Issuu on Google+

NINNÌ CAMPOREALE

PINO AMATO

ANTONIO DE ROBERTIS

PAOLA NATALICCHIO

BEPI MARALFA

GIANNI PORTA

che sindaco per MOLFETTA?

MMINISTRATIVE 2013 SPECIALE ELEZIONI A


2

SPECIALE ELEZIONI 2013

“Cara Molfetta, mi impegno... - a formare una Giunta composta da Assessori di alto profilo morale ed elevate qualità professionali; -a ridurre il numero degli Assessori al fine di risparmiare denaro pubblico da destinare soprattutto al Sociale; -a ricevere in prima persona i cittadini che ne facciano richiesta, almeno due volte al mese, percorrendo a piedi le strade della Città; -a celebrare i Consigli dell’Assise comunale in streaming; -a istituire un ufficio distaccato del Comune per la Zona Industriale ed Artigianale che si occupi esclusivamente dei finanziamenti pubblici (regionali o europei) e dello snellimento della burocrazia; -a istituire tavoli di concertazione per la definitiva risoluzione del problema del Commercio cittadino concorrere per Molfetta all’Istituzione del Gruppo di Azione per l’Agricoltura e la Marineria; -a lottare affinché, in ogni ambito, ai lavoratori molfettesi venga accordata prevalenza rispetto ai non residenti; -a valorizzare la Cultura in tutte le sue forme associative (musica, arte, spettacolo); -a realizzare una Città pulita anche con la raccolta differenziata e porta a porta dei rifiuti urbani; -a rendere vivibili gli spazi comuni, Lungomare, Spiagge, Parchi, Strutture sportive anche attraverso la pedonalizzazione di alcune aree urbane ed il potenziamento dei Trasporti pubblici; -a rafforzare i sistemi di Sicurezza sul territorio, potenziando le Forze dell’Ordine e creando un sistema di interazione fra le stesse e la Vigilanza Privata; -a istituire un rigoroso sistema di controllo degli Appalti pubblici; -a strutturare il Settore del Bilancio del Comune affidandolo a tecnici di alto profilo morale e professionale; -a controllare personalmente l’attribuzione degli incarichi esterni e delle consulenze, pattuendo preventivamente gli onorari con i professionisti incaricati; -a rendere noti periodicamente i risultati dell’azione amministrativa attraverso una agenzia di stampa e comunicazione.

Bepi Maralfa

è candidato Sindaco per Molfetta! elezioni amministrative 26 / 27 maggio 2013

Bepi

Maralfa SINDACO

LINEA DIRITTA movimento indipendente


3

SPECIALE ELEZIONI 2013

Molfetta torna al voto: ne vedremo delle belle? Ideato e realizzato da Studio 360 snc Stampa Sedit – Servizi Editoriali Direttore Amministrativo Salvatore Altomare Direttore Commerciale Nicolò Lucivero Direttore Creativo Maurizio Altomare Concessionaria esclusiva pubblicità Studio 360 snc Partner Molfettalive.it Editore e direttore responsabile Scena Set – Francesco Verdesca Redazione Corso Dante, 27 – Molfetta Il Biancorosso n.16 del 15.05.2013 Distribuito gratuitamente Registrato presso il Tribunale di Trani al n. 219 il 07/09/1987

La domanda è più che lecita e non è certo detto che per conoscere la risposta basti attendere il 27 maggio. L’appuntamento con le urne fissato per fine mese potrebbe decretare la vittoria al primo turno di uno dei sei candidati alla carica di primo cittadino oppure potrà essere una tappa prima dello scontro frontale tra i due più suffragati nel caso sia necessario ricorrere al ballottaggio del 9 e 10 giugno. Nel frattempo la città si prepara al voto. Tra incontri, comizi, manifesti elettorali e piazze virtuali la macchina della politica attiva viaggia con il motore al massimo dei giri. A sfidarsi per indossare la fascia tricolore saranno in sei: in rigoroso ordine alfabetico, Pino Amato a capo di una coalizione di centro composta da UdC e Popolari per Molfetta, Ninnì Camporeale per il centrodestra sostenuto da PdL, Siamo Molfetta, Molfetta Futura, Movimento Schittulli e La Destra, Antonio de Robertis per il Movimento 5 Stelle, Bepi Maralfa che guiderà la coalizione formata da Movimento Linea Diritta e Rinnovazione, Paola Natalicchio con PD, SEL, CD e Signora Molfetta e infine Gianni Porta candidato di Rifondazione Comunista. Insomma una bella rosa di nomi tra cui scegliere e che potranno guidare la città per i prossimi cinque anni assieme ad un consiglio comunale ridimensionato nei numeri (si passa infatti da 30 a 24 consiglieri) ma di certo gravato dalle sempre maggiori richieste che arriveranno dai cittadini in un periodo di crisi globale che le famiglie molfettesi oramai toccano quotidianamente con mano. La parola passa ora agli elettori. Da parte nostra vi auguriamo buona lettura e, soprattutto, buon voto. Perchè votare è un diritto ma, soprattutto, un dovere: e i molfettesi hanno il dovere di scegliere il futuro migliore per la propria città!


4

SPECIALE ELEZIONI 2013

Amministrative 2013: la novità è la doppia preferenza In “burocratese” si chiama “riequilibrio di genere” nei fatti si tratta di una novità con cui gli elettori molfettesi saranno chiamati a confrontarsi nel chiuso dell’urna elettorale: la possibilità di esprimere la propria preferenza, oltre che per il candidato sindaco, anche per due candidati al consiglio comunale. A patto che gli stessi appartengano alla stessa lista e siano un uomo ed una donna. La doppia preferenza non è obbligatoria ma facoltativa e, nelle intenzioni del legislatore, è lo strumento con cui verrà assicurata in seno alla massima assise cittadina, una più equilibrata presenza di uomini e donne. A disciplinare questa importante novità è stata la legge 23 novembre 2012, n. 215 che ha modificato la normativa per l’elezione dei consigli comunali. In particolare, nei comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti (è appunto il caso di Molfetta), la legge, riprendendo un modello già sperimentato dalla legge elettorale regionale della Campania prevede la cosiddetta quota di lista: nelle liste dei candidati nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura superiore a due terzi e, nel caso di mancato rispetto della quota può essere determinata la decadenza della lista. Per la preferenza, come già descritto, l’elettore potrà esprimere due preferenze purché riguardanti candidati di sesso diverso, pena l’annullamento della seconda preferenza. Spazio quindi alle “pari opportunità” ma, attenti a non commettere errori: il rischio è quello di rendere nullo il proprio voto!

La doppia preferenza non è obbligatoria, ma facoltativa

LEGGE 23 novembre 2012, n. 215 Disposizioni per promuovere il riequilibrio delle rappresentanze di genere nei consigli e nelle giunte degli enti locali e nei consigli regionali. Disposizioni in materia di pari opportunita’ nella composizione delle commissioni di concorso nelle pubbliche amministrazioni. (12G0237) (GU n.288 del 11-12-2012) Entrata in vigore del provvedimento: 26/12/2012


5

SPECIALE ELEZIONI 2013

Nel 2008 fini così... Con la vittoria (e riconferma) del sindaco uscente Antonio Azzollini terminò la sfida elettorale del 2008. La poltrona venne assegnata dopo il turno di ballottaggio. Alla prima “chiamata” infatti nessuno dei candidati raggiunse e superò la soglia del 50% delle preferenze. A sfidarsi furono Antonello Zaza che collezionò 3002 voti pari al 7,71%; Antonio Azzollini con 18.979 preferenze pari al 48.76% e Mino Salvemini che raggiunse il 43,53% grazie ai 16.944 voti raccolti. Al ballottaggio il candidato del centrodestra si impose con il 57,03% grazie al sostegno di 18.128 elettori battendo il candidato del centrosinistra che si fermò al 42,97% frutto delle 13.661 preferenze raccolte.

Seguici anche su Facebook Nella nostra pagina puoi curiosare, denunciare, condividere e commentare fatti, immagini e pensieri che riguardano Molfetta

“Tu dimmi quando... quando” Così recitava il ritornello di una celebre canzone: e noi quando (si vota) ve lo diciamo immediatamente: i seggi elettorali saranno aperti nelle giornate di domenica 26 maggio, dalle ore 8 alle ore 22 e lunedì 27 maggio dalle ore 7 alle 15. Gli stessi orari saranno osservati nell’eventuale turno di ballottaggio del 9 e 10 giugno. Presidenti di seggio, segretari e scrutatori si ritroveranno invece, per le procedure preparatorie e necessarie a consentire una corretta e serena espressione del voto, nella giornata di sabato 25 maggio, alle 16, direttamente presso le sezioni elettorali per le quali sono stati designati. In quella circostanza verrà formalmente costituito il seggio elettorale. Tra gli adempimenti previsti anche quello della raccolta, ad opera del presidente di seggio, delle nomine dei rappresentati di lista, figura della quale tutti parlano ma di cui in pochi conoscono l’utilità. I compiti del rappresentante di lista sono individuati e disciplinati dall’articolo 32, settimo comma, numero 4 del Testo Unico 570/1960. Per ogni lista potranno essere nominati due rappresentanti, uno effettivo l’altro supplente. La designazione dei rappresentanti non è ammissibile se colui che la fa non sia uno dei delegati indicati nella dichiarazione di presentazione della lista dei candidati. I rappresentanti di lista hanno diritto di assistere a tutte le operazioni dell’ufficio elettorale, sedendo al tavolo dell’ufficio stesso o in prossimità, ma sempre in luogo che consenta loro di seguire le operazioni elettorali; possono fare inserire succintamente nel verbale eventuali dichiarazioni; possono apporre la loro firma sulle strisce di chiusura delle urne e sui plichi contenenti gli atti della votazione e dello scrutinio relativi alla elezione per la quale sono stati designati, nonché sui mezzi di segnalazione apposti alle finestre ed agli accessi della sala della votazione.

MAGGIO

MAGGIO

dalle 8:00 alle 22:00

dalle 7:00 alle 15:00

26

27


SPECIALE ELEZIONI 2013

Studio360

6


7

SPECIALE ELEZIONI 2013

Perché nasce lo speciale Molfetta Mia Molfetta Mia è un progetto che nasce con l’idea di offrire ai cittadini un servizio di informazione valido in vista delle amministrative, nonché uno strumento di comunicazione efficace per tutte le forze politiche locali, i candidati sindaci e le liste che ne sostengono programmi ed obiettivi. È un mezzo utile e pratico, perché racchiude informazioni e strumenti interessanti, come le regole della contesa elettorale, le modalità di voto, i dati e le curiosità delle precedenti amministrative, tutti i simboli e le composizioni di coalizioni e singole liste, la presentazione dei potenziali sindaci, le facce e le idee dei più giovani, la griglia da utilizzare in fase di scrutinio per il conteggio dei voti, la piantina delle sezioni con segnalazione di quelle prive di barriere architettoniche, la normativa sulla doppia preferenza e tanto altro ancora.

Un Consiglio Comunale “ristretto” Ridurre il costo della politica. È questo uno degli obiettivi che da qualche anno tutti inseguono nella speranza di sanare in parte i mali del Paese. E per ridurre i costi il primo passo da compiere è quello di ridurre le cariche. Così a Molfetta, come in tutta Italia del resto, dovremo abituarci a organi elettivi meno “numerosi” rispetto al passato. Per la nostra città, che ospiterà a Palazzo Giovene non più 30 ma 24 consiglieri, si tratterà più di una riduzione formale che sostanziale, considerando che gli eletti in consiglio comunale non percepiscono alcuno stipendio o rimborso ma unicamente un gettone di presenza (di circa 20 euro al netto delle imposte) per ogni riunione della massima assise cittadina o delle commissioni cui prendono parte. Lo sfoltimento del Consiglio Comunale è stato disposto dalla legge n. 42 del 2010 per la quale a decorrere dal 2011, e per tutti gli anni a seguire, si applica la riduzione del 20 per cento del numero dei consiglieri nei singoli enti. Un minor numero di consiglieri potrebbe da una parte snellire i lavori dell’aula, dall’altra però rendere precaria la tenuta del governo cittadino: basterebbero infatti pochi cambi di casacca (a meno che al termine della consultazione non si costituirà una “maggioranza bulgara”) per mettere a rischio il governo della città.


8

SPECIALE ELEZIONI 2013

SONO LORO E’ nato a Molfetta il 3 gennaio del 1961. Nella vita svolge l’attività professionale di Coordinatore presso il Centro diurno per Disabili di Molfetta e imprenditore nel settore edile. Impegnato in politica da circa 20 anni ha già ricoperto in passato prestigiose cariche istituzionali. Pino Amato, infatti, è stato tra le altre cose Presidente del Consiglio Comunale e Assessore. La sua candidatura è sostenuta da una coalizione formata PINO dall’Unione AMATO di Centro, partito del quale Amato riveste anche cariche a livello provinciale, e dalla lista civica Popolari per Molfetta. Tra le sue passioni c’è senza ombra di dubbio lo sport ed il calcio in particolare. Il suo programma elettorale è incentrato soprattutto sull’attenzione nei confronti delle fasce deboli della popolazione e sulla riorganizzazione della macchina comunale oltre che sulla ottimizzazione dei servizi resi alla comunità cittadina.

Nato a Molfetta il 18 maggio 1968 è socio di un’azienda di meccanica di precisione. È il candidato sindaco scelto da aderenti e simpatizzanti molfettesi del Movimento 5 Stelle. Il suo motto è “voglio essere un cittadino in comune” e assieme agli aderenti di M5S presenta un programma elettorale dettato “dalla voglia di risvegliare i cittadini dall’ormai troppo lungo torpore, per realizzare una città vivibile fatta a misura ANTONIO d’uomo e DE ROBERTIS per essere cittadini al servizio di altri cittadini”. La sua campagna, come quella di tutto il Movimento 5 Stelle, si è svolta con il “banchetto” prevalentemente su Corso Umberto, informando e illustrando alla città il programma e gli obiettivi da raggiungere, senza utilizzare altri mezzi. In lui e nel movimento che rappresenta vi è un’idea di partecipazione attiva dei cittadini alla vita amministrativa della città.

Nato a Bari nel 1965, ma molfettese al 100%. Sposato, padre di due figli, svolge l’attività di avvocato penalista e per la prima volta sceglie di impegnarsi in politica. Lo fa come candidato sostenuto da una coalizione formata da due liste civiche: il Movimento Linea Diritta e Rinnovazione. Appassionatissimo di tennis e di musica è fondatore di una associazione musicale nata per promuovere le attività di giovani musicisti molBEPI fettesi. Il suo MARALFA programma elettorale si fonda sulla legalità, sul rigore nella gestione della attività amministrativa e sul coinvolgimento dell’intera cittadinanza molfettese. La sua priorità assoluta è quella di ristrutturare la Pubblica Amministrazione, con la nomina dei dirigenti mediante concorso, con la formazione di una Giunta Tecnica e con l’istituzione di una commissione trasparenza.

Nato a Molfetta, 35 anni, docente di Filosofia nelle scuole superiori è sin da giovanissimo impegnato nell’attività politica. In passato consigliere comunale di Rifondazione Comunista ha raccolto l’invio del partito ed ha accettato l’investitura come candidato sindaco. Tra gli obiettivi del suo programma politico vi è la voglia di rifondare Molfetta dal basso, favorire la partecipazione dei molfettesi, innalzare la qualità della GIANNI vita, restituPORTA ire sovranità economica alla città, raggiungere l’obiettivo “rifiuti zero” e perseguire il bene comune. Massima attenzione al problema igiene urbana ed al rilancio delle periferie e dell’economia cittadina. Dura la sua opposizione in questi anni di governo Azzollini, dentro e fuori le istituzioni. La sua proposta vuole parlare a quanti sono delusi dalle promesse del centrodestra nonché dall’inconsistenza del centrosinistra.


9

SPECIALE ELEZIONI 2013

I LEADERS E’ nato a Molfetta il 2 dicembre 1965 di professione fa l’avvocato. Impegnato nella politica attiva sin da giovanissimo è stato tra i promotori e fondatori di numerose realtà associative politico-culturali della città. Ha ricoperto in passato la carica di consigliere comunale e nelle ultime due consigliature è stato Presidente del Consiglio Comunale. La sua candidatura è sostenuta da una coalizione composta da Popolo della Libertà, NINÌ MoviCAMPOREALE mento Schittulli e La Destra oltre che dalle liste civiche Siamo Molfetta e Molfetta Futura. Tra le priorità del suo programma elettorale spiccano il completamento e l’avviamento delle attività del nuovo porto commerciale, il rafforzamento del Corpo di Polizia Municipale e il rilancio definitivo del settore turistico e commerciale.

Ha 34 anni ed è nata a Molfetta. Laureata in Scienze della Comunicazione è giornalista professionista. È stata capo ufficio stampa del comitato per il Sì ai referendum sulla fecondazione assistita e dal 2006 al 2008 ha lavorato come capo ufficio stampa e portavoce del Ministro delle Politiche giovanili e dello Sport, Giovanna Melandri. In passato redattrice del quotidiano l’Unità e consulente e redattrice presso il proPAOLA gramma NATALICCHIO di Rai Due “Il fatto del giorno”. È per la prima volta impegnata politicamente in prima persona ed è sostenuta da una coalizione composta da Partito Democratico, Sinistra Ecologia e Libertà, Centro Democratico e dalla lista civica Signora Molfetta. Nel programma grande attenzione al rilancio delle attività produttive, alla sicurezza urbana e alla lotta al disagio sociale.


10

SPECIALE ELEZIONI 2013

MOVIMENTO INDIP. LINEA DIRITTA

RINNOVAZIONE

MOVIMETO 5 STELLE

1. 2. 3. 4.

1. Magarelli Sergio 2. Andriani Cosmo Alberto 3. Bufi Roberto Antonio detto Bob De Angelis 4. Candido Luigi Michele Antonio 5. Cipriani Francesco 6. de Bari Lucia 7. de Bari Mariangela 8. de Tullio Mariangela 9. de Virgilio Sergio 10. Gadaleta Antonio 11. Grosso Maria 12. Ingrosso Antonio Flavio 13. La Forgia Giovanni 14. La Forgia Marianna 15. Maldari Francesco detto Ciccio 16. Mele Luca 17. Minervini Domenico detto Mimmo 18. Mongelli Mariafrancesca 19. Orsini Giovanni 20. Paparella Marta 21. Turturro Luigi 22. Valente Giuseppe 23. Visaggio Luciana

1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. 16. 17. 18. 19.

5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. 16. 17. 18. 19. 20. 21. 22. 23. 24.

Casamassima Luciano Nicola Gagliardi Domenico de Nichilo Roberto Visaggio Nicolò detto Nico Pansini Nicola Faleo Francesca Rana Luisa Ornella de Gennaro Antonio Pacifico Anna d’Ingeo Matteo Sciancalepore Domenico detto Mimmo Amato Lucia Marianna Favuzzi Ignazio Lamarca Giovanni Mezzina Vito Scardigno Danilo Mennea Erica Silvia Magarelli Vincenzo Favuzzi Damiano Giancaspro Francesco Vilardi Maurizio detto Mizio Losito Marta Breglia Valeria Gadaleta Margherita

CANDIDATO SINDACO BEPI MARALFA

Regina Francesco detto Ciccio Drago Ignazio Capurso Michele Massimo Ciccolella Giuseppe Giorgio Giacinto Minervini Giuseppe Allegretta Mauro Buono Vittorio De Bari Mauro Gambardella Arnaldo Angione Antonio Bruno Pasquale Ciannamea Sergio Di Cosmo Giovanna Stasi Nicoletta Azzollini Maria Lanza Ana Carmela Murolo Maria Parisi Giacoma detta Mina 20. Salvemini Leonilde Anna detta Nilde 21. Sciancalepore Maddalena detta Lena 22. Gadaleta Alessandro

ANTONIO DE ROBERTIS


11

SPECIALE ELEZIONI 2013

CENTRO DEMOCRATICO

SIGNORA MOLFETTA

PD

SEL

1. 2. 3. 4.

1. Ancona Federico 2. Balsamo Nilo Manlio Livio detto Livio 3. Biscotti Gianluca Biagio 4. Camporeale Fabrizia 5. Carlucci Francesca detta Franca 6. Centrone Luisa Anna 7. de Gennaro Giovanna detta Giovanna 8. de Gennaro Emanuella detta Lella 9. de Gennaro Giovannangelo 10. La Candia Vincenzo detto Enzo 11. la Grasta Roberto 12. Mastandrea Onofrio 13. Mastropierro Maria 14. Mongelli Elisabetta detta Betta 15. Pansini Giovanna 16. Pansini Raffaele 17. Paduano Sonia 18. Pappagallo Onofrio 19. Porcelli Lazzaro detto Rino 20. Porcelli Emanuele 21. Regina Giovanna 22. Sciancalepore Anna Cinzia 23. Tattoli Luigi detto Gigi 24. Zenobio Gerolamo

1. Abbattista Giovanni 2. Altomare Anna Elisabetta detta Annalisa 3. Angeletti Cosimo Damiano 4. Annese Lucia 5. Capurso Tiziana Giuseppa 6. Ciccolella Raffaella Anna Antonia in Losciale 7. Cormio Erika Grazia 8. de Candia Nicola Davide 9. Decicco Michele 10. de Pinto Sergio 11. del Rosso Olimpia 12. Di Pinto Emanuela 13. Gadaleta Rosaria detta “Rosalba� 14. Germinario Giulio 15. la Ghezza Serena 16. Locorriere Maria Pasqua 17. Patimo Saverio 18. Percoco Giuseppe Antonio 19. Sannicandro Maria Felicia 20. Sallustio Cosimo Roberto 21. Sasso Michele 22. Sinisi Alessandro 23. Squeo Nicola 24. Valente Carmine detto Carlo

1.

5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. 16. 17. 18. 19. 20. 21. 22. 23. 24.

Amato Ilarione Azzollini Vito Binetti Mariantonietta Capursi Nappi Pietro Angelo detto Nappi Ciannamea Elisabetta de Bari Vito de Candia Corrado de Feo Domenico De Leonibus Nicola detto Nico del Vescovo Maria Stella de Pinto Michele Leone Margherita Magarelli Rosanna Marzocca Graziano Mastropierro Giovanni Mezzina Anna Sancilio Francesca Sciancalepore Maria Teresa Siragusa Leonardo detto Leo Spadavecchia Florinda Spezzacatena Pasqua Veneziano Antonella de Gennaro Antonio Paparella Anna

2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. 16. 17. 18. 19. 20. 21. 22. 23. 24.

CANDIDATO SINDACO PAOLA NATALICCHIO

Amato Angela Maria Rosaria Azzollini Francesco Binetti Maria Antonia Bufi Domenico detto Domi Cantatore Annalisa Cataldo Luigi Cirillo Ignazio de Candia Sergio de Candia Vitantonio detto Dalla de Ceglia Maria detta Mariella de Gennaro Chiara de Palma Nunzia Floriana de Robertis Mauro del Rosso Vincenzo detto Enzo Facchini Giovanni detto Gianni Jacono Michele Massimo Riccardo Lobasso Vincenzo Malcangi Savino Paparella Pasqua Piergiovanni Nicola Roselli Francesco Saponieri Vincenzo Spadavecchia Giuseppe Tedesco Lucia Anna


12

SPECIALE ELEZIONI 2013

MOLFETTA FUTURA

PDL

LA DESTRA

1.

1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8.

1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. 16. 17. 18.

2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. 16. 17. 18. 19. 20. 21. 22. 23. 24.

Behri Agron detto Goni Binetti Pantaleo Caputo Mariano Cives Domenico detto Mimmo de Giglio Sergio de Marco Valeria de Pinto Lucia Monica del Rosso Mariangela Di Pierro Anna Maria Dileo Stella Gadaleta Daniela la Forgia Antonella la Mastra Girolamo detto Mimmo Matera Eufemia Palmiotti Michele Pappagallo Addolorata detta Dora Piccinni Cosimo Poli Sergio Racanati Gennaro Rafanelli Giacoma Barbara Sciancalepore Francesco detto Checco Sciascia Maria Anna Spadavecchia Giacomo Squeo Mauro

9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. 16. 17. 18. 19. 20. 21. 22. 23. 24.

Annese Giovanni detto Gianni Brattoli Anna Maria Carabellese Doriana Calò Gaetano Cimillo Benito Claudio Adele Maria Serena de Candia Sergio de Ceglia Ippolita Maria detta Lia Innominato Marina la Forgia Domenico la Grasta Giulio Latino Angela Paola Mangiarano Francesco Marino Cecilia Marzano Angelo Mezzina Cosimo Minuto Anna Carmela Petruzzella Pantaleo detto Leo Roselli Luigi Rossiello Giacomo, Antonio detto Bo Salvemini Giacomo Scardigno Leonardo Sgherza Giuseppe detto Pino Tammacco Saverio

Troia Vincenzo Arena Anna de Bari Nunzia Racanati Giuseppe Spaccavento Cosmo Vilardi Giovanna de Pinto Antonio Messina Nicolò Di Lorenzo Michele Gerardo Marcone Roberto Camporeale Giancarlo Stallone Natale Mastropierro Gaetano Capuano Fedele Farnese Teresa Laurora Annalisa Catanzaro Maria Domenica Vilardi Pantaleo

CANDIDATO SINDACO NINNI’ CAMP


13

SPECIALE ELEZIONI 2013

SIAMO MOLFETTA

MOVIMENTO POLITICO SHITTULLI

1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10.

1. Amato Angela 2. Armenio Francesco detto Ciccio 3. Belsito Marianna Tiziana detta Tiziana 4. Capurso Isabellangela 5. Cipriani Arcangelo 6. d’Abbruzzo Iolanda 7. de Gioia Vincenza detta Enza 8. de Robertis Francesco 9. de Scisciolo Giacomo 10. Di Terlizzi Carmela Aurelia 11. Farinola Maddalena detta Marilena 12. Grieco Alfredo 13. la Grasta Michele 14. Lanza Gennaro detto Rino 15. La Piana Angelo 16. Mancini Salvatore 17. Manzoni Giovanni 18. Mastrapasqua Isabella detta Isa 19. Mastrorilli Francesco 20. Montebello Paolo 21. Patruno Caterina 22. Scotti Mauro 23. Spaccavento Antonella 24. Spadavecchia Vincenzo detto Enzo

11. 12. 13. 14. 15. 16. 17. 18. 19. 20. 21. 22. 23. 24.

Altizio Biagio Amato Mario Balestra Giuseppe Bufo Anna Maria Capasa Antonio Cesareo Corrado Coppolecchia Damiano de Bari Giuliana de Candia Andrea de Nichilo Giovanni detto Gianni De Nichilo Luciana de Robertis Giuseppe Gadaleta Anna Lisa Germinarlo Corrado Giancaspro Mauro Giancola Pasquale detto Lillino Grillo Benedetto Grosso Adalgisa Mastropasqua Pietro detto Piero Minervini Paolo Minervini Rachele Viviana Pisani Antonio detto Antonello Scardigno Dorotea detta Doriana Spadavecchia Daniela Nicoletta

POREALE

LINEA DIRITTA movimento indipendente

Bepi

Maralfa SINDACO

LINEA DIRITTA movimento indipendente

al Consiglio Comunale vota

Roberto de Nichilo

con Bepi Maralfa candidato Sindaco

Come si vota?

Non sbagliare!

1. barra GIUSEPPE MARALFA detto BEPI CANDIDATO SINDACO 2. barra il simbolo 3. scrivi DE NICHILO i riv sc GIUSEPPE MARALFA DETTO BEPI CANDIDATO SINDACO

Bepi

Maralfa

DE NICHILO

SINDACO

LINEA DIRITTA movimento indipendente

COMMITTENTE RESPONSABILE – FRANCESCA FALEO


14

SPECIALE ELEZIONI 2013

POPOLARI PER MOLFETTA

UDC

RIFONDAZIONE COMUNISTA

1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. 16. 17. 18. 19. 20. 21. 22. 23. 24.

1.

1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8.

Catalano Giuseppe Allegretta Francesco Annese Tiziana Aramini Marta Binetti Mauro Bucci Domenico Ciccolella Lucia Cozzetto Carlo Antonio De Mita Claudio Franco Rocco Depalma Savino de Ruvo Nicola de Virgilio Francesco Digirolamo Giovanni di Molfetta Domenico Di Terlizzi Marisa Fanelli Tommaso Floro Giovanni Gadaleta Nicolò Grosso Angela Lucivero Teresa Patimo Susanna Samarelli Luigi de Gennaro Paolo Pisani Teresa

2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. 16. 17. 18. 19. 20. 21. 22. 23. 24.

Amato Robert, Bartolo, Ignazio detto Pino Acquaviva Paolo Altomare Francesco Binetti Sergio Bufi Saverio Capurso Giovanni de Candia Isabella Depalma Mauro Giuseppe Digioia Saverio Claudio Farinola Anna Maria Farinola Nicola Fiore Nunzia Inglese Alberto la Forgia Giacinto Murolo Domenico Ognissanti Michela Piergiovanni Saverio Pisani Anna Rita Porta Alessandra Sasso Vittorio Scaramuzzi Raffaele Sgherza Gaetana detta Nella Tavella Carmela Visaggio Nicola

9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. 16. 17. 18. 19. 20. 21. 22. 23. 24.

CANDIDATO SINDACO PINO AMATO

Abbattista Mario Agrimi Gennaro Alborè Ignazio Albertini Gian Michele Bellifemine Miriana Binetti Roberta Claudio Raffaele detto Lello de Candia Pasquale, Fabrizio detto Pasquale Altamura Emiliano Drago Salvatore Farallo Antonia La Piana Agata Maria Luisa detta Nuccia Magarelli Vito Mongelli Floriano Maria detto Floriano Mongelli Vincenzo Francesco Paolo detto Vincenzo Piepoli Marcello Porta Maria detta Marica Sasso Corrado Antonio detto Antonio Sasso Giuseppe detto Beppe Spadavecchia Isabella detta Isa Spadavecchia Libera Stasi Nicoletta detta Nicla Ventura Carmen,Chiara detta Carmen Zaza Antonello

GIANNI PORTA


15

SPECIALE ELEZIONI 2013

Votanti e votati nel 2008: un salto nel passato

2001

AFFLUENZA 73,02%

Furono 39.907, su 54.914 aventi diritto al voto, i cittadini molfettesi che si recarono alle urne per il primo turno delle elezioni amministrative del 2008. Sinistra Arcobaleno, il partito che sosteneva la candidatura a sindaco di Antonello Zaza, raccolse 2.112 preferenze utili solo ad assicurare un seggio al candidato primo cittadino. Al ballottaggio si scontrarono invece Antonio Azzollini e Mino Salvemini. I partiti che sostennero la candidatura di Azzollini al primo turno raggiunsero i seguenti risultati: Popolo della Libertà 11.796 voti, Molfetta in Azione 3.887, Movimento per l’Autonomia 2098 e La Destra 266. Mino Salvemini invece ricevette il sostegno del Partito Democratico con 5961 preferenze, Unione di Centro con 3.909, Partito Socialista e Italia dei Valori con 2.697, De Cosmo per Molfetta con 1.860, Rosa Bianca con 1710 e Il Confronto con 1.204 voti. Le schede bianche furono 357, le nulle 624 e una la contestata. Per effetto della vittoria al ballottaggio di Antonio Azzollini i seggi in consiglio comunale vennero così ripartiti: per la maggioranza al PdL 12 seggi, a Molfetta in Azione 4, e a MpA 2. La minoranza raccolse 4 seggi per il Pd, 2 ciascuno per UdC e Partito Socialista-Italia dei Valori, uno per la civica De Cosmo per Molfetta ed ancora uno per il movimento Il Confronto.

2006

AFF. 1° TURNO 70,81% AFF. 2° TURNO 54,50%

2008

AFF. 1° TURNO 72,74% AFF. 2° TURNO 59,05%


16

SPECIALE ELEZIONI 2013

Ilarione AMATO

Centro Democratico Per un futuro migliore

Elisabetta CIANNAMEA VOTI .........

Luciano Nicola CASAMASSIMA

.........

.........

Per i giovani musicisti, per l’artista che c’è in ognuno di noi

.........

Siamo Molfetta, straordinaria energia

Rigenerare la socialità e l’associazionismo

.........

.........

.........

Molfetta Futura VOTI

Determinazione e impegno

.........

Un impegno per la città

VOTI

Valeria DE MARCO

VOTI .........

Giacomo ROSSIELLO

Siamo Molfetta VOTI

Siamo Molfetta, straordinaria energia

.........

Daniela SPADAVECCHIA

Siamo Molfetta VOTI

Siamo Molfetta VOTI

Mov. Linea Diritta VOTI

Anna Maria BUFO

Siamo Molfetta

Cambiare Molfetta si può! Partecipiamo!!!

Roberto DE NICHILO

Mov. Linea Diritta VOTI

Giuseppe BALESTRA

Siamo Molfetta, straordinaria energia

Per un futuro migliore

Andrea DE CANDIA

Unione di Centro VOTI

Francesca FALEO

Mov. Linea Diritta

Non voglio più delegare ad altri ma partecipare in prima persona e mettermi al servizio della collettività!

Centro Democratico

Robert AMATO

Popolo della Libertà VOTI .........

Coerenza, passione e militanza al servizio del nostro territorio

VOTI .........


17

SPECIALE ELEZIONI 2013

VERSO IL TRAGUARDO DI Barbara RAFANELLI

Molfetta Futura Determinazione e impegno

VOTI .........

Vittorio SASSO

Giuseppe DE ROBERTIS

Unione di Centro Per far spazio ad una nuova politica

PALAZZO GIOVENE Siamo Molfetta

VOTI .........

Con dedizione e professionalità per dar voce alle vostre idee

VOTI .........

Sei candidati alla carica di sindaco, altrettante coalizioni, quindici liste formate ciascuna da 24 candidati per un totale di 360 concorrenti. Questi i numeri della competizione elettorale 2013. Numeri importanti ma che si discostano sicuramente da quanto avviene nelle città più vicine alla nostra e nelle quali si andrà a votare a fine maggio. A Barletta saranno in corsa sei candidati sindaco sostenuti da 21 liste per 628 aspiranti consiglieri. Situazione ancor più confusionaria nella vicina Bisceglie dove a sfidarsi per la carica di primo cittadino saranno in cinque ma con alle spalle ben 30 tra partiti e liste civiche con 720 candidati consiglieri. Infine a Corato la carica di sindaco è contesa tra 7 candidati sostenuti da 408 candidati al consiglio comunale suddivisi in 17 liste.


18

SPECIALE ELEZIONI 2013

A febbraio è andata così Le prossime elezioni amministrative arrivano a tre mesi dal precedente appuntamento con il voto. Non sono poi così lontani il 24 e 25 febbraio, giorni in cui anche i molfettesi furono chiamati ad esprimere il proprio voto per le elezioni Politiche. Al termine di quella tornata elettorale (che tra le altre cose ha visto la rielezione al Senato della Repubblica di Antonio Azzollini) i cittadini molfettesi così si espressero: per il Senato i partiti più votati sono stati il PdL che ha raccolto il 31,91% dei consensi seguito dal PD con il 20,2%. Gradino più basso del podio al Movimento 5 Stelle con il 18,39% che ha soffiato la medaglia di bronzo a Sinistra Ecologia e Libertà con l’11,3% delle preferenze, mentre Lista Civica con Monti ha ottenuto l’11,15%. Per l’elezione della Camera dei Deputati, invece, gli elettori così hanno deciso: PdL 29,11%; Movimento 5 Stelle 19,83%; PD 19,71%; Scelta Civica con Monti 10,76%; Sinistra Ecologia e Libertà il 10,58.

SENATO

CAMERA

PDL 31,91%

PDL 29,11%

PD 20,20%

M5S 19,83%

M5S 18,39%

PD 19,71%

SEL 11,30%

SEL 10,76%

MONTI 11,15%

MONTI 10,58%


SPECIALE ELEZIONI 2013

19


20

SPECIALE ELEZIONI 2013

La matita: cosi si ufficializza il voto Non è una semplice matita quella che vi verrà fornita per esprimere la preferenza. Si tratterà infatti di una matita copiativa. Uno strumento di scrittura la cui mina è indelebile e cancellabile solo per abrasione. Le matite copiative erano comunemente utilizzate per firmare contratti e atti pubblici, prima dell’invenzione della penna a sfera. Oggi sono soprattutto utilizzate per l’espletamento delle operazioni di voto durante le elezioni: infatti, in passato, non essendo diffusa la penna a sfera, ed essendo poco agevole votare con penna e calamaio, fu individuato nella matita copiativa un mezzo uniforme e difficilmente cancellabile per esprimere il voto. La matita copiativa serve a impedire cancellature e manomissioni dei segni che gli elettori appongono sulle schede elettorali. Per il voto è più idonea della penna biro perché quest’ultima lascia una traccia che può essere visibile sul lato opposto della scheda, con possibili conseguenze negative per la garanzia del diritto alla segretezza del voto; la penna, inoltre, ha più possibilità di rottura, con il conseguente rischio di macchiare le schede, mentre la matita può agevolmente essere temperata. Inoltre, non lascia trasparire segni sul retro della scheda, una volta piegata, prima di metterla nell’urna. Infine, se il tratto lasciato dall’elettore è poco marcato, oppure è apposto su un simbolo scuro, è comunque visibile in controluce il segno della matita copiativa con riflessi violacei, senza il quale la scheda sembrerebbe bianca. Gli elettori italiani possono votare esclusivamente con la matita copiativa che viene loro fornita dal presidente di seggio, presso gli uffici elettorali di sezione, pena la nullità del voto e della scheda elettorale: le schede sulle quali è apposto un simbolo con matita non copiativa o penna sono infatti nulle, anche se è chiara l’intenzione di voto dell’elettore ed è stata espressa una scelta compatibile con le regole. Quindi lasciate a casa le vostre biro!


Studio360

SPECIALE ELEZIONI 2013

21


22

SPECIALE ELEZIONI 2013

Scuola Elementare DON COSMO AZZOLLINI Via Caduti sul Mare

Sez. 10-12-21-22-39-41-42

Scuola Elementare S. G. BOSCO Via M. D’Azeglio

Sez. 4-11-13-15-16-18 Sez. 19-20-43-50-55-59 Scuola Materna PAPA GIOVANNI XXIII V.le Papa Giovanni XXIII

Sez. 5-6-14-17 Scuola Elementare A. MANZONI Via C. Alberto

Scuola Media IV GRUPPO Via Molfettesi d’Argentina

Sez. 40-44-51-52-54 OSPEDALE CIVILE Via Terlizzi Scuola Elementare ZAGAMI Via L. Azzarita

Sez. 49-56-57

Sez. 58


23

SPECIALE ELEZIONI 2013

DOVE SI VOTA? Scuola Elementare C. BATTISTI Via F. Cavallotti

Sez. 2-7-8-30-31-33

Sez. 1-3-9 Scuola Media G. PASCOLI Via F. Cavallotti

E I PORTATORI DI HANDICAP? Le sezioni indicate in giallo nella mappa saranno prive di barriere architettoniche e gli elettori non deambulanti, anche se iscritti in liste elettorali di sezioni diverse da queste, potranno esercitare lì il loro diritto di voto. Essi dovranno esibire, oltre la tessera elettorale, un’attestazione medica rilasciata dalla competente ASL, da richiedere all’Ufficio Igiene Pubblica, dove sarà organizzato un apposito servizio nei tre giorni antecedenti alle consultazioni e nei giorni stessi della votazione. Sempre presso lo stesso ufficio saranno anche rilasciati per gli elettori fisicamente impediti i certificati di accompagnamento.

Sez. 23-25-26-27-28-38 Scuola Media I GRUPPO Via G. Salvemini

Sez. 29-34-37-45-46-47 Scuola Elementare R. SCARDIGNO Piazza de Gasperi

Sez. 24-32-35-36 Scuola Elementare PREFABBRICATA LEVANTE Piazza de Gasperi

Sez. 48-53-60-61 Scuola Elementare BERLINGUER Via Berlinguer


24

SPECIALE ELEZIONI 2013

IL BLOCCO DEL RAPPRESENTANTE DI LISTA

PORTA CON TE QUESTO GIORNALETTO DURANTE LO SPOGLIO DELLE ELEZIONI... TI SARA’ UTILE!

Sez. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61

P.N.

G.P.

A.D.

N.C.

P.A.

B.M.

Sez. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61

................

................

................

................

................

................

................


25

SPECIALE ELEZIONI 2013

A chi è consentito il VOTO ASSISTITO Gli elettori che hanno gravi difficoltà fisiche nell’esprimere il voto possono chiedere di essere accompagnati all’interno della cabina da un altro elettore. Per evitare che per ogni elezione si debba produrre dei certificati medici, è possibile richiedere che sulla tessera elettorale venga messo un timbro che attesti l’handicap permanente. Requisiti: Sono considerati elettori affetti da grave infermità i ciechi, gli amputati delle mani, gli affetti da paralisi o da gravi impedimenti agli arti superiori che non consentono di esprimere autonomamente il voto.

A chi è consentito il VOTO DOMICILIARE In base alla Legge 7 maggio 2009, n. 46, che subentra alla Legge 27 gennaio 2006, n. 22, hanno diritto a votare dalla propria abitazione: a) Gli elettori affetti da gravissime infermità, “persone intrasportabili”, tali che l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano risulti impossibile, anche con l’ausilio dei servizi previsti dall’articolo 29 della Legge 5 febbraio 1992, n. 104 b) Gli elettori affetti da gravi infermità che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali tali da impedirne l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano. Gli elettori con gravi patologie, che si trovano in una condizione di intrasportabilità o di dipendenza vitale da apparecchiature mediche, devono attestare la propria infermità tramite la certificazione sanitaria rilasciata gratuitamente dalla ASL che non deve essere anteriore ai 45 giorni dalla data delle elezioni. Per gli “intrasportabili”, la certificazione deve avere una prognosi non inferiore ai 60 giorni. Entro il 15° giorno antecedente la data della votazione, gli elettori possono presentare al sindaco del Comune, nelle cui liste elettorali essi sono iscritti, la richiesta di votazione presso la propria dimora. Oltre alla domanda per la richiesta del voto domiciliare, scaricabile dal sito del proprio Comune, inclusa questa documentazione: 1. una dichiarazione attestante la volontà di esprimere il voto presso l’abitazione ove l’elettore dimora, con l’indirizzo completo dell’abitazione e un recapito telefonico 2. una copia della tessera elettorale 3. una copia del documento di identità 4. una idonea documentazione sanitaria rilasciata dal Funzionario Medico designato dalla ASL competente.


26

SPECIALE ELEZIONI 2013

Ecco chi può votare Votano tutti i cittadini italiani che sono iscritti nelle liste elettorali. Sono esclusi dal voto i giovani iscritti nelle liste elettorali che non hanno compiuto il 18mo anno di età alla data del 26 maggio (primo giorno della votazione). Inoltre, anche i cittadini degli altri paesi dell’Unione Europea potranno votare nel comune ove sono residenti a patto che abbiano presentato apposita domanda entro il 16 aprile 2013. Nella domanda, da presentare all’ufficio protocollo comunale, oltre all’indicazione del cognome, del nome, luogo e data di nascita, era necessario dichiarare espressamente la cittadinanza, l’attuale residenza nonché l’indirizzo nello stato di origine, la richiesta di iscrizione nell’anagrafe della popolazione residente nel comune e la richiesta di iscrizione nella lista elettorale aggiunta. Il comune ha provveduto a comunicare tempestivamente l’esito della domanda.

Come si vota? La scheda reca i nomi e i cognomi dei candidati alla carica di sindaco, scritti entro un apposito rettangolo, al cui fianco sono riportati i contrassegni della lista o delle liste con cui il candidato è collegato. L’elettore può votare:  per una delle liste tracciando un segno sul relativo contrassegno; il voto così espresso si intende attribuito anche al candidato sindaco collegato;  per un candidato a sindaco tracciando un segno sul relativo rettangolo, non scegliendo alcuna lista collegata; il voto così espresso si intende attribuito solo al candidato alla carica di sindaco;  per un candidato a sindaco, tracciando un segno sul relativo rettangolo, e per una delle liste collegate tracciando un segno sul relativo contrassegno; il voto così espresso si intende attribuito sia al candidato alla carica di sindaco sia alla lista collegata;  per un candidato a sindaco, tracciando un segno sul relativo rettangolo, e per una lista non collegata tracciando un segno sul relativo contrassegno; il voto così espresso si intende attribuito sia al candidato alla carica di sindaco sia alla lista non collegata (cd. “voto disgiunto”). L’elettore potrà manifestare, facoltativamente, anche due voti di preferenza per i candidati alla carica di consigliere comunale, segnando, sulle apposite righe stampate sulla destra di ogni contrassegno di lista, il nominativo (il cognome o, in caso di omonimia, il cognome e nome e, ove occorra, data e luogo di nascita) o, in caso di doppia preferenza, i due nominativi (ricordando che i nominativi devono appartenere a due persone di sesso diverso, ma della stessa lista), chiaramente dei candidati preferiti appartenenti alla lista prescelta. Per il ballottaggio il voto si esprime tracciando un segno sul rettangolo entro il quale è scritto il nome del candidato prescelto.


SPECIALE ELEZIONI 2013

27


28

SPECIALE ELEZIONI 2013

Per votare non devi dimenticare... Per poter votare occorre presentarsi al seggio con la tessera elettorale e con un documento di riconoscimento (carta d’identità o altro documento di riconoscimento con fotografia rilasciato dalla Pubblica Amministrazione, per esempio: patente, passaporto, libretto di pensione, porto d’armi, tessera di riconoscimento rilasciata da un ordine professionale, tessera di riconoscimento rilasciata dall’Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia, purché convalidata da un comando militare). I documenti sopra elencati possono essere utilizzati anche se scaduti; il documento deve comunque risultare sotto ogni altro aspetto regolare e la fotografia deve assicurare la precisa identificazione del votante. Gli elettori sprovvisti di carta di identità, o in possesso di quella scaduta, possono rivolgersi, per il rilascio o il rinnovo, agli sportelli dell’ufficio Anagrafe. In mancanza di documento l’identificazione può avvenire anche attraverso: uno dei membri del seggio che conosca personalmente l’elettore e ne attesti l’identità; un altro elettore del comune, noto al seggio (provvisto di documento valido), che ne attesti l’identità. Per evitare il possibile sovraffollamento e le code degli ultimi giorni, è consigliabile verificare per tempo il possesso dei documenti necessari per l’espressione del voto e in caso di necessità rivolgersi presso l’ufficio elettorale del Comune di Molfetta.


SPECIALE ELEZIONI 2013

29


Committente responsabile: il candidato

Studio360

30

SPECIALE ELEZIONI 2013

LE RADICI DEL FUTURO

DE CEGLIA

La scheda elettorale Può sembrare ovvio ma, è bene ricordarlo, senza la “scheda elettorale” non si va proprio da nessuna parte! È infatti questo il foglietto magico con cui i cittadini elettori possono decidere le sorti del loro Paese, della loro Regione, Provincia o, come nel nostro caso, della loro città. Impariamo dunque a conoscerla. Si tratta di un foglio prestampato in cui sono indicati, nel caso delle elezioni Amministrative Comunali, i nomi dei candidati sindaco affiancati ai simboli della coalizione di partiti che li sostengono. Accanto ai simboli sono previsti gli spazi per indicare il nome del candidato al consiglio comunale. L’elettore può esprimere la propria preferenza sul candidato sindaco indicando, con un segno (in genere una croce) la propria scelta. Inoltre può “crocettare” il simbolo del partito cui si intende dare la preferenza e scrivere il nome del candidato consigliere. Le schede elettorali, i registri e i kit per gli scrutatori sono stampati su carta speciale dal Poligrafico dello Stato, che ha sedi in 100 città italiane. Le prefetture selezionano le sedi autorizzate alla stampa, mentre la Commissione Tariffe del Ministero dell’Economia aggiorna a ogni elezione le previsioni di spesa. Le schede una volta stampate sono recapitate direttamente dalle sedi del Poligrafico ai seggi elettorali. È curioso sapere che la notte prima delle elezioni è stampata un’ulteriore percentuale di schede rispetto al totale degli elettori aventi diritto, che il seggio conserva per fornire una eventuale seconda scheda all’elettore che ne fa richiesta. La tolleranza di schede in eccesso è del 10%.


SPECIALE ELEZIONI 2013

31



Molfetta Mia - Speciale Elezioni 2013