Issuu on Google+

ARCHEOLOGIA ARBOREA DIVENTA FONDAZIONE

STELLE A MONTONE

Umbria Film Festival

AL FESTIVAL DI CANNES

tra pioggia, vip e party...

UN ATTORE CON UN SOGNO IN TESTA Suo zio Elio Petri vinse una Palma d’Oro a Cannes e un David di Donatello nel 1972 per il film «La classe operaia va in Paradiso»... È un po’ figlio d’arte, un po’ nuova star del piccolo schermo. 1


“In the world prospective is costantly changing” [cit.] Each point of view is a crossing point of lines waiting to be designed on a piece of paper...challenge us!!! Studio Arch’ is...

“Cambiano le prospettive al mondo” [cit.] Ogni punto di vista è un intreccio di linee che aspetta solo di essere disegnato su un foglio... Sfidaci!!! Studio Arch’ è...

Via Roma, 3 - 06010 PISTRINO - PG T/F +39 075 859 22 73 Via degli Alfieri, 6- 06016 - San Giustino - PG T/F +39 075 856 04 23 www.studioarch.info 2


3


Organic products straight from the farm, appropriate for special diets and every sort of intolerance and allergy. Ecological soaps and detergents in all sizes. Vendita diretta di prodotti provenienti da agricolture biologiche, specifici per tutti i tipi di intolleranze alimentari, detersivi ecologici e alla spina.

Via Martiri della LibertĂ , 9 - 06012 CittĂ  di Castello Tel. & fax: +39 075 855 82 80 ilbiomarket.it - info@ilbiomarket.it 4


W

hy not? I answered myself after a few weeks of self-analysis. I was committing to be the director of The Mag, this Free Press issue, which means handling articles, interviewing and telling stories about people for a mixed audience of readers from different cultures but who have this wonderful place where we have chosen to live in common. I followed my instinct and my passion for a career that has been my profession since 1997, when I started writing for the newspaper “La Nazione”, the same paper where I have the privilege to still work. When I started I didn’t have my degree yet, but lots of ideas, especially about my future yet to come… Now I am here presenting this issue of The Mag which is particularly focused on films. You’ll hear about the entertainment world from Giordano Petri’s interview; you’ll visit it with Irene Splendorini’s curious eyes in Cannes; the director of the Montone Film Festival recounts the past and the uncertain future of this jem of a festival. Almost as an homage to thriller or splatter movies, there are a few interesting points of view about weapons. So, while the crisis is global and the Spring refuses to arrive, our earth sends its echoes from the past… the Tree Archaeology reminds us about the sweetness of fruits but most of all the possibility of nurturing ideas. Smart ideas… Have a good read! (Special thanks to my friend Emanuela Veschi for the above picture, to the Moka team for welcoming me so warmly, and to Breon and Marta, new, lovely people I got to meet).

P

erchè no? Mi sono detta... dopo alcune settimane di auto analisi psicologica seguita alla proposta piovuta a ciel sereno (ma non troppo) dalla redazione di The Mag. È entusiasmante dirigere un free press, maneggiare ancora articoli e parole, interviste, raccontare personaggi e farlo per una platea di lettori piuttosto ampia visto che in questa rivista si incrociano culture diverse che hanno però in comune la scelta del luogo, splendido, dove vivere. Sulla mia decisione ha prevalso l’istinto e la passionaccia verso un lavoro che faccio dal 1997, da quando iniziai per il quotidiano «La Nazione» (testata per la quale ho tuttora il privilegio di scrivere) da quando non avevo ancora una laurea in tasca, ma le idee...quelle sì... proiettate in un futuro tutto da immaginare. Eccomi qua in questo numero per me speciale, nel quale abbiamo acceso i riflettori sul cinema, annessi e connessi, raccontandolo con la voce di Giordano Petri; gli occhi, curiosi, di Irene Splendorini e della sua Cannes, mentre il direttore del Montone Film Festival, ripercorre l’oggi e il domani, sempre più incerto, di questa piccola perla dei movie festivals. Quasi a voler omaggiare i thriller o gli splatter, se preferite, c’è pure un approfondimento sulle armi in un paio di interessanti servizi... così mentre la crisi è globale, la primavera stenta a trovare degna collocazione nel calendario e la terra rimanda echi lontani...Archeologia Arborea ci ricorda la dolcezza dei frutti e forse, più di tutto, la possibilità di coltivare idee. Intelligenti... Buona lettura! (Un ringraziamento speciale alla mia amica Emanuela Veschi per la foto di cui sopra, a tutti i ragazzi di Moka che mi hanno accolto con l’entusiasmo necessario, a Breon e Marta, nuove belle conoscenze).

Per maggiori informazioni e tanti altri eventi visita www.the-mag.org - for more information and events go to www.the-mag.org Data pubblicazione: giugno 2013 - rivista bimestrale - N° 4 Grafica, fotografia e impaginazione: Moka comunicazione, via S. Antonio, 7 - Città di Castello (PG) P. IVA 02967110541 mokacomunicazione.it Stampa: Grafiche Polidori, via G. Sorel, 9 - 06012 Città di Castello (PG) - P. IVA 0312146541 Editore: Breon O'Farrell Proprietario: Moka comunicazione Direttore Responsabile: Cristina Crisci Redazione e Traduzioni: Breon O'Farrell e Marta Cerù Iscrizione al Tribunale di Perugia: n. 20/12del 27/11/2012

5


Taglio ad acqua CNC - Taglio plasma CNC Calandratura CNC - Piegatura Costruzioni meccaniche - Lavorazioni INOX Arredamenti in metallo e Complementi Via m. Inghirami, 13 Sansepolcro - Arezzo Tel 0575 73 43 76 email: calestrini alice.it 6


www.the-mag.org The Mag is a bi-lingual stage (both in paper and virtual) where artists of every sort can display their work for free. Because historical attractions are so prominent here in Italy, modern things are often overlooked and never emphasized. We believe that this is an error. The incredible amount of artistic talent we have in our area is one of the factors that makes it so wonderful to live and visit here. We will accentuate young people and artists in every issue as a way of inspiring them and keep their spirits high during the economic crisis. Where artists and young people go, others follow. The Mag will involve another group with great influence: foreigners. Artists and foreigners are natural allies, and we will all benefit when they are more united. Articles written by foreigners on diverse subjects will be featured in every issue. Visit our website to get bilingual information about events taking place in the area: www.the-mag.org

The Mag è un palcoscenico bilingue (sia cartaceo che virtuale) per artisti che vogliano esporre i loro lavori gratuitamente e farsi così conoscere. In Italia abbonda la tradizione storico artistica e spesso ciò va a discapito della modernità: la cultura artistica moderna viene spesso guardata dall’alto in basso e non è mai messa in primo piano. Crediamo che questo sia un errore. Il talento artistico nella nostra area geografica è incredibile ed è per questo che tante persone scelgono di visitare le nostre zone o di venirci a vivere. Questa rivista vuole evidenziare con ogni uscita giovani e artisti, sia per essere fonte di ispirazione, sia per tenere alto il morale di tanti giovani in un’epoca di crisi economica. Dove arrivano i giovani e gli artisti, arrivano i seguaci. Gli stranieri sono l’altro gruppo che The Mag si propone di attrarre. Artisti e stranieri sono alleati di natura e se queste categorie sono più unite ne possiamo beneficiare tutti. Ogni numero della rivista proporrà articoli su temi vari, scritti da stranieri. Per le informazioni giornaliere riguardanti gli eventi nelle nostre zone di centro Italia, potete visitare il sito web: www.the-mag.org

8 Our Home

Josh & Virginia - Marta Cerù

28 Giordano Petri Cristina Crisci

34 Elvira Bekova Breon O’Farrell

36 Tree Archaeology becomes a foundation Marta Cerù

42 Stars in Montone Marco Polchi

46 Cannes: the parties, the VIPS and the rain Irene Splendorini

49 Fears and Tears: the gun dilemma Breon O’Farrell

52 The Battle of Lake Trasimeno Martin Daykin

7

Info e contatti: Simona 389 05 24 099 Giovanna 389 05 24 126 Breon 338 59 40 619 info@the-mag.org www.the-mag.org


Josh & VIRGINIA

by Marta Cer첫

8


Josh Bacon is perhaps the most handsome man in the valley. His good looks and ready smile make him particularly pleasant to be around. His landscaping business “Joshua Tree Gardens” has put him in regular contact with people from both the foreign and local communities and this is one of the things we like about him here at The Mag. Josh is married to the lovely Virginia, and together they live in a beautiful countryside home in the Monterchi area with their two kids, two dwarf goats, a horse, a Shetland Pony, chickens, 10,000 Guinnea Pigs their cat and a couple of excellent dogs. How did you end up living here in Italy? Josh: «I came here to visit a friend in Sansepolcro whom I’d met in Australia. It was planned to be a two weeks holiday, but I stayed with his family for two years. Next week they are hosting a dinner for me to celebrate my 10 year anniversary in Italy». How did you two meet? Virginia: «We met late one night in an infamous bar in Sansepolcro.» As a landscape gardener and tree surgeon do you feel a professional obligation to keep a nice garden at home? Josh: «I don’t think a plumber should have a dripping tap! No it’s not a professional obligation but I’m passionate about my work, and so I want to have a beautiful garden at home. It’s also a great platform to experiment with.» Did you work with landscapes and trees back in Australia? Josh: «My degree was in Botany and I’ve studied and worked in both Australia and Switzerland where the structural integrity and aesthetic value of the tree are both respected and appreciated.» Australians are generally “outdoor types”. Are you Josh? Josh: «Yes, that’s what drew me to this area (shame there’s no beach!) We love being outdoors and both of us grew up in the country close to the sea. We encourage our kids to be outside as much as possible 9


and planned our garden specifically with them in mind. The woods around our house are fantastic for walking and riding and we go out with the ponies and dogs as often as we can. We are lucky that Virginia can dedicate her time to our kids.» Virginia, being a mom in the countryside is a huge job, do you work outside of the Home as well? Virginia: «Apart from mucking out and feeding, I spend most of my day being a Mum and driving to and from school, music lessons and sport. Having said that, for the past year I have been doing voluntary English teaching at our son’s school together with another English mother. It’s a new experience for me as I’ve never taught before and I find it really rewarding.» Is this a good place to raise children? Josh: «Yes! Definitely while they are still so young. We’ll update you in a few years time.» Do you like the school system where your kids are? How do you rate it? Josh: «Sometimes it’s hard to adapt culturally to the school system and its ideas, but the basic education here is excellent, and in my experience, a year or two ahead of schools ‘at home’. We both went to schools that offered great extra curricular activities, so sometimes we find it a bit limited here.» Will you consider supporting SOS, an initiative to hold fundraising concerts for supplementing school budgets? Virgina: «Absolutely. A country has no future without a strong, rounded education system. It’s a shame the government doesn’t see fit to give more funding to the schools and less to themselves.» Josh: «When I was at elementary school we often had fetes, sporting events, parent activity days etc to raise funds for the library, sporting facilities and school camps. They always proved to be a great success.» What do you find most challenging about living in a different culture? Virginia: «We constantly forget that you can’t do anything on a Monday morning, eat out on a Tuesday evening, shop locally on Wednesday afternoon, and that you have to ring to confirm but not to cancel.»

pours, so the grass still grows. There are still large projects out there but they are being worked at a slower pace.»

Are you optimistic about the future? Josh: «If you want to have a good future you have Has the long recession hurt your landscaping busi- to be optimistic and we want a good future for our children, whether that be here or...» ness much? Josh: «Luckily the sun still shines and the rain still To learn more about ‘SOS’ go to page 59 10


Josh & VIRGINIA di Marta Cerù

dalla comunità locale e questo connubio è molto apprezzato da The Mag. Josh è sposato con l’amabile Virginia e insieme vivono nella campagna di Monterchi in una bellissima casa con i loro due bambini, due capre nane, un cavallo, un Pony Shetland, le galline, il gatto, due bravissimi cani e diecimila porcellini d’India.

Josh Bacon è forse uno degli uomini più attraenti delle nostre zone. È un piacere essere in sua compagnia, non solo per il suo aspetto, ma anche per il suo atteggiamento sempre sorridente. Grazie a “Joshua Tree Gardens”, la sua attività di giardiniere architetto del verde, è conosciuto e stimato sia dagli stranieri qui residenti che 11


Come siete arrivati a vivere qui in Italia? Josh: «Ero venuto a trovare un amico di Sansepolcro conosciuto in Australia. Dovevo trascorrere due settimane di vacanza ma sono rimasto due anni con la sua famiglia. Proprio la prossima settimana hanno organizzato una festa per l’anniversario dei miei dieci anni qui in Italia.» E come vi siete incontrati tu e Virginia? Virginia: «È successo tardi una notte, in un famigerato bar di Sansepolcro.» La tua professione è progettare e realizzare giardini, oltre che essere un chirurgo degli alberi. Ti senti obbligato ad avere il giardino perfetto a casa? Josh: «In effetti non penso che un idraulico debba avere un rubinetto che perde! Ma no, non lo reputo un obbligo professionale, è solo che il mio lavoro mi piace e realizzare il mio bellissimo giardino è una questione di passione. Lo considero anche un modo per sperimentare.» Anche in Australia ti occupavi di alberi e giardini? Josh: «Ho una laurea in Botanica e ho studiato e lavorato sia in Australia che in Svizzera. Si tratta di posti dove c’è rispetto e ammirazione non solo per il valore estetico degli alberi ma anche per la loro salute strutturale.» Di solito gli australiani amano stare all’aperto. Vale anche per te? Josh: «Certo, ed è per questo che sono stato attratto da queste valli (peccato però non ci siano spiagge!) Piace molto a entrambi stare all’aperto e siamo cresciuti in zone di campagna vicine al mare. Spingiamo i bambini a stare fuori il più possibile e abbiamo concepito il giardino proprio pensando alle loro esigenze. Attorno casa abbiamo boschi favolosi dove passeggiare o andare a cavallo e così cerchiamo di portare in giro il più possibile cani e pony. Per fortuna Virginia può dedicarsi ai bambini a tempo pieno.» Virginia, fare la mamma vivendo in campagna è un impegno enorme, lavori anche fuori casa? Virginia: «Di fatto, oltre che dedicarmi a pulire e cucinare per tutti, passo molto del mio tempo in macchina accompagnando i bambini a scuola o nei posti dove praticano sport o musica. Però quest’anno ho cominciato a fare volontariato per insegnare Inglese nella scuola dei miei figli con un’altra mamma madrelingua. È una nuova esperienza per me perché non avevo mai insegnato prima e la trovo davvero gratificante.» 12


Pensate che questo sia un buon posto dove crescere i vostri figli? Josh: «Certo! Ne siamo sicuri adesso che sono ancora piccoli. Ma dovremmo risentirci fra qualche anno…» Vi piace la scuola dove li avete mandati? Come la classifichereste? Josh: «Non è facile adattarsi al sistema scolastico di una cultura diversa dalla propria, ma la didattica e i programmi sono eccellenti secondo il mio punto di vista. Gli argomenti che i bambini studiano sono avanti di due anni rispetto a quelli Australiani, mentre per quello che riguarda le attività extrascolastiche qui la scuola è un po’ più limitata. Noi infatti siamo cresciuti frequentando scuole dove potevi scegliere tra fantastiche attività.» Vi interesserebbe supportare un’iniziativa come SOS che organizza concerti per raccogliere fondi da utilizzare nella scuola? Virginia: «Certo. Una nazione non può avere un futuro se è priva di un solido sistema educativo. È vergognoso che il governo non riesca a dare più fondi al sistema scolastico, e magari meno alla politica.» Josh: «Quando ero alle elementari si organizzavano spesso feste, eventi sportivi o giornate di attività con i genitori per finanziare la biblioteca, gli impianti sportivi e le strutture scolastiche. Erano sempre un gran successo.» Quali sono le sfide più difficili quando si vive in una cultura diversa dalla propria? Virginia: «Ci dimentichiamo sempre che è impossibile fare qualsiasi cosa di lunedì mattina, che non c’è modo di mangiare fuori il martedì sera, o andare a comprare qualcosa in zona il mercoledì pomeriggio. Infine che si usa telefonare per confermare un invito ma non per cancellarlo.» La crisi attuale ha compromesso anche la tua attività? Josh: «Per fortuna il sole continua a splendere, la pioggia arriva comunque e l’erba continua a crescere… ci sono ancora importanti progetti in corso, solo che il ritmo è più lento.» Sei ottimista rispetto al futuro? Josh: «Se si vuole che il futuro sia positivo bisogna essere ottimisti e noi vogliamo il miglior futuro possibile per i nostri figli, che sia qui o altrove...»

13

Per l’iniziativa ‘SOS’ vedi pag. 59


Progettazione Sostenibile e Green Economy Studio di Progettazione Integrata, Piazza Fortebraccio 4, Montone

(Pg)

Arch. Aversario Giancarlo, tel: 393 6672129, mail: giancarlo.arch@alice.it Geom. Rinaldi Mirco,  tel: 393 9841603, mail: studiorinaldimirco@gmail.com 

os tenibile

rchitettura

dalla sostenibilità ambientale alla bioedilizia

nuove costruzioni e ristrutturazioni nella tutela dell’ambiente broker per i prodotti

electric scooter electric bike electric car fotovoltaico

14


Cà del Verde W – 1013 Monte S. Maria Tiberina Umbria - Italy

Linda Cesari Piazza R. Sanzio, 2 - Palazzo Patrizi Città di Castello (PG) Umbria - Italy

Dott.

Tel. (+39) 075 855 64 17 www.welchome.net Mob. (+39) 339 23 65 848 info@welchome.net 15


16


foto e direzione artistica

mokacomunicazione imaginaria boys & horses

VERONICA: jeans stretch, camicia scozzese con rouches Denny Rose (Augusta Abbigliamento), zeppa in rafia (Mauro Giuli), trucco Non solo Sole, capelli Parrucchieria Rosy. SOFIA: occhiale da sole Tom Ford in acetato (Ottica 2M), abito in pizzo con maniche a tre quarti Denny Rose (Augusta Abbigliamento), police con fibbia colore avana (Mauro Giuli), borsa con frange in pelle beige (Boys & Horses), trucco Non solo Sole, capelli Parrucchieria Rosy.

17


SOFIA: occhiale Miu-Miu acetato glitterato (Ottica 2M), pantalone capri rosso, tshirt pop Denny Rose (Augusta Abbigliamento), sandalo infradito con pietre (Mauro Giuli), trucco Non solo Sole, capelli Parrucchieria Rosy. VERONICA: occhiale Italia Independent collezione I-Mirror (Ottica 2M), mini jeans, camicia poncho in georgette (Augusta Abbigliamento), sandalo infradito colorato (Mauro Giuli), borsa con frange in pelle marrone (Boys & Horses), trucco Non solo Sole, capelli Parrucchieria Rosy

18


VERONICA: occhiale Marc Jacobs edizione Fashion Shooting (Ottica 2M), jeggins blu, felpa raglan con borchie (Augusta Abbigliamento), sneakers argentate (Mauro Giuli), borsa con frange in pelle nera (Boys & Horses), trucco Non solo Sole, capelli Parrucchieria Rosy. SOFIA: occhiale da sole Miu-Miu in acetato (Ottica 2M), abito jersey bianco stampato e con applicazioni in metallo (Augusta Abbigliamento), deco spuntato tacco 12 colore nero (Mauro Giuli), trucco Non solo Sole, capelli Parrucchieria Rosy.

19


SOFIA: Occhiale da sole Tiffany in acetato con inserto nell’asta (Ottica 2M), jeans a pois, camicia in crepon con colletto strass (Augusta Abbigliamento), sandalo tacco 12 con plateu colore azzurro (Mauro Giuli), trucco Non solo Sole, capelli Parrucchieria Rosy. VERONICA: occhiale da sole Emilio Pucci in acetato con fantasia (Ottica 2M), short in lino color oro, canotta di cotone e chiffon con pietre (Augusta Abbigliamento), sneakers in tela colore verde (Mauro Giuli), trucco Non solo Sole, capelli Parrucchieria Rosy.

20


SOFIA: occhiale da sole Bulgari edizione limitata con asta gioiello (Ottica 2M), abito con balze in pizzo (Augusta Abbigliamento), deco spuntato tacco 12 colore salmone (Mauro Giuli), trucco Non solo Sole, capelli Parrucchieria Rosy. VERONICA: occhiale Tom Ford in acetato Cipria (Ottica 2M), jeans camouflage, top girocollo in georgette (Augusta Abbigliamento), sandalo intrecciato color argento (Mauro Giuli), borsa con frange in pelle marrone (Boys & Horses), trucco Non solo Sole, capelli Parrucchieria Rosy

21


VERONICA: occhiale Marc Jacobs ed. Fashion Shooting (Ottica 2M), abito in viscosa a pois (Augusta Abbigliamento), sandalo intrecciato nero (Mauro Giuli), trucco Non solo Sole, capelli Parrucchieria Rosy. SOFIA: occhiale Miu-Miu in acetato glitterato (Ottica 2M), jeans stretch, camicia in georgette, giacca (Augusta Abbigliamento), deco spuntato tacco 12 colore nero (Mauro Giuli), borsa con frange in pelle nera (Boys & Horses), trucco Non solo Sole, capelli Parrucchieria Rosy.

SARAH: occhiale da sole Chanel con particolare in tweed bianco (Centro Ottico), orecchini in oro giallo con perle e lavorazione in filigrana (Cinquilli tattoo), vestito in demin micro check, cardigan misto lino (Playlife), trucco Anna Club, capelli Riflesso. LUCA: occhiale da sole Giorgio Armani in titanio (Centro Ottico), rosario e collana snake in argento (Cinquilli tattoo), pullover in cotone con tasca frontale (Playlife), trucco Anna Club, capelli Riflesso.

22


VERONICA: occhiale Fendi edizione da sfilata metallo e acetato (Ottica 2M), tshirt con borchie, minigonna maculata (Augusta Abbigliamento), sandalo con zeppa intrecciato beige (Mauro Giuli), borsa con frange in pelle marrone (Boys & Horses), trucco Non solo Sole, capelli Parrucchieria Rosy. SOFIA: Occhiale Tom Ford in acetato (Ottica 2M), salopette in jeans nera (Augusta Abbigliamento), sandalo intrecciato color cipria (Mauro Giuli), trucco Non solo Sole, capelli Parrucchieria Rosy.

23


SARAH: occhiale da sole Chanel in celluloide con particolare in pelle (Centro Ottico), bracciali in pelle e borchie, Casio dorato Lady (Cinquilli tattoo), anfibio in pelle con borchie colore tortora (Mauro Giuli), portafoglio bicolore Furla (Optional), canotta in jersey di cotone, pantaloni camouflage con coulisse in vita, foulard fantasia (Playlife), trucco Anna Club, capelli Riflesso. GIULIA: occhiale da sole Gucci senza montatura con farfalla in metallo (Centro Ottico), parure di collana ed orecchini in oro bianco e pietre dure; bracciale e collana lunga con orologio Moschino (Cinquilli tattoo), camperos in pelle colore tortora (Mauro Giuli), shopper papaya Furla, shopping pistacchio Coccinelle (Optional), parka in gabardine lavata con coulisse, camicia in cotone ricamato, pantaloni capri con risvolto (Playlife), trucco Anna Club, capelli Riflesso.

SOFIA: occhiale in Acetato con fantasia Emilio Pucci (Ottica 2M), blusa in georgette, jeans stretch (Augusta Abbigliamento), sandalo con zeppa intrecciato beige (Mauro Giuli), trucco Non solo Sole, capelli Parrucchieria Rosy. VERONICA: occhiale Oakley Frogskin (Ottica 2M), jeans modello boy, cardigan in pizzo, tringolo in paillettes (Augusta Abbigliamento), sandalo basso colore marrone (Mauro Giuli), borsa con frange in pelle marrone (Boys & Horses), trucco Non solo Sole, capelli Parrucchieria Rosy.

24


Via Unità d’ Italia, 37 Umbertide 075 941 14 46 ottica2m.it

Via Roma 121 Umbertide 9-13 / 16-20 Chiuso il Lunedì mattina

chiuso il lunedì mattina

BUONO SCONTO DI 10€ SU UN ACQUISTO SUPERIORE AI 49,90€

via M.Kolbe, 4 Umbertide tel. 075 941 79 11 cell. 328 66 102 09 aperto il lunedì

valido fino al 30/06/13 solo per il negozio di Umbertide

boysandhorses.com Viale Enrico Fermi, 2 San Secondo Tel. 075 857 85 77 Via Etruria, 1 - Trestina - 075/854 250 tel. 338 29 66 001 imaginariarte.it

Modelle: mokacomunicazione.it

Veronica Riguccini Sofia Kerkeni 25

Si ringrazia

Ristorante Il Pomarancio Umbertide


IL TUO GIORNO PIÙ BELLO, IL NOSTRO STILE Via Aldo Bologni, 38 Città di Castello 329 60 89 759

26


CittĂ  di Castello Tel. 075 855 44 26 Cell. 333 30 41 567

27


I started in the theater and appreciate the challenge of having to impress the audience every single night. With the camera you can bluff, but on a stage it is more of a journey.

28


GIORDANO PETRI

An Actor with a dream by Cristina Crisci

His uncle was the renowned movie director Elio Petri whose 1972 film “La Classe Operaia Va In Paradiso” won both the Golden Palm at the Cannes Festival as well as the Donatello David from the Academy of Italian Film. He is Giordano Petri, both a child of the arts and a new television star. But more than anything else he is a passionate actor whose career is really taking off. “Rosso San Valentino” is the Rai Uno show which got 21,9 percent of the prime time market share, outperforming all the competition. Let’s talk about “Rosso San Valentino” in which you play Marco, a young, ruthless gambler. Did you expect the show to be such a success? «Well, I really liked the script and found the story fascinating, very appealing to the public. There are many characters and they are all interesting.» So you have made your mark in Television, but you also had some success in the movies. Which do you prefer, the big screen, the small screen or the theatre? «My first and unconditional love is acting, and I find theater to be my ideal platform because I love interacting with the audience. I started in the theater and appreciate the challenge of having to impress the au-

dience every single night. With the camera you can bluff, but on a stage it is more of a journey.» You are Elio Petri’s nephew, the director who won the Silver Bear in Berlin in 1969, and then the Golden Palm and Donatello David in 1972. What are your memories of him? «Unfortunately I never met him, even though everybody in my family was always talking about him. My uncle Elio was a very curious man, he had lots of interests. He always read a lot and watched a lot of movies. My father was very fond of him and he remembered him with respect. Elio used to say “I am first of all a man, and I try to bring that experience to my screenplay writing. If I filter myself too much I wouldn’t make a movie, but something else”. I try to do like my uncle, and I hope I do it with the same professionalism. If so I may even have the same level of success!» Your uncle said, “Film is not an elitist medium, it is for everyone. Speaking solely for an intellectual elite is like speaking for nobody. I don’t believe we can start a revolution with movies, but I believe a film can open a dialogue among the masses”. Was he right? «Current Italian films are not known for their storylines. This doesn’t mean though that we don’t know how to make movies. The more this creative language gets popular, the more it is able to reach a less definable audience. The audience doesn’t determine the quality of a film, but it can determine how efficiently the film fulfills its purpose. This is something Charlie Chaplin understood very well. He used to show his films to children before distributing them to movie

29


theaters. In those days not everyone could afford to go to the movies. It is a real paradox.» You worked with Benigni, with Monica Guerritore, Lando Buzzanca... who has had the biggest impact on you among the actors and directors you have worked with? «All of them have left their mark on me. I have some wonderful memories of Benigni. It was so much fun to work with him. Even though on set I could feel the importance of the movie, and was intimidated by all the important people working with him, I always enjoyed the way he used irony and lightness to make everything normal and easy.»

Theater of Illuminati in Città di Castello. Giordano was born here on this stage. Il Teatro degli Illuminati a Città di Castello. Giordano nasce qui su questo palcoscenico.

What did you leave in Città di Castello and what did you find in Rome? «Actually I return home often enough to get reenergized. I have my family here and I have to praise my parents because they weren’t so happy when I gave up my law career… but they encourage me a lot. It has also been nice to be invited to participate in Castello’s popular events, like the Truffle Fair and the Comics Exhibition, and the “Lets Make a Movie” event… but it is true that in Rome I can nurture my dream, even though it is a challenging dream…» Monica Bellucci and Valentina Lodovini are two actresses who share your Città di Castello roots. Who would you rather act with? «If it were possible I would love to work with both of them…Valentina is a dear friend. We started together in the same Acting Company: the Valeria Ciangottini’s October, which is a starting point for many young hopefuls. My dream would be to assemble in the same movie or television show all the Umbrian actors, in order to talk about our region. It could be a project involving the Umbria Film Commission, the Region, the Province and the Cutural Assotiations. I have many friends who are from around here: Marco Bocci ‘big brother’ and putative friend, Valentina Lodovini, Laura Chiatti, Filippo Timi, Alessandra Chieli.... it would be a really big hit...»

We thank the Comune of Città di Castello, in particular the vice-mayor Michele Bettarelli, and all the Staff of the “Illuminati theater” for their gentle cooperation. Si ringrazia il Comune di Città di Castello nella persona del vice sindaco Michele Bettarelli e tutto lo staff del Teatro degli Illuminati per la cortese disponibilità.

30

Il teatro è stato il mio primo passo, ogni sera hai un pubblico diverso con cui devi riuscire a creare empatia. Con la macchina da presa puoi bluffare, il palcoscenico è un viaggio


31


GIORDANO PETRI UN ATTORE CON UN SOGNO IN TESTA... di Cristina Crisci

32


Suo zio Elio Petri vinse una Palma d’Oro a Cannes e un David di Donatello nel 1972 per il film «La classe operaia va in Paradiso»... Giordano Petri dunque è un po’ figlio d’arte, un po’ nuova star del piccolo schermo. È più di tutto un attore mosso dalla passione per la recitazione e il palcoscenico, reduce dal grande successo della fiction ‘Rosso San Valentino’ su Rai Uno, che ha ottenuto il 21,9% di share nel prime time, stracciando ogni possibile concorrenza. Allora Giordano, per il pubblico della tv che ha seguito ‘Rosso San Valentino’, sei Marco, un giovane senza scrupoli alla prese col gioco d’azzardo. Ma te lo aspettavi tutto questo successo? «Mi aspettavo che facesse un buon risultato, perché già dal copione mi ero appassionato alla storia. Immaginavo che sarebbe piaciuta anche al pubblico: ci sono tanti personaggi molto diversi tra loro, uno più bello dell’altro.» La tv ti ha ora ‘consacrato’, ma prima ci aveva pensato anche il cinema. E se dovessi scegliere tra il piccolo, il grande schermo o il palcoscenico teatrale? «Il mio amore incondizionato è per la recitazione e, a seguire, per tutte le forme di spettacolo. In realtà il teatro è la mia dimensione ideale, perché permette di interagire direttamente col pubblico. Il teatro è stato il mio primo passo, ogni sera hai un pubblico diverso con cui devi riuscire a creare empatia. Con la macchina da presa puoi bluffare, il palcoscenico è un viaggio.» Tu sei il nipote del grande regista Elio Petri, Orso d’argento al Festival di Berlino nel ‘69, Palma d’oro a Cannes nel 1972 e David di Donatello nello stesso anno per il film ‘La classe operaia va in Paradiso’. Che ricordi hai di lui? «Purtroppo non ho avuto la possibilità di conoscerlo, ma in famiglia se n’è sempre parlato. So che era un uomo curioso, pieno di interessi, avido lettore e altrettanto vorace spettatore. In particolare mio padre ne parlava con grande orgoglio e rispetto. Elio diceva: ‘Prima di tutto sono un uomo e cerco di tradurre la mia esperienza umana in una sceneggiatura; se la filtrassi troppo non farei un film, ma qualcos’altro’. Cerco di fare la stessa cosa con la speranza di riuscirci con la stessa professionalità e di raggiungere anche io il momento della grande consacrazione!»

‘Il cinema non è per un’élite, ma per le masse. Parlare ad un’élite di intellettuali è come non parlare a nessuno. Non credo si possa fare una rivoluzione col cinema, credo in un processo dialettico che debba cominciare tra le grandi masse, attraverso i film e ogni altro mezzo possibile’. In questa celebre frase piuttosto lungimirante tuo zio, secondo te, aveva ragione? «Il cinema italiano in generale non sa più raccontare storie. Il che non significa non saper fare cinema. Più un linguaggio creativo di qualsiasi tipo diventa popolare, più incontra un pubblico sempre meno specializzato. Non è certo il pubblico a decidere la qualità di un prodotto, ma la sua efficacia sì. Charlie Chaplin lo sapeva bene: prima di mandare nelle sale una pellicola la faceva vedere ai bambini, eppure a quei tempi non è che le masse potessero sempre permettersi il biglietto del cinema... questo è il paradosso.» Hai lavorato con Benigni, con Monica Guerritore, Lando Buzzanca... quali tra gli attori o registi hanno lasciato una traccia importante? «Tutti. Di Benigni ho un ricordo bellissimo: con lui ci si divertiva molto, anche se sul set si respirava l’importanza del film, la troupe era composta da grandi professionisti e questo mi intimoriva un po’, ma Benigni con la leggerezza e l’ironia riportava tutto alla normalità.» Cosa hai lasciato a Città di Castello e cosa hai trovato a Roma? «In realtà vengo molto spesso per rigenerarmi, poi qui ho la famiglia, i miei genitori cui devo fare un elogio perché nonostante la loro sofferenza profonda per non aver proseguito nella carriera giuridica mi hanno sempre incoraggiato... molte occasioni di ritorno a casa sono state delle sorprese come quando mi hanno cercato per la Mostra del Tartufo, per quella del Fumetto, o per ‘Facciamo cinema’... ma a Roma ho la possibilità di coltivare il mio sogno seppure in mezzo alle difficoltà...» Monica Bellucci e Valentina Lodovini, due attrici originarie della tua stessa terra, con chi vorresti recitare? «Se avessi l’opportunità con entrambe... Valentina è una cara amica con cui ho iniziato a Città di Castello nel laboratorio Ottobre di Valeria Ciangottini, fucina di molti talenti. In realtà il mio sogno nel cassetto sarebbe quello di riunire tutti gli attori umbri in un’unica pellicola cinematografica o in una serie tv che racconti la nostra terra, coinvolgendo magari l’Umbria Film Commission, Regione e Provincia e le associazioni culturali. Tanti sono gli attori amici che hanno le mie origini: Marco Bocci ‘fratellone’ e amico putativo, Valentina Lodovini, Laura Chiatti, Filippo Timi, Alessandra Chieli... sarebbe davvero un bel colpo...»

33


Dr. Michael Humphreys didn’t expect to fall in love at the concert Hall in Greenwich England, but violinist Elvira Bekova moved his heart with her skill and passion. The road she had traveled over the years to arrive to that moment is a story worth hearing. Elvira Bekova was born in Karaganda, Kazakhstan, the place Russians joke about when they want to say “The Middle of Nowhere”. It is a barren and desolate place without trees, where coal was extracted by miners during the Imperial era and with mostly slave labor during the unsuccessful, Soviet regime. Elvira was born in this unwelcoming place where political dissidents were sent to be punished with “internal exile”. There were few realistic opportunities for artists and musicians in Karaganda. Being accepted into the conservatory at Moscow would be required for a career, and it wasn’t even something to dream about as so few from Kazakhstan had ever been admitted. There was a school with an exceptional teacher, a

cellist named Roman Mazanov who Stalin had exiled for having surrendered to the Germans instead of fighting to the death. Between his teaching skill and her natural ability, her talent would thrive. Elvira made every appropriate progress for a student pursuing a professional career. She studied the Russian method which is admired throughout the world, and she became one of the very few Kazakh instrumentalists ever to be accepted at the Tchaikovsky Conservatory in Moscow. She would become the first Kazakh graduate to be awarded gold medal honors which made her the pride of all Kazakhstan. She was awarded the title of “Honoured Artist of Kazakhstan”. Her list of accomplishments continued to be of the highest order, playing with important international orchestras and making many recordings. Most gratifying among these accomplishments was the forming of The Bekova Piano Trio with her sisters Eleanora and Alfia. Their musical unity is notable as was remarked by Gennady Rozhdestvensky world reknowned conductor and one time artistic director of the Bolshoi Theater, ‘The Bekova Sisters Trio is without question one of the best piano trios of our day. Performing a wide variety of genres, these talented musicians demonstrate faultless command of style and outstanding virtuosity together with a keen sense of ensemble.’ Nineteen years of mar riage have passed since Dr Michael Humphreys was first smitten by Elvira Bekova. Together, here in Italy, they started their String Instruments Course: Citerna MasterClass of Music which seeks to instill “Mastertzvo” or mastery of Chamber Music. High level young professionals and amateur students from around the world are enrolled from July 7th through July 20th. During this same period the music makers and the music lover soffer the entire community a free concert series. Visit www.felcinobianco.com for the concert schedule or to register for the MasterClass course.

34


della sua carriera musicale è stata aver formato, con le sorelle Eleonora e Alfia, il “Bekova Piano Trio”. La loro sintonia musicale è notevole, come ha dichiarato il famoso direttore d’orchestra, a suo tempo anche direttore artistico del teatro Bolshoi di Mosca, Gennady Rozhdestvensky: “Il trio delle sorelle Bekova è uno dei migliori trii pianistici. Le musiciste hanno grande talento e si dedicano a generi diversi eseguendo con ineccepibile controllo di stile, straordinario virtuosismo e una vera unità di insieme”.

di Breon O’Farrell

Il medico Michael Humphreys non si aspettava di incontrare la donna della sua vita la sera in cui si recò a un concerto a Greenwhich in Inghilterra. Eppure il talento e la passione della violinista Elvira Bekova lo conquistarono nel profondo. La strada che questa musicista ha percorso per arrivare a quel momento è un esempio di rivalsa per tutti. Elvira è nata a Karaganda in Kazakistan, uno dei luoghi più isolati in Russia, quasi “ai confini del mondo”. Il paesaggio di questa regione è privo di vegetazione, desolato e caratteristico di una zona dedicata esclusivamente all’estrazione del carbone da parte degli schiavi del “Regime Sovietico”. Karaganda era la destinazione ideale dove esiliare i dissidenti politici e non offriva nessuna opportunità ad artisti o musicisti. Quasi nessuno era mai riuscito ad essere accettato al conservatorio di Mosca, primo passo per una carriera in campo musicale. Era davvero impossibile persino sognare una tale prospettiva. Contro ogni aspettativa esisteva comunque una scuola di musica e al suo interno insegnava un artista di eccezione, il violoncellista Roman Mazanov, esiliato da Stalin per essersi arreso ai tedeschi anziché aver combattuto fino alla morte. Grazie alla tecnica del maestro e alle proprie capacità innate, il talento di Elvira trovò modo di esprimersi. La Bekova superò tutti gli ostacoli di chi vuole dedicarsi alla musica da professionista. Studiò il violino seguendo il metodo russo, famoso in tutto il mondo, e riuscì ad essere ammessa al conservatorio Tchaikovsky di Mosca, dove si diplomò con onore come musicista strumentale. Fu la prima in Kazakistan a diplomarsi con una medaglia d’oro e ciò la rese l’orgoglio di tutta la regione. Da allora, i traguardi raggiunti sono molteplici: dalle esibizioni con le più famose orchestre internazionali ai numerosi dischi. La più gratificante soddisfazione

Elvira as a child Elvira da bambina

Sono passati diciannove anni da quando il Dottor Michael Humphreys è stato conquistato da Elvira Bekova. Insieme hanno dato vita a Citerna alla Master Class per strumenti ad arco. L’obiettivo del corso è spingere gli studenti ammessi (provenienti da tutto il mondo) a perfezionarsi come musicisti da camera. La nona edizione si svolgerà dal 7 al 20 Luglio, periodo nel quale artisti e amanti della musica regalano alla comunità una serie di concerti gratuiti a Citerna, Sansepolcro e San Giustino. Potrete trovare date e luoghi degli eventi sul sito della Master Class: www.felcinobianco.com

35


TREE ARCHAEOLOGY BECOMES A FOUNDATION by Marta Cerù

Biodiversity is the variety of species on Earth. We hear about having to save it but what can we do to avoid the extinction of species? In San Lorenzo’s farm at Lerchi there are about 400 varieties of fruit trees which would otherwise have been lost. Livio Dalla Ragione, and now his daughter Isabella, found each of these varieties and planted it in order to preserve unique genetic and historical samples. It is an open air Museum called “Tree Archaeology” and in June it will become a Foundation.

“Unfortunately it has been raining a lot and we didn’t have a chance to cut the grass”, Isabella says while guiding us to explore the fruit garden. “Every tree has a label with the variety’s name and the name of a person who decided to adopt it. Adoption is a way to fund our work. We don’t sell the fruit but it is gathered by the tree’s parent, and whatever is left over is made into jams or given to the animals that live around here: squirrels and dears. We keep bees and they pollinate the trees”. Where does the name “Tree Archaeology” come from? «It was my father’s idea because of the kind of work an archaeologist does: build a world from a small piece of it. We have reconstructed worlds of fruit from 36


different clues: antique written archives, paintings representing old varieties of fruits, even people contacting us about a particular kind of tree.» People call you to identify a fruit? «Yes we are often called but the process to identify a new discovery is long. We have to recognize the variety, the name, the history, the different locations of a tree…» Are you saying that plants move around? «We actually are at a crossing point between different regions: Tuscany, Marche, Umbria, Emilia Romagna. Not only people move around but they carry trees along through commerce, pilgrimage, wedding routes. I’ll give you an example: the Red Stone Apple is typical in the Gualdo area but it comes from the Marche and there it is called Stone Apple. The Bread Apple is from Caprese Michelangelo but you can find it in Pietralunga by the name Cheese Apple because of a shape similar to a form of cheese. In Norcia they also call it Bread Apple because they use baskets to carry bread which have the same shape of that apple.» What is your latest discovery? «The March Pear is a very late variety and doesn’t depend on the weather. Its fruits are ready in March, they are small, hard and only good when cooked. To discover a fruit means also to recuperate the gastronomical culture around it.» How did you start taking care of trees on the edge of extinction? «It wasn’t really a choice. I was a child when my father bought this property and I spent my childhood here. My dream was to become a forest guard, not a dancer or a hair dresser like many of my girlfriends. Perugia didn’t have a field of study in forest science so I studied to become an agronomist. But my feelings with trees doesn’t come from studying, it comes from my past, from my playing here.» It was a family passion then… «Well, when I studied in the Seventies and Eighties all that was taught was intensive agriculture. The ideas of preserving rural landscape, and recuperating old farming traditions were considered a form of romanticism not at all a scientific field.» When did the trend start changing? «In 1992, with the Rio de Janeiro Convention, people started talking about the biodiversity crisis for the first time. Today people still don’t appreciate recuperating our agricultural biodiversity, as opposed to the naturally occurring one. It is a huge job, a manual labor, dirty and full of possible failure. It is not a simple matter of grafting trees. It wasn’t but thirty years ago when we often witnessed the extinction of a variety before our very eyes.» What is the goal of the “Tree Archaeology Foundation”? «It is an important goal which could allow me to find some partners for funding this place and the work needed to keep it. The old Church here could become, if restored, a visitor center. It was destroyed in 1713 by an earthquake, and yet it is well preserved despite some damage that needs to be addressed. It is difficult to find sponsors but it is the main purpose of the Foundation…» 37


ARCHEOLOGIA ARBOREA DIVENTA FONDAZIONE di Marta Cerù

La biodiversità è la varietà delle specie esistenti sulla terra. Se ne parla spesso in termini di conservazione, ma cosa si può fare per evitare che tante specie scompaiano? Nel podere San Lorenzo a Lerchi esiste un raro esempio di recupero di circa 400 varietà di frutti, dei quali altrimenti si sarebbe persa traccia e memoria. Le piante sono uniche per il loro valore genetico e storico e sono state ritrovate da Livio Dalla Ragione e da sua figlia Isabella. Il museo a cielo aperto chiamato “Archeologia Arborea” diventerà a giugno una Fondazione. 38

“Purtroppo ha sempre piovuto e l’erba è cresciuta senza darci il tempo di tagliarla”, premette Isabella mentre ci guida a conoscere gli alberi da frutto. “Le piante portano il nome della varietà e quello di chi l’ha adottata. Le adozioni permettono di sostenere le spese di questa piccola azienda agricola. I frutti non sono in vendita. Li raccoglie chi ha adottato la pianta e ciò che rimane viene trasformato in confetture o lasciato per i daini, i caprioli e gli scoiattoli. Le api invece sono a servizio dell’impollinazione degli alberi da frutto”. Da dove viene il nome “Archeologia Arborea”? «L’ha ideato mio padre ispirandosi al significato del lavoro dell’archeologo che da un piccolo reperto è capace di ricostruire un mondo. È un po’ quello che abbiamo fatto noi. Da un frutto abbiamo ricostruito dei


mondi attraverso le fonti più svariate: dall’archivio ai quadri, alle segnalazioni.» La chiamano mai per parlarle di qualche varietà particolare? «Sì, le segnalazioni arrivano, ma vanno verificate e non sono sempre credibili. Occorre riconoscere la varietà, il nome, la storia, gli eventuali spostamenti.» Cioè le piante si spostano? «Ci troviamo a un crocevia di regioni: la Toscana, le Marche, l’Emilia Romagna e come le persone anche le piante hanno viaggiato negli anni lungo le vie del commercio, dei matrimoni, dei pellegrinaggi. Per esempio la mela rossa in pietra è coltivata nelle zone di Gualdo ma è una varietà marchigiana che da quelle parti è chiamata mela sassa. La mela panaia di Caprese Michelangelo si trova anche a Pietralunga dove la chiamano mela casciola per la forma simile al cacio. A Norcia il nome mela panaia deriva dalla forma siIsabella Dalla Ragione mile ai cesti del pane.» Qual è stata l’ultima scoperta? «La pera marzola è una varietà molto tardiva e non per via del clima. I frutti si raccolgono a marzo e si mangiano a maggio, sono piccoli, duri e buoni solo cotti. Riscoprire un frutto vuol dire anche recuperare la cultura gastronomica ad esso legata.» Come è arrivata ad occuparsi di piante in via di estinzione? «È stata una scelta inevitabile. Quando mio padre comprò il podere io ero piccola e così ho trascorso qui la mia infanzia. Fin da piccola il mio sogno era fare il guardaboschi, non la parrucchiera o la ballerina come le mie coetanee. Poi, dato che a Perugia non c’era la facoltà Forestale, ho scelto di studiare Agraria. Ma la confidenza che ho con le piante non viene dall’Università, deriva dal mio passato, dall’aver sempre giocato qui.»

di crisi della biodiversità. Oggi se ne parla in tutti i settori ma non molti sanno cosa vuol dire veramente occuparsi di recuperare ciò che si sta perdendo in agricoltura. È un lavoro anche banale, manuale, persino sporco e pieno di fallimenti. C’è chi pensa che basti innestare le piante. Ma non è così e sicuramente non lo era trent’anni fa, quando purtroppo capitava di non arrivare in tempo e di veder scomparire qualche varietà di frutta sotto i propri occhi…»

Una passione familiare quindi… «Di fatto la formazione universitaria negli anni Settanta e Ottanta era finalizzata a un’agricoltura industrializzata, l’agronomia si concentrava solo sulle colture intensive. L’idea di preservare il paesaggio rurale e recuperare le vecchie tradizioni contadine era guardata con sufficienza, come espressione di romanticismo più che di scientificità.»

Cosa si propone con la “Fondazione Archeologia Arborea”? «È un traguardo importante che spero mi permetterà di trovare dei partner per sostenere economicamente il podere e il lavoro che svolgo. La vecchia Pieve potrebbe diventare, con una ristrutturazione, un luogo di accoglienza per i visitatori. La struttura più antica fu distrutta nel 1713 a causa di un terremoto e oggi la Chiesa settecentesca è ben preservata, pur avendo una lesione da consolidare. Non è facile trovare sponsor, ma è uno degli obiettivi della Fondazione…»

Quando è avvenuta l’inversione di tendenza? «L’anno di svolta è stato il 1992, con la Convenzione di Rio de Janeiro. Allora si è per la prima volta parlato 39


www.paintballcdc.it info@paintballcdc.it 388 42 62 468 seguici anche su: 40


What is Paintball? It’s a game in which the players are divided into two opposing teams. They are given air compression rifles that shoot rubber balls filled with paint at 330 kilometers per hour! The objective of the game is to conquer the other teams base without getting shot/stained by a shot of paint. Remember, the battlefield is full of hiding places that you can run to, climb on and jump over in order to capture the other teams base. Are you ready to do battle?

Cos’è il Paintball? È un gioco in cui i partecipanti vengono divisi in due squadre avversarie. Verranno consegnati dei marcatori caricati ad aria compressa con delle palline di gelatina colorata come munizioni e sparate a 330 Km/h! L’obiettivo del gioco è conquistare la base degli avversari cercando di schivare tutti i colpi per non farsi macchiare. Ricorda... il campo di battaglia è pieno di insidie e dovrai correre, saltare, arrampicarti e strisciare per poter conquistare la Vittoria! Pronti a dar battaglia? 41


STARS IN MONTONE by Marco Polchi

Movies are a form of artistic expression but can also be a way to bring residents of the Upper Tiber Valley together. The Umbria Film Festival has happened every summer since 1997 in Montone and is one of the most interesting Film events in Central Italy. The Mag met the Director, Marisa Berna. 42

Ralph Fiennes


This is the Seventeenth year for the Umbria Film Festival, can you tell us about its beginnings? «I have been living here for twenty years, and at the beginning there was a community of us foreigners. Some of the people who came to live here from other countries were my friends, like Ed Lewis who was then the artistic director of ‘Riverside Studios’ in London. One day Ed came to me with the idea of creating a meeting point for local people and foreigners, and we immediately thought about movies…» What kind of Festival did you have in mind at the beginning? «Our vision was to create a European Festival. It was a time in which certain kind of Continental Films were suffocated by the American Majors. That is why we applied for membership with the Association of European Festivals, where you find the Turin event and some other French Festivals. It was an impressive accomplishment for a brand new event!» How do you choose the movies to present? «Our Festival doesn’t have an official theme. We want to have a collection of beautiful movies that are recognized as art. What is fascinating about movies and about our Festival is that it is not strictly informational, but instead the idea is to shed light on social and modern issues. And although there is not a theme to the festival, there is usually some kind of thread that connects the different film topics: in the past we did ‘the immigrant experience’, and this year ‘family’ will be a recurring subject.»

tor Lone Scherfig who managed to arrange an Italian preview of his film ‘An Education’. Sony Pictures was against the idea but Lone was able to pull it off. We needed a larger venue and had to change location. There were body-guards and stars everywhere. It was a crazy situation!» Montone is the perfect location, right? «Well, yes, Montone adds so much to the Festival. There is a real atmosphere. Movies become a part of the old center and the old center seems to enter the movies.»

There are always important guests at the Festival… «Yes it is true, and they are always a surprise to the audience. For example we brought Colin Firth here before he got an Oscar. Carey Mulligan came and now she is in ‘Gatsby’. We had Naomi Harris who is a very dear person, then Ken Loach and so many others!»

It is a very well established Festival. What do you see for the future? «We are aware that we created something that is going to last. But I am worried about the possibility of loosing the core of the organizational team in the future, and then loosing the Festival too. We depend on volunteers, and this is not the best way to guarantee continuity.»

How is it you are able to involve so many famous people in the Festival? «It is our artistic directors. Ed Lewis used to live and work in London, and he had personal access to many big stars. Vanessa Strizzi has lots of contacts too. Many of our famous guests also recommend other celebrities.»

Are you saying that there is a risk of losing the Festival? «No, not that! We are strongly committed to continue, there are no problems from the cultural or artistic point of view. I am just saying that all this depends on the strength of motivated people and on financial support. So far so good, but we don’t know what will happen when our generation leaves. We need more commitment from the other governmental branches because the commune of Montone is already giving lots of support.»

What about Terry Gilliam? «Terry came because of Ed Lewis. Ed knew that he was living near Città di Castello. Also, Terry needed some advice to avoid the installation of a TV signal relay station near his house. He came for this reason but he was immediately enthusiastic about participating.» Who has left the biggest mark on the Festival? «Terry Gilliam, who is now our President and will be with us again this year. Then there is also direc43


STELLE A MONTONE di Marco Polchi

territorio. Ormai da vent’anni vivo qui in Alta Valle del Tevere, e vent’anni fa ci incontravamo con gli stranieri che abitavano qui. Con alcuni di questi siamo diventati amici, in particolare con Ed Lewis, all’epoca direttore artistico dei ‘Riverside Studios di Londra’. Un giorno, Ed viene da me e mi dice: ‘Perché non creiamo un punto di contatto tra la comunità degli stranieri e le persone del posto?’. Abbiamo subito pensato al cinema...»

Il cinema coi suoi riflettori puntati sull’arte, ma anche come punto d’incontro tra gli stranieri che hanno scelto di vivere in Altotevere. Terreno fertile per questa unione è Montone. Qui, dal 1997, si svolge uno dei Festival più interessanti del panorama cinematografico del Centro Italia. The Mag ha incontrato la Direttrice organizzativa della manifestazione, Marisa Berna.

Che tipo di Festival volevate creare? «Abbiamo cercato di creare fin dall’inizio un Festival con un taglio europeo, che avrebbe dovuto promuovere un certo tipo di cinema continentale in quel momento strangolato dalle grandi major americane. Siamo entrati nell’associazione dei Festival europei, dove erano presenti la rassegna di Torino e diversi festival francesi... non male per una manifestazione appena nata!»

Con questa sono 17 edizioni, ci può raccontare i primi passi di questo Festival così aperto e internazionale? «In realtà, il Festival non è stata un’idea solamente mia; è nato grazie a una combinazione prodotta nel 44


Su quali basi vengono scelti i film? «In realtà non esiste un tema vero e proprio per ogni edizione. Il nostro compito è quello di portare film bellissimi che sono riconosciuti come arte cinematografica. La bellezza del cinema e del Festival è che non dà informazioni ma anticipa tematiche sociali e di attualità. Non c’è un vero tema ma un filo conduttore che fa emergere tanti argomenti: abbiamo toccato quello dei migranti ad esempio, mentre quest’anno emergerà quello della famiglia.» Sono sempre presenti grandi ospiti.. «Sì ma mai scontati o banali. Ad esempio, abbiamo portato Colin Firth prima che prendesse l’Oscar, poi Carey Mulligan, ora ne ‘Il grande Gatsby’. È venuta Naomi Harris, una delizia di persona. E poi Ken Loach, e tanti altri!» Che strada percorrete per contattare i grandi nomi del cinema? «Dipende molto dai direttori artistici. Ed Lewis viveva a Londra e poteva incontrarli direttamente, mentre Vanessa Strizzi si è creata una fitta rete di contatti grazie alle sue grandi capacità. Poi, riusciamo ad avere grandi nomi grazie ai personaggi che vengono e propongono altre persone.» E Terry Gilliam? «Terry venne grazie ad Ed Lewis, che aveva saputo che viveva vicino a Città di Castello. Inoltre Terry aveva bisogno di parlare con qualcuno per evitare che istallassero un ripetitore televisivo vicino a casa sua. Venne anche per questo motivo, anche se ci disse subito di sì.» Chi ha lasciato un segno indimenticabile? «Certamente Terry Gilliam, ora Presidente onorario e che sarà con noi anche quest’anno, e poi Lone Scherfig. Lone ci ha portato ‘An education’ in antreprima assoluta in Italia. La Sony era contraria ma lei si è impuntata. Abbiamo dovuto cambiare location, spostandoci da Piazza Fortebraccio, abbiamo avuto i body-guards, era tutto controllato... una cosa pazzesca!» Montone è la cornice perfetta, vero? «Oh sì. Montone dà un valore aggiunto enorme. Si crea una situazione vera, reale. Il cinema entra nel Borgo e viceversa. E poi si respira un’atmosfera magica, da sogno.» Ralph Fiennes e Terry Gilliam

Vi siete consolidati nel tempo, ma cosa vede nel futuro del Festival? «C’è la consapevolezza di aver creato qualcosa di duraturo. Ma mi preoccupa un po’ il fatto che se viene a mancare il nucleo storico alla base della rassegna non so cosa sarà del Festival. Noi in realtà siamo andati sempre avanti con il volontariato, che però non garantisce una continuità in assoluto.» Mi sta dicendo che c’è il rischio di non vedere più il Festival? «No, questo no! Noi vogliamo continuare, non abbiamo problemi a livello artistico e culturale. Dico solo che dipende molto dalla forza di chi vorrà andare avanti e anche, soprattutto, dalle risorse finanziarie. Fino ad ora ce l’abbiamo fatta, però non si sa una volta che questa generazione lascia che cosa poi possa succedere; ci vorrebbe un grande impegno del settore pubblico, il Comune già dà molto.» 45


CANNES: THE PARTIES,THE VIPS AND THE RAIN

Irene e Tom Waller de Warrenne alla prima di Nebraska

AL FESTIVAL DI CANNES TRA PIOGGIA,VIP E PARTY...

di Irene Splendorini

46


Let me explain how I ended up in Cannes. Yes of course I am an actress, but I am not in any of the competing movies… the National Film School in Rome provides badges to allow students into some of the most prestigious Film Festivals. So I was among twenty people, actors, producers, costume designers and photographers, landing in promenade de la Croisette. Our adventure began badly, we arrived in Cannes on a Saturday morning in which the glamorous city resembled a muddy bowl of soup. All the fancy dresses in my bags got soaking wet. It was a nightmare. But as I like to say… there is nothing a group of girlfriends full of hopes can’t overcome! So we sat in ‘Rue d’Antibes’ and ordered a Rosé with a mixture of French cheese and we got ready to roll.

Vi spiego come sono finita al Festival de Cannes, io, proprio io che sono sì un’attrice, ma con nessun film in concorso. La Scuola Nazionale di Cinema di Roma dà ai suoi allievi la possibilità di avere il badge per i più prestigiosi festival di cinema del mondo. Eravamo dunque una ventina, tra attori, produttori, costumisti e fotografi ad approdare alla Croisette. L’inizio di questa avventura non è stato molto incoraggiante. Sono arrivata un sabato mattina in cui Cannes più che la vetrina del glamour sembrava un minestrone di fango. Due valigie piene di vestiti da sera completamente zuppe d’acqua. Un incubo. Ma in fondo non c’è nulla che un gruppo di amiche piene di speranze... non possa superare! Bene, ci sediamo in rue d’Antibes, ordiniamo un misto di formaggi francesi e del vino rosé e apriamo le danze.

At Cannes you have to be able to endure. Endure the long lines to see the movies: if you have a simple ‘credit to the festival’ and not a special press card you have to stay on line for a minimum of an hour and a half and sometimes you may not get in; endure the idea that you have not been invited to any of the parties and you’ll have to pull every string possible in order to get an invitation; endure the fact that there is going to be a line for everything, from crossing the street to ordering a cheeseburger or grabbing a cab.

Ho subito capito che a Cannes bisognava educarsi alla sopportazione. Sopportare le lunghe file per accedere alle proiezioni: infatti se hai una semplice “accreditation au festival” e non una di quelle degli addetti stampa devi stare in coda minimo un’ora e mezza e non è detto che tu riesca ad entrare. Sopportare anche l’idea che non sei stata invitata a nessun party e dovrai fare i salti mortali per riuscire a procurarti un invito. Sopportare il concetto di mettersi in fila anche per la più semplice delle azioni, tipo attraversare la strada, ordinare un cheeseburger, prendere un taxi.

Parties! With the proper team work you can get past any security. You have to stand tall, be sharp and put on your best ‘you don’t know who I am’ face. By doing this I got to sit at the charity dinner organized by Eva Longoria. The Gipsy Kings were playing for guests like Jane Fonda, Dita Von Teese, Cheyenne Brando and the amazing Valeria Marini. I ate and danced, but I had to be careful not to raise my hand because of the auction that was taking place. One of the paintings was an enormous, shocking red and electric blue portrait of Leonardo Di Caprio.

Voglio soffermarmi un attimo sulla questione party. Con un accurato lavoro di squadra non c’è security che tenga. Testa alta, spalle drittissime e atteggiamento da ‘tu non hai la minima idea di chi sono io’ e mi siedo alla cena di beneficenza presieduta da Eva Longoria. Sul palco i Gipsy King che suonano, tra gli ospiti Jane Fonda, Dita Von Teese, Cheyenne Brando e la strepitosa Valeria Marini. Mangio, ballo e mi diverto attenta a non alzare la mano perché in corso c’è un’asta di quadri piuttosto difficili da... collocare... come il mega faccione di Leonardo di Caprio in tinte rosso shocking e blu elettrico. Recupero inviti regolari per la première di Paolo Sorrentino, in concorso con La Grande Bellezza e per Nebraska di Alexander Payne. Nessuna fila, con il biglietto alla mano, smoking per gli uomini e nessun dress-code specifico per le donne. Attraverso il tappeto rosso, ignorata dai fotografi ufficiali ma non dall’iPhone degli amici. Saltello qua e là illuminata e riscaldata dai fari potentissimi. In cima alla scalinata Nicole Kidman, presidente di giuria (sì proprio lei, sbiancata dai flash, principesca) posa in tutto il suo splendore. E io non posso che mettermi a riflettere su quanto sia piccolo anche il mondo del cinema....

I was able to get some regular invitations for Paolo Sorrentino’s première, ‘La Grande Bellezza’, as well as for Alexander Payne’s ‘Nebraska’. Men were wearing tuxedos but there was no dress code for women. I walked on the red carpet, under the warmth of the big lights, ignored by the paparazzi but not by my friends iPhones. At the top of the stairs I spotted Nicole Kidman, president of the jury, with her white face under the flashes, like a princess in all her beauty. And then I realized that even the world of movies is a small world after all… 47


The Lawyer’s Corner L’angolo dell’Avvocato

THE RIGHT OF KEEPING WEAPONS IL PORTO D’ARMI

Avvocato

Michele Cancellieri

avv.cancellieri@libero.it

Owning a gun in Italy is simpler than you think. Every citizen over 18 years of age, who didn’t commit any of the crimes specified in 1931 “Decreto Regio” (articles 11 and 43), can get a license to own a gun for personal defense, sport, hunting or collecting. Despite this, gun ownership is not common among Italians. According to latest estimates, in Italy there are about fifteen millions guns, mostly for hunting purposes. We could say that about one in four Italians own a gun, but it would be more appropriate to say that one in four is a hunter. In the United States of America the ratio between weapons and citizens is 1:1 but the majority of guns are for personal defense. The main reason for this difference is that American Constitution asserts “the right of the people to keep and bear Arms, shall not be infringed” (Second Amendment). On the other side the Italian Constitution focuses on the matter by saying “citizens have the right to meet in peace and without weapons” (Art. 17). In both countries there is an excited debate about the freedom to sell weapons for personal defense and there are powerful economic interests at stake. I find these numbers more informative than any debate: In 2009 there were 9.146 murders with a gun in USA (1 in every 34.347 citizens), while in Italy there were 246 (1 in every 247.442 citizens). 48

Possedere un’arma in Italia è più semplice di quanto si immagini. Ogni cittadino maggiorenne che non abbia commesso particolari reati elencati dagli art. 11 e 43 del Regio Decreto n. 773 del 1931, può ottenere la licenza per detenere armi per difesa personale, sport, caccia o collezionismo. Nonostante ciò, il possesso di armi a scopo di difesa personale è poco diffuso. Secondo le ultime stime sarebbero in circolazione circa quindici milioni di armi, in massima parte da caccia. Quindi anche se sembra che un italiano su quattro abbia un’arma, è più corretto dire che quasi uno su quattro è un cacciatore. Negli Stati Uniti d’America il rapporto tra armi e cittadini è circa 1:1, ma si tratta in massima parte di armi per difesa personale. La causa originaria di questa differenza è che mentre la Costituzione Statunitense stabilisce che “il diritto dei cittadini di detenere e portare armi non potrà essere infranto” (2° emendamento), la Costituzione Italiana si occupa della materia solo quando afferma che “I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e senz’armi.” (art. 17). In entrambi i Paesi il dibattito sulla libera vendita di armi per difesa personale è rovente, e talvolta rischia di essere condizionato dai fortissimi interessi economici in gioco. Certi numeri, però, sembrano impietosi. Secondo gli ultimi dati ufficiali disponibili, nel 2009 gli omicidi con arma da fuoco negli USA sono stati 9.146 (1 ogni 34.347 abitanti), in Italia 246 (1 ogni 247.442 abitanti).


Fears and Tears: The Gun Dilemma

Paura e Lacrime: il dilemma delle armi

Breon O’Farrell

A mentally ill young man killed his mother, six teachers, himself and twenty preschoolers in the United States last December. Guns became the focus of the tragedy, although mental illness might have also dominated the headlines. A highly emotional debate about the role of guns ensued. The situation in the USA may seem bizarre to many Europeans where the gun culture is less dominant.

Lo scorso dicembre negli Stati Uniti un malato di mente ha ucciso a freddo sua madre, sei maestre di una scuola elementare e venti bambini. Poi si è sparato e la tragedia ha messo l’accento sul possesso di armi e in modo marginale sulla malattia mentale. Il dibattito sul ruolo delle armi accende gli animi in America in un modo che è estraneo alla cultura europea.

Firearm ownership is a Constitutional Right in the USA, and that is not going to change. We have 300 million weapons in circulation. There will always be violence in our society, and as long as there are guns, they will be used to commit violence. Even in Europe. How to minimize this violence ought to be a valid social objective.

La Costituzione Statunitense stabilisce che ogni cittadino ha diritto di possedere armi. E la Costituzione non cambierà facilmente. Di fatto in America abbiamo 300 milioni di armi in circolazione. La nostra è una società pervasa di violenza e finché ci saranno armi in circolazione saranno usate per atti violenti. Ma ciò è vero anche in Europa. Il vero obiettivo sociale è riuscire a minimizzare la violenza. Nella storia Americana le armi sono state cruciali per la caccia, per assicurare la libertà e per difendersi da possibili minacce come potevano essere un tempo gli Indiani o i ladri. Ma è la paura imperante di un governo tirannico che ha spinto a trasformare il possesso di armi in un diritto costituzionale. In numeri uno psicopatico armato causa meno danni di un dittatore fascista. Questo atteggiamento di noi Americani non mi sorprende. È triste e spesso tragico ma ha una sua ragione di essere. Purtroppo è basato sulla paura piuttosto che su una strategia realistica contro un governo dittatoriale. Ciò che mi lascia più perplesso è che in Europa non esista un atteggiamento simile contro l’insorgere di una tirannia, nonostante i popoli ne siano stati vittima in un passato non così lontano.

Guns were crucial in the American effort to secure liberty from tyranny, for hunting, and for defense against threats like Indians and thieves. The looming fear of a tyrannical government is the main reason why gun ownership became a constitutional right. One armed psychopath does much less damage to society than a fascist dictatorship. I am not surprised by the American attitude. It is sad and often tragic, but it makes sense. Unfortunately it is a fear based response rather than a realistic strategy against dictatorship. What surprises me is that the peoples of Europe don’t have the same misguided strategy for deterring tyranny, having so recently been victims of it themselves. 49


Viale Emilia, 2 CittĂ  di Castello (pg) Tel: 0758558318 Fax: 0758523757 www.mariottinigarden.it

50


Gardening Giardinaggio

june my love giugno mon amour

Ilo Mariottini

gardenmariottini@virgilio.it

Nice warm weather, days full of light, the first meals grilled outside… what is it? June is here! Sun, vacation but most of all colors all around! All the plants we trimmed and nurtured in April and May are now in full blossom. The international trade allow us to have a mixture and a mosaic between Sicilian Mediterranean flavors (like Bougainvillea, Gazania, Lantana…) and our typical High Tiber Valley colors (Lavender, Spanish Broom…). Watering our gardens is the single most important thing during the summer months. Our flower beds and grassland have to be watered every two days. Three dry days in a row can compromise the work we did in the past months. We also need to nurture the flowers since they are at the maximum of their beauty and they rapidly consume the nutrients in the earth. The vegetable garden is also constantly changing. We all compete with friends and family about who has the best and the most veggies in our vegetable gardens. Tomatoes, eggplants, onions, everything is quickly growing and we have to be organized for watering. Some people rely on the “drop to drop” modern system, some use a simple hose, and some don’t have a well and they need to position a container of water high enough to use gravity for dropping water on the plants. The important thing is to be well organized since in order to harvest we need sun, sweat and water. The only problem when watering often is that there are more and more mosquitoes. There are some new devices made to exterminate them in a natural way without using volatile substances dangerous for humans and animals. Mosquitoes recognize a mammal from its breathing and emissions of carbon dioxide. These machines simulate this process and capture the insect while it is ready to sting.

Un caldo piacevole, giornate di luce, le prime grigliate… cos’è? Giugno! Sole, vacanze e soprattutto colori! Tutte le piante accudite, potate e concimate nei mesi di aprile e maggio, danno sfoggio del loro splendore. Il mercato senza frontiere ci permette oggi mescolanze inebrianti che abbinano come in un mosaico i sapori del mediterraneo siciliano (Buganvillea, Gazania, Lantana) con i colori tipici della nostra vallata (Lavanda, Ginestra, ecc.). Nei mesi estivi è fondamentale innaffiare: il prato e soprattutto le aiuole fiorite vanno bagnati ogni due giorni. Bastano tre giorni di siccità per mandare all’aria tutto il lavoro svolto nei mesi passati. Inoltre è il momento di concimare tutti gli arbusti da fiore che, al massimo della loro bellezza, consumano rapidamente i sani nutrimenti della terra. L’orto non è da meno, muta dalla sera alla mattina. Come tutti sanno, l’orto diventa una competizione tra amici e parenti per decretare chi avrà il raccolto migliore, il più buono o il più numeroso. Pomodori, melanzane, peperoni, cipolle, tutto è in fermento e occorre organizzarsi, chi con i moderni impianti “goccia a goccia”, chi con il tradizionale “tubo di gomma” e chi, privo di pozzi, posiziona un recipiente pieno d’acqua in alto e sfrutta come nell’antichità la gravità per innaffiare a caduta. Occorre comunque essere ben organizzati, perché per poter avere un buon raccolto non si può prescindere da sole, sudore e acqua. L’unica controindicazione quando si deve innaffiare continuamente è la proliferazione di zanzare. Per evitarle potrete trovare in commercio marchingegni naturali privi di sostanze volatili nocive per gli uomini e gli animali. Si basano sul fatto che la zanzara riconosce il mammifero da pungere dall’emissione di anidride carbonica durante la respirazione. Esistono allora dei macchinari che simulano il respiro umano e catturano l’insetto nel momento in cui colpisce. 51


Excerpt from Martin Daykin’s book: “Circular Walks on the Tuscany Umbria Boader”

The Battle of Lake Trasimeno by Martin Daykin

The Battle of Lake Trasimeno took place on the northern shore of the Lake in 217 BC. It was one of the bloodiest battles (and worst defeats for the Romans) of the second Punic War. The Punic Wars were fought between the Mediterranean super-powers of Rome and Carthage (a city on the coast of what is now Tunisia); they ultimately led to the destruction of Carthage and the dominance of Rome. Carthage was a city founded by the Phoenicians, a people who traded widely around the Mediterranean and who originated from the middle east. The Carthaginian general at Lake Trasimeno was Hannibal. After crossing the Alps, and having won a resounding victory at Trebbia (near Piacenza), his army was marching towards Rome. Hannibal was deliberately laying waste to the countryside and towns that he captured. This tactic was intended to provoke the Romans into a hasty, ill-considered attack. The Roman commander, Caius Flaminius (Caio Flaminio), was advancing south down the Val di Chiana from Arezzo. He thought he was well behind the enemy army and was probably hoping to meet up with reinforcements south of Perugia before facing Hannibal in battle.

Romans were advancing into the ambush. During the night, some of Hannibal’s men had lit fires on the hill near Castel Rigone to give the impression that they were still half a day’s march away. To the right of the marching Romans was the swampy shore of the Lake. The water level was higher than today, roughly equivalent to the route of the road between Tuoro and Terontola. To their left were the slopes hiding Hannibal’s army. This carefully chosen topography meant that once the Roman army had entered the narrow gap between the Lake and hills, there was no escape. To make matters worse, fog blanketed the lake and lower ground, further obscuring the Carthiginians’ presence from the Romans. Without warning, Hannibal attacked the marching Roman columns. They did not have time to organise into battle formation and, for the Romans; it rapidly became a case of every man for himself. Many of the Romans were drowned in the Lake or cut down on the shore, 15,000 were killed for the loss of 1,500 men in Hannibal’s army. It seems likely that several place names in the area have origins resulting from the Battle. Sanguineto, (the place of blood), Ossaia (the place of bones), Sepoltaglia, (the place of tombs), Malpasso (bad pass) and Pian di Marte (Plain of Mars, the Roman God of War). Others claim that Marte is a corruption of martire, Italian for martyr, and refers to the Roman prisoners who were executed there.

Hannibal had in fact deployed his army in the hills above Sanguineto, just to the north–west of Tuoro. From here he could watch and surprise the advancing Roman army. At dawn of 24 June 217 BC, the 52


La Battaglia del Lago Trasimeno di Martin Daykin La battaglia del Lago Trasimeno è avvenuta sulla sponda nord del lago nel 217 AC. È stato uno dei conflitti più sanguinosi (e una delle peggiori sconfitte romane) durante la Seconda Guerra Punica. Combattute tra le due superpotenze del Mediterraneo, Roma e Cartagine, le Guerre Puniche terminarono con il trionfo di Roma e la totale distruzione di Cartagine. Quest’ultima era una città sulla costa dell’attuale Tunisia ed era stata fondata dai Fenici, una popolazione dedita al commercio in tutto il Mediterraneo e originaria del Medio Oriente. Il generale cartaginese al commando sul Lago Trasimeno era Annibale. Dopo aver attraversato le Alpi e aver combattuto e vinto a Trebbia, vicino a Piacenza, il suo esercito era in marcia per raggiungere Roma. Durante il tragitto Annibale e i suoi uomini lasciavano alle spalle solo rovine, nelle campagne e città che conquistavano. Era una tattica mirata a provocare i romani e spingerli a un attacco fatale. Caio Flaminio era il comandante romano e da Arezzo stava avanzando verso sud attraverso la Val di Chiana. Riteneva di trovarsi molto indietro rispetto alla linea nemica e la sua speranza era ricongiungersi con i rinforzi a sud di Perugia prima del confronto con Annibale. Di fatto invece Annibale aveva posizionato la sua armata tra le colline sopra Sanguineto, a Nord-Est di Tuoro. Era una postazione dalla quale poteva controllare e sorprendere l’avanzata dell’armata romana. All’alba del 24 giugno del 217 AC, i Romani finirono dritti nell’imboscata. Durante la notte, alcuni uomini di Annibale avevano acceso dei fuochi sulle colline attorno a Castel Rigone per dare l’impressione ai romani di trovarsi a circa una mezza giornata di marcia. Mentre avanzavano, i Romani avevano a destra le paludi del lago, il cui livello era più alto di quello attuale e raggiungeva all’incirca la strada tra Tuoro e Terontola. A sinistra invece c’erano le colline dietro le quali si era appostato l’esercito di Annibale. Come se non bastasse, la nebbia sul lago e sulla valle nascondeva ancora meglio ai romani la presenza dei cartaginesi. Senza alcun preavviso Annibale attaccò la colonna romana in marcia. I soldati romani non ebbero tempo di organizzarsi e si trovarono dispersi e costretti a combattere ognuno per sé.

Molti di loro annegarono nel lago o furono uccisi sulla riva. In totale l’esercito romano perse 15.000 uomini, dieci volte più dei 1.500 soldati cartaginesi uccisi. Ad oggi si pensa che molti nomi dei luoghi circostanti siano dovuti a questa battaglia. Sanguineto ricorda il luogo del sangue, Ossaia quello delle ossa, Sepoltaglia quello delle tombe, Malpasso un passaggio malevolo. Pian di Marte ricorda il Dio della Guerra romano, o ancora si pensa che Marte derivi da martire e si riferisca ai prigionieri romani uccisi in questo luogo. 53


Enzo Neri

Sea scallops carpaccio, mushrooms tartar, hazelnut oil and black summer truffle Carpaccio di cappesante con tartar di funghi estivi e aglietto, nocciole e tartufo scorzone.

Ingredients: 80 g scallops, 40 g mushrooms, 25 g spring onion, 10 g black truffle, 20 g hazelnut, 10 ml truffle oil, 5 ml hazelnut oil chives, bit of lemon squeezed, crystal salt, ground pepper Procedure: 

Clean and wash the scallops. Put them in a cutting board and slice lengthwise thinly. Arrange the slices on a serving dish, marinate it with truffle oil, lemon and chopped chives. Leave it in the fridge for few hours. Clean the mushrooms and cut into small cubes like a tartare. Do the same thing with the hazelnuts and the spring onion. Mix everything together, season it with a pinch of salt, pepper and hazelnut oil. Place the scallops on a plate, add crystal salt and pepper. In the same way, to the side, place the mushroom tartar and a bit of seasoned mix leaves. To finish up, with the use of a mandolina, slice the black truffle over the scallops and the salad. Dish is ready to serve.

Ingredienti: 80 g cappesante, 40 g funghi estivi (marzuoli), 25 g aglietto,10 g tartufo scorzone, 20 g nocciole, 10 ml olio al tartufo, 5 ml olio alla nocciola, 2 pistilli di erba cipollina, limone spremuto, cristalli di sale e pepe q.b. Procedimento:

Pulire e lavare le cappesante. Porle in un tagliere e affettare longitudinalmente delle fette sottili. Disporre le fettine su un piatto, nappare con olio al tartufo, limone e erba cipollina tagliata fine fine. Lasciare marinare in frigo per alcune ore. Pulire i funghi e tagliarli a cubetti piccoli a mo’ di tartar. Ripetere il procedimento con le nocciole e l’aglietto. Mescolate tutto insieme, aggiustate di sale e pepe e olio alla nocciola. Disporre le cappesante su un piatto, salare con i cristalli di sale e pepe. Allo stesso modo, a fianco, disporre la tartar di funghi e un po’ di foglioline di insalata mista condita. A questo punto, con l’uso di una mandolina, tagliate a fettine il tartufo nero sopra le cappesante e l’insalatina. Il piatto è pronto. 54


My own “panzanella”

La panzanella a modo mio

Anna Nocentini “Panzanella” is a typical summer dish in our valley. It is considered a poor man’s food because it was made with stale bread and brought by farmers as lunch while they were working in the fields. My own recipe is modernized but true to the original!

La panzanella è un tipico piatto estivo delle nostre zone, considerato povero perché fatto con pane raffermo e tipico dei contadini di una volta che lo consumavano nei campi. La mia versione è rivisitata e più “moderna”, pur mantenendosi fedele all’originale!

Ingredients (4 people): 4 slices of bread; 250 g dates tomatoes; 1 bunch of green salad; basil; 1 fresh onion; 100 g olives; salt; pepper; extra virgin olive oil; vinegar.

Ingredienti (per 4 persone): 4 fette di pane casereccio; 250 gr di pomodori datterini; un cespo di insalata verde; basilico; un cipollotto fresco; 100 gr di olive; sale; pepe; olio extra vergine di oliva e aceto (a piacere).

Preparation: Cut into dices the bread slices and fry them in a pan with olive oil. Wash and cut the salad, the onion and the tomatoes. Put the fried bread in a bowl and add the salad, the onion, the tomatoes and the olives. Mix well and season with oil, salt, pepper and balsamic vinegar. It is better to prepare the “panzanella” a couple of hours before serving.

Preparazione: Tagliare a dadini le fette di pane, nel frattempo far scaldare in una pentola un filo di olio di oliva e farci rosolare il pane. Lavare e tagliare finemente l’insalata, il cipollotto e i pomodori a dadini. Versare il pane precedentemente rosolato in una ciotola capiente unendo l’insalata, il cipollotto, i pomodori e le olive. Mescolare bene e condire con olio, sale, pepe e a piacere aceto balsamico. Consiglio di preparare la panzanella almeno 2/3 ore prima di servirla.

Flourless chocolate walnut cake

Torta di cioccolato e noci priva di farina

Elisabeth Wholey I grew up on a walnut and almond farm in northern California, and Sono cresciuta in una fattoria di noci e mandorli nel Nord della California e la mia fortuna è avere in giardino, nella Valle del Niccone dove vivo, un consider myself lucky to have a towering, old walnut tree in my vecchio noce. garden where I live now, in the Niccone Valley. Ingredients (make 10 servings): 1 cup (4 ounces) lightly toasted walnuts; 3 tablespoons plus ½ cup sugar; 5 large eggs, separated; 1/8 teaspoon salt; 2 teaspoons vanilla extract; 6 ounces dark 70% chocolate, broken in pieces, then finely chopped in the food processor.

Ingredienti per 10 persone: 110 g noci leggermente tostate; 175 g di zucchero; 5 uova grandi a temperatura ambiente; un pizzico di sale; 15 ml estratto di vaniglia; 150 g cioccolato fondente al 70% spezzettato e triturato in un mixer.

Preparation: Preheat oven to 350° F. Butter a 9-inch spring form pan, and line the bottom with baking parchment. In the food processor, finely grind 1 cup walnuts with 3 tablespoons of sugar. Pour into a medium-sized bowl and set aside. Process the broken pieces of chocolate and pulse till all are pulverized. Stir into the ground walnuts and sugar mixture. Separate eggs into two medium-sized bowls. Beat the egg yolks with ½ cup sugar “till you can write your name in it”, about 3 minutes. Add the vanilla, and stir in walnut-sugar-chocolate mixture. It will be thick and sticky. Wash and dry the beaters. Beat the egg whites and 1/8 teaspoon salt until stiff. Then, little by little, carefully fold the egg whites into egg-walnut-sugar-chocolate mixture. When all is blended, pour the batter into the prepared cake pan. Bake until a toothpick inserted in the middle of the cake comes out clean, about 40 minutes. Remove from the oven, place on a rack, and leave to cool completely. Before releasing the spring form pan, run a sharp knife around the edge of the cake. Release the spring, remove the cake, invert it on to a plate, carefully peel off the parchment paper, and turn it over again. If the surface is uneven, level it off with a long, serrated knife. Frost with ganache, or serve with whipped cream, gelato, berries, or just a dusting of powdered sugar.

Preparazione: Scaldate il forno a 180 °C. Imburrate una teglia di 23 cm di diametro e ricopritela di carta da forno. In un tritatutto, sminuzzate le noci con 50 g di zucchero e ponetele da parte in una ciotola. Aggiungete il cioccolato polverizzato. Separate il rosso d’uovo dalla chiara in due ciotole. Sbattete i rossi con 125 g di zucchero per circa 5 minuti, fino a una densità tale da poterci “scrivere il vostro nome”. Aggiungete la vaniglia e la mistura di noci, zucchero e cioccolato. Lavate e asciugate le pale dello sbattitore! Montate le chiare con il sale e poi unitele lentamente alla mistura di uova e noci senza mescolare troppo. Versate il composto nella teglia. Infornate e cuocete per circa 40 minuti fino a quando inserendo uno stecchino non lo estrarrete pulito. Sfornate e ponete su una griglia a raffreddare. Con un coltello separate la torta dalle pareti della teglia, rovesciatela su un’altra griglia e rimuovete la carta forno, poi adagiatela su un piatto. Se la superficie non è liscia, livellatela con un lungo coltello. Ricoprite con glassa al cioccolato e pezzi di noci o servite con panna montata, gelato, frutti di bosco o anche solo un velo di zucchero vanigliato.

From Elizabeth Wholey’s book: “Sustenance: Food Traditions in Italy’s Heartland, a guide to farms, markets and fairs in the Upper Tiber Valley”.

Dal libro di Elizabeth Wholey’: “Sustenance: Food Traditions in Italy’s Heartland, a guide to farms, markets and fairs in the Upper Tiber Valley”.

55


56


Condizionatore Solare Termico

UnitĂ  Esterna

Via Madonna del Vento S.N. Cerbara - CittĂ  di Castello (PG)

Tel. 075 851 22 43 Fax 075 851 80 65

57

info@enerbtech.it www.enerbtech.it


SCONTO -20%

MINIMO DUE PERSONE, PRANZO O CENA VALIDO FINO AL 30/9/2013 - NON CUMULABILE -20% ALLA CARTA SUL TOTALE ritaglia e consegna questo buono per ottenere lo sconto

CUCINA TRADIZIONALE UMBRA REINTERPRETATA CON CREATIVITÀ E TECNICHE MODERNE, UTILIZZANDO PRODOTTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA E INGREDIENTI DI PRODUZIONE ARTIGIANALE

TRADITIONAL UMBRIAN CUISINE WITH A CREATIVE AND MODERN TWIST. OUR INGREDIENTS ARE ORGANIC AND EVERYTHING IS HOME MADE.

locandappennino.it 58


Talking about music Parliamo di musica

s.o.s. save our schools... with music salviamo le nostre scuole... con la musica

Patrick Q

patrickq77@yahoo.com

Our children’s schools are destructively underfunded. If there is scarcely enough money to buy toilet paper, how can we expect our schools to have all the equipment and facilities necessary to stimulate 21st century minds? Can music be part of the solution to this problem?

Le scuole dei nostri figli hanno carenza di fondi. Se mancano persino i soldi per acquistare la carta igienica, come possiamo aspettarci di trovare gli strumenti e gli ambienti adatti per le giovani menti del ventunesimo secolo? Forse la musica può aiutare a risolvere il problema.

Everyone knows the government is at fault. Anyone might be justifiably angry when they compare the amount of taxes used to support our less than inspiring ministers, and the shameful amount of money that trickles down into our school system.

Sappiamo tutti che la responsabilità è del governo. Ed è normale provare rabbia di fronte al continuo aumento di tasse che rimpolpano le tasche di dubbi ministri anziché andare a supportare il sistema scolastico e l’istruzione in generale. Il progetto chiamato “Save Our Schools (SOS)” si basa su un principio semplice. Trasformiamo la rabbia in azioni a beneficio di tutti. A Città di Castello, il 3 giugno, suoneremo con gli insegnanti della Scuola Elementare San Pio musica italiana degli anni quaranta e cinquanta. I fondi raccolti in questa occasione saranno interamente devoluti alla scuola, per acquistare risorse necessarie ai bambini. Speriamo che questo evento sia solo l’inizio di una serie di progetti dai quali le scuole potranno trarre beneficio. Continuerò a tenervi informati grazie a The Mag sull’evoluzione di questa idea. I bambini sono perfetti. E hanno diritto a un ambiente scolastico che sia all’altezza delle loro capacità e dei loro bisogni. Cerchiamo di impegnarci tutti con amore per rendere ciò una possibilità.

Save Our Schools (SOS) offers a simple proposition. Let’s try to transform this anger into useful action beneficial to all of us. In Città di Castello on June the 3rd, along with the staff and students of San Pio elementary school we will be performing a concert of beautiful Italian music from the 40s and 50s. All money raised will be spent on resources for the school. Hopefully this will just be a start and with your support and input I’m sure it can be something that grows for our mutual benefit. Next issue of the Mag I’ll expand upon these ideas. Our children are perfect. Lets lovingly provide them with a learning environment that is worthy of their potential, and suited to their needs. Please join us in this effort.

59


Anna Cuzzolin:

Anna Cuzzolin:

“Through Children’s Eyes”

“Con gli occhi dei Bambini”

See reality through a child’s eyes. Find the daily, essential simplicity with honesty and imagination. How? Through the art of photography shot by the young artists in the Pistrino - Citerna Elementary Primary School “B.Bartoccini”. The photographs have been selected by photographer Anna Cuzzolin, and exhibited at “Citerna Photography” (until the 9th of June) in the area called CiternaLAB.

Guardare la realtà con gli occhi di un bambino. Ritrovare la semplicità e l’essenza di ogni giorno, con fantasia e sincerità. Come? Attraverso l’arte della fotografia: grazie agli scatti dei piccoli artisti della Scuola Primaria Statale “B. Bartoccini” di PistrinoCiterna, personalmente rielaborati dalla fotografa Anna Cuzzolin, ed esposti fino al 9 giugno scorso all’interno della mostra ‘Citerna Fotografia’, sezione CiternaLAB. «Un bambino sa ascoltare se stesso, i desideri, le fantasie e le emozioni che nascono nella sua pancia e non avendo paura di mostrarle, ha un’identità più forte di molti adulti che hanno cercato di costruirla nel tempo. La fotografia permette a chi scatta di parlare di sé, e osservare i lavori di un bambino ci permette di tornare un po’ indietro nel tempo, sentire un’aria più leggera nei nostri polmoni e renderci conto che anche la nostra dura realtà in fondo non è che un mondo fantastico.»

Citerna Fotografia

Citerna Fotografia

“A child is able to listen to the inner self, to the desires, the fantasies, the emotions which originate in the belly. In a way a child’s identity is stronger than that of many adults. Photography allows the expression of the self, and when we look at a kid’s picture we go back in time to our own childhood, breath in a lighter air and realize that even our hard reality is deeply fitted inside a fantastic world”.

60


PANE E PASTA FATTI IN CASA tel 075 37 20 342 cell 334 24 54 683 347 41 86 709 Via XI Settembre, 12 - San Giacomo - Città di Castello Chiuso il lunedì Trattoria Da Noi 61


Special thanks to CAFFĂˆ MAGI Alice Gianfranceschi & Benedetta Calagreti per

Corso Vittorio Emanuele II 075/8522441

62


63


DESIGN / PLANNING CONSTRUCTION MAINTENENCE OF POOLS AND ALL SIZES OF SPORTING FACILITIES

PROGETTAZIONE COSTRUZIONE MANUTENZIONE PISCINE ED IMPIANTI SPORTIVI

“In a suggestive, exclusive ambience. A unique atmosphere. The undeniable pleausures that offer a true quality of life. BorgoBlu will build your dreams.”

“Ambienti suggestivi, esclusivi. Atmosfere uniche. Irrinunciabili piaceri che determinano la vera qualita’ della vita. BorgoBlu costruisce i tuoi sogni.”

64

Via Malatesta, 19 Sansepolcro (AR) tel. 0575 74 01 54 email: info@borgoblu.it borgoblu.it

guarda il video


The Mag 4