Page 73

favorire la nascita di nuove professionalità legate alle moderne tecniche di gestione dell’impresa in rete e favorire l’integrazione con altri comparti. All’interno di questi network si potranno progettare forme di alloggio insolite (castelli, dimore storiche o contadine, mulini, persino alloggi sugli alberi), enfatizzare la partecipazione del cliente alle attività (agriturismo attivi e fattorie didattiche), individuare figure professionali nuove (voyage designer, il progettista dell’esperienza turistica; personal eco trainer, guida ecologica naturalistica; wedding planner, l’organizzatore di pranzi; slow life mentor). Tali figure sono portatrici di competenze gestionali di area che possono supportare la creazione, la promozione/commercializzazione e la comunicazione dei network territoriali di offerta, che possono facilitare la progettazione di itinerari e reti di prodotto, anche attraverso l’individuazione di eventi ai quali conferire un ruolo attrattivo rispetto al territorio. È allora vitale migliorare la raggiungibilità dei luoghi, sviluppando servizi di trasporto da e per gli aeroporti, puntando su noleggi di mezzi di trasporto a basso impatto ambientale (auto elettriche) e su una rete segnaletica coerente con i nuovi itinerari. L’offerta di prodotti turistici di nicchia dovrebbe privilegiare gli eventi specializzati, preparare in anticipo il materiale pubblicitario ed i contatti, motivare i tour operator

«È vitale migliorare la raggiungibilità dei luoghi» e le agenzie di viaggio, anche attraverso educational nei periodi di bassa stagione per consolidare i contatti ed accrescere la notorietà dei luoghi e la qualità delle proposte. Molto rilevante è il rafforzamento della presenza di intermediari locali che si occupino di incoming, e che lavorino su tutta l’area, specializzati per prodotto, per target, per area e che possano fungere da referente unico per i tour operator. Buona parte delle politiche di comunicazione realizzate fino ad oggi dagli attori locali fanno fatica ad intraprendere questa direzione: costose e non sempre efficaci per i risultati realizzati, sono condizionate spesso da una visione ancora troppo generalista che individua “nell’autostrada”, piuttosto che “nei sentieri”, la via per catturare le emozioni dei visitatori.

PAG 55 / C COME TERRITORIO

C come magazine n. 24  

E' uscito il nuovo C come magazine n. 24

Advertisement