pelli. Tutte le altre sottospecie vennero classificate in Appendice II, che permette il commercio internazionale, ma sotto stretto monitoraggio e con permessi richiesti.


FONTI: Wikipedia books.google.it – Guide to the Mammals of Pennsylvania books.google.it - Infectious Diseases of the Dog and Cat www.dgif.virginia.gov vtfishandwildlife.com www.nrri.umn.edu www.military.com www.nana.land felidae-g2n.jimdo.com books.google.it - History of the Expedition Under the Command of Lewis and Clark onda.org wdfw.wa.gov myodfw.com dnr.maryland.gov news.maryland.gov www.biologicaldiversity.org www.earthsendangered.com endangeredspeciesaroundtheworld1.weebly.com endangeredbobcat.weebly.com prezi.com sites.google.com - Endangered Species: Mexican Bobcat books.google.it - Bobcat: Master of Survival abesanimals.blogspot.com pictures-of-cats.org themexicanbobcat.blogspot.com www.tenan.vuurwerk.nl A cura di: Gregorio Paola, Micelli Danilo ( parte grafica ) Gennaio 2020

Profile for Paola Gregorio

LA LINCE ROSSA  

lynx rufus

LA LINCE ROSSA  

lynx rufus

Advertisement