Issuu on Google+

Ufficio stampa

Rassegna stampa IDV Emilia Romagna 29.07.2013

Pagina 1 di 9


INDICE

extra IDV Aeroporto, Balzani contro la Regione: "Non ci vuole decisamente bene" 28/07/13

Romagnaoggi.it

Non voterò più 5 Stelle 29/07/13

4

Gazzetta di Parma

Congresso Pd, già 1500 le firme online contro Epifani 29/07/13

La Repubblica Bologna

TORNA IN CONSIGLIO IL NODO REFERENDUM 29/07/13

3

La Repubblica Bologna

5 6

Bologna Congresso Pd, già 1500 le firme online contro Epifani 29/07/13

La Repubblica Bologna

TORNA IN CONSIGLIO IL NODO REFERENDUM 29/07/13

La Repubblica Bologna

5 6

Parma Non voterò più 5 Stelle 29/07/13

4

Gazzetta di Parma

Modena Case sulle falde, continua il gelo istituzionale Freda: «La Regione è sempre stata contraria» 29/07/13

La Nuova Prima Pagina di Modena

7

Ferrara Berco, oggi a Roma si decide il futuro 29/07/13

8

La Nuova Ferrara

Forlì Cesena Aeroporto, Balzani contro la Regione: "Non ci vuole decisamente bene" 28/07/13

Romagnaoggi.it

La richiesta al Comune: “Rinviare il voto sul Poc” 29/07/13

La Voce di Romagna forlì

Pagina 2 di 9

3 9


Rimini Today Aeroporto, Balzani contro la Regione: "Non ci vuole decisamente bene" Il sindaco di Forlì Roberto Balzani apre un nuovo fronte polemico con la Regione, questa volta il tema è quello degli aeroporti. In un caustico e breve commento su Facebook di domenica pomeriggio, il sindaco attacca la Regione: "Notiamo con vero dispiacere la qualita' dell' impegno dell' Assessore Peri" Il sindaco di Forlì Roberto Balzani apre un nuovo fronte polemico con la Regione, questa volta il tema è quello degli aeroporti. In un caustico e breve commento su Facebook di domenica pomeriggio, il sindaco attacca la Regione: "Notiamo con vero dispiacere la qualita' dell' impegno dell' Assessore Peri e del Presidente Errani verso gli aeroporti regionali. Il nostro, che non chiede altro se non la prova di Enav, e' una specie di brutto anatroccolo, mentre per gli altri si organizzano incontri al massimo livello. A noi sono riservate le anticamere. Fanno bene i dipendenti ad arrabbiarsi: questa Regione non ci vuole bene. Decisamente". Annuncio promozionale Parole molto dure, che sembrano far riferimento ad una lettera che l' assessore regionale ai Trasporti Alfredo Peri ha scritto di recente al ministro delle Infrastrutture Lupi, in cui si riconosce la valenza strategica dell' aeroporto di Parma per il bacino del Nord Emilia. Un impegno profuso da Peri per lo scalo parmense, ma non altrettanto per quello di Forlì. La lettera arriva in coincidenza di un incontro col ministro Lupi di una folta delegazione di rappresentanti politici di Parma, compreso il sindaco Federico Pizzarotti. All' incontro era presente anche il deputato forlivese Bruno Molea.

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

Pagina 3 di 9

28/07/2013 Periodicità: sito web


press unE

29/07/2013

GAZZETTA DI PARMA Direttore Responsabile: Giuliano Molossi

Periodicità: Quotidiano Tiratura: 45.153 Diffusione: 37.669

Non voterò m 5 Stelle Signor direttore, perchè non voterò mai più. M5S? Perché l'esperienza di Parma, a mio parere, è disastrosa. Questi signori, per risanare un debito non contratto da loro, hanno: aumentato l'Irpef al massimo consentito, annientato l'hall al massimo consentito, aumentato il costo del trasporto pubblico e ridotto il servizio disponibile, diminuiti in quantità e qualità i servizi sociali per quanto si legge sulla Gazzetta di Parma, so-. no aumentate in modo atroce le tasse per i commercianti (di fatto, un chilo di pane comune costa circa 4 curo...). Eimpiessione che io ne ho ricavato è che queste persone, dribblando qualunque forma di dialogo e senza ascoltare le la, mentele dei cittadini, siano alla caccia spietata di quattrini per rimpinguare le casse comunali. Il sindaco, qualche giorno fa, rispondendo ad un cittadino che si lamentava dello stato disastroso in cui versano le strade di Parma per mancanza di manutenzione, rispondeva che "bisogna guardare in alto"; il giorno dopo, forse per avergli dato ascolto, un pensionato in bici riportava una serie di traumi per essere caduto in una buca non riparata del manto stradale_ Hanno anche escogitato, sempre per ripianare il bilancio, un ingegnoso sistema di multe nel quale stanno cadendo praticamente tutti e che porta, nelle casse comunali, il provento di circa 400 (quattrocento) multe al giorno. Chiedo, a chi vive le mie stesse impressioni, di condividere. Giuseppe Piedimunte

Parma, 24 luglio

Pagina 38

Pagina 4 di 9 Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015


29/07/2013

press LinE

Periodicità: Quotidiano Tiratura: n.d.

Direttore Responsabile: Ezio Mauro

Diffusione: n.d.

Congresso Pd, già 1500 le firme online contro Epifani GIÀ oltre 1500 le firme raccolte dalla petizione onlinelanciatadalrenziano Salvatore Vassallo per chiedere dinon cambiare le regole del congresso, e di tenere aperte le primarie p eril segretario nazionale (al sito https:/ /www.change.org/congresso-Pd-subito). Un successo per l'iniziativa, rilanciata anche da Pippo Civati sul suo blog, e firmata da diversi esponenti del partito e dalla prodiana Sandra Zampa, dopo il blitz dei vertici romani e del segretario "reggente" Guglielmo Epifani che hanno proposto di chiudere l'elezione del segretario nazionale solo agliiscritti. Contro questa idea unavera e prop ria levata di scudi da parte dei candidati alla segreteria, da Renzi, appunto, a Gianni Cuperlo, Pippo Civati e GianniPittella. Cui siuniscono anche isegretaridella federazione di Bologna Raffaele Donini e dell'E-

Guglielmo Epifani

milia Stefano Bonaccini: «Sbagliato far votare solo gli iscritti». Ma le mosse in vista del congresso si moltiplicano. Il sindaco renziano di Castenaso Stefano Sermenghi, fondatore dell'associazione "Bologna Adesso", sta provando a organizzare un incontro trai' exrottamato re eVirginio Merola, exbersaniano o ggis o stenitore diRenzi. «Considerato che ora Matteo è in silenzio stampa sui temi nazionali, stiamo provando a organizzare un incontro col sindaco — spiega Sermenghi — Merola sarebbe disponibile, vedremo cosa ci dice Renzi, per capire se riusciamo a fare qualcosa prima delle feste dell'Unità». Nel frattempo, giovedì sera alle 20,30 in via Rivani nasce il comitato a sostegno di Cuperlo. (s. b.) C RIPRODUZIONE RISERVATA

Pagina 1 Congremo Riga I500 lefinneonbecontro Ephn,

Eroina, quelle morti annunciate 'Siamo y ran

Pagina 5 di 9 Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

i li cond.w,

-25%


29/07/2013

press LinE

Periodicità: Quotidiano Tiratura: n.d.

Direttore Responsabile: Ezio Mauro

Diffusione: n.d.

Fondi alle scuole private il consiglio oggi ci riprova SILVIA BIGNAM I L DOCUMENTO che sancisce la conferma della convenzione daunmilio ne di euro con le materne private tornain consiglio. Le posizioni sono immutate: il Pd è deciso a confermare i fondi nonostante l'esito del referendum; Sel e 5 Stelle chiedono l'abolizione del finanziamento. Certa l'astensione del renziano Francesco Errani, che spacca il fronte Pd. Ma il segretario Raffaele Donini avverte: «Dopo il voto dobbiamo accorciare le distanze con Sel e referendari». SEGUE A PAGINA II

I

Francesco Erran i

TORNA L\ CONSIGLIO IL NODO REFERENDUM SILVIA BIGNAMI (segue dalla prima di cronaca) N QUESTO modo, quella di oggi rischia di diventare una replica di lunedì scorso, quando la maggioranza di Palazzo d'Accursio si divise sulla conferma della convenzione con le paritarie, aprendo una crepa sempre più evidente tra Pd e Sel. Oggi, le posizioni a Palazzo d'Accursio saranno le stesse. I democratici portano in aula un documento che conferma di fatto i fondi alle private, nonostante il 28% dei cittadini, al referendum del 26 maggio, abbia sancito la vittoria di coloro che chiedono che quei fondi pubblici vengano destinati alle scuole comunali. «Sarebbe impossibile, il sistema non reggerebbe» risponde il Pd, che promette maggiori controlli. I democratici restano però in fibrillazione, col congresso sullo sfondo. Ilrenziano Errani non ci sta a replicare sotto le Torri, su questo voto, la "strana maggioranza" che governa a Roma, votando insieme al Pdl. Il consigliere, che chiede rispetto per il risultato del referendum, si asterrà sul documento del Pd. Ma non voterà a favore di quello di Sel e grillini, che chiede invece la cancellazione del finanziamento alle private. «Mi pare che Errani faccia il minimo indispensabile» è il commento del vendoliano Lorenzo Cipriani, che ribadisce: «Il Pd così abbandona il suo popolo». Un rischio che vede forse anche il leader bolognese Donini, il quale tenta di tendere una mano agli alleati di Vendola e «soprattutto al popolo dei referendari». Una apertura che parte dalla proposta di Stefano Zamagni di lanciare una dibattito sulla struttura della convenzione: «Così come la consultazione di maggio ha avuto il merito di aprire alla partecipazione su questo tema, ora noi dobbiamo aprire una discussione sulle convenzioni, senza mettere in discussione l'impegno della giunta a conservarle, ma per migliorarle».

I

C RIPRODUZIONE RISERVATA

Pagina 6 di 9 Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

Pagina 2 "Salvatela SalaBorsa deibambini" Finnecontroiltigliodellasczioneragazzi


press LinE

PRIMA PAGINA Direttore Responsabile: Corrado Guerra

29/07/2013 Periodicità: Quotidiano Tiratura: n.d. Diffusione: n.d.

VIA ARISTOTELE uopo il botta e risposta con biacobazzi e Arletti, vassessore ribadisce la sua posizione

Case sulle falde, continua il gelo istituzionale Freda: «La Regione è sempre stata contraria» di LUCA CARDINALE

referisce lasciar peri, dere le polemiche, ribadendo solo una cosa: la sua posizione sulla vicenda è sempre stata quella, e cioé che il progetto, così come è concepito, è quantomeno inopportuno. Dopo il rovente botta e risposta tra l'assessore regionale Sabrina Freda e gli assessori comunali Simona Arletti (Ambiente) e Gabriele Giacobazzi (Urbanistica) sui progetti edificatori nell'area delle falde acquifere di Cogn e nt o, la titolare dell'Ambiente e della Ri- a marzo all'interrogazioqualificazione urbana in ne regionale sulla queviale Aldo Moro ribadi- stione». Il tema delle case sce che non c'era nulla di in via Aristotele e via nuovo nelle sue critiche Cannizzaro, infatti, era al progetto, arrivate mer- finito in Assemblea recoledì scorgionale «Non voglio s o con grazie ad un'interviun'interroinseguire polemiche, gazione a sta a Prima Pagina : ma la posizione risposta «Preferisco scritta di non inse- dell'assessorato è Andrea De guire le po- sempre stata quella» Franceschi lemiche (Movimenspiega la to 5 Stelle). Freda - ma ribadisco che Risposta in cui, dopo la posizione dell'assesso- un'analisi della situaziorato regionale è sempre ne, l'assessore diceva che stata quella, come dimo- «pur non essendoci alcun stra la risposta che diedi divieto specifico, nella vi-

gente normativa riguardante la realizzazione di nuovi comparti destinati all'edilizia residenziale, il principio di precauzione consiglierebbe di lasciare spazio per un eventuale ampliamento del campo pozzi di Cognento qualora fosse necessario». Precauzione Un tema, quello del principio di precauzione, affrontato dagli assessori Arletti e Giacobazzi, che giovedì scorso avevano risposto alle critiche della Freda ai progetti di Cognento facendo notare

sessore Freda non è stata ben informata dalle sue strutture tecniche, di cui dovrebbe fidarsi - queste le parole di Arletti e Giacobazzi - che già nel 2010 l'Arpa provinciale di Modena espresse parere favorevole alla variante al piano operativo comunale (Poc) e al regolamento urbanistico edilizio (Rue) per prevedere edificazioni residenziali. Arpa dettava prescrizioni attuative che riprendevano le norme del Rue già presenti (ad esempio la tutela assoluta nei 10 metri di raggio dai punti di captazione) e integrando con richieste vincolanti sulle modalità costruttive e sulle tipologie fognarie».

che «se si dovesse applicare il principio di precauzione, richiamato dall'assessore regionale, dovrebbe essere evitata qualsiasi edificazione Posizioni nelle aree Parole al«Costruire di Formigile quali la ne e Sa sFreda prenell'area delle falde suolo, che ferisce non sono le zo- di Cognento replicare, ne di ricariricordando ca delle fal- non è opportuno però «che de». la posizionè lungimirante» Principio ne dell asdi precausessorato zione a parte, nella rispo- regionale è stata sempre sta gli assessori modene- la stessa: per noi la scelta si invitavano la collega in di costruire in quell'area Regione a fidarsi dei non è opportuna, né lun`suoi' tecnici: «Forse l'as- gimirante».

Pagina 4 Case sulle falde, coenua II gelo Islituzionale Freda: «La Regione è sempre stata contrarla»

.

Pagina 7 di 9 Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012 - 2015

.—

4=72;IrgfalT,.1


press LinE

la Nuova Ferrara Direttore Responsabile: Stefano Scansani

Berco, oggi a Roma si decide il futuro Alle 17 l'incontro decisivo al ministero del Lavoro Continua il presidio davanti ai cancelli. Ieri la visita cell'Icv ta come pianificato in un pri-

COPPARO

Mandini (Idv) con Nardini

II presidio degli operai della Berco davanti ai cancelli della fabbrica, continua. Ed andrà avanti tino alla fine del mese, se non ci saranno fatti nuovi a livello di trattativa. La partecipazione al presidio è costante e continua, nonostante il caldo tremendo di questi giorni, sia durante la giornata che anche in nottata. Oggi è previsto l'incontro a Roma al ministero del Lavoro ma non in mai tina-

mo momento, bensì alle I.7. Al vertice parteciperanno l'ad della Berco, Lucia Morselli, le istituzioni (il presidente della Regione, Vasco Errani, la presidente dell'amministrazione provinciale, Marcella Zappaterra e il sindaco di Copparo, Nicola Rossi), i sindacati nazionali, provinciali e le Rsu, oltre ai funzionari dello stesso ministero. Per avere informazioni, quindi, sarà probabilmente necessario aspettare la prima se-

29/07/2013 Periodicità: Quotidiano Tiratura: 13.462 Diffusione: 9.640

rata. E ci sarà da aspettare con il fiato sospeso, perché questa pare veramente l'ultima occasione per arrivare ad un dialogo costruttivo che possa evitare il ricorso alle lettere di licenziamento per i dipendenti. Ieri mattina , al. presidio, è arrivato anche il segretario regionale Idv Sandro Mandini , con il responsabile provinciale Massimiliano Fioraio e diversi esponenti locali Idv. Mandini ha salutato gli operai presenti ed ha parlato a lungo con il segretario provinciale della Fintn-Cgil, Mario Nat - dini, che gli ha parlato della situazione allo stato attuale. «Potrebbe essere l'occasione , a Roma, per arrivare finalmente ad un accordo. Ma allo stato attuale c'è preoccupazione per la grande distanza tra le due parti, Però una soluzione va trovata », ci ha detto. Stasera, probabilmente, davanti alla Berco ci sarà ancora -più gente, per aspettare le notizie in arrivo da Roma. Il tempo a disposizione scorre , fin troppo velocemente. (a, b.)

Pagina 13 Berco, oggl a Re si decide ii rider

Pagina 8 di 9 Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015


press LinE

DI L VOCE

29/07/2013

ROMAGNA

FORLÌ & CESENA

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

Periodicità: Quotidiano Tiratura: n.d. Diffusione: n.d.

La richiesta al Comune: "Rinviare il voto sul Poc" URBANISTICA Dopo le polemiche nel Pd e tra i commercianti sulle aree dell'Iper, Sinistra ecologia e libertà chiede

un confronto sul documento di programmazione e più tempo per prendere le decisioni Rimandare la decisione sul Poc (il piano operativo comunale) prevista per domani, per consentire una più ampia discussione del provvedimento. E' la richiesta che arriva da Sinistra ecologia e libertà alla vigilia del Consiglio comunale che dovrà approvare uno dei più importanti documenti urbanistici del Municipio. Il piano comunale è stato criticato da più parti. Da alcuni esponenti dello stesso Pd che lo ritengono poco incisivo sulle questioni che riguardano il centro storico, e dalle associazioni di categoria dei commercianti che hanno puntato il dito sulle nuove aree

Marisa Fabbri Sinistra ecologia e libertà

per il commercio di medie dimensioni che riceveranno il via libera col documento. Il quantitativo di metri cubi che arriveranno sul mercato, special-

mente in zona Iper, sarebbero tali da dare la mazzata finale al commercio tradizionale in centro storico. "L'approvazione del Poc - dice Marisa Fabbri di Sel - interviene non solo sulla peculiarità della rete commerciale rappresentata dalla complementarietà tra la piccola, media e grande distribuzione, ma anche sulle scelte urbanistiche della nostra città. E' quasi superfluo rilevare che in momenti di particolare crisi economica e sociale come questo dovrebbe essere massima l'attenzione per la rete di piccoli imprenditori che con difficoltà garantiscono il commercio di vicinato. C'è da chiedersi quante di quelle aree individuate nel Poc - continua Fabbri - diventeranno attrattive per nuovi investimenti, quanto questi porteranno un nuovo sviluppo dell'economia locale e infine, che effetto avranno sulle sorti del centro. Entrambe le realtà possono e devono convivere ma è compito della politica trovare il giusto equilibrio e, soprattutto, garantire con trasparenza quel confronto ed approfondimento che le stesse associazioni di categoria denunciano inesistente ad un giorno dall'approvazione del Poc in Consiglio Comunale".

Pagina 17 FORLI

Ridulfi snobbalo dalla Regione E

Pagina 9 di 9 Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015


Rassegna stampa 29 07 extraidv