Page 1

copia omaggio

ANNO 05 NUMERO 08 APRILE 2013 WWW.NATUWEB.IT

Verdure a km zero

LA RIVOLUZIONE DELL’ORTO SCEGLIERE, COLTIVARE E MANGIARE I SAPORI GENUINI Dire no agli sprechi

IL GIARDINAGGIO LOW COST

FIORI SPLENDIDI con poco impegno Bambini e natura

FRUTTA E VERDURA ANCHE A SCUOLA L’ORTO E IL FRUTTETO PER IMPARARE Idee per il terrazzo

SELVAGGIO E NATURALE NIENTE FATICA, TANTA BELLEZZA

scopri l’iniziativa e mettila in pratica!

FAI BATTERE IL TUO CUORE VERDE


ANNO

05

NUMERO

08 APRILE 2013

04

Il bello del momento

10

Curiosità e notizie

16

Il piacere dell’orto e del frutteto

22

Sapori & benessere

26

Atmosfere da vivere

34

Natura amica

VERDE LIBERA TUTTI

IL BELLO & IL NUOVO

LA RIVOLUZIONE DELL’ORTO

FIORI NEL PIATTO: SAPORI A SORPRESA

UN BEL VERDE SENZA SPRECHI

ANDAR PER GIARDINI

www.natuweb.it Promogiardinaggio, associazione senza fini di lucro, ha scelto di proporre Natù per sostenere e divulgare i valori della tutela della natura e per contribuire a creare una cultura del verde, incoraggiando atteggiamenti di salvaguardia dell’ambiente. Attraverso la rivista Natù, Promogiardinaggio intende divulgare il concetto che l’amore per il verde può esprimersi ovunque, in casa, nell’orto, in giardino, nei piccoli spazi, coinvolgendo anche gli amici e facendo partecipare i bambini: perché il verde è indispensabile per socializzare, combattere lo stress e vivere meglio. Natù arriva nelle vostre mani per suggerire, aiutare, divertire. Con semplicità e passione, perché fiori e giardini, natura, animali e vita all’aria aperta sono parte della nostra vita, ci danno benessere e serenità e ci aiutano a guardare al futuro. Luca Pelliciari, Presidente di Promogiardinaggio www.promogiardinaggio.org

40

Progettazione

46

Bambini e natura

50

Dalle aziende

52

Decorazione

56

La scelta naturale

60

Turismo e giardini

IDEE PER UN TERRAZZO SELVAGGIO

ORTO E FRUTTETO ANCHE A SCUOLA

IDEE E NOVITà

L’ARTE DI VIVERE

BENESSERE & VITALITà

Responsabile Progetto Magazine Romina Tribi Redazione Progetto editoriale, testi, impaginazione: Garden Servizi Editoriali Lorena Lombroso e Simona Pareschi info@gardenpictures.it Hanno collaborato: Enzo Valenti, Matteo Zanfi/Tretigri Comunicazione visiva Foto: Enzo Valenti - Garden Pictures, Ag. Shutterstock Progetto grafico A.D.Trend srl - www.ad-trend.it Stampa Mondadori Printing S.p.A.

VERDEUROPA

Natù è un magazine gratuito: vi aspetta nei punti vendita associati a Promogiardinaggio. L’elenco completo è disponibile su www.natuweb.it e www.promogiardinaggio.org

Questo numero di Natù è stampato su carta FSC, marchio che identifica i prodotti contenenti legno proveniente da foreste gestite in maniera corretta e responsabile secondo rigorosi standard ambientali, sociali ed economici: è una scelta legata alla volontà di contribuire a un uso responsabile delle riserve naturali.


5 fiale per meno ingombro e più praticità. Conta su Fito Concime Fiale.

TTA RI TUMA P O SC GAM LA

Cinque è il numero magico per la concimazione delle tue piante. 5 referenze - piante verdi, piante fiorite, orchidee, piante orticole da terrazzo, Unico concime - 5 fiale, 5 tacche di dosaggio e 5 i litri d’acqua che si possono preparare utilizzando le più comuni bottiglie d’acqua presenti in ambiente domestico. La fiala è la vera rivoluzione della concimazione in appartamento e balcone, dove spesso il numero di piante da concimare è limitato. Più comoda e meno ingombrante si adatta meglio al numero di piante da concimare, evitando errori di dosaggio e inutili sprechi. www.fito.info Seguici su


L

IL BELLO DEL MOMENTO

a rivista che state sfogliando è una delle attività scelte da Promogiardinaggio, associazione senza fini di lucro che ha l’obiettivo di promuovere l’amore per il verde e il giardinaggio, divulgare i valori della tutela della natura e creare una cultura del verde in Italia. è un obiettivo che solo pochi anni fa sembrava raggiungibile solo da una ristretta élite di appassionati. Promogiardinaggio ha scelto invece di ribaltare le cose: “Il pollice verde non esiste” è uno dei concetti base che accompagna la rivista Natù e il portale www.natuweb.it fin al 2009. Tutti possiamo scoprire il piacere delle piante e dei fiori vicino a noi, in casa e in ufficio, sul lavoro e a scuola, perché il verde ci fa vivere meglio.

Ora è tempo di fare un altro passo avanti: portare il verde dove ancora non c’é, coinvolgere persone che non hanno ancora sperimentato quanto il giardinaggio sia divertente e rilassante. Basta un gesto che ognuno di noi può fare: insieme, possiamo fare la differenza. Questa è l’ambizione di Verde libera tutti, il progetto di Promogiardinaggio che prende il via il 15 aprile 2103 e che per sette giorni, fino al 21 aprile, invita tutti a mettere in pratica la voglia di verde, di natura, di bellezza. Una settimana in cui migliorare e arricchire il nostro mondo di piante e fiori, magari trasformando un’area degradata, un’aiuola abbandonata, un cortile o un terrazzo dimenticato...

VERDE

LIBERA TUTTI Basterà un gesto, magari piccolo, ma se è vero che “l’unione fa la forza”, alla fine della settimana 15-21 aprile la differenza sarà comunque evidente: avremo più natura intorno a noi. Mettiamoci tutti al lavoro... è divertente! Un movimento per rendere più verde il nostro mondo e le nostre città Questa innovativa “chiamata alle zappe” fatta da Promogiardinaggio nasce dunque con lo scopo di diffondere il rispetto per il verde e la natura. Una settimana di movimentazione collettiva permetterà infatti di realizzare dei concreti gesti verdi per migliorare l’ambiente intorno a noi. Da Milano, dove prenderà il via, l’iniziativa Verde libera tutti si allarga a tutta l’Italia perché può essere “ascoltata” e messa in pratica ovunque: in casa e in giardino, sul lavoro, nelle zone con problemi di degrado, ovunque si senta la mancanza di verde pubblico e privato. Esigenze che possono avere risposte facili e concrete, alla portata di tutti: possiamo circondarci di natura come espressione di maggiore armonia.

4


piccoli grandi gesti per avere più verde intorno a noi • Inventare un utile gesto che porti fiori e natura nel nostro mondo è davvero facile. Possiamo farlo in casa e in giardino, ma è importante aggiungere anche qualcosa per la comunità: piantare o seminare un po’ di verde in uno spazio “riconquistato” delle nostre città. • Fallo, e fallo sapere: è un vecchio gioco di parole che ben si adatta a “Verde libera tutti”. Usare gli spazi messi a disposizione (vedere a pag. 7), diffondere in modo virale l’idea di questo progetto, utilizzare il passaparola in famiglia e sul lavoro... Non costa nulla, ma aiuta a far girare l’idea. Possiamo farcela: siamo in tanti ad avere davvero più bisogno di natura, subito. Per noi, per i nostri figli, per un futuro migliore.

5


il bello del momento

Il verde ci fa bene, sempre! C’è chi già sa quanto sia piacevole avere mani e piedi sporchi di terra, sentire il profumo dell’erba, muoversi (e magari dimagrire!) facendo giardinaggio. Tanti, ancora, invece non lo sanno, e ogni giorno passano vicino ad aiuole abbandonate e prive di verde... Cambiamo tutto questo. “Verde libera tutti” lancia la sfida: indossiamo i guanti da giardinaggio, procuriamo semi e piante, mettiamo in pratica qualcosa di facile e di concreto. Ce la possiamo fare.

“Verde libera tutti”, un messaggio concreto e positivo L’obiettivo dell’iniziativa è quello di coinvolgere il maggior numero possibile di persone, rendere virale il messaggio positivo racchiuso in questo progetto e trasformare l’appuntamento con la settimana del “fare verde” in una consuetudine anche per gli anni a venire. L’importanza dell’idea racchiusa nel titolo Verde libera tutti è stata riconosciuta da importanti realtà italiane come Legambiente, AIGC (Associazione Italiana Centri Giardinaggio) e AmbienteAcqua, che hanno deciso di condividere l’evento.

... ma come fare a metterlo in pratica? Milano ha il ruolo di “cuore verde” del progetto. Il capoluogo lombardo sarà protagonista di un momento di aggregazione generale aperto a tutti. L’intera cittadinanza è invitata ad aderire all’iniziativa attraverso interventi di vario genere che avranno come scenario principale gli spazi pubblici, i giardini scolastici, le aree aziendali e, naturalmente, tutti i balconi, giardini e cortili privati che troppo spesso vengono “dimenticati” o abbandonati. Ciò a volte accade solo per sfiducia nelle proprie capacità: ma tutti, proprio tutti, possiamo farcela a portare più verde nel mondo in cui viviamo. In queste pagine trovate alcune tra le centinaia di soluzioni possibili, per ogni livello di impegno e di capacità. Quanto al costo, beh, quello è davvero minimo; basta poco per comprare qualche busta di semi, una o più piantine... e il gioco è fatto. Senza dimenticare che non è un costo, bensì un investimento: il verde ci fa sentire meglio, ci mette di buon umore, porta bellezza e aria più pura, è socializzante, affascinante, divertente...

6


“verde libera tutti”: dal passaparola al web, FB e twitter • Per divulgare l’iniziativa, per rendere fruibili a tutti i particolari del progetto, le modalità e possibilità di partecipazione, ma anche per fornire idee e suggerimenti, Promogiardinaggio ha attivato tutti i canali social, realizzando www.verdeliberatutti.org e aprendo una pagina Facebook: www.facebook. com/#!/verdeliberatutti. • C’è anche twitter.com/verdelibera, dove seguire step by step tutti gli sviluppi con l’approssimarsi della settimana del 15-21 aprile e dove interagire con la comunità che si andrà a formare. • Sicuramente, infatti, l’iniziativa non si esaurisce con gli eventi e le attività che vengono realizzate nella settimana primaverile: il progetto è di ampio respiro e di lunga durata. La sua caratteristica “virale”, legata anche al passaparola in casa, con gli amici, i colleghi

e tutti coloro che si sentono parte della natura (ma anche quelli che ancora non sanno di esserlo!) genera la vitalità di un’idea senza “scadenza”. • Fatevi portavoce di “Verde libera tutti” e realizzate qualcosa di verde, di fiorito, di naturale. Guardatevi intorno: ovunque, nello spazio domestico interno o esterno e in quello delle nostre città, c’è posto per concretizzare il desiderio di un passo avanti verso una migliore qualità di vita. Partecipate anche alle pagine FB e Twitter, strumenti di comunicazione formidabili e a costo zero, che fanno circolare le idee e le mettono in discussione, alimentando così il passaggio dal virtuale al reale, dal desiderio ai fatti. • Sui prossimi numeri di Natù vi racconteremo alcune delle iniziative realizzate; voi raccontateci le vostre, per condividere le esperienze e il piacere dei fiori.

Quattro idee per tutti: 1. coinvolgete i bambini, a casa e a scuola. 2. Piantate alberi e arbusti per avere fiori, aria pura, bellezza. 3. Mettete all’opera la vostra creatività. 4. Fate qualcosa di verde per il vostro quartiere

1

2

3

4

7


TUTTI POSSIAMO E DOBBIAMO PARTECIPARE... Chiunque di noi, a titolo personale o come rappresentante di una comunità, può “fare verde” nella settimana “Verde libera tutti”... e anche dopo, naturalmente. Perché chi comincia, poi, è inevitabilmente “preso” e affascinato da un mondo meraviglioso, vivo, che cambia con le stagioni.

01 Privato cittadino: scegli quale sarà la tua buona azione verde,

raccontala a tutti compilando il form nella sezione La tua azione verde e mettila in pratica. Ti puoi ispirare alle azioni pensate dagli altri e che trovi sul sito; puoi decidere di intervenire da solo alla settimana del “fare verde” o coinvolgendo i tuoi amici, la tua famiglia o i tuoi colleghi. Informa tutti dell’iniziativa, tramite facebook, twitter o qualunque altro social network a cui sei iscritto. Controlla se nella tua zona qualche produttore o rivenditore di piante e articoli per il giardinaggio aderisce all’iniziativa: potrai trovare delle promozioni studiate appositamente e utili per realizzare il tuo intervento. Ricorda che puoi anche inserire foto e video, così come restare sempre in contatto con il resto della comunità attraverso facebook e twitter.

02

Enti e istituzioni: se rappresenti un ente pubblico o un’istituzione, puoi mettere a disposizione di chi ha voglia di fare verde un’area pubblica dove intervenire, trasformandola in un’oasi fiorita grazie all’aiuto e all’impegno dei cittadini che volontariamente si attrezzeranno e faranno tutto il lavoro. Se nella tua veste pubblica o istituzionale puoi aiutare questo progetto, non esitare a pubblicizzarlo, in modo che tutti ne siano a conoscenza. Compila il form che trovi nella sezione La tua azione verde in www.verdeliberatutti. org e segnala lo spazio che intendi dedicare alla trasformazione “verde”.

03

Istituto scolastico: se rappresenti un istituto scolastico puoi autorizzare gli studenti e gli insegnanti, famiglie e amici compresi, a prendersi cura del giardino della scuola, magari piantando ortaggi e frutti (leggi in questo numero le idee da pag. 46). Coinvolgi gli insegnanti nel rilanciare la sfida agli studenti in modo da ottenere una massiccia partecipazione. Segnala il tuo istituto compilando il form che trovi nella sezione La tua azione verde in www.verdeliberatutti.org.

04

Azienda: se parli a nome di un’azienda che ha uno spazio per ospitare del verde, puoi coinvolgere i tuoi collaboratori con famiglie e amici. Rilancia la notizia sul tuo sito internet, sulla tua pagina facebook e sui tuoi social network e segnala lo spazio che intendi mettere a disposizione compilando il form che trovi nella sezione La tua azione verde in www.verdeliberatutti.org.

05

Punto vendita: se hai un punto vendita per il verde devi assolutamente aderire! Puoi dare il tuo contributo fornendo consigli e offrendo prodotti a prezzi speciali o articoli promozionali a chi si impegna a fare verde. Puoi organizzare dei piccoli corsi per chi di giardinaggio sa ancora poco e comunicare la tua partecipazione attraverso il tuo sito, i tuoi social e la tua newsletter. Su www.verdeliberatutti.org. scarica le locandine che potrai personalizzare con il tuo nome e logo per poi esporle nel punto vendita. Compila il form che trovi nella sezione La tua azione verde: in questo modo segnalerai il tuo contributo.

8


il bello del momento

Da un sogno alla realtà Alcune delle idee che si possono realizzare: preparare un’aiuola sulla strada, arricchire un angolo urbano con fiori...

Città più verde? Sì: dipende da noi Quello che Promogiardinaggio si aspetta dalla settimana di verde collettivo è di gettare le basi per rendere il nostro Paese un luogo più curato, più vicino ai virtuosi e numerosi esempi degli standard europei. Quando viaggiamo per il nostro bellissimo Paese vediamo cose meravigliose, uniche al mondo, ineguagliabili capolavori di arte, di ingegno, di bellezza. Ma, se vogliamo soffermarci a osservare, ci sono anche tante zone “sprecate”, inutilmente dimenticate. Basterebbe pensarle con qualche fiore, un po’ di erba, magari un albero o dei cespugli, ed ecco che potremmo aggiungere, al tanto che già abbiamo, un elemento di vita che serve a tutti: ora e subito, e anche nel futuro. Amici di Natù, vi aspettiamo: “Verde libera tutti” è per voi, che amate i fiori e che mettete in pratica con allegria la meravigliosa arte del giardinaggio. Fatelo con la vostra famiglia, gli amici, i colleghi, e fatelo sapere: in tanti, da un solo piccolo gesto, nasceranno idee naturali che fanno bene a tutti.

Alcuni degli appuntamenti previsti

Incontrarsi per “fare verde” Ecco alcune delle iniziative previste nella settimana di “Verde libera tutti”, altre se ne aggiungeranno... Organizzatene una anche voi nel vostro quartiere, nel vostro condominio, a scuola... • 15 aprile 2013 dalle 15.00 alle 17.00, Via Pascarella 29, Milano. Laboratorio orti collettivi. Realizzazione di un orto collettivo nei condomini di edilizia residenziale pubblica, con la partecipazione degli inquilini e dei ragazzi con disabilità psico-fisiche dell’Associazione Il Laboratorio Onlus (nel contesto del progetto “Quarto in transizione”). Collaborerà con Promogiardinaggio (che fornirà tutte le piante e gli attrezzi necessari ai lavori) l’Associazione AmbienteAcqua Onlus. • 19 aprile 2013 dalle 14.00, Via Trilussa 10, Milano. Scuola elementare Trilussa: laboratorio orto scolastico. Nel corso dell’appuntamento una classe di 25 bambini, coordinata da un tecnico specializzato, provvederà al miglioramento dell’orto scolastico creato grazie al progetto “Quarto in transizione” attraverso la piantumazione con erbe aromatiche e orticole. Collaborerà con Promogiardinaggio (che fornirà tutte le piante e gli attrezzi necessari ai lavori) l’Associazione Villaggio Nostrale. In ricordo della giornata, Promogiardinaggio regala a ogni classe un vaso contenente una pianta con fioritura nel mese di maggio e un annaffiatoio. • 21 aprile 2013 dalle 15.00, Via Orsini 22, Milano. Villa Scheibler e Parco Lessona: piantumazione di un’area del parco e laboratori all’interno della villa. Evento gratuito aperto al pubblico senza obbligo di iscrizione, con laboratori a cura dell’Associazione AmbienteAcqua Onlus e di Legambiente Lombardia. Con la supervisione di un esperto, i partecipanti potranno anche piantare fiori, arbusti e un albero da frutto.

9


Ed ecco le PIù BELLE • Segnatevi i nomi, perché saranno loro le protagoniste dei giardini e balconi di domani. Sono le 6 nuove varietà insignite di Medaglia d’oro da Fleuroselect (Organizzazione internazionale per il settore floricolo), premiate per innovazione e bellezza. Eccole.

Tulipani o narcisi? A voi la scelta... • Se amate i tulipani non potete perdere Messer Tulipano, manifestazione che dal 30 marzo al 1° maggio colora il castello di Pralormo (TO) con la fioritura di 75.000 esemplari. Il parco accoglierà anche incredibili collezioni di ranuncoli, curiose proposte di orti-giardino, una raffinata mostra dedicata al “giardino pittoresco” e una sezione dedicata al cake design, con golose torte floreali. Info: www.castellodipralormo.com • Una visita è d’obbligo ai giardini botanici di Villa Taranto (VB), dal 13 al 19 aprile, per la tradizionale Settimana del Tulipano, inaugurata per la prima volta dal Capitano Neil McEacharn nel lontano1957: 80.000 le bulbose in fiore, con i tulipani a fare da vedette nell’area denominata ‘piccola Olanda’ che ne ospita 25.000 di oltre 60 varietà. Info: www.villataranto.it

• Pelargonium x hortorum ‘Pinto Premium White to Rose’ (foto) incanta con un colore che vira dal bianco, all’apertura, al rosa della maturità. Fiorisce precocemente, in aprile. • Gaura lindheimeri ‘Sparkle White’ è ariosa ma non ‘spettinata’ come le altre gaure: è ordinata e fa sbocciare graziose stelle bianche. • Bellissimo il rosso di Penstemon x mexicali ‘Carillo Red’, precoce e generoso di fiori. • Una massa di piccoli fiori blu che ricordano la Provenza: per la tinta e il vigore è stata premiata Petunia ‘SweetSunshine® Provence’, piccola varietà a fiori doppi, semiricadente. • Infine, due zinnie spettacolari: Z. marylandica ‘Zahara Sunburst’ che si apre in giallo, poi si tinge di rosso; Z. x hybrida ‘Profusion Double Hot Cherry’ con fiori doppi color ciliegia.

• Se invece la vostra passione sono i narcisi, visitate Villa La Pescigola (MS). Avete tempo fino al 14 aprile, ogni sabato e domenica, per ammirare oltre 150.000 piante in fiore di 400 varietà, piantate a broderie settecentesche sulle terrazze del giardino all’italiana e in onde colorate nei prati. È stato inoltre ricreato il labirinto, le cui linee sinuose sono composte da narcisi, bossi e lavande. Info: www.villapescigola.com

IL BELLO & IL NUOVO www.natuweb.it

10


E se ci fosse una GIUNGLA in CITTA’? • L’Urban Food Jungle è concepita per portare nelle città frutta e verdura fresche in un momento in cui la produzione di cibo sta diventando sempre più de-localizzata e le risorse sempre più insufficienti per far fronte alla crescita costante della popolazione mondiale. • Questo progetto avveniristico è stato messo a punto dall’AECOM, leader mondiale nel campo dell’ ingegneria ambientale. L’Urban Food Jungle vuole essere uno spazio in cui il cibo viene prodotto dove è consumato, includendo orti e ristoranti, un centro spettacolare dove i visitatori possono vedere l’intero processo dalla piantagione alla tavola. In questo modo, l’Urban Food Jungle connette produzione sostenibile di cibo, intrattenimento, educazione e piacere culinario. • Nel progetto, un sistema idroponico fa circolare l’acqua, ricca di sostanze nutritive, da una serie di laghetti fino alla sommità di gigantesche colonne, che ospitano una varietà di piante, filtrando e depurando l’acqua e creando un ricco raccolto di frutta, verdura e vegetali commestibili. Secondo l’ideatore, James Haig Streeter, questo progetto ha le potenzialità per creare città produttive nel significato più autentico del termine.

“Dove fiorisce la Jacaranda” • è intitolata al bellissimo albero dall’aspetto esotico e dai fiori viola la manifestazione che “fiorisce” a Catania: nella città siciliana, dal 12 al 14 aprile, si tiene la mostra mercato dedicata alle piante per il giardino mediterraneo, centro di aggregazione per menti floreali, giardinieri, progettisti, studiosi, artisti, cultori del verde e appassionati. • Dopo il successo dello scorso anno, la seconda edizione di “Dove fiorisce la Jacaranda- piante, uomini, idee” è di nuovo nella splendida tenuta Cardinale del Barone Bonajuto. Oltre a rappresentare un’opportunità d’incontro del pubblico con il florovivaismo è anche un invito a visitare la Sicilia durante la fioritura degli aranceti. • Un calendario ricchissimo di iniziative ed eventi collaterali completa la manifestazione, come le conversazioni del “salotto verde”, una “caccia al tesoro botanica” per i più piccoli, un’animazione per gli amici a quattro zampe, ospiti privilegiati del giardino, e un’“asta delle piante”, l’ultimo giorno della fiera. Da non perdere gli incontri con il grandissimo Libereso Guglielmi, uno dei più grandi esperti di botanica al mondo, allievo di Mario Calvino, padre dello scrittore Italo. Info: www.dovefioriscelajacaranda.it.

Riapre KEUKENHOF, tra bulbi e mosaici fioriti • Il 21 marzo, Keukenhof, il magnifico parco floreale olandese, riapre al pubblico, fino al 20 maggio. Sette milioni di bulbi in piena fioritura renderanno unica la visita al parco. • Tema conduttore delle fioriture di quest’anno sarà “Il Regno Unito: Paese dei meravigliosi giardini”. Riflettori puntati sulla Gran Bretagna, con un favoloso mosaico che riproduce il Big Ben e il Tower Bridge con 60.000 bulbi su una superficie di 13 x 22 metri. Info: www.keukenhof.nl/en

11


IL BELLO & il nuovo

iris: c’è vento di novità • Il grande ibridatore francese Cayeux, che crea iris da oltre cento anni, ha immesso nel mercato 20 nuove magnifiche varietà, già disponibili sul catalogo online: www.iriscayeux.com • Tra i nuovi ibridi, si distinguono ‘Villa Erba’ (in alto), barbata alta intitolata alla residenza del famoso cineasta Luchino Visconti sul lago di Como, e ‘Nelly Tardivier’, in memoria della celebre ex direttrice del Louvre e dei Giardini delle Tuileries (in basso). • La prima sfoggia un magnifico color glicine con barbe color mandarino; la seconda presenta petali ametista e sepali amaranto, con barbe bronzo.

NOVITà VERDI IN LIBRERIA • Piante grasse (Ed. Gribaudo, pp. 288, euro 14,90) è un grande manuale dedicato al piacere di coltivare cactus, succulente e tropicali, per avere un verde splendido con poca acqua e poca fatica. Corredato da una ricca serie di schede botaniche per una corretta scelta delle piante. • Il veleno dell’oleandro (Ed. Feltrinelli, pp. 224, euro 17,00). Intrighi e misteri nel nuovo romanzo di Simonetta Agnello Hornby. In Sicilia, una villa ombreggiata da alti oleandri vede una famiglia al capezzale di zia Anna, tra deliri e antichi segreti che costringono i parenti a scavare nel passato, per cercare verità mai dette e ricchezze mai avute.

WWW.NATUWEB.IT Vi aspetta anche questa primavera! • Non si ferma mai ed è sempre più ricco e aggiornato il portale www.natuweb.it, il sito per vivere le atmosfere delle diverse stagioni, capire e coltivare piante, ortaggi e frutti in vaso e in giardino, ricercare il benessere, contrastare stress e noia riportando la natura intorno a voi. • Su www.natuweb.it c’è il comodo calendario dei lavori del mese, ma ci sono anche spiegazioni dei termini e delle operazioni di giardinaggio, notizie, curiosità, segnalazioni su quanto succede nel mondo del verde, compresi eventi e mostre. • Natù magazine che state sfogliando e www.natuweb.it sono espressioni del mondo Natù: essere più vicini alla natura, anche all’interno della propria casa, anche senza possedere un giardino, anche vivendo in città… non solo è possibile, ma è facile e divertente. • www.natuweb.it aiuta a riscoprire il piacere di vivere con naturalezza, cercando il giusto ritmo, il benessere e l’equilibrio nei gesti quotidiani.

12


IL BELLO & il nuovo

Aperti i giardini di SISSI

Eco notizie DAL MONDO: agricoltura sul tetto e case a 3 ruote • Dagli Usa e dalla Cina, due strade che segnano nuove tendenze dell’abitare, ecocompatibili e con un occhio alle ‘tasche’ degli abitanti. • A New York è stato inaugurato il nuovo complesso residenziale Arbor House, nel Bronx: dispone di alloggi a prezzi accessibili, grandi muri vegetali, scale ‘musicali’ (per invitare a usare le scale invece che l’ascensore, facendo così esercizio fisico) e una grande serra sul tetto, che produrrà costantemente verdure fresche e biologiche, vero esempio di agricoltura urbana sostenibile. • Dalla Cina una proposta-provocazione: in risposta ai prezzi esorbitanti delle case, un team di designer degli studi PAO (People’s Architecture Office) e PIDO (People’s Industrial Design Office), ha progettato una casa su tre ruote, la Tricycle House and Garden, un microcosmo a misura d’uomo che permette di vivere in poco spazio (si chiude come un bozzolo per gli spostamenti) ma con tutti i comfort, compreso un giardino/orto, che dimostra come vivere ‘in movimento’ non significhi condurre un’esistenza senza terra! © PAO, PIDO

Un giardino italiano al Chelsea flower show • Superare la selezione per il Chelsea Flower Show è un’impresa ardua, ma loro ce l’hanno fatta: i due paesaggisti fiorentini Stefano Passerotti e Anna Piussi presenteranno a Londra un giardino multisensoriale, gareggiando con l’élite del garden design mondiale. • Il Chelsea Flower Show, di scena dal 21 al 25 maggio, celebra quest’anno il centenario con un’edizione speciale. Stefano e Anna parteciperanno nella categoria “Fresh Gardens”, che raccoglie i progetti più freschi e innovativi. • Il giardino, dal titolo “The Sonic Pangea Garden”, è una celebrazione della natura che reinterpreta in chiave avveniristica i miti classici di Pan, dio dei boschi, e di Gea, la Madre Terra. • L’allestimento sarà una foresta incantata e un’esperienza sensoriale, dove il visitatore sarà immerso in una tavolozza di colori, sapori e profumi (tappeti di aromatiche, sedute fatte di erbe, fiori da mangiare…), luci e suoni (graminacee fruscianti, imponenti installazioni in metallo...).

14

• A Merano, il 29 marzo è cominciata la nuova stagione ai giardini di Sissi, con 180.000 bulbi in fiore, tra tulipani multipli e sfrangiati e narcisi. • I Giardini di Castel Trauttmansdorff raccolgono oltre 80 ambienti botanici con piante provenienti da tutto il mondo raggruppate per aree tematiche. Da non perdere “Il Regno Sotterraneo delle Piante”, grotta di 200 m che porta i visitatori nelle misteriose profondità della terra, presto affiancata dalla nuova serra con terrario, che sarà inaugurata in estate. • Inoltre, a omaggiare la bellezza e l’unicità del giardino, è in uscita il 5 aprile un francobollo celebrativo, che raffigura l’ambiente ricco di colori dell’universo botanico del parco. Un pezzo che i filatelisti non potranno lasciarsi sfuggire. Info: www.trauttmansdorff.it

• Pioniere del ‘giardino sonoro’, Stefano Passerotti, figlio di affermati giardinieri, ha realizzato giardini in Europa, Africa e USA e vinto il premio come “Miglior giardino innovativo” a Hampton Court 2005. Anna Piussi, garden designer e storica dell’arte, insegna Storia dei Giardini a Firenze e progetta giardini a livello internazionale. Sono tra i pochi italiani ammessi al concorso londinese, dopo Bortolotti nel 2001, Giubbilei nel 2009 e Decembrini e Zani nel 2010. Info: Passerotti Piussi Gardens, www.passerottipiussigardens.com


Sogno floreale sul balcone Un autentico multitalento: con il terriccio universale Floragard e gli arbusti perenni si sentono a proprio agio nel vaso!

F

iori stagionali, come le primule in primavera, i classici estivi come i gerani e le petunie o i brughi richiesti in autunno, rientrano tra le specie con le quali si addobba e orna volentieri le cassette e i vasi. Mentre queste piante dopo un determinato periodo si congedano dal balcone per sempre, le piante perenni entusiasmano sempre di nuovo anno dopo anno. Alberi potabili come ligustri o bossi, forme a colonna o a nano, p. es. la mela ornamentale

‘Tina‘, creano uno sfondo permanente per i suddetti alberi a breve durata. Una scelta ancora maggiore è offerta dal gruppo degli arbusti. Non c’è da meravigliarsi che soprattutto gli arbusti con foglie decorative, come la campanula rossa o la tiarella cordifolia vengano sempre di nuovo abbinati alle specie annuali. E non dovete rinunciare al colore, perché il fogliame si mostra spesso in sgargianti tonalità di arancione, rosso o giallo. Se preferite fiori colorati, consigliamo di scegliere piante perenni, come gerani, salvia, coreopsidi o nepete. Piantatele nel terriccio universale Floragard, in modo tale da alimentarle a lungo con tutte le sostanze nutritive necessarie. Aqua Plus® garantisce che le radici assorbono rapidamente acqua anche dopo periodi di siccità.

Suggerimento: Il terriccio universale Floragard è un terriccio completo pronto perl‘uso, soprattutto tto per piante nei ei vasi.

Ben fertilizzato nella stagione dei balconi Mettete i vostri fiori da balcone nelle mani migliori: il terriccio attivo per piante fiorite Floragard garantisce la realizzazione dei fiori da sogno – mentre voi vi rilassate e vi godete l’estate. Alimentazione con sostanze nutritive del terriccio attivo per piante Floragard con deposito di fertilizzante attivo Alimentazione con sostanze nutritive del terriccio per fiori tradizionale

Aprile

Maggio

Giugno

Luglio Agosto

Settembre

Vantaggi del terriccio attivo per piante fiorite Floragard con deposito di fertilizzante attivo: Migliore crescita delle piante Fioritura prolungata Manutenzione ridotta

Floragard Vertriebs GmbH Gerhard-Stalling-Strasse 7 26135 Oldenburg GERMANY

Sostanze nutritive sufficienti per tutta la stagione!

Terriccio attivo per piante fiorite Floragard:

Il grafico dimostra quanto a lungo agisce effettivamente il deposito di fertilizzante attivo: se piantate le cassette del balcone all’inizio di aprile usando terriccio per fiori tradizionale, le sostanze nutritive durano solo fino alla fine di maggio. Con il terriccio attivo per piante fiorite Floragard i vostri fiori sono alimentati nel migliore dei modi fino a settembre, quindi per tutta la stagione!

Il terriccio pronto per l’uso con il deposito di fertilizzante attivo garantisce l’alimentazione con on sostanze nutritive per una stagione completa! a!

Fon +49 (0) 4 41 / 20 92 - 0 Fax +49 (0) 4 41 / 20 92 - 292 www.floragard.de info@floragard.de

Dare il meglio. Dal 1919!


IL PIACERE DELL’ORTO e del frutteto

.

16

LA RIVOLUZIONE

DELL’ORTO

Oltre 5 milioni di nuovi orti urbani, due italiani su tre interessati a sostituire i fiori con pomodori, peperoni e altri ortaggi, anche in balcone: una vera rivoluzione per avere frutta e verdura a km zero, genuina, bellissima.


.

L

a verdura coltivata nel piccolo orto “rubato” al giardino di città o nei vasi su balconi e terrazzi fa parte di un fenomeno di riavvicinamento alla natura e ai suoi ritmi e corrisponde al bisogno delle famiglie di ritrovare un legame profondo con tempi “lenti”, assai diversi da quelli a cui la città costringe.

Gerani e pomodori, che coppia! Due terzi degli italiani, in un recente sondaggio, si sono dichiarati interessati a sostituire le piante ornamentali con ortaggi, o comunque ad affiancare le due produzioni: fiori e verdure insieme, anche nei piccoli spazi, per il piacere di un raccolto e anche per la bellezza che si ottiene da felici accostamenti. L’anno 2013 si annuncia come quello di una vera e propria rivoluzione: il numero delle piante da orto coltivate in giardino e in balcone comincia infatti ad avvicinarsi a quello delle classiche piante da fiore.

Una cassetta di sapori. Perfetta in balcone e terrazzo per lattughe, radicchi, bietole, cavoli da foglia.

Stranissimo. Solanum mammosum, simile a un capezzolo, è affine al pomodoro; non commestibile.

In poco spazio. Vasetti di erbe e un ciuffo di lattuga: un piacere anche su un davanzale al sole.

Spettacolo. Cercate qualche cavolo a foglia violetta per ottenere un effetto stupefacente.

Insoliti. Siamo abituati ai pomodori rossi ma ci sono anche gialli, arancioni, zebrati, neri...

Salutari. I facilissimi radicchietti hanno grandi virtù antiossidanti: combattono i radicali liberi.

17


Il piacere dell’orto e del frutteto

L’orto in terrazzi e balconi

LE NUOVE VERDURE CHE CONQUISTANO LA CITTà • I più coltivati sono i pomodori, perché facili, robusti e produttivi a lungo. Le varietà con frutto a ciliegia o datterino occupano poco spazio e si possono far salire su un grigliato, con un effetto spettacolare. • I più facili in assoluto sono i peperoncini, piccanti o dolci, come il curioso “Tequila” di colore viola-cioccolato, una varietà delicatissima e tenera. Basta un vaso profondo al sole per avere un raccolto continuo fino all’autunno. • I meno ingombranti sono i radicchi, le lattughe da taglio, la rucola, il prezzemolo: crescono in ciotole e cassette, con substrato ben drenato, e in inverno li potete coltivare anche in una piccola serra. • I più decorativi sono gli ortaggi con foglie molto colorate (le lattughe a foglia rossa, le bietole a costa colorata...) o con frutti insoliti (la melanzana bianca, il fagiolino viola, le piccole zucchette oppure la spettacolare zucca “Hubbard”, lunga 75 cm). Uno spettacolare raccolto in vaso Qui sopra, pomodorini a ciliegia in una cassetta sul balcone, con i rami fissati a un grigliato. A sinistra, peperoncini piccanti: decorativi e tentatori. Sotto, erbe aromatiche: una certezza di profumo e sapore a portata di mano.

18


Un orgoglio, una grande soddisfazione Tenete a portata di mano la macchina fotografica o il cellulare per immortalare, in forma di foto o di video, i vostri successi. La soddisfazione di ottenere il vostro primo pomodoro e le prime foglie di insalata merita davvero di essere ricordata e condivisa con gli amici sul vostro social network.

In campagna l’orto continua a essere un elemento che accompagna la vita quotidiana, ormai spesso più per passione che per reale necessità; ma nelle aree urbane la coltivazione delle verdure ha assunto un ruolo importante per chi sente il bisogno di capire e sentire le scansioni stagionali, assenti negli ambienti climatizzati degli uffici, dei negozi e dei supermercati. L’orto urbano, un tempo rappresentato solo dagli appezzamenti ricavati da spazi dismessi vicino alle ferrovie e ai margini della città, oggi costituisce un’importante alternativa su piccola scala all’agricoltura intensiva, basata su ritmi di coltivazione forzati. Inevitabilmente, gli ortaggi così ottenuti non saranno mai genuini come quelli raccolti nel nostro orticello!

Piero e Bea, raccolto dell ’orto, estate 2012

Il piacere di sapori “sotto controllo” Gli orti urbani e quelli in balcone oggi concentrano in pochi metri quadrati grandi opportunità di sostenibilità ambientale: gli ortaggi crescono sotto il nostro controllo, senza pesticidi, e il sapore si unisce alla certezza che non ci siano veleni.

Consigli utili

Che sorpresa, è arrivato un alleato prezioso! • Tenete a portata di mano una lente di ingrandimento: non è il più classico degli attrezzi da giardiniere, ma vi consente di capire meglio le piante osservando le foglie da vicino, per individuare eventuali parassiti. Se agite ai primi segnali, infatti, i danni saranno minimi e la quantità di antiparassitario (meglio se biologico) da utilizzare si ridurrà drasticamente. • La lente vi apre un mondo in miniatura per vedere i minuscoli nemici ma anche gli amici. La coccinella dalla schiena rossa a puntini è una formidabile alleata, perché i parassiti degli ortaggi se li mangia allegramente. Se ne trovate sulle foglie e sui frutti del vostro orto, potete essere soddisfatti: vi sarà di grande aiuto.

19


Il piacere dell’orto e del frutteto

Qualche consiglio utile Siete alle prime armi? Utilizzate le piantine pronte, che danno sempre buoni risultati, hanno maggiore resistenza e vi evitano di occupare spazio con serre o seminiere. L’orto, che sia in vaso o in una striscia di terra del giardino, richiede irrigazioni quotidiane. Investire pochi euro in un semplice impianto automatico a goccia, per mantenere il substrato costantemente umido, è importante anche per ridurre il lavoro e sentirsi tranquilli anche quando si va in vacanza. Se bagnate con l’innaffiatoio, togliete la cipolla e versate l’acqua solo vicino al fusto delle piante, delicatamente. Assicuratevi che nella posizione scelta per l’orto ci siano parecchie ore di sole. Pronti a partire? Il vostro orto comincia a produrre in primavera e con poche attenzioni vi darà un raccolto fino al tardo autunno: se è piccolo, le quantità saranno magari modeste, ma la soddisfazione sarà enorme.

Super facili: le fragole, buone e belle da maggio ai geli Da qualche anno sono facilmente reperibili le fragole rifiorenti che consentono di raccogliere frutti, senza interruzione, dalla primavera all’autunno. In balcone, se c’è poco spazio, si possono far crescere le varietà rampicanti come la “Mount Everest” che ha bisogno di un vaso profondo, ma non necessariamente largo.

un mini orto con piante STRANE, BELLE E BUONE • IL POMODORO NERO La varietà “Black Cherry” ha frutti scurissimi, quasi neri, ed è particolarmente generosa. Ha un elevato potere antiossidante: ostacola i processi di invecchiamento e combatte le malattie vascolari. Ideale per vasi profondi, ha bisogno di molto sole per dare un raccolto abbondante e di alta qualità.

• LE BIETOLE COLORATE La varietà “Bright Light” ha le coste multicolori: rosa, gialle, color fucsia, arancioni... Spettacolari da vedere, ma anche ottime da portare in tavola. Pianta facile, la bietola si semina in primavera e nel giro di poche settimane si possono raccogliere le foglie, ricchissime di fattori nutritivi.

• L’ALCHECHENGI Spesso coltivata come pianta ornamentale, Physalis alchechengi esiste anche in una varietà con frutto molto grosso, ottimo e facilissimo da coltivare in un vaso al sole, dove forma una vegetazione graziosa. I frutti sono racchiusi nelle tipiche “lanterne” arancioni, molto decorative; si mangiano freschi (l’ideale è “tuffarli” nel cioccolato sciolto...).

• IL CETRIOLO BIANCO Ecco un ortaggio perfetto anche per chi è alle prime armi, perché la pianta è molto facile e poco esigente. La varietà “White Wonder” produce cetrioli quasi bianchi o verde chiaro, sodi, ottimi crudi in insalata.

• LE ARACHIDI Sperimentate in vaso o in piena terra la coltivazione della pianta che regala le gustose arachidi (noccioline americane). Ha bisogno di pieno sole; i baccelli con i semi commestibili maturano sotto terra; in autunno si estrae la zolla radicale dalla quale, una volta asciugata, si staccano le arachidi, da far essiccare in un luogo asciutto.

20

• IL FAGIOLINO D’ORO “Minidor” è un fagiolino nano del tipo “mangiatutto”, assolutamente senza filo e senza semi all’interno: tenerissimo, piace anche ai bambini. • LA RUCOLA Avete poco tempo? Ecco l’ortaggio ideale: la rucola selvatica cresce... da sola, senza cure, basta un po’ d’acqua e qualche ora di sole, anche in vasi e cassette. Saporita, ottima: un piacere facile!


“Il mio raccolto” I terricci perfetti anche in balcone

Informazione pubbliredazionale

“Il mio raccolto” è un’innovativa linea di terricci per coltivare perfettamente ortaggi, fragole e piccoli frutti... Anche direttamente nel sacco, con risparmio e praticità.

Per un orto generoso anche in balcone c’è una novità curiosa e interessante: la linea Il mio raccolto di Vigorplant è una gamma di substrati idonea anche per agricoltura biologica. Si tratta di terricci studiati per dare una risposta efficace e per consentire sia la coltivazione in terra e in vaso, sia direttamente nel sacco, senza bisogno di travasare il substrato in un vaso o cassetta. Questo pratico sistema di coltivazione direttamente nel sacco è molto indicato per balconi e cortili e per piccole zone del giardino; è un modo facile ed economico (non occorre comprare il vaso!) per effettuare semine o per coltivare le piantine da orto da collocare nei sacchi, in aperture da praticare sulla confezione. Perfetto per chi ha poco spazio e per risparmiare La linea di sacchi di terriccio Il mio raccolto di Vigorplant è una linea completamente biologica che si compone di tre substrati specifici: per la coltivazione di fragole e piccoli frutti come more, ribes, lamponi e uvaspina; per lattughe (ma ideale anche per radicchi, scarola, rucola, erbe aromatiche...) e per pomodori (quindi anche melanzane, peperoni e

peperoncini). Il metodo consigliato è di coltivare direttamente nel sacco, tagliandolo con forbici o cutter lungo i fori evidenziati in tratteggio. Ma naturalmente si possono utilizzare questi sacchi di substrato anche versando il terriccio in normali vasi e cassette, oppure direttamente nell’orto.

Il sacco: ideale anche per chi non è esperto • La praticità della coltivazione nei sacchi rende l’orto in terrazzo davvero un gioco da ragazzi. Anche chi affronta per la prima volta il piacere dell’orto, in giardino o in balcone, può sperimentare con successo i sacchi Il mio raccolto e avere grandi soddisfazioni.

VIGORPLANT ITALIA S.r.l. Fombio (LO) www.vigorplant.it

Seguici su


SAPORI & BENESSERE

FIORI NEL PIATTO

SAPORI A SORPRESA Tutte le stagioni offrono fiori commestibili. In primavera ed estate c’è ampia scelta, ma anche nei periodi freddi l’orto e il giardino mettono a disposizione fiori: qualcuno famoso, come il cavolfiore, altri meno noti e sorprendenti...

F

iori in cucina: sono oggi una moda dilagante, che in realtà riprende tradizioni lontane nel tempo e diffuse in ogni parte del mondo. In Cina crisantemi, gigli e fiori di loto fanno parte da secoli della cucina locale e in Occidente malva e lavanda insaporiscono i piatti da tempi remoti, quando era necessario sfruttare ciò che la natura offriva nei vari periodi dell’anno. Ogni fiore ha il suo sapore, ma tutti contengono vitamine e sali minerali. Primule, rose, lillà, gerani e molte altre piante da fiore anche selvatiche, come l’umile e ottimo tarassaco dai larghi fiori gialli, rappresentano ingredienti pregiati per arricchire di sapore e di sorpresa i piatti quotidiani e quelli più raffinati. Oltre al sapore, i fiori portano nei piatti anche le loro proprietà terapeutiche: i fiori

22

di tarassaco, aggiunti all’insalata, aiutano il corpo a depurarsi attraverso una diuresi più efficiente; la calendula è un efficace antinfiammatorio e antisettico; i fiori di sambuco sono utili per combattere le malattie da raffreddamento, le affezioni reumatiche e quelle infiammatorie dell’apparato respiratorio. Ricchissima è la proposta di fiori primaverili ed estivi da utilizzare in cucina. Malva, campanula, caprifoglio, convolvolo, fucsia, garofano, persino il delicato ibisco cinese dai larghi fiori colorati possono trovare impiego in ricette curiose. Le violette selvatiche si consumano fresche, aggiunte a insalate, zuppe e gelati, cristallizzate nello zucchero per decorare torte e cupcake. Persino il glicine si mangia: fritto in una pastella leggera, è una delizia.


I petali delle camelie si possono friggere in una pastella leggera, simile al tempura nipponico: è così, infatti, che vengono serviti in Giappone, Paese d’origine di questo splendido arbusto.

Pasta con fiori di zucca Ingredienti: 350 g di penne o altra pasta, 3 zucchine, una ventina di fiori di zucca, un bicchiere di vino bianco, un cipollotto, una busta di zafferano, olio e.v. d’oliva, un cucchiaio di panna da cucina, sale e pepe Preparazione: tagliate il cipollotto a fette sottili e rosolatelo in olio facendolo imbiondire senza scottarlo. Tagliate le zucchine a julienne e unitele al cipollotto, salate e pepate. Fate cuocere per alcuni minuti a fuoco medio, mescolando con delicatezza, poi aggiungete i fiori, mondati e tagliati a listarelle. Tenete da parte un fiore intero, crudo, per decorare ogni piatto. Fate sciogliere lo zafferano nel vino, aggiungetelo alle zucchine e alzate il fuoco per farlo evaporare rapidamente; aggiungete la panna. Cuocete ancora per un paio di minuti. Bollite la pasta al dente, conditela con il sugo di zucchine e fiori, servite decorando i piatti con i fiori di zucca. Crepes ai fiori di borragine Ingredienti: 200 g di farina, un bicchiere di latte, 3 uova, 10 g di burro, olio e.v. d’oliva, formaggio spalmabile, prezzemolo, fiori di borragine Preparazione: mescolate la farina con il latte, aggiungete le uova e un cucchiaio di olio, mescolate bene e fate riposare l’impasto in frigo per un’ora. Ungete una padellina, versate un po’ di impasto, fate cuocere poi girate la crepe per finire la cottura. Farcite con il formaggio mescolato al prezzemolo tritato, un cucchiaio di olio e i fiori di borragine; chiudete le crepes e servitele decorate con fragole e fiori di borragine. Se preferite la farcitura dolce, mescolate formaggio, zucchero e cioccolato, cospargendo le crepes di cioccolato in scaglie. I girasoli sono ottimi ingredienti in cucina. Oltre all’olio ricavato dai semi, di questa pianta si consumano i petali dal sapore gradevolmente agro. I boccioli ancora piccoli si cuociono al vapore e si servono con olio, sale e pepe.

23


sapori & benessere

Nasturzio

Calendula

Sambuco

SAPORI INSOLITI: FIORI, FOGLIE E CACTUS •  I petali di rosa hanno un sapore eccellente. Le rose più adatte sono quelle intensamente profumate, coltivate con metodi bio. I petali vanno raccolti da fiori da poco sbocciati, di mattina, asciugati dalla rugiada. •  I petali della calendula, dal brillante colore arancione, sono noti come zafferano dei poveri per il giallo che donano ai piatti. Sono squisiti nelle zuppe e nelle verdure al burro. • Le infiorescenze del sambuco possono aromatizzare bevande, insalate e macedonie, e sono ottime fritte in pastella. Facendole essiccare (ne bastano 10) e polverizzandole con un mixer, si possono mescolare alla farina per fare pane e torte, o si possono usare in creme e gelati.

rasserenanti e calmanti. Il profumo dolce e intenso ne fa un ingrediente per bevande, dessert, piatti di riso dolci o salati. In Sicilia, mettendo a bagno i fiori per una notte, si prepara l’acqua di gelsomino, base della gelatina di anguria (“gelo di melone”). • Altri fiori commestibili sono regalati dalla robinia (ottimi fritti in pastella) e dal lillà (cristallizzati nello zucchero, per insaporire creme e gelati). Sempre fritti in pastella leggera si consumano i petali di camelie, magnolie, glicine e tulipani. Frutto del saguaro

24

• La yucca, che nel nostro Sud fiorisce fino all’inverno, ha fiori commestibili, il cui sapore ricorda quello degli asparagi. Si consumano crudi in insalata o fritti in pastella. • Si chiamano nopales, nel dialetto messicano, le pale giovani dell’opuntia o fico d’India, private delle spine e utilizzate come verdura: piatto apprezzato anche nel nostro Sud, soprattutto in Sicilia, dove le pale vengono pulite, bollite e servite con pomodori e peperoni. • Il frutto del cactus saguaro, dolce e rinfrescante, è proposto spesso come dessert nei ristoranti più chic della California. Nella foto a sinistra: gelato al latte di capra con frutto di saguaro e foglie di menta.

• In tarda primavera sboccia il gelsomino, noto da secoli per le proprietà Cappero

• La tarda primavera è il periodo migliore per raccogliere i boccioli dei capperi, da conservare in aceto o sotto sale.

Pale di fico d’India

Yucca


Cioccolatini alla rosa Ingredienti per 4 persone: 300 g di cioccolato bianco, essenza di rosa, petali di rosa freschi Preparazione: sciogliete il cioccolato a bagnomaria, mescolando con un cucchiaio di legno. Evitate che l’acqua del tegamino, bollendo, arrivi a entrare nel contenitore con il cioccolato. Quando il cioccolato ha raggiunto una consistenza cremosa, aggiungete due o tre gocce di aroma alla rosa, mescolate bene e trasferite il composto in stampini di silicone, aiutandovi con un cucchiaino. Fate solidificare bene e servite su un letto di petali di rosa.

Dessert con viole Ingredienti: una manciata di violette, due uova, mezzo litro di panna da montare, 100 g di zucchero Preparazione: in una ciotola mettete le violette e alcune foglie tagliate a striscioline. Versate sopra un bicchiere di acqua bollente, lasciate macerare per un’ora, poi colate e strizzate. Sbattete i tuorli con lo zucchero, montate la panna e, a parte, montate a neve ferma i due albumi. Stemperate la panna con l’infuso di violette e aggiungete prima i tuorli sbattuti e poi gli albumi montati. Mescolate delicatamente e poi distribuite la crema in coppette individuali, da lasciare nel freezer per un paio d’ore a consolidare. Al momento di servire decorate le coppette con fiorellini di zucchero o petali freschi cristallizzati. Un’alternativa rapida: mescolate a un buon gelato alla crema o alla vaniglia alcune violette e poi rimettete in freezer a rassodare nuovamente.

TUTTI PAZZI PER I CUPCAKE • Gli ingredienti: 80 g di burro ammorbidito, 120 g di zucchero, 2 uova, mezzo bicchiere di latte, qualche goccia di essenza di rosa, 1 bustina di vanillina, 180 g di farina, mezza bustina di lievito per dolci. • Come si fa: lavorate burro e zucchero poi aggiungete le uova, una alla volta. Unite infine il latte, l’essenza di rosa, la vanillina, e la farina con il lievito. Distribuite il composto negli stampini riempiendoli per due terzi e fate cuocere a 180 °C per circa 15 minuti. Decorate con panna o crema insaporita con qualche goccia di essenza alla rosa, utilizzando l’apposita siringa per ottenere un effetto elegante.

25


ATMOSFERE DA VIVERE 26

UN BEL VERDE

SENZA SPRECHI In un’Italia che parla di crisi, il verde non è un costo ma una grande risorsa per vivere meglio. Si può avere un giardino rigoglioso o un balcone splendido anche con poca spesa, dicendo no agli sprechi: i fiori sono un investimento importante per la nostra salute e il nostro benessere.


A

prile, come dice il suo nome, apre la terra per far germogliare la vita, e apre il nostro cuore alla voglia di fiori, piante, natura, bellezza e comfort nello spazio verde. è tempo di acquisti e di tentazioni: basta entrare in un garden center, percorrere la strada fra le bancarelle di un mercato rionale oppure osservare gli allestimenti di una mostra mercato di piante per rimanere rapiti dal desiderio dello shopping. è un pensiero sano e giustificato: non bisogna sentirsi in colpa, anzi semmai il contrario. Se manca la voglia di fiori, vuol dire che c’è una carenza di vitalità, di speranza e di energia positiva. Meglio dunque assecondare la voglia di natura: il verde cura lo stress, porta speranza e allegria, invita a stare all’aperto, ricollega ai ritmi naturali, stimola il movimento, crea benessere. E se la necessità è quella di contenere le spese, niente paura: ci sono soluzioni low cost che non comportano la rinuncia alla bellezza.

Risparmiare IL TEMPO • La cura delle piante ci aiuta a sentirci bene, non è certo uno “spreco di tempo”, ma è vero che la vita quotidiana è, per molte persone, molto densa di impegni. Lavoro, famiglia e altre attività della nostra vita ci possono costringere, inevitabilmente, a contare anche i minuti dedicati alla passione per le piante in casa, giardino e balcone. • Per trovare le soluzioni salva-tempo viene in aiuto il manuale “Giardinaggio in 15 minuti” (ed. Gribaudo) che fornisce utili indicazioni sulla migliore razionalizzazione dei tempi a disposizione, dai 15 minuti alla mezz’ora, fino a un’ora. Un minimo di programmazione e un poco di autodifesa dai “ladri di tempo” sono i due fattori che aiuteranno a ritrovare qualche minuto tutti i giorni da dedicare al verde... per vivere decisamente meglio. Nella stessa direzione va il volume “Belle tutto l’anno”, 288 pagine di proposte per avere spazi verdi belli, poco costosi e accoglienti, da gennaio a dicembre.

Il verde: non un costo ma un investimento in salute e benessere Quando pensate alla spesa da affrontare per l’acquisto di piante e attrezzature per la vita all’aperto, ricordate che non si tratta di un costo ma di un investimento durevole e benefico, per tutte le ragioni prima elencate. 27


atmosfere da vivere

QUASI A COSTO ZERO • Le gazanie. In fiore per mesi e mesi, costano pochissimo anche in termini di tempo da dedicare alla loro cura. Perfette anche al mare: non temono la salsedine. Per ciotole o cassette, meglio se profonde e ben drenate. • L’oleandro. Arbusto poco costoso, coltivabile anche in vasi profondi, vive per molti anni: ecco un aspetto da non sottovalutare, è un vero investimento per il futuro. Ideale anche nei balconi esposti al vento. • Il cotogno giapponese. Sopravvive alle scarse attenzioni, è spettacolare in primavera, molto longevo, non si ammala, resiste al caldo e al gelo. Un premio alla sua tenacia. • Il lillà. Alberello o arbusto dal prezzo modesto, che vive molti anni, non si fa dimenticare quando è in fiore, profumatissimo. Le corolle possono essere fritte in pastella: un menu floreale che lascia sorpresi e deliziati. • La cleome. Facilissima e molto decorativa, dà grandi soddisfazione a fronte di poche cure. Tollera bene la mezz’ombra e sopporta la siccità, purché non prolungata, ma fiorisce meglio al sole e se viene annaffiata con regolarità. Molto facile da riprodurre da seme; spesso si moltiplica spontaneamente dai suoi semi.

28


Per evitare gli sprechi (di denaro, ma anche di tempo e di fatica) il criterio di base è quello della semplicità, nel quale si rispecchiano bene anche le tematiche ambientali. Uno spazio verde semplice, con piante robuste, del territorio oppure anche esotiche ma adatte al clima e all’esposizione, sarà quello che nel tempo comporterà il minor impegno economico sotto ogni profilo. Lo spreco di piante, scelte senza aver valutato la loro coerenza con l’ambiente a cui sono destinate, è un concetto del tutto incompatibile con uno stile di vita naturale ed ecosostenibile. Il giardinaggio impostato sul tema della semplicità può prendere in considerazione la bellezza di piante e fiori molto comuni, riscoprendone i valori di durata e sobrietà in fatto di consumi idrici e di energie per la manutenzione. Negli ultimi anni il giardino e il terrazzo minimalista hanno trovato splendide interpretazioni anche da parte di celebri garden designer, che uniscono l’atmosfera chic a materiali riciclati o recuperati. Quello del recupero è un tema da non sottovalutare: compostaggio e riciclaggio creativo sono grandi risorse disponibili per tutti, a costo zero o quasi.

Spendere bene per risparmiare Comprare le piante è un momento entusiasmante ma molto delicato: non vanno dimenticate alcune regole base che evitano o limitano le delusioni. Controllate con cura lo stato di salute della pianta che vi interessa: deve presentarsi florida, compatta, senza segni di sofferenza idrica. Ispezionate il pane radicale (le radici non devono essere stipate nel vaso o fuoriuscirne) e la struttura dei rami nel caso di alberi o arbusti. Le piante adulte, indispensabili per un pronto effetto, sono spesso le più costose: se volete spendere meno conviene acquistare esemplari giovani, ma sani e robusti. Una regola base: comprate piante dotate di etichetta riportante il nome botanico della

ROSE: POCA SPESA, MOLTA RESA • Le rose sono un eccellente investimento; scegliendo le varietà adatte al luogo, e optando per quelle molto resistenti, si riducono anche i tempi di manutenzione e i prodotti da usare (concimi, antiparassitari...). • Le rose da bordura a fiore semplice, come “Cumbaya” e “Global Water” hanno il pregio di rifiorire continuamente formando una massa di petali; non sono profumate ma in cambio chiedono pochissime attenzioni e la potatura è davvero semplice e rapida (basta una pulizia a fine inverno, accorciando i rami per riordinare la vegetazione). • Preferite fiori più pregiati e profumati, anche da recidere? La “Utrillo” è una varietà affascinante, con petali rosso vivo striati di giallo con ampie screziature bianche. Ha buona resistenza alle malattie ed è rifiorente: due vantaggi preziosi.

Una rosa per l’acqua. La rosa “Global Water”, di Rose Tantau, è stata scelta da Soroptimest International, la più grande organizzazione mondiale composta da sole donne che, con lo slogan “Soroptimest per l’acqua”, sostiene i progetti idrici contro la fame nel mondo. Tantau partecipa a questo progetto versando un euro per ogni esemplare venduto.

29


atmosfere da vivere

Risparmiare senza rinunciare ai fiori. La regola “spendere bene” è la migliore tutela per ottenere spazi verdi a lungo piacevoli.

I lampioncini solari (qui sopra) e il compostaggio (sotto) sono facili sistemi per spendere meno ed evitare gli sprechi.

specie e, ove opportuno, della varietà. Acquistare un esemplare senza le relative informazioni è rischioso: solo se sapete di che pianta si tratta potrete situarla nel luogo giusto, fornirle le cure opportune e accostarla correttamente a specie affini. Il cartellino varietale va conservato con cura, perché nel tempo è facile dimenticare i nomi delle piante meno comuni, e ancor più difficile è ricordare il nome della varietà. Un buon sistema è quello di fotografare il cartellino appoggiato su una foglia o un fiore della pianta, conservando le foto in uno dei vostri archivi immagini sul laptop o sullo smartphone o tablet. Cedete alla tentazione di uno dei cosiddetti “acquisti d’impulso” solo per le piante stagionali meno costose, mentre per le piante durevoli (alberi, arbusti e siepi) è indispensabile chiedere notizie dettagliate circa i periodi di fioritura, le dimensioni della pianta adulta, le esigenze di coltivazione (clima, substrato, esposizione, acqua...) e il livello di manutenzione richiesto. Rivolgetevi a un buon garden center specializzato soprattutto per gli acquisti di una certa importanza, come alberi o arbusti maturi o qualcosa di particolare in fatto di specie e varietà.

Fiori stagionali: come sceglierli Per quanto riguarda i fiori stagionali, il miglior rapporto qualità-prezzo è rappresentato dagli esemplari nei contenitori alveolari da 4 o 6 piantine. Svasate e osservate le radici: se sono appena visibili e il terriccio è fresco e umido, la pianta è di buona qualità. Una volta a casa, il rischio disidratazione è elevato: se non potete trapiantare subito, tenete le vaschette all’ombra, immerse in torba umida.

ALCUNI CONSIGLI PER IL GIARDINAGGIO LOW COST • Sfruttate l’energia del sole (lampioncini con pannello solare) e riducete l’illuminazione notturna: se ne avvantaggiano gli animali notturni come pipistrelli, gufi, lucciole. • Associatevi a un garden club oppure organizzatene uno per favorire lo scambio di semi, talee e piante. • Praticate l’arte del riciclaggio: scoprirete che è possibile e appagante, non solo nel giardinaggio.

30

• Praticate il compostaggio per fare voi stessi un ottimo terriccio adatto a tutte le piante. • Comprate il terriccio in sacchi grandi (meno costosi, minore spreco di confezioni in plastica). • Applicate tutti i metodi salva-acqua: piante a basso consumo idrico, installazione di sistemi a goccia con sensori di umidità, innaffiatura di sera o mattina presto, pacciamatura con corteccia o altri materiali.


Campioni di durata con poca spesa e poca fatica

GLI OSCAR PER IL RISPARMIO • Il contenimento dei costi non richiede di rinunciare alla bellezza. Negli ultimi anni, infatti, il lavoro di ibridatori e creatori di nuove varietà è andato nella direzione del risparmio in ogni senso (denaro, tempo, prodotti necessari...) a fronte di una resa eccezionale in fatto di fioritura (lunga, facile, folta...). Queste sono esigenze espresse anche dai cosiddetti “grandi compratori”, ossia da chi acquista grandi quantità di piante per il verde pubblico, alberghiero e residenziale. Chi acquista piante per il proprio balcone o giardino trae vantaggio da nuove varietà nate in funzione dei cambiamenti climatici: la domanda è di piante che resistano bene al sole e a lunghi periodi caldi. • L’oscar per il miglior risultato va alle varietà che mantengono inalterata la capacità di fioritura quando l’escursione termica è modesta (i gerani, per esempio, rallentano l’attività vegetativa quando di notte fa caldo, sopra i 25 °C).

Angelonia “Angel Face”

• L’angelonia è coltivata per l’eleganza degli splendidi fiori simili a piccole orchidee. Proviene dal Messico e dall’America centrale, e somiglia alla bocca di leone. “Angel Face” ha una fioritura lunghissima. • La fucsia è ideale per balconi ombreggiati. “Cherry” forma un cespuglio ricchissimo di fiori.

Fucsia “Cherry”

• L’elicriso è ideale per balconi e giardini in pieno sole, anche al mare; è molto resistente al caldo. “Desert Flame” forma piccoli capolini giallo sole. • La lantana è diventata una star nei balconi: fiorisce fino a ottobre. “Esperanta” è un gruppo di varietà instancabili nel produrre nuovi boccioli. • La lobelia è una soluzione per la mezz’ombra. “Big Blue” forma una splendida cascata blu. Elicriso “Desert Flame”

Lantana “Esperanta”

Lobelia “Big Blue”

31


atmosfere da vivere

Seminare per risparmiare

5 meraviglie che crescono bene da seme Il metodo più economico per ottenere nuove piante è quello della semina, direttamente in piena terra oppure in vasetti o vaschette, con trapianto successivo a dimora. Ecco quattro fiori che si ottengono facilmente da seme.

01

Il girasole: i grossi semi si mettono in vasetti singoli, a febbraio-marzo, per trapiantare gli esemplari a dimora in aprile-maggio. Si può anche seminare direttamente a dimora: in poche settimane gli steli crescono e fioriscono tra luglio e settembre. Esistono varietà nane e gigantesche, in tante diverse forme e colori, anche a fiore doppio senza il tipico “cuore” di semi. I girasoli vanno irrigati con generosità per ottenere una crescita rapida.

02

La cosmea: allegra pianta messicana; il suo sviluppo da seme è facile e veloce. Forma steli sottili e flessuosi che portano corolle a margherita, leggere e coloratissime in mille sfumature dal bianco al violetto.

03

Il nasturzio: chiamato anche tropeolo (Tropaeolum), è un’eccellente risorsa per i giardini dove in estate non manca l’acqua e i terrazzi nei quali ci sia un poco d’ombra nel pomeriggio. In queste condizioni, la pianta nasce da seme e con grande rapidità forma cuscini di bel fogliame, tra il quale emergono i fiori rossi, arancioni o gialli. Le varietà rampicanti salgono rapidamente su tralicci e grigliati. Le foglie hanno la caratteristica di catturare le goccioline d’acqua, che rimangono ferme sulla superficie fogliare come piccole perle.

04

Il papavero d’Islanda: è una pianta dalla bella e coloratissima fioritura a inizio estate. Il nome già chiarisce che la pianta gradisce climi freschi: è infatti originaria delle regioni nordiche, ed è ideale anche in alta collina e montagna, dove può essere coltivata in vaso o in aiuola, seminandola a dimora a partire da aprile.

32


Quando la forma incontra la sostanza nasce l’armonia.

AMORE PER I VASI, PASSIONE PER IL VERDE ERBA S.R.L. - Via Bologna, 1 - Tel. +39 02.95039114 - Fax +39 02.95038908 - 20060 Bussero (MI) - Italia www.erbasrl.it


NATURA AMICA

andar per

GIARDINI Un nuovo modo di pensare a viaggi e vacanze: seguire il filo conduttore di giardini e parchi da visitare, per assaporarne la bellezza, godersi il relax nella natura, scoprire capolavori di arte, storia e cultura.

S

ta prendendo piede anche fra gli Italiani una forma particolare di turismo, quella dedicata ai giardini e ai grandi parchi paesaggistici visitabili. I motivi sono facili da intuire per chi ama la natura: riscoprire queste straordinarie bellezze di arte, cultura, storia e natura consente di vedere l’Italia con occhi diversi, percorrendo rotte turistiche insolite, tranquille e affascinanti sotto ogni aspetto. Chi vorrà spingersi in Europa e nel mondo sarà poi in grado di confrontare la nostra visione del giardino e del paesaggio con l’interpretazione di altre culture e potrà visitare collezioni botaniche assolutamente uniche. I luoghi, sempre molto piacevoli e accoglienti, sono indicati anche per chi ha bambini di ogni età, ai quali viene così offerta un’importante possibilità per conoscere, divertendosi, un contesto ricco di sorprese fiorite, di animali e di insetti.

34

Tupungato / Shutterstock.com

Un nuovo modo di fare vacanze e turismo Un’intera vacanza sul filo conduttore dei giardini vi sembra una stravaganza? Eppure il nostro bellissimo Paese ha, in ogni regione, dei capolavori spesso poco noti (o meglio, poco noti a noi Italiani, ma amati e visitati da turisti di ogni parte del mondo). Organizzare un itinerario che tocca mete verdi, e si snoda fra campagne ondulate e antichi borghi, può diventare una splendida occasione di vacanza rilassante e rigenerante. Nei giardini ci sono fiori e piante, naturalmente, ma anche acqua, paesaggi firmati da grandissimi talenti del passato, collezioni di arte, un patrimonio storico impressionante e tante storie di personaggi di ieri e di oggi. Per ottenere il meglio dalla visita a un luogo naturale, occorre documentarsi bene, non solo su giorni e orari di apertura, ma anche sui periodi

Mete celebri in tutto il mondo Le geometrie vegetali dei giardini di Boboli, intatte da secoli, hanno ispirato artisti e poeti fin dal ’500 (in alto). Milioni di turisti si sono fatti una foto sulle seggioline sparse per i giardini del Lussemburgo, a Parigi.


1

2

3

4

dal nord al sud dell’Italia, un mondo da scoprire per tutti • Quanti sono i giardini e i parchi visitabili in Italia? Tanti, e tutti splendidi, preziosi e unici per storia, contenuto e vegetazione. Sono pochi i Paesi che possono competere con il nostro in quanto a mete “verdi”, e nessuno può vantare lo stesso incredibile patrimonio di arte, natura e bellezza. • Oltre 90 sono le mete che fanno parte del network Grandi Giardini Italiani: il circuito raccoglie giardini e parchi sparsi dal Piemonte alla Sicilia (ma anche a Malta e nella Svizzera ticinese). Nel portale (www. grandigiardini.it) sono raccolte schede informative che consentono di conoscere storia e caratteristiche di ognuno di questi giardini-capolavoro. Per organizzare la visita, informatevi se presso il giardino esiste un punto ristoro, se ci sono attività speciali per i bambini, se sono ammessi i cani nel caso in cui viaggiate con un

amico a quattro zampe, e su quant’altro possa essere utile a rendere piacevole la giornata. • Avete difficoltà di movimento? Alcuni giardini mettono a disposizione servizi per non vedenti e percorsi facilitati per diversamente abili; in alcuni è possibile noleggiare una sedia a rotelle. Per queste esigenze è consigliabile consultare direttamente la reception della proprietà per ottenere indicazioni precise e, se necessario, predisporre il servizio di assistenza e di accoglienza per i portatori di handicap. • Nelle foto: il giardino Giusti è nel cuore antico di Verona (1). A due passi da Catania, il giardino Trinità racconta l’antica Sicilia (2). Un concetto innovativo caratterizza i Giardini Trauttmansdorff a Merano (3). In estate i fiori di loto colorano il Parco Giardino Sigurtà a Valeggio sul Mincio, vicino a Mantova (4).

35


natura amica

3

1

Dalle Alpi alla pianura, fiori e ambienti splendidi Il “Giardino della Rosa” a Ronzone (Tn) è ai piedi delle vette alpine; Villa Taranto (2) si apre intorno allo specchio del lago Maggiore; il parco della Reggia di Colorno (3) è nel cuore della pianura, a 15 minuti dalla bella città di Parma.

consigliati per la visita, visto che in alcuni casi il momento di interesse è circoscritto a poche settimane, in coincidenza con le principali fioriture. Alcuni parchi di particolare pregio si sviluppano intorno a dimore o castelli visitabili, che talvolta custodiscono al loro interno collezioni d’arte o di arredi d’epoca. In altri casi, l’esistenza di una proprietà agricola annessa al giardino consente di esplorare le antiche cantine con possibilità di assaggi di vini e di specialità enogastronomiche. A differenza di altri Paesi, come la Gran Bretagna, in Italia sono pochi i giardini nei quali è disponibile un servizio di camere o di vero e proprio hotel; dove possibile, non trascurate di prendere in considerazione l’opportunità di soggiornarvi, per assaporare al meglio il luogo e tutte le sue meraviglie.

4

2

Quasi tutti i parchi storici presentano meravigliose creazioni di arte topiaria con siepi sagomate in forme geometriche o fantasiose; in alcuni casi, come a Villa Arvedi in Veneto e al Castello Ruspoli di Vignanello in Lazio, il disegno rispecchia ancora oggi, fedelmente, la volontà del paesaggista che lo aveva concepito parecchi secoli fa. Molti sono i giardini italiani contemporanei e la loro visita può esprimere diverse interpretazioni paesaggistiche, dalle spettacolari collezioni di piante tropicali di La Mortella ai bellissimi percorsi termali del parco del Negombo, entrambi a Ischia; dalle bordure fiorite del giardino Reinhardt in Umbria, alle collezioni di rose raccolte da Umberta Patrizi nel castello omonimo, sul lago di Bracciano. Parecchi giardini e parchi rimangono aperti anche Storie e personaggi da scoprire Il parco delle Isole di Brissago (4) custodisce piante tropicali nel cuore del lago Maggiore; il giardino del Biviere (5) nasce dove un tempo c’era un lago, non lontano da Siracusa; intorno al castello di Grazzano Visconti (6), vicino a Piacenza, giocava, da bambino, il grande Luchino Visconti.

5

6

36


02

Piccoli esploratori

Attrezzature utili: un passeggino del tipo off road a tre ruote è comodo per i bimbi piccoli. Ai più grandi si possono affidare una piccola macchina fotografica, una lente di ingrandimento per osservare i fiori, un binocolo...

andar per giardini con i bambini Le mete “verdi” da visitare con i bambini sono tutte gradevoli, ma alcune più di altre catturano l’attenzione grazie alla presenza di animali in libertà (parco di Villa Pallavicino, in Piemonte), per i grandi spazi popolati da fiabesche figure scolpite in bosso (Giardino Sigurtà) o per il legame con celebri personaggi (il parco di Pinocchio, vicino a Pistoia). Ai più grandi potrà interessare un bel labirinto in cui perdersi (Giardino Kranzel a Lana, Merano) o una collezione di enormi piante grasse (Orto Botanico di Catania, Giardino Pallanca e Villa Hanbury in Liguria). Ecco qualche suggerimento per organizzare la visita.

03 Cosa vedere. Lasciate perdere la visita

“istruttiva” e concentrate invece l’attenzione sulle curiosità che piacciono ai piccoli: fiori strani o enormi, piante che vengono da lontano, giochi d’acqua, alberi enormi e vecchissimi...

04 Cosa NON fare: trasformare la visita in una

semplice occasione per fare chiasso o, peggio, fare danni. I giardini, come ogni ambiente naturale, sono delicati: aiutate i vostri bambini a divertirsi attraverso il fascino della scoperta, ascoltando gli uccelli, osservando gli insetti e le mille curiosità del luogo.

05

01 Iniziative e attività. Alcuni giardini

organizzano attività speciali o giornate con iniziative particolari dedicate proprio ai piccoli visitatori: informatevi presso le reception o sul web. Uno dei più attivi in questo senso è Trauttmansdorff a Merano che ha anche un “giardino delle streghe”.

Picnic sì o no? Non tutti i giardini consentono il picnic: prima di caricarvi nello zaino ogni ben di Dio per grandi e piccoli, informatevi se esiste un’area picnic. Se non c’è, ma esiste un ristorante, telefonate per conoscere i prezzi medi di un pasto prima di incorrere in sgradite sorprese.

1

2

3

4

La visita a un giardino, serra o orto botanico è una splendida occasione per le scolaresche (1); i bambini possono vedere piante stranissime (2) e correre in libertà (3) o divertirsi con le animazioni disponibili (4).

37


natura amica

9

7

In giro per il mondo Il roseto di New York è un’oasi verde e fiorita nel Bronx (7). Malta custodisce capolavori come gli antichi giardini di Palazzo Parisio (8). Nel parco del Museo Olimpico di Losanna, sculture di grandi artisti e opere di land art sono dedicate allo sport (9).

in autunno e in inverno: la visita consentirà di capire quali sono le piante utili per ravvivare il proprio spazio verde nei mesi freddi e per osservare i luoghi in una declinazione di colori e di emozioni che può ben competere con la visione primaverile. Perdersi in un labirinto: fascino e simbologia

Un’idea affascinante può essere quella di cercare i giardini che ospitano un labirinto, dalla forte carica simbolica. In Italia sono conservati alcuni fra gli esempi più antichi e impressionanti, realizzati con siepi di bosso disposte su un disegno di base che spesso conta secoli di vita. Tra i labirinti da ammirare ci sono quelli del giardino BarbarigoPizzoni Ardemani e di Villa Nazionale Pisani, entrambi in Veneto. Nel centro di Verona, il giardino Giusti offre un’impagabile visione del suo labirinto in bosso. Creazioni affascinanti 10

8

con percorsi labirintici sono presenti anche in Romagna, nel giardino di Villa Montericco Pasolini, e in Toscana, nel giardino storico Garzoni. A due passi da Merano, in località Cermes, il giardino Kränzel offre un grande e spettacolare itinerario ricavato grazie a un sistema di filari di vite e un labirinto più piccolo, disegnato su una piazzola immersa nei fiori. L’Europa dei giardini

Gran Bretagna, Irlanda, Paesi nordici, Francia e Germania sono mete in cui è facilissimo organizzare un viaggio mirato sui giardini. Per scoprirli si assaporano percorsi insoliti, si scoprono villaggi incantevoli e si misura la diversità della storia, della cultura e del gusto in fatto di piante e paesaggio: un’esperienza da non sottovalutare che trasforma la vacanza in un viaggio indimenticabile. Sorprese in Olanda e Irlanda Oltre 200 giardini-modello sono ospitati dal grande parco di Appeltern, in Olanda (10). Suggestivi colori autunnali nel Mount Usher Garden (11) e oggetti d’arte tra i fiori del giardino botanico Glasnevin di Dublino (12) sono tra le proposte irlandesi, isola ricca di giardini. 11

12

38


PROGETTAZIONE

IDEE CURIOSE PER UN

TERRAZZO SELVAGGIO Uno spazio in città trasformato in un’oasi tropicale, colmo di grande fogliame, fiori stravaganti, piante insolite e oggetti che ricordano i viaggi avventurosi in Paesi esotici.

40


L

a città vi circonda, soffocante, ma il vostro pensiero vola alle foreste dei Tropici e ai boschi esotici di altre parti del nostro pianeta? Riportate questo vostro desiderio in balcone e in terrazzo, trasformandolo in una realtà. Molte sono le piante che possono aiutarci a vivere immersi nelle atmosfere selvagge delle loro lontane terre di origine, pur senza chiedere un grande impegno per la loro cura e manutenzione. Sognare le vacanze, vivere il terrazzo Non è difficile inventare in pochi metri quadrati un piccolo mondo accogliente e rilassante, approfittando di alcune piante di facile reperimento nei buoni punti vendita e corredando la scelta vegetale con accenti di stile che evocano gli ambienti coloniali: poltroncine in vimini intrecciato, tessuti coloratissimi, lampade e portacandele, cuscini, oggettistica che facilmente e con poca spesa può essere trovata anche nel vostro garden center di fiducia. Per un effetto efficace, le piante devono essere grandi: se c’è poco spazio bastano pochi esemplari in vasi profondi (anche se non larghi, per occupare meno spazio a terra).

Sorprendenti e facilissime In alto a sinistra, un giunco stranissimo: si chiama Juncus effusus “Spiralis” e ha gli steli arricciati a spirale. A destra, una grande cassetta con i fiori gialli del Geum e le foglie bronzee della Stipa.

FOGLIE GIGANTESCHE • La progettazione di un terrazzo “selvaggio” può prevedere l’utilizzo di foglie di grande dimensione, che facilmente creano un piacevole effetto tropicale. Tra le più idonee per la facilità di crescita ci sono le varietà di banano ornamentale (Musa), con larghe foglie di un bel verde brillante. “Freddi Banani” è una delle più resistenti al freddo e supera l’inverno all’aperto se è in un angolo del terrazzo protetto dalla brina e dal vento. • Alocasia e colocasia sono piante da interno e da veranda che trascorrono bene l’estate in balcone all’ombra: hanno foglie enormi a forma di cuore e richiedono buona umidità.

Spettacolo tropicale. Nella pagina a fianco, dall’alto e da sinistra: Strelitzia reginae, pianta africana con infiorescenze simili al becco di un uccello; ipomea “Sweet Caroline®”, verde o porpora; le palme dallo splendido fogliame a ventaglio (kentia, Trachycarpus...) e le felci, prodigiose nell’evocare boschi e foreste. 41


progettazione / terrazzo

GIOCARE BENE FORME E COLORI • La progettazione di un terrazzo d’aspetto esotico lascia ampio spazio alla creatività. Uno dei segreti per ottenere un effetto sorprendente e innovativo è quello di puntare su colori scuri, che nel pieno sole assumono un forte carattere (ma non sono idonei per le zone in ombra, dove risultano poco visibili). • Un effetto particolare è offerto dal viola profondo di piante come Phormiun tenax “Atropurpurea”, pianta disponibile anche in altre versioni (color bronzo, rosa...), in abbinamento con fogliame argenteo (senecio cineraria, santolina, artemisia, Stachys lanata con foglie grigie e vellutate...) e con le grosse sfere degli allium da fiore, composizione che richiede vasi grandi e larghi. In alternativa coltivate le piante in vasi più piccoli, ma comunque profondi, e abbinateli posizionando i contenitori su livelli diversi, utilizzando ripiani o portavasi a gradini.

Il fogliame di grande dimensione (palme da vaso come la kentia e la palma di San Pietro, banano, strelitzia, alocasia, filodendro...) aiuta a creare un contesto di grande vigore, nel quale si possono ambientare specie da fiore come la lantana, che attira le farfalle, la stranissima aristolochia e la dipladenia, oggi di facile reperimento e splendida con i suoi fiori a campanella: tutte piante esotiche stagionali, di costo contenuto, da rimpiazzare l’anno successivo. Vasi, arredi e cuscini in stile esotico Il benessere del balcone tropicale sarà completo con qualche bel pezzo d’arredo in legno, bambù o nei moderni materiali sintetici quasi indistinguibili da quelli naturali ma molto più resistenti e pratici (si possono lasciare esposti alla pioggia). Qualche bel portavasi in stile e cuscini coloratissimi potranno completare il terrazzo “selvaggio”.

Come nella foresta tropicale Un terrazzo ricco di fiori di lantana avrà un aspetto piacevolmente esotico e colorato, con in più il piacere di veder arrivare le farfalle; la lantana ha anche un discreto effetto nell’allontanare le zanzare.

42

AD


MADE IN ITALY

Arreda la tua casa con NICOLI SRL - Via del Lavoro 10 - 36070 BROGLIANO (VI) - Tel. 0445 947344 - Fax 0445 947239 - info@nicoli.com

www.nicoli.com ADV A4 OK.indd 1

43

15/01/13 10:45


progettazione / terrazzo

Piante per casi speciali

Ombra o sole? Ecco le soluzioni 01 In zone scure e senza sole create una serie

di cassette e ciotole profonde in cui coltivare felci e begonie da fogliame, il cui accostamento è di effetto tropicale. Sono piante che hanno bisogno di elevata umidità ambientale: in estate è utile fare una benefica doccia sul fogliame ogni sera. Il drenaggio deve essere perfetto (niente ristagni nel sottovaso). Il vantaggio: nei mesi, la composizione migliora perché il fogliame cresce rapidamente. Dovrete però in seguito trovare un posto al riparo dal gelo o rimpiazzare le piante l’anno successivo.

02

La torenia è una graziosa piantina tropicale con fiori piccoli che sbocciano di continuo in estate. Ama l’ombra luminosa o le posizioni con sole al mattino oppure al tramonto. Il vantaggio: ha un aspetto esotico affascinante (viene dalla Thailandia e dall’Africa), è facile e non si ammala facilmente, ma non resiste alla siccità.

03

Phormium dalle foglie sottili e bronzee, erette come spade, su un tappeto di verbena rossa: una bella soluzione per i terrazzi al sole. Le due piante convivono bene e rimangono belle fino all’autunno inoltrato, quando la verbena (annuale) sparisce e il Phormium torna in casa o in veranda per l’inverno. Il vantaggio: piante facili e non soggette alle malattie, condividono l’esigenza di un terriccio sempre appena umido, mai fradicio.

04

Tanto sole? Ci vuole la plumbago o gelsomino del Capo, pianta sudafricana oggi presente in tutto il mondo, apprezzata per i fiori azzurri o blu che continuano a sbocciare fino a ottobrenovembre. I rami dal fogliame appiccicoso possono essere fissati a un grigliato per ottenere un effetto rampicante (non riesce ad aggrapparsi da sola: occorre intervenire con legacci leggeri). Il vantaggio: è una pianta resistente al caldo e a brevi periodi di siccità; se viene ben irrigata e nutrita, l’abbondanza di fiori è maggiore e più prolungata. A fine stagione va ripulita e potata: trasferita in serra o altro ambiente fresco, riprende la sua vitalità nella primavera successiva.

44

WW


seguici su

W W W. V E R D E M A X . I T Via Provinciale per Poviglio, 109, 2022 Boretto (Reggio Emilia) Tel. 0522 481111 Fax 0522 964577 verdemax@rama.it

foto: Michele Ercolani

URBANO: L’Orto in Terrazzo

Sul tuo balcone o in terrazzo verdure ed erbe aromatiche sempre fresche e a km zero. Verdemax presenta Urbano, l’innovativo sistema per la coltivazione dell’orto, che trasforma il balcone o il terrazzo di casa in una piccola oasi personale da dedicare alla cura delle piante aromatiche e degli ortaggi. Pratico da usare, consente di raccogliere ogni giorno verdure fresche, sane e gustose. Occupa uno spazio ridotto: solo 115x58 cm e, grazie al serbatoio d’acqua incorporato, innaffia al posto tuo, assicurando il nutrimento alle piante anche quando sei fuori casa. Urbano è costituito da materiali durevoli nel tempo, resistenti alle intemperie e garantisce raccolti per molte stagioni.

Urbano: un’idea geniale sul tuo balcone!

Fotografa il codice QR per consultare il manuale di balconaggio con tutti i consigli, idee e ricette per cucinare i frutti del tuo orto in terrazzo. 45


S

BAMBINI & NATURA

cuola, una parola che racchiude dentro di sé tante speranze, tante fatiche, l’impegno di docenti e genitori, il lavoro dei bambini e dei ragazzi. Oggi la scuola è nel turbine di un cambiamento epocale, che viviamo ogni giorno anche nel lavoro e nella vita di relazione; l’istituzione scolastica spesso fatica a stare al passo anche per le scarse risorse disponibili, tanto che sovente vengono chiamati in causa i genitori per un aiuto concreto. Una delle esperienze migliori che si possono fare, come genitori, è quella di partecipare attivamente al progetto e alla realizzazione di un orto scolastico o di un piccolo frutteto, anche solo due o tre piante

da frutto collocate nello spazio verde della scuola o in un’area messa a disposizione dal Comune. L’orto scolastico è oggi una realtà per molte comunità, dai piccolissimi del nido e della scuola d’infanzia fino alle esperienze di alcuni Istituti tecnici superiori. Finalmente si parla di orto e frutteto a scuola non come un’attività complementare bensì come parte di un progetto didattico e formativo multidisciplinare, che svolge un’azione indiretta ed efficace anche sull’apprendimento delle regole, sull’abitudine al rispetto e sulla capacità di relazionarsi con un gruppo che condivide le medesime finalità.

ORTO E FRUTTETO

ANCHE A SCUOLA

Piante da orto e da frutto in classe o nel cortile e giardino della scuola: dal nido alle scuole superiori, ecco una grande risorsa didattica e formativa che può coinvolgere anche i genitori per un progetto condiviso. 46


L’orto appassiona i bambini, ma anche i docenti: chi non ha un’esperienza diretta potrà chiedere il supporto di genitori e nonni, facendoli diventare parte del progetto di condivisione dell’orto e dei suoi risultati.

Dalla matematica all’educazione alimentare L’attività di cura delle piante, che si tratti di una ciotola con lattughine o di un vero e proprio orto con tanto di cespugli da frutto (more, lamponi, ribes...) e piante (meli, peri, fichi...), conduce facilmente verso un’apertura diversa alle classiche materie scolastiche. è infatti prima di tutto un’attività scientifica, che coinvolge matematica, chimica, fisica, scienze della terra e naturali, biologia. Ma altrettanto interessate sono le materie letterarie: l’italiano, con l’apprendimento del linguaggio e di un glossario di termini che spesso non sono utilizzati in famiglia; la geografia (Da dove vengono le piante? Come e perché sono arrivate qui?); la storia, che ha visto molti vegetali protagonisti di vere e proprie rivoluzioni sociali e di cambiamenti epocali (l’arrivo in Europa del pomodoro e del peperone, la via delle spezie percorsa per portare qui erbe che oggi sono coltivate ovunque...). Una conseguenza diretta riguarda le positive ricadute sull’educazione Verdura e frutta ottenuti dal lavoro di cura dell’orto e delle piante da frutto entrano in un progetto di educazione alimentare, oggi più che mai fondamentale per informare sulle corrette abitudini dei consumi di prodotti genuini e sani.

quanto spazio occorre? • L’orto scolastico non richiede molto spazio: può bastare una manciata di metri quadrati nel cortilegiardino dell’Istituto. Si possono coltivare verdure, erbe aromatiche e piccole piante da frutto, anche in vaso. Gli educatori di Ecoland (www.ecolandsrl.it), un team che si occupa di turismo ambientale e formazione didattica nel campo della natura, hanno realizzato un orto nel quale lavorano tre sezioni di una scuola dell’infanzia con circa 80 bambini, in soli 6 metri quadrati e senza utilizzare il terreno. Non c’è un trucco, c’è solo un po’ di creatività: due cassoni di legno, del terriccio, un rubinetto e un luogo esposto al sole (anche una terrazza) sono più che sufficienti per arrivare a un risultato appagante. • La semina può essere fatta anche in classe, in bicchieri e vasetti, per ottenere le plantule; ma molto più semplice è acquistare le piantine pronte, che costano poco e crescono in fretta, soddisfacendo così la fretta dei piccoli giardinieri ansiosi di vedere risultati. 47


I risultati consolidano il gruppo, favorendo l’attività di relazione e lo scambio di esperienze, migliorando la capacità di concentrazione.

a mangiare bene, consumando frutta e verdura dopo aver compreso che per ottenere questi prodotti ci vogliono tempo, pazienza, conoscenza e rispetto. Se siete docenti, proponete l’orto anche in uno spazio piccolissimo e chiamate i genitori a condividerlo e a sostenerlo: facilmente troverete alleati che credono in questa se siete genitori o nonni, fatevi portavoce di questa idea, semplice e facile, alla portata di tutti, sapendo che dei molti vantaggi prima elencati proprio l’ultimo, quello dell’importanza del rispetto delle regole, è forse il più prezioso. Da un seme a una carota estratta dal terreno: un percorso condiviso che lascia negli alunni la percezione dello scorrere del tempo e la necessità di utilizzare la preziosa virtù della pazienza.

48

il giardinaggio per imparare • Storia, geografia, scienze naturali e della terra, matematica, sviluppo del linguaggio: sono alcune delle materie scolastiche che trovano nella pratica del giardinaggio un’espressione concreta, attraverso un lavoro di team che favorisce la socializzazione e il coinvolgimento degli alunni più timidi e introversi. • Coltivare a scuola è un modo per imparare a conoscere gli esseri viventi, il funzionamento di una comunità, l’importanza dei beni collettivi; è la scoperta di culture, tradizioni ed esperienze che provengono dal nostro passato e da quello di compagni che vengono da altri Paesi, dove si coltiva in ambienti diversi e con metodi a noi sconosciuti. • La creazione di un orto a scuola è un attività interdisciplinare adattabile a ogni età, incluso quella più difficile, l’adolescenza. Alcuni Istituti tecnici superiori hanno introdotto questa esperienza anche per agevolare l’integrazione di alunni con disabilità o con difficoltà di relazione, traendone ottimi risultati.


49


DALLE AZIENDE

IDEE E NOVITà Prodotti, servizi e soluzioni che rendono più facile e piacevole vivere nel verde e curare le piante e i giardini

ORTO in terrazzo, facile e BELLO • La possibilità di avere verdura fresca o piante aromatiche sempre pronte, a portata di mano, è un piacere che diventa possibile per tutti con il kit proposto da Verdemax. • Il kit ORTO URBANO comprende un vaso a cassetta, di 58 x 115 x h 28 cm, con un Contenitore Orto Urbano serbatoio d’acqua da 6 litri (con rubinetto), un tessuto-nontessuto di 80 x 130 cm e un sacchetto di argilla espansa. Basta stendere l’argilla e coprirla con il tessuto-non-tessuto, aggiungere terriccio, collocare le piante e attivare l’irrigazione Bordi decorativi in salice quando necessario, tramite l’apposito rubinetto. Periodicamente basterà rabboccare il serbatoio per mantenere una corretta irrigazione. Volendo si può bordare il vaso con le pareti in salice intrecciato, altamente decorative. • Si chiama Ortovaso l’idea Verdemax, per le piccole piante da orto e per le erbe aromatiche. Il vaso, in materiale plastico, è dotato di un sistema a riserva d’acqua e ha una striscia in feltro per umidificare il terreno in modo ottimale e ridurre così il fabbisogno di irrigazioni. • Il vaso con tutore AD ANELLI, a riserva d’acqua, è un’altra soluzione Verdemax per pomodori e altre piante da orto. Ideale per balcone e piccoli spazi, il vaso garantisce la conservazione di una buona umidità del terreno. Vaso con tutore

Info: www.verdemax.it

Ortovaso, a riserva d’acqua

50

NOVATERRA, la nuova terracotta • Deroma nasce con la terracotta ed è in questo materiale che, ancora oggi, vengono applicate le conoscenze dell’azienda per ottenere impasti sempre nuovi, dalle inaspettate funzionalità. Perché la terracotta non finisce mai di stupire e perché, tra tutti, si conferma sempre come il materiale più amato dove le nostre piante possono crescere rigogliose. • è da queste riflessioni che nasce NovaTerra, la nuova terracotta di Deroma. Una terra colorata con altra terra, colori che affascinano per la loro materialità, nuances studiate per combinarsi con le infinite sfumature delle nostre piante, rispettando loro e l’ambiente. • NovaTerra è la scelta di chi vuole qualcosa di inedito, ma tradizionale, per le proprie piante e vuole dare loro un habitat confortevole. è la scelta consapevole di chi cerca un vaso nuovo e colorato, senza rinunciare alla naturalezza della sua composizione. E senza compromessi sulla qualità e resistenza del materiale. Info: www.deroma.com.


Nuove idee IN BALCONE: la rivoluzione verde arriva in città • Erbe e fragole appese alla parete, ringhiere coloratissime e cariche di fiori: ecco due dei tanti aspetti attraverso i quali si può realizzare quella che il team di Smart Garden ha battezzato “Urban Green Revolution”, il primo concept che consente a chi vive in una metropoli di realizzare e coltivare un orto o delle buone erbe, e naturalmente anche dei fiori, nel proprio ambito abitativo per rendere le nostre città più belle, vivibili e sostenibili.

• MiniGarden Vertical e MiniGarden Corner (supporti speciali per l’orto in verticale), i set di mini serre, i vasi coloratissimi concepiti per l’allestimento su ringhiera e tante altre idee green e soprattutto easy sono solo alcune delle idee del concept “Urban Green Revolution”, disponibili nei migliori garden center a partire dalla primavera. Info: www.smartgarden.it

nasce URBAN GREEN REVOLUTION, il primo concept che consente a chi vive in una metropoli di realizzare e coltivare un orto nel proprio ambito abitativo. In modo facile e naturale. URBAN GREEN REVOLUTION: una svolta nel segno dell’ecosostenibilità, eleganza del design, dello sfruttamento intelligente dello spazio, e del biologico.

pensiamo sostenibile, pensiamo verde Smart Garden srl 20132 Milano - Italy - Via Feltre, 32 - Tel. +39 02 422 97 837 - Fax +39 02 477 15 281 - www.smartgarden.it - info@smartgarden.it


Largo al COLORE • L’aria che tira non è delle migliori? La città è grigia, il lavoro difficile o scarso, le giornate faticose? Sicuramente ci vuole una botta di allegria: sembra essere questo il pensiero che porta i designer a concepire arredi e vasi in colori vivacissimi, a volte del tutto estranei a quelli dell’ambiente naturale.

1

1. La poltrona-nido in materiale sintetico intrecciato è rossa come un papavero. 2. Un “cerotto” verde fluo per le seggioline di plastica da esterni, simpatiche anche in casa e indistruttibili. 3. Uno sgabello blu brillante serve da seduta in terrazzo. 4. Le poltroncine-tulipano si chiudono a molla assumendo la forma del fiore.

2 3

4

5-6. Un fucsia acceso per il portacandele e il tavolino da terrazzo.

5

L’ARTE DI VIVERE 52

6

www.natuweb.it


La tavola di primavera • Ritrovarsi con gli amici e la famiglia, ricevere ospiti, organizzare una festa: terrazzo e giardino aspettano tocchi di carattere per dare l’accento giusto alla tavola. • Atmosfera semplice e tenera (a destra): tulipani, nastri rosa, uova di zucchero e confetti per un allestimento nel segno della semplicità. • Centrotavola romantico (in basso): a primavera inoltrata sbocciano i morbidi grappoli di fiori profumati del lillà. Vale la pena radunarne alcuni in un cestino al centro della tavola: che sarà subito poetica e raffinata.

La lista e le foto di NOZZE? Nel garden center • Matrimonio in famiglia: un momento emotivamente complesso, nel quale si intrecciano sentimenti profondi tanto negli sposi come nei rispettivi nuclei familiari. L’evento è di quelli che non si fanno certo dimenticare e che meritano qualche idea speciale. • Per esempio, il servizio fotografico: se siete super appassionati di fiori, scegliete un giardino ricco di bellezza, oppure fate come le spose britanniche e irlandesi, che organizzano il servizio presso un garden center ben rifornito, accordandosi con i proprietari per far creare scenografie speciali: naturalmente occorre prendere accordi precisi e chiari per evitare di ostacolare il normale funzionamento del punto vendita. • Anche la lista di nozze può essere appoggiata presso un garden center dove amici e parenti potranno scegliere regali “verdi” per la nuova casa: piante rare e particolari, vasi di pregio, arredi per casa e giardino oppure complementi d’arredo.

53


l’arte di vivere

L’arte dello STILETTO • Si chiama stiletto thailandese l’attrezzo “magico” che consente di ottenere da un ortaggio (una zucca, un cocomero, una patata...) una vera opera d’arte. • Impararla non è difficile: in molte città vengono organizzati corsi su questo tema di grande attualità. Info utili su www.lintaglio.it.

2013, l’anno dello SMERALDO

Lasciamo parlare I FIORI • Il linguaggio floreale rimane uno dei metodi più efficaci per comunicare sentimenti ed emozioni, non solo in amore ma anche negli affari. A Singapore, città del business, è uso inviare ai clienti un mazzo di fiori rossi dopo aver concluso un buon accordo commerciale o finanziario, in onore a un’antica tradizione cinese che affida a questo colore il significato dell’energia e della laboriosità. • Anche in Giappone i fiori parlano: si chiama Hanakotoba l’alfabeto floreale che affida alle corolle e ai loro colori il compito di trasmettere messaggi. Oggi le sfumature di questo linguaggio, molto complesso, sono quasi del tutto dimenticate, ma rimangono antiche simbologie: le rose arancioni, per esempio, vengono donate per propiziarsi la complicità.

54

• Lo ha deciso Pantone, colosso statunitense celebre per la catalogazione dei colori e del sistema di identificazione cromatica, divenuto standard internazionale per quanto riguarda la grafica, il design, la moda e l’industria: il colore dell’anno in corso è un verde smeraldo vivace, il vero “colore-moda” di quest’anno, sfoggiato anche dalle star di Hollywood negli abiti da sera in occasione della cerimonia di consegna degli Oscar 2013. • Bello questo colore, ma poco presente in natura: lo si trova, per esempio, nelle ali di una meravigliosa farfalla tropicale, Papilio palinurus, che vive nel Sud-Est asiatico, ospitata anche nella Casa delle Farfalle del parco di Pinocchio, vicino a Pistoia. • In giardino e terrazzo non ci sono fiori o foglie di questo colore: per seguire la tendenza potete però puntare su tessuti, oggetti, decorazioni e complementi d’arredo che riprendono il tono verde smeraldo.


Più verdura per vivere meglio Compo offre una risposta a chi ama coltivare ortaggi genuini nell’orto classico e in vaso sul balcone...

Informazione pubbliredazionale

Gli ortaggi sono parte della nostra vita: difficile immaginare un pranzo o una cena senza buone verdure. Gli ortaggi sono disponibili in mille forme e colori e con tanti sapori diversi. Possono crescere quasi ovunque, al sole ma è importante scegliere la specie e varietà adatti all’ambiente; coltivare ortaggi in giardino, magari insieme ai fiori, oppure in un orto ben curato, o ancora in vasche e cassette sul balcone, è un modo per ritrovare tutto il piacere dei prodotti a km zero. Ma per avere davvero soddisfazioni dagli ortaggi, occorre partire dal terriccio... “Chi ben comincia è a metà dell’opera”, perciò pensiamo a dare ai nostri ortaggi un substrato come Compo Sana® Terriccio Bio per Orto e Semina, ideale per chi sceglie i metodi biologici. è un substrato di alta qualità arricchito con concime organico che assicura nutrimento per le prime due-tre settimane. Compo Concime Bio per Orto e Aromatiche è il nutrimento indicato per chi preferisce i metodi di coltivazione biologici e, grazie alla sua formulazione liquida di facile dosaggio anche in piccoli vasi, è la scelta più adatta per la coltivazione di ortaggi ed erbe aromatiche in balcone. La sua composizione completamente organica e naturale assicura sviluppo vigoroso e raccolti generosi anche coltivando in vaso. Contiene un elevato tenore di

azoto organico per il sano sviluppo delle piante e potassio per migliorare il sapore e il colore di frutti (pomodori, peperoni) e fogliame (lattughe, radicchi, bietole ecc.). Nell’orto classico e nelle aiuole di ortaggi in giardino si può preferire il prodotto granulare Compo Natural Concime Universale, che migliora la struttura fisica e arricchisce la fertilità del terreno, attivando le funzioni della microflora utile. Compo per aiutarti nel tuo mondo verde • Il team Compo ha preparato per gli hobbisti di giardinaggio un portale indispensabile: www.compo-hobby.it, nel quale trovare tante informazioni utili. • Nel portale c’è anche un servizio online per creare, in modo facile e divertente, dei giardini virtuali ed ottenere una scheda di Giardinaggio manutenzione per la loro cura: a Fai-da-te casa | balcone | giardino | orto | frutteto questa sezione si accede dal portale www.compo-hobby.it. • Nei punti vendita COMPO è disponibile la guida Giardinaggio Fai da te, 64 pagine ricche di informazioni pratiche e completate dal poster “Problemi e soluzioni”.

ile r staccab i Con poste lemi e soluzion ob Piante: pr

COMPO. Piante meravigliose con semplicità

Compo. Piante meravigliose con semplicità. COMPO Italia Srl www.compo-hobby.it


Per gli amici A QUATTRO ZAMPE • I cani meticci, cioè non di razza, sono quelli che si ricevono in regalo da amici e parenti o che si riscattano dal canile. Accettare uno di questi cani rappresenta una bella lezione di educazione alla vita anche per i bambini: l’accoglienza di un amico privo di pedigree (quindi “non firmato”) è un’avventura meravigliosa. Se è cucciolo, sarà bello seguirne lo sviluppo per vedere come diventa e scorgere eventuali tratti di razza ereditati dai suoi antenati sconosciuti.

Le STAMINALI DELLE MELE per un nuovo benessere • Il frutto della tentazione e della salute è protagonista nel benessere: i saponi alla mela e i bagnoschiuma con la fragranza di questo frutto hanno proprietà energizzanti e distensive. Ma ci sono anche altri metodi per sfruttarne al meglio le tante virtù benefiche, per esempio con i trattamenti termali all’avanguardia. • La mela, e in particolare quella altoatesina, è un prodotto anti-aging di particolare efficacia. Ricca di vitamina C e B, contiene anche molti altri preziosi elementi: calcio per le ossa, potassio per rassodare i tessuti e zinco per la struttura cellulare. L’Alto Adige è la più vasta zona coltivata a mele d’Europa; non ci si deve quindi meravigliare se anche alle Terme Merano questo toccasana per sentirsi “fit” svolge un ruolo importante. Potete ritrovare tutta la forza della Golden Delicious nei bagni benessere, nei peeling e nei massaggi. La novità 2013 è un impacco corpo alle cellule staminali di mela, per uomo e donna: una vera “botta” di benessere. Info: www.termemerano.it

• Se il cane è adulto e non ha subito gravi traumi, può attaccarsi enormemente alla nuova famiglia, diventando un compagno di totale fedeltà. Spesso sono animali molto svegli, pronti e incredibilmente intelligenti. L’addestramento, con pazienza e dolcezza, così come per i cani di razza, è fondamentale per avere in casa o in giardino un animale equilibrato e affidabile. • Affidatevi a un buon veterinario per tutti i controlli e l’assistenza del caso, nelle fasi iniziali dell’adozione, e procuratevi tutto ciò che occorre per la sua sicurezza, il comfort e il divertimento: in un garden center con reparto animaleria troverete personale esperto che potrà suggerire acquisti intelligenti e utili. Ma non dimenticate anche qualcosa di “inutile”... giocattoli e ossa da rosicchiare faranno felice il vostro cane, se giocherete insieme a lui!

BENESSERE & VITALITÀ

www.natuweb.it

56


Il prezioso GOJI, pianta della salute • Lo chiamano “il frutto della vita” e tutti ne parlano: arrivato da poco alla grande notorietà, il goji (Lycium barbarum) è in realtà conosciuto e utilizzato da secoli e secoli in Oriente e soprattutto in Tibet, dove è apprezzato per le sue doti preziose. • Le bacche rosse sono particolarmente ricche di antiossidanti naturali, vitamine e sali minerali, polisaccaridi, carotenoidi e flavonoidi. Sono un alimento eccezionale per il benessere dell’organismo e sono preziose per sostenere le funzionalità visive. • In virtù del loro basso indice glicemico e della loro elevata capacità saziante, le bacche di goji sono consigliate nelle diete volte alla perdita di peso: un gioiello da coltivare in giardino o in balcone, interessante anche per il suo grazioso aspetto.

La salute naturale AL FEMMINILE • Nel mondo vegetale, tantissime sono le piante indicate per la menopausa, molte delle quali sono amiche delle donne anche nell’età giovanile: alcune sono idonee a combattere le irregolarità mestruali e i problemi legati a una cattiva circolazione del sangue, altre sono antispasmodiche o liberano dal nervosismo e dall’ansia. • Contro le vampate e le palpitazioni: biancospino e salvia. Infondete 15 g di fiori di biancospino per 10 minuti in 1 l d’acqua bollente, filtrate e consumate la tisana nell’arco della giornata. Oppure infondete 40 g di foglie e fiori di salvia per 10 minuti in 1 l d’acqua bollente, filtrate e bevete dopo i pasti. Ambedue le tisane vanno assunte per almeno 30 giorni. • Per calmare il sistema nervoso: la valeriana. Macerate 10 g di radice fresca di valeriana in 1 tazza d’acqua fredda per una notte, bevete la mattina a digiuno. L’effetto è immediato. • Contro le irregolarità mestruali e i disturbi vascolari: 30 g di fiori di achillea infusi per 10 minuti in 1 l d’acqua bollente. • Tutte le tisane vanno consumate nell’arco della giornata di preparazione affinché conservino la loro efficacia.

Quante virtù in un CARCIOFO • Avete le ossa rotte dal lungo e umido inverno da poco finito? Bevete una tisana preparata con acqua e foglie di carciofo, prima dei pasti. Volete smaltire la ritenzione idrica che appesantisce le gambe? Fate bollire un carciofo nel vino bianco e bevetene un bicchierino dopo pranzo. Volete dimagrire senza rinunciare al sapore? Mangiate tanti carciofi: crudi e freschi, hanno pochissime calorie. • Gli antichi Romani ritenevano che le radici, bollite e schiacciate, fossero un ottimo anti-odorante corporeo: ma per questo uso, pur con tutto il rispetto per i generosi carciofi, forse ci sono soluzioni più pratiche.

57


benessere & vitalità

DIMAGRIRE con il GIARDINAGGIO • 110 calorie vengono bruciate facendo lavori leggeri di giardinaggio, come pulire le aiuole o innaffiare i vasi in balcone per mezz’ora; fino a 350 calorie se ne vanno per lavori più impegnativi, come zappare o rastrellare il prato, sempre in 30 minuti se pesate intorno ai 65 kg. • è un consumo significativo, che aiuta a restare in forma e, se abbinato a una dieta equilibrata e ad altre attività di esercizio fisico, contribuisce a favorire la perdita di peso e il recupero della forma fisica, senza dimenticare gli effetti positivi sul piano psichico. • Preparate i muscoli con esercizi di stretching prima di un’attività in giardino. Scegliete un abbigliamento che permetta alla pelle di traspirare e non dimenticate di prendere con voi una bottiglietta d’acqua. E naturalmente, evitate le ore più calde, rischiose anche per un fisico allenato, preferendo la mattina o il tardo pomeriggio.

Contro l’ACNE ci vuole L’ORTICA • Avete figli adolescenti sempre in lotta contro i brufoli? Oltre a un corretto regime alimentare, anche l’ortica può alleviare i problemi di acne, picchiettando la pelle ogni sera con un batuffolo di cotone imbevuto di succo ottenuto pestando in un mortaio 200 g di fusti e foglie freschi, e filtrando subito dopo. • Se i capelli cadono e sono spenti, questo è il decotto che li salverà: bollite 200 g di foglie e fusti secchi in mezzo litro d’aceto di vino per 5 minuti, filtrate e fate raffreddare. Frizionate il cuoio capelluto con questo liquido ogni sera per 3 settimane. • Non dimenticate che questa pianta invadente e prodigiosa è anche ottima in cucina (tagliatelle e tortelli, una vera bontà) e in giardino come alleata per la prevenzione e lotta dei parassiti delle piante.

M

Y

CM

MY

CY

Il campionato mondiale dei giardinieri • Si chiama proprio Gardening World Cup, come un qualsiasi grande evento sportivo, la gara che ogni anno vede i migliori giardinieri misurarsi nella città di Nagasaki, in Giappone, che ha vissuto la distruzione causata dalla bomba atomica, insieme a Hiroshima, nell’agosto del 1945. La gara viene quindi ogni anno allestita come segno internazionale di pace, collaborazione e speranza nei regali della natura e nell’abilità dell’uomo che la governa in giardino. • Nel 2012 erano giunti in finale 12 creatori di giardini da vari Paesi e la medaglia d’oro è andata a un garden designer malese. La prossima edizione si tiene in settembre e gli organizzatori sono al lavoro per selezionare i “supergiardinieri” che saranno ammessi alla finale. Info: www.gardeningworldcup.jp.

SPORT E SALUTE 58

C

CMY

K


C

M

Y

CM

MY

CY

MY

K

Natù_I Consigli Doc.Zapi 210x287.pdf

1

22/03/13

16:42

I consigli pratici del Dottor Zapi

GLI INSETTICIDI ”FACILI” SCATENA LA CRESCITA DELLE TUE PIANTE Se vuoi scatenare la crescita dei tuoi fiori o delle piante di tutte le specie già dopo la prima applicazione, prolungare l’azione nutritiva, attivare le auto-difese contro le avversità ed ottenere fiori più colorati e raccolti più abbondanti, ZAPI SUPER NUTRIMENTO LIQUIDO è la risposta alle tue esigenze. Un concime completo di ogni elemento nutritivo necessario, con una composizione bilanciata ed arricchita di sostanze naturali. ZAPI SUPER NUTRIMENTO LIQUIDO Flacone 1 lt - Prezzo consigliato: 8,90 €

ZAPI AFIDI COCCINIGLIE PRONTO USO & ZAPI INSETTICIDA MULTINSETTO PRONTO USO sono i prodotti ideali per chi desidera eliminare con successo gli insetti più dannosi per i fiori e le piante ornamentali: afidi, mosche bianche, bruchi, cocciniglie, ecc. non hanno più scampo. Preparati in forma “pronto uso”, non è necessaria alcuna fatica perché l’insetticida è già dosato in acqua entro il vapo-no gas: basta agitare energicamente e spruzzare sulla vegetazione. ZAPI AFIDI COCCINIGLIE PRONTO USO Vapo no-gas 500 ml – Prezzo consigliato: 7,80 € / Vapo no-gas 1 lt – Prezzo consigliato: 9,50 € ZAPI INSETTICIDA MULTINSETTO PRONTO USO - Vapo no-gas 500 ml – Prezzo consigliato: 7,80 € ZAPI AFIDI COCCINIGLIE PRONTO USO - Afloor Pronto Uso Reg. n. 15255/PPO del 23.01.2012 e ZAPI INSETTICIDA MULTINSETTO PRONTO USO - Cip Reg. n. 14724/PPO del 23.10.2009, sono prodotti fitosanitari per piante ornamentali. Leggere attentamente le avvertenze e le modalità di impiego sulla confezione. Conservare fuori dalla portata dei bambini.

IL DISERBO IN DUE MOSSE Per dare scacco matto alle malerbe ora bastano due semplici mosse: • ZAPI DISERBO TOTALE PRONTO USO l’erbicida totale in grado di eliminare con un solo trattamento le malerbe seccandone anche le radici. • ZAPI DISERBO PRATO PRONTO USO l’erbicida innovativo concepito per la pulizia dei giardini, in grado di eliminare le più comuni infestanti a foglia larga. ZAPI DISERBO TOTALE PRONTO USO Vapo no-gas 500 ml – Prezzo consigliato: 7,80 € ZAPI DISERBO PRATO PRONTO USO Vapo no-gas 500 ml – Prezzo consigliato: 7,80 € ZAPI DISERBO TOTALE PRONTO USO - Rapido pronto uso Reg. n. 15506 del 26.11.2012/PPO e ZAPI DISERBO PRATO PRONTO USO - Dicotex RTU Reg. n. 15057/PPO del 18.10.2011, sono prodotti fitosanitari per piante ornamentali. Leggere attentamente le avvertenze e le modalità di impiego sulla confezione. Conservare fuori dalla portata dei bambini.

Informazione Pubblicitaria

Richiedi la guida:

I Consigli pratici del Dottor Zapi al numero

I prodotti Zapi sono in vendita nei negozi specializzati: consorzi, rivendite agrarie e garden center. Per conoscere il punto vendita più vicino collegati a www.zapigarden.it oppure chiama il numero 049-9597777

049 9597777 oppure collegati a

www.zapigarden.it

Seguici su


Tutti a MILANO in bici

Land art SULLE ALPI • Nel 2012 i giardini aderenti al network Grandi Giardini Italiani hanno registrato circa otto milioni di visitatori: l’horticultural tourism si delinea sempre più come una risorsa importante in termini economici nel comparto turistico. • Tra le novità 2013 ci sono nuovi ingressi di splendidi parchi: Villa Mosconi Bertani (Arbizzano di Negrar, VR), Museo Giardino della Rosa Antica (Montagnana di Serramazzoni, MO), Porta di Ferro Giardini (Santa Lucia di Battipaglia, SA), e Arte Sella (Borgo Valsugana, TN), un singolare museo di land art all’aperto. • Le opere presenti a Arte Sella, raccolte fra prati e alberi, sono generalmente tridimensionali, perché ottenute con sassi, foglie, rami o tronchi; raramente sono utilizzati oggetti, materiali o colori artificiali: il visitatore può incontrare le opere e allo stesso tempo godere delle particolarità ambientali del luogo. Info: tel. 031/75621, www.grandigiardini.it

• Lo avreste detto? Nel 2012 gli italiani hanno acquistato più bici che auto, segno di una crescente attenzione allo sport, alla natura e all’ambiente. Milano ha bisogno di gente che scelga la bici: oggi solo 4 milanesi su 100 usano la bicicletta tutti i giorni, mentre a Copenhagen sono 50 e a Amsterdam 26. Per questo nasce “THE GREEN BIKE. Il modello olandese”, nel contesto del progetto internazionale GREEN ISLAND che si occupa del rapporto artenatura nello spazio pubblico. Con THE GREEN BIKE, iniziativa che viene presentata con la conferenza stampa del giorno 8 aprile alle 12, a Palazzo Marino, si vuole incentivare l’uso della bicicletta come mezzo di trasporto urbano, riferendosi al modello olandese, esempio di sostenibilità e mobilità urbana d’eccellenza. L’iniziativa è infatti appoggiata dall’Ambasciata e dal Consolato Generale dei Paesi Bassi a Milano. Durante la settimana 8-13 aprile si succederanno incontri, visite guidate in bici a zonzo per la città e mostre sull’uso della bicicletta e sui progetti di sviluppo del verde cittadino, con la partecipazione di giovani designer olandesi che esporranno opere singolari: biciclette artistiche in legno, arredi creati con tubi di biciclette, la mostra di foto Temporary tree (foto dinamiche di alberi). Info: www.amaze.it

VERDEUROPA TURISMO & GIARDINI www.natuweb.it

60


Verdeuropa

I giardini d’Irlanda: splendidi fino all’autunno Brigit’s Garden, Galway

Glasnevin Botanic Garden, Dublino

Cashel Garden Hotel

• La natura sembra avere scelto l’Irlanda per dare spettacolo nei suoi paesaggi, come quello che vedete qui, ma è la mano dell’uomo ad aver creato nell’isola alcuni dei più bei parchi e giardini del mondo. Se non avete mai visitato i parchi e i giardini irlandesi, scoprirete che parlano una lingua comprensibile a tutti, fatta di colori e di profumi, di luci e di emozioni, in ogni stagione dell’anno. Conoscerete persone straordinarie che a questi giardini dedicano la loro vita. Vedrete piccoli cottages, dimore di pregio e castelli immersi in questi giardini, e scoprirete che la cosa più bella è il piacere di ritornarci più e più volte... • Il 2013 è un anno speciale per ritrovarsi in Irlanda grazie al megaevento “The gathering”: un anno di festeggiamenti in cui si celebra l’Irlanda e tutto ciò che è irlandese, la gente, la cultura, la storia... e anche i giardini, naturalmente. Chiunque senta un’affinità con l’Irlanda, merita di visitarla in questo anno così speciale, da solo o con un gruppo. Eventi di tutti i tipi sono organizzati per tutto il 2013 in tutta l’isola. Per i gruppi ci sono idee speciali. è inoltre disponibile una brochure dedicata proprio al turismo verde (giardini, parchi e natura). Info: Turismo Irlandese, www.irlanda.com

200 giardini dentro uno solo... e altre idee verdi in OLANDA • I giardini di Appeltern, in Olanda, sono uno di quei luoghi che fanno impazzire chi ama la natura, i fiori e i giardini: in ben 23 ettari di superficie sono raccolti qualcosa come 200 giardini-modello firmati da altrettanti paesaggisti e innumerevoli piante e fiori (www.appeltern.nl). • Tra le numerose altre cose da vedere, oltre allo spettacolare parco Keukenhof con i suoi 7 milioni di bulbi in fiore, ci sono anche Centerpark, piscina tropicale le escursioni lungo le vie d’acqua, sempre ricche di scoperte botaniche, paesaggistiche ed artistiche, presentate in una sezione speciale di www.holland.com/it. Da non trascurare anche l’idea di un soggiorno nei villaggi-giardino Centerparks: quello di Het Heijderbos contiene una enorme piscina di acque calde con torrenti e cascate immerse nella vegetazione tropicale, sotto un’enorme bolla di vetro, un’opera concepita dal biologo e paesaggista Jean Henkens (www.centerparcs.com). Giardini di Appeltern

Golf, fiori e acque nelle Alpi svizzere • Il comprensorio Villars-Gryon si stende, aperto e soleggiato, fra cime altissime e prati verdissimi: le incantevoli località in quota, Villars e Gryon, sono villaggi-giardino colmi di fiori lungo le strade, alle finestre e nei giardini. Il golf di Villars è un parco immerso nella bellezza delle Alpi del Vaudois e innumerevoli sono le opportunità di intrattenimento estivo, dagli sport estremi all’escursionismo per famiglie fino al wellness. Basta scendere da Villars verso il lago di Ginevra per arrivare a Lavey-les-Bains con le sue piscine calde o a Bex, dove è possibile visitare le antiche e affascinanti miniere di sale. Il tutto, a poca distanza dal confine con l’Italia.

Il golf di Villars

Le terme a Lavey-les-Bains

Info: www.villars.ch

61


I SOCI DI PROMOGIARDINAGGIO / produzione

SCELTA NATURALE

ALCE SRL 42045 Luzzara RE Tel. 0522 976798 info@alceweb.com www.alceweb.com

AZ. AGR. ORTO MIO 47100 Forlì FC Tel. 0543 799097 info@ortomio.it www.ortomio.it

BLUMEN SRL 29100 Località Le Mose PC Tel. 0523 573260 blumen.info@blumen.it www.blumen.it

CIFO SPA 40016 San Giorgio di Piano BO Tel. 051 6655511 info@cifo.it www.cifo.it

CLABER SPA 33080 Fiume Veneto PN Tel. 0434 958836 info@claber.com www.claber.com

COMPO Agro Specialities Srl 20811 Cesano Maderno MB Tel. 0362 512.1 www.compo-hobby.it info.compo@compo.com

DEROMA SPA 36034 Malo VI Tel. 0445 595311 info@deromagroup.com www.deromagroup.com

DI MARTINO SPA 36065 Mussolente VI Tel. 0424 8788 dimartino@dimartino.it www.dimartino.it

ERBA SRL 20060 Bussero MI Tel. 02 95039114 erba@erbasrl.it www.erbasrl.it

Escher srl 20873 Cavenago Brianza (MB) Tel. 02 95339216 info@escher.it www.escher.it

EUROEQUIPE SRL 40056 Crespellano BO Tel. 051 734808 hidroself@hidroself.it www.hidroself.com - www.sandokan.com

EURO3PLAST SPA 36021 Ponte di Barbarano VI Tel. 0444 788200 info@euro3plast.com www.euro3plast.com

EXEL GSA 69653 Villefranche Cedex - Francia Tel. 0033 4 74624848 exelgsa@exelgsa.com www.exelgsa.com

FERRARI GROUP SRL 43022 Basilicagoiano PR Tel. 0521 687125 info@ferrarigroup.com www.ferrarigroup.com

FERTIL SRL 24050 Calcinate BG Tel. 035 4423299 info@fertil.it www.fertil.it

FISKARS ITALY SRL 23862 Civate LC Tel. 0341 215111 info@fiskars.it www.fiskars.it

FLORAGARD VERTRIEBS GMBH 26135 Oldenburg - Germania Tel. 0049 441 2092187 sassi@floragard.de www.floragard.com

FRANCHI SEMENTI SPA 20123 Milano MI Tel. 035 526575 info@franchisementi.it www.franchisementi.it

GF SRL 42015 Correggio RE Tel. 0522 637301 info@g-f.it www.g-f.it

GUABER SRL 40050 Funo BO Tel. 051 9961111 info@guaber.com www.guaber.com

HUSQVARNA ITALIA SPA 23868 Valmadrera LC Tel. 034 1203111 www.gardena.com www.mcculloch.com

ITAL-AGRO SRL 26857 Salerano sul Lambro LO Tel. 0371 71090 ital-agro@ital-agro.it www.ital-agro.it

NICOLI SRL 36070 Brogliano VI Tel. 0445 947344 info@nicoli.com www.nicoli.com

ORVITAL SPA 20019 Settimo Milanese MI Tel. 02 3355591 info.orvital@orvital.it www.orvital.it

OXADIS SA 26100 Cremona CR Tel. 0372 41279 oxadis@tin.it www.vilmorin-jardin.fr

PLASTECNIC SPA 23888 Perego LC Tel. 039 5311271 plastecnic@plastecnic.it www.plastecnic.it

PROMOSEEDS ITALIA SRL 47023 Pievesestina di Cesena FC Tel. 0547 313796 info@promoseedsitalia.com www.promoseedsitalia.com

RAMA MOTORI SPA 42100 Reggio Emilia RE Tel. 0522 481111 verdemax@rama.it www.verdemax.it


www.promogiardinaggio.org

produzione

Dom Sementi

SDD SPA 33050 Mortegliano UD Tel. 0432 760442 F info@sementidotto.it www.sementidotto.it

servizi

I SOCI DI PROMOGIARDINAGGIO / distribuzione

TENAX SPA 23897 Viganò LC Tel. 039 92191 customer.service@tenax.net www.tenax.net

SONAFLOR GROUP 37060 Sona VR Tel. 045 6081462 info@sonaflor.com www.sonaflor.com

SmartGarden Srl 20132 Milano (MI) Tel. 02 422 97 837 info@smartgarden.it www.smartgarden.it

TERCOMPOSTI SPA 25012 Calvisano (BS) Tel. 030 9968101 (r.a.) informazioni@tercomposti.com www.tercomposti.com

CENTRO DEL VERDE TOPPI SRL 21040 Origgio VA Tel. 02 96732323 market@toppi.com www.toppi.com

CENTRO VERDE GIOVANNELLI SRL 54100 Massa MS Tel. 0585 250318 massa@centroverdegiovannelli.it www.centroverdegiovannelli.it

GIARDINIA SCARL 20049 Concorezzo MB Tel. 039 6042136 info@giardinia.it www.giardinia.it

Self srl 10040 Rivalta di Torino TO Tel. 011 3996200 info@selfitalia.it www.selfitalia.it

VALAGRO SPA 66041 Atessa CH Tel. 0872 8811 info@valagro.com www.valagro.com

TELCOM SPA 72017 Ostuni BR Tel. 0831 348111 telcom@telcomitalia.it www.telcomitalia.it

VIGORPLANT ITALIA SRL 26861 Fombio LO Tel. 0377 430349 info@vigorplant.it www.vigorplant.it

Centro Giardinaggio San Fruttuoso SAS 20052 Monza MB Tel. 039 742102 info@giardinaggiosanfruttuoso.it www.giardinaggiosanfruttuoso.it

Peraga Srl 10010 Mercenasco (TO) Tel. 030 9968101 (r.a.) web@peraga.it www.peraga.it

ZAPI INDUSTRIE CHIMICHE SPA 35026 Conselve PD Tel. 049 9597777 dottorzapi@zapi.it www.zapigarden.it

GARDEN TEAM 37010 Pastrengo VR Tel. 045 6770551 info@gardenteam.biz www.gardenteam.biz

SOCIETà agricola del lago SRL 21100 varese VA Tel. 0332 320788 giacomo@agricoladellago.it www.agricoladellago.it

VIRIDEA SRL SOCIETà AGR. 20090 Cusago MI Tel. 02 90390787 info@viridea.it www.viridea.it

GRUPPO EDITORIALE COLLINS SRL 20141 Milano MI Tel. 02 8372897 greenline@netcollins.com www.netcollins.com www.mondopratico.it

ESPRITHB 20123 Milano MI Tel. 02 43982872 info@esprithb.it www.esprithb.it

FLOWERPASSION 21046 Malnate VA Tel. 0332 860499 lansdorp@libero.it

MNCG SRL 20156 Milano MI Tel. 02 48518630 info@mncg.it www.mncg.it

UNACOMA - COMAGARDEN 00159 Roma RM Tel. 06 432981 comagarden@unacoma.it www.unacoma.it


Natù Aprile 2013  

Natù Il magazine che accompagna la voglia di natura e di benessere

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you