Page 1


sommario panorami elettrici 04

Città del futuro

copertina 06

Mef Cuo 9° edizione

formazione 14

Mef Lab: corsi di formazione

mef girl 18 mef magazine N° 30

Silvia

eventi mef 20

10 anni di Montevarchi

partner news 22

Cembre

onlus 24

Progetto Bolivia

in luce

020 email: mefmagazine@mefsrl.it

10 a n n i di Montevar chi Il punto vendita di Montevarchi festeggia i suoi 10 anni di attività

26

Residenza di Charme

27

Gioielli di luce

28

Farmacie a tutto led

mondo mef 30

Alla scoperta del lac

31

Workshop Beghelli

persone 30

Tiziana Zanchi

sport Gara di pesca pensieri e parole


01

03 05

Un dei festeggiamenti finaleVanda della nona edizione del Mef Cup 2012 Damomento sinistra: Emilio, Luca, Christiandella Giaffreda, Picone, Leonardo, Daniele Giaffreda

07

editoriale

ari amici, ben ritrovati nelle pagine del Mef Magazine. In questo numero molti sono gli argomenti che andremo a trattare, sempre alla ricerca di captare gli stimoli che riceviamo dal mercato e pronti a testimoniare la nostra volontà di evolverci con esso ed insieme a voi. La copertina di questo numero è dedicata al Mef Cup, un evento che di anno in anno assume sempre maggiore importanza

C

per la nostra realtà aziendale. Mef Cup

24 Luglio, allo Stadio Torrini di Sesto

Bolivia fino ad arrivare ai terremotati

rappresenta uno dei volti più genuini

Fiorentino e su cui troverete in queste

dell’Emilia. Infine, sempre per rimanere

della nostra azienda, un’occasione per

pagine un ampio reportage. Se abbiamo

in tema di valori, testimoniamo quello

vivere concretamente lo spirito che da

parlato di valori che contraddistinguono

per noi più importante: le persone che

anni contraddistingue la nostra politica

la nostra realtà, dobbiamo parlare anche

lavorano in Mef e per Mef. Impossibile

aziendale che mette in primo piano i

dell’importanza che diamo alla part-

dunque non citare Tiziana Zanchi, che

rapporti umani oltre che professionali.

nership con i nostri fornitori, che in un

per 36 anni ha creato valore all’interno

Ecco perchè per Mef è così importante

momento difficile come questo diventa

della nostra azienda con professionalità

organizzare un evento che diventa un’

fondamentale: ecco allora il resoconto

e grande umanità e che, avendo conqui-

occasione di aggregazione che riunisce

di due interessanti work shop organizzati

stato la meritata pensione, salutiamo

sotto la grande passione dello sport tanti

da Philips e Beghelli. Troveremo poi

con un articolo a lei dedicato. Non

amici, collaboratori e fornitori. Voglia

una finestra dedicata a interessanti solu-

rimane che augurarvi una buona lettura

e volontà di vivere insieme momenti

zioni illluminotecniche della nostra divi-

dandovi appuntamento al prossimo

di allegria e intrattenimento che hanno

sione InLuce e un aggiornamento sulle

numero.

trovato il culmine nella grande festa

attività svolte dalla nostra Associazione

che si è svolta per la finale del torneo, il

Antonio Giaffreda, che spaziono dalla

La direzione MEF SRl

09 11 13 15 17 19 21 23 25 27 29 31 33 35


panorami elettrici Città del futuro

Tianjin Eco-City, progettato da un consorzio di società cinesi e di Singapore, è un’ambizioso progetto che al completamento (previsto per il 2020) ospiterà la bellezza di 350.000 abitanti in 30 km quadrati. Una città nella città, come era il quartiere della Concessione Italiana,

ma ovviamente con un concept rivisitato ed adeguato alla fortissima domanda abitativa che vige a Tianjin, con l’ausilio delle nuove tecnologie. Tratti salienti di questo progetto sono: affidamento quasi integrale alle energie rinnovabili (solare, eolico, micro-


01 03

05 07 09 11 13 15 17 19 21 23 25 27

idroelettrico) per fare fronte ai bisogni energetici del quartiere/città; mobilità sostenibile: Tianjin Eco-City è progettata in modo che il 90% dei residenti usi un tram leggero di superficie per muoversi tra i vari punti di interesse;

sviluppo verticale inframmezzato da importanti aree verdi, che fungeranno anche come luoghi di svago e aggregazione sociale. Una città giardino che ambisce a fornire la risposta a come dovrebbe essere la metropoli del futuro: intercon-

nessa, energeticamente efficiente, con trasporti pubblici adeguati alle esigenze di mobilità della popolazione e con una porzione di verde urbano che la renda il più possibile a misura d’uomo.

29 31 33 35


copertina

I

Il 7 Luglio nella prestigiosa cornice del Museo del Calcio di Coverciano a Firenze si sono tenute

le estrazioni dei gironi della 9° edizione di MEF CUP. Onorati dalla presenza di Giovanni Galli, che ha presenziato all’estrazione, erano presenti tutte le squadre partecipanti al torneo e gli sponsor grazie ai quali è stato possibile

MEF CUP

9° edizione I sorteggi del torneo tenuti al Museo del Calcio di Coverciano

realizzare l’evento. Per l’occasione è

fino all’edizione dell’anno passato. E

Quest’anno ci sono state grandi sor-

stato proiettato anche il film documen-

proprio dall’anno passato ripartiamo,

prese e le squadre partecipanti si sono

tario “Mef Cup Story” dove Daniele

abbiamo lasciato l’edizione 2011 con i

presentate in campo preparate sia dal

Giaffreda insieme ai contributi di

festeggiamenti del Mef Football Club

punto di vista tecnico e che atletico. Di

Stefano Tanzini, Marcello Nocentini

che per la quarta volta dalla nascita

seguito il reportage della finale svoltasi

e Marcello Giaffreda hanno racconta-

del MEF CUP è riuscita ad arrivare e

il 24 Luglio allo stadio comunale Torri-

to i 9 anni di torneo dalle sue origini

vincere la finale.

ni di Sesto Fiorentino.

01 03 05

07 09 11 Daniele Giaffreda,Giovanni Galli, Luca Giafffreda

Parte del pubblico presente ai sorteggi

Il filmato è visualizzabile sul canale MEFCHANNEL su YouTube

Visuale dell’entrata del Museo del Calcio di Coverciano dove si sono tenute l’estrazioni delle squadre partecipanti al torneo edizione 2012

13 15 17 19 21 23 25 27 29 31 33 35


MEF CUP 2012: LEF vince la nona edizione del torneo. Una finale al cardiopalma, una


copetina

play the game festa per tutta la mef, i suoi collaboratori e fornitori.

01 03

Daniele Giaffreda insieme al presidente di Arnocanali Stefano Tassi e la sua squadra seconda classificata in questa nona edizione Mef Cup Il momento della premiazione della LEF, prima classificata nel torneo.

05 07

09 11 13 15 17 19 21 23 25

Nella foto sopra una scatenata tribuna che ha assistito al match finale. Nelle immagini sotto alcuni momenti della partita

27 29 31 33 35


Un momento dello spettacolo pre partita con Simona Bencini dei Dirotta su Cuba

una finale al cardiopalma quella della nona edizione E’ stata del Mef Cup, secondo Memorial Antonio Giaffreda. Per

la prima volta in campo a disputarsi il trofeo c’erano due fornitori di eccellenza per MEF; l’Arnocanali e LEF. Due squadre vicine alla

gruppo Dirotta su Cuba accompagna-

stata adrenalina fin dall’inizio. Un sus-

famiglia Giaffreda ed entrambe molto

ta dal bravissimo Stefano De Donato

seguirsi di Goal e bellissime azioni da

legate al rapporto personale che ave-

anch’esso membro della formazione

parte di entrambe le squadre. LEF si fa

vano con Antonio Giaffreda prima e

ha entusiasmato il pubblico sempre più

pericolosa nei primi minuti della partita

con la nuova generazione ora. Ogni

numeroso e accolto da un buffet estivo

con un ARNOCANALI che riesce sa-

anno la serata in cui viene disputato il

che ha permesso di rendere ancora più

pientemente a contenerla a tal punto da

match decisivo del trofeo è molto più di

aggregante questo evento. Dopo le note

andare in vantaggio con un goal segnato

una partita di calcio è bensì una vera e

del concerto l’attenzione si sposta tutta

nei primi minuti di gara. Vantaggio che

propria festa collettiva per tutta la MEF,

verso le due squadre che hanno regalato

dura poco perché LEF risponde subito

i suoi collaboratori e i tanti fornitori e

una performance entusiasmante. Fin dai

con un pareggio grazie alla rete segnata

amici che vi partecipano. Quest’anno

primi minuti della partita si è capito che

da Alessandro Baldini . Ma il 2 a 1 arriva

nel pre partita un bellissimo concerto di

le formazioni in campo erano entrambe

per Arnocanali su una punizione segna-

Simona Bencini, voce storica del celebre

scese determinate per vincere e infatti è

ta da Filippo Barucci. Dopo nemmeno 2

formidabili, due aziende


eventi mef minuti Arnocanali risponde con una rete

moniando l’amicizia che lega entrambe

nostante a creare eventi che uniscono il

chiudendo il primo tempo sul 2-2. Ma se

le squadre che hanno partecipato alla fi-

cuore delle persone che vi partecipano

il primo tempo è stato avvincente il se-

nale alla realtà aziendale di MEF. Dopo

sotto la grande passione dello sport e del-

condo non è stato da meno con una ca-

solo grandissimi momenti di festa, con la

lo spirito di aggregazione che ne conse-

rambola di goal. Al terzo minuto infatti

squadra vincitrice coronata da un palco

gue. A questo punto non ci rimane che

arriva il 3 a 2 per Arnocanali , LEF non

colorato da coriandoli e fuochi d’artificio

aspettare il 2013 per la decima edizione

si perde di morale e risponde arrivando

che anche quest’anno hanno coronato la

che già da ora promette scintille.

al pareggio. Il 3 a 4 arriva a fine del se-

vittoria di LEF che ha vinto il trofeo e

condo tempo per LEF, la partita sembra

di tutta la MEF che nonostante periodi

chiusa ma così non è grazie alla rete di

particolarmente complessi riesce ciò no-

Luca Janovitz

Filippo Barucci che riporta la partita sul 4-4. A questo punto tutto viene deciso

MEF CUP 2012: le formazioni della finale

nei tempi supplementari. Il 5 a 4 arriva per LEF nel primo minuto dei tempi di recupero, Arnocanali non si lascia intimidire e arriva il 5-5. LEF risponde con

01

il goal del 5-6 allo scadere dei tempi sup-

03

plementari. E’ la rete decisiva, quella di Pietro Di Franco, che segna la vittoria di una squadra che ci ha creduto fino in fondo e che alla fine è riuscita a portare a casa l’iridata coppa del Mef Cup. Una partita con due squadre che si sono affrontate a viso aperto, dura da reggere dal punto di vista psicologico dove a ogni vantaggio dopo poco seguiva un pareggio e dunque proprio per questo molto avvincente per un pubblico che ha riempito l’intera tribuna dello Stadio Torrini di Sesto Fiorentino facendo da cornice a un match strepitoso, combattuto fino in fondo e sempre all’insegna del fair play. Bellissimo. Bellissimo come lo sono stati i momenti della premiazione dove Daniele Giaffreda, patrono organizzatore del trofeo e titolare di Mef Football Club,ha ringraziato tutti gli sponsor che hanno reso possibile questo evento, invitando sul palco entrambi i presidenti di Arnocanali e LEF rispettivamente Stefano Tassi e Massimo Baldini testi-

05 LEF

ARNOCANALI

6 -5 LEF Allenatore: Antonio Margheri

ARNOCANALI Allenatore: Ricardo Agostini

La squadra: Baldini Alessandro Baldini Filippo Balestri Stefano Bartoloni Simone Canestrini Lorenzo Cerbai Lorenzo Chessa Francesco Di Franco Pietro Ferri Claudio Geri Mirco Giannelli Gabriele Guidotti Francesco Latini Davide Margheri Antonio Tatini Maurizio Tellini Francesco

La squadra: Addari Enrico Agostini Riccardo Alba Diego Barucci Filippo Bastianutti Dimitri Casati Simone Cioncolini Stefano Fabbri Gianni Galastri Marco Innocenti Maurizio Nencini Alberto Pratesi Giacomo Russo Valerio Sebastianelli Fabrizio Torsoni Maurizio Toti Marco

07 09

11 13 15 17 19 21 23 25 27 29 31 33 35


LE SQUADRE DEL

AC MEF PRATO

ACP COCCIO

ARNOCANALI

AVE CALCIO

CS DIVERTE

DIMENSIONE FLUIDO

DINAMO MEF

EFFEZETA


MEF CUP 2012

LEF

LULLI 2012

01 03 05 07 09 MEF AREZZO

MEF FOOTBALL CLUB

11

13 15 17 19 21 MEF LUCCA

REAL SERRAVALLE

23 25 27 29 31 33

SCHNEIDER ELECTRIC

VALDARNIA

35


MEF LAB Continua la presentazione dei

nato dall’esigenza di diversi in-

corsi che MEF LAB propone ai

stallatori che volevano acquisi-

suoi clienti.

re sicurezza nel certificare gli

In questo numero presentiamo

impianti; negli edifici sotto i 240

il Corso di sicurezza per ope-

mq non è necessaria la firma

Il calendario dei corsi

ratori elettrici e il Corso Veri-

del progettista e la legge preve-

Mef Lab è on line su

fiche e certificazione impianti.

de che a certificare l’impianto

www.mefsrl.it

Il primo corso è nato nel 2008

sia l’installatore stesso.

MEF LAB

Visita l’area news e consulta la categoria “news corsi di formazione”

per dare servizio agli installatori permettendo loro di mettersi in regola secondo quanto la legge prevede, il secondo è

Mita Rota


formazione

Corsi di Sicurezza e Certificazione Corsi di Sicurezza per Operatori Elettrici e Certificazione dell’impianto elettrico

L’

Ing.Francesco Grasso della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Firenze e il Perito Industriale Gianfranco Bea ci illustrano il Corso Sicurezza per Operatori Elettrici: La Sicurezza Elettrica e la formazione

re agli atti. Inoltre, l’articolo 2 del DLgs.

mentis” del garante del bene costitu-

dei lavoratori alla luce del D.Lgs. 81/08

81 (definizioni) non parla solo di forma-

zionalmente rilevante costituito dal-

e della Norma CEI 11-27.

zione, ma definisce anche il significato di

la integrità fisica del lavoratore ed ha

Il 15 maggio 2008 entrava in vigore il

informazione, ovvero il complesso delle

perciò il preciso dovere di non limitarsi

Testo Unico sulla Sicurezza (D.Lgs.

attività dirette a fornire conoscenze utili

ad assolvere formalmente il compito di

81/08) che sostituiva completamente

alla identificazione, alla riduzione e alla

informare i lavoratori sulle norme an-

il precedente, ed ormai famoso, D.Lgs.

gestione dei rischi in ambiente di lavoro,

tinfortunistiche previste, ma di attivarsi

626/94, nonchè tutti gli altri provvedi-

e di addestramento, ovvero il complesso

e controllare sino alla pedanteria, che

menti in materia di sicurezza e salute

delle attività dirette a fare apprendere ai

tali norme siano assimilate dai lavo-

nei luoghi di lavoro. Tra gli elementi

lavoratori l’uso corretto di attrezzature,

ratori nella ordinaria prassi di lavoro.

innovativi del nuovo testo vi è l’attenzio-

macchine, impianti, sostanze, dispositi-

Per rispondere a queste esigenze, MEF

ne ad un aspetto che è stato trascurato

vi, anche di protezione individuale e le

offre, fin dal 2008, corsi Con il 2012,

per molto, troppo tempo: la formazio-

procedure di lavoro. Inoltre, il comma 6

parte per il quinto anno consecutivo la

13

ne, l’informazione e l’addestramento

dell’articolo 37 ricorda che “La forma-

nuova serie di corsi di formazione per

del personale addetto ai lavori. In par-

zione dei lavoratori e dei loro rappresen-

operatori elettrici che hanno coinvolto

15

ticolare, la “mancata formazione e ad-

tanti deve essere periodicamente ripetu-

finora quasi 500 tecnici ed operatori in

destramento” viene considerata come

ta in relazione all’evoluzione dei rischi o

ben 36 edizioni.

grave violazione che diventa il presup-

all’insorgenza di nuovi rischi”.

In sintesi, gli argomenti del corso sono

posto per l’adozione del provvedimento

La Corte di Cassazione si è pronuncia-

i seguenti:Principali disposizioni legisla-

di sospensione dell’attività imprendito-

ta varie volte in tema di infortunio sul

tive e normative in materia di sicurezza

riale (allegato I del Testo Unico). E’ in

lavoro, ricordando che l’evidenza data

elettrica.Fondamenti di elettrotecnica e

questo nuovo contesto che Mef all’ini-

dalle norme di legge, della necessità di

impianti elettrici.Effetti della corrente

zio del 2009 crea un nuovo servizio : il

una specifica formazione del lavorato-

elettrica sul corpo umano e cenni di pri-

corso di formazione ed aggiornamento

re sui rischi specifici non consente che

mo intervento di soccorso.Norme CEI

per addetti ai lavori elettrici ai sensi della

il datore di lavoro possa disinteressarsi

11-27 e CEI EN 50110-1: procedure e

Norma CEI 11-27 e della Norma CEI-

dell’ordinario svolgimento del lavoro e

comportamenti per lavori elettrici fuori

EN 50110-1. Il corso è di 16 ore ed è

dei rischi comuni sul presupposto della

tensione e sotto tensione.Attrezzature e

obbligatorio frequentarle tutte tanto che

loro evidenza. La Suprema Corte ha

DPI: impiego, verifica e conservazione.

deve essere fatto un registro stampato

ricordato che il responsabile della sicu-

Procedure di lavoro generali ed azien-

con firme di ingresso ed uscita da lascia-

rezza deve avere la cultura e la “forma

dali.

01 03 05 07 09 11

17 19 21 23 25 27 29 31 33 35


I

l Per.Ind.Maurizio Monticelli docente per il corso Verifiche dell’impianto Elettrico e dei quadri elettrici ci illustra la sua esperienza in Mef E’ stato durante un corso sulla Sicurez-

ordine alla Norma CEI di riferimento,

parte di terzi ma gli impianti elettrici se

za per gli Operatori Elettrici tenuto un

quanto aveva realizzato, avendo adem-

non ben realizzati e gestiti rappresenta-

anno fa che è nata la necessità di costru-

piuto alle necessarie verifiche previste

no un pericolo di infortunio talvolta con

ire un corso sulla Certificazione degli

dalla normativa stessa. Pertanto, come

esiti anche mortali. Redigere una di-

impianti e dei quadri elettrici in cui si

già detto, la Legge 46/90 ha innalzato

chiarazione di conformità non veritie-

definivano gli obblighi e le responsa-

l’installatore dal ruolo di semplice arti-

ra rappresenta un illecito che l’attuale

bilità degli installatori; alcune persone

giano montatore, a collaudatore e certi-

legislazione sanziona con un ammenda

che stavano frequentando il corso fece-

ficatore del proprio lavoro e quindi, ad

fino a 1.000 €, oltre alla comunicazione

ro presente quali responsabilità erano

unico ed esclusivo garante della propria

alla Camera di commercio, industria,

costrette ad assumersi con poca cono-

competenza e professionalità. Sono pas-

artigianato e agricoltura competente

scenza delle leggi e norme che regolano

sati oltre 20 anni e purtroppo si vedono

per territorio. Ovviamente alla sanzio-

la certificazione e chiesero un corso che

ancora delle Dichiarazioni di Confor-

ne amministrativa si può aggiungere la

potesse metterli al riparo da sanzioni. E

mità incomplete, inesatte o forse addi-

condanna al risarcimento economico

così Mef, da sempre attenta alle richieste

rittura false spesso al posto della Norma

per l’eventuale danno causato, oltre alla

dei propri clienti, mi ha commissionato

di riferimento si trova riportata la Leg-

sanzione penale nel caso che dall’ina-

il corso che, grazie alla sponsorizzazio-

ge 46/90 (ora DM37/08), oppure (nel

dempimento derivi un infortunio.

ne di Schneider Electric, di Chauvin

migliore dei casi) genericamente solo la

Questi gli argomenti trattati:

Arnoux e Grafoplast è stato progettato

Norma CEI 64-8. Troppo spesso viene

-Protezione dai contatti diretti/indiretti e

ed erogato. Nel settore elettrico non c’è

confusa la Dichiarazione di conformità

dalle sovracorrenti (cenni).

operatore che non sappia che la realizza-

degli impianti, da redigere sulla base

zione degli impianti e dei quadri deve es-

dell’attuale DM 37/08, con la Dichiara-

sere effettuata in conformità alla regola

zione di conformità dei quadri elettrici,

-Rapporto di prova per le verifiche sugli im-

dell’arte, che di fatto vuol dire: conosce-

soggetti invece alla Direttiva Bassa Ten-

pianti elettrici (utilizzo di apposito modulo).

re le Norme CEI ed operare in confor-

sione e viene dichiarato (perché la Legge

-Strumentazione richiesta (panoramica sul-

mità ad esse.

prevede che lo si faccia espressamente )

la strumentazione necessaria ai fini delle

Questo importante concetto ha origine

di aver controllato e verificato l’impianto

con la Legge 186/68, successivamente

con esito positivo, senza disporre nem-

ripreso dalla Legge 46/90, per poi essere

meno dei più elementari strumenti per

ulteriormente ribadito dall’attuale e più

effettuare tali misure o verifiche, e in

ti.

recente DM 37/08.

questo caso che cos’è, se non un falso.

-La marcatura CE dei quadri elettrici

Già con la Legge 46/90 era stato an-

L’attuale legislazione assegna all’instal-

-Norma CEI 23-51 (corrente fino a 125 A).

che introdotto un ulteriore importante

latore un ruolo di primo piano che può

-Documentazione prevista: targa, dichiara-

adempimento: la Dichiarazione di Con-

eseguire quanto progettato da altri, ed

formità, attraverso la quale all’installa-

entro certi limiti di complessità, proget-

tore veniva attribuito l’onere (ma anche

tare lui stesso, per poi autocertificare

(anche con l’utilizzo di specifico foglio elet-

l’onore) di autocertificare direttamente

direttamente quanto eseguito, come ri-

tronico).

ed in modo del tutto autonomo la con-

spondente alla regola dell’arte, senza al-

-Manuale di uso e di manutenzione (esem-

formità alla regola dell’arte e in sub

cun obbligo di intervento o di avvallo da

pio pratico).

-Dichiarazione di conformità con relazione tipologia dei materiali (utilizzo di apposito modulo).

prove). -Esempi pratici con utilizzo di strumentazione dedicata. -Interpretazione ed accettabilità dei risulta-

zione di conformità e rapporto esecuzione prove (impiego di apposita modulistica). -Verifiche termiche e modalità di calcolo


formazione

ALCUNE TESTIMONIANZE SULLA PARTECIPAZIONE AI CORSI DI GESTIONE AZIENDALE E CORSO COMMERSSA GESTIONE SICUREZZA

CORSO SICUREZZA

Piattelli - Sig. Giovanni Piattelli (Filiale Prato Est)

3L IMPIANTI srl - Sig. Luciano Margheri (Filiale di Montevarchi)

Al di là dell’obbligatorietà ritiene che il livello

C’è maggior consapevolezza sui rischi che si

di sicurezza con cui operano i suoi dipendenti

possono presentare in cantiere?

sia migliorato in qualità?

Sicuramente sì! Sono 30 anni che faccio l’installatore e

C’è stato un miglioramento generale nei miei dipen-

conosco il mio mestiere e forse proprio a causa dell’a-

denti, adesso prima di iniziare un lavoro pensano a

bitudine che si tende a sottovalutare i rischi. Il corso ci

come fare le cose in sicurezza. Le faccio un esempio,

riporta all’attenzione in cantiere che non dovrebbe mai

devono montare un’antenna? Una volta partivano sen-

mancare e fa sì che il livello di guardia non si abbassi

za pianificare adesso pensano a come fare la linea vita.

visto che i rischi purtroppo ci sono e sono parecchi. 01

Come è naturale c’è chi apprende di più perché volenteroso e chi invece non abituato a leggere impiega più

03

tempo; ho notato però che dopo aver fatto il corso an-

05

che chi non legge abitualmente dimostrava interesse, si informava, tanto che io ho preso l’abitudine quando mi

07

arriva Tuttonormel di fotocopiarlo e distribuirlo a tutti .

09 11

CORSO VERIFICA IMP.

CORSO VERIFICA IMP.

BRUSCHI FLORIO DI BRUSCHI G.& C.SNC Sig. Cherubini Piergiuseppino (Filiale di Pontedera)

EUROIMPIANTI SRL - Sig.Marini Mario (filiale di Viareggio)

Cosa l’ha spinta a frequentare questo corso?

Sì ho messo in pratica le prove che prima facevo ma

Volevo sapere se ero aggiornato o no, perché nelle nor-

con meno sicurezza su impianti di terra, differenziali

mative è sempre bene stare in linea e, anche se uno le

ecc. Adesso mi sento più sicuro e quindi sono più ra-

cose le sa, rinfrescare la memoria è molto utile perché

pido

ti rende più sicuro

Quindi trova che aver fatto il corso faccia poi ri-

Il corso le è piaciuto?

sparmiare tempo?

Mi è piaciuto molto l’esposizione semplice diretta ed

La modulistica che ci è stata consegnata fa ottimizza-

efficace del relatore

re il tempo, perché facciamo ciò che è necessario e la

E’ stato utile?

compilazione è più rapida

Ha utilizzato gli strumenti che le sono stati dati?

13 15

17 19 21 23 25 27 29

Sì perché è bene capire come fare le misurazioni, quali misure fare e perché farle, questo rende poi più facile l’applicazione

31 33 35


Mef Girl... passione elettrica

Silvia è anche su www.mefsrl.it Silvia è la Mef Girl di questo numero ed è anche un fantastico wallpaper per il tuo computer! Scaricalo andando su www.mefsrl.it nell’area download>widget!


mondo mef

MONTEVARCHI

I festeggiamenti per il 10 anni del punto vendita di Montevarchi

I

n occasione dei 10 anni del punto vendita di Montevarchi intervistiamo David Ceccantini, responsabile del punto vendita. Il traguardo di 10 anni dall’apertura di questo punto vendita è una tappa importante come è stata celebrata questa data? Sicuramente è stata una tappa importante, in particolar modo per quei ragazzi che 10 anni fa hanno fatto l’inaugurazione; tanto per non farci mancare le difficoltà in questi periodi critici, in quei giorni c’è stata anche

l’apertura di un nostro concorrente

hanno accusato la crisi diverse indu-

davanti a noi: abbiamo festeggiato ma

strie del territorio con la conseguenza

senza farci prendere da troppa euforia e

di parecchie persone senza lavoro o in

rimanendo concentrati. Abbiamo fatto

cassa integrazione. Ora più che mai va

una maglietta celebrativa e per una

avanti chi riesce a differenziarsi, sia per

settimana abbiamo condiviso questo

i nostri clienti che per noi, con impianti

appuntamento con aperitivi insieme ai

speciali e innovazioni: chi sta fermo è

clienti; entro Settembre faremo sicura-

perduto sicuramente. Il mercato si

mente una cena con tutta la proprietà.

evolve di mese in mese e così pure

Come si è sviluppato il merca-

la nostra clientela; come risponde

to del materiale elettrico nella

alle esigenze del cliente il punto

vostra area geografica in questi

vendita?

ultimi anni?

Collegandomi alla risposta precedente,

La nostra area ha risentito molto di

con l’innovazione continua, ai nostri

questa crisi, negli ultimi 10 anni l’edi-

clienti dobbiamo esser bravi a far capire

lizia aveva preso il sopravvento, e c’era

questo, e stargli vicino, aiutandoli con

molto lavoro, ora sono circa 2 anni

i corsi che MEF mette a disposizione,

che di colpo si è fermato tutto; in più

con numerosi tecnici ed infine il servi-


zio; dare un buon servizio oggi giorno non è facile, l’installatore non fa più magazzino, non ha programmazione, non ha tempo, quello che chiede oggi gli serviva 3 giorni prima. Il grossista dalla sua parte non può permettersi i magazzini carichi di una volta e i fornitori la maggior parte delle volte producono su ordine. Il 90% di ordini è una corsa contro il tempo! Noi cercheremo di essere bravi a gestire il nostro magazzino in modo che il cliente possa venire al banco sicuro e tranquillo di

Foto di gruppo dello staff del punto vendita di Montevarchi. Nella foto a partire da sinistra: Alessandro Moricci, Elisa Sozzi, David Ceccantini, Simone Bianchi, Gianluca Gori, Luca Manocchio

trovare il necessario.

miglioramento quali sono invece

problemi, possano trovare anche quella

E’ da due anni che segue come

i punti di forza che da sempre

mezz’ora di serenità e allegria che

responsabile di punto vendita

contraddistinguono il lavoro fatto

di questi tempi sono cose veramente

Montevarchi, prevede delle azioni

su Montevarchi?

preziose e ti aiutano a sorpassare questi

su delle aree di miglioramento

Sicuramente il servizio, poi prima che

momenti difficili con un pò più di

che andranno a beneficiare i no-

prendessi il posto di Andrea Benedetti,

distensione.

stri clienti?

lui era un un punto di riferimento per i

Sicuramente in questi due anni insieme

nostri clienti in particolar modo per la

ai miei collaboratori, che anzi voglio

sua preparazione tecnica molto alta e

ringraziare per l’aiuto che fino ad ora

ritengo che l’importanza e la stima che

mi hanno dato, abbiamo cercato sem-

ci siamo guadagnati sul territorio sia

pre di migliorare e penso che in parte

anche merito suo.

ci siamo anche riusciti visto la crescita

Quale messaggio vorrebbe dare

che avuto il banco in questi anni; non

a tutti i clienti del punto vendita

vogliamo fermarci e quello che per-

e magari a quelli potenziali che

sonalmente credo sia l’arma vincente

ancora non si servono da noi?

insieme al servizio sia il rapporto uma-

Più che leggerlo mi piacerebbe che lo

no. Sicuramente il mio carattere molto

tocchino di persona, che frequentan-

espansivo, ma anche i 17 anni di Mef

do il nostro banco si possano trovare

dove il rapporto è alla base di tutto, mi

come a casa loro, che oltre a venire ad

fanno puntare dritto su quello, ho molti

acquistare il necessario, a risolvere i

amici installatori con i quali ho un bel rapporto anche al di fuori del lavoro e questo vedo aiuta sia me che loro. Forse è quello che era un pò mancato

01 03 05

Intervista a cura di Luca Janovitz

07 09 11 13

Dettaglio dell Lo showroom illuminotecnico inluce

15 17 19

21 23 25 immagine della testata dei banchi vendita e la tshirt celebrativa dei 10 anni

27 29 31

in questa filiale e che negli ultimi due anni ci ha aiutato a crescere e ad essere maggiormente apprezzati dai clienti. Se abbiamo parlato di aree di

33 35


UTENSILI OLEODINAMICI UTENSILI OLEODINAMICI a BATTERIA e MANUALI

partner news

MG2

Attrezzature CEMBRE per il mercato elettrico

Cembre è oggi il principale produttore italiano e tra i primi produttori europei di connettori elettrici a compressione, di utensili per la loro installazione, di materiale elettrico e di siglatura industriale. La ricchezza della gamma dei prodotti, la capillarità e l’efficacia della rete commerciale in Italia e nei mercati internazionali e l’orientamento costante alle esigenze dei clienti rappresentano ulteriori punti di forza del Gruppo Cembre e garantiscono un rilevante vantaggio competitivo in un mercato mondiale in costante evoluzione. www.cembre.it

partner news

G

Gamma completa di Utensili Oleodinamici per il taglio di conduttori e l’installazione di connettori elettrici. Grande parte del successo riconosciuto

grandi famiglie:

a Cembre dal mercato è dovuto alla vasta

manuali, azionati a batteria o teste da ac-

gamma ed alla indiscussa qualità dei pro-

coppiare a pompe oleodinamiche.

pri utensili oleodinamici. Interamente

Quelli manuali consistono di un corpo

prodotti nello stabilimento di Brescia,

pompante azionabile mediante la for-

essi si basano sul semplice principio del

za umana, integrato con un’estremità a

martinetto idraulico dove, applicando ad

comprimere o a tagliare; quasi tutti sono

un pistone una data pressione idraulica,

dotati di doppia velocità di avanzamento

viene sviluppata una forza funzione di

del pistone, con passaggio automatico

detta pressione e della superficie del pi-

dall’alta alla bassa velocità, nel momento

stone.

in cui è richiesta maggiore potenza.

Con riferimento al tipo di azionamento

L’ottimizzazione strutturale dei singoli

gli utensili possono essere suddivisi in tre

particolari ed una pressione nominale di


POMPE 700 bar POMPE OLEODINAMICHE OLEODINAMICHE 700 bar e TESTE OLEODINAMICHE

01 03

700 bar (10.000 psi) hanno permesso

le teste da compressione ed una gamma

sia su corde in acciaio che su tondi in

di ottenere utensili con un incredibile

completa di matrici intercambiabili

materiali ferrosi e non.

rapporto dimensione-potenza in un

consentono di installare diverse tipologie

Tutti gli utensili sono dotati di una valvo-

range da 45 a 130kN, mentre le teste

di connettori, fino a 1200 mm2 di sezio-

la di massima pressione che garantisce la

oleodinamiche alimentate alla stessa

ne; le teste trancia cavi, in funzione della

corretta esecuzione in sicurezza del ciclo

pressione mediante pompe a pedale o

tipologia delle lame possono tagliare cavi

di compressione o di taglio.

centraline pneumatiche o elettrooleo-

in Rame o Alluminio con diametro ester-

dinamiche coprono un range tra 50 e

no fino a 120 mm mentre

600 kN. La diversa configurazione del-

le trancia funi possono essere utilizzate Utensile oleodinamico foralamiere alimentato a batteria tipo B-FL75 equipaggiato con una testa a doppio snodo che ne consente un agevole utilizzo sia nella foratura di lamiere in acciaio inossidabile o acciaio dolce che di pareti in fibra di vetro o materiale plastico; il diametro max di foratura è 140 mm.

redazionale a cura di : Cembre

05 07 09 11 13 15 17 19 21

23 25 27

Utensile manuale meccanico HN-A25 della serie Crimpstar, adatto alla compressione esagonale di connettori nudi in rame di sezione 10, 16 e 25 mm2 della serie Cembre A-M. Ha una struttura realizzata in acciaio speciale e manopole in materiale plastico bi-componente sagomate.

29 31 33 35


ONLUS NEWS www.antoniogiaffreda.org

da tempo le donne del posto fanno formazione. Infatti, Daria e il suo staff favoriscono l’informazione sulla salute sessuale e riproduttiva, le iniziative per un’autogestione economica per sviluppare piccole attività di artigianato, di vendita, e continuare l’attività di alfabetizzazione. A tutti loro, e a coloro che già sostengono l’Associazione ONLUS Antonio Giaffreda, va il nostro più caloroso ringraziamento e l’augurio di poterci rivedere in Bolivia nel dicembre di quest’anno!

Il progetto onlus antonigiaffreda in Boliva prosegue. Iniziate a gennaio di quest’anno, proseguono le attività del-

Famiglie Giaffreda

Emergenza terremoto in Emilia, il contributo da parte di Mef.

la ONLUS Antonio Giaffreda per portare a compimento

In questa fase di emergenza Caritas Italiana, in attesa di

l’importante collaborazione in Bolivia con il progetto PRO-

poter definire l’importo effettivo dei fondi raccolti che man

SASERE, nato a Cochabamba (Bolivia) nel 2005 all’interno

mano vengono trasferiti, ha finora messo a disposizione

della comunità familiare nella quale vive la nostra stimata

complessivamente tre milioni di euro per le 7 diocesi col-

amica Antonietta Potente, suora laica e docente di Teologia

pite dal terremoto (Bologna, Ferrara-Comacchio, Modena-

all’Università di quella città, e che si propone tre aree d’in-

Nonantola, Carpi, Reggio Emilia-Guastalla, Adria-Rovigo,

tervento: Informazione, Formazione e Prevenzione.

Mantova), provvedendo anche all’aiuto nei Centri di ac-

Con la partecipazione dell’Associazione ONLUS Antonio

coglienza (tendopoli, scuole, palestre) in risposta ai bisogni

Giaffreda, inoltre, si intende creare un presidio sanitario lo-

primari (generi alimentari, vestiario, letti, coperte, igienico-

cale, un piccolo centro ambulatoriale polivalente per il con-

sanitari, ecc.), come pure alla cura e presa in carico di anzia-

trollo e la prevenzione di malattie. La responsabile, Daria

ni, ammalati, disabili e minori, e all’assistenza nel disbrigo

Tacachiri Villca (laureata in infermeria), gestisce sin dall’i-

delle pratiche amministrative. Mef ha voluto partecipare

nizio il progetto nella zona ai margini della città di Cocha-

all’iniziativa di raccolta fondi per le popolazioni colpite e,

bamba, dove è stato individuato un terreno su cui costruire

come sempre, ha ricevuto una importante risposta dai pro-

il Centro di Prima Salute, con un finanziamento iniziale di

pri collaboratori, clienti e amici raccogliendo e devolvendo

ca. 30.000 $; sono in corso le necessarie pratiche burocrati-

la cifra di € 3.500. Per questo importante impegno vogliamo

che che, come a volte accade in America Latina, prevedono

ringraziare di cuore tutti quanti hanno partecipato, ed in

tempi un pò più lunghi.

particolare il Punto Vendita di Perugia e quello di Barberino

Il fine è garantire a più persone possibile il diritto alle cure

Val d’Elsa, che si sono distinti per alcune iniziative private,

mediche e alla formazione, così come accaduto nella sua

tra cui un gesto di generosita’ verso le Aziende del setto-

vita ad Antonio, a cui sarà dedicato il futuro centro ambu-

re caseario colpite dal sisma, arrivando ad acquistare oltre

latoriale, a perpetuo ricordo dei valori da lui trasmessici.

1100kg di Parmigiano attraverso la Coldiretti e provveden-

Ovviamente le straordinarie persone che rappresentano i

do anche al ritiro/consegna dei prodotti a Campogalliano

nostri riferimenti in loco garantiscono già un fondamentale

(MO). Quando le difficoltà incombono, MEF risponde.

servizio, offrendo visite mediche gratuite ad alcune famiglie,

Grazie a tutti!

donne e bambini, il tutto ancora nel piccolo locale dove già

Famiglie Giaffreda


inluce

Residenza di Charme ad un passo dal duomo di Firenze sorge l’Hotel Centrale.

A

lla fine di Via Dei Cerretani dove la Firenze caotica e rumorosa degli autobus, dei taxi e delle auto lascia il posto al silenzio ordinato e stupefatto dei turisti incantati davanti alla maestosità del Duomo fiorentino e del suo contorno, sorge l’Hotel Centrale. Penso che mai titolo sia stato più ap-

sottostare inderogabilmente a regole fer-

studiato in collaborazione con il nostro

propriato ad identificare la posizione

ree dettate da una sovrintendenza come

Architetto Giampaolo Ristori, l’Archi-

di questa dimora storica. La famiglia

quella Fiorentina sempre attenta ed in-

tetto Colucci e Rocco Graniero( titolare

Norcini che ne e’ proprietaria e’ impe-

flessibile quando si tratta di preservare il

dell’impresa elettrica), la migliore solu-

gnata da anni nel progetto ambizioso di

patrimonio cittadino. In questo contesto

zione illuminotecnica per dare il giusto

ridare finalmente carattere e splendo-

la distribuzione elettrica ha incontrato le

risalto alla bellezza del luogo. Insomma

re a questo antico palazzo del ‘500 che

difficoltà maggiori. La ditta ROCA’S, in

una collaborazione totale ed una fiducia

anch’esso come molti altri ha subito negli

stretto contatto con la direzione lavori, si

reciproca che sono state le armi vincenti

anni l’onta dei frazionamenti selvaggi e

e’ impegnata ed ha profuso competenze

per la riuscita dell’opera. Il futuro riser-

dell’abbandono. Grazie all’aiuto sapiente

su come lenire al minimo l’impatto sulla

va nuovi interventi volti a destinare altri

dell’architetto Colucci ed alla competen-

struttura di una distribuzione necessaria

spazi alla stessa finalità ricettiva. Nuove

za della maestranze impegnate, antichi

e vitale per la sopravvivenza della stessa.

sale convegni, nuove camere, forse un’a-

spazi oramai ridotti a magazzino, hanno

Sono stati riutilizzati spazi esistenti per i

rea relax. Resta comunque il fatto che

rivisto la luce nella loro antica collocazio-

cavedi, si e’ realizzato impianti speciali

Roca’s e MEF saranno ancora qui’ in-

ne.Volte, lucernari, colonnati, affreschi.

(anticendio, gestione camere) utilizzan-

sieme per collaborare a dar vita a questa

Tutto da recuperare e restaurare.Edili

do sistemi bus cosi’ da ridurre al mini-

realizzazione.

ed impiantisti hanno dovuto per questo

mo il numero di conduttori. Abbiamo

Michele Grazzini - Agente MEF


inluce

Piccini: Gioielli di luce la storica gioielleria fiorentina si affida a Inluce per illuminarsi

L

a gioielleria Piccini opera nel settore da diverse generazioni; fondata nel 1952 dal Sig. Ugo Piccini è ora gestita da Edoardo Piccini e Barbara Piccioli, rispettivamente figlio e moglie di Mario Piccini. Oltre

Galleria degli Uffizi e Palazzo Pitti, che

ad essere dotata di una vasta gamma di

in passato fu la sede principale della piu’

orologi dalle marche piu’ presigiose, il

importante famiglia di Firenze: i Medici.

negozio e’ fornito anche di vari gioielli

La stessa gioielleria sorge ai piedi di un

di progettazione interna, completamente

altro edificio storico del luogo : la Torre

fatti a mano dai piu’ eccelsi maestri orafi

degli Amidei, che fu costruita nel 1100

fiorentini. Recentemente sono state fatte

ed e’ l’unica torre, in quest’area, ad

delle opere di ammodernamento del

essere sopravvissuta alla seconda guerra

locale per venire incontro alle mutevoli

mondiale.

esigenze del mercato; Mef Inluce si e’

01 03 05 07 09 11 13 15 17 19 21 23 25

particolare va alla proprieta’, alla Sig.ra

occupata della consulenza illuminotec-

Gli spazi espositivi sono stati interamen-

Barbara, che ci ha dimostrato immedia-

27

nica, curata da Marina Porcile dal punto

te illuminati con led della ditta “Domino

tamente la sua piena fiducia , all’archi-

29

vendita mef di Firenze Sud.

Led” ottenendo cosi’ un consumo ener-

tetto Materassi autore del progetto, in

Il negozio e’ situato nel cuore di Firen-

getico particolarmente contenuto. La

piena sinergia con la ditta installatrice

ze, accanto al Ponte Vecchio e vicino a

potenza impegnata e’ circa un quarto di

Bon Impianti Elettrici.

Piazza della Signoria . Inoltre a pochis-

quella che sarebbe stata neccessaria con

simi passi si trovano la famosissima

lampade tradizionali. Un ringraziamento

31 33 35

Marina Porcile


inluce

Farmacie a tutto led Gran luce e basso consumo nelle farmacie di Borgo San Lorenzo e Signa FARMACIA COMUNALE BORGO SAN LORENZO Prodotti utilizzati: - Reflex Easy e Pixel Plus (GPRB54 e GPR353) -Consumo 2,5Kwh -Risparmio energetico 3.0 Kwh -Illuminamento medio 700 lux

I

mmaginare di illuminare una intera farmacia di un centro commerciale solo con apparecchi SSL (Solid State Lighting) altrimenti detti LED, era fino a qualche mese indietro un privilegio per pochi fortunati

SSL. Gli apparecchi sono i Reflex Easy

e facoltosi sperimentatori della nuova

e i Pixel Plus da 41w e 20w, incassati nel

FARMACIA COMUNALE SIGNA Prodotti Utilizzati:

tecnologia.

controsoffitto per essere completamente

Oggi è possibile realizzare un impianto

nascosti alla vista dei clienti.

- Reflex Easy e Pixel Plus (GPRB54 e GPR353) - Consumo 4,1Kwh - Risparmio energetico 4.9 Kwh - Illuminamento medio 700 lux

di illuminazione con prodotti di prima

Installatore: P.I. Massimo Mangini - Via Vallombrosa Firenze

fascia, sia per qualità illuminotecnica che

Gli illuminamenti raggiunti sono nell’or-

di consumi elettrici, con facilità e con

dine dei 700 lux sia sui piani di lavoro

costi di mercato pienamente compatibili

che sulla merce esposta con indice di

con le precedenti tecnologie.

resa cromatica maggiore di 87.

Grazie alla sensibilità verso un ambiente ecosostenibile e alla fiducia accordataci

Gli impianti consentono di risparmiare

dal direttore di Farmapiana SPA, Dott.

almeno il 120% della potenza utilizzata

Progetto impianto elettrico: P.I. Beltrame Leonardo

Paolo Lepri, sono stati realizzati non

finale (consumo con lampade joduri

uno, ma bensì due Punti Vendita di di-

metallici 14,5Kwh contro un consumo

Consulenza illuminotecnica: Inluce Mef srl Arch. Gian Paolo Ristori

mesioni considerevoli, rispettivamente a

di soli 6,6Kwh dei LED, risparmio ener-

Borgo San Lorenzo e Signa, interamante

getico per i due locali 7,9Kwh)

Progetto Architettonico: Arch. Saverio Mariotti

illuminati con apparecchi a sorgente

Arch. Gian Paolo Ristori


01 03 05 07 Farmacia Comunale di Borgo S.Lorenzo

09

Farmacia Comunale Signa 11 13 15 17 19 21 23 25 27

29 31 33 35


Foto della rappresentanza MEF durante la visita allo stadio PSV illuminato da Philips

mondo mef

Alla scoperta del LAC Il workshop di Philips presso il centro applicativo della luce a Eindhoven

l desiderio di ogni specialista illuminotecnico e di ogni agente è da sempre quello di poter vedere sul campo le varie soluzioni illuminotecniche con gli eventuali cambi di fascio luminoso o di sorgente. Desiderio però difficilmente realizzabile. Dove poter vedere

I

con i propri occhi gli effetti di luce che

che ha la luce nel suo DNA. Questo è

testare un’ampia gamma di situazioni

le varie tecniche di illuminazione, intese

stato possibile con il workshop organiz-

realizzate con le più moderne tecno-

come sorgenti luminose e apparecchi,

zato nei primi giorni di marzo grazie

logie, consentendo una eccezionale

possono sviluppare? La risposta a que-

all’ospitalità Philips, da sempre partner

comprensione delle basi scientifiche e

sto quesito si concretizza nell’acronimo

MEF. Organizzatore del tutto Alessan-

pratiche dell’arte di illuminare. Da non

LAC (Centro Applicativo della Luce).

dro Alberti, Area Manager Philips, che

dimenticare l’immancabile visita allo sta-

E’ proprio al LAC Philips di Eindhoven,

ha accompagnato il gruppo alla visita al

dio del PSV, sapientemente illuminato

città dei Paesi Bassi, dove la Koninklijke

centro facendo vivere tutti i particolari

da Philips e teatro di matches importanti

Philips Eletronics N.V. (“Reale Philips

illuminotecnici. Il risultato è stata una

a livello europeo.

Elettronica”) ha iniziato la sua attività

fantastica esperienza dove protagonista è

Che dire, due giorni alla scoperta della

nel lontano 1891 ad opera di due fratelli

stata la luce nella sua forma più dina-

luce di cui non possiamo che ringraziare

Gerard e Anton Philips, proprio con

mica ed interattiva, con simulazioni dal

Philips, che ne ha svelato i suoi aspetti

la costruzione di lampadine in uno

vero di situazioni illuminotecniche in

più affascinanti.

stabilimento oggi diventato museo. MEF

ambienti di vita quotidiana per dimostra-

Un ringraziamento particolare a Mas-

ha voluto far toccare con mano a una

re come un locale può cambiare il suo

similiano Cecconi, agente Philips, che

rappresentanza dei propri illuminotec-

modo di essere e di apparire in funzio-

ha fortemente voluto la realizzazione di

nici e dei propri agenti tutto ciò che con

ne delle diverse sorgenti luminose ed

questo wokshop.

la luce si può realizzare da una azienda

ottiche scelte. E’ stato quindi possibile

Andrea Arcangiolini


mondo mef

Workshop Beghelli Le nuove proposte commerciali presentate alla forza vendita mef

V

enerdì 29 Giugno la forza vendita MEF l’impianto risparmiando nei consumi e insieme a Daniele e Christian Giaffreda pagare il tutto tramite comode rate a tasha fatto rotta verso Beghelli per un incontro so zero! legato alle nuove proposte commerciali. finanziamento, l’opportunità di sostituire

Ad attenderli Gian Pietro, Luca, Grazia-

no l’espressione dell’eccellenza italiana,

no e Maurizio Beghelli con tutto il loro

aziende sane radicate nel proprio territo-

staff. Prima di iniziare, Gian Pietro Be-

rio che perseverano, nonostante la situa-

ghelli ha voluto personalmente ringrazia-

zione del mercato, ad investire in ricerca

re Mef e tutti i presenti, che a distanza

e risorse tutelando i posti di lavoro.

di poco più di un anno, era il 29 gennaio 2011, sono ritornati a quella che Daniele

Successivamente Renato Frongillo ha

Giaffreda ha definito “la seconda casa di

presentato le nuove opportunità com-

Mef”!

merciali legate alle nuova gamme di

Dalle origini dei primi prodotti, agli inizi

prodotti, che spaziano dalla tradiziona-

degli anni ‘80, il solidalizio Beghelli-Mef

le illuminazione d’emergenza (come la

è stato sinonimo di crescita e di successo

gamma di prodotti della famiglia “Stella

comune.

Polare led”) per proseguire con l’illumi-

Daniele Giaffreda ringraziando per l’o-

nazione industriale e poi terminare con

spitalità ha sottolineando come sia for-

il nuovo progetto legato alla sostituzione

te l’unione e la partnership tra le due

degli apparecchi tradizionali con appa-

aziende. Chrisitan Giaffreda ha voluto

recchi a Led. Un progetto che offre alla

ricordare come ambedue le aziende sia-

piccola attività commerciale, tramite un

Al termine le foto di rito ed un pranzo conviviale hanno concluso la giornata. Non possiamo che essere riconoscenti a imprenditori che investendo costantemente in ricerca, tutelano i posti di lavoro e difendono il “made in Italy”. Una considerazione in più da farsi quando, nel momento della scelta, si decide di acquistare un prodotto “Beghelli”. Infine, un ringraziamento a chi ha contribuito alla perfetta riuscita dell’evento, cominciando dagli amici Giancarlo Baldini e Lorenzo Santucci, proseguendo con tutti i collaboratori dell’agenzia SB di Firenze e terminando con le insostituibili Isabella Fabbri e Silvia Girgenti.

01 03 05 07 09 11 13 15 17 19 21 23 25 27 29

31 33 35

Andrea Arcangiolini


persone

Tiziana Zanchi

36 anni vissuti in MEF

Nonna a tempo pieno! L’augurio che possiamo farle è svolgere questa nuova attività con lo stesso successo! Andrea Arcangiolini

V

enerdì quattordici Gennaio, presso un noto locale fiorentino, tutti i colleghi della sede di Firenze insieme alla famiglia Giaffreda, hanno voluto festeggiare l’ambito traguardo raggiunto da Ti-

così, giorno dopo giorno, Tiziana ha

ziana Zanchi: l’arrivo della pensione!

visto scorrere davanti al suo ufficio

Se dovessimo descrivere quello che

almeno una generazione di installatori

Tiziana è stata per Mef non bastereb-

e dal suo primo ufficio di Via Zambrini

bero pagine e pagine, vogliamo solo

ha contribuito all’evolversi della MEF

ringraziarla per tutto quello che per ben

accompagnando l’azienda in questo

trentasei anni ha fatto! Una collabora-

grande percorso di crescita. Da azienda

trice unica, sempre disponibile, e che

familiare a realtà nazionale! Questo

per molti dei responsabili di oggi è stata

grazie anche al suo contributo quotidia-

maestra di vita. Trentasei anni vissuti

no fatto di umiltà, educazione, disponi-

all’Ufficio Bolle, al diretto contatto con

bilità, professionalità, il tutto senza mai

i clienti, sempre con il sorriso e sempre

dimenticare il sorriso che ogni giorno

disponibile a risolvere gli eventuali

offriva a clienti e colleghi. Con l’inizio

problemi che nel quotidiano confronto

del duemila dodici Tiziana ha scelto

con i clienti si venivano a creare. E

di intraprendere una nuova attività:

Tiziana Zanchi con la sua nipotina in un momento della festa, nella foto sopra festeggia insieme ad allcuni colleghi di Firenze Sede.


Da sinistra: Luca Giaffreda, Enrico Mazzoni (1° classificato) e Dario Carmagnini

sport

Gara di pesca Mef

Enrico Mazzoni – collaboratore della ditta Tormentoni di Quarrata - vincitore della competizione e Adrian Kola

edizione 2012

- dipendente della ditta Teknosystem

N

a tutti i partecipanti lo Staff ringrazia

ella splendida cornice dei Laghi Bellavalle di Barberino del Mugello il 19 maggio si è svolta l’annuale gara di pesca MEF, che anche per questa edizione è stata intitolata ‘’ memorial Antonio

di che pasta sono fatti! Per ripagare gli

Giaffreda‘’ in onore al nostro presidente

sforzi dei piccoli campioni cosa c’è di

prematuramente scomparso nel 2010.

meglio di un Nutella party e premia-

Il clima gradevole e il lago immerso

zione in piena regola con un trofeo di

nel verde hanno fatto da ottimo sfondo

partecipazione a tutti?!

a una giornata da trascorrere all’aria aperta. Particolare attenzione anche

Nel frattempo la vera e propria gara,

questa volta è stata data ai più piccoli,

nel lago più grande, diventava sempre

mettendo a completa disposizione di

più agguerrita, tra partecipanti allenati

giovanissimi pescatori in erba un laghet-

e dal livello tecnico in notevole crescita,

to e 60 Kg di trote tutte per loro con

con lo spirito giusto e un pizzico d’ago-

le quali, aiutati dallo Staff e da alcuni

nismo hanno trasformato la competi-

parenti, si sono potuti cimentare e

zione in un pomeriggio di divertimento

divertire in una mini-gara non competi-

e spensieratezza. In questa edizione

tiva con la quale dimostrare ai genitori

hanno fatto spiccare il proprio nome

– che si è portato a casa il trofeo per la trota più grossa. Nel fare i complimenti i Signori Ferri che ci hanno omaggiato di due splendide piante decorate per ornare l’area della premiazione. Un ringraziamento speciale va alla famiglia Giaffreda, che ci ha permesso, in un periodo un po’ difficile, di organizzare tutto l’evento, dimostrando grande affetto e devozione ai propri clienti e collaboratori. Non ultimo vorremmo ringraziare anche i gestori del lago per la splendida location messa interamente a nostra disposizione. Non ci resta che darvi appuntamento alla prossima edizione, sperando di avere sempre più giovani e giovanissimi iscritti che, sono la nuova linfa vitale per questo sport. Dario Carmagnini


pensieri e parole

Godi delle piccole cose, perchè un giorno ti guarderai indietro e ti accorgerai che erano grandi. Robert Brault

Lo sport è l’unico spettacolo che, per quante volte tu lo veda, non sai mai come andrà a finire. Neil Simon

Credits Direttore di testata: Daniele Giaffreda Coordinatore editoriale e Redazione: Luca Janovitz

L’operare senza regole è il più faticoso e difficile mestiere di questo mondo.

Alessandro Manzoni

Imparate a ridere di voi stessi. Passerete una vita intera di divertimenti gratis.

Responsabile Commerciale Andrea Arcangiolini Servizi Giornalistici: Redazione Mef Magazine Progetto grafico:

Totò

La vita è corta e noiosa; la passiamo tutta a desiderare. La Bruyère

Luca Janovitz

Hanno partecipato a questo numero: Andrea Arcangiolini, Dario Carmagnini, David Ceccantini, Christian Giaffreda, Ing. Francesco Grasso, Michele Grazzini, Per.Ind. Maurizio Monticelli, Marina Porcile, Arch. Gian Paolo Ristori.


House OrganAziendale di MEF Distribuzione Materiale Elettrico n°30  

Il n°30 dell'House Organ Aziendale di MEF Distribuzione Materiale Elettrico

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you