Issuu on Google+

RASSEGNA STAMPA A CURA DI

tel. 06-99330840 0932-663259 mob. 345/1228330 info@medialivecomunicazione.com www.medialivecomunicazione.com

ufficio stampa


ALLO SPETTACO ACO--DOCUMENTO SULLA “FINANZA KILLER”. ALLO SPAZIO NASELLI DI COMISO UNO SPETT ACO DOMENICA 17 MARZO APPUNTAMENTO CON LA COMPAGNIA ITINERARIA CON LA REGIA DI FELICE CAPPA E LA CONSULENZA ALLA REGIA DEL PREMIO NOBEL DARIO FO COMISO – E’ una “Finanza Killer” quella che asfissia le famiglie e le imprese e che a volte, in modo perfino drammatico, spinge al suicidio. Cronaca di un’Italia che va avanti stretta dalla crisi economica internazionale e dal potere delle banche che guarda ai propri interessi e a quelli della casta ma non certo al popolo che ogni giorno lotta per tentare anche solo di sopravvivere. E sarà questo il cuore della rappresentazione scenica, nell’ambito di un vero e proprio “teatro-documento” che con la consulenza alla regia del premio Nobel Dario Fo, sarà in scena domenica prossima 17 marzo alle ore 21 allo “Spazio Naselli” di Comiso. La Compagnia Itineraria, con la regia di Felice Cappa, proporrà infatti “Finanza Killer – non con i nostri soldi” scritto da Ercole Ongaro e Fabrizio De Giovanni. Lo spettacolo affronta in modo critico l’evoluzione del ruolo delle banche, con particolare riguardo al passaggio dal modello pubblico al modello privato, attraverso la riforma bancaria del 1993 che in Italia spalancò le porte all’attività speculativa. Può sembrare strano ma in questo spettacolo si affrontano in modo divertente e facilmente comprensibile i temi della crisi mondiale, dei mutui subprime, dei derivati, dei titoli tossici, dei paradisi fiscali, delle banche armate e della finanza etica. Temi apparentemente tutt’altro che teatrali ma il vero obiettivo dello spettacolo è quello di informare il pubblico, permettendogli di capire come siamo giunti nella condizione in cui ci troviamo, ma soprattutto cosa sia possibile fare, anche individualmente, per uscirne. E sarà l’autore-attore Fabrizio De Giovanni a raccontare le storie legate al “fenomeno della finanziarizzazione che ha separato l’economia dalla realtà produttiva”. Una finanza senza etica che detta politiche per poter dominare incontrastata, scialando in spese militari e conflitti armati, mercificando ogni bene, impadronendosi di materie prime e risorse. Una finanza per l’appunto killer. Ma ci sono uomini e donne, comunità e popoli, come si scoprirà nel corso dello spettacolo, che dicono “Non con i nostri soldi! Non in nostro nome!”. Persone che resistono alla mercificazione, allo svuotamento delle relazioni, all’annullamento dei valori, cercando di costruire un’altra economia, di un’altra finanza dove al centro stanno la natura e la persona, la preservazione delle risorse naturali e delle relazioni umane, i bisogni della società presente e delle generazioni future. Info sulla pagina www.facebook.com/spazionaselli - recapiti telefonici 0932.963933 - 338.1266355 14 marzo 2013 ufficio stampa Michele Barbagallo per MediaLive

ufficio stampa


"CHE FINE HA FATTO FATTO IL MIO IO?": IO?": SARA’ L'ATTORE FRANCESCO PAOLANTONI A PROPORRE SABATO SERA ALLO SPAZIO NASELLI DI COMISO UNA DIVERTENTE QUANTO INEDITA "COMICO"COMICO-PUBBLICOPUBBLICO-TERAPIA". COMISO – Un appuntamento tutto da ridere quello in programma sabato sera 23 marzo alle ore 21 allo "Spazio Naselli" di Comiso. All'interno della programmazione della stagione teatrale in corso, sarà in scena il brillante attore comico Francesco Paolantoni, protagonista di "Che fine ha fatto il mio io", una piecè che da tempo diverte le platee di tutta la penisola anche grazie al misto di fisicità e surreale fantasia che da sempre costituiscono l’alchimia della originale comicità di Paolantoni. In questo spettacolo il comico ed autore napoletano torna, come già fece in passato con “Killer”, a giocare con la nevrosi. Ma questa volta il pretesto narrativo non è la malattia ma il percorso terapeutico che, tra macchie di Rochak assolutamente vere e test e cure assolutamente improbabili, costituisce la partitura di un assolo che percorre tutti i linguaggi della comicità. La storia è assolutamente divertente visto che il personaggio principale si trova dunque a vivere una crisi esistenziale provocata dalla mezza età e dai difficili tempi in cui viviamo. Ed allora come superare questa crisi? Attraverso una serie di terapie che inevitabilmente coinvolgeranno anche l'ignaro pubblico: idroterapia, musicoterapia, sesso-terapia, cromoterapia, favola-terapia, sono alcune delle pratiche alle quali uno psicoterapeuta, interpretato da Arduino Speranza, costringerà il protagonista nella ricerca del proprio io. Lo spettacolo è una sorta di work in progress, in quanto si trasforma di sera in sera secondo la reazione del protagonista alle terapie e alle eventuali reazioni del pubblico che ne sarà piacevolmente coinvolto. Una sorta di pubblico-terapia che chissà che non possa far bene anche al pubblico stesso visto che ha trovato buon riscontro tra veri psicoanalisti che lo stesso protagonista ha frequentato come paziente, arrivando però a questa conclusione: "ma perché devo andare a parlare con una persona che devo pagare quando posso parlare con tanta persone che pagano me?". Intanto Spazio Naselli propone al pubblico dei servizi innovativi come il servizio di babysitting, nei locali adiacenti al teatro, e perfino il servizio taxi con la possibilità di essere presi e riaccompagnati direttamente a casa. Info sulla pagina www.facebook.com/spazionaselli recapiti telefonici 0932.963933 - 338.1266355

21 marzo 2013 ufficio stampa Michele Barbagallo per MediaLive

ufficio stampa


DA ZELIG LA COMICITA’ APPRODA IN TERRA IBLEA. “PARADOSSI “PARADOSSI E PARASTINCHI” PARASTINCHI” LUNEDI’ 8 APRILE ALLO SPAZIO NASELLI DI COMISO CON I DIVERTENTISSIMI NUZZO E DI BIASE. BIASE. COMISO – Gli appuntamenti di Spazio Naselli a Comiso proseguono con una serata live all'insegna dell'autoironia surreale con il duo comico Nuzzo e Di Biase. Da Zelig la loro comicità approda dunque in terra iblea per una serata, piena di divertimento, fissata per il prossimo lunedì 8 aprile alle ore 21. Il pubblico ragusano piuttosto che vederli in tv avrà così modo di apprezzare la loro comicità direttamente dal vivo, sul palco del Naselli. "Paradossi e parastinchi" è il titolo dello spettacolo che i due attori stanno portando in tour in tutta Italia. Partendo da un viaggio delirante tra i luoghi comuni e le banalità, Corrado Nuzzo e Maria Di Biase mettono in scena situazioni con una forte carica d’ironia e autoironia, un farneticante furore barocco e uno sregolato umorismo divertente e allarmante allo stesso tempo. Conflitti di coppia, tradimenti, amori impossibili, insoddisfazioni personali, sedute psicologiche, mutui inaccessibili, recessione, cultura allo sbando e fede che vacilla, sono passati in rassegna in un continuo botta e risposta di frasi già sentite mille volte, ma che i due bravissimi comici trasformano in divertenti nonsense surreali quanto veritieri. Non a caso, si scusano fin da subito con gli spettatori se in tale apoteosi della banalità lo spettacolo dovesse suscitare oltre che tante piacevoli risate anche qualche intelligente riflessione. Quelle "controindicazioni", come simpaticamente le definiscono, che sono il manifesto di tutta la loro produzione artistica: “La scienza studia i pazzi, noi indaghiamo i disastri che fanno le persone normali”. E' infatti sull’osservazione della “normalità” che Nuzzo e Di Biase hanno negli anni costruito il loro mondo surreale, fin dalla creazione del loro sodalizio artistico nel 2002. La creazione della coppia comica nasce dal comune interesse per lo studio della commedia dell’arte, del clown teatrale, del mimo e della scrittura creativa, elementi che ritroviamo miscelati insieme in tutto il loro lavoro e che li ha portati negli anni ad avere una ricca produzione artistica. In tv vantano partecipazioni continue a Zelig, ai numerosi programmi condotti dalla Gialappa’s band (Mai dire Grande Fratello, Mai dire Martedì) e alla prima e seconda edizione di Bulldozer. Al cinema sono stati a fianco di Ficarra e Picone e da qualche anno lavorano anche in radio sena mai abbandonare il teatro. Ed è proprio al teatro di Comiso che danno appuntamento con il loro nuovo e divertente spettacolo. Spazio Naselli continua ad offrire i suoi servizi dedicati al pubblico con il servizio di babysitting direttamente in teatro e con il servizio taxi per essere presi e riaccompagnati a casa vivendo serenamente una piacevole serata. Info e prenotazioni: 0932 963933 - 3381266355 e su internet www.spazionaselli.it e sulla pagina www.facebook.com/spazionaselli. 24 marzo 2013 ufficio stampa Michele Barbagallo per MediaLive

ufficio stampa


SPASSOSI “PARADOSSI “PARADOSSI E PARASTINCHI” PARASTINCHI” IERI SERA ALLO SPAZIO NASELLI DI COMISO CON IL DUO COMICO NUZZO E DI BIASE. BIASE. LA COMICITA’ TARGATA ZELIG HA TROVATO UN’OTTIMA RISPOSTA DEL PUBBLICO PUBBLICO DIVERTITO DALLE ESILARANTI BATTUTE DELLO SPETTACOLO. COMISO – Spassosissimi. Questo il commento principale a fine serata da parte del pubblico che per quasi due ore si è divertito ieri assistendo allo spettacolo di Corrado Nuzzo e Maria Di Biase. Sono stati loro, allo Spazio Naselli di Comiso, i protagonisti del divertentissimo spettacolo “Paradossi e parastinchi”. Il duo comico noto anche per le sue applaudite partecipazioni a Zelig, ha portato in scena con una verve comica straordinaria, i paradossi e la difficile convivenza di improbabili coppie, sia della società d’oggi che di immaginari tempi nobiliari, ma anche personaggi assurdi, come due studenti liceali che affrontano assolutamente impreparati le interrogazioni. Ironia ma anche autoironia per questa coppia di artisti che è pure una coppia nella vita. Ma in scena, esasperando ogni cosa, portano dei non-sense surreali e al tempo stesso veritieri, raccontando i conflitti di coppia, gli amori impossibili, le insoddisfazioni personali. Storie di persone normali che con la spinta della recitazione ironica e di un testo mai scontato e sempre divertente, diventano “paradossi e parastinchi” su cui divertirsi per una serata da passare con gli amici a teatro. Un mondo surreale dove Nuzzo diventa un particolare prete decisamente poco “ortodosso” e dove la Di Biase interpreta un’agente immobiliare a cui poco importano le esigenze del cliente che deve comprare la casa perché l’unica cosa importante è il suo tempo e soprattutto la vendita dell’appartamento. Insomma storie di italianità comune che hanno regalato il sorriso al pubblico (quasi esauriti i posti al teatro) per poi fermarsi dopo lo spettacolo per foto ricordo e autografi. Cresce l’attenzione del pubblico verso gli spettacoli e le iniziative culturali di Spazio Naselli con interesse anche verso i servizi dedicati, come quello di babysitting, direttamente in teatro, o il servizio taxi per andare a vedere lo spettacolo e rientrare a casa vivendo serenamente una piacevole serata. Info e prenotazioni: 0932 963933 - 3381266355 e su internet www.spazionaselli.it e sulla pagina www.facebook.com/spazionaselli.

09 aprile 2013 ufficio stampa Michele Barbagallo per MediaLive

ufficio stampa


PER LA PRIMA VOLTA IN PROVINCIA DI RAGUSA IL GRANDE RAUL CREMONA SARA' VENERDI' 19 APRILE ALLO SPAZIO NASELLI DI COMISO PER IL SUO DIVERTENTE “RECITAL” COMISO – E' un artista molto atteso che per la prima volta arriva in provincia di Ragusa. Direttamente dal palco di Zelig approda allo Spazio Naselli di Comiso la comicità surreale di Raul Cremona. "Recital" è il titolo dello spettacolo che già da tempo riceve consensi in tutta Italia e che adesso sarà possibile vedere a Comiso, una delle due tappe della Sicilia. Un vero colpaccio per la programmazione di Spazio Naselli. Per chi ama il “Cremona televisivo” si tratta di un appuntamento imperdibile perché ritroverà tutti i personaggi che hanno portato al successo il bravissimo attore milanese. Personaggi di successo, come il “più comico degli attori drammatici”, quello Jacopo Ortis dall'eloquio spropositatamente forbito e ridondante che tanto ci ricorda il grande Gassman. Oppure il mago Silvano, parodia neanche troppo sottintesa del più grande prestigiatore italiano, anzi prestidigitatore, come ama sottolineare ad ogni presentazione. Non più una semplice imitazione, visto che ormai è diventato agli occhi del pubblico televisivo l'alter ego del vero Silvan. O ancora l'intollerante e milanesissimo Omen. Una galleria pirotecnica di personaggi stralunati e surreali che diventa anche un viaggio nella lunghissima memoria artistica di Raul Cremona. Un percorso che ha origine negli anni '80, quando si propone come cabarettista in tanti varietà televisivi, ma è soprattutto con i programmi della Gialappa's che nascono i suoi personaggi di maggior successo, fino ad arrivare ai trionfi televisivi di Zelig che ha sempre alternato a lunghe tournée teatrali nei palchi di tutta Italia. La comicità di Cremona è un concentrato di magia, prestidigitazione, giochi di parole, musica, gag, macchiette, a testimonianza di una personalità artistica multiforme. A tratti disincantata, a tratti vorticosa, a tratti poetica. Un bravissimo cantastorie che, con grande originalità, si serve della magia come arte della narrazione, arricchendola di riferimenti musicali quanto mai splendidamente inattuali come Kramer, Arigliano e il Quartetto Cetra. L'appuntamento per trascorrere una serata all’insegna della leggerezza e della spensieratezza è per venerdì 19 aprile alle 21. Spazio Naselli di Comiso continua ad offrire i suoi servizi dedicati al pubblico con l'area babysitting direttamente in teatro e il servizio taxi per essere presi e riaccompagnati a casa vivendo serenamente una piacevole serata. Info e prenotazioni: 0932 963933 - 3381266355e su internet www.spazionaselli.it e sulla pagina www.facebook.com/spazionaselli. 16 aprile 2013 ufficio stampa Michele Barbagallo per MediaLive

ufficio stampa


TRA MAGIA E COMICITA', IL PUBBLICO DEL NASELLI E' STATO CONQUISTATO DAL BRAVISSIMO RAUL CREMONA COMISO (RG) – Non solo comicità, ma anche magia, musica e un tocco di poesia. Ieri sera allo Spazio Naselli di Comiso, l'attore comico Raul Cremona si è prodotto in un vero e proprio “one-man-show” che ha incantato il pubblico. Il suo "Recital" ha regalato due ore di divertimento non-stop, in cui il bravissimo Cremona è stato in scena senza mai risparmiarsi. Il poliedrico comico, già noto alla grande platea televisiva per le partecipazioni a Zelig, ha conquistato il pubblico soprattutto grazie a una ricetta inedita: l’uso piuttosto inconsueto dell’illusionismo, peraltro di altissima qualità, e la capacità di coinvolgere gli spettatori, che sono stati spalla e protagonisti, allo stesso tempo, della maggior parte dei suoi numeri. Infatti, come accade per tutti i prestigiatori, l’utilizzo della platea ha la duplice funzione di catturare l’attenzione e far toccare con mano l’autenticità delle “magie”. Ma traslato nel cabaret l’effetto è stato maggiormente amplificato e la presenza di due "aiutanti" presi tra il pubblico ha dato vita a gag irresistibili. Così è accaduto per Silvano, il Mago di Milano, uno dei suoi personaggi più applauditi. Ma chi considera il comico milanese solo la parodia di Silvan, con uno spettacolo come "Recital" ha dovuto ricredersi. Raul Cremona si è infatti confermato anche un mago nelle battute, e ha saputo assumere diverse fisionomie per dare vita a una colorita galleria di personaggi. Come Omen, un personaggio da lui stesso ideato anni fa, che critica ferocemente le donne e le smonta con cattiverie di ogni genere, salvo poi piegarsi alla volontà e ai capricci della propria moglie. Una gag, questa, dove emergono anche le doti di autore del comico meneghino. Un altro asso nella manica di Cremona è la maschera di Jacopo Ortis, con la quale fa una parodia del teatro classico coniugando gli aspetti più goffi di maestri come Gassman, Strehler, Ronconi e Brecht. La lezione di teatro drammatico impartita a due improbabili aspiranti attori scelti tra gli spettatori è stato uno dei momenti più esilaranti della serata. Cremona, che si è rivelato anche ottimo cantante, ha voluto poi ricordare il grande Enzo Jannacci, il cantautore recentemente scomparso, spronando la platea a interpretare uno dei suoi cavalli di battaglia. Il pubblico si è dimostrato particolarmente partecipe, non lesinando applausi e risate a ogni battuta dell'infaticabile comico. Gran finale con Oronzo, un personaggio che ha incontrato un enorme successo qualche anno con la trasmissione “Mai dire Gol”. Raul Cremona, dunque si è confermato come uno tra i migliori artisti del panorama cabarettistico italiano il cui stile, originale e fuori dagli schemi, testimonia una lunga esperienza che non lascia niente al caso. Su internet www.spazionaselli.it e sulla pagina www.facebook.com/spazionaselli. 20 aprile 2013 ufficio stampa Michele Barbagallo per MediaLive

ufficio stampa


UN 25 APRILE APRILE TRA MUSICA, CULTURA E IMPEGNO ALLO SPAZIO CONCERTO DI CARLO MURATORI E PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI PINO APRILE.

NASELLI.

COMISO (RG) – Un 25 aprile tra musica, cultura e impegno civico con la manifestazione “Mari mossi al Sud e nelle Isole – parole e musica per la Terronia futura”. Allo Spazio Naselli di Comiso (Rg), un doppio appuntamento con la presentazione dell’ultimo libro di Pino Aprile e con l’eccezionale concerto di Carlo Muratori. Spazio Naselli e la rivista bimestrale di arte, cultura e identità siciliana “Le Fate” in occasione dell'anniversario della liberazione hanno voluto proporre una serata di cultura, musica e enogastronomia del territorio. Alle 19 la presentazione dell’ultima fatica letteraria di Pino Aprile “Mai più terroni”, in programma presso l'auditorium di Spazio Naselli. Il noto giornalista e scrittore affronta in questo suo nuovo lavoro l'annosa e scontata questione meridionale da un'angolatura completamente diversa, ovvero si chiede se in un mondo che sta cambiando a incredibile velocità abbia ancora senso definire la realtà in base a criteri geografici, come quelli di Nord e Sud. Ne seguirà un dibattito interessante, prendendo spunto anche dagli altri due best-sellers “Terroni” e “Giù al Sud”, che costituiscono la straordinaria trilogia della sua più recente opera letteraria. Il dialogo con l’autore sarà curato dalla critica e giornalista Elisa Mandarà. Il bravissimo cantautore Carlo Muratori alle 21,30 sarà invece il protagonista di un concerto-evento dal titolo "Povera patria, di uomini, terre, antiche rapine e nuove illusioni". Si tratta di un interessante viaggio nella musica e nel canto popolare e d’autore siciliano che si traduce in un appassionante viaggio poetico dentro l’intera vicenda che ha accompagnato l’unità d’Italia, vista con gli occhi della gente di Sicilia. Brani composti dal cantautore siracusano si alternano a incursioni nei canti popolari dell’800 sul risorgimento siciliano, ballate sull’emigrazione, canti sul brigantaggio, sul lavoro. Vengono rievocati episodi storici come lo sbarco di Marsala e i Fatti di Bronte, per arrivare all’emigrazione, le superstizioni, le credenze religiose, la lotta alla mafia, fino al ricordo delle stragi di mafia che uccisero barbaramente Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Un concerto di grande impatto emotivo oltre che di enorme valenza storico-culturale ed artistica, rappresentato per la prima volta nel 2011 (allorché si è celebrato il 150° dell’Unità d’Italia) e inserito dalla Regione Siciliana nel prestigioso Circuito del Mito 2012 come uno dei rarissimi eventi sponsorizzati istituzionalmente. Una sorta di "reso-canto" e "reso-cunto" dell’esperienza unitaria per il sud Italia e marcatamente per la Sicilia, che ha registrato ovunque un enorme successo di pubblico e di critica diventando uno dei momenti più significativi per ciò che riguarda la musica e l’arte popolare in genere. Una testimonianza di grande emozione e forte coscienza identitaria che ha lo scopo di capovolgere l'idea della Sicilia come terra di mafia e degrado. Alle 20.30 presso il foyer si potrà accedere alla degustazione di vini e altri prodotti d'eccellenza siciliani, per lasciare poi spazio alla musica di Carlo Muratori a partire dalle 21.30. Info e prenotazioni: 0932 963933 – 3381266355 e sulla pagina www.facebook.com/spazionaselli o 0932 1961538 – 3272613917 e sulla pagina www.facebook.com/lefatecafe 22 aprile 2013 ufficio stampa Michele Barbagallo per MediaLive

ufficio stampa


GRANDE INTERESSE PER LA MANIFESTAZIONE “MARI MOSSI AL SUD E NELLE ISOLE” CHE HA PROPOSTO IL CONCERTO DI CARLO MURATORI E LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI PINO APRILE PER UN 25 APRILE TRA MUSICA, CULTURA E IMPEGNO ALLO SPAZIO NASELLI. COMISO (RG) – E' stata sicuramente la proposta culturalmente più interessante per non dimenticare il significato di una data importante come quella del 25 aprile. La manifestazione “Mari mossi al Sud e nelle Isole – parole e musica per la Terronia futura” ieri sera ha offerto allo Spazio Naselli di Comiso (Rg) un doppio appuntamento con la presentazione dell’ultimo libro di Pino Aprile e il concerto di Carlo Muratori. Numeroso e partecipe il pubblico che ha preso parte all'iniziativa, sicuramente alternativa per una giornata festiva tradizionalmente caratterizzata dal disimpegno e dallo svago. La serata di cultura, musica e enogastronomia del territorio organizzata da Spazio Naselli e dalla rivista bimestrale di arte, cultura e identità siciliana “Le Fate” ha voluto infatti porre l'accento sull'importanza sociale e civica dell'anniversario della liberazione, soprattutto in relazione alle conseguenze che questo evento ha avuto sulla nostra terra. La questione meridionale è stata l'oggetto della presentazione del libro di Pino Aprile “Mai più terroni”. Un argomento di scottante attualità quello sui pregiudizi che rendono il meridione diverso, già affrontato negli altri due best-sellers del bravissimo Aprile, “Terroni” e “Giù al Sud”, che costituiscono una straordinaria trilogia. Dall'interessante dibattito curato dalla critica e giornalista Elisa Mandarà è emerso come oggi le differenze tra Nord e Sud siano sempre più labili, grazie anche negli strumenti di comunicazione odierni, capaci di abbattere i confini, veri o fittizi, rompere l'isolamento, superare le carenze infrastrutturali. Applauditissimo anche il concerto di Carlo Muratori che ha chiuso la manifestazione. "Povera patria, di uomini, terre, antiche rapine e nuove illusioni", questo il titolo del concerto, ha offerto un excursus attraverso le vicende che hanno accompagnato l'unità d'Italia, dai canti popolari del risorgimento alle stragi di mafia dei giorni nostri. Interessante la selezione di brani della cultura popolare e le canzoni dello stesso Muratori che hanno messo in luce l’identità siciliana. Toccante l’esecuzione di “Povera patria” di Franco Battiato rielaborata e proposta in dialetto siciliano. Il bis è stato dedicato a “Bella Ciao”. Un'operazione di enorme valenza storico-culturale ed artistica, che testimonia l'impegno del bravissimo cantautore siracusano. Ballate originali e canti presi dalla tradizione popolare hanno coinvolto il pubblico presente, testimoniando come da un evento di intrattenimento possano scaturire importanti elementi di riflessione e pensiero critico. Non ultima, apprezzatissima anche la degustazione di vini e altri prodotti tipici, nel segno della valorizzazione dell'identità e dei prodotti locali. Insomma, obiettivo centrato per una manifestazione che ci si augura possa diventare un appuntamento fisso annuale con la memoria e l'impegno. www.facebook.com/spazionaselli www.facebook.com/lefatecafe 26 aprile 2013 ufficio stampa Michele Barbagallo per MediaLive

ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


COMISO. Domani al “Naselli” parte la stagione teatrale con “Pallonate” Posted on 22 febbraio 2013 by GianPaolo

Al via la stagione teatrale del “Naselli” a cura dell’associazione “La Girandola”. La rassegna, denominata quest’anno Spazio Teatro, è suddivisa in tre sezioni teatrali, On(air), Sicilia(in scena) e Off, e una cinematografica, da marzo in poi con 11 film. Si parte domani, con lo spettacolo teatrale fuori abbonamento “Pallonate”, scritto e diretto da Ficarra & Picone, con Salvo Piparo, Costanza Licata e Rosemary Enea. Tra i vari appuntamenti, da segnalare le produzioni proprie del “Naselli” con “Le serve” di Jean Genet, per la regia di Giampaolo Romania, e “il Circo” di Adriano Aiello, per la regia di David Larible. Tra gli attori che torneranno a calcare il palcoscenico del “Naselli” troviamo Pippo Pattavina, Francesco Paolantoni e Raul Cremona. L’associazione “La Girandola”, oltre a gestire il teatro, svolgerà attività collaterali quali la scuola di teatro, la scuola di danza e il laboratorio teatrale per le scuole superiori. I particolari sono stati resi noti ieri mattina, nel corso di una conferenza stampa alla qaule sono intervenuti l’assessore alla Cultura Maria Rita Schembari, l’assessore al Bilancio Dante Di Trapani e, per l’associazione “La Girandola”, Marco Comitini, Salvo Giorgio, Salvo Purromuto e Alessandro Di Salvo. “Siamo orgogliosi di poter assicurare alla città una nuova stagione teatrale nonostante le ristrettezze economiche in cui si trova il nostro Comune – ha dichiarato l’assessore Maria Rita Schembari -. Comiso presenta un cartellone teatrale di tutto rispetto, sia per varietà di offerta sia per qualità, perfettamente in linea con la sua tradizione, ma a costo zero per il Comune. Ciò conferma la bontà della scelta operata nei mesi scorsi finalizzata a sgravare il Comune dalla gestione del Teatro Naselli”.

ufficio stampa


COMISO. AL VIA LA STAGIONE TEATRALE DEL NASELLI A CURA DELL'ASSOCIAZIONE LA GIRANDOLA Categoria: Cultura, eventi & Spettacolo Creato Venerdì, 22 Febbraio 2013 13:28

SICILIA - COMISO (RG) - Al via la stagione teatrale del “Naselli” a cura dell'associazione “La Girandola”. La rassegna, denominata quest'anno Spazio Teatro, è suddivisa in tre sezioni teatrali, On(air), Sicilia(in scena) e Off, e una cinematografica, da marzo in poi con 11 film. Si parte domani, con lo spettacolo teatrale fuori abbonamento “Pallonate”, scritto e diretto da Ficarra & Picone, con Salvo Piparo, Costanza Licata e Rosemary Enea. Tra i vari appuntamenti, da segnalare le produzioni proprie del “Naselli” con “Le serve” di Jean Genet, per la regia di Giampaolo Romania, e “il Circo” di Adriano Aiello, per la regia di David Larible. Tra gli attori che torneranno a calcare il palcoscenico del “Naselli” troviamo Pippo Pattavina, Francesco Paolantoni e Raul Cremona. L'associazione “La Girandola”, oltre a gestire il teatro, svolgerà attività collaterali quali la scuola di teatro, la scuola di danza e il laboratorio teatrale per le scuole superiori. I particolari sono stati resi noti ieri mattina, nel corso di una conferenza stampa alla qaule sono intervenuti l'assessore alla Cultura Maria Rita Schembari, l'assessore al Bilancio Dante Di Trapani e, per l'associazione “La Girandola”, Marco Comitini, Salvo Giorgio, Salvo Purromuto e Alessandro Di Salvo. “Siamo orgogliosi di poter assicurare alla città una nuova stagione teatrale nonostante le ristrettezze economiche in cui si trova il nostro Comune – ha dichiaratol'assessore Maria Rita Schembari -. Comiso presenta un cartellone teatrale di tutto rispetto, sia per varietà di offerta sia per qualità, perfettamente in linea con la sua tradizione, ma a costo zero per il Comune. Ciò conferma la bontà della scelta operata nei mesi scorsi finalizzata a sgravare il Comune dalla gestione del Teatro Naselli”.

ufficio stampa


Presentata a Comiso la stagione teatrale del Naselli VENERDÌ 22 FEBBRAIO 2013 19:13 REDAZIONE VISITE: 700 SEZIONE: MUSICA E SPETTACOLO -

Comiso, 22 febbraio 2013 – Al via la stagione teatrale del “Naselli” a cura dell'associazione “La Girandola”. La rassegna, denominata quest'anno Spazio Teatro, è suddivisa in tre sezioni teatrali, On(air), Sicilia(in scena) e Off, e una cinematografica, da marzo in poi con 11 film. Si parte domani, con lo spettacolo teatrale fuori abbonamento “Pallonate”, scritto e diretto da Ficarra & Picone, con Salvo Piparo, Costanza Licata e Rosemary Enea. Tra i vari appuntamenti, da segnalare le produzioni proprie del “Naselli” con “Le serve” di Jean Genet, per la regia di Giampaolo Romania, e “il Circo” di Adriano Aiello, per la regia di David Larible. Tra gli attori che torneranno a calcare il palcoscenico del “Naselli” troviamo Pippo Pattavina, Francesco Paolantoni e Raul Cremona. L'associazione “La Girandola”, oltre a gestire il teatro, svolgerà attività collaterali quali la scuola di teatro, la scuola di danza e il laboratorio teatrale per le scuole superiori. I particolari sono stati resi noti ieri mattina, nel corso di una conferenza stampa alla qaule sono intervenuti l'assessore alla Cultura Maria Rita Schembari, l'assessore al Bilancio Dante Di Trapani e, per l'associazione “La Girandola”, Marco Comitini, Salvo Giorgio, Salvo Purromuto e Alessandro Di Salvo. “Siamo orgogliosi di poter assicurare alla città una nuova stagione teatrale nonostante le ristrettezze economiche in cui si trova il nostro Comune – ha dichiarato l'assessore Maria Rita Schembari -. Comiso presenta un cartellone teatrale di tutto rispetto, sia per varietà di offerta sia per qualità, perfettamente in linea con la sua tradizione, ma a costo zero per il Comune. Ciò conferma la bontà della scelta operata nei mesi scorsi finalizzata a sgravare il Comune dalla gestione del Teatro Naselli”.

ufficio stampa


il 22/2/2013 18:15:51

Al via la stagione teatrale del “Naselli” a cura dell'associazione “La Girandola”. La rassegna, denominata quest'anno Spazio Teatro, è suddivisa in tre sezioni teatrali, On(air), Sicilia(in scena) e Off, e una cinematografica, da marzo in poi con 11 film. Si parte domani, con lo spettacolo teatrale fuori abbonamento “Pallonate”, scritto e diretto da Ficarra & Picone, con Salvo Piparo, Costanza Licata e Rosemary Enea. Tra i vari appuntamenti, da segnalare le produzioni proprie del “Naselli” con “Le serve” di Jean Genet, per la regia di Giampaolo Romania, e “il Circo” di Adriano Aiello, per la regia di David Larible. Tra gli attori che torneranno a calcare il palcoscenico del “Naselli” troviamo Pippo Pattavina, Francesco Paolantoni e Raul Cremona. L'associazione “La Girandola”, oltre a gestire il teatro, svolgerà attività collaterali quali la scuola di teatro, la scuola di danza e il laboratorio teatrale per le scuole superiori.

I particolari sono stati resi noti ieri mattina, nel corso di una conferenza stampa alla qaule sono intervenuti l'assessore alla Cultura Maria Rita Schembari, l'assessore al Bilancio Dante Di Trapani e, per l'associazione “La Girandola”, Marco Comitini, Salvo Giorgio, Salvo Purromuto e Alessandro Di Salvo. “Siamo orgogliosi di poter assicurare alla città una nuova stagione teatrale nonostante le ristrettezze economiche in cui si trova il nostro Comune – ha dichiaratol'assessore Maria Rita Schembari -. Comiso presenta un cartellone teatrale di tutto rispetto, sia per varietà di offerta sia per qualità, perfettamente in linea con la sua tradizione, ma a costo zero per il Comune. Ciò conferma la bontà della scelta operata nei mesi scorsi finalizzata a sgravare il Comune dalla gestione del Teatro Naselli”.

Comiso, 22 febbraio 2013 L’addetto al servizio di Ufficio Stampa Antonello Lauretta

ufficio stampa


CULTURACOMISO

Ficarra e Picone inaugurano lo Spazio Naselli "Le pallonate" dei comici palermitani hanno inaugurato la stagione teatrale, dopo l'affidamento del Naselli all'associazione "La girandola". DI VALENTINA FRASCA / 27.02.2013 h 07.42

Presentato sabato sera a Comiso il progetto “Spazio Naselli”. Il teatro torna così a vivere dopo l’aggiudicazione della gara, a dicembre, da parte dell’associazione “La girandola” che in poco meno di un mese ha effettuato i lavori di restyling (affidati ad alcuni operai partner) ed è riuscita a mettere a punto una stagione di tutto rispetto con ben 4 percorsi, tre teatrali e uno cinematografico, senza il sostegno economico di alcun ente. “Il primo percorso lo abbiamo chiamato On air - spiega Marco Comitini dell’associazione “La girandola” - e prevede Le serve di Jean Genet per la regia di Giampaolo Romania, Che fine ha fatto il mio io? di e con Francesco Paolantoni,Paradossi e parastinchi di e con Corrado Nuzzo e Maria Di Blase per la regia di Massimo Navone e Recital di e con Raul Cremona. L’1 marzo prenderà il via la rassegna cinematografica Effetto notte con la proiezione di film del calibro di Cesare deve morire dei fratelli Taviani, Bella addormentata di Bellocchio, Un sapore di ruggine e ossa di Jacques Audiard e di altre grandi pellicole nazionali e internazionali fino al 17 maggio. Dal 10 marzo si alzerà il sipario su Sicilia in scena, la rassegna dedicata al teatro siciliano. Si partirà con Metti una sera che ne…parliamo di e con Pippo Pattavina e si chiuderà il 5 maggio con Dio li e fa e poi li accoppia portata in scena dal Teatro del Pero. In mezzo spettacoli del Teatro Stabile Nisseno, della compagnia teatrale Antidoto, del teatro degli Archi e della compagnia Vittoria Colonna. Infine Off dal 17 marzo al 30 aprile con spettacoli di denuncia sociale qualiFinanza killer e altri leggeri e divertenti come Il circo e il grande classico La bisbetica domata. Ci siamo impegnati per ridurre al minimo i costi senza intaccare la qualità - conclude Comitini - e contiamo ora sulla risposta del pubblico”. Lo spettacolo che sabato scorso ha inaugurato la stagione è stato “Le pallonate” scritto da Ficarra e Picone. Quest’ultimo, fuori cartellone, è stato presente alla rappresentazione che per la prima volta ha valicato i confini palermitani. “Si tratta di un testo che nasce dagli articoli che per un anno circa, qualche mese fa, abbiamo pubblicato su Repubblica racconta il comico -. Rileggendoli ci siamo resi conto che alcuni potevano essere ufficio stampa


compatibili con la scena e ne abbiamo tirato fuori una rappresentazione in dialetto palermitano, ma pensiamo comprensibile per tutti, ricco di momenti sia comici che di amara riflessione”. Perché questo titolo? “Picchì ci sunu pallunati pi tutti! Per i politici, per i siciliani e anche per gli artisti in scena! Si tratta di un’esperienza corale nella quale abbiamo voluto coinvolgere gli amici Salvo Piparo, l’attore principale, Costanza Licata, la voce, e Rosemary Enea che cura l’accompagnamento al pianoforte. E’ un’opera sempre in evoluzione e ogni sera modifichiamo qualcosa in base all’attualità. A Palermo, dove torneremo, abbiamo già riscosso un buon successo di pubblico; ora andremo a Catania e poi decideremo se andare avanti o fermarci qui”. “E’ uno spettacolo nato un po’ per caso dai Racconti della Domenica di Salvo e Valentino” racconta il protagonista, Salvo Piparo: “Insieme li abbiamo rivisti aggiungendo un pizzico di drammaturgia ai testi e donando al linguaggio statico degli articoli un po’ di dinamicità. Sono monologhi in cui si racconta la sicilianità in chiave universale e si punzecchia, denunciando quello che non va in questa nostra Italia, attraverso la metafora delle pallonate lanciate a chiunque non fa bene il proprio mestiere. E il messaggio di denuncia arriva più forte perché non si dice solo, ad esempio, che il politico non sa fare bene il proprio lavoro ma perché si cerca di far capire al cittadino cosa può fare e come può protestare invece di adagiarsi. Uno dei racconti ha come figure centrali i pazzi - continua che ricordano ai cittadini normali che c’è sempre un motivo per protestare e dire la propria. Il finale è paradossale perché si racconta anche il silenzio, importante quanto la parola perché ci fa riflettere, parla, ci bussa nelle tempie e ci chiede di fare attenzione a non perdere la nostra memoria. Portare Le pallonate fuori da Palermo - conclude Piparorappresenta per Ficarra e Picone una sfida; loro non hanno mai fatto questo genere di operazione e siamo orgogliosi di questo lavoro che non escludiamo di portare anche fuori dalla Sicilia”.

ufficio stampa


14/03/2013 - 14:23 Domenica 17 marzo appuntamento con la compagnia Itineraria

ALLO SPAZIO NASELLI DI COMISO UNO SPETTACO-DOCUMENTO SULLA “FINANZA KILLER” COMISO – E’ una “Finanza Killer” quella che asfissia le famiglie e le imprese e che a volte, in modo perfino drammatico, spinge al suicidio. Cronaca di un’Italia che va avanti stretta dalla crisi economica internazionale e dal potere delle banche che guarda ai propri interessi e a quelli della casta ma non certo al popolo che ogni giorno lotta per tentare anche solo di sopravvivere. E sarà questo il cuore della rappresentazione scenica, nell’ambito di un vero e proprio “teatro-documento” che con la consulenza alla regia del premio Nobel Dario Fo, sarà in scena domenica prossima 17 marzo alle ore 21 allo “Spazio Naselli” di Comiso. La Compagnia Itineraria, con la regia di Felice Cappa, proporrà infatti “Finanza Killer – non con i nostri soldi” scritto da Ercole Ongaro e Fabrizio De Giovanni. Lo spettacolo affronta in modo critico l’evoluzione del ruolo delle banche, con particolare riguardo al passaggio dal modello pubblico al modello privato, attraverso la riforma bancaria del 1993 che in Italia spalancò le porte all’attività speculativa. Può sembrare strano ma in questo spettacolo si affrontano in modo divertente e facilmente comprensibile i temi della crisi mondiale, dei mutui subprime, dei derivati, dei titoli tossici, dei paradisi fiscali, delle banche armate e della finanza etica. Temi apparentemente tutt’altro che teatrali ma il vero obiettivo dello spettacolo è quello di informare il pubblico, permettendogli di capire come siamo giunti nella condizione in cui ci troviamo, ma soprattutto cosa sia possibile fare, anche individualmente, per uscirne. E sarà l’autore-attore Fabrizio De Giovanni a raccontare le storie legate al “fenomeno della finanziarizzazione che ha separato l’economia dalla realtà produttiva”. Una finanza senza etica che detta politiche per poter dominare incontrastata, scialando in spese militari e conflitti armati, mercificando ogni bene, impadronendosi di materie prime e risorse. Una finanza per l’appunto killer. Ma ci sono uomini e donne, comunità e popoli, come si scoprirà nel corso dello spettacolo, che dicono “Non con i nostri soldi! Non in nostro nome!”. Persone che resistono alla mercificazione, allo svuotamento delle relazioni, all’annullamento dei valori, cercando di costruire un’altra economia, di un’altra finanza dove al centro stanno la natura e la persona, la preservazione delle risorse naturali e delle relazioni umane, i bisogni della società presente e delle generazioni future.

di Redazione

ufficio stampa


ALLO SPAZIO NASELLI DI COMISO UNO SPETTACO-DOCUMENTO SULLA “FINANZA KILLER”. scritto il 14 mar 2013 nella categoria: Spettacolo Pubblicata alle ore 15:26:30 - Fonte: redazione - 45 letture - nessun commento. E’ una “Finanza Killer” quella che asfissia le famiglie e le imprese e che a volte, in modo perfino drammatico, spinge al suicidio. Cronaca di un’Italia che va avanti stretta dalla crisi economica internazionale e dal potere delle banche che guarda ai propri interessi e a quelli della casta ma non certo al popolo che ogni giorno lotta per tentare anche solo di sopravvivere. E sarà questo il cuore della rappresentazione scenica, nell’ambito di un vero e proprio “teatro-documento” che con la consulenza alla regia del premio Nobel Dario Fo, sarà in scena domenica prossima 17 marzo alle ore 21 allo “Spazio Naselli” di Comiso. La Compagnia Itineraria, con la regia di Felice Cappa, proporrà infatti “Finanza Killer – non con i nostri soldi” scritto da Ercole Ongaro e Fabrizio De Giovanni. Lo spettacolo affronta in modo critico l’evoluzione del ruolo delle banche, con particolare riguardo al passaggio dal modello pubblico al modello privato, attraverso la riforma bancaria del 1993 che in Italia spalancò le porte all’attività speculativa. Può sembrare strano ma in questo spettacolo si affrontano in modo divertente e facilmente comprensibile i temi della crisi mondiale, dei mutui subprime, dei derivati, dei titoli tossici, dei paradisi fiscali, delle banche armate e della finanza etica. Temi apparentemente tutt’altro che teatrali ma il vero obiettivo dello spettacolo è quello di informare il pubblico, permettendogli di capire come siamo giunti nella condizione in cui ci troviamo, ma soprattutto cosa sia possibile fare, anche individualmente, per uscirne. E sarà l’autore-attore Fabrizio De Giovanni a raccontare le storie legate al “fenomeno della finanziarizzazione che ha separato l’economia dalla realtà produttiva”. Una finanza senza etica che detta politiche per poter dominare incontrastata, scialando in spese militari e conflitti armati, mercificando ogni bene, impadronendosi di materie prime e risorse. Una finanza per l’appunto killer. Ma ci sono uomini e donne, comunità e popoli, come si scoprirà nel corso dello spettacolo, che dicono “Non con i nostri soldi! Non in nostro nome!”. Persone che resistono alla mercificazione, allo svuotamento delle relazioni, all’annullamento dei valori, cercando di costruire un’altra economia, di un’altra finanza dove al centro stanno la natura e la persona, la preservazione delle risorse naturali e delle relazioni umane, i bisogni della società presente e delle generazioni future. Info sulla pagina www.facebook.com/spazionaselli – recapiti telefonici 0932.963933 – 338.1266355

ufficio stampa


Spazio Naselli (Comiso). Spettacolodocumento su “Finanza killer”

GIOVEDÌ 14 MARZO 2013 15:57 VISITE: 355

SEZIONE: MUSICA E SPETTACOLO Domenica 17 la compagnia Itineraria, con la regia di Felice Coppa e la consulenza di Dario Fo Comiso, 14 marzo 2013 – È una “Finanza Killer” quella che asfissia le famiglie e le imprese e che a volte, in modo perfino drammatico, spinge al suicidio. Cronaca di un’Italia che va avanti stretta dalla crisi economica internazionale e dal potere delle banche che guarda ai propri interessi e a quelli della casta ma non certo al popolo che ogni giorno lotta per tentare anche solo di sopravvivere. Sarà questo il cuore della rappresentazione scenica, nell’ambito di un vero e proprio “teatro-documento” che con la consulenza alla regia del premio Nobel Dario Fo, sarà in scena domenica prossima 17 marzo alle ore 21 allo “Spazio Naselli” di Comiso. La Compagnia Itineraria, con la regia di Felice Cappa, proporrà infatti “Finanza Killer – non con i nostri soldi” scritto da Ercole Ongaro e Fabrizio De Giovanni. Lo spettacolo affronta in modo critico l’evoluzione del ruolo delle banche, con particolare riguardo al passaggio dal modello pubblico al modello privato, attraverso la riforma bancaria del 1993 che in Italia spalancò le porte all’attività speculativa. Può sembrare strano ma in questo spettacolo si affrontano in modo divertente e facilmente comprensibile i temi della crisi mondiale, dei mutui subprime, dei derivati, dei titoli tossici, dei paradisi fiscali, delle banche armate e della finanza etica. Temi apparentemente tutt’altro che teatrali ma il vero obiettivo dello spettacolo è quello di informare il pubblico, permettendogli di capire come siamo giunti nella condizione in cui ci troviamo, ma soprattutto cosa sia possibile fare, anche individualmente, per uscirne. L’autore-attore Fabrizio De Giovanni racconterà le storie legate al “fenomeno della finanziarizzazione che ha separato l’economia dalla realtà produttiva”. Una finanza senza etica che detta politiche per poter dominare incontrastata, scialando in spese militari e conflitti armati, mercificando ogni bene, impadronendosi di materie prime e risorse. Una finanza per l’appunto killer. Ma ci sono uomini e donne, comunità e popoli, come si scoprirà nel corso dello spettacolo, che dicono “Non con i nostri soldi! Non in nostro nome!”. Persone che resistono alla mercificazione, allo svuotamento delle relazioni, all’annullamento dei valori, cercando di costruire un’altra economia, di un’altra finanza dove al centro stanno la natura e la persona, la preservazione delle risorse naturali e delle relazioni umane, i bisogni della società presente e delle generazioni future. ufficio stampa


COMISO. ALLO SPAZIO NASELLI ARRIVA FINANZA KILLER, RAPPRESENTAZIONE SCENICA CON LA CONSULENZA ALLA REGIA DEL PREMIO NOBEL DARIO FO Categoria: Cultura, eventi & Spettacolo Creato Giovedì, 14 Marzo 2013 14:26

SICILIA - COMISO (RG) – E’ una “Finanza Killer” quella che asfissia le famiglie e le imprese e che a volte, in modo perfino drammatico, spinge al suicidio. Cronaca di un’Italia che va avanti stretta dalla crisi economica internazionale e dal potere delle banche che guarda ai propri interessi e a quelli della casta ma non certo al popolo che ogni giorno lotta per tentare anche solo di sopravvivere. E sarà questo il cuore della rappresentazione scenica, nell’ambito di un vero e proprio “teatro-documento” che con la consulenza alla regia del premio Nobel Dario Fo, sarà in scena domenica prossima 17 marzo alle ore 21 allo “Spazio Naselli” di Comiso. La Compagnia Itineraria, con la regia di Felice Cappa, proporrà infatti “Finanza Killer – non con i nostri soldi” scritto da Ercole Ongaro e Fabrizio De Giovanni. Lo spettacolo affronta in modo critico l’evoluzione del ruolo delle banche, con particolare riguardo al passaggio dal modello pubblico al modello privato, attraverso la riforma bancaria del 1993 che in Italia spalancò le porte all’attività speculativa. Può sembrare strano ma in questo spettacolo si affrontano in modo divertente e facilmente comprensibile i temi della crisi mondiale, dei mutui subprime, dei derivati, dei titoli tossici, dei paradisi fiscali, delle banche armate e della finanza etica. Temi apparentemente tutt’altro che teatrali ma il vero obiettivo dello spettacolo è quello di informare il pubblico, permettendogli di capire come siamo giunti nella condizione in cui ci troviamo, ma soprattutto cosa sia possibile fare, anche individualmente, per uscirne. E sarà l’autore-attore Fabrizio De Giovanni a raccontare le storie legate al “fenomeno della finanziarizzazione che ha separato l’economia dalla realtà produttiva”. Una finanza senza etica che detta politiche per poter dominare incontrastata, scialando in spese militari e conflitti armati, mercificando ogni bene, impadronendosi di materie prime e risorse. Una finanza per l’appunto killer. Ma ci sono uomini e donne, comunità e popoli, come si scoprirà nel corso dello spettacolo, che dicono “Non con i nostri soldi! Non in nostro nome!”. Persone che resistono alla mercificazione, allo svuotamento delle relazioni, all’annullamento dei valori, cercando di costruire un’altra economia, di un’altra finanza dove al centro stanno la natura e la persona, la preservazione delle risorse naturali e delle relazioni umane, i bisogni della società presente e delle generazioni

ufficio stampa


14/03/2013 14:55 Notizia letta: 1132 volte

Appuntamenti | Comiso

Finanza killer a teatro a Comiso Comiso - E’ una “Finanza Killer” quella che asfissia le famiglie e le imprese e che a volte, in modo perfino drammatico, spinge al suicidio. Cronaca di un’Italia che va avanti stretta dalla crisi economica internazionale e dal potere delle banche che guarda ai propri interessi e a quelli della casta ma non certo al popolo che ogni giorno lotta per tentare anche solo di sopravvivere. E sarà questo il cuore della rappresentazione scenica, nell’ambito di un vero e proprio “teatro-documento” che con la consulenza alla regia del premio Nobel Dario Fo, sarà in scena domenica prossima 17 marzo alle ore 21 allo “Spazio Naselli” di Comiso. La Compagnia Itineraria, con la regia di Felice Cappa, proporrà infatti “Finanza Killer – non con i nostri soldi” scritto da Ercole Ongaro e Fabrizio De Giovanni. Lo spettacolo affronta in modo critico l’evoluzione del ruolo delle banche, con particolare riguardo al passaggio dal modello pubblico al modello privato, attraverso la riforma bancaria del 1993 che in Italia spalancò le porte all’attività speculativa. Può sembrare strano ma in questo spettacolo si affrontano in modo divertente e facilmente comprensibile i temi della crisi mondiale, dei mutui subprime, dei derivati, dei titoli tossici, dei paradisi fiscali, delle banche armate e della finanza etica. Temi apparentemente tutt’altro che teatrali ma il vero obiettivo dello spettacolo è quello di informare il pubblico, permettendogli di capire come siamo giunti nella condizione in cui ci troviamo, ma soprattutto cosa sia possibile fare, anche individualmente, per uscirne. E sarà l’autoreattore Fabrizio De Giovanni a raccontare le storie legate al “fenomeno della finanziarizzazione che ha separato l’economia dalla realtà produttiva”. Una finanza senza etica che detta politiche per poter dominare incontrastata, scialando in spese militari e conflitti armati, mercificando ogni bene, impadronendosi di materie prime e risorse. Una finanza per l’appunto killer. Ma ci sono uomini e donne, comunità e popoli, come si scoprirà nel corso dello spettacolo, che dicono “Non con i nostri soldi! Non in nostro nome!”. Persone che resistono alla mercificazione, allo svuotamento delle relazioni, all’annullamento dei valori, cercando di costruire un’altra economia, di un’altra finanza dove al centro stanno la natura e la persona, la preservazione delle risorse naturali e delle relazioni umane, i bisogni della società presente e delle generazioni future. Info sulla pagina www.facebook.com/spazionaselli - recapiti telefonici 0932.963933 - 338.1266355 Redazione ufficio stampa


Comiso - Domenica sera al teatro Naselli di Comiso, lo spettacolo “FINANZA KILLER – Non con i nostri soldi”, portato in scena dalla compagnia "Itineraria". Lo spettacolo, certo inusuale e comunque molto acuto affronta in modo critico l’evoluzione del ruolo delle banche, con particolare riguardo al passaggio dal modello pubblico al modello privato, attraverso la riforma bancaria del 1993 che in Italia spalancò le porte all’attività speculativa. Nello spettacolo si affrontano in modo divertente e facilmente comprensibile i temi della crisi mondiale, dei mutui subprime, dei derivati, dei titoli tossici, dei paradisi fiscali, delle banche armate e della finanza etica. Temi apparentemente tutt’altro che teatrali! L’obiettivo dello spettacolo è quello di informare il pubblico, permettendogli di capire come siamo giunti nella condizione in cui ci troviamo, ma soprattutto cosa sia possibile fare, anche individualmente, per uscirne. La via maestra per uscire dalla crisi ed evitare un suo ripetersi passa per una maggiore giustizia sociale, economica e ambientale. I 50 top manager dei grandi fondi di investimento guadagnano in media 588 milioni di dollari ciascuno, 19.000 volte lo stipendio medio del lavoratore statunitense. Somme difficili anche solo da concepire e frutto unicamente di attività finanziarie e speculative. La ricchezza prodotta nel mondo permetterebbe a ogni essere umano di vivere con un reddito di 2884 dollari al mese. Oltre un miliardo di persone, nella realtà, sopravvive con meno di un dollaro al giorno. Un'ennesima conferma del fallimento del libero mercato e della sua presunta efficienza nel distribuire le risorse autoregolandosi. Invertire la rotta diventa imprescindibile. Cambiare strada significa porre gli esseri umani davanti ai profitti. E' stato definito "uno spettacolo sulla storia della crisi attuale, un percorso a ritroso nel tempo a rintracciare nomi eccellenti, non escluso quello di Monti, nonché fatti e misfatti legati alle banche e alle loro fusioni, che dall'America all'Europa non hanno risparmiato nessuno. In scena un unico attore, Fabrizio De Giovanni ed alle spalle un video che riprende all'inizio storie di gente qualunque: la perdita di cospicui risparmi per un crac nelle azioni, un mutuo non concesso, un mutuo già avviato ma oggi impossibile da assolvere. Non è la classica satira politica che con battute più o meno graffianti allude a quel o tal altro personaggio politico, ma la minuziosa ricostruzione, in stile giornalistico, di quanto avvenuto in una rilettura che accusa le banche e i suoi dirigenti del passato e del presente. Non manca nemmeno un accenno alla Costituzione Italiana e alla discrepanza tra le finalità delle banche in essa previste e le finalità che invece esse oggi perseguono, così lontane dal primitivo pensiero di sostegno al cittadino". ufficio stampa


ALLO SPAZIO NASELLI DI COMISO IL 17 MARZO SPETTACOLO-DOCUMENTO SULLA “FINANZA KILLER” CON LA COMPAGNIA ITINERARIA E LA CONSULENZA ALLA REGIA DEL PREMIO NOBEL DARIO FO 2013-03-17 11:11:10

COMISO, Ragusa – E’ una “Finanza Killer” quella che asfissia le famiglie e le imprese e che a volte, in modo perfino drammatico, spinge al suicidio. Cronaca di un’Italia che va avanti stretta dalla crisi economica internazionale e dal potere delle banche che guarda ai propri interessi e a quelli della casta ma non certo al popolo che ogni giorno lotta per tentare anche solo di sopravvivere. E sarà questo il cuore della rappresentazione scenica, nell’ambito di un vero e proprio “teatro-documento” che con la consulenza alla regia del premio Nobel Dario Fo, sarà in scena oggi, 17 marzo alle ore 21 allo “Spazio Naselli” di Comiso. La Compagnia Itineraria, con la regia di Felice Cappa, proporrà infatti “Finanza Killer – non con i nostri soldi” scritto da Ercole Ongaro e Fabrizio De Giovanni. Lo spettacolo affronta in modo critico l’evoluzione del ruolo delle banche, con particolare riguardo al passaggio dal modello pubblico al modello privato, attraverso la riforma bancaria del 1993 che in Italia spalancò le porte all’attività speculativa. Può sembrare strano ma in questo spettacolo si affrontano in modo divertente e facilmente comprensibile i temi della crisi mondiale, dei mutui subprime, dei derivati, dei titoli tossici, dei paradisi fiscali, delle banche armate e della finanza etica. Temi apparentemente tutt’altro che teatrali ma il vero obiettivo dello spettacolo è quello di informare il pubblico, permettendogli di capire come siamo giunti nella condizione in cui ci troviamo, ma soprattutto cosa sia possibile fare, anche individualmente, per uscirne. E sarà l’autore-attore Fabrizio De Giovanni a raccontare le storie legate al “fenomeno della finanziarizzazione che ha separato l’economia dalla realtà produttiva”. Una finanza senza etica che detta politiche per poter dominare incontrastata, scialando in spese militari e conflitti armati, mercificando ogni bene, impadronendosi di materie prime e risorse. Una finanza per l’appunto killer. Ma ci sono uomini e donne, comunità e popoli, come si scoprirà nel corso dello spettacolo, che dicono “Non con i nostri soldi! Non in nostro nome!”. Persone che resistono alla mercificazione, allo svuotamento delle relazioni, all’annullamento dei valori, cercando di costruire un’altra economia, di un’altra finanza dove al centro stanno la natura e la persona, la preservazione delle risorse naturali e delle relazioni umane, i bisogni della società presente e delle generazioni future. Info sulla pagina www.facebook.com/spazionaselli - recapiti telefonici 0932.963933 338.1266355.

ufficio stampa


Description Francesco Paolantoni, l'interprete di questa piecè teatrale, si trova a vivere una crisi esistenziale provocata dalla mezza età e dai difficili tempi in cui viviamo. Il protagonista sarà sottoposto a diverse terapie - in cui sarà coinvolto anche l'ignaro pubblico -quali: idroterapia, musicoterapia, sesso-terapia, cromoterapia, favola-terapia; con lo scopo di ritrovare il proprio IO. Un' esilarante pubblico-terapia, che farà bene anche agli spettatori in quanto, come dice Paolantoni: "ma perché devo andare a parlare con una persona che devo pagare quando posso parlare con tante persone che pagano me?". E' uno spettacolo che si trasforma di sera in sera a seconda della reazione del protagonista alle terapie e alle eventuali reazioni del pubblico che ne sarà piacevolmente coinvolto.

ufficio stampa


21/03/2013 - 12:37

Un appuntamento tutto da ridere quello in programma sabato sera 23 marzo alle ore 21 allo "Spazio Naselli" di Comiso

CHE FINE HA FATTO IL MIO IO? COMISO – Un appuntamento tutto da ridere quello in programma sabato sera 23 marzo alle ore 21 allo "Spazio Naselli" di Comiso. All'interno della programmazione della stagione teatrale in corso, sarà in scena il brillante attore comico Francesco Paolantoni, protagonista di "Che fine ha fatto il mio io", una piecè che da tempo diverte le platee di tutta la penisola anche grazie al misto di fisicità e surreale fantasia che da sempre costituiscono l’alchimia della originale comicità di Paolantoni. In questo spettacolo il comico ed autore napoletano torna, come già fece in passato con “Killer”, a giocare con la nevrosi. Ma questa volta il pretesto narrativo non è la malattia ma il percorso terapeutico che, tra macchie di Rochak assolutamente vere e test e cure assolutamente improbabili, costituisce la partitura di un assolo che percorre tutti i linguaggi della comicità. La storia è assolutamente divertente visto che il personaggio principale si trova dunque a vivere una crisi esistenziale provocata dalla mezza età e dai difficili tempi in cui viviamo. Ed allora come superare questa crisi? Attraverso una serie di terapie che inevitabilmente coinvolgeranno anche l'ignaro pubblico: idroterapia, musicoterapia, sesso-terapia, cromoterapia, favola-terapia, sono alcune delle pratiche alle quali uno psicoterapeuta, interpretato da Arduino Speranza, costringerà il protagonista nella ricerca del proprio io. Lo spettacolo è una sorta di work in progress, in quanto si trasforma di sera in sera secondo la reazione del protagonista alle terapie e alle eventuali reazioni del pubblico che ne sarà piacevolmente coinvolto. Una sorta di pubblico-terapia che chissà che non possa far bene anche al pubblico stesso visto che ha trovato buon riscontro tra veri psicoanalisti che lo stesso protagonista ha frequentato come paziente, arrivando però a questa conclusione: "ma perché devo andare a parlare con una persona che devo pagare quando posso parlare con tanta persone che pagano me?". Intanto Spazio Naselli propone al pubblico dei servizi innovativi come il servizio di babysitting, nei locali adiacenti al teatro, e perfino il servizio taxi con la possibilità di essere presi e riaccompagnati direttamente a casa. di Chiara Mallia

ufficio stampa


SABATO SERA ALLO SPAZIO NASELLI DI COMISO UNA DIVERTENTE QUANTO INEDITA “COMICO-PUBBLICO-TERAPIA”.

scritto il 21 mar 2013 nella categoria: Spettacolo

Pubblicata alle ore 13:29:13 - Fonte: redazione - 42 letture - nessun commento.

Un appuntamento tutto da ridere quello in programma sabato sera 23 marzo alle ore 21 allo “Spazio Naselli” di Comiso. All’interno della programmazione della stagione teatrale in corso, sarà in scena il brillante attore comico Francesco Paolantoni, protagonista di “Che fine ha fatto il mio io”, una piecè che da tempo diverte le platee di tutta la penisola anche grazie al misto di fisicità e surreale fantasia che da sempre costituiscono l’alchimia della originale comicità di Paolantoni. In questo spettacolo il comico ed autore napoletano torna, come già fece in passato con “Killer”, a giocare con la nevrosi. Ma questa volta il pretesto narrativo non è la malattia ma il percorso terapeutico che, tra macchie di Rochak assolutamente vere e test e cure assolutamente improbabili, costituisce la partitura di un assolo che percorre tutti i linguaggi della comicità. La storia è assolutamente divertente visto che il personaggio principale si trova dunque a vivere una crisi esistenziale provocata dalla mezza età e dai difficili tempi in cui viviamo. Ed allora come superare questa crisi? Attraverso una serie di terapie che inevitabilmente coinvolgeranno anche l’ignaro pubblico: idroterapia, musicoterapia, sesso-terapia, cromoterapia, favola-terapia, sono alcune delle pratiche alle quali uno psicoterapeuta, interpretato da Arduino Speranza, costringerà il protagonista nella ricerca del proprio io. Lo spettacolo è una sorta di work in progress, in quanto si trasforma di sera in sera secondo la reazione del protagonista alle terapie e alle eventuali reazioni del pubblico che ne sarà piacevolmente coinvolto. Una sorta di pubblico-terapia che chissà che non possa far bene anche al pubblico stesso visto che ha trovato buon riscontro tra veri psicoanalisti che lo stesso protagonista ha frequentato come paziente, arrivando però a questa conclusione: “ma perché devo andare a parlare con una persona che devo pagare quando posso parlare con tanta persone che pagano me?”. Intanto Spazio Naselli propone al pubblico dei servizi innovativi come il servizio di babysitting, nei locali adiacenti al teatro, e perfino il servizio taxi con la possibilità di essere presi e riaccompagnati direttamente a casa. Info sulla pagina www.facebook.com/spazionaselli – recapiti telefonici 0932.963933 – 338.1266355

ufficio stampa


“Che fine ha fatto il mio io?": Francesco Paolantoni allo Spazio Naselli di Comiso con una "comico-pubblico-terapia" GIOVEDÌ 21 MARZO 2013 21:32

VISITE: 206

Comiso – Un appuntamento tutto da ridere quello in programma sabato sera 23 marzo alle ore 21 allo "Spazio Naselli" di Comiso. All'interno della programmazione della stagione teatrale in corso, sarà in scena il brillante attore comico Francesco Paolantoni, protagonista di "Che fine ha fatto il mio io", una pièce che da tempo diverte le platee di tutta la penisola anche grazie al misto di fisicità e surreale fantasia che da sempre costituiscono l’alchimia della originale comicità di Paolantoni. In questo spettacolo il comico ed autore napoletano torna, come già fece in passato con “Killer”, a giocare con la nevrosi. Ma questa volta il pretesto narrativo non è la malattia ma il percorso terapeutico che, tra macchie di Rochak assolutamente vere e test e cure assolutamente improbabili, costituisce la partitura di un assolo che percorre tutti i linguaggi della comicità. La storia è assolutamente divertente visto che il personaggio principale si trova dunque a vivere una crisi esistenziale provocata dalla mezza età e dai difficili tempi in cui viviamo. Allora come superare questa crisi? Attraverso una serie di terapie che inevitabilmente coinvolgeranno anche l'ignaro pubblico: idroterapia, musicoterapia, sesso-terapia, cromoterapia, favola-terapia, sono alcune delle pratiche alle quali uno psicoterapeuta, interpretato da Arduino Speranza, costringerà il protagonista nella ricerca del proprio io. Lo spettacolo è una sorta di work in progress, in quanto si trasforma di sera in sera secondo la reazione del protagonista alle terapie e alle eventuali reazioni del pubblico che ne sarà piacevolmente coinvolto. Una sorta di pubblicoterapia che chissà che non possa far bene anche al pubblico stesso visto che ha trovato buon riscontro tra veri psicoanalisti che lo stesso protagonista ha frequentato come paziente, arrivando però a questa conclusione: "ma perché devo andare a parlare con una persona che devo pagare quando posso parlare con tanta persone che pagano me?". Intanto Spazio Naselli propone al pubblico dei servizi innovativi come il servizio di babysitting, nei locali adiacenti al teatro, e perfino il servizio taxi con la possibilità di essere presi e riaccompagnati direttamente a casa. Info sulla pagina www.facebook.com/spazionaselli - recapiti telefonici 0932.963933 - 338.1266355.

ufficio stampa


COMISO. UN APPUNTAMENTO TUTTO DA RIDERE AL NASELLI Categoria: Cultura, eventi & Spettacolo

Creato Giovedì, 21 Marzo 2013 12:40

In programma sabato sera 23 marzo alle ore 21 SICILIA - COMISO (RG) - Un appuntamento tutto da ridere quello in programma sabato sera 23 marzo alle ore 21 allo "Spazio Naselli" di Comiso. All'interno della programmazione della stagione teatrale in corso, sarà in scena il brillante attore comico Francesco Paolantoni, protagonista di "Che fine ha fatto il mio io", una piecè che da tempo diverte le platee di tutta la penisola anche grazie al misto di fisicità e surreale fantasia che da sempre costituiscono l’alchimia della originale comicità di Paolantoni. In questo spettacolo il comico ed autore napoletano torna, come già fece in passato con “Killer”, a giocare con la nevrosi. Ma questa volta il pretesto narrativo non è la malattia ma il percorso terapeutico che, tra macchie di Rochak assolutamente vere e test e cure assolutamente improbabili, costituisce la partitura di un assolo che percorre tutti i linguaggi della comicità. La storia è assolutamente divertente visto che il personaggio principale si trova dunque a vivere una crisi esistenziale provocata dalla mezza età e dai difficili tempi in cui viviamo. Ed allora come superare questa crisi? Attraverso una serie di terapie che inevitabilmente coinvolgeranno anche l'ignaro pubblico: idroterapia, musicoterapia, sesso-terapia, cromoterapia, favola-terapia, sono alcune delle pratiche alle quali uno psicoterapeuta, interpretato da Arduino Speranza, costringerà il protagonista nella ricerca del proprio io. Lo spettacolo è una sorta di work in progress, in quanto si trasforma di sera in sera secondo la reazione del protagonista alle terapie e alle eventuali reazioni del pubblico che ne sarà piacevolmente coinvolto. Una sorta di pubblico-terapia che chissà che non possa far bene anche al pubblico stesso visto che ha trovato buon riscontro tra veri psicoanalisti che lo stesso protagonista ha frequentato come paziente, arrivando però a questa conclusione: "ma perché devo andare a parlare con una persona che devo pagare quando posso parlare con tanta persone che pagano me?". Intanto Spazio Naselli propone al pubblico dei servizi innovativi come il servizio di babysitting, nei locali adiacenti al teatro, e perfino il servizio taxi con la possibilità di essere presi e riaccompagnati direttamente a casa. ufficio stampa


22/03/2013 01:38 Notizia letta: 891 volte

Appuntamenti | Comiso

Paolantoni in teatro a Comiso Comiso - Un appuntamento tutto da ridere quello in programma sabato sera 23 marzo alle ore 21 allo "Spazio Naselli" di Comiso. All'interno della programmazione della stagione teatrale in corso, sarà in scena il brillante attore comico Francesco Paolantoni, protagonista di "Che fine ha fatto il mio io", una piecè che da tempo diverte le platee di tutta la penisola anche grazie al misto di fisicità e surreale fantasia che da sempre costituiscono l’alchimia della originale comicità di Paolantoni. In questo spettacolo il comico ed autore napoletano torna, come già fece in passato con “Killer”, a giocare con la nevrosi. Ma questa volta il pretesto narrativo non è la malattia ma il percorso terapeutico che, tra macchie di Rochak assolutamente vere e test e cure assolutamente improbabili, costituisce la partitura di un assolo che percorre tutti i linguaggi della comicità. La storia è assolutamente divertente visto che il personaggio principale si trova dunque a vivere una crisi esistenziale provocata dalla mezza età e dai difficili tempi in cui viviamo. Ed allora come superare questa crisi? Attraverso una serie di terapie che inevitabilmente coinvolgeranno anche l'ignaro pubblico: idroterapia, musicoterapia, sesso-terapia, cromoterapia, favola-terapia, sono alcune delle pratiche alle quali uno psicoterapeuta, interpretato da Arduino Speranza, costringerà il protagonista nella ricerca del proprio io. Lo spettacolo è una sorta di work in progress, in quanto si trasforma di sera in sera secondo la reazione del protagonista alle terapie e alle eventuali reazioni del pubblico che ne sarà piacevolmente coinvolto. Una sorta di pubblico-terapia che chissà che non possa far bene anche al pubblico stesso visto che ha trovato buon riscontro tra veri psicoanalisti che lo stesso protagonista ha frequentato come paziente, arrivando però a questa conclusione: "ma perché devo andare a parlare con una persona che devo pagare quando posso parlare con tanta persone che pagano me?". Intanto Spazio Naselli propone al pubblico dei servizi innovativi come il servizio di babysitting, nei locali adiacenti al teatro, e perfino il servizio taxi con la possibilità di essere presi e riaccompagnati direttamente a casa. Info sulla pagina www.facebook.com/spazionaselli - recapiti telefonici 0932.963933 338.1266355

ufficio stampa


COMISO: UN CONCENTRATO DI COMICITA’ IERI SERA CON FRANCESCO PAOLANTONI ALLO SPAZIO NASELLI DI COMISO CON IL DIVERTENTE “CHE FINE HA FATTO IL MIO IO”. scritto il 24 mar 2013 nella categoria: Spettacolo Pubblicata alle ore 14:23:32 - Fonte: redazione - 66 letture - nessun commento.

E’ stato un concentrato di comicità lo spettacolo andato in scena ieri sera allo “Spazio Naselli” di Comiso con protagonista l’attore comico Francesco Paolantoni. Sul palco per interpretare lo spettacolo “Che fine ha fatto il mio io”, insieme alla “spalla” Arduino Speranza nel ruolo dello psicoterapeuta, l’attore partenopeo ha immerso il pubblico in una divertente atmosfera piena di paradossi e di surreale fantasia, dove la mimica ha avuto una parte importante. Il tema era quello della nevrosi su cui Paolantoni ha giocato inserendo magistralmente alcuni accenni ai suoi personaggi-macchiette cari alla tv. Un percorso terapeutico, quello proposto dalla rappresentazione teatrale, tra test e cure serie ma anche assolutamente improbabili, in un work in progress che ha coinvolto direttamente il folto pubblico presente in sala chiamato a fornire casi su cui discutere e fare psicoterapia collettiva.Crisi esistenziali di una società moderna che vive in modo complesso le sfide dei tempi di oggi. E per uscire dal tunnel, si va dalla idroterapia alla musicoterapia, dalla poco probabile sesso-terapia alla cromoterapia per culminare in una divertente favola-terapia dove Paolantoni diverte fino alle lacrime, in un intreccio che vede Cappuccetto Rosso assieme ai Sette Nani, con Biancaneve che fa le bizze e manda in terapia la Strega Cattiva, mentre i Tre Porcellini sono ben altro rispetto a quel che offre il racconto noto a tutti i bambini. Pubblico divertito e soddisfatto, pronto a chiedere foto e autografi all’attore ma anche a gradire i servizi offerti da “Spazio Naselli”, come il servizio di babysitting nei locali adiacenti al teatro, e perfino il servizio taxi con la possibilità di essere presi e riaccompagnati direttamente a casa. Tra i prossimi appuntamenti in scaletta ci sono “Paradossi e parastinchi”, l’8 aprile con Corrado Nuzzo e Maria Di Biase e “Recital” il 19 aprile con il divertente Raul Cremona. Info sulla pagina www.facebook.com/spazionaselli – recapiti telefonici 0932.963933 – 338.1266355

ufficio stampa


Comiso – Una serata all’insegna della più genuina ilarità, uno spettacolo coinvolgente che ha trascinato gli spettatori facendoli quasi diventare “spalla” del protagonista sulla scena. E lui il geniale attore comico Francesco Paolantoni ha dominato il palcoscenico dello "Spazio Naselli", una struttura teatrale pienamente idonea ad accogliere simili performance. All'interno della programmazione della stagione teatrale in corso, è andato in scena "Che fine ha fatto il mio io", una piecè che da tempo diverte le platee di tutta la penisola anche grazie al misto di fisicità e surreale fantasia che da sempre costituiscono l’alchimia della originale comicità di Paolantoni. Veramente avvincente il coinvolgimento del pubblico che non ha fatto mancare al protagonista scroscianti e ripetuti applausi, e lui si è divertito a coinvolgerlo con dialoghi estemporanei improntati attimo dopo attimo. In questo spettacolo il comico ed autore napoletano è tornato, come già fece in passato con “Killer”, a giocare con la nevrosi. Ma questa volta il pretesto narrativo non è stata la malattia ma il percorso terapeutico che, tra macchie di Rochak assolutamente vere e test e cure assolutamente improbabili, ha costituito la partitura di un assolo che ha percorso tutti i linguaggi della comicità, il tutto cesellati da esilaranti passaggi in puro dialetto napoletano a volte quasi incomprensibili ma tuttavia di un fascino unico come può esserlo quel dialetto. La storia è assolutamente divertente visto che il personaggio principale si trova dunque a vivere una crisi esistenziale provocata dalla mezza età e dai difficili tempi in cui viviamo. Ed allora come superare questa crisi? Attraverso una serie di terapie che inevitabilmente hanno coinvolto, come già detto, anche l'ignaro pubblico: idroterapia, musicoterapia, sesso-terapia, cromoterapia, favolaterapia, sono alcune delle pratiche alle quali uno psicoterapeuta, interpretato dal bravo Arduino Speranza, ha costretto il protagonista nella ricerca del proprio io. Fantastico anche il coinvolgimento di una bambina del pubblico che ha “duettato” con l’attore quasi da prima donna. Lo spettacolo è stato una sorta di work in progress, in quanto Paolantoni lo adatta di volta in volta assecondando le reazioni del pubblico che ne viene inevitabilmente coinvolto, quasi una sorta di pubblico-terapia . Ed alla fine il protagonista è arrivato ad una logica deduzione che gli fa dire: "ma perché devo andare a parlare con una persona (psicanalista ) che devo pagare quando posso parlare con tanta persone che pagano me?". E’ da dire infine che lo Spazio Naselli propone al pubblico dei servizi innovativi come il servizio di babysitting, nei locali adiacenti al teatro, e perfino il servizio taxi con la possibilità di essere presi e riaccompagnati direttamente a casa. ufficio stampa


24/03/2013 21:39 Notizia letta: 834 volte

Cultura | Comiso

Piace Paolantoni a Comiso Comiso - E’ stato un concentrato di comicità lo spettacolo andato in scena ieri sera allo “Spazio Naselli” di Comiso con protagonista l’attore comico Francesco Paolantoni. Sul palco per interpretare lo spettacolo “Che fine ha fatto il mio io”, insieme alla “spalla” Arduino Speranza nel ruolo dello psicoterapeuta, l’attore partenopeo ha immerso il pubblico in una divertente atmosfera piena di paradossi e di surreale fantasia, dove la mimica ha avuto una parte importante. Il tema era quello della nevrosi su cui Paolantoni ha giocato inserendo magistralmente alcuni accenni ai suoi personaggi-macchiette cari alla tv. Un percorso terapeutico, quello proposto dalla rappresentazione teatrale, tra test e cure serie ma anche assolutamente improbabili, in un work in progress che ha coinvolto direttamente il folto pubblico presente in sala chiamato a fornire casi su cui discutere e fare psicoterapia collettiva. Crisi esistenziali di una società moderna che vive in modo complesso le sfide dei tempi di oggi. E per uscire dal tunnel, si va dalla idroterapia alla musicoterapia, dalla poco probabile sesso-terapia alla cromoterapia per culminare in una divertente favola-terapia dove Paolantoni diverte fino alle lacrime, in un intreccio che vede Cappuccetto Rosso assieme ai Sette Nani, con Biancaneve che fa le bizze e manda in terapia la Strega Cattiva, mentre i Tre Porcellini sono ben altro rispetto a quel che offre il racconto noto a tutti i bambini. Pubblico divertito e soddisfatto, pronto a chiedere foto e autografi all’attore ma anche a gradire i servizi offerti da “Spazio Naselli”, come il servizio di babysitting nei locali adiacenti al teatro, e perfino il servizio taxi con la possibilità di essere presi e riaccompagnati direttamente a casa. Tra i prossimi appuntamenti in scaletta ci sono “Paradossi e parastinchi”, l’8 aprile con Corrado Nuzzo e Maria Di Biase e “Recital” il 19 aprile con il divertente Raul Cremona. Redazione

ufficio stampa


ALLO SPAZIO NASELLI DI COMISO IL DIVERTENTE "CHE FINE HA FATTO IL MIO IO" CONCENTRATO DI COMICITA’ CON FRANCESCO PAOLANTONI 2013-03-27 13:51:01

COMISO – E’ stato un concentrato di comicità lo spettacolo andato in scena allo “Spazio Naselli” di Comiso con protagonista l’attore comico Francesco Paolantoni. Sul palco per interpretare lo spettacolo “Che fine ha fatto il mio io”, insieme alla “spalla” Arduino Speranza (nella foto di Enzo Giummarra) nel ruolo dello psicoterapeuta, l’attore partenopeo ha immerso il pubblico in una divertente atmosfera piena di paradossi e di surreale fantasia, dove la mimica ha avuto una parte importante. Il tema era quello della nevrosi su cui Paolantoni ha giocato inserendo magistralmente alcuni accenni ai suoi personaggi-macchiette cari alla tv. Un percorso terapeutico, quello proposto dalla rappresentazione teatrale, tra test e cure serie ma anche assolutamente improbabili, in un work in progress che ha coinvolto direttamente il folto pubblico presente in sala chiamato a fornire casi su cui discutere e fare psicoterapia collettiva. Crisi esistenziali di una società moderna che vive in modo complesso le sfide dei tempi di oggi. E per uscire dal tunnel, si va dalla idroterapia alla musicoterapia, dalla poco probabile sesso-terapia alla cromoterapia per culminare in una divertente favola-terapia dove Paolantoni diverte fino alle lacrime, in un intreccio che vede Cappuccetto Rosso assieme ai Sette Nani, con Biancaneve che fa le bizze e manda in terapia la Strega Cattiva, mentre i Tre Porcellini sono ben altro rispetto a quel che offre il racconto noto a tutti i bambini. Pubblico divertito e soddisfatto, pronto a chiedere foto e autografi all’attore ma anche a gradire i servizi offerti da “Spazio Naselli”, come il servizio di babysitting nei locali adiacenti al teatro, e perfino il servizio taxi con la possibilità di essere presi e riaccompagnati direttamente a casa. Tra i prossimi appuntamenti in scaletta ci sono “Paradossi e parastinchi”, l’8 aprile con Corrado Nuzzo e Maria Di Biase e “Recital” il 19 aprile con il divertente Raul Cremona. Info sulla pagina www.facebook.com/spazionaselli - recapiti telefonici 0932.963933 338.1266355.

ufficio stampa


Teatro: da Zelig in terra iblea il duo comico Nuzzo e Di Bias Mercoledì, 03 Aprile 2013 15:43 Scritto da RED Letto 785 volte

) COMISO – Gli appuntamenti di Spazio Naselli a Comiso proseguono con una serata live all'insegna dell'autoironia surreale con il duo comico Nuzzo e Di Biase. Da Zelig la loro comicità approda dunque in terra iblea per una serata, piena di divertimento, fissata per il prossimo lunedì 8 aprile alle ore 21. Il pubblico ragusano piuttosto che vederli in tv avrà così modo di apprezzare la loro comicità direttamente dal vivo, sul palco del Naselli. "Paradossi e parastinchi" è il titolo dello spettacolo che i due attori stanno portando in tour in tutta Italia. Partendo da un viaggio delirante tra i luoghi comuni e le banalità, Corrado Nuzzo e Maria Di Biase mettono in scena situazioni con una forte carica d’ironia e autoironia, un farneticante furore barocco e uno sregolato umorismo divertente e allarmante allo stesso tempo. Conflitti di coppia, tradimenti, amori impossibili, insoddisfazioni personali, sedute psicologiche, mutui inaccessibili, recessione, cultura allo sbando e fede che vacilla, sono passati in rassegna in un continuo botta e risposta di frasi già sentite mille volte, ma che i due bravissimi comici trasformano in divertenti non-sense surreali quanto veritieri. Non a caso, si scusano fin da subito con gli spettatori se in tale apoteosi della banalità lo spettacolo dovesse suscitare oltre che tante piacevoli risate anche qualche intelligente riflessione. Quelle "controindicazioni", come simpaticamente le definiscono, che sono il manifesto di tutta la loro produzione artistica: “La scienza studia i pazzi, noi indaghiamo i disastri che fanno le persone normali”. E' infatti sull’osservazione della “normalità” che Nuzzo e Di Biase hanno negli anni costruito il loro mondo surreale, fin dalla creazione del loro sodalizio artistico nel 2002. La creazione della coppia comica nasce dal comune interesse per lo studio della commedia dell’arte, del clown teatrale, del mimo e della scrittura creativa, elementi che ritroviamo miscelati insieme in tutto il loro lavoro e che li ha portati negli anni ad avere una ricca produzione artistica. In tv vantano partecipazioni continue a Zelig, ai numerosi programmi condotti dalla Gialappa’s band (Mai dire Grande Fratello, Mai dire Martedì) e alla prima e seconda edizione di Bulldozer. Al cinema sono stati a fianco di Ficarra e Picone e da qualche anno lavorano anche in radio sena mai abbandonare il teatro. Ed è proprio al teatro di Comiso che danno appuntamento con il loro nuovo e divertente spettacolo. Spazio Naselli continua ad offrire i suoi servizi dedicati al pubblico con il servizio di babysitting direttamente in teatro e con il servizio taxi per essere presi e riaccompagnati a casa vivendo serenamente una piacevole serata. (PRIMAPRESS)

ufficio stampa


APPUNTAMENTI, COMISO

COMISO. Al Naselli Nuzzo e Di Biase di Zelig con “Paradossi e parastinchi” Posted on 3 aprile 2013 by GianPaolo

Gli appuntamenti di Spazio Naselli a Comiso proseguono con una serata live all’insegna dell’autoironia surreale con il duo comico Nuzzo e Di Biase. Da Zelig la loro comicità approda dunque in terra iblea per una serata, piena di divertimento, fissata per il prossimo lunedì 8 aprile alle ore 21. Il pubblico ragusano piuttosto che vederli in tv avrà così modo di apprezzare la loro comicità direttamente dal vivo, sul palco del Naselli. “Paradossi e parastinchi” è il titolo dello spettacolo che i due attori stanno portando in tour in tutta Italia. Partendo da un viaggio delirante tra i luoghi comuni e le banalità, Corrado Nuzzo e Maria Di Biase mettono in scena situazioni con una forte carica d’ironia e autoironia, un farneticante furore barocco e uno sregolato umorismo divertente e allarmante allo stesso tempo. Conflitti di coppia, tradimenti, amori impossibili, insoddisfazioni personali, sedute psicologiche, mutui inaccessibili, recessione, cultura allo sbando e fede che vacilla, sono passati in rassegna in un continuo botta e risposta di frasi già sentite mille volte, ma che i due bravissimi comici trasformano in divertenti non-sense surreali quanto veritieri. Non a caso, si scusano fin da subito con gli spettatori se in tale apoteosi della banalità lo spettacolo dovesse suscitare oltre che tante piacevoli risate anche qualche intelligente riflessione. Quelle “controindicazioni”, come simpaticamente le definiscono, che sono il manifesto di tutta la loro produzione artistica: “La scienza studia i pazzi, noi indaghiamo i disastri che fanno le persone normali”. E’ infatti sull’osservazione della “normalità” che Nuzzo e Di Biase hanno negli anni costruito il loro mondo surreale, fin dalla creazione del loro sodalizio artistico nel 2002. La creazione della coppia comica nasce dal comune interesse per lo studio della commedia dell’arte, del clown teatrale, del mimo e della scrittura creativa, elementi che ritroviamo miscelati insieme in tutto il loro lavoro e che li ha portati negli anni ad avere una ricca produzione artistica. In tv vantano partecipazioni continue a Zelig, ai numerosi programmi condotti dalla Gialappa’s band (Mai dire Grande Fratello, Mai dire Martedì) e alla prima e seconda edizione di Bulldozer. Al cinema sono stati a fianco di Ficarra e Picone e da qualche anno lavorano anche in radio sena mai abbandonare il teatro. Ed è proprio al teatro di Comiso che danno appuntamento con il loro nuovo e divertente spettacolo. Spazio Naselli continua ad offrire i suoi servizi dedicati al pubblico con il servizio di babysitting direttamente in teatro e con il servizio taxi per essere presi e riaccompagnati a casa vivendo serenamente una piacevole serata. ufficio stampa


Comiso – Una stagione all’insegna del “crescendo” quella che si sta consumando allo Spazio Naselli, questa volta è in scena l'autoironia surreale con il duo comico Nuzzo e Di Biase. Da Zelig la loro comicità approda dunque nella cittadina casmenea per una serata che promette divertimento, l’appuntamento è per il prossimo lunedì 8 aprile alle ore 21. Il pubblico ibleo piuttosto che vederli in tv avrà così modo di apprezzare la loro comicità direttamente dal vivo, sul palco del Naselli. "Paradossi e parastinchi" è il titolo dello spettacolo che i due attori stanno portando in tour in tutta Italia. Partendo da un viaggio delirante tra i luoghi comuni e le banalità, Corrado Nuzzo e Maria Di Biase mettono in scena situazioni con una forte carica d’ironia e autoironia, un farneticante furore barocco e uno sregolato umorismo divertente e allarmante allo stesso tempo. Conflitti di coppia, tradimenti, amori impossibili, insoddisfazioni personali, sedute psicologiche, mutui inaccessibili, recessione, cultura allo sbando e fede che vacilla, sono passati in rassegna in un continuo botta e risposta di frasi già sentite mille volte, ma che i due bravissimi comici trasformano in divertenti non-sense surreali quanto veritieri. Non a caso, si scusano fin da subito con gli spettatori se in tale apoteosi della banalità lo spettacolo dovesse suscitare oltre che tante piacevoli risate anche qualche intelligente riflessione. Quelle "controindicazioni", come simpaticamente le definiscono, che sono il manifesto di tutta la loro produzione artistica: “La scienza studia i pazzi, noi indaghiamo i disastri che fanno le persone normali”. E' infatti sull’osservazione della “normalità” che Nuzzo e Di Biase hanno negli anni costruito il loro mondo surreale, fin dalla creazione del loro sodalizio artistico nel 2002. La creazione della coppia comica nasce dal comune interesse per lo studio della commedia dell’arte, del clown teatrale, del mimo e della scrittura creativa, elementi che ritroviamo miscelati insieme in tutto il loro lavoro e che li ha portati negli anni ad avere una ricca produzione artistica. In tv vantano partecipazioni continue a Zelig, ai numerosi programmi condotti dalla Gialappa’s band (Mai dire Grande Fratello, Mai dire Martedì) e alla prima e seconda edizione di Bulldozer. Al cinema sono stati a fianco di Ficarra e Picone e da qualche anno lavorano anche in radio sena mai abbandonare il teatro. Ed è proprio al teatro di Comiso che danno appuntamento con il loro nuovo e divertente spettacolo. Spazio Naselli continua ad offrire i suoi servizi dedicati al pubblico con il servizio di babysitting direttamente in teatro e con il servizio taxi per essere presi e riaccompagnati a casa vivendo serenamente una piacevole serata. ufficio stampa


03/04/2013 23:40 Notizia letta: 1522 volte

Appuntamenti | Comiso

Zelig al Teatro di Comiso Comiso - Gli appuntamenti di Spazio Naselli a Comiso proseguono con una serata live all'insegna dell'autoironia surreale con il duo comico Nuzzo e Di Biase. Da Zelig la loro comicità approda dunque in terra iblea per una serata, piena di divertimento, fissata per il prossimo lunedì 8 aprile alle ore 21. Il pubblico ragusano piuttosto che vederli in tv avrà così modo di apprezzare la loro comicità direttamente dal vivo, sul palco del Naselli. "Paradossi e parastinchi" è il titolo dello spettacolo che i due attori stanno portando in tour in tutta Italia. Partendo da un viaggio delirante tra i luoghi comuni e le banalità, Corrado Nuzzo e Maria Di Biase mettono in scena situazioni con una forte carica d’ironia e autoironia, un farneticante furore barocco e uno sregolato umorismo divertente e allarmante allo stesso tempo. Conflitti di coppia, tradimenti, amori impossibili, insoddisfazioni personali, sedute psicologiche, mutui inaccessibili, recessione, cultura allo sbando e fede che vacilla, sono passati in rassegna in un continuo botta e risposta di frasi già sentite mille volte, ma che i due bravissimi comici trasformano in divertenti non-sense surreali quanto veritieri. Non a caso, si scusano fin da subito con gli spettatori se in tale apoteosi della banalità lo spettacolo dovesse suscitare oltre che tante piacevoli risate anche qualche intelligente riflessione. Quelle "controindicazioni", come simpaticamente le definiscono, che sono il manifesto di tutta la loro produzione artistica: “La scienza studia i pazzi, noi indaghiamo i disastri che fanno le persone normali”. E' infatti sull’osservazione della “normalità” che Nuzzo e Di Biase hanno negli anni costruito il loro mondo surreale, fin dalla creazione del loro sodalizio artistico nel 2002. La creazione della coppia comica nasce dal comune interesse per lo studio della commedia dell’arte, del clown teatrale, del mimo e della scrittura creativa, elementi che ritroviamo miscelati insieme in tutto il loro lavoro e che li ha portati negli anni ad avere una ricca produzione artistica. In tv vantano partecipazioni continue a Zelig, ai numerosi programmi condotti dalla Gialappa’s band (Mai dire Grande Fratello, Mai dire Martedì) e alla prima e seconda edizione di Bulldozer. Al cinema sono stati a fianco di Ficarra e Picone e da qualche anno lavorano anche in radio sena mai abbandonare il teatro. Ed è proprio al teatro di Comiso che danno appuntamento con il loro nuovo e divertente spettacolo. Spazio Naselli continua ad offrire i suoi servizi dedicati al pubblico con il servizio di babysitting direttamente in teatro e con il servizio taxi per essere presi e riaccompagnati a casa vivendo serenamente una piacevole serata. Info e prenotazioni: 0932 963933 - 3381266355 e su internet www.spazionaselli.it e sulla paginawww.facebook.com/spazionaselli.

ufficio stampa


DA ZELIG LA COMICITA’ APPRODA IN TERRA IBLEA. “PARADOSSI E PARASTINCHI” LUNEDI’ 8 APRILE ALLO SPAZIO NASELLI DI COMISO CON I DIVERTENTISSIMI NUZZO E DI BIASE. scritto il 3 apr 2013 nella categoria: Spettacolo Pubblicata alle ore 19:08:03 - Fonte: redazione - 84 letture - nessun commento. Gli appuntamenti di Spazio Naselli a Comiso proseguono con una serata live all’insegna dell’autoironia surreale con il duo comico Nuzzo e Di Biase. Da Zelig la loro comicità approda dunque in terra iblea per una serata, piena di divertimento, fissata per il prossimo lunedì 8 aprile alle ore 21. Il pubblico ragusano piuttosto che vederli in tv avrà così modo di apprezzare la loro comicità direttamente dal vivo, sul palco del Naselli. “Paradossi e parastinchi” è il titolo dello spettacolo che i due attori stanno portando in tour in tutta Italia. Partendo da un viaggio delirante tra i luoghi comuni e le banalità, Corrado Nuzzo e Maria Di Biase mettono in scena situazioni con una forte carica d’ironia e autoironia, un farneticante furore barocco e uno sregolato umorismo divertente e allarmante allo stesso tempo. Conflitti di coppia, tradimenti, amori impossibili, insoddisfazioni personali, sedute psicologiche, mutui inaccessibili, recessione, cultura allo sbando e fede che vacilla, sono passati in rassegna in un continuo botta e risposta di frasi già sentite mille volte, ma che i due bravissimi comici trasformano in divertenti non-sense surreali quanto veritieri. Non a caso, si scusano fin da subito con gli spettatori se in tale apoteosi della banalità lo spettacolo dovesse suscitare oltre che tante piacevoli risate anche qualche intelligente riflessione. Quelle “controindicazioni”, come simpaticamente le definiscono, che sono il manifesto di tutta la loro produzione artistica: “La scienza studia i pazzi, noi indaghiamo i disastri che fanno le persone normali”. E’ infatti sull’osservazione della “normalità” che Nuzzo e Di Biase hanno negli anni costruito il loro mondo surreale, fin dalla creazione del loro sodalizio artistico nel 2002. La creazione della coppia comica nasce dal comune interesse per lo studio della commedia dell’arte, del clown teatrale, del mimo e della scrittura creativa, elementi che ritroviamo miscelati insieme in tutto il loro lavoro e che li ha portati negli anni ad avere una ricca produzione artistica. In tv vantano partecipazioni continue a Zelig, ai numerosi programmi condotti dalla Gialappa’s band (Mai dire Grande Fratello, Mai dire Martedì) e alla prima e seconda edizione di Bulldozer. Al cinema sono stati a fianco di Ficarra e Picone e da qualche anno lavorano anche in radio sena mai abbandonare il teatro. Ed è proprio al teatro di Comiso che danno appuntamento con il loro nuovo e divertente spettacolo. Spazio Naselli continua ad offrire i suoi servizi dedicati al pubblico con il servizio di babysitting direttamente in teatro e con il servizio taxi per essere presi e riaccompagnati a casa vivendo serenamente una piacevole serata.

ufficio stampa


Nuzzo e Di Biase a Comiso MERCOLEDÌ 03 APRILE 2013 13:56

REDAZIONE

SEZIONE: MUSICA E SPETTACOLO - VISITE: 344

Da Zelig: “Paradossi e parastinchi”, lunedì 8 aprile allo Spazio Naselli di Comiso con Nuzzo e Di Biase Comiso – Gli appuntamenti di Spazio Naselli a Comiso proseguono con una serata live all'insegna dell'autoironia surreale con il duo comico Nuzzo e Di Biase. Da Zelig la loro comicità approda dunque in terra iblea per una serata, piena di divertimento, fissata per il prossimo lunedì 8 aprile alle ore 21. Il pubblico ragusano piuttosto che vederli in tv avrà così modo di apprezzare la loro comicità direttamente dal vivo, sul palco del Naselli. "Paradossi e parastinchi" è il titolo dello spettacolo che i due attori stanno portando in tour in tutta Italia. Partendo da un viaggio delirante tra i luoghi comuni e le banalità, Corrado Nuzzo e Maria Di Biase mettono in scena situazioni con una forte carica d’ironia e autoironia, un farneticante furore barocco e uno sregolato umorismo divertente e allarmante allo stesso tempo. Conflitti di coppia, tradimenti, amori impossibili, insoddisfazioni personali, sedute psicologiche, mutui inaccessibili, recessione, cultura allo sbando e fede che vacilla, sono passati in rassegna in un continuo botta e risposta di frasi già sentite mille volte, ma che i due bravissimi comici trasformano in divertenti nonsense surreali quanto veritieri. Non a caso, si scusano fin da subito con gli spettatori se in tale apoteosi della banalità lo spettacolo dovesse suscitare oltre che tante piacevoli risate anche qualche intelligente riflessione. Quelle "controindicazioni", come simpaticamente le definiscono, che sono il manifesto di tutta la loro produzione artistica: “La scienza studia i pazzi, noi indaghiamo i disastri che fanno le persone normali”. Sull’osservazione della “normalità” Nuzzo e Di Biase hanno negli anni costruito il loro mondo surreale, fin dalla creazione del loro sodalizio artistico nel 2002. La creazione della coppia comica nasce dal comune interesse per lo studio della commedia dell’arte, del clown teatrale, del mimo e della scrittura creativa, elementi che ritroviamo miscelati insieme in tutto il loro lavoro e che li ha portati negli anni ad avere una ricca produzione artistica. In TV vantano partecipazioni continue a Zelig, ai numerosi programmi condotti dalla Gialappa’s band (Mai dire Grande Fratello, Mai dire Martedì) e alla prima e seconda edizione di Bulldozer. Al cinema sono stati a fianco di Ficarra e Picone e da qualche anno lavorano anche in radio senza mai abbandonare il teatro. Ed è proprio al teatro di Comiso che danno appuntamento con il loro nuovo e divertente spettacolo. Spazio Naselli continua ad offrire i suoi servizi dedicati al pubblico con il servizio di babysitting direttamente in teatro e con il servizio taxi per essere presi e riaccompagnati a casa vivendo serenamente una piacevole serata. ufficio stampa


COMISO. TEATRO: DA ZELIG IN TERRA IBLEA IL DUO COMICO NUZZO E DI BIASE. LUNEDÌ 8 APRILE ALLO SPAZIO NASELLI Categoria: Cultura, eventi & Spettacolo Visite: 404

SICILIA - COMISO (RG) – Gli appuntamenti di Spazio Naselli a Comiso proseguono con una serata live all'insegna dell'autoironia surreale con il duo comico Nuzzo e Di Biase. Da Zelig la loro comicità approda dunque in terra iblea per una serata, piena di divertimento, fissata per il prossimo lunedì 8 aprile alle ore 21. Il pubblico ragusano piuttosto che vederli in tv avrà così modo di apprezzare la loro comicità direttamente dal vivo, sul palco del Naselli. "Paradossi e parastinchi" è il titolo dello spettacolo che i due attori stanno portando in tour in tutta Italia. Partendo da un viaggio delirante tra i luoghi comuni e le banalità, Corrado Nuzzo e Maria Di Biase mettono in scena situazioni con una forte carica d’ironia e autoironia, un farneticante furore barocco e uno sregolato umorismo divertente e allarmante allo stesso tempo. Conflitti di coppia, tradimenti, amori impossibili, insoddisfazioni personali, sedute psicologiche, mutui inaccessibili, recessione, cultura allo sbando e fede che vacilla, sono passati in rassegna in un continuo botta e risposta di frasi già sentite mille volte, ma che i due bravissimi comici trasformano in divertenti non-sense surreali quanto veritieri. Non a caso, si scusano fin da subito con gli spettatori se in tale apoteosi della banalità lo spettacolo dovesse suscitare oltre che tante piacevoli risate anche qualche intelligente riflessione. Quelle "controindicazioni", come simpaticamente le definiscono, che sono il manifesto di tutta la loro produzione artistica: “La scienza studia i pazzi, noi indaghiamo i disastri che fanno le persone normali”. E' infatti sull’osservazione della “normalità” che Nuzzo e Di Biase hanno negli anni costruito il loro mondo surreale, fin dalla creazione del loro sodalizio artistico nel 2002. La creazione della coppia comica nasce dal comune interesse per lo studio della commedia dell’arte, del clown teatrale, del mimo e della scrittura creativa, elementi che ritroviamo miscelati insieme in tutto il loro lavoro e che li ha portati negli anni ad avere una ricca produzione artistica. In tv vantano partecipazioni continue a Zelig, ai numerosi programmi condotti dalla Gialappa’s band (Mai dire Grande Fratello, Mai dire Martedì) e alla prima e seconda edizione di Bulldozer. Al cinema sono stati a fianco di Ficarra e Picone e da qualche anno lavorano anche in radio sena mai abbandonare il teatro. Ed è proprio al teatro di Comiso che danno appuntamento con il loro nuovo e divertente spettacolo. Spazio Naselli continua ad offrire i suoi servizi dedicati al pubblico con il servizio di babysitting direttamente in teatro e con il servizio taxi per essere presi e riaccompagnati a casa vivendo serenamente una piacevole serata. Scritto da Redazione

ufficio stampa


Paradossi e Parastinchi - con il Duo Nuzzo e Di Biase a Comiso, giorno 8 Aprile Condividi questo evento su

LUNEDI' 8 APRILE 2013 ALLE ORE 21.00, PRESSO LO SPAZIO NASELLI DI COMISO 'PARADOSSI E PARASTINCHI', UNA SERATA LIVE ALL'INSEGNA DELL'AUTOIRONIA SURREALE CON IL DUO NUZZO E DI BIASE. DA ZELIG LA LORO COMICITA' APPRODA IN TERRA IBLEA PER UNA SERATA PIENA DI DIVERTIMENTO. Il pubblico ragusano piuttosto che vederli in tv avrà così modo di apprezzare la loro comicità direttamente dal vivo, sul palco del Naselli. "Paradossi e parastinchi" è il titolo dello spettacolo che i due attori stanno portando in tour in tutta Italia. Partendo da un viaggio delirante tra i luoghi comuni e le banalità, Corrado Nuzzo e Maria Di Biase mettono in scena situazioni con una forte carica d’ironia e autoironia, un farneticante furore barocco e uno sregolato umorismo divertente e allarmante allo stesso tempo. Conflitti di coppia, tradimenti, amori impossibili, insoddisfazioni personali, sedute psicologiche, mutui inaccessibili, recessione, cultura allo sbando e fede che vacilla, sono passati in rassegna in un continuo botta e risposta di frasi già sentite mille volte, ma che i due bravissimi comici trasformano in divertenti non-sense surreali quanto veritieri. Non a caso, si scusano fin da subito con gli spettatori se in tale apoteosi della banalità lo spettacolo dovesse suscitare oltre che tante piacevoli risate anche qualche intelligente riflessione. Quelle 'controindicazioni', come simpaticamente le definiscono, che sono il manifesto di tutta la loro produzione artistica: 'La scienza studia i pazzi, noi indaghiamo i disastri che fanno le persone normali'. E' infatti sull’osservazione della 'normalità' che Nuzzo e Di Biase hanno negli anni costruito il loro mondo surreale, fin dalla creazione del loro sodalizio artistico nel 2002. La creazione della coppia comica nasce dal comune interesse per lo studio della commedia dell’arte, del clown teatrale, del mimo e della scrittura creativa, elementi che ritroviamo miscelati insieme in tutto il loro lavoro e che li ha portati negli anni ad avere una ricca produzione artistica. In tv vantano partecipazioni continue a Zelig, ai numerosi programmi condotti dalla Gialappa’s band (Mai dire Grande Fratello, Mai dire Martedì) e alla prima e seconda edizione di Bulldozer. Al cinema sono stati a fianco di Ficarra e Picone e da qualche anno lavorano anche in radio sena mai abbandonare il teatro. Ed è proprio al teatro di Comiso che danno appuntamento con il loro nuovo e divertente spettacolo. Spazio Naselli continua ad offrire i suoi servizi dedicati al pubblico con il servizio di babysitting direttamente in teatro e con il servizio taxi per essere presi e riaccompagnati a casa vivendo serenamente una piacevole serata. Info e prenotazioni Tel. 0932 963933 Cell. 338 1266355 Botteghino Piazza San Biagio Comiso dal martedì al sabato ore 10/13 e 16/20 ufficio stampa


COMISO. SPASSOSI “PARADOSSI E PARASTINCHI”. IL DUO COMICO NUZZO E DI BIASE E LA COMICITA’ TARGATA ZELIG HA TROVATO UN’OTTIMA RISPOSTA DI PUBBLICO scritto il 9 apr 2013 nella categoria: Spettacolo Pubblicata alle ore 18:48:04 - Fonte: Redazione - 52 letture - nessun commento.

Spassosissimi. Questo il commento principale a fine serata da parte del pubblico che per quasi due ore si è divertito ieri assistendo allo spettacolo di Corrado Nuzzo e Maria Di Biase. Sono stati loro, allo Spazio Naselli di Comiso, i protagonisti del divertentissimo spettacolo “Paradossi e parastinchi”. Il duo comico noto anche per le sue applaudite partecipazioni a Zelig, ha portato in scena con una verve comica straordinaria, i paradossi e la difficile convivenza di improbabili coppie, sia della società d’oggi che di immaginari tempi nobiliari, ma anche personaggi assurdi, come due studenti liceali che affrontano assolutamente impreparati le interrogazioni. Ironia ma anche autoironia per questa coppia di artisti che è pure una coppia nella vita. Ma in scena, esasperando ogni cosa, portano dei non-sense surreali e al tempo stesso veritieri, raccontando i conflitti di coppia, gli amori impossibili, le insoddisfazioni personali. Storie di persone normali che con la spinta della recitazione ironica e di un testo mai scontato e sempre divertente, diventano “paradossi e parastinchi” su cui divertirsi per una serata da passare con gli amici a teatro. Un mondo surreale dove Nuzzo diventa un particolare prete decisamente poco “ortodosso” e dove la Di Biase interpreta un’agente immobiliare a cui poco importano le esigenze del cliente che deve comprare la casa perché l’unica cosa importante è il suo tempo e soprattutto la vendita dell’appartamento. Insomma storie di italianità comune che hanno regalato il sorriso al pubblico (quasi esauriti i posti al teatro) per poi fermarsi dopo lo spettacolo per foto ricordo e autografi. Cresce l’attenzione del pubblico verso gli spettacoli e le iniziative culturali di Spazio Naselli con interesse anche verso i servizi dedicati, come quello di babysitting, direttamente in teatro, o il servizio taxi per andare a vedere lo spettacolo e rientrare a casa vivendo serenamente una piacevole serata.

ufficio stampa


Spassosi “paradossi e parastinchi” allo spazio Naselli di Comiso Ragusa MARTEDÌ 09 APRILE 2013 17:31

Spassosissimi. Questo il commento principale a fine serata da parte del pubblico che per quasi due ore si è divertito ieri assistendo allo spettacolo di Corrado Nuzzo e Maria Di Biase. Sono stati loro, allo Spazio Naselli di Comiso, i protagonisti del divertentissimo spettacolo “Paradossi e parastinchi”. Il duo comico noto anche per le sue applaudite partecipazioni a Zelig, ha portato in scena con una verve comica straordinaria, i paradossi e la difficile convivenza di improbabili coppie, sia della società d’oggi che di immaginari tempi nobiliari, ma anche personaggi assurdi, come due studenti liceali che affrontano assolutamente impreparati le interrogazioni. Ironia ma anche autoironia per questa coppia di artisti che è pure una coppia nella vita. Ma in scena, esasperando ogni cosa, portano dei non-sense surreali e al tempo stesso veritieri, raccontando i conflitti di coppia, gli amori impossibili, le insoddisfazioni personali. Storie di persone normali che con la spinta della recitazione ironica e di un testo mai scontato e sempre divertente, diventano “paradossi e parastinchi” su cui divertirsi per una serata da passare con gli amici a teatro. Un mondo surreale dove Nuzzo diventa un particolare prete decisamente poco “ortodosso” e dove la Di Biase interpreta un’agente immobiliare a cui poco importano le esigenze del cliente che deve comprare la casa perché l’unica cosa importante è il suo tempo e soprattutto la vendita dell’appartamento. Insomma storie di italianità comune che hanno regalato il sorriso al pubblico (quasi esauriti i posti al teatro) per poi fermarsi dopo lo spettacolo per foto ricordo e autografi. Cresce l’attenzione del pubblico verso gli spettacoli e le iniziative culturali di Spazio Naselli con interesse anche verso i servizi dedicati, come quello di babysitting, direttamente in teatro, o il servizio taxi per andare a vedere lo spettacolo e rientrare a casa vivendo serenamente una piacevole serata. Info e prenotazioni: 0932 963933 - 3381266355 e su internet www.spazionaselli.it e sulla paginawww.facebook.com/spazionaselli . ufficio stampa


Comiso - La nuova vita del teatro Naselli. Sabato e domenica il teatro comisano, da due mesi gestito dalla cooperativa “La Girandola” ha ospitato la “prima” dell’opera teatrale “Il circo”, di Adriano Aiello, per la regia di David Larible. Aiello è ideatore e produttore dello spettacolo, ma è anche attore protagonista. In scena, insieme a lui Bruno Morello (l’aiutante) Salvo Giorgio (il direttore del circo), Liliana Lo Furno (la ballerina – soubrette), Evelina Fidone (la donna cannone). La scena è quella di una soffitta piena di costumi ed attrezzi teatrali, in cui il protagonista, a causa di un incidente, comincia a vivere una serie di situazioni surreali e tutte diverse, insieme agli altri partner di scena. Il lavoro è stato prodotto a Comiso. Per dieci giorni è stato a Comiso David Larible, oggi considerato il più grande clown del mondo. E’ stato lui a curare la regia dello spettacolo, con l’aiuto di Giuseppina Vivera e Ivana Sallemi. Larible ha anche tenuto uno stage di formazione di tre giorni (alla vigilia di Pasqua) con dodici studenti, alcuni della scuola di teatro che opera a Comiso, altri provenienti da altre città siciliane. E si è innescata una rete a catena che ha visto questi giovani partecipare, nei giorni successivi, alla realizzazione delle scenografie montate sul palco del Naselli. Altri, nel frattempo, provvedevano a portare in teatro gli “assaggi” delle prelibatezze locali e delle “scacce” ragusane o modicane, prodotte da alcuni panifici locali o dalle aziende che operano nel “mercatino degli agricoltori”. Alla fine, lo spettacolo ha debuttato proprio al Naselli, con due sere d’eccezione. Ora, Aiello porterà il suo spettacolo anche a Catania, mentre il suo maestro, David Larible, è volato in Russia, dove curerà la regia di altri spettacoli. “Lo spettacolo – spiega Aiello – è un omaggio al mio maestrop, David Larible, ma è anche un omaggio a Charlie Chaplin ed un omaggio al circo, che ti fa entrare in una dimensione surreale e di sogno e che permette di vivere emozioni uniche”. Il teatro di Comiso, da due mesi, è gestito dall’associazione “La Girandola”. Pian piano sta diventando il motore di un’intensa attività culturale e teatrale. Sempre a Comiso, è stato realizzato e presentato lo spettacolo “Le Serve”, curato da Giampaolo Romania

ufficio stampa


16/04/2013 18:23 Notizia letta: 859 volte

Appuntamenti | Comiso

Spettacolo di Raoul Cremona a Comiso Comiso – E' un artista molto atteso che per la prima volta arriva in provincia di Ragusa. Direttamente dal palco di Zelig approda allo Spazio Naselli di Comiso la comicità surreale di Raul Cremona. "Recital" è il titolo dello spettacolo che già da tempo riceve consensi in tutta Italia e che adesso sarà possibile vedere a Comiso, una delle due tappe della Sicilia. Un vero colpaccio per la programmazione di Spazio Naselli. Per chi ama il “Cremona televisivo” si tratta di un appuntamento imperdibile perché ritroverà tutti i personaggi che hanno portato al successo il bravissimo attore milanese. Personaggi di successo, come il “più comico degli attori drammatici”, quello Jacopo Ortis dall'eloquio spropositatamente forbito e ridondante che tanto ci ricorda il grande Gassman. Oppure il mago Silvano, parodia neanche troppo sottintesa del più grande prestigiatore italiano, anzi prestidigitatore, come ama sottolineare ad ogni presentazione. Non più una semplice imitazione, visto che ormai è diventato agli occhi del pubblico televisivo l'alter ego del vero Silvan. O ancora l'intollerante e milanesissimo Omen. Una galleria pirotecnica di personaggi stralunati e surreali che diventa anche un viaggio nella lunghissima memoria artistica di Raul Cremona. Un percorso che ha origine negli anni '80, quando si propone come cabarettista in tanti varietà televisivi, ma è soprattutto con i programmi della Gialappa's che nascono i suoi personaggi di maggior successo, fino ad arrivare ai trionfi televisivi di Zelig che ha sempre alternato a lunghe tournée teatrali nei palchi di tutta Italia. La comicità di Cremona è un concentrato di magia, prestidigitazione, giochi di parole, musica, gag, macchiette, a testimonianza di una personalità artistica multiforme. A tratti disincantata, a tratti vorticosa, a tratti poetica. Un bravissimo cantastorie che, con grande originalità, si serve della magia come arte della narrazione, arricchendola di riferimenti musicali quanto mai splendidamente inattuali come Kramer, Arigliano e il Quartetto Cetra. L'appuntamento per trascorrere una serata all’insegna della leggerezza e della spensieratezza è per venerdì 19 aprile alle 21. Spazio Naselli di Comiso continua ad offrire i suoi servizi dedicati al pubblico con l'area babysitting direttamente in teatro e il servizio taxi per essere presi e riaccompagnati a casa vivendo serenamente una piacevole serata. Info e prenotazioni: 0932 963933 - 3381266355e su internet www.spazionaselli.it e sulla pagina www.facebook.com/spazionaselli. Redazione ufficio stampa


Raul Cremona per la prima volta nella nostra provincia Scritto il 16/4/2013 alle 17:27 da Redazione

E’ un artista molto atteso che per la prima volta arriva in provincia di Ragusa. Direttamente dal palco di Zelig approda allo Spazio Naselli di Comiso la comicità surreale di Raul Cremona. “Recital” è il titolo dello spettacolo che già da tempo riceve consensi in tutta Italia e che adesso sarà possibile vedere a Comiso, una delle due tappe della Sicilia. Un vero colpaccio per la programmazione di Spazio Naselli. Per chi ama il “Cremona televisivo” si tratta di un appuntamento imperdibile perché ritroverà tutti i personaggi che hanno portato al successo il bravissimo attore milanese. Personaggi di successo, come il “più comico degli attori drammatici”, quello Jacopo Ortis dall’eloquio spropositatamente forbito e ridondante che tanto ci ricorda il grande Gassman. Oppure il mago Silvano, parodia neanche troppo sottintesa del più grande prestigiatore italiano, anzi prestidigitatore, come ama sottolineare ad ogni presentazione. Non più una semplice imitazione, visto che ormai è diventato agli occhi del pubblico televisivo l’alter ego del vero Silvan. O ancora l’intollerante e milanesissimo Omen. Una galleria pirotecnica di personaggi stralunati e surreali che diventa anche un viaggio nella lunghissima memoria artistica di Raul Cremona. Un percorso che ha origine negli anni ’80, quando si propone come cabarettista in tanti varietà televisivi, ma è soprattutto con i programmi della Gialappa’s che nascono i suoi personaggi di maggior successo, fino ad arrivare ai trionfi televisivi di Zelig che ha sempre alternato a lunghe tournée teatrali nei palchi di tutta Italia. La comicità di Cremona è un concentrato di magia, prestidigitazione, giochi di parole, musica, gag, macchiette, a testimonianza di una personalità artistica multiforme. A tratti disincantata, a tratti vorticosa, a tratti poetica. Un bravissimo cantastorie che, con grande originalità, si serve della magia come arte della narrazione, arricchendola di riferimenti musicali quanto mai splendidamente inattuali come Kramer, Arigliano e il Quartetto Cetra. L’appuntamento per trascorrere una serata all’insegna della leggerezza e della spensieratezza è per venerdì 19 aprile alle 21. Spazio Naselli di Comiso continua ad offrire i suoi servizi dedicati al pubblico con l’area babysitting direttamente in teatro e il servizio taxi per essere presi e riaccompagnati a casa vivendo serenamente una piacevole serata. Info e prenotazioni: 0932 963933 – 3381266355e su internetwww.spazionaselli.it e sulla pagina www.facebook.com/spazionaselli .

ufficio stampa


Raoul Cremona al Naselli di Comiso MARTEDÌ 16 APRILE 2013 20:12 REDAZIONE

VISITE: 214

SEZIONE: MUSICA E SPETTACOLO -

Comiso, 16 aprile 2013 – È un artista molto atteso che per la prima volta arriva in provincia di Ragusa. Direttamente dal palco di Zelig approda allo Spazio Naselli di Comiso la comicità surreale di Raul Cremona. "Recital" è il titolo dello spettacolo che già da tempo riceve consensi in tutta Italia e che adesso sarà possibile vedere a Comiso, una delle due tappe della Sicilia. Un vero colpaccio per la programmazione di Spazio Naselli. Per chi ama il “Cremona televisivo” si tratta di un appuntamento imperdibile perché ritroverà tutti i personaggi che hanno portato al successo il bravissimo attore milanese. Personaggi di successo, come il “più comico degli attori drammatici”, quello Jacopo Ortis dall'eloquio spropositatamente forbito e ridondante che tanto ci ricorda il grande Gassman. Oppure il mago Silvano, parodia neanche troppo sottintesa del più grande prestigiatore italiano, anzi prestidigitatore, come ama sottolineare ad ogni presentazione. Non più una semplice imitazione, visto che ormai è diventato agli occhi del pubblico televisivo l'alter ego del vero Silvan. O ancora l'intollerante e milanesissimo Omen. Una galleria pirotecnica di personaggi stralunati e surreali che diventa anche un viaggio nella lunghissima memoria artistica di Raul Cremona. Un percorso che ha origine negli anni '80, quando si propone come cabarettista in tanti varietà televisivi, ma è soprattutto con i programmi della Gialappa's che nascono i suoi personaggi di maggior successo, fino ad arrivare ai trionfi televisivi di Zelig che ha sempre alternato a lunghe tournée teatrali nei palchi di tutta Italia. La comicità di Cremona è un concentrato di magia, prestidigitazione, giochi di parole, musica, gag, macchiette, a testimonianza di una personalità artistica multiforme. A tratti disincantata, a tratti vorticosa, a tratti poetica. Un bravissimo cantastorie che, con grande originalità, si serve della magia come arte della narrazione, arricchendola di riferimenti musicali quanto mai splendidamente inattuali come Kramer, Arigliano e il Quartetto Cetra. L'appuntamento per trascorrere una serata all’insegna della leggerezza e della spensieratezza è per venerdì 19 aprile alle 21. Spazio Naselli di Comiso continua ad offrire i suoi servizi dedicati al pubblico con l'area babysitting direttamente in teatro e il servizio taxi per essere presi e riaccompagnati a casa vivendo serenamente una piacevole serata. Info e prenotazioni: 0932 963933 - 3381266355e su internet www.spazionaselli.it e sulla pagina www.facebook.com/spazionaselli.

ufficio stampa


PER LA PRIMA VOLTA IN PROVINCIA DI RAGUSA IL GRANDE RAUL CREMONA SARA’ VENERDI’ 19 APRILE ALLO SPAZIO NASELLI DI COMISO PER IL SUO DIVERTENTE “RECITAL” scritto il 16 apr 2013 nella categoria: Spettacolo Pubblicata alle ore 13:54:47 - Fonte: redazione - 112 letture - nessun commento.

E’ un artista molto atteso che per la prima volta arriva in provincia di Ragusa. Direttamente dal palco di Zelig approda allo Spazio Naselli di Comiso la comicità surreale di Raul Cremona. “Recital” è il titolo dello spettacolo che già da tempo riceve consensi in tutta Italia e che adesso sarà possibile vedere a Comiso, una delle due tappe della Sicilia. Un vero colpaccio per la programmazione di Spazio Naselli. Per chi ama il “Cremona televisivo” si tratta di un appuntamento imperdibile perché ritroverà tutti i personaggi che hanno portato al successo il bravissimo attore milanese. Personaggi di successo, come il “più comico degli attori drammatici”, quello Jacopo Ortis dall’eloquio spropositatamente forbito e ridondante che tanto ci ricorda il grande Gassman. Oppure il mago Silvano, parodia neanche troppo sottintesa del più grande prestigiatore italiano, anzi prestidigitatore, come ama sottolineare ad ogni presentazione. Non più una semplice imitazione, visto che ormai è diventato agli occhi del pubblico televisivo l’alter ego del vero Silvan. O ancora l’intollerante e milanesissimo Omen. Una galleria pirotecnica di personaggi stralunati e surreali che diventa anche un viaggio nella lunghissima memoria artistica di Raul Cremona. Un percorso che ha origine negli anni ’80, quando si propone come cabarettista in tanti varietà televisivi, ma è soprattutto con i programmi della Gialappa’s che nascono i suoi personaggi di maggior successo, fino ad arrivare ai trionfi televisivi di Zelig che ha sempre alternato a lunghe tournée teatrali nei palchi di tutta Italia. La comicità di Cremona è un concentrato di magia, prestidigitazione, giochi di parole, musica, gag, macchiette, a testimonianza di una personalità artistica multiforme. A tratti disincantata, a tratti vorticosa, a tratti poetica. Un bravissimo cantastorie che, con grande originalità, si serve della magia come arte della narrazione, arricchendola di riferimenti musicali quanto mai splendidamente inattuali come Kramer, Arigliano e il Quartetto Cetra. L’appuntamento per trascorrere una serata all’insegna della leggerezza e della spensieratezza è per venerdì 19 aprile alle 21. Spazio Naselli di Comiso continua ad offrire i suoi servizi dedicati al pubblico con l’area babysitting direttamente in teatro e il servizio taxi per essere presi e riaccompagnati a casa vivendo serenamente una piacevole serata. Info e prenotazioni: 0932 963933 – 3381266355e su internet www.spazionaselli.it e sulla pagina www.facebook.com/spazionaselli

ufficio stampa


17/04/2013 - 21:48 Venerdi' 19 aprile allo spazio Naselli di Comiso per il suo divertente “recital”

PER LA PRIMA VOLTA IN PROVINCIA DI RAGUSA IL GRANDE RAUL CREMONA COMISO – E' un artista molto atteso che per la prima volta arriva in provincia di Ragusa. Direttamente dal palco di Zelig approda allo Spazio Naselli di Comiso la comicità surreale di Raul Cremona. "Recital" è il titolo dello spettacolo che già da tempo riceve consensi in tutta Italia e che adesso sarà possibile vedere a Comiso, una delle due tappe della Sicilia. Un vero colpaccio per la programmazione di Spazio Naselli. Per chi ama il “Cremona televisivo” si tratta di un appuntamento imperdibile perché ritroverà tutti i personaggi che hanno portato al successo il bravissimo attore milanese. Personaggi di successo, come il “più comico degli attori drammatici”, quello Jacopo Ortis dall'eloquio spropositatamente forbito e ridondante che tanto ci ricorda il grande Gassman. Oppure il mago Silvano, parodia neanche troppo sottintesa del più grande prestigiatore italiano, anzi prestidigitatore, come ama sottolineare ad ogni presentazione. Non più una semplice imitazione, visto che ormai è diventato agli occhi del pubblico televisivo l'alter ego del vero Silvan. O ancora l'intollerante e milanesissimo Omen. Una galleria pirotecnica di personaggi stralunati e surreali che diventa anche un viaggio nella lunghissima memoria artistica di Raul Cremona. Un percorso che ha origine negli anni '80, quando si propone come cabarettista in tanti varietà televisivi, ma è soprattutto con i programmi della Gialappa's che nascono i suoi personaggi di maggior successo, fino ad arrivare ai trionfi televisivi di Zelig che ha sempre alternato a lunghe tournée teatrali nei palchi di tutta Italia. La comicità di Cremona è un concentrato di magia, prestidigitazione, giochi di parole, musica, gag, macchiette, a testimonianza di una personalità artistica multiforme. A tratti disincantata, a tratti vorticosa, a tratti poetica. Un bravissimo cantastorie che, con grande originalità, si serve della magia come arte della narrazione, arricchendola di riferimenti musicali quanto mai splendidamente inattuali come Kramer, Arigliano e il Quartetto Cetra. L'appuntamento per trascorrere una serata all’insegna della leggerezza e della spensieratezza è per venerdì 19 aprile alle 21. Spazio Naselli di Comiso continua ad offrire i suoi servizi dedicati al pubblico con l'area babysitting direttamente in teatro e il servizio taxi per essere presi e riaccompagnati a casa vivendo serenamente una piacevole serata. Info e prenotazioni: 0932 963933 - 3381266355e su internet www.spazionaselli.it e sulla pagina www.facebook.com/spazionaselli .

ufficio stampa


17/04/2013 11:33 Notizia letta: 910 volte

Appuntamenti | Comiso

Pino Aprile a Comiso Comiso - La rivista LE FATE e SPAZIO NASELLI organizzano l’evento “Mari mossi al Sud e nelle Isole – parole e musica per la terronia futura” che si terrà il 25 aprile 2013 presso lo Spazio Naselli (Teatro, Auditorium e Foyer) di Comiso (RG), con la partecipazione del giornalista e scrittore PINO APRILE, autore dei libri “Giù al Sud. Perché i terroni salveranno l'Italia”, “Mai più terroni. La fine della questione meridionale” e il cantautore siciliano CARLO MURATORI, storico alfiere della musica d'autore in lingua siciliana. La serata consisterà di due momenti di grande interesse e di forte impatto: - alle ore 19,00 presso l’Auditorium sarà organizzata la presentazione dell’ultimo libro di Pino Aprile “Mai più terroni”, con la possibilità, e anzi la certezza, che nel contempo sarà dato uno sguardo agli altri due best-sellers “Terroni” e “Giù al Sud” che costituiscono la straordinaria trilogia della sua più recente opera letteraria. La presentazione sarà a cura della giornalista Elisa Mandarà. - alle 21,30 sul palco del Teatro si terrà il concerto "POVERA PATRIA – di uomini, terre, antiche rapine e nuove illusioni", un viaggio musicale del cantautore siciliano Carlo Muratori, che dai canti del risorgimento siciliano, alle ballate sull’emigrazione, dal brigantaggio, ai canti del lavoro e alle sue nuove canzoni darà una sua testimonianza di grande emozione e forte coscienza identitaria. Alle 20.30 presso il Foyer si potrà accedere alla degustazione di vini e altri prodotti d'eccellenza siciliani. Prezzo in prevendita: 13 euro (concerto e degustazione) Info e prenotazioni: 0932 963933 – 3381266355 e sulla pagina www.facebook.com/spazionaselli o 0932 1961538 – 3272613917 e sulla pagina www.facebook.com/LeFateCafe

ufficio stampa


Description

Un viaggio surreale nella lunghissima memoria artistica di Raul Cremona, durante il quale si fanno incontri bizzarri: Jacopo Ortis dall'eloquio comicamente gassmaniano, che nasce da quell'infanzia spesa fra una partita all'oratorio e una serata al cinema Arena dove veniva proiettato Il mattatore o I mostri; Silvano il mago di Milano, immagine distorta del più grande prestigiatore italiano, specchio del primo amore adolescenziale dell'artista; e che dire dell'intollerante e milanesissimo Omen che Raul bambino ha imparato a conoscere in una Milano che non c'è più? Magia, prestidigitazione, giochi di parole, musica, gag, macchiette, ecco le dominanti di questo Recital che tra i suoi riferimenti musicali può vantare la splendida inattualità di artisti come Kramer, Arigliano e il Quartetto Cetra.

ufficio stampa


TEATRO

"Recital" 19.04.13 H 21.00

È un artista molto atteso che per la prima volta arriva in provincia di Ragusa. Direttamente dal palco di Zelig approda allo Spazio Naselli di Comiso la comicità surreale di Raul Cremona. "Recital" è il titolo dello spettacolo che già da tempo riceve consensi in tutta Italia e che adesso sarà possibile vedere a Comiso, una delle due tappe della Sicilia. Un vero colpaccio per la programmazione di Spazio Naselli. Per chi ama il “Cremona televisivo” si tratta di un appuntamento imperdibile perché ritroverà tutti i personaggi che hanno portato al successo il bravissimo attore milanese. Personaggi di successo, come il “più comico degli attori drammatici”, quello Jacopo Ortis dall'eloquio spropositatamente forbito e ridondante che tanto ci ricorda il grande Gassman. Oppure il mago Silvano, parodia neanche troppo sottintesa del più grande prestigiatore italiano, anzi prestidigitatore, come ama sottolineare ad ogni presentazione. Non più una semplice imitazione, visto che ormai è diventato agli occhi del pubblico televisivo l'alter ego del vero Silvan. O ancora l'intollerante e milanesissimo Omen. Una galleria pirotecnica di personaggi stralunati e surreali che diventa anche un viaggio nella lunghissima memoria artistica di Raul Cremona. Un percorso che ha origine negli anni '80, quando si propone come cabarettista in tanti varietà televisivi, ma è soprattutto con i programmi della Gialappa's che nascono i suoi personaggi di maggior successo, fino ad arrivare ai trionfi televisivi di Zelig che ha sempre alternato a lunghe tournée teatrali nei palchi di tutta Italia. La comicità di Cremona è un concentrato di magia, prestidigitazione, giochi di parole, musica, gag, macchiette, a testimonianza di una personalità artistica multiforme. A tratti disincantata, a tratti vorticosa, a tratti poetica. Un bravissimo cantastorie che, con grande originalità, si serve della magia come arte della narrazione, arricchendola di riferimenti musicali quanto mai splendidamente inattuali come Kramer, Arigliano e il Quartetto Cetra. L'appuntamento per trascorrere una serata all’insegna della leggerezza e della spensieratezza è per venerdì 19 aprile alle 21. Spazio Naselli di Comiso continua ad offrire i suoi servizi dedicati al pubblico con l'area babysitting direttamente in teatro e il servizio taxi per essere presi e riaccompagnati a casa vivendo serenamente una piacevole serata. Info e prenotazioni: 0932 963933 - 3381266355e su internet www.spazionaselli.it e sulla pagina www.facebook.com/spazionaselli .

ufficio stampa


'Recital' di Raul Cremona a Comiso, giorno 19 Aprile Condividi questo evento su

VENERDI' 19 APRILE 2013 ALLE ORE 21.00, PRESSO LO SPAZIO NASELLI DI COMISO IL GRANDE RAUL CREMONA CON IL SUO DIVERTENTE 'RECITAL'. Direttamente dal palco di Zelig il titolo dello spettacolo che già da tempo riceve consensi in tutta Italia e che adesso sarà possibile vedere a Comiso, una delle due tappe della Sicilia. Per chi ama il 'Cremona televisivo' si tratta di un appuntamento imperdibile perché ritroverà tutti i personaggi che hanno portato al successo il bravissimo attore milanese. Personaggi di successo, come il 'più comico degli attori drammatici', quello Jacopo Ortis dall'eloquio spropositatamente forbito e ridondante che tanto ci ricorda il grande Gassman. Oppure il mago Silvano, parodia neanche troppo sottintesa del più grande prestigiatore italiano, anzi prestidigitatore, come ama sottolineare ad ogni presentazione. Non più una semplice imitazione, visto che ormai è diventato agli occhi del pubblico televisivo l'alter ego del vero Silvan. O ancora l'intollerante e milanesissimo Omen. Una galleria pirotecnica di personaggi stralunati e surreali che diventa anche un viaggio nella lunghissima memoria artistica di Raul Cremona. Un percorso che ha origine negli anni '80, quando si propone come cabarettista in tanti varietà televisivi, ma è soprattutto con i programmi della Gialappa's che nascono i suoi personaggi di maggior successo, fino ad arrivare ai trionfi televisivi di Zelig che ha sempre alternato a lunghe tournée teatrali nei palchi di tutta Italia. La comicità di Cremona è un concentrato di magia, prestidigitazione, giochi di parole, musica, gag, macchiette, a testimonianza di una personalità artistica multiforme. A tratti disincantata, a tratti vorticosa, a tratti poetica. Un bravissimo cantastorie che, con grande originalità, si serve della magia come arte della narrazione, arricchendola di riferimenti musicali quanto mai splendidamente inattuali come Kramer, Arigliano e il Quartetto Cetra. Spazio Naselli di Comiso continua ad offrire i suoi servizi dedicati al pubblico con l'area babysitting direttamente in teatro e il servizio taxi per essere presi e riaccompagnati a casa vivendo serenamente una piacevole serata. Info e Prenotazioni Tel. 0932 963933 - Cell. 338 1266355

ufficio stampa


COMISO. TRA MAGIA E COMICITA’, IL PUBBLICO DEL NASELLI E’ STATO CONQUISTATO DAL BRAVISSIMO RAUL CREMONA scritto il 20 apr 2013 nella categoria: Spettacolo Pubblicata alle ore 12:05:38 - Fonte: redazione - 33 letture - nessun commento. Non solo comicità, ma anche magia, musica e un tocco di poesia. Ieri sera allo Spazio Naselli di Comiso, l’attore comico Raul Cremona si è prodotto in un vero e proprio “one-manshow” che ha incantato il pubblico. Il suo “Recital” ha regalato due ore di divertimento non-stop, in cui il bravissimo Cremona è stato in scena senza mai risparmiarsi. Il poliedrico comico, già noto alla grande platea televisiva per le partecipazioni a Zelig, ha conquistato il pubblico soprattutto grazie a una ricetta inedita: l’uso piuttosto inconsueto dell’illusionismo, peraltro di altissima qualità, e la capacità di coinvolgere gli spettatori, che sono stati spalla e protagonisti, allo stesso tempo, della maggior parte dei suoi numeri. Infatti, come accade per tutti i prestigiatori, l’utilizzo della platea ha la duplice funzione di catturare l’attenzione e far toccare con mano l’autenticità delle “magie”. Ma traslato nel cabaret l’effetto è stato maggiormente amplificato e la presenza di due “aiutanti” presi tra il pubblico ha dato vita a gag irresistibili. Così è accaduto per Silvano, il Mago di Milano, uno dei suoi personaggi più applauditi. Ma chi considera il comico milanese solo la parodia di Silvan, con uno spettacolo come “Recital” ha dovuto ricredersi. Raul Cremona si è infatti confermato anche un mago nelle battute, e ha saputo assumere diverse fisionomie per dare vita a una colorita galleria di personaggi. Come Omen, un personaggio da lui stesso ideato anni fa, che critica ferocemente le donne e le smonta con cattiverie di ogni genere, salvo poi piegarsi alla volontà e ai capricci della propria moglie. Una gag, questa, dove emergono anche le doti di autore del comico meneghino. Un altro asso nella manica di Cremona è la maschera di Jacopo Ortis, con la quale fa una parodia del teatro classico coniugando gli aspetti più goffi di maestri come Gassman, Strehler, Ronconi e Brecht. La lezione di teatro drammatico impartita a due improbabili aspiranti attori scelti tra gli spettatori è stato uno dei momenti più esilaranti della serata. Cremona, che si è rivelato anche ottimo cantante, ha voluto poi ricordare il grande Enzo Jannacci, il cantautore recentemente scomparso, spronando la platea a interpretare uno dei suoi cavalli di battaglia. Il pubblico si è dimostrato particolarmente partecipe, non lesinando applausi e risate a ogni battuta dell’infaticabile comico. Gran finale con Oronzo, un personaggio che ha incontrato un enorme successo qualche anno con la trasmissione “Mai dire Gol”. Raul Cremona, dunque si è confermato come uno tra i migliori artisti del panorama cabarettistico italiano il cui stile, originale e fuori dagli schemi, testimonia una lunga esperienza che non lascia niente al caso.

ufficio stampa


GIORNO & NOTTE 19-04-2013

Ragusa Alle 21 nello spazio Naselli di Comiso la comicitĂ  di Raul Cremona in "Recital".

ufficio stampa


21/04/2013 - 12:25

Comiso: Al teatro Naselli tra magia e comicità

RAUL CREMONA CONQUISTA IL PUBBLICO Venerdì i protagonisti della serata dello Spazio Naselli di Comiso non è stata solo la comicità, ma anche la magia, la musica e un tocco di poesia, grazie allo show-mani Raul Cremona che è riuscito ad entusiasmare il pubblico in sala. Ben due le ore del suo "Recital" che hanno regalato una serata all’insegna del divertimento non-stop, in cui il bravissimo Cremona è stato in scena senza mai risparmiarsi. Il poliedrico comico, noto per la sua partecipazioni a Zelig, conquista il pubblico soprattutto grazie a una ricetta inedita: l’uso piuttosto inconsueto dell’illusionismo, peraltro di altissima qualità, e la capacità di coinvolgere gli spettatori, che sono stati spalla e protagonisti, allo stesso tempo, della maggior parte dei suoi numeri. Infatti, come accade per tutti i prestigiatori, l’utilizzo della platea ha la duplice funzione di catturare l’attenzione e far toccare con mano l’autenticità delle “magie”. Ma traslato nel cabaret l’effetto è stato maggiormente amplificato e la presenza di due "aiutanti" presi tra il pubblico ha dato vita a gag irresistibili. Così è accaduto per Silvano, il Mago di Milano, uno dei suoi personaggi più applauditi. Ma chi considera il comico milanese solo la parodia di Silvan, con uno spettacolo come "Recital" ha dovuto ricredersi. Raul Cremona si è infatti confermato anche un mago nelle battute, e ha saputo assumere diverse fisionomie per dare vita a una colorita galleria di personaggi. Come Omen, un personaggio da lui stesso ideato anni fa, che critica ferocemente le donne e le smonta con cattiverie di ogni genere, salvo poi piegarsi alla volontà e ai capricci della propria moglie. Una gag, questa, dove emergono anche le doti di autore del comico meneghino. Un altro asso nella manica di Cremona è la maschera di Jacopo Ortis, con la quale fa una parodia del teatro classico coniugando gli aspetti più goffi di maestri come Gassman, Strehler, Ronconi e Brecht. La lezione di teatro drammatico impartita a due improbabili aspiranti attori scelti tra gli spettatori è stato uno dei momenti più esilaranti della serata. Cremona, che si è rivelato anche ottimo cantante, ha voluto poi ricordare il grande Enzo Jannacci, il cantautore recentemente scomparso, spronando la platea a interpretare uno dei suoi cavalli di battaglia. Il pubblico si è dimostrato particolarmente partecipe, non lesinando applausi e risate a ogni battuta dell'infaticabile comico. Gran finale con Oronzo, un personaggio che ha incontrato un enorme successo qualche anno con la trasmissione “Mai dire Gol”. Raul Cremona, dunque si è confermato come uno tra i migliori artisti del panorama cabarettistico italiano il cui stile, originale e fuori dagli schemi, testimonia una lunga esperienza che non lascia niente al caso.

ufficio stampa


Musica e terroni - Un 25 aprile tra musica, cultura e impegno civico con la manifestazione “Mari mossi al Sud e nelle Isole – parole e musica per la Terronia futura”. Allo Spazio Naselli di Comiso (Rg), un doppio appuntamento con la presentazione dell’ultimo libro di Pino Aprile e con l’eccezionale concerto di Carlo Muratori. Spazio Naselli e la rivista bimestrale di arte, cultura e identità siciliana “Le Fate” in occasione dell'anniversario della liberazione hanno voluto proporre una serata di cultura, musica e enogastronomia del territorio. Alle 19 la presentazione dell’ultima fatica letteraria di Pino Aprile “Mai più terroni”, in programma presso l'auditorium di Spazio Naselli. Il noto giornalista e scrittore affronta in questo suo nuovo lavoro l'annosa e scontata questione meridionale da un'angolatura completamente diversa, ovvero si chiede se in un mondo che sta cambiando a incredibile velocità abbia ancora senso definire la realtà in base a criteri geografici, come quelli di Nord e Sud. Ne seguirà un dibattito interessante, prendendo spunto anche dagli altri due best-sellers “Terroni” e “Giù al Sud”, che costituiscono la straordinaria trilogia della sua più recente opera letteraria. Il dialogo con l’autore sarà curato dalla critica e giornalista Elisa Mandarà. Il bravissimo cantautore Carlo Muratori (foto) alle 21,30 sarà invece il protagonista di un concerto-evento dal titolo "Povera patria, di uomini, terre, antiche rapine e nuove illusioni".

ufficio stampa


22/04/2013 18:21 Notizia letta: 1038 volte

Appuntamenti | Comiso

Carlo Muratori e Pino Aprile si incrociano a Comiso Comiso - Un 25 aprile tra musica, cultura e impegno civico con la manifestazione “Mari mossi al Sud e nelle Isole – parole e musica per la Terronia futura”. Allo Spazio Naselli di Comiso, un doppio appuntamento con la presentazione dell’ultimo libro di Pino Aprile e con l’eccezionale concerto di Carlo Muratori. Spazio Naselli e la rivista bimestrale di arte, cultura e identità siciliana “Le Fate” in occasione dell'anniversario della liberazione hanno voluto proporre una serata di cultura, musica e enogastronomia del territorio. Alle 19 la presentazione dell’ultima fatica letteraria di Pino Aprile “Mai più terroni”, in programma presso l'auditorium di Spazio Naselli. Il noto giornalista e scrittore affronta in questo suo nuovo lavoro l'annosa e scontata questione meridionale da un'angolatura completamente diversa, ovvero si chiede se in un mondo che sta cambiando a incredibile velocità abbia ancora senso definire la realtà in base a criteri geografici, come quelli di Nord e Sud. Ne seguirà un dibattito interessante, prendendo spunto anche dagli altri due best-sellers “Terroni” e “Giù al Sud”, che costituiscono la straordinaria trilogia della sua più recente opera letteraria. Il dialogo con l’autore sarà curato dalla critica e giornalista Elisa Mandarà. Il bravissimo cantautore Carlo Muratori alle 21,30 sarà invece il protagonista di un concerto-evento dal titolo "Povera patria, di uomini, terre, antiche rapine e nuove illusioni". Si tratta di un interessante viaggio nella musica e nel canto popolare e d’autore siciliano che si traduce in un appassionante viaggio poetico dentro l’intera vicenda che ha accompagnato l’unità d’Italia, vista con gli occhi della gente di Sicilia. Brani composti dal cantautore siracusano si alternano a incursioni nei canti popolari dell’800 sul risorgimento siciliano, ballate sull’emigrazione, canti sul brigantaggio, sul lavoro. Vengono rievocati episodi storici come lo sbarco di Marsala e i Fatti di Bronte, per arrivare all’emigrazione, le superstizioni, le credenze religiose, la lotta alla mafia, fino al ricordo delle stragi di mafia che uccisero barbaramente Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Un concerto di grande impatto emotivo oltre che di enorme valenza storico-culturale ed artistica, rappresentato per la prima volta nel 2011 (allorché si è celebrato il 150° dell’Unità d’Italia) e inserito dalla Regione Siciliana nel prestigioso Circuito del Mito 2012 come uno dei rarissimi eventi sponsorizzati istituzionalmente. Una sorta di "reso-canto" e "reso-cunto" dell’esperienza unitaria per il sud Italia e marcatamente per la Sicilia, che ha registrato ovunque un enorme successo di pubblico e di critica diventando uno dei momenti più significativi per ciò che riguarda la musica e l’arte popolare in genere. Una testimonianza di grande emozione e forte coscienza identitaria che ha lo scopo di capovolgere l'idea della Sicilia come terra di mafia e degrado. Alle 20.30 presso il foyer si potrà accedere alla degustazione di vini e altri prodotti d'eccellenza siciliani, per lasciare poi spazio alla musica di Carlo Muratori a partire dalle 21.30. Info e prenotazioni: 0932 963933 – 3381266355 e sulla paginawww.facebook.com/spazionaselli o 0932 1961538 – 3272613917 e sulla pagina www.facebook.com/lefatecafe Redazione ufficio stampa


COMISO. UN 25 APRILE TRA MUSICA, CULTURA E IMPEGNO ALLO SPAZIO NASELLI. CONCERTO DI CARLO MURATORI E PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI PINO APRILE. scritto il 22 apr 2013 nella categoria: Spettacolo Pubblicata alle ore 14:59:53 - Fonte: redazione - 39 letture - nessun commento. Un 25 aprile tra musica, cultura e impegno civico con la manifestazione “Mari mossi al Sud e nelle Isole – parole e musica per la Terronia futura”. Allo Spazio Naselli di Comiso un doppio appuntamento con la presentazione dell’ultimo libro di Pino Aprile e con l’eccezionale concerto di Carlo Muratori.Spazio Naselli e la rivista bimestrale di arte, cultura e identità siciliana “Le Fate” in occasione dell’anniversario della liberazione hanno voluto proporre una serata di cultura, musica e enogastronomia del territorio. Alle 19 la presentazione dell’ultima fatica letteraria di Pino Aprile “Mai più terroni”, in programma presso l’auditorium di Spazio Naselli. Il noto giornalista e scrittore affronta in questo suo nuovo lavoro l’annosa e scontata questione meridionale da un’angolatura completamente diversa, ovvero si chiede se in un mondo che sta cambiando a incredibile velocità abbia ancora senso definire la realtà in base a criteri geografici, come quelli di Nord e Sud. Ne seguirà un dibattito interessante, prendendo spunto anche dagli altri due best-sellers “Terroni” e “Giù al Sud”, che costituiscono la straordinaria trilogia della sua più recente opera letteraria. Il dialogo con l’autore sarà curato dalla critica e giornalista Elisa Mandarà. Il bravissimo cantautore Carlo Muratori alle 21,30 sarà invece il protagonista di un concerto-evento dal titolo “Povera patria, di uomini, terre, antiche rapine e nuove illusioni”. Si tratta di un interessante viaggio nella musica e nel canto popolare e d’autore siciliano che si traduce in un appassionante viaggio poetico dentro l’intera vicenda che ha accompagnato l’unità d’Italia, vista con gli occhi della gente di Sicilia. Brani composti dal cantautore siracusano si alternano a incursioni nei canti popolari dell’800 sul risorgimento siciliano, ballate sull’emigrazione, canti sul brigantaggio, sul lavoro. Vengono rievocati episodi storici come lo sbarco di Marsala e i Fatti di Bronte, per arrivare all’emigrazione, le superstizioni, le credenze religiose, la lotta alla mafia, fino al ricordo delle stragi di mafia che uccisero barbaramente Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Un concerto di grande impatto emotivo oltre che di enorme valenza storico-culturale ed artistica, rappresentato per la prima volta nel 2011 (allorché si è celebrato il 150° dell’Unità d’Italia) e inserito dalla Regione Siciliana nel prestigioso Circuito del Mito 2012 come uno dei rarissimi eventi sponsorizzati istituzionalmente. Una sorta di “reso-canto” e “reso-cunto” dell’esperienza unitaria per il sud Italia e marcatamente per la Sicilia, che ha registrato ovunque un enorme successo di pubblico e di critica diventando uno dei momenti più significativi per ciò che riguarda la musica e l’arte popolare in genere. Una testimonianza di grande emozione e forte coscienza identitaria che ha lo scopo di capovolgere l’idea della Sicilia come terra di mafia e degrado. Alle 20.30 presso il foyer si potrà accedere alla degustazione di vini e altri prodotti d’eccellenza siciliani, per lasciare poi spazio alla musica di Carlo Muratori a partire dalle 21.30. Info e prenotazioni: 0932 963933 – 3381266355 e sulla pagina www.facebook.com/spazionaselli o 0932 1961538 – 3272613917 e sulla pagina www.facebook.com/lefatecafe

ufficio stampa


Al Naselli di Comiso 25 Aprile tra musica e impegno, con Carlo Muratori e il libro di Pino Aprile LUNEDÌ 22 APRILE 2013 14:07

REDAZIONE

VISITE: 239

Comiso, 22 aprile 2013 – 25 Aprile tra musica, cultura e impegno civico con la manifestazione “Mari mossi al Sud e nelle Isole – parole e musica per la Terronia futura”. Allo Spazio Naselli di Comiso, un doppio appuntamento con la presentazione dell’ultimo libro di Pino Aprile e con l’eccezionale concerto di Carlo Muratori. Spazio Naselli e la rivista bimestrale di arte, cultura e identità siciliana “Le Fate” in occasione dell'anniversario della liberazione hanno voluto proporre una serata di cultura, musica e enogastronomia del territorio. Alle 19 la presentazione dell’ultima fatica letteraria di Pino Aprile “Mai più terroni”, in programma presso l'auditorium di Spazio Naselli. Il giornalista e scrittore affronta in questo suo nuovo lavoro l'annosa e scontata questione meridionale da un'angolatura completamente diversa, ovvero si chiede se in un mondo che sta cambiando a incredibile velocità abbia ancora senso definire la realtà in base a criteri geografici, come quelli di Nord e Sud. Ne seguirà un dibattito interessante, prendendo spunto anche dagli altri due best-sellers “Terroni” e “Giù al Sud”, che costituiscono la straordinaria trilogia della sua più recente opera letteraria. Il dialogo con l’autore sarà curato dalla critica e giornalista Elisa Mandarà. Il cantautore Carlo Muratori alle 21,30 sarà invece il protagonista di un concerto-evento dal titolo "Povera patria, di uomini, terre, antiche rapine e nuove illusioni". Si tratta di un interessante viaggio nella musica e nel canto popolare e d’autore siciliano che si traduce in un appassionante viaggio poetico dentro l’intera vicenda che ha accompagnato l’unità d’Italia, vista con gli occhi della gente di Sicilia. Brani composti dal cantautore siracusano si alternano a incursioni nei canti popolari dell’800 sul risorgimento siciliano, ballate sull’emigrazione, canti sul brigantaggio, sul lavoro. Vengono rievocati episodi storici come lo sbarco di Marsala e i Fatti di Bronte, per arrivare all’emigrazione, le superstizioni, le credenze religiose, la lotta alla mafia, fino al ricordo delle stragi di mafia che uccisero barbaramente Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Un concerto di grande impatto emotivo oltre che di enorme valenza storico-culturale ed artistica, rappresentato per la prima volta nel 2011 (allorché si è celebrato il 150° dell’Unità d’Italia) e inserito dalla Regione Siciliana nel prestigioso Circuito del Mito 2012 come uno dei rarissimi eventi sponsorizzati istituzionalmente. Una sorta di "reso-canto" e "reso-cunto" dell’esperienza unitaria per il sud Italia e marcatamente per la Sicilia, che ha registrato ovunque un enorme successo di pubblico e di critica diventando uno dei momenti più significativi per ciò che riguarda la musica e l’arte popolare in genere. Una testimonianza di grande emozione e forte coscienza identitaria che ha lo scopo di capovolgere l'idea della Sicilia come terra di mafia e degrado. Alle 20.30 presso il foyer si potrà accedere alla degustazione di vini e altri prodotti d'eccellenza siciliani, per lasciare poi spazio alla musica di Carlo Muratori a partire dalle 21.30. Info e prenotazioni: 0932 963933 – 3381266355.

ufficio stampa


25 APRILE A COMISO CONCERTO DI CARLO MURATORI 22/04/2013 18:23 TELENOVARAGUSA

Un 25 aprile tra musica, cultura e impegno civico con la manifestazione “Mari mossi al Sud e nelle Isole – parole e musica per la Terronia futura”. Allo Spazio Naselli di Comiso un doppio appuntamento con la presentazione dell’ultimo libro di Pino Aprile e con l’eccezionale concerto di Carlo Muratori. Alle 19 la presentazione dell’ultima fatica letteraria di Pino Aprile “Mai più terroni”; alle 21,30 il bravissimo cantautore Carlo Muratori sarà invece il protagonista di un concerto-evento dal titolo “Povera patria, di uomini, terre, antiche rapine e nuove illusioni”. Brani composti dal cantautore siracusano si alternano a incursioni nei canti popolari dell’800 sul risorgimento siciliano, ballate sull’emigrazione, canti sul brigantaggio, sul lavoro. Info: 0932 963933 – 3381266355.

ufficio stampa


Parole e musica per la “Terronia Futura” 22/04/2013 - 17:36

UN 25 APRILE TRA MUSICA, CULTURA E IMPEGNO ALLO SPAZIO NASELLI. Un 25 aprile tra musica, cultura e impegno civico con la manifestazione “Mari mossi al Sud e nelle Isole – parole e musica per la Terronia futura”. Allo Spazio Naselli di Comiso un doppio appuntamento con la presentazione dell’ultimo libro di Pino Aprile e con l’eccezionale concerto di Carlo Muratori. Spazio Naselli e la rivista bimestrale di arte, cultura e identità siciliana “Le Fate” in occasione dell'anniversario della liberazione hanno voluto proporre una serata di cultura, musica e enogastronomia del territorio. Alle 19 la presentazione dell’ultima fatica letteraria di Pino Aprile “Mai più terroni”, in programma presso l'auditorium di Spazio Naselli. Il noto giornalista e scrittore affronta in questo suo nuovo lavoro l'annosa e scontata questione meridionale da un'angolatura completamente diversa, ovvero si chiede se in un mondo che sta cambiando a incredibile velocità abbia ancora senso definire la realtà in base a criteri geografici, come quelli di Nord e Sud. Ne seguirà un dibattito interessante, prendendo spunto anche dagli altri due best-sellers “Terroni” e “Giù al Sud”, che costituiscono la straordinaria trilogia della sua più recente opera letteraria. Il dialogo con l’autore sarà curato dalla critica e giornalista Elisa Mandarà. Il bravissimo cantautore Carlo Muratori alle 21,30 sarà invece il protagonista di un concerto-evento dal titolo "Povera patria, di uomini, terre, antiche rapine e nuove illusioni". Si tratta di un interessante viaggio nella musica e nel canto popolare e d’autore siciliano che si traduce in un appassionante viaggio poetico dentro l’intera vicenda che ha accompagnato l’unità d’Italia, vista con gli occhi della gente di Sicilia. Brani composti dal cantautore siracusano si alternano a incursioni nei canti popolari dell’800 sul risorgimento siciliano, ballate sull’emigrazione, canti sul brigantaggio, sul lavoro. Vengono rievocati episodi storici come lo sbarco di Marsala e i Fatti di Bronte, per arrivare all’emigrazione, le superstizioni, le credenze religiose, la lotta alla mafia, fino al ricordo delle stragi di mafia che uccisero barbaramente Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Un concerto di grande impatto emotivo oltre che di enorme valenza storicoculturale ed artistica, rappresentato per la prima volta nel 2011 (allorché si è celebrato il 150° dell’Unità d’Italia) e inserito dalla Regione Siciliana nel prestigioso Circuito del Mito 2012 come uno dei rarissimi eventi sponsorizzati istituzionalmente. Una sorta di "resocanto" e "reso-cunto" dell’esperienza unitaria per il sud Italia e marcatamente per la Sicilia, che ha registrato ovunque un enorme successo di pubblico e di critica diventando uno dei momenti più significativi per ciò che riguarda la musica e l’arte popolare in genere. Una testimonianza di grande emozione e forte coscienza identitaria che ha lo scopo di capovolgere l'idea della Sicilia come terra di mafia e degrado. Alle 20.30 presso il foyer si potrà accedere alla degustazione di vini e altri prodotti d'eccellenza siciliani, per lasciare poi spazio alla musica di Carlo Muratori a partire dalle 21.30. ufficio stampa


Comiso - Un 25 aprile tra musica, cultura e impegno allo spazio Naselli Ragusa

MARTEDÌ 23 APRILE 2013 12:16

SCRITTO DA REDAZIONE

Un 25 aprile tra musica, cultura e impegno civico con la manifestazione “Mari mossi al Sud e nelle Isole – parole e musica per la Terronia futura”. Allo Spazio Naselli di Comiso (Rg), un doppio appuntamento con la presentazione dell’ultimo libro di Pino Aprile e con l’eccezionale concerto di Carlo Muratori. Spazio Naselli e la rivista bimestrale di arte, cultura e identità siciliana “Le Fate” in occasione dell'anniversario della liberazione hanno voluto proporre una serata di cultura, musica e enogastronomia del territorio. Alle 19 la presentazione dell’ultima fatica letteraria di Pino Aprile “Mai più terroni”, in programma presso l'auditorium di Spazio Naselli. Il noto giornalista e scrittore affronta in questo suo nuovo lavoro l'annosa e scontata questione meridionale da un'angolatura completamente diversa, ovvero si chiede se in un mondo che sta cambiando a incredibile velocità abbia ancora senso definire la realtà in base a criteri geografici, come quelli di Nord e Sud. Ne seguirà un dibattito interessante, prendendo spunto anche dagli altri due best-sellers “Terroni” e “Giù al Sud”, che costituiscono la straordinaria trilogia della sua più recente opera letteraria. Il dialogo con l’autore sarà curato dalla critica e giornalista Elisa Mandarà. Il bravissimo cantautore Carlo Muratori alle 21,30 sarà invece il protagonista di un concertoevento dal titolo "Povera patria, di uomini, terre, antiche rapine e nuove illusioni". Si tratta di un interessante viaggio nella musica e nel canto popolare e d’autore siciliano che si traduce in un appassionante viaggio poetico dentro l’intera vicenda che ha accompagnato l’unità d’Italia, vista con gli occhi della gente di Sicilia. Brani composti dal cantautore siracusano si alternano a incursioni nei canti popolari dell’800 sul risorgimento siciliano, ballate sull’emigrazione, canti sul brigantaggio, sul lavoro. Vengono rievocati episodi storici come lo sbarco di Marsala e i Fatti di Bronte, per arrivare all’emigrazione, le superstizioni, le credenze religiose, la lotta alla mafia, fino al ricordo delle stragi di mafia che uccisero barbaramente Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Un concerto di grande impatto emotivo oltre che di enorme valenza storicoculturale ed artistica, rappresentato per la prima volta nel 2011 (allorché si è celebrato il 150° dell’Unità d’Italia) e inserito dalla Regione Siciliana nel prestigioso Circuito del Mito 2012 come uno dei rarissimi eventi sponsorizzati istituzionalmente. Una sorta di "reso-canto" e "resocunto" dell’esperienza unitaria per il sud Italia e marcatamente per la Sicilia, che ha registrato ovunque un enorme successo di pubblico e di critica diventando uno dei momenti più significativi per ciò che riguarda la musica e l’arte popolare in genere. Una testimonianza di grande emozione e forte coscienza identitaria che ha lo scopo di capovolgere l'idea della Sicilia come terra di mafia e degrado. Alle 20.30 presso il foyer si potrà accedere alla degustazione di vini e altri prodotti d'eccellenza siciliani, per lasciare poi spazio alla musica di Carlo Muratori a partire dalle 21.30. Info e prenotazioni: 0932 963933 – 3381266355 e sulla pagina www.facebook.com/spazionaselli o 0932 1961538 – 3272613917 e sulla pagina www.facebook.com/lefatecafe ufficio stampa


EVENTI

"Mari mossi al sud e nelle isole - parole e musica per la Terronia futura" 25.04.13 H 19.00

Un 25 aprile tra musica, cultura e impegno civico con la manifestazione “Mari mossi al Sud e nelle Isole – parole e musica per la Terronia futura”. Allo Spazio Naselli di Comiso, un doppio appuntamento con la presentazione dell’ultimo libro di Pino Aprile e con l’eccezionale concerto di Carlo Muratori. Spazio Naselli e la rivista bimestrale di arte, cultura e identità siciliana “Le Fate” in occasione dell'anniversario della liberazione hanno voluto proporre una serata di cultura, musica e enogastronomia del territorio. Alle 19 la presentazione dell’ultima fatica letteraria di Pino Aprile “Mai più terroni”, in programma presso l'auditorium di Spazio Naselli. Il noto giornalista e scrittore affronta in questo suo nuovo lavoro l'annosa e scontata questione meridionale da un'angolatura completamente diversa, ovvero si chiede se in un mondo che sta cambiando a incredibile velocità abbia ancora senso definire la realtà in base a criteri geografici, come quelli di Nord e Sud. Ne seguirà un dibattito interessante, prendendo spunto anche dagli altri due bestsellers “Terroni” e “Giù al Sud”, che costituiscono la straordinaria trilogia della sua più recente opera letteraria. Il dialogo con l’autore sarà curato dalla critica e giornalista Elisa Mandarà. Il bravissimo cantautore Carlo Muratori alle 21,30 sarà invece il protagonista di un concerto-evento dal titolo "Povera patria, di uomini, terre, antiche rapine e nuove illusioni". Si tratta di un interessante viaggio nella musica e nel canto popolare e d’autore siciliano che si traduce in un appassionante viaggio poetico dentro l’intera vicenda che ha accompagnato l’unità d’Italia, vista con gli occhi della gente di Sicilia. Brani composti dal cantautore siracusano si alternano a incursioni nei canti popolari dell’800 sul risorgimento siciliano, ballate sull’emigrazione, canti sul brigantaggio, sul lavoro. Vengono rievocati episodi storici come lo sbarco di Marsala e i Fatti di Bronte, per arrivare all’emigrazione, le superstizioni, le credenze religiose, la lotta alla mafia, fino al ricordo delle stragi di mafia che uccisero barbaramente Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Un concerto di grande impatto emotivo oltre che di enorme valenza storico-culturale ed artistica, rappresentato per la prima volta nel 2011 (allorché si è celebrato il 150° dell’Unità d’Italia) e inserito dalla Regione Siciliana nel prestigioso Circuito del Mito 2012 come uno dei rarissimi eventi sponsorizzati istituzionalmente. Una sorta di "reso-canto" e "reso-cunto" dell’esperienza unitaria per il sud Italia e marcatamente per la Sicilia, che ha registrato ovunque un enorme successo di pubblico e di critica diventando uno dei momenti più significativi per ciò che riguarda la musica e l’arte popolare in genere. Una testimonianza di grande emozione e forte coscienza identitaria che ha lo scopo di capovolgere l'idea della Sicilia come terra di mafia e degrado. Alle 20.30 presso il foyer si potrà accedere alla degustazione di vini e altri prodotti d'eccellenza siciliani, per lasciare poi spazio alla musica di Carlo Muratori a partire dalle 21.30. Info e prenotazioni: 0932 963933 – 3381266355e sulla pagina www.facebook.com/spazionaselli o 0932 1961538 – 3272613917e sulla pagina www.facebook.com/lefatecafe ufficio stampa


ATTUALITÀ, COMISO

COMISO. Le coinvolgenti ballate di Carlo Muratori Posted on 26 aprile 2013 by GianPaolo

E’ stata sicuramente la proposta culturalmente più interessante per non dimenticare il significato di una data importante come quella del 25 aprile. La manifestazione “Mari mossi al Sud e nelle Isole – parole e musica per la Terronia futura” ieri sera ha offerto allo Spazio Naselli di Comiso (Rg) un doppio appuntamento con la presentazione dell’ultimo libro di Pino Aprile e il concerto di Carlo Muratori. Numeroso e partecipe il pubblico che ha preso parte all’iniziativa, sicuramente alternativa per una giornata festiva tradizionalmente caratterizzata dal disimpegno e dallo svago. La serata di cultura, musica e enogastronomia del territorio organizzata da Spazio Naselli e dalla rivista bimestrale di arte, cultura e identità siciliana “Le Fate” ha voluto infatti porre l’accento sull’importanza sociale e civica dell’anniversario della liberazione, soprattutto in relazione alle conseguenze che questo evento ha avuto sulla nostra terra. La questione meridionale è stata l’oggetto della presentazione del libro di Pino Aprile “Mai più terroni”. Un argomento di scottante attualità quello sui pregiudizi che rendono il meridione diverso, già affrontato negli altri due bestsellers del bravissimo Aprile, “Terroni” e “Giù al Sud”, che costituiscono una straordinaria trilogia. Dall’interessante dibattito curato dalla critica e giornalista Elisa Mandarà è emerso come oggi le differenze tra Nord e Sud siano sempre più labili, grazie anche negli strumenti di comunicazione odierni, capaci di abbattere i confini, veri o fittizi, rompere l’isolamento, superare le carenze infrastrutturali. Applauditissimo anche il concerto di Carlo Muratori che ha chiuso la manifestazione. “Povera patria, di uomini, terre, antiche rapine e nuove illusioni”, questo il titolo del concerto, ha offerto un excursus attraverso le vicende che hanno accompagnato l’unità d’Italia, dai canti popolari del risorgimento alle stragi di mafia dei giorni nostri. Interessante la selezione di brani della cultura popolare e le canzoni dello stesso Muratori che hanno messo in luce l’identità siciliana. Toccante l’esecuzione di “Povera patria” di Franco Battiato rielaborata e proposta in dialetto siciliano. Il bis è stato dedicato a “Bella Ciao”. Un’operazione di enorme valenza storicoculturale ed artistica, che testimonia l’impegno del bravissimo cantautore siracusano. Ballate originali e canti presi dalla tradizione popolare hanno coinvolto il pubblico presente, testimoniando come da un evento di intrattenimento possano scaturire importanti elementi di riflessione e pensiero critico. Non ultima, apprezzatissima anche la degustazione di vini e altri prodotti tipici, nel segno della valorizzazione dell’identità e dei prodotti locali. Insomma, obiettivo centrato per una manifestazione che ci si augura possa diventare un appuntamento fisso annuale con la memoria e l’impegno. ufficio stampa


Allo Spazio Naselli Di Comiso Uno Spettaco-Documento Sulla Finanza Killer . 14 mar | E’ una “Finanza Killer” quella che asfissia le famiglie e le imprese e che a volte, in modo perfino drammatico, spinge al suicidio. Cronaca di un’Italia che va avanti stretta dalla crisi economica internazionale e dal potere delle banche che guarda a ... Radio RTM Modica | Letture: 12 | Voti: 0

Finanza killer. Non con i nostri soldi Spettacolo sul fallimento del libero mercato 16 mar | Comiso - Domenica sera al teatro Naselli di Comiso, lo spettacolo “FINANZA KILLER – Non con i nostri soldi”, portato in scena dalla compagnia "Itineraria". Lo spettacolo, certo inusuale e comunque molto acuto affronta in modo critic ... Pagina Notizia e Commenti | Il Giornale di Ragusa | Letture: 17 | Voti: 0

Sabato Sera Allo Spazio Naselli Di Comiso Una Divertente Quanto Inedita Comico-Pubblico-Terapia . 21 mar | Un appuntamento tutto da ridere quello in programma sabato sera 23 marzo alle ore 21 allo “Spazio Naselli” di Comiso. All’interno della programmazione della stagione teatrale in corso, sarà in scena il brillante attore comico France ... Pagina Notizia e Commenti | Radio RTM Modica | Letture: 6 | Voti: 0

Paolantoni in teatro a Comiso 22 mar | Comiso - Un appuntamento tutto da ridere quello in programma sabato sera 23 marzo alle ore 21 allo "Spazio Naselli" di Comiso. All'interno della programmazione della stagione teatrale in corso, sarà in scena il brillante attore comic ... Pagina Notizia e Commenti | RagusaNews | Letture: 15 | Voti: 0

Comiso: Un Concentrato Di Comicita’ Ieri Sera Con Francesco Paolantoni Allo Spazio Naselli Di Comiso Con Il Divertente Che Fine Ha Fatto Il Mio Io . 24 mar | E’ stato un concentrato di comicità lo spettacolo andato in scena ieri sera allo “Spazio Naselli” di Comiso con protagonista l’attore comico Francesco Paolantoni. Sul palco per interpretare lo spettacolo “Che fine ha fatto il mio io”, insieme alla “s ... Pagina Notizia e Commenti | Radio RTM Modica | Letture: 10 | Voti: 0

Allo Spazio Naselli il vulcanico Francesco Paolantoni con lo spettacolo Che fine ha fatto il mio io ? ufficio stampa


24 mar | Comiso – Una serata all’insegna della più genuina ilarità, uno spettacolo coinvolgente che ha trascinato gli spettatori facendoli quasi diventare “spalla” del protagonista sulla scena. E lui il geniale attore comico Francesco ... Pagina Notizia e Commenti | Il Giornale di Ragusa | Letture: 7 | Voti: 0 Allo Spazio Naselli, Francesco Paolantoni con lo spettacolo Che fine ha fatto il mio io ?

24 mar | Comiso – Una serata all’insegna della più genuina ilarità, uno spettacolo coinvolgente che ha trascinato gli spettatori facendoli quasi diventare “spalla” del protagonista sulla scena. E lui il geniale attore comico Francesco ... Pagina Notizia e Commenti | Il Giornale di Ragusa | Letture: 9 | Voti: 0

Piace Paolantoni a Comiso 24 mar | Comiso - E’ stato un concentrato di comicità lo spettacolo andato in scena ieri sera allo “Spazio Naselli” di Comiso con protagonista l’attore comico Francesco Paolantoni. continua Pagina Notizia e Commenti | RagusaNews | Letture: 10 | Voti: 0

Note da Oscar mercoledì al Naselli musica e cinema il mix dei Chroma Ensemble 26 mar | Comiso - Si chiama "Note da oscar". E' l'iniziativa promossa a Comiso dalle associazioni "Pro Loco Comiso" in collaborazione con "Spazio Naselli". Sul palco il gruppo "Chroma Ensemble" che mercoledì sera, alle 21, terrà il suo concerto sul palco del ... Pagina Notizia e Commenti | Il Giornale di Ragusa | Letture: 11 | Voti: 0

Note da Oscar mercoledì al Naselli musica e cinema il mix dei Chroma Enssemble 26 mar | Comiso - Si chiama "Note da oscar". E' l'iniziativa promossa a Comiso dalle associazioni "Pro Loco Comiso" in collaborazione con "Spazio Naselli". Sul palco il gruppo "Chroma Ensemble" che mercoledì sera, alle 21, terrà il suo concerto sul palco del ... Pagina Notizia e Commenti | Il Giornale di Ragusa | Letture: 14 | Voti: 0

Da Zelig La Comicita’ Approda In Terra Iblea. Paradossi E Parastinchi Lunedi’ 8 Aprile Allo Spazio Naselli Di Comiso Con I Divertentissimi Nuzzo E Di Biase. 03 apr | Gli appuntamenti di Spazio Naselli a Comiso proseguono con una serata live all’insegna dell’autoironia surreale con il duo comico Nuzzo e Di Biase. Da Zelig la loro comicità approda dunque in terra iblea per una serata, piena di divertime ... Pagina Notizia e Commenti | Radio RTM Modica | Letture: 13 | Voti: 0

ufficio stampa


Zelig al Teatro di Comiso 03 apr | Comiso - Gli appuntamenti di Spazio Naselli a Comiso proseguono con una serata live all'insegna dell'autoironia surreale con il duo comico Nuzzo e Di Biase. Da Zelig la loro comicità approda dunque in terra iblea per una serata, piena di diver ... Pagina Notizia e Commenti | RagusaNews | Letture: 12 | Voti: 0

Il duo Nuzzo e Di Biase da Zelig a Comiso con Paradossi e parastinchi 03 apr | Comiso – Una stagione all’insegna del “crescendo” quella che si sta consumando allo Spazio Naselli, questa volta è in scena l'autoironia surreale con il duo comico Nuzzo e Di Biase. Da Zelig la loro comicità approda dunque n ... Pagina Notizia e Commenti | Il Giornale di Ragusa | Letture: 27 | Voti: 0

Comiso. Spassosi Paradossi E Parastinchi Ieri Sera Allo Spazio Naselli Di Comiso Con Il Duo Comico Nuzzo E Di Biase. La Comicita’ Targata Zelig Ha Trovato Un’ottima Risposta Del Pubblico Divertito Dalle Esilaranti Battute Dello Spettacolo. 09 apr | Spassosissimi. Questo il commento principale a fine serata da parte del pubblico che per quasi due ore si è divertito ieri assistendo allo spettacolo di Corrado Nuzzo e Maria Di Biase. Sono stati loro, allo Spazio Naselli di Comiso, i protagonisti de ... Pagina Notizia e Commenti | Radio RTM Modica | Letture: 15 | Voti: 0

Per La Prima Volta In Provincia Di Ragusa Il Grande Raul Cremona Sara’ Venerdi’ 19 Aprile Allo Spazio Naselli Di Comiso Per Il Suo Divertente Recital 16 apr | E’ un artista molto atteso che per la prima volta arriva in provincia di Ragusa. Direttamente dal palco di Zelig approda allo Spazio Naselli di Comiso la comicità surreale di Raul Cremona. “Recital” è il titolo dello spettacolo che ... Pagina Notizia e Commenti | Radio RTM Modica | Letture: 7 | Voti: 0

Spettacolo di Raoul Cremona a Comiso 16 apr | Comiso – E' un artista molto atteso che per la prima volta arriva in provincia di Ragusa. Direttamente dal palco di Zelig approda allo Spazio Naselli di Comiso la comicità surreale di Raul Cremona. "Recital" è il titolo ... Pagina Notizia e Commenti | RagusaNews | Letture: 10 | Voti: 0

Pino Aprile a Comiso 17 apr | Comiso - La rivista LE FATE e SPAZIO NASELLI organizzano l’evento “Mari mossi al Sud e nelle Isole – parole e musica per la terronia futura” che si terrà il 25 aprile 2013 presso lo Spazio Naselli (Teatro, Auditorium e ... Pagina Notizia e Commenti | RagusaNews | Letture: 6 | Voti: 0 ufficio stampa


Comiso. Tra Magia E Comicita’, Il Pubblico Del Naselli E’ Stato Conquistato Dal Bravissimo Raul Cremona 20 apr | Non solo comicità, ma anche magia, musica e un tocco di poesia. Ieri sera allo Spazio Naselli di Comiso, l’attore comico Raul Cremona si è prodotto in un vero e proprio “one-man-show” che ha incantato il pubblico. Il suo “Recital” h ... Pagina Notizia e Commenti | Radio RTM Modica | Letture: 7 | Voti: 0

Comiso. Un 25 Aprile Tra Musica, Cultura E Impegno Allo Spazio Naselli. Concerto Di Carlo Muratori E Presentazione Del Libro Di Pino Aprile. 22 apr | Un 25 aprile tra musica, cultura e impegno civico con la manifestazione “Mari mossi al Sud e nelle Isole – parole e musica per la Terronia futura”. Allo Spazio Naselli di Comiso un doppio appuntamento con la presentazione dell’ultimo libro di Pino Ap ... Pagina Notizia e Commenti | Radio RTM Modica | Letture: 17 | Voti: 0

RG 25 Aprile A Comiso Concerto Di Carlo Muratori 22 apr | Un 25 aprile tra musica, cultura e impegno civico con la manifestazione “Mari mossi al Sud e nelle Isole – parole e musica per la Terronia futura”. Allo Spazio Naselli di Comiso un doppio appuntamento con la presentazione dell’ ... Pagina Notizia e Commenti | Telenova Ragusa | Letture: 8 | Voti: 0

RG Carlo Muratori e Pino Aprile si incrociano a Comiso 22 apr | Comiso - Un 25 aprile tra musica, cultura e impegno civico con la manifestazione “Mari mossi al Sud e nelle Isole – parole e musica per la Terronia futura”. Allo Spazio Naselli di Comiso, un doppio appuntamento con la presentazione ...

ufficio stampa


COMISO: UN CONCENTRATO DI COMICITA' IERI SERA CON FRANCESCO PAOLANTONI ALLO SPAZIO NASELLI DI COMISO CON IL DIVERTENTE 'CHE FINE HA FATTO IL ... Radio Rtm 24-3-2013

E' stato un concentrato di comicità lo spettacolo andato in scena ieri sera allo "Spazio Naselli" di Comiso con protagonista l'attore comico Francesco Paolantoni. Sul palco per interpretare lo ...

Leggi la notizia

Piace Paolantoni a Comiso Comiso - E' stato un concentrato di comicità lo spettacolo andato in scena ieri sera allo 'Spazio Naselli' di Comiso con protagonista l'attore comicoFrancesco Paolantoni. Sul palco per interpretare lo spettacolo 'Che fine ha fatto il mio io', insieme alla 'spalla' Arduino Speranza nel ruolo dello psicoterapeuta, l'attore partenopeo ha immerso il ... RagusaNews.com - 24-3-2013

Il duo Nuzzo e Di Biase da Zelig a Comiso con 'Paradossi e parastinchi' Comiso - Una stagione all'insegna del 'crescendo' quella che si sta consumando allo Spazio Naselli, questa volta è in scena l'autoironia surreale con il duo comico Nuzzo e Di Biase. Da Zelig la loro comicità approda dunque nella cittadina casmenea per una serata che promette divertimento, l'... Il giornale di Ragusa - 2-4-2013

Zelig al Teatro di Comiso

ufficio stampa


Comiso - Gli appuntamenti di Spazio Naselli a Comiso proseguono con una serata live all'insegna dell'autoironia surreale con il duo comico Nuzzo e Di Biase. Da Zelig la loro comicità approda dunque in terra iblea per una serata, piena ... RagusaNews.com - 2-4-2013

DA ZELIG LA COMICITA' APPRODA IN TERRA IBLEA. "PARADOSSI E PARASTINCHI" LUNEDI' 8 APRILE ALLO SPAZIO NASELLI DI COMISO CON I DIVERTENTISSIMI ... Radio Rtm

3-4-2013

Gli appuntamenti di Spazio Naselli a Comiso proseguono con una serata live all'insegna dell'autoironia surreale con il duo comico Nuzzo e Di Biase. Da Zelig la loro comicità approda dunque in terra ...

Leggi la notizia

COMISO. SPASSOSI "PARADOSSI E PARASTINCHI". IL DUO COMICO NUZZO E DI BIASE E LA COMICITA' TARGATA ZELIG HA TROVATO UN'OTTIMA RISPOSTA DI PUBBLICO Sono stati loro, allo Spazio Naselli di Comiso, i protagonisti del divertentissimo spettacolo "Paradossi e parastinchi". Il duo comico noto anche per le sue applaudite partecipazioni a Zelig, ha ... Radio Rtm - 3-4-2013

passosi "paradossi e parastinchi" allo spazio Naselli di Comiso Sono stati loro, allo Spazio Naselli di Comiso, i protagonisti del divertentissimo spettacolo "Paradossi e parastinchi". Il duo comico noto anche per le sue applaudite partecipazioni a Zelig, ha ... Il Corriere del Sud - 3-4-2013

PER LA PRIMA VOLTA IN PROVINCIA DI RAGUSA IL GRANDE RAUL CREMONA SARA' VENERDI' 19 APRILE ALLO SPAZIO NASELLI DI COMISO PER IL SUO DIVERTENTE "RECITAL" ufficio stampa


E' un artista molto atteso che per la prima volta arriva in provincia di Ragusa. Direttamente dal palco di Zelig approda allo Spazio Naselli di Comiso la comicità surreale di Raul Cremona. 'Recital' è il titolo dello spettacolo che già da tempo riceve consensi in tutta Italia e che adesso sarà possibile ... Radio Rtm - 3-4-2013

COMISO. TRA MAGIA E COMICITA', IL PUBBLICO DEL NASELLI E' STATO CONQUISTATO DAL BRAVISSIMO RAUL CREMONA Non solo comicità, ma anche magia, musica e un tocco di poesia. Ieri sera allo Spazio Naselli di Comiso, l'attore comico Raul Cremona si è prodotto in un vero e proprio "one-man-show" ...a Zelig, ha ... Radio Rtm - 3-4-2013

ASE E LA COMICITA' TARGATA ZELIG HA TROVATO UN'OTTIMA RISPOSTA DI PUBBLICO ... diventano "paradossi e parastinchi" su cui divertirsi per una serata da passare con gli amici ateatro. Un mondo surreale dove Nuzzo diventa un particolare prete decisamente poco "ortodosso" e dove ... Radio Rtm - 8-4-2013

Spassosi "paradossi e parastinchi" allo spazio Naselli di Comiso ... diventano "paradossi e parastinchi" su cui divertirsi per una serata da passare con gli amici ateatro. Un mondo surreale dove Nuzzo diventa un particolare prete decisamente poco "ortodosso" e dove ... Il Corriere del Sud - 8-4-2013

ufficio stampa


Rassegna stampa Spazio Naselli 2012 - 2013