2 minute read

Monaco, una storia di artisti

Il progetto di due pittori contemporanei monegaschi, Claude Rosticher (1936) e Gerard Pettiti (1967), ‘Monaco, una storia di artisti’ (‘Monaco, une histoire d’artistes’, ndr.) si è materializzato nel corso dell’anno 2018 in un laboratorio messo a loro disposizione dalla direzione monegasca degli Affari Culturali. Con il supporto di SOGEDA (società di gestione del copyright) e la sponsorizzazione privata di una collezionista, amica degli artisti, questo progetto - sotto l’egida dell’ambasciata di Monaco nella Federazione Russa - è diventato una mostra che la città di Mosca ospiterà presso il museo di Arte Moderna (MMOMA, Gogolevski Boulevard) dal 9 luglio all’11 agosto 2019, e che sarà poi presentato al museo regionale delle Belle Arti di Rostov dal 23 agosto al 22 settembre 2019, e infine al centro spirituale e culturale ortodosso russo di Parigi (quai Branly) dall’11 ottobre al 1° novembre 2019.

A sinistra, il direttore responsabile di Monaco Affari, Fabrizio Carbone, assieme al pittore Gérard Pettiti.

A questo riguardo, Gerard Pettiti ha affermato: “nella vita di un artista, dico spesso che il tempo non ha importanza: è una materia e uno strumento, come la gomma con cui si scrive più volentieri la Storia, come l’inchiostro e il sangue. Léo Ferré, a cui rendiamo omaggio con questa mostra, ha detto in una canzone: con il tempo, con il tempo, va, tutto va via ... Lui, il cantante-poeta; Armand Gatti, il drammaturgo; Albert Diato, il ceramista; Luis Molne, il litografo; Claude Rosticher e me medesimo, pittori: tanti figli di Monaco, tante storie singolari. Così, la cultura monegasca - autentica e vivace - ricade anche, a mio avviso, in questo paradosso: come ha fatto un Paese così piccolo, legato ai suoi Principi da oltre 700 anni, a produrre artisti tanto turbolenti?” Queste mostre perseguono due obiettivi: far conoscere al pubblico russo le opere di due pittori monegaschi e rendere omaggio, mediante una serie di documenti d’archivio, fotografie e video, a Léo Ferré, Armand Gatti, Luis Molne e Albert Diado – vale a dire le personalità artistiche del Principato che li hanno ispirati - contribuendo anche alla diffusione della cultura monegasca all’estero.

Alcune delle opere per le esposizioni

This story is from: