Page 1

Anno 3 / N° 8 – Ottobre 2008

Mensile per Laureati sulle opportunità di Carriera e di Formazione

www.mercurius.it

“Poste Italiane S.p.A. – Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n°46) art.1 comma 1 CNS/CBPA/Torino” In caso di mancato recapito rinviare all’ufficio CRP Torino CMP Romoli per la restituzione al mittente previo pagamenti resi

MERCURIUS MAGAZINE – Testata registrata al Tribunale di Torino il 16/09/05 al n° 5906. € 4,5 a copia – Direttore Responsabile Luigi Dell’Olio, Publisher Franco De Rosa

In questo numero: · Viaggiatori per studio sulle orme di Erasmo · Shakespeare per studiare da leader · Lavorare part-time · A colloquio nelle ex interinali

Speciale

L’architettura entra in azienda Ricerca Excelsior Unioncamere

Aziende alla ricerca di uomini del business Dall’Università al LAVORO

Aziende che assumono

Master Post-Laurea

Le nuove figure commerciali

Company Profile di:  Procter and Gamble  Mazzanti SpA

 Scuola Emas Toscana  Luiss Business School – Div. di Luiss Guido Carli

School Profile di:


S OMMARIO

5

Carriere

5 Architetti, il futuro è in azienda 7 Le nostre interviste Metodo e passione le armi per fare strada nel settore 8 È il momento dei venditori 10 Aziende italiane a caccia di economisti

Aziende che assumono

18 31

12 PROCTER & GAMBLE PROCTER & GAMBLE: il successo è promuovere dall’interno 14 MAZZANTI Mazzanti, quando l’attenzione all’ambiente fa bene anche all’azienda 16 Offerte di lavoro

I focus del mese

18 Career building Diventare manager? Questione di letteratura 20 Colloquio di lavoro Quando a selezionare sono le ex interinali 22 Retribuzioni “Ricerca e Sviluppo”: la crescita retributiva continua… 24 Contratti di lavoro Rapporto di lavoro a tempo parziale 26 E-Learning Sviluppare competenze cliniche 28 Opportunità all’estero Studiare e lavorare in Polonia

Master e corsi

31 Manager e nuovi specialisti per la sanità che cambia 34 Manager al servizio dell’ambiente e territorio

Enti di formazione 36 Scuola Emas Toscana Emas Toscana, una scuola votata all’ambiente 38 LUISS Business School – Divisione di LUISS Guido Carli 40 Appunti Sulle tracce di Erasmo per allargare i confini della conoscenza 42 Master in scadenza

Ottobre 2008

3


E DITORIALE Mercurius Magazine € 4,5 a copia

Editore: Mercurius Network S.r.l. Registrazione: 5906 del 16/09/05 Tribunale di Torino Direttore Responsabile: Luigi Dell’Olio Direzione – Redazione Amministrazione: Via Valperga Caluso, 30 – 10125 Torino Tel. 011-669.30.54 – Fax 011-669.26.25 E-mail: mercurius@mercurius.it Progetto grafico: Costantino Seminara Stampa: Graphart snc – Via Galimberti, 75 12030 Manta (CN) Dello stesso Editore: Rivista "Master in..." Rivista "Carriera in..." Website: Mercurius.it CareerNEWS.it MasterIN.it CareerTV.it CarrieraIN.it BLOG.mercurius.it FormazioneIN.it EVENTI.mercurius.it InformagiovaniIN.it MAGAZINE.mercurius.it Placement.it IFPIweb.org

O

gni tanto mi sento chiedere da chi conosce il tipo di lavoro che faccio, come si fa a scrivere sempre in termini positivi di mirabolanti opportunità professionali per i giovani. Per qualcuno sembriamo marziani senza occhi per vedere la crisi dei mutui, quella dell’Alitalia, gli immigrati accalcati a Lampedusa, il dollaro debole, e così via discorrendo. Mi piace rispondere che pervasi da pessimismo nessuno è mai riuscito a costruire qualcosa di buono. Ma mi rispondono “non sono pessimista ma realista!”. Maledetto l’inventore di questa frase. È riuscito a dare un vestito quasi elegante ad un sentimento negativo. Loro diventano dei saggi filosofi e tu uno sciocco sognatore. Ma poi ti riprendi, [perché sei ottimista] e ti metti a lottare, accompagnato dal lieto pensiero che sarai in grado di cambiare le cose. Fiero di aver capito che la ricompensa non sta nel raggiungere l’obiettivo ma nell’averci provato ogni giorno. Ad maiora. Franco De Rosa Fondatore e Amministratore Mercurius Network srl

MODULO DI ABBONAMENTO

10/08

Compilare e inviare, allegando copia del versamento postale, al seguente indirizzo: Mercurius Network S.r.l. – Via Valperga Caluso, 30 – 10125 TORINO oppure via fax al numero 011-669.26.25. Per ogni informazione sul vostro abbonamento non esitate a contattare la nostra segreteria al numero di telefono 011-669.30.54.

Si, desidero abbonarmi per 1 anno a mercurius magazine [10 numeri + tutti i supplementi]. Sono studente / laureato e non ho bisogno di fattura. Pagherò pertanto solo € 39

Lavoro in un Informagiovani / Scuola / Azienda, e ho bisogno di fattura. Pagherò pertanto € 69 Modalità di pagamento: A mezzo assegno bancario non trasferibile intestato a: Mercurius Network S.r.l. A mezzo versamento sul c/c postale N° 87 75 24 24 – IBAN IT24O0760101000000087752424 intestato a: Mercurius Network S.r.l. – Via Valperga Caluso, 30 – 10125 Torino Indirizzo per la spedizione della rivista: Nome Ente [Informagiovani, Scuola, Azienda, Biblioteca, etc.] Cognome / Nome

Partita IVA

Presso

Prefisso

Via

Numero

C.A.P.

Luogo:

4

Mercurius magazine

N° Telefono

Città

data:

Prov

I dati inviati compilando il presente coupon saranno trattati in conformità a quanto disposto dalla D.Lgs 196/03 e successive modifiche in materia di trattamento dei dati personali.

Firma del cliente_____________________________________


Professioni

Architetti, il futuro è in azienda L’Italia ha il numero più elevato di iscritti all’albo, ma gli spazi di mercato si stanno restringendo

C

on oltre 130mila iscritti all’ordine professionale, l’Italia ha il record di architetti. In nessun altro paese in Europa, anche quelli in cui la professione ha maggiori spazi di lavoro, ce ne sono così tanti. In un paese in cui molti dei lavori di routine legati all’edilizia sono ancora svolti dai geometri e in cui gli ingegneri tendono ad ampliare le mansioni classiche, questo comporta grosse difficoltà nel

reperimento di un lavoro da parte dei neolaureati in architettura. In realtà le occasioni non mancano, con nuove professioni sorte negli ultimi anni in ambiti prima sconosciuti, ma tutte hanno in comune una caratteristica: sovvertono i parametri classici dell’architetto che lavora in uno studio di progettazione, da solo o con un gruppo di colleghi. L’architetto oggi ha possibilità di lavoro e

a cura di Luigi Dell’Olio

di crescita professionale soprattutto in azienda, con mansioni che non mortificano le competenze professionali acquisite e le capacità personali, ma che richiedono una spiccata capacità di adattamento al mercato.

Il manager degli spazi

Il benessere dei dipendenti è diventata una priorità per molte aziende: scegliere i colori più adatti per tipologia di lavoro e assicurare il benessere di corpo

Ottobre 2008

5


e anima per migliorare la profittabilità. Così, tra le imprese più grandi cresce il ricorso agli organizzatori di spazi, ingegneri e architetti che scelgono dunque di rinunciare all’attività autonoma per mettere le proprie competenze al servizio di un’impresa. In realtà non esiste una specifica professione di organizzatore, piuttosto ve ne sono diverse per ciascun ambito di intervento. Questo perché il benessere riguarda tutti gli aspetti della vita: quello fisico, ad esempio, si può raggiungere costruendo palestre o stipulando convenzioni con cinema e musei per favorire un dopo-lavoro sereno ai propri dipendenti. Il benessere psico-fisico, invece, può essere assicurato attraverso asili-nido o le tintorie aziendali. Ma vi è anche il benessere emozionale, quello che i dipendenti avvertono quando c’è armonia tra lavoro e spazi. Per svolgere la professione le conoscenze scientifi che sono necessarie, ma non sufficienti. Occorrono

infatti anche una buona capacità di ascolto, un approccio al dialogo con i dipendenti che vivono quotidianamente l’ufficio e una spiccata propensione al problem solving.

Al servizio dell’ambiente

L’ambiente è uno dei filoni a maggior sviluppo nel campo del business. Da una parte c’è la crescente attenzione dei consumatori verso la problematica dell’inquinamento, dall’altra la necessità condivisa di ridurre i consumi per far fronte all’impennata energetica. Questo sta creando opportunità di lavoro nell’architettura a basso impatto ambientale. All’interno di aziende edili e di Facility Manager, l’architetto esperto in ambiente progetta i manufatti edilizi in modo da massimizzare l’approvvigionamento di calore naturale e minimizzare gli sprechi. Per svolgere la professione sono necessarie competenze tecniche e una grande capacità di programmazione.

Il design sposa l’etica

L’ecodesigner è un architetto “etico” che preferisce rinunciare ai materiali tradizionali per puntare sui frutti del riciclo. Perché un prodotto – è la convinzione di chi opera nel settore – non muore al termine del primo stadio di vita. Al contrario può continuare a vivere, reincarnadosi in uno nuovo che rispetta l’ambiente. E allora spazio a cucine in cartone riciclato, sedie ergonomiche ricavate dalla plastica abbandonata da qualche cittadino imprudente, ma anche eco-dimore realizzate con materiali naturali come legno, gesso, canapa, sughero e cellulosa. Non sono solo le aziende a puntare su queste figure professionali. Anche la Pubblica Amministrazione mostra un interesse crescente verso l’ecodesign e spesso li chiama come consulenti per sviluppare progetti innovativi. Merito soprattutto delle normative europee, che negli ultimi anni hanno imposto alle istituzioni comunitarie l’adozione di quantitativi significativi di materiale riutilizzato.

Le nuove frontiere dell’architettura PROFESSIONE

6

MANSIONI DA SVOLGERE

QUALITÀ RICHIESTE

Manager degli spazi

Progetta l’organizzazione degli uffici per mirare al massimo comfort dei dipendenti.

Capacità di ascolto e propensione al problem solving

Esperto in progettazione ambientale

Progetta manufatti con l’obiettivo di massimizzare l’approvvigionamento energetico naturale e minimizzare le emissioni inquinanti

Conoscenze tecniche e capacità di programmazione di medio-lungo periodo

Designer etico

Progettare una nuova vita per i prodotti di uso comune, attraverso il riciclo dei materiali

Capacità inventiva e disponibilità all’aggiornamento continuo in campo tecnico e normativo

Mercurius magazine


Le nostre interviste

Metodo e passione, le armi per fare strada nel settore La padronanza degli applicativi informatici è ormai un requisito fondamentale

M

etodo e passione le qualità personali, padronanza degli applicativi informatici e conoscenza del mercato le conoscenze professionali. Angelo Costa, Chief Executive Officer dello Studiocosta&partners, indica le armi vincenti per farsi strada nel mercato, forte di una lunga esperienza maturata in uno studio che ha sedi a Roma, Milano, Venezia e Dubai. D: Come va il mercato del lavoro nel settore architettura? R: Il mercato italiano non presenta grandi prospettive per quattro ordini di motivi: ci sono troppi architetti e le nostre facoltà continuano a sfornarne sempre di più; il mercato della progettazione è viziato dalla presenza di molti ordini che sovrappongono le loro discipline a quella architettonica, il settore del real estate e degli investimenti pubblici non è maturo e quindi non permette il giusto svilupparsi di nuove professionalità che invece all’estero stanno dominando; infine, il sistema universitario italiano non è, purtroppo, minimamente preparato per affrontare questa evoluzione. D: Quali sono le figure emergenti e che competenze occorre avere per svolgere queste professioni? R: Le figure che si stanno facendo largo sono quelle del project manager, del value and cost engineer, del back office legale, contrattualistico e finanziario, dell’esperto in materiali, e poi tutte qulle professioni che rientrano nei vari campi della progettazione. Occorre inoltre avere delle basi tecniche in diversi campi come in quello dell’economia o della co-

struzione applicate al mondo della progettazione; fondamentale è la passione per il proprio lavoro, ma soprattutto bisogna avere un buon metodo. Essere in grado di sviluppare una propria metodologia di lavoro professionale e sempre aggiornata. D: Quali sono i principali canali di ingresso nel mercato del lavoro? R: Molto pochi. Le università non ci aiutano e i vari “corsi e corsetti” universitari non hanno quell’appeal che hanno all’estero. Ci sono delle società molto valide nel nostro paese dove sono certo che per entrare serve solo la voglia di farlo e di mettersi in gioco. In fondo siamo, e dobbiamo sempre essere, liberi professionisti! Ma purtroppo molti se lo scordano e preferiscono essere impiegati. D: Quali sono le competenze e le qualità personali ricercate nei candidati? R: Le competenze informatiche devono essere la base, ma in realtà non è facile trovare i candidati con una buona padronanza degli applicativi più utilizzati nel lavoro. Tante parole, tanti corsi, ma pochi fatti. Principalmente noi guardiamo alla capacità di lavorare in gruppo, alla capacità di ragionare e di porsi dei problemi, delle domande prima di avere delle risposte; la conoscenza perfetta della lingua inglese è obbligatoria; il nostro è un mestiere dove la sostanza è la forma. Valutiamo quindi i candidati anche dall’aspetto, non se sono belle o brutte persone ovviamente, ma la presenza e l’accuratezza sono indici, se non altro, di un atteggiamento verso il bello e verso la vita dal quale non possiamo prescindere per selezionare i giovani che vogliono fare questo lavoro.

Ottobre 2008

7


Professioni

È il momento dei venditori Le figure commerciali sono al top della domanda tra le aziende di tutti i settori

Q

uando le cose non girano nel modo giusto per gli affari occorre ripartire dai commerciali. È il credo diffuso tra le aziende di tutti i settori e le dimensioni. Così, in un periodo non particolarmente felice per l’economia, non stupisce vedere che sono proprio questi i profili al top della domanda. Se le funzioni di staff e quelle tecniche perdono quota in attesa di tempi migliori, lo stesso non avviene per venditori di tutti i livelli. Anche perché, a favore dei commerciali gioca la struttura retributiva più flessibile di qualsiasi altro settore: a una componente fissa, di fatti, si aggiunge solitamente un variabile che può incidere pesantemente sulla retribuzione finale 8

Mercurius magazine

sin dai primi anni. Un modo per stimolare i professionisti più produttivi e renderli partecipi dei risultati raggiunti. Le figure commerciali sono le più varie: tra i profili junior, una delle figure più ricercate è il sales account, vale a dire colui che presidia un determinato territorio e ha il compito di far crescere il fatturato puntando sull’incremento della clientela. C’è poi l’addetto alla contabilità fornitori, sulle cui spalle pesa la gestione del cosiddetto ciclo passivo, dalle registrazioni contabili alla creazione degli ordini e gestione dei rapporti con i fornitori. Il key account ha la responsabilità di a far quadrare i risultati su ogni cliente che la direzione ha fissato. Un lavoro che parte con

a cura di Luigi Dell’Olio

l’analisi dei clienti potenziali, delle loro caratteristiche e dei profitti che l’impresa potrà ottenere, per poi proseguire con la pianificazione, gestione e valutazione delle attività promozionali. Il product manager è il responsabile della gestione e promozione di un singolo prodotto o di una linea di prodotti. Per svolgere la professione occorre avere una conoscenza generale di tutti gli aspetti fondamentali dell’azienda, oltre anche una conoscenza specifica del prodotto di cui è responsabile e della clientela di riferimento. A livello più alto si posiziona l’export manager, professionista che conosce la lingua e il contesto di un mercato oltrefrontiera e attua le strategie necessarie a generare nuove opportunità di business.


Un settore che resiste alla frenata dell’economia Per chi lavora nel settore sono indispensabili buone doti relazionali e un forte orientamento al risultato

L

e professioni commerciali resistono alla frenata economica in corso. Anzi, proprio in momenti difficili come questo, per le aziende diventa fondamentale investire su buoni venditori, capaci di rilanciare gli affari. Ne è convinto Stefano La Noce, 34 anni, responsabile reclutamento e formazione rete di Alleanza Assicurazioni.

assicurativi ,gli permette di acquisire piena autonomia professionale.

D: Come va la domanda di mercato per i neolaureati nel settore delle professioni commerciali? R: La ricerca di nuove risorse per ricoprire ruoli commerciali subisce meno di altri settori la crisi del mercato. In un mondo del lavoro flessibile, la priorità diventa entrare in fretta, fare esperienze significative e sapersi adattare. Le professioni commerciali da questo punto di vista offrono un’ulteriore opportunità poiché non richiedono particolari esperienze pregresse e garantiscono una più veloce introduzione in azienda. I neolaureati sono favoriti anche dal fatto che, senza titolo accademico, è ormai difficile entrare nel mondo del lavoro.

D: Quali sono le competenze e qualità ricercate nei candidati nel corso della selezione? R: Per svolgere con successo un ruolo commerciale, oltre alle conoscenze tecniche relative a ciò che si vende (che fortunatamente si possono acquisire ma che richiedono un costante aggiornamento) sono indispensabili una buona attitudine alle relazioni personali e un forte orientamento al risultato. Per esempio, chi entra in Alleanza Assicurazioni con alle spalle un percorso di studi di taglio economico può essere inizialmente agevolato nella comprensione dei contenuti tecnico-commerciali legati al mondo finanziario-assicurativo. L’esperienza ci ha però insegnato che gli elementi distintivi che fanno di un candidato un professionista di successo sono la capacità di gestire in modo efficace le relazioni commerciali e umane, la preparazione professionale, la determinazione nel raggiungere i propri obiettivi e nel lungo periodo, l’abilità nel raggiungerli insieme ai propri collaboratori.

D: Quali sono gli sbocchi principali nel settore per chi arriva dall’università? R: Prevalentemente le attività richieste al neolaureato chiedono un mix tra conoscenze professionali e doti relazionali. Per quanto riguarda la nostra azienda, abbiamo deciso di puntare su una rete commerciale composta in buona parte da personale dipendente: il ruolo di ingresso per i neolaureati avviene come intermediario assicurativo. Terminato l’iter di selezione, il neo laureato intraprende un percorso formativo che, oltre a consentirgli l’indispensabile iscrizione al registro degli intermediari

D: Quali sono i principali canali di ingresso nel mercato? R: I canali classici come annunci ed e-recruitment consentono di visionare un numero elevato di offerte ma spesso risultano poco concreti, soprattutto per chi non ha esperienza. Per questo abbiamo deciso di attivare dei canali privilegiati con il mondo universitario partecipando alle fiere del lavoro, organizzando all’interno degli atenei momenti di incontro con gli studenti, attivandosi direttamente attraverso i servizi di orientamento universitario e pubblicando company profile e offerte di lavoro sulle riviste specializzate.

Ottobre 2008

9


Ricerca

Aziende italiane a caccia di economisti Lo rivela l’indagine annuale di Unioncamere. A seguire ingegneri e professioni sanitarie

S

ono gli economisti i laureati più ricercati dalle aziende italiane, davanti agli ingegneri e ai professionisti dell’area sanitaria. I dati diffusi dalla banca dati Unioncamere-Excelsior sono in linea con quanto emerso da ricerche analoghe nei mesi scorsi. A dispetto della diffusa propensione degli studenti italiani a seguire percorsi umanistici, dunque, le aziende vanno a caccia di uomini del business, capaci di districarsi tra vendita e contabilità.

L’importanza del titolo

La ricerca offre un’indicazione inedita: quest’anno, per la 10

Mercurius magazine

prima volta nell’ultima decade, la somma di laureati e diplomati rappresenterà il 51,1% di nuove assunzioni. Un dato in crescita di 7 punti percentuali rispetto all’indagine condotta un anno fa. La crisi economica internazionale e la stagnazione dei consumi interni conducono le imprese a riorganizzarsi, per conseguire standard più elevati di produttività, e a introdurre innovazioni per competere sui mercati attraverso la qualità dei prodotti e dei servizi. In questo processo la leva più importante da attivare è quella delle risorse umane. Su un

a cura di Luigi Dell’Olio

totale di 827.890 assunzioni programmate nel corso dell’anno, la richiesta più consistente è quella di diplomati (335.280). Anche la domanda di laureati continua a crescere: saranno 88.000 i neo-assunti con laurea nel 2008 (il 10,6% del totale delle entrate contro il 9,0% del 2007). Tra gli imprenditori appare più netto l’orientamento verso la specialistica (46% delle entrate di laureati), mentre la laurea breve concentra una quota più contenuta della domanda (21%). Il restante 33% non esprime preferenze tra i due titoli.


Economisti e ingegneri i più richiesti

l’indirizzo chimico-farmaceutico, con 4.900 richieste.

L’indirizzo economico mantiene il primato delle richieste delle imprese: 26.110 i laureati con questa specializzazione assunti entro l’anno. A seguire c’è l’indirizzo di ingegneria elettronica e dell’informazione (10.500), che precede quello di ingegneria industriale (9.220) e il sanitario e paramedico (7.290). Alle spalle delle lauree con indirizzo insegnamento e formazione (5.840) si colloca

Italia spaccata in due

Non costituiscono una novità nemmeno le profonde differenze nella domanda di laureati e diplomati che emergono tra le varie aree del paese. Se nel Nord-Ovest la quota arriva addirittura a raggiungere il 56% (il 14% interesserebbe i titoli universitari, il 42% quelli secondari superiori), nelle altre ripartizioni la richiesta tende a ridursi. Si mantiene comunque

molto alta nel Nord-Est (52%) e al Centro (50,7%), mentre si contrae notevolmente nel Mezzogiorno (45,2% la quota totale, con i laureati che dovrebbero incidere solo per il 7,3% ed i diplomati per il 38%). A livello provinciale, le quote più consistenti di laureati sul totale delle assunzioni programmate a livello locale, dovrebbero interessare Milano, Torino, Trieste, Reggio Emilia e Roma. Agli ultimi posti si piazzano invece Grosseto, Lecce, Ragusa, Enna e Pistoia.

Le lauree più richieste Assunzioni non stag. 2008

Richiesta conosc. lingue

Richiesta conoscenza informatica come:

TOTALE

827.890

18,3

35,1

2,6

Livello Universitario

88.000

53,0

76,4

12,5

Indirizzo economico

26.110

51,4

97,5

1,7

Indirizzo di ingegneria elettronica e dell’informazione

10.500

82,3

27,6

71,2

Indirizzo di ingegneria industriale

9.220

76,1

92,5

4,5

Indirizzo sanitario e paramedico

7.290

5,7

51,1

0,8

Indirizzo insegnamento e formazione

5.840

14,4

52,0

0,4

Indirizzo chimico-farmaceutico

4.900

39,9

76,2

0,4

Altri indirizzi di ingegneria

3.780

74,2

81,1

16,0

Indirizzo linguistico, traduttori e interpreti

3.160

72,2

87,2

1,0

Indirizzo di ingegneria civile e ambientale

2.720

44,8

97,9

0,3

Indirizzo scientifico, matematico e fisico

2.570

79,9

33,7

63,5

Indirizzo giuridico

1.990

26,5

96,8

0,6

Indirizzo architettura, urbanistico e territoriale

1.140

46,4

94,5

1,1

Indirizzo politico-sociale

1.050

39,1

85,7

7,9

Indirizzo statistico

Utilizzatore

Programmatore

1.020

36,5

92,3

7,7

Indirizzo letterario, filosofico, storico e artistico

900

48,4

63,0

2,1

Indirizzo geo-biologico e biotecnologie

720

56,6

91,9

0,0

Indirizzo medico e odontoiatrico

530

27,2

76,0

0,4

Indirizzo psicologico

240

20,4

78,3

0,0

Indirizzo agrario, agroalimentare e zootecnico

200

59,9

97,0

0,0

Indirizzo scienze motorie

100

7,8

21,4

0,0

Indirizzo non specificato

4.020

74,3

90,5

1,7

Fonte: Unioncamere – Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior, 2008, elaborazione Mercurius Magazine

Ottobre 2008

11


Aziende che assumono

PROCTER & GAMBLE: il successo è promuovere dall’interno L’azienda scommette sempre di più sui giovani, dando loro la possibilità di crescere velocemente all’interno dell’azienda. a cura di Franco De Rosa

S

enza neanche rendercene conto quasi tre miliardi di volte al giorno, i prodotti Procter & Gamble entrano nella vita delle persone di tutto il mondo. Si potrebbe dire che oltre il 70% dei prodotti nelle nostre case appartengono al marchio P&G: dagli articoli di bellezza ai detersivi, dalla carta igienica agli alimenti per animali fino alle famosissime patatine Prin-

12

Mercurius magazine

gles. La Procter & Gamble può vantare uno dei più importanti portafogli di marchi al mondo, con più di 140.000 dipendenti e 80 paesi produttori. Presente sul mercato dal 1837, per opera dei due fondatori William Procter e James Gamble, l’azienda nasce negli USA come produttrice di saponette, dall’unione di un candelaio inglese e un saponiere irlandese. Dopo la sua fondazione, l’im-

presa è ampiamente cresciuta nel mercato dei beni di consumo, battendo ripetutamente nuove strade nelle tecniche di mercato. Un suo segno distintivo è il marketing orientato esclusivamente sulle singole marche (“brands”), laddove l’azienda di solito resta completamente nell’ombra: per questo la P&G è ritenuta come il pioniere o il creatore del brand management. Il primo prodotto di grande successo del Gruppo fu il sapone “Ivory” (1879), il secondo la margarina “Crisco” (1911) e la saponetta “Camay” è invece del 1926. Di tutto rilievo è il costante interesse che P&G nutre verso le sempre più innovative strategie di marketing, ma soprattutto per il Word of Mouth, cioè tutto quello che è passaparola. Dopo aver lanciato Tremor, branca dell’azienda che ha come focus principale quello del word of mouth all’interno di un network di giovani, ora la Procter&Gamble punta sulla


CON IL CONTRIBUTO DEGLI ESPER TI DI:

fascia di mercato delle mamme, soggetti chiave ai quali, storicamente, è demandato il compito di occuparsi della gestione delle risorse familiari. Nel 1962 l’azienda mette sul mercato i pannolini Pampers, l’anno seguente P&G entra nel mercato del caffe’, acquistando la “Folgers coffee”. All’espansione in Giappone, negli anni ‘70, segue la creazione di un primo prodotto famaceutico il “Didronel”. Vengono poi le acquisizioni di Vicks e Oil of Olay (1985), Blendax (1987), Noxell (1989), Max Factor (1991), Pantene (1995), Iams (1999). Dal 1956 il Gruppo P&G è presente anche in Italia, dove possiede tre stabilimenti di produzione e due centri tecnici di ricerca all’avanguardia in cui lavorano circa 4000 persone.

Le risorse umane

Uno dei principi della politica del Personale della P&G è “promote from within” (“promuovere dall’interno). L’azienda punta a non assumere quadri e dirigenti, ma scommette sui giovani, dando loro la possibilità di entrare allo stesso livello e di crescere velocemente all’interno dell’azienda. Nell’area manageriale vengono assunti in larga parte neo-laureati. L’assunzione di aspiranti con esperienza lavorativa avviene soltanto eccezionalmente, in modo che, in occasione di promozioni, soltanto i candidati interni si facciano concorrenza. La sede italiana accoglie ogni anno circa 80-100 stagisti,

Per lavorare in Procter and Gamble Oltre alla partecipazione alla P&G Career Academy, ulteriori canali per candidarsi sono rappresentati dalle presentazioni dai job-meeting organizzati periodicamente dalle aziende presso le università, che coinvolgono gli studenti mettendoli in contatto con giovani manager dell’azienda. Sul portale www.pgcareers.com è inoltre possibile rispondere alle opportunità di lavoro attive e inviare la propria candidatura spontanea compilando un questionario on line e rispondendo a un test psico-attitudinale.

Company Profile su Procter and Gamble a questo indirizzo: www.carrierain.it/aziende/Procter.htm Oppure è possibile consultare il sito www.pgcareers.com

italiani e stranieri, e circa il 60% ha ricevuto un’offerta di lavoro all’interno dell’azienda. La Procter and Gamble è sempre in cerca di nuovi talenti tra i laureandi e i neolaureati in tutte le discipline universitarie e con una buona conoscenza dell’inglese.

P&G Career Academy

Ogni anno, la P&G, offre un menù di seminari internazionali della durata di 3-5 giorni, che si svolgono nelle principali capitali Europee, rivolti a studenti brillanti e dinamici che vogliano vivere una reale esperienza nel mondo del lavoro. Durante questi corsi si affrontano tematiche concrete legate alle attività regionali e globali del Gruppo Procter & Gamble e si acquisiscono competenze fondamentali legate alla capacità di leadership, al project management e alla co-

municazione. Questi seminari rappresentano inoltre un canale privilegiato di recruiting della P&G.

La selezione

L’intero processo di selezione è basato su criteri di valutazione oggettivi, i cosiddetti “Success Drivers”, sintetizzabili in: leadership, capacità di innovare e trovare soluzioni brillanti, flessibilità e organizzazione del lavoro. Tali criteri permettono di valutare il candidato sulla base delle sue esperienze passate sotto il profilo sociale, universitario, sportivo e delle esperienze all’estero. Dopo lo screening del curriculum e il test psico-attitudinale, il processo di selezione prevede un colloquio one to one durante il quale viene proposto un pacchetto di inserimento il più possibile rispondente alle richieste del candidato.

Ottobre 2008

13


Aziende che assumono

MAZZANTI, quando l’attenzione all’ambiente fa bene anche all’azienda Il Gruppo ha focalizzato nel risparmio energetico e nell’utilizzo delle fonti rinnovabili i punti forza della propria strategia aziendale a cura di Franco De Rosa

I

l Gr uppo Mazzanti è un’azienda fiorentina che nasce con un nobile intento: il comfort ambientale e il risparmio energetico. Principi sempre più di moda, ma poi da pochi messi in pratica. Dal 1969 a oggi la Mazzanti si è sviluppata come impresa individuale di installazione

impianti, fino a rappresentare il frutto d’incontro di esperienze imprenditoriali provenienti sia dal mondo dell’edilizia che da quello degli impianti tecnologici. I principi fondanti del marchio sono sostenere i consumi energetici e ridurre le emissioni nocive, elementi che hanno

determinato la scelta di costruire le proprie sedi e impianti impiegando fonti di energia rinnovabili. Un principio che la Mazzanti promuove anche verso i propri clienti, consigliando l’impiego di energia eolica e solare, che permettono di generare in autonomia parte dell’energia necessaria alle imprese. Mazzanti propone inoltre l’utilizzo di sistemi intelligenti impostati sulle tecniche di building automation per quanto riguarda gli impianti industriali e sulla domotica per quelli civili, che consentono di controllare, coordinare e normalizzare le installazioni con maggiore efficacia.

Innovazione e tradizione

L’introduzione delle fonti di energia rinnovabili parte dall’analisi e dal riassetto delle costruzioni e degli impianti già esistenti, per evitare un incremento anziché diminuzione dell’impatto ambientale. Nasce così la necessità di realizzare degli innesti di sistemi innovativi su strutture con impianti 14

Mercurius magazine


CON IL CONTRIBUTO DEGLI ESPER TI DI:

tradizionali: innesti, che per essere efficaci, devono essere intelligenti e collaudati. L’azienda fiorentina crea quindi, un incontro, tra esistente e innovazione, esperienze collaudate e spirito di rinnovamento che le hanno permesso di ricevere il consenso di numerosi clienti pubblici e privati. La società è specializzata nella realizzazione “chiavi in mano” di immobili a uso residenziale, commerciale e industriale, offrendo soluzioni complete in ambito dell’impiantistica, automazione e progettazione degli impianti. Lo staff del Gruppo Mazzanti progetta, crea e assiste gli impianti di riscaldamento e di condizionamento degli edifici per permettere una migliore vivibilità degli ambienti domestici e di lavoro. L’azienda, grazie alla sua attenzione per l’ambiente, sin dal 1998 si è dotata di un sistema di qualità certificato secondo gli standard ISO 9001, ottenendo inoltre attestazioni SOA per le varie categorie nelle quali opera. Il Gruppo Mazzanti attraverso il collegamento con le società partner e grazie all’appoggio di specialisti del settore, fornisce direttamente servizi completi per la progettazione di un’ampia serie di installazioni tecniche; inoltre si occupa della realizzazione di impianti idrotermosanitari e di condizionamento nei settori civile, industriale e del terziario avanzato. Nelle sue tante sfaccettature, non ultime vi sono le analisi di fattibilità per l’edilizia, che l’azienda cura, occupandosi della realiz-

Per lavorare in Mazzanti spa: Chi fosse interessato a proporre la propria candidatura in Mazzanti può farlo attraverso il portale www.mazzantinet.it nella sezione lavora con noi, incontrando l’azienda durante il Job Fair Firenze o inviando il curriculum vitae a serviziopersonale@mazzantinet.it.

zazione di progetti di intervento e di sviluppo immobiliare, sia residenziale che industriale. Si può quindi affermare che la Mazzanti punti a divenire fulcro per il mercato dell’edilizia per quanto riguarda la creazione e la messa a norma degli impianti a energia alternativa delle nuove e vecchie costruzioni, in risposta alla sempre maggiore richiesta da parte dei potenziali clienti.

Le risorse

Nella sua costante crescita la società fiorentina è sempre alla ricerca di nuove persone da inserire nel proprio organico. Le nuove figure sono selezionate attraverso sia stage che collaborazioni con le università, inoltre la Mazzanti è una realtà disponibile ad aiutare gli studenti universitari per lo sviluppo e le ricerche delle tesi di laurea.

Per informazioni sull’Azienda: www.mazzantinet.it

attraverso un primo contratto a tempo determinato di 6 mesi e poi, a seconda del curriculum del candidato, sono offerte o delle collaborazioni o un contratto a tempo indeterminato. I profili maggiormente ricercati sono quelli degli ingegneri a indirizzo energetico, ma sono presi in considerazione anche i laureati in architettura. Un’ottima occasione per i neo ingegneria e architetti, appassionati alle nuove metodologie di costruzione e progettazioni con fonti rinnovabili, per operare nell’area impianti, dell’edilizia o dell’energia alternativa.

La selezione

L’iter di selezione dell’azienda prevede un serie colloqui, prima generali, per capire le aspettative e la personalità del candidato e poi più specifici indirizzati a comprendere le potenzialità e capacità del neoassunto. I colloqui sono condotti dal responsabile del settore insieme al responsabile delle risorse umane. L’inserimento avviene

Ottobre 2008

15


Offerte di lavoro

STAGE IN PLASMON PER LAUREATI IN SCIENZE ALIMENTARI

L’azienda leader nell’alimentazione per l’infanzia cerca assistenti nell’area R&D

 Plasmon, parte del Gruppo Heinz e leader nell’alimentazione per l’infanzia, nell’ottica dei propri progetti di rafforzamento della struttura Sales, offre opportunità di stage ad un Infant Meal Formula Assistant, il quale, nell’ambito dell’area Global IMF, dovrà supportare l’area R&D nelle sue attività, tra le quali: 1. Definizione ricette dei nuovi prodotti 2. Gestione documentazione relativa a richiesta di prove industriali 3. Effettuazione di prove pilota e prove industriali e gestione del processo di valutazione analitica dei relativi campioni

CON SAFILO NEL SETTORE DELL’OCCHIALERIA DI LUSSO

Opportunità di stage nell’area del design delle montature  Safilo Group Spa, leader mondiale nell’occhialeria di alta gamma e lusso, ricerca, per il Centro Stile della Sede Direzionale di Padova,uno stagista che, in affiancamento al Designer Senior, si occuperà dell’ideazione e del disegno di montature di occhiali da vista e da sole.

DIVENTARE FAMILY BANKER

Banca Mediolanum cerca laureati da inserire nell’organico  Banca Mediolanum offre la possibilità di diventare un Family Banker: il punto di riferimento della banca per i rapporti con la clientela. Il Family Banker è un professionista di nuova generazione, libero di gestire la sua attività e di costruire la sua impresa e la sua struttura insieme a Banca Mediolanum. La banca offre

16

Mercurius magazine

4. Gestione del processo di approvazione di nuove materie prime 5. Definizione etichette dei nuovi prodotti 6. Creazione e mantenimento database prodotti dell’azienda della concorrenza 7. Key benefit comparison Il/La candidato/a ideale possiede una Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari, precisione, attitudine a lavorare con i numeri, abilità a lavorare in team, intraprendenza, interesse per il continuo miglioramento, per la ricerca e l’innovazione. La disponibilità a viaggiare in Italia rappresenta un requisito essenziale. La durata dello Stage sarà di 6 mesi e si svolgerà nella sede di Milano. Per candidarsi inviare curriculum compilando il form sul sito: http://frontend.altamiraweb.com/HEINZITALIA nella sezione LAVORA CON NOI. 

Il periodo formativo avrà la durata di circa 6 mesi. Il candidato ideale possiede Diploma di Industrial Design o titolo di studio analogo, una buona padronanza di Photoshop, Autocad ed Illustrator e uno spiccato interesse all’azienda e al prodotto. Per candidarsi, inviare urgentemente dettagliato curriculum provvisto di autorizzazione al trattamento dei dati personali (D.L. 196/03), citando chiaramente il riferimento rif. S.DS.08 – PD a: SAFILO S.p.A. – Uff. Risorse Umane – VII Strada, 15 – Z.I. 35129 – Padova. Fax 049 698 72 88 – e-mail: selezione@safilo.com. 

formazione, affiancamento e sostegno nella crescita e possibilità di fare carriera. L’azienda ricerca persone motivate e ambizione, con spirito di autonomia, capacità di relazione, volontà di condividere missione e obiettivi. L’esperienza nel settore bancario è preferibile ma non indispensabile. Sono richiesti un’esperienza lavorativa complessiva di almeno due anni; se è inferiore ai due anni, si richiede un’età non superiore ai 27 anni e una laurea (di 2° livello o vecchio ordinamento). Gli interessati possono candidarsi tramite il sito: www.familybanker.it/cerchiamo_te.htm. 


CON IL CONTRIBUTO DEGLI ESPER TI DI:

“MIND IN ITALY”, IN CERCA DI GIOVANI TALENTI

Al via i bandi di selezione del CNR e Regione Lombardia nell’ambito della ricerca scientifica  “Mind in Italy” questo è il titolo dell’iniziativa promossa dal CNR – Consiglio Nazionale di Ricerca e Regione Lombardia per offrire opportunità di lavoro a giovani dinamici e intraprendenti che vogliono sviluppare attività di ricerca scientifica in Lombardia. Da martedì 7 ottobre 2008, infatti, prenderanno il via i bandi di ricerca in ambito scientifico-ambientale, tecnologico, medico e agro-alimentare previsti dall’Accordo Quadro siglato fra il CNR e Regione Lombardia e rivolti a laureati e diplomati di istituti tecnici superiori. Ogni progetto sarà finalizzato all’inserimento dei giovani selezionati

OPPORTUNITÀ IN CAMPO FARMACEUTICO

Laurea e forte desiderio di apprendere le caratteristiche indispensabili

 GRUNENTHAL, è la filiale italiana di un importante Gruppo Farmaceutico Multinazionale Tedesco, impegnato nel campo della ricerca e specializzato nelle aree della terapia del dolore, degli antinfettivi e della ginecologia. Nella struttura italiana operano circa 500 persone. La sede centrale è a Milano, mentre il complesso industriale, un polo che copre circa 50.000 metri quadri e rappresenta uno dei Centri di Eccellenza di Grünenthal, è situato ad Origgio. Gli obiettivi della filiale italiana sono concreti ed ambiziosi: rafforzare la leadership nel campo della terapia del dolore, mantenere e consolidare la propria quota di mercato nelle aree dermatologia, antinfettivi e sistema nervoso centrale, ma soprattutto espandere la presenza del marchio in nuove aree terapeutiche, e oggi, in ginecologia. Per questa ragione ricerca Neolaureati/te in discipline scientifiche (tra le quali laurea in Medicina e Chirurgia, Scienze Biologiche,

in programmi triennali di ricerca e sviluppo e al conferimento di assegni di ricerca, dottorati e borse master in “Ricerca Industriale”. Pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale, i bandi avranno validità fino al 7 novembre 2008. Gli ambiti di riferimento saranno: nuove tecnologie e strumenti per l’efficienza energetica e l’utilizzo delle fonti rinnovabili per gli usi finali civili; risorse biologiche e tecnologie innovative per lo sviluppo sostenibile del sistema agroalimentare; processi high-tech e prodotti orientati al consumatore per la competitività del settore manifatturiero lombardo; nanoscienze per materiali e applicazioni biomediche. La presentazione ufficiale avverrà lunedì 6 ottobre dalle ore 10 alle 13 presso Auditorium “Giorgio Gaber” di Piazza Duca d’Aosta 3-Milano con ingresso gratuito. Per richiedere maggiori informazioni, scaricare il bando ed inviare il proprio cv, collegarsi al portale www.cnr.it. 

Farmacia, Chimica e Tecnologie Farmaceutiche, Chimica con indirizzo Organico o Biologico, Medicina Veterinaria, Scienze Naturali, Diploma ISF e tutti i corsi di laurea triennali, a condizione che siano stati superati gli esami di farmacologia, patologia, tossicologia, chimica farmaceutica e tossicologica, tecnologia e legislazione farmaceutica,) i quali, dopo un adeguato corso di preparazione tecnico-scientifica, avranno la responsabilità di gestire le attività di aggiornamento e presentazione di farmaci etici presso i Medici di Medina Generale e i Medici Ospedalieri di ASL della propria area di pertinenza. Si richiedono: – Spiccata predisposizione ai rapporti interpersonali – Orientamento ai risultati – Capacità organizzativa – Capacità di lavorare in lavorare in Team – Forte desiderio di apprendere e crescere in un ambiente stimolante e orientamento ai risultati La zona oggetto della ricerca è FIRENZE e per candidarsi è indispensabile la residenza in zona. Per inviare il curriculum consultare il sito: http://careers.grunenthal.it nella sezione LAVORO E CARRIERE. 

Rubrica “Offerte di lavoro per laureati” a cura di Cristina Bonamin

Esercitando il diritto di cronaca, in questa rubrica vengono segnalate alcune offerte di lavoro di cui si ha avuto notizia e reputate particolarmente interessanti. Ogni offerta si intende rivolta a uomini e donne.

Ottobre 2008

17


Career building

DIVENTARE MANAGER? QUESTIONE DI LETTERATURA Alcune suggestioni letterarie per studiare da leader.

C

he capo sei o vorresti essere? Sei il manager che tutti i dipendenti vorrebbero avere? Nell’attuale business world la figura del “capo” autoritario, che non si preoccupa dei suoi dipendenti e si limita ad esercitare la propria autorità, è out. Ma come comprendere quale sia la strada migliore da intraprendere! Gli esperti di leadership situazionale svelano l’arcano sostenendo che il problema è mal posto, poiché ogni situazione specifica richiede uno stile manageriale differente. Teoria per molti versi condivisibile che però non risolve la sensazione che un top manager debba comunque avere delle specifiche caratteristiche fondamentali. Certo scuole di management 18

Mercurius magazine

e corsi per imprenditori sono essenziali, ma perché non provare a passare anche attraverso lo studio della letteratura? All’alba del XXI secolo, gli splendidi drammi di Shakespeare possono offrire preziosi insegnamenti per quanto riguarda la leadership, il potere e la responsabilità. Nei suoi testi, infatti, spesso ci si domanda chi sia la persona più qualificata per gestire sia i privilegi che le responsabilità dei ruoli di comando: l’Amleto è, da questo punto di vista, esemplare. Il lettore è continuamente spinto a chiedersi: chi, fra i diversi personaggi, è il più meritevole a esercitare i poteri di re? Un re onesto è necessariamente in assoluto il migliore dei re? È meglio un re pacifico o un guerrafondaio? Sono questioni che possono essere riferite a qualsiasi

a cura di Debora Pasero

Presidente o Amministratore Delegato come anche, in diversa misura, ai livelli manageriali inferiori. Nonostante il management possa apparire come un elemento della società contemporanea è palese che l’esperienza della guida delle organizzazioni ha una lunga tradizione. In epoca elisabettiana il potere era personificato: pochi lo possedevano e le loro personalità avevano una rilevanza importante. Shakespeare, nelle sue opere, sottolineò sempre quanto la personalità degli uomini politici influenzasse la loro capacità o meno di governare: una preoccupazione assolutamente attuale nella politica d’oggi. Un ottimo spunto, a tale proposito, è il libro di Paul Corrigan: “Shakespeare e il manage-


“Shakespeare e il management. Lezioni di leadership per i manager d’oggi”

“La Strategia di von Clausewitz Riletta a uso dei manager”

Autore: Paul Corrigan Casa Editrice: Etas Codice ISBN: 88-453-1086-8

Autori: Tiha von Ghyczy, Bolko von Oetinger e Christopher Bassford Casa Editrice: Etas Codice ISBN: 978-88-453-1474-2

Prezzo: € 22,21

Prezzo: € 17,00

ment. Lezioni di leadership per i manager d’oggi”, edito dalla casa editrice Etas. Paul Corrigan analizza gli eccessi dei leader shakesperiani che si trasformano in insegnamenti diretti ai manager contemporanei. Due mondi separati da secoli di storia si incontrano e si sovrappongono sul piano della leadership. In prima battuta “Shakespeare on management” (questo è il titolo originale, ndr) analizza quei leader shakesperiani che non si rendono conto dell’importanza del cambiamento. Il change management non è solo uno slogan, ma un’esperienza fondamentale che si colloca al centro di ogni incarico manageriale. Riccardo II, Re Lear e Antonio (da Antonio e Cleopatra) sono esempi perfetti di sovrani e leader incapaci di comprendere il cambiamento. Sono manager convinti che la posizione raggiunta debba essere conservata per un tempo indefinito, poco disposti ad investire tempo ed energie per cercare nuove strategie di crescita o per cambiare lo stato delle cose. Sono convinti che leader si nasce, non si di-

venta. Corrigan segue le vicende narrate da Shakespeare e ci mostra come un atteggiamento simile sia immancabilmente votato al fallimento. L’incontro tra mondi distanti è perfettamente riuscito e la strana coppia formata da Shakespeare e management non è più tale. I nessi pazientemente ricostruiti da Corrigan aprono prospettive stimolanti, suggerendo spunti per una lettura incrociata di esperienze che sembravano inconciliabili. Sicuramente i manager di oggi si trovano ad affrontare problemi ben diversi da quelli che caratterizzavano l’età elisabettiana e certo, un generale prussiano che combatte nelle guerre napoleoniche aveva ben altri obiettivi che quelli di un imprenditore d’oggi. Ma come dimostra “La Strategia di von Clausewitz – riletta a uso dei manager” di Tiha von Ghyczy, Bolko von Oetinger e Christopher Bassford, edito sempre da Etas, quando si formano le alleanze, queste si sciolgono e si ricreano a velocità supersonica. Quando l’esperienza è impotente

davanti a eventi senza eguali e regole e principi non valgono più, questo è il momento dei veri strateghi, in guerra come nel business. Frutto di una selezione curata di brani del classico Della guerra, uno dei pilastri della strategia occidentale, il libro presenta un approccio che fonde la logica, la dialettica, la comprensione storica, l’approfondimento psicologico e lo studio sociologico in una coinvolgente esposizione di pensiero e azione strategici e offre al lettore moderno idee e principi ancora attuali e applicabili nel XXI secolo. Tra gli argomenti: le caratteristiche del genio strategico; il ruolo della teoria nella strategia; il rischio; le qualità della leadership e molto altro ancora. Arricchito da uno interessante saggio critico dello Strategy Institute di The Boston Consulting Group, note storiche e estratti dagli scritti di altri pensatori, antichi e moderni, questo libro è una lettura apprezzabile da chiunque voglia comprendere i fondamentali della strategie in ogni situazione di competizione e incertezza.

Ottobre 2008

19


Colloquio di lavoro

QUANDO A SELEZIONARE SONO LE EX INTERINALI I colloqui di lavoro esterni all’azienda: i cambiamenti dell’iter di selezione

S

empre di più oggi aziende di grandi e medie, ma anche di piccole dimensioni, si appoggiano a società esterne per la ricerca e la selezione di personale. Il mercato del lavoro è cambiato moltissimo negli ultimi decenni così come le esigenze delle aziende e le procedure attraverso le quali esse ricercano e assumono personale. Se negli anni ’70 e ‘80 la legge vietava ai privati la possibilità di occuparsi di mediazione del lavoro (di esclusiva competenza degli uffici di collocamento, gli attuali centri per l’impiego), nel 1997 con il cosiddetto Pacchetto Treu, si rende legale il lavoro temporaneo somministrato da apposite società, le agenzie interinali. 20

Mercurius magazine

A cura di Dalila Borrelli – Psicologa

Nel 1997 si contavano, in Italia, 33 società autorizzate alla somministrazione del lavoro. Solamente dieci anni dopo, il numero è più che raddoppiato, raggiungendo quota 81 . Secondo i dati raccolti da Ebitemp (ente bilaterale per il lavoro temporaneo) e Formatemp (fondo per la formazione dei lavoratori), nel ’97, erano 2700 le agenzie, collocate su tutto il territorio (il 67% concentrato a Nord)e con un fatturato di 6.5 miliari di euro l’anno. Nate, inoltre, come strutture che si occupavano per lo più di collocare personale in posizioni operative e/o poco qualificate, tali agenzie oggi, grazie alla Legge 30/2003 nota anche come Legge Biagi, possono in realtà

occuparsi (e lo fanno) non solo di somministrazione (ovvero di messa a disposizione delle imprese di lavoratori assunti però dall’agenzia stessa) ma anche di intermediazione e di ricerca e selezione del personale proprio ciò di cui le imprese hanno bisogno ma, spesso, poco tempo e poche risorse da dedicarci. E dal momento che le agenzie sono sempre più competenti e in grado di svolgere la loro attività con procedure snelle, rapide e dai risultati convincenti, al pari delle società di ricerca e selezione del personale e di head hunting per tradizione specializzate nella selezione di profili alti, le aziende ritengono utile commissionare loro la ricerca non solo di figure operative ma


anche di profili medio – alti se non dirigenziali e di neolaureati da avviare a percorsi di inserimento aziendale e formazione al ruolo. Oggi dunque sia le società di ricerca e selezione del personale che le ex interinali, un insieme di mediatori del lavoro definite agenzie per il lavoro, sono sempre più gli interlocutori principali, rispetto ai centri per l’impiego, delle aziende. Che conseguenze ha tutto ciò per il neolaureato? Che le sue esperienze professionali verranno probabilmente spesso mediate proprio dalle agenzie per il lavoro e che la sua ricerca attiva del lavoro non potrà escludere il contatto con tali società, fino a qualche anno fa snobbate perché ritenute adatte a selezionare solamente profili “bassi”. Come abbiamo visto, però, questo poteva essere ritenuto vero nel passato, oggi è solamente un pregiudizio o comunque una visione davvero molto parziale e incompleta delle “ex interinali”. Quanto detto fino a ora è una semplice carrellata sulle agenzie per il lavoro. Ora è però necessario introdurre il tema centrale della rubrica: come prepararsi efficacemente per sostenere un colloquio presso un’agenzia per il lavoro dato che, lo ripetiamo, non si tratta affatto di un’eccezione ma, ormai, della prassi. In realtà valgono i suggerimenti dati fino a oggi e che potremmo riassumere in due parole chiavi diventate ormai il nostro leit motiv: che si tratti di un colloquio individuale o di gruppo, che esso sia condotto come una

Per saperne di più:

• • • •

www.asso-lavoro.it sito web dell’Associazione nazionale delle agenzie per il lavoro; www.luismedia.it/agenzieinterinali.it sito web per la ricerca di tutte le agenzie per il lavoro presenti nelle province italiane; www.assores.it sito web dell’ Associazione Italiana Società di Consulenza Direzionale per la Ricerca e Selezione del Personale; Mario Bianco e Gloria Valdonio, “Le società di ricerca e selezione del personale. Guida al mercato della ricerca del lavoro”, 2000, Edizioni Il Sole 24 ore.

stress interview o, al contrario, in modo fin troppo amichevole, che sia conoscitivo o tecnico ecc, ciò che conta è affrontarlo con autenticità e consapevolezza di se. Anche a colloquio con un agenzia per il lavoro, cioè, l’unico “trucco” è mostrarsi lucidi e preparati, rispondere alle domande con linguaggio curato e onestà, comportarsi in modo attivo ponendo domande e interagendo con l’interlocutore. L’obiettivo è per entrambe le parti lo stesso: conoscersi e valutare la reciproca affidabilità e professionalità che, se ritenute essere presenti, fanno si che il curriculum del candidato sia inserito nel database dell’agenzia, pronto a essere selezionato ogni volta che se ne presenterà l’occasione, e che l’agenzia arricchisca il proprio archivio con i nominativi di persone valutate interessanti. Un’accortezza che ci sentiamo infine di segnalare è quella di giocare la carta dell’adattabilità ai ruoli professionali: dal momento che non sempre ci si presenta in agenzia in risposta a una specifica selezione in atto, ma spesso semplicemente per sostenere un colloquio conosci-

tivo che permetta l’inserimento nel database, possiamo evidenziare l’eventuale versatilità di aspirazioni e competenze professionali così da essere in futuro contattati, valutati e selezionati per opportunità legate anche ad ambiti e ruoli diversi.

Ottobre 2008

21


Retribuzioni

“RICERCA E SVILUPPO”: LA CRESCITA RETRIBUTIVA CONTINUA… Stipendi elevati per i professionisti dell’ innovazione e anche gli under trenta laureati se la godono.

L

a locuzione Ricerca e Sviluppo viene usata generalmente per indicare quella parte di un’impresa industriale (uomini, mezzi e risorse finanziarie), che viene dedicata allo studio di innovazioni tecnologiche da utilizzare per migliorare i propri prodotti, crearne di nuovi, o migliorare i processi di produzione. L’area funzionale “Ricerca e Sviluppo” rappresenta quindi una delle più importanti dal punto di vista della produzione industriale, soprattutto se teniamo conto dell’alto livello di saturazione dei mercati odierni: siamo invasi da una marea di prodotti e sceglierne uno diventa veramente difficile. L’ago della bilancia, a parità di prezzo, è proprio la maggiore o 22

Mercurius magazine

minore funzionalità derivante dalle tecnologie utilizzate per produrre questo o quel prodotto. Non a caso, gli impiegati dell’area funzionale “Ricerca e Sviluppo” sono quelli che guadagnano meglio, dopo i colleghi dell’area “Marketing, Comunicazione, Commerciale” e “Direzione Generale”. Il dato molto positivo che caratterizza la RTL (retribuzione totale lorda) degli impiegati nell’area è la situazione in cui versano i laureati under 30: nonostante gli under 30 laureati con 1/2 anni di esperienza accedano a una posizione lavorativa con un salario non elevato e al di sotto della media retributiva impiegatizia, le loro possibilità di fare carriera sono alquanto ampie.

a cura di Thèodore Guida

Ricordando che, nell’arco temporale 2003/2007, le retribuzioni cresciute maggiormente sono proprio quelle dell’area “Ricerca e Sviluppo” con il +12,9%, infatti, si può affermare che il salario in quest’area è proporzionale all’esperienza e alle abilità acquisite. Infatti, i laureati con 3/5 anni di esperienza percepiscono una RTL pari a 27.005 euro, ben al di sopra della media retributiva che si attesta intorno ai 25.300 euro. Stesso discorso vale anche per quanto concerne l’andamento generale. Il gap generazionale, infatti, sembra essere molto meno marcato che per altre aree: una volta superata la soglia dei trent’anni le retribuzioni crescono costantemente con un


Abbreviazioni Aree funzionali mcc: marketing, commerciale e comunicazione it: Information Tecnology ppqm: produzione, qualità, manutenzione r&s: ricerca e sviluppo ru: risorse umane acl: acquisti e logistica afc: ammin., finanza e controllo dg: direzione generale Fonte OD&M – Elaborazione Mercurius Magazine

andamento ben al di sopra della media retributiva impiegatizia. Però, mentre i laureati hanno più possibilità di accedere a cariche dirigenziali e quindi a retribuzioni dorate, la crescita lavorativa e retributiva dei non laureati a un certo punto si arresta, se non in casi estremi, in cui per meriti particolari, anche per il non laureato si aprono spiragli dirigenziali. L’altra forbice retributiva strutturale è l’area territoriale in cui l’azienda opera. In questo caso, solo a Nord-Ovest si percepiscono salari al di sopra della media, mentre nel resto d’Italia, NordEst compreso, la RTL, seppur con valori diversi, si attesta su valori al di sotto della media. In rapporto alle dimensioni aziendali l’andamento retributivo di media e grande impresa sembra essere, con valori sopra la media, quasi parallelo. Per chi lavora nella piccola impresa, invece, la retribuzione sembra essere modesta. Se poi, teniamo conto del fatto che tra i vari settori, solo nell’“Industria”, i salari per i lavoratori di “Ricerca e Sviluppo” sembra siano accettabili, possiamo affermare che tale andamento è dovuto in parte alle spese elevate che per fare ricerca e innovazione si devono affrontare. Spese che

spesso per la piccola impresa appaiono insostenibili. Piccola impresa che d’altronde sembra essere penalizzata anche dal sistema finanziario italiano non propenso a concederle i fondi necessari alla “Ricerca”. Non a caso, tra le imprese che investono di più nella ricerca troviamo la FIAT (attraverso due dei maggiori centri di ricerca privati europei, che sono l’ELAIS di Pomigliano d’Arco e il CRF di Orbassano) e FINMECCANICA. Per quanto riguarda i comparti a sorridere sono gli impiegati nei comparti “Telecomunicazioni”, “Elettronica”, “Informatica”, “Fabbricazione apparecchi meccanici”: non poteva essere altrimenti visto che si tratta di comparti ove la ricerca è fondamentale. Curioso, inoltre, sembra essere il gender gap: la retribuzione delle donne è al di sotto della media ma quella degli uomini supera di solo lo 0,5% la media retributiva impiegatizia. Tutto sommato, in questo caso, la distanza tra i due generi, non è notevolissima e anche le

donne non sono poi così al di sotto della media retributiva. In linea generale, dunque, sembra che le elevate retribuzioni che caratterizzano l’area funzionale “Ricerca e Sviluppo”, testimonino una ripresa delle attività di ricerca da parte delle imprese italiane, per cui l’innovazione ritorna ad essere attuale. Inoltre se la crescita che ha caratterizzato l’area dovesse continuare con la stessa frequenza e intensità, questa in pochi anni potrebbe diventare l’area leader nelle retribuzioni. Quindi, laureati e aspiranti laureati in materie attinenti la “Ricerca e Sviluppo”, non perdete tempo e affrettatevi a entrare nel settore.

Fonte OD&M – Elaborazione Mercurius Magazine

Ottobre 2008

23


Contratti di lavoro

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE a cura di Alessandra Torchia, avvocato

« Vietate dalla Finanziaria 2008, le clausole elastiche e flessibili

continuano a essere valide se stipulate entro il 31 dicembre 2007?

S

empre più diffuso nel mondo del lavoro è il contratto part time, cioè con un regime di orario globalmente ridotto rispetto a quello ordinario che consente di soddisfare le esigenze di flessibilità sia delle imprese che dei dipendenti (specie se donne interessate, ad esempio, a conciliare “lavoro&famiglia”). Di esso, in particolare delle c.d. clausole elastiche nonché delle clausole flessibili, si è occupata la legge 247/2007 (c.d. Finanziaria 2008) prevedendo importanti limiti all’autonomia negoziale delle parti in funzione di tutela del lavoratore. 24

Mercurius magazine

Requisiti formali del contratto e tipologie di part time

Nel delineare le caratteristiche occorre sottolineare che il contratto di lavoro part-time deve contenere sia l’indicazione della durata della prestazione lavorativa sia l’orario di lavoro (con riferimento al giorno, alla settimana, al mese e all’anno). La forma scritta è obbligatoria ai fini della prova dell’esistenza della tipologia di contratto: il datore che non ottempera, infatti, a questa norma è passibile, su richiesta del lavoratore, a dover dichiarare la sussistenza di un rapporto di lavoro a tempo pieno. Compatibile con il contratto a

»

tempo determinato, con quello d’inserimento e con quello di apprendistato, il part-time può essere: • di tipo orizzontale in cui la riduzione di orario, rispetto al tempo pieno, è quotidiana (ad esempio quattro ore piuttosto che otto, tutti i giorni); • di tipo verticale in cui l’attività lavorativa è full-time ma limitatamente a periodi predeterminati nel corso della settimana, del mese o dell’anno (ad esempio tre giorni a tempo pieno alla settimana); • di tipo misto consistente in una combinazione delle due tipologie sopra descritte (ad esempio, in alcuni periodi dell’anno si può concordare una


riduzione dell’orario di lavoro del 50%, in altri del 20%).

Diritti e doveri del lavoratore part-time

Il lavoratore part-time non deve essere discriminato rispetto a quello full time per quanto riguarda il trattamento economico e normativo; tuttavia la retribuzione, l’importo dei trattamenti economici per malattia, infortunio e maternità, vengono calcolati in maniera proporzionale al numero di ore lavorate, salvo che i contratti collettivi non stabiliscano diversamente. Egli ha, inoltre, diritto allo stesso trattamento normativo dei lavoratori assunti a tempo pieno sotto tutti gli aspetti, quali la durata del periodo di ferie annuali, la durata del congedo di maternità e del congedo parentale, il trattamento della malattia e infortunio ecc. A ciò si aggiunga che, se previsto dal contratto individuale, il dipendente part time ha diritto di precedenza nel passaggio al regime full-time, rispetto alle nuove assunzioni a tempo pieno, avvenute nelle unità produttive site nello stesso ambito comunale e per le stesse o equivalenti mansioni. Dal canto suo, invece, il lavoratore a tempo pieno ha diritto a essere informato, anche con comunicazione scritta in luogo accessibile a tutti, dell’intenzione di procedere ad assunzioni a tempo parziale per poter presentare domanda di trasformazione.

Clausole elastiche e clausole flessibili

La Riforma Biagi ha previsto maggiore flessibilità nella ge-

Per approfondimenti consultare i siti: • www.informagiovani.it • www.welfare.gov.it • www.esperto-lavoro.ilsole24ore.com

stione dell’orario di lavoro e minori vincoli per la richiesta di prestazioni supplementari e straordinarie, nonché per la stipulazione di clausole elastiche e di clausole flessibili. In particolare, mentre le prime sanciscono la facoltà di variare il tempo lavorativo, aumentandolo, però solo rispetto alla tipologia di contratto part-time verticale o misto, le seconde conferiscono la possibilità di prevedere periodi diversi rispetto a quelli fissati negozialmente in ordine a tutte e tre le tipologie.

Finanziaria 2008 e soluzione al quesito

La Finanziaria 2008 – con validità dal primo gennaio 2008 – ha impedito ai contraenti di variare la collocazione temporale della prestazione lavorativa o

di poterla aumentare mediante l’inserimento di clasuole elastiche e di clausole flessibili. Orbene, mancando una disciplina transitoria per quelle sottoscritte fino al 31 dicembre 2007 e applicandosi il principio di irretroattività della norma al problema prospettato nel quesito, si può concludere affermando che quanto è stato convenzionalmente stabilito dalle parti continuerà a essere valido fino alla scadenza naturale del contratto. Le clausole elastiche e flessibili stipulate, quindi, prima del 1° Gennaio 2008 continueranno ad applicarsi fino al termine conclusivo del contratto di lavoro part time nel quale sono inserite. Vietata sarà una loro rinnovazione, oltre quella data, essendo preclusa all’autonomia dei contraenti tale possibilità dalla legge.

A proposito di... Lavoro supplementare: è prestato oltre l’orario di lavoro stabilito nel contratto di lavoro part-time orizzontale (anche a tempo determinato) ma entro il limite del tempo pieno e quando il tempo pieno non sia stato raggiunto è ammissibile anche nel part-time verticale o misto. Lavoro straordinario: è il lavoro prestato oltre il normale orario di lavoro full time. è ammissibile solo nel rapporto di lavoro part-time di tipo verticale o misto, anche a tempo determinato.

Ottobre 2008

25


E-learning

SVILUPPARE COMPETENZE CLINICHE Tre percorsi didattici che formano operatori professionali in grado di definire, attraverso le abilità acquisite, il miglior approccio terapeutico al paziente.

S

pecializzazione, competenza, studio e ricerca. Fondamenti sempre più richiesti dalla professione sanitaria. Per tale motivo diventa ancora più importante, se non imprescindibile, acquisire nuove conoscenze e informazioni, attraverso dei corsi postlaurea, per svolgere al meglio la professione in ambito clinico. L’Istituto Corep di Torino in collaborazione con AIUC, l’Associazione Italiana Ulcere Cutanee, organizza un master di I livello in Vulnologia, ovvero quella branca della medicina che si occupa della gestione delle lesioni cutanee acute e croniche, rendendo migliore la qualità dell’assistenza dei 26

Mercurius magazine

malati, nei differenti contesti di cura. Il corso si pone l’obiettivo di incrementare le competenze di alcuni profili professionali (medici, infermieri, fisioterapisti e figure professionali in ambito sanitario) secondo una visione olistica e attraverso l’insegnamento di un approccio multidisciplinare al paziente Il master è rivolto ai laureati in Medicina e Chirurgia (vecchio e nuovo ordinamento), agli infermieri o a chi possiede titoli equipollenti che consentono l’iscrizione all’albo professionale (L. 1/2002) e ai laureati del nuovo ordinamento in Infermieristica e abilitanti alla professione di infermiere.

a cura di Angelo Giovinazzo

Il Master è biennale e si svolgerà a partire da novembre 2008, con durata complessiva di 790 ore, suddivise in 440 ore di didattica (formazione frontale e didattica on-line) e 350 ore di progetto applicativo. Al Master sarà ammesso un numero massimo di 35 iscritti. Il programma si divide in: epidemiologia, ricerca ed evidenza scientifica; cute e lesioni dermatologiche; decubito: prevenzione e trattamento; l’arto inferiore e lesioni cutanee; il piede; il trattamento locale. Per verificare l’apprendimento, durante il percorso formativo, saranno organizzate delle verifiche con valutazione espressa in trentesimi, mentre, a conclu-


sione dell’intero percorso, allo studente sarà chiesta la stesura di una tesi da discutere come prova finale. La quota d’iscrizione è di 2.000 euro. Diretto a chi è interessato al campo delle dipendenze è il master in Pedagogia e Psicopatologia nella realtà virtuale: due facce di una medaglia, un corso erogato da Elform con metodologia F.A.D. Il Master si rivolge in particolare a psicologi, psicoterapeuti, medici, pedagogisti, assistenti sociali, infermieri, sociologi ed educatori.Il corso nasce con l’obiettivo di offrire uno sguardo generale sui nuovi casi di dipendenza, sulle loro caratteristiche e i fenomeni di diffusione. Particolare attenzione sarà rivolta alle varie manifestazioni cliniche e ai possibili approcci terapeutici, inoltre saranno introdotte delle lezioni sulle tematiche di utilizzo dell’elearning che rappresenta appuntol’altra faccia della medaglia. Il master avrà durata di due mesi e le lezioni inizieranno il primo di ogni mese. La classe sarà formata da un massimo di 25 alunni. Il costo del master è pari a 1.000 euro. Al percorso didattico si possono iscrivere, a un prezzo agevolato,anche gli studenti che ancora devono conseguire la laurea. Il corso sarà caratterizzato da diversi strumenti di lavoro: dispense scaricabili, rielaborazioni attive, skills, cooperative learning, per fornire ai partecipanti elementi teorici e strumenti pratici per approfondire gli aspetti psicopedagogici e psicopatologici correlati alla Realtà Virtuale.

Per maggiori informazioni

COREP è un Consorzio senza fini di lucro costituito da Politecnico di Torino, Università degli Studi di Torino, Università degli Studi del Piemonte Orientale “A. Avogadro” e da enti locali, associazioni imprenditoriali e importanti realtà industriali. Segreteria Master COREP: C.so Trento 13 – 10129 Torino – Tel. 011 090 5107 www.formazione.corep.it/vulnologia; e-mail: formazione@corep.it Elform si occupa di formazione a distanza, ossia della realizzazione di corsi, la cui fruizione è svincolata dalle strutture tradizionali (aule, banchi) attraverso l’utilizzo delle moderne tecnologie informatiche (corsi on line). Elform e-learning formazione e applicazioni: Viale Ippocrate, 97 – 00161 Roma – Tel. 06 4977 0522 www.elform.it; e-mail: info@elform.it L’Università Telematica “Leonardo Da Vinci” è un’iniziativa dell’Università Gabriele d’Annunzio di Chieti-Pescara e dell’omonima Fondazione. Piazza San Rocco – 66010 Torrevecchia Teatina (CH) – Tel. 0871 361 658 www.unidav.it; e-mail: info@unidav.it

Sempre per chi ha conseguito una laurea in Medicina e Chirurgia è il master on-line di II livello in Auxologia ed Endocrinologia Pediatrica. Il corso è erogato dall’Università Telematica “Leonardo da Vinci” in collaborazione con la Clinica Pediatrica di Chieti. Un corso di formazione avanzata con il quale i futuri pediatri possono aggiornare le proprie competenze in ambito dello sviluppo del bambino. Il master si prefigge l’obiettivo di chiarire la fisiologia di tale processo, spiegando le cause dello sviluppo di patologie e definire il migliore approccio diagnostico e terapeutico. Il corso è rivolto a tutti i pediatri, ai medici e, in generale, a tutti i laureati in Medicina e Chirurgia, che vogliano approfondire le ultime ricerche in questa patologia. Il corso sarà

strutturato in lezioni caratterizzate da diapositive commentate, da un testo scritto e da un questionario. Il costo complessivo è di circa 2.000 euro. Il programma delle lezioni comprende: fisiologia dell’accrescimento; valutazione dell’accrescimento; magrezza; obesità; bassa statura da cause endocrine; bassa statura da altre cause; alta statura; pubertà; pubertà precoce; pubertà ritardata; adolescentologia.

Ottobre 2008

27


Opportunità all’estero Polonia     

STUDIARE E LAVORARE IN POLONIA

 

Popolazione: 38.626.349 Superficie: 312 685 km2 Capitale: Varsavia Lingua: polacco Ordinamento: Repubblica parlamentare Moneta: Złoty Prefisso telefonico: 0048

Viaggio tra le opportunità professionali e formative offerte da una nazione a cura di Debora Pasero in profonda trasformazione: la Polonia.

L

a cattolicissima Polonia è il paese dei mille volti. La modernità e la vitalità della capitale si mescolano allo spirito medievale e agli incanti delle antiche città, la tranquillità dei grandi parchi si contrappone all’inquietudine di Auschwitz e Birkenau. Il turismo qui non è ancora molto sviluppato a parte le città più conosciute come Cracovia e Varsavia; si mangia buon cibo e i prezzi sono contenuti e nonostante i trascorsi storici, pieni di conflitti e periodi drammatici, la Polonia è rimasta un paese ospitale. A partire dagli anni ’90 lo stato ha subito una profonda trasformazione, l’economia si è consolidata e ciò ne ha accelerato l’ingresso nell’Unione Europea, avvenuto nel 2004. 28

Mercurius magazine

Per lavorare

Nonostante l’ingresso in Europa e le buone previsioni per il futuro, in Polonia continua a essere usata la vecchia valuta, lo zloty polacco, quindi per ora i salari sono ancora sotto la media europea (si aggirano attorno ai 2.457 złotych , circa 700 euro) e quindi non ancora abbastanza accattivanti se si volesse partire per tornare ricchi. Il settore privato è il settore di maggior sviluppo e quello più dinamico, grazie soprattutto alla privatizzazione di piccole e medie imprese e a leggi che incentivano e regolamentano la creazione di nuove società, anche estere. I piani futuri della Polonia oggi si concentrano, anche e soprattutto, sul settore finanziario e

fiscale, in previsione di una sua entrata nell’Eurozone. Le offerte di lavoro attualmente sono poche rispetto ad altri paesi occidentali e, soprattutto, senza la conoscenza della lingua polacca è difficile anche solo approcciarsi alla prima fase di ricerca, ma ci sono buone prospettive per i giovani. Ora come ora il metodo maggiormente utilizzato per il reclutamento è ancora quello del curriculum inviato direttamente alle aziende, ma sta crescendo sempre più il numero di portali e agenzie interinali che offrono opportunità di lavoro. I primi che menzioniamo sono i siti delle società di selezione Adecco 1, Randstand 2 e Manpower3, che hanno una sezione dedicata alla Polonia; tutti


i portali hanno una versione in inglese, ma le descrizioni degli annunci però sono in polacco. Portale di facile consultazione (inglese e italiano) è English Language Jobs4, che propone offerte di lavoro a Varsavia, soprattutto per la parte amministrativa, di segreteria e di marketing. Un altro interessante portale che si occupa di offerte di lavoro in tutto il mondo è Espace Emploi International 5, sito francese, ma consultabile anche in inglese e spagnolo, che al momento della ricerca presentava per la Polonia quattro offerte di lavoro rivolte a neolaureati in ingegneria. Eures6, il portale europeo della mobilità professionale, è utile per chi decidesse di intraprendere un percorso lavorativo all’estero. Il sito è tradotto in 25 lingue e a ogni paese è dedicata una sezione; il portale, oltre a fornire proposte di lavoro in Polonia, da degli utili spunti sia sulla panoramica del mercato del lavoro che sulle condizioni di lavoro e di vita del paese dal quale vorremmo essere ospitati, oltre che delle proposte mirate interamente ai neolaureati. Per chi padroneggia la lingua si possono anche consultare i quattro più grandi portali di recruiting polacchi: Job Pilot7, Pracui8, JobUniverse 9e WebJobs10 che presentano ampi database di offerte di lavoro e filtri di ricerca dettagliati per diverse aree. Un sito interessante, è IAgora11, che si rivolge prettamente a studenti universitari e neolaureati. Il sito raccoglie offerte di primo

impiego e le divide in offerte gratuite e offerte premium. Per gli utenti premium (il servizio è a pagamento: circa 5,00 euro per un mese di consultazione e 18,00 per un anno) è possibile inviare il proprio Cv direttamente all’azienda, inserirlo nel database del sito e consultare centinaia di offerte di lavoro. Il portale, inoltre, offre la possibilità di accedere gratuitamente come utente premium diventando un Job Scout per il portale, cioè lavorando per loro a caccia di inserzioni. Al momento della ricerca, le due suddivisioni, nella sezione della Polonia, contenevano circa una ventina di offerte, in particolare per laureati IT e chimici. Un sito utile è anche Europa. eu 12 una guida della Commissione europea che fornisce risposte a questioni pratiche per chi intende lavorare in un altro paese, informazioni su come ottenere il visto, i diritti del lavoratore e le tipologie di contratto.

Soggiornare Appartamenti e alberghi www.staypoland.com www.bookinghome.com Ostelli www.bursa.krakow.pl Tempo Libero www.gopoland.com www.iagora.com

rimarrà deluso. Una delle occasioni di studio più prestigiose in Polonia è il Collegio d’Europa 13, un istituto indipendente di studi europei post-universitari con sede a Natolin (Varsavia) e in Belgio. Le lingue ufficiali di studio e lavoro sono l’inglese e il francese. Ogni anno, circa 400 studenti provenienti da 50 paesi di tutto il mondo studiano per ottenere il master in Studi Interdisciplinari Europei nel campus di Natolin. I candidati

Per studiare

Cracovia, Danzica, Gdynia, Sopot, Varsavia sono le città universitarie della Polonia, ricche di cultura e attrattive che stanno diventando le mete più ambite dei progetti Erasmus. Cracovia, in particolare, ospita la più antica università polacca e tra le più storiche in Europa. Lo stile di vita dello studente in Polonia rimane tra i più interessanti dei paesi europei; tra uniwersytety, politechniki e akademie lo studente che sceglie questo paese per un periodo di scambio culturale di studi non

Ottobre 2008

29


Indirizzi utili Ambasciata della Repubblica di Polonia in Italia Via P.P.Rubens, 20 – 00197 ROMA Tel. 06.36204200 – fax 06.3217895 ufficio.stampa@ambasciatapolonia.it Ambasciata italiana a Varsavia pl. Dabrowskiego 6, 00-055 Warszawa tel. (+48 22) 826-34-71 to 3 – fax (+48 22) 827-85-07 sez.consolare@italian.embassy.pl ambvars@medianet.com.pl

ammessi sono neolaureati in varie discipline, tra cui diritto, scienze politiche, economia, sociologia, filosofia, storia, geografia, lingue straniere e linguistica, giornalismo e con uno spiccato interesse negli affari europei. Le selezioni si svolgono in tutta Europa e in Italia sono tenute da un ramo del Ministero degli Esteri. Per avere invece una panoramica sulle università polacche e sui corsi post-laurea è possibile consultare il sito Poland.pl14, in

lingua inglese, che offre una dettagliata descrizione del sistema scolastico della Polonia. Per chi invece è pratico della lingua può consultare il portale Interia.pl 15alla sezione studenti; il sito è dedicato agli studenti di tutte le età, ma si possono trovare news aggiornate per i giovani laureati sia sulle opportunità di studio post-universitario che di carriera. Per un target di età più alto invece è il sito Edu.pracui16, già menzionato nella sezione

Siti di riferimento 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17

30

www.adecco.pl www.randstad.pl www.manpower.pl www.englishlanguagejobs.com www.emploi-international.org http://europa.eu.int/eures www.jobpilot.pl www.pracuj.pl www.jobuniverse.pl www.webjobs.pl www.iagora.com/index.html::lang=it http://europe.eu.int/scadplus/citizens/en/empl.htm www.coleurop.be/default.asp www.poland.pl/education/universities/index.htm http://student.interia.pl www.pracuj.pl/edukacja/prezentacje.htm www.europlacement.com

Mercurius magazine

dedicata al lavoro in Polonia: il portale è dedicato alla formazione post-laurea e fornisce un elenco dei master in Polonia, dividendoli per settori e indirizzi di laurea e localizzandoli sulla cartina del paese.

Per frequentare uno stage

Chi fosse invece interessato a svolgere solo un breve periodo di lavoro in Polonia, magari durante le vacanze estive, c’è da premettere che non è molto semplice per gli studenti stranieri trovare un’occupazione, vi è però la possibilità di effettuare uno stage presso le aziende collegate alla propria nazionalità. Sul portale Europlacement17, consultabile anche in italiano, è possibile ricercare le offerte di stage in Europa sia per stato, che per categoria e dimensione aziendale. Al momento della nostra ricerca per la Polonia erano disponibili 15 opportunità di stage: le proposte sono corredate di foto e descrizione, l’unico “problema” è che per poter visualizzare l’offerta completa è necessario fornire la propria mail e creare un account sul sito. Durante la registrazione viene fornito un account di prova, ma per utilizzare i servizi completi il costo è di 30 euro. IAgora, anche per chi sta ricercando uno stage, può fornire nuovamente degli spunti: sia nella sezione IStudy che in IWork, infatti, fornisce un elenco di internship e di progetti Erasmus da poter svolgere sia nelle aziende polacche che in realtà internazionali con sede in Polonia.


Formazione post-laurea

Manager e nuovi specialisti per la sanità che cambia Il settore, al centro di una profonda trasformazione, cerca nuovi professionisti che sappiano combinare conoscenze a cura di Luigi Dell’Olio tecniche e doti manageriali

S

tretta tra la crescente concorrenza da una parte e la necessità di far fronte al taglio dei trasferimenti pubblici dall’altro, la sanità sta evolvendo rapidamente verso sistemi di gestione manageriale. Capita così sempre più spesso che le strutture sanitarie, un tempo affidate esclusivamente a professionisti provenienti dallo stesso comparto, richiedano oggi manager capaci di combinare passione e attenzione ai bilanci.

Professionisti del farmaco

Salerno, Roma e Milano sono le sedi del master in Management & Marketing Farmaceutico organizzato da Alma Laboris. Una figura professionale che deve combinare le conoscenze tecniche in campo sanitario con una spiccata propensione alle relazioni interpersonali e alla vendita, che può trovare lavoro come libero professionista o presso aziende del settore (asl, aziende ospedaliere, aziende farmaceutiche

o chimiche) curando il coordinamento di specifiche aree e competenze. Il corso è indirizzato prevalentemente a laureati dei corsi in farmacia chimica e tecnologie farmaceutiche, chimica, scienze biologiche, scienze tecnologie alimentari, medicina e chirurgia, medicina veterinaria, biotecnologia ed equipollenti. Il corso è strutturato in due mesi d’aula (80 ore in tutto, con formula weekend), due settimane di project work (80 ore), dedicate allo sviluppo e all’analisi di un tema

Ottobre 2008

31


trattato, infine quattro mesi di stage (640 ore) presso una delle aziende convenzionate.

abbraccia le aree economica, quantitativa, medica, biotecnologica e giuridica.

Manager della sanità

Specialisti si diventa

La Sda Bocconi di Milano propone un master in Management per la Sanità che punta a formare specialisti capaci di: comprendere la struttura e le caratteristiche del settore sanitario italiano; utilizzare abilità di gestione operativa nel contesto sanitario; aiutare i policy-makers a progettare e attuare politiche sanitarie efficaci nel contesto regionale di riferimento; operare sia nel contesto pubblico, sia in quello privato. Resta nel contesto aziendale, ma si specializza sul versante dei rischi, il master in Risk Assessment and Risk Analysis dell’Università Statale di Milano. I moduli didattici affrontano temi che spaziano dalla tossicologia all’epidemiologia, dalla valutazione del rischio fisico a quella del rischio biologico. In tema di nuova managerialità si muove il master dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma in Management delle imprese biomediche e biotecnologiche. Un corso che 32

Mercurius magazine

Molto ricca l’offerta formativa del Corep di Torino, con master che vanno dalla deglutologia all’infermieristica, passando per le competenze destinate agli insegnanti che interagiscono con gli studenti in difficoltà. Singolare il master in Ingegneria dei sistemi edilizi ospedalieri, indirizzato soprattutto a progettisti interessati a specializzarsi in un comparto dalle grandi prospettive di crescita nei prossimi anni. Una parte del master è riservata all’Hygienic Engineering Design. Sono previsti, inoltre, approfondimenti che aiutano ad affrontare le problematiche legate alla conduzione ospedaliera con una particolare attenzione agli aspetti di gestione di strutture e risorse, alla programmazione e gestione degli interventi di manutenzione, alla sicurezza integrata. Il master si svolge da novembre a ottobre per complessive 924 ore, di cui 528 di didattica frontale, 10

di formazione a distanza e 396 di stage. La pre-selezione delle candidature avviene sulla base del curriculum vitae (voto di laurea, tesi svolta, esperienze affini al percorso proposto dal master.). I candidati che vengono ritenuti idonei potranno partecipare al successivo colloquio motivazionale. A Pavia l’Istituto Universitario di Studi Superiori organizza il master internazionale in Tecnologie nucleari e delle radiazioni ionizzanti. Il corso prevede 400 ore di lezioni teoriche ed esperienze pratiche per cinque mesi. Tra i temi approfonditi figurano: le applicazioni industriali delle radiazioni ionizzanti, la radiochimica e la radioprotezione. Etnomedicina e Etnopsichiatria: Salute, ricerche e interventi in contesti multiculturali è il titolo del master organizzato da Perform a Genova. Un percorso di studi destinato a chi vuole affinare le capacità di lavorare in ambiti sanitari caratterizzati dalla multi etnicità.

Un ponte tra scienza e aziende

Scienziati in azienda è il titolo di un programma ideato dall’Istud di Stresa (Vb), Il piano formativo, della durata complessiva di nove mesi, si rivolge a giovani laureati in materie scientifiche e a indirizzo medico-biologico e farmaceutico, compresi i laureati in Ingegneria, Fisica Biomedica e Medicina, ad alto potenziale e con spiccate doti relazionali. Il programma è strutturato in cinque fasi: la formazione in


aula, che richiede la frequenza a tempo pieno per sette settimane (tra i temi trattati ci sono l’organizzazione dell’azienda e l’evoluzione del Servizio Sanitario Nazionale); un project work di due settimane con i partecipanti suddivisi in gruppi che sviluppano un tema di studio; lo stage aziendale di sei mesi in

campo sanitario o farmaceutico; il tutorship, vale a dire il supporto da parte di esperti durante le giornate di orientamento; infine il corso di inglese con insegnanti madrelingua. La scuola IaD di Roma è specializzata nell’organizzazione di corsi in modalità e-learning. Nel suo bouquet di offerta

figurano corsi specialistici nei campi delle infezioni, della ricerca avanzata nella medicina riabilitativa e terapia del dolore. I master prevedono prove intermedie a distanza di verifica del profitto con votazione espressa in trentesimi (minimo 18/30), mentre l’esame finale si svolge in sede.

Alcuni master nell’area sanitaria Accademia di Comunicazione Master in Health Care Communication – Milano Alma Laboris Master in Management & Marketing Farmaceutico – Roma, Milano, Salerno Centro di Terapia Strategica Master in La Comunicazione Strategica Medico-Paziente – Rimini Corep Master in Organizzazione e Coordinamento delle Professioni Tecnico Sanitarie – Torino Master in Infermieristica di Area Critica – Torino Master in Ingegneria dei Sistemi Edilizi Ospedalieri – Torino Master in Organizzazione e Coordinamento delle Professioni Tecnico Sanitarie – Torino Master in Organizzazione e Coordinamento dell’Assistenza Infermieristica – Torino Master in Deglutologia – Torino Master in Vulnologia – Torino CTQ Master in Management delle Risorse Umane per la Responsabilità Sociale nelle Imprese e negli Enti Pubblici – Siena Scuola IaD Master in Infezioni in Odontoiatria – Roma Master in Ricerca Avanzata in Medicina Riabilitativa – Roma Master in Ricerca e Riabilitazione Avanzata – Roma Master in Terapia del Dolore – Roma Fondazione Istud Programma scienziati in azienda – Verbania IUSS-Istituto Universitario di Studi Superiori Master Universitario Internazionale in Tecnologie Nucleari e delle Radiazioni Ionizzanti – Pavia LIUC – Università Carlo Cattaneo Master per le Funzioni di Coordinamento delle Professioni Sanitarie – Varese Master in Assicurazioni, Previdenza e Assistenza Sanitaria - M.A.P.A. – Varese Master in Economia e Gestione delle Aziende Sanitarie - MEGAS – Varese

LUMSA Università Master in Management Pubblico e Comunicazione di Pubblica Utilità – Roma Master in Management e Responsabilità Sociale d’Impresa –Roma Corso di Perfezionamento in Manager della Sicurezza Rspp - Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione – Roma Luiss Business School - Divisione di Luiss Guido Carli Executive Master in Healthcare & Pharmaceutical Administration – Roma MIB School of Management Master in Insurance & Risk Management – Trieste Perform Master in Etnomedicina e Etnopsichiatria: Salute, ricerche e interventi in contesti multiculturali – Genova SDA Bocconi Master of International Health Care Management Economics and Policy (MIHMEP) – Milano Master in Management per la Sanità (MIMS) – Milano Master in Management delle Imprese Sociali, Aziende Non Profit e Cooperative (NP&COOP) – Milano Università Cattolica del Sacro Cuore Master in Management delle Imprese Biomediche e Biotecnologiche – Roma Master in Organizzazione e Gestione delle Aziende e dei Servizi Sanitari – Roma Università degli Studi di Milano Master in Risk Assessment and Risk Analysis – Milano Università di Pisa – Formazione Avanzata Economia Master in Management delle aziende sanitarie – Pisa Università di Verona Master in Comunicazione e Mediazione Interculturale - Gestione dei Conflitti in Ambito Aziendale, Educativo, Sanitario, Sociale e dei Mass Media – Verona

Ottobre 2008

33


Formazione post-laurea

Manager al servizio dell’ambiente e territorio L’attenzione dei consumatori verso i problemi dell’inquinamento e la promozione dei centri urbani creano nuove occasioni di lavoro per giovani ambiziosi e flessibili a cura di Luigi Dell’Olio

E

nergy manager, specialista nel trattamento delle acqua, promotore dello sviluppo territoriale. Solo qualche anno fa sarebbe stato inimmaginabile pensare a professioni come queste. Eppure la realtà ha sovvertito le professioni: la crescente attenzione dei consumatori verso il problema dell’inquinamento e le politiche più stringenti in tema di emissioni hanno creato nuove figure in azienda. In parallelo procede la riscoperta di borghi antichi e centri storici: dopo anni di spopolamento, gli enti

34

Mercurius magazine

locali cercano di rilanciarli con il contributo di idee e progetti forniti da architetti e promotori dello sviluppo locale. Il settore legato all’ambiente, dunque, è in pieno fermento. Stanno nascendo nuove professioni e quelle vecchie cambiano faccia per adeguarsi all’evoluzione del mercato. Non sorprende, allora, constatare come in questo comparto vi sia stata negli ultimi tempi un’esplosione dell’offerta formativa.

La carta della qualità

Qualità e sicurezza sono diventati due biglietti da visita fondamentali per le aziende che vogliono trasmettere ai consumatori un’idea di attenzione all’ambiente. Così Alma Laboris ha messo a punto un corso – proposto in varie città d’Italia per approfondire i Sistemi di gestione integrati la qualità ambientale e la sicurezza. L’obiettivo è formare specialisti da inserire in azienda come responsabili dei sistemi di gestione o come valutatori presso enti di certificazione. Senza dimenticare le crescenti opportunità nel comparto della

Pubblica Amministrazione, come consulente delle tematiche ambientali o eco manager. Il master è strutturato in tre fasi: due mesi di lezioni in aula con formula week-end (80 ore complessive), due settimane di project work per mettere alla prova le conoscenze acquisite dietro i banchi (80 ore anche in questo caso), infine quattro mesi di stage (640 ore), presso aziende, società di consulenza, istituzioni, associazioni e studi professionali. Lungo lo stesso filone si muove anche il master in Esperti in qualità, qualità ambientale e sistemi di gestione aziendale promosso da Uninform a Roma. Anche in questo caso si parte con due mesi di lezioni aula, per poi proseguire con sei mesi di stage. Alla fine dei corsi vengono rilasciati numerosi attestati, da quello di progettista e valutatore di sistemi di qualità a operatore Ets (Emission Trading scheme), fino a consulente per la privacy. Le precedenti edizioni hanno assicurato un posto di lavoro al 92% dei partecipanti. Un salto in Sicilia, per la precisione a Catania, dove la Focus


Managemente School organizza un master in Sistemi di gestione aziendale in collaborazione con la Confindustria locale. Consulente aziendale, responsabile aziendale dei sistemi di gestione e ricercatore sulle questioni ambientali sono alcuni dei possibili sbocchi occupazionali per chi partecipa al corso. Il programma completo del master si snoda lungo nove

mesi, tre dei quali riservati alla teoria e sei allo stage aziendale.

Lo sviluppo dei territori

La formazione di manager capaci di progettare un rilancio dei territori è tra i principali obiettivi del Corep. L’ente di Torino organizza, tra gli altri, un master universitario in Sviluppo sostenibile e promozione del territorio, indirizzato so-

prattutto a laureati in Scienze Politiche, Giurisprudenza, Economia, Lettere e Filosofia, Agraria. Tra le materie presenti nel piano di studi (700 ore, di cui 250 riservate allo stage) figurano: crisi ecologica e dilemmi dello sviluppo, metabolismo socio-economico e metodologie di contabilità ambientale, produzioni e consumi sostenibili e criminalità ambientale.

Alcuni master nell’area ambiente / territorio Alma Laboris Master in Sistemi di Gestione Integrati per la Qualità, la Qualità ambientale e la Sicurezza – SA, RM, PA, CA, MI Angq - Uninform Group Master in Esperti in Qualità, Qualità Ambientale e Sistemi di Gestione Aziendale – Roma BAICR Sistema Cultura Master in Geografia ed identità del territorio nella nuova didattica - GEO –  BeMore Master in Marketing e Sviluppo del Turismo e del Territorio Napoli – Roma Centro Studi Ambientali e Direzionali – CSAD Master in Consulenza Direzionale: Sistemi di Gestione Aziendale – Bari Centro Studi CTS Master in Comunicazione Ambientale – Roma Master in Imprenditorialità e Management del Turismo Sostenibile e Responsabile – Roma COREP Master Universitario in Management dei Beni Culturali e Ambientali – Torino Master Universitario in Meteorology and Climatology – Torino Master Universitario in Piani e Progetti per le Città del Terzo Mondo: Formazione di Esperti – Torino Master Universitario in Sviluppo Locale – Alessandria Master Universitario in Sviluppo Sostenibile e Promozione del Territorio – Torino Master Universitario in Tecniche per la Progettazione e la Valutazione Ambientale – Torino Master Universitario Real Estate: in Pianificazione Territoriale e Mercato Immobiliare – Torino Domus Academy Master in Urban Management and Architectural Design – Milano IED Master in Comunicazione Ambientale – Torino Master in Comunicazione e Valorizzazione delle Risorse Territoriali e Ambientali – Torino

IPSOA Master di specializzazione diritto ambientale – Milano Master di specializzazione esperto ambientale – PA, NA, BO LUMSA Master in Studi Storico-Artistici e di Tutela e Valorizzazione del Patrimonio Culturale e dell´Ambiente – Roma Palazzo Spinelli – Firenze Master in Management del Turismo Culturale ed Ambientale – Firenze PERFORM – Università Master in Water Treatment – Genova Scuola Emas Toscana Scuola Emas in Turismo e Pubblica Amministrazione – Firenze Scuola IaD Master in Ambiente: Economia e Diritto –  Master in Welfare territoriale: progettazione di Servizi alla Persona e Attività Sportive –  STOÁ Master in International and Local Development – Napoli Strategies Business School Master in Ambiente & Qualità – BA, RM Master in Qualità, Ambiente & Marketing – BA, RM Università di Milano Master in Risk Assessment and Risk Analysis – Milano Università di Pisa Master in Turismo e Ambiente – La Spezia Master in Comunicazione Ambientale – Scuola EMAS SE-RA – Pisa Università di Roma Tre Master in Ingegneria ed Economia dell Ambiente e del Territorio – Roma Università di Torino Master in Progettazione del Paesaggio e delle Aree Verdi – Torino Master in Promozione e Organizzazione Turistico-Culturale del Territorio – Torino

Ottobre 2008

35


Enti di formazione

Emas Toscana, una scuola votata all’ambiente L’istituto insegna a sviluppare competenze di marketing ambientale e certificazioni Ecolabel a cura di Cristina Bonamin

L

o stato di salute dell’ambiente è un argomento che coinvolge, ogni giorno, sempre un maggior numero di persone. Parlare di sostenibilità è un tema che suscita grande attenzione da parte dei media e per chi si occupa di ambiente, la comunicazione verso il pubblico diventa di primaria importanza. Negli ultimi anni si è andata rafforzando la volontà di cono-

scere l’andamento delle risorse ambientali e del territorio, dei cambiamenti climatici e delle condizioni di rischio dell’ecosistema con lo scopo di tenerli sotto controllo e di conseguenza garantirne la salvaguardia. Da parte del mercato, questa crescita di interesse ha portato le imprese a orientarsi verso l’acquisizione di certificazioni che dimostrassero la propria attenzione alle tematiche ambientali,

all’uso consapevole delle risorse naturali e alla corretta gestione degli scarti generati dalle proprie attività. Stessa sensibilità che si sta dimostrando anche da parte della Pubblica Amministrazione, sempre più impegnata a custodire e sostenere il Territorio attraverso una visione di sviluppo eco-sostenibile. La Emas Toscana nasce all’interno di questa tendenza con lo scopo di facilitare la crescita delle competenze per il miglioramento del marketing ambientale, delle imprese turistiche e di territorio. L’esperienza consolidata e maturata negli anni, in fatto di certificazioni ambientali, ne diventa elemento caratterizzante. Un traguardo raggiunto anche grazie alla collaborazione e partecipazione di partner come Emas ed Ecolabel impegnati nella gestione di programmi e progetti volti allo sviluppo sostenibile e all’attuazione di sistemi di gestione ambientale come l’ISO14001:2004.

Gli sbocchi professionali

I percorsi formativi erogati dalla Scuola Emas Toscana sono finalizzati a trasferire le espe36

Mercurius magazine


CON IL CONTRIBUTO DEGLI ESPER TI DI:

rienze maturate con i partner, per consentire ai partecipanti di acquisire competenze pratiche e multidisciplinari sulle problematiche ambientali, indispensabili per l’avviamento e lo sviluppo della professione di Consulente o Responsabile Qualità Ambientale. La Scuola Emas Toscana, attraverso la progettazione di un percorso formativo ad hoc, può definirsi come l’unico istituto che, in ambito ambientale, consente l’effettivo avvio dell’attività professionale di Lead Auditor Ambientale. Il processo formativo della Scuola Emas Toscana ha come principio fondante quello della partecipazione attiva. Gli allievi hanno, già durante il periodo scolastico, la possibilità di sviluppare una carriera professionale con iniziative che permettono di approfondire tematiche relative alla certificazione e assistere a esperienze nel campo del miglioramento della qualità ambientale.

La didattica

Il corpo docente della Scuola Emas Toscana è costituito da consulenti senior e professionisti con riconosciuta esperienza, acquisita attraverso la gestione di problematiche ambientali complesse riguardanti i rapporti tra attività industriali, ambiente e territorio, compresi sistemi di gestione e audit ambientali. La scuola fornisce ai propri studenti le basi per diversi sbocchi professionali. I diplomati, infatti, al termine del percorso possono: – supportare le imprese e le Pubbliche Amministrazioni

L’offerta formativa di Scuola Emas Toscana 

Scuola Emas in Turismo e Pubblica Amministrazione – FI

Schede descrittive di alcuni Master di questa scuola su: www.masterin.it/scuole/emas.asp Oppure attraverso il sito: www.scuolaemastoscana.it

nell’adozione e implementazione di un Sistema di Gestione Ambientale; – rispondere adeguatamente alle esigenze di sviluppo delle imprese e delle Pubbliche Amministrazioni interessate ad intraprendere il percorso per la registrazione EMAS; – aumentare il livello di competitività delle imprese private e di efficacia delle Pubbliche Amministrazioni; – rispondere alla richiesta del mercato di consulenti ambientali e responsabili della gestione ambientale; – rispondere alla richiesta del mercato di Auditor ambientali. Oltre ai percorsi formativi di lunga durata, prevalentemente rivolti a neolaureati, la Scuola Emas Toscana eroga percorsi formativi brevi (40 ore) di specializzazione rivolti a dirigenti e quadri della Pubblica Amministrazione e delle imprese private

Il miglioramento delle prestazioni ambientali e dei rapporti con il pubblico e le istituzioni, le maggiori garanzie in termini di sicurezza e le gestione dei sistemi dell’azienda legati all’EMAS aumentano infatti il vantaggio competitivo delle imprese che vi aderiscono. Il prossimo 9 ottobre la Scuola organizzerà a Firenze, presso la sede di Confindustria Toscana, un convegno di presentazione delle attività previste per l’anno formativo 2008-2009: un evento che vedrà la partecipazione di tutti gli enti partner. Oltre ai percorsi formativi la Scuola Emas Toscana mira allo sviluppo di progetti di rete(reti di pubbliche amministrazioni e/o reti di imprese) per la crescita del marketing ambientale del territorio.

I partner

Tra i soggetti sostenitori che hanno individuato nella Scuola Emas Toscana una iniziativa territoriale di particolare valore culturale ed educativo vi sono anche Assoconsult e Legambiente.

Ottobre 2008

37


CORSI POST-LAUREA LUISS BUSINESS SCHOOL LUISS Business School propone, nell’ambito del mercato post laurea, corsi di formazione progettati e realizzati per preparare i giovani all’ingresso nel mondo del lavoro, privilegiando in particolare lo sviluppo delle nuove professioni. Le iniziative che la Scuola propone, continuamente aggiornate nei contenuti e nella struttura, si focalizzano sui profili emergenti nelle diverse aree di mercato: marketing e comunicazione, gestione delle risorse umane, economia e finanza, turismo, consulenza legale e fiscale.

Forte del legame con le più importanti aziende ed istituzioni italiane, LUISS Business School si avvale del contributo dei docenti dell’Ateneo, del know-how e dell’esperienza di personaggi di spicco del mondo delle imprese, della consulenza, della finanza, delle libere professioni, oltre alla collaborazione di rappresentanti di altre Università e Scuole internazionali di formazione. Partendo dal presupposto che l’apprendimento effettivo avviene tramite l’esperienza, LUISS Business School affianca ai metodi tradizionali, basati sulla trasmissione di concetti teorici, metodi didattici attivi: testimonianze, analisi di casi aziendali, discussioni di gruppo, coinvolgimento del gruppo e del singolo discente attraverso frequenti momenti di esercitazione, role playing. L’obiettivo è quello di sviluppare, in un’ottica di integrazione e approfondimento, le conoscenze acquisite durante il periodo universitario, trasferendo competenze specifiche, necessarie ad operare nel mercato del lavoro in qualità di liberi professionisti o all’interno di aziende pubbliche e private. Al fine di ottimizzare l’efficacia didattica i percorsi post-laurea sono accessibili ad un numero limitato di partecipanti; l’iscrizione ai corsi è infatti subordinata al superamento di una prova di selezione, costituita da un test psico-attitudinale e da un colloquio motivazionale. LUISS Business School offre, ai candidati ritenuti meritevoli, massimo 3 borse di studio per ogni corso Post Laurea, a copertura parziale della quota di partecipazione, sino alla concorrenza del 50% della quota. Un’apposita Commissione effettuerà, a proprio insindacabile giudizio, le assegnazioni delle riduzioni sulla base della valutazione dei curricula e dei risultati delle prove di selezione.

38

Mercurius magazine


Tra i corsi in partenza nei prossimi mesi, ricordiamo tra gli altri:  Amministrazione e Controllo, XVIII edizione, 20/10/2008 - 06/03/2009

 Consulente Legale d’Impresa, VIII edizione, 20/10/2008 - 06/03/2009

 Corporate Communication,

 Marketing, XX edizione, 20/10/2008 - 06/03/2009

 Master in Business Administration XVIII Edizione, Novembre 2008

 MIT, Management delle Imprese

Turistiche,

X edizione, 20/10/2008 - 06/03/2009

XIII edizione, 20/10/2008 - 06/03/2009

 Corso di Formazione Avanzata

in Diritto Tributario, Contabilità e Pianificazione Fiscale, XXI edizione, 03/11/2008 - 26/05/2009

 Gestione della Produzione

Cinematografica e Televisiva, II edizione, 02/12/2008 - 27/04/2009

 Gestione delle Risorse Umane

 Per ulteriori informazioni  E-mail: lbs@luiss.it

 Sito Web:

www.lbs.luiss.it

e Organizzazione,

XX edizione, 20/10/2008 - 27/02/2009

 Giurista Internazionale d’Impresa, XIV edizione, 21/10/2008 - 16/03/2009

 Internal Audit e Corporate

Governance,

II edizione, 17/11/2008 - 07/03/2009

 Management Consultant

Consulente di Direzione,

I edizione, 17/11/2008 - 27/03/2009

Ottobre 2008

39


Appunti

a cura di Luigi Dell’Olio

Sulle tracce di Erasmo per allargare i confini della conoscenza

Il programma di scambi internazionali consente di trascorrere un periodo di studio in un ateneo estero convenzionato

U

n periodo di studio presso un ateneo straniero per conoscere la lingua, i costumi e sostenere esami, riconosciuti poi al ritorno. È il succo dell’Erasmus (il nome completo è European Community Action Scheme for the Mobility of University Students), il progetto che prende il nome da Erasmo da Rotterdam. Teologo umanista, fu il primo vero amante dell’Europa e sostenitore della contaminazione dei costumi come occasione di crescita e viaggiò diversi anni in tutta Europa per comprenderne le differenti culture.

Le caratteristiche

Il programma Erasmus consente agli studenti universitari di effettuare un periodo di studio da tre a dodici mesi presso un ateneo straniero aderente all’iniziativa, con la possibilità di vedersi riconosciuti i risultati presso la propria università. Attualmente sono 2.199 le istituzioni universitarie che aderiscono al progetto, in rappresentanza di 31 paesi.

Un investimento sulla persona e la carriera

Lo studente interessato può consultare i bandi periodici pubblicati in ateneo e presentare la 40

Mercurius magazine

propria candidatura, che viene poi sottoposta al vaglio della commissione nazionale di valutazione. Nell’anno seguente, gli studenti selezionati, possono partire nel semestre scelto e svolgere esami nell’università ospitante facendoseli poi riconoscere anche nell’ateneo del proprio paese. La partecipazione all’Erasmus comporta una spesa non indifferente: le borse di studio messe a disposizione dal sistema universitario non superano quasi mai la soglia dei 500 euro mensili, quanto basta per pagarsi l’affitto di una stanza. Tutto il resto è a carico dello studente. L’altra faccia della medaglia è il ritorno in termini personali e di carriera. Dal primo punto di vista va considerato soprattutto l’arricchimento personale che garantisce la contaminazione con altre culture. Quindi maggiore apertura mentale, capacità di adattamento alle situazioni, abilità nel districarsi di fronte a problemi che sembrano di difficile soluzione, grazie a un’ottica internazionale. Tutti requisiti che possono produrre effetti positivi in fatto di carriera: solitamente l’esperienza all’estero è valutata con grande attenzione dai selezionatori. Indica che il candidato è proattivo, curioso e, presumibilmente, ha una buona conoscenza della lingua straniera.


Una corsa senza soste

L’Erasmus è partito in sordina poco più di 20 anni fa, ma ormai costituisce una realtà solida nel programma formativo internazionale. Nel corso dell’ultimo anno accademico, il numero di studenti che hanno aderito al progetto ha raggiunto quota 159.034, contro i 154.421 studenti viaggiatori del 2005/06. Quindi con una crescita del 3,2% sull’anno precedente. E pensare che nel corso del 1987 erano appena 3.244 i giovani che avevano lasciato il proprio paese per trascorrere un periodo di studi oltrefrontiera. Per quanto riguarda il nostro paese, sono stati 17.195 i giovani che si sono spostati nel corso dell’ultimo anno, un dato superiore del 4,9% rispetto a quanto fatto registrare nel 2006 (16.389 adesioni). Un’accelerazione che ha consentito al nostro paese di piazzarsi al quarto posto e tenere a distanza la Polonia, quinta in graduatoria con 11.219 giovani oltreconfine. Gli studenti più interessati all’Erasmus sono quelli che studiano nelle regioni del Nord (8.771, con i milanesi davanti a bolognesi e torinesi), davanti al Centro (5.157, con i residenti in provincia di

Roma che staccano nettamente fiorentini e perugini), con il Mezzogiorno in coda (3.267, con Napoli che precede Cagliari e Palermo). La meta preferita dagli studenti italiani è la Spagna: nel paese iberico si sono recati nell’ultimo anno considerato dalla ricerca 6.350 universitari (il 37% del totale). I gradini bassi del podio spettano a Francia (2.687) e Germania (1.708), con la Gran Bretagna quarta (1.326). Seguono il Portogallo (789), l’Olanda (630), il Belgio (600), la Svezia (468), la Finlandia (392) e la Danimarca (363). Il successo della Spagna non si spiega solo con il crescente interesse per le grandi città della penisola iberica, ma anche con la vicinanza tra i due sistemi universitari, che rende più agevole l’interscambio tra gli atenei e le procedure di reciproco riconoscimento dei risultati conseguiti. A livello internazionale, gli studenti che hanno mostrato il maggiore interesse per l’Erasmus sono quelli dell’area economica, davanti alla classe di lingue e filologia e a quella delle scienze sociali. Il tempo passato all’estero si è attestato a quota 6,5 mesi, in linea con gli anni precedenti.

La crescita dell’Erasmus negli anni PAESE

1987-1988

1996-1997

2005-2006

2006-2007

DIF. 2006-07 / 2005-2006

ITALIA

220

8.907

16.389

17.195

+4,9%

GERMANIA

649

13.070

23.848

23.884

+0,2%

FRANCIA

895

12.505

22.501

22.981

+2,1%

SPAGNA

95

10.841

22.891

22.322

-2,5%

925

10.537

7.131

7.235

+1,5%

POLONIA

9.974

11.219

+12,5%

BELGIO

58

4.101

4.971

5.119

+3,0%

REPUBBLICA CECA

4.725

5.069

+7,3%

OLANDA

169

4.132

4.491

4.502

+0,2%

TURCHIA

2.852

4.438

+55,6%

PORTOGALLO

25

1.674

4.312

4.424

+2,6%

3.244

79.874

154.421

159.324

+3,2%

GRAN BRETAGNA

TOTALE UE

Fonte: Unione Europea – Elaborazione Mercurius Magazine

Ottobre 2008

41


Master in scadenza

MASTER con iscrizioni in scadenza nel mese di OTTOBRE  Accademia di Comunicazione 

Master in Health Care Communication MI

 Aforisma – Scuola di Formazione Manageriale   

Master in Amministrazione, Finanza e Controllo di Gestione LE Master in Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione LE Master in Marketing e Communication Management LE

 Alma Laboris    

Master in Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane SA, RM, PA, MI, CA Master in Giurista d´Impresa SA, RM, MI Master in Management & Marketing Farmaceutico SA, RM, MI Master in Sistemi di Gestione Integrati per la Qualità, la Qualità ambientale e la Sicurezza SA, RM, PA, MI

 Angq – Uninform Group 

Master in Esperti in Qualità, Qualità Ambientale e Sistemi di Gestione Aziendale RM Master in Tourism Quality Management RM

 BeMore  

Master in Organizzazione Eventi e Incentive Aziendali NA Master in Sviluppo Risorse Umane RM

 CAPTHA  

Executive Master in Bank Management MI, RM, NA Executive Master in Investment Banking MI

 CCIL Pricewaterhouse Coopers Academy 

Master in Finanza Internazionale, Audit & Control Lussemburgo

 Centro di Terapia Strategica     

42

Corso Intensivo in Comunicazione e Problem Solving Strategico nei Contesti Educativi AR Master in Comunicazione e Problem Solving Strategico AR, CA, MI Master in La Comunicazione Strategica Medico-Paziente RN Master in Psicologia Clinica Strategica RM, GE Corso Intensivo in Counseling Strategico in Azione MI

Mercurius magazine

 Centro Studi Ambientali e Direzionali CSAD    

Master in Consulenza Direzionale: Sistemi di Gestione Aziendale BA Master in Management del Turismo BA Master in Manager di Eventi e Congressi BA Master in Marketing e Certificazione nel Settore Agroalimentare BA

 Centro Studi Comunicare Impresa  

Master Television & Film Management BA Master in Finanza d’Impresa & Mediazione Creditizia BA

 Centro Studi CTS   

Master breve per Front Office Manager del Settore Alberghiero RM Master in Gestione, Marketing e Programmazione delle Imprese Turistiche RM Master in Comunicazione Ambientale RM

 COREP     

Master Universitario in Management dell´After Market Autoveicolistico TO Master Universitario Internazionale in SpacE Exploration and Development Systems (SEEDS) TO Master Universitario in Meteorology and Climatology TO Master Universitario in Trasporti: Sistemi, Reti e Infomobilità TO Master in Deglutologia TO

 CUOA 

Executive MBA Part Time VI

 Dirextra 

Mini Master in Direzione Lavori RM

 Domus Academy 

Master in Cultural Experience Design and Management MI

 Fondazione Edoardo Garrone 

Corso di alta specializzazione in Management del Turismo Culturale SR

 Fondazione ISTUD 

Programma Scienziati in Azienda VB


CON IL CONTRIBUTO DEGLI ESPER TI DI:

 Gestioni e Management    

Master in Marketing Management RM Executive Master in Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane RM Executive Master di specializzazione per Professionisti della Formazione RM Executive Master in Project Management RM

 Gruppo Focus Management School     

Executive Master in Gestione Risorse Umane CT Executive Master in Marketing e Comunicazione d´Impresa CT Executive Master in Qualità e Management del Turismo CT Master in Sistemi di Gestione Aziendale - SGA CT Master in Standard Certificativi di Sistemi e Prodotti Agroalimentari CT

 IED           

Master in Fashion Design and Trends VE Master in Comunicazione e Valorizzazione delle Risorse Territoriali ed Ambientali TO Master in Fashion Design & Trends Master VE Master in Fashion System VE Master in Le Scritture Del Cinema VE Master in Photoart Workshop VE Master in Management degli Eventi Culturali e dello Spettacolo VE Master in Management e Comunicazione nell’industria Discografica MI Master in Dim Lab – Digital Innovation Marketing MI Master in Alternative Marketing and Communication MI Master in Marketing dei Sensi MI

 IFAF     

Executive Master in Avvocato d’Affari MI Executive Master in Contabilità e Fiscalità d’Impresa MI, PD, RM Executive Master in Diritto d’Impresa MI Executive Master in Finanza e Controllo di Gestione MI, RM, PD Executive Master in Gestione del Personale MI, BO, PD, MI

 Il Sole 24 Ore  

Corso di Alta Formazione in Management dei Progetti Internazionali RM Master Tributario MI

 INARCH 

Master di Architettura Digitale - Il Video e la Comunicazione dell´Architettura - Il Racconto dello Spazio RM

 IPSOA  

Master di specializzazione amministrazione del personale e contenzioso del lavoro MO Master di specializzazione bilancio, finanza e controllo per le PMI VR

             

Master di specializzazione contratti pubblici RM Master di Specializzazione dall’accertamento al processo tributario TO Master di specializzazione diritto fallimentare AN Master di specializzazione esperto ambientale PD, NA Master di Specializzazione Controllo di Gestione MI Master di Specializzazione dall’accertamento al processo tributario RM, RE Master di specializzazione diritto del lavoro e amministrazione del personale RM Master di specializzazione diritto tributario d’impresa RM Master di specializzazione risanamenti aziendali NA Master di specializzazione diritto ambientale MI Master di specializzazione diritto del lavoro e amministrazione del personale MI Master di specializzazione risanamenti aziendali PR Master di specializzazione contratti d’impresa RM Master di specializzazione diritto del lavoro, contenzioso del lavoro e relazioni sindacali PD

 ISB Istituto Studi Bancari        

Master in Banca & Finanza LU Master in Banca & Mercato LU Executive Master in Assicurazione & Finanza FI Executive Master in Compliance & Risk Management FI Executive Master in Corporate Banking FI Executive Master in Finance & Banking FI Executive Master in Financial Trading FI Executive Master in Private Banking FI

 ISDA Business & People Partner  

Master di Specializzazione in Risorse Umane RM Master Europeo in Risorse Umane RM

 I.S.I.T. Istituto Universitario per Interpreti e Traduttori      

Master Breve in Interpretariato di Trattativa MBIT TN Master Breve in Resocontazione Multimediale MBRM TN Master Breve in Tecnologie Informatiche per la Traduzione MBTIT TN Master Breve in Traduzione Giuridica MBTG TN Master Universitario in Interpretazione di Conferenza MUIC TN Master Universitario in Traduzione Letteraria e Tecnico Scientifica MUTLT TN

 ISTAO 

Master in Strategia e Management d’Impresa AN

 IULM Libera Università di Lingue e Comunicazione   

Master in Food Culture & Marketing MI Master in Comunicazione per le relazioni internazionali (MICRI) MI Master in Tourism Management (MTM) MI

Ottobre 2008

43


 IUSS Istituto Universitario di Studi Superiori di Pavia   

Master Universitario Internazionale in Tecnologie Nucleari e delle Radiazioni Ionizzanti PV Master Universitario Internazionale in Metodi per la Gestione dei Sistemi Complessi PV Master Universitario Internazionale in Cooperazione ed Integrazione Economica Internazionale PV

 Luiss Business School Divisione di Luiss Guido Carli       

Master in Business Administration MBA Full Time RM Corso post laurea in Giurista Internazionale d’Impresa RM Percorso in Coaching e sviluppo personale RM Corso in Sviluppo Manageriale RM Corso in Marketing management RM Corso in Project Management RM Corso in Sviluppo Organizzativo & Change Management RM

 MIB School of Management 

International Master in Tourism & Leisure TS

 MIP Politecnico di Milano  

Evening MBA Master of Business Administration Serale MI MSPME – Master in Strategic Project Management (European) MI

 Scuola Superiore per Mediatori Linguistici  

 SDA Bocconi  

  

Master in Digital Environment Design MI Master in Interior Design - New Domestic Landscapes MI Master in Paesaggi Straordinari. Paesaggio, Arte, Architettura MI Master in Photography and Visual Design MI

 Palazzo Spinelli – Firenze  

Master in Management degli Eventi Artistici e Culturali FI Master in Management degli Eventi dello Spettacolo FI

 PERFORM - Università di Genova 

Master in Planning and Management of Transportation and Logistic Systems GE

 PST – BIC Livorno   

Master Executive in Gestione delle Risorse Umane LI Master Executive in Project Management LI Master in Amministrazione e Gestione delle Risorse Umane LI

 Scuola Emas Toscana 

Scuola Emas in Turismo e Pubblica Amministrazione FI

 Scuola Politecnica di Design SPD     

44

Master in Car Design MI Master in Industrial Design MI Master in Interior Design MI Master in Visual Design MI Master in Web Design & Multimedia MI

Mercurius magazine

Master in Management per la Sanità (MIMS) MI Master in Strategia Aziendale (MISA) MI

 S.E.SE.F  

Master in Congress Management e Marketing degli Eventi – Londra Master in Management del Turismo RM

 STOGEA       

 NABA – Nuova Accademia di Belle Arti di Milano 

Master in Lingua Inglese per il Marketing e il Commercio Internazionale PI Master in Mediazione Linguistica in ambito Aziendale PI

       

Executive Master in Direzione delle Risorse Umane BO Executive Master in Marketing & Customer Relationship Management BO Executive Master in Marketing e Commercio Internazionale BO Executive Master in Marketing, Comunicazione d´Impresa e Relazioni Pubbliche BO Executive Master in Sales & Marketing Management BO Executive Master in Web Marketing & Communication BO Master in Amministrazione, Finanza e Controllo di Gestione BO Executive Master in Amministrazione, Finanza e Controllo di Gestione BO Executive Master in Business Administration per Profili Tecnici BO Executive Master in Diritto del Lavoro e Amministrazione del Personale BO Executive Master in Project Management BO Master in Management della Logistica Distributiva BO Executive Master in Diritto Amministrativo, Sostanziale e Processuale BO, RM Executive Master in Management della Logistica Distributiva - Bologna BO Executive Master in Psicologia del Lavoro e Risorse Umane LU

 Strategies Business School        

Master in Ambiente & Qualità BA Master in Management della Farmacia BA Master in Management dello Sport BA Master in Marketing Management BA Master in Qualità, Ambiente & Marketing BA Master Specialistico in Controllo di Gestione BA Master in Banca, Finanza & Controllo di Gestione BA Master in Fiscalità d’Impresa e Controllo di Gestione BA

 Studio Valletta Marketing e Comunicazione 

Master in Marketing Comunicazione d´Impresa e Comunicazione Pubblica BA, FG, LE


CON IL CONTRIBUTO DEGLI ESPER TI DI:

 Università di Ferrara 

Master in Aspetti Didattici e Tecnologici della Valutazione dell’Apprendimento 

 Università di Parma 

Master in Commercializzazione e Logistica dei Prodotti Agroalimentari – CLAA PR

 Università di Pisa  

Master in Comunicazione Ambientale – Scuola EMAS SE-RA PI Master in Comunicazione Pubblica e Politica PI

 

Master in Italiano Scritto e Comunicazione Professionale PI Master in Turismo e Ambiente SP

 Università di Pisa – Formazione Avanzata Economia  

Master in Finanza e Controllo di Gestione On Line PI Master in Management for Family Business PI

 Università di Torino 

Master in Peacekeeping Management TO

 Università di Verona 

Master in Mediazione Familiare VR

MASTER con iscrizioni in scadenza nel mese di NOVEMBRE  BAS – Brand Academy Studios   

Master in Art Direction RM Master in Copywriting RM Master in Marketing e Comunicazione d’Impresa RM

 BeMore   

Master in Marketing e Sviluppo del Turismo e del Territorio NA, RM Master in Gestione e Amministrazione del Personale RM, NA Master in Professional Coaching RM

 CAPTHA   

Executive Master in Corporate Relationship Management MI Executive Master in Legal Activity in Banking MI, RM Master in Banking & Finance MI

 Centro Studi Comunicare Impresa 

Master Universitario in Analisi delle Politiche Pubbliche TO Master Universitario Real Estate: in Pianificazione Territoriale e Mercato Immobiliare TO

 CTQ   

Master in Economia Aziendale, Organizzazione e Management dei Processi Distributivi SI Master in Internazionalizzazione delle PMI nei Paesi dell’Est Europa SI Master in Qualità e Certificazione di Prodotto nelle Aziende Agroalimentari SI

 Dirextra 

Mini Master in Direzione Tecnica del Cantiere RM

 Fondazione CUOA  

Master in Innovazione d’Impresa VI Master per Imprenditori di Piccole e Medie Imprese VI

 Fondazione Fiera Milano 

 

Master per Progettista di Allestimenti Fieristici e di Eventi MI

Master in Marketing Management VB Master in Risorse Umane e Organizzazione VB

 Gestioni e Management   

Executive Master in Export Management RM Executive Master in Amministrazione del Personale e Diritto del Lavoro RM Master in Amministrazione e Gestione delle Risorse Umane RM

 IED     

Master Television & Film Management BA

 COREP 

 Fondazione ISTUD

         

Master in Fashion Show MI Master in Arts Management VE Master in Arts Management – Museum Director VE Master in Digital Innovation Marketing – DIM LAB MI Master in Management e Comunicazione per la Produzione Televisiva MI Master in Marketing e Comunicazione TO Master in Progettazione Editoriale – Dalla Ideazione alle Strategie di Marketing e Comunicazione RSP TO Master in Progettazione Eventi MI Master in Pubblicità MI Master in Cool Hunting MI Master in Costume Design MI Master in Fashion Buyer MI Master in Fashion Editor MI Master in Fashion Marketing and Fashion Buyer VE Master in Visual Merchandising MI

 IFAF  

Executive Master in Avvocato d’Affari RM Executive Master in Gestione del Personale RM

 Il Sole 24 Ore    

Master Diritto e Impresa MI Master Gestione e Strategia di Impresa MI Master in Corporate Finance and Management Control MI Master in Media Relations MI

Ottobre 2008

45


Master in scadenza  INARCH  

Master di Architettura Digitale – Lo Spazio IN-FORME RM Master di Architettura Digitale – Progettista di Architetture Sostenibili. Esperto di nuove tecnologie RM

 IPSOA               

Master di specializzazione fiscalità degli immobili MI Master di specializzazione reddito d’impresa e di lavoro autonomo PA Master di specializzazione diritto societario RM Master di specializzazione diritto societario per il commercialista MO Master di specializzazione diritto tributario d’impresa PD Master di specializzazione esperto ambientale BO Master di specializzazione operazioni staordinarie TO, UD Master di specializzazione contabilità e bilancio NA Master di specializzazione direzione aziendale per ingegneri MI Master di specializzazione diritto tributario d’impresa MI Master di specializzazione diritto tributario internazionale e comunitario MI Master di specializzazione fiscalità degli immobili RE Master di specializzazione contabilità e bilancio MI Master di specializzazione fiscalità degli immobili RM Master di specializzazione iva PD

 ISB – Istituto Studi Bancari 

Master in Banca e Persone LU

 MIP Politecnico di Milano  

 PERFORM – Università di Genova 

Master di Specializzazione in Risorse Umane RM Master in Finanziamenti Comunitari ed Europrogettazione RM

 IULM – Libera Università di Lingue e Comunicazione 

Master in Economia del Libro Antico e d’Arte (MEcLAdA) MI

 Luiss Business School – Divisione di Luiss Guido Carli    

Corso post laurea in Gestione della Produzione Cinematografica e Televisiva RM Corso in Tour Operating Management RM Executive Master in Healthcare & Pharmaceutical Administration RM Corso in Management Consultant – Consulente di Direzione RM

 LUMSA   

Master in Esperti in Politica RM Master in Formazione, Gestione e Conservazione di Archivi RM Master in Irenologia RM

 MIB School of Management 

Master in Management Culturale Internazionale GE

 Scuola Superiore per Mediatori Linguistici  

Executive Master in Lingua Inglese per il Marketing e il Commercio Internazionale PI Executive Master in Mediazione Linguistica in ambito Aziendale PI

 SDA Bocconi 

Master in Management delle Imprese Sociali, Aziende Non Profit e Cooperative (NP&COOP) MI

 STOGEA Master in Diritto del Lavoro e Amministrazione del Personale – Bologna BO  Master in Comunicazione Pubblicitaria & Marketing RM  Master in Marketing, Comunicazione e Relazioni Pubbliche Internazionali LU  Executive Master in Amministrazione, Finanza e Controllo di Gestione LU, RM  Executive Master in Business Administration per Profili Tecnici RM Executive Master in Direzione Risorse Umane V Edizione RM Executive Master in Marketing, Comunicazione d´Impresa e Relazioni Pubbliche RM Executive Master in Project Management RM 

 

 ISDA Business & People Partner 

Executive MBA serale – Executive Master of Business Administration MI ISM-Corso di Alta Formazione in Information Security Management MI

 Università degli Studi di San Marino 

Master in Comunicazione, Management e Nuovi Media

 Università di Roma 

Master in Management, Marketing e Comunicazione della Musica RM

 Università di Roma Tor Vergata 

Master in Organizzazione Gestione Sviluppo delle Risorse Umane RM

 Università di Siena 

Master in Comunicazione di Impresa SI

 Università di Torino 

Master in Progettazione del Paesaggio e delle Aree Verdi TO

 Università di Verona

Executive MBA PN

Rubrica “MASTER in scadenza” a cura di Cristina Bonamin

LogiMaster – Master in Logistica Integrata – Supply Chain Integrated Management VR

In questa rubrica sono segnalati corsi di formazione esclusivamente destinati a laureati.

Un elenco più completo è reperibile sul sito www.masterin.it

46

Mercurius magazine


Mercurius Magazine - Ottobre 2008  

Versione elettronica del nostro mensile di orientamento professionale per laureati

Advertisement