Page 1

Il topo e suo figlio di Russell Hoban

Osservazioni in libertà a cura dei ragazzi della 1^A della scuola secondaria di I grado “A. Gramsci” di Lodi Vecchio (LO)


[Mattia]

• Ogni giovedÏ facevamo un gioco sui capitoli che la prof. ci aveva assegnato per quel giorno; a gruppi dovevamo rispondere alle domande secondo un preciso punteggio stabilito sulla base delle difficoltà delle risposte: cinque, dieci o venti punti. Ha collaborato anche la prof. di Arte che doveva valutare i nostri disegni.


[Ivan C. ]

• Abbiamo fatto un gioco a squadre, a chi vinceva la prof. offriva delle merendine. Io non leggevo perchÊ non sono abituato, ma ho seguito la storia durante il gioco: due topi meccanici cercano di imparare l’ autocaricamento. Saranno aiutati dal loro nemico: Ratto Manny. Prometto di leggere il prossimo libro .


[Giada]

• Il gruppo che vinceva guadagnava una merendina. Il mio gruppo ha vinto una volta. Questo libro mi è piaciuto molto, mi ha fatto capire che gli amici ti possono aiutare quando sei in difficoltà .


illustrazione di Paola Doglioni


[Lorenzo]

• I vincitori andavano alla macchinetta a prendere una merenda oppure la prof portava le crostatine al cioccolato. Io sono diventato una tassa per la prof!

Questo libro mi è piaciuto tantissimo, sono stato con i miei amici, ho disegnato e ho mangiato merendine al cioccolato.

[Ben]


[Andrea]

• Ho avuto un po’ di difficoltà a leggere tutto il libro, allora mi sono fatto aiutare. Questa attività mi piace molto. Quando trovavo parole di cui non conoscevo il significato, dovevo andare a cercarle sul vocabolario.


[Alessia]

• La mia amica ha dato l’idea alla prof. di costruire un libro tutto nostro con i disegni che raffigurano i personaggi della storia. Le domande che faceva la prof. permettevano di verificare se il libro lo avevamo letto oppure no.


• La classe, secondo me, [Simone A.] ha lavorato molto bene, soprattutto durante il gioco a squadre. • All’inizio avevo qualche difficoltà perché non capivo bene tutto, poi però sono entrato nella storia ed ho cominciato a capire. Alcune parole non sono riuscito a trovarle sul vocabolario. Questo libro mi ha insegnato a non arrendermi mai, chi ha bisogno del cosiddetto “autocaricamento” sono pronto a prenderlo sulle mie spalle e farlo diventare lettore di seria A.


[Aurora]

• La mia squadra mi è piaciuta molto e tutti hanno dimostrato di essere persone molto speciali, anche le persone che non riuscivano a leggere tutto. Si sono dati da fare per aiutare la prof. a scrivere i punteggi. Vorrei che questa attività ci accompagnasse fino alla terza media.


illustrazione di Paola Doglioni


[Giorgia]

• Mentre lavoravo a casa e leggevo il libro, pensavo alle diverse scene e mi immedesimavo nella storia, fingevo di essere uno dei personaggi come il topo e suo figlio nello stagno o Ratto Manny nell’immondezzaio. E’ stato emozionante leggere questo libro. Sapete? Lo leggerò ancora ancora ancora …


[Marco]

• In realtà è il primo libro che leggo. Forse è il gioco che facciamo che mi fa venire voglia di leggere, dobbiamo rispondere a tante domande in squadra. Questo libro mi ha insegnato ad andare avanti e a non fermarmi davanti alle difficoltà.


[Matteo]

• A me il lavoro è piaciuto anche se io non amo lavorare in gruppo. Mi piacerebbe leggere, ma poi aiutare la prof. Non ho mai letto, il lavoro a casa è molto duro per me perchÊ i compiti sono tanti per tutte le materie.


[Simone V.]

• Io mi sono divertito tanto, anche quando vincevano gli altri, mi sentivo comunque contento. Sono uno sportivo. Mi piaceva anche quando dovevamo andare a cercare le parole sulla nostra rubrica. Siamo stati in ballo circa un mese e mezzo. Ci siamo comportati tutti in modo civile.


[Camilla]

• Con questo metodo io capisco meglio il libro, le domande sono difficili e per questo ti spingono a leggere con piÚ attenzione. Dobbiamo trovare un modo per aiutare i gruppi deboli.


illustrazione di Paola Doglioni


[Ivan P.]

• Solo una volta mi è capitato di non leggere tutto il capitolo. Di solito leggo alla sera, sdraiato sul letto. E’ stato uno dei libri piÚ belli che ho letto, anche se veramente non ne ho letti molti .


[Marco S.]

• Un mio desiderio sarebbe giocare con la 1°C. Ho imparato che dobbiamo superare la paura di uscire e andare nel mondo, come hanno fatto il topo e suo figlio .


[Simone V.]

• Io mi sono divertito tanto, anche quando vincevano gli altri, mi sentivo comunque contento. Sono uno sportivo. Mi piaceva anche quando dovevamo andare a cercare le parole sulla nostra rubrica. Siamo stati in ballo circa un mese e mezzo. Ci siamo comportati tutti in modo civile.


illustrazione di Paola Doglioni


[Simone V.]

• Io mi sono divertito tanto, anche quando vincevano gli altri, mi sentivo comunque contento. Sono uno sportivo. Mi piaceva anche quando dovevamo andare a cercare le parole sulla nostra rubrica. Siamo stati in ballo circa un mese e mezzo. Ci siamo comportati tutti in modo civile.

Il topo e suo figlio  

Osservazioni in libertà dei ragazzi della 1^A della scuola secondaria di Lodi Vecchio

Advertisement