Page 1

Ufficio stampa

Rassegna Stampa IDV Emilia Romagna del 31.05.2013

Pagina 1 di 14


INDICE

Parma Tep, Tirelli si dimette: «Lascio decidere il sindaco» 31/05/13

Gazzetta di Parma

3

Reggio Emilia Circoscrizione Sud esamina il bilancio 31/05/13

4

La Nuova Prima Pagina di Reggio Emilia

Ravenna La grillina Renda si dimette 31/05/13

5

Corriere Romagna Ravenna

Consiglio comunale, si dimette Elisa Renda del Movimento 5 Stelle 31/05/13

Il Resto del Carlino Ravenna

Il Pd ‘affila le armi’ in vista delle elezioni 31/05/13

7

Il Resto del Carlino Ravenna

M5S RENDA SI DIMETTE 31/05/13

6

8

La Voce di Romagna Ravenna

Forlì Cesena «I privati devono pulire da soli Le telecamere? Costano troppo» 31/05/13

Il Resto del Carlino Forlì

Terme, entro luglio il bando. E forse una piscina resta chiusa 31/05/13

Il Resto del Carlino Forlì

Elisa Deo, donna sola al comando 31/05/13

9 10 11

La Voce di Romagna Cesena

Rimini Berlati, il grande accusatore: «Scelta sofferta ma necessaria» 31/05/13

Il Resto del Carlino Rimini

Spunta una segretaria particolare per la presidente Turci Per la Franchini (M5S) si tratta di “un lusso eccessivo” 31/05/13

La Voce di Romagna Rimini

Pagina 2 di 14

13

14


press unE

31/05/2013

GAZZETTA DI PARMA Direttore Responsabile: Giuliano Molossi

Periodicità: Quotidiano Tiratura: 45.153 Diffusione: 37.669

TRASPORTO :,'"U3A,:ee IL PRESIDENTE ERA STATO RICONFERMATO UN ANNO FA DA CICLOSI

Tep, Dreni si dimette. «Lascio decidere il sindaco» «Azienda in salute, ma il Comune deve avere mani libere» Francesco Bandini Antonio Tirelli ha rimesso ieri nelle mani del sindaco Federico Pizzarotti e degli azionisti il proprio incarico di presidente della Tep, ruolo che riveste dal novembre del 2010. A comunicarlo è stato ieri lo stesso Tirelli, nel corso dell'assemblea dei soci dell'azienda di trasporto pubblico. Se tecnicamente si è trattato di dimissioni, in realtà è lo stesso presidente a spiegare che il suo è stato un gesto di correttezza nei confronti del Comune: un gesto al quale il numero uno della Tep non sarebbe stato tenuto, dal momento che il suo mandato sarebbe durato altri due anni. Le ragioni le spiega lo stesso Tirelli: «Sono stato riconfermato nel mio incarico nel 2012 dall'allora commissario straordinario del Comune Mario Ciclosi, e per questo motivo ho ritenuto, per onestà intellettuale, che fosse corretto che l'attuale sindaco avesse la possibilità di decidere se individuare eventualmente un altro presidente, qualora lo ritenesse opportuno». Tirelli aggiunge che le remissione del mandato gli è sembrata tanto più opportuna in un momento delicato come questo per l'azienda, che è impegnata nella gara per l'individuazione di un socio privato che si aggiudichi il 49% del capitale. Un passo indietro, quindi, per lasciare mani libere al Comune. Anche se è lo stesso Tirelli a ricordare che l'azienda è in buone condizioni di salute, con un bilancio che ha appena chiuso In attivo, «uno dei pochi casi in Italia fra le aziende di trasporto pubblico», ricorda il presidente. Che nel rimettere il proprio mandato ha comunque dato la propria disponibilità a rimanere

Presidente Antonio Tirchi è stato nominato la prima volta nel 2010.

,

• :r

a ìftà de soci

Approvato il bilancio del 2012: l'azienda chiude in attivo gn.: Semaforo verde per il bilando di esercizio 2012 della Tep. Un bilancio che chiude l'anno contabile in utile, con la conferma della positività per tutti gli indicatori patrimoniali e reddituali. Il via libera al bilancio è arrivato ieri all'unanimità dall'assemblea dei soci dell'azienda di trasporto pubblico. «Nonostante il contesto nazionale di drastica riduzione delle risorse a disposizione per il settore dei trasporti pubblici - si legge in una nota della Tep -, l'azienda ha potuto portare avanti il proprio programma di investimenti per il rinnovo in senso ecologico del parco mezzi, sostenuto da Tep in totale autofinanziamento nella maggior parte dei casi». Nel 2012 sono entrati in servizio 6 autobus suburbani Eev a basime emissioni ed è stato

inoltre completato l'iter per l'acquisto di 12 nuovi bus a metano, che entreranno in servizio nei prossimi mesi. Si stanno inoltre concludendo le verifiche ministeriali necessarie per la messa in servizio dei 9 filobus autosnodati «trarnlookb> di ultima generazione, che saranno assegnati alla linea 5 nelle prossime settimane. «I buoni risultati, unitamente alla liquidità aziendale, ci permettono dì continuare a portare avanti una politica di investimenti a favore dei nostri clienti - commenta il presidente Antonio Tirelli -. Nel contesto di sofferenza in cui versa la gran parte delle aziende dì trasporto italiane, questo successo risulta essere ancor più premiante per il grande lavoro di tutte le componenti aziendali».

Pagina 3 di 14 Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

in carica - se il sindaco e gli azionisti gli vorranno rinnovare la loro fiducia - fino al termine naturale del mandato, cioè il 2015. Fra Comune e Provincia, che sono soci di Tep in uguale misura, vige la regola de ll'alternanza nella nomina del presidente: u na.volta viene scelto da un ente, la volta dopo dall'altro ente. E poiché l'ultimavoltaTirelli è stato scelto dal Comune e il suo mandato triennale non è ancora terminato, spetta ancora al Comune designare l'eventuale suo sostituto, oppure - se lo riterrà confermare Tirai. La decisione dovrebbe arrivare già nei prossimi giorni (nel frattempo, Umili resta operativo). Ieri, però, nessuno si è voluto pronunciare sulla questione di chi tnettere al vertice dell'azienda. Dal municipio l'assessore alla Mobilità Gabriele Folli ha risposto con un «no comment» alle domande di chi gli chiedeva quale fosse la posizione del Comune; stesso silenzio in Provincia, da dove fanno sapere che non esprimono valutazioni in quanto la questione della nomina riguarda in questa fase unicamente il Comune. Intanto, Tep si prepara alla gara per l'individuazione del socio privato. Proprio nei giorni scorsi il Comune ha approvato la delibera che stabilisce le regole per l'aggiudicazione del 49% delle quote della società, regole che sono state ritoccate rispetto alla prima gara (che era andata deserta). La differenza principale riguarda il fatto che una quota maggiore della cifra che dovrà versare il nuovo socio privato sarà destinata agli investimenti per i mezzi, a scapito della quota destinata- in parti uguali - ai due soci pubblici, ovvero Comune e Provincia. 4>


pressunE

PRIMA PAGINA Direttore Responsabile: Corrado Guerra

31/05/2013 Periodicità: Quotidiano Tiratura: n.d. Diffusione: n.d.

Circoscrizione Sud esamina il bilanc o Alle ore 18.30, nella sede della Circoscrizione Sud in via Wybicki 7/a, si riunisce ili Consiglio per discutere il seguente ordine del giorno: richiesta

p arere' in ordine all'istanza dì conces-

sione ad occupare suolo pubblico con nd aisrtesa a1 sedie e tavolini in via Ma -

8/a . presentazione del Bilancio dì previsione 2013 e relativi allegati. Sarà presente l'assessore al Bilancio, Filomena De Scisc

Pagina 11

La "Alighieri" premia gli studenti migliori

Pagina 4 di 14 Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015


31/05/2013

orriere

di Ravenna Faenza-Lupo e Imola

Periodicità: Quotidiano Tiratura: n.d.

Direttore responsabile: Pietro Caricato

Diffusione: n.d.

\

pressunE

ItYt

LI h

\ •

R T„ PO

La consigliera comunale ha annunciato l'intenzione di lasciare la carica per motivi di lavoro

La ' 11inaRenda si dimette ^

«Decisione sofferta, ma resto un'attivista del Movimento 5 Stelle» RAVENNA. La consigliera coda molte altre attività ad esso munale del Movimento Cinque connesse. Stelle Elisa Renda ha annunResto comunque un'attivista ciato ieri le sue dimissioni dal- del Movimento e molto motivala carica per motivi di lavoro. ta a lavorare per esso, e traggo Renda (che lavora come dipen- da questi due anni un bilancio dente della Regione Emilia Ro- molto positivo. Ho imparato magna a Bologna), insieme al tanto sul funzionamento delle capogruppo Pietro Vandini e alla consigliera Francesca Santarella, e ra uno dei tre eletti a Palazzo Merlato dopo le ultime amministrative del maggio 2011. Allora la Renda era stata la terza eletta del Movimento con 60 voti. Al suo posto preferenze alla mano dovrebbe subentrare Lorenzo Gatti che raccolse 51 voti; dietro di lui Maurizio La Rosa (44) e Giorgio Benelli (40). «La La consigliera dimissionaria Elisa Renda mia è stata una decisione molto sofferta e meditata - istituzioni. I momenti più belli sono stati ha detto Elisa Renda agli altri quelli nei quali siamo riusciti consiglieri -. Sedere qui è un oad approvare ordini del giorno nore, come lo è essere stata scelta dagli elettori; ma si trat- condivisi, su temi trasversali, ta anche di un onere di non po- grazie a un confronto positivo. co conto, costituito non solo dal Per questo ringrazio i consiseguire i lavori del consiglio e glieri e gli assessori con i quali delle commissioni, ma anche sono riuscita a portare avanti

battaglie che sono diventate battaglie dell'intera amministrazione comunale. Auguro a tutti che il confronto tra di voi possa essere il più collaborativo e costruttivo possibile». L'intervento della consigliera Renda è stato seguito da un lungo applauso. Hanno poi preso la parola i consiglieri Paolo Guerra (Lega Nord), Valentina Brunelli (Pd), Nicola Grandi (Lista per Ravenna), Nereo Foschini (Pdl), Alberto Fussi (Pri) e la presidente Livia Molducci, esprimendo tutti parole di ammirazione per l'impegno e la disponibilità al dialogo con i quali la consigliera ha lavorato e per il contributo dato all'operato del consiglio, nonché riconoscendole l'umiltà di aver lasciato il seggio di consigliere rimanendo a disposizione del Movimento. Una volta che le dimissioni saranno formalmente depositate, si procederà alla surroga della consigliera Renda nella prima seduta utile di consiglio comunale.

Pagina 6 La grillum Renda sii dimette

Pagina 5 di 14 Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

CA O Wk.g. >‘X . Dzol”.1-.~ gali42


press unE

il Resto del Carlino

RAVENNA Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

..XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX XXX., XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX,2

Consi murale, si dirne Etisa Ren d a del Movimento 5 S LA CONS GLI ERA cornu e Elisa Renda (M 5 Ste nile ) ha annunciato l e dire' ' e g .‹Decísione ff isseednata, mio erte e avorativo a t nIPegne fuori pr ovincia ' emPe rende Piene spesa()irroP e -r ;za gbraae voro ,ohTlsPoss sost tu. pegno». Verra non i Eta; it primo d eletti fu Lorenzo Gat el

Pagina 6 di 14 Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

31/05/2013 Periodicità: Quotidiano Tiratura: n.d. Diffusione: n.d.


press unE

il

31/05/2013

Resto del Carlino

RAVENNA Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

Periodicità: Quotidiano Tiratura: n.d. Diffusione: n.d.

3.NUb ACAVALL,C AVVIATO UN GRUPPO DI LAVORO PER DELINEARE IL PROGRAMMA

Il Pd 'affila le

in vista delle elezioni

«Vogliamo coinvolgere le tolte associazioni e i movimenti locali» E' APPENA stato archiviato il turno di elezioni amministrative che nel nostro comprensorio ha visto a Bagnara la conferma della vittoria della lista Vivi Bagnara' con l'elezione a sindaco di Riccardo Francone — e c'è ci sta muovendo i primi passi in vista delle elezioni comunali del giugno 2014, in cui (appunto ad eccezione di Bagnata) saranno chiamati alle urne gli elettori di tutta la Bassa Romagna. E con la nomina di un gruppo di lavoro per individuare le linee guida principali di approfondimento programmatico, la direzione comunale del Pd di Bagnacavallo ha dato avvio al percorso di preparazione alle elezioni comunali. Il gruppo di lavoro è presieduto dal segretario comunale del Pd, Davide Guerra, ed è composto da Lorenzo De Benedictis, Eleonora Proni, Andrea Leggeri, Rita Contessi, Perla Micheli, Pier Luigi Ravagli., Mauro Corzani, Eros Ranibelli e Tiziana Bandoli; con

loro il sindaco Laura Rossi e gli assessori del Pd Alfeo Zartelli, Nello Ferrieri, Matteo Giaconioni e Angela Rossetti, Il gruppo di lavoro. come sottolinea il segretario Guerra, «ha il compito di condurre e organizzare le iniziative politiche e il progetto del Pd per il governo del Comune. Abbiamo in-

C,k N DI M:M SI N DA CO <gA dire L'ultima parola saranno le primarie di coalizione a inizio del 2014»

in grado di innovare e consolidare le positive esperienze di governo di centrosinistra, Proporremo i 10 titoli programmatici individuati dalla direzione del Pd: giovani e lavoro, sostenibilità ambientale, nuovo welfare locale, gli strumenti della democrazia partecipati-va e deliberativa, l'idea di città e il suo rango, sburocratizzazione e trasparenza, l'assetto istituzionalizzazione a cominciare dal ruolo dell'Unione dei Comuni, l'economia locale e il ruolo dei settori produttivi, la cultura e l'ambiente».

tenzione di mettere il Pd al servizio della società locale, partendo da ascolto, apertura e innovazione. Cercheremo il massimo di collaborazione e coinvolgimento del vasto mondo dell'associazionismo, del volontariato e delle organizzazioni professionali, sindacali e di categoria per costruire insieme un progetto per Bagnacavallo

E PER quanto riguarda la scelta del candidato sindaco, conclude Guerra, «saranno le primarie di coalizione, che immagino si terranno all'inizio del 2014 dopo il congresso del partito, a dire l'ultima parola. Attiveremo una campagna di comunicazione specifica che partirà nei prossimi giorni e accompagnerà la nostra iniziativa fino a giugno 2014».

Pi 'Ali

Pagina 7 di 14 Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

111:1

elcoE


press LinE

LMVOC E

DI ROMAGNA RAVENNA FAENZA LUGO & IMOLA

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

31/05/2013 Periodicità: Quotidiano Tiratura: n.d. Diffusione: n.d.

M5S RENDA SI DIMETTE

La consigliera comunale del Movimento 5 Stelle Elisa Rende si dimette: "Il mio impegno lavorativo a tempo pieno fuori provincia rende per me particolarmente gravoso e spesso irrealizzabile l'impegno dovuto per il ruolo ricoperto. Continuerò come semplice attivista e cittadina attiva a seguire alcune battaglie".

Pagina 16 RAVEN

"Gradini in Darsena, riqualificaleli così" .

Pagina 8 di 14 Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

.

.


il Resto del Carlino

press unE

FORLÌ

Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

31/05/2013 Periodicità: Quotidiano Tiratura: n.d. Diffusione: n.d.

«I privati devono pulire da soli Le tel ere? Costano troppo» li vicesindaco: «Volontari in azione, ma non basta. Fate denuncia» GIANCARLO Biserna, vicesindato di Forli, ha visto la città?

«Premessa: il problema graffiti non riguarda solo Forlì. E' una piaga che coinvolge tutte la città d'Italia. Da Milano a Bologna, da Roma a Napoli, passando per la nostra cara Forlì», Il Comune come contrasta questo fenomeno?

«Abbiamo istituito il gruppo di volontari tigraffiti', coordinati. dalla polizia municipale. Se i muri della città sono abbastanza puliti è anche merito loro».

Cosa fanno?

«Puliscono i muri sporchi riverniciandoli, ma solo quelli degli edilici comunali. I privati sono costretti a provvedere da soli. Aggiungo che c'è una squadra della Municipale dedicata espressamente alla repressione di questo fenomeno. Il problema maggiore, invece, concerne gli edifici protetti dalla Sovrintendenza, qui le operazioni di recupero sono più macchinose».

«Purtroppo sì.. Il consiglio che do io è sporgere comunque denuncia contro ignoti. Anzi, invito tutta la cittadinanza a collaborare con le istituzioni. Se i residenti vedono qualcuno che imbratta muri sono pregati di segnalano subito alle forze dell'ordine». Che reati si commettono a scarabocchiare muri?

«Sugli edifici comunali manomissione di edifici pubblici, nel privato si parla di danneggiamento».

Quindi un privato è costretto a provvedere do solo?

La forma di prevenzione sembra un po' debole.

«Forse, ma è davvero difficile colpire i colpevoli. E, d'altronde, non possiamo certo mettere una telecamera in ogni vicolo della città. Abbiamo 130 occhi elettronici a Forli e hanno un costo mostruoso. Gli occhi dei cittadini, uniti al senso civico, devono essere le nostre telecamere». La zona di Forli più colpita?

«Quella dietro il Diego Fabbri, In quel caso, stando ai simboli, la matrice porta al mondo dei gruppi anarchici».

privali devoi.o pulire da sali

troni».

Pagina 9 di 14 Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015


il Resto del Carlino

press unE

FORLÌ

31/05/2013 Periodicità: Quotidiano Tiratura: n.d.

Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

Diffusione: n.d.

CASTROCARO I CONSULENTI STANNO ULTIMANDO LE VALUTAZIONI. E PROBABILE CHE SI GIUNGA A UNA TRATTATIVA COL PRIVATO

Terme, entro luglio il bando. E forse una piscina resta chiusa ACCUSE, rivendicazioni, tentativi estremi di salvare il salvabile. Le Terme di Castrocaro sono sempre più nell'occhio del ciclone, oggetto di accesi contraddittori partitici, strenue lotte civiche e complessi iter burocratici. In seguito alle delibere con cui Comune, Provincia e Regione hanno deciso la cessione delle quote in mano pubblica, pari al 51% del totale, si procederà presto a indire il bando per la vendita. «Presumibilmente entro la metà di luglio consulenti amministrativi e legali effettueranno una valutazione aziendale per poi procedere col bando conferma il vicesindaco Wiiliani Santini —. Probabile che l'asta vada deserta e si giunga alla trattativa con il socio privato, GVM Care & Research di Ettore SansaviFlì, già detentore del 49% del pac-

chetto azionario. A quel punto torstare indietro sarebbe davvero difficile. Per questo il ricostituito Comitato Terme, promosso da sei cittadini totalmente svincolati dalie logiche di partito e appoggiato via facebook da oltre 130 persone, sta ope-

NTANTO L COM ff :T Sta organizzando un'assembtea pubblica per discutere del futuro rando in maniera solerte. «Organizzeremo presto un'assemblea pubblica, probabilmente il 10 giugno spiegano Claudio Tormmieri e Corrado Metri . Sondata la volontà dei castrocaresi Si pia-

LA NOVITÀ La piscina, esterna potrebbe non aprire

nificherà un referendum per abrogare le del ibere con cui consiglio comunale e giunta hanno sancito la vendita delle Terme». L'obiettivo è quello di preservare beni immobili quale parco e padiglione delle feste oltre al patrimonio artistico e alle concessioni minerarie. Un'ipotesi sposata anche da Sei e dallo stesso Sanzani secondo cui «l'inserimento nel bando di eventuali salvaguardie potrebbe maturare da un confronto pubblico». A tal proposito però, va ricordato che giù in passato il vecchio comitato Terme, in vista di un aumento di capitale (necessario per interventi migliorativi sul compendio) insostenibile da parte dei Comune, aveva considerato «la possibilità di stralciare alcuni rami d'azienda ma

Pagina 10 di 14 Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

Salsubium, società privata di gestione, non riteneva questa via percorribile», precisa il vicesindaeo. E' dunque lecito pensare che il privato abbia mutato atteggiamento? In attesa di passi ufficiali intanto da casa Terme emergono alcune novità. La piscina esterna potrebbe timanem chiusa. «Sono in coro alcuni lavori— conferma Lucia Magnani, ad di Saltob ium presto verrà presa una decisione sull'apertura assieme a Treinc SpA (proprietaria dell'immobile)». Secondo indiscrezioni infine lo staff dei Grand Hotel potrebbe subire l'ennesima defezione in seguito alle dimissioni del direttore Alessandro Patalano.


pressunE

L

VOCE

DI

ROMAGNA FORLÌ & CESENA

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

31/05/2013 Periodicità: Quotidiano Tiratura: n.d. Diffusione: n.d.

Elisa Deo, do a sola al comando il sindaco rieletto racconta perché le piace la politica e perché .non sopporta la casta GALEATA

i siamo incontrati a Forlì al bar Pandora davanti agli uffici della Provincia perché la nuova sindaca di Galeata sta facendo la sua terza laurea e deve anche studiare e il bar si trova a due passi dalla biblioteca dell'università. Elisa Deo, 31 anni, figlia unica dell' ex postino del paese bidentino, è una persona molto attiva. Ha un fidanzato, un avvocato, e vuole avere figli sicuramente --- un bel giorno. Laureata già in lingue, e poi letteratura comparata, ora si è messa a laurearsi in scienza infermieristica. E poi insegna aerobica in una palestra. E poi fa politica. Perché così tanta energia? "Perché sono una persona felice, amo la vita. Non mi fermo mai. Sono attiva 24 su 24." E perché la politica? "Non mi ero mai coinvolta prima di candidarmi nel 2008 ma amo il mio paese e ho una visione diversa della politica ... Cioè? "La politica per me vuoi_ dire servire il popolo e il mio paese, mentre tanti altri la vedono come un'opportunità per avere dei privilegi. Un po'

C

la casta, via," Era questo il motivo per cui l'hanno cacciata via l'anno scorso? "Beh, sì. Mi sono interessata in vari appezzamenti di terra, di terreni che dovevano avere secondo loro il cambio d'uso all'edificabile. Ero contro." Ma è venuto fuori un altro discorso Invece sulla stampa locale però .... "Io avevo messo da parte un assessore Achille Zanchini per motivi politici e alla gerarchia del Pd locale non piaceva e ha poi detto in giro che l'avevo fatto per motivi "personali". Quando mi avevano scelto come candidato sindaco pensavano di mettere la mia bella faccia davanti al pubblico e controllarmi come un pupazzo." Hanno insinuato un rapporto tra lei e l'assessore in qualche modo se ricordo be"Sì, un rapporto inesistente, ovviamente. Li ho denunciati per diffamazione per un volantino. Essere una donna in politica è difficile. E come Ginger Rogers a Fred Astaire. Lei deve ballare come lui ma lei deve farlo con i tacchi alti,

lui no. Nessuno dei tre consiglieri della mia coalizione che mi hanno votato contro con il centrodestra si è ricandidato. Ci dice qualcosa, no?" Ma perché lei ha deciso di ricandidarsi? "Perché sono anche testarda. Ero sola contro tubi, tutti del Pd, ma in realtà avevo il sostegno del paese. La gente sapeva la verità ed era indignata. La gente è stanca della gestione politica vecchio stile sia locale che nazionale." I cittadini le hanno votata, si dice, perché hanno provato simpatia per lei, cioè, per "una donna ferita"... "Ma non ho mai fatto la vittima, anzi. Ho avuto il coraggio di ricominciare. Sono una donna romagnoia,che crede nei valori antichi ma allo stesso tempo con uno sguardo verso il futuro." Lei era di sinistra, ora, invece? "Non nego che il mio per-

Pagina 11 di 14 Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012 - 2015

Pagina 4


pressunE

I ROMAGNA FORLÌ & CESENA

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

GALEATA IL PAESE Galeata è un piccolo paese ricco di storia nella provincia di Forlì Cesena, Caratteristico è il borgo antico, in architetture tipicamente toscane. Inoltree emergenze architettoniche importanti sono il Palazzo del Podestà, l'Abbazia di Sant'Ellero, la pieve di Santa Maria in Pantano e, nella frazione Pianetto, la chiesa di Santa Maria dei Miracoli, con il relativo Monastero recentemente riportato agli antichi fasti da un accurato restauro. La chiesa principale del paese é San Pietro, neogotica ma (:on una lapide murata in facciata che ne attesta la fondazione medievale,

31/05/2013 Periodicità: Quotidiano Tiratura: n.d. Diffusione: n.d.

corso viene dal Pd. Ma la mia lista è trasversale, sia di destra che di sinistra." La tessera del Pd? "Non l'ho rinnovata. E adesso penso solo a governare bene il mio paese. E come ho dimostrato, credo, non servono le tessere di partito per governare." Quelli del Pd le stanno corteggiando? "Mi hanno chiamato in tanti," Che vuoi dire la sua vittoria per il Pd locale? "I numeri ti dicono tutto, no? I! Pd da azzerare completamente. Basta cori i vecchi che stanno al comando da anni, anni, anni, il partito si sta incancrenendo." Ogni tanto, mentre parliamo, qualcuno ci interrompe per parlare con la Deo. "Congratulazioni! Porca miseria! Che soddisfazione!" E così via. Che donna. Nicholas Farrell

Pagina 4 ae

Pagina 12 di 14 Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

3


il Resto

press unE

del

Carlino

RIMINE Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

Z.Z

31/05/2013 Periodicità: Quotidiano Tiratura: n.d. Diffusione: n.d.

LA MINORANZA PLAUDE AL CONSIGLIERE PD, VITALI: «NO A INCIUCI»

Berlati, il grande accusatore: «Scelta sofferta ma necessaria» CI HA PENSATO parecchio. «E' stata tana decisione so fferta e dolorosa». Ma alla fine Luigi Perlati ha tirato dritto, .facendo cadere in un colpo solo il bilancio, la maggioranza e il sindaco Morri. «La mia insofferenza verso le scelte di quest'amministrazione è nota da tempo. Questo non è un solo un voto sui numeri, ma un voto di fiducia...», Fiducia che Berlati ha deciso giovedì di togliere ufficialmente a Morri. ll giorno dopo il segretario provinciale Pd, l t n. Emma Pentii, parla di «resa dei conti» sulla pelle dei cittadini, mentre il Psi racconta di «un fionte trasversale, allargato al-

la minoranza. E noi l'avevamo detto da tempo...». Il presidente della Pro' icia Vitali auguri a Morri che questo «sia solo un pit stop, per rientrare, in pista più fPrte di prima. Ma fallo in maniera trasparente, senza accordi e accordicchi-di palazzo». Sui banchi dell'opposizione, giovedì, mancava solo lo spumante. l 9 consiglieri di minoranza più &dati, dopo l'abbandono dell'aula di Morri e della maggioranza, sono rimasti a votare. «Il nostro è stato un atteggiamento serio, a differenza di quello di Morri della maggioranza attacca Vicario dal Pdl Se pensano di ripresentarsi in consiglio con inciuci o accordi

improbabili, fanno uno sbaglio: sarebbero in libertà vigilata». Anche per la lista civica «ora le Morri sono un atto dovuto e inevitabile, Berlati merita rispetto. Rispetto che non abbiamo per la maggioranza, che ha reagito in modo sprezzante, e per Morri, che ha addossato a Berlati colpe che in realtà sono sue», Solidarie tà a Berlati anche da Bertipagani di Officina politica: «E' stato coraggioso. mentre Morri si è dimostrato per quel che è: un arrogante e presuntuoso. La più grossa delusione è arrivata però dal presidente del consiglio per come ha gestito la serata». Ha; steggiato alla grande le dimissioni di Mori anche il MSS.

iimettp, tala un'imbarcata»

Pagina 13 di 14 Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015


press LinE

LAWOCE

DI ROMAGNA RIHINI & SAN MARINO

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

31/05/2013 Periodicità: Quotidiano Tiratura: n.d. Diffusione: n.d.

I CONTI IN TASCA LA CONSIGLIERA GRILLINA: "IL CONSIGLIO HA GIÀ UNO STAFF DI SUPPORTO, CHE CONTA VARIE PERSONE

A COSA SERVE UN INCARICO DEL GENERE CHE POI NELLA PRECEDENTE LEGISLATURA NON ERA NEANCHE PREVISTO?"

Spunta una segretaria articolare per la presidente 'l'uni Per la Franchini (M5S si tratta di "un lusso eccessivo" Nel bagno di sangue di tasse e balzai che gravano sulle spalle dei cittadini, come può fare il Comune a risparmiare sulle spese strutturali, in modo da ridurre o attenuare il carico tributario? Si è discusso anche di questo, ieri mattina nella seduta congiunta delle commissioni 1P e V' sul bilancio comunale 2013 e su Imu e Tares. Carla Franchini del M5S è

andata all'attacco partendo da un esempio: nella riscossione della Tares, palazzo Garampi lascerà il compito al gestore Hera al costo di 590mila tuffo, "sensibilmente più basso di quello stabilito dalla convenzione regionale interCentER", ha precisato l'assessore Brasini. Un affidamento che la Franchini giudica "non opportuno": la consigliera pentastellata chiede più ef-

ficienza nella macchina organizzativa comunale, "un aspetto che il sindaco Gnassi da quando è arrivato non ha mai toccato': I dipendenti in servizio a marzo erano 1.138. La loca del discorso è questa: con una burocrazia municipale meglio organizzata, il costo dei servizi diminuisce. Ma la Franchini ha fatto anche un altro affondo sui paradossi

della macchina comunale:

"il consiglio comunale ha già uno staff di supporto, che conta varie persone, eppure la presidente Turci ha chiesto e ottenuto che le fosse assegnata una segretaria particolare, che non c'era nella precedente legislatura con la Ceccarelli. Che bisogno ce n'è, visto che il consiglio si riunisce mediamente due volte al mese? Un dipendente come quello distaccato alla

presidenza, potrebbe essere impiegato in altri servizi". Ieri pomeriggio abbiamo provato senza successo a contattare la dirigenza dello staff di supporto al consiglio comunale, ma da ciò che il Comune pubblica sul sito web risulta che il gruppo sia formato da 3 persone più il dirigente. Segretaria particolare, un lusso eccessivo? Il dibattito è aperto. P. F.

Pagina 13 Mafia, gioco e. pmstituione: no al Far

Pagina 14 di 14 Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012 - 2015

Rassegna stampa IDV del 31.05.2013  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you