Page 1

COPIA OMAGGIO

ANNO 02 NUMERO 03 MAGGIO-GIUGNO 2010 WWW.NATUWEB.IT

L’orto: anche in vaso e in giardino

QUANDO LA VERDURA NON FA UN METRO ORTAGGI GENUINI NEI PICCOLI SPAZI Atmosfere da vivere

7 SENSI NELLA NATURA UN’ESTATE DI PIENO BENESSERE Natura amica

WILDLIFE IN TERRAZZO E GIARDINO BIODIVERSITÀ E BELLEZZA Sapori & salute

PICNIC AROMATICO LE ERBE NEI PIATTI ESTIVI

RISORSA ACQUA DA TUTELARE E RISPARMIARE

Godersi la bellezza dell’acqua e i metodi per ridurre gli sprechi


ANNO

02

NUMERO

03 GIUGNO 2010

04

Il bello del momento

12

Curiosità e notizie

18

Il piacere dell’orto

24

Sapori & Salute

28

Atmosfere da vivere

34

Natura amica

38

Fiori in giardino e in terrazzo

42

Progettazione

46 48

7 SENSI PER GODERSI LA NATURA

IL BELLO & IL NUOVO

VERDURE A METRI ZERO

PICNIC AROMATICO

RISORSA ACQUA

WILDLIFE VICINO A NOI

VITA CON LE ROSE

IL GIARDINO CELTICO Com’è fatto...

UN VASO IN PLASTICA O RESINA Bambini e natura

CREATURE STRAORDINARIE

Promogiardinaggio, associazione senza fini di lucro, ha scelto di proporre Natù per sostenere e divulgare i valori della tutela della natura e per contribuire a creare una cultura del verde, incoraggiando atteggiamenti di salvaguardia dell’ambiente. Attraverso la rivista Natù, Promogiardinaggio intende divulgare il concetto che l’amore per il verde può esprimersi ovunque, in casa, nell’orto, in giardino, nei piccoli spazi, coinvolgendo anche gli amici e facendo partecipare i bambini: perché il verde è indispensabile per socializzare, combattere lo stress e vivere meglio. Natù arriva nelle vostre mani per suggerire, aiutare, divertire. Con semplicità e passione, perché fiori e giardini, natura, animali e vita all’aria aperta sono parte della nostra vita, ci danno benessere e serenità e ci aiutano a guardare al futuro.

Luca Pelliciari, Presidente di Promogiardinaggio

www.promogiardinaggio.org Responsabile Progetto Magazine Romina Tribi Redazione Progetto editoriale, testi, impaginazione: Garden Servizi Editoriali Lorena Lombroso e Simona Pareschi info@gardenpictures.it Hanno collaborato: Tiziana Flori, Elena Tibiletti, Tretigri Comunicazione visiva Foto: Enzo Valenti - Garden Pictures, archivi Shutterstock, archivi IStock

50

Decorazione

L’ARTE DI VIVERE

Progetto grafico A.D.Trend srl - www.ad-trend.it

54

La scelta naturale

Stampa Elcograf, Beverate di Brivio (LC)

60

BENESSERE & VITALITÀ Turismo e giardini

VERDEUROPA

Natù è un magazine gratuito: vi aspetta nei punti vendita associati a Promogiardinaggio. L’elenco completo è disponibile su www.natuweb.it e www.promogiardinaggio.org 2

www.natuweb.it

Questo numero di Natù è stampato su carta FSC, marchio che identifica i prodotti contenenti legno proveniente da foreste gestite in maniera corretta e responsabile secondo rigorosi standard ambientali, sociali ed economici: è una scelta legata alla volontà di contribuire a un uso responsabile delle riserve naturali.


Vedere e sentire

IL BELLO DEL MOMENTO

Tutti i sensi sono attivi e stimolati a contatto con le piante, ma la vista sembra essere quello prevalente: osservare le piante fa stare bene. Non solo attraverso la bellezza, ma anche perché lo sviluppo vegetativo comunica in modo inequivocabile lo scorrrere del tempo nel suo aspetto positivo. L’effetto è talmente benefico da essere considerato uno dei valori base della garden therapy praticata con successo in realtà molto diverse fra loro, dalle scuole materne ai centri riabilitativi. E cominciano a crescere anche in Italia, seppure con molto ritardo rispetto ad analoghe esperienze

7 SENSI PER GODERSI

LA NATURA

Estate in terrazzo, in giardino, a contatto con la natura: ai 5 sensi che tutti conosciamo, aggiungiamo anche quelli del benessere e del movimento: perché il verde è una botta di salute, in ogni suo aspetto.

P

arlare di esperienza multisensoriale può far pensare a qualcosa di vagamente esoterico, oppure evocare la pubblicità dei film in 3D che, per quanto perfetti stile Avatar, mai possono trasmettere al corpo e alla mente la stessa complessità di emozioni che viene generata dalla vita nella natura. Se in alcune città italiane, dopo decenni di incuria, si ricomincia a pensare seriamente che gli spazi verdi sono fondamentali non solo per una decente qualità di vita, ma anche come indiretto e potente motore economico (perché una città ricca di verde diventa, è provato, una città più ricca), sono molti gli italiani che scelgono di circondarsi di verde per vivere meglio. La dimensione dello spazio a disposizione non è un fattore limitativo ma semmai una sfida da cogliere e superare, nell’obiettivo di un risultato appagante nella sua essenzialità: stimolare tutti i 5 sensi aggiungendo anche il valore del movimento fisico e, come risultato di sintesi, un maggiore benessere.

4

europee, i luoghi in cui si può vedere anche a occhi chiusi, giardini sensoriali emozionanti per chiunque, anche per chi non vede; di recente ne è stato inaugurato uno anche a Parma, nel parco pubblico Bizzozero. Quanto all’udito, tutti abbiamo nei ricordi il suono gentile del vento quando accarezza le foglie. Nel giardino e terrazzo multisensoriale non mancheranno dunque piante capaci di effetti sonori particolarmente intensi, tipici di specie con foglia grande e leggera, come gli aceri, le graminacee e il bambù e rampicanti come la vite, a cui accostare la musica dell’acqua


Meraviglie sull’acqua Il fiore di loto è per gli Orientali simbolo di bellezza e purezza; rappresenta la vita stessa e osservandolo è facile condividere questa visione di cosmica perfezione. Non è affatto difficile coltivarlo. Chi ha poco spazio può provare i loti nani cinesi: crescono anche in vasi e tinozze.

EMOZIONI A PORTATA DI MANO • Prendersi cura del verde e far sbocciare fiori e colori in giardino e in terrazzo è un noto e antichissimo sistema per conservare o recuperare l’equilibrio psichico e accendere le emozioni ben più che con un banale videogioco. Spesso, travolti dalla fretta quotidiana, arriviamo a comprimere le emozioni: la sfera sensoriale ritrova, a contatto con la natura, tutte le sue capacità percettive. • Senza pollice verde, inutile leggenda fuorviante che sembra circoscrivere a una élite la capacità di vivere bene tra le piante, è possibile trascorrere un’estate di autentico benessere cercando di arricchire lo spazio intorno a noi di piante e di elementi capaci di vivacizzare i 5 sensi e di invitarci al movimento fisico, per ritrovare salute e smaltire qualche chilo divertendosi in relax.

5


7 SENSI PER GODERSI LA NATURA

Sapori a portata di mano. Se lo spazio verde deve essere stimolante per tutti i sensi, non possono mancare gli ortaggi che, visti con un occhio diverso, si trasformano in ironici personaggi con tanto di occhiali.

suonata da cascatelle, corsi d’acqua o piccole fontane, collocabili davvero ovunque e attive grazie a un semplice circuito chiuso che può funzionare elettricamente, a pila o a energia solare.

Assaggiare e annusare Dalle erbe aromatiche ai frutti e ortaggi, ma anche piante curiose da assaggiare: lo spazio verde offre davvero molto al senso del gusto. Dai sapori piccanti a quelli più dolci e insoliti (mai sentite le dolcissime foglie di Stevia rebaudiana?), dagli aromi più classici a quelli esotici e tropicali: un mondo sconfinato di sapori da produrre in proprio. Naturalmente con metodi rigorosamente bio, perché consentono di portare in tavola cibi genuini, esenti da pesticidi. Per raggiungere questo obiettivo, lo spazio verde, che sia in terrazzo o nel giardino, orto o frutteto, deve saper accogliere la biodiversità, anch’essa affascinante da vedere. Si possono sistemare qua e là le piccole “case per coccinelle”, strutture in bambù dove queste creature divoratrici dei parassiti delle piante possono trovare rifugio. E si possono collocare i rifugi per pipistrelli, alleati nella lotta contro le zanzare... I meccanismi da mettere in atto sono facili, alla portata di tutti e, questo ad alcuni sembra sorprendente, danno risultati visibili in tempi brevissimi. Quanto al naso, tutti sappiamo quanto venga stimolato dalla natura e come sia importante l’odorato per farci godere di quello che mangiamo, che sia una pesca fragrante o un’insalata condita con erba cipollina. Il percorso degli odori è in noi fortissimo e radicato, siamo capaci di riconoscere un profumo anche dopo decenni che non lo sentiamo. Uno spazio verde intensamente profumato ha un potere straordinario nella sua funzione antidepressiva e stimolante; realizzare balconi e giardini profumati non richiede grandi abilità né tantomeno costi significativi.

Fiori per il giardino multisensoriale. La Verbena bonariensis è una pianta perfetta per le bordure che l’eco-giardiniere può creare per sollecitare i sensi: al suo colore violetto, adatto per indurre alla calma, si associa la capacità di essere una vera calamita per le farfalle.

6


7 SENSI PER GODERSI LA NATURA

CROMOTERAPIA VEGETALE

FIORI COLORATI PER COMBATTERE LE TRISTEZZE Nel Nord Europa costruiscono ospedali pubblici dipingendo le pareti in base agli effetti cromoterapici sui pazienti. Approfittiamone anche

noi in giardino e in terrazzo: i colori delle piante e dei fiori sono molto intensi e capaci di aiutare a ritrovare serenità. UÊI colori caldi dal giallo al rosso passando per l’arancione e il marrone sono toni energizzanti, d’aiuto per stimolare la vivacità psichica e indurre all’attività. UÊI colori della gamma fredda, come il lilla, il blu, l’azzurro e il grigio, sono considerati efficaci nell’invitare alla riflessione; la loro funzione calmante è forte anche sui bambini. UÊTutti i toni del verde rappresentano la mediazione e quindi simboleggiano il raggiungimento dell’armonia: si ritiene, e in fondo tutti noi l’abbiamo percepito a contatto con la natura e gli alberi, che questa gamma cromatica sia d’aiuto per risolvere le tensioni, riportando equilibrio a livello fisico ed emotivo.

Toccare, muoversi, star bene... Il senso del tatto è senz’altro quello che ogni appassionato di piante mette alla prova continuamente. Dal piacere di mettere le mani nella terra, grande madre di vita, all’accarezzare piante pelose e vellutate, oppure spinose, ruvide, un po’ collose come quelle della petunia o capaci di profumare le mani, come il rosmarino, il timo e l’elicriso... Il tatto si esprime anche nel maneggiare vasi o spingere il tosaerba, vangare o rastrellare le foglie: attività fisiche benefiche, importantissime per conservare la mobilità muscolare e aiutare a smaltire gli effetti di una vita troppo pigra e sedentaria. Nel verde di casa si può anche fare fitness, yoga e tutte quelle forme di ginnastica dolce che non richiedono particolari attrezzature supertecnologiche per esprimere la loro efficacia terapeutica. L’ultimo senso da citare nell’esperienza multisensoriale della vita nel verde è quello del benessere. Se state leggendo queste pagine, sapete bene che cosa vuol dire, e volete proteggere e aumentare questo benessere nel vostro verde, per vivere meglio con chi vi sta vicino. Che sia un umano o un animale: anche lui si gode il piacere delle piante e dei fiori.

8

Nel benessere complessivo dello spazio verde entrano anche gli animali che vivono al nostro fianco, e che ci regalano allegria e compagnia.


7 SENSI PER GODERSI LA NATURA

IDEE multisensoriali

01 Vista: l’ibisco di Siria, Hibiscus siriacus, è

spettacolare in estate e fino a settembre: questo arbusto o piccolo albero, ideale anche come siepe, è reperibile sia con fiori nel classico color malva, sia in varietà con corolle rosa intenso (‘Russian Violet’) o bianche screziate di rosso (‘Red Heart’). I vantaggi: pianta facilissima, a sviluppo rapido, resiste al gelo, non si ammala, cresce anche in grandi vasi.

02

Odorato: tra le rose profumate, da provare la ‘Rosa del Monferrato’®, con i suoi fiori che sbocciano fino all’autunno. Ha un buon profumo di frutta. I vantaggi: è poco soggetta ad ammalarsi. Bassa e compatta, si adatta alla coltivazione in grandi vasi.

03

Gusto: scegliere una varietà da frutto antica è il modo migliore per assicurarsi la riscoperta di sapori perduti su piante che solitamente sono molto più robuste delle varietà moderne. I vantaggi: avere a disposizione frutti che sono tipici del territorio, e che spesso hanno sapori molto particolari e intensi o sono adatti alla conservazione.

04

Udito: gli arbusti e le siepi con foglia grande e leggera sono importanti per creare un sonoro fruscio che aiuta a mascherare gli eventuali rumori dalla strada. La vite americana da far crescere su cancellate, reti e grigliati è una soluzione sempre gradevole. I vantaggi: crescita molto rapida, vivacemente colorata in autunno, non si ammala mai.

05

Tatto: le aromatiche sono piacevoli da accarezzare. L’elicriso (Helichrysum italicum) ha foglie vellutate, color grigio-azzurro, e fiorellini gialli. I vantaggi: basta sfiorarlo per conservare sulle mani, a lungo, il suo squisito e intenso aroma. Resiste al caldo e alla siccità, in pieno sole (è una specie mediterranea).

06

Movimento: se arricchite il giardino e il terrazzo di fiori profumati e arbusti che piacciono alle farfalle, come la buddleja, avrete voli e movimento a volontà. I vantaggi: è piacevole e appagante osservare la vivacità della vita naturale...

07

Benessere: prendetevi del tempo per voi stessi, per la vostra famiglia e i bambini, per coccolare il gatto o far giocare il cane nel verde di casa, o per leggere un libro in terrazzo, tra i fiori. I vantaggi: sembrano piuttosto evidenti... e sono anche durevoli: nel verde si vive decisamente meglio.

10


Tappeti di fiori Ortoterapia a Chaumont U Dal 1992 lo splendido castello di Chaumont sur Loire, a due ore in auto da Parigi, ospita il celebre Festival international des jardins, che mette in scena una panoramica straordinaria sull’arte del paesaggio nel mondo: in 19 edizioni sono stati creati 430 giardini, prototipi artistici dei giardini di domani. UÊFino al 18 ottobre sarà possibile visitare la kermesse e ammirare gli avveniristici allestimenti. Tema di questa edizione è Giardini, corpo e anima: una ventina di progetti sono stati selezionati dalla giuria tra le oltre 300 proposte arrivate da tutto il mondo. UÊTra i prescelti c’è anche un giardino italiano. Stefano Marinaz, Francesca Vacirca e Daniela Tonegatti sono i tre designer che hanno dato vita al progetto “Hortithérapie sensorielle”, un viaggio attraverso una serie di giardini curativi in cui le piante trasmettono armonia e benessere nel corpo e nello spirito. Info: www.riflessidipaesaggio.com, www.domaine-chaumont.fr

EVENTI Nel paese delle erbe U Nel delizioso entroterra romagnolo il Giardino delle Erbe di Casola Valsenio (RA) propone la Giornata `i>Ê>Û>˜`>]ʈÊÓÈÊ}ˆÕ}˜œ] con visite guidate ai “lavandeti” del Giardino delle Erbe,la degustazione di tisane a tema, dimostrazione di idrodistillazione. UÊTutti i venerdì dal 2 luglio al 27 agosto, Mercatino Serale delle Erbe. mostra-mercato di piante officinali e di estratti per cosmesi, medicina e gastronomia. Info: www.terredifaenza.it

Le infiorate, ovvero l’usanza di addobbare con tappeti di petali il percorso delle processioni religiose, hanno radici lontanissime e da alcuni secoli accompagnano la festa religiosa del Corpus Domini con stupende creazioni di arte floreale, eseguite da “maestri infioratori” che le preparano per mesi, usando solo elementi vegetali, riproducendo scene religiose o celebri opere d’arte. I variopinti tappeti si diramano lungo le strade offrendo uno spettacolo gioioso di profumi e colori ai visitatori. In Italia ce ne sono tante, eccone alcune. UÊx‡ÈÊ}ˆÕ}˜œÊLe infiorate di Spello nel paese ՓLÀœ\Ê}ˆÊˆ˜wœÀ>̜ÀˆÊ«Ài«>À>˜œÊ£°xääʓÊ`ˆÊµÕ>`ÀˆÊ floreali. Inoltre: concorsi, spettacoli, florovivaismo in mostra, www.infioratespello.it UÊÈÊ}ˆÕ}˜œÊInfiorata di Bolsena (VT), la più antica: le vie del paese ospitano un tappeto lungo 3 km `ˆÊwœÀˆÊvÀiÃV…ˆÊÀ>VVœÌˆÊˆ˜ÌœÀ˜œÊ>Ê>}œ]ÊLœÃi˜>‡ infiorata.blogspot.com UÊ££‡£{Ê}ˆÕ}˜œÊLe infiorate di Genzano, alle porte di Roma: la festa risale al XVIII secolo e si ripete in diverse località dei Castelli Romani, www.infiorata.it À>ʵÕiiÊÃÌÀ>˜ˆiÀiʓiÀˆÌ>˜œÊ`ˆÊiÃÃiÀiÊÃi}˜>>ÌiÊ l’infiorata dell’Orotava, nelle Isole Canarie, `œÛiʈʵÕ>`ÀˆÊܘœÊVœ“«œÃ̈Ê`ˆÊiÀLiÊVœœÀ>ÌiÊ >˜âˆV…jÊwœÀˆ]ʵÕi>ʘi>ÊV>ÌÌi`À>iÊ`ˆÊArundel, ˆ˜Ê˜}…ˆÌiÀÀ>Ê­ˆÊӇÎÊ}ˆÕ}˜œ]ÊÜÜÜ°`>L˜iÌ°œÀ}®ÊiÊ µÕi>Ê`ˆÊKobe in Giappone slegata da tradizioni religiose e davvero spettacolare per le dimensioni degli allestimenti, che coprono migliaia di metri µÕ>`À>̈ʭÜÜÜ°vii‡ŽœLi°«Éˆ˜wœÀ>Ì>Óä£ä®°ÊÊ

IL BELLO & IL NUOVO www.natuweb.it

12


NOVITÀ

NATÙ È SU ODEON TV CON LA TRASMISSIONE “ITALIA OH!”

UÊÊÊ«>À̈ÀiÊ`>ÊÃ>L>̜ÊÓÓʓ>}}ˆœÊiÊw˜œÊ>ÊÓÈʏÕ}ˆœ]Ê>½ˆ˜ÌiÀ˜œÊ`iÊ contenitore di attualità “Italia Oh!”, Promogiardinaggio propone una versione televisiva di Natù, l’incontro con il verde e la natura, attraverso due appuntamenti settimanali, il lunedì e il sabato alle ore 20. Il programma è prodotto da Promogiardinaggio con la collaborazione di Sport Club Tv Publivideo 2 ed è condotto da Riccarda Riccò con due inviate. U Il format televisivo è uno strumento divulgativo e istruttivo, semplice e concreto. Gli argomenti saranno trattati da esperti attraverso molte interviste e riguarderanno la coltivazione delle piante in casa, sui balconi e terrazzi, la cura dell’orto, gli stili di vita naturali e gli animali da compagnia. UÊ >ÌÙÊۈÊ>ëiÌÌ>ʵՈ˜`ˆÊÃÕÊ"`iœ˜Ê/6Ê«iÀʵÕiÃ̈Ê>««Õ˜Ì>“i˜ÌˆÊV…iÊ propongono un ritorno alla natura e a uno stile di vita eco sostenibile, divulgando l’amore per il verde in tutte le sue declinazioni: questi sono temi primari che Promogiardinaggio vuole sostenere e divulgare. UÊ>ÊÀi}ˆÃÌÀ>∜˜iÊ`i>ÊÌÀ>ӈÃȜ˜iÊÃ>ÀDÊ>˜V…iÊ`ˆÃ«œ˜ˆLˆiÊÃՏÊÜiLÊ collegandosi al sito www.natuweb.it.

Omaggio alla ROSA Uʈ˜œÊ>Ê£cÊ>}œÃ̜ÊÓä£ä tutte le domeniche e i festivi apre i cancelli ai visitatori il Castello Quistini a Rovato (Bs), nel cuore della Franciacorta, in occasione della splendida fioritura dei suoi roseti. UÊCircondato da mura e torrioni, ammantato di un’atmosfera fiabesca, l’antico maniero vanta un grande parco denso di seduzioni: dal primo giardino bioenergetico realizzato in Italia, al giardino segreto delle ortensie, a quello delle piante da frutto, al labirinto di rose e al giardino inglese. UÊLa visita permette di ammirare oltre 1.500 varietà di rose antiche, moderne e inglesi. È possibile visitare anche il castello che raccoglie numerose testimonianze del passato. Info: tel. 320 8519177, www.castelloquistini.com

BODINIA: la begonia barocca UÊ>Ê œ`ˆ˜ˆ> è la versione più barocca di begonia Elatior: ha foglie arricciate e fiori grandi e pieni. Novità introdotta di recente dai soliti bravissimi olandesi, c’è da scommettere che avrà ampio successo, essendo adatta anche per gli interni. UʈœÀˆÃViÊ>ʏ՘}œ (fino a dieci settimane) ed è disponibile in rosa con cuore bianco e giallo con bordi arancione. Info: www.bodinia-line.nl.

13


IL BELLO & IL NUOVO

Ibisco Long Life:EFFIMERO A CHI? UÊL’ibisco si sa, è un fiore di rara bellezza, ma fragile ed effimero: dopo un solo giorno sfiorisce. Ora due ibridatori, uno olandese e uno danese, ne hanno fermato il tempo, creando l’Hibiscus Long Life. UÊI boccioli di questo ibisco si sviluppano in modo molto più lento, tra i 10 e 14 giorni, e fioriscono più a lungo, tra i 3 e 5 giorni. Inoltre, i fiori si colorano µÕ>˜`œÊܘœÊ>˜VœÀ>ʘ>ÃVœÃ̈ʘiˆÊLœVVˆœˆ rendendo la pianta già decorativa. Infine, ramificandosi facilmente, Hibiscus Long Life fiorisce generosamente. UÊPresentato in cinque colori (rosso, arancio, giallo, rosa e bianco con cuore rosso) il nuovo ibisco è adatto sia agli ambienti interni che all’esterno, ma non è resistente al gelo. E presto alle aste olandesi, dove è appena stato presentato, si vedrà anche la variante a fiore doppio.

NOVITÀ VERDI IN LIBRERIA UÊ œ“iʈ˜Ê՘>ÊV…ˆ>VV…ˆiÀ>Ì>ÊÌÀ>Ê amici che condividono una passione, l’autrice ci racconta il mondo delle creature, vegetali e animali, che popolano il suo giardino (gli splendidi giardini del Casoncello >ˆÊµÕ>ˆÊ>ÛiÛ>Ê}ˆDÊ`i`ˆV>̜ʈÊ fortunato I giardini venuti dal vento), trasmettendo al lettore vento storie, emozioni e al contempo tante nozioni e informazioni utili per trasformare il proprio giardino in un paradiso. Chiacchiere di giardinaggio insolito, di Maria Gabriella ÕVVˆœˆ]Ê*i˜`À>}œ˜]ÊΣÓÊ««°]ÊÓä]ääÊiÕÀœ° UÊÊ iiÃÌiʘœ˜Ê…>Ê«ˆÙʓiÃÜʫˆi`iʈ˜ÊV>ÃÃi\Ê è stata colpita da una strana malattia, che le fa apparire sul corpo le ferite del pianeta. Per Ã>Û>À>]ʵՈ˜`ˆÊÈÊ`iÛiÊVÕÀ>ÀiÊ il mondo... Torna l’autore del best seller Tobia a incantare i ragazzi con una storia d’amore tra i banchi di scuola che diventa avventura ecologica... Un racconto poetico e appassionante che è anche una riflessione sul futuro del pianeta a misura di ragazzo. Tu sei il mio mondo, di Timothée de Fombelle, ed. San Paolo, ™ÈÊ««°]ʙ]xäÊiÕÀœ°

16

Pelargoni all’Oasi del Geranio UÊÊ>«iÀÌ>Êw˜œÊ>ÊÎäÊ}ˆÕ}˜œÊ>Ê iÀˆ>iÊ­-Û® presso L’Oasi del geranio la Mostra mercato del pelargonio, con oltre 1.000 specie e varietà esposte e numerose novità. UÊTra le più significative le botaniche Pelargonium triste e P. hirsutum, le aromatiche al sentore di menta, limone, rosa, le varietà con foglie colorate o con petali screziati o bicolori, oltre ai maestosi gerani imperiali. La collezione di gerani è affiancata da una grande mostra fotografica di oltre 700 fiori diversi di pelargoni. Info: www.loasidelgeranio.it


IL PIACERE DELL’ORTO

VERDURE A METRI ZERO anche in vasoo

La verdura coltivata nell’orto e anche nei vasi sul balcone può essere garanzia di sapore e salute. Ed è splendida per tutta l’estate. Un orto grande, con tante verdure diverse, è certamente un serbatoio di salute, ma è anche un impegno non da poco. Ma l’orto minimo, ricavato da un appezzamento di pochi metri quadrati, da una striscia di terreno in giardino o persino nei vasi su balconi e terrazzi, è cosa assai diversa: facile, alla portata di chiunque, e capace di regalare sapori a chilometri, o meglio a metri zero. Alcune piante

18

da orto si adattano perfettamente anche alla vita in vaso, purché capiente e profondo, consentendo di assaporare, quotidianamente o quasi, verdure prodotte in proprio. Naturalmente bisogna scegliere specie e varietà che richiedono poco spazio, cioè poca terra a disposizione per allargare le radici. Praticamente di ogni tipo di ortaggio è possibile trovare almeno una varietà nana o comunque poco ingombrante; alcuni, come i cavoli, richiedono un certo spazio, ma si può decidere di tenerne anche solo uno o due, per l’aspetto estetico e per un piccolo ma divertente raccolto di foglie croccanti e saporite. Per coltivare ortaggi come lattughe da cespo, cipolle e rape


TUTTO IN VASO E IN PICCOLI SPAZI U I peperoni e peperoncini crescono bene in vaso, al sole, e hanno un aspetto decorativo. Potete anche seminarli: lo sviluppo è rapido, in luogo ombreggiato e fresco. Non trapiantateli finché non hanno almeno 4-5 foglie. U Le insalate possono crescere anche in vaso: il loro aspetto decorativo non è secondario. ‘Biscia rossa’, ‘Biondissima di Trieste’ e ‘Bionda ricciolina’ si possono seminare in qualunque momento direttamente nella cassetta. Producono in abbondanza foglie tenere e più o meno croccanti, di colore verde o rossastro. Si incominciano a tagliare dopo meno di un mese dalla semina, recidendole alla base, e rivegetano di continuo fino a esaurimento. U I cavoli hanno bisogno di un vaso piuttosto grande e profondo dove crescono vigorosi e generosi. U Provate anche le melanzane: magari quelle bianche, insolite e molto buone persino crude. A destra: una cassetta con lattughe in due varietà e un vaso di melanzane.

19


IL PIACERE DELL’ORTO

occorrono vasche di almeno 100 x 50 x 50 cm, da tenere in pieno sole, colme di buona terra nuova e fertile. In questo periodo dell’anno è consigliabile acquistare le piantine pronte (pomodori, peperoni, melanzane, lattughe da taglio, sedano ecc.), che danno sempre buoni risultati.

Qualche trucco utile Acqua e concime. E il gioco è fatto

Un orto minimo non soddisferà i consumi quotidiani ma in cambio offrirà comunque sempre qualcosa di nuovo e di fresco da assaggiare e da veder crescere...

20

In vaso occorre concimare abbondantemente le piantine, scegliendo prodotti adatti alle piante da orto (quindi con un elevato tenore in fosforo e soprattutto potassio: significa che l’ultimo numero riportato in etichetta deve essere più alto del primo e del secondo, per esempio NPK 15:15:30). La regolarità di somministrazione è fondamentale: una volta alla settimana, dal momento in cui si formano i primi fiori fino al raccolto, che nei pomodori ciliegia e datterino va avanti fino a settembre. Sia per favorire la produzione, sia perché sul terrazzo il lato estetico ha la sua importanza, controllate spesso il vostro orto in vaso per cimare pomodori e peperoni (cioè togliere il germoglio apicale per favorire la fioritura), legare i tralci ai tutori, verificare che l’insalata non vada a fiore (terminerebbe la produzione di foglie), accertarvi che non siano presenti parassiti. Ogni giorno, controllate quali ortaggi sono pronti per la raccolta.


Idee da provare

FRAGOLE IN VASO FINO ALL’AUTUNNO Le fragole crescono bene anche in vaso e in panieri da appendere, in luogo soleggiato e ventilato (l’aria afosa facilita l’insorgenza di malattie sul fogliame). In un vaso dotato di fori di drenaggio da coprire con un pezzo di coccio mettete uno strato di palline d’argilla sul fondo e uno di terriccio nuovo di tipo universale, cui avrete aggiunto una manciata di sabbia ben mescolata al substrato per renderlo più leggero e drenante. Procuratevi alcuni esemplari di fragola ricadente. Esistono anche varietà rampicanti da far salire su un grigliato, molto generose e decorative. Svasate le piantine dai contenitori vivaistici, con delicatezza, e cominciate ad appoggiarle sul terriccio; colmate con terra pressata leggermente, lasciando 4-5 cm dalla superficie al bordo del vaso. Innaffiate bene. Nei primi giorni dopo il trapianto conservate il vaso all’ombra e al riparo dalle correnti d’aria, poi

spostatelo in un luogo dove possa avere sole per tutta la mattinata e un po’ d’ombra nel pomeriggio. La terra del vaso non deve surriscaldarsi né soffrire di aridità, altrimenti la produzione di fragole si ferma. Vaporizzate abbondante acqua sul fogliame ogni sera. Raccogliendo regolarmente i frutti maturi, la produzione continua per molte settimane e il vaso assume un aspetto molto grazioso. Potete anche seminare le fragole su terreno soffice e ben pulito, ricoprendo pochissimo il seme perché il suo germoglio non è vigoroso. Il terreno va mantenuto sempre fresco e appena umido; la germogliazione avviene dopo 20-25 giorni e, quando le piantine hanno 3-4 foglie, si possono prelevare dal semenzaio e trapiantarle in grandi vasi o in un’area destinata a fragolaia. Tenete conto che dalla semina al trapianto occorrono un paio di mesi e che una fragolaia ben curata continua a produrre frutti per 3-5 anni!

Fragole bio. Concime bio, antiparassitari a base di principi biologici: così il raccolto di fragole, da vasi e fragolaie, sarà naturale al 100%.

21


IL PIACERE DELL’ORTO

Un orto minimo offre comunque il piacere di novità curiose, come le melanzane bianche, le zucche a bottiglia, le bietole a costa purpurea...

Se il terrazzo è sufficientemente spazioso si può organizzare l’orto in grandi vasi profondi o far costruire aiuole sopraelevate. Si tratta di una soluzione ideale anche in giardino, perché in questo modo l’orto risulta davvero a portata di mano e la sua manutenzione diventa comoda e non faticosa, adatta quindi anche alle persone anziane e a chi ha disabilità fisiche.

Buono da mangiare, bello da vedere Nei vasconi e aiuole sopraelevate la gamma di ortaggi coltivabili è del tutto simile a quella di un orto tradizionale e si possono miscelare allegramente fiori commestibili (nasturzio, calendula...) con verdure dal ruolo decorativo,

22

per la forma dei frutti o per il fogliame: cavoli, finocchi, lattughe a foglia purpurea, bietole dalla costa colorata, fagiolini e pomodorini giallo oro, peperoni e peperoncini di ogni forma e colore... Naturalmente non mancheranno anche le erbe aromatiche, indispensabili in cucina, belle, fiorite e d’aiuto anche per allontanare le zanzare: le fragranze di menta e il timo sono particolarmente sgradite ai fastidiosi insetti. L’aneto, profumatissimo e molto bello grazie alle sue foglie leggere, insaporisce gradevolmente le insalate estive; il cerfoglio si usa per le frittate, il dragoncello è perfetto con il pesce... Un mondo di sapori da far crescere in vaso o da piantare vicino agli ortaggi, una consociazione ideale per difenderli dai parassiti. Per completare l’orto in vaso o in piccoli spazi si possono coltivare erbe insolite: maggiorana (a sinistra), balsamita o erba di San Pietro (al centro), menta piperita all’aroma di cioccolato (a destra), davvero sorprendente!


SAPORI & SALUTE

PICNIC AROMATICO Tirate fuori cestino e tovaglia a quadretti: è tornato il tempo del picnic, anche nella pace del giardino di casa. Ecco le ricette per renderlo più che mai gustoso. Estate: è normale avere voglia, e bisogno, di stare all’aria aperta e pranzare immersi nella natura. Ecco alcune ricette a base di erbe aromatiche, facili da preparare in anticipo per rendere indimenticabile il vostro picnic o il pranzo in giardino e in terrazzo.

Tartine profumate Procuratevi un filone di pane particolare (al sesamo, al formaggio, multicereali, ai semi di lino...) e tagliatelo a rondelle. Rassodate alcune uova, spezzettatele, amalgamatele a yogurt greco, insaporite con sale e tanta erba cipollina sminuzzata: spalmate questa salsa sul pane e guarnite con un gamberetto o una fettina di salmone e qualche foglia di finocchietto.

24

Schiacciata alle erbe provenzali Ingredienti: 250 g di miscela per pane e pizza, 20 g di lievito di birra, 20 ml di olio e.v. di oliva, 150 ml di acqua, 3 cucchiai di erbe di Provenza (rosmarino, maggiorana, basilico, alloro e timo), sale grosso Preparazione. Fate una fontana con la miscela e versate al centro il lievito sciolto in acqua tiepida; unite l’olio e impastate fino a ottenere una pastella elastica e uniforme. Formate una palla e fatela lievitare. Lavoratela di nuovo e stendetela con le mani bagnate su una teglia rivestita di carta da forno. Distribuite sulla schiacciata le erbe, un po’ di sale grosso e un filo d’olio. Lasciate lievitare per un’ora e cuocete per 25 minuti in forno a 200 °C.


Spiedini di pollo marinati Ingredienti: 1 kg di pollo pulito, succo di limone, 120 ml di olio di oliva, vino bianco, 1 spicchio di aglio tritato, erbe aromatiche (origano, rosmarino ecc.), sale e pepe Preparazione. Tagliate i petti di pollo a pezzettoni, metteteli a marinare per qualche ora in una ciotola con olio, succo di limone, vino, aglio ed erbe aromatiche. Scolateli e infilzateli sugli appositi stecchini, poi cuoceteli sul barbecue per alcuni minuti rigirandoli per insaporirli su ogni lato.

Cuscus vegetariano Ingredienti: 250 g di cuscus precotto, 270 ml di acqua, 2 noci di burro, 1 spicchio di aglio, 1 cipolla rossa, 1 mazzetto di rucola, qualche foglia di basilico, 3 zucchine, 1 carota, 1 grappolo di pomodori ciliegia, olio e.v. di oliva, sale Preparazione. In una pentola fate bollire l’acqua, unite un cucchiaino di sale e 2 cucchiai di olio, aggiungete il cuscus e il burro, mescolate, togliete dal fuoco, mettete il coperchio e lasciate riposare 5 minuti. Sgranate il cuscus con una forchetta e versatelo in una ciotola. Tagliate a tocchetti le zucchine, la carota e i pomodorini; affettate la cipolla. Fate saltare in padella le zucchine con aglio e olio. Condite il cuscus con le verdure, la rucola e il basilico, un filo d’olio e sale. UNA GOLOSA QUICHE ALLE VERDURE Una torta salata saporita, ottima anche il giorno dopo. Procuratevi erbette, peperoni, pomodorini, zucchine, broccoli e altre verdure che vi piacciono. Affettatele e fatele saltare in padella per una decina di minuti (i broccoli vanno prima sbollentati) insieme all’aglio, aggiungendo tante erbe aromatiche tritate. Salate e pepate. Stendete un disco di pasta brisée in una teglia rivestita di carta da forno. Sbattete 2 uova con 1 dl di panna, grana grattugiato, sale e pepe. Stendete le verdure sulla pasta e versatevi il composto di uova. Infornate a 180 °C per circa 20 minuti.

25


Freschezza aromatica da bere Dopo una passeggiata, un bagno di sole o una corsa dietro al pallone avrete bisogno di una sferzata di energia e di una buona bevanda dissetante e rinfrescante. Preparate i vostri tè aromatici, lasciateli raffreddare e versateli in un thermos o in una caraffa capiente dotata di coperchio. UÊ/mÊ>>ʓi˜Ì>\Ênell’acqua bollente mettete in infusione il tè verde, aggiungete le foglioline di menta (la migliore per questo uso è Mentha viridis) e addolcite con zucchero di canna. Dopo 4 minuti di infusione eliminate il tè verde, lasciate ancora la menta per qualche minuto, poi filtrate. È una bevanda ampiamente utilizzata in Marocco proprio per contrastare gli effetti del caldo torrido. UÊ/mÊëiâˆ>̜\Êun tè energetico ed esotico si ottiene mettendo in infusione insieme al tè una grattugiata di radice di zenzero fresco, gradevolmente piccante. UÊ/mÊ>>ÊvÀÕÌÌ>\ tagliate a fettine limoni, ananas, pesche o altra frutta e immergetele nel tè, lasciando riposare al fresco per un’ora in modo che la bevanda si aromatizzi prima di filtrarla. Ottimi anche il ribes e gli altri piccoli frutti di bosco.

26

Torta di mele alla cannella Ingredienti: 4 mele, 125 g di burro, 150 g di zucchero, 2 uova, 250 g di farina, una bustina di lievito, 5 cucchiai di latte, 1 limone, sale, 1 cucchiaio di cannella in polvere, granella di zucchero Preparazione. Fate ammorbidire il burro a temperatura ambiente. Sbucciate le mele, tagliatele a pezzettoni, raccoglietele in una ciotola e irrorateli di succo di limone perché non anneriscano. Tenetele da parte. Lavorate 100 g di burro con lo zucchero, unite uno alla volta i tuorli, poi amalgamate la farina a pioggia e incorporate un cucchiaino di scorza di limone grattugiata. Diluite il lievito nel latte e unitelo all’impasto; mescolate bene. Montate gli albumi a neve ben soda con un pizzico di sale, poi amalgamateli al composto, mescolando con delicatezza dal basso verso l’alto. Imburrate e infarinate uno stampo da torta e versatevi la pastella. Spolverate i pezzettoni di mela con la cannella, mescolateli bene, poi sistemateli nella pastella in modo che affondino bene. Cospargete con la granella di zucchero e infornate a 180 °C per circa 40 minuti. Ottima anche fredda, si gusta meglio dopo qualche ora.


ATMOSFERE DA VIVERE

RISORSA ACQUA

Luce, pace, freschezza, vitalità: sono tutte sensazioni positive quelle che si ottengono da una superficie acquatica. E fa anche molto bene all’ambiente. Che abbiate a disposizione un grande giardino o un piccolo balcone, non privatevi del vostro punto d’acqua.

R

uscello, laghetto o fontana che sia, un punto d’acqua ben progettato ed equilibrato dal punto di vista biologico aggiunge bellezza al giardino e al terrazzo chiedendo in cambio poca manutenzione. E porta numerosi benefici: frescura in primo luogo, divertimento per grandi e piccini, movimento e ampliamento dello spazio (grazie al potere riflettente dell’acqua), tutela della biodiversità (pesci, libellule e ranocchie arrivano da soli, persino in città). Senza contare che i piccoli animali selvatici richiamati dall’acqua sono ottimi alleati contro le zanzare. Quanto al costo e alla difficoltà d’installazione, ce ne sono per tutte le tasche e alla portata delle abilità di chiunque.

Un rumore che rilassa e fa star bene Una zona d’acqua può essere realizzata in qualsiasi spazio, anche in un balcone, dove basta una tinozza per creare un micro-laghetto con tanto di pesciolini e ninfee, scegliendo quelle in miniatura.

28


L’effetto benefico dell’acqua in movimento Il suono e la visione dell’acqua in movimento hanno effetti rilassanti e rinfrescanti. Cascatelle e corsi d’acqua possono essere realizzati con rocce naturali posate sul telo del laghetto, oppure con elementi pronti, disponibili in vari modelli e colori. La pompa va posizionata nel bacino in basso e collegata alla sommità della cascata con un tubo, mascherato con piante o sassi.

Se avete in mente un laghetto molto grande e articolato, che prevede scavi importanti, meglio rivolgersi a maestranze specializzate. Negli altri casi, per chi ama il fai-da-te, i garden e brico center offrono tutto l’occorrente: teli impermeabili, feltri protettivi, tessuti di cocco e canapa per le rive, così come le tecnologie (pompe, filtri, connessioni elettriche a basso voltaggio), in pratici kit di montaggio e confezioni pensate per un utilizzo hobbistico. Esistono in commercio anche vasche prefabbricate, in vetroresina (robuste, costose) o termoformate (leggere, economiche, per piccoli punti d’acqua), che possono essere interrate o lasciate fuoriterra: basterà nascondere il bordo, magari con un muretto di 60-70 cm, che diventerà anche una piacevole seduta.

Vasca prefabbricata o scavo? Che cosa scegliere, la vasca prefabbricata o uno scavo rivestito di telo impermeabile? La prima è più adatta per laghetti di dimensioni piccole o medie, è pratica, elegante e può essere smontata e traslocata nel caso si cambi idea, oppure casa. L’installazione non è difficile: dopo aver aperto lo scavo, di misura leggermente superiore a quello della vasca, si stende uno strato di sabbia, circa 10 cm, sul quale si piazza un telo di plastica ad alto spessore, che eviterà dispersioni d’acqua a seguito di eventuali crepe nella vetroresina. Poi si mette in posa la vasca, bordandola con lastre di pietra compattate l’una con l’altra con terra e sabbia: il bordo nasconde la vasca e crea un effetto naturale. Il telo impermeabile è invece consigliabile per ruscelli o bacini di ampie dimensioni e con grandi volumi d’acqua: l’impianto è più veloce, meno costoso, plasmabile a piacere nella forma desiderata. Una volta effettuato lo scavo, la terra deve essere liberata dai detriti più vistosi e coperta da 10 cm di sabbia, che funge da letto per il telo impermeabile. Per creare sponde naturali conviene usare il tessuto

Cascate, spruzzi e giochi nell’acqua U Una cascatella è consigliabile sia per ragioni estetiche e sonore che per un fattore tecnico: aiuta l’ossigenazione dell’acqua, migliorando le condizioni biologiche. Si trovano in commercio sagome di materiale sintetico rivestite di graniglie e sabbie quarzifere, ultraleggere, ideali per allestire scene d’effetto in piccoli spazi e in terrazzo, dove il problema del peso è decisivo. Un ruscello in movimento, anche piccolo, può essere alimentato a circuito chiuso impiegando una pompa idonea. U Fontane e giochi d’acqua: rappresentano l’aspetto ludico e spettacolare; esistono modelli di pompe che creano spruzzi morbidi e muovono la superficie solo nelle vicinanze, ossigenando l’acqua senza infastidire piante e pesci. Scegliete modelli di portata idonea per l’area della vasca, possibilmente con un telecomando per regolare il getto. U Effetto nebbia: aggiunge una nota misteriosa e rinfresca l’ambiente, si ottiene con apparecchi galleggianti a basso voltaggio, che provocano la nebulizzazione delle gocce senza creare calore. U Luci: esistono numerosi tipi di fari, anche con luce colorata, da posizionare sul fondo del bacino, oppure luci galleggianti, per serate suggestive.

29


ATMOSFERE DA VIVERE

Laghetti pieni di vita Un laghetto non è completo senza pesci, belli e importanti per l’equilibrio biologico, nutrendosi di alghe, detriti organici, larve di zanzara. I più diffusi sono i Carassius (i pesci rossi), i più colorati sono le carpe Koi, da riservare a vasche grandi. Utilissimi sono le gambusie, minuscole ma ghiotte di larve di zanzara, e i molluschi d’acqua dolce, che eliminano avanzi di mangime, escrementi dei pesci e microalghe.

SAPER ASCOLTARE LA NATURA U L’acqua gioca con il sole e con la luna, cattura la luce e la rifrange, specchia e riflette alberi e nuvole, muovendo in questo modo lo spazio, rendendolo più interessante e aumentandone le dimensioni alla percezione. Nelle vasche formali, il riflesso è favorito da un fondo scuro, anche nero, alternativa di gran moda al classico fondo azzurro effetto piscina. Nei ruscelli naturalistici, dove il fondo è coperto di pietre e sassi, basterà il movimento dell’acqua a creare giochi di riflessi. U La scelta dello stile per il laghetto è legata a numerosi fattori: il luogo in cui si troverà, l’ambiente circostante, le preferenze personali, la funzione che svolgerà. UÊNei giardini di città di gusto contemporaneo, spesso il punto d’acqua è una vasca o fontana senza pesci e con poche piante; lo stile è formale e geometrico, la funzione è estetica e architettonica, la manutenzione è minima e l’effetto è di sobria eleganza. UÊ iˆÊ}À>˜`ˆÊ}ˆ>À`ˆ˜ˆÊ˜>ÌÕÀ>ˆÃ̈VˆÊsi può invece creare uno stagno informale, dall’aspetto spontaneo e irregolare, circondato da bordi rigogliosi di vegetazione e ricco di pesci e animali selvatici.

30

in fibra di cocco come base naturale che maschera il fondo, su cui appoggiare terra, ciottoli e pietre dove coltivare piccole piante. Una volta realizzata la base per le sponde, con ciottoli e pietre più grosse si effettua la naturalizzazione: un assemblaggio di piante e rocce fino a ottenere un aspetto organico e armonioso.

Aspetti da considerare È molto importante situare il punto d’acqua nel luogo corretto. La zona scelta deve essere facile da raggiungere con i cavi elettrici, indispensabili per l’alimentazione di pompe e giochi d’acqua. Non create il bacino sotto alberi a foglia caduca (in autunno si riempirebbe di foglie), né sotto conifere (gli aghi di pino e d’abete sono i peggiori nemici del filtro); meglio sistemarlo accanto a sempreverdi, all’ombra di lecci o salici, fra le bordure. L’esposizione ideale è alla mezz’ombra: le ore di sole fanno sbocciare le ninfee, l’ombra e le temperature più fresche limitano lo sviluppo delle alghe. Prevedete la presenza di un filtro, che trattiene le sostanze d’escrezione dei pesci e le sostanze organiche in decomposizione e le trasforma in nitrati, fertilizzanti utili per le piante acquatiche.


ATMOSFERE DA VIVERE

In alternativa ai sistemi di filtraggio artificiali, posizionate nel bacino una buona quantità di piante sommerse ossigenanti, filtri naturali dell’ambiente acquatico che depurano l’acqua liberandola dell’eccesso di sali minerali liberi.

Le piante nell’acqua In un laghetto non possono mancare le ninfee. Le specie tropicali, a fiore diurno o notturno, vanno riparate in serra in inverno; quelle rustiche non temono il gelo. In tinozze e laghetti da terrazzo occorre orientarsi su specie nane come la ‘Indiana’ e la ‘Pygmaea Helveola’. Sono quattro i gruppi di piante da prevedere nell’acqua: le piante sommerse con foglie galleggianti, come le ninfee, ombreggiano la superficie mantenendo fresca l’acqua e impedendo così il proliferare delle alghe; le piante sommerse, come le ossigenanti, liberano ossigeno e mantengono limpida l’acqua; quelle galleggianti decorano la superficie e fanno da filtro; le piante da riva creano splendide bordure intorno al bacino.

Basta una fontana. Laddove lo spazio è davvero minuscolo, una fontanella porta i benefici e la bellezza dell’acqua, è facile da installare e richiede manutenzione minima. Oltre a quelle classiche con rubinetto a muro, si possono creare fontane con elementi creativi, dotandoli dell’apposita pompa per azionare il circolo dell’acqua.

PREZIOSA ACQUA: GIARDINI A RISPARMIO IDRICO UÊOggi più che mai l’acqua è diventata una risorsa

UÊSe la vostra zona ha carenza d’acqua in estate,

preziosa. Ecco alcune soluzioni per non sprecarla.

orientatevi verso specie a bassa esigenza d’acqua: le succulente sono in grado di accumulare nei loro tessuti la poca acqua che riescono a catturare dal sottosuolo e trasformano le foglie in spine per ridurre al massimo la traspirazione.

UÊNel creare fontane, laghetti e ruscelli scegliete

pompe a circuito chiuso e tecnologie che permettano il ricircolo dell’acqua. UÊNel periodo estivo, irrigate la mattina molto

presto, quando il terreno si è raffreddato: in tal modo si minimizzano l’evaporazione e gli sprechi d’acqua. UÊUn sistema d’irrigazione automatizzato

permette un utilizzo migliore dell’acqua: preferite irrigatori a goccia o tubi porosi (anzichè a getto) che forniscono acqua in modo localizzato. UÊLa pacciamatura diminuisce l’evaporazione dal

suolo e ne abbassa la temperatura. Può essere realizzata con materiali sintetici o naturali (foglie, torba, corteccia sminuzzata).

32

UÊAltre piante “a risparmio idrico” sono quelle

con foglie bianche o pelose che riflettono i raggi solari (olivo di Boemia, santolina), irrigidite da cere vegetali per limitare la traspirazione (alloro, ligustro), disposte verticalmente per non farsi colpire dai raggi solari (eucalipto), o che si mettono a riposo durante la stagione calda (Euphorbia dendroides). U Create gruppi di piante piuttosto che sistemarle in modo dispersivo: collaboreranno per instaurare un microclima umido, ombreggiare il terreno e tenere sotto controllo le infestanti.


Cr

NATURA AMICA

PERCHÉ I FIORI FANNO STARE BENE

WILDLIFE VICINO A NOI

Un piccolo alien? No, è una mantide religiosa, insetto presente in tutta Italia e amico del giardiniere: divora cavallette, coleotteri, mosche, blattee...

Nel microcosmo del nostro spazio verde la biodiversità deve essere rispettata: per darci vita, bellezza ed equilibrio naturale. Negli anni ’90, dopo molte discussioni scientifiche, fu varato dalla Columbia University un esperimento quasi al confine con un reality show: in Arizona una grande superficie pari a due campi di calcio fu coperta di vetro e otto persone si diedero disponibili a tentare di sopravvivere per due anni in questo ecosistema artificiale ermeticamente chiuso, battezzato Biosfera 2. Ma non funzionò. Nonostante tutto fosse stato programmato a tavolino per avere la possibilità di garantire un ciclo vitale completo per le piante, gli animali e gli esseri umani inseriti nella biosfea, la concentrazione di ossigeno oscillava molto, le popolazioni di blattee e formiche esplosero e 19 specie di vertebrati su 25 si estinsero; l’esperimento fu sospeso e l’area fu trasformata in un’attrazione turistica.

Quando ci fermiamo a osservare un ospite inaspettato che si è posato su un fiore, sta rosicchiando una foglia o fugge veloce a nascondersi sotto una siepe, possiamo sentirci appagati e soddisfatti, perché il nostro spazio verde è capace ci accogliere la biodiversità, con esiti positivi e importanti per la salute complessiva delle piante e l’equilibrio ecologico dell’ambiente. Biodiversità? Sì, ma come? La tutela della biodiversità è oggi un tema fondamentale per la qualità della nostra vita. L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha dichiarato il 2010 Anno internazionale della biodiversità, per sottolineare l’impegno della Convenzione sulla diversità biologica; il primo accordo globale per la conservazione e l’uso sostenibile della biodiversità è una pietra miliare nel diritto internazionale. Per la prima volta la conservazione della diversità biologica viene riconosciuta come “esigenza comune dell’umanità” e parte integrante dello sviluppo. I parchi di città, i giardini e i terrazzi sono ambienti nei quali la biodiversità può e deve trovare spazio,

Se la natura selvatica entra in giardino... L’esperimento di Biosfera 2 rese chiaro che la biodiversità sul pianeta è correlata attraverso meccanismi che ci sono ancora in parte ignoti, e che occorre rispettare e tutelare la presenza delle diverse forme di vita. Questo vale per tutti gli ambienti Il logo dell’anno della biodiversità naturali selvatici, ma anche per parchi, giardini e è stato finanziato dal governo canadese. terrazzi.

34


NATURA AMICA

Se poi avete un angolo di giardino da lasciare davvero intatto come un’oasi naturalistica, collocatevi un vecchio tronco da lasciar decomporre lentamente: moltissime specie (quasi un migliaio) tra insetti, uccelli e piante sono legate alla vegetazione in decomposizione.

Vantaggi concreti e subito visibili La presenza di una ricca biodiversitĂ si traduce in un migliore equilibrio e una minore presenza di parassiti delle piante: la natura in qualche modo si autocontrolla. Nelle aree fortemente antropizzate (cittĂ , campagne dominate da agricoltura intensiva) i giardini e i terrazzi possono costituire una rete biologica nella quale scorre la linfa della vita e nella quale si esprime la bellezza, tra il canto notturno dei grilli, i voli degli uccelli e il ronzio delle api indaffarate che, visitando i nostri fiori, li trasformeranno in frutti e ortaggi da cogliere. Non è certo poco... Fiori per attirare le farfalle. >ĂƒĂŒ>ĂŠĂ•Â˜ĂŠĂ›>ĂƒÂœĂŠ`ÂˆĂŠÂ?>Ă›>˜`>ĂŠ ÂŤiÀÊÛi`iĂ€iĂŠÂ?iĂŠiĂ›ÂœÂ?Ă•Ă˘ÂˆÂœÂ˜ÂˆĂŠ`iÂ?Â?iĂŠv>Ă€v>Â?Â?iĂŠ>˜VÂ…iĂŠÂˆÂ˜ĂŠĂŒiÀÀ>Ă˘Ă˘ÂœÂ°ĂŠ

adottando accorgimenti molto semplici e alla portata di tutti: no ai pesticidi, spazio a piante che offrono cibo e riparo alla fauna selvatica, piantare erbe e fiori che attirano api e farfalle, collocare nidi artificiali e mangiatoie per gli uccelli, lasciare indisturbati i piccoli animali che, trovando un giardino ricco di cibo a loro confacente, decidono di frequentarlo: ricci, rane e rospi, libellule, pipistrelli, predatori notturni come gufi e civette... Vi sembra impossibile che cinciarelle, cincie, sparvieri, gheppi, faine, donnole e persino volpi possano abitare in giardino? Eppure è l’autorevole Agenzia Europea per l’Ambiente a sottolineare l’importanza dei piccoli spazi verdi familiari nell’accoglienza della fauna selvatica urbana e suburbana. Basta lasciare una zona di prato con erba alta e molti fiori selvatici per renderci conto di quante minuscole creature la frequenteranno. E piantando alberi e cespugli che danno frutti e bacche, gli uccelli diventano nostri compagni abituali.    

UĂŠ >ĂƒĂŒ>ĂŠĂ•Â˜ĂŠLˆ`œ˜iĂŠ`>ĂŠVÂœÂ“ÂŤÂœĂƒĂŒ>}}ÂˆÂœĂŠÂœĂŠĂ•Â˜>ĂŠV>ĂƒĂƒ>ĂŠ ÂˆÂ˜ĂŠÂ?i}Â˜ÂœĂŠÂŤiÀÊ>VVՓÕÂ?>Ă€iĂŠÂˆÂ˜ĂŠĂ•Â˜ĂŠ>˜}ÂœÂ?ÂœĂŠ`iÂ?ĂŠ}ˆ>Ă€`ÂˆÂ˜ÂœĂŠ ÂˆĂŠĂ€iĂƒĂŒÂˆĂŠĂ›i}iĂŒ>Â?ÂˆĂŠÂ­>˜VÂ…iʾÕiÂ?Â?ÂˆĂŠ`iÂ?Â?>ĂŠVĂ•Vˆ˜>ÂŽ]ĂŠVÂ…iĂŠĂƒÂˆĂŠ ĂŒĂ€>ĂƒvÂœĂ€Â“>Â˜ÂœĂŠÂ˜iÂ?ĂŠ}ÂˆĂ€ÂœĂŠ`ÂˆĂŠÂŤÂœVÂ…ÂˆĂŠÂ“iĂƒÂˆĂŠÂˆÂ˜ĂŠun terriccio fertile biologico dall’elevato potere nutritivo. UĂŠÂˆĂŠ`Ă•LLÂˆÂœĂƒÂˆĂŠĂ›>ĂŠV…ˆ>Ă€ÂˆĂŒÂœĂŠVÂ…iĂŠÂˆÂ?ĂŠVÂœÂ“ÂŤÂœĂƒĂŒ>}}ˆœ]ĂŠĂƒiĂŠ LiÂ˜ĂŠv>ĂŒĂŒÂœ]ĂŠÂ˜ÂœÂ˜ĂŠ}i˜iĂ€>ĂŠÂœ`ÂœĂ€i]ĂŠÂ˜ÂœÂ˜ĂŠĂ€ÂˆV…ˆ>“>ĂŠÂˆÂ˜ĂƒiĂŒĂŒÂˆĂŠÂœĂŠ >˜ˆ“>Â?ÂˆĂŠÂŤiĂ€ÂˆVÂœÂ?ÂœĂƒÂˆĂŠi`ĂŠm un metodo ecosostenibile per riciclare i rifiuti con un chiaro vantaggio per l’ambiente e per il giardino stesso.

      

  

           

       /                         & 0    0            

    0       

   ( ! 

        

       0  1               

  

2 3      00                       

 00



   4          

         

Un libro utile. Â&#x2C6;Ă&#x20AC;`}>Ă&#x20AC;`iÂ&#x2DC;]Ă&#x160;`Â&#x2C6;Ă&#x160;Â&#x2DC;}iÂ?>Ă&#x160; <>vw}Â&#x2DC;>Â&#x2DC;Â&#x2C6;Ă&#x160;VÂ&#x153;Â&#x2DC;Ă&#x160;Ă&#x192;ÂŤÂ?iÂ&#x2DC;`Â&#x2C6;`iĂ&#x160;Â&#x2C6;Â?Â?Ă&#x2022;Ă&#x192;Ă&#x152;Ă&#x20AC;>âÂ&#x2C6;Â&#x153;Â&#x2DC;Â&#x2C6;Ă&#x160;`Â&#x2C6;Ă&#x160; >LĂ&#x20AC;Â&#x2C6;iÂ?iĂ&#x160;*Â&#x153;ââÂ&#x2C6;\Ă&#x160;ÂŤiĂ&#x20AC;Ă&#x160;V>ÂŤÂ&#x2C6;Ă&#x20AC;iĂ&#x160;VÂ&#x153;Â&#x201C;iĂ&#x160;VĂ&#x20AC;i>Ă&#x20AC;iĂ&#x160; Ă&#x2022;Â&#x2DC;Ă&#x160;LÂ&#x2C6;Ă&#x20AC;`}>Ă&#x20AC;`iÂ&#x2DC;Ă&#x160;Â&#x2DC;iÂ?Ă&#x160;ÂŤĂ&#x20AC;Â&#x153;ÂŤĂ&#x20AC;Â&#x2C6;Â&#x153;Ă&#x160;Ă&#x192;ÂŤ>âÂ&#x2C6;Â&#x153;Ă&#x160;Ă&#x203A;iĂ&#x20AC;`i°Ă&#x160; `°Ă&#x160;>Ă&#x152;Ă&#x152;Â&#x2C6;Â&#x153;Â?Â&#x2C6;Ă&#x160;ÂŁnnx]Ă&#x160;Ă&#x153;Ă&#x153;Ă&#x153;°Â&#x201C;>Ă&#x152;Ă&#x152;Â&#x2C6;Â&#x153;Â?Â&#x2C6;ÂŁnnx°VÂ&#x153;Â&#x201C;

$%& %&'( ) #  %&(  ( *+% #' '  ,+ ,* ) ('#

- ..( (

 

   

             

 

              

   

      

             

       

           

                       

              

         

                       

           

             

    

   !                  "  #!         

 

  !            

  

Compostaggio, una scelta ecosostenibile

 #  %& ( ( *+ % #' '  ,+  , *



 

 

  



 

       

36


FIORI IN GIARDINO E IN TERRAZZO

VITA CON LE ROSE

Cè una rosa per ogni esigenza. E non serve il pollice verde per vederle sbocciare generose, colorate e profumate per tutta l’estate, fino all’autunno o a Natale!

T

ra maggio e giugno le rose invadono l’Italia: in giardini e parchi, lungo le strade e le autostrade, in mostre e feste. La principale caratteristica del genere botanico Rosa è infatti la versatilità: esistono rose per tutti, e non è certo necessario essere esperti per vederle in fiore.

Come scegliere la rosa giusta Le varietà di rosa sono molte migliaia; ogni anno alcune spariscono dalle produzioni e vengono dimenticate mentre altre trovano successo, com’è accaduto a una delle rose oggi più diffuse nel mondo, la rampicante ‘Pierre de Ronsard’, dedicata all’omonimo poeta francese: fiori enormi, rifiorenza, resistenza, ideale per climi mediterranei, insomma una superstar. Per scegliere il tipo di rosa giusta per il proprio giardino o terrazzo occorre farsi molte domande: Quanto spazio posso offrirle? Quanto tempo posso dedicare alla sua cura? Quando la voglio vedere in fiore? Voglio fiori da recidere? E poi il terreno, 38

Profumo di rose per aumentare la memoria Un gruppo di ricercatori tedeschi ha appurato che il profumo delle rose ha il potere di rinforzare la memoria; l’effetto è intenso se il profumo viene respirato durante il sonno: quindi non resta che dormire vicino a un mazzo di rose...

l’esposizione, la vicinanza con altri arbusti, la dimensione del vaso se è in terrazzo... L’esperto del garden center, il vivaista specializzato o il vostro garden designer possono aiutare a navigare in questo mare di rose per tutti gli usi. Ci sono rose per l’arredo urbano che si potano... con il tosasiepi; rose rampicanti adatte solo a muri ampi e soleggiati, inadatte a chi non ha voglia di potare usando la scala, e rose miniatura per vaschette e ciotole. Rose tappezzanti per coprire il terreno e rose ricadenti da coltivare alla sommità di muretti... E fiori enormi profumati (rose antiche, rose inglesi e moderni ibridi speciali) o minuscoli ma tantissimi e continuamente fino all’autunno (tipici delle rose paesaggistiche).


FIORI IN GIARDINO E IN TERRAZZO

Ci sono rose che a Natale sono regolarmente in fiore incuranti del gelo, e altre, come l’incantevoleRosa banksiae, sbocciate in aprile... e poi più niente, ma tante foglie per una splendida pergola.

A caccia di rose È adesso il momento giusto per vederle in fiore: per capirne colore e profumo, dimensione e portamento, non c’è che da regalarsi il piacere di andare a caccia di rose nei garden center, nelle collezioni aperte alla visita (da vedere il roseto Vacunae Rosae sulle colline di Rieti, il Roseto di Roma, quello di Monza...), tenendo a portata di mano le armi giuste: macchina fotografica, quaderno per segnarsi i nomi. E poi, shopping: per vivere con le rose tutto l’anno, per sentirne il profumo, il sapore, la bellezza.

Anche in vaso Le varietà di rosa “mini” sono rifiorenti e crescono bene in vasi anche di dimensione media, se ben irrigate e concimate regolarmente: hanno un elevato fabbisogno nutritivo e chiedono sole per 3-4 ore al giorno.

ROSE DA MANGIARE E DA BERE UÊAlcune specie e varietà di rosa producono fiori con petali particolarmente adatti a essere commestibili. La rosa canina ha petali che si possono impiegare per profumare sughi di carne, risotti, macedonie, pasticcini, sorbetti, gelati, yogurt, cioccolatini. Molte rose antiche intensamente profumate si usano in cucina per insaporire piatti e fare marmellate. Ovviamente deve trattarsi di rose coltivate biologicamente, esenti da trattamenti con fitofarmaci. UÊLe bacche di rosa si utilizzano per tè e infusi e hanno importanti virtù: sono antinfiammatorie, rilassanti e tonificanti e hanno un contenuto di vitamina C superiore a quello degli agrumi.

Rose a pronto effetto Nei garden center e vivai specializzati trovate anche grandi esemplari di rosa, già strutturati su archi o tutori: una soluzione pratica per un pronto effetto in giardino o in terrazzo, dove questo tipo di piante ha bisogno di vasi ampi e profondi almeno 50 cm se si vuole ottenere una fioritura generosa.

40


L

PROGETTAZIONE

e persone viaggiano in tutto il mondo per cercare luoghi incontaminati, ma nei giardini raramente si affidano alla semplice spontaneità della natura. È questo il punto di partenza di un giardino celtico destinato a diventare un vero e proprio santuario personale, dove sentirsi protetti dal mondo esterno, recuperare il contatto con la dimensione naturale e riflettere sul proprio posto nell’ordine dell’universo. La cultura celtica è oggi di grande attualità soprattutto nel mondo giovanile e propone uno sguardo mistico e intenso verso il mondo naturale. Partendo da questo concetto e da un forte legame con le antichissime tradizioni della sua terra, la paesaggista irlandese Mary Reynolds disegna piccoli giardini rivisitati da uno sguardo contemporaneo, con lo scopo di esprimere e concretizzare l’idea che uno spazio piccolo ma progettato con creatività può avere un’anima, può

Il Brigit garden’s, in alto e qui sotto, è un grande giardino contemporaneo di stile celtico, disegnato da Mary Reynolds, che riporta anche in piccoli giardini (come quello nel disegno) i principi base della cultura celtica legata a uno stretto rapporto con la natura.

IL GIARDINO

CELTICO

Dalle antichissime tradizioni dei Druidi a una visione contemporanea del giardino come luogo-santuario dell’identità naturale, ereditando i segni delle stagioni e dello scorrere del tempo...


PROGETTAZIONE

UN PICCOLO GIARDINO DI STILE CELTICO essere pervaso da un potente spirito della natura, che aiuta a vivere meglio. L’aspetto più importante per raggiungere questo obiettivo consiste nel rispettare la natura in tutte le sue manifestazioni: solo così il giardino avrà qualcosa di magico, che aiuta a percepire il senso di appartenenza alla natura. Grazie a questa sua particolare visione del giardino come parte dell’equilibrio cosmico che ognuno di no i può sperimentare, Mary Reynolds è stata chiamata a disegnare il Brigit’s Garden, straordinario esempio di giardino celtico contemporaneo, aperto al pubblico e sede di eventi didattici e di intrattenimento. Il giardino, situato a pochi minuti dalla bella città di Galway, sulle selvagge colline del Connemara, è giocato sul tema delle antiche quattro stagioni celtiche, che hanno ritmi diversi da quelle che conosciamo nella cultura contemporanea. Visitare il Brigit’s Garden consente un’immersione totale nella natura: un’esperienza che vale la pena di vivere. Info: www.brigitsgarden.ie, www.discoverireland.com

44

UÊ1˜œÊ`i}ˆÊii“i˜ÌˆÊ«ˆÙÊÌÀ>`ˆâˆœ˜>ˆÊiÊ̈«ˆVˆÊ del paesaggio celtico è il muro a secco, che racchiude tutto il giardino accentuando il senso di intimità e protezione. Nel giardino presentato in queste pagine, che ha vinto una medaglia d’oro al concorso internazionale Chelsea Flower Show di qualche anno fa, con questa antica tecnica è stato costruito il cerchio d’ingresso, opera straordinaria che dà carattere all’insieme. UʽˆÃœ>ÊVi˜ÌÀ>iÊmÊVˆÀVœ˜`>Ì>Ê`>Ê՘ÊÌiÀÀ>«ˆi˜œÊ circolare di erba e fiori selvatici, scelti per le proprietà simboliche o curative loro attribuite dalle tradizioni celtiche, come il biancospino, simbolo di purezza e protezione. UÊ>Ê`ˆ“i˜Ãˆœ˜iÊÛiÀ̈V>iÊmÊ>ÃÈVÕÀ>Ì>Ê dagli alberi, piantati lungo il perimetro: non necessariamente saranno alberi dritti e perfetti; possono essere anche esemplari contorti o piegati, proprio come quelli selvatici che popolano le campagne e le siepi.


COM’È FATTO...

UN VASO

IN PLASTICA Due le tecniche produttive: a iniezione o rotazionale, per prodotti diversi per estetica e prestazioni. Sono le scelte e il know-how dell’azienda produttrice a determinare la qualità finale del prodotto. Che cosa sono i vasi in plastica a stampaggio a iniezione? Lo stampaggio a iniezione dei materiali termoplastici è oggi la tecnologia più diffusa nella trasformazione delle materie plastiche, non solo per i vasi. Il processo di stampaggio consiste nella fluidificazione ad alta temperatura del materiale plastico per essere iniettato a pressione in uno stampo chiuso, in acciaio, composto da un punzone (maschio) e da una matrice (femmina); successivamente ci sono la fase di raffreddamento e l’estrazione del pezzo. Il procedimento è veloce e completamente automatizzato. Il prodotto finale, se il processo avviene con standard elevati e con materiali selezionati, è di ottima qualità sia in termini di funzionalità che per l’aspetto estetico; si possono ottenere superfici lucide o con texture di vario tipo. La materia prima impiegata in un’azienda come Plastecnic, che lavora nel settore della plastica fin dal 1962, è principalmente il polipropilene, che appartiene alla famiglie delle

In alto: la produzione rotazionale negli stabilimenti Plastecnic offre un prodotto di alta qualità. Qui sopra: la produzione Plastecnic di vasi a iniezione avviene con attrezzature ad alta tecnologia ed elevata automazione; si arriva a produrre centinaia di migliaia di pezzi al giorno. A destra: coprivasi T Mood e vaso Q Mood Plastecnic realizzati con la tecnica a iniezione, caratterizzati da design moderno e superfici pregevoli. 46


I vasi illuminabili Lullaby e Mymou versione Moonlight per la serie Oltrevaso Plastecnic, firmati dal designer Riccardo Giovanetti, nascono da stampaggio rotazionale.

rotazionale consente di produrre oggetti di forma complessa e di grosse dimensioni. La materia prima è solitamente il politene ad alta densità, miscelato con altri materiali plastici secondo ricette produttive adattate agli standard di qualità e di finalità che si vogliono ottenere. In Plastecnic la produzione rotazionale è di altissima qualità e ha una capacità di centinaia di vasi al giorno.

Quale tipo di vaso è meglio scegliere, a iniezione o rotazionale? poliolefine, ma si usano anche altri polimeri plastici in miscele diverse secondo il tipo di prodotto e la sua destinazione d’uso. In Plastecnic l’area destinata ai vasi a iniezione prevede l’impiego di 15 presse con una produzione giornaliera che può arrivare a centinaia di migliaia di vasi.

Il contenitore per piante stampato a iniezione costa meno, è leggero anche se di grande dimensione, è una scelta pratica per chi dispone di un budget contenuto, sia in terrazzo e giardino che per le piante in casa. Il prodotto in resina rotazionale offre una risposta di maggiore pregio nell’estetica, con prezzi più elevati.

Che cosa sono i vasi in plastica a stampaggio rotazionale?

L’importanza dei materiali e del processo produttivo

Lo stampaggio rotazionale è un processo più lungo e complesso. Consiste nell’introduzione di resina termoplastica polverizzata in uno stampo cavo (in alluminio), che una volta chiuso entra in un forno ad alta temperatura per poi essere successivamente raffreddato. In tutte queste fasi lo stampo viene mantenuto in rotazione contemporanea su 2 assi; la forza centrifuga creata dalla rotazione consente al materiale di arrivare in tutte le zone dello stampo, in modo uniforme. La procedura di stampaggio rotazionale assicura maggiore versatilità; il processo produttivo è lungo e poco automatizzato, richiede maestranze tecniche abili e specializzate per ottenere un prodotto pregiato. La tecnica

L’impiego di un certo tipo di materie prime, di masterbatch e di altri additivi, sono scelte aziendali capaci di definire la qualità del prodotto e di fare in modo che non sia dannoso per l’ambiente. Nel caso dell’azienda Plastecnic, che ha fornito le informazioni qui riportate, va aggiunto che in tutti i processi aziendali, e non solo dunque nella produzione, è prevista l’attuazione di procedure eco-sostenibili che riducono i consumi e l’inquinamento industriale. Plastecnic contribuisce a diffondere l’amore per la natura e l’attenzione per un utilizzo eco-responsabile Si tratta di una materia interessante che sarà approfondita in un prossimo numero di Natù.

ROTAZIONALE O A INIEZIONE: COSA CAMBIA PER LE PIANTE? UÊʏˆÛiœÊÀ>`ˆV>iÊnon esistono differenze sostanziali; esiste invece una lieve differenza nell’effetto coibentante, maggiore nei vasi rotazionali a doppia parete. A sinistra, il vaso Q Mood Plastecnic, a iniezione; a destra il vaso Fit della nuova collezione Oltrevaso, con produzione a stampaggio rotazionale, a doppia parete. Design Nendo.

47


BAMBINI & NATURA

CREATURE STRAORDINARIE Per affascinare e coinvolgere i bambini, affidate loro la cura di piante dalle caratteristiche davvero speciali: carnivore, grasse, insolite... La mostruosità è spesso un fattore molto attrattivo per i ragazzi, incuriositi e affascinati dalle forme sorprendenti e anomale di certi esemplari vegetali. Probabilmente nessun adulto sarebbe disposto ad acquistare un’euforbia come quella che vedete in mano a questo bambino, ma la sua espressione soddisfatta e orgogliosa dice tutto...

Le mostruosità sono, da sempre, un elemento catalizzatore dell’interesse di bambini e ragazzi. È su questa molla che i produttori di videogiochi, fumetti e cartoon fanno affari d’oro, Jurassic Park insegna... ma non è certo una “moda” recente. Da sempre l’universo dell’infanzia e dell’adolescenza si affaccia sul mondo con occhio curioso; “aver paura” è un gioco meraviglioso che i bambini sperimentano continuamente. La paura è un’esperienza da fare, è un’emozione importante, che serve a metterci in allerta contro i pericoli e a prevenire situazioni dannose e rischiose. Man mano che crescono, bambini e ragazzi imparano a essere in qualche modo affascinati da mostri di ogni tipo... Perché dunque non sfruttare questo loro interesse per proporre un approccio al mondo delle piante? Le conseguenze possono essere molto positive: attraverso la conoscenza di qualche straordinaria e magari mostruosa creatura vegetale, i ragazzi potranno maturare interesse e passione per

L’attenzione dei baby giardinieri si concentra su elementi particolari legati alle caratteristiche della pianta (la spinosità dei cactus...) o all’attesa di qualche evento particolare: seminando le zucche in varietà adatte a essere lavorate, perché cave al loro interno, nel giro di poche settimane si avranno a disposizione magnifiche facce mostruose... 48


Collezioni spaventose. Un po’ sul genere horror, ma assolutamente affascinanti agli occhi di bambini e adolescenti: le carnivore, come la pianta mangiamosche Dionaea muscipula; le orchidee dalle forme sorprendenti (nella foto, un Paphiopedilum). E poi succulente come Pachipodium lealii, e il cedro “Mano di Buddha”...

la natura, vista attraverso le manifestazioni spettacolari che sono tipiche di alcuni gruppi di piante, adatte a trasformarsi anche in affascinanti collezioni da tenere in casa, in giardino o sul balcone. Una visita al garden center di fiducia o a una mostra di giardinaggio sarà il modo giusto per “partire” con questo viaggio avventuroso a caccia di mostruose e affascinanti curiosità vegetali.

Grasse, spinose, carnivore... È facile vedere come i bambini sopra i 5 anni siano rapidamente affascinanti dalla mostruosità: le piante super spinose, le succulente dalle forme assolutamente pazzesche e, più che mai, le piante carnivore, sono tutte specie adatte a essere proposte: invitando i piccoli a prendersene cura, e offrendo naturalmente tutto l’appoggio necessario, i bimbi avranno la possibilità di scoprire storie meravigliose circa la pianta stessa, il luogo da cui proviene, le ragioni per le quali ha quelle particolari caratteristiche. La piantina o la piccola collezione diventano dunque una chiave di esperienze diverse, un filo conduttore che l’adulto potrà proporre in forme differenti: dalla visione di un buon documentario a un libro da sfogliare, da una visita a un giardinocollezione a un’escursione nella natura... Tanti modi diversi per usare il fascino delle piante come motore di apprendimento, di esperienza e di conoscenza.

ARISTOLOCHIA: FIORI O MOSTRI ALIENI? UÊ*ˆ>˜ÌiÊ`>>ÊwœÀˆÌÕÀ>ÊVœÃŒÊ“œÃÌÀ՜Ã> potrebbero tranquillamente vivere in qualche videogioco in cui l’eroe deve riuscire a sopravvivere fra creature pericolose, e proprio per questo i ragazzi saranno magari maggiormente interessati a prendersene cura e a capire la storia e le origini della meravigliosa mostruosità. UÊEppure l’Aristolochia, pianta rampicante dalle foglie cuoriformi, è del tutto innocua, ed è anche interessante perché copre rapidamente le pareti con il suo largo fogliame; va fatta crescere in vaso, perché teme il gelo (in piena terra si può coltivare solo al Sud e in climi molto miti d’inverno). 49


PRANZARE all’aperto UÊ >ÃÌ>ÊÀˆÕ˜ˆÀÈÊ>Ì̜À˜œÊ>Ê՘ÊÌ>ۜœÊi˜Ê«iˆ˜Ê>ˆÀÊ «iÀÊ`ˆ“i˜ÌˆV>ÀiÊÃÌÀiÃÃÊiÊv>̈V>°Ê …iÊ>LLˆ>ÌiÊ >Ê`ˆÃ«œÃˆâˆœ˜iÊ՘ÊÌiÀÀ>ââœÊœÊ՘Ê}ˆ>À`ˆ˜œ]Ê «Ài«>À>ÌiÊ՘>ÊÌ>ۜ>ÊLi˜Ê>««>ÀiVV…ˆ>Ì>]ÊÃi˜â>Ê `ˆ“i˜ÌˆV>ÀiÊ՘Ê̜VVœÊyœÀi>i°Ê UÊ*iÀÊ՘ʫÀ>˜âœÊVœ˜ÛˆÛˆ>iÊVœ˜Ê}ˆÊ>“ˆVˆÊ œÃ>ÌiʈÊVœœÀiÊiÊ՘œÊÃ̈iÊvÀiÃVœ]ʓœ`iÀ˜œ]Ê ÛˆÛ>ViÊ­>ÊȘˆÃÌÀ>]ʈ˜Ê>Ìœ®° Una tovaglia multicolore,Ê>ÊÀˆ}…iʜÊ>Ê«œˆÃ]ÊiÊ՘ʓ>ââœÊ`ˆÊ ۈÃ̜ÈÊ}ˆÀ>܏ˆÊ>ÊVi˜ÌÀœÊ`i>ÊÌ>ۜ>ÊL>ÃÌ>˜œÊ>Ê VÀi>ÀiÊ՘½>ÕÀiʈ˜vœÀ“>iÊiÊ`ˆÃˆ˜ÛœÌ>°Ê*iÀʏ>Ê “>Ãȓ>Ê«À>̈VˆÌDÊÃVi}ˆiÌiÊ«ˆ>Ì̈ÊiÊ̜Û>}ˆœˆÊ `ˆÊV>ÀÌ>Ê­“œ˜œVÀœ“>̈VˆÊÃÕÊ՘œÊ`iˆÊVœœÀˆÊ`i>Ê ÌœÛ>}ˆ>®]ʓ>ʘœ˜Êv>Ìiʓ>˜V>ÀiʈÊV>ˆVˆÊ«iÀÊ }ÕÃÌ>ÀiÊ՘ÊL՜˜Êۈ˜œÊVœ“iÊÈÊ`iÛitÊÊÊ UÊ*iÀÊ՘½œVV>Ȝ˜iÊ«ˆÙÊvœÀ“>i]ʫ՘Ì>ÌiÊ ÃՏ½ii}>˜â>Ê`iˆÊ̜˜ˆÊ«>ÃÌiœ\Ê`ˆÊ}À>˜Ê“œ`>ÊˆÊ VœœÀˆÊ`iÊ“>ÀiÊ­ˆ˜ÊL>ÃÜ®]Ê`iVˆ˜>̈Êw˜œÊ>Êۈœ>° La tavola classicaÊiÈ}iÊV…iʘœ˜ÊÛi˜}>˜œÊ ÕÃ>ÌiÊÌÀœ««iÊ̈˜Ìiʓ>ÊV…iÊÌÕÌ̜ÊÈ>ʜ“œ}i˜iœÊ iÊ>VV>Ì̈Û>˜Ìi°ÊÊÃiÀۈ∜ÊÃ>ÀDÊÀˆ}œÀœÃ>“i˜ÌiÊ ˆ˜Ê«œÀVi>˜>ÊiʈÊ`iVœÀˆÊyœÀi>ˆÊÀ>vw˜>̈ÊiÊ `ˆÃVÀï°Ê œ“iÊVi˜ÌÀœÌ>ۜ>]Ê՘ÊV>˜`i>LÀœÊ`>Ê >VVi˜`iÀiÊ«iÀÊVÀi>Àiʏ>Ê}ˆÕÃÌ>Ê>̓œÃviÀ>°Ê UÊ+Õ>Õ˜µÕiÊÈ>ʏœÊÃ̈iÊiʏ½>“Lˆi˜Ì>∜˜i]Ê allestite un piccolo tavolo o un ripiano separatoÊÃÕÊVՈÊ>««œ}}ˆ>ÀiÊÌÕÌ̜ÊVˆ¢ÊV…iÊ œVVœÀÀi\Ê«ˆ>Ì̈]Ê«œÃ>Ìi]ÊV>À>vviÊiÊLœÌ̈}ˆi]ʈ˜Ê “œ`œÊ`>ʘœ˜Ê`œÛiÀÊv>ÀiÊ>Û>˜ÌˆÊiʈ˜`ˆiÌÀœÊ`>>Ê VÕVˆ˜>ÊiÊ«œÌiÀۈÊ}œ`iÀiʈÊ«À>˜âœ]ʏ>ʓiÀi˜`>Ê œÊ>ÊVi˜>ÊVœ˜Ê}ˆÊ>“ˆVˆ°Ê*iÀʏœÊÃÌiÃÜʓœÌˆÛœ]Ê «ÀiÛi`iÌiÊ՘ʓi˜ÕÊ>ÊL>ÃiÊ`ˆÊ«ˆ>Ì̈ÊvÀi``ˆÊV…iÊ «œÌiÌiÊ«Ài«>À>Àiʈ˜Ê>˜ÌˆVˆ«œ°Ê œ˜Ê`ˆ“i˜ÌˆV>Ìiʈ˜w˜iÊ`ˆÊ>VVi˜`iÀiʏiÊ V>˜`iiÊ>Ê}iÀ>˜ˆœÊœÊ>>ÊVˆÌÀœ˜i>]ʈÊVՈÊ>Àœ“>Ê «ÀiÃiÀÛiÀDʈÊÀˆÌÀœÛœÊ`>>ÊÃ}À>`ˆÌ>ÊۈÈÌ>Ê`iiÊ â>˜â>Ài°ÊÊ

½,/ Ê ÊÊ  VIVERE 50

www.natuweb.it


Lâ&#x20AC;&#x2122;ARTE DI VIVERE

Un picnic molto romantico UĂ&#x160;6Â&#x153;Â?iĂ&#x152;iĂ&#x160;Ă&#x192;Â&#x153;Ă&#x20AC;ÂŤĂ&#x20AC;iÂ&#x2DC;`iĂ&#x20AC;iĂ&#x160;Â&#x2C6;Â?Ă&#x160;Ă&#x203A;Â&#x153;Ă&#x192;Ă&#x152;Ă&#x20AC;Â&#x153;Ă&#x160;Â?Ă&#x2022;Â&#x2C6;Ă&#x2030;Â?iÂ&#x2C6;ÂśĂ&#x160;"Ă&#x20AC;}>Â&#x2DC;Â&#x2C6;ââ>Ă&#x152;iĂ&#x160;Ă&#x2022;Â&#x2DC;Ă&#x160; Ă&#x20AC;Â&#x153;Â&#x201C;>Â&#x2DC;Ă&#x152;Â&#x2C6;VÂ&#x153;Ă&#x160;ÂŤÂ&#x2C6;VÂ&#x2DC;Â&#x2C6;VĂ&#x160;>Ă&#x160;Ă&#x192;Â&#x153;Ă&#x20AC;ÂŤĂ&#x20AC;iĂ&#x192;>tĂ&#x160;Â&#x2DC;Ă&#x203A;Â&#x2C6;Ă&#x152;>Ă&#x152;iÂ?Â&#x153;Ă&#x2030;>Ă&#x160;ÂŤiĂ&#x20AC;Ă&#x160;Ă&#x2022;Â&#x2DC;Â&#x153;Ă&#x160;Ă&#x192;Â&#x2DC;>VÂ&#x17D;Ă&#x160; Ă&#x203A;iÂ?Â&#x153;ViĂ&#x160;iĂ&#x160;Â&#x2C6;Â&#x2DC;Ă&#x203A;iViĂ&#x160;portatelo/a in un posto seducente e scelto con cura: Ă&#x2022;Â&#x2DC;Ă&#x160;ÂŤ>Ă&#x20AC;VÂ&#x153;]Ă&#x160;Ă&#x2022;Â&#x2DC;Ă&#x160;ÂŤĂ&#x20AC;>Ă&#x152;Â&#x153;Ă&#x160;`Â&#x2C6;Ă&#x160;V>Â&#x201C;ÂŤ>}Â&#x2DC;>]Ă&#x160;Â?>Ă&#x160;Ă&#x20AC;Â&#x2C6;Ă&#x203A;>Ă&#x160; `Â&#x2C6;Ă&#x160;Ă&#x2022;Â&#x2DC;Ă&#x160;wĂ&#x2022;Â&#x201C;i]Ă&#x160;Â&#x2C6;Â?Ă&#x160;}Â&#x2C6;>Ă&#x20AC;`Â&#x2C6;Â&#x2DC;Â&#x153;Ă&#x160;`Â&#x2C6;Ă&#x160;V>Ă&#x192;>Ă&#x160;Ă&#x203A;Â&#x153;Ă&#x192;Ă&#x152;Ă&#x20AC;>°°° UĂ&#x160;-Vi}Â?Â&#x2C6;iĂ&#x152;iĂ&#x160;ÂŤÂ&#x2C6;iĂ&#x152;>Â&#x2DC;âiĂ&#x160;Ă&#x192;wâÂ&#x2C6;Â&#x153;Ă&#x192;iĂ&#x160;iĂ&#x160;Â?i}}iĂ&#x20AC;i]Ă&#x160;v>VÂ&#x2C6;Â?Â&#x2C6;Ă&#x160;`>Ă&#x160; ÂŤĂ&#x20AC;iÂŤ>Ă&#x20AC;>Ă&#x20AC;iĂ&#x160;Â&#x2C6;Â&#x2DC;Ă&#x160;>Â&#x2DC;Ă&#x152;Â&#x2C6;VÂ&#x2C6;ÂŤÂ&#x153;\Ă&#x160;Ă&#x152;Ă&#x20AC;>Â&#x201C;iââÂ&#x2C6;Â&#x2DC;Â&#x2C6;Ă&#x160;Â&#x201C;Â&#x2C6;}Â&#x2DC;Â&#x153;Â&#x2DC;]Ă&#x160;Â&#x2C6;Â&#x2DC;Ă&#x192;>Â?>Ă&#x152;>Ă&#x160;`Â&#x2C6;Ă&#x160;ÂŤ>Ă&#x192;Ă&#x152;>]Ă&#x160; Ă&#x192;ÂŤÂ&#x2C6;i`Â&#x2C6;Â&#x2DC;Â&#x2C6;Ă&#x160;`Â&#x2C6;Ă&#x160;Ă&#x203A;iĂ&#x20AC;`Ă&#x2022;Ă&#x20AC;>]Ă&#x160;Â&#x201C;>Vi`Â&#x153;Â&#x2DC;Â&#x2C6;>Ă&#x160;`Â&#x2C6;Ă&#x160;vĂ&#x20AC;Ă&#x2022;Ă&#x152;Ă&#x152;>]Ă&#x160;Ă&#x2022;Â&#x2DC;>Ă&#x160;VĂ&#x20AC;Â&#x153;Ă&#x192;Ă&#x152;>Ă&#x152;>° UĂ&#x160;VV>Â&#x2DC;Ă&#x152;Â&#x153;Ă&#x160;>}Â?Â&#x2C6;Ă&#x160;Â&#x2C6;Â&#x2DC;`Â&#x2C6;Ă&#x192;ÂŤiÂ&#x2DC;Ă&#x192;>LÂ&#x2C6;Â?Â&#x2C6;Ă&#x160;­Â&#x2C6;Â?Ă&#x160;ÂŤÂ?>Â&#x2C6;`]Ă&#x160;Â?>Ă&#x160;Ă&#x152;Â&#x153;Ă&#x203A;>}Â?Â&#x2C6;>]Ă&#x160;Â?>Ă&#x160; LÂ&#x153;Ă&#x20AC;Ă&#x192;>Ă&#x160;`iÂ?Â?iĂ&#x160;Ă&#x203A;Â&#x2C6;Ă&#x203A;>Â&#x2DC;`i]Ă&#x160;Â&#x2C6;Ă&#x160;Ă&#x152;Â&#x2026;iĂ&#x20AC;Â&#x201C;Â&#x153;Ă&#x192;Ă&#x160;VÂ&#x153;Â&#x2DC;Ă&#x160;Â?½>VÂľĂ&#x2022;>Ă&#x160;iĂ&#x160;Â&#x2C6;Â?Ă&#x160;V>vvmÂŽ]Ă&#x160; Ă&#x192;Â&#x153;Ă&#x20AC;ÂŤĂ&#x20AC;iÂ&#x2DC;`iĂ&#x152;iĂ&#x160;Â&#x2C6;Â?Ă&#x160;Ă&#x203A;Â&#x153;Ă&#x192;Ă&#x152;Ă&#x20AC;Â&#x153;Ă&#x160;Â?Ă&#x2022;Â&#x2C6;Ă&#x2030;Â?iÂ&#x2C6;Ă&#x160;iĂ&#x192;Ă&#x152;Ă&#x20AC;>iÂ&#x2DC;`Â&#x153;Ă&#x160;`>Â?Ă&#x160;L>}>}Â?Â&#x2C6;>Â&#x2C6;Â&#x153;Ă&#x160;Ă&#x2022;Â&#x2DC;Ă&#x160; bel cesto decorato con un grosso fioreĂ&#x160;iĂ&#x160;VÂ&#x153;Â&#x2DC;Ă&#x152;iÂ&#x2DC;iÂ&#x2DC;Ă&#x152;iĂ&#x160; `Ă&#x2022;iĂ&#x160;V>Â?Â&#x2C6;VÂ&#x2C6;]Ă&#x160;Ă&#x2022;Â&#x2DC;>Ă&#x160;LĂ&#x2022;Â&#x153;Â&#x2DC;>Ă&#x160;LÂ&#x153;Ă&#x152;Ă&#x152;Â&#x2C6;}Â?Â&#x2C6;>Ă&#x160;`Â&#x2C6;Ă&#x160;Ă&#x203A;Â&#x2C6;Â&#x2DC;Â&#x153;Ă&#x160;i]Ă&#x160;Â&#x2DC;>Ă&#x152;Ă&#x2022;Ă&#x20AC;>Â?Â&#x201C;iÂ&#x2DC;Ă&#x152;i]Ă&#x160;Ă&#x2022;Â&#x2DC;Ă&#x160; ÂŤÂ&#x153;Ă&#x20AC;Ă&#x152;>V>Â&#x2DC;`iÂ?iĂ&#x160;ÂŤiĂ&#x20AC;Ă&#x160;>VViÂ&#x2DC;`iĂ&#x20AC;iĂ&#x160;Â?½>Ă&#x152;Â&#x201C;Â&#x153;Ă&#x192;viĂ&#x20AC;>°

Un nanetto nel mio giardino Â&#x2C6;Ă&#x160;>Â&#x201C;>Ă&#x152;iĂ&#x160;Â&#x153;Ă&#x160;Â?Â&#x2C6;Ă&#x160;`iĂ&#x152;iĂ&#x192;Ă&#x152;>Ă&#x152;iÂśĂ&#x160; Â&#x153;Â&#x201C;Ă&#x2022;Â&#x2DC;ÂľĂ&#x2022;iĂ&#x160;Ă&#x192;Â&#x2C6;>]Ă&#x160;i nanetti da giardino, icone pop in bilico tra ironia e trash,Ă&#x160;Ă&#x192;Â&#x153;Â&#x2DC;Â&#x153;Ă&#x160; Â&#x153;Ă&#x20AC;Â&#x201C;>Â&#x2C6;Ă&#x160;Â&#x153;}}iĂ&#x152;Ă&#x152;Â&#x2C6;Ă&#x160;`Â&#x2C6;Ă&#x160;VĂ&#x2022;Â?Ă&#x152;Â&#x153;°Ă&#x160;/>Â&#x2DC;Ă&#x152;Â&#x153;Ă&#x160;`>Ă&#x160;>Ă&#x203A;iĂ&#x20AC;Ă&#x160;Ă&#x203A;Â&#x2C6;Ă&#x192;Ă&#x152;Â&#x153;Ă&#x160;Â&#x2DC;>Ă&#x192;ViĂ&#x20AC;iĂ&#x160;Â&#x2C6;Â&#x2DC;Ă&#x160;Ă&#x152;Ă&#x2022;Ă&#x152;Ă&#x152;>Ă&#x160; Ă&#x2022;Ă&#x20AC;Â&#x153;ÂŤ>Ă&#x160;Â&#x201C;Â&#x153;Ă&#x203A;Â&#x2C6;Â&#x201C;iÂ&#x2DC;Ă&#x152;Â&#x2C6;Ă&#x160;Âş`Â&#x2C6;Ă&#x160;Â?Â&#x2C6;LiĂ&#x20AC;>âÂ&#x2C6;Â&#x153;Â&#x2DC;iÂťĂ&#x160;ÂŤiĂ&#x20AC;Ă&#x160;Ă&#x192;Â&#x153;Ă&#x152;Ă&#x152;Ă&#x20AC;>Ă&#x20AC;Â?Â&#x2C6;Ă&#x160;>Â&#x2C6;Ă&#x160;}Â&#x2C6;>Ă&#x20AC;`Â&#x2C6;Â&#x2DC;Â&#x2C6;Ă&#x160;iĂ&#x160; Ă&#x20AC;Â&#x2C6;ÂŤÂ&#x153;Ă&#x20AC;Ă&#x152;>Ă&#x20AC;Â?Â&#x2C6;Ă&#x160;Â&#x2DC;iÂ?Ă&#x160;LÂ&#x153;Ă&#x192;VÂ&#x153;]Ă&#x160;Â?Â&#x153;Ă&#x20AC;Â&#x153;Ă&#x160;Â&#x2026;>LÂ&#x2C6;Ă&#x152;>Ă&#x152;Ă&#x160;Â&#x2DC;>Ă&#x152;Ă&#x2022;Ă&#x20AC;>Â?iĂ&#x160;­`>Â?Ă&#x160; vĂ&#x20AC;>Â&#x2DC;ViĂ&#x192;iĂ&#x160;Ă&#x20AC;Â&#x153;Â&#x2DC;Ă&#x152;Ă&#x160;`iĂ&#x160;Â&#x2C6;LjĂ&#x20AC;>Ă&#x152;Â&#x2C6;Â&#x153;Â&#x2DC;Ă&#x160;`iĂ&#x192;Ă&#x160; >Â&#x2C6;Â&#x2DC;Ă&#x192;Ă&#x160;`iĂ&#x160;>Ă&#x20AC;`Â&#x2C6;Â&#x2DC;Ă&#x192;Ă&#x160;>Â?Â?½Â&#x2C6;Ă&#x152;>Â?Â&#x2C6;>Â&#x2DC;Â&#x153;Ă&#x160;>Â?>}Ž°Ă&#x160; *>Ă&#x20AC;Ă&#x152;Â&#x2C6;Ă&#x152;>Ă&#x160;`>Â&#x2C6;Ă&#x160;ÂŤ>iĂ&#x192;Â&#x2C6;Ă&#x160;Â&#x2DC;Â&#x153;Ă&#x20AC;`Â&#x2C6;VÂ&#x2C6;Ă&#x160;­`>Ă&#x160; VĂ&#x2022;Â&#x2C6;Ă&#x160;Â&#x2C6;Â?Ă&#x160;V>ÂŤÂŤiÂ?Â?Â&#x153;Ă&#x160;Ă&#x20AC;Â&#x153;Ă&#x192;Ă&#x192;Â&#x153;Ă&#x160;>Ă&#x160;ÂŤĂ&#x2022;Â&#x2DC;Ă&#x152;>Ă&#x160; Ă&#x152;Â&#x2C6;ÂŤÂ&#x2C6;VÂ&#x153;Ă&#x160;`iÂ&#x2C6;Ă&#x160;Â&#x201C;Â&#x2C6;Â&#x2DC;>Ă&#x152;Â&#x153;Ă&#x20AC;Â&#x2C6;ÂŽ]Ă&#x160;Â&#x153;}}Â&#x2C6;Ă&#x160;Â?>Ă&#x160; Â?Â&#x153;Ă&#x20AC;Â&#x153;Ă&#x160;vÂ&#x153;Ă&#x20AC;Ă&#x152;Ă&#x2022;Â&#x2DC;>Ă&#x160;mĂ&#x160;ÂŤÂ?>Â&#x2DC;iĂ&#x152;>Ă&#x20AC;Â&#x2C6;>°Ă&#x160;Ă&#x160; ÂŤiââÂ&#x2C6;Ă&#x160;Ă&#x203A;Â&#x2C6;Â&#x2DC;Ă&#x152;>}iĂ&#x160;Â&#x2C6;Â&#x2DC;Ă&#x160;}iĂ&#x192;Ă&#x192;Â&#x153;Ă&#x160;Ă&#x192;Â&#x153;Â&#x2DC;Â&#x153;Ă&#x160; Â&#x153;}}iĂ&#x152;Ă&#x152;Â&#x2C6;Ă&#x160;`>Ă&#x160;VÂ&#x153;Â?Â?iâÂ&#x2C6;Â&#x153;Â&#x2DC;iĂ&#x2020;Ă&#x160; Â&#x2DC;iÂ&#x2C6;Ă&#x160;}>Ă&#x20AC;`iÂ&#x2DC;Ă&#x160;ViÂ&#x2DC;Ă&#x152;iĂ&#x20AC;Ă&#x160;Ă&#x192;Â&#x153;Â&#x2DC;Â&#x153;Ă&#x160; `Â&#x2C6;Ă&#x192;ÂŤÂ&#x153;Â&#x2DC;Â&#x2C6;LÂ&#x2C6;Â?Â&#x2C6;Ă&#x160;Â?iĂ&#x160;Â&#x201C;Â&#x153;`iĂ&#x20AC;Â&#x2DC;iĂ&#x160; Ă&#x203A;iĂ&#x20AC;Ă&#x192;Â&#x2C6;Â&#x153;Â&#x2DC;Â&#x2C6;Ă&#x160;`Â&#x2C6;Ă&#x160;ÂŤÂ?>Ă&#x192;Ă&#x152;Â&#x2C6;V>\Ă&#x160; VÂ&#x153;Â&#x201C;Ă&#x2022;Â&#x2DC;ÂľĂ&#x2022;iĂ&#x160;Ă&#x192;Â&#x2C6;>]Ă&#x160;Ă&#x192;Â&#x2C6;Ă&#x160;`Â&#x2C6;ViĂ&#x160; VÂ&#x2026;iĂ&#x160;ÂŤÂ&#x153;Ă&#x20AC;Ă&#x152;Â&#x2C6;Â&#x2DC;Â&#x153;Ă&#x160;vÂ&#x153;Ă&#x20AC;Ă&#x152;Ă&#x2022;Â&#x2DC;>°°°

Nel sole dâ&#x20AC;&#x2122;estate UĂ&#x160;Ă&#x2C6;Ă&#x160;Â&#x2C6;Â?Ă&#x160;V>ÂŤÂŤiÂ?Â?Â&#x153;Ă&#x160;`>Ă&#x160; Ă&#x203A;>V>Â&#x2DC;â>Ă&#x160;`iÂ?Â?iĂ&#x160;`Â&#x153;Â&#x2DC;Â&#x2DC;iĂ&#x160; ÂŤÂ&#x2C6;Ă&#x2122;Ă&#x160;VÂ&#x2026;Â&#x2C6;V\Ă&#x160;`>Ă&#x160; >ÂŤĂ&#x20AC;Â&#x2C6;Ă&#x160; >Ă&#x160;-Ă&#x152;°Ă&#x160;/Ă&#x20AC;Â&#x153;ÂŤiâ]Ă&#x160;Â?Â&#x153;Ă&#x160; Â&#x2026;>Â&#x2DC;Â&#x2DC;Â&#x153;Ă&#x160;Â&#x2C6;Â&#x2DC;`Â&#x153;Ă&#x192;Ă&#x192;>Ă&#x152;Â&#x153;Ă&#x160; Â&#x2C6;VÂ&#x153;Â&#x2DC;iĂ&#x160;`Â&#x2C6;Ă&#x160;Ă&#x192;Ă&#x152;Â&#x2C6;Â?iĂ&#x160; VÂ&#x153;Â&#x201C;iĂ&#x160;Jacqueline Kennedy, Brigitte Bardot, Audrey Hepburn.Ă&#x160; >Ă&#x192;VÂ&#x2C6;Â&#x2DC;Â&#x153;Ă&#x192;Â&#x153;Ă&#x160;iĂ&#x160; Â&#x2C6;Â&#x2DC;Ă&#x152;Ă&#x20AC;>Â&#x201C;Â&#x153;Â&#x2DC;Ă&#x152;>LÂ&#x2C6;Â?i]Ă&#x160; Ă&#x192;Â&#x153;ÂŤĂ&#x20AC;>Ă&#x152;Ă&#x152;Ă&#x2022;Ă&#x152;Ă&#x152;Â&#x153;Ă&#x160;Ă&#x192;iĂ&#x160;>Ă&#x160;Ă&#x152;iĂ&#x192;>Ă&#x160; Â?>Ă&#x20AC;}>Ă&#x160;iĂ&#x160;>LLÂ&#x2C6;Â&#x2DC;>Ă&#x152;Â&#x153;Ă&#x160;>Ă&#x160; Ă&#x2022;Â&#x2DC;>Ă&#x160;Ă&#x152;Ă&#x2022;Â&#x2DC;Â&#x2C6;V>Ă&#x160;LÂ&#x2C6;>Â&#x2DC;V>]Ă&#x160; Â&#x2C6;Â?Ă&#x160;V>ÂŤÂŤiÂ?Â?Â&#x153;Ă&#x160;`Â&#x2C6;Ă&#x160;ÂŤ>}Â?Â&#x2C6;>Ă&#x160;mĂ&#x160; Ă&#x20AC;iĂ&#x192;Â&#x153;Ă&#x160;>Â&#x2DC;VÂ&#x153;Ă&#x20AC;>Ă&#x160;ÂŤÂ&#x2C6;Ă&#x2122;Ă&#x160;}Â?>Â&#x201C;Â&#x153;Ă&#x2022;Ă&#x20AC;Ă&#x160; `>Ă&#x160;Ă&#x2022;Â&#x2DC;Ă&#x160;wÂ&#x153;Ă&#x20AC;iĂ&#x160;>ÂŤÂŤÂ?Â&#x2C6;V>Ă&#x152;Â&#x153;°Ă&#x160;*Â&#x153;Ă&#x152;iĂ&#x152;iĂ&#x160; `iVÂ&#x153;Ă&#x20AC;>Ă&#x20AC;iĂ&#x160;Ă&#x203A;Â&#x153;Â&#x2C6;Ă&#x160;Ă&#x192;Ă&#x152;iĂ&#x192;Ă&#x192;iĂ&#x160;Â&#x2C6;Â?Ă&#x160;V>ÂŤÂŤiÂ?Â?Â&#x153;Ă&#x160; VÂ&#x153;Â&#x2DC;Ă&#x160;Â&#x2C6;Â?Ă&#x160;Ă&#x203A;Â&#x153;Ă&#x192;Ă&#x152;Ă&#x20AC;Â&#x153;Ă&#x160;wÂ&#x153;Ă&#x20AC;iĂ&#x160;ÂŤĂ&#x20AC;iviĂ&#x20AC;Â&#x2C6;Ă&#x152;Â&#x153;°Ă&#x160;

Stop alle zanzare Provate lâ&#x20AC;&#x2122;olio essenziale di geranio (Pelargonium graveolens, Pelargonium radens o Pelargonium capitatum): diluitelo in olio di mandorle naturale in proporzione 1:5, e applicate poche gocce sui polsi, dietro le orecchie e sulle caviglie: efficace!

51


L’ARTE DI VIVERE

Verde d’effetto a bassa manutenzione? >ÃÌ>Ê՘ʫœ½Ê `ˆÊiÃÌÀœÊiʵÕ>V…iÊÃi“«ÀiÛˆÛœÊ œÊ>ÌÀiÊ«ˆ>˜ÌiÊ}À>ÃÃi°Ê˜âˆV…jÊ >ÃVˆ>ÀiʏiÊ«ˆ>˜Ìiʈ˜Ê՘ÊÛ>ÃiÌÌœÊ L>˜>i]ÊÌÀ>ÃviÀˆÌiiʈ˜Ê՘>Ê VˆœÌœ>Êii}>˜Ìi]ÊVˆÀVœ˜`>ÌiÊ `ˆÊÃ>ÃÈʘiÀˆÊœÊLˆ>˜V…ˆ°Ê-œ˜œÊ “œÌœÊ`iVœÀ>̈Ûi]ÊiÊۜˆÊ«œÌiÌiÊ `ˆ“i˜ÌˆV>ÀۈÊ`ˆÊœÀœtÊÊÊ

Illuminare il verde con IL SOLE UÊIl sole è una fonte inesauribile di energia pulita. *iÀV…jʵՈ˜`ˆÊ˜œ˜ÊṎˆââ>ÀœÊ«iÀʈÕ“ˆ˜>ÀiÊ œÊë>∜ÊÛiÀ`i¶Êiʏ>“«>`iÊvœÌœÛœÌ>ˆV…iÊ`>˜˜œÊ ÕViʈ˜Ê“>˜ˆiÀ>ÊivwV>Vi]ÊÀˆÃ«iÌÌ>˜`œÊ½>“Lˆi˜ÌiÊiÊ >˜˜Õ>˜`œÊˆÊVœÃ̈Ê`ˆÊiiÌÌÀˆVˆÌD°Ê ÊÀ>««ÀiÃi˜Ì>˜œÊ>Ê ÃœÕ∜˜iʈ`i>iʘiˆÊÕœ}…ˆÊ`œÛiʘœ˜ÊÈ>Ê«œÃÈLˆiÊœÊ Vœ˜Ûi˜ˆi˜Ìiʈ˜ÃÌ>>Àiʏ>“«>`iÊ>ˆ“i˜Ì>ÌiÊ`>ÊÀiÌi° UÊL’installazione è semplicissima:ÊL>ÃÌ>Ê«ˆ>˜Ì>ÀiÊ ˜iÊÌiÀÀi˜œÊœÊwÃÃ>ÀiÊ>Ê«>ۈ“i˜Ì>∜˜ˆÊÌÀ>“ˆÌiÊ >««œÃˆÌˆÊÌ>ÃÃiˆ°ÊÊ«>˜˜iœÊvœÌœÛœÌ>ˆVœÊ«ÀœÛÛi`iÊ>>Ê V>ÀˆV>Ê`ˆÕÀ˜>Ê`iiÊL>ÌÌiÀˆi]ÊVœ˜ÛiÀÌi˜`œÊ½i˜iÀ}ˆ>Ê i“>˜>Ì>Ê`>Ê܏iʈ˜Êi˜iÀ}ˆ>ÊiiÌÌÀˆV>°ÊiÊ«Àˆ“iÊ œ“LÀiÊÃiÀ>ˆ]ʏ½>VVi˜Ãˆœ˜iÊ>Ûۈi˜iÊ>Õ̜“>̈V>“i˜Ìi°ÊÊ UÊEsiste oggi un’ampia gamma di lampioni, lampade e segnapassi fotovoltaici,Ê`ˆÊvœÀ“iÊ œÀˆ}ˆ˜>ˆÊiÊÀˆViÀV>Ìi]ÊV…iÊVœ˜ÌÀˆLՈÃVœ˜œÊ>˜V…iÊ>`Ê >ÀÀi`>ÀiÊVœ˜Ê}ÕÃ̜ÊiÊVÀi>̈ۈÌDʈÊ}ˆ>À`ˆ˜œÊiʈÊÌiÀÀ>â✰Ê

PROFUMI: il potere dell’olfatto UÊTra i cinque sensi, l’olfatto è quello più strettamente connesso alla sfera delle emozioni:Ê ½>««>À>̜ʜv>Ì̈ۜÊmʈ˜v>Ì̈ÊVœi}>̜ÊVœ˜Ê½>“ˆ}`>>Ê iʏ½ˆ«œÌ>>“œ]ÊVi˜ÌÀˆÊÀi}œ>̜ÀˆÊ`i½i“œÌˆÛˆÌD°Ê VVœÊ «iÀV…jÊ>ˆÊ«ÀœvՓˆÊÀi>}ˆ>“œÊVœ˜Ê«ˆ>ViÀiʜÊ`ˆÃ}ÕÃ̜]Ê >ÌÌÀ>∜˜iʜÊÀi«ÕÃˆœ˜i]ÊÃi˜â>ʈÊwÌÀˆÊ`i>ÊVœÃVˆi˜â>°ÊÊ UʏˆÊœ`œÀˆÊˆ˜yÕi˜â>˜œÊiÊÀi>∜˜ˆ]ÊVˆÊ>ÌÌÀ>}}œ˜œÊ ÛiÀÜÊ՘>Ê«iÀܘ>Ê«Àˆ“>Ê>˜VœÀ>Ê`i>ÊۈÃÌ>]Ê`>˜˜œÊ œÊ̜}œ˜œÊi˜iÀ}ˆ>]ÊVˆÊÃ̈“œ>˜œÊˆ˜Ê՘>Ê`ˆÀi∜˜iÊ «ˆÕÌ̜Ã̜ÊV…iÊ՘½>ÌÀ>°Ê œÃŒÊVœ“iʈ˜yÕi˜â>˜œÊˆÊ ˜œÃÌÀœÊՓœÀiÆʈʫÀœvՓˆÊ«œÃܘœÊÃۜ}iÀiÊ՘½>∜˜iÊ ÌiÀ>«iṎV>\Ê«iÀÊÀˆÌÀœÛ>ÀiʈÊL՜˜Õ“œÀi]ÊṎˆââ>ÌiÊ >Û>˜`>]Ê}iÃœ“ˆ˜œ]Êޏ>˜}Êޏ>˜}]Ê`>iÊ«Àœ«ÀˆiÌDÊ >˜Ìˆ`i«ÀiÃÈÛiÆÊ«iÀÊÃ̈“œ>Ài]ÊiVVˆÌ>Ài]ÊÀˆÌÀœÛ>ÀiÊ Ìœ˜œÊi`Êi˜iÀ}ˆ>ÊÕÃ>Ìiʏ>ʓi˜Ì>]ʈÊ«ˆ˜œ]ʏ>ÊV>˜˜i>ÆÊ «iÀÊÀˆ>ÃÃ>ÀiÊiÊV>“>ÀiÊܘœÊ«iÀviÌ̈ʏ>ÊV>“œ“ˆ>]Ê >ÊÀœÃ>]ʈÊ˜iÀœˆÊ­½œˆœÊiÃÃi˜âˆ>iÊ`ˆÊ>À>˜VˆœÊ>“>Àœ]Ê `>½>Àœ“>Ê}À>`iۜˆÃȓœ®°

Dipingere la natura -ˆÊÃۜ}iÀDÊdal 5 al 10 luglio in Sardegna a CabrasÊÜÌ̜ʏ>Ê }Ո`>Ê`i>Êpittrice Marina Virdis ˆÊVœÀÜÊ`ˆÊˆÕÃÌÀ>∜˜iÊLœÌ>˜ˆV>]Ê V…iÊVœ“«Ài˜`iÊÎäʜÀiÊ`ˆ`>Ì̈V…iÊ Vœ˜Ê>ۜÀœÊˆ˜ÊÃÌÕ`ˆœ]Ê«>ÕÃiÊ>Ê “>Ài]ÊiÃVÕÀȜ˜ˆÊ˜>ÌÕÀ>ˆÃ̈V…iÊ iÊۈÈÌiÊ>ˆÊÈ̈ʫˆÙʈ˜ÌiÀiÃÃ>˜ÌˆÊ `i>Ê✘>°Ê*iÀÊ«Ài˜œÌ>∜˜ˆÊiÊ ˆ˜vœÀ“>∜˜ˆÊÃÕʵÕiÃ̜ÊiÊ>ÌÀˆÊ VœÀÈÊÌi˜ṎÊ`>½>À̈ÃÌ>\Ê ÜÜÜ°“>Àˆ˜>ۈÀ`ˆÃ°Vœ“]ÊVi°ÊÎÎnÊ È{ÎäÎÓä]ÊÌi°ÊäÇnÎÊÇÓΙÎÊÊ

52


Per gli amici A QUATTRO ZAMPE UÊ iÀ̜ʘœ˜Ê«>À>˜œÊ>ʘœÃÌÀ>ʏˆ˜}Õ>]ʓ>Ê>˜V…iÊ }ˆÊ>˜ˆ“>ˆÊ…>˜˜œÊ՘ʏˆ˜}Õ>}}ˆœÊiÊViÀV>˜œÊ`ˆÊ comunicare con noi: per migliorare la qualità del rapporto con il cane o il micio di casa, è quindi importante saper i}}iÀiʈÊÃi}˜>ˆÊV…iÊVˆÊ manda con il corpo.Ê+Õ>V…iÊiÃi“«ˆœ¶Ê

ACQUA al museo UÊ>ÊvœÀâ>Ê`ˆÀœ“«i˜Ìi]ʈÊv>ÃVˆ˜œ]ʏ>ʓՏ̈vœÀ“ˆÌD]ʈ˜Ê՘>Ê «>Àœ>\ʏ>ʓ>}ˆ>Ê`i½>VµÕ>°ÊÈʵÕi>ÊV…iʏ½>À̈ÃÌ>ÊÌi`iÃVœÊ *iÌiÀÊ-V…Àiˆ˜iÀÊmÊÀˆÕÃVˆÌœÊ>ÊVœ˜Ûœ}ˆ>Àiʈ˜Ê՘½>˜ÌˆV>Ê V>˜Ìˆ˜>Ê>ÊۜÌi]Ê`>˜`œÊۈÌ>Ê>ÊMuseo dell’acqua a Selva dei Molini (BZ)° UÊL’acqua è uno dei beni più preziosi del 21° secoloÊ i`ÊmʘiViÃÃ>ÀˆœÊÀi˜`iÀÃi˜iÊVœ˜ÌœÊ«iÀÊiۈÌ>ÀiÊ}ˆÊëÀiV…ˆÊ iÊÌÕÌi>Àiʏ½>“Lˆi˜Ìi°Ê"}˜ˆÊ«iÀܘ>ʘiViÃÈÌ>Ê`ˆÊÇÊÊ `½>VµÕ>Ê>Ê}ˆœÀ˜œÊ«iÀÊVÕVˆ˜>ÀiÊiÊLiÀi]ʓi˜ÌÀiÊÃiʘiÊ Vœ˜ÃՓ>˜œÊVi˜Ìˆ˜>ˆ>Ê`ˆÊˆÌÀˆÊ«ÀœÊV>«ˆÌi°Ê UʏʓÕÃiœÊMagia dell’AcquaʜvvÀiÊ>ˆÊۈÈÌ>̜ÀˆÊ informazioni sbalorditive, curiosità e dettagli sulla magia dell’acqua.Ê>ʓœÃÌÀ>ÊmÊ«>ÀÌiÊ`ˆÊ՘ÊVœ˜Vi«ÌÊ `½ˆ˜Ãˆi“iÊV…iÊÀˆ}Õ>À`>ÊÌÕÌ̜ʈÊ«>iÃiÊ`ˆÊ-iÛ>Ê`iˆÊœˆ˜ˆ\Ê V…ˆÊ…>ʈ˜v>Ì̈ʏ½œVV>Ȝ˜iÊ`ˆÊۈÈÌ>Àiʏ>Ê«ˆÌ̜ÀiÃV>ÊV>˜Ìˆ˜>Ê >ÊۜÌiÊ`i>ÊV>˜œ˜ˆV>Ê`ˆÊ>««>}œÊ«ÀœL>Lˆ“i˜ÌiÊ ÃˆÊÌÀœÛiÀDÊ>½ˆ˜ˆâˆœÊœÊ>>Êw˜iÊ`ˆÊ՘>ÊëiÌÌ>Vœ>ÀiÊ iÃVÕÀȜ˜iÊÌi“>̈V>]ÊV…iÊ>ÌÌÀ>ÛiÀÃ>ʏ½>ÛÛi˜ÌÕÀœÃœÊ VÀˆ˜>iÊ`ˆÊ>««>}œÊ>Ì̜À˜œÊ>>Ê`ˆ}>Ê`ˆÊ iÛiÃʜÊV…iÊ«œÀÌ>Ê >½>˜ÌˆVœÊ“Տˆ˜œÊ`ˆÊ-iÛ>Ê`ˆÊ i˜ÌÀœ°Ê

Uʏʏˆ˜}Õ>}}ˆœÊ`iÊV>˜i "VV…ˆÊÃi“ˆV…ˆÕÈʈ˜`ˆV>˜œÊLi˜iÃÃiÀi]ʓi˜ÌÀiÊ œVV…ˆÊë>>˜V>̈ʓ>ÊÃvÕ}}i˜Ìˆ]ÊV…iÊÃi“LÀ>˜œÊ guardare oltre, denotano paura. Sguardo fisso e fronte corrugata sono un segnale di noia. iʜÀiVV…ˆiÊÌiÃiʈ˜`ˆV>˜œÊۈ}ˆ>˜â>ÊiÊ attenzione, in avanti dominanza, in basso e all’indietro sottomissione. La coda ondeggiante segnala interesse, eretta e in rapido movimento esprime eccitazione, bassa e in leggero movimento preoccupazione. Uʏʏˆ˜}Õ>}}ˆœÊ`iÊ}>Ì̜ Si sporge in avanti se è sicuro, arretra quando è sulla difensiva. Se si sdraia sul dorso è Àˆ>ÃÃ>̜]ÊÃiÊÈÊ>VVÕVVˆ>ÊÃÕÊ՘Êw>˜VœÊ…>Ê«>ÕÀ>°Ê iʜÀiVV…ˆiÊ>«iÀÌiÊiÊÀˆ>ÃÃ>ÌiÊ indicano tranquillità, in avanti interesse, all’indietro e basse paura, mentre all’indietro e alte preludono a un attacco. La coda eretta significa saluto e curiosità, ondeggiante manifesta irritazione. La punta si muove subito prima dell’agguato.

Info: tel. 0474 652081, www.tures-aurina.com

-- , & VITALITÀ

www.natuweb.it

54


ÊÃÕVV…ˆÊV…iÊ`>˜˜œÊ ,ÊÊÊ UÊ-œ˜œÊL՜˜ˆ]ʏi}}iÀˆÊiÊÃ>ÕÌ>Àˆ\ʈÊÃÕVV…ˆÊ`ˆÊvÀÕÌÌ>ÊiÊÛiÀ`ÕÀ>Ê `i«ÕÀ>˜œ]Ê>ˆÕÌ>˜œÊ>Ê«iÀ`iÀiʵÕ>V…iÊV…ˆœ]ÊÀˆ˜vœÀâ>˜œÊˆÊÈÃÌi“>Ê ˆ““Õ˜ˆÌ>ÀˆœÊiÊvœÀ˜ˆÃVœ˜œÊi˜iÀ}ˆ>ÊiÊۈÌ>ˆÌD°Ê˜Ê“iÀˆV>ʈÊºՈVˆ˜}»Ê ­`>ʍՈViÊrÊÃÕVVœ®ÊmÊ՘ÊÛiÀœÊiÊ«Àœ«ÀˆœÊ“i̜`œÊ`ˆÊVÕÀ>°Ê UÊÀÕÌÌ>ÊiÊÛiÀ`ÕÀ>]ÊVi˜ÌÀˆvÕ}>Ìi]Ê>Փi˜Ì>˜œÊi뜘i˜âˆ>“i˜ÌiʈÊ loro potere: ՘>ÊۜÌ>Êiˆ“ˆ˜>Ì>ʏ>ÊwLÀ>]ʈ˜v>Ì̈]ÊۈÌ>“ˆ˜i]ÊÃ>ˆÊ“ˆ˜iÀ>ˆÊ i`Êi˜âˆ“ˆÊ«œÃܘœÊiÃÃiÀiÊ>Ãȓˆ>̈ÊVœ˜Ê}À>˜`iÊv>VˆˆÌD°ÊVµÕˆÃÌ>ÌiÊ Õ˜>ÊVi˜ÌÀˆvÕ}>ÊiÊ«Àœ`œÌ̈ÊLˆœœ}ˆVˆÊiÊ`ˆÊÃÌ>}ˆœ˜i°Ê Ê«Ài«>À>ÌiʈÊÃÕVV…ˆÊ >Ê“œ“i˜Ìœ]Ê«iÀV…jʏiÊ«Àœ«ÀˆiÌDÊÈÊ`i}À>`>˜œÊÛiœVi“i˜Ìi°Ê UʏÊÀiÊ`iˆÊÃÕVV…ˆÊÛi}iÌ>ˆÊmʵÕiœÊ`ˆÊV>ÀœÌi]ÊÀˆVVœÊ`ˆÊ«ÀœÛˆÌ>“ˆ˜>Ê ÊiÊۈÌ>“ˆ˜>Ê ]ÊV…iÊv>ÊLi˜iÊ>>ÊۈÃÌ>]Ê>>Ê«iiÊiÊ̜˜ˆwV>ʈÊ vi}>̜°ÊÊViÌÀˆœœÊ…>Ê՘ÊiiÛ>̜ÊVœ˜Ìi˜Õ̜Ê`ˆÊ«œÌ>ÃȜÊiÊVœ˜ÌÀ>ÃÌ>Ê ½ˆ˜ÛiVV…ˆ>“i˜ÌœÊ`i>Ê«ii°ÊÊŽˆÜˆÊvœÀ˜ˆÃViÊ«œÌ>ÃȜÊiÊۈÌ>“ˆ˜iÊ ÊiÊ

]ÊmÊ>˜Ìˆ>˜i“ˆVœ]ÊÀˆ“ˆ˜iÀ>ˆââ>˜Ìi]ÊÀˆ˜vÀiÃV>˜Ìi]Ê`i«ÕÀ>̈ۜ°ÊÊÃÕVVœÊ `ˆÊ>˜>˜>Ã]Ê`œViʓ>Ê`ˆÃÃiÌ>˜Ìi]ÊÃ̈“œ>ʏ>Ê`ˆ}iÃ̈œ˜iÊiÊVœ˜ÌÀ>ÃÌ>Ê ½œLiÈÌD°ÊÊÃÕVVœÊ`ˆÊ“i>]ʓՏ̈ۈÌ>“ˆ˜ˆVœ]ÊmÊivwV>ViÊ«iÀʏ>ÊÃ>ÕÌiÊ `i>Ê«iiÊiÊ`iˆÊV>«iˆ°Ê"Ì̈“œÊ“iÃVœ>̜Ê>ʓi>ʜÊÕÛ>]ʈÊÃÕVVœÊ `ˆÊ«iÃV>Ê`i«ÕÀ>ʏ½ˆ˜ÌiÃ̈˜œÊi`ÊmÊÀˆVVœÊ`ˆÊ ۈÌ>“ˆ˜>ÊÊiÊ`ˆÊÃ>ˆÊ“ˆ˜iÀ>ˆ°Ê

Nella notte delle STREGHE UʈÕ}˜œÊmÊ՘ʓiÃiÊÀˆVVœÊ`ˆÊviÃÌiÊiʏi}}i˜`i\Ê ÃiʈÊÓ£Ê`iÊ“iÃiÊmʈÊ܏Ã̈∜Ê`½iÃÌ>ÌiÊ­ˆÊ܏iÊmÊ>œÊ <i˜ˆÌ…Êiʏ>ʘœÌÌiÊmʏ>Ê«ˆÙÊVœÀÌ>Ê`i½>˜˜œ®]ÊviÃÌi}}ˆ>ÌœÊ `>ÊÃi“«Àiʈ˜Êœ}˜ˆÊVՏÌÕÀ>ÊVœ˜ÊÀˆÌˆÊÃ>VÀˆÊiÊ«>}>˜ˆ]Ê ˆÊÓ{ÊÀˆVœÀÀiÊ՘>ÊviÃÌ>Ê>˜VœÀ>Ê«ˆÙÊ`i˜Ã>Ê`ˆÊ“ˆÌˆÊiÊ ˆ˜V>˜Ìiȓˆ°ÊÈÊ->˜ÊˆœÛ>˜˜ˆ]ʘœÌÌiÊ`ˆÊÃÌÀi}…iÊiʓ>}ˆ>]Ê `ÕÀ>˜Ìiʏ>ʵÕ>iÊ>ÛÛiÀÀiLLiÀœÊ«Àœ`ˆ}ˆÊiʓiÀ>ۈ}ˆi°Ê UÊ>ʏi}}i˜`>Ê«œ«œ>Àiʈ˜ÛˆÌ>Ê>ÊÀ>VVœ}ˆiÀiʈ˜Ê questa notte l’erba di san Giovanni,ÊVˆœmʏ½ˆ«iÀˆVœÊ ­Hypericum perforatum®°Ê1˜ˆÌ>Ê>`Ê>ÌÀiÊiÀLiÊ­>Û>˜`>]Ê “i˜ÌÕVVˆ>]ÊÀÕÌ>ÊiÊÀœÃ“>Àˆ˜œ®]ʓiÃÃiʈ˜Ãˆi“iÊ>ÊL>}˜œÊ ÌÕÌÌ>ʏ>ʘœÌÌiÊÜÌ̜ʏ>ʏ՘>]Ê`>˜˜œÊۈÌ>Ê>>ÊViiLÀiÊ >VµÕ>Ê`ˆÊ->˜ÊˆœÛ>˜˜ˆÊV…i]ÊLi˜i`iÌÌ>Ê`>ÊÃ>˜ÌœÊiÊ`>ˆÊ «>À̈Vœ>ÀˆÊˆ˜yÕÃÈÊ>ÃÌÀ>ˆ]ÊÃ>ÀiLLiÊṎiÊ>Ê«ÀiÛi˜ˆÀiÊ “>>˜˜ˆÊ`ˆÊœ}˜ˆÊ̈«œ°

Abbronzatura sicura 6œiÌiÊ՘>Ê̈˜Ì>Ài>Ê«iÀviÌÌ>ÊiÊÃ>˜>¶Ê˜ˆâˆ>ÌiÊ`>>Ê `ˆiÌ>\ʈÊVˆLˆÊ`>ÊVœ˜ÃՓ>ÀiÊ>Êۜœ˜ÌDÊܘœÊcarote, `ˆiÌ>\ʈÊVˆLˆÊ`>ÊVœ˜ÃՓ>ÀiÊ>Êۜœ˜ÌDÊܘœÊ “iœ˜ˆ]Ê>LˆVœVV…i]Ê«œ“œ`œÀˆÊiÊâÕVV…i]ÊÀˆVV…ˆÊ “iœ˜ˆ]Ê>LˆVœVV…i]Ê«œ“œ`œÀˆÊiÊâÕVV…i] `ˆÊV>ÀœÌi˜œˆ`ˆÊiÊ>˜ÌˆœÃÈ`>˜ÌˆÊV…iÊ`ˆvi˜`œ˜œÊ >Ê«iiÊ`>}ˆÊivviÌ̈ʫiÀˆVœœÃˆÊ`iˆÊÀ>}}ˆÊ܏>Àˆ°Ê Ê>˜VœÀ>ÊÌ>˜ÌœÊpesce di mare: }ˆÊ>Vˆ`ˆÊ Ê>˜VœÀ>ÊÌ>˜ÌœÊ }À>ÃÈÊiÃÃi˜âˆ>ˆÊœ“i}>ÊÎʈ˜ÊiÃÜÊVœ˜Ìi˜ÕÌˆÊ «ÀœÌi}}œ˜œÊiʓi“LÀ>˜iÊViÕ>ÀˆÊiʓ>˜Ìi˜}œ˜œÊ ½i«ˆ`iÀ“ˆ`iÊ}ˆœÛ>˜iÊi`Êi>Ã̈V>°

55


BENESSERE & VITALITÀ

-1Ê 1 Ê,1"/ ʘi>ʘ>ÌÕÀ> UÊiâ⽜À>Ê`ˆÊLˆVˆÊ>Ê}ˆœÀ˜œÊmÊVœ“iÊ՘ÊiˆÃˆÀÊ`ˆÊ giovinezza.Ê1˜>ʏ՘}>Ê«i`>>Ì>ʓˆ}ˆœÀ>ʏ>ÊvœÀ“>Ê wÈV>]Êv>ÊLi˜iÊ>ÊV՜ÀiÊiÊ>ˆÊ«œ“œ˜ˆ]ÊVœ˜Ãi˜ÌiÊ`ˆÊ LÀÕVˆ>ÀiʈÊ}À>ÃÈÊ>ÃÃ՘̈ÊVœ˜Ê½>ˆ“i˜Ì>∜˜i°ÊÊÌÕÌÌœÊ V>ÕÃ>˜`œÊ«œVœÊÃÌÀiÃÃÊ>iÊ>À̈Vœ>∜˜ˆ°ÊʓÕÃVœˆÊ `i}ˆÊ>À̈ʈ˜viÀˆœÀˆÊÈÊ̜˜ˆwV>˜œÊˆ˜Ê“œ`œÊ>À“œ˜ˆœÃœ]Ê iÊ>À̈Vœ>∜˜ˆÊ`iiÊ>˜V…i]Ê`iiÊ}ˆ˜œVV…ˆ>ÊiÊ`iiÊ V>ۈ}ˆiÊÈʓ>˜Ìi˜}œ˜œÊivwVˆi˜Ìˆ°Ê iiÊÃ>ˆÌi]ʈÊ VˆVˆÃ“œÊÀˆ˜vœÀâ>ʈÊÈÃÌi“>ÊV>À`ˆœÛ>ÃVœ>Ài]ʓi˜ÌÀiÊ ˜iiÊ`ˆÃViÃiÊmÊ`ˆÛiÀÌi˜ÌiÊiÊÌiV˜ˆVœ°Ê UʏÊVˆVˆÃ“œÊmÊ>˜V…iÊ՘ʜÌ̈“œÊ>˜ÌˆÃÌÀiÃÃ\Ê «Àœ“ÕœÛiʈÊLi˜iÃÃiÀiʫÈVœwÈVœ]ʈ˜ÊµÕ>˜ÌœÊ «iÀ“iÌÌiÊ`ˆÊvÕ}}ˆÀiÊ`>iÊ«>ÀïÊ`ˆÊ՘>Ê«>iÃÌÀ>ÊiÊ `>ÊÌÀ>vwVœÊ`i>ÊVˆÌÌDÊ«iÀʈ““iÀ}iÀÈʘi>ʘ>ÌÕÀ>]Ê >““ˆÀ>ÀiÊ«>˜œÀ>“ˆÊÃi“«ÀiÊ`ˆÛiÀÈ]ÊVœ˜`ˆÛˆ`iÀiÊ ½iëiÀˆi˜â>ÊVœ˜Ê}ˆÊ>“ˆVˆ°Ê UÊ/À>Ê}ˆÊëœÀÌ]ʈ˜œÌÀi]ʈÊVˆVˆÃ“œÊ«ÀiÃi˜Ì>ʈÊ Û>˜Ì>}}ˆœÊ`ˆÊpoter essere praticato con estrema elasticità,Ê`œÃ>˜`œÊ`ˆvwVœÌDÊiʈ“«i}˜œÊÃՏiÊ «Àœ«ÀˆiÊ«œÃÈLˆˆÌDʫÈVœwÈV…i°Ê*iÀʵÕiÃ̜ÊmÊ ˆ˜`ˆV>̜Ê>ÊÌÕÌ̈]Ê`>ˆÊL>“Lˆ˜ˆÊ>}ˆÊ>˜âˆ>˜ˆÊ­«Àiۈi˜iÊ >˜V…iʏ½>ÀÌÀœÃˆ®]ÊiVViÌ̜Ê>ÊV…ˆÊÜvvÀiÊ`ˆÊ`iÌiÀ“ˆ˜>ÌiÊ «>̜œ}ˆiÊ`i>ÊÃV…ˆi˜>°Ê*iÀÊV…ˆÊmʈ˜ÊÜÛÀ>««iÃœÊ mÊ՘Ê̜VV>Ã>˜>\Ê՘½œÀ>Ê`ˆÊLˆVˆViÌÌ>Ê>ÊL՜˜ÊÀˆÌ“œÊ «iÀ“iÌÌiÊ`ˆÊLÀÕVˆ>ÀiÊÎääÊV>œÀˆi°Ê UÊÈ fondamentale portare con sé una borraccia con acquaʜÊVœ˜Ê՘ʈ˜Ìi}À>̜ÀiÊ«iÀÊVœ“«i˜Ã>ÀiÊ >Ê«iÀ`ˆÌ>Ê`ˆÊÃ>ˆÊ“ˆ˜iÀ>ˆÊi]ÊÃiÊÈʫÀiÛi`iÊ Õ˜½iÃVÕÀȜ˜iÊÃÕ«iÀˆœÀiÊ>iÊ`ÕiʜÀi]Ê՘œÊØ>VŽÊ>Ê L>ÃiÊ`ˆÊvÀÕÌÌ>ʜÊ`ˆÊ՘>ÊL>ÀÀiÌÌ>Êi˜iÀ}ïV>Ê>ˆÊViÀi>ˆ°Ê “«œÀÌ>˜ÌˆÃȓ>Êmʏ>ÊÀi}œ>∜˜iÊ`i½>Ìiââ>Ê`ˆÊÃi>Ê iʓ>˜ÕLÀˆœ]ÊV…iÊ`iÛiÊiÃÃiÀiʜÌ̈“>iÊ>ÌÀˆ“i˜ÌˆÊ>>Ê Õ˜}>Ê«œÃܘœÊˆ˜ÃœÀ}iÀiÊv>Ã̈`ˆœÃiÊÌi˜`ˆ˜ˆÌˆ°Ê

Yoga e relax in alta montagna UʏÊ>ÀLiÀ…œvÊ i>ÕÌÞÊEÊ7i˜iÃÃÊ,iÜÀÌÊ`ˆÊ Malles, in Alta Val Venosta (BZ), propone per l’estate tanti corsi per ritrovare l’equilibrio interiore. Perfetta location è il Giardino Zen V…iÊ`œ“ˆ˜>ʏ½ˆ˜ÌiÀ>ÊÛ>>Ì>\ʵՈʈÊÀi>ÝÊÃˆÊ nutre del padiglione degli aromi, il percorso Ž˜iˆ««]ʈÊLˆœ>}…iÌ̜]ʏiÊ✘iÊÀi>Ý]ʏ>Êvœ˜Ì>˜>Ê `ˆÊÜÀ}i˜Ìi°ÊÊcorsi riguardano i 5 Tibetani ­iÃiÀVˆâˆ]ÊV…iÊÃVˆœ}œ˜œÊˆÊLœVV…ˆÊ`iˆÊ …>ŽÀ>®]ÊÊ >ʓi`ˆÌ>∜˜iÊVœ˜ÊV>“«>˜iÊ­V…iʈ˜`ÕViÊÊÕ˜Ê profondo relax e svolge un’azione liberatoria), il rilassamento muscolare progressivo e lo ÃÌÀiÌV…ˆ˜}Ê`iˆÊ“iÀˆ`ˆ>˜ˆÊV…iÊÀˆiµÕˆˆLÀ>ʏiÊ energie. E ancora Qi Gong, Yoga, Training >Õ̜}i˜œ]Ê6ˆ>}}ˆÊ`ˆÊv>˜Ì>È>°Ê Ê«iÀÊV…ˆÊ>“>ʈÊ w̘iÃÃ]Ê>iÀœLˆV>ÊiÊ>VµÕ>Ê}ޓt Info: tel. 0473 831399, www.garberhof.com

Bambini a scuola di natura UÊ>Ê-V՜>Ê}À>Àˆ>Ê`iÊ*>ÀVœÊ`ˆÊœ˜â>ʜÀ}>˜ˆââ>Ê«iÀÊ ½iÃÌ>ÌiʏiÊSettimane Verdi, destinate a bambini dai 6 ai 10 anni,ÊiʓiÌÌiÊ>Ê`ˆÃ«œÃˆâˆœ˜iʈÊÃ՜ˆÊë>âˆÊiʏiÊÃÕiÊ >Ì̈ۈÌDÊ`ii}>˜`œÊ>Êi`ÕV>̜ÀˆÊiʜ«iÀ>̜ÀˆÊ`ˆÊi`ÕV>∜˜iÊ >“Lˆi˜Ì>iʏ>Ê«>ÀÌiʏÕ`ˆVœ‡`ˆ`>Ì̈V>°Ê*iÀVœÀÈÊiÊ >LœÀ>̜ÀˆÊܘœÊˆ`i>̈ʫiÀÊi`ÕV>ÀiʈÊL>“Lˆ˜ˆÊ>ÊÀˆÃ«iÌÌœÊ `i½>“Lˆi˜ÌiÊiÊ>ˆÊÀˆÌ“ˆÊ`i>ʘ>ÌÕÀ>]ÊÃ̈“œ>˜`œÊ>Ê Vœ˜Ìi“«œÊ>ÊÜVˆ>ˆââ>∜˜iÊiʏ>ÊVÀi>̈ۈÌDÆʜ}˜ˆÊ>Ì̈ۈÌDÊ m]ʈ˜v>Ì̈]ʈ“«œÃÌ>Ì>ÊÃiVœ˜`œÊVÀˆÌiÀˆÊÕ`ˆVˆ]ÊVœÃŒÊi bambini potranno imparare giocando.Ê>ÊÃi`iÊ`iiÊ-iÌ̈“>˜iÊ ÛiÀ`ˆÊmÊ«ÀiÃÜʏ>Ê >ÃVˆ˜>ÊÀÕÌÌi̜ÊÈÌÕ>Ì>Ê>½ˆ˜ÌiÀ˜œÊ`iÊ *>ÀVœÊ`ˆÊœ˜â>°ÊInfo: www.monzaflora.net

SPORT E SALUTE 58


Scoprire e conoscere erbe e fiori alpini U L’antica tradizione delle erbe a uso curativo e gastronomico rivive in Alto Adige, dove la raccolta di piante officinali ha visto un’importante rinascita. Le condizioni climatiche sono ideali per favorire la crescita di più di 120 piante officinali diverse; per conoscere indirizzi utili e visitare le malghe nella provincia di Bolzano: www.malvae.com. UÊC’è anche chi ha scelto di conservare l’antica tradizione della distillazione di olio dal pino mugo, come l’azienda Bergila che offre anche un bellissimo giardino visitabile a Falzes (www.bergila.it) nel cuore della splendida Val Pusteria. UÊPer assaggiare le erbe, tanti i ristoranti di alta qualità, tra cui la minuscola e incantevole malga Gostner Schwaige all’Alpe di Siusi, dove vengono proposti piatti a base di erbe di alta montagna, come la straordinaria crema di fieno servita nel pane: superlativa.

I Tropici? Sono in Svizzera! U Il Parco botanico delle Isole di Brissago, nelle acque svizzere del Lago Maggiore, festeggia quest’anno i 60 anni di attività e di apertura al pubblico, avvenuta nel 1950. Nel giardino sono coltivate circa 1.700 specie di piante, molte delle quali provengono dai Tropici e si sono ben ambientate in questo microclima particolarmente mite e fresco, ideale per una bella giornata estiva.

Info: www.isoledibrissago.it

Ulster, il posto dei giardini UÊ>ÊÀi}ˆœ˜iÊ`ˆÊBelfast, Nord Irlanda, è un vero paradiso per chi va in cerca di giardini. Nell’area ci sono varie proprietà affiliate alla prestigiosa organizzazione britannica The National Trust: i giardini di Mounstewart affacciati sul mare, i Rowallane Gardens con le loro collezioni di fiori e di piante subtropicali, i giardini di Castleward e i giardini botanici di Belfast, oasi di verde nella vivace città, sono mete da non perdere. UÊ-iÊ«œˆÊ>“>ÌiÊV>““ˆ˜>Àiʘi>Ê natura ci sono la riserva naturale di Murlough, paesaggio di dune erbose sull’oceano e, più a Nord, la celebre Giant’s Causeway, il “cammino dei giganti”, mitologica scogliera con le rocce basaltiche di forma esagonale.

Info: www.luxurybelfast.com, welcomecentre@belfastvisitor.com

VERDEUROPA TURISMO & GIARDINI www.natuweb.it

60


VERDEUROPA

A caccia di fiori di loto U Giganteschi e meravigliosi, i fiori di loto emergono in estate dalle acque tranquille dei laghi di Mantova. Visitando questa bellissima città si può avere la sorpresa di ammirare la spettacolare fioritura con una gita in barca per godersi le meraviglie della Riserva Naturale delle Valli del Mincio, ambiente palustre di rara bellezza. Info per le escursioni in barca: www.fiumemincio.it U Fiori di loto e ninfee in fiore anche nel cuore di uno dei parchi più belli d’Italia, il Parco Giardino Sigurtà a Valeggio sul Mincio, da percorrere a piedi, in bici o con le eco-car elettriche; oltre alle fioriture acquatiche, in estate sbocciano decine di migliaia di rose, uno spettacolo straordinario che si accompagna a quello dei grandi alberi e delle oniriche figure in bosso. Disponibile anche un programma di eventi musicali e una fattoria didattica con animali e spazio relax per i bimbi. Info: www.sigurta.it

DANIMARCA, giardini e arte da vivere nella natura UÊ/À>˜µÕˆ>]ÊVˆÛˆiÊiʫՏˆÌ>]ʏ>Ê >˜ˆ“>ÀV>ÊmÊÜ«À>ÌÌÕÌ̜Ê՘ʏ՜}œÊÛiÀ`i: sia per le scelte ecosostenibili che caratterizzano lo standard di vita, sia per il numero di aree naturalistiche, parchi e giardini distribuiti in queste piatte e fresche terre affacciate sul mare del Nord: una meta ideale per chi ama cercare fiori e giardini senza soffrire il caldo né trovare troppa folla. UÊÊ}ˆ>À`ˆ˜ˆÊ`iÊœÕˆÃˆ>˜>ÊÀÌÊÕÃiՓ]Êche conserva una delle più belle collezioni di arte contemporanea d’Europa, sono popolati dalle forme sorprendenti del modernismo scandinavo. I giardini di Tivoli, celebri per le loro giostre, sono in realtà un gioiello di verde e di aree naturali, ricco di laghetti e fioriture estive. Il Frederiksborg Castle è un luogo davvero fiabesco con il suo giardino barocco circondato da acque azzurre come solo il cielo scandinavo sa creare. UÊ`i>iÊ«iÀÊ՘>ÊÛ>V>˜â>Êv>“ˆ}ˆ>ÀiÊiÊ Vœ˜ÊL>“Lˆ˜ˆ]Êla Danimarca offre anche la possibilità di fare un salto in Svezia attraversando il gigantesco ponte sull’Oresund, lo stretto che separa, o meglio unisce, i due paesi nordici.

Info: www.visitdenmark.it

Cervia, città giardino tra fiori e farfalle Si rinnova per l’estate 2010 il miracolo di allegre fioriture e di giardini creativi che costellano Milano Marittima, Cervia e Pinarella. Le giardinerie comunali di molte città italiane e straniere disegnano e realizzano i giardini, disposti lungo le strade e aperti a tutti. E sempre a Cervia da non perdere la Casa delle Farfalle, ricca di creature alate tropicali.

Info: www.comunecervia.it, www.atlantide.net

61


SCELTA NATURALE I SOCI DI PROMOGIARDINAGGIO / produzione

www.promogiardinaggio.org

 ALCE SRL 42045 Luzzara RE Tel. 0522 976798 info@alceweb.com www.alceweb.com

AZ. AGR. ORTO MIO 47100 Forlì FC Tel. 0543 799097 info@ortomio.it www.ortomio.it

BAVICCHI SPA 06135 Ponte San Giovanni PG Tel. 075 393941 info@bavicchi.it www.bavicchi.it

BLUMEN SRL 29100 Località Le Mose PC Tel. 0523 573260 blumen.info@blumen.it www.blumen.it

CIFO SPA 40016 San Giorgio di Piano BO Tel. 051 6655511 info@cifo.it www.cifo.it

CLABER SPA 33080 Fiume Veneto PN Tel. 0434 958836 info@claber.com www.claber.com

DEROMA SPA 36034 Malo VI Tel. 0445 595311 info@deromagroup.com www.deromagroup.com

DI MARTINO SPA 36065 Mussolente VI Tel. 0424 8788 dimartino@dimartino.it www.dimartino.it

ERBA SRL 20060 Bussero MI Tel. 02 95039114 erba@erbasrl.it www.erbasrl.it

EUROEQUIPE SRL 40056 Crespellano BO Tel. 051 734808 hidroself@hidroself.it www.hidroself.com - www.sandokan.com

EXEL GSA 69653 Villefrance Cedex - Francia Tel. 0033 4 74624848 exelgsa@exelgsa.com www.exelgsa.com

FERRARI GROUP SRL 43022 Basilicagoiano PR Tel. 0521 687125 info@ferrarigroup.com www.ferrarigroup.com

FERTIL SRL 24050 Calcinate BG Tel. 035 4423299 info@fertil.it www.fertil.it

FITT SPA 36066 Sandrigo VI Tel. 0444 461000 info@fitt.it www.fitt.it

FLORAGARD VETRIEBS GMBH 26135 Oldenburg - Germania Tel. 0049 441 2092187 sassi@floragard.de www.floragard.com

FLORMERCATI SOC.COOP. AGR. 25018 Montichiari BS Tel. 030 9981381 info@flormercati.it www.flormercati.it

FRANCHI SEMENTI SPA 20123 Milano MI Tel. 035 526575 info@franchisementi.it www.franchisementi.it

GF SRL 42015 Correggio RE Tel. 0522 637301 info@g-f.it www.g-f.it

GUABER SRL 40050 Funo BO Tel. 051 6649112 info@guaber.com www.guaber.com

IPIERRE SIROTEX SPA 37057 San Giovanni Lupatoto VR Tel. 045 8750388 1 info@ipierresirotex.com www.ipierresirotex.com

ITAL-AGRO SRL 26857 Salerano sul Lambro LO Tel. 0371 71090 ital-agro@ital-agro.it www.ital-agro.it

K+S AGRICOLTURA SPA 20031 Cesano Maderno MI Tel. 0362 5121 info@compoagricoltura.it www.compoagricoltura.it

KOLLANT SPA 35100 Padova PD Tel. 049 9983000 info@kollant.it www.kollant.it

NICOLI SRL 36070 Brogliano VI Tel. 0445 947344 info@nicoli.com www.nicoli.com

ORVITAL SPA 20019 Settimo Milanese MI Tel. 02 3355591 info.orvital@orvital.it www.orvital.it

OXADIS SA 26100 Cremona CR Tel. 0372 41279 oxadis@tin.it www.vilmorin-jardin.fr

PLASTECNIC SPA 23888 Perego LC Tel. 039 5311271 plastecnic@plastecnic.it www.plastecnic.it

PROMOSEEDS ITALIA SRL 47023 Pievesestina di Cesena FC Tel. 0547 313796 info@promoseedsitalia.com www.promoseedsitalia.com


produzione I SOCI DI PROMOGIARDINAGGIO / distribuzione servizi

Dom Sementi

RAMA MOTORI SPA 42100 Reggio Emilia RE Tel. 0522 481111 verdemax@rama.it www.verdemax.it

SCOTTS ITALIA SRL 31100 Treviso TV Tel. 0422 436331 infoitalia@scotts.com www.scotts.com

SDD SPA 33050 Mortegliano UD Tel. 0432 760442 F info@sementidotto.it www.sementidotto.it

SGARAVATTI TESSILE SRL 35020 Ponte San Nicolò PD Tel. 049 8968061 info@sgaravatti.eu www.sgaravatti.eu

TELCOM SPA 72017 Ostuni BR Tel. 0831 348111 telcom@telcomitalia.it www.telcomitalia.it

TENAX SPA 23897 Viganò LC Tel. 039 92191 customer.service@tenax.net www.tenax.net

TOTAL PACKAGING SRL 24047 Treviglio BG Tel. 0363 562298 info@totalpackaging.it www.vipot.it - www.tpenergy.eu

VALAGRO SPA 66041 Atessa CH Tel. 0872 8811 info@valagro.com www.valagro.com

VIGORPLANT ITALIA SRL 26861 Fombio LO Tel. 0377 430349 info@vigorplant.it www.vigorplant.it

WEBER STEPHEN PRODUCT ITALIA SRL 36030 Povolaro Di Dueville VI Tel. 0444 360590 info-italia@weberstephen.com www.barbecueweber.it

ZAPI INDUSTRIE CHIMICHE SPA 35026 Conselve PD Tel. 049 9597700 info@zapi.it www.zapi.it

BIA FRATTELLI SRL 43100 Parma PR Tel. 0521 253300 segreteria@biagardenstore.it www.biagardenstore.it

BOTANIC ITALIA SRL 20123 Milano MI Tel. 0141 091900 contact@botanic.com www.botanic.com

CENTRO DEL VERDE TOPPI SRL 21040 Origgio VA Tel. 02 96732323 market@toppi.com www.toppi.com

CENTRO VERDE GIOVANNELLI SAS 54100 Massa MS Tel. 0585 250318 massa@centroverdegiovannelli.it www.centroverdegiovannelli.it

CRESPI BONSAI SRL 20015 Parabiago MI Tel. 0331 491850 info@crespibonsai.it www.crespibonsai.com

FASOLI PIANTE SNC 28100 Novara NO Tel. 0321 468866 info@fasolipiante.com www.fasolipiante.com

FLORARICI 25131 Brescia BS Tel. 030 2681618 info@florarici.it

FLOVER SRL 37012 Bussolengo VR Tel. 045 6770100 segreteria@flover.it www.flover.it

GARDEN TEAM 28100 Novara NO Tel. 0321 468866 info@gardenteam.it www.gardenteam.it

GIARDINERIA SRL 23013 Magenta MI Tel. 02 9721961 info@giardiniera.com www.giardineria.com

GIARDINIA SCARL 24050 ORIO AL SERIO BG Tel. 039 6042136 info@giardinia.it www.giardinia.it

SOCIETÀ AGRICOLA DEL LAGO SRL 21100 Varese VA Tel. 0332 320788 giacomo@agricoladellago.it www.agricoladellago.it

STEFLOR SAS 20037 Paderno Dugnano MI Tel. 02 9187505 info@steflor.it www.steflor.it

VIRIDEA SRL SOCIETA’ AGR. 20090 CUSAGO MI Tel. 02 90390787 info@viridea.it www.viridea.it

GRUPPO EDITORIALE A.D.TREND SRL 41037 S.Martino Spino MO Tel. 0535 33008 info@ad-trend.it www.ad-trend.it

COLLINS SRL 20141 Milano MI Tel. 02 8372897 greenline@netcollins.com www.netcollins.com www.mondopratico.it

ESPRITHB 20123 Milano MI Tel. 02 43982872 info@esprithb.it www.esprithb.it

FLOWERPASSION 21046 Malnate VA Tel. 0332 860499 lansdorp@libero.it

MNCG SRL 20156 Milano MI Tel. 02 48518630 info@mncg.it www.mncg.it

SPAZIO TRE SAS 20159 Milano MI Tel. 02 69001255 spaziotre@spaziotre.it www.spaziotre.it

SPREA EDITORI SPA 20063 Cernusco S/Naviglio MI Tel. 02 924321 editori@sprea.it www.sprea.it

UNACOMA - COMAGARDEN 00159 Roma RM Tel. 06 432981 comagarden@unacoma.it www.unacoma.it

GIUNTI EDITORE SPA 50139 Firenze FI Tel. 055 5062318 info@giunti.it www.giunti.it


Natù Maggio 2010  

Natù Il magazine che accompagna la voglia di natura e di benessere

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you