Issuu on Google+

EUROPEAN PATENT nr. BO2008A000493

BIOEDILIZIA risparmio energetico e qualità della vita


INDICE Perché la Bioedilizia ………………………………………………….

pag. 03

Un nuovo Biosistema costruttivo salva-energia incas93® …….

pag. 04

Bioedilizia ecocompatibile ………………………………….……….

pag. 06

Il pannello incas93® – modulo base ...…………………….……….

pag. 07

Particolare parete pannello incas93® ...………..………………….

pag. 07

Spaccato prospettico di villa incas93® ………………....…………

pag. 08

Biocolonica modello Firenze …….………………………………….

pag. 08

Colonica modello Europa ..………………………………………….

pag. 09

Villa modello Arch. Carlo Carbone – esterno ………..………….

pag. 09

Villa modello Arch. Carlo Carbone – interni ……..…..………….

pag. 10

Villa modello Le Corbusier – esterno / interno …..…..………….

pag. 11

Centro Scolastico Polifunzionale (FR) Arch. Gianni Cittadini …

pag. 12

Scheda tecnica della casa incas93® …………………..….………..

pag. 13

Caratteristiche struttura incas93® - classe “A”(Trasmittanza)…

pag. 14

Caratteristiche infissi classe “A” ……….………………………….

pag. 15

Raffronto isolanti (Sfasamento Termico) ….....…………………..

pag. 17

Linea BASIC ........................……………………………………….…… pag. 18 Classe A ..............................………..…………………………….……... pag. 19 Casa Passiva ......................………..…………………………………… pag. 20 Consumi a confronto .........………..………………………………..…. pag. 21 Un nuovo sistema costruttivo…...………………………………….... pag. 22 Caratteristiche struttura incas93® - classe “B”(Trasmittanza)…

pag. 24

Caratteristiche infissi classe “B” ……….………………………….

pag. 25

2


PERCHE' LA BIOEDILIZIA Costruire edifici dove la famiglia deve passare la maggior parte della propria vita è, in definitiva, un compito complesso e non può essere sottovalutato. Spesso non si tiene in alcun conto il benessere di chi dovrà poi abitarvi. Non va dimenticato che nel corso della vita ciascun individuo trascorre mediamente 80-90% del suo tempo in luoghi chiusi (casa, scuola, ufficio). Le attuali tecniche costruttive, in uso per la maggiore nei paesi più industrializzati, prediligono il cemento armato. Questa tecnica è ritenuta dannosa per la salute: come noto rilascia umidità; inoltre l'armatura metallica usata interrompe il campo elettrico naturale, creando il famoso effetto denominato “GABBIA DI FARADAY”, fenomeno che sembra all'origine di numerose malattie degenerative. La stessa OMS (Organizzazione Mondiale per la Sanità) ha rilevato come le cause principali dell'inquinamento “indoor”, sono ricondotte alle moderne tecniche di costruzione (allergeni indoor, Sindrome dell’Edificio Malato, espressioni del Disagio Somatizzato, ecc.) e in particolare vanno ricercate nelle emanazioni provenienti da materiali isolanti artificiali, come i rivestimenti sintetici di pareti e di soffitti. La Bioedilizia, al contrario, mette al centro della propria filosofia costruttiva l’individuo e il benessere abitativo di ciascun nucleo familiare, nel rispetto della qualità della vita dei suoi membri, in specie dei più piccoli, con grande attenzione per la salute e la salubrità degli ambienti. Primariamente garantisce la traspirabilità dell'edificio, alla ricerca dell'equilibrio con la natura, grazie all'utilizzo rigoroso di materiali naturali, non inquinanti, che si rigenerano in natura come il legno ed il sughero. La Bioedilizia, pur avendo radici molto antiche, è stata attualizzata attraverso l'impiego di tecnologie e materiali moderni. Per questo oggi è particolarmente fortunata: i materiali naturali utilizzati, sulla base di principi naturalistici, risultano anche efficacemente coibenti, traspiranti e, nel caso del connubio sughero/legno, regolatori di umidità. Di conseguenza le nuove leggi che obbligano a costruire con molta attenzione ai risparmi energetici, favoriscono enormemente questa corrente di filosofia costruttiva. Tutti sappiamo che il riscaldamento della terra ha origini dall'inquinamento causato dal consumo energetico. Gli edifici sono responsabili al 40% del consumo energetico globale. Il Gruppo imprenditoriale toscano che ha sviluppato con genialità, maestria e cura artigianale il sistema costruttivo “incas93®”, grazie anche all’esperienza maturata in Francia nel corso degli ultimi anni, intende dare il suo contributo attivo all’attenuazione del problema.

3


UN NUOVO SISTEMA COSTRUTTIVO “BIO e SALVA ENERGIA”:

incas93®

Incas93® è un nuovo sistema costruttivo che, di base, prevede l'uso di pannelli, costituiti da legno lamellare nella parte esterna e aventi all'interno un nuovo materiale naturale “salva energia”, composto da uno speciale agglomerato di sughero; il lamellare e il sughero vengono accoppiati a sandwich per formare il “biopannello”. Il sughero agglomerato risulta un pannello altamente isolante, ricavato dal cuore della corteccia della quercia da sughero. Tale corteccia, una volta estratta, non danneggia la pianta che si rigenera naturalmente. Il sughero risulta imputrescibile, ininfiammabile e idrorepellente. La sua durata è estrema nel tempo, come dimostrano le anfore greco-romane ritrovate col tappo di sughero intatto, capaci di aver conservato dopo secoli il loro contenuto. Il sughero ha un indice di conduttività termica pari a 0,040 W/m2K e consente al biosandwich incas93® di raggiungere un tempo di “sfasatura termica” di oltre 15 ore. I pannelli “sandwich” che compongono le pareti dell'edificio vengono montati sovrapposti in orizzontale con l'incastro tipico del “blockhaus”. Inoltre sono ancorati ai pilastri strutturali verticali, con un innovativo sistema di incastro, che fa parte del brevetto. Incas93®, in ultima analisi, non è altro che una notevole evoluzione dell'antichissimo sistema da costruzione che utilizzava direttamente i tronchi d'albero, attualizzato alle esigenze e alle sensibilità ecologiche del terzo millennio. La particolare composizione del “biosandwich salva energia”, ha un forte potere coibente a rilascio lento. Il pannello, permette all'edificio di ridurre i consumi per il riscaldamento e il condizionamento di oltre l'80-90%, rispetto alle tecniche costruttive tradizionali in muratura. Al riguardo basti semplicemente considerare che il cemento ha un indice di conduttività termica pari a 1,40 contro lo 0,040 del pannello agglomerato di sughero di incas93®. 4


Il sistema prevede l'utilizzo del “legno lamellare” nelle parti esterne vista: un particolare tipo di legname che risulta un inerte industriale trattato a difesa di agenti deterioranti e così reso imputrescibile. Costituito da una serie di liste o lame di pino o abete, unite fra loro a “controfibra”, con collanti atossici e bio. Con questo particolare incollaggio si crea una tensione di forze opposte naturalmente, tali da annullarne completamente il movimento nel tempo. Il “lamellare” forma così una struttura molto robusta e completamente ferma, con garanzie di enorme durata nel tempo, nell’ordine delle centinaia di anni. Per questo possiamo facilmente trattare l'edificio con tutte le tecniche a vista possibili: si può scegliere anche un risultato estetico tradizionale, con intonaco autoportante con “bio-calce traspirante”, soluzione che ci permette di proporsi con più facilità. Il risultato finale, sia per solidità che per estetica, potrà essere identico a quello di una casa tradizionale in muratura, anzi molto più consistente, rispetto alle attuali soluzioni con laterizi a “foratoni”. Le caratteristiche tecniche del sistema costruttivo incas93® riguardano la forte resistenza ai carichi da neve, al vento e all’azione del fuoco. Da considerare, infine, la superiore resistenza sismica dell'edificio, dovuta al semplice fatto che, la struttura, composta da fibre naturali, sottoposta a sollecitazioni anche devastanti si flette ma non si rompe. Dal punto di vista progettuale va sottolineato che il “biosandwich” risulta talmente poliedrico, che permette di realizzare qualsiasi tipo di FORMA con grande libertà di soluzioni senza limitazioni compositive per i progettisti e i costruttori. Tutti i progetti che utilizzeranno questo sistema potranno godere della certificazione “Bio” e, dal punto di vista energetico, della classificazione “A” o addirittura “passiva”. Dal gennaio 2010 abbiamo inserito la tipologia incas93.311 che risponde alle esigenze minime di legge per concessioni edilizie ritirate a partire dal gennaio 2010, meno performante ma più economica della classe A. (vedi pag. 21) Si evidenzia inoltre, che le produzioni di legname da noi poi utilizzato, hanno sede in nazioni tradizionalmente ecologiste, quali ad esempio l’Austria, la Norvegia e la Svezia, dove i pini o gli abeti, utilizzati per queste produzioni, provengono da pianificazioni forestali con taglio a ricrescita programmata, ne consegue che il danno di deforestazione è inesistente.

5


BIOEDILIZIA ECOCOMPATIBILE Incas93® ha come obiettivo la costruzione di edifici sfruttando i principi e le tecniche della “Bioedilizia Ecocompatibile” di ultima generazione. Esso vale, sia per le nuove unità abitative, ma anche per le ristrutturazioni, gli ampliamenti e le sopraelevazioni (tetti ventilati per i palazzi dei centri storici, pareti traspiranti per interventi “a cappotto traspirante” per vecchie case in muratura, ecc.). Viene utilizzata una nuova tecnica costruttiva brevettata, denominata, appunto, incas93®, che permette di produrre in fabbrica i kit per una serie di edifici formati da pannelli modulari ad incastro, i quali vengono poi montati nei siti con facile intuitività. Lo stesso dicasi per i tetti quando si vuole un prodotto atto a far ottenere un buon salto di qualità nella classificazione energetica nelle case solo in parte ristrutturabili (centri storici, edifici sottosti a vincoli, ecc.). Il concetto di base è quello di aumentare le lavorazioni in stabilimento per ridurre al minimo le operazioni di cantiere essendo molto più impegnative, lunghe e costose. Questo avviene grazie ad una progettazione molto dettagliata che consente di tenere sotto controllo tutti i costi, riducendo al minimo gli imprevisti. Grazie a questo si evitano le spiacevoli sorprese di sovracosti tipiche delle opere edili tradizionali in muratura. La professionalità ultragenerazionale dei maestri artigiani che producono il biopannello incas93® fa poi la forte differenza per garantire la qualità finale. Il sistema, altamente innovativo, è stato ingegnerizzato e ottimizzato dopo anni di sperimentazioni. Un'altra innovazione è data dai particolari “sistemi di cablaggio” inseriti nell'apposito passaggio sistemato nell'intermedio del biosandwich, eseguibili con sorprendente facilità da un sottopavimento ispezionabile. Ciò permette di intervenire con spostamenti o aggiunte di nuovi impianti per tutta la casa, anche nel tempo, con velocità sorprendente, evitando cavi a vista e senza arrecar danno alcuno alla costruzione*. *(In tutte le costruzioni tradizionali in muratura e prefabbricati scatolati o con legno massello, bisogna

spaccare le pareti per inserire i nuovi cablaggi).

6


Il Biopannello

La Bioparete 7


Villa BIOBUILDING standard

Modello FIRENZE 8


Villa modello Europa

Villa modello CC1 Arch. Carlo Carbone - esterno

9


Villa modello CC1 Arch. Carlo Carbone – salone interno

Villa modello CC1 Arch. Carlo Carbone – piscina interna 10


Villa modello Le Corbusier – esterno

Villa modello Le Corbusier – salone interno 11


Arch. Gianni Cittadini – Centro Scolastico Polifunzionale (Francia)

12


lignaconsult Lignaconsult gmbh · srl Tel. +39 0471 058040 Negrellistraße 13/C Via Negrelli Fax +39 0471 058041 39100 Bozen/Bolzano · Italy info@lignaconsult.com Bolzano, 07.08.2008 Dott. Ing. Thomas Schrentewein DATI TECNICI : Rif. modello FIRENZE Sistema costruttivo incas93® (Normativa di riferimento: Eurocodici)

Resistenza sismica Accelerazione orizzontale massima attesa: = 0,35 g Categoria di sottosuolo = C (Depositi di terreni a grana grossa mediamente addensati o terreni a grana fina mediamente consistenti) Fattore di struttura q0 = 3 (In Italia equivale alla Zona sismica 1, ad esempio Comune di Conza in Irpinia, Comune di Messina, Comune di Gemona del Friuli)

Carichi da neve Valore caratteristico del carico neve al suolo: sk = 5,20 kN/m² (520 kg/m²) (In Italia equivale alla Zona di carico da neve 1, nello specifico Comune di Aosta a quota 1200m s.l.m.)

Azione del vento Velocità di riferimento: vb = 30 m/s (In Italia equivale alla Zona 8, nello specifico Comune di Trieste fino ad una quota ≤1500m s.l.m.)

Resistenza al fuoco Capacità portante delle strutture di legno: R 60 (attitudine degli elementi da costruzione a conservare la resistenza meccanica sotto l'azione del fuoco per un tempo minimo pari a 60 minuti)

13


CLASSE “A” Caratteristiche della struttura incas93® Valori U (W/m2 K) Dai valori della trasmittanza "U", si evince il perchè al nostro metodo costruttivo non serve assolutamente il “cappotto” esterno, ma il nostro intonaco in biocalce ha solo valore estetico. parete esterna (cm 16 sughero)

U = 0,193 W/m2K

tetto (cm 24 sughero)

U = 0,156 W/m2K

solaio a suolo (cm 12 sughero)

U = 0,267 W/m2K

infisso (telaio + vetro)

U = 1,2 W/m2K

portone ingresso

U = 1,5 W/m2K

U W mq K

trasmittanza Watt metri quadri gradi Kelvin

Con le caratteristiche del sistema incas93® come sopra riportate è possibile* ottenere la CLASSIFICAZIONE ENERGETICA “A” ITALIA. Il fabbisogno energetico della CLASSIFICAZIONE “A” risulta inferiore a 30 kWh/m2a. (Corrispondenti al consumo di circa 3 litri di gasolio, oppure 3 m3 di gas, per ogni m2 dell'edificio all'anno.) *Per ottenere la classificazione “A” ITALIA, oltre alla tecnologia e la fisica dei materiali da costruzione utilizzati sono assolutamente rilevanti la compattezza nell'insieme del progetto e soprattutto l'orientamento dell'edificio.

14


INFISSI CLASSE A Certificazioni e caratteristiche prestazionali Sistema di produzione certificato e gestito secondo le norme UNI per la tenuta all'acqua, all'aria e al vento. Vetrazione 33.1+12+4+12+33.1 basso emissiva con aria. Trasmittanza termica (infisso+vetro) 1,2 W/m2°K. Isolamento acustico serramento Rw = 37 dB. Finestre e portefinestre pedonali per esterno realizzate in legno lamellare. Telaio fisso di sezione 68 x 80 mm per quattro lati perimetrali con grondalino inferiore in alluminio anodizzato per favorire lo scolo delle acque meteoriche, ovvero, per porte pedonali, con soglia a pavimento in alluminio anodizzato. Anta apribile di sezione 78 x 77 mm giuntata mediante tenoni e mortasa ovvero a mezzo di spine di legno con incollaggio eseguito con prodotti bi componenti aceto vinilici in dispersione acquosa Ferramenta per la movimentazione e la chiusura delle ante, realizzata in acciaio e zinco pressofuso con successivo trattamento di zincatura. Cerniere di movimentazione del tipo regolabile sui tre assi e maniglia in alluminio anodizzato nelle colorazioni oro, bronzo o cromo satinata Guarnizione doppia ad incastro per l’isolamento termoacustico, realizzata in elastomero termoplastico (EPDM) e guarnizione interna di tipo schiumato coestrusa con schiena rigida. Verniciatura realizzata mediante l’applicazione di prodotti vernicianti all’acqua e finitura totalizzata. Vetrocamera con caratteristiche termiche conformi a quanto disposto dal D.Lgs. 311/06 e successive modifiche. Trasmittanza termica unitaria del vetrocamera (Ug) dovrà essere minore o uguale di 0.9 W/m2 °K

15


INFISSO TIPO - CLASSE A

16


RAFFRONTO FRA DIVERSI ISOLANTI

PRODOTTI

incas93® classe A SUGHERO

SPESSORE

DENSITA’

cm

Kg/m3

CAPACITA’ TERMICA J/kgK

28

SFASAMENTO hh 15,2

16

110

2100

18

160

2100

18

45

1940

8,7

18

30

1550

7,4

LANA DI PECORA

18

25

1300

7,0

LANA DI ROCCIA

18

40

1000

6,7

18

20

1500

6,3

18

20

1000

5,9

FIBRA DI LEGNO CELLULOSA LINO

POLISTIRENE LANA MINERALE

17

8,9 15,1


La linea „BASIC“ di BIOBUILDING La linea “Basic”, che può essere eseguita con la tecnica costruttiva a "BlockHaus" oppure a "Poteau-Poutre", è la linea di abitazioni costruite con le tecniche anteriori all’ingresso nel mercato della innovativa tecnica costruttiva basata sul brevetto incas93®. Queste tecniche costruttive sono tuttora le più diffuse nel mercato e restano le uniche usate attualmente da tutti i costruttori di case in legno massello. Buiobuilding può fornire abitazioni di queste tipologie ove l’utente sia interessato ad avere bassi costi costruttivi e non sia interessato ad avere le certificazioni in classe energetica “A” o “passiva”.

Gli elementi in legno massello, bilama o trilama, formano le travi orizzontali che si incastrano per sovrapposizione, innalzandosi a formare le pareti della casa. E' la sensazione di vivere avvolti nella natura grazie al fascino del legno massello, con la più antica tecnica di costruzione.

18


Classe A <30 Kwh/m2a E' una vera e propria certificazione rilasciata da un tecnico abilitato, assieme alla quale viene consegnata anche una speciale targa da applicare all'edificio, che con chiarezza ne fa capire il consumo. L'Italia ha scelto una nomenclatura con l'utilizzo di lettere alfabetiche per garantire una lettura facile ed immediata. Un'edificio riceve la classificazione A quando il consumo per il riscaldamento non supera i 30 kWh al metroquadro per il periodo di un anno (kWh/m2a). Segue l'illustrazione dei dati di conduttivitĂ  termica per lâ&#x20AC;&#x2122;involucro in Classe A di incas93ÂŽ. Gli indici di isolamento termico sono suddivisi per i vari componenti dell'abitazione, che risultano entro gli standard previsti per la classificazione energetica A Italia.

Classe A

Agglomerato Valore U di sughero

Parete esterna

16 cm

Descrizione

0,196 W/m2K

cm 6 abete; cm 16 agglomerato di sughero; cm 6 abete.

Tetto

24 cm

0,156 W/m2K

cm 1 abete; cm 2 OSB; cm 24 agglomerato di sughero; telo traspirante, cm 4+4 ventilazione.

Solaio a suolo

12 cm

0,267 W/m2K

Pavimento; cm 2 OSB; cm 12 agglomerato di sughero; cm 2 OSB; aria ferma; iglu.

Infisso-Vetro Ug

1,0 W/m2K

Infisso-Telaio Uf

1,3 W/m2K

Portone ingresso

1,5 W/m2K

Impianto di ventilazione con recupero di calore di almeno 75% Tenuta all'aria dell'edificio di n 50 <= 1,0 Ponti termici

19

HT 3%


CASA PASSIVA <15 Kwh/m2a L'etichetta CASA PASSIVA si distingue rispetto alla classificazione energetica alfabetica. E’ frutto di un lungo lavoro di ricerca e di analisi che ebbe inizio negli anni '80 in Germania. L'etichetta è stata inserita grazie a Wolfgang Feist, direttore del Passiv Haus Institutes di Darmstadt. Un edificio può essere chiamato passivo se il consumo per il riscaldamento non supera i 15 kWh al metroquadro per il periodo di 1 anno (kWh/m2a). Trattasi di un consumo ben 8 volte più basso rispetto a quello in media utilizzato per le costruzioni tradizionali in muratura. L'edificio passivo segue uno standard utilizzato come riferimento unico in tutto il mondo. Tale scelta non è casuale e permette di mettere a confronto ed analizzare costruzioni realizzate in U.S.A., Germania, Austria, Svizzera etc. Finalizzando su un'unico obiettivo, per poter condividere sviluppi costruttivi in continua evoluzione su scala internazionale. Dati di conduttività termica per l'involucro di incas93®. Segue l'illustrazione che fa capire gli indici di isolamento termico utilizzati per i vari componenti dell'abitazione, risultanti entro gli standard previsti per ottenere l'etichetta di CASA PASSIVA. CASA PASSIVA

Agglomerato Valore U di sughero

Parete esterna

24 cm

0,141 W/m2K

Tetto

30 cm

cm 1 abete; cm 2 OSB; 0,126 W/m2K cm 30 agglomerato di sughero; telo traspirante, cm 4+4 ventilazione.

Solaio a suolo

18 cm

Pavimento; cm 2 OSB; 0,191 W/m2K cm 18 agglomerato di sughero; cm 2 OSB; aria ferma; iglu.

Infisso-Vetro Ug

0,6 W/m2K

Infisso-Telaio Uf

0,9 W/m2K

Portone ingresso

0,8 W/m2K

Descrizione cm 6 abete; cm 24 agglomerato di sughero; cm 6 abete.

Impianto di ventilazione con recupero di calore di almeno 85% Tenuta all'aria dell'edificio di n 50 <= 0,6 Assenza di ponti termici

20

HT 0%


CONSUMI E COSTI PER IL RISCALDAMENTO CONVENZIONALE A CONFRONTO DIRETTO ESEMPI PER UNA CASA DI 100 m2 IN 1 ANNO

Prezzi comprensivi di IVA da media nazionale ITALIA aggiornati a Dicembre 2008 1 m3 di gas metano 0,94 € 1litro di GPL 1,06 € 1 litro di Gasolio 1,08 € 1 kWh di energia elettrica 1,6 €

MURATURA STANDARD

BASIC BLOCK HAUS

CLASSE A - incas93®

CASA PASSIVA - incas93®

UNITA' CONSUMO SPESA

UNITA' CONSUMO SPESA

UNITA' CONSUMO SPESA

UNITA' CONSUMO SPESA

3

Gas M. 1.600 m

1.504 €

Gas M. 1.200 m

1.128 €

Gas M. 300 m

282 €

Gas M. 150 m3

141 €

GPL

1.600 litri

1.696 €

GPL

1.200 litri

1.272 €

GPL

300 litri

318 €

GPL

150 litri

159 €

Gasolio 1.600 litri

1.728 €

Gasolio 1.200 litri

1.296 €

Gasolio 300 litri

324 €

Gasolio 150 litri

162 €

Energia 3.000 kWh elettrica

480 €

Energia 1.500 kWh elettrica

240 €

Energia 16.000 kWh 2.560 € elettrica

3

Energia 12.000 kWh 1.920 € elettrica

21

3


BIOBUILDING e la Bioedilizia

L’esigenza di tutela dell’ambiente trova oggi convergenza nella BioEdilizia, in virtù dell’ ecosostenibilità dei materiali scelti e delle materie prime utilizzate, in quanto provenienti direttamente dalla natura stessa o lavorati secondo le esigenze, con un bassissimo impatto ambientale. La Bioedilizia, pur avendo radici molto antiche, è stata attualizzata attraverso l'impiego di tecnologie e materiali moderni. BIOBUILDING si è fatta interprete di queste nuove tendenze mettendo al centro della propria filosofia costruttiva l’individuo e il benessere abitativo di ciascun nucleo familiare con grande attenzione per la salute degli ambienti e della qualità della vita.

Un nuovo sistema costruttivo : Incas93®

Incas93® è un nuovo sistema costruttivo che, di base, prevede l'uso di pannelli, costituiti da legno lamellare nella parte esterna e aventi all'interno un nuovo materiale naturale “salva energia”, composto da uno speciale agglomerato di sughero naturale; il lamellare e il sughero vengono accoppiati a sandwich per formare il “biopannello”. Il sughero agglomerato risulta un pannello altamente isolante e regolatore di umidità, ricavato dal cuore della corteccia della quercia da sughero. Tale corteccia, una volta estratta, non danneggia la pianta che si rigenera naturalmente. Il sughero si dimostra assai versatile e indicato per gli usi del caso: esso risulta infatti imputrescibile, ininfiammabile, idrorepellente, anallergico, atossico e biologicamente puro . La sua durata è estrema nel tempo, come dimostrano le anfore greco-romane ritrovate col tappo di sughero intatto, capaci di aver conservato dopo secoli il loro contenuto. Incas93® è un brevetto distribuito da BIOBUILDING.

  Modello Orentano Incas93® DL311 Con la legge 311 del 2006 sulla   efficienza energetica in edilizia si ribadisce il concetto che all'atto del   rogito immobiliare deve essere   consegnata la certificazione energetica della abitazione e dei suoi   componenti. La responsabilità di tale   documento è del progettista. La 311 è entrata in vigore il 2/1/2007.   Adeguandosi alle nuove normative   italiane con requisiti minimi previsti   DL 311 Italiano in vigore per dal concessioni edilizie ritirate dal 1   gennaio 2010 BIOBUILDING ha già   realizzazione pilota sul modello una Orentano che risponde alle esigenze di   chi vuole una costruzione sana e   robusta con un costo più contenuto (comparabile al costo della muratura   tradizionale) rispetto alla classe A italiana. Questa tipologia di costruzione in Incas93® sposa in pieno anche le nuove norme per il mercato francese avendo un fabbisogno energetico < a 50 kwh/mq anno quindi rispettando la classificazione energetica A francese con un costo più contenuto.

Modello Orentano realizzato con tecnologia INCAS93 DL 311

22


Il Bio-Intonaco

BIOBUILDING è anche Bio-Intonaco. Il Bio-Intonaco applicato su edifici realizzati da BIOBUILDING e' autoportante e traspirante e lascia "vivere" Il pannello Incas93®, che rende le mura della casa finalmente libere di respirare migliorando contemporaneamente la qualità dell'aria interna e la salute delle persone lasciando che il sughero ed il legno di Incas93® svolgano la loro funzione di regolazione dell'umidità' della casa , riuscendo così a migliorare l'intonaco tradizionale "a cappotto" utilizzato per le case "a telaio" o l'intonaco delle tradizionali case in muratura.

 

    Il Risparmio energetico

Il pannello Incas93®, permette all'edificio di ridurre i consumi per il riscaldamento e il condizionamento di oltre l'8090%, rispetto alle tecniche costruttive tradizionali in muratura. Al riguardo basti semplicemente considerare che il cemento ha un indice di conduttività termica pari a 1,4 contro lo 0,04 del pannello agglomerato di sughero di incas93®.

23


CLASSE “B”(Dlgs 311-2010) Caratteristiche della struttura incas93® Valori U (W/m2 K) Dai valori della trasmittanza "U", si evince il perchè al nostro metodo costruttivo non serve assolutamente il “cappotto” esterno, ma il nostro intonaco in biocalce ha solo valore estetico. parete esterna (cm 12 sughero)

U = 0,26 W/mqK

tetto (cm 15 sughero)

U = 0,27 W/mqK

solaio a suolo (cm 10 sughero)

U = 0,34 W/mqK

infisso (telaio + vetro)

U = 1,5 W/mqK

portone ingresso

U = 1,5 W/mqK

U W mq K

trasmittanza Watt metri quadri gradi Kelvin

Con le caratteristiche del sistema incas93® come sopra riportate è possibile* ottenere la CLASSIFICAZIONE ENERGETICA “B” ITALIA. Il fabbisogno energetico della CLASSIFICAZIONE “B” risulta inferiore a 50 kWh/m2a. (Corrispondenti al consumo di circa 5 litri di gasolio, oppure 5 m3 di gas, per ogni m2 dell'edificio all’anno.) *Per ottenere la classificazione “B” ITALIA, oltre alla tecnologia e la fisica dei materiali da costruzione utilizzati sono assolutamente rilevanti la compattezza nell'insieme del progetto e soprattutto l'orientamento dell'edificio.

24


INFISSI CLASSE B (Dlgs 311-2010) Certificazioni e caratteristiche prestazionali Sistema di produzione certificato e gestito secondo le norme UNI per la tenuta all'acqua, all'aria e al vento. Vetrazione 33.1+15+33.1 basso emissiva con aria. Trasmittanza termica (infisso+vetro) 1,5 W/m2°K. Isolamento acustico serramento Rw = 37 dB. Finestre e portefinestre pedonali per esterno realizzate in legno lamellare. Telaio fisso di sezione 68 x 80 mm per quattro lati perimetrali con grondalino inferiore in alluminio anodizzato per favorire lo scolo delle acque meteoriche, ovvero, per porte pedonali, con soglia a pavimento in alluminio anodizzato. Anta apribile di sezione 68 x 77 mm giuntata mediante tenoni e mortasa ovvero a mezzo di spine di legno con incollaggio eseguito con prodotti bi componenti aceto vinilici in dispersione acquosa Ferramenta per la movimentazione e la chiusura delle ante, realizzata in acciaio e zinco pressofuso con successivo trattamento di zincatura. Cerniere di movimentazione del tipo regolabile sui tre assi e maniglia in alluminio anodizzato nelle colorazioni oro, bronzo o cromo satinata Guarnizione doppia ad incastro per l’isolamento termoacustico, realizzata in elastomero termoplastico (EPDM) e guarnizione interna di tipo schiumato coestrusa con schiena rigida. Verniciatura realizzata mediante l’applicazione di prodotti vernicianti all’acqua e finitura totalizzata. Vetrocamera con caratteristiche termiche conformi a quanto disposto dal D.Lgs. 311/06 e successive modifiche. Trasmittanza termica unitaria del vetrocamera (Ug) dovrà essere minore o uguale di 1.4 W/m2 °K

25


INFISSO TIPO - CLASSE B

26


website:   

www.incas93.it

info:   

ª +39.338.6429099 (on parle francaise)   ª (on parle francaise)  (we speak english)   +39.0571.581863       +39.0571.580822

 

 

  mail:   

info@incas93.it

Distribuito da:   

BIOBUILDING ENGINEERING s.r.l.   

Sede Legale :  Via Pratese, 201 – 50145 FIRENZE   

Ufficio Tecnico :  Via Prov.le San Zio, 26 – 50050 CERRETO GUIDI (FI)   

C.F. / P.IVA :  05959960484  

27


Incas93 Nuovo Bio Sistema Costruttivo Biobuilding