Page 1

... IL CINEMA? BELLA SCOPERTA. : : ..

18TH

OPEN PLATFORM FOR INTERNATIONAL CINEMA

www.milanofilmfestival.it

RASSEGNA STAMPA ,, GU ,,, .. MP TA K D E LE


RASSEGNA STAMPA  

AGENZIE   30  aprile    

25 luglio      

27 agosto  

   

29 agosto    

3 settembre        

 

12 settembre      

ADN KRONOS   AGR  PRESS  

IL VELINO  

OMNIMILANO

GDA PRESS   ANSA  

PRIMAONLINE TMNEWS  

ADN KRONOS  

QUOTIDIANI   24  luglio  

LA REPUBBLICA  –  Milano  

22 agosto  

CORRIERE DELLA  SERA  –  Milano  

29 agosto  

CORRIERE DELLA  SERA  –  Milano  

 

 

   

31 agosto    

Cinque film  anticipano  il  Milano  Film  Festival  

“Paper in  motion”  al  Milano  Film  Festival  di  Giancarlo  Grossini   I  corti  migliori  vanno  in  metropolitana  di  Giancarlo  Grossini    

LA REPUBBLICA  –  Milano  

Due giorni  di  corti  nel  metrò  Garibaldi   MILANO  FINANZA   Martedì  3  


2 settembre  

IL FATTO  QUOTIDIANO  

IL GIORNALE  –  Milano  

     

4 settembre    

Agenda

Una maratona  di  cinema  sperimentale  di  Patrizia  Rappazzo   AVVENIRE  -­‐  Milano  

Il Milano  Film  Festival  apre  al  non  profit.  E  Banca  Prossima  dà  sessantamila     euro  di  Tino  Redaelli    

CORRIERE DELLA  SERA  –  Milano   La  bella  età  di  Alberto  Pezzotta  

“Io e  una  drag  queen  a  pulire  salmoni  in  Alaska”  di  Alberto  Pezzotta  

Immagini rubate,  animazione  e  tragici  dettagli.  Storia  di  Shin  sopravvissuto   ai  lager  nordcoreani  di  Marco  Del  Corona    

IL GIORNALE  –  Milano  

Dal Piccolo  a  parco  Sempione  una  maratona  di  film  e  concerti  

IL GIORNO  –  Milano  

Milano Film  Festival  parla  cinese  di  Diego  Vincenti  

LA REPUBBLICA  –  Milano  

Film festival  –  Dallo  sboom  asiatico  al  crack  greco  le  crisi  aguzzano  l’ingegno   dei  registi  di  Simona  Spaventa  

PUBBLICITA’ ITALIA  

Milano Film  Festival,  crescono  sponsor  e  partner  per  i  18  anni  di  Valeria   5  settembre      

       

 

Zonca  

CORRIERE ADRIATICO  -­‐  Fermo   Comincia  il  Milano  Film  Festival  

CORRIERE DELLA  SERA  –  Milano  

Øye, il  norvegese  che  adora  Mina  di  Raffaella  Oliva   LA  PROVINCIA  

Via al  Film  Festival  –  Pronti  200  titoli  di  Bernardino  Marinosi    


LEGGO -­‐  Milano  

6 settembre  

LA REPUBBLICA  –  Milano  

CORRIERE DELLA  SERA    

IL GIORNO  –  Milano  

7 settembre  

IL MANIFESTO  

LA REPUBBLICA  –  Milano  

 

 

 

 

Ciak Milano  Film  Festival  di  Carlo  Mandelli  

Corti, che  Cuccagna.  26  film  in  una  notte  di  Mariella  Tanzarella  

Gore Vidal  dalla  A  alla  Zeta  nel  suo  ultimo  documentario  americano  

Milano Film  Festival  tra  Oberdan  e  Strehler  

I ribelli  della  logistica  adesso  hanno  un  film  di  G.  Sai.  

Cinema di  lotta  di  Simona  Spaventa  

Milano Film  Festival.  Ecco  i  luoghi  da  cinema  

8 settembre    

IL GIORNO  –  Milano  

LA STAMPA  –  Aosta  

Il lavoro,  un  “miraggio  all’italiana”  che  approda  al  Milano  Film  Festival  di  E.   Mar.  

LA REPUBBLICA  –  Milano  

Celona e  Nàdar  Solo  in  Piazza  del  Cannone  

9 settembre  

Alla maratona  di  celluloide  il  ghetto  americano  di  Licks  

 

PUBBLICITA’ ITALIA  

IGP Decaux  porta  il  cinema  del  Milano  Film  Festival  in  metropolitana  

10 settembre    

CORRIERE DELLA  SERA  –  Milano  

Al Milano  Film  Festival  c’è  Bowie  in  “Labyrinth”  

 

IL GIORNO  –  Milano  

David Bowie  edizione  profumata  

   

IL GIORNALE  –Milano  


LA PROVINCIA  

Il Film  Festival  visita  i  luoghi  del  cinema  di  Nicola  Falcinella  

LA REPUBBLICA  –  Milano  

Volti da  festival  di  Simone  Mosca  

In ricordo  di  Paolo  Rosa  

11 settembre    

CORRIERE DELLA  SERA  –  Milano  

LA REPUBBLICA  –  Milano  

12 settembre    

IL MANIFESTO  

METRO

L’osservatorio di  Nanof  in  ricordo  di  Paolo  Rosa    

Gore Vidal,  l’energia  vitale  di  un  aristocratico  outsider  di  Cecilia  Ermini  

Øye canta  da  solo  in  italiano  di  D.  P.    

Øye canta  in  italiano  al  Parco  Sempione  di  Andrea  Morandi  

 

13 settembre              

     

 

14 settembre  

LA REPUBBLICA  –  Milano   AVVENIRE  

Il meglio  del  non  profit  diventa  un  film  di  Andrea  Di  Turi   CORRIERE  DELLA  SERA  –  Milano  

Tensioni dalla  Svezia  e  aperitivo  in  terrazza  di  Giancarlo  Grossini   CORRIERE  DELLA  SERA  –  Milano  

Giamaica a  Lambrate  di  Laura  Vincenti   IL  GIORNALE  –  Milano  

Cinema politico  all’Oberdan  –  focus  sul  regista  Sylvain  George   PUBBLICITA’  ITALIA  

Milano Film  Festival  e  Banca  Prossima,  60  mila  euro  una  web  serie  sul  non   profit  

IL FOGLIO  QUOTIDIANO  

Pop Corn  di  Mariarosa  Mancuso  


LA STAMPA  

15 settembre  

CORRIERE DELLA  SERA  

     

Surf e  amore:  Disney  lancia  “Teen  Beach  Movie”    di  Adriana  Marmiroli   Quel  genocidio  in  Indonesia  rievocato  senza  una  lacrima  di  Paolo    Mereghetti   CORRIERE  DELLA  SERA  –  Bergamo   Shak  &  Speares  Inglesi  di  Napoli  

CORRIERE DELLA  SERA  –  Milano  

Milano Film  Festival  premiazione  allo  Strehler  

16 settembre    

L’UNITA’

17 settembre  

Dalla parte  degli  “invisibili”  di  Paolo  Calcagno   CORRIERE  DELLA  SERA  –  Milano  

 

19 settembre  

Le radici  del  reggae  si  perdono  all’ex  Bazzi  di  Matteo  Speroni  

LA REPUBBLICA  –  Milano  

Segnali di  ripresa  di  Andrea  Kerbaker   LA  STAMPA  -­‐  ed.  Aosta  

Crisi e  lavoro,  “Mirage  à  l’italienne”  centra  due  premi  al  Milano  Film  Festival   di  E.  Mar.    

LA GAZZETTA  DELLO  SPORT  

Cantona “stallone”  in  un  film  erotico        

SETTIMANALI  

24 luglio    

F

Se la  famiglia  si  trasforma  in  un  inferno,  i  figli  si  riempiono  di  cicatrici.   Nell’anima  di  Gaia  Giorgetti  

31 agosto  

D –  La  Repubblica  

AGENDA


R Club  

NUOVO CINEMA  

3 settembre    

FILM TV  

Diciotto anni  dopo  di  Chiara  Bruno  

4 settembre  

DONNA MODERNA  

 

5 settembre  

6 settembre    

     

7 settembre    

   

10 settembre    

11 settembre    

12 settembre    

Intervista a  Vincenzo  Rossini  e  Alessandro  Beretta  di  Chiara  Bruno  

Agenda di  settembre   TUTTOMILANO  

Cover –  Paesi  e  uomini  senza  censure  

Visionario e  militante  il  cinema  contro  la  crisi  di  Luca  Mosso  

L’ESPRESSO

Art box  -­  Ai  confini  delle  immagini  di  Alessandra  Mammì  

VIVERSANI E  BELLI  

L’agenda della  settimana   ALIAS  

Reggae al  rogo.  Il  Negus  secondo  Invernomuto  di  Serena  Valietti   IL  VENERDI  –  LA  REPUBBLICA  

Quei soldati  americani  con  licenza  di  uccidere  di  Riccardo  Staglianò   FILM  TV  

Le creature  selvagge  e  locandina  originale  di  Labyrinth  di  Ilaria  Feole   VIVIMILANO  

Milano Film  Festival,  “The  Rocket”  al  Teatro  Studio  di  Giancarlo  Grossini   NUOVO  

Nuovo cinema  indipendente  all’ombra  della  madonnina  


TUTTOMILANO

Documentari dal  mondo  

VERO

 

13 settembre    

 

Milano diventa  capitale  dei  film   SETTE  –  CORRIERE  DELLA  SERA  

Il grande  schermo  dell’economia  a  cura  di  Emanuela  Croci   LA  PROVINCIA  

Il Film  Festival  ospita  George,  lo  specialista  sugli  immigrati  di  Matteo  Marelli  

15 settembre  

DOMENICA –  IL  SOLE  24  ORE  

 

11 ottobre      

È reale,  eppure  è  cinema  di  Emiliano  Morreale   IL  VENERDI  –  LA  REPUBBLICA  

Cronaca di  una  strage  che  fa  ancora  paura  di  Tiziana  Lo  Porto  

MENSILI  

agosto    

settembre  

ULISSE –  ALITALIA  

Milano Film  Festival   ALBATROS  

Milano in  Festival  di  Cosimo  Stassano  

BEST MOVIE  

Appuntamenti di  settembre  scelti  da  Ciak  di  Filippo  d’Angelo  

 

La must  list  del  mese  

CIAK  


LA RIVISTA  DEL  CINEMATOGRAFO  

Festival del  mese  a  cura  di  Massimo  Monteleone  

Cosmoagenda

 

COSMOPOLITAN

Trentagiornisettembre di  Valeria  Busi  

     

LA NUOVA  ECOLOGIA   MAXIM  

Milano Film  Festival  

 

     

MYSELF

Milano Film  Festival   RIDERS  

Milano Film  Festival  

WU

MFF 2013  /  Colpe  di  Stato  di  Emma  Cacciatori  

   

WEB

MFF 2013  /  Animazione  di  Emma  Cacciatori  

21  maggio  

MYDREAMS

18 luglio  

REDMAG

19 luglio  

INDIE-­‐EYE

 

20 luglio  

PAPERSTREET ARTSLIFE  


SENTIERISELVAGGI

22 luglio    

02BLOG

 

ILFATTOQUOTIDIANO

23 luglio  

FILMFORLIFE

19 agosto  

PIGMAG

20 agosto  

CINECITTÁNEWS

FMCINEMA

   

DONNA.PIAZZAGRANDE

INDIE-­‐EYE

NEWSCINEMA

MI-­‐LORENTEGGIO

22 agosto  

TAXIDRIVERS

25 agosto  

TURCHIA.OVERBLOG

27 agosto  

ATM

MENTELOCALE

         

CINEMAITALIANO.INFO MI-­‐LORENTEGGIO  

MILANO.REPUBBLICA.IT SUNNYCOM  

28 agosto  

02BLOG

ILGIORNALE

   

FILMFORLIFE MILANOTODAY   MYDREAMS  

NANOPRESS

NOIGIOVANI


TAFTER

VIVIMILANO.CORRIERE.IT

29 agosto  

IODONNA.IT

MENTELOCALE

ROLLINGSTONE.IT

MARIECLAIRE.IT

MILANOMILANO.EU

VANITYFAIR.IT

30 agosto  

ARTRIBUNE

31 agosto  

ZERO.EU

1 settembre  

WEEKENDXMILANO

3 settembre    

AFFARITALIANI

CINEBLOG

 

 

ALTERNATIVASOSTENIBILE

CINEMAITALIANO.INFO

FILMBLOGITALIA

 

CORRIERENAZIONALE FIRST  

ILGIORNO.IT

LIBEROQUOTIDIANO.IT

LOUDVISION

MI-­‐LORENTEGGIO

   

MENTELOCALE

MILANOOGGINOTIZIE MONDOINTASCA  

RADIO ONDA  D’URTO  

SKY ARTE  

 

REDMAG

VARESEREPORT


4 settembre  

VITA

VODAFONE

ZEROEMISSION FATTITALIANI  

ARTRIBUNE

BLOGOSFERE

     

ATPDIARY

BRESCIAOGGI

CINEMAITALIANO.INFO CINEMATOGRAFO  

MILANO.CORRIERE.IT

D.REPUBBLICA.IT

ECODELLANOTIZIA

GQ.IT

   

FOURMAGAZINE GRAZIA.IT  

ILGIORNALE.IT

ILGIORNALE.CH ILSOLE24ORE  

ILSOLE24ORE-­‐DOMENICA24 KEYBIZ  

LEVIEDELLASIA.CORRIERE.IT MEGAMODO  

MILANODABERE MILANOFREE  

MILANOMAGAZINE MILANOTODAY  

MODA&STYLE PLAYBOY  

QUOTIDIANODELNORD RECENSITO   SIAE  

VIVACINEMA


VIVIMILANO.CORRIERE.IT WUMAGAZINE   CINEMA.MTV  

5 settembre  

CINEMAITALIANO.INFO

2NIGHT

ARTRIBUNE

   

ALFEMMINILE ARTSLIFE  

ASSODIGITALE

BLOGOSFERE

CINEMAGUIDONE

GAIAITALIA

GUIDAXG

REPUBBLICA.IT

   

CINEMADELSILENZIO

CINEMAITALIANO.INFO

GILTMAGAZINE

BIGODINO MELTY  

QUOTIDIANO.NET

STORYBOARDSISAL

TOURINGCLUB

VOCIDIMILANO_LASTAMPA

TOURINGMAGAZINE

VOGUE.IT

WUMAGAZINE

 

WHIPART

6 settembre  

02BLOG

BLOGOSFERE

   

ADVERTISER

CINEQUANON FOURZINE  


GAIAITALIA

IFILMSONLINE

GQ.IT

PAPERSTREET

VIVIMILANO.CORRIERE.IT

SENTIRISELVAGGI

WUMAGAZINE

7 settembre  

02BLOG

BLOGOSFERE

 

 

ARTRIBUNE DY’SNEWS   ECHEION  

IFILMSONLINE

ININSUBRIA

SPETTACOLI.BLOGOSFERE.IT

 

MASEDOMANI

WUMAGAZINE

8 settembre  

02BLOG

DT’SNEWS

 

24ORENEWS GAIAITALIA   GQ.IT  

MILANOWEEKEND

RUBRIC

9 settembre  

RECENSITO

VIVIMILANO.CORRIERE.IT

DY’SNEWS

FOURMAGAZINE

FLIPMAGAZINE

ILFATTOQUOTIDIANO.IT

ILGIORNALE.MILANO


GIORNALETTISMO

LAMUSICAROCK

MAGMAZONE

 

 

     

LOUDVISION MYMOVIES  

ROLLINGSTONE.IT SALTINARIA   SKY  ARTE   SKYTG24  

WUMAGAZINE XL  

MELTY

10 settembre  

02BLOG

FOURMAGAZINE

ARTRIBUNE

INDIE-­‐EYE

MILANOTODAY

   

 

CINEMA.LOSPETTACOLO ROLLINGSTONE.IT   TEMPI  

WHIPART

11 settembre  

02BLOG

CINEFORUM

DY’SNEWS

ILSOLE24ORE

RECENSITO

 

CINECITTÁNEWS

CINEMATOGRAFO

FOURMAGAZINE

MEDIACRITICA SALTINARIA   SKY  


SOAPMOTION

WHIPART

 

UNADONNA

XL

12 settembre  

02BLOG  

BLOGOSFERE

 

ARTRIBUNE

CINEFORUM

CINEMAITALIANO.INFO

CINEQUANON

 

CINEMATOGRAFO

DONNELEONARDO

ECHEION

FOURMAGAZINE

FLUORODIGITAL

GAIAITALIA

LOUDVISION

 

   

ILMETEO.IT

METRONEWS RECENSITO  

SALTINARIA

WELOVECINEMA XL  

13 settembre  

02BLOG

CINEMAITALIANO.INFO

ECHEION

CINEFORUM

CINEQUANON FMCINEMA  

GAIAITALIA

LABOTTEGADIHAMLIN

ILGIORNALE.MILANO


SALTINARIA

VIVIMILANO.CORRIERE.IT

14 settembre  

02BLOG

GQ.IT

MEDIACRITICA

15 settembre  

CINEFORUM

ILGIORNALE

 

   

16 settembre  

ARTRIBUNE

LIBEROQUOTIDIANO

CINEFORUM

ILSOLE24ORE LOUDVISION  

NUOVOCINEMALOCATELLI PLAYERS  

SALTINARIA ASSODIGITALE  

CINEBLOG

CINEMAITALIANO.INFO

CINEQUANON

COMEARRIVAREA

FILMFORLIFE

CINEUROPA

FILMBLOGITALIA

GAIAITALIA

MYMOVIES

 

 

MENTELOCALE NUOVOCINEMALOCATELLI   PAPERSTREET   PRIMISSIMA   RECENSITO  

WUMAGAZINE


17 settembre  

CINEMA.LEONARDO  

CINEMATOGRAFO

FILMUPDATE

ECHEION GAY.IT  

GQ.IT

TISCALI.SPETTACOLI

24 settembre  

CARNAGENEWS

OUBLIETTEMAGAZINE

PIGMAG

27 settembre  

MISHMASHFASHIONMAGAZINE

LACITTANUOVA.MILANO.CORRIERE.IT

RADIO E  TV     Interviste  e  servizi  radio    

Interviste e  servizi  TV    


AGENZIE


Adnkronos i 30 APRILE 2013

News > Spettacolo > Cinema: arriva Milano Film Festival, tra 'green­docu' e cerimonie da red

carpet

Cinema: arriva Milano Film Festival, tra 'green­docu' e cerimonie da red carpet ultimo aggiornamento: 30 aprile, ore 18:34

commenta  0     vota   0    invia     stampa    

 

 

 

 

 

Milano, 30 apr. ­ (Adnkronos) ­ Al via tra una settimana la tredicesima edizione del Milano Film Festival, tra documentari e red carpet. In programma dall'8 al 18 maggio, il festival Internazionale sceglie la cornice della Manifattura Tabacchi­Museo Interattivo del cinema di via Fulvio Testi, dell'Auditorium di Palazzo Lombardia e del Cinema Beltrade. Il Miff si aprira' con l'anteprima nazionale del film fuori concorso: 'No' del regista cileno Pablo Larrai'n, gia' vincitore per la migliore Regia al Festival di Cannes 2012 e candidato quest'anno agli Oscar. Novita' dell'edizione 2013 e' la sezione Green Screen', una serie di documentari dedicati all'ambiente, che, forte della partnership con Expo 2015, il Miff incastra con gli eventi dell'Expo days dei prossimi giorni. Sui grandi schermi del Miff, all'Auditorium, passeranno anche cortometraggi provenienti da 16 Paesi del mondo. Momento 'clou' della manifestazione e' la cerimonia del 14 maggio al Grattacielo Pirelli, con la consegna del Cavallo di Leonardo ai vincitori di tutte le sezioni nelle varie categorie, suddivise sulla falsariga degli Oscar. Tra le nomination di quest'anno, Mira Sorvino e Lou Diamond Phillips. Per i documentari c'e' invece 'Blood Brother', gia' vincitore al Sundance 2013, e 'Manhunt'. Seguono l'americano 'Stand Clear of the Closing Doors' e l'europeo 'The Girl and Death', Eden, di Megan Griffith, il taiwanese Touch of the Light. Tra gli italiani, 'Lost in Laos', con Dario Vergassola e Carla Signoris e 'Waves', noir di Corrado Sassi girato con un budget inferiore ai 100mila euro.


AGRPRESS i 25 LUGLIO 2013

Home

Attualità

Arte

Ambiente

Cinema

Fotografia

Chi siamo

Dove Siamo

Eventi

Editoria

Servizi

Pubblicità

Musica

Tech

Concorsi Cortometraggi

Adotta un regista durante il Milano Film Festival Mi piace

6

Tweet

1

2

Share

Condividi

ARCHIVIORICCARDI.IT

0 Commenti e 0 Reazioni

quali come protagonisti assolu

come Totò,  Domenico  Modu

Buster Keaton e Vincent Price. 

SEGUICI...

Il Milano  Film  Festival  inaugura  un’originale  campagna  di  comunicazione  per  organizzare  in  modo alternativo l’ospitalità dei suoi registi, che alloggeranno in città in occasione della 18° edizione prevista dal 5 al 15 settembre 2013. Come ogni anno, sono attesi a Milano moltissimi giovani registi e operatori del cinema provenienti da ogni parte del mondo, e sarà quindi un’occasione straordinaria di c onoscere da vicino i veri protagonisti del festival.

Cerca nel sito...

Chi mette  a  disposizione  un  posto  letto  o  una  stanza  per  ospitare  un  regista,  ha  modo  di  conoscerlo direttamente,  di  scambiare  opinioni  e  punti  di  vista,  e  di  condividere  un'esperienza  di  bed­sharing ricevendo in omaggio l'accredito al festival. Con il Milano Film Festival e le tante location sparse per la città, con il suo ricco programma di eventi, il  concorso  lungometraggi  e  la  tradizionale  maratona  dei  corti  al  Parco  Sempione,  l’attesa  rassegna Colpe  di  Stato,  l’omaggio  al  cineasta  Sylvain  George,  le  anteprime  di  The  Outsiders,  i  workshop  e  gli incontri, Milano si mostra ospitale e accogliente, in uno spirito di inclusione e di apertura a esperienze e culture lontane.

Articoli Correlati "Vite private" Fotografie di Erwin Olaf in mostra a Milano ­ 16.06.10 16° Milano Film Festival ­ 23.03.11

www.agrpress.it/w2/cinema/adotta-un-regista-durante-il-milano-film-festival-2147

ULTIME NOTIZIE 24 Luglio 2013

Adotta un regista durante il Milano Film Festival

1/3


IlVelino i 27 AGOSTO 2013

Aspettando il Milano Film Festival i Corti in Metro Proiezione nella Stazione M2 Garibaldi 29 e 30 agosto dalle ore 16 alle 22 di com/onp ­ 27 agosto 2013 18:23 fonte ilVelino/AGV NEWS

Roma

Quest'anno, in attesa del 18° Milano Film Festival ﴾5­15 settembre 2013﴿, i corti si guardano anche in metro! Giovedì 29 e venerdì 30 agosto, nell’inedita cornice della stazione metropolitana Garibaldi, saranno proiettati i cortometraggi più belli e apprezzati delle passate edizioni del festival: animazioni e avventure straordinarie, storie appassionanti di paesi lontani e racconti brevi, ideali per chi ha voglia di fare un break o per chi vuole prepararsi ai 10 giorni di festival. Aspettando il Milano Film Festival, si potranno vedere e rivedere i corti più originali, esilaranti, tristi, surreali, spiazzanti e divertenti della storia del Milano Film Festival, in uno spazio diverso, la stazione M2 Garibaldi, a disposizione di tutti i passeggeri ATM. Storie da farci rimanere a bocca aperta, come una dichiarazione d’amore sulla ruota panoramica ﴾Anna di Ruben Pest﴿, le sperimentazioni video di Nicolas Provost ﴾Gravity﴿, Jasper Elings ﴾Sharing a Beautiful Sunset﴿ e Naren Wilks ﴾Collide­O­Scope﴿, la comicità moraleggiante di Martin Jones e dell’uomo sull’albero Yvan Attal ﴾At Dawning﴿ e quella sorprendente di Borja Cobeaga ﴾Un novio de mierda﴿, le barriere linguistiche di Barnabas Toth ﴾Vonaton﴿, il thriller animato di Max Porter ﴾Something Left, Something Taken﴿, l’essenzialità del disegno di Kajsa Naess, premiato ad Annecy ﴾Deconstruction Workers﴿.


Omnimilano i 27 AGOSTO 2013

Homepage | Politica | Cronaca | Economia | Cultura | Spettacolo | Sanita | Ambiente | Lavoro/Sindacato di Servizio

MILANO FILM FESTIVAL, EDIZIONE 2013 'ANTICIPA' CON PROIEZIONE CORTI IN METRÒ I 'corti' del Milano Film festival proiettati in metro'. E' l'iniziativa che, giovedì e venerdì prosssimi, anticipa l'edizione 2013 del festival in programma a settembre. Nella stazione metropolitana Garibaldi, indatti, saranno proiettati i cortometraggi più belli e apprezzati delle passate edizioni del festival. Tante le storie raccontate nei film selezionati per i passeggeri della metropolitana: da una dichiarazione d’amore sulla ruota panoramica (Anna di Ruben Pest), alle sperimentazioni video di Nicolas Provost (Gravity), Jasper Elings (Sharing a Beautiful Sunset) e Naren Wilks (Collide‐O‐Scope), dalla comicità moraleggiante di Martin Jones e dell’uomo sull’albero Yvan Attal (At Dawning) a quella sorprendente di Borja Cobeaga (Un novio de mierda). E ancora: le barriere linguistiche di Barnabas Toth (Vonaton), il thriller animato di Max Porter (Something Left, Something Taken), l’essenzialità del disegno di Kajsa Naess, premiato ad Annecy (Deconstruction Workers).


Gdapress i 29 AGOSTO 2013

30/08/13

Risultati della ricerca milano film festival Search for milano film festival | GDA Press

ASPETTANDO IL MILANO FESTIVAL I CORTI IN METRO

FILM

≡ Categoria: Cinema | ≅ Lascia un Commento

Proiezione dei cortometraggi più belli della storia del Milano Film Festival nella Stazione M2 Garibaldi

Giovedì 29 e venerdì 30 agosto dalle ore 16 alle ore 22   organizzato da Milano Film Festival, in collaborazione con ATM e IGP    Quest'anno, in attesa del 18° Milano Film Festival (5­15 settembre 2013), i corti si guardano anche in metro! Giovedì 29 e venerdì 30 agosto, nell’inedita cornice della stazione metropolitana Garibaldi, saranno proiettati i cortometraggi più belli e apprezzati delle passate edizioni del festival: animazioni e avventure straordinarie, storie appassionanti di paesi lontani e racconti brevi, ideali per chi ha voglia di fare un break o per chi vuole prepararsi ai 10 giorni di festival.   Aspettando il Milano Film Festival, si potranno vedere e rivedere i corti più originali, esilaranti, tristi, surreali, spiazzanti e divertenti della storia del Milano Film Festival, in uno spazio diverso, la stazione M2 Garibaldi, a disposizione di tutti i passeggeri ATM.   Storie  da  farci  rimanere  a  bocca  aperta,  come  una  dichiarazione  d’amore  sulla  ruota  panoramica  (Anna  di  Ruben  Pest),  le sperimentazioni  video  di  Nicolas  Provost  (Gravity),  Jasper  Elings  (Sharing  a  Beautiful  Sunset )  e  Naren  Wilks  (Collide­O­Scope),  la comicità moraleggiante di Martin Jones e dell’uomo sull’albero Yvan Attal (At Dawning) e quella sorprendente di Borja Cobeaga (Un novio de mierda), le barriere linguistiche di Barnabas Toth (Vonaton), il thriller animato di Max Porter (Something Left, Something Taken), l’essenzialità del disegno di Kajsa Naess, premiato ad Annecy (Deconstruction Workers).   Per informazioni sul programma completo delle proiezioni: www.milanofilmfestival.it  

Milano Film Festival è una produzione esterni *

*esterni è un'impresa culturale che dal 1995 progetta spazi pubblici, disegna servizi per piccole e grandi comunità, promuove e …

www.gdapress.it/it/index.php?s=milano+film+festival

1/1


ANSA i 03 SETTEMBRE 2013


primaonline i 03 SETTEMBRE 2013

Mercoledì 04 Settembre 2013

Rss | Newsletter | Carattere       | Seguici su 

Cerca

EDITORIA

TELEVISIONE

MUY CONFIDENCIAL

PRIMA PAGINA

TLC MERCATO

CINEMA DATI E CIFRE

NEW MEDIA

DOCUMENTI

CREA PDF

COMUNICAZIONE

NOTIZIE DI AGENZIA

STAMPA

MANAGER

VIDEO

PUBBLICITÀ AGENDA

RADIO

LAVORO

IN EDICOLA

SEGNALA AD UN AMICO

Cinema, Notizie di agenzia 03 settembre 2013 | 16:00

Milano Film Festival: dieci giorni tra film, musica ed eventi Fonte: Ansa (ANSA) Il Milano Film Festival compie diciotto anni e torna in scena giovedì con una lunga carrellata di film ma anche di musica. Come da tradizione, il centro nevralgico di tutta la rassegna sarà anche quest’anno il Teatro Strehler, dove si svolgeranno gli eventi principali del festival, affiancato da una serie di altre sedi che porteranno le immaginini su grande schermo e le note inserite nel programma dal Parco Sempione a Cascina Cuccagna, passando il Teatro Studio, la Triennale, il Teatro dell’Arte, l’area ex Bazzi e altri luoghi cittadini ancora. “Il Milano Film Festival – ha commentato Filippo Dal Corno, Assessore alla Cultura del Comune di Milano oggi in conferenza stampa – è motivo d’orgoglio per la città che si trova ad essere un nuovo crocevia del cinema internazionale”. Con dieci giorni di fitto cartellone tra proiezioni ed eventi vari, la rassegna e i suoi organizzatori hanno fatto fronte all’improvviso taglio netto dei finanziamenti da parte del Ministero della Cultura allargando la lista dei partner privati. “Ammessa la normalità che i finanziamenti statali possano esserci o meno – si chiede Beniamino Saibene dell’impresa culturale Esterni che da anni produce il festival – ci piacerebbe sapere perché dai ventimila euro dello scorso anno si è passati a zero. Avremmo voluto risposte ma parlare con i Ministeri è sempre difficile, figuriamoci in agosto”. Come solito per il festival milanese, molta attenzione è stata riservata alle nuove produzioni e al cinema indipendente, tra lungometraggi, cortometraggi, un omaggio a Sylvain George e tanto altro. Per il concorso internazionale di lungometraggi, i film in concorso sono undici, otto dei quali firmati da donne e selezionati tra oltre ottocento iscritti. La regia quest’anno è composta dal regista e produttore francese Davy Chou, dalla programmer alla Berlinale Anna Henckel­Donnersmarck e dal regista italiano Cosimo Terlizzi. Al concorso per i ‘corti’, dedicato ai registi under quaranta, parteciperanno 51 film selezionati tra oltre duemila iscritti e che saranno valutati dalla giuria affidata alla rivista di critica cinematografica Uzak. Sul fronte strettamente musicale, l’appuntamento è invece tutte le sere davanti allo Strheler con eventi e dj set, mentre il Parco Sempione ospiterà per tutta la durata del festival ‘Parklive’, con alcuni dei nomi più quotati della nuova musica italiana. “Non siamo solo un festival di giovani – dicono gli organizzatori – e il nostro programma ha raggiunto la maturità”. (ANSA, 3 settembre 2013).

Tweet

0

0

Recommend

Contenuti correlati Il Summer Tour di volley di R101 INTERNET: NASCE PAPER PROJECT, MAGAZINE CHE UNISCE BLOGGER FESTIVAL ROMA: MUSICA PER ROMA SI RISERVA SU ORIENTAMENTO

Video

Paragone e Sottile debuttano su La7 con due nuovi programmi in prima serata. Ecco i promo

11

TUTTI I VIDEO 

Annunci di lavoro Lascia un commento

Cagliari o Milano – Sviluppatori Ios, Android e Windows Phone »

Nome e Cognome *

Milano – Project manager web con competenze digitali »

Email * (non sarà pubblicata)

Monza – Addetto Stampa Executive (settore Food) »

Sito web Commento 

TUTTI GLI ANNUNCI 

(*) campi obbligatori

Dati e cifre Gli ascolti delle tv nazionali a luglio »

INVIA COMMENTO

Diffusione stampa Ads: giugno 2013 per quotidiani e settimanali, maggio 2013 per mensili » Il mercato pubblicitario in Italia a giugno 2013 (Nielsen): nel primo semestre gli investimenti calano del investimenti pubblicitari del 17,4% »


tmnews i 03 SETTEMBRE 2013

Cinema all'ombra del Duomo: Milano Film Festival compie 18 anni Dal 5 al 15 Settembre, oltre 200 film fra rarità e anteprime Milano (TMNews) ‐ Fra rarità, anteprime e talenti emergenti il grande cinema torna all'ombra del Duomo con il Milano Film festival, dal 5 al 15 Settembre. Un evento arrivato alla 18esima edizione, un numero importante, contemporaneamente traguardo e nuova partenza, come spiega uno dei direttori artistici Vincenzo Rossini. "Siamo sempre stati visti come festival molto giovane poco adulto da un certo punto di vista questi 18 anni dovrebbero essere visti come il momento in cui diciamo, guardate, siamo adulti". Per festeggiare è stata organizzata la rassegna "18 anni" con lavori nuovi di registi passati e chicche delle scorse edizioni. In tutto sono oltre 200 le opere fra lungome traggi, corti, animazione, sezioni speciali. 11 i film in concorso, di cui ben 8 diretti da donne, frutto dell'attenzione nella ricerca di sguardi nuovi sul mondo. Alessandro Beretta è uno dei direttori artistici. "Siamo un Festival abbastanza indipendente con un budget non molto alto, con un cinema internazionale rivolto a tutta la città. Il cinema per noi è una atto pubblico non è una cosa per profe ssionisti e cinefili è rivolto a tutti".Un atto pubblico e sociale da condividere nei luoghi canonici del festival, dal Teatro Strehler al parco Sempione, a cui quest'anno si aggiunge la Triennale di Milano.

Pubblica qui il tuo annuncio PPN iPad venduto a 14€

QuiBids propone degli iPad a prezzi folli abbiamo verificato StyleChic-24.com

Guadagnare 200€ al giorno

Si è possibile! Dedicati 5 minuti, continua a leggere e capirai.

Un angelo chiede aiuto

dona una speranza ad un bambino maltrattato Adottalo a distanza

borsa per negati

Annunci Premium Publisher Network iPad venduto a 14€

QuiBids propone degli iPad a prezzi folli abbiamo verificato trk365.com

I diritti dei bambini

Grazie al tuo sostegno bambine e bambini riceveranno un'istruzione Adotta ora

Guadagnare 200€ al giorno

Si è possibile! Dedicati 5 minuti, continua a leggere e capirai. borsa per negati


ADNKronos i 12 SETTEMBRE 2013

AKI ARABIC  |   AKI ENGLISH  |   AKI ITALIANO   |  SALUTE  |   LABITALIA  |   WASHINGTON CHIAMA ROMA  |   MUSEI ON LINE  |  IMMEDIAPRESS

Venerdì 13 Settembre 2013         NEWS DAILY LIFE REGIONI AKI ITALIANO AKI ENGLISH CRONACA

POLITICA

ESTERI

ECONOMIA E FINANZA

CERCA NEL SITO CON GOOGLE

LAVORO SPECIALI SECONDOME MEDIACENTER  TV   PROMETEO LIBRO DEI FATTI IMMEDIAPRESS

SPORT

SPETTACOLO E CULTURA

CYBERNEWS

MODA

TUTTE LE NOTIZIE

ARCHIVIO

 Almanacco del giorno ­ Oroscopo  ­ Meteo ­ Mobile  ­ iPad ­ SMS

News > Spettacolo > Cinema: 'Mirage a' l'italienne' al MFF, un doc­avventura in tempo di crisi

Cinema: 'Mirage a' l'italienne' al MFF, un doc­ avventura in tempo di crisi ultimo aggiornamento: 12 settembre, ore 13:36

commenta  0     vota   1    invia     stampa    

 

Tweet

1

 

 

 

 

Roma, 12 set. (Adnkronos/Cinematografo.it) ­ ''Ho venduto un sogno, ma anche se non si e' realizzato nel modo sperato, ha comuque lasciato qualcosa di positivo a tutti''. Cosi' Alessandra Celesia, regista di 'Mirage a' l'italienne', parla del suo documentario in concorso nella sezione lungometraggi del Milano Film Festival, che segue il destino di cinque italiani in cerca di un'opportunita' all'estero per un futuro migliore. A Torino, nel 1995, durante un altro periodo di crisi, subito dopo tangentopoli, su tram e autobus compare un annuncio: ''Cerchi lavoro? L'Alaska ti aspetta''. ''Mi era rimasto impresso ­ dice la regista ­ e, quando mi hanno chiesto se avevo qualcosa da raccontare sull'Italia, ho pensato fosse perfetto per descrivere l'attualita'. Ho contattato un'azienda di salmoni in Alaska e riproposto gli stessi annunci pubblicitari''. Ci sono state un numero impressionante di richieste, nel film si assiste ai colloqui di selezione ed emerge un diffusissimo desiderio di fuga: ''Abbiamo parlato con persone disperate, imbestialite, che avevano voglia di sfogarsi ed era solo il 2010, chissa' cosa succederebbe ora?''. Non lo vuole definire un esperimento sociale (cinque mesi e 190 mila euro di budget), ma ''un ibrido, un reality che tende alla fiction, forse. Ho presentato un'idea delirante ai produttori di un canale televisivo francese, Canal Art, proponendo un work in progress che non si sapeva bene dove sarebbe andato a finire. E' stato inusuale, di solito un documentario si fa su qualcuno, stavolta non avevo i personaggi, perche' sarebbero stati i candidati che rispondevano all'annuncio''.

Mi piace

I PIÙ POPOLARI

Umidità

Soluzione definitiva antiumidità Allontanate l'umidità da casa! www.murprotec.it/umidita

TV IGN ADNKRONOS

Ragazze Bellissime

Le Ragazze più belle sono Italiane? Forse no, Scopri le Foto di Wired www.Wired.it/Ragazze

Max Mara Online ­90%

Sconto 90% sul Prezzo di Cartellino Acquista Max Mara in Outlet Online Fashionis.com/Max­Mara

Orari Film e Cinema

Trova il Cinema più vicino a te su PagineGialle! PagineGialle.it/Cinema    

Tweet

1

0

segnala la notizia su:  

 

 

 

TAG Cinema

tutte le notizie di spettacolo commenta 

ATTIVITÀ DEGLI AMICI

Letta avverte: "Possiamo farci molto male ma lavorerò perché Paese non se ne faccia" - Adnkronos... Una persona consiglia questo elemento. "Picchiare le donne è un diritto". Frase choc del leader islamico scuote la Svizzera - Adnkronos... 11.138 persone consigliano questo elemento.

Annunci Google

pubblica la notizia su:  

Piace a Federica Villa, FICTS Federation e altre 68.326

0    invia    stampa   

in evidenza


QUOTIDIANI


LA REPUBBLICA - MILANO i 24 LUGLIO 2013


CORRIERE DELLA SERA - MILANO i 22 AGOSTO 2013


CORRIERE DELLA SERA - MILANO i 29 AGOSTO 2013

29/08/13 Estratto da pag. 15


LA REPUBBLICA - MILANO i 29 AGOSTO 2013

29/08/13 Estratto da pag. 13


milano finanza i 31 AGOSTO 2013


Il fatto quotidiano i 02 SETTEMBRE 2013


IL GIORNALE - MILANO i 02 SETTEMBRE 2013


AVVENIRE - MILANO i 04 SETTEMBRE 2013


CORRIERE DELLA SERA - MILANO i 04 SETTEMBRE 2013

11

Corriere della Sera Mercoledì 4 Settembre 2013

MI

&Tempo libero

Guida utile per chi sale in treno

I treni dei pendolari tornano a ripopolarsi. Le ferie e le vacanze sono ormai nel libro dei ricordi. Per i viaggiatori occasionali e per quelli che tutti i giorni salgono e scendono dallo stesso treno giova rispolverare una vecchia, ma assai utile, guida pratica. Non occorre urlare al cellulare per tutto il viaggio, alla gente gli affari vostri interessano davvero poco. Meglio stare con i piedi per terra visto che di regola i sedili servono ad altro. Quando le discussioni si

di FRANCO TETTAMANTI

ILLUSTRAZIONE Di GIANCARLO CALIGARIS

Cultura

Tutta mia la città fanno più accese sarebbe opportuno provvedere a cancellare le parolacce capaci solo di cambiare l’umore di chi vi sta seduto accanto. Se poi signore e signorine decidono di usare profumo, matita per il trucco e rossetto sarebbe assai meglio approfittare dello specchio di casa. Magari alzandosi giusto cinque minuti prima per non perdere il treno. Si parte. A proposito, ma i controllori sono ancora tutti in ferie? © RIPRODUZIONE RISERVATA

L’intervista

«Io e una drag queen a pulire salmoni in Alaska»

P

ulire salmoni in Alaska è meglio che restare in Italia? È una storia paradossale ma emblematica dei tempi quella del documentario «Mirage à l’italienne» (foto) di Alessandra Celesia, in programma l’8, il 10 e il 14 al MFF. «Nel 1995 era uscito un annuncio che proponeva un lavoro in Alaska, nel settore della conservazione del pesce», racconta la regista. «Molti amici avevano risposto, ma poi era tutto finito nel nulla. Questa volta una nuova impresa si è resa disponibile ad assumere gli italiani per un periodo. Ho visto nascere una "febbre d’Alaska"

Schermi Anteprime, film che trattano la crisi, corti, workshop, musica: da domani per 10 giorni

La bella età

Compie 18 anni il Milano Film Festival: che la festa cominci

I

mportante ricorrenza, per il Milano Film Festival: compie diciotto anni e annuncia tante novità. La prima, e forse più gradita: non ci sono sovrapposizioni di date con «Le vie del cinema». È il risultato della buona volontà degli organizzatori, giustamente convinti che per gli spettatori milanesi sia meglio prolungare che affollare l’offerta di cinema. Ma bisogna ringraziare anche il digitale: oggi i film dei festival arrivano compressi in file DCP facilmente scaricabili, e non ci sono più tempi capestro per movimentare le pellicole, come succedeva in un non lontano passato. Certo, ci sono stati i tagli nei finanziamenti, anche ingenti. E non a caso ben tre o quattro film del concorso parlano di crisi. Oltre a «Mirage à l’italienne» (vedi servizio in pagina), da Singapore, dalla Grecia e dalla Georgia arrivano film sullo stesso tema. La quota scandalo è promessa dal coloratissimo e trasgressivo «Les rencontres d’après minuit» di Yann Gonzalez, già premiato a Cannes. Ma il fatto più interessante è che degli undici film della sezione principale, ben otto sono diretti da donne. «Non è stata

una scelta programmatica», spiegano i direttori Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini. Semplicemente il vento della creatività, quest’anno soffia in questa direzione. Tra le anteprime italiane, spicca «Closed Curtain» di Jafar Panahi, il secondo film che il regista iraniano ha girato clandestinamente a Teheran, tra quattro mura. Condannato agli arresti domiciliari e a un’assurda interdi-

Da vedere In alto, «In Bloom» di Nana Ekvtimishvili e Simon Groß, sulla Georgia del 1992. Qui sopra, da sinistra: «Closed Curtain» di Jafar Panahi, girato clandestinamente dal regista iraniano e «Les rencontres d’après minuit» di Yann Gonzalez

Pronti via Dove e come Il Milano Film Festival edizione numero 18, diretto da Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini, si svolge da domani al 15 settembre. In diverse sedi: Teatro Strehler, Teatro Studio, Parco Sempione - Piazza del Cannone, Auditorium San Fedele, Triennale di Milano -Teatro dell’Arte, Spazio Oberdan, Cascina Cuccagna, Area Ex Bazzi (Lambrate). Undici i film nella sezione principale, otto sono diretti da donne. Ingresso con biglietto (7-5,50-3,50 euro) o tessera (55-35 euro). Tutte le informazioni si trovano su www.milanofilmfestival.it

che la diceva lunga sul desiderio di fuggire lontano». Alessandra segue cinque candidati, tra cui un’attrice, un reduce dell’Afghanistan e una drag queen, fino a Yakutat, dove li aspetta crudele l’imprevisto. «Sono partita con loro, vivendo il sentimento di andare su un nuovo pianeta. L’Alaska è davvero l’opposto di tutto quello che conosciamo. E poi anch’io ho vissuto la disillusione in diretta». Il film è di produzione francese, e l’autrice vive a Parigi. Anche lei è fuggita dall’Italia. «Erano gli anni Ottanta. Avevo bisogno di idee nuove. Ero poco cosciente di cosa mi pesasse dell’Italia, ma col senno di poi credo che fosse una certa diffusa e allegra ignoranza che schiacciava i miei sogni artistici. Ho costruito la mia vita all’estero senza mai riuscire a tagliare il cordone ombelicale. Nel film mostro che cosa succede quando vai lontano e poi ti accorgi che forse non era necessario, ma ormai sei già partito».

zione ventennale dal suo mestiere, Panahi ora è in attesa della sentenza d’appello. Doveroso, come fa il festival, attirare l’attenzione sulla sua sorte. Completano il programma i consueti appuntamenti: lo storico concorso dei cortometraggi, vera palestra di nuovi autori; la sezione «Colpe di Stato», con documentari che spaziano dalla Corea del Nord alla Somalia, dal Mali alla Siria; i Dj set sul Sagrato del Teatro Strehler; i concerti delle 18.30 al Parco Sempione. A prova che il web non è nemico dei festival, ogni sera su Mymovieslive! si può vedere un titolo del programma. È stata invece rinviata la seconda parte della retrospettiva sul cinema italiano degli anni Ottanta. Ci si consola con l’omaggio a Sylvain George curato da Paola Piacenza. Il regista che «dà voce agli invisibili», oltre a mostrare i suoi film, conduce un workshop e dialoga col documentarista Stefano Savona (il 7 al Teatro Studio, a ingresso libero); la proiezione di «Vers Madrid», la sera del 7 al Teatro Studio, sarà accompagnata da musica live del grande sassofonista inglese John Butcher. Nel futuro immediato, si annunciano le attività promosse dal Milano Film Network, la rete formata dal Milano Film Festival e dagli altri sei colleghi milanesi.

Al. Pe.

Alberto Pezzotta

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Il documentario

Mostre a Lugano

Immagini rubate, animazione e tragici dettagli Storia di Shin sopravvissuto ai lager nordcoreani

La parigina Lebrun, il ticinese Arnoldi Vernissage e sculture a Villa Castagnola

S

hin Dong-huyk era stato condannato all’ergastolo già prima di nascere. Figlio di due prigionieri nel campo di lavoro numero 14, in Corea del Nord, Shin è venuto al mondo lì il 19 novembre 1983. Sarebbe stato destinato a morirci, se non fosse per una rocambolesca fuga che lo ha portato in Corea del Sud. Shin è ora un testimone itinerante del sistema concentrazionario del regime che Kim Jong-un ha ereditato nel 2011 da Kim Jong-il: racconta che cos’accade in strutture che raccolgono almeno 200 mila persone. La sua storia, terrificante, è diventata un libro e un documentario. Quest’ultimo, girato dal tedesco Marc Wiese e intitolato «Camp 14 - Total Control Zone» (per il MFF l’8 settembre al Teatro dell’Arte alle 20 e

il 10 al Teatro Studio alle 17, www.camp14-film.com), affida asciuttamente alle parole di Shin la rivelazione di un mondo oscuro, menzionato di rado, immaginabile solo in termini generici. Shin sillaba dettagli, svela atrocità, come la delazione ai danni di madre e fratello

alla cui esecuzione sarà costretto ad assistere. Ci sono poche immagini video rubate dall’interno della Nord Corea e alcune sobrie animazioni. Il resoconto è una grande lezione di umanità (violata) e di libertà (anche se Shin confessa alla telecamera di voler spesso tornare indietro, al campo...), una giusta prospettiva sull’orrore, che deliberatamente rinuncia a inquadramenti storici. E preziosa è la voce di due ex responsabili di Lager, anche loro fuggiti in Corea del Sud. Perché esiste il dolore delle vittime, fisico e non, ed esiste il dolore dei carnefici, dei quali tuttavia è più difficile avere pietà.

Marco Del Corona

leviedellasia.corriere.it @marcodelcorona © RIPRODUZIONE RISERVATA

U

Sopra, un cavallo di Nag Arnoldi nel parco dell’hotel ticinese. A sinistra, opere di Valérie Lebrun nel ristorante Artè, uno dei due di Villa Castagnola

no spazio per mostre in un ristorante stellato. Domani, all’Arté del Grand Hotel Villa Castagnola di Lugano, dalle ore 18 si terrà il vernissage per l’esposizione delle ceramiche di Valérie Lebrun (che resteranno visibili fino al 30 novembre). Il Ristorante Galleria Arté al lago (piazza Emilio Bossi 7) è uno dei due di Villa Castagnola, unico cinque stelle lusso della città ticinese. Le sculture di Valérie Lebrun, che rilegge in chiave contemporanea un linguaggio classico, «colloquiano» con quelle di Nag Arnoldi, esposte fino al termine di ottobre nel magnifico parco con vegetazione subtropicale dell’hotel. Arnoldi è un artista ticinese, il più noto a livello internazionale che festeggia con questa esposizione tra il verde i suoi 30 anni di carriera. Sue figure predilette cavalli, minotauri, clown e acrobati del circo. © RIPRODUZIONE RISERVATA


IL GIORNALE - MILANO i 04 SETTEMBRE 2013


IL GIORNO - MILANO i 04 SETTEMBRE 2013


LA REPUBBLICA - MILANO i 04 SETTEMBRE 2013 i 1/2 PAGINE


LA REPUBBLICA - MILANO i 04 SETTEMBRE 2013 i 2/2 PAGINE


Pubblicitaitalia i 04 SETTEMBRE 2013 i 1/2 PAGINE

CHI SIAMO

CONTATTI

ABBONAMENTI

Il Today

Il Mensile

Multimedia

News Alert

cerca in Pubblicitaitalia.it

CREATIVITY

MARKETING

MEDIA

DIGITAL

PITCH

WORLD

PEOPLE DATACENTER

/ cinema

MILANO FILM FESTIVAL, CRESCONO SPONSOR E PARTNER PER I 18 ANNI 4 SETTEMBRE 2013

Alce Nero, Aperol Spritz, Banca Prossima, Gruppo CAP, MM, Mymovies.it, Novamont, Sky Arte HD, Vodafone sono alcuni tra i brand a supporto della rassegna di film nel capoluogo lombardo, da domani al 15 settembre. Lanciato il Milano Film Network Milano Film Festival è diventato maggiorenne. La 18esima edizione della rassegna cinematografica (www.milanofilmfestival.it ), sostenuta da Comune di Milano-Assessorato alla Cultura e dal Programma Media dell’Unione Europea con il patrocinio di Expo 2015, è stata presentata ieri a due giorni dall’apertura (Milano, 5-15 settembre). L’evento, prodotto da esterni(www.esterni.org) e curato per la terza volta dai direttori artistici Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini, presenta principalmente nuove produzioni del cinema indipendente, con 200 opere da tutto il mondo, tra cui 11 lungometraggi in concorso, 51 cortometraggi di registi under 40, i documentari di Colpe di Stato, l’omaggio al regista francese Sylvain George e le sezioni parallele 18 Anni, The Outsiders, Verixage, Focus Animazione, Festivalino per i più piccoli, oltre a workshop, musica ed eventi speciali. “Avendo a disposizione un budget di comunicazione contenuto, i partner egli sponsor sono un supporto fondamentale per la veicolazione del festival – ha spiegato a Today Pubblicità Italia la responsabile comunicazione del MFF Barbara Specchia -. Oltre alle riconferme degli storici sponsor ufficiali Aperol Spritz e Gruppo CAP, prima esperienza per MM Metropolitana Milanese che ci ha fornito molta visibilità nei loro canali, per il media partner Sky Arte HD, e per Vodafone. Abbiamo pensato a partnership che potessero essere ben accette dal nostro pubblico, cercando di contestualizzare la presenza dei brand in progetti concreti”. Tra le nuove collaborazioni, siglate quelle con Piccolo Teatro, Triennale di Milano,Alce Nero e Banca Prossima, del Gruppo Intesa Sanpaolo, che è special project partner del festival 2013 e che presenterà il 12 settembre ‘Are You series?’, un bando per la produzione di una web serie che racconti il no profit (dal 16 settembre tutte le informazioni su www.areyouseries.com). Nonostante l’anno non facile per gli investimenti culturali molte aziende hanno voluto dare un segnale importante per quanto riguarda gli investimenti culturali: Jack Daniel’s, Lush, Visit Sweden, Moleskine, Novamont, EcoZema,Varta, Imaginarium per il Festivalino, per citarne alcuni.

GUEST ROOM


sono un supporto fondamentale per la veicolazione del festival – ha spiegato a Today Pubblicità Italia la responsabile comunicazione del MFF Barbara Specchia -. Oltre alle riconferme degli storici sponsor ufficiali Aperol Spritz e Gruppo CAP, prima esperienza per MM Metropolitana Milanese che ci ha fornito molta visibilità nei loro Pubblicitaitalia i 04 SETTEMBRE 2013 i 2/2 PAGINE canali, per il media partner Sky Arte HD, e per Vodafone. Abbiamo pensato a partnership che potessero essere ben accette dal nostro pubblico, cercando di contestualizzare la presenza dei brand in progetti concreti”. Tra le nuove collaborazioni, siglate quelle con Piccolo Teatro, Triennale di Milano,Alce Nero e Banca Prossima, del Gruppo Intesa Sanpaolo, che è special project partner del festival 2013 e che pre senterà il 12 settembre ‘Are You series?’, un bando per la produzione di una web serie che racconti il no profit (dal 16 settembre tutte le informazioni su www.areyouseries.com). Nonostante l’anno non facile per gli investimenti culturali molte aziende hanno voluto dare un segnale importante per quanto riguarda gli investimenti culturali: Jack Daniel’s, Lush, Visit Sweden, Moleskine, Novamont, EcoZema,Varta, Imaginarium per il Festivalino, per citarne alcuni.

“La comunicazione atl è veicolata grazie ai media partner, che ci assicurano copertura su stampa, radio e tv, come Radio Popolare, Edizioni Zero, GQ Myself, Rolling Stones, Internazionale, TuttoMilano, Odeon, IGP Decaux. Il web ci ha permesso di contenere i costi, grazie all’uso dei social, in particolare della pagina FB dedicata al festival, e attraverso le partnership con Spotify e Mymovies.it che trasmetterà dieci film in streaming su Mymovieslive!”, ha concluso Specchia. Nel corso della conferenza è stato annunciato anche MFN­Milano Film Network(www.milanofilmnetwork.it), presentato ufficialmente sempre ieri alla 70esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, che vede il MFF tra i soci fondatori, insieme a Festival del Cinema Africano d’Asia e America Latina, Festival MIX Milano, Filmmaker, Invideo, Sguardi Altrove Film Festival, Sport Movies & Tv Fest. Il progetto, realizzato con il sostegno della Fondazione Cariplo per i primi tre anni di attività, unisce l’esperienza e le risorse dei sette festival di cinema milanesi per offrire una proposta culturale lungo tutto l’anno e una serie di servizi per chi si occupa di cinema e audiovisivo a Milano e in Italia. Valeria Zonca


CORRIERE ADRIATICO - FERMO I 05 SETTEMBRE 2013


CORRIERE DELLA SERA - MILANO i 05 SETTEMBRE 2013


LA PROVINCIA i 05 SETTEMBRE 2013


LEGGO - MILANO i 05 SETTEMBRE 2013


LA REPUBBLICA - MILANO i 06 SETTEMBRE 2013


CORRIERE DELLA SERA i 06 SETTEMBRE 2013


IL GIORNO - MILANO i 06 SETTEMBRE 2013


IL MANIFESTO i 07 SETTEMBRE 2013


LA REPUBBLICA - MILANO i 07 SETTEMBRE 2013


IL GIORNO - MILANO i 08 SETTEMBRE 2013


LA STAMPA - AOSTA i 08 SETTEMBRE 2013


LA REPUBBLICA - MILANO i 08 SETTEMBRE 2013


IL GIORNALE - MILANO i 09 SETTEMBRE 2013


Pubblicitaitalia i 09 SETTEMBRE 2013

CHI SIAMO

CONTATTI

ABBONAMENTI

Il Today

Il Mensile

Multimedia

News Alert

cerca in Pubblicitaitalia.it

CREATIVITY

MARKETING

MEDIA

DIGITAL

PITCH

WORLD

PEOPLE DATACENTER

/ concessionarie

IGPDECAUX PORTA IL CINEMA DEL MILANO FILM FESTIVAL IN METROPOLITANA 9 SETTEMBRE 2013

Si sta svolgendo in questi giorni a Milano la 18° edizione del Milano Film Festival. L’evento chiamerà oltre 100 mila persone, tra ospiti, registi e amanti del cinema, che affolleranno la città. In occasione della manifestazione, dal 5 al 15 settembre, la stazione della metropolitana di Garibaldi ospiterà, film e cortometraggi di animazione per bambini, tra cui alcuni selezionati dalle passate edizioni del festival. Appuntamento ogni giorno dalle 16 alle 22, per un pomeriggio al cinema davvero insolito. Gli spazi scelti per la proiezione sono al piano mezzanino, dopo i tornelli. Il presidio dei luoghi, la loro conoscenza e la capacità di proporli ai clienti secondo le proprie esigenze e valorizzando il calendario di eventi delle città italiane, rappresenta uno dei fattori di evoluzione della propos ta commerciale di IGPDecaux.

GUEST ROOM


CORRIERE DELLA SERA - MILANO i 10 SETTEMBRE 2013


IL GIORNO - MILANO i 10 SETTEMBRE 2013


LA PROVINCIA i 10 SETTEMBRE 2013


LA REPUBBLICA - MILANO i 10 SETTEMBRE 2013


CORRIERE DELLA SERA - MILANO i 11 SETTEMBRE 2013


LA REPUBBLICA - MILANO i 11 SETTEMBRE 2013


IL MANIFESTO i 12 SETTEMBRE 2013


METRO i 12 SETTEMBRE 2013


LA REPUBBLICA - MILANO i 12 SETTEMBRE 2013


AVVENIRE i 13 SETTEMBRE 2013


CORRIERE DELLA SERA - MILANO i 13 SETTEMBRE 2013


IL GIORNALE - MILANO i 13 SETTEMBRE 2013


CORRIERE DELLA SERA - MILANO i 13 SETTEMBRE 2013


IL FOGLIO QUOTIDIANO i 14 SETTEMBRE 2013


pubblicitaitalia i 13 SETTEMBRE 2013

CHI SIAMO

CONTATTI

ABBONAMENTI

Il Today

Il Mensile

Multimedia

News Alert

cerca in Pubblicitaitalia.it

CREATIVITY

MARKETING

MEDIA

DIGITAL

PITCH

WORLD

PEOPLE DATACENTER

/ contest

MILANO FILM FESTIVAL E BANCA PROSSIMA, 60 MILA EURO UNA WEB SERIE SUL NON PROFIT 13 SETTEMBRE 2013

Presentato ieri il bando aperto fino al 16 febbraio È stato presentato ieri nell’ambito del Milano Film Festival il contest ‘Are you serie?’, iniziativa ideata in sinergia con Banca Prossima ( Gruppo Intesa Sanpaolo). La sfida è quella di raccontare in modo inedito il mondo non profit. Il bando rimarrà aperto fino al 16 febbraio 2014. I partecipanti sono invitati a caricare sul sito una puntata pilota sul sito, le sceneggiature dei primi due episodi e il paper format. In palio per il vincitore ci sono 60 mila che serviranno per realizzare il progetto che verrà presentato durante la prossima edizione del Milano Film Festival.

GUEST ROOM


LA STAMPA i 14 SETTEMBRE 2013


CORRIERE DELLA SERA i 15 SETTEMBRE 2013


CORRIERE DELLA SERA - BERGAMO i 15 SETTEMBRE 2013


CORRIERE DELLA SERA - MILANO i 15 SETTEMBRE 2013


LA REPUBBLICA - MILANO i 15 SETTEMBRE 2013


L’UNITà i 16 SETTEMBRE 2013 18

lunedì 16

U: CULTURE

Dalla parte degli «invisibili» Il regista Sylvain George al Milano FilmFestival Ha presentato due doc, «Les Eclats» e «Vers Madrid» dedicati ai clandestini. «Per me - dice - è fondamentale lavorare sull’identità» PAOLO CALCAGNO MILANO IL «CINEMA EMERGENTE» DEL MILANO FILMFESTIVAL HACONCLUSOIERILASUAPASSERELLASUGLISCHERMI DEL TEATRO STREHLER, dello Spazio Oberdan e de-

gli altri luoghi cittadini che per 11 giorni hanno accolto i numerosi affezionati che da 18 anni seguono con fedeltà ed entusiasmo le tendenze internazionali espresse dalla vivace e originale rassegna milanese. Fra i film in gara ha vinto il francese Les Rencontres D’Après Minuit, di Yann Gonzalez. E se ha chiuso in bellezza con le emozioni delle immagini di Closed Curtain, in cui il valoroso regista iraniano Jafar Panahi mostra il torto subito degli arresti domiciliari che il suo governo gli ha inflitto per la critica manifestata con i suoi filmati, il Milano FilmFestival ha certamente declinato al meglio la sua vocazione esplorativa dei nuovi talenti con l’omaggio dedicato al francese Sylvain George. Già docente di filosofia e attivamente impegnato nella causa a sostegno delle minoranze e dei disabili, il 45nne regista solamente 5 anni fa si è deciso a fissare con strumenti semplici e liberi quali il super8, il video, il digitale dei telefonini cellulari, rigorosamente in bianco e nero, i racconti degli «invisibili» della Storia. «Il Cinema non è inseguire l’opera d’arte assoluta, alla Wagner, ma un modo per mettere in relazione settori diversi (filosofia, letteratura, pittura, politica) attraverso un linguaggio che traduce in immagini la comprensione quotidiana del mondo – Osserva Sylvain George -. Per me, il Cinema non è Hollywood, non è Babilonia: è un processo che pone domande e la camera deve costruire relazioni con il mondo. Tutto ciò porta a un lavoro sul presente, il tempo, lo spazio e, soprattutto, sull’identità. La questione dell’identità, per me, è stata sempre cruciale, fin da quando, bambino, vivevo in una banlieu di Lione, fra gli immigrati algerini di seconda generazione, e mi confrontavo direttamente con le differenze razziali e la discriminazione». George pone sullo stesso piano cinema di fiction e documentari e non si sente «figlio di un dio minore». «Mi sono formato con i grandi filosofi,

da Benjamin a Deleuze, che hanno denunciato l’antropocentrismo – si accalora il regista -. Nel Cinema i miei modelli sono stati Jean Vigo, tutta l’Avanguardia, certi film di Godard, Rossellini e Pasolini. Io non faccio dei documentari, faccio del Cinema. E sono stato molto felice che un Festival prestigioso come Venezia, abbia premiato Sacro Gra di Gianfranco Rosi: è un bel modo di accorciare le distanze fra i “doc” e i film e di rilanciare i primi per garantirgli gli schermi che meritano e da cui, di solito, sono esclusi». Premiato in vari Festival internazionali, fra i quali quello di Torino, Sylvain George ha portato al Milano FilmFestival i suoi lungometraggi Les Eclats (I frammenti) e VersMadrid (Verso Madrid), documentari dedicati alla vita dei clandestini che si scontrano con la violenza della burocrazia e alle rivoluzioni madrilene delle folle di giovani del 2011 e 2012, divenuti famosi come «Los Indignados» della Puerta del Sol. Inoltre, le idee e i metodi del regista francese sono state al centro di un workshop che George ha tenuto assieme ai giovani filmaker milanesi. Frammenti e brandelli di immagini, di ricordi, di voci, lo smalto del bianco e nero di Les Eclats fa brillare le riflessioni lucide di arabi e afgani costretti a fuggire per tutto il giorno, dei clandestini che fin dall’alba si preparano alla sfida con una sopravvivenza ridotta allo stato brado, animalesco. «Questo non è vivere», ripetono i soggetti del film, obiettivi delle retate poliziesche, inermi di fronte alle severe corti di giustizia. Con il fascino delle sue immagini Sylvain George crea spazi per l’insolito, esplora nelle pieghe, ara il campo alla ricerca di un punto di avvio di un dialogo miracoloso, di un punto fermo che scardini ipocrisie e categorie di giudizio scolpite nella pietra dura del conformismo e dei luoghi comuni. «LesEclats è il mio secondo film girato a Calais – spiega il regista francese -. Calais, come Patrasso, come Lampedusa, è un luogo di transizione dei flussi migratori “clandestini”. Sono luoghi che nei confronti dei migranti vedono i politici sbandierare concetti che negano i valori fondati sulla libertà e sull’uguaglianza. L’immigrazione è un buon indicatore dello stato delle democrazie occidentali. In Francia, la questione del colonialismo è ancora un tabù: i “sans papier” abbassano i costi e producono ricchezza: questi emigranti sono vittime di un nuovo processo di colonialismo, di sfruttamento. Inoltre, da 25 anni le politiche migratorie hanno rappresentato in Europa un laboratorio per sperimentare politiche di restrizione di libertà, applicabili su larga scala. Da noi, asiatici, africani, eccetera hanno perso il rispetto dei loro diritti più elementari».

Dal film «Les Eclats» (I frammenti)

«Suite Mich Šostakovic

Rimini e Spolet in scena c’è la rinuncia alla v Tre spettacoli diversi portano sul palco il rifiuto: «Doglie», «Suite Michelangelo», «Euridice e Orfeo» LUCA DEL FRA ROMA UNO OSCURO LEGAME ACCUMUNA TRE PRIME DI TEATRO MUSICALE CHE, SEPPURE IN LUOGHI DIVERSI, sono andate in scena lo

scorso fine settimana: è il rifiuto, la rinuncia alla vita. E se il palcoscenico è lo specchio della società, la coincidenza potrebbe essere indizio prezioso sul nostro tempo. Non è la prima volta che la Suite Michelangelo di Dmitrij Šostakovic raggiunge il palcoscenico, basterebbe ricordare l’allestimento per danza di Beppe Menegatti, ma la Sagra Malatestiana continuando la linea di affidare partiture a registi e collettivi di ricerca teatrale italiani, l’ha messa nelle mani di Città di Ebla. Una iniziativa preziosa per far uscire la nostrana scena contemporanea da ghetti autoreferenziali e autoriali, magari a costo di sbattere il grugno, come in fondo è successo stavolta. Scegliendo tra le liriche di Michelangelo, Šostakovic compone un polittico di canti, per rappresentare uno scontro al calor bianco tra l’artista, che alla fine rinuncia alla vita, e il potere, rappresentato dall’eterno nemico di Buonarroti, il papa Giulio II, dietro cui il compositore fa balenare l’ombra di Stalin. Un conflitto, tra arte, dunque cultura, e potere, profondamente attuale, come dimostrano i tagli economici degli ultimi anni in questi settori, sintomo solo esteriore di ben altri scontri. Città di Ebla come scenografia costruisce una suggestiva stanza di stoffa bianca, un ventre o forse la mente dell’artista, ma poi si ritrae pudicamente in una mise en scène enigmatica che sfiora appena la madornale forza drammatica di Šostakovic. Complice una esecuzione musicale non ineccepibile, e inoltre in lingua italiana – una versione inventata tempo fa ma non di mano del compositore, che aveva scelto la lingua russa con ben altro risultato. Che la spettacolare rinuncia alla vita dell’artista-compositore corrisponda alla rinuncia alla scena del regista? Ma qui non c’è niente di spettacolare, solo un ripiegamento, tanto diffuso nel teatro italiano, in simboli ed enigmi che rifiu-

tano ogni co re. Dalle atm tuali di Mich tologico il pa leto nella sta tale, va in sc to da Euridic questo mito sceglie quell ve Euridice non riconos con una sign Euridice rico ta e la rifiuta è priva di ra rio Guido Sc niscenze di R so un conte smo e notev contempora regia in cost gio Bongiov la dimension da, dietro cu borghese. Tutta pro sco invece la Doglie, su un no, che riel bambino, an dre, informa noso stato, s gendo la don qui una rinu re Valerio Sa un corrosiv canto e musi tro, talvolta sfoggiando contempora tuosismo a t bravi. La re Sandra de F re grossolan il sorriso, a v Dirige en Marco Angi pacità di pen dite, che dun maggiore. S enfasi in Dog po’ fuori mis in una solida Rimini e S lavori che si menti, tanto ve parzialme gono in que dà i suoi mig pea, ma in I A titolo di cr preda di un viene al mon finire.


CORRIERE DELLA SERA - MILANO i 17 SETTEMBRE 2013


LA STAMPA - AOSTA i 19 SETTEMBRE 2013


LA GAZZETTA DELLO SPORT i 19 SETTEMBRE 2013


Settimanali


F i 24 LUGLIO 2013 i 1/2 PAGINE


F i 24 LUGLIO 2013 i 2/2 PAGINE


D - LA REPUBBLICA i 31 AGOSTO 2013


RCLUB i 31 AGOSTO 2013


FILMTV i 03 SETTEMBRE 2013 i 1/4 PAGINE


FILMTV i 03 SETTEMBRE 2013 i 2/4 PAGINE


FILMTV i 03 SETTEMBRE 2013 i 3/4 PAGINE


FILMTV i 03 SETTEMBRE 2013 i 4/4 PAGINE


DONNA MODERNA i 04 SETTEMBRE 2013


TUTTOMILANO i 05 SETTEMBRE 2013 i 1/3 PAGINE


TUTTOMILANO i 05 SETTEMBRE 2013 i 2/3 PAGINE


TUTTOMILANO i 05 SETTEMBRE 2013 i 3/3 PAGINE


L’ ESPRESSO i 06 SETTEMBRE 2013


VIVERSANI E BELLI i 06 SETTEMBRE 2013


ALIAS i 07 SETTEMBRE 2013

(14)

ALIAS 7 SETTEMBRE 2013

RITMI Hailé Selassié, il fuoco e la piazza di Vernasca sono gli elementi del progetto di Simone Trabucchi e Simone Bertuzzi

di SERENA VALIETTI

«Quando da ragazzino mia nonna mi vedeva spettinato o vestito un po' trasandato mi diceva “sistemati che sembri un Negus!”», una parola che per un'anziana signora di un paesino aggrappato all'Appennino piacentino identificava un personaggio istrionico, bizzarro, anche un po’ repellente. Di quel termine radicato nel vocabolario del posto, che significava imperatore in etiope, non certo reietto, era rimasto a galla solo un significato attribuito, mentre il contesto legato a quell'espressione era andato totalmente a fondo. Ottant'anni dopo quel termine riaffiora e diventa la linea guida dell'ultimo progetto di Simone Trabucchi e Simone Bertuzzi, che dal 2003 come Invernomuto portano avanti un percorso fortemente radicato tra sottoculture e musica, che si allarga a immaginari collettivi molto differenti tra loro, analizzandone simboli e codici. Simone, uno o entrambi, è quel ragazzino spettinato, un Negus nel suo non essere riconosciuto della nonna in funzione della sua alterità sottoculturale, unito nella sua diversità a quello che gli abitanti di un piccolo centro italiano degli anni Trenta percepivano l'esotismo quasi caricaturale dell'Imperatore di Etiopia, Hailé Selassié. Negus è il titolo del progetto di Invernomuto, che partendo da Vernasca indaga questa figura, il cui fantoccio «è stato bruciato in una festa nella piazza del paese per celebrare un soldato ferito rientrato dalla guerra etiope - racconta il duo Invernomuto -. Una storia sopravvissuta solo oralmente, che per noi meritava di essere raccontata, fissata perché riporta alla luce gli episodi rimossi di un'Italia coloniale e da cui allargarsi a Etiopia e Giamaica, coinvolgendo anche il re del dub Lee “Scracth” Perry. La versione live del progetto Negus, Echo Chamber, sarà presentata in anteprima il 13 settembre nella sezione VerniXage

INTERVISTA ■ IL 13 SETTEMBRE DAL VIVO AL MILANO FILM FESTIVAL

Reggae al rogo. Il Negus secondo Invernomuto

dedicata al rapporto tra cinema e videoarte del Milano Film Festival, dove i fotogrammi del lavoro di Invernomuto saranno sonorizzati dai due Simone in versione selecter, che proporranno una colonna sonora diffusa dal Prince Healer sound system. «Muovendosi tra sottoculture e musica prima o poi è stato inevitabile incontrare il reggae. Il passo successivo è stato cominciare a lavorare sul contesto, utilizzando la musica come lente per studiare un territorio spesso molto vicino a noi: abbiamo fatto un lavoro che

partendo dal black metal norvegese finiva a concentrarsi sul ritrovamento di un fossile nel piacentino (Whalesland, ndr). Questo vale anche per il reggae: lo shock è stato scoprire che il fantoccio dell'icona del rastafarianesimo era stato bruciato nella piazza sotto casa, a quel punto raccontare la storia è diventato necessario; per farlo abbiamo scelto un approccio performativo e pensato a un rito di purificazione della piazza, teatro del rogo». Il primo studio di Negus viene

In queste immagini alcuni momenti della performance «Negus» di Invernomuto, con Lee «Scratch» Perry (anche qui accanto) nei panni di Hailé Selassié (foto di Moira Ricci)

presentato nel 2011 al Padiglione d'Arte Contemporanea di Ferrara, dove Invernomuto realizza un'installazione contenente gli elementi base del progetto, Hailé Selassié, il fuoco e la piazza di Vernasca. «Da qui abbiamo sviluppato la prima versione del video, Negus-Duppy Conquerors, in cui abbiamo allestito una scenografia con un fuoco centrale, un gigantesco sound system e incluso anche il monumento ai caduti. Mio fratello e alcuni amici rappresentavano i guardiani, che dovevano tenere lontani i fantasmi (duppy in patois giamaicano, ndr) assumendo la posa del leone in cui si metteva durante i suoi set lo storico producer Jah Shaka». Con questo video Invernomuto è stato nominato da Filipa Ramos e Elena Filipovic tra i cinque finalisti del Premio Furla di arte contemporanea, il tema 2013 era proprio il fuoco, Add Fire. «Fire! Fire! Fire! continuerà a urlare anche Lee “Scratch” Perry nella piazza di Vernasca, mixando altre parole rituali in una sorta di freestyle facendo partire guizzi di fuoco catartici, innocui rispetto alle fiamme con cui bruciò il suo studio di Kingston. Pur essendo un personaggio molto controverso, “The Upsetter” in questo caso ha sposato subito il senso del progetto, calandosi nel ruolo del maestro di cerimonia del rito di purificazione del posto dal rogo di decenni prima. Quel fatto ha subito una rimozione fortissima da parte degli abitanti di Vernasca, che quasi non ricordano più nulla, come al margine della nostra storia nazionale è stata lasciata la questione coloniale etiope. Una rimozione parziale è avvenuta anche in Africa: oggi Selassié è amato da molti e si scorda l'attentato fallimentare contro di lui da parte degli studenti del paese sull'onda del maggio francese». Le distanze tra Vernasca e Addis Abeba per gli Invernomuto si accorciano ulteriormente grazie alla piattaforma di crowdfunding Indiegogo, con cui il duo ha raccolto i fondi per portare Lee «Scratch» Perry in Italia: «Tra i donatori c'era anche il direttore del festival Novara Jazz Corrado Beldì, che dopo un viaggio in Etiopia era rimasto in contatto con Alessandro Ruggeri dell'Istituto italiano di Cultura della capitale, dove siamo stati ospiti per una breve residenza». Da Addis Abeba ci siamo mossi lungo i tracciati in cui il mito trasfigura la storia di Selassié, venerato come il Messia Nero dai rastafariani, a cui

decise di concedere un ampio appezzamento in Etiopia perché questi potessero ritornare alle origini. «Abbiamo visitato la comunità rasta di Shashamane, un ghetto autoproclamato: un luogo che da Kingston sembrava un paradiso, si è rivelato un compound di lamiere e baracche. Una contraddizione pazzesca che ritorna in una Giamaica ormai lontana da quella di Marley, ma del gangsta ragga di Vybz Kartel, che non smette richiamare il mito del back to Zion; il punto è che i giovani etiopi che lo cantano a Zion ci stanno già, ma vivono di merda comunque». Nonostante tutto l'utopia ideale resta più forte della realtà dei fatti. «L'artificio è il motore per una più ampia analisi della rampante e quotidiana fiction che siede quieta sotto la superficie della vita contemporanea» scriveranno Ramos e Filipovic riguardo al lavoro di Invernomuto, nato «scavando nella vicenda del Negus e assemblando i materiali visivi secondo una modalità tipica del reggae, il versioning, che da un'unica base genera differenti versioni di una canzone». Base del progetto è la piazza del rogo, spazio di definizione di un'identità collettiva, rinforzata dalla valenza simbolica dei monumenti: «Da quello ai Caduti di Vernasca, a quelli di Addis Abeba dedicati a Selassié, sottratti dagli invasori come trofei». La rimozione dei memoriali, l'esodo dei rasta e le correnti sommerse della musica confluiscono nel nucleo mobile di Invernomuto, insieme alle ricerche personali dei due: Simone Bertuzzi con Palm Wine, un progetto nato nel 2009 come evoluzione della sua tesi sulle transculture del suono e Simone Trabucchi attivo con l'etichetta di ricerca Hundebiss e l'alias Dracula Lewis. Due esperienze che andando oltre l'arte ne rientrano attraverso l'approccio plurale e trasversale di Invernomuto, «un'operazione in cui gli immaginari legati a questi mondi, uniti ad altri contesti, vengono fatti collassare insieme e codici dati per assodati si scardinano, generando una narrazione polifonica e in continua mutazione e migrazione».


IL VENERDì - LA REPUBBLICA i 07 SETTEMBRE 2013


FILMTV i 10 SETTEMBRE 2013


VIVIMILANO i 11 SETTEMBRE 2013


NUOVO i 12 SETTEMBRE 2013


TUTTOMILANO i 12 SETTEMBRE 2013


VERO i 12 SETTEMBRE 2013


SETTE - CORRIERE DELLA SERA i 13 SETTEMBRE 2013


LA PROVINCIA i 13 SETTEMBRE 2013


ano negli spazi dell’ex mattatoio a strade. Forse per questo sconcertareèanzituttolacostruzionedeldiper nulla insensibile altorna fascino del , in un serrato succedersi di spettacoli, insistentemente tema dell’infanzia, spositivofilmico.(Delresto,quest’annoilfedottore, a far sì ilche quelle idee, un pocobasti tri e performance. Ed è naturale che si pensare al Teatro Sotterraneo,agli stival ha ospitato anche un omaggio a Sylalla volta, entrino nella vita di tuttiArtefatti, i cino considerazioni sulle difficoltà del a Babilonia o a Fanny&Alexander. vainGeorge,unodeidocumentaristipolitigiorni del regno. La Danimarca, laCome se DOMENICA - IL SOLE 24e cupa ORE iin15 2013 ento, sull’eterna indifferenza delle intriste quella stagione cuiSETTEMBRE si diventa è originata ci più interessanti d’oggi, autore di una seDanimarca, cosìla zioni, su quanto sia arduo nostra fantasia potesse a snidare riedifilmsull’immigrazionein Francia). in pochi anni ilsiPaese piùandare avanzato del rmare l’agire artistico in un vero e il germe di un quello fare scenico, un immagine Certo, tra i film di "Colpedi stato" c’erano Continente, in cui i di Lumi o di un nuovo modo raccontare. io lavoro col quale vivere. Quello che anche lavori il cui impatto politico era più cominciano a dare di i primi frutti. Sulla Antonio le, comunque, è la voglia di mettere in immediato. Ad esempio, Mutasalilum di traccia della vicenda storica, il filmAudino o progetti Khaled Jarrar, girato tra i trasgressori del ohn Wellesanche complessi, di dar offre il piacere tutto cinematografico © RIPRODUZIONEdi RISERVATA a un’idea originale, di verificare confineIsraele/Palestina,ovviamentepununa ricostruzione attenta, ricca, otesi progettuale. Già, perché i territori Short Theater, Roma,Lo Laspaesamento pelanda, fino ta molto sulla forza dell’immediatezza. E curata nei particolari. novativi delLezioni teatro italiano da he ricorda di pianosono di Jane aldella 18 settembre. www.shorttheatre.org Les Chebabs de Yarmouk, su un campo proregina al suo arrivo; i e con un’acuta sensibilità per i perfughi in Siria, con una impostazione classitentennamenti, le folli smodatezze, e emminili. ca, ci avvicina a una generazione di giovani insieme gli slanci di generosità del re; le ncora donne le dominatrici assopalestinesiinattesa.Elemento,questodella trame del medico, finito forse in un miff gust: Osage County, il gioco al massospensioneinluoghiditransitoestazionagioco troppo grande per le sue forze; i va in scena, durante il funerale mento, presente anche in Sur les rivages du maneggi della perfida regina madre, lose up , tra madre e figlie e tra sorelle, monde, ambientato in Mali, tra migranti in dei nobili, del clero. Sullo sfondo il ohn Welles (il regista di The Comattesadipartireversol’Europa.Edunquesì, popolo, presenza costante e )Luigi dalla commedia i temi di attualità sono l’elementounificanminacciosa: per ora è solo una parte Paini del premio Puliy Letts: Meryl Streep, Julia Roberte della sezione: la crisi della classe media della scenografia, tra pochissimo e Lewis e Julianne Nicholson si innegliUsa,inuovimissionaricristianifondadiventerà assoluto protagonista. si rubano la scena e si fanno del mentalisti in Uganda, l’uso dei droni anche ★★★✩✩ n crescendo torrenziale, perfido e dapartedell’amministrazioneObama. o, dove tutti gli scheletri della faEppure le potenzialità del documentario Royal Affair, di Nikolaj Arcel, mericana vengono rovesciati fuori risaltanoinduefilmappassionantiesconcerDanimarca, Svezia, Repubblica adi. gni cosa sta per essere tanti, stranamente simili nei rischi che si asCeca, Germania, 2012, 128’, soluta protagonista romantica, in illuminata, nella sumono. Il primo è The Act of Killing, che drammatico m più belli di questodel festival, Danimarca XVIII è una l’americano Joshua Oppenheimer ha girato EVERETT COLLECTION depressasecolo. che, dopo il divorzio Ma, nel frattempo,dal inIndonesia,scovandoalcunideitorturatori veinprovinciacon ilfigliotrediceno è immerso nel buio dell’Ancien eassassinidelcolpodistatodel1965, quando di Emiliano Morreale ll’iniziodelweekendfestivodelLaime. È questo momento di glisquadronidellamorteucciserooltremezviene sequestrata in casa con saggio che Nikolaj Arcel tenta di il fizomilionedipersone.Questiassassini50anevaso di omicidio. I corpi, liere inaccusato Royal Affair: l’opprimente nidopovivonoinpaceconlapropriacoscienmanisi parlano,ein tregiorl Leone d’oro a Gianfranco Rosi semoe del vecchio, l’esaltantequei ansia del za, e di buon grado si prestano a spiegare e si trasforma in un padre per il rabraaverriaccesol’interesseintornoal ovo. Momento contraddittorio, rimettereinscenaleproprieazioni,coinvolti un innamorato per la donna: documentario.Maimotivi diinterestallizzato nei comportamenti diKate in un film-nel-film che lambisce l’horror di n una parte magnifica, memore di sedelcosiddetto"cinemadelreale"sosonaggi realmente esistiti, serieBeaddiritturailmusicalkitsch. ierce ma più sfumata eil autunnale, nomolteplici,espessononriguardanosolo ettanto contraddittori: re Qui l’operazione di "filmare il nemico" è lin ricordano la tensionedellacopil contenuto. Si prenda la sezione "Colpe di stiano, dalla mente vacillante; la rischiosissima: il regista racconta il piacere p/Eastwood ininsofferente) I ponti di Madison stato" del Milano Film Festival, che si conaffascinante (e dimettersiinscenadapartediquestiuomientreinglese il film,Carolina; Labor Day appunto, di clude oggi. Curata da Paola Piacenza, è in sorte ni, ma alla fine riesce nell’impresa di non man,non sivergognadiunromanapparenzaunapanoramicadidocumentafluentissimo medico di corte renderli simpatici, e crea nello spettatore spiegato esensualeedi unamalinri politici, nei quali il tema dovrebbe essere uensee. È quest’ultimo a portare a unosconcertosalutare,cheriguardanonsotenuta che novità sfocia nel gol’elemento decisivo. Ma quest’anno contete le grandi che groppo arrivanoindal lo i personaggi sullo schermo ma le proprie anto. neva lavori di grande complessità, in cui a o d’Europa, i pensieri proibiti dei modalità di apprendere la rappresentaziosuscitare interrogativi, ad affascinare e a sofi dell’Illuminismo. Ed è la regina, ne e la spettacolarizzazione della cronaca e © RIPRODUZIONE RISERVATA sconcertareèanzituttolacostruzionedeldinulla insensibile al fascino del della storia recente. E, muovendosi sul filo spositivofilmico.(Delresto,quest’annoilfetore, a far sì che quelle idee, un poco dilamadellavicinanzaaicarnefici,scardina stival ha ospitato anche un omaggio a Sylvolta, entrino nella vita di tutti i il consolatorio "paradigma vittimario" che rni del regno. La Danimarca, la governaancheilfunzionamentodeimedia. i vainGeorge,unodeidocumentaristipolitifilm del sole ci più interessanti d’oggi, autore di una sete e cupa Danimarca, diventa così L’altro titolo è Der Kapitän und sein Pirat riedifilmsull’immigrazionein Francia). ochi anni il Paese più avanzato del (Il capitano e il suo pirata) del tedesco Andy Certo, tra i film di"Colpedi stato" c’erano ntinente, quello in cui i Lumi Wolff, confronto a distanza tra il comananche lavori il cui impatto politico era più minciano a dare i primi frutti. Sulla foxfire - ragazze cattive dante di una nave sequestrata dai pirati, e il immediato. ccia della vicenda storica, il film caso, dopo una settimana di Laurent CantetAd esempio, Mutasalilum di pirata somalo che l’ha rapito, intervistato Khaled 2012, Jarrar,143’, girato tra i trasgressori del e il piacere tuttohanno cinematografico nto, i due non imparato di nel suo covo. I due osservano le reciproche Francia, drammatico confineIsraele/Palestina,ovviamentepunante ricostruzione attenta, ricca, in perché Bobo si è distratto interviste, le commentano, mentre ogni Anni 50, l’America è undell’immediatezza. grande fiume ta molto sulla forza E ata neiaparticolari. Lo spaesamento zione fissare le rotondità delle tanto vediamo anche immagini del sequetranquillo. Made la piena deglisu anni sta per Les Chebabs Yarmouk, un60 campo proregina al suo arrivo; i i.a Ubi maior... stro della nave. Il capitano (anzi, ormai ex arrivare, le "ragazze cattive" del titoloclassifughi ineSiria, con una impostazione tennamenti, le folligara smodatezze, co giorno della è ormai ealle capitano)havistolapropriacarrieradistrutsono l’avanguardia di un cambiamento ca, ci avvicina a una generazione di giovani emesfidanti gli slancisono di generosità del re; le due pronti per tadall’evento,perchéglièstatadatalacolpa epocale. palestinesiinattesa.Elemento,questodella me medico, finito forse storico in un di ne del al Tropicana, locale dell’accaduto,e alla fine sembra che l’unico sospensioneinluoghiditransitoestazionacodavanti troppo grande per le persone. sue forze; i a, a duemila a riconoscergli dignità di comandante sia %%% mento, presente anche in Sur les rivages du neggi perfida regina no ai della mondiali ero cosìmadre, in proprioilsuorapitore.Anchequi,c’èunmomonde, ambientato in Mali, tra migranti in nobili, del clero. Sullo », sussurra Vieri colsfondo labbroil mento in cui il regista fa rimettere in scena monsters university attesadipartireversol’Europa.Edunquesì, olo, presenza costante sicuro del favore deiegiudici. E alla vittima i momenti drammatici del seDan Scanlon i temi di attualità sono l’elementounificannacciosa: per ora è solo una parte ma spunta il sobrio Delvecchio, questro. Ma l’idea forte di questo film a suo Usa, 2013, 104’, animazione te della sezione: la crisi della classe media a scenografia, tra pochissimo hé Bobo, per tutta la durata della modostraordinarioèproprioildialogoadiMostri in crisi d’identità: dovrebbero negliUsa,inuovimissionaricristianifondaenteràha assoluto ance, tenutoprotagonista. gli occhi bassi, stanzatraidue,illororiconoscersiadistanspaventare morte e invece... fanno ridere mentalistiain Uganda, l’uso dei droni anche ★★✩✩ osteriore della partner. Dannata za come avversari, con dei momenti degni a crepapelle! dapartedell’amministrazioneObama. a. diunromanzo diConrad. Eppure le potenzialità del documentario yal Affair, di Nikolaj Arcel,RISERVATA %%% © RIPRODUZIONE © RIPRODUZIONE RISERVATA risaltanoinduefilmappassionantiesconcernimarca, Svezia, Repubblica tanti, stranamente simili nei rischi che si asca, Germania, 2012, 128’, sumono. Il primo è The Act of Killing, che ammatico l’americano Joshua Oppenheimer ha girato EVERETT COLLECTION inIndonesia,scovandoalcunideitorturatori eassassinidelcolpodistatodel1965, quando glisquadronidellamorteucciserooltremezzomilionedipersone.Questiassassini50annidopovivonoinpaceconlapropriacoscienza, e di buon grado si prestano a spiegare e rimettereinscenaleproprieazioni,coinvolti in un film-nel-film che lambisce l’horror di

om’è illuminata a Danimarca

O

calciatore

È reale, eppure è cinema

I


IL VENERDI - LA REPUBBLICA i 11 OTTOBRE 2013


MENSILI


ULISSE - ALITALIA i AGOSTO 2013

AGENDA | MILANO DAL

5 15 AL

SETTEMBRE

FINO AL

MILANO FILM FESTIVAL

14

SETTEMBRE

IL PIATTO FORTE

www.milanofilmfestival.it

www.fornasetti.com

14

SETTEMBRE

ELIO E LE STORIE TESE

www.carroponte.org

DAL

24

16

SETTEMBRE AL

FEBBRAIO 2014

POLLOCK E GLI IRASCIBILI. LA SCUOLA DI NEW YORK

Info e prenotazioni: +39 02 54913

DOPOLAVORO BICOCCA

Via Privata Chiese, 2 Tel. 02 6431111 - dopolavorobicocca@gmail.com

DIARIO DAL 5 AL 15 SETTEMBRE

AGOSTO

FINO ALL’8 SETTEMBRE

MILANO FILM FESTIVAL

La Permanente - Dürer. L’opera incisa dalla collezione di Novara. In mostra 170 splendide incisioni (Via Filippo Turati, 34 - www.lapermanente.it) / Through 8 September La Permanente Dürer. Engravings from the Novara collection. 170 splendid engravings (Via Filippo Turati, 34 - www.lapermanente.it)

FINO AL 14 SETTEMBRE

TEATRO STREHLER E ALTRI LUOGHI

IL PIATTO FORTE

T

© 2013 THE WILLEM DE KOONING FOUNDATION/ARTISTS RIGHTS SOCIETY (ARS), NEW YORK/FOTO DI SHELDAN C. COLLINS

radizionalmente attento ai nuovi talenti del panorama internazionale, il Milano Film Festival torna dal 5 al 15 settembre con oltre 200 titoli in programmazione, molte anteprime e produzioni indipendenti. Il centro sarà il Teatro Strehler con il suo Sagrato e il Teatro Studio, ma la scelta è ampia con gli eventi al Parco Sempione e altri luoghi in città. Da non perdere l’omaggio a Sylvain George, autore di cinema politico e sperimentale.

With its traditional focus on new international talent, the Milan Film Festival returns from 5 through 15 September with over 200 titles, including many previews and independent productions. The main venue will be the Teatro Strehler with its Sagrato (courtyard) and the Teatro Studio, but there will be a wide selection of events at Parco Sempione and other venues in the city. Don’t miss the tribute to Sylvain George, auteur of political and experimental films.

febbraio 2014 a Palazzo Reale 60 capolavori in prestito eccezionale dal Whitney Museum. Su tutte spicca la celeberrima Number 27 di Jackson Pollock, opera alla quale sarà dedicata un’intera sala, ma accanto al campione dell’action painting troveranno posto Rothko, de Kooning, Kline e molte altre superstar dell’arte americana. DAL 24 SETTEMBRE AL 16 FEBBRAIO 2014

POLLOCK E GLI IRASCIBILI. LA SCUOLA DI NEW YORK PALAZZO REALE

E

vento chiave dell’“Autunno Americano” di Milano, Pollock e gli irascibili. La scuola di New York porterà fino al 16

84 ULISSE AGOSTO 2013

The key event of Milan’s “American Autumn”, Pollock and the irascibles. The New York School, will bring 60 masterpieces on loan from the Whitney Museum to Palazzo Reale through 16 February 2014. A highlight is the famous Number 27 by Jackson Pollock, which will occupy an entire room. The champion of action painting will be joined by Rothko, de Kooning, Kline and many other superstars of American art.

SPAZIO FORNASETTI

N

14 SETTEMBRE

ELIO E LE STORIE TESE CARROPONTE

el centenario dalla nascita del celebre artista designer, lo spazio Fornasetti di Milano espone fino al 14 settembre, per la mostra Il Piatto forte, i lavori in ceramica meno noti di Piero Fornasetti, collezioni storiche in edizione limitata e alcuni pezzi rari realizzati tra gli anni ’50 e ’60. Il fil rouge sono i caratteristici decori surreali, i motivi animalier e i volti di donna ispirati all’arte metafisica e alle pitture pompeiane.

delle mostre dell’Hangar Bicocca. Per i clienti titolari di una carta d’imbarco di un volo Alitalia da/per Milano e da/per Roma effettuato fino a 60 giorni prima è riservato uno sconto speciale del 50%. Per ulteriori informazioni visitare il sito www.menuale.it/contenuti/alitalia.aspx

F

olli quanto virtuosi, gli Elio, Rocco Tanica & Co. saliranno sul palco per un atteso concerto il 14 settembre al Carroponte di Sesto San Giovanni. Aprono i nuovi successi tratti da L’Album biango come Complesso del primo maggio e La canzone mononota, ma come sempre non mancheranno le sorprese. As nutty as they are accomplished, Elio, Rocco Tanica & Co. will take the stage for an eagerly-awaited concert on 14 September at the Carroponte in Sesto San Giovanni. They open with hits from L’Album biango, including Complesso del primo maggio (band for May 1) and La canzone mononota (the one-note song), but as usual there’ll be no shortage of surprises.

For the 100th birthday of the famous designer, the Fornasetti space in Milan is showing the exhibition Il Piatto forte, with lesserknown ceramics by Piero Fornasetti, through 14 September. On display are historic limited editions and rare pieces made in the ‘50s and ‘60s. The connecting theme is the surreal decorations, animal motifs and women’s faces inspired by metaphysical art and Pompeian painting.

RISTORANTE

DOPOLAVORO BICOCCA VIA PRIVATA CHIESE, 2

L

a specialità di questo bistrot sono i “rubbitt”, piattini simili alle tapas spagnole perfetti per l’aperitivo o un brunch. Si può scegliere una mini impepata di cozze o un mini kebab e poi visitare una

This bistro’s speciality is “rubbitts”, snacks like Spanish tapas, perfect for an aperitif or brunch. Choose a mini-dish of peppered mussels or a mini-kebab, followed by a visit to one of the Hangar Bicocca’s exhibitions. Diners with boarding cards in their names for Alitalia flights to/from Milan and to/from Rome in the past 60 days will receive a special 50% discount. For further information visit www.menuale.it/contenuti/alitalia.aspx

FINO AL 29 AGOSTO

Milano Arte Musica. Festival internazionale di musica antica. Oltre quaranta spettacoli in dodici luoghi suggestivi (www.lacappellamusicale.com) / Through 29 August - Milano Arte Musica. International early music festival. Over forty performances in twelve picturesque venues (www.lacappellamusicale.com)

FINO AL 6 OTTOBRE

WOW - Belgio. Il regno del fumetto. Esposte tavole originali, albi e giornali che raccontano oltre cento anni di successi e di personaggi come i Puffi, Lucky Luke e Tintin (Viale Campania, 12 www.museowow.it - chiuso ad agosto) / Through 6 October - WOW - Belgium. The kingdom of comics. Original boards, albums and newspapers recounting over 100 successful years of such characters as the Smurfs, Lucky Luke and Tintin (Viale Campania, 12 www.museowow.it - closed in August)

SETTEMBRE

8

Piccolo Teatro Strehler - Il festival MiTo omaggia Federico Fellini con il concerto Beyond La Dolce Vita (Largo Antonio Greppi, 1 - www.mitosettembremusica.it) / Piccolo Teatro Strehler - MiTo Festival’s tribute to Federico Fellini with the Beyond La Dolce Vita concert (Largo Antonio Greppi, 1 www.mitosettembremusica.it)

16 Alcatraz - La giovane star americana Selena

Gomez arriva a Milano per l’unica data italiana del tour mondiale (Via Valtellina, 25 www.alcatrazmilano.it) / Alcatraz - The young American star Selena Gomez comes to Milan for the only Italian stop on her world tour (Via Valtellina, 25 - www.alcatrazmilano.it) ULISSE AGOSTO 2013 85


ALBATROS i SETTEMBRE 2013

135 Pag 34-41.qxp

15-07-2013

17:03

Pagina 41

Milano in Festival

ATTUALITA’ / Eventi

DI COSIMO STASSANO

Dal 5 al 15 settembre arriva la 18.ma edizione della piattaforma aperta sul cinema internazionale, preso il Teatro Strehler

S

arà come sempre il Teatro Strehler di Milano, con il suo bellissimo Sagrato, il centro nevralgico della 18.ma edizione del Milano Film Festival, al quale si affiancheranno il Teatro Studio, Parco Sempione e altri luoghi in città che si animeranno per 11 giorni di cinema, musica e incontri con ospiti e registi internazionali. Questo diciottesimo anno prosegue il percorso ideato dai due direttori Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini, che anche quest’anno curano un festival attento alle nuove produzioni e al cinema indipendente, con circa 200 opere necessarie a tracciare un percorso tra le più coraggiose cinematografie nazionali, raramente visibili in sala, tra anteprime internazionali e incontri con i talenti emergenti. Il programma prevede il consueto concorso riservato ai lungometraggi, aperto solo a opere prime e seconde di registi provenienti da ogni parte del mondo, ed il tradizionale contest per i corti, riservato a registi under 40, affiancati da sezioni fuori concorso, film in anteprima, ospiti, workshop, eventi paralleli. Fra i lunghi in programma, confermati The Eternal Return of Antonis Paraskevas della regista greca Elina Psykou, Best

Work in Progress a Karlovy Vary 2012, Fifi Howls From Happiness dell’iraniana Mitra Farahani che filma gli ultimi mesi di vita del pittore Behman Mohassess, Habi, la extranjera, storia di identità incerte nell’Argentina di María Florencia Álvarez, Les rencontres d’après minuit di Yann Gonzalez, presentato alla Settimana della Critica di Cannes 2013, sogni desideri e perversioni di una giovane coppia e della loro governante-travestito, Terra de Ninguém di Salomé Lamas, documentario portoghese già vincitore di numerosi premi, e Towheads di Shannon Plumb, commedia divertente sulle fatiche di una mamma contem-

poranea. Milano Film Festival, inoltre, renderà omaggio a Sylvain George, autore di cinema politico e sperimentale, di cui presenta i lavori in un’ampia rassegna. Nel corso del festival è poi previsto il workshop “Seize the time”, organizzato da Milano Film Network con MFF, in collaborazione con Filmmaker, che culminerà in un film collettivo sulla città, capace di

cogliere le parole e i gesti, sociali e politici, dell’Italia contemporanea e di trovare la forma giusta per raccontarli. La sensibilità di Sylvain George e la sua capacità di individuare nei dettagli i grandi movimenti della storia si tradurranno in una serie di preziosi suggerimenti allo sguardo, in una guida all’articolazione discorsiva delle immagini, sia essa narrativa o saggistica, e a un puntuale e serrato confronto sulle pratiche realizzative. Infine completeranno l’ampio programma la sezione The Outsiders (che raccoglie anteprime ed eventi speciali), l’atteso appuntamento con la nona edizione della rassegna “Colpe di Stato”, che si sofferma sulla realtà complessa del sistema di potere nel mondo, il F o c u s Animazione con la tradiz i o n a l e maratona di cortometraggi, un focus dedicato al cinema che racconta l'ambiente, l’appuntamento per i più piccoli con il milano film festivalino, gli appuntamenti di musica con i concerti e dj set sul Sagrato e al Parco Sempione, workshop e masterclass per professionisti e per il grande pubblico. Appuntamento per tutti, dunque, dal 5 al 15 settembre: grandi, piccoli, appassionati e curiosi, per vivere undici giorni di grande cinema, tutto da scoprire.

41


BEST MOVIE i SETTEMBRE 2013


CIAK i SETTEMBRE 2013


LA RIVISTA DEL CINEMATOGRAFO i SETTEMBRE 2013


COSMOPOLITAN i SETTEMBRE 2013


La nuova ecologia i SETTEMBRE 2013

parolecalde ➽ cronache ➽

trentagiornisettembre a cura di Valeria Buzi

luoghi ➽ appuntamenti

www.lanuovaecologia.it il NETWORK di LegambIenTe

Il 23 luglio scorso, su impulso della Direzione distrettuale antimafia di Firenze, si è svolta una

ilnumero

50,2%

➽ La percentuale di elettricità derivante da fonti pulite rispetto al totale dell’energia generata in Italia lo scorso giugno (dati Terna), coprendo il 44,3% della domanda. In dodici mesi la quota delle fonti rinnovabili sulla produzione netta è aumentata del 12%, mentre i consumi complessivamente sono diminuiti del 6,2.

Milano film festival diciottesima edizione del Milano Film Festival, con retrospettive sull’ambiente e sul rapporto dell’uomo con l’alimentazione.

Per la prima volta la Tepco ha ammesso che le acque radioattive fuoriuscite dalla centrale nucleare di Fukushima sono finite nell’oceano Pacifico. L’annuncio è giunto a fine luglio, all’indomani della vittoria elettorale dei Liberaldemocratici del premier Shinzo Abe, sostenitore del riavvio dei reattori nucleari, solo due dei quali (su 50) sono attualmente in funzione. Secondo i sondaggi la maggioranza della popolazione è contraria all’atomo per uso civile, a maggior ragione dopo che quasi 2.000 lavoratori di Fukushima sono considerati, per ammissione della Tepco, a maggior rischio di contrarre tumori tiroidei. Il gup di Milano Luigi Varanelli ha rinviato a giudizio 11 persone, fra ex componenti del cda ed ex amministratori della Pirelli, nel processo sulla morte di alcuni operai colpiti da tumori causati dall’amianto presente in fabbrica. Gli imputati rispondono di omicidio colposo e lesioni colpose gravi e gravissime in relazione a 19 casi (15 decessi e 4 lesioni). Si tratta della seconda tranche del procedimento penale che ha già coinvolto gli ex manager per 24 casi di operai morti per mesotelioma pleurico o ammalati di tumore.

5-15

i www.milanofilmfestival.it 6

Echogreen BtoB

FOTO: © NORORu HASHiMOTO / cORBiS

Echogreen BtoB, evento dedicato al networking delle imprese green, si svolge durante la prima giornata del festival Echogreen, sul lago Trasimeno dal 6 all’8 settembre.

maxi operazione contro il traffico internazionale di rifiuti con perquisizioni e sequestri in dieci regioni. Le due persone raggiunte da ordinanza di custodia cautelare, padre e figlio, sarebbero esponenti di un gruppo criminale di tipo mafioso con base operativa a Prato, ma le indagini hanno portato alla scoperta di una fitta rete di associazioni a delinquere operanti in varie parti d’Italia e con un traffico stimato in migliaia di tonnellate di rifiuti plastici e tessili commercializzati illecitamente. La città californiana di Palo Alto si è impegnata a utilizzare il 100% di energia elettrica rinnovabile. Grazie all’idroelettrico, che fornisce il 50% del suo fabbisogno, e alla restante energia proveniente da eolico, solare e biogas dalle discariche, l’ente locale è tra i pochi a vantare un bilancio energetico a emissioni zero. Il sindaco Greg Scharff ha spiegato che l’eventuale approvvigionamento da fonti non rinnovabili sarà compensato con l’acquisto e l’annullamento di certificati Recs (Renewable energy certificate system). Per i cittadini è previsto un costo aggiuntivo in bolletta di soli tre dollari l’anno.

i www.echogreen.eu 7-22

Paesaggio in mostra A Bergamo terza edizione de I maestri del paesaggio. International meeting of the lanscape and garden.

i www.arketipos.org 19-22 Festa internazionale del Pane “dalla terra alla tavola: viaggio delle buone sementi per un pane di qualità” è il tema della tredicesima Festa internazionale del pane di Senigallia (An).

i panenostrum.com 20-22 Fashion ma critical Torna a Milano So critical so fashion, il primo evento dedicato alla moda critica e indipendente, nella prestigiosa location di Frigoriferi Milanesi.

i www.criticalfashion.it 30

Premio Sapio per la ricerca Scade il termine per iscriversi al Premio Sapio per la ricerca italiana, che assegna tre riconoscimenti in denaro a ricercatori su salute, industria, biotecnologie, economia.

i www.premiosapio.it 29

Ebraismo e natura in sessantasei località italiane, eventi e performance sul rispetto per la natura e tradizione ebraica.

i www.ucei.it

settembre 2013 / La nuova ecologia

5


MAXIM i SETTEMBRE 2013


MYSELF i SETTEMBRE 2013


RIDERS i SETTEMBRE 2013


WU i SETTEMBRE 2013 i 1/2 PAGINE

wu)magazine_speciale cinema

MFF 2013 / ANIMAZIONE GLI ANIMALI SONO A LORO AGIO NEI CORTI DI ANIMAZIONE DEL MILANO FILM FESTIVAL. QUEST’ANNO LO SCETTRO VA AI GATTI, ORMAI OGGETTO DI MARKETING, DAI VIDEO DI YOUTUBE ALLE MAGLIETTE CHE, SICURAMENTE, QUALCUNO CHE STA LEGGENDO IN QUESTO MOMENTO INDOSSA SENZA VERGOGNA. DI EMMA CACCIATORI

L’hype dei gatti è ormai indiscusso: i cani hanno tentato di farsi avanti timidamente, ma i felini hanno avuto la meglio anche sui più avventurosi tra i loro storici antagonisti (drammatici esempi sono riportati dal chihuahua di Paris Hilton). Anche per quanto riguarda il cibo, i gatti sono del tutto privilegiati, con tutte quelle piccole scatoline monoporzione a volte più invitanti di alcuni nostri ripieghi per la cena dell’ultimo secondo. Anche al Milano Film Festival la “kitty feaver” ha contagiato l’isola dedicata ai corti di animazione, piano chiaramente attuato dai gatti per cominciare una diffusione virale di loro materiale, che presto li porterà alla conquista del mondo. Non è nuovo al festival David OReilly, folle animatore che due anni fa, con il suo The External Word, ha fatto tremare gli alberi del Parco Sempione per le risate. Uno stile cinico, con vicende raccontate in modo epilettico e guidate dal nonsense. Questa volta un topo e una

gatta cercheranno di ritrovare il loro equilibrio di coppia dopo anni di litigi. Please Say Something è una storia tenera, ironica, tanto surreale da sembrare vera. In All Consuming Love (Man in a Cat) ci sono altre dinamiche amorose tra gatto e topo, ma stavolta la faccenda è più complicata (giuro che è possibile). Un piccolo uomo che vive in un gatto incontra una piccola donna residente in un topo: incontrarsi senza spaventare la padrona di casa (di dimensioni normali) non sarà facile. Per le domande rivolgetevi direttamente al regista, Luis Hudson, durante il suo workshop Paper in Motion dal 7 al 9 settembre. Finito l’amore, quello che rimane da fare è ballare e, che ne siate capaci o meno, il solo ascolto di musica swing ha un potere magico per i nervi. Caravan Palace – Rock it For Me è un video musicale realizzato per i Caravan Palace, gruppo electro/swing francese. Nel video, che ricorda certe atmosfere di Sky Captain and the Word of Tomorrow (quello in cui fino a metà film Gwyneth Paltrow sembra la più gnocca e poi arriva Angelina Jolie vestita di pelle e detta legge), in una città anni Trenta un’invasione aliena viene fermata da un robot danzante. Cosa c’entrano qui i gatti? Nulla, se non fosse che il bravissimo regista del corto si chiama Ugo Gattoni. INFO: www.milanofilmfestival.it


WU i SETTEMBRE 2013 i 2/2 PAGINE

wu)magazine_speciale cinema

72.73

MFF 2013 / COLPE DI STATO TORNA ANCHE PER L’EDIZIONE DI QUEST’ANNO DEL MILANO FILM FESTIVAL LA SPECIALE RASSEGNA INCENTRATA SU TEMATICHE LONTANE DALL’INFORMAZIONE MAINSTREAM, PROPONENDO DOCUMENTARI CHE CERCANO LA VERITÀ SENZA EDULCORANTI E CI FORNISCONO UNA NUOVA LENTE PER GUARDARLA. DI EMMA CACCIATORI

Dopo le scappatelle tra i cespugli del parco Sempione e le ore piccole sulla piazzale dello Strehler, il Milano Film Festival diventa maggiorenne. Ciò non significa che smetterà di divertirsi, solo che, giunto alla diciottesima edizione, sta diventando grande. Duecento le opere selezionate quest’anno, undici delle quali saranno dedicate a Colpe di Stato, la rassegna sul sistema di potere nel mondo. “Avevamo preventivato otto film – ci racconta la curatrice Paola Piacenza – ma poi abbiamo deciso che ne presenteremo più di dieci”. C’è persino spazio per una novità: il focus sul giovane regista francese Sylvain George, che si è già messo in contatto con l’Italia per il workshop di regia Seize the Time, dedicato al rapporto tra città e cinema. “George rientra perfettamente nelle direttive: è ribelle, un poeta che fa cinema della rivolta con passione e, come lo definirebbero gli americani, un believer”.

E anche se siamo legati alla nostra città, non possiamo che essere simpatetici con chi pratica l’arte della fuga. Anche i protagonisti dei film selezionati scappano, non senza grandi difficoltà, come Shin Dong-Huyk, protagonista di Camp 14 di Marc Wiese, prigioniero ancora prima di nascere nel 1983 in un campo di rieducazione Nord Coreano. A 23, con l’aiuto di un prigioniero più anziano, riesce a fuggire e per anni viaggia attraverso la Corea del Nord e la Cina fino ad arrivare in Corea del Sud, dove trova un mondo inaspettato e per lui sconvolgente. Un valore aggiunto è dato dalle animazioni utilizzate per ricreare alcuni degli incidenti al campo. Scappano anche i protagonisti di Infiltrators di Khalled Jarrar, cercando varchi nel muro che separa Palestina e Israele col fine di attraversarlo. La fuga non è solo fisica ma diventa anche mentale: Roger Ross Williams con God Loves Uganda fa un’esplorazione della campagna di evangelizzazione per instillare i valori importati dall’America cristiana di destra nella cultura africana. Il film segue leader religiosi ugandesi e americani nella loro lotta alla supposta immoralità sessuale dei locali e mostra le strategie persuasive dei missionari, che cercano di convincere gli ugandesi a seguire la legge biblica. Secondo la regista un film significativo, in quanto rappresentativo per il cambiamento che sta avvenendo nel mondo della carta stampata, è Dirty Wars, un’inchiesta giornalistica di grande livello, condotta da Jeremy Schohill, che lavora per “The Nation”. Il regista ha indagato sui bombardamenti con droni in Afghanistan e Yemen, scegliendo la strada del documentario. Certo non sono tematiche leggere, ma la loro scelta non è dovuta solo alla necessità di essere informati: il loro valore, come concorda anche Paola, è artistico. “Il mandato di Colpe di Stato raccoglie il presente con il documentario. Da quando curo la rassegna, però, mi sono soffermata molto anche sul linguaggio. Le linee politiche forti sono importanti, ma non bisogna dimenticarsi del cinema”.


WEB


MYDREAMS I 21 MAGGIO 2013

30/08/13

Oltre 200 opere al Milano Film Festival

Cerca

Cerca Home

Musica

Cinema

Teatro

Tempo libero

Video

La squadra

Contatti

Oltre 200 opere al Milano Film Festival Martedì, 21 Maggio 2013 16:18

Scritto da Cosimo Sinforini

Il Piccolo Teatro S trehler apre le porte alla diciottesima edizione del Milano F ilm F estival. La kermesse cinematografica capitanata da Alessandro Beretta eVincenzo Ro ssini, con una programmazione che prevede undici giorni di cinema, musica e incontri con ospiti e registi internazionali, presenta circa 200 opere per tracciare un percorso tra le più coraggiose cinematografie nazionali, raramente visibili in sala, tra anteprime internazionali e incontri con i talenti emergenti. Il programma prevede: il concorso lungometraggi, aperto solo a opere prime e seconde di registi provenienti da ogni parte del mondo; il tradizionale concorso cortometraggi, riservato a registi under 40; la seconda parte di Italia 80, la retrospettiva dedicata al cinema italiano degli anni ottanta (tra i maggiori successi dell'edizione 2012), con proiezioni, ospiti e lezioni di cinema; la nona edizione della rassegna Colpe di Stato, che indaga il sistema di potere nel mondo, The Outsiders (che raccoglie anteprime e eventi speciali), il Focus Animazione con la tradizionale maratona di corti al Parco Sempione, un focus dedicato al cinema che racconta l'ambiente, l’appuntamento per i più piccoli con il milano film festivalino, gli appuntamenti di musica con i concerti sul Sagrato, workshop e masterclass per professionisti e per il grande pubblico.

www.mydreams.it/index.php/cinema/item/335-oltre-200-opere-al-milano-film-festival

1/1


REDMAG I 18 LUGLIO 2013

APPUNTAMENTI RED-HEAD

CONTEST TENTATIONS

DU CINÉMA ABOUT

LIFESTYLE

PORTFOLIO TRÉS COOL DISCLAIMER

APPUNTAMENTI / CONTEST / DU CINÉMA CONTACT

Portate a letto un regista • on Jul 18, 2013 •

Il cinema ha bisogno di voi Arrivano da tutto il mondo, in aereo o in treno, in bicicletta o in autostop… Sono donne e uomini, registi, attori o produttori, solitamente giovani e curiosi. Vengono per presentare un film o per guardarsi quelli degli altri, per conoscere Milano e i milanesi. Chi decidesse di ospitarli a casa potrà conoscerli e passare con loro le giornate al festival tra proiezioni e incontri, interviste e feste… Poi a un certo punto bisognerà portarli a letto.

Sappiate che potrà succedere di tutto: potrebbero scegliere casa vostra come location o scritturare una vostra zia per il loro prossimo film, potrebbero girare un documentario sul vostro quartiere o un horror movie sui vostri vicini di casa. In cambio dell’ospitalità riceverete un abbonamento per tutto il festival ed entrerete a pieno diritto nella storia del cinema. Per adottare un regista compilare il form sul sito.


INDIE-EYE I 19 LUGLIO 2013


PAPERSTREET I 19 LUGLIO 2013

MILANO FILM FESTIVAL ‑ ADOTTA UN REGISTA

17

protagonisti del festival.

6

0

0

0

Milano Film Festival inaugura un’originale campagna di comunicazione per organizzare in modo alternativo l’ospitalità dei suoi registi, che alloggeranno in città in occasione della 18° edizione prevista dal 5 al 15 settembre 2013. Come ogni anno, sono attesi a Milano moltissimi giovani registi e operatori del cinema provenienti da ogni parte del mondo, e sarà quindi un’occasione straordinaria di conoscere da vicino i veri

Chi mette a disposizione un posto letto o una stanza per ospitare un regista, ha modo di conoscerlo direttamente, di scambiare opinioni e punti di vista, e di condividere un'esperienza di bed‑sharing ricevendo in omaggio l'accredito al festival. Con il Milano Film Festival e le tante location sparse per la città, con il suo ricco programma di eventi, il concorso lungometraggi e la tradizionale maratona dei corti al Parco Sempione, l’attesa rassegna Colpe di Stato, l’omaggio al cineasta Sylvain George, le anteprime di The Outsiders, i workshop e gli incontri, Milano si mostra ospitale e accogliente, in uno spirito di inclusione e di apertura a esperienze e culture lontane. PER METTERE A DISPOSIZIONE UN POSTO LETTO E OSPITARE UN REGISTA: www.milanofilmfestival.it


ARTSLIFE I 20 LUGLIO 2013


SENTIERISELVAGGI I 20 LUGLIO 2013

HOME BLOG

CINEMA

EVENTI

CLASSIFICHE

LIBRI

DVD

TV

WEB

SS MAGAZINE

MULTIMEDIA SHOP

PERSONAGGI

SCUOLA DI CINEMA

ARCHIVIO

COMMENTI COMMUNITY

RUBRICHE

FESTIVAL

LOCARNO 66

SPECIALI

VENEZIA 70

Sei in: HOME > NEWS

Adotta un regista per il Milano Film Festival in omaggio l'accredito al festival  Il Milano Film Festival, in programma dal 5 al 15 settembre 2013, inaugura un’originale campagna di comunicazione per organizzare in modo alternativo l’ospitalità dei suoi registi che alloggeranno in città: Adotta un regista. Come ogni anno, sono attesi a Milano moltissimi giovani registi e operatori del cinema provenienti da ogni parte del mondo, e chi metterà a disposizione un posto letto o una stanza per ospitare un regista, non solo avrà modo di conoscerlo direttamente e di scambiare opinioni e punti di vista, ma riceverà anche in omaggio l'accredito al festival.   PER METTERE A DISPOSIZIONE UN POSTO LETTO E OSPITARE UN REGISTA: www.milanofilmfestival.it


02BLOG I 22 LUGLIO 2013


ILFATTOQUOTIDIANO I 22 LUGLIO 2013

Accedi | Abbonamenti

Milano Film Festival 2013, i cittadini “adottano” i registi. E vanno gratis al cinema Per combattere la crisi e il calo dei finanziamenti pubblici, gli organizzatori chiedono agli abitanti del capoluogo lombardo di ospitare gli artisti. In cambio potranno partecipare gratis alla kermesse, che si terrà dal 5 al 15 settembre di Davide Turrini | 22 luglio 2013

Adotta un regista, lo fai dormire a casa tua e vieni gratis al cinema per dieci giorni. La singolare iniziativa arriva dal Milano Film Festival che in tempi di crisi economica e rilancio della manifestazione, giunta alla sua 18esima edizione (5-15 settembre 2013), propone un pacchetto all inclusive per registi provenienti da tutti i continenti e cittadini milanesi. “Bastano una stanza o un divano letto per la notte”, spiega al fattoquotidiano.it Elisabetta Fanti, coordinatrice generale del festival, “poi l’ospitante deciderà se fornire ai registi anche la prima colazione, noi intanto gli regaliamo un abbonamento a tutte le proiezioni. Lanciamo l’iniziativa, raccogliamo le disponibilità e poi vediamo come incastrare tempi di permanenza degli ospiti. Sono artisti che provengono da tutto il mondo, spesso giovani under 40, sanno adattarsi”. Un’iniziativa bizzarra, ma necessaria, che in due giorni, grazie all’apposito formulario scaricabile dal sito della kermesse milanese ha già raccolto una cinquantina di adesioni: “Abbiamo pensato di lavorare sul versante dell’ospitalità sia per coinvolgere di più i milanesi, per far diventare sempre più l’iniziativa il festival della città; sia per motivi economici: con la crisi galoppante i finanziamenti diminuiscono sia dal versante pubblico che da quello privato”. La manifestazione milanese porta in dote ogni anno circa 100mila partecipanti, con un buon 70% interessato ai film e il rimanente 30% che partecipa andando ad ascoltare un concerto o con un drink tra i diversi luoghi del Mff, come i cinema Anteo, Palestrina, Spazio Oberdan e le proiezioni all’aperto di Parco Sempione. “Un terzo dei finanziamenti arriva dalle aziende private, un terzo dalle istituzioni, un terzo dai biglietti venduti”, puntualizza la Fanti, “ma nel 2013 abbiamo risentito molto dei tagli, soprattutto vengono a mancare gli sponsor. Dal Comune di Milano riceviamo 150mila euro e continueremo a riceverlo anche quest’anno, il ministero della Cultura si riunirà in commissione il 3 agosto e pare confermare il suo contributo. Ma se l’anno scorso il budget era di 800mila euro quest’anno scenderà sui 600mila”. Giocoforza trovare soluzioni alternative. “La cultura fa girare l’economia, bisogna crederci di più, è un investimento per il futuro del paese, lo diciamo ai privati come alle istituzioni”. E se con il nuovo assessore alla cultura del comune di Milano, Filippo Del Corno, i rapporti sono “tranquilli” (“abbiamo avuto buoni rapporti con tutte le amministrazioni succedutesi a Milano”), è sulla Regione Lombardia che la Fanti orienta le proprie critiche. “Da tre anni sono stati cancellati i bandi per sostenere le attività festivaliere, oltre al fatto che quando c’erano le grosse cifre andavano sempre ai soliti noti. Speriamo almeno che con il riordino della Film Commission regionale cambi qualcosa. Tutti i registi e le produzioni milanesi vanno già a girare i propri film da altre parti, figuriamoci organizzare un festival”. Infine, sempre in tema di registi da ospitare, il primo nome è il francese Sylvain George, a cui il Mff dedica una retrospettiva. Un cineasta politicamente impegnato, più volte ospite del Torino Film Festival, che sarà protagonista di un workshop sul cinema: “Altri nomi non possiamo ancora farli, ma saranno tanti e avremo bisogno del supporto dei milanesi in fatto di ospitalità. Il nostro slogan di lancio dell’edizione 2013 è ‘Il cinema bella scoperta’, perché la nostra mission è far vedere il cinema che rimane nascosto e scoprire giovani che provengono da ogni parte del mondo”.

Articoli sullo stesso argomento: Milano Film Festival 2012: il programma e i film in concorso


FILMFORLIFE I 23 LUGLIO 2013


PIGMAG I 19 AGOSTO 2013 i 1/2 PAGINE


PIGMAG I 19 AGOSTO 2013 i 2/2 PAGINE


Cinecittànews I 20 AGOSTO 2013 luce cinecittà

home

news

interviste

articoli

box office

news

Venerdì 30 Agosto 16:0

home  >  news  >  news

Share Share

0

Share More

3

Workshop di animazione al Milano Film Festival ssr

20/08/2013

Sono aperte fino al 26 agosto le iscrizioni per il workshop di animazione con il regista inglese Louis Hudson che si terrà dal 7 al 9 settembre nel corso del Milano Film Festival (5­15 settembre). Il workshop, dedicato ad animatori e studenti di animazione (massimo 10 partecipanti), è realizzato in collaborazione con Moleskine e ha l'obiettivo di realizzare un cortometraggio animato in tre giorni. Attraverso la combinazione di tecniche digitali e a mano, laptop, tablet, sketchbook e matite, i partecipanti creeranno una sorta di flusso di coscienza psichedelico basato sulle bozze provenienti dai loro taccuini. Il workshop, in lingua inglese, costa 30 euro, comprensivo di abbonamento (per chi ha già acquistato l’abbonamento, il workshop è gratuito) e si terrà nello Spazio Eurolab, Piccolo Teatro Strehler. Per informazioni: programme@milanofilmfestival.it


Donna.piazzagrande I 20 AGOSTO 2013

PAPER IN MOTION workshop di animazione con Louis Hudson BELLEZZA Martedì 20 Agosto 2013 alle 19:25 via FAIDATE10.IT

Milano Film Festival, all’interno del Focus Animazione, + 0 presenta unworkshop a cura del regista d’animazione inglese Louis Hudson, realizzato in collaborazione con Moleskine. Il workshop ha l’obiettivo di realizzare un cortometraggio animato in tre giorni. Attraverso la combinazione di tecniche digitali e a mano, laptop, tablet, sketchbook e matite, i partecipanti creano una sorta di flusso di coscienza psichedelico basato sulle bozze provenienti dai loro taccuini. Tre giorni di divertimento e libertà creativa dove i partecipanti possono condividere e imparare le tecniche d’animazione più svariate.


FmCinema I 20 AGOSTO 2013

FMCinema

Il Cinema è Falso Movimento che vive nella sfera dell'immaginario Home

Credits

Links

Newsletter

Spigolature

Televisioni

Visioni

Festival

News

PAPER IN MOTION Aperte fino al 26 agosto le iscrizioni per il workshop di animazione con Louis Hudson (7-9 settembre) 0

20 agosto 2013 – 12:26

Milano Film Festival, all’interno del Focus Animazione, presenta un workshop a cura del regista d’animazione inglese Louis Hudson, realizzato in collaborazione con Moleskine. Il workshop ha l’obiettivo di realizzare un cortometraggio animato in tre giorni. Attraverso la combinazione di tecniche digitali e a mano, laptop, tablet, sketchbook e matite, i partecipanti creano una sorta di flusso di coscienza psichedelico basato sulle bozze provenienti dai loro taccuini. Tre giorni di divertimento e libertà creativa dove i partecipanti possono condividere e imparare le tecniche d’animazione più svariate. Il workshop è dedicato ad animatori e studenti di animazione (massimo 10 partecipanti). Iscrizioni aperte fino al 26 agosto. Info tecniche date: 7-8-9 settembre orario: 10 – 17 (con un’ora di pausa pranzo) luogo: Spazio Eurolab, Piccolo Teatro Strehler lingua: inglese costo: 30 euro (comprensivo di abbonamento) Per chi ha già acquistato l’abbonamento, il workshop è gratuito Per informazioni scrivere a programme@milanofilmfestival.it LOUIS HUDSON ​Louis Hudson, regista di animazione 2D e co-fondatore del collettivo comico Dice Productions, ha realizzato lavori per Channel 4, UK Film Council, BBC Comedy, Warner Entertainment e Oxfam, oltre a creare un consolidato canale YouTube con milioni di visualizzazioni. Il suo primo cortometraggio autoriale è stato Consuming Love (Man in a Cat) che ha avuto un pluripremiato giro nei circuiti festivalieri internazionali. L’appuntamento con il 18° Milano Film Festival è dal 5 al 15 settembre 2013; per tutti gli aggiornamenti è sempre consultabile il sito www.milanofilmfestival.it

Cerca


Indie-eye I 20 AGOSTO 2013


Newscinema I 20 AGOSTO 2013


TaxiDrivers I 22 AGOSTO 2013

  

  "!"! % $ ! % #!#!

/1'34 /12 +89/;'1 '11E/39+734 *+1 4):8 3/2'?/43+ 57+8+39' :3 <4708.45 ' ):7' *+1 7+-/89' *E'3/2'?/43+/3-1+8+4:/8:*8437+'1/??'94/3)411'(47'?/43+)4341+80/3+ 1 <4708.45 .' 1E4(/+99/;4 */ 7+'1/??'7+ :3 )47942+97'--/4 '3/2'94 /3 97+ -/473/ 997';+784 1' )42(/3'?/43+*/9+)3/).+*/-/9'1/+'2'341'59459'(1+980+9).(440+2'9/9+/5'79+)/5'39/)7+'34 :3'8479'*/,1:884*/)48)/+3?'58/).+*+1/)4('8'948:11+(4??+574;+3/+39/*'/14749')):/3/ "7+-/473/*/*/;+79/2+394+1/(+79@)7+'9/;'*4;+/5'79+)/5'39/5488434)43*/;/*+7++/25'7'7+1+ 9+)3/).+*E'3/2'?/43+5/B8;'7/'9+ 1<4708.45A*+*/)'94'*'3/2'947/+89:*+39/*/'3/2'?/43+2'88/245'79+)/5'39/ 8)7/?/43/'5+79+,/34'1 '-4894 3,49+)3/).+ *'9+8+99+2(7+ 47'7/4D)43:3E47'*/5':8'57'3?4 1:4-4!5'?/4:741'( /))414"+'974!97+.1+7 1/3-:'/3-1+8+ )4894 +:74)4257+38/;4*/'((43'2+394 +7)./.'-/@')6:/89'941E'((43'2+394/1<4708.45A-7'9:/94 +7/3,472'?/43/8)7/;+7+'574-7'22+2/1'34,/12,+89/;'1/9  F4:/8 :*843 7+-/89' */ '3/2'?/43+  + )4,43*'947+ *+1 )411+99/;4 )42/)4 /)+ 74*:)9/438 .' 7+'1/??'941';47/5+7.'33+1 #/124:3)/142+*>$'73+739+79'/32+39+=,'24197+ ')7+'7+:3)43841/*'94)'3'1+%4:":(+)432/1/43/*/;/8:'1/??'?/43/ 1 8:4 57/24 )47942+97'--/4 ':947/'1+ A 89'94 438:2/3- 4;+ '3 /3 ' '9 ).+ .' ';:94 :3 51:7/57+2/'94-/743+/)/7):/9/,+89/;'1/+7//39+73'?/43'1/ E'55:39'2+394)43/1C/1'34/12+89/;'1A*'1 '1 8+99+2(7+  5+79:99/-1/'--/473'2+39/ A8+257+)438:19'(/1+/18/94<<<2/1'34,/12,+89/;'1/9


Turchia.overblog I 25 AGOSTO 2013

! "    !# 6%%.,&$5146 *1451

  2/ 2,$99$5$-4,/41.,'$3,(5;&6.563$,5$.,$

! ""! "! &' !! ! & !%$!! $!! " !    !# .&1351',63$-:(7,-? (-,9$9,3$0.551',,6*01@,0&1053(3;,.26%%.,&1'63$05(.$ (4,/$ (',9,10(',,.$01,./(45,7$.'$.$.  (55(/%3(

0(..$4(9,10(&+1(41)4,.(0&($*(1) ,//$0(0&(/$**,1$ 8.7$,0(13*( $45(44$4(9,10(&+(,0&.6'(,),./(42(3,/(05$.,46.3$4,.(&$2,5$.,4/13,71.5(,0 2$*0$(3(&,$ 142,5$$0&+(,&135,'(,3(*,45,,/2135$05,&1/(36&($,..,((0644(..(0$&1%4$8/60'1 .(89(3(($06&1'$3' .),./<&1/21451'$,7,'(1'(..(%$33,&$5(&3($5,$*.,,0*3(44,'(..$,$99$!$-4,/('$..$6',1'(. ,05(37(051'(..$21.,9,$,. $**,1$..$100$,01441&10.(.$&3,/1*(0,601'(,4,/%1.,'(..$ (4,45(09$'(.$3&1(9, .215(3(563&13,4210'($.3,),651'(.2121.1563&1',41551/(55(34,3(23,/(0'1=.$453$'$> 42(3,/(05$0617(453$5(*,(21.,5,&+("0$263$,//$*,0(',$.(55,&$ 05$051,.)(45,7$.&+,$/$,461,42(55$513,$..$41.,'$3,5;&10,142,5,3(*,45,$5513,1231'65513, ,0',2(0'(05,(*,17$0,7(0*101142,5$5,0(..(&$4('(,71.105$3,,0&$/%,1',60$%%10$/(0512(356551,. )(45,7$.


ATM I 27 AGOSTO 2013


Cinemaitaliano.info I 27 AGOSTO 2013

Acquista i nostri DVD Film

Documentari

I più premiati

Uscite in sala

Home Video

Colonne Sonore

Festival

Libri

Industria

I corti del Milano Film Festival in metro Quest'anno, in attesa del 18° Milano Film Festival (5­15 settembre  2013),  i  corti  si  guardano  anche  in  metro. Giovedì  29  e  venerdì  30  agosto,  nell’inedita  cornice della  stazione  metropolitana  Garibaldi,  saranno proiettati  i  cortometraggi  più  belli  e  apprezzati  delle passate  edizioni  del  festival:  animazioni  e  avventure straordinarie,  storie  appassionanti  di  paesi  lontani  e racconti brevi, ideali per chi ha voglia di fare un break o per chi vuole prepararsi ai 10 giorni di festival. Aspettando il Milano Film Festival, si potranno vedere e rivedere  i  corti  più  originali,  esilaranti,  tristi,  surreali, spiazzanti  e  divertenti  della  storia  del  Milano  Film  Festival,  in  uno  spazio  diverso,  la  stazione  M2  Garibaldi,  a disposizione di tutti i passeggeri ATM. Storie da farci rimanere a bocca aperta, come una dichiarazione d’amore sulla ruota panoramica (Anna di Ruben Pest),  le  sperimentazioni  video  di  Nicolas  Provost  (Gravity),  Jasper  Elings  (Sharing  a  Beautiful  Sunset)  e  Naren Wilks (Collide­O­Scope), la comicità moraleggiante di Martin Jones e dell’uomo sull’albero Yvan Attal (At Dawning) e quella sorprendente di Borja Cobeaga (Un novio de mierda), le barriere linguistiche di Barnabas Toth (Vonaton), il  thriller  animato  di  Max  Porter  (Something  Left,  Something  Taken),  l’essenzialità  del  disegno  di  Kajsa  Naess, premiato ad Annecy (Deconstruction Workers). Per informazioni: www.milanofilmfestival.it

film per titolo


Mentelocale I 27 AGOSTO 2013

27/08/13

Aspettando Milano Film Festival 2013 Milano / Spettacoli / Cinema

www.mentelocale.it

Aspettando Milano Film Festival 2013 Martedì 6 agosto maratona di cortometraggi d'animazione alla Cascina Cuccagna. Durante la serata in vendita l'abbonamento alla rassegna di settembre

Aspettando Milano Film Festival 2013 © Un fotogramma da Grocery Store Wars

Milano Lunedi 5 agosto 2013 ore 15:53

Martedì 6 agosto dalle 21.30, Cascina Cuccagna ospita una maratona di cortometraggi d’animazione targata esterni. In programma tre ore no­stop di proiezione in attesa del 18° Milano Film Festival in programma dal 5 al 15 settembre prossimi. L'ingresso è libero. I corti sono stati scelti fra i lavori selezionati per le passate edizioni della rassegna cinematografica, mentre la sede è quella ormai del Milano Film Festivalino dedicato ai più piccoli. Fra i numerosi della maratona, storie tutte da ridere come All Consuming Love (Man in a Cat) di Louis Hudson, Please Say Something di David OReilly o Grocery Store Wars di Louis Fox, Tate Hausman e Jonah Sachs, minithriller come Something Left, Something Taken di Max Porter e Ru Kuwahata e anche un viaggio fantascientifico ne Il pianeta perfetto di Astutillo Smeriglia. Durante la serata, sarà anche possibile acquistare l'abbonamento all'edizione 2013 del festival al prezzo di 45 Eur, mentre l'abbonamento a prezzo ridotto costa 35 Eur ed è riservato a, fra gli altri, tesserati annuali Arci, ATM, Universitari con tesserino e soci Touring Club. R.M. © copyright Mentelocale Srl, vietata la riproduzione.


MILANO.REPUBBLICA.IT I 27 AGOSTO 2013

Cerca: Archivio Cerca: Cerca nel Web con Google 

Venerdì 30.08.2013 Ore 15.49 Home

Cronaca

IN EDICOLA

Sport

Foto

Video

Annunci

Aste­Appalti

Lavoro

LE ULTIME NOTIZIE

MILANO FILM FESTIVAL, EDIZIONE 2013 'ANTICIPA' CON PROIEZIONE CORTI IN METRÒ

Leggi il quotidiano Per abbonarsi Prezzi Consulta una copia LOGIN

I 'corti' del Milano Film festival proiettati in metro'. E' l'iniziativa che, giovedì e venerdì prosssimi, anticipa l'edizione 2013 del festival in programma a settembre. Nella stazione metropolitana Garibaldi, indatti, saranno proiettati i cortometraggi più belli e apprezzati delle passate edizioni del festival. Tante le storie raccontate nei film selezionati per i passeggeri della metropolitana: da una dichiarazione d'amore sulla ruota panoramica (Anna di Ruben Pest), alle sperimentazioni video di Nicolas Provost (Gravity), Jasper Elings (Sharing a Beautiful Sunset) e Naren Wilks (Collide­O­Scope), dalla comicità moraleggiante di Martin Jones e dell'uomo sull'albero Yvan Attal (At Dawning) a quella sorprendente di Borja Cobeaga (Un novio de mierda). E ancora: le barriere linguistiche di Barnabas Toth (Vonaton), il thriller animato di Max Porter (Something Left, Something Taken), l'essenzialità del disegno di Kajsa Naess, premiato ad Annecy (Deconstruction Workers). (Omnimilano.it) (27 Agosto 2013 ore 15:41)

La Repubblica dal 1984

Motori

Cerca Cerca

Negozi

Edizioni


Sunnycom I 27 AGOSTO 2013

ENTERTAIMENT: CORTOMETRAGGI IN METROPOLITANA a cura di Alexia Rizzi

Quest'anno, in attesa del 18° Milano Film Festival (5-15 settembre 2013), i corti si guardano anche in metro! Giovedì 29 e venerdì 30 agosto, nell’inedita cornice della stazione metropolitana Garibaldi, vengono proiettati i cortometraggi più belli e apprezzati delle passate edizioni del festival: animazioni e avventure straordinarie, storie appassionanti di paesi lontani e racconti brevi, ideali per chi ha voglia di fare un break o per chi vuole prepararsi ai 10 giorni di festival. Aspettando il Milano Film Festival, si possono vedere e rivedere i corti più originali, esilaranti, tristi, surreali, spiazzanti e divertenti della storia del Milano Film Festival, in uno spazio diverso, la stazione M2 Garibaldi, a disposizione di tutti i passeggeri ATM. QUALCHE ANTICIPAZIONE Storie da farci rimanere a bocca aperta, come una dichiarazione d’amore sulla ruota panoramica (Anna di Ruben Pest), le sperimentazioni video di Nicolas Provost (Gravity), Jasper Elings (Sharing a Beautiful Sunset) e Naren Wilks (Collide-O-Scope), la comicità moraleggiante di Martin Jones e dell’uomo sull’albero Yvan Attal (At Dawning) e quella sorprendente di Borja Cobeaga (Un novio de mierda), le barriere linguistiche di Barnabas Toth (Vonaton), il thriller animato di Max Porter (Something Left, Something Taken), l’essenzialità del disegno di Kajsa Naess, premiato ad Annecy (Deconstruction Workers).


02BLOG I 28 AGOSTO 2013 I 1/2 PAGINE


02BLOG I 28 AGOSTO 2013 I 2/2 PAGINE


Filmforlife I 28 AGOSTO 2013

Milano Film Festival: I corti in metropolitana Posted by Carlo Lanna

Milano Film Festival: I corti in metropolitana GRANDI NOVITA’ PER LA KERMESSE DELLA SPERIMENTAZIONE Cresce l’attesa per la  diciottesima edizione del Milano Film Festival che si terrà dal 5 al 15 settembre 3013. Per ingannare l’attesa, gli organizzatori della kermesse, hanno metto in moto un’interessante  ed avveniristica campagna pubblicitaria. Da quest’anno i corti si potranno guardare anche in metropolitana. Giovedì 29 e venerdì 30 agosto infatti, nell’inedita cornice della stazione metropolitana Garibaldi, saranno proiettati i cortometraggi più belli e apprezzati delle passate edizioni del festival. Saranno quelli più originali, esilaranti, tristi, surreali, spiazzanti e divertenti della storia del Milano Film Festival,che animeranno la linea M2 in direzione Garibaldi. Storie toccanti ed elettrizzanti come la dichiarazione d’amore sulla ruota panoramica (Anna di Ruben Pest), le sperimentazioni video di Nicolas Provost (Gravity), Jasper Elings (Sharing a Beautiful Sunset) e Naren Wilks (Collide­O­ Scope), la comicità moraleggiante di Martin Jones e dell’uomo sull’albero Yvan Attal (At Dawning) e quella sorprendente di Borja Cobeaga (Un novio de mierda), le barriere linguistiche di Barnabas Toth (Vonaton), il thriller animato di Max Porter (Something Left, Something Taken), l’essenzialità del disegno di Kajsa Naess, premiato ad Annecy (Deconstruction Workers).


ILGIORNALE I 28 AGOSTO 2013

Cortometraggi nella metro in attesa del Film Festival Redazione ­ Mer, 28/08/2013 ­ 07:02

commenta

0

Quest'anno, in attesa del 18° Milano Film Festival ﴾5­15 settembre 2013﴿, i cortometraggi si guarderanno anche in metrò. Domani e e venerdì, nell'inedita cornice della stazione metropolitana Garibaldi, saranno proiettati i film più belli e apprezzati delle passate edizioni del festival: animazioni e avventure straordinarie, storie appassionanti di paesi lontani e racconti brevi, ideali per chi ha voglia di fare un break o per chi vuole prepararsi ai 10 giorni di festival. Sulle banchine si potranno rivedere i corti più originali, esilaranti, tristi, surreali, spiazzanti e divertenti della storia del festival.


MilanoToday I 28 AGOSTO 2013

"I corti in metrò", aspettando il Milano Film Festival Inserito Da Valentina · 28 Agosto 2013

Comunicato Stampa

Quest'anno, in attesa del 18° Milano Film Festival (5-15 settembre 2013), i corti si guardano anche in metro! Giovedì 29 e venerdì 30 agosto, nell'inedita cornice della stazione metropolitana Garibaldi, saranno proiettati i cortometraggi più belli e apprezzati delle passate edizioni del festival: animazioni e avventure straordinarie, storie appassionanti di paesi lontani e racconti brevi, ideali per chi ha voglia di fare un break o per chi vuole prepararsi ai 10 giorni di festival. Aspettando il Milano Film Festival, si potranno vedere e rivedere i corti più originali, esilaranti, tristi, surreali, spiazzanti e divertenti della storia del Milano Film Festival, in uno spazio diverso, la stazione M2 Garibaldi, a disposizione di tutti i passeggeri ATM. Storie da farci rimanere a bocca aperta, come una dichiarazione d'amore sulla ruota panoramica (Anna di Ruben Pest), le sperimentazioni video di Nicolas Provost (Gravity), Jasper Elings (Sharing a Beautiful Sunset) e Naren Wilks (Collide-O-Scope), la comicità moraleggiante di Martin Jones e dell'uomo sull'albero Yvan Attal (At Dawning) e quella sorprendente di Borja Cobeaga (Un novio de mierda), le barriere linguistiche di Barnabas Toth (Vonaton), il thriller animato di Max Porter (Something Left, Something Taken), l'essenzialità del disegno di Kajsa Naess, premiato ad Annecy (Deconstruction Workers).

© Copyright 2010-2013 - MilanoToday supplemento al plurisettimanale telematico "Citynews" reg. tribunale di Roma n. 92/2010.


Noigiovani I 28 AGOSTO 2013

HOME

ATTUALITÀ

TECNOLOGIA

CULTURA & VIAGGI

MUSICA

CINEMA

LIFESTYLE

HOME • CINEMA • CULTURA & VIAGGI

Corti in Metro, aspettando il Milano Film Festival 28 AGOSTO 2013

NO COMMENT

Arriva una bella novità per la 18esima  edizione  del Milano  Film  Festival.  Prima  dell’avvio  della rassegna  cinematografica,  che  partirà  dal  5  al  15 settembre, i corti si potranno guardare in metro. Giovedì  29  e  venerdì  30  agosto,  nell’inedita cornice  della  stazione  metropolitana  Garibaldi, saranno  proiettati  i  cortometraggi  più  belli  e apprezzati  delle  passate  edizioni  del  festival: animazioni 

e

avventure

straordinarie,

storie

appassionanti di paesi lontani e racconti brevi, ideali per  chi  ha  voglia  di  fare  un  break  o  per  chi  vuole prepararsi ai 10 giorni di festival. Aspettando il Milano Film Festival, si potranno vedere e rivedere i corti più originali, esilaranti, tristi, surreali, spiazzanti e  divertenti della storia del Milano Film Festival, in uno spazio diverso, la stazione M2 Garibaldi, a disposizione di tutti i passeggeri ATM. Storie  da  farci  rimanere  a  bocca  aperta,  come  una  dichiarazione  d’amore  sulla  ruota  panoramica  (Anna  di Ruben  Pest),  le  sperimentazioni  video  di  Nicolas  Provost  (Gravity),  Jasper  Elings  (Sharing  a  Beautiful Sunset)  e  Naren  Wilks  (Collide­O­Scope),  la  comicità  moraleggiante  di  Martin  Jones  e  dell’uomo  sull’albero Yvan Attal (At Dawning) e quella sorprendente di Borja Cobeaga (Un novio de mierda), le barriere linguistiche di  Barnabas  Toth  (Vonaton),  il  thriller  animato  di  Max  Porter  (Something  Left,  Something  Taken), l’essenzialità del disegno di Kajsa Naess, premiato ad Annecy (Deconstruction Workers). La lista dei corti. Centro nevralgico del festival sarà come sempre il Teatro Strehler di  Milano,  con  il  suo  Sagrato,  e  il  Teatro Studio, al quale si affiancheranno il Parco Sempione, vera e propria piazza del festival, e altri luoghi in città, che si animeranno per 11 giorni di cinema, musica e incontri con ospiti e registi internazionali. La  18esima  edizione  prosegue  il  percorso  iniziato  dai  due  direttori  Alessandro  Beretta  e  Vincenzo  Rossini, che anche quest’anno curano un festival attento alle nuove produzioni e al cinema indipendente, che presenta circa 200 opere per tracciare un percorso tra le più coraggiose cinematografie nazionali, raramente visibili in sala, tra anteprime internazionali e incontri con i talenti emergenti. Programma Il programma prevede il concorso lungometraggi, aperto solo a opere prime e seconde di  registi  provenienti da  ogni  parte  del  mondo,  il  tradizionale  concorso  cortometraggi,  riservato  a  registi  under  40,  la  seconda parte  di  Italia  80,  la  retrospettiva  dedicata  al  cinema  italiano  degli  anni  ottanta  (tra  i  maggiori  successi dell’edizione 2012), con proiezioni, ospiti e lezioni di cinema; la nona edizione della rassegna Colpe di Stato, che  indaga  il  sistema  di  potere  nel  mondo,  The  Outsiders  (che  raccoglie  anteprime  e  eventi  speciali), ilFocus  Animazione  con  la  tradizionale  maratona  di  corti  al  Parco  Sempione,  un  focus  dedicato  al  cinema che  racconta  l’ambiente,  l’appuntamento  per  i  più  piccoli  con  il  milano  film  festivalino,  gli  appuntamenti  di musica con i concerti sul Sagrato, workshop e masterclass per professionisti e per il grande pubblico.

CIBO & CUCINA

GOSSIP


Tafter I 28 AGOSTO 2013

home contatti   redazione   collabora   pubblicità   newsletter

APPUNTAMENTI

OPPORTUNITÀ

NEWS

Venerdì, 30 Agosto 2013

ARTICOLI

MISS MARPLE

A PROPOSITO DI ...

RUBRICHE

RISORSE

Home » Appuntamenti » Eventi »

Milano. Corti in Metro. Aspettando il Milano Film Festival. Dal 29 al 30 agosto - di Redazione 28 agosto 2013 0

0

Quest’anno, in attesa del 18° Milano Film Festival  (5­15 settembre 2013), i corti si guardano anche in metro! Giovedì  29  e  venerdì  30  agosto,  nell’inedita  cornice della  stazione  metropolitana  Garibaldi,  saranno proiettati  i  cortometraggi  più  belli  e  apprezzati  delle passate  edizioni  del  festival:  animazioni  e  avventure straordinarie,  storie  appassionanti  di  paesi  lontani  e racconti  brevi,  ideali  per  chi  ha  voglia  di  fare  un  break  o per chi vuole prepararsi ai 10 giorni di festival. Aspettando il Milano Film Festival,  si  potranno  vedere e  rivedere  i  corti  più  originali,  esilaranti,  tristi,  surreali, spiazzanti  e  divertenti  della  storia  del  Milano  Film Festival, in uno spazio diverso, la stazione M2 Garibaldi, a disposizione di tutti i passeggeri ATM. Storie  da  farci  rimanere  a  bocca  aperta,  come  una dichiarazione  d’amore  sulla  ruota  panoramica  (Anna  di  Ruben  Pest),  le  sperimentazioni  video  di  Nicolas  Provost  (Gravity),  Jasper Elings  (Sharing  a  Beautiful  Sunset)  e  Naren  Wilks  (Collide­O­Scope),  la  comicità  moraleggiante  di  Martin  Jones  e  dell’uomo sull’albero Yvan Attal (At Dawning) e quella sorprendente di Borja Cobeaga (Un novio de mierda), le barriere linguistiche di  Barnabas Toth  (Vonaton),  il  thriller  animato  di  Max  Porter  (Something  Left,  Something  Taken),  l’essenzialità  del  disegno  di  Kajsa  Naess, premiato ad Annecy (Deconstruction Workers). Consulta il sito Scarica il programma Informazioni: Tel: 02 713613 Fax: 02 713613 info@milanofilmfestival.it

TAFTER SHOP


VIVIMILANO.CORRIERE.IT I 28 AGOSTO 2013

I corti in Metro di Giancarlo FOTO

Grossini ‐ Ultimo aggiornamento: 28/08/2013 MAPPA

Descrizione: Un grande schermo sbarca nella metropolitana: lo allestiscono, a Porta Garibaldi, Milano Film Festival in collaborazione con Atm, per la due giorni di giovedì 29 e venerdì 30 agosto dedicata a “I corti in Metro”. Viene offerta una selezione delle opere in cortometraggio presentate nelle scorse edizioni del Festival, che è in partenza il prossimo giovedì 5 settembre.  Ecco che cosa potranno vedere tutti i viaggiatori muniti di biglietti o abbonamenti per accedere ai binari della stazione M2 di Porta Garibaldi: tanti corti premiati ad Annecy, come il cesello di disegni, collage e cartoon “Deconstruction Workers” , realizzato nel 2008 da Kajsa Naess, oppure il thriller­dark curiosissimo “Something Left, Something Taken” (2010) di Max Porter e Ru Kuwahata. O, ancora, divertimento animatissimo con amori che vengono dichiarati da una ruota panoramica, in “Anna” (2008) di Ruben Pest.  Le proiezioni sono non stop, dalle ore 16 alle 22. Vale la pena di fermarsi alla stazione un po' più a lungo per gustarsele.


IODONNA.IT I 29 AGOSTO 2013

email

Like

56,367

Cerca

BLOG & FIRME

ATTUALITÀ

PERSONAGGI

MODA

••••••••

BELLEZZA

VIAGGI E TEMPO LIBERO

INDIRIZZI & ESPERTI

CASA E CUCINA

> Home |   Viaggi E Tempo Libero > Weekend |  In agenda dal 31 agosto Tweet

OROSCOPO

FOTO

VIDEO

SCRIVICI

A cosa stai pensando?

Decori backstage 0

0

Recommend

0

Stai pensando... A COSA FARE NEL WEEKEND?

AGENDA

In agenda dal 31 agosto Mostre, eventi e spettacoli teatrali da non perdere in tutta Italia di Emilia Grossi - 29 agosto 2013

Altro cinema

GUARDA TUTTI I VIDEO

Dal 5 al 15 settembre, in varie sedi, Milano Film Festival, all’insegna del cinema indie e dei talenti emergenti. Fra le anteprime, Les rencontres d’après minuit di Yann Gonzalez e The Rocket di Kim Mordaunt. E omaggio a Sylvain George. milanofilmfestival.it

Firme GIUSI FERRÉ

JUST ME, firmato Roberto Cavalli Chianciano Terme (Si)

Milano

Bard (Ao)

Bussolengo (Vr) Lago di Garda

Roma DAVIDE OLDANI

Parte la sfida, anzi le sfide

TAG: agenda, mostre, arte, festival

{

Commenta per primo!

}

TERESA CIABATTI

Matrimonio parte prima: l'arrivo SCRIVI UN COMMENTO TUTTE LE FIRME

Vedi anche

Io donna consiglia


MARIECLAIRE.IT I 29 AGOSTO 2013


Mentelocale I 29 AGOSTO 2013

29/08/13

Corti in Metro il 29 e 30 agosto a Garibaldi. In attesa del Milano Film Festival - Multimedia 5540

Mentelocale

Corti in Metro il 29 e 30 agosto a Garibaldi. In attesa del Milano Film Festival Giovedì 29 e venerdì 30 agosto, dalle 16 alle 22, la stazione della M2 Garibaldi ospita Corti in Metro.  La rassegna è a cura di Milano Film Festival e l'ingresso è libero per i passeggeri ATM. Negli spazi della metropolitana si proiettano i cortometraggi più apprezzati dei passati Milano Film Festival in attesa dell'edizione 2013 in programma dal 5 al 15 settembre. Tra le opere riproposte ci sono il thriller animato di Max Porter, Something Left, Something Taken, Gravity con le sperimentazioni video di Nicolas Provost o Deconstruction Workers, di Kajsa Naess premiato al festival di Annecy. In alto, un frame tratto da Something Left, Something Taken.

milano.mentelocale.it/multimedia/foto/5540.htm

1/1


MilanoMilano.eu I 29 AGOSTO 2013

 

 $%$$ " !

   

  



  

 



 

 +8)';4'6'852'

!;:://,/23

!;:://)/4+3'

  "         

.'8+.'8+

 *' ;:+4:/

!    !      /2 )/4+3' B /4 )'885@@' ;3+859/+'66'99/54'4:/)58:53+:8'--/:8'/6/C(+22/*+2/2'45/23+9:/<'2<+88'445 685/+::'://3/-2/58/4+22' :'@/54+ '8/('2*/  4'::+9'*+2

D/2'45/23+9:/<'2  9+::+3(8+

*;+-/584//4);//2)/4+3'+9)+*'22+9'2+ )/4+3':5-8',/).+ 6+8 +4:8'8+ /4 ;45 96'@/5 '99'/ */<+895 )53+ 7;+225 *+22' 9:'@/54+ 3+:85652/:'4''8/('2*/;4*/<+8:+4:+7;'4:5+,,/)')+35*56+8</<+8+2')/::A*//2'45+  8/+36/82' */ 8'))54:/ 2;5-./ 6+8954'--/ 9+4:/3+4:/ + '@/54+ ' */9659/@/54+ */ :;::/ / 6'99+--+8/:3 !8' / )58:53+:8'--/ 6/C 8/;9)/:/ *+22+ 4;3+859+ ' 44':+ *+2 /2'45 /23 +9:/<'2  9:58/+ 3;2:/,583/)53+2'*/)./'8'@/54+*E'358+9;22'8;5:'6'458'3/)'44'*/;(+4+9: 2+96+8/3+4:'@/54/</*+5*//)52'985<59:8'</:?'96+82/4-9 .'8/4-'+';:/,;2 ;49+: + '8+4 $/219 522/*+ )56+ 2' )53/)/:A 358'2+--/'4:+ */ '8:/4 54+9 + *+22E;5359;22E'2(+85%<'4::'2:'=4/4-+7;+22'95868+4*+4:+*/580'5(+'-' "4 45</5 *+ 3/+8*' 2+ ('88/+8+ 2/4-;/9:/).+ */ '84'('9 !5:. #54':54 /2 :.8/22+8 '4/3':5*/'>58:+8 53+:./4-+,: 53+:./4-!'1+42E+99+4@/'2/:A*+2*/9+-45*/ '09''+9968+3/':5'*44+)?+)549:8;):/54$581+89 +8/4,583'@/54/9;2685-8'33')5362+:5*+22+685/+@/54/ ===3/2'45,/23,+9:/<'2/:

###! $$$




Rollingstone.it I 29 AGOSTO 2013


vanityfair.it I 29 AGOSTO 2013

NEWS

PEOPLE

BEAUTY

FASHION

SHOW

FOOD

FIRME

Gossip / Kate Mondo Andrea Middleton, Casiraghiprima e Tatiana, uscitatutto ufficiale sul «sì» dopo il parto La coppia duchessa andrà di Cambridge all'altare sabato ha dato prossimo. il via allaSecondo maratona indiscrezioni, dell'isola di sarà una Anglesey. cerimonia Ed èintima, apparsasenza in splendida eccessi eforma, lontanadopo dai flash sole 5dei settimane fotografidalla (e degli nascitainvitati) di George

OROSCOPO

TRAVELLER

LIFESTYLE

STYLE.IT

RADIO ACCEDI

1 giorno fa | di Carlotta Garancini

Tutte le lacrime (e le gioie) del mondo Viaggiare al cinema, come è sempre stato, attraverso storie e luoghi lontani. In Laos, in Alaska, nella Sicilia più tradizionale, in Etiopia, in un Far West immaginario e persino sulla Luna: ecco dove vi porterà quest'anno il Milano Film Festival

[VIAGGI TRAVELLER / NOTIZIE VIAGGIO]

COMMENTA

A volte per viaggiare (o per desiderare una meta, o per prepararsi a un'avvenutra) basta il grande schermo. Succede anche all'edizione numero 18 del Milano Film Festival che torna in città dal 5 al 15 settembre. Curato dai direttori Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini proporrà 200 proiezioni(molte delle quali raramente visibili in sala) puntando quest'anno alle nuove produzioni e al cinema indipendente, molte anteprime e talenti emergenti.

Due come sempre i concorsi, quello per lungometraggi aperto a opere prime e seconde di registi provenienti

da ogni parte del mondo, e quello riservato ai cortometraggi dei registi under 40 (che saranno proiettati nella tradizionale maratona al Parco Sempione). Luogo chiave dell'evento sarà il Teatro Strehler insieme al Teatro dell'Arte - Triennale di Milano, allo Spazio Oberdan, alla Cascina Cuccagna e all'Auditorium San Fedele. Per chi non si accontenta di "guardare", in programma ci sono incontri con i registi e workshop, come Seize the Time,all'interno della rassegna-omaggio a Sylvain George, dove l'obiettivo sarà la realizzazione di un film collettivo sulla città. E poi ancora il festival Parklive con djset, cantautori e gruppi indie-rock, e il VerniXage che mixa al cinema l'arte contemporanea.

SFOGLIATE LA GALLERY e troverete i film che abbiamo selezionato e che vi faranno viaggiare attraverso

le mille storie del mondo.


artribune I 30 AGOSTO 2013


Zero.eu I 31 AGOSTO 2013

MILANO

ROMA

TORINO

BOLOGNA

FIRENZE

ACCEDI MUSICA

CULTURA

NOTTE

ALTRI CULTI

Giovedì 5 Settembre 2013 > Settembre 15, 2013

© Milano Film Festival

Milano Film Festival Teatro Strehler, Teatro Studio, Parco Sempione, Teatro Dell'Arte, Cascina Cuccagna, Spazio Oberdan, Auditorium San Fedele, Ex Bazzi Via M. Pagano, via Bertani, Piazza Castello, viale Elvezia, viale Milton, viale Gladio, viale Alemagna, viale Legnano ­ Milano | mappa http://www.milanofilmfestival.it Segna in agenda

Non l'abbiamo mai nascosto: per noi il Milano Film Festival non è un festival cinematografico; e senza nulla togliere alla caciara aggregativa dell'evento, vero motivo del suo essere. La direzione artistica di Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini va tuttavia cambiando le cose. Da qualche anno MFF non sarà il festival filmico che una (auto)proclamata capitale europea meriterebbe ­ sempre ci sia il portafoglio adeguato a certe ambizioni ­, ma vanta diverse perle che ogni cinefilo dovrebbe bramare (dalle caverne di Herzog ai fantasmi di Caballero, gli ultimi 2 anni). Per il 2013 basterebbe lo sconcertante "Act of Killing", "il film più potente dell'ultima decade" ­ sempre Herzog, e con ragione; gli si aggiungono "Les Rencontres d'après minuit" di Gonzales (ex M83) con Eric Cantona, la serata performativa "Negus ­ Eco Chambers" degli Invernomuto (e Lee Scratch Perry), lo Shane Carruth di "Upstream Color" e la retrospettiva sulle 17 edizioni precedenti. Roba forte, non lo nascondiamo.

Emilio Cozzi

NAPOLI | ISTANBUL | EUROPA | SAGRE | PERSONE


weekendxmilano I 01 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE

Qualche idea e tanta curiosità per passare un weekend a Milano divertente, originale ed economico

Milano Film Festival: chi vuole adottare un regista? 1 settembre 2013 Autore: Ilaria Categoria: Cinema

Quest’anno il Milano Film Festival compie

diciotto anni. Inaugurazione il 5 settembre alle 18.30 al Piccolo Teatro, qui il

programma giorno per giorno.

Il Festival propone una bella iniziativa che

merita di essere conosciuta. Arriveranno a Milano migliaia di operatori e registi, il Festival dura dieci giorni e dove

dormiranno tutti, con i prezzi che Milano non si decide ad abbassare?

A casa vostra ad esempio! Infatti c’è la

possibilità di “portarsi a letto” un regista,

durante la durata della manifestazione. Se


weekendxmilano I 01 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

siete appassionati di cinema (ma non è necessario, basta avere uno spirito ospitale e la voglia di conoscere gente nuova) e

avete a disposizione una stanza o anche

solo un posto letto vi iscrivete qui,

specificando la vostra disponibilità, ed ecco che verrete messi in contatto con il vostro ospite, in cambio riceverete un

abbonamento per tutto il Festival. State pronti, poi può succedere di tutto.

Potrete diventare i protagonisti del

prossimo film del vostro ospite, oppure scoprire che la vostra casa è un’ottima

location per ambientare, magari un film

dell’orrore, oppure niente di tutto questo, ma avrete avuto la possibilità di entrare in

contatto con qualcuno che mai avrete incontrato nella vita, un’opportunità

insomma, mi sembra già abbastanza. I luoghi del Festival sono il teatro Strehler ,

sede principale del Festival, la parte esterna ospiterà Dj set ogni sera. Poi Teatro Studio, Spazio Oberdan, Auditorium San Fedele,

Cascina Cuccagna. Teatro dell’Arte, Parco

Sempione, Ex Bazzi a Lambrate. Ogni luogo ospiterà eventi e rassegne diverse, quindi organizzatevi quest’anno il Milano Film Festival darà il meglio di sé, non deludiamolo!

Per essere sempre aggiornati sugli eventi,

le trame dei film, e tutto quanto fa Milano Film Festiva seguite la pagina Facebook


AFFARITALIANI I 03 SETTEMBRE 2013

contatti login newsletter

IL PRIMO QUOTIDIANO ON­LINE

fondatore e direttore Angelo Maria Perrino

HOME ESTERI METEO

POLITICA

FATTI & CONTI OROSCOPO

ECONOMIA

MILANOITALIA GIOCHI

ROMAITALIA

RUBRICHE

FORUM

CRONACHE EMILIA R.

PUGLIA

FOTO­VIDEO

CULTURE

CAMPANIA MOBILE

REGIONI

SHOPPING

Impianto Dente Ungheria ­ www.apolloniadentaleungheria.it   Le cure dentarie in Ungheria sono 70% ...

Like

One person likes this. Be the first of your friends.

SPORT CASA

COSTUME MEDIATECH VIAGGI

Pubblicità

condividi su 

CULTURE

La 18esima edizione del “Milano Film Festival”

Da giovedì 5 settembre per 11 giorni spazio a cinema indipendente, musica e incontri con ospiti e registi internazionali. I particolari sull'edizione 2013, diretta da  Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini. Tra le novità, la campagna “Adotta un Regista”

Martedì, 3 settembre 2013 ­ 13:43:00 Giovedì  5  settembre  prende  il  via  la  18ª  edizione  del  “Milano  Film  Festival”,  manifestazione  sostenuta dal  Comune  di  Milano  –  Assessorato  alla  Cultura  e  dal  Programma  Media  dell’Unione  Europea,  con  il patrocinio di Expo 2015, che fino al 15 settembre porterà a Milano 11 giorni di cinema, musica e incontri con ospiti e registi internazionali. Centro nevralgico del Festival saranno anche quest’anno il Teatro Strehler con il suo sagrato e il Teatro Studio, al quale si affiancheranno il Parco Sempione, la Triennale di Milano ­ Teatro dell'Arte, lo Spazio Oberdan, la Cascina Cuccagna, l’Auditorium San Fedele e l’Area Ex Bazzi. “Sosteniamo  convinti  questo  festival  che  porta  a  Milano  ogni  anno  un  cinema  che  altrimenti  difficilmente potremmo  vedere  ­  ha  dichiarato  l’assessore  alla  Cultura  Filippo  Del  Corno  ­.  Ottimo  cinema  internazionale  e indipendente,  giovane  e  sperimentale,  che  spesso  non  raggiunge  i  circuiti  della  grande  distribuzione  e  che invece, grazie al lavoro di ricerca e sostegno del ‘Milano Film Festival’, conquista le platee milanesi e non solo, offrendosi alla valutazione e alla riflessione di un pubblico attento e sempre più vasto. L’ultima edizione infatti ha visto oltre 100mila presenze e gli spettatori sono sempre stati in costante crescita”. I  direttori  Alessandro  Beretta  e  Vincenzo  Rossini  propongono  per  questa  nuova  edizione  un  festival particolarmente attento alle nuove produzioni e al cinema indipendente tracciando un percorso tra le più coraggiose cinematografie internazionali, raramente visibili in sala, tra anteprime e incontri con i talenti emergenti.  Sono  circa  200  le  opere  presentate  in  arrivo  da  tutto  il  mondo.  In    programma  ci  sono  il “Concorso Lungometraggi”, aperto solo a opere prime e seconde di registi provenienti da ogni parte del mondo, e il  “Concorso  Cortometraggi”,  riservato  a  registi  under  40,  affiancati  da  sezioni  fuori  concorso,  film  in  anteprima, ospiti, workshop ed eventi paralleli. Una speciale sezione del Festival rende omaggio a Sylvain George, autore di cinema politico e sperimentale, di cui  presenta  i  lavori  in  un’ampia  rassegna,  che  include  i  lungometraggi,  i  cortometraggi,  una  carta  bianca,  un incontro/dialogo con Stefano Savona e l'evento Alive They Cried: John Butcher su “Vers Madrid – The Burning Bright”. In  programma  il  workshop  “Seize  the  time”,  organizzato  da  Milano  Film  Network  con  Milano  Film Festival,  in  collaborazione  con  Filmmaker,  che  culminerà  in  un  film  collettivo  sulla  città,  capace  di cogliere  le  parole  e  i  gesti,  sociali  e  politici,  dell’Italia  contemporanea  e  di  trovare  la  forma  giusta  per raccontarli. Raggiunge l’edizione numero nove “Colpe di Stato”,  sezione che si sofferma sulla realtà complessa del sistema di potere nel mondo, sempre attenta alla sperimentazione  del linguaggio e alla documentazione del reale. Completa l’ampio programma “The Outsiders”, che affianca le sezioni competitive del festival, integrando i percorsi del Concorso o raccogliendo frutti emersi a margine del lavoro di selezione. Con “VerniXage”, per il terzo anno consecutivo, si prova a indagare le aree di connessione tra il sistema dell'arte contemporanea  e  quello  del  cinema,  focalizzando  quest’anno  la  propria  ricerca  sulle  possibilità  e  le  modalità  di applicazione, distribuzione, fruizione e racconto dell'arte cinematografica.         Ogni sera il Sagrato del Teatro Strehler sarà animato da dj­ set mentre al Parco Sempione ogni sera alle 18.30 andrà in scena “Parklive”, festival di concerti e dj­set. Tra le novità del 2013 grande successo ha avuto la campagna “Adotta un Regista”, che  ha coinvolto oltre cento cittadini  milanesi  che  offriranno  ospitalità  ai  registi  e  artisti  in  arrivo  a  Milano  da  tutto  il  mondo:  un  progetto  di ospitalità alternativa che offre un’occasione straordinaria di conoscere da vicino i veri protagonisti del festival. Tutte le info e il programma completo sul sito www.milanofilmfestival.it.

GREEN

SPETTACOLI IL SOCIALE

AUTO E MOTORI

MODA

MUSICA

CURA DI SÉ CIBO & VINO


Alternativasostenibile I 03 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE

Mercoledi, 4 settembre 2013 - Ore 10:45

 ► Gestione rifiuti

 ► Raccolta rifiuti

 ► Film divertenti

HOME

CHI SIAMO

FORMAZIONE

CONTATTI

PARTNERS

MAPPA SITO

NOTIZIE

EVENTI

CORSI E SEMINARI

TESTI UTILI

SPECIALI

FINANZA AGEVOLATA

 ► Buste plastica

NORMATIVA

AZIENDE

LAVORO

Alternativa Sostenibile: Ambiente Servizi di Consulenza

Collabora con noi

0

Iscrizione Newsletter

Ambiente 3 Settembre 2013 ­ 12:51

Acquisti Verdi

NOTIZIE - Letto: 111 volte

Ridotto impatto ambientale per Milano Film Festival

Cultura Edilizia Sostenibile Enogastronomia Energia Mobilità Turismo Sostenibile

Si preannuncia all'insegna della ecostenibilità la 18esima edizione di Milano Film Festival, la prestigiosa rassegna cinematografica internazionale che si terrà dal 5 al 15 settembre 2013 in alcuni dei luoghi più suggestivi di Milano, dal Parco Sempione al Teatro Strehler al Teatro dell'Arte.  0

Mi piace

3

Condividi

Tweet

5

Share

1

Proprio per limitare  l'impatto ambientale di un manifestazione RAEcycle ­ WEEE che lo scorso anno ha registrato oltre recycling 110.000 presenze e coinvolto zone www.raecycle.it della città di grande rilievo naturale e italian WEEE take­back storico, l'organizzazione del Festival, system with over 450 in collaborazione con Novamont ed associated companies Ecozema, ha messo a punto un progetto finalizzato alla  gestione completa  del  rifiuto  prodotto Rimborso Tassa dalla  consumazione  di  cibi  e bevande:  tutti i punti di ristoro Rifiuti? Altroconsumo.it/TIA utilizzeranno esclusivamente stoviglie  monouso Ottieni il Rimborso sulla biodegradabili  e  compostabili Tassa. Scopri come con che verranno successivamente Altroconsumo conferite in  appositi  contenitori dedicati alla raccolta della frazione organica. La raccolta delle 7000 stoviglie e dei 30.000 bicchieri compostabili forniti da Ecozema all'organizzazione avverrà mediante 150  contenitori  e  sacchetti realizzati in Mater­Bi®, la bioplastica biodegradabile e compostabile di Novamont conforme allo standard europeo EN 13432 e certificata  "OK Compost", che garantisce la trasformazione del prodotto in compost a fronte, ovviamente, di un corretto smaltimento in apposito impianto industriale. L'intero processo completerà quindi un circolo virtuoso: attraverso la  raccolta differenziata  dell'umido  tutti  i  rifiuti  prodotti durante il Festival per la consumazione di cibi e bevande potranno tornare alla terra attraverso processi di biodegradazione o compostaggio e senza il rilascio di sostanze inquinanti. "Occorre una presa di coscienza più diffusa e più consapevole circa il problema del "fine vita" di tanti prodotti di utilizzo quotidiano e, quindi, della  produzione  e dello smaltimento dei rifiuti. Prevenire la produzione evitabile di rifiuti alimentari  o, in alternativa procedere al  compostaggio  per  digestione aerobica di quelli non evitabili può significare un importante risparmio di risorse ambientali ed economiche. E' importante che un evento come Milano Film Festival dia un segnale così forte in direzione della responsabilità e dell'ecosostenibilità,

Riciclo e Gestione RAEE

www.ecoem.it Sistema Collettivo di Smaltimento RAEE domestici e professionali

Offerte Monolocali

www.immobiliare.it Trova il Monolocale adatto a Te Cerca direttamente su Mappa!

Orari Film e Cinema

PagineGialle.it/Cinema Trova il Cinema più vicino a te su PagineGialle!

Cami Depurazioni

www.camidepurazio… Progetta impianti di trattamento fumi, depurazione acque, ecologici

Contenitori di plastica

www.eta­srl.it di qualsiasi dimensione ad ottimo prezzo, anche per piccole quantità

GLI EVENTI IN SCADENZA


Alternativasostenibile I 03 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

decidendo di ridurre il suo impatto sull'ambiente", ha commentato Alessandro Ferlito, Direttore Commerciale di Novamont. "Ecozema è lieta di poter contribuire a questo importante evento che da diversi anni rende omaggio al Cinema. La nostra azienda è infatti sempre più impegnata nel dare un sostegno agli eventi che dimostrano un impegno  attivo  nella  gestione  sostenibile  dei  rifiuti. L'augurio è che la città possa apprezzare la qualità dei nostri prodotti, godendo delle giornate di cultura che la manifestazione saprà offrire; in questo modo potremo dimostrare che il connubio tra divertimento, grande pubblico e sostenibilità è possibile", ha dichiarato  Armido  Marana,  Amministratore Delegato di Ecozema. Ecozema è una linea completa di articoli  monouso  biodegradabili  e compostabili, in accordo alla norma  EN  13432. I prodotti Ecozema sono realizzati con biopolimeri contenenti fonti rinnovabili, come Mater Bi® o Ingeo PLA, o con fibre naturali derivanti da scarti agricoli, come la polpa di cellulosa da canna da zucchero o paglia. All'interno della gamma di prodotto si possono trovare dalle posate ai bicchieri, piatti e altri accessori utili per l'organizzazione di un evento. Novamont ed Ecozema sono da anni impegnate nella promozione e diffusione delle buone pratiche finalizzate a  diffondere  la  cultura  e  l'uso  dei materiali compostabili ed il loro corretto smaltimento nella raccolta dei rifiuti  umidi; in occasione del Milano Film Festival offriranno ai visitatori la possibilità di seguire un breve spettacolo destinato a comunicare in maniera divertente ed efficace i temi legati alla  tutela  dell'ambiente  e  alla responsabilità dei modelli di consumo e di condotta.

Campionato interprovinciale Mountain Bike Dal 14-04-2013 al 29-09-2013

Ecoismi 2013: evento internazionale di arte contemporanea Dal 2-06-2013 al 22-09-2013 RIscARTI: 1° Festival Internazionale di riciclo creativo Dal 3-09-2013 al 6-09-2013 VIII edizione Vrban Ecofestival Dal 5-09-2013 al 8-09-2013 Ad Albareto la 18ª Fiera Nazionale del Fungo Porcino Dal 6-09-2013 al 8-09-2013 SANA 2013/25° Salone Internazionale

di Marilisa Romagno

► Buste plastica ► Buste sacchetti ► Film Festival

 ► Buste sacchetti

 ► Film Festival

 ► Rimini Fiera

 ► Rifiuti plastica

Testata iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 - Direttore responsabile: Andrea Pietrarota Copyright 2013 Alternativa Sostenibile. All Rights Reserved

di


Cineblog I 03 SETTEMBRE 2013

Entra Registrati

Cineblog.it

Il magazine cinematografico di BLOGO E NTE RTA I NME NT

RECENSIONI

TRAILER

SOUNDTRACK

GADGET

VENEZIA 2013

Homepage > Festival e rassegne

Milano Film Festival 2013: dal 5 al 15 settembre il cinema illumina la Madonnina Scritto da: F. Colla ­ martedì 3 settembre 2013

I MAGAZINE DI BLOGO 02blog.it 06blog.it artsblog Benessereblog.it Autoblog.it Bebeblog.it booksblog Calcioblog.it Cineblog.it Clickblog.it Comicsblog.it Deluxeblog.it Designerblog.it Downloadblog.it Ecoblog.it Fashionblog.it Gadgetblog.it Gamesblog.it Gossipblog gustoblog Melablog.it Mobileblog.it Motoblog.it Motorsportblog.it Outdoorblog.it Pinkblog.it Queerblog.it Soldiblog.it Soundsblog.it Toysblog.it Travelblog.it TVBlog.it crimeblog Polisblog.it Petsblog.it Cineblog.it Mi piace

Nel programma dell'edizione 2013 anche una rassegna in omaggio a Sylvain George e "Colpe di stato", dedicata al cinema politico.

8.991

IN EVIDENZA Prodotti Apple a 17€? Agli utenti italiani uno sconto del 80% grazie a un trucco

IMMOBILIARE.IT Annunci su Mappa e per Zona. Trova ora la tua Casa con Immobiliare.it!

VIDEO CORRELATI Witching and Bitching Trailer (Las brujas de Zugarramurdi) ­ Guarda il video

Annunci Google

E’ stata presentata questa mattina a Palazzo Reale la XVIII

Orari Film e Cinema

edizione del Milano Film Festival, mostra cinematografica che

PagineGialle.it/Cinema Tro va il Cinema più vicino a te su PagineGialle!

Catering a Milano www.foodmood.it Qualità e Raffinatezza Catering per Sfilate ed Eventi

avrà anche quest’anno il suo al Teatro Strehler e al Teatro Studio, ai quale si affiancheranno il Parco Sempione, la Triennale, lo Spazio Oberdan, la Cascina Cuccagna, l’Auditorium San Fedele e l’Area Ex Bazzi, che per undici giorni faranno da palcoscenico a una rassegna con oltre 200 titoli in concorso, oltre a musica e incontri con ospiti e registi internazionali. Anche quest’anno il MFF, sostenuto dal Comune di Milano con il patrocinio di Expo 2015, volge la sua attenzione al cinema

indipendente, scegliendo tra le più coraggiose opere internazionali, raramente visibili in sala e dirette da talenti emergenti. Si parte giovedì 5 settembre, alle 20.30 con la proiezione di Run and Jump di Steph Green, in concorso nella categoria Lungometraggi, che prevede undici film in programma (di cui 8 girati da registe). Tra i film selezionati troviamo Mirage à l’Italienne di Alessandra Celesia (domenica 8 alle 17.00), che racconta il miraggio di altre vite possibili in una Torino dissanguata dalla crisi economica, The Eternal Return of Antonis Paraskevas, della regista greca Elina Psykou,impietoso affresco sulla la televisione e la crisi greca. Inoltre Ilo Ilo di Anthony Chen, vincitore della Camera d’Or a Cannes, che rievoca i fantasmi del collasso finanziario asiatico degli anni ’90, attraverso la storia, ambientata a Singapore, del rapporto fra una famiglia

Jack Nicholson interpreta Berlusconi in un film? ­ Guarda il video SPACE PIRATE CAPTAIN HARLOCK ­ Guarda il video


Cineblog I 03 SETTEMBRE 2013

borghese e la nuova domestica filippina. Nella categoria Cortometraggi si distinguono Fatigués d’être beaux con protagonista Denis Lavant, attore feticcio di Leos Carax (Holy Motors), Peristalsi di Enrico Iannaccone, già vincitore del David di Donatello 2013, Solecito su un progetto di Olafur Eliasson e diretto da Oscar Ruiz Navia, regista del nuovo cinema colombiano, Don’t Fear Death di Louis Hudson e molti altri ancora, selezionati tra i titoli più coraggiosi della nuova generazione di registi internazionale. Milano Film Festival inoltre rende omaggio a Sylvain George, autore di cinema politico e sperimentale, di cui vengono presentati molti lavori in una rassegna, che include i lungometraggi, i cortometraggi, una carta bianca, un incontro/dialogo con Stefano Savona. Molto 0 interessante anche la rassegna Colpe di stato, giunta alla nona edizione e che si concentra Mi piace 0 Tweet 0 0 Share

sulla realtà complessa del sistema di potere nel mondo. Tra i film in concorso troviamo Camp 14 di Marc Wiese, viaggio negli orrori dei campi di prigionia in Corea del nord, God loves Uganda,

FOTO CORRELATE I 10 attori più pagati di Hollywood ­ foto

un’esplorazione della campagna di evangelizzazione per instillare i valori importati dall’America cristiana di destra nella cultura africana, già presentato al Sundance Film Festival, oppure Infiltrators, del palestinese Khaled Jarrar, che racconta i tentativi di creare dei varchi nel muro che separa Palestina e Israele.

Christopher Walken 1955­2012

Ad affiancare le sezioni competitive del festival, troviamo The Outsiders, che, come suggerisce il nome stesso, integra i percorsi del Concorso o raccogliendo frutti emersi a margine del lavoro di selezione. Le proiezioni saranno arricchite anche da un ricco programma di incontri, concerti e workshop consultabile sul sito web del Festival.   Annunci Google

Impianto Dente Ungheria www.apolloniadentaleungheria.it Le cure dentarie in Ungheria sono 70% meno care che in Italia.

Preventivo Tagliando Auto tagliandogaranziaattiva.midas.it Richiedi Gratis il Preventivo Per il Tagliando Auto.Tutto in 1 minuto Leggi anche:  Festival e rassegne  Attualità

ARTICOLI CORRELATI

Film USA: Simon Pegg non sarà Ant Man, Hulk Hogan vuole Chris Hemsworth, le…

I 20 peggiori film horror secondo TasteOfCinema

I 100 migliori film horror secondo WeGotThisCovered

Carrie ­ nuovo trailer, immagini, locandine e sito ufficiale per il remake con… Powered by 

ULTIME NOTIZIE DA BLOGO DO NNA

Cesare Cremonini con una bionda misteriosa al Fest...

TE CNO L O G I A

Stephen Elop di Nokia sarà il nuovo CEO di Microso...

0 COMMENTI  AGGIUNGI IL TUO

TE CNO L O G I A

Microsoft compra Nokia, settore smarphone acquisit...

Gerontophilia: poster e foto del film di Bruce LaBruce in anteprima a Venezia…


cinemaitaliano.info I 03 SETTEMBRE 2013


CINEMAITALIANO.INFO I 03 SETTEMBRE 2013

Acquista i nostri DVD Film

Documentari

I più premiati

Uscite in sala

Home Video

Colonne Sonore

Festival

Libri

Industria

film per titolo

VENEZIA 70 ­ La rete del cinema milanese Nasce Milano Film Network per coordinare e fortificare i festival cinematografici di Milano e non solo. Presentazione alla Casa degli Autori.

Sette festival  di  qualità.  Tutti  di  nicchia,  certo,  ma specializzati  e  di  alto  livello  e  ora  nasce  un coordinamento  per  rendere  Milano  la  capitale  del cinema indipendente. A  Venezia,  in  occasione  della  Mostra  del  Cinema,  è stato  presentato,  alla  Villa  degli  Autori,  Milano  Film Network, un progetto con l'obiettivo primario, nel breve, di creare un sistema cinema all'interno della città, ossia un modello stabile di collaborazione attraverso una rete inter­organizzativa,  in  primis  tra  i  festival  del  cinema, che  consenta  uno  scambio  innovativo  di  conoscenza, risorse strumentali, servizi e opportunità.

La presentazione di Milano Film Network a Venezia

Links: » Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia 2013

PUNTO 180 Gioco da tavolo creato e illustrato da Giacomo Doni, ispirato alla legge del '78 sulla chiusura dei manicomi.

Nel lungo periodo, come detto, il progetto punta a fare di  Milano  "La  città  del  cinema  indipendente"  valorizzando  le  sue  risorse  attraverso  una  rete  aperta  alla partecipazione di altri soggetti.

VITA DA INES IN DVD Il film di Sandro Carnino e Giulio De Leo in esclusiva in home video!

Ospitalità, sottotitolaggio, adeguamento tecnologico sono solo alcuni degli aspetti che la rete cercherà di rendere comuni e dunque più facilmente fruibili ed economici. ma anche il movimento delle copie, la gestione degli spazi, e

IL SEGNO E LA VOCE IN DVD Acquista il road­movie nel mondo dell'arte di Nicola Nannavecchia

un servizio di volontariato da rendere disponibile per gli eventi. Tra  i  primi  appuntamenti  del  network  il  worlshop  di  regia  con  Sylvain George  Seize  the  Time,  rivolto  a  giovani filmaker, e una rassegna di film distribuiti proprio da MFN con sette titoli in catalogo. L'iniziativa è sostenuta dalla Fondazione Cariplo. 03/09/2013, 20:13

La Redazione

Commenta questa notizia Mi piace

0

Add a comment... Post to Profile

Posting as Valentina Calabrese (Change)

Comment

Warning: this comments plugin is operating in compatibility mode, but has no posts yet. Consider specifying an explicit 'href' as suggested in the comments plugin documentation to take advantage of all plugin features.

CinemaItaliano.info Copyright© 2005 ­ 2012 Sponsored by chi siamo |   contattaci |   newsletter |   pubblicità |   disclaimer |   partner |   bandi |   registrati

Ecco come fare per:

­ inviarci un comunicato stampa ­ segnalarci un film italiano ­ segnalarci partecipazioni a festival ­ aggiornare la tua scheda personale ­ richiedere i dati di accesso

Accedi Email: Pwd:


Corriere Nazionale I 03 SETTEMBRE 2013

Abetone Siena

Home

Sport

Spettacoli

Arezzo Valdarno

Tempo libero

Carrara

Casentino

Valdarno Pisa

Qui Speciali

Firenze

Valdelsa

Isola d'Elba

Valdera

Enogastronomia

CRONACA | Martedì, 03 Settembre 2013 17:15

Lucca

Valdichiana

Culture 0

Lunigiana

Valdicornia

Massa

Mugello

Valdinievole

MondoCoop

Fotogallery

Condividi

Cinema all'ombra del Duomo: Milano Film Festival compie 18 anni Dal 5 al 15 Settembre, oltre 200 film fra rarità e anteprime

Impossibile caricare il plug‑in.

Milano (TMNews) ­ Fra rarità, anteprime e talenti emergenti il grande cinema torna all'ombra del Duomo con il Milano Film festival, dal 5 al 15 Settembre. Un evento arrivato alla 18esima edizione, un numero importante, contemporaneamente traguardo e nuova partenza, come spiega uno dei direttori artistici Vincenzo Rossini. "Siamo sempre stati visti come festival molto giovane poco adulto da un certo punto di vista questi 18 anni dovrebbero essere visti come il momento in cui diciamo, guardate, siamo adulti". Per festeggiare è stata organizzata la rassegna "18 anni" con lavori nuovi di registi passati e chicche delle scorse edizioni. In tutto sono oltre 200 le opere fra lungometraggi, corti, animazione, sezioni speciali. 11 i film in concorso, di cui ben 8 diretti da donne, frutto dell'attenzione nella ricerca di sguardi nuovi sul mondo. Alessandro Beretta è uno dei direttori artistici. "Siamo un Festival abbastanza indipendente con un budget non molto alto, con un cinema internazionale rivolto a tutta la città. Il cinema per noi è una atto pubblico non è una cosa per professionisti e cinefili è rivolto a tutti". Un atto pubblico e sociale da condividere nei luoghi canonici del festival, dal Teatro Strehler al parco Sempione, a cui quest'anno si aggiunge la Triennale di Milano.

Pistoia

Valdisieve

San Sepolcro Versilia

Contatti

Video

UMBRIA MARCHE


Filmblogitalia I 03 SETTEMBRE 2013

Milano Film Festival dal 5 al 15 Settembre la 18esima edizione Posted on 3 settembre 2013 by peppe30

Mi piace Tweet

6 4

Search …

Categorie Articoli Cinema Festival Produzioni Indipendenti Tecnologia

Connettiti Username:

Parte giovedì 5 settembre 2013 la 18ª edizione del Milano Film Festival, manifestazione sostenuta dal C omune di Milano con il patrocinio di Expo 2015 , che fino al 15 settembre porterà a Milano il cinema, la musica e gli incontri con ospiti e registi internazionali. La prestigiosa rassegna cinematografica internazionale si terrà in alcuni dei luoghi più suggestivi di Milano comeo il Teatro Strehler e il Teatro Studio, il Parco Sempione, la Triennale di Milano, lo Spazio Oberdan, la Cascina Cuccagna e l’Auditorium San Fedele e l’Area Ex Bazzi. Un festival quello di quest’anno particolarmente attento alle nuove produzioni e al cinema indipendente con anteprime e incontri dei talenti emergenti. Circa 200 sono le opere presentate da tutto il mondo. In programma ci sono il C oncorso Lungometraggi, aperto solo a opere prime e seconde di registi provenienti da ogni parte del mondo, e il C oncorso Cortometraggi, riservato a registi under 40. Una speciale sezione del Festival presenta un’ampia rassegna che rende omaggio a Sylvain George, autore di cinema politico e sperimentale, includendo lungometraggi, cortometraggi e un incontro con Stefano Savona e l’evento A live Th ey Cried John Butcher su “Vers Madrid – The Burning Bright”.

Password:

Remember me Register Perso la password?

Login »

Film Site iStockphoto.com/Film_Site Find the Perfect Stock Film. Royalty­Free Inspiration for Less!

Scuola di recitazione www.centrostudioattori.com per attori di teatro e cinema diretta da Irina Galli

Corso Regia Torino

Ma anche un Festival all’insegna della ecostenibilità, infatti l’organizzazione del Milano Film Festival, in collaborazione con N ovamont ed Ecoz ema, ha messo a punto un progetto finalizzato alla gestione completa dei rifiuti prodotto dalla consumazione di cibi e bevande: tutti i punti di ristoro utilizzeranno esclusivamente stoviglie monouso biodegradabili e compostabili che verranno successivamente conferite in appositi contenitori dedicati alla raccolta

www.actingoutschool.it ActingOUT™ school, Alta Formazione. Film, documentari, spot, videoclip

3d 2013 animazione Argo awards

della frazione organica. Grande successo ha avuto anche la campagna A dotta un Regista, che ha coinvolto oltre cento cittadini milanesi che offriranno ospitalità ai registi e artisti in arrivo a Milano da tutto il mondo: un progetto di ospitalità alternativa che

Bando Berlinale 2013 Biennale 2013 Bruce Willis

Cannes 2013

offre un’occasione straordinaria di conoscere da vicino i veri protagonisti del festival.

cinema Concorso corto

Tutte le info sul Festival e il programma sul sito www.milanofilmfestival.it

Lewis documentario festival

cortometraggio Daniel DayFestival di Venezia 2013

film indipendente James Franco Joseph Gordon-Levitt Kathryn Bigelow Leone d'Oro lincoln low budget

A rticoli correlati:

Matt Damon Oscar 2013 Paolo

recensione

1. Cineindie 2013, partecipa, vota e resta indipendente!

Sorrentino premi

2. 38° Toronto International Film Festival: tante anteprime mondiali e 7 film italiani in concorso

Roberto Andò Russell Crowe Ryan

3. Decima Mostra Internazionale di cinema del Salento, dal 7 al 15 Settembre 2013

Gosling Steven Spielberg tarantino

4. Al cinema De seta “Palermo, oder?”, la rassegna dedicata alla città 5. Mostra del Cinema di Venezia 2013: apertura della 70esima edizione, streaming e app!

Toni Servillo

trailer tv

uscita Valerio Mastandrea Orari Film e Cinema PagineGialle.it/Cinema

Venezia70 videoclip viva la libertà zero dark thirty

Trova il Cinema più vicino a te su PagineGialle!

Commenti recenti Festival Tag: Concorso, Cortometraggi, festival, Milano, Milano Film Festival, Sylvain George

cha su This is Us, i One Direction e le conseguenze mediche delle

patatine fritte!


First I 03 SETTEMBRE 2013


ILGIORNO.IT I 03 SETTEMBRE 2013

Like

SUD MILANO

64k

Milano / Bergamo / Brescia / Como / Cremona / Lecco / Legnano / Lodi / Monza Brianza / Mantova / Pavia / Martesana / Rho / Sesto / Sud-Milano / Sondrio / Varese HOME

SPORT

Home Sud-Milano

MOTORI Cinema

DONNA LIFESTYLE SPETTACOLO IL CAFFÈ TECNOLOGIA

BLOG MULTIMEDIA METEO ANNUNCI

Provincia

HOMEPAGE > Sud Milano > Via al "Milano Film Festival" 200 pellicole da tutto il mondo. Condividi

 

Email   Stampa 

Newsletter

Via al "Milano Film Festival" 200 pellicole da tutto il mondo Commenti

Da 5al 15 settembre si terrà la 18esima edizione del "Milano Film Festival" che avrà anche quest’anno nel Teatro Strehler e nel Teatro Studio i propri centri nevralgici, ai quali si affiancheranno il Parco Sempione, la Triennale di Milano

Cinema

Milano, 3 settembre 2013 - Partirà il 5 settembre e fino al 15 del mese porterà a Milano 11 giorni dicinema, musica e incontri con ospiti e registi internazionali. La 18esima edizione del Milano Film Festival sta per aprire i battenti e avrà anche quest’anno nel Teatro Strehler e nel Teatro Studio i propri centri nevralgici, ai quali si affiancheranno il Parco Sempione, la Triennale di Milano - Teatro dell’Arte, lo Spazio Oberdan, la Cascina Cuccagna, l’Auditorium San Fedele e l’Area Ex Bazzi. Sono circa200 le opere presentate in arrivo da tutto il mondo. I direttori Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini propongono per questa nuova edizione un festival particolarmente attento alle nuove produzioni e al cinema indipendente: tra coraggiose cinematografie internazionali, raramente visibili in sala, anteprime e incontri con i talenti emergenti sono circa 200 le opere presentate in arrivo da tutto il mondo. In programma ci sono il ‘Concorso Lungometraggi’, aperto solo a opere prime e seconde di registi provenienti da ogni parte del mondo, e il ‘Concorso Cortometraggi’, riservato a registi under 40, affiancati da sezioni fuori concorso, film in anteprima, ospiti, workshop ed eventi paralleli. Una speciale sezione del Festival, inoltre, rende omaggio a Sylvain George, autore di cinema politico e sperimentale, di cui presenta i lavori in un’ampia rassegna. Non mancherà l’intrattenimento con dj-set che ogni sera animerà sagrato del Teatro Strehler, mentre al Parco Sempione ogni sera alle 18.30 andra’ in scena ‘Parklive’, festival di concerti e dj-set. (Fonte Agi)

CONDIVIDI L'ARTICOLO Condividi

Email  Stampa  Newsletter

IMPRESE

PROMOZIONI


LIBEROQUOTIDIANO.IT I 03 SETTEMBRE 2013


Loudvision I 03 SETTEMBRE 2013


Mentelocale I 03 SETTEMBRE 2013


mi-lorenteggio I 03 SETTEMBRE 2013 i 1/3 PAGINE

Scrivi alla redazione Segnala un evento Pubblicità Lavora con noi

Cerca un articolo con 

Mi­Lorenteggio Search 

AEROPORTI ASSOCIAZIONI BIBLIOTECHE MAPPE WEBCAM

FIERE BORSA SHOPPING ARTE EROS

oppure cerca con  HOTEL CINEMA&TEATRI MOTORI LA.NOTTE LETTERE

ISTITUZIONI DIOCESI CUCINA TRASPORTI OROSCOPO

PROVINCE SCUOLA LOTTO ANNUNCI METEO

Mi­Lorenteggio 

Articoli più letti Newsletter Meteo Traffico Aggiungi ai preferiti

Web     Cerca

REGIONE LAVORO MODA SALUTE PIAZZA

31/08/2013 ORE 19:55:15 OROSCOPO DELLA SETTIMANA, SEGNO PER SEGNO DAL 02 AL 08 S ULTIMO AGGIORNAMENTO: Martedi 3 Settembre 2013, ORE 17:20 ­ PROVERBIO: L’uva settembrina, è fragola zuccherina UPDATED ON: Tuesday 03 September 2013, 19:20 Mecca time, 16:20 GMT

HOME PAGE

Inserisci la mail per registrarti Newsletter     Archivio notizie 

Pubblicata il 03/09/2013 alle 17:35:02 in Cultura

NEWS Cronaca Economia Tecnologia Politica

Al via giovedì 5 la 18ª edizione del “Milano Film Festival”

Ambiente Esteri Salute

Gli appuntamenti

Sport Scienze Cultura Viaggi Divertimenti Musica e Spettacoli Attualità COMUNI ­­ Seleziona il comune ­­ MULTIMEDIA Foto gallery Video gallery

ARCHIVI Archivio

cerca viaggi destinazione: Mar Rosso data di partenza: 3 Gen

Milano, 3 settembre 2013 – Giovedì 5 settembre prende il via  la  18ª  edizione  del  “Milano  Film  Festival”, manifestazione  sostenuta  dal  Comune  di  Milano  – Assessorato  alla  Cultura  e  dal  Programma  Media dell’Unione  Europea,  con  il  patrocinio  di  Expo  2015,  che fino al 15 settembre porterà a Milano 11 giorni di cinema, musica e incontri con ospiti e registi internazionali.  Centro nevralgico del Festival saranno anche quest’anno il Teatro  Strehler  con  il  suo  sagrato  e  il  Teatro  Studio,  al quale  si  affiancheranno  il  Parco  Sempione,  la  Triennale  di


mi-lorenteggio I 03 SETTEMBRE 2013 i 2/3 PAGINE

aeroporto di part.: Milano

Milano ­  Teatro  dell'Arte,  lo  Spazio  Oberdan,  la  Cascina Cuccagna, l’Auditorium San Fedele e l’Area Ex Bazzi.  “  Sosteniamo  convinti  questo  festival  che  porta  a  Milano ogni  anno  un  cinema  che  altrimenti  difficilmente potremmo  vedere  ­  ha  dichiarato  l’assessore  alla  Cultura Filippo  Del  Corno  ­.  Ottimo  cinema  internazionale  e indipendente,  giovane  e  sperimentale,  che  spesso  non raggiunge i circuiti della grande distribuzione e che invece, grazie  al  lavoro  di  ricerca  e  sostegno  del  ‘Milano  Film Festival’,  conquista  le  platee  milanesi  e  non  solo, offrendosi alla valutazione e alla riflessione di un pubblico attento  e  sempre  più  vasto.  L’ultima  edizione  infatti  ha visto  oltre  100mila  presenze  e  gli  spettatori  sono  sempre stati in costante crescita”.  I  direttori  Alessandro  Beretta  e  Vincenzo  Rossini propongono  per  questa  nuova  edizione  un  festival particolarmente  attento  alle  nuove  produzioni  e  al  cinema indipendente tracciando un percorso tra le più coraggiose cinematografie internazionali, raramente visibili in sala, tra anteprime  e  incontri  con  i  talenti  emergenti.  Sono  circa 200 le opere presentate in arrivo da tutto il mondo.  In  programma  ci  sono  il  “Concorso  Lungometraggi”, aperto solo a opere prime e seconde di registi provenienti da  ogni  parte  del  mondo,  e  il  “Concorso  Cortometraggi”, riservato  a  registi  under  40,  affiancati  da  sezioni  fuori concorso,  film  in  anteprima,  ospiti,  workshop  ed  eventi paralleli.  Una speciale sezione del Festival rende omaggio a Sylvain George,  autore  di  cinema  politico  e  sperimentale,  di  cui presenta  i  lavori  in  un’ampia  rassegna,  che  include  i lungometraggi,  i  cortometraggi,  una  carta  bianca,  un incontro/dialogo con Stefano Savona e l'evento Alive They Cried:  John  Butcher  su  “Vers  Madrid  –  The  Burning Bright”.  In  programma  il  workshop  “Seize  the  time”,  organizzato da  Milano  Film  Network  con  Milano  Film  Festival,  in collaborazione  con  Filmmaker,  che  culminerà  in  un  film collettivo  sulla  città,  capace  di  cogliere  le  parole  e  i  gesti, sociali  e  politici,  dell’Italia  contemporanea  e  di  trovare  la forma giusta per raccontarli.  Raggiunge  l’edizione  numero  nove  “Colpe  di  Stato”, sezione che si sofferma sulla realtà complessa del sistema di potere nel mondo, sempre attenta alla sperimentazione del  linguaggio  e  alla  documentazione  del  reale.  Completa l’ampio  programma  “The  Outsiders”,  che  affianca  le sezioni  competitive  del  festival,  integrando  i  percorsi  del Concorso  o  raccogliendo  frutti  emersi  a  margine  del lavoro di selezione.  Con “VerniXage”, per il terzo anno consecutivo, si prova a indagare  le  aree  di  connessione  tra  il  sistema  dell'arte contemporanea  e  quello  del  cinema,  focalizzando quest’anno la propria ricerca sulle possibilità e le modalità


mi-lorenteggio I 03 SETTEMBRE 2013 i 3/3 PAGINE

di applicazione, distribuzione, fruizione e racconto dell'arte cinematografica.  Ogni  sera  il  Sagrato  del  Teatro  Strehler  sarà  animato  da dj­  set  mentre  al  Parco  Sempione  ogni  sera  alle  18.30 andrà in scena “Parklive”, festival di concerti e dj­set.  Tra  le  novità  del  2013  grande  successo  ha  avuto  la campagna  “Adotta  un  Regista”,  che  ha  coinvolto  oltre cento cittadini milanesi che offriranno ospitalità ai registi e artisti in arrivo a Milano da tutto il mondo: un progetto di ospitalità  alternativa  che  offre  un’occasione  straordinaria di conoscere da vicino i veri protagonisti del festival.  Tutte  le  info  e  il  programma  completo  sul  sito www.milanofilmfestival.it.  Info  info@milanofilmfestival.it  tel/fax +39 02 713613  Redazione Stampa notizia Articoli più letti

Condividi la notizia su:


milanoogginotizie I 03 SETTEMBRE 2013

Redazione | Lavora con noi | Scrivici | Pubblicità | 

Giovedì 12 settembre ­ Ultimo aggiornamento 13:01

Direttore editoriale Roberto Papaverone       Direttore responsabile Roberto Roggero

Home LOMBARDIA

Ultime 24 ore MILANO

BERGAMO

Edizione nazionale BRESCIA

COMO

CREMONA

Edizioni locali

LECCO

LODI

MANTOVA

Editoriali

Inchieste

MONZA E BRIANZA

Sei in: Home > Arte e cultura > Eventi

PAVIA

Rubriche

SONDRIO

Video

CERCA NEL QUOTIDIANO

EVENTI ­  MILANO

03 settembre 2013

Parte giovedì la nuova edizione del "Milano Film Festival"

cronaca

Milano pronta a tingersi di festa a partire da giovedì in cui è prevista la partenza della diciottesima edizione del "Milano Film Festival"

sport

ambiente

Religione

Edizioni Estere

VARESE

economia

 

politica

cerca

gossip

NOTIZIE IN EVIDENZA Crisi ­ Spread Btp Bund a 249 OROSCOPO EDIZIONIOGGI

Milano ­ Borsa apre in leggero calo (­0,10%)

Crisi: Moody's  vede  meno cupo per l'Europa

©2013 ilMeteo.it

VIDEO

Milano Oggi Pomeriggio Sereno Sera Sereno Domani ­ 13/09 Mattino Sereno

Milano ­ Si preparano giornate davvero avvincenti e ricche di emozioni che saranno apprezzate soprattutto dagli appassionati di cinema che potranno vedere da vicino a Milano la presenza di diverse star italiane e internazionali.  Giovedì 5 settembre, infatti, prende il via la 18ª

edizione del “Milano Film Festival”, manifestazione sostenuta dal Comune di Milano – Assessorato alla Cultura e dal Programma Media dell’Unione Europea, con il patrocinio di Expo 2015, che fino al 15 settembre porterà a Milano 11 giorni di cinema, musica e incontri con ospiti e registi internazionali. Centro nevralgico del Festival saranno anche quest’anno il Teatro Strehler con il suo sagrato e il Teatro Studio, al quale si affiancheranno il Parco Sempione, la Triennale di Milano ­ Teatro dell'Arte, lo Spazio Oberdan, la Cascina Cuccagna, l’Auditorium San Fedele e l’Area Ex Bazzi. I direttori Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini propongono per questa nuova edizione un festival particolarmente attento alle nuove produzioni e al cinema indipendente tracciando un percorso tra le più coraggiose cinematografie internazionali, raramente visibili in sala, tra anteprime e incontri con i talenti emergenti. Sono circa 200 le opere presentate in arrivo da tutto il mondo.  In programma ci sono il “Concorso Lungometraggi”, aperto solo a opere prime e seconde di registi provenienti da ogni parte del mondo, e il “Concorso Cortometraggi”, riservato a registi under 40, affiancati da sezioni fuori concorso, film in anteprima, ospiti, workshop ed eventi paralleli.  Una speciale sezione del Festival si propone poi l'obiettivo di rendere omaggio a Sylvain George, autore di cinema politico e sperimentale, di cui presenta i lavori in un’ampia rassegna, che include i lungometraggi, i cortometraggi, una carta bianca, un incontro/dialogo con Stefano Savona e l'evento Alive They Cried: John Butcher su “Vers Madrid – The Burning Bright”. Da segnalare tra gli eventi in programma il workshop "Seize the time”, organizzato da Milano Film Network con Milano Film Festival, in collaborazione con Filmmaker, che culminerà in un film collettivo sulla città, capace di cogliere le parole e i gesti, sociali e politici, dell’Italia contemporanea e di trovare la forma giusta per raccontarli.  Tra le novità del 2013 grande successo ha avuto la campagna “Adotta un Regista”, che ha coinvolto oltre cento cittadini milanesi che offriranno ospitalità ai registi e artisti in arrivo a Milano da tutto il mondo: un progetto di ospitalità alternativa che offre un’occasione straordinaria di conoscere da vicino i veri protagonisti del festival.  Per chi volesse comunque ricevere maggiori informazioni sugli eventi in programma può visitare il sito www.milanofilmfestival.it

Mi piace

0

Tweet

1

0

1

ARTICOLI CORRELATI Michael Bublè in tour in Italia con "To Be Loved" Milano  ­  Il  crooner  più  famoso  dei  nostri  tempi  porterà  la sua  musica  anche  in  Italia  con  il  "To  Be  Loved  Tour". Michael Bublè ha infatti ... Milano,  stasera  i  Capital  Cities  di  'Safe  and  Sound'  ai Magazzini Generali

Pomeriggio Sereno

11 settembre 2001 ­ Il ricordo L'America ed il mondo intero ricordano la tragedia dell'attacco terroristico alle Torri Gemelle del World Trade Center di New York.

I PIU' LETTI Milano ­ Trovato manichino di Berlusconi impiccato a un albero Lombardia ­ Inizia l'anno scolastico, crescono gli alunni ma mancano i dirigenti Bergamo ­ Esplosione in un'azienda chimica, due operai feriti Belen e Stefano, don Marco spiega perchè non li sposa più Omicidio Marilia ­ Grigoletto aveva studiato una trappola mortale Omicidio Marilia ­ Cinque indizi contro Grigoletto Fagnano Olona ­ 13enne si lancia dalla finestra: è grave Belen 'scaricata' da Striscia la Notizia: il giallo dei conduttori

DALLE ALTRE EDIZIONI Corte Costituzionale ­ Napolitano nomina

Sera Poco nuvoloso


Mondointasca I 03 SETTEMBRE 2013

Martedì 3 Settembre 2013 ­ Anno XI        | COLOPHON | PUBBLICITA' |

Appuntamenti Notizie

Offerte di Viaggio

Attualità

Reportage

Dossier & Speciali Cultura & Società CERCA 

NOTIZIE APPUNTAMENTI Nessun evento in programma

Registrati all'area riservata!  USER: 

Cataloghi Shopping

Libri & Guide Natura & Sport

 PASSWORD: 

Racconti di Viaggio Lifestyle e Benessere

Seguici anche su:    Letture di viaggio

Mediagallery

Concerti

OFFERTE DI VIAGGIO

Milano e Torino sul palcoscenico

Tour Svizzera ­ Classic ­ in aereo

Date effettuazione dei viaggi: 28 Marzo/ 01 Aprile 27/31 Luglio 14/18 Agosto La Svizzera, può essere meta ideale per chi ama l&rsquo...

Scegli la categoria... >> ARTE

Gran Tour ­ Sicilia in aereo

>> CULTURA

Date effettuazione dei viaggi: 01/11 Maggio 01/11 Agosto 12/22 Settembre 10/20 Ottobre “tutta l’isola in un unico tour&rdquo...

>> SPETTACOLI >> SPORT >> FESTIVAL >> FOLKLORE >> FIERE E SAGRE

Mostrale tutte 

Mostrali tutti >> CATALOGHI Viaggindia Viaggindia è un tour operator che opera in Italia dal 2001. La società è stata fondata ed è guidata da Kesar Singh, un indiano trasferitosi in Lombardia. Singh cura personalmente fin nei particolari la programmazione dei viaggi.

Mostrali tutti  LIBRI E GUIDE Londra controcorrente Londra controcorrente Passato e presente sulle rive del Tamigi di Graziella Martina, Magenes, pagine 660, Euro 18,00.

Scoprire Parigi in Metro Scoprire Parigi in Metro Da un'idea di Fabienne Kriegel; testi di Anne­Claire Ruel, Auriélie Clair, Catherine Taret Gremese edizioni, pagine 386, Euro 19,50.

Mostrali tutti 

Dal 4 al 21 settembre Milano e Torino diventano un unico grande palcoscenico con il Festival MITO. Dopo l’inaugurazione al Teatro alla Scala il 4 settembre prende il via un fitto programma che prevede 209 appuntamenti, di cui 95 a ingresso gratuito e 114 con biglietteria a prezzi popolari, in 99 diversi spazi: sale da concerto, auditorium, chiese, piazze, cortili, musei, palazzi. 183 concerti, di cui 85 di musica classica, 31 di musica contemporanea, 28 di musica popolare, world music, jazz, pop, rock, e canzone d’autore, 8 di crossover, elettronica e dj set e 28 concerti­spettacolo per bambini e ragazzi. Tornano anche le rassegne off. "MITOFringe" propone due settimane di appuntamenti musicali gratuiti nelle nove zone della nostra città. Il 5 settembre parte anche la 18ª edizione di Milano Film Festival, che presenta circa 200 opere per tracciare un percorso tra le più coraggiose cinematografie nazionali, raramente visibili in sala, tra anteprime internazionali e incontri con i talenti emergenti. Centro nevralgico saranno il Teatro Strehler e il Teatro Studio, al quale si affiancheranno il Parco Sempione, il Teatro dell'Arte ­ Triennale di Milano, lo Spazio Oberdan, la Cascina Cuccagna e l’Auditorium San Fedele, che si animeranno per 11 giorni di cinema, musica e incontri con ospiti e registi internazionali, fino al 15 settembre. (03/09/2013)

Novità sui voli Europa­Giappone

 Da domenica 1 settembre è entrato in servizio anche sulla rotta Monaco di Baviera–Tokyo (Narita) l’aeromobile B787 “Dreamliner” di Ana che offre una maggiore...

DOSSIER E SPECIALI Ricette dal Mondo

In onore del nuovo Papa argentino, una ricetta che proviene direttamente dalle Pampas: il Matambre che, letteralmente significa "Ammazzafame"

Viaggi "gay friendly"

La capitale del Regno Unito è tollerante e trasgressiva e ora ha aperto le porte anche agli 007 gay. Un week­end a Londra potrebbe rivelarsi molto eccitante. Molte gli eventi in programma: dal Giubileo della Regina alla terza Olimpiade, alle celebrazioni di Leonardo da Vinci alla National Gallery

Danze nel Mondo

Paese che vai, danza che trovi. Parte dalla Turchia la nostra esplorazione delle diverse tradizioni popolari che stanno dietro ai movimenti ora sinuosi, ora gioiosi o drammatici del corpo umano nello spazio

Mostrali tutti

Scoprire a piedi le nostre città

 Il Trekking Urbano, la giornata nazionale del turismo a piedi, compie 10 anni. Ben 33 città italiane in tutto il Paese la festeggeranno il prossimo 31 ottobre con percorsi che coniugano...

Musica e democrazia dalla Turchia

 Arriva in Italia la Turkish Youth Philharmonic Orchestra che si esibirà con sette concerti diretti dal Maestro Cem Mansur. Nel 2007 Mansur ha fondato questa grande orchestra che conta...

Viaggi online, occhio alle commissioni della carta di credito

 Paghi con carta Visa, MasterCard o American Express il tuo volo aereo e ti accorgi che al momento di chiudere la transazione il prezzo complessivo dell’operazione è superiore a...

Firenze, un autunno ad arte

 In occasione del primo giorno d’autunno, sabato 21 settembre, con una passeggiata nel Giardino di Boboli di Firenze alla “scoperta” della Kaffeehaus, torna “Autunno ad...

I Campioni del Tor des Geants si confrontano in Valle d'Aosta

 Sarà una sfida tutta europea quella per il podio della quarta edizione del Tor des Géants, l’endurance trail più duro al mondo che prenderà il via l’8...


RADIO ONDA D’URTO I 03 SETTEMBRE 2013

Cerca: scrivi e previ invio!

NEWS AMBIENTE POLITICA

PALINSESTO

ASCOLTACI

CARCERE SCUOLA

CULTURA

SOSTIENICI DIRITTI

LA FESTA

ECONOMIA

STORIA

IMMIGRAZIONE

CONTATTI

TRASMISSIONI

INTERNAZIONALE

LAVORO

LINKS

LOCALE

MOVIMENTO

STORIA

Notizia scritta il 03/09/13 alle 15:18. Ultimo aggiornamento: 03/09/13 alle: 15:18 ULTIME NEWS

MILANO FILM FESTIVAL 2013

Milano Film Festival diventa maggiorenne! Dal 5 al 15 settembre si svolge infatti la 18esima edizione

COMUNICATI E APPUNTAMENTI

di questa manifestazione che ha tantissime sezioni tutte estremamente interessanti. Ce ne parla Vincenzo Rossini che e’, insieme a Alessandro Beretta, direttore artistico del festival ( VincenzoRossini­MilanoFilmFestival2013 )

PAROLE CHIAVE

Per altre informazioni si puo’ consultare il sito di Milano Film Festival Condividi:

ARCHIVI

Articoli Correlati: Milano Film Festival 2011 Milano Film Festival 2012 Festival di Venezia 2013 – 70esima edizione Milano, si gira! Trx del 11 settembre 2012 Trx del 18 giugno 2013 Titano Cine Tour Lake Como Film Festival 2013 Festival Mix 2013 FCAAAL 2013

BLOGROLL

settembre 2013 (2) luglio 2013 (6)

Documentation Plugins

giugno 2013 (8) maggio 2013 (9)

Support Forum

aprile 2013 (14) marzo 2013 (7) febbraio 2013 (8) gennaio 2013 (10) dicembre 2012 (6) novembre 2012 (13) ottobre 2012 (10) settembre 2012 (5) agosto 2012 (2) luglio 2012 (3) giugno 2012 (6) maggio 2012 (8) aprile 2012 (7) marzo 2012 (9) febbraio 2012 (7) gennaio 2012 (8) dicembre 2011 (7) novembre 2011 (13) ottobre 2011 (13) settembre 2011 (8) luglio 2011 (3)

Creative Commons Attribution: Non Commercial, No Derivative, Works 2.5 Italy License.  Radio Onda d'Urto Associazione Culturale (P. IVA 02084620174) Reg. tribunale di Brescia nr. 24/86

Performance Optimization WordPress Plugins by W3 EDGE

Suggest Ideas Themes WordPress Blog WordPress Planet


redmag I 03 SETTEMBRE 2013 i 1/3 PAGINE

Lifestyle, design, tendenze, eventi, contest, visual art, illustrazione, advertising, animazione, fashion, trends, tentazioni e segnalazioni very cool by Red-made

ABOUT

SEARCH

PORTFOLIO DISCLAIMER CONTACT

APPUNTAMENTI

CONTEST

DU CINÉMA

LIFESTYLE

RED-HEAD

APPUNTAMENTI / DU CINÉMA

MILANO FILM FESTIVAL 2013 • on Sep 3, 2013 •

TENTATIONS

TRÉS COOL

SAVE THE DATE:

<<

Sep 2013

>>

M

T

W

T

F

S

26

27

28

29

30

31

S 1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

1

2

3

4

5

6

@ REDMAG!

MILANO FILM FESTIVAL open platform for international cinema Milano, 5-15 settembre 2013

SO WHAT?

La 18° edizione di Milano Film Festival si terrà quest’anno dal 5 al 15 settembre 2013. Centro nevralgico del festival sarà come sempre il Teatro Strehler di Milano, con il suo Sagrato, e il Teatro Studio, al quale si affiancheranno il Parco Sempione, la Triennale di Milano – Teatro dell’Arte, lo Spazio

architettura

cinema, musica e incontri con ospiti e registi internazionali.

District Brera Design District chic

Nuova edizione

concerti concerto Design Week djset Elita Farm Cultural

Oberdan, la Cascina Cuccagna, l’Auditorium San Fedele e l’Area Ex Bazzi, che si animeranno per 11 giorni di

La diciottesima edizione prosegue il percorso iniziato dai due direttori Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini, che anche quest’anno curano un festival attento alle nuove produzioni e al cinema indipendente, che presenta circa 200 opere in arrivo da tutto il mondo, tracciando un percorso tra le più coraggiose cinematografie internazionali, raramente visibili in sala, tra anteprime e incontri con i talenti emergenti.

I partner del 2013 Il festival è sostenuto dal Comune di Milano – Assessorato alla Cultura e dal Programma Media dell’Unione Europea, e ha ricevuto il patrocinio di Expo 2015. Tra i partner, confermano ancora una volta la partecipazione, dimostrandosi così partner fedeli, il Gruppo CAP e Aperol Spritz, dando un segnale importante in un anno che

tutti sappiamo non facile per quanto riguarda gli investimenti culturali. Così come hanno fatto molti nuovi partner

di prestigio, tra cui Alce Nero, MM Metropolitana Milanese e Vodafone. A questi si aggiunge Banca Prossima, special project partner del festival, con il progetto Are you series?. Tra i media partner della 18° edizione anche Sky Arte HD e MYmovies.it, che dal 6 al 15 Settembre, trasmetterà ogni sera alle ore 21:30 gratuitamente una selezione dei lungometraggi del festival.

Programma: film in concorso Il programma prevede il consueto CONCORSO LUNGOMETRAGGI, aperto solo a opere prime e seconde di

registi provenienti da ogni parte del mondo, e il tradizionale CONCORSO CORTOMETRAGGI, riservato a registi under 40, affiancati da sezioni fuori concorso, film in anteprima, ospiti, workshop ed eventi paralleli.

arte Berlino Brera Design

cinema design

fashion festival film fotografia Fuorisalone

Park

installazioni jazz LE CANNIBALE

Milano moda mostre

musica natale new york party photo Public Design Festival

Santeria

Selton

Spazio Concept street Superstudio Più

Triennale

Tunnel Ugo La Pietra

Underground vernissage

Vinili

vintage workshop zona Tortona SEGUICI SU:

Degli 11 LUNGOMETRAGGI in programma, 8 sono girati da registe donne. Tra i film selezionati, Mirage à l’Italienne di Alessandra Celesia, regista italiana che lavora in Francia, racconta il miraggio di altre vite possibili

in una Torino dissanguata dalla crisi economica; The Eternal Return of Antonis Paraskevas, della regista greca

Elina Psykou, Best Work in Progress a Karlovy Vary 2012, un film impietoso e non consolatorio, che tira in ballo la televisione e la crisi greca, “girato addosso” a un sorprendente Christos Stergioglou, “non più giovane” attore

emergente del cinema greco; Ilo Ilo di Anthony Chen, vincitore della Camera d’Or a Cannes, che rievoca i fantasmi del collasso finanziario asiatico degli anni ’90, attraverso la storia, ambientata a Singapore, del rapporto fra una famiglia borghese e la nuova domestica filippina.

Fra i CORTOMETRAGGI in programma, si distinguono Fatigués d’être beaux con protagonista Denis Lavant,

TRIENNALE DESIGN MUSEUM


redmag I 03 SETTEMBRE 2013 i 2/3 PAGINE

fantastico attore feticcio di Leos Carax (Holy Motors); Peristalsi di Enrico Iannaccone, originale opera del vincitore del David di Donatello 2013, che sarà presente al festival; Solecito su un progetto di Olafur Eliasson e

diretto da Oscar Ruiz Navia, regista del nuovo cinema colombiano, presente nel Concorso Lungometraggi del Milano Film Festival nel 2009 e in Concorso alla Quinzaine 2013; Don’t Fear Death di Louis Hudson, world

première del Concorso Cortometraggi alla presenza del regista, che terrà anche un workshop sull’animazione;

La lampe au beurre de yak di Hu Wei, giovane regista cinese che sarà a Milano per la presentazione, corto coprodotto in Francia, in concorso alla Semaine; L’aurore boréale di Keren Ben Rafael, divertente commedia del

miglior cinema francese corto contemporaneo, con Hippolyte Girardot e la figlia Ana; Chigger Ale (here come the problems) di Fanta Ananas, film bizzarro e curioso direttamente dalla new wave etiope, dove molti giovani

cineasti si stanno mettendo in gioco.

SANTERIA MILANO

L’omaggio a Sylvain George Milano Film Festival rende omaggio a Sylvain George, autore di cinema politico e sperimentale, di cui presenta i lavori in un’ampia rassegna, che include i lungometraggi, i cortometraggi, una carta bianca, un incontro/dialogo con Stefano Savona e l’evento Alive They Cried: John Butcher su “Vers Madrid – The Burning Bright”.

Nel corso del festival è inoltre previsto il workshop Seize the time, organizzato da Milano Film Network con Milano Film Festival, in collaborazione con Filmmaker, che culminerà in un film collettivo sulla città, capace di

cogliere le parole e i gesti, sociali e politici, dell’Italia contemporanea e di trovare la forma giusta per raccontarli. La sensibilità di Sylvain George e la sua capacità di individuare nei dettagli i grandi movimenti della storia si

tradurranno in una serie di preziosi suggerimenti allo sguardo, in una guida all’articolazione discorsiva delle immagini, sia essa narrativa o saggistica, e a un puntuale e serrato confronto sulle pratiche realizzative.

ELITA

L’omaggio è curato da Paola Piacenza.

Colpe di Stato Nona edizione della rassegna che si sofferma sulla realtà complessa del sistema di potere nel mondo, sempre attenta alla sperimentazione del linguaggio e alla documentazione del reale, come in Camp 14 di Marc Wiese, viaggio negli orrori dei campi di prigionia in Corea del nord; God loves Uganda, un’esplorazione della campagna di evangelizzazione per instillare i valori importati dall’America cristiana di destra nella cultura africana, tragica operazione di colonialismo culturale, presentato al Sundance Film Festival; Infiltrators, del palestinese Khaled Jarrar, che racconta i tentativi di creare dei varchi nel muro che separa Palestina e Israele; Sur le rivage du monde del quebecchese Sylvain L’Espérance, dove i 4 protagonisti, nonostante la delusione

derivata dal fallimento dei diversi tentativi di raggiungere l’Europa, non smettono di crederci; The act of killing di Joshua Oppenheimer, che ci riporta agli anni Sessanta, quando gli squadroni della morte indonesiani uccidono mezzo milione di oppositori, documentario sconcertante fra realtà e finzione dove gli assassini rimettono in scena i loro crimini per le telecamere, in una specie di sogno spaventoso che mescola storia, vanità e senso di

NHOW BERLIN

colpa; Dirty Wars di Rick Rowley, un reporter americano e il suo viaggio nel cuore di tenebra, un’inchiesta giornalistica in forma di film sull’uso dei droni, che inchioda la politica estera dell’amministrazione Obama, un tema scomodo che nessuno dei nostri media ha mai sfiorato; Inequality for All di Jacob Kornbluth, che illustra la

tesi di Robert Reich, ex segretario del lavoro per Bill Clinton, che vede nella classe media il più grave tra i danni collaterali del capitalismo americano; Les Chebabs de Yarmouk di Axel Salvatori-Sinz, che filma il campo profughi dove vive la più grande comunità palestinese in Siria e i “chebabs”, giovani, con aspirazioni comuni a quelle di tutti i loro coetanei, in quella fase della vita in cui ogni decisione ha il potere di determinare il destino; infine la magia di un dialogo impossibile, a distanza, attraverso lo specchio della camera di Andy Wolff in The Captain and His Pirate, dove la comunicazione tra il leader dei pirati e il comandante della nave sequestrata al largo delle coste somale è a dir poco sconcertante: sono nemici, sono su fronti opposti, che cosa li divide?

DESIGN ME

Sezioni Parallele

Completa l’ampio programma la sezione The Outsiders, che affianca le sezioni competitive del festival, integrando i percorsi del Concorso o raccogliendo frutti emersi a margine del lavoro di selezione. Fra gli altri

Closed Curtain di Jafar Panahi e Kamboziya Partovi, film sull’allontanamento forzato del regista iraniano dai set cinematografici; Gore Vidal, the United States of amnesia di Nicholas Wrathall, che ha al centro uno dei grandi

outsiders del Novecento americano, che ha vissuto su di sé il paradosso di essere vicino al potere e alla casta dominante, tanto da poter descrivere vizi e virtù della società americana; Le donne della Vucciria di Hiam Abbas;

A Band Called Death di Jeff Howlett e Mark Covino, riscoperta e rilettura a distanza, da parte dei figli, della musica di assoluta avanguardia dei genitori, a suo tempo incompresa e forse per questo abbandonata; Museum

TUNNEL CLUB

Hours, film europeissimo dell’americano Jem Cohen, dove convergono i temi della distanza culturale e di quella storica, l’arte come terapia contro l’alienazione.

Fra gli Eventi speciali, The Rocket diretto da Kim Mordaunt, Best Narrative Feature Film al Tribeca Film Festival, un racconto di iniziazione costruito con grazia che si immerge con grande rispetto nello straordinario paesaggio laotiano, presentato in collaborazione con il Gruppo CAP; il classico anni ‘80 Labyrinth di Jim Henson, proposto in una proiezione multisensoriale organizzata in collaborazione con LUSH e Gorilla Perfume; l’anteprima di

Teen Beach Movie di Jeffrey Hornaday, in collaborazione con The Walt Disney Company; Faro, secondo lungometraggio di Fredrik Edfeldt che mescola i ritmi tesi del noir alla leggerezza con cui delinea il percorso di maturazione di un padre nel rapporto con l’amatissima figlia, evento speciale in collaborazione con VisitSweden; Diego Star di Frédérick Pelletier, sul tema dei migranti lavoratori, in collaborazione con Naga; Necesitas algo, nena? di Laura Chiossone che affianca un incontro sul tema dei desaparecidos, organizzato

SPAZIO CONCEPT

con Amnesty International e 24Marzo; e infine la proiezione dei corti di diploma della Milano Scuola di Cinema e Televisione.

VerniXage, per il terzo anno consecutivo, prova a indagare le aree interstiziali tra il sistema dell’arte contemporanea e quello del cinema, focalizzando quest’anno la propria ricerca sulle possibilità e le modalità di

applicazione, distribuzione, fruizione e racconto dell’arte cinematografica. João Laia, autore e ricercatore

portoghese, presenta Now Showing: Austerity Measures, che disegna un tracciato inedito riassemblando, attraverso la tecnica del found footage spezzoni e trailer di tutti i film che sino a oggi hanno parlato di crisi

economica. Luca Trevisani presenta Frozen Flames, lo studio della sua prima opera cinematografica in via di definizione. I flussi dell’acqua e i suoi passaggi di stato, il suo parallelo con l’animo umano e i suoi inevitabili sviluppi, serpenti albini, droni e luoghi estremi, sono tra i protagonisti della trama. Invernomuto conferma il proprio interesse nell’accostare realtà, livelli e culture eterogenee, tecniche espressive e linguaggi come

ROCK.IT


redmag I 03 SETTEMBRE 2013 i 3/3 PAGINE

cinema, musica, performance, con Negus – Echoes Chamber, uno spettacolo inedito realizzato in esclusiva per gli spazi del Piccolo Teatro Studio, che mette insieme materiale filmico girato tra Italia ed Etiopia e che tra i protagonisti vede Lee Perry (padre del dub jamaicano), un Sound System artigianale di quasi cinque metri, un giradischi e la totale immersione del pubblico nello spazio scenico.

Anche quest’anno torna il Focus Animazione, con la tradizionale maratona di cortometraggi al Parco Sempione e il workshop PAPER IN MOTION con Louis Hudson, organizzato in collaborazione con Moleskine. Si riconferma l’appuntamento con il milano film festivalino, con proiezioni e laboratori per i più piccoli in Cascina Cuccagna. La musica del Festival Milano Film Festival conferma l’attenzione alla musica con i dj-set che animano ogni sera il Sagrato del Teatro

CIRCOLO MAGNOLIA

Strehler e con PARKLIVE, un festival di concerti e dj-set in programma ogni sera alle 18.30 al Parco Sempion (realizzato grazie al sostegno di Jack Daniel’s e curato da I Distratti). Tra gli eventi musicali, anche il Milano Film Festival BLOCK PARTY powered by Elita Overture, una serata di musica organizzata nei suggestivi spazi

industriali dell’Area Ex Bazzi. Tra i partner della 18° edizione anche Spotify, che ospita le colonne sonore dei film, le playlist votate dal pubblico e i brani degli artisti di PARKLIVE. Un Festival più sostenibile e la campagna Adotta un Regista

Tra le novità del 2013 è da segnalare la collaborazione con Novamont ed Ecozema, sviluppata per limitare l’impatto ambientale del festival: tutti i punti di ristoro utilizzeranno infatti stoviglie monouso biodegradabili e

compostabili, che verranno conferite in contenitori dedicati alla raccolta della frazione organica. Grande successo per la campagna Adotta un Regista, che ha coinvolto oltre cento cittadini milanesi che offriranno ospitalità ai registi e artisti in arrivo a Milano da tutto il mondo: un progetto di ospitalità alternativa che

TEATRO ELFO PUCCINI

offre un’occasione straordinaria di conoscere da vicino i veri protagonisti del festival.

L’appuntamento è dal 5 al 15 settembre 2013; per tutti gli aggiornamenti è sempre consultabile il sito www.milanofilmfestival.it Milano Film Festival è una produzione esterni, un’impresa culturale che dal 1995 progetta spazi pubblici,

disegna servizi per piccole e grandi comunità, promuove e realizza eventi di aggregazione, sviluppa campagne di comunicazione necessaria e partecipata. Lavora con enti pubblici e privati in Italia e all’estero, condividendo competenze, progetti e risorse.

Milano Film Festival fa parte di Milano Film Network (MFN), un nuovo progetto realizzato grazie al contributo di

Fondazione Cariplo che mette in rete 7 festival milanesi, per offrire una proposta culturale lungo tutto l’anno e alcuni servizi per chi si occupa di cinema. Ne fanno parte il Festival del Cinema Africano d’Asia e America Latina, Festival MIX Milano, Filmmaker, Invideo, Milano Film Festival, Sguardi Altrove Film Festival, Sport Movies & Tv Fest.

FARM CULTURAL PARK

Informazioni

Autore: Noemi Gadaleta cofondatrice dello studio creativo Red-made, si occupa trasversalmente di competenze che si incrociano e si fondono nell’esperienza del comunicare.

10 CORSO COMO

Altri articoli

Tags: cinema, MFF, Milano, milano film festival

ITALIAN FASHION BLOGGERS

Previous post SAVANA CLUB #3

REDMAG ON PINTEREST

© RedMag il magazine di RedMade - since '07.


SKY ARTE I 03 SETTEMBRE 2013

HOME > NEWS > CINEMA E DOC

Cinema: torna il Milano Film Festival 3 settembre 2013

Edizione numero diciotto per il Milano Film Festival, che indaga con uno sguardo laterale il cinema indipendente e di ricerca. Si parte giovedì 5 settembre: con Sky Arte HD partner della rassegna Ormai è diventato grande: spegne diciotto candeline il Milano Film Festival, che dal 5 al 15 settembre torna ad animare il capoluogo lombardo. Una rassegna di frontiera, perché guarda al cinema che nasce e cresce oltre i circuiti mainstream, scovando giovani talenti e mostrando visioni non convenzionali. Una kermesse “impegnata”? Sì, nel senso più nobile e intrigante del termine, quindi libero da preconcetti ideologici. Perché il filo conduttore dei cinquantuno corti e degli undici lungometraggi in concorso è quello del coraggio. Il coraggio di indagare, scoprire, svelare e raccontare storie anche scomode. E non è un caso allora se la short-list delle opere che si contende la vittoria finale contempla così tanti docu-film. Promette intensità il No Man’s Land della giovanissima portoghese Salomé Lamas, che mette alla sbarra i mercenari che hanno insanguinato Angola e Mozambico; una garanzia di qualità, certificata dalla conquista del Caméra d’Or all’ultimo Festival di Cannes, l’Ilo Ilo di Anthony Chen, dramma di una “crisi prima della crisi”. Ambientato nel 1997, ai tempi del collasso finanziario di Singapore. La propensione del festival per i temi di attualità si fa ancora più esplicita con la sezione Colpe di

Stato , realizzata in collaborazione con il magazine di approfondimento politico Internazionale . E grazie al focus dedicato a Sylvain George, regista militante ospite della città per l’intera durata del festival; oggetto di un’ampia retrospettiva sul proprio lavoro e protagonista di un workshop per giovani creativi, che porterà alla nascita di un corto a più mani dedicato a Milano. Il Teatro Strehler, cuore pulsante dell’evento e la Triennale, Parco Sempione e Cascina Cuccagna, l’Auditorium San Fedele e lo Spazio Oberdan. Sono diverse le location, sparse per la città, chiamate ad accogliere proiezioni e incontri, workshop e dibattiti, concerti ed eventi speciali. Una lunga festa dedicata al cinema. Documentata e raccontata da Sky Arte HD, partner della rassegna.

TAG >

Angola, Anthony Chen, Cannes, Milano Film Festival, Mozambico, Salomé Lamas, Sylvain George, Teatro Strehler

« Essere artista oggi. In una


VareseReport I 03 SETTEMBRE 2013

FOTOGALLERY | VIDEO              

HOME

ECONOMIA

POLITICA

CULTURA/SPETTACOLI

SCUOLA

VOLONTARIATO

Milano

Parte il Milano Film Festival, dieci giorni di cinema sempre più internazionale Al via la 18° edizione di Milano Film Festival, in programma nella metropoli dal 5 al 15 settembre. Centro nevralgico del festival sarà come sempre il Teatro Strehler di Milano, con il suo Sagrato, e il Teatro Studio, al quale si affiancheranno il Parco Sempione, la Triennale di Milano – Teatro dell’Arte, lo Spazio Oberdan, la Cascina Cuccagna, l’Auditorium San Fedele e l’Area Ex Bazzi, che si animeranno per 11 giorni di cinema, musica e incontri con ospiti e registi internazionali. La diciottesima edizione prosegue il percorso iniziato dai due direttori Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini, che anche quest’anno curano un festival attento alle nuove produzioni e al cinema indipendente, che presenta circa 200 opere in arrivo da tutto il mondo, tracciando un percorso tra le più coraggiose cinematografie internazionali, raramente visibili in sala, tra anteprime e incontri con i talenti emergenti. Il festival è sostenuto dal Comune di Milano – Assessorato alla Cultura e dal Programma Media dell’Unione Europea, e ha ricevuto il patrocinio di Expo 2015. Tra i partner, confermano ancora una volta la partecipazione, dimostrandosi così partner fedeli, il Gruppo CAP e Aperol Spritz, dando un segnale importante in un anno che tutti sappiamo non facile per quanto riguarda gli investimenti culturali. Così come hanno fatto molti nuovi partner di prestigio, tra cui Alce Nero, MM Metropolitana Milanese e Vodafone. A questi si aggiunge Banca Prossima, special project partner del festival, con il progetto Are you series?.  Tra i media partner della 18° edizione anche Sky Arte HD e MYmovies.it, che dal 6 al 15 Settembre, trasmetterà ogni sera alle ore 21:30 gratuitamente una selezione dei lungometraggi del festival. Il programma prevede il consueto CONCORSO LUNGOMETRAGGI, aperto solo a opere prime e seconde di registi provenienti da ogni parte del mondo, e il tradizionale CONCORSO CORTOMETRAGGI, riservato a registi under 40, affiancati da sezioni fuori concorso, film in anteprima, ospiti, workshop ed eventi paralleli. Degli 11 LUNGOMETRAGGI in programma, 8 sono girati da registe donne. Tra i film selezionati, Mirage à l’Italienne di Alessandra Celesia, regista italiana che lavora in Francia, racconta il miraggio di altre vite possibili in una Torino dissanguata dalla crisi economica; The Eternal Return of Antonis Paraskevas, della regista greca Elina Psykou, Best Work in Progress a Karlovy Vary 2012, un film impietoso e non consolatorio, che tira in ballo la televisione e la crisi greca, “girato addosso” a un sorprendente Christos Stergioglou, “non più giovane” attore emergente del cinema greco; Ilo Ilo di Anthony Chen, vincitore della Camera d’Or a Cannes, che rievoca i fantasmi del collasso finanziario asiatico degli anni ’90, attraverso la storia, ambientata a Singapore, del rapporto fra una famiglia borghese e la nuova domestica filippina. Fra i CORTOMETRAGGI in programma, si distinguono Fatigués d’être beaux con protagonista Denis Lavant, fantastico attore feticcio di Leos Carax (Holy Motors); Peristalsi di Enrico Iannaccone, originale opera del vincitore del David di Donatello 2013, che sarà presente al festival; Solecito su un progetto di Olafur Eliasson e diretto da Oscar Ruiz Navia, regista del nuovo cinema colombiano, presente nel Concorso Lungometraggi del Milano Film Festival nel 2009 e in Concorso alla Quinzaine 2013; Don’t Fear Death di Louis Hudson, world première del Concorso Cortometraggi alla presenza del regista, che terrà anche un workshop sull’animazione; La lampe au beurre de yak di Hu Wei, giovane regista cinese che sarà a Milano per la presentazione, corto co­prodotto in Francia, in concorso alla Semaine; L’aurore boréale di Keren Ben Rafael, divertente commedia del miglior cinema francese corto contemporaneo, con Hippolyte Girardot e la figlia Ana; Chigger Ale (here come the problems) di Fanta Ananas, film bizzarro e curioso direttamente dalla new wave etiope, dove molti giovani cineasti si stanno mettendo in gioco. Milano Film Festival rende omaggio a Sylvain George, autore di cinema politico e sperimentale, di cui presenta i lavori in un’ampia rassegna, che include i lungometraggi, i cortometraggi, una carta bianca, un incontro/dialogo con Stefano Savona e l’evento Alive They Cried: John Butcher su “Vers Madrid – The Burning Bright”. Nel corso del festival è inoltre previsto il workshop Seize the time, organizzato da Milano Film Network con Milano Film Festival, in collaborazione con Filmmaker, che culminerà in un film collettivo sulla città, capace di cogliere le parole e i gesti, sociali e politici, dell’Italia contemporanea e di trovare la forma giusta per raccontarli. La sensibilità di Sylvain George e la sua capacità di individuare nei dettagli i grandi movimenti della storia si tradurranno in una serie di preziosi suggerimenti allo sguardo, in una guida all’articolazione discorsiva delle immagini, sia essa narrativa o saggistica, e a un puntuale e serrato confronto sulle pratiche realizzative. L’omaggio è curato da Paola Piacenza. Anche quest’anno ci sarà la rassegna Colpe di Stato. Nella sua nona edizione la rassegna si sofferma sulla realtà complessa del sistema di potere nel mondo, sempre attenta alla sperimentazione del linguaggio e alla documentazione del reale, come in Camp 14 di Marc Wiese, viaggio negli orrori dei campi di prigionia in Corea del nord; God loves Uganda, un’esplorazione della campagna di evangelizzazione per instillare i valori importati dall’America cristiana di destra nella cultura africana, tragica operazione di colonialismo culturale,

CHIESA

CERCA

SPORT

LETTERE


Vita I 03 SETTEMBRE 2013


Vodafone I 03 SETTEMBRE 2013

Privati

Home

Partita IVA

News

Aziende

Forum

Lab

Domande&Risposte

Mobile & Tech

Login

Vodafone Italia

Web & Social

Lab TV

Lifestyle

Labbers

Mondo Vodafone

Cerca

Feed RSS

Mondo Vodafone » Eventi

Articoli correlati

Vodafone sponsor ufficiale del Milano Film Festival 2013. Proiezioni al via il prossimo 5 settembre

Mondo Vodafone » Eventi

Vodafone è sponsor del Festiv... Vodafone promuove la cultura e l'arte na...

di MarcelloBaio | 03/09/2013 17:16

A Milano dal 5 al 15 settembre 2013 si terrà la 18° edizione del Milano Film Festival. Come descritto nella conferenza stampa di lancio organizzata oggi a Palazzo Reale, il centro nevralgico del festival sarà come sempre il Teatro Strehler di Milano, con il suo Sagrato, e il Teatro Studio, al quale si affiancheranno il Parco Sempione, la Triennale di Milano – Teatro dell’Arte, lo Spazio Oberdan, la Cascina Cuccagna, l’Auditorium San Fedele e l’Area Ex Bazzi, che si animeranno per 11 giorni di cinema, musica e incontri con ospiti e registi internazionali. La diciottesima edizione del festival prosegue il percorso iniziato dai due direttori Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini, che anche quest’anno curano una manifestazione attenta alle nuove produzioni e al cinema indipendente, che presenta circa 200 opere in arrivo da tutto il mondo, tracciando un percorso tra le più coraggiose cinematografie internazionali, raramente visibili in sala, tra anteprime e incontri con i talenti emergenti. Il festival è sostenuto dal Comune di Milano – Assessorato alla Cultura e dal Programma Media dell’Unione Europea, e ha ricevuto il patrocinio di Expo 2015. Vodafone è partner ufficiale della manifestazione e per l’occasione allestirà uno stand all’interno del Parco Sempione, vicino a uno dei luoghi in cui avverranno le proiezioni, accanto all’infopoint/biglietteria. Per tutto il periodo del festival, dal 5 al 15 settembre (dalle 18 alle 24 e nel week end dalle 12.00 alle 24) tutti coloro che si recheranno allo stand potranno partecipare al concorso Vinci un tablet al giorno al Milano Film Festival portando il proprio numero in Vodafone o attivando una nuova SIM Vodafone e beneficiando in questo modo anche di una promozione dedicata all’evento che prevede in regalo la SIM ricaricabile con anche il primo mese di tariffa incluso. Tutti coloro che parteciperanno al concorso riceveranno una cartolina con una biro (in regalo), potranno compilare la cartolina e imbucarla per l’estrazione finale, con in palio un totale di 16 tablet Vodafone Smart Tab II. Il programma del festival prevede il consueto Concorso Lungometraggi, aperto solo a opere prime e seconde di registi News scelte per te provenienti da ogni parte del mondo, e il tradizionale Concorso Cortometraggi, riservato a registi under 40, affiancati da sezioni fuori concorso, film in anteprima, ospiti, workshop ed eventi paralleli.

Continua Mondo Vodafone » Eventi

Vodafone sponsor del Modà Gio... È partito il Modà Gioia Tour 2013, il ... Continua Lifestyle » Film, Musica & (e)Books

YouTube, il corto “The G... "The Guilt" è stato selezionato tra i 1... Continua Lifestyle » Film, Musica & (e)Books

YouTube, la rete sceglie i 10 ... La community di YouTube, che conta tre m... Continua

Ultimi commenti Mobile & Tech » Smartphone & Telefoni

Nokia annuncia ufficialmente l... Nokia spacca tutto ! http://www.youtube.... Continua Mondo Vodafone » Prodotti & Servizi

x

Come faccio a... ricevere il p...

Live Red: Vodafone vi regala un weekend a Roma e un @basiliska devi ripetere

evento da non perdere Il Milano Film Festival conferma inoltre la sua tradizionale attenzione alla musica con i dj­set che animeranno ogni l'operazione,pe... sera il Sagrato del Teatro Strehler e con PARKLIVE, un festival di concerti in programma ogni sera alle 18.30 al Continua Continua Parco Sempione (realizzato grazie al sostegno di Jack Daniel’s e curato da I Distratti). Tra gli eventi musicali, anche il Milano Film Festival Block Party powered by Elita Overture, una serata di musica organizzata nei suggestivi spazi Vodafone promo industriali dell’Area Ex Bazzi.

Come si fa a navigare illimitatamente in tutta Europa? Lo dice Pino nel nuovo spot Vodafone

Milano Film Festival | vodafone per milano Mi piace

0

Tweet

0

0

Nessun commento Questo articolo è stato pubblicato martedì 03/09/13 alle ore 17:16 e classificato in Mondo Vodafone » Eventi . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento Martedì 03 Settembre 2013 17:48

Commenta la News Condividi le tue opinioni su Vodafone News

Archivi Commenta

Seleziona mese


Zeroemission I 03 SETTEMBRE 2013

Martedì, 3 Settembre, 2013 ­ Ore 18:16  CHI SIAMO  CONTO ENERGIA  NEWSLETTER  JOBS  PUBBLICITÀ/ADV  MYPARTNERING  WARMFLOW  DOVE SIAMO  CONTATTI

Home

Ze.Tv

News

Blog

Pubblicazioni

Fiere

Conferenze

E­Commerce

Milano Film Festival sostenibile con Novamont e Ecozema Martedì, 3 Settembre 2013 |  Sviluppo Sostenibile

Per limitare  l’impatto  ambientale  di  un  manifestazione  che  lo  scorso  anno  ha  registrato oltre  110.000  presenze,  l’organizzazione  ha  messo  a  punto  un  progetto  finalizzato  alla gestione del rifiuto prodotto dalla consumazione di cibi e bevande Si  preannuncia  all’insegna  della ecostenibilità  la  18esima  edizione Film  Festival,  la diMilano  prestigiosa  rassegna cinematografica  internazionale  che si  terrà  dal  5  al  15  settembre  2013 in  alcuni  dei  luoghi  più  suggestivi  di Milano,  dal  Parco  Sempione  al Teatro  Strehler  al  Teatro  dell’Arte. Proprio  per  limitare  l’impatto ambientale di un manifestazione che Milano Film Festival sostenibile con Novamont e Ecozema lo  scorso  anno  ha  registrato  oltre 110.000  presenze  e  coinvolto  zone  della  città  di  grande  rilievo  naturale  e  storico, l’organizzazione  del  Festival,  in  collaborazione  con  Novamont  edEcozema,  ha  messo  a punto un progetto finalizzato alla gestione completa del rifiuto prodotto dalla consumazione di  cibi  e  bevande:  tutti  i  punti  di  ristoro  utilizzeranno  esclusivamente  stoviglie  monouso biodegradabili  e  compostabili  che  verranno  successivamente  conferite  in  appositi contenitori dedicati alla raccolta della frazione organica.      La  raccolta  delle  7.000  stoviglie  e  dei  30.000  bicchieri  compostabili  forniti  da  Ecozema all’org...

Corsi­Formazione

Area Business

Configuratori


fattitaliani I 04 SETTEMBRE 2013

05 Agosto 2013

Rendi Fattitaliani la tua homepage  |  Aggiungi ai preferiti

Ultime: HOME

Cinema. Sugli schermi in Italia "Il figlio dell'altra": intervista alla regista francese Lorraine Lévy  ­ Lunedì, 25 Marzo 2013 20:32 IN PRIMO PIANO

INTERVISTE

MODE E MODI

LIBRI

SOCIETÀ

VIAGGI E TURISMO

Digita argomento... 

FATTINTERNAZIONALI

WEB E TECNOLOGIE

Cascina Cuccagna, Milano: il 6 agosto maratona di cortometraggi d'animazione dimensione font  Vota questo articolo

Stampa

Email

(1 Vota)

Martedì 6 agosto dalle ore 21​.30​  Cascina Cuccagna ospita  una  maratona  di  cortometraggi  d’animazione selezionati  dalle  passate  edizioni  del  Milano  Film Festival: quasi 3 ore di programma no­stop per adulti e bambini a ingresso libero. In  attesa  del  18°  Milano  Film  Festival  (in programma  dal  5­15  settembre  2013),  Cascina Cuccagna, sede ormai tradizionale anche del milano film festivalino, l’evento del festival dedicato ai più piccoli  (con  proiezioni,  incontri  e  laboratori),  offre l’occasione  di  una  serata  di  cinema  fuori  dalle  sale, in un clima estivo e conviviale. Fra  i  numerosi  corti  selezionati  per  la  maratona, storie  tutte  da  ridere  (come  All  Consuming  Love (Man  in  a  Cat)  di  Louis  Hudson,  Please  Say Something di David OReilly, Solos di David Cobo, Grocery Store Wars di Louis Fox, Tate Hausman e Jonah  Sachs,  Thé  noir  di  Serge  Elissalde),  storie d’amore  un  po’  speciali  (come  John  and  Karen  di Mattew  Walker,  The  Journey  di  James  Caddick, Please Say Something di David OReilly), minithriller da lasciare con il fiato sospeso (Something Left, Something Taken di Max Porter e Ru Kuwahata, Bodega Bay School di Tobias Anderson), supereroi di nuova generazione (The Burning Haus di Nils Knoblich), viaggi fantascientifici in paesi lontani (Il pianeta perfetto di Astutillo Smeriglia). Durante  la  serata,  sarà  anche  possibile  acquistare  l'abbonamento  al  festival  che  quest'anno,  oltre  a  11  giorni  di  proiezioni,  eventi  e  concerti,  offre numerose convenzioni e agevolazioni in diversi luoghi d'arte e cultura della città, consentendo di fruire – a costi ridotti ­ delle proposte culturali milanesi per tutta l’estate e fino alla fine del 2013 (tutti i dettagli e le convenzioni, su www.milanofilmfestival.it). Per l’abbonamento al Milano Film Festival: http://www.milanofilmfestival.it/abbonamenti2013.php Tweet Like

1 5 people like this. Be the first of your friends.

Pubblicato in  Cortometraggi Etichettato sotto  Milano  cortometraggi  animazione  cascina cuccagna

Articoli correlati (da tag) 5° "HIP HOP TV B­DAY PARTY”, il 24 settembre al Mediolanum Forum di Milano Cortometraggi, Max Nardari: con il linguaggio della commedia si arriva a tutti. L'intervista di Fattitaliani Salento Finibus Terrae Film Festival Internazionale Cortometraggio, dal 20 al 28

www.fattitaliani.net/index.php?option=com_k2&view=item&id=1391:cascina-cuccagna-milano-il-6-agosto-maratona-di-cortometraggi-danimazione&Itemid…

1/2


Artribune I 04 SETTEMBRE 2013

09/09/13

Da 20mila (euro) allo zero assoluto. E senza nemmeno la grazia di un perché: stoccata al MiBAC a margine della presentazione del Milano Film Festiv…

ATTUALITÀ

REPORT

ARCHITETTURA

CINEMA

TRIBNEWS DESIGN

TELEVISION DIDATTICA

MAGAZINE DIRITTO

CALENDARIO EVENTI

EDITORIA

FOTOGRAFIA

INAUGURAZIONI MERCATO

MUSICA

COMMENTI NEW MEDIA

TEATRO

TURISMO

BIENNALE 2013

Da 20mila (euro) allo zero assoluto. E senza nemmeno la NEWSLETTER grazia di un perché: stoccata al MiBAC a margine della presentazione del Milano Film Festival, che compie diciotto anni ma perde inspiegabilmente il pur minimo sostegno dello Stato nome email

privacy policy iscriviti

Scritto da Francesco Sala | martedì, 3 settembre 2013 · Lascia un commento 

SONDAGGIO Qual è l'artista italiano contemporaneo più sottovalutato?  Gastone Novelli  Giuseppe Chiari  Pinot Gallizio  Pietro Consagra  Domenico Gnoli  Mario Schifano  Emilio Isgrò  Giosetta Fioroni  Vincenzo Agnetti  Tano Festa Vota

Visualizza risultati ARCHIVIO SONDAGGI

ARCHIVIO NOTIZIE SETTEMBRE 2013 AGOSTO 2013 LUGLIO 2013

La presentazione del Milano Film Festival 2013

Hanno cominciato con cinquemila. Poi passati ad ottomila. Cresciuti, un anno fa, fino alla non esorbitante ma determinante somma di ventimila euro. Iniezione corroborante per le casse di un evento cinematografico che non vanta il pedigree di Venezia o gli sponsor di Roma, ma si arrabatta per sondare la scena indipendente, meglio se giovane. Puntura a margine della presentazione del Milano Film Festival, al via giovedì 5 settembre con la sua diciottesima edizione: una kermesse che diventa grande e quindi, ironia della sorte, perde il sostegno di quello che sembrava essere un affezionato padrino. Lo Stato, ovviamente. “Abbiamo saputo solo a metà agosto che il contributo del MiBAC ci è stato negato” spiega Beniamino Saibene di esterni, impresa culturale che produce la rassegna. “Non credo ci fosse dovuto alcunché, se non un comunicazione più tempestiva: rinunciare in corso d’opera a una cifra del genere ci taglia le gambe”. E invece nemmeno il becco di un quattrino. E nemmeno una spiegazione. Perché, incalza Saibene, “trovare qualcuno che ti risponda in un Ministero, ad agosto, è un’impresa”. Levato il sassolino dalla scarpa si scaldano i motori per un’edizione che porta in concorso cinquantun corti e undici lungometraggi. Di questi ultimi otto sono diretti da donne: e non in omaggio a chissà quale strategia scelta a tavolino, tra quote rosa ed esibite parità. Sono la qualità e il coraggio dei lavori a parlare, come nel caso della giovanissima portoghese Salomé Lamas, classe 1989: in concorso con un documentario che testimonia la brutalità dei mercenari nelle guerre civili che hanno infiammato le ex­colonie di Angola e Mozambico. Lo schermo di riferimento resta, come di consueto, quello del Teatro Stehler; ma è l’intera città – da Parco Sempione all’Auditorium San Fedele – ad animarsi di eventi e proiezioni, incontri, dibattiti e appuntamenti extra­cinema. Che spaziano dai concerti

www.artribune.com/2013/09/da-20mila-euro-allo-zero-assoluto-e-senza-nemmeno-la-grazia-di-un-perche-stoccata-al-mibac-a-margine-della-presentazion…

1/3


Atpdiary I 04 SETTEMBRE 2013 i 1/4 PAGINE

VERNIXAGE ✍ MILANO FILM FESTIVAL 2013

MILANO FILM

F ESTI VA ,

P A RCO SEM P I ON E

Inaugura domani, 5 settembre, la 18° edizione del Milano film pappagallo – così come le motivazioni che lo giustificano: “…il testardo, ripetitivo e ridondante. .. Allora persistiamo e cantiamo, cinema è un atto pubblico, il cinema è un atto pubblico, il cinema è

festival. L’immagina guida mi sta molto simpatica – un pappagallo gode di una fama ambigua: è un animale facciamo sempre quel verso, ripetitivo ma necessario: ‘Il un atto pubblico…’. Felici, come pappagalli.”

La 18° edizione prosegue il percorso iniziato dai due direttori Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini, che anche quest’anno curano un festival attento alle nuove produzioni e al cinema indipendente, che presenta circa 200 opere in arrivo da tutto il mondo, tracciando un percorso tra le più coraggiose cinematografie internazionali, raramente visibili in sala, tra anteprime e incontri con i talenti emergenti. Vastissimo il programma LINK Tra i tanti appuntamenti ATPdiary ha messo a fuoco quello curato da Davide Giannella, verniXage, giunto al suo terzo anno. La sezione indaga le aree interstiziali tra il sistema dell’arte contemporanea e quello del cinema, focalizzando quest’anno la propria ricerca sulle possibilità e le modalità di applicazione, distribuzione, fruizione e racconto dell’arte cinematografica.


Atpdiary I 04 SETTEMBRE 2013 i 2/4 PAGINE

NOW

SH OW I N G :

A U STERI TY M EA SU RES A

CU RA

DI

JÕAO LAIA

E A N D REY SH EN TA L

/

AA.VV.

/

UK

/

2012

MFF,

MILANO

Alcune domande a Davide Giannella ATP: Anche quest’anno ti cimenti nella terza edizione di VerniXage, rassegna che indaga le aree interstiziali che si creano e si posso creare tra il sistema dell’arte contemporanea e quello del cinema. Cosa ha di particolare questa edizione rispetto a quelle precedenti? Davide Giannella: Rispetto alle edizioni precedenti una differenza radicale l’ho riscontrata soprattuto in fase di pianificazione e selezione degli autori e dei loro lavori. Come tutti gli attori del sistema culturale italiano anche il Milano Film Festival e di conseguenza verniXage, si è dovuto confrontare con la possibilità di utilizzare budget piuttosto risicati. Più che un restringimento, è stato un cambio di prospettiva. Credo sia stato utile per innescare un processo di selezione più accurato e sia stato anche un ottima spinta a sviluppare una collaborazione più attenta ed efficace, assieme a un dialogo più diretto, con gli autori coinvolti. Trovo questo aspetto fondamentale, perché mi è sembrata una crescita da parte di una struttura ampia e articolata come quella di un festival di cinema, che spesso rischia di inglobare al suo interno troppe tematiche e di disperdere quindi contenuti e relazioni con gli artisti, soprattutto nel caso di sezioni più sperimentali come verniXage. ATP: Quali autori presenterai e con che opere? D.G.: Joao Laia e Andrey Shental presentano ‘Now Showing: Austerity Measures’. Viene investigata la nozione di austerità come uno strumento creativo per la sperimentazione visiva e le analisi sociali. Il progetto è costruito secondo il found footagedi diversi film che, accorpati in un unico programma, criticano l’estetica immacolata della cultura mainstream con particolare sottigliezza; possono essere quindi letti come una parodia della recessione estetica delle nuove misure conservative, tanto quanto, una critica alla precedente politica liberale che ha stimolato un consumismo sfrenato e che ha portato alla situazione attuale. Luca Trevisani, con ‘Frozen Flames’, si concentra invece sul tema dell’acqua e dei suoi passaggi di stato. Li rende protagonisti del film stesso. L’acqua ci mostra come stanno le cose, che niente è stabile, che il flusso del tempo e il logorio degli eventi ci forza ad aprirci al mondo. È una serie infinita di forme, relazioni e contenuti. L’idea progettuale di fondo è quella di costruire un arcipelago di forme, raccolte in un ecosistema fragile, spettacolare ed effimero, e di indagarlo con la macchina da presa. La coesistenza di forme e di suoni, generati dal lavorio dell’acqua, porterebbe a una rete che cancella i confini tra le singole opere, per costruire un’ unica costruzione in movimento, un ambiente fatto di forme fluttuanti e vive. È un uso strumentale delle leggi di natura, viene inscenato in modo plateale ed esibito sfacciatamente. Invernomuto danno vita a ‘Negus – Echo Chamber’, uno spettacolo audiovisivo teso tra la rappresentazione cinematografica e la performance musicale. Una proiezione monocanale e una colonna sonora realizzata dal vivo e diffusa attraverso il sound system Prince Healer, installato all’interno del TeatroStudio di Milano, interagiranno durante tutta la durata dello spettacolo. Negus – Echo Chamber, è parte del progetto in fieri Negus – il cui primo capitolo è stato presentato all’ultimo Premio Furla – si ispira a fatti storici avvenuti in epoca fascista e tende una linea di connessione tra Italia, Etiopia e Giamaica, dalla piazza di Vernasca, alla comunità rasta di Shashamane. Tra le molte partecipazioni al progetto, quella suggestiva del padre della musica dub, Lee


Atpdiary I 04 SETTEMBRE 2013 i 3/4 PAGINE

“Scratch” Perry. ATP: Tre opere molto differenti, scelte per mettere a fuoco un tema coniugato in tre differenti tagli: la produzione, la distribuzione e la fruizione. Sopratutto in merito a questo ultimo aspetto (la ‘fruizione’), cosa differenzia un’opera cinematografica da queste tre opere – art cinema – che presenti a verniXage? D.G.: Nel caso di ‘Now Showing: Austerity Measures’, basato sull’utilizzo di immagini di bassa qualità, viene creata una certa dissonanza con le abitudini percettive ormai registrate sull’alta definizione, sulla nostra percezione abituale del grande schermo.C’è un rimando ad una certa tattilità e quindi corporalità che queste immagini portano con se rispetto alla freddezza e alla distanza creata dalle immagini in HD. Il lavoro di Joao Laya e Andrey Shental ci pone in maniera differente rispetto a ciò che vediamo riportato sullo schermo, ci rianima come spettatori, riapre delle relazioni -anche attraverso possibili critichecon lo spettatore e ne riattiva il ruolo di osservatore attivo all’interno della sala di proiezione. Con ‘Frozen Flames’ invece, si pone la questione della fruizione di uno stesso progetto e delle tematiche da esso veicolate, a seconda dei contesti in cui questo verrà presentato. Il film è pensato come un punto di partenza, una piattaforma dalla quale gli stessi contenuti troveranno articolazioni e realizzazioni di volta in volta differenti, che si tratti di festival cinematografici, musei, gallerie, rete. A mio modo di vedere innesca una importante riflessione su come questi progetti possano sopravvivere nel tempo, di come non possano più essere considerati semplici feticci immobili o facilmente godibili e di come grazie alle capacità degli autori possano adattarsi a pubblici e contesti culturali differenti. ’Negus – Echoes Chambers’ è di per se un progetto sfaccettato. Realizzato in esclusiva per questa occasione, pone fisicamente il pubblico nello spazio scenico, rende un rapporto organico tra immagini in movimento, performance musicale, elementi installativi, spazio ospitante e fruitore. Inoltre l’unicità della serata, richiede a monte una necessaria partecipazione e quindi una maggiore consapevolezza da parte del pubblico, invitandolo ad andare oltre la passività che dal secondo dopoguerra caratterizza la fruizione cinematografica e riportandolo per certi aspetti alle origini del cinema, quando le sale di proiezione erano appunto luoghi di ricreazione, partecipazione ed espressione comunitaria in senso lato.

I N VERN OM U TO /

NEGUS –

ECH OES CH A M BER /

I TA LY /

2013

/

HD

/

4 0 ′
 ,

MFF,

MILANO

ATP: Una delle maggiori difficoltà che incontrano gli artisti che si mettono alla prova con il linguaggio cinematografico è quella di trovare i fondi per la produzione. Un esempio ne sia la campagna di crowdfunding iniziata dagli Invernomuto per produrre una delle loro ultime produzioni. Come risolvere questo importante problema? Consigli? D.G.: Quello che sollevi è un punto fondamentale per questo genere di produzioni o lavori. Provo a condividere alcune riflessioni anche se non so se possano essere davvero risolutive. Credo che uno dei problemi maggiori stia nella difficoltà di far collimare appunto due sistemi produttivi e distributivi così distanti. Se dal punto di vista linguistico ci sono sempre maggiori commistioni e scambi tra arte e cinema, il divario tra artisti e mondo del cinema rimane piuttosto ampio, soprattutto in termini di botteghino. In ambito artistico invece rimane la grossa difficoltà di rendere collezionabile un prodotto cinematografico. Di fondo credo che una buona via per un artista possa essere quella di declinare il lavoro filmico in qualcosa di materiale o


Atpdiary I 04 SETTEMBRE 2013 i 4/4 PAGINE

quantomeno di saperlo volgere in termini installativi, anche se mi rendo conto che questa possa sembrare in alcuni casi una soluzione posticcia o quantomeno non del tutto sentita o sincera. Rispetto al crowfunding, che vedo molto più adatto ai progetti nettamente cinematografici, ho qualche perplessità perché credo che rischi di sminuire il lavoro degli artisti, a meno che anche la ricerca dei fondi diventi definitivamente parte del processo artistico. Un’altra possibilità nella quale spero molto, è la crescita di case di produzione e distribuzione indipendenti che credono maggiormente in questo tipo di progetti, così come con piacere noto che sempre più istituzioni museali a livello globale si stanno attrezzando per ricevere e riprodurre su grande schermo i film d’artista. Anche i festival oltre ad essere vetrina, possono diventare produttori e distributori, quantomeno di parti del lavoro o, vista la loro modulabilità, in relazione a specifici progetti, come accaduto in questo caso al MFF proprio con il lavoro di Invernomuto.

LU CA

TREVI SA N I

/

F ROZ EN

F LA M ES/

I TA LY /

2013

/

HD

/

4 0 ′,

MFF,

M I LA N O F OTO:

SA RA

SOF I A

PRO GRAM M A NO W S HO W I NG: AUS T E RI T Y M E AS URE S A CURA DI JÕ AO LAI A E ANDRE Y S HE NT AL / AA.V V . / UK / 2012 / V ARI O US FO RM AT S / 52′
 ( V E N 06 ALLE 17:00 I N S PAZI O O B E RDAN) Q UE S T O PRO GRAM M A I NV E S T I GA LA NO ZI O NE DI AUS T E RI T À CO M E UNO S T RUM E NT O CRE AT I V O PE R LA S PE RI M E NT AZI O NE V I S I V A E LE ANALI S I S O CI ALI . I FI LM PRE S E NT AT I I N Q UE S T O PRO GRAM M A S O NO UN E S E M PI O DI NUO V I LI NGUAGGI FI LM I CI CHE UT I LI ZZANO E RI FLE T T O NO L’I M M AGI NARI O V I S I V O E I CO NT E S T I S O CI ALI CO NT E M PO RANE I . LUCA T RE V I S ANI

/ FRO ZE N FLAM E S / I T ALY / 2013 / HD / 40′ ( S AB 07 ALLE 19:00 I N T E AT RO DE LL’ART E )


L ’ACQ UA, I L S UO CI CLO E I S UO I V ARI PAS S AGGI DI S T AT O S O NO I PRO T AGO NI S T I DI Q UE S T O PRO GE T T O I N V I A DI DE FI NI ZI O NE CHE V E RRÀ PRE S E NT AT O DA LUCA T RE V I S ANI AL M I LANO FI LM FE S T I V AL. I L FI LM PO RT A A DI FFE RE NT I RI FLE S S I O NI S ULLA CO NDI ZI O NE UM ANA, I L S UO RAPPO RT O CO N LA NAT URA E LA S I M B O LO GI A A E S S A CO RRE LAT E . 
I NV E RNO M UT O / NE GUS – E CHO E S CHAM B E R

/ I T ALY / 2013 / HD / 40′
 ( V E N 13 ALLE 22:00 I N T E AT RO S T UDI O )

NE GUS – E CHO CHAM B E R, I N E S CLUS I V A PE R I L M I LANO FI LM FE S T I V AL, È PART E DE L PRO GE T T O NE GUS CHE S I I S PI RA A FAT T I S T O RI CI DI E PO CA FAS CI S T A E CHE T E NDE UNA LI NE A DI CO NNE S S I O NE T RA I T ALI A, E T I O PI A E GI AM AI CA, CO N S UGGE S T I V E PART E CI PAZI O NI CO M E Q UE LLA DI LE E S CRAT CH PE RRY.


blogosfere I 04 SETTEMBRE 2013

Vai al canale Lifestyle

cerca in Tempo Libero 2.0

Tutti i Blog

Tempo Libero 2.0

Home

Animali

Cucina

Curiosità

Hobby

Viaggi & Meteo

Vino & Co.

Tutti i temi

Milan Film Festival 2013: 11 giorni di cinema, musica e incontri Mercoledì 4 Settembre 2013, 07:00 in Eventi di Mirko Cafaro 0

Commenti dei lettori

Circa 200 le opere presentate in arrivo da tutto il mondo. Scopri le location e le iniziative in programma.

Prenderà il via domani (5 settembre) e andrà avanti sino al 15 settembre, la 18esima edizione del Milano Film Festival. Undici giorni di cinema, musica e incontri con ospiti e registi internazionali. La manifestazione si svolgerà anche quest'anno al Teatro Strehler e al Teatro Studio, centri nevralgici ai quali si affiancheranno Parco Sempione, Triennale ­ Teatro dell'Arte, Spazio Oberdan, Cascina Cuccagna, Auditorium San Fedele e Area Ex Bazzi. Annunci Google

Orari Film e Cinema Trova il Cinema più vicino a te su PagineGialle! PagineGialle.it/Cinema

Offerte Bluvacanze Prenota Ora un Pacchetto Viaggio. Scopri le Strutture Bluvacanze! www.bluvacanze.it/offerte

Last Minute Cinque­Terre trivago® Compara Hotel fino a ­78% L'Hotel Ideale al Miglior Prezzo trivago.it/Hotel­Cinque­Terre

Circa 200 le opere presentate in arrivo da tutto il mondo. I direttori Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini propongono per questa nuova edizione un festival particolarmente attento alle nuove produzioni e al cinema indipendente: tra coraggiose cinematografie internazionali, raramente visibili in sala, anteprime e incontri con i talenti emergenti.  In programma ci sono, inoltre, il "Concorso Lungometraggi", aperto solo a opere prime e seconde di registi provenienti da ogni parte del mondo, e il "Concorso Cortometraggi", riservato a registi under 40, affiancati da sezioni fuori concorso, film in anteprima, ospiti, workshop ed eventi paralleli.

Una speciale sezione del Festival, inoltre, rende omaggio a Sylvain George, autore di cinema politico e sperimentale, di cui presenta i lavori in un'ampia rassegna. Non mancherà l'intrattenimento con dj­set che ogni sera animerà sagrato del Teatro Strehler, mentre al Parco Sempione ogni sera alle 18.30 andra' in scena 'Parklive', festival di concerti e dj­set.

Archivi

Cerca


Bresciaoggi I 04 SETTEMBRE 2013 i 1/2 PAGINE

Home

Territori

BRESCIA.TV

Spazio dei lettori

VIDEO ITALIA/MONDO

Dossier

TV & Media

Servizi

Fotogallery

VIDEO NEWS

Impossibile caricare il plug‑in.

TV & Media Video News

VIDEO NEWS

Impossibile caricare il plug‑in.

CINEMA ALL'OMBRA DEL DUOMO: MILANO FILM FESTIVAL COMPIE 18 ANNI 03.09.2013

Milano (TMNews) ­ Fra rarità, anteprime e talenti emergenti il grande cinema torna all'ombra del Duomo con il Milano Film festival, dal 5 al 15 Settembre. Un evento arrivato alla 18esima edizione, un numero importante, contemporaneamente traguardo e nuova partenza, come spiega uno dei direttori artistici Vincenzo Rossini. "Siamo sempre stati visti come festival molto giovane poco adulto da un certo punto di vista questi 18 anni

Magazine

Il quotidiano


Bresciaoggi I 04 SETTEMBRE 2013 i 2/2 PAGINE

dovrebbero essere visti come il momento in cui diciamo, guardate, siamo adulti". Per festeggiare è stata organizzata la rassegna "18 anni" con lavori nuovi di registi passati e chicche delle scorse edizioni. In tutto sono oltre 200 le opere fra lungometraggi, corti, animazione, sezioni speciali. 11 i film in concorso, di cui ben 8 diretti da donne, frutto dell'attenzione nella ricerca di sguardi nuovi sul mondo. Alessandro Beretta è uno dei direttori artistici. "Siamo un Festival abbastanza indipendente con un budget non molto alto, con un cinema internazionale rivolto a tutta la città. Il cinema per noi è una atto pubblico non è una cosa per professionisti e cinefili è rivolto a tutti".Un atto pubblico e sociale da condividere nei luoghi canonici del festival, dal Teatro Strehler al parco Sempione, a cui quest'anno si aggiunge la Triennale di Milano.


CINEMAITALIANO.INFO I 04 SETTEMBRE 2013

Acquista i nostri DVD Film

Documentari

I più premiati

Uscite in sala

Home Video

Colonne Sonore

Festival

Libri

Industria

film per titolo

MFN ­ Nasce a Milano la rete per il cinema e l’audiovisivo Un festival lungo un anno e un network al servizio del cinema indipendente  internazionale.  Nasce  MFN  ­  Milano  Film Network,  un  progetto  realizzato  grazie  al  sostegno  della Fondazione  Cariplo  che  unisce  l'esperienza  e  le  risorse  dei sette  festival  di  cinema  milanesi  per  offrire  una  proposta culturale  lungo  tutto  l'anno  e  una  serie  di  servizi  per  chi  si occupa di cinema e audiovisivo a Milano e in Italia. La  rete,  che  godrà  del  contributo  di  Fondazione  Cariplo  per  i primi  tre  anni  di  attività,  nasce  da  un’auto  organizzazione  dei sette  festival  di  cinema  della  città  di  Milano  –  Festival  del Cinema Africano d'Asia e America Latina, Festival MIX Milano, Filmmaker, Invideo, Milano Film Festival, Sguardi Altrove Film Festival, Sport Movies & Tv Fest – e mira a includere non solo gli operatori del settore audiovisivo ma anche istituzioni e attori socio­economici, a riconoscimento della valenza  del  cinema  in  quanto  forma  d’arte  ma  anche  settore  produttivo  che  genera  ricadute  positive  sul  tessuto urbano. Obiettivo  primario  del  progetto  è,  nel  breve  periodo,  quello  di  creare  un  sistema  cinema  all’interno  della  città  di Milano, ossia un modello stabile di collaborazione attraverso una rete inter­organizzativa, in primis fra i festival di

Links: » Festival di Cinema Africano d'Asia e d'America Latina 2013 » Festival Mix Milano ­ Festival Internazionale di Cinema GayLesbico 2013 » Filmmaker Doc Film Festival 2013 » Invideo 2013 » Milano Film Festival 2013 » Sguardi Altrove 2013 » Sport Movies & TV ­ Milano International FICTS Fest 2013

cinema, che consenta uno scambio innovativo di conoscenza, risorse strumentali, servizi e opportunità. Nel lungo periodo il progetto punta a fare di Milano “La città del cinema indipendente”, valorizzando le sue risorse attraverso una rete aperta alla partecipazione di altri soggetti. L’attività  del  MFN  si  sviluppa  su  due  aree  principali.  Da  un  lato,  un’offerta  di  servizi  legati  alla  produzione dell’evento a sostegno della rete e a disposizione del territorio, che include: la gestione dell’ospitalità, la cura dei sistemi di sottotitolaggio, l’adeguamento tecnologico dell’apparato tecnico per le proiezioni (in vista del passaggio obbligato  dalla  pellicola  alla  tecnologia  digitale);  il  movimento  delle  copie  di  proiezione  dei  film  che  saranno mostrati durante i festival; i servizi di gestione degli spazi in accordo con i gestori delle sale cinematografiche e con altri  spazi  culturali;  l’organizzazione  del  servizio  di  volontariato  tipico  delle  manifestazioni  culturali  ad  alta partecipazione, soprattutto giovanile. Dall’altro,  la  realizzazione  di  un  calendario  di  attività  di  programmazione  e  diffusione  permanente,  in collaborazione anche con altri soggetti che si occupano di cinema, quali la creazione di un archivio comune e la digitalizzazione  delle  opere  presenti  negli  archivi  dei  singoli  festival,  la  distribuzione  dei  film  nelle  sale, l’organizzazione di workshop e percorsi formativi, l’impulso a iniziative di produzione di progetti audiovisivi. Tra i primi appuntamenti del network, il workshop di regia con Sylvain George SEIZE THE TIME, rivolto a giovani filmmaker, in corso in questi giorni nell’ambito dell’omaggio che il 18° Milano Film Festival (dal 5 al 15 settembre) dedica al cineasta, che include anche la presentazione di tutti i suoi cortometraggi e, tra i lunghi, di Les Eclats (ma gueule, ma révolte, mon nom) e Vers Madrid ­ The Burning Bright!. Il workshop culminerà in un film collettivo sulla città che mira a cogliere le parole e i gesti, sociali e politici, dell’Italia contemporanea e a trovare la forma giusta per raccontarli. Fra le altre attività in calendario nei prossimi mesi, è inoltre prevista in autunno a Milano una rassegna dei primi film distribuiti dal MFN, un catalogo di sette titoli presentati nelle ultime edizioni dei festival e ora disponibili per una visibilità più ampia nel circuito non commerciale delle sale, grazie alle risorse e alle opportunità messe in circolo dalla rete. Maggiori informazioni su programmazione, date e luoghi a breve su: www.milanofilmnetwork.it 04/09/2013, 10:54

Commenta questa notizia Mi piace

1

PUNTO 180 Gioco da tavolo creato e illustrato da Giacomo Doni, ispirato alla legge del '78 sulla chiusura dei manicomi. IL SEGNO E LA VOCE IN DVD Acquista il road­movie nel mondo dell'arte di Nicola Nannavecchia VITA DA INES IN DVD Il film di Sandro Carnino e Giulio De Leo in esclusiva in home video!


Cinematografo I 04 SETTEMBRE 2013 i 1/2 PAGINE

CINEMEDIA

|  Milano si fa festival

Mercoledì 4 Settembre 2013

Milano si fa festival

IL FILM NETWORK MENEGHINO C’è un detto che recita: “due inglesi fanno una fila e due cinefili fanno due festival”. E questo, in tempo di crisi, può essere un problema. E’ quello che hanno pensato gli organizzatori dei principali festival milanesi, Festival del Cinema Africano d'Asia e America Latina, Festival MIX Milano, Filmmaker, “Questo è l’anno dei 18, Invideo, Milano Film Festival, Sguardi Altrove Film avevamo un budget limitato ma Festival, Sport Movies & Tv Fest quando hanno dato che ci ha permesso di comporre vita al progetto Milano Film Network (MFN) presentato ufficilamente ieri al Lido. Grazie al un bel panorama di sogni, frutto di un lungo anno di ricerca tra contributo della Fonazione Cariplo, è nata una rete nuove produzioni, cinema indipendente, talenti emergenti e autogestita che mette insieme l’esperienza e le coraggiose cinematografie intenazionali” dice Alessandro Beretta risorse delle sette kermesse per offrie una proposta culturale lunga un anno e una serie di servizi per chi presentando il Milano Film Festival ormai alle porte (dal 5 al 15 si occupa di cinema e audiovisivo, e che punta a settembre). Il percorso dei due giovani direttori Alessandro fare della città meneghina “la città del cinema Beretta e Vincenzo Rossini li ha portati all’esame di maturità indipendente”, come ha detto Franco Ascani, insieme al presidente dell’Associazione Esterni Beniamino presidente FICTS.  Saibene che dichiara: “Abbiamo affrontato la crisi a testa alta, ci Obiettivo primario del progetto è quello di creare un sistema cinema all’interno della città, un modello di chiamano gli imprenditori della cultura e anche quest’anno colllaborazione inter­organizzativa che consenta uno abbiamo orgogliosamente fatto impresa, nonostante non ci sia scambio di conoscenze, risorse strumentali e arrivato il finanziamento dal Ministero (20 mila euro il contributo opportunità. Le attività del MFN si svilupperanno, da un alto, per offrire di servizi legati alla produzione dello scorso anno). dell’evento, dall’altro, per la realizzazione di un Anche quest’anno non è mancato il sostegno del Comune che, “da sempre al fianco del Milano Film Festival – calendario di attività di programmazione e conferma Filippo del Corno, Assessore alla Cultura ­ ha visto il rinnovamento generazionale costante, la diffusione permanente che includeranno la crescita di affluenza degli spettatori, punto essenziale di un festival per il pubblico. Trasformando creazione di un archivio comune di digitalizzazione e la distribuzione di opere nelle sale. (Giulia Iselle) positivamente la stessa geografia urbana disegnando un arco attorno al Castello, il Festival si intreccia con la

Domani al via la 18esima edizione: 11 opere prime e seconde in Concorso, la rassegna Colpe di Stato e l'omaggio a Sylvain George

programmazione di MITO ­ Settembre e musica e con Le vie del cinema – Venezia e Locarno, per un settembre milanese a tutto cinema”.    Il programma prevede il consueto Concorso Lungometraggi, 11 opere prime e seconde di registi provenienti da ogni parte del mondo di cui ben otto realizzati da registe donne: The Eternal Return of Antonis Paraskevas di Elina Psykou, Best Work in Progress a Karlovy Vary 2012; Fifi Howls From Happiness dell’iraniana Mitra Farahani sugli ultimi mesi di vita del pittore Behman Mohassess; Habi, la extranjera, identità incerte nella Buenos Aires di María Florencia Álvarez; Terra de Ninguém della portoghese Salomé Lamas; Towheads della videoartista newyorkese Shannon Plumb, commedia sulle fatiche di una mamma contemporânea; il documentario Mirage à l'Italienne di Alessandra Celesia, vite alternative in una Torino dissanguata dalla crisi económica; il georgiano In Bloom di Nana Ekvtimishvili e Simon Groß, percorso di formazione di due ragazze all’indomani della caduta dell’URSS; Run & Jump di Steph Green, storia d’amore non convenzionale


Cinematografo I 04 SETTEMBRE 2013 i 2/2 PAGINE

nell’Irlanda rurale. Poi ancora Ilo Ilo di Anthony Chen, vincitore della Camera d’Or a Cannes; Licks del giovanissimo Jonathan Singer­Vine e Les rencontres d’après minuit di Yann Gonzalez, presentato alla Settimana della Critica di Cannes 2013. Parallelamente il Concorso cortometraggi, 51 opere selezionate tra oltre 2000, e la rassegna Colpe di Stato che riflette sul sistema di potere nel mondo, dalla Corea alla Siria, dalla Palestina alle coste somale con The act of killing di Joshua Oppenheimer, prodotto da Werner Herzog, documentario sconcertante in cui gli assassini degli squadroni della morte indonesiani rimettono in scena i loro crimini per le telecamere; Dirty Wars di Rick Rowley, inchiesta di un reporter americano sull’uso dei droni nella politica estera dell’amministrazione Obama; Inequality for All di Jacob Kornbluth, che illustra la tesi di Robert Reich, ex segretario del lavoro per Bill Clinton, secondo cui la classe media è il più grave tra i danni collaterali del capitalismo. L’omaggio della XVIII edizione è per Sylvain George, autore di cinema politico e sperimentale di cui verranno presentati tutti i corti, due lungometraggi, Les Eclats e Vers Madrid, e un workshop che culminerà in un film collettivo.  Tra gli Outsiders e gli Eventi speciali, Closed Curtain di Jafar Panahi e Kamboziya Partovi, film sull’allontanamento forzato del regista iraniano dai set cinematografici, presentato a Cannes; Gore Vidal, the United States of amnesia di Nicholas Wrathall; The Rocket diretto da Kim Mordaunt, Best Narrative Feature Film al Tribeca Film Festival. In collaborazione con Amnesty International verrà proiettato Necesitas algo, nena? di Laura Chiossone in un incontro sul tema dei desaparecidos. Esperienza sensoriale per pochi, visti i posti limitati, la visione in odorama del classico anni 80 Labyrinth di Jim Henson.  Il Milano Film Festival lancia, in collaborazione con Banca Prossima, anche un progetto di produzione grazie al bando per la realizzazione di una serie web che racconti una  storia no profit, che “l’Istat – spiega l’ad Marco Morganti – ha confermato essere un segmento importante dell’economia italiana, il nuovo Welfare. Abbiamo voluto sostenere una produzione che racconti il made in italy sociale attraverso lo sguardo del cinema, dall’interno, senza retorica e luoghi comuni”. La colonna sonora del festival è affidata ai concerti e dj set di Park live, tra gli ospiti Levante e Bugo. Giulia Iselle


MILANO.CORRIERE.IT I 04 SETTEMBRE 2013

Corriere Della Sera >  Milano >  Cronaca  >  La Bella Età: Che La Festa CominciCompie 18 Anni Il Milano Film Festival SCHERMI

La bella età: che la festa cominci Compie 18 anni il Milano Film Festival Anteprime, film che trattano la crisi, corti, workshop, musica: da giovedì per 10 giorni Milano Film Festival

0

COME TI FA SENTIRE QUESTA NOTIZIA

ALTRI 5 ARGOMENTI

Importante ricorrenza, per il Milano Film Festival: compie

0

1

diciotto anni e annuncia tante novità. La prima, e forse più gradita: non ci sono sovrapposizioni di date con «Le Una scena di «In Bloom» di Nana Ekvtimishvili e Simon Groß

vie del cinema». È il risultato della buona volontà degli organizzatori, giustamente convinti che per gli spettatori

milanesi sia meglio prolungare che affollare l'offerta di cinema. Ma bisogna ringraziare anche il digitale: oggi i film dei festival arrivano compressi in file DCP facilmente scaricabili, e non ci sono più tempi capestro per movimentare le pellicole, come succedeva in un non lontano passato. Certo, ci sono stati i tagli nei finanziamenti, anche ingenti. E non a caso ben tre o quattro film del concorso parlano di crisi. Oltre a «Mirage à l'italienne», da Singapore, dalla Grecia e dalla Georgia arrivano film sullo stesso tema. La quota scandalo è promessa dal coloratissimo e trasgressivo «Les rencontres d'après minuit» di Yann Gonzalez, già premiato a Cannes. Ma il fatto più interessante è che degli undici film della sezione principale, ben otto sono diretti da donne. «Non è stata una scelta programmatica», spiegano i direttori Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini. Semplicemente il vento della creatività, quest'anno soffia in questa direzione. Tra le anteprime italiane, spicca «Closed Curtain» di Jafar Panahi, il secondo film che il regista iraniano ha girato

Ascolta

PIÙ letti

Stampa

Email

di Milano

OGGI | settimana | mese

1 Dimesso con la schiena rotta, denuncia ospedale californiano 2 Killer in Ucraina, badante a Milano Rintracciata dall'Interpol e arrestata 3 Spoglie Battisti, venerdì la traslazione Potrebbe essere cremato a Como 4 Monza verso il Gp: «Urge un piano per una ristrutturazione radicale» 5 Pestarono studente per motivi politici Arrestati due antagonisti dell'ex Cuem 6 Imprenditori a Milano, è Mohamed il nome più diffuso: sono 1595


D.REPUBBLICA.IT I 04 SETTEMBRE 2013


ecodellanotizia I 04 SETTEMBRE 2013

EDN ecodellanotizia.COM EcoDellaNotizia.COM è informazione e diffusione Eventi come Musica Teatro Mostre e altro ancora con l’accento sugli "Artisti emergenti"

Home

Calendario

Info

Partner

Pubblicalo Tu!

sitemap

Adam Carpet live al Milano Film Festival 2013, venerdì 6 settembre Posted by: EDN Eventi on settembre 4, 2013 Musica no comments EDN / Musica / Adam Carpet live al Milano Film Festival 2013, venerdì 6 settembre

ADAM CARPET  Il  6  settembre  al  PARKLIVE  –  Milano Film  Festival  2013  –  Live  show  e  presentazione  del video­omaggio di Alfredo Sabbatini

Spokes) e Silvia Ottanà.

Comincia il 5 settembre, con il dj set di I  Distratti,  direttori  artistici  e organizzatori di Parklive, la rassegna di musica  dal  vivo  che,  per  ben  11  giorni, porterà  sul  palco  di  Piazza  del  Cannone alcune  tra  le  migliori  proposte  musicali della  nuova  scena  musicale  indie  in occasione  del  Milano  Film  Festival.  A dare il via alla musica dal vivo sarà, il6 settembre  dalle  18.30,  la  bandAdam Carpet, progetto strumentale che nasce a  Milano  dall’unione  di  artisti  di  livello: Galeri  (Timoria,  Miura), Diego  Alessandro  Deidda  (Le  Vibrazioni,  i Cosi),  Edoardo  “Double  t”  Barbosa, Giovanni  Calella  (Kalweit  and  The

Per l’occasione, la band presenterà “Jazz Hammerhead – A vision of the band by Alfredo Sabbatini”,  un  video  realizzato  dal  noto  fotografo,  art  director  e  regista  milanese, rigorosamente  in  bianco  e  nero,  che  vuole  offrire  la  sua  particolare  visione  di  una  band strumentale, unica nel suo genere, che si basa sulla mescolanza di suoni e immagini (il loro spettacolo è d’abitudine accompagnato dal live mapping). Il video è visibie a questo link: http://www.youtube.com/watch?v=LEZTJScBeD8&feature=c4­ overview&list=UUus5A0cvE145YewmJn­v6MA Il primo disco omonimo della band, uscito il 5 febbraio per Rude Records, è stato anticipato a ottobre 2012 dal  primo singolo Babi Yar – accompagnato dal video­mapping – e a novembre con il secondo, I Pusinanti. Durante lo show sarà possibile acquistare l’album di debutto della band, ma non certo su un supporto tradizionale: ADAM CARPET sarà presentato in un cofanetto di carta riciclata, in una “seedcard” contenente un codice per il download digitale dell’album e una maglia del gruppo. La  “seedcard”,  una  volta  utilizzata,  potrà  essere  piantata  e  annaffiata,  trasformandosi  in  un fiore. “Supergruppo e super­idee” RollingStone.it “Un progetto che definire strumentale è riduttivo” Onstageweb.com “Adam Carpet: vampiri creativi” Note Spillate “Non  lontana  dalle  atmosfere  di  certo  post­rock  americano,  la  musica  degli  Adam  Carpet  è decisamente  un’esperienza  d’ascolto  particolare  e  stimolante,  che  unisce  la  forza  di  una suggestione evocativa ad una cornice oscura e molto fisica che risente dell’influenza di certe atmosfere post­punk anni ’80. Il tutto con la forza di un’ inusuale line­up, dove una poderosa sezione  ritmica  sposa  alla  batteria  di  Diego  quella  di  Deidda,  oltre  a  ben  due  bassi  elettrici. Quanto basta per drizzare le orecchie.” BresciaOggi


FourMagazine I 04 SETTEMBRE 2013

ARTE

TEATRO

DANZA

MUSICA

CINEMA

SERIE TV

CROSSMEDIA

MODA

LIBRI

FUMETTI

Milano Film Festival. Imprenditoria Culturale in barba alla crisi 4 SETTEMBRE 2013 11:07 

ALICE UNGARO

18 anni.  Il  Milano  Film  Festival  diventa  maggiorenne  ma  non  perde,  per  questo,  lo  spirito  di  profondo rinnovamento  che  lo  anima  sin  dagli  esordi  tanto  da  valergli  l’appellativo  –  non  sempre  detto  con  fare lusinghiero  –  di  Festival  dei  giovani.  Così,  nella  splendida  cornice  di  Palazzo  Reale,  si  è  svolta  ieri  la Conferenza Stampa di lancio di una manifestazione sempre più agguerrita nel suo diritto a esserci. E, in effetti, Beniamino Saibene – Presidente di Esterni, ente organizzatore – esordisce così: “Lancio un appello, perché abbiamo bisogno di capire. Dal Ministero abbiamo sempre ricevuto un contributo. Che fosse piccolo o grande, rappresentava per noi in primis un aiuto economico ma anche un incoraggiamento a fare. Quest’anno, ad Agosto, è arrivata la notizia che quest’anno non ne  avremmo ricevuto alcuno. Ora, non dico che chi ne ha beneficiato in passato, debba per forza continuare a riceverne. Ma sarebbe utile per noi capire cosa è cambiato (!)”. Dunque un affronto alla crisi economica a testa alta, quello di Esterni – ente organizzativo della manifestazione – che si è data da fare, con l’aiuto di Sponsor e Partnership con Aziende private, dando vita ad un’edizione che promette davvero bene, sia in termini di offerta artistico­culturale che di facilities costruendo una rete di situazioni che abbraccia gran parte del territorio urbano. 11 i lungometraggi in concorso e in anteprima italiana (da sottolineare la maggioranza di registe donne), tra i quali ad esempio Mirage à l’italienne, di Alessandra Celesia: film prodotto dai Francesi ma ambientato a Torino, tema  la crisi economica e  le vicende  di cinque personaggi intorno  a essa. Oppure Ilo Ilo  esordio  di  Anthony

RADIOBOCCONI

Chen premiato  da  Agnès  Varda  con  la  Camera  d’Or  a  Cannes,  ancora  una  volta  sullo  sfondo  di  un  crack finanziario  –  quello  asiatico  degli  anni  ’90  –  più  che  mai  attuale.  E’  sicuramente  la  crisi  la  protagonista indiscussa  dello  sguardo  di  questi  giovani  promettenti  autori.  Crisi  economica  ma  anche  dei  valori,  ben rappresentata  in  un  universo  che  spazia  dalla  fiction  al  documentario,  finalmente  senza  alcuna  limitazione  di genere. In concorso anche ben 51 cortometraggi, mentre appaiono davvero interessanti anche le visioni fuori concorso

LATEST PINS ON PINTEREST

di The Outsiders con una selezione ricca di anteprime, lo sguardo sul presente di Colpe di Stato, l’incontro tra cinematografia e arte di VerniXage e il Focus Animazione per sperimentare sempre più tecniche e linguaggi. Un’emozionatissima  Alice  Arecco  ci  presenta  invece  la  retrospettiva  dedicata  a  Sylvain  George,  cineasta poetico e incendiario, la cui opera è impossibile da definire se non organica e sovversiva col suo addentrarsi in realtà invisibili. Non solo proiezioni, ma anche un workshop con i giovani filmaker milanesi e un evento speciale intorno al documentario Vers Madrid che verrà musicato dal vivo da John Butcher sabato 7 Settembre. Il Cinema non è solo Venezia dunque, come ci ricorda Franco Ascani – presidente della FICTS – polemizzando con un certo savoir  faire  con  le  parole  di  qualche  giorno  fa  del  Ministro  Bray  che  promette  di  investire  sulla cultura anche in tempi di crisi. La parola ad Ascani: “Vediamo”. Per il programma del Milano Film Festival: www.milanofilmfestival.it

CINEMA Sherlock Holmes  Gioco di ombre J.EDGAR  Il cuore nero dell’America  L’Oroscopo di Glo – Benvenuti!  Settimana dal 9 al 15 Gennaio 2012 THE ARTIST  Le parole che nessuno ha detto IL SENTIERO  La religione come modo per (non) vedere


GQ.IT I 04 SETTEMBRE 2013


GRAZIA.IT I 04 SETTEMBRE 2013


ILGIORNALE.IT I 04 SETTEMBRE 201

milano Impossibile caricare il plug‑in.

Home

Interni

Esteri

Cronache

Blog

Economia

Sport

Cultura

Tech

Milano

Impossibile caricare il plug‑in.

Condividi:

Commenti: 0

Dal Piccolo a parco Sempione Una maratona di film e concertiDieci giorni di eventi sul cinema sperimentale Redazione ­ Mer, 04/09/2013 ­ 07:04

commenta

0

Non solo cinema e non solo sperimentazione per questo diciottesimo compleanno del Milano Film Festival, la manifestazione che ogni anno in settembre mette in mostra il meglio delle giovani produzioni multimediali.

Quest'anno, oltre alle consuete proiezioni di film e corti al teatro Strehler, diverse location in città offriranno un palcoscenico ad eventi e musica dal vivo. Le piattaforme spazieranno dal Parco Sempione a Cascina Cuccagna, passando il Teatro Studio, la Triennale, il Teatro dell'Arte, l'area ex Bazzi e altri luoghi cittadini ancora. «Il Milano Film Festival ­ ha commentato Filippo Dal Corno, Assessore alla Cultura del Comune ­ è motivo d'orgoglio per la città che si trova ad essere un nuovo crocevia del cinema internazionale». Con dieci giorni di fitto cartellone, molta attenzione è stata riservata alle nuove produzioni e al cinema indipendente, tra lungometraggi, cortometraggi, un omaggio a Sylvain George e tanto altro. Per il concorso internazionale di lungometraggi, i film in concorso sono undici, otto dei quali firmati da donne e selezionati tra oltre ottocento iscritti. La regia quest'anno è composta dal regista e produttore francese Davy Chou, dalla programmer alla Berlinale Anna Henckel­Donnersmarck e dal regista italiano Cosimo Terlizzi. Al concorso per i cortometraggi invece, dedicato ai registi under quaranta, parteciperanno 51 film selezionati tra oltre duemila iscritti e che saranno valutati dalla giuria affidata alla rivista di critica cinematografica Uzak. Sul fronte strettamente musicale, l'appuntamento è invece tutte le sere davanti allo Strheler con eventi e dj set, mentre il Parco Sempione ospiterà per tutta la durata del festival 'Parklivè, con alcuni dei nomi più quotati della nuova musica italiana.

Lusso

Casa

Speciali

Cerca


ILGIORNALE.CH I 04 SETTEMBRE 2013

Martedi, 10 Settembre 2013

Svizzera

powered by

La Gazzetta dello Sport ­  Italia, debutto ok con la SvizzeraOra test con la Francia

HOME

POLITICA

ATTUALITA'

CULTURA

ARTE

SPETTACOLI

LIBRI

CINEMA

AGENDA

INTERVISTE

MUSICA

FOTO

TURISMO

SCIENZA

CUCINA

ECONOMIA

MOTORI

MODA

SPORT

BORSA

TV

VIDEO

LINKS

IMPRESSUM

Milano Film Festival 2013 Scritto da Livia Borghetti    Mercoledì 04 Settembre 2013 11:11

Giovedì 5 settembre prende il via la 18ª edizione del “Milano Film Festival”, manifestazione  sostenuta  dal  Comune  di  Milano  –  Assessorato  alla  Cultura e dal Programma Media dell’Unione Europea, con il patrocinio di Expo 2015, che  fino  al  15  settembre  porterà  a  Milano  11  giorni  di  cinema,  musica  e incontri  con  artisti  e  registi  internazionali  che  oltre  cento  cittadini  milanesi potranno  ospitare  ed  avere  così  l’occasione  straordinaria  di  conoscere  da vicino  i  veri  protagonisti  del  festival.  Sono  circa  200  le  opere  presentate  in arrivo da tutto il mondo. 

“ Sosteniamo  convinti  questo  festival  che  porta  a  Milano  ogni anno un cinema che altrimenti difficilmente potremmo vedere ­ ha  dichiarato  l’assessore  alla  Cultura  Filippo  Del  Corno  ­. Ottimo  cinema  internazionale  e  indipendente,  giovane  e sperimentale, che spesso non raggiunge i circuiti della grande distribuzione  e  che  invece,  grazie  al  lavoro  di  ricerca  e sostegno  del  ‘Milano  Film  Festival’,  conquista  le  platee milanesi  e  non  solo,  offrendosi  alla  valutazione  e  alla riflessione di un pubblico attento e sempre più vasto. L’ultima edizione infatti ha visto oltre 100mila presenze e gli spettatori sono sempre stati in costante crescita”.  

In  programma ci sono il “Concorso Lungometraggi”, aperto solo a opere prime e seconde di registi provenienti da ogni parte del mondo, e il “Concorso Cortometraggi”, riservato a registi under 40, affiancati da sezioni fuori concorso, film in anteprima, ospiti, workshop ed eventi paralleli e il workshop “Seize  the  time”,  organizzato  da  Milano  Film  Network  con Milano Film Festival, in collaborazione con Filmmaker.           Ogni sera il Sagrato del Teatro Strehler sarà animato da dj­ set mentre al Parco Sempione ogni sera alle 18.30 andrà in scena “Parklive”, festival di concerti e dj­set. 

Tutte le info e il programma completo sul sito www.milanofilmfestival.it

parenti, avrete OROSCOPO voglia di stare in solitudine soltanto il vostro partner potrebbe tirarvi un po' su di morale, alcuni di voi decideranno di cambiare il proprio look.


Ilsole24ore I 04 SETTEMBRE 2013

casa24 motori24 plus24

moda24 luxury24 viaggi24 salute24 job24 Accedi

diritto24 altri

CAMBIA

News

Notizie

Arte

Impresa&Territori

Cinema

Libri

Norme e Tributi

Musica

Finanza

Teatro e danza

Commenti&Inchieste

IL Magazine

Tecnologie

Junior

Archivio

Cultura-Domenica

Nòva

NEWS a cura di Cinematografo.it 04 settembre 2013

Milano si fa festival Domani al via la 18esima edizione: 11 opere prime e seconde in Concorso, la rassegna Colpe di Stato e l'omaggio a Sylvain George

1

"Questo è l'anno dei 18, avevamo un budget limitato ma che ci ha permesso di comporre un bel panorama di sogni, frutto di un lungo anno di ricerca tra nuove produzioni, cinema indipendente, talenti emergenti e coraggiose cinematografie intenazionali" dice Alessandro Beretta presentando il Milano Film Festival ormai alle porte (dal 5 al 15 settembre). Il percorso dei due giovani direttori Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini li ha portati all'esame di maturità insieme al presidente dell'Associazione Esterni Beniamino Saibene che dichiara: "Abbiamo affrontato la crisi a testa alta, ci chiamano gli imprenditori della cultura e anche quest'anno abbiamo orgogliosamente fatto impresa, nonostante non ci sia arrivato il finanziamento dal Ministero (20 mila euro il contributo dello scorso anno). Anche quest'anno non è mancato il sostegno del Comune che, "da sempre al fianco del Milano Film Festival – conferma Filippo del Corno, Assessore alla Cultura ­ ha visto il rinnovamento generazionale costante, la crescita di affluenza degli spettatori, punto essenziale di un festival per il pubblico. Trasformando positivamente la stessa geografia urbana disegnando un arco attorno al Castello, il Festival si intreccia con la programmazione di MITO ­ Settembre e musica e con Le vie del cinema – Venezia e Locarno, per un settembre milanese a tutto cinema".    Il programma prevede il consueto Concorso Lungometraggi, 11 opere prime e seconde di registi provenienti da ogni parte del mondo di cui ben otto realizzati da registe donne: The Eternal Return of Antonis Paraskevas di Elina Psykou, Best Work in Progress a Karlovy Vary 2012; Fifi Howls From Happiness dell'iraniana Mitra Farahani sugli ultimi mesi di vita del pittore Behman Mohassess; Habi, la extranjera, identità incerte nella Buenos Aires di María Florencia Álvarez; Terra de Ninguém della portoghese Salomé Lamas; Towheads della videoartista newyorkese Shannon Plumb, commedia sulle fatiche di una mamma contemporânea; il documentario Mirage à l'Italienne di Alessandra Celesia, vite alternative in una Torino dissanguata dalla crisi económica; il georgiano In Bloom di Nana Ekvtimishvili e Simon Groß, percorso di formazione di due ragazze all'indomani della caduta dell'URSS; Run & Jump di Steph Green, storia d'amore non convenzionale nell'Irlanda rurale. Poi ancora Ilo Ilo di Anthony Chen, vincitore della Camera d'Or a Cannes; Licks del giovanissimo Jonathan Singer­Vine e Les rencontres d'après minuit di Yann Gonzalez, presentato alla Settimana della Critica di Cannes 2013.Parallelamente il Concorso cortometraggi, 51 opere selezionate tra oltre 2000, e la rassegna Colpe di Stato che riflette sul sistema di potere nel mondo, dalla Corea alla Siria, dalla Palestina alle coste somale con The act of killing di Joshua Oppenheimer, prodotto da Werner Herzog, documentario sconcertante in cui gli assassini degli squadroni della morte indonesiani rimettono in scena i loro crimini per le telecamere; Dirty Wars di Rick Rowley, inchiesta di un reporter americano sull'uso dei droni nella politica estera dell'amministrazione Obama; Inequality for All di Jacob Kornbluth, che illustra la tesi di Robert Reich, ex segretario del lavoro per Bill Clinton, secondo cui la classe media è il più grave tra i danni collaterali del capitalismo.L'omaggio della XVIII edizione è per Sylvain George, autore di cinema politico e sperimentale di cui verranno presentati tutti i corti, due lungometraggi, Les Eclats e Vers Madrid, e un workshop che culminerà in un film collettivo.  Tra gli Outsiders e gli Eventi speciali, Closed Curtain di Jafar Panahi e Kamboziya Partovi, film sull'allontanamento forzato del regista iraniano dai set cinematografici, presentato a Cannes; Gore Vidal, the United States of amnesia di Nicholas Wrathall; The Rocket diretto da Kim Mordaunt, Best Narrative Feature Film al Tribeca Film Festival. In collaborazione con Amnesty International verrà proiettato Necesitas algo, nena? di Laura Chiossone in un incontro sul tema dei desaparecidos. Esperienza sensoriale per pochi, visti i posti limitati, la visione in odorama del classico anni 80 Labyrinth di Jim Henson.  Il Milano Film Festival lancia, in collaborazione con Banca Prossima, anche un progetto di produzione grazie al bando per la realizzazione di una serie web che racconti una  storia no profit, che "l'Istat – spiega l'ad Marco Morganti – ha confermato essere un segmento importante dell'economia italiana, il nuovo Welfare. Abbiamo voluto sostenere una produzione che racconti il made in italy sociale attraverso lo sguardo del cinema, dall'interno, senza retorica e luoghi comuni".La colonna sonora del festival è affidata ai concerti e dj set di Park live, tra gli ospiti Levante e Bugo.

Inserisci i termini da cercare… multimedia

blog

community

shopping 24


Ilsole24ore I 04 SETTEMBRE 2013 1/2 PAGINE

domenica24 casa24 moda24 plus24 motori24 job24 mediacenter24 viaggi24 salute24 shopping24 radio24

altri

diritto24

Milano 26° (cambia)

ARTE

CINEMA

Cultura­Domenica

LIBRI

TEATRO E DANZA

IL MAGAZINE

lavoro24

English version

Professioni e Imprese24

Newsletter

Banche dati

Servizi

Versione digitale

Mercoledì • 04 Settembre 2013 • Aggiornato alle 18:39

MUSICA

Accedi

CERCA

JUNIOR

ARCHIVIO

NÓVA

> Cinema

Al via il Milano Film Festival, kermesse dedicata ai talenti emergenti e indipendenti

IN QUESTO ARTICOLO Media

Argomenti: Cultura  |  Closed  |  Sylvain George  |  Maria Florencia |  Shannon Plumb |  Jafar Panahi |  Esterni | Milano |  Shane Carruth

di Andrea Chimento 4 settembre 2013

Tweet

4

«Habi, la extranjera» di Maria Florencia Alvarez

0

My24

Da Venezia a Milano: mentre l'attenzione di mass media e appassionati è tutta concentrata sulle ultime giornate del concorso lagunare, nel capoluogo lombardo si alza il sipario sul Milano Film Festival 2013, in programma dal 5 al 15 settembre. Nata nel 1996, la kermesse meneghina, organizzata dal gruppo Esterni, prosegue la linea adottata nelle precedenti edizioni, dedicandosi in particolare al cinema indipendente e ai talenti emergenti.

In cartellone circa 200 titoli, divisi in varie sezioni, che molto difficilmente verranno distribuiti nelle nostre sale. Come da tradizione, la rassegna avrà due sezioni competitive: quella dei lungometraggi, costituita da undici opere, e quella dei corti, riservata a registi under 40 provenienti da ogni parte del mondo. FOTO Al via il Milano Film Festival

In concorso, da segnalare «Habi, la extranjera», opera prima dell'argentina Maria Florencia Alvarez già presentata all'ultima Berlinale, «Ilo Ilo» di Anthony Chen, vincitore del premio opera prima al Festival di Cannes 2013, «Towheads» della video artista newyorkese Shannon Plumb e il documentario «Mirage à l'italienne» di Alessandra Celesia.

Decisamente interessante la sezione «The Outsiders», dedicata ai titoli più originali e "fuori categoria" del panorama cinematografico contemporaneo: in questo gruppo, attesissimi «Closed Curtain» di Jafar Panahi, ultima fatica del grande autore iraniano, e «Upstream Color» del talentuoso Shane Carruth. Con «VerniXage», invece, per il terzo anno consecutivo si cercherà di indagare le aree di connessione tra il sistema dell'arte contemporanea e quello del cinema, focalizzando l'attenzione sulle nuove modalità di fruizione e distribuzione della settima arte.

ULTIMI DI SEZIONE

«ITALIA IN GIAPPONE 2013»

Scala, Michelangelo e Pitti: Tokyo capitale della cultura italiana in Asia dal nostro corrispondente Stefano Carrer

L'ospite più atteso in cartellone sarà Sylvain George, autore impegnato e dallo stile sperimentale, protagonista di un'ampia retrospettiva che comprende tutti i suoi cortometraggi e alcuni lunghi come «Les eclats» e «Vers Madrid». George parteciperà inoltre al workshop «Seize the Time», un progetto curioso e originale che culminerà nella produzione di un film collettivo sulla città di Milano. La grande novità dell'edizione di quest'anno è l'iniziativa "Adotta un regista", in cui sono stati coinvolti oltre cento cittadini milanesi che si sono offerti di ospitare registi e artisti

E-LEARNING E MUSICA

Jonathan Biss il giovane virtuoso che


Ilsole24ore I 04 SETTEMBRE 2013 2/2 PAGINE

in arrivo a Milano da tutto il mondo: un progetto di accoglienza alternativa che offre l'occasione di conoscere da vicino i veri protagonisti del festival. Infine, particolarmente apprezzato da diversi anni è il corner musicale che, per tutta la durata della manifestazione, animerà il Parco Sempione dalle 18.30 in avanti: tra gli artisti che si esibiranno diversi cantautori e gruppi indie-rock della nuova scena italiana. Milano Film Festival 2013 5­15 settembre http://www.milanofilmfesti val.it/index.php CLICCA PER CONDIVIDERE ©RIPRODUZIONE RISERVATA

insegna Beethoven (online) a 32mila studenti di Alberto Magnani

CINEMA Al via il Milano Film Festival, kermesse dedicata ai talenti emergenti e indipendenti - Foto

IL MENESTRELLO DI DULUTH Dall'isola di Wight a «New Mornig». L'«Altro autoritratto» di Dylan - Foto

di Andrea Chimento

COMMENTA LA NOTIZIA

di Francesco Prisco

Leggi e scrivi

TAG: Cultura, Closed, Sylvain George, Maria Florencia, Shannon Plumb, Jafar Panahi, Esterni, Milano, Shane Carruth, Alessandra Celesia, Anthony Chen

ANNUNCI GOOGLE Prestiti INPDAP da 5.000€ a 80.000€ a Pensionati e Dipendenti Pubblici. Richiedi Ora. www.Prestiter.it/Prestiti­INPDAP Compravendita Immobiliare Investitore immobiliare ti svela i suoi segreti.Scaricali gratis. AlfioBardolla.com/Compravendita

MOSTRA DEL CINEMA Venezia, l'aliena Johansson divide il Festival. L'intervista al regista Glazer

FESTIVAL DEL CINEMA A Venezia Gitai avvolge, Kim Ki-Duk evira, Capitan Harlock spacca

di Cristina Battocletti

di Boris Sollazzo

Tutto su Cultura? 

Impara l'Inglese Gratis 1 Lezione­Email al Giorno GRATIS Per Grandi Progressi in Poco Tempo! Englishtown.com/Inglese_Gratis

I PIÙ LETTI OGGI

Lascia il primo commento a questo articolo

Scrivi il tuo commento

Accedi

Registrati

FOTO

MESE

2

Volo di sola andata su Marte: anche 35 italiani tra i 170mila candidati - Il Sole 24 ORE

3

United Shale of America, ecco che cosa teme la Russia - Il Sole 24 ORE

4

L'azzardo di Microsoft: vuole diventare la nuova Apple - Il Sole 24 ORE

5

Decadenza Berlusconi, non c'è l'accordo sul calendario della Giunta. Letta: ottimista su durata Governo - Il Sole 24 ORE

6

Su Piazza Affari pesano le tensioni politiche: -1,35%, giù Mediaset e Telecom - Il Sole 24 ORE

Invia

Permalink

VIDEO

1

Entra nella community per lasciare un commento

Leggi Termini e condizioni Leggi Regole della Community

CONDIVISI

Ecco i Paesi con i tassi più alti al mondo. In forte ascesa il Brasile - Il Sole 24 ORE

http://www.ilsole24ore.com/art/cultura/2013­09­04/milano­film­festival­kermesse­120517.shtml?uuid=AbR3vCTI

SELEZIONATI PER TE A Venezia Gitai avvolge, Kim Ki­Duk evira,... Sorprende «Locke», emozionante dramma in tempo... Il cinema americano torna sull'assassinio di John... Un consiglio: mettere il torrone in freezer Schegge per sola andata


Keybiz I 04 SETTEMBRE 2013

Quotidiano d'informazione su Telecomunicazioni, Media, Internet, Smart City e Games fondato e diretto da Raffaele Barberio

Chi siamo | Prodotti | Servizi | Mappa del sito | Credits | Contatti | 

Giovedi 5 Settembre 2013, S. Lorenzo Giustiniani

Home

Telecoms

Media

Internet

Smart City

Games

Papers

Mappamondo

Figure e Tabelle

RSS

Ultimo aggiornamento Mercoledi 4 Settembre 2013, ore 18:27

Players

Presentazioni

Data

Focus mail

Reports

RecenSiti

Tags

Dailyletter

Bibliotech

Sei in:   Home   /   Analisi_e_Dati   /   RecenSiti   /   Milanofilmfestival.it

Tags: Twitter,  Community,  Blog,  Podcast,  Cinema,  Google+,  HD,  Usabilità,  Google,  Sky,  MySpace,  YouTube, Multimedia, Vodafone, Expo 2015, MYmovies, Vimeo, ARTE, Comune di Milano Tweet

1

2

Like

3

Cerca in Key4biz...

Stay tuned on Key4biz.it

Condividi:

RECENSITI

Milanofilmfestival.it

      Se sei su Key4biz, sei ovunque

Il Milano Film Festival, in programma nel capoluogo lombardo dal 5 al 15  settembre  2013,  è  giunto  quest’anno  alla  sua  XVIII  edizione.  Un festival  attento  alle  nuove  produzioni  e  al  cinema  indipendente,  che presenta  circa  200  opere  in  arrivo  da  tutto  il  mondo,  tracciando  un percorso tra le più coraggiose cinematografie internazionali, raramente visibili in sala, tra anteprime e incontri con i talenti emergenti. Per scoprire l’intenso programma che animerà l'edizione 2013 del Festival cinematografico milanese, diretto  da  Alessandro  Beretta  e  Vincenzo  Rossini,  basta  accedere  alle  pagine  web  del sito www.milanofilmfestival.it e andare alla ricerca delle sorprese nascoste in ognuna delle diverse sezioni messe a disposizione del pubblico della rete.  Nuove location che si aggiungono ai luoghi storici del festival: Anteo spazioCinema, Auditorium San Fedele  e  Cinema  Rosetum  si  affiancano  a  Teatro  Strehler,  Teatro  Studio  e  Parco  Sempione,  che rappresentano ormai da anni il cuore della manifestazioni. I canali per consultare il  sito del Festival sono disposti lungo il bordo superiore dell’home page e si dividono in: ‘About’, ‘MFF2012’, ‘Past’, ‘Press’, ‘Multimedia’, ‘Contact’, ‘Blog’, ‘Eng’. Poche voci che consentono  di  accedere  velocemente  a  ricchi  sottomenù  per  scoprire  il  programma,  i  film,  i protagonisti, i luoghi, le persone, la giuria, i documenti diffusi dall’ufficio stampa e molto altro. Facili percorsi in cui scaricare il programma della manifestazione o il giornale del Festival in pdf, conoscere le  schede  tecniche  degli  artisti  invitati  e  in  gara,  quelle  dei  giurati,  quindi  trovare  informazioni  e documenti di testo, video e fotografici, su ognuno dei film in gara. La  manifestazione  cinematografica  si  fa  inoltre  sempre  più  social,  grazie  alle  pagine  ufficiali  su Facebook, MySpace, Twitter, Google+, YouTube, Vimeo e Flikr. Piattaforme di comunicazione e condivisione  di  contenuti  prettamente  multimediali,  materiale  in  gran  parte  prodotto  dal  Milano  Film Festival, dalla community e dal press staff, con numerosi contenuti video e fotografici, link e podcast che rendono il sito particolarmente interessante in termini di interazione. Patrocinato  e  sostenuto  dal  Comune  di  Milano  e  l’EXPO  2015,  il  Milano  Film  Festival,  grazie  al sostegno  delle  istituzioni  e  di  partner  sensibili  al  ruolo  culturale,  tecnologico  e  sociale  della  settima arte,  tra  cui  Vodafone,  Sky  Arte  HD  e  MYmovies.it,  negli  anni  si  è  offerto  come  network  di riferimento  di  alto  valore  culturale  ed  artistico,  che  nulla  a  da  invidiare  a  manifestazione  analoghe tenute in Italia e nel mondo. Graficamente  il  sito  Milanofilmfestival.it  si  caratterizza  per  una  gradevole  miscela  di  colori  e un'evidente ricchezza di contenuti ed applicazioni. Gli stessi canali di navigazione sono arricchiti da titoli posti in evidenza, con diverse tonalità di colorazione e materiale multimediale di supporto, che favoriscono  la  memo rizzazione  dei  percorsi  da  parte  del  visitatore.  La  piattaforma  è  consultabile anche in lingua inglese. Contenuti: @@@ Grafica: @@@ Usabilità: @@@

Key Video #puntoeacapo: intervista video ad Andrea Miccichè (Nuovo IMAIE) ­ 19 Luglio 2013


LEVIEDELLASIA.CORRIERE.IT I 04 SETTEMBRE 2013

ACCEDI

I Blog Home

Cerca

Opinioni

Economia

Cultura

Spettacoli

Cinema

Sport

Salute

Tecnologia

Scienze

Motori

Viaggi

27ora

Corriere della Sera > Blog > Le vie dell'Asia > Un’atroce nostalgia per il lager nordcoreano. Un documentario LE VIE DELL'ASIA / cerca nel blog  

set 04 Un’atroce nostalgia per il lager nordcoreano. Un documentario Shin Dong-huyk era stato condannato all’ergastolo già prima di nascere. Figlio di due prigionieri nel campo di lavoro numero 14, in Corea del Nord, Shin è venuto al mondo lì il 19 novembre 1983. Sarebbe stato destinato a morirci, se non fosse per una rocambolesca fuga che lo ha portato in Corea del Sud. Shin è ora un testimone itinerante del sistema concentrazionario del regime che Kim Jongun ha ereditato nel 2011 da Kim Jong-il: racconta che cos’accade in strutture che, tutte insieme, raccolgono almeno 200 mila persone. La sua storia, terrificante, è diventata un libro e un documentario. Quest’ultimo, girato dal tedesco Marc Wiese e intitolato “Camp 14 – Total Control Zone” (per il Milano Film Festival l’8 settembre al Teatro dell’Arte alle 20 e il 10 al Teatro Studio alle 17, www.camp14­film.com), affida asciuttamente alle parole di Shin la rivelazione di un mondo oscuro, menzionato di rado, immaginabile solo in termini generici. Del suo testimone Wiese mostra le braccia deformate dalle torture. Shin sillaba dettagli, svela atrocità, come la delazione ai danni di madre e fratello alla cui esecuzione sarà costretto ad assistere. Ci sono poche immagini video rubate dall’interno della Nord Corea e alcune sobrie animazioni. Il resoconto è una grande lezione di umanità (violata) e di libertà (anche se Shin confessa alla telecamera di voler spesso tornare indietro, proprio indietro, al campo…), una giusta prospettiva sull’orrore, che deliberatamente rinuncia a inquadramenti storici. E preziosa è la voce di due ex responabili di Lager, anche loro fuggiti in Corea del Sud. Perché esiste il dolore delle vittime, fisico e non, ed esiste il dolore — come mostrava anche il documentario «S-21» di Rithy Panh sui Khmer rossi cambogiani — dei carnefici, dei quali tuttavia è più difficile avere pietà. Twitter @marcodelcorona Tweet

3

Consiglia

2

I VOSTRI COMMENTI 0 Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di Corriere.it. Se sei già un nostro utenti esegui il

altrimenti

LE VIE DELL'ASIA / Marco Del Corona

Sono nato nel 1968 e ho cominciato a viaggiare in Asia nel 1986, tre anni dopo ero al Corriere, per il quale sono stato corrispondente da Pechino dal 2008 al 2012. Ora lavoro alla redazione Cultura/laLettura e continuo a seguire quello che succede a Oriente. LE VIE DELL’ASIA Su Le vie dell’Asia raccolgo le mie storie, gli spunti, le recensioni, i dibattiti culturali che nascono a Oriente: dalla Cina all’India, dal Giappone alle Coree, dalla Cambogia alla Birmania. LE VIE DELL’ASIA / categorie articoli borse asia Senza categoria LE VIE DELL'ASIA / più letti Ritrovati dopo 40 anni nella giungla delle guerre che non finiscono Il «made in Italy» nel campo di lavoro cinese Miyazaki pacifista o nostalgico? Il turbolento volo del nuovo film verso Venezia Infiltrato a Fukushima: "La mia telecamera nascosta per raccontare la verità" Cina, 500 arresti per la setta dell'apocalisse LE VIE DELL'ASIA / ultimi commenti Parla Kim Young­ha: Kafka (e Sofocle) vivono a Seul 03.09 | 00:21 Intervista a Kim Young­ha | Metropoli d'Asia fraintendimenti 20.08 | 15:28 Vlad62 Una Cina feroce nelle Elegie di un Nobel (per la Pace) 18.08 | 17:47 marco.delcorona Dalai Lama ? 18.08 | 04:57 xiaota Liu Xiaobo e' un grande, che merita molto rispetto... 15.08 | 11:04 umbmel LE VIE DELL'ASIA / archivio post settembre: 2013 < > lu ma me gi ve sa do   1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12131415 1617 18 19202122 2324 25 26272829 30 

Post più recenti

Post precedenti Gazzetta | Corriere Mobile | El Mundo | Marca | Dada | RCS Mediagroup | Fondazione Corriere | Fondazione Cutuli

Servizi | Scrivi | Nuovo Titolare della Privacy

Copyright 2013 © RCS Mediagroup S.p.a. Tutti i diritti sono riservati | Per la pubblicità RCS MediaGroup S.p.A. - Divisione Pubblicità

RCS MediaGroup S.p.A. - Divisione Quotidiani Sede legale: via Angelo Rizzoli, 8 - 20132 Milano | Capitale sociale: Euro 762.019.050 Codice Fiscale, Partita I.V.A. e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano n.12086540155 | R.E.A. di Milano: 1524326

Hamburg Declaration


Megamodo I 04 SETTEMBRE 2013 I 1/4 PAGINE

HOME

TECNOLOGIA

SALUTE E BELLEZZA

MOTORI TURISMO

MODA

SPORT

GIOCHI

CINEMA

MUSICA

SOCIETÀ

Milano Film Festival 2013: 11 giorni di cinema, musica e incontri 04 settembre, 2013 - 874 letture

1 Like

Cinema

La 18° edizione di Milano Film Festival si terrà quest’anno dal 5 al 15 settembre 2013. Centro nevralgico del festival sarà come sempre il Teatro Strehler di Milano, con il suo Sagrato, e il Teatro Studio, al quale si

affiancheranno il Parco Sempione, la Triennale di Milano – Teatro dell’Arte, lo Spazio Oberdan, la Cascina Cuccagna, l’Auditorium San Fedele e l’Area Ex Bazzi, che si animeranno per 11 giorni di cinema, musica e

incontri con ospiti e registi internazionali.

Nuova edizione


Megamodo I 04 SETTEMBRE 2013 I 2/4 PAGINE

La diciottesima edizione prosegue il percorso iniziato dai due direttori Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini, che anche quest’anno curano un festival attento alle nuove produzioni e al cinema indipendente, che presenta circa 200 opere in arrivo da tutto il mondo, tracciando un percorso tra le più coraggiose cinematografie internazionali, raramente visibili in sala, tra anteprime e incontri con i talenti emergenti. Programma: film in concorso

Il programma prevede il consueto CONCORSO LUNGOMETRAGGI, aperto solo a opere prime e seconde di

registi provenienti da ogni parte del mondo, e il tradizionale CONCORSO CORTOMETRAGGI, riservato a

registi under 40, affiancati da sezioni fuori concorso, film in anteprima, ospiti, workshop ed eventi paralleli. Degli 11 LUNGOMETRAGGI in programma, 8 sono girati da registe donne. Tra i film selezionati, Mirage à

l’Italienne di Alessandra Celesia, regista italiana che lavora in Francia, racconta il miraggio di altre vite possibili

in una Torino dissanguata dalla crisi economica; The Eternal Return of Antonis Paraskevas, della regista greca Elina Psykou, Best Work in Progress a Karlovy Vary 2012, un film impietoso e non consolatorio, che tira in

ballo la televisione e la crisi greca, “girato addosso” a un sorprendente Christos Stergioglou, “non più giovane”

attore emergente del cinema greco; Ilo Ilo di Anthony Chen, vincitore della Camera d’Or a Cannes, che rievoca i

fantasmi del collasso finanziario asiatico degli anni ’90, attraverso la storia, ambientata a Singapore, del rapporto fra una famiglia borghese e la nuova domestica filippina.

Fra i CORTOMETRAGGI in programma, si distinguono Fatigués d’être beaux con protagonista Denis Lavant, fantastico attore feticcio di Leos Carax (Holy Motors); Peristalsi di Enrico Iannaccone, originale opera del

vincitore del David di Donatello 2013, che sarà presente al festival; Solecito su un progetto di Olafur Eliasson e diretto da Oscar Ruiz Navia, regista del nuovo cinema colombiano, presente nel Concorso Lungometraggi del Milano Film Festival nel 2009 e in Concorso alla Quinzaine 2013; Don’t Fear Death di Louis Hudson, world

première del Concorso Cortometraggi alla presenza del regista, che terrà anche un workshop sull’animazione; La lampe au beurre de yak di Hu Wei, giovane regista cinese che sarà a Milano per la presentazione, corto co-

prodotto in Francia, in concorso alla Semaine; L’aurore boréale di Keren Ben Rafael, divertente commedia del miglior cinema francese corto contemporaneo, con Hippolyte Girardot e la figlia Ana; Chigger Ale (here come

the problems) di Fanta Ananas, film bizzarro e curioso direttamente dalla new wave etiope, dove molti giovani cineasti si stanno mettendo in gioco. L’omaggio a Sylvain George

Milano Film Festival rende omaggio a Sylvain George, autore di cinema politico e sperimentale, di cui presenta i lavori in un’ampia rassegna, che include i lungometraggi, i cortometraggi, una carta bianca, un

incontro/dialogo con Stefano Savona e l’evento Alive They Cried: John Butcher su “Vers Madrid – The Burning

Bright”. Nel corso del festival è inoltre previsto il workshop Seize the time, organizzato da Milano Film Network con Milano Film Festival, in collaborazione con Filmmaker, che culminerà in un film collettivo sulla città,

capace di cogliere le parole e i gesti, sociali e politici, dell’Italia contemporanea e di trovare la forma giusta per

raccontarli. La sensibilità di Sylvain George e la sua capacità di individuare nei dettagli i grandi movimenti della storia si tradurranno in una serie di preziosi suggerimenti allo sguardo, in una guida all’articolazione

discorsiva delle immagini, sia essa narrativa o saggistica, e a un puntuale e serrato confronto sulle pratiche realizzative. L’omaggio è curato da Paola Piacenza.

Colpe di Stato

Nona edizione della rassegna che si sofferma sulla realtà complessa del sistema di potere nel mondo, sempre

attenta alla sperimentazione del linguaggio e alla documentazione del reale, come in Camp 14 di Marc Wiese, viaggio negli orrori dei campi di prigionia in Corea del nord; God loves Uganda, un’esplorazione della

campagna di evangelizzazione per instillare i valori importati dall’America cristiana di destra nella cultura


Megamodo I 04 SETTEMBRE 2013 I 3/4 PAGINE

africana, tragica operazione di colonialismo culturale, presentato al Sundance Film Festival; Infiltrators, del

palestinese Khaled Jarrar, che racconta i tentativi di creare dei varchi nel muro che separa Palestina e Israele; Sur le rivage du monde del quebecchese Sylvain L’Espérance, dove i 4 protagonisti, nonostante la delusione

derivata dal fallimento dei diversi tentativi di raggiungere l’Europa, non smettono di crederci; The act of killing di Joshua Oppenheimer, che ci riporta agli anni Sessanta, quando gli squadroni della morte indonesiani

uccidono mezzo milione di oppositori, documentario sconcertante fra realtà e finzione dove gli assassini

rimettono in scena i loro crimini per le telecamere, in una specie di sogno spaventoso che mescola storia, vanità e senso di colpa; Dirty Wars di Rick Rowley, un reporter americano e il suo viaggio nel cuore di tenebra, un’inchiesta giornalistica in forma di film sull’uso dei droni, che inchioda la politica estera

dell’amministrazione Obama, un tema scomodo che nessuno dei nostri media ha mai sfiorato; Inequality for All

di Jacob Kornbluth, che illustra la tesi di Robert Reich, ex segretario del lavoro per Bill Clinton, che vede nella classe media il più grave tra i danni collaterali del capitalismo americano; Les Chebabs de Yarmouk di Axel

Salvatori-Sinz, che filma il campo profughi dove vive la più grande comunità palestinese in Siria e i “chebabs”,

giovani, con aspirazioni comuni a quelle di tutti i loro coetanei, in quella fase della vita in cui ogni decisione ha il potere di determinare il destino; infine la magia di un dialogo impossibile, a distanza, attraverso lo specchio della camera di Andy Wolff in The Captain and His Pirate, dove la comunicazione tra il leader dei pirati e il

comandante della nave sequestrata al largo delle coste somale è a dir poco sconcertante: sono nemici, sono su fronti opposti, che cosa li divide? Sezioni Parallele

Completa l’ampio programma la sezione The Outsiders, che affianca le sezioni competitive del festival,

integrando i percorsi del Concorso o raccogliendo frutti emersi a margine del lavoro di selezione. Fra gli altri

Closed Curtain di Jafar Panahi e Kamboziya Partovi, film sull’allontanamento forzato del regista iraniano dai set cinematografici; Gore Vidal, the United States of amnesia di Nicholas Wrathall, che ha al centro uno dei grandi outsiders del Novecento americano, che ha vissuto su di sé il paradosso di essere vicino al potere e alla casta dominante, tanto da poter descrivere vizi e virtù della società americana; Le donne della Vucciria di Hiam

Abbas; A Band Called Death di Jeff Howlett e Mark Covino, riscoperta e rilettura a distanza, da parte dei figli, della musica di assoluta avanguardia dei genitori, a suo tempo incompresa e forse per questo abbandonata;

Museum Hours, film europeissimo dell’americano Jem Cohen, dove convergono i temi della distanza culturale e di quella storica, l’arte come terapia contro l’alienazione.

Fra gli Eventi speciali, The Rocket diretto da Kim Mordaunt, Best Narrative Feature Film al Tribeca Film

Festival, un racconto di iniziazione costruito con grazia che si immerge con grande rispetto nello straordinario paesaggio laotiano, presentato in collaborazione con il Gruppo CAP; il classico anni ‘80 Labyrinth di Jim

Henson, proposto in una proiezione multisensoriale organizzata in collaborazione con LUSH e Gorilla Perfume;

l’anteprima di Teen Beach Movie di Jeffrey Hornaday, in collaborazione con The Walt Disney Company; Faro, secondo lungometraggio di Fredrik Edfeldt che mescola i ritmi tesi del noir alla leggerezza con cui delinea il

percorso di maturazione di un padre nel rapporto con l’amatissima figlia, evento speciale in collaborazione con VisitSweden; Diego Star di Frédérick Pelletier, sul tema dei migranti lavoratori, in collaborazione con Naga;

Necesitas algo, nena? di Laura Chiossone che affianca un incontro sul tema dei desaparecidos, organizzato con Amnesty International e 24Marzo; e infine la proiezione dei corti di diploma della Milano Scuola di Cinema e Televisione.

VerniXage, per il terzo anno consecutivo, prova a indagare le aree interstiziali tra il sistema dell’arte

contemporanea e quello del cinema, focalizzando quest’anno la propria ricerca sulle possibilità e le modalità di applicazione, distribuzione, fruizione e racconto dell’arte cinematografica. João Laia, autore e ricercatore portoghese, presenta Now Showing: Austerity Measures, che disegna un tracciato inedito riassemblando,

attraverso la tecnica del found footage spezzoni e trailer di tutti i film che sino a oggi hanno parlato di crisi

economica. Luca Trevisani presenta Frozen Flames, lo studio della sua prima opera cinematografica in via di


Megamodo I 04 SETTEMBRE 2013 I 4/4 PAGINE

definizione. I flussi dell’acqua e i suoi passaggi di stato, il suo parallelo con l’animo umano e i suoi inevitabili sviluppi, serpenti albini, droni e luoghi estremi, sono tra i protagonisti della trama. Invernomuto conferma il

proprio interesse nell’accostare realtà, livelli e culture eterogenee, tecniche espressive e linguaggi come cinema, musica, performance, con Negus – Echoes Chamber, uno spettacolo inedito realizzato in esclusiva per gli spazi

del Piccolo Teatro Studio, che mette insieme materiale filmico girato tra Italia ed Etiopia e che tra i protagonisti

vede Lee Perry (padre del dub jamaicano), un Sound System artigianale di quasi cinque metri, un giradischi e la totale immersione del pubblico nello spazio scenico.

Anche quest’anno torna il Focus Animazione, con la tradizionale maratona di cortometraggi al Parco Sempione e il workshop PAPER IN MOTION con Louis Hudson, organizzato in collaborazione con Moleskine. Si

riconferma l’appuntamento con il milano film festivalino, con proiezioni e laboratori per i più piccoli in Cascina Cuccagna.

La musica del Festival

Milano Film Festival conferma l’attenzione alla musica con i dj-set che animano ogni sera il Sagrato del Teatro Strehler e con PARKLIVE, un festival di concerti e dj-set in programma ogni sera alle 18.30 al Parco Sempion (realizzato grazie al sostegno di Jack Daniel’s e curato da I Distratti). Tra gli eventi musicali, anche il Milano

Film Festival BLOCK PARTY powered by Elita Overture, una serata di musica organizzata nei suggestivi spazi industriali dell’Area Ex Bazzi. Tra i partner della 18° edizione anche Spotify, che ospita le colonne sonore dei film, le playlist votate dal pubblico e i brani degli artisti di PARKLIVE. Un Festival più sostenibile e la campagna Adotta un Regista

Tra le novità del 2013 è da segnalare la collaborazione con Novamont ed Ecozema, sviluppata per limitare

l’impatto ambientale del festival: tutti i punti di ristoro utilizzeranno infatti stoviglie monouso biodegradabili e compostabili, che verranno conferite in contenitori dedicati alla raccolta della frazione organica. Grande

successo per la campagna Adotta un Regista, che ha coinvolto oltre cento cittadini milanesi che offriranno

ospitalità ai registi e artisti in arrivo a Milano da tutto il mondo: un progetto di ospitalità alternativa che offre un’occasione straordinaria di conoscere da vicino i veri protagonisti del festival.


MILANODABERE I 04 SETTEMBRE 2013

Login | Registrati

HOME MOSTRE

NEWSLETTER LAVORO  CONTATTACI  PUBBLICITÀ

MILANO FILM FESTIVAL MILANO

SPETTACOLI E CONCERTI FOTOGRAFIA

ARTE E CULTURA

PITTURA

Competition (Omaggi)

INSTALLAZIONI

RISTORANTI MOSTRE A­Z

Eventi Gratis

NIGHTLIFE

MUSEI

WELLNESS

GALLERIE

Hotel Experience

ATELIER

ESTATE

WEEKEND

TURISMO

SHOPPING

Cerca nel sito

HOTEL

MUSEI A­Z

Arredamento

Home » Milano » Teatro Strehler Milano » Festival Milano » Milano Film Festival

Milano Film Festival, Milano Mi piace

131

Invia

CARATTERISTICHE: DATA:

Tweet

3

Festival Dal 05/09/2013 al 15/09/2013

TELEFONO:

Visualizza

LOCATION:

Teatro Strehler, Milano

INDIRIZZO:

Largo Antonio Greppi, 1 20121 Milano (MI)  Apri Mappa

4

Invia Email

Invia una email a Teatro Strehler per richiedere informazioni

Pubblicità su Milanodabere.it

Promuoviti su Milanodabere.it ed acquisisci nuovi clienti

ACQUISISCI NUOVI CL IENT I CON MIL ANODABERE.IT

Segnala Errore

Aiutaci ad avere le informazioni costantemente aggiornate

Richiedi Informazioni Invia una Email a Teatro Strehler

Il tuo nome Il tuo telefono La tua email Scrivi qui le tue richieste

Inviando il modulo accetto l'informativa della privacy Invia Email

A settembre la città si anima con il tradizionale appuntamento organizzato da esterni

DOVE SI TROVA TEATRO STREHLER Largo Antonio Greppi 20121 Milano (MI) Apri mappa con Punti di Interesse

Compie 18 anni il Milano Film Festival, la consolidata kermesse meneghina in programma dal 5 al 15 settembre. Quartier generale della manifestazione è ancora una volta il Teatro Strehler, sede principale delle proiezioni. Oltre al concorso lungometraggi, aperto a opere prime e seconde di registi da tutto il mondo, e al concorso cortometraggi, dedicato ai registi under 40, il calendario prevede diverse sezioni parallele come The Outsiders e Vernixage, che propongono titoli controcorrente e progetti al confine tra arti visive e immagini in movimento. Come da tradizione, il festival è arricchito da numerosi eventi collaterali ospitati in location suggestive tra cui Triennale e Cascina Cuccagna. Al Parco Sempione è di scena Parklive: musica dal vivo e dj set a ingresso libero con artisti come Levante, Jack Jaselli e Bugo.

Map data ©2013 Google

PUNTI DI INTERESSE NELLE VICINANZE

Consulta il programma completo. 

RISTORANTI RICEVI AVVISI SU: MILANO FILM FESTIVAL

Inserisci l'indirizzo email

Accetto l'informativa della privacy

La Cotoletteria ­ Corso Garibaldi

175 m

La trattoria del Corso

184 m

Italiano

REGISTRATI

Carne, Italiano


milanofree I 04 SETTEMBRE 2013

ARTE

HOME Home

COSTUME

CUCINA

CULTURA

SCOPRIRE MILANO Informazioni turistiche

milano

cinema

DESIGN

EVENTI

EL GRAN MILAN

Le tradizioni milanesi

INTERVISTE

MODA

EXPO 2015

SPORT

TEATRO

TURISMO

VIVERE MILANO Servizi in città

TRASPORTI

SALUTE

FORUM

Milano Film Festival 2013: programma e location

BENESSERE

cerca... DOMENICA, 15 SETTEMBRE 2013

EVENTI MILANESI Settem b re

«<

MILANO FILM FESTIVAL 2013: PROGRAMMA E LOCATION SCRITTO DA ISACCO CICALA.

Torna la rassegna Milan o Film Festival 2013 da giovedi' 5 a domenica 15 settembre per la sua 18esima edizione che avrà come sede di questa dieci giorni il Piccolo Teatro Strehler e il Teatro Studio, affiancati da molte altre location cittadine all'insegna di fiction, documentari, animazione, sperimentazioni: i linguaggi sono frontiere da percorrere, attraversare e discutere insieme al pubblico e agli autori. Il cinema legge il presente, scopre le differenze, pone domande e crea desideri. Il Milano Film Festival lo porta in città riscoprendo gli spazi pubblici come luoghi di proiezione e diffondendosi nelle sale, portando 100.000 persone davanti allo schermo. È il risultato di un dialogo internazionale lungo un anno tra i registi, lo staff, gli studenti, le case di produzione e di distribuzione, le scuole di cinema e il pubblico. Un laboratorio per nuovi talenti e riscoperte che parte da qui. Per l'edizione 2013 del Milano Film Festival saranno presentate circa 200 o p ere raramente visibili nelle sale tradizionali in quanto si vuole proprio dar spazio a talenti emergenti.

PROGRAMMA MILANO FILM FESTIVAL 2013: Concorso lungometraggi aperto solo a opere prime e seconde di registi provenienti da ogni parte del mondo. Concorso cortometraggi riservato a registi under 40 IX edizione della rassegna Colpe di Stato, che indaga il sistema di potere nel mondo The Outsiders: fuori categoria che raccoglie anteprime ed eventi speciali Focus Animazione con la tradizionale maratona di corti al Parco Sempione Focus dedicato al cinema che racconta l'ambiente Milano film festivalino: dedicato ai bimbi Appuntamenti di musica con i concerti sul Sagrato, workshop e masterclass per professionisti e per il grande pubblico. 5 SETTEMBR E 2013 18:30 - Sagrato

2013

D L M M G V

S

1

2

7

8

9 10 11 12 13 14

3

4

5

6

15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 1

2

3

4

5


Milanomagazine I 04 SETTEMBRE 2013 i 1/2 PAGINE

milanomagazine

Milano Magazine: notizie ed eventi sulla tua città Home Chi siamo

SETTEMBRE 9, 2013 DI REDAZIONE

Milano Film Festival 2013: Eventi e Programma

Appuntamento attesissimo dell’autunno milanese, sbarca anche quest’anno in città il Milano Film Festival (edizione numero 18), manifestazione sostenuta dal Comune di Milano – Assessorato alla Cultura e dal Programma Media dell’Unione Europea, con il patrocinio di Expo 2015, che fino al 15 settembre porterà a Milano 11 giorni di cinema, musica e incontri con ospiti e registi internazionali.


Milanomagazine I 04 SETTEMBRE 2013 i 2/2 PAGINE

Centro nevralgico del Festival saranno anche quest’anno il Teatro Strehler con il suo sagrato e il Teatro Studio, al quale si affiancheranno il Parco Sempione, la Triennale di Milano – Teatro dell’Arte, lo Spazio Oberdan, la Cascina Cuccagna, l’Auditorium San Fedele e l’Area Ex Bazzi. I direttori Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini propongono per questa nuova edizione un festival particolarmente attento alle nuove produzioni e al cinema indipendente tracciando un percorso tra le più coraggiose cinematografie internazionali, raramente visibili in sala, tra anteprime e incontri con i talenti emergenti. Sono circa 200 le opere presentate in arrivo da tutto il mondo. In programma ci sono il “Concorso Lungometraggi”, aperto solo a opere prime e seconde di registi provenienti da ogni parte del mond o, e il “Concorso Cortometraggi”, riservato a registi under 40, affiancati da sezioni fuori concorso, film in anteprima, ospiti, workshop ed eventi paralleli. Una speciale sezione del Festival rende omaggio a Sylvain George, autore di cinema politico e sperimentale, di cui presenta i lavori in un’ampia rassegna, che include i lungometraggi, i cortometraggi, una carta bianca, un incontro/dialogo con Stefano Savona e l’evento Alive They Cried: John Butcher su “Vers Madrid – The Burning Bright”. In programma il workshop “Seize the time”, organizzato da Milano Film Network con Milano Film Festival, in collaborazione con Filmmaker, che culminerà in un film collettivo sulla città, capace di cogliere le parole e i gesti, sociali e politici, dell’Italia contemporanea e di trovare la forma giusta per raccontarli. Raggiunge l’edizione numero nove “Colpe di Stato”, sezione che si sofferma sulla realtà complessa del sistema di potere nel mondo, sempre attenta alla sperimentazione del linguaggio e alla documentazione del reale. Completa l’ampio programma “The Outsiders”, che affianca le sezioni competitive del festival, integrando i percorsi del Concorso o raccogliendo frutti emersi a margine del lavoro di selezione. Con “VerniXage”, per il terzo anno consecutivo, si prova a indagare le aree di connessione tra il sistema dell’arte contemporanea e quello del cinema, focalizzando quest’anno la propria ricerca sulle possibilità e le modalità di applicazione, distribuzione, fruizione e racconto dell’arte cinematografica. Ogni sera il Sagrato del Teatro Strehler sarà animato da dj- set mentre al Parco Semp ione ogni sera alle 18.30 andrà in scena “Parklive”, festival di concerti e dj-set. Tra le novità del 2013 grande successo ha avuto la campagna “Adotta un Regista”, che ha coinvolto oltre cento cittadini milanesi che offriranno ospitalità ai registi e artisti in arrivo a Milano da tutto il mondo: un progetto di ospitalità alternativa che offre un’occasione straordinaria di conoscere da vicino i veri protagonisti del festival.


Moda&Style I 04 SETTEMBRE 2013 Search

Go to ... Go to ...

Al via la 18^ edizione del “Milano Film Festival” 4 settembre 2013, 

 Cinema, Eventi    commenti

Domani 5 settembre parte la 18ª edizione del “Milano Film Festival“, sostenuta dalComune di Milano – Assessorato alla Cultura e dal Programma Media dell’Unione Europea, con il patrocinio diExpo 2015, che fino al 15 settembre porterà a Milano 11 giorni di cinema, musica e incontri con ospiti e registi internazionali. Il tutto si animerà presso il Teatro Strehler e il Teatro Studio, a cui si affiancheranno il Parco Sempione, la Triennale di Milano, Teatro dell’Arte, loSpazio Oberdan, la Cascina Cuccagna, l’Auditorium San Fedele e l’Area Ex Bazzi. I direttori Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini (nella foto a destra) annunciano un’edizione attenta alle nuove produzioni e al cinema indipendente tracciando un percorso tra le più coraggiose cinematografie internazionali, tra anteprime e incontri con i talenti emergenti. Un numero: 200 le opere in arrivo da tutto il mondo. Il “Concorso Lungometraggi” sarà aperto solo a opere prime e seconde di registi provenienti da ogni parte del mondo, e il “Concorso Cortometraggi” sarà invece riservato a registi under 40, affiancati da sezioni fuori concorso, film in anteprima, ospiti, workshop ed eventi paralleli. Un particolare omaggio sarà dedicato a Sylvain George, autore di cinema politico e sperimentale, di cui presenta i lavori in un’ampia rassegna tra lungometraggi, cortometraggi, una carta bianca, un incontro/dialogo con Stefano Savona e l’eventoAlive They Cried: John Butcher su “Vers Madrid – The Burning Bright“. Si terrà inoltre il workshop “Seize the time“, organizzato da Milano Film Network e Milano Film Festival, in collaborazione conFilmmaker, che culminerà in un film collettivo sulla città. Raggiunge l’edizione numero nove “Colpe di Stato“, che si sofferma sulla realtà del sistema di potere nel mondo, attenta alla sperimentazione del linguaggio e alla documentazione del reale. Completa l’ampio programma “The Outsiders“, che integrerà i percorsi del Concorso o raccoglierà i frutti emersi a margine del lavoro di selezione. Per il terzo anno consecutivo “VerniXage” proverà a indagare le aree di connessione tra il sistema dell’arte contemporanea e quello del cinema, focalizzando la propria ricerca sulle possibilità e le modalità di applicazione, distribuzione, fruizione e racconto dell’arte cinematografica. Ogni sera il Sagrato del Teatro Strehler sarà animato da dj­ set mentre al Parco Sempione a partire dalle 18.30 andrà in scena “Parklive“, festival di concerti e dj­set. Tra le novità del 2013 ricordiamo la campagna “Adotta un Regista“, che ha coinvolto oltre cento cittadini milanesi che offriranno ospitalità ai registi e artisti in arrivo a Milano da tutto il mondo. Per ulteriori informazioni: www.milanofilmfestival.it


Playboy I 04 SETTEMBRE 2013

  

   



 

     

               

 )#)'+ #!+ )#) +"!+"%#&'' "#

 

20#/+*#

   



    

    

;;;;;;;;

 

    



  

 

 '#!'%',/+''+1#0'-#/%)'--00',+1'"'!'+#*!,+')')+,')* #01'3) #!!"'



           

      

 







  



  

+!&#')+,"",*+'3/7)02/,'0#11##/"'#!'%',/+' -/1'/#") "'0#11#* /#$'+,) '++2*#/#3,)'0/++,%)' --2+1*#+1'-#/%)'--00',+1'"'!'+#*!,+)"'!',11#0'* #"'6',+#"#)')*#01'3)&#.2#01++,'+3'01"#))02,/*' /%%'2+1*%%',/##170'-/#0#+1)02,-2 )'!,-':*12/,!&# *',+0-#3,)#"#))0!)1)02!!#00,,/*'!,*-'21#01+!,"' %',!/#!,+ * ,)##*!!&'+'+#-#/.2#01#"'6',+#0'$3#"#/#'+ 2+3#01#-':0,)'",+)0!#)1"'-/#0#+1/0'0'+#))0#6',+#"#' !,/1'!&#)2+%,*#1/%%'!,+-#))'!,)#!&#$$/,+1'+,,/-':!&#*' )/#)17.2,1'"'+2#))'+!2'),0-#111,/#-29/'1/,3/0' -#111,/#!&#.2#01++,0/7!&'*1,+!&#'+!20-#/#)#%%#/# ')-/,-/',3'+!'1,/#2++,3'17!&#%)'0-'/+1'!/'1'!'%/"'/++,+,+ -,!,+0,**+,+!'0/7')*/#!,*#++#0*$/),*%%', 5)3+#,/%#')/()'3#)#-/,'#6',+'0-/0#2+-,,32+.2## 1+1,)1/,.2#013,)1')')+,')*#01'3)-,1/# #"33#/, )0!'/!' ,!!-#/1   

 '** * $&# (% !&(%    4+2,1/1/'!#-,)!! ) #))*+" 1/#'!&8/'20!'1 !,+.2'01/#')-%'+,+# !#+1/)#"'"'!#* /#"' )5 ,5

  

 '** !* $&#+" !&(%   )5*1#"'*%%', 3'#+#"),/1,%)),



 


quotidianodelnord I 04 SETTEMBRE 2013

HOME

EMILIA ROMAGNA

VENETO/NORDEST

LOMBARDIA/NORDOVEST

TOSCANA/MARCHE

ITALIA

POLITICA

ECONOMIA

WEB

ARCHIVIO

LIVE BOX

Domani al via la 18ª edizione del 'Milano Film Festival' MERCOLEDÌ 04 SETTEMBRE 2013 09:37  Notizie ­  Lombardia e Nord­Ovest

(Sesto Potere) ­ Milano ­ 4 settembre 2013 ­ Domani giovedì 5 settembre prende il via la 18ª edizione del “Milano Film Festival”, manifestazione sostenuta dal Comune di Milano – Assessorato alla Cultura e dal Programma Media dell’Unione Europea, con il patrocinio di Expo 2015, che fino al 15 settembre porterà a Milano 11 giorni di cinema, musica e incontri con ospiti e registi internazionali. Centro nevralgico del Festival saranno anche quest’anno il Teatro Strehler con il suo sagrato e il Teatro Studio, al quale si affiancheranno il Parco Sempione, la Triennale di Milano ­ Teatro dell'Arte, lo Spazio Oberdan, la Cascina Cuccagna, l’Auditorium San Fedele e l’Area Ex Bazzi. “ Sosteniamo convinti questo festival che porta a Milano ogni anno un cinema che altrimenti difficilmente potremmo vedere ­ ha dichiarato l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno ­. Ottimo cinema internazionale e indipendente, giovane e sperimentale, che spesso non raggiunge i circuiti della grande distribuzione e che invece, grazie al lavoro di ricerca e sostegno del ‘Milano Film Festival’, conquista le platee milanesi e non solo, offrendosi alla valutazione e alla riflessione di un pubblico attento e sempre più vasto. L’ultima edizione infatti ha visto oltre 100mila presenze e gli spettatori sono sempre stati in costante crescita”. I direttori Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini propongono per questa nuova edizione un festival particolarmente attento alle nuove produzioni e al cinema indipendente tracciando un percorso tra le più coraggiose cinematografie internazionali, raramente visibili in sala, tra anteprime e incontri con i talenti emergenti. Sono circa 200 le opere presentate in arrivo da tutto il mondo. In  programma ci sono il “Concorso Lungometraggi”, aperto solo a opere prime e seconde di registi provenienti da ogni parte del mondo, e il “Concorso Cortometraggi”, riservato a registi under 40, affiancati da sezioni fuori concorso, film in anteprima, ospiti, workshop ed eventi paralleli. Una speciale sezione del Festival rende omaggio a Sylvain George, autore di cinema politico e sperimentale, di cui presenta i lavori in un’ampia rassegna, che include i lungometraggi, i cortometraggi, una carta bianca, un incontro/dialogo con Stefano Savona e l'evento Alive They Cried: John Butcher su “Vers Madrid – The Burning Bright”. In programma il workshop “Seize the time”, organizzato da Milano Film Network con Milano Film Festival, in collaborazione con Filmmaker, che culminerà in un film collettivo sulla città, capace di cogliere le parole e i gesti, sociali e politici, dell’Italia contemporanea e di trovare la forma giusta per raccontarli. Raggiunge l’edizione numero nove “Colpe di Stato”,  sezione che si sofferma sulla realtà complessa del sistema di potere nel mondo, sempre attenta alla sperimentazione del linguaggio e alla documentazione del reale. Completa l’ampio programma “The Outsiders”, che affianca le sezioni competitive del festival, integrando i percorsi del Concorso o raccogliendo frutti emersi a margine del lavoro di selezione. Con “VerniXage”, per il terzo anno consecutivo, si prova a indagare le aree di connessione tra il sistema dell'arte contemporanea e quello del cinema, focalizzando quest’anno la propria ricerca sulle possibilità e le modalità di applicazione, distribuzione, fruizione e racconto dell'arte cinematografica.           Ogni sera il Sagrato del Teatro Strehler sarà animato da dj­ set mentre al Parco Sempione ogni sera alle 18.30 andrà in scena “Parklive”, festival di concerti e dj­ set. Tra le novità del 2013 grande successo ha avuto la campagna “Adotta un Regista”, che ha coinvolto oltre cento cittadini milanesi che offriranno ospitalità ai registi e artisti in arrivo a Milano da tutto il mondo: un progetto di ospitalità alternativa che offre un’occasione straordinaria di conoscere da vicino i veri protagonisti del festival. Tutte le info e il programma completo sul sito www.milanofilmfestival.it.

Copyright © 2010 Sesto Potere soc. coop. ­ tel 0543.77.47.13 ­ fax 0543.75.12.80 ­ P.IVA e C.F. 02707960403 | Web by: Tinfo srl | 


Recensito I 04 SETTEMBRE 2013

Home

Eventi

Libreria

Teatro

Cine & TV

Interviste

Rubriche

Links

Formazione

Contatti

Mercoledì 4 Settembre 2013

Milano Film Festival: dal 5 settembre undici giorni di cinema, musica e grandi eventi 04 09 2013 (Cine & TV) Dal  5  al  15  settembre  a  Milano  si  svolge  la  diciottesima  edizione  del  Milano  Film  Festival,  un  evento internazionale prodotto da Esterni che anno dopo anno grazie alla passione degli organizzatori e di tutti coloro che con il loro impegno continuano a credere nella forza e nella magia di un cinema che rompa gli schemi,  che  possa  far  sognare  superando  gli  ostacoli  e  le  barriere,  è  cresciuto  diventando  un  Festival sempre più importante, ricco di eventi, incontri, anteprime nazionali, retrospettive ma non solo; le serate sul sagrato del Teatro Strehler e al Parco Sempione saranno animate da dj set affidati ad artisti affermati e a giovani nomi , da Levante a Bugo, da Roberto Angelini a Mamavegas, da Jack Jaselli a Nadar Solo. Uno spazio  sarà  dedicato  anche  ai  bambini  con  il  Milano  Film  Festivalino  che  quest’anno  si  svolgerà  nella location della Cascina Cuccagna. Due cicli di proiezioni in due week end saranno dedicati a cortometraggi animati selezionati tra le ultime produzioni mondiali; inoltre uno speciale regista girerà dei cortometraggi realizzati dai bambini che potranno interagire in maniera realistica con il mondo del cinema. Il Milano Film Festival si svolgerà in vari luoghi della città legati simbolicamente tra loro: punti nevralgici come  da  tradizione  il  Teatro  Strehler  e  il  teatro  Studio  al  quale  si  affiancheranno  il  Parco  Sempione,  la Triennale  di  Milano­Teatro  dell’Arte,  lo  Spazio  Oberdan,  la  Cascina  Cuccagna,  l’auditorium  San  Fedele  e l’area Ex Bazzi. I due direttori storici Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini propongono un programma attento alle nuove produzioni  e  al  cinema  indipendente;  il  festival  presenta  circa  200  opere  provenienti  da  tutto  il  mondo sostenendo talenti emergenti e anteprime raramente visibili in sala. Il festival è sostenuto dal Comune di Milano­Assessorato alla cultura e dal Programma Media dell’Unione Europea, e ha ricevuto il patrocinio di Expo 2015. Tra i partner fedeli si riconfermano Gruppo CAP e Aperol Spritz e si sono aggiunti Alce Nero, MM Metropolitana Milanese, Vodafone e Banca Prossima, quest’ultima con un progetto importante per finanziare la produzione di una serie web sul no profit. Quest’anno è nata anche una collaborazione con Sky Arte e Mymovies.it che trasmetterà ogni sera alle 21.30 gratuitamente uno dei lungometraggi del festival. Veramente eccellente il programma proposto quest’anno: undici i lungometraggi in concorso , tra cui otto girati da registe donne. Tra i titoli più interessanti “Mirage a l’italienne” di Alessandra Celesia, “The Eternal Return  of  Antonis  Paraskevas  della  regista  greca  Elian  Pskou,  “Ilo  Ilo”  di  Anthony  Chen,  vincitore  della Camera d’Or a Cannes. Il Festival rende omaggio a Sylvan George, autore di cinema politico e sperimentale con un’ampia rassegna dei suoi lavori, un incontro dialogo con Stefano Savona. E’ previsto anche un workshop Seize the time che culminerà in un film collettivo sulla città; l’omaggio a questo importante regista è curato da Paola Piacenza. Spazio anche alla rassegna Colpe di Stato, giunta alla sua nona edizione; attraverso pellicole provenienti da tutto  il  mondo  si  riflette  sulla  realtà  complessa  del  sistema  di  potere  nel  mondo  con  un  linguaggio sperimentale e documentando la realtà. Completano il programma le sezioni “The Outsiders”, con una selezione di film d’approfondimento, gli Eventi Speciali con la proiezione di “The Rocket” , “The Labyrinth”, un film degli anni ’80 qui riproposto grazie a Lush e a Gorilla Perfume in una proiezione multisensoriale (prenotazione obbligatoria attraverso la pagina facebook di Lush), VerniXage, sezione che indaga le aree interstiziali tra il sistema dell’arte contemporanea e quello del cinema. Torna  anche  quest’anno  il  Focus  Animazione  con  la  tradizionale  maratona  dei  cortometraggi  al  Parco Sempione e il workshop Paper in Motion con Louis Hudson. Tra  le  novità  di  quest’anno  importanti  iniziative  da  segnalare:  una  collaborazione  con  Novamont  ed Ecozema, sviluppata per limitare l’impatto ambientale del festival; tutti i punti di ristoro utilizzeranno infatti stoviglie monouso biodegradabili e qui ci saranno erogatori d’acqua. Grande  successo  anche  per  la  campagna  Adotta  un  regista  che  ha  coinvolto  cento  cittadini  milanesi  che offriranno ospitalità ai registi e artisti in arrivo a Milano da tutto il mondo.   Tutto il programma e gli appuntamenti sono consultabili su www.milanofilmfestival.it   (Tamara Anna Malleo)

Speciale Venezia '70 Speciale Venezia '66 Speciale Venezia '68 Roma Fiction Fest '10 Speciale Venezia '67 Speciale Venezia '64 Speciale Venezia '63 Speciale Venezia '65 Milano Film Festival '08 Leggi tutti gli articoli

Inserisci la parola da cercare:

Iscriviti alla nostra mailing list per restare sempre aggiornato E­mail

Manda i tuoi contributi, le tue recensioni alla nostra redazione e potrai essere pubblicato!

Segnalaci gli eventi della tua città

© 2013 ­ Recensito Multimedial Information, Cultural Service & Reviews


SIAE I 04 SETTEMBRE 2013

    

 

 Press  |  U.R.P.  |  Come fare per ...  |  Modulistica  |  Uffici SIAE  |  Domande e Risposte  |  Cerca  |  Link  |  Contatti  |  Credits 

  

HomePage   Biblioteca giuridica   Come associarsi   Per chi utilizza le opere  versione per la stampa

Edicola News

04­Set­2013 Cinema

VIVAVerdi   Dati e Statistiche   Comunicati Stampa

Il Milano Film Festival compie 18 anni Prenderà  il  via  domani,  per  proseguire  fino  al  15  settembre,  la  diciottesima  edizione del  Milano  Film  Festival.  La  manifestazione  si  svolgerà  anche  quest'anno  al  Teatro Strehler  e  al  Teatro  Studio,  ai  quali  si  affiancheranno  Parco  Sempione,  Triennale  ­ Teatro dell'Arte, Spazio Oberdan, Cascina Cuccagna, Auditorium San Fedele e Area Ex Bazzi. Circa  duecento  le  opere  che  saranno  presentate,  in  arrivo  da  tutto  il  mondo.  I direttori Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini propongono per questa nuova edizione un  festival  particolarmente  attento  alle  nuove  produzioni  e  al  cinema  indipendente, tracciando un percorso tra le più coraggiose cinematografie internazionali, raramente visibili in sala, oltre ad anteprime e incontri con talenti emergenti. Come  sempre,  due  sono  le  sezioni  principali  del  Milano  Film  Festival,  quella  del concorso lungometraggi, aperto solo a opere prime e seconde, e la parte dedicata ai cortometraggi, riservata ai talenti under quaranta. Dei lungometraggi, quest’anno ben otto  su  un  totale  di  undici  sono  girati  da  donne.  Tra  i  film  selezionati,  “Mirage  à l'Italienne”  di  Alessandra  Celesia,  regista  italiana  che  lavora  in  Francia.  Fra  i  corti troviamo  “Peristalsi”  di  Enrico  Iannaccone,  già  vincitore  del  David  di  Donatello  con “L'esecuzione”,  che  qui  mette  in  scena  il  tragicomico  allestimento  di  un  testamento­ sceneggiatura. In  programma  ci  sono,  inoltre,  sezioni  fuori  concorso,  film  in  anteprima,  ospiti, workshop  ed  eventi  paralleli.  Una  speciale  sezione  del  festival  rende  omaggio  a Sylvain George, autore di cinema politico e sperimentale, di cui vengono presentati i lavori  in  un'ampia  rassegna.  Anche  quest’anno  si  riconfermano  "The  Outsiders",  la principale sezione fuori concorso con film in anteprima ed eventi speciali, la rassegna “Colpe  di  Stato”,  che  presenta  documentari  che  rivelano  la  realtà  complessa  del sistema  di  potere  nel  mondo,  il  Focus  Animazione,  con  la  tradizionale  maratona  di corti  al  Parco  Sempione,  e  VerniXage,  con  appuntamenti  dedicati  all’intersezione  tra arte  e  cinema.  Grande  curiosità  infine  per  la  campagna  “Adotta  un  Regista”,  che  ha coinvolto  oltre  cento  cittadini  milanesi  che  offriranno  ospitalità  ai  registi  e  artisti  in arrivo a Milano per il festival da tutto il mondo. E’ un progetto che offre un’occasione straordinaria  per  conoscere  da  vicino  i  veri  protagonisti  della  manifestazione.  Per tutti gli aggiornamenti sul programma, è consultabile il sito www.milanofilmfestival.it

Codice Fiscale e numero di iscrizione alla CCIAA: 01336610587 ­ Partita IVA 00987061009 ­ Iscrizione al REA 840555 S.I.A.E. ­ Tutti i diritti riservati


VIVACINEMA I 04 SETTEMBRE 2013

| Login | Registrati

Cerca Home

Anteprime

Recensioni

Trailer

Festival di Venezia 2013: Scarlett Johansson fischiata alla...

Cinema italiano

Festival

Attori

Colonne sonore

Cinquanta sfumature di grigio: il cast

Milano Film Festival 2013: date, programma e biglietti della 18^ edizione Condividi

0

Commenta

Ci siamo quasi con il Milano Film Festival 2013, le cui date sono dal 5 al 15 settembre e il programma è suddiviso in diverse sezioni, a cominciare ovviamente da quelle dedicate ai lungometraggi e ai cortometraggi in concorso. Il Milano Film Festival, o MFF se preferite, è una rassegna cinematografica indipendente creata nel 1996 ed ospitata in varie location del capoluogo lombardo, che si pone come obiettivo quello difar conoscere le realtà emergenti del cinema nazionale e internazionale e le produzioni mondiali cinematografiche non legate alle logiche di mercato. Ogni anno vengono assegnati molti riconoscimenti, anche se quelli storici restano il Premio Aprile e i premi al miglior cortometraggio e al miglior lungometraggio. I luoghi del Milano Film Festival sono innanzitutto il Teatro Strehler (che include il Sagrato esterno e La Scatola Magica) e il Teatro Studio, ma parecchi eventi sono ospitati anche in Parco Sempione (ingresso da Via Gadio), al Teatro dell’Arte della Triennale di Milano, alla Cascina Cuccagna, nello Spazio Oberdan, nell’Auditorium San Fedele negli spazi riqualificati dell’ex azienda Bazzi, a Lambrate.

Box Office

Test: Quanto conosci Selena Gomez?

Foto

Video Applausi per ‘Gravity’ con Clooney e la Bullock


VIVIMILANO.CORRIERE.IT I 04 SETTEMBRE 2013 i 1/2 PAGINE

GIOVEDÌ 5 Settembre 2013

ACCEDI

Cinema Home

Ristoranti

Locali

Shopping

Cinema

Pop Rock Jazz

Benessere e Sport

Classica

20° Milano

Scrivi

settimana dal 4 settembre al 10 settembre

Teatro

Feste Mercatini Fiere

Arte e Cultura

Bambini

Weekend Fuori Porta

ViviMilano > Cinema > Milano Film Festival FOTOGALLERY & co.

Cerca il film Cosa cerchi

Scegli il gene…

Tweet

0

cerca

Consiglia

0

RASSEGNE

Milano Film Festival di Giancarlo FOTO

Grossini ‐ Ultimo aggiornamento: 04/09/2013 MAPPA

0

Le vostre foto: Milano com'era

Mandate le vostre foto: "Cartoline dalle vacanze"

Fumetti: i Ronfi in mostra

Tutte le fotogallery

info Teatro Strehler largo Greppi 1 Milano Contatti: 02.71.36.13 Quando: Prima data: 5 settembre 2013  dalle 20:30 TUTTE LE ALTRE DATE

Prezzi: € 4 mattina, € 5 pomeriggio, € 6 sera. Abbonamento a tutto il Festival, € 55

ristoranti in zona 1 Grand'Italia 2 La Cotoletteria 3 Resentin

Descrizione: Diciottesima edizione per il Milano Film Festival che parte il 5 settembre con centinaia di film fra lungometraggi, corti, documentari, proiezioni speciali e maratone cinematografiche. Come da tradizione, la kermesse a marchio Esterni, diretta da Alessandro

locali in zona 4 See You at One 5 Sans Egal 6 Marc Jacobs Café

Beretta e Vincenzo Rossini, è un kolossal fitto di appuntamenti. Tante le sedi di svolgimento con il Teatro Strehler come punto di aggregazione e poi Teatro Studio, Parco Sempione, Spazio Oberdan, Auditorium San Fedele, Triennale ed ex Bazzi. Non solamente film, perché essendo una rassegna con un occhio puntato verso il pubblico dei giovani e giovanissimi, non manca la musica, con tanti appuntamenti sul sagrato dello Strehler. E per i più piccoli, non va scordato lo spazio alla Cascina Cuccagna, sede dell’ormai storico “Festivalino”  riservato ai bambini. Undici le giornate di svolgimento, da giovedì 5 a domenica 15 settembre. Per non lasciarsi sfuggire gli eventi, è consigliabile consultare il programma integrale sul sito della manifestazione, www.milanofilmfestival.it,

eventi in zona 7 Francesco Capella tra Piazzetta e Tiepolo 8 Cesare Zavattini 9 Sulle merlate del Castello Sforzesco

trovo a MILANO

Cerca negozi e servizi nella tua città Milano

Ecco intanto un riassunto dei principali spettacoli, giorno per giorno,

tutte le categorie »

Concessionari • Elettrauto • Parcheggi • Officine 


VIVIMILANO.CORRIERE.IT I 04 SETTEMBRE 2013 i 2/2 PAGINE

con messa a fuoco del concorso per lungometraggi.

Revisione • Distributori • Autolavaggio • Gommisti

Giovedì 5 (ore 20.30 allo Strehler), il primo dei film in concorso, “Run

Avvocati • Architetti • Geometri • Ingegneri • Periti Notai • Ragionieri • Tributaristi Commercialisti

& Jump”. Diretto da Steph Green, reduce dal Sundance e dal Tribeca Fest, racconta la storia di una famiglia irlandese, alla ricerca di un nuovo equilibrio dopo i problemi di salute del capo­famiglia.  Venerdì 6 (ore 15 allo Spazio Oberdan), arriva dall’Argentina una curiosa opera di Maria Florencia Alvarez, “Habi, la extranjera”, con la storia di una ragazza di provincia che una volta giunta a Buenos Aires resta affascinata dalla cultura musulmana, e va incontro a una sorprendente storia d’amore, che non potrà però vivere come

Taxi • Noleggio • Spedizioni • Stazioni  Aereoporti • Veicoli commerciali • Agenzie viaggi Farmacie • Ospedali • Medici • Guardia medica  Pronto soccorso • Dentisti • Ortopedici • Veterinari Banche • Assicurazioni • Finanziamenti e Mutui  Agenzie Immobiliari • Compro oro • Cambio valuta Mobili • Elettrodomestici • Idraulici • Piante e fiori  Serramenti • Climatizzatori • Elettronica • Traslochi

vorrebbe. Alle 20.30, allo Strehler, un’opera prima, “Towheads” di Shannon Plumb, sguardo al femminile che fa emergere dimensioni inedite sul ruolo materno e desideri di cambiamento.  Sabato 7 (20.30 allo Strehler) c’è il titolo che ha vinto la Caméra d’Or quest’anno a Cannes, “Iloilo” di Anthony Chen. Domenica 8 (ore 17 allo Spazio Oberdan), per la sezione “Colpe di Stato”, si vedono i missionari in Uganda nel docufilm “God Loves

VETRINApromozioni

Tutte >

Uganda” di Roger Ross Williams, e dopo la proiezione c’è l’intervento di Paolo Naso, docente di Scienze Politiche a Roma.  Lunedì 9 (ore 20.30 allo Strhler) si fa spazio all’arte provocatoria di Bahman Mohassess, nel documentario in concorso “Fifi Howls from Happiness” di Mitra Farahani.  Martedì 10 tempo di revival alla Scatola Magica del Teatro Strehler: alle 20.30 evento in Odorama per il cult “Labyrinth­Dove tutto è possibile” (1986) di Jim Henson, con un mitico David Bowie. 

La tua pubblicità locale arriva via SMS, e non solo! Scopri le soluzioni per far conoscere a tutti il tuo business in maniera unica

Mercoledì 11, (ore 18.30 a Parco Sempione) si mescolano musica e un progetto di film da realizzare, con Bugo protagonista, anche in esibizione live.  Giovedì 12 (ore 20 alla Triennale), una chicca firmata da Jafar

Vuoi il tuo spazio in questa vetrina? Scopri come

Panahi, regista sempre osteggiato dal regime iraniano: è “Closed Curtain”, codiretto da Kambuzia Partovi. 

TUTTI GLI SPETTACOLI

Venerdì 13 (ore 17 allo Strehler), da non perdere il sorprendente “Faro” (nella foto) dello svedese Fredrik Edfeldt, storia di un padre e di una figlia in fuga fra i boschi, fatto di pochi dialoghi, tanta suspense e sequenze mozzafiato.  Sabato 14 (ore 20.30 allo Strehler) tuffo nell’eros, anche sadomaso,

Acquista i biglietti

Carroponte 2013 Carroponte è speciale come arena concerti principalmente perché non è un'arena c...

BIGLIETTI

con una Béatrice Dalle armata di frusta e un Eric Cantona superdotato per il titolo scandalo dell’ultimo Cannes, “Les Rencontres d’après minuit” di Yann Gonzales.  Chiusura domenica 15: alle 21 cerimonia di premiazione, con proiezione dei film vincitori.  Tutte le opere sono in edizione originale, con sottotitoli in

Gianni Berengo Gardin ‐ Storie Di Un Fotografo Gianni Berengo Gardin Storie di un fotografo Più di 180 immagini raccolte in no...

BIGLIETTI

9.50

italiano.

Il Codice Atlantico Di Leonardo Da Vinci

TAG: Beatrice Dalle | Eric Cantona | Maria Florencia Alvarez |

La mostra si apre nella Biblioteca Ambrosiana con i fogli riguardanti il confron...

© RIPRODUZIONE RISERVATA

BIGLIETTI

11.50

Il Codice Atlantico Di Leonardo Da Vinci La mostra si apre nella Biblioteca Ambrosiana con i fogli riguardanti il confron...

Cerca il film Cosa cerchi

Scegli il gene…

cerca

BIGLIETTI

16.50

Leonardo3 ‐ Il Mondo Di Leonardo Per superficie espositiva (quasi 500 mq), contenuti (verranno presentati in ante...

BIGLIETTI

13.50

Tutti gli eventi >

ViviMilano.it su 

Segui

+32.389


wumagazine I 04 SETTEMBRE 2013

home contents n.41 news interviste focus on gallery archivio wu  eventi media partnership network contacts W2

MILANO FILM FESTIVAL: SI PARTE! di Jean Marc Mangiameli | 04 settembre 2013

Tags: ci nem a, es t erni , fes t i val , fi l m , m i l ano , m i l ano fi l m fes t i val Like

MUSICA CINEMA LIFESTY LE EVENTI

2

0

Inaugura domani il festival del cinema internazionale e indipendente della città di Milano (che quest’anno soffia le candeline dei 18 anni). Organizzato da E sterni, sotto l’attenta direzione artistica di Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini, quest’anno presenta 200 pellicole che si suddividono tra lungometraggi e corti in gara (tutte opere prime o seconde), perle provenienti dal passato, retrospettive e sperimentazioni artistiche. Ricco anche il programma collaterale che abbraccia arte, musica e performance. Dove? In otto location d’eccezione, col T eatro Strehler e il suo Sagrato a mantenere il ruolo di “Hub” centrale. Abbiamo passato a raggi X tutta l’agenda e qui vi segnaliamo il meglio: F ilm im perdib ili: il cuore del festival. Ve ne parleremo più avanti, ma vi segnaliamo già Les rencontres d’après minuit (di Yann Gonzalez) già presentato con successo a Cannes durante la Semaine de la Critique; narra di un’orgia nel cuore della notte da cui strani individui ne usciranno denudati psicologicamente; The Eternal Return of Antonis Paraskevas (di Elina Psykou): rapimento inscenato da un celebre presentatore greco per sfuggire ai debiti


cinema.mtv I 04 SETTEMBRE 2013 FILM SU MTV

NEWS

RECENSIONI

NEWS

TRAILERS

MTV @ THE MOVIES

In collaborazione con:

Tutte le news e i gossip dal mondo del cinema

Milano si fa festival 4 settembre 2013

Domani al via la 18esima edizione: 11 opere prime e seconde in Concorso, la rassegna Colpe di Stato e l’omaggio a Sylvain George di Giulia Iselle

“Questo è l’anno dei 18, avevamo un budget limitato ma che ci ha permesso di comporre un bel panorama di sogni, frutto di un lungo anno di ricerca tra nuove produzioni, cinema indipendente, talenti emergenti e coraggiose cinematografie intenazionali” dice Alessandro Beretta presentando il Milano Film Festival ormai alle porte (dal 5 al 15 settembre). Il percorso dei due giovani direttori Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini li ha portati all’esame di maturità insieme al presidente dell’Associazione Esterni Beniamino Saibene che dichiara: “Abbiamo affrontato la crisi a testa alta, ci chiamano gli imprenditori della cultura e anche quest’anno abbiamo orgogliosamente fatto impresa, nonostante non ci sia arrivato il finanziamento dal Ministero (20 mila euro il contributo dello scorso anno). Anche quest’anno non è mancato il sostegno del Comune che, “da sempre al fianco del Milano Film Festival – conferma Filippo del Corno, Assessore alla Cultura – ha visto il rinnovamento generazionale costante, la crescita di affluenza degli spettatori, punto essenziale di un festival per il pubblico. Trasformando positivamente la stessa geografia urbana disegnando un arco attorno al Castello, il Festival si intreccia con la programmazione di MITO – Settembre e musica e con Le vie del cinema – Venezia e Locarno, per un settembre milanese a tutto cinema”.    Il programma prevede il consueto Concorso Lungometraggi, 11 opere prime e seconde di registi provenienti da ogni parte del mondo di cui ben otto realizzati da registe donne: The Eternal Return of Antonis Paraskevas di Elina Psykou, Best Work in Progress a Karlovy Vary 2012; Fifi Howls From Happiness dell’iraniana Mitra Farahani sugli ultimi mesi di vita del pittore Behman Mohassess; Habi, la extranjera, identità incerte nella Buenos Aires di María Florencia Álvarez; Terra de Ninguém della portoghese Salomé Lamas; Towheads della videoartista newyorkese Shannon Plumb, commedia sulle fatiche di una mamma contemporânea; il documentario Mirage à l’Italienne di Alessandra Celesia, vite alternative in una Torino dissanguata dalla crisi económica; il georgiano In Bloom di Nana Ekvtimishvili e Simon Groß, percorso di formazione di due ragazze all’indomani della caduta dell’URSS; Run & Jump di Steph Green, storia d’amore non convenzionale nell’Irlanda rurale. Poi ancora Ilo Ilo di Anthony Chen, vincitore della Camera d’Or a Cannes; Licks del giovanissimo Jonathan Singer­Vine eLes rencontres d’après minuit di Yann Gonzalez, presentato alla Settimana della Critica di Cannes 2013. Parallelamente il Concorso cortometraggi, 51 opere selezionate tra oltre 2000, e la rassegna Colpe di Stato che riflette sul sistema di potere nel mondo, dalla Corea alla Siria, dalla Palestina alle coste somale con The act of killing di Joshua Oppenheimer, prodotto da Werner Herzog, documentario sconcertante in cui gli assassini degli squadroni della morte indonesiani rimettono in scena i loro crimini per le telecamere; Dirty Wars di Rick Rowley, inchiesta di un reporter americano sull’uso dei droni nella politica estera dell’amministrazione Obama;Inequality for All di Jacob Kornbluth, che illustra la tesi di Robert Reich, ex segretario del lavoro per Bill Clinton, secondo cui la classe media è il più grave tra i danni collaterali del capitalismo. L’omaggio della XVIII edizione è per Sylvain George, autore di cinema politico e sperimentale di cui verranno presentati tutti i corti, due lungometraggi, Les Eclats e Vers Madrid, e un workshop che culminerà in un film collettivo.  Tra gli Outsiders e gli Eventi speciali, Closed Curtain di Jafar Panahi e Kamboziya Partovi, film sull’allontanamento forzato del regista iraniano dai set cinematografici, presentato a Cannes; Gore Vidal, the United States of amnesia di Nicholas Wrathall; The Rocket diretto da Kim Mordaunt, Best Narrative Feature Film al Tribeca Film Festival. In collaborazione con Amnesty International verrà proiettato Necesitas algo, nena? di Laura Chiossone in un incontro sul tema dei desaparecidos. Esperienza sensoriale per pochi, visti i posti limitati, la visione in odorama del classico anni 80 Labyrinth di Jim Henson.  Il Milano Film Festival lancia, in collaborazione con Banca Prossima, anche un progetto di produzione grazie al bando per la realizzazione di una serie web che racconti una  storia no profit, che “l’Istat – spiega l’ad Marco Morganti – ha confermato essere un segmento importante dell’economia italiana, il nuovo Welfare. Abbiamo voluto sostenere una produzione


CinemaItaliano.info I 05 SETTEMBRE 2013 Acquista i nostri DVD Film

Documentari

I più premiati

Uscite in sala

Home Video

Colonne Sonore

Festival

Libri

Industria

Maratona di corti animati per il Milano Film Festival Martedì  6  agosto  dalle  ore  21​.30​,  Cascina Cuccagna  ospita  una  maratona  di  cortometraggi d’animazione selezionati dalle passate edizioni del Milano Film Festival: quasi 3 ore di programma no­ stop per adulti e bambini a ingresso libero.

Man in a cat

In attesa  del  18°  Milano  Film  Festival  (in programma  dal  5­15  settembre  2013),  Cascina Cuccagna,  sede  ormai  tradizionale  anche  del milano film festivalino, l’evento del festival dedicato ai  più  piccoli  (con  proiezioni,  incontri  e  laboratori), offre l’occasione di una serata di cinema fuori dalle

sale, in un clima estivo e conviviale. Fra i numerosi corti selezionati per la maratona, storie tutte da ridere (come All Consuming Love (Man in a Cat) di Louis Hudson, Please Say Something di David OReilly, Solos di David Cobo, Grocery  Store Wars  di Louis Fox, Tate Hausman e Jonah Sachs, Thé noir di Serge Elissalde), storie d’amore un po’ speciali (come John and Karen di Mattew Walker, The Journey di James Caddick, Please Say Something di David OReilly), minithriller da lasciare con il fiato sospeso (Something Left, Something Taken di Max Porter e Ru Kuwahata, Bodega Bay School di Tobias Anderson),  supereroi  di  nuova  generazione  (The  Burning  Haus  di  Nils  Knoblich),  viaggi  fantascientifici  in  paesi lontani (Il pianeta perfetto di Astutillo Smeriglia). Durante la serata, sarà anche possibile acquistare l'abbonamento al festival che quest'anno, oltre a 11 giorni di proiezioni, eventi e concerti, offre numerose convenzioni e agevolazioni in diversi luoghi d'arte e cultura della città, consentendo di fruire – a costi ridotti ­ delle proposte culturali milanesi per tutta l’estate e fino alla fine del 2013 (tutti i dettagli e le convenzioni, su www.milanofilmfestival.it).

film per titolo


Milano 5 al 15 settembre al via la 2night I 05 SETTEMBRE 2013 diciottesima edizione Mi piace

1

Invia

Piccolo Teatro Strehler

VAL A MILANO

CINEMA A MILANO

Via Rovello 2, Milano (MI)

15:00

Articoli simili

ilm Festival A Milano

al 15 settembre al via la diciottesima edizione GIOVEDÌ 12 SET

Ouverture + Elita Bar Opening Dal 12 al 22 settembre GIOVEDÌ 12 SET

to Settembre Musica 2013

tembre. Milano e Torino. GIOVEDÌ 12 SET

nte 2013 A Sesto San Giovanni

ti di Agosto e settembre GIOVEDÌ 12 SET

L

5 Sep → 15 Sep

a città di Milano ospita il Milano Film Festival, che diventa maggiorenne arrivando alla sua diciottesima edizione.

Un Festival che racchiude al suo interno numerose rassegne come quella di Concorso Internazionale Lungometraggi, quello dei Cortometraggi e la rassegna fuori concorso Colpe di Stato. Nei numerosi giorni di proiezioni arriveranno in città più di cento mila visitatori che si dedicheranno alla loro passione per il cinema indipendente. I luoghi del Festival sono tanti, dislocati nel centro cittadino: il palcoscenico principale è il Teatro Strehler, sede delle proiezioni del concorso lungometraggi e cortometraggi, delle rassegne fuori concorso e de La scatola magica. All'esterno ogni sera intrattenimento con i dj set del festival. E poi: il Teatro Studio, il Parco Sempione (con lo schermo all'ape rto in Piazza del Cannone), l'Auditorium San Fedele, il Teatro dell'Arte alla Triennale, lo Spazio Oberdan, Cascina Cuccagna, l'ex Bazzi (distante dal centro città). Per la musica, oltre al sagrato dello Strehler, ecco i Parklive, osia concerti e dj-set in programma ogni sera al Parco Sempione. Per maggiori infromazioni sul programma completo (http://www.milanofilmfestival.it/daybyday_2013.php), con gli orari aggiornati, si rimanda ai seguenti contatti: E-mail: info@milanofilmfestival.it tel/fax +39 02 713613 Sito Ufficiale (http://www.milanofilmfestival.it) Mi piace

1

Invia

Tweet

0

Pubblicato il: 8/9/2013, ultima modifica 9/9/2013

0


Accedi

Accedi

Club

Forum

Alfemminile I 05 SETTEMBRE 2013

ALFEMMINILE.TV

ATTUALITÀ

BELLEZZA

Album

IN FORMA

Cerca

Blog

MODA

LUSSO

STAR

DONNE DI OGGI

Forum | Album | Messaggi | Test & Psiche | Cognomi | Giochi e Concorsi

Attualità

OROSCOPO

CUCINA

in

Attualità

OK

CASA

MAMMA

COPPIA

Vicino a te | Annunci immobiliari | Club |

Diventa fan

Home > Attualità > Tempo libero

Parte Milano Film Festival

NEWS ACCADE OGGI TEMPO LIBERO VIDEO ATTUALITÀ

I tuoi amici sono su alfemminile: scopri cos'hanno letto

TUTTI GLI ARTICOLI

Newsletter alFemminile la tua e­mail

ok

Top 5 degli articoli più votati Il diario di Carlos: una cena afrodisiaca per conquistare Dolci facili e golosi, dai brownies alla torta di mele Cecilia Tessieri: quando l'arte del cioccolato è donna Zen, romantico o sensuale? Scopri l'uomo ideale Violenza sulle donne: un confronto con l'Europa

Dirty Wars

Milano Film Festival, rassegna del cinema indipendente molto amata nel capoluogo lombardo, è diventato maggiorenne. È giunto infatti alla diciottesima edizione e propone anche quest'anno, dal 5 al 15 settembre prossimi, un cartellone ricco di film, cortometraggi e nuove forme della cinematografia indipendente.

Come sempre, le sezioni sono molte: il concorso Lungometraggi, quello dedicato ai Cortometraggi, la sezione Outsiders, con le proposte di documentari e film dallo sguardo non convenzionale, e la rassegna Colpe di stato, vera e propria "invenzione" di questo festival, che raccoglie i documenti e le testimonianze politiche dei nostri tempi. Sono molte le opere presenti da non perdere, da Gore Vidal: United States of Amnesia, documentario prezioso sulle opinioni dello scrittore americano recentemente scomparso e Inequality for all, dove Robert Reich, un noto economista americano e consulente del lavoro per Bill Clinton analizza la sempre crescente ingiustizia economica americana, in fatto di reddito e possibilità di sopravvivenza della classe media.  Sulla stessa scia, Dirty Wars di Jeremy Scahill indaga un episodio di violenza in Afghanistan, dove le colpe dei soldati americani vengono insabbiate per evitare scandali: un esempio di reportage d'inchiesta che ha fatto molto discutere negli USA, dove è stato presentato al Sundance Film Festival.

Da scoprire su alfemminile... Il ritorno delle attrici del passato: come sono diventate?

Quando le star diventano blogger

Foto/ Royal baby: fermento e attesa a Londra

Le novità televisive. Le serie tv 2013 / 2014 da non perdere

Zoom su… News Attualità

05/09/2013

Video

Le Femen nude a Venezia Towheads

Nel concorso dei Lungometraggi c'è da segnalare Towheads, vera e propria opera di auto­fiction dove l'artista Shannon Plumb, diventata mamma, realizza un film sulla sua vita, sconvolta dall'arrivo dei figli: il tentativo di riuscire a fare tutto ed essere tutto sarà più duro del previsto. Alessandra Celesia presenta invece il suo Mirage à l'italienne, indagine su un gruppo di italiani che sono disposti a tutto pur di trovare un nuovo lavoro, e una nuova occasione, in Alaska. Non tutto è però così roseo come nei propri sogni. L'ex esponente degli M83 Yann Gonzalez presenta invece un film già passato a Cannes, Les recontres d'après minuit, bizzarra commedia d'interni su un gruppo di persone che si ritrova per un'orgia di mezzanotte, con l'ex calciatore Eric Cantona e il figlio di Alain Delon. Oltre ai film, la musica: il Milano Film Les rencontres d'après minuit Festival organizza infatti Parklive, una serie di concerti gratuiti, tra cui quelli di Bugo e del King of Convenience Erlend Oye, nel Parco Sempione, a Milano.  L'offerta di film, formati diversi e iniziative è così ampia che vi rimandiamo al programma sul sito ufficiale della rassegna: milanofilmfestival.it .

alfemminile: 100mila fan su facebook

alfemminile in lizza per i MIA

Al Macef la Fiera digitale

Tutte le news Attualità alFemminile.com Like

102,244

il BLOG dello Staff di alfemminile.com alfemminile in lizza per i "Macchianera Italian Award" Care amiche e amici della


artribune I 05 SETTEMBRE 2013

TRIBNEWS DESIGN

TELEVISION DIDATTICA

MAGAZINE DIRITTO

CALENDARIO EVENTI

EDITORIA

FOTOGRAFIA

INAUGURAZIONI MERCATO

MUSICA

COMMENTI NEW MEDIA

TEATRO

TURISMO

BIENNALE 2013

Se il pubblico non va alla rassegna… la rassegna va sul NEWSLETTER web! Dieci film del Milano Film Festival in diretta streaming gratuita su MYmovies.it; tra i titoli l’amaro “Mirage à l’italienne” di Alessandra Celesia nome email

privacy policy iscriviti

Scritto da Francesco Sala | giovedì, 5 settembre 2013 · Lascia un commento 

Una scena dal “Mirage à l’italienne” di Alessandra Celesia

SONDAGGIO Qual è l'artista italiano contemporaneo più sottovalutato?  Gastone Novelli  Giuseppe Chiari  Pinot Gallizio  Pietro Consagra  Domenico Gnoli  Mario Schifano  Emilio Isgrò

Vabbè che la Lombardia non è l’Antartide e si raggiunge, volendo, piuttosto agevolmente. Ma non è detto che uno, per quanto cinefilo, abbia tempi e possibilità di farcela a seguire con puntualità il Milano Film Festival. Mettici poi che le pellicole proposte compiono ellissi che gravitano ben distanti dai multisala e il rischio di perdersi qualche colpo, e magari pure importante, è più che reale. Si rinnova dopo l’esperimento della passata stagione la partnership della kermesse con MYmovie.it, che da venerdì 6 settembre propone in streaming rigorosamente gratuito dieci tra i film protagonisti del festival. Uno al giorno, naturalmente in prima serata: buio in sala – pardon, in salotto! – allo scattare delle 21.30, con possibilità però di connettersi senza perdere nemmeno un frame entro sessanta minuti dallo scorrere dei titoli di testa. Potere del DVR… Si parte con il folle Midsummer Night’s Tango di Viviane Blumenschein, docu­film on the road che teorizza tra il serio e il faceto le origini scandinave del ballo più caldo che ci sia; e si chiude con quello che Werner Herzog ha definito “il film più spaventoso e surreale del decennio”. Trattasi di The act of killing, con cui Joshua Oppenheimerevoca la tragedia dimenticata del regime di Suharto. In mezzo due tra gli undici film in concorso: su tutti, in programma giovedì 12 settembre,

Vincenzo Agnetti

il Mirage à l’italienne di Alessandra Celesia. Una fuga di cervelli proletari, dalla Torino deindustrializzata all’Alaska, imprevista e imprevedibile frontiera che offre un miraggio di lavoro e riscatto. Trattasi dell’unico film italiano in gara, o meglio: dell’unico firmato da

Tano Festa

un regista italiano. Prodotto, drammatica ironia della sorte, in Francia…

Vota

http://www.mymovies.it/live/

Giosetta Fioroni

Visualizza risultati ARCHIVIO SONDAGGI

ARCHIVIO

­ Francesco Sala


Artslife I 05 SETTEMBRE 2013 i 1/3 PAGINE


Artslife I 05 SETTEMBRE 2013 i 2/3 PAGINE


Artslife I 05 SETTEMBRE 2013 i 3/3 PAGINE


LEGGE DIGITALE

PENNE DIGITALI

SOCIALMENTE DIGITALI

TRENDING TOPIC

News Le caratteristiche 2013 del nuovo Android 4.4. Al gusto di KitKat AssodigitaleBreaking I 05 SETTEMBRE

99 SECONDI TV

Android 4.4 sarà al g…

BYTES QUOTIDIANI

UFFICIALE: Il titolo di Transformers 4 sarà

LEGGI ANCHE

Partner

Smartphone simile al

Chi vende più

Giochi erotici, da oggi

Straordinaria bassa

PARTE IL MILANO FILM FESTIVAL 2013 DAL 5 AL 15 SETTEMBRE LA MOSTRA CINEMATOGRAFICA DI MILANO APRE I BATTENTI

settembre 04

� by Monica Gobbato

13:40 2013

� 0 Comments

Partner

Smartphone che

⌂ BACK TO HOMEPAGE

� Print This Article

SHARE AND ENJOY 1 Ieri 3  settembre  2013  e’  stata  presentata  a  Palazzo  Reale  la  XVIII  edizione

13

del Milano Film Festival (MFF) la mostra cinematografica di Milano. Share

I Direttori  Beretta  e  Rossini  hanno  precisato  che  durante  il  MFF  saranno

affiancati i film del Festival di Venezia (ora alla sua seconda settimana) e quello di Locarno. Milano per tutto il mese avrà aperte le Vie del Cinema. La  Mostra  si  apre  giovedì  5  settembre,  alle  20.30  con  la  proiezione  di  Run  and  Jump  di  Steph  Green,  in  concorso  nella categoria Lungometraggi, che prevede undici film in programma (di cui 8 diretti da registe donne).vI film saranno proiettati al Teatro Streheler, al Teatro Studio, alla Triennale al Parco Sempione, la Cascina Cuccagna, lo spazio Oberdan, l’auditorium San Fedele. Il Festival e’ suddiviso in diverse sezioni da quella dedicata ai più piccoli in collaborazione con Walter Disney ai documentari, ai corti, considerati forse i più accattivanti sotto un profilo di ricerca di nuovi autori e i lungometraggi. Negli 11 giorni saranno programmati più di 200 film. La  diciottesima  edizione  prosegue  il  percorso  iniziato  dai  due  direttori  Alessandro  Beretta  e  Vincenzo  Rossini,  che  anche quest’anno  curano  un  festival  attento  alle  nuove  produzioni  e  al  cinema  indipendente,  che  traccia  un  percorso  tra  le  più coraggiose cinematografie internazionali, raramente visibili in sala, tra anteprime e incontri con i talenti emergenti. Il festival è sostenuto dal Comune di Milano – Assessorato alla Cultura e dal Programma Media dell’Unione Europea, e ha ricevuto il patrocinio di Expo 2015. Tra i partner, confermano ancora una volta la partecipazione, il Gruppo CAP e Aperol Spritz. Ancora molti partner di prestigio, tra cui Alce Nero, MM Metropolitana Milanese e Vodafone.

PENSIERI DI CORSA


Blogosfere I 05 SETTEMBRE 2013 i 1/2 PAGINE Home

Cinema

Gossip

Le nostre interviste

Musica

Natale

Personaggi

Televisione

Tutti i temi

Milano Film Festival: date, programmi e dettagli della manifestazione giunta al 18° anno Giovedì 5 Settembre 2013, 08:33 in Cinema di Alessio Cappuccio Mi piace

2

Invia

1

Tweet

1

Commenti dei lettori

Arriva come ogni anno il festival del cinema del capoluogo lombardo, in contemporanea con la chiusura della più nota Mostra di Venezia

Blogosfe Like

Articoli Correlati

50 Rob sce

Conosciuto da molti non addetti ai lavori principalmente come l'evento mondano settembrino durante il quale si ritrovano gli hipster meneghini, il Milano Film Festival in realtà è un'interessante e sempre più importante rassegna di cinema indipendente. Annunci Google

L'ADSL di Telecom Italia Sei ancora indeciso? Solo con Tutto chiami tutti e navighi a 29€/mese telecomitalia.it/Tutto

Orari Film e Cinema Trova il Cinema più vicino a te su PagineGialle! PagineGialle.it/Cinema

Cerca Film Economici, sicuri, professionali Facili da trovare, download rapido iStockphoto.com/Film

50 atto pia

La kermesse organizzata da Esterni e realizzata in collaborazione con Aperol Spritz, Gruppo CAP, Alce Nero, MM Metropolitana Milanese e Vodafone prende il via proprio oggi fino al 15 di settembre.  

Mo 201 Min Pat

Molteplici le sedi in cui si svolgeranno le innumerevoli attività proposte da questa diciottesima edizione: il Teatro Strehler, il Teatro Studio, il Parco Sempione, Triennale ­ Teatro dell'Arte, lo Spazio Oberdan, la Cascina Cuccagna, l'Auditorium San Fedele e Area Ex Bazzi.

Mo 201 Err Joh

I direttori Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini, conformemente alla politica di promozione di talenti emergenti, presentano ben 200 pellicole che, come da programma, sono opere prime o seconde di nuovi artisti (per quanto riguarda i lungometraggi) o di registi under 40 (per i corti). Il Milano Film Festival è anche un progetto molto attento

50 atto son Cha

Articoli più letti


Blogosfere I 05 SETTEMBRE 2013 i 2/2 PAGINE

Le an de Sa

alle questioni di genere, dato che degli 11 film in concorso ben 8 sono firmati da donne, nonché al genere del documentario, riscoperto anche a Venezia; la sezione Colpe di stato, poi, dimostra l'attenzione all'attualità proponendosi infatti di indagare le anomalie e le derive del potere attraverso documenti filmici che ne evidenziano le dinamiche nefaste. Quest'anno è inoltre l'occasione per un omaggio a Sylvain George, fautore di un cinema sperimentale e politico, protagonista di una retrospettiva in cui verranno mostrati molti dei suoi corti e alcuni lunghi (tra cui Les eclats e Vers Madrid), nonché animatore del workshop Seize the time che avrà come scopo finale la produzione di un film collettivo sulla città di Milano.

50 att so Ch

Segnaliamo la sezione The Outsiders, in cui si potranno ammirare opere come Closed Curtain di Jafar Panahi, il regista iraniano condannato in patria agli arresti domiciliari, Upstream Color del cervellotico e inventivo Shane Carruth e infine The Act of Killing, l'incredibile documentario ambientato in Indonesia che rimette in scena i rastrellamenti politici avvenuti negli anni '60. Per le altre iniziative vi rimandiamo al programma ufficiale, ma vogliamo ricordarvi che ogni sera, forse per venire incontro a chi preferisce il suono alle immagini, per il festival musicale parallelo Parklive si svolgeranno concerti e dj­set al Parco Sempione

50 att pi

Raccomandati d

E' morto Mino messaggi dei 53 people reco

Michael Jacks misteri irrisol 4 people recom

Facebook social plu

Consigliati dall´au Da non perdere Seguici

Iscriviti ai nostri fee reale tutti i post pu

Annunci Google

Inglese ­ Test e Verifica www.wallstreet.it/test_inglese Scopri il tuo livello d'inglese! Test gratis, risultato immediato. Preventivo Tagliando Auto tagliandogaranziaattiva.midas.it Richiedi Gratis il Preventivo Per il Tagliando Auto!Tutto in 1 minuto L'Oréal ­ Capelli Sfumati www.loreal­paris.it/preference Effetto Sfumato naturale, luminoso. Prova subito il nuovo Préférence! Lavora con gli Animali Centro­europeo­formazione.it/ASA Assistente di Studio Veterinario: diventalo con i Corsi CEF! Info qui

In evidenza

Pr

Ag 80

IM

An Tr Im


Cinemaguidone I 05 SETTEMBRE 2013

Home

Cinema

Notizie

Serie Tv

Box Office

Milano Film Festival 2013 tra cinema, musica e incontri Pubblicato il settembre 5th, 2013 da valentina

Parte oggi, giovedì 5 settembre, la 18esima edizione di Milano Film Festival. La kermesse, che andrà avanti fino al prossimo 15 settembre, porta in città tanto cinema, musica e incontri con ospiti e registi internazionali.La manifestazione, a cura di Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini, presenta circa 200 opere in arrivo da tutto il mondo e come sempre darà spazio a giovani emergenti. Il programma prevede il consueto Concorso lungometraggi , aperto solo a opere prime e seconde di registi provenienti da ogni parte del mondo, e il tradizionale Concorso Cortometraggi, riservato invece a registi under 40, affiancati da sezioni fuori concorso, film in anteprima, ospiti, workshop ed eventi paralleli. Quest’anno il Milano Film Festival rende omaggio a Sylvain George, autore di cinema politico e sperimentale, di cui presenta i lavori in un’ampia rassegna. Tra le novità del 2013 è da segnalare la collaborazione con Novamont ed Ecozema, sviluppata per limitare l’impatto ambientale del festival: tutti i punti di ristoro utilizzeranno infatti stoviglie monouso biodegradabili e compostabili. I luoghi che ospiteranno le proiezioni e gli eventi sono come sempre il Teatro Strehler di Milano, con il suo Sagrato, il Teatro Studio e poi ancora il Parco Sempione, la Triennale di Milano – Teatro dell’Arte, lo Spazio Oberdan, la Cascina Cuccagna, l’Auditorium San Fedele e l’Area Ex Bazzi.


CINEMAITALIANO.INFO I 05 SETTEMBRE 2013 Acquista i nostri DVD Film

Documentari

I più premiati

Uscite in sala

Home Video

Colonne Sonore

Festival

Libri

Industria

film per titolo

Milano Scuola di Cinema e Televisione (at) Milano Film Festival Ancora  una  volta  la  Scuola  di  Cinema  e  Televisione  di Milano sarà ospite e parte attiva del Milano Film Festival per festeggiare la chiusura dell'anno scolastico 2012­13 e l'inizio del  nuovo  con  diverse  iniziative:  showcase,  proiezioni, presentazioni, un desk informativo e una vera e propria festa. Nella prospettiva di un crescente legame con il territorio, la Scuola  ha  riconosciuto  nel  Milano  Film  Festival  ­ profondamente  radicato  nel  tessuto  cittadino  ma  al  tempo stesso capace di aprirsi a quanto di più eterogeneo e vitale si  muove  nel  panorama  cinematografico  internazionale  ­  il partner ideale per  "fare rete", e per  presentare la propria attività offrendo agli studenti l'opportunità di mostrare i propri lavori e di confrontarsi con un vero pubblico.

SABATO 7  SETTEMBRE,  SCATOLA  MAGICA  DEL  TEATRO  STREHLER,  ORE  19  ­  CASE  HISTORY  DELLA CAMPAGNA VIOLENZA CONTRO LE DONNE La Civica Scuola di Cinema e Televisione nel 2013 è stata particolarmente impegnata sul fronte delle tematiche sociali. La violenza contro le donne è stato il fulcro di una riflessione condotta assieme a istituzioni e associazioni del territorio che si è  concretizzata in una campagna di sensibilizzazione rivolta al target dei giovanissimi (15­20 anni). La rete che si è costituita ha portato alla realizzazione di 5 spot in collaborazione con FP e FLC Cgil Milano, Casa di  Accoglienza  delle  Donne  maltrattate  di  Milano,  Telefono  Donna  di  Como,  Commissione  Pari  Opportunità  del Comune di Milano, associazione Uomini non più violenti, Ordine dei giornalisti, Accademia di Belle Arti di Brera. Gli studenti che hanno lavorato alla produzione, con il tutor Carlo Arturo Sigon e le pubblicitarie Carlotta Tessarolo e Arianna Pregagnoli, racconteranno il percorso che ha portato alla realizzazione degli spot. Condurrà l'incontro la giornalista Ira Rubini.

Links: » Big as Life » L'Uovo di Tesla » Waisting Swing » In un Mondo o nell'Altro » Civica Educazione » Radio Kaos ItaLis ­ Musica che Lascia il Seg » Elena Baucke » Cristina Crippa » Chiara Davanzo » Cristina Savelli » Cecilia Di Giulio » Gianmaria Sortino » Laura Filios » Laura Giuntoli » Elisa Giacalone » Milano Film Festival 2013

MERCOLEDI 11  SETTEMBRE,  SALA  GRANDE  DEL  TEATRO  STREHLER,  DALLE  ORE  17  ­  FESTA  DELLA SCUOLA  Una festa che riunirà allievi in corso, diplomati, docenti, staff, nuovi iscritti e ospiti con la proiezione dei lavori del terzo  anno  2012­13  in  una  varietà  che  vedrà  il  susseguirsi  di  film  saggio,  inchieste,  videopoemi,  animazione, documentari, trailer e corti, per una durata di circa due ore. Programma delle proiezioni: . "L'uovo di Tesla" di Elena Baucke ­ fiction/ animazione ­ Italia 2013, 6'55'' . "Big as Life" di Cristina Crippa, Chiara Davanzo, Cristina Savelli ­ doc,Italia 2013, 29'45'' . "U­move" di Andrea Parma, Giacomo Zanni, Elia Morra e Pietro di Bari ­ trailer ­ Italia 2013, 2'50'' . "I passi" di Riccardo Riccardi ­ fiction ­ Italia 2013, 7'45'' . "Waisting swing" di Cecilia Di Giulio ­ animazione ­ Italia 2013, 2'13'' . "Ladri di papere" di Leonardo Fallucca ­ fiction ­ Italia 2013, 8'49'' . "Echo" di Lorenzo De Angelis, Simone Pizzi, Riccardo Riccardi ­ trailer ­ Italia 2013, 0'31'' . "In un mondo o nell'altro" di Gianmaria Sortino ­ fiction ­ Italia 2013, 6'47'' . "Sweet memory will die" di Simone Pizzi ­ fiction ­ Italia 2013, 8'36'' . "Radio Kaos ItaLis ­ Musica che Lascia il Segno" di Laura Filios, Laura Giuntoli, Elisa Giacalone ­ inchiesta ­ Italia 2013, 7'41'' . "La Risacca" di Lorenzo De Angelis ­ fiction ­ Italia 2013, 6'55' . "'Collage" di Cristina Gnappi ­ cortometraggio ­ Italia 2013, 4'32'' . "Civica educazione" di Gianmaria Sortino ­ documentario ­ Italia 2013, 21'37'' MERCOLEDI  11  SETTEMBRE,  SCATOLA  MAGICA  DEL  TEATRO  STREHLER,  ORE  19  ­  INCONTRO: PRODURRE CON MILANO SCUOLA DI CINEMA E TELEVISIONE Un appuntamento nel corso del quale la Scuola racconterà le collaborazioni più significative dell'anno intraprese con Sky Arte, Pordenonelegge ­ Festa del libro e degli autori, l'Azienda Regionale Emergenza Urgenza (AREU) della  Lombardia  e  l'Ospedale  Sant'Anna  di  Como,  con  cui  è  stato  realizzato  il  documentario  118  anatomia  di un'emergenza. Infine la parola sarà data ai tre tutor "eccellenti" che hanno supervisionato il lavoro degli studenti del terzo anno: Alina Marazzi, Luca Lucini e Maurizio Nichetti. Alle 20 fuori tutti sul sagrato dello Strehler, per brindare alla chiusura dell'anno e al nuovo che arriva! SABATO 7 E 14 SETTEMBRE, SAGRATO DEL TEATRO STHRELER, ORE 17 ­ ORE 20.­ DESK INFORMAZIONI Per conoscere la Scuola, i suoi corsi e i suoi docenti. INGRESSO GRATUITO A TUTTI GLI EVENTI 05/09/2013, 14:43

IL SEGNO E LA VOCE IN DVD Acquista il road­movie nel mondo dell'arte di Nicola Nannavecchia VITA DA INES IN DVD Il film di Sandro Carnino e Giulio De Leo in esclusiva in home video! PUNTO 180 Gioco da tavolo creato e illustrato da Giacomo Doni, ispirato alla legge del '78 sulla chiusura dei manicomi.


gaiaitalia I 05 SETTEMBRE 2013

HOME

LA PAGINA DELLO ZIO BO

CINEMA & FESTIVAL

YOMAGAYZINE ITALIA

INTERVISTE

Home » CINEMA & FESTIVAL » Apre il Milano Film Fest, fino al 15 settembre

Apre il Milano Film Fest, fino al 15 settembre gaiaitalia.com - 5 September 2013 2 Like

Share

One person likes this. Be the first of your friends.

StumbleUpon

di Anna Flavia Locchi Milano ospita a partire dalle 20.30 del 5 settembre ilMilano Film Festival, altro appuntamento con il cinema della città meneghina, giunto alla sua diciottesima edizione. Numerose le sezioni, a partire dal Concorso lungometraggi, poi il Concorso cortometraggi, la sezione Grandi speranze e The Platinum Collection. Il Milano Film Festival, diretto da Alessandro Beretta eVincenzo Rossini, è molto amato dal pubblico milanese e seguito con interesse da stampa ed addetti ai lavori provenienti da tutta la penisola e dall’estero. Di seguito, il programma della serata d’apertura: CONCORSO LUNGOMETRAGGI Run & Jump Steph Green / DEU / 2013 / HD / 102´con presentazione della 18a edizione del Milano Film Festival 21:00 - SCATOLA MAGICA 18 ANNI THE PLATINUM COLLECTION / Le origini – vol. I (1996­2003)

21:00 - PARCO SEMPIONE CONCORSO CORTOMETRAGGI Gruppo A 21:00 -  SAGRATO THE FESTIVAL’S SOUNDTRACK Dj Set Tommaso Toma 22:45 - TEATRO STREHLER

GAIAITALIA EVENTI

Impossibile caricare il plug‑in.

CULTURA

search


Nam

Em

giltmagazine I 05 SETTEMBRE 2013 i 1/3 PAGINE

Milano Film Festival al suo 18° Prenderà il via stasera 5 settembre, l’edizione 2013 del Milano Film Festival, che proseguirà per undici giorni toccando i tradizionali luoghi-simbolo dell’evento: punti nevralgici saranno il Teatro Strehler con il Sagrato, il Teatro Studio al quale si affiancheranno il Parco Sempione, la Triennale di Milano – Teatro dell’Arte, lo Spazio Oberdan, la Cascina Cuccagna, l’Auditorium San Fedele e l’Area Ex Bazzi. Proprio quest’anno il festival compie diciotto anni, e in quest’occasione celebra la sua maggiore età proponendo una selezione tra le opere più belle fino ad oggi, simbolo delle passate edizioni. Da sempre evento fulcro per l’attenzione alle nuove produzioni e al cinema indipendente, la mostra presenta circa duecento opere, in arrivo da tutto il mondo, tra lungometraggi e cortometraggi. Per l’anno 2013, oltre alle tradizionali rassegne, in programma entrano interessanti e soprattutto attualissime

ED ITO R IA L E

I l ci ne m a è  un occh i o ape r to sul m ondo. C osì di sse  Jose ph  Be di e r ( scr i ttor e  fr ance se de ll’800)  e  così  lo r i pr e nde G i lt pe r  am m i ccar e  al suo nuovo lay out, ch e  lo ve ste  e i nonda di  un’aur e a nuovo, e  pe r  accogli e r lo a occh i ape r ti . R E AD M OR E


giltmagazine I 05 SETTEMBRE 2013 i 2/3 PAGINE

retrospettive, che toccheranno particolari e sensibili temi come il ruolo della donna nella società moderna, l’ambiente e la crisi globale.

@giltmagazine

L’happening ha un programma ben strutturato: il consueto CONCORSO LUNGOMETRAGGI, rivolto solamente alle opere prime e seconde di registi provenienti da tutto il mondo; il CONCORSO CORTOMETRAGGI, riservato a registi under 40, accompagnati dalla sezione fuori concorso; film in anteprima; ospiti; workshop ed eventi paralleli. Per la sezione LUNGOMETRAGGI sono stati selezionati undici film. Unico nome italiano Alessandra Celesia che presenta Mirage à l’Italienne: la pellicola è ambientata a Torino e tratta il delicato tema della crisi economica, della speranza ed il miraggio di poter vivere un’altra e nuova vita, grazie a un annuncio di lavoro all’estero. Durante il viaggio verso l’Alaska, i protagonisti hanno la possibilità di analizzare la propria individualità, inizialmente nella solitudine, successivamente confrontandosi col resto del gruppo. Les Rencontres d’après minuit di Yann Gonzalez, presentato alla Settimana della Critica di Cannes 2013, è una commedia francese dal gusto erotico. I protagonisti sono una giovane coppia e la loro governante travestita, intenti a organizzare un’orgia di mezzanotte. Molto ricercata la scelta sonora proposta dalla band M83, in cui lo stesso regista si è impegnato per diversi anni. Alla sua prima opera, la regista newyorkese Shannon Plumb, parla attraverso le immagini del rapporto madrefamiglia e madre-mondo: Towheads vede la regista stessa mettersi davanti alla macchina da presa, in cui mostra il ruolo di madre e al tempo stesso artista nella società contemporanea. Tra i CORTOMETRAGGI spiccano Peristalsi: il testamento di un amato defunto dei protagonisti, reinterpretato e recitato da questi ultimi come fosse una sceneggiatura teatrale. Per la regia di Enrico Iannaccone, già vincitore del David di Donatello 2013, che sarà presente al Festival. Don’t Fear Death di Louis Hudson, regista inglese,

B EST O F M

Narciso solitar virt RE A D

presenta una commedia di animazione, dallo humor nero. Il regista, oltre ad essere presente per il concorso, terrà anche un workshop proprio sulla tecnica dell’animation dal titolo “Paper in motion“. Grande esempio del genere new wave etiope è Chigger Ale (Here come the problems), diretto da Fanta Ananas, in cui propone un imitatore di Hitler alla ricerca di possibili amici in un locale. Molto toccante la RETROSPETTIVA OMAGGIO al cineasta Sylvain George che, attraverso la raccolta delle immagini dei suoi film, narra le storie di tutte quelle persone ignorate e invisibili alla società ed alla “massa”. Il tentativo di reagire al dolore ed alle violenze. Oltre alla proiezione di tutti i suoi cortometraggi, sono stati scelti due dei suoi lunghi: Les Eclats (ma gueule, ma révolte, mon nom) e Vers Madrid – The Burning Bright!, quest’ultimo musicato dal

Blink! Obiet RE A D

Occhiale a


giltmagazine I 05 SETTEMBRE 2013 i 3/3 PAGINE

vivo da John Butcher, per lo speciale evento Alive, They Cried: John Butcher su “Vers Madrid – The Burning Bright!”. Sempre protagonista, Sylvain George si vedrà impegnato in un incontro con un altro grande regista indipendente Stefano Savona, terminando la sua presenza col workshop “Seize the time”, in cui giovani filmmakers milanesi si cimentano

RE A D

N EWS

nella realizzazione di un film sulla città, dando uno sguardo sull’Italia contemporanea. Sulla crisi globale e sulla rivelazione della realtà complessa del sistema di potere nel mondo, è incentrata la rassegna COLPE DI STATO, in cui spicca il film Camp 14 per la regia del

Obama prome azione limitat altro Iraq [...]

tedesco Marc Wiese, alla sua première italiana. Nel suo lavoro, testimonianze reali di ex prigionieri fuggiti ai campi di lavoro, nella Corea del Nord. La sezione THE OUTSIDERS affianca, come ormai da tre anni a questa parte, le parti competitive in programma per il Festival, arricchendole di talenti emersi al termine delle selezioni. Opere inedite, senza distribuzione e in anteprima.

Saccomanni la «Se il governo rischio» [...]

Splendida e di grande effetto l’iniziativa “Adotta un regista”, accolta da più di cento cittadini milanesi che si sono offerti di dare ospitalità a tutti gli artisti internazionali che presenzieranno all’evento. Si tratterà di un’occasione unica e singolare per poter conoscere ed interagire, in prima persona, con i personaggi cardine di questo Festival.

Per aggiornamenti ed informazioni: www.milanofilmfestival.it info@milanofilmfestival.it

(di Giovanna Giacomin)

Orari Film e Cinema PagineGialle.it/Cinema Trova il Cinema più vicino a te su PagineGialle!

LASCIA UN COMMENTO L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *

Sito web

Email *

Commento

Giovannini: « fiscale da otto certezze alle im


BIGODINO I 05 SETTEMBRE 2013 i 1/4 PAGINE

Settembre 11:27

3

Seguici su

Il Milano Film Festival diventa maggiorenne: al via la nuova edizione!

rio,

film,

città,

ork

Dal 5 al 15 settembre 2013 Milano diventa la città del cinema indipendente e contemporaneo di Carlotta Di Falco

ua ne

re...

sta

ì: la Les rencontres dapres minuit - immagine da ufficio stampa ufficiale Milano Film Festival 2013

È ufficiale, il Milano Film Festival diventa maggiorenne e quest'anno celebrerà la sua 18esima edizione dal 5 al 15 settembre 2013. Il centro nevralgico del festival sarà come sempre il Teatro Strehler di Milano, con il suo Sagrato, e il Teatro Studio, al quale si affiancheranno il Parco Sempione, la Triennale di Milano, lo Spazio Oberdan, la Cascina Cuccagna, l’Auditorium San Fedele e l’Area Ex Bazzi, che si animeranno per 11 giorni di cinema, musica e incontri con ospiti e registi internazionali.


BIGODINO I 05 SETTEMBRE 2013 i 2/4 PAGINE

Habi la extranjera - immagine da ufficio stampa ufficiale Milano Film Festival 2013

Come ogni anno il festival avrà un occhio di riguardo per le nuove produzioni e per il cinema indipendente e presenterà in programma il CONCORSO LUNGOMETRAGGI e il CONCORSO CORTOMETRAGGI, riservato a registi under 40, affiancati da sezioni fuori concorso, film in anteprima, ospiti, workshop ed eventi paralleli. Tra i lungometraggi mi preme sottolineare la presenza di ben 8 registe donne su 11 film in gara, tra cui Mirage à l'Italienne di Alessandra Celesia, regista italiana che lavora in Francia, che racconta il miraggio di altre vite possibili in una Torino dissanguata dalla crisi economica.

Mirage a l'italienne - immagine da ufficio stampa ufficiale Milano Film Festival 2013

Nelle altre sezioni troverete l'omaggio a Sylvain George, autore di cinema politico e sperimentale, di cui presentano i lavori, la rassegna Colpe di stato , che si sofferma sulla realtà complessa del sistema di potere nel mondo, sempre attenta alla sperimentazione del linguaggio e alla documentazione del reale, le sezioni parallele quali The Outsiders, che presenterà anteprime, inediti, opere prive di distribuzione che rischierebbero di rimanere invisibili, VerniXage, che indaga il rapporto tra arte contemporanea e cinematografia e il tradizionale Focus Animazione, con la tradizionale maratona di cortometraggi al Parco Sempione.

Camp14 - immagine da ufficio stampa ufficiale Milano Film Festival 2013

Il festival dedica da sempre un'attenzione particolare alla musica, che allieterà tutti gli spazi coinvolti dal festival ogni sera, e all'ecologia. Di fatto, per limitare l’impatto ambientale del festival, tutti i punti di ristoro utilizzeranno stoviglie monouso biodegradabili e compostabili.


BIGODINO I 05 SETTEMBRE 2013 i 3/4 PAGINE

Un'altra iniziativa geniale è la campagna Adotta un Regista, che ha coinvolto oltre cento cittadini milanesi che offriranno ospitalità ai registi e artisti in arrivo a Milano da tutto il mondo. Il progetto permette a chi ospita un regista a casa propria non solo di conoscere da vicino i protagonisti indiscussi del festival, ma anche di avere accesso gratuito a tutti gli spazi e gli eventi del festival.

Towheads - immagine da ufficio stampa ufficiale Milano Film Festival 2013

Il Pappagallo: simbolo del MMF 2013, perché?

Boles - immagine da ufficio stampa ufficiale Milano Film Festival 2013

Aprendo il sito del MFF 2013 anche tu avrai notato che l'immagine di sfondo e simbolo dell'edizione di quest'anno è un gigantesco Pappagallo. Cosa c'entra un Pappagallo con il cinema? La risposta dell'organizzazione è curiosa e mi permetto di riportarla:

In bloom - immagine da ufficio stampa ufficiale Milano Film Festival 2013

"Perché è dada ed esotico, è avanguardia e popolare, è ‘non deve esserci per forza una ragione’ e ‘tutto purché ci sia un motivo’...il pappagallo gode di una fama ambigua: è un animale testardo, ripetitivo e ridondante. O forse, come ci piace pensare, è persistente. Questo festival è persistente, noi tutti che lo facciamo da 18 anni (chi più chi meno) lo siamo. Persistiamo nella ricerca del nuovo, anche se il vecchio offrirebbe porti più sicuri. Insistiamo e cantiamo, fieri dei nostri mille colori, anche se intorno ci dicono che non è tempo per cantare. Parole come crisi, razionalizzazione delle


BIGODINO I 05 SETTEMBRE 2013 i 4/4 PAGINE

risorse, taglio, congiuntura, contrazione, ridimensionamento… Uccellacci e corvi veri o presunti tra i quali bisogna imparare a destreggiarsi. Per forza, mai come quest’anno. Allora persistiamo e cantiamo in mezzo alla città. Facciamo sempre quel verso, ripetitivo ma necessario: Il cinema è un atto pubblico, il cinema è un atto pubblico, il cinema è un atto pubblico…. Felici, come pappagalli".

Upstream color - immagine da ufficio stampa ufficiale Milano Film Festival 2013

Adesso è chiaro? Per tutte le info visitate il sito del Milano Film Festival, buon divertimento!!


Cerca Cerca nel sito

CONDIVIDI

Repubblica Spettacoli

HOME MUSICA TEATRO/DANZA CINEMA REPUBBLICA.IT I 05 SETTEMBRE 2013 i 1/2 PAGINE EVENTI E BIGLIETTI

Mostra di Venezia 2013 TvZap

ON STAGE

Festival estate

Teatro e Opera 2014

TELEVISIONE Crepe Suzette

Repubblica XL

Trovacinema

Impossibile caricare il plug‑in.

Sei in: Repubblica >

Spettacoli >

Cinema > Al via il Milano Film festival molto social e anticrisi

CINEMA

Al via il Milano Film festival molto social e anticrisi 0

di SIMONA SPAVENTA Mail

Stampa

Lo leggo dopo

0 Pinterest

Aggiornato il 05 settembre 2013 Pubblicato il 05 settembre 2013

In gara nella manifestazione milanese film e documentari del cinema indipendente: dal film "Dirthy war" sulle guerre degli americani a "llo llo" di Anthony Chen, Camera d'Or a Cannes.

ARGOMENTI:

cinema

La crisi greca di oggi e quella asiatica del 1997, i droni americani che colpiscono di nascosto e la rivolta degli indignados. Guarda all'oggi con gli occhi del cinema indipendente e d'autore il Milano Film Festival, la più giovane e "in" delle rassegne milanesi che, allo scoccare della maturità  ­  la 18ª edizione si svolge dal 5 al 15 settembre  ­  non rinuncia alla sua vocazione mondana, "social" e volutamente anti­ cinefila, con le proiezioni al Teatro Strehler e al Parco Sempione affiancate da concerti e dj set e i filmmaker ospiti nelle case dei milanesi con la originale formula anticrisi "Adotta un regista". 


REPUBBLICA.IT I 05 SETTEMBRE 2013 i 2/2 PAGINE

"Ilo ilo"

Le piaghe del presente. Ma sa anche mettere il dito nel profondo delle piaghe del presente. Il crack economico e le sue conseguenze sui microcosmi soprattutto familiari sono al centro di tre degli undici lungometraggi in concorso, tutti di talenti esordienti e otto firmati da donne. Il più atteso, già premiato con la Camera d'Or a Cannes, è Ilo Ilodi Anthony Chen sullo sgretolamento di una famiglia medio borghese nella Singapore dello sboom finanziario del 1997.  L'unica italiana. La Grecia attuale e le sue sofferenze passano invece attraverso la vicenda paradossale di The Eternal Return of Antonis Paraskevas di Elina Psykou, dove un conduttore tv in declino per salvare la carriera simula il proprio rapimento, mentre, unica italiana ma sintomaticamente prodotta in Francia, Alessandra Celesia inMirage a l'italienne tra documentario e fiction segue cinque disoccupati che per rifarsi una vita rispondono a un annuncio di lavoro che li porterà in Alaska. 

"Dirthy war"

La guerra. Sconvolgente, nella sezione di documentari di inchiesta "Colpe di Stato",Dirty Wars del reporter americano Richard Rowley che smaschera l'omertà e l'ipocrisia dell'amministrazione Obama sull'uso dei droni, mentre ci sprofonda in un orrore del passato senza punizione The Act of Killing, diretto da Joshua Oppenheimer e coprodotto da Werner Herzog: qui, i criminali di guerra che nell'Indonesia degli anni '60 sterminarono gli oppositori al regime di Suharto mimano senza remore le torture che inflissero alle vittime. Attesissimo fuori concorso è Closed Curtain, il nuovo film di Jafar Panahi, realizzato clandestinamente dal regista iraniano agli arresti domiciliari in patria, in anteprima italiana dopo il debutto a Berlino. Tutta da scoprire anche la retrospettiva, dedicata al francese Sylvain George: regista poeta e politicamente impegnato, ha filmato in un bianco e nero visionario d'impatto la tragedia dei migranti (inLes Eclats, miglior documentario l'anno scorso a Torino) e le manifestazioni degli indignados in Spagna (in Vers Madrid).


MELTY I 05 SETTEMBRE 2013 i 1/2 PAGINE RUBRICHE

TOP NEWS

Login Cerca...

Iscriviti

Login

CINEMA

Iscriviti

I MIEI ABBONAMENTI Cerca un dossier...

CINEMA

Robert Pattinson

Ian Somerhalder

James Franco

Festival Venezia 2013

Seleziona i dossier sugli argomenti che ti

X

interessano utilizzando il motore di Milano Film Festival 2013 al via, contro la sindrome di Berlino ricerca in alto, o scegliendo tra i top

dossier del momento. Li trovi nella lista Di Nicola (NicolaAccardo)

37 minuti fa

qui sotto

“Basta dire che a Berlino è tutto più bello, da noi le famiglie milanesi ospitano a casa propria i registi del Milano Film Festival”: le parole dell'assessore alla cultura milanese Del Corno danno il la alla kermesse che compie 18 anni.

I MIEI CONTATTI Trova un amico

Milano Film Festival, ovvero il Festival dei registi esordienti. “Ma non chiamatalo più il festival dei giovani”, precisa Vincenzo Rossini, 29 anni, che insieme ad Alessandro Beretta, 34, dirige il MFF da tre edizioni. Ormai il festival è adulto, e infatti compie 18 anni. Nonostante l'assenza di contributi da parte del Ministero (20mila euro l'anno scorso), il Festival attira fior fior di sponsor, perché a Milano rappresenta un evento unico: il cinema indipendente di qualità invade gli spazi più importanti della città, dalla Cascina Cuccagna al Teatro Strehler (quest'anno è partner anche la Triennale), il festival indie­rock Park Live in Parco Sempione fa da corollario e porta a Milano persino Erlend Oye dei Kings of Convenience, intento a comporre brani in italiano.

MFF

GUARDA LE 10 FOTO DELL'ARTICOLO

Il festival colora la città che vive una nuova estate, per gli hipster meneghini è una medicina contro la “sindrome di Berlino” (cit. Filippo Del Corno),

che li porta a dire sempre che a Berlino è tutto più bello. Per tutta risposta, ecco i registi gratis ospiti da famiglie milanesi, e quintali di cibo, posate e stoviglie bio per ospiti e pubblico. Si

14 i


MELTY I 05 SETTEMBRE 2013 i 2/2 PAGINE

comincia stasera allo Strehler, dalle 20: 30, con il primo lungometraggio in concorso: 'Run and jump' dell'americans Steph Green, mentre sul sagrato del Teatro i dj set cominciano fin dalle 18: 30.

'Les rencontres d'après minuit'

GUARDA LE 10 FOTO DELL'ARTICOLO

Che cosa vedere in questo festival? I due direttori, che hanno scelto tra registi esordienti al primo o al secondo film (per i corti la regola è invece che bisogna essere under 40), ne consigliano tre in particolare: 'Ilo Ilo' (Singapore), già premio per la miglior regia a Cannes 2013, 'Mirage à l'italienne', film italiano ma prodotto in Francia (come sottolinea il titolo), che narra di torinesi che decidono di sbarcare il lunario in Alaska pulendo il pesce; 'The eternal return of Antonis Paraskevas', che narra le vicende di un presentatore tv greco; 'Les rencontres d'après minuit' (Francia), una pseudo­orgia diretta da Yoann Gonzalez, ex M83, duo electro­pop francese consacratosi nel 2012 con 'Midnight Cities', che cura le musiche del film. Il filo conduttore: la ricerca di identità in tempi di crisi economica. “E in tempi di crisi”, scrivono i direttori nella guida del Festival, “i registi non rinunciano al sogno numero uno, il cinema”. Quello vero, genuino, nato da idee e persone, non da progetti commerciali. Proprio come succede a Berlino. Per questo melty.it ci sarà, e vi augura un eccellente Milano Film Festival!


Quotidiano.net I 05 SETTEMBRE 2013 HOME

SPORT

MOTORI

DONNA

LIFESTYLE

SPETTACOLO

TECNOLOGIA

IMPRESE

PROMOZIONI

5 settembre 2013 Milano Film Festival 2013

Da oggi fino al 15 settembre

Il Milano Film Festival compie 18 anni. Mentre è in corso una delle kermesse cinematografiche più importanti al mondo, il Festival di Venezia 2013, nel capoluogo lombardo prende il via oggi la rassegna di film di giovani registi e cinematografie emergenti. Fino al 15 settembre, in otto location prescelte, una programmazione ricca di lungometraggi, corti, documentari e cinema d’animazione animerà la città portando al centro della scena internazionalità, cultura e colore. Organizzato dal gruppo Esterni, il Milano Film Festival 2013 conferma le due sezioni competitive: quella dei lungometraggi, costituita da undici opere, e quella dei corti, riservata a registi under 40 provenienti da ogni parte del mondo. Molto interessante sarà la sezione dedicata ai titoli più originali “The Outsiders” e, per il terzo anno consecutivo, con “VerniXage” si indagherà sulla connessione tra arte contemporanea e cinema. Grande novità di questa diciottesima edizione della kermesse sarà l’iniziativa “Adotta un regista” ovvero un progetto di accoglienza alternativa che ha coinvolto oltre cento cittadini milanesi che per tutta la durata del Milano Film Festival offriranno ospitalità a registi e artisti in arrivo da tutto il mondo. Oltre alle 200 pellicole in programma tanti saranno gli eventi collaterali dalla musica, nella cornice suggestiva di Piazza del Cannone, nel cuore del Parco Sempione, fino ai workshop. Ecco il programma completo del Milano Film Festival 2013: www.milanofilmfestival.it Cinema, Manifestazioni, Spettacoli, Tempo libero

© PBB S.r.l. 2009 ‐ P.I. 04790700969 ‐ Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 ‐ Cap. Soc. €20.000,00 i.v. ‐ REA CCIAA MI 1773162 Sede Legale: Via Brunetti 9 ‐ 20156 Milano ‐ Sede Operativa: Via L. Alamanni 16/2.3 ‐ 20141 Milano Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti. Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.


touringclub I 05 SETTEMBRE 2013 Cerca Associarsi

Iniziative

Eventi

News

Club

Riviste

Convenzioni

Milano Film Festival Mi piace

0

La 18° edizione di Milano Film Festival si terrà quest'anno dal 5 al 15 settembre 2013.

ospiti e registi internazionali.

Centro nevralgico del festival sarà come sempre il Teatro Strehler di Milano, con il suo Sagrato, e ilTeatro Studio, al quale si affiancheranno il Parco Sempione, vera e propria piazza del festival, e altri luoghi in città, che si animeranno per 11 giorni di cinema, musica e incontri con

La diciottesima edizione prosegue il percorso iniziato dai due direttori Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini, che anche quest’anno curano un festival attento allenuove produzioni e al cinema indipendente, che presenta circa 200 opere per tracciare un percorso tra le più coraggiose cinematografie nazionali, raramente visibili in sala, tra anteprime internazionali e incontri con i talenti emergenti. Il programma prevede il concorso lungometraggi, aperto solo a opere prime e seconde di registi provenienti da ogni parte del mondo, il tradizionale concorsocortometraggi, riservato a registi under 40, la seconda parte di Italia 80, la retrospettiva dedicata al cinema italiano degli anni ottanta (tra i maggiori successi dell'edizione 2012), con proiezioni, ospiti e lezioni di cinema; la nona edizione della rassegna Colpe di Stato, che indaga il sistema di potere nel mondo, The Outsiders(che raccoglie anteprime e eventi speciali), il Focus Animazione con la tradizionale maratona di corti al Parco Sempione, un focus dedicato al cinema che racconta l'ambiente, l’appuntamento per i più piccoli con il milano film festivalino, gli appuntamenti di musica con i concerti sul Sagrato, workshop e masterclass per professionisti e per il grande pubblico.

INFO Telefono: 02/713613 Sito web I soci del Touring Club potranno acquistare l'abbonamento al Milano Film Festival, valido per tutte le proiezioni e gli eventi in programma, al prezzo convenzionato di 35 € invece di 45/55 €. È possibile effettuare l'acquisto sul sito www.milanofilmfestival.it e ritirare il pass presso l'infopoint del festival in Largo Greppi, a partire dal 3 settembre, presentando la tessera TCI.

Prenotazioni

Vacanze


touringmagazine I 05 SETTEMBRE 2013

Notizie 2012

Inizia il Milano film festival, una vetrina sulla creatività globale di Barbara Gallucci | Fotografie di /

Dal 5 al 15 settembre il capoluogo lombardo ospita la rassegna cinematografica che si conferma tra le più fresche del panorama italiano. Decine di proiezioni al parco Sempione e al teatro Strehler, ma anche lezioni aperte, musica e spazi pubblici trasformati in vivaci salotti della cultura internazionale. E le belle scoperte non mancano.

La maggiore età è un punto di svolta. Anche se a raggiungere i 18 anni è una manifestazione cinematografica. È il caso del Milano Film Festival, appuntamento che dal 5 al 15 settembre trasforma il capoluogo in un epicentro culturale internazionale, con decine di registi, sceneggiatori, appassionati che accorrono da tutto il mondo alla ricerca di nuove ispirazioni creative legate alla settima arte.Cuore pulsante della manifestazione il teatro Strehler e il suo sagrato che diventa una piazza dove rilassarsi e confrontarsi. Altre sedi di proiezioni il teatro Studio e il parco Sempione che, la sera, ospita anche djset e concerti, lo spazio Oberdan, il teatro dell'Arte in Triennale e all'auditorium San Fedele.

Nuove produzioni e cinema indipendente, anteprime internazionali e talenti emergenti. Queste le carte vincenti di un festival che non punta sul glamour, ma sulla sostanza con circa 200 opere presentate suddivise in varie categorie. Ci sono ilungometraggi in un corcorso aperto solo a opere prime e seconde di registi da ogni dove, ci sono i cortometraggi con un altro concorso riservato agli under 40. E poi ancora la seconda parte della rassegna Italia 80 dedicata al cinema italiano di quel periodo, e poi ancora le proiezioni del ciclo Colpe di Stato che indaga le forme di potere, il focus sull'animazione con la maratona di corti al parco Sempione e quello sull'ambiente. Da non perdere per i più piccoli il Milano film festivalino con proiezioni ad hoc e tante attività. Un programma fittissimo che inizia la mattina e prosegue fino a tarda notte per una full immersion straordinaria che cambia molto anche il volto della città che si scopre aperta ed estremamente comunicativa. Sono disponibili abbonamenti per tutti gli eventi e le proiezioni a 45 euro, ma i soci del Touring club italiano potranno acquistarlo sul sito del festival al prezzo convenzionato di 35 euro (ritiro abbonamento dal 3 settembre all'infopoint in largo Greppi 1, nei pressi del teatro Strehler, presentando la tessera). Difficile rimanere insensibili al richiamo del cinema, soprattutto se di qualità e oure conveniente.


Vocidimilano_La stampa I 05 SETTEMBRE 2013 i 1/2 PAGINE

Home Page

Consiglia

News

|

0

Tweet

0

Multimedia

|

|

Chi siamo

0

|

Scuola di giornalismo

MULTIMEDIA

05.09.2013 ­ CINEMA

FOTOGALLERY

Milano Film Festival, 18 anni di cinema d’autore

Un giorno all'Accademia Teatro alla Scala

VIDEO

Buon compleanno America: il 4 luglio a Milano

VIDEO

Per un pugno di cavie

Twitter di mag | zine

Intervista al direttore Alessandro Beretta: «Film e cortometraggi per fare cultura parlando al cuore di tutti» GIOVANNI NACCARELLA (MAGZINE)

Undici giorni di cinema, musica e incontri con registi internazionali. Anche quest’anno il Milano Film Festival, ormai giunto alla diciottesima edizione, anima le vie del centro tra il Teatro Strehler e Parco Sempione, regalando ai milanesi un’occasione unica di incontro con nuove produzioni e cinema indipendente. Dal 5 al 15 settembre, circa 2oo opere in arrivo da tutto il mondo daranno vita al festival organizzato dall’Associazione Esterni, tracciando un percorso tra le più coraggiose cinematografie internazionali. Un concorso di lungometraggi e uno di cortometraggi, l’omaggio a

Scuola di giornalismo dell’Univ

Sylvain George e la rubrica “Colpe di Stato”, la musica di Parklive e tanto altro. Come racconta il direttore del festival Alessandro Beretta, «uno spettacolo di cultura che offre angoli di immaginario a tutta la città». Che occasione di approfondimento culturale ha rappresentato negli anni il Milano Film Festival e quali saranno le novità dell’edizione 2013? «Il Milano Film Festival quest’anno diventa maggiorenne perché è arrivato ormai alla diciottesima edizione, una grande occasione per guardare al percorso fatto e dire chi si è. Riproporremo i cortometraggi che hanno fatto la storia del festival, oppure lavori di registi arrivati al grande cinema. Come offerta culturale per la città, negli anni abbiamo indagato piani storici poco noti e al contempo portato alla ribalta registi vicini al nostro modo di essere, quello di un piccolo festival indipendente e d’autore. Due registi in particolare sono Terry Gilliam, impegnato a Venezia proprio in questi giorni, e Jonathan Demme, arrivato poi fino all’Oscar. Tutte voci indipendenti ma dal percorso autoriale ben riconoscibile. Quest’anno la novità è il focus curato da Paola Piacenza su Sylvain George, filmaker francese molto attento ai problemi dell’immigrazione in Europa. Il suo cinema politico documenta la rivolta, la ripresa di coscienza della società civile. È un cinema poetico, in grado di far politica con passione». Come è cresciuta in questi anni la manifestazione e quale l’idea originaria da cui è nato tutto? «Tutto è nato da un volantino, da un bando di concorso che trovai per caso in una chiesa quando avevo sedici anni. È partito tutto da zero, da un’associazione culturale di amici neanche ventenni. E in diciotto anni sono cresciute voglia di fare e mezzi, per cui ormai rispetto agli inizi siamo su un altro pianeta. Per trasformare il festival sono stati decisivi il contributo della città e il desiderio di scoprire talenti. Sia nel campo dei lungometraggi, dove offriamo solo opere prime di giovani registi, sia per quanto riguarda l’ambito dei cortometraggi. L’idea di fondo è quella di un festival rivolto a tutta la città e non solo a professionisti e cinefili. Assecondando lo spirito di Esterni, l’associazione che realizza il festival, creiamo cultura all’interno dello spazio pubblico. Utilizzare il Teatro Stehler per fare cinema è un esperimento curioso,

Master in Giornalismo ­ Università Cattolica di Milan

Chi siamo


Vocidimilano_La stampa I 05 SETTEMBRE 2013 i 2/2 PAGINE

proiettare film in Parco Sempione è un modo per reinventare uno spazio poco valorizzato. Quest’anno tra i partner c’è anche la Triennale che va a completare questo ideale quartiere del cinema in cui, per undici giorni, tutti gli spettatori possono passeggiare in pieno centro a Milano». In che modo è stato ed è tutt’ora possibile portare avanti un’iniziativa come il Milano Film Festival tra costi di gestione e scoperte sul piano artistico e culturale? «Il contributo del Comune di Milano è fondamentale e, anche se quest’anno non è ancora stato approvato a bilancio, l’Assessore alla Cultura Del Corno si è detto fiducioso sulla possibilità di rinnovare il sostegno già fornito al festival negli ultimi anni. Siamo una manifestazione ibrida a livello di finanziamenti, per cui è decisivo anche il contributo dei privati: questo appoggio è diminuito per colpa della crisi che investe persino la cultura, però ci sono tanti finanziatori entusiasti e gente che ci crede. Altrimenti una manifestazione come il Milano Film Festival andrebbe ridotta drasticamente e perderebbe qualità nella ricerca di opere e autori. Durante l’anno come organizzatori seguiamo vari film sulle piattaforme riservate ai professionisti. Per ragioni di budget prescindiamo da alcune rassegne d’oltreoceano, però frequentiamo i festival di Cannes, Berlino e Rotterdam. È determinante la passione di chi realizza il Milano Film Festival: il nostro team è composto solo da under 40 e si spende giorno e notte perché crede che il gioco valga la candela». Quest’anno quali normi impreziosiranno i giorni del festival? Quali le cifre dell’evento e quali le prospettive culturali che la manifestazione si propone di aprire? «Le cifre le capiremo alla fine e dipenderanno anche dalla clemenza del meteo. L’anno scorso il pubblico è aumentato ancora, arrivando a quota 110 mila presenze tra sale ed eventi esterni. Tra le serate a margine della manifestazione quest’anno spicca Park Live, una serie di esibizioni musicali gratuite al Castello Sforzesco. Tornando al cinema, invece, ci saranno vari ospiti importanti, e in particolare, parlando di lungometraggi, un titolo che ci rende orgogliosi è “Ilo Ilo” di Anthony Chen. È un film che ha recentemente vinto a Cannes come miglior opera prima, e il regista ha deciso di portarlo anche a Milano perché è qui che sono stati lanciati i suoi primi due cortometraggi. Segnalo anche “Fifi Howls From Happiness”, documentario dedicato a un pittore iraniano che dopo trent’anni rinasce grazie all’incontro con una giornalista. Questo è il genere di storie che ci interessano: non bastano innovazione e linguaggio scenico, occorrono angoli di immaginario da mostrare al pubblico. Quell’immaginario che in una società come la nostra viaggia lungo autostrade, per una volta segue belle strade provinciali».

Annunci PPN 

Fai di LaStampa la tua homepage

P.I.00486620016

COPYRIGHT 2011

Per la pubblicità

Scrivi alla redazione

Gerenza

Stabilimento

Sede


Vogue.it I 05 SETTEMBRE 2013 i 1/2 PAGINE

Milano Film Festival 2013 Inaugura oggi la rassegna cinematografica di Milano: temi forti (la

crisi economica) accanto a documentari d'inchiesta ed eventi musicali

sessione del giorno

Mirage à l'italienne

Photo courtesy of press office

ollywood

ondra

ew York

Short News

es Events

avvero Troppo da Vogue

ue Arts

pleanno del giorno

nda del Weekend

ettes

ue Features

I Vogue It (0)

Condividi

0

L'autunno del grande cinema non è concluso. Mentre Venezia brilla delle ultime luci della kermesse del Lido, oggi prende il via (e durerà fino al 15 settembre) il Milano Film Festival. Arrivato ormai alla sua 18esima edizione, il MFF si conferma ancora una volta come un palcoscenico privilegiato per scoprire nuovi talenti: in concorso, nella sezione lungometraggi sono infatti ammesse solamente opere prime  o seconde e, nella sezione cortometraggi, genere cinematografico a cui il MFF ha sempre guardato con particolare attenzione, le opere devono essere rigorosamente realizzate da registi under 40.  Un festival incredibilmente ricco, quello di questa nuova edizione, che presenta circa 200 opere (tra concorso, fuori concorso e film in anteprima) e che si vuole affermare, sempre di più, per esplicita scelta dei d ue direttori Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini, come vetrina per le nuove produzioni e per il cinema indipendente.   Un festival che, soprattutto, si configura come una notevole eccezione rispetto al solito predominio maschile nelle kermesse cinematografiche: degli 11 lungometraggi in concorso all'edizione 2013, ben 8 sono opera di registe donne. Film coraggiosi che non hanno paura di mettere a nudo l a realtà a volte scomoda, nella maggior parte dei casi "quasi scandalosa", della crisi economica come nel caso di Alessandra Celesia che, con Mirage à l'Italienne, parla esplicitamente di una Torino nel pieno della recessione o The Eternal Return of Antonis Paraskevas di Elina Psykou che affronta più che di petto la crisi greca. Accanto ai lungometraggi e ai

fullscreen


Vogue.it I 05 SETTEMBRE 2013 i 2/2 PAGINE

cortometraggi(davvero tutti imperdibili e che vanno da Fatigués d'être beaux con Denis Lavant a Chigger Ale, opera rappresentante della new wave etiope), sarà dato ampio spazio anche alla sezione documentaristicatutta incentrata sul tema ­difficilissimo da trattare­ del sistema di potere nel mondo (sezione dal titolo emblematico di Colpe di Stato). All'interno della rassegna troverà inoltre spazio un omaggio al regista Sylvain George grande rappresentante del cinema  politico e sperimentale. Non solo cinema visto però: dal 5 al 15 settembre molti saranno i workshop che animeranno la rassegna tra cui segnaliamo il workshop Seize the time che culminerà in un film collettivo sulla città di Milano (qui il programma completo del festival). Anche per questo 2013 si riconferma il legame tra il MFF e la Milano Scuola Di Cinema E Televisione: per festeggiare la chiusura del l'anno scolastico 2012­2014 e celebrare l'apertura del nuovo cicli di sudi la Scuola di Cinema e Televisione parteciperà attivamente al festival con showcase, presentazioni, proiezioni in esclusiva per una serie di eventi che culminerà nella grande Festa della scuola mercoledì 11 settembre alla sala grande del teatro Strehler (qui il programma completo). Cinema sì, ma anche tanta musica: per tutta la dur ata del festival verrà creato un "presidio serale" con dj­set sul Sagrato del Teatro Strehler e soprattutto prenderà il via il festival Parklive, con esibizioni live tutte le sere alle 18.30 al Parco Sempione (realizzato grazie al sostegno di Jack Daniel's e curato da I Distratti). L'edizione 2013 del festival, sostenuto dal Comune di Milano – Assessorato alla Cultura e dal Programma Media dell'Unione Eu ropea, sarà realizzato grazie alla partnership con  il Gruppo CAP e Aperol Spritz, Alce Nero, MM Metropolitana Milanese e Vodafone. Tra i media partner della 18° edizione anche Sky Arte HD e MYmovies.it, che dal 6 al 15 Settembre, trasmetterà ogni sera alle ore 21:30 gratuitamente una selezione dei lungometraggi del festival.

vogue.it


Whipart.it

giovedì 05 settembre 2013 | Cerca

Whipart I 05 SETTEMBRE 2013

Biblioteca

|

Mappa

|

TeatriM

Chi Siamo

|

Home | Arte | Cinema | Letteratura | Musica | Moda & Lifestyle | Teat Milano Film Festival 2013 Silvia Romeo ‐ 05.09.2013 Share Share Share Share Share Share More

0

Tags: Milano Film Festival, diciottesima edizione, Esterni Torna dopo diciotto anni consecutivi il Milano Film Festival, dal 5 al 15 Settembre.Tante le novità, per un cinema forte e indipendente, popolare e d'avanguardia.

Gli ultimi c

Commenta qu

Città: Milano ‐ P dal: 08‐09‐2013

ORDINE e DISOR Città: Gallarate dal: 14‐09‐2013

JAZZ, VINO E CO A BOLGHERI Città: Bolgheri ‐ dal: 06‐09‐2013 I diciotto anni sono un'età simbolica, un'età di maturazione, un passaggio obbligato che comporta sempre novità. Il Milano Film Festival diventa maggiorenne proprio quest'anno e torna dal 5 al 15 Settembre ad animare il capoluogo lombardo! Prodotto da Esterni, sotto la direzione artistica di Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini, avremo il piacere di vedere nuove produzioni di talenti emergenti, raramente visibili in sala, tra incontri ed eventi, in un percorso artistico molto differente da quello tracciato dagli altri Festival. Oltre al sostegno del Comune di Milano, si è aggiunto un partner importante come Banca Prossima,che sostiene il progretto Are you series? Un Festival che si espande in diversi punti della città: dal Teatro Strehler, al Parco Sempione, passando per la storica Cascina Cuccagna (dove avrà luogo il Festival per i più piccini), al Teatro Studio e l'ex‐area Bazzi. Il Festival si suddivide in varie categorie, potremo assaporare : undici lungometraggi in concorso; cinquantuno cortometraggi; Platinum Collection, cofanetto di meraviglie e sorprese vecchie e nuove; The Outsiders, tutti i film fuori concorso; la categoria Colpe di Stato, con i suoi nove documentari; Focus animazione, che torna anche quest'anno per stupire e divertire; Vernixage , arte contemporanea e cinema, un binomio tutto da scoprire. Ovviamente accanto al Festival, vari eventi in teatri milanesi e il Parklive con musica dal vivo e dj set ogni sera al Parco Sempione (ingresso libero). Bello il pappagallo scelto come simbolo sulle locandine del Festival; questo animale dada e anticonformista, ma allo stesso tempo classico e un po' bohemian, che ci ricorda i tempi passati ma che guarda verso il futuro… come dovrebbe fare il cinema! Il programma del Festival si trova sul sito: www.milanofilmfestival.it Aggiungi un commento...


Wumagazine I 05 SETTEMBRE 2013

home contents n.41 news interviste focus on gallery archivio wu  eventi media partnership network contacts W2

MILANO FILM FESTIVAL/ DAY #1 di Emma Cacciatori | 06 settembre 2013

Tags: ci nem a, event i , m i l ano , M i l ano Fi l m Fes t i val 2013, p arco s em p i o ne, R un e Jum p , S t ep h Green, S t rehl er Like

6

0

USICA

INEMA

IFESTY LE

VENTI

Ci risiamo, il Milano Film Festival diventa ufficialmente maggiorenne. Alle 18.30 nell’ormai collaudata piazza dello Strehler, attacca la musica; cani e bambini sono i primi a ballare senza vergogna, dopo le undici (e qualche bicchiere) si faranno avanti anche i bipedi maggiorenni. La sala dello Strehler è piena, il primo film Run e Jum p pazzesco. Siamo in Irlanda, una famiglia si trova con un “nuovo papà” che, dopo un ictus ha cambiato personalità. A leggere la sinossi non tI aspetti tanto, pensi a un panetto di burro tristissimo da mangiare senza nemmeno un pezzetto di pane. Invece, sorpresa delle sorprese, la regista Steph Green, è in grado di raccontare un tema drammatico in modo armonioso e bilanciato, scansando il patetico a colpi di autoironia. Niente male per essere il suo primo lungometraggio. Siamo sul genere La mia vita a Garden State(quello con e di JD di Scrubs). Portatevi i fazzoletti, le musichette spensierate e certe scene very cute stroncheranno anche il cuore più impietrito. (Run e Jump in programmazione anche oggi 06/09 alle ore 19 presso Spazio Oberdan e il 10/09 ore 22 presso Teatro dell’Arte)


Cerca

Wumagazine I 05 SETTEMBRE 2013

home contents n.41 news interviste focus on gallery archivio wu  eventi media partnership network contacts W2

CINEMA / MFF: LA STORIA

USER

di Cristina Buonerba | 05 settembre 2013

Tags: ci nem a, event i , fi l m , M FF2013, m i l ano , m i l ano fi l m fes t i val Like

0

0

Tweet

PWD

0

Entra Hai dimenticato la pwd? Vuoi registrarti? Invia a un amico

USICA

NEMA ESTY LE

ENTI

Era il 1995 quando un gruppo di giovani amanti del cinema poco più che ventenni, tra una birra con gli amici e qualche viaggio in giro per l’Europa, decide di intraprendere una vera e propria sfida: quella di portare a Milano un festival cinematografico informale e accessibile a tutti. Con un budget iniziale di solo un milione e cinquecento mila lire e tantissimi sogni nel cassetto, B eniam ino Saib ene e Lorenzo Castellini hanno dato vita a quello che è diventato, con il passare degli anni, il Milano Film Festival. “La prima edizione si chiamava Festival del Cinema in Video – spiega Beniamino – era limitata ai corti e prevedeva la proiezione di sei video selezionati. Fin dall’inizio volevamo cercare nuovi linguaggi e nuove storie da raccontare. L’esperimento andò talmente bene che decidemmo di ripeterlo tutti gli anni e, da lì in poi, è partito il progetto”. “Il nostro desiderio era quello di realizzare un luogo di incontro, dove si potesse parlare di cinema, ma anche di altro – prosegue Lorenzo – non sapevamo dove potevamo arrivare, ma eravamo convinti che Milano era il posto giusto per farlo, una città internazionale, piena di storie e di passaggi. Abbiamo scommesso © Copyright 2010 WU magazine all right reserved Privacy Policy P.Iva 07106650018 BANNERFOOT


Il magazine milanese di BLOGO

02blog I 06 SETTEMBRE 2013 i 1/3 PAGINE NEWS

NEWS

GALLERIE

VIDEO

FUORISALONE 2013

Homepage > Milano Film Festival

Milano Film Festival 2013: il programma di oggi, venerdì 6 settembre Scritto da: Arianna Ascione ­ venerdì 6 settembre 2013 1

Share

0

La rassegna dedicata al cinema indipendente è stata inaugurata giovedì 5, e durerà fino al 15 settembre

Annunci Google Orari Film e Cinema

PagineGialle. it/Cinema Tro

Il Milano Film Festival quest’anno diventa maggiorenne, e si terrà nelle sue numerose location (Teatro Strehler con il suo sagrato, Teatro Studio, Parco Sempione, Triennale di Milano ­ Teatro dell’Arte, Spazio Oberdan, Cascina Cuccagna, Auditorium San Fedele e Area Ex Bazzi) dal 5 al 15 settembre 2013.

La diciottesima edizione proseguirà il percorso iniziato dai due direttori

EXPO


02blog I 06 SETTEMBRE 2013 i 2/3 PAGINE

va il Cinema più vicino a te su PagineGialle! Scuola Di Doppiaggio

www.professi onedoppiaggi o.com I Nostri Docenti Le Voci Del Cinema Corsi Professionali a Roma e Milano

Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini. Il MFF è da sempre attento alle nuove produzioni e al cinema indipendente, e quest’anno saranno presentate circa 200 opere in arrivo da tutto il mondo. Confermati i concorsi per lungometraggi e cortometraggi, affiancati da sezioni fuori concorso, film in anteprima, ospiti, workshop ed eventi paralleli (anche se da un paio d’anni a questa parte manca la bellissima sezione Soundoc). Quest’anno il protagonista del consueto omaggio saràSylvain George, autore di cinema

politico e sperimentale. Il festival è sostenuto dal Comune di Milano – Assessorato alla Cultura e dal Programma Media dell’Unione Europea, e ha ricevuto il patrocinio di Expo 2015.

Il programma: venerdì 6 settembre CONCORSO LUNGOMETRAGGI Al via la rassegna con l’argentino Habi, la extranjera di María Florencia Álvarez, (h.15 Spazio Oberdan). Segue In Bloom ­ Titolo originale Grzeli Nateli dgeeb, (h. 17 Teatro Strehler) di Nana Ekvtimishvili e Simon Groß. Run & Jump di Steph Green (h. 19 Spazio Oberdan, replica) dà inizio alle proiezioni serali. Seguono Towheads di Shannon Plumb, (h. 20.30 Teatro Strehler) eLes rencontres d’après minuit di Yann Gonzales (h 22 Triennale Teatro dell’arte) e il portogheseTerra de ninguém di Salomé Lamas (h. 22.30 Teatro Studio). CONCORSO CORTOMETRAGGI Alle 15 si inaugura lo spazio dedicato ai cortometraggi, riservato solo a opere under 40, con i corti del gruppo B al Teatro Strehler, alle 17 al Teatro Studio il gruppo C, alle


02blog I 06 SETTEMBRE 2013 i 3/3 PAGINE

21 al Parco Sempione il gruppo D e infine alle 22.30 al Teatro Strehler il gruppo E. THE OUTSIDERS In programma Gore Vidal ­ The United States of Amnesia di Nicholas Wrathall (h. 20.30 Teatro Studio), Mittsommernachtstango di Viviane Blumenschein (h. 21 Spazio Oberdan). COLPE DI STATO Inaugura la rassegna il tedesco Der Kapitän und sein Pirat di Andy Wolff (h. 20 Triennale Teatro dell’arte). 18 ANNI Alle 15 nella scatola magica del foyer del Teatro Strehler, The Platinum Collection, Corpo. Alle ore 17 segue la rassegna Grandi Speranze. Alle 22.30 è la volta di The Platinum Collection/Le origini vol II (1996­2003) e a seguire The Platinum Collection, Resistenza (h. 1 Scatola Magica). VERNIXAGE In programma Now Showing: Austerity Measures di João Laia (h. 17, Spazio Oberdan). LIVE FROM MFF Dalle 18.30 al Parco Sempione ci saranno gli Adam Carpet. A seguire dalle 23 ci sarà il djset di Davide Facchini. Dj Fab sarà invece protagonista sul sagrato del Teatro Strehler. A seguire, alle ore 21, il dj set di MissinRed.


Viaggi low cost

blogosfere I 06 SETTEMBRE 2013 i 1/2 PAGINE

Home

Esperienze di viaggio

Fotografie

Italia

Mondo

Suggerimenti di viaggio

Tutti i temi

Archivi

Eventi settembre 2013: il Milano Film Festival compie 18 anni Venerdì 6 Settembre 2013, 10:33 in Cultura, Eventi, Italia di Daniele Corbetta Mi piace

4

Invia

2

Tweet

1

1

Commenti dei lettori

Fino al 15 settembre il capoluogo lombardo ospita il cinema internazionale: lungometraggi, corti, documentari e animazioni, accompagnate da musica, eventi live, workshop e dalla sempre viva movida di Milano

Blogosfere Like

31,313

Articoli Correlati

Festival d solo cine

Vacanze Sicilia: il San Vito 

Viaggi 20 architettu d'Europa

Il Milano Film Festival festeggia la maggiore età: è scattata ieri la diciottesima edizione della celebre rassegna che ogni settembre torna a far visita al capoluogo lombardo. Cinema giovane, alternativo, indipendente, lontano dai fasti di Venezia e Roma, e sempre mischiato con dj set, eventi live e paralleli: per quello che per dieci giorni è un evento imperdibile per gli amanti della movida milanese. Il concorso lungometraggi: come di consueto è aperto solo a opere prime e seconde di registi provenienti da ogni arte del mondo. Su undici partecipanti, otto sono registe donne: attenzione a Mirage à l'Italienne di Alessandra Celesia, regista italiana che lavora in Francia. Lo sfondo (o la protagonista) della sua pellicola è una Torino dissanguata dalla crisi economica. Spicca anche Ilo Ilo di Anthony Chen, già vincitore della Camera d'Or a Cannes: si rievoca il collasso finanziario asiatico degli anni '90. Sempre interessante è la rassegna Colpe di Stato, che allunga lo sguardo sulla realtà complessa del sistema di potere nel mondo. Annunci Google

Orari Film e Cinema PagineGialle.it/Cinema

I luoghi del Festival sono tanti, dislocati nel centro cittadino: il palcoscenico principale è il Teatro Strehler, sede delle proiezioni del concorso lungometraggi e cortometraggi, delle

Vacanze on the ro Mostar

Vacanze Notte del Concerto

Articoli più letti

Voli low  difficoltà: rotte


blogosfere I 06 SETTEMBRE 2013 i 2/2 PAGINE

Trova il Cinema più vicino a te su PagineGialle!

rassegne fuori concorso e de La scatola magica. All'esterno ogni sera intrattenimento con i dj set del festival. E poi: il Teatro Studio, il Parco Sempione (con lo schermo all'aperto in Piazza del Cannone), l'Auditorium San Fedele, il Teatro dell'Arte alla Triennale, lo Spazio Oberdan, Cascina Cuccagna, l'ex Bazzi (distante dal centro città). Per la musica, oltre al sagrato dello Strehler, ecco i Parklive, osia concerti e dj­set in programma ogni sera al Parco Sempione. Intorno ci sarà tutta Milano: buon

Eventi se Milano F 18 anni

divertimento. Link utili: ­ Ryanair in difficoltà: taglio di prezzi; 

Italiani in nel gesti fraintend

­ Festival Venezia: non solo cinema;  ­ Le città più vivibili del mondo;

Annunci Google

Addii Nubilato ­ Celibato www.baialunamilano.it La location più famosa di Milano per addii al Nubilato e Celibato

Raccomandati dai let

Nuova Offerta Formativa www.uniecampus.it 5 Facoltà, 28 Indirizzi di Studio Vieni a conoscere la nuova Offerta!

Ristoranti e locali low Menodidieci 22 people recommend

Sorgenia Zero Pensieri www.sorgenia.it Scopri la bolletta senza sorprese Prezzo Bloccato per 12 mesi

Vacanze Estate 2013, itinerario di viaggio 4 people recommend t

Last Minute Cinque­Terre trivago.it/Hotel­Cinque­Terre trivago® Compara Hotel fino a ­78% L'Hotel Ideale al Miglior Prezzo

Viaggi 2013: le comp mondo 19 people recommend Facebook social plugin

Mi piace

4

Invia

2

Tweet

1

1

Commenti dei lettori 0

Iscriviti ai nostri feed rss. reale tutti i post pubblicat

Aggiungi un commento...

Plug‑in sociale di Facebook

Da non perdere Seguici

Tag: 2013 cinema cortometraggi dj­set eventi milano film festival settembre teatro strehler

Pubblica su Facebook

Consigliati dall´autore

Stai pubblicando come Valentina Calabrese (Modifica)

Commenta

In evidenza

Prodott

Agli uten 80% graz

IMMOB

Annunci Trova ora Immobili

Post in evidenza su Blogosfere


cinequanon I 06 SETTEMBRE 2013

MFF 2013: una diciottesima edizione coi fiocchi By giulia.c – 6 settembre 2013

Si è aperta ieri, venerdì 5 settembre 2013 e durerà fino a domenica 15, la diciottesima edizione del Milano Film Festival, una delle più importanti manifestazioni milanesi riguardanti il cinema d’autore. Nato con l’intento di promuovere gli esordienti, in questa edizione ci saranno due sezioni,Grandi Speranze Platinum Collection, dedicate a tutti quei registi che proprio in questo contesto hanno iniziato la loro carriera e nella quale sarà possibile godersi nuovamente le migliori opere presentate nel corso degli anni. Ed ancora giovani autori debutteranno nel mondo del cinema nel pomeriggio di mercoledí 11 settembre, nella presentazione dei cortometraggi dei diplomandi delle Scuole Civiche di Milano. Ma per gli amanti dei corti sarà possibile partecipare ad innumerevoli proiezioni in occasione del concorso, parallelo a quello ufficiale, dedicato a questo particolare genere. Anche quest’anno attenzione verso film contemporanei dedicati alla politica nella sezione Colpe di Stato. Poi naturalmente ci sarà il focus sull’animazione ed un interessante workshop sull’argomento. Ciò che sicuramente attirerà l’attenzione sarà il concorso, nel quale sarà possibile vedere il meglio dai vari festival internazionali. Cinequanon seguirà inoltre la sezione Outsider, dove convergeranno tutti i lavori che, seppur validi, non hanno trovato spazio nel concorso ufficiale. Da quest’anno molti film di questa sezione saranno visibili in diretta streaming e gratuitamente sulla piattaforma MyMovies Live. Il Milano Film Festival con un fitto programma ed una vasta offerta spera d’incrementare il proprio pubblico e di offrire ai cinefili lombardi un’occasione di conoscenza e di confronto. Giulia Colella


Fourzine I 06 SETTEMBRE 2013

ARTE

TEATRO

DANZA

MUSICA

CINEMA

SERIE TV

CROSSMEDIA

MODA

FUMETTI

Run & Jump: Unconventional Love 6 SETTEMBRE 2013 10:28 

ALICE UNGARO

Al via  questa  diciottesima  edizione  del  Milano  Film  Festival  ed  esordio  non  potrebbe  essere  migliore.  Ad inaugurare i lungometraggi in concorso l’opera prima, inedita in Italia, di Steph Green, Run & Jump. La  storia  è  quella  di  una  famiglia  irlandese  alle  prese  con  il  rientro,  dopo  la  lunga  degenza  in  ospedale,  del giovane padre vittima di un ictus cerebrale, le cui devastanti conseguenze hanno cambiato per sempre il suo modo  di  essere  al  mondo.  La  famiglia  sarà  accompagnata  in  questo  percorso  dal  Dott.  Fielding  –  ricercatore americano, giunto nel Vecchio Continente per studiare gli insoliti effetti che la malattia sta procurando all’uomo. Vanetia,  madre  e  moglie,  –  interpretata  da  una  superba  Maxine  Peake  –  è  una  roccia.  Ironica,  paziente, amorevole,  è  la  forza  motrice  che  smuove  le  esistenze  di  ogni  singolo  componente  di  questa  storia, trasformandone  dinamiche  e  reazioni.  Così  una  trama  che  aveva  tutta  l’aria  –  e    di  fatto  lo  è  –  di  essere  un dramma familiare e psicologico greve, attraverso i tratti lievi ma non per questo semplici con cui prende vita il personaggio di Vanetia, assume i connotati di un happy­go­lucky film. Mi  sono  letteralmente  innamorata  di  questa  donna  che,  nel  corso  dei  due  mesi  narrati,  subirà  svariati contraccolpi come la morte dell’amato suocero, la presa di consapevolezza del figlio della sua omosessualità e il  suo  tentato  suicidio,  l’accettazione  che  l’amato  Conor  (Edward  MacLiam)  non  potrà  più  tornare  lo  stesso, nonché  l’avvicinamento  al  Dott.  Fielding,  Ted  (Will Forte).  Un  uomo  molto  diverso  dal  suo  mondo,  ma  la  cui presenza avrà un effetto rassicurante sulla sua famiglia e le permetterà di evadere tornando a essere finalmente se stessa. Una sceneggiatura, quella della brava Ailbhe Keogan, anch’essa agli esordi nel mondo dei lungometraggi, la

RADIOBOCCONI

quale tratteggia,  sorprendentemente  con  maestria  da  habitué,  personaggi  a  tutto  tondo  e,  per  questo, assolutamente credibili. Run & Jump è  un  film  anticonformista  a  suo  modo.  Lo  è  nel  profondo,  quando  non  ti riesce  proprio  di  non  immedesimarti  in  Vanetia  e  nella  sua  lacerazione  interiore  tra  il  giusto  e  il  sbagliato,  il possibile e non possibile. Il sentimento dell’amore è anticonformista, perché non permette giudizi ed etichette su chi,  con  il  suo  esserci,  sta  facendo  del  bene  e  sa  anche  quando  è  il  momento  di  abbandonare  la  partita. Tornando ognuno alla propria realtà, ma più forti e completi di quanto non potessero esserlo prima.

LATEST PINS O

L’esordiente Green non sbaglia un colpo in questo dramma dolceamaro che attinge forza e vocazione persino dal paesaggio irlandese, meraviglioso e autentico co­protagonista. I campi lunghi sulle scogliere e sulle colline verdi sono l’emblema di un mondo bellissimo e allo stesso tempo spaventoso, metafora quanto mai appropriata del  nuovo  stato  mentale  di  Conor.  Su  questa  scia,  indicativo  il  piano  americano  tra  madre  e  figlio  e  il  loro scambio di battute: Lenny: “Ti piace lui?” (riferendosi a Ted) Vanetia: “E a te?” L: “Sì” V: “Anche a me” L: “E ti piace papà? Il nuovo lui?”

CINEMA Sherlock Holmes  Gioco di ombre J.EDGAR 

Il cuore nero dell’America 

L’Oroscopo di Glo – Ben

V: “Sì”

Settimana dal 9 al 15 Gen

L: “Anche a me”

Le parole che nessuno ha

La religione come modo p

THE ARTIST  IL SENTIERO 


gaiaitalia I 06 SETTEMBRE 2013

HOME

LA PAGINA DELLO ZIO BO

CINEMA & FESTIVAL

YOMAGAYZINE ITALIA

INTERVISTE

Home » CINEMA & FESTIVAL, CULTURA » Milano Film Festival 18ª edizione: Gore Vidal, The United States of Amnesia

Milano Film Festival 18ª edizione: Gore Vidal, The United States of Amnesia gaiaitalia.com ­ 6 September 2013 2 Like

Share

6 people like this. Be the first of your friends.

StumbleUpon

di Anna Flavia Locchi Il Milano Film Festival, alla 18ª edizione, presenta il 6 settembre una serata assai interessante (il programma completo qui) che alle 21.00 ad esempio, presenta il film Gore Vidal, The United States of Amnesia, dedicato a Gore Vidal, scrittore, sceneggiatore, anima criticadegli Stati Uniti per tutta la sua (lunga) vita, autore dell’indimenticabile romanzo La statua di sale, uno dei primi romanzi a trattare il tema dell’omosessualità in modo esplicito, personaggio così dentro alla politica americana da esserne allontanato suo malgrado, dagli stessi protagonisti dell’establishment. Il film è diretto da Nicholas Wrathall e sarà proiettato al Teatro Studio. Alle 22.00 al Teatro dell’Arte Les rencontres d’après minuit del francese Yann Gonzalez, già critico cinematografico di molte riviste francesi, tra cui la rivista gay Tetu (un milione e mezzo di copie vendute) storia di cuori solitari in conflitto con se stessi o con la propria personalità pubblica che raggiungono una misteriosa casa hi­tech nel buio, per partecipare a un rito di lussuria e riconciliazione…  La proiezione è in collaborazione con il Festival Mix. C’è molto altro al Milano Film Festival, che potete scoprire qui.          

 

GAIAITAL

Impossibile caricare il plug‑in.


BLOG OROSCOPO VIDE MODA BEN-ESSERE SPORT MOTORI EROS & GIRLS VIRAL NEWS HI TECH SHOW AFTER HOURS IN EVIDENZA GQ.IT I 06 SETTEMBRE 2013 i 1/3 PAGINE La seconda vita Tornano i Daft Punk

SHOW

Beth Hart ha visto il successo e conosciuto l'abisso: ecco la sua storia

MILANO FILM FESTIVAL, IL PROGRAMMA DEL 6 E DEL 7 SETTEMBRE 06 set 2013 — Redazione GQ Italia

Incursione a New York nella vita di una mamma videoartist con Towheads, l’argentina Habi nella Buenos Aires musulmana, la notte trasgressiva di Eric Cantona, i pirati somali di Colpe di Stato e la vita di Gore Vidal sul grande schermo

0 Commenti

Share

Preferito

Like

0

Tags: milano film festival

MFF, venerdì 6 settembre CONCORSO LUNGOMETRAGGI Si comincia con l'argentino Habi, la extranjera di María Florencia Álvarez, (h 15 Spazio Oberdan) che ci porta a Buenos Aires con Habi, alla ricerca della sua identità. Segue In Bloom ­ Titolo originale Grzeli Nateli dgeeb, (h 17 Teatro Strehler) di Nana Ekvtimishvili e Simon Groß, racconto di formazione di due giovani adolescenti in Georgia. Run & Jump di Steph Green (h 19 Spazio Oberdan), il bellissimo film film di apertura di questa 18° edizione e presentato in anteprima al Tribeca Film Festival, dà inizio alle proiezioni serali a cui segue uno dei film più attesi di questa rassegna, Towheads di Shannon Plumb, (h 20:30 Teatro Strehler) autobiografia distorta di una donna alle prese con le fatiche stremanti derivate dall'essere madre e moglie. A seguire lo scabroso Les rencontres d'après minuit di Yann Gonzales (h 22 Triennale teatro dell'arte) e il portoghese Terra de ninguém di Salomé Lamas(h 22:30 Teatro Studio). CONCORSO CORTOMETRAGGI Alle 15 si inaugura lo spazio dedicato ai cortometraggi, riservato solo a opere under 40, con i corti del gruppo B al Teatro Strehler, alle 17 al Teatro Studio il gruppo C, alle 21 al Parco

Dieci cose che dovete s nuovo album


GQ.IT I 06 SETTEMBRE 2013 i 2/3 PAGINE

Sempioneil gruppo D e infine alle 22.30 al Teatro Strehler il gruppo E. THE OUTSIDERS Per gli outsiders del Milano Film Festival è la volta di Gore Vidal ­ The United States of Amnesia di Nicholas Wrathall (h 20:30 Teatro Studio), che ripercorre le fasi principali della vita dello sceneggiatore di Ben Hur. Segue un altro tra gli outsider più interessanti dell'edizione,Mittsommernachtstango di Viviane Blumenschein (h 21 Spazio Oberdan), un road movie alla ricerca delle origini finlandesi del tango. COLPE DI STATO Tra le rassegne più apprezzate e attese del Milano Film Festival, Colpe di Stato si inaugura oggi con il tedesco Der Kapitän und sein Pirat di Andy Wolff (h 20 Triennale Teatro dell'arte), che ci introduce nello scenario inesplorato del pirata che rapì un cargo tedesco nelle coste della Somalia. Quali sono i motivi e quali le contraddizioni? A voi la parola.

PARKLIVE Dalle 18:30 Adam Carpet al Parco Sempione e a seguire dalle 23 djset Davide Facchini. Free entry Alle 18.30 torna invece l'appuntamento sul sagrato del Teatro Strehler con Dj set Dj Fab e a seguire, ore 21, Dj set MissinRed. ­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­ MFF, sabato 7 settembre Omaggio al poeta degli invisibili Sylvain George, Ilo Ilo Camera d'Or a Cannes, gli ultimi giorni di vita del pittore iraniano Bahman Mohasses, gli immigrati lavoratori di Diego Star. CONCORSO LUNGOMETRAGGI The Eternal Return of Antonis Paraskevas della regista greca Elina Psykou (h 15 Teatro Strehler), Best Work in Progress a Karlovy Vary 2012, che attraverso la storia di un presentatore televisivo, Antonis Paraskevas, racconta la mediocrità di un'epoca in crisi. A seguire Fifi Howls From Happiness, (h 17 Teatro dell'Arte), testamento artistico e al contempo riflessione universale sull'arte di Mitra Farahani che racconta gli ultimi giorni di vita di Bahman Mohassess, celebre pittore iraniano. Segue al Teatro Strehler il film vincitore della Camera d'Or a Cannes Ilo Ilo di Anthony Chen, che sarà presentato dal regista, il quale spiegherà al suo pubblico la motivazione che l'ha condotto a dirigere un film che racconta la distruzione dei valori tradizionali in un Paese in crescita economica (h 20:30 Teatro Strehler). A seguire il concorso lungometraggi della giornata si conclude con la replica di Towheads diShannon Plumb (h 22 Auditorium San Fedele). CONCORSO CORTOMETRAGGI Alle 17 il concorso cortometraggi continua con i nuovi del gruppo F al Teatro Strehler tra i quali spiccano La Fugue (The Runaway) di Jean­Bernard Marlin che racconta l'altra faccia di Marsiglia, il candese I'm Alone and my Head is on Fire, diretto dall''enfant prodige David O'Reilly, 60 secondi realizzati con un'app gratuita che emula le tecniche sperimentate dal padre dell'animazione mondiale, Norman McLaren. Alle 18:30 è la volta del gruppo G all'Auditorium San Fedele, con, l'interessante The Course Of Things di Annelore Schneider e Claude Piguet, un thriller di 10 minuti che mette in scena tra realtà e finzione la voce di Alfred Hitchcock e la musica di Bernard Herrmann. Alle 21 al Parco Sempione il gruppo H e infine alle 22.30 al Teatro Strehler il gruppo I. OMAGGIO A SYLVAIN GEORGE: DARE VOCE AGLI INVISIBILI Per la 18° edizione, il Milano Film Festival ha deciso di raccontare, attraverso le poetiche immagini del cineasta Sylvain George, le storie di coloro che, invisibili alla moltitudine, tentano di reagire alle violenze del mondo. Oggi alle 17 al Teatro Studio l'omaggio prende vita con Filming he revolt / Filming he joy ­ Dialogo di Sylvain George con Stefano Savona, un incontro imperdibile tra due dei cineasti più attenti al presente e alle sue idiosincrasie. Alle 21 è la volta del lungometraggio Vers Madrid.The Burning Bright! (Scenes from the Class Struggle and the revolution), una sorta di cinegiornale sperimentale che mostra alcuni momenti della lotta di classe e rivoluzione di Madrid nel 2011 e 2012. CASE HISTORY: VIOLENZA CONTRO LE DONNE Alle 19 alla Scatola Magica, evento gratuito in collaborazione con Milano Scuola di Cinema e Televisione. Oggetto della discussione, la violenza contro le donne, che ha dato origine a una campagna di sensibilizzazione condotta dalla Scuola di Cinema e Televisione di Milano.


GQ.IT I 06 SETTEMBRE 2013 i 3/3 PAGINE

THE OUTSIDERS Per i "fuori categoria" del Milano Film Festival, oggi alle 19 lo Spazio Oberdan ospiterà Museum Hours del film maker newyorkese Jem Cohen e a seguire, alle 20:30, Parade di Olivier Meyroupresso l'Auditorium San Fedele. Alle 21 al Teatro dell'Arte, Finding he Funk di Nelson George preceduto da Hopper vu par… First Row Orchestra di Sophie Fiennes.   COLPE DI STATO Tra le rassegne più apprezzate e attese del Milano Film Festival, Colpe di Stato, oggi è la volta diInfiltrators di Khaled Jarrar (h 15 Teatro dell'arte) che racconta della lotta continua per la libertà del movimento dei palestinesi della Cisgiordania. Segue The Captain and His Pirate di Andy Wolff (h 17 Spazio Oberdan, replica). PARKLIVE Dalle 18:30 al Parco Sempione, Levante + Ketty Passa & Toxic Tuna e dalle 23 Alessandro Leuci djset.


siamo

o di I­ uirà 70°

iati del rali, itter ed no.

mbre ulla nale

Privacy e sicurezza

i-LIBRI

Login iFIlmsonline I 06 SETTEMBRE 2013 Username

Home

Remember me

••••••

Milano Film Festival 2013

Forgot login? | Register

Login

RUN & JUMP di Steph Green (2013)

RUN & JUMP di Steph Green (2013) Venerdì 06 Settembre 2013 16:33 |

Di Andrea Pesoli |

|

Mi piace

6

Si apre con una curiosa commedia non convenzionale la 18° edizione del Milano Film Festival. Run & jump(primo lungometraggio presentato in concorso) è una co-produzione tra Irlanda e Germania, nata dalla sceneggiatura di Alibhe Keogan e diretta dalla giovane regista statunitense Steph Green (famosa per il corto New Boy, candidato agli Oscar 2009). Il film narra le vicende della famiglia irlandese Conor, alle prese con un evento destinato a sconvolgere la quotidianità: il capofamiglia (Edward MacLiam) è sopravvissuto a un terribile ictus e, dopo il periodo in ospedale, rientra a casa portando con sé tutte le conseguenze irreversibili della malattia. La madre Vanetia (Maxine Peake) si trova quindi a gestire i due figli, il marito malato e persino un ricercatore giunto dagli Stati Uniti (Will Forte) per studiare la riabilitazione del coniuge.

L’ottimismo non è solo il profumo della vita (come recitava una vecchia pubblicità ormai divenuta tormentone insopportabile), ma è l’unico motore che permette in alcuni casi di andare avanti. E il personaggio interpretato da Maxine Peake ne è una grandissima dimostrazione, sempre disposta a sorridere nonostante tutto ciò che la circonda. Non bisogna mai smettere di correre e saltare: questo è il più bel messaggio che regista e sceneggiatrice riescono a confezionare, in una pellicola in stile Little Miss Sunshine che ha il pregio di rendere leggeri anche i più gravi problemi. Le ventate di positività, che inizialmente sono supportate alla grande da dialoghi brillanti, nella seconda metà della narrazione divengono stucchevoli a causa di avvenimenti telefonati e privi di interesse. Molto meglio le discussioni serrate e divertenti tra i membri della famiglia che le lunghe pause riflessive dei protagonisti. L’ottimo lavoro del cast (da segnalare soprattutto le prove di Will Forte e Maxine Peake) sono il giusto corollario a una pellicola ben scritta, ben girata e ben interpretata, a cui però manca un pizzico di maturità per essere completamente riuscita. Voto 2,5/4


Paperstreet

Community Cinema Musica

Libri Miscellanea

Festival

Mi ricordo... sì io mi ricordo Sponsor e siti partner

MILANO IFILM FESTIVAL ‑ CASE HISTORY Paperstreet 06 SETTEMBRE 2013

21

19

Ultimi articoli i 0

0

0

Case history ‑ Festa della scuola (sabato 7 settembre 2013 e mercoledì 11 settembre 2013)

Una canzone per Marion

Anche quest’anno la Scuola di Cinema di Milano, ospite di Milano Film Festival, festeggia la chiusura del 2012‑13 e l’inizio di un nuovo anno scolastico. La Civica Scuola di Cinema e Televisione nel 2013 è stata particolarmente impegnata sul fronte delle tematiche sociali. La violenza contro le donne, fulcro di questa riflessione, ha portato a sviluppare alcune proposte assieme a istituzioni e associazioni del territorio che si sono concretizzate in una campagna di sensibilizzazione rivolta al target dei giovanissimi (15‑ 20 anni). La rete che si è costituita ha portato alla realizzazione di 5 spot in collaborazione con FP e FLC Cgil Milano, Casa di Accoglienza delle Donne maltrattate di Milano, Telefono Donna di Como, Commissione Pari Opportunità del Comune di Milano, associazione Uomini non più violenti, Ordine dei giornalisti, Accademia di Belle Arti di Brera, Anteo Spaziocinema. Gli studenti che hanno lavorato alla produzione, con il tutor Carlo Arturo Sigon e le pubblicitarie Carlotta Tessarolo e Arianna Pregagnoli, racconteranno il percorso che ha portato alla realizzazione degli spot. L’incontro si terrà il 7 settembre, presso la Scatola Magica del Teatro Strehler alle 19. Condurrà l’incontro la giornalista Ira Rubini. Mercoledi 11 settembre, dalle 17 la festa della Scuola riunirà allievi in corso, diplomati, docenti, staff, nuovi iscritti e ospiti presso la Sala Grande del Teatro Strehler, con la proiezione dei lavori del terzo anno 2012‑13 in una varietà che vedrà il susseguirsi di film saggio, inchieste, videopoemi, animazione, documentari, trailer e corti, per una durata di circa due ore. Sempre lo stesso giorno appuntamento alle 19, presso la Scatola Magica, la Scuola racconterà le collaborazioni più significative dell’anno intraprese con Sky Arte, Pordenonelegge – Festival del libro e degli autori e il documentario "118 anatomia di un'emergenza" con l'Ospedale Sant'Anna di Como. In fine la parola sarà data alle tre personalità che hanno contribuito a nutrire il piano didattico dell’anno trascorso, Alina Marazzi, Luca Lucini e Maurizio Nichetti. Alle 20 fuori tutti sul sagrato dello Strehler, per brindare alla chiusura dell’anno e al nuovo che arriva!

Shadowhunters ‑ Harald

Milano Film Festival ‑ C

A Royal Affair ‑ Nikolaj


SENTIERISELVAGGI I 06 SETTEMBRE 2013

    ! " %#$!$ !"$## )*%++& !#  *++$) ##6!%+)%& ## 2 &*+) 6 )+ !%$+&)! ! %/! !#    !#%& !#$ +.&)"1,%')&++&)#!//+&)/!#*&*+%&## &%/!&% )!'#& ,%!*#*')!%/#)!*&)* !*++*+!-#!!%$$!#%*!')&)!),%')&'&*+,#+,)##,%&+,++&#%%&,%*)!!*)-!/!') ! *!&,'!!%$,!&-!*!-&!#%&!%+#!   )+   &)0 # &%+)!,+& ! &%/!&% )!'#& ') ! ')!$! +) %%! ! ++!-!+0 %*  ,%6,+& &)%!///!&% ! *++ *+!-# ! !%$ ## !++0 ! !#%& 3 *+!-# # !%$ )!%&  *!  $)! +!% *+!-#!#%& !#$$")%-!&!#%& !#$ *+!-#,)! #+)&- !#$ *+!-#'&)+&-!* - *+ 3  $!)  !%#,) %&% *&#& #! &')+&)! # *++&) ,!&-!*!-& $ %  !*+!+,/!&%!  ++&)! *&!& &%&$!!  )!&%&*!$%+& ## -#%/ # !%$ !% (,%+& &)$ 6)+ $ %  *++&) ')&,++!-&   %))!,+'&*!+!-*,#+**,+&,)%&  !++!-&')!$)!&#')&++&1)),%*!*+$!%$##6!%+)%&##!++0!!#%&&**!,%$&##&*+!#! &##&)/!&%++)-)*&,%)+!%+)&)%!//+!-!%')!$!*)!*+!-#!!%$ &%*%+,%&*$!& !%%&-+!-&!&%&*%/)!*&)**+),$%+#!*)-!/!&''&)+,%!+0 ##,%&')!&&!#')&++&',%+)!!#%&4!++0#!%$!%!'%%+5-#&)!//%&#*,)!*&)* ++)-)*&,%)+')+##')+!'/!&%!#+)!*&++! !&)!!%&)$/!&%!*,')&)$$/!&%+#,& !)-*,

...$!#%&!#$%+.&)"!+

"   &%&')*%+!&$$%+!






Cerca il film VIVIMILANO.CORRIERE.IT 2013 Cosa cerchi I 06 SETTEMBRE Scegli il gene…

Tweet

0

cerca

Consiglia

0

RASSEGNE

Milano Film Festival: Inequality for All di Giancarlo FOTO

Grossini ‐ Ultimo aggiornamento: 06/09/2013 MAPPA

0

info

Teatro dell'A viale Alemag Milano Contatti: 02.71.36.13

Quando: 15 settembre dalle 20:00

TUTTE LE ALT

Prezzi: € 6

ristoranti

1 Triennale 2 Biagio 3 L'Osterì

locali in z

Descrizione: Gran finale del Milano Film Festival che laurea i

4 Old fashi 5 Just Cav 6 Bar Bian

vincitori al Teatro Strehler, dalle ore 20.30, con ingresso libero. Le proiezioni proseguono comunque, per l’intera giornata anche nelle altre sedi di svolgimento della manifestazione, che alle 20, al Teatro dell’Arte, ha in serbo una sorprendente lezione di economia di Robert Reich (foto), protagonista del film documentario “Inequality for All” (edizione originale, sottotitoli italiani, 2013) di Jacob Kornbluth, che con questo suo lavoro ha vinto il Premio Speciale della Giuria al Sundance. TAG: economia | Jacob Konbluth | Robert Reich |

eventi in

7 Triennale Museum: L dell'influenz 8 La merav esercizio 9 Alvaro S Moura. Por


Cerca

Wumagazine I 06 SETTEMBRE 2013

ontents n.41 news interviste focus on gallery archivio wu  eventi media partnership network contacts W2

MILANO FILM FESTIVAL / DAY #2

USER

di Emma Cacciatori | 07 settembre 2013

Tags: ci nem a, event i , M 83, m i l ano , M i l ano Fi l m Fes t i val 2013, Y ann Go nzal es Like

4

0

Tweet

2

PWD Entra Hai dimenticato la pwd? Vuoi registrarti? Invia a un amico

Qualche occhiaia, movimenti lenti e ovattati. Si vede che molti di voi ieri sera hanno fatto tardi! Del resto c’era il meglio dei corti degli anni passati al Parco Sempione e una volta che si inizia a vederne uno…devi finirli tutti! (Un po’ come il tubo delle Pringles). Ma il festival vi conosce bene ormai e la prima proiezione del v enerdì era alle 15. Tra i corti del Gruppo B, entusiasma la crudezza del già citato Perfect Drug . È da vedere solo per osservare la reazione scandalizzata del pubblico mentre una motosega taglia a metà la testa di un uomo ancora vivo. Ricordate l’interessante Il Il n’y a pas de rapport sexuel? Era un lungo in concorso l’anno scorso che svelava senza un fronzolo (poi, dipende cosa intendiamo per “fronzolo”) i retroscena dei film porno. Lì, siccome era anche lunghetto, la gente faceva in tempo ad andarsene, in Perfect Drug, invece, è una ceretta; le scene colpiscono e se ne vanno lasciando di pietra. “Solo un orientale poteva fare una cosa simile” commenta un signore appena usciti. E invece no, a sorpresa, il regista Toon Aerts è belga. © Copyright 2010 WU magazine all right reserved Privacy Policy P.Iva 07106650018 BANNERFOOT


Il magazine milanese di BLOGO

02BLOG I 07 SETTEMBRE 2013 i 1/2 PAGINE NE WS

NEWS

GALLERIE

VIDEO

FUORISALONE 2013

EXPO 2015

Homepage > Milano Film Festival 2013

Milano Film Festival 2013: il programma, sabato 7 settembre Scritto da: Arianna Ascione ­ sabato 7 settembre 2013 Mi piace

0

Tweet

1

1

Share

0

Primo weekend del Milano Film Festival: continuano i concorsi e l'omaggio a Sylvain George

I MAGAZINE D

02blog.it 06blog.it artsblog Benesse Autob Be Ecoblog.it Fashionblog.it Gadgetblog Gamesb Goss gu Soundsblog.it Toysblog.it Travelblog.i TVBlog.i crime Po

02blog.it

Mi piac

IN EVIDENZA

Pro

Agli 80%

Annunci Google

Programma fitto anche oggi al Milano Film Festival. Per il

Ultimi Film Usciti

concorso lungometraggi ci sono The Eternal Return of Antonis

www.paginegialle.it/cinem a Trova tutti gli Orari dei Film in Programmazione con PagineGialle!

Pirotecnica Milano www.balloonstore.eu fuoch i artificiali e botti articoli libera vendita

Paraskevas della regista greca Elina Psykou (h. 15 Teatro Strehler), seguire Fifi Howls From Happiness, (h. 17 Teatro

IMM

Ann Trov Imm

dell’Arte), Ilo Ilo di Anthony Chen (h. 20.30 Teatro Strehler). Sarà possibile vedere anche in replica Towheads di Shannon Plumb (h. 22 Auditorium San Fedele). Alle 17 continua il concorso cortometraggi, con i nuovi del gruppo F al Teatro Strehler e alle 18.30 è la volta del gruppo G all’Auditorium San Fedele. Alle 21 al Parco Sempione spazio al gruppo H e infine alle 22.30 al Teatro Strehler sarà proiettato il

gruppo I. Nell’ambito dell’omaggio Sylvain George alle 17 al Teatro Studio sarà proiettato Filming he revolt / Filming he joy mentre alle 21 è la volta del lungometraggio Vers Madrid.The Burning Bright! (Scenes from the Class Struggle and the revolution).

VIDEO CORR


02BLOG I 07 SETTEMBRE 2013 i 2/2 PAGINE

Alle 17 al Teatro Studio continua il Milano Film Festivalino, per tutti i piccoli del Milano Film Festival: sarà presentato Teen Beach Movie di Jeffrey Hornaday. Si potrà anche vedere un episodio in esclusiva della nuovissima serie Marvel, Hulk e gli agenti SMASH. Alle 19 alla Scatola Magica si terrà un evento gratuito in collaborazione con Milano Scuola di Cinema e Televisione, sulla la violenza contro le donne, mentre alle 21 presso lo Spazio Oberdan, verrà proiettato Diego Star di Frédérick Pelletier. Sempre allo Spazio Oberdan, alle 19, spazio agli Outsiders Museum Hours di Jem Cohen e a seguire alle 20.30 Parade presso l’Auditorium San Fedele. Alle 21 al Teatro dell’arte Finding he Funkdi Nelson George preceduto da Hopper vu par… First Row Orchestra di Sophie Fiennes. Nell’ambito della rassegna Colpe di Stato oggi è la volta di Infiltrators di Khaled Jarrar (h. 15 Teatro dell’arte). Segue The Captain and His Pirate di Andy Wolff (h. 17 Spazio Oberdan, replica). Invece per la rassegna Vernixage portagonista sarà Frozen Flames di Luca Trevisani, alle 19 presso la Triennale. Da non perdere presso Scatola Magica alle 17 The Platinum collection, Convergenze, appuntamento del best of di questi 18 anni di MFF. Alle 22.30 sarà la volta di The Platinum collection, Enigma. Alle 22.30 al Teatro dell’arte è il momento di Grandi Speranze, Gli irrequieti e all’1 di notte, evento gratuito al Parco Sempione con The Platinum collection, Ebollizione. Infine alle 20.30 presso la Scatola Magica, il Milano Film Festival presenta alcune chicche dai film non selezionati (2° gruppo).

Concerti sabato 7 settembre Dalle 18.30 al Parco Sempione, Levante + Ketty Passa & Toxic Tuna e dalle 23 Alessandro Leuci djset.  

FOTO CORR


BNEWS

ESIGN

Artribune I 07 SETTEMBRE 2013 TELEVISION DIDATTICA

MAGAZINE DIRITTO

CALENDARIO EVENTI

EDITORIA

FOTOGRAFIA

INAUGURAZIONI MERCATO

MUSICA

COMMENTI NEW MEDIA

TEATRO

TURISMO

BIENNALE 2013

Il cinema? Un gioco da ragazzi al Milano Film Festival! Parte a NEWSLETTER Cascina Cuccagna il “Festivalino” dedicato ai giovanissimi, tra proiezioni di corti animati d’autore, workshop e l’emozione di vincere un Oscar nome email

privacy policy iscriviti

Scritto da Francesco Sala | sabato, 7 settembre 2013 · Lascia un commento 

“Grand Prix” di Marc Riba e Anna Solanas al Milano Film Festival

L’emozione del set, il ciak, la sedia del regista. Manca giusto il frusciare della pellicola ma quello, il digitale impera, non si sente più nemmeno ad Hollywood. L’entusiasmo e

SONDAGGIO Qual è l'artista italiano contemporaneo più sottovalutato?  Gastone Novelli  Giuseppe Chiari  Pinot Gallizio  Pietro Consagra  Domenico Gnoli  Mario Schifano  Emilio Isgrò  Giosetta Fioroni  Vincenzo Agnetti  Tano Festa Vota

Visualizza risultati

l’atmosfera sono gli stessi dei grandi studios, solo rapportati alla statura – attenzione: non levatura! – di attori e creativi in erba. Cascina Cuccagna si trasforma in Cinecittà per accogliere il festivalino, sezione baby del Milano Film Festival: dove guardare, imparare e soprattutto giocare. Un workshop per ideare, scrivere, girare e montare un corto condiviso quello che il laboratorio creativo Imaginarium organizza sabato 14 settembre: una notte di tensione e poi, il giorno successivo, l’immancabile premiere. Con tanto di blue carpet, fotografi, sfilata dei piccoli attori consegna degli Oscar. Con brindisi a suon di aranciata. In attesa di incoronare i suoi giovanissimi protagonisti, il festivalino scalda i motori già da questo fine settimana, con la proiezione di alcuni tra i più interessanti corti per l’infanzia usciti negli ultimi anni. Si passa dall’eroico robottino Troy ideato dall’ingleseLee Matthews, che fugge dalla fabbrica dei giocattoli per trovarsi un amico vero; e si arriva ai burattini “cubisti” del Grand Prix di Marc Riba e Anna Solanas, affermatissimi artisti di strada con il vezzo del cinema. Dici film per ragazzi e pensi ai cartoon: che, si sa, piacciono e non poco anche ai più grandi. maratona serale di animazione lunedì 9 settembre al Parco Sempione (si replica due giorni dopo al Teatro Studio).  ­ Francesco Sala   


Spettacoli 2.0

blogosfere I 07 SETTEMBRE 2013 i 1/2 PAGINE

Home

Cinema

Gossip

Le nostre interviste

Musica

Natale

Personaggi

Televisione

Tutti i temi

Milano Film Festival: Towheads e Terra de ninguém, recensione dei film in concorso Sabato 7 Settembre 2013, 14:22 in Cinema di Alessio Cappuccio Mi piace

2

Invia

1

Tweet

2

Commenti dei lettori

L'agghiacciante racconto di un mercenario e la quotidianità stralunata di una madre di due bambini

Blogosfere Like

31,

Articoli Correlati

Riddic capito con Vi

Mostra 2013: S Segre  conco

L'intre recens Amelio ora a V

Con la fine della Mostra Cinematografica di Venezia (atteso questa sera l'annuncio dei Leoni d'oro assegnati da Bertolucci e dalla sua giuria) ci concentriamo su un altro evento dedicato alla settima arte, ovvero il Milano Film Festival. Annunci Google

18 Assicurazioni Auto Confronta i Preventivi di 18 RCA Acquista Online e Risparmi fino 40% www.comparaMeglio.it

Ultimi Film Usciti Trova tutti gli Orari dei Film in Programmazione con PagineGialle! www.paginegialle.it/cinema

One D trailer  boy ba

Grazie ad Aperol Spritz, tra gli sponsor ufficiali della manifestazione, seguiremo per voi lo svolgersi della kermesse meneghina, quest'anno alla diciottesima edizione, conosciuta per le sfumature cool e hipster (e in effetti ieri sera c'erano consistenti tracce della classica movida milanese davanti al Teatro Strehler). Ma veniamo alla sostanza di un appuntamento del genere, ovvero i film. Due i lungometraggi visti, entrambi facenti parti del concorso ufficiale. Il primo è Towheads, diretto da Shannon Plumb, esordiente alla regia con una pellicola che mette in scena (in

Mostra 2013: R GRA e is not 

Articoli più letti

spettacoli.blogosfere.it/2013/09/milano-film-festival-towheads-e-terra-de-ninguem-recensione-dei-film-in-concorso.html

Miley


blogosfere I 07 SETTEMBRE 2013 i 2/2 PAGINE

07/09/13

Risparmia fino a 800 euro Confronta 18 Assicurazioni Auto Gratis e Veloce! Prova 6sicuro ® www.6sicuro.it/Assicurazioni­ OnLine

Milano Film Festival: Towheads e Terra de ninguém, recensione - Spettacoli 2.0

Hemsw pensa

maniera esagerata ma non troppo) lo domestica quotidianità di una donna madre di due figli e con un marito il cui lavoro lo costringe fuori casa per gran parte della giornata. Piccolo particolare, che mostra come il cinema sia una questione di famiglia: quest'ultimo è Derek Cianfrance, regista hollywoodiano autore di Blue Valentine e Come un tuono.

Uomin Monte Tarant l'incon

A metà dunque tra il documentario e la fiction, Towheads è una divertente e fresca commedia che attraverso un collage di sequenze­gag restituisce il senso di isolamento e scoramento ma anche l'esaltazione e la gioia di vivere di una madre quarantenne molto sui generisi. Shannon, protagonista quasi sempre in scena, è infatti in possesso di una fisicità e mimica che ricorda i giganti dello slapstick, ovvero Buster Keaton e Charlie Chaplin, di cui in parte si riprende anche il linguaggio cinematografico. Lungi però dall'essere un oggetto frivolo e innocuo, Towheads si preoccupa di insinuare nello spettatore il malessere e l'insoddisfazione di chi ha dovuto sacrificare la propria carriera e qualche parte di sé per un bene più grande (i due biondini del titolo). Introspezione e leggerezza vanno così a braccetto in un film che, pur non essendo un capolavoro, si segnala per il coraggio della sua regista nel mostrare un privato non proprio impeccabile.

L'intre recens Ameli ora a V

Raccomandati dai l

Fast and Furious  d'uscita del film id 5 people recommen

Franca Rame mor compagna di Dari 2012 4 people recommen

Terra de ninguém (No Man's Land) è invece un documentario che più si avvicina alla definizione tradizionale della categoria, nonostante sia la stessa regista Salomé Lamas a non voler limitare il suo film alla pura e semplice rappresentazione della realtà. È infatti quasi impossibile credere ai racconti di Paulo de Figueiredo, portoghese di 66 anni, una vita intera dedicata prima all'esercito, poi al lavoro di mercenario, poi a quello di killer e infine alla prigione. In una confessione che forse addensa e allinea memorie e menzogne vengono esposte tutte le atrocità e i retroscena di chi ha preso parte alle guerre coloniali in Mozambico e Angola in un commando d'élite, come combattente prezzolato al soldo della CIA in Salvador e infine ha ucciso come killer della GAL, nome degli squadroni della morte creati dal governo spagnolo per distruggere l'attività dell'ETA. In Terra de ninguém c'è allora tutto un sommerso geopolitico che andrebbe almeno accennato per poter essere fruito da chi non ha una cultura di questo tipo; la regista tuttavia, fedele al rigore quasi ascetico del film (una sedia, sfondo nero, inquadratura fissa su Paulo), non si preoccupa troppo di dialogare col pubblico, convinta che le conversazioni avute con il testimone della storia segreta del mondo parlino da sole o quasi. In bilico tra autismo ed espressione ostinata di un mistero, il film accosta momenti shockanti e terribili ad altri in cui si perde il filo del discorso per i troppi dettagli introdotti. Rimane così l'amaro in bocca per un'opera non abbastanza interessata alla comunicazione per essere un documento utile e del resto troppo ancorata al format del reportage per essere davvero un oggetto artistico.   Annunci Google

Offerte Bluvacanze

Facebook social plugin

Consigliati dall´autore Da non perdere Seguici

Iscriviti ai nostri feed rs reale tutti i post pubblic

In evidenza Vuoi

Agli ut 80% g

IMMO

Annun Trova Immob


Il magazine del product

Dy’snews I 07 SETTEMBRE 2013

Cerca nelle news...

>

Cinema, Televisione e tutto quanto fa intratteniment

mercoledì 11.09.2013 18:27

CINEMA

Chi siam 7 Settembre 2013 ­ 13.19

MILANOFILMFESTIVAL 2013

HOME MISSION

MITTSOMMERNACHTSTANGO ­ Viviane Blumenschein (2013)

MITTSOMMERNACHTSTANGO ­ Viviane Blumenschein (2013) E'  iniziato  il  Milano  Film  Festival  2013,  manifestazione  che  quest'anno  diventa maggiorenne  essendo  nata  18  anni  fa;  iniziata  in  sordina,  col  passare  delle edizioni è diventata sempre più interessante per l'alto numero di film (tra corti e lunghi) di giovani autori, anche di difficile visione, presentati agli appassionati. Abbiamo  visto  ieri  questa  docufiction  che  prende  lo  spunto  da  un'affermazione non comprovata di Aki Kaurismaki per cui il tango, ballo nazionale argentino, sia nato in realtà in Finlandia e poi portato al di là dell'oceano da marinai. Un  trio  di  musicisti  di  Buenos  Aires  decide,  al  Bar  EL  BANDERIN  dove  i  tre passano le giornate a bere e chiacchierare, di andare in loco a verificare questa assurdità spingendosi nella terra delle renne e delle zanzare a tenere concerti e ad incontrare dei colleghi finlandesi che, in effetti, esistono. Avranno incontri interessanti con la magnifica terra nordica tra isole, boschi e grandi distese d'acqua e con i "tangueros" di lingua finlandese, scoprendo una popolazione, seppur agli antipodi come caratte e visione della vita, assai disponibile allo scambio culturale e umano. Se ne torneranno in patria, seppur ancora convinti che il tango nasca e resti argentino, consci dell'esistenza di ottimi musicisti di tango anche in questa strana e fredda nazione. La  giovane  documentarista  tedesca  Viviane  Blumenschein  evita  il  documentario  etnico­musicale  chiuso  in  se  stesso  e  usufruibile solo dagli appassionati dell'argomento trattato, grazie ad un umorismo di fondo che trasforma il viaggio dei tre argentini, sì in una scoperta  reale  di  una  scena  esistente,  ma  anche  in  un  godibile  road  movie  con  imprevisti  ed  incontri  bizzarri,  kaurimaskiani appunto.

REDAZIONE

DY'S GROU

DY'S CHRO

DY'S WORL DY'S PRO JMN&DY

News CINEMA

TELEVISIO ARTE EDITORIA GIOCHI

VIDEOCLIP EVENTI SPECIALI ALTRE TUTTE

Canali

CANALI TEM

PPlacem

Uno dei musicisti argentini indossa praticamente in maniera esclusiva materiale ADIDAS ed è il solo marchio presente nel product

ASSOCIAZI

placement della pellicola anche se fa capolino un polsino del suonatore di accordeon finlandese con chiaro logo NIKE.

FAQ

Stefano Barbacini 

BLOCKBUS

Like

VUOI FARE

Hit Para

One person likes this. Be the first of your friends.

AMERICA EUROPA WORLD Aggiungi un commento... Stai pubblicando come Valentina Calabrese (Modifica) Pubblica su Facebook Plug‑in sociale di Facebook

BLOOPERS Commenta

Rassegn

DY'S CHRO

DY'S WORL DY'S PRO

BRAND MO ©www.dysnews.eu

Top Secr

More Share Share Share Share | Share

21/12/201

SHOPPING

ANCHE GLI COMPRANO 24TV

2500 BRAN

Festival


MISSION

REDAZIONE

CONTATTI

PUBBLICITÀ

GIOVEDÌ, 12 SET

"On the road"

echeion I 07 SETTEMBRE 2013

I protagonisti siete voi ­ Coming soon! Cerca nel sito ...

HOT NEWS

ATTUALITÀ

SPOTLIGHT

ECONOMIA

SPORT

CULTURA

TV & RADIO

Da sud a nord in cerca della consacrazione

TECNOLOGIA

MODA

Una Nazionale per sognare il Brasile

EVENTI

FOTO

DITECI VOI

Missione primato

Shadowhu

Les rencontres d’après minuit al Milano Film Festival Collaborazioni Esterne

7 settembre 2013

Cinema & Teatro, Hot News

0

La seconda  serata    del  Milano  Film Festival  è  all’insegna  di  un  film visionario  e  onirico:  Les  rencontres d’après 

minuit.

L’ex

critico

cinematografico e musicista della band indielettronica  M83,  Yann  Gonzalez, presenta  un  film  che  vuole  essere  un inno  all’energia  sessuale  in  una società  che  dietro  una  permissività  di facciata, 

mantiene

ancora

una

35 Like

2 Tweet

1

SCRITTO DA

mentalità reazionaria.

COLLABORAZION

Su questi  presupposti  qualcuno  potrebbe  giustamente  aspettarsi  una  gincana  di  sesso

ESTERNE ­ Gli au

0

alternarsi allegramente  sullo  schermo,  ma  per  quanto  la  virtù  equina  dell’ex  goleador  Eric Cantona  vi  rimarrà  impressa  nella  testa  per  molto  tempo,  il  film  si  esprime  con  un linguaggio molto allusivo e simbolico.

fanno parte di que Share

gruppo sono collab

occasionali o in pr

avranno l'opportunità di ottenere u

Una celebrazione del sesso come unica vera forma di amore  nella

personale di autore su Echeion q

vacuità valoriale  postmoderna.  Il  film  è  un  vero  e  proprio  viaggio  di

relativo caposezione considererà

formazione attraverso  tre  momenti  ben  scanditi  e  ugualmente

l'aspirante redattore pronto per un

proporzionati. Rispondendo  all’annuncio  di  un’orgia  snob,  quattro

importante e impegnativo come q

persone raggiungono  un  appartamento  hi­tech  dopo  la  mezzanotte

autore fisso.

dove li accolgono un’affascinante coppia e un maitre ermafrodito.

ALTRI DELLA CATEGOR

Fifi Howls from Hap

Milano Film Festiva

La storia la scrivon e poiché Bahman Mohassess[...]

Orari Film e Cinema

Trova il Cinema più vicino a te su PagineGialle! PagineGialle.it/Cinema

Sofia Coppola: l’ere “Padrino”

Inizialmente si  spogliano,  ma  è  solo  una  vestizione  esteriore,  superficiale.  Un  alterco  con  un  invitato introduce  al  secondo  momento  del  film:  i  protagonisti  si  raccontano,  mettono  a  nudo  le  loro  anime. Sono  tutte  persone  sole,  che  si  portano  dietro  una  disperazione  sfogata  in  una  perversione.  Il  sesso sembrava essere vissuto come una condanna fino a quel momento; ora si sentono capiti, ascoltati, amati. Il  momento  finale  vede  consumarsi  l’orgia  che  li  aveva  richiamati  nello  stesso  punto,  ma  considerando  i presupposti di partenza ognuno se ne andrà in un modo del tutto inaspettato. Amarsi  una  notte  e  lasciarsi  andare,  riscaldare  le  proprie  solitudini  con  altre  anime  sotto  la  luna  per  poi tornare  alla  vita.  Questa  sembra  essere  la  regola  del  film:  nessun  legame.  Bisogna  saper  lasciare andare  l’altro.  Bisogna  saper  accettare  la  morte  nella  vita  così  come  nell’amore.  L’unica  eternità possibile  è  quella  dell’attimo.  Questa  caducità,  tuttavia,  che  mi  sembra  incarnata  nel  personaggio  del cameriere, è la benzina che alimenta il fuoco del desiderio. Tutto  avviene  in  una  notte  d’inverno,  tra  luci  gelate  e  musiche  elettroniche  curate  dagli  M83. L’appartamento  sorge  in  un  complesso  che  sembra  del  tutto  abbandonato  e  le  strade  circostanti  sono deserte. Su questo mondo buio, solo e allucinato, si alza un’alba, la speranza della felicità di un amore che duri; ma, si sa, è subito sera. Lorenzo Ponte

L’attrice e regista

statunitense, figlia di Francis Ford torna[...]

Shadowhunters, un ossa

Parliamo ancora un un film poco impegnativo e[...]


hi siamo

ZIA

zione onale ca di   al

Privacy e sicurezza

i-LIBRI

Login IFILMSONLINE I 07 SETTEMBRE 2013 Username

Home

Remember me

••••••

Milano Film Festival 2013

Forgot login? | Register

Login

ILO ILO di Antony Chen (2013)

ILO ILO di Antony Chen (2013) Domenica 08 Settembre 2013 13:10 |

Di Andrea Pesoli |

|

Mi piace

3

Ci sono particolari esperienze infantili che, come un bumerang, continuano a tornarci in mente; sensazioni, attimi o ricordi che non ci abbandonano mai immagazzinandosi nel nostro cervello per sempre. Il giovane cineasta Anthony Chen è partito proprio da un momento vissuto da bambino per realizzare il suo primo lungometraggio intitolato Ilo Ilo, presentato in concorso al 18° Milano Film Festival. Il film arriva in Italia per la prima dopo aver vinto la Caméra d'or allo scorso Festival di Cannes. La storia (autobiografica) narra la nascita del rapporto tra Jiale (Koh Jia Ler) e Teresa (Angeli Bayani ): il primo è un bambino viziato e poco avvezzo alle regole, mentre la seconda è la sua nuova domestica filippina. Sullo sfondo è vivido il ritratto di una Singapore alla fine dello scorso millennio, falcidiata da una crisi economica che costringe i membri della famiglia protagonista a sacrifici e umiliazioni.

Il film parla direttamente al cuore dello spettatore, e lo fa con il linguaggio più puro che il cinema contemporaneo può utilizzare: quello di un bambino. Il vero merito del regista (che ha prodotto e scritto la pellicola) è esser stato capace di coinvolgere tramite una storia così personale e intima curata in ogni minimo particolare. La sbiadita messa in scena serve a rappresentare al meglio una società travolta dalla crisi che affida ogni sua speranza alla lotteria. Singapore è dunque la vera protagonista, fotografata in tutte le sue sfaccettature etniche (la città è costituita al 42% da stranieri, tra cui grosse comunità di cinesi, malesi, filippini e indiani). La pellicola purtroppo non ha ancora trovato una distribuzione italiana e anche a causa di scelte come questa il nostro è un paese destinato a restare “provinciale”. Ilo Ilo è la storia di un bambino (ora divenuto grande) e del suo sguardo: non più così ingenuo, è capace ora di raccontare i problemi e le disuguaglianze di un paese chiamato mondo.


Aggiornato il 08/09/2013 alle 23:54 | Lunedì, 9 settembre 2013

ININSUBRIA I 07 SETTEMBRE 2013 i 1/3 PAGINE Q UOTIDIANO INDIPENDENTE DEL NORD

Como: como, a villa olmo la mostra "cristalli" Ricerca negli articoli

Tutti Attualita Lombardia Insubria Varese Como Canton Ticino­Grigioni Politica Economia Cultura Tempo libero 07/09/2013 | Tempo libero

MI Lombardia Mi piace

Invia

I comuni più recentemente a

A una persona piace questo elemento. Di' che piace anche a te, prima di tutti i tuoi amici.

DAL TEATRO STREHLER AL TEATRO STUDIO

Condividi

1

Ultimi 7 giorni

Tweet

0

Primo weekend del Milano Film Festival 2013

Varese  Samarate  Mo Malnate  Como  Cavaria c

Buguggiate  Bolzan

Bellinzona

di Redazione InInsubria

Le ultime pubblicazioni dell'autore: Maroni lascia il dubbio sul "delfino": Salvini o Giorgetti? 300 Lombardi con il sogno dell'indipendenza Regione Lombardia: arriva il piano per un'aria più pulita Fiori e orchidee: "alto gradimento" nel centro di Varese

Evidenza di keywords negli a Ieri e oggi

Como, a Villa Olmo la mostra "Cristalli" Foto repertorio

Mondiali di canottaggio a Varese: così funziona la sicurezza

La rassegna cinematografica milanese compie 18 anni e offre un programma sempre vasto, articolato su diversi punti. Il concorso lungometraggi inaugura la giornata di domenica con la replica di Ilo Ilo Centro nevralgico del festival sarà come sempre il Teatro Strehler di Milano, con il suo Sagrato, e il Teatro Studio, al quale si affiancheranno il Parco Sempione, la Triennale di Milano ­ Teatro dell'Arte, lo Spazio Oberdan, la Cascina Cuccagna, l'Auditorium San Fedele e l'Area Ex Bazzi, che si animeranno per 11 giorni di cinema, musica e incontri con ospiti e registi internazionali. Un appuntamento sempre atteso a Milano, dove il nuovo anno lavorativo e scolastico inizia con una manifestazione di cultura tra le più elevate sul panorama non solo regionale, ma ormai possiamo dire nazonale.

Giornale InInsub Mi piace

Giornale InInsubria piace a 69

Nuova edizione La diciottesima edizione prosegue il percorso iniziato dai due direttori Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini, che anche quest'anno curano un festival attento alle nuove produzioni e al cinema indipendente, che presenta circa 200 opere in arrivo da tutto il mondo, tracciando un percorso tra le più coraggiose cinematografie internazionali, raramente visibili in sala, tra anteprime e incontri con i talenti emergenti.

Plug‑in sociale di Facebook

I partner del 2013 Il festival è sostenuto dal Comune di Milano – Assessorato alla Cultura e dal Programma Media dell'Unione Europea, e ha ricevuto il patrocinio di Expo 2015. Tra i partner, confermano ancora una volta la partecipazione, dimostrandosi così partner fedeli, il Gruppo CAP e Aperol Spritz, dando un segnale importante in un anno che tutti sappiamo non facile per quanto riguarda gli investimenti culturali. Così come hanno fatto molti nuovi partner di prestigio, tra cui Alce Nero, MM Metropolitana Milanese e Vodafone. A questi si aggiunge Banca Prossima, special project partner del festival, con il progetto Are you series? Tra i media partner della 18° edizione anche Sky Arte HD e MYmovies.it, che dal 6 al 15 Settembre, trasmetterà ogni sera alle ore 21:30 gratuitamente una selezione dei lungometraggi del festival. Programma: film in concorso Il programma prevede il consueto CONCORSO LUNGOMETRAGGI, aperto solo a opere prime e seconde di registi provenienti da ogni parte del mondo, e il tradizionale CONCORSO CORTOMETRAGGI, riservato a registi under 40, affiancati da sezioni fuori concorso, film in anteprima, ospiti, workshop ed eventi paralleli. Degli 11 LUNGOMETRAGGI in programma, 8 sono girati da registe donne. Tra i film selezionati, Mirage à l'Italienne di Alessandra Celesia, regista italiana che lavora in Francia, racconta il miraggio di altre vite possibili in una Torino dissanguata dalla crisi economica; The Eternal Return of Antonis Paraskevas, della regista greca Elina Psykou, Best Work in Progress a Karlovy Vary 2012, un film impietoso e non consolatorio, che tira in ballo la televisione e la crisi greca, "girato addosso" a un sorprendente Christos Stergioglou, "non più giovane" attore emergente del cinema greco; Ilo Ilo di Anthony Chen, vincitore della Camera d'Or a Cannes, che rievoca i fantasmi del collasso finanziario asiatico degli anni '90, attraverso la storia, ambientata a Singapore, del rapporto fra una famiglia borghese e la nuova domestica filippina. Tra i CORTOMETRAGGI in programma, si distinguono Fatigués d'être beaux con protagonista Denis Lavant, fantastico attore feticcio di Leos Carax (Holy Motors); Peristalsi di Enrico Iannaccone, originale opera del vincitore del David di Donatello 2013, che sarà presente al festival; Solecito su un progetto di Olafur Eliasson e diretto da Oscar Ruiz Navia, regista del nuovo cinema colombiano, presente nel Concorso Lungometraggi del Milano Film

E al Negozietto di Tronz Internet Be the first of your friends 

Santa Caterina: set Rai p della Speranza Be the first of your friends 

E se la Lombardia dichia indipendenza? 7 people recommend this.

Sea Handling, Marsico:P


ININSUBRIA I 07 SETTEMBRE 2013 i 2/3 PAGINE

Festival nel 2009 e in Concorso alla Quinzaine 2013; Don't Fear Death di Louis Hudson, world première del Concorso Cortometraggi alla presenza del regista, che terrà anche un workshop sull'animazione; La lampe au beurre de yak di Hu Wei, giovane regista cinese che sarà a Milano per la presentazione, corto co­prodotto in Francia, in concorso alla Semaine; L'aurore boréale di Keren Ben Rafael, divertente commedia del miglior cinema francese corto contemporaneo, con Hippolyte Girardot e la figlia Ana; Chigger Ale (here come the problems) di Fanta Ananas, film bizzarro e curioso direttamente dalla new wave etiope, dove molti giovani cineasti si stanno mettendo in gioco. L'omaggio a Sylvain George Milano Film Festival rende omaggio a Sylvain George, autore di cinema politico e sperimentale, di cui presenta i lavori in un'ampia rassegna, che include i lungometraggi, i cortometraggi, una carta bianca, un incontro/dialogo con Stefano Savona e l'evento Alive They Cried: John Butcher su "Vers Madrid – The Burning Bright". Nel corso del festival è inoltre previsto il workshop Seize the time, organizzato da Milano Film Network con Milano Film Festival, in collaborazione con Filmmaker, che culminerà in un film collettivo sulla città, capace di cogliere le parole e i gesti, sociali e politici, dell'Italia contemporanea e di trovare la forma giusta per raccontarli. La sensibilità di Sylvain George e la sua capacità di individuare nei dettagli i grandi movimenti della storia si tradurranno in una serie di preziosi suggerimenti allo sguardo, in una guida all'articolazione discorsiva delle immagini, sia essa narrativa o saggistica, e a un puntuale e serrato confronto sulle pratiche realizzative. L'omaggio è curato da Paola Piacenza. Colpe di Stato Nona edizione della rassegna che si sofferma sulla realtà complessa del sistema di potere nel mondo, sempre attenta alla sperimentazione del linguaggio e alla documentazione del reale, come in Camp 14 di Marc Wiese, viaggio negli orrori dei campi di prigionia in Corea del nord; God loves Uganda, un'esplorazione della campagna di evangelizzazione per instillare i valori importati dall'America cristiana di destra nella cultura africana, tragica operazione di colonialismo culturale, presentato al Sundance Film Festival; Infiltrators, del palestinese Khaled Jarrar, che racconta i tentativi di creare dei varchi nel muro che separa Palestina e Israele; Sur le rivage du monde del quebecchese Sylvain L'Espérance, dove i 4 protagonisti, nonostante la delusione derivata dal fallimento dei diversi tentativi di raggiungere l'Europa, non smettono di crederci; The act of killing di Joshua Oppenheimer, che ci riporta agli anni Sessanta, quando gli squadroni della morte indonesiani uccidono mezzo milione di oppositori, documentario sconcertante fra realtà e finzione dove gli assassini rimettono in scena i loro crimini per le telecamere, in una specie di sogno spaventoso che mescola storia, vanità e senso di colpa; Dirty Wars di Rick Rowley, un reporter americano e il suo viaggio nel cuore di tenebra, un'inchiesta giornalistica in forma di film sull'uso dei droni, che inchioda la politica estera dell'amministrazione Obama, un tema scomodo che nessuno dei nostri media ha mai sfiorato; Inequality for All di Jacob Kornbluth, che illustra la tesi di Robert Reich, ex segretario del lavoro per Bill Clinton, che vede nella classe media il più grave tra i danni collaterali del capitalismo americano; Les Chebabs de Yarmouk di Axel Salvatori­Sinz, che filma il campo profughi dove vive la più grande comunità palestinese in Siria e i "chebabs", giovani, con aspirazioni comuni a quelle di tutti i loro coetanei, in quella fase della vita in cui ogni decisione ha il potere di determinare il destino; infine la magia di un dialogo impossibile, a distanza, attraverso lo specchio della camera di Andy Wolff in The Captain and His Pirate, dove la comunicazione tra il leader dei pirati e il comandante della nave sequestrata al largo delle coste somale è a dir poco sconcertante: sono nemici, sono su fronti opposti, che cosa li divide? Sezioni Parallele Completa l'ampio programma la sezione The Outsiders, che affianca le sezioni competitive del festival, integrando i percorsi del Concorso o raccogliendo frutti emersi a margine del lavoro di selezione. Fra gli altri Closed Curtain di Jafar Panahi e Kamboziya Partovi, film sull'allontanamento forzato del regista iraniano dai set cinematografici; Gore Vidal, the United States of amnesia di Nicholas Wrathall, che ha al centro uno dei grandi outsiders del Novecento americano, che ha vissuto su di sé il paradosso di essere vicino al potere e alla casta dominante, tanto da poter descrivere vizi e virtù della società americana; Le donne della Vucciria di Hiam Abbas; A Band Called Death di Jeff Howlett e Mark Covino, riscoperta e rilettura a distanza, da parte dei figli, della musica di assoluta avanguardia dei genitori, a suo tempo incompresa e forse per questo abbandonata; Museum Hours, film europeissimo dell'americano Jem Cohen, dove convergono i temi della distanza culturale e di quella storica, l'arte come terapia contro l'alienazione. Fra gli Eventi speciali, The Rocket diretto da Kim Mordaunt, Best Narrative Feature Film al Tribeca Film Festival, un racconto di iniziazione costruito con grazia che si immerge con grande rispetto nello straordinario paesaggio laotiano, presentato in collaborazione con il Gruppo CAP; il classico anni '80 Labyrinth di Jim Henson, proposto in una proiezione multisensoriale organizzata in collaborazione con LUSH e Gorilla Perfume; l'anteprima di Teen Beach Movie di Jeffrey Hornaday, in collaborazione con The Walt Disney Company; Faro, secondo lungometraggio di Fredrik Edfeldt che mescola i ritmi tesi del noir alla leggerezza con cui delinea il percorso di maturazione di un padre nel rapporto con l'amatissima figlia, evento speciale in collaborazione con VisitSweden; Diego Star di Frédérick Pelletier, sul tema dei migranti lavoratori, in collaborazione con Naga; Necesitas algo, nena? di Laura Chiossone che affianca un incontro sul tema dei desaparecidos, organizzato con Amnesty International e 24Marzo; e infine la proiezione dei corti di diploma della Milano Scuola di Cinema e Televisione. VerniXage, per il terzo anno consecutivo, prova a indagare le aree interstiziali tra il sistema dell'arte contemporanea e quello del cinema, focalizzando quest'anno la propria ricerca sulle possibilità e le modalità di applicazione, distribuzione, fruizione e racconto dell'arte cinematografica. João Laia, autore e ricercatore portoghese, presenta Now Showing: Austerity Measures, che disegna un tracciato inedito riassemblando, attraverso la tecnica del found footage spezzoni e trailer di tutti i film che sino a oggi hanno parlato di crisi economica. Luca Trevisani presenta Frozen Flames, lo studio della sua prima opera cinematografica in via di definizione. I flussi dell'acqua e i suoi passaggi di stato, il suo parallelo con l'animo umano e i suoi inevitabili sviluppi, serpenti albini, droni e luoghi estremi, sono tra i protagonisti della trama. Invernomuto conferma il proprio interesse nell'accostare realtà, livelli e culture eterogenee, tecniche espressive e linguaggi come cinema, musica, performance, con Negus ­ Echoes Chamber, uno spettacolo inedito realizzato in esclusiva per gli spazi del Piccolo Teatro Studio, che mette insieme materiale filmico girato tra Italia ed Etiopia e che tra i protagonisti vede Lee Perry (padre del dub jamaicano), un Sound System artigianale di quasi cinque metri, un giradischi e la totale immersione del pubblico nello spazio scenico. Anche quest'anno torna il Focus Animazione, con la tradizionale maratona di cortometraggi al Parco Sempione e il workshop PAPER IN MOTION con Louis Hudson, organizzato in collaborazione con Moleskine. Si riconferma l'appuntamento con il milano film festivalino, con proiezioni e laboratori per i più piccoli in Cascina Cuccagna.


ININSUBRIA I 07 SETTEMBRE 2013 i 3/3 PAGINE

La musica del Festival Milano Film Festival conferma l'attenzione alla musica con i dj­set che animano ogni sera il Sagrato del Teatro Strehler e con PARKLIVE, un festival di concerti e dj­set in programma ogni sera alle 18.30 al Parco Sempion (realizzato grazie al sostegno di Jack Daniel's e curato da I Distratti). Tra gli eventi musicali, anche il Milano Film Festival BLOCK PARTY powered by Elita Overture, una serata di musica organizzata nei suggestivi spazi industriali dell'Area Ex Bazzi. Tra i partner della 18° edizione anche Spotify, che ospita le colonne sonore dei film, le playlist votate dal pubblico e i brani degli artisti di PARKLIVE. Un Festival più sostenibile e la campagna Adotta un Regista Tra le novità del 2013 è da segnalare la collaborazione con Novamont ed Ecozema, sviluppata per limitare l'impatto ambientale del festival: tutti i punti di ristoro utilizzeranno infatti stoviglie monouso biodegradabili e compostabili, che verranno conferite in contenitori dedicati alla raccolta della frazione organica. Grande successo per la campagna Adotta un Regista, che ha coinvolto oltre cento cittadini milanesi che offriranno ospitalità ai registi e artisti in arrivo a Milano da tutto il mondo: un progetto di ospitalità alternativa che offre un'occasione straordinaria di conoscere da vicino i veri protagonisti del festival. L'appuntamento è dal 5 al 15 settembre 2013; per tutti gli aggiornamenti è sempre consultabile il sito www.milanofilmfestival.it. Il programma di domenica 8 settembre CONCORSO LUNGOMETRAGGI La prima domenica del Milano Film Festival si inaugura alle 15 presso lo Spazio Oberdan con la replica di Ilo Ilo di Anthony Chen. Alle 17 presso il Teatro dell'Arte, spazio all'unica italiana in concorso, Alessandra Celesia con Mirage à l'Italienne (presente in sala), che documenta il destino di cinque italiani che dopo aver letto l'annuncio "Cerchi lavoro? L'Alaska ti aspetta", intraprendono un viaggio alla ricerca del lavoro e di una propria dignità/identità. A seguire, In Bloom di Nana Ekvtimishvili e Simon Groß (h 20:00 Auditorium San Fedele, replica) e Licks, esordio nei lungometraggi per il giovane regista Jonathan Singer­Vine, che, presente in sala, racconterà la sua scelta di narrare la storia dei ragazzi abitanti del ghetto americano The Hood (h 22:00 Auditorium San Fedele). CONCORSO CORTOMETRAGGI Alle 15 torna il gruppo A al Teatro dell'arte, alle 18:30 è la volta del gruppo J, all'Auditorium San Fedele tra cui La strada di Rafael di Alessandro Falco, produzione italo­spagnola presentato al Festival di Locarno, incentrato sulla storia di un giovane che sceglie di resistere e sognare senza abbandonare la sua città. Alle 21:00 il gruppo B a Parco Sempione, alle 22:30 al Teatro Strehler il gruppo I. OMAGGIO A SYLVAIN GEORGE: DARE VOCE AGLI INVISIBILI Per la 18° edizione, il Milano Film Festival ha deciso di raccontare, attraverso le poetiche immagine del cineasta Sylvain George, le storie di coloro che invisibili alla moltitudine, tentano di reagire alle violenze del mondo. Oggi è in programma il cortometraggio Down in he flame (The litle forms and activist images) (h 19:00 Spazio Oberdan). WORKSHOP DI ANIMAZIONE CON JESSICA ASHMAN Continua il workshop di animazione in collaborazione con Moleskine iniziato il 7 settembre, dalle 10:00 alle 17:00 presso la Sala Eurolab del Teatro Strehler: FOCUS ANIMAZIONE ­ PAPER IN MOTION THE OUTSIDERS Per i "fuori categoria" del Milano Film Festival, oggi tocca a Finding he Funk di Nelson George preceduto da Hopper vu par… First Row Orchestra di Sophie Fiennes (21:00, Spazio Oberdan, replica) e all'americano A Band Called Death di Mark Covino e Jeff Howlet, storia di una delle prime black punk band, fondata dai fratelli Hackney, raccontata attraverso aneddoti e testimonianze dei grandi, tra cui Henry Rollins (h 22:45 Parco Sempione). COLPE DI STATO Tra le rassegne più apprezzate e attese del Milano Film Festival, oggi alle 17:00 il fondamentalismo religioso della chiesa cristiana nordamericana in Uganda è al centro del film di Roger Ross Williams, God Loves Uganda, a cui seguirà un interessante incontro con il Professore Paolo Naso dell'Università Sapienza di Roma (h 17 Spazio Oberdan). Più tardi l'attenzione si sposta invece sulla Corea del Nord con Camp 14 Total Control Zone di Marc Wiese, che ha incontrato un prigioniero e due aguzzini rifugiati a Seul (h 20:00 Teatro dell'arte). 18 ANNI Milano Film Festival compie 18 anni e per celebrare l'evento ha in serbo per voi un cofanetto di meraviglie sepolte. Alle 22:00 per la sezione Grandi speranze, Racconti dal margine al Teatro dell'Arte; alle 22:30 The Platinum Collection, Passione al Parco Sempione. LIVE FROM MFF PARKLIVE 18:30 Nadar Solo + Daniele Celona SAGRATO THE FESTIVAL'S SOUNDTRACK 18:30 STRA Dj Set 21:00 Dj Set Max Relax TURPE Informazioni a info@milanofilmfestival.it. Commenta l'articolo, lasciaci una tua opinione.


  

             

MaSedomani I 07 SETTEMBRE 2013 

 

 

  



  







      (  

         '

! &! $""!#%

$' %")#%*%+" */2,%&%%&)+-"-&++"$"*+"# ,"  %% $)"+& &%&) 2 *++& &#'"+&  ,% "+,* -*+%+ ! % ! %&% +%+& $"%+& "# "*"& (,%+& &)+$%+ $"+& # ')*&%#"+1  ) "#"**"$& %"*+ ##)"%& %+,*"*+ $%+ ''**"&%+& ') ')*%+ &) 2 !",*& '**"-& &##)"& %+" *" +)&- &*3 +,++& "# '*& ##$" #"*,##*'## #'"&#&%"2,)"&* "&"&*&$+,++# "$ "  %%" $ "# %% %%/ -"++"$ " ,##" ## *,&# *&) $&#+"**"$& #7**%0 ## " ,) '+)% %+&  #&)&  "#"%  %,)&'*"&#& &$)"%&"%)"+&"&,$%+)'),$*"&%,% -"&$)(,#))&*&#"%"& ) # ""%0 " $""  $"#")" "%*+""+"  (,*+& *+)%& ! *&++&'&%"##&)&)&+*+&$&** ,%-"#&)+&)"&**"*+"$&# )''&)+& (,&+""%& ) "# )& %#"+"&(,*"$%"#$"& !%&%,)$*"#"$"+&**)-)  &%&) )"&++&  *'%+& ), #"%+ %+*$ " * *+**&  +)*"%%+ -"+#"+1 " %+" %&) "%%$&)+ # $)"+&  ! )"",+ " ))%)*" .)"$4&$%"

*$)"%*,)""# %!#7"%""+& ') $$&)"")*"  &%+++& &%

(,*+ $" #" "$' %+  "$'))  )*) "%+&)%&  ,% $)"+&  ') &*3 $"+&  # &%+"%, ')*%0 "  "% * "%"* ') $++))"*!"&),&#"$&0"&%""+,++" 7 ,% *+&)" *$'#"  *"%) )&%++ ++,&*$%+ &% !,$&)  *%0'"+"*$&&+& )+&%',#"0"*%0)&%0&#""$')-""#$%+ +& #7) &$%+& 2 ,% "#$ "-)+%+  '&*"+"-&  ," *" * &% %"$& #

)&

++"$#*#+ #"++&)"&$"%")####"**"$+)-&# %+")&%" 5)&**6     ##%+ # ')*+0"&% "        ! 1 " &%&) ,% )'')*%+0"&% )#"*+" *%0 $" "%,# ) %# '"++&)*&&)')%%+')""%##')+#&++&)#*+)# +,)/" !+"-  #*,&,++&%# %))$$+"& #"&)%"%  -"-+)&* % #*#7)#%"2"$&*+)+ (,") "*+*%*""#')')+&++"$")++)""++&)"

 








Spettacoli 2.0

spettacoli.blogosfere.It I 07 SETTEMBRE 2013 i 1/2 PAGINE

Home

Cinema

Gossip

Le nostre interviste

Musica

Natale

Personaggi

Televisione

Tutti i tem

Milano Film Festival: Towheads e Terra de ninguém, recensione dei film in concorso Sabato 7 Settembre 2013, 14:22 in Cinema di Alessio Cappuccio Mi piace

3

Invia

1

Tweet

2

Commenti dei lettori

L'agghiacciante racconto di un mercenario e la quotidianità stralunata di una madre di due bambini

Blogo Mi

Articoli Correl

R c c

M 2 S c

Con la fine della Mostra Cinematografica di Venezia (atteso questa sera l'annuncio dei Leoni d'oro assegnati da Bertolucci e dalla sua giuria) ci concentriamo su un altro evento dedicato alla settima arte, ovvero il Milano Film Festival. Annunci Google

Orari Film e Cinema Trova il Cinema più vicino a te su PagineGialle! PagineGialle.it/Cinema

Last Minute Cinque­Terre trivago® Compara Hotel fino a ­78% L'Hotel Ideale al Miglior Prezzo

Grazie ad Aperol Spritz, tra gli sponsor ufficiali della manifestazione, seguiremo per voi lo svolgersi della kermesse meneghina, quest'anno alla diciottesima edizione, conosciuta per le sfumature cool e hipster (e in effetti ieri sera c'erano consistenti tracce della classica movida milanese davanti al Teatro Strehler). Ma veniamo alla sostanza di un appuntamento del genere, ovvero i film. Due i lungometraggi visti, entrambi facenti parti del concorso ufficiale.

L r A o

O t b

M 2 G i

Articoli più let


spettacoli.blogosfere.It I 07 SETTEMBRE 2013 i 122 PAGINE

trivago.it/Hotel­Cinque­Terre

Prestiti Cattivi Pagatori Fino a 30000€ in 24h a Casa Tua Senza Spese. Solo Se Dipendenti. www.EderaSpa.com

Il primo è Towheads, diretto da Shannon Plumb, esordiente alla regia con una pellicola che mette in scena (in maniera esagerata ma non troppo) lo domestica quotidianità di una donna madre di due figli e con un marito il cui lavoro lo costringe fuori casa per gran parte della giornata. Piccolo particolare, che mostra come il cinema sia una questione di famiglia: quest'ultimo è Derek Cianfrance, regista hollywoodiano autore di Blue Valentine e Come un tuono.

Miley Cy Hemswo pensand

L'intrep recensio Amelio ora a Ve

A metà dunque tra il documentario e la fiction, Towheads è una divertente e fresca commedia che attraverso un collage di sequenze­gag restituisce il senso di isolamento e scoramento ma anche l'esaltazione e la gioia di vivere di una madre quarantenne molto sui generisi. Shannon, protagonista quasi sempre in scena, è infatti in possesso di una fisicità e mimica che ricorda i giganti dello slapstick, ovvero Buster Keaton e Charlie Chaplin, di cui in parte si riprende anche il linguaggio cinematografico. Lungi però dall'essere un oggetto frivolo e innocuo, Towheads si preoccupa di insinuare nello spettatore il malessere e l'insoddisfazione di chi ha dovuto sacrificare la propria carriera e qualche parte di sé per un bene più grande (i due biondini del titolo). Introspezione e leggerezza vanno così a braccetto in un film che, pur non essendo un capolavoro, si segnala per il coraggio della sua regista nel mostrare un privato non proprio impeccabile.

Belen e  il prete  Rodrigu

Raccomandati dai let

Lato b giunonico: c 6 persone consigliano

Morgan ricoverato: è Lucarelli, reginetta d 25 persone consiglian

Belen Rodriguez e S presentazione del fi 3 persone consigliano

Plug­in sociale di Facebook

Terra de ninguém (No Man's Land) è invece un documentario che più si avvicina alla definizione tradizionale della categoria, nonostante sia la stessa regista Salomé Lamas a non voler limitare il suo film alla pura e semplice rappresentazione della realtà. È infatti quasi impossibile credere ai racconti di Paulo de Figueiredo, portoghese di 66 anni, una vita intera dedicata prima all'esercito, poi al lavoro di mercenario, poi a quello di killer e infine alla prigione. In una confessione che forse addensa e allinea memorie e menzogne vengono esposte tutte le atrocità e i retroscena di chi ha preso parte alle guerre coloniali in Mozambico e Angola in un commando d'élite, come combattente prezzolato al soldo della CIA in Salvador e infine ha ucciso come killer della GAL, nome degli squadroni della morte creati dal governo spagnolo per distruggere l'attività dell'ETA. In Terra de ninguém c'è allora tutto un sommerso geopolitico che andrebbe almeno accennato per poter essere fruito da chi non ha una cultura di questo tipo; la regista tuttavia, fedele al rigore quasi ascetico del film (una sedia, sfondo nero, inquadratura fissa su Paulo), non si preoccupa troppo di dialogare col pubblico, convinta che le conversazioni avute con il testimone della storia segreta del mondo parlino da sole o quasi. In bilico tra autismo ed espressione ostinata di un mistero, il film accosta momenti shockanti e terribili ad altri in cui si perde il filo del discorso per i troppi dettagli introdotti. Rimane così l'amaro in bocca per un'opera non abbastanza interessata alla comunicazione per essere un documento utile e del resto troppo ancorata al format del reportage per essere davvero un oggetto artistico.   Annunci Google

carte 3DS iR4

Consigliati dall´autore Da non perdere Seguici

Iscriviti ai nostri feed rss. reale tutti i post pubblicat

In evidenza iPad a

Agli uten 80% gra

IMMOB

Annunci Trova or Immobil


Cerca

WUMAGAZINE I 07 SETTEMBRE 2013

home contents n.41 news interviste focus on gallery archivio wu  eventi media partnership network contacts W2

LEVANTE – INTERVISTA

USER

di Jean Marc Mangiameli | 07 settembre 2013

Tags: co ncert i , i nt ervi s t a, Levant e, m i l ano fi l m fes t i val , m us i ca Like

1

0

Tweet

2

Entra Hai dimenticato la pwd? Vuoi registrarti? Invia a un amico

SICA

EMA

ESTY LE

ENTI

PWD

Per tutta l’estate ha cantato a squarciagola “che vita di merda!” (il ritornello della sua hit Alfonso) eppure ora che è reduce da un tour con Max Gazzè, non se la passerà poi così male. Abbiamo intervistato Claudia Lagona, in arte Levante, cantautrice – rivelazione siciliana, che questa sera sarà in concerto a Milano in Piazza del Cannone (Parco Sempione) nel contesto di Parklive – Milano Film Festival. C ondividere il palco con Max Gazzè è un b el colpo. Fino a tre m esi fa non ti conoscevam o ancora. Eri pronta a tutto questo successo? Assolutamente no. È arrivato tutto all’improvviso e inaspettatamente, tanto che mi sento ancora sotto shock. Prima è arrivata l’attenzione della stampa, il successo in radio, poi quando mi hanno chiesto di aprire i concerti di Max sono rimasta spiazzata, ma composta; credo di non aver ancora colto il turbine positivo nel quale sono finita. C on una canzone del g enere, com e facevi a non aspettarti attenzioni? Effettivam ente sem b ra costruita a © Copyright 2010 WU magazine all right reserved Privacy Policy P.Iva 07106650018 BANNERFOOT


02blog.it

02blog I 08 SETTEMBRE 2013 i 1/2 PAGINE Il magazine milanese di BLOGO NE WS

NEWS

GALLERIE

VIDEO

FUORISALONE 2013

EXPO 2015

Homepage > Milano Film Festival 2013

Milano Film Festival 2013: il programma, domenica 8 settembre Scritto da: Arianna Ascione ­ domenica 8 settembre 2013 Mi piace

0

Tweet

0

1

Share

0

Tra le proposte il viaggio in Alaska per il Mirage à l’italienne di Alessandra Celesia, la storia punk dei Death, il fondamentalismo cristiano in Uganda e il Camp 14 coreano

cerca case e appartamen Inserisci comune

I MAGAZINE DI BLO

02blog.it 06blog.it artsblog Benessereblog Autoblog.it Bebeblog books Ca Ecoblog.it Fashionblog.it Gadgetblog.it Gamesblog.it Gossipblog gustoblog Melab Mo Soundsblog.it Toysblog.it Travelblog.it TVBlog.it crimeblog Polisblog Petsb 02blog.it Mi piace

1.51

IN EVIDENZA

iPad a so Annunci Google

Prima domenica del Milano Film Festival: per il concorso

Orari Film e Cinema

lungometraggi alle 15 presso lo Spazio Oberdan ci sarà la replica

PagineGialle.it/Cinema Tro va il Cinema più vicino a te su PagineGialle!

Il Mac Può Girare Windows parallels.com/Windows­su­ Mac Windows + Mac = Più Possibilità. Grafici 3D 15% Più Veloce. Prova !

Agli utenti i 80% grazie

di Ilo Ilo di Anthony Chen. Alle 17 presso il Teatro dell’arte spazio all’unica italiana in concorso, Alessandra Celesia con Mirage à l’Italienne. Seguirà In Bloom di Nana Ekvtimishvili e Simon Groß (h. 20.00 Auditorium San Fedele, replica) e Licks di Jonathan Singer­Vine (h. 22.00 Auditorium San Fedele).

IMMOBIL

Annunci su Trova ora la Immobiliare

Alle 15, nell’ambito del concorso per i cortometraggi, torna il gruppo A al Teatro dell’arte, mentre alle 18.30 è la volta del gruppo J, all’Auditorium San Fedele. Alle 21.00 il gruppo B sarà proiettato al Parco Sempione e alle 22.30 al Teatro Strehler il

gruppo I.

VIDEO CORRELAT

Au uc ter Mi

Per l’omaggio a Sylvain George, oggi è in programma il cortometraggio Down in he flame (The litle forms and activist images) (h. 19.00 Spazio Oberdan) e continua il workshop di animazione in collaborazione con Moleskine iniziato il 7 settembre (dalle 10.00 alle 17.00, Sala Eurolab del Teatro Strehler). Finding he Funk di Nelson George e Hopper vu par… First Row Orchestra di Sophie Fiennes

Da VP ca


02blog I 08 SETTEMBRE 2013 i 2/2 PAGINE

saranno invece i protagonisti tra gli ‘outsider’ (21.00, Spazio Oberdan, replica) insieme a A Band Called Death di Mark Covino e Jeff Howlet, storia di una delle prime black punk band, fondata dai fratelli Hackney, raccontata attraverso aneddoti e testimonianze (h. 22.45 Parco Sempione).

Ro El Gu

Per la rassegna Colpe di Stato oggi alle 17.00 si parlerà del fondamentalismo religioso, al centro del film di Roger Ross Williams, God Loves Uganda (h. 17 Spazio Oberdan). Seguirà Camp 14 Total Control Zone di Marc Wiese (h. 20.00 Teatro dell’arte). Infine per celebrare i 18 anni del MFF alle 22.00 spazio alla sezione Grandi speranze, Racconti

FOTO CORRELATE

Ex Pi

dal margine al Teatro dell’Arte e alle 22.30 in programma c’è The Platinum Collection, Passione al Parco Sempione.

Concerti domenica 8 settembre al Milano Film Festival

La è a ve

Nell’ambito di Parklive alle 18.30 si esibiranno i Nadar Solo e Daniele Celona. Sul Sagrato del Teatro ci saranno i dj set Stra e Max Relax Turpe.

Via di

Annunci Google

18 Assicurazioni Auto www.comparaMeglio.it Confronta i Preventivi di 18 RCA Acquista Online e Risparmi fino 40%

Sconti Teatro ­ Donnacce www.clublanotte.it Biglietti Teatro a Milano 13 Ottobre "DONNACCE" T. Martinitt Leggi anche:  Milano Film Festival 2013

ARTICOLI CORRELATI

In via Torino spunta un murales da record

Arrivano i primi inquilini nel quartiere Citylife

I luoghi abbandonati di Milano: l'edificio dell'acqua potabile al…

I luoghi abbandonati di Milano: il Cinema Maestoso Powered by 

ULTIME NOTIZIE DA BLOGO MO TO RI

GP Monza F1 2013: Vettel primo, Alonso secondo, We...

MO TO RI

GP Monza F1 2013 Live: la diretta. Primo Vettel, p...

0 COMMENTI  AGGIUNGI IL TUO

NE WS

Conti correnti zero spese: i migliori a settembre...


24orenews I 08 SETTEMBRE 2013


      Dtâ&#x20AC;&#x2122;snews I 08 SETTEMBRE 2013

# 



            

"&$!,  





 ' "  

    

%%!

'%'!'$%18:419 

 '%'!'$%18:419  ->?:=5-H>18;75/1@9-0:99--81=5/-9->5=1/--(5199-0:A17->:=177-/41 A5A5A1H59/:8-1>?-;1=8:=5=1 #@559/:9?=--7@9?45>?:=5>/41>@>1@8@9 3@-=05-9:/4105A19?1=F>@:-//:8;-39-?:=191705>?=5/-=>5?=-71;=:718-?5/41 .@=:/=-?5/418->:;=-??@??:;1=/:8;=1901=171.1771DD10178@>1:10177-/5??F :9>@//101-7?=:8-572578HA1=-819?1.177: 5>:39- >:7: 7->/5-=>5 -90-=1 -77- /:8;-395- 05 99 1 :4-99 ;1= 71 >?-9D1 017758;:=?-9?5>>58-/:771D5:910-=?11;1=5<@-=?51=505(5199-1-771588-3595 0518:419A501:-=?5>?-05 1B*:=6-;;->>5:9-?:05-=?11=:/6

":?=1?1 >19?5=75 ;-=7-=1 05 8@>5/- 05 =@13417 05 -=?1 8- -9/41 05 05>://@;-D5:91 05>-35: 35:A-9571 01=5A- ;:75?5/- 819?=1 7- /-81=- /5 ;=:;597@9345;5-9525>>5-7?=1??-9?:7@9341/-==177-?1A1=>:579@77--77-=5/1=/-0177-958-01??-375>@;5//:71/:>1>5-9:/-0@/412:3751: >-//41??5/41>A:7-DD-9: -;:1>5-59/:9?=-7-9-==-D5:918-<@1>?@7?58-H>-/=525/-?-/:81>@//101915<@-0=505=@134170:A157 ;@9?:/=@/5-7101705;59?:9:9H8-5>@77->?:=5-;=59/5;-718-91501??-375-;;-=19?1819?159>539525/-9?5 (5199-H7-=?1/41/:9?- 7=-;;:=?:@8-9:?=-50@1;=:?-3:95>?5H7->/5-?:/=1>/1=18:7?:75.1=-819?1?-9?:H/41505-7:345 ?=-7:=:>:9:593=-9;-=?12-=59-017>-//:0150@185>@=-?559?1=;=1?57->?-?@95?19>105>-93@15=7-901>1-=C-=3-=1?!-=-1 7-@>?=5-/::..C%:881= @92578719?:-=?5>?5/:0-/@5>501A:9:->?191=1/:7:=:/41917/5918-/1=/-9:>:7-819?1>?:=5-1-D5:918-/454-;-D519D-1 >57->/5-?=->/59-=10-7;-/-?:1-22->/59-9?1=5?8:05:419>/:;=5=F/41;:1>5-1018:D5:9159>5?59177-=?1A5>@-71=190:9:57=1>?: 017?@??:2@?571 :;1=-H;=:0:??-?=-375-7?=5-9/410-"-??5%85?4-85/-0518:419-=?5>?-/=1>/5@?:9177->/19-05 1B*:=60:A14-35=-?:5 >@:50:/@819?-=5;1=7:;5K5905=5DD-?5A1=>:7-8@>5/-;@9659;-=?5/:7-=1 0H>?=-9:/41@9=135>?-/:>I-;;->>5:9-?:05=:/6-..52-??:@92578?:?-7819?1>19D-/:7:99->:9:=-71@95/41/-9D:95/41>5>19?:9:0@=-9?1572578>:9:710@1/-9?-?1>19D-8@>5/0--=3-=1?!-=-7-??=5/1H-9/41/-9?-9?114-@958;:=?-9?1;->>-?:593=@;;52:7610@9?=-9/5:05/:9/1=?:05@93=@;;: 7:/-71 :=>1/:8105/45-=-:4-9-0@9/1=?:;@9?:0172578-9/41:4194-35F-A@?:7->@-<@-9?5?F05=@8:=1:=-4-.5>:39: 017>5719D5: "1=/45-;;=1DD--@?:=52@:=50-375>/4185>:75?5<@17750172=-/->>:4:77CB::05-9::017>19?5819?-75>8:;:;:7-=18-/41/1=/-9:@9 /5918-8105?-?5A:1;:1?5/:85A519159819?1=5/18-;1=8-335:=-??5919D-31:3=-25/--9/41<@177@2:>;5-9?-?:05:9:>? 7:;1=-;=1>19?-?--757-9:5781>?5A-7 H/:9>5375-?5>>58- :91719/41=J57;=:0@/?;7-/1819?9@81=:>:/417-A501:/-81=-05:41959/:9?=-;1=71A5105(5199-8-857585?1=J-/5?-=171 .=-90/41H05225/5719:9/:9>501=-=1A:7:9?-=5-819?159>1=5?19172578 01>18;5:7-.5==-!%%$05/@5@9-7-??59--..-90:9-?;1=>?=-0-A519159<@-0=-?-59;=58:;5-9:;=58-/41@9->@-;@..75/5?F9:9A193-8:>?=-?--7759?1=9:05@9.-=:;;@=17-! !05/@5>559<@-0=-@9;-99177:;@..75/5?-=5:59;=58:;5-9:0-A-9?5-0@9-/-??10=-7105(5199-1;:57->5=159/:9?=-7@93:572578 59 -7?=1 ;:>1  ":5 71 ?1>?-?1 '& $ &$'  1 ''%&  /5?-?1 : 8:>?=-?1 1 5 7:/-75 @?575DD-?5 ;1= 71 =5;=1>1 57 ' &%&!$%%57A->-9>05=157%"$%%!157) $/-22G=593=-D5-?5915?5?:7505/:0-1>:;=-??@??:57;=58: >;1>>:8:>?=-?5

$+!

*%$!'

*%$!

*%)!$ *%"$!  *

+'  

&(%! $& &!$ !

(!" ( & %" &$ &'&&

#!

 &

!"

%%!+ #

!'%

('!$

 (& $ '$!" )!$

!!"$%

''#

*%$!

*%)!$

  



!

*%"$!

$ !

! !$" !! 

$%

%!""  ""! !"!    



" "  "  

  !"$ ! 

&(  $

'( *!


Gaiaitalia I 08 SETTEMBRE 2013

HOME

LA PAGINA DELLO ZIO BO

CINEMA & FESTIVAL

YOMAGAYZINE ITALIA

INTERVISTE

Home » CINEMA & FESTIVAL, CULTURA » Milano Film Festival, il programma di domenica 8 settembre

Milano Film Festival, il programma di domenica 8 settembre gaiaitalia.com ­ 8 September 2013 2 Like

Share

1

3 people like this. Be the first of your friends.

StumbleUpon

Comunicato stampa La prima domenica del Milano Film Festival si inaugura alle 15 presso lo Spazio Oberdan con la replica di Ilo Ilodi Anthony Chen. Alle 17 presso il Teatro dell’Arte, spazio all’unica italiana in concorso, Alessandra Celesia con Mirage à l’Italienne (presente in sala), che documenta il destino di cinque italiani che dopo aver letto l’annuncio “Cerchi lavoro? L’Alaska ti aspetta”, intraprendono un viaggio alla ricerca del lavoro e di una propria dignità/identità. A seguire, In Bloom di Nana Ekvtimishvili e Simon Groß (h 20:00 Auditorium San Fedele, replica) e Licks, esordio nei lungometraggi per il giovane regista Jonathan Singer­Vine, che, presente in sala, racconterà la sua scelta di narrare la storia dei ragazzi abitanti del ghetto americano The Hood (h 22:00 Auditorium San Fedele). Alle 15 torna il gruppo A al Teatro dell’arte, alle 18:30 è la volta del gruppo J, all’Auditorium San Fedele tra cui La strada di Rafael di Alessandro Falco, produzione italo­spagnola presentato al Festival di Locarno, incentrato sulla storia di un giovane che sceglie di resistere e sognare senza abbandonare la sua città. Alle 21:00 il gruppo B a Parco Sempione, alle 22:30 al Teatro Strehler il gruppo I. Per la 18° edizione, il Milano Film Festival ha deciso di raccontare, attraverso le poetiche immagine del cineasta Sylvain George, le storie di coloro che invisibili alla moltitudine, tentano di reagire alle violenze del mondo. Oggi è in programma il cortometraggio Down in he flame (The litle forms and activist images) (h 19:00 Spazio Oberdan). Per i “fuori categoria” del Milano Film Festival, oggi tocca a Finding he Funk di Nelson George preceduto daHopper vu par… First Row Orchestra di Sophie Fiennes (21:00, Spazio Oberdan, replica) e all’americano A Band Called Death di Mark Covino e Jeff Howlet, storia di una delle prime black punk band, fondata dai fratelli Hackney, raccontata attraverso aneddoti e testimonianze dei grandi, tra cui Henry Rollins (h 22:45 Parco Sempione). Tra le rassegne più apprezzate e attese del Milano Film Festival, oggi alle 17:00 il fondamentalismo religioso della chiesa cristiana nordamericana in Uganda è al centro del film di Roger Ross Williams, God Loves Uganda, a cui seguirà un interessante incontro con il Professore Paolo Naso dell’Università Sapienza di Roma (h 17 Spazio Oberdan). Più tardi l’attenzione si sposta invece sulla Corea del Nord con Camp 14 Total Control Zone di Marc Wiese, che ha incontrato un prigioniero e due aguzzini rifugiati a Seul (h 20:00 Teatro dell’arte).

GAIAIT


VIRAL NEWS MODA BEN-ESSERE SPORT MOTORI EROS & GIRLS HI TECH SHOW AFTER HOURS GQ.IT I 08 SETTEMBRE 2013 i 1/2 PAGINE

BLOG OROSCOPO VIDE IN EVIDENZA

SHOW

La seconda vita

Beth Hart ha visto il successo e 09 settembre 2013 Ultimo aggiornamento alle 10.01 conosciuto l'abisso: ecco la sua storia

MFF 2013, IL PROGRAMMA DI DOMENICA 8 SETTEMBRE 08 set 2013 — Redazione GQ Italia

Viaggio in Alaska per il "Mirage à l’italienne" di Alessandra Celesia, la storia punk dei Death, il fondamentalismo cristiano in Uganda e il Camp 14 coreano di Colpe di Stato

0 Commenti

Share

Preferito

Like

0

Tags: milano film festival 2013

CONCORSO LUNGOMETRAGGI Alle 15 presso lo Spazio Oberdan con la replica di Ilo Ilo di Anthony Chen. Alle 17 presso ilTeatro dell'Arte, spazio all'unica italiana in concorso, Alessandra Celesia con Mirage à l'Italienne (presente in sala), che documenta il destino di cinque italiani che dopo aver letto l'annuncio "Cerchi lavoro? L'Alaska ti aspetta", intraprendono un viaggio alla ricerca del lavoro e di una propria dignità/identità. A seguire, In Bloom di Nana Ekvtimishvili e Simon Groß (h 20:00 Auditorium San Fedele, replica) e Licks, esordio nei lungometraggi per il giovane registaJonathan Singer­Vine, che, presente in sala, racconterà la sua scelta di narrare la storia dei ragazzi abitanti del ghetto americano The Hood (h 22:00 Auditorium San Fedele). CONCORSO CORTOMETRAGGI Alle 15 torna il gruppo A al Teatro dell'arte, alle 18:30 è la volta del gruppo J, all'Auditorium San Fedele tra cui La strada di Rafael di Alessandro Falco, produzione italo­spagnola presentato al Festival di Locarno, incentrato sulla storia di un giovane che sceglie di resistere e sognare senza abbandonare la sua città. Alle 21:00 il gruppo B a Parco Sempione, alle 22:30 al Teatro Strehler il gruppo I. OMAGGIO A SYLVAIN GEORGE: DARE VOCE AGLI INVISIBILI Per la 18° edizione, il Milano Film Festival ha deciso di raccontare, attraverso le poetiche immagine del cineasta Sylvain George, le storie di coloro che invisibili alla moltitudine, tentano di reagire alle violenze del mondo. Oggi è in programma il cortometraggio Down in he flame (The

www.gqitalia.it/show/cinema/2013/9/milano-film-festival-2013-il-programma-di-domenica-8-settembre

Neym

Abbonat Tornano i Daft Punk

Dieci cose che dovete s nuovo album


GQ.IT I 08 SETTEMBRE 2013 i 2/2 PAGINE

09/09/13

Milano Film festival 2013, il programma di domenica 8 settembre - GQItalia.it

litle forms and activist images) (h 19:00 Spazio Oberdan). WORKSHOP DI ANIMAZIONE CON JESSICA ASHMAN Continua il workshop di animazione in collaborazione con Moleskine iniziato il 7 settembre, dalle10:00 alle 17:00 presso la Sala Eurolab del Teatro Strehler: FOCUS ANIMAZIONE ­ PAPER IN MOTION THE OUTSIDERS Per i "fuori categoria" del Milano Film Festival, oggi tocca a Finding he Funk di Nelson Georgepreceduto da Hopper vu par… First Row Orchestra di Sophie Fiennes (21:00, Spazio Oberdan, replica) e all'americano A Band Called Death di Mark Covino e Jeff Howlet, storia di una delle prime black punk band, fondata dai fratelli Hackney, raccontata attraverso aneddoti e testimonianze dei grandi, tra cui Henry Rollins (h 22:45 Parco Sempione). COLPE DI STATO Tra le rassegne più apprezzate e attese del Milano Film Festival, oggi alle 17:00 il fondamentalismo religioso della chiesa cristiana nordamericana in Uganda è al centro del film diRoger Ross Williams, God Loves Uganda. Più tardi l'attenzione si sposta invece sulla Corea del Nord con Camp 14 Total Control Zone di Marc Wiese, che ha incontrato un prigioniero e due aguzzini rifugiati a Seul (h 20:00 Teatro dell'arte).


MilanoWeekend I 08 SETTEMBRE 2013

Al Milano  Film  Festival,  la  kermesse  dedicata  al cinema  indipendente  e  agli  esordienti  che  animerà  il capoluogo  meneghino  fino  al  15  settembre,  è  stato presentato  Towheads  (Biondini),  opera  psicanalitica  e divertentissima dell’esordiente Shannon Plumb. L’artista  newyorkese  over  40  è  contemporaneamente regista  e  protagonista  di  un  esilarante  ritratto  di unamadre moderna  intelligente  e  attiva,  innamorata  del suo  lavoro,  ma  ancora  di  più  della  sua  famiglia;  il  suo  è un  esordio  insolito  per  età  (al  Milano  Film  Festival  partecipano  anche  molti  registi  di  25/26  anni), assolutamente  brillante  e  certamente  autobiografico:  recita  insieme  a  lei  nel  lungometraggio  il  marito  Derek Cianfrace, regista di Blue Valentine. “Vai a fare una maschera, sembri stanca” dice Matt alla moglie Penelope mentre le allunga un assegno. Matt è un marito che tenta di essere presente in famiglia, ma proprio non ce la fa (per tutto il film di lui non vedremo mai il viso), Pen è una madre irresistibile e maldestra alle prese con i suoi due biondissimi e pestiferi bambini e soprattutto con la ricerca della propria identità. Pen,  infatti,  è  completamente  assorbita  dal  ruolo  di  madre  e  vorrebbe  ritrovarsi,  come  donna  e  come  attrice, anche a costo di sembrare ridicola o pazza. In un crescendo di ilarità la vediamo affrontare improbabili provini pubblicitari, improvvisarsi spogliarellista e, soprattutto, travestirsi: Pen è babbo Natale, un giocatore di rugby, un  pompiere,  una  femme  fatale  anni  venti,  una  cuoca,  un  supereroe  in  uno  straordinario  omaggio  al  cinema muto e alla coltivazione dell’immaginazione che c’è in ognuno di noi. Da vedere. Il nostro voto: 7+ Una frase: Pen: “Ma Spiderman come fa a essere così forte?” Figlio: “Ѐ perché non ha paura, mamma” Per chi: per mamme meravigliosamente imperfette e padri distratti.


RECENSITO I 08 SETTEMBRE 2013 Home

Eventi

Libreria

Teatro

Cine & TV

Interviste

Rubriche

Links

Lunedì 9 Settembre 2013

Milano Film Festival: tra i lungometraggi da non perdere Licks, pellicola del giovane regista americano Jonathan Singer­Vine 09 09 2013 (Cine & TV) Il  Milano  Film  Festival  illumina  le  giornate  milanesi  con  le  sue  interessanti  proiezioni  di  giovani  autori internazionali che permettono di guardare al mondo attraverso tanti occhi e in molti modi diversi. Tra i lungometraggi in concorso spicca la pellicola di un giovane regista americano, Jonathan Singer­Vine, 25 anni che presenta qui il suo lungometraggio, frutto di cinque anni di lavoro, “Licks”. Un ghetto americano, quello di Oakland, giovani che vivono in situazione estreme, tra droga e rapine, in un mondo che sembra aver scelto già il destino di ciascuno, senza possibilità di salvezza. D. è uno di questi ragazzi; un giorno con altri tre sue amici decide di rapinare un supermarket ma per lui le cose si complicheranno. Rimasto ferito, verrà arrestato e passerà in carcere i due anni successivi. Dopo il suo rilascio il rientro in quel mondo che aveva lasciato sarà complicato, perché dovrà affrontare un percorso interiore, diviso tra il sentimento che lo lega a quella gente e alle regole che animano quel mondo e la voglia  di  cambiare,  di  poter  scegliere,  di  avere  un’opportunità  che  il  destino  sembra  negargli  ma  che  lui desidera ardentemente. Nonostante la sua giovane età, Singer­Vine descrive con grande capacità e lucidità il ghetto e tutti i suoi abitanti, ciascuno imprigionato nei propri sbagli, nei propri dolori, in un mondo che sembra non avere uscite. Con grande verità qui si racconta la vita, fatta di sbagli, miserie, codici non scritti ma pesanti come macigni; uomini e donne che crescono rispettando regole non scritte ma radicate, da tutti riconosciute come tali, passivamente incapaci di ribellarsi a un destino che per loro è già segnato. D. cerca di squarciare questo muro di immobilismo; la sua esperienza fuori da quel mondo lo ha spinto a desiderare  di  poter  avere  una  possibilità  non  lontano  da  tutto  ma  proprio  ripartendo  dal  suo  quartiere, cercando  di  combattere  con  piccoli  gesti  ciò  che  di  sbagliato  vede  accadere  ogni  giorno  davanti  ai  suoi occhi. Non ci sono gesti eclatanti, eventi straordinari ma un lento e faticoso percorso per riappropriarsi del proprio destino;  D.  commette  tanti  sbagli,  non  si  sveglia  un  giorno  improvvisamente  cambiato  ma  combatte costantemente contro il suo passato per cercare di trovare una via riscatto. Il  regista  è  riuscito  a  raccontare  la  storia  di  questo  ragazzo,  del  suo  percorso  senza  cadere  in  facili moralismi  e  luoghi  comuni;  non  c’è  compassione  o  pietà  nel  suo  racconto  ma  seguiamo  grazie  al  suo sguardo discreto e partecipativo, il percorso di vita di D., le sue scelte, spesso dolorose, i suoi desideri ma anche le delusioni, le paure, i momenti di sbandamento; ci conduce in un mondo crudele, violento, dove la speranza è un sentimento sconosciuto così come i sogni guidandoci verso un finale denso di significato. Bravissimi  tutti  gli  interpreti,  intensi  ed  emozionanti,  capaci  di  raccontare  un  mondo  estremo,  violento, drammatico ma con verità, senza filtri e sconti. Il  giovane  regista  dimostra  di  avere  grandi  doti  e  una  profonda  sensibilità  narrativa  e  questo  film  è veramente uno dei titoli da non perdere.   (Tamara Anna Malleo)  

Inseri

Iscriv per re E­ma

Mand recen redaz pubbl


Il cubo in­formato

RUBRIC I 08 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE HOME

MELT IN G POT

SEI QUI: HOME

CINEMA

CU LT U RA

SCIEN ZA E T ECN OLOG IA

MU SICA

REVIEW

IL CINEMA? UNA BELLA SCOPERTA. MILANO FILM FESTIVAL 2013

9 SETTEMB A

A

A

Il cinema? Una bella scoperta. Milano Film Festival 2013 Scritto da Redazione Rubric il 8 settembre 2013 in Cinema | 0 Commenti

Fino al 15 settembre, e per la 18esima volta, il Milano Film Fes tival chiude il fitto programma di manifestazioni estive del capoluogo meneghino. Centro nevralgico della manifestazione è come sempre il Teatro Strehler di Milano, Milano Film Festival 2013

con il suo Sagrato, e il Teatro Studio, al quale si affiancano il Parc o Sempione, la Triennale di Milano – Teatro dell’Arte, lo

Spazio Oberdan, la Cascina Cuccagna, l’Auditorium San Fedele e l’Area Ex Bazzi. Come da tradizione, anche quest’anno si rende omaggio ad grande autore della cinematografia. Il nome scelto è quello di Sylvain George, i cui lavori politici e sperimentali sono presenti in un’ampia rassegna. 200 le opere pres enti in programma, provenienti da tutto il mondo. Il festival si riconferma attento alle nuove produzioni e al c inema indipendente, tracciando un percorso tra cinematografie internazionali raramente visibili in sala ed incontri con i talenti emergenti. Il programma prevede il consueto “Conc ors o Lungometraggi”, aperto solo a opere prime e seconde, e il tradizionale “Conc ors o Cortometraggi”, riservato a registi under 40, affiancati da sezioni fuori concorso, film in anteprima, ospiti, workshop ed eventi paralleli. Degli 11 lungometraggi in programma, 8 sono girati da registe donne. Tra i film

selezionati,Mirage à l’Italienne di Alessandra Celesia, regista italiana che lavora in Francia,

racconta il miraggio di altre vite possibili in una Torino dissanguata dalla crisi economica; The

Eternal Return of Antonis Paraskevas , della regista greca Elina Psykou, un film impietoso e non

consolatorio, che tira in ballo la televisione e la crisi greca, “girato addosso” a un sorprendente

Christos Stergioglou, “non più giovane” attore emergente del cinema greco; Ilo Ilo di Anthony Chen, che rievoca i fantasmi del collasso finanziario asiatico degli anni ’90, attraverso la storia, ambientata a Singapore, del rapporto fra una famiglia borghese e la nuova domestica filippina. Fra i cortometraggi in programma, si distinguono Fatigués

d’être beaux con protagonista Denis Lavant, fantastico

attore feticcio di Leos Carax; Peristalsi di Enrico

Iannaccone, originale opera del vincitore del David di

Donatello 2013, che sarà presente al festival; Solecito su un progetto di Olafur Eliasson e diretto da Oscar Ruiz

Navia, regista del nuovo cinema colombiano; Don’t Fear

Death di Louis Hudson, world première del Concorso

Cortometraggi alla presenza del regista, che terrà anche un

workshop sull’animazione; La lampe au beurre de yak di

Hu Wei, giovane regista cinese; L’aurore boréale di Keren

Ben Rafael, divertente commedia del miglior cinema

francese corto contemporaneo; Chigger Ale (here come the

problems) di Fanta Ananas, film bizzarro e curioso

direttamente dalla new wave etiope, dove molti giovani cineasti si stanno mettendo in gioco.

La locandina del Festival

A fare da cornice ai concorsi, torna la rassegna “Colpe di Stato“, giunta alla 9a edizione e che, come sempre, offre una focalizzazione sulla realtà complessa del sistema di potere nel mondo. A completare l’ampio programma la sezione “The Outs iders “, che affianca le sezioni

www.rubric.it/recensioni-cinema/milano-film-festival-2013/

G ALLERY


RUBRIC I 08 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

09/09/13

Milano Fiestival 2013 | Rubric

mondo. A completare l’ampio programma la sezione “The Outs iders “, che affianca le sezioni competitive del festival, raccogliendo i frutti emersi a margine del lavoro di selezione. E ancora eventi speciali di arte (rassegna “VerniXage”) e mus ic a (ogni sera dj-set al Sagrato del Teatro Strehler). Da segnalare la presenza della partnership con Spotify che ospita le colonne sonore dei film le playlist dei Dj. Un’edizione all’insegna della res pons abilità ambientale quella del 2013: tutti i punti di ristoro utilizzeranno infatti stoviglie monouso biodegradabili e compostabili, che verranno conferite in contenitori dedicati alla raccolta della frazione organica. Un motivo in più per dare un’occhiata al programma generale e far un salto. IN FO BIGLIETTI ABBONAMENTO Intero: 55 euro Ridotto: 35 euro (convenzioni su www.milanofilmfestival.it) BIGLIETTI SINGOLI Teatro Strehler, Teatro Studio, Auditorium San Fedele, Triennale di Milano-Teatro dell’Arte Tutta la mattina – 4 euro Spettacolo pomeridiano singolo (inizio entro le ore 19) – 5 euro Spettacolo serale singolo (inizio dopo le ore 19) – 6 euro I biglietti per gli spettacoli alla Triennale di Milano, si acquistano all’Infopoint del Parco Sempione Teatro Strehler – Scatola Magica Tutti gli spettacoli – 4 euro Spazio Oberdan Intero – 7 euro Ridotto (con Cinetessera ) – 5,50 euro Giorni feriali spettacoli ore 15 e 17 Intero – 5,50 euro Ridotto (con Cinetessera ) – 3,50 euro Parco Sempione – Piazza Grande Spettacolo serale singolo – 5 euro Maratona animazione – 8 euro (biglietteria aperta dalle 20)


ViviMilano > Cinema > Milano Film Festival: ¿Necesitas algo, nena?

VIVIMILANO.CORRIERE.IT I Cerca 09 SETTEMBRE 2013 il film Cosa cerchi

Scegli il gene…

Tweet

0

cerca

Consiglia

0

RASSEGNE

Milano Film Festival: ¿Necesitas algo, nena? di Giancarlo

Grossini ‐ Ultimo aggiornamento: 06/09/2013

FOTO

MAPPA

0

info Teatro Strehler largo Greppi 1 Milano Contatti: 02.71.36.13 Quando: Prima data: 9 settembre 2013  dalle 19:00 TUTTE LE ALTRE DATE

Prezzi: Gratuito

ristoranti in zona 1 Grand'Italia 2 La Cotoletteria 3 Resentin

locali in zona

Descrizione: A ingresso libero, nello spazio Scatola Magica del

4 See You at One 5 Sans Egal 6 Marc Jacobs Café

Teatro Strehler, un doppio evento interessante nell’ambito del Milano Film Festival. Dalle ore 19 si fa il punto sul movimento dei figli dei desaparecidos insieme a rappresentanti di Amnesty International e di 24 marzo. Segue la proiezione di ”¿Necesitas algo, nena?”, diretto nel 2010 da Laura Chiossone, visto in varie rassegne in giro per il mondo e anche nel ciclo milanese ”Sguardi Altrove”. È un lavoro che colpisce e che racconta di una emigrante calabrese e del suo arrivo a Buenos Aires, dove sperimenterà la violenza della dittatura. TAG: Argentina | desaparecidos | Laura Chiossone | © RIPRODUZIONE RISERVATA

vivimilano.corriere.it/cinema/milano-film-festival_2222943788792.shtml

eventi in zona 7 Milano Film Festival 8 VerdEstate, iniziative per tutta la famiglia 9 Le macchine di Leonardo in mostra


Il magazine del product

DY’SNEWS I 09 SETTEMBRE 2013

Cerca nelle news...

>

Cinema, Televisione e tutto quanto fa intrattenimen

mercoledì 11.09.2013 18:19

CINEMA

Chi sia 9 Settembre 2013 ­ 15.41

MILANOFILMFESTIVAL 2013

HOME MISSION

DIEGO STAR ­ Frederick Pelletier (2012)

DIEGO STAR – Frederic Pellettier (2013) Un incidente piuttosto grave avviene vicino alle coste del Canada mandando in frantumi il motore della DIEGO STAR, nave mercantile russa con capitano turco e  con  a  bordo  equipaggio  mal  pagato  e  peggio  tutelato.  Si  tratta  di  persone  di varia nazionalità tra cui il protagonista di questo film che prende titolo dal nome della nave e che è stato presentato al MILANO FILM FESTIVAL 2013. Dicevamo  del  protagonista,  Traoré,  un  nero  ivoriano  che  si  è  accorto  giorni prima  dell’incidente  della  mancata  esecuzione  di  lavori  di  manutenzione necessari e causa dell’incidente stesso; non un errore umano come vorrebbero

REDAZIO

DY'S GRO

DY'S CHR

DY'S WOR

DY'S PRO JMN&DY

News CINEMA

TELEVISI

far credere gli ufficiali di bordo al controllo della guardia costiera canadese (per altro molto più interessata a liberarsi dalle proprie

ARTE

acque dell’ingombrante cargo che non approfondire la questione).

EDITORIA

Per nulla intenzionato a prendersi colpe che non ha Traoré denuncia la cosa e per questo cade in disgrazia, incagliato in una terra ostile (il freddo Canada non è certo il meglio per un africano abbandonato da tutti). In  casi  estremi  in  cui  si  rischia  di  perdere  il  lavoro  e  la  fonte  di  sopravvivenza  non  conta  la  ragione  ma  solamente  la  propria salvaguardia gli amici solidali non lo sono più, i negligenti negano di esserlo, i controllori evitano i problemi. Ma ciò che fa più male al protagonista, un brav’uomo costretto alla navigazione costante per racimolare i soldi per mantenere moglie e  figli,  è  l’abbandono  subito  dalla  giovane  madre  Fanny  con  cui  aveva  condiviso  le  difficoltà  del  vivere  dandole  una  mano  con  il

GIOCHI

VIDEOCLI EVENTI

SPECIALI ALTRE TUTTE

piccolo figlioletto.

Canali

DIEGO STAR è un film dal Quebec dell’esordiente Frederick Pellettier che ci racconta una storia di impegno civile senza mai cadere

CANALI T

nelle trappole del sentimentalismo (il rapporto tra ragazza e protagonista era a rischio…) e senza finali accomodanti. Niente di originale ma correttamente girato e ben ambientato nel rigido paese portuale tra neve, ghiaccio e boschi, lasciandoci la giusta insoddisfazione di fronte alle ingiustizie quotidiane e niente affatto eccezionali del mondo. Poco,  quasi  nullo  il  product  placement,  del  tutto  casuale.  Giusto  una  felpa  ADIDAS  (gran  trovata  quella  dell’azienda  sportiva  di mettere  le  tre  strisce  bianche  che  contraddistinguono  il  brand  rendendolo  visibile  ovunque…)  ed  un  dettaglio  di  un  paio  di  riviste

PPlace

ASSOCIAZ FAQ

BLOCKBU

femminili, MADELEINE e BELLE.

VUOI FAR

Stefano Barbacini 

Hit Par

AMERICA Like

Be the first of your friends to like this.

EUROPA WORLD

BLOOPER

Rasseg

Aggiungi un commento... Stai pubblicando come Valentina Calabrese (Modifica) Pubblica su Facebook Plug‑in sociale di Facebook

©www.dysnews.eu More Share Share Share Share | Share

DY'S CHR Commenta

DY'S WOR

DY'S PRO

BRAND M

Top Sec

21/12/20

SHOPPING

ANCHE G COMPRAN 24TV

2500 BRA

Festiva


FLIPMAGAZINE I 09 SETTEMBRE 2013

ATTUALITÀ CHI SIAMO

WORLD WIDE PUBBLICITA'

TERZA PAGINA

COSA BOLLE IN PENTOLA

L'EDITORIALE

LE RUBRICHE DI FLIP

CONTATTACI

Cerca...

Milano Film Festival, un contenitore di culture settembre 9, 2013 da admin    Categoria terza pagina

Fotografia fornita dall’Ufficio Stampa Milano Film Festival Il sipario è calato sul palcoscenico della laguna per il Festival del Cinema di Venezia, ma per i cinefili  la curiosità non si è spenta, perchè si è spostata su un’altra iniziativa giunta alla sua 18ª edizione: Milano Film Festival (MFF). L’evento, nato nel 1995, diretto da due giovani, attenti e preparati, Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini, continua  a  mantenere  fede  ai  suoi  valori  che  lo  caratterizzano  sin  dal  suo  esordio.  Milano  Film  Festival, infatti, fa ricerca, sia nei linguaggi, sia nei contenuti, è promotore di nuovi talenti italiani e internazionali e di un dialogo continuo e costruttivo tra registi, case di produzione, gruppi di lavoro e scuole di cinema,  ma soprattutto  è  attento  alle  nuove  produzioni  e  al  cinema  indipendente.  Il  concorso  che  anima  l’intero programma  dell’appuntamento  milanese,  prevede  una  sezione  dedicata  ai  cortometraggi  e  l’altra ailungometraggi,  tutti  rigorosamente  opere  prime.  Degli  undici  lungometraggi  selezionati,  otto  sono  girati daregiste donne e  il  tema  che  percorre,  in  qualche  modo,  ogni  lavoro  è  la  crisi.  “Una  crisi  dalla  doppia faccia: quella economia e quella esistenziale”, come afferma Rossini, durante la conferenza stampa. Ad esempio, è così per la pellicola Mirage á l’italienne, di Alessandra Celesia. Una storia che racconta le vite  di  cinque  italiani  in  cerca  di  lavoro  che,  delusi,  migrano  oltreoceano,  in  Alaska,  dopo  aver  letto  un annuncio. Inizia così un viaggio dalla dinamica drammatica, che la regista sviscera tra disillusione e umanità. Invece l’artista newyorkese, Shannon  Plumb,  nel  suo  lungometraggio  Towheads,  traccia  l’identikit  di  una donna moderna, mamma, intelligente e intraprendente, innamorata del suo lavoro e della sua famiglia, ma costretta a cambiare vita radicalmente per amore dei suoi figli. Una crisi esistenziale, stavolta, di una donna che  cerca  di  riappropriarsi  della  sua  persona,  sperimentando  un’altra  sé,  riconquistandosi  il  suo  ruolo professionale e sociale. Ma  il  Milano  Film  Festival,  non  è  solo  rassegna  cinematografica.  Infatti  con  le  sue  sezioni  parallele, sperimenta e indaga sull’intreccio di diversi linguaggi creativi. E’ il caso di VerniXage, che esplora le aree interstiziali tra il sistema dell’arte contemporanea e il cinema. Dunque arte, cinematografia e anche musica con MFF che quest’anno presenta la novità ParkLive. Ogni sera, infatti, Parco Sempione si anima con concerti live e djset di cantautori e gruppi del panorama indie­ rock.


FOURMAGAZINE I 09 SETTEMBRE 2013

ARTE

TEATRO

DANZA

MUSICA

CINEMA

SERIE TV

CROSSMEDIA

MODA

LIBRI

FUMETTI

Towheads. L’esordio sui generis di Shannon Plumb 9 SETTEMBRE 2013 16:18 

ALICE UNGARO

Il Milano Film Festival, diciottesima edizione, continua a regalarci sorprese con piccoli gioiellini che difficilmente avrebbero  tale  visibilità  in  sala.  E’  la  volta  di  Towheads,  lungometraggio  in  concorso  di  un’esordiente illustre.Shannon  Plumb,  video  artista  raffinata  e  ironica,  mette  in  mostra  l’every­day  life  di  una  quarantenne moglie e madre in una commedia che attinge a piene mani dal proprio vissuto. Sì, perché le due teste del titolo sono quelle biondissime dei suo figli, mentre voce e silhouette (non avremo mai modo di guardarlo in volto) del consorte sono quelle di Derek Cianfrance, già regista di Blue Valentine e Come un tuono, qui nel ruolo di se stesso in qualità di marito e padre (piuttosto assente in verità). Pur modificando il suo nome in Penelope e quello del marito in Matt, in una continua oscillazione tra fiction e realtà, Towheads restituisce un ritratto intimo e poetico di uno spazio privato non proprio impeccabile. Ed è in questo  che  la  regista  e  interprete,  la  cui  mimica  deriva  direttamente  da  mostri  sacri  quali  Charlie Chaplin eBuster Keaton, si fa esempio da seguire: la Plumb insegna che è nel modo di narrare una storia che giace la magia del cinema. L’opera dunque, pur restando nei confini sicuri di una commedia fresca e divertente grazie  alla  sequela  di  “sketch”,  mette  in  campo  l’ambivalenza  del  sentimento  di  scoramento  e  gioia  che  può attraversare chi ha dovuto sacrificare la propria carriera ma anche un po’ di sé a favore di marito e figli. Penelope/Shannon attraverserà varie fasi nel corso del tempo: il rifiuto del proprio ruolo, la negazione, la totale chiusura in se stessa, fino ad arrivare ad un finale che lascia intravedere una svolta importante, cioè la presa di consapevolezza che essere se stessi, pur nella propria eccentricità, ripaga sempre.

RADIOBOCCONI

Lode quindi  al  MFF2013  per  aver  nuovamente  colpito  nel  segno.  Plauso  anche  per  un’altra  iniziativa,  quella intitolata  “Adotta  un  regista”.  Ho  potuto  verificare  di  persona  come  chiedere  ad  alcune  famiglie  milanesi  di trasformarsi in novelli mecenati ospitando i filmakers in arrivo per il Festival, sia un’idea meravigliosa, che ha il merito non solo di realizzare un’accoglienza low cost che, in tempi di crisi, male non fa, ma soprattutto di mettere in relazione culture cinematografiche e non molto diverse tra loro, in un vicendevole scambio che arricchisce tutti.

LATEST PINS ON PINTE

CINEMA Sherlock Holmes  Gioco di ombre J.EDGAR  Il cuore nero dell’America  L’Oroscopo di Glo – Benvenuti!  Settimana dal 9 al 15 Gennaio 2012 THE ARTIST  Le parole che nessuno ha detto IL SENTIERO 

La religione come modo per (non) vedere


ILFATTOQUOTIDIANO.IT I 09 SETTEMBRE 2013

Accedi | Abbonamenti

Al Milano film festival “Dirty wars”, film-inchiesta sulla politica estera di Obama

La pellicola sarà proiettata il 10 settembre, al Teatro Studio, alle 20.30. Diretto da Richard Rowley, parte da un raid delle forze armate Usa da cui emerge l'esistenza di un corpo segreto e potentissimo, composto da militari che rispondono solo alla Casa bianca. Girato come un thriller poliziesco, racconta che quasi nulla è in fondo cambiato con la caduta di George W. Bush di Roberto Festa | 9 settembre 2013

Uno dei più straordinari e potenti atti d’accusa contro le guerre americane degli ultimi anni viene proiettato nel corso del Milano film festival (il 10 settembre, al Teatro Studio, alle 20.30). Dirty wars, scritto e interpretato da James Scahill, diretto da Richard Rowley, segue la storia di Scahill, un reporter investigativo della rivista “The Nation”, da anni impegnato nel racconto di tanti teatri di guerra nel mondo: Afghanistan, Iraq, Somalia, Yemen, la ex-Jugoslavia. L’occasione che dà il via alla storia è un raid delle forze armate Usa a Gardez, in una zona afghana al confine con le aree tribali del Pakistan. Quello che in un primo tempo pare uno dei tanti attacchi dei militari americani contro obiettivi talebani, si rivela in realtà qualcosa di molto diverso. E misterioso. Nell’azione, avvenuta mentre in una casa si celebrava una grande festa, sono stati uccisi tre donne e due uomini, tra cui un funzionario di polizia addestrato dagli stessi militari americani. Indagini successive, e le testimonianze dei parenti, rivelano che dai corpi delle vittime sono state estratte le pallottole, per cancellare ogni prova dell’azione dei militari Usa. Comincia così un viaggio, giornalistico, politico, esistenziale, che conduce Scahill in giro per le aree più remote dell’Afghanistan, ma anche in Iraq, Somalia e Yemen, sulle tracce del Joint special operation command (Jsoc), un corpo segreto e potentissimo composto da militari di cui non si conoscono i nomi, alle dirette dipendenze della Casa Bianca, responsabili di una serie di operazioni in ogni parte del mondo. Il loro motto è “trovare, fissare e finire” i loro obiettivi, al di fuori di qualsiasi controllo parlamentare e politico, senza limiti di appartenenza nazionale; anche i cittadini americani possono tranquillamente finire nella “kill list” del Jsoc. Il Foto di Richard Rowley viaggio di Scahill lentamente si allarga, arriva a toccare l’assassinio di Anwar al-Awlaki e le prigioni segrete della Cia, mentre davanti all’obiettivo della camera si compone un puzzle di storie, emozioni, destini pubblici e privati: i militari della war on terror, gli uomini e le donne oggetto dei raid e degli attacchi droni, i politici di Washington, i soldati che alla fine hanno deciso di lasciare l’esercito perché non ce l’hanno fatta a continuare con la guerra. Dopo un’ora e mezza di racconto mozzafiato, si esce dalla visione di Dirty wars con un’idea in testa: quella di una guerra scappata di mano ai suoi stessi autori, persa in un labirinto di responsabilità e rivoli decisionali di cui non si riesce più a comprendere l’origine; un gigantesco Leviatano che condiziona le vite di milioni di persone in ogni punto del globo. Scahill e il suo regista, Rowley, ci raccontano che quasi nulla è in fondo cambiato con il passaggio della Casa Bianca da George W. Bush a Barack Obama e che il mondo continua a restare “un gigantesco campo di battaglia”. Documentario girato come un thriller poliziesco, pamphlet politico di straordinaria intensità visiva, Dirty wars racconta uno dei tratti salienti della nostra modernità: la limitazione globale dei diritti e delle libertà.


GIORNALETTISMO I 09 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE

«Mirage à l’italienne», fare poesia con un documentario di Valentina Spotti 

2 Consiglia

0

­ 09/09/2013 ­ Il docu­film di Alessandra Celesia debutta in Italia tra gli applausi del Milano Film Festival

5

4

Tweet

SCARICA FILM Economici, sicuri, professionali Facili da trovare, download rapido iStockphoto.com/Film

Annunci Google

Sui tram di una Torino stretta nella morsa della crisi economica, un giorno compare un cartello: «Cerchi lavoro? L’Alaska ti aspetta». All’annuncio, tutto azzurro sull’arancione della fiancata del tram, rispondono in quattrocento. Ne vengono scelti cinque. C’è la tossicodipendente cinquantenne alla quale hanno tolto i figli, l’attrice che ha perso il lavoro e si barcamena con lavori saltuari e malpagati, l’ex militare di carriera reduce dal Kosovo, dall’Iraq e dall’Afghanistan e che ora vive con la sua adorata nonna, l’omosessuale meccanico di giorno e drag queen di notte, il professionista di successo che vive il dramma della perdita di un figlio. Tutti cercano un lavoro, tutti hanno un disperato bisogno di un cambiamento, di qualcosa che cambi le carte in tavola portandoli il più lontano possibile da una vita amara e insoddisfacente.

«L’ALASKA TI ASPETTA» ­ Mirage à l’italienne, terza prova da regista di Alessandra Celesia, prende le mosse da qui: da una città (Torino, ma potrebbe essere Catanzaro, come Treviso o Roma) popolata da persone che «non hanno nemmeno i soldi per il biglietto del tram» perché sono senza lavoro, o che un lavoro ce l’hanno ma non offre loro abbastanza stimoli per tamponare un senso di vuoto che


HOME

ROCK NEWS

LAMUSICAPOP

COPYRIGHT

INFO

LAMUSICAROCK I 09 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE

a Fl

Back to Top ↑

sh N ew s

Published on settembre 9th, 2013 | by Andrew Ramone

1

El Santo al Milano Film Festival – ParkLive Like

10 people like this. Be the first of your friends.

#gentedelcarroponte Ruvidità elettriche, asperità analogiche, atmosfere da cinema western di seconda mano. È questo l’universo sonoro di El Santo. Un universo fatto da un lato di sonorità grezze e forma canzone, di aggressioni elettriche e suoni lo-fi, che la band

ilaria tominetti @ilariayvonne

#britti al @carroponte!!! Riv #gentedelcarroponte @lam @Angela_Anji!! pic.twitter.

Ritwittato da lamusicaro

esplora nel tentativo di non allinearsi a scene o maniere. Senza fronzoli né pose. Dall’altro, i testi, sarcastici e disincantati, attingono dall’immaginario delle arti visive e della letteratura e sono ora

Twitta #gentedelcarropo

sussurrati, ora declamati e distorti nell’incedere dei brani. El Santo è un progetto musicale che, dal 2011, unisce Giorgio Scorza, Daniele Mantegazza e Lorenzo Borroni, tre ex componenti de La Stasi (“L’estate

è

vicina“,

2007,

Baracca

Burattini/Audioglobe), a Pasquale Defina (saggiamente definito da MTV un personaggio iperattivo del panorama rock d’autore italiano, grazie ai suoi progetti come Volwo e Atleticodefina, ma anche alle eccelse collaborazioni con Afterhours, Manuel Agnelli e Emidio Clementi, Sainkho Namtchylak, Steve Piccolo, Cristina Donà…), quest’ultimo in qualità di produttore artistico prima e di membro aggiunto della band poi.

LaMusicaPop

&

El Santo al Milano Film Fes Dai Kings of Convenience, Erlend Øye

Disturbi di Personalità: il n Ratini

Samuele Bersani: ascolta i Xanax"


LAMUSICAROCK I 09 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

Il passaggio dalla sala prove alla registrazione dell’album Il Topo Che Stava Nel Mio Muro è stato naturale e automatico: il disco è stato realizzato – live – presso le Officine Meccaniche di Mauro Pagani, in soli due giorni. In quest’occasione, la

La vignetta di Max 31

band si è avvalsa della partecipazione di Pancho Ragonese al pianoforte, Fender Rhodes e Wurlitzer, di Roberto Romano (già Rossomaltese, poi Volwo, ora Baustelle) al sax e clarino, di Stefano Mazzucchelli al basso e della voce di Federica Vino. Al banco, Antonio “Cooper” Cupertino (audio engineer per, tra gli altri, Teatro degli Orrori, Verdena, Vinicio Capossela e Moltheni), che ha collaborato alla stesura delle parti elettroniche dei rec. Il mix è stato affidato a Gianluca Mancini, già al lavoro con Atleticodefina, Ludovico Enaudi, Juan Mordecai, e il mastering a Giovanni Versari. El Santo, come il misterioso lottatore di lucha libre degli anni ’60, celandosi dietro alla sua “maschera” rivendica una propria identità. Potremo vedere El Santo esibirsi dal vivo al Milano Film Festival, durante la serata del 13 settembre, ed apriranno la serata del ParkLive a Roberto Angelini. Non mancate!

Le nostre Classifiche I dieci migliori album degli a Rolling Stone

"Top 40 Money Makers" i più Billboard

L'Italia ritorna ad Eurovision Classifiche: le 5 Power Balla

NME Awards 2013: tutte le n Stone, Kasabian, Blur, Floren Keys, The Killers, Alt-J e tanti

Tags: andrew ramone, el santo, Il Topo Che Stava Nel Mio Muro, lamusicarock, live, mff, milano film festival, parklive, roberto angelini

Nel Frattempo Su Inst

About the Author Andrew Ramone

Related Posts

In arrivo un Greatest

White Lies: Big TV – La

Salotto Muzika:

Albedo: Lezioni di

Hits per i The Killers,

nostra recensione

Dimartino da il via alla

Anatomia – la video

stagione 2013

intervista

con tre brani inediti

Ricerc

Cerca


Home

Musica

Cinema

Community

Giochi

Radio

News Dischi Concerti Interviste Rubriche MediaStation

So Social...

LOUDVISION I 09 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE CERCA

Opp

musica Home / Musica / News / elita Ouverture: Anna Calvi, De La Soul e tanti altri

news elita Ouverture: Anna Calvi, De La Soul e tanti altri 

08/09/2013 Autore: Gadis Argaw

148 letture Stampa Invia ad un amico Condividi in rete Link breve  http://lv11.it/f3ch9

Questo articolo 

mi piace 

non mi piace

La stagione di elita riparte tra pochi giorni con un nuovo entusiasmante progetto: Ouverture. Ouverture presenta un programma ricco di artisti internazionali che si esibiranno negli opening party degli spazi più rappresentativi di elita, e una linea artistica contaminata dai più diversi generi musicali con un lavoro di networking sul territorio al fianco di vecchi e nuovi partner. Si inizia il 12 settembre con un flash­mob in chiave disco, con SOUL CLAP, nella zona calda dei Navigli, dove elita svela il suo nuovissimo progetto: ELITA BAR H17­02, in via Corsico 5, luogo di socializzazione e incontro, in uno spazio reinventato per ospitare una fabbrica di drink e tapas di qualità, aperto tutti i giorni, con numerose attività in programma. Si prosegue venerdì 13, insieme a Milano Film Festival, per il MFF BLOCK PARTY, con i Trojan Sound System e sabato 14, quando elita si infila nella Buka, lo spazio archeologico­ industriale un tempo centro di produzioni discografiche e oggi spazio ideale per serate al limite tra il clubbing e le performance artistiche come quelle di Deniz Kurtel. Domenica 15, elita rivela un insospettabile dna sportivo con la Run To Fun, una corsa di 5 km lungo il Naviglio Grande. Il ritrovo avverrà presso elita Bar in due momenti della giornata, uno al mattino l'altro al pomeriggio, con durata di circa 1 ora. 50 partecipanti selezionati tra i tesserati al Running Club Nike, Ntc e gli utenti di elita tramite iscrizione. Il tutto si concluderà con un sano brunch e aperitivo crudista a cura de il­clan­destino. Mercoledì 18, elita si sposta alla Fabbrica del Vapore, e insieme a Viafarini DOCVA presenta il live electronics di Francesco Fonassi e Matteo Nasini per Ouverture Special. Un progetto inedito di improvvisazione elettroacustica che vede la collaborazione dei due artisti visivi con un interesse specifico per le modalità della percezione sonora. Scansioni ritmiche e atmosfere aleatorie si addensano in tessuti sonori degradati, dove il dialogo estemporaneo alterna momenti di accelerazione a moti inerziali. Tra il 19 ed il 22 settembre, al Teatro Franco Parenti, in un week end lungo che si sviluppa in parallelo con la fashion week, si parte giovedì 19 con la cantautrice inglese ANNA CALVI che presenta il suo nuovo disco in un tour super­esclusivo di 4 tappe europee e CARMEN VILLAIN, ex top­model norvegese al suo acclamato debutto discografico. Il venerdì spazio alle atmosfere techno con lady ELLEN ALLIEN, e MATHEW JONSON mentre il sabato si cambia


LOUDVISION I 09 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

ancora direzione ed è tempo di DE LA SOUL, vere icone dell'hip hop americano. La domenica primo appuntamento stagionale con il SUNDAYPARK, con i dj set disco di Prins Thomas e Tim Sweeney all'interno della tradizionale kasbah domenicale con una edizione speciale di extras'mall (il market di elita dedicata ai nuovi brand fashion), il brunch, i giochi per bambini e molte altre sorprese. Fonte: Comunicato ufficiale

Pagina 1 di 2

1

2

COMMENTI Questo articolo 

mi piace 

non mi piace

Invia un commento

PROPAGANDA

Se sei iscritto a LoudVision effettua il login. Altrimenti registrati qui oppure connettiti con il tuo account Facebook o MySpace Vai al forum

Calendario Concerti

ComingSoo… Scopri date e orari di tutti i tuoi concerti preferiti su ComingSoon.it

Codice Fisc

COPYRIGHT © 2009 LOUDVISION ­ ALL RIGHTS RESERVED Regolamento / Advertising / Press Room / Partner

LoudVision è un magazine online di Musica, Cinema e intrattenimento. Ogni giorno sulle sue pagine tutte le notizie più importanti e le recensioni dei dischi e i film in uscita, arricchite da video e foto. Per unirsi alla Community e partecipare alle classifiche, le playlist e le discussioni più calde basta un solo click.

new

(4)

new

(1)

MUSICA

CINEMA

COMMUN

News Dischi Concerti Interviste Rubriche RSS Musica

News Film in sala DVD Interviste Rubriche RSS Cinema

Forum Classifich Playlist Sondaggi Utenti

Video musicali Foto concerti Album chart Concerti di oggi

Trailer Foto dal set Box office

( 01/06/2011) The Kills: ultimi biglietti disponibili presso i punti vendita auto... (26/06/2011) FILAGOSTO 2011: a BG dal 2 al 7 agosto Tre Allegri Ragazzi Morti e ...

Facebook Twitter MySpace YouTube

Nessun


MAGMAZONE I 09 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE HOME

CINEMA

LIBRI

EVENTI

set 9, 2013

CINEMA

MUSICA

COSTUME

SCIENZE

AMBIENTE

ITINERARI

,

redazione

Milano Film Festival : una finestra sul mondo Like

SCUOLA E LAVORO

2

Tweet

2

EVENTI

condividi

2

Continua la 18esima  edizione del Milano Film Festival, il festival più “giovane” e interessante del panorama meneghino.  Iniziata lo scorso 5 settembre, la kermesse si protrarrà fino al 15. Un festival che non rinuncia non alla sua vocazione mondana,”social” con le proiezioni al Teatro Strehler e al Parco Sempione affiancate da concerti e dj set e i filmmaker ospiti nelle case dei milanesi con la originale formula anticrisi “Adotta un regista”. Proprio i temi più scottanti della crisi, o meglio “delle crisi” sono protagonisti di quest’edizione: dalla crisi economica che morde l’Europa,sopratutto quella mediterranea, alle crisi internazionali,con i venti di guerra sempre più minacciosi. Un esempio è ”Colpe di Stato”, Dirty Wars del reporter americano Richard Rowley che smaschera l’omertà e l’ipocrisia dell’amministrazione Obama sull’uso dei droni. Attesissimo fuori concorso è Closed Curtain, il nuovo film di Jafar Panahi, realizzato clandestinamente dal regista iraniano agli arresti domiciliari in patria, in anteprima italiana dopo il debutto a Berlino. Ecco i film in concorso oggi, martedì 10 settembre:

Limatola: finalissima di “M Italia”: Il 16 Settembre 20

cornice del Cas...

Al via la "Festa dello Sport

CONCORSO LUNGOMETRAGGI

l'edizione 2013 della "Fes

h 20:30 al Teatro Strehler viene proiettato Mirage à l’italienne di Alessandra Celesia. h 22:00 presso il Teatro dell’Arte, la replica di Run and Jump di Stephen Green.   CONCORSO CORTOMETRAGGI h 15:00 al Teatro Studio con il Gruppo I, con Flytopia di Karni Arieli e Saul Freed, tratto da un racconto dell’inglese Will Self.

"Personaggi e presenze",  Valentina Saccomanno : U

valorizza il programma d

h 17:00 al Teatro Strehler, il Gruppo J, con La strada di Rafael di Alessandro Falco presentato al Festival di Locarno   OMAGGIO A SYLVAIN GEORGE h 22:30 al Teatro Studio è in programma il lungometraggio Les Eclats, che gli è valso nel 2011 il riconoscimento unanime della critica, e numerosi premi in festival italiani e internazionali.   COLPE DI STATO h 17:00 al Teatro Studio di Camp 14 Total Control Zone di Marc Wiese ambientato nella problematica Corea del Nord. h 20:30 al Teatro Studio segue DIrty Wars di Richard Rowley che tratta dell’inchiesta di Jeremy Scahill, national security correspondent per “The Nation”.

VIDEOVARIETA', l'Innovaz Spettacolo : Viene rivisita

Festival con un ...

MAGMAZONE INTERVISTE


MAGMAZONE I 09 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

MAGMAZONE VIDEO

THE OUTSIDERS o Strehler la replica di Midsummer Night’s Tango di Viviane Blumenschein. h 20:00 al Teatro dell’Arte – Triennale, la replica di Museum Hours di Jem Cohen, preceduto da Hopper vu par …La Muse di Sophie Barthes.  

MAGMAZONE GALLERY

18 ANNI h 15:00 Sorpresa (The Platinum Collection) all’interno della Scatola Magica. h 17:00 Segreto (The Platinum Collection) in Scatola Magica. h 22:30 Viaggio (The Platinum Collection) in Scatola Magica. h 22:45 è la volta di Grandi Speranze, al Parco Sempione con Sperimentazioni, deviazioni e allucinazioni. h 0:15 Corpo (The Platinum Collection) al Parco Sempione.   EVENTI SPECIALI Appuntamento imperdibile con uno dei film simboli degli anni Ottanta, il cult fantasy Labyrinth di Jim Henson (1986), con Jareth interpretato da un memorabile David Bowie. Per celebrare l’evento il Milano Film Festival propone una proiezione in odorama, in collaborazione con Lush e Gorilla Perfume, che immergerà gli spettatori in un autentico set olfattivo, fragranze e profumazioni diffuse live durante la proiezione. L’ingresso è riservato ai vincitori del contest di Lush. Mercoledi 11 sempre in Scatola Magica alle h 20:30 ci sarà una replica aperta al pubblico fino ad esaurimento posti.   LA MUSICA AL MILANO FILM FESTIVAL Ogni sera h 18:30 DjSet al Parco Sempione con PARKLIVE e sul Sagrato del Teatro Strehler. Stasera alle 18:30 al Parco Sempione suoneranno Fabrizio Pollio (Io?Drama)+ Calvino.   Per tutte le info e il programma completo:  http://www.milanofilmfestival.it/mff2013.php        

Orari Film e C

PagineGialle.it Trova il Cinema pi te su PagineG


Database

i d i zi o n a ri Fi l m MYMOVIES Pre mi

Cinema

I 09

Og g i a l  ci n e ma Pro ssi ma me n2013 te SETTEMBRE Fi l m u sci ta H o me   |  

Dvd & Cd

I

Programmi TV

N o vi tà i n  d vd l o n n e  so n o re 1/2C oPAGINE Fi l m stre a mi n g

D i g i ta l e Te rre stre Sky TV n e w s

TOP 50 FILM D'AMORE

inserisci un titolo, attore o regista

cerca

Attualità

Multime

Eve n ti a l  ci n e ma Ve n e zi a  2 0 1 3 Bo x Offi ce

Tra i l e r C i n e ci tta Tra i l e r H

 |  C i n e ma  Mi l a n o  | L'ISOLA DEL CINEMA 2013  |  MILANO FIL

oppur e

Cerca un cinema

Acce d i | R e g i stra ti  

Milano Film Festival 2013 ­ Giornata di lunedì 9 settembre 2013 Guida alla 18° edizione del Milano Film Festival ­ 5/15 settembre 2013

C ov e r STR EA MIN G C onc or s o Lungom e tr a ggi The  Outs ide r s C olpe  di Sta to N e ws Foto Vide o giov edì 5

v ener dì 6

s abato 7

domenic a 8

lunedì 9

mar tedì 10

mer c oledì 11

giov edì 12

v ener dì 13

Fai colpo

Vivi la magi iscriviti ora!

Camp 14 su MYMOVIESLIVE!

lu n ed ì 9 set t em b re 2013 d i Ch iara Ren d a

È entrato nel vivo il Milano Film Festival, che nella giornata di oggi prosegue tra film in concorso, l'omaggio a Sylvain George e dj set. Da segnalare il film italiano di Laura Chiossone (autrice di Tra cinque minuti in scena) ¿Necesitas algo,  nena?,  evento  speciale  del  festival,  e  la  rilettura  del  Sogno  di  una  notte  di  mezza  estate  firmato  da  Felice Cappa, nella sezione Outsiders. Anche su MYMOVIESLIVE! il festival prosegue e questa sera è la volta di Camp 14, documentario  che  riporta  la  testimonianza  di  Shin  Dong  ­  Huyk,  un  ragazzo  nato  in  un  campo  di  concentramento nord coreano il 19 novembre 1983 da due prigionieri uniti in matrimonio per volontà delle guardie del campo. Shin, costretto fin da bambino ai lavori forzati e a torture di ogni genere nel campo 14, verrà a conoscenza di un mondo a ltro,  al  di  fuori  del  filo  spinato,  all'età  di  ventitré  anni,  quando  riuscirà  miracolosamente  a  fuggire  dal  campo. Presentato al Milano Film Festival nella sezione Colpe di Stato, Camp 14 sarà mostrato gratuitamente in streaming su MYMOVIESLIVE! stasera alle 21:30.

Istantane

Scopri le im cinecittash

VENEZIA 

Scopri tutti i streaming.

Prenota il tuo posto su MYMOVIESLIVE!    

Conc ors o  Lungomet raggi

Istantanea della vita in un ghetto americano

Licks

Regia di  Jonathan  Singer­Vine  con  Stanley  Doe  Hunt,  Koran  Streets,  Thomas  Dalby,  Dj  Upgrade,  Devon  Libran,  T Skipper elekwachi. Genere Drammatico produzione USA, 2013. Durata 97 minuti circa.

D è appena tornato a Oakland dopo due anni di prigione. Una rapina è andata storta e lui è stato l'unico ad averne pagato le co un mondo da cui è stato lontano, ma in cui tutto sembra immutato. Giovani spacciatori e papponi, miserabili, tossici, prostitute e


MYMOVIES I 09 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

09/09/13

Milano Film Festival 2013

Fifi Az Khoshhali Zooze Mikeshad

Regia di Mitra Farahani con . Genere Documentario produzione USA, Iran, Francia, 2013. Durata 96 minuti circa. Provocatorio ed eccentrico come un Francis Bacon, iconoclasta al punto da distruggere quasi tutte le sue stesse opere, omosessuale, ma insofferente nei confronti  del  mondo  gay,  Bahman  Mohassess  è  stato  un  grande  pittore  iraniano,  scomparso  nel  2010  a  settantanove  anni.  Dopo  gli  anni  di  apprendistato  sotto Mossadegh, nel 1953 Mohassess lascia l'Iran per proseguire gli studi a Roma all'Accademia di belle arti, per poi tornare a Teheran negli anni Sessanta e di nuovo in Italia una volta che le sue opere divennero ostili al regime. E mentre quel poco che è sopravvissuto della sua arte continua a essere venduto nelle aste a quotazioni elevate, Bahman Mohassess lentamente fa perdere le sue tracce.  Recensione »

Chiudi

Cas t

Sc r iv i

pr ogr amma c ompleto

The  Out s iders

Un'opera mistica sulla forza dell'equilibrio

Parade

Regia di Olivier Meyrou con Fabrice Champion, Alexandre Fournier, Matias Pilet. Genere Documentario produzione Francia, USA, 2013. Durata 72 minuti circa. Fabrice  Champion  fu  la  star  di  una  prestigiosa  squadra  di  trapezisti.  Durante  una  sessione  di  prove,  precipitò  su  un  collega.  Nell'incidente,  perse  parzialmente  la mobilità.  Per  alcuni  anni,  Fabrice  provò  svariate  terapie  e  grazie  alla  sua  straordinaria  forza  di  volontà  riuscì  a  recuperare  l'uso  della  parte  superiore  del  corpo. Mentre  teneva  una  lezione  alla  National  Circus  School,  incontrò  Matias  e  Alexandre,  due  giovani  acrobati.  Insieme,  inventarono  un  nuovo  modo  di  intendere  le acrobazie e, da quel momento, per Fabrice iniziò un modo nuovo di convivere con la sua paralisi.  Recensione » Locandina »

Chiudi

Cas t

Sc r iv i

Un film sull'attualità del classico teatrale di William Shakespeare

Sogno di una Notte di Mezza Estate

Regia di Felice Cappa con Sarah Nicolucci, Vincenzo Giordano, Elio  De  Capitani, Corinna Agustoni, Andrea  Germani,  Ferdinando  Bruni.  Genere  Teatro produzione Italia, 2013. Durata 140 minuti circa. Il testo di Shakespeare intreccia le peripezie d'amore di uomini e donne, elfi e fate, tra palazzi nobiliari e foreste incantate, distruggendo l'idea romantica dell'amore senza  mai  irridere  i  sentimenti  che,  anzi,  trovano  spazio  per  la  loro  fragilità  e  carica  di  irrazionalità  e  follia.  La  regia  di  Elio  De  Capitani  riesce  ad  amalgamare  la solarità  della  commedia  dei  quattro  giovani  amanti  con  le  ombre  d'inquietudine  proiettate  dal  mondo  degli  spiriti,  guidati  dall'imprevedibile  folletto.  La  comicità  de i personaggi degli artigiani, un gruppo squinternato di aspiranti attori che trovano in Bottom, il loro leader, si accorda perfettamente con gli elementi più esplicitamente misteriosi e soprannaturali.  Recensione »

Chiudi

Cas t

Sc r iv i

Gore Vidal ­ The United States of Amnesia

Regia di Nicholas Wrathall con . Genere Documentario produzione USA, Italia, 2013. Durata 83 minuti circa. Saggista  e  scrittore,  Gore  Vidal  è  stato  anche  sceneggiatore  per  film  come  Ben Hur  e  All'improvviso  l'estate  scorsa  e  attore  nella  Roma  di  Fellini.  Il  suo esordio con "La statua di sale", uno dei primi romanzi a trattare il tema dell'omosessualità in modo esplicito, ne ha decretato l'esclusione dalle pagine letterarie dei maggiori quotidiani. Nipote del senatore T.P. Gore, si è dedicato alla politica per tutta la vita, senza essere mai eletto. Il documentario di Nicholas D. Wrathall, scritto nell'arco di sette anni e presentato al Tribeca Film Festival, esplora la vita dell'artista scomparso l'anno scorso attraverso le sue numerose interviste e il materiale fotografico d'archivio della sua collezione privata.  Recensione »

Chiudi

MILANO FILM FESTIVAL 2013 ­ GIORNATA DI LUNEDÌ 9 SETTEMBRE 2013 I NUMERI

INVIATI Diret t ore Res pons abile

Concorso Lungometraggi (32)

Gianc arlo Zappoli

The Outsiders (28)

Redaz ione

Colpe di Stato (19)

A nnalic e Furf ari

News (7)

E manuele S ac c hi

Gallery (7)

Cas t

Sc r iv i

POPULARTAGS

Come ti spaccio la famiglia  Comic Movie Elysium  Il mondo di Arthur Newman  Il

Biancaneve e il cacciatore  

quarto tipo  Il Trono di Spade: intrighi di corte, omicidi shock e relazioni proibite  In Trance  La politica degli autori: Gianfranco Rosi  Last Night  One direction al top box office Italia   One Direction: This Is Us Riddick

Rush  Sacro GRA   Shadowhunters ­ Città di ossa  Star

Turbo  Una fragile armonia  Venezia 70, l Algeria di Allouache  Venezia 70, Leone d Oro

Trek, il film

a Sacro Gra

1.981

Like

Boris Schumacher, Giulia Di Falco and 253,689 others like this.

www.mymovies.it/festival/milanofilmfestival/2013/

2/3


ROLLINGSTONE.IT I 09 SETTEMBRE 2013

MUSICA

CONCERTI

CINEMA

CULTURA

R&R STYLE

FOTO

H OME > MU SIC A > N EW S

Musicraiser: crowdfunding per il documentario su Bugo

Da oggi sarà possibile finanziare il progetto di Andrea Caccia per "Ora respiro", nato addirittura nel 2000. Mercoledì il live acustico al Milano Film Festival

9 settemb re 2013

In copertina di “Nuovi rimedi per la miopia”

Sul numero di Rolling Stone in edicola *ora* potete leggere il nostro Michele Primi che racconta la storia di Andrea Caccia, che per tredici anni ha filmato Bugo raccogliendo ore di materiale video per un documentario sul cantautore piemontese. Questo film concerto, che ha già un titolo – Ora respiro – ma non è ancora completato, ora cerca la collaborazione degli appassionati di Bugo e di scena italiana più in generale: da oggi sarà possibile finanziare il progetto del regista via crowdfunding attraverso la piattaforma Musicraiser (il progetto è on line; altre informazioni le trovate qui qui). Bugo è atteso per uno showcase acustico mercoledì 11 settembre come ospite del Milano Film Festival: in quella cornice possiamo aspettarci che parli lui stesso di questo “concerto lungo tredici anni”. Qui il teaser del film Ora Respiro

RS VIDEO

RS RADIO


SALTINARIA I 09 SETTEMBRE 2013 HOME

MUSICA

TEATRO

ARTE & CULTURA

SaltinAria.it ARTE & CULTURA  News Eventi

INFO & CONTATTI

PARTNER

Cerca...

"ILO ILO" DI ANTHONY CHEN AL MILANO FILM FESTIVAL 2013 Lunedì, 09 Settembr e 2013 Cater ina Paolinelli

ILO ILO regista Anthony Chen produzione Fisheye Pictures

In diretta  dalla  diciottesima  edizione  del  Milano  Film  Fest  i  film  in  concorso.  Il  giovane regista  cinese  Anthony  Chen,  già  premiato  alla  sessantesima  edizione  del  Festival  de Cannes con la Menzione Speciale per il corto "Grandma" e in concorso alla Berlinale con il  corto  successivo,  "Haze",  nel  2008,  debutta  in  questa  occasione  con  il  suo  primo lungometraggio dal titolo: "Ilo Ilo".                        

► Chen ► Cinema film ► Cannes film Festival

produttore Hwee Sim Ang, Anthony Chen, Wahyuni A. Hadi distribuzione Memento Films International sceneggiatura Anthony Chen interpreti Koh Jia Ler, Angeli Bayani, Chen Tian Wen, Yeo Yann Yan montaggio Hoping Chen, Joanne Cheong fotografia Benoit Soler sound editor Zhe Wu   Singapore. Una famiglia borghese. Una donna in dolce attesa che di mestiere scrive lettere di licenziamento. Un figlio di circa nove anni irrequieto e appassionato di scommesse: tiene un quaderno con i risultati delle corse così da poter fare le statistiche. Viene assunta una tata filippina, Teresa, ragazza­madre costretta a fare mille lavori e ad allontanarsi da suo figlio per poterlo mantenere.  Siamo  nel  pieno  del  collasso  finanziario  asiatico  del  1997  e  quella  che  viviamo  è  la  storia  di  un  microcosmo familiare, uguale a milioni di altri in tutto il mondo, che risente del macrocosmo ambientale e sociale nel quale è immerso. La  madre  è  tesa,  quasi  al  termine  della  gravidanza,  stanca  del  marito;  eterno  ragazzino  che  fuma  di  nascosto  sulle  scale  e omette il suo licenziamento spendendo i risparmi in borsa e, ovviamente, perdendo tutto. Il piccolo Jiale, vivace e stupendo come tutti i ragazzini di nove anni, si diverte a tormentare la sua nuova tata che poi diventerà per lui una vera amica. In questo spaccato di  quotidiano  vediamo  quattro  semplificazioni  di  esseri  umani,  caratteri  quasi,  che  vanno  via  via  sfumandosi  in  diverse emozioni e sentimenti diventando profondi ai nostri occhi e specchio di molte cose che ci appartengono. Ci ritroviamo accanto alla donna che trova un volantino e partecipa ad un corso di autostima per cercare un qualsiasi strumento che  la  salvi  dal  baratro.  La  frase  che  il  guru  di  turno  propone  è:  “Hope  is  inside  me”  e  sorridiamo  seduti  sulla  poltrona,  ma comprendiamo bene la sua tristezza nel ripetersi questa inutile frase del tutto priva del potere di aiutarla davvero mentre una vita cresce in lei e tutto fuori sembra crollare. Teresa, taciturna e forte, si fa coraggio attraverso grandi sofferenze. Il bambino, al quale il padre ha distrutto il Tamagotchi, impara a crescere veri pulcini. E l’uomo decide di fumare pubblicamente e rottamare la sua auto in cerca di una soluzione che lo renda adulto prima di tutto davanti a se stesso. La cosa più interessante è il rapporto tra le due donne che il  regista ci propone: entrambe forti e sicure a modo loro, senza dubbio coraggiose e tuttavia incapaci di creare tra loro una complicità. Solo sul finale, attraverso il dono del rossetto, si apre uno squarcio dietro alla durezza (protratta anche troppo a lungo) della madre­padrona di casa. Notevole comunque tutta l’opera. Un lavoro delicato e sensibile che si conclude con la separazione tra Jiale e Teresa e l’arrivo di una sorellina. La vita che vince su tutto è il messaggio più forte. Ottima la qualità delle riprese. Il montaggio invisibile, cade un attimo di gusto nelle scene relative al negozio della parrucchiera, un inserto forse non del tutto necessario. Il cast è di buona qualità, la possibilità di vederlo in lingua originale ovviamente ci aiuta a godere della recitazione degli attori che è assolutamente naturalista.

Articoli correlati


SALTINARIA I 09 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE

Cerca...

CULTURA  News Eventi

"GOD LOVES UGANDA" DI ROGER ROSS WILLIAMS AL MILANO FILM FESTIVAL 2013 Lunedì, 09 Settembr e 2013 Cater ina Paolinelli

Presentato alla  diciottesima  edizione  del  Milano  Film  Fest  il  documentario  del  regista Roger Ross Williams. Quest’opera fa parte della categoria “Colpe di Stato”. Williams ha diretto  precedentemente  "Music  by  Prudence",  vincitore  del  Premio  Oscar  2010  come Miglior  Cortometraggio  Documentario,  diventando  così  il  primo  afro­americano  ad  aver vinto un Oscar per la regia e produzione di un film.                       GOD LOVES UGANDA regista Roger Ross Williams produzione Motto Pictures produttore Julie Goldman, Roger Ross Williams distribuzione Motto Pictures sceneggiatura Benjamin Gray, Richard Hankin, Roger Ross Williams musiche Mark De Gli Antoni montaggio Richard Hankin, Benjamin Gray fotografia Derek Wiesehahn sound editor Ira Spiegel, Marlena Grzaslewicz, Matt Rigby     "God Loves Uganda" è la storia, vera, di un viaggio. Il protagonista assoluto è l’odio. Co­protagonisti: violenza, ignoranza (nel senso di mancata conoscenza di ciò di cui si parla), razzismo, repressione ideologica e sessuale, fanatismo, strumentalizzazione politica, violazione aperta dei diritti umani. Tanti gli altri interpreti minori, altrettanto importanti certo, ma senza dubbio secondari a quelli  sopra  citati,  come:  buon  senso,  diritto  inopinabile  alla  libertà  di  ogni  essere  umano  di  amare  chi  desidera  e  di  avere rapporti  sessuali  con  chi  meglio  crede  (sempre  restando  all’interno  di  parità  e  consensualità),  desiderio  sincero  della  felicità dell’altro  che  non  necessariamente  corrisponde  alla  nostra  idea  di  felicità,  importanza  assoluta  di  educare  alla  prevenzione sessuale le persone. Grande assente? Il rispetto per tutti gli esseri viventi. Questo documentario è incentrato sull’attività dell’organizzazione religiosa IHOP (International House Of Prayer) ovvero una branca di estrema destra del movimento evangelico americano. Assistiamo praticamente ad un progetto politico sperimentale di controllo delle menti e delle vite delle persone che parte dall’Uganda. Questi attivisti religiosi hanno scelto come spazio di prova  per  le  loro  ideologie  questa  regione  poverissima  dell’Africa.  Così  vediamo  questi  giovani  ragazzi  americani  formarsi, mettersi obiettivi di conversione e partire alla volta di questo luogo selvaggio e primitivo da “salvare”. Per loro è un’avventura e nelle vite degli africani cosa succede? Cosa accade quando si cerca di impiantare un credo che non appartiene ad un popolo? Quando si usa il nome di una figura


SALTINARIA I 09 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

assolutamente illuminata come quella di Gesù, per manipolare le coscienze altrui? Quando si promuove l’astinenza sessuale come unico rimedio all’HIV e all’AIDS in una terra dove il sesso è una cosa sana e naturale? Cosa accade quando si inculca nella  testa  di  persone  con  un  basso  livello  di  istruzione  l’idea  che  usare  profilattici  è  una  cosa  invisa  a  Dio?  Quando  si raccontano loro abominevoli quanto infondate quanto atroci quanto idiote storie sulle persone omosessuali? Che viene portata in parlamento una proposta di legge anti­omosessualità che prevede perfino la pena di morte. Si piange durante questi 83’. Prima per compassione:  una  sincera  desolazione  interiore  che  sfocia  in  amarezza  nel  vedere questi giovani ragazzi completamente istupiditi che si riempiono la bocca e la testa di nozioni, parole e versetti biblici imparati a memoria e mai vissuti o capiti. Si sorride a mezza bocca di fronte alla loro conoscenza assolutamente superficiale e, passatemi il termine, americana, della Bibbia e del Vangelo. Si parla di Gesù, si fa il suo nome a sproposito senza ricordare mai che egli era dalla  parte  degli  oppressi,  che  aiutava  le  prostitute  e  che  sicuramente  qualcuno  intorno  a  lui  sarà  stato  omosessuale.  piange ancora per la morte di David Kato, leader del movimento per i diritti degli omosessuali ucciso a bastonate. Perché? Non sappiamo, ma forse la campagna “Kill the gays bills” c’entra qualcosa. E poi interviste, interviste proprio a questi attivisti religiosi americani, la migliore quella alla signora Joanna che ha lasciato gli Stati Uniti per dedicare la vita alla missione IHOP in Uganda e che racconta sorridendo, di aver lottato duramente per vincere la sua attrazione innaturale verso le donne: “Ci è voluto molto tempo ­dice­ ma alla fine ci sono riuscita (pausa) si davvero molto tempo!” E l’inquadratura resta un istante sui suoi occhi, spenti, lontani, privi di luce. Una lacrima non può che scendere dai tuoi di occhi immaginando senza poter capire cosa può aver sofferto questo essere umano lottando contro di se’, contro la sua pulsione alla vita, la sua personale e del tutto unica modalità di essere al mondo. Sofferenza: può essere causata solo da chi soffre. Chi è felice desidera la felicità degli altri. Si esce dalla sala arrabbiati, avvelenati al pensiero di queste orde di predicatori che si riproducono incessantemente creando cloni  di  se’:  bocche  parlanti,  chatterbox  pericolose  più  dell’HIV  perché  in  grado  di  pervertire  menti  anziché  corpi.  E  poi  si cammina per strada, fuori dal cinema, e le immagini viste e le parole sentite non ti lasciano e la mente continua a chiedersi: ma perché  tutto  questo  odio  verso  gli  omosessuali?  Ma  che  avete  tutti  contro  i  gay?  Perché?  E  poi  la  verità:  manovre  politiche, affari, denaro, potere. Non c’entra nulla Dio. Gesù volta le spalle e se ne va come Clarke Gable in “Via col Vento” di fronte a tutto questo. Ma noi ci siamo. Questo è anche il nostro mondo. Siamo qui per imparare a discernere, per ricordare a noi stessi che qualunque ideologia o fede, se portata al suo estremo, è per forza violenta. Siamo qui per affermare che il rispetto per la vita di tutti gli esseri viventi è davvero la sola regola sensata al mondo e che, se sinceramente rispettata, porta con se’ tutto l’equilibrio necessario a garantire una vita dignitosa per tutti. Il lavoro di Williams è veramente importante, coraggioso, necessario. Egli stesso, dopo aver dichiarato la sua omosessaulità, è stato allontanato dalla comunità religiosa evangelica alla quale apparteneva. Lo stile narrativo è quello proprio del documentario: interviste, immagini relative agli avvenimenti, spezzoni di telegiornali e programmi televisivi.     Passaggi al Milano Film Festival 08­09­2013 17:00 / Spazio Oberdan 11­09­2013 22:30 / Teatro Studio     Articolo di: Caterina Paolinelli Grazie a: Valentina Calabrese, Ufficio stampa Milano Film Festival


SKY ARTE I 09 SETTEMBRE 2013

HOME > NEWS > CINEMA E DOC

Vernixage: la video-arte al Milano Film Festival 9 settembre 2013

Tre opere ed altrettanti autori che camminano lungo il confine tra cinema e video­ arte. Jõao Laia, Invernomuto e Luca Trevisani sono i protagonisti di “Vernixage”, sezione speciale del Milano Film Festival Un terreno di pura ibridazione linguistica. Dove sperimentare, provare, rischiare e infine emozionare. Il Milano Film Festival diventa porto franco per felici contaminazioni tra territori differenti, dove cinema e video-arte flirtano ammiccanti proponendo nuovi visioni e sguardi laterali su una realtà in costante evoluzione. Si rinnova l’appuntamento con Vernixage , la mini-sezione che sonda il territorio di confine tra le due forme creative. Tre titoli, due dei quali in anteprima assoluta. Tre modi diversi di trasportare le emergenze della video-arte nel campo del cinema più tradizionale. Un implicito filo conduttore, quello del gusto per la documentaristica, che fotografa una tendenza a livello diffuso. Con il racconto del vissuto che prende piede nei confronti della fiction, come dimostra la fresca conquista da parte di Gianfranco Rosi del Leone d’oro alla Mostra del Cinema di Venezia. A significare la fertilità di un terreno di forte scambio interdisciplinare è la presenza del portoghese Jõao Laia, scrittore e intellettuale più che artista in senso lato, che presenta il suo Now Showing:

Austerity Measures . Un collage che cuce senza soluzione di continuità spezzoni tratti da film e serial che negli ultimi anni si sono occupati della crisi finanziaria internazionale. Un impressionante lavoro di ricerca, accurato e minuzioso, per costruire quello che appare come il ritratto collettivo della nostra epoca. Immagini estatiche quelle del Frozen Flames di Luca Trevisani, backstage del primo film scritto e diretto dall’artista, inno alla potenza di un’acqua assunta a poetico elemento vitale. Cronaca e attualità si intrecciano invece nel Negus – Echoes Chamber del duo Invernomuto: viaggio alla ricerca di comuni radici culturali e – soprattutto – musicali – tra Italia, Etiopia e Giamaica, nell’esorcismo dei più drammatici errori del colonialismo.

TAG >

cinema, Etiopia, Giamaica, Invernomuto, Italia, Joao Laia, Luca Trevisani, Milano, Milano Film Festival


SKYTG24 I 09 SETTEMBRE 2013


Cerca

WUMAGAZINE I 08 SETTEMBRE 2013

home contents n.41 news interviste focus on gallery archivio wu  eventi media partnership network contacts W2

CINEMA / MFF – FOCUS ANIMAZIONE di Emma Cacciatori | 09 settembre 2013

Tags: ani m azi o ne, ci nem a, co rt o m et rag g i , M FF2013, m i l ano fi l m fes t i val Like

7

0

Tweet

USER PWD

5

Entra Hai dimenticato la pwd? Vuoi registrarti? Invia a un amico

Partenza da: 

Arrivo a: 

Partenza il: Giorno:  1   Mese:  Gennaio

MUSICA CINEMA LIFESTY LE EVENTI

L’hype dei gatti è ormai indiscusso: i cani hanno tentato di farsi avanti timidamente, ma i felini hanno avuto la meglio anche sui più avventurosi tra i loro storici antagonisti (drammatici esempi sono riportati dal chihuahua di Paris Hilton). Anche per quanto riguarda il cibo, i gatti sono del tutto privilegiati, con tutte quelle piccole scatoline monoporzione a volte più invitanti di alcuni nostri ripieghi per la cena dell’ultimo secondo. Anche al Milano Film Festival la “kitty fever” ha contagiato l’isola dedicata ai corti di animazione, piano chiaramente attuato dai gatti per cominciare una diffusione virale di loro materiale, che presto li porterà alla conquista del mondo. Non è nuovo al festival D avid O’Reilly, folle animatore che due anni fa, con il suo The External Word, ha fatto tremare gli alberi del Parco Sempione per le risate. Uno stile cinico, con vicende raccontate in modo epilettico e guidate dal nonsense. Questa volta un topo e una gatta cercheranno di ritrovare il loro equilibrio di coppia dopo anni di litigi. Please Say Something è una storia tenera, ironica, tanto surreale da sembrare vera. © Copyright 2010 WU magazine all right reserved Privacy Policy P.Iva 07106650018 BANNERFOOT

Ritorno il: Giorno:  1   Mese:  Gennaio Adulti:  1 Bambini: (2­11)  0


XL I 09 MENU SETTEMBRE 2013 I 1/3 PAGINE

Cerca su XL

Cerca

MILANO FILM FESTIVAL CON IL GORE VIDAL DI NICHOLAS WRATHALL E GLI ADOLESCENTI DI “IN BLOOM”

CINEMA

FESTIVAL 2013

È arrivata alla sua diciottesima edizione la manifestazione dedicata al cinema indipendente che prosegue fino al 15 settembre. xl.repubblica.it/articoli/milano-film-festival-con-il-gore-vidal-di-nicholas-wrathall-e-gli-adolescenti-di-in-bloom/5721/

1/4


XL I 08 SETTEMBRE 2013 I 2/3 PAGINE

09/09/13

Milano Film Festival con il Gore Vidal di Nicholas Wrathall - XL Repubblica

Tra le prime opere presentate il documentario dedicato al saggista e scrittore americano e, in concorso, il film di Nana Ekvtimishvili e Simon Groß di Mario Pellizzari - 09 settembre 2013

SULLO STESSO ARGOMENTO SiciliAmbiente, documentari per la sopravvivenza Mix Festival, “I Am Divine” Mix Festival, “Joy! Portrait Of A Nun”

Spenti i riflettori suVenezia i cinefili possono trovare asilo al Milano Film Festival,

dove nel triangolo magico tra Teatro Strehler, Parco Sempione eTeatro Studio (e non solo) un programma fittissimo di film, musica e vari eventi prosegue fino al 15 settembre. In realtà del MFF si è parlato anche in laguna, quando martedì scorso è stato presentato il nuovo Milano Film Network, la rete formata dai sette festival di cinema milanesi che si uniscono finalmente per essere più forti. Tra i molti lavori interessanti vi segnaliamo sicuramente Gore Vidal – The United States Of Amnesia di Nicholas Wrathall dedicato al grande scrittore e sceneggiatore americano scomparso l’anno scorso. Il regista è affascinato dal coraggio e dalla lucidità intellettuale di Vidal soprattutto in politica: «Capiva il potere e le motivazioni e macchinazioni di coloro che lo esercitano, e non aveva paura di affrontarlo di petto o di rivelare le menzogne che servono a mantenerlo» dice nelle note al film. Vidal ne ha per tutti: Kennedy e la sua stucchevole mitologia di Camelot, l’ignoranza di Reagan, la passione guerrafondaia e il profondo bigottismo del suo paese, a cui rimane però profondamente legato

xl.repubblica.it/articoli/milano-film-festival-con-il-gore-vidal-di-nicholas-wrathall-e-gli-adolescenti-di-in-bloom/5721/

2/4


XL I 09 SETTEMBRE 2013 I 3/3 PAGINE

09/09/13

Milano Film Festival con il Gore Vidal di Nicholas Wrathall - XL Repubblica

anche dal suo buen retiro a Ravello. Utilizzando materiali di archivio, soprattutto partecipazioni televisive, e interviste dirette a Vidal e vari suoi amici Wrathall compone il ritratto preciso di un libero pensatore che sa usare il linguaggio come arma di grande precisione. Il documentario è in replica stasera 9 settembre al Teatro dell’Arte della Triennale (21:45) e domenica 15 settembre al Teatro Strehler (Scatola Magica, 20:30).

“In Bloom” Di tutt’altro genere invece In Bloom (Grzeli nateli dgeebi) film di Nana Ekvtimishvili e Simon Groß, rispettivamente georgiana e tedesco, che racconta la storia di due quattordicenni nella Tbilisi del 1992, i tumultuosi primi anni dell’indipendenza della Georgia in seguito al crollo dell’Unione Sovietica. Alle tematiche comuni ad ogni adolescente del mondo, come primi amori, conflitto con le insopportabili famiglie, voglia di libertà e sogno di un futuro diverso si aggiunge qui il caos del passaggio storico, in cui il nuovo che dovrebbe avanzare è sempre in ritardo, troppo invischiato in leggi arcaiche opprimenti soprattutto per le donne. Il film è intenso e colpisce soprattutto nella compattezza di tenuta di tutto il cast, su cui svetta una delle due protagoniste, Lika Babluani, giovanissima attrice al suo primo film. In Bloom, in concorso, è in proiezione venerdì 13 settembre alle 19:00 allo Spazio Oberdan. xl.repubblica.it/articoli/milano-film-festival-con-il-gore-vidal-di-nicholas-wrathall-e-gli-adolescenti-di-in-bloom/5721/

3/4


MELTY I 09 SETTEMBRE 2013 I 1/3 PAGINE

Login

Iscriviti

Iscrivi

Login

RUBRICHE

CINEMA

TOP NEWS

Cerca...

I MIEI ABBONAMENTI Cerca un dossier...

CINEMA

Festival Venezia 2013

Ian Somerhalder

Robert Pattinson

Cory Monteith

Hunger Games 2

Seleziona i dossier sugli argomenti che ti

X

interessano utilizzando il motore di MFF 2013: 'Ilo Ilo', 'Licks', 'Run and jump', i voti di melty.it ricerca in alto, o scegliendo tra i top

dossier del momento. Li trovi nella lista Di Nicola (NicolaAccardo)

2 minuti fa

qui sotto

Internazionale e giovane, il concorso lungometraggi del Milano Film Festival I MIEI CONTATTI

2013 non sta deludendo le attese. Abbiamo visto 'Ilo e Ilo', 'Run and jump' e 'Licks', ecco le nostre pagelle.

Trova un amico

ILO ILO (SINGAPORE): VOTO 8 ILa storia di una piccola peste e della sua tata. La piccola peste vive a Singapore in una famiglia in preda alla crisi economica (siamo all'inizio degli anni 90), la tata viene dalle Filippine e deve mantenere il figlio appena nato nel suo paese. Un film struggente, privo di pietas, che mette a nudo i sentimenti senza sentimentalismi. La tata 'Auntie Terry', prima è vittima di dispetti da parte del ragazzino incorreggibile. Poi, grazie alla sua diversità culturale, si rivela l'unica in grado di educarlo. Dall'odio nasce l'amore, che crea gelosia: quello della mamma del protagonista, incinta per una seconda volta, intenta ogni giorno a scrivere nuove lettere di licenziamento per conto della sua agenda. Il bimbo e la tata sono destinati a separarsi, proprio a causa della crisi, ma è splendido assistere alla vittoria dell'eroina, mai colta in fallo nonostante i pregiudizi. Un tuffo in una cultura lontana e nella memoria del registaAntony Chen (Caméra d'Or a Cannes 2013 come miglior regista esordiente), che da bambino fu legato a una tata filippina per ben 8 anni. Attori straordinari: per scegliere il bambino protagonista il regista ha visionato ben 9mila scolaretti a Taiwan. Il film è seriamente candidato alla vittoria finale.

3 in


MELTY I 09 SETTEMBRE 2013 I 2/3 PAGINE

'Ilo Ilo'

LICKS (USA): VOTO 7 E 1/2 Il regista Jonathan Singer ha 25 anni, su ogni cinque parole dette quattro sono avverbi o intercalare (“well”, “we just...”, “you know”...), ma la struttura del suo “Rapine” rivela una grande maturità cinematografica. Una storia di amici e compagni di banda, senza scrupolo e senso del pericolo, che tirano a campare nei sobborghi di Oakland spacciando, facendo i protettori o rapinando case e negozi di alimentari. Il protagonista, D, incappa in due anni di galera per un errore da dilettante. E' un tipo diverso, cerca e vuole la redenzione per se stesso e il suo caro amico. Un film pieno di colpi di scena, veloce e ricco d'azione: la violenza c'è ma non è mai gratuita. Unico difetto, l'eccessiva presenza di dialoghi infarciti di slang, al limite della caricatura. Un film che vi farà agitare e soffrire.

Impossibile caricare il plug‑in.

Il trailer di 'Licks'

RUN AND JUMP (USA, IRLANDA, GERMANIA): VOTO 7 E' il film che ha aperto il concorso lungometraggi venerdì 6 settembre al Teatro Strehler, davanti al quale in serata si è scatenato un ottimo dj set di fine anni 90. La regista americanaSteph Green era assente, presente invece l'attore principale Edward MacLiam, bravo a interpretare Conor, un padre di famiglia che torna a casa dopo un ictus celebrale, un mese di coma e cinque di ricovero in ospedale. L'eroina del film è sua moglie Vanetia, bionda ed energica, che lo accudisce come se fosse il suo terzo figlio. Terzo incomodo un neuro­ scienziato che segue Conor passo dopo passo, lo filma e lo aiuta nella terapia. Naturalmente con Vanetia nasce un amore impossibile. Bello il tema, ottimo il lavoro di preparazione scientifico per rappresentarlo, peccato per le semplificazioni “all'americana”: musica melensa


MELTY I 09 SETTEMBRE 2013 I 3/3 PAGINE

per pause dense di pathos. Il dramma ha un lieto fine e l'ottimismo dei protagonisticonferisce al film un messaggio positivo. @Nicola Accardo

'Run and Jump'


02BIOG I 10 SETTEMBRE 2013

02blog.it

Il magazine milanese di BLOGO NE WS

NEWS

GALLERIE

VIDEO

FUORISALONE 2013

EXPO 2015

Homepage > Milano Film Festival 2013

Milano Film Festival 2013: il programma, martedì 10 settembre Scritto da: Arianna Ascione ­ martedì 10 settembre 2013 Mi piace

0

Tweet

2

0

Share

0

Tra le proiezioni "Mirage à l’italienne" di Alessandra Celesia, "Flytopia" tratto da Will Self, "Les Eclats", "Dirty Wars" e "Labyrinth" I MAGAZINE DI BLOGO

02blog.it 06blog.it artsblog Benessereblog.it Autoblog.it Bebeblog.it booksblog Calcioblog. Cineblo Click C Ecoblog.it Fashionblog.it Gadgetblog.it Gamesblog.it Gossipblog gustoblog Melablog.it Mobileblog Motoblo Moto O Soundsblog.it Toysblog.it Travelblog.it TVBlog.it crimeblog Polisblog.it Petsblog.it 02blog.it Mi piace

1.521

IN EVIDENZA

Vuoi un iPhone

Agli utenti italiani un 80% grazie a un truc

Annunci Google

Consueto appuntamento con il concorso lungometraggi del

Offerte Bluvacanze

Milano Film Festival, che si apre questa sera al Teatro Strehler

www.bluvacanze.it/offerte Prenota Ora un Pacchetto Viaggio. Scopri le Strutture Bluvacanze!

con Mirage à lʼItalienne di Alessandra Celesia (h. 20.30 Teatro Strehler) e Run and Jump di Steph Green (h. 22.00 Teatro dell

IMMOBILIARE.IT

Annunci su Mappa e Trova ora la tua Cas Immobiliare.it!

Arte, replica). Per il concorso dei cortometraggi si proietterà il Gruppo I (h. 15 Teatro Studio), il Gruppo J (h. 17.00 Teatro Strehler), il Gruppo F (h. 21.00 Parco Sempione) e il Gruppo H

Sconti Teatro ­ Donnacce

(h. 22.30 Teatro Strehler).

www.clublanotte.it Biglietti Teatro a Milano 13 Ottobre "DONNACCE" T. Martinitt

politico e sperimentale, sarà proiettato Les Éclats (h. 22.30

Nell’ambito dell’omaggio a Sylvain George, autore di cinema Teatro Studio), mentre per Colpe di Stato torna Camp 14 Total

Control Zone di Marc Wiese ambientato nella problematica Corea del Nord (h. 17.00 Teatro Studio, replica). Segue Dirty Wars di Richard Rowley (h. 20.30 Teatro Studio). Invece gli ‘outsider’ di oggi sono il finlandese Midsummer Nightʼs Tango di Viviane Blumenschein (h. 15.00 Teatro Strehler, replica) Museum Hours di Jem Cohen, preceduto da Hopper vu par…La Muse di Sophie Barthes (h. 20.00 Teatro dell Arte, replica). Previste anche oggi le proiezioni di Grandi Speranze e The Platinum Collection, per la

VIDEO CORRELATI

Autobus in uccide una terribile inc Milano ­…

Lindy Hop  instruction Groovie Mo Guarda…

IVAN CATT "Polisex" L Guarda il v


A

ARTRIBUNE I 10 SETTEMBRE 2013 TRIBNEWS DESIGN

TELEVISION DIDATTICA

MAGAZINE DIRITTO

CALENDARIO EVENTI

EDITORIA

FOTOGRAFIA

INAUGURAZIONI MERCATO

MUSICA

COMMENTI NEW MEDIA

TEATRO

TURISMO

BIENNALE 2013

Tre giorni per un cartoon. Workshop di animazione al NEWSLETTER Milano Film Festival con la disegnatrice della BBC Jessica Ashman: un progetto collettivo proiettato nel corso della serata di chiusura della rassegna nome email

privacy policy iscriviti

Scritto da Francesco Sala | martedì, 10 settembre 2013 · Lascia un commento 

Jessica Ashman al lavoro

Ognuno ha il proprio linguaggio di riferimento. C’è chi è intrippato con lo stop motion e chi invece disegna tutto, frame per frame; direttamente in digitale, con la penna ottica, o sfoderando le care vecchie e mai desuete matite. Sono animati, è il caso di dirlo, da una passione irrefrenabile per il cartoon i partecipanti di Paper in Motion, immersione creativa in un immaginario dove regna la più imprevedibile fantasia. Un workshop per imparare a costruire cartoni animati, partendo dall’elaborazione dello storyboard e arrivando alla proiezione in sala: una full immersion di tre giorni, intensa e impegnativa, inserita tra gli eventi collaterali del Milano Film Festival. Che concede agli aspiranti Walt

SONDAGGIO

Disney l’onore della passerella più importante: il frutto del loro lavoro, cortometraggio di una manciata di minuti, è in programmo allo Stehler domenica 15 settembre, a margine della proclamazione dei vincitori della rassegna. “Abbiamo scelto un tema condiviso” spiega la titolare del seminario Jessica Ashman,

Qual è l'artista italiano contemporaneo più sottovalutato?

seguendo le inclinazioni, la sensibilità e gli interessi espressivi dei diversi partecipanti del workshop”. Un paziente lavoro di amalgama, taglia e cuci che parte dalle pagine di

disegnatrice e animatrice già in forze al dipartimento scozzese della BBC “da sviluppare

Giuseppe Chiari

taccuini Moleskine – partner del progetto – e finisce sugli schermi di laptop e tablet. Una scorribanda onirica e visionaria, colorata e divertita, assemblaggio d’artista che filtra tecniche, mani e sguardi tra loro diversi. Eppure complementari.

Pinot Gallizio

­ Francesco Sala  

Gastone Novelli

Pietro Consagra  Domenico Gnoli


FOURMAGAZINE I 10 SETTEMBRE 2013

ARTE

TEATRO

DANZA

MUSICA

CINEMA

SERIE TV

CROSSMEDIA

MODA

LI

FUMETTI

Fifi Howls from Happiness. Il mondo segreto di Bahman Mohasses 10 SETTEMBRE 2013 10:48 

ALICE UNGARO

Continua l’avventura  cinematografica  meneghina.  E’  la  volta  di  un  documentario  molto  toccante  della  regista iraniana  Mitra  Farahni,  “Fifi  Howls  from  Happiness”.  Letteralmente  “Fifi  urla  di  felicità”,  titolo  di  un’opera  del celebre pittore Bahman Mohasses, a cui la pellicola è dedicata. Dolce tenacia. Così potremmo descrivere in due parole il temperamento della Farahni, in grado di scovare in un hotel  romano  un  artista  di  tale  levatura  dato  per  morto  per  moltissimo  tempo.  Guardando  le  immagini  di quest’opera  appare  chiaro  come  ella  fosse  forse  l’unica  in  grado  di  raccontare  gli  ultimi  giorni  del  grande maestro,  con  costanza  senza  tuttavia  risultare  mai  invadente.  Mitra  rappresenta  il  pubblico  di  cui  Mohasses necessita, di cui ogni artista ha bisogno per completare la propria eredità. Ma è la sensibilità con la quale gira a fare davvero la differenza: l’artista si muove con naturalezza davanti ad un occhio che riconosce come amico e si diverte anche a stuzzicarlo, a farsi esso stesso regia del proprio lascito. Mohasses ha un temperamento allegro e ironico, nonostante il disgusto spietato per il mondo che lo circonda e in cui non riconosce salvezza alcuna. Mostra con orgoglio i cataloghi delle sue opere che tuttavia ha distrutto egli stesso perché, sottolinea, può decidere solo lui il destino dei propri figli. Fuggito definitivamente da Teheran nel 1969, si rifugia a Roma, città che egli descrive come “zeppa di sperma proveniente  dagli  atti  sessuali  dei  suo  antenati”.  E’  un  provocatore  Mohasses.  Nella  sua  omosessualità  che disdegna “le fighette moderne” mentre ha una predilezione per gli uomini veri (che hanno anche una fidanzata). Nel suo rifiuto a sottostare alle logiche di mercato che vorrebbero lasciar scegliere al committente il soggetto e il

RADIOBOCCONI

modo in cui l’opera dovrebbe essere eseguita. Mitra si insinua nel suo percorso con la costanza di una goccia che scalfisce la pietra e lui l’ammira, gli è grato. Perché è consapevole di essere il protagonista di una storia che vale la pena raccontare. La propria vita, che appare come un eterna lotta tra l’affermazione del suo talento e l’incomprensione  che  deriva  da  esso.  L’assistere,  purtroppo  impotenti,  ad  un  mondo  che  si  fa  incurabile  –  le guerre, le bombe “intelligenti”, la dispersione di petrolio… – e gretto. Ma in fondo, essere artisti vuol dire anche un po’ sperare che le cose possano cambiare. Mitra e Mohasses. Il

LATEST PINS ON

loro incontro non è casuale. Il loro esserci è già sinonimo di speranza.

CINEMA Sherlock Holmes  Gioco di ombre J.EDGAR  Il cuore nero dell’America 

L’Oroscopo di Glo – Benve

Settimana dal 9 al 15 Genna THE ARTIST 

Le parole che nessuno ha d IL SENTIERO 

La religione come modo per


Breaking News2013 I 1/2 PAGINE INDIE-EYE I 10 SETTEMBRE Sion Sono torna a Venezia con il suo nuovo... HOME

AL CINEMA

DVD

FESTIVAL

COLONNE SONORE

NEWS

MUSICA

REDAZIONE

MENU

Search Here...

11 SETTEMBRE 2013

Faro di Fredrik Edfeldt, evento speciale al Milano Film Festival

11505 Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Iscriviti al nostro feed RSS In collaborazione con Visit Sweden il Milano FIlm Festival, Venerdi 13 settembre 2013 alle ore 17, presso il Teatro Strehler presenta come Evento speciale l'anteprima Italiana di Faro, il secondo film dello Svedese Fredrik Edfeldt

spazio ad

Di Giovanna Farulli Mi piace

4

Tweet

2

0

Fredrik Edfeldt gira il secondo lungometraggio a quattro anni di distanza dal suo debutto, T he Girl, presentato per la prima volta alla Berlinale 2009 dove ottenne una menzione speciale nella sezione Generation 14+. The Girl era un piccolo film suggestivo che osservava il mondo degli adulti attraverso lo sguardo infantile, miscelando momenti di sospensione fiabesca, ad un teso realismo horror, merito anche della fotografia di Hoyte van Hoytema (Lasciami Entrare). Il nuovo film di Edfeldt, scritto ancora una volta insieme a Karin Arrhenius, riparte da qui; Hella (una sorprendente Clara Christiansson alla sua prima prova) vive con il padre (Jakob Cedergren) in una casa ai confini con la foresta, dopo un incipit che in modo fulmineo ci mostra una vita tranquilla, riceveranno la visita di alcuni poliziotti accompagnati da un’assistente sociale, il padre riesce a nascondersi mentre Hella lo copre; subito dopo, con una serie di sequenze concitate, i due prepareranno bagagli essenziali, l’uomo ucciderà il border collie della ragazzina, “troppo vecchio” per seguirli, e fuggiranno con la macchina verso la parte più remota della foresta.

Al cinema

La Religiosa di Guillaume Nicloux: ... 4 set 2013 at 12:17 am Royal Affair di Nikolaj Arcel: un m... 31 ago 2013 at 10:27 am

Foxfire: Le ragazze Faro, sin dai primi minuti, affronta il racconto di formazione con quell’ambiguità tra tenerezza e cattive di Laur... 27 ago 2013 at violenza che in alcuni momenti fa pensare alla rappresentazione della natura nel primo cinema di 6:40 am Malick o all’estate “crudele” di Frank Perry, esempi che inseriscono il ciclo di vita e morte in una dimensione che è oltre la morale. In trance di Danny Boyle: im-materi... 26 ago 2013 at 3:31 pm Assistito dalla fotografia di M attias Montero, alla sua seconda prova dopo quella per L’ipnotista di Lasse Hallström, Edfeldt immerge completamente il rapporto tra Hella e suo In Another Country: i padre in un’ambientazione naturale, alternando ai momenti di puro stupore di fronte ai piccoli frammenti di ... 24 ago 2013 at 9:20 grandi eventi della foresta, una visione “necessaria” e basica dove prevale l’istinto di am sopravvivenza, tanto che il film si bilancia in modo alternato tra sequenze di ascendenza quasi magica, come quella dove Hella e il padre esplorano una foresta sommersa, ad esplosioni di violenza “necessaria”, ben descritta attraverso la presenza del mondo animale per come viene percepito dalla stessa Hella; se la soppressione del cane viene liquidata dal padre come una questione assolutamente pratica e necessaria, quando la ragazza gli chiederà se le creature del bosco che sente lamentarsi nella notte stanno soffrendo, lui risponderà “sono animali”; in una


INDIE-EYE I 10 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

sequenza improvvisa, tipica dello stile di Edfeldt, Hella uccide brutalmente un volatile con una pietra per sfamarsi, come se avesse assimilato un’idea ciclica e survivalista del rapporto con la natura. Spazio Ad

In questo contesto, l’accusa di omicidio che pende sul collo del padre passa quasi in secondo piano, le motivazioni non sono chiarissime e quello che sembra interessare ad Edfeldt è un’idea molto più ampia e primigenia di sopravvivenza; braccato dallo stato, questo piccolo nucleo famigliare, trova l’assoluzione dai propri peccati nella relazione diretta e intima con i cicli della natura; il regista Svedese contrappone ad un racconto sospeso e legato all’esperienza, un montaggio ellittico e volutamente incongruo dal punto di vista temporale, sia che si serva di inserti di improvvisa violenza, o che s i fermi su alcuni dettagli dal ritmo irregolare che non hanno quasi mai una funzione simbolica, come un vetro rotto, un coniglio catturato in una tagliola. Anche i continui riferimenti al racconto popolare e fiabesco hanno questa doppia anima; frammenti evocativi, quasi rituali, che a nostro avviso sono i meno riusciti perchè caricano di senso qualcosa che ha maggiore forza proprio quando non cerca di spiegare l’ambiguità della natura; e al contrario, la brutalità di un montaggio quasi astratto, che rompe prodigiosamente con tutte le sospensioni del film; il duplice ingresso di Hella e del padre nelle abitazioni del bosco, ha tutte le caratteristiche di una fiaba dei fratelli Grimm, ma scarnificata da qualsiasi tentazione simbolica, trova il sogno (o l’incubo) nella sua collocazione quasi illogica rispetto alla narrazione e non attraverso un’immagine d’atmosfera, che possa essere facilmente ricondotta alla forma onirica. Edfeldt mostra progressivamente l’instabilità del luogo famigliare tradizionalmente inteso; la casa, la tenda, la zattera, l’abitazione con la donna-orco, ritardano in qualche modo l’affermazione della Le novità in DVD propria identità, che si compie su quella lunga, splendida immagine conclusiva della fuga verso un Faro separato dalla mondanità. A lady in paris a ottobre il Blu Ray 20 ago 2013 at 5:54 pm

Fredrik Edfeldt Faro

Svezia - 2013

Fatherland di Ken Loach 22 lug 2013 at 11:15 am

Co n Per Bu rell, J ako b Ced ergren , Clara Ch ristian sso n , Gu n n el Fred , M aria Heiskan en , Gö ran Stan gertz Du rata 90 min

Storie di vita e malavita di Carlo Lizzani 18 lug 2013 at 9:15 am

La cuccagna di Luciano Salce 17 lug 2013 at 7:17 am Roman Polanski – A Film Memoir: una confessione intima 17 lug 2013 at 6:30 am

© 2013, Indie-eye REC. R ipr oduz ione r iser va ta . Tutti i dir itti r iser va ti

Indie-eye.it è un quotidiano online registrato al tribunale di Firenze n. 5757 e al Registro Operatori della Comunicazione n. 21322 – indie-eye.it 2005 – 2012

Autor e

Ultimi a r ticoli

Giovanna Farulli Giovanna Farulli si è laureata in letteratura moderna e contemporanea nel 2007; appassionata di arti visive, tra queste, ama sopratutto il cinema.

Articoli simili


CINEMA.LOSPETTACOLO I 10 SETTEMBRE 2013 HOME SPORT MOTORI DONNA

HOME

TV

Oggi al cinema

CINEMA Film in uscita

MUSICA Trailers

TEATRO

LIFESTYLE

SPETTACOLO

GOSSIP

CULTURA

TECNOLOGIA

LOTTO

IMPRESE

PROMOZIONI

FOTOGALLERY

VIDEO

BLOG

Trova film

"Milano Film Network", il cinema indipendente fa rete Presentato alla 70esima Mostra di Venezia l'ambizioso progetto meneghino

NOTIZIE DALLA RETE MATRIMONIO | UNADONNA Scarpe da sposa

L'edizione 2012 del Milano Film Festival Sei festival, una rete. Anzi, un Network, il Milano Film Network. Ovvero, il progetto messo in piedi con successo dal Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina , dal Festival Mix, da Filmmaker, da Invideo, dal Milano Film Festival, da Sguardi Altrove e da Sport Movies & Tv ­ Milano International Ficts Festival. Il tutto, con la benedizione della 70esima Mostra d'Arte Cinematografica di Venezia, dove il progetto è stato appunto presentato nei giorni scorsi. Si tratta di una sorta di consorzio del grande (qualitativamente parlando) cinema indipendente, su cui la città meneghina ha puntato molto, negli ultimi anni. Il Network (che ha ricevuto un finanziamento da Fondazione Cariplo) ha l’obiettivo di creare un sistema di collaborazione stabile tra diverse realtà che, a Milano, si occupano di cinema e di audiovisivo in generale. Con tanto di Workshop introduttivo, “Una storia del cinema”, in programma dal 3 al 31 ottobre prossimi alla Fabbrica del Vapore. Un sistema, una rete inter­organizzativa che renda possibile lo scambio di conoscenza, innovazione, risorse strumentali , servizi e opportunità tra i diversi partner del progetto. Il cui sogno si presenta a dir poco ambizioso: fare di Milano la città del cinema indipendente, rendendo la produzione di contenuti audiovisivi non un vezzo, ma un vero e proprio fattore di sviluppo. Traguardo che passa per alcuni step fondamentali: raggiungere la sostenibilità operativa, innovare e pianificare l’offerta culturale e, infine, integrare tale offerta in base a esigenze e risorse di territorio e comunità.

Orari Film e Cinema

Trova il Cinema più vicino a te su PagineGialle! PagineGialle.it/Cinema

Login

Leave a comment...

Commenti (0)

Community

PETSPARADISE.IT 60 Kg di MigliorGatto per i gatti abbandonati…Ce l’abbiamo fatta!


MILANOTODAY I 10 SETTEMBRE 2013

Che bello tour! Inserito Da Communication · 9 Settembre 2013

Comunicato Stampa

A Milano, in occasione del Milano Film Festival, che si terrà dal 5 al 15 settembre, continua l'iniziativa per visitare e vivere Milano in modo diverso, con "Che Bello! Passion Exerience Tour"

Questa nuova iniziativa è nata per vivere, condividere e scoprire la città attraverso le TUE passioni. Scegli tra, Cinema, Ballo, Opera, Fotografia, Fashion, Food, Running e tutto quello che ti piace, e ti creeremo un tour coinvolgente ed unico che ti farà scoprire la città sotto molteplici aspetti, perché le passioni motivano, aggregano, fanno crescere e sono memorabili. Tour tematici esperienziali con attore-guida che vivrà con te la città. In occasione del MMF, "Che Bello! Tour" condurrà gli appassionati di Cinema alla scoperta della città attraverso le lo cation e i set cinematografici di Milano e come in un museo a cielo aperto vi faremo immergere in una nuova e originale sceneggiatura. Date. I Tour si svolgeranno il 7/8/11/13/14/15 Settembre 2013. Nei giorni 8/11/14 verranno tenuti in lingua Inglese. Prezzi. Intero 30 €, special price, per chi acquista un biglietto del MFF o mette un like sulla nostra pagina facebook Che Bello Tour, 25€ o 15€ con abbonamento al MFF o membro Che Bello Community. Il walking tour avrà una durata di circa due ore e mezza e partirà dal teatro Strehler alle ore 11.

© Copyright 2010-2013 - MilanoToday supplemento al plurisettimanale telematico "Citynews" reg. tribunale di Roma n. 92/2010.


ROLLINGSTONE.IT I 10 SETTEMBRE 2013

MUSICA

CONCERTI

CINEMA

CULTURA

R&R STYLE

HOME > MUS ICA > NEWS

Sotto palco con il Milano Film Festival! Sorpresa: quest’anno al MFF non si guardano solo belle pellicole, ma si ascoltano anche i concerti (gratis) e si balla coi dj set! Mi piace

0

Invia

10 settembre 2013

Un concerto nel bello scatto di Vince Kmeron, CC via Flickr

Se avete letto la notizia relativa al documentario su Bugo che abbiamo pubblicato ieri, avrete forse avuto un momento di stupore nel leggere che il suo concerto di domani sera a Milano è ospitato dal Milano Film Festival. Che c’azzeccano i live con un evento dedicato al cinema? Nel caso della manifestazione, c’azzeccano eccome: fino alla fine dell’edizione in corso, il 15 settembre, ogni giorno del programma del MFF è stato arricchito da un’esibizione live, da un DJ-set… O da tutti e due. Di seguito, il programma delle restanti serate che si svolgeranno al Parklive di Parco Sempione (occhio, se siete in città: il 14 settembre il nostro vicedirettore Fabio De Luca mette i dischi!): 11 settembre: Bugo + Andrea LaBanca and the FishEye Band 12 settembre: Erlend Oye + Sarah Stride 13 settembre: Roberto Angelini + El Santo + DJ-set Missin Red 14 settembre: Mamavegas + Soltanto + DJ-set Fabio De Luca 15 settembre: The Shak&Speares + Kafka on the Shore + DJ-set con tutti i deejay passati dal MFF 2013

FOTO

RS VIDEO

RS


TEMPI I 10 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE Registrati Login

ce

LA PREGHIERA D

«I ribelli? Le arm stragi di civili? V vedrete»

CULTURA

Shin Dong­hyuk, nato e “disumanizzato” in un gulag nordcoreano. Fuggì dopo aver fatto giustiziare la madre e il fratello Settembre 10, 2013  Chiara Rizzo

Il film “Camp 14 – Total Control Zone” incrocia la testimonianza di un prigioniero con quelle di due aguzzini di un campo di concentramento comunista  

Sarà proiettato oggi, 10 settembre, alle ore 17.00 al Teatro Studio di Milano il documentario Camp 14 – Total Control Zone, che ieri tempi.it ha visto in anteprima nel corso del Milano Film Festival: il film è il racconto in prima persona della terribile esperienza di Shin Dong-hyuk, nato e cresciuto in un gulag norcoreano, dal quale è riuscito a fuggire dopo aver sperimentato e visto ogni sorta di trattamento disumano e disumanizzante (una storia di cui tempi.it aveva già parlato ampiamente in questo articolo). Shin Dong-hyuk ha accettato di raccontare la sua vita davanti al regista Marc Wiesse, tedesco, presente all’anteprima italiana del film. STORIE INCROCIATE. Wiesse è stato anche il primo a riuscire in un altro intento, raccogliere la testimonianza di due degli aguzzini del Camp 14: Hyunk Kwon, ex comandante della sorveglianza del campo, e Oh Yangnam, agente della polizia segreta di Pyongyang che nel gulag conduceva gli interrogatori e le torture degli internati. Camp 14 è anzitutto un film dove i ricordi nitidi di Shin Dong-hyunk e i suoi lunghi silenzi carichi del dolore vissuto, si intrecciano senza alcun commento “esterno” ai ricordi di chi dirigeva il campo per conto del regime comunista. Non si indugia certo nell’emozione, in questo documentario in cui tutti i protagonisti, anche per ragioni culturali, non mostrano lacrime, tanto da che spesso non sembrano neanche avere coscienza di ciò che hanno vissuto. «NON SAPEVO PIANGERE». Shin Dong-

Il trailer di Camp 14 ­ Total Control Zone

hyuk è nato 31 anni fa nel Campo 14, dove sono detenuti almeno 30 mila dei 200 mila internati coreani. Una delle regole principali del campo, insieme all’obbligo di delazione tra tutti i compagni di prigionia, è il divieto di contatti fisici e umani tra uomini e donne che non siano collegati al lavoro (al Campo tutti i prigionieri,

Impossibile caricare il plug‑in.

compresi i bambini, lavorano nelle miniere): la stessa mamma di Shin era stata ottenuta in moglie da un uomo come “premio speciale” per il duro lavoro svolto in prigionia. «Sono cresciuto senza conoscere il significato dei rapporti affettivi, senza alcun senso di umanità», ammette Shin. «Non sapevo che quando si vede morire la propria madre o il proprio fratello si piange. Nessuno me lo aveva insegnato: quello che mi insegnavano era ad obbedire ai guardiani, se non volevo essere punito. A non fuggire, se non volevo essere ucciso». Per ventitré anni Shin vive una routine alienante, costretto a mangiare, ad esempio, solo due cucchiate di mais per tre volte al giorno, 365 giorni all’anno. «L’unica carne che mangiavamo era quella dei topi che riuscivamo ad uccidere». GULAG A VITA PER UNA SIGARETTA. Dall’altra parte del campo i ricordi scorrono descrivendo scenari disumani, con parole secche e crude, prive di rimorso. I due dirigenti spiegano nel film che in Corea del Nord si


TEMPI I 10 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

può finire nei campi di concentramento per i motivi più stupidi: «Molti coreani per farsi le sigarette, se finivano le cartine, erano soliti usare la carta dei giornali. Così magari non si accorgevano nemmeno di rollare una pagina con la foto di Kim Il-Sung. Per questo venivano però arrestati, torturati e internati a vita». Quella descritta dagli aguzzini è una quotidianità fatta di torture e violenze: «Avevamo creato una sorta di acquario in cui immergevamo i detenuti fino alla bocca. E poi schiacciando un pedale li facevamo immergere completamente sott’acqua. La loro vita dipendeva dal nostro piede». I due raccontano per esempio che per loro era possibile avere tutte le donne del campo che desideravano. E se le prigioniere rimanevano incinte, erano loro stessi a eliminarle. DELATORE DELLA MADRE. A 14 anni, per caso, Shin scoprì che la madre organizzava di nascosto la loro fuga insieme a suo fratello. Per di più vide che la madre offriva a quest’ultimo una razione di cibo. Colto da un’improvvisa gelosia, memore delle percosse ricevute perché apprendesse l’obbligo di delazione, fu lui stesso a denunciare entrambi ai soldati del campo. Arrestato e torturato a sua volta, fu rilasciato insieme al padre per assistere all’esecuzione di madre e fratello. Rimase colpito dalle lacrime del padre, perché lui, figlio dei gulag dove l’umanità è dissacrata, non conosceva il senso della più elementare commozione umana. Successivamente Shin conobbe un altro prigioniero, appena arrivato a Camp 14, che gli raccontò della vita all’esterno. Un mondo per lui sconosciuto da cui rimase affascinato: «È stato quando mi ha raccontato che fuori si poteva mangiare riso, pollo, carne, che ho deciso di fuggire». Il 2 gennaio 2005, rocambolescamente, riuscirà a evadere. E una volta uscito da quella jungla di sopraffazione e violenza, inizierà un lungo cammino di riavvicinamento all’umanità. Per un caso del destino, oggi Shin Dong vive a Seul proprio come i suoi due aguzzini. «NON SARANNO GIUDICATI PER QUESTO». «Nessuno sa come i due agenti siano riusciti a fuggire dalla Corea del Nord», ha raccontato il regista Wiesse ieri al termine della proiezione. «È probabile che abbiano stretto un accordo con i servizi segreti della Corea del Sud: informazioni militari in cambio di una nuova identità a Seul. Nessuno di loro è stato o verrà processato davanti ad un tribunale, anche per il semplice motivo che non esiste una Corte per i diritti umani che si occupi della Corea del Nord». Wiesse ha spiegato di aver deciso di non usare alcuna colonna sonora nel film, perché il racconto rimanesse il più semplice e diretto possibile: l’unico effetto cinematografico che si è concesso sono le piccole inserzioni animate che accompagnano alcuni dei ricordi di Shin sulla vita nel campo. «Il comandante Kwon mi ha consegnato delle registrazioni del campo che aveva realizzato con una telecamera privata», ha detto il regista. «Sono le uniche immagini di quella realtà disponibili in tutto il mondo». È stata una precisa scelta di Wiesse quella di incrociare le due testimonianze, «perché possiamo avere un’idea precisa di quali sono le due facce della realtà umana, senza stereotipi. Quando ho raccolto le testimonianze dei due comandanti del campo, per ore mi hanno raccontato nel dettaglio le torture, non dico senza piangere, perché questo fa parte della cultura nordcoreana, ma anche quasi mostrando un certo compiacimento. La traduttrice più volte mi ha chiesto di interrompere, ma non ho voluto. Ho creduto che queste lunghe interviste siano servite anche a loro per portare a galla quello che hanno vissuto».


Whipart.it

domenica 15 settembre 2013

WHIPART I 10 SETTEMBRE 2013|I Cerca 1/2 PAGINE

Biblioteca

|

Mappa

|

TeatriMilano.it

Chi Siamo

|

Ar

Pubblicità

|

Home | Arte | Cinema | Letteratura | Musica | Moda & Lifestyle | Teatro | New Milano Film Festival 2013 ‐ Run and Jump Maria Stefania Peluso ‐ 10.09.2013 Share Share Share Share Share Share More

1

Articoli Correlati

Milano Film Festival 2013 ‐ To

Tags: Milano Film Festival 2013, Run and Jump, Steph Green,Edward MacLiam, Maxine Peake

Presentazione Milano Film Fes

Nell’ambito della sezione lungometraggi in concorso al Milanofilmfestival 2013 (11 film in concorso, tutte opere prime o seconde in anteprima italiana) si segnala l’intensa vicenda raccontata dalla regista Steph Green, statunitense di nascita ma divisa tra Los Angeles e Dublino, alla sua opera prima: Run and Jump.

Link Consigliati MFF

Gli ultimi commenti Commenta questo articolo Ambientato nella campagna irlandese, il film racconta della forza di una donna, Venetia, che deve reinventarsi e mettersi alla prova di fronte ad una situazione spesso insostenibile determinata dal ritorno a casa del marito Conor dopo un ictus. Un ritorno che attesta l'impossibilità di rivivere la vita familiare "normale", l'accettazione di un marito che sostanzialmente non lo è più, la perdita di un amore totalizzante così come emerge in alcuni flashback e nelle parole che Venetia riferisce a Tod "Quando io e Conor guardavamo in una direzione, vedevamo la stessa cosa…": parole piene di rimpianto e rassegnazione. Tod ‐ il neuropsichiatra che segue Conor nel suo ritorno a casa e che videoregistra ogni suo movimento ed espressione ‐ rappresenta per Venetia una figura speciale, l'unica figura maschile a cui può riferirsi nel caos che si ritrova a gestire, quando entrambi scopriranno una certa complicità determinata dalla conoscenza e comprensione reciproca; sarà allora che il freddo e "scientifico" Tod non potrà sottrarsi all'intensa bellezza di Venetia, alla sua forza spirituale che nasconde una grande disperazione per la fatica quotidiana e soprattutto per la sua preoccupazione per il futuro: tratti che la rendono una figura quasi eroica, o sicuramente un'eroina moderna, una sorta di Anna Magnani in versione nordica. Venetia finirà per rinunciare al sentimento che pur prova per Tod ‐ anche se in quel delirio familiare che coinvolgerà anche figli e suoceri rappresenta per lei l'unica salvezza ‐ in nome dell'onestà di madre e moglie. "Run and jump" è sicuramente un film raccontato con una sensibilità da donna (donne sono sia la regista che la sceneggiatrice, Ailbhe Keogan), così come emerge in alcune scene: quando, ad esempio, Conor, probabilmente per puro istinto animale (quegli animali che tanto ama perché, come dice Tod, "gli animali sono esseri semplici e non chiedono niente"), si concederà all'amore coniugale per poi ritornare nel suo mondo autistico, lasciando la moglie sulla sponda del letto a cercare ancora un po' di quel calore in un abbraccio solitario che fa a se stessa. Una delle scene finali del film, quel salto nel gelido oceano che fa tutta la famiglia, si rivela salvifica; come a voler dire: non c'è altro da fare che correre e saltare, non c'è niente da scegliere, solo run and jump. Steph Green, che è al suo primo lungometraggio ed è stata nominata all'Oscar nel 2008 per il cortometraggio "New boy", non era presente all'anteprima del film presso il Teatro Strehler di Milano ma al suo posto c'era l'attore protagonista, Edward MacLiam , che nel film interpreta Conor e che ci rivela alcuni dettagli della lavorazione Scopriamo così che, per prepararsi al difficile ruolo di Conor, l'attore ha visitato il centro nazionale di riabilitazione di Dublino in cui ha incontrato persone colpite da ictus, incidenti, ecc. e che gli è anche stato fornito un background medico per conoscere la patologia. In realtà, però, l'attore dichiara che non ha scelto come poi avrebbe interpretato il personaggio in quell'occasione ma solo dopo aver letto più e più volte il copione per assorbire quanto più possibile ciò che la sceneggiatrice voleva dire. Certo la regista si è assicurata che nessuno dei personaggi interpretati si trasformasse in un cliché, tutti dovevano essere assolutamente reali e realistici; a questo scopo hanno dedicato sei giorni esclusivamente ed interamente alle prove, entrando in relazione gli uni con gli altri e mettendo a fuoco il modo in cui si sviluppavano le relazioni. Sul set hanno lavorato in parte seguendo il copione e in parte improvvisando, anche per capire come avrebbero risposto gli uni agli altri, sviluppando in questo modo un ottimo rapporto di fiducia. La preparazione – confida Edward MacLiam ‐ è stata molto pragmatica, ad esempio con l'attrice protagonista Maxine Peake è andata così: il primo giorno di prove si sono incontrati ed hanno improvvisato molto, cercando di immaginare come si erano conosciuti ( si incontrano in un bar, lui che cerca di sedurla, lei che non ci sta e poi accetta di ballare), fino a permettersi una conoscenza fisica, intima per cui la loro interazione attoriale è diventata molto rilassata. Poi sono stati introdotti tutti gli altri personaggi, in primis i bambini e poi tutti gli altri. Si è trattato di mettere insieme un gruppo di persone normali, certo di talento, che amavano fare ciò che stavano facendo. «La regista» ‐ confessa l'attore ‐ «è stata una figura materna, che ci ha "nutrito" in tutto

Giusep Noli m Città: Maritti AP dal: 19‐10‐

Quiasma (quattro artisti intermed Città: Milano ‐ Provincia: MI dal: 28‐09‐2013 al: 02‐11‐2013 4 Mondi Exhibition Città: Olbia ‐ Provincia: SS dal: 21‐09‐2013 al: 21‐09‐2013 Ryan McNamara's Candid Città: Milano ‐ Provincia: MI dal: 24‐09‐2013 al: 09‐11‐2013


WHIPART I 10 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

il processo di lavorazione del film».

Milano Film Festival 2013 ‐ Run and Jump

1 2 3

Aggiungi un commento... Pubblica su Facebook

Stai pubblicando come Valentina Calabrese (Modifica)

Commenta

Plug‑in sociale di Facebook

WHIPART ‐ Associazione Onlus Testata registrata con Autorizzazione del 2.10.2008 n. 9 del Registro dei Giornali e Periodici presso il Tribunale di Trani C.F. 9205 7200 724 ‐ P.IVA 0679 3890 721 Legale Rappresentante: Annalisa Cameli URL: www.whipart.it ‐ E‐mail: Info@Whipart.it ‐ Associazione Onlus Versione stampabile di questo articolo

Contattaci | Note Legali | Privacy | Copyright | Netiquette | Credits | Accessibilità | Xhtml 1.1


02BIOG I 11 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE

02blog.it

Il magazine milanese di BLOGO NE WS

NEWS

GALLERIE

VIDEO

FUORISALONE 2013

EXPO 2015

Homepage > Milano Film Festival 2013

Milano Film Festival 2013: il programma, mercoledì 11 settembre Scritto da: Arianna Ascione ­ mercoledì 11 settembre 2013 Mi piace

0

Tweet

0

0

Share

0

Oggi al Milano Film Festival: "Rent a family INC.", "The Rocket", "Les Chebabs de Yarmouk" e Labyrinth in odorama I MAGAZINE DI BLOGO

02blog.it 06blog.it artsblog Benessereblog.it Autoblog.it Bebeblog.it booksblog Calcioblog Cineblo ClicC Ecoblog.it Fashionblog.it Gadgetblog.it Gamesblog.it Gossipblog gustoblog Melablog.it Mobileblo Motobl MotO Soundsblog.it Toysblog.it Travelblog.it TVBlog.it crimeblog Polisblog.it Petsblog.it 02blog.it Mi piace

1.521

IN EVIDENZA

iPad a soli 17€

Agli utenti italiani u 80% grazie a un tru

FASTWE JOY Naviga super veloce e senza limiti con FASTWEB JOY a 19€/mese!!

www.fastweb.it Annunci Populis Engage

Il concorso lungometraggi del Milano Film Festival si aprirà oggi con Fifi Howls From Happiness (h. 17 Spazio Oberdan, replica), seguito da The Eternal Return of Antonis Paraskevas della regista greca Elina Psykou (h.

IMMOBILIARE.

Annunci su Mappa  Trova ora la tua Ca Immobiliare.it!

20.30 Teatro Strehler, replica). Non mancheranno le consuete proiezioni di cortometraggi: alle 17 al Teatro Studio tocca al Gruppo B. Segue alle 22.30 il Gruppo E.

Per l’omaggio a Sylvain George oggi è in programma Oh! Liberty! (Experiment the form, experiment the justice): si tratta di una sua personale selezione di corti diretti da altri registi, fra cui Jean­Luc Godard e Ken Jacobs (h. 21 Spazio Oberdan). Se siete appassionati di animazione, da non perdere la replica, alle 20 alla Triennale ­ Teatro dell’arte, della Maratona di cortometraggi. Invece il primo appuntamento con gli ‘outsiders’ sarà alle 15 presso lo Spazio Oberdan con Hopper Vu par… , nella versione integrale con tutti i corti degli otto registi europei che rileggono Hopper a modo loro. Segue l’anteprima di Rent a family INC. del documentarista danese Kaspar Astrup Schröder (h. 21.00 Parco Sempione). Questa sera, in occasione dell’apertura del Gran Festival del Cinema Muto, sarà presentata, La corazzata Potemkin di Sergej Michajlovic Ejzenstejn (h. 21.00, Teatro Dal Verme). Ultimo tra gli

VIDEO CORRELATI

Autobus i uccide un terribile in Milano ­…

MONOLOC (TRAINTE RIBBON C REHAB +  FRESKI ­…

I Senatori Guarda il 


02BIOG I 11 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

‘outsiders’ di oggi 12 O’Clock Boys, il primo lavoro del regista americano Lotfy Nathan (h. 22.45 Parco Sempione).

FOTO CORRELATE

Nell’ambito di “Colpe di Stato” oggi tocca a Les Chebabs de Yarmouk (The Shebabs of Yarmouk) del regista Axel Salvatori­Sinz. Il film racconta le aspirazioni e i bisogni di alcuni giovani abitanti del campo profughi di Yarmouk, vicino Damasco, la più grande comunità

La villa p è a Milan venduta)

palestinese in Siria (h. 19.00 Spazio Oberdan). Segue God Loves Uganda di Roger Ross Williams (h. 22.30 Teatro Studio). Per festeggiare il compleanno del MFF, alle 15.00 sono in programma tre appuntamenti: al Teatro Strehler per Grandi Speranze, Le sfide del tempo, al Teatro Studio per The Platinum

I luoghi a Milano: la Artisti

Collection, Le Origini – vol I , e in Scatola Magica per The Platinum Collection, Divergenza. Segue alle 17 in Scatola Magica Convergenza e alle 22.30 Resistenza. Chiuderà la serata a Parco Sempione, alle 00.15, Enigma.

Ex stazio Piazzale 

Eventi speciali MFF Alle ore 17 si terrò presso il Teatro Strehler la Festa della Scuola di Cinema e Televisione di Milano, con allievi in corso, diplomati, docenti, staff, nuovi iscritti e ospiti. A seguire in Scatola Magica alle ore 19 la Scuola racconterà le collaborazioni più rilevanti dell’anno. Alle 20.30 invece al Teatro Studio è la volta dell’evento speciale in collaborazione con il Gruppo Cap, con la presentazione di The Rocket di Kim Mordaunt. Per ricordare Paolo Rosa sarà poi presentato L’osservatorio nucleare del signor Nanof, un film documentario prodotto dal gruppo di Studio Azzurro in collaborazione con Giorgio Barberio Corsetti, regista teatrale e protagonista del film (h. 18 Triennale – Teatro dell’arte, ingresso libero). Inoltre si terrà la replica di Labirinth di Jim Henson in odorama (h. 20.30 Scatola Magica).

Concerti mercoledì 11 settembre al Milano Film Festival Oggi alle 18.30 il Parco Sempione ospiterà Bugo che si esibirà in uno showcase acustico per lanciare il crowfunding del film documentario a lui dedicato. Il regista del film Andrea Caccia presenterà poi il trailer e il progetto alle 21. A seguire Andrea Labanca & The Fisheye band.   Leggi anche:  Milano Film Festival 2013

ARTICOLI CORRELATI

Il piano industriale di Atm in vista di Expo

I luoghi abbandonati di Milano: l'edificio dell'acqua potabile al…

Le fermate Sesto­ Monza della Metro 1 in ritardo per l'Expo 2015

Arrivano i primi inquilini nel quartiere Citylife Powered by 

ULTIME NOTIZIE DA BLOGO S P O RT

S P O RT

Trapattoni non molla e rilancia: "Addio Irlanda, m...

DO NNA

OAS Customized ad Description 0


luce cinecittà

home

news

interviste

articoli

box office

news

CINECITTANEWS I 11 SETTEMBRE 2013

home  >  news  >  news

Share Share

0

Share More0 Stampa

Milano Film Festival: concorso per una web serie ssr

11/09/2013

Nell’ambito del Milano Film Festival, giovedì 12 settembre alle ore 18 al Teatro Studio sarà presentato Are You Series? il progetto pensato dal Festival e realizzato grazie al sostegno di Banca Prossima, la Banca del Gruppo Intesa Sanpaolo dedicata al non profit. Il progetto ha come obiettivo la produzione di una web serie di 10 episodi da veicolare sul web, che possa mostrare il mondo del non profit in modo attuale. Il vincitore del bando avrà la possibilità di realizzare la serie completa di 10 episodi con un contributo massimo di € 60mila e avvalersi della consulenza di un team di professionisti. A seguire, Closed Curtains di Jafar Panahi e Kamboziya Partovi, in collaborazione con CeCINEpas (h 20.00 Teatro dell’Arte). Il regista iraniano Panahi con questo film torna a far parlare di sé nonostante il divieto ventennale del regime iraniano di esercitare il suo mestiere con un lavoro che è una riflessione sulla creazione cinematografica, realizzato a casa sua, nel Mar Caspio con solo cinque membri della troupe.

VEDI ANCH

FLASH NEW

Gianni Am memoria

Omaggio a

Deadline p

Senza Pac

ALTRI CON

Nasce Mila una rasseg

Scola & Fe

Un rap ital

Gianni Am memoria

CINECITTÀ NEWS

ARCHIVIO STORICO

PROMOZIONE INTERNAZIONALE CINEMA CONTEMPORANEO

FILM E DOCUMENTARI

CHI SIAMO

news

archivio cinematografico

news

film

contatti

interviste

archivio fotografico

film

documentari

articoli

archivio partner

industry

news

box office

percorsi

festival

album

filmografie

video

ISTITUTO LUCE ­ CINECITTA' S.r.l.

Azionista Unico Ministero dell'Economia e delle Finanze Sede legale: Via Tuscolana, 1055 – 00173 Roma (ITALIA) – T +39 06 722861 – F +39 06 7221883 – Capitale Sociale: € 15.000,00 Imprese Roma 11638811007 – P.Iva 11638811007


luce cinecittà

home

news

interviste

articoli

box office

news

CINECITTANEWS I 11 SETTEMBRE 2013

home  >  news  >  news

Share Share

0

Share More6 Stampa

Nasce Milano Film Network: 2 workshop e una rassegna ssr

11/09/2013

Il MFN­Milano Film Network, presentato alla Mostra di Venezia, è un progetto realizzato grazie al sostegno della Fondazione Cariplo che unisce l'esperienza e le risorse dei sette festival di cinema milanesi ­ Festival del Cinema Africano d'Asia e America Latina, Festival MIX Milano, Filmmaker, Invideo, Milano Film Festival, Sguardi Altrove Film Festival, Sport Movies & Tv Fest ­ per offrire una proposta culturale lungo tutto l'anno e una serie di servizi per chi si occupa di cinema e audiovisivo a Milano e in Italia.  L’attività del MFN si sviluppa su due aree principali. Da un lato, un’offerta di servizi legati alla produzione dell’evento a sostegno della rete e a disposizione del territorio, che include: la gestione dell’ospitalità, la cura dei sistemi di sottotitolaggio, l’adeguamento tecnologico dell’apparato tecnico per le proiezioni (in vista del passaggio obbligato dalla pellicola alla tecnologia digitale); il movimento delle copie di proiezione dei film che saranno mostrati durante i festival; i servizi di gestione degli spazi in accordo con i gestori delle sale cinematografiche e con altri spazi culturali; l’organizzazione del servizio di volontariato tipico delle manifestazioni culturali ad alta partecipazione, soprattutto giovanile.

VEDI ANCH MILANO

ALTRI CON

Scola & F

Un rap ita

Milano Fi serie

Gianni Am memoria

Dall’altro, la realizzazione di un calendario di attività di programmazione e diffusione permanente, in collaborazione anche con altri soggetti che si occupano di cinema, quali la creazione di un archivio comune e la digitalizzazione delle opere presenti negli archivi dei singoli festival, la distribuzione dei film nelle sale, l’organizzazione di workshop e percorsi formativi, l’impulso a iniziative di produzione di progetti audiovisivi.  Tra i primi appuntamenti del network, il workshop di regia con Sylvain George 'Seize the Time', rivolto a giovani filmmaker, in corso in questi giorni nell’ambito dell’omaggio che il 18° Milano Film Festival (dal 5 al 15 settembre) dedica al cineasta. Fra le altre attività in calendario nei prossimi mesi, è inoltre prevista in autunno a Milano una rassegna dei primi film distribuiti dal MFN, un catalogo di sette titoli presentati nelle ultime edizioni dei festival. Il MFN presenta già un secondo workshop, 'Una storia del cinema. Visioni e incontri sul cinema sperimentale', a cura di Rinaldo Censi, con interventi di Sandra Lischi e Marco Maria Gazzano, 3/31 ottobre, presso la Fabbrica del vapore, via Procaccini 4. Compaiono invece in sequenza un serie di nomi e di artisti come Fernand Léger, Marcel Duchamp, Man Ray, Ralph Steiner, Maya Deren, Stan Brakhage, Gregory Markopoulos, Andy Warhol, Paul Sharits, Robert Breer, Michael Snow. La retrospettiva e il catalogo comprendono insomma quei filmmaker spesso rinchiusi in quel ghetto che porta il nome di “cinema sperimentale”. Il workshop, aperto a tutti e a numero chiuso (riservato a un massimo di 30 partecipanti), prevede una  quota di iscrizione di 50 euro. Le iscrizioni dovranno essere effettuate entro il 29 settembre 2013 compilando l'entry form al link http://www.filmmakerfest.com/Home/Form/21

CINECITTÀ NEWS

ARCHIVIO STORICO

PROMOZIONE INTERNAZIONALE CINEMA CONTEMPORANEO

FILM E DOCUMENTARI

CHI SIAMO

news

archivio cinematografico

news

film

contatti

interviste

archivio fotografico

film

documentari

articoli

archivio partner

industry

news

box office

percorsi

festival

album video

filmografie


CINEFORUM I 11 SETTEMBRE 2013 I 1/3 PAGINE menu

(/)

Milano Film Festival 2013 (/FocusesTexts/FocusIndex/7) Oggi, 19:50

Intervista ad Alessandra Celesia

"Mirage": vero, falso, reale di Valentina Alfonsi

Alessandra Celesia, valdostana di nascita e parigina d'adozione, è in concorso al Milano Film

Festival con Mirage à l'italienne, un documentario nel quale il cinema del reale si mescola ad

elementi molto marcati di messa in scena. I protagonisti rispondono a un annuncio comparso per

le vie di Torino: "Cerchi lavoro? L'Alaska ti aspetta". Ognuno di loro è spinto da motivazioni

personali che il film scopre poco a poco, ma l'arrivo in Alaska sarà una delusione. O forse una sorpresa. Partiamo dal titolo: perché "all'italienne"? Quella raccontata dal film è una storia tipicamente

italiana?

Sì, penso che possa rappresentare una metafora di questo paese, perché l'idea dell'emigrazione, di attraversare il mare per cercare lavoro e finire per non trovare ciò che ci si aspettava, è inscritta nella nostra storia nazionale già dai primi del '900. Anche se ormai è una situazione che riguarda molti paesi europei.


CINEFORUM I 11 SETTEMBRE 2013 I 2/3 PAGINE

Quanto c'è di vero nel film e quanto è invece frutto di un tuo intervento? I colloqui di

selezione che vediamo sono reali?

Mirage à l'italienne è costruito su un filo sottile che lega verità e bugia. Nel 1995 tanti miei amici avevano risposto a un annuncio simile a quello che vediamo nell'incipit e ho deciso di riproporlo come punto di partenza del film: al salone del pesce di Bruxelles ho preso conta tti con un'azienda

che ha sede in Alaska, l'unica che si è mostrata disponibile, e ho organizzato dei falsi colloqui. I selezionatori erano miei complici, sapevano che ero interessata a trovare delle storie personali, ma non è stato necessario spingere troppo. Ci siamo trovati di fronte a una rabbia e a una disperazione che non immaginavamo. Nella scelta dei protagonisti ci ha guidato l'intuito. Ognun o di loro ha delle ferite nascoste, mi interessava capire chi sarebbe arrivato fino in fondo e per quale motivo. Giovanna ha catturato la mia attenzione perché mi ricordava Anna Magnani, poi ho conosciuto la sua storia e il personaggio si è evoluto. Si è appropriata del film, come hanno fatto tutti i personaggi.

Ci sono delle scene che definiresti recitate? Ad esempio quelle di Giovanna che registra

mes saggi rivolti ai propri figli.

No, non le definirei recitate. Il desiderio di Giovanna era quello di ricucire il rapporto con i figli usando il film, così le ho messo in mano quel registratore un po' dubbiosa, temevo un effetto kitsch e invece ha funzionato, grazie a un tipo particolare di poesia che lei ha saputo mettere in quelle parole. Ho usato un metodo simile anche nei momenti in cui i personaggi si fanno delle confessioni e si raccontano il proprio passato. L'importante era non forzare ma semplicemente stare lì, magari filmando per molte ore finché le cose venivano fuori in maniera spontanea. La calma si è rivelata fondamentale, e in questo loro mi hanno aiutata molto. È stato come cogliere un fiore.

E il momento del vostro arrivo in Alaska? Lì le cose sarebbero dovute andare diversamente. L'azienda purtroppo aveva avuto dei gravi problemi, due marinai erano morti in un incidente e si sono rifiutati di farci entrare nei loro spazi con le telecamere. In una prima versione del film avevo incluso la mia voce off che spiegava tutto ma poi ho preferito sfumare, mi sembrava che così la metafora sarebbe stata più efficace e il film

sarebbe apparso come una fable contemporanea con dentro tanta ve rità. Anche perché ho delle amiche all'agenzia del lavoro e mi hanno spiegato che truffe del genere capitano molto spesso, non è infrequente che un'azienda prenda dei fondi europei, organizzi selezioni, corsi di formazione e poi sparisca nel nulla. Come hai lavorato con la tua montatrice Danielle Anezin per definire il percorso narrativo?

Il montaggio è stato complicatissimo, avevamo accumulato tanto materiale. Se si fa attenzione, si nota subito la presenza di piccoli elementi di raccordo – ad esempio uno dei personaggi ripreso mentre sale sul tram – che sono stati evidentemente filmati apposta, in un secondo momento, proprio per venire incontro ad esigenze di sceneggiatura. Qualcuno, vedendo il film, mi fa notare che sembra "molto scritto" e in effetti lo è, ma non scritto sulla carta. Semmai, abbiamo applicato una scrittura a posteriori, al momento del montaggio. Del resto io vengo dal teatro, amo avere una visione drammaturgica degli eventi anche quando faccio cinema. Nel film c'è una scena in cui due personaggi guardano Nanook l'eschimese di Robert J.

Flaherty su un televisore. È stata un'idea tua?


CINEFORUM I 11 SETTEMBRE 2013 I 3/3 PAGINE

In parte sì. Il ragazzo di Dario è un grande appassionato di musica e cinema, stavamo parlando di quel film e ci siamo detti "dai, guardiamolo insieme". Dario si è annoiato molto ma per me era

importante mostrare quelle immagini di Nanook per due motivi: innanzitutto per il tipo di suggestioni legate alle storie dei pionieri e poi perché adoro Flaherty e il suo approccio al cinema

documentario, fatto al tempo stesso di estrema verità ed estrema costruzione. Mi viene in mente

CINEFORUM WEB anche una scena de L'u omo di Aran che mostra la disperazione di una donna. La vediamo Via Pignolo, 123 strapparsi i capelli, è evidente che si tratta di qualcosa di artefatto. Eppure quella donna, per il suo 24121 Bergamo aspetto, per l'abbigliamente, per il contesto in cui si trova, in un film muto, ci appare verissima. In tel. 035361361 fax 035341255 senso le immagini di Nanook in Mirage à l'italienne danno anche una implicita chiave di CF equesto PI 01700110164

lettura agli spettatori, suggerendo loro che li sto conducendo su un altro piano di realtà. Anche i momenti che vedono protagonista Camilla, la mia Marlene Dietrich, sono volutamente inquadrati in un'atmosfera RECENSIONI (/REVIEWS)da sogno, con una messa in scena marcata. Tutti piccoli segnali che indicano come

film navighi tra realismo e finzione. L'unica cosa che non VOTIil (/AUTHORSRATINGS) queste persone. RUBRICHE (/COLUMNSTEXTS) COSA VEDREMO (/PREVIEWS) NEWSNella (/NEWS) stesso focus: INTERVISTE18(/INTERVIEWS) anni con stile (/FocusesTexts/view/18_anni_con_stile) FOCUS (/FOCUSESTEXTS/VIEW) INFO (/PAGES/INFO) Tweet CONTATTI (/PAGES/CONTATTI) ABBONATI ALLA RIVISTA (HTTP://RIVISTA.CINEFORUM.IT/COME-ABBONARSI) E SHOP CINEBUY (HTTP://WWW.CINEBUY.COM)

sarei mai riuscita ad inventare sono

RIVISTA CINEFORUM (HTTP://RIVISTA.CINEFORUM.IT) CERCA FEDERAZIONE ITALIANA CINEFORUM (HTTP://WWW.CINEFORUM-FIC.COM)

NEL CASO I N CUI UNA D ELLE I MMAGI NI PUBBLI CATE NEL SI TO FOSSE, A NOSTRA I NSAPUTA, PROTETTA D A COPYRI GHT, VI I NVI TI AMO A COMUNI CARCELO: VERRÀ I MMED I ATAMENTE RI MOSSA, OPPURE SARÀ AGGI UNTO UN RI FERI MENTO ALL’AUTORE O ALL’ARCHI VI O PROPRI ETARI O


ce rca n e l  sit o

Mercoledì 11 Settembre 2013

ce rca

CINEMEDIA RECENSIONI ANTICIPAZIONI CINEMATOGRAFO I 11 SETTEMBRE 2013

BOX OFFICE

FILM IN CITTÀ TRAILER

FILM IN TV

CINECLIP

EDUCATIONAL

CINE BOOK

PHOTOGALLERY

SPECIALI

CINEMEDIA

Cinemedia ­ Milano da vedere 

stampa questa pagina

segnala questa pagina  

Milano da vedere

 

 

 

Martedì 10 Settembre 2013

Giovani promesse e visioni al femminile: la XVII edizione del festival meneghino parte bene Il Milano Film Festival ha trascorso il primo weekend della XVII edizione con una giovane promessa del cinema internazionale e una serie di visioni femminili.Steph Green ha diretto il primo lungometraggio in concorso, Run & Jump (coproduzione Irlanda/Germania, con la sceneggiatura autobiografica di Ailbhe Keogan), è Ilo Ilo

stata assistente alla regia di Spike Jonze (Essere John Malkovich, 1999; Nel paese delle creature selvagge,

2009) e viene dritta dal Tribeca Film Festival, dove ha vinto nel 2008 con un corto liberamente ispirato ad un racconto di Roddy Doyle, New Boy, che l’anno successivo ha ricevuto una nomination agli Oscar. Deve correre e saltare Vanetia (Maxine Peake) dopo l’ictus che ha colpito il marito Conor (Edward MacLiam) per ricostruire la vita di entrambi e della sua famiglia. In una splendida casa nella sconfinata campagna irlandese si trova a fare i conti con un prima e un dopo, prova a rimettere insieme i pezzi della sua esistenza sotto lo sguardo indiscreto di un estraneo, il neurospsichiatra Ted (Will Forte), ospitato per esaminare il caso clinico, e impara a vivere attorno alla figura di un marito, un padre, un complice, che ha mutato carattere e abitudini. Run & Jump non è il solito dramma familiare che vende sentimentalismi a buon mercato. Ma un drama irriverente, girato quasi interamente tra le mura domestiche, che entra nell’intimità senza indagare, commuove senza compiacersi. Sa mostrare il dolore, la perdita e la rabbia senza pudori. Bravissimi interpreti mettono in scena una ciurma un po’ svitata che ritrova l’armonia perduta con un po’ di sana follia, a ritmo di balli notturni a suon di britpop e passeggiate in bicicletta sotto la pioggia d’Irlanda.   Dopo la madre titanica e inossidabile di Steph Green, un'altra madre approda al MFF. Anche lei è un’esordiente, anche se quarantenne. E' la videoartista newyorkese Shannon Plumb, moglie dei regista Derek Cianfrance (Blue Valentine, 2010; Come un tuono, 2012) che filma la sua quotidianità, i suoi figli e il marito, in una docufiction sul ruolo di madre: fare il genitore è un lavoro totalizzante, assorbe ogni energia e spesso, offusca l'altra sé, la donna e l’artista. Autoironico ed esilarante nei suoi momenti slapstick, incrocio di generi espressivi, omaggio alla potenza della cinematografia, Towheads racconta l’annullamento nell’essere madre e il tentativo di metamorfosi  nel suo corrispettivo, quel maschio che va a lavorare e la lascia sola in balia dei due ometti dai capelli biondi del titolo, per riappropriarsi della propria identità.     A volte, invece, ci sono donne che scelgono la carriera e affidano i figli ad un tata, figura archetipica onnipresente, che spesso diventa seconda madre, come succede nel film del venticinquenne Anthony Chen Ilo Ilo, già premiato a Cannes nel 2013 con la Caméra d’Or. A Singapore, durante il crac finanziario dei paesi asiatici del 1997, una famiglia della middle class assume la giovane immigrata filippina Teresa per badare ad un irrequieto ragazzino. Dapprima conflittuale, il rapporto tra i due diventa sempre più stretto, tanto che la tata sostituisce la figura materna, mentre il nucleo familiare subisce un lento sgretolamento: il padre perde il lavoro e comincia a mentire alla moglie, bulimica affettiva, maniaca del controllo e attaccata alla formalità dei valori borghesi dell’apparenza e del guadagno. Un storia universale ­ ricorda in alcuni aspetti l’americano The Help ­ toccante e coinvolgente che rievoca i fantasmi del collasso

LA RIVIST FESTIVAL


DY’SNEWS I 11 SETTEMBRE 2013 Il magazine del product placement Cinema, Televisione e tutto quanto fa intrattenimento e promozione

Cerca nelle news...

>

mercoledì 11.09.2013 18:19

CINEMA

Chi siamo 11 Settembre 2013 ­ 16.11

MILANOFILMFESTIVAL 2013

HOME MISSION

CAMP 14: TOTAL CONTROL ZONE ­ Marc Wiese

CAMP 14: TOTAL CONTROL ZONE – Marc Wiese (2012) Una  specificità  cinematografica  a  cui  il  MILANOFILMFESTIVAL  2013  dedica particolare  attenzione  è  sicuramente  il  documentario  di  denuncia, manifestamente con la personale dedicata a Sylvain George ma pure con altre opere forti come questo CAMP 14. Il  film  principalmente  è  incentrato  sui  drammatici  e  dolorosi  ricordi  di  un fuggitivo  di  un  campo  di  detenzione  politica  della  Corea  del  Nord.  Il  ragazzo protagonista  della  vicenda  è  nato  e  cresciuto  all’interno  del  campo  da  due detenuti e non ha conosciuto nella sua vita altro che il campo stesso e le sue tremende regole: basta che non si ubbidisca ad un ordine, si tenti di rubare qualche chicco di grano, non si denunci un tentativo di furto o di fuga per essere giustiziati davanti a tutti gli altri detenuti.

REDAZIONE E CONTATTI DY'S GROUP DY'S CHRONICLES DY'S WORLD DY'S PRO JMN&DY

News CINEMA TELEVISIONE ARTE EDITORIA GIOCHI

La vita non conta nulla, i guardiani sono padroni supremi dei prigionieri, possono violentare impunemente le donne che vogliono, torturare senza motivo, trattare come bestie sottoalimentate i loro simili, su cui hanno potere assoluto.

VIDEOCLIP

Qualcosa di incredibile pensare che succeda oggi in questo mondo, ma stupirsi di ciò che avviene in quello che pensiamo un mondo

SPECIALI

ormai avanzato per sopportare certe bassezze dell’animo umano è un errore da cui già ci aveva messo in guardia Walter Benjamin per non abbassare troppo l’asticella dell’attenzione. L’uomo e la sua crudeltà resta tale in tutte le epoche.

ALTRE

Il documentario è costruito su tre livelli, quello delle confessioni in cui la principale è quella del ragazzo, ma anche due guardie del campo che hanno riparato in Corea del Sud si lasciano intervistare sulle nefandezze di cui si sono macchiati (costretti o meno); un secondo livello riguarda immagini di realtà rubata con due filmini presi durante un interrogatorio (allucinante) ed uno in giro per il campo; un terzo costruito con un’animazione (con bellissimi disegni)  atta a  ricostruire la struttura del Camp  14 ed alcune  azioni raccontate dai protagonisti. Detto subito che nel film non si vedono atti di atrocità a parte le riprese rubate che ho citato, il malessere che causa la visione solo con  il  racconto  doloroso  del  ragazzo  è  notevole;  malessere  che  raggiunge  l’apice  al  momento  del  ricordo  della  sua  denuncia  della madre  e  del  fratello  per  un  tentativo  di  fuga  (mi  avevano  insegnato  così,  erano  le  uniche  regole  che  conoscevo)  e  della  loro esecuzione davanti ai suo occhi (non ho provato nulla, trovavo che ciò fosse giusto perché così ero stato educato). La brand coreana SAMSUNG naturalmente domina il product placement probabilmente casuale con notebook e telefonino, poi però sono GOOGLE MAPS e il MACBOOK ad avere un momento di centralità nel racconto e questo non so quanto fosse così inevitabile.

TUTTE

Canali CANALI TEMATICI

PPlacement ASSOCIAZIONE FAQ BLOCKBUSTER ESTERO VUOI FARE PPLACEMENT?

Hit Parade AMERICA

Stefano Barbacini 

Like

EVENTI

EUROPA WORLD

Be the first of your friends to like this.

BLOOPERS

Rassegna Gruppo DY'S CHRONICLES Aggiungi un commento...

DY'S WORLD DY'S PRO

Stai pubblicando come Valentina Calabrese (Modifica) Pubblica su Facebook Plug‑in sociale di Facebook

Commenta

BRAND MOVIE DATABASE

Top Secret DYA 21/12/2012 SHOPPING VINTAGE

©www.dysnews.eu

ANCHE GLI ZOMBIE COMPRANO

More Share Share Share Share | Share

24TV 2500 BRANDS

Festival PRODUCT PLACEMENT LECCO FAR EAST UDINE 1000OCCHI TRIESTE RAVENNA NIGHTMARE FESTIVAL DEL CINEMA DI VENEZIA FESTIVAL INTERNAZIONALE


FOURMAGAZINE I 11 SETTEMBRE 2013

ARTE

TEATRO

DANZA

MUSICA

CINEMA

SERIE TV

CROSSMEDIA

MOD

FUMETTI

Mirage à l’italienne. Raccontare la crisi 11 SETTEMBRE 2013 14:34

ALICE UNGARO

Alessandra Celesia nel ’95 a Torino vede un cartello: “Sogni un lavoro? L’Alaska ti aspetta!”. Cinque anni dopo lo  tramuta  in  film.  Produzione  francese  per  questa  docu­fiction  dal  sapore  profondamente  italiano,  Mirage  à l’italienne racconta cinque storie molto diverse tra loro ma con un unico filo conduttore: lasciare l’Italia. Come la mamma che getta i piccoli giù dal nido per insegnare loro a volare, così il “Belpaese” vede andar via molti dei suoi figli in cerca di una vita migliore. La crisi non è solo un fatto economico, ma una questione di valori che si sono persi e altri, più giusti, che ancora non trovano posto qui. C’è Giovanna, cinquantenne tossica, che parla ad un registratore invece che ai suoi due figli. C’è l’attrice che ha perso  il  lavoro  e  tira  avanti  con  lavoretti  saltuari;    il  meccanico  che  nasconde  la  propria  omosessualità  alla famiglia. C’è l’ex militare che ora vive con la nonna e poi il professionista con alle spalle la perdita di un figlio e un bisogno smisurato di non lasciarsi scappare nemmeno un’occasione per ricominciare a vivere. Persone e personaggi  molto  diversi  tra  loro,  che  in  situazioni  normali  forse  non  si  sarebbero  mai  incontrati  per  età  ed estrazione sociale diversa, ma che in questa avventura scoprono affinità e sentimenti univoci. Hanno  la  forza  di  mettersi  a  nudo  e  di  raccontare  il  proprio  intimo  vissuto  a  favore  di  un’opera  che  ha  la naturalezza di un documentario e la costruzione diegetica di una fiction. Non si fa fatica ad immedesimarsi nelle vicende di queste persone, l’empatia è immediata (ad eccezione forse di Giovanna, che sentiamo essere un po’ forzatamente retorica). Il miraggio contenuto nel titolo rivelerà quello che, in fin dei conti, ci si aspettava fin dall’inizio, cioè che nessun lavoro  fosse  lì  ad  aspettarli  in  Alaska.  Come  reagire

RADIOBO

allora? Restare  o  tornare  a  casa?  Ognuno  di  loro  ha una  risposta  diversa  da  dare,  costruendo  quella ricchezza  umana  di  cui  la  Celesia  ha  ben  saputo cogliere  i  meccanismi  intimi  e  sospesi.  Indicativo  a questo  proposito  il  dialogo  tra  l’ex  militare  e  il meccanico: “E’ stato più facile dirlo a mio padre che a te”. In quella linea di confine rappresentata dall’Alaska, tutto sarà possibile, persino recuperare un po’ di quella

LATEST P

poesia che così tanto manca ormai alla cara vecchia Italia.

CINEMA

Sherlock H Gioco di omb J.EDGAR Il cuore nero L’Oroscop


ILSOLE24ORE I 11 SETTEMBRE 2013


SUGGEST ARCHIVIO

MEDIACRITICA I 11 SETTEMBRE 2013 HOME

EDITORIALE

FILM-SETTIMANA

PRIME VISIONI

FESTIVAL

TV

MEDIA/NEW MEDIA

FESTIVAL

INEDITI

FILM

ARTICOLI PRECEDE

Ilo Ilo

Riddick Sep 7, 2013

Scritto da CARMEN SPANÒ il 11, Sep 2013 • 1:39 pm &bull

Moebius

Milano Film Festival, 5 – 15 settembre 2013

Sep 7, 2013

“A simple life”

Singapore, 1997: annus horribilis delle borse asiatiche. Mentre le bolle prodotte dalla finanza speculativa esplodono trasformando lavori e risparmi in brandelli di sogni, Teresa parte dalle Filippine per lavorare come

Une promess

baby-sitter presso una famiglia della middle class cittadina. Un viaggio della speranza concepito come parabola

Sep 7, 2013

di un mondo in decadenza, perché la crisi si invera solo se vista dalla prospettiva del singolo, nel suo deflagrare lento e subdolo tra la disperazione di vite svendute alla logica del profitto.

Il debutto del giovane regista coreano Anthony Chen – vincitore con questo lungometraggio della Camera d’Or

IstintoBrass

al festival di Cannes 2013 e autore già noto al pubblico del Milano Film Festival – è un’opera che lavora di

Sep 7, 2013

intrecci e risonanze, mescola echi di tragedie su scala mondiale al senso del vivere di ogni giorno e sceglie – ostinatamente, minuziosamente – il ritmo reale dell’esistenza, la spontaneità del gesto oltre l’artificio della recitazione. “Ho un atteggiamento ossessivocompulsivo nei confronti dei miei film: esigo dai miei

Paisà (1946)

anche, la più totale naturalità” (Anthony Chen). Naturale è il disfacimento progressivo di un nucleo famigliare sotto il peso di una crisi incomprensibile, che permea lo sfondo di una vicenda squisitamente intimista, ne

La proprietà

Sep 7, 2013

attori adesione totale alla sceneggiatura ma ricerco,

Sep 7, 2013

determina i risvolti drammatici ma non ne esaurisce il senso in un disumanizzante “effetto domino”. Oltre il pietismo facile, oltre una commiserazione di circostanza

Under the Sk Sep 7, 2013

– trappole narrative che Chen evita con grazia e

maestria – sono i volti di Teck, Hwee Leng, Teresa e del piccolo Jiale a “parlare” di frustrazione, gelosia, speranza, paura: testimonianze fisiche ed emotive di un

L’Intrepido

sistema, quello capitalistico, votato al fallimento; indicatori di una banalità del male che corrode i rapporti

Sep 7, 2013

tra gli individui fino a dilaniarli. Liberamente ispirato a una vicenda personale del regista – che però, ci tiene a

precisarlo, non lo considera un film puramente autobiografico – Ilo Ilo è evocazione di un luogo geografico che si fa luogo dell’anima, momento di formazione nel percorso di crescita di un bambino in crisi di affettività, metafora di una fase di passaggio oltre la quale non esistono più angoli oscuri nei quali nascondersi. La realtà coniugata secondo il tempo della perdita, della presa di coscienza, del cambiamento necessario: tempo

Mailing List

Ilo Ilo [Id., Singapore 2013] REGIA Anthony Chen. CAST Koh Jia Ler, Angeli Bayani, Chen Tian Wen, Yeo Yann Yann.

DA NON PERDERE

doloroso ma raccontato da Chen con leggerezza e ironia, nel rispetto dei suoi personaggi e dei loro drammi laceranti perché “Ilo Ilo è un film piccolo ma dal cuore grande”. Cuore generoso, autentico.

Email Subscribe

SCENEGGIATURA Anthony Chen. FOTOGRAFIA Benoit Soler. Drammatico, durata 99 minuti.

SEGUICI SU


RECENSITO I 11 SETTEMBRE 2013 Home

Eventi

Libreria

Teatro

Cine & TV

Interviste

Rubriche

Links

Mercoledì 11 Settembre 2013

Milano Film Festival: una proiezione multisensoriale per rivedere un classico del fantasy, Labyrinth 11 09 2013 (Cine & TV) La 18° edizione del Milano Film Festival continua a sorprendere e a proporre esperienze nuove e coinvolgenti. Per due sere, il 10 e l’11 settembre è possibile assistere, grazie alla collaborazione con Lush e Gorilla Parfume che firma la linea profumo di Lush, alla visione di un classico del fantasy anni ’80, “Labyrinth”, diretto da Jim Henson, protagonista David Bowie nel ruolo di Jareth e una giovanissima Jennifer Connelly nel ruolo di Sarah; la particolarità dell’evento è la proiezione in odorama, un’esperienza sensoriale nuova o quasi per il mondo del cinema. Come ha raccontato all’inizio della proiezione uno dei direttori del Festival, Vincenzo Rossini, in passato sono state sperimentate proiezioni che potessero coinvolgere lo spettatore attraverso esperienze olfattive ma i risultati non sono stati esaltanti. Il Milano Film Festival, fedele al desiderio di sperimentare e provare sempre nuove strade, ha voluto regalare ai suoi spettatori, pochi data la capienza ridotta della sala, un’esperienza multisensoriale legata a un film “magico” come Labyrinth. E’ proprio come per magia lo spettatore viene catapultando con la protagonista Sarah in un mondo dove tutto è possibile; con lei attraversiamo un labirinto animato da strane creature e alla fine arriviamo nel castello multidimensionale di Jareth, il re dei Goblin dove Sarah dovrà lottare per poter riportare a casa il piccolo fratellino. Quasi magicamente, attraverso la diffusione in sala di essenze profumate della linea Gorilla Parfume di Lush, sembra che quel mondo fantastico si concretizzi, creando un’atmosfera unica. E’ vero, è ancora un esperimento e per questo ancora da perfezionare e migliorare ma è apprezzabile lo sforzo compiuto nel percorrere una nuova strada, nel voler sfidare i limiti conosciuti e provare a proporre nuove soluzioni a spettatori curiosi di vivere esperienze creative. Il Milano Film Festival sostiene da sempre questo desiderio di scoperta e di sperimentazione, sostenuto da sempre nuovi partner come Lush e Gorilla Parfume che hanno colto al volo un’occasione per far vivere grazie ai propri prodotti un’esperienza unica agli amanti di un classico come Labyrint. Gli spettatori potranno poi, incuriositi dalla proiezione, ritrovare i profumi odorati nel corso della proiezione presso i negozi Lush o sul sito www.lush.it   (Tamara Anna Malleo)

Inse

Iscri per r E­m

Man rece reda pubb


SALTINARIA I 11 SETTEMBRE 2013

HOME

MUSICA

TEATRO

ARTE & CULTURA

SaltinAria.it ARTE & CULTURA  News Eventi

INFO & CONTATTI

Cerca...

"LICKS" DI JONATHAN SINGER­VINE AL MILANO FILM FESTIVAL 2013 Mer c oledì, 11 Settembr e 2013 Cater ina Paolinelli

Film in  concorso,  categoria  lungometraggi.  Opera  del  regista  e  scrittore  californiano, classe 1989, Jonathan Singer­Vine cresciuto a Berkeley, in California. Licks è il suo primo lungometraggio.                

► Cinema film

► Recensioni  ► Film cinema

          LICKS regista Jonathan Singer­Vine produzione Boy in the Castle Pictures produttore Jonathan Singer­Vine, Niko Philipides distribuzione Carlo Fox sceneggiatura Jonathan Singer­Vine, Justin Robinson interpreti Stanley Hunt, Koran Streets, Tatiana Monet, Devon Libran, Les Aderibigbe, John Stallings, Skipper Elekwachi, Santiago Pratt, Ava Reina, Theresa Anderson­Downs musiche Ian Ericksen, Deloren Janae montaggio Vinnie Hobbs fotografia Rob Witt sound editor Tony Crowe, Vinnie Hobbs   America.  Quartieri  poveri,  abitati  da  neri.  Ragazzi  che  stanno  diventando  uomini.  Spacciano  e  usano  droghe,  rapinano minimarket di terz’ordine, si fanno la guerra tra bande ammazzandosi tra loro come cani. Finché uno di loro, D., viene arrestato e “sbattuto dentro” per due anni. Quando esce, subito i vecchi “amici” vanno ad informarlo degli ultimi avvenimenti: chi lo ha tradito e chi era dalla sua parte, che fine ha fatto la ragazza con cui stava, e così via… anche il prete lo cerca, gli regala dei soldi e la Bibbia, ma il buon Pastore dovrà aspettare molto tempo per riavere indietro questa pecorella smarrita. D. riprende la sua vecchia vita: rapina, spaccia, fracassa case con una mazza da baseball e partecipa più o meno a operazioni criminali. Frequenta però settimanalmente l’assistente sociale continuando a ripetere a tutti i suoi “amici” che è in libertà vigilata e a se stesso che non vuole tornare dentro. Evidentemente è vero perché D. inizia a pensare e ad agire diversamente dal resto del branco. Così, il giorno che gli affidano una puttana di 14 anni da portare a battere, lui la consegna ai servizi sociali. Poi salva un amico  che  la  banda  vuole  far  fuori  aiutandolo  a  scappare  e  affida  ad  una  famiglia  per  bene  la  figlia  in  fasce  della  sua  ex­ fidanzata (restiamo con il dubbio se D. sia o meno il padre della bambina) diventata nel frattempo eroinomane. Il film si conclude con D. che riempie un modulo di assunzione nello stesso minimarket dove era stato arrestato per rapina due anni prima. Una storia di redenzione del tutto lineare, logica, scontata e davvero prevedibile. In più raccontata in due interminabili ore. Il cast è buono, gli attori sono tutti molto bravi e la recitazione assolutamente naturalistica, ma l’ensemble stanca. I dialoghi sono ripetitivi e molto pesanti. Certo, vista l’ambientazione e le tematiche, è normale l’utilizzo in dosi massicce di parole volgari, ma a volte i silenzi non guastano. Pestaggi a ripetizione, scene di violenza una dopo l’altra e patetismi superflui: uno per tutti la storia del  tossico­spacciatore  che  va  in  giro  a  spaccare  la  faccia  a  tutti  e  poi  torna  a  casa  e  si  prende  cura  della  nonna.  Si,  senza dubbio, tutto è plausibile; ma non è detto che ciò che può essere sia anche interessante. Il cinema rappresenta la vita, visioni del reale, non il reale fine a se stesso altrimenti si va verso un altro genere. Si percepisce che il regista è giovane. Manca profondità nella cura della storia e alcuni personaggi sono assolutamente tagliati con l’accetta. Troppi accenni a cose non portate in territori interessanti: come la scena della ragazza nel motel che viene fatta prostituire dal fidanzato. Si avverte la necessità di un po’ più di coraggio nello scegliere bene cosa serve e cosa no. “Kill your babies” dicono gli sceneggiatori  di  Hollywood…  beh  con  tanta  gente  che  è  morta  in  questo  film,  non  si  potevano  eliminare  anche  un  paio  di sequenze e qualche battuta di troppo?    

Articoli correla


SKY I 11 SETTEMBRE 2013

HOME > NEWS > MUSICA

Milano: musica d’avanguardia con l’Ouverture di Elita 11 settembre 2013

Una quindicina gli eventi in calendario per dieci giorni all’insegna del pop d’avanguardia. Milano accoglie l’Ouverture di Elita, progetto musicale itinerante che ospita tra gli altri Prins Thomas e gli intramontabili De La Soul Comincia accompagnando il Milano Film Festival. Si chiude nei giorni caldissimi della settimana della moda. È l’Ouverture intonata da Elita, cartellone di eventi trasversali che miscela elettronica d’autore e pop d’avanguardia, proponendo eventi ad alto tasso di innovazione. Più che un semplice festival un vero e proprio progetto multidisciplinare, articolato secondo più linguaggi espressivi ed accolto in diversi angoli della città. Una quindicina gli eventi in calendario: partendo giovedì 12 settembre con l’inaugurazione di un nuovo spazio in zona Navigli e chiudendo domenica 22 con la lunga maratona in musica che anima il Teatro Franco Parenti, accogliendo la performance dello “space-dj” norvegese Prins Thomas e quella di Tim Sweeney. Un appuntamento incorniciato nella visionaria scenografia interattiva disegnata per

Ouverture da Marco Klefisch, che gioca in modo spettacolare con lo stage del Parenti. Gli spazi sconfinati di una stamperia storica, azienda simbolo della Milano che fu. Oggi riconvertiti a piattaforma per eventi e concerti, in quella fetta di città che tra Lambrate e via Ventura sta vivendo una stagione di intrigante riscoperta. L’area ExBazzi è scenario per il grande party con cui Elita celebra il diciottesimo compleanno del Milano Film Festival: dj set in salsa caraibica per il Trojan Sound System, nome di punta per la scena reggae e rocksteady europea. Ma gli ospiti più attesi di Ouverture sono senza dubbio i De La Soul, collettivo statunitense che a inizio Anni Novanta ha reinventato il modo di fare hip-hop contaminandolo con il jazz. Un gruppo di portata fondamentale per l’evoluzione del rap, in scena al Franco Parenti sabato 21 settembre per presentare “Get Away”, singolo che prelude all’uscita di un album – previsto per fine 2013 –che promette sonorità vicine a quelle dei Wu Tang Clan.

TAG >

De La Soul, Elita, hip-hop, Lambrate, Milano, Milano Film Festival, Prins Thomas, Teatro Franco Parenti, Tim Sweeney


ADVCINE

ARTE E DESIGN

FILM&CO.

SOAPMOTION I 11 SETTEMBRE 2013

GUSTO

TECNOLOGIA september 11, 2013

LIFESTY

VIAGGI Type your keywords here

Search

MFF 18 – Towheads by Shannon Plumb settembre 11, 2013

Posted by L.

Category: FILM&CO.

SOAPMOTION IN   English   Italiano

Towheads è uno dei lungometraggi in concorso alla 18ª edizione del Milano Film Festival. L’opera prima della regista Shannon Plumb si rivela piacevole e divertente e la Plumb – che oltre a curare la regia interpreta la protagonista Penelope – riesce a catturare lo spettatore e trascinarlo nella sua delirante ricerca di “vita”.

SUBSCRIBE TO

Soapmo Like

196 people like Soap

Facebook social plug

Segui @soapmot

Shannon Plumb ad Penelope in Towheads

Il film narra le vicende di Penny, mamma dei due “biondini” Cody e Walker e moglie di Matt (interpretato dal più conosciuto regista Derek Cianfrance, marito della Plumb e director di Come un tuono con Ryan Gosling, Bradley Cooper ed Eva Mendes), direttore teatrale e quasi sempre assente per la sua famiglia e per questo mai inquadrato in volto. Penny è una splendida mamma ma dalla vita vorrebbe qualcosa di più e per questo si trova a cercare qualsiasi lavoro le capiti a tiro, dalla pole dancer al Babbo Natale in strada, situazioni che tutte le volte la mettono in imbarazzo e contribuiscono alla riuscita del film in quanto conferiscono una comicità disarmante alla trama. La noia, uno dei peggiori drammi che una casalinga possa trovarsi ad affrontare, è il motore della trama e mette in circolo una serie di gag tragicomiche che creano empatia tra lo spettatore e il personaggio principale. I parecchi rimandi alla storia del cinema – con richiami a Charlie Chaplin e Buster Keaton, verso i quali Shannon Plumb mostra una profonda ammirazione – fanno della pellicola un’interessante caccia al tesoro per i cineasti più esigenti. Se state seguendo il Milano Film Festival o se anche sarete solo di passaggio a Milano il prossimo 14 settembre vi consiglio di vedere Twoheads, non ve ne pentirete. L’appuntamento è allo Spazio Oberdan alle ore 19. Seguite Soapmotion su Facebook, Twitter e Instagram e se ne avete voglia inviateci le vostre impressioni sul film, saremmo davvero curiosi di sapere cosa ne pensate.


UNADONNA I 11 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE

NEWSLETTER

LOGIN | REGISTRAZIONE

Like

30k

Segui

U

Cerca su UnaDonna MODA Attualità

Eventi

BELLEZZA

Celebrity

Lavoro

BENESSERE Viaggi

AMORE

Shopping

Cultura

MATRIMONIO Oroscopo

CASA

RICETTE

MAMMA

LIFEST

Spettacoli

Milano Film Festival. Cinema indipendente, spazi condivisi! Torna per la sua 18esima edizione il Festival dedicato al cinema indipendente, che attiva gli spazi cittadini e offre tanti eventi collaterali di Manuela Di Paola 11 settembre 2013 Like

1

Tweet

Articoli consig

1

100 frasi d'amore 

Per trovare le parole momento giusto e c lui, UnaDonna ha se voi 100 celebri frasi

Come fare gli orec all'uncinetto

Tondi, quadrati, con strass, stanno diven tendenza del mome realizzare, ecco tutt essere davvero alla una guida passo pas tutorial dedicato anc principianti

L'olio dermatolog funziona veramen

Milano Film Festival 2013 Se la Mostra di Venezia non ha esaurito la vostra voglia di cinema, o se avete sempre preferito eventi meno “ufficiali”, in questi giorni Milano offre quello che fa per voi. È infatti tornato, dal 5 al 15 set t embre, il

Ha fatto molto parla commenti sul web s Bio-Oil è l'olio "mira cicatrici e smagliatu funziona?

Milano Film Festival, l’appuntamento che dal 1996 la città meneghina dedica al cinema indipendent e.

Perdite marroni o

18 anni di Milano Film Festival Che sta diventando un’occasione importante per conoscere i migliori talenti della produzione

Come considerare e un fenomeno assai c spesso sottovalutato

Frasi per la prome matrimonio: la pa al momento giusto

cinematografica mondiale sganciata dalle logiche di mercato, e una realtà culturale assai importante per Milano.

Non trovate le parol momento più impor alcuni suggerimenti rimanere in silenzio

E quest’anno, sotto la presidenza di Lorenzo Castellini e Beniamino Saibene e la direzione artistica di Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini, Milano Film Festival diventa maggiorenne. E allora: buon diciottesimo compleanno,

possibili cause

Il cinema? Bella scoperta. MFF 2013

MFF!

Fino al 15 settembre: film, workshop, musica

Tatuaggi con i fior belle

Da sempre i tatuagg sono il simbolo di ele sensualità femminile sceglierli secondo U

Assegni familiari I

In due settimane il Milano Film Festival attiva gli spazi pubblici cittadini: dallo Spazio Oberdan ai Teatro

chiedere gli arretr

Strehler, Studio e Dal Verme, dalla Triennale al Parco Sempione. E raccoglie migliaia di persone di tutto il

Assegni per il Nucle qualche consiglio pe gli arretrati

mondo davanti agli schermi. Tanto che chi vuole può perfino partecipare ad Adot t a un regist a (quest’anno dalla locandina ammiccante che recita Port a a let t o un regist a ) e ospitare chi partecipi da lontano al MFF come invitato o come spettatore, ottenendo in cambio un abbonamento per tutto il festival e l’ingresso “a pieno diritto nella storia

Smalti primavera­ i colori di tendenz Scopri con noi quali


UNADONNA I 11 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

di smalti più trend stagione, tanti colo ogni giorno unghie colorate!

del cinema”. Film in concorso, varie sezioni (The Outsiders, Colpe di Stato) ma non solo: anche workshop, proiezioni speciali e musica. Tanta musica. Perché i diciott’anni vanno festeggiati come si deve. E il 15 settembre,

Costumi da bagn Estate 2013

ovviamente, si assegnano i premi. I più importanti? Il Premio Aprile e quelli per il migliore

cort omet raggio e lungomet raggio .

Se non avete anco chiare circa il mod da bagno più adat volete risparmiare un'occhiata alla co H&M 2013.

Eventi collaterali: il Festivalino dei bambini Non poche le iniziative collaterali legate al MFF. Bellissimo il Milano Film Fest iv alino, l’evento con proiezioni, giochi e animazioni dedicati ai più piccoli. La cornice è quella bellissima della Cascina Cuccagna (ingresso libero) e i giochi sono quelli irresistibili

UnaDonna Like

messi a disposizione da I maginarium, partner del Festivalino. I maginarium, il 14-15 set t embre dalle ore 16.00, organizza anche altri due laboratori creativi: in Facciamo

30,920 people like UnaDonna.

un film? vedremo i nostri bambini alla presa con le riprese di un cortometraggio, con tanto di accessori e strepitosi costumi Imaginarium. E in Un pomeriggio da Oscar assisteremo alla loro sfilata sul tappeto blu per essere premiati col prestigioso premio cinematografico. Piccole star crescono.

Facebook social plugin

Video

Milano Film Festivalino e Imaginarium

Mostra del Cinema di Venezia a “Sacro GRA”

Informazioni, orari e programma: milanofilmfestival.it Like

1

Tweet

1

Foto

Leggi anche: Sapori dal Cinema al Festival di Cannes: 10 piatti da film per vincere una cena per due La cucina avrà un ruolo da protagonista al Festival di Cannes con Electrolux e un concorso che prende ispirazione proprio dalle star del cinema

Toronto Film Festival: gli italiani protagonisti Sette pellicole italiane, tra registi affermati e giovani leve. Grande attesa per il biopic su Nelson Mandela e per l’ultimo film dello scomparso James Gandolfini

Magna Graecia Film Festival Un evento dedicato al cinema italiano del futuro. Stiamo parlando del Magna Graecia Film Festival, dal 27 luglio al 4 agosto a Catanzaro

Festival del Cinema 2013: tutto in una notte I parties esclusivi sul Lungomare Marconi sono il ritrovo per attori, produttori e sponsor di tutto il mondo. Ecco uno squarcio della notte di Venezia

Dopo il grande successo a Pitti B

Un passo alla volta, Sonatin Milano Moda Donn


12/09/13

Milano Film Festival 2013: Mirage à l'italienne

Whipart.it

giovedì 12 settembre 2013

| Cerca WHIPART I 11 SETTEMBRE 2013 Biblioteca

|

Mappa

|

TeatriMilano.it

Chi Siamo

|

Arte

Pubblicità

|

S

Home | Arte | Cinema | Letteratura | Musica | Moda & Lifestyle | Teatro | New M Milano Film Festival 2013: Mirage à l'italienne Silvia Romeo ‐ 11.09.2013 Share Share Share Share Share Share More

0

Tags: Milano Film Festival, Alessandra Celesia, Mirage à l'italienne Un documentario sulla crisi economica?Non solo. Un film sull'Italia dei nostri giorni? In parte. Il documentario di Alessandra Celesia ci mostra un lato del nostro paese orgoglioso e poetico al tempo stesso.

Gli ultimi commenti Commenta questo articolo

Area765 Stimiglia Città: S Provincia dal: 30 30‐08‐20

Stage on Città: Milano ‐ Provincia: MI dal: 08‐09‐2013 al: 08‐09‐2013

ORDINE e DISORDINE opere di Ivan T Città: Gallarate ‐ Provincia: VA dal: 14‐09‐2013 al: 29‐09‐2013

JAZZ, VINO E CONTAMINAZIONI CON A BOLGHERI Città: Bolgheri ‐ Provincia: LI dal: 06‐09‐2013 al: 08‐09‐2013 E' davvero un nuovo lavoro quello che stiamo cercando? La costante e agonizzante ricerca di un impiego in questo tempo di crisi è solo legata al guadagno finale, ai soldi? Oppure, pur non sapendolo, siamo tutti alla ricerca di uno spiraglio di felicità? Di quel momento assoluto di felicità, di contatto tra il nostro corpo e il mondo esterno, un momento in cui non hai più bisogno di altro, neanche della paga a fine mese. I protagonisti di Mirage à l'italienne forse lo trovano, quel modus vivendi, anche se solo per un istante, tra i freddi ghiacci dell'Alaska. Siamo in una Torino in piena crisi economica, che potrebbe essere una qualunque altra città italiana (o europea) di questi tempi; priva d'anima, di colore, ma traboccante di poveracci, di disperati che si mettono in coda con i propri cv per un misero contrattino. Su questo sfondo, appare un cartello su ogni tram della città: "Cerchi lavoro? L'Alaska ti aspetta". Si presentano in molti per cambiare vita, ma solo a cinque fortunati viene data la possibilità di una vita nuova. Questi cinque disperati, segnati ognuno da un "dolore" unico e da una storia banale ma originale, partiranno per quella terra lontana con la speranza non solo di un nuovo lavoro, ma "di cambiare aria", come dice il meccanico Dario, almeno per un po'… Arrivati a Yakutat, all'azienda ittica che avrebbe dovuto assumerli, scoprono con amarezza che il lavoro non esiste. Che fare a questo punto? Tornare o restare? Restano per una decina di giorni, tutti insieme, accolti con gentilezza dai pochi abitanti del luogo; delusi e ancor più disperati, si faranno "curare" dalla natura incontaminata di quella fredda terra, riscoprendo il piacere di stare insieme, rivedendo da spettatori tutte le loro vite e sofferenze e trovando quel momento di felicità, slegato dagli affetti, dai soldi, dal lavoro, che forse li farà tornare in Italia come nuovi. Alessandra Celesia firma la regia di questo documentario, prodotto in Francia, ma girato tra Torino e l'Alaska, con un cast di non‐attori italianissimo. Il film è stato presentato in Italia in questi giorni al Milano Film Festival 2013, mentre era già stato apprezzato dal pubblico francese. La regista ha dichiarato che l'idea bizzarra dell'Alaska non le è venuta a caso, ma si è rifatta a una truffa simile accaduta nel 1995, quando ancora si trovava in Italia. I protagonisti, dal canto loro, raccontano quanto sia stato difficile far entrare nelle proprie vicende personali Alessandra, ma quanto al tempo stesso sia stata un'esperienza magnifica. Crisi economica, ricerca del lavoro, non voglia di vivere, rivalsa, incapacità di rifarsi una vita, solitudine… tutto questo si intreccia attraverso le vite dei cinque protagonisti di Mirage à l'italienne, che alla fine un piccolo spiraglio di luce lo trovano e riescono a colorare la loro esistenza, grazie anche a un po' di poesia. Mirage à l'italienne Regia: Alessandra Celesia Sceneggiatura: Alessandra Celesia Montaggio:Danielle Anezin Fotografia:Laurent Fénart Produzione:Zeugma Films

lnx.whipart.it/cinema/9382/mirage-a-l-italienne.html


XL I 11MENU SETTEMBRE 2013 I 1/3 PAGINE

Cerca su XL

Cerca

MILANO FILM FESTIVAL, “LEJ EN FAMILIE A/S”

CINEMA

FESTIVAL 2013

L’originale documentario del danese Kaspar Astrup Schröder, ospite della sezione The Outsider, sarà proiettato stasera 11 settembre a Parco Sempione di Mario Pellizzari - 11 settembre 2013

SULLO STESSO ARGOMENTO

Milano Film Festival 2013. Che


XL I 11 SETTEMBRE 2013 I 2/3 PAGINE

belli i Milano Film Festival con il Gore matrimoni Vidal di Nicholas Wrathall e gli con l’infilata adolescenti di “In Bloom” di zie impaillettate SiciliAmbiente, documentari per la e i nodi alle sopravvivenza cravatte sempre più Mix Festival, “Joy! Portrait Of A Nun” lenti ogni grappino che va giù, la migliore amica della sposa lanciata in un discorso sconfusionato che genera fiumi di lacrime e un onda di volemose bene. È così a tutte le latitudini, Giappone compreso. Solo che lì, se ti guardi intorno e scorgi Mr Ryuichi, le cose potrebbero non essere come sembrano. Perché lui fa un mestiere particolare: affitta padri, mariti, sorelle, anche famiglie intere con tutti i parenti, secondo le varie necessità dei clienti. Il documentarista danese Kaspar Astrup Schröder ha seguito Mr Ryuichi per mesi realizzando Lej En Familie A/S, ospite della sezione The Outsiders delMilano Film Festival 2013 e in proiezione stasera 11 settembre alle 21:30 al Parco Sempione.

Lej En Familie A/S


XL I 11 SETTEMBRE 2013 I 3/3 PAGINE

Ma perché mai qualcuno dovrebbe mentire al nuovo coniuge sulla sua famiglia, evitando di dire magari che è orfano, e circondarsi di sconosciuti figuranti il giorno delle nozze? Semplice: per non deludere, o meglio ancora, non mettere in imbarazzo. Perché la solitudine non è una bella cosa da mostrare, soprattutto in certe occasioni, e in certe culture. Ryuichi lo sa bene, perché nonostante moglie e figli, ne è immerso anche lui fino al collo. Il regista alterna il racconto delle prestazioni professionali di questo singolare “affitta famiglie” a uno sguardo ravvicinato sula sua storia personale, provando in realtà anche a rendere conto dalle peculiari leggi che regolano la società nipponica.


02BLOG I 12 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE

02blog.it

Il magazine milanese di BLOGO NE WS

NEWS

GALLERIE

VIDEO

FUORISALONE 2013

EXPO 2015

Homepage > Milano Film Festival 2013

Milano Film Festival 2013: il programma, giovedì 12 settembre Scritto da: Arianna Ascione ­ giovedì 12 settembre 2013 Tweet

1

1

Share

0

In programma il live painting al Parco Sempione, la presentazione di Are you Series?, "Closed Curtain" e "Sur le Rivage du monde" I MAGAZINE DI BLOGO

02blog.it 06blog.it artsblog Benessereblog.it Autoblog.it Bebeblog.it booksblog Calciob Cine C Ecoblog.it Fashionblog.it Gadgetblog.it Gamesblog.it Gossipblog gustoblog Melablog.i Mobileb Moto M Soundsblog.it Toysblog.it Travelblog.it TVBlog.it crimeblog Polisblog.it Petsblog.it

IN EVIDENZA

iPad a soli 17

Agli utenti italian 80% grazie a un

IMMOBILIAR

Annunci su Map Trova ora la tua  Immobiliare.it!

FASTWEB Super Surf Naviga super veloce e senza limiti con FASTWEB JOY a 19€/mese!!

www.fastweb.it Annunci Populis Engage

Ultimi giorni al Milano Film Festival. Alle 15 presso lo Spazio Oberdan, per il concorso lungometraggi, sarà proiettato il film greco di Elina Psykou, The Eternal Return of Antonis Paraskevas (h 15 Spazio Oberdan). A seguire, Habi, la extranjera di Maria Florencia Alvarez, selezionato alla Berlinale, presentato dalla regista (h. 20.30 Teatro Strehler, replica), Ilo Ilo di Anthony Chen (h.

VIDEO CORRELATI

Autobu uccide terribile Milano 

22.00 Triennale ­ Teatro dell’arte, replica) e per concludere, Terra de ninguém di Salomè Lamas (h. 22.45 Teatro Studio, replica).

Saldi e il 6 lug video

Tornano, per il concorso cortometraggi, il Gruppo H (h. 17.00 Teatro Strehler) e il Gruppo G (h. 22.30 Teatro Strehler), mentre per l’omaggio a Sylvain George, si potrà vedere il lungometraggio Vers Madrid – The Burning Bright! (Scenes from the Class Struggle and the revolution), un ‘cinegiornale’ che mostra il movimento degli Indignados (h. 15.00 Teatro Studio). A seguire Les

Rosant Electro Guarda

Éclats (h. 19.00 Spazio Oberdan, replica). Les Chebabs de Yarmouk di Axel Salvatori­Sinz, (h. 17.00 Spazio Oberdan, replica) e Sur le Rivage du monde di Sylvain L’Espérance (h. 21.00) saranno le pellicole protagoniste di Colpe di www.02blog.it/post/50709/milano-film-festival-2013-il-programma-giovedi-12-settembre

FOTO CORRELATE


02BLOG I 12 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

12/09/13

Milano Film Festival 2013 | programma | giovedì 12 settembre

Stato, mentre per gli ‘outsiders’ ci sarà A Band Called Death di Mark Covino e Jeff Howlet (h. 15.00 Teatro Strehler, replica) e Closed Curtains di Jafar Panahi e Kamboziya Partovi (h. 20.00 Teatro dell’arte). Chiuderà la serata Midsummer Night’s Tango di Viviane Blumenschein (h.

La villa è a Mil vendut

21.00 Teatro Studio, replica). Infine continuano le celebrazioni per il 18mo compleanno del MFF: alle 15.00 in Scatola Magica appuntamento con The Platinum Collection, Identità; seguono alle 17.00 Memoria e alle 20.30 Le

Via Cat di Mila

origini – vol. II (1996 – 2003). Alle 21.00 in Parco Sempione è la volta della sezione Grandi Speranze, Tutti di famiglia. In contemporanea il Milano Film Festival incontrerà Lucha Libre. Alle 22.30 ci si sposta in Scatola Magica, per The Platinum Collection, Gioco e a Mezzanotte si tornerà in Parco Sempione per Ebollizione.

Concerti giovedì 12 settembre al Milano Film Festival Oggi alle 18.30 sul Sagrato ci sarà Nina Karaybi e il dj set di Tommaso Toma. In Parco Sempione si esibirà invece Erlend Oye preceduto da Sarah Stride, e a seguire alle 22.30 Missin Red djset. Sempre in Parco Sempione, dalle 21.00, prenderà il via una sessione di live painting in cui 18 illustratori e illustratrici rielaboreranno il lavoro di 18 autori che hanno partecipato al Milano Film Festival.   Leggi anche:  Milano Film Festival 2013

ARTICOLI CORRELATI

Expo 2015: il sito per controllare il cantiere di Rho­Pero

I luoghi abbandonati di Milano: l'edificio dell'acqua potabile al…

Arrivano i primi inquilini nel quartiere Citylife

La villa più cara d'Italia? In vendita a Milano! Powered by 

ULTIME NOTIZIE DA BLOGO S P O RT

S P O RT

Italia­Slovenia 77­84 | Risultato Finale Europei B

NE WS

Zlatan Ibrahimovic: "Potrei chiudere la carriera a

Conti correnti troppo cari, l’Antitrust: possibili

0 COMMENTI  AGGIUNGI IL TUO

Chi siamo

Contatti

Condizioni d'utilizzo

Privacy

Archivi

Seguici:

Ex staz Piazza


ARTRIBUNE I 12 SETTEMBRE 2013 REPORT

RA

CINEMA

TRIBNEWS DESIGN

TELEVISION DIDATTICA

MAGAZINE DIRITTO

CALENDARIO EVENTI

EDITORIA

FOTOGRAFIA

INAUGURAZIONI MERCATO

MUSICA

COMMENTI NEW MEDIA

TEATRO

TURISMO

BIENNALE 2013

Preoccupata e oppressa: è l’Italia vista da Sylvain George, NEWSLETTER regista di frontiera con una predilezione per le cronache urbane. Deus ex machina del workshop per videomaker del Milano Film Festival nome email

privacy policy iscriviti

Scritto da Francesco Sala | giovedì, 12 settembre 2013 · Lascia un commento 

Sylvain George a Milano

L’ha fatto in Francia: a Parigi ma anche a Lione. E l’ha replicato in Portogallo, nella sperduta Abrantes. Ora tocca a Milano. Porta in Italia il suo metodo di lavoro Sylvain George, special guest di un Milano Film Festival che l’ha visto crescere: accogliendone i primi lavori, premiandolo e sostenendolo; richiamandolo, oggi che è regista affermato, per omaggaiarlo con una retrospettiva e chiedergli di condurre un workshop per giovani cineasti. Selezione dura, scrematura di una decina di fortunati partecipanti; indottrinamento via Skype – filmografia ma soprattutto bibliografia consigliata – e in questi giorni di festival via ai lavori. Obiettivo: raccontare la città. Intense sessioni camera in spalla, condivisione del materiale raccolto e opportune riflessioni; una settimana di tempo per sfornare un corto ciascuno, presentato in chiusura di rassegna al

SONDAGGIO Qual è l'artista italiano contemporaneo più sottovalutato?  Gastone Novelli  Giuseppe Chiari  Pinot Gallizio  Pietro Consagra  Domenico Gnoli  Mario Schifano  Emilio Isgrò  Giosetta Fioroni  Vincenzo Agnetti

pubblico del festival e poi destinato a vivere di vita propria. Dalle immagini che stanno confluendo al tavolo di lavoro, accolto dalla Fabbrica del Vapore, emerge “un sentimento di oppressione, di fastidio nei confronti della ripetitività soffocante della quotidianità”. Così George, che ci spiega come negli sguardi dei giovani registi che lo circondano in questa avventura milanese si leggano “preoccupazioni comuni” a quelle riscontrate un po’ ovunque in Europa, segno della pervasività di una “ideologia dominante” che lascia pochissimi margini di azione. La reazione, specificità tutta italiana, si esprime attraverso una fuga dalla realtà: “è comune il desiderio di luoghi utopici, anche se si tratta di utopie fragili. Squat occupati destinati ad essere sgombrati, oppure segreti giardini urbani”. Isole di effimera serenità. ­ Francesco Sala


Tempo Libero 2.0

BLOGOSFERE I 12 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE Home

Animali

Cucina

Curiosità

Hobby

Viaggi & Meteo

Vino & Co.

Tutti i temi

Archivi

Milano Film Festival 2013: per i più piccoli il divertimento è al Festivalino Giovedì 12 Settembre 2013, 07:00 in Eventi di Mirko Cafaro Mi piace

0

Invia

0

Tweet

0

Commenti dei lettori

Piccoli attori e registi crescono al Milano Film Festivalino 2013. Ecco il programma e tutte le informazioni utili.

Blogosfere Like

31,362

Articoli Correlati

Notte dei ricerc Ca' Foscari tra  sapere

Eventi Milano 2 una tre­giorni d yoga

Karel Music Ex 2013: 6 location 3 giorni per art

Anche i più piccoli possono divertirsi al Milano Film Festival (5­15 settembre 2013): a loro, infatti, è dedicato il "Fetivalino", un evento organizzato grazie alla collaborazione con il brand spagnolo Imaginarium nel bellissimo scenario naturale di Cascina Cuccagna. Proiezioni, giochi e animazioni dedicati a cortometraggi animati intratterranno così i bambini e li educheranno alla fruizione del cinema. Annunci Google

Ultimi Film Usciti Trova tutti gli Orari dei Film in Programmazione con PagineGialle! www.paginegialle.it/cinema

Download Movie Find the Perfect Stock

Amnesia Milan pronto per l'ina dello storico cl

In particolare il programma prevede: Sabato 7 e domenica 8 settembre proiezione dalle ore 15.00 Sabato 14 e domenica 15 settembre  proiezione dalle ore 15.00 laboratori dalle ore 16.00 Ma non è finita qui: il weekend del 14 e 15 settembre, infatti,

Milan Film Fes giorni di cinem incontri

Articoli più letti


BLOGOSFERE I 12 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

Movie. Royalty­Free Inspiration for Less! iStockphoto.com/Download_Movie

InterRail Pass Relax and Enjoy Europe's Scenery. Now With Free Roaming Package. www.interrail.eu

Milano Film F per i più picco divertimento è

i bambini saranno coinvolti in divertenti laboratori creativi, pensati per vivere la magia del cinema attraverso il gioco. I piccoli futuri attori e registi diventeranno protagonisti di un "pomeriggio da Oscar". Nel primo workshop chiamato "Facciamo un film?" i piccoli verranno dotati di tutti gli strumenti del mestiere (Ciak, megafono, costumi) e gireranno dei veri e propri cortometraggi in cui saranno loro stessi gli attori principali. Subito dopo, verrà realizzato un divertente shooting

Notte dei ricer Ca' Foscari tra sapere

fotografico con i piccoli attori. 

Previsioni me 2 settembre 20 d'estate

Nel secondo laboratorio, "Un pomeriggio da Oscar", i bimbi verranno insigniti del prestigioso premio "Oscar" per il lavoro svolto nel workshop precedente e potranno vivere un'emozione da vera star con un'esclusiva sfilata sul tappeto blu. Attenzione: la partecipazione all'intera rassegna e ai laboratori è completamente gratuita e non prevede alcun tipo di prenotazione!

Raccomandati dai lettori

Festival Mei 2013: ecco i ve ospiti degli eventi 27 people recommend this.

Miley Cyrus VMA 2013: clicc di Mtv (video) 32 people recommend this.

Tablet iPad: arriva ipotty il  "nativi digitali" 22 people recommend this. Facebook social plugin

Consigliati dall´autore Da non perdere Seguici

Iscriviti ai nostri feed rss. Leggi reale tutti i post pubblicati dal b

Annunci Google

Emma Marrone www.vanityfair.it/Emma_Marrone Musica, Foto, News. Vai su Vanity e scopri tutto quello che non Sapevi!

In evidenza

Prodotti App

Trailer film al Cinema www.sky.it/Trailer Vuoi vedere il Trailer di un nuovo film? Cercalo su Sky.it!

Agli utenti itali 80% grazie a u

Novità Tagli Capelli 2013 Vogue.it/Tagli Capelli lisci, con frangia, ricci su Vogue.it Guarda le Foto ! Milano Sposi www.milanosposi.it La Fiera per gli Sposi 3­6 Ottobre 2013, Forum di Assago Mi piace

0

Invia

0

Tweet

0

IMMOBILIAR

Commenti dei lettori 0

Tag: Festivalino Milano Milano film festival 2013 Aggiungi un commento... Pubblica su Facebook

Stai pubblicando come Valentina Calabrese (Modifica)

Commenta

Annunci su Ma Trova ora la tu Immobiliare.it!


CINEFORUM I 12 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE

menu

(/)

Milano Film Festival 2013 (/FocusesTexts/FocusIndex/7) Ieri, 20:59

"Upstream Color"

Sublime e supponente di Andrea Chimento

Gli applausi della stampa americana o le pesanti critiche ricevute all’ultima Berlinale? Difficile

capire da che parte stia la ragione con Upstream Color, opera seconda dello statunitense Shane

Carruth, che arriva al Milano Film Festival dopo aver diviso e fatto discutere appassionati e addetti ai lavori di tutto il mondo.

Repellente e affascinante al tempo stesso, a partire dal confuso soggetto, Upstream Color racconta di una giovane gallerista d’arte, Kris, che viene drogata da uno sconosciuto: l’uomo le somministra una sostanza in grado di alterarne la volontà con lo scopo di prosciugare il suo conto in banca. Una volta guarita, Kris rimane intrappolata in qualcosa che non riesce a capire, fino a quando incontra Jeff, una sorta di broker che sembra affetto dai suoi stessi problemi. Nove anni dopo il suo curioso esordio, Primer (Gran Premio della Giuria al Sundance Film Festival 2004), incentrato sui viaggi nel tempo, Shane Carruth punta ancora più in alto rischiando, eccessivamente, di cadere. Upstream Color è una visione, senza dubbio controcorrente sperimentale direbbero alcuni - in grado di far riflettere e di suscitare le opinioni (oltre alle interpretazioni) più disparate.


CINEFORUM I 12 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE

Se la fotografia sfiora il sublime (per uso delle luci ricorda quella dell’ottima serie tv britannica Utopia, ideata da Dennis Kelly), la narrazione appare poco coinvolgente e ancor meno

“sanguigna”, incapace di stupire come avrebbe potuto e voluto.

I limiti di un film con diversi pregi, si ritrovano in un atteggiamento autoriale troppo supponente: Carruth lancia qua e là diversi tasselli che, troppo abbandonati a se stessi, non riescono a dar vita a un mosaico sufficientemente armonico. Incorniciato da due lunghe sequenze completamente mute (salvo per la colonna sonora realizzata dallo stesso regista), il film rischia di incartarsi troppo nella parte centrale, nei momenti in cui la

sceneggiatura si affida più alle parole che alle immagini.

Nel cast meglio Amy Seimetz dell’instancabile Shane Carruth, che - oltre a essere produttore, regista, sceneggiatore, montatore e compositore del suo film - continua, con esiti decisamente

discutibili, a voler essere protagonista anche davanti alla macchina da presa.

Nella stesso focus: "Mirage": vero, falso, reale (/FocusesTexts/view/Mirage_vero_falso_reale) di Valentina Alfonsi 18 anni con stile (/FocusesTexts/view/18_anni_con_stile) Tweet

CINEFORUM WEB Via Pignolo, 123 24121 Bergamo tel. 035361361 fax 035341255 CF e PI 01700110164 RECENSIONI (/REVIEWS) VOTI (/AUTHORSRATINGS) RUBRICHE (/COLUMNSTEXTS) COSA VEDREMO (/PREVIEWS) NEWS (/NEWS) INTERVISTE (/INTERVIEWS) FOCUS (/FOCUSESTEXTS/VIEW) INFO (/PAGES/INFO) CONTATTI (/PAGES/CONTATTI) ABBONATI ALLA RIVISTA (HTTP://RIVISTA.CINEFORUM.IT/COME-ABBONARSI) E SHOP CINEBUY (HTTP://WWW.CINEBUY.COM)


CINEMAITALIANO.INFO I 12 SETTEMBRE 2013

Acquista i nostri D Film

Documentari

I più premiati

Uscite in sala

Home Video

Colonne Sonore

Festival

Libri

Industria

film per titolo

MIRAGE A L'ITALIENNE, sognando l'Alaska Così  come  fece  la  sua  regista  negli  anni  '80,  anche  i protagonisti  di  "Mirage  a  l'italienne"  cercano  lontano dall'Italia un futuro migliore. Stanche della loro vita a casa (in questo  caso,  Torino),  soggiogate  dalla  crisi  (economica  e/o personale), alcune persone si appigliano a una proposta di lavoro esotica (l'Alaska!) per cercare un nuovo futuro. Come sempre,  o  come  spesso  accade,  è  solo  una  piccola  spinta verso  il  cambiamento  quello  di  cui  necessitiamo  per  dare nuova linfa alle nostre vite... Alessandra Celesia, italiana a Parigi, racconta una storia profondamente legata all'oggi, con la crisi sempre più opprimente e un futuro possibile sempre più fosco, in cui il miraggio (vero, verosimile o presunto che sia)  di un lavoro in un altro luogo diventa ancora di salvezza.  Poco importa se la prima parte del documentario, quella torinese, procede un po' a fatica, tra improvvisazioni (mal) ricostruite e un lento percorso di avvicinamento nella conoscenza dei personaggi. Quando i colloqui per il lavoro

Links: » Mirage a l'Italienne » Alessandra Celesia » Milano Film Festival 2013

proseguono, e  la  partenza  si  avvicina,  "Mirage  a  l'italienne"  prende  vita  e  diventa  sempre  più  coinvolgente.  E quando in Alaska finalmente si arriva... Il senso dell'operazione, il suo significato più profondo, è nelle parole della stessa regista: "Il mio paese ­ spiega ­ non ha bisogno di un altro reportage scandalistico, di una dichiarazione aperta di guerra, di uno scoop passeggero che tira in causa piaghe ben note. Il mio paese ha bisogno, oggi più che mai, di poesia". 12/09/2013, 15:28

Carlo Griseri

VITA DA INES IN DVD Il film di Sandro Carnino e Giulio D esclusiva in home video!

PUNTO 180 Gioco da tavolo creato e illustrato Giacomo Doni, ispirato alla legge d sulla chiusura dei manicomi.

Commenta questa notizia Mi piace

IL SEGNO E LA VOCE IN DVD Acquista il road­movie nel mondo  Nicola Nannavecchia

0

Add a comment... Post to Profile

Posting as Valentina Calabrese (Change)

Comment

Warning: this comments plugin is operating in compatibility mode, but has no posts yet. Consider specifying an explicit 'href' as suggested in the comments plugin documentation to take advantage of all plugin features.

CinemaItaliano.info Copyright© 2005 ­ 2012 Sponsored by chi siamo |   contattaci |   newsletter |   pubblicità |   disclaimer |   partner |   bandi |   registrati

Ecco come fare per:

­ inviarci un comunicato stampa ­ segnalarci un film italiano ­ segnalarci partecipazioni a festival ­ aggiornare la tua scheda personale ­ richiedere i dati di accesso

A


CINEMAITALIANO.INFO I 12 SETTEMBRE 2013

Acquista i nostri  Film

Documentari

I più premiati

Uscite in sala

Home Video

Colonne Sonore

Festival

Libri

Industria

film per titolo

MFN presenta un workshop sul cinema sperimentale UNA STORIA DEL CINEMA: visioni e incontri sul cinema sperimentale a cura  di  Rinaldo  Censi  e  con  interventi  di  Sandra  Lischi  e  Marco  Maria Gazzano. È il nuovo workshop ­ in programma dal 3 al 31 ottobre presso la Fabbrica del vapore ­ organizzato dal Milano Film Network, la rete al servizio al servizio del cinema indipendente italiano e internazionale, in collaborazione  con  Invideo,  Filmmaker  e  Comune  di  Milano  –  settore Cultura. Il titolo scelto per questo laboratorio ha un significato ben preciso: così si intitola  la  retrospettiva  (e  poi  il  catalogo)  che  Peter  Kubelka  cura  per  il Centre  Pompidou,  nel  1976,  all'epoca  della  sua  apertura,  sotto  lo sguardo attento di Pontus Hulten.  L'elenco  dei  cineasti  presente  farebbe  rabbrividire  qualunque  studioso del  cinema.  Niente  Rossellini,  niente  Godard,  niente  Hitchcock,  niente Welles. Compaiono invece in sequenza un serie di nomi e di artisti come Fernand Léger, Marcel Duchamp, Man Ray, Ralph Steiner, Maya Deren, Stan Brakhage, Gregory Markopoulos, Andy Warhol, Paul Sharits, Robert Breer, Michael Snow.  La  retrospettiva  e  il  catalogo  comprendono  quei  filmmaker  spesso  rinchiusi  in  quel  ghetto  che  porta  il  nome  di “cinema sperimentale”, a cui solitamente le storie del cinema dedicano sporadiche pagine. Per Kubelka invece non vi  è  nulla  di  “sperimentale”  in  tutto  questo.  Quei  nomi  definiscono  la  vera  e  unica  storia  del  cinema.  Durante  il workshop si cercherà di capire perché. 

Links: » Invideo 2013 » Filmmaker Doc Film Festival 20

IL SEGNO E LA VOCE IN DVD Acquista il road­movie nel mond Nicola Nannavecchia

PUNTO 180 Gioco da tavolo creato e illustra Giacomo Doni, ispirato alla legg sulla chiusura dei manicomi.

VITA DA INES IN DVD Il film di Sandro Carnino e Giulio esclusiva in home video!

Aperto a  tutti  e  a  numero  chiuso  (riservato  a  un  massimo  di  30  partecipanti),  il  workshop  prevede  una  quota  di iscrizione di 50 euro. Le iscrizione dovranno essere effettuate entro il 29 settembre 2013 compilando l'entry form a questo link. 12/09/2013, 11:47

Commenta questa notizia Mi piace

3

Add a comment... Post to Profile

Posting as Valentina Calabrese (Change)

Comment

Warning: this comments plugin is operating in compatibility mode, but has no posts yet. Consider specifying an explicit 'href' as suggested in the comments plugin documentation to take advantage of all plugin features.

CinemaItaliano.info Copyright© 2005 ­ 2012 Sponsored by chi siamo |   contattaci |   newsletter |   pubblicità |   disclaimer |   partner |   bandi |   registrati

Ecco come fare per:

­ inviarci un comunicato stampa ­ segnalarci un film italiano ­ segnalarci partecipazioni a festival ­ aggiornare la tua scheda personale ­ richiedere i dati di accesso


CINEMATOGRAFO I 12 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE

c e rc a n e l  sit o

Giovedì 12 Settembre 2013 CINEMEDIA

c e rc a RECENSIONI

ANTICIPAZIONI

BOX OFFICE

FILM IN CITTÀ TRAILER

FILM IN TV

CINECLIP

EDUCATIONAL

CINE BOOK

PHOTOGALLERY

SPECIALI

CINEMEDIA

Cinemedia ­ Viaggi e miraggi 

stampa questa pagina

segnala questa pagina  

Viaggi e miraggi

 

 

 

Giovedì 12 Settembre 2013

C’è crisi? Tutti in Alaska a pescare salmoni allora! L’incredibile avventura di alcuni connazionali in un documentario presentato al MFF: Mirage à l’italienne “Ho venduto un sogno, ma anche se non si è realizzato nel modo sperato, ha comuque lasciato qualcosa di positivo a tutti” dice Alessandra Celesia, regista di Mirage à l’italienne, documentario in concorso nella sezione lungometraggi del Milano Film Mirage à l’italienne

Festival, che segue il destino di cinque italiani in cerca di un’opportunità all’estero per un futuro migliore.

A Torino, nel 1995, durante un altro periodo di crisi, subito dopo tangentopoli, su tram e autobus compare un annuncio: “Cerchi lavoro? L’Alaska ti aspetta”. “Mi era rimasto impresso – dice la regista ­ e, quando mi hanno chiesto se avevo qualcosa da raccontare sull’Italia, ho pensato fosse perfetto per descrivere l’attualità. Ho contattato un’azienda di salmoni in Alaska e riproposto gli stessi annunci pubblicitari”. Ci sono state un numero impressionante di richieste, nel film si assiste ai colloqui di selezione ed emerge un diffusissimo desiderio di fuga: “Abbiamo parlato con persone disperate, imbestialite, che avevano voglia di sfogarsi ed era solo il 2010, chissà cosa succederebbe ora?”. Non lo vuole definire un esperimento sociale (cinque mesi e 190 mila euro di budget), ma “un ibrido, un reality che tende alla fiction, forse. Ho presentato un’idea delirante ai produttori di un canale televisivo francese, Canal Art, proponendo un work in progress che non si sapeva bene dove sarebbe andato a finire. E’ stato inusuale, di solito un documentario si fa su qualcuno, stavolta non avevo i personaggi, perché sarebbero stati i candidati che rispondevano all’annuncio”. C’è una sottile linea che separa la realtà dal cinema del reale e spesso la presenza di una cinepresa cambia tutto, eppure l’empatia è tangibile e la regista rimane invisibile: “Prima delle riprese ci siamo presi un mese per conoscerci e osservarci. I personaggi si devono appropriare del film dovevano essere disponibili e aver voglia di farlo, erano implicati nel processo in modo tale che potessi filmare i loro momenti quotidiani e intimi in modo spontaneo. Non sono partita da una sceneggiatura, la scrittura è avvenuta solo in fase di montaggio. Avendoli scelti per quello che erano avevo intuito che c’erano delle potenzialità, durante l’avventura in Alaska, per esempio, si è creato una sorta di rapporto padre/figlio tra due personaggi, l’uno orfano di padre e l’altro che aveva perso un figlio. È come piantare un fiore in un vaso, devo stare attento a non stringerlo troppo, è un aggiustamento della realtà, il desiderio di darle un altro statuto, una bellezza e un livello metaforico, guardando con gli occhi del sentimento e farlo passare nello spettatore. Non il dolore per il dolore, ma raccontare la fragilità rendendola eroica”.  Un “documentario di creazione” è fatto di osservazione, ma soprattutto di relazione, che comporta fiducia e condivisione. “Nel lavoro del documentarista c’è un coinvolgimento umano maggiore, metti piede nella vita di qualcuno e, inevitabilmente, qualcosa cambi, specialmente in situazioni di fragilità, e quando ne esci è un vuoto per entrambe le parti che stanno al di qua e al di là della camera”. Alessandra Celesia è un’italiana trapiantata in Francia, per esigenze affettive e professionali, talento prestato al cinema dal teatro che ha vinto nel 2011 il premio Miglior Documentario al 53esimo Festival dei Popoli di Firenze con il doc Le libraire de Belfast. Per il futuro ha una speranza, che “con la vittoria di Rosi a Venezia ci sia una maggior distribuzione di questo genere nelle sale. Questo tipo di documentario non è fatto per la tv, va visto sul grande schermo, lo hanno

LA RIVISTA FESTIVAL

CI

HOMEVIDEO


CINEMATOGRAFO I 12 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

Questo tipo di documentario non è fatto per la tv, va visto sul grande schermo, lo hanno dimostrato Segre, Garrone, ma prima Pasolini. Mi sembra stia crescendo l’interesse in Italia, piuttosto che in Francia, non solo tra gli intellettuali, in fondo siamo abituati al Neorealismo, siamo preparati alla frontiera”.


CINEQUANON I 12 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE

MILANO FILM FESTIVAL: come i giovani autori intendono la crisi By giulia.c – 12 settembre 2013

Il Milano Film Festival è da sempre un luogo nel quale si misurano le tendenze del cinema contemporaneo, soprattutto perché in concorso vengono ammesse principalmente opere prime e seconde. Tenendo fede a questo principio, si può osservare quanto i giovani autori sentano l’esigenza di esprimere il proprio punto di vista sulla crisi, non intesa solo come il risultato di scelte economiche e finanziarie sbagliate, ma piuttosto come inevitabile conseguenza di un modello sociale e culturale che sta definitivamente crollando. A tal proposito non si può che partire dalla Grecia, rappresentata quest’anno dal lavoro di Elina Psykouche propone il suo complesso film The Eternal Return of Antonis Paraskevas già presentato al Festival di Berlino. La storia racconta di uno dei più famosi presentatori della Tv privata greca che viene licenziato. Ma Antonis Paraskevas è stato nutrito dalla fama, ha confezionato la sua vita in modo che fosse essa stessa un grande spettacolo, quindi decide di tornare alla ribalta facendo finta di essere stato rapito. In realtà attende con pazienza in lussuoso albergo abbandonato di essere compianto dai colleghi giornalisti e dai suoi fan, fino a quando non riterrà opportuno essere “liberato”. Il momento però sembra sempre sfuggire e così Antonis si perde in una spirale psicotica nel tentativo di far coincidere il mondo del piccolo schermo con la realtà. E’ inquietante quanto questo film sembri mimare i peggiori difetti della cultura nostrana, come se fosse inevitabile che una volta tolto il velo dell’illusione di benessere restasse solo qualcosa di ineffabile che si tenta di affrontare ed acchiappare allo stesso tempo. La giovane regista crea un gioco di contrasto tra l’Antonis reale e quello televisivo. Le due entità sembrano essere la stessa persona, ma pian piano la differenza fisica li allontana definitivamente. I due, non solo non sono più la stessa cosa, ma sono agli antipodi e allora un Antonis anziano, pelato e malvestito oscilla tra la volontà di inseguire il lindo ed ammiccante uomo barbuto che sta al di là dello schermo e la volontà di sfuggirgli. Ancora una volta i mass media vengono demonizzati dall’arte cinematografica, ma in questo caso ci si sofferma sulla solitudine dell’uomo senza uno dei paletti fondamentali della così detta società del benessere. Il gioco messo in atto dalla sceneggiatura rende il protagonista doppio e solo al contempo. Lunghe carrellate e toni cromatici estremamente freddi enfatizzano l’angoscia di un personaggio che rappresenta un intero paese. Si dice spesso che l’ideogramma cinese della parola crisi è lo stesso della parola opportunità. Sembra essere particolarmente vero per il regista Anthony Chen, rivelazione del Festival di Cannes di quest’anno, che porta al Milano Film Festival il suo primo lungometraggio Ilo Ilo. Non sorprende che questo suo lavoro sia stato tra i più apprezzati della rassegna, soprattutto perché il regista ventottenne dimostra una delicatezza ed una maturità davvero rara e sorprendente. Anthony Chen sceglie di ambientare la sua pellicola nel 1997, facendo riferimento ad uno dei momenti più duri della finanza cinese e tentando di assorbire le paure e il senso di incertezza basandosi principalmente sulle proprie memorie. Eppure questo talentuoso cineasta riesce a costruire la crisi dell’identità rifacendosi agli aspetti più semplici della vita comune. La narrazione comincia quando la madre di Jail, che aspetta il suo secondogenito, decide di assumere una domestica filippina. All’inizio Jail rifiuta sia l’autorità intransigente della madre sia la gentilezza della giovane bambinaia Terry, ma pian piano il bambino si affeziona alla nuova arrivata, rendendo così insicura la madre. Intanto il padre perde il lavoro e deve ricercare la propria identità e il proprio posto all’interno della società e della famiglia, mantenuta soltanto grazie al lavoro dell’infaticabile moglie. Il macrocosmo della cultura


CINEQUANON I 12 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

cinese di fine anni novanta viene rappresentato con delicatezza e precisione da questa normale famiglia, alle prese con i problemi di tutti i giorni. L’identità e la ridefinizione del sé sono al centro della riflessione del giovane regista, che ci riporta a scoprire che nessuno può farcela da solo e che con lo sguardo attento a cogliere impercettibili mutamenti dei personaggi e mai pregiudizievole, crea un mondo che ha un profumo intenso di verità e di cose quotidiane. La sfida sembra essere vinta dall’autore, il quale riesce a spogliare di retorica un lavoro estremamente poetico, simbolo del fatto che forse la cosa più eccezionale che un regista può fare in questi tempi è parlare delle persone rivolgendosi ad esse. da Milano, Giulia Colell


cerca

DONNELEONARDO I 12 SETTEMBRE 2013

LEONARDO.IT MAMME

HOME

BIMBI

Margherita Tizzi

NEWS

CASA

ATTUALITÀ

GOSSIP

12 settembre, 2013

LISA DOCET

DONNE

MODA

BELLEZZA

Categoria: Bimbi

Leonardo.it Mi piace Leonardo.it piace a 10.290 persone.

Milano Film Festival: piccoli attori e registi crescono con Imaginarium al Festivalino. I dettagli.. Mi piace

0

Tweet

0

0

Plug‑in sociale di Facebook

+393   Recommend this on Google

Share

Segui

In occasione della 18esima edizione di Milano Film Festival ( fino al 15 settembre), Imaginarium presenta Festivalino, evento davvero speciale pensato per i bambini, dove cultura e divertimento, creatività e passione si fondono. Dunque, tornano anche quest’anno proiezioni, giochi e animazioni dedicati ai più piccoli. Sabato 14 e domenica 15 settembre le famiglie potranno raggiungere Cascina Cuccagna, dove alcuni cortometraggi animati intratterranno i bambini. Subito dopo le proiezioni, Imaginarium presenterà “Pomeriggio da Oscar”, laboratori creativi pensati per vivere la magia del cinema attraverso il gioco. Dalle ore 16, i piccoli futuri attori e registi parteciperanno prima a “Facciamo un film?” con uno speciale regista d’eccezione, dotato di tutti gli strumenti del mestiere (Ciak, megafono, costumi), che girerà dei cortometraggi realizzati dai bambini. Imaginarium fornirà accessori e costumi e verrà realizzato un divertente shooting fotografico.

«

Poi, si terrà “Un pomeriggio da Oscar”, dove i bambini verranno insigniti del prestigioso premio per il lavoro svolto nel workshop precedente e potranno vivere un’emozione da vera star con un’esclusiva sfilata.

Leonardo è

Tags: eventi per bambini, Imaginarium, Milano Film Festival Mi piace

0

Tweet

0

0

Share

Cognomix Donna attualissim


MISSION

REDAZIONE

CONTATTI

PUBBLICITÀ

GIOVEDÌ,

"On the road"

ECHEION I 12 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE

I protagonisti siete voi ­ Coming Cerca nel sito ...

HOT NEWS

ATTUALITÀ

ECONOMIA

SPORT

Berlusconi e il calvario della decadenza SPOTLIGHT

CULTURA

TV & RADIO

TECNOLOGIA

MODA

Prima Divisione, Girone A: favorite e outsider

EVENTI

FOTO

DITEC

Fifi Howls from Happiness al Milano Film

Milano Film Festival: Mirage à l’italienne e le nuove frontiere del documentario Michele Chighizola

12 settembre 2013

Cinema & Teatro, Hot News Presentato 

tra

gli

applausi

0 in

anteprima italiana  al  Milano  Film Festival,  Mirage  à  l’italienne  è  il terzo  lavoro  di  Alessandra  Celesia, documentarista  italiana  che  lavora  in Francia e che si era già fatta notare nel 2011  con  l’interessante  Il  Libraio  di Belfast. Classe 1970, la regista ha da sempre alternato il lavoro dietro la cinepresa con il teatro, per il

4 Like

2 Tweet

1

SCRITTO DA

quale, in  Francia,  è  stata  sia  attrice  che  direttore  artistico.  E  proprio  (e  paradossalmente) con  finanziamenti  francesi  Alessandra  Celesia  è  riuscita  a  girare  un  film  che  riesce  a

MICHELE C

parlare dell’Italia di oggi, meglio di tante produzioni nostrane.

Originario d

0

levantina, v Share

cinque anni

storia, per a

scrive di cinema. Della set

apprezza gli svolazzi artist

soprattutto le derive main­s

Gestisce un blog di recens

cinematografiche, ha collab

qualche festival di cinema 

ama l'universo della pubblic

suoi multiformi aspetti, dai

bassi, con debole per il trit mediatico.

ALTRI DELLA CATE

Fifi Howls fro

Milano Film F

La storia la s

e poiché Bahman Mohasse

Ultimi Film Usciti

Sofia Coppol

Trova tutti gli Orari dei Film in Programmazione con PagineGialle! www.paginegialle.it/cinema

“Padrino”

L’attrice e reg

statunitense, figlia di Franci Ambientato a Torino, Mirage à l’italienne segue il percorso, reale, di sei persone adulte che, nell’Italia della

torna[...]

crisi economica e lavorativa di oggi, corrono dietro al miraggio di un lavoro in Alaska promesso da alcuni cartelloni pubblicitari. Tra colloqui attitudinali, test d’inglese e corsi per imparare a pulire il pesce, il gruppo di persone stringerà amicizia e troverà un po’ di serenità perduta, fino a quando, una volta giunto in Alaska, avrà un’amara sorpresa. Il film di Alessandra Celesia si inserisce brillantemente in quel nuovo filone di film che potremmo chiamare “documentari  di  finzione”,  che,  negli  ultimi  anni,  sta  vedendo  l’Italia  tra  i  suoi  migliori  rappresentanti  in tutto il mondo.

Shadowhunte ossa

Parliamo anc

un film poco impegnativo e[


ECHEION I 12 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

Come, infatti,  in  opere  recenti  e  molto  apprezzate dalla  critica  quali  La  Bocca  del  Lupo  di  Pietro Marcello,  L’Estate  di  Giacomo  di  Alessandro Comodin,  L’Intervallo  di  Di  Costanzo  e  il  fresco vincitore  di  Venezia  Sacro  Gra  di  Francesco  Rosi, in  Mirage  à  L’italienne  lo  spettatore  non  riesce  a cogliere  il  momento  esatto  in  cui  finisce  il documentario (e quindi, in teoria, la realtà) e comincia la fiction, in quanto il confine tra reportage e opera di finzione rimane costantemente ambiguo. Così, grazie a questo escamotage formale, i registi riescono a rompere la rigida gabbia verista imposta dal documentario  classico  e,  liberi  di  forzare  la  realtà  con  metafore  e  atmosfere  poetiche,  riescono paradossalmente ad avvicinarsi maggiormente al senso della realtà delle cose che riprendono. E ciò è quanto accade  anche in Mirage à L’italienne, dove l’originale miscellanea di fiction e documentario permette  alla  regista  di  far  emergere  le  personalità  –  tanto  magnetiche  e  straordinarie  quanto  normali­  dei protagonisti,  riuscendo  a  tracciare  un  agrodolce  ritratto  di  un  paese  malato,  sofferente,  ma  che  è ancora in grado di sognare ed osare, proprio come questa new­wave di registi italiani.

T i è pi ac i u to ? Co n di v i di l o co n i tu o i am i ci

Condividi

I Topic trattati Alessandra Celesia

Milano Film Festival 2013

Mirage À L'italienne

Aspetta! Ti potrebbero anche interessare...

Fifi Howls from Happiness al Milano Film Festival

Les rencontres d’après minuit al Milano Film Festival

Ha inizio il Milano Film Festival ed è subito amore

Promesse milanesi al Milano Film Festival

Che cosa ne pensi? Aggiungi un commento... Pubblica su Facebook

Stai pubblicando come Valentina Calabrese (Modifica)

Commenta

Plug‑in sociale di Facebook

← Articolo Precedente

Ultime su Attualità

Ultime su Costume & Società

Ultime su Sport

Ultime su Cin


FLUORODIGITAL I 12 SETTEMBRE 2013 home

stockists

fluoro

subscribe

MILANO FILM FESTIVAL The parks, carparks, alleys, museums and galleries of Milan are set to be transformed into cinemas for the 2013 edition of the Milano Film Festival. The Festival truly explores the genre of film, not limited to feature films but also includes innovative music film clips, short animations and audiovisual projects. See below for fluoroâ&#x20AC;&#x2122;s picks. - Finding the Funk: Before funk returned in great form through the likes of Daft Punk and Pharell, funk had been a revolution that permanently changed contemporary sound. Looking for the connections between the various faces of the genre Finding the Funk, directed by Nelson George, accurately surveys the almost half-century of the history of funk. - Aydin, Discodeine: Pleix is a group of French digital artists that alternate between fashion photography, music videos, animations for advertising and gaming illustrations. Their filmclip for Discodeine takes the viewer on a hallucinatory journey in fluorescents. - Lunarcy!: Director Simon Ennis originally set out to create a scientific documentary about the moon, and what remains of the space missions that kept the world in suspense for so many years. Instead, what is revealed is a portrait of unique individuals who have a bond to the moon. The Milano Film Festival runs from Thursday 5 â&#x20AC;&#x201C; Sunday 15 September 2013 at public venues across Milan, Italy. www.milanofilmfestival.it

Fri 30 Aug 2013

contact


FOURMAGAZINE I 12 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE

ARTE

TEATRO

DANZA

MUSICA

CINEMA

SERIE TV

CROSSMEDIA

MODA

LIBRI

FUMETTI

Christos Stergioglou: “Young people have the power” 12 SETTEMBRE 2013 16:07 

ALICE UNGARO

Intervista al protagonista de: “The Eternal Return of Antonis Paraskevas”

Abbiamo visto “The Eternal Return of Antonis Paraskevas” e ci è piaciuto. Sarà perché ci ricorda tanto i fattacci di

RADIOBOCCONI

casa nostra con quella crisi di valori che parte dalla televisione e si insinua nel sociale. Ancora una volta una donna a firmare la regia – Elina Psykou – di questo lungometraggio greco in concorso al Milano Film Festival 2013. Ne  abbiamo  incontrato  il  protagonista,  Christos  Stergioglou,  sulla  scalinata  del  Teatro  Strelher,  location deputata di gran parte degli eventi di questa bella manifestazione.

LATEST PINS ON PI

Come ti sei trovato arruolato in questo progetto? Conosco Elina da sette anni, era un’assistente alla regia all’epoca di un lavoro fatto per la TV. Due anni fa mi ha chiamato  e  mi  ha  detto  che  avrebbe  tanto  voluto  che  io  accettassi  questa  parte  nel  film.  Ho  letto  la sceneggiatura, mi è piaciuta, così ho detto immediatamente: Sì! Ci siamo incontrati ed ho visto nei suoi occhi che voleva sul serio fare questo film, e lo voleva fare con me. Il mio istinto mi ha detto di seguirla, ci siamo fidati l’uno dell’altra e abbiamo realizzato insieme “The Eternal Return…”. Un anno fa sono iniziate le riprese, ora il film è qui ed io sono davvero felice di aver lavorato con Elina. Il film ruota interamente intorno al tuo personaggio. Una bella responsabilità! Come l’hai costruito?

CINEMA

L’ho costruito insieme ad Elina. Ci siamo incontrati per i tre mesi antecedenti le riprese, lei aveva già creato il

Gioco di ombre

Sherlock Holmes  personaggio – perché ha scritto lei soggetto e sceneggiatura, ma abbiamo deciso insieme come sarebbe stato quest’uomo,  intendo,  come  la  sua  mente  avrebbe  funzionato,  così  piano  piano  sono  stato  coinvolto  dal personaggio  e  mi  sono  anche  divertito  molto  nell’interpretarlo  (anche  se  di  certo  non  è  un  personaggio divertente o positivo!). Antonis è un personaggio molto strano, difficile. Ha perso la testa, non sa più come vivere, lui vuole solo essere il migliore e il più famoso, non ha alcun altro scopo nella vita. Vorrebbe essere un eroe, ma com’ è mai possibile esserlo con questo tipo di pensieri negativi nella testa?!? Penso  sia  stato  davvero  difficile  per  te  interpretare  un  ruolo  così  distante  dal  tuo  sentire.  Come  ci  sei

www.fourzine.it/2013/09/christos-stergioglou-young-people-power/8171

J.EDGAR Il cuore nero dell’America 

L’Oroscopo di Glo – Benvenuti! 

Settimana dal 9 al 15 Gennaio 20 THE ARTIST  Le parole che nessuno ha detto IL SENTIERO 

La religione come modo per (non


FOURMAGAZINE I 12 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

12/09/13

Christos Stergioglou: “Young people have the power”

riuscito? Sì, Antonis  è  esattamente  il  mio  opposto!  Ma  ho  cercato  di  scovare  in  me  le  ragioni  per  cui  una  persona dovrebbe pensarla o comportarsi in questo modo. Non è difficile ma neanche facile, ho interpretato moltissimi ruoli  negativi  nella  mia  carriera,  proprio  ieri  un  ragazzo  mi  ha  chiesto  “Se  tu  fossi  un  serial  killer,  cosa penseresti?”. Bhé se lo fossi penserei forse che uccidendoti, andresti in paradiso, quindi lo farei per il tuo bene. Se fossi Hitler che ha sterminato tutti quegli ebrei…no, lui proprio non so perché l’abbia fatto… Hai lavorato sia per il Teatro che per il Cinema. Hai una preferenza? Ho due amori, il cinema e il teatro. Non trovo differenza fra i due. Ho iniziato a fare film solo dodici anni fa, ed è capitato per caso. Una regista venne a vedere una mia performance e mi chiese di recitare nel suo secondo film ed io pensai che sì, sarebbe stata una bella avventura per me. Un’altra regista mi chiese la stessa cosa nel suo esordio al cinema e così mi sono ritrovato ad interpretare ben sedici film! Sono fortunato, perché ho recitato in dei  bei  film,  ad  esempio  “Alienation” di Milko  Lazarov,  ancora  una  volta  un  esordiente.  Non  so  perché  ma  i giovani mi cercano sempre e ne sono davvero lieto e soddisfatto. Succede  sempre  così,  loro  vogliono  incontrare  me  ed  io  voglio  incontrare  loro,  così  si  crea  questa  sorta  di conversazione segreta.

Quali sono i tuoi prossimi step professionali? Reciterò in teatro in due piéces, in una il regista è molto giovane, ha appena 26 anni ed un mio ex studente, sono molto eccitato all’idea di lavorare con lui in Mourning Becomes Electra di Eugene O’Neill. Quindi sei anche un insegnante! Insegno  da  otto  anni,  ma  quest’anno  mi  prenderò  un  anno  sabbatico  poiché  sono  molto  stanco.  Ma  amo tantissimo lavorare con i ragazzi, riesco ad entrare facilmente in connessione con loro. In molti film visti qui al Milano Film Festival ma anche altrove, la crisi è un tema ricorrente. Crisi economica, ma anche di valori. Qual è la situazione oggi in Grecia? Sfortunatamente  la  Grecia  è  in  una  situazione  davvero  brutta  al  momento.  Nessuno  crede  più  alle  bugie  del Governo,  ma  allo  stesso  tempo  è  a  loro  che  dobbiamo  affidarci  per  sperare  in  una  salvezza.  Credo  che  in qualche  modo  si  stia  vivendo  in  guerra,  anche  se  per  ora  senza  armi,  ma  la  guerra  economica  è  molto  più pericolosa.  La  gente  è  schiacciata  dalle  tasse,  oltre  il  10%  di  noi  non  ha  i  soldi  per  mangiare.  Non  abbiamo alcuna idea del futuro, speriamo nel Governo, ma la verità è che esso dipende dalla Germania, che dipende a sua volta dalle logiche economiche dell’America. Non siamo liberi. Tu sei molto vicino ai giovani. In questo caso, cosa vedi nel loro futuro? Sono, anzi siete, in una situazione molto difficile, ma credo che ce la farete perché avete l’energia e lo spirito giusti. State capendo molte più cose, avete il potere. Lo spero e ci credo. Grazie mille!!!

CINEMAINTERVISTE

POSTI IN PIEDI IN PARADISO Il Purgatorio  Secondo Verdone Diaz, Parlano Vicari e il Cast

Marco Bocci: “Io un sex symbol?Piuttosto un

bambinone!” L’attore al Giffoni porta la vera st cane Italo.


GAIAITALIA I 12 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE

HOME

LA PAGINA DELLO ZIO BO

CINEMA & FESTIVAL

YOMAGAYZINE ITALIA

INTERVISTE

GAIAITALIA EVENTI

CULTURA search

Home » CINEMA & FESTIVAL, COPERTINA, CULTURA » Milano Film Festival, il programma di giovedì 12 settembre

Milano Film Festival, il programma di giovedì 12 settembre gaiaitalia.com ­ 12 September 2013 2 Like

Share

1

3 people like this. Be the first of your friends.

StumbleUpon

Comunicato stampa Largo spazio al Concorso Lungometraggi per questi ultimi giorni di Festival. Alle 15 presso lo Spazio Oberdan il film greco di Elina Psykou, The Eternal Return of Antonis Paraskevas (h 15 Spazio Oberdan). A seguire, Habi, la extranjera di Maria Florencia Alvarez, selezionato alla Berlinale, presentato dalla regista (h 20:30 Teatro Strehler, replica), Ilo Ilo diAnthony Chen (h 22:00 Triennale – Teatro dell’Arte, replica) e per concludere, Terra de ninguém di Salomè Lamas (h 22:45 Teatro Studio, replica). Tornano, per il Concorso Cortometraggi del Milano Film Festival, il Gruppo H (natura e fantascienza in una camera d’albergo di Okinawa con Silent Passengers di Hirofumi Nakamoto, e l’omaggio al mito del western con Fabiano, incaricato di uccidere la morte, in Malaria di Edson Oda – h 17:00 Teatro Strehler) e il Gruppo G (fra gli altri, la claustrofobica opera di Vladimir de Fontenay, Mobile Homes, e una storia di amore tenera e originale, In The Air Is Chirstopher Gray di Felix Massie – h 22:30 Teatro Strehler).   Milano Film Festival rende omaggio a Sylvain George, autore di cinema politico e sperimentale, di cui presenta i lavori in un’ampia rassegna. Oggi è in programma il lungometraggio Vers Madrid – The Burning Bright! (Scenes from the Class Struggle and the revolution), più che un film, un cinegiornale che mostra il movimento degli Indignados, il primo grande movimento del ventunesimo secolo (h 15:00 Teatro Studio). A seguire Les Éclats (h 19:00 Spazio Oberdan, replica), che gli è valso nel 2011 il riconoscimento unanime della critica, e numerosi premi in festival italiani e internazionali. La sezione che indaga sugli abusi del potere torna oggi con Les Chebabs de Yarmouk di Axel Salvatori­Sinz, che sarà presente in sala (h 17:00 Spazio Oberdan, replica), e, a seguire, l’anteprima diSur le Rivage du monde di Sylvain L’Espérance (h 21:00 Spazio Oberdan). Sarà lo stesso regista a spiegare al pubblico il motivo di questo film che ci porta in Mali, a Bamako, luogo di transito per uomini e donne destinati a incontrare solo un’eterna attesa. Per i “fuori categoria” del Milano Film Festival, oggi si comincia con la musica di A Band Called Death diMark Covino e Jeff Howlet (h 15:00 Teatro Strehler, replica), storia di una delle prime black punk band, fondata dai fratelli Hackney, raccontata attraverso aneddoti e testimonianze dei grandi, tra cui Henry Rollins. A seguire, Closed Curtains di Jafar Panahi eKamboziya Partovi, in collaborazione con CeCINEpas (h 20:00 Teatro dell’Arte). Panahi con questo film torna a far parlare di sé nonostante il divieto ventennale del regime iraniano di esercitare il suo mestiere con un lavoro che è una riflessione sulla creazione cinematografica, realizzato a casa sua, nel Mar Caspio con solo cinque membri della troupe. Infine, la serata si chiude con Midsummer Night’s Tango di Viviane Blumenschein (h 21:00 Teatro Studio, replica). Milano Film Festival compie 18 anni e per celebrare l’evento ha in serbo un cofanetto di meraviglie sepolte, una rassegna che attraversa tutto il programma di questa edizione composta di due sezioni di cortometraggi, Grandi Speranze e The Platinum Collection. Alle 15:00 in Scatola Magicaper The Platinum Collection, Identità; seguono alle17:00 Memoria, e alle 20:30 Le origini – vol. II (1996 – 2003). Alle 21:00 in Parco Sempione è la volta della sezione Grandi Speranze, Tutti di famiglia e in contemporanea, MFF incontra Lucha Libre per festeggiare il 18° compleanno del Milano Film Festival; dalle21:00 in Parco

C


CERCA

LOUDVISION I 12 SETTEMBRE 2013 cinema Home / Cinema / News / Milano Film Festival: Ultimi giorni, prosegue l'omaggio a Sylvain George

news Milano Film Festival: Ultimi giorni, prosegue l'omaggio a Sylvain George 12/09/2013

Autore: Valentina Alfonsi

72 letture Stampa Invia ad un amico Condividi in rete Link breve  http://lv11.it/m0u4h

Questo articolo 

mi piace 

non mi piace

APPROFONDIMEN

Ultimi giorni per la 18esima edizione del Milano Film Festival che si chiuderà ufficialmente domenica. Oggi, per il concorso lungometraggi, proiezioni di "The Eternal Return of Antonis Paraskevas" di Elina Psykou, "Habi, la extranjera" di Maria Florencia Alvarez (dalla Berlinale),

In questa colonna trovi gli ap che stai leggendo

FOTO

"Ilo Ilo" di Anthony Chen e "Terra de ninguém" di Salomè Lamas. Prosegue anche l'omaggio (più workshop) a Sylvan George con "Vers Madrid – The Burning Bright! (Scenes from the Class Struggle and the revolution)" e "Les Éclats". Milano Film Festival  Alle 18, al Teatro Studio, presentato al pubblico e alla stampa "ARE YOU SERIES?" il progetto pensato dal Milano Film Festival e realizzato grazie al sostegno di Banca Prossima,

CONNECTION

la Banca del Gruppo Intesa Sanpaolo dedicata al non profit. L'obiettivo è produrre una webserie di 10 episodi da veicolare sul web dedicata al mondo del non profit.

ARTICOLI ...e altri ancora. Cerca "Milan

Milano Film Festival:  Milano Film Festival:  Milano Film Festival:  con Louis Hudson Milano Film Festival:  Milano Film Festival: 

Tutte le info su MFF.it

COMMENTI Questo articolo 

mi piace 

non mi piace

Invia un commento Se sei iscritto a LoudVision effettua il login. Altrimenti registrati qui oppure connettiti con il tuo account Facebook o MySpace Vai al forum

PROPAGANDA


899 Panigale puro Dna Ducati / IL VIDEO

Lady Gaga citata  dall’ex assistente

Basket, oggi la S Pianigiani ci cred

METRONEWS I 12 SETTEMBRE 2013 METRO NEL MONDO HOME

NEWS

YOURMETRO

CLUB METRO

BLOG

RUBRICHE

VIDEO

MAGAZINE

METROJOB

Impossibile caricare il plug‑in.

Øye canta da solo  e lo fa in italiano Musica.  Appuntamento  sfizioso,  oggi  al Parco Sempione, per “Park Live” all’interno del “Milano Film Festival”. Per l'occasione ci sarà  un  live  acustico  di  Erlend  Øye, cantante  del  duo  norvegese  Kings  of Convenience,  che  presenterà  il  suo  primo singolo in italiano “La prima estate” (ore 19, gratis), frutto del suo trasferimento in Sicilia e  della  scoperta  delle  hit  italiane  anni Sessanta e Settanta. Da  stasera  a  sabato  al  Legend  (ore  21)  ci saranno  invece  le  finali  nazionali  della venticinquesima  edizione  del  concorso  per gruppi  emergenti  “Rock  Targato  Italia”, mentre  al  Blue  Note  ascolteremo  il  batterista  Giovanni  Giorgi  con  “Wrong  And  Right”  (ore  21,  euro 20/25). Atmosfere più toste al Magnolia con l'indie rock degli americani Built To Spill (ore 22, euro 5).

www.metronews.it/master.php?pagina=notizia.php&id_notizia=15816

SCOOPSHOT


RECENSITO I 12 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE

Home

Eventi

Libreria

Teatro

Cine & TV

Interviste

Rubriche

Links

Formazione

Contatti

Giovedì 12 Settembre 2013

Alessandra Celesia: una regista che ama raccontare le fragili vite degli altri con rara poesia 12 09 2013 (Interviste) “Mirage a l’italienne” è l’unico film in concorso tra i lungometraggi al Milano Film Festival di una regista italiana Alessandra Celesia; da anni ormai vive a Parigi dove lavora senza mai fermarsi alla ricerca di nuove storie da raccontare e condividere. Nel 2012 ha vinto il Festival dei Popoli con il documentario “Le libraire de Belfast”. “Mirage a l’Italienne” è un documentario ambientato a Torino; qui quattrocento persone rispondono ad un annuncio per un possibile lavoro in Alaska. Iniziano le selezioni e alla fine vengono scelte cinque persone, le più motivate, quelle che vogliono scommettere tutto su questa avventura. Una volta arrivati in Alaska si scoprirà che il lavoro non c’è ma il viaggio per loro non è finito, anzi; decidono di restare per il tempo stabilito e iniziano un percorso personale di riscoperta di sé, di riflessione, di confronto, di dialogo. Un racconto pieno di poesia e di sincerità, raccontato con sensibilità dalla Celesia attraverso gli occhi e le emozioni di coloro che decidono di vivere in prima persona questa avventura, uomini e donne pieni di speranze e desideri in un momento nel quale non sembra esserci altra possibilità che arrendersi. Con il suo talento Alessandra Celesia è riuscita a raccontare archetipi umani con grande umanità e verità, non appiattendoli ma rendendoli pieni e ricchi di chiaroscuri, di una disperazione dignitosa e carica di speranza, senza cadere in facili luoghi comuni ma raccontandoli attraverso occhi curiosi e voraci, in cerca di vita e passioni. Ospite del Milano Film Festival, abbiamo avuto la fortuna e il piacere di poter chiacchierare con lei.   Come è nato il progetto di “Mirage a l’italienne”? La maturazione dell’idea è stata molto lunga: nel 1995 a Torino erano comparsi in giro per la città manifesti che proponevano un possibile impiego per pescare salmoni in Alaska; molte persone che conoscevo avevano risposto con entusiasmo a questo annuncio, con la speranza profonda che quel lavoro lontano, in una terra sconosciuta potesse improvvisamente cambiare la propria vita e renderla migliore. Si è scoperto che questa agenzia però non esisteva e quindi tutte le speranze e i sogni legati a questa possibilità sono svaniti. Questa cosa mi aveva colpito molto perché rappresentava per me la metafora della possibilità di cambiare radicalmente la propria vita attraverso un viaggio; un po’ come ho fatto io quando sono andata a vivere in Francia, lontano da casa, dove ho trovato la mia strada e la possibilità di fare ciò che amo. Questa idea continuava a tornarmi in mente; ho fatto delle ricerche su internet e ho trovato molti blog dove molti parlavano di questi viaggi possibili per cercare di dare una svolta alla propria vita, al proprio destino. Due anni fa per me era arrivato il momento di raccontare una storia italiana e questo mi sembrava un tema interessante. Non c’è stata una gestazione lunga come per “Il libraio di Belfast”; non avevo una storia già scritta. Abbiamo messo un annuncio a Torino con una proposta di lavoro in Alaska e nel giro di un paio di giorni abbiamo ricevuto ben 400 risposte. Da qui c’è stato un lungo lavoro di scrematura e ho scelto cinque persone che secondo me potevano raccontare storie interessanti, coinvolgenti, universalmente condivisibili. Ho lavorato con loro per più di un mese, per conoscerci per instaurare quel rapporto indispensabile per capire il loro mondo, le cicatrici che la vita aveva lasciato sulla loro anima, per riuscire poi a raccontarle sullo schermo senza svuotarle del loro significato profondo e per rappresentarle al meglio, attraverso i miei occhi. Per me conoscere Giovanna, uno dei personaggi, è stato sorprendente; inizialmente mi aveva colpito perché mi ricordava un po’ Anna Magnani ma non avrei mai immaginato la storia che custodiva e che pian piano ha cominciato a raccontare facendoci entrare nel suo mondo. Non volevo fare un documentario realistico ma un racconto “poetico” su persone che erano pronte per affrontare un viaggio che rappresentasse qualcosa di importante nella loro vita, un punto di svolta non solo economico ma anche personale.   Come hai lavorato con i protagonisti della tua storia, dopo averli scelti? Ho lavorato molto seguendo gli eventi naturali e ciò che nasceva spontaneamente; ovviamente quando ho scelto i protagonisti immaginavo che potessero nascere dei momenti interessanti di interazioni tra loro, momenti di confronto dato che provengono da mondi diversi e spesso opposti. Per me questo è un documentario che cerca non solo di raccontare la realtà, ma di raccontare storie ed emozioni… Io unisco la mia passione per il teatro, da sempre mio grande amore, a quello per il documentario; i protagonisti di questa storia per me sono degli archetipi, personaggi di sempre, che abbiamo già visto e incontrato. Il mio obiettivo era quello di poterli lasciare vivere ma allo stesso tempo renderli più grandi di quello che sono, quasi di magnificarli e di rendere unico il momento che stavano vivendo, quel momento di speranza e di desiderio che quella partenza poteva rappresentare nella propria vita. Per me questo è un lavoro che implica un coinvolgimento mentale assoluto, bisogna essere sempre pronti a ricevere ogni segnale che ti arriva da ogni singolo minuto vissuto e bisogna cogliere le possibilità che nascono in quel momento e che possono generare determinate conseguenze che devono essere raccontate. Bisogna aspettare che le emozioni di ciascun protagonista abbiano un proprio percorso e si manifestino con naturalezza perché altrimenti il documentario perde il valore originario; per me lo scopo principale del film,

Leggi tutti gli artic

Inserisci la parola da cercare:

Iscriviti alla nostra mailing list per restare sempre aggiornato  E­mail

Manda i tuoi contributi, le tue recensioni alla nostra redazione e potrai essere pubblicato!

Segnalaci gli eventi della tua città


RECENSITO I 12 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

oltre che raccontare un aspetto del mondo del lavoro e alcune problematiche attuali, era quello di raccontare la fragilità umana e renderla bella, carica di dignità e valore. La storia scelta per me deve possedere un valore trascendentale perché altrimenti si perde il senso della narrazione.   Non c’è un po’ di rammarico, da italiana, nel vedere il proprio lavoro su una storia italiana prodotto in Francia? Questo era un film che prevedeva un investimento importante dato che doveva essere girato in parte in Alaska; non potevo farlo senza un budget. Per questo dovevo trovare assolutamente un investitore importante e quindi una televisione. Per il tipo di film che volevo fare era anche il mezzo migliore; sono partita proponendo un’idea, senza un progetto vero e proprio convinta che l’idea di base potesse riservare dei risvolti sorprendenti. La televisione francese Artè ha accolto con entusiasmo questo mio progetto e ha deciso di finanziarlo; ha sostenuto con coraggio il mio progetto investendo su un documentario rischioso e che cambiava nel tempo, dato che il risultato dipendeva anche e molto da ciò sarebbe nato nel corso delle riprese. In Italia il problema per me non sono i produttori o i distributori ma sono le televisioni; abbiamo proposto questo documentario alla Rai ma non abbiamo avuto risposta. Secondo me negli ultimi anni c’è una maggiore attenzione al documentario in Italia e si stanno affermando tanti giovani documentaristi. In Francia quello che ho notato è che il documentario ha la stessa dignità di un lungometraggio; hanno la consapevolezza che il documentario non deve per forza essere un prodotto low budget ma ha bisogno di investimenti per essere un lavoro di qualità e d’autore. .  Un’italiana che, dalla Francia, guarda al mondo… Ho sempre amato molto viaggiare, entrare in contatto con culture e mondi diversi e lontani da me; questo mi ha aiutato molto nei miei lavori. Per “il libraio di Belfast” avevo paura di non conoscere abbastanza la realtà del luogo per poterla raccontare con la giusta forza e rispetto e invece i miei occhi di straniera hanno arricchito la lettura del racconto, l’hanno resa densa di significati a volte dimenticati. Così come per questo mio ultimo lavoro; la lontananza dall’Italia mi ha permesso di desiderare ardentemente questo progetto, di pensarlo e costruirlo nella mia mente, caricandolo di aspettative e desiderio. Sono comunque molto legata all’Italia e credo che il futuro possa riservare una serie di coproduzioni importanti e quindi una maggiore collaborazioni tra Paesi dettata anche dalla situazione economica. Inoltre secondo me in Italia c’è un grande movimento artistico, nascono tanti festival che sostengono nuovi talenti emergenti, persone che vogliono valorizzare un certo modo di fare cinema, puntando sulla nostra cultura storica, culturale e artistica. Sono molto contenta dell’accoglienza che i miei lavori hanno ricevuto in Italia; sono stata molto valorizzata e i miei documentari stati apprezzati e di questo sono molto fiera e contenta. L’anno scorso ho vinto con “Il libraio di Belfast” il Festival dei Popoli e quest’anno il Milano Film Festival ha selezionato per il concorso dei lungometraggi “Mirage a l’italienne”. Sono veramente entusiasta   Progetti futuri… Sicuramente farò un documentario sempre raccontando storie dense di vita e di fragilità Sto affrontando anche un nuovo progetto: sto finalmente cercando di scrivere una storia di fiction, magari mescolando poi attori professionisti e non. Questo è un campo del tutto nuovo per me e mi sono resa conto che è molto difficile, per me è più facile scrivere un documentario perché la storia è lì davanti ai tuoi occhi, devi solo coglierla. Un produttore mi ha messo in contatto con uno sceneggiatore e vedremo come si svilupperà il progetto; al centro della storia ritorna l’Italia, in particolare la Sardegna, terra da me molto amata.   Attendiamo con trepidazione i nuovi progetti di questa appassionata regista che con una poesia ormai rara da trovare, racconta, restituendogli dignità e valore, storie di uomini e donne che sembrano “fragilmente persi” ma in realtà custodisco un mondo di sogni, desideri, speranze nonostante tutto e tutti.   Un ringraziamento a Valentina Calabrese, ufficio stampa Milano Film Festival   (Tamara Anna Malleo)

© 2013 ­ Recensito Multimedial Information, Cultural Service & Reviews


SALTINARIA I 12 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE HOME

MUSICA

TEATRO

ARTE & CULTURA

SaltinAria.it ARTE & CULTURA  News Eventi

INFO & CONTATTI

PAR

Cerca...

"CAMP 14, TOTAL CONTROL ZONE" DI MARC WIESE AL MILANO FILM FESTIVAL 2013 G iov edì, 12 Settembr e 2013 Cater ina Paolinelli

Fuori concorso alla XVIII edizione del Milano Film Fest la pellicola del regista Marc Wiese, che da oltre quindici anni si dedica alla realizzazione di documentari sia per cinema che televisione.  Questo  lavoro,  qui  proposto  nella  categoria  “Colpe  di  Stato”,  è  stato presentato in anteprima mondiale al Toronto Film Festival del 2010.              

► Cinema film ► Film al cinema og

► I film al cinema og

          CAMP 14, TOTAL CONTROL ZONE regista Marc Wiese produzione Engstfeld Film produttore Axel Engstfeld distribuzione Global Screen sceneggiatura Jörg Adams interpreti Shin Dong Huyk, Hyuk Kwon, Oh Yangnam montaggio Jean­Marc Lesguillons fotografia Jörg Adams sound editor Karl Atteln     “…anche se sono passati molti anni, non voglio più ricordare questa esperienza” è la frase che torna in mente dopo, usciti dalla sala.  La  frase  che  nega  completamente  ciò  che  abbiamo  visto.  Il  documentario,  documentare,  è  necessario  non  solo  per testimoniare e denunciare; ma anche per costituire una memoria affinché non possa essere più. Quella narrata qui è una storia che ci sembra impossibile. O meglio, la nostra mente può reputarla possibile solo se collocata in  un  passato,  non  necessariamente  remoto,  ma  passato.  E  invece  accade  oggi,  accade  qui,  nel  mondo  in  cui  viviamo anche noi. Il protagonista è un ragazzo, adesso giovane uomo, che è nato e cresciuto in un campo di lavoro nella Corea del nord. Cos’è un campo di lavoro? Un lager, un posto dove chi è prigioniero non ha alcun diritto, solo obblighi. E Shin Dong­Huyk nasce lì. Sua madre era stata data in premio a suo padre per aver lavorato sodo senza disobbedire mai. Il ragazzo racconta: le torture subite, il giorno che ha tradito (per paura di essere ucciso) sua madre e suo fratello che stavano progettando la fuga, il giorno che li ha visti al patibolo, la sua fuga dal campo avvenuta un giorno qualunque mentre raccoglieva la legna. Insieme ad un compagno più vecchio si trovano di fronte al filo spinato e tentano di scavalcarlo. Il compagno di fuga muore fulminato sulla rete elettrica e lui usa il corpo dell’amico per schermarsi dalle scosse elettriche e scappa. Si ritrova nel mondo, quello reale, che a lui sembra assurdo. Qui servono i soldi che per lui sono solo pezzi di carta. Abituato ad un mondo dove si lotta strenuamente per difendere la propria vita, dove assolutamente non si percepisce il desiderio della morte perché questa è sempre lì pronta a prenderti, si ritrova scaraventato in un reale dove le persone si suicidano per motivi che a lui sembrano assurdi: non corrisposto amore, problemi finanziari, un licenziamento.... Però è anche bello, ci sono tante cose da mangiare, tanti vestiti diversi e di vari colori. Alla fine di tutto però il suo sogno è solo tornare là dove è cresciuto, nella casa in cui è  nato  e  ha  dormito  per  15  anni  sul  pavimento  senza  sapere  cosa  fosse  un  letto.  Tornare  lì  a  vivere,  ma  senza  le  guardie, coltivare la terra ed essere libero. Vengono i brividi, lunghi brividi lungo la schiena e anche un po’ di sincera indignazione. Ma come? Tu sei riuscito a fuggire eppure hai nostalgia di quel luogo? Qui Freud si scatenerebbe con le sue teorie sul rapporto di co­dipendenza tra vittima e carnefice, ma non è questo il luogo per tale riflessione né è questo il mestiere di chi sta scrivendo. All’interno del documentario abbiamo anche le interviste a due dei responsabili del “Camp 14”, due aguzzini, e ad una delle guardie che lavorava lì. E’ impressionante vederli parlare con naturalezza di torture e omicidi. Solo uno di loro appare fortemente disgustato da se stesso, è l’unico che dichiara che questa che sta rilasciando è la sua ultima intervista sull’argomento. Ma, ci sarebbe da chiedersi: perché queste persone che hanno senza dubbio violato qualunque possibile legge sui diritti umani, sono libere e indossano un completo con tanto di cravatta? E ancora di più, come possiamo permettere che oggi, anno 2013 d.C., esistano  ancora  dei  luoghi  come  questo?  Dei  lager,  dove  persone  come  noi  vivono  vite  fatte  di:  terrore,  abusi,  violenze

Articoli correlati


SALTINARIA I 12 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

fisiche pesanti?  No,  decisamente  questa  storia  non  può  sembrare  reale.  Fa  troppo  male.  Fa  troppa  vergogna.  Farebbe prendersi troppa responsabilità, troppo in carico il dire e fare e spaccare qualcosa. Torna feroce il tema del rispetto. Cos’è la mia vita se non rispetto la tua? Cosa sono io se sono incapace di sostenere te? E noi, qui, con tutto quello che abbiamo e ci costruiamo, quanto siamo invisibilmente avvelenati dalla sofferenza che gravita intorno a noi similmente all’aria che respiriamo? Il  protagonista  adesso  collabora  con  Link:  un’organizzazione  statunitense  che  lotta  per  la  liberazione  della  Corea  del  nord  e viaggia per il mondo raccontando la sua esperienza. Nella Corea del nord attualmente ci sono 200.000 detenuti in campi di lavoro. Il lavoro di Wiese è asciutto e essenziale, interessante la scelta degli inserti a disegni animati per raccontare quelle parti dove la documentazione video non poteva arrivare (l’infanzia del protagonista nel lager, l’esecuzione della madre e del fratello per fare qualche esempio).     Passaggi al Milano Film Festival 08­09­2013 20:00 / Triennale ­ Teatro dell'Arte 10­09­2013 17:00 / Teatro Studio     Articolo di: Caterina Paolinelli Grazie a: Valentina Calabrese, Ufficio stampa Milano Film Festival Sul web: www.milanofilmfestival.it     Mi piace

3

Invia

Tweet

0

0

Share

Aggiungi commento  E­Mail  Sito web  Titolo (richiesto)

Aggiorna

INVIA

MUSICA \ NEWS

TEATRO \ NEWS

Terme Taurine Festival, la prima edizione a

Teatro Manzoni: 2013/2014 una stagione, più

Civitavecchia dal 26 luglio al 3 agosto

stagioni!

Musica: Ligabue, oltre 500 mila click per la

"La Fabbrica dei Bottoni di Sughero", in scena al

Differenza di Marco

Teatro Sette di Roma dal 20 al 22 settembre

Live Attack 2013 Premio Pierangelo Bertoli

SALTINARIA SOCIAL

115 anni di Federico Garcia Lorca ­ Per non dimenticare, il divieto di amare tra la dittatura spagnola e quella mediatica Terni Festival internazionale della creazione contemporanea (19­29 settembre)

Powered by SitoPerTe.com & Joomla­sitiweb.com

Copyright © 2012 Saltinaria.it

 TORN


SALTINARIA I 12 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE HOME

MUSICA

TEATRO

ARTE & CULTURA

SaltinAria.it ARTE & CULTURA  News Eventi

INFO & CONTATTI

PAR

Cerca...

"THE ROCKET" DI KIM MORDAUNT AL MILANO FILM FESTIVAL 2013 G iov edì, 12 Settembr e 2013 Cater ina Paolinelli

Nella categoria  eventi  speciali  del  Milano  Film  Fest  2013,  abbiamo  apprezzato l’emozionante film del regista australiano Kim Mordaunt. L’opera ha vinto il premo della giuria e del pubblico al Tribeca Film Festival di quest’anno.                  

► Cinema film ► Film per tutti ► Film cinema

          THE ROCKET regista Kim Mordaunt produzione Red Lamp Films produttore Sylvia Wilczynski distribuzione Level K ­ Freja Johanne Nørgaard Sørensen sceneggiatura Kim Mordaunt interpreti Sitthiphon Disamoe, Loungnam Kaosainam, Thep Phongam, Bunsri Yindi, Sumrit Warin, Alice Keohavong musiche Caitlin Yeo montaggio Nick Meyers fotografia Andrew Commis sound editor Sam Petty, Brooke Trezise     C’era una volta una donna bellissima che partorì in una capanna in mezzo alla foresta del Laos. La donna diede alla luce due gemelli: uno vivo e uno morto. C’era una credenza nella sua tribù: se nascono due gemelli uno è fortunato e l’altro maledetto, per questo vanno uccisi entrambi. La levatrice, madre di suo marito, vuole uccidere il bambino. Ma lei lo convince a tenerlo: “Visto che il gemello è morto ­ le dice­ ho partorito un solo bambino.” E così Ahlo cresce, molto amato dalla madre, la splendida Mali, e sotto lo sguardo severo (quasi d’odio) della nonna. Il padre è un  uomo  un  po’  così,  in  balìa  di  sua  madre  e  completamente  innamorato  della  moglie.  Ma  tutto  sommato,  la  bella  famiglia indigena  vive  la  sua  vita  in  armonia  con  la  natura  nel  villaggio  immerso  nella  jungla.  Quando  un  bel  giorno  arriva  una  ditta idroelettrica che, promettendogli una vita migliore e una casa con tutti i comfort in città, compra il loro terreno con l’obiettivo di costruire lì delle dighe per produrre energia. In realtà nessuno di loro ha molta voglia di lasciare il villaggio per la città, ma la scelta non è esattamente libera. Il giorno della partenza Ahlo si impunta che vuole portare in città la sua canoa, tutti sono contrari perché pesa molto e il viaggio (a piedi) non è semplice, ma Mali vuole accontentarlo. Durante la risalita della collina, per una stupida distrazione, la canoa di Ahlo si sgancia dal traino e travolge la madre prendendola nello stomaco. La donna muore sul colpo a causa del violento urto. La nonna, ovviamente, punta il dito contro Ahlo rivelando al padre che è un gemello e che quindi è portatore di guai. Dopo una notte di disperazione e la consecutiva celebrazione del funerale di Mali, il padre riaccoglie a sè il figlio e tutti e tre (nonna compresa) partono per la città. Le case non ci sono. Nessuna delle promesse fatte è mantenuta. C’è solo una baraccopoli fetida. Ahlo stringe amicizia con una ragazzina orfana dei genitori che vive con lo zio alcolista, detto zio Purple (si veste sempre di viola) reduce della guerra in Corea al fianco degli americani. Nella baraccopoli ne succedono di tutte e la fama di “Ahlo portatore di guai” si accresce al punto che alcuni elementi del villaggio bruciano la loro baracca costringendoli a fuggire. Anche la ragazzina e lo zio Purple si uniscono a loro. E’ un gruppo abbastanza scalcinato,  ma  compatto.  La  storia  trova  il  suo  lieto  fine  nella  gara  di  razzi:  Ahlo  costruisce  il  razzo  più  potente  di  tutti  (sotto consiglio dello zio Purple, esperto di esplosivi) e vince un  pacco di soldi, ma non solo: il suo razzo arriva talmente in alto da scatenare la pioggia. Questo evento è evidente segno di buona fortuna perché il ragazzo viene finalmente accettato dalla nonna e tutta la famiglia accolta con gioia nel nuovo villaggio. E’  una  storia  davvero  poetica  e  delicata,  di  un  lutto  ancestrale  ­  la  perdita  della  madre  ­  e  del  coraggio  e  della

Articoli correlati


SALTINARIA I 12 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

determinazione di una nuova generazione, della giovinezza che non si arrende di fronte a niente e lotta anche contro la sua stessa famiglia. I  personaggi  sono  finemente  disegnati  e  il  bambino  protagonista  è  meraviglioso.  Immagini  stupende  di  paesaggi  selvaggi. Ottima sceneggiatura, montaggio invisibile che sostiene la storia in modo armonico. Gli attori sono splendidi. Si  trova  molto  spesso  nella  storia  la  presenza  delle  bombe  e  delle  mine­antiuomo  che  sono  diventate  le  nuove  “belve  delle Jungla”. Bellissimo.   Kim  Mordaunt  è  nato  nel  1966,  ha  conseguito  un  BA  in  Comunicazione  presso  l'University  of  Technology,  Sydney,  e successivamente  un  diploma  in  recitazione  presso  la  London  Academy  of  Music  and  Dramatic  Arts.  Ha  insegnato  presso  la United Nations International School in Hanoi e ha lavorato come cameraman, produttore, sceneggiatore e regista in produzioni di film internazionali.     Passaggi al Milano Film Festival 11­09­2013 20:30 / Teatro Studio 13­09­2013 22:00 / Triennale ­ Teatro dell'Arte     Articolo di: Caterina Paolinelli Grazie a: Valentina Calabrese, Ufficio stampa Milano Film Festival Sul web: www.milanofilmfestival.it       Mi piace

1

Invia

Tweet

0

0

Share

Aggiungi commento  E­Mail  Sito web  Titolo (richiesto)

Aggiorna

INVIA

MUSICA \ NEWS

TEATRO \ NEWS

Terme Taurine Festival, la prima edizione a

Teatro Manzoni: 2013/2014 una stagione, più

Civitavecchia dal 26 luglio al 3 agosto

stagioni!

Musica: Ligabue, oltre 500 mila click per la

"La Fabbrica dei Bottoni di Sughero", in scena al

Differenza di Marco

Teatro Sette di Roma dal 20 al 22 settembre

Live Attack 2013 Premio Pierangelo Bertoli

115 anni di Federico Garcia Lorca ­ Per non dimenticare, il divieto di amare tra la dittatura spagnola e quella mediatica Terni Festival internazionale della creazione contemporanea (19­29 settembre)

SALTINARIA SOCIAL


WELOVECINEMA I 12 SETTEMBRE 2013 Recensioni

Oltre lo schermo

Eventi

I vostri contributi

Radio

Milano Film Festival: liberate il divano-letto Tag: cinema, closed curtain, corti, cortometraggi, film festival milano, jafar panahi, milano

09/12/2013

Vi è mai capitato di guardare un film e avere delle perplessità sulle scelte del regista? Quante volte. Bene, centomilanesi avranno l’opportunità di discutere con loro dopo, o prima, di aver visto il lavoro sul grande schermo. L’iniziativa “Adotta un regista” è una delle occasioni d’incontro del Milano Film Festival 2013, giunto alla sua diciottesima edizione e dunque diventato maggiorenne (auguri). Rendere ospitalità è l’occasione migliore per conoscere da vicino i protagonisti della kermesse meneghina, giovane ma di chiaro stampo anticonformista. I direttori della manifestazione, Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini, propongono un calendario particolarmente attento alle nuove produzioni e al cinema indipendente. Per chi è rimasto in Laguna a godersi la70ª edizione del Festival non c’è occasione migliore per farsi una nuova scorpacciata di pellicole. Sono infatti duecento le opere in arrivo da tutto il mondo, molte delle quali non raggiungeranno i circuiti della grande distribuzione. Sezioni di lungo e cortometraggi visibili in molte zone della città, con la chiara vocazione di non ridurre gli spazi ma di ampliare gli orizzonti. Il registra francese Sylvain George avrà un posto d’onore. A lui è infatti dedicata una retrospettiva, un’ampia rassegna e un’incontro dialogo. Politicamente impegnato, ha sempre dedicato il suo lavoro al racconto dei migranti, degli esiliati della società ma anche dei giovani ribelli. Poeta e antropologo. Catalogarlo solo con un’etichetta appare difficile. Ha ambientato molte pellicole nella cittadina francese di Calais, luogo di transito, definita dallo stesso regista una giungla di contraddizioni migratorie. Come la nostra Sicilia di oggi. La crisi sociale, legata a doppio filo con quella economica, è presente in quattro film in concorso. Oltre a «Mirage à l’italienne», da Singapore, dalla Grecia e dalla Georgia giungo pellicole sullo stessa tema. Curiosità: otto lavori su 11 in calendario sono dirette da donne, il gentil sesso dietro la cinepresa. Oltre all’appuntamento fisso con l’apprezzata sezione “Colpe di Stato”, Milano può vantare un’anteprima importante: Closed Curtain, di Jafar Panahi, il secondo lavoro del regista iraniano girato clandestinamente in casa, già Orso d’argento a Berlino. Panahi, in attesa della sentenza d’appello del regime di Teheran, vive un’assurda interdizione del suo mestiere, ampiamente apprezzato fuori dai confini dell’ex regno di Persia. Silenziosamente Milano si sta ritagliando, nel circuito internazionale dei Festival, uno spazio di prestigio.


XL I 12 SETTEMBRE MENU 2013 I 1/4 PAGINE

Cerca su XL

Cerca

IL PLURIPREMIATO “THE ROCKET” AL MILANO FILM FESTIVAL

CINEMA

FESTIVAL 2013

Il film, ambientato tra i diseredati del Laos e candidato per l’Australia al Premio Oscar, sarà proiettato stasera durante la kermesse. Tra i film presentati al Festival anche “Habi, la extranjera” di María Florencia Alvarez e “Les Chebabs de


XL I 12 SETTEMBRE 2013 I 2/4 PAGINE

Yarmouk” di Axel Salvatori­Sinz di Mario Pellizzari - 13 settembre 2013

SULLO STESSO ARGOMENTO Milano Film Festival con il Gore Vidal di Nicholas Wrathall e gli adolescenti di “In Bloom”

Il carattere di un essere umano è il suo destino. Tre film di

Milano Film Festival, “Lej En Familie A/S” Mix Festival, “I Am Divine”

questoMilano Film Festival 2013, pur diversissimi tra loro, fanno tornare in mente il detto di Eraclito, con protagonisti giovani che cercano di trovare la loro strada tra impedimenti di ogni tipo. Il primo è Ahlo, ragazzino supertosto del Laos, raccontato dall’australiano Kim Mordaunt in The Rocket (stasera 13 settembre alle 22:00 al Teatro dell’Arte). Ahlo lotta per rifiutare la patente di “maledetto dagli dei” che potrebbe avere ricevuto alla nascita. I primi segni sono contro di lui ma la determinazione e la voglia di vita lo porteranno verso un clamoroso riscatto. Il film, ambientato tra i diseredati del Laos, è scritto e diretto da un occidentale senza pietismi e retorica ma con sincerità e lo sfoggio di una galleria di personaggi memorabili, come la nonna arcigna e il fantastico zio Purple, un James Brown versione Asia, con la sua follia inzuppata di whisky. The Rocket ha fatto incetta di premi in molti festival, come Berlinale eSydney. All’ultimo Tribeca ha vinto come miglior film, miglior attore protagonista (Sitthiphon Disamoe, il “rocket kid” Ahlo) e premio del pubblico, tanto che l’Australia ha deciso di proporlo come candidato al prossimo Oscar.


XL I 12 SETTEMBRE 2013 I 3/4 PAGINE

Habi, la extranjera Nel secondo film, Habi, la extranjera, dell’argentinaMaría Florencia Alvarez (sabato 14 alle 15:00 al Teatro Strehler) la ventenne Analia ha il destino segnato: lavorerà con la madre nel salone di bellezza che fu del nonno. Per un commissione va a Buenos Aires, dovrebbe rientrare la sera ma fa tardi e si ferma in una scalcagnata pensione. È finita in un quartiere arabo e e misteriosamente scivola in questa cultura. Cibo, abbigliamento, lezioni di corano, una dolce e tranquilla sorellanza con le donne della comunità: la regista sprofonda progressivamente la sua goffa protagonista (la bravissima Martina Juncadella) in un mondo altro, interessata più a farle sperimentare una delle tante possibili vite che può vivere chi decide da sé il proprio destino piuttosto che approfondire il tema islam/occidente. Un colpo di scena metterà Analia di fronte alla scelta definitiva: fuggire dalla propria vita segnata, diventando un’altra, oppure tornare a casa, magari trovando lì una nuova via più vera?


XL I 12 SETTEMBRE 2013 I 4/4 PAGINE

Les Chebabs de Yarmouk Il terzo film che segnaliamo è Les Chebabs de Yarmouk di Axel Salvatori-Sinz, documentario passato nella sezione Colpe di Stato. In scena qui il destino di un gruppo di giovani palestinesi del campo profughi d Yarmouk, in Siria. Il regista e antropologo francese li ha seguiti per un paio d’anni, fino al 2011 registrando fedelmente relazioni, paure, speranze. C’è chi lotta per avere un passaporto, convinto che andare via, lontano, sia l’unica soluzione di riscatto possibile. Altri invece hanno voglia di restare dove sono cresciuti e darsi da fare per un futuro migliore. Il documentario finisce prima della guerra civile siriana, che ha trasformato Yarmouk in un campo di battaglia, anche se alcuni dei protagonisti vivono ancora lì.


02blog.it

02BLOG I 13 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE NE WS

NEWS

GALLERIE

Il magazine milanese di BLOGO

VIDEO

FUORISALONE 2013

EXPO 2015

Homepage > Milano Film Festival 2013

Milano Film Festival 2013: il programma, venerdì 13 settembre

BLOGOINDI

Scritto da: Arianna Ascione ­ venerdì 13 settembre 2013 Mi piace

1

Tweet

0

1

Share

0

Anton

L'anteprima di "Invernomuto" per Vernixage, "Inequality for All", "Upstream color", "Faro" e il Milano Film Festival Block Party powered by Elita

I MAGAZINE DI BLOG

02blog.it 06blog.it artsblog Benessereblog.it Autoblog.it Bebeblog. booksb Calc C Ecoblog.it Fashionblog.it Gadgetblog.it Gamesblog.it Gossipblog gustoblog Melablo Mob M Soundsblog.it Toysblog.it Travelblog.it TVBlog.it crimeblog Polisblog.i Petsblo

FASTWEB JOY Naviga super veloce e senza limiti con FASTWEB JOY a 19€/mese!!

www.fastweb.it Annunci Populis Engage

Ultimo weekend di programmazione al Milano Film Festival. Si chiude oggi Vernixage con l’anteprima assoluta di Negus­Echoes Chamber (h. 22.00, Teatro Studio), mentre continua il concorso lungometraggi: in programma In Bloom di Nana Ekvtimishvili e Simon

Gross (h. 19.00 Spazio Oberdan, replica) e Licks di Jonathan Singer­Vine, alla presenza del regista (h. 20.30 Teatro Strehler, replica).

02blog.it Mi piace

1.523

IN EVIDENZA

Prodotti A

Agli utenti ita 80% grazie a

Ancora cortometraggi dalle 15 al Teatro Strehler con il Gruppo A, e dalle 17 al Teatro Studio con il Gruppo D. Alle 17 al Teatro Strehler tocca al Gruppo J.

IMMOBILI

Continua anche la rassegna dedicata a Sylvain George con Strange fruit and black flowers (h.

Annunci su M Trova ora la  Immobiliare.i

15.00 Spazio Oberdan) e Les Eclats (h. 20.30, Scatola magica, replica). Per The Outsiders invece il primo appuntamento sarà alle 20.00 alla Triennale ­ Teatro dell’arte con Upstream Color di Shane Carruth, e a seguire Museum Hours di Jem Cohen (h. 21.00 Spazio Oberdan, replica).

VIDEO CORRELATI


02BLOG I 13 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

In programma per Colpe di Stato Sur le rivage du monde di L’Espérance Sylvain (h. 17.00 Spazio Oberdan, replica) e Inequality for All di Jacob Kornbluth (h. 21.00 Parco Sempione).

Auto ucc terri Mila

Appuntamento fisso poi alle 15 al Teatro Studio per The Platinum Collection, Gli Irrequieti e in Scatola Magica, Passione; segue alle 17 in Scatola Magica Furia e alle 22.30 Esperimenti. Infine, chiude la serata a Parco Sempione all’ 1 di notte Sfida.

Dor DIN 2011

Eventi speciali MFF Sarà presentato l’ultimo film del regista Fredrik Edfeldt, Faro (Sanctuary) (h. 17.00, Teatro Strehler). In programma anche la replica di The Rocket di Kim Mordaunt, vincitore del premio della giuria e del pubblico al Tribeca 2013 (h. 22.00, Triennale ­ Teatro dell’arte).

Fes Mila Ediz vide

Invece all’Area Ex Bazzi (via dei Canzi 19), in zona Lambrate, dalle ore 22 si terrà il Party Ufficiale del festival, Milano Film Festival BLOCK PARTY (ingresso 10€). Ospite principale Trojan Sound System (Des & Efx).

Concerti venerdì 13 settembre al Milano Film Festival

FOTO CORRELATE

La v è a  ven

Oggi alle 18.30 sul palco allestito in Parco Sempione salirà Roberto Angelini + El Santo. A seguire Tommaso Toma djset. Sul Sagrato del Teatro Strehler invece alle 18.30 ci sarà Nina Karaybi e alle 21 Davide Facchini dj set.

Ex s Piaz

I luo Mila Arti

Leggi anche:  Milano Film Festival 2013

ARTICOLI CORRELATI

La villa più cara d'Italia? In vendita a Milano!

Il piano industriale di Atm in vista di Expo

Milano Film Festival 2013: il programma, lunedì 9 settembre

Arrivano i primi inquilini nel quartiere Citylife Powered by 

ULTIME NOTIZIE DA BLOGO


CINEFORUM I 13 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE menu

(/)

Milano Film Festival 2013 (/FocusesTexts/FocusIndex/7) Venerdì 13 settembre, 15:34

"Camp 14 Total Control Zone"

Orrore nordcoreano di Riccardo Lascialfari

Gli orrori dell’universo concentrazionario (anche se non siamo ad Auschwitz), la riduzione della vita a oggetto inerte di cui potersi disfare, la fame, il freddo, l’isolamento fisico e affettivo, l’ossessione di dover ricorrere alla delazione – anche dei propri familiari, se intenzionati a cospirare – pena la fucilazione. Tutto questo e molto altro ha vissuto sulla propria pelle Shin Dong-hyuk, giovane nordcoerano nato nel 1983 e vissuto in un campo di rieducazione e di prigionia fino al 2005. Ventidue anni into the darkness (in quelle tenebre, per parafrasare il celebre libro-intervista a Franz Stangl, comandante capo di un altro luogo infernale della Storia, Treblinka). Lo spettatore di Camp 14

Total Control Zone di Marc Wiese, passato nella sezione «Colpe di Stato» del Milano Film Festival (Gran Prix come miglior documentario al Festival del Film di Ginevra), rimane attonito. Quasi non

crede a quella vicenda letteralmente «oscena». Ossia fuori da ogni possibile immaginario della modernità. E invece è tutto vero. Anzi. Ancora oggi, nella dittatura governata da Kim Jong-il, esistono circa duecentomila persone (dissidenti, oppositori politici, criminali comuni) che vivono in terribili condizion i di prigionia.


CINEFORUM I 13 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

La particolarità del documentario di Wiese – e la sua straordinaria, quasi epidermica potenza – è che la drammatica testimonianza del "sopravvissuto" Shin Dong-hyuk (un "salvato" a fronte dei tanti "sommersi" per usare la terminologia di Primo Levi) è incrociata con quella di Hyuk Kwon, sorvegliante in un campo di lavoro, e di Oh Yangnam, della polizia segreta di Pyongyang. Anche loro, come il protagonista, anche se da posizioni opposte, si sono rifugiati in Corea del Sud. Il confine che divideva non solo una nazione, ma la vita dalla morte. All’espressione di angosciato stupore ancora racchiusa negli occhi del giovane Shin Dong-hyuk («le uniche volte che mangiavano carne» racconta in uno dei momenti più disturbanti della lunga

intervista «era quando catturavamo un topo») fa da irritante contrappunto il freddo, burocratico

resoconto dei due funzionari di regime. A loro nessuno aveva detto che fosse una cattiva azione fucilare degli innocenti. O stuprare le detenute donne, da cui avevano spesso dei figli. Lo si faceva e basta, perché così stabilivano le regole del campo. La "banalità del male" raccontata da Hannah Harendt, né più né meno. A rendere ancora più speciale l’opera di Wiese – con un espediente tutt’altro che incongruo –

sono gli inserti animati dall’iraniano Alireza Darvish, capaci di illustrare in un chiaroscuro graffiato ma dai contorni nitidi e realistici, alcuni momenti (flashback) della lunga prigionia del protagonista: le misere e sempre uguali porzioni di cibo, gli anfratti di una cella di isolamento, l’esecuzione più angosciante alla quale Shin Dong dovette assistere, quella della madre e del fratello, arrestati dopo una sua "soffiata". La regola diabolica di Camp 14 non ammetteva deroghe. Avrebbe potuto non denunciarli, sì, ma sarebbe stato fucilato.

Infine la fuga finale, quasi un inserto macabro che infittisce la trama di un romanzo che sa già di miseria e di morte. Dopo aver fatto conoscenza con un detenuto più anziano giunto nel campo («fu lui parlarmi di un mondo che esisteva là fuori, mi raccontava con gioia di aver mangiato una cosa che non conoscevo, la carne di pollo»), Shin escogita l’evasione. Conosce

bene la collina dove i detenuti vengono mandati a raccogliere la legna. Da lì, insieme, possono tentare di scavalcare il recinto di filo spinato. Ci provano ma l’amico muore subito. Folgorato dall’alta tensione. Il peso del corpo carbonizzato ha tuttavia aperto un varco. Shin Dong-hyuk può finalmente correre verso la libertà.

Adesso vive in Corea de l Sud, lavora per associazioni che lottano per il riconoscimento dei diritti umani, compie viaggi in tante parti del mondo per raccontare la sua avventura nell’indicibile. Grazie a un costante equilibrio tra contenuti e forme della messa in scena, Wiese realizza con Camp 14 Total Control Zone un’opera compatta e dirompente, anche perché animata da quella

forza oscura e primigenia che soltanto le stori e di autentica resurrezione fisica e morale possiedono. Nella stesso focus:

CINEFORUM WEB Violenza e redenzione a Oakland (/FocusesTexts/view/Violenza_e_redenzione_a_Oakland) Via Pignolo, 123 Riccardo Lascialfari 24121 Bergamo Tango finlandese (/FocusesTexts/view/Tango_finlandese) di Riccardo Lascialfari tel. 035361361 fax 035341255 Sublime e supponente (/FocusesTexts/view/Sublime_e_supponente) di Andrea Chimento CF e PI 01700110164

di

"Mirage": vero, falso, reale (/FocusesTexts/view/Mirage_vero_falso_reale) di Valentina Alfonsi 18 anni con stile (/FocusesTexts/view/18_anni_con_stile)

RECENSIONI (/REVIEWS)Tweet VOTI (/AUTHORSRATINGS) RUBRICHE (/COLUMNSTEXTS) COSA VEDREMO (/PREVIEWS)


13/09/13

ALESSANDRA CELESIA - "Raccontare l'Italia da lontano" - CinemaItaliano.info

CINEMAITALIANO.INFO I 13 SETTEMBRE 2013

Acquista i nostri D Film

Documentari

I più premiati

Uscite in sala

Home Video

Colonne Sonore

Festival

Libri

Industria

film per titolo

ALESSANDRA CELESIA ­ "Raccontare l'Italia da lontano" Intervista alla regista di "Mirage a l'italienne", presentato in concorso al Milano Film Festival 2013

Come si è avvicinata a questa storia? Mi sono ispirata ad un articolo apparso a Torino nel 1995 che proponeva un lavoro  nella  pesca  del  salmone  in  Alaska.  Questa  proposta,  a  cui  molti  amici avevano risposto (anche se nessuno è mai partito perchè era una bufala!) mi era  rimasta  impressa  e  quando  ho  avuto  l’opportunità  di  raccontare  l’Italia  in crisi  ho  pensato  che  fosse  proprio  il  desiderio  di  scappare  lontano  a  dover essere  esplorato  e  compreso.  Così  ho  rimesso  l’annuncio…  e  poi  le  cose  si sono complicate.

Links: » Mirage a l'Italienne

Quali le maggiori difficoltà nel raccontarla? Entrare nelle fragilità degli altri, capirne le ferite e portare alla luce la bellezza

» Alessandra Celesia

delle persone è una sfida complicata, soprattutto quando all’inizio del film non conosci i tuoi personaggi!

» Milano Film Festival 2013

Abbiamo cominciato a girare i colloqui di lavoro filmando 100 persone per poi sceglierne 5… Quindi ho dovuto riuscire a capire le loro storie e farmi accettare Alessandra Celesia in  tempo  record,  questa  è  stata  la  più  grande  difficoltà.  Anche  il  viaggio  in Alaska è stata un’avventura complicata, resa più ardua dai budget tutto sommato ristretti per un’impresa di questa ampiezza. La regista, come i personaggi, si è “persa nell’immensità”… Dall'Italia a Parigi, da Belfast all'Alaska: quanto è importante il viaggio per il suo percorso artistico? Ho iniziato a fare arte “scappando”, approdando in Francia per iniziare un’avventura di vita a 18 anni. Poi Belfast che ho fatto mia perchè è la città di mio marito e che ho avuto la fortuna di poter filmare. Credo di essere affascinata da ciò che è lontano, mettere distanza fra te… e te… permette di rivelare cose nascoste e seppellirle sotto metri di terra. In fondo chi scappa è perché non accetta la vita com’è e va a cercare la terra promessa per rimediare alla propria fragilità interna. E la fragilità delle persone è al centro della mia opera. "Il mio paese ha bisogno di poesia", dice nelle note: cosa intende di preciso? Qual è il suo rapporto oggi con l'Italia? Intendo  dire  che  non  si  può  raccontare  l’Italia  oggi  senza  “volerle  bene”.  Criticare  è  importante  ma  i  reportage scandalistici su Berlusconi e i nostri politici non mi interessano più. Sentivo l’esigenza di scavare nell’”anima” del nostro popolo e di mettere in luce le nostre fragilità con tutto il tatto possibile. Sono  i  poeti  e  gli  scrittori  oggi  che  fanno  bene  al  morale  della  nazione,  ciò  che  è  volgare  e  affrettato  non  ci appartiene più. Abbiamo bisogno di metafore, non di realismo spietato. La gente è immersa in una grande crisi, ma anche  una  grande  riflessione  sul  futuro.  Io  purtroppo  vivo  queste  cose  “a  mezza  strada”,  sempre  fra  un  treno  e l’altro per tornare a respirare un po' d’aria di casa. Il mio rapporto con il mio paese è di grande nostalgia. Credo di riuscire a raccontarlo proprio perché mi manca. E capisco solo ora che sono andata via per realizzare certi sogni che in Italia non erano permessi. E allora mi sale un po’ la rabbia… Spero che vada meglio alle nuove generazioni. Quali i prossimi progetti? Sono  lenta  ad  uscire  da  un  film  per  entrare  in  un  altro.  Sto  scrivendo  molto  ma  è  presto  per  parlarne...  Ma  la Sardegna dovrebbe essere la prossima tappa. 13/09/2013, 09:32

Carlo Griseri

Commenta questa notizia Mi piace

0

Add a comment... Post to Profile

Posting as Valentina Calabrese (Change)

Comment

Warning: this comments plugin is operating in compatibility mode, but has no posts yet. Consider specifying an explicit 'href' as suggested in the comments plugin documentation to take advantage of all plugin features.

PUNTO 180 Gioco da tavolo creato e illustrat Giacomo Doni, ispirato alla legge sulla chiusura dei manicomi.

IL SEGNO E LA VOCE IN DVD Acquista il road­movie nel mondo Nicola Nannavecchia

VITA DA INES IN DVD Il film di Sandro Carnino e Giulio  esclusiva in home video!


CINEQUANON I 13 SETTEMBRE 2013

MILANO FILM FESTIVAL: Fifi Howls From Happiness By giulia.c – 13 settembre 2013

Nello stesso giorno in cui Gianfranco Rosi trionfava a Venezia col suo documentario Sacro Gra, al Milano Film Festival veniva presentato lo strabiliante documentario della regista iraniana Mitra Farahani Fifi Howls From Happiness. Questo documentario potrebbe banalmente essere un racconto classico basato su un personaggio straordinario, ma in questo lavoro c’è di più: il cinema riesce in questo caso a ritrovare la verità, che a lungo era stata cercata senza risultato. Infatti il grande pittore iraniano Bahman Mohassed era diventato una leggenda sospesa nel vento. Grande artista degli anni ’60 e paladino dei diritti civili, attivista politico ed omosessuale, ad un certo punto aveva fatto sparire tutte le sue tracce, comprese le sue opere. La maggior parte degli intenditori d’arte era assolutamente certa della sua morte, almeno fino a quando una giovane e perspicace regista non è riuscita a trovarlo, anziano e tranquillo, in un Hotel di Roma. Come una vecchia quercia, Bahman Mohassed mette a suo agio la giovane e, diciamolo pure, inesperta regista, che grazie alla sua ombra sa far maturare la propria opera. L’oggetto dell’indagine non si accontenta di essere l’abitante di un film altrui, ma ne diventa egli stesso architetto e, sempre dosando gentilezza e polso fermo, guida Mitra Farahani verso la costruzione di un’opera estremamente intensa perchè profondamente condivisa. Due attori ed una telecamera bastano ad esplorare un universo esistenziale da sempre sconfinato: quello del ruolo dell’artista nell’opera e il significato profondo del fare arte. Se è vero che Bahman Mohassed nutre, artisticamente parlando, Mitra Farahani con la sua saggezza, è altrettanto vero che la giovane regista dona il vigore della sua giovinezza all’anziano artista, riportandolo alla luce e riuscendo a fargli commissionare una nuova opera da due giovani collezionisti d’arte. Ed è grazie all’introduzione di questi due nuovi personaggi che si apre uno snodo tematico profondo, ovvero la differenza generazionale. Bahman non racconta solo se stesso ed il proprio lavoro, cerca anche di comunicare ai giovani interlocutori il suo sentirsi vicino alla fine ed in questo, ancora una volta, il cinema si fa portatore del messaggio. Bahman Mohassed sceglie di far vedere ai suoi nuovi amici il Gattopardo di Luchino Visconti. Ma quel senso di decadenza sembra essere impossibile da comprendere per chi èancora nel tenero abbraccio della gioventù. Persino Roma diventa sinonimo di un concetto di vecchiaia e interminabile lotta per non soccombere. Anche in questo caso la mano della regista non riesce subito a comprendere cosa intenda l’artista quando definisce la città ‘un utero che non sa partorire niente di vivo’. Alla fine il messaggio viene forse spiegato attraverso un’immagine profondamente autentica, come più non si può, perché implica il sacrificio della propria creazione. Mitra Farahani non si limita a raccontare il personaggio, ma sa avviare un percorso educativo e di allestimento personale che giova al suo cinema. Fermo restando che uno dei migliori aspetti di questa pellicola è aver saputo tenere stretto il senso dell’arte in generale e l’assoluta forza di quella cinematografica in particolare. Giulia Colella


MISSION

REDAZIONE

CONTATTI

PUBBLICITÀ

SABATO, 14 SE

ECHEION I 13 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE

"On the road"

I protagonisti siete voi ­ Coming soon Cerca nel sito ...

HOT NEWS

ATTUALITÀ

La Apple di Tim Cook vuole la Cina SPOTLIGHT

ECONOMIA

SPORT

CULTURA

TV & RADIO

Francesco, capitano di tutti ma soprattutto di sé stesso

TECNOLOGIA

MODA

Engl­end?

EVENTI

FOTO

DITECI V

Siria: guerra civile, e non mondiale

M

The Eternal Return of Antonis Paraskevas: la follia dei media e la crisi della Grecia Michele Chighizola

13 settembre 2013

Cinema & Teatro, Hot News

1

La sesta  giornata  del  Milano  Film Festival  ha  avuto  come  assoluti protagonisti  The  Eternal  Retun  of Antonis Paraskevas, film della regista greca  Elina  Psikou,  e  il  suo  attore principale, 

Christos

Stergioglou,

presente in sala. Il  film,  ispirato  ad  una  storia veramente  accaduta,  racconta  la  vicenda  di  Antonis,  storico  presentatore  televisivo

23 Like

2 Tweet

1

SCRITTO DA

ellenico che,  quando  scopre  che  sarà  presto  rimpiazzato,  decide  di  inscenare  il proprio  rapimento,  sperando  di  essere  accolto  trionfalmente  dopo  la  liberazione  e  quindi

MICHELE CHIG

riammesso al lavoro per acclamazione popolare.

Originario della L

0

Antonis si  nasconde  così  in  un  hotel  abbandonato  per  tre  settimane,  mentre  sui  media  la notizia  del  suo  rapimento,  dopo  un’iniziale  fiammata  d’interesse,  comincia  a  scivolare  in

levantina, vive a Share

seconda o terza pagina. In seguito a questa delusione, la psiche di Antonis, già fragile per la prolungata clausura nell’hotel, comincerà a mostrare i primi segni della follia.

cinque anni. Lau

storia, per amor 

scrive di cinema. Della settima

apprezza gli svolazzi artistici m

soprattutto le derive main­strea

Ultimi Film Usciti

Trova tutti gli Orari dei Film in Programmazione con PagineGialle! www.paginegialle.it/cinema

Gestisce un blog di recensioni

cinematografiche, ha collaborat

qualche festival di cinema e in 

ama l'universo della pubblicistic suoi multiformi aspetti, dai più 

bassi, con debole per il tritacar mediatico.

ALTRI DELLA CATEGO

Ilo Ilo: un piccolo

al Milano Film Fe Ilo Ilo di Anthony dei più seri[...]

Milano Film Festi

l’italienne e le nuo

del documentario

Presentato tra gli applausi in an italiana al Milano Film[...]

Fifi Howls from H Opera prima della regista e presentato nella sezione Forum del Festival del Cinema di Berlino, The  Eternal Return  of  Antonis  Paraskevas  è  ispirato  alla  vera  storia  di  Wallace  Souza,  un  giornalista  brasiliano che, pur di ottenere lo scoop, arrivò a uccidere numerose persone.

Milano Film Festi

La storia la scrivo

e poiché Bahman Mohassess[..


ECHEION I 13 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

Da questo  famoso  evento  di  cronaca  la  regista  Elina  Psikou  ha estrapolato  il  personaggio  drogato  dal  mondo  dei  media  e  lo  ha modellato  sulla  società  greca,  graffiata  a  sangue  dalla  crisi economica.  Il  risultato  è  un  allucinante  ritratto  di  un  paese,  la Grecia,  cancellato  dalla  crisi  (l’enorme  hotel  vuoto,  in  questo senso,  si  fa  metafora  dell’intero  paese),  disabitato,  che  però, paradossalmente,  continua  a  vivere  in  un  universo  parallelo  e sclerotico della tv e dei media. Il senso (e la bellezza) di The Eternal Return of Antonis Paraskevas sta  tutto  qui,  in  questo  iato  tra  società  e  mezzi  di  comunicazione, nella rappresentazione di una televisione che parla ad un paese che, letteralmente,  non  esiste  più.  A  parte  questa  brillante  impostazione metaforica  però,  il  film  della  Psikou  arranca  dal  punto  di  vista narrativo  e  ritmico  e  risulta  troppo  pesante  per  essere  retto totalmente dalle spalle del pur bravo Christos Stergioglou. Forse  fin  troppo  ambizioso  per  essere  un  opera  prima,  il  film  sconta  l’impostazione  forzatamente autoriale, forse un po’ posticcia nel suo reiterato minimalismo freddo e alienante, e si fa digerire a fatica dal pubblico.  Un  film,  dal  punto  di  vista  soprattutto  formale,  ancora  acerbo,  ma  che  può  destare  interesse per capire come la popolazione greca stia vivendo questo tragico momento della propria storia.

T i è pi ac i u to ? Co n di v i di l o c o n i tu o i am i c i

Condividi

I Topic trattati Christos Stergioglou

Elina Psikou

Milano Film Festival 2013

The Eternal Return Of Antonis Paraskevas

Aspetta! Ti potrebbero anche interessare...

Ilo Ilo: un piccolo capolavoro al Milano Film Festival

Milano Film Festival: Mirage à l’italienne e le nuove frontiere del documentario

Fifi Howls from Happiness al Milano Film Festival

Les rencontres d’après minuit al Milano Film Festival

Che cosa ne pensi? Aggiungi un commento... Pubblica su Facebook

Stai pubblicando come Valentina Calabrese (Modifica)

Commenta

D'aria Graziussi · University of Basel

Completamente d'accordo, parola per parola! Rispondi ·

1 · Mi piace · Segui post · Ieri alle 11.34

Plug‑in sociale di Facebook

← Articolo Precedente

Articolo Successivo →


FMCINEMA I 13 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE

FMCinema

Il Cinema è Falso Movimento che vive nella sfera dell'immaginario Home

Credits

Links

Newsletter

Spigolature

Televisioni

Visioni

Festival

News

ULTIMO WEEKEND AL 18° #MILANO FILM FESTIVAL #mff 14-15/09/13 0

13 settembre 2013 – 12:23

MILANO FILM FESTIVAL 14-15 Settembre 2013 La fiaba kitsch di Les Rencontres dʼaprès minuit, The act of Killing il documentario “più spaventoso e surreale del decennio” secondo Werner Herzog, gli appuntamenti per i più piccoli con il Milano Film Festivalino, la cerimonia di premiazione e la festa di chiusura della 18° edizione insieme a Lufthansa CONCORSO LUNGOMETRAGGI Lʼultimo weekend del Concorso Lungometraggi del 18° Milano Film Festival inizia sabato 14 con Habi, la Extranjera di Maria Florencia Alvarez (h 15:00 Teatro Strehler, replica, in presenza della regista), a seguire Terra de ninguém di Salomé Lamas (h 17:00 Triennale – Teatro dellʼArte, replica), Les Rencontres dʼaprès minuit di Yann Gonzalez (h 20:30 Teatro Strehler, replica, in presenza del regista) e Mirage à lʼitalienne di Alessandra Celesia (h 22:30 Teatro Studio, replica). Domenica 15, in attesa della cerimonia di premiazione, di nuovo in programma il trasgressivo Les rencontres dʼaprés minuit di Yann Gonzalez (h 18:00 Spazio Oberdan, replica, in presenza del regista). Il festival si conclude con la cerimonia di premiazione, a cui segue la proiezione dei cortometraggi vincitori (domenica 15 sett. h 20.30 Teatro Strehler, ingresso libero) e alle 22.00 proiezione del lungometraggio vincitore della 18° edizione. CONCORSO CORTOMETRAGGI Tornano i corti del Concorso, riservato solo a opere under 40, sabato 14 alle ore 15 al Teatro Studio con il Gruppo E, alle 17 al Teatro Strehler con il Gruppo I (alla presenza dei registi), alle 22:30 al Teatro Strehler con il Gruppo C (alla presenza dei registi). Domenica 15 è invece la volta del Gruppo F (h 15:00 Teatro Strehler). OMAGGIO A SYLVAIN GEORGE: Echoes of silence / Rage of immanence Ancora spazio a Sylvain George, con Oh! Liberty! (Experiment the form, experiment the justice): Carta bianca a Sylvain George, una sua personale selezione di corti diretti da altri registi, fra cui Jean-Luc Godard e Ken Jacobs, che «cerca una connessione con le preoccupazioni del momento» (sabato 14 h 21 Spazio Oberdan, replica) e con il cortometraggio Down in the flame (The little forms and activist image) (sabato 14 h 22:30 Scatola magica v.o. no sub ita). comunicato stampa COLPE DI STATO La rassegna prosegue nel pomeriggio di sabato 14 con il film/inchiesta che inchioda la politica estera dellʼamministrazione Obama, Dirty Wars di Richard Rowley, a cui segue un incontro con Antonio Mazzeo di PeaceLink (h 14:30 Spazio Oberdan, replica). Alle 18:00 appuntamento in Scatola Magica con Inequality for All: Putting People Last, incontro con Michele Salvati e Sandro Trento. La sera di sabato si chiude infine con uno dei film più attesi di questa edizione, The Act of Killing di Joshua Oppenheimer (h 20:30 Teatro Strehler, in presenza del regista), che sarà distribuito nelle sale il 17 ottobre con I Wonder. Oppenheimer ci riporta agli anni Sessanta, allʼeccidio di oltre mezzo milione di oppositori da parte degli squadroni della morte indonesiani. E lo fa dando la parola agli assassini, mostrandoci un Paese dove nulla è cambiato. Prodotto da Erroll Morris e Werner Herzog, che lo ha definito “il più spaventoso e surreale del decennio”. La Domenica di chiusura del festival ha in serbo la replica di The Act of Killing di Joshua Oppenheimer (h 14:30 Triennale – Teatro dellʼarte, in presenza del regista), per proseguire con Infiltrators di Khaled Jarrar (h 18:00 Triennale – Teatro dellʼArte, replica, in presenza del regista) e concludendo con Inequality for All di Jacob Kornbluth (h 20:00 Triennale – Teatro dellʼarte, replica). THE OUTSIDERS Continua la rassegna “fuori categoria” del festival che sabato 14 si apre con 12 OʼClock Boys di Lotfy Nathan presso il Teatro Studio (preceduto da Hopper vu par… Rupture di Valérie Pirson) (h 17 Teatro Studio) e con The Boundary di Nontawat Numbenchapol (h 17:00 Spazio Oberdan, in presenza del regista), ambientato in Thailandia, dove il regista incontra per caso il giovane soldato Aod che ha appena concluso il servizio militare e lo accompagna nel suo viaggio di ritorno a casa, attraverso un Paese in cui sono evidenti le tracce del conflitto Eʼ poi la volta di Diego Star di Frédérick Pelletier (h 20:30 Teatro Studio, replica) e alle 21:00 due incontri, uno con la musica punk di A Band Called Death di Mark Covino e Jeff Howlett (h 21:00 Spazio Oberdan, replica), lʼaltro con Lunarcy! di Simon Ellis (preceduto da Hopper vu par… Mountain di Martin de Thurah) (h 21:00 Parco Sempione, replica). Anche Domenica 15 spazio ai “fuori categoria” del Festival; alle 15:00 torna Lunarcy! di Simon Ellis allo Spazio Oberdan, e Sogno di una notte di mezza estate di Felice Cappa (in collaborazione con Teatro Elfo Puccini) in Scatola Magica. Alle 17:00 tocca a Closed Curtain di Jafar Panahi e Kmboziya Partovi, in collaborazione con ceCINEpas. La serata si chiude con altri due appuntamenti importanti, Gore Vidal: The United States of Amnesia di Nicholas D. Wrathall (h 20:30 Scatola Magica, replica) e, infine, in collaborazione con il Gran Festival del Cinema Muto, organizzato dalla Fondazione Cineteca Italiana, Le Straordinarie avventure di Mr. West nella terra dei bolscevichi di Lev Kuleshov, accompagnato dal vivo con musiche composte ed eseguite da Rossella

Cerca


FMCINEMA I 13 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

Spinosa con la collaborazione degli artisti del Centro di Musica contemporanea per la parte di musica elettronica. 18 ANNI Milano Film Festival compie 18 anni e per celebrare lʼevento ha in serbo un cofanetto di meraviglie sepolte, una rassegna che attraversa tutto il programma di questa edizione composta di due sezioni di cortometraggi, Grandi Speranze e The Platinum Collection. Sabato 14 alle 11:30 al Teatro Strehler per The Platinum Collection, Passione, alle 15 in Scatola Magica, Segreto, alle 18:30 alla Triennale – Teatro dellʼarte per Grandi Speranze, Made in Italy, (tra cui La benedizione degli animali di Cosimo Terlizzi, tra i giurati del festival), infine al Parco Sempione a mezzanotte per The Platinum Collection, Amore. Domenica 15, gli ultimi appuntamenti iniziano alle 11:30 al Teatro Strehler con Grandi Speranze, Tutti di famiglia, per poi proseguire con una selezione molto speciale di Grandi Speranze: Racconti dal Margine. Tra i film proiettati, infatti, ci sono A Comunidade di Salomé Lamas (anche in concorso con il lungometraggio Terra de ninguém) e Land of My Dreams di Yann Gonzalez (in concorso lungometraggi con Les Rencontres dʼaprès minuit, che sarà presente in sala), (h 16:30 Spazio Oberdan). Alle 18:00 in Scatola Magica è la volta di The Platinum Collection, Esperimento e infine alle 23:00 Viaggio al Parco Sempione SALON DE REFUSÉS Ultimo appuntamento sabato 14 con il Gruppo 3 alle 20:30 in Scatola Magica. EVENTI SPECIALI Sabato 14, replica del film svedese di Fredrik Edfeldt, Faro, in collaborazione con Visitsweden (h 15:00 Triennale – Teatro dellʼArte). MILANO FILM FESTIVALINO – CASCINA CUCCAGNA Sabato 14 e Domenica 15, appuntamento per i più piccoli presso Cascina Cuccagna. Alle 15:00 i cortometraggi di animazione e alle 16:00 i laboratori “Facciamo un film?” e “Un pomeriggio da Oscar”, realizzato in collaborazione con Imaginarium. LA MUSICA AL MILANO FILM FESTIVAL Milano Film Festival conferma lʼattenzione alla musica con i dj-set che animano ogni sera il Sagrato del Teatro Strehler e con PARKLIVE, un festival di concerti e dj-set in programma ogni sera alle 18.30 al Parco Sempione (realizzato grazie al sostegno di Jack Daniel’s e curato da I Distratti). Sabato 14 alle 18:30 Mamavegas + Soltanto e a seguire Fabio De Luca dj set in collaborazione con Rolling Stone. Domenica 15 alle 18:30 il primo appuntamento con The Shak & Speares + Kafka On The Shore a seguire alle 22:00 tutti i dj del Festival. LUFTHANSA FESTIVAL OF FESTIVALS NIGHT Sul Sagrato del Teatro Strehler dalle 19:00 inizia la festa di chiusura della 18° edizione del Milano Film Festival con Lufthansa Festival of Festivals Night. Dalle 19.00 Nina Karaybi e Max TURPE, tra i dj più noti del panorama notturno milanese animeranno la serata e il pubblico avrà anche la possibilità di partecipare a “Party e riparti”, il nuovo concorso di Lufthansa che mette in palio un volo intercontinentale per due persone nei luoghi che hanno fatto da palcoscenico ai protagonisti del festival. LʼABBONAMENTO “ULTIMO WEEK-END AL FESTIVAL” (al prezzo di 20€) A partire da giovedì 12 è possibile acquistare lʼabbonamento al prezzo ridotto di 20 euro, valido per assistere a tutte le proiezioni in programma negli ultimi 4 giorni del festival (da giovedì 12 a domenica 15 settembre). Gli abbonati al Milano Film Festival (abbonamenti interi e ridotti) potranno ottenere sconti e agevolazioni presso molti luoghi dʼarte e cultura della città: dal BlueNote al Carroponte, dal Festival MITO al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci, dal PAC Padiglione dʼArte Contemporanea al Piccolo Teatro di Milano (tutte le convenzioni sul sito www.milanofilmfestival.it). Lʼappuntamento è dal 5 al 15 settembre 2013; per tutti gli aggiornamenti è sempre consultabile il sito www.milanofilmfestival.it Milano Film Festival è una produzione esterni* *esterni è un’impresa culturale che dal 1995 progetta spazi pubblici, disegna servizi pr piccole e grandi comunità, promuove e realizza eventi di aggregazione, sviluppa campagne di comunicazione necessaria e partecipata. Lavora con enti pubblici e privati in Italia e all’estero, condividendo competenze, progetti e risorse. www.esterni.org Milano Film Festival fa parte di Milano Film Network (MFN), un nuovo progetto realizzato grazie al contributo di Fondazione Cariplo che mette in rete 7 festival milanesi, per offrire una proposta culturale lungo tutto l’anno e alcuni servizi per chi si occupa di cinema. Ne fanno parte il Festival del Cinema Africano d’Asia e America Latina, Festival MIX Milano, Filmmaker, Invideo, Milano Film Festival, Sguardi Altrove Film Festival, Sport Movies & Tv Fest. Informazioni info@milanofilmfestival.it tel/fax +39 02 713613


GAIAITALIA I 13 SETTEMBRE 2013 HOME

LA PAGINA DELLO ZIO BO

CINEMA & FESTIVAL

YOMAGAYZINE ITALIA

INTERVISTE

GAIAITALIA EVENTI

CULTURA search

Home » CINEMA & FESTIVAL, COPERTINA, CULTURA » Milano Film Festival, il programma di venerdì 13 settembre

Milano Film Festival, il programma di venerdì 13 settembre gaiaitalia.com ­ 13 September 2013 2 Like

Share

1

One person likes this. Be the first of your friends.

StumbleUpon

Comunicato stampa Si chiude al Milano Film Festival la rassegna dedicata alle intersezioni tra il cinema e la video arte  conl’anteprima assoluta di Negus – Echoes Chamber (h22:00 Teatro Studio), una parte del progetto in fieri degli Invernomuto a cui anche il Milano Film Festival partecipa come produttore. L’ambizioso progetto s’ispira a fatti storici di epoca fascista tendendo una linea di connessione tra Italia, Etiopia e Giamaica. Il progetto prevede suggestive partecipazioni, come quelle del padre della musica dub Lee Scratch Perry. Uno spettacolo­performance tra cinema e musica, una proiezione monocanale e una colonna sonora realizzata dal vivo e diffusa attraverso il sound system Prince Healer. Il Concorso Lungometraggi si apre oggi con la Georgia caotica di In Bloom di Nana Ekvtimishvili e Simon Gross (h 19:00 Spazio Oberdan, replica) e si chiude con la vita nel ghetto americano di Licks di Jonathan Singer­Vine, alla presenza del regista (h 20:30 Teatro Strehler, replica).   Spazio ai cortometraggi del concorso dalle 15:00 alTeatro Strehler con il Gruppo A (fra cui Peristalsi, opera seconda di Enrico Iannaccone, vincitore delDavid di Donatello per il migliore cortometraggio, storia macabra e festeggiamenti dionisiaci da non perdere), alle 17:00 è la volta del Gruppo D al Teatro Studio (fra gli altri, la riflessione sulla coscienza collettiva di A Third Version of the Imaginary e lʼattore sadomaso nel corto italiano Silvio, Here I Am). La serata si chiude con il Gruppo J (con la storia di un giovane che sceglie di resistere e sognare senza abbandonare la sua città in La strada di Rafael di Alessandro Falco, presentato al Festival di Locarno, mentre le luci della notte si trasformano in unʼaurora boreale senza pari ne Lʼaurore Boreale di Keren Ben Rafael – h 17:00 Teatro Strehler).   Milano Film Festival rende omaggio a Sylvain George, autore di cinema politico e sperimentale, di cui presenta i lavori in un’ampia rassegna. Oggi è in programma Strange fruit and black flowers (h 15:00 Spazio Oberdan) e Les Eclats (h 20:30, Scatola magica, replica) lungometraggio che gli è valso nel 2011 il riconoscimento unanime della critica, e numerosi premi in festival italiani e internazionali. Frammenti di voci, di risate e di rabbia; brandelli di parole, di immagini e di ricordi. Parole del vicino e del lontano, di ieri e di oggi; il soffio del vento, i movimenti del sole al tramonto, i riflessi rosso sangue. Retate della polizia, processioni guerriere, corte d’ingiustizia… Per una cartografia della violenza inflitta alle persone migranti, della ripetizione delle gesta coloniali e del carattere inaccettabile del “come va il mondo”. Per i “fuori categoria” del Milano Film Festival, il primo appuntamento è alle 20:00 alla Triennale – Teatro dell’arte con Upstream Color dell’indipendente Shane Carruth, in cui un uomo e una donna sono risucchiati in un labirinto misterioso, vorticoso e ipersensoriale. All’ombra del Walden di Thoreau e dell’amore, uno dei film cult Usa dell’anno: una prova di narrativa onirica e inquietante. A seguire, Museum Hours di Jem Cohen(h 21:00 Spazio Oberdan, replica). La sezione che indaga sugli abusi del potere torna oggi con Sur le rivage du monde di L’Espérance Sylvain(h 17:00 Spazio Oberdan, replica) e con Inequality for All di Jacob Kornbluth (h 21:00 Parco Sempione) film vincitore del premio speciale della giuria al Sundance, protagonista un economista con la verve di uno stand­up comedian, Robert Reich, ex segretario del lavoro per Bill Clinton, oggi professore a Berkeley che afferma: “La più grande bugia che ci hanno raccontato? Che il libero mercato sia per il nostro bene”. Milano Film Festival compie 18 anni e per celebrare l’evento ha in serbo un cofanetto di meraviglie sepolte, una rassegna che attraversa tutto il programma di questa edizione composta di due sezioni di cortometraggi, Grandi Speranze e The Platinum Collection. Alle 15:00 due appuntamenti: Al Teatro Studio per The Platinum Collection, Gli Irrequieti e in Scatola Magica, Passione; segue alle 17 in Scatola

www.cultura.gaiaitalia.com/2013/09/milano-film-festival-il-programma-di-venerdi-13-settembre/


Impossibile caricare il plug‑in.

ILGIORNALE.MILANO I 13 SETTEMBRE Home Interni Esteri Cronache Blog2013 Economia

Sport

Cultura

Tech

Milano

Rivedi i dibattiti della kermesse sanremese e commenta con #Controcorrente su twitter Impossibile caricare il plug‑in.

Condividi:

Cinema politico all'Oberdan focus sul regista Sylvain George

Commenti: 0

Redazione ­ Ven, 13/09/2013 ­ 07:04

commenta

0

Oggi Milano Film Festival rende omaggio a Sylvain George, autore di cinema politico e sperimentale, di cui presenta i lavori in un'ampia rassegna. Oggi è in programma Strange fruit and black flowers ﴾h 15:00 Spazio Oberdan﴿ e Les Eclats ﴾h 20:30, Scatola magica, replica﴿ lungometraggio che gli è valso nel 2011 il riconoscimento unanime della critica, e numerosi premi in festival italiani e internazionali. E ancora, si chiude la rassegna dedicata alle intersezioni tra il cinema e la video arte con l'anteprima assoluta di Negus ­ Echoes Chamber ﴾h 22:00 Teatro Studio﴿.

Lusso

Casa

Speci


SALTINARIA I 13 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE HOME

MUSICA

TEATRO

ARTE & CULTURA

SaltinAria.it ARTE & CULTURA  Interviste

INFO & CONTATTI

PA

Cerca...

LAURA CHIOSSONE: QUATTRO CHIACCHIERE "A PROPOSITO DI ANGELAMARIA" Vener dì, 13 Settembr e 2013 Cater ina Paolinelli

Intervista a Laura Chiossone a proposito del suo documentario “¿Necesitas algo, nena?”, presentato nella categoria “Eventi speciali” al Milano Film Fest 2013.                  

► Video musica ita ► Musica italiana ► Dischi musica

        Prima di tutto grazie per aver accettato la mia intervista. Il tuo lavoro, documentario sui desaparecidos argentini, parte dal sud Italia. Come sei venuta a conoscenza della figura di Angelamaria? Chi te ne ha parlato? Sì,  parte  dalla  Calabria,  da  Fuscaldo,  un  piccolo  paese  che  ha  conosciuto  tante  storie  di  emigrazione.  L’idea  nasce  dalla produttrice del documentario Francesca Chiappetta che è di origini calabresi. Francesca ha seguito parte del processo italiano per le vittime italiane della dittatura argentina e, venuta a conoscenza della storia di Angela, vi ha ritrovato io credo una certa comunanza di forza di spirito delle donne del nostro sud. La storia di Angelamaria è una storia comune a molte persone in Argentina, hai scelto la sua storia come espediente per raccontare la realtà politica di una nazione o l’hai scelta perché ci ha visto dentro qualcosa di speciale? Di diverso? La storia di Angela è una su 30.000. Tanti si contano potrebbero essere i desaparecidos vittime della dittatura. Ognuna delle loro storie a modo suo avrebbe credo un suo messaggio prezioso da trasmettere. Il fatto che Angela fosse italiana la rende una figura interessante per sottolineare le tante connessioni nel bene e nel male tra i nostri due paesi. Si avverte, in certi punti del racconto, che stai cercando (almeno io l’ho percepito) di far descrivere questa donna come una donna forte e dal cuore grande, una donna speciale, più speciale degli altri; perché? Perché  ha  avuto  abbastanza  spazio  nel  cuore  per  pensare  agli  altri  anche  nei  momenti  peggiori,  perché  non  si  è  lasciata paralizzare dalla paura ed ha messo la solidarietà e la giustizia davanti a tutto. In Argentina, durante la repressione, si veniva arrestati con i pretesti più assurdi, pensi che il fatto che Angelamaria avesse un figlio sovversivo non fosse sufficiente per fare di lei un soggetto in pericolo? Sì certamente, tutta la famiglia di Dante Gullo (marito di Angela, nda) è stata perseguitata e ha pagato il prezzo dell’impegno politico del figlio. “Sovversivo” è una parola interessante e sulla quale dovremmo riflettere, è così che il figlio è stato definito, e con lui tanti che semplicemente magari manifestavano il proprio dissenso in piazza. Ma anche se uno fosse colpevole di reali crimini contro “l’ordine costituito”, ti sembra sensato rapire la madre e ucciderla sotto tortura per questo? Hai ragione Laura, sono perfettamente d’accordo con te. Parliamo però di un luogo dove alcuni diritti dell’essere umano, come  libertà  di  espressione,  non  sono  minimamente  contemplati.  E  Angela  è  stata  l’unica  della  sua  famiglia  ad  essere uccisa? E’ stato ucciso anche Jorge Gullo il fratello minore, che dopo la scomparsa della madre si è completamente dedicato alla sua ricerca tentando ogni strada possibile, compresa a quanto pare un’inutile visita in Italia in cerca di protezione politica per ottenere notizie di Angela. Rientrato in Argentina anche lui con grande coraggio, perché ben consapevole dei rischi che correva, è stato rapito con un’imboscata drammatica perché sotto probabili minacce è stata coinvolta la sua compagna e sua figlia che gli hanno dato un appuntamento che per lui è stato fatale. Capisco. E attualmente com’è la situazione in Argentina rispetto al tema dei desaparecidos e delle madri di Plaza de Mayo? Sono passati diversi anni da quando sono stata in Argentina per realizzare il documentario nel 2010; in quel momento era in atto una grande presa di coscienza (più di vent’anni dopo…) perché finalmente si stavano svolgendo i primi processi a carico dei militari, dopo quella dolorosa rimozione della memoria che si era fatta con le leggi del “punto final” e dell’ “obediencia debida” che nel 1986 stabilivano un’infelice e forzata pacificazione tra la società civile e quella militare  impedendo che giustizia fosse fatta.

Articoli correlati


SALTINARIA I 13 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

Non pensi che il tuo lavoro, per quanto ben fatto e molto toccante, sia un po’ anacronistico visto che non offri un indagine sulla realtà attuale, ma solo una video­documento su un aspetto della vita di una donna comune vissuta nel secolo scorso? E’  un  lavoro  sulla  memoria,  l’attualità  è  data  dallo  svolgersi  solo  ora,  decenni  dopo,  dei  processi  che  rimettono  ordine  nella giustizia. Forse si sarebbe dovuto dedicare anche uno spazio al tema dei figli sequestrati neonati ai desaparecidos e adottati segretamente, che è il tema effettivamente ancora più attuale, perché è la parte più dolorosamente irrisolta. Grazie infinite Laura.  Grazie a te.     Laura  Chiossone  è  una  regista  italiana  che  sperimenta  vari  formati  video:  video  musicali,  documentari,  cortometraggi  e pubblicità. A fine giugno 2013 è uscito il suo primo lungometraggio "Tra cinque minuti in scena".  

Intervista di: Caterina Paolinelli Grazie a: Valentina Calabrese, Ufficio stampa Milano Film Festival Sul web: www.milanofilmfestival.it     Mi piace

0

Invia

Tweet

0

0

Share

Aggiungi commento  E­Mail  Sito web  Titolo (richiesto)

Aggiorna

INVIA

MUSICA \ NEWS

TEATRO \ NEWS

Terme Taurine Festival, la prima edizione a

Teatro Manzoni: 2013/2014 una stagione, più

Civitavecchia dal 26 luglio al 3 agosto

stagioni!

Musica: Ligabue, oltre 500 mila click per la

"La Fabbrica dei Bottoni di Sughero", in scena al

Differenza di Marco

Teatro Sette di Roma dal 20 al 22 settembre

Live Attack 2013 Premio Pierangelo Bertoli

SALTINARIA SOCIAL

115 anni di Federico Garcia Lorca ­ Per non dimenticare, il divieto di amare tra la dittatura spagnola e quella mediatica Terni Festival internazionale della creazione contemporanea (19­29 settembre)

Powered by SitoPerTe.com & Joomla­sitiweb.com

Copyright © 2012 Saltinaria.it

 TOR


Cerca gli eventi nei locali di Milano

VIVIMILANO.CORRIERE.IT I 13 SETTEMBRE 2013 Cosa cerchi

Scegli il loca…

Tweet

?

Tutte le date

0

Consiglia

Vicino a

0

DISCOTECA

Block party a Lambrate di Laura

Vincenti ‐ Ultimo aggiornamento: 12/09/2013

FOTO

MAPPA

0

Lascia un commen

info Spazio ExBazzi Via Dei Canzi 19 Milano Contatti: www.elita.it

Quando: Prima data: 13 settemb dalle 22:00 TUTTE LE ALTRE DATE

Prezzi: 10 euro in prevendita

Eventi simili in zo

1 Cocktail in edizione limitata 2 Un "sorso" di jazz 3 Apre Baladin Milan Descrizione: Milano Film Festival in collaborazione con Elita organizza un “Block Party” negli spazi industriali riconvertiti dell’Area ExBazzi, a Lambrate. Ospiti dell’evento, venerdì 13 settembre, Dex & Efx , duo della popolare crew londinese Trojan Sound System, che suonano su un impianto autocostruito per richiamare il sound originale degli anni d’oro della musica giamaicana, spaziando dallo

Ristoranti in zona

4 Dallo Zio 5 Anna e Leo 6 Osteria di Lambrate

ska al rocksteady fino al dub e al primo dancehall style. Insieme agli ospiti si esibiscono anche i nostrani Black Heart e Tangoor Sound: l’evento fa parte di “Elita Ouverture”, la rassegna musicale in scena dal 12 al 22 settembre, ricca di eventi. Altre info sul sito www.elita.it. TAG: Block Party | dancehall | Elita | Elita Ouverture | Milano Film Festival | musica giamaicana | reggae | ska | Spazio ExBazzi | Trojan sound system | © RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento sul locale

Locali in zona 7 Dude Club 8 The Beach 9 Q21


02blog.it

02BLOG I 14 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE Il magazine milanese di BLOGO NE WS

NEWS

GALLERIE

VIDEO

FUORISALONE 2013

EXPO 2015

Homepage > Milano Film Festival 2013

Milano Film Festival 2013: il programma, sabato 14 e domenica 15 settembre Scritto da: Arianna Ascione ­ sabato 14 settembre 2013 Mi piace

0

Tweet

1

0

0

In programma: "Les Rencontres d’après minuit", "The act of Killing", gli appuntamenti per i più piccoli con il Milano Film Festivalino, la cerimonia di premiazione e la festa di chiusura della 18° edizione

I MAGAZINE DI BLOGO

02blog.it 06blog.it artsblog Benessereblog.it Autoblog.it Bebeblog.it booksblog Calcioblo Cineb Cli Ecoblog.it Fashionblog.it Gadgetblog.it Gamesblog.it Gossipblog gustoblog Happyblog.i Melablog Mobile Mo Soldiblog.it Soundsblog.it Toysblog.it Travelblog.it TVBlog.it crimeblog Polisblog.it Petsblog 02blog.it Mi piace

1.524

VIDEO CORRELATI

Autobus uccide u terribile i Milano ­…

Messagg per il Sin Guarda i

TeleTu 24.90€/mese per Sempre ADSL+Telefono + 2 ore incluse verso tutti i Cellulari. Passa a TeleTu!

www.teletu.it

Il Milano Film Festival 2013 si avvia verso la sua conclusione. Sabato 14 il concorso lungometraggi inizierà con Habi, la Extranjera di Maria Florencia Alvarez (h. 15.00 Teatro Strehler, replica, in presenza della regista), a seguire

Annunci Populis Engage

Burlesqu Dixie Eva (40"­26"­3 Girl Has 

Terra de ninguém di Salomé Lamas (h. 17.00 Triennale ­ Teatro dell’arte, replica), Les Rencontres d’après minuit di Yann Gonzalez (h. 20.30 Teatro Strehler, replica, in

presenza del regista) e Mirage à l’italienne di Alessandra Celesia (h. 22.30 Teatro Studio, replica). Domenica 15, in attesa della cerimonia di premiazione, di nuovo in programma Les

FOTO CORRELATE

La villa p è a Milan venduta)

rencontres d’aprés minuit di Yann Gonzalez (h. 18.00 Spazio Oberdan, replica, in presenza del regista). La cerimonia di premiazione, a cui seguirà la proiezione dei cortometraggi vincitori, si terrà domenica 15 settembre alle 20.30 al Teatro Strehler, con ingresso libero. Alle 22.00 ci sarà la

Via Catul di Milano


02BLOG I 14 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

proiezione del lungometraggio vincitore. A proposito di cortometraggio, quelli in concorso si potranno vedere sabato 14 alle ore 15 (Teatro Studio ­ Gruppo E), alle 17 (Teatro Strehler ­ Gruppo I), alle 22.30 (Teatro Strehler ­ Gruppo C), e domenica 15 alle 15 (Teatro Strehler ­ Gruppo F). Spazio a Sylvain George, nell’ambito dell’omaggio a lui dedicato, con Oh! Liberty! (Experiment the form, experiment the justice) (sabato 14 ­ h. 21 Spazio Oberdan, replica) e con Down in the flame (The little forms and activist image) (sabato 14 ­ h. 22.30 Scatola Magica). Prosegue la rassegna Colpe di Stato sabato 14 con Dirty Wars di Richard Rowley, a cui segue un incontro con Antonio Mazzeo di PeaceLink (h. 14.30 Spazio Oberdan, replica), mentre alle 18.00 appuntamento in Scatola Magica con Inequality for All: Putting People Last, incontro con Michele Salvati e Sandro Trento. Sempre sabato sera sarà la volta di The Act of Killing di Joshua Oppenheimer (h. 20.30 Teatro Strehler, in presenza del regista). Domenica 15 in programma ci sarà la replica di The Act of Killing di Joshua Oppenheimer (h. 14.30 Triennale ­ Teatro dell’arte, in presenza del regista), Infiltrators di Khaled Jarrar (h. 18 Triennale ­ Teatro dell’arte, replica, in presenza del regista) e Inequality for All di Jacob Kornbluth (h. 20 Triennale ­ Teatro dell’arte, replica). Per The Outsiders sabato 14 saranno proiettati 12 O’Clock Boys di Lotfy Nathan presso il Teatro Studio preceduto da Hopper vu par…Rupture di Valérie Pirson (h. 17 Teatro Studio), The Boundary di Nontawat Numbenchapol (h. 17 Spazio Oberdan, in presenza del regista), Diego Star di Frédérick Pelletier (h. 20.30 Teatro Studio, replica), A Band Called Death di Mark Covino e Jeff Howlett (h. 21 Spazio Oberdan, replica) e Lunarcy! di Simon Ellis (preceduto da Hopper vu par…Mountain di Martin de Thurah), (h. 21 Parco Sempione, replica). Domenica 15 alle 15.00 torna Lunarcy! di Simon Ellis allo Spazio Oberdan, e Sogno di una notte di mezza estate di Felice Cappa in Scatola Magica. Alle 17.00 tocca a Closed Curtain di Jafar Panahi e Kmboziya Partovi, in collaborazione con ceCINEpas. La serata si chiuderà con Gore Vidal: The United States of Amnesia di Nicholas D. Wrathall (h. 20.30 Scatola Magica, replica) e Le Straordinarie avventure di Mr. West nella terra dei bolscevichi di Lev Kuleshov. Per poi festeggiare il 18esimo compleanno del MFF si potranno vedere: sabato 14 alle 11.30 al Teatro Strehler The Platinum Collection, Passione; alle 15 in Scatola Magica, Segreto; alle 18.30 alla Triennale – Teatro dell’arte Grandi Speranze, Made in Italy; al Parco Sempione a mezzanotte The Platinum Collection, Amore. Domenica 15 alle 11.30 al Teatro Strehler ci sarà Grandi Speranze, Tutti di famiglia, seguito da Grandi Speranze: Racconti dal Margine. Alle 18.00 in Scatola Magica sarà la volta di The Platinum Collection, Esperimento e alle 23 Viaggio al Parco Sempione. Sabato 14 ultimo appuntamento con il Gruppo 3 del Salon De Refusès (20.30, Scatola Magica), mentre alle 15 in Triennale ­ Teatro dell’arte sarà replicato il film svedese di Fredrik Edfeldt Faro. Infine sia sabato che domenica continua l’appuntamento per i più piccoli presso Cascina Cuccagna con Milano Film Festivalino: alle 15.00 ci saranno i cortometraggi di animazione e alle 16.00 i laboratori ‘Facciamo un film?’ e ‘Un pomeriggio da Oscar’.

Concerti sabato 14 e domenica 15 settembre al Milano Film Festival Sabato 14 alle 18.30 sul palco del Parco Sempione saliranno Mamavegas+Soltanto, e a seguire Fabio De Luca dj set. Domenica 15 invece, sempre alle 18.30, toccherà a The Shak & Speares + Kafka On The Shore. A seguire alle 22.00 tutti i dj del Festival. Sul Sagrato del Teatro Strehler intanto dalle 19.00 inizierà la festa di chiusura della 18° edizione del Milano Film Festival con Lufthansa Festival of Festivals Night. Dalle 19.00 Nina Karaybi e Max TURPE.   Leggi anche:  Milano Film Festival 2013

Le foto del manichino di Berlusconi impiccato


ARTRIBUNE I 14 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE REPORT

RA

CINEMA

TRIBNEWS DESIGN

TELEVISION DIDATTICA

MAGAZINE DIRITTO

CALENDARIO EVENTI

EDITORIA

FOTOGRAFIA

INAUGURAZIONI MERCATO

COMMENTI

MUSICA

NEW MEDIA

TEATRO

TURISMO

BIENNALE 2013

Un rito del fuoco per esorcizzare il colonialismo all’italiana. Lee NEWSLETTER “Scratch” Perry, leggenda del dub, protagonista del video in fieri che Invernomuto portano al Milano Film Festival nome email

privacy policy iscriviti

Scritto da Francesco Sala | sabato, 14 settembre 2013 · 2 commenti 

Sul set di “Negus” – photo Moira Ricci

C’era una volta un ragazzo. Gli mettono in mano un moschetto e lo spediscono a migliaia di chilometri da casa. Gli dicono che deve prendersi un pezzo di terra, strapparlo al potere di un imperatore fatalmente malvagio. Lui, invece, si prende una pallottola: lo rimandano in patria. E al paese trova ad attenderlo, insieme a un folla festante, il manichino di quell’imperatore. Un fantoccio di paglia e stracci, nerissimo, da bruciare nell’esorcismo apotropaico della paura e della sconfitta. Creazione di un’inedita mitologia, insieme antica e contemporanea. Un fatto che a Vernasca, borgo dalle suggestioni medievali perso nell’Appennino emiliano, segna in modo indelebile la memoria collettiva. Una vicenda che per Simone Bertuzzi e Simone Trabucchi, alias Invernomuto, diventa pretesto per inscenare un nuovo rito. Questa volta al contrario. Le ringhiere del Teatro Studio di Milano rimandano l’immagine di una gabbia, con l’emiciclo affacciato trepidante sull’arena di una platea occupata da una monolitica concrezione di altoparlanti. In scena Negus – Echo Chamber, progetto nato sotto l’egida

SONDAGGIO Qual è l'artista italiano contemporaneo più sottovalutato?

del premio Furla ed evoluto oggi nell’orbita della sezione Vernixage del Milano Film Festival, finestra aperta sulla contaminazione tra cinema in senso stretto e video­arte; con uno sguardo che, in questa edizione, ha ammiccato in modo piuttosto diffuso all’idea di testimonianza, raccolta, archiviazione di sentimenti e immagini. Quasi una documentaristica d’artista, che il lavoro di Invernomuto persegue con un occhio allaWerner Herzog.

Gastone Novelli

Il report dall’Etiopia si accompagna con uno scarto netto e deciso alla performace

Giuseppe Chiari

messa in scena da Lee “Scratch” Perry in quel di Vernasca, sciamanico rito di violenta purificazione. Fuoco e ghiaccio per il santone del reggae, paludato di bigiotteria, che chiama a sé le forze della natura nel mantra ossessivo di una gestualità compulsiva. Le fiamme balenano nel buio, mentre il Teatro rimbalza dei bassi avvolgenti di un sottofondo dub; Perry assume la fisionomia tragicomica ed enigmatica di un eroe

Pinot Gallizio  Pietro Consagra  Domenico Gnoli  Mario Schifano  Emilio Isgrò  Giosetta Fioroni  Vincenzo Agnetti

allaDavid Lynch. A bruciare non è più il fantoccio del negus, semmai il retaggio di quel ponte che la cultura rastafariana ha gettato tra Etiopia e Giamaica, memoria di una diaspora inquieta e misteriosa. E il viaggio riprende: con la parte di video dedicata alla performance destinata a vivere di vita propria, su strade diverse dal resto del materiale. In fase di rielaborazione ed implementazione.


ARTRIBUNE I 14 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

o Festa

zza risultati

O SONDAGGI

CHIVIO TIZIE BRE 2013

O 2013

2013

2013

2013

2013

2013

IO 2013

O 2013

RE 2012

BRE 2012

E 2012

BRE 2012

O 2012

2012

2012

2012

2012

2012

IO 2012

O 2012

RE 2011

BRE 2011

E 2011

­ Francesco Sala  


VIRAL NEWS MODA BEN-ESSERE SPORT MOTORI EROS & GIRLS HI TECH SHOW AFTER HOURS GQ.IT I 14 SETTEMBRE 2013 I 1/3 PAGINE

BLOG OROSCOPO VID IN EVIDENZA

SHOW

La seconda vita

Tornano i Daft Punk

Beth Hart ha visto il successo e conosciuto l'abisso: ecco la sua storia

Dieci cose che dovete  nuovo album

MILANO FILM FESTIVAL, L'ULTIMO WEEKEND A TUTTO VOLUME 13 set 2013 — Redazione GQ Italia

La fiaba kitsch di Les Rencontres d’après minuit, The act of Killing il documentario “più spaventoso e surreale del decennio” secondo Werner Herzog, la musica, la cerimonia di premiazione e la festa di chiusura della 18° edizione

0 Commenti

Share

Preferito

Like

20

CONCORSO LUNGOMETRAGGI L'ultimo weekend del Concorso Lungometraggi del 18° Milano Film Festival inizia sabato 14 conHabi, la Extranjera di Maria Florencia Alvarez (h 15:00 Teatro Strehler, replica, in presenza della regista), a seguire Terra de ninguém di Salomé Lamas (h 17:00 Triennale ­ Teatro dell'Arte, replica), Les Rencontres d'après minuit di Yann Gonzalez (h 20:30 Teatro


GQ.IT I 14 SETTEMBRE 2013 I 2/3 PAGINE

Strehler, replica, in presenza del regista) e Mirage à l'italienne di Alessandra Celesia (h 22:30 Teatro Studio, replica). Domenica 15, in attesa della cerimonia di premiazione, di nuovo in programma il trasgressivoLes rencontres d'aprés minuit di Yann Gonzalez (h 18:00 Spazio Oberdan, replica, in presenza del regista). Il festival si conclude con la cerimonia di premiazione, a cui segue la proiezione dei cortometraggi vincitori (domenica 15 sett. h 20.30 Teatro Strehler, ingresso libero) e alle22.00 proiezione del lungometraggio vincitore della 18° edizione. CONCORSO CORTOMETRAGGI Tornano i corti del Concorso, riservato solo a opere under 40, sabato 14 alle ore 15 al Teatro Studio con il Gruppo E, alle 17 al Teatro Strehler con il Gruppo I (alla presenza dei registi), alle22:30 al Teatro Strehler con il Gruppo C (alla presenza dei registi). Domenica 15 è la volta del Gruppo F (h 15:00 Teatro Strehler). OMAGGIO A SYLVAIN GEORGE: Echoes of silence / Rage of immanence Ancora spazio a Sylvain George, con Oh! Liberty! (Experiment the form, experiment the justice): Carta bianca a Sylvain George, una sua personale selezione di corti diretti da altri registi, fra cui Jean­Luc Godard e Ken Jacobs, che «cerca una connessione con le preoccupazioni del momento» (sabato 14 h 21 Spazio Oberdan, replica) e con il cortometraggioDown in the flame (The little forms and activist image) (sabato 14 h 22:30 Scatola magica v.o. no sub ita). COLPE DI STATO La rassegna prosegue nel pomeriggio di sabato 14 con il film/inchiesta che inchioda la politica estera dell'amministrazione Obama, Dirty Wars di Richard Rowley, a cui segue un incontro conAntonio Mazzeo di PeaceLink (h 14:30 Spazio Oberdan, replica). Alle 18:00 appuntamento inScatola Magica con Inequality for All: Putting People Last, incontro con Michele Salvati eSandro Trento. La sera di sabato si chiude infine con uno dei film più attesi di questa edizione, The Act of Killingdi Joshua Oppenheimer (h 20:30 Teatro Strehler, in presenza del regista), che sarà distribuito nelle sale il 17 ottobre con I Wonder. Oppenheimer ci riporta agli anni Sessanta, all'eccidio di oltre mezzo milione di oppositori da parte degli squadroni della morte indonesiani. E lo fa dando la parola agli assassini, mostrandoci un Paese dove nulla è cambiato. Prodotto daErroll Morris e Werner Herzog, che lo ha definito "il più spaventoso e surreale del decennio". LaDomenica di chiusura del festival ha in serbo la replica di The Act of Killing di Joshua Oppenheimer (h 14:30 Triennale ­ Teatro dell'arte, in presenza del regista), per proseguire conInfiltrators di Khaled Jarrar (h 18:00 Triennale ­ Teatro dell'Arte, replica, in presenza del regista) e concludendo con Inequality for All di Jacob Kornbluth (h 20:00 Triennale ­Teatro dell'arte, replica).   THE OUTSIDERS Sabato 14 si apre con 12 O'Clock Boys di Lotfy Nathan presso il Teatro Studio (preceduto daHopper vu par… Rupture di Valérie Pirson) (h 17 Teatro Studio) e con The Boundary diNontawat Numbenchapol (h 17:00 Spazio Oberdan, in presenza del regista), ambientato in Thailandia, dove il regista incontra per caso il giovane soldato Aod che ha appena concluso il servizio militare e lo accompagna nel suo viaggio di ritorno a casa, attraverso un Paese in cui sono evidenti le tracce del conflitto E' poi la volta di Diego Star di Frédérick Pelletier (h 20:30 Teatro Studio, replica) e alle 21:00 due incontri, uno con la musica punk di A Band Called Deathdi Mark Covino e Jeff Howlett (h 21:00 Spazio Oberdan, replica), l'altro con Lunarcy! di Simon Ellis (preceduto da Hopper vu par… Mountain di Martin de Thurah) (h 21:00 Parco Sempione, replica).

Anche Domenica 15 spazio ai "fuori categoria" del Festival; alle 15:00 torna Lunarcy! di Simon Ellis allo Spazio Oberdan, e Sogno di una notte di mezza estate di Felice Cappa (in collaborazione con Teatro Elfo Puccini) in Scatola Magica. Alle 17:00 tocca a Closed Curtaindi Jafar Panahi e Kmboziya Partovi, in collaborazione con ceCINEpas. La serata si chiude con altri due appuntamenti importanti, Gore Vidal: The United States of Amnesia di Nicholas D. Wrathall (h 20:30 Scatola Magica, replica) e, infine, in collaborazione con il Gran Festival del Cinema Muto, organizzato dalla Fondazione Cineteca Italiana, Le Straordinarie avventure di Mr. West nella terra dei bolscevichi di Lev Kuleshov, accompagnato dal vivo con musiche composte ed eseguite da Rossella Spinosa con la collaborazione degli artisti del Centro di Musica contemporanea per la parte di musica elettronica.


GQ.IT I 14 SETTEMBRE 2013 I 3/3 PAGINE

LA MUSICA AL MILANO FILM FESTIVAL Milano Film Festival conferma l'attenzione alla musica con i dj­set che animano ogni sera ilSagrato del Teatro Strehler e con PARKLIVE, un festival di concerti e dj­set in programma ogni sera alle 18.30 al Parco Sempione (realizzato grazie al sostegno di Jack Daniel's e curato da I Distratti). Sabato 14 alle 18:30 Mamavegas + Soltanto e a seguire Fabio De Luca dj set in collaborazione con Rolling Stone. Domenica 15 alle 18:30 il primo appuntamento con The Shak & Speares + Kafka On The Shore a seguire alle 22:00 tutti i dj del Festival. LUFTHANSA FESTIVAL OF FESTIVALS NIGHT Sul Sagrato del Teatro Strehler dalle 19:00 inizia la festa di chiusura della 18° edizione del Milano Film Festival con Lufthansa Festival of Festivals Night. Dalle 19.00 Nina Karaybi e Max TURPE, tra i dj più noti del panorama notturno milanese animeranno la serata e il pubblico avrà anche la possibilità di partecipare a "Party e riparti", il nuovo concorso di Lufthansa che mette in palio un volo intercontinentale per due persone nei luoghi che hanno fatto da palcoscenico ai protagonisti del festival. L'ABBONAMENTO "ULTIMO WEEK­END AL FESTIVAL" (al prezzo di 20€) A partire da giovedì 12 è possibile acquistare l'abbonamento al prezzo ridotto di 20 euro, valido per assistere a tutte le proiezioni in programma negli ultimi 4 giorni del festival (da giovedì 12 a domenica 15 settembre).


LIBEROQUOTIDIANO.IT I 14 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE

Impossibile

ÂťRegioni LOMBARDIA

Milano: oltre 100.000 presenze per 18esima edizione 'Film Festival' Condividi

ShareMore Commenti 0 Share | Altro

0

14/09/2013

Qual è il tuo stato d'animo? Triste

0

Stupito

0

Allegro

0

Arrabbiato

0

AA A Milano,

14

set.

(Adnkronos)

-

Si

conclude

domani,

domenica 15 settembre, la 18esima Milano

edizione Film

del

Festival.

Un'edizione di grande successo che vedra' superato il muro delle 100mila presenze fatto registrare lo scorso anno. "Ancora una volta - ha dichiarato l'assessore alla Cultura Filippo Del Corno - il Milano Film Festival si e' dimostrato capace di creare importanti connessioni internazionali e l'altissima affluenza di giovani registrata anche quest'anno


LIBEROQUOTIDIANO.IT I 14 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

dimostra come si sia sulla strada giusta. Da parte dell'amministrazione c'e' la volonta' di coinvolgere sempre di piu', su questo e su tanti altri progetti, l'universo della cultura giovanile di questa citta' e non solo. Un esempio di come si puo' fare cultura negli spazi pubblici, valorizzandoli, e continuare a fare cultura pur in un momento di crisi, mettendo insieme le forze di istituzioni pubbliche, partner privati e associazioni, in questo caso 'Esterni'". "Il Milano Film Festival - ha aggiunto- ormai ha trovato una sua collocazione nazionale, e non solo. Tanti, poi, hanno apprezzato l'espansione urbana di questa edizione, che dalla Triennale al Parco Sempione ha creato nei fatti un nuovo spazio urbano. Questa impostazione di festival diffuso e' sicuramente da ampliare in futuro". Nella giornata di chiusura di domani sono anche previste le proiezioni di alcuni video realizzati dal Comune di Milano, appena prima della premiazione prevista per le 20.30 al Teatro Strehler tra cui "Milano palestra a cielo aperto" e "Milano il recupero delle cascine


CONTATTI SUGGEST ARCHIVIO

MEDIACRITICA I 14 SETTEMBRE 2013 HOME

EDITORIALE

FILM-SETTIMANA

PRIME VISIONI

FESTIVAL

TV

MEDIA/NEW MEDIA

FESTIVAL

INEDITI

FILM HIST

ARTICOLI PRECEDENTI

L’eterno ritorno di Antonis Paraskevas

L’arte del sogno (2 Sep 14, 2013

Scritto da CARMEN SPANÒ il 14, Sep 2013 • 1:40 pm &bull

Be Kind Rewind – (2008)

Milano FilmFestival 2013, 5 – 15 settembre 2013, Milano

Sep 14, 2013

Intervista a Christos Stergioglou

Antonis Paraskevas è una star della conduzione televisiva da vent’anni. Fino al giorno in cui il suo appeal mediatico subisce una battuta di arresto: ascolti che vanno a picco, investitori pubblicitari non più pervenuti.

Venezia 70: oggett sottr-azione

È necessario inventarsi qualcosa, svecchiare un’immagine ormai usurata dal regime dell’assuefazione. Lo

scoop è dietro l’angolo: dopotutto, basta inventarselo.

Sep 11, 2013

Elina Psykou, all’esordio nel lungo con L’eterno ritorno di Antonis Paraskevas, non sceglie le mezze misure: costruisce un’opera ritmata sulle ossessioni del suo protagonista, sulla sua trasformazione psico-fisica concepita

Il Ruggito di Medi

come viaggio del degrado,percorso disturbante nel gorgo della follia. Straordinario,da questo punto di vista, il

Sep 11, 2013

lavoro dell’attore Christos Stergioglou sul corpo e lo sguardo di Antonis: noi di Mediacritica lo abbiamo

incontrato al Milano FilmFestival dove l’attore ha presentato il film in anteprima internazionale.

At Berkeley

Dopo Venezia, Milano: è felice di essere al Film

Sep 11, 2013

Festival? Sono molto contento di essere qui. C’è un’energia positiva, tanta gente giovane; e Milano la sento come

Giovani ribelli – K

una città calda. Sì, mi piace molto.

Sep 11, 2013

Il suo personaggio, Antonis Paraskevas: è più un

disperato o un cinico?

È entrambe le cose. Oltre ad essere un narcisista e, alla fine, un criminale. Devo dire di provare pietà per lui, per tutti i personaggi come lui, perché non si rendono conto

Il piccolo fuggitivo Sep 11, 2013

di vivere in un mondo irreale, con quel loro desiderio di essere sempre i primi in qualcosa. Sono dei pazzi inconsapevoli. Non vorrei mai essere come queste

Ilo Ilo

persone.

Sep 11, 2013

Ritiene che anche lo spettatore dovrebbe provare pietà i personaggi come Antonis? È questo il tipo di

sentimento che il film intende suscitare? Io spero che il pubblico si renda conto che questo modo di vivere è il peggiore possibile. La sceneggiatura è molto forte nel delinearlo – tutto sfocia nella pazzia – e io mi auguro che questo aiuti a capire quanto quel gioco sia pericoloso. Elina Psykou, la regista, ha detto del suo protagonista: “È un eroe tragico il cui destino è già stabilito. In

quanto eroe, è costretto a sopravvivere e rivendicare l’immortalità. Ed è proprio di questo che parla il film:

l’immortalità ad ogni costo”. È d’accordo con questa definizione? La condivido pienamente. E condivido l’atteggiamento di disapprovazione che Elina ha cercato di esprimere. L’immortalità è un desiderio irrealizzabile e non vale i prezzi che alcune persone sono disposti a pagare per cercare di raggiungerla. Il film vuole essere un monito in tal senso.

Mailing List

Email Subscribe

DA NON PERDERE

La storia narrata è profondamente connessa alla situazione che la Grecia sta attraversando. Secondo lei, quanto è importante il ruolo dei media – del cinema, della televisione – nel determinare l’atteggiamento delle persone nei confronti della crisi? Devo dire che la televisione, in particolare, fa un pessimo lavoro. La pubblicità, ad esempio, ha la capacità di orientare le persone che si ritrovano a seguire cattivi esempi di vita. Ci sono, però, dei registi che fanno un cinema alternativo che merita di essere seguito perché in grado di dire qualcosa di importante alla gente. Questo è il cinema che io scelgo di sostenere, come il cinema di Elina, che ha il coraggio della verità e di indicare una via di realizzazione diversa da quella che molti media, per il loro puro interesse, ci prospettano.

L’eterno ritorno di Antonis Paraskevas [I aionia epistrofi tou Antonis Paraskevas, Grecia 2013] REGIA Elina Psykou. CAST Christos Stergioglou, Giorgos Souxes, Maria Kallimani, Theodora Tzimou, Syllas Tzoumerkas. SCENEGGIATURA Elina Psykou. FOTOGRAFIA Dionisis Efthimiopoulos. MUSICHE Felizol. Drammatico, durata 88 minuti.

SEGUICI SU


CINEFORUM I 15 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE

menu

(/)

Milano Film Festival 2013 (/FocusesTexts/FocusIndex/7) Ieri, 13:42

"Midsummer Night's Tango"

Tango finlandese di Riccardo Lascialfari

Siamo proprio sicuri che il tango, il ballo considerato patrimonio dell’umanità, mix inconfondibile di ritmo e sensualità, abbia avuto origine, come tutti danno per scontato, tra Argentina e Uruguay? E

se fosse nato in Finlandia? A suggerire l'ipotesi bizzarra è Aki Kaurismaki, nel cameo che dà

avvio a Midsummer Night's Tango, l'arioso e divertente documentario firmato da Viviane

Blumenschein, passato al Milano Film Festival nella sezione "The Outsiders".

Secondo il regista di Nuvole in viaggio furono infatti i pastori finlandesi di metà '800 a inventarsi delle languide cantilene per tenere lontani i lupi dal bestiame e per combattere la solitudine. Poi i

marinai, con i viaggi e le migrazioni, completarono l'opera, fino a diffondere nel mondo, e dunque anche in Sudamerica, i rudimenti del celebre tempo binario, diventato espressione popolare e artistica, contenitore di danza, testo e canzone. Tre musicisti argentini - il cantante Chino Laborde, il chitarrista Diego "Dipi" Kvito e Pablo

Greco con il suo inseparabile bandoneón - non ne sono però troppo convinti, così decidono di

volare da Buenos Aires fino a Helsinki per compiere un'indagine sul campo. A bordo di una

vecchia utilitaria che parte solo a spinta (nel corso del film da rossa diventa verde poi azzurra),


CINEFORUM I 15 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

incontrano boschi e laghi cristallini, visitano una balera dove si balla la milonga, ma soprattutto si

confrontano e discutono di musica, di vita, di tradizioni, con una variopinta galleria di personaggi autoctoni. Tutti legati al mondo del tango (in salsa nordica). Nonostante un approccio a tratti illustrativo, qualche totale da cartolina di troppo, la

Blumenschein realizza un road movie genuino, convincente, con parecchi momenti felici. Anzi, si tiene ben lontana da ogni sociologismo, da folkloristiche tentazioni dimostrative e lascia agire sullo schermo, in modo tale che si impongano via via allo sguardo, i sorrisi, i volti, gli abbracci, i siparietti canori dei protagonisti, magari improvvisati attorno a un tavolo dopo aver assaggiato le

tortine di riso finlandesi.

L'avventura dei tre improbabili “detective” argentini, con la loro contagiosa curiosità, finisce per consegnare allo spettatore una lezione importante: il vero, autentico incrocio di culture ed esperienze, non può che essere il frutto della relazione con l’altro. Se poi lo si fa con il linguaggio universale della musica... A chiudere la diatriba Argentina/Finlandia, il cameo finale di Kaurismaki.

Ma conta davvero scoprire la verità?

Nella stesso focus: Violenza e redenzione a Oakland (/FocusesTexts/view/Violenza_e_redenzione_a_Oakland) di Riccardo Lascialfari Orrore nordcoreano (/FocusesTexts/view/Orrore_nordcoreano) di Riccardo Lascialfari Sublime e supponente (/FocusesTexts/view/Sublime_e_supponente) di Andrea Chimento "Mirage": vero, falso, reale (/FocusesTexts/view/Mirage_vero_falso_reale) di Valentina Alfonsi 18 anni con stile (/FocusesTexts/view/18_anni_con_stile) Tweet

CINEFORUM WEB Via Pignolo, 123 24121 Bergamo tel. 035361361 fax 035341255 CF e PI 01700110164 RECENSIONI (/REVIEWS) VOTI (/AUTHORSRATINGS) RUBRICHE (/COLUMNSTEXTS) COSA VEDREMO (/PREVIEWS) NEWS (/NEWS) INTERVISTE (/INTERVIEWS) FOCUS (/FOCUSESTEXTS/VIEW) INFO (/PAGES/INFO) CONTATTI (/PAGES/CONTATTI) ABBONATI ALLA RIVISTA (HTTP://RIVISTA.CINEFORUM.IT/COME-ABBONARSI)


CINEFORUM I 15 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE menu

(/)

Milano Film Festival 2013 (/FocusesTexts/FocusIndex/7) Oggi, 11:19

"Licks"

Violenza e redenzione a Oakland di Riccardo Lascialfari

Il giovane “Lil” D. (Stanley Doe Hunt) ha diciannove anni quando fa ritorno a Oakland, California, dopo aver scontato due anni di prigione per una rapina in un drugstore finita male. A differenza dei suoi complici, ha perso tempo nello svignarsela per recuperare l’anello che portava al dito, caduto sotto uno scaffale. Non poteva lasciarlo lì. Si trattava della promessa d’amore della sua ragazza Aliki (Tatiana Monet). È il primo segno di una “differenza” che, sottotraccia, consente al regista Jonathan Singer-Vine,

appena venticinquenne e qui al suo esordio, di mettere a punto un sapiente gioco di forze, di azioni e reazioni, che polarizzano i ruoli dei personaggi. E il mondo che rappresentano.

Rientrato a contatto con gli abitanti del quartiere e con gli amici (molti sono spacciatori e malfattori), sottoposto a libertà vigilata, D. tenterà, tra apatiche ricadute e un progressivo desiderio di riscatto, di imprimere alla propria vita un’altra direzione. Diventare una persona (Daniel) e non più una sigla.


CINEFORUM I 15 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

Tre anni di lavorazione, una lunga attività di ricerca con sopralluoghi nel quartiere di Oakland in

cui è ambientata la storia, oggetti di scena forniti dagli stessi abitanti, l’utilizzo di attori esordienti. Forse stava pensando a questo Jonathan Singer-Vine quando, intervenuto al Milano

Film Festival insieme a parte del cast in occasione della prima europea di Licks (Rapine), ha parlato del suo film come un work in progress, un’esperienza umana e formativa destinata a durare (sul sito ufficiale www.licksmovie.com si cercano ancora donazioni per recuperare parte del budget). Tra le sue intenzioni, quella di “raccontare soprattutto la cultura dei personaggi”. Per farlo, li ha

immersi in un’atmosfera satura di violenza fisica e verbale (non si contano i “nigger”, “fuck”,

“pimp”), di predestinazione (D., Mac, Ty, Maalik e gli ragazzi non sembrano avere altro orizzonte

che quello del crimine e a poco valgono gli avvertimenti del reverendo), di desolazione urbana (solo qualche panoramica a macchina fissa ci ricorda che oltre il groviglio di strade attorno al

quartiere esiste un altro mondo).

Singer-Vine, autore anche del soggetto e co-produttore, maneggia con abilità materiali

filmicamente rischiosi, come la violenza giovanile in un ghetto americano, lo squallore degli ambienti della droga e della prostituzione, lo sfascio familiare. Solo qua e là carica un po’ troppo lo stile – i rallenti, i riferimenti al ritratto di Martin Luther King, qualche incertezza nella parte centrale – ma non è che il risultato, crediamo, di una spontanea e

vigorosa urgenza espressiva. Di un talento che promette molto.

Nella stesso focus: Tango finlandese (/FocusesTexts/view/Tango_finlandese) di Riccardo Lascialfari Orrore nordcoreano (/FocusesTexts/view/Orrore_nordcoreano) di Riccardo Lascialfari Sublime e supponente (/FocusesTexts/view/Sublime_e_supponente) di Andrea Chimento "Mirage": vero, falso, reale (/FocusesTexts/view/Mirage_vero_falso_reale) di Valentina Alfonsi 18 anni con stile (/FocusesTexts/view/18_anni_con_stile) Tweet

CINEFORUM WEB Via Pignolo, 123 24121 Bergamo tel. 035361361 fax 035341255 CF e PI 01700110164 RECENSIONI (/REVIEWS) VOTI (/AUTHORSRATINGS) RUBRICHE (/COLUMNSTEXTS) COSA VEDREMO (/PREVIEWS) NEWS (/NEWS) INTERVISTE (/INTERVIEWS) FOCUS (/FOCUSESTEXTS/VIEW) INFO (/PAGES/INFO) CONTATTI (/PAGES/CONTATTI) ABBONATI ALLA RIVISTA (HTTP://RIVISTA.CINEFORUM.IT/COME-ABBONARSI)


milano ILGIORNALE I 15 SETTEMBRE 2013 Impossibile caricare il plug‑in. Home

Interni

Esteri

Cronache

Blog

Economia

Sport

Cultura

Tech

Milano

Impossibile caricare il plug‑in.

Condividi:

Si spegne il Film Festival allo Strehler la premiazione

Commenti: 0

Redazione ­ Dom, 15/09/2013 ­ 07:04

commenta

0

Oggi Il festival si conclude con la cerimonia di premiazione, a cui segue la proiezione dei cortometraggi vincitori ﴾h 20.30 Teatro Strehler, ingresso libero﴿ e alle 22 proiezione del lungometraggio vincitore della 18° edizione. Gli ultimi appuntamenti iniziano alle 11.30 allo Strehler con «Grandi Speranze», «Tutti di famiglia», per poi proseguire con una selezione molto speciale di Grandi Speranze: Racconti dal Margine. Tra i film proiettati, infatti, ci sono A Comunidade di Salomé Lamas e Land of My Dreams di Yann Gonzalez . Alle 18 in Scatola Magica è la volta di The Platinum Collection, Esperimento e infine alle 23 Viaggio al Parco Sempione

Lusso

Casa


domenica24 casa24 moda24 plus24 motori24 job24 mediacenter24 viaggi24 salute24 shopping24 radio24

altri

CERCA

diritto24

ILSOLE24ORE I 15 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE Milano 16° (cambia)

ARTE

CINEMA

Cultura­Domenica

LIBRI

Professioni e Imprese24 Banche dati

MUSICA

TEATRO E DANZA

IL MAGAZINE

JUNIOR

ARCHIVIO

> Cinema

IN QUESTO AR

Argomenti: Cinema  |  Sylvain G Oppenheimer |  Gianfranco Ros |  Les Chebabs de Yarmouk |  E

Emiliano Morreale 15 settembre 2013

3

Versione digitale

Sabato • 14 Settembre 2013 • Aggiornato alle 20:37

È reale, eppure è cinema Tweet

lavoro24

Consiglia

1

0

My24

Il Leone d'oro a Gianfranco Rosi sembra aver riacceso l'interesse intorno al documentario. Ma i motivi di interesse del cosiddetto "cinema del reale" sono molteplici, e spesso non riguardano solo il contenuto. Si prenda la sezione "Colpe di stato" del Milano Film Festival, che si conclude oggi. Curata da Paola Piacenza, è in apparenza una panoramica di documentari politici, nei quali il tema dovrebbe es sere l'elemento decisivo. Ma quest'anno conteneva lavori di grande complessità, in cui a suscitare interrogativi, ad affascinare e a sconcertare è anzitutto la costruzione del dispositivo filmico. (Del resto, quest'anno il festival ha ospitato anche un omaggio a Sylvain George, uno dei documentaristi politici più interessanti d'oggi, autore di una serie di film sull'immigrazione in Francia). Certo, tra i film di "Colpe di stato" c'erano anche lavori il cui impatto politico era più immediato. Ad esempio, Mutasalilum di Khaled Jarrar, girato tra i trasgressori del confine Israele/Palestina, ovviamente punta molto sulla forza dell'immediatezza. E Les Chebabs de Yarmouk, su un campo profughi in Siria, con una impostazione classica, ci avvicina a una generazione di giovani palestinesi in attesa. Element o, questo della sospensione in luoghi di transito e stazionamento, presente anche in Sur les rivages du monde, ambientato in Mali, tra migranti in attesa di partire verso l'Europa. E dunque sì, i temi di attualità sono l'elemento unificante della sezione: la crisi della classe media negli Usa, i nuovi missionari cristiani fondamentalisti in Uganda, l'uso dei droni anche da parte dell'amministrazione Obama. Eppure le potenzialità del documentario risaltano in due film appassionanti e sconcertanti, stranamente simili nei rischi che si assumono. Il primo è The Act of Killing, che l'americano Joshua Oppenheimer ha girato in Indonesia, scovando alcuni dei torturatori e assassini del colpo di stato del 1965, quando gli squadroni della morte uccisero oltre mezzo milione di persone. Questi assassini 50 anni dopo vivono in pace con la propria coscienza, e di buon grado si prestano a spiegare e rimettere in scena le proprie azioni, coinvolti in un film-nel-film che lambisce l'horror di serie B e addirittura il musical kitsch. Qui l'operazione di "filmare il nemico" è rischiosissima: il regista racconta il piacere di mettersi in scena da parte di questi uomini, ma alla fine riesce nell'impresa di non render li simpatici, e crea nello spettatore uno sconcerto salutare, che riguarda non solo i personaggi sullo schermo ma le proprie modalità di apprendere la rappresentazione e la spettacolarizzazione della cronaca e della storia recente. E, muovendosi sul filo di lama della vicinanza ai carnefici, scardina il consolatorio "paradigma vittimario" che governa anche il funzionamento dei media. L'altro titolo è D er Kapitän und sein Pirat (Il capitano e il suo pirata) del tedesco Andy Wolff, confronto a distanza tra il comandante di una nave sequestrata dai pirati, e il pirata somalo che l'ha rapito, intervistato nel suo covo. I due osservano le reciproche interviste, le commentano, mentre ogni tanto vediamo anche immagini del sequestro della nave. Il capitano (anzi, ormai ex capitano) ha visto la propria carr iera distrutta dall'evento, perché gli è stata data la colpa dell'accaduto, e alla fine sembra che l'unico a

ULTIMI DI SE

DOMENICA

Le pannocchie di Toni DOMENICA

La discesa nel vulcano Lara Ricci

LIBRI Torino vagabonda e solidale

CI Èr cin

Camilla Tagliabue

Em

TEATRO E DANZA Siamo solo marionette

M Ta Te

Renato Palazzi

Ca

Tutto su Cultura?  Mi piace

717

I PIÙ LE OGGI

CONDIVISI

VIDE

1

Costa Concordia, C possibilità che la r - Il Sole 24 ORE

2

Case, rischio bolla la Banca d'Inghilte del 5% su aumento ORE

3

Letta: con legge di costo del lavoro. M la legge la scrivera Sole 24 ORE


ILSOLE24ORE I 15 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

riconoscergli dignità di comandante sia proprio il suo rapitore. Anche qui, c'è un momento in cui il regista fa rimettere in scena alla vittima i momenti drammatici del sequestro. Ma l'idea forte di questo film a suo modo straordinario è proprio il dialogo a distanza tra i due, il loro riconoscersi a distanza come avversari, con dei momenti degni di un romanzo di Conrad. © RIPRODUZIONE RISERVATA

4

Il bodyguard (di prende le foto a rapina aggravat

5

Tor des Géants. gara più dura d ORE

6

Così i terremoti hanno cancella Sole 24 ORE

CLICCA PER CONDIVIDERE

TAG: Cinema, Sylvain George, Joshua Oppenheimer, Gianfranco Rosi, Israele, Mutasalilum, Les Chebabs de Yarmouk, Europa, Khaled Jarrar, Andy Wolff, Colpe di stato

SELEZIONA

ANNUNCI GOOGLE

Il Leone sul raccordo

Amelio fotografico e inusu

Miglior Conto Deposito: 3,20% Scegli ContoForte: No Costi, Tassi Vantaggiosi, Semplice e Sicuro! www.ContoForte.it/ContoDeposito

Emoziona l'omaggio di Sc

Il potere dei soldi, nelle sa

Proteggi i tuoi risparmi. No a fondi comuni e conti deposito. Fai come i grandi investitori. investimenti.moneyfarm.com

SHOPP

Scopri Fiat Panda 4x4 Trazione integrale, ESC, cerchi da 15", radio CD/Mp3 e clima. Scoprila www.fiat.it/Panda_4x4   € 32,00

Permalink http://www.ilsole24ore.com/art/cultura/2013­09­15/reale­eppure­cinema­085118.shtml?uuid=AbZfJrWI

Iva Inc. Storia E Pratiche Del Documentario

DAI NOSTR Articoli

Video

Il Leone sul raccordo Bertolucci premia il docum allo scabroso «Miss violen

Al via il Milano Film Festiv talenti emergenti e indipe Da Venezia a Milano: men media e appassionati è tut

Titolo non disponibile I due film più appassionan che si siano visti finora...

DA NON PERDERE Trailers

Scelti per voi


CERCA

LOUDVISION I 15 SETTEMBRE 2013 cinema Home / Cinema / News / Milano Film Festival: Stasera la chiusura

news Milano Film Festival: Stasera la chiusura 

15/09/2013 Autore: Valentina Alfonsi

71 letture Stampa Invia ad un amico Condividi in rete Link breve  http://lv11.it/sseyf

Questo articolo 

mi piace 

non mi piace

APPROFON

Si chiude stasera la 18esima edizione del Milano Film Festival con la cerimonia di premiazione al Teatro Strehler (20.30, ingresso libero) a cui seguirà la proiezione del film vincitore.  Per il concorso lungometraggi sarà riproposto, alle 18 allo Spazio Oberdan, "Les rencontres d'aprés minuit" di Yann Gonzalez alla presenza del regista, mentre alle 14.30 alla Triennale ­ Teatro dell'arte Joshua Oppenheimer presenterà il suo "The Act of Killing", nella sezione Colpe di Stato. I bambini sono attesi alla Cascina Cuccagna con una selezione di cortometraggi d'animazione, dalle 15, e con i laboratori "Facciamo un film?" e "Un pomeriggio da Oscar", realizzato in collaborazione con Imaginarium, a partire dalle 16. Tutte le info su MFF.it

COMMENTI Questo articolo 

mi piace 

non mi piace

Invia un commento Se sei iscritto a LoudVision effettua il login. Altrimenti registrati qui oppure connettiti con il tuo account Facebook o MySpace Vai al forum

PROPAGANDA

In questa colonna che stai leggendo

CONNECTIO

ARTICOLI ...e altri ancora. Ce

Milano Film F l'omaggio a S Milano Film F Milano Film F Milano Film F con Louis Hud Milano Film F


NUOVOCINEMALOCATELLI I 15 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE

Nuovo Cinema Locatelli

Ricorderemo il mondo attraverso il cinema (Lav Diaz)

Recensione: ILO ILO (dal Milano Film Festival). Ritratto – ironico e abbastanza impietoso – di famiglia di Singapore con colf filippina Pubblicato il settembre 15, 2013 da luigilocatelli

Ilo Ilo, regia di Anthony Chen. Con Koh Jia Ler, Angeli Bayani, Chen Tian Wen, Yeo Yann Yann. Singapore. Visto al Milano Film Festival 2013. Presentato all’MMF il film vincitore quest’anno a Cannes della Caméra d’or come migliore opera prima. Il suo regista ha solo 29 anni, ma già una grande sicurezza nel raccontare e nel mettere in scena questa storia di una media famiglia nella Singapore 1997. Per tenere a freno il figlio indisciplinato viene ingaggiata una filippina, un po’ colf, un po’ badante­baby sitter. Scatterà, dopo un burrascso inizio, un’alleanza tra i due. Ritratto nei toni della commedia, eppure disincantato, di un interno familiare asiatico dominato dalla ferrea logica dei soldi, dell’ambizione, della rivalità, della sopraffazione. Voto 7+ Quest’anno mi pare che il Milano Film Festival abbia fatto un salto ulteriore, con un programma corposo e di film importanti. Film in gran parte provenienti da altri festival (da Berlino soprattutto), ma lì annegati nell’eccesso di offerta e qui invece resi disponibili sia ai festivalieri che magari se li erano persi, sia a chi ai festival non va. Arriva da Cannes, e arriva da vincente, questo Ilo Ilo del regista made in Singapore Anhony Chen, 29 anni soltanto, al primo lungometraggio, e con parecchi corti alle spalle tra l’altro presentati ai precedenti MFF, a dimostrazione di come questa rassegna milanese ci azzecchi spesso e


NUOVOCINEMALOCATELLI I 15 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

veda lungo. Perché Chen con Ilo Ilo a Cannes si è portato a casa nientemeno che la Caméra d’or, il premio assegnato alla migliore opera prima tra tutte quelle presentate nelle sezioni ufficiali (Compétition, Un certain regard, Fuori concorso) e nelle rassegne indipendenti e collaterali (Quinzaine des Réalisateurs e Semaine de la critique). Agnès Varda, che presiedeva la giuria della Caméra d’or, nel consegnare il riconoscimeno al giovanissimo regista singaporiano lo ha elogiato con un lungo e sentitissimo speech (ma quando finirà?, ci si chiedeva sgomenti in sala stampa), anche per la capacità di miscelare registri e linguaggi differenti. Sicché, quando sono andato l’altra sera a vedermi il film qui al MFF (a Cannes era tra quelli che non ero riuscito a beccare), le mie aspettative erano altissime, e non vedevo l’ora. Non è che poi Ilo Ilo mi abbia deluso, no, è certo un film di rispetto, però non vi ho ritrovato quella leggerezza e quella nonchalance, quella disinvoltura di confezione, quel coraggio che mi erano sembrati trasparire dalle parole della Varda. Un bel film, una scoperta anche, ma l’esplorazione delle nuove frontiere cinematografiche è un’altra cosa. Quel che colpisce è il mestiere già perfetto di Chen, la sua sicurezza quasi naturale, da narratore puro, nel disegnare i caratteri, nel metterli a confronto, nel far nascere il racconto. Abbastanza impressionante. Il ragazzo non sbaglia un colpo, sa tenere sotto controllo fili e diramazioni della trama, ha la giusta dose di ruffianaggine per colpire al cuore e anche più sotto se necessario il suo pubblico. Credo che in Ilo Ilo ci sia qualcosa, e anche più di qualcosa di autobiografico. Credo. Siamo a Singapore difatti, e ci siamo nel 1997, anno della prima grande crisi finanziaria asiatica, quella che fece gridare alla fine del miracolo delle tigri. Adesso, lo sappiamo, fu solo una pausa, un rallentamento momentaneo, nell’ascesa del continente. Il che consente però a Chen di prendere la città-stato in una fase di sospensione e di frattura, quando la crisi mette a nudo non solo le fragilità e le diseguaglianche sociali ed economiche, ma anche certe crepe esistenziali, private. Nei toni della commedia Chen entra e ci fa entrare in una casa medio-piccoloborghese, padre venditore, madre impiegata (e batte ancora a macchina: nel 1997!), genitori sempre affacendati e parecchio assenti, con il figlio Jiale sui dieci-undici anni che, signora mia, è una peste. Uno che a scuola mena, per difendersi certo, però mena, e ne combina di ogni e non è proprio un campione di studi, oltre che di disciplina. Per tenerlo sotto controllo i genitori si prendono in casa una colf filippina di nome Teresa cui affidare non solo l’irrequieto bambino, ma anche la gestione domestica, dalla spesa allo stiro al passaggio dell’aspirapolvere. Son queste le parti migliori di Ilo Ilo, quando Chen ci mostra la stronzaggine della padrona di casa, di come sequestri il passaporto di Teresa schiavizzandola (“così non potrà tagliare la corda”, spiega al marito pure lui, come noi, esterrefatto). All’inizio anche Jiale maltratta quella giovane donna venuta da un’isola chiamata Ilo Ilo per tirar su un po’ di soldi e mantenre il suo bambino di non ancora un anno. In questa fase il regista sa benissimo orchestrare, pur nella leggerezza e perfino in certi momenti nella grazia, il suo teatrino familiare della crudeltà. Si sorride e si ride, ma il quadro che ne vien fuori è abbastanza implacabile. Quello di una famiglia che persegue pervicacemente il benessere e la rispettabilità borghese costino quel che costino, dove tutto è sottomesso alla convenienza, al denaro, alle regole dell’ipocrisia. Il rapporto tra la padrona e la serva è di una sottile ferocia che ci rimanda, pur in versione depotenziata e di commedia, a Losey-Pinter e Genet (quando lei in bagno si mette il rossetto della signora). Poi qualcosa succede, ed è l’imprevedibile alleanza tra il bambino quasi teppista e la giovane donna venuta dalle Filippine. Jiale si legherà a lei come a una madre sostitutiva e surrogatoria, e la vera se ne accorgerà, e proverà fastidio e forse sofferenza. Niente sfugge allo sguardo ironico e impietoso del giovane Anthony Chen: Singapore e la sua egemone comunità cinese, i riti familiari e di clan, i rapporti di lavoro gerarchici e spesso vessatori, un panorama urbano, se non degradato e sporco, certo lontano dall’immagine convenzionale di Singapore campione di ordine e pulizia. I licenziamenti si susseguono, la gente si impoverisce e si incazza, pur senza ribellioni manifeste. Singapore non è quell’angolo di paradiso che tanta retorica e propaganda pro-asiatica ci hanno consegnato per molto tempo. Poi nell’ultima parte Ilo Ilo si sfilaccia, non osa più, prevalgono i buoni sentimenti e il dolciastro. Ma il film resta, c’è, ed è un film che rivela un autore, e che qualche distributore dovrebbe importare e far circolare in Italia. Condividi:

Mi piace

2

0

Tweet

1

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, festival, film, Post consigliati, recensioni e contrassegnata con agnès varda, anthony chen, cinema, festival, festival di cannes, film, ilo ilo, mff, milano film festival 2013, premio caméra d'or, recensione, singapore. Contrassegna il permalink.


PLAYERS I 15 SETTEMBRE 2013 I 1/6 PAGINE

B Y C L A U D I O   M A G I S T R E L L I    C I N E M A ,   E D I T O R I A L E ,   S P E C I A L E 1 5  SETTEMBR E 2 0 1 3

I BLOCKBUSTER SONO BRUTTI, IO VADO AL MILANO FILM FESTIVAL

I blockbuster estivi a stelle e strisce sono ormai un pacco, l’abbiamo già detto e lo ribadiamo. Che fare allora? Il mio rimedio anche per quest’anno è stato il Milano Film Festival. Eh sì, anche se la città sembra non essersene mai accorta, anche Milano ha un suo festival del cinema, giunto ormai alla 18° edizione con annesse battute sulla raggiunta maggior età e il concetto di gioventù.


PLAYERS I 15 SETTEMBRE 2013 I 2/6 PAGINE

La rassegna come da tradizione è aperta alle opere prime e seconde di registi emergenti, e ciò porta con se diversi vantaggi. Per prima cosa, è possibile assistere alle prime visioni di registi che un domani potrebbero spopolare a Venezia o al Sundance, e non è da escludere la possibilità di ritrovarsi tra qualche anno a raccontare agli amici scettici di come voi conosciate quel giovane talento fin dagli esordi, quando eravate seduti di fianco al lui alla prima del suo film d’esordio, gli avete offerto una sigaretta e addirittura lo avete ospitatosul vostro divano. Il che porta con se il secondo vantaggio, ovvero la totale assenza di divismo, niente star, nessuna traccia di Mollica che freme per far vedere che lui da del tu a tutti, nessun rischio di incontrare per caso Giuliano Ferrara mentre urla untuosi apprezzamenti a qualunque signore di passaggio, al massimo può capitare di incrociare Carlo Giuseppe Gabardizz, meglio noto ai più come Olmo di Camerà Caffè, mentre si sbatte per l’organizzazione e non per farsi notare da chi passa. Anche la critica è più bella al Milano Film Festival. Probabilmente grazie al fatto che tutti i colleghi più glamour si sono riversati su Venezia, è difficile scorgere in sala un giornalista più impegnato a farsi riconoscere che a guardare i film. Infine, dettaglio non poco, per acquistare un ingresso non è necessario prendere in seria considerazione la vendita clandestina di un organo non vitale o il digiuno per l’intera durata del festival. Non lo neghiamo, tocca sopportare anche qualche effetto collaterale, come i fashion dj set post­proiezione che hanno sugli hipster il medesimo effetto che il lampione ha sulle falene. La concentrazione di barbe lunghe, pantalocini arrotolati sulla coscia e occhiali da sole indossati in notturna è uno schiaffo dritto sul naso che costringe a tornare alla realtà, anche quando la finzione abbandonata in sala è la testimonianza di essere umano nato e cresciuto in un campo di lavoro nordcoreano da cui è scappato solo per fame ormai


PLAYERS I 15 SETTEMBRE 2013 I 3/6 PAGINE

ridotto a un automa incapace di provare alcun tipo di emozione umana. L’effetto è lo stesso del salone del mobile, e qualcuno giustamente si chiede a cosa serva allestire un dj set fuori dalle sale se non ad attirare gente per nulla interessata a regia e pellicole, ma un briciolo di senso pratico suggerisce che l’organizzazione costa, i finanziamenti statali quest’anno si sono volatizzati senza preavviso, e i soldi di chi beve e balla sono buoni tanto quelli di chi si siede e guarda. Il milanese, in sostanza, è il dazio da pagare per godersi del buon cinema nelle serate di fine estate sotto le mura del Castello Sforzesco o sulla fresca erba del Parco Sempione.

E poi ovviamente ci sono i film, opere che grazie alla lungimiranza dei distributori nostrani non vedranno probabilmente mai le sale delle vostre città, anche quando meriterebbero ben più dell’ennesima abbuffata di volti noti al servizio della commedia demenziale. Nel caso in cui qualche distributore illuminato – o colto da un qualche disturbo della personalità ancora da diagnosticare – passi da queste parti, proviamo a segnalare qualche titolo tra i più meritevoli. Su tutti, Run & Jump della irlandese Steph Green, pellicola perennemente in bilico tra dramma e commedia che tratta con spirito decisamente anglosassone – quindi senza porte


PLAYERS I 15 SETTEMBRE 2013 I 4/6 PAGINE

sbattute e gente che sbraita – il ritorno a casa di un padre e marito mutato profondamente da un ictus sia nel comportamento che negli affetti. Sempre dal concorso lungometraggi sono degni di menzione Ilo Ilo del singaporiano Anthony Chen, storia asiatica di gelosie e razzismo per l’arrivo di una domestica filippina che dimostra una insospettabile e poca lusinghiera vicinanza culturale con noi, e Mirage à l’Italienne, film della torinese Alessandra Celesia che ha trovato oltralpe i fondi per raccontare la fuga in Alaska di un gruppo di suoi concittadini in bilico tra documentario e finzione.

La sezione che storicamente regala il maggior numero di sorprese è però Colpe di Stato, etichetta sotto cui ricadono tutte quelle produzioni di stampo maggiormente politico che nel passato recente ha contribuito alla distribuzione su dvd diAnonymous – We Are Legion grazie a un accordo distributivo con Feltrinelli e al passaparola per la diffusione dell’ottimo Inside job, testimonianza interna sui meccanismi che hanno innescato il crollo a domino del sistema finanziario. La selezione 2013 è stata probabilmente la migliore di sempre, e tra le diverse pellicole selezionate spiccano almeno cinque titoli da recuperare appena disponili su supporto fisico in qualche parte del mondo più civilizzata della nostra: la guerra dei droni di Dirty Wars, uno scorcio


PLAYERS I 15 SETTEMBRE 2013 I 5/6 PAGINE

sull’inaccessibile Nord Corea di Camp 14 – Total Control Zone, la lucida analisi dell’ingiustizia economica di Inequality For All, i paradossi della pirateria somala di The captain and his pirate e quello che abbiamo già bollato come il miglior film del 2013, The act of killing di Joshua Oppenheimer. Per i sopravvissuti alla maratona di pellicole impegnate il premio era la proiezione in odorama – il futuro, altro che il 3D! – del cult (trash?) Labyrinth.

Benchè non siano mancati passi falsi, capeggiati purtroppo daThe eternal return of Antonis Paraskevas, film greco sul finto rapimento a scopo promozionale di un noto conduttore televisivo passato anche alla Berlinale 2013 che ha lasciato piuttosto interdetta la platea milanese, sottoscritto incluso, la piccola parentesi indipendente del Milano Film Festival è stata un’ottima cura ricostituente per mitigare la delusione di un’estate blockbuster tra le peggiori di sempre e riconciliarsi col grande schermo, tra una sessione di cortometraggi, un documentario su Gore Vidal, un’affollata maratona notturna d’animazione all’aperto e l’anteprima del cinegiornale sulle rivolta di piazza degli indignados spagnoli firmato da Sylvain George e musicato dal vivo da John Butcher. Ora che il


PLAYERS I 15 SETTEMBRE 2013 I 6/6 PAGINE

sipario è calato sulle rassegne cinematografiche non resta però che attendere l’arrivo dei futuri candidati all’Oscar, scansare tremendi cinecalciatori natalizi e sperare in un improbabilerisveglio dell’animazione occidentale. In fondo però bisogna ammetterlo, anche senza blockbuster a stelle e strisce, la vita del cinefilo non è poi tanto grama.


SALTINARIA I 15 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE

HOME

MUSICA

TEATRO

SaltinAria.it ARTE & CULTURA  News Eventi

ARTE & CULTURA

INFO & CONTATTI

PARTNER

Cerca...

"GRZELI NATELI DGEEBI" DI NANA E SIMON GROSS AL MILANO FILM FES Domenic a, 15 Settembr e 2013 Cater ina Paolinelli

Al Milano  Film  Fest  arriva  il  lavoro  sottile quattro mani che ha debuttato in anteprima berlinese  Simon  Groß  e  Nana  Ekvtimishv ambientato in Georgia.                   GRZELI NATELI DGEEBI ­ IN BLOOM regista Nana Ekvtimishvili, Simon Groß produzione Indiz Film, Polare Film, Arizona Films produttore Mark Wächter, Simon Groß distribuzione Memento Films International sceneggiatura Nana Ekvtimishvili interpreti Lika Babluani, Mariam Bokeria

musiche Irakli Ivanishvili montaggio Stefan Stabenow fotografia Oleg Mutu sound editor Paata Godziashvili     Storia di femminilità. Storia del carattere. Storia di tanti modi di essere donna, anz sulla  sensibilità  dell’universo  femminile  rispetto  ad  una  società  fondata  in

Georgia, a Tbilisi città sotto assedio, Eka e Natia sono due giovani donne, poco  vita e familiari piuttosto intensi. Due fiori che sbucano, ostinatamente, da una crep   Raccontare la trama di questo film non sarebbe raccontarne il cuore, si dirà soltan una pistola con un proiettile solo. Per difendersi. Da cosa? E’ possibile davvero p


SALTINARIA I 15 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

lei difendersi  in  tempo  di  guerriglia?  Viene  infatti  rapita  da  un  uomo  che  non  ac

direttamente al suo banchetto nuziale. E la pistola è ancora lì. Prima nascosta nel 

che alla fine la userà per salvare il ragazzino che da sempre la importuna. Una p

sospeso e la minaccia di una tragedia che potrebbe avvenire da un istante all’altro   E’ interessante riflettere sul potere evocativo delle cose:  lo  spettatore  è  in  dub

costantemente che il colpo parta e una di loro si ferisca o, peggio, resti uccisa. Ni

Lado, il  ragazzo  che  ha  donato  la  pistola  a  Natia.  Ad  ucciderlo  è  il  neo­marito 

impazzisce, ha una crisi di rabbia e vuole vendicarsi. Eka le dà la pistola con un

uccidi l’assassino.  Usa  la  violenza  per  rispondere  alla  violenza,  così  che  ques

conclude così con un doppio atto di perdono e trasformazione: Eka getta la pist scena  successiva,  va  a  trovare  il  padre  (presunto  assassino)  in  carcere. 

violenza e dominato dall’imperativo “occhio per occhio, dente per dente”, attr nuova generazione di donne che si risvegliano al loro personale potere, decidend  

Vorremmo dire una storia di formazione, ma non è affatto così. E’ un racconto fiab

di una città assediata dai militari. Una storia che racconta di una scelta profonda

più amore. La novità, la primavera, ha il volto di Eka che sta per diventare una don

Una sceneggiatura scarna ed essenziale. Poca poesia nelle parole, molta nei 

bellissime, di tutte le età possibili, si stagliano contro la ruvidezza degli ambienti po

La regia  è  amica  delle  interpreti,  ne  rispetta  i  tempi  accarezzandone  i  volti.  Inq ricreata (il direttore della fotografia è il celebre Oleg Mutu, il più importante dirett

naturalistici. La recitazione è spoglia, a sottrarre. Molto di quello che arriva è affidato alla ma

degli interpreti. La scelta del cast è eccellente e molto accurata anche per quanto      Passaggi al Milano Film Festival  06­09­2013 17:00 / Teatro Strehler 08­09­2013 20:00 / Auditorium San Fedele 13­09­2013 19:00 / Spazio Oberdan  

Articolo di: Caterina Paolinelli Grazie a: Valentina Calabrese, Ufficio stampa Milano Film Festival Sul web: www.milanofilmfestival.it


Cineblog.it

ASSODIGITALE I 16 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE

Il magazine cinematografico di BLOGO

E NTE RTA I NME NT

RECENSIONI

TRAILER

SOUNDTRACK

GADGET

VENEZIA 2013

Homepage > Festival e rassegne

Milano Film Festival 2013: Miglior Film a Les Rencontres d'après minuit di Yann Gonzales

BLOGOINDIR

Scritto da: F. Colla ­ lunedì 16 settembre 2013 Tweet

1

0

Share

0

Blogo in diretta con

Vince l'esordiente ex musicista Yann Gonzales con una commedia semiseria sul mondo delle perversioni e della trasgressione; tra gli interpreti spicca Eric Cantona.

I MAGAZINE DI BLOG

02blog.it 06blog.it artsblog Benessereblog.it Autoblog.it Bebeblog.it booksblo Calci C Ecoblog.it Fashionblog.it Gadgetblog.it Gamesblog.it Gossipblog gustoblog Happybl Mela M Soldiblog.it Soundsblog.it Toysblog.it Travelblog.it TVBlog.it crimeblog Polisblog Petsb

TeleTu 24.90€/mese per Sempre ADSL+Telefono + 2 ore incluse verso tutti i Cellulari. Passa a TeleTu

www.teletu.it Annunci Populis Engage

Si è conclusa ieri, nella Sala Grande del Teatro Strehler, la 18esima edizione del Milano Film Festival e la giuria, composta da Davy Chou (regista e produttore, Francia), Anna Henckel­Donnersmarck (programmer Berlinale,

IN EVIDENZA

iPad a soli

Agli utenti ital 80% grazie a 

Germania) e Cosimo Terlizzi (regista, Italia)ha assegnato il premio come Miglior Film a Les Rencontres d’après minuit, dell’esordiente Yann Gonzales. Ex musicista della band francese M83, Gonzales

IMMOBILIA

Annunci su M Trova ora la tu Immobiliare.it

esordisce alla regia con una commedia grottesca (già presentata a Cannes), incentrata sul mondo della trasgressione sessuale e delle fantasie oniriche dei protagonisti, tra i quali spicca la ex star del calcio Eric Cantona. Un viaggio che parla della vita e della morte in maniera surreale, una sorta di La grande abbuffata in cui il sesso, nella sua versione più estrema, diventa una metafora dell’amore e della ricerca della felicità. Per il regista la lussuria è espressione di vitalità, la sessualità solo un’altra forma di comunicazione: Gonzalez fa scelte coraggiose in materia di estetica e dialoghi come

VIDEO CORRELATI

Perc dell'O most …


ASSODIGITALE I 16 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

Questioni come la bellezza, l’età o il genere sono obsolete, nemmeno l’egoismo trova più posto. La lussuria è espressione di vitalità, la sessualità solo un’altra forma di comunicazione. Gonzalez fa scelte coraggiose in materia di estetica e dialoghi, è coraggiosa la trama assurda che sviluppa e la visione che ci presenta. Ha una voce molto speciale. E ci fa di nuovo credere nel magico potere del cinema. Menzione Speciale a MIRAGE À LʼITALIENNE di Alessandra Celesia / Francia / 2013 / 90ʼ Alessandra Celesia usa la realtà come materiale per raccontare una storia su cinque personaggi colti in un momento difficile: la ricerca di un lavoro, la voglia di sconfiggere i propri demoni, l’essere accettati per come si è e il desiderio di superare la propria tristezza. Il confine tra la realtà e la finzione diventa sottile e non importa se stiamo guardando un documentario o un film di finzione, stiamo seguendo un gruppo di persone che cercano e ritrovano se stessi nel miraggio di un lavoro in una terra lontana. La Menzione Speciale va a “Mirage à l’italiennne”, un film sorprendente per la delicatezza dello sguardo e per l’intelligenza della costruzione. Concorso Cortometraggi La Giuria del 18° Milano Film Festival, composta dalla rivista di critica cinematografica Uzak, assegna i premi: Miglior Film a PEQUEÑO BLOQUE DE CEMENTO CON PELO ALBOROTADO CONTENIENDO EL MAR di Jorge Lopez Navarrete / Spagna / 2013 / HD / 16ʼ Per l’originale riuso del simbolico legato all’esistenza delle bestie (umane), intorno a cui si muove l’immobile panorama del mondo, vissuto o sognato, impresso in una fotografia livida ed estremamente poetica, in totale magnifica assenza di parole: regno di pure, vibranti immagini. Menzione Speciale a CHIGGER ALE (HERE COME THE PROBLEMS) di Fanta Ananas / Etiopia, Spagna / 2013 / HD / 11ʼ Per l’ironica, divertita e fantasiosa costruzione di uno spazio­tempo puramente cinematografico eppure non privo di puntuali riferimenti alla Storia (rimodulata nel pastiche) e al reale. Premio Aprile (attribuito dal comitato di selezione al film che meglio rappresenta lo spirito del festival) Miglior Film a MIRAGE À LʼITALIENNE di Alessandra Celesia / Francia / 2013 / 90ʼ Un’opera che cattura l’Italia attuale con il coraggio di andare oltre le meste constatazioni di una crisi sempre più stringente; da un’autrice che si immerge nel reale con garbo e delicatezza, sicurezza e attenzione alle vicende umane. Una scoperta bellissima di questo Milano Film Festival. Menzione Speciale a PERISTALSI di Enrico Iannaccone / Italia / 2013 / HD / 16ʼ Un autore che a soli 23 anni e con due cortometraggi all’attivo già rivela un’irrequietezza benefica nei confronti dell’immagine, per un film disturbante e imprevedibile, che segna le nuove orme di un percorso cinematografico che vogliamo seguire senza riserve. Premio del Pubblico – Lungometraggio GRZELI NATELI DGEEBI (IN BLOOM) di Nana Ekvtimishvili, Simon Groß / Georgia, Germania, Francia / 2013 / 102ʼ Premio del Pubblico – Cortometraggio NYUSZI ÉS ÖZ (RABBIT AND DEER) di Peter Vácz / Ungheria / 2013 / HD / 16ʼ Premio Staff Milano Film Festival ex aequo QUELQUʼUN DʼEXTRAORDINAIRE di Monia Chokri / Canada / 2013 / 16mm / 29ʼ Per la semplicità della storia e per la indovinata immedesimazione nel personaggio seguita da una camera esperta e sicura, che lascia passare la riflessione attraverso un giusto e delicato riso. DENTRO di Emiliano Rocha Minter / Messico / HD / 2012 / 13ʼ Per la maturità e lʼingegno dimostrato nello sviluppo di un dispositivo narrativo lontano da ogni convenzionalità e allo stesso tempo estremamente chiaro nel lento svelamento dellʼestremo ricongiungimento tra uomo e natura. Premio della Giuria degli Studenti GRZELI NATELI DGEEBI (IN BLOOM) di Nana Ekvtimishvili, Simon Groß / Georgia, Germania, Francia / 2013 / 102ʼ Per l’ideazione, la costruzione e l’interpretazione dei personaggi; per la particolare complementarietà delle due protagoniste e per la profonda e poetica rappresentazione dell’universo femminile. Premio Miglior Animazione MALÁRIA (MALARIA) di Edson Oda / Brasile / 2013 / HD / 6ʼ Milano Film Festival è una produzione esterni* *esterni è un’impresa culturale che dal 1995 progetta spazi pubblici, disegna servizi per piccole e grandi comunità, promuove e realizza eventi di aggregazione, sviluppa campagne di comunicazione necessaria e partecipata. Lavora con enti pubblici e privati in Italia e all’estero, condividendo competenze, progetti e risorse.


Cineblog.it

CINEBLOG I 16 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE Il magazine cinematografico di BLOGO E NTE RTA I NME NT

RECENSIONI

TRAILER

SOUNDTRACK

GADGET

VENEZIA 2013

Homepage > Festival e rassegne

Milano Film Festival 2013: Miglior Film a Les Rencontres d'après minuit di Yann Gonzales

BLOGOINDIRETTA

Scritto da: F. Colla ­ lunedì 16 settembre 2013 Tweet

1

0

Share

0

Blogo in diretta con Francesco B

Vince l'esordiente ex musicista Yann Gonzales con una commedia semiseria sul mondo delle perversioni e della trasgressione; tra gli interpreti spicca Eric Cantona.

I MAGAZINE DI BLOGO

02blog.it 06blog.it artsblog Benessereblog.it Autoblog.it Bebeblog.it booksblog Calcioblog.it Cineblog.it Clickblog. Comic Del Ecoblog.it Fashionblog.it Gadgetblog.it Gamesblog.it Gossipblog gustoblog Happyblog.it Melablog.it Mobileblog.it Motoblog Motors Ou Soldiblog.it Soundsblog.it Toysblog.it Travelblog.it TVBlog.it crimeblog Polisblog.it Petsblog.it

TeleTu 24.90€/mese per Sempre ADSL+Telefono + 2 ore incluse verso tutti i Cellulari. Passa a TeleTu

www.teletu.it Annunci Populis Engage

Si è conclusa ieri, nella Sala Grande del Teatro Strehler, la 18esima edizione del Milano Film Festival e la giuria, composta da Davy Chou (regista e produttore, Francia), Anna Henckel­Donnersmarck (programmer Berlinale,

IN EVIDENZA iPad a soli 17€?

Agli utenti italiani uno sco 80% grazie a un trucco

Germania) e Cosimo Terlizzi (regista, Italia)ha assegnato il premio come Miglior Film a Les Rencontres d’après minuit, dell’esordiente Yann Gonzales. Ex musicista della band francese M83, Gonzales

IMMOBILIARE.IT

Annunci su Mappa e per Z Trova ora la tua Casa con Immobiliare.it!

esordisce alla regia con una commedia grottesca (già presentata a Cannes), incentrata sul mondo della trasgressione sessuale e delle fantasie oniriche dei protagonisti, tra i quali spicca la ex star del calcio Eric Cantona. Un viaggio che parla della vita e della morte in maniera surreale, una sorta di La grande abbuffata in cui il sesso, nella sua versione più estrema, diventa una metafora dell’amore e della ricerca della felicità. Per il regista la lussuria è espressione di vitalità, la sessualità solo un’altra forma di comunicazione: Gonzalez fa scelte coraggiose in materia di estetica e dialoghi come

VIDEO CORRELATI

Percy Jackson e dell'Olimpo: il m mostri ­ trailer it …


CINEBLOG I 16 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

coraggiosa è la trama assurda che sviluppa e la visione che ci presenta.

Operazione Pirati ­ Scene Divertenti (Project A) ­ Guarda  video

NINJAS vs VAMPIRE UK trailer ­ Guarda il video

FOTO CORRELATE

Menzione Speciale per un altro film francese, Mirage à l’italienne (che si aggiudica anche il Premio Aprile), diretto però dall’italiana Alessandra Celesia che racconta con sguardo delicato e sensibile la storia di cinque personaggi colti in un momento difficile e attuale: la ricerca di un lavoro, la voglia di sconfiggere i propri demoni, l’essere accettati per come si è e il desiderio di superare la propria tristezza. Il confine tra la realtà e la finzione diventa sottile e non importa se stiamo guardando un documentario o un film di finzione, stiamo seguendo un gruppo di persone che cercano e ritrovano se stessi nel miraggio di un lavoro in una terra lontana e promessa.

Tra i cortometraggi vince Pequeño bloque de cemento con pelo alborotado conteniendo el mar, dello spagnolo Jorge Lopez Navarrete, mentre la Menzione Speciale va a Chigger Ale (Here Come the Problems) di Fanta Ananas. Si aggiudica il Premio del Pubblico la coproduzione georgiana e tedesca Grzeli nateli dgeebi (In Bloom), tra i lugometraggi, mentre tra i corti vince Rabbit and Deer dell’ungherese Peter Vàcs.  


CINEMAITALIANO.INFO I 16 SETTEMBRE 2013 I 1/2 PAGINE Acquista i nostri DVD Film

Documentari

I più premiati

Uscite in sala

Home Video

Colonne Sonore

Festival

Libri

Industria

film per titolo

I vincitori del Milano Film Festival 2013 Annunciati  i  premi  della  18esima  edizione  del  Milano Film Festival. Concorso Lungometraggi  La  Giuria  del  18°  Milano  Film  Festival,  composta  da Davy  Chou  (regista  e  produttore,  Francia),  Anna Henckel­Donnersmarck  (programmer  Berlinale, Germania),  Cosimo  Terlizzi  (regista,  Italia),  assegna  i premi: Miglior Film a LES RENCONTRES D’APRÈS MINUIT di Yann Gonzalez / Francia / 2013 / 92’ La  fiction  ha  il  potere  di  trasportarci  in  luoghi  mai  visti,  a  noi  ignoti,  luoghi  che  non  potremmo  nemmeno immaginare. Ma gli artisti sono qui per immaginare questi luoghi per noi. Nella sua pellicola "Les Rencontres d'après minuit", Yann Gonzalez ci porta in un luogo lontano dalla nostra vita quotidiana, con tramonti di cartone, notti americane e cimiteri costruiti in studio. Ciò che sembra iniziare come un incontro segreto per un'orgia si trasforma in una visione utopica di una potenziale famiglia. La storia è complessa e si sviluppa su diversi livelli, toccando temi quali il dolore, la morte, il trauma, la poesia e la bellezza. Ma il fil rouge che attraversa tutto il film è l'amore. L'amore  è  un  argomento  trattato  continuamente  dal  cinema:  la  ricerca  dell'amore,  la  lotta  per  l'amore,  la  perdita dell'amore. Qui, invece, è diverso: si tratta dell'atto di donare amore. Senza chiedere nulla in cambio. Accogliendo ogni  ospite  senza  giudicare  e  senza  volerli  cambiare,  con  tutte  le  loro  ferite  e  debolezze.  Offrendo  ascolto, attenzioni e affetto, baci pieni di tenerezza. Questioni come la bellezza, l'età o il genere sono obsolete, nemmeno l'egoismo trova più posto. La lussuria è espressione di vitalità, la sessualità solo un'altra forma di comunicazione. Gonzalez fa scelte coraggiose in materia di estetica e dialoghi, è coraggiosa la trama assurda che sviluppa e la visione che ci presenta. Ha una voce molto speciale. E ci fa di nuovo credere nel magico potere del cinema. Menzione Speciale a MIRAGE À L’ITALIENNE di Alessandra Celesia / Francia / 2013 / 90’ Alessandra  Celesia  usa  la  realtà  come  materiale  per  raccontare  una  storia  su  cinque  personaggi  colti  in  un momento difficile: la ricerca di un lavoro, la voglia di sconfiggere i propri demoni, l'essere accettati per come si è e il desiderio di superare la propria tristezza. Il confine tra la realtà e la finzione diventa sottile e non importa se stiamo guardando un documentario o un film di finzione, stiamo seguendo un gruppo di persone che cercano e ritrovano se stessi nel miraggio di un lavoro in una terra lontana. La  Menzione  Speciale  va  a  “Mirage  à  l'italiennne",  un  film  sorprendente  per  la  delicatezza  dello  sguardo  e  per l'intelligenza della costruzione. Concorso Cortometraggi  La Giuria del 18° Milano Film Festival, composta dalla rivista di critica cinematografica Uzak, assegna i premi: Miglior Film a PEQUEÑO  BLOQUE  DE  CEMENTO  CON  PELO  ALBOROTADO  CONTENIENDO  EL  MAR  di  Jorge  Lopez Navarrete / Spagna / 2013 / HD / 16’ Per  l'originale  riuso  del  simbolico  legato  all'esistenza  delle  bestie  (umane),  intorno  a  cui  si  muove  l'immobile panorama  del  mondo,  vissuto  o  sognato,  impresso  in  una  fotografia  livida  ed  estremamente  poetica,  in  totale magnifica assenza di parole: regno di pure, vibranti immagini. Menzione Speciale a CHIGGER ALE (HERE COME THE PROBLEMS) di Fanta Ananas / Etiopia, Spagna / 2013 / HD / 11’ Per l'ironica, divertita e fantasiosa costruzione di uno spazio­tempo puramente cinematografico eppure non privo di puntuali riferimenti alla Storia (rimodulata nel pastiche) e al reale. Premio Aprile (attribuito dal comitato di selezione al film che meglio rappresenta lo spirito del festival) Miglior Film a MIRAGE À L’ITALIENNE di Alessandra Celesia / Francia / 2013 / 90’ Un'opera che cattura l'Italia attuale con il coraggio di andare oltre le meste constatazioni di una crisi sempre più stringente;  da  un'autrice  che  si  immerge  nel  reale  con  garbo  e  delicatezza,  sicurezza  e  attenzione  alle  vicende umane. Una scoperta bellissima di questo Milano Film Festival. Menzione Speciale a PERISTALSI di Enrico Iannaccone / Italia / 2013 / HD / 16’ Un  autore  che  a  soli  23  anni  e  con  due  cortometraggi  all'attivo  già  rivela  un'irrequietezza  benefica  nei  confronti dell'immagine, per un film disturbante e imprevedibile, che segna le nuove orme di un percorso cinematografico che vogliamo seguire senza riserve.

Links: » Mirage a l'Italienne » Peristalsi » Alessandra Celesia » Enrico Iannaccone » Milano Film Festival 2013

IL SEGNO E LA VOCE IN DVD Acquista il road­movie nel mondo dell'arte di Nicola Nannavecchia PUNTO 180 Gioco da tavolo creato e illustrato da Giacomo Doni, ispirato alla legge del '78 sulla chiusura dei manicomi. VITA DA INES IN DVD Il film di Sandro Carnino e Giulio De Leo in esclusiva in home video!


CINEMAITALIANO.INFO I 16 SETTEMBRE 2013 I 2/2 PAGINE

Premio del Pubblico – Lungometraggio GRZELI NATELI DGEEBI (IN BLOOM) di Nana Ekvtimishvili, Simon Groß / Georgia, Germania, Francia / 2013 / 102’ Premio del Pubblico – Cortometraggio NYUSZI ÉS OZ (RABBIT AND DEER) di Peter Vácz / Ungheria / 2013 / HD / 16’ Premio Staff Milano Film Festival ex aequo QUELQU’UN D’EXTRAORDINAIRE di Monia Chokri / Canada / 2013 / 16mm / 29’ Per la semplicità della storia e per la indovinata immedesimazione nel personaggio seguita da una camera esperta e sicura, che lascia p