Issuu on Google+

BALLAR PORTA aPORTA NDE

PIC COLA

Kitsch

MAGAZINE

All’interno:

GRA

MESAGNESe

SERVIZIO

PUBBLICO

PIAZZAPULITA Quarto

Grado 1/2

21%

La Gazzetta Sportiva Tutto il fuxia

i Nuovi

SEMPRINPIEDI

di mesagne


AGNESe MEKiS tsch MAGAZINE

BALLAR

AMMINISTRAZIONE: LE DIMISSIONI DEL SINDACO SCODITTI

“Francolino” Scoditti, come l’«Ercolino semprimpiedi»

di Antonio Rigliano

Si piega, vacilla, rimbalza; poi torna sempre allo stesso posto. Viene strapazzato, spintonato, malmenato eppure si ritrova dritto col mezzo sorriso stampato sulle labbra. Prende pugni, calci e (spesso) colpi bassi ma ancora niente: Francolino Scoditti, come l’«Ercolino semprimpiedi» degli anni ’60, barcolla ma non molla. Abbiamo voluto dedicare proprio al nostro sindaco la prima copertina di questa nuova avventura editoriale «tra amici che vogliono divertirsi» (senza altra pretesa che questa). Non potevamo scegliere altro soggetto vista l’attenzione che da tempo gravita intorno alla maggioranza di centrosinistra in pieno travaglio interno. Se sono tutt’ora poco chiare le

vere ragioni del malcontento politico, appaiono fin troppo numerose le narrazioni della «accesa» assemblea del PD che ha costretto il Nostro, lo scorso 12 aprile, a rassegnare le dimissioni come punto di non ritorno. Ma proprio come con per il simpatico gonfiabile Galbani arrivare «a terra» era solo una delle fasi per ritornare “in piedi” sul punto di partenza: ed ecco che mentre andiamo in stampa le nebbie sembrano diradarsi e con un comunicato congiunto tutti i partiti implorano Francolino di restare. E lui accetta. Con il nostro fotomontaggio abbiamo voluto riderci su: l’informazione locale, benché brulicante di testate e giornalisti, è troppo spesso inchiodata nel meccani-

Il Sindaco Franco Scoditti

smo del «copia-incolla» o peggio, con i quotidiani cartacei, a fungere da tiepida «bacheca del giorno dopo». Con queste pagine vogliamo andare oltre e ironizzare sulle vicissitudini della nostra comunità di pro-

vincia senza dimenticare di autodenunciarci, come noterete dallo stesso titolo. Nel mare magnum degli «antropologi dell’informazione» speriamo di rimanere, anche noi, «semprimpiedi».


MESAGNESe

Numero 1 Maggio 2013

Kitsch MAGAZINE

Alessandro Sportelli

Aprile 2013. Dodici anni e un mese dopo quel marzo del 2001 quando assieme ad altri due “pazzi come me” demmo alla luce Demo Mesagne. Fummo precursori di una comunicazione che faceva perno sulla voce popolare, ascoltando l’opinione di chi non l’aveva mai avuta: i Mesagnesi. Già dai primi numeri furono presenti di volti e denunce dal basso mentre grandi immagini e fotomontaggi raccontavano ironicamente i momenti topici della città come l’alluvione del 2007, “con tanto di Sindaco in gondola”. Avemmo due tipi di riscontri: la considerazione di migliaia di Mesagnesi manifestata attraverso miriadi di segnalazioni in redazione e la mancata sensibilità degli Amministratori dell’epoca che consideravano il nostro “patinato” per niente autorevole. Ricordo come, nel consegnare

una copia del giornale tra le mani di assessore di quegli anni, mi fu detto: “No, grazie. Non leggo Topolino”. Queste parole, pronunciate da un personaggio mai più rieletto, rimasero impresse nella mia mente e furono smentite dai risultati. Oggi, come allora, ripropongo con molta più esperienza e con nuove tecnologie, cresciute assieme a me, questo nuovo progetto editoriale. Non poteva che chiamarsi “Il Mesagnese”. Questa volta, però, sono consapevole della forza della comunicazione che continuerà ad essere sarcastica e anticonformista e non prendendosi mai sul serio, prenderà spunto dai più famosi talk show televisivi. Il primo “grazie” va agli amici che hanno collaborato per far nascere questo nuovo “topolino”. Alessandro Sportelli

Il Mesagnese Magazine Periodico d’informazione locale edito da:

Part. I.v.a. 02366560742 Periodico in attesa di registrazione

centerwater IMPIANTI TRATTAMENTO ACQUA CENTER WATER

Via Sandonaci, 12 Mesagne (Br) 72023 Tel/Fax 0831.1987551 Mobile: 3289362948

Per il tuo Ufficio e per la tua Casa

CENTER WATER DI MARINO P. & COMPANY


PORTA aPORTA

A COL PIC

MAGAZINE

E ND GR A

AGNESe MEKiS tsch

CULTURA E POLITICA: DA QUELLA “GRANDE” A QUELLA “PICCOLA” PORTA A PORTA!

Mimmo stella su....cultura e finanziamenti Cari amici lettori buonase-e-era da Bruno Calabrone. Benvenuti nel salotto più famoso del piccolo schermo mesagnese: Porta (piccola) a Porta (grande). Nel nostro primo appuntamento il nostro ospite è il coordinatore del comitato civico Terra di Mesagne Mimmo Stella. Buonasera Mimmo… Buonasera a tutti e grazie dell’invito. Andiamo indietro di qualche settimana quando è stato contattato da stampa ed appassionati per la clamorosa vicenda che ha visto il sito archeologico di Muro Tenente abbandonato a se stesso e sommerso da erbacce. Qual è lo stato attuale? Evoluzioni o involuzioni? [muro tenente]: Il diserbo e il taglio dell’erba credo sia l’ultimo dei problemi. Muro Tenente e’ morto e risorto piu’ volte dalle sue stesse ceneri. Noi pensiamo che possa diventare una grande risorsa storico-ambientale se messa in condizioni di sopravvivere in simbiosi con la storia e la cultura dell’altra “citta’ gemella”, Mesagne. Più volte siamo stati smentiti sui rapporti incrinati tra comune di Mesagne e Università di Amsterdam. La realtà è sotto i nostri occhi, ad oggi, gli olandesi che in vent’anni di studi e scavi hanno ridato vita e lustro all’antico centro messapico, hanno interrotto il loro lavoro di ricerca e mancano oramai da due anni. Nel frattempo il Parco archeologico è stato abbandonato ad atti vandalici che ne hanno distrutto la sua base logistica. Dei fondi rivenienti dal Turgrate 2 che avrebbero dovuto interessare in modo particolare il Parco archeologico di Muro Tenente, non si vede traccia,

tranne se si esclude solo due/tre pannelli didascalici miseramente vuoti. C’è bisogno di riprendere la strada maestra, Vogliamo vedere un serio piano di gestione e la convenzione firmata e sottoscritta dai vari Enti. Muro Tenente e’ e deve diventare il Parco archeologico e paesaggistico delle città di Mesagne di Latiano e dell’intero territorio. In questo numero de “Il MesagneSe Magazine” le nostra Iena ha indagato sui finanziamenti persi o mal spesi. I fondi per la valorizzazione dei beni culturali è forse il campo più minato, lo avete denunciato spesso… [museo, vico quercia, etc] Lo avevamo detto all’inizio di questa legislatura che questi sarebbero stati anni importantissimi per poter accedere a finanziamenti rivenienti da fondi comunitari e che l’Europa dopo il 2013 avrebbe stretto il rubinetto all’Italia, ci sono, infatti, tanti altri Paesi, entrati nella comunità europea che sono ritenuti sottosviluppati e quindi avvantaggiati economicamente dalla stessa Europa. Purtroppo, il comune di Mesagne non è riuscito per vari motivi ad intercettare finanziamenti propedeutici per dare esecutività a progetti che languono. L’ultimo caso è quello del mancato finanziamento al Museo ma pare che dovrebbero esserci dei progetti di area vasta brindisina, già ammessi a finanziamento, riguardo gli scavi archeologici di vico Quercia ed il Parco archeologico di Muro Tenete. Credo che comunque, l’Amministrazione comunale dovrebbe comunicare con trasparenza ai suoi cittadini i vari percorsi e le priorità date con le motivazioni e in questo caso se hanno mai dato esecutività a questi progetti.

L’intervistato


SERVIZIO

PUBBLICO

LE BUONE E LE CATTIVE  Il diciassettenne mesagnese Rudy Oliva, in sella alla Aprilia 125SP, si è classificato terzo nella prima gara della Coppa Italia 2013 cl. 125 a Misano Adriatico. Si replica l’8 a Imola. Auguri!

 Il Distortion Make Project, progetto tutto mesagnese che punta a creare un circuito delle più talentuose band locali del territorio, ha compiuto un anno e cresce sempre più! Bravi ragazzi!

...dai valore al tuo immobile Agenzia immobiliare Amministrazione condominiale

Via G.Marconi, 144 - 72023 Mesagne (Br) www.campanaimmobiliare.it campana.immobiliare@libero.it

 Per il Comune nell’area dell’ex stadio di via Sasso ci sarebbero «aiuole» da preservare. Sono forse quelle delimitate dalle decine di deiezioni di cani «non ammessi» all’ingresso o si vuole preservare le “cicorelle” che crescono al posto delle aiuole!

 In barba e infischiandosene di qualsiasi regolamento Comunale, l’Auchan di Mesagne continua la campagna pubblicitaria su pannelli pubblicitari non autorizzati nel posteggio dell’ipermercato. Sui cartelli si legge che a gestirli sarebbe un’azienda di Milano!

 L’Ariston ha chiuso nuovamente i battenti. L’entusiasmo e la tenacia di un gruppo di giovani che l’aveva preso in gestione non hanno potuto niente contro l’inerzia di istituzioni e burocrazie. Peccato.

 “Il frutto del peccato”non trova spazio nella differenziata.E cosi compare un test di gravidanza...forse avremo un bimbo in più.Ma per l’inciviltà il risultato è di sicuro positivo

AGNESe MEKiS tsch MAGAZINE


AGNESe MEKiS tsch MAGAZINE

PIAZZAPULITA

POLITICA: GIOVANNI PLENILUNIO PRESENTA IL SUO PROGETTO “LUNA PIENA”

LA LUNA PIENA DI GIOVANNI PLENILUNIO TRA EQUITALIA, BERLINO E PAPA FRANCESCO di Alessandro Sportelli

Il Sindaco Scoditti annuncia le proprie dimissioni e così incoraggia i primi contendenti alla poltrona di primo cittadino, lasciando presagire una possibile campagna elettorale anticipata. A farsi trovare pronto ai nastri di partenza in un comizio infuocato al rione Seta è stato il così denominato “Presidente” Giovanni Plenilunio (comizio integralmente ripreso da più operatori che ha sbancato la rete facebook e youtube facendo registrare in 48 ore oltre 14.000 visualizzazioni). In piazza Plenilunio ha prefigurato il suo programma e anticipato il nome della lista civica, evidentemente ispirata al suo cognome: LUNA PIENA. Il presidente, come un fiume

in piena, ha fatto da solo e meglio dei saggi del di Napolitano, proponendo l’abolizione di Equitalia, il rimborso dell’IMU, l’apertura di ogni sorta di facoltà universitaria in città e il taglio dei costi della politica, facendo inoltre un passaggio sulle quote condominiali. Solo sull’argomento delle auto blu lo stesso ha rilasciato una improbabile dichiarazione: «Non posso impedire ai cittadini di cambiare colore alle proprie auto». Il cuore del comizio politico è stato la similitudine con le vicende dell’89, lo slogan di Plenilunio è infatti dirompente: «… anche a Mesagne dobbiamo fare cadere il muro di BILLINO». Quel Muro che, a

Il presidente Plenilunio ( fondatore movimento LUNA PIENA)

suo dire, è stato edificato con mattoni di burocrazia e d’inefficienze per i cittadini mesagnesi. La conclusione del comiziante è memorabile, il

futuribile sindaco saluta Papa Francesco e chiede ai presenti di andare a comprare le cozze dallo sponsor che ha permesso l’organizzazione del comizio.


Quarto

AGNESe MEKiS tsch

Grado 1/2

MAGAZINE

FOCUS: L’ETERNO CASO DELLE PROVINCIALI

CON I PRIMI “CALDI”TUTTI A MARE. SU le STRADE del futuro ? di Antonio Rigliano

via San pancrazio ( per arrivare a mare con la De Lorian “ ritorno al futuro”)

Troppo facile pensare alle «strade», urbane e provinciali, quando si vuol denunciare un malservizio locale. La buca pericolosa, l’asfalto divelto, il dislivello sulla carreggiata sembrano non fare più notizia tante e tali sono le segnalazioni ai cronisti locali ed agli uffici competenti. A titolare sui giornali è rimasta la rassegnazione degli automobilisti che sembrano destinati, da un misto di lentezza burocratica e scelte inopportune, ad un continuo slalom fra interruzioni e tratti pericolosi. Si potrebbero passare in rassegna le vie più trafficate del centro, preda di rattoppi d’emergenza, o l’eterno cantiere della circonvallazione a sud della città, ferma in un limbo preoccupante. In ogni modo il simbolo di tutte sembra essere la provinciale per San Pancrazio, nodo stradale cruciale soprattutto per l’approdo sulle spiagge ioniche. Il letargo

nel quale erano caduti trasversalmente la politica e l’informazione sul tema sembra essere terminato in concomitanza con le prime temperature miti delle ultime settimane. Questa, verosimilmente, la cronaca: qualche rappresentante locale, come tanti altri mesagnesi, ha percorso nei giorni scorsi l’agonizzante arteria in direzione mare, accorgendosi (toh!) dello stallo in cui versano i lavori di riqualificazione a ridosso della stagione estiva. Tornato a casa ha dato giù di polso con lancinanti comunicati stampa in cui si denuncia la situazione e si invocano rapide soluzioni. Non poteva mancare la risposta della controparte con accuse a questo o a quel avversario per non essere intervenuto a suo tempo. Un teatrino di cui la città sembra stufa e che non aiuta a trovare soluzioni. La «strada», non è questa. Almeno non per arrivare al mare.

Abbigliamento Primavera Estate e Costumi delle migliori marche sempre con il 50% di sconto

VIA N.BIXIO A MESAGNE TUTTO AL 50%...SEMPRE

ELETTONET DI DADORANTE COSIMO VIA MARONCELLI, 22 TEL 0831.092603

e se non vuoi rinunciare al fisso... siamo rivenditori autorizzati TEL 0831.092603 www.facebook.com/elettronetapple

7


AGNESe MEKiS tsch MAGAZINE

Sparala

sulla nostra FAN PAGE

facebook.com/MESAGNESE

A cosa stai pensando? hai qualcosa da dirci? Sparala sulla nostra Fan Page e ti daremo voce!!!

LA NOSTRA 100° FAN ! CHI SARA’ IL/LA N°200?


AGNESe MEKiS tsch MAGAZINE

la

IENA

Prima puntata: IL COMUNE DI MESAGNE SPRECA RISORSE

I FINANZIAMENTI PERDUTI di Agnese Poci

I finanziamenti volano via verso altri lidi...comunali

Chissà che città sarebbe Mesagne se i tanti finanziamenti per i progetti redatti e presentati non si fossero persi, per una lunga e nemmeno tanto tortuosa strada, negli ultimi anni. Preparatevi: il viaggio è lungo e sofferto. Si parte dai Sistemi Ambientali e Culturali (SAC), aggregazioni di risorse del territorio in cui più istituzioni si mettono in rete, promuovendo i propri servizi. Mesagne- capofila del progetto-presenta la documentazione oltre i termini massimi previsti. Risultato? La città rimane a bocca asciutta, e con essa altri 11 comuni. Altra tappa del viaggio, il quartiere Grutti, con “Io gioco le(g)ale”, finanziato dal Ministero dell’Interno: il progetto che promuoveva lo sport e la legalità fu redatto male e non fu ammesso ai finanziamenti, presi da Brindisi e Torre Santa Susanna. Muro Tenente si trasforma nell’oggetto del desiderio su cui nascono (e muoiono) le idee progettuali del Comune. Le schede progetto ammesse al finanziamento andavano completate per accedere alla

pecunia. Esempio? Il progetto che prevedeva la valorizzazione del sito perché storicamente luogo di una battaglia delle guerre puniche. Il “Muro della pace” - nome del progetto- si è trasformato nel locale muro del pianto: il sito archeologico, costato lacrime e sudore agli archeologi pugliesi e di Amsterdam, resta chiuso, ridotto ad un campo di patate. Perché non è bastato il TurGrate2, 2.500.000 € di fondi da incentrare sul sito e che con la sua valorizzazione poco hanno avuto a che fare: le fiere all’estero sono state improduttive. Se bisogna promuovere Mesagne– monumenti compresi – perché non portare le brochures e i prodotti tipici? E il nostro viaggio è appena cominciato.

Il Comune di Mesgane sede di opportunità sprecate


21%

AGNESe MEKS itsch MAGAZINE

La Gazzetta Sportiva Tutto il fuxia

di mesagne

VOLLEY: serie b tERMINATA LA STAGIONE PER LA OFF OCCHIALI MESAGNE

il presidente Sportelli tra bilancio e futuro

Il Mesagne Volley durante degli scatti presso Off Occhiali Finita la stagione sportiva per l’Off Occhiali Mesagne volley, ed è subito tempo di bilancio per il quadro dirigenziale ad analizzare questa prima esperienza nel campionato nazionale di serie B femminile. Il Presidente Sportelli ancor prima di analizzare l’anno sportivo, attraverso una nota, ringrazia per la disponibilità, per la pazienza, per l’altruismo tutti i propri dirigenti e tecnici senza dei quali non avrebbe mai potuto affrontare questa impegnativa e problematica stagione. I tecnici/dirigenti da Gabriella Carluccio sempre presente ogni giorno in ogni palestra ad Andrea e Simone preziosi collaboratori nel settore giovanile e nella prima squadra per arrivare a Fabrizio Sportelli che ha allestito con grande difficoltà il roster, a inizio stagione non potendo contare su nessun main sponsor, arrivato fortunatamente a dicembre, grazie alla lungimiranza sportiva, commerciale e sociale del Sig. Mimmo Furone e della sua azienda Off Occhiali, il Presidente inoltre ringrazia il suo vice Doriano Riparbelli, l’addetto alla federazione Salvatore Spinosa e Daniele Scardia per il prezioso contributo dato nel

MESAGNESe Kitsch

MAGAZINE

contattaci inviandoci una mail

mesagnesemag@gmail.com

Piccoli Servizi x grandi imprese 500 copie Carta Intestata 500 Biglietti da visita Plastificati 500 Volantini pubblicitari Offerta e promoz ione del Mese

da aggiungere costi di realizzazione grafica qualora si necessiti ed i.v.a. come per legge

settore giovanile e il direttore sportivo Maurilio Miceli e dulcis in fundo il presidente onorario Prof. Alessandro Distante che attraverso il connubio con l’ISBEM si è avuta la possibilità di valorizzare i giovani tra sport e ricerca. Il bilancio sportivo, per il presidente Sportelli inizia con la visione del bicchiere mezzo pieno, cioè per aver avuto la possibilità di valorizzare i propri giovani risultati degni nell’affrontare corazzate come il Maglie (vincitore del campionato), il Corato e tutte quelle squadre che militano da anni nel campionato nazionale serie B, inoltre aver avvicinato altre giovani provenienti da paesi limitrofi su cui si costruirà il futuro del Mesagne Volley. La posizione nel quart’ultimo gradino è lo specchio di un’anno trascoso tra mille difficoltà che ha visto avvicendarsi tanti cambi di atleti e di allenatori, non trovando mai l’equilibrio tra le giocatrici esperte, le nostre giovani e la mentalità della nostra società. Lo Sport però come missione aggregativa ci impone di vedere sempre e comunque i lati positivi tralasciando quello che domani sarà il passato cioè le difficoltà, le incomprensioni che naturalmente faranno spazio ad una nuova progettualità. Come il tessuto sociale oggi impone nelle prossime riunioni dirigenziali le parole “d’ordine” saranno; sobrietà, ritorno allo sport “giocato” e valorizzazione dei giovani quali uniche risorse per ritornare a divertirci e far divertire le tante centinaia di tifosi sempre presenti la domenica al palazzetto di via Udine!


21%

AGNESe MEKS itsch MAGAZINE

La Gazzetta Sportiva Tutto il fuxia

di mesagne

BASKET: SERIE D REGIONALE

FINISCE ALLE POULE PROMOZIONE LA STAGIONE MENS SANA

Il Giovanissimo Roster della Mens sana Mesagne. Termina a Cerignola il campionato della Mens Sana Ciaurri Mesagne. La formazione allenata da coach Capodieci si congeda con una buona prestazione, lasciando la posta in palio ai dauni pronti per l’assalto alla serie C regionale. I padroni di casa rinunciano a Sfregola per infortunio e perdono durante il riscaldamento Bacchini alle prese con problemi muscolari. Coach Carano manda in campo l’americano Jolicoeur, l’argentino Rubbera con Arbizzani, Romano e Basanisi. Il Mesagne rinuncia a Renis e Rosato infortunati, schiera Crovace, Spagnolo, Passante, Calò e D’Amicis. Rubbera inizia subito il suo show diventando imprendibile per la difesa mesagnese, i mensanini rispondono con un gioco corale e tentano di rimanere agganciati alla partita. Coach Capodieci decide di utilizzare tutti i disponibili e manda subito in campo Gualano per Spagnolo e Falcone per Passante. Nel Cerignola Arbizzani trova spazio nel predominio del duo Rubbera-Joilicoeur e con una tripla di Calò il primo quarto si chiude con i padroni di casa in vantaggio 25-16. Nel secondo periodo continua il dominio degli attacchi, gli stranieri del Cerignola continuano a realizzare con regolarità (56

punti in due), nel Mesagne trovano buoni spunti Spagnolo e D’Amicis, mentre mettono piede sul campo anche Murra e Sicilia. Al riposo lungo Cerignola in vantaggio 47-38. Al rientro in campo Spagnolo prova a rientrare in partita, Calò realizza ancora una tripla, sarà 4/5 alla fine, ma è il Cerignola che allunga ulteriormente. Rubbera piazza due triple consecutive, seguito da Triglione e Clemente e il terzo quarto si chiude con il Cerignola saldamente in vantaggio 69-55. Nell’ultimo periodo Capodieci continua a schierare formazioni inedite e manda in campo gli Under Iaia, Murra, Falcone, Calò con D’Amicis. La Ciaurri Mesagne recupera, i padroni di casa reggono il ritorno dei mensanini grazie esclusivamente alle realizzazioni dei soliti Rubbera e Jolicoeur. Mentre il tabellone segna -4 a 2’ dal termine l’aggancio degli ospiti sembra possibile, ma alcuni errori dovuti alla stanchezza per la lunga rincorsa, lasciano la posta in palio al Cerignola. Coach Capodieci: “Abbiamo disputato un ottimo campionato oltre le più rosee previsioni, rimanendo in testa alla classifica dalla prima all’ultima giornata della fase regolare. Abbiamo utilizzato costantemente i nostri under che nel corso della stagione hanno dimostrato evidenti margini di miglioramento. Adesso non ci fermiamo, dalla prossima settimana inizieremo un lavoro specifico che coinvolgerà tutti i ragazzi impegnati il prossimo anno con la squadra senior. Purtroppo gli impegni universitari porteranno lontano Renis e Rosato che saranno rimpiazzati adeguatamente”. Mentre il Cerignola continua la scalata verso la Serie C regionale, in casa Mens Sana Mesagne la prossima settimana si riuniranno i dirigenti per valutare la stagione sportiva appena conclusa.


21%

La Gazzetta Sportiva Tutto il fuxia

di mesagne

Calcio: CONCLUSO IL 7° MEMORIAL TONY CAVALLO

NEL RICORDO DI QUEL SORRISO DEL NOSTRO AMICO TONY Le mongolfiere a forma di pallone di calcio un saluto verso il cielo, un saluto a Tony dalla sua famiglia e dai suoi amici.

Silvana Laganà, medaglia d’oro di Taekwondo a Budapest

Il 7° memorial Tony Cavallo si è concluso con la Vittoria dell’US Lecce che con un secco 3 a 0 a battuto in finale l’Arsenal Taranto. L’incontro, in parità alla fine del primo mini tempo di 35’ a visto nella ripresa un convincente Lecce di mister Morello, che con Venza e la doppietta di Tedesco si aggiudicavano il Trofeo in palio. Con questa è la terza volta che la squadra salentina vince il memorial. Un applauso ai ragazzi jonici di mister Cavallini che hanno tenuto sino a quando la stanchezza non ha avuto il sopravvento, dando nel finale la gara in mano ai leccesi. Invece la finalina per il terzo e quarto posto è stata vinta dai baby (99 BARI) di mister Sassarini che con il punteggio di 4 a 1 hanno liquidato la pratica SS.Annunziata Mesagne. I locali allenati da mister Giovanni Marti erano passati in vantaggio con Migolla, poi , nell’ordine Di Cosola,Ganchi,Morgia e Gianga-

sparro su rigore si aggiudicavano un meritato terzo posto. La cerimonia ha visto presente l’Assessore alle politiche giovanili Walter Zezza che in serata si è trattenuto per la partitella degli amici di Tony. La famiglia Cavallo ha consegnato medaglie a tutti i giocatori e targhe ricordo del Memorial alle Società partecipanti. Un riconoscimento all’Ammistrazione Comunale sempre sensibile a questi eventi sportivi, a mister Gianni Danieli, a Tomas Librato, alla Famiglia Mingolla, a Cosimo Tocci e allo speaker del memorial Raffaele Carriero. In fine la Famiglia Cavallo ha offerto un piccolo rinfresco a tutti i partecipanti, dando un ulteriore saluto al Figlio Tony con un commovente lancio di mongolfiere a forma di pallone di calcio. Un ringraziamento a tutti con l’appuntamento all’Ottava Edizione.

highlights Basket: Termina il Coach Capodieci: “Abbiamo disputato un ottimo campionato oltre le più rosee previsioni” Volley: In cantiere la programmazione della prossima stagione per il Mesagne Volley, tra giovani e settore giovanile.

Cornetteria H 24 da Norman la colazione e’ NO STOP


mesagnese magazine