Issuu on Google+

IL’INFORMAZIONE il DomaniI

DOMENICA 19 SETTEMBRE 2010

CULTURA & SPETTACOLI E-mail culturabologna@linformazione.com

L’EVENTO Due esperte selezioneranno tre vincitori. L’esposizione resterà aperta al pubblico fino al 26

Gli anni verdi dell’arte in provincia Undici talenti in mostra nella seconda edizione del premio “Val Sambro”

PARCO NORD

Due giorni di spettacolo per le finali del Festival

di Vincenzo Branà

S.BENEDETTO VAL DI SAMBRO

BOLOGNA

U

ndici giovani artisti selezionati per una singolare collettiva, lontana dalle luci e dai clamori del capoluogo ed immersa invece nelle alture della provincia più periferica. Taglia il nastro oggi a San Benedetto Val di Sambro la seconda edizione del premio d’arte contemporanea “Val Sambro”, un’esposizione di giovane artisti da un lato, ma dall’altro anche un premio che vedrà consegnati a tre degli undici creativi in mostra buoni acquisto, rispettivamente, per 1000, 800 e 600 euro. L’anno scorso, quando per la prima volta la Galleria d’Arte “Spazio Gianni Testoni La 2000+45” di Bologna strinse il sodalizio con la Pro Loco di San Benedetto di Val di Sambro per tentare questo esperimento di contaminazione della provincia con la contemporaneità più verace, il risultato era tutt’altro che garantito. Nell’ambiente degli addetti ai lavori, però, quel temporaneo expò creativo apparso a fine estate tra i monti passò tutt’altro che inosservato. Molte le attese, quindi, su questa seconda edizione del premio, che taglierà il nastro oggi alle 17 in in via dell’Artigiano 2, alla Località Bivio, nelle sale convegni dell’azienda Cosmoderma, location che si avvicenda alla vecchia disco scelta l’anno scorso per l’edizione “pilota” della mostra. Undici, quindi, i creativi selezionati dalla galleria e che saranno presi in esame dalla professoressa Vera Fortunati (Direttrice del Dipartimento Arti Visive dell’Università di Bologna) e dalla professoressa Silvia Gran-

Sopra, il lavoro di Mennato Tedesco. Sotto, l’opera di Ezio D'Agostino. A destra quella di Francesco Bevini

di (ricercatrice in Storia dell’Arte Contemporanea al Dams) per l’assegnazione dei tre premi. In mostra opere pittoriche di grandi dimensioni, installazioni e performance, video e fotografia, con tematiche che spaziano da immagini metropolitane ad introspezioni dell’i nd iv id uo collocato nella sua contemporaneità. Ezio D’Agostino presenta l’anonimo silenzio dei paesaggi fotografati con sapiente equilibrio di forme e colori; l’approccio stilistico essenziale dell’artista Pasquale Fameli immortala elementi strutturali e li decontestualizza fino a renderli simili ad astratte visioni; la sofisticata interpretazione di una natura difficile come quella lavica ai piedi del Vesuvio, è colta con estrema padronanza tecni-

ca e qualità cromatica nel video di Carlotta Sennato e Luca Mattei. La dimensione più intima, seppure inserita con consapevolezza nella contemporaneità, è presente nelle opere di Mennato Tedesco, Alessandro Martinelli, Francesco Bevini. I personaggi di Patrizia Emma Scialpi appartengono invece ad una strana fauna in cui i soggetti rappresentati interagiscono con la natura e viceversa, creando strani equilibri e rivelando la magia di nuovi e inattesi innesti. Anche le opere di Debora Fede intraprendono un’efficace comunicazione tra i personaggi e la natura , e la ricchezza di valori cromatici si impone fino a diventare il principale veicolo del desiderio di comunicazione dell’artista. Per giungere all’incantesimo delle opere di Ozne che con maestria propone uno stravagante connubio tra l’iconografia medievale e il linguaggio odierno dei giochi di largo consumo; e a finire con l’imponente installazione di Lorenzo Ghelardini, che ripropone attraverso la riproduzione in serie del suo volto, un processo di comunicazione visiva che non può prescindere dall’intervento dello spettatore. La mostra resterà aperta fino al 26.

Stasera e domani alle 21 (stasera al Teatro 900, domani all’Estragon, sempre al l’interno della Festa dell’Unità) va in scena la due giorni delle finalissime del Festival delle ArtI, la grande kermesse di giovani talenti ideata e diretta da Andrea Mingardi in collaborazione con Beba Naldi. A premiare i vincitori, con una borsa di studio, assieme a Mingardi ospiti illustri del mondo dello spettacolo e della cultura. Stasera, in particolare, scendono nell’arena i giovani finalisti nelle discipline: Musica Classica, Strumentisti Premio Piergiorgio Farina, Musica Jazz Award Henghel Gualdi, Teatro Premio Alessandra Garrone e Arti Figurative. Sul palcoscenico a premiare i vincitori tanti ospiti prestigiosi tra cui: Ivano Marescotti, Daniele Furlati, il Maestro Giorgio Zagnoni, Jimmy Villotti, Federico Stragà, Vittorio Franceschi, Federico Poggipollini, Dario Tiengo. Domani, invece, in gara le categorie: Musica Pop Rock Gruppi, Musica Pop Rock Solisti, Cabaret, Musical e Danza. A premiare ancora tanti artisti tra cui: Francesco Paolantoni, Gaetano Curreri, Gianni Cavina, Giuseppe Giacobazzi, Luciano Cannito, Gerardina Trovato, Malandrino e Veronica, Vito, Iskra Menarini.

Appuntamenti Piazza dei Colori in festa “Conosci Piazza dei Colori ? Lo sapevi che Piazza dei Colori è la piazza più lunga di Bologna? Vieni a scoprirla, in occasione del 1° Festival dei Colori” questo lo slogan dell’iniziativa nel nuovo distretto interculturale delle Arti. Oggi in piazza dei Colori ci saranno spettacoli di burattini, laboratori creativi, proiezioni di documentari, mercatini dell’artigianato, musica e buon cibo. Una zona interamente pedonale dove portare i bambini o fare un aperitivo, passeggiando alla scoperta delle piccole botteghe artigiane che si affacciano sotto ai portici. Dalle 10 alle 12 gli atelier di piazza dei Colori apriranno le porte al pubblico e con l’aiuto di artisti, burattinai, musicisti, film-maker

e fotografi offriranno la possibilità di partecipare a laboratori pratici. Nel pomeriggio il materiale realizzato servirà ad animare la festa. Dalle 12.30 alle 18 una tavola imbandita di leccornie da ogni parte del mondo riunirà gli abitanti di piazza dei Colori, mentre la parata delle 15 porterà in piazza i bellissimi pupazzi realizzati a mano dai bambini durante i laboratori creativi del mattino. Nel pomeriggio spettacoli di burattini, laboratorio per videomakers, letture multiculturali e danze orientali. Dalle 20 alle 23 proiezioni di documentari.

Cineteca, “open day” per i bimbi Un open day per far scoprire il cinema a tutti i piccoli bolognesi. Nell’ennesimo momento difficile per la scuola pubblica italiana, la Cineteca di Bologna rilancia con ancora maggior forza le sue attività didattiche legate al cinema. Forte del successo della passata stagione, che ha registrato 7.658 iscritti ai corsi didattici e 4.500

piccoli spettatori al Cineclub per ragazzi, la Cineteca di Bologna e il suo settore didattico rilanciano il proprio impegno invitando piccini e grandi ai laboratori e alle visite guidate che animeranno l’open day di oggi. Si comincia già alle 10.30 nella Biblioteca Renzo Renzi della Cineteca (via Azzo Gardino 65) con diverse proposte per i bambini dai 4 anni in su e per quelli dai 5 anni in su. In chiusura di mattinata, un laboratorio di fumetto, mentre dopo pranzo, alle 14.30, al Cinema Lumière, proiezione dei cortometraggi realizzati nel corso dei passati laboratori. Alle 15.30, sempre al Cinema Lumière, inaugurazione del ‘Cineclub per ragazzi’ 2010-2011 con “Toy Story 3 – La grande fuga”.

Rock Hard Festival all’Estragon Il programma dei concerti all’Estragon, all’interno della Festa de l’Unità di Bologna si chiude stasera con un appuntamento da non perdere per gli appassionati del metallo in tutte le sue sfumature. Arriva infatti Rock Hard Festival Italia, l’evento autunnale che vedrà alternarsi sul palco del club felsineo alcuni tra le maggiori band di caratura internazionale della scena heavy metal, e che prevede i thrashers tedeschi Sodom in qualità di headliner, preceduti da band di assoluto spessore artistico quali i conterranei Grave Digger, i canadesi Exciter e i britannici Tygers ff Pang Tang. A completare la bill gli italianissimi Strana Officina che seguiranno i Gama Bomb, Rain, Elvenking, Irreverence e Malnatt.


sospensioni