Issuu on Google+

RASSEGNA STAMPA A CURA DI

tel. 06-99330840 0932-663259 mob. 345/1228330 info@medialivecomunicazione.com www.medialivecomunicazione.com

ufficio stampa


CONFERENZA STAMPA: DOMANI 4 OTTOBRE, ALLE ORE 11, SARANNO PRESENTATI TUTTI GLI APPUNTAMENTI DELLA NUOVA STAGIONE DEL TEATRO DONNAFUGATA DI RAGUSA IBLA. INTERVERRANNO GLI ORGANIZZATORI E LE AUTORITA’ LOCALI. RAGUSA – Tutti gli appuntamenti della nuova stagione teatrale al Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla saranno presentati ufficialmente domani mattina, 4 ottobre alle ore 11. Definitivamente conclusa, infatti, la selezione degli spettacoli da parte di Vicky e Costanza Diquattro che curano la direzione artistica del teatro. La stagione avrà inizio il prossimo 22 ottobre con la presenza del noto attore siciliano Pippo Pattavina. Alla conferenza stampa, che si terrà presso il teatro, sono stati invitati i rappresentanti istituzionali e gli sponsor privati che sostengono l’iniziativa culturale. Interverrà anche l’attore e regista Carlo Ferreri, consulente della stagione teatrale. 03/10/2011

ufficio stampa


CONFERENZA STAMPA: DOMANI 6 OTTOBRE, ALLE ORE 11,30 SARANNO PRESENTATI TUTTI GLI APPUNTAMENTI DELLA NUOVA STAGIONE DEL TEATRO DONNAFUGATA DI RAGUSA IBLA. INTERVERRANNO GLI ORGANIZZATORI E LE AUTORITA’ LOCALI. RAGUSA – Tutti gli appuntamenti della nuova stagione teatrale al Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla saranno presentati ufficialmente domani mattina, 6 ottobre alle ore 11,30. Definitivamente conclusa, infatti, la selezione degli spettacoli da parte di Vicky e Costanza Diquattro che curano la direzione artistica del teatro. La stagione avrà inizio il prossimo 22 ottobre con la presenza del noto attore siciliano Pippo Pattavina. Alla conferenza stampa, che si terrà presso il teatro, sono stati invitati i rappresentanti istituzionali e gli sponsor privati che sostengono l’iniziativa culturale. Interverrà anche l’attore e regista Carlo Ferreri, consulente della stagione teatrale. 05/10/2011

ufficio stampa


CINQUE APPUNTAMENTI DI QUALITA’ PER LA NUOVA STAGIONE DEL TEATRO DONNAFUGATA 2011-2012. APRE L’ATTORE SICILIANO PIPPO PATTAVINA. RAGUSA IBLA – Cinque appuntamenti per una stagione teatrale di grande qualità che partirà il prossimo 22 ottobre alle ore 21 con l’amato attore siciliano Pippo Pattavina che si esibirà in “Metti una sera che.. ne parliamo”. La nuova stagione è stata presentata ufficialmente stamani in conferenza stampa dalle direttrici artistiche Vicky e Costanza Diquattro alla presenza del consulente teatrale Carlo Ferreri e dell’assessore comunale allo Spettacolo, Francesco Barone, in rappresentanza del sindaco Nello Dipasquale. Dopo Pattavina, che tornerà in scena anche il giorno successivo, 23 ottobre con un appuntamento alle 18,30 che ha già registrato il tutto esaurito, gli altri spettacoli si terranno sabato 19 e domenica 20 novembre con “Morir di fama” di e con Evelyn Famà, e poi sabato 17 e domenica 18 dicembre con “Mistero buffo”, con testo di Dario Fo e con l’attore Antonio Venturino. La stagione proseguirà venerdì 13 e sabato 14 gennaio 2012 (in entrambi i casi alle ore 21) con lo spettacolo “Il matrimonio può attendere” di Diego Ruiz con Francesca Nunzi e Diego Ruiz ed infine sabato 25 e domenica 26 febbraio con “Una volta nella vita” di Gianni Clementi con Marco Cavallaro, Antonio Conte, Fabrizio Gaetani, Lenni Lippi, Ignazio Raso. Il Teatro Donnafugata, come spiegato dagli organizzatori della rassegna, si appresta ad aprirsi ancor di più alla città. Lo ha confermato durante la conferenza stampa Vicky Diquattro sottolineando che già in occasione del festival Ibla Buskers il teatro proporrà una mostra fotografica. Inoltre l’attore e regista Carlo Ferreri terrà un laboratorio di dizione nei mesi di novembre e dicembre. Costanza Diquattro, che ha ricordato la proficua collaborazione proprio con Ferreri, ha parlato della felice sinergia nata attorno al teatro tra gli enti pubblici, Comune e Provincia (si ringrazia il presidente Franco Antoci e il presidente del Consiglio provinciale, Giovanni Occhipinti) e gli sponsor privati, alcuni dei quali presenti stamani in teatro. L’assessore allo spettacolo, Francesco Barone, ha specificato che il Comune vuole sostenere i giovani che intraprendono delle attività culturali, importanti per il territorio, come per l’appunto le giovani direttrici artistiche Diquattro. Carlo Ferreri ha parlato della stagione, che è senz’altro d’intrattenimento ma anche intelligente, con contenuti di riflessione al proprio interno. Il biglietto di ingresso per ciascun spettacolo è di 12 euro. I posti in totale del teatro sono 100 e gli spettacoli si svolgeranno alle ore 21 nel caso in cui il giorno di programmazione ricada il venerdì o il sabato e alle ore 18,30 nel caso della domenica. 06 ottobre 2011 ufficio stampa


CON IL TUTTO ESAURITO E CON L’ATTORE PIPPO PATTAVINA INIZIA SABATO SERA LA NUOVA STAGIONE DEL TEATRO DONNAFUGATA 2011-2012 A IBLA. RAGUSA – Sono già sold out le prime due date della nuova stagione teatrale che si apre sabato sera, 22 ottobre alle ore 21, al Teatro Donnafugata a Ragusa Ibla. Un cartellone di cinque appuntamenti denominato “Teatro d’attore” che inizia con l’attore siciliano Pippo Pattavina. Porterà in scena “Metti una sera che.. ne parliamo” di cui è anche autore. Lo spettacolo, che sarà replicato domenica pomeriggio alle 18,30, ha trovato l’immediato interesse del pubblico ragusano che ha già prenotato praticamente tutti i posti disponibili per entrambe le date. Nel divertente spettacolo lo straordinario mattatore darà vita ad un vero e proprio one man show. Al centro dell'esilarante monologo si intrecciano i tempi odierni, la tecnologia, la televisione ed i giovani. Uno spunto per un lungo excursus sugli anni '50-'60 ed i giovani di allora, sulle inevitabili ed a volte inconciliabili differenze tra generazioni, attraverso un’interessante dissertazione su episodi e avvenimenti biografici che finiscono inevitabilmente col diventare universali coinvolgendo così anche gli spettatori. Non manca ironia ed autoironia in quello che sarà un colloquio confidenziale tra il protagonista e gli spettatori in platea. La nuova stagione è curata dalle direttrici artistiche Vicky e Costanza Diquattro con la consulenza dell’attore e regista Carlo Ferreri. Dopo Pattavina, gli altri spettacoli si terranno sabato 19 e domenica 20 novembre con “Morir di fama” di e con Evelyn Famà, vincitrice del festival nazionale del cabaret, e poi sabato 17 e domenica 18 dicembre con “Mistero buffo”, con testo di Dario Fo e con l’attore Antonio Venturino. Si proseguirà a gennaio e febbraio. A supportare la nuova proposta culturale a Ragusa Ibla ci sono anche il Comune e la Provincia regionale di Ragusa e vari sponsor privati. Info sul sito internet www.teatrodonnafugata.com o al numero 3392912245. 20 ottobre 2011

A seguire una breve biografia di Pippo Pattavina.

ufficio stampa


BIOGRAFIA Pur essendo nato a Lentini, nel 1938, Pippo Pattavina si può considerare a ragione catanese d’adozione. Già a quindici anni recitava con Tuccio Musumeci e Pippo Baudo nei teatri parrocchiali. Pippo Pattavina non nacque come attore da teatro, bensì ebbe il primo contatto con il pubblico come cantante. Ma nell’intervallo tra una canzone e l’altra non resisteva alla tentazione di raccontare qualche barzelletta o mimare le pose di qualche personaggio. Le barzellette per Pippo Pattavina sono state la sua principale vocazione. Dopo avere fatto un po' di gavetta con la compagnia del teatro viaggiante per le piazze dei paesi e le città siciliane, finalmente ebbe modo di esprimere al meglio il suo talento naturale. Entrò a far parte della compagnia del Teatro Stabile di Catania e interpretò l’opera " L’isola dei pupi", spettacolo di cabaret scritto appositamente da Turi Ferro con Gerardo Farkas e R. Barbera. In questo spettacolo si cominciò a intravedere la stoffa del grande attore. Migliorò di commedia in commedia e toccò delle vette molto alte con lo spettacolo " La violenza", "Dal tuo al mio", "I Carabinieri" e "Pipino il breve". Pippo Pattavina è un attore che passa dal comico al drammatico con una facilità che lo rende molto eclettico e aperto a qualsiasi ruolo. Oltre che nella Compagnia dello Stabile di Catania, ha lavorato in altre compagnie teatrali, prima con Giorgio Albertazzi nel " Riccardo III" e con Anna Proclemer in "Come prima e meglio di prima". Pur non definendosi mai autore teatrale ha prodotto per il Teatro" Il più felice dei tre" spettacolo che ha debuttato nel 1984 in collaborazione con O.Torrisi, "La carretta dei comici" da "Il ratto delle Sabine", "Foemina Ridens" lavoro scritto con Giuseppe Fava. In televisione lo ricordiamo mattatore nella trasmissione televisiva su Antenna Sicilia "Questo piccolo grande Amore" dove le sue barzellette lo hanno reso celebre e famoso tra il pubblico catanese. Nella maturità è stato chiamato a ruoli molto impegnativi in campo teatrale, e la sua poliedricità e la perfetta dizione, lo hanno reso un attore di ottima levatura.

ufficio stampa


IERI SERA BOOM DI PRESENZE PER LA NUOVA STAGIONE DEL TEATRO DONNAFUGATA A RAGUSA IBLA. IN SCENA IL MATTATORE PIPPO PATTAVINA CON “METTI UNA SERA CHE..NE PARLIAMO” RAGUSA – L’ istrionico Pippo Pattavina è stato ieri sera a Ragusa Ibla mattatore instancabile per il primo appuntamento della stagione teatrale 20112012 del Teatro Donnafugata. In scena con “Metti una sera che... ne parliamo”, Pattavina in un’ora e mezza di spettacolo ha incantato il pubblico presente (posti tutti esauriti). Un “one man show” durante il quale l’amato attore siciliano, in forma di conversazione, ha incrociato le diverse generazioni prendendo spunto da personaggi reali e inventati per una dissertazione che ha divertito ed entusiasmato. Incredibile caratterista, con una facilità straordinaria Pattavina è entrato ed uscito dai personaggi protagonisti delle divertenti vicende proposte, trasformando la tenda nera alle spalle, usata come scenografia asettica, in immaginari scenari delle storie evocate. In giacca e cravatta, ha fatto un lungo excursus sulla sua città di origine, Catania, ma anche sulla Sicilia e sull’evoluzione di usi e costumi. Quello di ieri sera è stato un incontro a tutto tondo con un artista del teatro siciliano che non ha mancato di attingere a piene mani dai personaggi cari al popolo, con curiosità e gaffe da raccontare e su cui riderci piacevolmente sopra, tra battute a raffica ed esilaranti gag, passando dalla crisi economica alla politica italiana, dalle escort agli affaristi. Una satira pungente e graffiante, almeno in alcune parti dello spettacolo, che si conclude con il confronto tra i giovani di oggi e i giovani “di allora”, degli anni ’60, non lesinando ironia e autoironia. Come per ogni appuntamento della nuova stagione teatrale, è prevista una replica. Oggi pomeriggio si torna infatti nuovamente in scena e pure in questo caso c’è già il tutto esaurito. Il secondo appuntamento della stagione teatrale, anche questo divertente e da non perdere, è per sabato 19 e domenica 20 novembre con “Morir di fama” di e con Evelyn Famà, vincitrice del festival nazionale del cabaret. Sono già aperte le prenotazioni. La nuova stagione è curata dalle direttrici artistiche Vicky e Costanza Diquattro con la consulenza dell’attore e regista Carlo Ferreri, con il supporto del Comune, della Provincia regionale di Ragusa e di vari sponsor privati. Info sul sito www.teatrodonnafugata.com o al numero 3392912245. 22 ottobre 2011

ufficio stampa


UN’ISTRIONICA E IRRIVERENTE EVELYN FAMA’ DOMANI SERA E DOMENICA AL TEATRO DONNAFUGATA CON “MORIR DI FAMA”, LO SPETTACOLO ANTIVIP RAGUSA – Morir di fama... perché è vero, la fama, al pari del potere, rosica chi non ce l’ha. E in un’era in cui i talent show non sono l’occasione per mettere in mostra le proprie doti ma la porta per entrare più facilmente nel patinato mondo dei vip, la fama è quella che più conta. Una ruota che gira tra attori ed attrici che in poco tempo diventano famosissimi per scomparire altrettanto velocemente tornando al punto di partenza, alla quotidianità. Storie felici e tristi allo stesso tempo, raccontate con sana irriverenza nello spettacolo “Morir di fama”, in scena domani, sabato 19 novembre alle ore 21 e domenica alle ore 18, secondo appuntamento della stagione “Teatro d’attore” al Teatro Donnafugata a Ragusa Ibla. Sul palcoscenico l’istrionica Evelyn Famà che interpreterà i panni di un’aspirante attrice trentenne stressata, costretta a vivere in casa con il prototipo di persona che le dà ai nervi, ovvero sua cugina di origine nissena trasferitasi a Catania per studiare. La timida matricola, da buona ventenne del XXI secolo, sogna un futuro di tv e fiction, e cerca di emulare la cugina “artista” ad ogni costo. Cosa scegliere? Donnina di casa o diva in tv? Una divertente commedia che si prende dunque gioco del mondo dei vip, quel mondo patinato ma spesso povero di contenuti. Tra colpi di scena e divertentissime battute, la Famà spiegherà se è meglio o no, “morir di fama”. A firmare la regia è il ragusano Carlo Ferreri, scene e costumi sono di Simone Raimondo mentre la realizzazione è curata dalla C.F. Produzioni. La giovane attrice, tra l’altro vincitrice del festival nazionale del cabaret, ha già al suo attivo un’importante carriera. Nata a Catania, Evelyn Famà ha studiato danza ed è diplomata alla Scuola d’Arte Drammatica «Umberto Spadaro» del Teatro Stabile di Catania e all’Accademia di Belle Arti di Catania. Vincitrice del premio internazionale «Salvo Randone» (Siracusa 2001) e del premio «Hystrio» alla vocazione (Milano 2004), vanta prestigiose collaborazioni con numerosi registi. Ha partecipato alle ultime importanti tournée dello Stabile di Catania e, recentemente ha preso parte al film Rai “Il figlio della luna”, diretto da Gianfranco Albano. È stata interprete in coppia comica con Nino Frassica del film “Un milione di giorni”, nonché presenza fissa nel programma “Bambine Cattive” su Comedy Central Sky. Lo spettacolo di domani sera è già tutto esaurito, mentre sono ancora possibili delle prenotazioni per domenica pomeriggio. La stagione è curata dalle direttrici artistiche Vicky e Costanza Diquattro con la consulenza dell’attore e regista Carlo Ferreri, con il supporto del Comune, della Provincia regionale di Ragusa e di vari sponsor privati. Info www.teatrodonnafugata.com o al numero 3392912245. sul sito 18 novembre 2011 ufficio stampa


NUOVO SUCCESSO AL TEATRO DONNAFUGATA CON EVELYN FAMA’ E IL SUO “MORIR DI FAMA” RAGUSA – Un vero e proprio "one girl show" per prendere in giro il particolarissimo e al tempo stesso fagocitante mondo dello spettacolo, tra attricette da quattro soldi, comparsate in tv e partecipazioni ai reality. In mezzo, c'è il dilemma di una giovane donna, un'aspirante attrice che non sa se tentare la strada per diventare star della tv o se invece continuare la tradizione delle donne della propria famiglia, ovvero fare la casalinga. Lungo questa traccia, doppio successo sabato sera e ieri pomeriggio per lo spettacolo "Morir di fama", interpretato dall'attrice catanese Evelyn Famà al Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla nell'ambito della stagione "Teatro d'attore". Con la regia di Carlo Ferreri e le scene e i costumi di Simone Raimondo, tutto esaurito in entrambe le date. Una commedia brillante giocata sul continuo cambiamento delle proprie idee e sugli obiettivi da raggiungere rispetto ai quali nemmeno San Genesio, protettore degli artisti, riesce a dare un’inequivocabile risposta. Del resto davanti a tutto e a tutti c'è la magica e affascinante porta d'ingresso del mondo dello spettacolo dove le regole d'oro sono successo e fama. Ma "Morir di fama" spiega che non sempre questi due ingredienti sono sinonimo di qualità. C'è chi varca quella porta attraverso i reality show della tv. “Morir di Fama” diventa così una critica-monito a quanti, dal Grande Fratello alla Talpa, da Amici alla Fattoria, pensano che sia la strada giusta per diventare attori e abbracciare il divismo. Per far parte del "mondo dei vip" è esclusivamente lo studio la strada da seguire perché solo quello darà le basi per andare avanti evitando la visibilità usa e getta che la tv nazional popolare regala ma solo il tempo del reality. Una critica non necessariamente esagerata, ma che accompagna le storie della protagonista della commedia, attrice sognatrice, diva in pectore, moglie casalinga in potenza. Il racconto di avventure e disavventure con l’interpretazione di tanti personaggi caratterizzati dalla mimica, dal differente accento, dai costumi di scena. E così Evelyn Famà non è più soltanto Evelyn aspirante attrice, ma anche sua mamma che sprona la figlia a diventare una star, o ancora la zia Melissa che dà lezioni di “falso magro” invitando la nipote a maritarsi e a fare la casalinga, o ancora la cugina di Caltanissetta maniaca della pulizia, o la cantilenante zia palermitana tutta casa e chiesa. Non mancano divertenti tic e piccole coreografie che mettono in evidenza la completezza artistica della protagonista tra l’altro vincitrice del festival nazionale del cabaret. Prossimo appuntamento con la stagione teatrale è per il 17 e 18 dicembre prossimi con un'altra eccezionale rappresentazione da non perdere. Andrà in scena "Mistero buffo" con Antonio Venturino. Una rielaborazione del famoso testo del premio Nobel Dario Fò. Info sul sito www.teatrodonnafugata.com 21 novembre 2011 ufficio stampa


GIULLARATA IN SICILIANO: “MISTERO BUFFO” DI DARIO FO SABATO E DOMENICA AL TEATRO DONNAFUGATA A IBLA CON L’INTERPRETAZIONE DI ANTONIO VENTURINO RAGUSA – Un fine settimana dedicato allo spettacolo più famoso del premio Nobel Dario Fo che proprio qualche giorno fa, in videoconferenza, si è collegato con la provincia di Ragusa per dare un suo contributo culturale nel corso di un convegno. Sabato 17 e domenica 18 dicembre il Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla propone l’eccezionale presenza di Antonio Venturino, tra i pochissimi attori nel mondo autorizzati a mettere in scena lo spettacolo “Mistero buffo”, la famosa “giullarata” popolare replicata più di 800 volte. A Ibla viene proposta la versione di Venturino che utilizza il dialetto Chiazzese, ovvero il vernacolo di Piazza Armerina, decisamente arcaico ma pregno di capacità comunicativa. In questo spettacolo protagonisti sono il “verbo siculo” e la “parola” di Venturino che incarnano perfettamente l’immortale maschera di Zanni, personaggio della commedia dell’arte, con tonalità convincenti, originali e trascinanti. Il dialetto siciliano presentato dall’artista non è certo quello ormai oleografico di tanta parte del cinema che lo ha identificato soltanto come espressione di gelosia, di sorniona capacità di truffa o di tristi doppi sensi di marca mafiosa. Il dialetto utilizzato ha invece il sapore letterario. Antonio Venturino, nato proprio a Piazza Armerina, ha iniziato la carriera recitando in ruoli da protagonista in testi di Mrozeck, De Benedetti, Ionesco e Fava. Approdato al “Piccolo” di Milano, collabora con Ferruccio Soleri per il bicentenario di Goldoni allo storico teatro Olimpico di Vicenza. Venturino vive oggi a Nottingham. Lavora sia all'estero che in Italia. In Inghilterra ha fondato “Coup de masque” e insegna le tecniche di commedia dell' arte. Per lo spettacolo di sabato sera c’è già il sold out. Ancora qualche posto libero per domenica 18 dicembre anche se si va verso il tutto esaurito considerato l’eccezionalità dell’evento culturale. Info sul sito www.teatrodonnafugata.com 15 dicembre 2011

ufficio stampa


UN’INTERPRETAZIONE FANTASTICA PER IL “MISTERO BUFFO” DI DARIO FO, CON ANTONIO VENTURINO SABATO E IERI AL TEATRO DONNAFUGATA A RAGUSA IBLA RAGUSA – Uno spettacolo di alta qualità, pieno di ironia travolgente e di grande intelligenza, che ha lasciato stupefatti e divertiti gli spettatori del teatro Donnafugata di Ragusa Ibla. In sold out, per entrambe le date di sabato e domenica, la rappresentazione-sorpresa ha visto sul palco il bravissimo Antonio Venturino che ha proposto il meraviglioso testo di “Mistero buffo” di Dario Fo. Da vero giullare, Venturino ha saputo immediatamente creare il rapporto con il pubblico, conquistandone subito interesse e simpatia, proprio come impone la commedia dell’arte. Presentato lo spettacolo, fa una premessa e confessa al pubblico di aver risparmiato i tanti soldi della scenografia “per non togliere la possibilità ai presenti di immaginare”. Poi propone un excursus sulla nascita e la storia dei giullari nei tempi passati, sottolineando l’uso dei suoni onomatopeici per superare la difficoltà di conciliare i diversi dialetti esistenti da zona a zona. Infine ricorda che l’obiettivo di allora era quello di presentare le contraddizioni di una Chiesa che nel nome di Dio permetteva di attuare anche delle atrocità. Poi iniziano le giullarate. La particolarità dello spettacolo è la riproposizione in dialetto chiazzese, dialetto di Piazza Armerina, del famoso spettacolo del premio Nobel per il quale dallo stesso Fo, Venturino ha avuto autorizzazione a riproporlo e riadattarlo. E così, in dialetto, inizia con la sua prima giullarata. Tratta di un incontro tra un contadino suicida e Gesù, da cui nacque la figura del giullare. Poi passa a presentare un incontro tra un giullare e papa Bonifacio, uno dei più corrotti del tempo. Ed ancora, via via, le altre giullarate come quella riguardante un povero che, indossando la maschera dello Zanni, il nullatenente di un tempo, racconta il suo sogno, quello di preparare un pranzo smisurato. E poi ancora il racconto del miracolo delle “nozze di Cana”, dal punto di vista di un ubriaco, e infine l’attore si tramuta in una matta che incontra la Madonna durante la strage degli innocenti di Erode. Un crescendo coinvolgente di risate e applausi per un atto unico di quasi 2 ore, in cui il tempo sembra non trascorrere e in cui l’alternanza tra tempi attuali e remoti risulta essere vincente e perfettamente abbinato al susseguirsi di linguaggi diversi, tra una giullarata e l’altra, presentati da personaggi inglesi, francesi, americani. Un turbinio di lingue diverse tutto condito dal tipico linguaggio “grammelot”, quello centrale della commedia dell’arte, fatto di espressioni e suoni onomatopeici, di insuperabile efficacia. Antonio Venturino ha mostrato tutto il suo spessore, instaurando quel rapporto osmotico con il pubblico, per cui anche un colpo di tosse di uno spettatore, o una risata fuori posto, diventano arricchimento teatrale e degli improvvisati tormentoni che valorizzano uno spettacolo di grande tradizione, come quello della commedia ufficio stampa


dell’arte. A sipario chiuso, mentre raccoglieva le congratulazioni del pubblico, Venturino ha sottolineato: “Il merito di Dario Fo, scrivendo questo testo di grande efficacia, è quello di aver avuto la brillante intuizione di riproporre al pubblico moderno lo stile della commedia dell’arte”. Venturino, che ha portato lo spettacolo fino in Inghilterra, dove principalmente vive dal ’96, ha inoltre specificato come la scelta del suo dialetto sia obbligata per l’esigenza di entrare maggiormente nel testo, ma non è mai stato un ostacolo anche nelle tante repliche all’estero, grazie al “grammelot” accompagnato da un linguaggio del corpo più sottolineato e ad un accorgimento che prevede di intervallare idiomi diversi per non stancare il pubblico. “Abbiamo avuto il tutto esaurito anche per questo terzo appuntamento – spiega l’attore e regista Carlo Ferreri, consulente della stagione teatrale curata dalle direttrici artistiche Vicky e Costanza Diquattro – La presenza di Venturino e la rappresentazione di Mistero Buffo hanno confermato la valenza delle scelte fatte, gradite dal pubblico e che cementificano le fondamenta per sviluppare ulteriori momenti di grande cultura anche nel prossimo futuro. Del resto non capita tutti i giorni di poter assistere alla riproposizione della rappresentazione teatrale di Fo e poi con un attore bravissimo come Venturino. Il pubblico ragusano lo ha ben compreso e non si è lasciato sfuggire questa occasione davvero rara”. Gli spettatori hanno poi avuto la sorpresa di ammirare la mostra fotografica di Gino Taranto, medico con la grande passione della fotografia. Ha proposto la mostra dal titolo “FluidArt”, divisa tra la sala Vicky e la sala Costanza nei foyer del teatro. E’ una mostra in continua evoluzione, che trova di settimana in settimana varie sostituzioni con l’arricchimento di scatti realizzati durante gli spettacoli, le prove, nei camerini durante il trucco. La rassegna “Teatro d’attore” al teatro Donnafugata, proseguirà a gennaio, il 13 e 14, con lo spettacolo “Il matrimonio può attendere”, storia dei trentenni in crisi, produzione del “Teatro dei satiri”. Info sul sito www.teatrodonnafugata.com 19 dicembre 2011

ufficio stampa


SI TORNA IN SCENA AL TEATRO DONNAFUGATA A IBLA E, CON LE DIVERTENTI INTERPRETAZIONI DELLA COMPAGNIA TEATRO DEI SATIRI, “IL MATRIMONIO PUO’ ATTENDERE” RAGUSA – Trentenni in crisi? Decisamente si, e dunque “Il matrimonio può attendere”. E’ questo il titolo della prossima commedia della stagione teatrale “Teatro d’attore” al Teatro Donnafugata a Ragusa Ibla. Una rappresentazione intrisa di assoluta modernità, ma anche di tanta comicità grazie alla divertente interpretazione della compagnia del Teatro dei Satiri di Roma che andrà in scena venerdì 13 e sabato 14 gennaio nel cuore del quartiere barocco. La commedia è scritta da Diego Ruiz che sarà sul palco assieme a Francesca Nunzi. In ambito italiano è praticamente un cult con oltre 100 repliche tutte all’insegna del buon umore. La regia è curata da Nicola Pistoia con la produzione proprio del Teatro dei Satiri. Tutto viene giocato su un feroce scontro sui rapporti di coppia, sul matrimonio e sui piccoli grandi interrogativi dei trentenni. E’ meglio restare single o essere “mal accompagnati”? E i figli? Cosa ci sarà mai di così infinitamente tenero nel cambiare un pannolino sporco? Chi ha detto che i 30 anni sono la più bella età? Diego e Francesca proveranno sul palco a dare delle loro risposte, spingendo il pubblico in situazioni assolutamente divertenti e piene di risate. Diego Ruiz, attore ed autore di numerosi spettacoli di successo come “Orgasmo e pregiudizio” (replicato per 10 anni), insieme a Francesca Nunzi, attrice che vanta numerose partecipazioni al cinema ed in tv (Maresciallo Rocca, Il Bello delle donne, Don Matteo, Notte prima degli esami), formano ormai da anni una affiatata coppia teatrale. E anche per questa occasione daranno il massimo per un appuntamento che eccezionalmente si svolgerà venerdì e sabato, in entrambi i casi alle ore 21 e senza la consueta replica domenicale. La stagione teatrale, che ha visto la consulenza dell’attore e regista Carlo Ferreri, è curata dalle direttrici artistiche Vicky e Costanza Diquattro e gode del patrocinio di Comune e Provincia regionale di Ragusa e di vari sponsor privati. Info sul sito www.teatrodonnafugata.com 11 gennaio 2012

ufficio stampa


UN’INTENSA E DIVERTENTE COMMEDIA CONCLUDE SABATO E DOMENICA LA STAGIONE TEATRALE “TEATRO D’ATTORE”. IN SCENA AL TEATRO DONNAFUGATA “UNA VOLTA NELLA VITA” RAGUSA – Cosa hanno in comune un piccolo fallito rapinatore romano, un bancario logorroico falso Marxista, un mago siciliano da quattro soldi ed una bella ragazza dal viso angelico? Nulla se non una piccola cosa: sono tutti morti! Uno stravagante e divertente appuntamento quello di sabato e domenica prossimi al Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla. Spettacolo conclusivo della rassegna “Teatro d’Attore”, arriva nel capoluogo ibleo un’imperdibile produzione “Esagera” di Gianni Clementi, con la regia di Felice Della Corte. In scena, il 25 febbraio alle ore 21,00 e il 26 febbraio alle ore 18,30 “Una volta nella vita”, una commedia frizzante ed “esagerata” interpretata da Marco Cavallaro, Andrea Pirolli, Lenni Lippi, Guido Goitre e Antonio Conte. Siamo in un obitorio e quattro cadaveri sono sotto le lenzuola. Tutti si svegliano e vogliono scappare da quel posto convinti di non essere quello che sono. I morti litigano, fanno pace, tentano una seduta spiritica, cercano di rubare una macchina e di capire come sono finiti in quel posto, ma soprattutto fanno ridere. A loro si aggiunge anche un portantino dell'obitorio che, tra un colpo di tenaglia ed una telefonata alla moglie stressata dalle griffe e dai vicini, ha uno svenimento mortale. Il pubblico si innamorerà di questi poveri "disgraziati" rimasti "nudi" sotto le lenzuola. Ritmi serrati, battute dirompenti, momenti di vera poesia per una delle commedie più originali degli ultimi anni che arriva adesso a Ragusa concludendo la fortunatissima stagione teatrale 2011/2012 del teatro Donnafugata che ha visto la direzione artistica delle sorelle Vicky e Costanza Di Quattro con la partecipazione, come consulente artistico, di Carlo Ferreri. Ancora posti liberi per gli spettacoli di sabato 25 e domenica 26 febbraio. E’ possibile prenotare telefonando ai numeri 338 4805550 / 333 9443802 / 3392912245. La stagione teatrale ha il patrocinio di Comune e Provincia regionale di Ragusa e il supporto di vari sponsor privati. Info sul sito www.teatrodonnafugata.com 22 febbraio 2012

ufficio stampa


SI E’ CONCLUSA LA STAGIONE TEATRALE “TEATRO D’ATTORE”, ANCHE PER L’ULTIMO APPUNTAMENTO C’E’ STATO IL SOLD OUT. SODDISFATTI GLI ORGANIZZATORI CHE LAVORANO ALLA PROSSIMA RAGUSA – Con lo spettacolo “Una volta nella vita”, in scena sabato e domenica scorsi, si è conclusa la stagione teatrale denominata “Teatro d’attore” in programma al Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla. Cinque appuntamenti che hanno tutti ottenuto un grande successo con il sold out per ogni spettacolo proposto, comprese le repliche. Anche l’ultimo spettacolo è stato molto originale, con la produzione di “Esagera” di Gianni Clementi e con la regia di Felice Della Corte. Una commedia frizzante e appunto “esagerata”, interpretata da Marco Cavallaro, Andrea Pirolli, Lenni Lippi, Guido Goitre e Antonio Conte. La scena si svolge all’interno di un insolito obitorio con tre uomini e una donna che si risvegliano nudi sotto le lenzuola usati poi come abiti improvvisati. Si interrogano sul perché si trovino lì e iniziano a discutere usando un accento rigorosamente romano. Spiccano le figure dell'intellettuale di alta casta che sa sempre tutto, che litiga spesso col ladruncolo di bassa lega, con divertenti giochi di parole e incomprensioni dovute alla differenza sociale, ma in momenti successivi l'intellettuale tirerà della cocaina offerta dal ladruncolo e alla fine finirà per confessare ai suoi compagni che si è affezionato a loro e li considera amici. Il terzo uomo, uno stregone-mago che è morto durante uno spettacolo in cui non ha funzionato un trucco, diverte molto per la sua ingenuità e le sue paure. Confessa di essere un mezzo imbroglione, ma la seduta spiritica che tentano tutti e quattro funzionerà davvero, per la prima volta da quando ci prova, e svelerà chi ha ucciso i tre uomini. C’è anche una donna, che sembra fuori di testa, ma che si rivela essere il loro angelo custode. La messa in scena è tutta divertente, con un pubblico entusiasta che accoglie di buon grado la raccolta fondi proposta dalla compagnia contro la pedofilia. Con questo spettacolo si è conclusa la fortunatissima stagione teatrale 2011/2012 del teatro Donnafugata che ha visto la direzione artistica delle sorelle Vicky e Costanza Di Quattro con la partecipazione, come consulente artistico, di Carlo Ferreri. “Abbiamo sempre avuto il pienone e di questo siamo assolutamente soddisfatte – spiegano le direttrici artistiche Vicky e Costanza Di Quattro – Ci ha seguito un pubblico affezionato, sempre entusiasta, elegante ed interessato e la cosa che ci ha sorpreso è stata la crescente presenza anche dei giovani che hanno gradito le nostre proposte e il nostro cartellone realizzato con la piena collaborazione del nostro consulente, l’attore e regista Carlo Ferreri. Abbiamo inoltre coniugato la stagione teatrale con altri eventi culturali come la mostra fotografica Fluid Art di Gino Taranto”. Si sta già lavorando alla prossima stagione. La conferma arriva proprio da Ferreri: “E’ andata molto bene, a volte abbiamo dovuto dare uno stop alle prenotazioni e per noi credo sia stato un traguardo eccezionale considerato anche il momento di crisi che c’è in questo ufficio stampa


periodo e che naturalmente non spinge la gente ad uscire. Ed invece questa scommessa è stata vinta. Il pubblico ha sicuramente gradito l’abbinamento che abbiamo cercato di portare avanti tra il teatro di qualità e il divertimento, con spettacoli di media durata ma dalla forte interpretazione. Non a caso abbiamo chiamato la stagione “Teatro d’attore”, proprio a testimoniare la centralità delle doti interpretative degli attori che si sono alternati sul palcoscenico. Il teatro è poi uno vero e proprio gioiello, incastonato nella cornice barocca di Ibla, ha un’acustica che favorisce il rapporto diretto tra attore e pubblico, in qualche modo si accende un’energia positiva. Stiamo già lavorando al prossimo cartellone che manterrà più o meno queste stesse caratteristiche anche se ci saranno delle sorprese e un numero maggiore di appuntamenti. Un taglio in parte diverso, che non tradirà le aspettative del pubblico”. La stagione teatrale ha avuto il patrocinio del Comune di Ragusa, della Provincia regionale di Ragusa e la sponsorizzazione della Banca Agricola Popolare di Ragusa, della Sergio Tumino, di Selection, di Arpel, di Arti Grafiche Mora, di Progetto Natura, di Descat, di Maria parrucchieri, dei Fratelli Zaccaria, di Cassarino Infissi. Ulteriori info sul sito internet www.teatrodonnafugata.com 28 febbraio 2012

ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


13/07/2011 - 16:46 Ragusa: cinque appuntamenti da non perdere

PRESENTAZIONE STAGIONE TEATRALE 2011-2012 DEL TEATRO DONNAFUGATA DI IBLA

Prevista per giorno 15 luglio, alle ore 11:30 presso il teatro del quartiere barocco all’interno dell’omonimo prestigioso palazzo di Corso XXV Aprile, la conferenza stampa di presentazione della stagione teatrale 2011-2012 del teatro Donnafugata di Ibla. Durante l’incontro sarà presentato il cartellone che si arricchisce di grandi presenze come le sorelle Vicky e Costanza Diquattro, che si occuperanno di curare la direzione artistica della stagione 2011-2012, così da rendere note le scelte effettuate per continuare a garantire spettacoli di qualità e di alto gradimento. Interverrà alla conferenza stampa l’attore e il regista Carlo Ferreri, consulente della stagione teatrale che parlerà alla presenza dei rappresentanti istituzionali e gli sponsor che sostengono l’iniziativa culturale. Cinque sono gli appuntamenti previsti per l’intensa stagione teatrale che si svolgerà all’interno dello splendido Teatro Donnafugata a Ragusa Ibla. Allora bisognerà aspettare il prossimo 22 ottobre per iniziare la stagione con l’attore siciliano Pippo Pattavina. di e.r.

ufficio stampa


La stagione teatrale al piccolo teatro Pubblicato alle 10:50 del 13 luglio 2011 da Redazione

Cinque appuntamenti per un’intensa stagione teatrale che si svolgerà all’interno dello splendido Teatro Donnafugata a Ragusa Ibla. Il nuovo cartellone sarà presentato venerdì prossimo 15 luglio, alle ore 11,30 direttamente presso il teatro del quartiere barocco all’interno dell’omonimo prestigioso palazzo di Corso XXV Aprile. Le sorelle Vicky e Costanza Diquattro, che curano la direzione artistica della stagione 2011-2012, renderanno noti i particolari delle scelte effettuate per continuare a garantire spettacoli di qualità e di alto gradimento. La stagione avrà inizio il prossimo 22 ottobre. Ad aprire questo nuovo ciclo teatrale sarà l’attore siciliano Pippo Pattavina. Alla conferenza stampa sono stati invitati i rappresentanti istituzionali e gli sponsor che sostengono l’iniziativa culturale. Interverrà anche l’attore e regista Carlo Ferreri, consulente della stagione teatrale. ufficio stampa


Conferenza stampa per la rassegna che inizierà ad ottobre

15/07/2011 - 18:00

PRESENTATA LA STAGIONE TEATRALE DEL TEATRO DONNAFUGATA 2011-2012

RAGUSA IBLA – All’interno del Teatro Donnafugata, splendido gioiello barocco di Ragusa Ibla, Vicky e Costanza Diquattro hanno presentato venerdi mattina la prossima stagione di prosa. Avvalendosi anche della consulenza dell’apprezzato attore e regista teatrale Carlo Ferreri, le due sorelle Diquattro, che curano la direzione artistica, hanno illustrato i cinque appuntamenti che compongono la stagione teatrale che avrà inizio ad ottobre con gli spettacoli proposti con la formula del doppio appuntamento, il sabato sera alle 21 e la domenica alle 18,30. Si comincia il 22 e 23 ottobre con “Metti una sera che..ne parliamo”, di e con Pippo Pattavina. A seguire, il 19 e 20 novembre, “Morir di fama” di e con Evelyn Famà. Sabato 17 e domenica 18 dicembre appuntamento con “Mistero buffo”, con testo di Dario Fo e con l’attore Antonio Venturino. La stagione darà poi appuntamento a gennaio con “Il matrimonio può attendere” con gli attori del Teatro dei Satiri di Roma. La stessa compagnia proporrà a febbraio uno spettacolo a sorpresa. Il Teatro Donnafugata, come spiegato dagli organizzatori della rassegna, si appresta ad aprirsi ancor di più alla città. Per questo motivo sarà allestita una mostra fotografica con le immagini dei backstage degli spettacoli. Inoltre l’attore e regista Carlo Ferreri terrà un laboratorio di dizione nei mesi di novembre e dicembre. “Il teatro si vuole aprire alla città, con l’obiettivo di diventare focolaio culturale – hanno spiegato all’unisono Vicky e Costanza Diquattro – Questa struttura è stata in parte restaurata con i fondi della legge speciale su Ibla ed è giusto che possa essere davvero al servizio della collettività. Da qui l’idea di aumentare gli spettacoli e di proporre un’offerta di qualità proprio come gradisce il nostro affezionato pubblico”. Anche Ferreri, intervenendo alla conferenza stampa, ha rimarcato la valenza delle scelte effettuate che proporranno al pubblico rappresentazioni teatrali divertenti e al tempo stesso piacevoli sotto l’aspetto della riflessione. Sarà possibile seguire nelle prossime settimane tutti gli aggiornamenti attraverso il sito internet www.teatrodonnafugata.com dove si potranno conoscere i dettagli anche sulle prevendite.

di p.s. ufficio stampa


Presentata la stagione teatrale 2011 - 2012 del teatro Donnafugata. 15/07/2011

RAGUSA IBLA – All’interno del Teatro Donnafugata, splendido gioiello barocco di Ragusa Ibla, Vicky e Costanza Diquattro hanno presentato stamani la prossima stagione di prosa. Avvalendosi anche della consulenza dell’apprezzato attore e regista teatrale Carlo Ferreri, le due sorelle Diquattro, che curano la direzione artistica, hanno illustrato i cinque appuntamenti che compongono la stagione teatrale che avrà inizio ad ottobre con gli spettacoli proposti con la formula del doppio appuntamento, il sabato sera alle 21 e la domenica alle 18,30. Si comincia il 22 e 23 ottobre con “Metti una sera che..ne parliamo”, di e con Pippo Pattavina. A seguire, il 19 e 20 novembre, “Morir di fama” di e con Evelyn Famà. Sabato 17 e domenica 18 dicembre appuntamento con “Mistero buffo”, con testo di Dario Fo e con l’attore Antonio Venturino. La stagione darà poi appuntamento a gennaio con “Il matrimonio può attendere” con gli attori del Teatro dei Satiri di Roma. La stessa compagnia proporrà a febbraio uno spettacolo a sorpresa. Il Teatro Donnafugata, come spiegato dagli organizzatori della rassegna, si appresta ad aprirsi ancor di più alla città. Per questo motivo sarà allestita una mostra fotografica con le immagini dei backstage degli spettacoli. Inoltre l’attore e regista Carlo Ferreri terrà un laboratorio di dizione nei mesi di novembre e dicembre. “Il teatro si vuole aprire alla città, con l’obiettivo di diventare focolaio culturale – hanno spiegato all’unisono Vicky e Costanza Diquattro – Questa struttura è stata in parte restaurata con i fondi della legge speciale su Ibla ed è giusto che possa essere davvero al servizio della collettività. Da qui l’idea di aumentare gli spettacoli e di proporre un’offerta di qualità proprio come gradisce il nostro affezionato pubblico”. Anche Ferreri, intervenendo alla conferenza stampa, ha rimarcato la valenza delle scelte effettuate che proporranno al pubblico rappresentazioni teatrali divertenti e al tempo stesso piacevoli sotto l’aspetto della riflessione. Sarà possibile seguire nelle prossime settimane tutti gli aggiornamenti attraverso il sito internet www.teatrodonnafugata.com dove si potranno conoscere i dettagli anche sulle prevendite. ufficio stampa


• Tue, 16 Aug 2011 19:28:50 +0200

• Metti una sera che...ne parliamo Inizio:22/10/2011 - 21:00 Fine:23/10/2011 - 18:30 Timezone: Etc/GMT+2 TEATRO DONNAFUGATA di RAGUSA IBLA Ottobre Sab22 ore 21:00 / Dom23 ore 18:30 non perdete il 1° appuntamento della stagione teatrale TEATRO D'ATTORE 2011/2012 METTI UNA SERA CHE... NE PARLIAMO One man show dello straordinario mattatore di e con Pippo Pattavina Unico ed inimitabile da quasi 50 anni protagonista in tutti i più importanti teatri italiani LO SPETTACOLO: Il divertente spettacolo, vede come unico Protagonista il noto attore, che darà vita ad un esilarante monologo sulla tecnologia, i giovani d'oggi ed giovani “d' allora”. Un vero e proprio Exursus sulle, a volte inconciliabili, differenze generazionali. Non mancheranno inoltre esilaranti episodi e avvenimenti biografici. In quasi un'ora e mezza di spettacolo ci sarà tempo anche per deridere i protagonisti di tutto il panorama politico non senza un po' di sana autoironia. Un susseguirsi dunque di irresistibile gags e battute per una una sorta di colloquio confidenziale tra il protagonista Pattavina, attore unico ed inimitabile da quasi 50 anni protagonista in tutti i più importanti teatri italiani, e gli ascoltatori in platea. direzione artistica COSTANZA E VICKY DI QUATTRO consulenza artistica CARLO FERRERI Ingresso 12 Euro Info e contatti: Teatro Donnafugata Via Pietro Novelli, 3 97100 Ragusa Ibla (Rg) 3392912245 www.teatrodonnafugata.com

ufficio stampa


Ragusa: teatro d’attore, parte la stagione 2011 Partirà sabato 22 ottobre alle 21:00 al teatro Donnafugata di Ragusa la stagione teatrale “Teatro d’attore 2011-2012”. Il secondo appuntamento domenica 23 alle 18:30. Il primo appuntamento sarà con lo spettacolo “Metti una sera che...ne parliamo”, one man show di e con Pippo Pattavina. Il divertente spettacolo, vede come unico protagonista il noto attore che darà vita ad un esilarante monologo sulla tecnologia, i giovani d'oggi ed giovani “d' allora”. Un vero e proprio Exursus sulle, a volte inconciliabili, differenze generazionali. Non mancheranno inoltre esilaranti episodi e avvenimenti biografici. In quasi un'ora e mezza di spettacolo ci sarà tempo anche per deridere i protagonisti di tutto il panorama politico non senza un po' di sana autoironia. Un susseguirsi dunque di irresistibile gags e battute per una sorta di colloquio confidenziale tra il protagonista Pattavina, attore unico ed inimitabile da quasi 50 anni protagonista in tutti i più importanti teatri italiani, e

gli

ascoltatori

in

platea.

Direzione artistica dello spettacolo è di Costanza e Vicky Di Quattro e consulenza artistica di Carlo Ferreri. L’ingresso è 12 euro. 17 / 09 / 2011

ufficio stampa


Metti una sera che...ne parliamo Teatro a Ragusa, dal 22/10/2011 al 23/10/2011 TEATRO DONNAFUGATA di RAGUSA IBLA Ottobre Sab22 ore 21:00 / Dom23 ore 18:30 non perdete il 1° appuntamento della stagione teatrale TEATRO D'ATTORE 2011/2012 METTI UNA SERA CHE... NE PARLIAMO One man show dello straordinario mattatore di e con Pippo Pattavina Unico ed inimitabile da quasi 50 anni protagonista in tutti i più importanti teatri italiani LO SPETTACOLO: Il divertente spettacolo, vede come unico Protagonista il noto attore, che darà vita ad un esilarante monologo sulla tecnologia, i giovani d'oggi ed giovani “d' allora”. Un vero e proprio Exursus sulle, a volte inconciliabili, differenze generazionali. Non mancheranno inoltre esilaranti episodi e avvenimenti biografici. In quasi un'ora e mezza di spettacolo ci sarà tempo anche per deridere i protagonisti di tutto il panorama politico non senza un po' di sana autoironia. Un susseguirsi dunque di irresistibile gags e battute per una una sorta di colloquio confidenziale tra il protagonista Pattavina, attore unico ed inimitabile da quasi 50 anni protagonista in tutti i più importanti teatri italiani, e gli ascoltatori in platea. direzione artistica COSTANZA E VICKY DI QUATTRO consulenza artistica CARLO FERRERI Ingresso 12 Euro Info e contatti: Teatro Donnafugata Via Pietro Novelli, 3 97100 Ragusa Ibla (Rg) 3392912245 www.teatrodonnafugata.com Visto: 367 volte. Data pubblicazione: 19/09/2011

ufficio stampa


giovedì 29 settembre 2011

Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla Non perdete il 1° appuntamento della stagione teatrale TEATRO D'ATTORE 2011/2012 al TEATRO DONNAFUGATA di RAGUSA IBLA OTTOBRE Sab22 ore 21:00 METTI UNA SERA CHE... NE PARLIAMO One man show dello straordinario mattatore di e con Pippo Pattavina. Unico ed inimitabile da quasi 50 anni protagonista in tutti i più importanti teatri italiani LO SPETTACOLO: Il divertente spettacolo, vede come unico Protagonista il noto attore, che darà vita ad un esilarante monologo sulla tecnologia, i giovani d'oggi ed giovani “d' allora”. Un vero e proprio Exursus sulle, a volte inconciliabili, differenze generazionali. Non mancheranno inoltre esilaranti episodi e avvenimenti biografici. In quasi un'ora e mezza di spettacolo ci sarà tempo anche per deridere i protagonisti di tutto il panorama politico non senza un po' di sana autoironia. Un susseguirsi dunque di irresistibile gags e battute per una una sorta di colloquio confidenziale tra il protagonista Pattavina, attore unico ed inimitabile da quasi 50 anni protagonista in tutti i più importanti teatri italiani, e gli ascoltatori in platea.

consulenza artistica stagione CARLO FERRERI direzione artistica stagione COSTANZA E VICKY DI QUATTRO Ingresso 12 Euro Info e contatti, prenotazioni: 3392912245 Teatro Donnafugata Via Pietro Novelli, 3 97100 Ragusa Ibla (Rg)

SECONDO APPUNTAMENTO Sab19 ore 21:00, Dom20 ore 18:30 Novembre “Morir di fama” di e con Evelyn Famà L'esilarante monologo comico della pluripremiata artista siciliana Vincitrice del Festival Nazionale del Cabaret, Premio Ernst Thole, Premio Hystrio alla Vocazione, Premio Internazionale Salvo Randone, Premio Calandra -menzione speciale “...per la sua straordinaria interpretazione...” REGIA Carlo Ferreri SCENE COSTUMI Simone Raimondo PRODUZIONE C.F.produzioni SITO www.evelynfama.com

Evelyn Famà, giovane artista poliedrica definita dalla stampa nazionale: “autentica, virtuosistica, sublime, trasformista, animale da palcoscenico, esplosiva, adrenalinica, versatile...”Ultimamente coprotagonista in coppia comica con Nino Frassica nel film “un milione di giorni”, nonché presenza fissa nel programma “Bambine Cattive” su Comedy Central-Sky. Con brani tratti da “Morir di fama”, ha vinto il Festival Nazionale del Cabaret di Torino, il Premio Ernst Thole per L'originalità comica, il premio Hystrio alla vocazione, il premio Internazionale Salvo Randone...Lo spettacolo la vedrà vestire i panni di una “attrice” stressata da una cugina ventenne che, come lei, sogna un futuro in TV. Subirà le bizzarre manie della cugina Rita e di parenti tutti matti, mentre assurde telefonate scandiranno lo scorrere del tempo in questo strano mondo in cui è costretta a vivere, tartassata dal culto del successo e dell’immagine.

TERZO APPUNTAMENTO Sab17 ore 21:00, Dom18 ore 18:30 Dicembre “Mistero buffo” di Dario Fo con Antonio Venturino Lo spettacolo del premio Nobel Dario Fo in vernacolo siciliano Più di 800 repliche in giro per il mondo ufficio stampa


Fino a poco tempo fa, Venturino, è stato l’unico al mondo autorizzato dal maestro Fo a portare lo spettacolo Mistero Buffo -giullarata popolare in giro per i teatri. Replicato più di 800 volte in tutto il mondo, la versione di Venturino, utilizza il dialetto Chiazzese ovvero il vernacolo di Piazza Armerina, arcaico, ma pregno di capacità comunicativa. In questo spettacolo, protagonisti sono il “verbo siculo” e la “parola” di Venturino (che è stata definita “torrenziale”). Antonio inizia la carriera recitando in ruoli da protagonista in testi di Mrozeck, De Benedetti, Ionesco e Fava. Approdato al “Piccolo” di Milano, collabora con Ferruccio Soleri per il bicentenario di Goldoni allo storico teatro Olimpico di Vicenza.Venturino vive oggi a Nottingham. Lavora sia all'estero che in Italia. In Inghilterra ha fondato COUP de MASQUE e insegna le tecniche di commedia Dell' arte

QUARTO APPUNTAMENTO Ven13 ore 21:00, Sab14 ore 21:00 Gennaio “Il Matrimonio può attendere” di Diego Ruiz con Francesca Nunzi e Diego Ruiz Ecco i trentenni in crisi Un cult:100 repliche all'insegna del buon umore REGIA Nicola Pistoia PRODUZIONE Teatro dei Satiri

In una notte di luna piena uno schianto squarcia il silenzio. La donna al volante e l’uomo accanto a lei sembrano non avere speranze...E’ questo l’inizio della nuova esilarante commedia, un vero cult per le sue già festeggiate 100 repliche all'insegna del buonumore! Con Diego Ruiz e Francesca Nunzi che, si scateneranno in un feroce scontro sui rapporti di coppia, sul matrimonio e sui piccoli grandi interrogativi dei trentenni: Meglio singles che male accompagnati? E i figli? Cosa ci sarà mai di così infinitamente tenero nel cambiare un pannolino sporco? Chi ha detto che i 30 anni sono la più bella età? Provatelo a chiedere a Diego e a Francesca: riderete fino alle lacrime. Diego Ruiz attore ed autore di numerosi spettacoli di successo come “Orgasmo e pregiudizio” 2001(replicato per 10 anni) insieme a Francesca Nunzi attrice che vanta numerose partecipazioni al cinema ed in TV(Maresciallo Rocca, Il Bello delle donne, Don Matteo, Notte prima degli esami...)formano ormai da anni una affiatata coppia teatrale.

QUINTO APPUNTAMENTO Sab25 ore 21:00, Dom26 ore 18:30 Febbraio “Una volta nella vita” di Gianni Clementi con Marco Cavallaro e con Antonio Conte, Fabrizio Gaetani, Lenni Lippi, Ignazio Raso storia fantastica di quattro cadaveri che si risvegliano Ritmi serrati, battute dirompenti, momenti di vera poesia REGIA Felice Della Corte PRODUZIONE Esagera

Cosa hanno in comune un piccolo fallito rapinatore romano, un bancario logorroico falso Marxsista, un mago siciliano da quattro soldi ed una bella ragazza dal viso angelico? Assolutamente nulla se non una piccola cosa: sono tutti morti!!Si siamo in un obitorio e quattro cadaveri sono sotto le lenzuola. Tutti si svegliano e tutti vogliono scappare da quel posto convinti di non essere quello che sono. I morti litigano, fanno pace, tentano una seduta spiritica, cercano di rubare una macchina, tentano di capire come sono finiti in quel posto, ma soprattutto fanno ridere. Si ridere della morte, si ridere della vita che fu e si trova anche il tempo di commuoversi. A loro si aggiunge anche un portantino dell'obitorio che, tra un colpo di tenaglia ed una telefonata alla moglie stressata dalle griffe e dai vicini che comprano tutto, ha uno svenimento mortale. Ritmi serrati, battute dirompenti, momenti di vera poesia per una delle commedie più originali degli ultimi anni dove il pubblico si innamorera di questi poveri”disgraziati” rimasti “nudi” sotto le lenzuola.

SERVIZIO TG AVVENUTA

DELLA 1° CONFERENZA

STAMPA

ufficio stampa


TEATRO DONNAFUGATA - RAGUSA IBLA Programma 2011 / 2012 - Spettacoli e stagione teatrale Domenica 20 Novembre ore18,30 Sabato 19 novembre ore 21 “Morir di fama” di e con Evelyn Famà Domenica 18 dicembre ore18,30 Sabato 17 dicembre ore 21 “Mistero buffo” testo di Dario Fo e con Antonio Venturino Venerdì 13 gennaio ore 21 Sabato 14 gennaio ore 21 “Il matrimonio può attendere” di Diego Ruiz con Francesca Nunzi e Diego Ruiz Sabato 25 febbraio ore 21 Domenica 26 febbraio ore 18,30 “Una volta nella vita” di Gianni Clementi con Marco Cavallaro, Antonio Conte, Fabrizio Gaetani, Lenni Lippi, Ignazio Raso. Il biglietto di ingresso per ciascun spettacolo è di 12 euro. Info: Teatro Donnafugata – Via Pietro Novelli, 3 – Ragusa Ibla

ufficio stampa


Conferenza stampa: martedi 4 ottobre, alle ore 11

03/10/2011 - 09:22

PRESENTATI TUTTI GLI APPUNTAMENTI DELLA NUOVA STAGIONE DEL TEATRO DONNAFUGATA

Tutti gli appuntamenti della nuova stagione teatrale al Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla saranno presentati ufficialmente domani mattina, 4 ottobre alle ore 11. Definitivamente conclusa, infatti, la selezione degli spettacoli da parte di Vicky e Costanza Diquattro che curano la direzione artistica del teatro. La stagione avrà inizio il prossimo 22 ottobre con la presenza del noto attore siciliano Pippo Pattavina. Alla conferenza stampa, che si terrà presso il teatro, sono stati invitati i rappresentanti istituzionali e gli sponsor privati che sostengono l’iniziativa culturale. Interverrà anche l’attore e regista Carlo Ferreri, consulente della stagione teatrale. di G.C.

ufficio stampa


IL 6 OTTOBRE SARANNO PRESENTATI GLI APPUNTAMENTI DELLA NUOVA STAGIONE DEL TEATRO DONNAFUGATA DI RAGUSA IBLA 2011-10-04 09:27:25

RAGUSA – Tutti gli appuntamenti della nuova stagione teatrale al Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla saranno presentati ufficialmente il 6 ottobre alle ore 11. Definitivamente conclusa, infatti, la selezione degli spettacoli da parte di Vicky e Costanza Diquattro che curano la direzione artistica del teatro. La stagione avrà inizio il 22 ottobre con la presenza del noto attore siciliano Pippo Pattavina. Alla conferenza stampa, che si terrà presso il teatro, sono stati invitati i rappresentanti istituzionali e gli sponsor privati che sostengono l’iniziativa culturale. Interverrà anche l’attore e regista Carlo Ferreri, consulente della stagione teatrale.

ufficio stampa


Teatro Donnafugata, presentata la nuova stagione Ragusa

GIOVEDÌ 06 OTTOBRE 2011

SCRITTO DA REDAZIONE

Cinque appuntamenti per una stagione teatrale di grande qualità che partirà il prossimo 22 ottobre alle ore 21 con l’amato attore siciliano Pippo Pattavina che si esibirà in “Metti una sera che.. ne parliamo”. La nuova stagione è stata presentata ufficialmente stamani in conferenza stampa dalle direttrici artistiche Vicky e Costanza Diquattro alla presenza del consulente teatrale Carlo Ferreri e dell’assessore comunale allo Spettacolo, Francesco Barone, in rappresentanza del sindaco Nello Dipasquale. Dopo Pattavina, che tornerà in scena anche il giorno successivo, 23 ottobre con un appuntamento alle 18,30 che ha già registrato il tutto esaurito, gli altri spettacoli si terranno sabato 19 e domenica 20 novembre con “Morir di fama” di e con Evelyn Famà, e poi sabato 17 e domenica 18 dicembre con “Mistero buffo”, con testo di Dario Fo e con l’attore Antonio Venturino. La stagione proseguirà venerdì 13 e sabato 14 gennaio 2012 (in entrambi i casi alle ore 21) con lo spettacolo “Il matrimonio può attendere” di Diego Ruiz con Francesca Nunzi e Diego Ruiz ed infine sabato 25 e domenica 26 febbraio con “Una volta nella vita” di Gianni Clementi con Marco Cavallaro, Antonio Conte, Fabrizio Gaetani, Lenni Lippi, Ignazio Raso. Il Teatro Donnafugata, come spiegato dagli organizzatori della rassegna, si appresta ad aprirsi ancor di più alla città. Lo ha confermato durante la conferenza stampa Vicky Diquattro sottolineando che già in occasione del festival Ibla Buskers il teatro proporrà una mostra fotografica. Inoltre l’attore e regista Carlo Ferreri terrà un laboratorio di dizione nei mesi di novembre e dicembre. Costanza Diquattro, che ha ricordato la proficua collaborazione proprio con Ferreri, ha parlato della felice sinergia nata attorno al teatro tra gli enti pubblici, Comune e Provincia (si ringrazia il presidente Franco Antoci e il presidente del Consiglio provinciale, Giovanni Occhipinti) e gli sponsor privati, alcuni dei quali presenti stamani in teatro. L’assessore allo spettacolo, Francesco Barone, ha specificato che il Comune vuole sostenere i giovani che intraprendono delle attività culturali, importanti per il territorio, come per l’appunto le giovani direttrici artistiche Diquattro. Carlo Ferreri ha parlato della stagione, che è senz’altro d’intrattenimento ma anche intelligente, con contenuti di riflessione al proprio interno. Il biglietto di ingresso per ciascun spettacolo è di 12 euro. I posti in totale del teatro sono 100 e gli spettacoli si svolgeranno alle ore 21 nel caso in cui il giorno di programmazione ricada il venerdì o il sabato e alle ore 18,30 nel caso della domenica.

ufficio stampa


Apre l'attore siciliano Pippo Pattavina

CINQUE APPUNTAMENTI DI QUALITA’ PER LA NUOVA STAGIONE DEL TEATRO DONNAFUGATA 2011-2012 06/10/2011 Apre in grande la stagione teatrale del Donnafugata di Ibla. Il prossimo 22 ottobre infatti, alle ore 21, il primo dei cinque appuntamenti sarà con Pippo Pattavina, l’amato attore siciliano, che si esibirà in “Metti una sera che.. ne parliamo”. La nuova stagione è stata presentata stamani in conferenza stampa dalle direttrici artistiche Vicky e Costanza Diquattro alla presenza del consulente teatrale Carlo Ferreri e dell’assessore comunale allo Spettacolo, Francesco Barone, in rappresentanza del sindaco Nello Dipasquale. Dopo Pattavina, che tornerà in scena anche il giorno successivo, 23 ottobre con un appuntamento alle 18,30 che ha già registrato il tutto esaurito, gli altri spettacoli si terranno sabato 19 e domenica 20 novembre con “Morir di fama” di e con Evelyn Famà, e poi sabato 17 e domenica 18 dicembre con “Mistero buffo”, con testo di Dario Fo e con l’attore Antonio Venturino. La stagione proseguirà venerdì 13 e sabato 14 gennaio 2012 (in entrambi i casi alle ore 21) con lo spettacolo “Il matrimonio può attendere” di Diego Ruiz con Francesca Nunzi e Diego Ruiz ed infine sabato 25 e domenica 26 febbraio con “Una volta nella vita” di Gianni Clementi con Marco Cavallaro, Antonio Conte, Fabrizio Gaetani, Lenni Lippi, Ignazio Raso. Il Teatro Donnafugata, come spiegato dagli organizzatori della rassegna, si appresta ad aprirsi ancor di più alla città. Lo ha confermato durante la conferenza stampa Vicky Diquattro sottolineando che già in occasione del festival Ibla Buskers il teatro proporrà una mostra fotografica. Inoltre l’attore e regista Carlo Ferreri terrà un laboratorio di dizione nei mesi di novembre e dicembre. Costanza Diquattro, che ha ricordato la proficua collaborazione proprio con Ferreri, ha parlato della felice sinergia nata attorno al teatro tra gli enti pubblici, Comune e Provincia (si ringrazia il presidente Franco Antoci e il presidente del Consiglio provinciale, Giovanni Occhipinti) e gli sponsor privati, alcuni dei quali presenti stamani in teatro. L’assessore allo spettacolo, Francesco Barone, ha specificato che il Comune vuole sostenere i giovani che intraprendono delle attività culturali, importanti per il territorio, come per l’appunto le giovani direttrici artistiche Diquattro. Carlo Ferreri ha parlato della stagione, che è senz’altro d’intrattenimento ma anche intelligente, con contenuti di riflessione al proprio interno. Il biglietto di ingresso per ciascun spettacolo è di 12 euro. I posti in totale del teatro sono 100 e gli spettacoli si svolgeranno alle ore 21 nel caso in cui il giorno di programmazione ricada il venerdì o il sabato e alle ore 18,30 nel caso della domenica.

ufficio stampa


Teatro D'attore al TEATRO DONNAFUGATA di RAGUSA IBLA 2011/2012 dal 22/10/2011 ore 21.00 al 26/02/2012 Ragusa Ibla Ragusa (RG) Sicilia - Italia non perdete il 1° appuntamento della stagione teatrale

TEATRO D'ATTORE 2011/2012 al TEATRO DONNAFUGATA di RAGUSA IBLA Sab 22 ottobre ore 21:00 METTI UNA SERA CHE... NE PARLIAMO One man show dello straordinario mattatore di e con Pippo Pattavina Unico ed inimitabile da quasi 50 anni protagonista in tutti i più importanti teatri italiani LO SPETTACOLO: Il divertente spettacolo, vede come unico Protagonista il noto attore, che darà vita ad un esilarante monologo sulla tecnologia, i giovani d'oggi ed giovani d' allora. Un vero e proprio Exursus sulle, a volte inconciliabili, differenze generazionali. Non mancheranno inoltre esilaranti episodi e avvenimenti biografici. In quasi un'ora e mezza di spettacolo ci sarà tempo anche per deridere i protagonisti di tutto il panorama politico non senza un po' di sana autoironia. Un susseguirsi dunque di irresistibile gags e battute per una una sorta di colloquio confidenziale tra il protagonista Pattavina, attore unico ed inimitabile da quasi 50 anni protagonista in tutti i più importanti teatri italiani, e gli ascoltatori in platea.

consulenza artistica stagione CARLO FERRERI direzione artistica stagione COSTANZA E VICKY DI QUATTRO Ingresso 12 Euro Info e contatti, prenotazioni: 3392912245 Teatro Donnafugata Via Pietro Novelli, 3 97100 Ragusa Ibla (Rg) DI SEGUITO GLI ALTRI 4 APPUNTAMENTI DELLA STAGIONE 2011/2012 ed IL LINK DEL SERVIZIO TG DELLA 1° CONFERENZA STAMPA AVVENUTA (LA PROSSIMA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE SARA' IL 4/10/2011 alle 11:00 PRESSO IL TEATRO) ufficio stampa


SECONDO APPUNTAMENTO Sab19 ore 21:00, Dom20 ore 18:30 Novembre

Morir di fama L'esilarante monologo comico della pluripremiata artista siciliana di e con Evelyn Famà Vincitrice del Festival Nazionale del Cabaret, Premio Ernst Thole, Premio Hystrio alla Vocazione, Premio Internazionale Salvo Randone, Premio Calandra -menzione speciale...per la sua straordinaria interpretazione... REGIA Carlo Ferreri SCENE COSTUMI Simone Raimondo PRODUZIONE C.F.produzioni SITO www.evelynfama.com Evelyn Famà, giovane artista poliedrica definita dalla stampa nazionale: autentica, virtuosistica, sublime, trasformista, animale da palcoscenico, esplosiva, adrenalinica, versatile... Ultimamente coprotagonista in coppia comica con Nino Frassica nel film un milione di giorni, nonché presenza fissa nel programma Bambine Cattive su Comedy Central-Sky. Con brani tratti da Morir di fama, ha vinto il Festival Nazionale del Cabaret di Torino, il Premio Ernst Thole per L'originalità comica, il premio Hystrio alla vocazione, il premio Internazionale Salvo Randone...Lo spettacolo la vedrà vestire i panni di una attrice stressata da una cugina ventenne che, come lei, sogna un futuro in TV. Subirà le bizzarre manie della cugina Rita e di parenti tutti matti, mentre assurde telefonate scandiranno lo scorrere del tempo in questo strano mondo in cui è costretta a vivere, tartassata dal culto del successo e dell'immagine.

TERZO APPUNTAMENTO Sab17 ore 21:00, Dom18 ore 18:30 Dicembre

Mistero buffo Lo spettacolo del premio Nobel Dario Fo in vernacolo siciliano di Dario Fo con Antonio Venturino Più di 800 repliche in giro per il mondo Fino a poco tempo fa, Venturino, è stato l'unico al mondo autorizzato dal maestro Fo a portare lo spettacolo Mistero Buffo -giullarata popolare in giro per i teatri. Replicato più di 800 volte in tutto il mondo, la versione di Venturino, utilizza il dialetto Chiazzese ovvero il vernacolo di Piazza Armerina, arcaico, ma pregno di capacità comunicativa. In questo spettacolo, protagonisti sono il verbo siculo e la parola di Venturino (che è stata definita torrenziale). Antonio inizia la carriera recitando in ruoli da protagonista in testi di Mrozeck, De Benedetti, Ionesco e Fava. Approdato al Piccolo di Milano, collabora con Ferruccio Soleri per il bicentenario di Goldoni allo storico teatro Olimpico di Vicenza.Venturino vive oggi a Nottingham. Lavora sia all'estero che in Italia. In Inghilterra ha fondato COUP de MASQUE e insegna le tecniche di commedia Dell' arte ufficio stampa


QUARTO APPUNTAMENTO Ven13 ore 21:00, Sab14 ore 21:00 Gennaio

Il Matrimonio può attendere Ecco i trentenni in crisi di Diego Ruiz con Francesca Nunzi e Diego Ruiz Un cult:100 repliche all'insegna del buon umore REGIA Nicola Pistoia PRODUZIONE Teatro dei Satiri In una notte di luna piena uno schianto squarcia il silenzio. La donna al volante e l'uomo accanto a lei sembrano non avere speranze...E' questo l'inizio della nuova esilarante commedia, un vero cult per le sue già festeggiate 100 repliche all'insegna del buonumore! Con Diego Ruiz e Francesca Nunzi che, si scateneranno in un feroce scontro sui rapporti di coppia, sul matrimonio e sui piccoli grandi interrogativi dei trentenni: Meglio singles che male accompagnati? E i figli? Cosa ci sarà mai di così infinitamente tenero nel cambiare un pannolino sporco? Chi ha detto che i 30 anni sono la più bella età? Provatelo a chiedere a Diego e a Francesca: riderete fino alle lacrime. Diego Ruiz attore ed autore di numerosi spettacoli di successo come Orgasmo e pregiudizio 2001(replicato per 10 anni) insieme a Francesca Nunzi attrice che vanta numerose partecipazioni al cinema ed in TV(Maresciallo Rocca, Il Bello delle donne, Don Matteo, Notte prima degli esami...)formano ormai da anni una affiatata coppia teatrale.

QUINTO APPUNTAMENTO Sab25 ore 21:00, Dom26 ore 18:30 Febbraio

Una volta nella vita storia fantastica di quattro cadaveri che si risvegliano di Gianni Clementi con Marco Cavallaro e con Antonio Conte, Fabrizio Gaetani, Lenni Lippi, Ignazio Raso Ritmi serrati, battute dirompenti, momenti di vera poesia REGIA Felice Della Corte PRODUZIONE Esagera Cosa hanno in comune un piccolo fallito rapinatore romano, un bancario logorroico falso Marxsista, un mago siciliano da quattro soldi ed una bella ragazza dal viso angelico? Assolutamente nulla se non una piccola cosa: sono tutti morti!!Si siamo in un obitorio e quattro cadaveri sono sotto le lenzuola. Tutti si svegliano e tutti vogliono scappare da quel posto convinti di non essere quello che sono. I morti litigano, fanno pace, tentano una seduta spiritica, cercano di rubare una macchina, tentano di capire come sono finiti in quel posto, ma soprattutto fanno ridere. Si ridere della morte, si ridere della vita che fu e si trova anche il tempo di commuoversi. A loro si aggiunge anche un portantino dell'obitorio che, tra un colpo di tenaglia ed una telefonata alla moglie stressata dalle griffe e dai vicini che comprano tutto, ha uno svenimento mortale. Ritmi serrati, battute dirompenti, momenti di vera poesia per una delle commedie più originali degli ultimi anni dove il pubblico si innamorera di questi poveridisgraziati rimasti nudi sotto le lenzuola.

SERVIZIO TG DELLA 1° CONFERENZA STAMPA AVVENUTA http://www.youtube.com/watch? v=7c_HF6tjqVs ufficio stampa


TEATRO D'ATTORE

STAGIONE DEL TEATRO DONNAFUGATA 2011-2012 DAL 22 OTTOBRE 2011 AL 26 FEBBRAIO 2012 VEN E SAB H 21 E DOM H 18 TEATRO DONNAFUGATA DI RAGUSA IBLA / VIA PIETRO NOVELLI, 3 /97100 RAGUSA IBLA (RG) PREZZO EURO 12 Cinque appuntamenti per una stagione teatrale di grande qualità che partirà il prossimo 22 ottobre alle ore 21 con l’amato attore siciliano Pippo Pattavina che si esibirà in “Metti una sera che.. ne parliamo”. Presentata dalle direttrici artistiche Vicky e Costanza Diquattro con la consulenza teatrale Carlo Ferreri. Dopo Pattavina, che tornerà in scena anche il giorno successivo, 23 ottobre con un appuntamento alle 18,30 che ha già registrato il tutto esaurito, gli altri spettacoli si terranno sabato 19 e domenica 20 novembre con “Morir di fama” di e con Evelyn Famà, e poi sabato 17 e domenica 18 dicembre con “Mistero buffo”, con testo di Dario Fo e con l’attore Antonio Venturino. La stagione proseguirà venerdì 13 e sabato 14 gennaio 2012 (in entrambi i casi alle ore 21) con lo spettacolo “Il matrimonio può attendere” di Diego Ruiz con Francesca Nunzi e Diego Ruiz ed infine sabato 25 e domenica 26 febbraio con “Una volta nella vita” di Gianni Clementi con Marco Cavallaro, Antonio Conte, Fabrizio Gaetani, Lenni Lippi, Ignazio Raso. Il Teatro Donnafugata si appresta ad aprirsi ancor di più alla città. Già in occasione del festival Ibla Buskers il teatro proporrà una mostra fotografica. L’attore e regista Carlo Ferreri terrà un laboratorio di dizione nei mesi di novembre e dicembre. Una stagione, che è senz’altro d’intrattenimento ma anche intelligente, con contenuti di riflessione al proprio interno. Il biglietto di ingresso per ciascun spettacolo è di 12 euro. I posti in totale del teatro sono 100 e gli spettacoli si svolgeranno alle ore 21 nel caso in cui il giorno di programmazione ricada il venerdì o il sabato e alle ore 18,30 nel caso della domenica. ufficio stampa


Metti una sera che...ne parliamo Inserito da: evelyn - Categorie: Ragusa • Spettacoli • Feste ed Eventi

TEATRO DONNAFUGATA di RAGUSA IBLA Ottobre Sab22 ore 21:00 / Dom23 ore 18:30 non perdete il 1° appuntamento della stagione teatrale TEATRO D'ATTORE 2011/2012

METTI UNA SERA CHE... NE PARLIAMO One man show dello straordinario mattatore di e con Pippo Pattavina Unico ed inimitabile da quasi 50 anni protagonista in tutti i più importanti teatri italiani LO SPETTACOLO: Il divertente spettacolo, vede come unico Protagonista il noto attore, che darà vita ad un esilarante monologo sulla tecnologia, i giovani d'oggi ed giovani “d' allora”. Un vero e proprio Exursus sulle, a volte inconciliabili, differenze generazionali. Non mancheranno inoltre esilaranti episodi e avvenimenti biografici. In quasi un'ora e mezza di spettacolo ci sarà tempo anche per deridere i protagonisti di tutto il panorama politico non senza un po' di sana autoironia. Un susseguirsi dunque di irresistibile gags e battute per una una sorta di colloquio confidenziale tra il protagonista Pattavina, attore unico ed inimitabile da quasi 50 anni protagonista in tutti i più importanti teatri italiani, e gli ascoltatori in platea. direzione artistica COSTANZA E VICKY DI QUATTRO consulenza artistica CARLO FERRERI Ingresso 12 Euro Info e contatti: Teatro Donnafugata Via Pietro Novelli, 3 97100 Ragusa Ibla (Rg) 3392912245 www.teatrodonnafugata.com ufficio stampa


NUOVA STAGIONE DEL TEATRO DONNAFUGATA 2011-2012 CINQUE APPUNTAMENTI DI QUALITA’ PER LA NUOVA STAGIONE DEL TEATRO DONNAFUGATA 2011-2012. APRE L’ATTORE SICILIANO PIPPO PATTAVINA. RAGUSA IBLA – Cinque appuntamenti per una stagione teatrale di grande qualità che partirà il prossimo 22 ottobre alle ore 21 con l’amato attore siciliano Pippo Pattavina che si esibirà in “Metti una sera che.. ne parliamo”. La nuova stagione è stata presentata ufficialmente stamani in conferenza stampa dalle direttrici artistiche Vicky e Costanza Diquattro alla presenza del consulente teatrale Carlo Ferreri e dell’assessore comunale allo Spettacolo, Francesco Barone, in rappresentanza del sindaco Nello Dipasquale. Dopo Pattavina, che tornerà in scena anche il giorno successivo, 23 ottobre con un appuntamento alle 18,30 che ha già registrato il tutto esaurito, gli altri spettacoli si terranno sabato 19 e domenica 20 novembre con “Morir di fama” di e con Evelyn Famà, e poi sabato 17 e domenica 18 dicembre con “Mistero buffo”, con testo di Dario Fo e con l’attore Antonio Venturino. La stagione proseguirà venerdì 13 e sabato 14 gennaio 2012 (in entrambi i casi alle ore 21) con lo spettacolo “Il matrimonio può attendere” di Diego Ruiz con Francesca Nunzi e Diego Ruiz ed infine sabato 25 e domenica 26 febbraio con “Una volta nella vita” di Gianni Clementi con Marco Cavallaro, Antonio Conte, Fabrizio Gaetani, Lenni Lippi, Ignazio Raso. Il Teatro Donnafugata, come spiegato dagli organizzatori della rassegna, si appresta ad aprirsi ancor di più alla città. Lo ha confermato durante la conferenza stampa Vicky Diquattro sottolineando che già in occasione del festival Ibla Buskers il teatro proporrà una mostra fotografica. Inoltre l’attore e regista Carlo Ferreri terrà un laboratorio di dizione nei mesi di novembre e dicembre. Costanza Diquattro, che ha ricordato la proficua collaborazione proprio con Ferreri, ha parlato della felice sinergia nata attorno al teatro tra gli enti pubblici, Comune e Provincia (si ringrazia il presidente Franco Antoci e il presidente del Consiglio provinciale, Giovanni Occhipinti) e gli sponsor privati, alcuni dei quali presenti stamani in teatro. L’assessore allo spettacolo, Francesco Barone, ha specificato che il Comune vuole sostenere i giovani che intraprendono delle attività culturali, importanti per il territorio, come per l’appunto le giovani direttrici artistiche Diquattro. Carlo Ferreri ha parlato della stagione, che è senz’altro d’intrattenimento ma anche intelligente, con contenuti di riflessione al proprio interno. Il biglietto di ingresso per ciascun spettacolo è di 12 euro. I posti in totale del teatro sono 100 e gli spettacoli si svolgeranno alle ore 21 nel caso in cui il giorno di programmazione ricada il venerdì o il sabato e alle ore 18,30 nel caso della domenica.

ufficio stampa


Cultura e spettacolo Ibla, presentata stagione teatrale al “Donnafugata” Scritto da Salvo Vassallo Venerdì 07 Ottobre 2011

Presentata la nuova stagione teatrale che prenderà il via i prossimo 22 ottobre al teatro “Donnafugata” di Ragusa Ibla. Si inizierà con uno spettacolo dal titolo “Metti una sera che.. ne parliamo” che vedrà protagonista l’attore siciliano Pippo Pattavina. Di alto profilo anche gli altri 4 spettacoli in programma che sono stati selezionati da Costanza e Vicky Diquattro che hanno curato la direzione artistica della rassegna e dal consulente della stagione Carlo Ferreri, attore e regista. Costanza Diquattro ha presentato anche le altre iniziative che affiancheranno gli spettacoli teatrali, ovvero una rassegna fotografica ed un corso di dizione curato proprio da Carlo Ferreri.

ufficio stampa


`Metti una sera che... ne parliamo`` di e con Pippo Pattavina Teatro Donnafugata (Ragusa Ibla)

1° appuntamento della stagione teatrale TEATRO D`ATTORE 2011/2012 al TEATRO DONNAFUGATA di RAGUSA IBLA OTTOBRE Sab22 ore 21:00 / Dom23 ore 18:30 METTI UNA SERA CHE... NE PARLIAMO One man show dello straordinario mattatore di e con Pippo Pattavina Unico ed inimitabile da quasi 50 anni protagonista in tutti i più importanti teatri italiani LO SPETTACOLO: Il divertente spettacolo, vede come unico Protagonista il noto attore, che darà vita ad un esilarante monologo sulla tecnologia, i giovani d`oggi ed giovani “d` allora”. Un vero e proprio Exursus sulle, a volte inconciliabili, differenze generazionali. Non mancheranno inoltre esilaranti episodi e avvenimenti biografici. In quasi un`ora e mezza di spettacolo ci sarà tempo anche per deridere i protagonisti di tutto il panorama politico non senza un po` di sana autoironia. Un susseguirsi dunque di irresistibile gags e battute per una una sorta di colloquio confidenziale tra il protagonista Pattavina, attore unico ed inimitabile da quasi 50 anni protagonista in tutti i più importanti teatri italiani, e gli ascoltatori in platea. consulenza artistica stagione CARLO FERRERI direzione artistica stagione COSTANZA E VICKY DI QUATTRO Ingresso 12 Euro Info e contatti, prenotazioni: 3392912245 Teatro Donnafugata Via Pietro Novelli, 3 97100 Ragusa Ibla (Rg)

ufficio stampa


ufficio stampa


A Ragusa Ibla “Metti una sera che… ne parliamo” con Pippo Pattavina PUBBLICATO DA REDAZIONE - 10 OTTOBRE 2011 IN RAGUSA, TEATRO IN SICILIA

Sabato 22 e domenica 23 ottobre al Teatro di Donnafugata a Ragusa Ibla ci sarà il primo appuntamento della stagione teatrale Teatro d’Attore 2011/2012″: METTI UNA SERA CHE… NE PARLIAMO One man show dello straordinario mattatore di e con Pippo Pattavina. Il divertente spettacolo, vede come unico protagonista il noto attore, che darà vita ad un esilarante monologo sulla tecnologia, i giovani d’oggi ed giovani “d’ allora”. Un vero e proprio exursus sulle, a volte inconciliabili, differenze generazionali. Non mancheranno inoltre esilaranti episodi e avvenimenti biografici. In quasi un’ora e mezza di spettacolo ci sarà tempo anche per deridere i protagonisti di tutto il panorama politico non senza un po’ di sana autoironia. Un susseguirsi dunque di irresistibile gags e battute per una una sorta di colloquio confidenziale tra Pattavina, attore unico ed inimitabile da quasi 50 anni protagonista in tutti i più importanti teatri italiani, e gli ascoltatori in platea. Ingresso 12 Euro Info e contatti, prenotazioni: 3392912245 Orari: Sab 22 ore 21:00 / Dom 23 ore 18:30 Consulenza artistica stagione: CARLO FERRERI Teatro Donnafugata Via Pietro Novelli, 3 97100 Ragusa Ibla (Rg)

ufficio stampa


NUOVA STAGIONE DEL TEATRO DONNAFUGATA 2011-2012 Scritto da La Voce

Lunedì 10 Ottobre 2011

CINQUE APPUNTAMENTI DI QUALITA’ PER LA NUOVA STAGIONE DEL TEATRO DONNAFUGATA 2011-2012. APRE L’ATTORE SICILIANO PIPPO PATTAVINA. RAGUSA IBLA – Cinque appuntamenti per una stagione teatrale di grande qualità che partirà il prossimo 22 ottobre alle ore 21 con l’amato attore siciliano Pippo Pattavina che si esibirà in “Metti una sera che.. ne parliamo”. La nuova stagione è stata presentata ufficialmente stamani in conferenza stampa dalle direttrici artistiche Vicky e Costanza Diquattro alla presenza del consulente teatrale Carlo Ferreri e dell’assessore comunale allo Spettacolo, Francesco Barone, in rappresentanza del sindaco Nello Dipasquale. Dopo Pattavina, che tornerà in scena anche il giorno successivo, 23 ottobre con un appuntamento alle 18,30 che ha già registrato il tutto esaurito, gli altri spettacoli si terranno sabato 19 e domenica 20 novembre con “Morir di fama” di e con Evelyn Famà, e poi sabato 17 e domenica 18 dicembre con “Mistero buffo”, con testo di Dario Fo e con l’attore Antonio Venturino. La stagione proseguirà venerdì 13 e sabato 14 gennaio 2012 (in entrambi i casi alle ore 21) con lo spettacolo “Il matrimonio può attendere” di Diego Ruiz con Francesca Nunzi e Diego Ruiz ed infine sabato 25 e domenica 26 febbraio con “Una volta nella vita” di Gianni Clementi con Marco Cavallaro, Antonio Conte, Fabrizio Gaetani, Lenni Lippi, Ignazio Raso. Il Teatro Donnafugata, come spiegato dagli organizzatori della rassegna, si appresta ad aprirsi ancor di più alla città. Lo ha confermato durante la conferenza stampa Vicky Diquattro sottolineando che già in occasione del festival Ibla Buskers il teatro proporrà una mostra fotografica. Inoltre l’attore e regista Carlo Ferreri terrà un laboratorio di dizione nei mesi di novembre e dicembre. Costanza Diquattro, che ha ricordato la proficua collaborazione proprio con Ferreri, ha parlato della felice sinergia nata attorno al teatro tra gli enti pubblici, Comune e Provincia (si ringrazia il presidente Franco Antoci e il presidente del Consiglio provinciale, Giovanni Occhipinti) e gli sponsor privati, alcuni dei quali presenti stamani in teatro. L’assessore allo spettacolo, Francesco Barone, ha specificato che il Comune vuole sostenere i giovani che intraprendono delle attività culturali, importanti per il territorio, come per l’appunto le giovani direttrici artistiche Diquattro. Carlo Ferreri ha parlato della stagione, che è senz’altro d’intrattenimento ma anche intelligente, con contenuti di riflessione al proprio interno. Il biglietto di ingresso per ciascun spettacolo è di 12 euro. I posti in totale del teatro sono 100 e gli spettacoli si svolgeranno alle ore 21 nel caso in cui il giorno di programmazione ricada il venerdì o il sabato e alle ore 18,30 nel caso della domenica. ufficio stampa


20/10/2011 - 17:18 Inizia sabato sera la nuova stagione teatro Donnafugata

CON IL TUTTO ESAURITO E CON L’ATTORE PIPPO PATTAVINA Sono già sold out le prime due date della nuova stagione teatrale che si apre sabato sera, 22 ottobre alle ore 21, al Teatro Donnafugata a Ragusa Ibla. Un cartellone di cinque appuntamenti denominato “Teatro d’attore” che inizia con l’attore siciliano Pippo Pattavina. Porterà in scena “Metti una sera che.. ne parliamo” di cui è anche autore. Lo spettacolo, che sarà replicato domenica pomeriggio alle 18,30, ha trovato l’immediato interesse del pubblico ragusano che ha già prenotato praticamente tutti i posti disponibili per entrambe le date. Nel divertente spettacolo lo straordinario mattatore darà vita ad un vero e proprio one man show. Al centro dell'esilarante monologo si intrecciano i tempi odierni, la tecnologia, la televisione ed i giovani. Uno spunto per un lungo excursus sugli anni '50-'60 ed i giovani di allora, sulle inevitabili ed a volte inconciliabili differenze tra generazioni, attraverso un’interessante dissertazione su episodi e avvenimenti biografici che finiscono inevitabilmente col diventare universali coinvolgendo così anche gli spettatori. Non manca ironia ed autoironia in quello che sarà un colloquio confidenziale tra il protagonista e gli spettatori in platea. La nuova stagione è curata dalle direttrici artistiche Vicky e Costanza Diquattro con la consulenza dell’attore e regista Carlo Ferreri. Dopo Pattavina, gli altri spettacoli si terranno sabato 19 e domenica 20 novembre con “Morir di fama” di e con Evelyn Famà, vincitrice del festival nazionale del cabaret, e poi sabato 17 e domenica 18 dicembre con “Mistero buffo”, con testo di Dario Fo e con l’attore Antonio Venturino. Si proseguirà a gennaio e febbraio. A supportare la nuova proposta culturale a Ragusa Ibla ci sono anche il Comune e la Provincia regionale di Ragusa e vari sponsor privati. di e.r.

ufficio stampa


METTI UNA SERA CHE... NE PARLIAMO

ONE MAN SHOW DELLO STRAORDINARIO MATTATORE. DI E CON PIPPO PATTAVINA COSA TEATRO QUANDO 22 E 23 OTTOBRE 2011 ORE SAB22 ORE 21:00 / DOM23 ORE 18:30 DOVE TEATRO DONNAFUGATA DI RAGUSA IBLA / VIA PIETRO NOVELLI, 3 /97100 RAGUSA IBLA (RG) PREZZO INGRESSO 12 EURO INFO TEATRO DONNAFUGATA 3392912245 FERRERI.CARLO@YAHOO.IT

Unico ed inimitabile da quasi 50 anni protagonista in tutti i più importanti teatri italiani LO SPETTACOLO: Il divertente spettacolo, vede come unico Protagonista il noto attore, che darà vita ad un esilarante monologo sulla tecnologia, i giovani d'oggi ed giovani “d' allora”. Un vero e proprio Exursus sulle, a volte inconciliabili, differenze generazionali. Non mancheranno inoltre esilaranti episodi e avvenimenti biografici. In quasi un'ora e mezza di spettacolo ci sarà tempo anche per deridere i protagonisti di tutto il panorama politico non senza un po' di sana autoironia. Un susseguirsi dunque di irresistibile gags e battute per una una sorta di colloquio confidenziale tra il protagonista Pattavina, attore unico ed inimitabile da quasi 50 anni protagonista in tutti i più importanti teatri italiani, e gli ascoltatori in platea. direzione artistica COSTANZA E VICKY DI QUATTRO consulenza artistica CARLO FERRERI

ufficio stampa


Il programma della stagione 2011/2012 al Teatro di Donnafugata di Ragusa Ibla PUBBLICATO DA REDAZIONE - 23 OTTOBRE 2011 IN RAGUSA, TEATRO IN SICILIA La stagione teatrale “Teatro D’attore 2011/2012″ al Teatro di Donnafugata di Ragusa Ibla, dopo lo spettacolo “Metti una sera che… ne parliano” di e con Pippo Pattavina (22-23 ottobre), prosegue con altri quattro appuntamenti: Sabato 19 e domenica 20 novembre “Morir di fama” di e con Evelyn Famà. Sabato 17 e domenica 18 dicembre “Mistero buffo”, con testo di Dario Fo e con l’attore Antonio Venturino. Venerdì 13 e sabato 14 gennaio 2012 (in entrambi i casi alle ore 21) lo spettacolo “Il matrimonio può attendere” di Diego Ruiz con Francesca Nunzi e Diego Ruiz ed infine sabato 25 e domenica 26 febbraio “Una volta nella vita” di Gianni Clementi con Marco Cavallaro, Antonio Conte, Fabrizio Gaetani, Lenni Lippi, Ignazio Raso.

Consulenza artistica stagione CARLO FERRERI Direzione artistica stagione COSTANZA E VICKY DI QUATTRO Ingresso 12 Euro Info e contatti, prenotazioni: 3392912245 Teatro Donnafugata Via Pietro Novelli, 3 97100 Ragusa Ibla (Rg) “Metti una sera che… ne parliamo” Sab. 22 ore 21:00, Dom. 23 ore 18:30 – Ottobre di e con Pippo Pattavina “Morir di fama”

Sab. 19 ore 21:00, Dom. 20 ore 18:30 – Novembre L’esilarante monologo comico della pluripremiata artista siciliana di e con Evelyn Famà Vincitrice del Festival Nazionale del Cabaret, Premio Ernst Thole, Premio Hystrio alla Vocazione, Premio Internazionale Salvo Randone, Premio Calandra menzione speciale “…per la sua straordinaria interpretazione…” REGIA Carlo Ferreri SCENE COSTUMI Simone Raimondo PRODUZIONE C.F.produzioni Evelyn Famà, giovane artista poliedrica definita dalla stampa nazionale: “autentica, virtuosistica, sublime, trasformista, animale da palcoscenico, esplosiva, adrenalinica, versatile…”Ultimamente coprotagonista in coppia comica con Nino Frassica nel film “un milione di giorni”, nonché presenza fissa nel programma “Bambine Cattive” su Comedy Central-Sky. Con brani tratti da “Morir di fama”, ha vinto il Festival Nazionale del Cabaret di Torino, il Premio Ernst Thole per L’originalità comica, il premio Hystrio alla vocazione, il premio Internazionale Salvo Randone… Lo spettacolo la vedrà vestire i panni di una “attrice” stressata da una cugina ventenne che, come lei, sogna un futuro in TV. Subirà le bizzarre manie della cugina Rita e di parenti tutti matti, mentre assurde telefonate scandiranno lo scorrere del tempo in questo strano mondo in cui è costretta a vivere, tartassata dal culto del successo e dell’immagine. ufficio stampa


“Mistero buffo” Sab. 17 ore 21:00, Dom. 18 ore 18:30 – Dicembre Lo spettacolo del premio Nobel Dario Fo in vernacolo siciliano di Dario Fo con Antonio Venturino Più di 800 repliche in giro per il mondo Fino a poco tempo fa, Venturino, è stato l’unico al mondo autorizzato dal maestro Fo a portare lo spettacolo Mistero Buffo-giullarata popolare in giro per i teatri. Replicato più di 800 volte in tutto il mondo, la versione di Venturino, utilizza il dialetto Chiazzese ovvero il vernacolo di Piazza Armerina, arcaico, ma pregno di capacità comunicativa. In questo spettacolo, protagonisti sono il “verbo siculo” e la “parola” di Venturino (che è stata definita “torrenziale”). Antonio inizia la carriera recitando in ruoli da protagonista in testi di Mrozeck, De Benedetti, Ionesco e Fava. Approdato al “Piccolo” di Milano, collabora con Ferruccio Soleri per il bicentenario di Goldoni allo storico teatro Olimpico di Vicenza.Venturino vive oggi a Nottingham. Lavora sia all’estero che in Italia. In Inghilterra ha fondato COUP de MASQUE e insegna le tecniche di commedia Dell’arte.

“Il Matrimonio può attendere” Ven. 13 ore 21:00, Sab. 14 ore 21:00 – Gennaio Ecco i trentenni in crisi di Diego Ruiz con Francesca Nunzi e Diego Ruiz REGIA Nicola Pistoia PRODUZIONE Teatro dei Satiri In una notte di luna piena uno schianto squarcia il silenzio. La donna al volante e l’uomo accanto a lei sembrano non avere speranze… È questo l’inizio della nuova esilarante commedia, un vero cult per le sue già festeggiate 100 repliche all’insegna del buonumore! Con Diego Ruiz e Francesca Nunzi che, si scateneranno in un feroce scontro sui rapporti di coppia, sul matrimonio e sui piccoli grandi interrogativi dei trentenni: Meglio singles che male accompagnati? E i figli? Cosa ci sarà mai di così infinitamente tenero nel cambiare un pannolino sporco? Chi ha detto che i 30 anni sono la più bella età? Provatelo a chiedere a Diego e a Francesca: riderete fino alle lacrime. Diego Ruiz attore ed autore di numerosi spettacoli di successo come “Orgasmo e pregiudizio” 2001 (replicato per 10 anni) insieme a Francesca Nunzi attrice che vanta numerose partecipazioni al cinema ed in TV (Maresciallo Rocca, Il Bello delle donne, Don Matteo, Notte prima degli esami…) formano ormai da anni una affiatata coppia teatrale.

“Una volta nella vita” Sab. 25 ore 21:00, Dom. 26 ore 18:30 – Febbraio storia fantastica di quattro cadaveri che si risvegliano di Gianni Clementi con Marco Cavallaro e con Antonio Conte, Fabrizio Gaetani, Lenni Lippi, Ignazio Raso Ritmi serrati, battute dirompenti, momenti di vera poesia REGIA Felice Della Corte PRODUZIONE Esagera Cosa hanno in comune un piccolo fallito rapinatore romano, un bancario logorroico falso Marxsista, un mago siciliano da quattro soldi ed una bella ragazza dal viso angelico? Assolutamente nulla se non una piccola cosa: sono tutti morti!!Si siamo in un obitorio e quattro cadaveri sono sotto le lenzuola. Tutti si svegliano e tutti vogliono scappare da quel posto convinti di non essere quello che sono. I morti litigano, fanno pace, tentano una seduta spiritica, cercano di rubare una macchina, tentano di capire come sono finiti in quel posto, ma soprattutto fanno ridere. Si ridere della morte, si ridere della vita che fu e si trova anche il tempo di commuoversi. A loro si aggiunge anche un portantino dell’obitorio che, tra un colpo di tenaglia ed una telefonata alla moglie stressata dalle griffe e dai vicini che comprano tutto, ha uno svenimento mortale. Ritmi serrati, battute dirompenti, momenti di vera poesia per una delle commedie più originali degli ultimi anni dove il pubblico si innamorera di questi poveri”disgraziati” rimasti “nudi” sotto le lenzuola. ufficio stampa


STAGIONE DEL TEATRO DONNAFUGATA A RAGUSA IBLA. IN SCENA IL MATTATORE PIPPO PATTAVINA CON “METTI UNA SERA CHE..NE PARLIAMO”

scritto il 23 ott 2011 nella categoria: Spettacolo

L’ istrionico Pippo Pattavina è stato ieri sera a Ragusa Ibla mattatore instancabile per il primo appuntamento della stagione teatrale 2011-2012 del Teatro Donnafugata. In scena con “Metti una sera che… ne parliamo”, Pattavina in un’ora e mezza di spettacolo ha incantato il pubblico presente (posti tutti esauriti). Un “one man show” durante il quale l’amato attore siciliano, in forma di conversazione, ha incrociato le diverse generazioni prendendo spunto da personaggi reali e inventati per una dissertazione che ha divertito edentusiasmato. Incredibile caratterista, con una facilità straordinaria Pattavina è entrato ed uscito dai personaggi protagonisti delle divertenti vicende proposte, trasformando la tenda nera alle spalle, usata come scenografia asettica, in immaginari scenari delle storie evocate. In giacca e cravatta, ha fatto un lungo excursus sulla sua città di origine, Catania, ma anche sulla Sicilia e sull’evoluzione di usi e costumi. Quello di ieri sera è stato un incontro a tutto tondo con un artista del teatro siciliano che non ha mancato di attingere a piene mani dai personaggi cari al popolo, con curiosità e gaffe da raccontare e su cui riderci piacevolmente sopra, tra battute a raffica ed esilaranti gag, passando dalla crisi economica alla politica italiana, dalle escort agli affaristi. Una satira pungente e graffiante, almeno in alcune parti dello spettacolo, che si conclude con il confronto tra i giovani di oggi e i giovani “di allora”, degli anni ’60, non lesinando ironia e autoironia. Come per ogni appuntamento della nuova stagione teatrale, è prevista una replica. Oggi pomeriggio si torna infatti nuovamente in scena e pure in questo caso c’è già il tutto esaurito. Il secondo appuntamento della stagione teatrale, anche questo divertente e da non perdere, è per sabato 19 e domenica 20 novembre con “Morir di fama” di e con Evelyn Famà, vincitrice del festival nazionale del cabaret. Sono già aperte le prenotazioni. La nuova stagione è curata dalle direttrici artistiche Vicky e Costanza Diquattro con la consulenza dell’attore e regista Carlo Ferreri, con il supporto del Comune, della Provincia regionale di Ragusa e di vari sponsor privati. Info sul sito www.teatrodonnafugata.com o al numero 3392912245. ufficio stampa


23/10/2011 - 19:28 Inaugurata la stagione teatrale del Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla

TUTTO ESAURITO PER PIPPO PATTAVINA E IL SUO "METTI UNA SERA CHE... NE PARLIAMO"

È stata inaugurata ieri sera la stagione teatrale 2011-2012 del Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla, la cui direazione artistica è affidata a Vicky e Costanza Diquattro, con la consulenza dell’attore e regista Carlo Ferreri, il supporto del Comune, della Provincia regionale di Ragusa e di vari sponsor privati. Il primo spettacolo della stagione ha registrato il tutto esaurito grazie a Pippo Pattavina e il suo “Metti una sera che… ne parliamo”, un “one man show” durato circa un’ora, durante la quale l’istrionico attore siciliano ha intrattenuto il pubblico con una piacevole “conversazione”, prendendo spunto da fatti e personaggi reali o inventati. L’attore ha raccontato della sua città d’origine, Catania, soffermandosi poi sull’evoluzione di usi e costumi siciliani, entrando e uscendo dai personaggi delle divertenti vicende proposte con una straordinaria capacità e trasformando la tenda nera alle spalle (usata come scenografia asettica) in immaginari scenari delle storie raccontate. L’artista siciliano ha proseguito con un confronto tra i giovani di oggi e quelli degli anni ’60, senza trascurare temi e personaggi di forte attualità, ai quali ha riservato una satira pungente e graffiante, passando dalla crisi economica alla politica italiana, dalle escort agli affaristi. Pattavina tornerà nuovamente in scena anche questo pomeriggio, per il quale è stato registrato il tutto esaurito. Da non perdere il secondo appuntamento della stagione teatrale previsto per sabato 19 e domenica 20 novembre con “Morir di fama” di e con Evelyn Famà, vincitrice del Festival nazionale del cabaret.

di Claudia Fiume ufficio stampa


23/10/2011 19:52 Notizia letta: 1156 volte

Cultura | Ragusa, teatro

Metti una sera, che ne parliamo. Pippo Pattavina al Donnafugata Ragusa - L’istrionico Pippo Pattavina è stato ieri sera a Ragusa Ibla mattatore instancabile per il primo appuntamento della stagione teatrale 2011-2012 del Teatro Donnafugata. In scena con “Metti una sera che... ne parliamo”, Pattavina in un’ora e mezza di spettacolo ha incantato il pubblico presente (posti tutti esauriti). Un “one man show” durante il quale l’amato attore siciliano, in forma di conversazione, ha incrociato le diverse generazioni prendendo spunto da personaggi reali e inventati per una dissertazione che ha divertito ed entusiasmato. Incredibile caratterista, con una facilità straordinaria Pattavina è entrato ed uscito dai personaggi protagonisti delle divertenti vicende proposte, trasformando la tenda nera alle spalle, usata come scenografia asettica, in immaginari scenari delle storie evocate. In giacca e cravatta, ha fatto un lungo excursus sulla sua città di origine, Catania, ma anche sulla Sicilia e sull’evoluzione di usi e costumi. Quello di ieri sera è stato un incontro a tutto tondo con un artista del teatro siciliano che non ha mancato di attingere a piene mani dai personaggi cari al popolo, con curiosità e gaffe da raccontare e su cui riderci piacevolmente sopra, tra battute a raffica ed esilaranti gag, passando dalla crisi economica alla politica italiana, dalle escort agli affaristi. Una satira pungente e graffiante, almeno in alcune parti dello spettacolo, che si conclude con il confronto tra i giovani di oggi e i giovani “di allora”, degli anni ’60, non lesinando ironia e autoironia. Come per ogni appuntamento della nuova stagione teatrale, è prevista una replica. Oggi pomeriggio si torna infatti nuovamente in scena e pure in questo caso c’è già il tutto esaurito. Il secondo appuntamento della stagione teatrale, anche questo divertente e da non perdere, è per sabato 19 e domenica 20 novembre con “Morir di fama” di e con Evelyn Famà, vincitrice del festival nazionale del cabaret. Sono già aperte le prenotazioni. La nuova stagione è curata dalle direttrici artistiche Vicky e Costanza Diquattro con la consulenza dell’attore e regista Carlo Ferreri, con il supporto del Comune, della Provincia regionale di Ragusa e di vari sponsor privati. Info sul sito www.teatrodonnafugata.com o al numero 3392912245. Redazione ufficio stampa


Boom di presenze per la nuova stagione del teatro Donnafugata Cinema e teatro LUNEDÌ 24 OTTOBRE 2011 11:25 SCRITTO DA REDAZIONE

L’istrionico Pippo Pattavina è stato ieri sera a Ragusa Ibla mattatore instancabile per il primo appuntamento della stagione teatrale 2011-2012 del Teatro Donnafugata. In scena con “Metti una sera che... ne parliamo”, Pattavina in un’ora e mezza di spettacolo ha incantato il pubblico presente (posti tutti esauriti). Un “one man show” durante il quale l’amato attore siciliano, in forma di conversazione, ha incrociato le diverse generazioni prendendo spunto da personaggi reali e inventati per una dissertazione che ha divertito ed entusiasmato. Incredibile caratterista, con una facilità straordinaria Pattavina è entrato ed uscito dai personaggi protagonisti delle divertenti vicende proposte, trasformando la tenda nera alle spalle, usata come scenografia asettica, in immaginari scenari delle storie evocate. In giacca e cravatta, ha fatto un lungo excursus sulla sua città di origine, Catania, ma anche sulla Sicilia e sull’evoluzione di usi e costumi. Quello di ieri sera è stato un incontro a tutto tondo con un artista del teatro siciliano che non ha mancato di attingere a piene mani dai personaggi cari al popolo, con curiosità e gaffe da raccontare e su cui riderci piacevolmente sopra, tra battute a raffica ed esilaranti gag, passando dalla crisi economica alla politica italiana, dalle escort agli affaristi. Una satira pungente e graffiante, almeno in alcune parti dello spettacolo, che si conclude con il confronto tra i giovani di oggi e i giovani “di allora”, degli anni ’60, non lesinando ironia e autoironia. Come per ogni appuntamento della nuova stagione teatrale, è prevista una replica. Oggi pomeriggio si torna infatti nuovamente in scena e pure in questo caso c’è già il tutto esaurito. Il secondo appuntamento della stagione teatrale, anche questo divertente e da non perdere, è per sabato 19 e domenica 20 novembre con “Morir di fama” di e con Evelyn Famà, vincitrice del festival nazionale del cabaret. Sono già aperte le prenotazioni. La nuova stagione è curata dalle direttrici artistiche Vicky e Costanza Diquattro con la consulenza dell’attore e regista Carlo Ferreri, con il supporto del Comune, della Provincia regionale di Ragusa e di vari sponsor privati. Info sul sito www.teatrodonnafugata.com o al numero 3392912245.

ufficio stampa


TEATRO, A RAGUSA IBLA IN SCENA L'ISTRIONICO PIPPO PATTAVINA CON "METTI UNA SERA CHE...NE PARLIAMO" 2011-10-24 09:12:35

RAGUSA – L’ istrionico Pippo Pattavina è stato nel fine settimana a Ragusa Ibla mattatore instancabile per il primo appuntamento della stagione teatrale 2011-2012 del Teatro Donnafugata. In scena con “Metti una sera che... ne parliamo”, Pattavina in un’ora e mezza di spettacolo ha incantato il pubblico presente (posti tutti esauriti). Un “one man show” durante il quale l’amato attore siciliano (nella foto), in forma di conversazione, ha incrociato le diverse generazioni prendendo spunto da personaggi reali e inventati per una dissertazione che ha divertito ed entusiasmato. Incredibile caratterista, con una facilità straordinaria Pattavina è entrato ed uscito dai personaggi protagonisti delle divertenti vicende proposte, trasformando la tenda nera alle spalle, usata come scenografia asettica, in immaginari scenari delle storie evocate. In giacca e cravatta, ha fatto un lungo excursus sulla sua città di origine, Catania, ma anche sulla Sicilia e sull’evoluzione di usi e costumi. Quello di ieri sera è stato un incontro a tutto tondo con un artista del teatro siciliano che non ha mancato di attingere a piene mani dai personaggi cari al popolo, con curiosità e gaffe da raccontare e su cui riderci piacevolmente sopra, tra battute a raffica ed esilaranti gag, passando dalla crisi economica alla politica italiana, dalle escort agli affaristi. Una satira pungente e graffiante, almeno in alcune parti dello spettacolo, che si conclude con il confronto tra i giovani di oggi e i giovani “di allora”, degli anni ’60, non lesinando ironia e autoironia. Il secondo appuntamento della stagione teatrale, anche questo divertente e da non perdere, è per sabato 19 e domenica 20 novembre con “Morir di fama” di e con Evelyn Famà, vincitrice del festival nazionale del cabaret. Sono già aperte le prenotazioni. La nuova stagione è curata dalle direttrici artistiche Vicky e Costanza Diquattro con la consulenza dell’attore e regista Carlo Ferreri, con il supporto del Comune, della Provincia regionale di Ragusa e di vari sponsor privati. Info sul sito www.teatrodonnafugata.com o al numero 3392912245. ufficio stampa


IL 19 E 20 NOVEMBRE

Evelyn Famà ironica sul mondo dei vip L'attrice catanese al Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla

Evelyn Famà

CATANIA - Il 19 e 20 novembre, al Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla, va in scena «Morir di fama» di e con Evelyn Famà, regia di Carlo Ferreri, scene e costumi di Simone Raimondo, produzione C.F. produzioni. Nello spettacolo Evelyn Famà veste i panni di una «attrice» stressata da una cugina ventenne che, come lei, sogna un futuro in tv. Ha un singolare modo di svegliarsi. Affetta da un'allergia sui generis, subisce dei parenti tutti matti. Soffre per un amore mai corrisposto, mentre assurde telefonate scandiscono lo scorrere del tempo in questo strano mondo in cui è costretta a vivere, tartassata dal culto del successo e dell’immagine. Cosa scegliere? Donnina di casa o diva in tv? «Questo è il problema»... Nata a Catania, Evelyn Famà ha studiato danza ed è diplomata della Scuola d’Arte Drammatica «Umberto Spadaro» del Teatro Stabile di Catania e dell’Accademia di Belle Arti di Catania. Vincitrice del Premio internazionale «Salvo Randone”»(Siracusa 2001) e del Premio «Hystrio» alla vocazione (Milano 2004), vanta prestigiose collaborazioni con registi del calibro di Luca Ronconi, Eimuntas Nekrosius, Jean-Claude Penchenat, Lamberto Puggelli, Marco Baliani, Armando Pugliese. Ha partecipato alle ultime, importanti tournées dello Stabile di Catania (La lunga vita di Marianna Ucria di Dacia Maraini, Chantecler di Edmond Rostand), e, recentemente, ha preso parte al film Rai Il figlio della luna, diretto da Gianfranco Albano. È stata interprete in coppia comica con Nino Frassica del film Un milione di giorni, nonché presenza fissa nel programmaBambine Cattive su Comedy Central-Sky. Fonte Italpress 31 ottobre 2011 ufficio stampa


e' ora la volta dell'esplosiva evelyn famà dopo il sold out per pattavina al donnafugata di ibla Teatro a Ragusa, dal 19/11/2011 al 20/11/2011 E' ora la volta dell'esplosiva Evelyn Famà dopo il Sold Out per Pattavina al Donnafugata di Ibla DOPO IL “TUTTO ESAURITO” di “METTI UNA SERA CHE...NE PARLIAMO” non perdete il 2° appuntamento della stagione teatrale TEATRO D'ATTORE 2011/2012 al TEATRO DONNAFUGATA di RAGUSA IBLA NOVEMBRE Sab19 ore 21:00 / Dom20 ore 18:30 MORIR DI FAMAL'esilarante monologo della vulcanica artista siciliana di e con Evelyn Famà REGIA Carlo Ferreri SCENE COSTUMI Simone Raimondo PRODUZIONE C.F.produzioni SITO www.evelynfama.com SITO DEL TEATRO http://www.teatrodonnafugata.com/artisti/21-evelyn-fama.html scatti di scena Lucia Pulvirenti LO SPETTACOLO:Evelyn Famà, giovane artista poliedrica definita dalla stampa nazionale: “autentica, virtuosistica, sublime, animale da palcoscenico, esplosiva, adrenalinica, versatile...”Ultimamente coprotagonista con Nino Frassica nel film “un milione di giorni” regia E.Giliberti , e nella Docu-Fiction “La Voce del corpo” di L. Vullo (con Vincenzo Volo, Rosario Petix, Emma Dante, Pippo Baudo, Mimmo Cuticchio, Salvo La Rosa...)nonché presenza fissa nel programma “Bambine Cattive” su Comedy Central-Sky. Con brani tratti da “Morir di fama”, ha vinto il Festival Nazionale del Cabaret di Torino, il Premio Ernst Thole per L'originalità comica, il premio Hystrio alla vocazione, il premio Internazionale Salvo Randone...Lo spettacolo la vedrà vestire i panni di una “attrice” stressata da una cugina ventenne che, come lei, sogna un futuro in TV. Subirà le bizzarre manie della cugina Rita e di parenti tutti matti, mentre assurde telefonate scandiranno lo scorrere del tempo in questo strano mondo in cui è costretta a vivere, tartassata dal culto del successo e dell’immagine.

Ingresso 12 Euro Info e contatti, prenotazioni: 3392912245 Teatro Donnafugata Via Pietro Novelli, 3 97100 Ragusa Ibla (Rg) direzione artistica stagione COSTANZA E VICKY DI QUATTRO consulenza artistica stagione CARLO FERRERI ED ECCO GLI ALTRI 3 APPUNTAMENTI DELLA STAGIONE TERZO APPUNTAMENTO Sab17 ore 21:00, Dom18 ore 18:30 Dicembre “Mistero buffo” Lo spettacolo del premio Nobel Dario Fo in vernacolo siciliano ufficio stampa


di Dario Fo con Antonio Venturino Più di 800 repliche in giro per il mondo Fino a poco tempo fa, Venturino, è stato l’unico al mondo autorizzato dal maestro Fo a portare lo spettacolo Mistero Buffo -giullarata popolare in giro per i teatri. Replicato più di 800 volte in tutto il mondo, la versione di Venturino, utilizza il dialetto Chiazzese ovvero il vernacolo di Piazza Armerina, arcaico, ma pregno di capacità comunicativa. In questo spettacolo, protagonisti sono il “verbo siculo” e la “parola” di Venturino (che è stata definita “torrenziale”). Antonio inizia la carriera recitando in ruoli da protagonista in testi di Mrozeck, De Benedetti, Ionesco e Fava. Approdato al “Piccolo” di Milano, collabora con Ferruccio Soleri per il bicentenario di Goldoni allo storico teatro Olimpico di Vicenza.Venturino vive oggi a Nottingham. Lavora sia all'estero che in Italia. In Inghilterra ha fondato COUP de MASQUE e insegna le tecniche di commedia Dell' arte

QUARTO APPUNTAMENTO Ven13 ore 21:00, Sab14 ore 21:00 Gennaio “Il Matrimonio può attendere” Ecco i trentenni in crisi di Diego Ruiz con Francesca Nunzi e Diego Ruiz Un cult:100 repliche all'insegna del buon umore REGIA Nicola Pistoia PRODUZIONE Teatro dei Satiri In una notte di luna piena uno schianto squarcia il silenzio. La donna al volante e l’uomo accanto a lei sembrano non avere speranze…E’ questo l’inizio della nuova esilarante commedia, un vero cult per le sue già festeggiate 100 repliche all'insegna del buonumore! Con Diego Ruiz e Francesca Nunzi che, si scateneranno in un feroce scontro sui rapporti di coppia, sul matrimonio e sui piccoli grandi interrogativi dei trentenni: Meglio singles che male accompagnati? E i figli? Cosa ci sarà mai di così infinitamente tenero nel cambiare un pannolino sporco? Chi ha detto che i 30 anni sono la più bella età? Provatelo a chiedere a Diego e a Francesca: riderete fino alle lacrime. Diego Ruiz attore ed autore di numerosi spettacoli di successo come “Orgasmo e pregiudizio” 2001(replicato per 10 anni) insieme a Francesca Nunzi attrice che vanta numerose partecipazioni al cinema ed in TV(Maresciallo Rocca, Il Bello delle donne, Don Matteo, Notte prima degli esami...)formano ormai da anni una affiatata coppia teatrale.

QUINTO APPUNTAMENTO Sab25 ore 21:00, Dom26 ore 18:30 Febbraio “Una volta nella vita” storia fantastica di quattro cadaveri che si risvegliano di Gianni Clementi con Marco Cavallaro e con Antonio Conte, Fabrizio Gaetani, Lenni Lippi, Ignazio Raso Ritmi serrati, battute dirompenti, momenti di vera poesia REGIA Felice Della Corte PRODUZIONE Esagera Cosa hanno in comune un piccolo fallito rapinatore romano, un bancario logorroico falso Marxsista, un mago siciliano da quattro soldi ed una bella ragazza dal viso angelico? Assolutamente nulla se non una piccola cosa: sono tutti morti!!Si siamo in un obitorio e quattro cadaveri sono sotto le lenzuola. Tutti si svegliano e tutti vogliono scappare da quel posto convinti di non essere quello che sono. I morti litigano, fanno pace, tentano una seduta spiritica, cercano di rubare una macchina, tentano di capire come sono finiti in quel posto, ma soprattutto fanno ridere. Si ridere della morte, si ridere della vita che fu e si trova anche il tempo di commuoversi. A loro si aggiunge anche un portantino dell'obitorio che, tra un colpo di tenaglia ed una telefonata alla moglie stressata dalle griffe e dai vicini che comprano tutto, ha uno svenimento mortale. Ritmi serrati, battute dirompenti, momenti di vera poesia per una delle commedie più originali degli ultimi anni dove il pubblico si innamorera di questi poveri”disgraziati” rimasti “nudi” sotto le lenzuola.

Visto: 381 volte. Data pubblicazione: 01/11/2011

ufficio stampa


Morir di fama. L’esilarante monologo di Evelyn Famà PUBBLICATO DA REDAZIONE - 11 NOVEMBRE 2011

Evelyn Famà, giovane artista poliedrica definita dalla stampa nazionale: “autentica, virtuosistica, sublime, animale da palcoscenico, esplosiva, adrenalinica, versatile…” Ultimamente coprotagonista con Nino Frassica nel film “un milione di giorni” regia E. Giliberti , e nella Docu-Fiction “La Voce del corpo” di L. Vullo (con Vincenzo Volo, Rosario Petix, Emma Dante, Pippo Baudo, Mimmo Cuticchio, Salvo La Rosa…) nonché presenza fissa nel programma “Bambine Cattive” su Comedy Central-Sky. Con brani tratti da “Morir di fama”, ha vinto il Festival Nazionale del Cabaret di Torino, il Premio Ernst Thole per l’originalità comica, il premio Hystrio alla vocazione, il premio Internazionale Salvo Randone … Lo spettacolo la vedrà vestire i panni di una “attrice” stressata da una cugina ventenne che, come lei, sogna un futuro in TV. Subirà le bizzarre manie della cugina Rita e di parenti tutti matti, mentre assurde telefonate scandiranno lo scorrere del tempo in questo strano mondo in cui è costretta a vivere, tartassata dal culto del successo e dell’immagine. Per il ciclo TEATRO D’ATTORE 2011/2012 al TEATRO DONNAFUGATA di RAGUSA IBLA, Sabato 19 novembre ore 21:00 e Domenica 20 novembre ore 18:30 Regia Carlo Ferreri Scene costumi Simone Raimondo Scatti di scena Lucia Pulvirenti Produzione C.F.produzioni Sito dell’artista www.evelynfama.com Sito del teatro http://www.teatrodonnafugata.com/artisti/21-evelyn-fama.html Scatti di scena Lucia Pulvirenti LO SPETTACOLO: Ingresso 12 Euro Info e contatti, prenotazioni: 3392912245. Teatro Donnafugata, Via Pietro Novelli 3, Ragusa Ibla direzione artistica stagione COSTANZA E VICKY DI QUATTRO consulenza artistica stagione CARLO FERRERI ufficio stampa


RAGUSA, TEATRO D’ATTORE 14/11/2011 12:42

Si attende il tutto esaurito anche per il secondo appuntamento della rassegna Teatro D’Attore, sabato 19 alle 21.00 e domenica 20 novembre alle 18.30, al teatro Donnafugata di Ibla, con la vulcanica Evelyn Famà, protagonista e autrice di “Morir di Fama”. Il lavoro pluripremiato di questa virtuosa e talentuosa attrice catanese, che ha ottenuto il massimo riconoscimento nel Festival nazionale del Cabaret, per l’interpretazione più originale il premio Ernst Thole, il premio internazionale Salvo Randone, la menzione speciale del premio Calandra e il premio Hystrio alla vocazione, è uno spettacolo leggero, divertente, satirico, autocritico e dissacrante sul mondo del Reality, ossessionato dal telefono, dove il più comune desiderio tra i giovani è quello di fare l’Attrice, la Velina o partecipare ad “Amici”. “Sono come un puparo – spiega Evelyn Famà – che reggo le fila dei miei personaggi, ma sono soprattutto Evelyn, questa attrice trentenne stressata e costretta a vivere in casa con il prototipo di persona che più mi dà ai nervi: la cugina ventenne che sogna un futuro di tv e fiction e cerca di emularmi ad ogni costo”. La regia è di Carlo Ferreri, l’attore ragusano che firma la consulenza artistica di questa rassegna.

ufficio stampa


18/11/2011 14:41 Notizia letta: 970 volte

Appuntamenti | Ragusa

Evelyn Famà e il Morir di fama, al Teatro Donnafugata Ragusa - Morir di fama... perché è vero, la fama, al pari del potere, rosica chi non ce l’ha. E in un’era in cui i talent show non sono l’occasione per mettere in mostra le proprie doti ma la porta per entrare più facilmente nel patinato mondo dei vip, la fama è quella che più conta. Una ruota che gira tra attori ed attrici che in poco tempo diventano famosissimi per scomparire altrettanto velocemente tornando al punto di partenza, alla quotidianità. Storie felici e tristi allo stesso tempo, raccontate con sana irriverenza nello spettacolo “Morir di fama”, in scena domani, sabato 19 novembre alle ore 21 e domenica alle ore 18, secondo appuntamento della stagione “Teatro d’attore” al Teatro Donnafugata a Ragusa Ibla. Sul palcoscenico l’istrionica Evelyn Famà che interpreterà i panni di un’aspirante attrice trentenne stressata, costretta a vivere in casa con il prototipo di persona che le dà ai nervi, ovvero sua cugina di origine nissena trasferitasi a Catania per studiare. La timida matricola, da buona ventenne del XXI secolo, sogna un futuro di tv e fiction, e cerca di emulare la cugina “artista” ad ogni costo. Cosa scegliere? Donnina di casa o diva in tv? Una divertente commedia che si prende dunque gioco del mondo dei vip, quel mondo patinato ma spesso povero di contenuti. Tra colpi di scena e divertentissime battute, la Famà spiegherà se è meglio o no, “morir di fama”. A firmare la regia è il ragusano Carlo Ferreri, scene e costumi sono di Simone Raimondo mentre la realizzazione è curata dalla C.F. Produzioni. La giovane attrice, tra l’altro vincitrice del festival nazionale del cabaret, ha già al suo attivo un’importante carriera. Nata a Catania, Evelyn Famà ha studiato danza ed è diplomata alla Scuola d’Arte Drammatica «Umberto Spadaro» del Teatro Stabile di Catania e all’Accademia di Belle Arti di Catania. Vincitrice del premio internazionale «Salvo Randone» (Siracusa 2001) e del premio «Hystrio» alla vocazione (Milano 2004), vanta prestigiose collaborazioni con numerosi registi. Ha partecipato alle ultime importanti tournée dello Stabile di Catania e, recentemente ha preso parte al film Rai “Il figlio della luna”, diretto da Gianfranco Albano. È stata interprete in coppia comica con Nino Frassica del film “Un milione di giorni”, nonché presenza fissa nel programma “Bambine Cattive” su Comedy Central Sky. Lo spettacolo di domani sera è già tutto esaurito, mentre sono ancora possibili delle prenotazioni per domenica pomeriggio. La stagione è curata dalle direttrici artistiche Vicky e Costanza Diquattro con la consulenza dell’attore e regista Carlo Ferreri, con il supporto del Comune, della Provincia regionale di Ragusa e di vari sponsor privati. Info sul sito www.teatrodonnafugata.com o al numero 3392912245. ufficio stampa


ufficio stampa


DOPO IL "TUTTO ESAURITO" di "METTI UNA SERA CHE...NE PARLIAMO" non perdete il 2° appuntamento della stagione teatrale

TEATRO D'ATTORE 2011/2012 al TEATRO DONNAFUGATA di RAGUSA IBLA NOVEMBRE Sab 19 ore 21:00 / Dom20 ore 18:30 MORIR DI FAMA L'esilarante monologo della vulcanica artista siciliana di e con Evelyn Famà REGIA Carlo Ferreri SCENE COSTUMI Simone Raimondo PRODUZIONE C.F.produzioni SITO www.evelynfama.com SITO TEATRO http://www.teatrodonnafugata.com/artisti/21-evelyn-fama.html LO SPETTACOLO:Evelyn Famà, giovane artista poliedrica definita dalla stampa nazionale: "autentica, virtuosistica, sublime, animale da palcoscenico, esplosiva, adrenalinica, versatile..."Ultimamente coprotagonista con Nino Frassica nel film "un milione di giorni"regia E.Giliberti , e nella Docu-Fiction "La Voce del corpo" di L. Vullo (con Rosario Petix, Vincenzo Volo, , Emma Dante, Pippo Baudo, Mimmo Cuticchio, Salvo La Rosa...)nonché presenza fissa nel programma "Bambine Cattive" su Comedy CentralSky. Con brani tratti da "Morir di fama", ha vinto il Festival Nazionale del Cabaret di Torino, il Premio Ernst Thole per L'originalità comica, il premio Hystrio alla vocazione, il premio Internazionale Salvo Randone...Lo spettacolo la vedrà vestire i panni di una "attrice" stressata da una cugina ventenne che, come lei, sogna un futuro in TV. Subirà le bizzarre manie della cugina Rita e di parenti tutti matti, mentre assurde telefonate scandiranno lo scorrere del tempo in questo strano mondo in cui è costretta a vivere, tartassata dal culto del successo e dell'immagine. Ingresso 12 Euro Info e contatti, prenotazioni:3392912245Teatro Donnafugata Via Pietro Novelli, 397100 Ragusa Ibla (Rg) direzione artistica stagione COSTANZA E VICKY DI QUATTRO consulenza artistica stagione CARLO FERRERI ufficio stampa


CULTURA E SPETTACOLO

Teatro d’Attore, “Morir di fama”, sabato e domenica sera al Donnafugata 18/11/2011 19:24

Morir di fama, perché la fama, al pari del potere, rosica chi non ce l’ha. E in un’era in cui i talent show non sono l’occasione per mettere in mostra le proprie doti ma la porta per entrare più facilmente nel patinato mondo dei vip, la fama è quella che più conta. Storie felici e tristi allo stesso tempo, raccontate nello spettacolo “Morir di fama”, in scena, sabato 19 alle 21 e domenica alle 18, secondo appuntamento della stagione “Teatro d’attore” al Teatro Donnafugata a Ragusa Ibla. Sul palcoscenico l’istrionica Evelyn Famà che interpreterà i panni di un’aspirante attrice trentenne stressata, costretta a vivere in casa con il prototipo di persona che le dà ai nervi, ovvero sua cugina di origine nissena trasferitasi a Catania per studiare. Regista, il ragusano Carlo Ferreri. Tutto esaurito sabato, sono disponibili ancora posti per domenica al 339.2912245. ufficio stampa


L'eclettica Evelyn Famà porta in scena questo weekend al teatro Donnafugata una colorata commedia dai toni esilarati18/11/2011

SI SAREBBE DISPOSTI PERFINO A MORIR DI FAME PER "MORIR DI FAMA"

Evelyn Famà, in scena al teatro Donnafugata a Ibla, interpreta lo spettacolo "Morir di Fama" dove affronta con una suprema arte critica l'interrogativo secondo il quale sia meglio diventare una showgirl da reality per la tv,carne da macello del tutto spersonalizzante e temporaneo,oppure puntare sulla propria arte e sulle proprie emozioni scegliendo di diventare una vera attrice. Un attrice che non fà marchette televisive. Si parla di televisone e non di Televisone; sia chiaro. La trentenne stressata Evelina, omonima protagonista della storia, interpretata dalla Famà, vive e lavora a Catania come attrice di teatro. Combattuta se seguire la sua naturale propensione all'arte e quindi continuare a cercare di lavorare in teatro o, come consiglia la famiglia, diventare una perfetta donnina di casa, si vede piombare in casa la cugina, timida poco più che vent'enne matricolauniversitaria, che sulle orme di Evelina vuole diventare una showgilr. Ma una showgilr nuova meniera. Eveline dorme sul suo trono. Eveline ha scelto un bizzarro stile di vita corredato da eccentriche sue abitudini. Molte cose strane caratterizzano la sua vita: la sua allergia, la sofferenza per un amore mai corrisposto, strane telefonate e il metodo che deciderà di usare per superare i provini. L'interpretazione geniale e passionale e poliedrica e esplosiva di Evelyn Famà, che non ha certo bisogno di presentezione, intratterrà e divertirà il pubblico in maniera intelligente accendendo una attuale riflessione circa il modo di voler essere famosi oggi. Questa famigerata "Fama" è cosi importante? E perchè? Cosa siè disposti a fare per essere Famosi? A che prezzo? E' una commedia divertente ma anche intelligente. Si tratta di cultura e di teatro;per davvero. Al Donnafugata sabato 19 novembre alle 21.00 (già tutto esaurito) e la domenica successiva alle ore 18.00, questo spettacolo è inserito all'interno della rassegna "Teatro d'Autore" curata da Vicky e Costanza Diquattro -direttrici artistiche- e porta la regia di Carlo Ferrari. Il carattere irriverente e instancabile della protagonista pone enfasi al valore che il teatro ha nel palcoscenico delle possibilità culturali esistenti. Il teatro resta sempre una forma pura e umana di rappresentazione in empatia diretta con la mente ed il cuore degli spettatori. Se una speranza per il buongusto e per il gusto di vedere un bello spettacolo ancora esiste, ed esiste, il teatro è un ottima alternativa per godere di un opera di pura arte. Come un pupara, Evelyn, regge le fila dei sui personaggi che hanno voci buffe e accenti dal sapore vagamente siciliano. Personaggi che sono parodie di chissà quali storie e persone incontrate in chissà quale momento della vita dell'artista. "Morir di Fama" oltre che essere una geniale commedia è anche un modo per ricordarsi e ricordare che il buon teatro ancora esiste. Nato con l'idea di restituire la dignità al mestire dell'attore è uno spettacolo adatto a tutti. Non perdibile, imperdibile. ufficio stampa

di Vittorio Sica


MORIR DI FAMA

L'ESILARANTE MONOLOGO COMICO DELLA PLURIPREMIATA ARTISTA SICILIANA QUANDO 19 E 20 NOVEMBRE 2011 ORE SAB 21:00 DOM 18:30 DOVE TEATRO DONNAFUGATA / RAGUSA IBLA (RG) PREZZO 12,00EURO

Di e con Evelyn Famà Vincitrice del Festival Nazionale del Cabaret, Premio Ernst Thole, Premio Hystrio alla Vocazione, Premio Internazionale Salvo Randone, Premio Calandra -menzione speciale “...per la sua straordinaria interpretazione...” REGIA Carlo Ferreri SCENE COSTUMI Simone Raimondo PRODUZIONE C.F.produzioni Evelyn Famà, giovane artista poliedrica definita dalla stampa nazionale: “autentica, virtuosistica, sublime, trasformista, animale da palcoscenico, esplosiva, adrenalinica, versatile...”Ultimamente coprotagonista in coppia comica con Nino Frassica nel film “un milione di giorni”, nonché presenza fissa nel programma “Bambine Cattive” su Comedy Central-Sky. Con brani tratti da “Morir di fama”, ha vinto il Festival Nazionale del Cabaret di Torino, il Premio Ernst Thole per L'originalità comica, il premio Hystrio alla vocazione, il premio Internazionale Salvo Randone...Lo spettacolo la vedrà vestire i panni di una “attrice” stressata da una cugina ventenne che, come lei, sogna un futuro in TV. Subirà le bizzarre manie della cugina Rita e di parenti tutti matti, mentre assurde telefonate scandiranno lo scorrere del tempo in questo strano mondo in cui è costretta a vivere, tartassata dal culto del successo e dell’immagine. PRENOTA al 3392912245 ED ECCO GLI ALTRI 3 APPUNTAMENTI DELLA STAGIONE Sab17 ore 21:00, Dom18 ore 18:30 Dicembre “Mistero buffo” Lo spettacolo del premio Nobel Dario Fo in vernacolo siciliano di Dario Fo con Antonio Venturino Più di 800 repliche in giro per il mondo Fino a poco tempo fa, Venturino, è stato l’unico al mondo autorizzato dal maestro Fo a portare lo spettacolo Mistero Buffo -giullarata popolare in giro per i teatri. Replicato più di 800 volte in tutto il mondo, la versione di Venturino, utilizza il dialetto Chiazzese ovvero il vernacolo di Piazza Armerina, arcaico, ma pregno di capacità comunicativa. In questo spettacolo, protagonisti sono il “verbo siculo” e la “parola” di Venturino (che è stata definita ufficio stampa


“torrenziale”). Antonio inizia la carriera recitando in ruoli da protagonista in testi di Mrozeck, De Benedetti, Ionesco e Fava. Approdato al “Piccolo” di Milano, collabora con Ferruccio Soleri per il bicentenario di Goldoni allo storico teatro Olimpico di Vicenza.Venturino vive oggi a Nottingham. Lavora sia all'estero che in Italia. In Inghilterra ha fondato COUP de MASQUE e insegna le tecniche di commedia Dell' arte QUARTO APPUNTAMENTO Ven13 ore 21:00, Sab14 ore 21:00 Gennaio “Il Matrimonio può attendere” Ecco i trentenni in crisi di Diego Ruiz con Francesca Nunzi e Diego Ruiz Un cult:100 repliche all'insegna del buon umore REGIA Nicola Pistoia PRODUZIONE Teatro dei Satiri In una notte di luna piena uno schianto squarcia il silenzio. La donna al volante e l’uomo accanto a lei sembrano non avere speranze…E’ questo l’inizio della nuova esilarante commedia, un vero cult per le sue già festeggiate 100 repliche all'insegna del buonumore! Con Diego Ruiz e Francesca Nunzi che, si scateneranno in un feroce scontro sui rapporti di coppia, sul matrimonio e sui piccoli grandi interrogativi dei trentenni: Meglio singles che male accompagnati? E i figli? Cosa ci sarà mai di così infinitamente tenero nel cambiare un pannolino sporco? Chi ha detto che i 30 anni sono la più bella età? Provatelo a chiedere a Diego e a Francesca: riderete fino alle lacrime. Diego Ruiz attore ed autore di numerosi spettacoli di successo come “Orgasmo e pregiudizio” 2001(replicato per 10 anni) insieme a Francesca Nunzi attrice che vanta numerose partecipazioni al cinema ed in TV(Maresciallo Rocca, Il Bello delle donne, Don Matteo, Notte prima degli esami...)formano ormai da anni una affiatata coppia teatrale. QUINTO APPUNTAMENTO Sab25 ore 21:00, Dom26 ore 18:30 Febbraio “Una volta nella vita” storia fantastica di quattro cadaveri che si risvegliano di Gianni Clementi con Marco Cavallaro e con Antonio Conte, Fabrizio Gaetani, Lenni Lippi, Ignazio Raso Ritmi serrati, battute dirompenti, momenti di vera poesia REGIA Felice Della Corte PRODUZIONE Esagera Cosa hanno in comune un piccolo fallito rapinatore romano, un bancario logorroico falso Marxsista, un mago siciliano da quattro soldi ed una bella ragazza dal viso angelico? Assolutamente nulla se non una piccola cosa: sono tutti morti!!Si siamo in un obitorio e quattro cadaveri sono sotto le lenzuola. Tutti si svegliano e tutti vogliono scappare da quel posto convinti di non essere quello che sono. I morti litigano, fanno pace, tentano una seduta spiritica, cercano di rubare una macchina, tentano di capire come sono finiti in quel posto, ma soprattutto fanno ridere. Si ridere della morte, si ridere della vita che fu e si trova anche il tempo di commuoversi. A loro si aggiunge anche un portantino dell'obitorio che, tra un colpo di tenaglia ed una telefonata alla moglie stressata dalle griffe e dai vicini che comprano tutto, ha uno svenimento mortale. Ritmi serrati, battute dirompenti, momenti di vera poesia per una delle commedie più originali degli ultimi anni dove il pubblico si innamorera di questi poveri”disgraziati” rimasti “nudi” sotto le lenzuola.

ufficio stampa


Protagonista Evelyn Famà

Ragusa, successo al teatro Donnafugata con lo spettacolo "Morir di Fama" Scritto da Felicia Rinzo

Lunedì 21 Novembre 2011

Ragusa - Scorre nel dilemma fra il fare la casalinga ovvero l'attrice, il lavoro presentato al teatro Donnafugata di Ragusa Ibla “Morir di fame”. Una commedia brillante con una Evelyn Famà in grande forma che ha dato il meglio davanti ad un pubblico che ha seguito la doppia rappresentazione (sabato sera e domenica pomeriggio) in un teatro gremito. "Morir di fama", interpretato dall'attrice catanese, ha la regia di Carlo Ferreri e le scene ed i costumi di Simone Raimondo. Regole per diventare famosi? Successo e fama quelle più importanti. Ma con "Morir di fama" viene spiegato che non sempre questi due ingredienti sono sinonimo di qualità e così il lavoro di Ferreri diventa una critica-monito a quanti, dal Grande Fratello alla Talpa, da Amici alla Fattoria, pensano che sia la strada giusta per diventare attori e abbracciare il divismo. Per far parte del "mondo dei vip", la strada da seguire è quello dello studio per andare avanti evitando la visibilità usa e getta. Sul palco Evelyn Famà è l'interprete di tanti personaggi: non è più soltanto Evelyn aspirante attrice, ma anche una mamma che sprona la figlia a diventare una star, o ancora la zia Melissa che dà lezioni di “falso magro” invitando la nipote a maritarsi e a fare la casalinga, o ancora la cugina di Caltanissetta maniaca della pulizia, o la cantilenante zia palermitana tutta casa e chiesa. Non mancano divertenti tic e piccole coreografie che mettono in evidenza la completezza artistica della protagonista, vincitrice del festival nazionale del cabaret. Il prossimo appuntamento con la stagione teatrale è per il 17 e 18 dicembre prossimi con “Mistero buffo" con Antonio Venturino in una rielaborazione del famoso testo del premio Nobel Dario Fò.

ufficio stampa


Successo e tutto esaurito per Evelyn Famà in “Morir di fama” •

21/11/2011

Un vero e proprio “one girl show” per prendere in giro il particolarissimo e al tempo stesso fagocitante mondo dello spettacolo, tra attricette da quattro soldi, comparsate in tv e partecipazioni ai reality. Lungo questa traccia, doppio successo sabato sera e domenica pomeriggio per lo spettacolo “Morir di fama”, interpretato dall’attrice catanese Evelyn Famà al Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla nell’ambito della stagione “Teatro d’attore”. Con la regia di Carlo Ferreri, che è anche consulente artistico della stagione teatrale, e le scene e i costumi di Simone Raimondo, tutto esaurito in entrambe le date. Una commedia brillante giocata sul continuo cambiamento delle proprie idee e sugli obiettivi da raggiungere rispetto ai quali nemmeno San Genesio, protettore degli artisti, riesce a dare un’inequivocabile risposta.

ufficio stampa


CABARET, NUOVO SUCCESSO AL TEATRO DONNAFUGATA CON EVELYN FAMA’ E IL SUO “MORIR DI FAMA” 2011-11-22 12:15:49

RAGUSA – Un vero e proprio "one girl show" per prendere in giro il particolarissimo e al tempo stesso fagocitante mondo dello spettacolo, tra attricette da quattro soldi, comparsate in tv e partecipazioni ai reality. In mezzo, c'è il dilemma di una giovane donna, un'aspirante attrice che non sa se tentare la strada per diventare star della tv o se invece continuare la tradizione delle donne della propria famiglia, ovvero fare la casalinga. Lungo questa traccia, doppio successo lo scorso fine settimana per lo spettacolo "Morir di fama", interpretato dall'attrice catanese Evelyn Famà (nella foto in scena) al Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla nell'ambito della stagione "Teatro d'attore". Con la regia di Carlo Ferreri e le scene e i costumi di Simone Raimondo, tutto esaurito in entrambe le date. Una commedia brillante giocata sul continuo cambiamento delle proprie idee e sugli obiettivi da raggiungere rispetto ai quali nemmeno San Genesio, protettore degli artisti, riesce a dare un’inequivocabile risposta. Del resto davanti a tutto e a tutti c'è la magica e affascinante porta d'ingresso del mondo dello spettacolo dove le regole d'oro sono successo e fama. Ma "Morir di fama" spiega che non sempre questi due ingredienti sono sinonimo di qualità. C'è chi varca quella porta attraverso i reality show della tv. “Morir di Fama” diventa così una critica-monito a quanti, dal Grande Fratello alla Talpa, da Amici alla Fattoria, pensano che sia la strada giusta per diventare attori e abbracciare il divismo. Per far parte del "mondo dei vip" è esclusivamente lo studio la strada da seguire perché solo quello darà le basi per andare avanti evitando la visibilità usa e getta che la tv nazional popolare regala ma solo il tempo del reality. Una critica non necessariamente esagerata, ma che accompagna le storie della protagonista della commedia, attrice sognatrice, diva in pectore, moglie casalinga in potenza. Il racconto di avventure e disavventure con l’interpretazione di tanti personaggi caratterizzati dalla mimica, dal differente accento, dai costumi di scena. E così Evelyn Famà non è più soltanto Evelyn aspirante attrice, ma anche sua mamma che sprona la figlia a diventare una star, o ancora la zia Melissa che dà lezioni di “falso magro” invitando la nipote a maritarsi e a fare la casalinga, o ancora la cugina di Caltanissetta maniaca della pulizia, o la cantilenante zia palermitana tutta casa e chiesa. Non mancano divertenti tic e piccole coreografie che mettono in evidenza la completezza artistica della protagonista tra l’altro vincitrice del festival nazionale del cabaret. Prossimo appuntamento con la stagione teatrale è per il 17 e 18 dicembre con "Mistero buffo" con Antonio Venturino. Una rielaborazione del famoso testo del premio Nobel Dario Fò. Info sul sito www.teatrodonnafugata.com

ufficio stampa


IL 17 E 18 DICEMBRE

«Mistero buffo»: giullarata popolare di Dario Fo in vernacolo siciliano Venturino al Teatro di Donnafugata di Ragusa Ibla Antonio Venturino

CATANIA - La stagione del Teatro di Donnafugata di Ragusa Ibla propone il 17 e il 18 dicembre «Mistero buffo» di Dario Fo con Antonio Venturino. Venturino è l’unico attore che ha ottenuto dal Premio Nobel per la letteratura Fo una liberatoria per la messa in scena del Mistero Buffo in vernacolo siciliano. Dal giorno della sua prima rappresentazione ad oggi questo Mistero Buffo siciliano è stato replicato più di ottocento volte, ricevendo apprezzamenti e premi. Il dialetto utilizzato è arcaico, quasi letterario, eppure straordinariamente fresco e ricco di enorme capacità comunicativa. Si tratta del chiazzese, il vernacolo di Piazza Armerina, cittadina unica nel panorama siciliano col suo incrocio di culture diverse e di tradizioni eterogenee che hanno influenzato anche l’espressione orale. In questa celeberrima giullarata popolare, il “verbo siculo” e la “parola” di Venturino incarnano perfettamente l’immortale maschera di Zanni con tonalità convincenti, originali e trascinanti. Antonio Venturino è nato a piazza Armerina e ha iniziato la sua carriera di attore con la cooperativa “Aquarius”, recitando in ruoli da protagonista in rappresentazioni teatrali di Mrozeck, De Benedetti, Ionesco e Fava, solo per citarne alcuni. Inizialmente ha studiato a Roma alla scuola “Circo a Vapore”, analoga alla “Ecole Lecoq” di Parigi, approdando successivamente al famoso “Piccolo” di Milano, sotto Ferruccio Soleri, ancora oggi maestro della Commedia e del ‘Primo Arlecchino’. Al completamento di questo ciclo di studi, è invitato dal maestro Soleri a recitare presso il teatro Olimpico di Vicenza in occasione delle celebrazioni per il bicentenario di Goldoni, ricevendo ottime critiche. Venturino ha lavorato in tutta Italia recitando in una vasta gamma di spettacoli, viaggiando anche in Inghilterra. Sebbene tutt’ora lavori regolarmente in Italia, adesso vive a Nottingham dove, insieme all’attrice inglese Tina Harris, insegna le tecniche di Commedia dell’Arte in numerose scuole di recitazione, accademie, università e scuole. Fonte Italpress 28 novembre 2011(ultima modifica: 29 novembre 2011) ufficio stampa


PROSSIMI APPUNTAMENTI AL TEATRO DONNAFUGATA | RAGUSA IBLA NOVEMBRE 28, 2011 IBLAWEB

La stagione del Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla inizia il 17 dicembre con «Mistero buffo» di Dario Fo con Antonio Venturino. Un grande appuntamento, Venturino è tra i pochi attori che hanno ottenuto dal Premio Nobel per la letteratura Fo una liberatoria per la messa in scena del Mistero Buffo in vernacolo siciliano.Dal giorno della sua prima rappresentazione ad oggi questo Mistero Buffo siciliano è stato replicato più di ottocento volte, ricevendo apprezzamenti e premi. Il dialetto utilizzato è arcaico, quasi letterario, eppure straordinariamente fresco e ricco di enorme capacità comunicativa. In questa celeberrima giullarata popolare, il “verbo siculo” e la “parola” di Venturino incarnano perfettamente l’immortale maschera di Zanni con tonalità convincenti, originali e trascinanti.

La Stagione Teatrale MISTERO BUFFO CON ANTONIO VENTURINO DA “MISTERO BUFFO” di Dario Fo 17 dicembre ore 21.00 18 dicembre ore 18.30

Leggi tutto: Mistero buffo

IL MATRIMONIO PUO’ ATTENDERE CON FRANCESCA NUNZI E DIEGO RUIZ REGIA: Nicola Pistoia Venerdì 13 gennaio ore 21.00

PRODUZIONE: Teatro dei Satiri TESTO: Diego Ruiz 14 gennaio ore 21.00 Leggi tutto: Il matrimonio può attendere

UNA VOLTA NELLA VITA DI GIANNI CLEMENTI CON MARCO CAVALLARO, ANTONIO CONTE, FABRIZIO GAETANI, LENNI LIPPI, IGNAZIO RASO REGIA: Felice Della Corte Produzione: Esagera 25 febbraio ore 21.00 26 febbraio ore 18.30 Maggiori info sul sito del teatro: www.teatrodonnafugata.com ufficio stampa

Leggi tutto: Una volta nella vita


01 DICEMBRE 2011 | 08:00 | TEATRO

Il MISTERO BUFFO di DARIO FO parla in SICILIANO Il 17 e 18 dicembre prossimi, il Teatro di Donnafugata di Ragusa Ibla proporrà al pubblico Mistero Buffo di Dario Fo, con Antonio Venturino. Venturino è l’unico attore che ha ottenuto dal Premio Nobel per la Letteratura una liberatoria per la messa in scena di Mistero Buffo in siciliano. Dal giorno della sua prima rappresentazione a oggi, questoMistero Buffo siciliano è stato replicato più di ottocento volte. Il dialetto utilizzato è il chiazzese, il vernacolo di Piazza Armerina. In questa celeberrima giullarata popolare, il “verbo siculo” e la “parola”di Venturino incarnano perfettamente l’immortale maschera di Zannicon tonalità convincenti, originali e trascinanti.

ufficio stampa


MERCOLEDÌ 7 DICEMBRE 2011

Cinema a Ragusa e Teatro a Ragusa Ibla Due eventi di CINEMA e TEATRO a Ragusa, che in parte coincidono con il lungo week end dell'Immacolata: COSTAIBLEA FILM FESTIVAL e TEATRO D'ATTORE. Innanzitutto quest’anno si celebra il XX anniversario del Costaiblea, come non può non ricordare il direttore artistico Vito Zagarrio; la manifestazione si apre con la giornata dedicata a Divorzio all’italiana. Giorno 10 sarà consegnato il Carrubo d’oro a Dario Argento l’unico regista italiano cult di horror e giallo. Tra gli altri appuntamenti, le anteprime siciliane, come il documentario La voce del corpo di Luca Vullo e il film di Manuel Giliberti, Un milione di giorni , girato in provincia di Ragusa. Interverranno il regista, il produttore Camillo Esposito, gli attori Chiara Caselli, Carlo Ferreri, Evelyn Famà ,Giulia Gulino, Mita Medici. La stagione teatrale Teatro D'attore, che ha come direttrici artistiche Costanza e Vicky Diquattro e si avvale della consulenza artistica di Carlo Ferreri, è giunta al III appuntamento: “Mistero Buffo” si terrà nello splendido teatro del Palazzo Donnafugata nel cuore di Ragusa Ibla, un'occasione da non perdere anche solo per visitare il teatrino che è veramente un gioiello nascosto! in occasione della STAGIONE TEATRO D'ATTORE 2011/2012 18 Dicembre 2011 ore 18:30 Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla Via Pietro Novelli, 3 MISTERO BUFFO lo spettacolo del premio nobel in vernacolo Siciliano di Dario Fo con Antonio Venturino ingresso 12 euro prenotazioni 3392912245

ufficio stampa


Notizia letta: 799 volte

17/12/2011 17:20

Appuntamenti | Ragusa

Mistero Buffo oggi e domani al Teatro Donnafugata Ragusa - Un fine settimana dedicato allo spettacolo più famoso del premio Nobel Dario Fo che proprio qualche giorno fa, in videoconferenza, si è collegato con la provincia di Ragusa per dare un suo contributo culturale nel corso di un convegno. Sabato 17 e domenica 18 dicembre il Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla propone l’eccezionale presenza di Antonio Venturino, tra i pochissimi attori nel mondo autorizzati a mettere in scena lo spettacolo “Mistero buffo”, la famosa “giullarata” popolare replicata più di 800 volte. A Ibla viene proposta la versione di Venturino che utilizza il dialetto Chiazzese, ovvero il vernacolo di Piazza Armerina, decisamente arcaico ma pregno di capacità comunicativa. In questo spettacolo protagonisti sono il “verbo siculo” e la “parola” di Venturino che incarnano perfettamente l’immortale maschera di Zanni, personaggio della commedia dell’arte, con tonalità convincenti, originali e trascinanti. Il dialetto siciliano presentato dall’artista non è certo quello ormai oleografico di tanta parte del cinema che lo ha identificato soltanto come espressione di gelosia, di sorniona capacità di truffa o di tristi doppi sensi di marca mafiosa. Il dialetto utilizzato ha invece il sapore letterario. Antonio Venturino, nato proprio a Piazza Armerina, ha iniziato la carriera recitando in ruoli da protagonista in testi di Mrozeck, De Benedetti, Ionesco e Fava. Approdato al “Piccolo” di Milano, collabora con Ferruccio Soleri per il bicentenario di Goldoni allo storico teatro Olimpico di Vicenza. Venturino vive oggi a Nottingham. Lavora sia all'estero che in Italia. In Inghilterra ha fondato “Coup de masque” e insegna le tecniche di commedia dell' arte. Per lo spettacolo di sabato sera c’è già il sold out. Ancora qualche posto libero per domenica 18 dicembre anche se si va verso il tutto esaurito considerato l’eccezionalità dell’evento culturale. Info sul sitowww.teatrodonnafugata.com Redazione ufficio stampa


19/12/2011 - 16:34 Due date, due sold out

“MISTERO BUFFO” DI FO AL TEATRO DONNAFUGATA Uno spettacolo di alta qualità, pieno di ironia travolgente e di grande intelligenza, che ha lasciato stupefatti e divertiti gli spettatori del teatro Donnafugata di Ragusa Ibla: la rappresentazione, in sold out per entrambe le date di sabato e domenica, ha visto recitare sul palco il bravissimo Antonio Venturino che ha proposto il di “Mistero buffo” di Dario Fo. Da vero giullare, Venturino ha saputo immediatamente creare il rapporto con il pubblico conquistandolo, proprio come insegna la commedia dell’arte. La particolarità dello spettacolo è stata la riproposizione in dialetto chiazzese, dialetto di Piazza Armerina, del famoso spettacolo del premio Nobel per il quale dallo stesso Fo, Venturino ha avuto autorizzazione per l’adattamento. Così, in dialetto, è iniziata la prima giullarata: l’incontro tra un contadino suicida e Gesù, da cui nacque la figura del giullare. Poi passa a presentare un incontro tra un giullare e papa Bonifacio, uno dei più corrotti del tempo. Ed ancora, via via, le altre giullarate come quella riguardante un povero che, indossando la maschera dello Zanni, il nullatenente di un tempo, racconta il suo sogno, quello di preparare un pranzo smisurato. E poi ancora il racconto del miracolo delle “nozze di Cana”, dal punto di vista di un ubriaco, e infine l’attore si tramuta in una matta che incontra la Madonna durante la strage degli innocenti di Erode. Un turbinio di lingue diverse tutto condito dal tipico linguaggio “grammelot”, tipico della commedia dell’arte, fatto di espressioni e suoni onomatopeici. Come Venturino ha sottolineato: “Il merito di Dario Fo, scrivendo questo testo di grande efficacia, è quello di aver avuto la brillante intuizione di riproporre al pubblico moderno lo stile della commedia dell’arte”. Venturino, ha inoltre specificato come la scelta del suo dialetto sia obbligata per l’esigenza di entrare maggiormente nel testo, ma non è mai stato un ostacolo anche nelle tante repliche all’estero, grazie al “grammelot” accompagnato da un linguaggio del corpo più sottolineato e ad un accorgimento che prevede di intervallare idiomi diversi per non stancare il pubblico. “Abbiamo avuto il tutto esaurito anche per questo terzo appuntamento – ha spiegato l’attore e regista Carlo Ferreri, consulente della stagione teatrale – La presenza di Venturino e la rappresentazione di Mistero Buffo hanno confermato la valenza delle scelte fatte, gradite dal pubblico e che cementificano le fondamenta per sviluppare ulteriori momenti di grande cultura anche nel prossimo futuro. Del resto non capita tutti i giorni di poter assistere alla riproposizione della rappresentazione teatrale di Fo e poi con un attore bravissimo come Venturino. Il pubblico ragusano lo ha ben compreso e non si è lasciato sfuggire questa occasione davvero rara”. Gli spettatori hanno poi avuto la possibilità di ammirare la mostra fotografica di Gino Taranto, medico con la grande passione della fotografia. Ha proposto la mostra dal titolo “FluidArt”, divisa tra la sala Vicky e la sala Costanza nei foyer del teatro: un’esposizione in continua evoluzione, che trova di settimana in settimana varie sostituzioni con l’arricchimento di scatti realizzati durante gli spettacoli, le prove, nei camerini durante il trucco. La rassegna “Teatro d’attore” al teatro Donnafugata, proseguirà a gennaio, il 13 e 14, con lo spettacolo “Il matrimonio può attendere”, storia dei trentenni in crisi, produzione del “Teatro dei satiri”. Info sul sitowww.teatrodonnafugata.com. ufficio stampa

di Martina Guastella


Mistero Buffo oggi e domani al Teatro Donnafugata 17 dic | Sabato 17 e domenica 18 dicembre il Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla propone l’eccezionale presenza di Antonio Venturino, tra i pochissimi attori nel mondo autorizzati a mettere in scena lo spettacolo “Mistero buffo”, la famosa “giullarata” popolare ... Pagina Notizia e Commenti | RagusaNews | Letture: 14 | Voti: 0

PA Il MISTERO BUFFO di DARIO FO parla in SICILIANO 01 dic | Il 17 e 18 dicembre prossimi, il Teatro di Donnafugata di Ragusa Ibla proporrà al pubblico Mistero Buffo di Dario Fo, con Antonio Venturino. Pagina Notizia e Commenti | SiciliaOnLine.it | Letture: 10

ufficio stampa


Al Donnafugata "Il matrimonio può

attendere" Ragusa

MERCOLEDÌ 11 GENNAIO 2012

SCRITTO DA REDAZIONE

Trentenni in crisi? Decisamente si, e dunque “Il matrimonio può attendere”. E’ questo il titolo della prossima commedia della stagione teatrale “Teatro d’attore” al Teatro Donnafugata a Ragusa Ibla. Una rappresentazione intrisa di assoluta modernità, ma anche di tanta comicità grazie alla divertente interpretazione della compagnia del Teatro dei Satiri di Roma che andrà in scena venerdì 13 e sabato 14 gennaio nel cuore del quartiere barocco. La commedia è scritta da Diego Ruiz che sarà sul palco assieme a Francesca Nunzi. In ambito italiano è praticamente un cult con oltre 100 repliche tutte all’insegna del buon umore. La regia è curata da Nicola Pistoia con la produzione proprio del Teatro dei Satiri. Tutto viene giocato su un feroce scontro sui rapporti di coppia, sul matrimonio e sui piccoli grandi interrogativi dei trentenni. E’ meglio restare single o essere “mal accompagnati”? E i figli? Cosa ci sarà mai di così infinitamente tenero nel cambiare un pannolino sporco? Chi ha detto che i 30 anni sono la più bella età? Diego e Francesca proveranno sul palco a dare delle loro risposte, spingendo il pubblico in situazioni assolutamente divertenti e piene di risate. Diego Ruiz, attore ed autore di numerosi spettacoli di successo come “Orgasmo e pregiudizio” (replicato per 10 anni), insieme a Francesca Nunzi, attrice che vanta numerose partecipazioni al cinema ed in tv (Maresciallo Rocca, Il Bello delle donne, Don Matteo, Notte prima degli esami), formano ormai da anni una affiatata coppia teatrale. E anche per questa occasione daranno il massimo per un appuntamento che eccezionalmente si svolgerà venerdì e sabato, in entrambi i casi alle ore 21 e senza la consueta replica domenicale. La stagione teatrale, che ha visto la consulenza dell’attore e regista Carlo Ferreri, è curata dalle direttrici artistiche Vicky e Costanza Diquattro e gode del patrocinio di Comune e Provincia regionale di Ragusa e di vari sponsor privati. Info sul sito www.teatrodonnafugata.com

ufficio stampa


Ragusa: Teatro Donnafugata A Ragusa Ibla, Il Matrimonio Può Attendere.

Nunzi Ruiz

Trentenni in crisi? Decisamente si, e dunque “Il matrimonio può attendere”. E’ questo il titolo della prossima commedia della stagione teatrale “Teatro d’attore” al Teatro Donnafugata a Ragusa Ibla. Una rappresentazione intrisa di assoluta modernità, ma anche di tanta comicità grazie alla divertente interpretazione della compagnia del Teatro dei Satiri di Roma che andrà in scena venerdì 13 e sabato 14 gennaio nel cuore del quartiere barocco. La commedia è scritta da Diego Ruiz che sarà sul palco assieme a Francesca Nunzi. In ambito italiano è praticamente un cult con oltre 100 repliche tutte all’insegna del buon umore. La regia è curata da Nicola Pistoia con la produzione proprio del Teatro dei Satiri. Tutto viene giocato su un feroce scontro sui rapporti di coppia, sul matrimonio e sui piccoli grandi interrogativi dei trentenni. E’ meglio restare single o essere “mal accompagnati”? E i figli? Cosa ci sarà mai di così infinitamente tenero nel cambiare un pannolino sporco? Chi ha detto che i 30 anni sono la più bella età? Diego e Francesca proveranno sul palco a dare delle loro risposte, spingendo il pubblico in situazioni assolutamente divertenti e piene di risate. Diego Ruiz, attore ed autore di numerosi spettacoli di successo come “Orgasmo e pregiudizio” (replicato per 10 anni), insieme a Francesca Nunzi, attrice che vanta numerose partecipazioni al cinema ed in tv (Maresciallo Rocca, Il Bello delle donne, Don Matteo, Notte prima degli esami), formano ormai da anni una affiatata coppia teatrale. E anche per questa occasione daranno il massimo per un appuntamento che eccezionalmente si svolgerà venerdì e sabato, in entrambi i casi alle ore 21 e senza la consueta replica domenicale. La stagione teatrale, che ha visto la consulenza dell’attore e regista Carlo Ferreri, è curata dalle direttrici artistiche Vicky e Costanza Diquattro e gode del patrocinio di Comune e Provincia regionale di Ragusa e di vari sponsor privati.

ufficio stampa


12/01/2012 - 03:21 Una commedia che coinvolgerà il pubblico del Teatro Donnafugata di Ibla

LA COMPAGNIA TEATRO DEI SATIRI IN “IL MATRIMONIO PUO’ ATTENDERE” Trentenni in crisi? Assolutamente si, e quindi “Il matrimonio può attendere”. E’ questo il titolo della prossima commedia della stagione teatrale “Teatro d’attore” al Teatro Donnafugata a Ragusa Ibla. In una notte di luna piena uno schianto squarcia il silenzio. La donna al volante e l’uomo accanto a lei sembrano non avere speranze…È questo l’inizio della nuova spiritosa commedia, intrisa di totale modernità, ma anche di molto umorismo grazie alla divertente e coinvolgente interpretazione della compagnia del Teatro dei Satiri di Roma che andrà in scena venerdì 13 e sabato 14 gennaio nel cuore del quartiere barocco. La commedia è scritta da Diego Ruiz che sarà sul palco assieme a Francesca Nunzi. In ambito italiano è praticamente un cult con oltre 100 repliche tutte all’insegna del buon umore e del divertimento che non guasta mai. La regia è curata da Nicola Pistoia con la produzione proprio del Teatro dei Satiri. Tutto viene giocato su un feroce e acceso scontro sui rapporti di coppia, sul matrimonio e sui piccoli grandi interrogativi e sulle problematiche dei trentenni. E’ meglio restare single o essere “mal accompagnati”? E i figli? Cosa ci sarà mai di così infinitamente tenero e invitante nel cambiare un pannolino sporco? Chi ha detto che i 30 anni sono la più bella età? Diego e Francesca proveranno sul palco a dare delle loro risposte, facendo partecipare il pubblico a situazioni assolutamente divertenti e piene di risate. Diego Ruiz, attore ed autore di numerosi spettacoli di spessore che hanno ottenuto un enorme successo come “Orgasmo e pregiudizio” (replicato per 10 anni), con Francesca Nunzi, attrice che vanta numerose partecipazioni al cinema ed in tv (Maresciallo Rocca, Il Bello delle donne, Don Matteo, Notte prima degli esami), formano ormai da anni una affiatata e collaudata coppia teatrale. E anche per questa occasione daranno il meglio di loro per un appuntamento che eccezionalmente si svolgerà venerdì e sabato, in entrambi i casi alle ore 21 e senza la solita replica domenicale. La stagione teatrale, che ha visto la consulenza dell’attore e regista Carlo Ferreri, è curata dalle direttrici artistiche Vicky e Costanza Diquattro e gode del patrocinio di Comune e Provincia regionale di Ragusa e di vari sponsor privati.

di Mauro Vargetto

ufficio stampa


CULTURA E SPETTACOLO

IL MATRIMONIO PUO’ ATTENDERE 12/01/2012 12:0

In una notte di luna piena un’automobile percorre una strada di campagna. Una curva pericolosa, un momento di distrazione. Uno schianto squarcia il silenzio. La donna al volante e l’uomo accanto a lei sembrano non avere speranze. E’ la prima scena di un film noir dalle atmosfere rarefatte? Macché! E’ l’inizio dell’esilarante commedia con Diego Ruiz e Francesca Nunzi che sarà portata in scena per la regia di Nicola Pistoia venerdì 13 e sabato 14 gennaio alle 21 al Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla. “Il matrimonio può attendere” è il titolo della commedia che esplora con scrupolo malizioso le gioie e i dolori del sesso, i rapporti di coppia, il matrimonio e i piccoli grandi interrogativi dei trentenni. Info e prenotazioni ai numeri: 338.4805550 – 339.2912245 – 333.9443802.

ufficio stampa


ufficio stampa


14/01/2012 - 12:10 Sabato sera alle 21 la replica dello spettacolo della rassegna “Teatro d’attore”

“IL MATRIMONIO PUO’ ATTENDERE”… AL TEATRO DONNAFUGATA DI IBLA Se in “The rocky horror picture show” a Susan Sarandon e Berry Bostwick aver la macchina rotta in una strada in mezzo al bosco diventa l'occasione per conoscere lo “sweet trasvenstite” Frnk’n-Further e i piaceri della carne, per Diego e Francesca, i protagonisti de “Il matrimonio può attendere”,diventa l’opportunità per fare il punto della rispettiva situazione sentimentale. L’esilarante commedia, con Diego Ruiz e Francesca Nunzi per la regia di Nicola Pistoia, andata in scena ieri sera al Teatro Donnafugata di Ibla ( anche stasera in scena sempre alle ore 21), e che vanta più di 100 repliche, racconta la storia di due trentenni in crisi bloccati fuori strada per un incidente, su di un palco la cui unica scenografia è costituita dal muso di una Mini ammaccata immersa tra le piante. Singles entrambi in quell’età in cui si può cominciare a fare i conti su tanti aspetti della propria vita, le battute del “Il matrimonio può aspettare” si snodano sui clichè tipici dei trentenni e delle trentenni, tema caro all'autore nonché protagonista, Diego Ruiz, che ha deciso di mantenere gli stessi personaggi della sua precedente commedia “Orgasmo e pregiudizio”, (7 anni di repliche), già ospitata dal Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla. Lo spettacolo diventa un viaggio nei rapporti di coppia tra desideri nascosti e voglia di maternità, ambizione e responsabilità, tenerezze e voglia di libertà, rapporti di coppia e matrimonio, per scatenare nel pubblico equivoci e reazioni, per provocare gli spettatori su un tema già trattato in televisione e nei teatri, ma sempre attuale, e confezionato con taglio cinico e irriverente. Dilagante la simpatia e la bravura dei due attori protagonisti (Ruiz poi è anche autore dello spettacolo) che, spesso sopra le righe, alzando la voce o aumentando in modo esagerato la gestualità, danno maggiore intensità alle battute, e sono riusciti ancor di più a far sorridere nell’improvvisazione con estrema spontaneità Lo spettacolo faceva parte della rassegna “Teatro d’attore” del Teatro Donnafugata, che ha già visto in scena gli spettacoli “Metti una sera che…ne parliamo”, “Morir di fama”, “Mistero buffo” e che ospiterà il 25 e 26 febbraio lo spettacolo “Una volta nella vita” di Gianni Clementi .

di Martina Guastella ufficio stampa


23/02/2012 - 07:35 Un’intensa e divertente commedia conclude sabato e domenica la stagione teatrale “Teatro d’Attore”

IN SCENA AL TEATRO DONNAFUGATA “UNA VOLTA NELLA VITA” Cosa hanno in comune un piccolo fallito rapinatore romano, un bancario logorroico falso Marxista, un mago siciliano da quattro soldi ed una bella ragazza dal viso angelico? Niente se non una piccola cosa: sono tutti morti! Uno stravagante e divertente appuntamento quello di sabato e domenica prossimi al Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla. Spettacolo conclusivo della rassegna “Teatro d’Attore”, arriva nel capoluogo ibleo un’imperdibile ed eccellente produzione “Esagera” di Gianni Clementi, con la regia di Felice Della Corte. In scena, il 25 febbraio alle ore 21,00 e il 26 febbraio alle ore 18,30 “Una volta nella vita”, una commedia frizzante, spumeggiante ed “esagerata” interpretata da Marco Cavallaro, Andrea Pirolli, Lenni Lippi, Guido Goitre e Antonio Conte. Siamo in un obitorio e quattro cadaveri sono sotto le lenzuola. Tutti si svegliano e vogliono scappare da quel posto perché convinti di non essere quello che sono. I morti litigano, fanno pace, tentano una seduta spiritica, cercano di rubare una macchina e di comprendere come sono finiti in quel posto, ma specialmente fanno ridere. A loro si aggiunge anche un portantino dell'obitorio che, tra un colpo di tenaglia ed una telefonata alla moglie stressata e logorata dalle griffe e dai vicini, ha uno svenimento mortale. Il pubblico si innamorerà sicuramente di questi poveri "disgraziati" rimasti "nudi" sotto le lenzuola. Ritmi serrati e incalzanti, battute dirompenti ed esplosive, momenti di vera poesia per una delle commedie più originali degli ultimi anni che arriva adesso a Ragusa concludendo la fortunatissima stagione teatrale 2011/2012 del teatro Donnafugata che ha visto la direzione artistica delle sorelle Vicky e Costanza Di Quattro con la partecipazione, come consulente artistico, di Carlo Ferreri. Ci sono ancora posti liberi per gli spettacoli di sabato 25 e domenica 26 febbraio.

di Mauro Vargetto

ufficio stampa


Una volta nella vita - Teatro a Ragusa Ibla - Guida Sicilia Una volta nella vita - Teatro a Ragusa Ibla - Guida Sicilia. a Ragusa Ibla, dal 25 al 26 Febbraio Sabato 25 alle ore 21.00 e Domenica 26 Febbraio 2011 alle ore 18.30, presso il Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla 'Una volta nella vita' storia fantastica di quattro cadaveri che si risvegliano di Gianni Clementi, con Marco Cavallaro e con Antonio Conte, Fabrizio Gaetani, Lenni ... www.guidasicilia.it - 25-2-2012

ufficio stampa


Link dei servizi video http://www.eventisuditalia.com/2011/09/teatro-donnafugata-di-ragusa-ibla.html

ufficio stampa


rassegna stampa Teatro Donnafugata 2011 - 2012