Page 1


1

EDITORIALE

NAZIONE SU 3 COLONNE

nsectetuer mmy nibh olore magna nim ad erci tation sl ut aliquip is autem vel vulputate el illum at vero eros ssim qui delenit lla facilisi. obis eleifend doming id sim assum. tam; est usus aritatem. nt lectores epius. namicus, qui dium am littera arum formas decima et pi, qui nunc t sollemnes it amet, d diam unt ut erat m veniam, mcorper x ea em vel eum utate velit um dolore eu s et

VI LASCEREMO «ESSERE»

PERCHÉ ANCHE NOI VOGLIAMO «ESSERE»

I

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation ullamcorper suscipit lobortis nisl ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et accumsan et iusto odio dignissim qui blandit praesent luptatum zzril delenit augue duis dolore te feugait nulla facilisi. Nam liber tempor cum soluta nobis eleifend option congue nihil imperdiet doming id quod mazim placerat facer possim assum. Typi non habent claritatem insitam; est usus legentis in iis qui facit eorum claritatem. Investigationes demonstraverunt lectores legere me lius quod ii legunt saepius. Claritas est etiam processus dynamicus, qui sequitur mutationem consuetudium lectorum. Mirum est notare quam littera gothica, quam nunc putamus parum claram, anteposuerit litterarum formas humanitatis per seacula quarta decima et quinta decima. Eodem modo typi, qui nunc nobis videntur parum clari, fiant sollemnes in futurum. orem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation ullamcorper suscipit lobortis nisl ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et

E NIENTE DI PIÙ. Giuliano Rossetti

nizia una nuova estate e una nuova avventura. Saremo con voi quando sarete a pranzo, nella pauBisognerà imparare a guardare di nuovo con gli sa lavoro, in compagnia di un pasto frugale per non occhi di un bambino per percepire i nuovi colori, ripartire appesantiti, saremo li a riscaldarvi il cuore le sfumature. Sarà necessaria la giusta curiosità visto che siete lontano da chi può accendervi con uno per avvertire che sarà nuovo. Per questo la nosguardo. Saremo con voi quando gusterete un bicSpalla cm sarà x 14cm Spallanel27,5 cm x 21cm stra27,5 rivista nuova nell’impaginazione, nuova chiere di vino per meditare, una birra con gli amici, lo stile, nuova2nella grafica. SOLUZIONE SOLUZIONEun 3 aperitivo per passare una “happy hour”. Sarà una compagna, un momento che potrete estenSaremo con voi anche la sera, quando la luce vi lascerà dere quanto vi serve. In una sociein compagnia del tramonto e deltà di comunicazione rutilante la la sua magica atmosfera, quando nostra rivista sarà calma, relax e spesso dall’«apparire» passerete per essere “rivista” ogni volta che all’«essere». lo riterrete necessario, senza che il Saremo con voi anche la sera, tempo ne annulli il potere comuniquando spegnerete l’ultima luce cativo. Quindi non vi resta che metper immergervi nelle braccia di terla nella vostra borsa, sul vostro Morfeo e quindi accenderete sto1 pagina+spalla(1/3 di pagina) 27,5 cm x 28cm comodino, sulla vostra scrivania rie e film che solo voi potrete veo magari in cucina per sfogliarla a dere in esclusiva. SOLUZIONE 4 ritmo di slow food. E se siete tecnoSia chiaro, saremo con voi solo se logici sfogliatela sul vostro tablet o lo vorrete, saremmo discreti come smartphone per ricaricarvi in ogni può esserlo un vero amico o una dove. vera amica. Il nostro scopo non Saremo la vostra tazzina di caffè, il sarà rendervi ricchi ma rendervi sorriso che non chiederà mai niente liberi, lasciarvi «essere», lasciarvi in cambio, l’abbraccio affettuoso e respirare seguendo il vostro ritmo sincero che non vi soffocherà mai. e non quello del mondo, che proSaremo sempre un buon inizio di babilmente non è di nessuno. giornata, la carezza invisibile di cui Noi siamo qui per coccolare la voavete bisogno proprio in quel mostra anima più profonda, accarezmento, che non dovrà avere per forza un volto ma, zare il vostro vero ego senza che si dilati a dismisura allo stesso tempo, dovrà darvi la spinta per partire perché non serve né a voi né a chi vi sta vicino. 1 pagina+spalla(1/3 di pagina) 27,5 cm x 35cm Vi lasceremo «essere» perché anche noi vogliamo «escon il piede giusto. SaremoSOLUZIONE con voi tutta la5giornata, anche quando ci lasere» e niente di più. sciarete sul comodino, perché saremo zucchero per il vostro cervello, adrenalina per i vostri muscoli e stimolo per i vostri sogni.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation ullamcorper suscipit lobortis nisl ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et accumsan et iusto odio dignissim qui blandit praesent luptatum zzril delenit augue duis dolore te feugait nulla facilisi. Nam liber tempor cum soluta nobis eleifend option congue nihil imperdiet doming id quod mazim placerat facer possim assum. Typi non habent claritatem insitam; est usus legentis in iis qui facit eorum claritatem. Investigationes demonstraverunt lectores legere me lius quod ii legunt saepius. Claritas est etiam processus dynamicus, qui sequitur mutationem consuetudium lectorum. Mirum est notare quam littera gothica, quam nunc putamus parum claram, anteposuerit litterarum formas humanitatis per seacula quarta decima et quinta decima. Eodem modo typi, qui nunc nobis videntur parum clari, fiant sollemnes in futurum. orem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation ullamcorper suscipit lobortis nisl ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation ullamcorper suscipit lobortis nisl ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et accumsan et iusto odio dignissim qui blandit praesent luptatum zzril delenit augue duis dolore te feugait nulla facilisi. Nam liber tempor cum soluta nobis eleifend option congue nihil imperdiet doming id quod mazim placerat facer possim assum. Typi non habent claritatem insitam; est usus legentis in iis qui facit eorum claritatem. Investigationes demonstraverunt lectores legere me lius quod ii legunt saepius. Claritas est etiam processus dynamicus, qui sequitur mutationem consuetudium lectorum. Mirum est notare quam littera gothica, quam nunc putamus parum claram, anteposuerit litterarum formas humanitatis per seacula quarta decima et quinta decima. Eodem modo typi, qui nunc nobis videntur parum clari, fiant sollemnes in futurum. orem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation ullamcorper suscipit lobortis nisl ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et


SOMMARIO

GIUGNO - LUGLIO 2014

EVENTI

LE INTERVISTE DI MAMO

Doriano Marcucci: Brasiliando Iginio Straffi: Dimensioni Magiche Matteo Baiocco: My Name Is Baiox Marco Serafini: L’Armatore Filosofo Novecento: Un Doppio Senso Marco Santini: Fiori Al Vento Sergio Lattanzi: Soprattutto Rispetto Marco Meoni: Marco Meoni Andrea Angeletti & Danny Sargoni: Campioni Infiniti Di Uno Sport Minore

Paolo Marasca: Ancona Estate Giuliano Rossetti: 60° Quintana Ascoli Piceno Gilberto Santini: Danzare Tutto Francesco Micheli: 50 Anni di Lirica Giuliano Rossetti: Musicultura Compie 25 Anni Giuliano Rossetti: Nostalgia Del Presente - POPSOPHIA Velia Papa: Inteatro Festival

12 20 28 34 66 70 82

38 40 43 44 46 58 52

88 98

INTERVENTI & RUBRICHE Mamo: Alba Estiva Flavio Corradini: Inaugurazione 678° Anno Accademico UNICAM Valentina Capecci: Giovanili Francesco Cingolani: Il Tesoro Sotto I Nostri Piedi Giusy Falleroni: Poesie Giorgio Caraffa: La Riabilitazione Paolo Principi: La Voglia Di Non Mollare Mai Giulio Marchesini: La Corsa Più Bella Del Mondo Emanuel Vecchioli: Laurea Honoris Causa Vittorio Vecchioli Federica Polacco: #RispettAncona Gino Troli: Dalle Radici Del Presente Alla Ricerca Del Futuro Piero Cesanelli: Sanremo Ufficio Comunicazione UNICAM: Corsi UNICAM Sulla Nutrizione

4 10 15 24 53 56 58 60 64 65 69 74 78

Albero Montebllo: Festival Della Manualità Massimo Granati: Atmosfere D’Annunziane Paola Olmi: Anna Che Mentre Combatte Non è Sola Alessia Cruziani: Dalla Crisi Alla Apple Queen Giammario Cardini: Lago Di Pilato Nicola Brignoccolo: Ora Che Sei Mio Figlio Enrico Filippini: Valvole VS Transitor Giuliano Rossetti: La Volpe e L’Uva, e il Formaggio, e il Salame Marco Bentivoglo: Iniezioni Di Buon Umore Emanuel Vecchioli: La Forfora Cesare Sampaolesi: Noxter Nicola Brignoccolo: Vi Presento Nicola Pigini Giammario Cardini: Sasso di Palazzo Borghese

CONTRIBUTI FOTOGRAFICI Giammario Cardini, Andrea Del Brutto, Beatrice Giongo, Simone Mazzocchi, Roberto Postacchini, Relazioni Esterne UNICAM, Carlo Scheggia (Esserci Comunicazione), Maurizio Spalvieri, Fabio Taccola, Ufficio Stampa AMAT.

81 87 93 94 95 96 101 103 104 105 107 108 111


ZONA ACQUAVIVA - CASTELFIDARDO Tel. 071.7820189 www.rossinipianoforti.it


Alba estiva

ph. Mamo


UNA TERRA STRAORDINARIA

I M PA G I N A Z I O N E S U 3 C O L O N N SEGUICI SU FACEBOOK:

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation ullamcorper suscipit lobortis nisl ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et accumsan et iusto odio dignissim qui blandit praesent luptatum zzril delenit augue duis dolore te feugait nulla facilisi. Nam liber tempor cum soluta nobis eleifend option congue nihil imperdiet doming id quod mazim placerat facer possim assum. Typi non habent claritatem insitam; est usus legentis in iis qui facit eorum claritatem. Investigationes demonstraverunt lectores legere me lius quod ii legunt saepius. Claritas est etiam processus dynamicus, qui sequitur mutationem consuetudium lectorum. Mirum est notare quam littera gothica, quam nunc putamus parum claram, anteposuerit litterarum formas humanitatis per seacula quarta decima et quinta decima. Eodem modo typi, qui nunc nobis videntur parum clari, fiant sollemnes in futurum. orem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation ullamcorper suscipit lobortis nisl ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation ullamcorper suscipit lobortis nisl ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et accumsan et iusto odio dignissim qui blandit praesent luptatum zzril delenit augue duis dolore te feugait nulla facilisi. Nam liber tempor cum soluta nobis eleifend option congue nihil imperdiet doming id quod mazim placerat facer possim assum. Typi non habent claritatem insitam; est usus legentis in iis qui facit eorum claritatem. Investigationes demonstraverunt lectores legere me lius quod ii legunt saepius. Claritas est etiam processus dynamicus, qui sequitur mutationem consuetudium lectorum. Mirum est notare quam littera gothica, quam nunc putamus parum claram, anteposuerit litterarum formas humanitatis per seacula quarta decima et quinta decima. Eodem modo typi, qui nunc nobis videntur parum clari, fiant sollemnes in futurum. orem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation ullamcorper suscipit lobortis nisl ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et

I NOSTRI SOSTENITORI ___________________________ APPLE QUEEN BY INTRA AUTOCLUB MARCHE CONCESSIONARIA PEUGEOT BARBIERI BOUTIQUE BUZZ TIME 2 CHANGE CABI GOMME CASE&COSE MAGAZINE

Spalla 27,5 cm x 7cm

CAVALIERI GIOIELLI

SOLUZIONE 1

SOLUZIONE 2 CIMINI CONCESSIONARIA

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation ullamcorper suscipit lobortis nisl ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et accumsan et iusto odio dignissim qui blandit praesent luptatum zzril delenit augue duis dolore te feugait nulla facilisi. Nam liber tempor cum soluta nobis eleifend option congue nihil imperdiet doming id quod mazim placerat facer possim assum. Typi non habent claritatem insitam; est usus legentis in iis qui facit eorum claritatem. Investigationes demonstraverunt lectores legere me lius quod ii legunt saepius. Claritas est etiam processus dynamicus, qui sequitur mutationem consuetudium lectorum. Mirum est notare quam littera gothica, quam nunc putamus parum claram, anteposuerit litterarum formas humanitatis per seacula quarta decima et quinta decima. Eodem modo typi, qui nunc nobis videntur parum clari, fiant sollemnes in futurum. orem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation ullamcorper suscipit lobortis nisl ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et

Spalla 27,5 cm x 14cm

NISSAN

DUCATI CONCESSIONARIA Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation ullamcorper suscipit lobortis nisl ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et accumsan et iusto odio dignissim qui blandit praesent luptatum zzril delenit augue duis dolore te feugait nulla facilisi. Nam liber tempor cum soluta nobis eleifend option congue nihil imperdiet doming id quod mazim placerat facer possim assum. Typi non habent claritatem insitam; est usus legentis in iis qui facit eorum claritatem. Investigationes demonstraverunt lectores legere me lius quod ii legunt saepius. Claritas est etiam processus dynamicus, qui sequitur mutationem consuetudium lectorum. Mirum est notare quam littera gothica, quam nunc putamus parum claram, anteposuerit litterarum formas humanitatis per seacula quarta decima et quinta decima. Eodem modo typi, qui nunc nobis videntur parum clari, fiant sollemnes in futurum. orem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation ullamcorper suscipit lobortis nisl ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et

ÈTV

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation ullamcorper suscipit lobortis nisl ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et accumsan et iusto odio dignissim qui blandit praesent luptatum zzril delenit augue duis dolore te feugait nulla facilisi. Nam liber tempor cum soluta nobis eleifend option congue nihil imperdiet doming id quod mazim placerat facer possim assum. Typi non habent claritatem insitam; est usus legentis in iis qui facit eorum claritatem. Investigationes demonstraverunt lectores legere me lius quod ii legunt saepius. Claritas est etiam processus dynamicus, qui sequitur mutationem consuetudium lectorum. Mirum est notare quam littera gothica, quam nunc putamus parum claram, anteposuerit litterarum formas humanitatis per seacula quarta decima et quinta decima. Eodem modo typi, qui nunc nobis videntur parum clari, fiant sollemnes in futurum. orem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation ullamcorper suscipit lobortis nisl ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et

GENTILI TAPPEZZERIA GORBINI VETRERIA HARLEY-DAVIDSON CONCESSIONARIA HAPPY HOUR TIME DINNER CLUB

Direttore Responsabile Giuliano Rossetti direttore@marcheguida.it Editor Alberto Montebello editor@marcheguida.it Art Director Massimo Pigliapoco artdirector@marcheguida.it Graphic & Web Designer Adriano Brando Alessandrini adv@marcheguida.it ___________________________

Spalla 27,5 cm x

REDAZIONE redazione@marcheguida.it SOLUZIONE Via Vanvitelli, 88 62100 Macerata Tel 0733-262602 Fax 0733-267497 PUBBLICITÀ & MARKETING Massimo Pigliapoco marketing@marcheguida.it 340.5973954

EDITORE BERT & ASSOCIATI Via Vanvitelli, 88 62100 Macerata Tel 0733-262602 Fax 0733-267497 1 pagina+spalla(1/3 di pagina) 27,5 cm x 28cm info@bertassociati.it SOLUZIONE 4 www.bertassociati.it AUTORE COPERTINA Silvano Mazzarantani “NOVECENTO”

HOTEL HORIZON

INTERNATIONAL CAR CARROZZERIA Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation ullamcorper suscipit lobortis nisl ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et accumsan et iusto odio dignissim qui blandit praesent luptatum zzril delenit augue duis dolore te feugait nulla facilisi. Nam liber tempor cum soluta nobis eleifend option congue nihil imperdiet doming id quod mazim placerat facer possim assum. Typi non habent claritatem insitam; est usus legentis in iis qui facit eorum claritatem. Investigationes demonstraverunt lectores legere me lius quod ii legunt saepius. Claritas est etiam processus dynamicus, qui sequitur mutationem consuetudium lectorum. Mirum est notare quam littera gothica, quam nunc putamus parum claram, anteposuerit litterarum formas humanitatis per seacula quarta decima et quinta decima. Eodem modo typi, qui nunc nobis videntur parum clari, fiant sollemnes in futurum. orem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation ullamcorper suscipit lobortis nisl ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et

MarcheGuida

LIGHT IMPIANTI

Foto di Copertina: Maurizio Spalvieri AUTORI DI QUESTO NUMERO 1 GIUGNO 2014

MENCHI CONCESSIONARIA FIAT LANCIA MITSUBISHI

Marco Bentivoglio, Nicola Brignoccolo, Valentina Capecci, Giorgio Caraffa, Piero Cesanelli, Francesco Cingolani, Flavio MOKERIA Corradini, Alessia Cruziani, Giusy COFFEE EXPERIENCE 1 pagina+spalla(1/3 Falleroni, di pagina) 27,5 cm x 35cm Enrico Filippini, Massimo Granati, Paolo SOLUZIONE 5 Giulio Marchesini, Francesco RADIO LINEA N°1 Marasca, Micheli, Alberto Montebello, Velia Papa, RCS FOOD CONCESSIONARIA Federica SAMMONTANA Polacco, Paolo Principi, Cesare Sampaolesi, Gilberto Santini, Barbara ROMCAFFÈ Trasatti, Gino Troli, UNICAM, Emanuel Vecchioli. ROSSINI PIANOFORTI STAMPA SAN MICHELE ARCANGELO Bieffe s.r.l. - Recanati (MC) AGRICOLTURA BIOLOGICA ____________________________ SAPUTI CANTINE MARCHE GUIDA SKYLINE RADIO & SOUL Reg.Pubblica del 23/04/1998 Aut. del Trib. Macerata n.418/98 1 pagina+spalla(1/3 di di pagina) 27,5 cm x 42cm E. VECCHIOLI TRICOLOGIA

SOLUZIONE 6


10

I SAGGI

INAUGURATO IL 678° ANNO ACCADEMICO DELL’UNIVERSITA’ DI CAMERINO Universita’ indomita a sostegno dei giovani e del territorio!

“M

i rivolgo agli studenti. Il mio augurio più grande è che abbiate sempre, in ogni momento della vostra vita, la capacità di mettervi in gioco, di realizzare il vostro sogno, di comprendere e coltivare il vostro talento, di saper riconoscere la vostra strada. Se sarete in grado di fare questo, nessuno potrà oscurare e confondere il vostro orizzonte, nessuno potrà farvi credere che non ci sono alternative, che non vale la pena impegnarsi, che non si può cambiare. Se la vostra Università sarà stata in grado, nel delicato e importante momento della vostra formazione, di infondervi la fiducia, oltreché fornirvi competenze, di aiutarvi, cioè, a diventare donne e uomini pronti ad affrontare la vita, allora e solo allora avrà compiuto appieno il suo dovere. Voi siete la nostra speranza, Voi siete la nostra certezza, Voi siete il nostro orgoglio”: con queste parole, con entusiasmo ed emozione, è stato dichiarato aperto il 678° anno accademico dell’Università di Camerino. Alla cerimonia di quest’anno abbiamo poi avuto l’onore di ospitare il dott. Fabrizio Barca, Dirigente Generale del Ministero dell’Economia e delle Finanze, che ha tenuto una relazione sulla “Strategia nazionale per le aree interne”. Il tema scelto per quello che è l’evento con cui viene dato il via “ufficiale” alle attività formative e didattiche e che rappresenta un momento solenne per l’intera comunità universitaria, è stato “Università e Territorio: strategie comuni di crescita”. La crisi economica che ha investito l’Europa e maggiormente l’Italia in questi ul-

Flavio Corradini timi anni ha aumentato la necessità di ricercare nuove strategie di crescita e di rilancio. Ed è proprio sull’investimento che UniCam ha voluto fare per la crescita del proprio territorio che vorrei soffermarmi, investimento che, come sempre, siamo pronti a mettere al servizio di tutti. Abbiamo ricercato un profondo cambiamento territoriale, un salto di paradigma che ha portato all’affermazione di nuovi modelli di fruizione della formazione e dell’informazione e abbiamo cercato di promuovere la necessità di indirizzare tutti gli sforzi verso la condivisione delle risorse a disposizione di ciascuno, a vantaggio dell’interesse collettivo. Ci ha animato la convinzione che il territorio non debba proseguire a costruire barriere impenetrabili attorno a sé, come in passato è sovente accaduto, ma debba sentirsi parte di un sistema più ampio: ecco allora che entrare in relazione con gli altri attori del territorio, conoscerne il valore e poterne utilizzare le risorse, diventa una grande opportunità. È infatti nello scambio di conoscenze e risorse che il sistema si implementa e si rafforza. Unicam ci crede e ci sta investendo molto perché l’innovazione e quindi la crescita, passano attraverso giovani che si mettono in g ioco e reti di collaborazione pronte a sostenere la loro sfida.


www.skyline.it


12

I GENIALI

BRASILIANDO Doriano Marcucci, ultimo allievo di “Basi” Basilio Testella, universalmente riconosciuto il maestro dei maestri. Massimo Pigliapoco

“C

ome accadono le cose? Che domanda …probabilmente non scoprirò mai perché ma sono quasi certo che le cose che ci accadono noi le attiriamo, nel bene e nel male. Sono sempre in giro e passo la mia vita parlando con chi incontro. Qualche mese fa sono venuto a sapere “ per caso” dell’esistenza di un mastro calzolaio di Montegranaro, un uomo capace di creare scarpe uniche, un artista insomma. Unico indizio che ero riuscito a cogliere era che aveva una bottega dentro le mura. Qualche giorno dopo, passando in quel paese e ricordandomi della “ soffiata”, ho svolto una breve ricerca e poco dopo ho suonato un campanello. Mi ha aperto un “ ragazzetto” sulla cinquantina che, dopo essermi presentato e aver spiegato il motivo della mia visita, m’ha detto: “ Sicuro che cerchi proprio me? Sai qui a Montegranaro esistono altri due o tre artigiani bravissimi, non vorrei che tu avessi sbagliato persona.” Al che m’è venuto spontaneamente di rispondere: “ Se sono qui probabilmente la persona che cercavo sei tu.” Una volta superata la soglia del laboratorio ho avuto l’impressione di aver attraversato uno Stargate; macchinari quasi inesistenti e quei pochi non vecchi, antichi. Banchi da lavoro fine ‘800, arnesi e utensili forgiati a mano, ceppi e banchetti

come se ne vedono nei musei dedicati all’antico artigianato e poi, in un angolo, una decina di strumenti musicali. Come si dice…la domanda m’è sorta spontanea: “ Fai il calzolaio o il musicista?” “ Ahahah…è vero. Chi entra qui per la prima volta rimane spesso un po’ sconcertato dall’arredamento. Diciamo che la musica è stata il mio primo amore, e quello come sai non te lo scordi più; quella delle scarpe è stata la seconda grande passione. Sono le circostanze che mi hanno portato a fare il calzolaio, non era propriamente un sogno giovanile. Ti spigo: ho passato la mia infanzia a Roma e all’età di 17 anni,

quando frequentavo l’istituto d’arte, ho conosciuto una ragazzetta che mi “ sottraeva” dalle lezioni scolastiche. Un giorno il preside telefonò a mia madre chiedendo informazioni su di me, dato che da un mese più nessuno mi aveva visto a scuola; puoi immaginare il seguito. Papà quel pomeriggio mi fece un aut aut: “ O vai a scuola o ti metti a lavorare!” Il mattino dopo, con le mie cose in una valigia, ero in viaggio per Montegranaro, dove abitavano i miei nonni materni. Qui a Montegranaro cosa vuoi che mi mettessi a fare? Probabilmente se i miei nonni fossero stati di Montappone avrei fatto cappelli; se di Mogliano avrei lavorato il vimini.” “ Ahah…come ragionamento non


fa una piega, salvo che sei diventato tra i numeri uno di questa arte; racconta un po’!” “ Ho iniziato come dipendente in un suolificio negli anni ’80. Poi sono passato ad una azienda che produceva accessori e giravo col furgone tutti i giorni. Nel ’90, con un mio cugino, ho aperto una piccola società, un sodalizio che è durato solo due anni, però siamo rimasti in ottimi rapporti, tant’è che nonostante lui sia un ottimo professionista del settore, quando deve acquistare un paio di scarpe viene da me, e pensare che lui è stato il mio primo maestro! Dopo quell’esperienza ho continuato a lavorare da solo come artigiano fino ad arrivare ad un incontro che ha cambiato la mia vita.” “ Che tipo di incontro, un amore?” “ In un certo qual senso. Forse tu ti riferivi ad una donna ma il mio incontro è stato con un maestro, un uomo infinito capace di rivoluzionare il mio lavoro e la mia vita: Basilio Testella, in arte Basì.” “ Deve essere stato un bel personaggio.” “ Il numero uno! Di quell’uomo ho

preso il cuore. E’ stata un’esperienza piena, con situazioni terribili e momenti meravigliosi.” “ Da quello che dici sembra veramente che tu stia parlando dell’amore che si prova per una donna, però so a cosa ti riferisci, ho avuto anch’io la fortuna di conoscere degli eccezionali.” “ Non c’è cosa più forte che conoscere un maestro morente! Da mesi, ormai, non stava più bene ed ogni giorno andavo a fargli visita. Sono l’unico

allievo che non ha imparato da lui al “ banchetto”, mi ha insegnato parlandomi seduto sulla poltrona, trasferendomi tutto il suo sapere in infinite ore di conversazione. Lui di giorno parlava ed io di notte eseguivo i compiti per l’indomani che regolarmente gli mostravo. Rimaneva sempre stupefatto delle mie capacità d’apprendimento e un giorno mi disse: “ Sai Doriano, mi dispiace che m’è rimasto poco tempo per stare insieme.” Basì rimarrà nel ricordo di chi non l’ha

Doriano Marcucci calzolaio etc etc etc etc etc etc etc


14 conosciuto bene come un mastro burbero, scontroso, poco socievole, ma a me ha donato solo il cuore e un insegnamento sconfinato.”

letteratura

“ Credo che da lassù sia orgoglioso di te. Sei un maestro quotato in Italia e all’estero, ti chiamano come testimonial della nostra regione negli eventi internazionali, hai “ confezionato scarpe” per tante personalità e volendo trascurare tutti gli altri ne vorrei citare solo due: il Presidente Napoletano e Papa Ratzinger. Penso che quando si arriva a questi risultati non ci sia più molto da chiedere.” “ Quando vado in giro mi chiamano mastro ma io, in tutta sincerità, mi vergogno perché l’unico mastro vero è stato lui: Basilio Testella. Credo solo di essere stato un buon allievo, forse il suo prediletto, e una cosa che ancora mi stupisce quando ci penso è che tutte le sue previsioni si sono avverate. La vita l’aveva scritto questo incontro e tutto ciò che è seguito.”

Inviaci un tuo lavoro e se ci emozionerà se ci stupirà, se ci farà venire i brividi, lo pubblicheremo nei prossimi numeri:

SCRIVI ANCHE TU LE PAGINE DI QUESTA RIVISTA! Per info redazione@mercheguida.it

I suoi lavori sono pezzi unici e descriverli non avrebbe senso, bisogna vederli. Quando stavamo per terminare la nostra conversazione è entrata una signora che ha portato un ciambellotto fatto in casa, al che Doriano ha detto: “ Allora è festa!” Ha preso la chitarra e si è messo a suonare una melodia brasiliana; poi si è esibito in un brano con un trombone a spinta; dopodichè ha percosso delle conga con un ritmo afrocubano e, infine, s’è messo a soffiare dentro un coso lungo un paio di metri, che quando sono tornato a casa sono andato a vedere su un vecchio volume di strumenti e ho scoperto che si chiama Didgeridoo, uno strumento a fiato aborigeno ricavato da una porzione di eucalipto e reso cavo dallo scavo delle termiti. Dopo un’esibizione durata una quindicina di minuti Doriano m’ha guardato e m’ha detto: “ T’è piaciuto?” “ Al dire il vero – gli ho risposto – m’aspettavo anche un pezzo con le nacchere.” “ Le nacchere?...La prossima volta, la prossima volta.” Ahahah…sei grande Doriano..e completamente “suonato”. Un abbraccio grosso maestro..e a presto.


15

I SAGGI

G I O VA N I L I

“M

Quando la redazione di MG mi ha comunicato chae questo numero è dedicato ai giovani non mi sembrava sensato chiedere un pezzo proprio a me. Che non li conosco e non li frequento, poiché non sono giovane e, soprattutto, mi auguro di non essere giovanile. Condizione, quest’ultima, che in alcune circostanze deforma normali adulti in ridicole macchiette perniciose per sé e per gli altri. I giovanili sono sempre esistiti e quando li subivamo, perché eravamo giovani, se non ci muovevano a compassione scatenavano la nostra ilarità. E’ la categoria a cui apparteneva il babbo della compagna di scuola che ci dava un passaggio in macchina e invece di trasportarci zitto e buono per apparire moderno si metteva a fare lo battute a doppio senso, dimenticando che a quell’età noi si era più integraliste della buoncostume. E’ la signora col cinturone allacciato a un girovita da mongolfiera, come se inguainarsi in un look da velina sia sufficiente a mascherare lo strato di grasso superfluo di una megattera, e se s’imbattono in un aitante trentenne che potrebbero aver allattato, da ruvida e pratica matrona si trasforma in una bamboleggiante smorfiosa in grado di squittire. I giovanili sono quelli che dichiarano: “anche se ho cinquant’anni me ne sento venti” e pretenderebbero di affascinare delle universitarie, o se intercettano un gruppo di adolescenti che gioca a palla si getta nella mischia. E, naturalmente, dopo dieci minuti di corsette con la lingua di fuori e i sintomi dell’infarto,

Valentina Capecci abbandonano fingendo di rammentare all’improvviso un appuntamento urgente. Sono quelli che vogliono venire a ballare ma poi, schiantati sul divanetto, guardano l’orologio e criticano la musica. Che per loro non è musica, è troppo alta per riuscire a parlare e domandano quando iniziano i lenti. Sono quelli che se la moglie non fosse una noiosa piantagrane si rifarebbero la moto. Oppure la moto la guidano ancora, ma per scendere ritirano la gamba con le mani e si rimettono in posizione eretta scricchiolando come un vecchio fienile durante un evento sismico. A contatto con dei teenager si lanciano in un temerario uso dello slang, ignorando che il linguaggio dei minorenni muta quotidianamente e i loro termini all’avanguardia sono già incomprensibili arcaicismi. Mentre c’è chi realmente guarda avanti. Conosco anziani che al termine di giornate piene di lavoro, hobby, nipoti, faccende domestiche e interessi vari si mette in ghingheri e va in balera. Ho una zia che segue attualità e politica con maggiore lucidità di un commentatore TV e una che si scambia ricette con le amiche su facebook. Ho una madre settantenne che compra e vende su EBay dall’Ipad e un padre di ottantun anni che costruisce barometri e apparecchi di precisione sintonizzato su MTV. Ma non sono giovanili. Loro sono giovani.


la seconda parte della storia dell’azienda (troverete la prima parte a pag. 110)

Con la scomparsa di Ansovino Menchi, avvenuta nel 1961, ha luogo il passaggio generazionale e la trasformazione, V.A.R.A.L. S.n.c.. In quegli anni l’azienda si trasferisce distinti locali dove saranno collocati rispettivamente il salone di vendita ed il centro di assistenza e stoccaggio vetture. Sono gli anni del boom economico, il nascere di nuovi modelli , la Primula, la A111 e la mitica A112 e la grande passione per il proprio mestiere rappresentano i presupposti per aumentare in modo esponenziale i volumi di attività della VARAL. ciale tra Fiat Auto e Citroen, l’azienda prende anche il mandato della casa francese: è un ritorno alle vetture di prestigio con la mitica “DS” e con una delle vetture più di tendenza dell’epoca, la “Dyane”. In seguito alla rottura dell’accordo fra Fiat e Citroen volena quello Autobianchi: è il 1973. Con il crescere continuo dei volumi di vendita, si ricercano propri servizi e la propria professionalità; verso la metà degli anni ’70 viene acquisita una importante area, situata nella nascente zona commerciale a valle di Macerata, tuttora sede sociale. Qui viene realizzata una struttura, quella dove attualmente è operativa la concessionaria Lancia, di oltre 3.000

...to be continued


20

I GENIALI

DIMENSIONE MAGICA Iginio Straffi: la storia di un ragazzo che disegnava sui quaderni di scuola... per poi diventare uno dei leader mondiali del cinema dell’animazione. Massimo Pigliapoco

“I

lettori sono personaggi immaginari creati dalla fantasia degli scrittori.” Mi piace questa citazione di Achille Campanile perchè, anche se paradossale, credo corrisponda a realtà. La forza delle idee rende tutto possibile, magia compresa. Con Fabio Renzetti sono andato a trovare un suo compagno di scuola di quando frequentava le medie, che nel 1995 ha fondato la Rainbow ed è diventato un colosso mondiale del cinema d’animazione: Iginio Straffi. “Quel ragazzo che da giovane non smetteva mai di disegnare ora a capo di un impero industriale le cui occupazioni, penso, siano di tuttíaltro genere rispetto al piacere puro di ideare storie e personaggi: quanto è cambiata la tua vita in questo senso?” “Credo che anche l’imprenditore sia un fantasioso, solo che ad un certo livello si spostano i parametri. Chi fa impresa, e nel nostro caso in continua espansione, si trova quotidianamente a risolvere problemi che capitano nella produzione, nella distribuzione, nell’amministrazione e tante altre situazioni che una

grande azienda deve affrontare, e naturalmente tutto questo occupa gran parte del mio tempo. Inizio a lavorare già da casa alle 7 del mattino rispondendo alle email, poi entro in azienda alle 9 ed esco alle 10 di sera perchè le cose da fare sono veramente tante. Esportiamo le nostre produzioni in circa 150 paesi e quando in Europa arriva la sera è giorno nell’altra parte del globo, dunque ti lascio immaginare la mole di lavoro da svolgere. Riesco comunque a dedicarmi alla parte creativa pura di notte, quando sono a casa, o durante i week end.” “Riesco ad immaginare solo lontanamente quanto impegno sia necessario per sostenere un’impresa del genere; ipotizzavi tutto questo quando hai cominciato?” “Quando dai inizio ad un progetto speri solo che si avveri. Penso che tutti coloro che sono intenzionati a realizzare i propri sogni debbano possedere dei requisiti indispensabili: passione e dedizione totale, ed andare avanti nonostante tutto. Anche quando ho cominciato ho dovuto prendere delle decisioni impegnative, che però sapevo essere necessarie. Ci sono state scelte felici e anche qualche errore, ma tutto è servito per arrivare dove siamo ora. Questa attività non concede molto tem-

po da dedicare a me stesso o a chi mi è vicino, è vero, ma se si vuole arrivare a certi livelli le strade da percorrere sono obbligate. Portare al top un’azienda non è come giocare una schedina e fare 13. C’è gente che opera nella finanza, per esempio, e che dalla mattina alla sera, spesso speculando sulle necessità del prossimo, acquista fama e denaro, ma non è quello il mio modo di intendere la vita. Le capacità personali sono importanti, ma per sviluppare grandi progetti il prezzo da pagare è sempre alto, e a tal proposito ho fatta mia una frase di Machiavelli: Meglio fare e pentirsi che non fare e pentirsi.” E già! Mi sembra che fosse Newton


“Ogni sogno è valido, anche quello che sembra il più assurdo.”

Iginio Straffi Presidente e fondatore dello studio di animazione Rainbow.

che rispondendo ad un giornalista che lo riteneva particolarmente privilegiato dalla natura disse: Mio caro signore, il 99% del genio è sudore. “L’amore per il disegno nasce da una passione spontanea o qualcuno ti ha iniziato a questa arte?” “No, non disegnava nessuno in casa. Credo che l’imprinting sia scaturito dalla lettura dei primi fumetti e dai cartoni animati che guardavo alla TV. Ancora conservo i quaderni di quando avevo sei o sette anni sui quali disegnavo personaggi e storie che la mia fantasia inventava. Naturalmente con

il tempo si diventa più bravi e sempre più convinti delle proprie capacità. Diciamo che la mia è una forma di irrequietezza che mi ha sempre stimolato a crescere, ed è probabilmente questo che ha permesso la pubblicazione dei i miei primi lavori sulle più importanti testate fumettistiche italiane già a 18 anni, quando ancora frequentavo il liceo.” “Il passaggio all’animazione come è avvenuto?” “Sempre per irrequietezza. Sono convinto che se fossero vivi tutti i geni del passato farebbero tutti i registi. L’animazione e i film sono il compendio di tutte le arti, più che una poesia, un

quadro, una musica presi singolarmente. Ti racconto un episodio curioso di quei tempi: già quando ero diventato uno stimato fumettista in famiglia, e in particolare mia madre, si stupivano che ci si potesse guadagnare da vivere disegnando scene e personaggi sui giornaletti, e ti assicuro che guadagnavo bene. A 24 anni decisi di abbandonare tutto e trasferirmi in Francia per apprendere i segreti di quel lavoro per cui oggi esiste la Rainbow: Quando le comunicai la notizia le parole di mamma furono: Ma come? Hai pistato tanto per arrivare dove sei adesso e lasci tutto? Le spiegai che dovevo rischiare perchè credevo in quella scelta, e fortunatamente ho


avuto ragione.” “Che storia!..Come si arriva alla realtà di oggi?” “Tornato dall’esperienza transalpina avevo accumulato ulteriore sapere e qualche risparmio; pensai che fosse il momento di dare sfogo ad una nuova avventura: fondare una azienda. Coinvolsi alcuni amici che stimavo per le loro capacità e li convinsi a credere nel progetto. Con Don Pigini, che era da anni impegnato nel settore editoriale e aveva intuito le mie possibilità, e un gruppo di preziosi collaboratori nel 1995 fondai la Rainbow. Fin dall’inizio riscuotemmo un notevole consenso, e in particolar modo dalla RAI che acquistava regolarmente le nostre produzioni. Il boom l’abbiamo raggiunto con le Winx Club, una serie di cartoons in 3D che ora è seguita dai bambini di 5 continenti.” Nel 2011 la VIACOM, una multinazionale americana proprietaria di MTV, CBS, NICKELODEON e PARAMOUNT, è entrata in compartecipazione acquistando il 30% della RAINBOW. “Hai affascinato tutto il pianeta Iginio; salutiamoci con un messaggio rivolto ai giovani.” “Beh, penso che la storia della mia vita parli chiaro. Non dico che bisogna scegliere la propria strada a 6 anni, ma intorno ai 15/16 ogni ragazzo dovrebbe avere un sogno e fare di tutto per realizzarlo. Il lavoro impegna 3/4 della nostra vita e se non facciamo qualcosa che ci piace veramente diventa dura. Ogni sogno è valido, anche quello che sembra il più assurdo. Passione per un’arte, qualsiasi arte, impegno costante e pazienza perchè la cosa si realizzi. Bisogna essere bravi in un mestiere e i risultati arrivano, tutto qui.” Guarda caso quello che ci ha raccontato Iginio in merito alla magia che gli ha permesso di realizzare la sua grande impresa corrisponde, ne più ne meno, a quello che mi hanno confessato tutti i giganti che ho incontrato nella mia vita: possibile che si siano messi tutti d’accordo? Una frase di Paul Valery: “Non ci sono misteri, c’è soltanto insufficienza di dati o della mente.” Grazie Iginio, un abbraccio


Via paludi 397/B - 63900 Fermo - Tel/Fax 0734-630442 email: rcsfood@alice.it


24

I SAPIENTI

IL TESORO SOTTO I NOSTRI PIEDI

A

desso che volgendo lo sguardo alle spalle scorgiamo in lontananza la fredda stagione, le lucertole fanno capolino sui muretti scrostati a riscaldarsi con i tiepidi raggi del sole e le coccinelle uscite dal loro rifugio invernale si arrampicano sui teneri e freschi steli di fienarola dei prati, sotto le saettanti traiettorie delle rondini, in molti di noi sboccia spontaneo, come narcisi selvatici nei prati campagnoli, il desiderio di lavorare negli orti e giardini. Proprio così, un impulso naturale, quasi primordiale, al quale, condito di passione, è difficile resistere. Vivai, garden center e agrarie, in questi giorni, sono invasi da appassionati e volenterosi dilettanti che corrono ad accaparrarsi sementi, piantine di ortaggi, terricciati, concimi di ogni genere e quanto altro serve per dare pieno sfogo a quell’istinto naturale di coltivare qualcosa su un fazzoletto di terreno. Voi m’insegnerete che alle passioni non si comanda, ma in questa piacevole frenesia del fare e comprare ho la netta sensazione che si perda di vista uno degli strumenti fondamentali per coltivare pomodori, zucchine e ogni sorta di ortaggi: il prezioso terreno. Proprio così signori e signore, la terra, o suolo, chiamatela come più vi fa piacere, che

Francesco Cingolani non è certamente quella contenuta e venduta nei sacchi di plastica ma l’unica e fondamentale MADRE TERRA. Vi siete mai domandati, stringendone un pugno, che cosa state tenendo in mano? Scommetto di no, perché il terreno sotto i nostri piedi è qualcosa che c’era, c’è e ci sarà, che sta lì, a nostra disposizione, un po’ come l’aria, il sole, e ignoriamo il prezioso, immenso valore in essa contenuto. Non ci passa nemmeno per l’anticamera del cervello che in quella manciata di terra esiste una tale quantità di vita da far impallidire di paura e arrossire di vergogna tutto il genere umano su questo pianeta. Vita per appunto, che merita rispetto e protezione, imparando a conoscerla e trattarla. Coltivare un orto è un utile modo per investire tempo e qualche denaro, che non può prescindere dall’avere uno spicchio di terra sistemata, lavorata e fertilizzata a dovere. In molti, troppi casi ci concentriamo su operazioni come concimare le nostre care piantine di pomodori senza avere minimamente pensato a prendersi cura della terra che le ospiterà. Il segreto sta tutto qui: prendersi cura della terra e di tutto ciò che è dentro e sopra, iniziando dai nostri orti e giardini, perché essa non ci appartiene e senza, in fin dei conti, dove saremmo?


arte figurativa

Inviaci un tuo lavoro e se ci emozionerà se ci stupirà, se ci farà venire i brividi, lo pubblicheremo sul nostro sito:

DIMOSTRA IL TUO ESTRO! Per info redazione@mercheguida.it


Tecnico specializzato Digitale terrestre Tolentino (MC) - e-mail : lightimpianti@gmail.com

Impianti domotici


27

INCONTRI

UN’AZIENDA ILLUMINATA La Light Impianti

una piccola azienda capace di grandi soluzioni

M

ichele e Jonathan sono due ragazzi di trent’anni (per me sono ragazzi) che dopo oltre un decennio di esperienze maturate presso una grande azienda hanno deciso, tre anni fa, di mettersi in proprio e fondare la loro ditta di servizi. La loro specializzazione in qualità di tecnici è l’installazione di sistemi elettrici e elettronici a uso civile e industriale. Qualche tempo fa ho avuto modo di andarli a visitare presso la loro sede di Belforte del Chienti e scambiare quattro chiacchiere in merito all’evoluzione tecnologica del settore. Da quella conversazione è emerso quanto ancora sia dilagante la disinformazione a proposito di tutti quegli aspetti positivi che la tecnica ha messo a disposizione da decenni e che i più ignorano. È risaputo che la nostra società tende a privilegiare (telefonini, pc, auto), quando invece sarebbe molto più saggio adottare quell’innovazione che la scienza ci offre per migliorare la qualità della vita. Una di queste opportunità tecnologiche è la Domotica. Questa ricerca applicata ci permette di computerizzare tutte quelle funzioni che sono allacciate alla rete e che normalmente dob-

Massimo Pigliapoco biamo azionare singolarmente di volta in volta. Le centraline concedono la più vasta programmazione con enormi benefici a nostro comfort e alla nostra sicurezza; i sistemi automatizzati infatti danno la possibilità al padrone di casa di impostare le varie funzioni di tutte le apparecchiature elettriche e elettroniche a seconda delle esigenze, e in più offrono un costante checkup sul corretto funzionamento dei sistemi. C’è inoltre da considerare che l’installazione di questi circuiti avanzati permette un notevole risparmio nella spesa di cavi elettrici, poiché con solo due fili possiamo adottare tutti gli interruttori che vogliamo. Le innovazione esistono ma purtroppo in Italia la cultura tecnico-scientifica lascia spesso a desiderare e tutto questo si traduce in un dispendio energetico, dunque economico. La ricerca è in continua evoluzione ma, se non la seguiamo, è come lamentarsi di fare un lungo percorso a piedi solo perché non abbiamo voluto acquistare il biglietto del treno.


28

I FENOMENI

MY NAME IS BAIOX Matteo Baiocco, la “pecora nera” di Osimo racconta il suo rapporto con le competizioni e con il destino.

“L

a vera e solida saggezza consiste quasi interamente in due cose: conoscenza di Dio e conoscenza di noi stessi.” Questa frase di Giovanni Calvino l’ho scelta come breve introduzione perché credo che riassuma in quattro parole ciò a cui dovrebbe tendere un uomo intenzionato a dare una risposta soddisfacente alle tre domande fondamentali: da dove vengo, chi sono, dove vado. Colui che nel pieno della propria forza fisica e mentale riesce ad intuire l’esistenza di un Ordine Cosmico al quale non ci si può sottrarre, secondo me, è sulla giusta strada. “ Non sempre, ma spesso, i piloti provengono da famiglie nelle quali i motori hanno alimentato grosse passioni; tu come hai iniziato Matteo?” “ In casa non ha corso mai nessuno, ma in un certo senso è andata proprio così. Mio fratello e papà avevano la moto e ogni volta che c’era un gran premio in televisione io sedevo sul divano con loro. Quei caschi, le tute, le carene colorate, i commenti appassionati dei miei m’intrigavano così che, quando avevo sette anni o poco più, chiesi per regalo un Grizly, un motorino da cross della Malaguti. Dopo qualche giorno fui accontentato e iniziai a scorrazzare con quel bolide in miniatura intorno la carrozzeria di papà. Mi divertivo molto a vestire i panni del centauro fino a quando, un pomeriggio, caddi e presi un po’ paura; quelle ruote tacchettate non mi davano più

Massimo Pigliapoco fiducia. Qualche tempo prima avevo visto girare delle mini moto; andai da mio padre e pronunciai una frase che rimarrà stampata nella mia mente per sempre: “La moto da cross è troppo pericolosa, se però mi regali una di quelle lì entro due anni vinco il Campionato Italiano.” Ancora oggi non so perché fui spinto a dire una cosa del genere, in fondo ero un bambino con nessuna esperienza ma, sta di fatto, mio padre mi accontentò e nella seconda stagione in quella categoria ho lottato per il Campionato e l’ho perso solo all’ultima gara, classificandomi comunque 3°.” Era il 1999 e i suoi avversari erano Poggiali, Pasini, Simoncelli. Visti gli ottimi risultati nel 2000 passa alle 125 e disputa immediatamente il Campionato Europeo con il team Campetella. “ I primi dua anni me li ricordo traumatici. Avevo sedici anni e sono passato da Castelraimondo ad Assen, saltando a piedi pari l’esperienza delle Sport Production, categoria propedeutica attraverso la quale passano tutti i piloti. Non ho mai avuto un manager e ancora non ce l’ho; papà si è occupato sempre di tutto e quelle esperienze ci hanno insegnato tante cose, ci siamo veramente fatti le ossa. Quelle due stagioni mi hanno anche insegnato a diffidare del 2 tempi: sai quante testate per terra m’hanno fatto fare quei motori che grippano quando meno te l’aspetti?” Nel 2002 c’è il passaggio alla 4 tempi: 10° nel Cam-


pionato Europeo Super Sport in sella ad una Yamaha R6. Nel 2003 Matteo quel Campionato la vince e di diritto, a vent’anni, è iscritto al Campionato del Mondo di quella categoria nell’anno successivo. “ Direi che la mia prima gara nel Mondiale in Australia sia stata la scintilla che ha acceso in me una nuova consapevolezza; da Phillip Island la mia vita è cambiata, e così il mio modo di valutare le cose. Nei tests invernali a Valencia avevo fatto registrare il miglior tempo, quindi eravamo partiti per la terra dei canguri pieni di aspettative. A

fine corsa mi sono classificato 14°, un risultato che al momento ha fatto cadere in depressione totale me e tutto il team, siamo tornati a casa come cani bastonati; pensa quanto fosse assurdo il nostro modo di vedere le cose! In quella gara correvano una quarantina di piloti, i più forti al mondo e quasi tutti i team ufficiali. Nonostante fossi andato a punti al mio primo appuntamento mondiale ero deluso. C’è voluto qualche mese per capire che fu una reazione sbagliata, non eravamo stati capaci di cogliere gli aspetti positivi di quella gara, accecati dalla nostra stessa inesperienza.” Sono passati dieci anni da quel

giorno e Matteo ora è diverso…ora lui sa. Ha accumulato un bagaglio enorme di esperienze, gioie e dolori, successi e sconfitte, sono stati dieci anni durante i quali ha maturato in se la convinzione che alcune prove servono a sintonizzarci con le grandi Energie. 16à nel Mondiale Super Sport 2004, nel 2005 un grave incidente nei tests invernali compromettono l’intera stagione. Nel 2006 corre nel Mondiale Super Stock 1000 e, con scarsissimi mezzi, è 5° a fine stagione; l’anno successivo, nella stessa categoria, perde il Campionato per tre punti nel Gran Premio


di Magny Cours. Nel 2008 è ufficiale Kawasaki ma quella moto era ben diversa dalla Kawasaki che conosciamo oggi. 2009 e 2010 è nel Mondiale Super Bike; in questi due anni alterna squadre e moto a ripetizione, fatto questo che gli permette però di intuire la strada da percorrere: la Ducati.

WEB WEB AGENCY AGENCY REALIZZAZIONE SITI WEB REGISTRAZIONE DOMINI ASSISTENZA IN REMOTO SPAZIO SU SERVER DEDICATO E-COMMERCE E WEB APP MOBILE POSIZIONAMENTO SUI MOTORI DI RICERCA

“ Tutte quelle gare mi avevano formato, tecnicamente e soprattutto psicologicamente. Conoscevo ormai bene le mie reali potenzialità e volevo una moto per combattere ad armi pari per il titolo: stare in mezzo al gruppo non ha senso, per lo meno per me.” Con la Panigale del team Barni conquista due titoli italiani nel 2011 e nel 2012. Nel 2013 ha disputato il Campionato Inglese SBK, il più competitivo, Mondiale a parte. Ora è tornato a casa e corre il CIV in sella ad un gioiello di Borgo Panigale gommata Pirelli. Quando non gareggia è comunque in pista per mettere a puntino le altre Ducati, quelle del Mondiale SBK, perché è lui il tester ufficiale. Mentre parlavamo Matteo ha accennato anche al Karma e mi ha fatto notare che nella zona superiore del suo casco c’è una pecora nera con una scritta: MY NAME IS BAIOX. Questo slogan l’ha mutuato da una seri di telefilms americani nei quali risalta costantemente il principio di causa-effetto: My name is Earl è il nome della serie. “ Due terzi della mia vita l’ho trascorsa nelle competizioni e mi hanno insegnato ad accettare tutto ciò che arriva in modo positivo, perché anche quello che al momento ci delude, a distanza di tempo risulta un accrescimento.” La penso alla stessa maniera Baiox…un abbraccio campione!

BERT & Associati sas • via L. Vanvitelli, 88 • 62100 Macerata Tel. 0733.262602 • Fax 0733.267497 - info@ bertassociati.it - www.bertassociati.it


32

GLI INCONTRI

Nato per gli Affari Unico per il Tempo libero

S

ituato lungo le pendenze di un colle dal quale si ammira il panorama, a pochi chilometri dall’Adriatico, l’Horizon è una raffinata struttura alberghiera mirata ad ot-

tenere l’esaltazione dei comforts semplificando al massimo la lettura degli spazi e degli arredi. Articolato su tre piani, l’Hotel dispone di cinquanta camere sapientemente strutturate per soddisfare le esigenze dei più raffinati e cinque suite corredate da giardino privato e cooking corner. Al primo piano, un elegante sala congressi modulabile capace di contenere fino a duecento persone. Sempre sullo stesso piano, il panoramico salone del ristorante Medi-

terraneo può ospitare fino a cento ottanta commensali. La conduzione della cucina è affidata a uno chef professionista locale, capace di ammaliare i palati con menù di carne e pesce. Al pia-

no superiore, una generosa superfice di seicento metri quadri, è destinata alla beauty farm, provvista di palestra, sauna finlandese, bagno turco, cabina mediterranea, docce emozionali, cascata di ghiaccio,


33 sala relax e tisaneria. Una dottoressa di medicina estetica, oltre ad offrire una prima consulenza gratuita, segue ed orienta gli ospiti che si affidano ai numerosi trattamenti di bellezza. A fianco, una avveniristica piscina panoramica con tetto retraibile, dunque praticabile tutto l’anno. Le ampie superfici vetrate che la compongono fanno da separè al solarium. Ogni ambiente è a disposizione di chiunque ne voglia usufruire, oltre ovviamente agli ospiti dell’albergo. Tutti i piani infatti dispongono di un proprio parcheggio e ingresso indipendente che permettono di by-passare la reception, nel caso non fosse necessario. Per finire è doveroso menzionare la zona Jet Set, una superficie dedicata oltre alle colazioni del mattino, ad ospitare Happenings di vario genere. Vista l’ubicazione in zona strategica, l’Hotel Horizon si presta particolarmente a tutti coloro che si interessano di business, essendo a pochi chilometri da importanti agglomerati industriali e outlets. Ovviamente questo non esclude tutti coloro che amano gli aspetti storico culturali dei numerosi centri medievali del territorio limi-

trofo. L’Hotel Horizon sintetizza quanto di più attento esista nella coniugazione tra ricerca avanzata e tradizione, tra praticità e comfort, tra innovazione e storia: un fiore all’occhiello della nostra regione.

Strada Provinciale Veregrense Angolo Via Monte Amiata 63812 Montegranara FM Tel. +39.0734.873864 info@hotelhorizon.it www.hotelhorizon.it hotelhorizon.it


34

I FENOMENI

L’ARMATORE FILOSOFO Due chiacchiere con Marco Serafini, un uomo che prima di vincere un mondiale ha vinto se stesso.

“C

Massimo Pigliapoco

he la vita sia fatta di decisioni è un’affermazione che non credo si possa mettere in dubbio, ma alcune scelte presuppongono una notevole dose di consapevolezza, ciò che comunemente viene defini o coraggio. Apprezzo gli uomini che nel turbinio della loro esistenza hanno la forza di ascoltare i loro pensieri e, se necessario, invertire la rotta. “Marco, nel 2013 sei diventato campione del mondo di vela d’altura gruppo A classe ORCi; hai sempre navigato?” “Tutt’altro, è una passione nata circa 8 anni fa. Quando ero giovane praticavo sport a livello agonistico ma in una disciplina totalmente estranea alla vela. Facevo gare di motocross. A venti anni, quando ormai papà ne aveva 64, fui costretto ad abbandonare tutto e prendere le redini dell’azienda di famiglia. Per due decenni, probabilmente spinto da quella voglia di ottenere risultati sempre maggiori, ho lavorato notte e giorno senza mai risparmiarmi fino a che, intorno ai 40 anni c’è stata la svolta.” “Una crisi? Di quelle che capitano più o meno ogni 10 anni?” “Diciamo che è stata colpa, o merito, di un libro, di un brasiliano. Me lo aveva regalato un amico e, dopo averlo letto, ho deciso di cambiare. L’autore aveva intervistato i più affermati imprenditori americani, quando ormai arrivata ad una certa età, non avevano più niente da dimostrare. La domanda più frequente che lo scrittore poneva ai magnati era:- Se potesse tornare indietro di 30 anni, cosa


35 cambierebbe della sua vita?- quasi tutti risposero che avrebbero dedicato più tempo a quegli aspetti fondamentali dell’esistenza che cecamente avevano trascurato per rincorrere l successo economico. Mi piace pensare che quel libro fu la scintilla che diede fuoco alle polveri che custodivo nel mio intimo. Di li a poco decisi di smettere di lavorare; capi che era arrivato il momento di delegare la conduzione dell’azienda a persone che mi erano vicine, delle quali mi fidavo, e impiegare le mie energie nell’attuazione di tre obbiettivi: più cura di se stessi e della propria salute, più attenzione ai propri affetti e il corretto utilizzo del tempo. La società nella quale siamo stati allevati ci ha convinti che con il denaro si possa acquista-

re la felicità; ho sperimentato sulla mia pelle quanto sia distante questo concetto dalla verità.” “Mentre parli Marco, un torrente di pensieri scaturiscono da una roccia della mia memoria; forse in tanti arrivano a tali conclusioni ma, da quello che mi risulta, sono pochi coloro che le mettono in pratica. Alla vela come ci sei arrivato?” “E’ stato un caso. Fui invitato da un amico che possedeva una barca a trascorrere qualche giorno in crociera. Quando mi sono imbarcato lo consideravo un gioco e non avrei mai sospettato, io che possedevo una vena moto


36


L’equipaggio dell’HURAKAN Campione Mondiale ORCi cl.A 2013, con l’armatore Marco Serafini, il tattico Tommaso Chieffi e il timoniere Michele Regolo - Foto Fabio Taccola© ristica, che la vela potesse procurarmi tanta adrenalina e passione. Quella prima esperienza mi fece riflettere ulteriormente. Staccarmi dal mondo dell’imprenditoria non era stata una decisione fda prendere ma il mare, a poco a poco, mi fece capire che era stata una giusta scelta. Viviamo in un contesto malato, che ci illude continuamente che denaro e potere facciano di un uomo un grande. Io ci sono passato e ti assicuro non è così; quando hai una agiata disponibilità economica, sei convinto di poter ottenere tutto, ma una volta soddisfatta l’esigenza del momento, il senso di insoddisfazione paradossalmente aumenta perche, comunque, sai dentro di te che non è frutto del tuo merito, capisci che la mancanza di qualità personali ti costringe a comprare tutto. In barca non è così; in mezzo al mare soldi e potere non hanno nessun valore. Non puoi scendere a compromessi con la Natura: o sei bravo oppure Lei ti bastona. Dopo quel primo approccio iniziai, con una mia barca, un periodo di crociere durata circa 5 anni. Visti dall’esterno quegli anni sembrano che io mi sia dedicato alla pazza gioia, ma, chi conosce il mare, sa quanta esperienza sia necessaria per affrontare la navigazione e quanta modestia ci voglia per imparare a destreggiarsi. Questo sport, come tutti gli sports, ti riporta con i piedi a terra, ti sbatte in faccia i tuoi limiti e ti pesa per quello che sei.” “Forse l’abitudine che ho acquisito con il tempo, nel conoscere e conversare con tanti “speciali” mi permette di entrare subito in sintonia con quello che dici, ma penso che chi ci legge sia curioso di sapere come si fa a passare da un gioco a titolo mondiale in meno di un decennio.” “Penso di essere stato stimolato da quello spirito del fare che da sempre contraddistingue la gente della nostra terra: ingegnarsi per affrontare le sfide ritenute impossibili. Il Club Vela di Civitanova è un circolo storico del 1949, nel quale si sono formati campioni mondiali e olimpici, e avere un background del genere ti da tanta forza. Con TYKE avevo già realizzato delle belle cose, tra l’altro

3 traversate oceaniche, dunque mi sentivo pronto per affrontare la prova suprema: il mondiale. A fine settembre 2012, parlando con l’amico Gabriele Giardini, esperto PR e pazzo scatenato come me, decidemmo di tuffarci nell’avventura. Riuscimmo nell’accordo di utilizzare USA 17, un monoscafo che Oracle aveva preparato di riserva qualora non fossero stati utilizzati i catamarani nell’America’s Cup. Subito dopo Gabriele si occupò di costituire l’equipaggio contattando miti internazionali della vela ma anche lupi di mare nostrani, tant’è che nel team composto da 14 velisti, 7 di loro provengono da Civitanova e da Ancona. A Marzo 2013 eravamo già in acqua per gli allenamenti, lunghi e meticolosi perché HURAKAN è una barca perfetta ma presuppone un equipaggio di professionisti altamente affiatati. Dopo qualche regata di rodaggio a Giugno, abbiamo affrontato il mondiale. Considerando l’altissimo livello delle imbarcazioni e degli equipaggi che abbiamo dovuto avversare, quel titolo penso che l’abbiamo vinto all’ultimo metro. Non ci credevamo! Se tu ora, a distanza di un anno, mi chiedessi qual è stato il segreto per realizzare una tale impresa, ti risponderei che tutto è accaduto per una concomitanza di eventi eccezionali: uomini, imbarcazione, organizzazione, strategie, tattiche, forza muscolare, intelligenza, esperienza, capacità d’adattamento, sacrifici, volontà, tutti elementi che ci hanno permesso di realizzare il nostro sogno. Ora quel titolo è nostro, ma il futuro ci aspetta con nuove sfide e nuove opportunità per metterci alla prova e verificare se siamo degni di essere i campioni del mondo, e t’assicuro che anche in questo caso non saranno i soldi a fare la differenza.” Una frase di Régis Debray: “L’unità fra la teoria e la prassi non è una fatalità, ma deriva da una lotta e nessuna lotta è già vinta in partenza, e se questa unità non si realizza nel corso della lotta, non si realizzerà mai.” Grazie Marco, un abbraccio


38

I SAGGI

ANCONA ESTATE Vivacizzare l’intera città e permettere alle eccellenze di crescere

Paolo Marasca

N

asce quest’anno Ancona Estate: un contenitore che amplifica le caratteristiche di Amo la Mole, tradizionale rassegna estiva della città, e individua Ancona come città di eventi e festival che corrono lungo l’intero arco della bella stagione. La straordinaria location del Lazzaretto ospita mostre ed eventi, con particolare attenzione al segmento dei concerti. All’interno del vasto programma della Mole, segnalo l’iniziativa Weekendoit che attraverserà il mese di luglio tra workshop, esposizioni e incontri sul tema dei Makers e degli Handcrafters, con ospiti provenienti da tutta la penisola e dall’estero, la mostra storica sulla Settimana Rossa di Ancona, quella sul mestiere del fotografo e, sempre sul versante espositivo, il ritorno a fine agosto delle opere di Andrea Pazienza. I concerti saranno quelli dei festival collaudati (Ancona Jazz, Spilla, Acusmatiq, Sconcerti) con artisti di rilievo mondiale come Passenger, rivelazione pop dell’anno, e molti altri, ma ci saranno anche novità di grande spessore, come una neonata collaborazione con la trasmissione Battiti di Raistereo3 che porterà ad Ancona djset del proprio staff, incontri e concerti. Grazie alle eccellenze collaudate come Spilla e AnconaJazz e ad un’attenzione particolare nella ricerca delle collaborazioni, Ancona è destinata a diventare centro nevralgico della musica estiva per l’intera penisola.

L’Anfiteatro, sulla sommità del centro storico cittadino, è invece la location prediletta dagli spettacoli teatrali: accanto a un cartellone di grandi nomi pensato da Marche Teatro, che decontestualizza l’ambiente storico-archeologico collocandovi eventi non classici, si svolgono qui la prima edizione del premio nazionale Ankon d’oro dedicato al teatro amatoriale e una serie di altri eventi di danza e drammaturgici: un palcoscenico straordinario da restituire con convinzione alla città. Se i due poli sono Lazzaretto e Anfiteatro, Ancona Estate significa coinvolgimento di location urbane sia del centro storico – piazza del plebiscito, piazza San Francesco – sia di quartieri meno abituati ad ospitare eventi ma bisognosi di uno sforzo dell’amministrazione volto a favorire aggregazione e socializzazione. In quest’ottica, totale è il coinvolgimento delle scuole di musica e delle associazioni cittadine. Vivacizzare l’intera città da un lato e permettere alle eccellenze di crescere per renderla sempre più attrattiva dall’altro sono gli obiettivi che ci poniamo da questa estate, non a caso strutturata come un continuum dalla metà di giugno sino alla festa del mare del 7 settembre, passando per tutti i festival e le rassegne che si chiuderanno con un Adriatico Mediterraneo (30 agosto – 6 settembre). Ancona Estate, appunto.


40

I SAGGI

QUINTANA ASCOLI Con il Torneo Cavalleresco la città delle Cento Torri torna indietro di sei secoli

Giuliano Rossetti

I

n estate Ascoli Piceno, senza bisogno della macchina del tempo, si rituffa nel Medioevo, e lo fa da oltre sessanta anni grazie alla Quintana. Il Torneo Cavalleresco è un’autentica pagina di medioevo che riaccende ogni anno la passione negli animi degli ascolani, proponendosi all’ammirata attenzione di migliaia e migliaia di turisti, rappresenta uno dei molteplici aspetti della storia, del costume e del folklore italiano, e ha spesso rappresentato questi valori anche all’estero, come

all’ultima Esposizione Mondiale di Montréal, dove una sintesi della manifestazione è stata presentata al pubblico cosmopolita in occasione della giornata Nazionale Italiana. “Quest’anno – spiega il sindaco Castelli e Magnifico Messere – tenevamo particolarmente alla riconferma della diretta televisiva, trattandosi del Sessantennale della nostra rievocazione. Ci siamo mossi per tempo e siamo riusciti ad avere con largo anticipo la risposta di Rai3 nazionale. Del resto, va ricordato che la diretta della Quintana,

ph. Simone Mazzocchi

60°


lo scorso anno, fece registrare un dato di quasi un milione di televisori sintonizzati, per un complessivo 10 per cento di share su un totale di 11 mila emittenti. Con la nostra rievocazione storica che, proprio attraverso la diretta, portò Rai 3 addirittura al secondo posto, solo dietro Rai 1, laddove solitamente si piazzava Canale 5 con i suoi dati di ascolto quasi inarrivabili”. Il secondo sabato di luglio e la prima domenica di agosto il tempo sembra fermarsi e la città delle Cento Torri torna indietro di sei secoli per rivivere la magnificenza e l’opulenza del libero comune e per rievocare le feste patronali che si tenevano a cavallo tra luglio ed agosto in onore di Sant’Emidio. Ascoli si immerge con entusiasmo nel suo passato per regalare un sogno a chi la visita. La rievocazione storica è nata nel 1955, nello storico Caffè Meletti che si affaccia sulla monumentale piazza del Popolo, per volontà di alcuni maggiorenti i quali intuirono che attraverso tale manifestazione l’immagine di Ascoli potesse essere rilanciata e veicolata a livello nazionale. Il 5 agosto 1955, giorno di Sant’Emidio, la rievocazione storica della Quintana vide la luce. Ci fu grande attesa per il debutto e gli ascolani la seguirono più con curiosità che con passione. Nel 1960, in occasione delle Olimpiadi di Roma, fu organizzata una partecipata ed applaudita

Giostra all’interno del Circo Massimo. La Quintana ha girato ogni angolo della penisola, da Sondrio ad Agrigento, ha varcato le Alpi per recarsi in Svizzera, Austria, Francia e Germania, ha sorvolato l’Atlantico. Nel 1972 fu ospite a Monaco per le Olimpiadi e nel 1976 fu invitata all’Expo di Montreal nel corso della giornata italiana. Ha ancora rappresentato l’Italia a Les Fêtes Internationnelles de Genève. Il visitatore resta ammaliato dal sontuoso corteo di 1.500 personaggi in costume rinascimentale, che attraver-

sa le piazze e le vie più suggestive. Le magistrature, guidate dal magnifico messere, il sindaco in carica, aprono la passeggiata storica e dopo il gruppo comunale incedono i nove Castelli soggetti al Comune di Ascoli ed i sei Sestieri con la splendida dama, gli eleganti nobili e anziani, i granitici armati, musici e sbandieratori ed ovviamente il cavaliere. La dama di Sestiere è il personaggio più ammirato ed il suo abito è ricchissimo ed elaborato.


42

I SAPIENTI


43

DANZARE TUTTO “Civitanova Danza diventa il sogno che rende la bellezza qualcosa di tangibile, qualcosa di reale” Gilberto Santini

C

ome tutte le arti, la danza ha diversi gradi di fruizione, ma tra tutte è quella forse più semplice, perché - come sosteneva Martha Graham - “lo strumento attraverso il quale si esprime è lo stesso attraverso il quale la vita è vissuta: il corpo umano. Ciò attraverso il quale s’afferma l’essenziale della vita”. Perciò la danza ci è così vicina, perché ha come unico strumento per affrontare le sfide del palcoscenico quello che anche noi abbiamo per affrontare le tante sfide della nostra esistenza. Dedicato a Enrico Cecchetti, il festival internazionale Civitanova Danza, giunto alla sua XXI edizione, non ha

bisogno di crescere, ma di rimanere ciò che è già, lavorando quotidianamente affinché la città e la regione tutta siano sempre più orgogliose di uno degli appuntamenti più importanti del Paese. Slogan del festival è da sempre “danzare tutto”: per questo quest’anno sono protagoniste l’originalità di Jan Fabre, l’affascinante atleticità di Momix, la perfezione di linee di Eleonora Abbagnato, così come le scuole di danza della città. E lo slogan si riversa anche in Civitanova Danza per domani campus, ambizioso progetto di formazione con grandi insegnanti provenienti dalla Scala di Milano e dall’Opéra de Paris.

Se Civitanova Marche non avesse il suo festival di danza sarebbe come privare questa città del suo bisogno di sognare; quindi, di avere una propria anima alimentata da un’insieme di passioni: quella del Comune, dei Teatri di Civitanova, dell’AMAT, della Provincia di Macerata e della Regione, atte a coltivare un’identità culturale di una comunità che si lega imprescindibilmente a questo sogno..


44

Sferisterio - ph. Andrea Del Brutto


45

I

I SAGGI

l 2014 è un anno importante per Macerata e per il Festival operistico che si svolge ogni anno dentro l’incredibile spazio dello Sferisterio. Ricorre la Cinquantesima edizione dell’attività lirica dentro il monumento progettato nel 1823 da Ireneo Aleandri. Ci sono occasioni in cui l’ufficialità del tono è resa necessaria dal valore dell’evento che si descrive. Sono molto fortunato a giungere al mio terzo anno di direzione artistica del Festival, in occasione di una festa così importante: nel 1921 la geniale intuizione del conte Pieralberto Conti di Civitanova, fece rinascere i fasti di un luogo nato come stadio della palla al bracciale, per splendere come nuovo tempio della lirica a cielo aperto. Molte le ragioni, non solo artistiche, che stimolarono tale iniziativa; tuttavia ci piace pensare che il cuore ancora vivo di quell’avventura, fu l’amore tra il conte e Francisca Solari, soprano genovese di una certa fama a quei tempi. E fu Aida. Ora come allora, torna a splendere la saga della principessa etiope, schiava presso la corte egizia. Amo l’opera perché è un oggetto di bellezza classica, intramontabile, eloquente ora con la stessa forza di un tempo. Aida è un’eroina perché vive in un mondo che non le dà lo spazio adeguato per essere felice, fino a ucciderla. Purtroppo, nel guardarmi intorno, ho la sensazione che

Francesco Micheli

oggi tale condizione non sia davvero mutata. La donna continua a subire angherie, violenze, soprusi e sopraffazioni. Con “L’opera è donna” abbiamo voluto dedicare a loro il nostro Festival del Cinquantenario: Aida, Tosca, La traviata, tre grandi figure femminili che diventano eroiche loro malgrado. A dimostrazione delle difficoltà che ancora trovano le donne nell’affermarsi, abbiamo deciso che fossero tre donne a dirigere la nostra orchestra nei tre titoli. Per avere un punto di vista femminile per

queste partiture e perché il podio, emblema del potere culturale, ancora oggi è ben lontano dal vedere una parità di sessi. Amo l’opera perché da subito ha dato alla donna quel ruolo da regina e quello spazio centrale che mai il mondo le ha concesso, relegandola spesso in spazi marginali. Lunga vita all’opera. Lunga vita alle donne. Lunga vita allo Sferisterio.

Francesco Micheli


46

I SAGGI

MUSICULTURA COMPIE 25 ANNI

ph. Roberto Postacchini

Presentazione a Roma del Festival: Fabrizio Frizzi conduttore e tantissimi ospiti.

Giuliano Rossetti

M

Musicultura compie 25 anni e questo importante traguardo verrà sottolineato con l’Adesione del Presidente della Repubblica, e quindi con l’assegnazione della Medaglia che il Capo dello Stato ha voluto destinare per il suo alto pregio all’iniziativa nel compimento dei suoi venticinque anni. «Questo compleanno si vive qui insieme – ha dichiarato Piero Cesanelli - e si vivrà sul palco dello Sferisterio con i molti amici che ci hanno sostenuto nel tempo. In questi venticinque anni abbiamo ascoltato 400000 canzoni, avuto più di 2000 ospiti e centinaia di ore di


47 trasmissioni televisive e radiofoniche e realizzato oltre quaranta produzioni discografiche; ringrazio le autorità e le istituzioni che ci hanno permesso di fare questo». Saranno tantissimi gli ospiti che arriveranno a Macerata per festeggiare l’anniversario di Musicultura e che si esibiranno nelle serate conclusive del Festival insieme ai giovani vincitori, tra cui: Gino Paoli, Tiromancino, Luca Carboni, Area, Le luci della centrale elettrica, Simona Molinari, Danilo Rea, Tony Esposito con Andrea Lucchi e gli ottoni dell’Orchestra di Santa Cecilia, Radio String Quartet Vienna, Luigi Lo Cascio, Paola Minaccioni, Yang Lia e tanti altri. La fase conclusiva della XXV Edizione di Musicultura si svolgerà dal 16 al 22 giugno a Macerata. Come ogni anno molte


48

saranno le belle sorprese dell’ultimo minuto nelle serate finali all’Arena Sferisterio - venerdì 20, sabato 21 e domenica 22 giugno, dove insieme ai big della canzone, si sfideranno gli otto vincitori per il primo premio assoluto UBI Banca Popolare di Ancona di 20.000 euro. Un grande spettacolo live in diretta su Radio 1 Rai, dove gli ospiti e gli amici di Musicultura avranno il piacere di incontrarsi in un atmosfera libera e distesa e daranno vita a spettacoli unici e indimenticabili. Le tre serate saranno condotte dal Fabrizio Frizzi: «Sono onorato di

essere coinvolto anche in questa XXV edizione del Festival – ha sottolineato il presentatore della Rai - e’ la sesta edizione consecutiva a cui partecipo con grande piacere alla realizzazione delle serate finali di Musicultura dove si vivono giornate importanti, straordinarie, uniche e dove ogni anno cerco sempre di dare del mio meglio!» Una nuova squadra di talenti meritevoli, stilisticamente eterogenei, accomunati da un’urgenza espressiva vera, ecco i magnifici 8 vincitori del Festival 2014: Cordepazze – La rivoluzione (da

Palermo), coreAcore – La cortellata (da Roma), Equ – Eccetera eccetera (da Forlì - Cesena), Flo – D’amore di altre cose irreversibili (da Napoli), Dante Francani – Tuta blu … o ballata dell’operaio (da Roseto degli Abruzzi), Maldestro – Sopra al tetto del comune (da Napoli), Gabriella Martinelli – In un labirinto ad est (da Roma), Toto Toralbo – Na strana canzone (da Torre del Greco). Con quattro, cinque e a volte sei appuntamenti pomeridiani e serali per ogni giorno, la settimana de “La Controra” - la costola del festival che si sviluppa nel centro


49 storico cittadino – offrirà al pubblico un cartellone denso e assai vario, che vedrà protagonisti in concerti, recital, readings, presentazioni di libri e dischi, incontri tutti liberamenti aperti al pubblico - alcuni degli artisti che si esibiranno anche all’Arena Sferisterio e molti altri ospiti, tra i quali ad esempio Franco Mussida, Milena Vukotic, Luigi Lo Cascio, Ricky Gianco, Davide Toffolo (dei Tre Allegri Ragazzi Morti) Ivan Scalfarotto, Paola Minaccioni, Ennio Cavalli, Sonia Orfalian, Oliviero Malaspina, Ernesto Bassignano, Edoardo De Angelis, Bruno Gambarotta, Andrea Pedrinelli, Susanna Parigi, Marco Ciriello, Quirino Ceri…


50

I SAGGI

NOSTALGIA DEL PRESENTE A luglio appuntamento con Popsophia alla Rocca Costanza di Pesaro.

Giuliano Rossetti

Q

uest’anno Popsophia è “Nostalgia del presente” dal 2 al 6 luglio a Rocca Costanza di Pesaro. Pesaro è la città della pop filosofia in Italia. Un luogo d’eccellenza e di straordinaria bellezza è stato scelto e messo a disposizione dall’amministrazione del comune di Pesaro per lo svolgimento del festival. Si tratta di Rocca Costanza, splendida struttura militare del quattrocento. Dopo il successo della passata edizione, la cittadina della riviera è di nuovo pronta ad ospitare la quarta edizione del Festival del Contemporaneo. Nel 2014 si rinnova la sfida culturale, programmata dall’Associazione culturale Popsophia e dalla sua direttrice artistica Lucrezia Ercoli. Insieme all’Amministrazione Comunale e Provinciale, la Regione Marche ha confermato il proprio sostegno alla manifestazione. Popsophia è il primo festival nazionale della pop-

“La filosofia indaga il pop e il pop racconta la filosofia”,

filosofia, un genere di avanguardia che coniuga la riflessione filosofica e i fenomeni pop della cultura di massa. Un laboratorio creativo del pensiero contemporaneo dove la filosofia si contamina con le forme popolari della musica, del cinema, del teatro, dello sport, della televisione, dei social media. L’appuntamento è originale ed inedito sul piano delle idee. E’ stato insignito dalla medaglia del capo dello Stato Giorgio Napolitano per “la qualità del programma culturale della manifestazione” e dalle critiche positive ricevute su tutta la stampa nazionale. “La filosofia indaga il pop e il pop racconta la filosofia”, un incontro che non esclude alcun fenomeno popolare dall’occhio attento del pensiero critico. Ogni edizione del festival è contraddistinta dalla scelta di un tema diverso in grado di declinare e approfondire le passioni e le ossessioni che compongono il nostro presente. Una sfida intellettuale che unisce protagonisti e spettatori nel tentativo di cambiare gli occhiali con cui decifrare il mondo della cultura internazionale. In questi tre anni il Festival del Contemporaneo ha schierato oltre 500 ospiti tra intellettuali, giorna-


listi, musicisti e personaggi dello spettacolo, coinvolti in 300 eventi originali, prodotti in esclusiva per Popsophia, nei quali il pensiero critico europeo si è interrogato sulla contemporaneità, dall’economia al cortometraggio, dalla pornografia al diritto, dalle serie tv ai classici dell’animazione.


52

I SAGGI

INTEATRO FESTIVAL Polverigi luogo di elezione dell’innovazione artistica

Velia Papa

L

e Marche dell’innovazione artistica hanno il loro luogo di elezione. Si tratta di Villa Nappi a Polverigi. Una dimora storica, già monastero benedettino, circondata da un parco secolare, a pochi chilometri dalla spettacolare riviera del Conero che si è affermata come uno dei più importanti e significativi luoghi di creazione artistica contemporanea. Una grande casa che accoglie giovani artisti, provenienti da tutto il mondo, per costruire le loro produzioni. Come ogni estate Villa Nappi, apre le porte al pubblico per presentare lavori già compiuti, esperimenti singolari, produzioni inedite. Ancora più che nelle precedenti edizioni è evidente, nel Festival che si svolge a Polverigi dal 3 al 5 luglio, il desiderio degli artisti di interagire con la comunità, coinvolgendo ragazzi e giovani come fanno lo spagnolo Oscar Gomez Mata nella Maison d’Antan, tratta da un racconto fantastico di Robert Louis Stevenson, e Chiara Frigo con il suo Ballroom che estende agli spettatori il gioco di scambio, al fine di liberare le potenzialità espressive di ciascuno. Il

teatro diventa uno spazio partecipativo anche nello spettacolo The last supper di Mole Wheterell in cui gli spettatori sono invitati a tavola in una rituale e surreale celebrazione. Il pubblico è protagonista anche del contest P.A.C. (Paesaggio Ambiente Creatività) giunto alla terza edizione, un percorso di opere inedite immerse nel paesaggio e votate dagli utenti. Questa edizione del Festival presenta novità e debutti come: Job ultima produzione di Davide Calvaresi e del suo gruppo 7/8 chili, Hospice di Glen Caçi vincitore del premio Equilibrio, A String Section degli inglesi Reckless Sleepers, All dressed up nowhere to go della coreografa Giorgia Nardin, Pollicino 2.0. del Collettivo Pirate Jenny. Non mancano graditi ritorni come quello della Central Saint Martins College di Londra con un lavoro “site specific” ambientato all’interno di Villa Nappi. Per il pubblico il Festival Inteatro è sempre un’occasione unica ed emozionante di vivere immersi in un ambiente ad alta densità creativa. www.inteatro.it

Velia Papa


53

I POETI

GIUSI FALLERONI ANIMA STANCA Di pena parlano le mie ossa, il genio sempre più spento s’aggira tra maschere irriconoscenti; esausto fantasma di città deserte fatica a ribellarsi, anima solitaria s’erige a scudo di misfatti, vaso di porcellana contro un esercito, di miserabili.

RINASCITA Raggi m’investono di luce nuova risvegliano occhi spenti dalla grevità dei tempi accarezzano lineamenti resi rigidi da egoisti egocentrici che un dì tramutarono giovani radici in sterpi infiammati da fuochi fatui evanescenti raggi m’investono di luce nuova asciugano il fiume d’un pianto accendono un arcobaleno illuminano un sorriso spiegano ali in cerca di confini lontani


54

GLI INCONTRI

TRA MITO E LEGGENDA

La Harley-Davidson® Civitanova festeggia 20 anni di sodalizio con lo storico marchio americano, nato dalla geniale intuizione di due giovani ventenni di Milwaukee nel 1903.

“G

iovanni Gentile diceva che gli uomini che ragionano sempre non fanno la storia. La conferma di questa citazione me l’ha data Fabrizio, titolare della Harley-Davidson® Civitanova, la concessionaria che da due decenni realizzza i sogni dei bikers marchigiani e di tutta Italia. “Abbiamo aperto la nostra concessionaria nel 1994 sulla scia di un’intuizione di un giovane imprenditore mila-

Massimo Pigliapoco nese che amava le sfide impossibili: Carlo Talamo. Nel 1984 la Harley-Davidson® aveva già 80 anni di storia alle spalle, ma era ancora un fenomeno confinato al solo mercato statunitense. I centauri nostrani dell’epoca consideravano la moto di Milwaukee un pezzo di ferro su due ruote che perdeva olio, un lento mezzo di locomozione adatto a macinare chilometri sulle sconfinate pianure americane e che non sarebbe mai stato adottato sulle nostre strade. Contrariamente all’opinione comune, Carlo rimase affascinato dalla moto americana e divenne l’importato-


55 re per l’Italia. La prima concessionaria fu aperta a Milano, poi seguirono Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Palermo. Tutti i punti vendita si chiamavano “Numero 1”, denominazione che Carlo decise di adottare ispirandosi a Paperon dei Paperoni. La concessionaria di Civitanova fu aperta nel ’94, la concessionaria nazionale n.13, l’unica presente in un luogo che non fosse una grande città. Praticamente rappresentavamo la Harley-Davidson® per ¾ della riviera adriatica: tra Bologna e Bari c’eravamo solo noi. Il primo Gennaio del ’98 ci trasferimmo a Montegranaro, e non ti nascondo che all’inizio eravamo un po’ titubanti. A Civitanova Marche eravamo sulla statale, un luogo di grande transito, ma il locale era un po’ piccolo, anche se molto accogliente. La filosofia della casa madre stava cambiando con il cambiare dei tempi. L’obiettivo era quello di avere grandi spazi, dapprima un po’ stile club, poi sempre più aperti e luminosi, dove poter accogliere sia il singolo che l’intera famiglia. A questo proposito l’ultimo trasferimento nella sede attuale nel 2003. Questa location ci permette di esporre l’intera gamma di modelli dell’azienda americana oltre ai numerosi prodotti di abbigliamento e accessori Harley-Davidson®. Ovviamente una grande superficie

“La nostra passione, resta sempre la stessa” è destinata all’officina perché nel nostro spirito vige la regola che il motociclista Harley-Davidson® vada accompagnato e seguito in tutta la sua evoluzione; la nostra è una grande famiglia e come tale va trattata. Nonostante che in questi venti anni abbiano aperto altre concessionarie, la nostra zona d’azione rimane sempre molto vasta ed è per questo motivo che abbiamo anche una succursale a San Benedetto del Tronto, che storicamente è punto strategico per soddisfare le esigenze dei tanti appassionati di quel territorio.” La Harley-Davidson® Civitanova sarà impegnata per tutto il 2014 nell’attuazione di promozioni e iniziative, finalizzate a festeggiare i 4 lustri d’attività, insieme a tutti quei motociclisti amanti della più famosa custom del mondo, bikers Easy Rider testimoni e protagonisti di un mito leggendario che ha abbondantemente superato il secolo di vita… la storia continua. Buon Compleanno Harley-Davidson® Civitanova !


56

I SAGGI

L A R I A B I L I TA Z I O N E Giorgio Caraffa

“L

a riabilitazione e’ una disciplina medica che si occupa del paziente nella sua totalità con una presa in carico globale. Nell’arco degli ultimi anni tale disciplina e’ molto cresciuta e si e’ modificata sia sul piano nazionale sia locale. La riorganizzazione del sistema sanitario nazionale, l’aumento dell’aspettativa di vita, una maggiore attenzione alla persona “disabile” e l’incremento delle patologie croniche hanno determinato una crescita dei bisogni riabilitativi. Nell’ambito delle discipline mediche, la Medicina Fisica e Riabilitativa si contraddistingue per un approccio bio-psico-sociale che focalizza l’attenzione sulla centralita’ della persona colpita da una patologia disabilitante e sulla sua famiglia, con una presa in carico multidisciplinare, dalla fase acuta della patologia alla gestione degli esiti. Il fine ultimo è l’incremento dell’autonomia della persona ed il miglioramento del sua qualità di vita, nonostante l’evento che si è verificato. Tale “ambizioso” obiettivo richiede la definizione di un progetto riabilitativo “tagliato” sull’individuo, in cui ogni professionista dell’equipe riabilitativa (il cui nuclear-team è costituito dal fisiatra, fisioterapista, logopedista, infermiere ecc), svolge un ruolo caratterizzante nella valutazione e trattamento del soggetto. Nel percorso riabilitativo il paziente viene visto in setting diversi che spaziano dall’ospedale ai servizi di riabilitazione territoriale. In questo ambito, all’inizio della mia attività come

medico fisiatra, ho trovato nella situazione del territorio maceratese, una frammentazione dell’offerta riabilitativa ed ho avuto la possibilità, da giovane primario, grazie alla fiducia degli amministratori del momento, di avviare la riorganizzazione di una realtà tanto frastagliata. Da allora, grazie al lavoro ed al supporto dei miei collaboratori medici e tecnici della riabilitazione, mi sono concentrato nella realizzazione della continuità della cura del soggetto disabile, che si concretizza fattivamente con l’accompagnamento fin dalle primissime fasi dell’esordio della malattia. Tale percorso, posso dire con orgoglio, vede il suo culmine, per intensità di cura richiesta, nell’Unità Operativa di Riabilitazione Intensiva dell’Ospedale di Treia, che ha ormai una decennale esperienza nella gestione delle disabilità di origine Neurologica ed Ortopedica, tassello di una organizzazione più complessa e articolata che prende origine dall’intervento riabilitativo presso le strutture ospedaliere per acuti e si dipana attraverso i servizi ambulatoriali in tutto il territorio del maceratese fino al domicilio dell’utente. Per fortuna nella gestione di questa realtà complessa e variegata non sono da solo ed è ancora molto il cammino da fare.


Produzione e vendita diretta di poltrone e divani, sedie e letti imbottiti, tappezzerie in pelle e tessuti, restauro.

Via C.Colombo, 34/36/38 (Z.I.) Tolentino (MC) Tel./Fax: 0733 961357 Cell.: 347.7349864 www.tappezzeriagentilimassimo.com gent.ma@tiscali.it


58

I FENOMENI

LA VOGLIA DI NON MOLLARE MAI

N

Paolo Principi

ella vita come nello sport, si hanno molte aspettative e molti sogni che talvolta ci sembrano irraggiungibili, e per questo li accantoniamo e li lasciamo in un cassetto, insieme con il rammarico di non averci provato. E allora mi chiedo: se una cosa ci sta a cuore, se vogliamo raggiungere un obiettivo, anche se sembra difficilissimo, perché non provarci? Certo potrà andare male, sarà difficile e richiederà molti sacrifici, ma se si superano tutti gli ostacoli e si realizzano i sogni, tutte le fatiche le guarderemo con un occhio diverso, saranno come un difficile cammino formativo per diventare uomo con la U maiuscola. Nella mia esperienza, per raggiungere gli apici del mio sport (ginnastica), ho dovuto rinunciare e sacrificare molte cose a volte, e talvolta ho anche pensato di lasciar perdere. Ma quando poi vedi i tuoi sogni realizzarsi...beh...quello vale più di ogni premio!!! Un invito, per concludere, a tutti i ragazzi che inseguono obiettivi e sogni: non mollate mai e credeteci sempre, perché siamo molto di più di quello che talvolta pensiamo!!!


60

I SAGGI

LA CORSA PIÙ BELLA DEL MONDO

“M

a tu che hai quella macchina dovresti iscriverti alla Mille Miglia.” Così mi disse il mio collega ed amico Dr. Giuseppe Ariani che era venuto a conoscenza della rievocazione storica delle celebre corsa. “ Quella macchina “ l’avevo trovata due anni prima in un campo vicino all’ippodromo di Corridonia. Sarebbe meglio dire che l’avevo cercata su segnalazione di un amico. C’era voluto del tempo a scovarla perché era quasi completamente ricoperta dalla vegetazione. Fu amore a prima vista; anche se ormai ridotta ad un rottame conservava “ la grinta “ della macchina da corsa che era stata. Il pilota Romano Malaguti di Bologna l’aveva costruita nel 1948 utilizzando un telaio Gilco e costruendo la scocca ( come ebbe a dirmi quando, ormai avanti con gli anni, lo conobbi ), con l’aiuto di due carrozzieri della Viberti, che ci lavoravano fuori orario dal servizio. Il motore utilizzato era quello della 508 C opportunamente preparato ( nuovo collettore di scarico ed aspirazione con due carburatori, aumentato rapporto di compressione ed alleggerimento di tutte quelle parti meccaniche

Giulio Marchesini

dove si poteva intervenire ). La lunga vita sportiva di quest’auto terminò nel 1956. Successivamente la vettura venne venduta in provincia di Ancona prima, ed in seguito, dopo vari passaggi, finì appunto a Corridonia. Il proprietario era stato contattato da potenziali compratori, ma non aveva mai voluto vendere. Quando chiesi d’incontrarlo mi dissero di non farmi illusioni perché anche con me non si sarebbe concluso nulla. L’incontro avvenne: trovai il “ nostro “ un po’ agitato e reduce da una notte insonne per paventati dolori anginosi. Quando riuscii a tranquillizzarlo, saputo che ero

un medico acconsentì a vendermi l’auto. A questo punto è doveroso ricordare i due artefici del restauro: per la parte meccanica lo scomparso amico Primo Girotti e per la carrozzeria l’altrettanto paziente amico Sandro Principi. Finalmente in strada! Ed ecco allora la grande occasione! Con l’aiuto del Dr. Bruno Moretti, allora direttore dell’ACI, presi contatto con l’organizzatore della “ Corsa più bella del Mondo “, che fu dapprima titubante ad iscrivermi, ma che poi fu convinto dal direttore dell’ACI sulle qualità dell’auto. A questo punto non mancava che trovare un’auto e un carrello idonei a trasporter la macchina fino a Padova ( l’organizzazione d’allora prevedeva il percorso Padova – Roma – Padova ). In effetti i mezzi per il trasporto proprio idonei non erano ( la macchina, una 125 Fiat non aveva il gancio omologato al traino, e il carrello, costruito artigianalmente, non aveva documenti ). Coinvolto naturalmente nell’avventura , il Dr. Ariani ed io partimmo da Macerata alle 2 del pomeriggio e sembrava che tutto filasse per il meglio quando, all’improvviso, mentre procedevo “ spedito “ in autostrada, scoppiò una gomma del carrello.


61

La Malaguti del 1948 con telaio Gilco e motore 508c elaborato, con la quale Giulio ha partecipato alla Mille Miglia nel ‘72 e nel ‘82


La gomma di scorta c’era, è vero, però per poterla utilizzare bisognava scendere la macchina trasportata e, una volta fatta la sostituzione, farla risalire non senza una qualche difficoltà. E se fosse successo un’altra volta? Uscimmo dall’autostrada, trovammo un gommista, acquistammo un altro pneumatico e ripartimmo. Dal momento che era tardo pomeriggio telefonai all’organizzazione della Mille Miglia per avvertire che saremmo comunque arrivati in tempo per la punzonatura. Mi fu risposto di non preoccuparmi, ma che intanto mi avrebbero assegnato il numero di partenza: 2220. Con molta ingenuità chiesi a che ora sarei partito. Gentilmente mi fu risposto che il via per la mia macchina era alle 22,20! Riprendemmo il viaggio e arrivammo finalmente a Padova. Solita procedura: scarica la macchina, posteggia l’auto e il carrello, e finalmente il Via…giusto un tempo perché gli altri equipaggi erano già in partenza. Partenza data dalla vedova dell’Ing: Castagneto, personaggio mitico della Mille Miglia. Finalmente in gara! Assolutamente inesperto delle gare di regolarità mi accodai alle altre vetture, ed in breve rimasi per ultimo anche al primo controllo a tempo. La folla che assiepava i lati della strada serviva anche ad indicarci il percorso, perché le indicazioni erano scarse, e per di più al buio. Ricordo solo il freddo della notte e l’esserci divisi con l’amico Peppe l’unico paio di guanti che avevamo ( io il destro per tenere il volante, lui il sinistro per aggrapparsi al bordo dell’abi-

tacolo ). Riuscii perfino a sbagliare strada cosicché arrivammo a Firenze buoni ultimi, ma in tempo perché un cronista della Nazione immortalasse la nostra macchina e la pubblicasse in prima pagina. Nevischio sul passo Radicofani e finalmente a Roma a godere del meritato riposo. Il giorno successivo partenza alle 6,30 e finalmente una bella giornata ricca di emozioni! Tutti i piloti marciarono veloci e dietro l’incitamento della folla numerosa, sui tornanti delle salite, abbandonammo la veste dei guidatori di tutti i giorni per quella di “ pilota 2 impegnato. Quindi inserimento in curva della marcia inferiore, con la “ doppia “, e derapata a ricevere gli applausi degli spettatori! Nell’attraversamento di Rimini mi accodai ad un’altra vettura in corsa di grossa cilindrata che correva un po’ troppo per cui fummo fermati dalla polizia che, fortunatamente, ci fece ripartire. Altro inconveniente fu la rottura dei freni!!!...Si era spezzata, con le vibrazioni, la serpentina dell’olio alla ruota posteriore sinistra. Riuscii a risolvere il problema piegando il tubo, rimettendo l’olio e frenando su tre ruote con molta prudenza, e arrivare a Padova per la premiazione. Dopo i saluti e i complimenti di rito ricaricammo l’auto per raggiungere in nottata Macerata, e ritornare nella realtà lavorativa di tutti i giorni. Il sogno era finito!


www.autoclubmarche.peugeot .it


64

I SAPIENTI

LAUREA HONORIS CAUSA A VITTORIO VECCHIOLI Emanuel Vecchioli

“P

er i numerosi successi professionali , per il suo impegno in tantissimi anni di formazione e per la sua straordinaria genialita’ creativa nei 55 anni d’attivita’ di questo stilista, conosciuto in campo nazionale e internazionale.” Questa la motivazione ufficiale con cui l’university of northwest a roma ha esplicato la delibera del senato accademico, lo scorso febbraio, di conferire allo stilista vecchioli vittorio la laurea honoris causa come “doctor of science in beauty major hair stylist”. “E’ in assoluto la prima laurea di questo genere conferita in italia ad un acconciatore” ha detto il rettore dell’ateneo prof. Mario festa.


65

I SAPIENTI

# R I S P E T TA N C O N A

T

ra le spiagge di velluto senigalliesi e quelle sassose della Riviera del Conero, passando dalle grotte sotterranee di Camerano ed Osimo fino alle grotte naturali dei Frasassi a Genga, nel cuore delle Marche, dove natura e storia vivono una vivace integrazione, è nato due anni fa il gruppo FAI Giovani Ancona. Il FAI Giovani Ancona è un gruppo spontaneo di giovani che fa parte del FAI, Fondo Ambiente Italiano, e che condivide i valori di questa grande fondazione italiana e ne persegue gli scopi attraverso soprattutto eventi di sensibilizzazione. I ragazzi che simpatizzano per il FAI Giovani Ancona aderiscono all’idea che la cultura nella vita sia necessaria ed essenziale. L’obiettivo è quello di individuare anche contenuti diversi rispetto al FAI “over 40”, e sperimentare nuove forme di partecipazione e coinvolgimento, anche attraverso il web e i social network e a sensibilizzare maggiormente i giovani alla tutela del proprio paesaggio. I ragazzi del FAI Giovani Ancona mettono a disposizione il loro tempo, la loro formazione e la loro professionalità in modo volontario, per realizzare eventi e progetti che diventino momenti di convivialità e di riflessione sulla cultura e sull’ambiente. I giovani coinvolgono il mondo dell’università ma anche delle associazioni di giovani professionisti. Nel 2014 i ragazzi hanno avviato una campagna di sensibilizzazione per coinvolgere maggiormente i gio-

Federica Polacco vani alle tematiche del FAI. Attraverso l’hashtag #RISPETTANCONA i giovani possono segnalare situazioni di degrado ambientale o urbano , ma anche beni dimenticati che meritano di essere valorizzati nella provincia! L’hashtag può essere utilizzato sui tre principali social network: Instagram, Twitter o Facebook e le segnalazioni possono avere qualsiasi natura creativa: verbale, video, foto, ecc… Il FAI Giovani Ancona vuole sollecitare le Istituzioni locali competenti affinché riconoscano il vivo interesse dei cittadini nei confronti delle bellezze del territorio e mettano a disposizione le forze necessarie per salvaguardarle così da rendere possibile il recupero di uno o più beni segnalati.
 Ma prima di arrivare alle istituzioni, le segnalazioni devono arrivare dalla sensibilità dei cittadini più o meno giovani che intendono far sentire la propria voce attraverso il “megafono” del FAI Giovani Ancona. Prima di ogni altra cosa, il progetto può avere successo se i ragazzi si sentiranno coinvolti ad indicare ciò che nelle nostre città si può ancora migliorare o addirittura necessita di urgente attenzione! Il rispetto della città nasce da noi cittadini, quindi: tagga #rispettAncona!


66

GLI ARTISTI

UN DOPPIO SENSO Silvano Mazzarantani, in arte NOVECENTO pittore, scultore, un uomo alla continua ricerca del proprio equilibrio mediante la sperimentazione.

I

nnanzi tutto vorrei fare una precisazione: ogni copertina della nostra rivista presenterà, di volta in volta, opere d’arte uniche, realizzate appositamente per noi dai tanti artisti-amici che siamo orgogliosi di annoverare tra le nostre conoscenze. In questo primo numero l’opera è di Silvano Mazzarantani, in arte NOVECENTO, un artista di cui ho avuto modo di parlare in altre occasioni. Per non ripetermi non starò a raccontarvi la sua storia, come solitamente faccio presentando un personaggio; riporterò invece un paio di considerazioni, a quattro mani, tratte da una conversazione che abbiamo avuto non molto tempo fa. “L’ultima volta che ci siamo visti erano i primi di gennaio, qualche giorno prima che tu partissi alla volta di Edimburgo dove l’amica Stefania Menichelli ti ha organizzato una mostra in grande stile: come è andata?” “Ad essere sincero mi sto riprendendo solo adesso, piano piano. E’ stato un evento importante che però mi ha svuotato spiritualmente e fisicamente. Intendiamoci, Stefania e il suo compagno gallerista sono stati fantastici, hanno organizzato una bellissima manifestazione, ma il fatto è che non sono più abituato a stare tanto tempo fuori dal mio nido. Trascorrere tanti giorni lontano dalle mie abitudini, dalla mia casalaboratorio, dal mio mondo insomma mi ha tolto energie. C’ho messo tanto tempo per organizzare il mio bozzolo, il mio rifugio che doverne fare a meno per alcuni giorni diventa troppo pesante ormai. Tu lo sai, io esco poco,

Massimo Pigliapoco

non mi interessa più di tanto sapere cosa accade là fuori, sono appagato dal mio stile di vita che mi permette di concentrarmi su me stesso; il mondo esterno offre delle distrazioni che a me non interessano e non mi divertono, ora più che mai. Poi c’è il fatto che per organizzare quella mostra Stefania ha, in un certo senso, ha razziato la mia esposizione e quando sono tornato ho provato letteralmente un senso di vuoto.” “Spiegami meglio: immagino che tu produca anche per vendere oltre che per dare libero sfogo all’anima. Poi quando passo a trovarti c’è sempre qualcuno qui da te, quindi non potrei definirti un misantropo: cos’è che ti ha disturbato?” “Certo che produco anche per vendere le mie opere, ma solitamente un pezzo alla volta, dunque il distacco è meno traumatico. Per l’evento di Edimburgo invece hanno preso il volo metà delle mie creature più che creazioni e la cosa m’ha lasciato un po’ di vuoto. E’ una reazione che ha sorpreso anche me , ma è andata così. Per quanto riguarda la gente no è che mi dia fastidio vedere qualcuno ma il fatto è che probabilmente no sono più abituato a distaccarmi da questo ambiente che mi rasserena e mi permette di fare quello che a me piace. Qui sono in sintonia con tutto e con tutti ed è quello che voglio.” “T’ho chiesto di realizzare un quadro per questa copertina utilizzando un tuo cavallo di battaglia, anzi, sarebbe più corretto dire una tua farfalla di battaglia. Ho visto in giro diverse tue realizzazioni dove le farfalle compaiono spesso: come nasce questa predilezione


“il mondo esterno offre delle distrazioni che a me non interessano e non mi divertono, ora più che mai.”

DOWNLOAD THE NOVENCTO APP


per il grazioso coleottero?”

. · · ·

canale 12 canale 112 canale 605 canale 606

– – – –

èTV Marche èTV Marche Più èTV Macerata èTV Ascoli

“Penso che con gli anni chi ha sviluppato la propria sensibilità riesca a vedere e sentire cose a cui prima non faceva caso, e forse è questo modo di assorbire che fa la differenza. Credo fosse l’estate del 2011. Ero stato a San Severino a trovare mia madre; alle 13,30 andai alla stazione per prendere un treno che mi riportasse a casa. La giornata era moto calda e la piazzola deserta. Mentre sedevo in attesa della littorina apparse dal nulla una farfalla gialla; fece un paio di giri vicino le mie gambe e poi alcune evoluzioni sopra le rotaie arrugginite, prima di scomparire dietro una siepe. Rimasi imbambolato come un bambino; quella visione mi riportò in dietro di cinquant’anni: quell’eleganza, quella leggerezza, quella grazia, dove stavo io? Perché per tanto tempo avevo ignorato quella bellezza, o meglio, l’avevo dimenticata? Appena arrivai a casa cominciai a produrre di tutto, purché ci fosse qualche farfalla di mezzo.” Io lo capisco Silvano perché abito in campagna e non so quante volte sono rimasto ipnotizzato dai fenomeni della natura. Chi vive in città penso che non riesca a seguire questi ragionamenti. Non so, forse è una questione di carattere, ma mi riesce facile comprendere quello che Silvano vuole esprimere e concepisco il senso di fuori luogo che deve aver provato nell’allontanarsi dal suo ambiente. Chi fa arte solitamente no ha bisogno di tante cose se non di se stesso e delle cose più semplici, ma vere. “E comunque per me la farfallina ha sempre un doppio senso; tu lo sai e chi mi conosce lo sa anche lui.” “Aridaje Novecento! Ma così mi demolisci tutta la filosofia!..ahahah… c’è sempre la musa ispiratrice di mezzo, eh Silvà!” Un abbraccio grosso e grazie.

www.etvmarche.it www.etvmacerata.it


69

I SAGGI

DALLE RADICI DEL PRESENTE ALLA RICERCA DEL FUTURO

F

Gino Troli

utura Festival 2014, che si svolge a Civitanova Marche, è nella sua seconda edizione, un viaggio tra passato, presente e futuro: quod fuit, quod est, quod futurum est, come Seneca definì nel De Brevitate Vitae le fasi dell’esistenza umana. Le sue sezioni hanno i nomi di grandi classici della letteratura, da cui partire per immaginare il domani tra radici storiche e scenari possibili. Grandi figure del pensiero e intellettuali di ogni settore, anticipando molti temi dell’Expo 2015, con alcuni dei principali protagonisti del lavoro preparatorio del prestigioso appuntamento mondiale, si confrontano sulle prospettive di un futuro che è già cominciato. Tante le sezioni previste in questa edizione 2014, diretta sempre da Gino Troli, ognuna legata ad un tema classico, rivisitato in una chiave di reinterpretazione alla luce dell’attuale dibattito culturale e delle varie discipline che si occupano di definire, ciascuna secondo il suo statuto e la sua epistemologia, le linee possibili del mondo di domani. Questi i titoli principali: Guerra e pace, Padri e figli/I vecchi e i giovani, Radici, Alla ricerca del tempo perduto, La buona terra/I nutrimento terrestri, Le città invisibili/Il pianeta irritabile, The soft machine, Les mots et les choces, L’uomo in rivolta, Vaghe stelle dell’Orsa, Futura di marca. A delineare il quadro degli ospiti e lo sviluppo dei temi del Festival sono nomi autorevoli e rappresentavi delle rispettive discipline di riferimento: il linguista Massi-

Futura Festival 2014 mo Arcangeli, il biologo Edoardo Boncinelli, la giornalista ed editore Valentina Conti, lo scrittore Paolo Di Paolo, il critico letterario Filippo La Porta, il critico cinematografico e autore televisivo Italo Moscati. Importantissimo il gemellaggio con la Festa di Scienza e Filosofia di Foligno, che permette azioni comuni e progetti condivisi per promuovere gli aspetti artistici, storici, culturali, paesaggistici, ambientali, enogastronomici e artigianali del territorio e contribuire alla crescita collettiva. Futura ha una nuova struttura e un ambito cronologico di dieci giorni, dal 25 luglio al 3 agosto, con almeno tre fasce orarie quotidiane, sia pomeridiane che serali. Gli spazi sono quelli già individuati nella passata edizione, con alcune novità. La formula, anche quest’anno, prevede l’alternanza di lezioni, interviste, dibattiti, mostre e spettacoli. Futura è il Festival del Comune di Civitanova Marche, organizzato dall’Azienda Speciale Servizi Cultura e Spettacolo Teatri di Civitanova.

Gino Troli

Seguici su www.futurafestival.it e sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/FuturaFestival.


70

I MUSICI

FIORI AL VENTO “Costretto” a fondare la Mennheimer Ensemble per poter raggiungere casa di tanto in tanto. Marco Santini, uno dei più valenti violinisti italiani.

“P

er lo più nel corso della vita incontriamo uomini che si affannano nel conseguimento di obbiettivi materiali, uomini convinti che denaro e potere possano elevarli al di sopra della propria mediocrità, senza pensare che proprio questo tipo di atteggiamento è l’esplicita denuncia di un’enorme pochezza interiore. Basta guardarli negli occhi, quanto travaglio nel loro intimo. Per contro, fortunatamente, si incrociano esseri dai lineamenti morbidi, dai modi semplici e sereni che danno l’impressione di averli già conosciuti. Solitamente sono questi esemplari i più grandi della razza umana, capaci di trasferire in pochi attimi serenità e benessere. Marco Santini, violinista e compositore trentenne di Osimo, è l’emblema di questa specie. “ Non so se esista un destino, uno spirito guida o qualcosa di simile, ognuno lo chiama come vuole, ma penso che la mia vita da musicista sia stata determinata dal caso. Mamma, fin da piccolissimo, aveva notato quanta attenzione ponessi nell’ascoltare tutto ciò che trasmetteva musica così, quando avevo cinque anni, mi affidò ad una insegnante di propedeutica. Dopo qualche lezione di pianoforte, visto che ero sveglio nell’apprendere, mi propose di provare un violino, che era il suo strumento preferito; è stato un caso..una coincidenza..non lo so. Passò del tempo durante il quale progredivo nei miei studi e a otto anni convinsi anche mia sorella Lucia, più

Massimo Pigliapoco piccola di me e che stava cominciando anche lei a studiare musica, a provare questo strumento. Dopo un po’ iniziammo i primi duetti fino al giorno in cui capitò la prima litigata, e lei mi spezzò l’archetto in testa. Il fatto mi fece molto pensare e le proposi di suonare il pianoforte…almeno! Quell’incidente familiare decretò il successo di tanti concerti insieme; quell’archetto spezzato è stata la nostra fortuna. In Italia lavoriamo abbastanza, visti i periodi, e grazie all’Associazione Marchigiana all’Estero abbiamo avuto il piacere di suonare tanto anche in altri paesi: Australia, Lussemburgo, Uruguay e Argentina.” “ So che hai trascorso anche un lungo periodo in Germania.” “ Otto anni per la precisione. Anche questa è un’esperienza che posso attribuire al “caso”. Quando studiavo al conservatorio, un mio insegnante bulgaro mi parlava sempre di sua figlia, anche lei musicista, che sarebbe andata a lavorare presso un’importante Università della musica tedesca e mi ripeteva in continuazione: “Anche tu dovrai andare lì”. Erano parole al quale non attribuivo nessun significato. A diciotto anni mi diplomai sia al conservatorio che a scuola e per circa un anno suonai con diverse orchestre italiane. La cosa mi piaceva molto ma sentivo che avrei potuto fare esperienze diverse. Mi ricordai le parole del mio insegnante bulgaro e, quasi per gioco, feci domanda d’ammissione in quell’importante istituzione tedesca. Dopo aver sostenuto la prova richiesta fui ammesso alla Hochschule fur Musik di Heidelberg-Mannheim, dove


mi diplomai a pieni voti. All’inizio è stato difficile. Non mi riferisco allo studio, per me la musica è tutto, quanto alle difficoltà d’inserimento in quella realtà straniera di cui non conoscevo le abitudini e tanto meno la lingua. Sono un tipo socievole e non poter comunicare spontaneamente mi fece cadere in una profonda depressione. Con tanto sforzo provai a considerare gli aspetti positivi e tentai di reagire a quella situazione che mi creava un vero malessere. C’erano tanti studenti che come me provenivano dalle più svariate parti del mondo così, nel 2005, proposi di costituire un organico che ci permettesse, ogni tanto, di raggiungere i nostri rispettivi paesi d’origine e far ascoltare la nostra musica. E’ nata così la Mannheimer Ensemble, un’orchestra d’archi con una formazione di base costituita da 15 elementi che, quando per esempio suoniamo in Cina, arriva anche a 60; in quel paese i teatri sono molto grandi. Abbiamo suonato anche in Italia, Germania, Spagna, Grecia, Romania, Brasile, Russia, Stati Uniti e Mongolia.”

“Quell’incidente familiare decretò il successo di tanti concerti insieme; quell’archetto spezzato è stata la nostra fortuna.”


72

tu sia molto contento.” “ Se ti dicessi che i riconoscimenti da parte di uomini importanti non mi facciano piacere sarei un ipocrita ma, credimi, quello che mi riempie di gioia è l’emozione che si percepisce nei concerti che teniamo in giro per il mondo, è come se in quei momenti tutta la platea t’abbracciasse; sono momenti indescrivibili. Purtroppo non sempre è possibile muoversi con l’orchestra perché siamo tanti, e allora suono in duo con Lucia o con un mezzo che ho ideato ad hoc, un palco itinerante completo di tutto mediante il quale presento uno spettacolo settecentesco, con archi e dame in costume. I costi sono contenuti e mi permette di fare ciò che più mi piace nella vita: musica!”

“ Sei giovanissimo ma hai già percorso un’infinità di strada; suoni musica classica ma non disdegni il jazz o la world music, insegni ai giovani, componi colonne sonore per teatro, cinema e documentari, giri il mondo come rappresentante

delle Marche, hai ricevuto riconoscimenti e cittadinanze onorarie e t’ha scritto addirittura una lettera d’ammirazione Papa Francesco per una tua composizione eseguita nel Pantheon di Roma presenti le più alte cariche dello Stato: credo che

Marco mi ha raccontato tante cose e tante storie bellissime, ma una in particolare ha dell’incredibile: un certo giorno si presenta a casa sua un ragazzo che ha fatto il magazziniere per tutta la vita e una notte fa uno strano sogno. Quel ragazzo è ora uno dei più quotati liutai in circolazione e appena me lo presenta ve ne parlerò, perché sembra una favola. Il maestro Santini m’ha regalato anche un CD delle sue composizioni e ce n’è una in particolare che ascolto ogni volta che accendo lo stereo. C’è un commento scritto per questo brano che fa così: “Tutti noi abbiamo perso qualche persona speciale nella nostra vita. Secondo me queste persone continuano a vivere dentro di noi e a influenzarci, e mi piace immaginarle come fiori al vento.” Peccato che le pagine non possano suonare, capireste di cosa parlo. Un abbraccio grande Marcoligno…


WWW.RADIOLINEA.IT


74

I SAGGI

P I E RO CESANELLI: S A NREM O

I

l festival di Sanremo quest’anno ha deciso di dedicare una serata alla grande canzone d’autore che ha attraversato per molti anni il nostro paese. E’ stato un omaggio che doveva essere fatto da tempo e che ha in qualche modo riconosciuto la grande validità delle pochissime manifestazioni, come Musicultura, che da sempre dedicano il proprio modo di fare spettacolo e cultura a questo genere di canzone. Quale occasione migliore per ascoltare le considerazioni di Piero Cesanelli direttore artistico di Musicultura, il Festival che in 25 edizioni ha individuato e promosso i grandi cantautori italiani che in questi anni ha portato molta buona musica anche a Sanremo tra cui Patrizia Laquidara, Riccardo Maffoni, Povia, Cristicchi, Erica Mou, Paolo Simoni fino ad arrivare ad oggi con Giuseppe Anastasi, autore della canzone di Arisa e Renzo Rubino. “In realtà è stata una bella sorpresa quella di vedere dedicata una serata intera alla riproposizione di grandi brani scritti da cantautori che hanno segnato le stagioni della nostra vita. Si può anche notare come a volte sebbene la canzone sia un insieme di musica e testo leggendo soltanto la parte “poetica “ ci si possa emozionare ugualmente cosa che abbiamo provato ascoltando le parole lette di una delle più belle canzoni degli ultimi 50 anni Il “Mare d’inverno” di Enrico Ruggeri. Non è stato poi indifferente potersi emozionare nel riascoltare le elaborazioni musicali al piano del grande Danilo Rea che ha dimostrato come una linea musicale quale è quella di “Don Raffae” estremamente semplice possa diventare una vera e propria overture pianistica , è stato anche

Piero Cesanelli molto bello vedere come giovani artisti quali Renzo Rubino appunto non solo riescano ad essere originali compositori e personalissimi interpreti ma anche esperti conoscitori della tastiera pianistica. Un’ impressione genarale sui cinque giorni del Festival? La prima impressione che si è avuta guardando queste cinque serate del Festival è stata quella di assistere ad una specie di memorial della televisione senza fine. 20 ore di spettacolo più tutte le altre trasmissioni di lancio o di commento per un totale di quasi cento ore di video che avrebbero reso impaziente e insofferente qualsiasi spettatore. in tutto questo la canzone andava ad occupare un posto molto esiguo tra l’altro disturbato continuamente da pubblicità e presentazioni varie. Bisogna pure dire però che malgrado questa infelice collocazione, quando abbiamo ascoltato “Il cielo in una stanza” o “Vedrai vedrai” da Gino Paoli, “Avrai” o “Mille giorni di te e di me” da Claudio Baglioni o “Cara” da Ron, il pubblico, lo si può evincere anche dagli ascolti, ha mostrato una grande attenzione bisogna anche dire che alcune delle canzoni che hanno partecipato alla gara, come per esempio “Invisibile “ di Cristiano De Andrè erano di alta levatura ma risulta sempre difficile memorizzare e valorizzare una canzone al primo ascolto. Bisognerebbe trovare il modo di far affezionare il grande pubblico alla canzone, rendergliela più familiare , magari con con tre o quattro veloci programmazioni precedenti la manifestazione. E’ anche vero che in questo modo si perderebbe il sapore della novità del primo ascolto ma contribuirebbe senz’altro a ridare alla forma canzone il posto che merita e

che non ha più da molto tempo. I nostri amici, Renzo Rubino e Giuseppe Anastasi, anche lui vincitore di Musicultura e autore della canzone “Controvento “ e di tante altre di Arisa, hanno portato una ventata di modernità anche nel linguaggio ed hanno dimostrato che anche il “giovane artista” può essere autore di belle melodie e testi poetici ed intelligenti. Così ha fatto anche il vincitore del Premio della critica delle nuove promesse: Zibba. Ricordiamoci sempre che molte canzoni d’autore sono state composte all’inizio di carriera di quei grandi artisti. Nel campo della creatività spesso la qualita è inversamente proporzionale all’età anagrafica. E’ chiaro che il mondo giovanile, molto giovanile è affezionato a generi come l’hip pop e il rap che non sono particolarmente vicini ad altre generazioni e questo spiega il primo posto conquistato nella categoria giovani da Rocco Hunt ma anche qui è bene individuare il prodotto doc d’autore e quello spesso creato ad uso e consumo. In ogni caso queste considerazioni lasciano il tempo che trovano perché nulla o molto poco si può fare con una macchina che costa e muove milioni di euro e quindi ha una potenza mediatica tale che può permettersi tutto e il contrario di tutto. Restiamo nell’idea noi di Musicultura di proporre comunque canzoni e artisti che ci lascino emozionare in modo intelligente che riescano a sottolineare i contenuti e non i vestiti dei sentimenti e che mantengano una propria identità.”


75 Il patron di Musicultura commenta il Festival della musica italiana.

“...è bene individuare il prodotto doc d’autore e quello spesso creato ad uso e consumo.”


Centro revisioni: Autoveicoli - motocicli - ciclomotori Vendita e Assitenza: cerchi in lega - assetto ruote - convergenze - equilibratura elettronica

Tolentino (MC) - tel. 0733.968204 cabigomme@tiscali.it - www.cabigomme.com


78

I SAGGI

CORSI UNICAM SULLA NUTRIZIONE

“M

L’Università di Camerino si conferma sempre più come punto di riferimento per il territorio sulle questioni relative alla nutrizione ed alla corretta alimentazione. Nell’offerta formativa dell’Ateneo è infatti presente il corso di laurea di primo livello in “Biologia della nutrizione”, che ha sede a San Benedetto del Tronto, il corso di laurea magistrale in “Biological Sciences” con un curriculum in Nutrition and functional food nella sede di Camerino, mentre per una formazione più specialistica e professionalizzante è attivo, sempre presso la sede di San Benedetto del Tronto, il master di secondo livello in “Nutrizione, Nutraceutica e Dietetica applicata”. Il ruolo che l’alimentazione riveste nella promozione e nel mantenimento della salute è sempre più ampiamente riconosciuto, così come è cresciuta l’attenzione, anche a livello normativo, in materia di sicurezza alimentare. In questo quadro, il corso di laurea in Biologia della Nutrizione si presenta come una scelta moderna e innovativa in un settore delle scienze biologiche tra i più dinamici e promettenti in termini di possibilità applicative e sbocchi occupazionali. La

specificità del corso è quella di formare laureati che uniscono ad una solida formazione culturale nel settore della biologia, competenze adeguate per affrontare professionalmente le problematiche relative alla nutrizione. Tra le opportunità per gli studenti anche incontri e seminari con esperti e professionisti del settore. Nel mese di marzo è stato ospite in Ateneo, ad esempio, il dott. Barry Sears biochimico americano ideatore della strategia nutrizionale nota come Zona. Barry Sears è stato uno dei relatori in occasione del convegno “Omega 3 e Polifenoli. Nutrizione e integrazione per la salute, per il benessere e per lo sport”. Laureato in biochimica, ricercatore del MIT, presidente dell’Inflammation Research Foundation, è specializzato nel controllo dietetico delle risposte ormonali. È l’ideatore della strategia alimentare Zona, identificata in modo esclusivo in Europa con la linea EnerZona. I suoi libri sull’argomento, tutti pubblicati in Italia da Sperling & Kupfer, hanno venduto oltre cinque milioni di copie nel mondo e sono stati tradotti in ventidue lingue.

Uff. Comunicazione UNICAM


Qualche giorno fa, parlando con Massimo in merito alla pianificazione delle pagine pubblicitarie, lui mi ha detto: ”Oh Roberto!...Perchè non scrivi tu qualcosa sulla programmazione del locale e di tutte le novità dell’estate?” Mi sono lasciato convincere, per cui mi accingo a raccontare in prima persona. Innanzi tutto, a sei mesi dall’apertura, nonostante i problemi che devono essere affrontati quando un’attività è nuova, La Mokeria può essere soddisfatta di come sono andate le cose fino ad ora. In questo momento siamo proiettati, naturalmente, verso la programmazione estiva.

Stiamo organizzando una colazione buffet, la definirei un brunch a prezzo fisso, per soddisfare la clientela già fidelizzata e tutti coloro che verranno in vacanza a Porto Sant’Elpidio. Chiaramente questo sarà accompagnato dal pezzo forte del nostro locale, cioè la tisaneria ghiacciata, che mantiene le stesse peculiarità di quella invernale e in più disseta in maniera salutare. Ovviamente ci concentreremo su tutti quei prodotti a base frutta, debitamente proveniente dalla Valdaso, macedonie, spiedini, frullati, centrifugati e crostate. Ci saranno anche degli avvenimenti; in particolare il 20 giugno ci sarà la presentazione del libro di Francesco Del Bene “Torno a fingere di vivere”, una anteprima regionale con la quale chiuderemo le vetrine letterarie della prima metà dell’anno per poi riprenderle a settembre con nuove rassegne. Oltre che la climatizzazione del locale, offriremo anche un terrazzo esterno con tavolini e poltroncine. Vi aspettiamo per “genuini” momenti di relax e un grazie fin d’ora.


Una rassegna di sapienti artigiani nel rispetto della tradizione.


81

I SAPIENTI

F E S T I VA L DELLA MANUALITÁ Alberto Montebello

L’

associazione culturale di Montegranaro “Le Terre del Picchio” nasce nel 2005 per un preciso istinto di libertà del fondatore nonché presidente Giuliano Bellesi. La sua “mission” è quella di comunicare con gusto e stile ottocentesco energie e forme, arti e mestieri, percorsi enogastronomici, eventi culturali e sportivi. Dopo una ricerca realizzata sul territorio locale grazie alle varie opportunità avute nel mondo della comunicazione nazionale, l’associazione “Le Terre del Picchio” è arrivata a stringere una collaborazione con CNA che sta maturando i suoi frutti. E’ stato già partorito il “Festival della Manualità”, percorso che ha vissuto il suo start e prevede vari appuntamenti nei prossimi mesi, con l’obiettivo di promuovere tutti gli artigiani che fanno della manualità la più alta espressione. Oggi grazie ai merletti di Offida, ai ramai di Force, ai ciabattini, agli strumenti musicali e agli orologi da tavolo di Montegranaro, ai cappellai di Montappone, ai vimini di Mogliano, alle pelletterie del fermano si ha già un quadro eterogeneo e significativo e tante altre adesioni sono in arrivo. Ultimamente si sono stretti degli accordi con la Pro Loco di Montap-

pone (nella persona del Presidente Ferruccio Vecchi) che parteciperà attivamente alle future iniziative. Anche il Presidente di CNA Ascoli Luigi Passaretti sta appoggiando in toto il progetto animato dal vulcanico Bellesi. “In un momento di crisi economica c’è la necessità di diventare imprenditori di se stessi – ha dichiarato Passaretti – Queste esposizioni devono servire per mettere in risalto gli antichi mestieri in modo che possano essere rivisitati in chiave moderna creando per i giovani nuove opportunità”. Il Festival è partito lo scorso 27 aprile con la kermesse allestita all’interno del Palazzo Bonafede di Monte San Giusto in occasione della Fiera di Primavera. Il 18 maggio è stata fatta tappa a Porto Recanati in

Piazza Brancondi. La prossima data in programma è quella dell’8 giugno a Civitanova (piazzale Gramscifronte pescheria). Fondamentale per quest’ultimo appuntamento è stato l’appoggio organizzativo di Giuliano Rocco, responsabile CNA Macerata. Con l’arrivo della stagione estiva si approderà negli stabilimenti balneari della Riviera delle Palme e nelle piazze del Conero. Per Ascoli, Senigallia e Pesaro ci sono già delle buone tracce, come pure per i borghi di Campofilone e Force. Un programma quindi intenso, in attesa dell’evento clou che si terrà ufficialmente a ottobre presso la sede del “Pio Sodalizio dei Piceni” all’interno dell’Abbazia di San Salvatore in Lauro a Roma.


82

I GENIALI

SOPRATTUTTO RISPETTO L’ennesima dimostrazione di quanta forza abbia la passione: Sergio Lattanzi riesce a comprare un suo kart quando ormai era grande; dopo tre anni si è laureato campione italiano Pro Driver M. Massimo Pigliapoco

N

on ho mai capito la definizione di sport minori. Quali sono i parametri mediante i quali si può classificare una pratica sportiva? Ve lo dico io: l’ignoranza! Il numero di seguaci che accompagna una data disciplina non può determinarne nè il valore nè la qualità. È soltanto la mancanza di conoscenza che attribuisce stime e complementi comparativi: ogni sport è uno sport, e basta! Prendiamo il karting: pratica poco seguita da noi, quindi considerata minore....provate a fare un giro su un mezzo da competizione poi fatemi sapere se ancora avete l’uso della parola. Ho scambiato quattro chiacchiere con Sergio Lattanzi che, salito su un kart per la prima volta nel 2011, nel 2013 si è laureato campione italiano Pro Driver M, all’età di 34 anni. “Sergio, quello che hai fatto mi sembra straordinario.” “E una passione che ho sempre avuto, quella dei motori, trasmessami da un mio cugino più grande che seguivo quando anche lui correva. Ho dovuto aspettare tanto tempo prima di scendere in pista perchè questo sport è molto costoso e me lo sono potuto permettere solo quando il lavoro mi ha dato le possibilità. Ho iniziato a 27 anni con le auto, in gare amatoriali, ma quella del kart era una fiammella sempre accesa nella mia testa. Quattro anni fa quel mio cugino che correva quando io ero piccolo mi ha proposto di acquistarne uno in società ed è cominciata l’avventura. Dopo qualche mese di adattamento le prime gare e, visto che andavo bene, c’ho preso gusto.”


83

“...Pensano che fare competizione voglia dire non guardare sulla faccia nessuno, ma non è così che funziona: ci vuole educazione e rispetto, di se stessi e degli altri, come nella vita.”

“Mi sembra che i risultati lo confermino. Ho visto che la parte meccanica te la cura Andrea Accattoli: più di trent’anni fa io correvo con il papà Renato, grande pilota, corretto e velocissimo.” “Passo più tempo con lui che con la mia ragazza. Tu sai che per vincere la ricetta è composta da tanti ingredienti; Andrea è figlio d’arte e un grande competente, quindi averlo accanto mi è di grande aiuto. La sua funzione non si limita alla meccanica, diciamo che è anche il mio trainer psicologico, quello che mi tranquillizza e allo stesso tempo mi stimola di continuo a dare il meglio di me stesso: per chi fa competizioni avere accanto una persona come Andrea è molto importante.”

“Raccontami di quando hai vinto il titolo.” “E stata un’emozione incredibile, anche adesso, riparlarne, mi commuove. Ricordo gli ultimi due giri: avevo accumulato un certo vantaggio sul secondo e ho cominciato a pensare di tutto. Quelli sono momenti nei quali bisogna mantenere il sangue freddo perchè perdere la concentrazione è un attimo; se non sei impegnato a battagliare da vicino con qualcuno devi gestire mille pensieri che ti vengono in testa, e non è facile.Quando ho percorso l’ultima curva e ho visto il traguardo non ci credevo. Arrivato ai box applausi, pacche sulle spalle, la televisione, la stampa, tutte cose alle quali non ero abituato: momenti indescrivibili.”

“La mia domanda è ironica perchè conosco bene la situazione, ma te la faccio lo stesso: conquistato il titolo sei stato contattato da qualche sponsor?” “Macchè!...telefono muto. Fortunatamente la Galiffa Kart di Sant Egidio mi aiuta fornendomi telai e motori per allenarmi e fare qualche gara nazionale, altrimenti di sponsor neanche l’ombra. Quest’anno avrei voluto gareggiare nell’europeo ma i costi sono improponibili; con Andrea abbiamo deciso di limitarci a qualche gara nazionale in vista dell’appuntamento di novembre nel quale tenterò di riconquistare il titolo italiano. Mi ritengo comunque un fortunato perchè, se non fosse per il grande aiuto che ci fornisce Franco Ga-


84 Massimo Pigliapoco

EUREKA Riflessioni di un ateniese allevato a Sparta. “C’è un male, il più grande che un uomo possa portare nel cuore; ognuno per tale male trova argomenti di scusa, e in questo modo non si sforza di trovare una via di rimedio: dicono che ogni uomo ha in se un giusto senso di amor proprio; dicono che ciò è conforme a natura e che si tratta di un legittimo sentimento quasi necessario. ma proprio questo eccessivo amor di noi stessi induce per ciascuno di noi, la causa di tutte le colpe. In effetti chi ama si sente accecare di fronte alla cosa amata: certamente costui non sarà in grado di giudicare ciò che è giusto, ciò che è buono e ciò che è bello. Egli ritiene sempre, avanti al vero, onorar l’interesse proprio. Al contrario l’uomo destinato a essere grande non se stesso o le cose proprie deve amare. La giustizia egli deve prediligere, tanto se alberghi nel suo cuore quanto nel cuore di un altro. Insomma, è proprio da questo punto errato di vista che deriva il fatto che l’ingoranza finisce per sembrare a tutti profonda saggezza.”

liffa, io e Andrea dovremmo rimanere a casa. Questo sport, come tanti altri, è poco seguito per cui diventa sempre più difficile trovare sostegni. Ti dirò di più: non mi hanno neanche invitato al Galà dello Sport che ogni anno premia gli atleti della stagione precedente. Io non so quanti campioni italiani ci siano stati a Macerata nel 2013, in ogni caso sono passato del tutto inosservato: pazienza. Andremo avanti fino a quando le nostre forze lo permetteranno, sperando che un giorno il telefono squilli.” In Formula 1 non c’è più un pilota italiano; molto è dovuto alla difficile situazione economica, ma forse anche alla mancanza di grossi talenti: ti piacerebbe un giorno allevare dei giovani? “E una cosa che ho già pensato e mi sto preparando per sostenere l’esame di istruttore federale. Credo che i ragazzi che si avvicinano allo sport abbiano bisogno di una guida che li educhi eticamente oltre che tecnicamente: troppo spesso mi sono confrontato con giovani di 18/19 anni che non tengono in minima considerazione l’avversario. Pensano che fare competizione voglia dire non guardare sulla faccia nessuno, ma non è così che funziona: ci vuole educazione e rispetto, di se stessi e degli altri, come nella vita.” Purtroppo, caro Sergio, la nostra è una nazione nel pallone, in tutti i sensi. I dirigenti, prima di ricoprire tale carica, dovrebbero fare qualche giro nei i paesi del nord Europa e imparare l’ABC. Forza e coraggio campione, il titolo l’hai vinto e quello rimarrà scritto negli annali, alla faccia dei poveri di spirito. Un abbraccio Sergio, sei grande.

PLATO N E


Il parco storico Seghetti Panichi è il primo giardino storico in Italia ad avere proprietà bioenergetiche.


87

I SAPIENTI

AT M O S F E R E D’ANNUNZIANE NON MOLLARE MAI Massimo Granati

I

mmaginate di sedere ad una splendida tavola, chiudete gli occhi e lasciatevi avvolgere dal profumo che soltanto il connubio tra natura e buona cucina può offrire. Per un momento dimenticate il mondo esterno e, aiutati dalla questa magica atmosfera, ricreate il sogno più romantico e favoloso che abbiate mai fatto!

Incredibilmente non dobbiamo viaggiare così tanto con l’immaginazione per vivere qualcosa di simile. Siamo al Borgo Storico Seghetti Panichi di Castel di Lama, fino a pochi anni fa residenza estiva dell’omonima Famiglia, oggi perfetta location per realizzare il giorno più bello della vostra vita. Il Borgo Storico è un delizioso luogo romantico per un matrimonio, i giardini circostanti e la posizione collinare permettono agli ospiti di dimenticare il mondo esterno e creare una sfera privata di monumenti storici e giardini magici, inoltre le pricipesse Giulia e Stefania sono felici di prestare il proprio talento artistico per aiutarvia realizzare

i vostri sogni. La dimora è circondata da uno dei “Grandi Giardini Italiani”, un giardino storico di rara bellezza costruito di dolci viottoli e maestose antiche palme. Il parco storico Seghetti Panichi è il primo giardino storico in Italia ad avere proprietà bioenergetiche. Il sentiero bioenergetico del Parco Storico Seghetti Panichi è una passeggiata che unisce le aree terapeutiche identificate in questo bellissimo giardino. Varie specificità di piante tipiche mediterranee possiedono caratteristi specifiche sui vari organi umani e sulle funzioni biologiche. Durante la visita abbiamo avuto l’occasione di assagiare alcuni dei piatti

presenti nella carta del ristorante del Borgo. Dalle deliziose olive all’ascolana, seguite da un soffice e profumato flan di verdure dell’orto, una fragrante e saporita lasagnetta di verdure, del succulente agnello in crosta di nocciole con scaglie di tartufo per concludere con un fantastico dolce al cucchiaio ai frutti di bosco.Tutti piatti ispirati alle eccellenze del territorio e sapientemente interpretati dallo chef patron Davide Camaioni.


88

I FENOMENI

MARCO MEONI Un aperitivo nel suo locale di Porto Recanati con Marco Meoni, uno dei più grandi registi del Volley italiano e mondiale.

“V

oglio iniziare questa storia così: con squadre di Club uno Campionato Italiano, 2 Coppe Italia, una Supercoppa Italia, una Champions League, 2 Coppe CEV. In nazionale 3 ori agli Europei, 4 ori nella World League, una argento e un bronzo in 2 Olimpiadi, un oro ai Mondiali. Miglior palleggiatore nella World League 2003, miglior palleggiatore nella Champions League nel 2007 e 2008. Su iniziativa del Presidente Carlo Azeglio Ciampi insignito dell’onerificenza di Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana. Questo non è il palmares di un marziano, questo è il curriculum sportivo di Marco Meoni, detto Meo. Dei suoi quarant’anni da poco compiuti ne ha trascorsi 23 nella pallavolo, di cui 7 nella Lube Volley. Nativo di Padova è ormai naturalizzato marchigiano data la sua lunga permanenza nella nostra regione, dove ha stabilito importanti rapporti d’amicizia e lavorativi, essendo comproprietario di due attività a Porto Recanati. “ Recentemente ti sei ritirato dalle competizioni e ti sei dedicato all’imprenditoria qui da noi, nella nostra terra, dove trascorri gran parte del tuo tempo. Non ho domande specifiche da farti Marco perché le curiosità sono talmente tante che dovremmo trascorrere qualche settimana insieme. Come raccontiamo i tuoi 23 anni da professionista, come raccontiamo l’atleta Marco Meoni?” “ Beh…vista a posteriori riesco ad analizzare la mia carriera in maniera più oggettiva rispetto a quando ancora giocavo. E’ successo tutto in maniera molto naturale, come capita a tanti ragazzi che iniziano a praticare uno sport. Forse nel mio caso è successo tutto più in fretta; dai campetti patronali dove giocavo con i miei amici mi sono trovato in breve tempo in serie A.

Massimo Pigliapoco Ti voglio correggere su un termine: io non sono un atleta, io sono un pallavolista, la cosa è diversa.” “ Ah!..non sei un atleta…Sto invecchiando, questa non l’ho capita.” “ Si, perché la pallavolo ha una tecnica talmente raffinata che non è necessario essere degli atleti, nel senso stretto del termine. E’ chiaro che fisicamente devi star bene ma personalmente non mi sono mai ritenuto un atleta, i miei standard non hanno mai raggiunto i livelli internazionali ma ho sempre compensato con la mia visione di gioco, con la capacità tattica che nel mio caso è innata e che ho affinato sempre più nel tempo. Io ho giocato fino a 40 anni e quelli della mia generazione, alcuni, sono ancora lì, in A.” “ Non per niente la vostra è chiamata la generazione dei “fenomeni”. Conosco qualche sport individuale per averlo praticato da giovane, ma non ho esperienze di squadra; cosa vuol dire essere il regista di un team?” “ Credo che sia una mia caratteristica peculiare quella di condividere con il prossimo qualsiasi tipo d’emozione e di situazione; per carattere a me piace dare e ricevere e forse devo a questo mio aspetto una certa facilità di comunicazione con le persone, una comunicazione anche non verbale. Questo mi ha permesso, fin da quando ero ragazzino, di entrare subito in empatia con i miei compagni di squadra, che è fondamentale per un palleggiatore, per un regista, ruolo che ho sempre ricoperto in tutta la mia carriera. Ovviamente queste sono qualità che con il tempo si sviluppano, tanto che quando ho raggiunto la mia piena maturità sportiva, intorno ai 29/30 anni, ero in grado di capire già entrando negli spogliatogli come avrei dovuto impostare la tattica di gioco senza parlare, mi bastava guardare i miei compagni negli occhi. Ti dirò di più: questa sensibilità che ho sviluppato nello sport ora mi aiuta molto anche nel lavoro, e questo è un


“Posso assicurare che invece lo sport non insegna unicamente l’abilità in una certa disciplina; la pratica dello sport insegna a vivere.”


concetto che non tutti sono in grado di capire. La gente comune pensa che quando uno sportivo smette di gareggiare si ritrovi come un pesce fuor d’acqua nel quotidiano. Posso assicurare che invece lo sport non insegna unicamente l’abilità in una certa disciplina; la pratica dello sport insegna a vivere. Fortunatamente qualcuno lo capisce e lo dimostra il fatto che spesso grandi aziende mi consultano per acquisire metodologie che solo chi proviene dalle competizioni può conoscere.” “ Ad uno come te, che è stato il numero uno al mondo per tanto tempo, lo sport cosa ha insegnato?” “ Innanzi tutto a valutare le cose, il vero valore nascosto dietro le apparenze. Questa è una cosa che ho capito alle Olimpiadi di Pechino. Ho assistito alla finale di nuoto dei 200 s.l.; alla premiazione è facile essere la moglie di Michael Phelps, l’atleta più titolato nella storia delle Olimpiadi moderne, ma quello che mi ha fatto riflettere è la gioia della moglie del nuotatore che è arrivato ottavo. Quel nuotatore sapeva benissimo che avrebbe perso quando è entrato in vasca, ma ciò nonostante ha tirato come un ossesso dall’inizio alla fine. Ho imparato a valutare le situa-

zioni al di là del risultato. La medaglia è importante OK, ma più importante è il cammino che si percorre per provare a conquistarla. Ti faccio un esempio: a livello internazionale ho vinto molto ma in Italia un solo scudetto in A, quello con il Piacenza. Nella 5° partita della finale dei Play Off eravamo sotto 11 a 13, poi un paio di muri e due punti conquistati in battuta ci ha permesso di ribaltare il risultato e conquistare il titolo. Eravamo i campioni d’Italia ma io di quelle 4 ultime palle non ne ho toccata una; se avessimo perso in realtà la mia partita sarebbe stata la stessa, ma come pensi che mi avrebbero giudicato? Bisogna imparare a riconoscere la verità, questo lo sport me lo ha insegnato. Un’altra cosa che ho imparato è che esistono troppi voltafaccia nella gente che incontriamo, e di questo non me ne farò mai una ragione; L’ipocrisia è l’arma spuntata dei deboli, di chi non ha nessuna capacità e non prova minimamente a migliorarsi; basta vedere come qualcuno mi trattava finché ho giocato e come si è comportato appena ho smesso.” “ Mi parli della BESTIA?” “ E’ una cosa terribile! Ora che ne sono uscito sono convinto che sia stata

la mia vittoria più importante. Ero ai vertici mondiali, il più quotato pallavolista in circolazione e mi ha assalito senza nessun preavviso. A chi non ha mai provato le crisi di panico non si può spiegare questa esperienza con le parole. Ne sono uscito con uno sforzo immane e grazie all’aiuto di Daniela Novella, una psicologa che mi ha tratto in salvo sull’orlo del baratro. Prima credevo che ogni medaglia avesse due facce, ora so che ne esiste una terza, latente, che non sospetteresti mai, ma è lì, pronta ad incul…. quando meno te l’aspetti. Ora mi sento più forte di prima e se il MOSTRO dovesse ripresentarsi ho gli strumenti per combatterlo. Ora che ho smesso con le competizioni la gente pensa che io abbia smesso anche di giocare, ed è completamente sbagliato; sono più preparato di prima, solo che non gioco più con la palla.” La storia ci insegna che tutti i grandi spiriti hanno dovuto attraversare almeno una volta l’inferno. Non tutti ce la fanno ma chi ne esce è destinato a creare un mondo migliore…” Molti i chiamati, pochi gli eletti.” Grazie Meo,…un abbraccio campione.


Maceratino Ribona ...due volte buono.

Passione di Famiglia

Clicca “Mi piace� sulla nostra pagina Facebook _Cantine Saputi & Agriturismo_


93

GLI ARTISTI

ANNA CHE MENTRE C O M B AT T E NON E’ SOLA Paola Olmi

È

uscito il mio primo romanzo dal titolo “Anna che mentre combatte nono è sola” - Cattedrale Editore. L’idea è nata dal fatto che amo scrivere e lo faccio da decenni. Il mood per redigere un romanzo, con tutto ciò che ne comporta, è stato dettato da una malattia importante, un tumore al seno, che mi è stato diagnosticato a fine 2011. Il libro e di genere auto fiction. Racconta la storia di una donna di 50 anni che nell’arco di un anno si trova coinvolta in una serie di traiettorie dolorose legate alla malattia e che reagisce in modo schietto e puntuale, lucido e ironico tanto da far cambiare l’ordine delle cose e capovolgere la situazione di partenza. Vi invito a clickare sul book trailer all’indirizzo: http://www.youtube.com/ watch?v=2HgvZjxsdgI per avere un’idea del romanzo. Chi lo ha letto ha detto che è un libro vivo, coraggioso che regala forti emozioni, a volte scomode ma coinvolgenti. Un romanzo che si legge tutto d’un fiato e che racconta stati d’animo profondi con semplicità. Che apre il cuore e l’anima in modo discreto, senza sentimentalismi ma parlando si sentimenti, senza tragicità pur parlando di cancro, senza situazioni insopportabili pur parlando di dolore profondo.

Qualcuno mi ha chiesto se per me scrivere “Anna che mentre combatte non è sola “ sia stato una forma di terapia. Posso dire che anche se questo romanzo non è inquadrabile nel genere di scrittura terapeutica, scrivere mi ha aiutata molto nella fase più difficile della mia malattia, soprattutto nelle degenze ospedaliere post operatorie e durante i cicli di chemioterapia. Accadono delle situazioni nella vita di ciascuno di noi in cui è necessario frenare violentemente il proprio percorso esistenziale; ci si ferma e si decide di condividere ciò che ci ha visti protagonisti. Io l’ho fatto scrivendo. Mi fa piacere, come solitamente si fa nel libro di esordio, ringraziare. Io dico grazie alla mia famiglia e ai miei amici che mi sono stati vicini e che non hanno mai lasciato Anna, la protagonista del romanzo, sola. Vorrei ringraziare il mondo della Sanità che ho incontrato e, uno per tutti, il “mio” oncologo Luciano Latini. Vorrei ringraziare il talent scout Massimo Canalini che non ha avuto nessun dubbio nel trovare il mio libro interessante tanto che ha deciso di pubblicarlo in tempi brevi.


94

I GENIALI

DALLA CRISI ALLA APPLE QUEEN Sogno di una notte di mezza primavera.

F

ino a qualche anno fa “La Crisi” nella mia testa era un pezzo cantato dai Bluvertigo. Ultimamente invece la crisi è diventato l’argomento portante di ogni telegiornale o chiacchierata. Questa crisi che aleggia sopra la testa di tutti come un manto nero, questa crisi che ha cercato di demoralizzare ad ogni costo gran parte di noi. Vivendo tutti nello stesso periodo storico inutile dilungarsi sui lati negativi di ciò che stiamo passando poichè ognuno percepisce la realtà sulla propria pelle dunque, parto semplicemente da ciò che la crisi mi ha portato: consapevolezza. Non sono diversa da nessuno di voi, sono semplicemente una ragazza (quasi donna) che non ha abbassato la testa ma, anzi, grazie anche ai suoi colleghi di ufficio ha provato a non abbandonare la barca mentre questa stava andando alla deriva. Da qui nasce la mia esperienza, l’arrivo della “Apple Queen by Intra”, un brand che significa: non mollare. Col detto “chi si ferma è perduto” ho creato, con i miei colleghi, una marca di vestiario, un esperi-

Alessia Cruziani mento, un “non arrendersi” con l’unione di fantasia e ricerca; una sorta di scommessa tra noi, giovani di questa Italia in cui crediamo e che vogliamo far crescere. Un brand che speriamo possa far conoscere anche le Marche (la nostra regione di origine) un po’ di più, poichè dietro la nostra “mela regina” si nasconde anche la forza di chi viene su col lavoro, sacrificio e crede, soprattutto in quello che fa. Da piccola mi hanno sempre detto di aver fiducia nei sogni. Da grande avevo smesso. La crisi mi ha dato l’opportunità di tornare all’inizio, a quando tutto attorno a me poteva avverarsi. Oggi lo credo fermamente. Mettere energia in qualcosa che si sente nascere dentro, scorrere nelle vene, mettere forza in un progetto e saperlo gestire anche nelle difficoltà. Questa è la ricetta base per non abbattersi, questo forse è solo ciò che si può fare quando il vento pare soffiare contro, senza mai smettere di puntare verso il positivo.


Monti Sibillini - Lago di Pilato ph. Giammario Cardini


96

I SAPIENTI

ORA CHE SEI MIO FIGLIO Comunication project edizioni. Autrice: Letizia Monterosso Commenti e pensieri di Letizia Monterosso, rilasciati in un’intervista di qualche tempo fa.

Nicola Brignoccolo

E

ssere imprenditrice, non preclude il bisogno di essere madre, il mio immenso vuoto, nonostante io lavori in un luogo pieno di gente, ero ormai devastate dal punto di vista emotivo e avevo il disperato bisogno di trovare la parola fine al mio calvario di donna. Assodato, dopo vari tentavi, che non sarei diventata madre in modo naturale non mi sono data per vinta e ho iniziato la lunga strada dell’adozione. Come racconto nel mio libro la scelta di adottare un bimbo o bimba l’avrei comunque fatta, anche se avessi avuto un figlio biologicamente mio, certo, non mi sarei aspettata tanta strada da dover fare e tanti dubbi con i quali fare i conti. Essere madre di cuore non cambia l’emozione e l’amore che provi per un figlio, i miei figli non potrebbero essere stati che loro. Sono passati sei anni ma l’incontro con il mio bambino non potrei dimenticarlo mai. Una vera invasione di emozioni che se chiudo gli occhi posso riprovare all’istante. Paura, gioia, tenerezza e un forte dolore al cuore, avevo la sensazione che mi scoppiasse il petto! Il suo visino visibilmente impaurito e i suoi

occhi neri e grandi, scrutatori della mia anima, li ho impressi nella mia mente e niente potrà cancellarli. Credo sia così anche per una donna dopo il parto, non credo possa dimenticare il suo primo abbraccio. Dopo quella prima esperienza ho deciso di prendere in considerazione una seconda adozione: è stata una scelta dovuta! Da egoista probabilmente non l’avrei fatta per mille ragioni, ma il dare una continuità di nucleo familiare a mio figlio era ed è priorità assoluta. Noi genitori non siamo eterni, il pensiero che si ritrovi solo mi tormentava, ho voluto così allargare la sua famiglia per il futuro, adesso guardandoli posso solo dire che ho fatto bene. A casa abbiamo un pezzo di Ecuador e adesso anche di Columbia, Penso che sia importantissimo tenere vivo il ricordo del paese che ha dato loro la vita. Con i miei bambini parliamo spesso dei loro paesi e di quanto siano belli. Guardiamo filmati, foto e ricordiamo i momenti passati…adoro l’Ecuador e la Columbia, io mi sento adottata da questi paesi, mi hanno dato la possibilità di prendermi cura dei loro


“...dare una continuità di nucleo familiare a mio figlio era ed è priorità assoluta.”

figli, ed io farò il possibile! E’ fondamentale non fargli dimenticare le loro origini. Questa impresa non è stata facile. Mi ero informata sull’adozione nazionale, ma l’iter è pazzesco… mi hanno detto che l’attesa, visto le poche “disponibilità”, sarebbe stata intorno a cinque anni Ci sono stati poi casi in cui l’abbinamento avviene in poco tempo, ma sono casi rari.

Il mio consiglio alle coppie che intendono adottare dico solo di non farsi prendere dal panico, di lottare fino alla fine e non mollare qualsiasi cosa accada durante il percorso, di non crearsi aspettative di nessun genere, perché il bimbo o bimba che diventerà parte della loro famiglia non sarà un caso, è per loro! Per quanto riguarda i pregiudizi?... lasciamo l’offesa a chi la fa, ricadrà su di loro! Ora sto lavorando al mio

secondo libro, sarò meno sottile nell’esprimere le mie idee sulla burocrazia e il costo delle adozioni, senza però perdere di vista l’emozione che attraverso il cuore di noi mamme di cuore! Non dico altro, spero solo di regalare momenti di amore ai miei lettori e riflessioni a che non conosce il nostro mondo di genitori adottivi.


98

I FENOMENI

CAMPIONI INFINITI DI UNO SPORT MINORE Andrea Angeletti e Danny Sargoni, due campioni della nazionale di pattinaggio, potenti come il tuono, “soffici” come una brezza estiva.

Andrea Angeletti

Massimo Pigliapoco

P

Prima di scrivere queste quattro righe ho pensato…ho pensato sul perché non seguo molto il calcio e, dopo qualche riflessione, mi sono dato una risposta. Non ho niente contro il gioco del pallone, anzi, considero lo sport, qualsiasi sport, una delle attività più affascinanti che un essere umano possa svolgere, dunque il calcio non fa eccezione, ma se non mi attira particolarmente, il motivo sta nella tifoseria: è a senso unico. Ho girato un po’ questo mondo e mi sono reso conto che è un fenomeno tipicamente italiano; in Italia lo sport si divide in calcio e sports minori: ma minori di che? Siamo circondati da ragazzi che eccellono a livello internazionale nelle più svariate discipline ma non se li ….. nessuno, per il semplice fatto che non hanno un pallone tra i piedi: non mi sembra corretto, non mi sembra sportivo. A Pollenza, in provincia di Macerata, esistono due campioni, Danny Sargoni e Andrea Angeletti, venti cinque anni l’uno e venti tre l’altro; la loro disciplina è il pattinaggio di velocità e nella loro carriera hanno già collezionato il collezionabile. “Come mai due campioni dello stesso sport in un paese così piccolo?” “Storicamente Pollenza è rinomata per aver allevato tanti atleti di pattinaggio perché, nella nostra provincia, è stato


99

uno dei primi comuni ad allestire una pista di una certa importanza, e questo ha dato modo agli appassionati dell’epoca anche di formare un nutrito vivaio. Quando ho iniziato - mi racconta Denni avevo quattro anni e, allora, tutti i pomeriggi eravamo più di quaranta cuccioli in pista a giocare e a divertirci tra i birilli. Era una festa continua; ora purtroppo le cose sono cambiate, la società non ha più i sostentamenti di una volta, e così siamo stati costretti a “emigrare”in altri gruppi sportivi, anche se a livello di strutture c’è l’impianto di Casette Verdini, un gioiello che ha ospitato competizioni a livello mondiale.” “Mi dicevate che le prime gare le avete affrontate quando avevate sette anni, per poi passare alla pista esterna dopo i dieci. Tu Andrea, in particolar modo, gareggiavi spesso sui 1500 e 3000 metri nel campionato italiano: come mai? Avevano scoperto che eri dotato di fibra muscolare bianca?” “No no, è perché da piccolo non c’avevo voglia di fare un c…., praticamente. L’allenatore mi metteva in pista e mi diceva – Pattina Andrè, pattina! -. Lo spirito agonistico m’è venuto dopo, quando sono cresciuto un po’. Agli inizi prendevo tutto per gioco, mi piaceva pattinare per divertirmi e stare con gli amici, e, probabilmente, se sono diventato un agonista, è perché nessuno mi ha mai forzato veramente in quella fase, anche se i miei, mi facevano percorre centinaia di chilometri la domenica per partecipare alle varie gare. A distanza di tempo sono convinto che questo fatto sia stata la mia fortuna: quanti ne ho visti di bambini forzati dai genitori o dagli stessi allenatori, ragazzi che avrebbero potuto dare molto, ma proprio per essere stati messi sotto una continua pressione, hanno smesso a 17/18 anni, nauseati non dallo sport, ma dalla stupidità di coloro che li circondavano, a cominciare dalla famiglia.” “E’ stato così anche per me – aggiunge Denni – spesso, se non sempre, i potenziali atleti vengono bruciati da chi li se-

Danny Sargoni gue. Della vecchia guardia in nazionale siamo rimasti noi due; i nostri compagni hanno abbandonato tutti.” “A cominciare da quando eravate allievi vi siete dimostrati tra i pattinatori più forti al Mondo; vorrei che mi raccontaste quanto e cosa l’esperienza che avete accumulato in tanti anni di competizioni v’ha insegnato.” “L’esperienza è tutto! (la risposta è corale) Chi fa competizione è a livello fisico, più o meno sullo stesso piano. Quello che abbiamo maturato con il passare degli anni è l’aspetto mentale. Innanzi tutto bisogna far tesoro dei propri errori, capire dove si sbaglia e provare a mi-

gliorarsi. Quando un atleta però decide di continuare a perfezionare la propria tecnica, prima o poi arriva alla piena padronanza dei suoi mezzi fisici; a quel punto la differenza la fa la testa. Quando i mondiali si svolgono in Columbia o in Corea, dove il pattinaggio è seguito allo stesso livello del calcio, entri in pista sotto lo sguardo di 50.000/60.000 spettatori: se non sei concentrato su te stesso, le emozioni e i pensieri ti tagliano le gambe. E’ determinati saper gestire la tensione, e imparare questa tecnica, ci serve molto anche nella vita di tutti i giorni, quella che viene definita la Calma Olimpica.” “Forse faccio questa domanda un po’


100 scontata ma la faccio lo stesso: perché, secondo voi, un ragazzo dovrebbe scegliere di pattinare?” “Perché è uno sport pulito, come tutti quegli sport che non sono oggetto di interessi economici. E’ chiaro che noi siamo in nazionale perché la passione ci ha portato lì, ma pattinare è comunque divertente, salutare e permette lo sviluppo di un’elevata coordinazione motoria.”

PALMARES ANDREA ANGELETTI

DANNY SARGONI

Campionati italiani:

36 titoli provinciali

18 ori 10 Argenti 5 Bronzi

25 titoli regionali

Campioanati Europei:

6 Ori 3 Argenti 9 Bronzi

8 Ori 10 Argenti 6 Bronzi Campionati Mondiali: 3 Argenti World Games (Giochi Olimpici) 1 Oro 1 Bronzo - Record Mondiale Assoluto 300mt Cronometro pista 2013 23.831s - Record Mondiale Assoluto 500mt Pista 39.684

Campionati italiani:

Campionati Europei: 2 Ori Campionati Mondiali: 1 Bronzo

Questi due fenomeni, perché sono dei fenomeni, inseguono il loro sogno fin da quando erano piccolissimi e parlare con loro dà un piacere unico. Sono leggeri, morbidi, senza contraffazione; non accennano al minimo sacrificio, non si lamentano, e, aspetto determinante, non lo fanno per soldi: pur essendo tra i più forti al mondo, in un anno, tra ingaggi e trofei vinti, guadagnano si e no la cifra che percepisce mensilmente un ragazzo che gioca in terza categoria. Ora si stanno preparando in vista dei mondiali che si svolgeranno a Novembre a Rosario, in Argentina. Prima di salutarci ho fatto loro un’ultima domanda. “Solitamente a che età arriva la carriera di un pattinatore?” Non ricordo chi dei due mi ha risposto: “Finchè dentro casa qualcuno ti dice: ”Vanne a fatigà!” Ahahah…un abbraccio immenso a tutti e due, siete i migliori!


101

I SAPIENTI

VA LV O L E VS TRANSISTOR

Q

uesta mattina il mio amico Massimo, gestore di un noto bar anconetano dove vado a consumare la mia colazione ogni giorno,mi ha chiesto dove avesse potuto trovare un IMPIANTO AUDIO STEREO da mettere in salone, quindi una cosa che abbia anche un minimo di design, oltre alla qualità audio. A questo punto, mi è subito balzata in testa una domanda : ma i giovani di oggi sanno cos’è un impianto audio stereo come lo concepiamo noi che siamo cresciuti negli anni 70 o giù di lì ?Mi son posto questa domanda poiché i negozi dove trovare queste apparecchiature, delle volte anche molto costose, sono belli che scomparsi. Se infatti vi fate un giro nei grandi supermercati della tecnologia, non ne troverete traccia. Evidentemente il prodotto non tira, surclassato dai mono cassa di ogni tipo dove apporre il proprio smartphone. Ma son proprio la stessa cosa rispetto ai vecchi e costosi impianti stereo ? Ecco, io direi proprio di no. I giovani preferiscono la semplicità e anche se la qualità è scadente, non se ne pongono il problema. L’importante è che possano collegarsi con il telefonino, che possano leggere gli mp3 di cui il loro apparecchio portatile è pieno. Scaricati da You Tube o piratati sulla rete, l’importante che occupino poco spazio nella memoria del cellulare. E’ indiscutibilmente il segno dei nostri tempi, in cui tutto si consuma in un attimo, poco importa se la qualità audio fa schifo.

Enrico Filippini Guai a pensare di sedersi in poltrona, davanti a due belle casse acustiche in legno, con telecomando in mano per la scelta dei brani da ascoltare da CD, o addirittura alzarsi ogni volta per scegliere il giusto solco del vinile su giradischi. Per noi che abbiamo superato gli “anta” era quasi un rito, prendersi del tempo per godere della bellezza dei ricercati suoni dei dischi di una volta. Io passavo interi pomeriggi a far volare la fantasia accarezzato dalle morbide onde sonore delle mie casse JBL e del mio amplificatore valvolare.  Oggi non c’è più tempo, o meglio, non si vuole più cercare il tempo per queste cose e chi produce apparecchiature audio se ne è reso conto e agisce di conseguenza. Scomparsi amplificatori, scomparsi compatti stereo multiapparecchiatura. Del resto il business è il business, “ nulla di personale, amico”...... Però delle volte, cari ragazzi, è importante prendersi del tempo, lasciarsi andare ascoltando musica registrata e riprodotta come si deve. Un ottimo esercizio per la mente e per ricaricarsi da una frenetica rincorsa al tutto e subito. Provate, e mi ringrazierete.


103

I SAGGI

LA VOLPE E L’UVA LA VOLPE E IL FORMAGGIO LA VOLPE E IL SALAME

Giuliano Rossetti

L

a volpe e l’uva è una delle più celebri favole attribuite a Esopo. Ma con il tempo le cose cambiano. Le volpi perdono il pelo ma non il vizio. Ai tempi d’oggi le volpi fiutano meglio formaggio e ancor meglio carne insaccata. Sta succedendo proprio in questi giorni. In una area di sosta dei nostri Monti, nei pressi del Monte Prata, nel Parco Nazionale dei Sibillini, le volpi sono ancora molto rossicce e sempre affascinanti. E sono attratte da un chiosco di prodotti tipici, che propone salumi e formaggio ai turisti o ai viaggiatori di passaggio che vanno e vengono da quelle parti e verso Castelluccio di Norcia. Questa scena apparentemente banale ha risvegliato il fanciullino che è dentro ogni uomo e donna di qualsiasi età e nazionalità. Mentre le due volpi, forse una famiglia, (visto che, quella più piccola e rossiccia, mostrava un petto pronto per allattare, mentre l’altro inizialmente più schivo da un colorito più chiaro, era probabilmente un maschio) erano li a soddisfare in maniera molto umana la loro voglia di nutrirsi e come gli umani hanno pensato di avvicinarsi al chiosco, incuranti dei pericoli di una strada vicina e della presenza di tante persone in zona. L’area è molto interessante perché oltre al chiosco di viveri c’è una fontana da dove sgorga continuamente acqua di grande qualità e sempre

fresca. Se all’inizio qualcuno si è fermato per acquistare qualche prodotto tipico, o per portarsi a casa un po’ d’acqua di sorgente … poi tutta l’attenzione è andata alle due volpi. Simpatiche, coccolone (quasi si lasciavano accarezzare) mentre qualche genitore triste triste avvertiva i propri bambini con un triste triste :«Attento ti può mordere!» Gli animali non mordono mai e se lo fanno è solo quando sono in grandi difficoltà o in grandi necessità, mentre noi umani riusciamo a farlo per gioco, per sport, perché ci da fastidio, perché abbiamo paura (guerra preventiva), ecc… Per tutti è stato uno spettacolo che è arrivato al cuore, perché le due volpi non erano attori ma erano naturali e spontanee e coraggiose probabilmente avevano anche dei cuccioli da svezzare e proteggere. Ed ecco allora che nessuno è voluto risalire in auto senza portarsi a casa un “souvenir” di questo incontro. E via dunque a foto con cellulari, macchine fotografiche digitali e apparecchi professionali, le due volpi si lasciavano tranquillamente fotografare senza chiedere l’obolo (come fanno le statue umane che campeggiano oramai in tutte le città, dalle più grandi alle più piccole), loro volevano solo nutrirsi dei nostri avanzi per tirare avanti.


104

I FENOMENI

INIEZIONI DI BUON UMORE

Q

uesta crisi generale,globale e diffusa sta smorzando gli entusiasmi e le idee di tutti,compresi quelli dei giovani che dovrebbero rappresentare il futuro e le risorse per quello che verrà . Personalmente mi ritengo una persona molta fortunata perché sono riuscito ad unire la mia passione con il lavoro. Mi sono laureato isef nel 2000 e dopo aver lavorato per quattro anni in vari centri Sportivi ho aperto la Zicatela,la mia palestra . Ho avuto difficoltà sia finanziaria che gestionale inizialmente ,ma ho tenuto duro lavorando a testa bassa tutti i giorni, tutto il giorno. Oggi, dopo dieci anni, posso dire di sentirmi realizzato,faccio quello che ho sempre voluto,lavoro allenandomi ed allenando gli altri. Ho clienti di tutte le età che fanno attività fisica divertendosi. Molti ragazzi mi chiedono però consigli su come arrivare a questo ed io rispondo sem-

Marco Bentivoglio pre mettendo molta passione e dedizione ,senza perdere mai di vista affetti e famiglia,ma senza rinunciare neanche ai propri obbiettivi ed ambizioni/passioni,se avrete accanto persone intelligenti,vi capiranno e sosterranno sempre. Ancora mi diverto nel trascorrere fine settimana fuori a fare stage di sport da combattimento ,confrontarmi,ridere ,scherzare e sudare insieme a coach e atleti di tutta la nazione;ancora provo emozioni nel vedere ragazzi che alleno mettere passione pura nel preparare gare e competizioni più o meno importanti;ricordare Insieme qualche allievo perso per strada e qualche altro entrato da poco nel giro,situazioni buffe o grandi delusioni. Mi fa sentire bene,vivo,ed anche se ormai impiego qualche giorno in più per recuperare ,ne vale sempre la pena,sempre... La vita va vissuta fino in fondo...


105

I SAPIENTI

LA FORFORA Emanuel Vecchioli

L

a forfora o pitiriasi e’ un disturbo piuttosto comune, in cui il cuoio capelluto si presenta ricoperto di un’abbondante desquamazione biancastra. Piccole scagliette , secche e perlate le quali non sono altro che residui di cellule morte, il cui ricambio avviene piu’ rapidamente del normale. E’ un inestetismo no patologico, ma fatidioso e sgradevole, che causa spesso problemi di insicurezza dovuti alla paura di essere considerati trascurati e sporchi. L’immagine individuale rischia cosi di essere compromessa e ancora una volta i capelli colpiscono nell’intimo. Esistono diversi tipi di forfora che si possono accompagnare a vere e proprie malattie dermatologiche del cuoio capelluto a decorso cronico recidivante, andremo pero’ a prendere in considerazione le due formme piu’ comuni dell’anomalia ossia la forfora secca e quella grassa. La forfora secca e’ piu’ frequente nei mesi invernali, nel sesso maschile e in genere non e’ collegata a caduta dei capelli. Un sintomo frequente e’ il prurito. La forfora grassa e’ caratterizzata dalla presenza di un’intensa seborrea che tende a trattenere le squame furfuracee, impedendone l’allontanamento dal cuoio capelluto. Spesso la forfora grassa evidenzia una dermatite seborroica ed e’ frequente la caduta dei capelli. Entrambi i tipi di forfora sono caratterizzati dalla presenza di focolai infiammatori, costituiti da gruppi di cellule che, probabilmente richiamate da microrga-

nismi, rilasciano sostanze che contrastano l’infezione. Il problema sta nel capire cosa genera le infiammazioni locali, cioe’ la causa prima della forfora. Molti attribuiscono al causa ad un lievito del genere “pityrosporum, descritto dallo scienziato francese louis-charles malassez circa certo anni fa, anche se per alcuni autori la sua crescita rimarrebbe soltanto un fenomeno secondario che accompagnerebbe le modificazioni dell’epidermide del cuoio capelluto, piuttosto che provocarle. Andiamo dunque ad elencare qualche trattamento naturale che riesce a contrastare in breve tempo e con efficacia l’anomalia forfora. Ingredienti: 1 Limone, olio d’oliva (3 cucchiai), acqua (3 cucchiai), spremere un limone e aggiungere 3 cucchiai d’olio d’oliva e altri 3 d’acqua naturale. Mescolare i tre ingredienti fino a quando non otteniamo un composto unico. L’impacco deve esssere applicato sul cuoio capelluto umido prima dello shampoo e deve essere lasciato agire per trenta minuti. Il succo di limone aiutera’ a liberare il cuoio capelluto dalle squame, mentre l’olio contribuisce alla sua idratazione ed al suo nutrimento.


107

“S

I MENESTRELLI

ono minimo 15 anni che non sento un gruppo così!” (Marco Verteramo, MK records) “I vostri pezzi non sono canzoni, ma sono suite, come nella musica classica. Per questo la vedo dura per voi, ma ricordate: in momenti di crisi nera sono nate opere geniali!” (Massimo Luca, storico chitarrista di Lucio Battisti e produttore di artisti come Gianluca Grignani). Sono solo due dei tanti apprezzamenti ricevuti dai NOXTER, una band di appena ventenni invitata ad un talent scout di risonanza nazionale, il Music Village del 2011. I NOXTER nascono a Castelfidardo nel 2006 dalla voglia di suonare ed esibirsi di cinque giovanissimi musicisti, che iniziano ben presto a presentare esclusivamente brani composti e scritti da uno o più membri, vincendo anche numerosi concorsi nella regione. Si appassionano con il tempo ad un genere, il progressive rock, che permette loro di coniugare la complessa bellezza e ricchezza della musica classica con le sonorità del rock. Proprio l’esperienza del Music Village fa nascere il seme di un’opera unica nel suo genere nel panorama marchigiano (e non solo), il “Furioso – Opera Rock”, un concerto teatrale liberamente ispirato all’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto che sfata in un colpo solo due false credenze: la musica rock non può creare cultura e la letteratura italiana è roba da topi di biblioteca, o quasi. Dieci scene, ciascuna formata da un’anima musicale sulla quale a volte si canta, altre si recita, ripercorrono le vicende dei principali personaggi del

Cesare Sampaolesi poema; un allestimento davvero originale, curato anche dall’esperienza e dall’estro artistico di Isabella Carloni, attrice teatrale marchigiana di fama nazionale. Così, i NOXTER portano “on stage” ormai da due anni questo spettacolo in svariati teatri e scuole della regione, riscuotendo sempre un ottimo successo, sostenuti dal costante e fondamentale supporto della Sisme Spa e del Gruppo FAI Giovani Ancona. Forti degli apprezzamenti trasversali ricevuti dal “Furioso – Opera Rock” e convinti che la musica possa avvicinare i ragazzi anche ad altre forme d’arte, i NOXTER stanno già lavorando ad un nuovo allestimento, in collaborazione con “TuttaScena”, una compagnia teatrale del maceratese: stavolta si sbarca oltremanica, alla (ri)scoperta di una grande opera della tradizione anglosassone, The rime of the ancient mariner di S. T. Coleridge. Con i NOXTER Rock e letteratura non sono mai stati così vicini...

Componenti: Matteo Chiaraluce (voce cantante e recitante, chitarra acustica) Cesare Sampaolesi (chitarra elettrica) Caterina Sampaolesi (tastiere, synth, violino) Federico Carestia (basso elettrico) Andrea Elisei (batteria)


108

I SAPIENTI

VI PRESENTO NICOLA PIGINI Nicola racconta la sua esperienza al “The Italian Dj Contest”.

Nicola Brignoccolo

A

spettando la stagione in arrivo, a breve seguiremo da vicino, Musicultura 2014, evento musicale ormai noto come trampolino di lancio per il festival di Sanremo,mettendo in evidenza ogni anno nuovi artisti...il viaggio continua alla scoperta di nuovi talenti e la vetrina da allestire sara’ ricca di artisti e personaggi della musica in generale. Dalla Riviera Marchigiana poi ci sposteremo non solo fuori regione ma il tour proseguira’ anche all’estero..e per il 4° anno consecutivo torneremo a Londra ormai considerata la capitale delle Capitali non solo nell’ambito musicale!

Sara’ un Gran Gala’ di Dj,Pr,Voice,Band e artisti vari!! In questa occasione vi parlerò di Nicola Pigini, un nostro talento recanatese, che si accosta alla musica da quando aveva appena 3 anni. Dopo aver conseguito il diploma di scuola media musicale, si avvicina sempre più alla musica elettronica, incomincia ad interessarsi di discoteche e nightlife. E’ attualmente uno dei più quotati DJ della nostra regione e si esibisce abitualmente nei club nazionali più rinomati. Vi riporto qui di seguito alcune sue considerazioni in merito ad una esperienza avuta recentemente.


Ho deciso di partecipare al “The Italian Dj Contest” della Pioneer quasi per scherzo parlandone con un mio amico (Gianluca Grandinetti) che è un bravissimo videomaker (ha lavorato con la universal italia) e abbiamo deciso di fare il video di presentazione in cui venivo ripreso durante 15 minuti di performance in consolle. La Pioneer tra più di 500 partecipanti mi ha selezionato tra i primi 10 semifinalisti. La semifinale si svolgeva a Milano al Klima Hotel tutto a spese di Pioneer che ci ha offerto due giorni in questo bellissimo hotel a 4 stelle con percorsi benessere compresi. Il primo giorno è stato di presentazioni, prove con la consolle, interviste e relax. Il secondo dalla mattina alla sera si sono svolte le gare: 20 minuti a testa uno contro l’altro.Alla fine della gara la giuria si è ritirata per decidere i 3 finalisti che si saranno sfidati poi all’Alcatraz a Milano. I 3 finalisti scelti furono: Lucio Marchegiano (Genova) Jack Bernini (Parma) Nicola Pigini (Castelfidardo). Il 9 maggio siamo stati invitati a milano per la finale, un giorno veramente teso e sentito però comunque avevo già raggiunto l’obiettivo di arrivare nei primi tre in tutta Italia. Entrare la sera all’Alcatraz è stata una grande emozione perché è una discoteca immensa e molto famosa. Sicuramente non mi dimenticherò mai delle sensazioni provate nel salire quel palco completamente allestito da Pioneer Italia. Nella giuria della finale era presente anche un grande dj come Cristian Marchi, ricevere consigli e complimenti da lui è stato davvero positivo e motivo di orgoglio per me. Il terzo posto che è arrivato inizialmente è stato difficile da digerire perché una volta arrivato li ci speri però dormendoci su, il giorno dopo ero già contento per il bellissimo risultato.


110 CONCESSIONARIA MENCHI La nostra Storia (parte prima)

La nostra azienda nasce ufficialmente nel 1921, fondata da Ansovino Menchi, classe 1897, che sin da ragazzo aveva intuito quello che sarebbe stato lo sviluppo dell’auto e del sistema dei trasporti in generaale. Dopo aver vissuto direttamente la Grande Guerra come autiere, anche grazie alle sue conoscenze meccaniche, torna a Muccia (MC), suo paese natale, situato sulle colline marchigiane ai confini con il comune di Camerino, e lì acquista un immobile da destinare ad officina, avviando un commercio di autocarri, cicli e motocicli. Subito dopo fa il salto di qualità entrando nell’organizzazione della Edoardo Bianchi, produttore in quegli anni di autovetture ed autocarri di tutto rispetto. (La sede di Muccia ripresa di recente) Nel periodo in cui il «servizio» ha un peso preponderante sugli altri aspetti economici, fa della sua piccola azienda un punto di riferimento nell’assistenza e nella vendita in tutto l’Alto Maceratese, tanto da divenire manutentore di un autoparco militare, possedendo l’esercito in prevalenza autocarri Cives e Mediolanum della Bianchi. Alla fine della seconda guerra mondiale, coadiuvato dai suoi due figli maschi Amelio e Vincenzo e con la prospettiva di un imminente e forte sviluppo economico, crea un punto di vendita e assistenza anche a Macerata, capoluogo di provincia e città più importante del territorio. Si assiste in quegli anni all’inesorabile declino della Edoardo Bianchi e alla contemporanea nascita, con capitale Fiat-Pirelli-Bianchi, dell’Autobianchi che, nel 1957, presenta la sua più importante creatura: la Bianchina. L’azienda ne è tra le prime commissionarie e con il suo forte radicamento sul territorio dà «filo da torcere» alla stessa Fiat 500.

ABBONATI A

Il periodico marchigiano per chi ama I NUMERI UNO

RICEVERAI DIRETTAMENTE A CASA TUA L’ABBONAMENTO PER UN ANNO A MG marcheguida.it 6 NUMERI AL COSTO DI 30 EURO, SPEDIZIONE INCLUSA


Sasso di Palazzo Borghese

ph. Giammario Cardini


MG marcheguida.it | UNA TERRA STRAORDINARIA - N°1 del 2014 Giugno-Luglio - Anno XVI  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you