Page 1

L

u

c

i

a

B

a

r

b

a

g

a

l

l

o


PS

T he following

projects, describe the main directions of my art research . All of these projects are besed on the perception, that I consider is the first exercise to stimulate the imagination: the faculty to think what is still not exist or the changing the existent. Its developing depend on people’s several aspects such as life style and background, in which imagination and perception determinate the personality. Imagination could be consider a form of hope and it is the ground to built a better worlds where diferences are celebrate.


SW90LA Trekking#1

2010 60x30 each Inkjet print on matt sheet

The trekking project is a work in progress made during several travels and

around the globe. It analyze, by the walking and observation, landscapes from social and urban point of view. This kind of approach to the landscapes conced to be sensible over the ongoing time. Moreover it is a form of mapping, of the territories.

SW90LA Trekking#1 is the first of a series of Trekking. This Trekking was done

in the Lambeth area (London) and analyze the urban social landscapes in relation with the sunset and lack of sun.Indeed on left down side of each pic is report the time of the start of sunset at the place where I was, at the time of take a picture.

pics from Trekking Archive


SW90LA Trekking#1


SW90LA Trekking#1


253KM Trekking#2

2010 26X42 each Inkjet print on matt sheet

253 Km Trekking #2 is made in the part of Italy closer (about

253km) to balcan area during the north wind period. This wind is typical in the seaside area and it determinates the climate, atmosphere and change all over the landscape both italian than balcan. The two areas are divided by the sea, but the wind make them united. The differences between one each other are just for political and burocracy reasons. On the left down side is reported the exactly distance between the point where I take the photo and the point opposite beyond the sea.


253Km Trekking#2


C첫ige Uladh Trekking #3 2010 60x30 each Inkjet print on matt sheet

C첫ige Uladh Trekking#3 is made during a hitch-hiking trip around

the Northen Ireland. About 50 images show the places marked by the war, from civil houses and buildings, used as refuge, upon the north coast to centre of fight in Belfast and (London)Derry. Time and date placed on right and left down side, highlight the changes of wheather and wide range of seasons in the some day. MAP


C첫ige Uladh Trekking#3


C첫ige Uladh Trekking#3


Rollercoaster Trekking#6 2011 30x60 each inkjet on matt sheet

11693 Trekking#6 is done along the Rockaway Beach and coney Island, two places where European Immigrants move there during severals historical period. A mixture of culture as architecture is settled there. On left down side is reports the distance between the origin country and place potraited.


11693 Trekking#6


Pippa’s Bogie 2011 video DV 12’

Visual Landscapes & Architecture is a video project, focus on several

architectural structures settled in various enviromental context. This project, made by short movies (no more than 15’ each) analyze what is the architecture fuction, how they are used and how they are crossed.

Pippa’s Bogie is the first video and concern on Renzo Piano’s Building settled in a small city in north west of Italy. When I show this video for art exhibition or art contest, the only senteces I use for explane the work is: Pippa’s Bogie should have been an estate, but it became a ship of time. The sound is take from the real during the video recording or is the elaboration of the original and partially refer to all possible ship noise.


Pippa’s Bogie


Catherine Wheel The quarry walk 2012 9’ Video Full HD

A mountain is still eating by human being. At the time of the financial crunch, Human being are planning to destory a mountain in order to create spaces for new estates, housing and spaces for leisure time activities. This video is a potrait of the mountain before its passing. It also describes the conflict between the massive and sublime features of the nature and human intervention over the enviroment. In the film, the images of quarry, highlight the human inner conflict between the consumption of the mountain, building a quarry, and a the some time the shame of his action, hiding it by trees and fake garden. Catherin Wheel is the name of the acrobat fly by paraglinding at the end of the film.


Catherine Wheel


Margaret

20010-2012 40x50 Digital print

sunday 2010

Margaret is a personal homage to Margaret Thatcher, made by a visual overview on the country from a foreign point of view. This work is also made to keep in mind and claim that if we would like to be respected we have to be honest.

ID 2010


Margaret #1


Margaret #2


Margaret #3


DIY#0 Couch Potatoes 2011 Publishing Project 20x20

Couch Potatoes is the first number of DIY magazine, a publishing project created to talk

about art in relation with urban and social framework, also animated by personal or others life experience related to the topic of the review. Each number of the review has a own topic. Couch Potatoes issue focus on walking and analyze this topic from artistic, political, social and life experience point of view. In Couch Potatoes, the walk is deal in severals way, as we can see in the index.


c o u c h

p o t a t o e s

appunti per una proposta di ricerca

I N D I C E

TREKKING#6

TREKKING#1 Premessa Sposto Tutto di Qualche Metro…

TREKKING#4

Riot

Fotoromanzi Urbani

TREKKING#2

Thomas Struth

Introduzione Torno a Casa a Piedi

Louidgi Beltrame

Mark Wallinger& Brian Haw State Britain Jeremy Deller Battaglia di Orgreave Critical Mass

TREKKING#3 Sconfinamento rurale Werner Herzog

Sentieri nel ghiaccio

Ricchard Long A line made by walking Hamish Fulton Eight day wandering walk in central Saskatchewan Ramblers&Hobo

Architetture Energodar

Francesco Jodice

City Tellers

TREKKING #5 Combact Walk Pellegrina della Pace Francys Alys Willie Doehrthy Talhen daryanavard Isaac Julien

28 anni Green Line

Empty Strategy Safar

TREKKING#7 Ginnastica Edmund Hillary & Tensing Norgay Everest Brigitte Buheler & Dieter Hormel a-b-city Lottie child Climbing Club Cinematica Raphael Zarka Une Journèe Sans Vague George Hebert, David Belle, Hubert Kounde Parkour Percorsi

Territories

DIY Couch Potatoes -index-

TREKKING#8 Nuvole Kibbutz Alexamdra Mir First woman on the moon TREKKING#9 Sposto tutto di qualche metro…


T H O M A S

S T R U T H

Thomas Struth è un artista CHE spese gran parte della sua vita ad analizzare lo spazio urbano attraverso lo spostamento fisico nei diversi luoghi, l’uso proprio dello sguardo.

L’elemento fondamentale di tutta la sua ricerca artistica è l’occhio e la relazione tra uomo e ambiente. Nel 1976 Thomas Struth, ancora studente, iniziò a fotografare le deserte strade di Dusseldorf, determinando così un personale approccio pragmatico all’arte. Le prime serie fotografiche erano in Bianco e nero, riguardavano tagli urbani, fughe, angoli cittadini, spazi incolti, vedute bianco-nere prive di qualsiasi attività e presenza umana. Gli spazi sono osservati nella loro più cruda e desolata realtà e restituiti attraverso il filtro emotivo. L’assenza della presenza umana carica di vuoto e desolazione i luoghi e li disarma di ogni possibile vitalità. Lo sguardo di Thomas Struth, è figlio dei suoi maestri e dei suoi amici, è uno sguardo reale, pragmatico e silenziosamente critico. L’osservazione dei luoghi avviene attraverso l’attraver-

DIY Couch Potatoes -p.35-

samento e l’immersione nei luoghi stessi. Negli anni successivi Thomas Struth iniza a girare il mondo: Berlino, Londra, Brussel e New York e altre metropoli diventano gli studi d’indagine artistica. Camminò per interi quartieri sondò territori dove la presenza umana si annulla e lascia spazio alle linee di demarcazione del suo passaggio: edifici, strade, strutture riprese non nella loro funzione, ma nella loro identità malinconica del loro persistere e deperire. Più tardì Thomas Struth introdusse anche l’uso della pellicola a colori. Non a caso quello che Thomas Struth compie con le serie fotografiche è un’analisi documentaria quasi scientifica del presente scrutato con sguardo nostalgico. Vie, strade, quartieri popolari fotografati come se fossero dei ritratti a persone. In realtà egli unisce il paesaggio urbano ai sentimenti umani e alla sua condizione nello spazio.


i s a a c

j u l i e n

Isaac Julien è nato e cresciuto nella Londra degli anni Settanta – Ottanta, anni di cambiamenti radicali nella politica, nella società e nella cultura Inglese. L’apertura delle frontiere alle ex colonie Inglesi portò molte persone a trasferirsi dall’Africa e dall’Asia in Inghilterra. Spesso l’integrazione tra i popoli divisi tra l’affermazione identitaria e la conservazione di antichi valori causava gravi scontri. La monarchia viene messa in discussione, il popolo non accetta più di identificarsi come suddito di un sovrano, ma come singole persone emancipate, l’affermarsi della cultura punk che critica le istituzioni e ogni forma di conservatorismo mettendo in campo la possibilità di vivere nella libertà assoluta, nel rispetto e nello scambio culturale con l’ideale della cultura fai da te, per il quale tutti siamo capaci di costruire la propria vita e prenderne parte. A Carnaby Street si vende la prima minigonna e a Brixton ci sono le prime manifestazioni antirazziali.

KING NO PARKING-KING NO PARKING-KING NO PARKING-KING NO PARKING-KING NO PARKING-KING NO PARKINGGran parte del lavoro artistico di Isaac Julien ruota attorno al problema dell’integrazione sociale e culturale e all’identità dell’uomo allo scopo di rompere ogni sorta di barriera che determina categorie o generi. Un’idea che si riflette anche nell’ eterogeneo uso consapevole dei linguaggi artistici, dal disegno, alla fotografia, al film, pittura, istallazione, la poesia. I suoi

K I N G N O P A R K I N G K I N G N O P A R K I N G K I N G N O P A

progetti includono anche dei saggi che lui stesso scrive sulle classi sociali, la sessualità, l’arte e la storia culturale che, a volte, rientrano nei film o documentari come voci fuori campo o nei dialoghi. L’idea principale di Isaac Julien non è tanto quella di radere al suolo i confini e i generi umani, ma quella di prendere consapevolezza delle mura che dividono le persone e superarle propo-

K I N G N O P A R K I N G K I N G N O P A R K I N G K I N G N O P A

nendo una propria visione. Il punto di vista è talvolta quello della poesia intravista in immagini malinconiche che portano l’interlocutore a interrogarsi sulle tematiche affrontate. Territories è un film realizzato nel 1984. è una problematica globale che ha senso discuterla solo se l’intero mondo prende coscienza di tale esperienza.

DIY Couch Potatoes -p.445-


B R I A N

&

M A R K

(H A W & W A L L I N G E R)

Incontravo Brian Haw quasi ogni giorno, mentre passeggiavo da Oxford Street verso il ponte di Wauxhall, passando davanti alla Casa del Parlamento. All’inizio vedevo solo delle tende fissate nel Prato della pace di Parliament Square, poi dopo un po’ di tempo ho capito che c’erano anche degli striscioni e cartelloni che aumentavano giorno dopo giorno e che quello che vedevo non erano dei Boyscout in gita, ma delle persone guidate da Brian che stavano mettendo in atto una vera e propria manifestazione di protesta contro tutte le guerre nel mondo. Più il tempo passava e più la manifestazione si ampliava, non solo nel numero di persone che vi aderirono, ma anche nel suo manifestarsi nei diversi eventi auto-organizzati. La vita precaria condivisa si contrasta con la costanza della protesta, i manifestanti per non lasciare incustodito il terreno occupato, organizzano dei veri e propri turni, in modo tale anche da far coincidere la vita privata con la responsabilità civile e l’attivismo politico.

Brian Haw è un attivista politico, residente a Londra. Dal 2 Giugno 2001 vive nel Prato della pace in prossimità del Parlamento allo scopo di manifestare contro le guerre nel mondo con particolare riferimento alla guerra in Iraq. La battaglia di Brian How è una manifestazione aperta ad ogni suo possibile sviluppo nel tempo a seconda anche di chi interviene e la sostiene, è iniziata come azione illegale e individuale, ma grazie al supporto di alcuni parlamentari e esponenti della politica inglese tra cui Tony Ben, la manifestazione è diventata un movimento legale. Per mezzo dei supporti che provengono da vari fondi, associazioni e campagne elettorali Brian Haw riesce ad alimetare la campagna di sensibilizzazione per il disarmo mondiale. I cortei di Brian Shaw sono composti di un’enorme quantità, quasi spropositata, di slogan fatti con i materiali tipici utilizzati durante le manifestazioni popolari, (come vecchi lenzuoli, cartoni di scarto, pennarelli consumati, fogli protetti con celophan) e mantengono nell’impostazione grafica una costruzione rudimentale e primitiva che

DIY Couch Potatoes -p.58-

acquisiscono forza proprio nella loro quantità. La manifestazione diventa interessante nel momento in cui si percepisce che la partecipazione e la sua spettacolarizzazione fluttua nel tempo, per cui a volte occupa spazi pubblici interi, mentre in altri casi è una presenza silenziosa. Oltre agli slogan ci sono delle tende da campeggio, utilizzate dai dimostranti per dormire e nei giorni di festa o durante il sabato pomeriggio, quando la città si affolla di persone, le manifestazioni sono accompagnate da musica reggae e barbecue in cui tutti possono prendere parte. Uno degli ultimi slogan esposti Auschwitz, Dachau, Iraq, è stato stampato su delle magliette bianche che sono state distribuite per le strade. I passanti le hanno indossate mentre camminavano per le strade del centro di Londra. Inconsapevolmente le persone hanno formato un corteo per la fine della guerra in Iraq sparpagliato per gli spazi della città. La battaglia di Brian Haw è diventata una delle espressioni politiche e sociali più in vista proprio per il suo carattere aperto e costante.


Ti Aspetto Qui 2012

I will wait you here, Where, when and who are not declared. Stone, surface and rocks could probably refer to a skateboarding pool. In a complex they are landscapes. Ti aspetto qui is also an homage.


Geyser 2010


Here or Elsewhere 2012 20x40

In Devon, upon the Dartmoor Nationa Park, when a dear died, people use to assign them a peack. Therefore people use to walking along the paths or reach the peack to commemorate and celebrate their dears missed.


C h r i s t i e


J e


In the midlle of the sun 2012 20x35

Could be find in front of a wall.....anyway, in the midlle of the sun.


Did you enjoy your self today? 2008 80 slide 21x29

This is an application form to book a bed in a hostel.


Sunset

2008 photography/video 50x70/21x29


Inès Ridémas

2010 (10 Polaroid film) Photography/Urban booklet

Inès Ridémas is alive person. This work is made for her. Wherever she is, a booklet will be deliver to her by someone. This is the reason of the work.


Handball 100x70/4x4

photography and sport


Jelly-Fish Cacophonia#1

2013 video full HD (undercostruction)

This is a film about a trip to looking for a own place in this world. Experiences, people met and observation of the territories are the protagonists of the story.


Jungle

2013 video full HD


CV L

u

c

i

a

B

a

r

b

a

g

a

l

l o

\\1987// Lives and Works in Oggiono (LC,) Milan, London

Education 2013 Master in ADV Art Direction and Copywriter, IED Milan 2012 Ethnomuseum and Ecomuseum, Centre of Terriotiry Studies, Bosisio Parini 2010-2011 MFA Visual Arts Brera Academy of Fine Art, Milan  2009-2010 Erasmus Exchange LPP program Photography and Live and Performance Practice   University Of the Arts Camberwell College of Fine Art, London  2006-2009 BFA Visual Arts Painting Brera Academy of Fine Art, Milan    

EX-Polis, La triennale Museum and Fabbrica del Vapore edit by M.M.Luzi, Milan Open#3 Sa.L.E. dock edit by Bert Theis, Venice  Milano Photofestival, Milan  2010 

Art Residence

Salon Primo, to Permanente Museum, Milan é ex sala dei templari e ex chiesa della morte edit by G. Centrone, Molfetta (BA)  Show Desk, edit by A.Spinelli e V. DelBaglivo, Isola Art Centre, Milan  Fat Tim House Party, edit by A.L.Lopez del La Torre and M.McGowen   to Flat Tima House, John Lathem Museum, London 

2010 DENA Foundation for contemporary art (centre d'accueil Le Recolletes), Paris   

2009

Awared/Prize/Scholarship/Selection

MostraMI, Photofestival to Area Eventi, Milan edit by R.Costantin and R.Mutti   

2012 Selected by Francesca di Nardo for Schermo dell’Arte Prize edit by Schermo dell’arte cultural association. 2011 Scholarship, Master of Design to IED edit by MAGA Museum  2011 Next Arts , 1st classificated, MAGA Gallarate Museum of Art 2010 DENA Foundation scholaship edit by Fodazione Cariplo and FARE 2006 Lecco City Prize, Painting Section, Lecco

Exhibition  2013 Solo Exhibition to Artra Gallery (Upcoming) Work/vore Neoassociazione Culturale, Buttrio, Villa Toppo, edit by Paolo Toffolutti 2012 Cose Cosmiche#3 Galleria Artra Milan Coordinate Ellittiche Care Off Milano Home Street Home, Carteblache Festival Interdisciplinaire, by Lèa Volle and Amelie Ethore, to Peniche Cinema, parc de la Villette,  Paris, VideoZero, a cura di Francesco Ballo, Careof Fabbrica del Vapore, Milano Present&Projet N°9, edit by Jeune Creation, Citè International Des Arts, Paris Double Act #1 Is It Really Now?  A cura di Dario Bonetta, Galleria Artra, Milano 2011  Next Art,Museo MAGA, Gallarate (Milano) Jeune Creation, International exhibition of young Artist to Espace 104, Paris edit by Jeune Creation


KIT

L u c i a E-mail: M o b M o b

b a r b a g a l l o

luciabarbagallo.diy@gmail.com I T U K

: + 3 9 3 4 9 5 4 4 4 3 5 9 : + 4 4 7 5 8 7 0 7 8 3 2 0

w w w . l u c i a b a r b a g a l l o . e u

Lucia Barbagallo Portfolio 2013  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you