Page 24

MEETUS AZIENDE STORICHE

della pompa per il funzionamento del molino a vapore. Il palazzo che ospitava il molino fu fabbricato su quattro livelli e il complesso industriale, dalle dimensioni di circa 9.000 mq, venne collegato con binari interni alle Ferrovie dello Stato. Nello stesso periodo la società si rivolse verso il Sud Italia ampliando i suoi investimenti, soprattutto nel napoletano a Torre del Greco. Conclusa la seconda guerra mondiale vennero potenziati ulteriormente gli stabilimenti di Varese con l’aggiunta di un pastificio. Altrettanto fu fatto per Busto Arsizio dove la produzione arrivò a toccare le 140 tonnellate giornaliere. Negli anni del boom economico la Molini Marzoli Massari diede inizio ad un progetto con

l’obiettivo di unificare gli impianti di Varese e Busto Arsizio avviando allo stesso tempo la produzione di pane su scala industriale. La cosa tuttavia non funzionò in quanto nel 1974 subentrò una nuova gestione che decise di vendere terreni e macchinari. Nel 1975 lo stabilimento di Busto Arsizio cessò la sua attività per poi essere acquistato dal Comune un decennio più tardi. Nell’anno 2000 vennero inaugurati gli immobili della ex Molini Marzoli Massari, dopo aver subito un profondo restauro voluto dalla stessa amministrazione comunale, finendo per diventare l’attuale “Opificio BA 2020 – Smart city project” inaugurato nel 2016.

24

MeetPRESS numero 3 sfogliabile  

Il terzo numero della rivista MeetPRESS, della rete MeetUS, sulla provincia di Varese.

MeetPRESS numero 3 sfogliabile  

Il terzo numero della rivista MeetPRESS, della rete MeetUS, sulla provincia di Varese.

Advertisement