Issuu on Google+

LIBRO DI SEMINARIO MANGA

2013


PRIMO PASSO, un piccolo libro che raccoglie le opere dei partecipanti del seminario manga e questo numero del 2013 raccoglie ben 9 opere, di cui una sola è rimasta nella fase del layout. Le opere sono dignitosamente originali, per molti era la prima esperienza di creare una storia e portarla fino alla fine; non che l’uso del pennino, “G-pen”. Abbiamo cominciato dalla creazione del personaggio dandogli il sesso e l’età , per facilitare l’immedesimazione nel personaggio, prima per chi lo crea e poi da parte del lettore.  Poi ognuno ha deciso il carattere principale. Dopo di che gli autori hanno risposto a 6 domande: chi, dove, quando, cosa, perché e come. Questa è la base di una storia!  Hanno applicato questi concetti su 4 fasi della storia: introduzione, sviluppo, punto culminante e conclusione. Vediamo ora  se i loro personaggi sono vivi nella storia. Come e quanto gli autori sono riusciti a raccontare non solo le azioni ma lo stato d’animo dei personaggi.  

midori yamane

3


VI PRESENTO... 

CHIARA SONAGGERE “NEKO” Spero che la mia storia li piaccia XD

Commento di Midori La storia di Chiara ha soddisfatto tutte le mie richieste. Innannzi tutto, ha consegnato le tavole terminate in scadenza. È un elemento importante chi vuole essere professionista quello che mantenere la scadenza. La scelta della tema è adatto alla quantità consentita delle pagine. Il carattere del personaggio protagonista è chiaro e andamento da una vignetta all’altra è liscia. Unica cosa mancata, da punto di vista linguaggio manga, alcune vignette potevano prendere la dimensione più grande per dare senso della velocità per la pagina 4 (seconda tavola della storia), per sottolineare di più lo stato d’animo del personaggio per la pagina 6 (l’ultima tavola del racconto).

4

Insomma, ha fatto buon lavoro.


5


?

6


ti ho preso

7


8


9


VI PRESENTO...

10

FABIANA MASCOLO “DELIVERY BOY” Ah ah ah! che soddisfazione vedere le mie prime tavole manga finite e inchiostrate^^ Sono quasi diventata una talpa a furia di fare kake ma mi sono davvero divertita! Spero vi piaccia questa piccola storia, buona lettura! Commento di Midori Sono contenta che si è divertita tanto per questo lavoro e direi che è importante sentirsi così, nonostante la fatica. Perché questo è la passione. L’uso del G-pen è ottimo e si vede dalle tavole la sua matura conoscenza sui corpi umani e tanta esperienza sul disegnare. Vedendo le tavole si capisce che si è divertita insieme tanti di dettali ad ogni angolo delle vignette. Unico punto rammarico che non mi ero accolta, il viso del protagonista. Maggior parte dei casi il viso del ragazzo è nascosto. Per invitare di più dell’immedesimazione ci voleva almeno altri un paio dl viso ben visibile insieme all’espressione. Comunque, se riesce a mantenere la stessa passione e continua a creare le tavole andrà avanti al livello alto.


11


12


13


14


15


VI PRESENTO...

Marco atienza “DISCIPLINA” Mi sonoo divertito molto a creare il fumetto, mi rendo conto di dover migliorare con il G-pen >.< Maledico la squadra per avermi rovinato la maggior parte delle tavole.... Commento di Midori È un autore con l’incredibile determinazione. A fase della matita le tavole sono perfette ma per la prima esperienza dell’uso del G-pen, dopo l’inchiostrazione le tavole ha perso la sua forza. Ma credo che aspettando un po’ potrò vedere le tavole inchiostrate con G-pen in modo perfette. La storia scelta fa parte uno dei suoi racconti molto più lunghi e riuscito a scegliere un piccolo momento adatto alle 4 pagine, dimostrando bene il carattere dei due personaggi principali.

16

Ah, anche se litighi con loro usa la squadra (o la riga) per disegnare l’ambientazione.


mercato di zurk

w o w !

un kilo di riso

quanquete sto da belle dove cose! viene?

susi!

lo voglio!

a

a a h h !!

17


solo schifezze...

ahh... povera rami gazzi- dina! spiace

aiuto!

mocciosa!

uh?

e questo cosâ&#x20AC;&#x2122;eâ&#x20AC;&#x2122;?

18

ferma


19


eâ&#x20AC;&#x2122; stato fantastico! sai?

con quel bum e

bom!!

ehi!

20

aspetta!

Vram! ktam!


21


VI PRESENTO...

22

francesca marinelli “EPPURE ERA LI’” Come tema ho scelto di parlare del rapporto tra l’essere umano e natura, sofferendomi dull’aspetto spirituale e metafisico. Il fatto che lo spiritello aiuti la ragazza a uscire dal bosco non è solo semplice atto di cortesia, ma è anche un dovere guidare un estraneo fuori da un luogo di cui lui è il guardiano, a voler rappresentare come la natura aiuti l’uomo ma allo stesso tempo debba difendersi da lui.

Commento di Midori È un’autrice che ha imparato bene leggendo i manga che si vede la sua spontanea layout dei personaggi e capace di trasmettere lo stato d’animo del personaggio. Credo che è stato difficile impresa disegnare il bosco con il pennino ma se la cavata bene. Un altro po’ di esperienza riuscirà esprimere anche la profondità. Ha dimostrato anche buona mano dell’uso del G-pen. La storia nonostante brave ha il suo tema ben precisa ed è riuscita con piacevoli personaggi.


23


24


23 25


26 24


27


VI PRESENTO...

28

valeria palmisano “Fra sogno e la realtà” Un po’ come alla protagonista di questa storia, a me piace molto fantasticare. E amo la città di Barcellona, che sembra un luogo sospeso a metà fra realtà moderna e un mondo di fiabe. Mi è capitato un paio di volte di chiedermi “non sarebbe meraviglioso se tutte queste stupende creazioni potessero prendere vita?” mentre la visitavo, e di immaginare cosa potesse succedere. Il resto è storia. Questa mia piccola storia!

Commento di Midori È una disegnatrice veterano che si vede anche dalle linee sciolte con le quali vengono varie sagome. Ha creato una storia fantastica che non è andata a cercarla lontana, ma era dentro di lei. Ha saputo variare le inquadrature e grazie a questa varietà il racconto ha acquisito una lettura ritmica. I piccoli problemi riguardante fluidità delle vignette saranno risolti dopo un po’ di esperienze.


29


30


31


32


VI PRESENTO...

tsvetemila hristeva “CRIÙ” Ho scelto di rappresentare un elfo e un drago perché adoro il fantasy, u.u e perché dalle leggende certiche si racconta il legame tra elfi e natura e animali. Commento di Midori L’autrice, appassionata del mondo di fantasy, racconta, naturalmente di un’elfo. L’autrice ha riuscito a creare un’atmosfera pacifica con il ritmo della lettura lenta. È efficace anche la scelta delle tavole mute, così il lettore si concentra nell’atmosfera magica, nella natura silenziosa, e nell’interazione tra l’elfo e il draghetto. Quando scoprirà il suo modo di esprimere profondità dell’ambientazione e la sfumatura con i tratteggi il suo racconto sulla natura e degli esseri fantastici avrà ancora di più loro fascino.

34

È un vantaggio per un autore avere un mondo o atmosfera con cui si svolge il suo racconto o la passione su una cosa. Perché avrà la sua conoscenza su di essa e cercherà a trovare le tecniche per esprimere il suo mondo.


35


36


37


38


39


VI PRESENTO...

40

matteo leoni “CHILD SOLDIER” Malik è un ragazzo di 17 anni. A 6 anni è stato rapito dai ribelli della Sierra Leone e addestrato a diventare un soldato, finche non viene salvato da un missionario americano e portato in America. Segnato dal suo oscuro passato, Malik decide di darsi ai combattimenti clandestini.

Commento di Midori È un bene che l’autore sapeva esattamente che cosa voleva raccontare. Inizialmente la storia doveva essere più ricco e ma richiedeva più quantità delle pagine. Con la fatica si è riuscito a trovare un momento che può raccontare in breve. Quello che riuscito a esprimere è la rabbia del protagonista. Il ragazzo tiene questa forte rabbia dentro accumulato per il suo destino eludere. Ci trasmette questa anche grazie le inquadrature e le pose di alcune vignette durante il combattimento. È sicuramente il frutto dello studio dell’autore. Con le altre esperienze della creazione dello storyboard, l’autore comincerà piano piano rovere altre soluzione ancora più efficace per poter trasmettere drammacità della situazione e così riuscirà ad esprimere ancora meglio la forza che ha dentro.


41


42


43


44


45


VI PRESENTO...

valeria cardna “TIMIDEZZA VAI VIA...” Non so cosa dire... Bé, spero che vi piaccia questa storiella manga, anche se ho avuto poco tempo. La prossima spero di farla meglio, ciaooooooo!!! ^_^

Commento di Midori È un’autrice che ama la pace e la natura con il cuore genuino e pieno d’affetto. Le tavole trasmettono il cuore caloroso dell’autrice. Quello che si nota è che i visi dei personaggi assumono sempre stessa ripresa, o frontale o di trequarti. Quindi all’autrice serve tanti esercizi per uscire dalla “ripresa” stereo tipo.

46

Come dice l’autrice, la prossima sarà migliore.


47


48


49


50


51


VI PRESENTO...

giulia clerici

Commento di Midori Purtroppo, Giulia, non ce l’ha fatta a portare all’inchiostrazione. Comunque lo storyborad c’è. Dallo storyboard già si vede la sua capacità di variare le espressioni dei visi dei personaggi che è uno degli elementi più importante per la struttura manga. Quello che gli è mancato è variare la dimensione delle vignette per creare ancora di più il ritmo della lettura per sottolineare un momento più importante di altri.

52


53


54


55


pubblicato maggio 2013 cura di Midori Yamane


primo passo 2013